ANGELO BONGIOANNI

NOMI E COGNOMI

~aggio di ricerche ettrnelegiche e storiche

F.lli Socca - Torino 1928

PREFAZION E

Se il let tore benevolo (mi sia Iecito sperate di averne almeno uno) vorra dare una, occhiata alln « Bibliografin . di cui ho creduto mio dovere corredare questa operetta, osservera che finora in Halla pochi studios: hanno rivolto la 101'0 attenzione aile ricerche onornastiche, mentre altre nazioni posseggono ricchissimi repertorii, utili sla agli scienziati che alle persons di media cultura che, per soddisfare unn curiosita non infrcquent e, ccrchino I'etirnologia 0 lo ragioni storiche ill un nome 0 di un cog-nome. Eo vero che, per quel che riguarda i cognomi, ht «( Dissertazione . del Muratori (« Antiquit. Itnlicae » XLII} e tutt ora un esernpio insigne di indagine critica e contiene certe norme Iondamentali, alle quali si attenucro it Cibrario, il F'lechia, e quanti anri si occnparono di questa materia,

Di norni di persona, 0, come si dice pill comunemente, di battesimo, anche se si parla di non ba.ttezzuti, abbiamo qualche dizioriarietto, con intento divulgutivo, eli cui non e qui il caso di discutere i pregi ed i ditetti, tanto pili che queste operetre orrna! dittlcilmente xi trovano nel comrnercio librario. ~la. non e~e ill

\'111

I'HEFAZIO:"< F:

Italia uri'opera paragonabile, ad es., :a quella del Forstemann per l'onomastica germanica. Mi affrctto a dichiarare ehe C lungi da me il temerario proposito di fare in questo campo un'opera, per cosi dire, definitiva e monumentale. It mio intento c molto modesto: partendo dal principio che il cognome e xempre un patronimico (in qualche caso un matronimico), anche quando derivi da un soprannome, 0 du un mestiere od ufficio, ecc., e che nella formazione dei cognomi la fonte pili copiosa e il nome personale, ho voluto studiare e porre in luee Ie innumerevoli e talora in apparenza strunissime variazioni ehe il nome subisce nell'uso popolare dei varii dialet.r.i, ed i cognomi ehe ne derivano.

S'intende ehe tralascio, di regola, i cognomi eli cui l'etimologia e evidente; sarebbe lavoro tl'0PPO facile, e di nessuna utilita,

~la quali so no i limiti dell'onomastica itaIiana f Certi nomi, popolari e tradizionali in una parte dIt.alia, nelle altre sono sconosciuti; molti sono caduti in disuso, rna sopravvivono nei cognomi; cia vale principalmente per i nomi di origine germanica. Inoltre, nell'imposizione dei nomi concorrono il sentimento religioso, la tradizione, il costume, ia rnoda, le opinioni politiche dorninanti, e l'arbitrio personale. La religione suggerisce di imporre al neonato il nome del Santo 0 della solennita del giorno natalizlo: per tradizione, nelle dinastie regnanti 0 spodestate, neUe famiglie nobili, ed in molte famiglie contadine (anche questa e una aristocrazia !) si ripetono i nomi degli ad, I rornanzi,

PREFAZ[O:-<};

IX

it teatro, 10 seiocco esotismo danno voga a nomi « dis tin ti I) 0 « signorili 1): non « Massimo) rna (I Max »; chiamarsi « Francesco) e da plcbeo ; « Franz J), « Francis» sono da gente per bene; (~ Margheritc, J) c giu di moda: una signorina « up to date J) si chiarnera « Daisy 1).

Da romanzi, popolari al lora tempo, ed oJ;.£i dimenticati, ci vennero « Ivanhoe I), « Raoul ", « Gontrano e ; dai libretti d'opera c Osear », «Carmen I), « Dolores ,I, « Aida). La passione patriotic a, sostitui ai nomi dei soliti Santi quelli 11i illustri Roma.ni~ 0 di martiri della Patria ; Garibaldi fu il primer, credo, che ai suoi fig-Ii i rnpose due cognomi, in Iunz ione di nomi p .. rsnnali: Menotti e Ricciotti. In tempi non lontuni, quando in qualche (tl'ovinein. d'Ita-lin. rrionfav« il sovversivismo, spuntarono i nomi di « Marx I), (I Comunardo I), «Caserio I), «Uiavolindo», e simili stranezze, pel' non dir pegzio. L'arbitrio, pel' 10 piil paterno, introduce altri norni; il FIUlHlgalli atferma di avere eonosciuto un (I Zorohabele » ed un « Vaudregtsilo n , G Ii ."i pu(, pre,.; ta,l' fede: io conosco un «Anassagoru.», un (I ;;'enoronte )}, un « Lincoln », un (I Washington 'J. Mol tutti questi norni, a mio gtudizio, non hanno diritto di cittadinanza in Italia.

10 ho limitate Le mie rieerche a. pochi ~!ruppi di nomi:

10 N orni di Santi, ° di significato religioso, anche se usati in brevissimo territorio; ad e . ..;., (~ Chiaffredo i a Saluzzo, {( Giovenale J) a Fossano, « Oronzo » a Lecce, {I Letterio I) a Messina. II Gavino . in Sardegna, ecc.

x f'KEFAZIONE

20 Nomi longobardi 0 franchi, che sopravvi vono al meno in un cognome.

30 N orni derivati da poemi e rornanzi del ciclo carolingio a del ciclo eli Art u.

40 N ami, schiettamente i taliani e special:

mente toscani, che esprimono un augurio od una prornessa, come (1 Benvenuto I), (1 Bonaventura I}, « Allegranza I), eee., od alludono al momento della nascita, ad C1S., (1 N ascinguerra I), «( Fin iguerra I) e simili.

C on questa umile fatiea mi lusingo di aver portato un p ieeolo contributo all'onomastica italiana.; direi «( uu mattone I) alledifizio ch« altri con pin ingegno e dottrina sapra elevare: rna so che cosa significa (i mattone ,> nel gergo dei giornalisti; valga a mia sensa la soarsa mole del mio libro.

A. B.

A

Abbondio.

No me di otto Santi, dei quali i piu noti souo S. Abbondio ma.rtire a Ro ma so tt o Valeriano, e S. Abbondi« VeSCO\'o di Como, m , 469, 2 aprile.

Cogu. A von do (Valsesia), Aonz o (Liguria), D' A buml o.

D' A vuridio (I tali a meridionale), Aondio, , Bondi, BOil. dioli, Del Bondio (Lorn bardia) .

. \belardo, Abailardo,

La st oria con osce un Abai lard.o, tiglio di Drogonrd ' A Ita. v illa, ribelle al padre, e profugo a Costantino. poli. dove mori poco dopa il 1080. Pro bahil mente iI no rn o non e che uua forma. Irancese di Eberhard (ntl! A verurdo). :::'i tro v a anchr- negli ~caligcri.

Cog n . Be llurdi. V a.llar di. Velardi. H uj arrl i -rli ni .

Bo iardo ,

X. d, 7. Baiardn (Liguria).

Abele.

Pro babilmentu significa « fig lio II.

e no d.ei nomi d e ll' A ut ico Tcst amvn to. acco lti nr-I. l'onl)wa:;ticD. e ri:., ti all 3.. t·: an cue nome d i due Santi. uno fraucese e l'u.ltr o ted esco. rna non Iu rn ai molt» diftuso in I t alia.

COgH. Hrlotti (Bergamo). se n o n e u n dertvnt o d a Bello (Bellotto). In documcnti piernoutesi si trovu A be llonio (oggi cog no me). che taluno crede e quiv aleu te ad Apo llo nio: o piniouc non accet.tata dal POllia, F or se la so nugl iauz a col meridionale A vellone non e che ester ior e.

2

A. BO~GIOANNI

Abramo.

Significato «alto padre».

Abbastanza frequente in Italia, sebbene dei cinque Santi di questo nome quattro appartengano alia Chiesa orientale. Tutti dei primi secoli del Cristianesirno.

Uoqn: friulani Abramo, Bram, Bram es, Br amos, -moso, Bramus, Bramezza, Bramuzzo.

~ ella toponomastica, ricorre due v olte in provincia di Cuneo, rna non i; escluso il nome germ anico A 1:eramo.

Acacio.

Di significato equivalente al latino lnnocem, Innocentius. Oggi disusato : rna in altri tempi dovette essere frequente, essendo l'etimo di molti cognomi e nomi di luogo, talora in concorrenza con Cassio, Casaiano. Sei Santi, tutti della Chiesa orientale. Fu usato anche !n Francia: Agace, Agasse.

Coqn: Agazzi, .zzini, -zzoni (Lombardia) donde probabilmcnte l'emiliano Lagasi e i lombardi Ragnazi, -zzini , -zzoni. In Piemonte e Liguria Gazzola, Cassola, Gazzelli, Gazzino, Cassini, Gazzone, Cassone, Gazzolini, Cazzulini, Cassolini , in Friu li Cusei, Cassetti; nell'Emilia Gazzetti, Gazzotti; nel Trentino Gazzoletti.

Nella toponomastica: I' Acquasola (Genova), che in genovese non e aequa sula; come dovrebbe essere se il travestimento Italiano non fosse erroneo, rna acassoea; Agaggio (frazione di Triora, S. Remo), Agazza (Varallo), Agazzana (Piacenza-Siena), Agazzino (Piacenza), Gaggi (Sondrio), Gaggio (quattro in Lom bardia), Gaggino (Como), donde Gaggini, eognome di una. farniglia di scultori che dal sec. XIII-XIV al XIX lavoro in tutta Italia, dalla Lornbardia 301 F'riuli ed alla Sicilia; non so quanti Gazzo, Gazzolo, Gazzuolo - ed aneora in Lorn bardia Cazzago, ed il turpe, in appa.renza., 'I'revis de Cazz (Valeamonica); forse Gassino (Torino, in piemontese Gasso).

NOM! E COGNOMI

3

Pel' aleu ni di questi toponimi, e specialmente per liguri, si puo addurre l'etiroo acacia. In genovese agaggio e nome di pianta, non sap rei esattamente q uale, N essun vocabolario 10 registra; rna Garibaldi, che in farniglia parlava genovese, nel testamento dispose che Ie sue ceneri Iosscro depostn in luogo da lui prescelto II presso l'agaggio ».

Accarisio.

£ torse la prcferibile tra le varie forme di q uesto nome germanico, di oscura etimologia: .ilceri8, Acheri8. A qeris, Acerisiu8 (docum , F'arfense 770). In Dino Compagni Accierito.

Coq«. Accarisi, Acciaresi, Acciarito, Agge, Aggeri, Carisio (~), Garizio en, Assereto n), Assaro tt] (~).

Accursio.

Un S. Accursio francescano martire 301 j{arocco 1220, 16 gennaio ,

Vedi Buonaccorso, sotto BUI):--lo.

Achilla, Achille, Aehilleo.

Nome d i cinque Santi dei primi secoli (Ss. Nereo ed Achilleo, rn ar tiri, 99, 12 maggio).

Gogn. Achilliui (arnmisaibile anche Aquilino). Probabili Chiletti, Chiloni (rna in concorrenza con ?lIichele). Chilesot.ti mi pare procedere da Achilles. Forme analoghe sono frequcnti nei nostri antichi scrittori:

Cleo patras, Dioqenes, Empedoclis, Ercoles, Pata-midis ecc.

Acuzio,

:\lartire a Pozzuoli con S. Gennaro, Ill. 309. Coq n . meridionale D'Acuzlo.

4

A. 1I0:\(HOASSI

Ada.

In ebraico: allegra, Iieta. N orne oggi non raro, scnz'altra ragione forse che la predilezione di certe farniglie per i nomi bisillabi, I Romani li preferivanu per gli schiavi,

Ada.1bero, Adalberone, Albero, Alberone.

Radici adal = nobile e bero = orso. Due Santi. e due Beati, tutti tedeschi; da non confondere con Adalberto.

Dante (Inferno, XXIX, 100) fa menzione di lin Albero da Siena.

Cogn. Albero, Alberini, Alberoni. Per i piernon tcsi Berrini, Berr uti, Berutto e forse piu probabile Burbara, Barbaro. Vedi a suo luogo.

Adalberto, Adelberto, Alberto, Etelberto.

Radici germaniehe adal, add = nobile, uohilta, c behrt = illustre. Dod.ici Santi; uno vescov o di Praga, rn. 597, 21 aprile; uno vescovo di I\lagdeburgo, m. 981. 20 giugno; rna il pill celebre e il B. Alberto Magn o vescovo di Ratisbona, m. 1280, 15 novembre. Di tutti i norni germanici colla desinenza bert e di gran lunga il pili diffuse. sin. in Germania che ill It.alia, Percio da esso, anztche d a Lamberto, Ruberto, ecc., e proba.bile ehe derivino gli innurnerevoli Berta, Berti, -tacchi, -bacci, -tazzi, -telli, -tetti, -toni, -totti, -tini,

-tucci, -tuzz.i, in tutta Italia. In alcuni derivati di

seconda 0 terza mano, del nome originario non riruanu che l'ultima consonante, con uno ° due auffissi. Cosl da Bertacchi, Taechi, Tacehetti, Tacchini, Tacconi; da Bertacci, -tazzi, Bertaceioli, Bertaccini, Bertazzi, Ber. tazzoli, Tazzi, Tazz6li = Bertucci, -t azzi. Tucci, Tuzzi. Bertocchi, Tocchi, Bertozzi, Tozzi. Da Albertano (Brescia, sec. XIII) Bertano. In cornposizione con

NOMI E COGNOMI

5

Bartolomeo, Tuccimei. :Ma per Albertario, Bertarione, Bertieri, Bertoli, -lazzi, -letti, -Iini, -loni, -Iotti e da vedere Beriarito i Berthari in ~ Origo gentis Lango. bardorum n). La scarubio b = p e frequente nei norni tedescb.i, ed avviene anche in cognomi italiani: d] origine tedesca: Berbele, Per tile (Sette Cornuni).

Berto, per una mutazione di consouanti che no n mi pare contraria aile leggi glottologiche, pub divenire Verde. Ab hiamo cosi una serie parallela: Verdi = Berti; Verdelli = Bertelli; Verdes! = Bertesi, Verdoia = Bertoia, Verdolini = Bertolini; Verdoni = Bertoni.

Vedi esempio analogo sotto Bertratuio,

Adalgiso, Adelgiso, Adelchi.

Da tulnl. = nobile, egis = ostaggio, oppurc kis = lancia. .1delchis in (( Chron. Gothau. Aflelchisius" in diploma 745. Adelgisiu8 in docurn. Montecassiuo.

Cogn. AIghisi, Algisi, Ghisi, -sini (~), Chisi, -sini (n Chigi (~).

Adalpreto. V. Adalbertc.

A Trcnto e v eneruto i l HSCOVO ~. Adalpreto. m. 1181. Coqn, Pretti (n. Prezzi (no Prezzolini (~).

Adamo.

Piu in usa tra gli Israeliti ed i Protesbanti, che non tra i Cattolici, sebbene sia nome di due Santi. Erequenti i COg1!. Adami, Adamini, Adumoli, Ad em ollo (trentino). "MI)lli (1), Molo (?).

Addolorata. Vedi ill aria. Adelaide.

Germanico Adelheit, dalle radici adal = nobile e heit = chiaro, splendido.

6

A. BONGIOANNI

Varianti Adelasia, Alagia (Dante, Purgatorio, XIX. 142), Alasia, Adele. Adiletta (anehe cognome) Diletta.

In Piemonte, cogn. Ala, Allasia, Allason, Alasona tti (proprio di Ala di Stura, dove circa. un quarto della popolazione e di q uest o casato). In Lorn bardia Alesina, Allasina, e piu vicini al nome gerrnanico, Deleidi, Leidi. Di patria. non determinata Alazctta., Alzetta. In Fri uli Alsona, Alzona, Aita, Leita.

Esiste pure in Savoia, se non erro, it cogn. Aleyson. Delle varie Sante di questo nome la piu venerata in Itulia e Adelaide moglie di Ottone I, 16 dioem bre.

Adelardo, Alardo, Aleardo.

Germanico Adalar, Adalhad, femminile Adallucrda ; dalle radici adal = no bile cd hart = forte, ardit o.

S. Adclardo abate di Corbia, m. 827, 2 gennaio.

COg1!. Adelardi, Adilardi, Alardi, Aleardi, Allara, Agliardi, Lear di,

Ade, Adimaro.

Gerruanico Audomar; dalle radici aud, od = patrimonio. schiatt.a e mar, mers, mari = celebre. S. Audomaro (in francese St. Omer) VII secolo, 9 scttem brc, Nella formazione di cognomi concorre can vari no rni di uguale dcsinenzu (Valdemaro, Folmaro, Guaimam, ecc.),

Uoqu, Marin, -ni, -netti, -uoni, -u et ti (concorre ill questi il latino Marinu8), Maratti, Maruzio, Marazz}, Marelli, Maroni, nIaroncelli, Maracchi, Marucchi, De Mari, !l1ll.ri. Il nome femminile Maroz ia fu, nou ricordu da chi. interpretato per Mariuceia, il Briickner registra, Bulla fede di documenti Farfensi, Maroza. Per il facile scarnblo a = 0, d a Amari: Amaretti, Amoretti. Dal francesc Aymar il piemontese Ajmale e d a Omar, Omer (St. OmeT = S. Audomaro) il novarese Omar.

NO)lI E COG:'O~ll

7

Ma per quest.'ultimo e da. tener presente un Odemaru» vescovo di Novara, 1235·50.

)Iolti SODO i toponimi. Amaro in Carnia (in villa de Adarnaro 1291, doc. Glossario Prampero). Il Maro (donde it coqn . ligurc-piemon tese Marro), Borgomaro. (Genova); Borgomale (Alessandriu}, Manis (frazione di Sospirolo - donde i cog'lI. veneti Maras, Marassa to -), Mareue, }la.rone, Em arese (Aosta); donde i l COg1!. piernontese Irna.risio, il Bosco Marengo (Adima· ringus), Rua Marenca (frazione di Monbaldo-Mondovi), donde i coqn. Marenco, Marengo, Marenghini. N e i eoqn, Iiguri- nizz ardi )10re110, Mereu eoncorre A n~eLio. klllerio (vedi a suo luogo).

Adeodato, Vedi Diodato.

Adinolfo, Atenolfo.

Germanico Atlian ul], Aden ul], Dn athu» -- ann o C icul] = lupo, guerricro.

Coq», Atinolfi. Adinolfi, An dinolfi.

Adolfo, A taulto.

Radiei germaniche adal, at hal = nobile e wol], uiul] = (Ill po e, per trnslato, guerrrero}.

Cogn. Alfazio (piemon tese = Adoljaccio). N el cognorne Dolfi, ecc, eoncorre con Gandolfo, Rodoljo, eec. La spiegaaione tradizionale del veneto Dolfin = dclfmo. da un Gradenigo eosi soprannomiuato perche fortissimo nuotatore, mi pare una atortella araldica. E se bbene esistu u n i S, Delfino, e d il d elfino, di cui tanto Iavoleggiarono gli antichi, sia anche un sim bolo cristiano. riferirei ad Adolfo 0 Rodolfo sia i1 cogn. piemontese e ligure Delfino, che il Dauphi'n dei Conti 0 Delfini di Vienna (Adolfingi 0 Rudolflngij ). Argomento in conferma mi pare Ill. forma provenzule Dolfi»:

8

A. BO:SGIOA~!oiI

Adone.

C'e un S. Adone vescovo di Vienna, sec. IX, 16 dicembre , rna il nome e germanico, variante di Atto, A ttone, Azzo, Azzone.

Cogn. Adoni (meridionale), Doni, Douiui (toscuni),

Adriano.

Da Adria, cittll antichissima che diede il nome al ~lare Adria.tico.

Norrie di dieci Santi. S. Adriano papa, sec. IX, 8 luglio. In q ualche dialetto, .-l tulritino, Andreano, divenuto cognome .

. igamennone.

Greco, di etimologia incerta, Secondo il Pape, significhere b be stabile, costan teo E il cognome del Direttore dell' Osservatorio di Rocca di Papa. Non saprei darne una spiegazione. Si trova in qualche genealogia di famiglie no bili.

Agapito, Agapeto, Agabito.

In greco = arnabile, diletto.

Per l'Ltalia hauno speciale importuusa S. Agapito papa. (il « benedetto Agapito » di Dante) e I'omonimo Patriarca. di Aquileja, successore di S. Ermagora. Agapit era aneora in usa in Friuli al tempo dello Zorutti. Di qui una. lunga serie di cognomi: Pit, Pitt, Pitacco, Pit assi, Piticco, Pitocco, -cchlno, Pitotti, Pittini, Pittis, Pittoni, Pituello, Pettoello, Petov el (si trova anche a Neucliatel, rna mi pare evidente lorigino Iriulana). Meno frequente, in Fri uli, ..:lgabito, donde Gabos, Bit, Bitti, Bittolo, e forse il veneto Butto ('Ai'(.l:HT6~). Da AgapitianU8, Pittiani, Pittana, Peteani (81a,,0'). Fuori del Fri uli Agapito (famiglia no bile Trieste). Pet-

XO~1l E COG~O~lI

tazzi (piemQntese). Pettazzolli {Iombardo} e forse Pabu zzi (veronesej e per con trazione Appiobti (pieruontelie). )£a. Iuori ~lel Fritili prevalgono Agabito. Agabio, Aycibo, donde in Piemonte G-a,betti. Gabotto. Gabu tt.i, Cabutfi, Gabuzzi, Gavuzzi (i quattro uItimi in terr i turio Iang hese-monferrmo, dove ii edi si coufcndouo}, Hidone e forse i bisillabi Butt.i, -tt ini, Buzzi, Botti, otto. In Lo mbardia Gabbioli. Gabellt, Bitelli, .tetti. Bielli, Bietti, BioJetti. NOll l; da escludere ebe, per il fr eq uen te scam bio p, b , v. g, Agapito in qualche coguome (Vitelli, Vitetti, Vietti, Viglietti, ecc.) couccrra con Guido o Vito). J fruncesi Cabet, Capet, G[!l!d'~

Agata.

Dnl greeo aqailio« = buonu, S. Ag.'lta. mart. 2;) I. 5 febbraio, ruolt.o venerat a a Catania.

Agatino.

~lartire in Prigia , 20 set.ternbre .

.Agatone.

Nome di sci :5auti. Bant'Agatoue. papa. lll. 6S3, 10 gennaio.

Questi tre nom i SOIlO I'ctimo piu probabile di ruolt.i cognorni che a. tutta. prima purrebbero der iv are d a " gatto 1I; Gatteschi (Agu.teschi}, Gattelli, -t cmi. Della Ga.tta (doppioue eli Dell'Agatu). Con mono probabilit.a i saluzzeai Catone, Chiatt.onc, perc he u ei dialett.i alpini piemontesi ~ norrnale I' ammollimento della gut.turale (cint, qiat , ciaval. ecc.). Nella desinenza. del cognome ligurc Gattorno forse e da ravv isare uo residuo del genitivo p lurale.

Aghinolfo .

.Agynulfus, .1ginultus in documenti 753-758. Da

10

A. BO~GIOA~~I

ltg. lIgi, Iatino aeies, acutu8, e wulf = IUpD, guerriero. Variante di Agilulfo.

Cogn. Aghinolfi. Anghinolfi, Anolfi, Ghinolfi.

Agilmondo, Agimondo.

E. il primo nella serie dei re longobardi. Vedi «Origo geuris Langob. n "Chronic. Gothan. l>, Paolo Diacono, Dn (11/. aqi! = latina aeies, aeuius, o mund = difesa, protezione. In docum. Farfensi 745 Acim1t1tdu8. 7;i2·62 Hi se mun.du«, 767 Agi-mulldus.

Coq»: lomb. Azimonti.

Topou. Esemon (Carniu). Esimontc (Suea).

Aglltruda, Vedi Geltrude.

Agllulfo,

Forma toscana Ajolfo (AjoIfo del Barbicone, poe· met.to popclare sec. X I V). Dallo .rudici agil (forrna u rn p liat.a di ag, ecke, egge = taglio, spada. efr. il lanino ar:i('s) ed il gi!l uoto ieul] (lupo, 0 guerriero).

Coqn, Ajolfi (tosca.no), Aluffi (piemoutese). Per I'a:;· sirnilnzioue, cfr. Rolfi, Rulfi, Ruffini, Ruffoni, ecc., da Rodol]o, Garoffi, Baruffi, da Garoijo, ecc.).

Secondo il Poma Ajoljo non e una variante di Agi. lulto, rna un nome p~r se stante (Agiulj}. Tuctavtn a me' .par e che le rad.ici so no su per gill Ie stesse.

Agnello.

Puo essere una variante di Aqnolo, rua e auche nome per se stante, spiegnbile col significato sirnbolico dell'uguello riel cui to: criatiano. S. Agnello abate, fine sec. IV, 14 settembre, e uno dei patroni di Napoli.

Coq«. Agnclli e forse Anelli, AnieIJo. Esistono anche i coqn . Agnusdei ed Agriede. Nulla. di strano; ai tro-

xoxn E COG~O)n

11

vano anche i cogn. analoghi Paternostro, -noster. e perfino Kyrieleison.

Agnese.

III greco, pura, casta, ::;:.. martire 304, 21 gennaio. It cogn. friulano-cadortno De!!' Anese rcridereb oe verosimilo auche l'etimologia di Dnneai, -sini. 1Ia « il Danese" (Uggicri) Iu uu eroe molto po polare. Du Agncsc il friulano Gnesutta, nw nOD CUl.'sotto (in Valsugunu, on. Aguedo 'n. d. l.) .

. \.gostino.

Dcriva to da Augusto. ~. Agostino, Padre (leila Chiesa. m. 430, 27 agosto. Comune ill 'I'oscana Gosto (cbc puo ane he essere .1 ugusto).

Coqn, veneti-trentini Oatini, -nelli, -no ni.

In Fri uti Agosti, U stinat, Usunon, Stinat. Per qucsu'ultimo. amrnisstbilu anche Stin SIC/(IlIO, accolto nella toponomastica ufficiale (S. Stino di Livenz a). 11 cornposro Bonaguzio (friubno) probabil mente e quivale a Bon :igust. gus = Buonagostino.

Il 10 m ba.rdo Agostco mi pare di origino bergamasca

o bresciana (.4g08Ii. -stc).

Agricola.

£: lequivale nt.e Iatino di Gheorghios-

In Francia e venerate col nome di Saint .1reqle 0

S. Arille un vescovo di Chalons-aur-Saoue, del V secoro. J 0 Italia S- Agricola, m artire coo S. Vitale a Bologna. satto Diccleziano, 4 novem bre. In Friuli San Griclll i: il patrono dei coutadini che vi vono Btll proprio.

Cogn. Grigoletti, Grigolon (non e da escludere Gregorio). In Agricola (nobilta receotc) it Po m a ruvvisa la traduzione de) tedesco Ackermann, 0 Bauer; cio e vero per i vari Agricola tedeschi (vedi i dizionari uiografiri) rna non per if cognome friulano.

12

A. BO!o<GIOA!o<!o<I

Agrippa, Agrippino, Agrippina,

Cognomc romano. Significa « nato coi piedi inuauzi '. Un S. Agrippino vesco vo di Como. 607-0 };3. Ii giugno; S. Agri ppina, m art.ire sotto Valeriano, patrona di Mineo. II nom e e usato ill Sicilia.

Forse i coqn . lorn burdi Grippa, Crippa, Griffini.

Aicardo.

Aicardus, francese .-1ehal'd. ~allto fruncese, secolo VII, 15 settembre.

Etimologia incer ta , Iorse da ag, tlgi = taglio. spada, Ie! ha ri = forte. X orne ehe si tr o v a in gcuealogie di Iarniglie p ie mon tesi e meridionali, Iorse importato dai ~ ormanui.

Coqn, Achiardi (meridionale), Aicardi, Eicardi. Icardi, I cheri (piemontesi).

Aimo, Aimone, Arnone.

Dalla rad ico germanica haiuis, hai m. = easa, luogo abitato, ch c riup pur-e in molti nomi cornposti. I " Quattro figli d i Aimone» div en nero popolari in It alia non meno ehe in Francia.

Gogn. piemontesi Ai mo, Aymo, -rnini, -mo ne, -rnassi.

Irn assi, Irnazio, veneto Emo.

L'uspiruta germanica t.alora si raff'orz a, d.iventand o gutturale. Coqn, lornbardo Caimi, -mo.

Alamanno.

L'etimo pin probabile e dul popolo omonimo. Norue irequente in Toscana.

Cogn. Alamanni, Manni, :'Iannini, Mauetri. '\lanuzzi, ecc, I Mannini, trasieritisi in Fri uti. divennero )'lanin.

II cognorne piemontese Salamano forse e da raccostare al toscano Ser Alarnanno, dal quale il nome del-

:-;O:\Il E COG);O~n

13

l' ~ uv a salamauna »; rna potrebbe anche essere = Solimano_ Non rnancano esempi di nomi arabi, e perfino turchi, accolti ne llouo mast.ica italiau a. :lfa e ds esclud ere il aardo :\Ianuo (mannu = grande) sebbene non so quale crudito tedesco, dedicando un suo libro aUo storico Antonio ~Uanllo, almf.llJacchj sul « 'I'uist.on em deum et filium Mann urn » di cui parla Tacito.

Albano.

Protornartire in l ughilterra., 286, 22 giugno. COlJn. Albaui. In Bauelli concorre Urbano,

Alberico, AIberigo.

Dal ger manico Albiricl; (= che comanda llcgli Elt], od Albi). S. Alberico, venerate in 'I'oscanu, 29 agosto_ In Italia subi varie trasformazioni.

Coqn, Alhricci, Albrighi, Albrizzi, -zio, Albergati, Alberghet.ti, Alborghetti (un Ser Alberghettino de' Manfredi in Sacchetti, novella Cell) e Iorsc anche Burghelli, Borghrtti, Borg att.a, -gn.tti.

Dal Irancese A. ubry, A brile. Albrile cogn. piemontesi. In Brizi. -z z.i e nei friulani Briz- Vrill concorre con Brizio e Fabrizio. e forge ron Brigida iu Bri sio t.to ,

Albero, -one, Vedi Adalbero.

Alberto. Vedi Adalberto.

Albino.

Dal latino albus = bianco.

)'lolti cognomi di origine evidente, in tutta Itulia:

Albini, Bin. Bini. -nett.o, -notti -nut ti. Ma in Picmoote BineW = Gemelli.

14

A. RONGIOAN:-';I

Alboino.

N orne del primo re longo bardo in It alin. Albioini = arnica d egli Albi, ad Elfi.

Non fu m ai popolare, sebbene sia nome di Ull Santo vesco vo di Bressanone, m . IOt.'), ;} Iebbraio. Usato dagli Scaligr-ri.

N. d. i. Pralboino (Brescia).

Aldo •

.E. pro babile ehe in molti casi sin, una abbreviaaio nc di norni colla desinenza -ald, rna puo anche essere uu v ero nome; Aldene (ablative} in Paolo Diacono, Alrlonis (genitive) in docurn. Rieti, i44. Di m inu ti vi Aldulus, Altlula. Etimologia 0 d a alt = vecchio, a do. aldie, da'lI'antieo germanico altinon = abitare. Gli aldii, come ognuno sa, crano nelle leggi longcbard e uomini sernili beri.

Coqn, Aldi, Aldini.

Alduino, Aldovino.

Germanico ",lldawin, a m etat.eai di Atlalurin, Nel primo caso , r adice alt, ald = vecchio, neI secondo adal = nobile. II secondo elemento, win = amico. AldoinU8 in docum. Nonantola, 752.

Ooqn, Alduino (napoletano), Oldoini (lombardo).

Aleramo.

Forme la.tinizz.ate Aledramu8, -dram-nus, Adeiram.nus, Il secondo clcmento e 1'am, rabun = corvo, uccello sacro presso gli antichi Germani; il prime e forse hail = sano, robusto.

II semileggendario Alerarno c il capostipite dei marehesi di 1Ionferrato, e di parecchie farniglie pierno ntesi. Di minutivo Alerino, non usa to fuori della diocesi

NOMl E COGNOMI

15

di Alba. B. Alerino Rambaldi, vescovo di Alba, m. 1456, 21 luglio.

Alessandro.

In greco, salvatore di uomini, Nome di molti Santi.

S. Alessandro, martire, 26 agosto. S. Alessandro 1, papa., 3 maggie.

I cognomi che di qui derivano sono quasi tutti di etimologia evidente (Alessandri, Sandri, -ni, -dron, -ni, -ucci, ecc.), Da notare in Piemonte Assandro, Assandria, Sciandra i Alexandra, Parnpar ato-Mondovi): nella Venezia Zandrini, Zendrini e forse Gianderini. Il m utamento x, z , g ~ nurmulc.

Alessio.

In greco, protettore, difensore. Cogn. Alessi, Alessio, Lessi. Topan. Alesso? (Udine),

Alteo, AlYio.

In greco, bianco. S. martirc a. Lentini, sotto Decio, 10 maggio. 11 nome e frequente in Sicilia.

Alfiero, A lferio .

Adaljerius, E il Santo fonda.tare del monastero di Cava de' Tirreni, sec. X·XI, 12 aprile, Da athal, adal = no bile, e [ara, [era = atirpe, gruppo di famigl..ie. All' Alfieri placque derivare iI SUD cognome dal lat iuo aquilifer; etimologia asaurd a, che tuttavia Iu accettata, per comodita poetica, da.l Carducci, ed ancbe dal Petin (el Dictionn. bagiagraphique n, voll. 42·43 della " Encyclo p, ecclesiastique » del :\ligne).

IH

A. ROXGlOA!'NI

Alfonso.

V arianti Adal, Ldel, Ildejonso; radici ·germaniche aihal, adal (= nobile) e tuns, [u« (= pronto, volenteroso). In Italia, il Santo pill. venerate e S. Alfonso de' Liguori, m. 1787, 2 agosto.

Prevale nei cognomi italiani la forma pro venzule A 1ltiJS.

Cogn. Anfossi, -sso (piemontesi-Iig.), Naf'os (friulani). Forse Poasarelli, Fossati.

Alfredo.

Radiei germanich e athal , ada I = nobile, oppure alt. aid = vecchio e [ridu, uriede, [riede (pace, sicur ez aa, ecc.), S. Alfredo, vescovo di Hildesheirn. rn. 869. 15 settembre.

~ella formazione di cognomi concorre con altri nomi della stessa desinenza (Goffredo, Sigifredo. Val· fredo); non c'e nessun eognome ehe possa derivare sicuraruen te di qui.

Nella. toponornastiea, Vicolo del Preddo (d'Alfredo, a Ud ine), Villa Fredda., ibid., che, in contraddizione col nome, e. in situazione aprica. N egii A nnali di Udine, 16 giugno 1355, e rnenzionata una via Ii Fo ntafreda» abitata " a m alis mulieribus n ,

Da Alditredo cognorni Audiffredi, Odiffredi (piernont esi ), Oldofredi (lombardo).

AJiberto.

:;Con e da escludere cbe sia una. variante di Ariberto . ~fa. in documenti (Lucca. 738. 746, 747, 754) si trova ...-1lapert, Alipert, Alpert. Da al, alu = tutto (avv er-: bialmente) e behrt, pert = i!lustre.

Cogn. Aliberti (piemontese e meridionale), Liberti, Libertini (meridionaIi).

SOMl E COGS(')II

l7

Alice.

Sarebbe, secoudo il Fumagalli, it Iem m inile d i Alessio. ~Ia neU'agiografia non esist e e he una B. Aliz, belga, m. circa il l300, tii cui il nome latino e Adeleis:

It giugno.

Credo che il nome, nella. sua forma it.alluun, d eri v i dol qualche romanzo.

'-\'lighiero, AlIighiero, Aldighicro.

::\ on credo cue il lettore ignori ch e un ramo degli Elisei p rese questo cog norne dn Al(iighiera moglie di Cucci aguida. I nd It hhia.mentc i· un II o me germ auico, e co nn- d i ogni cosa attin ent.e al Som m o Poeta, 8C ue SOJl(. o('cu pati a 01 pia mente i d an tisU. Xun a vend o alcuna autorita in questa. materia. rni ecnt.ent o di ad d itare il no me Adciqari u» in d ocumon ti di :\[onkCils· sino 769 I) 770. Sure b be du Ildal = no bile. e qair, gcr = laucia, ast·a. In Heintze le v ariuut i Adulgn, Alger, Alker.

Alipio.

In greeo: '~senza dotore 1I. j[;1ftirp. (~til iricer ta. t u n S:l.nto venerat« ill Cadun'.

Coqn, Alippi. ~la Lippi. ecc., piutt.csto cia. Filippo.

Aliprando, Arlprando, Eriprundo.

Da al, ala = t ut to , oppure d a huri; heri = esercito, e brarul; -pran d = fia m m a , spada, Alo.prandus, Al. pralldu8 in documento. Lucca. 762.

Coqu: Iomb ardo Alipr andi. Per il piemontese Li. prandi forse piu probabile Li ut p rarulo,

Allegra, Allegranza.

II primo (dou de i cognomi Allegri, -grettiJ e eureora usato dagli [sraeliti; forse e traduzioue di qualche

!l - A. J:!O:>lUIO,DI);"I. Nomi ~ counorni.

l"l

:,,' 1111' .. hril i"1l II i u~lInll' .i~l1ifil·,~j II. 11 f":CUlltln i: u .. 111,1 IHllIlI' I '"WIUW. l'a~~(I'" ill LflJIIIIfU'llil\ +'II in Fl"ilili, {'''!I''. L,,!{t:llui. ,.:ri'llld i B""lI"lHIIII, ,..:, Do.nj,·l(· ,1·,1 Fr;,lli , .

. \JmfJndo, ,·\Imullit'.

1~I'rlll'Hlj,:" .11'1111111"" ,Ill "I" la.llllll "lllll;' I'

11111.1111 • lIHI'~Q, P"u!:I'zi","" :-.: I,JlIl ,,(!I'Un,lll ['H'm n , TlI'l H')jlLl'd" ,', II 1JI.lIIlI' Il,,] hL\'a.Iif·r,: uI:(~i~" ill .·\i;pralllllJ.rl~ 'Ia fJrhlllll" ('Ii(' ~(, II': SlI'.IJl"I'pricj I;':lm ....

('oqll .. \Jilllnnri. Alr,mllnrJi (1(.a.lilL ""utl'Bolt" ,. mr-riui». nall'l, .;\ lillHllHl1I Iliqurl!). ,\!tnnm)" I [Ji~lJIolltellt·l. '[IIJllm, J.itllontl~~ (Com(.).

,.\ mabile.

"o.riulIlf: .-\ ,,,a]-,ilia,

SUIi'" f""Hninil+! I uttt)J'1l In''llIlmt!! in FrilUi. In 0. ill ILltrj h:m Iii diUII!;fJ ill I t.ILHM. (·d in l"'ra.llt.i~.

(Jug n, rri II I all i lHili 11. lhllliln i; plem 011 telli B ilel \ IL. liilott.i; jrlLnr.~~i ~lo.lJil. ll .. bil"~. ll",billol1. JI lli!=nlon. 11";1: Bi.lrliu I UiI:lid. :\lfJlHlm,'i) 1mb anr.he ,1r.ri\·Mf' (b, un 1If11,ralll)IJICI'-' e .. j"JtQnt1, 11'" come flU Mja) .

. \ malhr.rtu.

Rp,[lir:i g,:rmillidu, "mol. aJld 1= 0ptlrflll'J. diligl111lt·. [I(md,: II ""UII, 111:1111, llin~~tla. gfltil'lI d'~gli Amllolij I, 1",Int, bHI, p~rl I,.,. IiJllfllHlldfl iJlu.~'rf".

('''fl'" , r \ IInil huti, lla.h(,"tl; rrIloIJl:f'~tl ,1/ aubr,." L"!, ~. .1[,.11.1", rt I .II fI.td /.t:rlv ~ "",", X I) 11 I"l 1m I til '" lJ'HI rIC"ri,

,," m8U.~ .\ mella.

Radii", (11,wl, (,,,d, "",Jj ~"J"Il. r"rMI: i r,"gll. lJllglhi. )laglilJ"'!' .\J;s. 1",r lJlI.glilllli (11.. II. l, lla.,(liallo, ll.\. j"n'" (,.,.:,) nli flar.! (:b.: liilLDb pil. 1""t),.l,iJi altn' et i . . nwlngi",

x ov r E COG~O~l

19

Amato.

Et.i molog ia e vid ent.e. Santo putrnno di Saludecio (Rimini), 8 maggio; altro, vescnv o e patrono di Xusco (,-\vetlino), m. 1003; 31 agost o.

XOInc abbastanzn frequente. COg11. Amati , Am at.ucci.

Amaduzzi. Per lultimo, e arn rnissihile Aml'deo.

Amatore,

V escov 0 Iii Brescia, I V secolo, 26 no vern b reo X 0 me dH! di rado sf trov;J. fuori della diocesi brcsciana.

C oqn . A m a,l ori.

:\ mbrugin.

Gfl!L'O a mb rusi.u « = im mo r t ale , S. Ambrogio. \'t~scov o di ~Iilano, [V seeolo, 4 aprile-? diceru bre.

)folti cogll. di ctimologia evidente; Brogi, -ggi. -SiD.

Per I'oseuramento 0, u, cogn. veneto-Iriulani Brugi, Brusat o, Brusin, Brusoni, Brusut, ·ttL NOli e scludo (0 =a e mut.arnent o non rare) Br aaini, Brasioli .

. .\medeo, Amadeo, Amadio, Amideo.

Delle qu at.tr o forme. oggi prevale la prima. pe rche Irequen t e nella Casa di Savoia. L'etimologia c ov via, 11 Beato Amedeo I X, 1435·1472,31 marzo.

Secondo il Fumagalli, Amedeo (nelle Chu nsons d e geste A. madeus·A madieu) sarebbe 10 stesso che .1 rna· digi (ibid. A mauqi, Aumaugis). Mi pare dubbio.

Amelio.

(I Amico cd Amelio", e UD ant.ico romanzo deri\'ato d:1.1 poem a francese A om"is et A miles . (V e di anche Sercarn bi, novella 24).

Questi due eroi dellepopea carolingia sana venerat.i come Santi patroni a Mortara, dove secondo una leggenda. sarebbero mort] com battendo contra i Lon-

20

goba.rdi, ncl 774. M30 di questa battaglia non c'e a.1cUQ documento storieo. La «Chanson" (edita. d a Konrad Hoffman - Erlangen. 1882) li fa morire, 1Il:J. di mort e naturale, a Mortcra (j'rlortier en Lombardici, dove er a.no di passagglo per and are al S:.l.tltn Sepo1cro.

Coq«. liguri- pieru on tesi Amelio, Am er io , A incglio, D'Amelio, -glio, Damerini (veneto). Da ..Lmili~,cogItQmc 10 III bardo :.'IIilesi.

Arnerico, Emerico.

Radici ger m aniclie heim. rich = potente in patria. Coqn, Merig hi, -ggi, Morigi, 1\1origgia (concorre Maurizio}. Dal francese Aimery il piemoritese Aimerito.

Amico,

Dal poema 0 r omanzo Amico ed. Amelio (v edi). )la puo anche essere indipendente da questa etimologia, specialmente uel cornpost o Buonamico.

Amileare.

Da ,lId!.:. knrth. = il re della dtti, nno degli epiteti del dio Icnicio Baal. ~e nell'nnomastioa ha truvat o posto Annibale, ci pub stare auche suo padre. ~la nei documenti raccolti dal Troya c'e il testa.mento Iii un Ioug obardo Amolcari, 760.

Arnisano, Amizo.

A mech is in docu mento Furfe nse, ;04 . ..t 1/1 i :o ill documento di Santa }laria in Cairute, 742.

Si tro va in altri d ocu me n ti p icrnou tesi. lo ru bar.l i, veneti. Etimotogia ineerta. Co nfuso coi derivati da « aruico n? In tal caso , il sig nifieut o sarebhe uguale at cognome pierriontese Amist« (~Iondovi).

Cogn. Arnisani, Misani (Io mbard o}, Misiano.

E d a tener prescnte In. fre queuz a dei eoqn, so praci-

NOMl E COGNOMI

21

tali in Lo m bar dia , e specialm ent e nel territorio dove si svilup pc la Icggend a d i Ami.~ et Amifcs .

Ampelio.

L'agiogrnfia registra due Santi d i q uest.o uo rne, ['uno patrono d i Bordighera, V secolo. 4 ottobre; I'altro vescovo diMilano, secolo VII, 8 Iebbraio ,

Gogn. nizzardi Peglion, p\'l!i(Jn (anchc n. d. l.) e con qualcb c probabilit.a Pellini ed i Iriulani Pellis (probabil mcn te oasitnno ), Peliazo.

Amurat.

Di questo nome turco I~'e qualche esern pio in genealogie di famig[ie it a lianc (Acciaiuoli di Firenzp., duchi di Atene).

Coqn, veneziario -friulano JI ura tti!

Anacleto.

In greco, invocato. S_ Anacleto papa \' m art.ire sot.t o Trajnn«, l:t luglia_ oSi tl.~a per ]1} pH! ]'ahhn:l-i.'lziulle Clet,o , scbhene qiu-sto sia un nome per ~l~ :;tanle, appartr-ncut« al scc ond o o terzo nella .~I·ric dci Pa.pi , v enr-rat.o il 2() aprilr.

_l nastasi«.

Val grc(:o anusiasis risurrczion c. ): orne cue t,a.lnra

ill d av a ai Pag aui battezzati. S. Anastasio, papa. 27 aprile. S. Au ast asiu, vesco vo di Pavia. ts maggio.

