P. 1
Lezione Di Filosofia Analitica LUDWIG Witt Gen Stein I Parte

Lezione Di Filosofia Analitica LUDWIG Witt Gen Stein I Parte

|Views: 65|Likes:
Published by Nicola Cara Damiani
lezione
lezione

More info:

Categories:Types, Research, Science
Published by: Nicola Cara Damiani on Apr 24, 2011
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as DOC, PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

04/25/2011

pdf

text

original

Il Tractatus Logico-Philosophicus è l'unica opera pubblicata in vita da Ludwig Wittgenstein ed è considerato uno dei testi filosofici più

importanti del Novecento. Scritto a soli 29 anni, nell'estate del 1918 durante la Prima guerra mondiale mentre era in licenza dal fronte, fu pubblicato in lingua tedesca nel 1921 con il titolo Logisch-Philosophische Abhandlung, grazie all'interessamento di Bertrand Russell. Il titolo latino fu inizialmente suggerito da G. E. Moore in omaggio al Tractatus theologico-politicus di Baruch Spinoza. Lo stesso Wittgenstein nel Tractatus afferma che non è minimamente interessato a scoprire un linguaggio puro e ideale. Egli anzi non era interessato proprio a nessun linguaggio in particolare ma all'essenza di questo. In questo senso l'autore austriaco afferma che "le proposizioni del linguaggio comune non sono per nulla, dal punto di vista logico, meno corrette o meno esatte o più confuse delle proposizioni scritte nel simbolismo di Russell o in qualsiasi altra ideografia" e che "tutte le proposizioni del nostro linguaggio comune sono, così come esse sono, in perfetto ordine logico". Il linguaggio comune è solamente più fuorviante rispetto ad altri simbolismi perché nasconde la forma logica del linguaggio, ma non la trascende - "Il linguaggio traveste il pensiero". Compito della filosofia non è allora la tensione verso un linguaggio ideale, ma l'analisi del nostro linguaggio quotidiano, così com'è, allo scopo di intenderlo e interpretarlo scrostandolo dalle confusioni e dai non-sensi di cui per secoli una cattiva tradizione filosofica l'ha ricoperto. Nell'ultima parte il libro giunge ad una radicale definizione del campo di azione della filosofia. In particolare, suggerisce che ogni discussione metafisica cade al di fuori del regno del significato linguistico ("[...]no meaning to certain signs in his propositions"), e che "su ciò, di cui non si può parlare, si deve tacere" ("Whereof one cannot speak, thereof one must be silent"). Struttura del testo Lo stile di esposizione del sintetico volume (meno di 70 pagine) si ispira a quello elaborato dal matematico e logico tedesco Gottlob Frege, molto ammirato da Wittgenstein[1]. La struttura del testo è composta da una serie di asserzioni numerate ed ordinate in maniera gerarchica: sette principali (1 - 7) ed una serie di commenti subordinati su più livelli, in modo che il punto 2.xyz rapprensenta il commento z al commento y al commento x all'asserzione principale . Tesi Le sette asserzioni principali 1Il mondo è tutto ciò che è il caso. 2Che cosa è il caso, il fatto è l'esistenza di fatti atomici. 3L'immagine logica dei fatti è il pensiero. 4Il pensiero è la proposizione significativa. 5La proposizione è una funzione di verità delle proposizioni elementari. (Una proposizione elementare è una funzione di verità di se stesso) 6La forma generale della funzione di verità è: [ P , ξ , N ( ξ )]. Questa è la forma generale della frase.

7Che cosa non si può parlare, si deve tacere. SVILUPPO 1.1Il mondo è la totalità dei fatti, non delle cose. 01:11Il mondo è determinato dai fatti e il fatto che tutti i fatti sono. 01:12Dopo tutto, determina la totalità dei fatti, qual è il caso, e anche ciò che non è il caso. 01:13I fatti nello spazio logico sono il mondo. 1.2Il mondo si divide in fatti. 01:21Uno può essere il caso o no il caso mentre tutto il resto uguale. 2:01Il fatto è una combinazione di oggetti. (Enti, le cose). 2.011E 'essenziale una cosa, può essere una parte di un fatto. 2.012Nella logica nulla è accidentale: se una cosa accadrà nella situazione può , quindi la possibilità dei fatti già pregiudicato la sua su cosa. 2.0121Esso appare come un incidente, se la cosa che poteva esistere solo per sé, sarebbe poi montare una situazione. Se le cose possono accadere in ogni situazione deve essere già si trovano in loro. (A logica non può essere semplicemente possibile. Occupa Logic con tutte le possibilità e tutte le possibilità sono i suoi fatti.) How We oggetti territoriali a tutti al di fuori dello spazio, il tempo non può pensare al di fuori del tempo in modo che possiamo non opporsi alla possibilità della sua connessione con il pensiero al di fuori gli altri. Se penso che il tema dei fatti può associazioni, lo può non per il modo , pensate di questa associazione. 2.0122La cosa è indipendente, per quanto in tutte le possibili situazioni possono verificarsi, ma questa forma di indipendenza è una forma di connessione con i fatti, una forma di dipendenza. (E 'impossibile trovare le parole per avvenire in due modi diversi, solo e nella frase.) 2.0123Se conosco il soggetto, so anche tutte le possibilità della sua comparsa in fatti atomici. (Ogni tale opzione deve essere nella natura dell'oggetto). Non può essere successivamente trovato un modo nuovo. 2.01231Per conoscere un oggetto, non ho il suo esterno - ma devo conoscere tutte le sue proprietà interne. 2.0124Se tutti gli oggetti sono dati, che sono tutti così anche possibili situazioni in cui. 2.013Ogni cosa è, come, in uno spazio di situazioni possibili. Questo spazio mi viene in mente vuota, ma la cosa senza lo spazio. 2.0131Un oggetto spaziale deve trovarsi in uno spazio infinito. (Un punto dello spazio è un argomento qui.) Il posto nel campo visivo non deve essere rosso, ma di un colore, deve avere: ha, per così dire, uno spazio colore intorno. Il suono è uno hanno pitch, l'oggetto del tatto uno durezza, ecc 2.014Gli articoli menzionato la possibilità di tutte le situazioni. 2.0141La possibilità della sua comparsa fatti atomici è la forma dell'oggetto. 02:02L'oggetto è semplice. 2.020 2.0201Ogni dichiarazione circa i complessi possono essere in una dichiarazione circa i loro componenti e di smantellare quelle frasi che descrivono i complessi. 2.021Oggetti forma la sostanza del mondo. Quindi non possono essere composti. 2.0211Se il mondo non aveva alcun merito, che, se una frase ha senso, dipende dal fatto che un altro proposizione era vera. 2.0212Sarebbe impossibile per formare un quadro del mondo (vero o falso).

2.022E 'ovvio che anche un qualcosa di reale eppure così diverso dal mondo immaginato, - un modulo - con il reale deve avere in comune. 2.023Questa forma fissa è costituito da oggetti. 2.0231La sostanza del mondo può essere una forma e caratteristiche fisiche non solo determinare. Per queste sono le tariffe indicate per il primo - esclusivamente per la configurazione degli oggetti formata. 2.0232In parole povere: gli oggetti sono incolori. 2.0233Due oggetti della stessa forma logica - oltre che delle caratteristiche esteriori - solo differenziate le une dalle altre che sono diverse. 2.02331O una cosa ha proprietà che nessun altro ha, allora si può estrarre facilmente da una descrizione degli altri e si riferiscono ad esso, o altro, ci sono diverse cose che tutte le loro proprietà in comune, è del tutto impossibile uno spettacolo di loro. Dopo tutto, la cosa si distingue per niente, quindi non riesco a distinguere, altrimenti sarebbe distinta. 2.024La sostanza è ciò che esiste indipendentemente da ciò che il caso è. 2.025E 'forma e contenuto. 2.0251Spazio, tempo e colore (colouredness) sono forme di oggetti. 2.026Solo se ci sono oggetti, ci può essere una forma fissa del mondo. 2.027Il fisso, l'esistente e l'oggetto sono uno. 2.0271L'oggetto è fisso, l'esistente e la configurazione è il cambiamento e instabile. 2.0272La configurazione degli oggetti è il problema. 02:03Nel oggetti fatto atomico stanno insieme, come anelli di una catena. 2.031I fatti sono gli oggetti sono in un certo modo. 2.032Il modo in cui gli oggetti stanno insieme in realtà è la struttura dei fatti. 2.033La forma è la possibilità della struttura. 2.034La struttura del fatto consiste delle strutture dei fatti. 02:04La totalità dei fatti atomici esistenti è il mondo. 02:05La totalità degli attuali stati di cose determina anche fatti che non esistono. 02:06L'esistenza e la non esistenza di fatti atomici è la realtà. (L'esistenza di fatti che noi chiamiamo un positivo, non-esistenza di un fatto negativo.) 2.061I fatti sono indipendenti l'uno dall'altro. 2.062L'esistenza o non esistenza di un fatto non può dedurre l'esistenza o la mancanza di un altro. 2.063La realtà è tutto il mondo. 2.1Prendiamo le immagini dei fatti. 02:11L'immagine presenta i fatti nello spazio logico, l'esistenza e la non-esistenza di fatti atomici. 02:12L'immagine è un modello della realtà. 02:13Per gli oggetti corrispondono nell'immagine gli elementi dell'immagine. 2.131Gli elementi della immagine rappresentata nell'immagine gli oggetti. 02:14Il quadro è che i suoi elementi sono in un certo modo l'uno all'altro. 2.141L'immagine è un fatto. 02:15Che gli elementi dell'immagine in modo definitivo ad ogni altri regali, che le cose stanno così. Questo rapporto tra gli elementi della foto si chiama la sua struttura e la sua possibile forma di rappresentazione.

2.151La forma della rappresentazione è la possibilità che le cose sono tra loro come gli elementi del quadro. 2.1511Il quadro è dom della realtà legata - spetta a lei. 2.1512E 'come una scala applicato alla realtà. 2.15121Solo i punti estremi delle linee di toccare l'oggetto da misurare. 2.1513Secondo questa visione è quella che è anche l'immagine del rapporto che rappresenta che lo rende in un quadro. 2.1514Il rapporto consiste in rappresentanza delle assegnazioni degli elementi del quadro e le cose. 2.1515Queste assegnazioni sono, come i sensori degli elementi immagine con cui la realtà dell'immagine tocca. 02:16Il fatto deve prendere per la sua immagine, hanno qualcosa in comune con quello che immagini. 2.161Nella foto e nella foto ci deve essere qualcosa di identico, in modo che questo può essere un quadro generale degli altri. 02:17Ciò che l'immagine deve avere in comune con la realtà di vedere sul suo modo - giusto o sbagliato - in grado di rappresentarla, è la sua forma di rappresentazione. 2.171L'immagine può rappresentare ogni realtà la cui forma che ha. L'immagine spaziale, tutto spaziale, il colore, tutto a colori, ecc 2.172La forma della foto, ma non riesce a riprodurre l'immagine, si vede. 2.173L'immagine rappresenta il suo oggetto dal di fuori (la sua posizione è la sua forma di rappresentazione), quindi l'immagine rappresenta il suo oggetto correttamente o DAR. 2.174L'immagine non può collocarsi al di fuori della sua forma di presentazione. 02:18Ciò che ogni immagine, di qualsiasi forma, in comune con la realtà deve avere affatto giusto o sbagliato - in grado di rappresentarla, è la forma logica, cioè la forma della realtà. 2.181la forma di rappresentazione è la forma logica, in modo che il quadro è definito un quadro logico. 2.182Ogni immagine è anche una logica. (Al contrario, per esempio, non ogni immagine è una spaziale.) 02:19L'immagine logica può raffigurare il mondo. 2.2La foto è stata comune con la forma logica della figura. 02:20 2.201La foto ritrae la realtà, che rappresentano una possibilità di esistenza e la nonesistenza di fatti atomici. 2.202L'immagine rappresenta un possibile stato di cose nel dar spazio logico. 2.203L'immagine contiene la possibilità della situazione che esso rappresenta. 02:21La foto è d'accordo con la realtà o non è giusto o sbagliato, vero o falso. 02:22L'immagine rappresenta ciò che rappresenta, indipendentemente dalla sua verità o falsità, attraverso la forma di rappresentazione. 2.221Come l'immagine rappresenta è il suo senso. 2.222In accordo o disaccordo del suo senso con la realtà, la sua verità o falsità. 2.223Per vedere se la foto è vera o falsa dobbiamo confrontare con la realtà. 2.224Dalla foto da sola non può dire se è vero o falso. 2.225Non c'è immagine a priori vero esso. .001"Un fatto è" mezzo concepibile possiamo formare una foto di lui.

