BRIGANTAGGIO

Usualmente con la parola ¶· brigante·· si voleva indicare un comune delinquente,ma una volta unita l·Italia, questo termine assunse un diverso significato: il brigantaggio divenne un vero e proprio movimento antiunitario. Infatti una volta unita l·Italia, la Destra Storica, al potere, decise innanzitutto introdurre la proscrizione obbligatoria a 25 anni(l·allontanamento dei figli nel pieno vigore delle forze portava un danno così grave che molti genitori preferivano registrare i figli maschi come femmine) e di alzare le tasse (principalmente quelle indirette,ovvero sul macinato) : per questi motivi il Mezzogiorno vide lo stato Italiano come un ¶nemico· da combattere. I briganti erano organizzati in bande,costituite da ex-soldati dell·esercito borbonico,civili,disertori,banditi veri e propri e contadini, movimenti che, delusi dalle proprie aspettative, decisero di ribellarsi ai potenti che li opprimevano, venendo aiutati e protetti dai contadini,che li vedevano come degli eroi che combattevano contro la prepotenza dei signori. Inizialmente il governo Italiano non si interessò a ricercare i problemi profondi che spinsero gli abitanti del Mezzogiorno a ribellarsi, ma piuttosto agirono con una politica repressiva; solo nel 1862 una Commissione guidata da Giuseppe Massari cercò le cause di questa rivolta:innanzitutto queste erano di natura sociale ed economica, ma la causa principale stava nel fatto che questi briganti vivevano in una condizione di miseria,infatti il tipo di vita che vigeva era quello feudale,nel quale i contadini non possedevano la terra ma lavoravano per un latifondiario. L·unica fonte di sussistenza per queste persone era quindi il brigantaggio,che garantiva guadagni ben maggiori. Un altro motivo che può portare a comprendere maggiormente la ferocità di questa ribellione stava nel fatto che le terre demaniali vennero messe all·asta, insieme ai fondi ecclesiastici requisiti, portando via ai contadini la possibilità di usufruire di quei campi per il pascolo o per far legna e aumentando il patrimonio dei proprietari terrieri. L·antico sogno dei contadini era infatti una riforma agraria, ovvero speravano che le terre confiscate venissero assegnate a chi ne era privo, ma invece furono date ai latifondisti e ai ricchi.

Il brigantaggio fu represso dopo cinque anni dalla sua nascita con una tale ferocia che ancora è ricordata nelle leggende contadine. Negli stessi anni in cui il Brigantaggio veniva soffocato dall·esercito, in Sicilia stava nascendo una organizzazione criminale,nota come Mafia,ancora oggi una grossa piaga dell·Italia.In questi luoghi i signori che vivevano in città e non volevano occuparsi dei propri

.campi.che in cambio di un· affitto.preferivano darli in custodia ai Gabellotti.assassini e vendette i gabellotti e i campieri. Dal fenomeno del brigantaggio nacquero altre organizzazioni criminali. che nacque quando in attesa dell·arrivo di Garibaldi gli uomini della camorra furono inviati per il mantenimento dell·ordine pubblico. Ricorrendo a minacce . li costringevano a lavorare con salari da fame e durissime condizioni di lavoro.fecero uso della mafia per contrastare le rivolte contadine. le guardie armate che dovevano vigilare sui contadini. uomini di pochi scrupoli. come la Camorra a Napoli.e talvolta riuscivano a minacciare lo stesso proprietario.per cui molti latifondiari.ottenendo un affitto migliore.che temevano una rivolta agraria.la gabella. pagavano il proprietario. Chi appoggiava la mafia possedeva sicurezza e protezione.

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful