You are on page 1of 1

L'Inghilterra nel XV secolo.

L'Inghilterra, dopo la fine della guerra dei Cent'anni,


vide un periodo di crisi dinastiche e guerre civili.
Nel 1453, Enrico VI Lancaster, cominciò a dare
segni di squilibrio mentale e venne subito deposto da
un ramo laterale della famiglia: gli York, discendenti
diretti del re Edoardo III. Tra le due fazioni iniziò
una grossa guerra civile, chiamata in seguito “guerra
delle Due rose” per via degli emblemi delle due
famiglie rappresentanti due rose rossa e bianca.
La guerra vide come protagonista la nobiltà Ritratto di Enrico VI, il “re
cavalleresca che, stremata dalla precedente folle” d'Inghilterra
guerra,venne decimata.
La guerra si concluse nel 1485 con l'affermazione della dinastia dei Tudor.
Enrico VII Tudor, raccolse un regno distrutto dalla guerra, ma anche
liberato dalla vecchia nobiltà feudale; egli poté allargare le file dei nobili,
creando un'aristocrazia a lui fedele, così poi da riuscire a creare un
apparato statale forte i grado di essere al passo con quello francese,
stabilendo buoni rapporti con gli altri stati e inaugurando una politica
aperta nei confronti della classe borghese.

Emblema della
Emblema della famiglia
famiglia Degli York
dei Lancaster

Situazione inglese nel XV secolo