03:01La totalità dei pensieri veri è un'immagine del mondo. 03:02Il pensiero contiene la possibilità della situazione, pensa. Ciò che è pensabile è anche possibile. 03:03Non possiamo pensare a qualcosa di illogico, in quanto, altrimenti dovremmo pensare illogicamente. 3.031Una volta hai detto che Dio poteva creare tutto, ma nulla di ciò sarebbe contrario alle leggi della logica. - Si può cioè un "illogico di" mondo non si dice come si guardavano. 3.032Qualcosa "la logica del contraddittorio" per rappresentare nel linguaggio, è impossibile come in geometria le leggi di uno spazio figura contraddittoria rappresentati dai loro coordinate, oppure specificare le coordinate di un punto che non esiste. 3.0321Beh, siamo in grado di rappresentare una situazione nello spazio, che le leggi della fisica, ma non uno che ha contraddetto le leggi della geometria. 03:04Un pensiero a priori vero sarebbe un modo in cui la sua verità. 03:05L'unico modo per sapere a priori che un pensiero è vera se sono stati riconosciuti dal pensiero stesso (senza un oggetto di confronto) per la sua verità. 3.1Nella proposizione il pensiero si esprime sensibilmente attraverso i sensi. 03:11Usiamo il segno sensibilmente percepibile (segno sonoro o scritto, ecc) come un metodo di proiezione della situazione possibile. Il metodo di proiezione è il pensiero del significato frase-. 03:12I segni con cui esprimere l'idea che io chiamo il segno di punteggiatura. E la frase è la punteggiatura è nella sua relazione proiettiva al mondo. 03:13Il set completo comprende tutto ciò che appartiene alla proiezione, ma non ciò che viene proiettato. Così la possibilità di ciò che viene proiettato, ma non questa stessa Nella frase così il suo significato non è ancora incluso, ma la possibilità di auszudücken lui. ("Il contenuto della frase" si intende il contenuto della proposizione significativo.) La proposizione è la forma di significato è contenuto, ma non il suo contenuto. 03:14La punteggiatura è che i suoi elementi, i termini in esso in un certo modo l'uno all'altro. La punteggiatura è un fatto. 3.141La proposizione non è composto le parole. - (Come il tema non è una miscela musicale di suoni.) La frase è articolato. 3.142Solo i fatti in grado di esprimere un senso, una classe di nomi non può. 3.143Che la punteggiatura è un dato di fatto è nascosto dalla forma ordinaria di espressione, scritta o stampata. Ad esempio, nel verbale stampato fornisce la punteggiatura non è significativamente diversa da una parola. (Così è stato possibile che Frege chiama la proposizione una denominazione composta.) 3.1431Molto chiara è la natura del segno di punteggiatura, se vogliamo pensare invece di scritte di oggetti spaziali (come tavoli, sedie, libri) set. La posizione reciproca spaziale di queste cose, esprime quindi il senso della frase. 3.1432Not: "Il complesso aRb segno <> dice che in relazione R a b, ma è un": Che "a" in una certa relazione "a b" è detto, che in senso inverso. 3.144Le situazioni possono essere descritti, ma non rinominare . (Con gli stessi punti, le frasi, le frecce, che hanno un senso.) 3.2Nella proposizione può essere espresso il pensiero che corrispondono agli oggetti di elementi pensiero del segno di punteggiatura.

03:20 3.201Questi elementi che io chiamo "analisi di segno semplice" e la frase "completamente". 3.202I segni semplici impiegati in proposizioni sono chiamati nomi. 3.203Il nome significa l'oggetto. L'oggetto è il suo significato. ("A" il segno stesso di "A"). 03:21La configurazione di segni semplici nel segno proposizionale corrispondono alle configurazioni degli oggetti nella situazione. 03:22Il nome rappresenta l'oggetto nella frase. 3.221Gli oggetti posso solo chiamare . I personaggi che rappresentano. Posso solo da parlare con loro, dicono che non posso . Una frase può solo dire come una cosa non è quello che è. 03:23La richiesta della possibilità di segni semplici è il requisito della determinatezza del senso. 03:24La frase, che è circa il complesso, è in relazione interna alla proposizione, che si occupa di parte di esso. Il complesso può essere dato solo dalla sua descrizione, e questo è giusto o sbagliato. La velocità con cui si discute di un complesso, è quando questo non esiste, non ha senso, ma semplicemente falsa. Che un insieme di elementi significa un complesso, si può vedere una ambiguità dei tassi di cui si verifica. Noi sappiamo , questa frase è ancora indeterminato. (Il termine generale comprende un prototipo.) La combinazione dei simboli di un complesso in un simbolo semplice può essere espressa da una definizione. 03:25C'è una e solo una analisi completa della frase. 3.251La frase esprime in un certo modo ben assegnabili egli dice: La frase è articolato. 03:26Il nome è, per definizione, non può essere ulteriormente analizzata, è un segno primitivo. 3.261Difinierte ogni numero di quei segni con cui è stato definito, e le definizioni di indicare la strada. Due personaggi, descrivere uno un primitivo e definita da un segno primitivo non può essere lo stesso il modo di. Nome può non essere preso a pezzi da definizioni. (Nessun segno che da solo ha un significato autonomo.) 3.262Quello che il personaggio non viene espresso, i loro spettacoli applicazione. Quali i segni che parla della loro applicazione. 3.263Il significato di segni primitivi può essere spiegato da una nota esplicativa. Commento frasi che contengono i segni primitivi. Così si può essere compresa solo se i significati di questi segni sono già noti. 3.3Solo proposizioni hanno senso solo nel contesto della frase ha un nome significato. 03:31Ogni parte della proposizione che caratterizza il suo senso io chiamo un'espressione (un simbolo). (La stessa frase è l'espressione.) Expression è tutto per il significato della frase essenziale che le proposizioni possono avere in comune con l'altro. Il termine indica una forma e contenuto. 3.311L'espressione presuppone forme di frasi, in cui può accadere. E 'il marchio comune caratteristica di una classe di frasi. 3.312E 'quindi rappresentata dalla forma generale delle frasi, che ha caratterizzato. Vale a dire, in questa forma di espressione costante e tutte le altre variabili essere. 3.313L'espressione è dunque rappresentato da una variabile i cui valori sono le proposizioni che contengono il termine. (Nel caso limite della variabile diventa una costante, l'espressione diventa una proposizione.) Io chiamo una variabile "tasso variabile". 3.314Il termine ha solo il significato frase. Ogni variabile può essere considerato come un set di variabili. (Anche il nome della variabile).

