INTRODUZIONE

Nel seguente manuale vengono trattati impianti di accensione elettronica, iniezione elettronica benzina e diesel e accessori, sono specificati i piedini su cui andare a rilevare il valore di tensione o resistenza e confrontare con quello scritto sul manuale, in alcuni casi sono previste delle prove, uguali per tutti i circuiti trattati, che sono riportate nelle prime pagine dopo la premessa generale. I valori riportati sul manuale sono stati rilevati mediante prove pratiche, ma chiaramente possono subire delle variazioni dovute a modifiche introdotte dalle case costruttrici . Prima di effettuare qualunque tipo di intervento elettrico sull'impianto di iniezione o di accensione leggere attentamente quanto segue.

Verifiche necessarie da effettuare prima di intervenire
n Verifiche motore - pressione cilindri regolare - gioco valvole corretto - alberi a camme non consumati - distribuzione correttamente posizionata - tenuta del circuito di scarico - assenza di aspirazioni d'aria - sonda lambda ben stretta - filtro aria regolare - filtro benzina sostituto - pressione benzina regolare - valvola canister efficiente - valvola EGR meccanicamente funzionante

n Verifiche accensione - anticipi (dove sono regolabili) - cavi alta tensione senza dispersione - distributore alta tensione - tipo di candele corretto - distanza elettrodi candele (0,8/1,3) n Verificare la funzionalità della batteria e del circuito di ricarica n Verificare che i parametri auto adattativi siano corretti I controlli segnalati permettono di verificare eventuali anomalie meccaniche o tali riconducibili che possono portare a effettuare diagnosi sull'impianto di iniezione mentre il problema si trova in un'altra zona. Le centraline elettroniche sono in grado di correggere alcune anomalie

sui circuiti meccanici medianti i sistemi di auto adattamento di cui sono dotate.

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

Prova 1 verifica della pressione benzina Prova 2 verifica dinamica della accensione centralina Prova 3 verifica dinamica della accensione modulo di potenza Prova 4 auto apprendimento della centralina Prova 5 verifica modulo comandato da centralina Prova 6 verifica posizionamento potenziometro nelle Mono Bosch Prova 7 verifica del funzionamento del mono iniettore Prova 8 Pulizia contatto di minimo delle mono Bosch Prova 9 verifica del funzionamento della sonda lambda CODICE COLORI FIAT Procedura di azzeramento dei parametri di autoadattatività. Verifica impianto BREAKERLESS Impianto accensione con impianto a 5 fili Impianto accensione con modulo a 6 fili Accensione Marelli modello DIGIPLEX 1 (11 pin) Accensione Marelli modello DIGIPLEX 2 (11 pin) Accensione Marelli DIGIPLEX 2 seconda generazione (11 pin) Accensione Marelli modello MICROPLEX (25 pin) Accensione Marelli MICROPLEX seconda generazione (25 pin) Variazione anticipo sulle centraline Marelli Digiplex e Microplex Centralina Digiplex prima versione (due sensori) Centralina Digiplex seconda generazione (un sensore per giri/fase) Centraline Microplex Iniezione accensione WEBER MARELLI I.A.W. (35 pin) Iniezione accensione WEBER MARELLI IAW SERIE 08 (35 pin) Iniezione WEBER MARELLI IAW 08/18 MOTORE A 16 V Centralina IAW AP 40 (55 PIN) INIEZIONE SOLEX / WEBER SERIE MMFD G5 (35 pin) Centralina mono iniezione Weber/Marelli S.P.I. MIW 02 (35 pin) INIEZIONE WEBER MARELLI IAW SERIE 06 (35 pin) Mono iniezione Bosch MONOJETRONIC (25 pin) Mono iniezione BOSCH MONOMOTRONIC (35 pin) Mono iniezione BOSCH MONOMOTRONIC (35 pin) Mono-iniezione FENIX MONOMOTRONIC(35 pin) CENTRALINA BOSCH MA 3.1 INIEZIONE BOSCH SERIE L - JETRONIC (35 pin) INIEZIONE BOSCH SERIE LE2 - JETRONIC (25 pin) INIEZIONE ELETTRONICA BOSCH MODELLO L3 - JETRONIC PIEDINATURA DELLA CENTRALINA BOSCH LH JETRONIC PIEDINATURA DELLA CENTRALINA BOSCH LH 2.41 INIEZIONE BOSCH MODELLO DIGIFANT I SERIE INIEZIONE MECCANICA BOSCH KE - JETRONIC INIEZIONE MECCANICA BOSCH KE - MOTRONIC INIEZIONE ELETTRONICA BOSCH M O T R O N I C prima serie

INIEZIONE BOSCH MOTRONIC MODELLO MP 3.1 INIEZIONE BOSCH MOTRONIC MODELLO MP 5.1 INIEZIONE ELETTRONICA BOSCH M O T R O N I C ML4.1 I M P I A N T O D I I N I E Z I O N E M O T R O N I C M 2.7 IMPIANTO DI INIEZIONE BOSCH M 2.8 IMPIANTO DI INIEZIONE MOTRONIC 1.7 Centralina iniezione EFI Ford Monopoint e Multipoint Impianto di iniezione Multec / GM SCHEMA IMPIANTO MONO INIEZIONE SCHEMA IMPIANTO MULTIPOINT SEMI FASATO SCHEMA INIEZIONE MULTIPOINT FASATA VERIFICHE SU IMPIANTI ABS BOSCH ABS BOSCH - centralina a 15 piedini incorporata al gruppo idraulico. INIEZIONE BOSCH DIESEL CENTRALINA A 25 POLI INIEZIONE BOSCH DIESEL BMW 525 TDS CENTRALINA A 55 POLI INIEZIONE BOSCH DIESEL CENTRALINA A 55 POLI INIEZIONE LUCAS EPIC DIESEL CENTRALINA A 55 POLI INIEZIONE DIESEL OPEL CENTRALINA A 55 POLI

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

Prova 1 verifica della pressione benzina

Pressione della benzina su iniezione multipoint
Inserire un manometro subito dopo il filtro benzina e verificare i passi successivi. Con motore in moto o in fase di avviamento si deve rilevare una pressione di circa 2,5 - 3 atmosfere e inoltre accelerando la pressione deve variare in funzione della posizione della valvola a farfalla. Dopo lo spegnimento del motore la pressione deve mantenersi

per almeno 30 minuti. Se la pressione diminuisce rapidamente effettuare le seguenti prove: n Verifica iniettori se a tenuta e non gocciolano usare un manometro con rubinetto per chiudere il tubo di arrivo dalla pompa, poi chiudere anche il tubo di ritorno al serbatoio e verificare che la pressione rimanga ferma per diverso tempo almeno 30 minuti. n Verifica tenuta della valvola di non ritorno della pompa occorre chiudere il tubo di ritorno al serbatoio e verificare se la pressione diminuisce n Verifica tenuta della valvola di regolazione della pressione occorre chiudere il rubinetto sul tubo di arrivo dal serbatoio e verificare se la pressione diminuisce. n Verifica valvola di sicurezza, con motore in moto chiudendo il ritorno al serbatoio la pressione non deve salire oltre le 6 - 7 atmosfere (sono possibili anche valori più alti). n Portata della pompa, mediamente a tubo libero la pompa deve erogare da 2 a 3 litri al minuto

Pressione della benzina su iniezione monopoint
Inserire un manometro subito dopo il filtro benzina e verificare i passi successivi. Con motore in moto o in fase di avviamento si deve rilevare una pressione di 1 atmosfera +/- 0,1 e inoltre accelerando la pressione non deve assolutamente variare. n Verifica tenuta della valvola di non ritorno della pompa occorre chiudere il tubo di ritorno al serbatoio e verificare se la pressione diminuisce. n Verifica tenuta dell'iniettore la prova è visiva perché l'iniettore smontando il filtro aria è visibile. n Verifica valvola di sicurezza, motore in moto con tubo di ritorno al serbatoio chiuso non deve superare le 3 atmosfere n Portata della pompa, mediamente a tubo libero deve erogare da 1,5 a 3 litri al minuto

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page
Prova 2

Servizi

verifica dinamica della accensione centralina

Inserire una lampada spia da 1,2 W tra i piedini 1 e 15 della bobina ( ai capi del primario ) Inserire una candela su un cavo alta tensione (meglio se usiamo uno spinterometro) Tentare di avviare il motore. Con queste operazioni si può verificare che: 1. se lampada lampeggia e si hanno le scintille sulla candela, centralina e impianto funzionano 2. se la lampada lampeggia ma non si hanno le scintille verificare la bobina e il distributore. 3. se la lampada non lampeggia la centralina è guasta. (verificare prima tensione e sensori )

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

Prova 3 verifica dinamica della accensione modulo di potenza
Inserire una lampada spia da 1,2 W tra i piedini 1 e 15 della bobina ( ai capi del primario ) Inserire una candela su un cavo alta tensione (meglio se usiamo uno spinterometro) Tentare di avviare il motore. Con queste operazioni si può verificare che: - se lampada lampeggia e si hanno le scintille sulla candela, modulo di potenza e sensore funzionano - se la lampada lampeggia ma non si hanno le scintille verificare la bobina e il distributore. - se la lampada non lampeggia il modulo è guasto. (verificare prima tensione e sensore ) Verificare, con un led posizionato tra il filo di comando del modulo e il positivo del modulo stesso se tentando l'avviamento il led lampeggia. La verifica può essere fatta con multimetro in tensione alternata inserito tra il filo di comando del modulo e la massa, facendo l'avviamento dobbiamo rilevare dei valori da circa 0,4 a 3 volt

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

Prova 4 auto apprendimento della centralina
Alcune centraline sono dotate di un sistema di auto apprendimento in grado di correggere la carburazione del motore anche se è molto usurato, per permettere una buona funzione di questa caratteristica occorre procedere nel seguente modo: - Scollegare il connettore centralina o la batteria per alcuni minuti, meglio se il motore è freddo - Ripristinare il collegamento - Avviare il motore, senza toccare l'acceleratore - Lasciare girare al minimo fino a che non si sia accesa elettroventola radiatore un paio di volte. Con questa operazione e' stato effettuato l'auto apprendimento corretto della centralina, sistemando in questo modo eventuali variazioni di carburazione dovute al naturale invecchiamento del motore. Questa procedura serve anche per stabilizzare il minimo.

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

Prova 5 verifica modulo comandato da centralina
Comando dalla centralina iniezione ( numero piedino specifico ) sul piedino 6 Positivo di alimentazione piedino 4 (positivo con chiave in posizione di marcia)

Masse sul modulo piedini 2 e 3 Comando della bobina piedino 1 I piedini 5 e 7 sono liberi I valori di tensione che devono essere rilevati sono i seguenti : Tensione alternata di circa 0,7/1 volt sul piedino 6 con il motore in avviamento Tensione continua di 12 volt sul piedino 4 con chiave inserita Tensione alternata di circa 0,7/1 volt sul piedino 1 con il motore in avviamento Con il led collegato tra il piedino 4 e il piedino 1 provare ad avviare il motore, il led deve lampeggiare , se rimane acceso o non lampeggia, dopo aver fatto tutte le altre verifiche sostituire il modulo di potenza.

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

Prova 6 verifica posizionamento potenziometro nelle Mono Bosch
Prima di fare regolazioni verificare che le due piste siano esenti da saltellamenti o micro fratture La posizione del potenziometro è fatta in fabbrica e non dovrebbe mai essere spostata, viene descritta una procedura che permette di effettuare una regolazione. Procedere nel seguente modo : Inserire uno spessore di circa un centimetro tra il perno del motorino e la leva farfalla, girare la chiave in posizione di marcia, il motorino cercando di posizionare la farfalla al valore di avvio motore si pone in posizione completamente arretrata, a questo punto staccare il cablaggio del motorino e togliere lo spessore. Questa operazione permette di portare la farfalla nella sua posizione di partenza, appoggiata alla vite di anti impuntamento (verificare che il perno del motorino non tocchi la farfalla , gioco di circa 2 decimi), la tensione che noi dobbiamo rilevare con la chiave in posizione di marcia tra il piedino 2 del potenziometro e massa del motore in questa condizione deve essere compresa tra 0,190 e 0,210 volt.

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

Prova 7 verifica del funzionamento del mono iniettore
L'iniettore viene alimentato dalla tensione fornita dal relè principale, sul filo di collegamento è inserita una resistenza di limitazione della corrente(in alcune versioni è presente il filo resistivo). La centralina apre l'iniettore mettendone a massa il filo di ritorno collegato al piedino di comando , perciò inserendo un puntale del multimetro su questo piedino e l'altro a massa motore dobbiamo rilevare una tensione alternata di circa 1 - 2 volt facendo girare il motorino di avviamento. Con un led collegato tra il piedino di uscita e il positivo batteria (oppure tra i due piedini dell’iniettore) provare ad avviare il motore, il led deve lampeggiare , se rimane acceso o non lampeggia,

dopo aver fatto tutte le altre verifiche sostituire la centralina. Dove è possibile si può verificare la funzionalità della spruzzata dell'iniettore usufruendo della lampada stroboscopica, deve essere collegata sul cavo della bobina, puntiamo il lampo sull'iniettore e muoviamo il regolatore posto sulla lampada fino a vedere lo spruzzo della benzina come se fosse fermo. Se l'iniettore è buono il cono del getto di benzina è perfettamente uniforme e formato da goccioline finissime. Se gocciola o spruzza in maniera non uniforme dovremo intervenire o con la pulizia o con la sostituzione dell'iniettore.

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

Prova 8 Pulizia contatto di minimo delle mono Bosch
Nei casi di minimo instabile o impuntamenti durante le accelerazioni è possibile effettuare la pulizia dell’interruttore utilizzando una lampadina da 21 watt collegata come in figura ed effettuare diverse operazioni di accensione e spegnimento della lampada usando l’acceleratore, in questo modo viene fatta passare corrente all’interno dell’interruttore permettendo così la pulizia dei contati.

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

Prova 9 verifica del funzionamento della sonda lambda
La sonda lamda è un sensore in grado di sentire la presenza (non la quantità) di ossigeno presente nei gas di scarico. É composta da due superfici di platino, una esposta all'aria esterna, l'altra a contatto con i gas di scarico protetta da un involucro di ceramica porosa, che permette il passaggio degli ioni di ossigeno a temperature attorno ai 250 - 300 gradi. Da questo la necessita di scaldare la sonda con una resistenza incorporata nella sonda e alimentata da una tensione fornita di solito dal relè della pompa benzina. Nelle ultime centraline l'alimentazione viene controllata da un piedino della

centralina di iniezione, che fornisce un negativo ad impulsi, con il ritmo di un impulso al secondo e variabile in modo tale da mantenere la sonda ad una temperatura ottimale. Per la verifica della sonda procedere nel seguente modo: - collegare l'oscilloscopio sul terminale del segnale della sonda lambda - assicurarsi che il motore abbia raggiunto la temperatura di regime - portare il motore a 3000 giri e tenerlo a quel regime - attendere 30 secondi che si stabilizzi - leggere quante commutazioni (quante volte va verso il basso e quante volte va verso l'alto) nel tempo di 10 secondi - se le commutazioni sono più di 15 - 20 la sonda è buona altrimenti risulta essere lenta .

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

CODICE COLORI FIAT A B C G H L M N R S V Z AZZURRO BIANCO ARANCIO GIALLO GRIGIO BLU MARRON NERO ROSSO ROSA VERDE VIOLA

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

Procedura di azzeramento dei parametri di autoadattatività.
Procedura da utilizzare nei casi in cui la centralina sia finita fuori dai parametri di autoadattatività. **** Non sempre questo può avere effetto *** In tutte le nuove centraline è presente una procedura all’interno del programma, che mediante la lettura dei parametri motoristici dei vari sensori permette alla centralina di effettuare delle modifiche alle curve permettendo di auto adattarsi all’usura meccanica.

In alcune occasioni (guida molto impropria , alterazioni all’impianto elettrico applicando l’alimentazione a metano o gpl, la centralina raccoglie interferenze da altri impianti, scarsa manutenzione, ecc.) la centralina ritiene di aver superato i parametri autoadattativi (di solito sono scostamenti superiori al 20 %) e si pone in una condizione di recovery molto anomala. In queste condizioni la vettura non tiene il minimo, consuma molto, non rende, a volte accende anche la spia sul cruscotto. In alcune vetture è prevista una procedura tramite lo strumento della casa madre che permette di azzerare i parametri e cominciare da capo, ma in molte questa procedura non è possibile. Per riuscire ad azzerare i parametri un modo possibile è il seguente: · staccare alcuni sensori – potenziometro farfalla, sensore pressione assoluta, sensore temperatura acqua · mettere in moto con i sensori staccati e fare un giro su strada di alcuni minuti anche se la vettura va molto male. · Rientrare, spegnere il motore, attendere alcuni minuti, staccare la batteria, ricollegare tutti i sensori staccati, attendere alcuni minuti ( 5 o 6 bastano) · Ricollegare la batteria , mettere in moto al minimo senza accelerare, attendere che l’elettroventola entri in funzione, fare un giro in strada simulando le varie condizioni di carico. · Se la vettura non è ancora a posto rifare la procedura da capo. Questo accorgimento quasi sempre riesce a riportare i parametri autoadattativi dentro ai limiti imposti dalla casa madre. Procedura per memorizzare la posizione della farfalla (nei casi in cui sia presente un corpo semi o completamente elettronico) e per l’inizializzazione delle centraline · Staccare la batteria (si raccomanda sempre di attendere diversi minuti dopo aver portato la chiave in posizione di stop) · Staccare il connettore con il corpo farfallato · Collegare la batteria · Collegare il connettore sul corpo farfallato · Inserire la chiave in posizione di marcia , senza mettere in moto e senza toccare il pedale acceleratore. · Attendere circa 30 secondi · Portare la chiave in posizione di stop · Attendere alcuni secondi poi portare la chiave in posizione di marcia · Attendere 10 secondi · Portare la chiave in posizione di stop · Attendere alcuni secondi poi inserire la chiave in posizione di marcia , attendere lo spegnimento della spia iniezione, indi mettere in moto senza toccare l’acceleratore e fare la procedura di autoapprendimento Con questa operazione si sistemano i problemi di stabilità del minimo e le imprecisioni nelle fasi di accelerazione.

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

Verifica impianto BREAKERLESS
Positivo - sul terminale 15 della bobina girando la chiave dobbiamo trovare la tensione di batteria. Verifica negativo - il negativo e' collegato sul modulo di potenza, 0 ohm misurando verso massa Verifica della resistenza della bobina primario circa 0,8 - 1 ohm secondario circa 8000 - 10000 ohm Verifica dinamica - inserendo una lampadina spia da 1,2 watt tra i terminali del primario della bobina, con tutto il circuito collegato, facendo girare il motorino di avviamento la lampada deve lampeggiare. - Se lampeggia e non ci sono scintille sul circuito candele il guasto e' nella bobina o nel circuito cavi alta tensione. - Se non lampeggia verificare: il modulo, il sensore o non arriva tensione correttamente. Verifica sensore con i terminali scollegati tra i due capi dobbiamo rilevare una resistenza di 400 - 900 ohm (in alcune versioni possiamo trovare dei sensori con una resistenza di circa 180 - 250 ohm ) e provandolo in tensione alternata dobbiamo rilevare un valore di circa 0,3 - 1 volt Misure per la verifica del funzionamento del modulo di accensione - VEDI FIGURA Le prove devono essere fatte con multimetro digitale. Il puntale rosso - POSITIVO va sui terminali della prima colonna.

Piedino e Piedino Valore Portata multimetro 1 2 10 - 15 Kohm 20 Kohm ----------------------------------------------------------------------1 3 circ. aperto 20 Mohm ----------------------------------------------------------------------1 4 4 - 5 Kohm 20 Kohm ----------------------------------------------------------------------1 5 100 - 150 ohm 2 Kohm ----------------------------------------------------------------------2 3 circ. aperto 20 Mohm ----------------------------------------------------------------------2 4 18 - 20 Kohm 200 Kohm ----------------------------------------------------------------------2 5 14 - 16 Kohm 20 Kohm -----------------------------------------------------------------------

3 4 4 - 10 Mohm 20 Mohm ----------------------------------------------------------------------3 5 4 - 10 Mohm 20 Mohm ----------------------------------------------------------------------4 5 4 - 6 Kohm 20 Kohm -----------------------------------------------------------------------

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

Impianto accensione con impianto a 5 fili

Verifica sui terminali del connettore scollegato dall'impianto Positivo di alimentazione - con chiave in posizione di marcia sul piedino 4 dobbiamo rilevare la tensione di batteria. Negativo di alimentazione - misurando tra il piedino 2 e massa dobbiamo rilevare una resistenza inferiore a 0,3 - 0,5 ohm Verifica continuità circuito bobina - con chiave in posizione di marcia sul terminale 1 dobbiamo rilevare la tensione di batteria Verifica resistenza dell'impulsore posizionato all'interno dello spinterogeno tra i terminali 3 e 6 dobbiamo rilevare una resistenza da circa 200 ohm a 800 ohm . Facendo girare il motorino di avviamento e misurando in tensione

alternata dobbiamo rilevare una tensione di circa 0,3 - 1 volt. Verifica della resistenza della bobina primario circa 0,8 - 1,2 ohm secondario circa 8000 - 10000 ohm *** EFFETTUARE LA PROVA 3

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

Impianto accensione con modulo a 6 fili

Verifica sui terminali del connettore scollegato dall'impianto Positivo di alimentazione - con chiave in posizione di marcia sul piedino 4 dobbiamo rilevare la tensione di batteria. Negativo di alimentazione - misurando tra il piedino 2 e massa dobbiamo rilevare una resistenza inferiore a 0,3 - 0,5 ohm Verifica continuità circuito bobina - con chiave in posizione di marcia sul terminale 1 dobbiamo rilevare la tensione di batteria Verifica della resistenza del sensore ( posizionato all'interno dello spinterogeno) non possibile perché il sensore e' a transistor. Sono possibili le seguenti prove n con il connettore inserito e con chiave in posizione di marcia sul piedino 5 dobbiamo rilevare una tensione continua di circa 6 - 10 volt.

n Con il connettore inserito e facendo girare il motorino di avviamento dobbiamo rilevare tra i piedini 3 e 6 una tensione di circa 2 - 4 volt in tensione alternata n E’ possibile una verifica dinamica del funzionamento del sensore utilizzando un diodo led (con resistenza) collegandolo con il positivo sul piedino 5 e con il negativo sul piedino 6 in questo modo facendo girare lo spinterogeno ( a mano o avviando il motore ) il led lampeggerà se il sensore è perfettamente funzionante. Verifica della resistenza della bobina primario circa 0,8 - 1,2 ohm secondario circa 8000 - 10000 ohm ***** EFFETTUARE LA PROVA 3

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

Accensione Marelli modello DIGIPLEX 1 (11 pin) Monta due sensori tipo "captore induttivo" (volano e puleggia o entrambi sul volano ) ed rileva la depressione nel collettore con una capsula interna alla centralina.
Misure da effettuare direttamente sui piedini del connettore centralina, scollegato dall'impianto. Negativo di alimentazione piedino 9 continuità' verso massa resistenza inferiore a 0,3 - 0,5 ohm. Positivo di alimentazione piedino 8 con chiave su marcia deve arrivare la tensione batteria Sensore giri tra i piedini 2 e 3 resistenza rilevata da 600 a 900 ohm con motore in fase di avviamento dobbiamo rilevare delle tensioni da 1 a 4 volt Sensore fase tra i piedini 1 e 5 resistenza rilevata da 600 a 900 ohm con motore in fase di avviamento dobbiamo rilevare tensioni da 0,15 a 0,4 volt.

Uscita comando bobina piedino 11, con chiave in posizione di marcia misurando tra il piedino e massa dobbiamo rilevare la tensione di batteria Uscita per contagiri tra il piedino 10 e massa si rileva una tensione alternata di circa 1 volt con motore in moto al minimo . Uscita per controllo funzionalità' del sensore di depressione piedino 4 Misurando, con la centralina collegata, tra il piedino e massa in tensione continua verificare che : - con il motore in moto e farfalla al minimo ci sia una tensione di circa 3 volt - con la chiave girata e il motore spento ci sia una tensione di circa 0,7 volt * sulla versione montata sulla Y10 turbo 0,7 volt vengono raggiunti solo con il turbo inserito Verifica funzionalità' della bobina di alta tensione resistenza del primario da 0,3 a 0,5 ohm resistenza del secondario da 3500 a 4800 ohm Cavi alta tensione resistivi. Spazzola rotante resistiva con valore di 1000 ohm Variazioni anticipo possibili solo mettendo a massa i piedino 6 e 7

**** EFFETTUARE LA PROVA 2

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

Accensione Marelli modello DIGIPLEX 2 (11 pin) Monta un sensore tipo "captore induttivo" (volano o puleggia ) e rileva la depressione nel collettore con una capsula interna alla centralina.
Misure da effettuare direttamente sui piedini del connettore centralina, scollegato

dall'impianto. Negativo di alimentazione piedino 10 continuità verso massa - resistenza inferiore a 0,3 - 0,5 ohm.

Positivo di alimentazione piedino 5 con chiave su marcia deve arrivare la tensione batteria Sensore giri tra i piedini 7 e 8 resistenza rilevata da 600 a 900 ohm con motore in fase di avviamento dobbiamo rilevare delle tensioni da 0,2 a 1 volt Positivo da motorino avviamento piedino 3 verificare che in avviamento ci sia la tensione batteria Uscita comando bobina piedino 11, con chiave in posizione di marcia misurando tra il piedino e massa dobbiamo rilevare la tensione di batteria Effettuare le due seguenti prove con motore caldo e impianto collegato. Ingresso comando cut-off dall'interruttore farfalla piedino 4 Verificare, con acceleratore a riposo che tra il piedino e massa vi sia una tensione più bassa di 1 volt Uscita comando intercettatore del getto del minimo, sul piedino 6. - con motore in moto al minimo sul piedino sono presenti i 12 volt ( attenzione a non provocare corto circuiti.) - dopo una accelerata a fondo nella fase di rilascio acceleratore la tensione viene a mancare fino a quando il motore non e' arrivato attorno ai 1300 giri Verifica funzionalità' della bobina alta tensione resistenza del primario da 0,3 a 0,5 ohm resistenza del secondario da 3500 a 4800 ohm Cavi alta tensione resistivi Spazzola rotante resistiva con valore di 1000 ohm Variazioni degli anticipi possibili solamente mettendo a massa il piedino 1

**** EFFETTUARE LA PROVA 2

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

Accensione Marelli DIGIPLEX 2 seconda generazione (11
pin)

Monta un sensore tipo "captore induttivo" (volano o puleggia ) e rileva la depressione nel collettore con una capsula interna alla centralina.

Misure da effettuare direttamente sui piedini del connettore centralina, scollegato dall'impianto. Negativo di alimentazione piedino 10 continuità' verso massa - resistenza inferiore a 0,3 - 0,5 ohm. Positivo di alimentazione piedino 6 con chiave su marcia deve arrivare la tensione batteria Sensore giri tra i piedini 1e 2 resistenza rilevata da 600 a 900 ohm con motore in fase di avviamento dobbiamo rilevare delle tensioni da 0,2 a 1 volt Positivo da motorino avviamento piedino 3 verificare che in avviamento ci sia la tensione batteria Uscita comando bobina uno piedino 11, con chiave in posizione di marcia misurando tra il piedino e massa dobbiamo rilevare la tensione di batteria Uscita comando bobina uno piedino 9, con chiave in posizione di marcia misurando tra il piedino e massa dobbiamo rilevare la tensione di batteria Verifica bobine alta tensione resistenza del primario da 0,3 a 0,5 ohm resistenza del secondario da 3800 a 5800 ohm Cavi alta tensione resistivi Uscita contagiri sul piedino 3 con il motore in moto al minimo sono presenti circa 1 - 1,5 volt in tensione alternata

*** EFFETTUARE LA PROVA 2 SU TUTTE E DUE LE BOBINE

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

Accensione Marelli modello MICROPLEX (25 pin) Monta due sensori tipo "captore induttivo" (volano e puleggia o entrambi sul volano ) ed rileva la depressione nel collettore con una capsula interna alla centralina.
Misure da effettuare

direttamente sui piedini del connettore centralina, scollegato dall'impianto. Negativo di alimentazione piedino 11 continuità' verso massa -- resistenza inferiore a 0,3 - 0,5 ohm. Positivo di alimentazione piedino 13 con chiave su marcia deve arrivare la tensione batteria Sensore giri tra i piedini 3 e 16 resistenza rilevata da 600 a 900 ohm con motore in fase di avviamento dobbiamo rilevare delle tensioni da 1 a 4 volt Sensore fase tra i piedini 1 e 2 resistenza rilevata da 600 a 900 ohm con motore in fase di avviamento dobbiamo rilevare tensioni da 0,15 a 0,4 volt. Uscita comando modulo di potenza tra il piedino 14 e massa dobbiamo rilevare una tensione alternata di circa 1 volt con il motore in fase di avviamento Modulo di potenza **** EFFETTUARE LA PROVA 5 Comando over-boast (se esiste) con farfalla completamente aperta il piedino 18 deve essere a massa. Uscita comando valvola over-boast dal piedino 9 esce tensione per la valvola e la spia cruscotto . Condizioni di over-boast: giri superiori a 2500- farfalla tutta aperta - pressione aria superiore a 0,3 bar. Verifica sensore di depressione piedino 23 in tensione continua si rileva con chiave su marcia a motore spento una tensione di circa 1,5-1,8 volt e con motore in moto al minimo circa 0,6-0,9 volt. Pressostato di sicurezza piedini 7 e 20 (interviene a circa 1,1 bar ) in condizioni normali risulta un circuito aperto. Sensore di battito piedini 4 e 17 (si misura solo con l'oscilloscopio) se il motore batte in testa scollegandolo se funziona la situazione peggiora se invece non notiamo differenze il sensore è guasto. Verifica della bobina di alta tensione resistenza primario bobina circa 0,3 - 0,4

ohm resistenza secondario bobina circa 3500 - 4500 ohm Variazioni delle curve anticipo mettendo a massa il piedino 19 o il 18, dove non è usato (variazione di circa 5 gradi in meno )

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

Accensione Marelli MICROPLEX seconda generazione (25 pin) Monta due sensori tipo "captore

induttivo" (volano e puleggia o entrambi sul volano ) ed rileva la depressione nel collettore con una capsula interna alla centralina.
Misure da effettuare direttamente sui piedini del connettore centralina, scollegato dall'impianto. Negativo di alimentazione piedino 11 continuità' verso massa -- resistenza inferiore a 0,3 - 0,5 ohm. Positivo di alimentazione piedino 13 con chiave su marcia deve arrivare la tensione batteria Sensore giri tra i piedini 3 e 16 resistenza rilevata da 600 a 900 ohm con motore in fase di avviamento dobbiamo rilevare delle tensioni da 1 a 4 volt Sensore fase tra i piedini 1 e 2 resistenza rilevata da 600 a 900 ohm con motore in fase di avviamento dobbiamo rilevare tensioni da 0,15 a 0,4 volt. Uscita comando modulo di potenza uno tra il piedino 14 e massa dobbiamo rilevare una tensione alternata di circa 1 volt con il motore in fase di avviamento Uscita comando modulo di potenza due tra il piedino 10 e massa dobbiamo rilevare una tensione alternata di circa 1 volt con il motore in fase di avviamento

Moduli di potenza **** EFFETTUARE LA PROVA 5 SU ENTRAMBI I MODULI Comando over-boast (se esiste) con farfalla completamente aperta il piedino 18 deve essere a massa Uscita comando valvola over-boast dal piedino 9 esce tensione per la valvola e la spia cruscotto . Condizioni di over-boast: giri superiori a 2500- farfalla tutta aperta - pressione aria superiore a 0,3 bar Verifica sensore di depressione piedino 23 in tensione continua si rileva con chiave su marcia a motore spento una tensione di circa 1,5-1,8 volt e con motore in moto al minimo circa 0,6-0,9 volt Pressostato di sicurezza piedini 7 e 20 (intervento a 1,1 bar ) in condizioni normali è circuito aperto Sensore di battito piedini 4 e 17 (si misura solo con l'oscilloscopio) se il motore batte in testa scollegandolo se funziona la situazione peggiora se invece non notiamo differenze il sensore è guasto Verifica della bobina di alta tensione resistenza primario bobina circa 0,3 - 0,4 ohm resistenza secondario bobina circa 3500 - 4500 ohm Variazioni delle curve anticipo mettendo a massa il piedino 19 o il 18, dove non è usato (variazione di circa 5 gradi in meno )

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

Variazione anticipo sulle centraline Marelli Digiplex e Microplex Centralina Digiplex prima versione (due sensori)
Occorre collegare, con un filo, a massa i piedini 6 o 7 a seconda della tabella qui sotto riportata Piedino 6 a massa Piedino 7 a massa Piedino 6 e 7 a massa -------------------------------------------------------------------------------------------------MED 401 -4 -8 0 -------------------------------------------------------------------------------------------------MED 402 - 2,7 - 5,4 + 6,7 -------------------------------------------------------------------------------------------------MED 403 - 1,6 - 3,2 - 4,7 -------------------------------------------------------------------------------------------------MED 404 - 1,5 -3 - 4,5

-------------------------------------------------------------------------------------------------MED 405 - 1,5 -3 - 4,5 -------------------------------------------------------------------------------------------------MED 406 - 1,3 - 2,7 - 4 -------------------------------------------------------------------------------------------------MED 407 - 1,3 - 2,6 + 2,6 -------------------------------------------------------------------------------------------------MED 408 - 1,4 - 2,7 - 4 -------------------------------------------------------------------------------------------------MED 409 - 2,7 -4 - 5,4 -------------------------------------------------------------------------------------------------MED 410 - 1,5 - 4,6 - 6,1 -------------------------------------------------------------------------------------------------MED 411 - 1,4 - 2,7 - 4 -------------------------------------------------------------------------------------------------MED 412 - 2,7 -4 - 5,4 -------------------------------------------------------------------------------------------------MED 414 - 1,5 -3 - 4,5 -------------------------------------------------------------------------------------------------MED 416 - 1,5 -3 - 4,5 -------------------------------------------------------------------------------------------------MED 419 - 1,5 -3 - 4,5 -------------------------------------------------------------------------------------------------MED 420 - 2,7 - 2,7 - 4 -------------------------------------------------------------------------------------------------MED 421 - 2,7 - 2,7 - 4 --------------------------------------------------------------------------------------------------

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

Centralina Digiplex seconda generazione (un sensore per

giri/fase)
Occorre collegare a massa, con un filo, il piedino 1 della centralina -------------------------------------------------------------------------------------------------MED 430 - 4,5 -------------------------------------------------------------------------------------------------MED 433 - 4,5 -------------------------------------------------------------------------------------------------MED 471 -4 -------------------------------------------------------------------------------------------------MED 472 -4 --------------------------------------------------------------------------------------------------

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page
Centraline Microplex

Servizi

Occorre collegare, con un filo, a massa i piedini 18 e 19 Piedino 18 a massa Piedino 19 a massa Piedino 18 e 19 a massa -------------------------------------------------------------------------------------------------MED 600 - 1,5 -3 - 4,5 -------------------------------------------------------------------------------------------------MED 601 0 -5 0 -------------------------------------------------------------------------------------------------MED 603 - 1,5 -3 - 4,5 -------------------------------------------------------------------------------------------------MED 604 - 1,5 -3 - 4,5

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

Iniezione accensione WEBER MARELLI I.A.W. (35 pin)
Prima, seconda, terza versione con distributore alta tensione

Iniezione elettronica digitale con unica centralina che controlla iniezione e accensione, il comando degli iniettori è fasato e si aprono quando è aperta la corrispondente valvola di aspirazione. La centralina calcola il peso del volume dell'aria aspirata rilevandone la temperatura e la pressione (sistema speed - density) e integrandolo con l'angolo di apertura farfalla.

Verifica delle masse della centralina verifica in volt continui e motore in
avviamento Tra il pin 19 e massa e tra il pin 1 e massa la tensione deve essere inferiore ai 0,3 - 0,4 volt

Verifica positivo alimentazione e relè principale Chiave in posizione di
marcia Tra il pin 20 e la massa deve essere presente una tensione più alta di 11,8 volt.

Prova del relè pompa benzina e della pompa Chiave in posizione di
marcia Tra il pin 28 e massa deve essere presente una tensione di circa 12 volt. Con motore in avviamento la tensione scende a circa 0,2 - 0,7 volt e la pompa deve funzionare. **** EFFETTUARE LA PROVA 1 Verifica sensore giri / fase (puleggia o volano) Chiave in posizione di marcia Tra i piedini 3 e 4 con motore in fase di avviamento dobbiamo rilevare una tensione alternata di circa 0,2 - 1 volt. Verifica isolamento con connettore centralina scollegato tra i piedini 3 e 1 con un ohmetro dobbiamo rilevare

circuito aperto.

Verifica sensore sincronismo (spinterogeno) Chiave su marcia
Tra i piedini 5 e 23 con motore in fase di avviamento dobbiamo rilevare una tensione alternata di circa 0,18 - 0,6 volt. Verifica dell'isolamento: scollegare il connettore della centralina, misurando tra i piedini 5 e 1 con un ohmetro dobbiamo rilevare circuito aperto.

Verifica sensore temperatura acqua (resistenza NTC) Chiave su
marcia Tra i piedini 11 e 29 (resistenza 2200 ohm a 20 gradi, 200 ohm a 90 gradi a fili staccati) a motore caldo (elettroventola già inserita) avremo una tensione di circa 0,5 - 0,6 Volt a motore freddo avremo una tensione di circa 2 - 3 Volt, se il sensore o il filo e' interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 Volt

Verifica sensore temperatura aria (resistenza NTC) Chiave su marcia
Tra i piedini 11 e 31 (resistenza 2200 ohm a 20 gradi, 750 ohm a 50 gradi a fili staccati) a motore caldo avremo una tensione di circa 1,5 - 2 Volt a motore freddo avremo una tensione di circa 2 - 3 Volt se il sensore o il filo e' interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 Volt

Verifica dei comandi per il circuito di accensione Chiave su marcia
Verificare che sul piedino 25 sia presente tensione alternata di circa 1 volt facendo girare il motorino di avviamento. Verificare che il piedino 24 sia collegato a massa motore *****EFFETTUARE LA PROVA 5

Verifica sezione di potenza dell'accensione
Valori resistenza bobina accensione primario 0,30 - 0,50 ohm, secondario 3500 5000 ohm

Verifica del potenziometro farfalla chiave inserita in posizione di marcia
Verifica tra il piedino 17 e massa: con pedale farfalla a riposo si ha una tensione di circa 0,3 volt con pedale farfalla al massimo la tensione deve arrivare fino a circa 4,5 - 4,8 volt In alcune versioni di centralina funzionamento e' completamente invertito. Se il minimo non è stabile portare il valore della tensione con la farfalla a riposo a 0,150 volt .

Verifica sensore di depressione Chiave in posizione di marcia
Verifica sul piedino 15 della centralina Pedale acceleratore a riposo, motore spento la tensione è di circa 4,5 volt (2,2 se c'è il turbo). Motore in moto e pedale acceleratore in fase di rilascio la tensione sarà di circa 0,5 - 0,7 Volt.

Prova circuito iniettori Connettore centralina scollegato, misure con
ohmetro

Dobbiamo rilevare i seguenti valori tra il pin 20 e il 32, tra il pin 20 e il 33,tra il pin 20 e il 35 e tra il pin 20 e il 18 una resistenza del valore di 2,4 - 3 ohm Nelle versioni recenti vengono montati iniettori con valore resistivo di 12 / 18 ohm le due versioni non sono intercambiabili Verifica del comando della centralina - utilizzare un diodo led inserito tra i piedini di comando iniettori e il positivo di batteria e verificare che in fase di avviamento il led lampeggi- Se rimane a luce fissa la centralina è guasta, se non lampeggia effettuare tutte le altre verifiche poi sostituirà la centralina.

Prove per la verifica della VAE Verificare le seguenti condizioni
preliminari indispensabili: n potenziometro farfalla sia posizionato n pulizia del condotto interno della sede farfalla n pulizia della vite di regolazione del minimo e del condotto relativo n motore caldo (la ventola deve essersi inserita almeno una volta) Dopo questi preliminari scollegare il connettore della valvola, regolare la vite di bay-pass sulla farfalla per ottenere un regime di circa 900 giri reinserire la valvola, assicurandosi che il minimo non subisca variazioni, altrimenti ripetere l'operazione. Per verificare che la centralina comandi la valvola VAE inserire il multimetro in alternata tra il piedino 34 e massa e leggere il valore deve essere di circa 6 - 8 volt con motore in moto.

Regolazione del rapporto stechiometrico CO
La regolazione si effettua tramite un trimmer interno alla centralina, accessibile tramite un foro oppure con un trimmer esterno (nel vano motore vicino ai relè o alla bobina accensione) Verifica del circuito del trimmer esterno dove esiste :Chiave in posizione di marcia Tra il piedino 2 e massa dobbiamo rilevare una tensione con valore da 0 a 5 volt e muovendo il trimmer del CO questo valore deve cambiare lentamente senza scatti

Versione con catalizzatore
Verifica della sonda lambda (con resistore di riscaldamento del valore di circa 4 8 ohm) Portare in temperatura il motore, tenere in moto il motore Tra il piedino 2 e massa si deve rilevare una tensione variabile continuamente da 0,1 a 0,9 volt . Accelerando bruscamente la tensione deve subito salire a circa 0,9 volt . In fase di decelerazione la tensione deve andare a circa 0,1 - 0,2 volt

Sono previste centralina

alcune

predisposizioni

sul

connettore della

Piedino 21 - Comando dal condizionatore per stabilizzare il minimo con compressore inserito E' una spinetta rossa vicino ai relè iniezione collegata al piedino della centralina. Piedino 2 - Trimmer CO esterno dove e' presente Piedino 9 - Ingresso segnale dal secondo sensore di pressione assoluta delle

versioni di iniezione montate sulle DELTA INTEGRALE. Piedino 22 - Ingresso del segnale dall'eventuale sensore di battito in testa Piedino 12 - Uscita comando per eventuale spia di avaria iniezione.

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

Iniezione accensione WEBER MARELLI IAW SERIE 08 (35 pin) Iniezione elettronica digitale ultima generazione della Weber/Marelli con sistema di auto adattamento per compensare l'usura del motore. Il guasto viene indicato con l'accensione della spia di avaria. Nell'impianto è prevista l'eliminazione del distributore di alta tensione sostituito da una coppia di bobine (accensione statica), il comando iniettore e' sincrono con il comando della bobina di accensione .

Verifica delle masse della centralina Le masse sono collegate sul blocco
motore Verifica delle masse misurando in volt continui Tra il pin 34 e massa, tra il 16 (massa di segnale) e massa e tra 17 e massa, in

fase di avviamento motore dobbiamo rilevare una tensione inferiore ai 0, 3 - 0, 4 volt.

Verifica della funzione di mantenimento della memoria
Con chiave disinserita sul piedino 4 della centralina deve essere presente una tensione superiore ai 12 volt, con chiave in posizione di marcia la tensione scende al valore di 0,2 - 0,9 volt. Riportando la chiave in posizione di riposo la tensione resta per diverso tempo a 0,2 - 0,9 volt prima di tornare a 12 volt.

Verifica del positivo di alimentazione e del relè principale
Verificare che tra il piedino 35 e massa sia presente una tensione superiore ai 11,80 volt inserendo la chiave in posizione di marcia . IL RELE' DI ALIMENTAZIONE UTILIZZATO PUO' ESSERE INCORPORATO IN UN CONTENITORE CON IL RELE' DELLA POMPA BENZINA COLLEGATO ALL'IMPIANTO CON UN UNICO CONNETTORE A 15 POLI .

Verifica del relè pompa benzina e della pompa
Con chiave in posizione di marcia senza avviare il motore il relè pompa si inserisce alcuni secondi, poi si stacca, verificare che sul piedino 23 sia presente una tensione di circa 12 volt (sarà a circa 0,2 - 0,9 per alcuni secondi se la pompa funziona). Facendo girare il motorino di avviamento la tensione va a circa 0,5 - 1,2 volt e il relè' pompa si deve inserire. Il piedino 23 della centralina fornisce anche il numero di giri per il contagiri. ****EFFETTUARE LA PROVA 1

Prova circuito iniettori
Verifica del comando centralina collegare un diodo led tra il piedino 18 e il positivo batteria, avviare il motore, il led deve lampeggiare , se rimane acceso o non lampeggia, dopo aver fatto tutte le altre verifiche sostituire la centralina iniezione *****EFFETTUARE LA PROVA 7

Verifica sensore giri / fase ruota fonica
Il sensore e' con tre fili - Segnale positivo - Segnale negativo - Massa di schermatura I due segnali arrivano ai piedini 28 e 11, il valore resistivo è compreso da circa 500 a 1000 ohm Facendo girare il motorino di avviamento dobbiamo rilevare una tensione alternata di circa 1 - 3 volt. tra il piedino 28 e il piedino 11,

misurando con un multimetro digitale.

Verifica sensore temperatura acqua ( resistenza NTC)
Tra i piedini 16 e 13 (valore della resistenza a fili staccati 2200 ohm a 20 gradi, 750 ohm a 50 gradi, 200 ohm a 90 gradi) verificare in volt corrente continua, con la chiave inserita in posizione di marcia dobbiamo rilevare una tensione che varia con la temperatura del motore. a motore caldo (elettroventola già inserita) avremo una tensione di circa 0,5 -0,6 Volt a motore freddo avremo una tensione di circa 2 - 3 Volt se il sensore e' interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 Volt

Verifica sensore temperatura aria (resistenza NTC )
Tra i piedini 16 e 31 (valore della resistenza a fili staccati 2200 ohm a 20 gradi, 750 ohm a 50 gradi) verificare in volt corrente continua, con la chiave inserita in posizione di marcia dobbiamo rilevare una tensione che varia con la temperatura dell'aria che entra nel collettore a motore caldo (elettroventola già inserita) avremo una tensione di circa 1,5 - 2 V a motore freddo avremo una tensione di circa 2 - 3 Volt se il sensore e' interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 Volt

Verifica potenziometro farfalla Chiave in posizione di marcia
Misurando tra i piedini 16 e 30 dobbiamo rilevare i seguenti valori: con farfalla a riposo dobbiamo rilevare un valore di circa 0,5 volt con farfalla a fondo corsa dobbiamo rilevare una tensione di circa 4,5 - 4,8 volt Non e' prevista nessuna regolazione perché la centralina e' autoadattativa.

Verifica sensore di depressione
La verifica del sensore è fatta rilevando i valori tra il piedino 32 e massa della centralina Inserire la chiave in posizione di marcia e il puntale negativo del multimetro a massa motore. con pedale acceleratore a riposo e motore spento si ha una tensione di circa 4,5 volt. con pedale acceleratore a riposo e motore in moto si ha una tensione di circa 0,5 volt. I valori di tensione di 0,5 volt vengono rilevati solo se si effettua una breve accelerata e si legge il valore nel momento in cui il motore torna al regime di minimo

Verifica del comando delle bobine di accensione
1 per i cilindri 1 e 4 , 19 per i cilindri 2 e 3 Sui piedini dobbiamo rilevare un segnale di circa 1 volt in tensione alternata con il motore in fase di avviamento e con un puntale del multimetro a massa.

Prove per la verifica del motorino passo a passo
Il motorino e' costituita da due avvolgimenti comandati dalla centralina avvolgimento uno piedini 20 e 2 avvolgimento due piedini 21 e 3 la resistenza di ogni avvolgimento ha il valore di circa 50 ohm. I motorini vengono comandati con un segnale in onda quadra.

Verifica sonda lambda (con resistore di riscaldamento del valore di circa 2,5 8 ohm) Avviare e portare in temperatura il motore, lasciare girare il motore al minimo Tra il piedino 29 e massa si deve rilevare una tensione variabile continuamente da 0,1 a 0,9 volt . Accelerando bruscamente la tensione deve subito salire a circa 0,9 volt . In fase di decelerazione la tensione deve andare a circa 0,1 - 0,2 volt

Verifica comando valvola recupero vapori del serbatoio
La valvola viene alimentata direttamente dalla batteria e la centralina fornisce il negativo sotto forma di impulsi e viene aperta ciclicamente ottimizzando la carburazione il negativo viene fornito dal piedino 22

La centralina ha alcune predisposizioni
Piedino 24 comando del relè del compressore Piedino 8 ingresso segnale di consenso per il compressore Piedino 6 massa per il comando della spia di avaria

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

Iniezione WEBER MARELLI IAW 08/18 MOTORE A 16 V

Iniezione elettronica digitale ultima generazione della Weber/Marelli con sistema di auto adattamento per compensare l'usura del motore. Il guasto viene indicato accendendo una spia nel cruscotto. Nell'impianto è prevista l'eliminazione del distributore di alta tensione sostituito da una coppia di bobine (accensione statica), il comando iniettore e' sincrono con il comando della bobina di accensione .

Verifica delle masse della centralina Le masse sono collegate sul blocco
motore Verifica delle masse misurando in volt continui Tra il pin 34 e massa, tra il 16 (massa di segnale) e massa e tra 17 e massa, in fase di avviamento motore dobbiamo rilevare una tensione inferiore ai 0, 3 - 0, 4 volt.

Verifica della funzione di mantenimento della memoria
Con chiave disinserita sul piedino 4 della centralina deve essere presente una tensione superiore ai 12 volt, con chiave in posizione di marcia la tensione scende al valore di 0,2 - 0,9 volt. Riportando la chiave in posizione di riposo la tensione resta per diverso tempo a 0,2 - 0,9 volt prima di tornare a 12 volt.

Verifica del positivo di alimentazione e del relè principale
Verificare che tra il piedino 35 e massa sia presente una tensione superiore ai 11,80 volt inserendo la chiave in posizione di marcia . IL RELE' DI ALIMENTAZIONE E’ INCORPORATO IN UN CONTENITORE CON IL RELE' DELLA POMPA BENZINA COLLEGATO ALL'IMPIANTO CON UN UNICO CONNETTORE A 15 POLI
Casella di testo:

Verifica del relè pompa benzina e della pompa
Con chiave in posizione di marcia senza avviare il motore il relè pompa si inserisce alcuni secondi, poi si stacca, verificare che sul piedino 23 sia presente una tensione di circa 12 volt (sarà a circa 0,2 - 0,9 per alcuni secondi se la pompa funziona). Facendo girare il motorino di avviamento la tensione va a circa 0,5 - 1,2 volt e il relè' pompa si deve inserire. Il piedino 23 della centralina fornisce anche il numero di giri per il contagiri. ****EFFETTUARE LA PROVA 1

Verifica del positivo di alimentazione dei sensore
Verificare che sul piedino 14 sia presente con la chiave in posizione di marcia una tensione di 5 volt

Prova circuito iniettori
Verifica del comando centralina collegare un diodo led tra il piedino 18 (coppia iniettori 1 e 4 ) e tra il piedino 33 (coppia iniettori 2 e 3) e il positivo batteria, avviare il motore, il led deve lampeggiare , se rimane acceso o non lampeggia, dopo aver fatto tutte le altre verifiche sostituire la centralina iniezione *****EFFETTUARE LA PROVA 7

Verifica sensore giri / fase ruota fonica

Il sensore e' con tre fili - Segnale positivo - Segnale negativo - Massa di schermatura I due segnali arrivano ai piedini 28 e 11, il valore resistivo è compreso da circa 500 a 1000 ohm Facendo girare il motorino di avviamento dobbiamo rilevare una tensione alternata di circa 1 - 3 volt. tra il piedino 28 e il piedino 11, misurando con un multimetro digitale.

Verifica sensore temperatura acqua ( resistenza NTC)
Tra i piedini 16 e 13 (valore della resistenza a fili staccati 2200 ohm a 20 gradi, 750 ohm a 50 gradi, 200 ohm a 90 gradi) verificare in volt corrente continua, con la chiave inserita in posizione di marcia dobbiamo rilevare una tensione che varia con la temperatura del motore. a motore caldo (elettroventola già inserita) avremo una tensione di circa 0,5 -0,6 Volt a motore freddo avremo una tensione di circa 2 - 3 Volt se il sensore e' interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 Volt

Verifica sensore temperatura aria (resistenza NTC )
Tra i piedini 16 e 31 (valore della resistenza a fili staccati 2200 ohm a 20 gradi, 750 ohm a 50 gradi) verificare in volt corrente continua, con la chiave inserita in posizione di marcia dobbiamo rilevare una tensione che varia con la temperatura dell'aria che entra nel collettore a motore caldo (elettroventola già inserita) avremo una tensione di circa 1,5 - 2 V a motore freddo avremo una tensione di circa 2 - 3 Volt se il sensore e' interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 Volt

Il sensore è incorporato all’interno del misuratore pressione assoluta. Verifica sensore di depressione
La verifica del sensore è fatta rilevando i valori tra il piedino 32 e massa della centralina Inserire la chiave in posizione di marcia e il puntale negativo del multimetro a massa motore. con pedale acceleratore a riposo e motore spento si ha una tensione di circa 4,5 volt. con pedale acceleratore a riposo e motore in moto si ha una tensione di circa 0,5 volt. I valori di tensione di 0,5 volt vengono rilevati solo se si effettua una breve accelerata e si legge il valore nel momento in cui il motore torna al regime di minimo

Verifica potenziometro farfalla Chiave in posizione di marcia
Misurando tra i piedini 16 e 30 dobbiamo rilevare i seguenti valori: con farfalla a riposo dobbiamo rilevare un valore di circa 0,5 volt con farfalla a fondo corsa dobbiamo rilevare una tensione di circa 4,5 - 4,8 volt Non e' prevista nessuna regolazione perché la centralina e' autoadattativa.

Verifica del comando delle bobine di accensione
1 per i cilindri 1 e 4 , 19 per i cilindri 2 e 3 Sui piedini dobbiamo rilevare un segnale di circa 1 volt in tensione alternata con

il motore in fase di avviamento e con un puntale del multimetro a massa.

Prove per la verifica del motorino passo a passo
Il motorino e' costituita da due avvolgimenti comandati dalla centralina avvolgimento uno piedini 20 e 2 avvolgimento due piedini 21 e 3 la resistenza di ogni avvolgimento ha il valore di circa 50 ohm. I motorini vengono comandati con un segnale in onda quadra.

Verifica sonda lambda (con resistore di riscaldamento del valore di circa 2,5 8 ohm) Avviare e portare in temperatura il motore, lasciare girare il motore al minimo Tra il piedino 29 e 12 (massa) si deve rilevare una tensione variabile continuamente da 0,1 a 0,9 volt . Accelerando bruscamente la tensione deve subito salire a circa 0,9 volt . In fase di decelerazione la tensione deve andare a circa 0,1 - 0,2 volt

Verifica comando valvola recupero vapori del serbatoio
La valvola viene alimentata direttamente dalla batteria e la centralina fornisce il negativo sotto forma di impulsi e viene aperta ciclicamente ottimizzando la carburazione il negativo viene fornito dal piedino 22

La centralina ha alcune predisposizioni
Piedino 24 comando del relè del compressore Piedino 8 ingresso segnale di consenso per il compressore Piedino 6 massa per il comando della spia di avaria Piedino 7 Ingresso/uscita segnali dalla centralina code Piedino 15 linea K presa diagnosi (uscita dati verso strumento) Piedino 10 linea L presa diagnosi (entrata attivazione da strumento)

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

Centralina IAW AP 40 (55 PIN)
Pin 1 Comando iniettori cilindri 2 - 3 Pin 2 Comando Iniettori cilindri 1 - 4 Pin 3 Comando regolatore minimo

Pin. 4 Massa sonda Lambda Pin. 5 – Pin. 6 Pin. 7 Comando relè doppio (pompa carburante) attraverso interruttore inerziale

Pin. 8 Pin. 9 Comando spia anomalie su strumentazione Pin. 10 – Pin. 11 Pin. 12 Informazione per presa diagnosi (linea L) Pin. 13 Alimentazione (+15) presente dopo contatto chiave Pin. 14 Informazione pressostato servosterzo Pin. 15 Segnale sensore battiti Pin. 16 Alimentazione + 5 Volt sensore posizione farfalla Pin. 17 Massa pressostato servosterzo, sensore pressione aria e sonda temperatura aria Pin. 18 Massa sensore battiti Pin. 19 Schermatura sonda Lambda, sensore regime/posizione albero motore e sensore battiti Pin. 20 Comando regolatore minimo Pin. 21 Comando regolatore minimo Pin. 22 Segnale sonda Lambda Pin. 23 Segnale sensore posizione farfalla Pin. 24 Comando elettrovalvola canister Pin. 25 Pin. 26 Comando relè climatizzazione Pin. 27 Segnale scatola antiavviamento codificato (CODE) Pin. 28 Segnale sensore velocità vettura Pin. 29 Segnale sonda temperatura aria Pin. 30 Segnale sensore regime/posizione albero motore Pin. 31 Informazione presa diagnosi (linea K) Pin. 32 – Pin. 33 –

Pin. 34 Alimentazione + 5 Volt sensore pressione aria Pin. 35 Alimentazione (+ 15) dopo inserimento contatto chiave con temporizzazione Pin. 36 Massa sonda Lambda, sensore velocità vettura e riscaldatore aria Pin. 37 Comando primario bobina cilindri 2-3 Pin. 38 Pin. 39 Pin. 40 Comando regolatore minimo Pin. 41 Segnale sensore pressione aria Pin. 42 Informazione regime motore per contagiri Pin. 43 – Pin. 44 – Pin. 45 Pin. 46 – Pin. 47 Segnale sonda temperatura liquido raffreddamento Pin. 48 Segnale scatola antiavviamento codificato (CODE) Pin. 49 Segnale sensore regime/posizione albero motore Pin. 50 Segnale selezione climatizzazione Pin. 51 – Pin. 52 Massa relè doppio Pin. 53 Massa sensore posizione farfalla e sonda temperatura liquido raffreddamento Pin. 54 Massa sonda Lambda, sensore velocità vettura e riscaldatore aria Pin. 55 Comando primario bobina cilindro 1 -4

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

INIEZIONE SOLEX / WEBER SERIE MMFD G5 (35 pin)

Iniezione elettronica digitale con sistema di auto adattamento per compensare l'usura del motore. Il guasto viene indicato con l'accensione della spia di avaria. Nell'impianto è prevista l'eliminazione del distributore di alta tensione sostituito da una coppia di bobine (accensione statica), l’iniezione ha il comando parallelo tutti aperti o tutti chiusi. Verifica delle masse della centralina Le masse sono collegate sul blocco
motore Verifica delle masse misurando in volt continui Tra il pin 16 e massa e tra il pin 17 e massa, in fase di avviamento motore dobbiamo rilevare una tensione inferiore ai 0, 3 - 0, 4 volt.