Dalla. forma popolare Ostasio , (_,'oglt. Ostasi , Sta~i_

Anatalone.

A vuuhalo, Probabilmeute di significato uguale ad

A. natolio. Secondo vesco vo Ji JLiiano, 2;'i sertem bre. Per met at.esi, coqn, Iorne llini Anuaratoue. Narr atone.

22

.'-. BONGIOA:-;SI

Anatollo.

In greeo "orientale" 0 native dell' Asia :\linon: (Ana.tolia). Poco usato in It.alia.

Uoqn, meridionale X atoli. :\1a il friu lana ?\ atolilli, Nud alini c da Natal»,

Ancilla.

Tuttora in usa in Fri uli, anch e fatto rn aschile (..4 1/cillo). Puo addursi come etimo possibile di alcuni cognomi bisillabi, rna in concorrenza can Angelo, Egidio (G illio), Marcello, ecc.

Andrea.

In greeo = Iortuzza. Dei molti Santi. il pili venerata e lApostolo, 30 no ve mbre.

:\] oltl eognomi di etimologia evidcn teo In Fri uli Dreon, Dreossi, Dreosti (v edi esem p io analogo sot to Bernardo). In Driolino, Driulino, Driussi co ncor re Dri = Federico, Enrico, ecc. (vedi a suo luogo).

Cogn. pi(~lllont('si An d rion e, An dr n et.t.i, Dr uer.t.i, Drovetti.

Angelica.

In Cadore Gneca, donde coquomi Gnech, Gnecchi.

Angelo, ·a.

In greeo "messaggero". Parecchl ~anti e Sante, altret.tant.i onomastici. Secondo lc rt'giolli variano le preferenze.

In Toscana pill frcquente .I IIgiolo. eel ant.icamentrAqnolo. In Fri u!i :1gnul • .tlNzul, A neil (ra.ro). oggi cognome, In Cadore Andolo, donde il coqw. Drindolo.

~ ei cogn. friulani Zilotti, -Iu tti concorrono Egidio (Gi llio) e forse V eeil, V izil. forme Iriuluue del tedesco Vet;;el (vedi Vecellio).

~O:>tI E COG~O~U

23

Ho trova.to a Torino Angeloro, rna. non ne conORCO la patria. Residuo di geniti vo plurale, come altri cognomi colla. stessa desinenza. DaIle Litanie della Vergine: Regina A ngelorum. Anzilotti puo anche derivare da Lancilotio.

Angiolieri.

t la forma toscaua del germanico Angit·Engelhard, nome nel Quale ven nero ad incontrarsi Ingwi (dio germanico) ed Engel = Angelo.

In F'ri uli e nel Trentino coqn, Englaro (anche n. d.l.l.

In altre par ti d'Italia Angioleri, Angeleri, Anghileri, Inghileri, Glrilardi. Gilardi, -diui, -doni, ecc .

Anna.

In ebraico "benefica », E anche nome fcnicio, che coincide casualmeute col nome romano Anna Peren na, la Dea dell'anno. Norue frequente. Delle varie Sante, la piu v ener ata e S. Anna. madre di Maria, 26 luglio.

(·ogn. Danna. (piern on tese ) Deana, Diana (friulano).

Annibale.

Xorne Icnicio, di signiftcato analogo agli ebraici (;iol'(lnni ed Anania.

II Leopardi t Paralipomeni 1) riprcnde il malvezzo d ei nomi d i nernici della Romanitu, rna forse a torto, pert-he Annibale in molti casi non c che una d eform azione del gerlll anico A nnibaldo (H anewalt, II ugaillnilt, d.a lle radici hag, luuja» = luogo chiuso, recinto, t- walt = potente. (Cfr. il franccse Hanaie-Hen nebauti, E sistono i eoqnoin] Annibaldi, . baldeschi (Vellet.ri) ed aRoma Annibali. Tu ttavia e da notare ehe negli ultinri secoli il nome del piu fiero nemico di Rom a era

24

A. BONGIOANNI

entra.to nell'onomastica. ramana (AnDibaliano figlio di Costantino} ed ha posta anche nell'agiografia.

Dopo Annibale, per analogia, acquistarono diritto di eittadinanza A milcare ed Asdru bale.

Annunziata. Vedi 1l:f aria.

Ansaldo.

Germanico A nsouiola, Osewalt, Oswald = potente in Dio.

Cogn. Ansaldo, -di (piemontesi-Iigurt) e per assirnilazione Assauto (piemontese) e col freq uen te m u tamcn to 10m bardo a =0 Saldi, Saldini, Sold i, -dini (10 mb ardi) .

.-\nscario.

Germanieo Ansgar, O~kur = simile a Dio , t 10 stesso ch e Oscar, nome duriv ato dai poerni di Ossian, o pili probabilmente, dal « Ballo in mascheru II del Verdi.

S. Anscario e I'upostolo della Scandinavia (secolo VIII-IX)_

Ncll'untica nobiltil pieruon tese, oggi quasi del r.u t t o est.in ta, er ano tre stipiti p rincip ali: _-\ lcrumici, Ard uinici, Ansearidl. Qucst'ultimo nome sopruvvive in par ecchi cognomi e nomi di luogo: Ascheri, -schieri. Scar rone (piemontesi); Ascdri. Scarenzio, Care n z i. Sea. ringi (Anscaringius), Scrin zr (lombardi).

N. d. l. in Piemonte: Aschieri. Scalenghe, S.·hierano, Schieraneo, la Rascliera 0 Rascaira, alpe uel terri. torio di Frabosa (~fondovi). Probabilrucnte appartenne ad un Anscuriu dei marche si di Moroz z o : nella. stessa valle (Corsugliu) e freq uen te il cognome Ascheri,

Anselmo.

Gerrnanico Anshalm, -heim. = protetto da Dio. Tre Santi di questo nome sono ugualmente v e nc-

NOMI E COG!oIQMI

25

rati ln !talla: S. Anselmo di Aosba, 2] aprile, S. Anselmo di Nonantola, 3 m arzo: S. Anselmo di Lucca, 18 marzo.

Oltre ai cognomi di etimologia evidente, SelmiSolmi (lombardi), Ansermin (Aosta), Selmini, Sermini (tosca-no).

Ansperto.

Gerrnanico A f!spehrt = illustre in Dio. Cog». Aspert.i, Sperti, -tini, Spirt (cadoriuo).

Ansuardo, Ansvarto .

.-1)ISw~rtU8 in d ocu men ti Lucca 7i2. Da MIS Din,

e !CaTt = eustode, custodia.

Coqn, lomb. Soardi, Sua rdi.

Ansuino.

Germanico A nsovin, -:l.nslLin, d a ansi, nome d i div inith e win = amico. S. Anse v ino od Anzuvino, veSCO\'!l Ji Cam erino, sccnlo IX.

Cr.·!}tI. Ansuini. Ansuinelli, An z ovini . An z u iui, A nsevini (J talia centrale); So v ini , ;-;U\'ini (lombnr-di}: ~UillO (p iem o n tese ).

Antelmo,

A mio modo di ved ere, la forma origiuuria dovrebbe essere Lu ut cl mo, Et.im ologi»: land = terra, e helm = ditesa, pro tezione.

E freq ur-r: tela cadu ta di l inlzialc, Scam hiat a coll'articolo iudtcativo.

Coqn, Lantelme (Valle dAostu), Lanterrnino (Saluazo) , Talmone (Pinerolo}; I utelmrnelli (Lucca).

Per uno scrupo!o, noto che in v arie Chansons de qeste si trova il nome Antelme, A-ntialme, Antiaume, e non mai Lantelme.

26

A. BOSGlOA:-.'Sl

Antenore.

II mitico fondatore IIi Padova, scarn pato da Troia prima di Enea.

Da1 g reco anti = eont.ro, e d aner = uumo , colui che sta contro I'uorno, osaia il combattente.

Cogn. Ant.inori (Marehe).

Antero.

Greco; il Purnagalli 10 interpreta « ccntrar!o all'amore II. Mi pare d ubbio. S. Papa e martire sotto Massimino I, 3 gennaio.

Forse i! cogn. piemontese Santero.

Antioco.

L'etimologia pro post.a dal Fumagalli. « nernioo dei veico li », non mi persuade.

Santo mart ire in Sardegna sotto Adriano e patrono di Iglesias. 13 novem bre.

I'." orne freq uente in Sardegna.

Antonio.

N orne di una antica gcn te rornan a. E t.imologia ineerta.

Nome popolsrissimo, specialmente n el l a Venezia, Plof d ivoaione al Santo di Padova, secolo XIII, 13 giugno. E anche in grande venerazione S. Antonio abate ( 1 7 genn aio). N e deriva Una lunga serie d i cognomi, rna i piu son o di etirnologia cosi ev ideu t.e ehe c superfluo enumerarli tutti. No tero solt.un to che in alc u ni casi (Tonelli, Tonini) non c da esclu d ere Ottone. La. t end enz a popolarc a ridurre i nomi di uso piu Ireq ur-n te a scorciature bisillabe e monosillabe, prod.usse alcuni eognomi di cui non e diffieile, mediante la comparazione, riconoscerc 10 stipite. COS! in Friuli da

NO~II E COGNO}{I

27

Tnnot , -gnot, -nut, -nutti, -uis. -nissi. -nizz, -nizzo, abbiamo i coguomi Gnot, Not, NUB, Nut, Nizz.

Un caso singolare e queUo del cognome Tonegutti, derivate d a Toni per analogia con lIfeni, .Jlenego. Passat o d al F'riuli nel Trentino, divenne Tunicotti. e d in qualche paese bilingue, forse con intenzione scherzevole 0 schernevole, fu trasformato in T'hu . nichtsgu t (buono a. nulla). Ma la fa.miglia, pro babilmente di umite originc, sali nella scala sociale fino a dare un ministro a Maria Teresa. la quale si degni> d i conced ere la modifieazione del cognorne in Thugut, che forse eaiste aneora in Austria.

Dalla at.essa deformazione i coqn, Toneghini, Ton achini (trovati a Torino, rna certamente non piernont esi).

A pollinare.

Signifiea '( sacro ad Apollo », Primo v escovo di Ravenna e martire sot to Vespasiano , 231uglio. Popolare a Ravenna. (San Pul.inera : anche in novellieri toscani Sail Pollinare 0 Pollinari).

Cogn. Pollonera (Alesaandria). Du b bi Pollinari (perche pollinaro d ai trecentisti c anche usato per pollaiuolov, Alinari, Linari (anche n. d. 1. presso F'irr-nz e}, Lan ari.

.-\ pollenio, - nia.

;\ orne di dodici Santi, clascuno dei quuli, per ragioni storiche, ha culto in q ualche Iuogo. A Ro ma A., [Hart-ire sotto Com modo, 18 aprile , a Brescia A., H">'I:OYO e confessore, Botto Adriano, 7 luglio . San ta A pol. Ionia od A pollina, martire, Alessandriu 249, 9 Ie b braio,

Etimologia analoga ad Apollinarc.

Coq»: Polonia, -nio (friulani). l\Ia Poloni, in terra veneta, e dubbio, potendo anche essere: Pauloni.

28

A. BONGIOA!'OII

Apostolo,

Non frequente, ma pure usa.to. Non essendo [lome di Santo, 10 si puo considerare come equivaleut.e a Paolo (I' Apostolo delle genti}, od a Giovanni (talora detto ,,1' Apostolo », per distinguerlo dal Battista).

Coqn, A postoli .

.-\q uilino.

E t.irnologia e v ide n te. A Miluno c popolare S. Aquilino, mar tire, VI sccolo. patr ono della corporu aione d e i Iacchini, 29 gennaio. E nome di altri cinque Santi.

Pub compctere con Ach ille Del cogn. Achillini .

Arcambaldo, -cirnbaldo, Arconovaldo, Hiconovaldo.

Gcrrnunico Ercamberaht, ErehlUp)'(!ld. A rca ubald, cfr. il Irancese Arehambaut. Radici crean = i/llj('litW8 e lfait = potente, oppure l.eraht. = sple ndido, i l lu stre. )lolto probabilmente d i origino non longobnrdu. rna franca.

Coqn . lorribardo Arci m bohli.

Arehelao,

In greco, primo t.ra. il pcpolo, 0 duce del po polo.

Martire sot to Alessandro Severo, 15 agosto,

('0911. Arcoleo, in Sicilia cd a. Venezia. Possibile la confusicne can Achillea.

Aruernanno, Ardiruanno.

E il tedesco moderno Hartmann, da hart h arsl, hart = duro, forte, e mann = uo mo.

T'ra i norni germanici e forse uno dei piu recenti in Italia, perche non mi consta che si trovi in documenti longobardi. lIPoma cita un Artemauno ad Arti·

NOMI E COGNO:')ll

2ll

manno, condottiero 301 soldo di Firenze, secolo X I V (Hartmann). Un S. Hariemansius, vescovo di Bressanone, secolo X II, 7 luglio.

Coqn, Ardemagui, Ardemani, Ardimenti, ed ill concorrenes con Armando (Hermann), Arm ani, Armanino.

Ardengo, Ardingo.

~ on si trov a, ch'io sap pia, nell'onornastioa IOIlgobarda.; probabilmente e un patronimioo franco, Ja luirdu, hart = duro, forte. l\ orne ancora in uso in Toscaua, ed in qua.lche Iarniglia nobile piem ont ese.

Coqn, Ardeughi, Ardingl..ti, Ardinghelli.

Arduino.

Germa.nico Hardwin, da hart = forte. e 2riu = arnica. 11 Furnagalli registra u n Arduino. arci vescovo di Torino (1188·1206). Era della Iarnigha ard uinica dei Conti di Valperga; nessuu aut.ore 10 pone tr a i Santi. C'e un S. Arduino, di Riiuini, 8(,(;010 XI, 1;') agost o.

Oltre ai cognomi di etirnologia evidente, i lo rubard i Duina, Du v in a (in conco rrenza con Baiduino, ecc.). Forse. per inversione, il piernontese Vinardi ("') .

.lrgenide.

Secondo iI FUlUagalli, e nome irequente in 'I'oscana e d eri v a da q ualche romanzo di cavaller ia.

11 Pet.iu regist ra, seuz a data, una S. Arge nide, martire in Et.io pia. 13 giugno.

Ariberto, Eriberto, Erberto.

Da h ari, heri = esercito, e bebr! = illustre. Haribertus documenti Bobbio 661.

Per metatcsi, cognome Raibert i (Iorubardo e niz-

(") Esernplo analogo sarebbe .&riberla = Beriarito,

30 A. RO~GIOA~~I

znrdo), se non e da Ra!l;pert, Hot-peri, doeum. Luer-a 720, 721, 746.

Arichi.

Ger m anico // areqis, H a riqi«, H ariehis : radici k« ri, heri, her = esercito.

Coqn, Ariel (Brescia). Arigo (Cre mona), Arizio (picmontese), donde i1 n. d. l. Viarigi (Vicus A rigis). In F'r i iil i e Cad ore Areeeo, Rech , II. d. l. lao Richinvelda (presso Spilim berg o), Recco l

Dalla forma A regis pro babilrnentc il eognome pie. moutese Regis, frequente a :Uontaldo )Iondod.

Arimondo.

f;t~ no n ~ una variante di AUlO:-.IOO, ALDIO~DO, "i puo interpretarc: bari = esercito , c mund = difesa, protezionc. 11 rimodu8 in docu mento Ricti, i 64.

Coqn, piemontese-ligure Arimondi.

Ariodante.

); orne a riostesco. non raro nellTtaha centrale. '\[a. che d eri vi dal grcco Ares C\larte) come propane il Pu magallt, m i pare da escludere, ne saprei trovare una etimologia soddisfacente ne nell'onomastica ger. m anica, ne nella franccse del medio evo.

Aristide.

Greco; equivale ad ottimo. E nome di un Santo ate. niese del II secolo , 31 agosto.

Arnaldo, Arno1do.

Radici arn = aquila. e walt = poteuza, dorninio.

S. Arnaldo da Padova, 10 Iebbraio.

Coqn; Arnaldi, Arnoldi (lombardi); Arnaudi, -do , Arneodo, Arneudo, Arn«, Arnone (piemontesi): Naldi ,

:-<O)fI E COG::.<OlU

31

-dini, -doni, N oldi, -dini (in concorrcnzu con Ri naldo, 1l1onaldo, ecc),

Dal longobardo Arnoald (doeum. Benevento, 7f.W) Arniwald, col mutamento w = b ed a = 0, cogn. 10111- bardo Arnaboldi.

Arnollo.

Radici germaniehe ar, arn = aquila, e uiul] = lupo, guerriero. Nome frcquente nel medio eva in Toscana.

Cogn. Arnolfi, -fmi, Nolfi, Nolfini (toscani); Arnulfi (piemontcse).

Arsenio.

In greco, rnaschio, virile. S. Arsenio anacorcta In Egitto, Ill. 349, 19 luglio. N orne non infrequente In Francia, rna raro in Italia.

Forse il cognome Seno, frequente au Ormea (Cuneo).

Artleo,

Germanico Hartwig; radici hart = duro, forte, (francese hardi) e wig = lotta, battaglia. Forme latine Harticu8, Artuicus, Articu8, Articiu6, Ardicius.

Nome aneora in uso in famiglie nobili f;iu!ane, rna erronearnente pronunziato .Artico. Sopravvive come cognomc, anche fuori del Fritili (Venezia. Trieste).

S. Artico (Hartwig, A rtUiCU8) vescovo di Salisburgo, m , 1023, 14 giugno.

In Lombardia Ardig6 (Ardigo = Ardigolo), Alticozzi, Tic6 (anche in Ca.rnia), Ticozzi, -ssi, Tigozzi, 'I'icci, -zzi, -zzoni. In Piernonte Arditi, Tarditi (= d'Ar· dito), Ardizzo, Ardisso, -ssino, -sone, Ardrizzo, tutti appartenenti in prevalenz.a al territorio di Alba. Per contrazione, Archetti (Brescia), Arcozzi (Verona); Tarchetti (= D' Archeuo, Alessandria). In Toscana. Arcioni, Targioni (= D'Ardigione). Nel miianese Ar-

32

A. BONGIOANNI

chinU propeuderei a vedere un patronimieo A rtichingus , A rtich indus, Fiesso d' Artico e cost denominato in memoria di un ingegnere della Sereniesima ehe salvo il paese dalle inondazioni della Brenta (secolo XVIII).

Artu.

II Rajna. (Romania 17, 1888) in UDO studio sug li "Eroi brettoni nell'onomastica italiaua », cita molt.i documenti veneti dove appare il nome A-rtusus, -si-us (Artus). Sono frequenti nella Venezia i cognomi Artuso, -tusio, Artusato (Artus). In 'I'oscana, probubilrucnte, it patroniiuico To singhi (se non equivale a Del Toso, Della Tosu), In F'riuli Tunis (vi concorre Teodoro i. X e I nome Arturo e da ra vv isarc una v aga rerniniscenzn di A rctu rus, di siguificat o cd etimo affatto di versi.

Arvedo.

Eslste. credo a :"erona. una famiglia Arve di, don e in USD il nome d a cui deriva i l cognome. Probabilmen te e il francese Herve (ll erveus), Santo vissu to al tempo del re Childeberto e venerat o a Xantes, Ii giug no.

Arvino, Ervino.

E molto probabile che sia l'Arvinus, Haroin-ue deL Reqesto Earienee (Porn a), e che d a esso derivino i cognomi Ruini, Rovini, Roviuazz.i. In q ualclie famiglia nobile Iriulana iI nome Arbc1to. Etimologia incer ta.

Ascanin.

Tra i nomi dell' Eneide, e forse il pili diffuse nella onomastica it aliana. E tiruologia incert.a. X I)U e nome di Sauto. Dol origine n. parecchi nomi di luogo: Cagno Cagnola (lo mbardi): Cagn ore ()I:},fche); Scagncllo

SOlon E COG~O:'II

33

(Mondovi) e cognorni: Cagni, -gno, Scagnetto. Dubbis l'etirnologia di Caguacci, -zzi, Cagnetta, Cagnoni. 11 nome del fedele arnico dell'uomo e con manifcsta ingiustizia adopcrato in seriso sprcgiativo; rna nell'onomastica medioevale ci sono soprannomi anche pili oltraggiosi, div enu ti cognomi.

Asquino.

Radici germaniche ask = faggio, e per traslato, lancia, e win = amico.

In documcnti friulani Ascuinu8, Ascavinus, Asquinus. Coq«, A squini, Scaini, Saceuvini (friulani); Scavini (lam barrlu). Secondo una tradiaionc, che non risale oltre il sccolo XVI, S. Paolino di Aq n ilcju apparteneva alia famiglia Saccavini di Remanzucuo, che tuttora fcsteggia, can in viti ai com pacsuni, il San to gent.ilixio.

Assunta, Vedi lHaria.

Astollo.

II nome del re long obar do, in qualclie manoscrttto di Paolo Diacono cd in ducu ment.i di Ricti 751 c 71)6 e H aistul], II u ietull us ; in altri A istol/us, A istulju«, Ahistuljus. II sccorido elcmcnto e il frequente uiul] = lupo, 0 guerriero , il primo, quando esistesse una variante lJ (tgiHtul/, sareb he hag, hagan = chiudere.

Cogn. Astolft. ~tolfi, Astolfone t! Iorse Bistolfi. Per questo cognomc p ie mon tese it Po mn. sernpre cau tissima, c in du bbio , rna. a me pare non i mpossibile 18. transizione d a Aisiul] a Waistulj. e da questa forma 1101 mutamcnto, non senza esempi, w = b.

Atanasio.

Greco aiiumcios = immorta.le. S. Atanasio, IV sec., 2 maggio. Uno degli etimi p ossibili dei cognomi Nasi, Naselli. Nasini, e del 11. d. l. Nasino (Albenga).

3 - A. BONGIOA~NI. Noms e cognom"i.

34

A. BONGIOANNI

Atto, Azzo, Azone, Azzone.

Sono varie forme dello atesso nome gerrnanico, che non ha nulla a. che fare col Iatino AttU8, Appiu8.

Un Atta duca di Spoleto in Paolo Diacono . .Ata in docurn. Prats 764. Azo in docurn. Verona 745. Questo ultimo secondo il Weber sarebbe un vezzeggiativo da Adalberia. Comunque sia, credo non ammissibile l'etimologia di Azzo da Galeazzo (Furnagalli). C'C anche in Paolo Diacono un A.do, duca del Priuli, Per questa, 11 Weber propone hadu = guerra, battaglia; per gli altri, l'etimo sarebbe atha, atta = padre. It evidente che in questi nomi, come spesso avviene nei disillabi, concorrono varie etimologie, ugualmente accettabili; ma nell'uso, e facile che aia avvenuta una mescolanza, quando, pure mantenendosi nell'uso i • nomi germanici, si era perduta 180 nozioue del loro significato.

Cogn. Adon e, -ni, Atti, Azzi, Azzoni.