3.315Ci rivolgiamo è una parte di una frase in una variabile, esiste una classe di proposizioni che sono tutti i valori della proposizione variabile risultante. Questa classe è, in generale, dipendono ancora da cosa si intende per accordo arbitrario, con parti di tale proposizione. Ma se cambiamo tutti quei segni, il significato è stato determinato in modo forfetario, in variabili, per cui ora non è ancora tale classe. Questo è ora dipende da alcun accordo, ma solo sulla natura della pena. Esso corrisponde ad un modulo - un prototipo logico. 3.316Quali valori deve accettare il tasso variabile che è previsto. La determinazione dei valori è la variabile. 3.317La determinazione dei valori del set di variabili è l' indicazione delle frasi , la caratteristica comune della variabile. La stipula è una descrizione di questi kit. La stipula quindi trattare solo con i simboli, non il loro significato. E solo questa impostazione è essenziale che è solo una descrizione di simboli e significati non indica . Come la descrizione delle frasi, è irrilevante. 3.318Io concepire la proposizione - in funzione delle espressioni in esso contenute - come Frege e Russell. 0 3:32Il segno è percepibile dai sensi con il simbolo. 3.321Due simboli diversi in modo che il segno (la scritta o parlata, ecc) insieme in comune - lo chiamano in modi diversi. 3.322Non è mai in grado di visualizzare la caratteristica comune di due oggetti che stiamo usando gli stessi personaggi, ma da diverse notazioni designare. Per il segno è arbitrario. Così si potrebbe scegliere due personaggi diversi, quindi quale sarebbe l'elemento comune nel titolo? 3.323Nel linguaggio di tutti i giorni, è estremamente comune che la stessa parola significa modo diverso - i simboli così diversi, appartenenti a - o che due parole che significano in modi diversi, sono applicati esternamente allo stesso modo come un insieme. Così la parola "è" come copula, come il segno ed espressione di esistenza, di esistere ", come un verbo intransitivo come 'andare', 'identico' come un aggettivo, si parla di qualcosa , ma anche il fatto che qualcosa sta accadendo. (Nella proposizione "Green è verde" - dove la prima parola del nome di una persona e l'ultimo aggettivo è - queste parole non solo hanno significati diversi, ma sono diversi simboli .) 3.324Così facile che emergano le confusioni più fondamentali (di cui tutta la filosofia è piena). 3.325Per evitare questi errori, dobbiamo usare un linguaggio dei segni che li esclude per lo stesso segno in diversi simboli e segni che indicano la natura, non esteriormente differenti allo stesso modo non usare. Una lingua dei segni in modo che la logica grammatica - Sintassi obbedisce alla logica. (La notazione concettuale di Frege e Russell è il linguaggio in modo tale che non esclude ancora gli eventuali errori.) 3.326Per riconoscere il simbolo nel segno dobbiamo considerare l'uso significativo. 3.327Il segno misurato solo con il suo logico-sintattica utilizzare insieme una forma logica. 3.328Se un segno è non necessario , allora non ha senso. Questo è il significato di s rasoio 'Occam. (Se tutto si comporta come se fosse un segno che significa, allora ha un senso.) 03:33Nella sintassi logica il significato di un segno non dovrebbe mai avere un ruolo e devo ammettere di essere stabilito senza perdere l' importante etichetta il discorso sarebbe uno, essi possono solo richiedere la descrizione delle condizioni.

3.331Da questa osservazione si vede in Russell "teoria dei tipi" attraverso: l'errore di spettacoli di Russell nel fatto che aveva bisogno di parlare al momento di elaborare le norme simbolico l'importanza dei personaggi. 3.332Nessuna frase può dire qualcosa su se stessi, perché la punteggiatura può essere contenuto in sé (che è tutta la "teoria dei tipi"). 3.333Una funzione non può essere propria tesi, perché il carattere funzionale contiene già il prototipo del suo argomento e non può contenere. Supponiamo, cioè, la funzione F (fx) potrebbe essere il suo argomento, allora ci sarebbe una proposta: "F (F (fx))" e questo deve essere la funzione F esterno e l'interno F Funtion avere significati diversi, per la forma interna φ (fx) ha la forma esterna ψ (φ (fx)). Insieme, le due funzioni, solo 'F' la lettera è, ma questo significa solo niente. Questo è immediatamente evidente se si 'F (Fu) "invece di scrivere" ( $ φ): (φu) ". φu F = Fu. Questo viene fatto paradosso di Russell. 3.334Le regole della sintassi logica deve seguire di se stessi, se solo sapessimo come ogni singolo segno significa. 03:34La proposizione possiede le caratteristiche essenziali e accidentali. Per coincidenza, i treni che sono dovuti alla natura specialistica di produzione della casa discografica. Essenziali sono quelli che soli rendono capace la proposizione di esprimere il suo significato. 3.341L'essenza della proposizione, quindi, è quello che tutte le proposizioni che possono esprimere lo stesso senso, è comune. E proprio in generale, l'essenziale in un simbolo è quello che tutti i simboli che possono servire allo stesso scopo hanno in comune. 3.3411Si potrebbe dire che il vero nome è ciò che tutti i simboli che indicano un oggetto hanno in comune. Sarebbe quindi seguire, passo dopo passo, che non è essenziale per la composizione di un nome. 3.342Nelle nostre notazioni è in qualche modo arbitrario, ma che non è arbitrario, e cioè che se noi abbiamo determinato arbitrariamente qualcosa, qualcos'altro deve essere il caso. (Questo dipende dal carattere della notazione.) 3.3421Una notazione particolare può essere importante, ma è sempre importante che questa possibile via è chiamato. E così è nella filosofia: Il singolo si sta rivelando sempre di nuovo come poco importante, ma la possibilità è ogni cosa singola rivela sulla natura del mondo. 3.343Le definizioni sono regole per la traduzione da una lingua ad un'altra. Qualsiasi corretto linguaggio dei segni deve essere tradotto in qualsiasi tali altre modalità da: Questo è ciò che tutti hanno in comune. 3.344Che cosa significa il simbolo, è comune a tutte quelle icone possono essere sostituiti con il primo secondo le regole della sintassi logica. 3.3441Si può è comune a tutte le notazioni per la verità-function essere espresso come: E 'comune a loro che è tutto - per esempio - con la notazione "~" ("non p") e "p Ú q "(" p o q ") può essere sostituito . (Questa la strada è segnata come possibile, una notazione speciale ci danno informazioni generali.) 3.3442Il segno del complesso si dissolve nelle analisi non è arbitrario, quindi sarebbe circa la sua risoluzione in ogni struttura proposizionale. 3.4Il tasso determina un luogo nello spazio logico. L'esistenza di questo luogo logico è l'esistenza dei soli elementi garantito dall'esistenza della proposizione significativa. 03:41La punteggiatura e le coordinate logiche: Questo è il luogo logico.

