Università degli Studi di Roma

--- Facoltà di Magistero ---











METODO DIALETTICO E SOCIETÀ APERTA
NEL PENSIERO DI KARL POPPER



Tesi di Laurea di Astro Calisi

(anno accademico 1981-1982)










Relatore: Prof. Franco Bianco

Correlatore: Prof.ssa Angela Jacobelli





2


SOMMARIO



Introduzione ........................................................................................................... pag. 4


CAPITOLO PRIMO: Il problema della demarcazione .............................. pag. 6

1. La scientificità come falsificabilità - 2. Gradi di falsificabilità - 3. Falsificazionismo
logico e falsificazionismo metodologico: gli “stratagemmi convenzionalistici”.
Note


CAPITOLO SECONDO: Il problema dell’induzione ................................ pag. 15

1. Hume: problema logico e problema psicologico dell’induzione - 2. Analogia e
interpretazione - 3. Il dogma del linguaggio osservativo - 4. Falsificazione e deduzione
contro verificazione e induzione.
Note


CAPITOLO TERZO: Popper e la dialettica................................................... pag. 21

1. La dialettica nella storia del pensiero - 2. Interpretazione e critica popperiana alla
dialettica.
Note


CAPITOLO QUARTO: Il falsificazionismo esteso alle scienze storico-sociali
e alla politica ......................................................................................................... pag. 29

1. La critica “metodologica” allo storicismo - 1.1. Le “profezie” storicistiche - 1.2. Olismo
- 2. Società “aperta” e società “chiusa” - 3. La nascita dello storicismo.
Note


CAPITOLO QUINTO: Fatti e teorie ........................................................... pag. 44

1. La critica di Popper alla dialettica è un falsificazionismo “dogmatico” - 2. La non
affidabilità della “base empirica”
Note




3

CAPITOLO SESTO: Contraddizioni e progresso scientifico .................. pag. 56

1. Progresso è solo eliminazione degli errori? – 2. Popper: la falsificazione ha sempre
bisogno di alternative?
Note


CAPITOLO SETTIMO: Storia della scienza ed epistemologia ............. pag. 64

1. “Normatività” e “descrittività” nel falsificazionismo popperiano
Note


Conclusioni ......................................................................................................... pag. 69


Bibliografia generale ........................................................................................ pag. 71
4

INTRODUZIONE



Un discorso sulla dialettica in Popper conduce inevitabilmente a un discorso assai
più ampio sulle idee politiche e sociali di questo autore, nonché sulla sua più generale
prospettiva epistemologica. Come si vedrà, infatti, il tema della critica alle posizioni
dialettiche nel pensiero popperiano è strettamente connesso a quello della critica alle
concezioni storicistiche in genere, mentre entrambi vengono fatte discendere dal metodo
della falsificazione, messo a punto originariamente con l’occhio rivolto alle scienze
naturali.
La critica di Popper alla dialettica deve, comunque, essere intesa come un preludio,
una preparazione, quasi un affilare le armi per la critica maggiormente impegnativa delle
tesi storicistiche. Poiché, il bersaglio finale di Popper non è la dialettica in se stessa, bensì
ciò che questa rappresenta per l’affermazione delle concezioni totalitarie moderne che su
essa si basano: concezioni caratterizzate, secondo Popper, da forti componenti
storicistiche.
Il presente lavoro costituisce appunto un tentativo di esaminare tali critiche alla
dialettica, indicandone i limiti sia alla luce della stessa metodologia popperiana, sia
ponendole a confronto con alcune obiezioni che a questa metodologia sono state sollevate
nella letteratura critica.
Nel suo duplice aspetto, l’analisi tenderà, da una parte, a porre in rilievo che
l’eccessiva severità mostrata da Popper nei confronti della dialettica non appare del tutto
giustificata razionalmente sulla base del metodo falsificazionista a cui egli si ispira: poiché,
tale severità, che riposa sostanzialmente sulla rigida prescrizione che le contraddizioni
vengano eliminate senza esitazioni, contrasta in modo stridente con la “liberalità”
metodologica professata da Popper in quasi tutti gli altri suoi scritti. D’altra parte, si vedrà
come certe obiezioni di fondo, sollevate contro la concezione falsificazionista finiscano col
mettere in crisi le argomentazioni di cui Popper si serve per confutare le posizioni
dialettiche.
Riguardo al primo aspetto, si può dire che il precetto popperiano abbia origine da
un indebito trasferimento del principio di non-contraddizione dal campo della logica pura a
quello della metodologia della scienza. Infatti, mentre su un piano meramente logico, la
contraddizione tra due enunciati è indice certo della falsità di almeno uno di quegli
5
enunciati, altrettanto non si può dire con riferimento all’attività scientifica, dove la
contraddizione tra dati empirici (asserzioni singolari di osservazione) e teorie (asserzioni
universali) non implica una conclusione così netta. Essa rivela piuttosto una tensione, una
inadeguatezza, che non coinvolge soltanto la teoria e le osservazioni in oggetto, bensì
l’intero sistema scientifico in cui questi sono inseriti.
Riguardo al secondo aspetto, si esaminerà il cosiddetto “problema della base
empirica”, che verrà usato come filo conduttore per addentrarsi nelle posizioni di alcuni
autori (Hanson, Kuhn, Feyerabend e Lakatos), con particolare attenzione alla possibilità di
descrivere i fatti della scienza tramite un linguaggio osservativo che non implichi teorie.
Soprattutto dalle tesi di Lakatos si possono - a mio avviso - ricavare degli spunti
interessanti da opporre alle posizioni anti-dialettche popperiane. Il più importante di essi è
costituito dall’osservazione che il falsificazionismo di Popper, anche nella sua versione più
aperta (che non è certo quella a cui si ispira la critica alla dialettica), non riesce a render
conto dell’effettivo agire degli scienziati. La storia della scienza sarebbe infatti per Lakatos
(come pure per Kuhn e per Feyerabend) il banco di prova di una qualsiasi metodologia,
tanto che questa dovrebbe essere abbandonata qualora prospettasse dei comportamenti che
non vengono riscontrati nella storia stessa.
Resta ancora da vedere fino a che punto tale tesi sia sostenibile o, detto in altri
termini, fino a che punto una metodologia sia assimilabile a una teoria scientifica, e quindi
soggetta ad essere falsificata da eventi in contrasto con essa.
Ciò costituirà l’argomento dell’ultimo capitolo, in cui si esaminerà la richiesta
popperiana di considerare le metodologie come norme stabilite convenzionalmente, e non
come teorie empiriche da sottoporre alla prova dei fatti.

6




Capitolo I




IL PROBLEMA DELLA DEMARCAZIONE


Può essere definito genericamente come il problema di trovare un criterio che ci
permetta di distinguere (e quindi di tracciare una linea di confine) tra la scienza e la
metafisica.
Questo problema era stato affrontato nell’ambito del pensiero neopositivistico,
almeno nella sua fase iniziale, mediante l’enunciazione di un criterio di significato in
riferimento al quale le proposizioni venivano distinte in scientifiche e metafisiche. Sulla
base di tale criterio, elaborato a partire dalle riflessioni di B. Russell e soprattutto da quelle
del primo Wittgenstein (Tractatus logico-philosophicus), la demarcazione tra scienza e
filosofia era ottenuto con l’aiuto dell’idea di “significato”: una qualsiasi asserzione aveva
significato purché fosse riconducibile senza residui a proposizioni elementari (“atomiche”)
di osservazione. In caso contrario, si trattava di un’asserzione senza significato o di una
pseudo-proposizione (1). In tal modo, tutto i problemi metafisici, non solo, ma anche tutti i
problemi filosofici, in quanto sprovvisti di una base empirica, venivano relegati nel
dominio della non-significanza.
A questa soluzione del problema della demarcazione in riferimento al significato, si
oppose Popper fin dall’inizio, rifiutando anzi la stessa impostazione del problema del
significato data dai neopositivisti. A Popper non interessava tanto stabilire la significanza o
meno di una determinata proposizione - questione per lui secondaria e sotto certi aspetti
fuorviante (2) - quanto piuttosto fissare un principio in base al quale poter distinguere la
scienza da ciò che non lo è. (3)
Secondo Popper, il criterio di verificazione proposto dai neopositivisti come
principio per distinguere la scienza dalla metafisica, riesce, è vero ad eliminare la
metafisica - suo principale bersaglio - ma nel medesimo tempo non può fare a meno di
rivolgersi contro le stesse proposizioni universale su cui si basa la scienza. Le teorie
scientifiche, in quanto fornite di valore universale, pretendono di essere applicabili a tutti i
7
fatti, mentre i fatti che possiamo raccogliere come prova della validità di una teoria sono
sempre e necessariamente di numero limitato. Nessuna teoria può mai essere verificata
mettendola a confronto con la totalità dei fatti a cui essa si riferisce, cioè non può essere
ridotta ad una somma di asserzioni empiriche elementari. Pertanto, applicando
coerentemente il criterio neopositivistico di significato, anche e teorie scientifiche
dovrebbero essere respinte dal campo della scienza con l’etichetta di “metafisiche”. (4)

1. La scientificità come falsificabilità
Da espliciti riferimenti in vari scritti (5), sappiamo che Popper cominciò a
interessarsi al problema della demarcazione verso il 1919 sotto la spinta di una profonda
insoddisfazione nei confronti di certe teorie, come quelle di Marx, di Freud e di Adler, che
pretendevano di essere scientifiche. Quello che lo preoccupava di queste teorie «non era il
dubbio circa la loro verità, bensì qualcos’altro». L’insoddisfazione derivava piuttosto dal
fatto che tali teorie, «pur atteggiandosi a scienza, erano di fatto più imparentate con i miti
primitivi che con la scienza e assomigliavano più all’astrologia che all’astronomia […].
Esse sembravano in grado di spiegare praticamente tutto ciò che accadeva nei campi a cui
si riferivano». (6)
Assai diversamente le cose andavano con le teorie fisiche come quella di Einstein,
dove le previsioni derivate dalla teoria - ad esempio, la deviazione della luce provocata da
intensi campi gravitazionali, previsione confermata dalla spedizione di Eddington nel 1919
- implicavano un notevole rischio. (7)
Tali riflessioni portarono Popper alla conclusione che «è facile ottenere conferme,
o verifiche, per quasi ogni teoria - se quel che cerchiamo sono appunto delle conferme»
(8). Questo succede perché noi tutti siamo portati in genere a concentrare l’attenzione sui
fatti che si presentano come una prova della validità delle nostre idee; mentre tendiamo a
distogliere lo sguardo, cioè a ignorare, tutto quello che potrebbe metterle in discussione.
Così, «è facilissimo ottenere prove, apparentemente schiaccianti di una teoria che, se fosse
stata invece avvicinata con animo critico, sarebbe stata confutata». (9)
Per questo motivo, Popper ritiene che «i dati di conferma non dovrebbero contare
se non quando siano il risultato di un controllo genuino della teoria; e ciò può essere
presentato come un serio tentativo, benché fallito, di falsificare la teoria». (10)
Giungiamo così al nocciolo della concezione popperiana, per la quale, «ciò che
rende scientifica una teoria, o un asserto, è il suo potere di scartare, o di escludere il
8
verificarsi di certi eventi possibili - di proibire, o vietare, il verificarsi di questi eventi».
(11)
Il dogma del significato e tutti gli pseudo-problemi a cui esso ha dato origine,
possono essere eliminati - secondo Popper adottando, come criterio di demarcazione, la
falsificabilità. In base al criterio di falsificabilità, le asserzioni (o i sistemi di asserzioni),
sono scientifiche soltanto se sono in grado di entrare in collisione con l’esperienza, o, più
precisamente, soltanto se possono essere controllate in modo sistematico, cioè se possono
essere sottoposte a controlli che potrebbero confutarle. (12)
Detto in breve: «il criterio dello stato scientifico di una teoria è la sua
falsificabilità, confutabilità, o controllabilità». (13)

2. Gradi di falsificabilità
Naturalmente, una teoria può essere più o meno controllabile, più o meno
falsificabile, e quindi il criterio di demarcazione non può essere assolutamente netto, ma
avrà esso stesso dei gradi (14). La misura della controllabilità o falsificabilità di una teoria
viene indicata da Popper con il termine “grado di controllabilità”.
Una teoria avrà maggiori opportunità di essere confutata dall’esperienza, cioè avrà
un più alto “grado di controllabilità”, se la classe dei suoi falsificatori potenziali (15) sarà
maggiore di quella di un’altra teoria. Si può dire che «la prima teoria dice di più intorno al
mondo dell’esperienza di quanto non dica la seconda, perché esclude una classe più ampia
di asserzioni-base». (16)
«Per esempio - osserva Popper - una teoria da cui possiamo dedurre precise
previsioni numeriche intorno alla suddivisione delle linee spettrali della luce emessa da
atomi in campi magnetici di intensità variabile, sarà più esposta a confutazioni sperimentali
di una che si limita a prevedere che un campo magnetico influenza l’emissione della luce».
(17)
Popper osserva anche che esiste una connessione ben definita tra il grado di
falsificabilità di una teoria, o di una semplice asserzione, e l’idea di probabilità. Infatti, se
si confrontano i gradi di falsificabilità di due asserti (singolari o universali), si può dire che
l’asserto meno falsificabile è anche il più probabile, e viceversa. (18)
«La probabilità logica di una asserzione è [dunque] complementare al suo grado di
falsificabilità: cresce con il decrescere del grado di falsificabilità». In tal modo,
«l’asserzione meglio controllabile, cioè, l’asserzione che ha il più alto grado di
9
falsificabilità è logicamente meno probabile, mentre l’asserzione meno controllabile è
logicamente più probabile». (19)
Inutile dire che per Popper sono da preferire le teorie che asseriscono di più sul
mondo, ossia che contengono la maggior quantità di informazione (o contenuto empirico),
teorie che hanno un maggior potere di spiegazione e di previsione e possono di
conseguenza essere controllate più severamente, mettendo a confronto i fatti previsti con le
osservazioni. (20)

3. Falsificazionismo logico e falsificazionismo metodologico: gli “stratagemmi
convenzionalistici”.
Affinché una teoria possa ritenersi scientifica non è sufficiente che essa ammetta
dei falsificatori potenziali, occorre che tali falsificatori potenziali vengano presi in
adeguata considerazione.
Può succedere che una teoria continui tranquillamente ad essere sostenuta benché in
contrasto con numerosi fatti: affinché ciò avvenga basta negare in qualche maniera
l’importanza di questi fatti come fattori falsificanti, oppure modificare la teoria in modo
che essa torni ad essere coerente con quei fatti.
Scrive Popper: «Di fatto non si potrà mai produrre nessuna prova conclusiva della
falsità di una teoria; infatti è sempre possibile dire che non ci si può fidare dei risultati
sperimentali, o che le discrepanze che si afferma esistano tra i risultati sperimentali e le
teorie sono soltanto apparenti e svaniranno col progredire della nostra comprensione». (21)
Sin dalla Logica, Popper si è ampiamente soffermato sulla difficoltà di
caratterizzare la scienza empirica facendo ricorso unicamente alla struttura logica delle sue
asserzioni:il criterio logico di demarcazione (cioè la falsificabilità di principio) va integrato
con un certo numero di regole metodologiche che consentano la corretta applicazione del
criterio stesso. (22)
La prima regola indicata da Popper, la più importante, la “regola suprema”,
stabilisce che «le altre regole del procedimento scientifico devono essere progettate in
modo tale da non proteggere dalla falsificazione nessuna asserzione della scienza». (23)
Per indicare gli artifici con cui una teoria può essere sottratta alla falsificazione,
Popper ha coniato il termine “stratagemma convenzionalistico” (24). Egli distingue alcuni
tipi di “stratagemmi convenzionalistico”, in modo da poter suggerire per ognuno di essi il
rimedio specifico, cioè l’appropriata “contromossa anti-convenzionalistica”. (25)
10
Una delle principali mosse per salvare una teoria dalla falsificazione consiste nel
modificare la teoria mediante l’introduzione di ipotesi ad hoc, vale a dire di ipotesi
aggiuntive la cui funzione è unicamente quella di adattare di nuovo la teoria ai fatti che
apparivano in contrasto con essa.
Supponiamo di sottoporre a prova l’asserzione scientifica elementare “l’acqua bolle
a 100° C”. Se non ci limitiamo alla piatta ripetizione di esperimenti in condizioni sempre
uguali, scopriremo prima o poi dei casi - ad esempio, facendo uso di recipienti chiusi - in
cui l’acqua non bolle a 100° C. Per sfuggire alla falsificazione potremmo a questo punto
aggiungere un’ipotesi in maniera che la nostra asserzione venga modificata come segue:
“l’acqua bolle a 100° C in recipienti aperti”.
Con tale artificio, l’asserzione sarà tornata ad essere coerente con tutti i fatti a noi
noti fino a quel momento.
Ma, andando avanti con la nostra sperimentazione, potremmo scoprire che l’acqua
non bolle a 100° C se ci innalziamo sensibilmente dal livello del mare. E potremmo di
nuovo tentar di stabilire l’accordo con i fatti modificando ancora l’asserzione: “l’acqua
bolle a 100° C in recipienti aperti e al livello del mare”. E così di seguito, aggiungendo di
volta in volta delle assunzioni ausiliarie che, tenendo conto delle evidenze contrarie via via
scoperta, restringano il campo di applicabilità dell’asserzione così da renderla compatibile
con la rimanente classe di fatti a noi nota. (26)
Contro tale modo di procedere, ecco la prescrizione di Popper: «Per quanto
riguarda le ipotesi ausiliarie decidiamo di enunciare la regola secondo cui sono accettabili
soltanto quelle la cui introduzione non diminuisce il grado di controllabilità del sistema in
questione, ma, al contrario l’accresce». (27)
Ciò significa che il corretto modo di procedere non è quello di restringere il campo
di applicabilità di una teoria in difficoltà, cioè il suo contenuto empirico (che corrisponde
al suo grado di controllabilità), quanto piuttosto quello di allargare tale campo in modo che
esso arrivi a comprendere anche la classe dei fatti che precedentemente apparivano in
contrasto con la teoria. Riferendoci all’esempio riportato, il corretto modo di procedere non
consiste nel modificare la teoria affinché essa non sia più applicabile ai fatti che potrebbero
falsificarla (cioè ai resoconti osservativi riferiti all’acqua chiusi nei recipienti e/o all’acqua
posta a grandi altezze), bensì nel riformularla in maniera più ampia così che essa non solo
spieghi perché l’acqua bolle a 100° C in recipienti aperti e al livello del mare, ma anche
perché essa non bolle in recipienti chiusi e(o ad altezze considerevoli rispetto al livello del
11
mare (ad esempio, ponendo in relazione la temperatura di ebollizione dell’acqua con la
pressione. (28)
Altro stratagemma per sottrarsi alla confutazione, e che naturalmente Popper
condanna, consiste nell’«interpretare qualsiasi sistema scientifico dato come un sistema di
definizioni implicite» (29), o, in altre parole, nell’affermare che le leggi e le teorie
scientifiche sono definizioni e non descrizioni. Tale tipo di stratagemma può essere meglio
illustrato con un esempio che lo stesso Popper riporta nelle Replies.
Un biologo propone l’ipotesi che “tutti i cigni sono bianchi”. Supponiamo ora che
un giorno vengano scoperti dei cigni neri in Australia. Il nostro biologo può affermare che
la sua ipotesi non è da ritenersi confutata ponendo in atto un semplice procedimento di
“immunizzazione” (30): egli può sostenere che non si tratta di cigni, bensì di una nuova
specie di uccello, dato che una delle caratteristiche che definiscono il cigno è appunto
quella dell’essere bianco.
Prosegue Popper: «Per molto tempo i chimici hanno avuto la tendenza a
considerare i pesi atomici, i punti di fusione, e proprietà simili come proprietà definienti
dei materiali: non può esservi acqua il cui punto di fusione è diverso da 0° C; non può
essere davvero acqua, per quanto simile all’acqua possa apparire sotto altri aspetti. Ma se è
così, allora, secondo il mio criterio di demarcazione, “l’acqua gela a 0° C” non sarebbe
un’affermazione scientifica o empirica; sarebbe una tautologia parte della definizione».
(31)
Secondo Popper, la questione va impostata diversamente. E’ irrilevante se un
liquido, con tutte le caratteristiche dell’acqua ma con diverso punto di fusione, possa essere
chiamato “acqua”. Molto più interessante è considerare l’ipotesi scientifica «che un liquido
(non importa come lo si chiami) con una considerevole lista di proprietà chimiche e fisiche
gela a 0° C». Così, «se qualcuna di queste proprietà, che sono state congetturate essere
costantemente congiunte, non è riscontrata allora eravamo in errore; e così nuovi e
interessanti problemi si aprono. Il minore di essi è se dobbiamo o meno continuare a
chiamare “acqua” il liquido in questione: ciò è puramente arbitrario e convenzionale». (32)
Popper accenna anche a un altro modo (illecito) per sfuggire alla confutazione; esso
consiste nell’«assumere un atteggiamento scettico nei confronti della fidatezza dello
sperimentatore le cui osservazioni minacciano il nostro sistema». Tale stratagemma viene
quindi attuato rifiutando di prendere in considerazione certe osservazioni «per la ragione
che sono sostenute in modo insufficiente, non scientifico, o addirittura per la ragione che lo
sperimentatore è un bugiardo». (33)
12
Infine, per amor di completezza, si può ricordare un tipo di “tattica immunizzante”
che non trova posto nel par. 19 della Logica, dove viene affrontato il problema generale
degli stratagemmi convenzionalistico, ma può essere rinvenuto qua e là in vari scritti,
anche se Popper non lo indica come tale in modo esplicito. Si tratta del procedimento con
cui si cerca di sottrarre una teoria dalle critiche rivolgendo contro di esse parte del
contenuto della teoria stessa. Ad esempio, uno psicoanalista può mettersi al riparo dalle
obiezioni mosse alla propria dottrina sostenendo che in realtà tali obiezioni sono il risultato
di “resistenze” (o “rimozioni”) che dovrebbero essere eliminate (curate) tramite un
trattamento analitico. Analogamente, i marxisti cercano spesso di neutralizzare le critiche
degli avversari affermando che esse sono il frutto di una “falsa coscienza”, di una
ideologia, che rende incapaci di vedere da che parte sta la verità. (34)


NOTE

(1) Cfr. Karl Popper, Logica della scoperta scientifica [1935]; trad. it., Torino, Einaudi, pagg. 346-7.
Ad essere precisi, già nella formulazione di Wittgenstein (ripresa poi dai neopositivisti) troviamo
che tra le proposizioni significanti non ci sono soltanto quelle riducibili a fatti elementari. Esistono anche le
asserzioni logiche e quelle matematiche, che non hanno la pretesa di fornire informazioni sulla realtà
empirica; esse possono essere dimostrate vere o false senza ricorrere all’esperienza, applicando il principio
secondo il quale sono vere se si tratta di tautologie, mentre sono false se si tratta di autocontraddizioni.

(2) In base al criterio di demarcazione neopositivistico, tutta la metafisica veniva considerata priva di
significato, cioè “balbettio senza senso”, mentre da un punto di vista storico è proprio dalla metafisica che ha
origine la scienza. Una data concezione può non essere controllabile empiricamente all’inizio, ma divenire
controllabile (e quindi scientifica) col passare del tempo. Così è accaduto, per esempio, per l’atomismo
(l’idea di un “principio” fisico singolo, o un elemento ultimo da cui derivano tutti gli altri); per la teoria del
moto della Terra (proposta da Aristarco nel III sec. a. C. e che ancora Bacone e Berkeley credevano errata);
per la teoria dell’elettricità come fluido; ecc. (vedi Popper, Logica della scoperta scientifica, cit., pagg. 307-
8; cfr. anche Popper, Congetture e confutazioni [1963], trad. it., Bologna, Il Mulino, 1972, pagg. 69-70.

(3) Popper, Congetture e confutazioni, cit., pagg. 70-1.

(4) Popper, Logica della scoperta scientifica, cit., pag. 347 e pagg. 16-7.
Le critiche di Popper vennero per lo più fraintese dai membri del Circolo di Vienna; esse furono in
genere recepite come una proposta di sostituire il criterio di significato come verificabilità con un criterio di
significato come falsificabilità. (Cfr. Popper, Congetture e confutazioni, cit., pagg. 73-4 e Popper, La ricerca
non ha fine. autobiografia intellettuale [1974]; trad. it., Roma, Armando, 1976, pag. 91.
Tuttavia, tali critiche ebbero qualche effetto. Ad esempio, sotto la loro spinta, Carnai fu indotto a
dare una maggiore apertura al principio di verificazione. Egli sostituì infatti il concetto di verifica con quello
di conferma: le ipotesi scientifiche non possono venir verificate in modo conclusivo dall’esperienza, ma
possono venir confermate nel senso di una maggiore probabilità logica. (Cfr. Rudolf Carnai, “Controllabilità
e significato”, in A. Pasquinelli (a cura di), Il neoempirismo, UTET, Torino, pagg. 541-561).

(5) Vedi, ad esempio, Popper, Congetture e confutazioni, cit., pagg. 62-6 e pag. 435; Popper, La ricerca non
ha fine, cit., pag. 43-4.

(6) Popper, Congetture e confutazioni, cit., pag. 63. Cfr. anche Popper, “Replies to My Critics”, in P. A (a
cura di), The Philosophy of Karl Popper, La Salle (Ill.), Open Court, 1974, pagg. 984-5.

13
(7) Popper, Congetture e confutazioni, cit., pagg. 65-6.

(8) Ibid., pag. 66.

(9) Popper, Miseria dello storicismo [1944-45]; trad. it., Feltrinelli, Milano, 1975, pag. 120.

(1) Popper, Congetture e confutazioni, cit. pag. 67.

(11) Popper, La ricerca non ha fine, cit., pag. 43.

(12) Popper, Logica della scoperta scientifica, cit., pag. 347.

(13) Popper, Congetture e confutazioni, cit., pag. 67.

(14) Ibid., pag. 437.

(15) Cioè l’insieme degli asserti osservativi che potrebbero falsificarla.

(16) Popper, Logica della scoperta scientifica, cit., pag. 110.

(17) Popper, Congetture e confutazioni, cit., pag. 437.

(18) Popper, Logica della scoperta scientifica, cit., pagg. 116-7.

(19) Ibid., pag. 117.

(20) Popper, Congetture e confutazioni, cit., pag. 373.

(21) Popper, Logica della scoperta scientifica, cit., pag. 33.

(22) Ibid., pagg. 33-4.

(23) Ibid., pagg. 38-9.

(24) Il convenzionalista considera le leggi di natura come creazioni dell’uomo, come sue decisioni e
convenzioni del tutto arbitrarie: per questo motivo ritiene tali leggi non falsificabili dall’osservazione (Cfr.
Popper, Logica della scoperta scientifica, cit., pag. 69).
Ciò che distingue Popper dai convenzionalisti – non sarà inutile precisarlo – è che per lui la
decisione, o convenzione, non riguarda l’accettazione delle asserzioni universali, bensì soltanto
l’accettazione delle asserzioni singolari, ossia delle asserzioni-base. (Ibid., pagg. 104-5).

(25) Ibid., pag. 71.

(26) Questo esempio è tratto da B. Magee, Il nuovo radicalismo in politica e nella scienza. Le teorie di K. R.
Popper; trad. it, Armando, Roma, 1975, pagg. 29-30.

(27) Popper, Logica della scoperta scientifica, cit., pag. 72. In “Replies to My Critics”, Popper indica con il
termine “ipotesi ad hoc” le ipotesi introdotte per spiegare una particolare difficoltà di una teoria, ma soltanto
quella; in tal caso, l’ipotesi non risulta controllabile indipendentemente (dalla difficoltà a cui si rivolge).
Chiama, invece ausiliarie quelle ipotesi che, benché costituiscano esse pure una mossa immunizzatrice, cioè
servano a spiegare una particolare difficoltà, siano anche controllabili indipendentemente da queste difficoltà.
Tuttavia, a differenza di quanto avveniva nella Logica, qui Popper osserva che «like everything in
methodology, the distinction between an ad hoc hypothesis and an […] auxiliary hypothesis is a little vague»
(“come qualsiasi cosa in metodologia, la distinzione tra un’ipotesi ad hoc e una ipotesi ausiliaria […] è un
po’ vaga”). E ciò perché può accadere che certe ipotesi, introdotte inizialmente ad hoc, perdano col tempo
tale carattere e divengano capaci di essere sottoposte a nuovi controlli, oltre a quelli da cui sorsero le
difficoltà che portarono alla costruzione delle ipotesi stesse. (Popper, “Replies to My Critics”, cit., pag. 986).
Per una ulteriore discussione sul concetto di controllabilità indipendente”, vedi Popper, Conoscenza
oggettiva, cit., pagg. 258-260.
14
Gerald Radnitzky fa osservare che un problema tuttora attuale è costituito dalle domande “quando è
consentito introdurre un’ipotesi ausiliaria ad hoc?” e “quando è illegittimo conservare un’ipotesi aggiuntiva
introdotta inizialmente come strumento euristico ausiliario?”: «La difficoltà tuttora irrisolta consiste nel
definire oggettivamente l’ad hoc: parlare a questo proposito di intenzione del ricercatore significherebbe
ricadere nello psicologismo» (G. Radnitzky, “Metodo” in Enciclopedia del Novecento, Roma, 1977, vol. IV,
pag. 213).

(28) B. Magee, Op. cit., pagg. 30-1.

(29) Popper, Logica della scoperta scientifica, cit., pag. 68.

(30) Popper dichiara di essere debitore ad Hans Albert del termine “stratagemma” (o tattica) immunizzante”,
che ritiene molto migliore di quello da lui coniato, e cioè “stratagemma convenzionalistico” (cfr. Popper,
“Replies to My Critics”, cit., pag. 983).

(31) Ibid., pag. 983.

(32) Ivi.

(33) Popper, Logica della scoperta scientifica, cit., pag. 70.

(34) Si veda, per esempio, Popper, Congetture e confutazioni, cit., pagg. 63-4 e pag. 586.

15




Capitolo II




IL PROBLEMA DELL’INDUZIONE



Il problema dell’induzione, nella sua formulazione tradizionale, è il problema della
giustificazione dell’induzione, cioè della giustificazione di quelle inferenze che, partendo
da premesse contenenti resoconti di osservazione, pervengono ad asserzioni dotate di un
contenuto informativo maggiore di quello da cui derivano. (1)
Il pensiero neopositivista, almeno inizialmente, considerava compito
dell’epistemologia quello di dimostrare (o “giustificare”) la validità delle teorie scientifiche
a partire da asserti singolari di osservazione. In tale prospettiva, compito dello scienziato
era quello di raccogliere un numero sufficiente di prove a favore di una determinata teoria,
in modo da far sì che questa risultasse definitivamente verificata. La verificazione delle
teorie implicava quindi un procedimento di induzione che andava da una moltitudine di
fatti empirici, appartenenti al dominio della teoria in esame, alla teoria stessa, la quale, in
tal modo avrebbe dovuto esibire la propria validità in maniera conclusiva.
Uno dei presupposti principali della concezione neopositivista è la netta distinzione
tra “contesto della scoperta” e “contesto della giustificazione”, ossia tra il procedimento
che riguarda la genesi delle teorie scientifiche, la maniera e i metodi con cui esse vengono
ideate dagli scienziati, e il metodo con cui si cerca di saggiare la validità di queste teorie.
Ai neopositivisti non interessava il “contesto della scoperta”, poiché, come scrive
Reichenbach, «le operazioni psicologiche del pensiero sono processi piuttosto vaghi e
fluttuanti che non seguono quasi mai le forme prescritte dalla logica» (2). Ciò che
veramente importava ai neopositivisti era il “contesto della giustificazione”, che si occupa
della scienza come “prodotto finito”, della scienza nelle sue strutture linguistiche già
consolidate. L’epistemologia doveva rivolgere la propria attenzione soltanto alle
connessioni logiche interne della scienza. Per citare ancora Reichenbach, «l’epistemologo
non si cura dei processi di pensiero nel loro presentarsi immediato», bensì «mira a
16
costruire i processi di pensiero nella maniera in cui dovrebbero presentarsi nel caso
dovessero essere organizzati in un sistema coerente». (3)
Popper accetta in pieno la distinzione tra contesto della scoperta e contesto della
giustificazione, ma rifiuta con decisione la soluzione induttivista al problema di come
provare una teoria. Egli scrive: «lo stadio iniziale, l’atto del concepire o dell’inventare una
teoria, non mi sembra richiedere un’analisi logica né esserne suscettibile. La questione:
come accada che un uomo venga in mente un’idea nuova - un tema musicale, un conflitto
drammatico o una teoria scientifica - può rivestire un grande interesse per la psicologia
empirica ma è irrilevante per l’analisi logica della conoscenza scientifica». (4)
Per Popper, solo il secondo aspetto - quello che si occupa dei modi e dei
procedimenti con cui una teoria può venir controllata - riguarderebbe l’epistemologo: «Da
un punto di vista della scienza, non importa se abbiamo ottenuto le nostre teorie giungendo
in un baleno a conclusioni infondate o inciampando in esse (cioè con l’“intuizione”)
oppure seguendo un procedimento induttivo. La domanda: “al principio, come hai trovato
la tua teoria?” è, per così dire, di natura del tutto privata, in antitesi alla domanda: “come
hai provato la tua teoria?” la quale solo importa da un punto di vista scientifico». (5)
Tuttavia a giudizio di Popper - e questo è il punto in cui egli si differenzia nettamente dai
neopositivisti - il procedimento di “giustificare le teorie” una volta che queste sono state
elaborate, non comporta in alcun caso l’uso di una logica induttiva. (6)

1. Hume: problema logico e problema psicologico dell’induzione
Popper osserva che il problema dell’induzione (o problema di Hume, come egli
talvolta lo chiama) può essere scisso in due parti: il problema logico e il problema
psicologico. Entrambi gli aspetti sono già presenti nella riflessione humeana; Popper li
espone nel modo seguente.
Per quanto riguarda il problema logico, esso si può riassumere nella domanda:
«Siamo giustificati razionalmente di passare dai ripetuti esempi di cui abbiamo avuto
esperienza agli esempi di cui non abbiamo avuto esperienza?» (7)
La risposta di Hume era che non siamo giustificati a farlo; ed egli aggiungeva che
non fa nessuna differenza se, in questo problema, noi riduciamo le nostre pretese dalla
giustificazione per una credenza certa alla giustificazione per una credenza probabile (8).
Nella medesima prospettiva, Popper osserva che è del tutto illusorio sperar di costruire una
logica di tipo “induttivo” che, a partire da un numero necessariamente finito di asserzioni
singolari, sia capace di condurre ad asserzioni di carattere universale (e di contenuto
17
infinito), come le leggi e le teorie scientifiche (9). La credenza che la scienza proceda
induttivamente da fatti empirici a teorie è logicamente ingiustificata (10), poiché non esiste
nessuna regola che possa garantirci che «una generalizzazione inferita da osservazioni
vere, per quanto ripetuta spesso, sia vera» (11). «Infatti, qualsiasi conclusione tratta in
questo modo può sempre rivelarsi falsa: per quanto numerosi siano i casi di cigno bianco
che possiamo aver osservato, ciò non giustifica la conclusione che tutti i cigni sono
bianchi». (12)
Noi possiamo essere testimoni di un enorme numero di casi che confermano una
data regolarità “al di là di ogni ragionevole dubbio”, ma ciò non ci autorizza a compiere il
salto logico fino alla legge di quantità universale. Anche la proverbiale certezza
dell’alternarsi del giorno e della notte, esempio di generalizzazione induttiva derivata da
un’esperienza millenaria, può rivelarsi fallace in determinate condizioni: spostandoci nei
pressi dei poli terrestri, questa “legge”, apparentemente ferrea, non risulta più valida. (13)
Per quanto riguarda l’altro aspetto del problema dell’induzione affrontato da Hume
- quello psicologico - secondo Popper, esso può venir sintetizzato nell’interrogativo: per
qual motivo «tutte le persone ragionevoli si aspettano e credono che gli esempi di cui esse
non hanno esperienza saranno conformi a quelli di cui esse hanno avuto esperienza?». (14)
Hume era del parere che ciò avviene «a causa di “abitudini o tendenze”: o, in altre
parole, a causa dell’irrazionale ma irresistibile potere della legge di associazione». Egli
fondava quindi la propria dottrina sull’idea di ripetizione (15), basata sulla similarità: egli
credeva che le regolarità, o le leggi scientifiche, fossero ricavate dalla ripetizione di
esperienze tra loro simili.

2. Analogia e interpretazione
Criticando questa concezione, Popper fa osservare che qualsiasi fatto, sia che
appartenga al mondo naturale, sia che appartenga a quello storico-sociale, risulta tale
appunto perché considerato da un determinato punto di vista. Non esistono fatti in sé; i dati
empirici prendono forma, appaiono tali ai nostri occhi, proprio perché non possiamo fare a
meno di guardare la realtà che ci circonda da un punto di vista, qualsiasi esso sia.
Generalmente, nella scienza, i punti di vista sono determinati dalle teorie, nella vita pratica
dell’uomo da “aspettazioni” conscie o inconscie, negli animali da inclinazioni innate e
bisogni biologici immediati. (16)
Scrive Popper: «Ai fini di una teoria psicologica dell’origine delle nostre credenze,
dobbiamo sostituire all’idea primitiva di elementi che sono simili, la concezione di eventi a
18
cui noi reagiamo interpretandoli come simili. Ma se è così, e non vedo altra possibilità,
allora la teoria psicologica humeana dell’induzione conduce a un regresso all’infinito
scoperto dallo stesso Hume e da lui utilizzato per far saltare la teoria logica
dell’induzione». (17)
In definitiva, «la similarità-per-noi è il prodotto di una risposta che comporta delle
interpretazioni, le quali possono risultare inadeguate e delle anticipazioni o aspettazioni, le
quali possono non realizzarsi mai. E’ pertanto impossibile spiegare le anticipazioni, o le
aspettazioni, in base alle numerose ripetizioni, come suggerisce Hume. Infatti, anche la
prima ripetizione-per-noi è fondata necessariamente sulla similarità-per-noi, e pertanto su
aspettazioni che sono proprio ciò che volevamo spiegare». (18)

3. Il dogma del linguaggio osservativo
Tale prospettiva viene da Popper ulteriormente sviluppata in varie occasioni. Egli fa
notare che se è vero che non siamo in grado di riconoscere delle similarità se non partendo
da un punto di vista, una teoria o altro, significa che non esiste alcuna osservazione
“neutra”, cioè che non sia imbevuta di teorie (19). «I presunti fatti sono in realtà reazioni di
adattamento, e perciò interpretazioni che incorporano teorie e pregiudizi e che, al pari delle
teorie, sono cariche di aspettazioni congetturali; […] non si può essere alcuna percezione
pura, nessun dato puro; esattamente come non ci può essere alcun linguaggio che sia puro
linguaggio osservazionale, dal momento che tutti i linguaggi sono impregnati di teorie e
miti». (20)
Con questa presa di posizione, Popper intende opporsi al realismo ingenuo dei
primi positivisti logici, per i quali la validità delle proposizioni singolari costituenti la base
empirica poteva essere stabilità direttamente attraverso l’esperimento o un semplice
raffronto con i fatti.

4. Falsificazione e deduzione contro verificazione e induzione
Secondo Popper, il proprio criterio di demarcazione basato sulla falsificabilità
empirica, anziché sulla verificabilità, non è esposto alle critiche che possono essere
sollevate contro le concezioni neopositivistiche in genere. Infatti, se è vero che per quanti
esistono come prova a favore di una data teoria questi non ci danno ami la certezza
assoluta della sua validità, è vero anche che basta un solo fatto in contrasto con la teoria
per dimostrare la sua falsità. Tale criterio poggia su «un’asimmetria tra verificabilità e
falsificabilità». Infatti, mentre le asserzioni universali, per la loro forma logica, «non
19
possono mai essere derivate da asserzioni singolari», possono però essere negate da queste.
«Di conseguenza è possibile, per mezzo di inferenze puramente deduttive (con l’ausilio del
modus tollens della logica classica), concludere dalla verità di asserzioni singolari alla
falsità di asserzioni universali». (21)
Il deduttivismo di Popper appare chiaramente delineato sin dalla Logica, dove egli
espone il suo metodo scientifico: «Con l’aiuto di altre asserzioni già accettate in
precedenza si deducono dalla teoria certe asserzioni singolari che possiamo chiamare
“predizioni”: in particolar modo predizioni che possono essere controllate o applicate con
facilità. Tra queste asserzioni scegliamo quelle che non sono derivabili dalla teoria
corrente, e, più in particolare, quelle che la teoria contraddice. In seguito andiamo alla
ricerca di una decisione riguardante queste (o altre) asserzioni derivate, confrontando
queste ultime con i risultati delle applicazioni pratiche degli esperimenti. Se questa
decisione è positiva, cioè se le singole conclusioni si rivelano accettabili o verificate, la
teoria ha temporaneamente superato il controllo: non abbiamo trovato alcuna ragione per
scartarla. Ma se la decisione è negativa, o, in altre parole, se le conclusioni sono state
falsificate, allora la loro falsificazione falsifica anche la teoria da cui le conclusioni sono
state dedotte logicamente». (22)
Prosegue Popper: «Nel procedimento delineato qui non compare nulla che somigli
alla logica induttiva. Io non presuppongo mai che si possa concludere dalla verità delle
asserzioni singolari alla verità delle teorie» (23). Infatti, «il metodo della falsificazione non
presuppone alcuna inferenza induttiva, ma soltanto le trasformazioni tautologiche della
logica deduttiva, la cui validità è fuori discussione». (24)


NOTE
(1) Karl Popper, Congetture e confutazioni, cit., pag. 100. Cfr. Popper, Conoscenza. Un punto di vista
evoluzionistico [1970]; trad. it., Roma, Armando, 1975, pag. 20.

(2) H. Reichenbach, Experience and Prediction, Chicago-Illinois, University of Chicago Press, 1954
4
, pag. 5
(traduzione personale).

(3) Ivi.

(4) Popper, Logica della scoperta scientifica, cit., pagg. 9-10.

(5) Popper, Miseria dello storicismo, cit., pag. 121. Cfr. anche Popper, Congetture e confutazioni, cit., pagg.
242-3 e Popper, La ricerca non ha fine, cit., pag. 50.

(6) Popper, Logica della scoperta scientifica, cit., pag. 349; cfr. anche le pagg. 21-2.

20
(7) Popper, “Replies to My Critics”, cit., pag. 1018 (traduzione personale).

(8) Ivi.

(9) La differenza tra leggi e teorie, nel senso in cui esse sono intese qui, è abbastanza vicina a quella
hempeliana tra generalizzazioni empiriche e teorie di alto livello.
Secondo Hempel, al primo tipo sono riconducibili le fasi iniziali dello sviluppo di una scienza,
caratterizzate dalla ricerca di leggi che mirano a esprimere delle connessioni regolari fra gli aspetti
direttamente osservabili dell’oggetto dell’indagine. Si tratta per lo più di generalizzazioni fisiche derivate
dall’esperienza quotidiana (“dove c’è luce, c’è calore”; l’aria umida arrugginisce il ferro”; il legno galleggia
nell’acqua”; ecc.), o anche le leggi quantitativamente più esatte, come quelle di Galileo, di Hooke, di Snell, o
ancora vari tipi di generalizzazioni in botanica e in zoologia, in psicologia, in sociologia e in economia.
Al secondo tipo appartengono le fasi più avanzate della scienza, contraddistinte dalla ricerca di leggi
in grado di spiegare le uniformità stabilite al livello inferiore. Si tratta di enunciati che si riferiscono a campi
elettrici, magnetici e gravitazionali; a molecole, atomi, particelle subatomiche, all’Io, all’Es, al “transfert”; e
a varie altre entità non direttamente osservabili. (Vedi C. G. Hempel, La formazione dei concetti e delle
teorie nella scienza empirica; trad. it., Feltrinelli, Milano, 1976, pagg. 105-6).

(10) Cfr. Popper, Congetture e confutazioni, cit., pagg. 325-7.

(11) Ibid., pag. 195.

(12) Popper, Logica della scoperta scientifica, cit., pag. 6. Cfr. anche Popper, “Problemi, scopi e
responsabilità della scienza”, in Popper, Scienza e filosofia; trad. it., Einaudi, Torino. 1969, pag. 151: «Per
quanti spettri di idrogeno osserviamo, non possiamo mai stabilire che tutti gli atomi di idrogeno emettono
spettri dello stesso genere».

(13) Popper, Congetture e confutazioni, cit., pag. 93. Cfr. Popper, Conoscenza oggettiva, cit., pag. 29.

(14) Popper, “Replies to My Critics”, cit., pag. 1018 (traduzione personale).

(15) Ivi.

(16) Popper, Congetture e confutazioni, cit., pag. 84.

(17) Ibid., pag. 81.

(18) Ivi.

(19) Popper, Logica della scoperta scientifica, cit., pag. 87. Cfr. anche Popper, Congetture e confutazioni,
cit., pag. 75 (nota 11), pag. 657 e pagg. 661-2.

(20) Popper, Conoscenza oggettiva, cit., pag. 197; cfr. anche pag. 101.

(21) Popper, Logica della scoperta scientifica, cit., pag. 23.

(22) Ibid., pagg. 12-3. Cfr. anche Popper, Miseria dello storicismo, cit., pag. 119, dove l’autore precisa che
tale metodo è fondamentalmente lo stesso in tutte le scienze.

(23) Popper, Logica della scoperta scientifica, cit., pag. 13.

(24) Ibid., pagg. 24-5.

21




Capitolo Terzo




POPPER E LA DIALETTICA


Il saggio “Che cos’è la dialettica?” (1) costituisce nell’evoluzione del pensiero
popperiano il punto di transizione da interessi esclusivamente rivolti alla metodologia delle
scienze naturali a quelli che si allargano anche alla metodologia delle scienze sociali.
Questo scritto è suddiviso in tre parti: nella prima, Popper espone il concetto di dialettica
alla luce della propria metodologia scientifica; nella seconda critica la dialettica hagaliana;
nella terza e ultima parte, egli prende in esame e critica la dialettica materialistica di Marx
ed Engels.
E’ importante capire sin da ora la funzione che svolge il saggio in oggetto nel
complessivo sviluppo delle idee sociali e politiche di Popper.
La sua presa di posizione contro la dialettica non costituisce, infatti, un episodio
isolato, un semplice sfogo polemico nei confronti di una prospettiva che si presenta in
antagonismo al metodo della falsificazione. Molto di più. Il rifiuto della dialettica è per
Popper, prima di ogni altra cosa, «rifiuto dei sistemi filosofici totalizzanti, definitivi,
onnicomprensivi». A tal proposito, c’è da ricordare che lo scritto “Che cos’è la dialettica?”
viene alla luce negli anni in cui due forme di totalitarismo incombono sull’Europa: quello
nazista e quello stalinista. Essi derivano, secondo Popper, rispettivamente da Hegel e da
Marx, ossia da due filosofi che basavano la propria spiegazione del mondo e della storia
sul metodo dialettico. (2)
Ma prima di esporre le idee di Popper su questi temi, vale la pena ricostruire nelle
sue linee essenziali i significati che il termine “dialettica” ha assunto nella storia della
filosofia. Ciò consentirà di accertare più agevolmente fino a che punto l’interpretazione di
Popper sia corretta, e quindi fino a che punto la sua critica colga nel segno.

1. La dialettica nella storia del pensiero
Sebbene la dialettica si affermi in modo significativo soltanto con Platone, le prime
tracce di essa possono essere rinvenute già nelle concezioni di alcuni filosofi presocratici
22
come Zenone di Elea (ricerca degli aspetti contraddittori nelle tesi più generalmente
accettate), Eraclito (“unità degli opposti”) e nello stesso Socrate. Il dialogo socratico, nei
suoi due momenti (3), nasce come reazione allo scetticismo assoluto in cui l’arte del
discutere era caduta con i sofisti. Esso si propone un fine essenzialmente pratico: è un
metodo che, per mezzo di un intreccio di brevi domande e risposte, tende alla formazione
della coscienza e della responsabilità personale.
Anche Platone considera la dialettica un procedimento di ricerca della verità che si
attua attraverso il dialogo; ma a differenza di Socrate, il quale mirava ad accrescere
l’autoconsapevolezza e il senso critico degli uomini, Platone vede nel metodo dialettico un
mezzo per condurre il discepolo a trovare le verità che già risiedono in lui. Tale atto non
costituisce una vera e propria acquisizione, bensì una semplice reminescenza: il soggetto
ricorda infatti ciò che aveva appreso in altri tempi, in una vita precedente.
La dialettica platonica si propone di risalire di concetto in concetto, di proposizione
in proposizione, fino ai concetti più universali che, secondo Platone, costituiscono il
mondo delle idee. Essa può essere considerata, in generale, il procedimento proprio
dell’indagine razionale, che si divide in due momenti: il primo cerca di ricondurre a
un’unica idea le nozioni disperse e di definire l’idea in modo da renderla accessibile a tutti.
Il secondo momento è quello della divisione, che consente nel suddividere nuovamente
l’idea secondo le sue articolazioni naturali, ossia secondo i generi e le specie.
Aristotele è in linea con Socrate nel riservare alla dialettica il campo del discorso;
ma essa non si riferisce più alle cose bensì soltanto alle opinioni sulle cose, e rappresenta
un procedimento che conduce semplicemente a preferire o a rifiutare una data opinione.
Infatti, a differenza dalla logica propriamente detta (analitica), che è un processo
dimostrativo razionale che parte da elementi o premesse assolutamente vere e dimostrabili
come tali, la dialettica aristotelica esposta nei Topici, muove da premesse probabili,
generalmente accettate da tutti, o dalla maggioranza, o dagli uomini più saggi. Per tale
motivo, pur riconoscendo in essa un metodo critico che permette di indagare sulle radici
della conoscenza, Aristotele non considera la dialettica una vera e propria scienza e,
nell’analisi dei vari tipi di argomentazioni, la colloca tra le forme argomentative
imperfette, perché priva di rigorosa necessità.
La Critica della ragion pura di Kant rappresenta una svolta fondamentale nella
storia della filosofia, per quanto riguarda la dialettica. Ciò tuttavia non significa che dopo
Kant il problema non sia stato affrontato o non sia ulteriormente evoluto; vuol dire soltanto
23
che «sostanzialmente, la problematica contemporanea si muove entro l’orizzonte kantiano,
[cioè] non l’ha trasceso e non l’ha rimosso». (4)
La novità dell’impostazione kantiana consiste nell’aver spostato il problema della
dialettica da un piano meramente formale (dialettica come metodo che si applica alle cose
dall’esterno), al piano della logica trascendentale (ricerca delle origini necessarie delle
illusioni o apparenze a cui danno luogo le strutture categoriali della ragione). (5)
“Dialettica trascendentale” è appunto il titolo di quella parte della Critica della
ragion pura in cui Kant cerca di dimostrare che le forme a priori della sensibilità e
dell’intelletto (con le quali siamo in grado di pensare un oggetto qualsiasi) non possono
oltrepassare i confini dell’esperienza possibile: cioè non possono essere applicate per
definire la natura di enti metafisici quali l’anima immortale, il mondo come totalità o
l’Essere supremo (Dio). Ciascuno di questi concetti pretende di rappresentare, nella
maniera che gli è propria, la totalità assoluta dell’esperienza: il soggetto nella sua interezza
(anima), la serie completa delle condizioni (mondo) e l’insieme di tutti i concetti possibili
(Dio). Ma, dal momento che la totalità dell’esperienza non può essere vera esperienza,
nessuno di tali concetti possiede un valore oggettivo, può cioè corrispondere alla realtà;
esso dev’essere pertanto considerato illusorio.
Le proposizioni che la ragione afferma allorché pretende di spingersi al di là del
dominio degli oggetti sensibili, secondo Kant, sono destinate inevitabilmente a cadere in
antinomie, ossia in affermazioni antitetiche, ognuna delle quali ci appare plausibile in
egual misura. Kant espone diversi casi di tali affermazioni antitetiche e li discute
minuziosamente. Ad esempio, egli si occupa della tesi dell’infinità del mondo nel tempo e
nello spazio, a cui si può opporre altrettanto legittimamente la tesi opposta: quella della
finitezza del mondo. Dimostrando separatamente la verosimiglianza sia della tesi che
dell’antitesi, Kant mette in evidenza l’impossibilità di uscire dall’antinomia.
La dialettica trascendentale è dunque una critica dell’intelletto e della ragione
riguardo alla loro pretesa di occuparsi di enti soprasensibili: essa cerca di metterci in
guardia da quelle nozioni che hanno origine da un’“illusione naturale e inevitabile” e che
anche dopo essere state scoperte non cessano di agire su di noi.
Hegel porta a compimento quel processo di “oggettivazione della dialettica” che
aveva preso l’avvio con Kant. Il problema di partenza di Hegel è analogo a quello cui Kant
aveva tentato di rispondere nella “Dialettica trascendentale”, ossia in sintesi,
l’interrogativo: “Perché la ragione umana cade spesso in contraddizioni?”. (6)
24
La soluzione di Kant, come abbiamo visto, era stata quella di attribuire tale
fenomeno a una caratteristica oggettiva della nostra ragione, che è appunto quella di dar
luogo ad antinomie allorché vengono violate le condizioni della sua validità.
Hegel riafferma il carattere necessariamente dialettico della ragione, ma si spinge
ben oltre Kant: egli asserisce che la ragione non è affatto una facoltà che si colloca al di
fuori della realtà, poiché è parte stessa della realtà. Perciò la legge in base alla quale si
muove la ragione deve essere valida anche per il mondo reale e viceversa. Per Hegel,
quindi, la dialettica è nello stesso tempo sia un metodo della conoscenza, sia la legge di
sviluppo della realtà: non solo è il processo attraverso cui la ragione giunge a riconoscersi
nel reale, che appare come estraneo alla ragione; ma è anche il processo mediante il quale
la realtà si riunisce a se stessa superando ogni estraniazione o alienazione.
La ragione cade in contraddizioni per il semplice motivo che il reale, con cui essa si
identifica, si sviluppa dialetticamente. Quindi, le contraddizioni che noi riconosciamo nella
ragione non sono altro che un aspetto particolare delle più generali contraddizioni di cui è
intessuta l’evoluzione della realtà.
L’intera realtà, così come il pensiero, evolve in maniera dialettica attraverso un
processo triadico, che conduce inizialmente a porre un concetto “astratto e limitato”, poi
nell’eliminazione di tale finitezza mediante il passaggio all’opposto del concetto, infine nel
superamento, cioè nella sintesi, delle due precedenti determinazioni in un concetto più
ampio. Di fondamentale importanza è comprendere che l’intero movimento non va inteso
in modo schematico, mediante le categorie della logica aristotelica; poiché nello sviluppo
dialettico, come lo stesso Hegel scrive: «Il negativo è insieme positivo, ossia quello che si
contraddice non si risolve nello zero, nel nulla astratto, ma si risolve essenzialmente solo
nella negazione del suo contenuto particolare, vale dire che una tale negazione non è una
negazione qualunque, ma la negazione di quella cosa determinata che si risolve, ed è perciò
negazione determinata». In altre parole, Hegel intende affermare che una negazione
dialettica non elimina interamente la sua tesi di partenza; non va intesa in senso logico-
matematico, come alcuni - compreso lo stesso Popper - hanno tentato di fare.
Ogni negazione ha una componente positiva, poiché possiede qualcosa di
determinato che la distingue da tutte le altre cose. Così, infinito è la negazione di finito; ma
i due concetti presi congiuntamente non conducono al nulla assoluto, poiché è proprio dalla
loro unità, cioè esplicitando tramite l’opposto ciò che ognuno di tali concetti non è, che
essi possono essere compresi. Il finito si definisce distinguendolo dall’infinito, e viceversa.
25
Il concetto di dialettica, insieme a quello di alienazione, rappresenta la maggiore
eredità che Marx accetta da Hegel; anche se la dialettica marxiana si presenta radicalmente
trasformata rispetto a quella hegeliana: mentre quest’ultima si fonda sulla coscienza, sul
pensiero, la prima pone le sue basi nella realtà storico-materiale dell’uomo.
La dialettica hegeliana, secondo Marx, è imbevuta di idealismo perché rivolge la
sua attenzione ai movimenti ideologici e alle varie sovrastrutture, concependoli come i veri
soggetti della storia. In realtà - osserva Marx - le Idee poste in primo piano da Hegel non
sono altro che il riflesso dell’«elemento materiale trasferito e tradotto nel cervello degli
uomini». La dialettica di Hegel è capovolta: «Bisogna rovesciarla per scoprire il nocciolo
razionale entro il guscio mistico».
Il processo dialettico, così ricondotto ai processi reali, rappresenta per Marx la
legge di sviluppo della realtà storica: tale legge esprime sostanzialmente la necessità, ossia
l’inevitabilità, della transizione dalla società capitalistica, dove l’uomo vive alienato, alla
società comunista, che sopprimerà tale alienazione. Le forze che portano a questa
trasformazione inevitabile sono, secondo Marx, le contraddizioni tipiche del capitalismo,
in primo luogo quella tra la proprietà privata dei mezzi di produzione, responsabile della
divisione della società in classi, e il carattere sociale dei beni prodotti. In altre parole, la
contraddizione consiste nel fatto che il capitalismo ha bisogno del lavoro salariato, cioè del
proletariato, per poter continuare ad esistere. Ma il proletariato, per la sua condizione di
sfruttamento, costituisce nello stesso tempo la classe sociale destinata ad abbattere il
capitalismo, cioè costituisce la negazione di questo.
La necessità del passaggio dalla società capitalistica a quella comunista, che Marx
teorizza, è l’aspetto su cui vedremo, si accentrerà maggiormente la critica di Popper.
Il principale contributo di Engels alla concezione della dialettica elaborata da Marx
consiste nell’averne esteso la validità anche al mondo della natura (materialismo
dialettico). Sotto l’influsso del positivismo e delle idee evoluzionistiche, Engels compì
infatti un notevole sforzo per inquadrare il marxismo nelle concezioni della scienza a lui
contemporanea; egli considerò la dialettica come la forma di pensiero più importante per le
scienza naturali, in quanto, a suo avviso, essa costituisce l’unico metodo idoneo per
comprendere i processi di sviluppo che avvengono nella natura e i nessi che si stabiliscono
tra le varie discipline. Non si tratta dell’applicazione aprioristica di uno schema logico ai
vari fenomeni del mondo fisico, ma di “leggi” che Engels dichiara di aver ricavato per
astrazione dalla concreta osservazione della natura e della storia. Tali leggi, illustrate con
vari esempi tratti dalle scienze naturali, si riducono per Engels fondamentalmente a tre: la
26
legge della conversione della quantità in qualità (per cui a una variazione di quantità
corrisponde una trasformazione qualitativa, e viceversa; la legge della compenetrazione
degli opposti (gli opposti non possono essere considerati separatamente se non mediante un
procedimento astratto e arbitrario); la legge della negazione della negazione (la negazione
di una negazione non corrisponde alla mera riaffermazione della tesi iniziale). (7)
L’impostazione “positivistica” della dialettica data da Engels venne ripresa e
divenne dominante nella tradizione marxista successiva, anche se autori come K. Korsch e
G. Lukács hanno contestato la possibilità di applicare la dialettica al campo delle scienze
naturali, riservandone la validità al solo mondo storico-sociale dell’uomo.

2. Interpretazione e critica popperiana della dialettica
Nella filosofia moderna e contemporanea, il termine “dialettica” conserva in genere
il significato ad essa dato da Hegel. Ed è su questo che si concentra principalmente
l’attenzione (e la critica) di Popper (8). Nella sua ricostruzione, infatti, la dialettica è «una
teoria che afferma qualcosa - più in particolare il pensiero umano - si sviluppa secondo un
procedimento caratterizzato dalla cosiddetta triade dialettica: tesi, antitesi e sintesi». E’
necessario un punto di partenza, e cioè «una qualche idea o movimento, definibile come
“tesi”». «Questo - osserva Popper - produrrà spesso opposizione, poiché, come la maggior
parte delle cose di questo mondo sarà di valore limitato e avrà i suoi punti deboli. L’idea, o
movimento, che vi si oppone è detta “antitesi”, in quanto è diretta contro la prima, la tesi. Il
contrasto fra la tesi e l’antitesi prosegue finché si raggiunge qualche soluzione che, in un
certo senso, va al di là sia della tesi che dell’antitesi […]. Questa soluzione, che
rappresenta il terzo passo, è detta sintesi. Una volta raggiunta, essa può diventare a sua
volta il primo passo di una nuova triade dialettica, e ciò accadrà se la particolare sintesi
conseguita risulta unilaterale o altrimenti insoddisfacente. In questo caso, infatti, sarà di
nuovo stimolata l’opposizione, in modo che la sintesi può essere considerata come una
nuova tesi, producente un’ulteriore antitesi. La triade dialettica procederà a una livello
superiore, e potrà raggiungerne un terzo quando sia stata conseguita una seconda sintesi».
(9)
Dopo questa esposizione, Popper compie un’evidente sforzo per mostrare una certa
disponibilità, almeno di principio, nei confronti della dialettica. Egli osserva che la triade
dialettica «descrive abbastanza bene certi tratti della storia del pensiero e soprattutto taluni
sviluppi di idee e teorie, e dei movimenti sociali che su queste sono basati» (10); per cui
27
essa «può risultare talora pienamente soddisfacente e può aggiungere alcuni preziosi
dettagli a un’interpretazione ne termini del metodo per prova ed errore». (11)
Ma questo è tutto quanto Popper è disposto a concedere di positivo alla dialettica.
Tralascerò qui di esporre alcune critiche relativamente marginali per concentrarmi su
quella che, ai fini del discorso che intendo sviluppare, mi pare la più importante. Non
prenderò quindi in considerazione l’osservazione di Popper secondo la quale non è la tesi
che “produce” l’antitesi, bensì soltanto «il nostro atteggiamento critico» (12), né farò
commenti al rimprovero di vaghezza rivolto alla concezione dialettica nel suo complesso
(13), o ad altre obiezioni consimili. (14)
Il nucleo fondamentale della critica di Popper alla dialettica è - a mio parere -
quello che muove contro la pretesa dei dialettici di accettare le contraddizioni in ragione
della loro proficuità.
Popper concorda con i dialettici nel riconoscere che le contraddizioni sono
importanti per lo sviluppo del pensiero umano, poiché «senza le contraddizioni, senza la
critica, non vi sarebbe alcun motivo razionale per cambiare le nostre teorie» (15). quello
che egli rifiuta è la posizione dei dialettici, per i quali, visto che le contraddizioni sono
fertili, costituiscono una spinta al progresso, non c’è alcun bisogno di evitarle. (16)
Tale posizione nega la validità del “principio di non-contraddizione” aristotelico,
che sta alla base di tutti i nostri procedimenti razionali: «principio secondo il quale due
asserzioni contraddittorie non possono essere entrambe vere, ovvero un’asserzione
consistente della congiunzione di due asserzioni contraddittorie, deve sempre essere
respinta come falsa sul piano puramente logico». (17)
Per Popper, l’esigenza della non-contradditorietà è un’esigenza fondamentale. Egli,
già nella Logica sottolineava come un sistema autocontraddittorio non sia in grado di
fornire alcuna informazione. «E ciò perché, da esso, può essere derivata qualsiasi
conclusione, a nostro piacimento» (18). quindi se, come i dialettici affermano, le
contraddizioni sono proficue, fertili, portatrici di progresso, «ciò è vero nella misura in cui
siamo decisi a non rassegnarci di fronte ad esse e a cambiare qualsiasi teoria ne comporti».
(19)
Il rispetto del principio di non-contraddizione si prospetta in Popper come
l’esigenza fondamentale che sta alla base di ogni sistema di teoria (20). In riferimento ad
esso, gli scienziati non devono in nessun caso lavorare con teorie coinvolte in
contraddizioni, ma devono essere pronti a lasciar cadere qualsiasi ipotesi, qualsiasi
asserzione, quando vi scoprono delle incongruenze.
28

NOTE
(1) Karl Popper, “Che cos’è la dialettica?” [940]; trad. it., on Popper, Congetture e confutazioni, cit., pagg.
531-570.

(2) Gerolamo Cotroneo, Popper e la società aperta, SugarCo, Milano, pag. 31; cfr. anche pag. 34.

(3) Il primo momento è negativo, ossia volto a criticare e a respingere le credenze errate dell’interlocutore
attraverso continue obiezioni, finché questi comincia a dubitare delle proprie certezze, prendendo a poco a
poco coscienza dei suoi limiti e della sua ignoranza. Il secondo momento, detta anche maieutica, mira a tirar
fuori la verità dalla mente dell’interlocutore. In questa attività, il maestro (Socrate) non pretende di insegnare
nulla all’allievo; il suo unico compito è quello di aiutare a riflettere per trovare da solo la verità, ad ubbidire
alla propria coscienza interiore e a liberarsi di qualsiasi autorità estranea al proprio io.

(4) Livio Sichirollo, Dialettica, ISEDI, Milano, pag. 118.

(5) Valerio Verra (a cura di), La dialettica nel pensiero contemporaneo, Il Mulino, Bologna, 1976, pag. 19.

(6) Livio Sichirollo, Op. cit., pagg. 138-9.

(7) Fredrich Engels, Dialettica della natura; trad. it., Edizioni Rinascita, Roma, 1950, pag. 56.

(8) Nicola Abbagnano osserva che benché tale significato del termine di “dialettica” sia il più diffuso
attualmente, esso è anche «il più screditato per essere stato usato come una specie di formula magica che può
giustificare tutto ciò che è accaduto nel passato e che si attende, o si spera, accada nell’avvenire». (N.
Abbagnano, Studi sulla dialettica, Taylor, Torino, 1969, pag. 17).

(9) Popper, “Che cos’è la dialettica?”, cit., pagg. 533-4. Cfr. anche Popper, La società aperta e i suoi nemici
[1945]; trad. it., Armando, Roma, 1973-4, vol. II, pag. 56.

(10) Popper, “Che cos’è la dialettica?”, cit., pag. 534.

(11) Ibid., pagg. 535-6. Secondo Cotroneo, questa disponibilità mostrata da Popper verso la dialettica altro
non sarebbe che «una temporanea generosa concessione». (G. Cotroneo, Op. cit., pag. 40).

(12) Popper, Op. cit., pag. 536; cfr. anche pag. 539: «Ciò che promuove lo sviluppo non è una forza
misteriosa, interna [alla tesi e all’antitesi], né una fantomatica tensione fra esse; è unicamente la nostra
risoluta decisione di non ammettere contraddizioni a indurci a ricercare attentamente un nuovo punto di
vista».

(13) Ibid., pag. 548.

(14) Tutte queste obiezioni “minori” sono rivolte essenzialmente contro il «modo impreciso» e metaforico
con cui «i dialettici parlano delle contraddizioni», modo che condurrebbe a malintesi e confusioni. (Cfr.
Popper, Op. cit., pag. 537).

(15) Ibid., pag. 537.

(16) Ivi.

(17) Ibid., pag. 538.

(18) Popper, Logica della scoperta scientifica, cit., pag. 83. Una dimostrazione esemplificativa di queste
affermazioni si trova in Popper, “Che cos’è la dialettica?”, cit., pagg. 542-3.

(19) Popper, Op. cit., pag. 538.

(20) Popper, Logica della scoperta scientifica, cit., pag. 83.
29




Capitolo Quarto




IL FALSIFICAZIONISMO ESTESO ALLE SCIENZE
STORICO-SOCIALI E ALLA POLITICA



Gli interessi di Popper per i problemi sociali e politici datano dal 1919 - come egli
stesso racconta nella sua Autobiografia. In fondo, erano state proprio alcune critiche al
marxismo a indirizzarlo sulla strada che l’avrebbe condotto alla Logica della scoperta (1).
Ma si trattava evidentemente di interessi saltuari e comunque secondari rispetto al campo
della metodologia delle scienze naturali, che Popper ha sempre prediletto. Bisogna infatti
attendere fino alla pubblicazione del saggio “Che cos’è la dialettica?” (2) perché egli
prenda ufficialmente posizione anche nel campo delle scienze storico-sociali. Già in esso,
comunque, si precisa quello che rimarrà poi il bersaglio principale della critica socio-
politica di Popper, e cioè il marxismo (da lui assimilato allo storicismo), visto come
filosofia politica dogmatica e totalitaria.
A “Che cos’è la dialettica?” seguiranno dopo pochi anni due importanti opere, che
riprendono e approfondiscono la maggior parte dei problemi che in tale scritto esistono in
nuce: Miseria dello storicismo e La società aperta e i suoi nemici. (3)

1. La critica “metodologica” allo storicismo
Soprattutto in Miseria dello storicismo, Popper conduce una critica serrata alle
dottrine storicistiche cercando di mantenersi su un piano prevalentemente metodologico:
egli cerca cioè di dimostrare come le pretese e i procedimenti messi in atto dagli storicismi
siano lontani e spesso in aperta opposizione a quelli che sono i presupposti di un corretto
metodo scientifico. (4)
Lo storicismo, stando alla ricostruzione che ne fa Popper, poggia su due tipi di tesi,
esplicite o implicite, che tradiscono due tendenze in contrasto tra loro: da una parte quella a
differenziarsi dalle scienze naturali, dall’altra quella a far uso di alcuni dei loro metodi. Più
dettagliatamente: gli storicismi cercano di difendere l’autonomia delle scienze sociali
30
mostrando la non applicabilità ad esse di certi criteri e concetti “naturalistici”, come la
generalizzazione, il metodo sperimentale, la quantificazione, la previsione rigorosa, ecc.
(Popper chiama questo gruppo di argomentazioni tesi antinaturalistiche della storicismo)
(5). D’altro canto, profondamente colpiti dai successi di alcune scienze, specie la fisica e
l’astronomia, gli storicismi cercano anche di imitare queste scienze in certi loro aspetti (6).
Ciò da origine a quelle che Popper chiama tesi pronaturalistiche dello storicismo. (7)
Le tesi pronaturalistiche possono essere condensate nell’affermazione secondo cui
la sociologia è una disciplina teorica il cui scopo principale è quello di predire gli eventi
futuri con l’aiuto di leggi storiche (8). Naturalmente, gli storicismi sanno di non poter
giungere a previsioni altrettanto esatte degli avvenimenti sociali a causa della complessità
degli avvenimenti stessi (9), e anche per l’influenza che la previsione, per una sorta di
feedback alla rovescia, ha su questi (10). Tuttavia, gli storicismi sostengono che la
genericità delle previsioni sociologiche è compensata dalla loro ampia portata e dal loro
significato. (11)
Dunque, secondo Popper, gli storicisti sono convinti che lo sviluppo dello della
società sia guidato da leggi inesorabili che regolano gli eventi degli uomini e a cui è del
tutto vano opporsi. In tale prospettiva, compito dello scienziato sociale è quello di studiare
il passato per scoprire tali leggi di sviluppo, mediante le quali diviene possibile prevedere
il futuro. si è così in grado di armonizzare le scelte politiche con quegli eventi sociali che
sono ritenuti inevitabili. (12)
A sostegno di questa interpretazione, Popper cita il seguente passo di Marx:
«Quanto una società ha scoperto la legge naturale che determina il suo proprio movimento
neppure allora può saltare le fasi naturali della sua evoluzione, né eliminarle dal mondo
con un tratto di penna. Ma almeno questo può fare: può rendere più brevi e meno dolorose
le doglie». (13)

1.1. Le “profezie” storicistiche
Secondo Popper, le previsioni a cui aspirano gli storicismi non hanno niente a che
vedere con la scienza; esse sono piuttosto delle “profezie”, per certi versi analoghe a quelle
degli indovini.
La convinzione che si possa scoprire una legge generale dello sviluppo, sulla cui
base prevedere l’evoluzione futura della società umana, deriva da una grossolana
confusione di natura metodologica tra leggi e tendenze. Popper fa osservare infatti che la
tendenza indica genericamente la direzione di un determinato movimento, cioè indica
31
l’esistenza di qualcosa; mentre la legge è negativa, cioè stabilisce l’impossibilità di
qualcosa. Pertanto una proposizione che afferma l’esistenza di una tendenza in un dato
periodo e un dato luogo è un’affermazione singolare storica e non può essere considerata
una legge di validità universale. (14)
L’errore centrale dello storicismo consiste, in definitiva, nel fatto che «le “leggi di
sviluppo” si rivelano essere tendenze assolute […] che non dipendono dalle condizioni
iniziali, e che irresistibilmente ci trascinano in una certa direzione nel futuro. Su di esse si
basano profezie non condizionali, in antitesi alle previsioni scientifiche condizionali». (15)
L’importanza metodologica della distinzione tra leggi e tendenze sta - secondo
Popper - nel fatto che è possibile basare previsioni scientifiche su leggi (in quanto valide
universalmente), ma non su tendenze (che non danno garanzia di immutabilità nel tempo).
(16)

1.2. Olismo
Un altro aspetto dello storicismo su cui si concentra la critica di Popper è costituito
dall’olismo, cioè dalla tendenza a considerare i gruppi sociali “qualcosa di più” della
semplice somma dei loro membri e/o delle relazioni personali esistenti tra i singoli membri
(17). Secondo questa tendenza, i fenomeni sociali non possono essere studiati
suddividendone i diversi aspetti per esaminarli separatamente, ma devono essere
considerati nella loro globalità. E ciò perché le strutture sociali non sarebbero spiegabili in
base a una semplice combinazione delle parti costituenti, cioè non sarebbero riducibili a
mere novità di disposizione. (18)
Popper cerca di evidenziare l’insostenibilità di questa tesi osservando che «ogni
conoscenza è necessariamente selettiva»; poiché non è possibile osservare o descrivere un
qualsiasi pezzo intero della natura (19). Non c’è da meravigliarsi quindi se tale metodo
olistico non ha mai dato risultati positivi, cioè non si è mai pervenuti a una descrizione
scientifica di una qualsiasi situazione sociale nella sua globalità. Ogni descrizione, per
quanto minuziosa, è infatti costretta inevitabilmente a trascurare degli aspetti. (20)
Nel campo della politica, le pretese olistiche si traducono, a giudizio di Popper, nel
tentativo di pianificare la società, studiarla e controllarla nella totalità dei suoi aspetti. In
particolare, le incertezze legate alla variabilità del fattore umano costringono il
pianificatore olistico «a cercare di dominare l’elemento personale con mezzi istituzionali, e
ad allargare il suo programma fino a comprendere non solo la trasformazione della società
secondo un piano, ma anche la trasformazione dell’uomo». (21)
32
Tutto questo implica in partenza l’ammissione di una sconfitta, poiché il
programma olistico mira, in definitiva, non tanto a costruire una società a misura d’uomo,
quanto piuttosto a plasmare gli uomini in modo da renderli adatti al tipo di società
idealizzato dall’olista. Ora - fa notare Popper - questo modo di procedere «toglie ogni
possibilità di provare con metodo sperimentale il successo o l’insuccesso della nuova
struttura». Infatti, se a qualcuno non piacesse vivere in una simile società, ciò non
dimostrerebbe l’inadeguatezza di essa, bensì verrebbe facilmente interpretato come una
prova che l’uomo non è ancora adatto a vivere in quella società, da cui la necessità che egli
venga ulteriormente “plasmato” dall’educazione e dalla propaganda. (22)
La pianificazione olistica si rivela comunque impossibile da attuare, se non altro
perché «ogni volta che controlliamo dei rapporti sociali ne creiamo degli altri in una
quantità che a sua volta va controllata». (23)
Tanto più grandi sono i cambiamenti tentati, tanto maggiori sono le ripercussioni
non volute e per buona parte inattese che spingono l’operatore sociale a ricorrere
all’improvvisazione. Egli si trova cioè nella condizione di dover compiere atti che non
intendeva compiere.
Così, nella pratica, l’olista è costretto prima o poi ad applicare, a caso e alquanto
grossolanamente, un metodo che non è affatto olistico. (24)
Se esaminiamo la pretesa storicistica di condurre esperimenti sociali in maniera
globale, ci rendiamo conto facilmente quanto essa sia distante dal metodo del “tentativo e
dell’errore” esposto nel capitolo precedente, metodo che, secondo Popper, è caratteristico
di tutte le scienze empiriche. Anche le scienze sociali, in quanto - appunto - scienze,
procedono infatti attraverso la elaborazione di ipotesi, costruite per risolvere determinati
problemi dell’uomo, a cui fa seguito la messa alla prova delle ipotesi stesse. (25)
Scopriamo così una sostanziale analogia tra la contrapposizione fra metodo olistico
e metodo popperiano, e l’asimmetria fra verificabilità e falsificabilità esposta nella Logica.
Come noi non sappiamo quale sia la verità, ma possiamo solo riconoscere ed eliminare gli
errori; così non sappiamo costruire una società perfetta (contrariamente a quanto
pretenderebbero gli storicismi), ma sappiamo come agire per renderla meno imperfetta,
rimuovendo progressivamente i mali più grossolani. (26)
Alla pianificazione e all’attività politica condotta in maniera olistica, Popper
contrappone quindi un procedimento meno pretenzioso, che egli chiama “meccanica
sociale a spizzico” (o “ingegneria sociale gradualistica”) (27), basato su piccole correzioni,
costantemente soggette ad essere modificate e migliorate. Il meccanico a spizzico è
33
consapevole dei limiti del proprio sapere; sa che può imparare solo dagli errori. Perciò si
muove - un passo alla volta - confrontando i risultati previsti con quelli effettivamente
raggiunti, e stando sempre in guardia per scoprire le inevitabili conseguenze non volute di
ogni riforma. (28)

2. Società “aperta” e società “chiusa”
Quali caratteristiche deve avere una società perché sia possibile applicare tale
procedimento?
Popper non ha dubbi in proposito: una simile società deve essere organizzata in
modo da permettere a tutti i suoi membri di prendere parte attivamente alle decisioni che
riguardano la collettività; in particolare deve rendere possibile ai governati di sostituire i
governanti qualora il loro mandato venga giudicato insoddisfacente (29). Ciò significa, in
altre parole, che tale società deve permettere o addirittura stimola la critica dei singoli o dei
gruppi nei confronti di qualsiasi decisione e in special modo quelle prese dalla classe
politica. (30)
Popper definisce aperto questo tipo di società, per distinguerlo dall’altro tipo, la
società chiusa, caratteristico dei primitivi raggruppamenti tribali e dei sistemi totalitari in
genere.
I tratti distintivi della società chiusa, almeno nelle sue forme post-tribali -
essenzialmente fasciste o comuniste - sono, secondo Popper: la tendenza ad opporsi a
qualsiasi mutamento in campo legislativo, educativo e religioso; il mantenimento del
potere politico tramite la forza militare, la pressione incessante della propaganda e la
censura. Al contrario di quanto avviene nella società aperta, nella società chiusa il popolo
non ha il potere di scegliere i propri rappresentanti per mezzo di libere elezioni, né può
destituirli senza spargimento di sangue, cioè senza ricorrere alla rivoluzione. (31)
Inutile dire che, in una società strutturata secondo questi principi, la critica viene
normalmente considerata un attacco alle istituzioni, un crimine, e come tale scoraggiata e
punita. Essa non può quindi svolgere la funzione positiva che Popper le assegna nelle
società organizzate secondo criteri più liberali.
In una società di tipo aperto, la critica assolve una funzione fondamentale. Infatti,
se si parte dal presupposto che l’uomo è spinto ad associarsi con i suoi simili per poter
meglio affrontare e risolvere i suoi problemi, la misura della validità di una determinata
organizzazione sociale è data dal grado in cui essa contribuisce a risolvere questi problemi.
34
L’opinione di Popper è che qualsiasi problema richiede che vengano elaborate più
proposte di soluzione. Potranno anche esserci delle proposte in conflitto tra loro, che
dovranno quindi essere analizzate e dibattute al fine di scegliere la migliore.
La discussione e l’indagine razionale permettono di individuare in anticipo molti
possibili errori, cosa senz’altro da preferire all’alternativa di doverli scoprire dopo, quando
essi si sono già evidenziati nella pratica, con conseguenze negative per gli uomini.
Qualsiasi decisione politica scaturisce da una previsione circa l’adeguatezza di
determinati interventi nella società rispetto ai risultati che si vogliono ottenere. Ma è
abbastanza ovvio che, essendo gli uomini (come tutti gli esseri viventi) fallibili, alcune
decisioni possono non essere adeguate per raggiungere le mete prefisse. Ecco quindi
l’utilità e anche la necessità della critica preventiva in campo sociale, che secondo Popper,
dovrebbe essere indirizzata soprattutto a rivelare in anticipo le conseguenze impreviste
delle azioni politiche. (32)
Prendere in esame ed eliminare, mediante un’indagine razionale, il maggior numero
di quelle decisioni che, se attuate, non otterrebbero i risultati voluti o, peggio, sarebbero
controproducenti, comporta un minor dispendio di energia e consente di risparmiare agli
uomini inutili fatiche e sofferenze. (33)
Ora, osserva Popper, in un sistema politico che sia strutturato in maniera da
scoraggiare una critica si propri programmi, o peggio ancora che impedisce di criticare tali
programmi una volta che questi siano stati realizzati con esiti insoddisfacenti, si commette
inevitabilmente un maggior numero di errori e si apprende in misura più limitata da esso.
(34)

2.1. Il fascino della società chiusa
Per quale motivo, il peculiare ordinamento della società chiusa, nonostante i suoi
gravi difetti funzionali, incontra ancora tanto favore nella maggioranza degli uomini?
Popper è del parere che l’attrazione per le forme totalitarie di governo e per le
corrispondenti istituzioni sociali a cui esse danno luogo possa essere spiegata con un
concetto psico-sociologico analogo a quello usato da Freud ne Il disagio della civiltà. (35)
Prima che la nostra società occidentale avesse origine, cioè prima che i Greci
compissero il passaggio dal trialismo all’umanesimo (36), gli uomini vivevano in gruppi,
caratterizzati da quello che Popper chiama un atteggiamento magico nei confronti
dell’intero mondo circostante. Tale atteggiamento comporta l’incapacità di distinguere tra
le regolarità consuetudinarie della vita sociale, come ad esempio le norme che impongono
35
o proibiscono certi modi di condotta, e le regolarità riscontrate nella natura, per esempio le
leggi che descrivono i movimenti del sole e della luna o il succedersi delle stagioni. A ciò
si accompagna la credenza che sia le une che le altre siano imposte da una volontà
soprannaturale. (37)
La vita all’interno di una società tribale primitiva è rigidamente regolata da tabù,
che riguardano tutti gli aspetti dell’esistenza e lasciano scarso spazio alla libera decisione e
alla responsabilità individuale. Pochissimi, quindi, i problemi che gli uomini sono chiamati
ad affrontare in questa forma di vita; mentre sono del tutto sconosciuti i problemi morali,
almeno nella maniera in cui noi li intendiamo.
Ogni membro si trova di rado nella condizione di avere dei dubbi su come
comportarsi, poiché la via giusta da seguire in ogni circostanza è già stabilita dalla
tradizione tribale, dalle istituzioni, che non possono mai diventare oggetto di
considerazioni critiche. (38)
La transizione dalla società chiusa alla società aperta ha luogo con l’inizio della
tradizione critica (con l’avvento dei presocratici) (39). Si comincia allora a mettere in
discussione ciò che era sempre stato considerato certo e definitivo: le istituzioni sociali,
una volta considerate indipendenti dalla volontà dell’uomo, vengono ora consapevolmente
riconosciute come prodotti umani, e quindi analizzate e valutate in base alla loro
convenienza in rapporto al conseguimento di certi fini. (40)
La vita nella società aperta acquista una dimensione nuova, dovuta al fatto che gli
uomini non dispongono più di un sistema precostituito di comportamento a cui riferirsi.
Essi sono perciò costretti a una continua considerazione critica dei vari problemi e delle
diversi possibilità di soluzione che di volta in volta si presentano loro. Tutto questo
significa dover rinunciare a certezze solide, significa dover badare a se stessi e accollarsi il
peso della decisione e della responsabilità personale, cosa di cui la maggioranza degli
uomini, per una tendenza infantile, fa volentieri a meno. (41)
Ecco perché, secondo Popper, il passaggio dalla società chiusa alla società aperta
rappresenta una delle più profonde rivoluzioni attraverso le quali è passato il genere
umano. Tale rivoluzione non può non avere su coloro che ne sono coinvolti una incidenza
profondissima, che si traduce in un forte senso di disorientamento, di disagio,
d’insicurezza, indicato da Popper con il termine stress della civiltà. (42)
Lo stress della civiltà è «il prezzo da pagare per ogni accrescimento di conoscenza,
di ragionevolezza, di cooperazione e di reciproco aiuto»; in una parola: «è il prezzo che
dobbiamo pagare per essere umani». (43)
36
A causa questo effetto stressante, di questo disagio profondo, che immancabilmente
appare quando gli uomini prendono coscienza del relativismo e della dipendenza dalla
propria attività delle costruzioni sociali e ideali in cui sono immersi, si è avuta, sin
dall’inizio del pensiero critico e dalle prime forme di società aperta, una reazione contro le
idee di libertà, di progresso, di tolleranza e di uguaglianza, che mirava essenzialmente a un
ritorno verso forme chiuse di società.
Lo storicismo, nelle sue varie manifestazioni, è la espressione di questa tendenza
dell’uomo a ricercare sistemi di organizzazione sociale e di pensiero che siano meno
soggetti al mutamento e che quindi sollevino l’individuo quanto più possibile dal peso
della decisione personale.

3. La nascita dello storicismo
Secondo Popper, il primo sorgere di idee che presentano le principali caratteristiche
dello storicismo moderno (e quindi tendenti ad opporsi alla società aperta) si ha con
Eraclito, che visse in un’epoca di grandi rivoluzioni sociali.
In precedenza, i filosofi greci, sotto l’influsso di idee orientali, si erano
rappresentati il mondo come una gigantesca costruzione, formata da tutte le cose sensibili.
Eraclito, scosso dalle terribili esperienze personali che aveva subito a causa dei disordini
sociali e politici del suo tempo, giunse a una conclusione affatto diversa: non esiste alcuna
struttura stabile nel mondo, ma piuttosto un colossale processo costituito da tutte le cose in
continuo divenire. (44)
In tale processo, apparentemente caotico, Eraclito credette di scoprire una legge
precisa, una legge inesorabile, analoga per molti versi, a giudizio di Popper, alle moderne
leggi naturali e alle “leggi storiche” di cui parlano gli storicisti. (45)
Anche Platone, come Eraclito, visse in un periodo di grandi rivolgimenti politici e
sociali. Le esperienze da lui maturate (46) lo convinsero dell’esistenza di una sorta di legge
storica per la quale qualsiasi sviluppo, qualsiasi trasformazione, costituiscono un
allontanamento dalla perfezione delle Idee originali, dalle quali tutte le cose derivano; per
cui ogni movimento non può che essere una discesa, verso la decadenza e la
degenerazione.
A differenza di Eraclito, Platone credeva però che tale legge storica potesse venir
modificata da un intervento volontario dell’uomo (47). Perciò, dato che ogni mutamento
non può che avere un esito peggiorativo sulle cose e sugli uomini, è necessario impedire
che tutti i mezzi che esso abbia luogo. Per quanto riguarda la società, ciò può essere
37
ottenuto costruendo uno Stato che non sia soggetto ad alcun movimento o modificazione.
Tale Stato, secondo Platone, deve poggiare su una rigida divisione in classi e sul dominio
“naturale” di un ristretto numero di sapienti (i filosofi-re) sulla massa ignorante del resto
del popolo. (48)
Il giudizio di Popper su Hegel è quanto mai severo. Egli si dichiara convinto che
con questo filosofo ha inizio il periodo della disonestà, prima intellettuale e poi, come
conseguenza, morale: «l’inizio di una nuova era dominata dalla magia di parole altisonanti
e dalla potenza del gergo». (49)
Secondo Popper, l’influenza di Hegel nella filosofia tedesca può essere
difficilmente spiegata se si prescinde dal fatto che egli ebbe alle spalle l’autorità dello Stato
prussiano, divenendone il primo filosofo ufficiale (50). Hegel svolse la funzione di
sostegno ideologico a favore del partito della reazione, che era tornato al potere nel 1815,
opponendosi alle idee di libertà e di progresso proclamate dalla Rivoluzione francese e
rilanciando le idee dei primi grandi nemici della società aperta: Eraclito, Platone e
Aristotele. (51)
Del resto, Popper è del parere che hegel non fosse un uomo di genio, né brillasse di
particolare originalità. Anzi, «non c’è nulla negli scritti di Hegel che non sia stato detto
meglio prima di lui», così come «non c’è nulla nel suo metodo apologetico che non sia
stato preso a prestito dai suoi predecessori apologetici». E questi pensieri e metodi così
presi a prestito vennero da Hegel orientati tutti a un solo scopo: combattere contro la
società aperta, servendo così il suo datore di lavoro, Federico Guglielmo di Prussica. (52)
In cosa consiste il nucleo della filosofia di Hegel, nella “lettura” che ne fa Popper?
A differenza di Platone, secondo il quale la tendenza di qualsiasi mutamento era
una discesa, Hegel afferma invece che la tendenza generale del mondo è verso l’Idea, e che
quindi costituisce un progresso. (53)
Ma questo non significa altro che tutto ciò che esiste (che è reale), in quanto
soggetto al mutamento, deve essere razionale, deve essere un bene, poiché si muove
necessariamente in senso evolutivo. In tal modo - osserva Popper - con Hegel si arriva a
giustificare l’ordine costituito, e in special modo lo Stato prussiano a lui contemporaneo,
come pure il nazionalismo e più tardi il razzismo. (54)
Come nasce la filosofia dell’identità hegeliana (identità di Ragione e Realtà)?
Per Popper, essa ha origine dal tentativo di superare la confutazione del
razionalismo operata da Kant nella Critica della ragion pura. La soluzione di Hegel è
quella di affermare che le contraddizioni non contano, in quanto mostrano soltanto i limiti
38
di una teoria che non tiene conto del fatto che la ragione - e quindi anche la realtà - non è
qualcosa di stabilito una volta per tutte, ma è in divenire. (55)
Se la realtà, e in special modo la realtà sociale, è contraddittoria, per conoscerla è
necessaria una teoria che abbia la medesima caratteristica: cioè sia contraddittoria essa
pure. (56)
Popper crede però che il vero motivo per cui Hegel desidera ammettere le
contraddizioni è che questi vuole por fine all’argomentazione razionale e, con essa, a ogni
autentico progresso intellettuale: «rendendo impossibile l’argomento e la critica, egli
intende rendere la propria filosofia impermeabile ad ogni critica» (57). Per questo, la
filosofia dell’identità di Hegel «non è altro che uno strumento equivoco […], un labirinto
nel quale so colgono le ombre e gli occhi di filosofie del passato, di Eraclito, di Platone, di
Aristotele, come pure di Rousseau e di Kant» (58). Ancor di più, Popper si dichiara
convinto che la filosofia hegeliana «costituisca una “colossale mistificazione”, una frode
intellettuale, la più grande, forse, nella storia della nostra civiltà e delle sue lotte contro i
suoi nemici». (59)
Per quanto riguarda Marx, Popper riconosce che questo filosofo «fece un onesto
tentativo di applicare metodi razionali ai più urgenti problemi della vita sociale» (60), e
aggiunge che «il valore di questo tentativo non risulta compromesso dal fatto che […] è
per larga parte fallito». Per Popper, «la scienza progredisce attraverso tentativi ed errori».
quindi: «Marx tentò e, benché abbia sbagliato nelle sue dottrine fondamentali, non ha
tentato invano. Egli ci aperse gli occhi e ce li rese più acuti in molti modi. Un ritorno alla
scienza sociale pre-marxiana è inconcepibile». (61)
La teoria marxiana dello stato, nonostante il suo carattere astratto e filosofico, offre
- a giudizio di Popper - una buona interpretazione della cosiddetta “rivoluzione
industriale”. Essa infatti si sviluppò inizialmente soprattutto come rivoluzione dei “mezzi
materiali di produzione”, cioè del macchinario; questo portò a una trasformazione della
struttura di classe della società e quindi un nuovo sistema sociale. Infine venne il terzo
stadio, rappresentato dalle rivoluzioni politiche e dalle altre trasformazioni del sistema
(62). Tuttavia Popper è dell’avviso che «Marx ebbe successo soltanto nella misura in cui
procedette all’analisi delle istituzioni e delle loro funzioni» (63). Poiché, appena
dall’analisi, questi passa a fare delle previsioni sui futuri sviluppi della società, il
fallimento appare pressoché completo. «Nessuna delle più ambiziose conclusioni
storicistiche di Marx, nessuna delle sue “inesorabili leggi di sviluppo” e nessuno dei suoi
39
“stadi della storia che non possono essere saltati” ha mai trovato conferma nella realtà».
(64)
Del resto, le più grandiose profezie marxiane «sono a un livello intellettuale
alquanto basso». Queste profezie «non solo contengono buona parte di affermazioni
fondate sul sentimento invece che sulla ragione, ma mancano di immaginazione politica».
(65)
Secondo Popper, il pensiero di Marx è per molti aspetti un prodotto del suo tempo
(66): le sue “leggi inesorabili di sviluppo storico” «mostrano chiaramente l’influenza del
clima di Laplace e di quello dei materialisti francesi». (67)
La maggioranza delle persone di allora credeva che Newton avesse scoperto le
leggi naturali, certe e definitive, dei moti planetari, per cui se si conosceva un numero
sufficiente di dati riguardanti un certo sistema posto nello spazio, si rea in grado di
prevederne le conformazioni future. Le leggi naturali ci consentono di prevedere gli eventi
astronomici futuri, ma non di agire su di essi in maniera da modificarli. (68)
In modo strettamente analogo Marx considerò le leggi dello sviluppo storico che
egli credeva di aver scoperto: anche dopo essere state individuate, tali leggi portano con
ferrea necessità a risultati inevitabili; quindi anche conoscendo in anticipo gli sviluppi
futuri della società a cui appartiene, l’uomo non ha il potere di intervenire su di essi. (69)
Popper definisce Marx un falso profeta, e questo non tanto perché le sue predizioni
sul corso della storia (profezie) non si sono avverate (70), quanto piuttosto perché egli
«sviò un gran numero di persone intelligenti portandole a credere che la profezia storica sia
il modo scientifico di approccio ai problemi sociali». (71)


NOTE
(1) Cfr. Karl Popper, La ricerca non ha fine, Armando, Roma, 1974, pagg. 116-7.

