via Borgogna 3 Milano

-

MM1 San Babila

Martedì 31 maggio 2011 - ore 21

La formazione degli adulti si confronta oggi, nei diversi contesti, con scenari sociali ed economici segnati da forti criticità e da una incertezza diffusa sugli orientamenti possibili per transitare al nuovo. Di fronte a tali scenari, la formazione appare sospesa tra la ricerca di modelli assunti o imposti dall’esterno, e quella di una reale innovazione. Ma se la formazione, da sola, non può incidere sulle dinamiche socioeconomiche o tecnologiche, essa può e deve cercare una risposta autonoma - in primo luogo culturale alle nuove sfide. A questa risposta vuole contribuire l’Associazione ‘formAUTORI’ che nasce su iniziativa di alcuni professionisti di lunga esperienza nel campo della formazione degli adulti e dello sviluppo delle persone. Essi si riconoscono in una idea della formazione che l’espressione “formautori” indica e sottende: i destinatari non siano anonimi partecipanti, ma soggetti del processo educativo, autori della propria formazione. Attorno a questa idea, ‘formAUTORI’ vuole ricercare, nell’ambito della professione, il dialogo e lo scambio di idee e pratiche e, al tempo stesso, avanzare proposte operative che riguardino i processi di apprendimento e di cambiamento, degli individui e delle organizzazioni. In questa prospettiva, intende attivare sinergie con i diversi mondi dell’educazione, facendo tesoro della lezione dei testimoni del nostro tempo.

Ne discutono: Sergio Di Giorgi, formatore, critico cinematografico, Presidente ‘formAUTORI’ Emilia Barone, esperta di progettazione formativa Renata Borgato, formatrice e consulente Piero Trupia, consulente di governance, docente di narratologia (soci fondatori dell’ Associazione , insieme a Francesco Varanini) A seguire, l’attore Corrado Boldi interpreterà il monologo “Il trapezista” di Egle Di Giorgi.
Il monologo è una delle metodologie innovative che l’Associazione culturale ‘formAUTORI’ utilizza per i propri interventi di formazione. Per metterne in risalto le potenzialità, allo spettacolo farà seguito il debriefing dei due temi centrali evocati da “Il Trapezista”:

- la sicurezza nei posti di lavoro a cura di Monica Cicci, amministratore unico di Naichè, società di servizi
alle imprese in materia di prevenzione e sicurezza

- le relazioni interculturali a cura di Alessandro Capelli, dottorando di ricerca, Università Statale di Milano