Atripaldo.

Da atar = celere, sagace, e paid, bald = ardito. It Tribaldello di Dante (Inferno, XXII, 122), citato dill! Poma, in alcune lezioni e Tiba.ldello, Tebaldello, Cogn. Tribaldelli, Tribaudino, Trabaldo, Trabalsa, Trabaudi (piemontesi); Triboldi (lom bardo, dal quale, forse, Tribolati),

Toponomastioa: Atripalda (anche I' A.tripalda, la Tripalda).

AttHio.

Derivate dal latino Attus, A..ppiu8, probabilmente equivalente ad aVU8.

Nome divenuto frequente nel periodo del Risorgimento, in memoria dei fratelIi Bandiera.. In molte

No~n E COGNOMI

35

Iamiglie, se di due fratelli uno si ehiarna Attilio, l'a.Jtro e Emilio.

Augusto.

Significa I( consacrato u, Mao talora si da questo nome ai nati nel mese di agosto. Ci sono due Santi di questo nome,di eta incert.a, uno dei q uali venerato in Carnpania, 10 settembre, ed una. Sant' Augusta nella diocesi di Treviso, 7 marzo.

Aurelio, -a.

Dalla ateaaa radice ariana di aUTum, aUTora = splendente. 27 luglio, 9 novembre, 25 aettembre.

Cogn. Or eglia .. riglia (Iornbard i-piemo nteai}: Orelli (ticinese).

Auribono.

AuriQQnU8 in documenti Lucca 769. Secondo il Weber non e latino che in apparenza, e sarebbe il longobardo *.A. uTibano, da 01', aur = saetta, e b asu» = ucciaora.

Cogn. lo mbardi Oroboni, Riboni.

Autarl.

Germanici Authari, Othere; radici aud = st.irpe, pa· trimonio e hari, here = esercito.

Forme latine Autari, Autaricu8, ·riciu8, TitU8.

Cogn. 'I'aricco, Tarizzo, Tarozzi (piemontesi); 'I'ar elli, Taroni, Teruzzi (lorn bardi); Trauzzi (emiliano); Odero, Dodero (liguri); Auteri (siciliano); Otero (spagnuolo).

In qualche caso, ammissibile la concorrenaa di Walter (vedi Gualtieri).

A vanzo, -zato.

Di ,( avanzo Il nel senso di I( guadagno, profitto II non mancano esempi nei classiei. Cosi in piernontese, per

36

A. BONGIOASNI

10 pili in sense ironico, « a l' a fait un bel avans lJ (guadagno).

E dun que uno dei tanti no mi di huon augurio usut.i nel Medio evo.

Gogn. Avanza.to (Sicilia); Dnvunzat i (F'irenz.e ) , D' Avanzo (Carnia): Vanzo, Vunaat o, -zet ti , -zini , Banz at ti (vencti): A. van zini (toscuno): A vuneiui (trentino) e Iorse (mutamento u = b = p) Paucini, Panzinl.

Averamo.

Da questo nome (germanico) deriv a cert.arnente il eogn. ligure Aver arne. Probabilmcnte da aber, eber cinghiale (Vedi i due nomi segucnti) e hraban, hram = corvo.

A verardo, Berardo.

II prirno toscano. il secondo lomba.rdo, c da taluno falsarncnte scam biato con Bernardo. I;: il germanico Eberhart = forte come un cinghiale.

Coqn . picmontcsi A brardi, Berardi, -do, Beraudi. -do , Peraldo, Pcraudo, Perndo (trancese Perrault). Per adout.o , 10m bardi A v e rold i, Hamidi, Vurald i, Inverardi, Verardi. Verald i.

In Prancia Evrard. Erur d, e forse i l pro venzale Barra], divenuti in Piemonte Barale, Varale.

A verolto.

Longobardi A barol], A uerol], A 1:I·rolf11.~ in documcut.o fa.rfcnse, 7 48, Gucmllu.~. ibi il., 747. D a. ab er, cber = cinghia.le e ic ul] = lupc, guerricro,

Coqn, Barutfi, Gurolfi , GaroftL In cornposizione con aU = vecchio, 0 hard = forte, BarutIa.ldi.

NOMI E COGNOMI

37

B

Baecio.

Secondo il F'anfani, e Bartolomeaccio; di siffatte CODtrazioni ci so nu altri esempi, in Toscans ed altro ve. Ma puo derivare anche da alrri norni, ad esempio, da Zanobi.

Cogn. Bacci, Baccelli, Bacciui, in Lo m bardia Baazi , Bazz ini, -zz cni. Com posto eon buono, Bom baed.

Bajamonte. Vedi Boemondo. Balbo, Balhino,

Dnl latino bulbus = balbu sientc. S. Balbina, vergin e e mnrtire. Rorna, secolo XII, 31 marzo.

Nei cognomi cb e n e derivano, spesso avv iene it mutamento l = r . Cosi Balbo, Barbo. Barbi, Bal bini, Bur bini, Balbiani, Barbiuni, ed inolt.re Barbet ti, Bar bon L Barbo tti. ecc. .\Ia in alcuni PUtl ('(meanere Bnrbaru, oppure "barba" = zio, ed in q ua.lch« caso i: aile b e am m issi bile un soprannome duri v at.« d alj"oHor (Id ruun to.

Baldassare.

UIlO ad Re )£agi. :1ignifichcfCbbc. in assirn: u il dio Ue10 protrggc la sua vita. n ,

La forma veneta Buldiasern d ivcune eognomc in Fri u Ii ((; emoua): ma il nome in friul ano e Hrlldllss,

Baldo, do nd e cagn. Baldassi. Baldazz.i, -taz zi.

CoglI. veur-t.i Disxera, Se rat.o , Serrati, Ccrato, Scrdti, Ceret ti , Sl·rini. In Picmonte Balsari , -rett.i, Bnlaari , -re tt.i , Bauzaro (Iruuccsv Baudissart.), Saro tti, Cerruto , Cerrone, Cerutti. Cerruti. II composto Precerutti, in terra veneta, sareb bo l're Seraio 0 Pre Hereto. In Tosenna Baldasseroni. Toponimi: Buldasaeria (U dine), Baldissero (tre in Piemonte).

38

A. BO!ofGIOANNI

Baldo.

Da Rambaldo, Teobaldo, Ubaldo, ecc., e d in Fri uti anche da Baldassare.

Cogn. di etimol. evid ente Baldi .. delli, -dini, -d o ni, -dueci, ecc,

Baldovino.

Germanico, da bal = ardito, e win arnico, corn-

pagno. S. Baldovino (Baudoin) di Laon, Ill. 677 c venerato come martire, 8 gennaio.

Coq«. Baldovini, Balduini. In Piemonte, dalla forma francese, Bodoano.

Barbara.

Equivale a « straniera » , S. Barbara, rn. 235, 4 dicembre.

Fatto maschile, divenne cognome illustre a Venezia, e Irequentissimo in tutto il Dominio Veneto. In Fri ul! coqn . Barbaree, Barbaret, Baritussio (*barbarit, bartt, baritus); BarbUi (puo essere anche una variante di bal'bot = balbuziente). Nell' Italia Centra.le Barberini, in Lombardia Barborini, -burini, Burini, Burrini, Barbiellini. In Liguria Barboro, Sbarbaro, Molto probabilmente sono da riferire a questo etirno i piemontesi Barel, -lli, Baretti ed i romagnoli Barotti, -rocci, -r ossi, ruzzi. Aggiungerei i piemontesi Berini, Berrini, Berutti, -to, Berruti, -to, Bru tto (q uest'ultimo esiste a. Torino).

Bardo.

Secondo iL Fumagalli, da Berardo 0 Bernardo; rna. hanno uguale probabiliba altri nomi germanici, quali Isimbardo, Gabardo, ecc., e non e escluso il muta mento l = r.

Cogn. di etimologia evidente Bardi, -delli, -dellini, In Friuli Bard us, Bard uz, Bardusco.

NOll[[ E COGNOM[

39

Toponomastica: Bar, Bard, Bardassano (Torino).

Bardi (Piacensa). Burdine, Bardineto (Genova).

Barisone.

Nome di etimologia incerta; Iorse da Paris'! Quattro giudici in Sardegna sotto il dorninio pisano.

Cogn. Barison (famiglia no bile a Padova), Barisani (Caatelfranco, Modena.), Bariselli (Parma, Padova, Venezia), B arizano, -zanelli (Venezia), Bariaonzo (anche n. d. l. Tortona). Varianti: Belisonzo, Bellisonso, e forse Bellisomi, pel quale e am missibile l'etimologia: bellus homo.

N el Vicentino, ed altrove, esiste il cogn. Parise, -si. N. d. l. Varigione (Lecco).

Barnaba.

Vuol dire I~ figlio di Naba. II, nome ararnaico d'incerto significato. Apostolo, e secondo 130 tradizione, primo vescovo di Milano, 11 giugno.

Coguo me di an tica farniglia di Buja, tra le prime del Fri uli per meriti patriottici. Per Bernava (Spilimbergo, efr. il fraucese Barna.ve), mi pa.re da escludere il II. d. l, carinziano Bernau, Motto proba.bilmente i cognomi Nava (lombardo), Na.vello (ligure-nizzardo), Navoue (piemontese). Il lom bardo Barnabo (BarlIabo = Barnab6lo) nel latino dei cronisti e declinato:

Barnabooie, Barnabovem.

Baroncio.

La famiglia. fiorentina dei Baronci, grazie alle male lingua dei novellieri, divenne proverbialc per la sua bruttezza. In documento Farfenae 704 c'e un Barancio, e Baroncellue a Pisa 747 e Lucca 754. Che aia propria.mente un nome longoba.rdo, non ai puo aftermare, perche nei documenti, tra 111. folIa. dei norni im-

40

A. BONGIOA~NI

portati dagli invasori, e variamente latinizzati, si a.ffaccia qualche nome latino, ° di forma in cui gia si sente il volgare. Ma questo e certamente di etimo germanico: baro, baronis.

Ai cognomi Baronci, -celli, -cini, i l Plechia aggiunge Bonci, Boncetti, Boncioni; rna questi possono derivare anche da Bonizo,

Bartolomeo.

Equivale a «figlio di T'olorneo », nome che a sua. volta signiflca • valoroso II. A postolo e rnartire 47, 24·25 agosto.

Qu asi dappertu tto 130 forma p opolurc e N eo, milo in Pie ruun te, lin. Bar- Bertrume = T'rwmli n . Tome, secon do i luoghi, i-quivale a Bartolomeo o d 3. Touun aso , I cognomi Tome, Tomei. 'I'umiati, Tu uiiu elli , Burum asso, Ber tum ai so no tutti dell' Alta. Italia, lila non e facile specificare il paesc a cui nppnrt.eugono. Le forme lornbnrdo-veuete Bartolo, Bertolo (In prima e anche tcdesca, specialmeutc carinz iana.) faeihnente si confondono. nr-i d e.ri vn.ti. con Bcr , B.'·nol, Bertul. Per COil t r az inn c, Bnrt.o cci. -t ouci ni. - t.oz z i , E;;r;lusi vamcnt.e carnien l' iI eognomp. Ti me u s. -uz t lturtolomeu« dictU8 Timnls, in d ouumcnt.i carriici ;1(,(,. Xl V) chc a T'ri este I'd altr o ve malamente si pro nunc ia 'I'imcus. Altri 1:01)11.:

Tolo m ei (toscnno ): 'I'alamini (cadorino) : Tab mazzo, -zzi (Pad ova. Bologna. Cremona): Bart.lo m asi, -muzz.o, Bort.oluso, -nz z o (vicent.ini), Lo m az z o (10m bardo). In F'ri uli , da Bar. Ber. Bor tul, cognouri Tulazz i, Tulussi, '8S0, T'ulisei. -z z.i. jla B ortolan (viecntino) (IU asi cert arnen te, e con mi nor e pro b ab ili tu , B or t.ulot.t.i (a.lmeno in Eriuli) equivalgono a Portolan, Portolott = native di Portogruaro. Cfr. il cognome Gruarin (di Gruaro),

II veneto Mion, -ni puo derivate da. Bcrt.olo mio , rna pili probabilmeute da Simion (Simeone).

Registro con riserv a i toponimi T'alaruello (donde

NOMI E COGNOMI

41

il cognome 'I'aram elli), Talamone, 'I'alamoua, ed il cognome napoletano 'I'alarno, per il q uale si potre b be arrtschiare I'ipotesi di una regressione d'accento, come in Caterina, Cat-era, Cate.

Baruch.

In ebraico equivalc a Benedetto. ~Ia che il cognome Barucchi, freq u eutc nel MOllllovi, d arivi d a q uesto nome, mi pa.re poco pro bab ile. La. cocsiatenz a di <, B3.racco" uellu st.cssa regiouc. I1Ij iuduce a clussificarlo sott.o Barbara.

Basehieru.

r;f)gn _ vnneti Base liler. -schiera. Bascliierott.o. -sc hirotto.

f.: nome pr-rsoualc 0 soprnunomc' (CO:;I "il Mosca, il Tegghiaio » , ecc.: rna « Par inat a » C scm pr e nsuto senz a art.icolo). Nella Cro-nico: di Dino Com pagni "il Ba"dJi('ra U(,' Tosrng h] n , ed in tina pian ca di F'ircnze del "i'~~olo X I II. riportata rIal Dn v idsnh n. ]a "Porta del Buschiera », verso il Mug nouv. II " ila,;eILif.'r:L II di Dino Cornpagni fa poi podc,;La t1i Lo.l i d al 1 ::!H7 al I :WO_ In dovumenti iodigiani e Baeeh eri us 0 Bneclcrius . Et.imoiogia molto oscura. In m ancanz a di mcglio, m i pa.re cln- non eia till. resplngcrc il lougo bardo abisearo, a"t'i~'('aro, che second o il Webl'r (vcdi Bibiiogra.tia) sure hbe «il so pruintendcntc allL~ g!'r~ggi tiel

r e »: Il Bruckur-r invece (ved i c. i>,) intcr pretu /Ii·

Beario per II rficiale giudiz iario, u un cite d i simile (" Nebenqerichisbote u). Tru qUt'sti duo sapieu t.i Tedeschi, non voglio aseidermi arbitro. Coruun que siu, non mi pare arrischiato rifc riro ad abiscaro, biscario il cognome Biscuretti. una delle pii.! antiche fa.rniglie di Chieri, ed il genovese Ravaschieri. ramo dei Pieschi traaferitoal a Napoli. Si noti che nell'antico geuovese,

42

A. BONGIOANN{

come in alcune parlate mo nferrine, l'articolo e ru, ra. Per i1 siciliano Biscari e forse possi bile qualche altra etimoiogia. Possono riferirsi a. Baschiera anche i coqn, piemontesi Bosc aro, Boschiero.

Basilio.

Dal greeo baliileuli = reo S. Basilio vesc., IV secolo, 14 giugno.

Gaga. verieti Baseggio, Beggio. Beggiato , siciliano Basile; friulano Ba.selti; in Sello. s.u. Silli, 8illio, su. lani (Priuli ed Umbria) concorrono JluTllilio e Oecilio (vedi).

Toponimi: Basaluszo (Alessandriaj, Basiglio (Mi. lana), Mo mbasiglio (Mondovi). Molti i derivati da basilica. Recentemente, it comune di Pasian Schiavonesco (Udine) muto it BUO nome in Basiliano , mutamento non arbitrario, perche nei documenti, dal 10i2 al 1268, i\ nome e sempre Basilianum, Basalianum, Basaglianum. Vasilianum, e solta.nto pili tardi prevalgono Paseliantsm, Pasianum,

Si trov a anche it nome Duo Basilice, che corupre nde Basiliano e la frazione di Busagliupenta (basilica picta).

Bassano, 0 meglio Basslano,

Dal nome Ba88u8, di significato ev iden te .

S. Bassiano. n, in Sicilia, vescovo e patrono di Lodi, m. 413. 19 genuaio.

11 nome e quasi sconosciuto fuori della sua diocesi. Bassani e ancbe cogn. israelitico, m a in tal casu deriva dalla citta di Buasauo.

Battista.

In greeo « battezaatore ». Coli' E vangelista, e it pili venerato tra i molti Santi di nome Giovanni. 24 giugno.

N orne di vulgatissimo, e mirabilroente prolifico, spe-

NOMr E COGNOMI

43

cialmente in Friuli, dove abbiamo: Battistella, Battistel, Stella, Stel, Stelin, Stellini, Tel, Tell. Tellini, Bat· tistot, Tot, Totis (in documenti Tothisus). Battistutta, Battistut, Tut, Tutti, Battistat, Tat, Tatti. Titolo (Tttul) sta. da se, rna in altre parti d'Italia gli eorrispondono Titta, Tittoni, Tettoni. Per Tell, -llini ammissibile anc h e Pomtel, Puntel, in Oarriia = Pantaleone.

Baudolino 0 Baudelino,

~ orne usat o unica.mente nella diocesi di Aleasandria. Anacoreta e confessore, VII-VIII sec., nativo di Villa del Foro, oggi aobborgo di Alesaandrra. 10 nov.

Forse equivale a Baldovino.

Beatrice.

II nome, dal latino Beatri», era gla 10 uso prima ehe Dante gli desse celebrira. B. Beatrice d'Este, 19 gennaio.

Dal vezzeggiativo Bice, cognome Bicetti (lombardo).

Belitruda, Beltruda.

No me longobar do, da pil; bil = difesa, protesioue, e trut = fedele. Piltruda in documento di fondazione dei monasteri di Santa )Iaria in Sesto e Sa ntn \1aria in Saito (Friuli), 769.

COgH. Belletru tti, Ueltrutti (1Iondovi).

Bene.

Talora e abbreviaaione di Benedetto (Sennuccio del Bene), nou senza : influenza. del germ~ni('o Beno, Benno. Ma pili spesso c il primo elemento nella. COIUposizione di quei norni esprimenti buon augurio, che nel medio evo ricorrouo frequent.i, specialmente in Toscana, e nell'uso famigliare subiro no forti contrazioni. COBi da Benei venisti, Cisti (il forna.io della nota

44

A. BONGIOANNI

novella. del Boccaccio), da. Bencivenni, Cenni, Ce nnini, e fuori di Toacana (documenti bolognesi) Benceveninu8 dictu8 Zeven;nus, donde i eognomi Ceo, Zevenini, Civinini, Da Bencivenga, Benei, Henga, Benghi, Cenga, Cenghi. E singolare Ben educe (= bene adduoi'i) nel quale forse i) da rav visare una re miniscenz a d el ~ buon re Meliadus » rionde il coqn, veneto Duse.

Al tri no mi e eognomi di analoga etimologia sono:

Bcui vie ni , Berm at i, (veneto Bermassii e Benuscd o ), Nut.i, ~atini. Nat.tini : Bentivegna. (cogn. piemon teae Tovegni n, Beutivoglio, Bcnt.i, Bentini, Benvenuti, Nut i, Nutini (toscani), Gnutli (~). In Friuli Venuti. Venut a, Vig nud, Vignut, Gnut, Veg n aduz., Per inversione, Vegnaben (:\1011110vi). Si trOV:1 ne llono m aat.iea t oscana anche Paribello (di venut.o cognome) che si direbbe espressiono dol giudizio del padre al prirno "cIll'n- il neonate: analog hi Paribenc (c. so pra ) e ParibU'HlO «'()gn. Parb oni), Tnt i no mi augurali posso no st:LTC anche Benintcndi (" ad bo n u m intcnde ,,). Crcsciru be ne, Salim bene. Arri vubvnc. lkniea.~:1. J):~ q 11~~· su'u lt.imo, prob abi lm cn tc , cOrJn. Casdht, Ca,,~'lli, Ca· se tt.i, Casini, Caso li, Ca,;otti.

Benelletto.

Ab bust.anz a fn~IJlH~nte. sia PI'!' il I>ignifieato clu- pf'.r divozio no :11 Santo d i Norcia (21 murz o ). Tr ala.sciando i cog no mi di et.imologiu evidcnt.e, t.alorn lut.inizzut.i (Bcncd iet.i. De Bcnedictis). rimaue uucora una lung a seric. DaJ geno\'esc /Jclliito, coqn, Bencitone; lin. B,:UfC, l.kIl:~zzi, Bonelli, -net.t.i, -m-ttini, -11iHi, -noui, N el friu lauo Beinut non e d a escludere In. COIleOrrCnZ:1 di Be n.nllto. Ridot.to a Betta, Benedetto concorre con Zanobi, Iacobo, Elisabetta nei coqn: Betta.zzi, Betti. -t.tini, -t.toni, -nelli, eee.

La. forma. spagnuola Benito 1130 orrn ai acquist.ato lao citbadinnnza italia.na.

NOM! E COGNOMJ

45

Beniarnino.

In ebraico. figlio della m ano destra, 0 prediletto.

Poco uaat.o d ai Catt.olici, frequents tra gli Israeliti.

Coqn. toscano Begnamini [F'ireuze, secolo XIII) e da I:enjamin il lombardo Bignarni.

Benigno.

L' Apostoto della Borgogna. I Q nove m bre.

Cogn. piemontese BaJegno (San 13aligu = S. Benigno Canavese ),

N el basso Fri uli I' an tichiesimu A b bazra della Beligna, secondo gli storici del p acse, eonservcrebbe il nome del dio celtico Beleuo. Etimologia tradizronule. rna non su ffragata da prove; penser ei piu ttosto a Benigno, od a.l no rue g,~rmallico Berenqario, Bercnqo, ifilingo.

Beno, Berino, Berno, Benzo, Benizo,

Pene, Penk; secondo Hcintzc so no \'ezzeggiatiyi dcrj v ati dn n o rn i aventl per rudice ber, bero, berc, btir = orso. Per gli an ticlri Germani, ai quali il leone era ignoto, )'orso era il re dcgli anirnuli. II no me He110 apparc ncl medic evo in rnolte fa.miglic. ed l~ ov vio che sill. st.at.o confuso coi d eri vat.i da Benedetto, 0 da Bonico (vedi).

Coq n, Benier-lli, Br-nnicelli , B eniscelli (liguri). Forse di qui il grceo Venizelos (~). Benso , -zo, Pense, -zo, Perico , Benzi, Benzoni, Belzoni appartengono per 10 . piu all' Alta. It.alia. Un Benzone vescovo di Alba a] tempo della lotta. per le investiture.

Gogn. BI'IlZi. -zi, Benzoni, Belzoni.

E not.evnle che 10 sternrnu dei BCDso di Chieri, ai quali ap part.eneva it Conte di Cavour, reea it motto tedeseo " Gott will rccht >I. Forrnidabile argomento per i p ang erm anist.i, sccoudo i q uali tutti i grandi Italiani Bono di origine germanica!

46

A. BONGIOASSI

Berengario, Berengo, Be, Bilingo.

La forma toscana prevalen te e Berlinghieri, che probabilmente procede dalIa Iranco-prov enzule Beranger - Berenger. Radici ber = orso, e gar = lancia, giavellotto.