03:42Anche se la proposta può determinare solo un luogo nello spazio logico, ma è stato attraverso di essa l'intero spazio logico sono dati. (In caso contrario la negazione, la somma logica, prodotto logico, ecc, e più nuovi elementi - in coordinate - introdotto.) (L'impalcatura logica che circonda un quadro determina lo spazio logico. La proposta arriva attraverso l'intero Il Tractatus Logico-Philosophicus è l'unica opera pubblicata in vita da Ludwig Wittgenstein ed è considerato uno dei testi filosofici più importanti del Novecento. Scritto a soli 29 anni, nell'estate del 1918 durante la Prima guerra mondiale mentre era in licenza dal fronte, fu pubblicato in lingua tedesca nel 1921 con il titolo Logisch-Philosophische Abhandlung, grazie all'interessamento di Bertrand Russell. Il titolo latino fu inizialmente suggerito da G. E. Moore in omaggio al Tractatus theologico-politicus di Baruch Spinoza. Lo stesso Wittgenstein nel Tractatus afferma che non è minimamente interessato a scoprire un linguaggio puro e ideale. Egli anzi non era interessato proprio a nessun linguaggio in particolare ma all'essenza di questo. In questo senso l'autore austriaco afferma che "le proposizioni del linguaggio comune non sono per nulla, dal punto di vista logico, meno corrette o meno esatte o più confuse delle proposizioni scritte nel simbolismo di Russell o in qualsiasi altra ideografia" e che "tutte le proposizioni del nostro linguaggio comune sono, così come esse sono, in perfetto ordine logico". Il linguaggio comune è solamente più fuorviante rispetto ad altri simbolismi perché nasconde la forma logica del linguaggio, ma non la trascende - "Il linguaggio traveste il pensiero". Compito della filosofia non è allora la tensione verso un linguaggio ideale, ma l'analisi del nostro linguaggio quotidiano, così com'è, allo scopo di intenderlo e interpretarlo scrostandolo dalle confusioni e dai non-sensi di cui per secoli una cattiva tradizione filosofica l'ha ricoperto. Nell'ultima parte il libro giunge ad una radicale definizione del campo di azione della filosofia. In particolare, suggerisce che ogni discussione metafisica cade al di fuori del regno del significato linguistico ("[...]no meaning to certain signs in his propositions"), e che "su ciò, di cui non si può parlare, si deve tacere" ("Whereof one cannot speak, thereof one must be silent"). Struttura del testo Lo stile di esposizione del sintetico volume (meno di 70 pagine) si ispira a quello elaborato dal matematico e logico tedesco Gottlob Frege, molto ammirato da Wittgenstein[1]. La struttura del testo è composta da una serie di asserzioni numerate ed ordinate in maniera gerarchica: sette principali (1 - 7) ed una serie di commenti subordinati su più livelli, in modo che il punto 2.xyz rapprensenta il commento z al commento y al commento x all'asserzione principale . Tesi Le sette asserzioni principali 1Il mondo è tutto ciò che è il caso. 2Che cosa è il caso, il fatto è l'esistenza di fatti atomici. 3L'immagine logica dei fatti è il pensiero. 4Il pensiero è la proposizione significativa. 5La proposizione è una funzione di verità delle proposizioni elementari. (Una proposizione elementare è una funzione di verità di se stesso) 6La forma generale della funzione di verità è: [ P , ξ , N ( ξ )]. Questa è la forma generale della frase. 7Che cosa non si può parlare, si deve tacere.

SVILUPPO 1.1Il mondo è la totalità dei fatti, non delle cose. 01:11Il mondo è determinato dai fatti e il fatto che tutti i fatti sono. 01:12Dopo tutto, determina la totalità dei fatti, qual è il caso, e anche ciò che non è il caso. 01:13I fatti nello spazio logico sono il mondo. 1.2Il mondo si divide in fatti. 01:21Uno può essere il caso o no il caso mentre tutto il resto uguale. 2:01Il fatto è una combinazione di oggetti. (Enti, le cose). 2.011E 'essenziale una cosa, può essere una parte di un fatto. 2.012Nella logica nulla è accidentale: se una cosa accadrà nella situazione può , quindi la possibilità dei fatti già pregiudicato la sua su cosa. 2.0121Esso appare come un incidente, se la cosa che poteva esistere solo per sé, sarebbe poi montare una situazione. Se le cose possono accadere in ogni situazione deve essere già si trovano in loro. (A logica non può essere semplicemente possibile. Occupa Logic con tutte le possibilità e tutte le possibilità sono i suoi fatti.) How We oggetti territoriali a tutti al di fuori dello spazio, il tempo non può pensare al di fuori del tempo in modo che possiamo non opporsi alla possibilità della sua connessione con il pensiero al di fuori gli altri. Se penso che il tema dei fatti può associazioni, lo può non per il modo , pensate di questa associazione. 2.0122La cosa è indipendente, per quanto in tutte le possibili situazioni possono verificarsi, ma questa forma di indipendenza è una forma di connessione con i fatti, una forma di dipendenza. (E 'impossibile trovare le parole per avvenire in due modi diversi, solo e nella frase.) 2.0123Se conosco il soggetto, so anche tutte le possibilità della sua comparsa in fatti atomici. (Ogni tale opzione deve essere nella natura dell'oggetto). Non può essere successivamente trovato un modo nuovo. 2.01231Per conoscere un oggetto, non ho il suo esterno - ma devo conoscere tutte le sue proprietà interne. 2.0124Se tutti gli oggetti sono dati, che sono tutti così anche possibili situazioni in cui. 2.013Ogni cosa è, come, in uno spazio di situazioni possibili. Questo spazio mi viene in mente vuota, ma la cosa senza lo spazio. 2.0131Un oggetto spaziale deve trovarsi in uno spazio infinito. (Un punto dello spazio è un argomento qui.) Il posto nel campo visivo non deve essere rosso, ma di un colore, deve avere: ha, per così dire, uno spazio colore intorno. Il suono è uno hanno pitch, l'oggetto del tatto uno durezza, ecc 2.014Gli articoli menzionato la possibilità di tutte le situazioni. 2.0141La possibilità della sua comparsa fatti atomici è la forma dell'oggetto. 02:02L'oggetto è semplice. 2.020 2.0201Ogni dichiarazione circa i complessi possono essere in una dichiarazione circa i loro componenti e di smantellare quelle frasi che descrivono i complessi. 2.021Oggetti forma la sostanza del mondo. Quindi non possono essere composti. 2.0211Se il mondo non aveva alcun merito, che, se una frase ha senso, dipende dal fatto che un altro proposizione era vera. 2.0212Sarebbe impossibile per formare un quadro del mondo (vero o falso). 2.022E 'ovvio che anche un qualcosa di reale eppure così diverso dal mondo immaginato, - un modulo - con il reale deve avere in comune.

