You are on page 1of 1

COMUNE DI PIETRABBONDANTE

PROVINCIA DI ISERNIA
Sede: Via Municipio, n° 2 Telefono: Centralino 0865/76130 – Sindaco 0865/76272 Telefax: 0865/769079 E – mail: municipio@pietrabbondante.com

Data, 23 novembre 2010

COMUNICATO STAMPA
Il giorno sabato 4 dicembre 2010 alle ore 1100, il prof. Adriano La Regina terrà la conferenza “Pietrabbondante. Scavi archeologici 2010” presso la sala del palazzo Carosella in Pietrabbondante, in cui presenterà le novità emerse durante la campagna di scavo 2010 nell’area archeologica di Pietrabbondante in località Calcatello. Le indagini archeologiche eseguite quest’anno nel santuario sannitico dall’Istituto Nazionale di Archeologia e Storia dell’Arte di Pietrabbondante, d’intesa con il Comune e con la Soprintendenza ai Beni Archeologici del Molise, sono proseguite nell’ambito della domus publica adiacente al complesso del tempio-teatro, ed hanno consentito di definire l’assetto dell’area destinata agli alloggi degli schiavi. Un altro settore esplorato è quello delle tabernae, tra il teatro ed il tempio minore, ove sono stati rinvenuti un sacello e, addossato ad esso, un fulgur conditum, ossia la sepoltura rituale di una folgore con gli oggetti da essa colpiti. Con un terzo sondaggio si sono individuati i resti di un nuovo edificio sacro con numerosi oggetti votivi, tra i quali una statuetta bronzea di Ercole e frammenti di armi. Questa conferenza si inserisce fra le molteplici attività del Comune finalizzate alla valorizzazione del patrimonio archeologico del suo territorio. Sono infatti in fase di completamento i lavori per il Museo in cui, con la collaborazione della Direzione Regionale dei Beni Culturali, saranno esposti, in un prossimo futuro, una parte dei reperti provenienti dagli scavi e materiale documentario sul Santuario Sannitico. Si prevede inoltre, nell’ambito di un progetto specifico del Servizio Civile, di rendere presto fruibile al pubblico l’area dei nuovi scavi della domus publica e di allestire un nuovo punto turistico di prima accoglienza nell’area archeologica. Il Sindaco Giovanni Tesone