(2) Tale saggio era stato letto per la prima volta nel 1937, al seminario di filosofia del Canterbury University
College (Christchurch, Nuova Zelanda).

(3) Nella sua Autobiografia, Popper scrive di considerare queste opere la sua fatica di guerra: «Questi libri
furono intesi come una difesa della libertà contro le idee totalitarie e autoritarie e anche come un
ammonimento contro i pericoli delle superstizioni storicistiche». (Popper, La ricerca non ha fine, cit., pag.
118).

(4) Cfr. Popper, Miseria dello storicismo, cit., pag. 60.

(5) Ibid., Cap. I.

(6) Ibid., pag. 46.
40

(7) Ibid., Cap. II.

(8) Ibid., pagg. 28-30.

(9) Popper, Miseria dello storicismo, cit., pag. 26.

(10) Ibid., pagg. 28-30.

(11) Ibid., pagg. 71-2. Da queste tesi che, a parere di Popper, caratterizzerebbero lo “storicismo”, non è
difficile stabilire che egli abbia in mente uno storicismo che si colloca a notevole distanza da ciò che la
cultura europea contemporanea intende con tale termine. Secondo Pietro Rossi, «lo storicismo contro cui
Popper si scaglia è, nelle sue linee generali, quello della scuola storica romantica». E ciò, sia per l’aspetto
“anti-naturalistico”, rappresentato dalla riduzione delle scienze sociali a elementi della conoscenza storica da
comprendere intuitivamente, sia per l’aspetto “pro-naturalistico”, implicito nell’assunzione dell’esistenza di
leggi dello sviluppo storico. Così, combattendo lo storicismo, Popper non farebbe altro che criticare uno
storicismo di ispirazione romantica che già lo storicismo tedesco contemporaneo, da Dilthey a Weber, aveva
cercato di combattere. (Pietro Rossi, Storia e storicismo nella filosofia contemporanea, Lerici, Milano, 1960,
pagg. 422-3).

(12) Cfr. Popper, Miseria dello storicismo, cit., pag. 56, dove l’autore osserva che per gli storicismi «soltanto
quei piani che seguono la corrente principale della storia possono essere efficaci». Cfr. anche Popper, La
società aperta e i suoi nemici, cit., vol. II, pag. 353: «Lo storicismo sostituisce all’interrogativo razionale:
“Quali dobbiamo considerare come i nostri più urgenti problemi, come sono sorti e lungo quali linee
possiamo procedere per risolverli?” l’irrazionale e apparentemente fattuale interrogativo: “Per quale via
stiamo procedendo?” Qual è in sostanza la parte che la storia ci ha destinato a rappresentare?».

(13) Popper, Miseria dello storicismo, cit., pag. 57.

(4) Popper, Op. cit., pag. 106. Cfr. anche Popper, Congetture e confutazioni, cit., pagg. 575-8.

(15) Popper, Miseria dello storicismo, cit., pag. 116.

(16) Popper riporta l’esempio del tasso demografico, che, per centinaia o anche migliaia di anni ha mantenuto
un certo indice di incremento, per poi mutare inaspettatamente tendenza nel giro di pochi anni. (Popper,
Miseria dello storicismo, cit., pagg. 106-7. Cfr. anche Popper, La società aperta e i suoi nemici, cit., vol. II,
pag. 249).

(17) Popper, Miseria dello storicismo, cit., pag. 30.

(18) Ibid., pag. 31; cfr. anche le pagg. 24-6.

(19) Ibid., pag. 77.

(20) Ibid., pag. 79.

(21) Ibid. pagg. 71-2.

(22) Popper, Miseria dello storicismo, cit., pag. 72. Tali osservazioni di Popper non devono in nessun caso
portarci alla conclusione che egli aspiri a costruire una società statica, come, con notevole forzatura, sostiene
Carlo Montaleone in un suo redente libro. Secondo questo autore, Popper, criticando l’esigenza storicistica di
trasformare gli uomini per renderli adatti a un tipo predeterminato di società, intende affermare che «noi
siamo in grado di provare che la nuova società è preferibile a quella vecchia solo se la gente rimane la
stessa». L’atteggiamento di Popper farebbe venire il sospetto che per lui non esiste alcun fine in vista del
quale si possa volere che gli uomini cambino; perciò «non dovremmo essere sorpresi se qualcuno definisse
“popperiano” quel programma politico che si prefiggesse, ad es., di combattere l’alcolismo “conservando” gli
alcolizzati». (Carlo Montaleone, Filosofia e politica in Popper, Guida, Napoli, 1979, pagg. 135-6).

41
(23) Popper, Op. cit., pag. 79. Popper osserva inoltre che questo tentativo conduce a un regresso all’infinito
perché si trova in una posizione simile al caso in cui si tenta di studiare la società nella sua interezza. Cfr.
anche Popper, La società aperta…, cit., vol. II, pagg. 124-8.

(24) Popper, Miseria dello storicismo, cit., pag. 71.

(25) Ibid., pagg. 102-1.

(26) Popper, La società aperta…, cit., vol. I, pagg. 384-5 (nota 2), dove si legge anche (pag. 285): «Invece
della massima felicità possibile per il massimo numero di persone, si dovrebbe chiedere, più moderatamente,
la minor quantità di sofferenze evitabili per tutti». Cfr. anche Popper, Congetture e confutazioni, cit., pag.
587.

(27) Cfr. Popper, La società aperta…, cit., vol. I, pagg. 222-4.

(28) Popper, Miseria dello storicismo, cit., pagg. 69-70.

(29) Popper, La società aperta…, cit., vol. I, pag. 179. Cfr. anche Popper, Congetture e confutazioni, cit. pag.
585.

(30) Popper, La società aperta…, cit., vol. I, pag. 183.

(31) Ibid., pag. 179 e pag. 182. Luciano Pellicani osserva che la “perfetta” società chiusa è una società in cui
è stato istituzionalizzato il triplice monopolio: quello della violenza, quello delle risorse economiche e quello
delle idee e dei valori. Nella società aperta, invece, «esiste solo il monopolio della violenza e, proprio perciò,
è possibile il libero dispiegarsi della creatività individuale e la formazione di strutture di controllo in tutti
campi» (L. Pellicani, “I nemici della società aperta”, in AA. VV., La sfida di Popper, Armando, Roma, 1981,
pag. 122.
D’altro canto, secondo Vittorio Mathieu, non esisterebbero delle differenze radicali tra i due tipi di
società, bensì delle semplici differenze di grado. Così, passando dalla società chiusa alla società aperta, non
dobbiamo aspettarci delle vere e proprie inversioni di tendenza, quanto, piuttosto, delle accentuazioni di
tendenza più o meno pronunciate (V. Mathieu, “La società aperta: destino e vocazione dell’Europa”, in AA.
VV., La sfida di Popper, cit., pag. 102 e sgg.).

(32) Popper, La società aperta…, cit., pagg. 124-7. Si veda anche Popper, Congetture e confutazioni, cit.,
pagg. 580-2 e pagg. 213-4; Popper, La ricerca non ha fine, cit., pag. 119 e Popper, “La logica delle scienze
sociali”, in F. Furstenberg e H. Maus (a cura di), Dialettica e positivismo in sociologia, Einaudi, Torino,
1972, pag. 120.

(33) Popper, Congetture e confutazioni, cit., pag. 582.

(34) Una interessante trattazione circa il totalitarismo della società marxista, con ampi riferimenti sia ad
autori marxisti che ai loro critici, si trova in L. Pellicani, Op. cit., pagg. 127-136.

(35) Popper, La società aperta…, cit., pag. 398 (nota 8). Non molto lontano da questo concetto è quello a cui
fa ricorso Erich Fromm in Fuga dalla libertà, per spiegare il fenomeno dell’ascesa del nazismo.

(36) Popper, Op. cit., pag. 242.

(37) Ibid., pag. 243. Per una ulteriore caratterizzazione della differenza tra leggi naturali e leggi normative, si
veda alle pagg. 92-4.

(38) Ibid., pagg. 243-4.

(39) Ibid., pag. 244. Per un approfondimento di questa tesi, cfr. Popper, “Ritorno ai presocratici”, e “Per una
teoria razionale della tradizione”, entrambi in Popper, Congetture e confutazioni, cit., rispettivamente alle
pagg. 256-261 e alle pagg. 217-9.

(40) Popper, La società aperta…, cit. vol. I, pag. 396 (nota 6).

42
(41) Ibid., pagg. 248-9.

(42) Ibid., pagg. 247-8.

(43) Ibid., pag. 249.

(44) Ibid., pagg. 30-1.

(45) Ibid., pagg. 32-3.

(46) Ibid., pagg. 39-40.

(47) Ibid., pag. 42.

(48) Ibid., pagg. 183-9 e, soprattutto, il Cap. VIII.

(49) Popper, La società aperta…, cit., vol. II, pag. 42.

(50) Ibid., pag. 43.

(51) Ibid. , pag. 45.

(52) Ibid., pag. 47.

(53) Ibid., pag. 42.

(54) Ibid., pag. 58 e sgg.

(55) Popper, Congetture e confutazioni, cit., pagg. 553-5.

(56) Ibid., pagg. 558-9.

(57) Popper, La società aperta…, cit., vol. II, pag. 57.

(58) Ivi.

(59) Ibid., pag. 105.

(60) Ibid., pagg. 109-110. Per mettere in rilievo la diversità del giudizio popperiano su Marx rispetto a quello
su Hegel, vale la pena riportare il seguente passo: «Non si può rendere giustizia a Marx senza riconoscere la
sua sincerità, la sua apertura di mente, il suo senso dei fatti, il suo disprezzo per la verbosità moraleggiante,
che hanno fatto di lui uno dei più importanti combattenti, a livello mondiale, contro l’ipocrisia e il fariseismo.
Egli provava un bruciante desiderio di andare in aiuto degli oppressi ed era pienamente conscio della
necessità di cimentarsi nei fatti e non solo a parole. […] La sua sincerità nella ricerca della verità e la sua
onestà intellettuale lo distinguono, a mio giudizio, da molti suoi seguaci» (Popper, La società aperta…, cit.,
vol. II, pag. 110).

(61) Ibid., pag. 110.

(62) Ibid., pag. 159.

(63) Ibid. pag. 254.

(64) Ivi.

(65) Ivi.

(66) Ibid., pag. 116.

(67) Ibid., pag. 113.
43

(68) Popper, Miseria dello storicismo, cit., pag. 46.

(69) Cfr. Popper, La società aperta…, cit. vol. II, pag. 115, pag. 164 e pag. 180; Popper, Miseria dello
storicismo, cit., pag. 57.

(70) Popper, La società aperta…, cit. vol. II, pagg. 110-1. Riguardo alle predizioni del marxismo, cfr. anche
Popper, “Replies to My Critics”, cit. pagg. 984-5.

(71) Popper, La società aperta…, cit., vol. II, pagg. 110-1.


44





Capitolo Quinto




FATTI E TEORIE



Nel capitolo terzo abbiamo visto che, per Popper, accettare le contraddizioni
nell’ambito dell’impresa scientifica, rappresenta una decisione catastrofica perché preclude
inevitabilmente ogni possibilità di reale avanzamento della scienza. Egli cerca però di
motivare questa conclusione generale prendendo in considerazione soltanto un caso di
situazione contraddittoria fra diversi possibili: il caso di contraddizioni all’interno di un
determinato sistema teorico. Una teoria autocontraddittoria - afferma Popper - non è di
alcuna utilità poiché non offre indicazioni per l’attività dello scienziato: essa non nega
alcun fatto, perché da un punto di vista logico è compatibile con qualsiasi asserto
osservativo, pertanto non può venir sottoposta a prove che potrebbero confutarla (1). In
effetti, è abbastanza difficile immaginare come si possa accettare una teoria che affermi
qualcosa e nello stesso tempo neghi questo qualcosa, avvero affermi il suo contrario. Così,
riferendoci al principio di Archimede, esso sarebbe logicamente contraddittorio se
affermasse che “tutti i corpi immersi in un liquido ricevono e non ricevono una spinta
verso l’alto proporzionale alla quantità di liquido spostato” (oppure che essi “ricevono una
spinta verso l’alto e contemporaneamente verso il basso”).
A nessuna persona dotata di un minimo di raziocinio verrebbe in mente di proporre
una legge o una teoria così concepita. Da siffatta formulazione - come giustamente rileva
Popper - sarebbe impossibile derivare una qualsiasi asserzione: essa non nega né afferma
l’accadere di qualcosa. E’ semplicemente assurda.
Ma è precisamente questo tipo di asserti contraddittori che Popper sceglie come
bersaglio per la sua critica. Per cui, una volta circoscritta la contraddizione in un ambito
così limitato, egli ha facile gioco nel dimostrare la sua inammissibilità all’interno
dell’impresa scientifica.

45
1. La critica di Papper alla dialettica è un falsificazionismo “dogmatico”
In realtà, il problema è assai più complesso di quanto non appaia dalla ristretta
prospettiva presentata da Popper nel suo saggio.
Un primo aspetto da considerare al riguardo è che, in campo scientifico. le
contraddizioni in cui un operatore può imbattersi non sono affatto limitate al caso di un di
un sistema autocontradditorio; contraddizioni possono anche aversi all’esterno di un dato
sistema teorico, ad esempio tra una teoria (in sé coerente) e uno o più resoconti di
osservazione, oppure tra due o più teorie rivali. In tali casi, anche accettando come
principio regolativi la prescrizione popperiana di eliminare le contraddizioni, sorge il
problema, tutt’altro che semplice, del come eliminarle.
Nel caso di una teoria autocontraddittoria, la soluzione è abbastanza ovvia: si rifiuta
in blocco la teoria o la si trasforma radicalmente in modo da renderla intrinsecamente
coerente. Ma come comportarsi in una situazione in cui uno dei termini della
contraddizione non appartiene alla teoria in esame?
Supponiamo di trovarci di fronte a due asserti che si contraddicono reciprocamente:
uno, di carattere universale, derivato dalla teoria di Newton, in cui si afferma che un
pianeta deve muoversi in un dato modo attorno a un sole centrale; un altro, di carattere
particolare, che riporti alcuni resoconti di osservazione sulle posizioni del pianeta Urano.
Ridotta ai minimi termini, la contraddizione dovrebbe consistere nella discordanza tra le
posizioni P
1
, P
2
, P
3
…, previste in base alla teoria di Newton, rispetto ai tempi di
rilevamento t
1
, t
2
, t
3
…, e le corrispondenti posizioni P’
1
, P’
2,
P’
3
…, effettivamente
riscontrate mediante l’osservazione.
Il punto fondamentale della questione è che, contrariamente a quanto Popper
afferma, la contraddizione logica tra due enunciati non permette di inferire con necessità
la falsità di almeno uno degli enunciati stessi (2). Più correttamente (e più prudentemente)
essa sta a significare che “qualcosa non va” nelle nostre costruzioni scientifiche: nel nostro
caso ciò non deve obbligarci alla conclusione che sia sbagliata la teoria di Newton o che
abbiamo compiuto errori nell’osservare. La conclusione storicamente data a questo
problema è fin troppo nota: la discordanza fra le posizioni previste e quelle rilevate non
portò a mettere in dubbio la validità della teoria newtoniana, e nemmeno a dubitare
dell’esattezza delle osservazioni (una volta che queste furono sufficientemente controllate);
portò invece a introdurre l’ipotesi aggiuntiva dell’esistenza di un pianeta non ancora
conosciuto (J. C. Adam e U. Leverrier, 1845), che fu effettivamente scoperto poco dopo.
(J. G. Galle, 1846).
46
Quando sottoponiamo a controllo una teoria confrontandola con dei dati
osservativi, noi chiamiamo in causa non soltanto le proposizioni della teoria in esame e le
leggi e le teorie su cui si basano gli strumenti dai quali ricaviamo i dati osservativi, ma
anche un numero, praticamente illimitato, di assunzioni esplicite e implicite (3). Per
esempio, in riferimento alla teoria di Newton, si ricava che il movimento di qualsiasi corpo
celeste deve avvenire in un dato modo; tuttavia ciò, di fatto, potrà essere constatato tramite
l’osservazione soltanto se certe condizioni, che sono alla base della nostra deduzione, si
verificano. Alcune di queste condizioni - le più ovvie - sono, ad esempio, che il corpo
celeste non venga influenzato da masse planetarie poste nelle sue vicinanze, che la luce
proveniente da esso non subisca deviazioni per una causa qualsiasi, o che i nostri strumenti
di osservazione funzionino perfettamente. Al venir meno di una qualsiasi di queste
condizioni, o anche di altre, perfino di certe condizioni a cui nessuno aveva mai pensato e
che dovranno essere scoperte, ecco che i dati ricavati dall’osservazione non
corrisponderanno più alle nostre aspettative teoriche.
Per questo motivo, il conflitto tra ciò che prevediamo sulla base di certe teorie e ciò
che effettivamente cogliamo nella “realtà” difficilmente riesce a tradursi direttamente e
immediatamente nell’abbandono di qualcuna di queste teorie.
Nel saggio “Che cos’è la dialettica?”, invece, non troviamo alcuna menzione a una
problematica di questo genere. Troviamo semplicemente una prescrizione assai rigida sul
trattamento da riservare alle contraddizioni, e cioè il rifiuto senza eccezioni.
Tale atteggiamento contrasta fortemente con la metodologia generale elaborata
dallo stesso Popper, che è abbastanza elastica da prevedere strategie e accorgimenti più
ampi, non riducibili al puro e semplice rifiuto di una teoria in difficoltà.
Intanto, come abbiamo visto, egli è perfettamente cosciente che la cosiddetta “base
empirica”, che dovrebbe fornire i fattori falsificanti da indirizzare contro le teorie, non può
essere considerata in nessun caso assolutamente certa. Per Popper, anche i dati empirici, o
meglio, ricordando che ci troviamo sempre in un contesto linguistico, gli asserti
osservativi, devono essere considerati a loro volta ipotetici, frutto di una determinata
interpretazione della realtà. (4)
Il punto che terrei qui a sottolineare è la scarsa disponibilità mostrata da Popper ad
essere conseguente con questa impostazione, tanto che a volte egli sembra davvero
dimenticarsi del problema (5). Ciò risulta particolarmente evidente nel caso di cui ci stiamo
occupando, ossia quando Popper mobilita le sue risorse intellettuali per confutare le
concezioni dialettiche.
47

2. La non affidabilità della base empirica
La relazione tra base empirica e teorie - come ha avuto modo di rilevare Mario
Alcaro - «costituisce uno dei principali nodi problematici su cui verte la riflessione
epistemologica successiva alla svolta popperiana». (6)
La questione della non neutralità del linguaggio osservativo, affrontata da Popper
fin dalla sua prima opera, è stata infatti ripresa e sviluppata con esiti vari, talvolta estremi,
da autori come Hanson, Kuhn, Feyerabend e Kakatos.
N. R. Hanson, nella sua opera fondamentale, I modelli della scoperta scientifica
(7), si richiama a Duhem per porre chiaramente in luce che l’osservazione non è mai pura.
(8)
«Il semplice fatto di vedere - scrive Hanson - è in realtà un’impresa “carica di
teoria”. L’osservazione di X è condizionata dall’anteriore conoscenza di X» (9). Per
illustrare tale tesi, egli ci propone l’esempio di Keplero e Tycho Brahe intenti ad osservare
il sorgere del sole da una collina. Benché nelle loro retine abbiano luogo fenomeni
elettrochimi simili, Keplero vede un sole fisso (con la Terra che gli ruota attorno), mentre
Tycho Brahe, che aderisce ancora alla concezione di Tolomeo, vede un sole in movimento.
(10)
«Vedere il sole equivaleva per Tycho e per Simplicio a vedere che lo splendente
satellite della Terra stava iniziando la sua circolazione diurna attorno a noi, mentre per
Keplero e Galilei equivaleva a vedere che la Terra stava portandoli con la sua rotazione
nella luce della nostra stella locale». (11)
Secondo Hanson è perfettamente legittimo assegnare al vedere una componente
logica (non secondaria rispetto a quella psicologica). «Vedere un oggetto X equivale a
vedere che tale oggetto può comportarsi nei modi in cui sappiamo che si comportano gli
oggetti X: se il comportamento dell’oggetto non si accorda con ciò che ci attendiamo dagli
oggetti X, potrebbe venir meno la nostra capacità di continuare a vederlo come X» (12).
Così, una “stella” che si sposti con moto sensibile nel cielo, non è più percepita come una
stella; allo stesso modo, l’“acqua contenuta in un bicchiere perderebbe ai nostri occhi
qualsiasi identità come acqua se, versata dall’alto sul pavimento, essa, negando le nostre
aspettative, si sollevasse con pigre volute verso il soffitto.
Ciò dimostra che anche nel vedere apparentemente più immediato e primitivo è
implicita una componente conoscitiva, una struttura concettuale preesistente all’atto del
vedere: grazie ad essa i dati visivi vengono organizzati in immagini coerenti. (13)
48
Abbastanza vicino alle posizioni di Hanson, almeno per quel che riguarda la
questione della non neutralità della base empirica rispetto al contesto teorico, può essere
collocato Thomas Kuhn. La concezione di Kuhn, com’è noto, è imperniata sul concetto di
paradigma e sulla distinzione tra “scienza normale” e “scienza straordinaria”.
Piuttosto arduo è dare una definizione in breve di paradigma, visto il carattere
sfumato e multiforme con cui Kuhn usa tale termine. M. Masterman, studiando La
struttura delle rivoluzioni scientifiche (14), è giunta alla conclusione che possano essere
distinti non meno di 21 diversi significati per questo termine. (15)
Si può comunque dire che Kuhn, con esso, intenda, sostanzialmente, delle
«conquiste scientifiche universalmente riconosciute, le quali per un certo tempo,
forniscono un modello di problemi e soluzioni accettabili a coloro che praticano un certo
campo di ricerca». (16)
Secondo Kuhn, la scienza procede generalmente con un unico paradigma, accettato
dall’intera comunità scientifica, per risolvere i problemi che tale paradigma mette in grado
di affrontare.
L’attività scientifica svolta all’interno di un paradigma è la “scienza normale”, che
consiste fondamentalmente nella soluzione di “rompicapo”, cioè di problemi connessi
all’applicazione di quel paradigma. Il tratto distintivo della “scienza normale” è costituito
dal fatto che i produttori di essa formano una “comunità scientifica” al cui interno, per
tacita intesa, si considerano determinati risultati conseguiti come punto di partenza per
ulteriori approfondimenti. Ciascun membro della comunità si propone di eliminare le
anomalie, presenti secondo Kuhn in qualsiasi momento dell’impresa scientifica,
sviluppando progressivamente la teoria secondo norme e vincoli stabiliti dal paradigma. E
in ciò è implicito un condizionamento, un consenso o “fede” in certi principi che la
comunità di cui fa parte condivide. (17)
Un paradigma entra in crisi (e può essere sostituito da un altro paradigma) quando
conduce davanti a problemi nuovi e importanti, che esso non sembra in grado di affrontare
in modo adeguato. (18)
Si entra allora in un periodo di “scienza straordinaria” caratterizzato dall’indebolirsi
della “fede” nel paradigma e dall’allentarsi delle regole che dirigono la scienza normale;
finché, nel caos e nel buoi più completo, un nuovo paradigma non emerge
improvvisamente riportando la luce e l’ordine (19). Gli scienziati tornano allora alla loro
attività “normale”, ossia si rivolgono nuovamente alla soluzione dei “rompicapo”
all’interno di un paradigma determinato.
49
Questa è in sostanza la concezione kuhniana del procedere scientifico.
Ciò che qui maggiormente interessa sono alcune conseguenze del passaggio
rivoluzionario da un paradigma all’altro, passaggio che interrompe una tradizione di
ricerca per dar vita a una nuova tradizione. Secondo Kuhn, esso «non può essere realizzato
con un passo alla volta, né imposto dalla logica o da un’esperienza neutrale», perché si
verifica tramite un “riorientamento di tipo gestaltico”, una specie di conversione mistica,
che si compie «in una volta (sebbene non necessariamente in un istante)». (20)
La decisione di accettare un nuovo paradigma porta lo scienziato a vedere il mondo
con occhi diversi; i paradigmi sarebbero un po’ come gli occhiali: se guardiamo il mondo
con occhiali differenti, vediamo oggetti diversi anche quando osserviamo gli stessi
fenomeni.
Le esemplificazioni portate da Kuhn a sostegno della propria tesi spaziano dal
campo della psicologia della Gestalt a quello della storia della scienza. Così, accanto
all’esempio della figura dell’anatra-coniglio, che può apparire rispettivamente come
un’anatra o come un coniglio a seconda della maniera con cui la si osserva (21), abbiamo
l’esempio di Lavoisier che «vide l’ossigeno dove Priestley aveva visto l’aria
deflogistizzata e dove altri osservatori non avevano visto assolutamente nulla» (22) e
quello del corpo oscillante appeso a un filo, che Galileo vedeva come un pendolo, soggetto
a determinate leggi, mentre dagli aristotelici era considerato «semplicemente un corpo che
cadeva con difficoltà». (23)
Appare qui evidente la vicinanza delle posizioni di Kuhn con quelle espresse da
Hanson, sia pur nella diversità dei rispettivi sistemi. Kuhn si spinge tuttavia più avanti di
quanto non faccia il suo collega. La tesi del passaggio non razionale da un paradigma a un
altro ha, per Kuhn, come conseguenza inevitabile la tesi dell’incommensurabilità dei
paradigmi stessi. In altre parole, a paradigmi differenti corrisponderebbero non solo
differenti concezioni del mondo, ma anche differenti problemi ritenuti importanti, persino
differenti significati di termini elementari con cui gli scienziati comunicano tra loro (24).
Da ciò deriverebbe non solo l’impossibilità (o almeno la difficoltà) di una comprensione
puntuale tra i diversi mondo paradigmatici, ma anche la non plausibilità della concezione
popperiana, per la quale una esperienza anomala è sufficiente, da sola, a falsificare una
teoria. (25)
Paul Feyerabend spinge alle estreme conseguenze la tesi della non neutralità del
linguaggio utilizzato nelle proposizioni scientifiche. Non solo egli accetta ed accentua la
posizione di Kuhn in merito all’incommensurabilità delle teorie, ma giunge a negare
50
l’utilità di un qualsiasi metodo ai fini del progresso scientifico. Ma è meglio procedere con
ordine.
Secondo Feyerabend, benché Popper riconosca esplicitamente che la base empirica
non sia del tutto solida e affidabile, questi sembra d’altro canto ammettere la possibilità di
un linguaggio osservativo neutro in cui formulare gli asserti-base che fungono da fattori
falsificanti delle teorie. Inoltre, la concezione “razionalista” popperiana, per la quale
sarebbe possibile confrontare tra loro due o più teorie rivali sulla base dei rispettivi
contenuti empirici, presuppone anch’essa un linguaggio comune alle teorie stesse. (26)
E’ proprio da tale incoerenza, reale o presunta che sia, che prende l’avvio l’intera
filosofia della scienza di Feyerabend, la quale, come scrive F. Suppe, può essere vista
come «un tentativo di sviluppare un’analisi popperiana della scienza in cui la
controllabilità delle teorie non presupponga un linguaggio osservativo neutro». (27)
Riguardo alla tesi della non neutralità della base empirica, Feyerabend osserva che
«non solo la descrizione di ogni singolo fatto dipende da qualche teoria […], ma esistono
anche dei fatti che non possono essere scoperti se non con l’aiuto di alternative alle teorie
in questione e che non sono più disponibili non appena tali alternative vengono eliminate»
(28). Per cui, il rifiuto di considerare tali alternative «porterà all’eliminazione di fatti
potenzialmente contraddittori. Più specificamente, eliminerà fatti la cui scoperta
mostrerebbe la completa e irreparabile inadeguatezza della teoria». (29)
Per Feyerabend, l’unico rimedio a questa situazione sta nell’«invenzione di
alternative in aggiunta al punto di vista che sta al centro della discussione», procedimento
che costituisce «una parte essenziale del metodo empirico». (30)
Il metodo che quindi Feyerabend sostiene nella scienza non è né induttivo né
deduttivo, bensì contro-induttivo. Applicare la controinduzione significa per Feyerabend
accrescere il contenuto empirico tramite un principio di proliferazione, ossia «inventando
ed elaborando teorie che sono incompatibili col punto di vista accettato, anche se
quest’ultimo dovesse essere altamente confermato e generalmente accettato». (31)
Tale procedimento “anarchico” sarebbe l’unico ammissibile nella ricerca
scientifica, poiché non ci sono speranze di poter pervenire a una metodologia capace di
fornire «principi saldo immutabili e assolutamente vincolanti per portare avanti l’opera
dello scienza» (32), sul tipo di quelle proposte da Popper e da Lakatos. Secondo
Feyerabend, infatti, la storia della scienza mostra che «non esiste alcuna regola, per quanto
plausibile e per quanto saldamente fondata nell’epistemologia, che non sia stata violata in
questa o in quell’occasione» (33). Egli si spinge ancora oltre osservando che certe
51
importanti svolte innovatrici nella scienza avvengono proprio «perché alcuni scienziati
[decidono] di non restare legati ad alcune “ovvie” regole metodologiche, oppure le
[infrangono] inavvertitamente». (34)
Per quanto riguarda Imre Lakatos, si può dire che egli tenti di pervenire a un
sistema che raccolga in qualche modo le critiche fin qui esaminate senza tuttavia fare
eccessive concessioni al soggettivismo (Kuhn) e all’irrazionalismo (Feyerabend).
Il falsificazionismo di Lakatos poggia sul concetto di programma di ricerca
scientifico, che consiste essenzialmente di due gruppi di decisioni metodologiche: il primo
gruppo è formato da quelle ipotesi che si considerano non falsificabili per “decreto
metodologico” e che costituiscono il cosiddetto “nucleo” del programma (euristica
negativa). Il secondo gruppo è formato da un insieme di proposte e di suggerimenti su
come modificare e/o sostituire le ipotesi confutabili che costituiscono la “cintura
protettiva” del programma stesso (euristica positiva). (35)
Un programma di ricerca viene sviluppato modificando via via la sua cintura
protettiva sotto la spinta di anomalie e controesempi, con l’accortezza di evitare gli
aggiustamenti che siano semplicemente ad hoc. Lakatos richiede, infatti, che ogni passo
del programma di ricerca abbia un contenuto crescente, cioè «costituisca uno slittamento-
di-problema teorico coerentemente progressivo». Inoltre, egli esige che «almeno ogni
tanto la crescita del contenuto [sia] retrospettivamente corroborata». (36)
Contrariamente a quanto avviene per il falsificazionismo popperiano, quello di
Lakatos non presta eccessiva attenzione alle anomalie che vengono alla luce all’interno di
un determinato programma: la loro presenza è anzi prevista, tanto che l’euristica positiva
ha precisamente la funzione di affrontarle e assorbirle all’interno del programma (37). Solo
quando il programma entra in una fase regressiva, cioè non si mostra più capace di predire
fatti nuovi, Lakatos ritiene che gli scienziati debbano preoccuparsi seriamente delle
anomalie. (38)
In ogni caso, un programma di ricerca può venire eliminato solo da «un programma
di ricerca rivale che spiega il successo precedente del suo rivale e lo supera con un
ulteriore spiegamento di potere euristico». (39)
Per quanto concerne la base empirica, Lakatos è d’accordo nel considerare qualsiasi
asserto osservativo come ipotetico, ma egli ne trae una conseguenza che in Popper non è
così esplicita. Lakatos afferma che, dal momento che ogni fatto è legato a una qualche
teoria osservativa, la falsificazione non può essere una questione che riguardi soltanto la
teoria sottoposta a controllo, ma deve riguardare anche quella da cui discendono i “fatti”.
52
Quindi, secondo Lakatos, nel caso di incompatibilità tra previsioni dedotte da una
data teoria e asserti ricavati dall’esperienza, veniamo posti inevitabilmente di fronte al
dilemma di quale teoria rifiutare (il che significa: quale teoria bisogna considerare
problematica e quale non problematica?).
Quando Galileo scoprì i satelliti di Giove e le macchie solari con il suo rudimentale
cannocchiale, i suoi avversari cercarono di fargli notare che le sue presunte scoperte
poggiavano su una teoria ottica molto fragile (40). Ciò che egli opponeva a una tradizione
astronomica maturata attraverso i secoli, veniva ora messo in discussione da poche
osservazioni non certo altrettante solide. E da questo punto di vista non si po’ dire che gli
avversari di Galileo avessero tutti i torti (41). Nella loro critica, essi ponevano in atto un
principio cardine di quello che Lakatos definisce “falsificazionismo sofisticato” (42), e
cioè che dal contrasto fra una teoria e l’osservazione non sempre (anzi, quasi mai) ci
appare subito evidente se sia sbagliata la teoria in oggetto o se invece si sia osservato male
(ovvero sia sbagliata la teoria su cui basiamo le nostre osservazioni).
In tale prospettiva, accogliere una contraddizione anche per lunghi periodi,
all’interno di un determinato settore di ricerca scientifica, non costituisce necessariamente
quella decisione fatale che Popper tanto paventa. Più spesso può semplicemente significare
l’accettazione provvisoria di certe incongruenze che gli strumenti e il livello di
elaborazione del momento non ci consentono di superare immediatamente.
La metodologia lakatosiana si muove - appunto - in questa direzione. Secondo
Lakatos, le incongruenze (anomalie incluse) vanno considerate come problemi da risolvere
(43). E ciò significa che la scoperta di un’incoerenza, o di una anomalia, non può essere
ritenuta sufficiente per respingere una teoria scientifica o per bloccare all’istante lo
sviluppo di un programma di ricerca: «può essere ragionevole mettere l’incoerenza in una
specie di quarantena ad hoc e proseguire con l’euristica positiva del programma. Ciò è
stato fatto persino in matematica, come mostrano gli esempi degli esordi del calcolo
infinitesimale e della teoria degli insiemi». (44)
Così lo sforzo dello scienziato non è più diretto a «sostituire una teoria confutata da
“fatti”», ma a «risolvere le incompatibilità fra teorie strettamente associate». (45)
Nel falsificazionismo sofisticato di Lakatos, il conflitto non si svolge fra “teorie e
fatti”, ma tra due teorie ad alto livello: tra una teoria interpretativa che fornisce i fatti e una
teoria esplicativa che cerca di spiegarli. Il problema allora non va posto nel senso di
chiedersi se una data “confutazione” è reale o meno, bensì di come superare una
incompatibilità tra la teoria esplicativa in esame e la teoria interpretativa. (46)
53
Osserva Lakatos: «Secondo Popper, una versione di un programma progressivo non
adotta mai, per assorbire un’anomalia, uno stratagemma che diminuisce il contenuto, non
adotta mai affermazione come “tutti i corpi obbediscono alle leggi di Newton, tranne
diciassette eccezioni”. Ma poiché c’è sempre abbondanza di anomalie inspiegate, io invece
ammetto formulazioni di questo genere; una spiegazione costituisce un passo avanti (ossia
è “scientifica”) se spiega almeno alcune precedenti anomalie che non erano state spiegate
“scientificamente” dalle spiegazioni che l’hanno preceduta. Finché le anomalie sono
considerate problemi autentici non importa molto se si drammatizzano come
“confutazioni” o se si sdrammatizzano come “eccezioni”: la differenza in tal senso è solo
linguistica». (47)
Questo modo di vedere le cose ridimensiona notevolmente anche l’interpretazione
attribuita da Popper ai cosiddetti “esperimenti cruciali”. Anzi, se dobbiamo dar retta a
Lakatos, «non esiste nulla di simile agli esperimenti cruciali, per lo meno tali esperimenti
non esistono se intesi come esperimenti che possono rovesciare istantaneamente un
programma di ricerca. Infatti quando un programma di ricerca subisce una sconfitta ed è
superato da un altro, possiamo chiamare un esperimento “cruciale” solo con uno sguardo
molto all’indietro, se risulta che ha sostituito un sensazionale esempio corroborante del
programma vittorioso e un fallimento di quello sconfitto». (48)


NOTE
(1) Cfr. nota 13 (Cap. terzo).

(2) Cfr. Karl Popper, “Che cos’è la dialettica?”, cit., pag. 538: «Due asserzioni contraddittorie non possono
mai essere entrambe vere».

(3) Cfr. A. F. Chalmers, Che cos’è questa scienza; trad. it., Mondatori, Milano, 1979, pag. 171.

Cfr. nota 20 (Cap. secondo).

(5) Maria Falanga, in un suo scritto sull’opera The Philosophy of Karl Popper, curata da P. A. Schilpp, rileva
che c’è stata una modificazione nel pensiero popperiano riguardo alla nozione di “fatto”. «Mentre nella
Logica - scrive Falanga - la consapevolezza, che non si può parlare “di fatti di esperienza” non inquadrati in
qualche teoria, fa si che Popper usi molta attenzione nell’uso del concetto di “fatto”, nelle opere successive,
mentre si continua a sottolineare la stretta dipendenza dei fatti dalle teorie nel cui linguaggio essi sono
tradotti, si fa contemporaneamente un uso continua e spesso disinvolto della nozione di “fatto” anche in
contesti dove sarebbe stata opportuna una certa cautela o, comunque, un richiamo alla problematicità della
nozione stessa». (Maria Falanga, “Sulla filosofia di Karl Popper”, in Rivista critica di storia della filosofia,
II, aprile-giugno 1979, pag. 191; cfr. anche pag. 194).

(6) Mario Alcaro, La crociata anti-empirista, Franco Angeli, Milano, 1981, pag. 78.

(7) N. R. Hanson, I modelli della scoperta scientifica [1958]; trad. it., Feltrinelli, Milano, 1978.

54
(8) Ibid., pag. 28.

(9) Ibid., pag. 31.

(10) Ibid., pagg. 14-5.

(11) Ibid., pag. 31.

(12) Ibid., pagg. 34-5.

(13) Ibid., pag. 34 e pag. 36.

(14) Thomas Kuhn, La struttura delle rivoluzioni scientifiche [1962]; trad. it., Einaudi, Torino, 1969.

(15) M. Masterman, “La natura di un paradigma”, in Lakatos e Musgrave (a cura di), Critica e crescita della
conoscenza; trad. it., Feltrinelli, Milano, 1976, pag. 131 e sgg.

(16) T. Kuhn, La struttura delle rivoluzioni scientifiche, cit.

(17) Ibid., Capp. IV e V.

(18) E’ illuminante a tal proposito questo passo di Kuhn: «La scoperta comincia con la presa di coscienza di
una anomalia, ossia col riconoscimento che la natura ha in un certo modo violato le aspettative suscitate dal
paradigma che regola la scienza normale» (Kuhn, Op. cit., pag. 76).

(19) Ibid., Capp. VII e VIII.

(20) Ibid., pag. 182.

(21) Ibid., pag. 142. Cfr. anche Kuhn, “Logica della scoperta o psicologia della ricerca?” in Lakatos e
Musgrave, Op. cit., pagg. 71-2.

(23) Ibid., pag. 148.

(24) Ibid., pag. 180.

(25) Cfr. soprattutto Kuhn, Op. cit., pag. 178.

(26) P. K. Feyerabend, “Consolazioni per lo specialista”, in Lakatos-Musgrave, Op. cit., pag. 301 sgg. F.
Coniglione sottolinea l’ambiguità della posizione di Popper: da una parte egli ammette che ogni dato è
“carico di teoria” e quindi «l’impossibilità di una osservazione che non sia “interpretata alla luce di teorie”»;
d’altro canto, «continua ancora a sostenere l’esistenza di un linguaggio neutrale che permetta di giudicare in
modo univoco sulla validità o meno delle teorie attraverso la comunicazione intersoggettiva e la discussione
razionale» (F. Coniglione, La scienza impossibile. Dal popperismo alla critica del razionalismo, Il Mulino,
Bologna, 1978, pag. 60. Cfr. anche pag. 48.

(27) Frederick Suppe, The Structure of Scientific Theories, University of Illinois Press, Urbana-Chicago-
London, 1977, pag. 170 (traduzione personale).

(28) Feyerabend, Problemi dell’empirismo [1965-69]; trad. it., Lampugnani-Nigri, Milano, pag. 20.

(29) Ibid., pag. 22.

(30) Ibid., pag. 21.

(31) Feyerabend, Contro il metodo [1970]; trad. it., Lampugnani-Nigri, Milano, 1973, pag. 22.

(32) Ibid., pag. 15.

(33) Ivi.
55

(34) Ibid., pagg. 15-6.

(35) Imre Lakatos, “La falsificazione e la metodologia dei programmi di ricerca scientifici” [1970], in
Lakatos-Musgrave, Op. cit., pagg. 208-214.

(36) Ibid., pag. 210.

(37) Ibid., pag. 213.

(38) Ibid., pag. 214.

(39) Ibid., pag. 232.

(40) Ibid., pag. 72 e pag. 182.

(41) Per un interessante resoconto sull’argomento, vedi Feyerabend, Problemi dell’empirismo, cit., pagg.
113-123.

(42) Lakatos distingue tre tipi di falsificazionismo:
a) il falsificazionismo dogmatico, che poggia sul pregiudizio secondo il quale esiste una base
empirica assolutamente certa, da cui deriva la convinzione che un conflitto tra teorie e fatti possa tradursi in
un abbandono immediato e definitivo della teoria in esame (Lakatos,, Op. cit., pagg. 169-177);
b) il falsificazionismo (metodologico) ingenuo, che afferma (a torto) che una data teoria possa venir
falsificata da un esperimento (o da un asserto osservativi) in contrasto con essa, indipendentemente dal fatto
che esista o meno una teoria alternativa migliore (Lakatos, Op. cit., pag. 191);
c) Il falsicazionismo (metodologico) sofisticato, la cui tesi principale è che il rifiuto di una data
teoria può avvenire soltanto se esiste una teoria alternativa migliore (Lakatos, Op. cit., pag. 191 e sgg.).

(43) Lakatos, Op. cit., pag. 219.

(44) Ibid., pag. 220.

(45) Ibid., pag. 106.

(46) Ibid., pag. 205.

(47) Ibid., pag. 260.

(48) Ibid., pag. 250-1. Stephen Toulmin, riferendosi alla disputa tra Lavoisier e Priestley sul problema
dell’esistenza del flogisto, osserva che non è corretto considerare un genio il primo e un “vecchio
parruccone” il secondo soltanto perché la storia ha dato torto a quest’ultimo. Infatti, se i risultati di un dato
esperimento non sono univoci, ma derivano da un’interpretazione, allora è del tutto lecito giungere a
conclusioni diverse guardando uno stesso evento. Secondo Toulmin, «l’esperimento di Lavoisier col
mercurio non solo non fu nei fatti quell’esperimento cruciale che si è spesso creduto, ma da un punto di vista
logico non avrebbe potuto essere cruciale. Priestley accettò la dimostrazione di Lavoisier me la interpretò in
un modo che, anche se errato secondo le moderne opinioni, poté cionondimeno sembrargli soddisfacente
senza per questo incorrere in alcuna incoerenza» (S. E. Toulmin, “Esperimenti cruciali: Priestley e Lavosier”,
in Philip P. Wiener-Aaron Nolan (a cura di), Le radici del pensiero scientifico, Feltrinelli, Milano, 1977, pag.
509.

56
Capitolo Sesto




CONTRADDIZIONI E PROGRESSO SCIENTIFICO



Il sistema di Lakatos, benché sotto certi aspetti più permissivo di quello di Popper,
non è per questo meno razionale. Anzi, si può dire senz’altro che esso, riuscendo ad
abbracciare comportamenti che il sistema popperiano era costretto ad ignorare (ovvero a
relegare nell’irrazionalità), presupponga un concetto più ampio di razionalità. (1)
E non si può neppure affermare che esso assegni minor importanza alle
contraddizioni, visto che è disposto a tollerarle a certe condizioni. Come scrive Giulio
Giorello: «Lakatos concede[ndo] spazio (entro l’impresa scientifica) a programmi di
ricerca che avanzano addirittura su basi contraddittorie, riduce drasticamente la fecondità
delle contraddizioni come l’intendeva Popper». Per giungere subito dopo alla seguente
conclusione: «Sotto quest’ultimo profilo se il dialettico non può prendere sul serio le
contraddizioni, paradossalmente pare più “dialettico” l’antidialettico Popper che il
“dialettico” (o ex-dialettico) Lakatos, per il quale, […] concentrarsi su anomalie e
contraddizioni caratterizza la fase regressiva del programma». (2)
Qui, evidentemente, Giorello si lascia invischiare, suo malgrado, dalla stessa logica
popperiana. Poiché, è vero che “Lakatos riduce la fecondità delle contraddizioni come
l’intendeva Popper”, ma è pure vero che il modo popperiano di intendere tale fecondità è
alquanto lontano da quello dei dialettici.

1. Progresso è solo eliminazione degli errori?
Consideriamo più da vicino queste affermazioni. Come si è visto, secondo Popper,
uno scienziato non può mai violare il principio aristotelico di non-contraddizione e quindi
ha l’obbligo di rifiutare qualsiasi contraddizione egli incontri nella propria attività; e ciò
pena il totale fallimento dei suoi sforzi.
Ma l’unica maniera per rifiutare una contraddizione è per Popper (come già per
Aristotele) quello di eliminare uno dei termini della contraddizione. Infatti, il metodo delle
congetture e delle confutazioni prende in considerazione «soltanto l’idea e la sua critica,
cioè nella terminologia dei dialettici, la lotta tra una tesi e la sua antitesi; esso non si cura
della possibilità che dal contrasto tra una tesi e una antitesi si giunga a una sintesi». (3)
57
Ecco quindi come Popper intende la “fertilità delle contraddizioni”: queste sono
fertili soltanto nella misura in cui fungono da fattori di eliminazione delle teorie, secondo
una logica negativa, “darwiniana” (compiere al più presto i nostri errori in modo da
affrettare il nostro avvicinamento alla verità). (4)
Tuttavia, nella concreta storia della scienza, il superamento di una contraddizione
insita tra tesi e antitesi (per usare ancora la terminologia dei dialettici), ad esempio tra una
teoria e uno o più fatti in contrasto con essa, non avviene mai nella maniera indicata da
Popper, bensì mediante l’ideazione di una nuova teoria in cui i fatti possano inserirsi in
modo non contraddittorio (5). Accade infatti che gli scienziati, non solo sono restii a
rigettare immediatamente una teoria quando questa rimane coinvolta in contraddizioni, ma
- come ha messo in rilievo Kuhn - non la rigettano comunque, per quanto compromessa da
contraddizioni, se non dispongono di una teoria alternativa migliore: «Nessun processo
messo in luce dallo studio storico dello sviluppo scientifico somiglia minimamente allo
stereotipo metodologico della invalidazione di una teoria mediante il suo confronto con la
natura». (6)
Kuhn si affretta però a chiarire che ciò «non significa che gli scienziati non
abbandonino le teorie scientifiche, o che l’esperienza e l’esperimento non siano essenziali
quando ciò avviene. Significa soltanto […] che il giudizio in base al quale gli scienziati
decidono di respingere una teoria precedentemente accettata si basa sempre su qualcosa di
più di un semplice confronto di quella teoria col mondo. La decisione di abbandonare un
paradigma è sempre al tempo stesso la decisione di accettarne un altro». (7)
Lakatos riprende e sviluppa questa posizione di Kuhn. Criticando Popper, egli
osserva che questi «interpreta ancora una “falsificazione” come risultato di un duello fra
teorie e osservazioni, senza che sia necessariamente coinvolta un’altra teoria migliore» (8).
Per Lakatos, invece, «la “falsificazione” nel senso del falsificazionismo ingenuo (evidenza
contraria corroborata) non è condizione sufficiente per eliminare una teoria particolare:
nonostante l’esistenza di centinaia di note anomalie non la riteniamo falsificata (ossia,
eliminata) fiché non ne abbiamo una migliore». (9)

2. Popper: la falsificazione ha sempre bisogno di alternative?
In tempi relativamente recenti, Popper ha espresso il suo disaccordo con questa
“lettura” dei suoi scritti riguardo al problema della falsificazione. Nelle “Replies to My
Critics”, egli sostiene di aver sempre pensato che per poter eliminare una data teoria ci sia
bisogno della esistenza di un’altra teoria (10). E cita a sostegno di tale tesi un passo della
58
Logica in cui scriveva che si può considerare falsificata una teoria «soltanto se scopriamo
un effetto riproducibile che confuta la teoria». E cioè, «accettiamo la confutazione soltanto
quando sia proposta, e risulti corroborata, un’ipotesi empirica di basso livello che descriva
un simile effetto». (11)
Ma, come rileva Marcello Pera, nella sua proposta Popper dimostra di non aver
colto la reale sostanza della critica a lui rivolta. Infatti, «un’ipotesi falsificante è un’ipotesi
empirica di basso livello che descrive riproducibile e che perciò viene usata come
asserzione di controllo di una teoria; di conseguenza un’ipotesi falsificante non è una teoria
esplicativa alternativa a quella sotto controllo». (12)
Anche se si tiene presente che Popper, sempre nella Logica, scrive che «nella
maggior parte dei casi, prima di falsificare un’ipotesi ne abbiamo un’altra in serbo» e che
«l’esperimento falsificante è di solito un esperimento cruciale destinato a decidere tra le
due» (13), ciò non può certo essere considerata come un’asserzione di una regola di
metodo, bensì una semplice constatazione di una consuetudine presente nella storia della
scienza. (14)
In una sola occasione, a quanto mi risulta, Popper si è espresso chiaramente in
senso positivo sulla questione, ed è stato quando alla precisa domanda di Bryan Magee
«Cosa capita se non siamo capaci di trovare una soddisfacente teoria che succede alla
precedente confutata?», egli risponde: «Ovviamente continueremo ad usare la vecchia
teoria confutata, fino a quando non ne sia scoperta una migliore; ma la useremo con la
consapevolezza che c’è qualcosa di sbagliato in essa». (15)
Tuttavia, come passiamo conciliare questa affermazione con il seguente passo tratto
da Conoscenza oggettiva?
«Il numero di teoria che possono essere vere rimane infinito in ogni tempo e dopo
un numero qualsiasi di controlli cruciali. Le teoria effettivamente proposte saranno
ovviamente finite di numero; e può ben accadere che noi le confutiamo tutte, e non
possiamo pensare ad una nuova». (16)
O con quest’altro, tratto dalla stessa opera?
«Se l’ipotesi non supera l’esame, se essa è falsificata dalle nostre osservazioni,
allora dobbiamo cercare una nuova ipotesi. In questo caso la nuova ipotesi verrà dopo
quelle osservazioni che hanno portato alla falsificazione o al rigetto della vecchia ipotesi».
(17)
Mi sembra molto evidente che qui Popper ammetta la possibilità di confutare una
teoria, che sia stata smentita dall’esperienza, senza che si disponga di una teoria che prenda
59
il suo posto. E’ doveroso però citare anche un altro passo, questa volta tratto dalle “Replies
to My Critics”, in cui Popper introduce come non corretta tale interpretazione.
«E’ vero - scrive Popper - che ho usato i termini “eliminazione”, e anche
“reiezione” quando ho discusso la “confutazione”. Ma risulta chiaro dalla mia discussione
principale che questi termini, quando sono applicati a una teoria scientifica, significano che
essa è eliminata come pretendente alla verità - cioè - confutata, ma non necessariamente
abbandonata». (18)
Contrariamente a quanto asserisce Popper, la sua posizione in merito alla questione
se una teoria possa essere eliminata (o rifiutata, o rigettata, o abbandonata) in assenza di
valide alternative, non è affatto chiara. Essa si presenta, anzi, alquanto ambigua: oscillante
tra due poli opposti, a seconda delle necessità argomentative del momento. Solo in tale
ottica possono essere spiegati, a mio avviso, certi chiarimenti e distinzioni, introdotti
progressivamente da Popper. Piuttosto che procedere a revisioni e modifiche anche
sostanziali del proprio sistema sotto l’incalzare della critica, egli ha scelto talvolta la via da
lui stesso più biasimata: conservare l’integrità della propria costruzione reinterpretando
passi già pubblicati o introducendo distinzioni che ben difficilmente si riesce a credere
presenti nel suo pensiero al momento in cui i passi stessi vennero scritti.
Tutto ciò - è necessario chiarirlo - non è stato detto per puro amor di polemica.
L’esatta interpretazione da dare a un testo, la sua coerenza o meno con altri passi dello
stesso autore, non sono questioni che si esauriscono nello stabilire se una data posizione sia
o no corretta, se l’autore fosse in buona o in mala fede, ecc. Analizzare un testo,
indipendentemente dalle conclusioni che se ne trarranno (a favore o a sfavore del suo
autore), ha in sé il grande pregio di spingere alla riflessione, promuovendo il dibattito e
aprendo la strada a nuovi problemi e nuove prospettive, capaci forse di porsi al di là
dell’orizzonte da cui essi hanno avuto origine. E questo - io credo - si colloca nello spirito
della migliore tradizione del “razionalismo critico” popperiano.
Affermare che la posizione di Popper in merito al destino da riservare a una teoria
contraddetta da fatti è quantomeno indecisa, non significa sminuire il valore dell’opera di
questo autore, bensì mettere in risalto alcune difficoltà che richiedono ulteriori
approfondimenti.
Per tornare all’argomento principale, desidero qui porre all’attenzione alcuni punti
che costituiscono altrettanti problemi aperti.
Il primo, che ci riguarda molto da vicino, è che introducendo la distinzione tra
“confutazione” e “abbandono”, sorge la questione sul senso da dare alla prescrizione
60
popperiana espressa in Che cos’è la dialettica?, secondo la quale “gli scienziati non
devono lavorare con teorie coinvolte in contraddizioni”. Tali teorie dovranno essere
considerate «eliminate come pretendenti alla verità» o”abbandonate” del tutto? Oppure, in
termini più operativi, gli scienziati dovranno cancellare dai loro manuali una teoria che non
si accorda con i fatti, dovranno dimenticare la sua esistenza, o invece potranno usarla
“qualche volta”, pur con la consapevolezza che essa è errata e non può offrire alcun
contributo alla nostra conoscenza della realtà?
Del resto - e così veniamo al secondo punto - Popper non specifica quale sarà lo
status di una teoria confutata ma non ancora abbandonata.
Tale teoria dovrà forse essere considerata come un mero strumento da usare «entro
il suo raggio di applicazione»? (19)
Ma Popper rifiuta lo strumentalismo (20) come una concezione valida per le teorie
scientifiche. Ciò significa, allora, che una teoria confutata (anche se in pratica può
continuare ad essere usata per fini strumentali) (21), non ha più alcun posto nel sistema di
Popper. Per cui, “eliminata come pretendente alla verità”, per il falsificazionismo
popperiano, checché ne dica il suo autore, non può che equivalere a “eliminata” tout-court.
Nella reale prassi scientifica, invece, una teoria smentita dai fatti ma non
abbandonata per mancanza di alternative, conserva il suo potere esplicativo (anche se forse
un po’ offuscato) - cioè la pretesa di “dire la sua” sul mondo - e quindi ha ancora a che
vedere con la ricerca della verità. Così la scoperta del perielio anomalo di Mercurio, anche
se rappresentava una chiara confutazione della teoria di Newton (ossia non spiegabile in
alcun modo all’interno di tale teoria) non spinse gli scienziati a considerare falsa la teoria
stessa e a ridimensionarla al ruolo di semplice strumento per il calcolo e la previsione del
moto dei corpi.
Il terzo punto problematico è stato posto in risalto dal Marcello Pera in un suo
recente lavoro su Popper. Pera fa notare che se si accetta la distinzione popperiana tra
“confutazione” e “rifiuto” (nel senso che una teoria confutata è eliminata come candidata
alla verità, ma non necessariamente abbandonata), «ne deriva la conseguenza paradossale
che nella metodologia falsificazionista di POpper manca una regola di falsificazione (nel
senso del rifiuto). Quando si dovrà abbandonare una teoria confutata? Quando e in base a
che cosa si dovrà “assumere il rischio” - come dice POpper - di accettare un verdetto di
confutazione e convertirlo in una decisione di rifiuto?» (22)
Infine, vorrei far notare che una conseguenza della prescrizione secondo la quale
una teoria può essere falsificata solo in presenza di valide alternative è quella di rendere
61
inutile la distinzione introdotta da Popper. Infatti, una tale prescrizione stabilisce che una
teoria, in conflitto con dati empirici, va conservata fino al momento in cui non si dispone di
una teoria migliore, capace di risolvere il conflitto. Prima che ciò avvenga, la teoria
continuerà ad essere considerata valida in tutti i sensi, cioè non si considererà né confutata
(come pretendente alla verità), né abbandonata (ossia “cancellata” dai manuali scientifici).
Delle due l’una: o si accetta la tesi della non falsificabilità di una teoria in
mancanza di alternative, e allora non c’è bisogno di introdurre la distinzione tra
“confutazione” e rifiuto”; oppure non la si accetta completamente, e allora tale distinzione
acquista una sua legittimità.
L’ambiguità della posizione di Popper in merito può essere presa come un’ulteriore
prova del fatto che egli non ha mai aderito completamente a quella che Lakatos definisce la
tesi fondamentale del falsificazionismo metodologico sofisticato.
Concludendo l’esame di questo aspetto della metodologia popperiana, credo si
possa con buona legittimità affermare che la poca chiarezza mostrata da Popper riguardo al
problema se sia o meno indispensabile una teoria alternativa valida per confutare (nel
senso pieno del termine, ossia abbandonare) una data teoria in difficoltà, sia un segno
evidente di un conflitto presente all’interno dello stesso sistema popperiano. Rifiutata
qualsiasi funzione al “contesto della scoperta”, negata in modo totale ogni utilità al
procedimento induttivo per la pratica scientifica, il metodo delle congetture e delle
confutazioni non può che ridursi - come ho avuto modo di osservare a pag. XXX (121? -
stesso capitolo) - a un metodo di eliminazione.
L’attenzione metodologica di un operatore scientifico (e in questo senso si muove
l’intera riflessione popperiana) è così rivolta completamente alla ricerca di errori in
sistemi teorici già strutturati. Ogni errore, ammesso che sia possibile decidere con un
sufficiente margine di plausibilità sulla sua consistenza, deve tradursi in una falsificazione
(cioè nell’abbandono) della teoria interessata. Tale falsificazione, naturalmente, non è
irrevocabile, nel senso che se a un dato momento si scoprisse che l’errore - vale a dire
l’incongruenza precedentemente rilevata - non era in realtà da imputarsi alla teoria, ma a
nostre valutazioni, a nostre interpretazioni dei fenomeni, la teoria potrebbe essere
riabilitata.
Tuttavia - e questo che mi preme qui far notare - in un simile processo non è
riservata da Popper alcuna funzione alle teorie alternative. I suoi ammiccamenti e
concessioni in tal senso a Kuhn e a Lakatos, in seguito alle critiche di questi, appaiono in
realtà come un’aggiunta spuria alla metodologia falsificazionista da lui concepita. Per
62
Popper, quindi, non c’è bisogno di una nuova teoria per rifiutare quella vecchia in
difficoltà, o anche usando il linguaggio dei dialettici non c’è bisogno di una sintesi per
superare un’antitesi.


NOTE

(1) Cfr. Arcangelo Rossi, Popper e la filosofia della scienza, Sansoni, Firenze, 1975, pagg. 40-1.

(2) Giulio Giorello, “Programmi di ricerca, razionalità e progresso”, in Quaderni Feltrinelli, n. 2 (1978], pag.
35. Cfr. anche Giorello, “Introduzione” a Imre Lakatos, Dimostrazioni e confutazioni [1963-4]; trad. it.,
Feltrinelli, Milano, 1979.

(3) K. Popper, “Che cos’è la dialettica?, cit., pagg. 534-5. Cfr Carlo Montaleone, “A proposito di dialettica,
metodo scientifico, sociologia, in Rivista di filosofia, n. 1 (1971), pagg. 52-3.

(4) Cfr. Popper, Op. cit., pag. 533: «Il metodo per prove ed errori è essenzialmente un metodo di
eliminazione».

(5) Oppure dimostrando che il fatto che sembra contraddire la verità, in realtà non la contraddice affatto,
poiché può essere spiegato convenientemente all’interno della teoria stessa. (Ad es., il moto di rivoluzione
anomalo di Urano, a prima vista , sembrava contraddire la teoria di Newton; la scoperta di un nuovo pianeta -
Nettuno - spiegò all’interno della teoria newtoniana gli aspetti che precedentemente apparivano anomali).

(6) T. Kuhn, La struttura delle rivoluzioni scientifiche, cit., pag. 103.

(7) Ibid., pagg. 103-4.

(8) Imre Lakatos, “La falsificazione…”, cit., pag. 255.

(9) Ibid., pag. 196.

(10) Popper, “Replies to My Critics”., cit., pag. 995.

(11) Popper, Logica della scoperta scientifica, cit., pagg. 76-7.

(12) Marcello Pera, Popper e la scienza su palafitte, Laterza, Bari, 1980, pag. 107. Cfr. Popper, Op. cit., pag.
77 (nota): «Anche se deve essere sottoposta a controlli intersoggettivi, in realtà non è necessario che l’ipotesi
sia un’asserzione strettamente universale. Così, per falsificare l’asserzione “Tutti i corvi sono neri” sarebbe
sufficiente l’asserzione, che può essere sottoposta a controlli intersoggettivi, che allo zoo di New York c’è
una famiglia di corvi bianchi».

(13) Popper, Op. cit., pag. 77.

(14) Marcello Pera, Op. cit., pag. 107.

(15) Bryan Magee (a cura di), Colloqui di filosofia inglese contemporanea; trad. it., Armando, Roma, 1979.

(16) Popper, Conoscenza oggettiva, cit., pagg. 34-5 (sottolineature mie).

(17) Ibid., pagg. 452-3 (sottolineature mie).

(18) Popper, “Replies to My Critics”, cit., pag. 1009 (traduzione personale).

(19), Popper, Congetture e confutazioni, cit., pag. 195.

63
(20) Concezione secondo la quale le teorie scientifiche sarebbero soltanto strumenti utili per il calcolo e la
previsione dei fenomeni, incapaci di descrivere un qualsiasi aspetto della realtà. Cfr. Popper, Op. cit., pagg.
171-2.

(21) Ibid., pag. 195.

(22) Pera, Op. cit., pag. 106.
64
Capitolo Settimo



STORIA DELLA SCIENZA ED EPISTEMOLOGIA



La critica “razionalistica” di Popper alla dialettica, condotta cioè dal punto di vista
della logica classica (considerando solo l’aspetto deduttivo della fase di controllo delle
teorie scientifiche) appare chiaramente messa in discussione (e se si vuole, “falsificata”)
dal confronto con la realtà empirica, ossia dall’effettivo agire degli scienziati che hanno
compiuto le svolte maggiormente significative nella storia della scienza. Poiché, se fosse
vero che non bisogna lavorare con teorie coinvolte in contraddizioni, ci si dovrebbe
aspettare che gli scienziati che non accolgono questa prescrizione ottengano solo
fallimenti. Cosa che, come abbiamo visto, invece non avviene.
Le stesse critiche di Kuhn, Feyerabend e Lakatos a Popper hanno come punto di
partenza la constatazione che la metodologia popperiana non riesce a render conto della
prassi scientifica.
Tutto questo solleva una questione, la cui risposta non è affatto scontata, e cioè se
sia lecito o meno rivolgersi alla storia della scienza come termine di riferimento per
valutare una data metodologia, e nel caso specifico, quella popperiana.
E’ corretto sottoporre il falsificazionismo alla prova dei fatti (cioè confrontarlo con
la concreta pratica scientifica) ed eventualmente rifiutarlo, come si rifiuterebbe una
qualsiasi teoria empirica, qualora risulti smentito dall’esperienza?
La risposta di Popper è negativa. A questo proposito egli scrive: «Non credo che la
teoria della conoscenza scientifica, sia a sua volta una scienza empirica, controllabile o
falsificabile nel senso in cui, a mio avviso, le teorie scientifiche sono controllabili». (1)

1. “Normatività” e “descrittività” nel falsificazionismo popperiano
Nella Logica, Popper distingue due concezioni del metodo scientifico: il
“naturalismo” e il “convenzionalismo”.
Secondo il punto di vista naturalistico, «la metodologia è a sua volta una scienza
empirica - lo studio del comportamento effettivo dello scienziato, o degli effettivi
procedimenti della “scienza”» (2). Popper riconosce che una metodologia naturalistica
«non è priva di valore» e che «uno studioso di logica della scienza può benissimo trarne
65
motivi di interesse e imparare qualcosa da essa», ma respinge l’idea che la “metodologia”
possa «essere scambiata per una scienza empirica» (3). Egli ritiene che usando i metodi
della scienza non sia possibile decidere questioni controverse come quella se la scinza usi
davvero un principio di induzione o non lo usi o su cosa debba essere chiamato “scienza” e
chi si debba chiamare “scienziato” (4). Inoltre il “naturalismo metodologico” corre
facilmente il rischio di tramutarsi in dogmatismo. (5)
Popper dichiara, invece, di aderire alla concezione secondo la quale la scienza è
caratterizzata e definita dall’uso di certi metodi, adottati per decisione convenzionale in
vista di uno scopo. (6)
In questa prospettiva, l’epistemologo può solo cercare di proporre convenzioni
appropriate che, in quanto tali, non sono né vere né false ( e quindi non falsificabili
dall’esperienza); una convenzione può essere soltanto più o meno utile, e si può discutere
razionalmente sull’opportunità di adottarla «soltanto se le parti in causa hanno qualche
scopo in comune». (7)
A queste tesi di Popper, riguardo lo status della propria metodologia, si oppongono
tuttavia non pochi passi dello stesso Popper, in cui riesce assai difficile rinvenire l’idea che
il metodo falsificazionista sia una semplice convenzione; da essi traspare invece, spesso
molto chiaramente, una concezione di metodo inteso come descrizione del processo
conoscitivo, vale a dire come comportamento effettivamente seguito, piuttosto che come
comportamento che bisogna (o conviene) seguire.
Vediamo qualcuno di tali passi. In La società aperta e i suoi nemici, Popper
afferma che la propria concezione del metodo scientifico «è confermata dalla storia della
scienza, la quale mostra che le teorie scientifiche sono spesso smentite dagli esperimenti e
che la smentita delle teorie è effettivamente il veicolo del progresso scientifico». (8)
Nelle “Replies”, troviamo questo altro brano: «I grandi scienziati come Galileo,
Keplero, Newton, Einstein, Bohr […] mi forniscono un’idea semplice ma suggestiva della
scienza […], una semplificazione da cui possiamo, penso, imparare molto» (9). Prosegue
Popper: «voglio soltanto tracciare un semplice quadro del tipo di uomini che ho in mente, e
della loro attività. […] Il mio criterio di demarcazione tra scienza e non-scienza è una
semplice analisi logica di questo quadro». (10)
E ancora: «Possiamo descrivere il metodo impiegato nello sviluppo del pensiero
umano […] come una variante del metodo per prova ed errori. Gli uomini sembrano portati
a reagire di fronte a un problema, o proponendo qualche teoria e aderendovi il più a lungo
possibile […], oppure combattendola, una volta scopertone le deficienze». (11)
66
Più esplicito è forse quest’altro passo: «Il metodo per prova ed errore […] non
equivale direttamente all’atteggiamento scientifico e critico, cioè al metodo per congetture
e confutazioni. Il metodo per prova ed errori non viene applicato soltanto da Einstein, ma
anche, in maniera più dogmatica, dall’ameba». (12)
Questa analogia tra la maniera di procedere degli scienziati (Einstein) e quella degli
organismi più elementari (ameba), diviene un tema sempre più ricorrente nella riflessione
popperiana. A mio avviso, ciò costituisce la prova più lampante dell’intrusione del
“naturalismo” nella metodologia falsificazionista di Popper.
Vediamo ancora un passo in cui questi cerca di dimostrare l’inesistenza, di fatto, di
un procedimento induttivo: «Sostengo che né gli animali né gli uomini usano un
procedimento simile all’induzione, o qualsiasi argomento basato sulla ripetizione di esempi
[…]. Ciò che veramente usiamo è il metodo del tentativo e dell’eliminazione dell’errore».
(13)
Ma dove Popper sembra completamente dimenticare la sua posizione metodologica
originaria è nel volume Conoscenza oggettiva, raccolta di saggi in cui si trova esposta a più
riprese una teoria della conoscenza che ha tutte le principali caratteristiche di quel
“naturalismo epistemologico” da Popper rifiutato nella Logica.
«Lo sviluppo della nostra conoscenza - scrive Popper nell’opera citata - è il
risultato di un processo strettamente rassomigliante a quello chiamato da Darwin
“selezione naturale”; cioè la selezione naturale delle ipotesi: la nostra conoscenza consiste,
in ogni momento, di quelle ipotesi che hanno dimostrato il loro (relativo) adattamento,
sopravvivendo fino ad ora nella lotta per l’esistenza […]. Questa interpretazione può essere
applicata alla conoscenza animale, alla conoscenza prescientifica e a quella scientifica».
(14)
Prosegue Popper: «Questa descrizione della situazione è intesa a descrivere come
la conoscenza si sviluppi realmente. Non è intesa in senso metaforico, sebbene ovviamente
faccia uso di metafore. La teoria della conoscenza che desidero proporre è una teoria
largamente darwiniana dello sviluppo della conoscenza. Dall’ameba ad Einstein, lo
sviluppo della conoscenza è sempre il medesimo: tentiamo di risolvere i nostri problemi, e
di ottenere, con un processo di eliminazione, qualcosa che appaia più adeguato nei nostri
tentativi di soluzione». (15)
Non mi pare possano esserci dubbi sul fatto che la presentazione che Popper fa
della propria teoria della conoscenza assuma qui il carattere di un dato di fatto, piuttosto
che quello di una convenzione. Affermare che “dall’ameba a Einstein lo sviluppo della
67
conoscenza è sempre il medesimo”, significa fare una constatazione, proporre una
generalizzazione sul comportamento degli esseri viventi in cui riesce difficile scorgere una
componente “convenzionale” di qualche rilievo. Essa rivela invece una chiara natura
empirica, e di conseguenza non può pretendere di sottrarsi al requisito della falsificabilità.
In altre parole, sostenere che tutti gli esseri viventi generalmente cercano di
risolvere i propri problemi tramite un procedimento per prova ed errore (analogo a quello
posto in atto dagli scienziati), significa proporre un’ipotesi, una teoria che potrebbe anche
rivelarsi falsa, nel senso che se si scoprissero degli organismi che affrontano i problemi in
maniera diversa, essa dovrebbe essere abbandonata. (16)


NOTE

(1) Karl Popper, “Replies to My Critics”, cit., pag. 1036.

(2) Popper, Logica della scoperta scientifica, cit., pag. 36.

(3) Ivi.

(4) Ivi.

(5) Ibid., pag. 35.

(6) Ibid., pagg. 37-40.

(7) Ibid., pag. 18.

(8) Popper, La società aperta e i suoi nemici, cit., vol. II, pag. 342.

(9) Popper, “Replies to My Critics, cit., pag. 977.

(10) Ibid., pag. 978.

(11) Popper, Congetture e confutazioni, cit., pagg. 531-2.

(12) Ibid., pag. 93. La differenza tra metodo per prova ed errore e metodo per congetture e confutazioni è la
seguente. Il primo è caratteristico degli stadi prescientifici e degli organismi animali inferiori, ed è un
procedimento non consapevole per cui i tentativi che non hanno successo vengono eliminati assieme a colui
che li ha posti in atto. Il secondo appartiene alla ricerca scientifica propriamente detta. Esso consiste nella
ricerca consapevole degli errori, ed è quindi un metodo critico che permette di eliminare le nostre credenze
errate prima che queste portino alla nostra eliminazione. (Cfr. in special modo Popper, Conoscenza oggettiva,
cit., pag. 347; ma anche pag. 46, pagg. 200-1 e pag. 322).

(13) Popper, “Replies to My Critics”, cit., pag. 1015.

(14) Popper, Conoscenza oggettiva, cit., pagg. 346-7.

(15) Ibid., pag. 347 (sottolineature mie).

68
(16) Maria Falanga è del parere che ci sia stato piuttosto uno spostamento nel tempo della posizione di
Popper in merito alla questione. Ella, a questo proposito, scrive: Il carattere convenzionale, che le regole del
metodo delle congetture e delle confutazioni avevano nella Logica e «che le rendeva una serie di proposte
suscettibili di revisione e di critica anche radicale, si è gradualmente perduto nella misura in cui le stesse
regole si sono venute offrendo, nel corso del tempo, sempre più come descrizione dei campi via via più vasti
dell’attività umana» (Maria Falanga, “Sulla filosofia di Karl Popper”, cit., pag. 187).

(17) Ad esempio, R. J. Ackermann afferma che «la teoria di Popper è pesantemente normativa» e che «i
filosofi [della scienza] non sono storici ed essi si interessano delle idee generali che possono essere applicate
ripetutamente per dare un corretto quadro dell’impresa scientifica» (R. J. Ackermann, The Philosophy of Karl
Popper, University of Massachussetts Press, Amherst, 1976, pag. 35 – traduzione personale).
Marcello Pera, da parte sua, osserva che Popper «ha piena consapevolezza che la metodologia non è
descrittiva» (Marcello Pera, Op. cit., pag. 131), anche se è costretto a riconoscere che «lo stesso Popper non
offre una soluzione della questione metodologica della valutazione delle regole» (Ibid., pag. 125).

(18) Cfr., a questo proposito, M. Baldini, Gli scienziati ipocriti sinceri. Metodologia e storia della scienza,
Armando, Roma, 1978, pagg. 22-3.

(19) Maria Falanga, “Sulla filosofia di Karl Popper”, cit., pag. 185; cfr. anche pag. 187.

69
CONCLUSIONI


Si è cercato fin qui di dimostrare la debolezza della critica “razionalistica” di
Popper alla dialettica (come appare delineata soprattutto nel saggio “Che cos’è la
dialettica?”. Tale critica – come si è visto – non solo appare in contrasto con la stessa
metodologia popperiana, ma viene anche negata dal comportamento concreto degli
scienziati, nella maniera in cui esso ci viene descritto dalla storia della scienza. Infatti,
come hanno fatto osservare Kuhn, Feyerabend e Lakatos, in qualsiasi momento
dell’impresa scientifica sono presenti delle anomalie, ossia dei fatti che non si accordano
con le teorie sostenute in quel dato momento. Per cui, se si accettasse la prescrizione
popperiana di tenersi alla larga dalle contraddizioni, tutte le teorie dovrebbero essere
abbandonate ad ogni istante.
La storia della scienza mostra, invece, che gli scienziati accettano, sia pur
provvisoriamente, sia pur di malavoglia, delle contraddizioni all’interno dei loro sistemi,
senza che questo pregiudichi il loro operare. Non solo. Conformemente a quanto
sostengono Kuhn e Lakatos, nessuna teoria viene abbandonata (o falsificata), per quanto
insoddisfacente possa essere, se prima non emerge una teoria migliore. E questo appare in
piena sintonia con le concezioni dialettiche, secondo le quali l’antitesi (cioè la negazione
della tesi) può risolvere ed essere superata solo mediante il raggiungimento di una sintesi.
Ciò, comunque, non significa voler riabilitare la dialettica a ruolo di “metodo”
scientifico, magari privilegiato rispetto ad altri metodi fondati sulla logica formale.
Significa semplicemente sottolineare l’implausibilità, o almeno i limiti, delle
argomentazioni popperiane contro la dialettica.
Si è visto anche che ricercare nella storia della scienza le prove della validità di un
dato metodo è un procedimento che non tutti accettano senza riserve. Anzi, per alcuni (tra i
quali lo stesso Popper), le metodologie, proprio in quanto tali, non andrebbero considerate
alla maniera delle teorie empiriche, cioè non andrebbero confrontate con i “fatti” al fine di
saggiarne la validità. Popper sostiene la normatività dei metodi scientifici; li considera
come regole stabilite per convenzione e quindi non falsificabili empiricamente. Tuttavia, si
possono rintracciare nei suoi scritti parecchie concessioni a quella “descrittività”
metodologica che egli dichiara di non accettare. Per cui, neppure il falsificazionismo può
ritenersi immune da una componente descrittiva di una certa entità, e quindi non può
70
pretendere di essere esonerato da qualsiasi confronto con la realtà empirica, ossia con la
prassi seguita dagli scienziati nella loro attività.
Del resto, le teorie epistemologiche, anche se talvolta vengono presentate come un
prodotto “senza storia”, non sono mai costruite ignorando completamente le teorie
scientifiche, le istituzioni culturali, le situazioni storico-politiche che influenzano la loro
costruzione. (1)
E’ proprio dalla storia che provengono gli stimoli che spingono gli epistemologi a
elaborare e a rivedere costantemente le proprie costruzioni, in modo da renderle sempre più
aderenti a ciò che effettivamente avviene nella scienza. Tocchiamo così uno dei maggiori
problemi aperti nel campo della filosofia della scienza attuale: quello del rapporto tra
storia ed epistemologia.
Una volta venuto meno l’ideale positivistico di oggettività, e il suo impianto logico,
sotto i colpi delle critiche rivolte soprattutto da Popper, Hanson, Feyerabend e altri, ci si è
resi conto che anche i nuovi modelli proposti erano insufficienti: né il falsificazionismo
popperiano, né la sofisticata metodologia dei programmi di ricerca di Lakatos si mostrano
in grado di render conto adeguatamente del fenomeno scienza. Ci si è resi conto
dell’insufficienza della pretesa di considerare le teorie scientifiche solo come prodotti
finiti, poiché tale pretesa rischia di relegare nell’irrazionalità tutto il complesso lavorìo di
elaborazione delle teorie stesse. Essa non spiega il progresso scientifico, non dice come da
una certa teoria si possa giungere a una nuova teoria, migliore della precedente.
Di qui l’esigenza, avvertita da più parti, di costruire un modello della conoscenza
scientifica che sia dinamico, cioè che renda conto anche della genesi delle teorie, ma che
nello stesso tempo non scivoli nel soggettivismo, eccessivamente vago e difficile da
padroneggiare teoricamente. In altre parole, si avverte la necessità di disporre di uno
schema che possa fungere da parametro di valutazione del mutamento senza tuttavia
ricadere «in quelle forme di enfatizzazione del movimento per il movimento, dello slancio
in avanti in quanto tale, senza alcuna garanzia di effettivo sviluppo». (2)


NOTE

(1) Massimo Baldini, Op. cit., pag. 42.

(2) S. Tagliagambe, “Scene da un matrimonio: la difficile convivenza di epistemologia e storia nella
scienza”, in Silvano Tagliagambe e Antonio Di Meo (a cura di), Scienza e storia, Editori Riuniti, Roma,
1980, pagg. 28-9.
71





Bibliografia generale


Agassi, Joseph, “Scientific Problems and Their Roots in Metaphisics”, in Mario Bunge (a cura di),
The Critical Approach to Science and Philosophy, London, 1964, pagg. 189-211.

-- Epistemologia, metafisica e storia della scienza; trad. it., Armando, Roma, 1972.

Albert, Hans, Difesa del razionalismo critico; trad. it., Armando, Roma, 1975.

Alcaro, Mario, La crociata anti-empirista, Franco Angeli, Milano, 1981.

Antiseri, Dario, “Il modello “Popper-Hempel”, in La Nuova Critica, n. 23 (1969-1970), pagg. 7-68.

-- Karl Popper. Epistemologia e società aperta, Armando, Roma, 1972.

-- “Popper”, in Adriano Bausola (a cura di), Questioni di storiografia filosofica, La Scuola,
Brescia, 1978, vol. V., pagg. 457-494.

-- “Karl Popper e le basi teoriche del riformismo”, in Mondoperaio, n. 12 (1981).

Apostel, Leo, Materialismo dialettico e metodo scientifico. Cibernetica, logica, marxismo; trad. it.
Einaudi, Torino, 1968.

Argeri, Dante, La dialettica dissacrata, SugarCo, Milano, 1979.

Ayer, Alfred Julius, Linguaggio, verità e logica; trad. it., Feltrinelli, Milano, 1961.

AA.VV., Studi sulla dialettica, Taylor, Torino, 1969.

AA.VV., La sfida di Popper, Armando, Roma, 1981.

Baldini, Massimo, Gli scienziati ipocriti sinceri. Metodologia e storia della scienza, Armando,
Roma, 1978.

Bausola, Adriano (a cura di), Questioni di storiografia filosofica, La Scuola, Brescia, 1978.

Bianco, Franco (a cura di), Il dibattito sullo storicismo, Il Mulino, Bologna, 1978.

Bunge, Mario (a cura di), The Critical Approach to Science and Philosophy, cit.

Capone Braga, Gaetano, “Dialettica”, in Enciclopedia filosofica, Sansoni, Firenze, vol. II, pagg.
418-438.

Chalmers, Alan F., Che cos’è questa scienza; trad. it., Mondatori, Milano, 1979.

Colletti, Lucio, Intervista politico-filosofica, Laterza, Bari, 1975.

72
-- Tra marxismo e no, Laterza, Bari, 1979.

Coniglione, Francesco, La scienza impossibile. Dal popperismo alla critica del razionalismo, Il
Mulino, Bologna, 1978.

Cotroneo, Girolamo, Popper e la società aperta, SugarCo, Milano, 1981.

Curi, Umberto (a cura di), La razionalità scientifica, Francisci, Padova, 1978.

Di Meo, Antonio e Tagliagambe, Silvano (a cura di), Scienza e storia, Editori Riuniti, Roma, 1980.

Dray, William, Leggi e spiegazione in storia; trad. it., Il Saggiatore, Milano, 1974.

Eccles John, Affrontare la realtà. Le avventure filosofiche di uno scienziato del cervello; trad. it.,
Armando, Roma, 1978.

Engels, Friedrich, Dialettica della natura; trad. it., Edizioni Rinascita, Roma, 1950.

Falanga, Maria, “Sulla filosofia di Karl Popper”, in Rivista di storia della filosofia, II, aprile-
giugno 1979, pagg. 177-206.

Feyerabend, Paul K., Problemi dell’empirismo [1965-9]; trad. it., Lampugnani Nigri, Milano, 1971.

-- Contro il metodo [1970]; trad. it., Lampugnani Nigri, Milano, 1973.

-- “Consolazioni per lo specialista”, in Lakatos, Imre e Musgrave, Alan (a cura di), Critica e
crescita della conoscenza; trad. it., Feltrinelli, Milano, 1976, pagg. 277- 312.

Fromm, Erich, Fuga dalla libertà [1941]; trad. it., Edizioni di Comunità, Milano, 1974.

Fürstenberg, Friedrich, e Maus, Heinz (a cura di), Dialettica e positivismo in sociologia [1969;
trad. it., Einaudi, Torino, 1972.

Gardiner, Patrick, La spiegazione storica [1952]; trad. it., Armando, Roma, 1978.

Geymonat, Ludovico (a cura di), Storia del pensiero filosofico e scientifico, Garzanti, Milano,
1977.

-- Scienza e realismo, Feltrinelli, Milano, 1977.

Girello, Giulio, “Il falsificazionismo di Popper”, in Geymonat, Lidovico (a cura di), Storia del
pensiero filosofico e scientifico, cit., vol. VII, pagg. 456-518.

-- “Filosofia della scienza e storia della scienza nella cultura di lingua inglese”, in Geymonat,
Ludovico, Op. cit., vol. IX, pagg. 274-376.

-- “Programmi di ricerca, razionalità e progresso”, in Quaderni Feltrinelli, 1978, n. 2, pagg. 1-41.

Giorello Giulio e Mondatori, Marco, “Dinamica della scientifica e dialettica”, in Curi, Umberto (a
cura di), Op. cit., pagg. 107-149.

-- “Come vivere nelle contraddizioni ed essere felici”, in Materiali filosofici, n. 2/3, 1979, pagg.
67-78.

Guastini, Riccardo, “Sulla dialettica”, in Rivista di filosofia, n. 1 (febbr. 1975), pagg. 113.130.
73

Hanson, Norwood R., I modelli della scoperta scientifica [1958]; trad. it., Feltrinelli, Milano, 1978.

Harré, Rom (a cura di), Rivoluzioni scientifiche e rivoluzioni ideologiche; trad. it., Armando, Roma,
1977.

Havemann, Robert, Dialettica senza dogma; trad. it., Einaudi, Torino, 1965.

Hempel, Carl Gustav, La formazione dei concetti e delle teorie nella scienza empirica; trad. it.,
Feltrinelli, Milano, 1976.

Holzkamp, Klaus, Psicologia critica; trad. it., Mazzotta, Milano, 1974.

Kuhn, Thomas, La struttura delle rivoluzioni scientifiche [1962]; trad. it., Einaudi, Torino, 1969.

-- “Logica della scoperta o psicologia della scoperta?”, in Lakatos, Imre e Musgrave, Alan (a cura
di), Op. cit., pagg. 69-93.

-- “Riflessioni sui miei critici, in Lakatos, Imre e Musgrave, Alan (a cura di), Op. cit., pagg. 313-
365.

Lakatos, Imre, “La falsificazione e la metodologia dei programmi di ricerca scientifici” [1970];
trad. it. in Lakatos, Imre e Musgrave, Alan (a cura di), Op. cit., pagg. 194-276.

-- “La storia della scienza e le sue ricostruzioni razionali” [1971]; trad. it. in Lakatos, Imre e
Musgrave, Alan (a cura di), Op. cit., pagg. 366-408.

Lakatos, Imre e Musgrave, Alan (a cura di), Critica e crescita della conoscenza; trad. it., Feltrinelli,
Milano, 1976.

Laudan, Larry, Il progresso scientifico; trad. it., Armando, Roma, 1979.

Magee, Bryan, Il nuovo radicalismo nella politica e nella scienza. Le teorie di K. R. Popper; trad.
it., Armando, Roma, 1975.

-- (a cura di), Colloqui di filosofia inglese contemporanea; trad. it., Armando, Roma, 1979.

Marcuse, Herbert, Popper Karl. Rivoluzione o riforme? [1971]; trad. it., Armando, Roma, 1977.

Masterman, Margaret, “La natura di un paradigma”, in in Lakatos, Imre e Musgrave, Alan (a cura
di), Op. cit., pagg. 129-163.

Maus, Heinz e Fürstenberg, Friedrich (a cura di), Dialettica e positivismo in sociologia [1969];
trad. it., Einaudi, Torino, 1972.

Medawar, Peter, Induzione e intuizione nel pensiero scientifico; trad. it., Armando, Roma, 1974.

Meotti, Alberto, “Sviluppi dell’empirismo logico”, in Geymonat Ludovico (a cura di), Storia del
pensiero filosofico e scientifico, cit., vol. VII, pagg. 210-260.

Mollica, Giovanni, “Post-positivismo e nuove forme di rqzionalità” in Quaderni dell’Istituto
Galvano Della Volpe, n. 1 (1979), pagg. 149-172.

Mondadori, Marco, “Struttura delle teorie scientifiche e progresso”, in Quaderni Feltrinelli, n. 2
(1978), pagg. 43-74.
74

Montaleone, Carlo, “A proposito di dialettica, metodo scientifico, sociologia”, in Rivista di
filosofia, n. 1 (1971), pagg. 44-68.

-- “Spiegazione storica e critica allo storicismo in Karl R. Popper”, in Critica marxista, 13 (1975),
pagg. 147-168.

-- Filosofia e politica in Popper, Guida, Napoli, 1979.

Morelli, Umberto, “La spiegazione in storiografia: un dibattito degli anni cinquanta”, in Rivista di
filosofia, 13 (febbr. 1979), pagg. 147-156.

Mori, Massimo - Rossi, Pietro - Trinchero Mario (a cura di), Il problema della spiegazione
sociologica, Loescher, Torino, 1975.

Musgrave, Alan e Lakatos, Imre (a cura di), Critica e crescita della conoscenza; trad. it., Feltrinelli,
Milano, 1976.

Parrini, Paolo, Una filosofia senza dogmi, Il Mulino, Bologna, 1980.

Pasquinelli, Alberto (a cura di), Il neoempirismo, UTET, Torino, 1961.

Pera, Marcello, “La scienza a una dimensione. Un esame delle epistemologie di G. Bachelard e di
K. R. Popper”, in Nuova corrente, n. 64 (1974), pagg. 287-338.

-- Popper e la scienza su palafitte, Laterza, Bari, 1980,

Popper, Karl Raimund, Logica della scoperta scientifica [1935]; trad. it., Einaudi, Torino, 1970.

-- Miseria dello storicismo [1944-45]; trad. it., Feltrinelli, Milano, 1975.

-- La società aperta e i suoi nemici [1945]; trad. it., Armando, Roma, 2 voll., 1973-4.

-- “La logica delle scienze sociali”[1962]; in Fürstenberg, Friedrich, e Maus, Heinz (a cura di),
Dialettica e positivismo in sociologia, cit., pagg. 105-123.

-- Congetture e confutazioni [1963]; trad. it., Il Mulnio, Bologna, 1972.

-- “La scienza normale e i suoi pericoli”, in Lakatos, Imre e Musgrave, Alan, Op. cit., pagg. 121-8.

-- Conoscenza oggettiva. Un punto di vista evoluzionistico [1972]; trad. it., Armando, Roma, 1975.

-- La ricerca non ha fine. Autobiografia intellettuale [1974], trad. it., Armando, Roma, 1976

-- “Replies to My Critics”, in Schilpp, P. Arthur (a cura di), The Philosophy of Karl Popper, La
Salle (Ill.) Open Court, 1974.

-- “La razionalità delle rivoluzioni scientifiche” [1975], in Harré Rom, Op. cit., pagg. 89-122.

Popper, Karl - Marcuse, Herbert, Rivoluzione o riforme? [1971]; trad. it., Armando, Roma, 1977.

Preti, Giulio, Storia del pensiero scientifico, Mondadori, Milano, 1975.

Radnitzky, Gerard, “Metodo” in Enciclopedia del Novecento, Roma 1979, vol. IV, pagg. 202-218.

75
Raffaelli, Tiziano, “I limiti della filosofia critica di K. R. Popper”, in Critica marxista, n. 4-5
(luglio-ottobre 1977), pagg. 187-202.

Rambaldi, Enrico, “Dialettica” in Enciclopedia, Einaudi, Torino, 1978, vol. IV, pagg. 631-689.

Rossi, Arcangelo, Popper e la filosofia della scienza, Sansoni, Firenze, 1975.

Rossi, Pietro, Storia e storicismo nella filosofia contemporanea, Lerici, Milano, 1960.

-- (a cura di), Lo storicismo contemporaneo, Loescher, Milano, 1977.

Rossi, Pietro - Mori, Massimo - Trinchero, Mario (a cura di), Il problema della spiegazione
sociologica, Loescher, Torino, 1975.

Schilpp, Paul Arthur (a cura di), The Philosophy of Karl Popper, 2 voll., Open Court, La Salle
(Ill.), 1974.

Sichirollo, Livio, Dialettica, ISEDI, Milano, 1973.

Statera, Gianni, La conoscenza sociologica, Liguori, Napoli, 1974.

Sturmann W. E., La logica della ricerca scientifica in K. Popper, Ed. di Filosofia, Torino, 1960.

Suppe, Frederick, The Structure of Scientific Theories, University of Illinois Press, Urbana-
Chicago-London, 1977.

Tagliagambe, Silvano - Di Meo, Antonio (a cura di), Scienza e storia, Editori Riuniti, Roma, 1980.

Toulmin, Stephen, Che cos’è la filosofia della scienza?; trad. it., Ubaldini, Roma, 1968.

Trinchero, Mario - Rossi, Pietro - Mori, Massimo (a cura di), Il problema della spiegazione
sociologica, Loescher, Torino, 1975.

Verra, Valerio (a cura di), La dialettica nel pensiero contemporaneo, Il Mulino, Bologna, 1976.



[Roma, febbraio 1982]

E-mail dell’autore: astrocalisi@gmail.com






Introduzione ........................................................................................................... pag. 4 CAPITOLO PRIMO: Il problema della demarcazione .............................. pag. 6
1. La scientificità come falsificabilità - 2. Gradi di falsificabilità - 3. Falsificazionismo logico e falsificazionismo metodologico: gli “stratagemmi convenzionalistici”. Note

CAPITOLO SECONDO: Il problema dell’induzione ................................ pag. 15
1. Hume: problema logico e problema psicologico dell’induzione - 2. Analogia e interpretazione - 3. Il dogma del linguaggio osservativo - 4. Falsificazione e deduzione contro verificazione e induzione. Note

CAPITOLO TERZO: Popper e la dialettica................................................... pag. 21
1. La dialettica nella storia del pensiero - 2. Interpretazione e critica popperiana alla dialettica. Note

CAPITOLO QUARTO: Il falsificazionismo esteso alle scienze storico-sociali e alla politica ......................................................................................................... pag. 29
1. La critica “metodologica” allo storicismo - 1.1. Le “profezie” storicistiche - 1.2. Olismo - 2. Società “aperta” e società “chiusa” - 3. La nascita dello storicismo. Note

CAPITOLO QUINTO: Fatti e teorie ........................................................... pag. 44
1. La critica di Popper alla dialettica è un falsificazionismo “dogmatico” - 2. La non affidabilità della “base empirica” Note

2

CAPITOLO SESTO: Contraddizioni e progresso scientifico .................. pag. 56
1. Progresso è solo eliminazione degli errori? – 2. Popper: la falsificazione ha sempre bisogno di alternative? Note

CAPITOLO SETTIMO: Storia della scienza ed epistemologia ............. pag. 64
1. “Normatività” e “descrittività” nel falsificazionismo popperiano Note

Conclusioni ......................................................................................................... pag. 69 Bibliografia generale ........................................................................................ pag. 71

3

da forti componenti storicistiche. sia ponendole a confronto con alcune obiezioni che a questa metodologia sono state sollevate nella letteratura critica. D’altra parte. messo a punto originariamente con l’occhio rivolto alle scienze naturali. Riguardo al primo aspetto. mentre su un piano meramente logico. si vedrà come certe obiezioni di fondo. Come si vedrà. a porre in rilievo che l’eccessiva severità mostrata da Popper nei confronti della dialettica non appare del tutto giustificata razionalmente sulla base del metodo falsificazionista a cui egli si ispira: poiché. da una parte. l’analisi tenderà. che riposa sostanzialmente sulla rigida prescrizione che le contraddizioni vengano eliminate senza esitazioni. Infatti. quasi un affilare le armi per la critica maggiormente impegnativa delle tesi storicistiche. indicandone i limiti sia alla luce della stessa metodologia popperiana. secondo Popper.INTRODUZIONE Un discorso sulla dialettica in Popper conduce inevitabilmente a un discorso assai più ampio sulle idee politiche e sociali di questo autore. contrasta in modo stridente con la “liberalità” metodologica professata da Popper in quasi tutti gli altri suoi scritti. La critica di Popper alla dialettica deve. nonché sulla sua più generale prospettiva epistemologica. tale severità. Il presente lavoro costituisce appunto un tentativo di esaminare tali critiche alla dialettica. mentre entrambi vengono fatte discendere dal metodo della falsificazione. Poiché. comunque. Nel suo duplice aspetto. il bersaglio finale di Popper non è la dialettica in se stessa. essere intesa come un preludio. la contraddizione tra due enunciati è indice certo della falsità di almeno uno di quegli 4 . infatti. il tema della critica alle posizioni dialettiche nel pensiero popperiano è strettamente connesso a quello della critica alle concezioni storicistiche in genere. bensì ciò che questa rappresenta per l’affermazione delle concezioni totalitarie moderne che su essa si basano: concezioni caratterizzate. una preparazione. si può dire che il precetto popperiano abbia origine da un indebito trasferimento del principio di non-contraddizione dal campo della logica pura a quello della metodologia della scienza. sollevate contro la concezione falsificazionista finiscano col mettere in crisi le argomentazioni di cui Popper si serve per confutare le posizioni dialettiche.

bensì l’intero sistema scientifico in cui questi sono inseriti. anche nella sua versione più aperta (che non è certo quella a cui si ispira la critica alla dialettica). detto in altri termini. Kuhn. tanto che questa dovrebbe essere abbandonata qualora prospettasse dei comportamenti che non vengono riscontrati nella storia stessa. Resta ancora da vedere fino a che punto tale tesi sia sostenibile o. Feyerabend e Lakatos). con particolare attenzione alla possibilità di descrivere i fatti della scienza tramite un linguaggio osservativo che non implichi teorie. Essa rivela piuttosto una tensione. si esaminerà il cosiddetto “problema della base empirica”. una inadeguatezza. Soprattutto dalle tesi di Lakatos si possono . che verrà usato come filo conduttore per addentrarsi nelle posizioni di alcuni autori (Hanson. dove la contraddizione tra dati empirici (asserzioni singolari di osservazione) e teorie (asserzioni universali) non implica una conclusione così netta.enunciati. 5 . altrettanto non si può dire con riferimento all’attività scientifica. fino a che punto una metodologia sia assimilabile a una teoria scientifica. Riguardo al secondo aspetto. e non come teorie empiriche da sottoporre alla prova dei fatti. Ciò costituirà l’argomento dell’ultimo capitolo. non riesce a render conto dell’effettivo agire degli scienziati. La storia della scienza sarebbe infatti per Lakatos (come pure per Kuhn e per Feyerabend) il banco di prova di una qualsiasi metodologia.ricavare degli spunti interessanti da opporre alle posizioni anti-dialettche popperiane.a mio avviso . che non coinvolge soltanto la teoria e le osservazioni in oggetto. e quindi soggetta ad essere falsificata da eventi in contrasto con essa. Il più importante di essi è costituito dall’osservazione che il falsificazionismo di Popper. in cui si esaminerà la richiesta popperiana di considerare le metodologie come norme stabilite convenzionalmente.

mediante l’enunciazione di un criterio di significato in riferimento al quale le proposizioni venivano distinte in scientifiche e metafisiche. rifiutando anzi la stessa impostazione del problema del significato data dai neopositivisti. A questa soluzione del problema della demarcazione in riferimento al significato. Questo problema era stato affrontato nell’ambito del pensiero neopositivistico.quanto piuttosto fissare un principio in base al quale poter distinguere la scienza da ciò che non lo è. A Popper non interessava tanto stabilire la significanza o meno di una determinata proposizione . venivano relegati nel dominio della non-significanza. si trattava di un’asserzione senza significato o di una pseudo-proposizione (1). tutto i problemi metafisici. almeno nella sua fase iniziale. In tal modo.Capitolo I IL PROBLEMA DELLA DEMARCAZIONE Può essere definito genericamente come il problema di trovare un criterio che ci permetta di distinguere (e quindi di tracciare una linea di confine) tra la scienza e la metafisica. in quanto fornite di valore universale. riesce. Sulla base di tale criterio.suo principale bersaglio . è vero ad eliminare la metafisica . non solo. elaborato a partire dalle riflessioni di B. Russell e soprattutto da quelle del primo Wittgenstein (Tractatus logico-philosophicus).ma nel medesimo tempo non può fare a meno di rivolgersi contro le stesse proposizioni universale su cui si basa la scienza. il criterio di verificazione proposto dai neopositivisti come principio per distinguere la scienza dalla metafisica.questione per lui secondaria e sotto certi aspetti fuorviante (2) . ma anche tutti i problemi filosofici. la demarcazione tra scienza e filosofia era ottenuto con l’aiuto dell’idea di “significato”: una qualsiasi asserzione aveva significato purché fosse riconducibile senza residui a proposizioni elementari (“atomiche”) di osservazione. (3) Secondo Popper. si oppose Popper fin dall’inizio. Le teorie scientifiche. in quanto sprovvisti di una base empirica. pretendono di essere applicabili a tutti i 6 . In caso contrario.

mentre i fatti che possiamo raccogliere come prova della validità di una teoria sono sempre e necessariamente di numero limitato. di falsificare la teoria». o verifiche. «è facilissimo ottenere prove. per la quale. (6) Assai diversamente le cose andavano con le teorie fisiche come quella di Einstein. sarebbe stata confutata». benché fallito.se quel che cerchiamo sono appunto delle conferme» (8). se fosse stata invece avvicinata con animo critico. anche e teorie scientifiche dovrebbero essere respinte dal campo della scienza con l’etichetta di “metafisiche”. previsione confermata dalla spedizione di Eddington nel 1919 . o un asserto. che pretendevano di essere scientifiche. tutto quello che potrebbe metterle in discussione. come quelle di Marx. sappiamo che Popper cominciò a interessarsi al problema della demarcazione verso il 1919 sotto la spinta di una profonda insoddisfazione nei confronti di certe teorie. Quello che lo preoccupava di queste teorie «non era il dubbio circa la loro verità.implicavano un notevole rischio. per quasi ogni teoria . applicando coerentemente il criterio neopositivistico di significato. e ciò può essere presentato come un serio tentativo. (10) Giungiamo così al nocciolo della concezione popperiana. cioè a ignorare. è il suo potere di scartare.fatti. Questo succede perché noi tutti siamo portati in genere a concentrare l’attenzione sui fatti che si presentano come una prova della validità delle nostre idee. «ciò che rende scientifica una teoria. erano di fatto più imparentate con i miti primitivi che con la scienza e assomigliavano più all’astrologia che all’astronomia […]. o di escludere il 7 . cioè non può essere ridotta ad una somma di asserzioni empiriche elementari. L’insoddisfazione derivava piuttosto dal fatto che tali teorie. Popper ritiene che «i dati di conferma non dovrebbero contare se non quando siano il risultato di un controllo genuino della teoria. «pur atteggiandosi a scienza. dove le previsioni derivate dalla teoria . apparentemente schiaccianti di una teoria che. Nessuna teoria può mai essere verificata mettendola a confronto con la totalità dei fatti a cui essa si riferisce. Pertanto. mentre tendiamo a distogliere lo sguardo. La scientificità come falsificabilità Da espliciti riferimenti in vari scritti (5). Così. (4) 1. (9) Per questo motivo. (7) Tali riflessioni portarono Popper alla conclusione che «è facile ottenere conferme. Esse sembravano in grado di spiegare praticamente tutto ciò che accadeva nei campi a cui si riferivano». bensì qualcos’altro». la deviazione della luce provocata da intensi campi gravitazionali. di Freud e di Adler.ad esempio.

più o meno falsificabile. Gradi di falsificabilità Naturalmente. o di una semplice asserzione. possono essere eliminati . (18) «La probabilità logica di una asserzione è [dunque] complementare al suo grado di falsificabilità: cresce con il decrescere del grado di falsificabilità». confutabilità. e viceversa. se la classe dei suoi falsificatori potenziali (15) sarà maggiore di quella di un’altra teoria. sono scientifiche soltanto se sono in grado di entrare in collisione con l’esperienza. (13) 2. cioè. perché esclude una classe più ampia di asserzioni-base». l’asserzione che ha il più alto grado di 8 . il verificarsi di questi eventi». o controllabilità». (12) Detto in breve: «il criterio dello stato scientifico di una teoria è la sua falsificabilità. la falsificabilità. Si può dire che «la prima teoria dice di più intorno al mondo dell’esperienza di quanto non dica la seconda. più precisamente. In base al criterio di falsificabilità. (16) «Per esempio .verificarsi di certi eventi possibili . La misura della controllabilità o falsificabilità di una teoria viene indicata da Popper con il termine “grado di controllabilità”.osserva Popper . In tal modo.secondo Popper adottando. soltanto se possono essere controllate in modo sistematico. una teoria può essere più o meno controllabile.una teoria da cui possiamo dedurre precise previsioni numeriche intorno alla suddivisione delle linee spettrali della luce emessa da atomi in campi magnetici di intensità variabile. cioè avrà un più alto “grado di controllabilità”. Una teoria avrà maggiori opportunità di essere confutata dall’esperienza. si può dire che l’asserto meno falsificabile è anche il più probabile. o vietare. e quindi il criterio di demarcazione non può essere assolutamente netto. o. (17) Popper osserva anche che esiste una connessione ben definita tra il grado di falsificabilità di una teoria. le asserzioni (o i sistemi di asserzioni). come criterio di demarcazione. cioè se possono essere sottoposte a controlli che potrebbero confutarle. e l’idea di probabilità. (11) Il dogma del significato e tutti gli pseudo-problemi a cui esso ha dato origine. ma avrà esso stesso dei gradi (14). se si confrontano i gradi di falsificabilità di due asserti (singolari o universali). sarà più esposta a confutazioni sperimentali di una che si limita a prevedere che un campo magnetico influenza l’emissione della luce». «l’asserzione meglio controllabile.di proibire. Infatti.

la “regola suprema”. mettendo a confronto i fatti previsti con le osservazioni. (23) Per indicare gli artifici con cui una teoria può essere sottratta alla falsificazione. (19) Inutile dire che per Popper sono da preferire le teorie che asseriscono di più sul mondo. oppure modificare la teoria in modo che essa torni ad essere coerente con quei fatti. Affinché una teoria possa ritenersi scientifica non è sufficiente che essa ammetta dei falsificatori potenziali. la più importante. o che le discrepanze che si afferma esistano tra i risultati sperimentali e le teorie sono soltanto apparenti e svaniranno col progredire della nostra comprensione». teorie che hanno un maggior potere di spiegazione e di previsione e possono di conseguenza essere controllate più severamente. stabilisce che «le altre regole del procedimento scientifico devono essere progettate in modo tale da non proteggere dalla falsificazione nessuna asserzione della scienza». Falsificazionismo logico e falsificazionismo metodologico: gli “stratagemmi convenzionalistici”. cioè l’appropriata “contromossa anti-convenzionalistica”. Può succedere che una teoria continui tranquillamente ad essere sostenuta benché in contrasto con numerosi fatti: affinché ciò avvenga basta negare in qualche maniera l’importanza di questi fatti come fattori falsificanti. Scrive Popper: «Di fatto non si potrà mai produrre nessuna prova conclusiva della falsità di una teoria. (25) 9 . (22) La prima regola indicata da Popper. ossia che contengono la maggior quantità di informazione (o contenuto empirico). (20) 3. mentre l’asserzione meno controllabile è logicamente più probabile». in modo da poter suggerire per ognuno di essi il rimedio specifico. Egli distingue alcuni tipi di “stratagemmi convenzionalistico”. Popper si è ampiamente soffermato sulla difficoltà di caratterizzare la scienza empirica facendo ricorso unicamente alla struttura logica delle sue asserzioni:il criterio logico di demarcazione (cioè la falsificabilità di principio) va integrato con un certo numero di regole metodologiche che consentano la corretta applicazione del criterio stesso.falsificabilità è logicamente meno probabile. occorre che tali falsificatori potenziali vengano presi in adeguata considerazione. (21) Sin dalla Logica. Popper ha coniato il termine “stratagemma convenzionalistico” (24). infatti è sempre possibile dire che non ci si può fidare dei risultati sperimentali.

Ma. Con tale artificio. scopriremo prima o poi dei casi . quanto piuttosto quello di allargare tale campo in modo che esso arrivi a comprendere anche la classe dei fatti che precedentemente apparivano in contrasto con la teoria. E potremmo di nuovo tentar di stabilire l’accordo con i fatti modificando ancora l’asserzione: “l’acqua bolle a 100° C in recipienti aperti e al livello del mare”. Se non ci limitiamo alla piatta ripetizione di esperimenti in condizioni sempre uguali. E così di seguito. facendo uso di recipienti chiusi . ecco la prescrizione di Popper: «Per quanto riguarda le ipotesi ausiliarie decidiamo di enunciare la regola secondo cui sono accettabili soltanto quelle la cui introduzione non diminuisce il grado di controllabilità del sistema in questione. Riferendoci all’esempio riportato. ma anche perché essa non bolle in recipienti chiusi e(o ad altezze considerevoli rispetto al livello del 10 . andando avanti con la nostra sperimentazione. ma. vale a dire di ipotesi aggiuntive la cui funzione è unicamente quella di adattare di nuovo la teoria ai fatti che apparivano in contrasto con essa. tenendo conto delle evidenze contrarie via via scoperta. al contrario l’accresce». bensì nel riformularla in maniera più ampia così che essa non solo spieghi perché l’acqua bolle a 100° C in recipienti aperti e al livello del mare. Per sfuggire alla falsificazione potremmo a questo punto aggiungere un’ipotesi in maniera che la nostra asserzione venga modificata come segue: “l’acqua bolle a 100° C in recipienti aperti”. l’asserzione sarà tornata ad essere coerente con tutti i fatti a noi noti fino a quel momento.ad esempio. potremmo scoprire che l’acqua non bolle a 100° C se ci innalziamo sensibilmente dal livello del mare. restringano il campo di applicabilità dell’asserzione così da renderla compatibile con la rimanente classe di fatti a noi nota.Una delle principali mosse per salvare una teoria dalla falsificazione consiste nel modificare la teoria mediante l’introduzione di ipotesi ad hoc. aggiungendo di volta in volta delle assunzioni ausiliarie che.in cui l’acqua non bolle a 100° C. il corretto modo di procedere non consiste nel modificare la teoria affinché essa non sia più applicabile ai fatti che potrebbero falsificarla (cioè ai resoconti osservativi riferiti all’acqua chiusi nei recipienti e/o all’acqua posta a grandi altezze). (26) Contro tale modo di procedere. Supponiamo di sottoporre a prova l’asserzione scientifica elementare “l’acqua bolle a 100° C”. (27) Ciò significa che il corretto modo di procedere non è quello di restringere il campo di applicabilità di una teoria in difficoltà. cioè il suo contenuto empirico (che corrisponde al suo grado di controllabilità).

non può essere davvero acqua. Prosegue Popper: «Per molto tempo i chimici hanno avuto la tendenza a considerare i pesi atomici. o. e così nuovi e interessanti problemi si aprono. (33) 11 . Il nostro biologo può affermare che la sua ipotesi non è da ritenersi confutata ponendo in atto un semplice procedimento di “immunizzazione” (30): egli può sostenere che non si tratta di cigni. Supponiamo ora che un giorno vengano scoperti dei cigni neri in Australia. che sono state congetturate essere costantemente congiunte. e che naturalmente Popper condanna. (28) Altro stratagemma per sottrarsi alla confutazione.mare (ad esempio. “l’acqua gela a 0° C” non sarebbe un’affermazione scientifica o empirica. o addirittura per la ragione che lo sperimentatore è un bugiardo». Tale tipo di stratagemma può essere meglio illustrato con un esempio che lo stesso Popper riporta nelle Replies. non è riscontrata allora eravamo in errore. e proprietà simili come proprietà definienti dei materiali: non può esservi acqua il cui punto di fusione è diverso da 0° C. dato che una delle caratteristiche che definiscono il cigno è appunto quella dell’essere bianco. esso consiste nell’«assumere un atteggiamento scettico nei confronti della fidatezza dello sperimentatore le cui osservazioni minacciano il nostro sistema». Molto più interessante è considerare l’ipotesi scientifica «che un liquido (non importa come lo si chiami) con una considerevole lista di proprietà chimiche e fisiche gela a 0° C». consiste nell’«interpretare qualsiasi sistema scientifico dato come un sistema di definizioni implicite» (29). (32) Popper accenna anche a un altro modo (illecito) per sfuggire alla confutazione. E’ irrilevante se un liquido. Ma se è così. Un biologo propone l’ipotesi che “tutti i cigni sono bianchi”. (31) Secondo Popper. possa essere chiamato “acqua”. sarebbe una tautologia parte della definizione». ponendo in relazione la temperatura di ebollizione dell’acqua con la pressione. Tale stratagemma viene quindi attuato rifiutando di prendere in considerazione certe osservazioni «per la ragione che sono sostenute in modo insufficiente. secondo il mio criterio di demarcazione. «se qualcuna di queste proprietà. nell’affermare che le leggi e le teorie scientifiche sono definizioni e non descrizioni. Il minore di essi è se dobbiamo o meno continuare a chiamare “acqua” il liquido in questione: ciò è puramente arbitrario e convenzionale». per quanto simile all’acqua possa apparire sotto altri aspetti. non scientifico. in altre parole. con tutte le caratteristiche dell’acqua ma con diverso punto di fusione. bensì di una nuova specie di uccello. la questione va impostata diversamente. allora. Così. i punti di fusione.

cit. o un elemento ultimo da cui derivano tutti gli altri). per l’atomismo (l’idea di un “principio” fisico singolo. Einaudi. pag. e che ancora Bacone e Berkeley credevano errata). pagg. Congetture e confutazioni. per esempio.Infine.. it. Una data concezione può non essere controllabile empiricamente all’inizio. 63. Ad esempio. che rende incapaci di vedere da che parte sta la verità. Logica della scoperta scientifica. cioè “balbettio senza senso”.. 3078. (Cfr. La ricerca non ha fine. 91. cfr. Tuttavia. Pasquinelli (a cura di). per la teoria dell’elettricità come fluido.. esse possono essere dimostrate vere o false senza ricorrere all’esperienza. “Controllabilità e significato”. cit. per la teoria del moto della Terra (proposta da Aristarco nel III sec. cit.. (34) NOTE (1) Cfr. Così è accaduto. in P. i marxisti cercano spesso di neutralizzare le critiche degli avversari affermando che esse sono il frutto di una “falsa coscienza”. cit. 12 . pagg. Open Court. mentre da un punto di vista storico è proprio dalla metafisica che ha origine la scienza. tutta la metafisica veniva considerata priva di significato. cit. anche se Popper non lo indica come tale in modo esplicito. che non hanno la pretesa di fornire informazioni sulla realtà empirica. pagg. (vedi Popper. Bologna. per amor di completezza. Esistono anche le asserzioni logiche e quelle matematiche. Torino. Rudolf Carnai. si può ricordare un tipo di “tattica immunizzante” che non trova posto nel par. anche Popper. 541-561). UTET.). 62-6 e pag. dove viene affrontato il problema generale degli stratagemmi convenzionalistico. (3) Popper. Logica della scoperta scientifica [1935]. a. sotto la loro spinta. 73-4 e Popper. pagg. pag.. Si tratta del procedimento con cui si cerca di sottrarre una teoria dalle critiche rivolgendo contro di esse parte del contenuto della teoria stessa. The Philosophy of Karl Popper. Popper. ad esempio. 69-70. pagg. già nella formulazione di Wittgenstein (ripresa poi dai neopositivisti) troviamo che tra le proposizioni significanti non ci sono soltanto quelle riducibili a fatti elementari. (2) In base al criterio di demarcazione neopositivistico. ma può essere rinvenuto qua e là in vari scritti. 16-7. (5) Vedi. cit. 346-7. Congetture e confutazioni. it. Congetture e confutazioni [1963]. it. (6) Popper. autobiografia intellettuale [1974]. Egli sostituì infatti il concetto di verifica con quello di conferma: le ipotesi scientifiche non possono venir verificate in modo conclusivo dall’esperienza. 984-5. uno psicoanalista può mettersi al riparo dalle obiezioni mosse alla propria dottrina sostenendo che in realtà tali obiezioni sono il risultato di “resistenze” (o “rimozioni”) che dovrebbero essere eliminate (curate) tramite un trattamento analitico. Congetture e confutazioni. (4) Popper. Logica della scoperta scientifica. di una ideologia. anche Popper. Ad essere precisi. 43-4. 19 della Logica. Analogamente. Torino.. mentre sono false se si tratta di autocontraddizioni. (Cfr. cit... Popper. C. Popper. 70-1. La Salle (Ill. Cfr.. tali critiche ebbero qualche effetto. trad. pag. Congetture e confutazioni. 1974. “Replies to My Critics”.. Karl Popper. Ad esempio. pagg. applicando il principio secondo il quale sono vere se si tratta di tautologie. 1976. Il Mulino. Roma. ecc. Il neoempirismo. pagg. esse furono in genere recepite come una proposta di sostituire il criterio di significato come verificabilità con un criterio di significato come falsificabilità. Carnai fu indotto a dare una maggiore apertura al principio di verificazione. trad. 435. ma possono venir confermate nel senso di una maggiore probabilità logica. pag. trad. A (a cura di). pagg. 1972. Armando. 347 e pagg. in A. ma divenire controllabile (e quindi scientifica) col passare del tempo. Le critiche di Popper vennero per lo più fraintese dai membri del Circolo di Vienna. La ricerca non ha fine.

pag.. pag. cit. pag. 66. 1975. (21) Popper. pag. pag. (19) Ibid. pagg.. 33. cioè servano a spiegare una particolare difficoltà. in tal caso... 437.. Le teorie di K. 72. pag. pag. Logica della scoperta scientifica. (Ibid.. cit. (13) Popper. 986). Per una ulteriore discussione sul concetto di controllabilità indipendente”. Logica della scoperta scientifica. 1975... trad. vedi Popper. cit. 69). (27) Popper.. cit. (17) Popper. 13 . cit. Logica della scoperta scientifica. 67. Congetture e confutazioni. it.(7) Popper. siano anche controllabili indipendentemente da queste difficoltà. 71. Il nuovo radicalismo in politica e nella scienza. Congetture e confutazioni. perdano col tempo tale carattere e divengano capaci di essere sottoposte a nuovi controlli. 38-9.. (Popper. Logica della scoperta scientifica. (23) Ibid. E ciò perché può accadere che certe ipotesi. a differenza di quanto avveniva nella Logica. pagg. 29-30. cit. Congetture e confutazioni. In “Replies to My Critics”. 258-260. qui Popper osserva che «like everything in methodology. pagg. cit. 373. pag. it. ma soltanto quella. o convenzione... (18) Popper.. 437. pag. non riguarda l’accettazione delle asserzioni universali. introdotte inizialmente ad hoc. (1) Popper. la distinzione tra un’ipotesi ad hoc e una ipotesi ausiliaria […] è un po’ vaga”). (12) Popper. (20) Popper. “Replies to My Critics”. Miseria dello storicismo [1944-45]. pag. (11) Popper. ossia delle asserzioni-base. (15) Cioè l’insieme degli asserti osservativi che potrebbero falsificarla. pagg. the distinction between an ad hoc hypothesis and an […] auxiliary hypothesis is a little vague» (“come qualsiasi cosa in metodologia. Congetture e confutazioni. 43. (9) Popper. 116-7. (16) Popper. Popper. pag. pag. 33-4. La ricerca non ha fine. cit. Milano. (24) Il convenzionalista considera le leggi di natura come creazioni dell’uomo. 347. pag. (22) Ibid. (26) Questo esempio è tratto da B. 67. bensì soltanto l’accettazione delle asserzioni singolari. Roma. 117. cit. cit. (25) Ibid. 104-5). 120. Congetture e confutazioni.. (8) Ibid. cit. Popper. pag. pag. Popper indica con il termine “ipotesi ad hoc” le ipotesi introdotte per spiegare una particolare difficoltà di una teoria.. 65-6. Magee. Armando.. pagg.. Logica della scoperta scientifica. pag. Tuttavia. Conoscenza oggettiva. 110.. Chiama. invece ausiliarie quelle ipotesi che. pagg.. benché costituiscano esse pure una mossa immunizzatrice. Logica della scoperta scientifica.. cit. l’ipotesi non risulta controllabile indipendentemente (dalla difficoltà a cui si rivolge). oltre a quelli da cui sorsero le difficoltà che portarono alla costruzione delle ipotesi stesse. R. cit. cit. (14) Ibid. pagg.. come sue decisioni e convenzioni del tutto arbitrarie: per questo motivo ritiene tali leggi non falsificabili dall’osservazione (Cfr. trad. Ciò che distingue Popper dai convenzionalisti – non sarà inutile precisarlo – è che per lui la decisione. Feltrinelli.

(30) Popper dichiara di essere debitore ad Hans Albert del termine “stratagemma” (o tattica) immunizzante”. pag. IV. (28) B. pag. (32) Ivi. (33) Popper. Congetture e confutazioni.. (29) Popper. Popper. 213). Op. Magee. pag. cit. 14 . pagg.. Logica della scoperta scientifica. 1977.Gerald Radnitzky fa osservare che un problema tuttora attuale è costituito dalle domande “quando è consentito introdurre un’ipotesi ausiliaria ad hoc?” e “quando è illegittimo conservare un’ipotesi aggiuntiva introdotta inizialmente come strumento euristico ausiliario?”: «La difficoltà tuttora irrisolta consiste nel definire oggettivamente l’ad hoc: parlare a questo proposito di intenzione del ricercatore significherebbe ricadere nello psicologismo» (G. “Replies to My Critics”. pag.. cit. pagg.. cit. 70. 586. 983). 63-4 e pag. 983. (34) Si veda. per esempio. 68. cit.. Radnitzky. e cioè “stratagemma convenzionalistico” (cfr. Logica della scoperta scientifica. che ritiene molto migliore di quello da lui coniato. vol. Popper.. pag. 30-1. Roma. cit. (31) Ibid. “Metodo” in Enciclopedia del Novecento.

pervengono ad asserzioni dotate di un contenuto informativo maggiore di quello da cui derivano. la maniera e i metodi con cui esse vengono ideate dagli scienziati. appartenenti al dominio della teoria in esame. L’epistemologia doveva rivolgere la propria attenzione soltanto alle connessioni logiche interne della scienza. che si occupa della scienza come “prodotto finito”. «l’epistemologo non si cura dei processi di pensiero nel loro presentarsi immediato». considerava compito dell’epistemologia quello di dimostrare (o “giustificare”) la validità delle teorie scientifiche a partire da asserti singolari di osservazione. della scienza nelle sue strutture linguistiche già consolidate.Capitolo II IL PROBLEMA DELL’INDUZIONE Il problema dell’induzione. la quale. bensì «mira a 15 . Ciò che veramente importava ai neopositivisti era il “contesto della giustificazione”. partendo da premesse contenenti resoconti di osservazione. nella sua formulazione tradizionale. La verificazione delle teorie implicava quindi un procedimento di induzione che andava da una moltitudine di fatti empirici. «le operazioni psicologiche del pensiero sono processi piuttosto vaghi e fluttuanti che non seguono quasi mai le forme prescritte dalla logica» (2). poiché. cioè della giustificazione di quelle inferenze che. (1) Il pensiero neopositivista. Ai neopositivisti non interessava il “contesto della scoperta”. come scrive Reichenbach. in tal modo avrebbe dovuto esibire la propria validità in maniera conclusiva. Per citare ancora Reichenbach. In tale prospettiva. è il problema della giustificazione dell’induzione. compito dello scienziato era quello di raccogliere un numero sufficiente di prove a favore di una determinata teoria. e il metodo con cui si cerca di saggiare la validità di queste teorie. Uno dei presupposti principali della concezione neopositivista è la netta distinzione tra “contesto della scoperta” e “contesto della giustificazione”. almeno inizialmente. alla teoria stessa. ossia tra il procedimento che riguarda la genesi delle teorie scientifiche. in modo da far sì che questa risultasse definitivamente verificata.

La questione: come accada che un uomo venga in mente un’idea nuova . l’atto del concepire o dell’inventare una teoria.e questo è il punto in cui egli si differenzia nettamente dai neopositivisti . Nella medesima prospettiva.riguarderebbe l’epistemologo: «Da un punto di vista della scienza. a partire da un numero necessariamente finito di asserzioni singolari.può rivestire un grande interesse per la psicologia empirica ma è irrilevante per l’analisi logica della conoscenza scientifica». per così dire. come hai trovato la tua teoria?” è. Entrambi gli aspetti sono già presenti nella riflessione humeana. solo il secondo aspetto . in questo problema. non importa se abbiamo ottenuto le nostre teorie giungendo in un baleno a conclusioni infondate o inciampando in esse (cioè con l’“intuizione”) oppure seguendo un procedimento induttivo. non comporta in alcun caso l’uso di una logica induttiva. in antitesi alla domanda: “come hai provato la tua teoria?” la quale solo importa da un punto di vista scientifico». Popper osserva che è del tutto illusorio sperar di costruire una logica di tipo “induttivo” che. di natura del tutto privata.un tema musicale.quello che si occupa dei modi e dei procedimenti con cui una teoria può venir controllata .costruire i processi di pensiero nella maniera in cui dovrebbero presentarsi nel caso dovessero essere organizzati in un sistema coerente». (3) Popper accetta in pieno la distinzione tra contesto della scoperta e contesto della giustificazione. come egli talvolta lo chiama) può essere scisso in due parti: il problema logico e il problema psicologico. non mi sembra richiedere un’analisi logica né esserne suscettibile. Popper li espone nel modo seguente. (5) Tuttavia a giudizio di Popper . ma rifiuta con decisione la soluzione induttivista al problema di come provare una teoria. noi riduciamo le nostre pretese dalla giustificazione per una credenza certa alla giustificazione per una credenza probabile (8). ed egli aggiungeva che non fa nessuna differenza se. Hume: problema logico e problema psicologico dell’induzione Popper osserva che il problema dell’induzione (o problema di Hume.il procedimento di “giustificare le teorie” una volta che queste sono state elaborate. un conflitto drammatico o una teoria scientifica . (4) Per Popper. (6) 1. esso si può riassumere nella domanda: «Siamo giustificati razionalmente di passare dai ripetuti esempi di cui abbiamo avuto esperienza agli esempi di cui non abbiamo avuto esperienza?» (7) La risposta di Hume era che non siamo giustificati a farlo. La domanda: “al principio. sia capace di condurre ad asserzioni di carattere universale (e di contenuto 16 . Egli scrive: «lo stadio iniziale. Per quanto riguarda il problema logico.

può rivelarsi fallace in determinate condizioni: spostandoci nei pressi dei poli terrestri. ciò non giustifica la conclusione che tutti i cigni sono bianchi».secondo Popper. apparentemente ferrea. «Infatti. sia che appartenga a quello storico-sociale. basata sulla similarità: egli credeva che le regolarità.quello psicologico . negli animali da inclinazioni innate e bisogni biologici immediati. per quanto ripetuta spesso. Popper fa osservare che qualsiasi fatto. questa “legge”. o le leggi scientifiche. (12) Noi possiamo essere testimoni di un enorme numero di casi che confermano una data regolarità “al di là di ogni ragionevole dubbio”. proprio perché non possiamo fare a meno di guardare la realtà che ci circonda da un punto di vista. sia vera» (11). i dati empirici prendono forma.infinito). Anche la proverbiale certezza dell’alternarsi del giorno e della notte. nella scienza. fossero ricavate dalla ripetizione di esperienze tra loro simili. risulta tale appunto perché considerato da un determinato punto di vista. la concezione di eventi a 17 . (14) Hume era del parere che ciò avviene «a causa di “abitudini o tendenze”: o. Non esistono fatti in sé. sia che appartenga al mondo naturale. La credenza che la scienza proceda induttivamente da fatti empirici a teorie è logicamente ingiustificata (10). esempio di generalizzazione induttiva derivata da un’esperienza millenaria. Generalmente. in altre parole. appaiono tali ai nostri occhi. a causa dell’irrazionale ma irresistibile potere della legge di associazione». Egli fondava quindi la propria dottrina sull’idea di ripetizione (15). qualsiasi conclusione tratta in questo modo può sempre rivelarsi falsa: per quanto numerosi siano i casi di cigno bianco che possiamo aver osservato. ma ciò non ci autorizza a compiere il salto logico fino alla legge di quantità universale. non risulta più valida. esso può venir sintetizzato nell’interrogativo: per qual motivo «tutte le persone ragionevoli si aspettano e credono che gli esempi di cui esse non hanno esperienza saranno conformi a quelli di cui esse hanno avuto esperienza?». Analogia e interpretazione Criticando questa concezione. (13) Per quanto riguarda l’altro aspetto del problema dell’induzione affrontato da Hume . (16) Scrive Popper: «Ai fini di una teoria psicologica dell’origine delle nostre credenze. poiché non esiste nessuna regola che possa garantirci che «una generalizzazione inferita da osservazioni vere. nella vita pratica dell’uomo da “aspettazioni” conscie o inconscie. i punti di vista sono determinati dalle teorie. dobbiamo sostituire all’idea primitiva di elementi che sono simili. qualsiasi esso sia. come le leggi e le teorie scientifiche (9). 2.

se è vero che per quanti esistono come prova a favore di una data teoria questi non ci danno ami la certezza assoluta della sua validità. non è esposto alle critiche che possono essere sollevate contro le concezioni neopositivistiche in genere. per i quali la validità delle proposizioni singolari costituenti la base empirica poteva essere stabilità direttamente attraverso l’esperimento o un semplice raffronto con i fatti.cui noi reagiamo interpretandoli come simili. «la similarità-per-noi è il prodotto di una risposta che comporta delle interpretazioni. (17) In definitiva. mentre le asserzioni universali. E’ pertanto impossibile spiegare le anticipazioni. nessun dato puro. le quali possono risultare inadeguate e delle anticipazioni o aspettazioni. sono cariche di aspettazioni congetturali. dal momento che tutti i linguaggi sono impregnati di teorie e miti». Il dogma del linguaggio osservativo Tale prospettiva viene da Popper ulteriormente sviluppata in varie occasioni. il proprio criterio di demarcazione basato sulla falsificabilità empirica. una teoria o altro. Popper intende opporsi al realismo ingenuo dei primi positivisti logici. le quali possono non realizzarsi mai. anziché sulla verificabilità. è vero anche che basta un solo fatto in contrasto con la teoria per dimostrare la sua falsità. o le aspettazioni. cioè che non sia imbevuta di teorie (19). «I presunti fatti sono in realtà reazioni di adattamento. e perciò interpretazioni che incorporano teorie e pregiudizi e che. Falsificazione e deduzione contro verificazione e induzione Secondo Popper. esattamente come non ci può essere alcun linguaggio che sia puro linguaggio osservazionale. significa che non esiste alcuna osservazione “neutra”. e non vedo altra possibilità. Infatti. […] non si può essere alcuna percezione pura. come suggerisce Hume. e pertanto su aspettazioni che sono proprio ciò che volevamo spiegare». Ma se è così. in base alle numerose ripetizioni. 4. (18) 3. anche la prima ripetizione-per-noi è fondata necessariamente sulla similarità-per-noi. (20) Con questa presa di posizione. allora la teoria psicologica humeana dell’induzione conduce a un regresso all’infinito scoperto dallo stesso Hume e da lui utilizzato per far saltare la teoria logica dell’induzione». «non 18 . Egli fa notare che se è vero che non siamo in grado di riconoscere delle similarità se non partendo da un punto di vista. al pari delle teorie. Tale criterio poggia su «un’asimmetria tra verificabilità e falsificabilità». per la loro forma logica. Infatti. Infatti.

cit. Cfr. dove egli espone il suo metodo scientifico: «Con l’aiuto di altre asserzioni già accettate in precedenza si deducono dalla teoria certe asserzioni singolari che possiamo chiamare “predizioni”: in particolar modo predizioni che possono essere controllate o applicate con facilità. in altre parole. 19544. 100. (21) Il deduttivismo di Popper appare chiaramente delineato sin dalla Logica. Chicago-Illinois. Cfr. quelle che la teoria contraddice. Conoscenza. 242-3 e Popper. (5) Popper. 5 (traduzione personale). la cui validità è fuori discussione». (22) Prosegue Popper: «Nel procedimento delineato qui non compare nulla che somigli alla logica induttiva. 121. Logica della scoperta scientifica. e.possono mai essere derivate da asserzioni singolari». cit. (6) Popper. La ricerca non ha fine. 19 . Experience and Prediction. Armando. Congetture e confutazioni. (2) H. Io non presuppongo mai che si possa concludere dalla verità delle asserzioni singolari alla verità delle teorie» (23). 1975.. In seguito andiamo alla ricerca di una decisione riguardante queste (o altre) asserzioni derivate. Tra queste asserzioni scegliamo quelle che non sono derivabili dalla teoria corrente. University of Chicago Press. pag. più in particolare.. pag. pag. cfr. Logica della scoperta scientifica. Se questa decisione è positiva. confrontando queste ultime con i risultati delle applicazioni pratiche degli esperimenti. 50. Reichenbach. Un punto di vista evoluzionistico [1970]. «il metodo della falsificazione non presuppone alcuna inferenza induttiva. 21-2. pagg. cit. Popper. Roma. pag. 349. cit. pagg. Miseria dello storicismo. 9-10. pag. trad. 20. cit. concludere dalla verità di asserzioni singolari alla falsità di asserzioni universali». Congetture e confutazioni. it. possono però essere negate da queste. pag. anche Popper. (4) Popper.. cit. cioè se le singole conclusioni si rivelano accettabili o verificate.. allora la loro falsificazione falsifica anche la teoria da cui le conclusioni sono state dedotte logicamente». se le conclusioni sono state falsificate. Infatti. anche le pagg... la teoria ha temporaneamente superato il controllo: non abbiamo trovato alcuna ragione per scartarla. ma soltanto le trasformazioni tautologiche della logica deduttiva. per mezzo di inferenze puramente deduttive (con l’ausilio del modus tollens della logica classica). (3) Ivi.. Ma se la decisione è negativa. (24) NOTE (1) Karl Popper. o. «Di conseguenza è possibile.

it. “Replies to My Critics”. caratterizzate dalla ricerca di leggi che mirano a esprimere delle connessioni regolari fra gli aspetti direttamente osservabili dell’oggetto dell’indagine. pagg. al “transfert”. cit. (18) Ivi. di Snell. cit. 13.... 119. di Hooke. (20) Popper. 101. magnetici e gravitazionali. cit. anche pag. cfr. 657 e pagg. 1018 (traduzione personale). (21) Popper. Logica della scoperta scientifica. 20 .. 84. pag. cit. Hempel. Scienza e filosofia. Cfr. cit. (15) Ivi. pagg. all’Io. 151: «Per quanti spettri di idrogeno osserviamo. Feltrinelli. (11) Ibid.. pag. non possiamo mai stabilire che tutti gli atomi di idrogeno emettono spettri dello stesso genere». (Vedi C. pag. anche Popper. scopi e responsabilità della scienza”. Torino. al primo tipo sono riconducibili le fasi iniziali dello sviluppo di una scienza. Congetture e confutazioni. Secondo Hempel. cit. Cfr. pag. c’è calore”. pag. il legno galleggia nell’acqua”. (19) Popper. Logica della scoperta scientifica. pag. Miseria dello storicismo. cit. e a varie altre entità non direttamente osservabili. in Popper. 105-6). “Replies to My Critics”. (8) Ivi. pag. Conoscenza oggettiva. anche Popper. (13) Popper. Logica della scoperta scientifica. Al secondo tipo appartengono le fasi più avanzate della scienza. cit..). 93. 12-3. trad. pag. nel senso in cui esse sono intese qui. Popper. l’aria umida arrugginisce il ferro”. 23.. ecc. pag. cit. “Problemi. pag. 325-7. (14) Popper. in sociologia e in economia. Conoscenza oggettiva. all’Es.. 6. Logica della scoperta scientifica. it. Milano. pag. 81. cit.. cit. atomi.. pag. Si tratta per lo più di generalizzazioni fisiche derivate dall’esperienza quotidiana (“dove c’è luce. o ancora vari tipi di generalizzazioni in botanica e in zoologia. 661-2. Congetture e confutazioni.. pag. particelle subatomiche. o anche le leggi quantitativamente più esatte. pag. (9) La differenza tra leggi e teorie.. 197. 87. in psicologia. 1969. 1976. 75 (nota 11). 1018 (traduzione personale). (10) Cfr. 29.. pagg. (12) Popper.. Cfr. Cfr. La formazione dei concetti e delle teorie nella scienza empirica. pag.. Congetture e confutazioni. trad. (24) Ibid. anche Popper. cit.. (23) Popper. (17) Ibid.. a molecole. 24-5. G. contraddistinte dalla ricerca di leggi in grado di spiegare le uniformità stabilite al livello inferiore. pag. cit. dove l’autore precisa che tale metodo è fondamentalmente lo stesso in tutte le scienze. Congetture e confutazioni..(7) Popper. (16) Popper. Einaudi. 195. (22) Ibid. Popper. pagg. è abbastanza vicina a quella hempeliana tra generalizzazioni empiriche e teorie di alto livello.. Si tratta di enunciati che si riferiscono a campi elettrici. come quelle di Galileo.

A tal proposito. le prime tracce di essa possono essere rinvenute già nelle concezioni di alcuni filosofi presocratici 21 . Molto di più. nella seconda critica la dialettica hagaliana. egli prende in esame e critica la dialettica materialistica di Marx ed Engels. Ciò consentirà di accertare più agevolmente fino a che punto l’interpretazione di Popper sia corretta. Il rifiuto della dialettica è per Popper. nella terza e ultima parte. Popper espone il concetto di dialettica alla luce della propria metodologia scientifica. La dialettica nella storia del pensiero Sebbene la dialettica si affermi in modo significativo soltanto con Platone. un semplice sfogo polemico nei confronti di una prospettiva che si presenta in antagonismo al metodo della falsificazione. rispettivamente da Hegel e da Marx. un episodio isolato. vale la pena ricostruire nelle sue linee essenziali i significati che il termine “dialettica” ha assunto nella storia della filosofia. La sua presa di posizione contro la dialettica non costituisce. c’è da ricordare che lo scritto “Che cos’è la dialettica?” viene alla luce negli anni in cui due forme di totalitarismo incombono sull’Europa: quello nazista e quello stalinista. Questo scritto è suddiviso in tre parti: nella prima. Essi derivano. infatti. (2) Ma prima di esporre le idee di Popper su questi temi. e quindi fino a che punto la sua critica colga nel segno. «rifiuto dei sistemi filosofici totalizzanti. E’ importante capire sin da ora la funzione che svolge il saggio in oggetto nel complessivo sviluppo delle idee sociali e politiche di Popper. definitivi. 1.Capitolo Terzo POPPER E LA DIALETTICA Il saggio “Che cos’è la dialettica?” (1) costituisce nell’evoluzione del pensiero popperiano il punto di transizione da interessi esclusivamente rivolti alla metodologia delle scienze naturali a quelli che si allargano anche alla metodologia delle scienze sociali. onnicomprensivi». ossia da due filosofi che basavano la propria spiegazione del mondo e della storia sul metodo dialettico. secondo Popper. prima di ogni altra cosa.

la dialettica aristotelica esposta nei Topici. ma essa non si riferisce più alle cose bensì soltanto alle opinioni sulle cose. muove da premesse probabili. in generale. nasce come reazione allo scetticismo assoluto in cui l’arte del discutere era caduta con i sofisti. Aristotele non considera la dialettica una vera e propria scienza e. il procedimento proprio dell’indagine razionale. in una vita precedente. secondo Platone. La dialettica platonica si propone di risalire di concetto in concetto. ossia secondo i generi e le specie. vuol dire soltanto 22 . tende alla formazione della coscienza e della responsabilità personale. Essa può essere considerata. per quanto riguarda la dialettica. Ciò tuttavia non significa che dopo Kant il problema non sia stato affrontato o non sia ulteriormente evoluto. Aristotele è in linea con Socrate nel riservare alla dialettica il campo del discorso.come Zenone di Elea (ricerca degli aspetti contraddittori nelle tesi più generalmente accettate). che è un processo dimostrativo razionale che parte da elementi o premesse assolutamente vere e dimostrabili come tali. bensì una semplice reminescenza: il soggetto ricorda infatti ciò che aveva appreso in altri tempi. nei suoi due momenti (3). Per tale motivo. Anche Platone considera la dialettica un procedimento di ricerca della verità che si attua attraverso il dialogo. e rappresenta un procedimento che conduce semplicemente a preferire o a rifiutare una data opinione. a differenza dalla logica propriamente detta (analitica). Tale atto non costituisce una vera e propria acquisizione. la colloca tra le forme argomentative imperfette. il quale mirava ad accrescere l’autoconsapevolezza e il senso critico degli uomini. Eraclito (“unità degli opposti”) e nello stesso Socrate. generalmente accettate da tutti. ma a differenza di Socrate. o dagli uomini più saggi. nell’analisi dei vari tipi di argomentazioni. Il secondo momento è quello della divisione. costituiscono il mondo delle idee. che si divide in due momenti: il primo cerca di ricondurre a un’unica idea le nozioni disperse e di definire l’idea in modo da renderla accessibile a tutti. La Critica della ragion pura di Kant rappresenta una svolta fondamentale nella storia della filosofia. pur riconoscendo in essa un metodo critico che permette di indagare sulle radici della conoscenza. che consente nel suddividere nuovamente l’idea secondo le sue articolazioni naturali. di proposizione in proposizione. Il dialogo socratico. Esso si propone un fine essenzialmente pratico: è un metodo che. fino ai concetti più universali che. Platone vede nel metodo dialettico un mezzo per condurre il discepolo a trovare le verità che già risiedono in lui. perché priva di rigorosa necessità. Infatti. o dalla maggioranza. per mezzo di un intreccio di brevi domande e risposte.

che «sostanzialmente, la problematica contemporanea si muove entro l’orizzonte kantiano, [cioè] non l’ha trasceso e non l’ha rimosso». (4) La novità dell’impostazione kantiana consiste nell’aver spostato il problema della dialettica da un piano meramente formale (dialettica come metodo che si applica alle cose dall’esterno), al piano della logica trascendentale (ricerca delle origini necessarie delle illusioni o apparenze a cui danno luogo le strutture categoriali della ragione). (5) “Dialettica trascendentale” è appunto il titolo di quella parte della Critica della ragion pura in cui Kant cerca di dimostrare che le forme a priori della sensibilità e dell’intelletto (con le quali siamo in grado di pensare un oggetto qualsiasi) non possono oltrepassare i confini dell’esperienza possibile: cioè non possono essere applicate per definire la natura di enti metafisici quali l’anima immortale, il mondo come totalità o l’Essere supremo (Dio). Ciascuno di questi concetti pretende di rappresentare, nella maniera che gli è propria, la totalità assoluta dell’esperienza: il soggetto nella sua interezza (anima), la serie completa delle condizioni (mondo) e l’insieme di tutti i concetti possibili (Dio). Ma, dal momento che la totalità dell’esperienza non può essere vera esperienza, nessuno di tali concetti possiede un valore oggettivo, può cioè corrispondere alla realtà; esso dev’essere pertanto considerato illusorio. Le proposizioni che la ragione afferma allorché pretende di spingersi al di là del dominio degli oggetti sensibili, secondo Kant, sono destinate inevitabilmente a cadere in antinomie, ossia in affermazioni antitetiche, ognuna delle quali ci appare plausibile in egual misura. Kant espone diversi casi di tali affermazioni antitetiche e li discute minuziosamente. Ad esempio, egli si occupa della tesi dell’infinità del mondo nel tempo e nello spazio, a cui si può opporre altrettanto legittimamente la tesi opposta: quella della finitezza del mondo. Dimostrando separatamente la verosimiglianza sia della tesi che dell’antitesi, Kant mette in evidenza l’impossibilità di uscire dall’antinomia. La dialettica trascendentale è dunque una critica dell’intelletto e della ragione riguardo alla loro pretesa di occuparsi di enti soprasensibili: essa cerca di metterci in guardia da quelle nozioni che hanno origine da un’“illusione naturale e inevitabile” e che anche dopo essere state scoperte non cessano di agire su di noi. Hegel porta a compimento quel processo di “oggettivazione della dialettica” che aveva preso l’avvio con Kant. Il problema di partenza di Hegel è analogo a quello cui Kant aveva tentato di rispondere nella “Dialettica trascendentale”, ossia in sintesi, l’interrogativo: “Perché la ragione umana cade spesso in contraddizioni?”. (6)

23

La soluzione di Kant, come abbiamo visto, era stata quella di attribuire tale fenomeno a una caratteristica oggettiva della nostra ragione, che è appunto quella di dar luogo ad antinomie allorché vengono violate le condizioni della sua validità. Hegel riafferma il carattere necessariamente dialettico della ragione, ma si spinge ben oltre Kant: egli asserisce che la ragione non è affatto una facoltà che si colloca al di fuori della realtà, poiché è parte stessa della realtà. Perciò la legge in base alla quale si muove la ragione deve essere valida anche per il mondo reale e viceversa. Per Hegel, quindi, la dialettica è nello stesso tempo sia un metodo della conoscenza, sia la legge di sviluppo della realtà: non solo è il processo attraverso cui la ragione giunge a riconoscersi nel reale, che appare come estraneo alla ragione; ma è anche il processo mediante il quale la realtà si riunisce a se stessa superando ogni estraniazione o alienazione. La ragione cade in contraddizioni per il semplice motivo che il reale, con cui essa si identifica, si sviluppa dialetticamente. Quindi, le contraddizioni che noi riconosciamo nella ragione non sono altro che un aspetto particolare delle più generali contraddizioni di cui è intessuta l’evoluzione della realtà. L’intera realtà, così come il pensiero, evolve in maniera dialettica attraverso un processo triadico, che conduce inizialmente a porre un concetto “astratto e limitato”, poi nell’eliminazione di tale finitezza mediante il passaggio all’opposto del concetto, infine nel superamento, cioè nella sintesi, delle due precedenti determinazioni in un concetto più ampio. Di fondamentale importanza è comprendere che l’intero movimento non va inteso in modo schematico, mediante le categorie della logica aristotelica; poiché nello sviluppo dialettico, come lo stesso Hegel scrive: «Il negativo è insieme positivo, ossia quello che si contraddice non si risolve nello zero, nel nulla astratto, ma si risolve essenzialmente solo nella negazione del suo contenuto particolare, vale dire che una tale negazione non è una negazione qualunque, ma la negazione di quella cosa determinata che si risolve, ed è perciò negazione determinata». In altre parole, Hegel intende affermare che una negazione dialettica non elimina interamente la sua tesi di partenza; non va intesa in senso logicomatematico, come alcuni - compreso lo stesso Popper - hanno tentato di fare. Ogni negazione ha una componente positiva, poiché possiede qualcosa di determinato che la distingue da tutte le altre cose. Così, infinito è la negazione di finito; ma i due concetti presi congiuntamente non conducono al nulla assoluto, poiché è proprio dalla loro unità, cioè esplicitando tramite l’opposto ciò che ognuno di tali concetti non è, che essi possono essere compresi. Il finito si definisce distinguendolo dall’infinito, e viceversa.

24

Il concetto di dialettica, insieme a quello di alienazione, rappresenta la maggiore eredità che Marx accetta da Hegel; anche se la dialettica marxiana si presenta radicalmente trasformata rispetto a quella hegeliana: mentre quest’ultima si fonda sulla coscienza, sul pensiero, la prima pone le sue basi nella realtà storico-materiale dell’uomo. La dialettica hegeliana, secondo Marx, è imbevuta di idealismo perché rivolge la sua attenzione ai movimenti ideologici e alle varie sovrastrutture, concependoli come i veri soggetti della storia. In realtà - osserva Marx - le Idee poste in primo piano da Hegel non sono altro che il riflesso dell’«elemento materiale trasferito e tradotto nel cervello degli uomini». La dialettica di Hegel è capovolta: «Bisogna rovesciarla per scoprire il nocciolo razionale entro il guscio mistico». Il processo dialettico, così ricondotto ai processi reali, rappresenta per Marx la legge di sviluppo della realtà storica: tale legge esprime sostanzialmente la necessità, ossia l’inevitabilità, della transizione dalla società capitalistica, dove l’uomo vive alienato, alla società comunista, che sopprimerà tale alienazione. Le forze che portano a questa trasformazione inevitabile sono, secondo Marx, le contraddizioni tipiche del capitalismo, in primo luogo quella tra la proprietà privata dei mezzi di produzione, responsabile della divisione della società in classi, e il carattere sociale dei beni prodotti. In altre parole, la contraddizione consiste nel fatto che il capitalismo ha bisogno del lavoro salariato, cioè del proletariato, per poter continuare ad esistere. Ma il proletariato, per la sua condizione di sfruttamento, costituisce nello stesso tempo la classe sociale destinata ad abbattere il capitalismo, cioè costituisce la negazione di questo. La necessità del passaggio dalla società capitalistica a quella comunista, che Marx teorizza, è l’aspetto su cui vedremo, si accentrerà maggiormente la critica di Popper. Il principale contributo di Engels alla concezione della dialettica elaborata da Marx consiste nell’averne esteso la validità anche al mondo della natura (materialismo dialettico). Sotto l’influsso del positivismo e delle idee evoluzionistiche, Engels compì infatti un notevole sforzo per inquadrare il marxismo nelle concezioni della scienza a lui contemporanea; egli considerò la dialettica come la forma di pensiero più importante per le scienza naturali, in quanto, a suo avviso, essa costituisce l’unico metodo idoneo per comprendere i processi di sviluppo che avvengono nella natura e i nessi che si stabiliscono tra le varie discipline. Non si tratta dell’applicazione aprioristica di uno schema logico ai vari fenomeni del mondo fisico, ma di “leggi” che Engels dichiara di aver ricavato per astrazione dalla concreta osservazione della natura e della storia. Tali leggi, illustrate con vari esempi tratti dalle scienze naturali, si riducono per Engels fondamentalmente a tre: la 25

definibile come “tesi”». producente un’ulteriore antitesi. e viceversa. e potrà raggiungerne un terzo quando sia stata conseguita una seconda sintesi». il termine “dialettica” conserva in genere il significato ad essa dato da Hegel. infatti. nei confronti della dialettica. Ed è su questo che si concentra principalmente l’attenzione (e la critica) di Popper (8). essa può diventare a sua volta il primo passo di una nuova triade dialettica. infatti. la dialettica è «una teoria che afferma qualcosa . in quanto è diretta contro la prima. va al di là sia della tesi che dell’antitesi […]. riservandone la validità al solo mondo storico-sociale dell’uomo. Una volta raggiunta. per cui 26 . in un certo senso. in modo che la sintesi può essere considerata come una nuova tesi. e dei movimenti sociali che su queste sono basati» (10). In questo caso. Nella sua ricostruzione. antitesi e sintesi». che vi si oppone è detta “antitesi”. E’ necessario un punto di partenza. la legge della compenetrazione degli opposti (gli opposti non possono essere considerati separatamente se non mediante un procedimento astratto e arbitrario). come la maggior parte delle cose di questo mondo sarà di valore limitato e avrà i suoi punti deboli. (7) L’impostazione “positivistica” della dialettica data da Engels venne ripresa e divenne dominante nella tradizione marxista successiva. L’idea. Egli osserva che la triade dialettica «descrive abbastanza bene certi tratti della storia del pensiero e soprattutto taluni sviluppi di idee e teorie. almeno di principio. (9) Dopo questa esposizione.si sviluppa secondo un procedimento caratterizzato dalla cosiddetta triade dialettica: tesi.osserva Popper . è detta sintesi.legge della conversione della quantità in qualità (per cui a una variazione di quantità corrisponde una trasformazione qualitativa. 2. o movimento.produrrà spesso opposizione. la tesi. poiché. che rappresenta il terzo passo. Popper compie un’evidente sforzo per mostrare una certa disponibilità. sarà di nuovo stimolata l’opposizione. e ciò accadrà se la particolare sintesi conseguita risulta unilaterale o altrimenti insoddisfacente. La triade dialettica procederà a una livello superiore. la legge della negazione della negazione (la negazione di una negazione non corrisponde alla mera riaffermazione della tesi iniziale). anche se autori come K. Lukács hanno contestato la possibilità di applicare la dialettica al campo delle scienze naturali. Korsch e G.più in particolare il pensiero umano . Il contrasto fra la tesi e l’antitesi prosegue finché si raggiunge qualche soluzione che. e cioè «una qualche idea o movimento. «Questo . Interpretazione e critica popperiana della dialettica Nella filosofia moderna e contemporanea. Questa soluzione.

già nella Logica sottolineava come un sistema autocontraddittorio non sia in grado di fornire alcuna informazione. portatrici di progresso. poiché «senza le contraddizioni. costituiscono una spinta al progresso. per i quali. può essere derivata qualsiasi conclusione. Egli. non c’è alcun bisogno di evitarle. bensì soltanto «il nostro atteggiamento critico» (12). come i dialettici affermano. quando vi scoprono delle incongruenze. ma devono essere pronti a lasciar cadere qualsiasi ipotesi. (19) Il rispetto del principio di non-contraddizione si prospetta in Popper come l’esigenza fondamentale che sta alla base di ogni sistema di teoria (20). le contraddizioni sono proficue. (17) Per Popper.essa «può risultare talora pienamente soddisfacente e può aggiungere alcuni preziosi dettagli a un’interpretazione ne termini del metodo per prova ed errore». da esso. Popper concorda con i dialettici nel riconoscere che le contraddizioni sono importanti per lo sviluppo del pensiero umano. l’esigenza della non-contradditorietà è un’esigenza fondamentale. (16) Tale posizione nega la validità del “principio di non-contraddizione” aristotelico. che sta alla base di tutti i nostri procedimenti razionali: «principio secondo il quale due asserzioni contraddittorie non possono essere entrambe vere. (11) Ma questo è tutto quanto Popper è disposto a concedere di positivo alla dialettica. gli scienziati non devono in nessun caso lavorare con teorie coinvolte in contraddizioni. deve sempre essere respinta come falsa sul piano puramente logico». «E ciò perché. a nostro piacimento» (18). 27 . quello che egli rifiuta è la posizione dei dialettici. (14) Il nucleo fondamentale della critica di Popper alla dialettica è . mi pare la più importante. Non prenderò quindi in considerazione l’osservazione di Popper secondo la quale non è la tesi che “produce” l’antitesi. o ad altre obiezioni consimili. In riferimento ad esso.a mio parere quello che muove contro la pretesa dei dialettici di accettare le contraddizioni in ragione della loro proficuità. fertili. ovvero un’asserzione consistente della congiunzione di due asserzioni contraddittorie. «ciò è vero nella misura in cui siamo decisi a non rassegnarci di fronte ad esse e a cambiare qualsiasi teoria ne comporti». non vi sarebbe alcun motivo razionale per cambiare le nostre teorie» (15). visto che le contraddizioni sono fertili. Tralascerò qui di esporre alcune critiche relativamente marginali per concentrarmi su quella che. né farò commenti al rimprovero di vaghezza rivolto alla concezione dialettica nel suo complesso (13). senza la critica. qualsiasi asserzione. ai fini del discorso che intendo sviluppare. quindi se.

28 . it. 19. cfr. questa disponibilità mostrata da Popper verso la dialettica altro non sarebbe che «una temporanea generosa concessione». In questa attività. pag. (11) Ibid. (14) Tutte queste obiezioni “minori” sono rivolte essenzialmente contro il «modo impreciso» e metaforico con cui «i dialettici parlano delle contraddizioni». 56. cit. Una dimostrazione esemplificativa di queste affermazioni si trova in Popper.. (16) Ivi. cit. anche Popper. (15) Ibid. Secondo Cotroneo. anche pag. Logica della scoperta scientifica. (G. (13) Ibid. 537). cit. Cfr. (19) Popper. accada nell’avvenire».. (N. cit. pag.. Edizioni Rinascita. Taylor. 118. 40).NOTE (1) Karl Popper.. o si spera. pag. on Popper. Bologna. Il secondo momento. pagg. pagg. ISEDI. 17). (17) Ibid. Op. Milano. (8) Nicola Abbagnano osserva che benché tale significato del termine di “dialettica” sia il più diffuso attualmente. Torino. 538. La dialettica nel pensiero contemporaneo. Op. pag. Op. cfr. pag. 1950. pag. cit. it. cit. 1976.. pag. Op. pagg. (3) Il primo momento è negativo. pag. pag. 31. mira a tirar fuori la verità dalla mente dell’interlocutore.. 56. SugarCo. (6) Livio Sichirollo... 548.. Roma. (5) Valerio Verra (a cura di). 1969. pagg.. Popper. pag. “Che cos’è la dialettica?” [940]. trad. 531-570. Il Mulino. (18) Popper. il maestro (Socrate) non pretende di insegnare nulla all’allievo. 34. trad. Op. 83. Milano. pag.. (7) Fredrich Engels. Congetture e confutazioni. Dialettica. Abbagnano. 537. prendendo a poco a poco coscienza dei suoi limiti e della sua ignoranza.. cit. (10) Popper.. detta anche maieutica. finché questi comincia a dubitare delle proprie certezze. è unicamente la nostra risoluta decisione di non ammettere contraddizioni a indurci a ricercare attentamente un nuovo punto di vista». anche pag. 536. 1973-4. Dialettica della natura. Logica della scoperta scientifica. esso è anche «il più screditato per essere stato usato come una specie di formula magica che può giustificare tutto ciò che è accaduto nel passato e che si attende. “Che cos’è la dialettica?”. ossia volto a criticare e a respingere le credenze errate dell’interlocutore attraverso continue obiezioni. cit. (9) Popper. (12) Popper. (20) Popper. Armando. II. pag. 138-9. cit. 534. Roma. vol. cit. 539: «Ciò che promuove lo sviluppo non è una forza misteriosa. “Che cos’è la dialettica?”. trad.. (Cfr. pag. ad ubbidire alla propria coscienza interiore e a liberarsi di qualsiasi autorità estranea al proprio io. Studi sulla dialettica. pag.. né una fantomatica tensione fra esse. pagg. cit. interna [alla tesi e all’antitesi]. it. 535-6... (4) Livio Sichirollo. pag. Popper e la società aperta. Cotroneo. modo che condurrebbe a malintesi e confusioni. 83.. 538. La società aperta e i suoi nemici [1945]. (2) Gerolamo Cotroneo. “Che cos’è la dialettica?”. il suo unico compito è quello di aiutare a riflettere per trovare da solo la verità. 533-4. pag. 542-3.

Capitolo Quarto IL FALSIFICAZIONISMO ESTESO ALLE SCIENZE STORICO-SOCIALI E ALLA POLITICA Gli interessi di Popper per i problemi sociali e politici datano dal 1919 . che tradiscono due tendenze in contrasto tra loro: da una parte quella a differenziarsi dalle scienze naturali. A “Che cos’è la dialettica?” seguiranno dopo pochi anni due importanti opere. Ma si trattava evidentemente di interessi saltuari e comunque secondari rispetto al campo della metodologia delle scienze naturali. si precisa quello che rimarrà poi il bersaglio principale della critica sociopolitica di Popper. dall’altra quella a far uso di alcuni dei loro metodi. visto come filosofia politica dogmatica e totalitaria. erano state proprio alcune critiche al marxismo a indirizzarlo sulla strada che l’avrebbe condotto alla Logica della scoperta (1). comunque. Bisogna infatti attendere fino alla pubblicazione del saggio “Che cos’è la dialettica?” (2) perché egli prenda ufficialmente posizione anche nel campo delle scienze storico-sociali. In fondo. La critica “metodologica” allo storicismo Soprattutto in Miseria dello storicismo. stando alla ricostruzione che ne fa Popper. che Popper ha sempre prediletto. e cioè il marxismo (da lui assimilato allo storicismo). che riprendono e approfondiscono la maggior parte dei problemi che in tale scritto esistono in nuce: Miseria dello storicismo e La società aperta e i suoi nemici. (4) Lo storicismo. poggia su due tipi di tesi.come egli stesso racconta nella sua Autobiografia. esplicite o implicite. Popper conduce una critica serrata alle dottrine storicistiche cercando di mantenersi su un piano prevalentemente metodologico: egli cerca cioè di dimostrare come le pretese e i procedimenti messi in atto dagli storicismi siano lontani e spesso in aperta opposizione a quelli che sono i presupposti di un corretto metodo scientifico. (3) 1. Già in esso. Più dettagliatamente: gli storicismi cercano di difendere l’autonomia delle scienze sociali 29 .

e anche per l’influenza che la previsione. come la generalizzazione. Ciò da origine a quelle che Popper chiama tesi pronaturalistiche dello storicismo. Popper fa osservare infatti che la tendenza indica genericamente la direzione di un determinato movimento. specie la fisica e l’astronomia. il metodo sperimentale. deriva da una grossolana confusione di natura metodologica tra leggi e tendenze. esse sono piuttosto delle “profezie”. mediante le quali diviene possibile prevedere il futuro. La convinzione che si possa scoprire una legge generale dello sviluppo. (7) Le tesi pronaturalistiche possono essere condensate nell’affermazione secondo cui la sociologia è una disciplina teorica il cui scopo principale è quello di predire gli eventi futuri con l’aiuto di leggi storiche (8). né eliminarle dal mondo con un tratto di penna. ecc. per una sorta di feedback alla rovescia. Tuttavia. (11) Dunque.mostrando la non applicabilità ad esse di certi criteri e concetti “naturalistici”. le previsioni a cui aspirano gli storicismi non hanno niente a che vedere con la scienza. Popper cita il seguente passo di Marx: «Quanto una società ha scoperto la legge naturale che determina il suo proprio movimento neppure allora può saltare le fasi naturali della sua evoluzione. gli storicismi sostengono che la genericità delle previsioni sociologiche è compensata dalla loro ampia portata e dal loro significato. gli storicismi sanno di non poter giungere a previsioni altrettanto esatte degli avvenimenti sociali a causa della complessità degli avvenimenti stessi (9). ha su questi (10). secondo Popper. D’altro canto. Le “profezie” storicistiche Secondo Popper. cioè indica 30 . gli storicisti sono convinti che lo sviluppo dello della società sia guidato da leggi inesorabili che regolano gli eventi degli uomini e a cui è del tutto vano opporsi. Naturalmente. In tale prospettiva. (12) A sostegno di questa interpretazione. la quantificazione. Ma almeno questo può fare: può rendere più brevi e meno dolorose le doglie». gli storicismi cercano anche di imitare queste scienze in certi loro aspetti (6). (13) 1. per certi versi analoghe a quelle degli indovini. (Popper chiama questo gruppo di argomentazioni tesi antinaturalistiche della storicismo) (5). profondamente colpiti dai successi di alcune scienze.1. la previsione rigorosa. compito dello scienziato sociale è quello di studiare il passato per scoprire tali leggi di sviluppo. si è così in grado di armonizzare le scelte politiche con quegli eventi sociali che sono ritenuti inevitabili. sulla cui base prevedere l’evoluzione futura della società umana.

cioè non sarebbero riducibili a mere novità di disposizione. In particolare. Secondo questa tendenza. nel tentativo di pianificare la società. cioè non si è mai pervenuti a una descrizione scientifica di una qualsiasi situazione sociale nella sua globalità. (20) Nel campo della politica. Non c’è da meravigliarsi quindi se tale metodo olistico non ha mai dato risultati positivi. le pretese olistiche si traducono. mentre la legge è negativa. nel fatto che «le “leggi di sviluppo” si rivelano essere tendenze assolute […] che non dipendono dalle condizioni iniziali. (18) Popper cerca di evidenziare l’insostenibilità di questa tesi osservando che «ogni conoscenza è necessariamente selettiva». a giudizio di Popper.l’esistenza di qualcosa. in definitiva. poiché non è possibile osservare o descrivere un qualsiasi pezzo intero della natura (19). Pertanto una proposizione che afferma l’esistenza di una tendenza in un dato periodo e un dato luogo è un’affermazione singolare storica e non può essere considerata una legge di validità universale. i fenomeni sociali non possono essere studiati suddividendone i diversi aspetti per esaminarli separatamente. (14) L’errore centrale dello storicismo consiste.nel fatto che è possibile basare previsioni scientifiche su leggi (in quanto valide universalmente). in antitesi alle previsioni scientifiche condizionali». (16) 1. (15) L’importanza metodologica della distinzione tra leggi e tendenze sta . le incertezze legate alla variabilità del fattore umano costringono il pianificatore olistico «a cercare di dominare l’elemento personale con mezzi istituzionali. Ogni descrizione. per quanto minuziosa. E ciò perché le strutture sociali non sarebbero spiegabili in base a una semplice combinazione delle parti costituenti. cioè stabilisce l’impossibilità di qualcosa. ma anche la trasformazione dell’uomo». ma non su tendenze (che non danno garanzia di immutabilità nel tempo). studiarla e controllarla nella totalità dei suoi aspetti. è infatti costretta inevitabilmente a trascurare degli aspetti. Olismo Un altro aspetto dello storicismo su cui si concentra la critica di Popper è costituito dall’olismo.secondo Popper . cioè dalla tendenza a considerare i gruppi sociali “qualcosa di più” della semplice somma dei loro membri e/o delle relazioni personali esistenti tra i singoli membri (17). e che irresistibilmente ci trascinano in una certa direzione nel futuro.2. Su di esse si basano profezie non condizionali. ma devono essere considerati nella loro globalità. e ad allargare il suo programma fino a comprendere non solo la trasformazione della società secondo un piano. (21) 31 .

Come noi non sappiamo quale sia la verità.appunto .questo modo di procedere «toglie ogni possibilità di provare con metodo sperimentale il successo o l’insuccesso della nuova struttura». Anche le scienze sociali. un metodo che non è affatto olistico. rimuovendo progressivamente i mali più grossolani. poiché il programma olistico mira. a caso e alquanto grossolanamente. ciò non dimostrerebbe l’inadeguatezza di essa. (22) La pianificazione olistica si rivela comunque impossibile da attuare. Egli si trova cioè nella condizione di dover compiere atti che non intendeva compiere. l’olista è costretto prima o poi ad applicare. (25) Scopriamo così una sostanziale analogia tra la contrapposizione fra metodo olistico e metodo popperiano. se non altro perché «ogni volta che controlliamo dei rapporti sociali ne creiamo degli altri in una quantità che a sua volta va controllata». secondo Popper. che egli chiama “meccanica sociale a spizzico” (o “ingegneria sociale gradualistica”) (27). da cui la necessità che egli venga ulteriormente “plasmato” dall’educazione e dalla propaganda. in definitiva. basato su piccole correzioni.fa notare Popper .scienze. tanto maggiori sono le ripercussioni non volute e per buona parte inattese che spingono l’operatore sociale a ricorrere all’improvvisazione. quanto piuttosto a plasmare gli uomini in modo da renderli adatti al tipo di società idealizzato dall’olista. e l’asimmetria fra verificabilità e falsificabilità esposta nella Logica. (23) Tanto più grandi sono i cambiamenti tentati. costantemente soggette ad essere modificate e migliorate. in quanto . Così. è caratteristico di tutte le scienze empiriche. costruite per risolvere determinati problemi dell’uomo. ci rendiamo conto facilmente quanto essa sia distante dal metodo del “tentativo e dell’errore” esposto nel capitolo precedente. se a qualcuno non piacesse vivere in una simile società. nella pratica.Tutto questo implica in partenza l’ammissione di una sconfitta. bensì verrebbe facilmente interpretato come una prova che l’uomo non è ancora adatto a vivere in quella società. ma sappiamo come agire per renderla meno imperfetta. Il meccanico a spizzico è 32 . (24) Se esaminiamo la pretesa storicistica di condurre esperimenti sociali in maniera globale. non tanto a costruire una società a misura d’uomo. ma possiamo solo riconoscere ed eliminare gli errori. a cui fa seguito la messa alla prova delle ipotesi stesse. procedono infatti attraverso la elaborazione di ipotesi. metodo che. Infatti. Ora . (26) Alla pianificazione e all’attività politica condotta in maniera olistica. Popper contrappone quindi un procedimento meno pretenzioso. così non sappiamo costruire una società perfetta (contrariamente a quanto pretenderebbero gli storicismi).

la pressione incessante della propaganda e la censura. la misura della validità di una determinata organizzazione sociale è data dal grado in cui essa contribuisce a risolvere questi problemi. Infatti. un crimine. la società chiusa. 33 . In una società di tipo aperto. il mantenimento del potere politico tramite la forza militare. per distinguerlo dall’altro tipo. se si parte dal presupposto che l’uomo è spinto ad associarsi con i suoi simili per poter meglio affrontare e risolvere i suoi problemi.confrontando i risultati previsti con quelli effettivamente raggiunti. e come tale scoraggiata e punita. in una società strutturata secondo questi principi. e stando sempre in guardia per scoprire le inevitabili conseguenze non volute di ogni riforma. la critica assolve una funzione fondamentale. (31) Inutile dire che. che tale società deve permettere o addirittura stimola la critica dei singoli o dei gruppi nei confronti di qualsiasi decisione e in special modo quelle prese dalla classe politica. Ciò significa. Perciò si muove . Al contrario di quanto avviene nella società aperta. Società “aperta” e società “chiusa” Quali caratteristiche deve avere una società perché sia possibile applicare tale procedimento? Popper non ha dubbi in proposito: una simile società deve essere organizzata in modo da permettere a tutti i suoi membri di prendere parte attivamente alle decisioni che riguardano la collettività. caratteristico dei primitivi raggruppamenti tribali e dei sistemi totalitari in genere. in altre parole. Essa non può quindi svolgere la funzione positiva che Popper le assegna nelle società organizzate secondo criteri più liberali.un passo alla volta . cioè senza ricorrere alla rivoluzione. in particolare deve rendere possibile ai governati di sostituire i governanti qualora il loro mandato venga giudicato insoddisfacente (29).sono. (28) 2. né può destituirli senza spargimento di sangue. educativo e religioso.consapevole dei limiti del proprio sapere. secondo Popper: la tendenza ad opporsi a qualsiasi mutamento in campo legislativo. almeno nelle sue forme post-tribali essenzialmente fasciste o comuniste . sa che può imparare solo dagli errori. I tratti distintivi della società chiusa. nella società chiusa il popolo non ha il potere di scegliere i propri rappresentanti per mezzo di libere elezioni. (30) Popper definisce aperto questo tipo di società. la critica viene normalmente considerata un attacco alle istituzioni.

non otterrebbero i risultati voluti o. Tale atteggiamento comporta l’incapacità di distinguere tra le regolarità consuetudinarie della vita sociale. il maggior numero di quelle decisioni che. alcune decisioni possono non essere adeguate per raggiungere le mete prefisse. incontra ancora tanto favore nella maggioranza degli uomini? Popper è del parere che l’attrazione per le forme totalitarie di governo e per le corrispondenti istituzioni sociali a cui esse danno luogo possa essere spiegata con un concetto psico-sociologico analogo a quello usato da Freud ne Il disagio della civiltà. dovrebbe essere indirizzata soprattutto a rivelare in anticipo le conseguenze impreviste delle azioni politiche. sarebbero controproducenti. nonostante i suoi gravi difetti funzionali. cosa senz’altro da preferire all’alternativa di doverli scoprire dopo. o peggio ancora che impedisce di criticare tali programmi una volta che questi siano stati realizzati con esiti insoddisfacenti. (33) Ora. che dovranno quindi essere analizzate e dibattute al fine di scegliere la migliore. cioè prima che i Greci compissero il passaggio dal trialismo all’umanesimo (36). Ecco quindi l’utilità e anche la necessità della critica preventiva in campo sociale. osserva Popper. Ma è abbastanza ovvio che. che secondo Popper.L’opinione di Popper è che qualsiasi problema richiede che vengano elaborate più proposte di soluzione. Qualsiasi decisione politica scaturisce da una previsione circa l’adeguatezza di determinati interventi nella società rispetto ai risultati che si vogliono ottenere. La discussione e l’indagine razionale permettono di individuare in anticipo molti possibili errori. se attuate.1. (32) Prendere in esame ed eliminare. con conseguenze negative per gli uomini. quando essi si sono già evidenziati nella pratica. gli uomini vivevano in gruppi. essendo gli uomini (come tutti gli esseri viventi) fallibili. (35) Prima che la nostra società occidentale avesse origine. (34) 2. come ad esempio le norme che impongono 34 . comporta un minor dispendio di energia e consente di risparmiare agli uomini inutili fatiche e sofferenze. Il fascino della società chiusa Per quale motivo. mediante un’indagine razionale. Potranno anche esserci delle proposte in conflitto tra loro. caratterizzati da quello che Popper chiama un atteggiamento magico nei confronti dell’intero mondo circostante. si commette inevitabilmente un maggior numero di errori e si apprende in misura più limitata da esso. peggio. in un sistema politico che sia strutturato in maniera da scoraggiare una critica si propri programmi. il peculiare ordinamento della società chiusa.

Si comincia allora a mettere in discussione ciò che era sempre stato considerato certo e definitivo: le istituzioni sociali. significa dover badare a se stessi e accollarsi il peso della decisione e della responsabilità personale. di cooperazione e di reciproco aiuto». dalle istituzioni. una volta considerate indipendenti dalla volontà dell’uomo. il passaggio dalla società chiusa alla società aperta rappresenta una delle più profonde rivoluzioni attraverso le quali è passato il genere umano. (42) Lo stress della civiltà è «il prezzo da pagare per ogni accrescimento di conoscenza. d’insicurezza. Pochissimi. di ragionevolezza. A ciò si accompagna la credenza che sia le une che le altre siano imposte da una volontà soprannaturale. dovuta al fatto che gli uomini non dispongono più di un sistema precostituito di comportamento a cui riferirsi. almeno nella maniera in cui noi li intendiamo. cosa di cui la maggioranza degli uomini. Essi sono perciò costretti a una continua considerazione critica dei vari problemi e delle diversi possibilità di soluzione che di volta in volta si presentano loro. (40) La vita nella società aperta acquista una dimensione nuova. quindi. indicato da Popper con il termine stress della civiltà. e le regolarità riscontrate nella natura. i problemi che gli uomini sono chiamati ad affrontare in questa forma di vita. che si traduce in un forte senso di disorientamento. Tutto questo significa dover rinunciare a certezze solide. per esempio le leggi che descrivono i movimenti del sole e della luna o il succedersi delle stagioni. (43) 35 . secondo Popper. di disagio. che riguardano tutti gli aspetti dell’esistenza e lasciano scarso spazio alla libera decisione e alla responsabilità individuale. vengono ora consapevolmente riconosciute come prodotti umani. per una tendenza infantile. fa volentieri a meno. poiché la via giusta da seguire in ogni circostanza è già stabilita dalla tradizione tribale. (37) La vita all’interno di una società tribale primitiva è rigidamente regolata da tabù. (38) La transizione dalla società chiusa alla società aperta ha luogo con l’inizio della tradizione critica (con l’avvento dei presocratici) (39). che non possono mai diventare oggetto di considerazioni critiche. Tale rivoluzione non può non avere su coloro che ne sono coinvolti una incidenza profondissima. in una parola: «è il prezzo che dobbiamo pagare per essere umani».o proibiscono certi modi di condotta. e quindi analizzate e valutate in base alla loro convenienza in rapporto al conseguimento di certi fini. Ogni membro si trova di rado nella condizione di avere dei dubbi su come comportarsi. mentre sono del tutto sconosciuti i problemi morali. (41) Ecco perché.

il primo sorgere di idee che presentano le principali caratteristiche dello storicismo moderno (e quindi tendenti ad opporsi alla società aperta) si ha con Eraclito. La nascita dello storicismo Secondo Popper. si erano rappresentati il mondo come una gigantesca costruzione. i filosofi greci. nelle sue varie manifestazioni. Perciò. alle moderne leggi naturali e alle “leggi storiche” di cui parlano gli storicisti. verso la decadenza e la degenerazione. In precedenza. giunse a una conclusione affatto diversa: non esiste alcuna struttura stabile nel mondo. è la espressione di questa tendenza dell’uomo a ricercare sistemi di organizzazione sociale e di pensiero che siano meno soggetti al mutamento e che quindi sollevino l’individuo quanto più possibile dal peso della decisione personale. che immancabilmente appare quando gli uomini prendono coscienza del relativismo e della dipendenza dalla propria attività delle costruzioni sociali e ideali in cui sono immersi. analoga per molti versi. formata da tutte le cose sensibili. costituiscono un allontanamento dalla perfezione delle Idee originali. di progresso. dalle quali tutte le cose derivano. ma piuttosto un colossale processo costituito da tutte le cose in continuo divenire. Per quanto riguarda la società. sin dall’inizio del pensiero critico e dalle prime forme di società aperta. una reazione contro le idee di libertà. A differenza di Eraclito. 3. di tolleranza e di uguaglianza. (45) Anche Platone. come Eraclito. Eraclito. dato che ogni mutamento non può che avere un esito peggiorativo sulle cose e sugli uomini. (44) In tale processo. Platone credeva però che tale legge storica potesse venir modificata da un intervento volontario dell’uomo (47). si è avuta. visse in un periodo di grandi rivolgimenti politici e sociali. Le esperienze da lui maturate (46) lo convinsero dell’esistenza di una sorta di legge storica per la quale qualsiasi sviluppo. che mirava essenzialmente a un ritorno verso forme chiuse di società. scosso dalle terribili esperienze personali che aveva subito a causa dei disordini sociali e politici del suo tempo. sotto l’influsso di idee orientali. qualsiasi trasformazione. Lo storicismo. che visse in un’epoca di grandi rivoluzioni sociali. è necessario impedire che tutti i mezzi che esso abbia luogo. ciò può essere 36 . apparentemente caotico.A causa questo effetto stressante. una legge inesorabile. a giudizio di Popper. per cui ogni movimento non può che essere una discesa. di questo disagio profondo. Eraclito credette di scoprire una legge precisa.

secondo il quale la tendenza di qualsiasi mutamento era una discesa. Egli si dichiara convinto che con questo filosofo ha inizio il periodo della disonestà. l’influenza di Hegel nella filosofia tedesca può essere difficilmente spiegata se si prescinde dal fatto che egli ebbe alle spalle l’autorità dello Stato prussiano. deve essere un bene. divenendone il primo filosofo ufficiale (50). in quanto mostrano soltanto i limiti 37 . e che quindi costituisce un progresso. E questi pensieri e metodi così presi a prestito vennero da Hegel orientati tutti a un solo scopo: combattere contro la società aperta. Federico Guglielmo di Prussica. deve poggiare su una rigida divisione in classi e sul dominio “naturale” di un ristretto numero di sapienti (i filosofi-re) sulla massa ignorante del resto del popolo. né brillasse di particolare originalità. (52) In cosa consiste il nucleo della filosofia di Hegel. Platone e Aristotele. (49) Secondo Popper. (48) Il giudizio di Popper su Hegel è quanto mai severo. In tal modo . opponendosi alle idee di libertà e di progresso proclamate dalla Rivoluzione francese e rilanciando le idee dei primi grandi nemici della società aperta: Eraclito. essa ha origine dal tentativo di superare la confutazione del razionalismo operata da Kant nella Critica della ragion pura.con Hegel si arriva a giustificare l’ordine costituito. prima intellettuale e poi. Popper è del parere che hegel non fosse un uomo di genio. nella “lettura” che ne fa Popper? A differenza di Platone.ottenuto costruendo uno Stato che non sia soggetto ad alcun movimento o modificazione. Hegel afferma invece che la tendenza generale del mondo è verso l’Idea. e in special modo lo Stato prussiano a lui contemporaneo. poiché si muove necessariamente in senso evolutivo. come conseguenza. Hegel svolse la funzione di sostegno ideologico a favore del partito della reazione. (51) Del resto. come pure il nazionalismo e più tardi il razzismo. secondo Platone. Anzi. La soluzione di Hegel è quella di affermare che le contraddizioni non contano. (53) Ma questo non significa altro che tutto ciò che esiste (che è reale). «non c’è nulla negli scritti di Hegel che non sia stato detto meglio prima di lui». che era tornato al potere nel 1815. così come «non c’è nulla nel suo metodo apologetico che non sia stato preso a prestito dai suoi predecessori apologetici». in quanto soggetto al mutamento. (54) Come nasce la filosofia dell’identità hegeliana (identità di Ragione e Realtà)? Per Popper. deve essere razionale. servendo così il suo datore di lavoro. morale: «l’inizio di una nuova era dominata dalla magia di parole altisonanti e dalla potenza del gergo». Tale Stato.osserva Popper .

nella storia della nostra civiltà e delle sue lotte contro i suoi nemici». Ancor di più.non è qualcosa di stabilito una volta per tutte. rappresentato dalle rivoluzioni politiche e dalle altre trasformazioni del sistema (62). offre . (56) Popper crede però che il vero motivo per cui Hegel desidera ammettere le contraddizioni è che questi vuole por fine all’argomentazione razionale e. con essa. Egli ci aperse gli occhi e ce li rese più acuti in molti modi. Popper si dichiara convinto che la filosofia hegeliana «costituisca una “colossale mistificazione”. una frode intellettuale. appena dall’analisi. cioè del macchinario. Per questo. quindi: «Marx tentò e. Tuttavia Popper è dell’avviso che «Marx ebbe successo soltanto nella misura in cui procedette all’analisi delle istituzioni e delle loro funzioni» (63). (61) La teoria marxiana dello stato. di Aristotele. forse. la filosofia dell’identità di Hegel «non è altro che uno strumento equivoco […]. la più grande.una buona interpretazione della cosiddetta “rivoluzione industriale”. non ha tentato invano. il fallimento appare pressoché completo. a ogni autentico progresso intellettuale: «rendendo impossibile l’argomento e la critica. di Platone. questi passa a fare delle previsioni sui futuri sviluppi della società. un labirinto nel quale so colgono le ombre e gli occhi di filosofie del passato. nonostante il suo carattere astratto e filosofico. e in special modo la realtà sociale.di una teoria che non tiene conto del fatto che la ragione . ma è in divenire. è contraddittoria. questo portò a una trasformazione della struttura di classe della società e quindi un nuovo sistema sociale. Un ritorno alla scienza sociale pre-marxiana è inconcepibile». Per Popper. Poiché. come pure di Rousseau e di Kant» (58). nessuna delle sue “inesorabili leggi di sviluppo” e nessuno dei suoi 38 . per conoscerla è necessaria una teoria che abbia la medesima caratteristica: cioè sia contraddittoria essa pure.a giudizio di Popper . Popper riconosce che questo filosofo «fece un onesto tentativo di applicare metodi razionali ai più urgenti problemi della vita sociale» (60). (55) Se la realtà. (59) Per quanto riguarda Marx. Infine venne il terzo stadio.e quindi anche la realtà . e aggiunge che «il valore di questo tentativo non risulta compromesso dal fatto che […] è per larga parte fallito». egli intende rendere la propria filosofia impermeabile ad ogni critica» (57). «Nessuna delle più ambiziose conclusioni storicistiche di Marx. «la scienza progredisce attraverso tentativi ed errori». benché abbia sbagliato nelle sue dottrine fondamentali. di Eraclito. Essa infatti si sviluppò inizialmente soprattutto come rivoluzione dei “mezzi materiali di produzione”.

pagg. 46.“stadi della storia che non possono essere saltati” ha mai trovato conferma nella realtà». (67) La maggioranza delle persone di allora credeva che Newton avesse scoperto le leggi naturali. Queste profezie «non solo contengono buona parte di affermazioni fondate sul sentimento invece che sulla ragione. pag. tali leggi portano con ferrea necessità a risultati inevitabili. cit. Miseria dello storicismo.. pag. pag. Cap. le più grandiose profezie marxiane «sono a un livello intellettuale alquanto basso». e questo non tanto perché le sue predizioni sul corso della storia (profezie) non si sono avverate (70). (65) Secondo Popper. (68) In modo strettamente analogo Marx considerò le leggi dello sviluppo storico che egli credeva di aver scoperto: anche dopo essere state individuate. cit. (3) Nella sua Autobiografia. Karl Popper. dei moti planetari. 116-7. (2) Tale saggio era stato letto per la prima volta nel 1937. La ricerca non ha fine. ma mancano di immaginazione politica». Le leggi naturali ci consentono di prevedere gli eventi astronomici futuri. (Popper. l’uomo non ha il potere di intervenire su di essi. certe e definitive. La ricerca non ha fine. (5) Ibid. (71) NOTE (1) Cfr. Popper. I. (6) Ibid. il pensiero di Marx è per molti aspetti un prodotto del suo tempo (66): le sue “leggi inesorabili di sviluppo storico” «mostrano chiaramente l’influenza del clima di Laplace e di quello dei materialisti francesi». 60. Nuova Zelanda). 118). (4) Cfr. Armando. ma non di agire su di essi in maniera da modificarli. per cui se si conosceva un numero sufficiente di dati riguardanti un certo sistema posto nello spazio. 39 . 1974... (69) Popper definisce Marx un falso profeta. (64) Del resto. Popper scrive di considerare queste opere la sua fatica di guerra: «Questi libri furono intesi come una difesa della libertà contro le idee totalitarie e autoritarie e anche come un ammonimento contro i pericoli delle superstizioni storicistiche». quanto piuttosto perché egli «sviò un gran numero di persone intelligenti portandole a credere che la profezia storica sia il modo scientifico di approccio ai problemi sociali». quindi anche conoscendo in anticipo gli sviluppi futuri della società a cui appartiene. al seminario di filosofia del Canterbury University College (Christchurch.. si rea in grado di prevederne le conformazioni future. Roma.