2.023Questa forma fissa è costituito da oggetti. 2.0231La sostanza del mondo può essere una forma e caratteristiche fisiche non solo determinare. Per queste sono le tariffe indicate per il primo - esclusivamente per la configurazione degli oggetti formata. 2.0232In parole povere: gli oggetti sono incolori. 2.0233Due oggetti della stessa forma logica - oltre che delle caratteristiche esteriori - solo differenziate le une dalle altre che sono diverse. 2.02331O una cosa ha proprietà che nessun altro ha, allora si può estrarre facilmente da una descrizione degli altri e si riferiscono ad esso, o altro, ci sono diverse cose che tutte le loro proprietà in comune, è del tutto impossibile uno spettacolo di loro. Dopo tutto, la cosa si distingue per niente, quindi non riesco a distinguere, altrimenti sarebbe distinta. 2.024La sostanza è ciò che esiste indipendentemente da ciò che il caso è. 2.025E 'forma e contenuto. 2.0251Spazio, tempo e colore (colouredness) sono forme di oggetti. 2.026Solo se ci sono oggetti, ci può essere una forma fissa del mondo. 2.027Il fisso, l'esistente e l'oggetto sono uno. 2.0271L'oggetto è fisso, l'esistente e la configurazione è il cambiamento e instabile. 2.0272La configurazione degli oggetti è il problema. 02:03Nel oggetti fatto atomico stanno insieme, come anelli di una catena. 2.031I fatti sono gli oggetti sono in un certo modo. 2.032Il modo in cui gli oggetti stanno insieme in realtà è la struttura dei fatti. 2.033La forma è la possibilità della struttura. 2.034La struttura del fatto consiste delle strutture dei fatti. 02:04La totalità dei fatti atomici esistenti è il mondo. 02:05La totalità degli attuali stati di cose determina anche fatti che non esistono. 02:06L'esistenza e la non esistenza di fatti atomici è la realtà. (L'esistenza di fatti che noi chiamiamo un positivo, non-esistenza di un fatto negativo.) 2.061I fatti sono indipendenti l'uno dall'altro. 2.062L'esistenza o non esistenza di un fatto non può dedurre l'esistenza o la mancanza di un altro. 2.063La realtà è tutto il mondo. 2.1Prendiamo le immagini dei fatti. 02:11L'immagine presenta i fatti nello spazio logico, l'esistenza e la non-esistenza di fatti atomici. 02:12L'immagine è un modello della realtà. 02:13Per gli oggetti corrispondono nell'immagine gli elementi dell'immagine. 2.131Gli elementi della immagine rappresentata nell'immagine gli oggetti. 02:14Il quadro è che i suoi elementi sono in un certo modo l'uno all'altro. 2.141L'immagine è un fatto. 02:15Che gli elementi dell'immagine in modo definitivo ad ogni altri regali, che le cose stanno così. Questo rapporto tra gli elementi della foto si chiama la sua struttura e la sua possibile forma di rappresentazione. 2.151La forma della rappresentazione è la possibilità che le cose sono tra loro come gli elementi del quadro.

2.1511Il quadro è dom della realtà legata - spetta a lei. 2.1512E 'come una scala applicato alla realtà. 2.15121Solo i punti estremi delle linee di toccare l'oggetto da misurare. 2.1513Secondo questa visione è quella che è anche l'immagine del rapporto che rappresenta che lo rende in un quadro. 2.1514Il rapporto consiste in rappresentanza delle assegnazioni degli elementi del quadro e le cose. 2.1515Queste assegnazioni sono, come i sensori degli elementi immagine con cui la realtà dell'immagine tocca. 02:16Il fatto deve prendere per la sua immagine, hanno qualcosa in comune con quello che immagini. 2.161Nella foto e nella foto ci deve essere qualcosa di identico, in modo che questo può essere un quadro generale degli altri. 02:17Ciò che l'immagine deve avere in comune con la realtà di vedere sul suo modo - giusto o sbagliato - in grado di rappresentarla, è la sua forma di rappresentazione. 2.171L'immagine può rappresentare ogni realtà la cui forma che ha. L'immagine spaziale, tutto spaziale, il colore, tutto a colori, ecc 2.172La forma della foto, ma non riesce a riprodurre l'immagine, si vede. 2.173L'immagine rappresenta il suo oggetto dal di fuori (la sua posizione è la sua forma di rappresentazione), quindi l'immagine rappresenta il suo oggetto correttamente o DAR. 2.174L'immagine non può collocarsi al di fuori della sua forma di presentazione. 02:18Ciò che ogni immagine, di qualsiasi forma, in comune con la realtà deve avere affatto giusto o sbagliato - in grado di rappresentarla, è la forma logica, cioè la forma della realtà. 2.181la forma di rappresentazione è la forma logica, in modo che il quadro è definito un quadro logico. 2.182Ogni immagine è anche una logica. (Al contrario, per esempio, non ogni immagine è una spaziale.) 02:19L'immagine logica può raffigurare il mondo. 2.2La foto è stata comune con la forma logica della figura. 02:20 2.201La foto ritrae la realtà, che rappresentano una possibilità di esistenza e la nonesistenza di fatti atomici. 2.202L'immagine rappresenta un possibile stato di cose nel dar spazio logico. 2.203L'immagine contiene la possibilità della situazione che esso rappresenta. 02:21La foto è d'accordo con la realtà o non è giusto o sbagliato, vero o falso. 02:22L'immagine rappresenta ciò che rappresenta, indipendentemente dalla sua verità o falsità, attraverso la forma di rappresentazione. 2.221Come l'immagine rappresenta è il suo senso. 2.222In accordo o disaccordo del suo senso con la realtà, la sua verità o falsità. 2.223Per vedere se la foto è vera o falsa dobbiamo confrontare con la realtà. 2.224Dalla foto da sola non può dire se è vero o falso. 2.225Non c'è immagine a priori vero esso. .001"Un fatto è" mezzo concepibile possiamo formare una foto di lui. 03:01La totalità dei pensieri veri è un'immagine del mondo.

