You are on page 1of 1

RIVOLUZIONE FRANCESE

Dichiarazione universale
dei diritti dell'uomo e
del cittadino.
Luogo : Francia
Periodo : fine 1700 (XVIII secolo), 1789

La “Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo e del cittadino” è un documento giuridico


emanato, sulla base della Dichiarazione d'indipendenza americana, in Francia il 26 Agosto 1789.
Rappresenta l'antenato delle moderne costituzioni.
Il 15 luglio 1789 l'assemblea nazionale costituente affidò a 5 persone il compito di formare una
dichiarazione dei diritti che sarebbe stata inserita nella Costituzione. Nell'agosto il testo venne
discusso nell'assemblea nazionale e il 5 ottobre fu accettato dal re Luigi XVI.
Questo documento fu molto importante e gran parte del suo contenuto confluì nella moderna
“Dichiarazione dei diritti” emanata dalle Nazioni Unite nel 1948.

E' composto da 17 articoli contenenti i principi e norme fondamentali che regolano la vita degli
uomini tra di loro e con lo stato.
L'articolo 1 parla del principio dell'uguaglianza tra tutti gli esseri umani; ne segue nell'articolo 2
l'elencazione dei diritti naturali e imprescrittibili
dell'uomo ovvero:
– libertà della persona;
– proprietà come diritto inviolabile,sacro;
– sicurezza;
– resistenza all'oppressione.

Di grande importanza è anche il principio di sovranità


democratica (art 3): “il principio di ogni sovranità
risiede essenzialmente nella Nazione" . L'articolo 4 e
5 danno i limiti dei diritti contenuti nei primi 2
articoli,affermando che “l'esercizio di un diritto non
può nuocere ad un diritto altrui e che la legge può
limitare questi diritti solo nel caso in cui nocciano
alla società”.

Gli articoli centrali parlano dei rapporti fra cittadino e


stato: “La legge è espressione del volere del popolo”
(art 6) Principio di legalità e di innocenza dell'imputato
(art 7-8-9).
Gli articoli 10 e 11 tornano a parlare delle libertà
mentre gli ultimi parlano dell'uguaglianza dal punto di
vista sociale rovesciando le norme dell' Ancienne Regime,con i vari privilegi del clero e della
nobiltà.
Nel 1793 e 1795 la Dichiarazione fu ampliata con altri articoli,mai risolvendo il problema della
disuguaglianza tra i sessi e il problema del voto. L'ultima versione contiene 35 articoli.