In Toscana troviamo anche Bellincione, Cione (da non confondersi con Cionne, -nno = Melchiorre) divenuti cognomi. In Piemonte Berengario 0 Balangero (nei marchesi di Busca).

Berenqario divenne in Francia Blanchard, Blancard, donde i nostri Biancar di, Bianciardi, Biancheri.

In Piemonte e Liguria cogn. Belingardi, Bellagarda, Bellingeri, Baloncieri. Belangione, Bellingini, BIengini, Blangini e forse anche il savoiardo 0 valdostano Blanchin , A Treviso Berengo; forsc da *Berengone il romagnclo Rangoni. Boringhieri (Torino) e il ladino Buergna italianizzato, non saprci can quale criterio.

N. d. l. in Piemonte: Balangero, Ballangero, Polongaro, Polonghera.

Nota, per curiosita, che a Torino balengo equiv ale a K citrullo n; rna forse e vocabolo di gergo, di oscura etimologia.

Berenice. Vedi Veronica.

Bernardo.

Erroneamente identificato call Berardo, Eberardo (Vedi AVERAIWO). Dal germanico ber, bern = orso, e hard = ardito. S. Bernardo d i Mentone, 15 giugno; S. Bernardo di Chiara.valle, 20 agosto.

Forme popolari in Liguria Bedin, ed in Fri uli Bidin. Cogn. liguri Bedini, Bedinello; friulani Bidin, Bidinos, Bidino t, e per un singolare accoppiamento dei due su ffissi. Bidinost (efr. Dreosti, sotto Andrea), Bedeschi, Bidischini (cfr. Baldeschi, ecc.). Non si trova piu in Frilili Bidernuccio, il cognome del capitario cbe con quaranta Venzonesi difese uel 1509 il passo della

SOMI E COGNOMI

47

Chiusa, sotto Pontebba. Fatto celebrate da una canzone popolare conternporanea, monumento d ell'Italianita del F'ri uli, e recentemente dal D'Aununzio (*).

Berta, Berto.

Per 10 piu sono abbreviazioni di no mi di cui bert e il secondo elernento (vedi Alberto). :Ma il femminile pub anehe stare da se; di questa nome ci sana due Sante e due Beate; venera.ta. in Italia la B. Berta de' Bardi abbadessa di Vallombroaa, m. 1163, 24 marzo.

Il mutamento bert = vert, uerd, avviene anche in norni cornposti: un Raverl.u8 de Porta T'icinenei teste nell'atto d'alleanza t.ra Lodi ed albre citti't lom barde, 1167. 0091/.. Reverdino (piemontese). A Cremona documento 902 Anzeverlu8, id, 909, Redeeertu», id. 1014, Aldevertu8, U denertus,

Bertarito.

Germanico Bert, Pertbari: dalle radici bert = illustre, e hari, her = esereito. Berthari in Paolo Diaeono. N orne longobardo, al quale, meglio ehe ad Alberto, Lamberto, ecc., rieondurrei i cogn. Bertoli (veneto. friuIano); Bertolini (anch e piemoutese): Bertotaz ai, Bertolotti, Bertarelli, Bertieri (francese Berthier). Albertario si spiega per l'analogia can Alberto.

N. d. l. Bertorella (Borgotaro), Perterano (Lecco).

Bertoldo.

Radici germaniche bert, pert = illustre, ed old v ariante di aud, ald patrimonio, stirpe. III Friuli prevale la radice pert.

(0) Della. csnzone, edita ed ilIustrata da Vincenzo Loppi, cite 801· tanto due verei:

• Su, ftdeli e bon Furlani Suo l~uiltimi italianil '.

48

A. BONGIOA~NI

Cogn. Pertoldi, Pertoldeo. Toldo. Frequente in documenti friulani il nome composto Walterperloldo.

A U dine Via Bertaldia, nella, quar ta ce rchia delle mura (principia del secolo X I V).

Bertrando.

Bertram 0, IJeltramo, Berteramo (raro}, Bertamo (id.). Anclie in tcdvsco qucsto nome si preseut.a in varie forme, a cui corrispondono di verse etimologie. II prirno elemcnco pu o essere balt, pnlt = ardito, au duce, oppure il Iro quentissim o bert, -pert = illustre , il sccondo ram, variantc di hrab a n , -ra/)(!n = l'Or\'O (uecello chr nella mitologia germa.nic:l. i~ sim holo d i saggczza I" di vl"lo· cit a). appun· rn n d. = scu do, I! per traslato , difesa. Quest.ione lliffieil.: a rl solvr-r»: ('30';0 lwr e~L~q. e lecito dare Ill. prefr-renz.a a quest.a f) q ur-lla eti mol ogiu.

Oogn. Beltrandi, Bcrtrandi, Be ltrume, Beltrami, -rnini si trnY311() quasi in tutta l tulia. Sour> vencti Vend ra 111", V endruruini, B ert.amn, Bert.ami ui , T'ami ni d ai quali d e ri vcrr-i i friulani 'I'arn (Go ri ciazu d i Co-

dr oi vo). T'arni. (Da n on confon dcre l' on Tu.nui.i. d a

Taman. Timan, isola linguistica ted.csca apparr.eueut.e al co m u ne di Paluzaa in Carnin). Da Bertera mo, i1 siciliano \" er dcram e (etirnologia proposta e d ocu mcntata da C. Po ma). Vedi escrn pi a.na.loghi sot to Alberto e Bertai.

Betto, Betta.

Accorciatura toscaua. U;J. 13tmedctto, da Zano bi , d.a Iaco bo, I: 111:1 Iem m irril e a.nche d a Elisubvt tu.

Per i cognomi, vcdi so t to i norni ci ta ti.

Biagio.

Pro ba bihnon to variarrte di blaesue S. lliagio. 3 Icbbraio ,

balbuaient.e.

~O)II E COG~O~U

4!.l

Uno dei vari nomi da cui puo derivare it comunissirno Gino in concorrenaa con Ambrogio, Luigi, ecc. I cognomi che ne dcrivano souo per 10 pili evidenti.

In Friuli , per influenza veneta. insieme can BI:1.si.

Blasini, -soni, -sutt i, si trovano Biasoni, Biasini , Biusioli, -su tti. F'orrne sluviazat e Blasetig , Bla.sutig. Possono d.eri vare d11. Bia.gio (Bias) come da Tum m aso, Gervasio. ecc. i cognomi Sut, Del Sut, Sutto, Sut.tiua.

Bianca.

Non e nome di Santa, rna. e a.bbastanza. Ire quent e.

Forse allusivo non ta.nto alla carnagione, quanto al candore bat tcsimalc . .E. co nsid crato come ono mastico il i) agosto. Iest.a della Madonna della Neve.

I Goqn. Bianchi. ccc. pili probabilmente dall'agg!'ttivo the non dal nome, eccet.tuat o forse il fr iu lnn« Della. Bianca.

BiIigiardo.

Di :'I[pl'ser Biligianlo (leila '1'o,,;a si parla spvsso [lelia Crouie a d i Diuo Corn pagni. L'ouo m ast.ica gcrmanica (Hcintz e ha: lVilligard. Trillilll1nl. Willitlrd. ccc .. n ei q unli P. fa~ile rinonosccre gli elernent.i: ic illo ""' ',nlonta, e tia rt = duro. tcnuce.

Uoq»: Vig linrdi, Biglianli (piernontcsi).

Bindo. Vedi IIdebrando.

Blandino, -na.

Da.l lat.ino IIlandulJ. E timologia evidcntc.

Banto martire, VII secolo, 6 maggie. Santa Blanda. ruurtire sotto Alessandro Severo, 10 maggie.

Coqn, Blandino, Bellandi no (piemontcsi). L'um p liam ent o del nesso b! e effetto dell'analogia con Blot ti =

4 - A. Box« ro.vxx). ,'-om i e cOCl7lO1ni.

50

A. BONGIOANNI

Bellot.ti: Blengini = Bellengini, ecc. }Ia c'c in Braba.nte S. Bellanda (Berelindis). m. 702. Cogn. Berlendis (?).

Blarasino.

Nome che occorre non di rado in documenti Iriuluui.

E timologia oscura,

Coqn, Blarasini, -no , Blarzino.

Boemondo.

Variante veneta Bajamonte.

Germanico Bocm u.nt ; radici mu nt, mund = diIe,;;t. protezione. II primo elemento e di etimologia oscu ra: rorse dal popolo dei Boi~ 0 variante di hod, b uula.«, ,)iotall. beodan, col significate di corna.ndo, aut o rit.a i

Nome importato in Italia dai N orma.nni. ~ ella forniazione di cognomi concorre con altri nomi di uguale desinenaa.

Cogn. Buj arnou ti , Bujarnoubi (venet.o-dalrna tico j , Biam onri (Iigure}. Da un pieinontese Biamo n molto prohahihnentc il cogn. Biamino.

Boezio.

E cognome m Fri uli, a Ciseriis, paese slave ora quasi del tutto friulanizzato, anch e nei cognorni , rna c h e sia proprio dal nome del filosoro, tanto celebrato lie! medio evo, e lecito dubita.re, sehbene Boez io siu da tempo imrncmorabile venerate come Santo nella diocesi di Pavia, e ricouosciuco come tale da Leo ue XIII nel 1879. Forse il cognome piemontese Poesio.

Bonaeeorso, Bonaginnta, Bonajuto, Bonamieo, etc. Vedi Buono.

NO)!I E COGNOMI

51

Bonaldo, Bonardo.

Bonuald in documenti Lucca, 713. E uno di quei nomi ibridi, uei quali il primo elemento, god = gut, e sostituito dal latino bonus. II secondo elemento PUQ essere walt = potente. 0 hart = forte; rna nella. formazione dei nomi spesso si ·coufondono. Bo nardo, coi cognorni Bon ardi, -delli, -dini, Bouaudi, Banau di, ecc .. equivale dunque a. Gottardo. Altri esernpi: Bonari (documenri l .. ucca, 746), doude i cognomi Bonari, -relli, -retti, -rini. e Godari: coqn, Gottarelli, Cottarelli; Bonechis, Bonichi» (Lucca, 742); Godegis (Siena, 715) (per i cognomi vedi Bonizo), Bonijrid, Bon/rid (Lucca. 745-1'74); Gudofrid (Garfagnana, 723); Boniperqa (765); Godeberqa, Bani-pert, BOil ibert (Chiusi, 771); Gudi/ICl'/ Us (Rieti, 744); Bonuaid, Guduald (S. Benedetto ill Campolo, 761).

l! Poma cita, a.ggiungendovi un punto d'escla.mazione, un au tore Inglese (.) che da un Bonipertus de Bomper tis, secolo XIV, deriva il eognorne Bo napur tr-, Buouapar te. L'etimologia non mi paff~ del tu tt o assurda, perche sia in Toscann che nella Maroa T'rivigiana, donde avrebbe a vu to origin e Ia farniglia d i Napoteone, abboudano nel medio evo i nomi longobardi, E da Bonipert deriva, piiI proba.bilruente ehe uon dal nostro Buonaparte, il cog nome pro veuzn!e Bom pard, pel qualc il Mistrul propane l'etimologia bonus paT.

Bonaventura.

~econdo nome, di sigllifieato augurule, di Giov auui Fidanza da. Baguorca (n. 1221). S. Bonaven tUfa. 14 luglio.

Ridatto presto in 'I'oscana a Bontura, -turo. Yent ura.

(0) FERGUSO:-;, Surname.~ a.~ a SCience, 1883. Londra,

52

A. BOSGIOA~:-<l

Coq». Bonturi, Bottura, Botturini (vcueti), Ventura, -ri, Venturini; da *BonturOlo (Iorma lombarda). in Fri tili cognomi Turolo, Stur olo (cffetto della srngola.re predilezione di certe parlate friulane per la " iropura). Turale (prodotto dal frcq lien t.c scam hio n, () e vice versa), ever falsa aualogia con Bertolo . /jCI'· told o, Turoldo, che non ha che fare col T'uroldu» della Chanson de Roland. Turazza (veneto), Turollo, -Ila (trentini) e forse, con un raddoppiamcnto della liquidu, Turri. Turrini. In Piemonte Turin, Tu rin a. 'I'uriuett.i. II prime c cognoroe tii famiglia valdese, cb e si ritiene originaria di Salo , 1;01 cognomc Turini. Tale ul rueuo e l'opinionc di un ministro valdese. ,:i questa famiglia, da me indirettamcntc consuItato.

Bonfante.

Iuteso <I Iante » nel signincuto dunt.esco di II uoruo " (Purgatoriu, XX V, 61) equi v arreb bu a Bonomo, t tmobo uo, Coq«. Funti, -t.ini, -to ni, -tuzzi. In FrUlH 1:0 forma Iatinizzata Fanzio, e da questa F'anzu tti.

Bonifacio, - zio.

Etirnologia ev iden te. S. Bonifacio mart.ire. 14 maggio.

S. Bonifacio pa.pa. 25 maggio.

Forma. popolare veneta., e cognouu-. Boufu, don de Bonbi~io, Bontadini, Fadini, Fatielli, HonUa, Borrifatti. -fettii. Patti, Futtini. Da -jucio, Fucini, Facciui. Paccicli. Eaociola, Facciolabi: da -ju sio, Fusi. Fnz io : piemuntesi Fussi. Fussio , Fassuti. F: • ..;;;il: Ir iuluuo Fuz zutti. Da Bonifetti ii valsesiuuo Guifett i.

Per qualcuno dei coqn, so prueuu ruernt i (_' uccet tu. bill' uuche I'etimo « Buonnf ... d e IJ.

Bonizo.

Longobardi Boneehie, Bonicki«. F'ormn ibrid a di Godectiis,

~OMT E COG~O:\II

53

Coqn, Bonichi (toscano), Bo nizzi, Bonicelli (Iomba.rdo); Bunico (Frubosa. :\Iondovi)j Bonecco (friu. lano); Bongi (toscano); Boughi (meridionale). III Bonizzardi (di cui Iorse Punizzurdo c una deformaaione) la d esinenza ard i! probabilmente un SUffi8S0 putronimico.

Tcponomastici : Poggi bo nsi (Siena); Bonzo. \~ OllZO (Piemoute, rua ill questi non t: d a escludcre Ablro ud io),

Borromeo. Vedi Romeo.

Borso.

C'l! ('hi 10 rit.ieru- come nil der ivuto J:~ /JiHHL(;I:orso.

SebJ.H'IlI: non mauchino , spcnialmen tc in Toscan a. esern pi III centrazioni cosi ardi te da sccncertare i glottologi, l'etimologiu. mi paft poco probabile. L'OllOmast-iea tedesca (Hl'illtze) ha Burgio, Burts, Bore, Bursel, P,;r:d, abbrevinziuni lIi n ouri aventi come radice I!lug. baurq«, pure (10 stesso ctimo di « borgo JI), 1:01 significate di I( difcsa, protezione '.

Burso e nome frcq uunbe uegli E.~tell~i.

Coqu, Borsi, Burslui, Borsieri (t.oscani ), Bo rz iuu (ligure): Borsari (vvr o ncse}: Horsurulli (di B ri:\g'1ia. presso )londovi, paese u nica.meut.e agricola, d ove e d a credere che non ci siano rna! staLl fu b bricntori di horse). Borsaliuo (Alessandria): Borsa.tti. .ntini (friulani),

Tut.tavia il Perna, uutorevotissimo in questa 1lI;~. teria, sta per l'ctimologia *bur.~a, "'bursQ,1·iu8. '\[a .:olIle spiegare, ill tal {~a;j", il Borsart ve roncse e d il BOl"i!a· relJi picm o n teso ~

Boso, Buoso, Bosone.

Quasi certameute di origine gerruouica, Ilia. d i t'timologia oscura. Bos, bos = mal vagio, m i pare non accettubi!e, perche sarebbe forse I'unico esempio di

54

A. BONGIOA:-iNI

nome gerrnanico di significato odioso, Si p otrebbe proporre l'ipotesi di una modifieazione della rad ice wis, weise = saggio, esperto. rna forse in contrasto colle leggi glottologiche.

Cogn. Bosi, -selli, -setti, -sini, Bosio, -sia, Bosolini.

Boggio, -gia, Bogetti. Bogino, Bozino e per oscura. ment.o dell'o, i v enet.i Busa.to , -se tto. Businelli, Busolini,

Bovo, Buovo.

Gcrrnanico, di incerta etimologia , reso popolare d al rornauzo Bov o U· Antoria (dal poerua francese Beure de Hiim ptonei,

Esiste un .S. Bovone, proveuzalc, morto net !)il5 a Voguern: 22 maggio.

Coq», 130,-io (piemontese e meridionale), Bovun.(ligure). BovettL Boetti, Boaeso (piemontesi).

Bradamante,

Nun e del tu tto in ventato da.ll' Ariosbo , 81 trovu Braqdenumie in un testo della Chanson de Roland. Contratto in Bramante, divenne maschile.

Brigida.

Prubabilmente d alla radice beruht, bert, a cui ne lluug losassoue «orrtspoudc bright, wright = splendi do, illust.n-. Due Sante, una svedese (secolo XIV, 8ottobre) e I'rrltru scozzese (VI secolo, 10 febbraio).

Fu.tt o m aschile, Bricito (coguorue a Treviso ). I n friulauo Birqitte, Bride i Brida si trova anche nel Sercambi). Coon, Brida. In Brisiotto, -sot to ( v ;eneti) concorrono Alberico, Fabrizio e forse anc he A. mbroqi 0 (Brosiot.to}. I cognoroi friulani Cita, Citt a piu probabilmeute da cite = pentola..

~O~II E COGNO~!I

55

Brunamonte.

In varie forme, si tro va in parecchi poemi francesi. a e scm pre nome di personaggi saraceni.

Gogn. Brunamonti (Umbria).

Bruno, Brunone.

Radief~ germunica bru'njo, brunja. briinne = coz z a, oppure bTun = bruno. S. Bruno foud atore dei .rtosinr, 6 o tt.obre.

Coq», Bruni. -nacci, -nelli, -netti, noni, ecc., d i et iologia eviden te. Entra in molti composbi, COIl gard= .iuso, r ecinto Brungard, Braumqardt; cognorne Brucartl i (toscano).

CUll hari = csercito, 0 hart = forte: !JruH harl; iri, Bru nh.eri. X orne Italiano Bru.noro, Cognomi runari, -neri, -nero (piernoutesi). Can ioalt, wa~d = Jtente: Hruneicald, lIold. Cognomi Brunoldi (lomardo): Brunialti (vieentino , forse originario dei Sette omuni); Brignardo, Brignardello (liguri). Da Bruello il patronimo Bru nelleschi. Altri patronimici Bruenghi. -go, Borncngo.

Buono, Bono, Bona.

::-; On e raro come nome per ail atante , 0 come a b br« iazione di Bonifacio.

Coq«. Bona. -ni, -DO. -nacci. -natti, -nazzi, -nett.i . . riui, -no. 11<1. e pili frequente in composizione call ]tri ncrru tli persona (Giovuuni, )lartino, )Ia.tteo, ecc.)

con n orni otl aggetti vi av enbi significa.to di a.ugurio. alut o, pro messn. Siffatti composti abbondano in 1'0- can a, e sono indizio di gentilczzil. di costume e di orte sentimento della solidarieta famigliare.

Abbianio cosi: Buollin8egna = bona elwaenia, ossia uon principio, vocabolo del latino ecclesiaatico, tutora in uso nel territorio dellantico Pa.triarcato di vquileja. « Encenie " sono Ie cerimonie ref Ill. consacra-

:iu

A. BONGIOAN:.II

zione di una uuova chiesa. 0 di u n altar-e. Cfr. il v crbo toscano "incignare u , E il nome del primogenito.

Coqn, Buoninsegni (un ramo di questa famiglia assunse poi il cognome Machiavelli}, Segni. Per gli ultrogeuiti, c'era d a secgliere: Buonaccorso : cO'l,uJlni Buouaccorsi. Corsi, Corsini. Buonaqqiu.nt«, coqnom.i Giunta, -ti. Giu n ti ni. Biunuiiuio : coqn . Buonaiut.i, Buonamieo : coqn, Buonamici, Amici. Buo narroin, -Ia; i Buonarroti. scno un ramo rlei Simeoni; Buo narrcto (! il second o figlio del capostipite Bernardo, e la "et'ondu figlia del primogcnito Bcrliug hieri Iu chiam atu Buouuvrota: OOg11_ Buonarroti, Itota., Roti, Hotelli. Rotdlini, Telliui (solo in T'oscuua.), t! uteili (?). n Iwncu lit· pa[jlIfI: Buouco m pugni. Compa.gni, Pagni. Pagnilli. I'agnoni. Co] lo "tPi;SO sig nificato n u·o ttl;O nte {bon liS toO me.):

Cout i, COli Lini, Contucci. Buonuici 110: eogll. B uon vici ni , (per quest'ultimo ammissibile anche Yil:o = Ludovico). In Eriuli Vuonvicino. COli significut.o gCllcrico Bonfiglio (usato anche uagli Isrnvlit i). :\0111\' angu\,n]e Iem miuile Buono.coso; coqn . Bonueossu .

. A d un bam bino c he nasccsse (lopo la tnort.- di un Irntello era ovvio irnporre il nome' di Buul!cambio; cogn. Di Cam bio, Cam bi; 0 di Risto ro, Forse ha uguale significu to Bouincontro: C0'lfl. lJonineontrn. 13 0111- scon trn, Cun tri , Cont.riui, Cont.rucci. Con signiflca.to uualogo, allusive al momento uella. nuscitu, t ruviauio anclie fuori di Toscana Bonanno tcoqn, Bonanni. se n .. to a Capo d'anno), Bonora (cogn. Bonura e Bonoris). }JOIIltmpo (eogn_ Bontempi, Bonteru pelli. -pini. Tempi, 'po, 'I'empini). Il ligure Bonanate, -nato ha tut.ta I'nppnrenz a di un vero voca.tivo: bona (hora). nate. 11 piernon tcse Bouansea prubabi lment e equivale al t.oscun» /':UO' lIi1lsegna, d al verbo ansi, 'nst! = corninciare (genovest> insa, latino initiare); pub anche iuterprcturei: " buon anno sia »,

xoxn E COG:-<O~!I

!jj

Buondelmonte.

Ha tuttn. I'upp arenza di un nome germunico, III contraddizione colla. Ieggenda riferita d al Lit ta, se· condo In. quale una giovine dei m archcsi di Snluzzu, fuggendo dalla patria per essere caduta in Iallo, nul viaggio da Pir enze a Rorna si sgravo in Moutcbuoni Ji due gemelli, cite furono i capostipiti dei Buo ndelmon ti e dcg Ii Scolari. In una. bolla di Adriano I V (11 ;)9) lao chiesa di Montebuoni e detta ,,<Ii S. Pietro niulier mala D. ,,)Iettcltdol~ 'I'urpino anchio I'Lo m esso », ~ra e certo che in molti casi Jlollti d eriva tla no mi germanici col ~ujfissolnunll, mUlll (efr. in Pieuiont«, ~londino, Mou ti nu, ecc.). E l'uuulogia con PiuuIII on te, Pindemontc fa pcnsare ad uu TV ctu.lel. lV in· ddmund.