03:02Il pensiero contiene la possibilità della situazione, pensa. Ciò che è pensabile è anche possibile. 03:03Non possiamo pensare a qualcosa di illogico, in quanto, altrimenti dovremmo pensare illogicamente. 3.031Una volta hai detto che Dio poteva creare tutto, ma nulla di ciò sarebbe contrario alle leggi della logica. - Si può cioè un "illogico di" mondo non si dice come si guardavano. 3.032Qualcosa "la logica del contraddittorio" per rappresentare nel linguaggio, è impossibile come in geometria le leggi di uno spazio figura contraddittoria rappresentati dai loro coordinate, oppure specificare le coordinate di un punto che non esiste. 3.0321Beh, siamo in grado di rappresentare una situazione nello spazio, che le leggi della fisica, ma non uno che ha contraddetto le leggi della geometria. 03:04Un pensiero a priori vero sarebbe un modo in cui la sua verità. 03:05L'unico modo per sapere a priori che un pensiero è vera se sono stati riconosciuti dal pensiero stesso (senza un oggetto di confronto) per la sua verità. 3.1Nella proposizione il pensiero si esprime sensibilmente attraverso i sensi. 03:11Usiamo il segno sensibilmente percepibile (segno sonoro o scritto, ecc) come un metodo di proiezione della situazione possibile. Il metodo di proiezione è il pensiero del significato frase-. 03:12I segni con cui esprimere l'idea che io chiamo il segno di punteggiatura. E la frase è la punteggiatura è nella sua relazione proiettiva al mondo. 03:13Il set completo comprende tutto ciò che appartiene alla proiezione, ma non ciò che viene proiettato. Così la possibilità di ciò che viene proiettato, ma non questa stessa Nella frase così il suo significato non è ancora incluso, ma la possibilità di auszudücken lui. ("Il contenuto della frase" si intende il contenuto della proposizione significativo.) La proposizione è la forma di significato è contenuto, ma non il suo contenuto. 03:14La punteggiatura è che i suoi elementi, i termini in esso in un certo modo l'uno all'altro. La punteggiatura è un fatto. 3.141La proposizione non è composto le parole. - (Come il tema non è una miscela musicale di suoni.) La frase è articolato. 3.142Solo i fatti in grado di esprimere un senso, una classe di nomi non può. 3.143Che la punteggiatura è un dato di fatto è nascosto dalla forma ordinaria di espressione, scritta o stampata. Ad esempio, nel verbale stampato fornisce la punteggiatura non è significativamente diversa da una parola. (Così è stato possibile che Frege chiama la proposizione una denominazione composta.) 3.1431Molto chiara è la natura del segno di punteggiatura, se vogliamo pensare invece di scritte di oggetti spaziali (come tavoli, sedie, libri) set. La posizione reciproca spaziale di queste cose, esprime quindi il senso della frase. 3.1432Not: "Il complesso aRb segno <> dice che in relazione R a b, ma è un": Che "a" in una certa relazione "a b" è detto, che in senso inverso. 3.144Le situazioni possono essere descritti, ma non rinominare . (Con gli stessi punti, le frasi, le frecce, che hanno un senso.) 3.2Nella proposizione può essere espresso il pensiero che corrispondono agli oggetti di elementi pensiero del segno di punteggiatura.

03:20 3.201Questi elementi che io chiamo "analisi di segno semplice" e la frase "completamente". 3.202I segni semplici impiegati in proposizioni sono chiamati nomi. 3.203Il nome significa l'oggetto. L'oggetto è il suo significato. ("A" il segno stesso di "A"). 03:21La configurazione di segni semplici nel segno proposizionale corrispondono alle configurazioni degli oggetti nella situazione. 03:22Il nome rappresenta l'oggetto nella frase. 3.221Gli oggetti posso solo chiamare . I personaggi che rappresentano. Posso solo da parlare con loro, dicono che non posso . Una frase può solo dire come una cosa non è quello che è. 03:23La richiesta della possibilità di segni semplici è il requisito della determinatezza del senso. 03:24La frase, che è circa il complesso, è in relazione interna alla proposizione, che si occupa di parte di esso. Il complesso può essere dato solo dalla sua descrizione, e questo è giusto o sbagliato. La velocità con cui si discute di un complesso, è quando questo non esiste, non ha senso, ma semplicemente falsa. Che un insieme di elementi significa un complesso, si può vedere una ambiguità dei tassi di cui si verifica. Noi sappiamo , questa frase è ancora indeterminato. (Il termine generale comprende un prototipo.) La combinazione dei simboli di un complesso in un simbolo semplice può essere espressa da una definizione. 03:25C'è una e solo una analisi completa della frase. 3.251La frase esprime in un certo modo ben assegnabili egli dice: La frase è articolato. 03:26Il nome è, per definizione, non può essere ulteriormente analizzata, è un segno primitivo. 3.261Difinierte ogni numero di quei segni con cui è stato definito, e le definizioni di indicare la strada. Due personaggi, descrivere uno un primitivo e definita da un segno primitivo non può essere lo stesso il modo di. Nome può non essere preso a pezzi da definizioni. (Nessun segno che da solo ha un significato autonomo.) 3.262Quello che il personaggio non viene espresso, i loro spettacoli applicazione. Quali i segni che parla della loro applicazione. 3.263Il significato di segni primitivi può essere spiegato da una nota esplicativa. Commento frasi che contengono i segni primitivi. Così si può essere compresa solo se i significati di questi segni sono già noti. 3.3Solo proposizioni hanno senso solo nel contesto della frase ha un nome significato. 03:31Ogni parte della proposizione che caratterizza il suo senso io chiamo un'espressione (un simbolo). (La stessa frase è l'espressione.) Expression è tutto per il significato della frase essenziale che le proposizioni possono avere in comune con l'altro. Il termine indica una forma e contenuto. 3.311L'espressione presuppone forme di frasi, in cui può accadere. E 'il marchio comune caratteristica di una classe di frasi. 3.312E 'quindi rappresentata dalla forma generale delle frasi, che ha caratterizzato. Vale a dire, in questa forma di espressione costante e tutte le altre variabili essere. 3.313L'espressione è dunque rappresentato da una variabile i cui valori sono le proposizioni che contengono il termine. (Nel caso limite della variabile diventa una costante, l'espressione diventa una proposizione.) Io chiamo una variabile "tasso variabile". 3.314Il termine ha solo il significato frase. Ogni variabile può essere considerato come un set di variabili. (Anche il nome della variabile).