Verifica della funzione di mantenimento della memoria
Con chiave disinserita sul piedino 29 deve essere presente una tensione superiore ai 12 volt.

Verifica del positivo di alimentazione e del relè principale
Verificare che tra il piedino 35 e massa sia presente una tensione superiore ai 11,80 volt inserendo la chiave in posizione di marcia .

Verifica del relè pompa benzina e della pompa
Con chiave in posizione di marcia senza avviare il motore il relè pompa si inserisce alcuni secondi, poi si stacca, verificare che sul piedino 21 sia presente una tensione di circa 12 volt (sarà a circa 0,2 - 0,9 per alcuni secondi se la pompa funziona).Facendo girare il motorino di avviamento la tensione va a circa 0,5 - 1,2 volt e il relè' pompa si deve inserire. ****EFFETTUARE LA PROVA 1

Prova circuito iniettori
Verifica del comando centralina collegare un diodo led tra il piedino 18 e il positivo batteria, avviare il motore, il led deve lampeggiare , se rimane acceso o non lampeggia, dopo aver fatto tutte le altre verifiche sostituire la centralina iniezione *****EFFETTUARE LA PROVA 7

Verifica sensore giri / fase ruota fonica
Il sensore e' con tre fili - Segnale positivo - Segnale negativo - Massa di schermatura I due segnali arrivano ai piedini 31 e 14, il valore resistivo è compreso da circa 200 a 800 ohm Facendo girare il motorino di avviamento dobbiamo rilevare una tensione alternata di circa 1 - 3 volt. tra il piedino 31 e il piedino 14, misurando con un multimetro digitale.

Verifica sensore temperatura acqua ( resistenza NTC)
Tra i piedini 24 e 11(massa) (valore della resistenza a fili staccati 2200 ohm a 20 gradi, 750 ohm a 50 gradi, 200 ohm a 90 gradi) verificare in volt corrente continua, con la chiave inserita in posizione di marcia dobbiamo rilevare una tensione che varia con la temperatura del motore.

a motore caldo (elettroventola già inserita) avremo una tensione di circa 0,5 -0,6 Volt a motore freddo avremo una tensione di circa 2 - 3 Volt se il sensore e' interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 Volt

Verifica sensore temperatura aria (resistenza NTC )
Tra i piedini 26 e 12 (massa) (valore della resistenza a fili staccati 2200 ohm a 20 gradi, 750 ohm a 50 gradi) verificare in volt corrente continua, con la chiave inserita in posizione di marcia dobbiamo rilevare una tensione che varia con la temperatura dell'aria che entra nel collettore a motore caldo (elettroventola già inserita) avremo una tensione di circa 1,5 - 2 V a motore freddo avremo una tensione di circa 2 - 3 Volt se il sensore e' interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 Volt

Verifica potenziometro farfalla Chiave in posizione di marcia
Misurando tra i piedini 7 11(massa) 25 dobbiamo rilevare i seguenti valori: con farfalla a riposo dobbiamo rilevare un valore di circa 0,5 volt con farfalla a fondo corsa dobbiamo rilevare una tensione di circa 4,5 - 4,8 volt Non e' prevista nessuna regolazione perché la centralina e' autoadattativa.

Verifica sensore di depressione
La verifica del sensore è fatta rilevando i valori tra il piedino 27 12 (massa) 92 e massa della centralina Inserire la chiave in posizione di marcia e il puntale negativo del multimetro a massa motore. con pedale acceleratore a riposo e motore spento si ha una tensione di circa 4,5 volt. con pedale acceleratore a riposo e motore in moto si ha una tensione di circa 0,5 volt. I valori di tensione di 0,5 volt vengono rilevati solo se si effettua una breve accelerata e si legge il valore nel momento in cui il motore torna al regime di minimo

Verifica del comando delle bobine di accensione
1 per i cilindri 1 e 4 , 19 per i cilindri 2 e 3 Sui piedini dobbiamo rilevare un segnale di circa 1 volt in tensione alternata con il motore in fase di avviamento e con un puntale del multimetro a massa.

Prove per la verifica della VAE Verificare le seguenti condizioni
preliminari indispensabili: n potenziometro farfalla sia posizionato n pulizia del condotto interno della sede farfalla n motore caldo (la ventola deve essersi inserita almeno una volta) Dopo questi preliminari scollegare il connettore della valvola, il motore deve continuare a restare in moto - regime di minimo attorno ai 600 - 650 giri, se esistono difficoltà di mantenimento del regime di minimo o vengono notati spegnimenti agli stop o nei cambi marcia è consigliabile incrementare il regime di minimo inserendo un bypass di aria sulla farfalla. Per verificare che la centralina comandi la valvola VAE inserire il multimetro in alternata tra il piedino 2 e massa e leggere il valore deve essere di circa 6 - 8 volt

con motore in moto.

La centralina ha alcune predisposizioni
Piedino Piedino Piedino Piedino 6 comando del relè del compressore 33 ingresso segnale di consenso per il compressore 22 massa per il comando della spia di avaria 3 contagiri

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

Centralina mono iniezione Weber/Marelli S.P.I. MIW 02 (35 pin)

Tutte le misure effettuate sull'impianto sono da effettuare nel seguente metodo: - verificare che le masse del motore siano buone (verificare che tra massa motore e massa batteria, in fase di avviamento sia presente una tensione più bassa di 0,4 - 0,5 Volt) - il puntale negativo del multimetro va posizionato sulle massa del motore - tutte le prove sono da effettuare con la chiave in posizione di marcia (prove diverse sono eventualmente indicate) PIEDINO PROVE DA EFFETTUARE 1 Massa di potenza posizionata sul motore - Tensione più bassa di 0,1 Volt 2 Massa di segnale dei sensori - Tensione più bassa di 0,1 Volt 3 Comando della lampada spia avaria - Tensione di 12 Volt con spia spenta Tensione di circa 0,7 Volt con spia accesa

4 Comando per Motorino aria primo avvolgimento - Impulsi ad onda quadra in fase di correzione del regime del minimo, visibili usando un diodo led collegato tra il piedino e massa 5 Comando per Motorino aria primo avvolgimento - Impulsi ad onda quadra in fase di correzione del regime del minimo, visibili usando un diodo led collegato tra il piedino e massa 6 Libero 7 Segnale sensore pressione assoluta - Tensione di circa 4,7 Volt con chiave su marcia motore spento Tensione di circa 0,7 Volt con motore in moto al minimo Il segnale deve variare velocemente in base alle variazioni di acceleratore che vengono fatte, il valore della tensione in fase di rilascio raggiunge il valore dio circa 0,5 volt 8 Segnale sensore temperatura aria - Tensione di circa 2 - 2,5 Volt con motore freddo Tensione di circa 1,5 - 1,8 Volt con motore caldo Il segnale deve variare in base alle variazioni della temperatura aria che viene aspirata dal motore e la risposta deve essere molto rapida, ad una brusca accelerata dobbiamo vedere i valori cambiare, anche se di poco, in maniera immediata. 9 Segnale potenziometro farfalla - Tensione con farfalla a riposo 0,5 Volt (da 0,475 a 0,525 Volt) Tensione con farfalla al massimo circa 4,7 volt La variazione del segnale deve essere sempre progressiva senza nessuna interruzione. 10 Libero 11 Libero 12 Libero 13 Alimentazione diretta da batteria - Tensione di batteria deve essere più alta di 12 Volt 14 Massa del segnale sensore giri fase - Verificare anche l'isolamento dalla massa motore 15 Libero 16 Libero 17 Massa di segnale del modulo di potenza - Tensione più bassa di 0,01 Volt

18 Comando per il mono iniettore - Segnale a onda quadra, tensione alternata in fase di avviamento di circa 1 volt, inserendo un diodo led tra il piedino e il positivo batteria, dobbiamo vedere che lampeggia con il motore in moto o in fase di avviamento. ****EFFETTUARE LA PROVA NUMERO 7 19 Massa di potenza posizionata sul motore 20 Positivo di alimentazione della centralina tramite il relè principale - Tensione più alta di 12 Volt 21 Positivo di alimentazione per potenziometro, pressione assoluta e trimmer Co devono essere presenti i 5 Volt con la chiave inserita 22 Comando per Motorino aria secondo avvolgimento - Impulsi ad onda quadra in fase di correzione del regime del minimo, visibili usando un diodo led collegato tra il piedino e massa 23 Comando per Motorino aria secondo avvolgimento - Impulsi ad onda quadra in fase di correzione del regime del minimo, visibili usando un diodo led collegato tra il piedino e massa 24 Libero 25 Segnale sensore temperatura acqua - Tensione di circa 2 - 2,5 Volt con motore freddo Tensione di circa 0,5 - 0,6 Volt con motore caldo Il segnale deve variare in base alle variazioni della temperatura acqua del motore, la risposta deve essere molto rapida. 26 Trimmer del CO - Il valore che riscontreremo dipende dalla posizione del trimmer in quel momento la tensione avrà comunque un valore variabile da 0 fino a 5 volt 27 Libero 28 Libero 29 Positivo di consenso inserimento compressore aria condizionata - Tensione di 12 Volt con il relè compressore inserito. 30 Libero 31 Segnale sensore giri/fase - Tensione alternata di circa 0,2 - 0,8 Volt con il motore in fase di avviamento

32 Segnale di comando per il modulo di potenza - Segnale ad onda quadra, tensione alternata, con motore in fase di avviamento di circa 0,3 - 0,5 volt **** EFFETTUARE LA PROVA NUMERO 5 33 Comando per il relè della pompa benzina - Tensione di 12 Volt con pompa ferma, (chiave su marcia dopo alcuni secondi - subito la pompa funziona poi si stacca), la tensione va a 0,7 Volt con la pompa in funzione (motore in moto o in fase di avviamento), se le tensioni sono corrette verificare anche i fusibili e il cablaggio pompa **** EFFETTUARE LA PROVA NUMERO 1 34 Libero 35 Segnale di controllo per il comando mono iniettore - Segnale od onda quadra simile a quello che si trova sul piedino 18, nell'impianto è collegato un resistore in serie al mono iniettore, normalmente è posizionato sotto il gruppo dei relè dell'impianto.

Regolazioni per il minimo e il CO
Il potenziometro farfalla deve necessariamente essere posizionato, con la farfalla a riposo (verificare se il cavo acceleratore non sia troppo teso e i giochi della farfalla ) ad un valore di 0, 500 Volt, la tolleranza ammesse è da 0,475 a 0,525, questo per avere una buona regolazione del minimo e la non accensione della spia avaria. Il CO deve essere regolato per un valore di circa 1 +/- 0,5

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

INIEZIONE WEBER MARELLI IAW SERIE 06 (35 pin) Iniezione elettronica digitale ultima generazione della Weber/Marelli con sistema di auto adattamento per compensare l'usura del motore. Il guasto viene indicato con l'accensione della spia di avaria. Nell'impianto e' prevista l'eliminazione del distributore di alta tensione sostituito da una coppia di bobine (accensione statica), il comando iniettore e' sincrono con il comando della bobina di accensione .

Verifica delle masse della centralina Le masse sono collegate sul blocco
motore Verifica delle masse misurando in volt continui Tra il pin 34 e massa, tra il 16 e massa e tra 17 e massa, in fase di avviamento motore dobbiamo rilevare una tensione inferiore ai 0, 3 - 0, 4 volt.

Verifica della funzione di mantenimento della memoria
Con chiave disinserita sul piedino 4 della centralina deve essere presente una tensione superiore ai 12 volt, con chiave in posizione di marcia la tensione scende al valore di 0,2 - 0,9 volt. Riportando la chiave in posizione di riposo la tensione resta per diverso tempo a 0,2 - 0,9 volt prima di tornare a 12 volt.

Verifica del positivo di alimentazione e del relè principale
Verificare che tra il piedino 35 e massa sia presente una tensione superiore ai 11,80 volt inserendo la chiave in posizione di marcia . IL RELE' DI ALIMENTAZIONE UTILIZZATO PUO' ESSERE INCORPORATO IN UN CONTENITORE CON IL RELE' DELLA POMPA BENZINA COLLEGATO ALL'IMPIANTO CON UN UNICO CONNETTORE A 15 POLI .

Verifica del relè pompa benzina e della pompa
Con chiave in posizione di marcia senza avviare il motore il relè pompa si inserisce alcuni secondi, poi si stacca, verificare che sul piedino 23 sia presente una tensione di circa 12 volt (sarà a circa 0,2 - 0,9 per alcuni secondi se la pompa funziona). Facendo girare il motorino di avviamento la tensione va a circa 0,5 - 1,2 volt e il relè' pompa si deve inserire. Il piedino 23 della centralina fornisce anche il numero di giri per il contagiri. ****EFFETTUARE LA PROVA 1

Prova circuito iniettore
Verifica del comando centralina collegare un diodo led tra il piedino 18 e il positivo batteria, avviare il motore, il led deve lampeggiare , se rimane acceso o non lampeggia, dopo aver fatto tutte le altre verifiche sostituire la centralina iniezione *****EFFETTUARE LA PROVA 7

Verifica sensore giri / fase ruota fonica
Il sensore e' con tre fili - Segnale positivo - Segnale negativo - Massa di schermatura I due segnali arrivano ai piedini 28 e 11, il valore resistivo è compreso da circa 500 a 1000 ohm Facendo girare il motorino di avviamento dobbiamo rilevare una tensione alternata di circa 1 - 3 volt. tra il piedino 28 e il piedino 11, misurando con un multimetro digitale.

Verifica sensore temperatura acqua ( resistenza NTC)
Tra i piedini 16 e 13 (valore della resistenza a fili staccati 2200 ohm a 20 gradi, 750 ohm a 50 gradi, 200 ohm a 90 gradi) verificare in volt corrente continua, con la chiave inserita in posizione di marcia dobbiamo rilevare una tensione che varia con la temperatura del motore. a motore caldo (elettroventola già inserita) avremo una tensione di circa 0,5 -0,6 Volt a motore freddo avremo una tensione di circa 2 - 3 Volt se il sensore e' interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 Volt Verifica sensore temperatura aria (resistenza NTC ) Tra i piedini 16 e 31 (valore della resistenza a fili staccati 2200 ohm a 20 gradi, 750 ohm a 50 gradi) verificare in volt corrente continua, con la chiave inserita in posizione di marcia dobbiamo rilevare una tensione che varia con la temperatura dell'aria che entra nel collettore a motore caldo (elettroventola già inserita) avremo una tensione di circa 1,5 - 2 V

a motore freddo avremo una tensione di circa 2 - 3 Volt se il sensore e' interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 Volt Verifica potenziometro farfalla Chiave in posizione di marcia Misurando tra i piedini 16 e 30 dobbiamo rilevare i seguenti valori: con farfalla a riposo dobbiamo rilevare un valore di circa 0,5 volt con farfalla a fondo corsa dobbiamo rilevare una tensione di circa 4,5 - 4,8 volt Non e' prevista nessuna regolazione perché la centralina e' autoadattativa.

Verifica sensore di depressione
La verifica del sensore è fatta rilevando i valori tra il piedino 32 e massa della centralina Inserire la chiave in posizione di marcia e il puntale negativo del multimetro a massa motore. con pedale acceleratore a riposo e motore spento si ha una tensione di circa 4,5 volt. con pedale acceleratore a riposo e motore in moto si ha una tensione di circa 0,5 volt. I valori di tensione di 0,5 volt vengono rilevati solo se si effettua una breve accelerata e si legge il valore nel momento in cui il motore torna al regime di minimo

Verifica del comando delle bobine di accensione
1 per i cilindri 1 e 4 , 19 per i cilindri 2 e 3 Sui piedini dobbiamo rilevare un segnale di circa 1 volt in tensione alternata con il motore in fase di avviamento e con un puntale del multimetro a massa.

Prove per la verifica del motorino passo a passo
Il motorino e' costituita da due avvolgimenti comandati dalla centralina avvolgimento uno piedini 20 e 2 avvolgimento due piedini 21 e 3 la resistenza di ogni avvolgimento ha il valore di circa 50 ohm. I motorini vengono comandati con un segnale in onda quadra.

Verifica sonda lambda (con resistore di riscaldamento del valore di circa 2,5 8 ohm) Avviare e portare in temperatura il motore, lasciare girare il motore al minimo Tra il piedino 29 e massa si deve rilevare una tensione variabile continuamente da 0,1 a 0,9 volt . Accelerando bruscamente la tensione deve subito salire a circa 0,9 volt . In fase di decelerazione la tensione deve andare a circa 0,1 - 0,2 volt

Verifica comando valvola recupero vapori del serbatoio
La valvola viene alimentata direttamente dalla batteria e la centralina fornisce il negativo sotto forma di impulsi e viene aperta ciclicamente ottimizzando la carburazione il negativo viene fornito dal piedino 22

La centralina ha alcune predisposizioni
Piedino 24 comando del relè del compressore Piedino 8 ingresso segnale di consenso per il compressore

Piedino 8 ingresso segnale di consenso per il compressore Piedino 6 massa per il comando della spia di avaria

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

Mono iniezione Bosch MONOJETRONIC (25 pin)
Iniezione elettronica digitale senza accensione, il sistema di iniezione e' montato sul corpo farfallato ed incorpora il regolatore di pressione benzina, la corrente alle candele viene inviata con l'ausilio di una centralina accensione separata. La centralina calcola il peso dell'aria aspirata rilevandone la temperatura e l'angolo di apertura farfalla correggendo il titolo di miscela con la lettura del fattore lambda (usata anche con benzina rossa). La centralina incorpora un sistema di auto apprendimento, ad ogni intervento sul motore e' necessario effettuare la PROVA 4.

Verifica delle masse della centralina Chiave in posizione di marcia
Tra il pin 5 , tra il pin 6, tra il pin 11 e tra pin 25 e la massa del motore, facendo l'avviamento dobbiamo rilevare una tensione inferiore ai 0, 3 - 0, 4 volt Il piedino 11 in alcune versioni non e' collegato

Positivo della memoria centralina Chiave in posizione di riposo

Verificare che tra il piedino 4 e massa sia presente una tensione superiore ai 12 volt

Positivo di alimentazione Chiave in posizione di marcia
Verificare che tra il piedino 9 e massa, sia presente una tensione superiore agli 11,8 volt.

Verifica relè pompa benzina Chiave in posizione di marcia
Tra il piedino 17 e la massa la tensione è di circa 0,2 - 0,7 volt per alcuni secondi poi va a 12 volt Facendo girare il motore il relè pompa scatta e la tensione deve andare a 0,2 - 0,7 volt. *******EFFETTUARE LA PROVA 1

Verifica del funzionamento dell'iniettore
Con un led collegato tra il piedino 13 e il positivo batteria provare ad avviare il motore, il led deve lampeggiare , se rimane acceso o non lampeggia, dopo tutte le altre verifiche sostituire la centralina. *****EFFETTUARE LE PROVE 6 E 7

Comando dei giri dal circuito di accensione
Verificare che tra il piedino 1 e massa, facendo girare il motorino di avviamento, sia presente una tensione di circa 0,6 - 2 volt in tensione alternata

Verifica sensore temperatura acqua (resistenza NTC )
(la resistenza del sensore, a fili staccati è di circa 2200 ohm a 20 gradi, 200 ohm a 90 gradi) Verifica tra il piedino 2 e massa con chiave in posizione di marcia a motore caldo (elettroventola già inserita) avremo una tensione di circa 0,5 - 0,6 Volt a motore freddo avremo una tensione di circa 2 - 3 Volt se il sensore o il cablaggio e' interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 Volt

Verifica sensore temperatura aria (resistenza NTC )
(la resistenza del sensore, a fili staccati è di circa 2200 ohm a 20 gradi, 200 ohm a 90 gradi) Verifica tra il pin 14 e massa con chiave in posizione di marcia a motore caldo (elettroventola già inserita) avremo una tensione di circa 1,2 - 2 Volt a motore freddo avremo una tensione di circa 2 - 3 Volt se il sensore e' interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 Volt

Verifica del potenziometro farfalla Chiave in posizione di marcia
Sul corpo farfalla e solidale con essa e' montato un potenziometro con doppia pista : Pedale acceleratore in posizione di riposo: Tra il piedino 7 e massa dobbiamo rilevare una tensione compresa tra 0 a 2,1 volt Tra il piedino 18 e massa dobbiamo rilevare una tensione di circa 0 volt Accelerando dobbiamo rilevare: Tra il piedino 7 e massa la tensione deve aumentare fino a 4,5-4,8 Volt nel primo

tratto della corsa Tra il piedino 18 e massa la tensione deve aumentare fino a raggiungere i 4,5-4,8 volt nel secondo tratto della corsa alla fine della sua escursione (farfalla completamente aperta) **** EFFETTUARE LA PROVA 6

Verifica motorino attuatore del regime di minimo
Verifica cablaggio, con connettore centralina scollegato tra i piedini 23 e 24 avremo una resistenza di valore basso circa 5 - 10 ohm (resistenza dell'avvolgimento del motorino). Se la centralina funziona inserendo un diodo led rosso/verde tra i piedini 23 e 24 dobbiamo vedere dei brevi lampeggi con il motore in moto.

Verifica interruttore del minimo, incorporato nel corpo del motorino del minimo .
Con chiave in posizione di marcia verificare che tra il piedino 3 e massa motore sia presente : con pedale acceleratore in posizione di riposo una tensione più bassa di 0,3 - 0,5 volt con pedale acceleratore premuto una tensione di circa 12 volt (in alcune versioni 5 volt) **** EFFETTUARE LA PROVA 8 Verifica sonda lambda (con resistore di riscaldamento del valore di circa 2,5 8 ohm) Avviare e portare in temperatura il motore, lasciare girare il motore al minimo Tra il piedino 20 e massa si deve rilevare una tensione variabile continuamente da 0,1 a 0,9 volt . Accelerando bruscamente la tensione deve subito salire a circa 0,9 volt . In fase di decelerazione la tensione deve andare a circa 0,1 - 0,2 volt

Verifica valvola recupero vapori del serbatoio .
Verificare in tensione alternata che tra il piedino 12 e massa ci siano i seguenti valori Con valvola chiusa la tensione e' di circa 0 volt Con valvola aperta avremo una tensione da circa 2 a 8 volt in funzione della sua apertura.

La centralina ha alcune predisposizioni
Piedino 15 comando del relè del compressore Piedino 16 ingresso segnale di consenso per il compressore normalmente viene collegato anche al pressostato a tre livelli e con il sensore anti brina Piedino 22 massa per il comando della spia di avaria ************** N O T E per la messa a punto preliminare *************

Anticipi sulle vetture Fiat in circolazione
Fiat Panda/Uno Fire 1000 USA 83 depressore scollegato Fiat Panda/Uno Fire 1100 USA 83 15 gradi depressore collegato, 2 gradi 7 gradi depressore collegato 0 gradi

depressore scollegato Fiat Uno/Tipo/Tempra 1372 USA 83 4 gradi Fiat Tempra/Tipo 1581 USA 83 4 gradi Fiat Uno/Fiorino 1498 USA 82 5 gradi

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

Mono iniezione BOSCH MONOMOTRONIC (35 pin) Iniezione elettronica digitale con unica centralina con integrata l'accensione, il sistema di iniezione e' montato sul corpo farfallato ed incorpora il regolatore di pressione benzina, la corrente alle candele viene inviata con il distributore. La centralina calcola il peso dell'aria aspirata rilevandone la temperatura e l'angolo di apertura farfalla correggendo il titolo di miscela con la lettura del fattore lambda (anche con benzina rossa). La centralina incorpora un sistema di auto apprendimento ed è necessario effettuare la PROVA 4 ad ogni operazione di manutenzione o di riparazione. Le verifiche sull'impianto sono state effettuate con la centralina collegata all'impianto ( salvo diversa indicazione) per evitare errori di falso contatto o di difetti dovuti al cablaggio, permettendo in questo modo di effettuare una diagnosi più affidabile. Verifica delle masse della centralina
LE MASSE SONO COLLEGATE SUL BLOCCO MOTORE Verifica delle masse misurando in volt continui Tra il pin 1 e massa, tra il pin 11 e tra pin 18 e massa facendo l'avviamento dobbiamo rilevare una tensione inferiore ai 0, 3 - 0, 4 volt.

Positivo della memoria centralina chiave disinserita
Verificare che tra il piedino 2 e massa sia presente una tensione superiore ai 12 volt

Positivo di alimentazione chiave in posizione di marcia
Verificare che tra il piedino 19 e massa sia presente una tensione superiore agli 11,8 volt

Verifica relè pompa benzina chiave inserita in posizione di marcia
Verificare che tra il piedino 12 e la massa sia presente una tensione di circa 0,2 0,7 volt per alcuni secondi poi andrà a 12 volt (la pompa si mette in moto poi si spegne) Facendo girare il motore il relè pompa scatta e la tensione sul piedino deve andare a 0,2 - 0,9 volt. ******EFFETTUARE LA PROVA 1

Verifica del funzionamento dell'iniettore
Con un led collegato tra il piedino 35 e il positivo batteria provare ad avviare il motore, il led deve lampeggiare , se rimane acceso o non lampeggia, dopo aver fatto tutte le altre verifiche sostituire la centralina. *****EFFETTUARE LA PROVA 7

Verifica del sensore dei giri/fase Sensore ad effetto di hall (tre fili)
Misurando tra il piedino 5 e massa, facendo girare il motorino di avviamento dobbiamo rilevare una tensione di circa 3 - 4 volt in tensione alternata. Con il led collegato tra il piedino 5 e il positivo chiave provando ad avviare il motore, il led deve lampeggiare , se rimane acceso o non lampeggia, dopo aver fatto tutte le altre verifiche sul cablaggio sostituire il sensore .

Uscita comando per modulo di potenza accensione
Il modulo può essere incorporato nella bobina di accensione o esterno a 7 contatti. Verificare con il multimetro in tensione alternata che tra il piedino 13 e massa sia presente una tensione circa 1 - 2 volt in alternata in fase di avviamento del motore. *****EFFETTUARE LA PROVA 3 CON BOBINA E MODULO INCORPORATO *****EFFETTUARE LA PROVA 5 SE PRESENTE IL MODULO ESTERNO

Verifica sensore temperatura acqua (resistenza NTC )
(la resistenza del sensore, a fili staccati è di circa 2200 ohm a 20 gradi, 200 ohm a 90 gradi) Verifica tra il piedino 10 e massa con chiave in posizione di marcia a motore caldo (elettroventola già inserita) avremo una tensione di circa 0,5 - 0,6 Volt a motore freddo avremo una tensione di circa 2 - 3 Volt se il sensore o il cablaggio e' interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 Volt

Verifica sensore temperatura aria (resistenza NTC )
(la resistenza del sensore, a fili staccati è di circa 2200 ohm a 20 gradi, 200 ohm a 90 gradi) Verifica tra il pin 27 e massa con chiave in posizione di marcia a motore caldo (elettroventola già inserita) avremo una tensione di circa 1,2 - 2 Volt a motore freddo avremo una tensione di circa 2 - 3 Volt se il sensore e' interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 Volt

Verifica del potenziometro farfalla Chiave in posizione di marcia
Sul corpo farfalla e solidale con essa e' montato un potenziometro con doppia pista : Pedale acceleratore in posizione di riposo :

Tra il piedino 24 e massa dobbiamo rilevare una tensione compresa tra 0 a 2,1 volt Tra il piedino 26 e massa dobbiamo rilevare una tensione di circa 0 volt Pedale in accelerazione: Tra i l piedino 24 e massa la tensione deve aumentare fino a 4,5-4,8 Volt fino ad una apertura di 24 gradi poi restare stabile fino alla massima apertura assolutamente senza saltellamenti Tra il piedino 26 e massa la tensione deve aumentare fino a raggiungere i 4,5-4,8 volt alla fine della sua escursione (farfalla completamente aperta) assolutamente senza saltellamenti **** EFFETTUARE LA PROVA 6

Verifica motorino attuatore del regime di minimo
Verifica cablaggio, con connettore centralina scollegato tra i piedini 16 e 34 avremo una resistenza di valore basso circa 5 - 10 ohm (resistenza dell'avvolgimento del motorino). Se la centralina funziona inserendo un diodo led rosso/verde tra i piedini 16 e 34 dobbiamo vedere dei brevi lampeggi con il motore in moto.

Verifica interruttore del minimo, incorporato nel corpo del motorino del minimo .
Con chiave in posizione di marcia verificare che tra il piedino 30 e massa motore sia presente : con pedale acceleratore in posizione di riposo una tensione più bassa di 0,3 - 0,5 volt con pedale acceleratore premuto una tensione di circa 12 volt (in alcune versioni 5 volt) **** EFFETTUARE LA PROVA 8

Verifica sonda lambda (se presente il resistore di riscaldo ha un valore di
circa 2,5 - 8 ohm) Portare in temperatura il motore, tenere in moto il motore Tra il piedino 28 e massa si deve rilevare una tensione variabile continuamente da 0,1 a 0,9 volt . Accelerando bruscamente la tensione deve subito salire a circa 0,9 volt . In fase di decelerazione la tensione deve andare a circa 0,1 - 0,2 volt

Verifica valvola recupero vapori del serbatoio .
Verificare in tensione alternata che tra il piedino 17 e massa ci siano i seguenti valori Con valvola chiusa la tensione e' di circa 0 volt Con valvola aperta avremo una tensione da circa 2 a 8 volt in funzione della sua apertura.

La centralina e' prevista per alcune predisposizioni
Piedino 3 comando del relè del compressore Piedino 4 ingresso segnale di consenso per il compressore e' collegato con il pressostato a tre

livelli e con il sensore anti brina Piedino 33 massa per il comando della spia di avaria Piedino 20 Comando per cambio automatico Piedino 21 Comando da leva cambio automatico Piedino 29 Ingresso segnale dall'impulsore del contachilometri (segnale a onda quadra variabile con i giri della trasmissione ) Piedino 32 Uscita per indicatore di consumo Piedino 15 Uscita comando relè riscaldamento del collettore di aspirazione

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

Mono iniezione BOSCH MONOMOTRONIC (35 pin) Versione senza distributore dell'accensione Iniezione elettronica digitale con unica centralina con integrata l'accensione, il sistema di iniezione e' montato sul corpo farfallato ed incorpora il regolatore di pressione benzina, la corrente alle candele viene inviata con l'ausilio di due bobine. La centralina calcola il peso dell'aria aspirata rilevandone la temperatura e l'angolo di apertura farfalla correggendo il titolo di miscela con la lettura del fattore lambda (anche con benzina rossa). La centralina incorpora un sistema di auto apprendimento ed è necessario effettuare la PROVA 4 ad ogni operazione di manutenzione o di riparazione. Le verifiche sull'impianto sono state effettuate con la centralina collegata all'impianto ( salvo diversa indicazione) per evitare errori di falso contatto o di difetti dovuti al cablaggio, permettendo in questo modo di effettuare una diagnosi più affidabile. NOTA MOLTO IMPORTANTE: Per un certo tempo dopo lo stacco della chiave, in alcune versioni anche per 5 minuti, rimangono alimentati tutti i circuiti dell'iniezione, perciò prestare attenzione ad eventuali cortocircuiti sull'impianto, perché possono creare danni alla centralina .

Verifica delle masse della centralina Le masse sono collegate sul blocco
motore Verifica delle masse misurando in volt continui Tra il pin 20 e massa, tra il pin 33 e massa e tra pin 18 e massa facendo l'avviamento dobbiamo rilevare una tensione inferiore ai 0, 3 - 0, 4 volt

Positivo della memoria centralina chiave disinserita
Verificare che tra il piedino 16 e massa sia presente una tensione superiore ai 12 volt

Positivo di alimentazione chiave in posizione di marcia
Verificare che tra il piedino 17 e massa sia presente una tensione superiore agli 11,8 volt

Verifica relè pompa benzina chiave inserita in posizione di marcia
Verificare che tra il piedino 28 e la massa sia presente una tensione di circa 0,2 0,7 volt per alcuni secondi poi andrà a 12 volt (la pompa si mette in moto poi si spegne) Facendo girare il motore il relè pompa scatta e la tensione sul piedino deve andare a 0,2 - 0,9 volt. ******EFFETTUARE LA PROVA 1

Verifica del funzionamento dell'iniettore
Con un led collegato tra il piedino 35 e il positivo batteria provare ad avviare il motore, il led deve lampeggiare , se rimane acceso o non lampeggia, dopo aver fatto tutte le altre verifiche sostituire la centralina. *****EFFETTUARE LA PROVA 7

Verifica sensore giri / fase ruota fonica
Il sistema utilizza una ruota fonica di 58 denti per fase e giri. Il sensore e' con tre fili - Segnale positivo - Segnale negativo - Massa di schermatura I due fili del segnale arrivano ai piedini 21 e 3, il valore della resistenza del sensore ha valori da 600 a 1000 ohm facendo girare il motorino di avviamento dobbiamo rilevare una tensione alternata di circa 1 - 3 volt. tra il piedino 21 e il piedino 3 Verifica dell'isolamento del sensore dalla massa - misurando tra il piedino 21 e massa , con il connettore della centralina scollegato, dobbiamo rilevare circuito aperto. Verificare che il piedino 27 della centralina sia collegato alla massa motore e al filo di schermo sul sensore ( provoca delle variazioni sui giri o bruschi arresti del motore senza motivazioni valide)

Verifica del comando delle bobine di accensione
Il comando delle bobine esce sui piedini: piedino 1 per i cilindri 1 e 4 e piedino 19 per i cilindri 2 e 3 Sui piedini dobbiamo rilevare un segnale di circa 1 volt in tensione alternata con il motore in fase di avviamento Con un diodo led collegato tra il piedino 1 o il piedino 19 e il positivo batteria provare ad avviare il motore, il led deve lampeggiare , se rimane acceso o non lampeggia, dopo aver fatto tutte le altre verifiche sostituire la centralina iniezione

Verifica sensore temperatura acqua (resistenza NTC )
(la resistenza del sensore, a fili staccati è di circa 2200 ohm a 20 gradi, 200 ohm a 90 gradi) Verifica tra il piedino 14 e massa (pin 27) con chiave in posizione di marcia a motore caldo (elettroventola già inserita) avremo una tensione di circa 0,5 - 0,6 Volt a motore freddo avremo una tensione di circa 2 - 3 Volt se il sensore o il cablaggio e' interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 Volt

Verifica sensore temperatura aria (resistenza NTC)
(la resistenza del sensore, a fili staccati è di circa 2200 ohm a 20 gradi, 200 ohm a 90 gradi) Verifica tra il pin 13 e massa (pin 27) con chiave in posizione di marcia a motore caldo (elettroventola già inserita) avremo una tensione di circa 1,2 - 2 Volt a motore freddo avremo una tensione di circa 2 - 3 Volt se il sensore e' interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 Volt

Verifica del potenziometro farfalla Chiave in posizione di marcia
Sul corpo farfalla e solidale con essa e' montato un potenziometro con doppia pista : Pedale acceleratore in posizione di riposo : Tra il piedino 12 e massa dobbiamo rilevare una tensione compresa tra 0 a 2,1 volt Tra il piedino 11 e massa dobbiamo rilevare una tensione di circa 0 volt Pedale in accelerazione: Tra i l piedino 12 e massa la tensione deve aumentare fino a 4,5-4,8 Volt fino ad una apertura di 24 gradi poi restare stabile fino alla massima apertura assolutamente senza saltellamenti Tra il piedino 11 e massa la tensione deve aumentare fino a raggiungere i 4,5-4,8 volt alla fine della sua escursione (farfalla completamente aperta) assolutamente senza saltellamenti Verificare che il piedino 27 della centralina sia collegato alla massa motore . **** EFFETTUARE LA PROVA 6

Verifica motorino attuatore del regime di minimo
Per verificare il cablaggio scollegare il connettore centralina e misurare tra i piedini 32 e 34 dovremo trovare una resistenza di valore basso circa 5 - 10 ohm che sono quelli dell'avvolgimento del motorino. Se la centralina funziona inserendo un diodo led tra i piedini 32 e 34 o direttamente sul motorino dobbiamo vedere dei brevi lampeggi con il motore in moto.

Verifica interruttore del minimo incorporato nel corpo del motorino del minimo .
Con chiave in posizione di marcia verificare che tra il piedino 8 e massa motore sia presente : con pedale acceleratore in posizione di riposo la tensione deve essere più bassa di 0,3 - 0,5 volt con pedale acceleratore premuto la tensione deve andare a 12 volt (in alcune arriva a 5 volt)

**** EFFETTUARE LA PROVA 8

Verifica di continuità della resistenza di preriscaldo della sonda lambda
Si effettua direttamente sul filo della sonda e il valore della resistenza verso massa deve essere di circa 5 ohm a 20 gradi e circa 12 ohm a 80 gradi (in alcune versione e' di 2,5 ohm a 20 gradi ), la resistenza viene alimentata dallo stesso relè' della pompa benzina.

Verifica sonda lambda
Portare in temperatura il motore, tenere in moto il motore Tra il piedino 10 e massa (nella centralina la massa della sonda e' collegata con il pin 9) si deve rilevare una tensione variabile continuamente da 0,1 a 0,9 volt . Accelerando bruscamente la tensione deve subito salire a circa 0,9 volt . In fase di decelerazione la tensione deve andare a circa 0,1 - 0,2 volt Mantenendo il motore ad regime fisso di 2000 giri valore deve variare molto velocemente I tempi di risposta della sonda lambda sono dell'ordine delle decine di millisecondi perciò le variazioni di segnale devono essere molto rapide. Nella verifica della sonda lambda fare attenzione al tipo di multimetro utilizzato e' necessario che la sua velocità di lettura sia elevata , e' consigliabile che il multimetro sia dotato di una indicazione analogica. Nelle versioni funzionanti a benzina verde e di conseguenza con marmitta catalitica troviamo anche un filtro a carboni attivi (canister) attraverso il quale vengono fatti passare i vapori di benzina del serbatoio e immessi nel collettore di aspirazione con il controllo di una valvola elettrica o pneumatica.

Verifica con valvola pneumatica.
La valvola di controllo viene comandata dalla depressione nel collettore di aspirazione a cui e' collegata con un tubicino. Con farfalla chiusa e motore in moto al minimo la valvola deve essere chiusa. Con farfalla aperta la valvola viene progressivamente aperta. Per evitare che con motore freddo venga immessa altra benzina (arricchendo troppo la miscela) il tubicino di controllo della valvola recupero vapori del serbatoio viene fatto passare attraverso una valvola termostatica che si apre solo quando il blocco motore ha raggiunto una certa temperatura normalmente attorno ai 60 gradi.

Verifica con valvola elettrica.
L'elettrovalvola per il recupero dei vapori di benzina dal serbatoio e' comandata dal piedino 29 della centralina . L'elettrovalvola viene aperta con un impulsi modulati per avere una apertura proporzionale della medesima e controllare la carburazione anche in questa fase. Il comando viene inviato in modo ciclico un certo numero di secondi aperta poi un certo numero di secondi chiusa (normalmente 60 e 40 ma variano molto secondo la versione di centralina), la verifica può essere fatta con il multimetro in tensione alternata tra i piedino 29 e massa : quando la valvola e' chiusa la tensione e' di circa 0 volt quando la valvola viene aperta avremo una tensione da circa 2 a 8 volt in funzione della sua apertura. Con un diodo led collegato tra il piedino 29 e il positivo batteria dobbiamo

verificare che con valvola chiusa il led sia spento, con valvola aperta il led deve lampeggiare , se rimane sempre acceso o non lampeggia, dopo aver fatto tutte le altre verifiche sostituire la centralina iniezione.

La centralina e' prevista per alcune predisposizioni
Piedino 30 comando del relè del compressore Piedino 22 ingresso segnale di consenso per il compressore è collegato con il pressostato a tre livelli e con il sensore anti brina

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

Mono-iniezione FENIX MONOMOTRONIC(35 pin) Iniezione elettronica digitale con unica centralina con integrata l'accensione, il sistema di iniezione e' montato sul corpo farfallato ed incorpora il regolatore di pressione benzina, la corrente alle candele viene inviata con il distributore. La centralina calcola il peso dell'aria aspirata rilevandone la temperatura e l'angolo di apertura farfalla correggendo il titolo di miscela con la lettura del fattore lambda. La centralina incorpora un sistema di auto apprendimento, ad ogni operazione di manutenzione o di riparazione rifare la procedura di apprendimento (PROVA 4). Verifica delle masse della centralina
LE MASSE SONO COLLEGATE SUL BLOCCO MOTORE Verifica delle masse misurando in volt continui Tra il pin 1 e massa, tra il pin 2 e massa, tra il pin 17 e massa, tra il pin 32 e massa facendo girare il motorino di avviamento dobbiamo rilevare una tensione inferiore ai 0, 3 - 0, 4 volt, con motore in moto la tensione deve essere inferiore a 0,1 volt.

Positivo della memoria centralina
Verificare che tra il piedino 4 e massa sia presente una tensione superiore ai 12 volt anche con chiave disinserita, inserendo la chiave in posizione di marcia la tensione non deve scendere sotto gli 11,80 volt.

Positivo di alimentazione
Verificare che tra il piedino 19 e massa, con la chiave girata in posizione di marcia, sia presente una tensione superiore agli 11,8 volt, e deve scattare il relè di

alimentazione

Verifica relè pompa benzina
Inserendo la chiave in posizione di marcia il relè della pompa scatta per alcuni secondi, poi si stacca e riparte quando sente i giri motore tramite il sensore dei giri/fase. Verificare che tra il piedino 6 e la massa siano presenti i seguenti segnali : Inserendo la chiave in posizione di marcia la tensione rilevata deve essere di circa 0,2 - 0,7 volt per alcuni secondi poi arriverà' a 12 volt (la pompa si mette in moto poi si spegne) Facendo girare il motore appena la centralina sente i giri motore (sono sufficienti circa 200 giri/minuto) il relè pompa scatta e la tensione tra il piedino 6 e massa deve andare a 0,2 - 0,9 volt. *** EFFETTUARE LA PROVA 1

Sensore dei giri sullo spinterogeno o sulla puleggia
La prova deve essere fatta con il connettore della centralina inserito Misurando tra il piedino 11 e 28 e facendo girare il motorino di avviamento dobbiamo rilevare una tensione di circa 0,6 - 1 volt in tensione alternata

Uscita comando per modulo di potenza accensione
Il piedino 27 fornisce il segnale per il comando del modulo di potenza, il segnale in uscita dalla centralina e' una onda quadra di 5 volt (in alcune versioni il segnale arriva a 12 volt). Con il multimetro dobbiamo rilevare tra il piedino 27 e massa una tensione di circa 1 - 2 volt in alternata e facendo girare il motorino di avviamento.

Verifica sensore temperatura acqua (resistenza NTC )
I valori della resistenza che rileveremo sul sensore (sulla centralina provare tra i piedini 15 e 32 ) saranno i seguenti - 2200 ohm a 20 gradi e 300 ohm a 90 gradi Verifica in volt corrente continua con la chiave inserita in posizione di marcia dobbiamo rilevare tra il piedino 15 e massa una tensione che varia con la temperatura a motore caldo avremo una tensione di circa 1,2 - 2 Volt a motore freddo avremo una tensione di circa 2 - 3 Volt, con il motore in fase di riscaldamento la tensione deve scendere fino a raggiungere i 1,2 - 2 volt se il sensore e' interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 Volt

Verifica sensore temperatura aria (resistenza NTC )
I valori della resistenza che rileveremo sul sensore (sulla centralina provare tra i piedini 14 e 32 ) saranno i seguenti 2200 ohm a 20 gradi e 750 ohm a 50 gradi Verifica in volt corrente continua con la chiave inserita in posizione di marcia dobbiamo rilevare tra il piedino 14 e massa una tensione che varia con la temperatura a motore caldo avremo una tensione di circa 1,2 - 2 Volt a motore freddo avremo una tensione di circa 2 - 3 Volt, con il motore in fase di riscaldamento la tensione deve scendere fino a raggiungere i 1,2 - 2 volt se il sensore e' interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 Volt

Sensore di pressione assoluta
Verificare che tra il piedino 33 e massa dobbiamo rilevare una tensione di:

Con chiave in posizione di marcia e motore spento sia presente una tensione di circa 4,5 volt Con il motore in moto al minimo dobbiamo rilevare una tensione di circa 0,7 - 1,3 volt Accelerando la tensione deve seguire le nostre accelerate con valori variabili da 0,7 a 4,5 volt

Verifica del potenziometro farfalla
Sul corpo farfalla e solidale con essa e' montato un potenziometro con una pista e un interruttore di massima apertura : Verifica del potenziometro Con chiave in posizione di marcia con il multimetro in tensione continua verificare che : Pedale acceleratore in posizione di riposo tra il piedino 9 e massa dobbiamo rilevare una tensione da 0 a 2,1 volt (questa tensione varia con la temperatura del motore dipendendo dalla posizione del motorino stabilizzatore del minimo ) muovendo il pedale la tensione deve crescere fino ad arrivare al valore di circa 4,5 - 4,8 volt alla massima apertura della farfalla Verifica del contatto di massimo Tra il piedino 10 e massa con pedale riposo dobbiamo rilevare una tensione di circa 4 - 5 volt, aprendo completamente la farfalla dobbiamo verificare che la tensione scenda a circa 0,1 - 0,5 volt . *** EFFETTUARE LE PROVE 6 E 8

Verifica del funzionamento dell'iniettore
Con un led collegato tra il piedino 21 e il positivo batteria provare ad avviare il motore, il led deve lampeggiare , se rimane acceso o non lampeggia, dopo aver fatto tutte le altre verifiche sostituire la centralina. *****EFFETTUARE LA PROVA 7

Verifica motorino attuatore del regime di minimo
Per verificare il cablaggio scollegare il connettore centralina e misurare tra i piedini 23 e 24 dovremo trovare una resistenza di valore basso circa 5 - 10 ohm che sono quelli dell'avvolgimento del motorino. Se la centralina funziona inserendo un diodo led tra i piedini 23 e 24 o direttamente sul motorino dobbiamo vedere dei brevi lampeggi con il motore in moto.

Verifica interruttore del minimo incorporato nel corpo del motorino del minimo .
Con chiave in posizione di marcia verificare che tra il piedino 25 e massa motore sia presente : con pedale acceleratore in posizione di riposo la tensione deve essere più' bassa di 0,3 - 0,5 volt con pedale acceleratore premuto la tensione deve andare a 12 volt (in alcune arriva a 5 volt) **** EFFETTUARE LA PROVA 8

Verifica di continuità della resistenza di preriscaldo della sonda lambda
Si effettua direttamente sul filo della sonda e il valore della resistenza verso massa deve essere di circa 5 ohm a 20 gradi e circa 12 ohm a 80 gradi (in

alcune versione e' di 2,5 ohm a 20 gradi ), la resistenza viene alimentata dallo stesso relè della pompa benzina.

Verifica sonda lambda
Portare in temperatura il motore, tenere in moto il motore Tra il piedino 35 e massa si deve rilevare una tensione variabile continuamente da 0,1 a 0,9 volt . Accelerando bruscamente la tensione deve subito salire a circa 0,9 volt . In fase di decelerazione la tensione deve andare a circa 0,1 - 0,2 volt Mantenendo il motore ad regime fisso di 2000 giri valore deve variare molto velocemente I tempi di risposta della sonda lambda sono dell'ordine delle decine di millisecondi perciò le variazioni di segnale devono essere molto rapide. Nella verifica della sonda lambda fare attenzione al tipo di multimetro utilizzato e' necessario che la sua velocità di lettura sia elevata , e' consigliabile che il multimetro sia dotato di una indicazione analogica. Nelle versioni funzionanti a benzina verde e di conseguenza con marmitta catalitica troviamo anche un filtro a carboni attivi (canister) attraverso il quale vengono fatti passare i vapori di benzina del serbatoio e immessi nel collettore di aspirazione con il controllo di una valvola elettrica o pneumatica

Verifica con valvola elettrica.
L'elettrovalvola per il recupero dei vapori di benzina dal serbatoio e' comandata dal piedino 5 della centralina . L'elettrovalvola viene aperta con un impulsi modulati per avere una apertura proporzionale della medesima e controllare la carburazione anche in questa fase. Il comando viene inviato in modo ciclico un certo numero di secondi aperta poi un certo numero di secondi chiusa (normalmente 60 e 40 ma variano molto secondo la versione di centralina), la verifica può' essere fatta con il multimetro in tensione alternata : quando la valvola e' chiusa la tensione e' di circa 0 volt quando la valvola viene aperta avremo una tensione da circa 2 a 8 volt in funzione della sua apertura. Con un diodo led collegato tra il piedino 5 e il positivo batteria dobbiamo verificare che con valvola chiusa il led sia spento, con valvola aperta il led deve lampeggiare , se rimane sempre acceso o non lampeggia, dopo aver fatto tutte le altre verifiche sostituire la centralina iniezione.

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

CENTRALINA BOSCH MA 3.1
Pin. 1 Comando primario bobina cilindri l – 4 Pin. 2 Massa sensore velocità vettura, sensore regime/posizione albero motore e

sonda Lambda Pin. 3 Comando relè doppio (pompa carburante) Pin. 4 Pin. 5 Comando elettrovalvola canister Pin. 6 Informazione regime motore per contagiri Pin. 7 Segnale sensore posizione farfalla Pin. 8 – Pin. 9 Segnale sensore velocità vettura Pin. 10 Segnale sonda Lambda Pin. 11 Segnale sensore regime/posizione albero motore Pin. 12 Alimentazione + 5 volt sensore posizione farfalla Pin. 13 Informazione per presa diagnosi (linea L) Pin. 14 Massa sensore velocità vettura, sensore regime/posizione albero motore e sonda Lambda Pin. 15 Comando regolatore minimo Pin. 16 Informazione per presa diagnosi (linea K) Pin. 17 Comando iniettore Pin. 18 Alimentazione + permanente Pin. 19 Massa sensore velocità vettura, sensore regime/posizione albero motore e sonda Lambda Pin. 20 Comando primario bobina cilindri 2 – 3 Pin. 21 – Pin. 22 Comando spia anomalia su strumentazione Pin. 23 Comando relè climatizzazione (se montato) Pin. 24 Segnale sensore effetto Hall regolatore minimo Pin. 25 Segnale sonda temperatura liquido raffreddamento Pin. 26 Massa per sonda temperatura liquido, temperatura aria e sensore posizione farfalla

Pin. 27 Segnale sonda temperatura aria Pin. 28 Segnale sonda Lambda Pin. 29 Segnale sensore posizione farfalla Pin. 30 Segnale sensore regime/posizione albero motore Pin. 31 Segnale contatto minimo Pin. 32 Schermatura sonda Lambda Pin. 33 Comando regolatore minimo Pin. 34 Segnale scatola antiavviamento codificato Pin. 35 Informazione selezione climatizzazione Pin. 36 Comando riscaldatore aria Pin. 37 Alimentazione + dopo contatto attraverso relè doppio Pin. 38 a 55 - Vuoti

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

INIEZIONE BOSCH SERIE L - JETRONIC (35 pin) Iniezione elettronica con lettura dell'aria tramite debimetro e apertura iniettori in parallelo - tutti aperti o tutti chiusi Verifica delle masse della centralina Le masse sono collegate sul blocco
motore Verifica delle masse misurando in volt continui Tra il pin 16 e massa, tra il pin 17 e massa e tra pin 5 e massa facendo l'avviamento dobbiamo rilevare una tensione inferiore ai 0, 3 - 0, 4 volt

Positivo di alimentazione chiave in posizione di marcia
Verificare che tra il piedino 10 e massa e tra il piedino 29 e massa sia presente una tensione superiore agli 11,8 volt inoltre deve scattare il relè di alimentazione centralina.

Verifica relè pompa benzina chiave inserita in posizione di marcia

Verificare che muovendo la paletta del debimetro scatti il relè della pompa benzina e la pompa si metta in funzione, all'interno vi è un interruttore che scatta non appena si muove la paletta. Solitamente nel circuito pompa viene inserito un fusibile volante verificarne la funzionalità. ******EFFETTUARE LA PROVA 1

Comando dei giri dal circuito di accensione
Verificare che tra il piedino 1 e massa, facendo girare il motorino di avviamento, sia presente una tensione di circa 0,6 - 2 volt in tensione alternata

Verifica sensore temperatura acqua (resistenza NTC)
(la resistenza del sensore, a fili staccati è di circa 2200 ohm a 20 gradi, 200 ohm a 90 gradi) Verifica tra il piedino 13 e massa (pin 16) con chiave in posizione di marcia a motore caldo (elettroventola già inserita) avremo una tensione di circa 0,5 - 0,6 Volt a motore freddo avremo una tensione di circa 3 - 3,5 Volt se il sensore o il cablaggio e' interrotto avremo una tensione di circa 6 - 8 Volt

Verifica sensore temperatura aria (resistenza NTC)
(la resistenza del sensore, a fili staccati è di circa 2200 ohm a 20 gradi, 200 ohm a 90 gradi) Verifica tra il pin 27 e massa (pin 16) con chiave in posizione di marcia a motore caldo (elettroventola già inserita) avremo una tensione di circa 1,2 - 2 Volt a motore freddo avremo una tensione di circa 3 - 3,5 Volt se il sensore e' interrotto avremo una tensione di circa 6 - 8 Volt

Misuratore portata aria - debimetro Il debimetro è un lettore di portata d'aria composto da una paletta collegata a un cursore che si muove su una pista resistiva, la verifica viene fatta solo in volt. Verificare che sul piedino 8 sia presente una tensione di 8 - 10 volt (forniti dalla centralina) Verificare che tra i piedini 7 e 6 (massa ) sia presente: - una tensione di circa 0,3 - 0,5 volt con chiave in posizione di marcia e motore spento - muovendo la paletta o mettendo in moto dobbiamo vedere la tensione variare in proporzione al movimento della paletta del debimetro fino a raggiungere i valori di circa 6 - 8 Volt

Verifica interruttore posizione farfalla
Verificare che tra il piedino 2 e il piedino 18 con la farfalla chiusa la tensione sia 0 (zero) volt e che appena tocchiamo l'acceleratore vada a 12 volt Verificare che tra il piedino 3 e il piedino 18 con la farfalla chiusa sia presente una tensione di 12 volt e che premendo a fondo l'acceleratore la tensione vada a 0 (zero) volt

Verifica circuito iniettori .
Con chiave in posizione di marcia dobbiamo rilevare i 12 Volt tra i piedini 14 e

massa, tra il piedino 32 e massa, tra il piedino 15 e massa e tra il piedino 33 e massa. Inserendo un diodo led tra i piedini prima citati e il positivo e facendo l'avviamento, il led deve lampeggiare. Con motore caldo verificare il CUT-OFF, accelerare fondo e rilasciare l'acceleratore il led deve spegnersi fino a quando il motore torna al regime di minimo. La resistenza rilevata direttamente su ogni iniettore deve essere di circa 12 - 16 ohm L'iniettore di avviamento a freddo non fa parte dell'impianto della centralina ma viene comandato direttamente dal 50 del motorino di avviamento. Per la verifica è sufficiente inserire una lampada spia direttamente ai capi dell'iniettore si accende per alcuni secondi facendo girare il motorino di avviamento solo se la temperatura è inferiore ai 30 gradi.

Il valore dell'ossido di carbonio viene variato da una vite con tappo di sigillo posta sul debimetro. Prima di fare variazioni ricordarsi di verificare che il minimo sia attorno ai 900 giri e che l'interruttore di CUT-OFF sia posizionato correttamente Valori CO corretti circa 1,5 - 2,5

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

INIEZIONE BOSCH SERIE LE2 - JETRONIC (25 pin) Iniezione elettronica con comando degli iniettori in parallelo (tutti aperti o tutti chiusi ) e misura dell'aria tramite debimetro.

VERIFICA RELE' TACHIMETRO Togliere il relè tachimetrico, i piedini sono numerati, effettuare le prove inserendo il puntale negativo sulla massa motore e con l'altro fare le seguenti prove. Piedino 30 - positivo batteria sempre presente Piedino 31 - massa del relè ( massa della centralina su motore) Piedino 15 - positivo presente con chiave in posizione di marcia Piedino 50 - positivo presente con motorino di avviamento in funzione Piedino 1 - segnale da bobina accensione tensione alternata di circa 1 volt in fase di avviamento Verificare, con relè inserito, che sia presente la tensione della batteria sui piedini 87 e 87b del relè con il motore in fase di avviamento

Verifica delle masse della centralina
Tra il pin 13 e massa e tra il pin 5 (massa di segnale ) e massa, dobbiamo rilevare una tensione inferiore a 0,3 - 0,5 volt con il motore in fase di avviamento. Nelle versioni a 6 cilindri è presente la massa anche sul piedino 25

Verifica del positivo di alimentazione
Con la chiave in posizione di avviamento motore deve scattare il relè tachimetrico e tra il piedino 9 massa dobbiamo rilevare una tensione superiore a 12 Volt.