Buo ntalc ntu,

~ orne t oscuuo di significato evirlen teo

Coq«. Buontalenti, 'I'alenti, Lenti (qucsto, uuclu- d a Valen c«), Tulent.ino (piemontesc), Tul luud in i (ve net o ).

S. d. l. Tullnndino, frazione Lii .... ld; probabihucut.e il paese prest) il nome dallu fallliglia che v i ubit avu , l:i1S0 frequcnte in Piemonte, in 1-'ri uli cd altrove. ,si puo auc lic am met tere una deforruaziouc di Tarantino o Tolentino. Non e da truscurare 'I'allandino. notue personule nei II Reali di Francia II.

Burcardo.

Germanici Burqhard, []urkhardt; rudici IlllI'fJ c hiuso, recin to , custello, borgo chart = forte.

Cogn. Boccardi, -do (liguri); Puccardi, llrnccarui, Brucceri (piemontesi, I'u lti tno a "IoIHlovi, du ve ""pesso il autlisso ard germauico, si riduce, COllI\: uv viene in F'raucia, e lion di rado anche in 'I'osca.na, :)'Il er). La tendenz a del tOSCJ.110 ad ubbreviaturo e cont.razioni ardite, consente di classificare sotto Burcardo, Boccardo anche Bocca. Boccaccio, Boccacci ni, Bocconi, (Bocca degli Abati e nominato da Dante, In!., XXXII).

58

A. BONGIOA!':NI

c

Cacciaguida.

Che sia un nome di hat.tesimo I' non uu sopranno me. i: fuor di dubbio. II trisavolo di Dante (Paradiso, X V) 10 dice espressamente: " Insieme Iui crisuiano e Cacciaguid a ». Ma ne di questo, ne di altri nomi non menu strani chc si trovano in 'I'oscana nei aecoli X I I e X [I r. nessu no ha date fincra una etimoiogia soddistacente, So p ra uno rne eli qualche ancenato, divenuto poi nom« perso nale ~ Traduzione di u n nome cornposto germa. nico ~ X ellonomast.ica del tempo tro viarno anche Caeciaconte, Cacciacompagn o. Cacciaeonte, Caccia. lostc. Caccialu pi, Cacciaporci, Cacciavillani, ecc.

Xe l l'Ftnlia merid. coqn, Cacciapuoti. al quale scrnbru rispondere il Irancese Chassepot,

Cadalo, Cadolao.

Etimologia incerta, probabilment.e germanica. Son esist.e alcun Santo di questa nome. Un Oadaiu» 0 Ca· dol aus vescovo di Parma fu eletto antipapa nel 1061.

Coq», Cadolini (Iom burdo).

Caffaro 0 meglio Giiifaro.

£ it nome longobardo Watari, di etimologia oscuru, Forse dalla stessa origine il nome, poco usato, Glial. [artlo (Guafarius in documento Parfense, 764); Gaifier, G(J!JfI(')' in fraucese,

~opraY\-ive in molti coguomi, in vatic parti d' Halla: (',iffaro c cognnme di antica famiglia genovese, alia quale appartcnne il celebre cronista; Gaffaro, di Iaruiglia veneziana; estinte I'uua e I'ultra. Caffaratti. -rot ti, Cefarat ti, Cifaratti (piemontesi}, Caffarelli (Lealia

so~n E COGSO~H

59

centrale); Gaffieri, Caffieri, Cafiero, Cifariello (Puglia); Gafurio (Bergamo); Gafriri (Lodi); Gaffuri, -rini (Berganw, Crt-mona}: Gaffori, Gaffed, Giafferri (Corsica). Forme singolari Gaffe (lomb. n e Gaff6dio (Vicoforue, .'IIoIl.lo\-i, uel dialetto locale Ga/o). De Guaiferiis, Forli, seco!o X II I (Poma).

l.'.' _ d, l.: :J Veuezia, Ponte, Rio, Fondarnenta del Gatfaro ai Tolentini; Caffari , Caffarena (Genova); Caffuraccia (llorgotaro); il Caffaro (Trentino, luogo not.o per uu combattimento i v i avvenuto riel 1866); du h bio Cafriolo (Padova).

Calimero.

III greco, eq uivale at nostro Buongiorno. S. Calimero vescovo di Milano, 3 otto bre.

An tica chiesa a Milano.

Coq», Carirnali (lombardo); Callamaro (piemontese) e call molta probabilita, Caramellino (Calimerino). Cararnello, -mella (piernontesi e liguri).

Callisto.

In greco, bellissimo. Dei cinque Santi di questo nome il piu venera to c S. Callisto, Papa e martire, 222. 14 ot tobre.

Calogero.

III greco I[ bel vecchio I). In greco moderno, e titolo che si d a ai sacerdoti, S. Calogero, IV secolo, 18 giugno.

Antica chiesa a Milano (San Caloss). In Sicilia ~ Calabria coqn, Calogiuro. In Piemonte Calosso (cogll. e n. d, l, Asti); forse Lossa, Losio (lomba.rdi-piemontesi).

Camillo.

Camilli, Camillae, erano giovinetti ingenui, cioe di nascita Iibera, che assistevano i sacerdoti. Etimologia

00

A. BO~GtOAN:S1 .

iucert a. In ltalla e venerato S. Camillo du' Lellis, secolo XVII, 17 luglio. )!i paiono di etimologia evidente )lilli (abruazese); }IiIlo (picm on tese): Camilleri ( Italia centrale); mi pare in vece u n no me germanico truvestito. Gamalheri (registmto tI a Heintzv) : rauici gUlnal = vecchio e heri, huri = esercito.

N: d. l. Gamalero (Alessandria).

Candido.

Et.imologia supertlua. s. Candido, 2 ott.obr«. Forme dialet.tali Cu:ndeo (vene to ), Cd rI{U(/. ylllwdid, Cluuuii , Qhandi-n (Iriuluni).

CO(JIl. Candee (veneto); C:lII, Chiandett.i. Call. Chian. dolini, Call, Chiaud.ot ti. Can, Chin.nd ussi .. ssio (friu. la.ni ). X ci cognomi Dus, D usso concorrono ult.ri nomi. Da Ca n didiamo (e non da C\mdi(L) Caridiuni : nil Can d idiauo patriarca di Gmolo, 606· 612.

Calle.

~d medic evo non dov et t« purcre olt ragg ioso. Iwrchl~ Iu ill 11:;0. come tutti sunu«, 1l"lla f:l.miglia. della Sculu..

PUo forse rivcudicare qunlcuno llei eoguo mi regrst.rat.i ~ .. rt to As(:anio.

Cante, Vedi Cavalcante.

Canuto.

~. Canu to i Kn ut), re di Duuim arcu (' m art iro 1086.

I!l geuunio, ;. per i Dunesi un (~rOl! naz io nalc: mn nun m i c o nst a ch e abbiu mai uv u t.o cu lt o in l tnlia. Pl:rcitl non pare probu.hih- cite d i qui dcr iv i i l coqn . J!i<-mOI)~(';;() Canutu; ne h a maggiore probabilita l'aggettivo ., ennuto », che appar tiene alia lingua lettp.raria.

Canzio.

Etimologia incerta.

I m ar tiri aq uilejesi Canzio , Canziano, Cauaianilla

:0;0)11 E COGr;O~U

(;1

(del tempo di Diocleziano) furono serupre in grande venerazione in tut.ta la Venezia. orientale o nelle flrritime regioni transalpine; se ne ita. tcstimonianza anclre nella t.oporuust.ica (San Canziano , S. Cocean, freq uen tissimi nella Venezia Giulia).

Coqn, Ciano Ciani. De Ciani, Deciaui (friuJani, il primo anche veneto); Canziani. Ziani, Zian (veueti). Tra gli slavi Cocean, Cocvancig it.aliantz za to ill Coceani, tcdcschiazuto in Kotschancig.

Caristio.

Caristi« f) Cara Cognatio c la [t'::;tu. d el la Cut tv dru di ,q. Pietro in Antiochia (22 Ir-bbraio). [n tale ricur. renza, nei prirni secoli del Cristianesimo, i congiunti solevano radunarsi a modesto bane het.to. per cancel. lare ogni traccia di cvcntuali ofrese 0 r ancori. F: evidente l'originc romana della fostu.

C0rIn. Carest iato (Trcviso), Carestiot to (Ro\·igo).

Caracrist.i (Tren to). Per q uestultirno e accett.abilo ('(0'0 Christi = I' Euca.rist.iu : rna ill ogni caso i· du esclu dere « oarestia ».

Carlo.

[J gt'rInanico ll((1'l n on significa altr« clie Q UOIlIO " (ted esco mo derno " ker l »).

Uno dei piu ditfusi, tra nomi geruranici, in tutt a Eur o pu.

)folti cogno mi (Carletti, -lini, -Ioui) di etimologin evidcu tissim a. Dal Irancese Charles i coqn, picuroutesi Carie, Chiarle, Chiarlet.ti, Cuiurlone, cd il vvnct I' Zarliuo. Per Lotti. Lozzi., Luzzi. ecc. SOIlO ummissibili altre et.im ologie. Carlo en.tra nriche ill co m posi sio nc con altri norni (Carlantonio, Gia·ncarlo, ccc.).

Carloruagno e venerate come Santo in Francia; la Saint Charlemagne e Ill, festa uegli scolari (28 gt>U:L).

62

A. BOXGIOA~NI

In It alia invece gode maggior veneruz ionc S. Carlo Borromeo, 4 novembre.

Carmela, Carmine. Vedi ll'Iaria.

Carnevale.

Uno dei multi norui allusivi al tempo d ellu nascita. CQgn. Car nevali, Carlevuri, . ris, Carlcvcri.

In documenti lombardi c piemontrsi Uuvvsrnl!», Carnc1.·n riUl~, CaJ'n Pln;arius.

Cassie, Cassiano.

n secondo, in Toscana, per 10 pili e Casciano (II. d. l..

Casciana, Sau Casciano), San Cassiauo martirc sott.o Decio 0 sotto Valeriano, e il patrono di r mola (:!() ru arzo ). A Venezia San Uassall. N ei coqn . Cassi, Ca.,;sett i, Cassini. eec. concorre _·kw,io (v ed i ).

Cataldo.

Veaco vo di Rathan in Ir larid a., t.r a it VI e.l il VIi ,;". ('010, nel ritorno d a un pellegrinaggio :~ Gerusalenunc, naufrago presso Ta.ranto. Fu poi vescovo di questa diocesi, dove l~ venerate come Santo pat.rouo (10 ruaggio). Jl nome, di oscura et.im ologia. e frp'llIE'nt.! nell'Ttalia meridionale cd in Sicilia. Di una chiesa rl i S. Cataldo e menzione in docurnenti Crcrnoua I InD.

Co.gn. Cataldi.

Caterina.

In Italia. Bono ugualmente venerate Santa Caterfua d'Alessandria (25 novembre) e Santa Caterina dn Siena (13 febbraio).

L'etimologia., comunemente proposta, d al greeo catharos = puro, non e accettabile, perche S. Caterina di Alessandria, la prima in ordine di tempi tra. lc

!'l'O~lI E COG~O~n

63

Sante di questa nome, nella agiografia greea e Aica· ierina, nome del qu ale ncssun lessicografo da una etirnologia soddisfacente, e nella russa Lecaierina,

Forme popolari Catera (toscano); Oaie, Catina (veneto); Otitare, Caiarine, Catarusse (friulano).

Ooqn, Cattarossi, -rozzo, -ruzzi, 'I'arussio (Iriula ni ; escludo Cattaro e I'eresia. Catara), Catini, Catiuelli.

In F'ri uli, il comunissimo Rossi puo anche essen:' l'ultima riduzione di Cattarossi.

Cavalcante.

Cognorue divenuto nome di persona; caso non raro.

Dall'ubbreviazlone Oante cOf/n. Cant.elli, Canti, Can toni.

Catullo.

Du catulus = eagnolino, 0 diminutivo di raio, catus = astuto.

t cognome veneto; se e originario di qualche luogo della spo nda veronese del Garda, non e da escludcre il latina Gatullus. Questione da proporre ai conoseitori del folk-lore della regionc.

Ceccardo.

Ceeardus, Vescovo di Luni, fine dell'VIII secolo E' patrono della diocesi, II corpo c eonservato a Carrara. Equivalente a Siccardo i

Cogn. Ceccardi, Ceccherini, Ceccaroni (Tcscuna l:

Ceccaldi, Ciaccaldi (Corsica).

Cecilio, -lia,

~ orne di una antica gente rornana, che ai dicev a discendente da CoecuZus, figlio di Vulcano. S. Cecilia, III secolo, 22 novembre.

64

A. BONGIOANNI

Cogn. friula.ni De Cilia, De Cillin, Ceciliot. In altri cognomi (SUi, Sillio, Ziliotto) concorrono Egidio (Gillio), Marsilio, ecc.

Celeste, -stino.

Etimologia. evideote. S. Celestino 1, papa. 6 apri!e.

S. Celestino V, papa. (quello del « grail riftu to II). 19 maggio.

(.'ogn. friulano Lcsbuz zi. Da Uelcstitnvu«, ('O_qll. L(', st.aui. N. d. l. Lestans. i.\la Leatiz zu (Cnd roi po) (\ nome slavo.

Celso.

In Ia tino, alto. S. Celso, mar tire a ~Iilano circa it 68 von S. N azaro. 28 luglio.

Cesare.

Cognome di una famiglia della gentc Giulin. che ladulazione dei poeti Ieee discendere da Julo od Asca.n io figlio di Enca. Sia che 10 f1.i d e riv i da caeso nuiiris ~elltTe (taglio cesareo) 0 10 si metta in relazionc ('00 caeearies = zazzera, l'ctirnologiu I! RemprE' d all a ra dice caed, v er bo caedere = tagliare. Nellonoruastica latina. c' e anche il nome Caeso,

Coq n . di etimologia evideote Cesari, -r iui, -r oui, E~(·.('.

Cesario.

Dul nome precedente. f:. nome di parecchi Santi; il piu venerate in Italia e q uello 301 quale e dedicata una chiesa aRoma; martire sotto Diocleziano. 1" 00· vernbre.

Cherubino.

La seconda delle gerarchie angeliche. Simbolo che gli Ebrei tolsero agli Assiri. In origiue raffiguruto da

NOMI E COGNOMI

65

una testa di vitello alata, poi sostituita. da. una testa umana.

Cogn. veneti-friula.ni Rubini, - binato, Ciribino, quest'ultimo da non confondere con Ciribiri, nomignolo col quale talora. sono designati i Cici del Carso triestino.

Chiara.

La Borella spirituale dt S. Francesco d' Assiai. 12 agosto.

~ orne uaato in Toscana anche al maschile.

Cogn. Chiarella, -rini, -rotti. In Piemonte Clara, -rotti; in F'riuli Clariciui, da Clarice 0 Clarissa, nome ehe ai trova in varie Chansons de geste.

Cipriano.

Dall'isola di Cipro. S. Cipriano vescovo di Cartagine, secolo III, 16 settembre.

Cogn. veneti-friulani Ci vran, Cevran , Iriulano Ze· vrain. Forse, per contrazione, da questa nome. 0 da Ciro, Cirillo, cogn. Cirio (piemonteee-friutano).

Ciriaco.

Dal greco Kyrio8 = signore.

N orne di diciannove Santi, dei quali il piu venerato in Italia e il veBCOVO d' Ancona, mart. a Gerusalemme circa il 362. 4 maggio.

Cirillo.

Diminutivo di Ciro. Dei quiudici Santi di questa nome, basti ricordare S. Cirillo, patriarca di Alessandria e dottore della Chiesa, m. 444, 28 gennaio; e S. Cirillo, fratello di S. Metodio, sec. IX. ed apostolo degli Slavi. che da lui ebbero l'alfabeto.

Cogn. Cirilli, Cerilli.

5 - A. BONGIOA.NNI, Nomi e coqrwmi.

66

A. BONGIOANNI

Oiro.

E nome persiano: mi pare dunque arbitrario interpretarlo come se fosse greeo (Kyrio8).

Dei vari S. di q ueato nome e specialmente venerate

S. Ciro d'Alessandria, mart. 311,31 gennaio; patrono dei medici.

In qualche luogo (Genova e Pavia) ai confonde Ovro COn Biro.

Clemente, -menzio, -menza,

Etimologia evidente. Tra iSanti i pili venerati Bono S. Clemente di Alessandria (4 dicembre) e S. Cleo mente, papa (23 novembre).

Forme popolari toscane: Chimenti, Chimicnti, divenute cognomi. 11 cognome carnico Cimenti, in reo gione dove perrnane il neBBO latino cl, pare una. anomalia, rna non e. La forma locale, iudicatami dal mio oonsulente per la Carma, D. Antonio Roja, e Ciumtfnt, del carinsiaun Kment = Clemente. Altro cognome, schietto friulano, e Clementel. In Piemonte (Chieri), da Clemenzio (efr. Prudente, -ziov Innoceut.e, -ZO, Costante, -ao, ecc.), coq«. Mens, Menzio, Mensio. N ella genealogia della ia.miglia chierese Ascheri si trova il nome Iemminile Menz ia. Mentessi (lorn bar do) parrebbe di origine friulana. In Mentasti (pieruontese) fenomeno analogo ai friulaui Bidinost, Dreosri (vedi Andrea e Bernardo).

Clodoveo. Vedi Lodovico.

Clotilde.

Nome franco, da hlod "iUuetre », e hilt « battaglia a , Santa Clotilde, moglie di Clodoveo. molto contribui alla conversione dei Franchi; 3 giugno, Dalla Casa di Francia j1 nome paaso nella Casa di Savoia; da lungo

NOMI ~ COGNOMI

67

tempo e in corso Ia causa di bea.tificazione della V. Maria Clotilde, Borella di Luigi XVI e moglie di Carlo Emanuele IV, m. a Napoli, 1802.

Colomb a, Colombo.

Significato evidente, essendo la colomba un simbolo giil. in usa prima del Cristianesimo.

San Colomba, irlandese, apostolo della Caledonia, sec. VI; 13 dicem bre.

II cogn. Colombo si trova anche tra gli Israelit.i, ed e la traduzione dl Jona.

Colombano.

Santo irlandese, 543·615, fondatore di molti conven ti, tra i quali il piu celebre e quello di Bobbie, dove mor i. II nome ha apparenza latina, rna non e escluso ehe aia un travestimento di qualche nome celtico; 21 novembre.

Contardo.

Germanici G-unthart, Gunther; radici gunt = battaglia e hart = forte; spesso scam biato con Gothardt.

S. Contardo estense, seeolo XIII, 26 aprile.

Ooqn: Contardi, -do (frequenti in Friuli), Cont arini (veneto; e notevole la frequenza di cognomi di origine germanica nel patriziato veneziano): molto probabilmente i friulani Cant arini, Cantaru tti, per i quali, Be derivassero da. 'i cantcre n, sarebbe da aspettarsi una forma parallela Ohia«, come, ad esem pio, Candot ti , Cbiandotti, ecc., ed in Piemonte Cantore, Chiantor, Chiantore. Derivare q uesti cognomi da canter = pitale, mi pare oltraggioso, sebbene non manchino esempi aualoghi, un po' da.ppertutto. Di un « magister Gontherius », muratore, forse di origine ted esc a, e menzione in "Acta publ. Civit. Utini », agosto 1332. Per 130 predilezione friulana della 8 i mpura, coqn, Sc lID taro, Sc uutero.

68

A. BO!-1GIOANNI

Conte. Vedi Buonconte, sotto Buono.

Contessa. Vedi lIatilde.

Cornelio.

Cognome di una illuatre gente romana , probabi]mente non da cornus, rna dalla. citta di Corne.

S. Cornelio, Papa e martire, 252; 16 settembre.

S. Cornelio, centurioue, convertito da S. Pietro, e mart.ire 80ttO Tiberio; 2 feb braio,

Nome non molto usato; esiste in Piernonte il cognome Cornelio.

Corrado.

Radici germaniche kuon, lcun. = ardito, audace, e rat = consiglio. Equivale esatta.mente, per aigniftcato, al greco Trasibulo. S. Corrado di Piacenaa, sec, XIV, 19 aprile , B. Corrado, Molfetta, 9 aprile.

Coqn, Corrado, -di (frequente in Liguria); Raddi, Radiui, -no, Conrotto (piemontese; e it Cuonrotu8 del "Codex Aateusis »); Curetti (Mondovi); Curreno (nel citato codice Conradenqus, Currenqu«, e un patronimico); Cerra (Trieste); Corrarini (veneto); Corridoui (marchigiano); Ridoni, Curro (Trieste); Curotto (ligure); Corrao, Rao (Italiu meridionale) . Nella Venezia ed in Fri uli. Coradazai. Corazza. -zzi, Cornzz in , Corretto.

Cosimo, Cosma, Cosimato.

Forma popolare veneto-Iombarda Cosme. Equivale 301 latiuo Ornatus.

S. Cosma, martire col fratello Damiano, 303, 2i settembre.

Cogn. Gusmitta. (lomba.rdo, pili. probabilmente che da Goldschmidt. cognome di Ebrei tedeschi = Ore-

NOMI E COGNOMI

69

fiee); Gusmai, Gusumai, Gusmini (veneti); Cosmacin (slavo, a S. Pietro 301" N atisone, can gratia tedesca K oematsohin j.

Costante, -tino, Costanzo.

('09n. Iriulani Tannin, Tintin (Ti'ntinu8 pili volte nel Ii Thesaurus Eccl. Aquilej.»). Innumerevoli ill Priuli, principalmente a 'I'ricesimo, i Costantini.

E frequente nella provincia eli Cuneo il nome Costanao. Dodici Santi.

C09n. Tanzi (lomb.), Constantiawu«, Stanzani (y).

Creseenzio.

Dal participio del verbo crescere. E nome di dodici tra Santi e Beati. In Toscana e venerate. col nome di S. Cresci, un martire del I V secolo, HI aprile.

C09n. Cresci, Crescini.

Crispolto.

NOllie di un Santo vcueraro a. Betroua (Assisi). ~la il Pet.in (voll. 42·43 della "Encyclopedic ecclesiast.ique l) del )ligne). che 10 registra anche col nome Francese di Chrepold, non di1 altra. Indicazione,

Coqn . Crispolti (U III hri a), e forae, dalla forma Irancese, Crepaldi.

Cristiano.

C09n. veneti-friulani Cresta.n, Cristante, ladino Crast.an. In Toscana Cristiani e Buoncristiani.

Cristina.

S. Cristina di Bolsena, martire, 24 luglio.

11 nome di Cristo. per reverenza., non e rnai usato dai Cattolici, raramente da.i Greci. Cristina, -no ne tengono il luogo.

Coqn, Cristini.