(15) Popper. (11) Ibid. Miseria dello storicismo.. Filosofia e politica in Popper. pag. Popper non farebbe altro che criticare uno storicismo di ispirazione romantica che già lo storicismo tedesco contemporaneo. II. 71-2.. quello della scuola storica romantica». sia per l’aspetto “anti-naturalistico”. pagg. 249). Da queste tesi che. Così. (9) Popper. cit.. cit. «lo storicismo contro cui Popper si scaglia è. di combattere l’alcolismo “conservando” gli alcolizzati». (Pietro Rossi. pag. Napoli. non è difficile stabilire che egli abbia in mente uno storicismo che si colloca a notevole distanza da ciò che la cultura europea contemporanea intende con tale termine. cit. (16) Popper riporta l’esempio del tasso demografico. pag. pag. Cap. 422-3). pagg. implicito nell’assunzione dell’esistenza di leggi dello sviluppo storico. (13) Popper. Guida. anche Popper. pag. aveva cercato di combattere. Miseria dello storicismo. Op.. sia per l’aspetto “pro-naturalistico”. pag. II... a parere di Popper. Miseria dello storicismo. Milano.. 40 . cit. 72. Storia e storicismo nella filosofia contemporanea.. 57. anche Popper. anche Popper.(7) Ibid. E ciò. Popper. Cfr. intende affermare che «noi siamo in grado di provare che la nuova società è preferibile a quella vecchia solo se la gente rimane la stessa». (12) Cfr. pag. Secondo questo autore. (20) Ibid. 24-6. Tali osservazioni di Popper non devono in nessun caso portarci alla conclusione che egli aspiri a costruire una società statica. (21) Ibid. pagg.. 135-6). anche le pagg. 77.. dove l’autore osserva che per gli storicismi «soltanto quei piani che seguono la corrente principale della storia possono essere efficaci».. pag. cit. 28-30. pag. pagg. 106-7. nelle sue linee generali. cit. cit. 56.. perciò «non dovremmo essere sorpresi se qualcuno definisse “popperiano” quel programma politico che si prefiggesse. Miseria dello storicismo. pagg.. 28-30. Miseria dello storicismo. 71-2. 575-8. (Popper. Miseria dello storicismo. vol. come sono sorti e lungo quali linee possiamo procedere per risolverli?” l’irrazionale e apparentemente fattuale interrogativo: “Per quale via stiamo procedendo?” Qual è in sostanza la parte che la storia ci ha destinato a rappresentare?».. criticando l’esigenza storicistica di trasformare gli uomini per renderli adatti a un tipo predeterminato di società. 31. L’atteggiamento di Popper farebbe venire il sospetto che per lui non esiste alcun fine in vista del quale si possa volere che gli uomini cambino. 1960.. da Dilthey a Weber. rappresentato dalla riduzione delle scienze sociali a elementi della conoscenza storica da comprendere intuitivamente. come. (10) Ibid. ad es. Popper. (8) Ibid. combattendo lo storicismo. (17) Popper. pag. che. pag. Cfr. II. caratterizzerebbero lo “storicismo”. pag. pagg. (18) Ibid. 26. sostiene Carlo Montaleone in un suo redente libro. pagg. La società aperta e i suoi nemici. 1979. per poi mutare inaspettatamente tendenza nel giro di pochi anni. (4) Popper. cit. 30.. con notevole forzatura. cit. per centinaia o anche migliaia di anni ha mantenuto un certo indice di incremento.. cit. Secondo Pietro Rossi. (Carlo Montaleone. pagg. 106. 353: «Lo storicismo sostituisce all’interrogativo razionale: “Quali dobbiamo considerare come i nostri più urgenti problemi.. cit. Lerici. 116. Miseria dello storicismo. Cfr. cfr. 79. Congetture e confutazioni.. (22) Popper. (19) Ibid. vol. La società aperta e i suoi nemici.

. la minor quantità di sofferenze evitabili per tutti». (32) Popper. vol. (38) Ibid... I. pag. in AA. per spiegare il fenomeno dell’ascesa del nazismo. pag. cit. pagg.. 1972. 396 (nota 6). I. (40) Popper. 217-9. Pellicani. 179 e pag. 244. 580-2 e pagg. Miseria dello storicismo. (30) Popper. più moderatamente. 587. è possibile il libero dispiegarsi della creatività individuale e la formazione di strutture di controllo in tutti campi» (L. 398 (nota 8). proprio perciò.. 213-4. Cfr. pag. vol. piuttosto. pagg. “Ritorno ai presocratici”. Congetture e confutazioni. dove si legge anche (pag. cit. 41 . pagg. Nella società aperta. pagg.. con ampi riferimenti sia ad autori marxisti che ai loro critici. 243-4. pag. si dovrebbe chiedere. (24) Popper.. entrambi in Popper. “La logica delle scienze sociali”. 124-8..(23) Popper. cit. 120. pag. cit. (28) Popper. in AA. 71. 183.. pagg. Congetture e confutazioni. cit. II. Popper.. vol.. Popper osserva inoltre che questo tentativo conduce a un regresso all’infinito perché si trova in una posizione simile al caso in cui si tenta di studiare la società nella sua interezza. Per una ulteriore caratterizzazione della differenza tra leggi naturali e leggi normative. Miseria dello storicismo. 119 e Popper. cit. pag. Si veda anche Popper. (26) Popper. bensì delle semplici differenze di grado. (39) Ibid. pag. 102-1. Furstenberg e H.. Congetture e confutazioni. 122. (33) Popper. “I nemici della società aperta”. La società aperta…. D’altro canto. Roma. cit. La sfida di Popper. pagg. anche Popper.. cit. 127-136. Cfr. (27) Cfr. pag. (35) Popper. 384-5 (nota 2). anche Popper. 79. Popper. La società aperta…. 285): «Invece della massima felicità possibile per il massimo numero di persone. Op. Armando. Congetture e confutazioni. La sfida di Popper. cit. pag... (36) Popper. cit. 222-4. (25) Ibid. pagg. pag. 92-4. 182. Per un approfondimento di questa tesi. Pellicani. delle accentuazioni di tendenza più o meno pronunciate (V. cit. La ricerca non ha fine. si trova in L. Cfr. secondo Vittorio Mathieu. si veda alle pagg. Luciano Pellicani osserva che la “perfetta” società chiusa è una società in cui è stato istituzionalizzato il triplice monopolio: quello della violenza. Op. Einaudi. Maus (a cura di). Così. 243.. VV. 69-70. pag. (31) Ibid. non esisterebbero delle differenze radicali tra i due tipi di società. 582.. pag. cit..).. pag. cit. La società aperta…. vol. quanto. “La società aperta: destino e vocazione dell’Europa”. I.. Popper. La società aperta…. 124-7. Congetture e confutazioni. cit. 242. pag. I. cit. rispettivamente alle pagg. Dialettica e positivismo in sociologia. anche Popper. La società aperta…. Non molto lontano da questo concetto è quello a cui fa ricorso Erich Fromm in Fuga dalla libertà. pagg. 1981. cit. pag. pagg. Op. 585. 256-261 e alle pagg. passando dalla società chiusa alla società aperta.. Torino.. cfr. in F. 179. cit. «esiste solo il monopolio della violenza e. cit. (37) Ibid. e “Per una teoria razionale della tradizione”. La società aperta…. Mathieu. La società aperta…. La società aperta….. non dobbiamo aspettarci delle vere e proprie inversioni di tendenza. vol. (29) Popper. 102 e sgg. pag. VV.. I. cit. cit. quello delle risorse economiche e quello delle idee e dei valori. vol. invece. (34) Una interessante trattazione circa il totalitarismo della società marxista. pag..

(57) Popper.. II. pag. 47.. (42) Ibid. vol. il suo disprezzo per la verbosità moraleggiante. pag. 39-40. 109-110. La società aperta…. 183-9 e. […] La sua sincerità nella ricerca della verità e la sua onestà intellettuale lo distinguono. pag.. (60) Ibid. cit. 42. (43) Ibid. . (66) Ibid. 254.. 159. pag. il suo senso dei fatti. (52) Ibid.... pag. 43. pag. pagg.... (49) Popper. vale la pena riportare il seguente passo: «Non si può rendere giustizia a Marx senza riconoscere la sua sincerità. 58 e sgg. La società aperta…. contro l’ipocrisia e il fariseismo. pag. il Cap. 248-9. pagg. pagg. 116. Congetture e confutazioni. 113.... (47) Ibid.. pag. (51) Ibid. 57. (63) Ibid. cit. (44) Ibid.. pagg. cit. pagg. 32-3. soprattutto. cit. pagg. 249.. (50) Ibid. (67) Ibid. (53) Ibid.(41) Ibid. (61) Ibid. 558-9. (65) Ivi. pag. 247-8.. (45) Ibid. da molti suoi seguaci» (Popper. (46) Ibid. pag. 553-5. pag. pag. a mio giudizio. pag. (56) Ibid. 42 . La società aperta….. 105. 110. che hanno fatto di lui uno dei più importanti combattenti. vol.. 45. (59) Ibid. (54) Ibid. pag.. pagg. (64) Ivi. (62) Ibid. Egli provava un bruciante desiderio di andare in aiuto degli oppressi ed era pienamente conscio della necessità di cimentarsi nei fatti e non solo a parole. vol. (55) Popper... (58) Ivi. pagg. II. pag. 42. II. VIII. a livello mondiale. 30-1. pag.. Per mettere in rilievo la diversità del giudizio popperiano su Marx rispetto a quello su Hegel. 42. la sua apertura di mente. pagg. (48) Ibid. 110).

pag. “Replies to My Critics”. Popper.. (69) Cfr. (71) Popper. pag. pagg. Riguardo alle predizioni del marxismo. Miseria dello storicismo. vol. 984-5. cit. 46. 110-1. cfr. II. cit.. pagg. La società aperta…. cit. 43 . pagg. 115.. 180. 57. cit. (70) Popper. La società aperta…. anche Popper.(68) Popper. II. pag. II. pag. La società aperta…. Popper. 164 e pag. cit. cit. Miseria dello storicismo. vol. 110-1. vol.

è abbastanza difficile immaginare come si possa accettare una teoria che affermi qualcosa e nello stesso tempo neghi questo qualcosa.Capitolo Quinto FATTI E TEORIE Nel capitolo terzo abbiamo visto che. Da siffatta formulazione . accettare le contraddizioni nell’ambito dell’impresa scientifica.sarebbe impossibile derivare una qualsiasi asserzione: essa non nega né afferma l’accadere di qualcosa. Così.afferma Popper . una volta circoscritta la contraddizione in un ambito così limitato. avvero affermi il suo contrario. In effetti. perché da un punto di vista logico è compatibile con qualsiasi asserto osservativo. Egli cerca però di motivare questa conclusione generale prendendo in considerazione soltanto un caso di situazione contraddittoria fra diversi possibili: il caso di contraddizioni all’interno di un determinato sistema teorico. riferendoci al principio di Archimede.come giustamente rileva Popper . Per cui. 44 . Una teoria autocontraddittoria .non è di alcuna utilità poiché non offre indicazioni per l’attività dello scienziato: essa non nega alcun fatto. egli ha facile gioco nel dimostrare la sua inammissibilità all’interno dell’impresa scientifica. esso sarebbe logicamente contraddittorio se affermasse che “tutti i corpi immersi in un liquido ricevono e non ricevono una spinta verso l’alto proporzionale alla quantità di liquido spostato” (oppure che essi “ricevono una spinta verso l’alto e contemporaneamente verso il basso”). pertanto non può venir sottoposta a prove che potrebbero confutarla (1). A nessuna persona dotata di un minimo di raziocinio verrebbe in mente di proporre una legge o una teoria così concepita. per Popper. Ma è precisamente questo tipo di asserti contraddittori che Popper sceglie come bersaglio per la sua critica. rappresenta una decisione catastrofica perché preclude inevitabilmente ogni possibilità di reale avanzamento della scienza. E’ semplicemente assurda.

un altro. previste in base alla teoria di Newton. P2. 45 . Ridotta ai minimi termini. Il punto fondamentale della questione è che. contraddizioni possono anche aversi all’esterno di un dato sistema teorico. le contraddizioni in cui un operatore può imbattersi non sono affatto limitate al caso di un di un sistema autocontradditorio. effettivamente riscontrate mediante l’osservazione. in campo scientifico. t2. G. ad esempio tra una teoria (in sé coerente) e uno o più resoconti di osservazione. P3…. derivato dalla teoria di Newton. il problema è assai più complesso di quanto non appaia dalla ristretta prospettiva presentata da Popper nel suo saggio. la contraddizione logica tra due enunciati non permette di inferire con necessità la falsità di almeno uno degli enunciati stessi (2). Più correttamente (e più prudentemente) essa sta a significare che “qualcosa non va” nelle nostre costruzioni scientifiche: nel nostro caso ciò non deve obbligarci alla conclusione che sia sbagliata la teoria di Newton o che abbiamo compiuto errori nell’osservare. portò invece a introdurre l’ipotesi aggiuntiva dell’esistenza di un pianeta non ancora conosciuto (J. t3…. la soluzione è abbastanza ovvia: si rifiuta in blocco la teoria o la si trasforma radicalmente in modo da renderla intrinsecamente coerente. di carattere universale. P’3…. Galle. In tali casi. di carattere particolare. la contraddizione dovrebbe consistere nella discordanza tra le posizioni P1. che fu effettivamente scoperto poco dopo. anche accettando come principio regolativi la prescrizione popperiana di eliminare le contraddizioni. rispetto ai tempi di rilevamento t1.1. Adam e U. 1846). del come eliminarle. Leverrier. La critica di Papper alla dialettica è un falsificazionismo “dogmatico” In realtà. Un primo aspetto da considerare al riguardo è che. La conclusione storicamente data a questo problema è fin troppo nota: la discordanza fra le posizioni previste e quelle rilevate non portò a mettere in dubbio la validità della teoria newtoniana. Nel caso di una teoria autocontraddittoria. contrariamente a quanto Popper afferma. e le corrispondenti posizioni P’1. P’2. Ma come comportarsi in una situazione in cui uno dei termini della contraddizione non appartiene alla teoria in esame? Supponiamo di trovarci di fronte a due asserti che si contraddicono reciprocamente: uno. che riporti alcuni resoconti di osservazione sulle posizioni del pianeta Urano. (J. sorge il problema. 1845). tutt’altro che semplice. e nemmeno a dubitare dell’esattezza delle osservazioni (una volta che queste furono sufficientemente controllate). C. oppure tra due o più teorie rivali. in cui si afferma che un pianeta deve muoversi in un dato modo attorno a un sole centrale.

gli asserti osservativi. che sono alla base della nostra deduzione. Nel saggio “Che cos’è la dialettica?”. noi chiamiamo in causa non soltanto le proposizioni della teoria in esame e le leggi e le teorie su cui si basano gli strumenti dai quali ricaviamo i dati osservativi. frutto di una determinata interpretazione della realtà. non può essere considerata in nessun caso assolutamente certa. ricordando che ci troviamo sempre in un contesto linguistico. o meglio. devono essere considerati a loro volta ipotetici. praticamente illimitato. Per Popper. che la luce proveniente da esso non subisca deviazioni per una causa qualsiasi. in riferimento alla teoria di Newton. tanto che a volte egli sembra davvero dimenticarsi del problema (5). Intanto. come abbiamo visto. non troviamo alcuna menzione a una problematica di questo genere. ecco che i dati ricavati dall’osservazione non corrisponderanno più alle nostre aspettative teoriche. anche i dati empirici. che dovrebbe fornire i fattori falsificanti da indirizzare contro le teorie. ad esempio. invece. (4) Il punto che terrei qui a sottolineare è la scarsa disponibilità mostrata da Popper ad essere conseguente con questa impostazione. di assunzioni esplicite e implicite (3). Per esempio.Quando sottoponiamo a controllo una teoria confrontandola con dei dati osservativi. che è abbastanza elastica da prevedere strategie e accorgimenti più ampi. che il corpo celeste non venga influenzato da masse planetarie poste nelle sue vicinanze. Per questo motivo. non riducibili al puro e semplice rifiuto di una teoria in difficoltà. il conflitto tra ciò che prevediamo sulla base di certe teorie e ciò che effettivamente cogliamo nella “realtà” difficilmente riesce a tradursi direttamente e immediatamente nell’abbandono di qualcuna di queste teorie. perfino di certe condizioni a cui nessuno aveva mai pensato e che dovranno essere scoperte. Alcune di queste condizioni . o anche di altre. tuttavia ciò. Tale atteggiamento contrasta fortemente con la metodologia generale elaborata dallo stesso Popper. Troviamo semplicemente una prescrizione assai rigida sul trattamento da riservare alle contraddizioni. Ciò risulta particolarmente evidente nel caso di cui ci stiamo occupando. si ricava che il movimento di qualsiasi corpo celeste deve avvenire in un dato modo.sono. Al venir meno di una qualsiasi di queste condizioni. e cioè il rifiuto senza eccezioni. potrà essere constatato tramite l’osservazione soltanto se certe condizioni. di fatto. si verificano. ma anche un numero. egli è perfettamente cosciente che la cosiddetta “base empirica”.le più ovvie . o che i nostri strumenti di osservazione funzionino perfettamente. 46 . ossia quando Popper mobilita le sue risorse intellettuali per confutare le concezioni dialettiche.

affrontata da Popper fin dalla sua prima opera. essa. Benché nelle loro retine abbiano luogo fenomeni elettrochimi simili.«costituisce uno dei principali nodi problematici su cui verte la riflessione epistemologica successiva alla svolta popperiana». R. da autori come Hanson. mentre Tycho Brahe. L’osservazione di X è condizionata dall’anteriore conoscenza di X» (9). (8) «Il semplice fatto di vedere . (6) La questione della non neutralità del linguaggio osservativo. talvolta estremi. Feyerabend e Kakatos. Keplero vede un sole fisso (con la Terra che gli ruota attorno). una “stella” che si sposti con moto sensibile nel cielo. vede un sole in movimento.è in realtà un’impresa “carica di teoria”. negando le nostre aspettative. Kuhn. (11) Secondo Hanson è perfettamente legittimo assegnare al vedere una componente logica (non secondaria rispetto a quella psicologica). che aderisce ancora alla concezione di Tolomeo. La non affidabilità della base empirica La relazione tra base empirica e teorie . Hanson. si richiama a Duhem per porre chiaramente in luce che l’osservazione non è mai pura. è stata infatti ripresa e sviluppata con esiti vari.scrive Hanson . non è più percepita come una stella. egli ci propone l’esempio di Keplero e Tycho Brahe intenti ad osservare il sorgere del sole da una collina. allo stesso modo. una struttura concettuale preesistente all’atto del vedere: grazie ad essa i dati visivi vengono organizzati in immagini coerenti.2. (10) «Vedere il sole equivaleva per Tycho e per Simplicio a vedere che lo splendente satellite della Terra stava iniziando la sua circolazione diurna attorno a noi. Per illustrare tale tesi. versata dall’alto sul pavimento. mentre per Keplero e Galilei equivaleva a vedere che la Terra stava portandoli con la sua rotazione nella luce della nostra stella locale». Così. potrebbe venir meno la nostra capacità di continuare a vederlo come X» (12). si sollevasse con pigre volute verso il soffitto.come ha avuto modo di rilevare Mario Alcaro . nella sua opera fondamentale. N. (13) 47 . l’“acqua contenuta in un bicchiere perderebbe ai nostri occhi qualsiasi identità come acqua se. Ciò dimostra che anche nel vedere apparentemente più immediato e primitivo è implicita una componente conoscitiva. I modelli della scoperta scientifica (7). «Vedere un oggetto X equivale a vedere che tale oggetto può comportarsi nei modi in cui sappiamo che si comportano gli oggetti X: se il comportamento dell’oggetto non si accorda con ciò che ci attendiamo dagli oggetti X.

con esso. forniscono un modello di problemi e soluzioni accettabili a coloro che praticano un certo campo di ricerca». che esso non sembra in grado di affrontare in modo adeguato. per tacita intesa. un consenso o “fede” in certi principi che la comunità di cui fa parte condivide.Abbastanza vicino alle posizioni di Hanson. almeno per quel che riguarda la questione della non neutralità della base empirica rispetto al contesto teorico. cioè di problemi connessi all’applicazione di quel paradigma. un nuovo paradigma non emerge improvvisamente riportando la luce e l’ordine (19). visto il carattere sfumato e multiforme con cui Kuhn usa tale termine. può essere collocato Thomas Kuhn. (16) Secondo Kuhn. la scienza procede generalmente con un unico paradigma. (17) Un paradigma entra in crisi (e può essere sostituito da un altro paradigma) quando conduce davanti a problemi nuovi e importanti. presenti secondo Kuhn in qualsiasi momento dell’impresa scientifica. finché. Ciascun membro della comunità si propone di eliminare le anomalie. Masterman. accettato dall’intera comunità scientifica. L’attività scientifica svolta all’interno di un paradigma è la “scienza normale”. delle «conquiste scientifiche universalmente riconosciute. E in ciò è implicito un condizionamento. Piuttosto arduo è dare una definizione in breve di paradigma. nel caos e nel buoi più completo. intenda. (15) Si può comunque dire che Kuhn. studiando La struttura delle rivoluzioni scientifiche (14). Gli scienziati tornano allora alla loro attività “normale”. sviluppando progressivamente la teoria secondo norme e vincoli stabiliti dal paradigma. che consiste fondamentalmente nella soluzione di “rompicapo”. Il tratto distintivo della “scienza normale” è costituito dal fatto che i produttori di essa formano una “comunità scientifica” al cui interno. è imperniata sul concetto di paradigma e sulla distinzione tra “scienza normale” e “scienza straordinaria”. le quali per un certo tempo. La concezione di Kuhn. (18) Si entra allora in un periodo di “scienza straordinaria” caratterizzato dall’indebolirsi della “fede” nel paradigma e dall’allentarsi delle regole che dirigono la scienza normale. si considerano determinati risultati conseguiti come punto di partenza per ulteriori approfondimenti. ossia si rivolgono nuovamente alla soluzione dei “rompicapo” all’interno di un paradigma determinato. sostanzialmente. M. 48 . per risolvere i problemi che tale paradigma mette in grado di affrontare. com’è noto. è giunta alla conclusione che possano essere distinti non meno di 21 diversi significati per questo termine.

Ciò che qui maggiormente interessa sono alcune conseguenze del passaggio rivoluzionario da un paradigma all’altro. In altre parole. mentre dagli aristotelici era considerato «semplicemente un corpo che cadeva con difficoltà». Secondo Kuhn. a falsificare una teoria. da sola. né imposto dalla logica o da un’esperienza neutrale». persino differenti significati di termini elementari con cui gli scienziati comunicano tra loro (24). Non solo egli accetta ed accentua la posizione di Kuhn in merito all’incommensurabilità delle teorie. per Kuhn. che si compie «in una volta (sebbene non necessariamente in un istante)». a paradigmi differenti corrisponderebbero non solo differenti concezioni del mondo. La tesi del passaggio non razionale da un paradigma a un altro ha. che Galileo vedeva come un pendolo. Da ciò deriverebbe non solo l’impossibilità (o almeno la difficoltà) di una comprensione puntuale tra i diversi mondo paradigmatici. i paradigmi sarebbero un po’ come gli occhiali: se guardiamo il mondo con occhiali differenti. che può apparire rispettivamente come un’anatra o come un coniglio a seconda della maniera con cui la si osserva (21). accanto all’esempio della figura dell’anatra-coniglio. abbiamo l’esempio di Lavoisier che «vide l’ossigeno dove Priestley aveva visto l’aria deflogistizzata e dove altri osservatori non avevano visto assolutamente nulla» (22) e quello del corpo oscillante appeso a un filo. per la quale una esperienza anomala è sufficiente. Le esemplificazioni portate da Kuhn a sostegno della propria tesi spaziano dal campo della psicologia della Gestalt a quello della storia della scienza. ma anche differenti problemi ritenuti importanti.Questa è in sostanza la concezione kuhniana del procedere scientifico. passaggio che interrompe una tradizione di ricerca per dar vita a una nuova tradizione. ma anche la non plausibilità della concezione popperiana. (20) La decisione di accettare un nuovo paradigma porta lo scienziato a vedere il mondo con occhi diversi. ma giunge a negare 49 . soggetto a determinate leggi. perché si verifica tramite un “riorientamento di tipo gestaltico”. Così. una specie di conversione mistica. esso «non può essere realizzato con un passo alla volta. come conseguenza inevitabile la tesi dell’incommensurabilità dei paradigmi stessi. sia pur nella diversità dei rispettivi sistemi. (23) Appare qui evidente la vicinanza delle posizioni di Kuhn con quelle espresse da Hanson. vediamo oggetti diversi anche quando osserviamo gli stessi fenomeni. Kuhn si spinge tuttavia più avanti di quanto non faccia il suo collega. (25) Paul Feyerabend spinge alle estreme conseguenze la tesi della non neutralità del linguaggio utilizzato nelle proposizioni scientifiche.

la storia della scienza mostra che «non esiste alcuna regola. questi sembra d’altro canto ammettere la possibilità di un linguaggio osservativo neutro in cui formulare gli asserti-base che fungono da fattori falsificanti delle teorie. Ma è meglio procedere con ordine. (31) Tale procedimento “anarchico” sarebbe l’unico ammissibile nella ricerca scientifica. per la quale sarebbe possibile confrontare tra loro due o più teorie rivali sulla base dei rispettivi contenuti empirici. la concezione “razionalista” popperiana. procedimento che costituisce «una parte essenziale del metodo empirico». reale o presunta che sia. che non sia stata violata in questa o in quell’occasione» (33). sul tipo di quelle proposte da Popper e da Lakatos. Secondo Feyerabend. l’unico rimedio a questa situazione sta nell’«invenzione di alternative in aggiunta al punto di vista che sta al centro della discussione». poiché non ci sono speranze di poter pervenire a una metodologia capace di fornire «principi saldo immutabili e assolutamente vincolanti per portare avanti l’opera dello scienza» (32). Più specificamente. (27) Riguardo alla tesi della non neutralità della base empirica. può essere vista come «un tentativo di sviluppare un’analisi popperiana della scienza in cui la controllabilità delle teorie non presupponga un linguaggio osservativo neutro». la quale. benché Popper riconosca esplicitamente che la base empirica non sia del tutto solida e affidabile. eliminerà fatti la cui scoperta mostrerebbe la completa e irreparabile inadeguatezza della teoria». Egli si spinge ancora oltre osservando che certe 50 . che prende l’avvio l’intera filosofia della scienza di Feyerabend. (26) E’ proprio da tale incoerenza. il rifiuto di considerare tali alternative «porterà all’eliminazione di fatti potenzialmente contraddittori. (29) Per Feyerabend. presuppone anch’essa un linguaggio comune alle teorie stesse. come scrive F. Per cui. per quanto plausibile e per quanto saldamente fondata nell’epistemologia. Applicare la controinduzione significa per Feyerabend accrescere il contenuto empirico tramite un principio di proliferazione. bensì contro-induttivo. ma esistono anche dei fatti che non possono essere scoperti se non con l’aiuto di alternative alle teorie in questione e che non sono più disponibili non appena tali alternative vengono eliminate» (28). anche se quest’ultimo dovesse essere altamente confermato e generalmente accettato». Secondo Feyerabend.l’utilità di un qualsiasi metodo ai fini del progresso scientifico. Inoltre. (30) Il metodo che quindi Feyerabend sostiene nella scienza non è né induttivo né deduttivo. infatti. ossia «inventando ed elaborando teorie che sono incompatibili col punto di vista accettato. Feyerabend osserva che «non solo la descrizione di ogni singolo fatto dipende da qualche teoria […]. Suppe.

Il secondo gruppo è formato da un insieme di proposte e di suggerimenti su come modificare e/o sostituire le ipotesi confutabili che costituiscono la “cintura protettiva” del programma stesso (euristica positiva). che ogni passo del programma di ricerca abbia un contenuto crescente. si può dire che egli tenti di pervenire a un sistema che raccolga in qualche modo le critiche fin qui esaminate senza tuttavia fare eccessive concessioni al soggettivismo (Kuhn) e all’irrazionalismo (Feyerabend). ma deve riguardare anche quella da cui discendono i “fatti”. dal momento che ogni fatto è legato a una qualche teoria osservativa. quello di Lakatos non presta eccessiva attenzione alle anomalie che vengono alla luce all’interno di un determinato programma: la loro presenza è anzi prevista. (34) Per quanto riguarda Imre Lakatos. (39) Per quanto concerne la base empirica. un programma di ricerca può venire eliminato solo da «un programma di ricerca rivale che spiega il successo precedente del suo rivale e lo supera con un ulteriore spiegamento di potere euristico». cioè «costituisca uno slittamentodi-problema teorico coerentemente progressivo». Lakatos ritiene che gli scienziati debbano preoccuparsi seriamente delle anomalie. (38) In ogni caso. (35) Un programma di ricerca viene sviluppato modificando via via la sua cintura protettiva sotto la spinta di anomalie e controesempi. Inoltre. Solo quando il programma entra in una fase regressiva. egli esige che «almeno ogni tanto la crescita del contenuto [sia] retrospettivamente corroborata». (36) Contrariamente a quanto avviene per il falsificazionismo popperiano. 51 .importanti svolte innovatrici nella scienza avvengono proprio «perché alcuni scienziati [decidono] di non restare legati ad alcune “ovvie” regole metodologiche. la falsificazione non può essere una questione che riguardi soltanto la teoria sottoposta a controllo. Lakatos è d’accordo nel considerare qualsiasi asserto osservativo come ipotetico. Lakatos richiede. tanto che l’euristica positiva ha precisamente la funzione di affrontarle e assorbirle all’interno del programma (37). Lakatos afferma che. infatti. oppure le [infrangono] inavvertitamente». che consiste essenzialmente di due gruppi di decisioni metodologiche: il primo gruppo è formato da quelle ipotesi che si considerano non falsificabili per “decreto metodologico” e che costituiscono il cosiddetto “nucleo” del programma (euristica negativa). con l’accortezza di evitare gli aggiustamenti che siano semplicemente ad hoc. Il falsificazionismo di Lakatos poggia sul concetto di programma di ricerca scientifico. cioè non si mostra più capace di predire fatti nuovi. ma egli ne trae una conseguenza che in Popper non è così esplicita.

(46) 52 . (45) Nel falsificazionismo sofisticato di Lakatos. accogliere una contraddizione anche per lunghi periodi. il conflitto non si svolge fra “teorie e fatti”. o di una anomalia. all’interno di un determinato settore di ricerca scientifica. quasi mai) ci appare subito evidente se sia sbagliata la teoria in oggetto o se invece si sia osservato male (ovvero sia sbagliata la teoria su cui basiamo le nostre osservazioni). In tale prospettiva. come mostrano gli esempi degli esordi del calcolo infinitesimale e della teoria degli insiemi». La metodologia lakatosiana si muove .Quindi. E ciò significa che la scoperta di un’incoerenza. nel caso di incompatibilità tra previsioni dedotte da una data teoria e asserti ricavati dall’esperienza. bensì di come superare una incompatibilità tra la teoria esplicativa in esame e la teoria interpretativa. Il problema allora non va posto nel senso di chiedersi se una data “confutazione” è reale o meno. essi ponevano in atto un principio cardine di quello che Lakatos definisce “falsificazionismo sofisticato” (42).in questa direzione. le incongruenze (anomalie incluse) vanno considerate come problemi da risolvere (43). ma tra due teorie ad alto livello: tra una teoria interpretativa che fornisce i fatti e una teoria esplicativa che cerca di spiegarli. i suoi avversari cercarono di fargli notare che le sue presunte scoperte poggiavano su una teoria ottica molto fragile (40). e cioè che dal contrasto fra una teoria e l’osservazione non sempre (anzi.appunto . non costituisce necessariamente quella decisione fatale che Popper tanto paventa. E da questo punto di vista non si po’ dire che gli avversari di Galileo avessero tutti i torti (41). Nella loro critica. (44) Così lo sforzo dello scienziato non è più diretto a «sostituire una teoria confutata da “fatti”». Ciò è stato fatto persino in matematica. ma a «risolvere le incompatibilità fra teorie strettamente associate». secondo Lakatos. veniva ora messo in discussione da poche osservazioni non certo altrettante solide. Quando Galileo scoprì i satelliti di Giove e le macchie solari con il suo rudimentale cannocchiale. non può essere ritenuta sufficiente per respingere una teoria scientifica o per bloccare all’istante lo sviluppo di un programma di ricerca: «può essere ragionevole mettere l’incoerenza in una specie di quarantena ad hoc e proseguire con l’euristica positiva del programma. veniamo posti inevitabilmente di fronte al dilemma di quale teoria rifiutare (il che significa: quale teoria bisogna considerare problematica e quale non problematica?). Secondo Lakatos. Più spesso può semplicemente significare l’accettazione provvisoria di certe incongruenze che gli strumenti e il livello di elaborazione del momento non ci consentono di superare immediatamente. Ciò che egli opponeva a una tradizione astronomica maturata attraverso i secoli.

(48) NOTE (1) Cfr. Milano. (6) Mario Alcaro. (7) N. non adotta mai affermazione come “tutti i corpi obbediscono alle leggi di Newton. Chalmers. comunque. Milano. secondo). 171.. in Rivista critica di storia della filosofia. Infatti quando un programma di ricerca subisce una sconfitta ed è superato da un altro. una spiegazione costituisce un passo avanti (ossia è “scientifica”) se spiega almeno alcune precedenti anomalie che non erano state spiegate “scientificamente” dalle spiegazioni che l’hanno preceduta. Anzi. 191. Schilpp. uno stratagemma che diminuisce il contenuto. nota 20 (Cap.Osserva Lakatos: «Secondo Popper. un richiamo alla problematicità della nozione stessa». tranne diciassette eccezioni”. 538: «Due asserzioni contraddittorie non possono mai essere entrambe vere». (3) Cfr. pag. “Sulla filosofia di Karl Popper”. R. mentre si continua a sottolineare la stretta dipendenza dei fatti dalle teorie nel cui linguaggio essi sono tradotti. (Maria Falanga. Che cos’è questa scienza. pag. una versione di un programma progressivo non adotta mai. A. 1979.. per assorbire un’anomalia. Hanson. nelle opere successive. “Che cos’è la dialettica?”. A. possiamo chiamare un esperimento “cruciale” solo con uno sguardo molto all’indietro. I modelli della scoperta scientifica [1958]. nota 13 (Cap. rileva che c’è stata una modificazione nel pensiero popperiano riguardo alla nozione di “fatto”. cit. Milano. se dobbiamo dar retta a Lakatos. it. se risulta che ha sostituito un sensazionale esempio corroborante del programma vittorioso e un fallimento di quello sconfitto».. II. (2) Cfr.scrive Falanga . anche pag. 53 . 1978. 194). che non si può parlare “di fatti di esperienza” non inquadrati in qualche teoria. trad. (47) Questo modo di vedere le cose ridimensiona notevolmente anche l’interpretazione attribuita da Popper ai cosiddetti “esperimenti cruciali”. (5) Maria Falanga. 78. Finché le anomalie sono considerate problemi autentici non importa molto se si drammatizzano come “confutazioni” o se si sdrammatizzano come “eccezioni”: la differenza in tal senso è solo linguistica». curata da P. cfr. Karl Popper. in un suo scritto sull’opera The Philosophy of Karl Popper. «Mentre nella Logica . trad. 1981. «non esiste nulla di simile agli esperimenti cruciali. F. pag. it. terzo). si fa contemporaneamente un uso continua e spesso disinvolto della nozione di “fatto” anche in contesti dove sarebbe stata opportuna una certa cautela o. aprile-giugno 1979. Feltrinelli. pag. per lo meno tali esperimenti non esistono se intesi come esperimenti che possono rovesciare istantaneamente un programma di ricerca. Ma poiché c’è sempre abbondanza di anomalie inspiegate. io invece ammetto formulazioni di questo genere. La crociata anti-empirista. Franco Angeli. Cfr. fa si che Popper usi molta attenzione nell’uso del concetto di “fatto”.la consapevolezza. Mondatori.

Milano. 182. (19) Ibid. Einaudi. 148.. La struttura delle rivoluzioni scientifiche [1962]. (31) Feyerabend. 36. K. 142.. it. 54 . d’altro canto. 1978. pag. Il Mulino. it. The Structure of Scientific Theories.(8) Ibid. Masterman. (32) Ibid.. pagg. pag. La struttura delle rivoluzioni scientifiche. pag. pag. anche Kuhn. “Logica della scoperta o psicologia della ricerca?” in Lakatos e Musgrave. 131 e sgg. (11) Ibid. (29) Ibid. in Lakatos e Musgrave (a cura di). «continua ancora a sostenere l’esistenza di un linguaggio neutrale che permetta di giudicare in modo univoco sulla validità o meno delle teorie attraverso la comunicazione intersoggettiva e la discussione razionale» (F. 48. it. cit. (15) M. Op.. soprattutto Kuhn. “La natura di un paradigma”.. pag. La scienza impossibile.. 76). “Consolazioni per lo specialista”. trad. pag. Feltrinelli. 21. (27) Frederick Suppe.. (18) E’ illuminante a tal proposito questo passo di Kuhn: «La scoperta comincia con la presa di coscienza di una anomalia. (23) Ibid. 22. pag. pag. pag.. pag.. Coniglione. pag. Critica e crescita della conoscenza. 1973. trad. (14) Thomas Kuhn. 1976.. cit. Dal popperismo alla critica del razionalismo. (10) Ibid. (26) P. 178. 301 sgg. (28) Feyerabend. trad. pagg. pagg. Milano. Coniglione sottolinea l’ambiguità della posizione di Popper: da una parte egli ammette che ogni dato è “carico di teoria” e quindi «l’impossibilità di una osservazione che non sia “interpretata alla luce di teorie”». 71-2. 1977.. 15. cit. (16) T. in Lakatos-Musgrave. 20. cit. (17) Ibid. (24) Ibid. pag. Torino. Capp. Cfr.. (20) Ibid. Milano. University of Illinois Press.. Op. pag. Feyerabend. 14-5. pag. pag. 1969. 31.. 28. (9) Ibid. 170 (traduzione personale). (13) Ibid. pag. Op. anche pag. cit. (12) Ibid. 180. 34 e pag. (30) Ibid.. Cfr. Lampugnani-Nigri. 31.. Contro il metodo [1970]. Urbana-ChicagoLondon. trad.. it. (33) Ivi. 60. 34-5. IV e V. VII e VIII. F. Bologna... pag. ossia col riconoscimento che la natura ha in un certo modo violato le aspettative suscitate dal paradigma che regola la scienza normale» (Kuhn. Problemi dell’empirismo [1965-69]. (21) Ibid. Capp.. Op. pag.. 22. Lampugnani-Nigri. (25) Cfr... pag. Kuhn.

Op. pagg. 55 . (44) Ibid. cit. osserva che non è corretto considerare un genio il primo e un “vecchio parruccone” il secondo soltanto perché la storia ha dato torto a quest’ultimo. cit. (42) Lakatos distingue tre tipi di falsificazionismo: a) il falsificazionismo dogmatico. 509. che afferma (a torto) che una data teoria possa venir falsificata da un esperimento (o da un asserto osservativi) in contrasto con essa. vedi Feyerabend.. riferendosi alla disputa tra Lavoisier e Priestley sul problema dell’esistenza del flogisto. “La falsificazione e la metodologia dei programmi di ricerca scientifici” [1970]. 169-177). 72 e pag. cit. Infatti. indipendentemente dal fatto che esista o meno una teoria alternativa migliore (Lakatos... pag. pag. 260. cit. 1977. pag. 15-6. (46) Ibid. anche se errato secondo le moderne opinioni. 219. la cui tesi principale è che il rifiuto di una data teoria può avvenire soltanto se esiste una teoria alternativa migliore (Lakatos. b) il falsificazionismo (metodologico) ingenuo. 191 e sgg.. 220. 208-214. pag. Wiener-Aaron Nolan (a cura di).. Op. pag. (37) Ibid.. pag. 205. pag.(34) Ibid. 191). pag.. cit. in Philip P. (45) Ibid. poté cionondimeno sembrargli soddisfacente senza per questo incorrere in alcuna incoerenza» (S. pagg.. pag. (35) Imre Lakatos.. (36) Ibid.). Stephen Toulmin. pag. Milano. 213. (43) Lakatos. 106. Feltrinelli.. allora è del tutto lecito giungere a conclusioni diverse guardando uno stesso evento.. 214. 182.. cit. (41) Per un interessante resoconto sull’argomento. Priestley accettò la dimostrazione di Lavoisier me la interpretò in un modo che. ma da un punto di vista logico non avrebbe potuto essere cruciale. che poggia sul pregiudizio secondo il quale esiste una base empirica assolutamente certa.. se i risultati di un dato esperimento non sono univoci. pagg. 113-123. (48) Ibid. 232. «l’esperimento di Lavoisier col mercurio non solo non fu nei fatti quell’esperimento cruciale che si è spesso creduto. Problemi dell’empirismo. Op. Secondo Toulmin. c) Il falsicazionismo (metodologico) sofisticato. 210. (39) Ibid. Le radici del pensiero scientifico. da cui deriva la convinzione che un conflitto tra teorie e fatti possa tradursi in un abbandono immediato e definitivo della teoria in esame (Lakatos... in Lakatos-Musgrave. Op. (40) Ibid.. (47) Ibid. (38) Ibid. pag. E. pag. Op. pagg. pag. “Esperimenti cruciali: Priestley e Lavosier”. Toulmin. pag. 250-1. ma derivano da un’interpretazione...

ma è pure vero che il modo popperiano di intendere tale fecondità è alquanto lontano da quello dei dialettici. 1. (3) 56 . e ciò pena il totale fallimento dei suoi sforzi. il metodo delle congetture e delle confutazioni prende in considerazione «soltanto l’idea e la sua critica. Come si è visto. cioè nella terminologia dei dialettici. presupponga un concetto più ampio di razionalità. riduce drasticamente la fecondità delle contraddizioni come l’intendeva Popper». Ma l’unica maniera per rifiutare una contraddizione è per Popper (come già per Aristotele) quello di eliminare uno dei termini della contraddizione.Capitolo Sesto CONTRADDIZIONI E PROGRESSO SCIENTIFICO Il sistema di Lakatos. suo malgrado. paradossalmente pare più “dialettico” l’antidialettico Popper che il “dialettico” (o ex-dialettico) Lakatos. (2) Qui. uno scienziato non può mai violare il principio aristotelico di non-contraddizione e quindi ha l’obbligo di rifiutare qualsiasi contraddizione egli incontri nella propria attività. Poiché. benché sotto certi aspetti più permissivo di quello di Popper. visto che è disposto a tollerarle a certe condizioni. secondo Popper. Anzi. per il quale. esso non si cura della possibilità che dal contrasto tra una tesi e una antitesi si giunga a una sintesi». dalla stessa logica popperiana. si può dire senz’altro che esso. Progresso è solo eliminazione degli errori? Consideriamo più da vicino queste affermazioni. è vero che “Lakatos riduce la fecondità delle contraddizioni come l’intendeva Popper”. Come scrive Giulio Giorello: «Lakatos concede[ndo] spazio (entro l’impresa scientifica) a programmi di ricerca che avanzano addirittura su basi contraddittorie. riuscendo ad abbracciare comportamenti che il sistema popperiano era costretto ad ignorare (ovvero a relegare nell’irrazionalità). non è per questo meno razionale. […] concentrarsi su anomalie e contraddizioni caratterizza la fase regressiva del programma». Giorello si lascia invischiare. (1) E non si può neppure affermare che esso assegni minor importanza alle contraddizioni. la lotta tra una tesi e la sua antitesi. Infatti. Per giungere subito dopo alla seguente conclusione: «Sotto quest’ultimo profilo se il dialettico non può prendere sul serio le contraddizioni. evidentemente.

per quanto compromessa da contraddizioni. Accade infatti che gli scienziati. (4) Tuttavia.come ha messo in rilievo Kuhn . se non dispongono di una teoria alternativa migliore: «Nessun processo messo in luce dallo studio storico dello sviluppo scientifico somiglia minimamente allo stereotipo metodologico della invalidazione di una teoria mediante il suo confronto con la natura». (6) Kuhn si affretta però a chiarire che ciò «non significa che gli scienziati non abbandonino le teorie scientifiche. non avviene mai nella maniera indicata da Popper. bensì mediante l’ideazione di una nuova teoria in cui i fatti possano inserirsi in modo non contraddittorio (5). E cita a sostegno di tale tesi un passo della 57 . (7) Lakatos riprende e sviluppa questa posizione di Kuhn.Ecco quindi come Popper intende la “fertilità delle contraddizioni”: queste sono fertili soltanto nella misura in cui fungono da fattori di eliminazione delle teorie. o che l’esperienza e l’esperimento non siano essenziali quando ciò avviene. ma . il superamento di una contraddizione insita tra tesi e antitesi (per usare ancora la terminologia dei dialettici). secondo una logica negativa. La decisione di abbandonare un paradigma è sempre al tempo stesso la decisione di accettarne un altro». ad esempio tra una teoria e uno o più fatti in contrasto con essa. Popper ha espresso il suo disaccordo con questa “lettura” dei suoi scritti riguardo al problema della falsificazione. “darwiniana” (compiere al più presto i nostri errori in modo da affrettare il nostro avvicinamento alla verità). Nelle “Replies to My Critics”. non solo sono restii a rigettare immediatamente una teoria quando questa rimane coinvolta in contraddizioni. Significa soltanto […] che il giudizio in base al quale gli scienziati decidono di respingere una teoria precedentemente accettata si basa sempre su qualcosa di più di un semplice confronto di quella teoria col mondo. Per Lakatos. egli osserva che questi «interpreta ancora una “falsificazione” come risultato di un duello fra teorie e osservazioni. senza che sia necessariamente coinvolta un’altra teoria migliore» (8). «la “falsificazione” nel senso del falsificazionismo ingenuo (evidenza contraria corroborata) non è condizione sufficiente per eliminare una teoria particolare: nonostante l’esistenza di centinaia di note anomalie non la riteniamo falsificata (ossia. nella concreta storia della scienza. (9) 2. egli sostiene di aver sempre pensato che per poter eliminare una data teoria ci sia bisogno della esistenza di un’altra teoria (10).non la rigettano comunque. Criticando Popper. eliminata) fiché non ne abbiamo una migliore». invece. Popper: la falsificazione ha sempre bisogno di alternative? In tempi relativamente recenti.

egli risponde: «Ovviamente continueremo ad usare la vecchia teoria confutata. (12) Anche se si tiene presente che Popper. «un’ipotesi falsificante è un’ipotesi empirica di basso livello che descrive riproducibile e che perciò viene usata come asserzione di controllo di una teoria. bensì una semplice constatazione di una consuetudine presente nella storia della scienza. «accettiamo la confutazione soltanto quando sia proposta. Infatti. un’ipotesi empirica di basso livello che descriva un simile effetto». Le teoria effettivamente proposte saranno ovviamente finite di numero. sempre nella Logica. (16) O con quest’altro. (15) Tuttavia. senza che si disponga di una teoria che prenda 58 . che sia stata smentita dall’esperienza. e non possiamo pensare ad una nuova». (17) Mi sembra molto evidente che qui Popper ammetta la possibilità di confutare una teoria. allora dobbiamo cercare una nuova ipotesi. fino a quando non ne sia scoperta una migliore. Popper si è espresso chiaramente in senso positivo sulla questione. E cioè. come rileva Marcello Pera. ciò non può certo essere considerata come un’asserzione di una regola di metodo. (11) Ma. (14) In una sola occasione. e risulti corroborata. tratto dalla stessa opera? «Se l’ipotesi non supera l’esame. ed è stato quando alla precisa domanda di Bryan Magee «Cosa capita se non siamo capaci di trovare una soddisfacente teoria che succede alla precedente confutata?». come passiamo conciliare questa affermazione con il seguente passo tratto da Conoscenza oggettiva? «Il numero di teoria che possono essere vere rimane infinito in ogni tempo e dopo un numero qualsiasi di controlli cruciali. scrive che «nella maggior parte dei casi. a quanto mi risulta. di conseguenza un’ipotesi falsificante non è una teoria esplicativa alternativa a quella sotto controllo».Logica in cui scriveva che si può considerare falsificata una teoria «soltanto se scopriamo un effetto riproducibile che confuta la teoria». se essa è falsificata dalle nostre osservazioni. e può ben accadere che noi le confutiamo tutte. In questo caso la nuova ipotesi verrà dopo quelle osservazioni che hanno portato alla falsificazione o al rigetto della vecchia ipotesi». prima di falsificare un’ipotesi ne abbiamo un’altra in serbo» e che «l’esperimento falsificante è di solito un esperimento cruciale destinato a decidere tra le due» (13). nella sua proposta Popper dimostra di non aver colto la reale sostanza della critica a lui rivolta. ma la useremo con la consapevolezza che c’è qualcosa di sbagliato in essa».

promuovendo il dibattito e aprendo la strada a nuovi problemi e nuove prospettive. indipendentemente dalle conclusioni che se ne trarranno (a favore o a sfavore del suo autore). è che introducendo la distinzione tra “confutazione” e “abbandono”. introdotti progressivamente da Popper. la sua coerenza o meno con altri passi dello stesso autore. certi chiarimenti e distinzioni. o rigettata. in cui Popper introduce come non corretta tale interpretazione. Per tornare all’argomento principale. che ci riguarda molto da vicino. Il primo.è necessario chiarirlo . Ma risulta chiaro dalla mia discussione principale che questi termini. Essa si presenta. (18) Contrariamente a quanto asserisce Popper. bensì mettere in risalto alcune difficoltà che richiedono ulteriori approfondimenti. quando sono applicati a una teoria scientifica. E questo . egli ha scelto talvolta la via da lui stesso più biasimata: conservare l’integrità della propria costruzione reinterpretando passi già pubblicati o introducendo distinzioni che ben difficilmente si riesce a credere presenti nel suo pensiero al momento in cui i passi stessi vennero scritti. e anche “reiezione” quando ho discusso la “confutazione”. a seconda delle necessità argomentative del momento. ma non necessariamente abbandonata». sorge la questione sul senso da dare alla prescrizione 59 . Tutto ciò . non sono questioni che si esauriscono nello stabilire se una data posizione sia o no corretta. Affermare che la posizione di Popper in merito al destino da riservare a una teoria contraddetta da fatti è quantomeno indecisa. Analizzare un testo.si colloca nello spirito della migliore tradizione del “razionalismo critico” popperiano. se l’autore fosse in buona o in mala fede.io credo .confutata.non è stato detto per puro amor di polemica.che ho usato i termini “eliminazione”. non è affatto chiara. alquanto ambigua: oscillante tra due poli opposti. «E’ vero . non significa sminuire il valore dell’opera di questo autore. capaci forse di porsi al di là dell’orizzonte da cui essi hanno avuto origine.scrive Popper . Piuttosto che procedere a revisioni e modifiche anche sostanziali del proprio sistema sotto l’incalzare della critica. E’ doveroso però citare anche un altro passo. ecc. desidero qui porre all’attenzione alcuni punti che costituiscono altrettanti problemi aperti. Solo in tale ottica possono essere spiegati. questa volta tratto dalle “Replies to My Critics”. significano che essa è eliminata come pretendente alla verità .cioè . ha in sé il grande pregio di spingere alla riflessione. la sua posizione in merito alla questione se una teoria possa essere eliminata (o rifiutata. o abbandonata) in assenza di valide alternative. L’esatta interpretazione da dare a un testo. anzi. a mio avviso.il suo posto.

non può che equivalere a “eliminata” tout-court. in termini più operativi.popperiana espressa in Che cos’è la dialettica?.di accettare un verdetto di confutazione e convertirlo in una decisione di rifiuto?» (22) Infine. che una teoria confutata (anche se in pratica può continuare ad essere usata per fini strumentali) (21). Per cui.e quindi ha ancora a che vedere con la ricerca della verità. allora.come dice POpper . non ha più alcun posto nel sistema di Popper. Pera fa notare che se si accetta la distinzione popperiana tra “confutazione” e “rifiuto” (nel senso che una teoria confutata è eliminata come candidata alla verità. checché ne dica il suo autore. Quando si dovrà abbandonare una teoria confutata? Quando e in base a che cosa si dovrà “assumere il rischio” . gli scienziati dovranno cancellare dai loro manuali una teoria che non si accorda con i fatti. secondo la quale “gli scienziati non devono lavorare con teorie coinvolte in contraddizioni”. per il falsificazionismo popperiano. Nella reale prassi scientifica. «ne deriva la conseguenza paradossale che nella metodologia falsificazionista di POpper manca una regola di falsificazione (nel senso del rifiuto).cioè la pretesa di “dire la sua” sul mondo . “eliminata come pretendente alla verità”. Tali teorie dovranno essere considerate «eliminate come pretendenti alla verità» o”abbandonate” del tutto? Oppure. invece. conserva il suo potere esplicativo (anche se forse un po’ offuscato) . vorrei far notare che una conseguenza della prescrizione secondo la quale una teoria può essere falsificata solo in presenza di valide alternative è quella di rendere 60 . anche se rappresentava una chiara confutazione della teoria di Newton (ossia non spiegabile in alcun modo all’interno di tale teoria) non spinse gli scienziati a considerare falsa la teoria stessa e a ridimensionarla al ruolo di semplice strumento per il calcolo e la previsione del moto dei corpi. dovranno dimenticare la sua esistenza. Tale teoria dovrà forse essere considerata come un mero strumento da usare «entro il suo raggio di applicazione»? (19) Ma Popper rifiuta lo strumentalismo (20) come una concezione valida per le teorie scientifiche. Così la scoperta del perielio anomalo di Mercurio.Popper non specifica quale sarà lo status di una teoria confutata ma non ancora abbandonata. una teoria smentita dai fatti ma non abbandonata per mancanza di alternative. ma non necessariamente abbandonata). Ciò significa. o invece potranno usarla “qualche volta”. pur con la consapevolezza che essa è errata e non può offrire alcun contributo alla nostra conoscenza della realtà? Del resto .e così veniamo al secondo punto . Il terzo punto problematico è stato posto in risalto dal Marcello Pera in un suo recente lavoro su Popper.

e questo che mi preme qui far notare . e allora tale distinzione acquista una sua legittimità. la teoria continuerà ad essere considerata valida in tutti i sensi. cioè non si considererà né confutata (come pretendente alla verità). né abbandonata (ossia “cancellata” dai manuali scientifici). L’attenzione metodologica di un operatore scientifico (e in questo senso si muove l’intera riflessione popperiana) è così rivolta completamente alla ricerca di errori in sistemi teorici già strutturati. non è irrevocabile. ammesso che sia possibile decidere con un sufficiente margine di plausibilità sulla sua consistenza. Tuttavia . appaiono in realtà come un’aggiunta spuria alla metodologia falsificazionista da lui concepita. capace di risolvere il conflitto. Prima che ciò avvenga. XXX (121? stesso capitolo) . a nostre interpretazioni dei fenomeni. la teoria potrebbe essere riabilitata.vale a dire l’incongruenza precedentemente rilevata . una tale prescrizione stabilisce che una teoria.a un metodo di eliminazione. ma a nostre valutazioni. in conflitto con dati empirici.inutile la distinzione introdotta da Popper. nel senso che se a un dato momento si scoprisse che l’errore .in un simile processo non è riservata da Popper alcuna funzione alle teorie alternative. negata in modo totale ogni utilità al procedimento induttivo per la pratica scientifica. I suoi ammiccamenti e concessioni in tal senso a Kuhn e a Lakatos. Infatti. credo si possa con buona legittimità affermare che la poca chiarezza mostrata da Popper riguardo al problema se sia o meno indispensabile una teoria alternativa valida per confutare (nel senso pieno del termine. ossia abbandonare) una data teoria in difficoltà. il metodo delle congetture e delle confutazioni non può che ridursi . e allora non c’è bisogno di introdurre la distinzione tra “confutazione” e rifiuto”. Concludendo l’esame di questo aspetto della metodologia popperiana. deve tradursi in una falsificazione (cioè nell’abbandono) della teoria interessata. oppure non la si accetta completamente. va conservata fino al momento in cui non si dispone di una teoria migliore.come ho avuto modo di osservare a pag. Tale falsificazione. Delle due l’una: o si accetta la tesi della non falsificabilità di una teoria in mancanza di alternative. in seguito alle critiche di questi.non era in realtà da imputarsi alla teoria. sia un segno evidente di un conflitto presente all’interno dello stesso sistema popperiano. Ogni errore. Per 61 . naturalmente. L’ambiguità della posizione di Popper in merito può essere presa come un’ulteriore prova del fatto che egli non ha mai aderito completamente a quella che Lakatos definisce la tesi fondamentale del falsificazionismo metodologico sofisticato. Rifiutata qualsiasi funzione al “contesto della scoperta”.

35. (12) Marcello Pera. non c’è bisogno di una nuova teoria per rifiutare quella vecchia in difficoltà. Op..Popper. cit. Op. pag. cit. pag. (9) Ibid.. il moto di rivoluzione anomalo di Urano. n. 534-5... che allo zoo di New York c’è una famiglia di corvi bianchi». pag.. “A proposito di dialettica. 1 (1971). 77 (nota): «Anche se deve essere sottoposta a controlli intersoggettivi. (18) Popper.. trad. 1009 (traduzione personale). La struttura delle rivoluzioni scientifiche. per falsificare l’asserzione “Tutti i corvi sono neri” sarebbe sufficiente l’asserzione. (6) T. la scoperta di un nuovo pianeta Nettuno . 196. Feltrinelli. Cfr Carlo Montaleone. Popper. (7) Ibid.spiegò all’interno della teoria newtoniana gli aspetti che precedentemente apparivano anomali). Armando. poiché può essere spiegato convenientemente all’interno della teoria stessa. pag.. razionalità e progresso”. Congetture e confutazioni. 107.. cit. cit. in Quaderni Feltrinelli. (19). 76-7. 40-1. (3) K. trad.. 533: «Il metodo per prove ed errori è essenzialmente un metodo di eliminazione». “Programmi di ricerca. Popper e la scienza su palafitte. it. quindi. che può essere sottoposta a controlli intersoggettivi. 2 (1978]. sociologia. 1980. pagg. (14) Marcello Pera. a prima vista . Popper. 452-3 (sottolineature mie). Laterza. pag.. cit. Logica della scoperta scientifica.. Sansoni. cit. “Che cos’è la dialettica?. “Introduzione” a Imre Lakatos. in realtà non è necessario che l’ipotesi sia un’asserzione strettamente universale. Milano. 52-3. cit. n. Op. cit. cit.. Cfr. Kuhn. pag. “Replies to My Critics”. pagg. (5) Oppure dimostrando che il fatto che sembra contraddire la verità. NOTE (1) Cfr. Firenze. pag. 995.. metodo scientifico. Popper. “La falsificazione…”. Arcangelo Rossi. (10) Popper. pagg. Dimostrazioni e confutazioni [1963-4]. Popper e la filosofia della scienza. 1979. Popper. 255. (2) Giulio Giorello. 1975. (Ad es.. pag. pag. pagg. cit. Roma. (15) Bryan Magee (a cura di). 103. 77. (16) Popper. (17) Ibid. Così. in realtà non la contraddice affatto. 107. anche Giorello. Cfr. (11) Popper.. 34-5 (sottolineature mie). pagg.. 62 . o anche usando il linguaggio dei dialettici non c’è bisogno di una sintesi per superare un’antitesi.. pag. pag. in Rivista di filosofia. (8) Imre Lakatos. pagg. “Replies to My Critics”.. Conoscenza oggettiva. (13) Popper. (4) Cfr. pag. Bari. it. cit. cit. 1979. 195. pagg.. Colloqui di filosofia inglese contemporanea. 103-4. sembrava contraddire la teoria di Newton. Op.

Cfr. pag. (21) Ibid..(20) Concezione secondo la quale le teorie scientifiche sarebbero soltanto strumenti utili per il calcolo e la previsione dei fenomeni. 106. pag. Popper. 195.. Op. 171-2. 63 . pagg. cit.. (22) Pera. incapaci di descrivere un qualsiasi aspetto della realtà. cit. Op.

Popper riconosce che una metodologia naturalistica «non è priva di valore» e che «uno studioso di logica della scienza può benissimo trarne 64 .lo studio del comportamento effettivo dello scienziato. E’ corretto sottoporre il falsificazionismo alla prova dei fatti (cioè confrontarlo con la concreta pratica scientifica) ed eventualmente rifiutarlo. ci si dovrebbe aspettare che gli scienziati che non accolgono questa prescrizione ottengano solo fallimenti. e nel caso specifico. le teorie scientifiche sono controllabili». Secondo il punto di vista naturalistico. e cioè se sia lecito o meno rivolgersi alla storia della scienza come termine di riferimento per valutare una data metodologia. (1) 1. come abbiamo visto. sia a sua volta una scienza empirica. la cui risposta non è affatto scontata. quella popperiana. invece non avviene.Capitolo Settimo STORIA DELLA SCIENZA ED EPISTEMOLOGIA La critica “razionalistica” di Popper alla dialettica. “falsificata”) dal confronto con la realtà empirica. controllabile o falsificabile nel senso in cui. come si rifiuterebbe una qualsiasi teoria empirica. Feyerabend e Lakatos a Popper hanno come punto di partenza la constatazione che la metodologia popperiana non riesce a render conto della prassi scientifica. o degli effettivi procedimenti della “scienza”» (2). «la metodologia è a sua volta una scienza empirica . Cosa che. condotta cioè dal punto di vista della logica classica (considerando solo l’aspetto deduttivo della fase di controllo delle teorie scientifiche) appare chiaramente messa in discussione (e se si vuole. qualora risulti smentito dall’esperienza? La risposta di Popper è negativa. Popper distingue due concezioni del metodo scientifico: il “naturalismo” e il “convenzionalismo”. Poiché. “Normatività” e “descrittività” nel falsificazionismo popperiano Nella Logica. a mio avviso. ossia dall’effettivo agire degli scienziati che hanno compiuto le svolte maggiormente significative nella storia della scienza. A questo proposito egli scrive: «Non credo che la teoria della conoscenza scientifica. Le stesse critiche di Kuhn. Tutto questo solleva una questione. se fosse vero che non bisogna lavorare con teorie coinvolte in contraddizioni.

invece. […] Il mio criterio di demarcazione tra scienza e non-scienza è una semplice analisi logica di questo quadro». riguardo lo status della propria metodologia. l’epistemologo può solo cercare di proporre convenzioni appropriate che. in quanto tali. in cui riesce assai difficile rinvenire l’idea che il metodo falsificazionista sia una semplice convenzione. e della loro attività. Einstein. una concezione di metodo inteso come descrizione del processo conoscitivo. oppure combattendola. la quale mostra che le teorie scientifiche sono spesso smentite dagli esperimenti e che la smentita delle teorie è effettivamente il veicolo del progresso scientifico». (5) Popper dichiara. piuttosto che come comportamento che bisogna (o conviene) seguire. Popper afferma che la propria concezione del metodo scientifico «è confermata dalla storia della scienza.motivi di interesse e imparare qualcosa da essa». da essi traspare invece. (6) In questa prospettiva. penso. In La società aperta e i suoi nemici. adottati per decisione convenzionale in vista di uno scopo. si oppongono tuttavia non pochi passi dello stesso Popper. una convenzione può essere soltanto più o meno utile. e si può discutere razionalmente sull’opportunità di adottarla «soltanto se le parti in causa hanno qualche scopo in comune». Newton. Inoltre il “naturalismo metodologico” corre facilmente il rischio di tramutarsi in dogmatismo. spesso molto chiaramente. vale a dire come comportamento effettivamente seguito. (10) E ancora: «Possiamo descrivere il metodo impiegato nello sviluppo del pensiero umano […] come una variante del metodo per prova ed errori. ma respinge l’idea che la “metodologia” possa «essere scambiata per una scienza empirica» (3). (11) 65 . di aderire alla concezione secondo la quale la scienza è caratterizzata e definita dall’uso di certi metodi. Gli uomini sembrano portati a reagire di fronte a un problema. Vediamo qualcuno di tali passi. troviamo questo altro brano: «I grandi scienziati come Galileo. (8) Nelle “Replies”. o proponendo qualche teoria e aderendovi il più a lungo possibile […]. Egli ritiene che usando i metodi della scienza non sia possibile decidere questioni controverse come quella se la scinza usi davvero un principio di induzione o non lo usi o su cosa debba essere chiamato “scienza” e chi si debba chiamare “scienziato” (4). una volta scopertone le deficienze». Bohr […] mi forniscono un’idea semplice ma suggestiva della scienza […]. Keplero. (7) A queste tesi di Popper. una semplificazione da cui possiamo. Prosegue Popper: «voglio soltanto tracciare un semplice quadro del tipo di uomini che ho in mente. non sono né vere né false ( e quindi non falsificabili dall’esperienza). imparare molto» (9).

alla conoscenza prescientifica e a quella scientifica». raccolta di saggi in cui si trova esposta a più riprese una teoria della conoscenza che ha tutte le principali caratteristiche di quel “naturalismo epistemologico” da Popper rifiutato nella Logica. qualcosa che appaia più adeguato nei nostri tentativi di soluzione». di un procedimento induttivo: «Sostengo che né gli animali né gli uomini usano un procedimento simile all’induzione. in maniera più dogmatica. di fatto. lo sviluppo della conoscenza è sempre il medesimo: tentiamo di risolvere i nostri problemi.scrive Popper nell’opera citata . Il metodo per prova ed errori non viene applicato soltanto da Einstein. La teoria della conoscenza che desidero proporre è una teoria largamente darwiniana dello sviluppo della conoscenza.è il risultato di un processo strettamente rassomigliante a quello chiamato da Darwin “selezione naturale”. Dall’ameba ad Einstein. con un processo di eliminazione. sopravvivendo fino ad ora nella lotta per l’esistenza […]. Vediamo ancora un passo in cui questi cerca di dimostrare l’inesistenza. di quelle ipotesi che hanno dimostrato il loro (relativo) adattamento. Affermare che “dall’ameba a Einstein lo sviluppo della 66 . (12) Questa analogia tra la maniera di procedere degli scienziati (Einstein) e quella degli organismi più elementari (ameba). diviene un tema sempre più ricorrente nella riflessione popperiana. e di ottenere. (15) Non mi pare possano esserci dubbi sul fatto che la presentazione che Popper fa della propria teoria della conoscenza assuma qui il carattere di un dato di fatto. piuttosto che quello di una convenzione. ma anche. in ogni momento. Non è intesa in senso metaforico. A mio avviso. cioè la selezione naturale delle ipotesi: la nostra conoscenza consiste. cioè al metodo per congetture e confutazioni. Ciò che veramente usiamo è il metodo del tentativo e dell’eliminazione dell’errore». sebbene ovviamente faccia uso di metafore. ciò costituisce la prova più lampante dell’intrusione del “naturalismo” nella metodologia falsificazionista di Popper. (13) Ma dove Popper sembra completamente dimenticare la sua posizione metodologica originaria è nel volume Conoscenza oggettiva. dall’ameba». (14) Prosegue Popper: «Questa descrizione della situazione è intesa a descrivere come la conoscenza si sviluppi realmente. o qualsiasi argomento basato sulla ripetizione di esempi […].Più esplicito è forse quest’altro passo: «Il metodo per prova ed errore […] non equivale direttamente all’atteggiamento scientifico e critico. «Lo sviluppo della nostra conoscenza . Questa interpretazione può essere applicata alla conoscenza animale.

346-7. 322). “Replies to My Critics”. cit. (8) Popper. (4) Ivi. 342. pagg. cit. Il primo è caratteristico degli stadi prescientifici e degli organismi animali inferiori. (14) Popper. (12) Ibid. Esso consiste nella ricerca consapevole degli errori. Logica della scoperta scientifica. 35. 1036. cit. 977.. ed è un procedimento non consapevole per cui i tentativi che non hanno successo vengono eliminati assieme a colui che li ha posti in atto. 347 (sottolineature mie). pag. una teoria che potrebbe anche rivelarsi falsa. pag. 46. cit. (7) Ibid. proporre una generalizzazione sul comportamento degli esseri viventi in cui riesce difficile scorgere una componente “convenzionale” di qualche rilievo. significa fare una constatazione.. pag. significa proporre un’ipotesi. Essa rivela invece una chiara natura empirica..conoscenza è sempre il medesimo”. (13) Popper... pag. Congetture e confutazioni. cit. cit. pag. La differenza tra metodo per prova ed errore e metodo per congetture e confutazioni è la seguente. (6) Ibid. 18. II.. La società aperta e i suoi nemici. (11) Popper. Conoscenza oggettiva.. ed è quindi un metodo critico che permette di eliminare le nostre credenze errate prima che queste portino alla nostra eliminazione. 1015. sostenere che tutti gli esseri viventi generalmente cercano di risolvere i propri problemi tramite un procedimento per prova ed errore (analogo a quello posto in atto dagli scienziati). in special modo Popper.. 200-1 e pag. pag. (Cfr. vol. Conoscenza oggettiva. 978. cit. (10) Ibid. e di conseguenza non può pretendere di sottrarsi al requisito della falsificabilità. In altre parole. Il secondo appartiene alla ricerca scientifica propriamente detta.. 531-2. ma anche pag. (5) Ibid.. pag. (15) Ibid... 93. (2) Popper.. cit. pag. pag.. 67 . “Replies to My Critics. pag. (9) Popper. essa dovrebbe essere abbandonata. 37-40. (16) NOTE (1) Karl Popper. “Replies to My Critics”. 36. (3) Ivi. pagg. pagg. pagg. pag. 347. nel senso che se si scoprissero degli organismi che affrontano i problemi in maniera diversa.

68 . “Sulla filosofia di Karl Popper”. pag. sempre più come descrizione dei campi via via più vasti dell’attività umana» (Maria Falanga. 125). (17) Ad esempio. University of Massachussetts Press.. a questo proposito. pagg. pag. J. Armando. 35 – traduzione personale). Ackermann afferma che «la teoria di Popper è pesantemente normativa» e che «i filosofi [della scienza] non sono storici ed essi si interessano delle idee generali che possono essere applicate ripetutamente per dare un corretto quadro dell’impresa scientifica» (R. 187). M. cit. Gli scienziati ipocriti sinceri. Roma. Amherst.. Metodologia e storia della scienza. Op. Marcello Pera. osserva che Popper «ha piena consapevolezza che la metodologia non è descrittiva» (Marcello Pera. 185.(16) Maria Falanga è del parere che ci sia stato piuttosto uno spostamento nel tempo della posizione di Popper in merito alla questione. pag. Ackermann. (18) Cfr. anche pag. (19) Maria Falanga. R. a questo proposito. 22-3. da parte sua. pag. anche se è costretto a riconoscere che «lo stesso Popper non offre una soluzione della questione metodologica della valutazione delle regole» (Ibid.. cit. si è gradualmente perduto nella misura in cui le stesse regole si sono venute offrendo. scrive: Il carattere convenzionale.. 131).. che le regole del metodo delle congetture e delle confutazioni avevano nella Logica e «che le rendeva una serie di proposte suscettibili di revisione e di critica anche radicale. J. 187. “Sulla filosofia di Karl Popper”. 1976. Ella. nel corso del tempo. cfr. cit. The Philosophy of Karl Popper. pag. 1978. Baldini.

come hanno fatto osservare Kuhn. non significa voler riabilitare la dialettica a ruolo di “metodo” scientifico. Per cui. Si è visto anche che ricercare nella storia della scienza le prove della validità di un dato metodo è un procedimento che non tutti accettano senza riserve. li considera come regole stabilite per convenzione e quindi non falsificabili empiricamente. delle contraddizioni all’interno dei loro sistemi. Conformemente a quanto sostengono Kuhn e Lakatos. ma viene anche negata dal comportamento concreto degli scienziati. Ciò. che gli scienziati accettano. Popper sostiene la normatività dei metodi scientifici. secondo le quali l’antitesi (cioè la negazione della tesi) può risolvere ed essere superata solo mediante il raggiungimento di una sintesi. Tale critica – come si è visto – non solo appare in contrasto con la stessa metodologia popperiana. Significa semplicemente sottolineare l’implausibilità. sia pur provvisoriamente. per alcuni (tra i quali lo stesso Popper). magari privilegiato rispetto ad altri metodi fondati sulla logica formale. sia pur di malavoglia. o almeno i limiti. invece. se si accettasse la prescrizione popperiana di tenersi alla larga dalle contraddizioni.CONCLUSIONI Si è cercato fin qui di dimostrare la debolezza della critica “razionalistica” di Popper alla dialettica (come appare delineata soprattutto nel saggio “Che cos’è la dialettica?”. proprio in quanto tali. nella maniera in cui esso ci viene descritto dalla storia della scienza. le metodologie. Non solo. si possono rintracciare nei suoi scritti parecchie concessioni a quella “descrittività” metodologica che egli dichiara di non accettare. senza che questo pregiudichi il loro operare. Infatti. cioè non andrebbero confrontate con i “fatti” al fine di saggiarne la validità. tutte le teorie dovrebbero essere abbandonate ad ogni istante. Feyerabend e Lakatos. neppure il falsificazionismo può ritenersi immune da una componente descrittiva di una certa entità. La storia della scienza mostra. nessuna teoria viene abbandonata (o falsificata). per quanto insoddisfacente possa essere. se prima non emerge una teoria migliore. e quindi non può 69 . in qualsiasi momento dell’impresa scientifica sono presenti delle anomalie. comunque. Tuttavia. E questo appare in piena sintonia con le concezioni dialettiche. ossia dei fatti che non si accordano con le teorie sostenute in quel dato momento. Anzi. Per cui. delle argomentazioni popperiane contro la dialettica. non andrebbero considerate alla maniera delle teorie empiriche.

28-9. Scienza e storia. si avverte la necessità di disporre di uno schema che possa fungere da parametro di valutazione del mutamento senza tuttavia ricadere «in quelle forme di enfatizzazione del movimento per il movimento. In altre parole. Di qui l’esigenza. non dice come da una certa teoria si possa giungere a una nuova teoria. ma che nello stesso tempo non scivoli nel soggettivismo. migliore della precedente. 42. Una volta venuto meno l’ideale positivistico di oggettività. le istituzioni culturali. dello slancio in avanti in quanto tale. in modo da renderle sempre più aderenti a ciò che effettivamente avviene nella scienza. pagg. eccessivamente vago e difficile da padroneggiare teoricamente. (2) S. avvertita da più parti. 70 . cit. le teorie epistemologiche. “Scene da un matrimonio: la difficile convivenza di epistemologia e storia nella scienza”.. Feyerabend e altri. 1980. ci si è resi conto che anche i nuovi modelli proposti erano insufficienti: né il falsificazionismo popperiano. ossia con la prassi seguita dagli scienziati nella loro attività. senza alcuna garanzia di effettivo sviluppo». Del resto. in Silvano Tagliagambe e Antonio Di Meo (a cura di). poiché tale pretesa rischia di relegare nell’irrazionalità tutto il complesso lavorìo di elaborazione delle teorie stesse. Op. Roma. Tocchiamo così uno dei maggiori problemi aperti nel campo della filosofia della scienza attuale: quello del rapporto tra storia ed epistemologia.pretendere di essere esonerato da qualsiasi confronto con la realtà empirica. Ci si è resi conto dell’insufficienza della pretesa di considerare le teorie scientifiche solo come prodotti finiti. pag. Essa non spiega il progresso scientifico. Editori Riuniti. (1) E’ proprio dalla storia che provengono gli stimoli che spingono gli epistemologi a elaborare e a rivedere costantemente le proprie costruzioni. non sono mai costruite ignorando completamente le teorie scientifiche. cioè che renda conto anche della genesi delle teorie. e il suo impianto logico. Tagliagambe. anche se talvolta vengono presentate come un prodotto “senza storia”. (2) NOTE (1) Massimo Baldini. sotto i colpi delle critiche rivolte soprattutto da Popper. né la sofisticata metodologia dei programmi di ricerca di Lakatos si mostrano in grado di render conto adeguatamente del fenomeno scienza. di costruire un modello della conoscenza scientifica che sia dinamico. le situazioni storico-politiche che influenzano la loro costruzione. Hanson.

La Scuola. trad. Franco Angeli.Karl Popper.VV. Alfred Julius. it. Metodologia e storia della scienza. Gaetano. Roma. Milano. marxismo. pagg. 1979. Roma. 189-211. Antiseri. Mario (a cura di). Alan F. 1969. n. -. Roma.. La crociata anti-empirista. Milano. 23 (1969-1970). 1978. 457-494. Chalmers. it. AA. The Critical Approach to Science and Philosophy. Il Mulino. verità e logica. in Enciclopedia filosofica. vol. 1978. 1975. in Mario Bunge (a cura di). Intervista politico-filosofica. II. it.. Armando. 1979. Questioni di storiografia filosofica. Feltrinelli. Franco (a cura di). 1978. -. Torino. Taylor. The Critical Approach to Science and Philosophy. pagg. Gli scienziati ipocriti sinceri.Epistemologia. Brescia. metafisica e storia della scienza. Armando. Roma. in La Nuova Critica. Armando. Alcaro. “Il modello “Popper-Hempel”. trad. -. Mondatori. Torino. Apostel. 1968. it. La sfida di Popper. 12 (1981). V.. Il dibattito sullo storicismo. La Scuola.“Popper”.. Albert. trad. Bari. vol. Studi sulla dialettica. Linguaggio. Sansoni. cit. Dario. Argeri. Materialismo dialettico e metodo scientifico. Laterza. 1972. Epistemologia e società aperta. Bunge. La dialettica dissacrata. 1961. -. Roma... trad. Ayer. 1981. Cibernetica. 1975. Brescia. Massimo. Milano. AA. Colletti. Leo. Adriano (a cura di). “Dialettica”. 71 . Bianco. Dante. Armando. 7-68. n. Lucio.VV. SugarCo. Joseph. Bausola. London. in Mondoperaio. logica. Baldini. pagg. 1972. Einaudi. Mario. in Adriano Bausola (a cura di). Hans. 1978. Difesa del razionalismo critico. trad. pagg. 1981. 1964. Firenze.“Karl Popper e le basi teoriche del riformismo”. 418-438. Questioni di storiografia filosofica. it.. Armando.Agassi. Bologna. Milano. Capone Braga.. “Scientific Problems and Their Roots in Metaphisics”. Che cos’è questa scienza.

Milano. 67-78. 1974. it. Eccles John. “Dinamica della scientifica e dialettica”. VII. in Geymonat. 72 .Scienza e realismo. “Sulla filosofia di Karl Popper”. Storia del pensiero filosofico e scientifico. IX. n.. Ludovico (a cura di). Falanga. Einaudi. Problemi dell’empirismo [1965-9]. Francesco. Torino. 1978. trad. pagg. -. Bologna. it.. in Lakatos. Di Meo. Guastini.. 1977. trad. Erich. 1981. 1975). 1978. aprilegiugno 1979. Edizioni Rinascita.130. pagg. Lidovico (a cura di). 1974. Milano.“Filosofia della scienza e storia della scienza nella cultura di lingua inglese”. Storia del pensiero filosofico e scientifico. Francisci. cit. Dal popperismo alla critica del razionalismo. 1978. in Materiali filosofici. in Geymonat. 1980. Umberto (a cura di). razionalità e progresso”. Il Saggiatore. 456-518. cit.. vol. Umberto (a cura di). Lampugnani Nigri. 274-376. in Rivista di storia della filosofia. -. Milano. 277. -. Curi. pagg.“Come vivere nelle contraddizioni ed essere felici”.. it. Editori Riuniti. trad. pagg. trad. “Il falsificazionismo di Popper”. SugarCo. 1977. Padova. Maria. 1979.. -. Le avventure filosofiche di uno scienziato del cervello. it. Milano. trad. 1978. La razionalità scientifica. Feyerabend.-. Engels. Silvano (a cura di). Girello.. Scienza e storia. Roma. Coniglione. Edizioni di Comunità. “Sulla dialettica”. Fromm. Il Mulino. 1979. Roma. Ludovico. 1973. 1978. Cotroneo. 2. 1972. 107-149. Roma. La scienza impossibile. Garzanti. pagg. Dialettica della natura. it. Giorello Giulio e Mondatori. cit. trad. Milano. II. Op. Popper e la società aperta. 113. it. Laterza. pagg. Gardiner. Imre e Musgrave. Alan (a cura di). it. -. in Curi.“Programmi di ricerca. Fürstenberg. n. Fuga dalla libertà [1941]. 2/3. Heinz (a cura di). trad. William. 1971. Geymonat. Paul K. Op. La spiegazione storica [1952]. Affrontare la realtà... Girolamo. -. Feltrinelli. Dialettica e positivismo in sociologia [1969.Tra marxismo e no. Milano. e Maus.. pagg. Feltrinelli. pagg. Roma.. Friedrich. 1976. Milano. Marco. Bari. Friedrich. Antonio e Tagliagambe. Armando.. Patrick. vol. 177-206. 1 (febbr.“Consolazioni per lo specialista”. Lampugnani Nigri.Contro il metodo [1970]. 1950. Milano. it. trad.. Giulio. in Quaderni Feltrinelli. Leggi e spiegazione in storia. Armando. Dray. Critica e crescita della conoscenza.312. in Rivista di filosofia. Riccardo. n. 1-41. it. trad.

Milano. Giovanni. Milano. pagg. 1975. -. Imre e Musgrave. trad. Alan (a cura di). Popper. trad. it. Dialettica e positivismo in sociologia [1969]. trad. Mondadori.. I modelli della scoperta scientifica [1958]. 1974. 194-276. it. Roma.. Einaudi.. trad. 1965. 73 . Einaudi. R.. Imre e Musgrave. VII. -. Torino. vol.“Riflessioni sui miei critici. 1 (1979). 1979. Feltrinelli. 1976. Psicologia critica. -. Alan (a cura di). Feltrinelli.. Rom (a cura di). cit. Marcuse. “Struttura delle teorie scientifiche e progresso”. n. n. -. Kuhn. 149-172. Imre e Musgrave. it. Op.. 43-74. Critica e crescita della conoscenza. “Post-positivismo e nuove forme di rqzionalità” in Quaderni dell’Istituto Galvano Della Volpe.. trad. Magee. trad. cit. trad. Torino. Milano. trad. trad. 69-93. in Lakatos. it. Roma. 1976. trad. 1979. Storia del pensiero filosofico e scientifico. trad.. Torino. Masterman. it. 2 (1978). it. Margaret. pagg. 1977.. Imre. pagg. it. Hempel.. in Quaderni Feltrinelli. trad. Lakatos. Rivoluzione o riforme? [1971]. Marco. it. in Lakatos. “La falsificazione e la metodologia dei programmi di ricerca scientifici” [1970].“Logica della scoperta o psicologia della scoperta?”. Armando. pagg... La formazione dei concetti e delle teorie nella scienza empirica. Le teorie di K. pagg. Milano. Meotti. Op. “Sviluppi dell’empirismo logico”. Dialettica senza dogma.. Armando. Bryan. in Lakatos. Armando. Imre e Musgrave. pagg. Klaus. Il progresso scientifico. in in Lakatos. Einaudi. 366-408. trad. Medawar. 210-260. Lakatos. 1978. Herbert.. 313365. 1972. Mazzotta. it. Friedrich (a cura di).. it. it. it. Roma. it. pagg.Hanson. it. Popper Karl. Op. in Lakatos. Norwood R. La struttura delle rivoluzioni scientifiche [1962]. Alan (a cura di).. pagg.. Imre e Musgrave. cit.(a cura di). cit. Laudan. Heinz e Fürstenberg. Imre e Musgrave. 1969. Alan (a cura di).. Rivoluzioni scientifiche e rivoluzioni ideologiche. Armando. Thomas. Op. Harré. Maus. Havemann. Armando... it. Carl Gustav. cit. 1977. Larry. Armando. Feltrinelli.“La storia della scienza e le sue ricostruzioni razionali” [1971]. trad. Op. Induzione e intuizione nel pensiero scientifico. Colloqui di filosofia inglese contemporanea. Alan (a cura di). 1974. Mollica. Roma. cit. in Geymonat Ludovico (a cura di). Holzkamp. “La natura di un paradigma”. Alberto. Il nuovo radicalismo nella politica e nella scienza. Peter. 129-163. Robert. trad. Roma. Alan (a cura di). Roma.

Milano. 74 . Un esame delle epistemologie di G. vol. Pietro . Alberto (a cura di). Op. “Metodo” in Enciclopedia del Novecento. Una filosofia senza dogmi. -. Roma 1979. trad.. pagg. it. metodo scientifico.. 147-168. trad. -. P. trad. Alan e Lakatos. Op.. Bologna.Popper e la scienza su palafitte. in Rivista di filosofia. pagg. Critica e crescita della conoscenza.. Marcello. Armando. n. Feltrinelli.Montaleone. -. Bologna. UTET. 13 (1975). Paolo. 1975. Feltrinelli.. it. Il Mulino. Herbert. 1975. cit. 13 (febbr.Filosofia e politica in Popper. it. Imre (a cura di).“La razionalità delle rivoluzioni scientifiche” [1975].“Spiegazione storica e critica allo storicismo in Karl R. Dialettica e positivismo in sociologia. Roma. Umberto. 1974.. Friedrich. in Nuova corrente. 147-156. Bachelard e di K. it. pagg.. cit. R.. Roma. it. 1975. it. Armando. 1979. Radnitzky. pagg. pagg. 1979). 2 voll. 1973-4.. Karl . trad..La ricerca non ha fine. in Critica marxista. 1976. pagg. e Maus. 1970. 105-123. pagg. Preti. Carlo. Bari. Logica della scoperta scientifica [1935]. -. sociologia”. “La spiegazione in storiografia: un dibattito degli anni cinquanta”. -. -. Popper”. “La scienza a una dimensione.. 1972. Torino.“La scienza normale e i suoi pericoli”. 202-218. -. 89-122. La Salle (Ill.Trinchero Mario (a cura di). in Lakatos. Milano. Morelli. n.Congetture e confutazioni [1963]. trad. Massimo . IV. -. pagg.Marcuse. Mori. Popper”. Un punto di vista evoluzionistico [1972]. 287-338. 1 (1971). Karl Raimund. -. 1961. Popper. Armando. Torino. Torino. 64 (1974). 1980. 1977. Armando. Heinz (a cura di).La società aperta e i suoi nemici [1945]. The Philosophy of Karl Popper. trad. Rivoluzione o riforme? [1971]. Gerard. Laterza. Giulio. 1975. 44-68. 121-8. Arthur (a cura di).“Replies to My Critics”. Il neoempirismo. Napoli. trad. Pera. Alan. cit. Pasquinelli. in Rivista di filosofia. Storia del pensiero scientifico. 1976 -. 1980. Einaudi. Musgrave. in Schilpp.Conoscenza oggettiva. “A proposito di dialettica. it. Mondadori. Il problema della spiegazione sociologica. -. Roma. Milano.Miseria dello storicismo [1944-45]. Autobiografia intellettuale [1974].Rossi. -. Il Mulnio. Loescher.. Parrini. in Harré Rom. trad. Popper. in Fürstenberg.) Open Court. Imre e Musgrave.“La logica delle scienze sociali”[1962]. Guida. it. Roma.

Schilpp. 1974. Popper e la filosofia della scienza. Tiziano. 631-689. Popper. “Dialettica” in Enciclopedia. it. n.Rossi. Silvano . E. Napoli. Pietro . Il problema della spiegazione sociologica. di Filosofia. Rambaldi. La conoscenza sociologica. Torino. Einaudi. Rossi. Scienza e storia. pagg.com 75 .Raffaelli. 187-202. Milano. Enrico. Loescher. Storia e storicismo nella filosofia contemporanea. Arcangelo. pagg. “I limiti della filosofia critica di K. 1976.).Mori. Liguori.Di Meo. Milano. IV. La logica della ricerca scientifica in K. febbraio 1982] E-mail dell’autore: astrocalisi@gmail. Open Court. UrbanaChicago-London. Verra. ISEDI. Frederick. Sturmann W. 1973. Sichirollo. 1978. Lo storicismo contemporaneo... Ed. Rossi. Livio. Il problema della spiegazione sociologica. Valerio (a cura di). Antonio (a cura di). La dialettica nel pensiero contemporaneo. Torino. 2 voll. Rossi. The Philosophy of Karl Popper. Loescher. 1960. Pietro . R.(a cura di). Mario (a cura di). Tagliagambe.Mori. Bologna. vol. Il Mulino. in Critica marxista. Massimo (a cura di). -. The Structure of Scientific Theories. 1975. Ubaldini. 1974. Pietro. Suppe. 1968. Popper”. Statera. 1975. 1975. 1980. trad. Gianni. Firenze. Torino. Trinchero. Milano. Stephen. Loescher.. Dialettica. La Salle (Ill. Paul Arthur (a cura di). Massimo . Mario . 1977. Roma. 4-5 (luglio-ottobre 1977). [Roma. Lerici. Sansoni. 1960. Che cos’è la filosofia della scienza?. Editori Riuniti. 1977. Toulmin.Trinchero. Roma. University of Illinois Press. Torino.