Verifica del positivo collegato al motorino avviamento +50
Facendo girare il motorino di avviamento deve arrivare la tensione di batteria sul piedino 4 della centralina

Comando dei giri dal circuito di accensione
Verificare che tra il piedino 1 (in alcune versione è possibile trovarlo sul piedino 15) e massa, facendo girare il motorino di avviamento, sia presente una tensione di

circa 0,6 - 2 volt in tensione alternata

Verifica sensore temperatura acqua (resistenza NTC)
(la resistenza del sensore, a fili staccati è di circa 2200 ohm a 20 gradi, 200 ohm a 90 gradi) Verifica tra il piedino 10 e massa (pin 5) con chiave in posizione di marcia a motore caldo (elettroventola già inserita) avremo una tensione di circa 0,5 - 0,6 Volt a motore freddo avremo una tensione di circa 3 - 3,5 Volt se il sensore o il cablaggio e' interrotto avremo una tensione di circa 6 - 8 Volt

Verifica sensore temperatura aria incorporata nel debimetro (resistenza NTC)
Verifica tra il piedino 8 e 9 (puntale negativo sul piedino 8) con motore in moto sia presente una tensione 1 - 2 Volt con piccole variazioni in base all'aria che entra

Misuratore portata aria - debimetro Il debimetro è un lettore di portata d'aria composto da una paletta collegata a un cursore che si muove su una pista, la pista è collegata ad un gruppo di resistenze serie/parallelo e di conseguenza le indicazioni in ohm non sono molto precise, la verifica viene fatta solo in volt. Verificare che sul piedino 8 sia presente una tensione di 8 - 10 volt (forniti dalla centralina) Verificare che tra i piedini 7 e 5 (massa ) sia presente: - una tensione di circa 0,3 - 0,5 volt con chiave in posizione di marcia e motore spento - muovendo la paletta o mettendo in moto dobbiamo vedere la tensione variare in proporzione al movimento della paletta del debimetro fino a raggiungere i valori di circa 6 - 8 Volt

Verifica interruttore posizione farfalla
Verificare che tra il piedino 2 e il piedino 9 con la farfalla chiusa la tensione sia 0 (zero) volt e che appena tocchiamo l'acceleratore vada a 12 volt Verificare che tra il piedino 3 e il piedino 9 con la farfalla chiusa sia presente una tensione di 12 volt e che premendo a fondo l'acceleratore la tensione vada a 0 (zero) volt Questa prova non è valida per la versione installata sulla Thema Turbo je con installato il modulo aggiuntivo di potenza Bitron

Verifica circuito iniettori .
Inserendo un diodo led tra il piedino 12 (nel 6 cilindri provare anche sul piedino 25) e il positivo e facendo l'avviamento, il led deve lampeggiare. Con motore caldo verificare il CUT-OFF, accelerare fondo e rilasciare l'acceleratore il led deve spegnersi fino a quando il motore torna al regime di minimo. La resistenza rilevata direttamente su ogni iniettore deve essere di circa 12 - 16 ohm

Verifica funzionamento valvola aria supplementare
Chiudere il tubo ad essa collegato, il numero di giri non deve variare (si accetti un calo massimo di 50 giri) il valore della resistenza della valvola e' di circa 40 - 50

ohm.

Regolazione del valore di ossido di carbonio
Si regola da una vite direttamente sul debimetro, ma prima assicurarsi che - il sensore posizione farfalla sia ben regolato - il minimo sia di circa 900 giri - il filtro aria e le candele siano in buone condizioni Ruotare la vite sul debimetro fino a leggere il valore del ossido di carbonio CO previsto per il motore in esame, in mancanza di dati più precisi il valore va a circa 1,5 - 2.

Versione con catalizzatore e sonda lambda Verifica sonda lambda (se presente il resistore di riscaldo ha un valore di circa
2,5 - 8 ohm) Portare in temperatura il motore, tenere in moto il motore Tra il piedino 20 e massa si deve rilevare una tensione variabile continuamente da 0,1 a 0,9 volt . Accelerando bruscamente la tensione deve subito salire a circa 0,9 volt . In fase di decelerazione la tensione deve andare a circa 0,1 - 0,2 volt Sul debimetro la vite di regolazione del CO e' rimasta e la centralina è predisposta per dare una indicazione se la carburazione è corretta, questo sempre nelle versioni catalizzate Sul piedino 22 della centralina dobbiamo rilevare una tensione di 6,5 volt in continua con il motore caldo e la sonda lambda staccata. Ricollegare la sonda lambda e verificare che la tensione sul piedino 22 vari in continuazione da 5,8 a 7,3 volt Se le variazioni sono più verso il basso (sotto i 5,5 volt) o più verso l'alto (sopra i 7,5 volt) regolare la vite sul debimetro fino ad avere il valore corretto di tensione.

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

INIEZIONE ELETTRONICA BOSCH MODELLO L3 JETRONIC
Iniezione elettronica con comando degli iniettori in parallelo (tutti aperti o tutti chiusi) e con misura dell'aria tramite il debimetro. La centralina è stata inserita sopra il corpo del debimetro riducendo così notevolmente il cablaggio.

Verifica delle masse della centralina
Tra il pin 4 e massa e tra il pin 5 e massa, dobbiamo rilevare una tensione inferiore a 0,3 - 0,5 volt con il motore in fase di avviamento.

Verifica del positivo di alimentazione
Con la chiave in posizione di marcia deve scattare il relè principale e tra il piedino 2 e massa dobbiamo rilevare una tensione superiore a 12 Volt.

Comando dei giri dal circuito di accensione
Verificare che tra il piedino 1 (in alcune versione è possibile trovarlo sul piedino 15) e massa, facendo girare il motorino di avviamento, sia presente una tensione di circa 0,6 - 2 volt in tensione alternata

Verifica sensore temperatura acqua (resistenza NTC )
(la resistenza del sensore, a fili staccati è di circa 2200 ohm a 20 gradi, 200 ohm a 90 gradi) Verifica tra il piedino 8 e massa con chiave in posizione di marcia a motore caldo (elettroventola già inserita) avremo una tensione di circa 0,5 - 0,6 Volt a motore freddo avremo una tensione di circa 2 - 3 Volt se il sensore o il cablaggio e' interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 Volt

Verifica interruttore posizione farfalla

Verificare che tra il piedino 15 e massa con la farfalla chiusa la tensione sia 0 (zero) volt e che appena tocchiamo l'acceleratore vada a 5 volt Verificare che tra il piedino 14 e massa con la farfalla chiusa sia presente una tensione di 5 volt e che premendo a fondo l'acceleratore la tensione vada a 0 (zero) volt

Verifica relè pompa benzina Chiave in posizione di marcia
Tra il piedino 12 e la massa la tensione è di circa 0,2 - 0,7 volt per alcuni secondi poi va a 12 volt Facendo girare il motore il relè pompa scatta e la tensione deve andare a 0,2 - 0,7 volt. *******EFFETTUARE LA PROVA 1

Verifica del funzionamento degli iniettori
Con un led collegato tra il piedino 3 e il positivo batteria provare ad avviare il motore, il led deve lampeggiare , se rimane acceso o non lampeggia, dopo aver fatto tutte le altre verifiche sostituire la centralina. Misurando ai capi di ogni iniettore dobbiamo avere un valore di resistenza di circa 12 - 16 ohm . Il circuito viene completato da una valvola meccanica che regola il regime di minimo del motore in fase di riscaldamento facendo un by-pass sulla farfalla . La valvola e' collegata al positivo di alimentazione della centralina, la resistenza del bimetallo interno alla valvola deve avere un valore di circa 40 - 50 ohm. La valvola attorno ai 60 gradi del liquido di raffreddamento del motore deve essere completamente chiusa e non influisce in nessun modo sul funzionamento dell'impianto. Si consiglia di controllare la sua effettiva chiusura stringendo il tubo di raccordo, con motore caldo se è regolare il minimo non deve variare più di 30 - 50 giri La regolazione della percentuale dell'ossido di carbonio si effettua tramite un trimmer situato sul debimetro/centralina e può essere regolato con cacciavite dall'esterno tramite un foro laterale chiuso da un tappo di sigillo Prima della regolazione verificare che il minimo sia corretto al regime di circa 900 giri e che l'interruttore sulla farfalla sia ben regolato. Valori CO corretti 0,5 - 1,5 Predisposizioni - mettendo a massa il piedino 6 della centralina si ottiene un incremento della benzina di circa il 5 - 6 % ottenendo una ripresa più brillante.

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

PIEDINATURA DELLA CENTRALINA BOSCH LH JETRONIC
Piedino utilizzo

1 giri da accensione 2 sensore temperatura acqua 3 comando di farfalla al minimo - a massa

4 5 massa di alimentazione 6 riferimento per la sonda a filo caldo 7 lettura della sonda a filo caldo 8 lettura temperatura sonda filo caldo 9 positivo di alimentazione da rele principale 10 comando attuatore del minimo 11 massa di alimentazione 12 comando farfalla al massimo - a massa 13 comando degli iniettori 14 riferimento sonda a filo caldo 15 16 17 comando rele' pompa benzina 18 positivo di alimentazione sotto chiave 19 comando spia avaria iniezione 20 21 comando rele' principale 22 23 comando attuatore del minimo 24 25 massa di segnale

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

PIEDINATURA DELLA CENTRALINA BOSCH LH 2.41
Piedino utilizzo

1 giri da accensione 2 comando di farfalla al minimo - a massa 3 comando di farfalla al massimo - a massa 4 positivo sempre alimentato direttamente a batteria 5 massa di alimentazione 6 riferimento per la sonda a filo caldo 7 lettura della sonda a filo caldo 8 lettura temperatura sonda filo caldo 9 positivo di alimentazione 10 n.c 11 n.c. 12 alla presa di collaudo 13 sensore temperatura acqua - a massa 14 interuttore cambio automatico 15 codifica valvola avviamento a freddo - a positivo 16 alla presa di collaudo 17 massa di alimentazione

18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35

uscita comando iniettori n.c. comando del rele' della pompa - a massa comando rele' principale uscita comando spia check n.c. sensore lambda ---------n.c. comando valvola filtro a carboni attivi - a massa n.c. codificazione lh n.c. comando da condizionatore valvola avviamento a freddo valvola aria minimo n.c. positivo dal comando chiave

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

INIEZIONE BOSCH MODELLO DIGIFANT I SERIE Iniezione elettronica con comando degli iniettori in parallelo e con centralina dell'accensione incorporato nella centralina iniezione. Centralina montata su impianti Wolkswagen connettore a 25 poli Verifica delle masse della centralina
Tra il pin 13 e massa e tra il pin 19 e massa, dobbiamo rilevare una tensione inferiore a 0,3 - 0,5 volt con il motore in fase di avviamento. Verificare inoltre che il pin 6 (massa di segnale dei sensori) risulti anche lui collegato a massa , misurando tra il piedino e massa motore la tensione rilevata deve essere più bassa di 0,01 Volt.

Verifica del positivo di alimentazione e del relè principale
Con la chiave in posizione di marcia il relè principale deve scattare e tra il piedino 14 e massa dobbiamo rilevare una tensione superiore a 12 Volt.

Verifica del positivo collegato al motorino avviamento +50
Facendo girare il motorino di avviamento deve arrivare la tensione di batteria sul piedino 1 della centralina

Prova del relè pompa benzina e della pompa
Con la chiave in posizione di marcia e motore spento tra il piedino 3 e massa dobbiamo rilevare una tensione di 12 Volt. Con il motore in fase di avviamento la tensione sul piedino 3 deve andare a 0,7 Volt e la pompa della benzina deve girare

(il relè può scattare anche al momento del primo giro di chiave, questa funzione serve per mettere in pressione il circuito benzina) ****EFFETTUARE LA PROVA 1

Verifica sensore giri / fase sensore ad effetto di hall Posizionato sullo
spinterogeno Tra il piedino 8 e massa con chiave inserita rileviamo una tensione di circa 5 - 8 volt Tra il piedino 18 e massa rileveremo una tensione alternata di circa 3 volt in fase di avviamento ***** La verifica può essere fatta anche con un diodo led tra i piedini 8 e 18, con il positivo del led sul piedino 8 , facendo girare il motorino di avviamento dobbiamo vedere il led accendersi e spegnersi con i giri dell'albero motore

Verifica comando modulo bobina
Il comando del modulo viene dal piedino 25 della centralina ****EFFETTUARE LA PROVA 5

Verifica sensore temperatura acqua (resistenza NTC)
(la resistenza del sensore, a fili staccati è di circa 2200 ohm a 20 gradi, 200 ohm a 90 gradi) Verifica tra il piedino 10 e massa (pin 6) con chiave in posizione di marcia a motore caldo (elettroventola già inserita) avremo una tensione di circa 0,5 - 0,6 Volt a motore freddo avremo una tensione di circa 2 - 3 Volt se il sensore o il cablaggio e' interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 Volt

Verifica sensore temperatura aria (resistenza NTC ) incorporato nel
debimetro (la resistenza del sensore, a fili staccati è di circa 2200 ohm a 20 gradi, 200 ohm a 90 gradi) Verifica tra il pin 9 e massa (pin 6) con chiave in posizione di marcia a motore caldo (elettroventola già inserita) avremo una tensione di circa 1,2 - 2 Volt a motore freddo avremo una tensione di circa 2 - 3 Volt se il sensore e' interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 Volt

Misuratore portata aria - debimetro Il debimetro è un lettore di portata d'aria composto da una paletta collegata a un cursore che si muove su una pista, la pista è collegata ad un gruppo di resistenze serie/parallelo e di conseguenza le indicazioni in ohm non sono molto precise, la verifica viene fatta solo in volt. Verificare che sul piedino 17 sia presente la tensione di 5 volt (forniti dalla centralina) Verificare che tra i piedini 6 (massa ) e 21 sia presente: - una tensione di circa 0,1 - 0,3 volt con chiave in posizione di marcia e motore spento - muovendo la paletta o mettendo in moto dobbiamo vedere la tensione variare in proporzione al movimento della paletta del debimetro fino ad arrivare a 4,5 - 4,7 volt

Verifica interruttore posizione farfalla
Verificare che tra il piedino 11 e massa con la farfalla chiusa la tensione sia 0 (zero) volt e che appena tocchiamo l'acceleratore vada a 5 volt, portando l'acceleratore a fondo corsa la tensione deve tornare a 0 (zero) volt

Verifica circuito iniettori .
Con chiave in posizione di marcia dobbiamo rilevare i 12 Volt tra i piedini 12 e massa (pin 13) Inserendo un diodo led tra il piedino 12 e il positivo e facendo l'avviamento, il led deve lampeggiare Con motore caldo verificare il CUT-OFF, accelerare fondo e rilasciare l'acceleratore il led deve spegnersi fino a quando il motore torna al regime di minimo. La resistenza rilevata direttamente su ogni iniettore deve essere di circa 12 - 16 ohm

Verifica della valvola aria
Verificare che tra il piedino 22 e 23 sia presente una tensione di circa 4 - 6 volt in alternata con la chiave in posizione di marcia, con il motore in moto il valore deve subire delle variazioni dovute alla regolazione del minimo

Verifica sonda lambda (se presente il resistore di riscaldo ha un valore di
circa 2,5 - 8 ohm) Portare in temperatura il motore, tenere in moto il motore Tra il piedino 2 e massa si deve rilevare una tensione variabile continuamente da 0,1 a 0,9 volt . Accelerando bruscamente la tensione deve subito salire a circa 0,9 volt . In fase di decelerazione la tensione deve andare a circa 0,1 - 0,2 volt

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

INIEZIONE MECCANICA BOSCH KE - JETRONIC Iniezione meccanica con controllo delle fasi transitorie, minimo, fase di riscaldamento e accelerazione con una centralina elettronica, se la pompa funziona il motore funziona anche con la centralina staccata. Centralina con connettore a 25 poli Verifica delle masse della centralina Le masse sono collegate sul blocco
motore Tra il piedino 2 e massa, tra il piedino 15 e massa e tra piedino 20 (non sempre collegato) e massa facendo l'avviamento dobbiamo rilevare una tensione inferiore ai 0, 3 - 0, 4 volt

Positivo di alimentazione chiave in posizione di marcia
Verificare che tra il piedino 1 e massa sia presente una tensione superiore agli 11,8 volt inoltre deve scattare il relè di alimentazione centralina.

Prova del relè pompa benzina e della pompa
Il comando è effettuato tramite un relè elettronico comandato dalla chiave e dalla centralina di accensione. Simboli e controlli da effettuare sul relè elettronico di comando pompa. 30 Positivo diretto da batteria 31 Massa di alimentazione 15 Comando dalla chiave accensione 50 Comando dal motorino di avviamento 87 Comando per la pompa della benzina 87K Cambio automatico 87V Iniettore avviamento a freddo TD Collegamento con il segnale dall’accensione TF Comando verso centralina di iniezione La pressione della benzina deve essere attorno alle 4,7 - 5,4 atmosfere

Verifica del positivo collegato al motorino avviamento +50
Facendo girare il motorino di avviamento deve arrivare la tensione di batteria sul piedino 24 della centralina

Verifica comando da centralina accensione (giri motore)
Tra il piedino 25 e massa con motore in fase di avviamento dobbiamo rilevare una tensione alternata di circa 0,2 - 1 volt.

Verifica sensore temperatura acqua (resistenza NTC)
Verifica tra il piedino 21 e massa con chiave in posizione di marcia a motore caldo (elettroventola già inserita) avremo una tensione di circa 0,5 - 0,8 Volt a motore freddo avremo una tensione di circa 2 - 3 Volt se il sensore o il cablaggio e' interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 Volt

Verifica sensore temperatura aria (montata solo su alcune versione NTC)
Verifica tra il piedino 11 e massa con chiave in posizione di marcia a motore caldo (elettroventola già inserita) avremo una tensione di circa 1,5 - 1,8 Volt a motore freddo avremo una tensione di circa 2 - 3 Volt se il sensore o il cablaggio e' interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 Volt

Misuratore portata aria collegato al piattello flottante
Il misuratore di portata d'aria composto da un potenziometro collegato alla paletta del piattello flottante mosso dall’aria che entra nel collettore di aspirazione. Verificare che tra il piedino 18 e il piedino 14 (massa) sia presente la tensione di 5 volt Verificare che tra il piedino 17 e massa sia presente: n una tensione di circa 0,1 - 0,5 volt con chiave in posizione di marcia e motore spento n muovendo il piattello o mettendo in moto dobbiamo vedere la tensione salire di valore in proporzione al movimento del piattello stesso n

Verifica interruttore posizione farfalla
Verificare che tra il piedino 13 e massa con la farfalla chiusa la tensione sia 0 (zero) volt e che appena tocchiamo l'acceleratore vada a 12 o 5 volt ( a secondo

della versione) Verificare che tra il piedino 5 e massa con la farfalla chiusa sia presente una tensione di 5 o 12 volt e che premendo a fondo l'acceleratore la tensione vada a 0 (zero) volt

Verifica circuito attuatore pressione benzina
Tra i piedini 10 e 12 dobbiamo rilevare una resistenza di circa 15 - 25 ohm (resistenza dell’avvolgimento dell’attuatore ), è possibile verificare la funzionalità della centralina collegando tra i piedini 10 e 12 il multimetro in volt alternati e accelerando dobbiamo vedere dei valori di tensione cambiare ( valori approssimativi da 1 a 5 volt). Utilizzando un amperometro e inserendolo in serie su uno dei due fili dovremo verificare una corrente variabile di circa 0,0 fino a 0,30 ampere a secondo della regolazione che effettua la centralina.

Verifica circuito comando motorino attuatore minimo costante(dove presente)
Con chiave inserita, dobbiamo rilevare la tensione di batteria tra il piedino 3 e massa e tra il piedino 4 e massa, misurando con il multimetro in tensione alternata tra gli stessi piedini e massa dobbiamo rilevare dei valori di alcuni volt a secondo del comando impartito dalla centralina, è presente un segnale ad onda quadra da 12 volt.

Regolazione del valore di ossido di carbonio
Si regola da una vite direttamente sul piattello accessibile dall’esterno tramite un foro, effettuare le operazioni con molta attenzione, non bisogna spingere molto sulla vite perché agisce direttamente sul piattello stesso e può perdere il supporto su cui agisce, prima di agire accertarsi che: n il filtro aria sia pulito n il sensore posizione farfalla sia ben regolato n il minimo sia di circa 900 giri n il filtro aria e le candele siano in buone condizioni Ruotare la vite fino a raggiungere il valore previsto, in mancanza di dati più precisi il valore va a circa 1,5 - 2.

Verifica sonda lambda (se presente il resistore di riscaldo ha un valore di
circa 2,5 - 8 ohm) Portare in temperatura il motore, tenere in moto il motore Tra il piedino 8 (in alcune versioni è collegato il piedino 7) e massa si deve rilevare una tensione variabile continuamente da 0,1 a 0,9 volt. Accelerando bruscamente la tensione deve subito salire a circa 0,9 volt . In fase di decelerazione la tensione deve andare a circa 0,1 - 0,2 volt

Sono previste alcune predisposizioni
Piedino 22- Ingresso per regolatore di ottani (resistenza verso massa ) Piedino 19 - Comando dal condizionatore alza il minimo. Piedino 6 - Comando da condizionatore

Piedino 16 - Comando da condizionatore

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

INIEZIONE MECCANICA BOSCH KE - MOTRONIC Iniezione meccanica con controllo delle fasi transitorie, minimo, fase di riscaldamento, accelerazione e accensione con una centralina elettronica. Centralina con connettore a 35 poli Verifica delle masse della centralina Le masse sono collegate sul blocco
motore Tra il piedino 18 e massa, tra il piedino 34 e massa e tra piedino 35 e massa facendo l'avviamento dobbiamo rilevare una tensione inferiore ai 0, 3 0, 4 volt

Positivo di alimentazione chiave in posizione di marcia
Verificare che tra il piedino 19 e massa e 14 e massa sia presente una tensione superiore agli 11,8 volt

Prova del relè pompa benzina e della pompa
Con la chiave in posizione di marcia e motore spento tra il piedino 12 e massa dobbiamo rilevare una tensione di 12 Volt. Con il motore in fase di avviamento la tensione sul piedino 12 deve andare a 0,7 Volt e la pompa della benzina deve girare (il relè può scattare anche al momento del primo giro di chiave, questa funzione serve per mettere in pressione il circuito benzina) La pressione della benzina deve essere attorno alle 4,7 - 5,4 atmosfere

Verifica sensore effetto hall per comando accensione
Verificare che: n tra il piedino 21 e massa sia presente una tensione di 5 volt (è possibile anche 8 - 10 volt ) n tra il piedino 30 e massa sia presente una tensione alternata di circa 2 - 3 volt facendo girare il motorino di avviamento n utilizzando un diodo led inserito tra i piedini 21 e 30 verificare che lampeggi facendo girare il motorino di avviamento

Verifica sensore per comando punto di accensione (fase)
Sensore a bobina elettromagnetico: Verificare che tra il piedino 27 e il piedino 29 sia presente una tensione alternata di circa 0,2 - 1 volt facendo girare il motorino di avviamento

Verifica comando verso il modulo di potenza

Tra il piedino 11 e massa con motore in fase di avviamento dobbiamo rilevare una tensione alternata di circa 0,2 - 1 volt.

Verifica sensore temperatura acqua (resistenza NTC)
Verifica tra il piedino 3 e massa con chiave in posizione di marcia a motore caldo (elettroventola già inserita) avremo una tensione di circa 0,5 - 0,8 Volt a motore freddo avremo una tensione di circa 2 - 3 Volt se il sensore o il cablaggio e' interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 Volt

Misuratore aria collegato alla farfalla potenziometro
Verificare che tra il piedino 26 e massa sia presente la tensione di 5 volt Verificare che tra il piedino 23 e massa sia presente: n una tensione di circa 0,1 - 0,5 volt con chiave in posizione di marcia e motore spento n accelerando dobbiamo vedere la tensione salire fino al valore di 4,5 - 4,7 volt

Verifica interruttore posizione farfalla
Verificare che tra il piedino 28 e massa con la farfalla chiusa la tensione sia 0 (zero) volt e che appena tocchiamo l'acceleratore vada a 12 o 5 volt ( a secondo della versione) Verificare che tra il piedino 32 e massa con la farfalla chiusa sia presente una tensione di 5 o 12 volt e che premendo a fondo l'acceleratore la tensione vada a 0 (zero) volt

Verifica circuito attuatore pressione benzina
Tra i piedini 4 e 5 dobbiamo rilevare una resistenza di circa 15 - 25 ohm (resistenza dell’avvolgimento dell’attuatore ), è possibile verificare la funzionalità della centralina collegando tra i piedini 4 e 5 il multimetro in volt alternati e accelerando dobbiamo vedere dei valori di tensione cambiare ( valori approssimativi da 1 a 5 volt). Utilizzando un amperometro e inserendolo in serie su uno dei due fili dovremo verificare una corrente variabile di circa 0,15 fino a 0,30 ampere a secondo della regolazione che effettua la centralina.

Verifica circuito comando iniettore avviamento da freddo se presente
Con chiave inserita, dobbiamo rilevare la tensione di batteria tra il piedino 16 e massa, misurando con il multimetro in tensione alternata tra gli stessi piedini e massa dobbiamo rilevare dei valori di alcuni volt se l’iniettore viene comandato (solo se la temperatura acqua è molto bassa e per un tempo molto breve).

Verifica circuito comando motorino attuatore minimo costante
Con chiave inserita, dobbiamo rilevare la tensione di batteria tra il piedino 17 e massa, misurando con il multimetro in tensione alternata tra gli stessi piedini e massa dobbiamo rilevare dei valori di alcuni volt a secondo del comando impartito dalla centralina.

Regolazione del valore di ossido di carbonio con motore non catalizzato
Si regola da una vite direttamente sul piattello accessibile dall’esterno tramite un foro, effettuare le operazioni con molta attenzione, non bisogna spingere molto sulla vite perché agisce direttamente sul piattello stesso e può perdere il supporto su cui agisce, prima di agire accertarsi che: n il filtro aria sia pulito n il sensore posizione farfalla sia ben regolato n il minimo sia di circa 900 giri n il filtro aria e le candele siano in buone condizioni Ruotare la vite fino a raggiungere il valore previsto, in mancanza di dati più precisi il valore va a circa 1,5 - 2.

Verifica sonda lambda (se presente il resistore di riscaldo ha un valore di
circa 2,5 - 8 ohm) Portare in temperatura il motore, tenere in moto il motore Tra il piedino 7 e massa si deve rilevare una tensione variabile continuamente da 0,1 a 0,9 volt . Accelerando bruscamente la tensione deve subito salire a circa 0,9 volt . In fase di decelerazione la tensione deve andare a circa 0,1 - 0,2 volt

Verifica valvola recupero vapori dal serbatoio.
Verificare che tra il piedino 15 e massa con il multimetro in tensione alternata ci sia : n con valvola chiusa la tensione è di circa 0 volt n con valvola aperta avremo una tensione da circa 2 a 8 volt in funzione della sua apertura. Con un diodo led collegato tra il piedino 15 e il positivo batteria dobbiamo verificare che con valvola chiusa il led sia spento, con valvola aperta il led deve lampeggiare , se rimane sempre acceso o non lampeggia, dopo aver fatto tutte le altre verifiche sostituire la centralina iniezione.

Sono previste alcune predisposizioni
Piedino 6 - Segnale dal sensore di battito in testa numero 1 Piedino 24 - Segnale dal sensore di battito in testa numero 2

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

INIEZIONE ELETTRONICA BOSCH M O T R O N I C prima serie

Iniezione elettronica con comando degli iniettori in parallelo (tutti aperti o tutti chiusi ) e misura dell'aria tramite debimetro, la centralina incorpora anche la parte di accensione Verifica delle masse della centralina Le masse sono collegate sul blocco
motore Verifica delle masse misurando in volt continui Tra il pin 16 e massa, tra il pin 19 e massa e tra pin 5 e massa facendo l'avviamento dobbiamo rilevare una tensione inferiore ai 0, 3 - 0, 4 volt

Positivo di alimentazione chiave in posizione di marcia
Verificare che tra il piedino 18 e massa e tra il piedino 35 e massa sia presente una tensione superiore agli 11,8 volt inoltre deve scattare il relè di alimentazione centralina.

Prova del relè pompa benzina e della pompa
Con la chiave in posizione di marcia e motore spento tra il piedino 16 e massa dobbiamo rilevare una tensione di 12 Volt. Con il motore in fase di avviamento la tensione sul piedino 16 deve andare a 0,7 Volt e la pompa della benzina deve girare ****EFFETTUARE LA PROVA 1

Verifica del positivo collegato al motorino avviamento +50
Facendo girare il motorino di avviamento deve arrivare la tensione di batteria sul piedino 4 della centralina

Verifica sensore giri ( volano) Chiave in posizione di marcia
Tra i piedini 27 e 8 con motore in fase di avviamento dobbiamo rilevare una tensione alternata di circa 0,2 - 1 volt. Verifica isolamento con connettore centralina scollegato tra i piedini 27 e 5 con un ohmetro dobbiamo rilevare circuito aperto.

Verifica sensore fase (volano) Chiave in posizione di marcia
Tra i piedini 25 e 26 con motore in fase di avviamento dobbiamo rilevare una tensione alternata di circa 0,2 - 1 volt. Verifica isolamento con connettore centralina scollegato tra i piedini 25 e 5 con un ohmetro dobbiamo rilevare circuito aperto.