70

A. BONGIOANNI

Cristoforo.

In greeo «portatore di Cristo », Mart.ire, 250, 25 luglio.

Nella leggenda di S. Cristoforo c'e forse qualche reminiscenza del mito di Ercole.

N orne popolarissimo; forme dialett.ali, speeialrnente venete, Toffolo, Toiano; cogn. Toffoli, -ini, -etbi, T'offaJoni, -noni, Toffanin, Follini, Fulin, Foratti (veneti). Forse il piemontese Faletti. In Fanelli, -nini, -noui hanno uguali probabilita Oristojomo e Stefano. In To]. [oio, ecc. forse concorre T'eofilo .

Croce.

Attributo di molti Santi (u della Croce ») divenuto nome di persona; forse anche dal giorno della nascita (festa deU'Invenzione della Croce).

Cogn. Croce (in tutta Italla); Crose (veneto); Crosilla (friulano); Crocetti, -setti (piemontesi); Cruciani (Italia centrale).

Cunegonda.

S. Cunegonda moglie di Enrico II, iruperatore, m. 1038, 3 marzo.

Radici germaniche kun = audace , e 'lund = guerra.

Cfr. 'lund/ano = bandiera di guerra, il nostro a gonfalone »,

Concorre con Ildegonda, Radegouda, ecc. nei CQ'lnomi Gondi (toscano), Gondolo (piemontese).

Cuniberto.

Da. kun = au dace, e bert = illustre. 0 da. kuni, kunni = atirpe, 0 da. hun, huni = gigante, 0 da kuninc = reo Quest'ultima etimologia e preferita dal Weber, perche Cunirrcpert si trova. in Paolo Diacono

}lOMI E COGNOMI

71

ed in una iscrisione sepolcrale del tempo del re Cuniberto. E 10 atesso nome che Umberio, 12 dicembre.

Ooqn . Cuniberti, freq uente neLIa provincia. di Cuneo, dove abbonda.no i cognomi di origine longobarda , Com berti, Gomberti.

Toponomastica: Castel Gomberto.

I nomi germanici di cui il primo elemento e kun, e specialmente Cuniberto e Corrado, sono spesso abbrevia.ti: Kuau», Cuno, Ouone, Gonz, Chunizo, Kunitz, Kunze.

N orne fernminile Cunizza.. Coqn, C6ncina (Clausetto, Vito d' Asio); Conz (Iriulano) e forse il meridionale D'Acunzo.

II toscano Conci, Concini e da Acconcio; rna non e da escludere 180 coincidenza fortuit a col nome germanieo.

Cunimondo.

Radiei germaniehe kun = audace, ardito, e mund = difesa, protezione. Il nome del re dei Gepidi, pa.dre di Rosmunda, sopravvive Iorse, rna in concorrensa con altri nomi d.i uguale desinenza, in qualche cognome bisillabo,

72

A. 1I0)llOlO ...... 1

._----------_.-._-._.----_ ...

D

. nalmazio, -IUIO.

Dall. Dalltlar.ia. VelClOVO (li P.vi.. IV IInnnlo, 5 die~mbre.

N. d. l. 1rcque.nti Delle prnvineie di Cunoo e di Torino (Borgo S. DalmalZo, Sail D .. tm ••• o di None, Pinerolo) e nclrantioa Cuot~. di Niz»a (8. Dum.no Ilj Tend., S. nallll. ...... " il Selvatic(I): mA 11 troy" uehe ill .ltro regiont (8. D.lmuio di MODftlBtino, IIlodena, S. Dalm.mn di Pomar.'lIlc, LUGe.). 1.80 clU!v..iolie dol nome mi fll. rit.cucre abe, • l,rdorenz .. dol rcrma.lI.ico Mat.o. MlSeo. alIAO Ii.. l'stimt. eli M .... ~l.ni, M .... OD" (Iiguri); M.r;zola, 'IOU, -.ola.m. ·.oleDi (lomb .. rdil e del tOIOW 14&ZI"Olli, Muzmghi, M.a.cinghi. M ... II primo, in g&DOVceC Mau,,,, pub .nohe e •• er. - da 14 ..... ; I .. fa· nl"lia. ll. 8U, oririnaria. Ui Chi.vari. Rim.no nlouro il friulaDo Uahn.allon, TlI.lma.llllnn (T .. lm"lIoDH i .nohe nome di luogo), 11 mio cOQ81llcDte proS, Dalm'a88()I'l, 8urbiano, ad iIoui.C:llr& abe 1& lUI' famigUa 6 orlgi. Da.ri" eli S. l'iotra al Na.tillonej m .. it nogi1ome non p"rr. "Iavo.

Damiano.

1etimoiogiA oacura. S. mart,irG col f.ratllUo COMma, 303. 27 lettlllnbrr:.

Cogfl .. Mill.Di Cammi.Bibile Rmilia.no).

DaDe!i~.

E 1'I!'lwv.leDtll eli U'Bieri (il DanRe). D .. &llll ... • d(·rr. dunque uei cOIJDomi Danr.li. ·Bini I. prov",uien~. dalla -DaniuuuclIo. Pill tt.Ollt.o , ~ .mlld_bUe 1& eoneer» renr;. di A g""1e (elr. Vell' .4.n6lle). ed in Da.Ilp'Hini. di lJiofl,.II).

)110)11 B (00)10111

73

Danlele.

la ebJ'Moo • l>in e il mio gillll;"a~. OJtre 8.) Profeta, C)'. \lJI S.ut.o martire, 3 ge=.naio.

NOD frequent.a fuon dell. Vonezi ....

Oog"'. nIWle1in, -lon, .Iu., n.nin. na.ncU. (vcneti· friula.lli): DaiDelJl (') tOHell.no.

J).nte. Vecli Durante.

nanD.

Nome porsiltJlo, cba lIar-ondu nrodoi.o ligniljr.bllf(,blw • rcpl"r.."orc ~.

Du& Santi mfU·tirl, della. Cbi&llllo grac/t., (~ll una Sallt.a.

Da.r;a, Dlart.. I). Rom. 101;1,0 VoJerilt.J10j 21i oM,nbrc.

David".

In cb:rlloieu • am.to _. 29 dicuJuhrc.

Non e freq\lent e, milo IIi trova un pu' da.ppert.llt.t.o. CUfJl~. veDeto.friulano Du.vit. Jl.JB. nenA, form .. Do. Vit

b llifl prubp,bilmtmt.e .... dl\ Vito d' Allio (pQ.f:~t' eupra. SpiUm bergo).

Dcn.

Appa:nit·.llc ItU'Dl1011I1I.gt-iclI- 1't.·Jtuninih·. ~l)edllluwnte t.Ilfj,r.ll.lla; UJ n i!. IlrulHI.biiilllliiJJlII r·l,l· nun sin !IUI'II lllll., 'l'lj·d d (ll! •

Deei»,

Proba.l'i1m en 1.1' .... qui\' ale 11 "J)r.ciIllU ll. POl'-!.! Ui;Ilt.U; i: "('gn. In Ph·-IDOlltC .

. N. (1. 1. ]).· .. io (f).

74

A. BONGIOANNI

Detendente,

Etimologia ovvia. Santo mar-tiro in Provenza sotto )lassimiano; 2 gennaio.

Usato, rna di rudo, nei dintorni di Cuneo, dove esiste una chiesa dedicata. al Santo.

Delfino, -a.

Intorno a questa cetaceo la fantasia. degli antichi creo molte belle favole, alcune delle quali Bono riferite da Plinio. Divenne anche un simbolo crist.iano. Ma per i cognomi Delfino (piemontese-Iigure l e Do1fin (veneziano) vedi Adolfo.

Demetrio.

Da Demeter, Dea corrispoudente alia rornana Cerere.

Molti Santi; percio l'onomastico varia secondo i luoghi. Ma e nome raro tra i Cattolici; frequente invece nelle Ohiese orieutali. In Fri uli, Mitri, divenuto cognome.

Desiderio.

La serie dei Re Longobardi si chiude con un nome che Iorse e latino soltanto in apparenza. La forma. fran ceso Didier mi induce a ritenere non iuveroaimile cite aia un nome gerrnanico. d alle radici thiud = popolo e bari, her = escrcito.

Cogn. Di d ero (piemontese); Deideri, Desderi (ligurinizzardi).

S. Desiderio (in Piernonte S. Didero), 23 maggio.

Desio.

Qual piu bel nome per un bam bino Iung arnente desiderato T

Gogn. toscano Desti.

Detalmo.

Germanico Dieihelm, Diethalm; radici thiu.d, diat, diet = popolo, e helm, halm = difesa, protezione.

~OMI E COGNOMI

75

Aucora in uso in qualche famiglia. nobile friulana, Oog11.. piemontese Talmone, rna in concorrenza. con Antetmo, Lantelmo, Guitelmo.

Devota.

Santa. m artire, secolo I V, patrona della Co rsica e del Principato di Monaco.

Coq«. ligure Devoto.

Diamante.

N orne per 10 pin femminile, oggi di usa non freq uente.

Diana.

Sebbene sia nome di una Dea romana, non e raro nell'cnomaatica italiana del medio evo. In Toacaaa e venerata Is. B. Diana Giuntini; forse il nome e una abbreviazione di Verdi aua 0 Veridiana, altra Beata, toscana. m. 1242; 10 febbraio.

In Priuli il cog11.. Diana eq uivale a Di Anna.

Diego.

:N orne di un Santo spagnuolo, m. 1463; 13 novem bre.

E tradotto in latino D'idacu» a Didacius; rna forse la trud uzione e arbitraria.

Diodato, Deodato, Adeodato.

In latina Deusdedit. Significato evidente. Forse in qualche caso si confonde col gotico Teodalo.

Coqn, Diodati, Dati, Datini,

Con intenzione analoga, cioe di ringraziamento 0 d i in vocazione, i nomi Diotallevi (cog11.. Allevi, Allievi, '\'0), Diotaiuti, DiotiguaTdi (cog11.. Guardi), Diotisaloi (cQgn. Salvi, Salvini, ecc., rna in coneorrenza con Silvio). L'Dlivieri, aeutamente, classifies. tra questi nomi il padovano l\Iantegna (= Dio te mantegna). Ha

76

A.. BONGIOA~Nl

significa.to analogo Il toscano Vacondio. Tra. gli Israeliti sono in usa Servadio (nome e cognome) e Graztadlo, accetti anche dai Cristiani.

Dionisio, Dionigi.

Da Dionosos, nome greeo di Bacco, Tra i molti Santi, specialmente venerate S. Dionigi l' Areopagita, con ver tit.o da S. Paolo ed Apostolo delle Gallic, 9 ottobre.

Cogn. piemontesi Dionisio, -sott.i, Nisio. Am m issibile come etimo dei cognomi Danesi, -sino.

Disma.

Secondo alcuni agiografi e il nome del buon ladrone, che la Chiesa Romana onora il 25 marzo.

::\' om« usato, rna non frequente, in Lornbardia.

Domenico.

Latino Dominicus = consacrato al Signore. Prilll'ipalmente venerat o, come Iondazorc dldl'OrdilH' df'j frati predicatori. S. Domenico di Guzma.n, 4, agosto. 0, forse, "nato in Dornenica 11 (spagnuolo Domilt(}o). Gia segn alate dal Plechia come il pin prolifico tra i nomi person ali. Tralasciando i cognomi nei quali appare nella sua integrita (Dom enichi, ecc.j 0 so ltun i,o deca.pitato (Menichetti, Meneghelli, ecc.). dalla forma dialett ale Domini, Dumini abbiarno Domini, De Dominis (veneti-Iriulani} che per 10 pin ai pronunciauo co me se derivassero da dominus. Dumini (toscano, «fr. iI francese Duminy); Dominioni (lombardo); Dominissini, Minisini (friulano); Dominato (veneto); Dominetti, Dorninu to, Diminuto, Minato, Min abel (friulani), Da Dominut e probabile che derivi il curioso cognome carnico Dell' Ominut e dalla erronea pronuncia D6mini, Degli Domini (Valle del Fella). Da ]"[enego, .;lfengo, Mingo: Menga.zzi, -gazzini, -neghelli, -ghelli,

NOMl E COGNOMI

77

-g henti, -ghini, -goni, -gatti, -gutti, -guzzi, Minghetti,

-g hini, -goni, -gotti, -guzzi, Mincin (venet.i) ed il friulano

N egoazi. e con altri suffissi diminutivi, Mengarelli, Mencarelli, Mencartni, Mengarini. Da llIeco, Mico: Mechi, -cacci, Mecherini, Mich (friulani), Mecchia (carnico); Michetti. -cot.ti, Migone, -gotti (am missibtle Ia concorrenza. di Buonamico, AmicQ); dal toscano Beco: Bechi, Becherini, -cherucci: dubbi i piemontesi Bechis, Beechia, -cchio, dal venebo-friulsno Men-i, Menis, :'Ilenato, -natti, -nazzi, -nini, -noni, -notti, -nozzi. E evidente che per taluni di questi cognomi blsillabi, n ou S1 pub escludere 130 concorrenza di A nselmo, Guglielmo, ecc, e di Arrigo, Ugo, ecc. in Ghelli, Gbetti, Ghezzi, Ghini, Gon, Gozzi, Gatti, ecc. La filastrocca forse non e completa: rna si tratta di cognomi di cui l'etimologia e chiara e larnpante.

Donato.

Si sottintende, (( da Dio ». Nome frequentc nelle diocesi di Arezzo, Mondovi e Pinerolo, di cui S. Donato e pa.trono. 7 agosto. Al femrninile, in Piemonte, Donatilla,

Cogn. Donati. N ati, N atiui. N atti, N a.ttini. Dub bio il piemontese-Iigure N a.tta.

Donizo, Donizone.

N orne germanico di oscura etirnologia.

Coq«. Donizetti, Douizoni, Donzelli (Io mbardi).

Donnino.

Latino Domninus, da dominus_ Santo martire. 304. presso il Borgo ehe da lui prese il nome.

Cogn. Donini, Donnini, Saudonniui.

78

A. BONGIOANNI

Doroteo; -tea,

La stessa etimologia di TEODoRo, -RA. S. Dorotea martire, 6 febbra.io.

Cogn. Tea, Teja (piemontesi), rna in concorrenza COll Matteo, ·tea.

Drusiano, -na,

Probabilmente celtico, di ignota. etimologia.

Del poemetto « Drusian del Leone» si fecero molte edizioni, a Venezia ed a Baesano. eii) attest a la sua. popolarita.

Oogn. venebi-Iriulani Drusian, -ni, piemontese Russiano (T).

Durante.

Participio del verbo «durare D. Equivale a «Co. stante »; contratto, Dante, secondo Ia concorde opinione dei dantisti.

Ooq«. Duranti; i piemontesi Durando, Dorando pro. babilmente dal francese Durand.

NOM! E COGNOMI

79

E

Ehremondo.

E una forma italiana ipotetica del germanico Ehermund (francese Evremont) da eber, ebur = cinghiale, ed anche principe, e mund = difesa, protezione. Hebremscsuius, Farfa, 772. .

Oogn. Bermonti, Bremonti, Belmondo.

Edgardo.

Nome anglosassone (Eadgar) equivalente al germ anico Otker, Otqer, al francese .A ugier, Ogier, ed al nostro Oggero, U ggieri. N ell'onomastica italiana e uno degli ultimi venuti. Radiei ot, aud = patrimonio, e gar, ger = lancia, e per tra.slato, difesa.

Edmondo.

Anche questo e di introduzione recente (francese Edmond) e di significato poco dissimile da Edgardo; il secondo elemento di eBSO (mund) significa difesa, protezione. L'uno e l'altro repugnano alla fonetica italiana, che non ammette i nessi consonantici dg. dm, Secondo il Fum agalli, il femminile sarebbe Edmea. S. Edmondo, 20 novembre.

Edoardo, Eduardo, Odoardo; nei nostri antichi scrittori Adovardo.

Germanico Adwart, -warta. Hadwart; anglosassone Edwart, Edward_ Radiei ad (adal, add) = no bile, oppure had = guerra, e wart, ward = custodia. difesa, guardia.

S. Edoardo III, re d'Inghilterra, m. 1066, 13 ottobre. Forme popolari, divenute cognomi, Dardo (pie-

80

A. BONGIOAN:-;r

montcse); Dardi (veneeiano , un Dardi Bembo, secolo XVIII, traduttore di Platone); Dardin, Darduin (friulano, ammissibile D' Arduin); Darda.neili (piernontese, efr. ]'a.riosteseo Dardinelloj, Dadone.

Edvige.

Germanieo, rna di oscurn etimologia. Il pri mo ele. mento e 10 stesso che nei norni precedenti; il secoudo, 'Wig. signifies combattirnento, 0 combattente. Sarebbe pin conforme alla fonetica italiana Eduvige, corne va· leva Isidore Del Lungo.

S. Edvige, di Merano, secolo XIII, in seguito alb. anneasicne dell' Alto Adige ha acquiata.to 111. cittadi , nanza italiana: 15 ottobre.

Efisio, Efftsio.

Etimologia. incerta. II nome e frequeute in Sardegna. E uu Santo sardo, martire a Cagliari. I II seco!o, 13 Iebbruio.

Egidio.

Probabilmeute e un patronimico. da! nome greco Egeo. E specialmente venerate in Italia il B. Egidio, uno dei primi seguaci di S. Francesco d' A,,;;iai, 22 aprile, Prevalse in qualehe parte d'Italia la forma Irancese Gilles. Toponomastica: San Gillio (Torino).

Cogn. piemontesi Giletti, Giletta (forse anche da Gilardo, per contrazione). Nei toscani Gigli, Giglioli. Gilioli, Gioli, e nei veueti Zilio, Zilli, Ziliotto non e esclusa la concorrenz a di altri no mi.

Eginardo, Ainardo, Einardo.

E il nome del celebre cronistu di Carlornagno : radici ago agin (efr. il latino ac, acie8, acutu8, ecc.) = taglio, spada, chart = forte. Frequente in famiglie della

XO:'I!I E COGNO~I!

~l

piu antica no bilt a piemon tcse: i'ultimo dei Benso d i Cavour fu a.ppnnto un Ainardo. Nella. nobilt a ast igiana Isnardi. Asinar.ll, Asinari. L'ident ita di quest o cog-nome con E'ginardo c rnessa in dubhio d a un aut»rcvolissim o giottologo mio amico; mu nella serie ueg-ii abati della N ovalesa trove un ASe?laTi1t8 (A is n ia) che il cronist.a dice di st.irpe carolingia. E verosimihc he cost.ui fossc U II ([ asiuaio »! F. da notare ancoru clie il dialctto piern ont.ese non ha un dcriv a to dn I Iatino (18inaTiu8.

Altri COglL piemontesi: Einaudi , Inaudi , Inuldi , I snardon (forse sa vo iar.lo). Parra ardiro a.ggiu ligen' nlla fierie i coqn . Tacchinardi, Tassinari (= D' AglJi. nardo, D' Astnario) ?

},[olti toponimi: Castcllinald o (Alba; Don <r cust.el!« in alto" !), Corinaldo (Ancona; non (f corri ill alto ". et.imolog ia fan tust.ica come lao p reced eu tc, m a '. C u rio Eginh(mli); Mont anara (Cromona. :'fanto·nl.); ~[Oll' tanaro (Torino, Caserta); Moutaner (Trcviso): :'II 0 1I. ~aDI~ra (Cuneo); ~Iontt·na.rs (Udinc): Montescna.rio (Fi· re nzc;); Montosinaro (Biella ): Vullisnera (Rrggio Emilia. rlon.le il eogno me \' allisnieri). In P rov enza j[ U II· tavnicr, La Roque Ey nicr.

Eleaz:iro. Vedi Lazzaro.

Eldrado, O1drado.

ll eltlradue, Radici germanichc hild. hilt = bat tagli a . rat = conaiglio, S. Eldrado abate della. Novulesa. :1 pie uel Monccnisio. 13 rnurzo . Xome oon raro nella Valle di Su sa. 1,'i iI cog no me Oldr:'!.

Elena.

Probabilmente ua.1 greco heiios madre di Costantino, 18 agosto.

sole. S. Elt-na,

EO. - .:\. BO~GIOA:-;~·l. -"ami e counmni.

82

A. BONGlOA~::-;l

Cogn. piernontese Ellena, veneto Sansalena (Santa.

Elena). Dubbio il friulano Eliui (ammissibile Elia). II vezzeggiativo friulano di Elena e Leni , mentre pel' .ill addalena si usn. per 10 piu N ene.

Cogn. Lenisa.

Eleonora.

Poco pro babile l'etimologia dal greeo eieaino = avere compassione. II nome pare germanico, di incerta. I;ti mol ogia.

S. Leonorio vescovo bretone, VI secolo, 10 luglio. 009n. Eleonoris. Lenoris, X oris (anche trentino).

Nurisso, Nurisio, tutti della Valle Lli Su sa, Iorsr- yp. nuti di Francia.

Eleuterio.

Nome greco, equivalente al latino Liberius. Un ~anto, papa e martire 193, 20 Iebbraio.

Poco usato; non !lit eognomi, rna in qualehe caso puo essere statu confuso col germanico Leuiliari , Liuihari , e col m essi ncse Letierio, Liuerio, ch e nulla ha a cue fart~ ne co] nome greco, ne col gerrnauico. Vedi N aricl.

EJia.

In ebraic» "il mio gran Dio », 8. Elia, profeta. 20 luglio. S. Elia abate in Calabria, 20 febbraio.

Nome di v enuto cognome. Nel friulano Elini compete eon EI,~n(l.

Etigio.

Credo, co] Fu magalli, che sia da esclud ere il latino dig ere e che, eon soinmu probabillta, questa nome sia una variante di Tnciqi, S. Eligio vesco vo di Novon,

-';O:\lI E COG~OlllI

83

VI secolo, 10 dicem bre. Eo il Santo patrono degli orefici P d ei maniscalchi.

Anche in Toscana prevalse 130 forma franceso Eloi (Sant'Alb).

Gogn. Aloi, Alb, Loi (friulani); D'Alo, nsno. Da.ll'O (bellunese-cadorino), In F'ri uli anche Liso, Lisotti.

Elisabetta.

In e braico "Dio e i1 mio giuramento 11. E principalmente vcnerata S. Elisabetta madre di S. Cinvanui Battista, 5 novembre.

Concorre forse con Isabella nel cognome Zabeo (veneto). ).Ia in Betta, De Betta e da notare ehe in Liguria ed ariche altrove, Betta, ·ttina eq ui valgono a llenedeita, In Betti, -tt.ini, eec. ha maggiori pro babilit.a ZUl!obi, e non si puo esclud ere Lacopo, Da molti si ritiene che Elisa sia un troneamento di Biisabetto : rna e un ultro nome di Didoue; in ogni caso, sia f' br aico o Ieuicio, e sempre un nome semitieo, da non co nIoudcre con Eloisa, cb e pro babilmcute e una forma fern minilc di Luigi.

EHseo.