3.315Ci rivolgiamo è una parte di una frase in una variabile, esiste una classe di proposizioni che sono tutti i valori della proposizione variabile risultante. Questa classe è, in generale, dipendono ancora da cosa si intende per accordo arbitrario, con parti di tale proposizione. Ma se cambiamo tutti quei segni, il significato è stato determinato in modo forfetario, in variabili, per cui ora non è ancora tale classe. Questo è ora dipende da alcun accordo, ma solo sulla natura della pena. Esso corrisponde ad un modulo - un prototipo logico. 3.316Quali valori deve accettare il tasso variabile che è previsto. La determinazione dei valori è la variabile. 3.317La determinazione dei valori del set di variabili è l' indicazione delle frasi , la caratteristica comune della variabile. La stipula è una descrizione di questi kit. La stipula quindi trattare solo con i simboli, non il loro significato. E solo questa impostazione è essenziale che è solo una descrizione di simboli e significati non indica . Come la descrizione delle frasi, è irrilevante. 3.318Io concepire la proposizione - in funzione delle espressioni in esso contenute - come Frege e Russell. 0 3:32Il segno è percepibile dai sensi con il simbolo. 3.321Due simboli diversi in modo che il segno (la scritta o parlata, ecc) insieme in comune - lo chiamano in modi diversi. 3.322Non è mai in grado di visualizzare la caratteristica comune di due oggetti che stiamo usando gli stessi personaggi, ma da diverse notazioni designare. Per il segno è arbitrario. Così si potrebbe scegliere due personaggi diversi, quindi quale sarebbe l'elemento comune nel titolo? 3.323Nel linguaggio di tutti i giorni, è estremamente comune che la stessa parola significa modo diverso - i simboli così diversi, appartenenti a - o che due parole che significano in modi diversi, sono applicati esternamente allo stesso modo come un insieme. Così la parola "è" come copula, come il segno ed espressione di esistenza, di esistere ", come un verbo intransitivo come 'andare', 'identico' come un aggettivo, si parla di qualcosa , ma anche il fatto che qualcosa sta accadendo. (Nella proposizione "Green è verde" - dove la prima parola del nome di una persona e l'ultimo aggettivo è - queste parole non solo hanno significati diversi, ma sono diversi simboli .) 3.324Così facile che emergano le confusioni più fondamentali (di cui tutta la filosofia è piena). 3.325Per evitare questi errori, dobbiamo usare un linguaggio dei segni che li esclude per lo stesso segno in diversi simboli e segni che indicano la natura, non esteriormente differenti allo stesso modo non usare. Una lingua dei segni in modo che la logica grammatica - Sintassi obbedisce alla logica. (La notazione concettuale di Frege e Russell è il linguaggio in modo tale che non esclude ancora gli eventuali errori.) 3.326Per riconoscere il simbolo nel segno dobbiamo considerare l'uso significativo. 3.327Il segno misurato solo con il suo logico-sintattica utilizzare insieme una forma logica. 3.328Se un segno è non necessario , allora non ha senso. Questo è il significato di s rasoio 'Occam. (Se tutto si comporta come se fosse un segno che significa, allora ha un senso.) 03:33Nella sintassi logica il significato di un segno non dovrebbe mai avere un ruolo e devo ammettere di essere stabilito senza perdere l' importante etichetta il discorso sarebbe uno, essi possono solo richiedere la descrizione delle condizioni.

3.331Da questa osservazione si vede in Russell "teoria dei tipi" attraverso: l'errore di spettacoli di Russell nel fatto che aveva bisogno di parlare al momento di elaborare le norme simbolico l'importanza dei personaggi. 3.332Nessuna frase può dire qualcosa su se stessi, perché la punteggiatura può essere contenuto in sé (che è tutta la "teoria dei tipi"). 3.333Una funzione non può essere propria tesi, perché il carattere funzionale contiene già il prototipo del suo argomento e non può contenere. Supponiamo, cioè, la funzione F (fx) potrebbe essere il suo argomento, allora ci sarebbe una proposta: "F (F (fx))" e questo deve essere la funzione F esterno e l'interno F Funtion avere significati diversi, per la forma interna φ (fx) ha la forma esterna ψ (φ (fx)). Insieme, le due funzioni, solo 'F' la lettera è, ma questo significa solo niente. Questo è immediatamente evidente se si 'F (Fu) "invece di scrivere" ( $ φ): (φu) ". φu F = Fu. Questo viene fatto paradosso di Russell. 3.334Le regole della sintassi logica deve seguire di se stessi, se solo sapessimo come ogni singolo segno significa. 03:34La proposizione possiede le caratteristiche essenziali e accidentali. Per coincidenza, i treni che sono dovuti alla natura specialistica di produzione della casa discografica. Essenziali sono quelli che soli rendono capace la proposizione di esprimere il suo significato. 3.341L'essenza della proposizione, quindi, è quello che tutte le proposizioni che possono esprimere lo stesso senso, è comune. E proprio in generale, l'essenziale in un simbolo è quello che tutti i simboli che possono servire allo stesso scopo hanno in comune. 3.3411Si potrebbe dire che il vero nome è ciò che tutti i simboli che indicano un oggetto hanno in comune. Sarebbe quindi seguire, passo dopo passo, che non è essenziale per la composizione di un nome. 3.342Nelle nostre notazioni è in qualche modo arbitrario, ma che non è arbitrario, e cioè che se noi abbiamo determinato arbitrariamente qualcosa, qualcos'altro deve essere il caso. (Questo dipende dal carattere della notazione.) 3.3421Una notazione particolare può essere importante, ma è sempre importante che questa possibile via è chiamato. E così è nella filosofia: Il singolo si sta rivelando sempre di nuovo come poco importante, ma la possibilità è ogni cosa singola rivela sulla natura del mondo. 3.343Le definizioni sono regole per la traduzione da una lingua ad un'altra. Qualsiasi corretto linguaggio dei segni deve essere tradotto in qualsiasi tali altre modalità da: Questo è ciò che tutti hanno in comune. 3.344Che cosa significa il simbolo, è comune a tutte quelle icone possono essere sostituiti con il primo secondo le regole della sintassi logica. 3.3441Si può è comune a tutte le notazioni per la verità-function essere espresso come: E 'comune a loro che è tutto - per esempio - con la notazione "~" ("non p") e "p Ú q "(" p o q ") può essere sostituito . (Questa la strada è segnata come possibile, una notazione speciale ci danno informazioni generali.) 3.3442Il segno del complesso si dissolve nelle analisi non è arbitrario, quindi sarebbe circa la sua risoluzione in ogni struttura proposizionale. 3.4Il tasso determina un luogo nello spazio logico. L'esistenza di questo luogo logico è l'esistenza dei soli elementi garantito dall'esistenza della proposizione significativa. 03:41La punteggiatura e le coordinate logiche: Questo è il luogo logico.

03:42Anche se la proposta può determinare solo un luogo nello spazio logico, ma è stato attraverso di essa l'intero spazio logico sono dati. (In caso contrario la negazione, la somma logica, prodotto logico, ecc, e più nuovi elementi - in coordinate - introdotto.) (L'impalcatura logica che circonda un quadro determina lo spazio logico. La proposta arriva attraverso l'intero spazio logico.) 3.5Il metodo utilizzato, insieme querce pensiero è il pensiero Nella prossima lezione tratteremo 4Il pensiero è la proposizione significativa. 5La proposizione è una funzione di verità delle proposizioni elementari. (Una proposizione elementare è una funzione di verità di se stesso) 6La forma generale della funzione di verità è: [ P , ξ , N ( ξ )]. Questa è la forma generale della frase. 7Che cosa non si può parlare, si deve tacere. spazio logico.) 3.5Il metodo utilizzato, insieme querce pensiero è il pensiero Nella prossima lezione tratteremo 4Il pensiero è la proposizione significativa. 5La proposizione è una funzione di verità delle proposizioni elementari. (Una proposizione elementare è una funzione di verità di se stesso) 6La forma generale della funzione di verità è: [ P , ξ , N ( ξ )]. Questa è la forma generale della frase. 7Che cosa non si può parlare, si deve tacere.

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->