Verifica sensore temperatura acqua (resistenza NTC)
La resistenza del sensore, a fili staccati è di circa 2200 ohm a 20 gradi, 200 ohm a 90 gradi Verifica tra il piedino 13 e il 16 (massa) con chiave in posizione di marcia a motore caldo (elettroventola già inserita) avremo una tensione di circa 0,5 - 0,6 Volt a motore freddo avremo una tensione di circa 2 - 3 Volt se il sensore o il cablaggio e' interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 Volt

Verifica sensore temperatura aria (resistenza NTC)
(la resistenza del sensore, a fili staccati è di circa 2200 ohm a 20 gradi, 200 ohm a

90 gradi) Verifica tra il piedino 22 e 6 (massa) con chiave in posizione di marcia a motore caldo (elettroventola già inserita) avremo una tensione di circa 0,5 - 0,6 Volt a motore freddo avremo una tensione di circa 2 - 3 Volt se il sensore o il cablaggio e' interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 Volt

Misuratore portata aria - debimetro Il debimetro è un lettore di portata d'aria composto da una paletta collegata a un cursore che si muove su una pista. Verificare che sul piedino 9 sia presente la tensione di 5 volt (forniti dalla centralina) Verificare che tra i piedini 6 (massa ) e 7 sia presente: n una tensione di circa 0,1 - 0,3 volt con chiave in posizione di marcia e motore spento n muovendo la paletta o mettendo in moto dobbiamo vedere la tensione variare in proporzione al movimento della paletta del debimetro n Sul debimetro è presente anche il trimmer del CO, verificare con il multimetro che tra il piedino 30 e il 6 (massa) sia presente una tensione compresa tra 0 e 5 volt a seconda della posizione del trimmer e che variando la posizione del trimmer anche la tensione subisca delle variazioni, non sempre questo è collegato.

Verifica interruttore posizione farfalla
Verificare che tra il piedino 2 e massa con la farfalla chiusa la tensione sia 0 (zero) volt e che appena tocchiamo l'acceleratore vada a 5 volt Verificare che tra il piedino 3 e massa con la farfalla chiusa sia presente una tensione di 5 volt e che premendo a fondo l'acceleratore la tensione vada a 0 (zero) volt

Verifica circuito iniettori .
Con chiave in posizione di marcia dobbiamo rilevare la tensione batteria tra i piedini 14 e 5 , e tra i piedini 15 e 5 (massa) Inserendo un diodo led tra il piedino 14 e il positivo e tra il piedino 15 e il positivo e facendo l'avviamento, il led deve lampeggiare. Con motore caldo verificare il CUT-OFF, accelerare fondo e rilasciare l'acceleratore il led deve spegnersi fino a quando il motore torna al regime di minimo. La resistenza rilevata direttamente su ogni iniettore deve essere di circa 12 - 16 ohm

Verifica circuito comando motorino attuatore minimo costante, con
chiave inserita, dobbiamo rilevare la tensione di batteria tra i piedini 33 e 5 (nella versione con motorino a due fili) e tra i piedini 33 e 5 e tra il 34 e 5 (nella versione con motorino a tre fili)

Verifica circuito bobina
Tra i piedini 1 e 5 dobbiamo rilevare la tensione di batteria con la chiave in posizione di marcia *****EFFETTUARE LA PROVA NUMERO 2

Regolazione del valore di ossido di carbonio
Si regola da una vite direttamente sul debimetro, ma prima assicurarsi che

- il sensore posizione farfalla sia ben regolato - il minimo sia di circa 900 giri - il filtro aria e le candele siano in buone condizioni Ruotare la vite sul debimetro fino a leggere il valore del ossido di carbonio CO previsto per il motore in esame, in mancanza di dati più precisi il valore va a circa 1,5 - 2.

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

INIEZIONE BOSCH MOTRONIC MODELLO MP 3.1 Iniezione elettronica con comando degli iniettori in parallelo e con centralina dell'accensione incorporato nella centralina iniezione. La centralina incorpora anche un sensore per la lettura della depressione nel collettore a cui è collegato tramite un tubo di gomma o plastica di cui non si deve modificare le caratteristiche (lunghezza e materiale ). Negativo di alimentazione misura in volt continui.
Verificare che tra il piedino 5 e massa, tra il piedino 16 e massa, tra il piedino 6 e massa con il motorino in fase di avviamento sia presente una tensione inferiore a 0,3 - 0.5 volt.

Positivo di mantenimento memoria
Verificare che tra il piedino 18 e massa sia presente la tensione di batteria anche con la chiave in posizione di riposo, questa tensione serve a mantenere le memorie della centralina.

Positivo di alimentazione
Verificare che tra il piedino 35 e massa sia presente la tensione batteria con la chiave in posizione di marcia, scatta inoltre il relè principale. La tensione rilevata in questo punto deve essere superiore al valore di 11,5 volt

Sensore giri fase
Verifica tra i piedini 23 e 25 (il valore ohmico del sensore è di circa 600 - 1300 ohm ), in tensione alternata dobbiamo rilevare una tensione di circa 0,6 - 2 volt facendo girare il motorino di avviamento. Verificare inoltre che, con il connettore centralina scollegato il piedino 25 risulti isolato da massa.

Prova del relè pompa benzina e della pompa
Con la chiave in posizione di marcia e motore spento tra il piedino 28 e massa dobbiamo rilevare una tensione di 12 Volt. Con il motore in fase di avviamento la tensione sul piedino 28 deve andare a 0,7 Volt e la pompa della benzina deve girare (il relè può scattare anche al momento del primo giro di chiave, questa funzione serve per mettere in pressione il circuito benzina) ****EFFETTUARE LA PROVA 1

Verifica circuito iniettori .
Con chiave in posizione di marcia dobbiamo rilevare la tensione batteria tra i piedini 14 e 5 (massa) Inserendo un diodo led tra il piedino 14 e il positivo e facendo l'avviamento, il led deve lampeggiare Con motore caldo verificare il CUT-OFF, accelerare fondo e rilasciare l'acceleratore il led deve spegnersi fino a quando il motore torna al regime di minimo. La resistenza rilevata direttamente su ogni iniettore deve essere di circa 12 - 16 ohm

Sensore temperatura acqua
Verifica tra i piedini 13 e 6 (massa) (resistenza NTC con valori resistivi, con il cablaggio staccato di 2500 ohm a 20 gradi, 700 ohm a 50 gradi, 300 ohm a 90 gradi) Verifica in volt con l'impianto collegato dobbiamo rilevare i seguenti valori : - a motore freddo avremo una tensione di circa 3 - 4 volt - a motore caldo (elettroventola già inerita) avremo una tensione di circa 0,5 - 0,7 volt - con sensore interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 volt -

Sensore temperatura aria
Verifica tra i piedini 22 e 6 (massa) (resistenza NTC con valori resistivi, con il cablaggio staccato di 2500 ohm a 20 gradi, 700 ohm a 50 gradi) Verifica in volt con l'impianto collegato dobbiamo rilevare i seguenti valori : - a motore freddo avremo una tensione di circa 3 - 4 volt - a motore caldo (elettroventola già inerita) avremo una tensione di circa 0,9 - 1,5 volt - con sensore interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 volt

Verifica del potenziometro farfalla chiave inserita in posizione di marcia
Verifica tra il piedino 3 e massa: con pedale farfalla a riposo si ha una tensione di circa 0,3 volt con pedale farfalla al massimo la tensione deve arrivare fino a circa 4,5 - 4,8 volt

Verifica circuito sensore depressione
Il sensore è interno alla centralina e non è possibile effettuare delle verifiche dirette. Per una verifica di massima scollegare il tubo della depressione e verificare se l'anticipo subisce delle variazioni.

Verifica del comando delle bobine di accensione
1 per i cilindri 1 e 4 , 19 per i cilindri 2 e 3 Sui piedini dobbiamo rilevare un segnale di circa 1 volt in tensione alternata con il motore in fase di avviamento e con un puntale del multimetro a massa.

Verifica della valvola aria
Verificare che tra il piedino 33 e 34 sia presente una tensione di circa 4 - 6 volt in alternata con la chiave in posizione di marcia, con il motore in moto il valore deve subire delle variazioni dovute alla regolazione del minimo

Verifica sonda lambda
Portare in temperatura il motore, tenere in moto il motore Tra il piedino 24 e massa si deve rilevare una tensione variabile continuamente da 0,1 a 0,9 volt . Accelerando bruscamente la tensione deve subito salire a circa 0,9 volt . In fase di decelerazione la tensione deve andare a circa 0,1 - 0,2 volt Mantenendo il motore ad regime fisso di 2000 giri valore deve variare molto velocemente I tempi di risposta della sonda lambda sono dell'ordine delle decine di millisecondi perciò le variazioni di segnale devono essere molto rapide. Nella verifica della sonda lambda fare attenzione al tipo di multimetro utilizzato e' necessario che la sua velocità di lettura sia elevata , e' consigliabile che il multimetro sia dotato di una indicazione analogica. Nelle versioni funzionanti a benzina verde e di conseguenza con marmitta catalitica troviamo anche un filtro a carboni attivi (canister) attraverso il quale vengono fatti passare i vapori di benzina del serbatoio e immessi nel collettore di aspirazione con il controllo di una valvola elettrica o pneumatica.

Verifica con valvola pneumatica.
La valvola di controllo viene comandata dalla depressione nel collettore di aspirazione a cui è collegata con un tubicino. Con farfalla chiusa e motore in moto al minimo la valvola deve essere chiusa. Con farfalla aperta la valvola viene progressivamente aperta. Per evitare che con motore freddo venga immessa altra benzina (arricchendo troppo la miscela) il tubicino di controllo della valvola recupero vapori del serbatoio viene fatto passare attraverso una valvola termostatica che si apre solo quando il blocco motore ha raggiunto una certa temperatura normalmente attorno ai 60 gradi.

Verifica con valvola elettrica.
Verificare che tra il piedino 31 e massa con il multimetro in tensione alternata ci sia : n con valvola chiusa la tensione è di circa 0 volt n con valvola aperta avremo una tensione da circa 2 a 8 volt in funzione della sua apertura. Con un diodo led collegato tra il piedino 31 e il positivo batteria dobbiamo verificare che con valvola chiusa il led sia spento, con valvola aperta il led deve lampeggiare , se rimane sempre acceso o non lampeggia, dopo aver fatto tutte le altre verifiche sostituire la centralina iniezione. Sono previste alcune predisposizioni sul connettore della centralina Piedino 21- Uscita comando per il contagiri Piedino 29 - Comando dal condizionatore. Piedino 32 - Inserimento del condizionatore riceve il consenso se il compressore risulta inserito Piedino 10 - Predisposizione tipo motore (1500 o 1700 in Alfa 33)

Piedino 17 - Uscita comando per eventuale spia di avaria iniezione.

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

INIEZIONE BOSCH MOTRONIC MODELLO MP 5.1 Iniezione elettronica con comando degli iniettori in parallelo o fasati ( a seconda del modello di vettura su cui è montato) lettura dell’aria con sensore di pressione assoluta e con centralina dell'accensione incorporato nella centralina iniezione, la centralina è una 55 piedini di cui una fila non è usata . Negativo di alimentazione misura in volt continui.
Verificare che tra il piedino 2 e massa, tra il piedino 14 e massa, tra il piedino 19 e massa, tra il piedino 26 (massa dei sensori) e massa con il motorino in fase di avviamento sia presente una tensione inferiore a 0,3 - 0.5 volt.

Positivo di mantenimento memoria
Verificare che tra il piedino 18 e massa sia presente la tensione di batteria anche con la chiave in posizione di riposo, questa tensione serve a mantenere le memorie della centralina.

Positivo di alimentazione
Verificare che tra il piedino 37 e massa sia presente la tensione batteria con la chiave in posizione di marcia, scatta inoltre il relè principale. La tensione rilevata in questo punto deve essere superiore al valore di 11,5 volt E’ possibile verificare anche lo stabilizzatore interno alla centralina misurando tra il piedino 12 e massa dobbiamo rilevare con chiave in posizione di marcia una tensione di 5 volt

Sensore giri fase
Verifica tra i piedini 11 (segnale positivo) e 30 (segnale negativo) - il valore ohmico del sensore è di circa 600 - 1300 ohm, in tensione alternata dobbiamo rilevare una tensione di circa 0,6 - 2 volt facendo girare il motorino di avviamento. Verificare inoltre che, con il connettore della centralina scollegato i piedini 11 e 30 risultino isolati da massa.

Prova del relè pompa benzina e della pompa
Con la chiave in posizione di marcia e motore spento tra il piedino 3 e massa dobbiamo rilevare una tensione di 12 Volt. Con il motore in fase di avviamento la tensione sul piedino 3 deve andare a 0,7 Volt e la pompa della benzina deve girare (il relè può scattare anche al momento del primo giro di chiave, questa funzione serve per mettere in pressione il circuito benzina) ****EFFETTUARE LA PROVA 1

Verifica circuito iniettori .
Con chiave in posizione di marcia dobbiamo rilevare la tensione batteria tra il piedino 17 e massa Inserendo un diodo led tra il piedino 17 e il positivo e facendo l'avviamento, il led deve lampeggiare Con motore caldo verificare il CUT-OFF, accelerare fondo e rilasciare l'acceleratore il led deve spegnersi fino a quando il motore torna al regime di minimo. La resistenza rilevata direttamente su ogni iniettore deve essere di circa 12 - 16 ohm

Sensore temperatura acqua
Verifica tra il piedino 25 e massa (resistenza NTC con valori resistivi, con il cablaggio staccato di 2500 ohm a 20 gradi, 700 ohm a 50 gradi, 300 ohm a 90 gradi) Verifica in volt con l'impianto collegato dobbiamo rilevare i seguenti valori : - a motore freddo avremo una tensione di circa 3 - 4 volt - a motore caldo (elettro ventola già inerita) avremo una tensione di circa 0,5 - 0,7 volt - con sensore interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 volt

Sensore temperatura aria
Verifica tra il piedino 27 e massa (resistenza NTC con valori resistivi, con il cablaggio staccato di 2500 ohm a 20 gradi, 700 ohm a 50 gradi) Verifica in volt con l'impianto collegato dobbiamo rilevare i seguenti valori : - a motore freddo avremo una tensione di circa 3 - 4 volt - a motore caldo (elettro ventola già inerita) avremo una tensione di circa 0,9 - 1,5 volt - con sensore interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 volt

Verifica del potenziometro farfalla chiave inserita in posizione di marcia
Verifica tra il piedino 29 e massa: con pedale farfalla a riposo si ha una tensione di circa 0,3 / 0,5 volt (non regolabile, la centralina è autoadattativa). Con il pedale farfalla al massimo la tensione deve arrivare fino a circa 4,5 - 4,8 volt

Verifica sensore di depressione
La verifica del sensore è fatta rilevando i valori tra il piedino 7 e massa della centralina Inserire la chiave in posizione di marcia e il puntale negativo del multimetro a massa motore. con pedale acceleratore a riposo e motore spento si ha una tensione di circa 4,5 volt. con pedale acceleratore a riposo e motore in moto si ha una tensione di circa 0,5 volt. I valori di tensione di 0,5 volt vengono rilevati solo se si effettua una breve accelerata e si legge il valore nel momento in cui il motore torna al regime di minimo

Verifica del comando delle bobine di accensione
1 per i cilindri 1 e 4 20 per i cilindri 2 e 3

Sui piedini dobbiamo rilevare un segnale di circa 1 volt in tensione alternata con il motore in fase di avviamento e con un puntale del multimetro a massa.

Verifica della valvola aria
Verificare che tra il piedino 15 e 33 sia presente una tensione di circa 4 - 6 volt in alternata con la chiave in posizione di marcia, con il motore in moto il valore deve subire delle variazioni dovute alla regolazione del minimo

Verifica segnale dal tachimetro (contachilometri o cambio)
Il segnale dal contachilometri (dal sensore sul cambio o direttamente dal cruscotto) stabilizza il minimo e rende la decelerazione più lenta per l’uso della vettura in città. Con chiave in posizione di marcia, misurando con il multimetro in tensione continua tra il piedino 9 e massa dobbiamo trovare una tensione di circa 10 - 12 volt o una tensione di circa 0 - 0,7 volt, Qualunque delle due condizioni troviamo verificare che con una marcia inserita e muovendo la vettura la tensione deve variare - se prima era a 0 volt deve andare a 10 12 volt se invece era a 10 -12 volt deve andare a 0 volt. Muoversi lentamente con la vettura per non perdere il segnale.

Verifica sonda lambda
Portare in temperatura il motore, tenere in moto il motore Tra il piedino 10 e 28 (massa sonda) si deve rilevare una tensione variabile continuamente da 0,1 a 0,9 volt . Accelerando bruscamente la tensione deve subito salire a circa 0,9 volt . In fase di decelerazione la tensione deve andare a circa 0,1 - 0,2 volt Mantenendo il motore ad regime fisso di 2000 giri valore deve variare molto velocemente I tempi di risposta della sonda lambda sono dell'ordine del decimo di secondo perciò le variazioni di segnale devono essere molto rapide. Nella verifica della sonda lambda fare attenzione al tipo di multimetro utilizzato e' necessario che la sua velocità di lettura sia elevata , e' consigliabile che il multimetro sia dotato di una indicazione analogica. Nelle versioni funzionanti a benzina verde e di conseguenza con marmitta catalitica troviamo anche un filtro a carboni attivi (canister) attraverso il quale vengono fatti passare i vapori di benzina del serbatoio e immessi nel collettore di aspirazione con il controllo di una valvola elettrica o pneumatica.

Verifica con valvola pneumatica.
La valvola di controllo viene comandata dalla depressione nel collettore di aspirazione a cui e' collegata con un tubo. Con farfalla chiusa e motore in moto al minimo la valvola deve essere chiusa. Con farfalla aperta la valvola viene progressivamente aperta. Il tubicino di controllo della valvola recupero vapori del serbatoio viene fatto passare attraverso una valvola termostatica che si apre solo quando il blocco motore ha raggiunto una certa temperatura normalmente attorno ai 60 gradi.

Verifica con valvola elettrica.
Verificare che tra il piedino 5 e massa misurando con il multimetro in tensione alternata ci sia : n con valvola chiusa la tensione è di circa 0 volt

n con valvola aperta avremo una tensione da circa 2 a 8 volt in funzione della sua apertura. Con un diodo led collegato tra il piedino 5 e il positivo batteria dobbiamo verificare che con valvola chiusa il led sia spento, con valvola aperta il led deve lampeggiare , se rimane sempre acceso o non lampeggia, dopo aver fatto tutte le altre verifiche sostituire la centralina iniezione. Sono previste alcune predisposizioni sul connettore della centralina Piedino 6 - Uscita comando per il contagiri (in Peugeot è collegato al piedino B3 della diagnosi) Piedino 23 - Comando per funzionamento del relè compressore (alza il minimo). Piedino 32 - Comando del relè inserimento compressore aria condizionata. Piedino 13 - Linea L della presa diagnosi attivazione Piedino 16 - Linea K della presa diagnosi Piedino 22 - Uscita comando per spia di avaria iniezione (Collegata alla linea L nella Peugeot/Citroen). Dal piedino 38 al 55 sono tutti liberi

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

INIEZIONE ELETTRONICA BOSCH M O T R O N I C ML4.1 Iniezione elettronica con comando degli iniettori in parallelo, tutti aperti o tutti chiusi e misura della massa aria aspirata con l'utilizzo del debimetro. La centralina incorpora anche la parte di accensione e con comando della bobina di accensione sdoppiato per avere la possibilità di comandare due candele per cilindro, il sistema è dotato di una procedura di autodiagnosi mediante codice lampeggio e memorizzazione dei guasti rilevati. Negativo di alimentazione misura in volt continui.
Verificare che tra il piedino 5 e massa, tra il piedino 16 e massa, tra il piedino 6 e massa con il motorino in fase di avviamento sia presente una tensione inferiore a 0,3 - 0.5 volt. Nella versione con una sola accensione il piedino 19 viene collegato a massa.

Positivo di mantenimento memoria
Verificare che tra il piedino 18 e massa sia presente la tensione di batteria anche con la chiave in posizione di riposo, questa tensione serve a mantenere le memorie della centralina.

Positivo di alimentazione
Verificare che tra il piedino 35 e massa sia presente la tensione batteria con la

chiave in posizione di marcia, scatta inoltre il relè principale. La tensione rilevata in questo punto deve essere superiore al valore di 11,5 volt

Sensore giri fase
Verifica tra i piedini 23 e 25 (il valore ohmico del sensore è di circa 600 - 1300 ohm ), in tensione alternata dobbiamo rilevare una tensione di circa 0,6 - 2 volt facendo girare il motorino di avviamento. Verificare inoltre che, con connettore della centralina scollegato il piedino 25 risulti isolato da massa.

Verifica relè pompa benzina
La pompa benzina parte non appena si mette in moto il motore (sente i giri tramite il sensore giri/fase), per verificare il circuito effettuare la seguente prova: Con la chiave in posizione di marcia fare un ponte tra i piedini 20 e 16 il relè pompa scatta e la pompa si deve mettere in movimento. Le pressioni presenti sono di circa 2,5 - 3 bar con il motore in moto e acceleratore a riposo.

Verifica circuito bobina
Verificare che tra il piedino 1 e massa (verificare anche tra il piedino 19 e massa nelle versioni Twin Spark Alfa Romeo a doppia accensione) sia presente una tensione alternata di circa 0,5 - 1 volt con il motore in fase di avviamento (impulsi a onda quadra di comando dei moduli di potenza) La resistenza della bobina è di circa 1 ohm il primario e 4000 - 8000 il secondario

Verifica circuito iniettori .
Con chiave in posizione di marcia dobbiamo rilevare la tensione batteria tra i piedini 14 e 5 (massa) Inserendo un diodo led tra il piedino 14 e il positivo e facendo l'avviamento, il led deve lampeggiare Con motore caldo verificare il CUT-OFF, accelerare fondo e rilasciare l'acceleratore il led deve spegnersi fino a quando il motore torna al regime di minimo. La resistenza rilevata direttamente su ogni iniettore deve essere di circa 12 - 16 ohm

Sensore temperatura acqua
Verifica tra i piedini 13 e 16 (massa) (resistenza NTC con valori resistivi, con il cablaggio staccato di 2500 ohm a 20 gradi, 700 ohm a 50 gradi, 300 ohm a 90 gradi) Verifica in volt con l'impianto collegato dobbiamo rilevare i seguenti valori : - a motore freddo avremo una tensione di circa 3 - 4 volt - a motore caldo (elettroventola già inerita) avremo una tensione di circa 0,5 - 0,7 volt - con sensore interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 volt

Sensore temperatura aria
Verifica tra i piedini 6 (massa) e 22 (resistenza NTC con valori resistivi, con il cablaggio staccato di 2500 ohm a 20 gradi, 700 ohm a 50 gradi) Verifica in volt con l'impianto collegato dobbiamo rilevare i seguenti valori : - a motore freddo avremo una tensione di circa 3 - 4 volt - a motore caldo (elettroventola già inerita) avremo una tensione di circa 0,9 - 1,5 volt - con sensore interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 volt

Misuratore portata aria - debimetro Il debimetro è composto da una paletta collegata a un cursore che si muove su una pista. Verificare che sul piedino 9 sia presente la tensione di 5 volt (forniti dalla centralina) Verificare che tra i piedini 6 (massa ) e 7 sia presente: n una tensione di circa 0,1 - 0,3 volt con chiave in posizione di marcia e motore spento n muovendo la paletta o mettendo in moto dobbiamo vedere la tensione variare in proporzione al movimento della paletta del debimetro n Sul debimetro è presente anche il trimmer del CO, verificare con il multimetro che tra il piedino 30 e il 6 (massa) sia presente una tensione compresa tra 0 e 5 volt a seconda della posizione del trimmer e che variando la posizione del trimmer anche la tensione subisca delle variazioni.

Verifica interruttore posizione farfalla
Verificare che tra il piedino 2 e massa con la farfalla chiusa la tensione sia 0 (zero) volt e che appena tocchiamo l'acceleratore vada a 5 volt Verificare che tra il piedino 3 e massa con la farfalla chiusa sia presente una tensione di 5 volt e che premendo a fondo l'acceleratore la tensione vada a 0 (zero) volt

Verifica della valvola aria
Verificare che tra il piedino 33 e massa sia presente una tensione di circa 4 - 6 volt in alternata con la chiave in posizione di marcia, con il motore in moto il valore deve subire delle variazioni dovute alla regolazione del minimo

Predisposizione per il tipo di carburante possibile sui piedini 27 e 10
- nessun collegamento benzina 97 ron - pin 10 a massa benzina 95 e 97 ron - pin 27 a massa benzina 95 ron - pin 10 e 27 a massa benzina 91 ron Con questi piedini si possono ottenere delle piccole variazioni di resa del motore

Predisposizione per impianto antifurto
Per ottenere la funzione blocco motore è necessario portare una tensione di 12 volt sul piedino 8 della centralina per impedire l'avviamento della vettura .

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi
M 2.7

IMPIANTO DI INIEZIONE MOTRONIC

1 Comando di massa modulo potenza bobina candele 1 - 4 Vca 1.0 con il motore in avviamento 2 Comando massa della lampada spia avaria Vcc 12.0 lampada spenta - 0.7 lampada accesa

3 Comando della massa relè pompa benzina diseccitato

Vcc 0.7 relè eccitato - 12.0 relè

4 Comando attuatore del minimo Vca 3.0/8.0 con la chiave in posizione di marcia 5 Comando di massa valvola ricircolo vapori 0.7 V a valvola eccitata 12.0 valvola non eccitata 6 Segnale per contagiri Vca 1.0 con motore in fase di avviamento 7 Segnale dal filo caldo 1.3 V a motore fermo 4,5 alla massima potenza 8 Segnale dal sensore di fase Vca 1.0 con motore in fase di avviamento 9 Segnale dal sensore tachimetrico Vca 1.0 con la vettura in marcia a circa 30 km orari 10 Massa della sonda lambda Vcc 0.05 max con chiave in posizione di marcia 11 Segnale sensore di detonazione Vca rilevabile solo con l'oscilloscopio Vcc 5.0 con chiave in posizione di

12 Positivo di alimentazione dei sensori marcia 13 Linea seriale presa diagnosi L

14 Massa di potenza Vcc 0.3 max con chiave in posizione di marcia 15 LIBERO 16 Pilotaggio iniettore 3 Vca 1.0 con motore in fase di avviamento 17 Pilotaggio iniettore 1 Vca 1.0 con motore in fase di avviamento 18 Alimentazione diretta da batteria Vcc 12.0 sempre presenti 19 Massa alimentazione centralina Vcc 0.3 con chiave in posizione di marcia 20 Comando di massa modulo di potenza per bobina 2 - 3 1.0 V con motore in fase di avviamento 21 Comando di massa elettrovalvola overboost 12.0 V valvola non eccitata 0,7 valvola eccitata 22 Comando attuatore del minimo Vca 3.0/8.0 con chiave in posizione di marcia 23 LIBERO 24 Massa di potenza Vcc 0.3 max con chiave in posizione di marcia

25 Segnale di pulizia filo caldo 5 V a chiave inserita

26 Massa di riferimento filo caldo Vcc 0.05 max con chiave in posizione di marcia 27 Alimentazione centralina da chiave Vcc 12.0 con chiave in posizione di marcia 28 Segnale sonda lambda Vcc 0.2 miscela magra - 0.8 miscela grassa 29 LIBERO 30 Massa di riferimento sensori Vcc 0.05 max con chiave in posizione di marcia 31 LIBERO 32 Comando di massa del relè condizionatore Vcc 0.7 relè eccitato - 12.0 relè diseccitato 33 LIBERO 34 Pilotaggio iniettore 2 Vca 1.0 con motore in fase di avviamento 35 Pilotaggio iniettore 4 Vca 1.0 con motore in fase di avviamento 36 Comando relè alimentazione centralina Vcc 0.7 relè eccitato - 12.0 relè diseccitato 37 Alimentazione centralina da relè alimentazione Vcc 12.0 con chiave in posizione di marcia 38 LIBERO 39 Resistore identificazione allestimento (presa nel cofano motore) non sempre installata 40 Segnale inserimento condizionatore 41 Segnale inserimento compress. cond. diseccitato 42 LIBERO 43 LIBERO 44 Segnale sensore temperatura aria 0,5 - 4,5 volt - 5 V sensore interrotto 45 Segnale sensore temperatura acqua 0.5 - 4,5 volt - 5 V sensore interrotto 46 Segnale sensore barometrico 0,5 - 4,5 volt a seconda della pressione atmosferica 47 Polo positivo sensore di giri/PMS Vca 1.0/3.0 con motore in fase di avviamento 48 Polo negativo sensore di giri/PMS Vca 1.0/3.0 con motore in fase di Vcc 0.7 relè eccitato - 12.0 relè

avviamento 49 LIBERO 50 LIBERO 51 LIBERO 52 Segnale da centralina antifurto Vcc 0.7 non inserito 12.0 inserito 53 Segnale da potenziometro farfalla 0.3 - 4,5 volt a seconda della posizione farfalla 54 LIBERO 55 Linea seriale per presa di diagnosi K

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page
IMPIANTO DI INIEZIONE BOSCH M 2.8

Servizi

Pin 1 Comando dell’accensione allo stadio finale / bobina Pin 2 Interruttore di riconoscimento 1 marcia Pin 3 Comando di massa relè elettropompa carburante Pin 4 Comando di massa per valvola regolazione del minimo Pin 5 Comando di massa della valvola sfiato serbatoio Pin 6 Libero Pin 7 Segnale per il filo caldo misuratore massa aria Pin 8 Segnale sensore Hall riconoscimento cilindro Pin 9 Segnale sensore di velocità Pin 10 Massa sonda lambda Pin 11 Segnale battito in testa Pin 12 Alimentazione sensore battito, potenziometro farfalla Pin 13 Connettore linea eccitazione Pin B Pin 14 Massa di potenza stadi finali (iniettori) Pin 15 Libero

Pin 16 Comando elettro iniettore cilindro 3 Pin 17 Comando elettro iniettore cilindro 1 Pin 18 Alimentazione memoria (collegamento diretto batteria) Pin 19 Massa elettronica (massa dei segnali) Pin 20 Libero Pin 21 Comando della valvola di sovralimentazione Pin 22 Comando della spia controllo motore Pin 23 Libero Pin 24 Massa stadi finali (Valvola avviamento a freddo, valvola sfiato serbatoio, valvola aria del minimo, spia controllo motore e massa relè pompa carburante) Pin 25 Segnale di comando autopulitura del filo caldo Pin 26 Massa misuratore massa aria a filo caldo Pin 27 Alimentazione centralina (sotto relè) Pin 28 segnale sonda lambda Pin 29 Libero Pin 30 Massa sensore temperatura aria, temp. motore, potenziometro farfalla e sensore di battito Pin 31 Comando valvola avviamento a caldo Pin 32 Segnale in uscita per computer di bordo Pin 33 Libero Pin 34 Comando per elettro iniettore cilindro 2 Pin 35 Comando per elettro iniettore cilindro 4 Pin 36 Comando relè pompa carburante Pin 37 Alimentazione dal relè pompa carburante per la centralina Pin 38 Libero Pin 39 Libero Pin 40 Segnale in entrata per attivazione climatizzatore

Pin 41 Entrata inserimento climatizzatore Pin 42 Codifica cambio (automatico o manuale) Pin 43 Segnale per contagiri Pin 44 Segnale sensore temperatura aria Pin 45 Segnale sensore temperatura motore Pin 46 Libero Pin 47 Libero Pin 48 Segnale sensore giri fase induttivo (massa) ******* non sempre questo segnale risulta presente, in certe centraline il piedino risulta essere collegato a massa di segnale Pin 49 Segnale sensore giri fase induttivo (segnale) Pin 50 Libero Pin 51 Libero Pin 52 Segnale interruttore retromarcia Pin 53 Segnale potenziometro farfalla acceleratore Pin 54 Libero Pin 55 Linea bidirezionale nel connettore diagnosi

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

IMPIANTO DI INIEZIONE MOTRONIC 1.7 L'impianto di iniezione Motronic M 1.7 controlla sia accensione che iniezione, il sistema è dotato di programma di auto adattamento per quanto riguarda la regolazione del regime di minimo, la posizione del potenziometro farfalla, e per la regolazione del CO nelle versioni catalizzate.
Dopo ogni lavoro di manutenzione programmata o di seguito ad una riparazione dobbiamo effettuare l'azzeramento dei dati della centralina, - scolleghiamo il connettore della centralina o il negativo batteria per circa 15 minuti - ricolleghiamo il tutto e mettiamo in moto il motore senza toccare l'acceleratore - lasciamo girare il motore al minimo per alcuni minuti e dopo possiamo fare il giro di prova.

Nel seguito della documentazione troviamo i collegamenti su ogni piedino della centralina ed il relativo valore in tensione che dobbiamo rilevare per effettuare la diagnosi. I valori che sono segnati sono stati rilevati tutti con il multimetro digitale, con la centralina collegata al cablaggio Lo stesso valore lo possiamo rilevare anche sul sensore interessato, o sulla zona dell'impianto a cui è collegato il piedino Piedino Riferimento 1 Comando relè pompa benzina Vcc 0.7 relè eccitato - 12.0 relè diseccitato 2 Pilotaggio attuatore minimo Vca 3.0/10.0 con chiave girata 3 Pilotaggio iniettori 3 e 4 Vca 1.0 con motore in fase 12.0 di avviamento 4 LIBERO 5 LIBERO 6 Massa di potenza Vcc 0.3 max con chiave in posizione di marcia 7 LIBERO 8 Comando lampada spia avaria Vcc 0.7 con spia accesa 12.0 con spia spenta 9 LIBERO 10 LIBERO 11 LIBERO 12 Segnale potenziometro farfalla Vcc 0.3 con farfalla a riposo 5.0 con farfalla al massimo 13 LIBERO 14 Massa debimetro Vcc 0.3 max con chiave girata 15 LIBERO 16 Nella Bmw è presente il sensore di sincronismo Vca 0.3/1.0 con il motore in fase di avviamento 17 LIBERO 18 Comando relè attuatore V.I.S. Vcc 0.7 con relè eccitato - 12.0 con relè diseccitato 19 LIBERO 20 LIBERO 21 LIBERO 22 LIBERO 23 LIBERO 24 Alfa 155 comando modulo potenza cilindri 2 e 3 Vca 1.0 con motore in fase di avviamento 25 Alfa 155 comando modulo potenza 25 Comando bobina candele 2 e 3 Vca 1.0 con motore in fase di avviamento 26 Alimentazione diretta da batteria Vcc12.0 sempre presente 27 Comando relè alimentazione impianto Vcc 0.7 con relè eccitato - 12.0 con relè diseccitato 28 Massa di segnale Vcc 0.3 con chiave girata 29 Pilotaggio attuatore minimo Vca 3.0/12.0 con chiave girata 30 LIBERO 31 LIBERO 32 Comando iniettori 1 e 2 Vca 1.0 con motore in fase di avviamento 33 LIBERO 34 Massa di potenza Vcc 0.30 con chiave girata 35 LIBERO 36 Comando elettrov. ricircolo vapori Vcc 0.7 con valvola eccitata 12.0 valvola diseccitata

37 Alfa 155 relè variatore di fase Vcc 0.7 in fase di veloce accelerata partendo dal minimo 38 LIBERO 39 LIBERO 40 LIBERO 41 Segnale debimetro Vcc 0.5 con paletta a riposo - circa 5 volt con paletta al massimo 42 LIBERO 43 Massa sensori Vcc 0.05 con chiave girata 44 LIBERO 45 LIBERO 46 LIBERO 47 LIBERO 48 Comando relè condizionatore Vcc 0.7 relè eccitato 12.0 relè diseccitato 49 LIBERO 50 LIBERO 51 LIBERO 51 Alfa 155 comando modulo potenza cilindri 1 e 4 Vca 1.0 con il motore in avviamento 51 Alfa 155 V6 comando bobina cilindri 2 e 6 Vca 1.0 con il motore in avviamento 52 Comando bobina candele 1 e 4 Vca 1.0 con motore in fase di avviamento 53 LIBERO 54 Alimentazione centralina da relè Vcc12.0 con chiave girata 55 Massa di potenza Vcc 0.3 con il motore in fase di avviamento 56 Alimentazione centralina da chiave Vcc12.0 con chiave girata 57 LIBERO 58 LIBERO 59 Alimentazione sensori Vcc 5.0 con chiave girata 60 LIBERO 61 LIBERO 62 Predisposizione cambio automatico Vcc 0.0/12.0 tensioni in base alla leva del cambio 63 Predisposizione cambio automatico Vcc 0.0/12.0 tensioni in base alla leva del cambio 64 LIBERO 65 LIBERO 66 LIBERO 67 Segnale di giri/PMS Vca 0.8/3.0 con il motore in fase di avviamento 68 Negativo segnale sensore di giri/PMS Vca 0.8 /3 con il motore in fase di avviamento 69 LIBERO 70 Segnale sonda lambda Vcc 0.1 con miscela magra - 0.9 con miscela grassa 71 Riferimento sonda lambda Vcc 0.1 max con chiave girata 72 LIBERO 73 Segnale sensore tachimetrico Vca 1.0/3.0 con vettura in movimento 74 Pilotaggio contagiri Vca 1.0 con motore in fase di avviamento 75 LIBERO 76 LIBERO 76 Versioni non catalizzate è montato il trimmer CO Vcc 0.0/5.0 a seconda della regolazione 77 Segnale sensore temperatura aria Vcc 0.8 aria calda / 3.0 aria fredda / 5.0 sensore scollegato

78 Segnale sensore temperatura acqua Vcc 0.4 motore a 90 gradi / 5.0 sensore scollegato 79 LIBERO 80 LIBERO 81 Ingresso segnale antifurto - Vcc 0.0 centralina sbloccata - 12.0 centralina bloccata 82 LIBERO 83 LIBERO 84 LIBERO 85 Segnale da pressostato condizionatore Vcc 0.0/12.0 86 Segnale da centralina condizionatore Vcc 0.0/12.0 87 Linea per presa di diagnosi 88 Linea per presa di diagnosi

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

Centralina iniezione EFI Ford Monopoint e Multipoint
Tutte le misure effettuate sull'impianto sono da effettuare nel seguente metodo: n verificare che le masse del motore siano buone (verificare che tra massa motore e massa batteria, in fase di avviamento sia presente una tensione più bassa di 0,4 - 0,5 Volt) n il puntale negativo del multimetro va posizionato sulle massa del motore n prove che seguono sono da fare inserendo il puntale rosso (positivo) del multimetro sul piedino indicato o direttamente sul sensore o attuatore interessato. n tutte le prove sono da effettuare con la chiave in posizione di marcia (prove diverse sono eventualmente indicate) VERIFICA DELLE MASSE 60 Massa di potenza - Tensione più bassa di 0,01 Volt (varia secondo versione centralina) 40 Massa di potenza - Tensione più bassa di 0,01 Volt (varia secondo versione centralina) 20 Massa di potenza - Tensione più bassa di 0,01 Volt(varia secondo versione centralina) 46 Massa di segnale dei sensori - Tensione più bassa di 0,01 Volt 16 Massa di potenza - Tensione più bassa di 0,01 Volt VERIFICA DELLE ALIMENTAZIONI 1 Alimentazione diretta da batteria - Tensione di batteria deve essere più alta di 12 Volt 37 Positivo di alimentazione della centralina tramite il relè principale - Tensione più alta di 12 Volt 57 Positivo di alimentazione della centralina tramite il relè principale - Tensione

più alta di 12 Volt Il sistema d’iniezione EFI, montato su impianti FORD, ha la particolarità di avere un modulo di potenza per il comando delle bobine (accensione DIS) che integra al suo interno anche l’elaborazione del segnale del sensore dei giri / fase. La centralina accensione Motorcraft (connettore a 12 contatti) ha i seguenti collegamenti: 1 Segnale giri per iniezione (Pin 56) 2 Segnale di comando modulo 1 (Pin 28) 3 Segnale di comando modulo 2 (Pin 36) 4 Massa o libero 5 Segnale dal sensore giri/fase positivo 6 Segnale dal sensore giri/fase negativo 7 Schermatura del sensore giri/fase 8 Positivo d’alimentazione (sotto chiave) 9 Negativo alimentazione (massa batteria) 10 Comando della bobina accensione uno 11 Libero 12 Comando della bobina accensione due Segnali presenti sui piedini: 1 – onda quadra (0/12) con frequenza variabile con i giri letti dal sensore giri/fase 2 – onda quadra (0/12) impulsi provenienti dalla centralina iniezione per il comando della bobina 3 – onda quadra (0 / 12) impulsi provenienti dalla centralina iniezione per il comando della bobina 4 – massa (non sempre collegata) 5 – segnale in tensione alternata di circa 1 volt con il motore in fase d’avviamento 6 – segnale in tensione alternata di circa 1 volt con il motore in fase d’avviamento 7 – tensione di 0 volt (massa) 8 – tensione superiore agli 11,5 – 11,7 volt con la chiave in posizione di marcia 9 – tensione di 0 volt (massa) 10 – tensione di circa 1 volt in tensione alternata e con il motore in fase d’avviamento 11 - libero 12 – tensione di circa 1 volt in tensione alternata e con il motore in fase d’avviamento COMANDO INIETTORI 58 Versione Mono iniezione Comando per il Mono iniettore - Segnale onda quadra con oscilloscopio, con multimetro tensione alternata in fase di avviamento di circa 1 volt, inserendo un diodo led tra il piedino e il positivo batteria, dobbiamo vedere che lampeggia con il motore in moto o in fase di avviamento.

58 e 59 Versione multipoint non fasata Comando per l'iniettore - Segnale a onda quadra, tensione alternata in fase di avviamento di circa 1 volt, inserendo un diodo led tra il piedino e il positivo batteria, dobbiamo vedere che lampeggia con il motore in moto o in fase di avviamento. 51, 52, 39, 35 Versione multipoint fasata Comando per l'iniettore - Segnale a onda quadra, tensione alternata in fase di avviamento di circa 1 volt, inserendo un diodo led tra il piedino e il positivo batteria, dobbiamo vedere che lampeggia con il motore in moto o in fase di avviamento. COMANDO ATTUATORE MINIMO 21,24 Versione con motorino aria Comando per Motorino aria - Impulsi ad onda quadra in fase di correzione del regime del minimo, visibili usando un diodo led collegato tra i piedini 21 Versione con valvola automatica aria Comando Valvola aria - Impulsi ad onda quadra in fase di correzione del regime del minimo, visibili usando un diodo led collegato tra il piedino e massa SENSORE PRESSIONE ASSOLUTA 27 (alcune versioni sono sul pin 45) Versione con sensore analogico Segnale del sensore - Tensione di circa 4,7 Volt con chiave su marcia motore spento Tensione di circa 0,7 Volt con motore in moto al minimo Il segnale deve variare velocemente in base alle variazioni di acceleratore che vengono fatte, il valore della tensione in fase di rilascio raggiunge il valore dio circa 0,5 volt 27 (alcune versioni sono sul pin 45) Versione con sensore digitale Segnale del sensore - Tensione a onda quadra visibile solo con l'oscilloscopio o con frequenzimetro vedendo le variazioni di frequenza SENSORI TEMPERATURA ARIA / ACQUA 25 Segnale sensore temperatura aria - Tensione di circa 2 - 2,5 Volt con motore freddo Tensione di circa 1,5 - 1,8 Volt con motore caldo Il segnale deve variare in base alla temperatura aria che viene aspirata dal motore e la risposta deve essere molto rapida, ad una brusca accelerata dobbiamo vedere i valori cambiare, anche se di poco, in maniera immediata. 7 Segnale sensore temperatura acqua - Tensione di circa 2 - 2,5 Volt con motore freddo Tensione di circa 0,5 - 0,6 Volt con motore

caldo Il segnale deve variare in base alle variazioni della temperatura acqua del motore, la risposta deve essere molto rapida. SENSORE POSIZIONE FARFALLA 47 Segnale potenziometro farfalla - Tensione con farfalla a riposo 0,5 Volt Tensione con farfalla al massimo circa 4,7 volt La variazione del segnale deve essere sempre progressiva senza nessuna interruzione. 18 Interruttore farfalla nella versione Mono iniezione Con chiave in posizione di marcia verificare che tra il piedino e massa motore sia presente : con acceleratore in posizione di riposo una tensione di 12 volt(in alcune versioni 5 volt) con acceleratore premuto una tensione più bassa di 0,5 volt 9 Segnale Misuratore flusso aria Tensione con chiave in posizione di marcia e motore spento circa 0,1/0,4 Volt Con motore in moto accelerando il segnale deve aumentare, con farfalla completamente premuta salirà fino a 4,7 volt VERIFICA 5 VOLT PER I SENSORI 26 Positivo di alimentazione per potenziometro, pressione assoluta e trimmer Co devono essere presenti i 5 Volt con la chiave inserita COMANDO POMPA 22 Comando per il relè della pompa benzina Tensione di 12 Volt con pompa ferma, (chiave su marcia dopo alcuni secondi - subito la pompa funziona poi si stacca), la tensione va a 0,7 Volt con la pompa in funzione (motore in moto o in fase di avviamento), se le tensioni sono corrette verificare anche i fusibili e il cablaggio pompa VERIFICA SENSORE GIRI/FASE 55 Versione senza centralina EDIS Segnale sensore giri/fase - Tensione alternata di circa 0,2 - 0,8 Volt con il motore in fase di avviamento tra il piedino e massa 56 Versione senza centralina EDIS Segnale sensore giri/fase - Tensione alternata di circa 0,2 - 0,8 Volt con il motore in fase di avviamento tra il piedino e massa 56 Versione con centralina EDIS Segnale da centralina EDIS dei giri Impulso ad onda quadra 0 / 12 volt con frequenza proporzionale al numero dei giri

24 Sensore di sincronismo iniezione fasata Segnale sensore - Tensione alternata di circa 0,2 - 0,8 Volt con il motore in fase di avviamento tra il piedino e massa SEGNALE SONDA LAMBDA 29 (piedino 44 in alternativa) Segnale sonda lambda Tra il piedino e massa dobbiamo rilevare una tensione variabile continuamente da 0,1 a 0,9 volt . Accelerando bruscamente la tensione deve subito salire a circa 0,9 volt . In fase di decelerazione la tensione deve andare a circa 0,1 - 0,2 volt COMANDI ACCENSIONE Comando accensione versione con EDIS Candele 1 e 4 piedino 28 Mono-iniezione Candele 1 e 4 piedino 4 Multipoint Candele 2 e 3 piedino 36 Mono-iniezione Candele 2 e 3 piedino 3 Multipoint Il segnale presente è un'onda quadra 0 / 12 volt misurabile con l'oscilloscopio Comando accensione versione senza comando EDIS comando diretto delle bobine Candele 1 e 4 piedino 58 Candele 2 e 3 piedino 59 Il segnale presente è quello che si trova sul piedino di comando della bobina segnale del primario dell'accensione misurabile con l'oscilloscopio. Una verifica veloce può essere fatta inserendo un diodo led tra il piedino e il positivo batteria, se la centralina funziona facendo l'avviamento dobbiamo vedere il led lampeggiare

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

Impianto di iniezione Multec / GM
Il sistema di iniezione Multec / GM è montato vetture Opel, Fiat L’impianto racchiude anche la parte di accensione, è dotato di un sistema di auto apprendimento atto ad adattarsi alle differenze che avvengono nella carburazione dovute all’invecchiamento del motore. E’ dotato inoltre di un sistema di recovery che consente all’iniezione di sostituire in maniera molto precisa il sensore che si interrompe o va in corto circuito.

Nelle vetture con

catalizzatore il sistema prevede un accorgimento di auto adattamento dei parametri del minimo, del CO eliminando in questo modo le regolazioni del minimo, del CO, della posizione farfalla. La centralina come si vede in figura è dotata di un connettore a due serie di contatti, nella maggior parte dei casi sono prese di diverso colore per permettere una migliore individuazione della connessione giusta. Le versioni che possiamo trovare installate sulle vetture presentano alcune varianti Comando iniettori : n Mono iniezione n Multipoint semi fasato n Multipoint fasato Lettura dei giri : n sensore giri ad effetto hall n sensore giri con impulsore magnetico a tre fili Comando della bobina : n accensione con distributore n accensione statica (doppia bobina)

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

SCHEMA IMPIANTO MONO INIEZIONE

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

SCHEMA IMPIANTO MULTIPOINT SEMI FASATO

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

SCHEMA INIEZIONE MULTIPOINT FASATA

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

VERIFICHE SU IMPIANTI ABS BOSCH ABS BOSCH con centralina a 35 piedini

Per effettuare le seguenti prove scollegare il connettore della centralina.
Verifica del negativo di alimentazione - provare con multimetro in OHM tra il piedino 10 e massa resistenza inferiore a 0,3 - 0,5 ohm tra il piedino 20 e massa resistenza inferiore a 0,3 - 0,5 ohm tra il piedino 34 e massa resistenza inferiore a 0,3 - 0,5 ohm Verifica del positivo di alimentazione Tra il piedino 1 e massa, con la chiave inserita dobbiamo rilevare la tensione di batteria. Si deve sentire scattare il relè' principale e inoltre la spia ABS sul cruscotto deve accendersi. Sensore anteriore destro Misurando tra i piedini 21 e 23 dobbiamo rilevare una resistenza con valori da 700 a 1300 ohm, misurando in tensione alternata dobbiamo rilevare un valore circa di 0,4 a 2 volt facendo girare a mano la ruota. **** Su alcune vetture il sensore e' fra i piedini 11 e 21 come per esempio la TIPO o BMW .

Sensore anteriore sinistro Misurando tra i piedini 4 e 5 dobbiamo rilevare una resistenza con valori da 700 a 1300 ohm, misurando in tensione alternata dobbiamo rilevare un valore di circa 0,4 a 2 volt facendo girare a mano la ruota. **** Su alcune versioni montate sulla BMW il sensore e' tra i piedini 4 e 6 . Sensore posteriore destro Misurando tra i piedini 24 e 26 dobbiamo rilevare una resistenza con valori da 700 a 1300 ohm, misurando in tensione alternata dobbiamo rilevare un valore circa di 0,4 a 2 volt facendo girare a mano la ruota. **** In alcuni modelli di MERCEDES il sensore non e' montato Sensore posteriore sinistro misurando tra i piedini 7 e 9 dobbiamo rilevare una resistenza con valori da 700 a 1300 ohm, misurando in tensione alternata dobbiamo rilevare un valore di circa 0,4 a 2 volt facendo girare a mano la ruota **** Il sensore può' essere anche tra i piedini 8 e 9 **** In alcune versioni di vetture MERCEDES il sensore e' montato sul differenziale. Verifica del collegamento con il D+ dell'alternatore con la chiave inserita in posizione di marcia misurando tra il piedino 15 e la massa con il multimetro in tensione continua dobbiamo rilevare le seguenti misure: -- a motore spento si ha una tensione da 0,5 a 2 volt -- con il motore in moto rileveremo una tensione da 13,5-14,5 volt che corrispondono alla tensione di carica dell'alternatore. Verifica del segnale di consenso della frenata il piedino e' direttamente collegato sul contatto che alimenta le luci di arresto . tra il piedino 25 e massa con chiave inserita misurando con il multimetro in tensione continua dobbiamo rilevare la tensione della batteria quando viene premuto il pedale del freno **** in alcune vetture la tensione e' presente anche senza girare la chiave (gli stop si accendono anche con chiave disinserita). Verifica valvole elettromagnetiche del circuito idraulico misurando con il multimetro in OHM dobbiamo rilevare i seguenti valori: tra i piedini 32 e 18 resistenza 1,4 - 2,5 ohm tra i piedini 32 e 35 resistenza 1,4 - 2,5 ohm tra i piedini 32 e 2 resistenza 1,4 - 2,5 ohm tra i piedini 32 e 19 resistenza 1,4 - 2,5 ohm Nelle versioni con tre comandi idraulici questa ultima valvola non viene montata Verifica diodo inserito nella centralina idraulica misurando tra i piedini 32 e 29 con la chiave inserita dobbiamo rilevare una tensione continua di 0,6 - 0,8 volt e si deve accendere anche la spia ABS nel cruscotto **** il diodo e' posizionato direttamente nel supporto dei relè nel gruppo idraulico. Verifica del relè comando valvole elettromagnetiche con la chiave inserita fare un ponte tra il piedino 27 e il 20 si deve sentire scattare il relè' sul gruppo idraulico e deve spegnersi la spia ABS sul cruscotto.

*** Verificare che sul piedino 32 sia presente la tensione di batteria. Verifica del relè di comando della pompa di recupero con la chiave inserita fare un ponte tra il piedino 28 e il 20 si deve sentire scattare il relè' sul gruppo idraulico e la pompa deve mettersi in funzione *** Verificare che sul piedino 14 sia presente la tensione di batteria.

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

ABS BOSCH - centralina a 15 piedini incorporata al gruppo idraulico.
Per le prove scollegare il connettore della centralina. Sensore anteriore destro Misurando tra i piedini 5 (massa) e 11 dobbiamo rilevare una resistenza con valori da 600 a 1300 ohm, misurando in tensione alternata dobbiamo rilevare un valore di circa di 0,4 a 2 volt facendo girare a mano la ruota. Sensore anteriore sinistro Misurando tra i piedini 7 (massa) e 13 dobbiamo rilevare una resistenza con valori da 600 a 1300 ohm, misurando in tensione alternata dobbiamo rilevare un valore di circa 0,4 a 2 volt facendo girare a mano la ruota. Sensore posteriore destro Misurando tra i piedini 14 (massa) e 6 dobbiamo rilevare una resistenza con valori da 600 a 1300 ohm, misurando in tensione alternata dobbiamo rilevare un valore circa di 0,4 a 2 volt facendo girare a mano la ruota. Sensore posteriore sinistro Misurando tra i piedini 2 (massa) e 4 dobbiamo rilevare una resistenza con valori da 600 a 1300 ohm misurando in tensione alternata dobbiamo rilevare un valore di circa 0,4 a 2 volt facendo girare a mano la ruota. Verifica del segnale di consenso della frenata Il piedino e' direttamente collegato sul contatto che alimenta le luci di arresto . tra il piedino 9 (in alcune versioni e' il piedino 3) e massa con chiave inserita misurando con il multimetro in tensione continua dobbiamo rilevare la tensione della batteria quando viene premuto il pedale del freno. **** in alcune vetture la tensione e' presente anche senza girare la chiave . Comando della lampada spia sul piedino 1 a massa per accendere la lampada Stabilizzatore di tensione, sul piedino 8 dobbiamo rilevare con la chiave in posizione di marcia e connettore collegato una tensione di 5 volt

Sul gruppo idraulico è presente un connettore a quattro poli: ** Positivo sempre presente dalla batteria ..................pin 2 ** Positivo presente solo con chiave inserita...............pin 1 ** Due fili di massa per le valvole e i relè....................pin 3 ** Il filo di comando della spia inserita sul cruscotto ..pin 4

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

INIEZIONE BOSCH DIESEL CENTRALINA A 25 POLI Iniezione con comando elettronico della pompa diesel, il sistema è gestito anche dalla eventuale centralina del blocco motore (Code) Negativo di alimentazione misura in volt continui.
Verificare che tra il piedino 3 e massa, tra il piedino 21 (massa di schermatura dei sensori) e massa, con il motorino in fase di avviamento sia presente una tensione inferiore a 0,3 - 0.5 volt.

Positivo di alimentazione
Verificare che tra il piedino 1 e massa sia presente la tensione batteria con la chiave in posizione di marcia, scatta inoltre il relè del pre riscaldo delle candelette. La tensione rilevata in questo punto deve essere superiore al valore di 11,5 volt Si rammenta che in molte vetture il sensore inerziale comanda la centralina candelette e di conseguenza manca anche alimentazione alla centralina dell'iniezione.

Sensore giri
Verifica tra i piedini 8 e 3 (massa) (il valore ohmico del sensore è di circa 500 900 ohm ), in tensione alternata dobbiamo rilevare una tensione di circa 0,6 - 2 volt facendo girare il motorino di avviamento.

Sensore alzata iniettore
Verifica tra i piedini 7 e 3 (massa) (il valore ohmico del sensore è di circa 500 900 ohm ), il sensore è verificabile solo con l'oscilloscopio e dobbiamo rilevare, con il motore in moto o in fase di avviamento un segnale composto da un picco positivo seguito da un picco negativo di circa 1 - 3 millisecondi e con tensione di 300 - 600 millivolt .

Positivo di alimentazione dei sensori
Tra il piedino 4 e massa dobbiamo rilevare la tensione di 5 volt di alimentazione dei sensori.

Sensore temperatura acqua
Verifica tra i piedini 25 e 3 (massa) (resistenza NTC con valori resistivi, con il cablaggio staccato di 2500 ohm a 20 gradi, 700 ohm a 50 gradi, 300 ohm a 90 gradi) Verifica in volt con l'impianto collegato dobbiamo rilevare i seguenti valori : - a motore freddo avremo una tensione di circa 3 - 4 volt - a motore caldo (elettroventola già inerita) avremo una tensione di circa 0,5 - 0,7 volt - con sensore interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 volt

Sensore temperatura aria
Verifica tra i piedini 24 e 3 (massa) (resistenza NTC con valori resistivi, con il cablaggio staccato di 2500 ohm a 20 gradi, 700 ohm a 50 gradi) Verifica in volt con l'impianto collegato dobbiamo rilevare i seguenti valori : - a motore freddo avremo una tensione di circa 3 - 4 volt - a motore caldo (elettroventola già inerita) avremo una tensione di circa 0,9 - 1,5 volt - con sensore interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 volt

Verifica del potenziometro pedale acceleratore chiave inserita in
posizione di marcia Verifica tra il piedino 23 e 3 (massa) : con pedale farfalla a riposo si ha una tensione di circa 0,3 volt con pedale farfalla al massimo la tensione deve arrivare fino a circa 4,5 - 4,8 volt

Verifica comando della valvola EGR
Verificare che tra il piedino 5 e 3 (massa) sia presente una tensione di circa 12 volt con il motore spento e un impulso ad onda quadra a seconda dei segnali ricevuti dalla centralina

Verifica comando della elettro valvola anticipo
Verificare che tra il piedino 6 e 3 (massa) sia presente un impulso in onda quadra con il motore spento e un impulso ad onda quadra che varia con il motore in moto.

Verifica comando della elettro valvola minimo veloce
Verificare che tra il piedino 16 e 3 (massa) sia presente una tensione di circa 12 volt con il motore spento e viene messa a massa nel momento in cui è richiesto un aumento del regime di giri (inserimento del condizionatore, ecc)

Verifica comando relè compressore
Verificare che tra il piedino 19 e 3 (massa) sia presente una tensione di circa 12 volt con il compressore condizionatore spento e 0 volt con il compressore acceso

Verifica consenso all'avvio del condizionatore
Verificare che tra il piedino 11 e 3 (massa) sia presente una tensione di circa 12 volt con il comando condizionatore inserito, se non presente verificare anche il pressostato a tre livelli

Verifica comando della spia iniezione
Verificare che tra il piedino 18 e 3 (massa) sia presente una tensione di circa 12 volt con la spia iniezione spenta e 0 volt con la spia iniezione accesa. Piedino 15- Uscita comando per il contagiri

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

INIEZIONE BOSCH DIESEL BMW 525 TDS CENTRALINA A 55 POLI Iniezione con comando elettronico della pompa diesel, il sistema è gestito anche dalla eventuale centralina del blocco motore (Code) Negativo di alimentazione misura in volt continui.
Verificare che tra il piedino 13 (massa di segnale) e massa, tra il piedino 18 e massa, tra il piedino 19 e massa con il motorino in fase di avviamento sia presente una tensione inferiore a 0,3 - 0.5 volt.

Positivo di mantenimento memoria
Collegato con il relè di temporizzazione deve essere presente una tensione di 12 volt con motore spento e una tensione di 0 volt con il motore in moto.

Positivo di alimentazione
Verificare che tra il piedino 55 (direttamente collegato sotto chiave) e massa, tra il piedino 16 e massa e tra piedino 17 e massa sia presente la tensione batteria con la chiave in posizione di marcia, scatta inoltre il relè del pre riscaldo delle candelette. La tensione rilevata in questo punto deve essere superiore al valore di 11,5 volt Si rammenta che in molte vetture il sensore inerziale comanda la centralina candelette e di conseguenza manca anche alimentazione alla centralina

dell'iniezione.

Sensore giri
Verifica tra i piedini 47 e 13 (massa) (il valore ohmico del sensore è di circa 500 - 900 ohm ), in tensione alternata dobbiamo rilevare una tensione di circa 0,6 - 2 volt facendo girare il motorino di avviamento.

Sensore alzata iniettore
Verifica tra i piedini 5 e 12 (massa) (il valore ohmico del sensore è di circa 500 900 ohm ), il sensore è verificabile solo con l'oscilloscopio e dobbiamo rilevare, con il motore in moto o in fase di avviamento un segnale composto da un picco positivo seguito da un picco negativo di circa 1 - 3 millisecondi e con tensione di 300 - 600 millivolt, misurando con il multimetro tra il piedino 5 e massa dobbiamo trovare una tensione di circa 4 - 6 volt che servono per l'alimentazione del sensore stesso, vengono forniti dalla centralina.

Positivo di alimentazione dei sensori
Piedino 33 e massa dobbiamo rilevare la tensione di 5 volt di alimentazione posizione farfalla. Piedino 34 e massa dobbiamo rilevare la tensione di 5 volt di alimentazione misuratore aria.

Sensore temperatura acqua
Verifica tra i piedini 53 e 13 (massa) (resistenza NTC con valori resistivi, con il cablaggio staccato di 2500 ohm a 20 gradi, 700 ohm a 50 gradi, 300 ohm a 90 gradi) Verifica in volt con l'impianto collegato dobbiamo rilevare i seguenti valori : - a motore freddo avremo una tensione di circa 3 - 4 volt - a motore caldo (elettroventola già inerita) avremo una tensione di circa 0,5 - 0,7 volt - con sensore interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 vol

Sensore temperatura aria
Verifica tra i piedini 52 e 13 (massa) (resistenza NTC con valori resistivi, con il cablaggio staccato di 2500 ohm a 20 gradi, 700 ohm a 50 gradi) Verifica in volt con l'impianto collegato dobbiamo rilevare i seguenti valori : - a motore freddo avremo una tensione di circa 3 - 4 volt - a motore caldo (elettroventola già inerita) avremo una tensione di circa 0,9 - 1,5 volt - con sensore interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 volt

Sensore temperatura gasolio
Verifica tra i piedini 35 e 19 (massa) (resistenza NTC con valori resistivi, con il cablaggio staccato di 2500 ohm a 20 gradi, 700 ohm a 50 gradi) Verifica in volt con l'impianto collegato dobbiamo rilevare i seguenti valori, tensione variabile da circa 1 volt fino a 3 volt a secondo della temperatura del carburante.

Verifica del potenziometro pedale acceleratore chiave inserita in
posizione di marcia Verifica che tra il piedino 37 e 19 (massa) sia presente :

-

con pedale farfalla a riposo si ha una tensione di circa 0,3 - 0,6 volt con pedale farfalla al massimo la tensione deve arrivare fino a circa 3,8 - 4,5 volt

Verifica contatto di minimo pedale acceleratore
Verificare che tra il piedino 25 e19 (massa) sia presente: - una tensione di circa 4 - 6 volt con il pedale rilasciato - una tensione di circa 0 volt con il pedale premuto.

Verifica del misuratore portata aria chiave inserita in posizione di marcia
Verifica che tra il piedino 38 e 19 (massa) sia presente : - con motore spento una tensione di circa 0,2 - 0, 3 volt - con motore in moto avremo dei valori variabile in base a quanto noi acceleriamo il motore fino ad un valore massimo di circa 4,5 - 4,8 volt ***** il misuratore portata aria potrebbe non essere presente in alcune versioni di impianti.

Verifica comando della portata carburante
Verificare che tra il piedino 1 e massa e tra il piedino 2 e massa sia presente: - un impulso in onda quadra con il motore spento e la chiave in posizione di marcia - un impulso ad onda quadra che varia con il motore in moto.

Verifica comando elettrovalvola arresto motore
Verificare che tra il piedino 3 e19 (massa) sia presente : - una tensione di circa 12 volt con il motore spento - una tensione di circa 0 volt con il motore in moto. ****** in alcune versioni i segnali sono invertiti - comando positivo da centralina

Verifica segnale dal sensore velocità vettura
Verificare che tra il piedino 29 e19 (massa) sia presente un impulso ad onda quadra che varia con il movimento della vettura, velocità più alta più impulsi sul piedino della centralina.

Verifica comando della valvola EGR
Verificare che tra il piedino 8 e 19 (massa) sia presente una tensione di circa 12 volt con il motore spento e un impulso ad onda quadra a seconda dei segnali ricevuti dalla centralina

Verifica comando della elettro valvola anticipo
Verificare che tra il piedino 10 e 19 (massa) sia presente un impulso in onda quadra con il motore spento e un impulso ad onda quadra che varia con il motore in moto.

Verifica comando relè compressore
Verificare che tra il piedino 9 e19 (massa) sia presente una tensione di circa 12 volt con il compressore condizionatore spento e 0 volt con il compressore acceso

Verifica consenso all'avvio del condizionatore
Verificare che tra il piedino 44 e 19 (massa) sia presente una tensione di circa 12 volt con il comando condizionatore inserito, se non presente verificare anche il pressostato a tre livelli

Verifica comando della spia iniezione
Verificare che tra il piedino 4 e 19 (massa) sia presente una tensione di circa 12 volt con la spia iniezione spenta e 0 volt con la spia iniezione accesa.

Verifica comando da pedale frizione
Verificare che tra il piedino 28 e19 (massa) sia presente una tensione di circa 12 volt con il pedale rilasciato e di circa 0 volt con il pedale premuto.

Verifica comando da pedale freno
Verificare che tra il piedino 26 e19 (massa) sia presente una tensione di circa 0 volt con il pedale rilasciato e di circa 12 volt con il pedale premuto. Piedino 50- Uscita comando per il contagiri

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

INIEZIONE BOSCH DIESEL CENTRALINA A 55 POLI Iniezione con comando elettronico della pompa diesel, il sistema è gestito anche dalla eventuale centralina del blocco motore (Code) Negativo di alimentazione misura in volt continui.
Verificare che tra il piedino 13 e massa, tra il piedino 18 e massa, tra il piedino 19 e massa con il motorino in fase di avviamento sia presente una tensione inferiore a 0,3 - 0.5 volt.

Positivo di mantenimento memoria
Collegato con il relè di temporizzazione deve essere presente una tensione di 12 volt con motore spento e una tensione di 0 volt con il motore in moto.

Positivo di alimentazione
Verificare che tra il piedino 16 e massa e tra piedino 17 e massa tra il piedino 55 e massa sia presente la tensione batteria con la chiave in posizione di marcia, scatta inoltre il relè del pre riscaldo delle candelette. La tensione rilevata in questo punto deve essere superiore al valore di 11,5 volt Si rammenta che in molte vetture il sensore inerziale comanda la centralina candelette e di conseguenza manca anche alimentazione alla centralina dell'iniezione.

Sensore giri
Verifica tra i piedini 47 e 19 (massa) (il valore ohmico del sensore è di circa 500 - 900 ohm ), in tensione alternata dobbiamo rilevare una tensione di circa 0,6 - 2 volt facendo girare il motorino di avviamento.

Sensore alzata iniettore
Verifica tra i piedini 5 e 12 (massa) (il valore ohmico del sensore è di circa 500 900 ohm ), il sensore è verificabile solo con l'oscilloscopio e dobbiamo rilevare, con il motore in moto o in fase di avviamento un segnale composto da un picco positivo seguito da un picco negativo di circa 1 - 3 millisecondi e con tensione di 300 - 600 millivolt, misurando con il multimetro tra il piedino 5 e massa dobbiamo trovare una tensione di circa 4 - 6 volt che servono per l'alimentazione del sensore stesso, vengono forniti dalla centralina.

Positivo di alimentazione dei sensori
Piedino 33 e massa dobbiamo rilevare la tensione di 5 volt di alimentazione posizione farfalla. Piedino 34 e massa dobbiamo rilevare la tensione di 5 volt di alimentazione misuratore aria.

Sensore temperatura acqua
Verifica tra i piedini 53 e 19 (massa) (resistenza NTC con valori resistivi, con il cablaggio staccato di 2500 ohm a 20 gradi, 700 ohm a 50 gradi, 300 ohm a 90 gradi) Verifica in volt con l'impianto collegato dobbiamo rilevare i seguenti valori : - a motore freddo avremo una tensione di circa 3 - 4 volt - a motore caldo (elettroventola già inerita) avremo una tensione di circa 0,5 - 0,7 volt - con sensore interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 volt.

Sensore temperatura aria
Verifica tra i piedini 52 e 19 (massa) (resistenza NTC con valori resistivi, con il cablaggio staccato di 2500 ohm a 20 gradi, 700 ohm a 50 gradi) Verifica in volt con l'impianto collegato dobbiamo rilevare i seguenti valori : - a motore freddo avremo una tensione di circa 3 - 4 volt - a motore caldo (elettroventola già inerita) avremo una tensione di circa 0,9 - 1,5 volt - con sensore interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 volt

Sensore temperatura gasolio
Verifica tra i piedini 35 e 19 (massa) (resistenza NTC con valori resistivi, con il cablaggio staccato di 2500 ohm a 20 gradi, 700 ohm a 50 gradi) Verifica in volt con l'impianto collegato dobbiamo rilevare i seguenti valori, tensione variabile da circa 1 volt fino a 3 volt a secondo della temperatura del carburante.

Verifica del potenziometro pedale acceleratore chiave inserita in
posizione di marcia Verifica tra il piedino 37 e 19 (massa) : con pedale farfalla a riposo si ha una tensione di circa 0,3 volt con pedale farfalla al massimo la tensione deve arrivare

fino a circa 4,5 - 4,8 volt

Verifica contatto di minimo pedale acceleratore
Verificare che tra il piedino 25 e19 (massa) sia presente una tensione di circa 4 6 volt con il pedale rilasciato e di circa 0 volt con il pedale premuto.

Verifica del misuratore portata aria chiave inserita in posizione di marcia
Verifica tra il piedino 38 e 19 (massa) : motore spento si ha una tensione di circa 0,3 volt con motore in moto avremo dei valori variabile in base a quanto noi acceleriamo il motore fino ad un valore massimo di circa 4,5 - 4,8 volt

Verifica comando della portata carburante
Verificare che tra il piedino 1 e massa e tra il piedino 2 e massa sia presente un impulso in onda quadra con il motore spento e un impulso ad onda quadra che varia con il motore in moto.

Verifica comando elettrovalvola arresto motore
Verificare che tra il piedino 3 e19 (massa) sia presente una tensione di circa 12 volt con il moore spento e 0 volt con il motore in moto.

Verifica segnale dal sensore velocità vettura
Verificare che tra il piedino 29 e19 (massa) sia presente un impulso ad onda quadra che varia con il movimento della vettura, velocità più alta più impulsi sul piedino della centralina.

Verifica comando della valvola EGR
Verificare che tra il piedino 6 e 19 (massa) sia presente una tensione di circa 12 volt con il motore spento e un impulso ad onda quadra a seconda dei segnali ricevuti dalla centralina

Verifica comando della elettro valvola anticipo
Verificare che tra il piedino 10 e 19 (massa) sia presente un impulso in onda quadra con il motore spento e un impulso ad onda quadra che varia con il motore in moto.

Verifica comando relè compressore
Verificare che tra il piedino 9 e19 (massa) sia presente una tensione di circa 12 volt con il compressore condizionatore spento e 0 volt con il compressore acceso

Verifica consenso all'avvio del condizionatore
Verificare che tra il piedino 44 e 19 (massa) sia presente una tensione di circa 12 volt con il comando condizionatore inserito, se non presente verificare anche il pressostato a tre livelli

Verifica comando della spia iniezione
0Verificare che tra il piedino 4 e 19 (massa) sia presente una tensione di circa 12 volt con la spia iniezione spenta e 0 volt con la spia iniezione accesa.

Verifica comando da pedale frizione

Verificare che tra il piedino 28 e19 (massa) sia presente una tensione di circa 12 volt con il pedale rilasciato e di circa 0 volt con il pedale premuto.

Verifica comando da pedale freno
Verificare che tra il piedino 26 e19 (massa) sia presente una tensione di circa 0 volt con il pedale rilasciato e di circa 12 volt con il pedale premuto. Piedino 50- Uscita comando per il contagiri

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

INIEZIONE LUCAS EPIC DIESEL CENTRALINA A 55 POLI Iniezione con comando elettronico della pompa diesel, il sistema è gestito anche dalla eventuale centralina del blocco motore (Code) Negativo di alimentazione misura in volt continui.
Verificare che tra i piedini 53, 52, 3 (masse di segnale) e massa, tra i piedini 54 e 55 (masse di potenza) e massa, con il motorino in fase di avviamento sia presente una tensione inferiore a 0,3 - 0.5 volt.

Positivo di alimentazione
Verificare che tra il piedino 20 e massa sia presente la tensione batteria con la chiave in posizione di marcia, deve scattare il secondo relè di alimentazione controllato dal sensore inerziale. Allo scatto del secondo reè devono essere presente la tensione di batteria sui seguenti piedini: pin 47 e pin 48. La tensione rilevata in questo punto deve essere superiore al valore di 11,5 volt. Si rammenta che in molte vetture il sensore inerziale comandando il secondo relè, la mancata accensione della spia candelette può indicare che l'interruttore inerziale è scattato.

Sensore giri
Verifica tra i piedini 14 e 53 (massa) (il valore ohmico del sensore è di circa 500 - 900 ohm ), in tensione alternata dobbiamo rilevare una tensione di circa 0,6 - 2 volt facendo girare il motorino di avviamento.

Sensore alzata iniettore
Verifica tra i piedini 7 e 50 (negativo non massa) (il valore ohmico del sensore è di circa 500 - 900 ohm ), il sensore è verificabile solo con l'oscilloscopio e dobbiamo rilevare, con il motore in moto o in fase di avviamento un segnale composto da un picco positivo seguito da un picco negativo di circa 1 - 3 millisecondi e con tensione di 300 - 600 millivolt, misurando con il multimetro tra il piedino 5 e massa dobbiamo trovare una tensione di circa 4 - 6 volt che servono per l'alimentazione del sensore stesso, vengono forniti dalla centralina.

***** Non sempre presente su Mercedes

Positivo di alimentazione dei sensori
Piedino 35 e massa dobbiamo rilevare la tensione di 5 volt di alimentazione posizione farfalla. Piedino 6 (alimentazione per i sensori nella pompa) e massa dobbiamo rilevare la tensione di 5 volt di alimentazione misuratore aria.

Sensore temperatura acqua
Verifica tra i piedini 17 e 52 (massa) (resistenza NTC con valori resistivi, con il cablaggio staccato di 2500 ohm a 20 gradi, 700 ohm a 50 gradi, 300 ohm a 90 gradi) Verifica in volt con l'impianto collegato dobbiamo rilevare i seguenti valori : - a motore freddo avremo una tensione di circa 3 - 4 volt - a motore caldo (elettro ventola già inerita) avremo una tensione di circa 0,5 0,7 volt - con sensore interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 volt

Sensore temperatura aria
Verifica tra i piedini 15 e 52 (massa) (resistenza NTC con valori resistivi, con il cablaggio staccato di 2500 ohm a 20 gradi, 700 ohm a 50 gradi) Verifica in volt con l'impianto collegato dobbiamo rilevare i seguenti valori : - a motore freddo avremo una tensione di circa 3 - 4 volt - a motore caldo (elettro ventola già inerita) avremo una tensione di circa 0,9 1,5 volt - con sensore interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 volt

Sensore temperatura gasolio
Verifica tra i piedini 19 e 6 (massa) (resistenza NTC con valori resistivi, con il cablaggio staccato di 2500 ohm a 20 gradi, 700 ohm a 50 gradi) Verifica in volt con l'impianto collegato dobbiamo rilevare i seguenti valori, tensione variabile da circa 1 volt fino a 3 volt a secondo della temperatura del carburante.

Sensore posizione anello camme (nella pompa)
Verifica tra i piedini 14 e 6 (massa) (il valore ohmico del sensore è di circa 500 900 ohm ), in tensione alternata dobbiamo rilevare una tensione di circa 0,4 - 2 volt facendo girare il motorino di avviamento. ***** Nella Mercedes viene montato sull'albero motore

Sensore posizione rotore distributore (nella pompa)
Verifica tra i piedini 9 e 6 (massa) (il valore ohmico del sensore è di circa 500 900 ohm ), in tensione alternata dobbiamo rilevare una tensione di circa 0,4 - 2 volt facendo girare il motorino di avviamento, al sensore viene fornita alimentazione attraverso il piedino 12 della centralina.

Verifica del potenziometro pedale acceleratore chiave inserita in
posizione di marcia Verifica che tra il piedino 10 e 51 (massa) sia presente : - con pedale farfalla a riposo si ha una tensione di circa 0,3 - 0,6 volt - con pedale farfalla al massimo la tensione deve arrivare fino a circa 3,8 - 4,5

volt Verificare il positivo di alimentazione del potenziometro sul piedino 33 se sono presenti i 5 volt

Verifica contatto di minimo pedale acceleratore
Verificare che tra il piedino 8 e 51 (massa) sia presente: - una tensione di circa 4 - 6 volt con il pedale rilasciato - una tensione di circa 0 volt con il pedale premuto.

Verifica del misuratore pressione assoluta chiave inserita in posizione di
marcia Verifica che tra il piedino 11 e 52 (massa) sia presente : - con motore spento una tensione di circa 2 - 2,5 volt - con motore in moto avremo dei valori variabili in base a quanto noi acceleriamo. ***** non essendo presente la farfalla le variazioni solo molto inferiori alla versione per benzina.

Verifica comando della portata carburante
Verificare che tra il piedino 42 (aumento carburante) e massa e tra il piedino 41 (diminuzione carburante) e massa sia presente: - un impulso in onda quadra con il motore spento e la chiave in posizione di marcia - un impulso ad onda quadra che varia con il motore in moto.

Verifica comando elettro valvola arresto motore
Verificare che tra il piedino 38 e massa sia presente : - una tensione di circa 12 volt con il motore spento - una tensione di circa 0 volt con il motore in moto.

Verifica segnale dal sensore velocità vettura
Verificare che tra il piedino 36 e massa sia presente un impulso ad onda quadra che varia con il movimento della vettura, velocità più alta più impulsi sul piedino della centralina.

Verifica comando della valvola EGR
Verificare che tra il piedino 49 e massa sia presente una tensione di circa 12 volt con il motore spento e un impulso ad onda quadra a seconda dei segnali ricevuti dalla centralina **** Su Mercedes è sul piedino 50

Verifica comando della elettro valvola anticipo
Verificare che tra il piedino 43 e massa sia presente un impulso in onda quadra con il motore spento e un impulso ad onda quadra che varia con il motore in moto.

Verifica comando relè compressore
Verificare che tra il piedino 46 e massa sia presente una tensione di circa 12 volt con il compressore condizionatore spento e 0 volt con il compressore acceso, se non presente verificare anche il pressostato a tre livelli

Verifica consenso all'avvio del condizionatore
Verificare che tra il piedino 26 e massa sia presente una tensione di circa 12 volt con il condizionatore inserito,

Verifica comando della spia iniezione
Verificare che tra il piedino 44 e massa sia presente una tensione di circa 12 volt con la spia iniezione spenta e 0 volt con la spia iniezione accesa.

Verifica comando da pedale freno
Verificare che tra il piedino 1 e 2 e la massa sia presente una tensione di circa 0 volt con il pedale rilasciato e di circa 12 volt con il pedale premuto, il contatto è doppio. Piedino 25 Uscita comando per il contagiri Piedino 40 Uscita comando per il centralina candelette Piedino 4 Linea diagnosi L Piedino 30 Linea diagnosi K Piedino 28 Collegati al regolatore velocità dove montato Piedino 29 Collegati al regolatore velocità dove montato Piedino 32 Collegati al regolatore velocità dove montato

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi

INIEZIONE DIESEL OPEL CENTRALINA A 55 POLI Iniezione con comando elettronico della pompa diesel, il sistema è gestito anche dalla eventuale centralina del blocco motore (Code) Negativo di alimentazione misura in volt continui.
Verificare che tra il piedino 18 e massa, tra il piedino 19 e massa con il motorino in fase di avviamento sia presente una tensione inferiore a 0,3 - 0.5 volt.

Positivo di mantenimento memoria
Verificare che sul piedino 16 e sul piedino 17 sia presente la tensione di batteria anche con chiave in posizione di riposo

Positivo di alimentazione
Verificare che tra il piedino 45 e massa sia presente la tensione batteria con la chiave in posizione di marcia, scatta inoltre il relè del pre riscaldo delle candelette. La tensione rilevata in questo punto deve essere superiore al valore di 11,5 volt Si rammenta che in molte vetture il sensore inerziale comanda la centralina

candelette e di conseguenza manca anche alimentazione alla centralina dell'iniezione.

Sensore giri
Verifica tra i piedini 47 e 19 (massa) (il valore ohmico del sensore è di circa 500 - 900 ohm ), in tensione alternata dobbiamo rilevare una tensione di circa 0,6 - 2 volt facendo girare il motorino di avviamento.

Sensore alzata iniettore
Verifica tra i piedini 5 e 12 (massa) (il valore ohmico del sensore è di circa 90 120 ohm in una versione e circa 500 - 900 ohm in altre versioni ), il sensore è verificabile solo con l'oscilloscopio e dobbiamo rilevare, con il motore in moto o in fase di avviamento un segnale composto da un picco positivo seguito da un picco negativo di circa 1 - 3 millisecondi e con tensione di 300 - 600 millivolt, misurando con il multimetro tra il piedino 5 e massa dobbiamo trovare una tensione di circa 4 6 volt che servono per l'alimentazione del sensore stesso, vengono forniti dalla centralina.

Positivo di alimentazione dei sensori
Piedino 33 e massa dobbiamo rilevare la tensione di 5 volt di alimentazione posizione farfalla. Piedino 34 e massa dobbiamo rilevare la tensione di 5 volt di alimentazione misuratore aria.

Sensore temperatura acqua
Verifica tra i piedini 53 e 19 (massa) (resistenza NTC con valori resistivi, con il cablaggio staccato di 2500 ohm a 20 gradi, 700 ohm a 50 gradi, 300 ohm a 90 gradi) Verifica in volt con l'impianto collegato dobbiamo rilevare i seguenti valori : - a motore freddo avremo una tensione di circa 3 - 4 volt - a motore caldo (elettroventola già inerita) avremo una tensione di circa 0,5 - 0,7 volt - con sensore interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 volt.

Sensore temperatura aria (potrebbe anche non essere presente)
Verifica tra i piedini 52 e 19 (massa) (resistenza NTC con valori resistivi, con il cablaggio staccato di 2500 ohm a 20 gradi, 700 ohm a 50 gradi) Verifica in volt con l'impianto collegato dobbiamo rilevare i seguenti valori : - a motore freddo avremo una tensione di circa 3 - 4 volt - a motore caldo (elettroventola già inerita) avremo una tensione di circa 0,9 - 1,5 volt - con sensore interrotto avremo una tensione di circa 4,5 - 5 volt

Verifica del potenziometro pedale acceleratore chiave inserita in
posizione di marcia Verifica tra il piedino 37 e 19 (massa) : con pedale farfalla a riposo si ha una tensione di circa 0,3 volt con pedale farfalla al massimo la tensione deve arrivare fino a circa 4,5 - 4,8 volt

Verifica contatto di minimo pedale acceleratore
Verificare che tra il piedino 25 e19 (massa) sia presente una tensione di circa 4 6 volt con il pedale rilasciato e di circa 0 volt con il pedale premuto. In alcune versioni è installato un secondo potenziometro, si comporta come il primo ma il suo valore massimo si ferma a circa 2,5 - 3 volt.

Verifica del misuratore portata aria chiave inserita in posizione di marcia
Verifica tra il piedino 38 e 19 (massa) : motore spento si ha una tensione di circa 0,3 volt con motore in moto avremo dei valori variabile in base a quanto noi acceleriamo il motore fino ad un valore massimo di circa 4,5 - 4,8 volt

Verifica comando attuatore della portata carburante
Verificare che tra il piedino 1 e massa e tra il piedino 2 e massa sia presente un impulso in onda quadra con il motore spento e un impulso ad onda quadra che varia con il motore in moto.

Verifica comando elettrovalvola arresto motore
Verificare che tra il piedino 3 e19 (massa) sia presente una tensione di circa 12 volt con il moore spento e 0 volt con il motore in moto.

Verifica comando della valvola EGR
Verificare che tra il piedino 6 e 19 (massa) sia presente una tensione di circa 12 volt con il motore spento e un impulso ad onda quadra a seconda dei segnali ricevuti dalla centralina

Verifica comando della elettro valvola anticipo
Verificare che tra il piedino 10 e 19 (massa) sia presente un impulso in onda quadra con il motore spento e un impulso ad onda quadra che varia con il motore in moto.

Verifica comando relè compressore
Verificare che tra il piedino 9 e19 (massa) sia presente una tensione di circa 12 volt con il compressore condizionatore spento e 0 volt con il compressore acceso

Verifica consenso all'avvio del condizionatore
Verificare che tra il piedino 44 e 19 (massa) sia presente una tensione di circa 12 volt con il comando condizionatore inserito, se non presente verificare anche il pressostato a tre livelli

Verifica comando della spia iniezione
Verificare che tra il piedino 4 e 19 (massa) sia presente una tensione di circa 12 volt con la spia iniezione spenta e 0 volt con la spia iniezione accesa.

Verifica comando da pedale frizione o da parcheggio/folle
Verificare che tra il piedino 28 e19 (massa) sia presente una tensione di circa 12

volt con il pedale rilasciato e di circa 0 volt con il pedale premuto.

Verifica comando da pedale freno
Verificare che tra il piedino 26 (anche pin 31) e19 (massa) sia presente una tensione di circa 0 volt con il pedale rilasciato e di circa 12 volt con il pedale premuto.

Piedino 41 Piedino 8 Piedino 11 Piedino 27 Piedino 42 Piedino 40 Piedino 43 Piedino 50 Piedino 20 Piedino 24 Piedino 36 Piedino 29 Piedino 39 Piedino 35 Piedino 21 Piedino 14 Piedino 51 Piedino 54

Collegato alla centralina candelette Collegato alla centralina candelette Collegato alla spia candelette Linea diagnosi Linea diagnosi Collegato al cambio automatico Collegato al cambio automatico Centralina cambio automatico Collegato al regolatore velocità dove montato Collegato al presso stato a tre livelli gas aria condizionata Interruttore temperatura centralina di iniezione Collegato alla centralina code Collegato all'attuatore pompa di iniezione Collegato all'attuatore pompa di iniezione Collegato all'attuatore pompa di iniezione Collegato all'attuatore pompa di iniezione Collegato al sensore posizione pedale Collegato al sensore posizione pedale

Lorenzo Bellinati Inizio documento Prodotti Home Page

Servizi