In ebr aico " Dio C 13. salute n, Uno dei Profeti accolti nel caleudario eattolico, 14 giugno.

('ogn. Elisei (famiglia di cui un ramo prese il nome di Alighieri); composto Antolisei (Antonio).

Elodia, 0 meglio Alodia.

Alndia e nome di una Santa, 22 otto bre.

Germa.nico all, od, il uostro allo dio, cioe proprieti1 piena e libera. Raro, e di introduzione reeente.

Elpidio.

Dal greeo elpis = speranaa. Eponimo e Sa.nto patron 0 di una. citta delle Marehe, 2 settem bre.

84

A. BONGIOA:-; x I

Forme popolari Lepidio, LUp1:diQ (vedi Sacchetti, novella XLIX). Ancho in Irancese S. Lupedp,.

Coqn. Lepidi, Lupidi (Toacnna e Marche); Lepido (Sadie, errcneam ente Lcpido), Pidotti, -dut.ti [friulu.ni).

EIYira.

Nome spaguuolo, da poco pii.r du n secolo diveuut.o Irequente in Italia. Ebirn ologiu incerta.; Iorse i: u n.i forma Icmrninile di Alv(!l"o.

E merenzio, E mcrenziana.

Emeriti prcsso i It omani crane colore che rl'l:, esentava dal servizio milij.arc.

S. Emerenziana martire. secolo IV, 23 genna.io. Ooqn, Murunzana (picsn outcse-Itiuluno): 11arendazzo. -rendino (picmontesc). Dubbio j\ Iombard o Jlaremi (ammissibile Adimaringius).

N. if. l, j[:ua.nza.na (Acqui), ilfaranzauis (Car niaj.

M areutclla (Fubrinno), Mare n tiuo (Chieri), ;\1 creudino (Cosenza).

Emerico. Vedi Amcriro.

Emidio.

Latino Aemygdius. Et.im ologia incer ta ,

~ome poco usato fuori delle Marche. S. Ernidio vesco vo fli Asco1i Piceno, secolo IV, f} ugosro.

Emilio, -a, Emiliano.

Nonie di una aucica gente rom ana, dal eapustipitc Aemulu8. Forse e 10 stesso che Amuli·U8. rna l'utirnologin. rimane sempre incerta. Nome di parecchi Martiri. (]O febbraio, 22 e 28 maggio, 6 ottobre).

Cogn. }liglio. -glino, -gliett i, -gliot.ti, ;\Iijno (piemontesi); Milioni, -Ilioni (v eueti}.

NOMI E COGNOllI

85

Da Bmiliano (S. Emiliano vescovo di Faenza, 6 novembre; a.ltro, patrono degii speziuli , 6 dicembre). )-liliani, -Iliuni (J[arc}lc). La forma pcpolare friulanu Mia = Emilio, consente di porre questo nome tra i possibili etimi del cognome Mion , -ni , rna con var i competitori, d ei quali i] piu qnotato e Simeone, veneziano Simian.

Emma.

Vezzeggiativu gr-rmanico Lnima, Erama, du qualr-hc nome in cui entru la radice imme = operoso. d iligcnte, 0 secondo il Forstemanu, da nomi di cui il priruo clemente e I rmin.

Sa.ntlt Emma (Iatiuo Il em.mo ), Ioud at.rice d i call\":111i ill Curi nzia. ;;,:<:010 Xl , 29 giugno.

Emmanuele, Emanuele.

In ebraico « Dio con noi n ,

Xon rari in gencalogic pir-rnontesi '\la,uolo. }lano.

Iiuo , die si r i tr o v an o tr:1 i cogno mi. Analogo it ve . ueziuuo Manolesso , Emm anucli. Ernunuulli. :'.J:\tllll'li in tutta Itnlia. III Picmoute Emanuel, :\[<tHud. j[a.nuello , ~rani\'clIo, .\[an a\'1' 110 , jIanovella, :\[:l,l1o\·ello. ::II auoli.

Emmelina.

Vezzeggiatdvo Ji Emma, orl anche di Amalia.

Enea.

Se bbeue nel medio cvo la leggunda troiaua ab bia aO:fl uistato popo larita t Le roman de Troie, 1 [ati! (fBnea, ecc.), questo no m e Iu poco usato , 10 si trova, con altri nomi derivati dall'Enel:d~, in qualcue gc· nealogia. E usato ill Dutmaz ia co me nome femrninile.

So

A. BOXGIOANNI

Enrico, Errico, Arrigo.

Germa.nico H eim, Heinrich: per etirnologia eq ui vale ad A merico, Bmerico = potente in casa, in patria.

II neSEO ur repug n a alia fonetica italian a, alia q uale sono pili conformi Arrigo (toscano), Errico (meridionale), Endrico, -go (veneto). Oltre ai derivati evi<leoti (Arrighi, -ghet.ti, -g hini, -goni, -gucci) i cognomi Andrigo, Andri, Endrigo, Endri, Lndrigo , Indri, Vendrt (veneti-Iriulnni), Endrici, Endrizzi (trent.ini). In Riga, -ghctt.i. -g hini, -gatti, -g ucci, Ricca, Ricca ti , Richetti, -chini, -cotti, Reghini c nei friulani Drigo, -got si, Dr], Driossi, .ussi, -u t t] coneorre Federica (friulano PicLri) e nei tre ultimi anche .Andrea. }Ia Drigani (friulano) non e da Enrico ne d a Federico, bcnsl d.al 11. d. I. 'I'ricanu m. Driganum. oggi Arcana.

Enzo.

E probabilmente il t.edesco Il cne

G io v an ni,

Epifanio.

Per 10 pill indica la nasoita ncl giorno dell' Epifania. }Ia di questa nome e'e anche un Santo, dottore della Chiesa. sec. IV; 15 gcnnaio , cd u n altro, vcscovo di Pavia. contem poraneo d i Od oacre e di Teodorico: 21 gennaio.

Eraldo, Araldo, Aroldo.

Se non ha 10 stesso significat.o del nom e co mun e « araldo n, e da identificare con ERIVALPO, ARIOVALDO. Radici germaniche hari, heri = esercit.o, e walt = dominic, potenzn.

Cogn. Araldo, Aroldi, Airoldi (Iornbardi): Aira.ldi e forse anche Airali (piemontesi; anche 11. d. I.).

87

Erasrno.

Dal greco erasmio8 = am abile.

Forme popolari venste Rtieemo, Rasmo, Napole.ano Ermo, Elmo (S. Elmo).

Cogn. Resimi, Resirnini. Rasemini, Rassemini, RD·

Ercole, Ercolano.

Dio latiuo, di cui ht funzione in origine 'era Ill. difesa lei confini della. proprieta (dal verbo hercere = chiu:lere); pill tnr di fu ideutificato coIl' H erakle« grf'l'o, E uno di q uei n o rni che n cgli an tichi scrittori trovia lUO aella forma d el nornluati v o. e collacceuto sullult.i iua vocnlc: Ercoles, cfr , Achilles. Dioqene», ecc. La. Chiesa ~rf'(::L venera dodici Santi col nome di H erakles,

COIJIl" Er cules (a Torino). Ercolessi (toscauo). II nome Ercole u Ircquent.e ncgli Estensi e nei Earnese.

Derivato d a Ercole, Ercoiano vesco v o dt Perug ia t· mar tire sotto Tot ila, 7 nov embre.

Cogn. Ercolani. Hercolaui. Da una :\ladonna Areo· I oru a (= Ercolaniaj prese il cog nom e In. ftomiglia. udinese Arcolo niuni (estirrta).

Ermagora.

lu Fri uti Eruuieora, Dal greco Hermes, Mercurio, E' d al verbo aqoreuo = parlare in pu bblico , si PUt) iuterprcture « eloque nte come Mercurio" che era appunro il Dio d ellelo quenz a. Discepolo di San Marco, e prim o Patriarca di Aq uileja. Venerata anche nei l'aesi trnnsalpini che nel media evo appar tenuero nl Patriarcato .. Ii I ~ luglio e Iesta solenne in F'riuli ed in Ca.rinzia. E cognome frequente ill F'ri.uli , vd appunto percio nOD C pili usato come Dome persnn ale, Dulle uutiche forme popolari Jlacor e Ranuicu! coqu . :Uacor, )lacoretti. IHacorini, Macorig (8Ia\'0).

S8

)clacola, )lUcula, Maeulati (Treviso) e forse ~lacchiati. Dalla Io rrna popolare venezianu J[ uJ'lJu61a, :H arcolini (in coucorso COil Jlarco e Jlelr;hio1Tc).

Ermanno.

Ocr m anico Hcrmunn ; arillwl!fli, in latino ecercitules, era uo ncl!e leggi Iongobard e gli oobligati at servizio militnr«. 1I11ome e altru cosa da j;-minio (d a A.rmi'l. Lrnii u , dio gcr m anico} seb bene q ualche storico tedesco (se la memoria Don m'inganna) (')liami Hermann i1 capo del Cherusci c he Ieee :;trag(' d elle legioni d i Varo nelle foreste di Teutoburgo, dove nel 1875 fu innnlzato un monurnent o nazionule , COIl "pig-rafe latina... di Ull latinist.a i taliario , il cite suscit 0 10 _"uegno di Alfredo Oriuni.

);+'i cog nomi, prcvale it Irancese Armand: Arma uci i , -d o , Arm ani. Ermani, Ar mauui, Ar maniuo.

Erme1inda, Ermelina.

Radh:i g-crma.tlil'ilC IJ'1tI til. ult.ro u orne del din vuotau

(v e d i Armi uio ) eli-lui = scrpern.«, ri te nut.o ('nnw si m-

bolo !Ii "apienza.

F'or mu popolar e friulanu A;')itdiIIP. nome aucoru freq ucnte in I:ampagua.

Cogn. Armellini (Turceuto). Linda. (carnicoj PU('I anche derivure d a alt.ri no rni di uguale d esinenz a t Teodoli nda, ecc.). Per i t.oscuui ~reli ni, -'{eHini ""0110 amrnissibili altri ctirni (Amelio. ecc.) ,

Ermenegildo.

Herm ini qitd di Leovigildo re 13 aprile.

Coqn, }langili, -gilli, Giltlolli

« douo di Irmin », nome d i uu figlio dei Visigoti in Ispagna: rnm-tir e ,

(10m lIa rdi).

x oxn £ COG~O>II

89

Ermengarda, Ermenegarda.

:-lP il scconrlo clemente e qard, pub interprctnrsi per ., rccirrto, chiuso » (UOllUC "gia.rdino II) e per trn.sl a to , "l!;l..':'a », II prlm o, corn c nel nome precerlen tc. (. Trmin. r:l),tl!. ~[!;ng,tl'(li, ~1ingaTdi, Mengnrini, ~If·ngahlo. \lentga!r[o (auuuissibile Ermcnegildu). :\[;] ncarrli. g::uui . . giarcli, jI angiarott.i.

N. d. t. \longardiuu (Alessandriu).

Ermes, Ermete.

F: il nnme green del Dio ch« i Ro rurmi ideu tificu ro no col loro .\Iercurio. :-5. Errues rnu rt.irr-. Bologna. :;n I. 4 gr:nnaio. Erln(~.~ e no m« u sat.n in qu:1ieh(' falH~~.di:, (Visconti , Collorcrlu}: m e n n rur o Evmoi.e,

Erminio, -a.

Varirmte d i Anuiniu ([1"111111) noruc di Ull Dio d(:'i <assoui. d ag li altri Germani chiamat» r uol,u! (UdillO). II nome t.aS>iCSCO Erminia non ha clre una reluz.iou« ap pnrcnt« eol genna.llico; vi entru f.-,rs!: un a l't!tllilli· ,",Cf!l1za lld n o rue geogra.iico Erminia = Armenia. ,h'i uost.ri an tichi scrlt.tru-i.

:-:. El'luillio. ~ti a.!!;o:-;to,

Ermolao.

Dal g reco Hermes = ')Iel'curin. l' lao;; = po!'oiu.

Unicurueutc perche alf'orecch!o qucsto no me da Ul.l -suo nu um p iu e rot.ondo, co muue del resto a m olt i alr ri uo mi , il (';iusti in u n suo mediocre sonetro t'\:'c:e .li S, Ern.olno il simbolo del frate guudcnt». Inv ecr- i: un sail to anacoret a, 27 luglio.

Forma. popola re veneta Atmoru.

Coqu, Arrn ehio (Val Sugana). Erruolli (curnivo). passato in Austria (un generale \'011 Errnolli nell' ultima guerra}, rnu puo anchc essere, corue ritieue il

uo

A. BO~GIO.\S:-;-I

Po ma, il longoba.rdo Ermuiue (documenti Lucca. 76.5·i66). Un Almoretto dei Baldana di Udine (secolo XIV), detto Guidotto, e il capoatipite della farniglia bolognese Guidotti. Almor6 puo dunque, almcno nella regione veneta. eompetere con ~lIaum nei cognomi Morelli, -rett.i, -roni, ecc.

~ ell' Inalia centrale cogn. ;\lelai, )\10lai, Molajoni.

Ernesto.

~ ella forma tedesca moderua Ernst pare equivalente al Iatiuo Seuerus; rna In. pili antica Arnust second o a.lcuni autori deriverebbe dalla rudice ar = aquila. Cfr. Arnaldo, Arnoljo, ecc. S. Ernesto, 12 g ennato.

Coq«. Ernesti, Nesti (anehe = Onesti).

Ester.

i\ ome biblico, forse non ebraico, m a persiano. Signi ficherebbe (I stella ». Piii usat,o dngli Israeliti ehe dai Cristiani.

Coqn, EsterLe (trentino), di forma e probabilm ente di origine tedesca.

Esuperanzio.

Dal latino cxsssperure, od exuberare so vrab-

boud are. Tre Santi. ]0 martire 304; Assisi, 30 dicem bre, 20 Ravenna, 418, 30 maggio; 30 Como. 22 giugno.

I.'ogn. Sopransi (Iorubardo), Sorauzo (veneto}, Accetta bile co me etim 0 del trevisano Speranzon , Spella.nzon, m a in co ncor rcn zn COIl Speranza. S. Esuperaazia. VI secolo, 26 aprile, ill fr ancese e Eeperance,

Ettore.

In greco, « possessore n , od anche "tenace », Famiglia Ettorei. Ettoreo, in F'ri uli, estinta.

:-;OMI E COG:S:O~!T

Eufemio, -mia.

In greco, ben parlante. S. Eufemia, 3 set.tembre.

Secondo I'Olivieri, it cognome veneto Fumoi. Iorse andH' il cana.vcsauo Fumel.

Eulrasla, Eutrosina.

In greco, let.iaia, 8. Eutrasia, 7 rnaggio. F'orsrCf)!II1. F'rassi (toscano), Frnssati (piemont.cse).

Eugenio, -nia.

I II greco, bennut o. Ventitre Santi. S. E ugcnio, papa. secolo VII.

Coqn . Genet, Gcnuzio (friulani}. II secondo e auche no me perscnule, ruu in F'ri ul! sco nosciuto. Da uu facile scarnbio tra eugeniu eding(miu j cogn. Ingeguoli (lombardo ingegno), Ingegnatti (in Pieuionte, ma furso non indigeno). )1a esisto pure i1 cognome 1 ngegueri (Angelo I. amico del Tasso), e l'ingegneria nelle sue origini e cosa tutta ibalianu, tanto che il voeabolo in accolto in quasi tutte le lingue eur opee. NOll sarebbe dun que d a esclud ere un lo mb ardo ungrqnau, analogo a. t'flgivnaU = ragio niere.

U n Johannes I ngenerius vescovo di Capodist.ria. 15i6-1600. Lnciqn aius , usa.to come cog nome. l~ fn·· quente in documenti d i Lodi circa il 1387.

Altri cogn. Genin, Geninatti. N. d. l. Gignod (Aosta).

Eulalia, -llo.

In greeo "ben parlante II. Due Sante. martiri. gc· colo n", 12 febbraio e 10 dicembre. Non saprei u quale delle due si riferisea il canto in lode di S. Eulalia, uno d.ei piu antichi monumenti del vulgare in Francia.

Forse iI coqu, toscano Lalli.

A. BONCIOA~~I

Eusebio.

In greeo equi vale al lat.ino Pi Its. ~ ome di uiol ti Santi, trc dr-i (I uuli appart.cnen ti alla. Lo m burdiu : rna dopo B. Euxchio vescovo di Cusarea e mart.ire, 309 (2 I ginguo). it pitJ venerato e furse u S. vr:,:eo\'o til \'('recJlt. 10 a.gosto.

\'('1 (,;tnqw tid cog nomi, i topnni mi vencti Sanzibiu (= :-;. Eu:-:d>io) f' Zevio (pel quale mi paru poco pro· babile la. derivaaione dai Gcpidi ) apro no la viu ad una. scr ic ill et.imolog ie inaspettnt.e, (:ioe il 11. d. l. o m iliano Ziltello, cd i ;;oq It. Zi h(·IIi. Zi velli, G i belli. Ci velli, Cipf.'lli. j I n o m e nap"ld:wo h'1I~ti.'lin. Eusu Jlil! (i1 dall' t.esco Sapia) a nrio 1110(10 Iii veder e non i: «he una dvformuxioue di E usrbi«, II Pa.p\' (« W jj rt crbuch del' .r;ri('ehi~;I"I)(~n Eig('lIIlfl.JHcn). insiernc con l:.'11i!(:/u:!il(. Eusrnci« registrn EHHLIdtio,;, lila con nil solo l·~('lnpio.

De! resto , qU\"sto nome Ita su hito t::t.nt{~ RGraur: ructa m orfosi, rIa rcn.lcr!o quasi ir ricon osci bile. Atl escm pio. nellantico Iruucesc. 8.1(: YSllil: (secolo V! J) i· ~. Eusebin,

D;L Sapia = Eus"bia nun ru i pare teruernrio d eriv :~l'I' i Gog n , pi('montesi Sa pdli. ~;tpdf,i, ~al'eglllJ. Zpp· [H'g-no. e p~r il beUe trapusso /, = t: anclie ~iLyi .. vio, :-3;1\'c11i, Savioli. Nei toacuni Zolri, Zo ho li i; Iorso pill prohabilr; 7,ru;nbi. La fornJ;! [lopo/a.n: pirHlrtnt(';;e ;: .t;:ubi. Du Eusebiano Iorse it cor/It. Zobianco (Suuian) I'U illt. d. l. Zu bi ena (Bird!:l.. ehe (~ up puuto nella .rn t.ica dioresi cusebianu).

Eustachio.

Val grcco eu-slachys, aobondalttc ai spig h«. Anebh(~ dunque un siguificato unulogo a: "Frn tt u «so. Carpoforo, Policarpo ». !\fa ~ a.nche Jntcrpretut.o. cnn altr a etimologia.. come equivalentc :.I. COI)~ni!fe.

Sa.nto martire, H secolo, :W sett.ernbre.

GOgH. Stacco, Tacco, Taco, Tue lis (friula.ni): (JRI.acclLi.

93

Ostacchini, Stacehini, Stacchetti (lombardi), e Iorse il goriziano Stccchina (sluv o i}.

Eustorgio.

In greco, u bene amato )1. Santo vesco vo di ~lilanu. 6 giugno. Variunti, rna dubbic, Estore, Estorre, .·hlore, in genealogie lorn barde.

Ooq»: Storchi (se Don e il tsdcsco 8tOTCh = cicog nu) cd il piemontesc Astore (n

Eutichio.

(; reco. equivnlcnte a Felice, Fortunato. \" orne l'U('O usato, sebbene t ra i Santi ci sia un Eutichio vescovo di Como, 5 giuguo. Concorrente, nun molto q uotat.o, di ATtica (Hartwig) nei cogn. Tico, Ticossi, -cozzi.

Evangelina.

Tulora, IUa. errouearncntc, abbrev iat o EVA. L'u no e l'altro nome sono piu usuti tra i Prot.estan ti che tra i Ca tt.olici ,

Evangelista. Vedi Giacann i,

Evaristo.

In greco C quasi un superlative di "ottimo II (t'U· (hi.~/os). S. Ev aristc, papa. mnrtire sot to Trnjauo. 26 ot t.o bro.

Evasio.

Secondo I'etimclogia piu prohaoilt:, ma che ancln- 301 Fu magall i non pare sicuru, equivarrebbe a. (I bell ca.ntante », Putro no di Casale .\Ionferrato (Casl.llf' Stmcti Evasii), 10 dicern bre.

GOg11. Vasotti, Vussotti (piemon tesi) in coucorrcnzu con Geroasio .

!H

Everardo. Vedi A verardo.

Ezechia, Ezechiele.

In ebraico « Dio e la inia forza. n. L'uno (. l'altro poco usati in Ita Ii a, fuori d Tsrnel c.

Ezelino, Eccelino, Azzolino.

L'Btzel dell'cpopca gcrrnanica e At tila. :'Ita (~ probabile ebe 130 coincnlenzu sin solt anto appnrcntc. e chrquesto nome, nelle sue varie forme, sia da rifcrirc ad .ltto, AzZ'o. non abbre viaaione di Galcaezo . Gnlcutto, rome crede il Fu mngnlli (franccse Galeh(wlt) rna n o me ger tuunico. dalla rudice alit, ada, athai = nobile. Vedi Heintze.

(;uqn. Azzolini.

Ezto,

Forse forse dal greco neil).'; = aquila; nel qual ,·tl.-;O e lecito supporn' c he sia la traduzione greca di q ua.lche nome genuunicQ, pcrche i l v inciuo re IIi AttiLt (451) era un Barbaro romuniz z atu. ); nm e nun raro ;~ I: o mn , doye e molt o po polarr- 1'« Ai.t iln » fit.·) Verdi.

~O:MI E COGNOMI

F

Fabiano.

Derivate da Fabio. Un Santo papa e m artire, ru. :!.jl). 20 geunaio.

Coqn. Fnbiani, Paviani.

Fabio.

:\ orne di una delle pill anuiche geu ti ro manc. ::il" condo gli etimologisti rornnni, d alla coltivazione J,.Jle Iave ; rna c'e luogo a dubbio. S. Fabio, m a rt ire. 17 maggio.

Uoqn, F'abi, Fabietti, Fuvi, f'orsc il friulauo Favetti. DiminuLi vo fem minile F'abicla (fine secolo V), 27 dicem bre.

Fabrizio.

Dal latino [aber.

~ ei coqn, Iriulaui Briz , Vriz, S briz concorre Alberico. Poiche molti cognomi Iriulani in -is (cs. Couiis, Totis, ecc.), che oggi si pronuuziano piuni, in autico erano ossitoui, come, a mio credere, attcstauo le forme latinizzate (Comisus, Totisus, ecc.), con ruolt a pr obabiliua S1 puo riferire a. Fabrizio, anziche a [ulrer, it frequentissimo Fabris.

Facino.

Yezzeggiativo di Bonifacio.

::-r otevole il r;ogn. lorn bardo Faccincani (da Pacino Cane 'i.

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful