You are on page 1of 51

"

ryfJifi:lil'lil'1''#:3,'Xixlli*'^'; " J,4;-%.*1. /-/-lE .**. " )"1.,%..


Commissione Tecnica Ver;fca di dell'lmpallo Ambientate VtA e VAS

z-r*L-t/slr./"*L

lrllrlr''rlllllllllllrlllllltllllltlfillfllllllllllr[

prot 0000200 E DSA-2009det 19/011t009


J All'On.Sig. Ministro peril tmmite del Sig-CapoDicabinetto SEDE

f5ilrlllllllrtl'lllllllrllllllt,illllllllllllllllllilll' 'i'dffi.ifiriHfi.ffi ;if if,i.i"'ir rMlnlshro dlr'Ainblaiilar-dlls Terilori0 Tulslo r,i'ir*io dBl ?e
. del Mi!=CommirsioieTechlca VIA!VASI'
,.-r'1 .h..cFa-. .-s*.. -,4"

ruirfr cruAgfl0gY0000irrliir6rurl200si,,
6 E .g

4-ar",,/', Ql,//,.r+,-t

Alla Direzione Generale per Ia Salvaguardia Ambientale Divisione lll c.a.Dott.Mariano Grillo
EU

O G G E r r o : l s t r u t t o r iV I A - C e n t r a l e d i F a l c o n a r a M a r i t t i m a . a a cicto : c o m b i n a t od a 5 8 0 M w e _ p r o p o n e n t e A p l N u o v e E n r g i e . T r a s m i s s i o n e a r e r en . 2 1 1 d e l l g a i c e m t r e e O O g l p
s

Ai sensidell,ari.11, comma4, letterae) del DM n. GAB/DEC/1S0/2002, per le successive azioni di competenza, trasmettecopia conformdel parere si relaiivo procedimentooggetto, al in approvato Commissione dalla Tecnica Verifca di - VIAe VASnella dell'f mpatto mbientale plenaria 18 dicembre seduta del 200g.

i
IL SEGRET
(A
E

COMMISSIONE pilongo)

s e
9

AIL:c.s.

a% qJ
il$!i*t:. .:.

ufrclo Mrfenler MAlt cwA.ls-oo Funz ionario respon t:CTVA-U sabl S,0s cfvA-us43?0oa-o1oo.Doc

..''.

MINISTERO DELLAMBIENIEE DELLATUTELA DEL TERRITORIO DEL MARE E


COMMISSIONE TECNICADI VERIFICADELL' AMBIENTALE-VIAEVAS

IMPATTO

Parere 2ll n.

del 18-12.200A

"r)
YL

>

Progetto:

lstruttoria VIA _ Centrafea ciclo combinato della potenza complessivadi 5goMWecomposta da due (AN)

sezioni da520MWe ",i" J, oiia,ilJ una "o

Proponente:

API Raffineradi Ancona spa

a\ .\ n--u'

KN$ ffi / a> \ $\ \


/rx\

^
\ i

fNN"
-1 !

u,u/ \,
' ''u

//^

l/d--

LacomissioneTecnicadiverilicaperl'ImpattoAmbieltate-vIAeVAs

9",1x;;:'f .}'; v,{o," Ancona1-,::ly;1"*#:H:H:"il:i1',i';.il':"ff; ed .d"Tig data zttuolv.o -t'N^*"*pi"tiio"au" in Raffmeriad1 ,"rn"i ""a da 520MWe
dt complessa ) ilella conbinato j Potenza ftima: nel Comure di FalconaraN{ar ii* i uuw| a^ "^tizzarii

der3 200:;'i::,:ilfl'i i'f;:::i;{{ il Lesislarivoaprire 1'rsro Decrero


ir vigo det d11'awio del procedimento, olvero: '

ed modilcato inegalo3. i. precedenreroenre co.r come awiare ":T::;;.rr,i r" oi""iorre di viA '-l* corntn" L'an.35, al visenri momenro Dartjcoldre e norme 'all'etata :tt. "i""".i de decrclo stessoslan
del Mnistero luglio 1986, .3,49 r.,"htit1tzione afi. 6 della I-egg del 8 d danno ambentald'; dell'Anbiente e norme Lnmateia

TT':!i

'

n 177rccante derM":T 9."1 del alel 19.."-9::l:,,1'88 Decrto Presidente consiglio anb.ntatP: di :ie"iiiii* pronun'? conpatibi o"tte

' Decrcto Presidente,*: de1.. :;E'i'il ""i::"wk


integrazioni";

ril,* i;'*;:""ilit ; ed ;; ;;;;;"uiliti" " 'u.'"""iu"modirche "iZT;:*':::^kf'T,,To;'

'007' n''s0 concemente del dellaRepJbblica 14 maggio del vlsfo il Decteto Presiderle ureia d.L rer.itaio e del nare-,,a:"',";r;":,;tj|,'r.248.. d",',t: .onveritacon modiJcaoni .!:-".:;i:^;;"'#li"nrt" tecca dr verinc istituito la Co'rnissione tar.9 cbe ba ed ir. panicoLare viA e vAS;

.llij"i"i,"'o* n",a,* o,e'^i""i'"i''";niu'tXt5y;;1;'i'r[';;::':"il: a"et, ,,


Leee: t; il Dedeto \ae'o vrsro "conversione* ?3 )2|!)it3|-ii' rl) ::2:i"L,Zl',);;";:::[,:Z?Z" t:w:-"{i,ii dei

smattinento r23t2008 ner settorede_tt.o i;;;;";". per misurestraoldtnarie Jro,nte5s recante civile" ed in paticolare ar*""n*i, c)iprctezione

|*!;::y:K;:K:;x:is#'"iiii{{"1.i'."tgo'
della tunzionamento Co'"*i":'Y:::i"Ji*d;;
attr-av^efi le modiflchead essoapportate 02 lugholuu6; del GAB/DEC/205/2008

Mryo" der i1 vrsroDeseto 1q 11l*p'i"ol"r" t""J#,jfl':i,1""il;,d;Liil':"'Ji d"l - vtA e vAS; e GAB/DEC/150/07 :"tt"T!t:""-;"r".fi"u"u,i-pu,to ambientale

e eesc/rS:lzooe del23 siso 2008

"iffi M:nistro del. 9eu-:+:ff::::'[ i Decreti vfsrr i:t;il:":Jiffi'""'.i:]o[il:'3' tre zs 2008: iqgoLcrz a"t rusrio ;:;;"" ,il"#iH,Sil8,!;;il'il:';' 5'""
VISTA la RlMione Istruttona;

2OMweed unada 60MWe

Pag2 di 50

#.rt:#":i.'#Jiii: " :itr.fi:;'rfr l;"#*j:',., ,."l1ilt.:;i lr^r:


,comp-aribitir
LISTA Ia documeatazjone

.pruSO ATTO che la n,rhhr,.-"-:_ de annuncio retarivo "^ilil.r#,;i:ffe alr.

dnh".r"

esamiDafa,

'
'H:i
. ' '

i\d-ri_ {";_ol=o ambj"rr,r"" nfl:'daj23/06/06 prot. orA/i#8rtl" L

p nedejsegxenri elaborari. "*tt dallasocieiApI Raffineria Acona di


\

di Ancora,n2 7 E f ffi:i 28,0 :,Fr[..,i.{fr,T,ii yi, ".* t*.u' n da) 03/07p.or.n. u voL 9,-., ose..i rdahh 28/0)/07 n. oso'_r T fyJi:x, pror.
"o,:":il:?"TJ"
o' outd assunta prot al DSA -2006-20628: comune Montes di *urro, o", .t' ot ou ed assunta prot DsA -2006-20666: al qre-"r" u-o-ru,'o 5:T,i* 1 ,..ac,rro ^*. . . .-@L -25 umesino Fatconara **,", ol,"rTll^0,^guaniere e Comune MoDte@arcia.no, di del

o:i z,

b osservazioni espresse ai sensi deu,ar' derra n.34elre86 6 L. dai

,rl'1 xllt 'l'

."oo-*.,ro*""'_",_:,.;;;";,;;:rr:;.t.::.:rj:t::K
'

comune \y'oDre di san\ iro,del0.1 oA. -^^.., o' t' ou "d assunta prot 1) ar DsA -2006-33474 . coal,oedi Montes* ur,o, o"r' ot ot "o assunta prot. ar DsA-2007-2745 . comune di chiaravarr", ou.r'o 0", ot "u'""*tarprot. DSA-200.7-42g7 . coq*re di chaavalr", ,r,on 0", ot "o ussunfa prot. al D'A-2007-96I3 . Associazioni di Fat"oo_u,an' 140607edassunte p al rot-DsA-2007-17334 ' Medicina Democmrca, der20.0r srte prof DsA-2007-r7334 al . Associazioai di Falconara Martti 0"t 24-0807 edassunfe pot. DSA-2007_23787 al . Assocazio'i di Far"oou* no*r*tn a' del 130308edassunte al pror'crvA/'166 data Resione nwf;?,ilfar:e-e9ercsso n t2e\N^ os

a.ro,'.r,oa. ,.,:il,YJiTg;I5::o

_-* "",,2/u arprot. n.

der Dirisenreser,z,o del yLA


C"wN47OS;

PRMESSO CFEi

fl'

ry

or'o olivzriol

: fr,nf"H"il5Hi""ff *':"::,:1"",5i^q:H:f"':1f":"""%lT"r',i"1'f 0? 'r sa't28 2006:

ATTOCE: PRESO

'ir*a**l-**u**'ru*--*
,,r--i,nro col ICCC alimentato.

'.'r':r$rllilj,*ir3flirytrHTl3l1 h"*1'";",":
t \tr#"1"T:"tili*T;*'::"

anb'::Tl"j:'llT'.Tliill ,a compa,ibliL ;*n*:t'^nmlLt:1"*n*'

MArrM parte.der da rormalizzata .^ ,""" staia "

:"Jff:l:':'s.i1iffft;;
>

';.i":;i"::i'":;;;:;":"^:;'1:iii^'4;;:" a' "-*'n"Lru-'o'o '-,


di uoi, p,oduzrone ::'jil.:[,Jm: "'i'''Xi

1'200a Per gli NOx > 178la Per le PTS (da oroeefo API)' > 500ila Peril CO

ifiilli,"";' i' ;;'"" "'

,ilti9#T:ifi'"io

**"o"'""*'o " ":il*"i: n**:': .i'"l"#nru;t olfi't+K'

con ad acqua dl riale' ad acqua con cotrdelsatorc le de sezioni soo u 'urf"aouoJ"oto up"nol u sia .ia,"-^ aomun" aialo ,. ^-,^.- "iq .on sas naturale con

":";ibr"'""'i"g1::,:#:":Tffi ;f*:il1":}i$i:::]****""'

"t*.*";ltt".ttsi[:11--"*THH"f; I'"''^**""':"-.-:".
:p.lp'"'#' l'*'ff:"$:"TJ:1' J""'"-i

,,ft :Ti,H;;lx#,:".1m;:ffl]#'@"'""".;:::* l:'ffi"fi ,q,, l.""*1,"ll:i:ffi n",1T;".,.:1T",:;",?fl"J; r* u"r'' ^"' il.ft"xJrl'iil:T " it'"'"e""
Superirci e dimensroru
p D , . t a L o t u t o' 4 1 ) pag4di50

e;;di u "i"to "o-uto.to .reuapore@ di , r:, i-coElllertiaa 580Mwe


4r rr Iupra!(o

UdM

Descrizione

Aree utilities comuni Demolizioni dterza massima edilici

18.500
1.000 127.000 32

5_500 8.600
15 _\-j \

Costi
di Ero
**i** * "

320

Tempi di re.riz. zione(1)


O)

?F
bj

Inclua insesneria plimi@, .pp"t,t "p"., ".q.i",i +-riaoi.r*ia

Caratferistichetecniche

Centrale iemoeieftrica a cicto coDbinaro n confgione Gas natale, oppe mjx di gas natale e sas di ?f|heda (tux

Centrale temoetefica a

Gasnallral, opp mix di

alime!taziooesotosas naturste

r turbj con poteua ai Dorset


del geft.aiore di 334 .7 MW

I turbina a condensuione a tzsci O4sil con pote di


, orc6aror ad a, qua dr tue.

noiMle di 44,3 Mwe I nlbina a condensazione a fasci trassif, cod poteua di


(ob , srea coure a .lo I caldaja a Ecpefo di tipo orizzoniale a cift olione

Generator vapore di

I caldaiaa recqero di tipo orizzortale a circouione nat{ale, a 3 liv]i dt prcssione Bncatori DLN + abhattftori SCR (iaiezione soluire di anoniacale i cV R coq effi cienzaabbattiEento 80%) Co-Oxidizer n Cr,, con erfie9a%
I canno (h= 50 n), co!

SistEaabbatiimentoNor

Brucitori DLN + abbatiitori SCR (iDiezione di solione anuoniacate h cV& con efficierza

r\{ \x \U
:{ -\

Sirfema abbaitionro CO

t-

drarl.tro pi a 7,2 m e vetocita di scitaini@ dei fimi pad a I it com@ea TG e TV, con .atrreddzmelto a idrogeno

I caeo &= 50 m) coD drafteto estemolei a 3 m velocta di uscir! Dinina dei tumi pari a ca. 20 !r/s I bi con raf&eddamento a idrogeDo (accopliara a TG)+1litacon raffteddaenlo ad aria Stazoe AT 120kVpe.la

StaziieAll80

kv pe.

Prestaziod (t)

n p.t"*" *^piu"i* a nouw -^pisi,V a*i-,,;

^. a,

nv I/- tf
'fr! |

fi' ;f^

9^

w,l

2 , I

-:.;:i.':'.1 ''ii.,.,., !oti.,


Ceqtrl r ciclo combinato dea potna Pamet'o complesiva di 580Mte

UdM

Szioned! 520 NIwe , t2) | 539.6 537,5

(3) 63.3| 63.3 161,7 61,7 23.4123.4 r1t,\ | l2\.r

Mwe Mre
Potenairmics'mssaaua Pota te.mic imFessa in Pos-

| 52t,1 525,6

M\{r Mwt
I,tlvt | 4,623 4,604
% %

| r'1,1\7,r
l7 ,5 | 31,7 5 9 . 1 /5 9 , 0 59,1 59,0 / 0,5410,54 | 36.54 36,54 44.6144.6 1.5/1,5

0)
12)

i; :li.:i";r;"r.-i i;;,,J,"i.. _rr" **r.a r.-c,.; . *.d." "--

"d:l:;l;:':;;' ;;;;;;'":*. d,;; ;;;":-,::::: "; ;ffi'"""Yr:;;" " ;a1,iT.a'L1-"T:'."-::#i,::; H^l:":.";:,"t,'iT:;

p)

,;fi ;r:":-"T:;l-1:1 iffiffX":;;;;'"""-,;;;:.;-q:;'"' ', ,."" 11.',{r:y::-'-."i::"1..H.;'J'"'i; :;':J'Hff':"ffii*-.,.";ffi#'llililiieiiiii,;*^;'Le.issonio?mredivanodanedi'


Valo(e

Intr"le r ci :ro conrii'aio de[a Potena conprsitt di 5U0Mw Pftadetro

s+**'1T*"o' Sezoncda 60 Mre tl) .,:


Kg,4t Kg/h | 64-893 55.616

ConsuEodi rcqua nare


Colsumo dilcqut dmi (4)

, / 9-8it 52.500

5 1 0 . 0 3/9 . 9 5 1 | 4.361

.500

di consmo acqua s!ry!4 Pr

o)
(2)

'r)
",

illil*f #tr1"#.',il;:*tr;TJ.*"JTJ"jali-*tri:i*'lr#"'i:.-:l'l$':"d'* i*rixi";::::*"';*'ss'ffi[-"fi.*r:J:iffir::iJ}H:1::ff1'!'i#i"-iJl*iil:::"#l"


r* ",*ion n**. l:;",*". pdoti dalla cald'a aNiian anh openn di 23,3 dr! i quan,oi 2r,2 nt di aapo invia,i a rccc non 3rffia pi,

Certrele a'aiclocobiFto deua potelt coriplssiv di 580ltlwe Prantro

: -S,; d 520 MI./e (2'|' , :, :

Sezio& da 60 Mw G) 105 | 4]4.7A0 434.104

66t61 | 2.7\l.rO3 2.116.714 6,0


concentrujoneedsronr u'
;^-a oni<.inni PM10

ms/Nml
E m i r 5 i o Do n n e N U , i

1,0 1,0

kc/h kc/'h ks-4r


kE4r

t,0 0,5 1,0 3,42 4,48 |


/ 0,94 I,l OJ? 0,41 29.9139,2

tu Edissioiorrne rLvr

kc/h
142,8| 142,4 1E.E

CO Emissioriadtru

a,2t9,6

ffie Pag6 di 50

e' an d s e z i o n i d ' 5 2 0 M w i u ad a' a t r e '

EmissoniaDne SO-

23,8 23,1 / 23,8 23,7 / 2),3/ 23,7


1563 1586 /

3,8 I,5

1,8
242/ 251

j,'::TI":TJJ.',"-*;;.Jlf ..,:1,"*1:,.|.#:".".,'""i,,;;;;;;,u.^".d-;*"
(3)

"#;=,##,r,,**tti,Lq, g;*rr.#;+-+,+5:"il-l:,ffi
l-conomco.

qt..i

CONSTDERATO CHE:

I'autorizzaztot\e ai sensi o.r. tnoo) uqica aa d-,#;;;;; dellosr iluppo

Api Raffineriadi AnconaS.D.A_ listanza prot. con n. lg55/06 del23106/200, chiesio ha

5rr;ij ",,,r.r".o

..r per I,iDtervetrio in prosetto. an.orch ol1 realjzzato, propotenteha prcsenuro i al NTATTM domaods per-la concessione dlla AtorizzazioDIntegtata Ambientale trasmessa Mlistero il 23.06.2006e prorocottutu"o" at n" p.or fsli?'l rour, - iI propoDenteha attivato consiuntaente le procedre di AI{ ai sensi del DLgs 59/05 reiarive asti impianii deuaRaffineria e di cogei;;;; r;i G ; p,'j"tto ;,'' "ru-" prevede l'adozione di misre compensatve), basmesse aI Midstero dell,Ambiente il 28.07.2006 recepite n. prot. DSA-/2006/0203i5. e con - sr evidenzia che gli interventi ali compeDsazione previsti nel progetfo ali che |raltisr, non sr sovrappoogaDo queli previsti.perla Rafnneria con e t,fCCii frn;et'iiacleguamenro alteEAT, -

"*o**a" degli impirnti esistei ; il sito di idtervento sihratonetla fascia di pianura costie, chiusa verso l,hte.no ctacolljne con eievaziorj inferiod ai 300 m. L,area gografi"u ai,ifUrl""a p"t-" .ui "o*pr"rra" cca l2 Km di costa ed il t atto di mare dri"ti"o udir""ote' "Jpr._-t " rt C"ff" a, Ancona a SE fino a superare di noco tenitorio ";;;J;tM"fi;#ano, a N-h., .it includendo ntero tenitorio per it co-munare di ra*ru,"r,a.,r," iz Jioiijl

ed irueriri netlambito p.o""au* J *J'"ir"*T,J#i aau

v"r"o"r.r" J rr"ii"-4ffiffi;$5h
-

le aree protette, nelle vicinanze dell,area di inrewento, f:,11 lCr*d, cosi come nr-areavasta,non sonopresetrtiaree SIC o ZpS, n parchi Naturali, ni""iu" ^",urufi ed Aree protette; conseguenteEer _Rischio di Crisi Ambiertele (ARCA)

troIl ha presenrato rerativa ra lt rt;Honente


\t

a'r co'nl"'so [i :il:irirft f"1ilJi"ff"L:"-*,Jiiii:*5i'"aiumeotir,"'r^n*ua


-

iI sito dcade nell'area dichiarata ad Elevato

piaDo Asseno ._"1",t_*l di 'qvwwruruerricade ia areaa rischio ldmgeotogico, '!due r rua area nschio elevato 'li n fl uL elevatn ljfll ai sondazione (R4);
.l r-

\^
' \

dj integrazioni chiarirenrj; e

connotaprcLn. DSN2006/28011del 03/11/2006stata i[viataal propotente ri"f.i"rru !," r rvvvrrrurs una i


\t.t -f\ ^,t n \i ^l nfiry fl,

la Regione Marche, nel condvidere le richieste fomulate al prcponete da parte della "".." "".," Cormissione rA, haa suavoltarichiesto vIA, na a v votta nchiesto ulterioriint"grazioni ii*r_"r"l ulteroli integrazioni e chiarimenti;

PREsoArro:
P"s?di5o\-

LY,n
,//

A
(h

trf lA
I lf

"fl'

hiL4apirlttw"pdradnar4te-

{ $''

C l'fl n 64u- 1,^'-46 X

6' -

\'" in risposta alle dchiesteld' hfomazior e alelleintegrazron inviate dal Proponente deLle e del con prot- DSN2AO711034 08/03/2007 con ""iioor- ""q"i.it" ;rpettivamente 'DSA,/20 i 7/94 del2q 03i2007 50 mor. r e in dta-21103107 --- deeli ulteriori chiarimenti e bformazioni trsmessi'lal Proponente 30t0st07'

',.n{""',.' "' . r'"

st):.:..",.

dal Proponeote ed acqisili dal desli ulteriori chiarimenti e idom'zzioni tlasmessi del26 0e 2008'in rclaione a qanto al prot DSA 2008-002639e .;il;;iid;;; 09 inione de108 2008 nel1a emerso ed dalla RegioneMarche n datl-22105/2007 -- del Darereatell'Autorit di Bacino Easmesso con acqisito Prot-n. CVIA/2492; con acqisito ProtDSA-2008-00I1824 - alella trotailel Ministero dello SviluppoEconomico del30.04.2008: - delNllaostadt CTR Marche rleivigili del fuocodel 5 11 2008 comurj: \tA daj seguenti dlla Commiq'ione pr\cnud . del parerie de'le oq'erva/rool San Vito' flonch del Falconara Marlttrma, Montemarcialo e Monte ChiaraYl-le, parere dellaProvinciadiAncola; TENUToCoNTochetlrtieleosservMionisotrostaieoggettodi'attenla.va-lutazionenelco$o attezione per quantoguaroaI Darticolarc prcponente; RNLATIVA}IENTE

29/05t0't' e ara ;;fit*';;; r;;;;. osazoottrotzt det0sto4t2o07 ecvw26/5i cvlA;264s r^vlA./'6oe ; ');;; ;;",iti'. ""npror'

#11,,;;;;;'"h,t* :i; :i:T"11.::T"J,ffi;.r"ffii-:i"fi"jffinl"f*11"i:fi'J


AI, QUANRO PROGRAMMATICO ai ed e naz;onale regtonale iI particolare internazionale' energedca c,rca la Drogrammarione l sesuenll di oenere Energitico Regionale PEAR' che prospetta ii;ffi;'!i*; obiettiv: tla capacitdi al -Tendenziale raggingimento 20i5 del pareggio di bilancio e eletrnca consumll Produziooe

--Riduzionedelleemissionidigasclimalterandal2015'dioaqrantitparia 3,5 miliod di tonnllateall'anno di CO2 eqrivalente' territorio nella logica della vicinanzaai poli un mediante sistemadi pro'luzionedilfuso sul (elettri:]91:X:t" " U"UUo) faloretrdo cena[ ol plcuu taglia di tneeneYgT di constrmo, fi.o a qualche direz]onali, e ientr-ali di cogenerazione -.. ^cnpft,i centfi comtercrull e ce,'omr omogenea' induslria]e di al [."-.'JtWu iJ.m.i' e caore) servizio un area CONSIDERATO CEE iodictziotri aranzatatlall'Api' tron rispondeesattamente'alle sopla.la Proposta Derqatrto del PEAR dovranno esserc rr'*"rt,, aite morlatitcon le quali Ie strategie l" iit gli prevededi conseguir obiettivi prefissatisimediarte datoche it Pianoenergetrco soddisfatte, impianti di pFduzione gfia diffirse s;l tenitorio regronale'e non mediante ""iia, iil*"rt o di media grandetaglia, comequello in esame' scenarioal che itr tal moilo' te previsionidel PEAR nello sotfolinea, il Propoente """. ^""*"raf."tn"io per, per il qale ai "opri.n il fabbisognoenergeticoregionale, ioii, colmato con al realizzaziore ""#J1"il "" a"fi"ia p ari aIL9Vo,che verrebbe' viceversa
undda 52aMWeed@ada6oMtre'

@ni

dj Pag.8 50

..:rl!;

delle nuoye CTE, come dslta dalla tabella comparahva sotio ripofata.

:.rH:*:,":,,I""fl iilJ?;..:T'L":::;Tj:ff "Th1"1""",H,;x:,s ffi

; r{1*:Hs..;Th3##li,i:*:* :iu,, r.fft#,; iir.ffiff A


i, Ui:ilT:1",ffinfr;1";"il:***1,':::i:::-*l"Er&bi,ancio 0",,"L"* energerico i
t

,i,l': iq^ kr{,.#.T::.tfu ;T*:m,*' i l;i;l#3ffii"^,:;l;i:,ix5#ff


,'i-T:JHT:;d'Jl;T'::-r'"X,,:ff ;il:Hi:'*''"*'"r"#"'ff tr;';ff:+0

I i;[n:";;n:fl,T;"":""

combina a merano rcome que]ro propooro) \ \\ che

.t1jtr'$ l:E".g;*::*i*Tg*ili1::ffi*1 \l r;::*"#*r


aeru :;iX"*T#"i'J"JiitT;.?;"fff:""-e disrribuita sezione der dereEAr-pp!l.u,ri,r,,ioo" a'a eo-ffie,;"n#;"fff;:""-e distnbuit^ .EARpe2$rearizzazione 4V f, {Y fl|

r^ccaisop

,.X^) 4/r,/" "// ...il f,t 0L .\>

w
td1 n

Gh- iI

'"trif
i r or o u 5 l i a l e : + ce,lraledidr.eho.dec,caraall-fe.e.Ioel
., .l

neL + "i* .* pre,edeI *:,i#:..:j;:'j?"iij,lil"E,J.l";';'

-rky"*;

3,'H:i:'Ji:flHiff':Tli:t'tii'il:'.;""":l'; H["."Y."-;ifr::TT."lH,ff "-]'


qltanto:

Jff ;?l i'"-* ili"', ::tr ;,:T,l"n "

'i'{ii:#l:!1Ttr: ff:'''l'*liT:ffi ;::'.;;;::l:'' :*',,,**r*ll"

i*il,,3;"':L'.:.-1*:,:*:l'""'n$i:""'l:;;";:l[1 l[*: ' :;:ii:[ $"..,": :H* ;i* *n::: "'i"J:i: f xil;^"J* ;* :
"iil"'t'J fi.-;::;"* *i:'*':;::i: i :l'j b:Y:l" lJ"'l: **:-il',Tl ""ersia ' PLr-$r' ere'-c'r ""|l
!i,l;'-J""i"
nelPEAR:

;:'''#;ji'l l'nt:.iH ':1;:tr,1*1fi.,T'ff:': s*',;#

ffi#T;::{T"'tri*:,*"HT:i,"1..;L:::':T;:3^i##'i"'"
ri-::,:
.:: 0 !-! I,Z

330

oenc daJapplicazione

hll']*.'::;tru:,:J$,:T il,'il-"J;'*T.',t",*1ii:"i:liliii1"ti+ift
i*i*"

previsto per l'anno 2012 riterimento allo scenario

'.:xl"rTJ:;:'r"f ::"iil:il'iii:*: :* +*l*;1":; i;i'i"'iillll[l * * fr :'ff'o"iJ"'


1.,:::,:'::1r,i"J
s l flercal r"ou.|to ai quot" Oi "tissiooe Kegrone z:r" .li inierlocuzione dalla

rl a"r-ti"t'u dalla Commissrone

:::'"il: iJ l"*:':ll iT','.*:i:i::itiffii]ild;HTi:x'::'';

: :':':::Hl:':J.:"ir ::J$J r.:*:, ;::l:;ri""i",l":;T'irffl:ti"xlT:1


a da 6awe ?ag 10di 50

'',, "tffffiH;ffiffi
i""l*"'ff:.tii"l?"oi#f

arr, che 'f#r*1:"r".":I: ll,u;-"o,o or*" r decreto


u--T:1"'g:Ii r'atto :*'essione' di nre'.eoto

::,,i"::::,,::,"n2 iij;I;,z,;;it :;"*; t;L,;: ::w,1;i: :{:3i:, k : \qN tr::#'::",J:,,')",i:!iT;L::*;;";:::;y;i,::";:i:i::t:


;:,:#"i"",;:";"i:!: #;";11il*,'T'ff*t p,roq *_. r,.-u"i.*,t;.ii*:i#i uzn i'.ffff f ri'larda, o .., dttff } h,,,}3; ;)

:um"t**.*nrr#",#:i#lilL:lr:in ,N

'
'
.

i*;*1 ff5hi';1ii1';::f',tJ;it:[r"-ffi ffi n.f#:,'fl:lttm:::d;*:'*;;-.#*;d:F


\L
dieaissioni ",uuitfr"nt"l aar. u l"o.'i,n :ff T"1'T"iil#'|n"iHljf :H lt ;:1ffi;,::%HlTir":""acuraespesediApL;;;il;;i:;::""i#L""","

:::m lt#Hi iiffi*fu:tr'i.#liliild;6f N::;h# ,l'.{.+.'th-j.*;f

fl'r.fl:fl:-"ffi ,::JJiJi:ii,:ff iltd*t*"t*H :,rr3*",."T:!ig",; ^,''


la presenrazjone il3l/1212004 enD-o di,ua-piano. relatjrjtempi con di arfuazionc. per

zo'izzazone "":"ff:TTilffiTii,TT1#"{'",t:9^1!"-::t*: deua dere aree "oo,"""n," i"p*to-*;.i..fr;f";:;n""j".;l::ffj1ffi;*:.i:"1 srabili'qenro,

-i#ff

jrixTdi:ffi", llnrslxlr n:_,";: "#:# ;# *""i;". ;:,T"il"1,I3ffi1,:Titr;.il::f ::+t+t ::'r,*.." "*iiJ;ffi n


;pJ,""ff

j::t r;;##trr \m, t;*Ntqffrii"1lffitf:**:


j**H':";|l'" i.'f:::'"i:,:::!:;":"f d, ; $*:".'*,#:'""[" *: trJ:l1;? \L
Pagildr50

'-"T:,'?t"T.;i"':,?ffi ilffi,hf, ;,*;1"'"'"Marcheelproponenretd

,rlr,
idruulicae l't tty:Y:'Yj':ff;o:bt di ''"il'".'"' l'^" . ffrdameniounost"lio per la veriiica "', -t,,llijl:iii-ff i ;i:'-:;i"*, ;"; :Xfl lT -'

sura desi det:"":*1$"" . detnizione,base esiti -i"-i"i-"r"-i i::t**lT;"#iltffiilitr'J:; ancner"' necessarie' all'interno
eventualent spazr di risulta. stoccaggi.

esoniiaziooe in tale fiatto' cosi corne

sistema deL deeli "if*Tff*ff :i ::X'ffil:ili'"" ;,;";;;'*'onui.,"u'oo..


:l

al ro ,-fl;"'l: co\stDERA cbe .Prorocorro-d'intes r'l'^l;"-;:":. T""":'"1:J"".*"' haotro aderito h frovrr S.p.A,
Ancona tralcorala VAIUTATO CEE:

- l prosetto ipp*".::.31'.lXl5::"",ffi:il:::ir: inesam: :t$:T:l#ff**1il e ilrternazionslel


ambitonazioale dichiate; q'-'o

ir.?EAR':'li,'::;r"#"fl risuarda. ::; quanto per .y:";"1",i1"':[.'-Tffif' le mod;ili cl-le pt tig"*d'


liii,,ra dismbu'ae non co'lcnbala' s.enerazrone
aua benefLcio ambientale cofilesso uno 'rudro del prooonenlee tale conclusionediscendada io'e dltlnbt'lta' bencne cogenerdz

::T.:ij,X#i":"',i.:iilil{:["JJl;fj]H'",'lfii"H;.
d'l Piano: ii?-t J'Pi.;" ioai'^'ionj
nmmissione ngaroo;

risuarda "*-'9"["|'Jfli"ll, - per auanro il dencil :ob",l"i::n'i":"l;".'iffi*":1 VIA uoa valtazroDe

t;#il:i .ig,,"a' j-ff"":,:^,i:::""*lf:,: :: qu*,o " l'":-]]"o", it Proponent" *:t'Ti"il";i;;',i T.i"i,'Jlff rel 3p, con quanto,indicato
l" "."o.ao
:principiodi frasformsaone.deuo ;,".* ;; ioair,-rt .

iiliiliiii1 ;ld;:lii IJffi ::::iiqi ;:nTJ"::,'"T:;f"Hix1 ::*T;x'


:l-ti#il"il: co1 i rapporri re di ^ r'"'"'"a" p"'it'r condironj ,i,'.,J.";r"l'"*T';
t" prerisionidel PLAR locali e regionali"; imprJse

di co?'1-i,",-J,T";"1fi""1t:frJr:,i"",*"*;:X'u:''1"'if:itoi alle merito emissioni ertr 1n con


alio stato attuale Pur

rlcwh): (circa cwlr conoo400 140I J-"! ri "oorrl""t"" BAT

_aifinideli,EissionTrading,slpofalefferimentoallosce]1adoprevistopefl.alrno20l2 l'ullenore oer i'tr" i" f*" ai re\ isio.re' torseglre 20082012rancorcn dal nuo\o PNA

"' "-*l::1"1..1.',Jir*;l'il" fi';:l ii-t.,'.n*.,^ *nj:,f:'iT;,;ff ';;;;p.,


prr a +tt''zt orooonenlerbullano essere ]'- --.-a^r di _nuo\o enlrante'"

*-," le",^-0"1 ";,".i a.i i:;i; li"i"":i:J"h:[H:',:,]1,"u'1uu.. irca ra; "*":::.:i:jffi1Teo'ooo HH,"{iBeT
i'ir,"i"-i."1""-

J"'''"TI TJii:li""1"$ff l:::':"1,'11 dapariedelproponenie; iff::li,':"";:E'fl.",:#,: :l;'1"' t"t terclo


tt" e't una da 6AM'le

di Pag.12 50

CONSIDER,{TO CIIE: In nerio at Piano Region(tledi Tutela e Risana.mentodella euatit dell,Atia quanto riguarda speciflcamente la rflinria e l'rccc, Per nel piano itrdividuato utr prograormadi gestione alcutri interventi atti a limitare a 2 d tonneuatei[ tetto massimo giorn-aliero di emissioni di NOx; in sostarzaiI piano pul non evidenziando criticita dirette per gli NOx, mettein videnza comein atcuni periodi delt,anno (perioaoU"fi"U "_i "iolll dovreb[croessere limtate,essendo NOx ritenutiprecursoriellufo.*azion'"ai Ororro. g1i 11 Proponentefa dlevare che la limitazione contenutanel piano consegue m episodio di elevato ive1lo di ozono verificatosi in na centmlina der comune ah r^t"ir",",lJ-rjr" r,estate der 2000,ma.piriprcsentatosi neglianni successivi; seguitodi tale evento, piano di a nel dell'Aria stato indicato che la Rafftreria deve assrimerepaficof-i ^,,*i_oo"ori.ri euait uU , Limiiarele emissonedegL NOx a cca 2 ton/giomo, in presenzadi el*"ti fiu"il o'"__. Si fa prcsente che, a .iguardo d ci, il proponente ha prccisato che, nella eventuatit si dovessro presentarenl futuro situazionidi criticit legateall'ozonq it sio inAustriat ai alconara.comprensivo nuovoci(to combiDsto S80\,Ir. det da p",r". ," O*, p".i"ii , elevatacriticit, pateciparealla ridzionedella pressione ambientalcriducndoil proprio contributo emissivoaI fine di limitare le emissioii complessive di NOX ad un vatore non speriore alle 2 ton/giorno, pr scrificandorottimizzzione de[e risorse etrergetichee facendosi carico dell'aggravioeconomico essoderivante. da lD ottmperanza alle indicazioni det pia[o, il progetto alel proponete prevede, relativamentealle ruove CTE, Ia aalozione.di tutte le misire gi p."iist p"i t, ruiiio".i., tra-cui.l'estensione Eonitoraggidelleemissioni, dei attraverso S'l_gp"r'NO*, CO, SOZ " ai" rJ \. che s:birno Iniegra. con il sistema FCOS.per il moniroraggio principailcarniaideL dei sto e con il sisrema CEMS, dedicato ail,mpiantoIGCC. Tutri i-dati, compresi qoell..tativi d:.1r. rere di cenrralinepres;nb srl teritorio, "-rooo'"oniiui i-;"-po,"or" S""!l 1^3 :o* rrovrncra d con ra Ancona; il propoDenterileva che, grazie agli interventi previsti, il qadro missivomigliorr [lteriormente, tleterminand-o quintli una situazionein linea con gli obiettivi getreralidi piano. CONSIDERA.TOCEE: In merito al Pia.nod Risa\mento eII'AERCA : Il Piaro si.articola in Obiettivi, alcuni aleiquali riguardano anche lo stabilimento Aft e
cne ot scgutto sLelellcano:

obiettivo A - Risanamentoe tuela deUa qualt dell aia, per il quale prcvista la riduzione delle emissionipunhali degli impianti indust-iali; abiettvo B Rsanamentae tutela della quatit delle acque, per cru solo prev1s lnteenfi di niglioramentodelle acquemarno-costiere; abiettivo C - Miglioramento del clima acustico, c:heprevede le,soluzione di acusrcbe corsoliddie emergenti. le qualt " io.pr"., l'area delta "d rrd rLumesIno; orltyo D - Risanameffoe futela della qualita del suolo; obettro E - Aon sull'asta f&ale mediante messain sicuezza e tutela delle esposte nschioidrauico a R4;
. obie ivo M , Ottimizztlzione del sstema energetico deu ,AERCA, per lo generaT'oie e0ergia ribuira. ai di,

!t
^:"';l,:::i: ;;''*" *'ta p'e-a codPtessi';a 5s\awe cahposr'1 Pae 13di 50

S" CONSIDERN.TOCHE . perquantoalL'obittivoA: '

pe|mette- cogliele di L'insedmento nel sito di un nuovo impianto di produzione di energia amientali che ;f.|Oti"niuo N' grazie alla ailozione ali significative misure di miligazione grazie ala riduaone dei qantitativi ambientate peraetteranno d1;ttenere una minore pressione dei pricipali inquinanti obiettivo, alche dopo I'sermento del L'Api fa dlevare che sar possibile cogliere-qesto motrvzTlom: nuovo ciclocomblnato,per le seguentl _int-odL,'ione impianri ad elelaLaprestazio'e ambienlalee dele di > I che ulteriori misure di compensazione sammo realizzatesugli impianti esistenti' partfueda na situazioneambieltalmente meno gravosadi qulla permetted di attuale. ! La flessibilit operativadel filtulo sito indstriale,offerta 'lalla presenza delle de ouove sezioni del ciclo combjrato,peimette' di adottarc opportmi assettiopetivi che garantirallnoil rispetto del limite ancheco tutti gli impianti ftrzionanti. . Perquantoall'obiettivo B: L'iniziadva sarantisce la futela della qralit delle acque. IlnuovociclocobinatoutilizzalrnsistemadiffreddaEeoadacqlladimareacicloaperto di "fr" *fi r".-"n" ai tuggiungerei livelli oassimi di eficietza del 60% e co*seguentemente dall'UDivelsita di Ancnaa ;Jl,i. L .*i..io"l ""p'*it- di energiaprodotta Gli strdi redatti temico rizuardohamo evidenziatocoe l'impailo sul cetiore mare' sia in termii di impatto che tova "'"U-i.o .oor"gu.rrt" all'utilizzo dfbiocida, hascuabile Mancan di impatto impianto di gg-"ttiuo lr"otitto nella esperienza corsegrentela gestone del simile raffreddrmentodelia IGCC. . ?erqlanto all'obiettivo C: dichiaa che l'insermetrto delle due sezioni del lovo ciclo combinato da Il ProDonetrte lo aggavio del livlio acusticonell'arca ctucostante un consistente isrrii*'-".*"no ambientali del program;na di risanamento ed i valori di rumorcsit previsti nel ;;;-ili*.il rispettal n Piano di RisaramentoAcrstico Volontario, attuaLnente fase di esecuzloe,salzlmo del anchodopoIa realizzazioe nuovo mpi^nto . Perqrantoall'obiettivo D: e attivita La alizzazionedelle due sezionidel nuovo ciclo combinatonon interfensconocor dell'intelo sito' ih in essere messain sicrezza . Perquantoall'obiettivo M: dr energra L'articolazioealeluovo impiatotiene conto della necessitsia della generazione ed prodzione tilizzo d energla oeila ccoe.tua dei faubisogniregionali e nazionali' sia della ii Ji"tJto" aou" ti"ttiesta;al tJritorio. La sezioneda 6oMw stataprogettatacon lo scopo r" necessitenergetichedelto stabilimeoto con produzioneintegrata di energia air"oi.r*" elettricae vaporc. garartisce il La moltepliciti delle Ionti ali calore disponibiti nel sito indstriale delle tenze ad soddisfacimento delle richieste di utra rete di telerisaldamento uso

ffi

zd ;pasta rtddesqioi uM da 520Mrre !^a da6aMtre' di Pag.14 50

""1i;i$i;""qi"."#:',''iilJi[Ttdff "-"-J,"T",1"1 f n#;::.Tt:r"ilff

ffi ;#:**'T'*;ru:+:*'r;ll* i,lrtrft?ffi i rru;:*::ffi::r.;,i;1n,_#r. a misl,rp ,,die t: e ;ffi{l?jtil-ii.Tn


Ia occasionedel Rinnovo ,

"N i,:,ltH',9",".;t-:i^J:--""*::il
\\'.

co^sJDERAToctr

::ffi ",,,9;.::hilL'X"lh'iH::ii1"""::::" dlil;ffi


4\

In herito aI piaho Regionale d

\/ r$r'rl.t;:,.1:,'."**";'tle*d;+i
u,,, 0",""n,-,,. i"i["Lili:i:l,i:*H:,i;;::n::,:rir."*Ju'uu*,.-,, \\t e re 1.;.;.# "#:.ilil:.".,#:"1,,ff mer ca6 fo,. T:,.f:f ry"il#;t \ i :# In m,*in aI Pano
,

;il:X#:"',J"JiJ,"."-*1u"'*'''' n"n' odcttc4cqa"(PRrRAt

**,*n*ttil*+*r****"'t ffiffi;i'"r"r 11 i*i: ^;::::;:::*;i::*;::::"'l$ftiffi??r" i


1r sito inrcn,.-]^: , Regio'lale (PPAR) " \'\.,'\

wr l,Assetto Idrogeologico (pAI) CONSIDERATOCEE _"-qrvL..&

)V I i l l

id"ntin"u l.ito delacrE das80 Mwequare a rischio if,lrj* area -""-qrv rrEyaro esono"r"r"J$\ erevaroe.^--r "t\t .'r di vA_uTATo, rig'ardo, ar cle:
::" ]o scopo dj md;vjdudre ori i.,-_.^_.:

: ,7,ry

.;;;-.;--

*. tr'^,fr*T*tr*F*ff g ugfr=*lt:;'il-* ffi n


- -,_r

nA
\^

,h 1

14 vl4uurazlone

-*;rr= QIV

Pas.15 di50

r /j \ t

/r':,, e

I "li'u

.t\. /'l\ l
^

.1.in1,:

"il ffi i:lii I rso #: .1 pIeIamer ["#'.i#;;; ".,xtT T:, rodepe'.o in :::: ]:l.i m J .aro co \ _
ft ra o ::$:H:" $,"':'"'$"lii'"-l*

.-o p:1,'."r,ll*',T,"f".:::#ffi di s,udio ."J,",;":';lir1'lii:'"';#'' .Jll.l,,

^,,,,

esondaziore' "Parco fh Lte dell'Esino" In flteifo al Ptogetto CoNSIDERATO CHE a t o d a i l a v o d p e r r a r c a l i z z a z i., e d e l l e ,111 *-;;;"sal!intercss a ---:^-- o p e r c onere cornessc ali'imPlano:

#lli:;;l: :""::lH:::i*-".:;*,-Lgji*"'"r::;#'5"''[:ffi

- [tr";t":"#:Ur": e .l-Hrr*; :l: *"'*ea dj rarnneria c! ca

VAUTATO cEE

'*'[r:::::nr-::H:',*,:l-::'J::':j:::iffif tTj'j"";Y'n:l
e ,lpr qz.sdono del
au utrc"'"""_' 'eguiro dellaposdde tubcarr' * , '.,,-" rcno a scehadella

;."lhli:n*k","--*igffi #ri"j'J'"""'o""'* 'j3lJ"."#u}5:f:4;r"t


lJi:ffrff:fr;il" #trff il f"#1KT'tH"sere
di Falconara M'ma

***tnl;*l#i?#:"iliT;H:ffi j*m:#H;"':t**:"ir''F'Ji'i#"u"*"'" x'i#:{"1 di riequilibrio diintewenti

('cusdc(tdel ttriturto conluale Ifi ,fleritoal Piafto il zonizzazot1e

ano.st"ool*::.::.,t::.,1::"l*:lx'iiili;"i;"il:Ti:'E-tr1t] - rn rclaz'one

"; ::'u; iffi i:tf i";fl :t if":f i;T ilHrJ'"Tili:;"|: j:'n"l;T"";T:::'$il{;';"'iiHJ"l


:ru,r'.;i"-;x fr

ili"li:x*:,::::i":iiH'T::'ffi "*iill",'#"x'1.i::::1f "*"'il:::t J,T:,:.H:#|. ,'iJ,"l,1ffin:,":"r' crasqe ra vr


-

tii::f ;:J"' m,*"st#{Hlx ld{srirni,r,,sn.*:',:lfi"-:If ji::ff :ff


. - Mtrche ilij' ::'J; li ::']'it%'#i"H^ilil;;;"a pressoil-TAR -. in data ur ricorso
h"-nresentaio baseil proponente Su questa
ed tnd da 60MVe

^t lll:::::T:ii:'.1'*'::fti::::L'"'*';ln'lt;:''1"'
P a eL 6d i 5 0

'J -

"115n008

in conispondenza s"uo.n"Till]l der


-

J#:"ffi',g#"";"';;t",,i.::fsl; :? ii"Ti*""'llJJrux". r*:: K


noncl na ulteriorc qrisura r

sopm; essendosi va.htato. corrispoodenza ""o A.i f Z;."ttG ""*iru*ri in di supeftrmento I,9 dBA dei livelli massimi di norhmi di ;;;;;G.;;;

o"rlqr] r'ol, r"'p'",r.po's1o'piano Risanamento un di Acu\tic" t"'ff],: per'interosrabilimento, base limiriimp"i s.lla dei Jri-""#*ii""#.illiri

e ratificata in data 29.10.2008, via di risoluzione. in proponen,e. secordoquanfoprevisro dalla legge qu^dro44./AS .TI e,

hfifi
i;"..1*l,_

.--; :F+
I/ tr,

" "n""eadoquiodi1valore atieso 49 dBA dr

"*

La Regione notr ha ritenuto sodclisfacente Ia posiziole assntad ;e"*ai q'J" I,adozionedi opportune misure mitigaive.

0-1\]

*prl, i"ii"?"oao .i"p"tto timire zorizz*:1":li#:,XT ir dt derra

\Y
U9

prosra.rnmati c"*or"i"r"ffiff-#: die""""t. :ffi,'#Hl1,#H:,eriodi


. il Comunedi Falco"".a ""Or.l:Ul:T

ll Proponenteha, pertanto, aaroftato misuredi mitigazione,i ci obiettivi e risultati ""ii" atfesi sotro rirtracciabili Eella seziotre tZ a"ff? "ni"p""t" "' richieste di itrtegrazione perverufe dalla Commissione lfa" tf"tf.iiiOb. Le attiyit di aaleguamentoprcviste nel piano sono in fase di copleramento

"d

\ l\ \ /.

II propoente ha itroltre individ[afo teriori misre di Eitigazione a seguito alella __-*'"^'"' rea:ljzzaoue nuovo impianto per il ricettore del :;

h "\\/ I i: zonizzazioneacsrica"*"',",1i-il{""iiHl1i$ruil"-"""X:

il"r'*t' H: t"x'1,1\,x?**

co'petenz* iniaativa cir aua ai

q ConsigtioComnrale 47108, dare pare net

I Nelle vicinanze dell'area di interyento, cos come trell,a.ea vast4 aoD sono present, ** SIC o ZPS, n parchi Naturali. Risewe-Nahrali "a Ar"" p*-r"i", "'"*ijrenremente, il proponeDie ha presenrdro retariva non Ia Vatutazione f".ia.*". ;-1.*lde ipn di fZOIO:, In mertto agl Strument di pianifrcazone arbanstica fl Piano RegotatoLe CenerzJe del Comunedi fql"^"","

"o""-:"Li'* aarJ*p.n r tt i:fii1"li"#x1'l';ffJffii::'"ffi?tfl:*:o"'i'*''t'u lh nerto


alla Rete Natuftt 2000e sstemadelte areeprotetTe Y j \$ i11 \ |*. ) fi\' flt' /r'

fn he to al Psno Territoriale di Coordituamento proyinciale (pTCp) \f - il PTCP antecedente al rinnovo dUaColcessione petrolilera e al protocoltort,iftesa e qindi risulta superato da quest,ltimo. katto che .-^""1""i in" t"^.m"l"a^ e sar il poio energeticodella Regiore, il cui obietfivo ."""gr"" Ji" p-gr".,i""i -astotlrm.aon" verso un poro energetico;bie;tarmente avarzato fa. \.tr - Si irdividuaao, in ogni caso, alcai ele-menti costo con l pTCp di come ad esemoio, \ \'. presenza delta .Fascia della conrin'ita Nah*alt""*,,1, \ ,_^"", .."""" "ri-^#,""":i \ SIA,alcune caratrerisriche prosetto,in

det

"""_",';;;i;;-"##;";'ijlil"t,j

\_"

nconversiore economico-prodttiva funziomle e "la."u "ra"f"rJo,",ii"upat OrfU

co",igri.p,i""a"*ffi ;ffi;#Ti".*{"?,.y.i#i";Tii1ifi?"":'"#i:,n\u

U{

" l llft'

Td<o Pas 4/

@-S2 ''^'<#

..':l'
ii .:! il

ecocompatibile' e di riequkbop Rafflneria, e ai flni di sviluppo sostenibile ed o " \ e dell'ambiente del tefiitorio; per le aree intercssate da fenomeni di Il PRG, all'an.12 co.g delle NTA, presdive' "Blb")' l divieto "81a") e dei suoi fossi alfiuenti (A-rea *.oir]lor," a"t nu-" l"no (Aree abitativi' ptivati e pubblici' sia prodttivi; inoltre "airr""riotti .ia per insediamenti a;i*ul dell'attuale alsettomorfologico"' J vietataqualsiasitrasformazione a1 progetio della ,nova centraLe i1 Comune di fatconara, nel dale parere positivo che " .' pel quanto ha 580 Mwe, nella Deliberadi c'C 47108' Fecisato ;;".;; rammentareche sia la legge ln "" iii ^ort; di comPatibilt rba istica' occorre pbbtica ;t;" 7/20a2conrertto in tesse 55/2002',itensc)no di ,7;;';;;. i:;;;i';; da 1" 'lrttt*"ono ""'t'oli elettriche sa tradizianati che alimetate fonti liia't"' ,."":"'i"r" d tal locatzzazioni con le che in caso di contrasto li.r.tti-" rlasciata dal i"tt" strumento urbanistica comunale' I'nutorizztzione ir.r"li ' ha hinistero competente efetto di vviante urbanistca" areea dschio idraulico inteme alo ha il proponenie dchiesto la depedmehaziorcdelte stabilimeoto;

V AIUTATO CRE:

VAI,UT.A.TOCIIE: 29/12103n-387 e dal D Lgs in merito a quanto previsio dallaL 23/8104a239' dal DLgs nel sistemaelettrico aziotrale una teioygs ".1'9, iI prponentesi impegnaad imettere prcgetti di API Holding "."tgf" Jl"aii* prodotta'da-fonti rimovabili' grazie ai qt"if S.p.Ain fasedi realizazione: > ImpiaIrtoeolico di SanBuca di Sicilia da 44 MWe; ! lmpianto eolico di Alcanta Peloritada da 60 Mwe; > Impianto eolico delleNebrodi da ?5 MWe; di F Impianto eolico di Sant'Agata Pugliada 70 MWe' RELATWAMENTE AI QUA.DROPROGETTUALE ESAMINATI _ nelle gerre.ali9 la col$steza delle opeein progetto,cos coe indicate le calatteristiche iabellenPortatein Precdrza; le quali sono' oltre a quelle dr le motivazioni del progetto diohiaratedalla proponente' economlca: natmmeramele - la lecessit ali una maggiore afidabilit e atosuffrcienza dllo stabilimento 60 MWe rcllo stabilimentoApt iudustriale di API: l'inserimento 'llla nuovaitda dell'assetto-ad isola dello - stabilimento di Ful"on"ru consente il co1seguimento che nuvo imliaryo da.9 Mwe gamntisce'jr condizioli *"tia*"". ."i""i--q e' in caso di crisi' limita normali. la copertura oe1consutruinterni allo stabilimento l'tewento dell'esistenteIGCC da 280 MWe; i ' l,azzeramnto del delicit nergeticoregionale: le prcvisioni del PEAR al 2015 circa la produzioneatt'esa' iultirogoi "n".g"ti"i ."gionali non risultano' infatti' soddisfatti-'121- tra doanda ed pafeggio del bilancio il _.rrtre i,inserimento della ruovacTE consente

ffiton di Pag.18 50

'na a da52AMeed da6aMwe'

.:

! , ( i

.ji- offerra ederqetica resionale:

t:

le esigenze..di riequilibrio deua RTN [eu,area di interesse (athavemo n rrcremenloIa capaci,d de p.odld,var, l'attuazione delle itese itervelute con la Regiotre_ come meglio descntte in seguto - in termi di graduale evoluzionedeiio stabilimento di frlconara da Raflineria petrolifera tradizionle " ,.r"t" "r".e"ti"" . -, * q rendere disponibili sul mercato p.oaottiffiti"i ad t ta vateza _qudo_ abientale dive$ificati tra prodoni perroliferi, iargeno,lioaieslt lJ"*.siu "i"ti.i"r.

,t.-

X i
ve

CONSIDERATO CHE: r^:alizzazille delte due centratj prevista in area indstriale, all,intemo del srio della : Kamena Atl, ubrcatonel Comunei.li FalconaraMadttima (Al e confnaate a NE co il Mare Adriarico.a SE con ta periferiadi Falconara M.ma (ioi Vifr""*1, " io *" l, ).. ro pr.psso naltooet-tume. ey', \O con la zona [ocedel fiume la ino di Esino; l'accessibilit sito garantita al dalla 5.5.16,che colea Rfnneria Falconara la a M.a e all'autoshadaAl4 .,Adratica,'con l,assevialio arr"o*lS"oiguna; la superficie prcvista per I'installazonedei due impiaoti pari a 1g.500 m, e, rispettivamente,5.500 m2, e sardcavata dimetiendo altr; instattrrior_,i irra.,sati p."".otr

.r

\i "f,

djlj.lg.d., Rafftneria. previa u-ti""or" a "iJ'i"gg". :l*tn-r:11 te attrvtt da svolceresono: la toro bonifica paRcotarc

r.,

> smatrteuamnto un serbatoiodi greggiodllacapacit di di 127.000 lsezione m3 da 520 VtWe); > smantellamentodi un serhatoio di circa 1g.600 m3 per lo stoccaggio di benzitra,e dlocazione due serbatoi di sroccaggio aiqua aeJerauz"ata di ai ed ro di Gray Water, di capacit complessi"a iirca t+.+O (sezioneda 60 A m, MWe):

1u/

D
\

inoltre, ai fini della scelta, si tenuto conto anche de[e disposizioni der Decreto der D-irettore del Dipartimento Trritorio e Ambie[te alella n"gioo" llr."fr" o.ft a"f 3016/2003, in sededi rinoovo ventnnaledella concessiooJp". che, I Jo ai noffin"ri^, ---ha fissato il proponenre seriedi obbighi e di prescrizioni, per ra ti"; i

I'esclusione di utilzzi del sito dive$ da quelli autorizzati, ," ooo l.\\. \ eventuahnente finalit esclusive di migiiorneDtoaaf" ""_fLr.ir" per - I .'-*u' 1 --* coldioni ambientah i U^ . l'impossibilit rtitizzo areedel demanio di di pubblico la collocazione \\ / j per . , l'esercizio. nuovi impiantie,/odepositi di, che possano "r"*".itr-ioni-ai 1,N] cr;ricitd rischio: e \\J . il rispettodel corfrne rra l,intera areadi,sedime \\ impianti fe.roviari (lato lfry _degli mare) e I'areadetla Raffineria, come limite oltre"iI qriale ;; /-l ;;;,;i; corocare impianti nuovi critic:: , l) . il rispet{:o Decreto9 agosro2000 n. 196,per del ogni futra -oaif,"a-- a"n, ^h\rV f .o'fig.ra7ione auale: n\tq I olte che i seguentialtri, aocorchnon direttamenteconnessi alle scelte localj2rglvet
.a. ate o :.Lr. anbrd dp,topon-o .*pFiiiaj,,tw",."p"i.

".-""')( 4,
a" a _

n\.\-/

.t /'4

,.' ll

U'l

/.

a/

ione"&itica della enuo Ia Dresentazione, 6 me'i d.lr_approva/ione zonZau ' acusrico deld propna athoEa di ura nJova valul.lz;onedl irrpano i Acuslico VoLontarioPRA\/I ;n da un Pianodi Rj'anamenlo "*"r*r*"" dei casodi superamenro nuo\; limifi di legge: tempisticl clle te.nga ""if" la bonifica delle arce contaminatesecondoa'adeguata *Clt"; tecnologiedispobi1i' visto f ir-serime o del sito detla *"" nazionale Raffloeria tra quelli di interesse relativame e agir i nuovi limiti dlle emissiotucomplssivedello stabilimento "/e al in so. " PIs. specificardo panicolare punlob20'che ir*i-lruo., emissionicanple.i',e dPtla Rafraeria rclanvnonte "i. :'c,':'. :y:Xl': dell enbiinre ron I appra'azionedella t'U ICC{' not iii, "i a't U'ini"te,o
ed t;kt;nPnro alle stesse unit di misur 49j!s i nuavi timiri tlevonalar alle

st\

: '

ilenze

temporali ndicate etl'atto di WA sopra /nenzionato"

VALUTATO CHE, at .igardo ahemalive ha il geogafica propoelenon preseolzto la risuaralz localzazione Derouanlo r'na scelta ;fe lubicazioie ill jntemo de'la RaFfireia rappre'enri i["*a; i"J.**l impatti visivi' e di aturale, che non componaoccupazrore suotoaggfuniivan sigrificativi gi Fesenti' miniizza l'enri e ^d;a sinergiacon gli altri impianti ;;;;1o",;-;;. operedarealizare; l'invasivit defle all'inremo. del sito di in merito, invece, alle alternative di ubicazione degli impianti possibilt' incluso 10 nunin".i^,'il propoo.t te speciflcach sono stateverificate ulteriori 60 owerc la collocazione della Sezione.da MWe ," rlte;orc serbatoio, ,*""-""i" ubicazionedelf impianto * "." riu"*, ma ha colcluso che la soiuzioneoriginaria circa la operalve rispode alle esigenze ir?O-l,OU" tir"ftn iu piu idoneae qellachemaggiomente per delf interostabilirnento, i segediotivi gli - 1a posiio[e si prcsenia qua]to piu possibie-baricentrica ed, integrata con di es"eldoLte 'ezione declcalaalta produzione ener8id della rarDDefla. imDiatrli dello slabilimento: rel da eleririca utjliz.zare cicloproduflivo e sooolazior elemica; eleitricicos la Duova ' oF.lmiz]ji collegafiend -dspettaivincoliesistentiinterminidisicluezza'coscomedescnttonelrappofio " "o"""""iue modificheed integrazioni ( Novembre2006); iiij"*"ttu di minimizza i volumi di stoccaggio prcdotti petooliferi a cui nunciare' il infne i rispettodei vincoli esplessidal Decreto 9 agosto2000 n 196' riqarala ner ouanto legaroai ouo\i p."."ntr,o "i cTR Marchelo srudio di sicorezza ;;;;;;";;i; ha nominato' in data l5l5/07' il comando a1quale il crR stesso ;;il;:';;iJ;; una q""f" B*" ileputatoa1lapronunciadi parre in meritol.lo studio include JiWf inserimentodei non ali Dichiarazione Non Aggravrorenuvamenteal ds;hio co ressoalf -

;;;il;i

"o-fi"".i"i"a"ruur". si ramentache i w'FF si sonoespressi'

con receotementer parere positivo. il plop-onente due obiettivi la sceltadella conhguazione di progetto persegue,secondo a 380 kv e la r" o.oat i"ote di ener;it;teftrica da imrneiteresulla RTN ii"tii

f f i ' a i a " i

n a d t r u ; a la l M ev de u 6 0 M a f e ' a

20 ?as di50

-'- ott!izzazione dell'operativit dello stabiliento. In parlicolae, grazie a quesa


.olLrzione. ulieriormeoLe tziar")liz"al

=_\r

vengono definitivaerte separatele firnzioni di produzione e distribuzione intema di energia e vapore da qelie d prodrzione per la RTN, prccedentementeintegrate nel solo impianto IGCC (pu. ssendo I'energia elettdca, in quel caso, integlaLoente ve$ata s1larete a 120 kV e poi d qresta prelevataper gli si intemi); allo scopo, il progetto prevede anche na nuova sottostazioneelettrica, che consete il drsaccoppiamentodel sistema intemo (CTE da 60 N4We+ rcte di distribuzione di stabilimeto) da1laRTN a 120 kV, allla quale peraltro la sottostazionestessarcsta comessa insieme all'impianto IGCC tramite l'esistente stazione, per le sole ordinae oper ziod di sta:rt, nonch per il soddisfacimento di eventoali picchi di richiesta,e inhne ancheper il casodi fermo/guastodella Sezioneda 60 MWe;' viere garanfita la coDtimrit di esercizio (energia e vaporc) del sito arche i" casodi black out de1laRTI.J,grzie alla presenzadella Sezioneda 60 M:.we,in grado di alviarsi in modo autonono; viene conseotito,r1caso di emergetrza, ancheil btack start della RTN, gazie alla possibilita di arwiamedo della Sezioneda 520 4Weda parte della Sezjone da 60 MWe: .viee nziorTalizzalo, corne anticipato il premessa, il sisterna vaporc complessivo,con Ie utenze di Raffieda alimentate a tre livelli di pressione (HPMP/LP) direttamente dall'impiatrto IGCC, mentre le necessrt di quest'ultimo impianto in termini di vapore ad altissime pressione Q{llP) vengonosoddisfatte dalla Sezioeda 60 MWe;

:3

/\ l/

I il,,< t U t u .,

I t V9 -/

\ n \\ I) -)3\ '

\ / r, / \\ l , \\ \ , \

le due Sezioni in progefto fanDo ampio uso delle BAT previste per qesto tipo di impianti, in particolare quanto per riguarilala sezione 520 MWe, equipaggiataron una da turbina a gas di ClasseH, caratterizzatada ptestazioni molto spinte e da cmissioni contenute. Inoltre, grazie ancheall'tilzzo di sistemi di abbattimento nei fitmi sia degli ossidi ali azoto (DeNOx catalitico ad iniezione di ammodaca) sia clel monossidodi carbonio (CO Oridizer costituito d un catalizzrtore metallico e/o cetamico che accelral'ossidazione CO a COr), le emirsioni complessive qesti inquinanri del di olbe che quelle deg]ii UHC, peraltro gi in genere molto basse negli impianti a c.c. risultano estremamente ridotte; \ Al L |ATO CtfE "l rigua'do: -

1_ \-\] l$ I

t N .J r \\' ! \ \

Lf" _--+- ^ | le tecnologie le conligurazionpreviste in progetto risultano in linea con gli srandard e .l' . pi avanzati, e le prcstazioni, in terilrini ambientalj e di rendimento, risultano superiori Y anche a quanto previstoper l'applicrzione delle BAT, co]1emissioniin atmosfera per f",L i alcuni inqdnati di oltre un ordine di grandezza ideriori ai limiti di legge; \ \rl Ie misure ulteriod adottate, sia per i DeNOx che per i CO Oxidizer, consentono \'\, effrcienze abbattimentopari alt'807o e, rispettivamente, 909/0, ha determinato di at ci nn/ ur.a riduiore delleemissiori circa52,8La pergli NOxe di 8l /d per il CO: oi l, \ lJu)" ' \\/ | , per quanto quantoriglrarda produzione CO, aggiuntiva, riglrarda la prodrzionedi aggiuntiva, dotuta all'ossidazione monossido $^ dotuta all'ossidazione del monossido $'^ { l" di carbonio nei CO Oxidizer, si osserva che questa,pur di circa n ordine di grandezza . il/ \J_ inriore al totale dele emissioni previste per tale inqulade, poh rcndere oppofuno. in Yi f corso di esercizio, n mordtoraggio volto a veficare r u P P u o meno.di l bilanciare U \ lV,\ n I'opporhnit r l u l d | A "r( " diveNamente emissioni de in+linanti; le dei inqinanti; -: l\ ..,, \

-r. \"
(ate ^Pr Falcanara

,./
i ,,( ,, / ffl

'['
\

D d s 2 d r\o

#;,n-

&

CONSIDERATO CHE: per qantoriguarda le oDere connesse f inteffento r,'lesamecogortetlarezlrzzazrone delle segoentioperecoDnesse: . . . linea eletidca da 380 kV della lulghezza di ckca 8,7 Kn per il collegamento da delta Sezione 520 MW cor la RTN; Metanodottodi 16" dilur'gl]'ezrjapalia2.250 ! derivatodalla dorsaieSNAM; Sistea di presae scancoacquamare, cotr capacitdi prelievo di 56.000mclh per il fledalamenioa ciclo apefo di entrambe.lesezioni;
.' .J

.+".i

r eIotivan eftte sU'elettrodoto a I'elettrodotio stato prcgettato,secondoquanto dichiarato dal proponente,in osservanza 11 quato previsto dal DPCll 81712003- tracciato interess4 oltre che la zona hdstriale, aflcheil fime Esino e, nella pafie aerea, aree con destinazioned'uso prcvalentemente agricola; a lineasaintermtaper un t.atto tli circa 1,7 kn (scentedalla CTE) e sccessivamente, di con apposita sottostazione passaggio,in cavo aereofino al nodo di collegamenloentla"Candia-Fano".che sarrcalizato tramite lma nuova esceconla RTN a 380 kV nella haa elettdca: sottostMione per quatrtorguarda,in partcolarc, il hacciaio del cavidotto, questo attraverseril fie Esrtoalla profondit media di circa 10 ln, tramite utilizo della tecdca della Trivellazione Conhollata(TOC); Orizzontale il tacciato dell'elethodotto aereo - che nella parte iniziale e in qella hnale corre ian "CamemtaPicena SeZ.AGIP"per un totale dl circa affiancamento la thea AT 150kV con "paesaggioagrario" e una zona con vincoli 1,2 k, irtercssa una zona agncola vi1rcoata "Corsi acqua d E5" r elativan ente al gasdotto il tracciatodel gasdottoiateressain parte zone agricole e in parte zone adiaceti l'area principali, dei quali il pil) significativo rigada Ia S.S. 76 con ndushiale, 9 attrave$arnenti e ilfime Esino, per il quale previsto arcora I'utilizo de1laTOC, con un nco tatto di 540 metri, che consentedr atbavelsareil coryo iddco n sub-alveosenza4odificame i regimeidrograhco, a profondit sufficientemeteelevate di ganntrsi contlo un eventuale rifluimetodel fago bentoniticoali'intemo dell'alveo fluviale, e in modotale da evitare, in ancheI'adiacenteParcodel Cormorano; uscita, al terminedelle fasi di mofltaggio e coilaudo della tbazione,di data complessivapari a 75 gg, si p.oceded alla rcalbzaote degJtnferventi di ripistino, per ripofiare il territorio attversato trellecordiziori ambientaliprccedentila rcaIizziorLedell'opefti la ridottadistalza dell'impianto dal metanodottoSNAM e la natura dei luoghi hdllcono a ritenercnell'insienecondivisibilil tracciatoscelto; il ricoiso alla TOC pemrettedi evitarc i p ncipali problemi legati all'atkaversamentodei corsid'acqua;

VAI,UTATO CHE -

CONSIDERATO CEE relativamente operedi prcso e scarico a , arc alle


di 530MVe colPosta da due saini tua d 52lMfle ed tna da 60MWe

Carnte

adcla hbnatode

d Fnkntu cnil"sia

Pag12 di 50

'

. 1 . P r v E [preved 0 e I e a [ z z a z 1 o ! esisrema t e m a d i P I e s a A c q a d i a r e c o s t i t u i t o c o E e < U P r c V la rcalizra?ione c di un d i u n S i s presaAcquadj re coeritu,ro di qSF1,. u u4( { ocr .ome *HP*" , . \_ . DLe campane \sononafine.ti nrc., O?,yorare ad na disranza ,, n^(i-i^--,- ^r .._- ,: di cca 1.030 merri .J , ln, ,, ^^".- *jr":a i/,

.'!r"

"r$ftT:".-l.1 i"##trH"."#j,i#:tr:"J]Li,*H:T, K Yfl 3":1#:i'*#tli"",l"'tr3:"*i:H#ff::#"


iilHl*.jffi:":.#to
.

*l;:fi'j+"*FxT*.mtm;J.*".t/
daLavasca shamazzo convogta con che l,acqua
nT " ' 7 metd desihataaltaftstituzione

V9

in accordoairimitiditegge#"Tf:ils:;f;';,,#&"r.ara stessa,
' ffi-#:t la prodziotre situ di biossidodi cloro, in da impiegarsicome

I p,esenla.Ln ,"*" n,o;,i""^L'!ilfl*."i;.illi#H;"'.l1,_t"H quatho difhlsori aveDti -4\\\ coadotta

Tbazione vetroresina in dell'acquaLa tubazio"",1t'tT:T

, 't

f"fly,Jj:11r.;ffi|;*tiche
C O N S I D E R T Or E , cI

dell,operate modalir rc.ijztzazio e d1 sono riporrate nella

{Va

per ouanto rieuarda [e emilsioni autorizrato e gli itrteryenti compeffativi

i::.:,i, ::,?,",;:"1',,'g'; i?f *l{:eT";


-

;jiTlt;f.TB:.::l:iffiifl,1"jg1T:y:,.qqoara..iu"",iailffion" #"i:]"'#'iH?,ht13i:'iff !^.

sulla rafEneria

t\

:x \ r--t_
^ \

'"uotuto, rapprcsenta ch il p^ramero produtrivont"*"n " n", ,^tl1f,ilriJ ft"".*.f;i


poich i limiti elissivi imposti sono

Itjfi-."-F",'"H*H:f"#triffiixrii# \
\ t,

jr:rl#H= jl"*i:rrnfl :.jh iLpilTH" Hr[:#it:'"#{#k*il1ff xru*iru1"."in"r:n:ftJTft:";Hiltr,f \re h,,H*tffifr


il metodo sopm idicato d luogo a timiti diversr.ner .i,.",,.

>

> e7sadiossididi a..oro

2.106a per gli ossididi zofo 2.106 pergtiossidi zofo t/a di

UX,

nA,L

aJ
Yt, .Y

?as2oro \'

Jtl,^e
a-aftn

rW
\l

ltlr i r t i.

1:.."
d F 195tJaper il monossido carbonio > 9?,5t/a Perle Polveri

*-i!''.1..;' ' ' '.r


'u' '"
!l

^"'f,:"'#'; ]',Tj];,:i ;.:fi:.fs Jft n'-n ii+hil::lf,",il'i"#[t.j";:!l::'.': " l""^,.ii^'"


:H&H"T: ;'il11T"'"1

:::'"dffxi'Hlx,#i*i'Hi:#*::x ;T"tr",f",xT':,'j,L1xTff
conce Regione in sede di rinnovo dela

**l *,f**rut:;lt-ti,truit:g5*i;;q;""'*: ll"''i;il::,,n]""'[";T,:'::ffi"H*ili:"f """'" ifif;*L:"ffi*"f"iT,l'o '"nxl;"*;*rj"*rya1i;*pg'$]i;h


r."'"::::_";"-;;,,.o.i,a r98\uaconro880uae.rispe'1r'amenre ribailrto la $ra inte4)retazrone; ulteriormenie
sottoposlo a VtA alcuni

hiz.aLl\" " a e

i1",,,"T,i$$-i:*?:"::l'l'.."';:ffiTli#T,i^"'Yi
- anche base quanto.solra' $r1a di rr'^:;; .ff"t:ffi[,li"l':T;'i inrerveno
,(ortrli^(

o".'"'" ;li::ilT' L* ll":::n"ll iil^l;['iili'll'o'l'l'""]"" rl;n.^;l


""; ;-t'.t";

l"i,X;::fJ"","J:;Tli:
Do5t operam pct

18i03;

if{: *xr;:*;""x'tt:q:*i:::#1il#iT+il#
":1"*li4{""'":,"'$L%#,,,1# ;:l;:: :rur*H|n:l!J*"r;'#ffi ';'fl cooterio'i re' l"ilosaJJ ut misu
;lff ::[ ff Ti[ffi :' "'#
rlelle ultenofl l"'#-;ii:"il'T; previsii per l'inlero rtabilimrnl0 VTUTATO cUE arriguardo

'llii;,T".#,lli,i inesame * ,:l-l*j-l t-':^tl*"?*i 1prosetto consente i,f;fi "r"":::.'"::#":l,,H,;#H"": i,"",. l:,i::T#":l#';i
iJt:JtHililH";ili""ono
comnque .ituoio"" post operam risultano nesione. "rit"n r",r"ri datla i,1ejll^-,a"tt"liaorr, Resione'

compen'^ll iderventi rro .Legri PRso ::lj::,Tt"::l]: ":'i'lxt#"#:.t:l'iT3"i:


ocLr: emissilo) e riportati elle deaCrto l!;r;;#;,";;ll" I allo riferiscono sce.ario _ioot|7zalo. -,.,-. 1-, prorttiva:

fi :T;:i;iii:T1i#i;i:i,.iffi;"[it;"il"..:. :;:T*::T::',"J;;":"'^:l{::,1';.1;ru1,"H ;Y.;'iil'l^ff :^i;H.",: ;l HT1";.'J


condizioni pi gravose di

;ffi##oo|;sii

a l,"piatrti capacit

c"*.t' ";,t*;bt,';rtt'P-*""'pt"'nliflww'

""'p"'" a" a"*'a'i


di Pag.24 50

dd "' a" szouw"ed@a 6t)ME/e

'i-J
i. soittne btuciatori 1. IntwBni su post comburo dj Raffinena
5 Mise disshone..onEol o mbGdone

-6

6. -A;iooi dimitieaion

il ea lcCC -3 -98 -275

d Nroro listea Pn Fi.ing lcCC

i7
t4
lYr
\-

. Soi,ine

brucitri ASO

-3t
IGCC -779 -401 -300 -3 -39 -8

?. Nuovo aselto vapoE ICCC/580 MWe Total pazi4le isue compeNatiye s Reftleria Llteriori misrecooprsarirsu srabitbtrto 3 Elihirzion qia rindnre olio conbribite (80% = 2O_OOO rn) 115

-340

-308

CONSIDERATO CHE, iaoltre, in relazionea quantoprecede - A-lo scopo di verificare la non sovrapponibilit degli interventi compe[sativi di cui sopra con qelli comunqueprevisti per la Raffineria nell,ambifo dela istanzadi AIA gi a\..viata d^ta 28/'1106, c.I. ha richiesto al proponente un approfondimetrtoal n it riguardo Nella risposta ai chiarimeti richiesti al proponeDte dal G.I. nella rinione deu'8/9/2008,quest'ltimo ha dato riscontro a quanto sopra, elaborandole tabelle rllegate segito cui si evincono: di da i procedimenti autorizzativi in corso per i diversi impianti esistenti e/o da realizzarenello stabilimento Api di Falconara; - gli intervetrti migliorativi sui diversi impianti, gli ambiti autorizzativi nei qa taii interventi sonocompresir il loro stato di attuazione; ed - i rispetto dei limiti sui parametri emissivi dello stabilimento definiti da e Linee Guida Nazionali e dalleBref di settore le missioni del complesso produitivo prima e dopo la realizzazione del Duovo impianto da 580 M\Ve
Distinzione l hisure propostei. aEbtioI?pC pr itcomplesso tra p.oduhivo que e rggiuntive,darmplemetrtarsi in R . A i o e r i s n . l l c r ( a \ p g u j r o d p ur,e a a i o n ad e r c p n " a t " a J S o - w " e

"1.\

lt:

1,/ \ ur

N\\\

Ambito di redizzazo n9
Mesa tuon sercizii dell,inpimro HDS2 e del relaiivo loho, non doratodi deg@ento por@ideio dell inpdto EDS3 cor insenmat di u qoYo fono alimeniato a ga dorafo di bruciro.i Low - NO4 I.stallione nel foo dell'impieio IIDSl dj bruoiatori tw NOxj lncDmento del m6ho di conbusiibile al fono dellimDianto

DocumentazioR Stato di e di riferimento atlruzione

Cchttdle a ci.l .ambnat dett pafeiz

.onpt*siva

d tEAMfile

Pag.25 50 di

'f, '11:,/l fu

d.6AMI,,*

'

.:t

:l.-.' $!
!t)della colonna T'3304 AdeEmcnta (iopiarrto HDS3) di lalaggio ammco di u sGtera di Itrenrunto oio diaiftico sd nscaldanent dserito al pmo bilru; Inseim.nlo di @ eziore di ueP della CO2 nell'unid liLoceno 2: di Fccota siste@ Cmplermento acqle pvane; , Corerl scrbalor dr accmuro acqe Modifia pogeEo corlllel4melto del impiart dell'asctto d! di l8ttaturto

:-

' '"'':''11r"

l5 DSr2006/00201

2409

ininMione olio combtibilc LavagglotaiLed ( vaccuo r 3) Sostituione bruciatori insallati nei lir Va@ 1, Msbr@lias foi deLle e Undirs con btuciaton di ttctrolosia 580MWeCCGT Intercnti sl Post cobustore di ffinena Novo sisrem posr 6e; scRIRGS50%' Sostinzione bdciaton a ea dlr eldaia a6iliad? di ICSS; Novo a$eito vapoE IGCC/580 Mwc

tccc
7034 del 08/03/07

ccc
h dotuk di

I L. misurc lmdc a1 Pogle Aoi1dll Raffinria, dlb che, Elarivalfrte an inpiro lccc' i! mbiro IPCC rifqie@ ;;#'b;'.r;;;'4L*.**Ir'ti.i",rxoz:oo6n"PrcLDs,2o06/0020rr5(Proedinedoin@Eo)pembk,;;sdsi D e' ldd"$' d'o'lhBAT d..laNomd- Pcc,rcnbs.i d;b L n' esik di pFv.der nF'

lnDmsefudicomolefurodclsfudac.olEfqueplovnbimce,in'abnl200]'pdcdcdinggiung.l'30%di4all2@fupell b 'on rerizd in qmb non mmpetmenbd'6nro I nn da i, q"r"' "-- d, ,*-rb t ?0';;"*c).." i;;?r;00s.;;; ca ssisi perw.ntual ati r di booifi lDdnsciollaauioJi@ionedicoPdeEd.ll,PFvincir(dchiesd123'031007)sonopEvjshsl?fuipqilconllefutodclPogeto 5Migiomtltodcl].pBionidelsis.DeNoIasrnahinuotr.lGldaiad.ll.ilianiolcccinmdodaptergaaitireau'ilicm o optErivr del t0% sisl.w.mcGdisbbatin.

d'U'n-CC dopo la Confronio tra Ie eoissioni specinche atiete da[a Rafiinria, dopo la pplicaziotre delle misq'e ri'histe ddte cintr2le da 580 M w e r nisre di Dirrgazio previste { sesuiro dlh rqlizzione del llre.i;ri rmlizzior orstaziod indicat nelle Bref di tettorc

. Eeissioni :r',,,al}ah i . ' , , .: , . . : - . ,

P.eslzioni d1te nel1 affi.erie Eu,opee'tBRlf )

attwione I?CC

di Falrrru @is.ioe SO?( !P.Lon seAe'oldvorarl

t5 0ll 0.0I 0027

0.01-6

0l9

0.203 0-059 0-0061 0.016

la\oralo) lox t t/Dn dr gFAgio r anue dr erussiooe

0.r3 | 0.0G0 7 di eiss,oft Prs ( ke/Ig!3lslggqEtgeQl Eattoie 0.0r 0.001-l


rattN fu eoissiorc CO ( kdlon dt greEeiolavoto)

0-008

0.021

6 turffie Dodlmr 'i"i" J" '"r"""

on Bd aElabl. Tcchiniquc loi NfineEl Oil d ss R'fineri's ( Euopm Comissioq Febary' 2003) gsgo p n quanrtdivo amo corpeso b 05 _20 Mr A basi vdn aile eR-Er t. nnrie ;hc lfuo

c",ttI*.t1"*-bk","d.ll"patenzdcopt5sidi580Mrr'Postadadksezioainada'1lrtflleeduotldoMtrP

Pag.26di50

,rl

;-- .;;'".-.:,.;;1:";,'r: :"i;111'J{a&] *;: ",Tf_:""ljT:, j:,;:,'J;: H.:":"*.LijlT, ?r,?,

jr'ffifi" H:j"-i";i:tr#ff-d',Xlt|i:I.1,tr*,li"A:.*;m:flx**#j:;**ili.:* ,. "-,


Emissioni e comple$ive.relo srabilimento cor r, appticaziorc deuemise di cohpensazione fob./a) (

Enissni nva cnEat Mwe 580 M I +M9 lImjnzione otio cohbusriier IO tlusgio rai cs { vacun I e j) N{3 Sostituzione btuciaio; M4 lntewenti posrcombufoG M6 Azioni ntisriore lcCC nuovo sisr@a Dosrfils

scRllRcs 5oi.

Sostihuion bdciaton a gs ASC M3 Nvo asetto vipor ICCC/580 MW;D r r!:!!i!!I]k. ffemarmksrni .ir e dd . ir;;i;;; ante e d;;;;;;-,aro nj

3 98 3t

":ffii:]:3T:::1i1i,;[,";.;"5;"*a.*'"*'edlgliinbrdi3do@iiais.nsid.ILnomarivllPcc(sivedhoa

":"::x,::iflj.,..:.";r:".iitr; ;-*ru1*;,;;#,;';l{*il:.-#*:"$;"Sl:r":ff,?" v .d v3
,#";.tl;X, rjl i:;"'#:i[*"^"' i""";;::-",:";'-"JlP;*
VAI-UTATO CHt, al dguarcio - I1 progefto i'. grado di cogrierel'obiettivo arer rispetto sia dei rimiti di bona secondo l'nterpretazionedela Raffi-neria. di qu"fU.""ooao sia t,ini".p."Jaori'j"fr" n"gioo", comesi evincedallatabellasuccessvr
Confronroira i limilt di bo a dettostabilimenro lcola

rear'n'hede''a c"'li'""":t1:'fli;":i",i#"#
q.d-Irl. .

ramissio sito Yane der a derla

So2,..:
980

co
506
195

oaFr !iA!!e .omp,e$i\

l:00

2155
2l06

4d\'\

ta2

interventi descrjiri pettro. consistenti in misule d tipo gestionale e/o iD ^T^.^Tj" jCji sirgote parti degti impianr esistenti_ it propneie i ha .a, 1^*j1_19C"^-":.o fresentato ra oescnzrone tjpo ambientaleestesaanche di alle componeni iuor" qu"ffu abrosferica, consentendo tal modo un, valutazione in compiuta-i-ti!o""i""._o.il""or",

p:E:-etativiad impianii diversi da quelrooggetto jl]:_l:1":lr: dell,isrzrza"si devono r[enere a tufti gli effeftiparteintegrante progetto, del in q'iantointimamen_e -i'J; connessr ara sua fatribitir e sosrenibilftaEbie*"r", ii"f"", """!i*_" "n" it proponenfe, aggiunta tali intervent st im_pegnasse ill a co ultedori misure compensative

w,tpnz. ambientale' _L:^-1^1_ anche ,.. , ,:1, -, r valenza ne*ambito J*"Ji-p."ri-,";*^"ii i,'''iliilllJ,idi a"gi n _ Maihe:

P a s . z ls o d.

\'

r, at/'12>(

.V

r,-

flln-

(r

i"Hfr:i".:'ffJ',19'1f ::;"i".:;f H$"i.:i:-",l,,JTI"JLffi di cca4'77nrl'4r'"'l:d;"; aggiungendo medio per-uritotale lii"."i" a'"rr.r"* in Raffrneria,
,-'"-o-oo;;;";.,'" d sre'so pa-ri ma'simddell-impjaBlo d .rpeno allacap"cit Banameoro

: t O* A rn clrca dguardail traffico aeicolarc,il prclonente,quantifica -i']:::lY::T:"{ Derquanto della c'IT: tale ncrementonon cretennrnera hdotto daLlesercaio il;;;;d1-;;-;.ri locale: del a ^.*. "".i"tioo. "igr;ncarivacarico raFlco riguardl la asedi costrzione Derqanto i 'ono pan a c;ca 49 mesi comprensn de'.proeeflo i lempiotevi.tiper l ahroz'one e costruzrone d;[e oDere'delle demolizioni' della p'ami"aq d:cli app.11l alilg"g"";" in per pronto Ia rressa e"erciio; IrEo (esclusltesrr' ail Ln'pianLo I dellawjdneslo

necessari *:Y".qX:""#:H# fiil.$,.:::ffi :;J"fi: i materiari :*1"]'" c' rinifijzzar le operazioi in cantlere' rl di parti

vemiciatuo e i1 pre-assemblaggio anche fltte Ie opeftzioni dl carpentena, r sararu.o eaiizate alL'eslemo: meccar,che sono a disposizione di aree intee alla Raffinena' oer I attrvit dl cantiere, olre alla Eessa zona portuale di Ancona ui circa 20 600 m'xbicata alf intemo della ""L"" -J" i"*" \tabilimento da de'finami ai cortlacrors olfre ed un,areanelle irnedi,re \'clna"e oel,o

t1 una che dellaRafhneria' occuper sup:f"' 1]!:loo ali-intemo a"*f"* Ii##" ex ovo-Ai frni della mol.rmen^'one iir *,n"J" ii *rr"gamentointema'realizzata fiontemare; temporaneo un "i"rn^- J"i "ru,adi, ,* preilisposto approdo
e da mlllimizza le intrazioni con il tertoflo' la eestiondel1eattvit di cantiere sar tale di cantiere

oltre di eimateriali costruzione chele attivir ii ;#;'#ii;;; gli autoveicoltl^u:'::Y*t*" per la i tlansitialurante fasedi cos]rzione, quanlo.dguarda l'l in stimabjle circa b 2 8o;per locale rabihr o"r' ,'tiooe a ca'codelra i',,l1'"1''i questi incrementi pesarrti it,r-:Jv" *it^ s s ro, o'"nheper i mezzl ;'i? ; ;;;"
lo 0' I 1.70 rrenrano e, rispertivamenle lo%; un prevede matsimodi due rans;t il ngualala Rarl'o,mdnhlmo' i' oroponenle per qLranlo 1a i00 t' che seguiranno rotia fia il d; l'iomalieriDer15 mesre ut* ou" po "' !g a; itatanti temporaneoi iorto di Alconae l'apprcdo (dato 2006) tale taffico va corlaratocon i 5856 ltansiti aluali ai firi delle interferenze, da natanti di stazzarn " I "it"t 300 del pontile API' aacorchcaratierizzati o"ii"n"""" meapi grande; dii tab ( prevista la demolizione di de seatoi iTK50 Perla rcizazloe dei novi impiarttl " t*

mc) cica 19.000 e rK56 ( circau5 000;c) -e!^rilo.c.li*" 9:i-t"j:11::^:5uttt gav dj 'toccaggio a(er'
i'i, ir*r" TK e ".t* demj delserbaroio 8801

nada 52Mwe d una da 6aMIIte' @"ai

Pag28 di 50

.-

lJe procedurc di dismissioe

-trell'a1legeto 9 alla risposta aile ntegrazioni dena commissione viu "on""*iJProponente Febbraio2007 nel

dei serbato a seconda del contenuto sono riDoftate

ai

---) .=="g /. /, /2, 4 . \ l\

Relativamentealla bonifica del siro, si rileva che, lo stabilimento AII fa parie del Siro " InteresseNazionale di bonifica di FalconaraMarit6-u t" ""1 p".i*"t oioir" t ;; ; allegato a1D.M. det 26102103; come rale, tuna f,*"u t .ogg"ttu uff" dui fil""*";;ri"t" DV4/t qg: l'Api, in qualit di soggetio interesstoha awiato ra procearrua di bonifica der sito di raffineri4 presentandocomunicazioneai sensi dell,art.g'dei m"a*irn"-"L, J i_" ; definire

Ia qatira det sotrosuoto, I'Api ha prcsentaro J*.-"rri-1il_l' i ar taseI (Guer,o 2002) piat di cz:aneiztazio* I ,.,rf"-ioo;, e o n"* :f::y^Tl:^T :droseoroei--d'r p'opon'nte

ffi#Ji::'

;,;ffiffi*?:]i,"r

ir Moderro

'i'o

L\\t I\

--- Nel cFltnhr,J. 2003 -+^r^ -. Ncl setiembredel ,^^1 stato presentato il documento.,Intereventi di messaiD sicruezza c,' emergenzE''i cui si indivduata la migliore soluzionenel ssiemaprp and treat. con Ia rea.11zzaoe una barriera idraulic di est azione. Conseguln't#;;;;';; di realazat rf 26 pozz\ dr estra.zione dela !ma fatda, completati n!D,"prif" J ii, ""J come da prescrizione della Confererza dei sewizi c/o if Vi"i.t"ro zd uqrs(rvrzlc o rl L\4mrslero deil-Anbienle a"i,a*U; del"li CenDa,oioos. -11sisiemaprevede.anche 78 pozzetti di re immissione di acqr4 in graalodi crcare un sovralzoidraulico di enfit tale da ivertire il flusso della falda ifat f;f"" a,r*." *^. i Dozi di estazione gardrrle,co.i. ancheil .o6re"imerto e dcrteacque0",;;;;;; gurrlale presertr valledelabaffieradi ernungimenro a . Irr d^ta 7.04-20A7 sono stati completati gli intewenti di messa , itr sicurezzadella pfima {aldz

, "3'

-L

l\ . \\ --f1\ L l {\ / ttV (, ' \ I

VALUTATO CH-E I'efficacia dei sistemi di messa ia sicurezza _stata di faldaalt'intemo sito che,net paoa'oair",,-.""1r,^ det falda; vedficata dal proponente attravemo il ^ V-

K11l"t:i':"$*#*e
-

\_
\tf\ \ N { \

la diminuzione del carico inquirant rn dlrezonede1deflrssodella

la diminuzione nel terpo dell,ncidenza complessiva delle oon confomrt nell,area -.----\ compresa le duebarriere tra

CONSIDERATO CHE: _ I risltati della caratterizzazione terreohanno consentitola elabomzione progetto del del preliminare di borifica dei suoli deil'intero_stabilierto parte f " ii 1i"1""" n,ruggr. " ottobre 2005), mentre la constatazione della contaminazone aella t,Ca-lmersa aaffa q indagini del 2005, ha portato alla elabomzione det progetfo aenniAYo :r*p3gnu ai bodfica delleacquedi falda ( Tese; febbraio ottobrc2005) e .

"',;

Dai risltati delTa camtteizzazione FaseIl, emelsata contamiaazione moalesta delle d. laida profooda,per le quali il. proponenre preristo _ p."g* ha r* ai 1":l: momtoraggio mensilee semestlale tutii i piezometi presentinello stabiimento srj Api. d"gli ultimi modtoraggi hanromostmtoil rientro entro i limiti ronnatlvi, I ad :.9qri Fe,Ms. Al cherisulraro,per,essere tuo,i aui trd a, r"gg" :::"11""i::.1"^.-T.IfcP, jn tsLar (ire a.qe sotterranee mgresso
allo slabi,irnento.

^.pnm'e

a.. tdbt.o.o w.,.;i;l," Ftt"

a,:u;li

.,qm

?ag.?9 50 di

{ t

intervento di messa n L'Api non ha, pelanto, riteouto di dover predisporre alclrnpenodico monitoragglo a ";"-J-" J"rr" ra. ton"rranea,ma si irapegnata continuareil dellastessa. da quantoemersom alla Relativamente bonilca del sito di ubicMionedelle novecenf{a1i' risultato contaminato' si rileva ch il terreno f^".* ai "^t*""-*ione, da le aree ali interesse, idrocarburi, sia pet la frazione ""1rr""a"."",", su tutte di menue sr areechcoscrittesi rileYatala presetrza pesante, "i;"t*lt" d; per qusti Aromatici e ali compostr rnorgauic i supenmentidei iimiti nonativi ComDosti e dlstibuzione disomogenea-Si ossewa come la ""*n"r" p**ul" ili#*rr"" tra compreso t'5 e 3'5 m da di loot -ioaziooe iot"r"."i plncipalrnete10spessore terreno a1 con Per a"ih fiangia.capillare le acque sotterranee' rfentnento p."i" *.itp""a"-" si ione del1a badera idraulica comnosti idrocabwici e alonaticr, pdma dell'attivaz dr Ba Id disnibzione tali 'oslarve Lofase"zrura'n sovrapposi/ione *;il; ;..J,; prodotto h fase libera Supemmentilocalizzati e non "; fJa" " f^ distribuzione dei per alcuni t "[" attivita pr;duitive di ffirena sono stati ri1vatianche i""t*" i.""il ioorgadci e alifatici clorulati' composti dj qra dell" acque p'im'l falda oneluti rer cor'o i L DroDooeole elaborando dati di qualjr oi un nelc delle af i"o.i"i"i- ."t i"r"ggi conaoriiotl z00o p"' IiJdj!idua-/ione prolorda t"-P-"g":,9i Per qlanlo rigualdala faka a.-"",I*dnd .""""*n-""; .le qla|m oerrc dellao sroke da Api moslld] Lrf generale..rrend moniroraggio ,nuglrolelvo di secon'lafalda' delte acque *o*. .tiirtu ,"aig""ao rm documentodi sintesidella qualita fta "n* "omi emersa ottobre2005 e diceabre 2006'

-l';;. .l '!''

VAI.UT.TO CFE, _rieuldolemodalitliliesercizio.lelcantiere,ilpfoponelte'purdescrivendo-leprincipali delle oper' con ""-*o"itt ."" t ^ presentato un effettivo progetto di cantierizzazione noched auellezflea lt'xtare ar'bienrale' di "!J""f.. ;f.ti-."" "le mjsure m;'igazrone di drspersrone. polveri tn ri sitazioniaccientalilsversamenti' i'."t""tu iil'"nJ esistenti ,lo.f".n^ .u-or", "t".) legatealtresalla demolizionedelle strtture aifidnrdell'al'viodeilavoridic^teizzLi|ofrc,salnecessarioattenderelaconclusione areebteressate,in corsoprcssola Lri n er, pi*"a,". ai ca]frfteizzazioe ebonifica del1e Qalitdela Vita; dllestrutture per quanto rigarda It disposizione proponentel'eiaborazionedi Bel colsodell'ir]contlo de128 maggio 2008 siatanchiesta al a" a disposLonedelle strutnre alf intemo dell'area API per define' ,t* "J*t"'tp-1"f" "energia" consistenteneif insiem dgli impianti IGCC in rnodo stra'tegico,i settore urta diversa ; d"l[" o" ttoou" centrali La variant esamina1a lattibilit di ;;;;") della centraleda 60 MW e/o dei depositi athaverso: disposizione . la dislocazionedella ceraleda 60 Mw; . . da 60 MW e la dislocazionedei deposidchemangonointerclusi ila la centmle la centraleda 580 N{W; tra la cenbale la dislocazionedel gralde depositocostieroche riane intercluso da 580 MW e la foce del frumeEsmo;

11IoDolentehavalutatotalealtemativ4111ahaconclusochelasoluzioneodginaiacrrca J"r|i-planto da 60 Mwe risulta la pil) idonea e qella.che maggiomente i"'"tiil["" nelte ""g"-'" op"r"ti.'" dell'intero stabilmento' per i motivi gi elencati il;;;lb
Lna dadue'ezaniunada 52AMVeed dd 6nMtue'

ffiostu

di Pag.30 50

RELATryAMNTE CONSIDER,{TO CEE _ '

AI QUADRO AMBIENTAI,E

<-\

il ->(:

t -

i siio di intervenio situatonella fasca di pianlrra costiem, chiusaverso l,intemo dn colline inleriori 300nU conete\a,,rooi 6i l areagmgraficad; riferimenro Io studioco.nprende per circa i2 K,,-, cosi, ed ir raro di di mare Adriaticoadiacente, coDreso ilGolfo Aacona; sf i_ ,"pJ*" tra a, po"o if teritodo comunaledi Monternarciano,a NE, incfua."ao p", ;r,rooi "J-io-.omnate di Falconara \4arjrlnra(1g.000 abiraJri), Derquadto rieuarda la comDonente atmosfera

t. 4!
ll.

1W
il k\

relatiwthente alla sitazionesnte operam dell.t qualit de ,aria - le mise dele cenh-alhe della rete provnciale evialerzianoquantosegle:

u'
_ il;;;

trffi ffi *#*ffi ',j.J::""-:"tr;;lH:*:*:::ffi


superamenti pa,icolare.in corrispondenza (in della sralone; ' *-

pefanto si ritene opporuno assrmerecome .if".i-""ri

;r*:.;;ttx*#:rii*#;i#*1i;ur*m
pi,: ,ig"ii""rt",

;#ri*jr#iiiT,"Jt"ri"4ilti';':r*tn":;:l
ff#, a'-in'*i**""ii :",:ff il.#,.: :Tl :HT; otl"'

ffi

jf j^f,xiiiyl,1,x";?l"lL"o'"xt'lT

iff*'fi 'g:'-;:T#":*i.'#.?H::"^*1"*'r"

rI*,Xm

'

Per quanto jiry4_] 48@4bca, negli anni 2000-2001 stataesegta una campagna misrefinalizzataa val di

:,; :jr."*j.j"l:."-r"Lioa"r.i-pi-tot#"iv3_"X'"'"-trilT;"r";""fl (7,1 e 7,J pg^{m.) si desumeche tale impiantonon irfluisce arfli. *fl"

)e4f

/-

,. tW)"

f,,

s1\:" -,.'\
dolutoal :,:Ji;il; i"i""ro*-,,,'ai' gi"*ai'.o a 4'25pg/mr'rerosimilnente

concentrazlonidiNH3lnaria'mel1reunsignihcativocontdbuloattribuibilea:!'-tr\t altrafl|coveicolare.lnottr",apartiredalmsediluglio2005,statainstailata dai cui dati si desumeuna "i""o i *^'i0"" 3 un rilevatore i'n conlinuo' dr Piu L.goPedodo osservaTiooe sopracbe a VAIUTATO, in rifed-meotoquanto

i v a l o l i s i s t e a t i c a e n t e e l e v a t i d i N o x f e g i s t r a t i p rA14' o . l a ' c e nvicinazelao n o e s s nelle cui t r a ] i n a l s itttostrada verosiailmente da attribuirsi al traffico sulh difficile interyretazioneil 'lato comparato centralinastessa installata, mene apparedi ragionevolmenteprevedere(come "1", p* io po'ooi tali da far ;;"H#;-t" per Ie relative misrre,sono dai risuitati de[" simulazioi) valod simil ;;;;;"f.;" au rilevacnti molto dive$i tra loro; i"l""" "-utt"ti"*t per la sitrazioneanteoperam dal Inoltre, slla basealellesimdazioni eff-tiuate Droponelte AtPI' sja a quelle do1'uteal de1lsb imento complessive (in riledmento sia alle emissrom in corrispondenza srr tutto il Ieticolo delle altede pdncipali dell'aFa), ;;fi;;;;ic;'; annuali - quasi semprcdi molto delle medie delle cenhalined$rltano vaLon soprattutto (da 2 a 10 volte); inferiori a quelli msuratirealmenle gli ossididi azoto'sinecessaria' a ci indce itenerc che,almenoper qanto riguarda -una approfondita campagna di im_pianti' Drima alell'entrats in esercizio oe' iuovi ed "]"*llT:il:-i

ftsure,;;*;;;;"t"

detl'aria' l'"ff"ttiuostatode[; qualit

dfinireultedorimisrecorrerveperlaRaffineria,ovelediscleFIzeindcates1ano ricondcibili a1suo eserclzlo; sola stazionen'5 che' comeevidenziatoin sede la misuradelle polvel vieneeffettuatanella diistuttoda,ltonpurltl}erslncampioresisnificativopelilmotoraggiocomplessrvo deliericalte nell'area di studio;

VALUTAToiIrdelinitiva,chelostatodeaqulitdell,ariacheemergedall'an:|isidelle misura effettuate tregli ultimi aDni risulta diverse foti di dti e datle campagrle 'li quelle criticit, ch sotoin pa (ozonoe polveri) conlermano che ;;;l;rse ;;;.;;; dett'Aria e della Qalit idertificate ell'ambito det Piano ci Risaiameoio ir prticolare per quanto risuarda gli situziod di attenzrone, i;;;n;;iofi i;aaft;;" tronmetaoicii gti idrocarbn e ;ssididi a2olo CONSIDERATO CHE d eserctzio Relativhrc te all.t staazionepost operamin fase dei 'liveffi scenad'allo scopodi perveriread il Droponelteha effethato uno stdioaccuato aspett e delle sfficientementeapprofondita dei mmrerosi J;"i";;;;;;i""iYa della situazioneal}tee po$ opemm; complessit generalizzata di ttti gli - Le simulazioni condotte hanno videnziato una riiluzioe

"fi ";Lt,t;X)i:;::ilTJ,f:; "u"*:':i: x iq',"-Jl."p"*" (con uni;"?l"T;?;iff qasi ol'rmqe


cheamenta "iiiil"t;'"." dei limiti di legge; "" nJlti asoluti molto bassi e ben al di sotto coscomeil lo a valori det 50olo' gli ossididi azotosi d'lucono invecein tutti ipunti' sI iduce ultenometrte 'h rna quota hiossiilo ili zolfo, che,pur gra oen ar di sotto deilimiti' dal vaabile 30 al60%;

'adptestwur c?ntale a.i.l canbLnto del[o Pateazo

: ::

"-'-),,i-iwlm6ilauesioni ra di ?ag.32 50

6aMtt'e unad' t2otwe edrnadd

..Pr Fakorara (Atq

per le polveri (PM10) si registranodiminuzioni fino aI309/0,anchese in alcun t si prevedono aumenti sporadici dell'ordiDe del 5-109/0, pur restando i totale entro i limiri di legge: 10 scena o emissivo dello stabilimento znte e post opemrl relativamenteai fluss di massa dei principali macroinquinanti, con la applicazione alelle miswe di compensazione i1 seguente:
s02
119
Enissiod rv cenhle 580 MWe
PTS

co
423 23 451

r693 28 1t21

'14 25 103
39

I 4

:!!iM

dr co!e',one

452

305

Emssiori conDlessive drt siio al netr dle oombersdionj Diffeuetrsionj te e po$oDetu

9rl ,215

980 -7tl 211

h
Y

VAIUTATO

CffE

I'appmccio del proponentedsulta cautelativo,in quantolo stato ante operamscelto quello rclativo al censimentoeffettivo delle emissioninel 2004 e non a quelle massimeautonzzate, metrtre, viceve$a, le orc di fuzioDamento previste per la CTE da 5g0 MWe ne11a situazionepost operam sono quelle teoriche massime(9760); pertanto,le rialuzioni evidenziate devonoritenersi sottostimate: per quanto iguarda i metalli peserti, ancorchnon critici, da attendersicomunqueuna dduzione, atneno per nichel e vanadio, come effetto clellemisure di compensazione, ir eal pariicolare della riduzione dell'olio combustibilenl sito di Raffineria: in merito ai PM10 (e femo restaddoquanto soprahalicato a proposito della loro possibile so\,Tastima), osservache gli unici aumentprevisti sonoquelli legati alla fase di caniierc si nell'area che sar sede del hacciato del gasdotto e delltlelodotto. e oundr sostanzialmeteal di fuori di zone dj paficolare densitaabitativa e/o prcgio ambiental; CONSIDER{TO CEE Relatiwtmente alh situL,ione post operun infdse di costruzione d:rantela fase di costuzione sono previste interferenze di modesta entita, do\,1riealle emissioni comesseal traffco veicolare e al traffico marittimo; La produzione di polveri duraate le attivit di cantiere stata quantificat4 a livellq ndicativo, in riferimento a alati di letteratua tecnica, da cui si evine che taii emissioni durante il periodo pi critico, corrispondentealla preparazionedelle aree di cantiere, si possono stimare un iotalemensle chca0,15-0,30 in di Kg/m"; infne, in me.ito aile opere conresse(a terra), le principali enissioni in atmosfera sono dovute alla circolazione di veicoli su superfici non pavimentaie,alla presenzadi cumui di matenale all'apefio ed alle prncipali operazioli cosfu$ive. Il proponente stima che tali emissioni sarannopoco signficative e qindi il telatiyo impatto ba;crabile, e L:ollrunque conteribile con gli ordinari accorgimenti; per quanto riguarda la componente ambienteidlico relativamente &Ila staaziotte ante operam i -

+
)

CONSIDERATO CIIE

#:';1;,::::::

[;fi'**

*'' Pae'aMPt'iva'! i 58aMwe a y ai *-e^


PaC.33 50 di

do t2qMqe ed ua da 60MWe-

r'

( .!

, ,4/ 7) 'a -\
U uJ-r ",//' -'r<

77

a$y-;

deslln"t"S;.-^;t-. stesso possibile dall'ARPAM e dal proponente dai monitoraggi "Ji efethrati -.' qatita dei sedime i marini' che dsultano esenti da inquinamentoda' {1r buon livello microbiologiche,mentre statasconfata nasihMzione e/o metaliDesanti concentrzzioni a di dr cnticil per la ptesenza PCB nell'atea marinanotevolmente Sud-Estdella Raffinena; dalla posadelle condottedel sistelnadi p'esa acquadi mare ia "omunque, zona interessata ai sensl dovreisereoggettodi ua Pianodi Caratterizazione dei SedimentiMarini' redatto del D. Lgs 152/t006,parti III e IV, al tue di verificamele qalii ambientali; --'. dai dati assutrti in corispondeza della zou.' di foce del fiume Esino (attivo pel il degli ecosistemie dell'eutrofizzazione) si nscontra ul livello di qali -.ili"t"ggt" tn miglioramento,fofemente condrzio*rto dall'appofo anhopico del -"aio"r"]"-"o."ite fiumeEsino; post operamin fase li esercizn rclalvanente a a situazone - sli imDatti sull'ambie e idrico comessi all'esercizio della CTE da 580 Mre sono issenzilmer,te ir,,putabrlial prelievo ili risorseiilriche e a1loscaricodi efilenti liqridi; - Der quato riguada r prelicvi, i carichi aggimtivi sono que1li rclativi all'acqa demi e soddisfatti dalt'sisterteimpianto di iti:".qou a; tim"aau-"nto, i primi dei qua1isaranno esercino gi orod,.,iioo" ", in parte, dal sisiemadi attametrto dell'acqua sotterraaea, in presso Roflmeria: la dscrittanel QlradroProgettuale'dal per quafltoriguardagli scarich,la situMione quel1a eleoriche iout. ri "ulri.. chea quasi totalii degli efflrenti, ad eccezionedelle acque nJia " aat. acque rli raffteildamento, veranno convogliate all'esstente impianto di potenzialitdello stesso; minima su1la ;afiamento.con una ncidenza - in relazioneallo scarico alellaprcsa acqua mare, il propotrentela prcsentatouno studio possibili Lf"tl"" *ffu dispersioneilel penaacchiotermico, allo scopo di vficare sia i con I'analoga opem a supporto marino, sia le eventuali interfercnze impatti su1l'ambiente IGCC; dell'impianto CTE I ila tale analisi non sono rbultati impatti significativi dovuti all'esercizio della sia risultano rispettat i limiti allo scaricoimposti dst D'Lgs' 152106 io particolre, i...ini ai i"*p"."to.a ce di concentrazionechmica; moltre, tattandosi di n sistema a di raffteddameato ciclo aperlo, non previsto un inclemento di salinit allo scarjco' ' dspettoall'acquadi rnarecaptatal post operamn fase di realzzazlofle relativaftente Llla siluazone connessiai prelievi - per le operca tena, 8li impatti sIl'abieate idrico sonoessenzialmente personale di acquaindustdaleper le attivita e idri"i ajucquupot"tile pei gli usi sanitari del di Ji *rti"r", ,ron"ned "nsegrentescaricodi eluenti liqidi Non previstal'emissione in RafFrneria; A q"^"to, coie d.tto' sararnoutilizzati i servizi gi!disponibili ..nui ,-ii* - Per ouantoisuarda I'elettuodotioe il gasdotto,l'atfravelsameBtodei corsi d'acqua non rcalizzato con impiego della TOC, al di sotto di ciascun "oro'ort"re ;tit"af"."*", essendo paj a circa alvei; oer ta]i operazioni previsto un prelievo di acqanelf insiememodesto' 500 mtper tutte le hivellazioni; lalrramdrid' acaricodella impar'i da - perquanlo maresono pre'edersi Ieoperea riguarda 'l* dei sedimenti,tenuto ancheconto della "ra"-iulln"nt. "Imore e alla risospensiore po;sibilita di un inquinajnentolocaldegli stessi; VALTATO CEE

.-

_". *t *ib c_i,t APr' Fatcrnord(AN)

aJi p**.^pu,,

L $aMve caposldda dueszi unada 2!)Mtte ed ""a da 6aMtl/e

di Pas-34 50

_-r

s ' i:1, ,,, sull'ambiente marino,'n quanto per rig,.,*O.u "rp"n, ,",-i"i, oap.. gt; -:: 'uarto :Tl,11itrl:avi I'inquinamenro riguarda chimico a"l" riqoJ;

s1llabase degli elementi fomiti dal proponente, in fase di esercizio no11 prevedono

(\---J.'

per quanlo riguarda i corsi d'acqua superficiali, e n particolarc il fime Eso, non sono prcviste interferenze dtefte in ness fase,tenuto are conto deil,impiego delle tecniche di trivellazio[e pteviste per l,afraversamentodei corsi d,acqua superhciaii:CONSIDERATO CEE
per quadto riguarde la comDonelte solo e softosuolo

tclatiy.tmefite aIIa fase di esercizo - il progtto non prevede,per quznto rigxa.da rinstalrazione delre due rove sezroni,arcuDa sotbazioDe suolo, andandoessea sostituirnealtettanti; di _ per quanio r_rgarda opere complementati, le i fatti interrati sararlnoripristinati, dopo Ia de,lcavi e delle condotte,allo statopreceae4te, salvo applicazionei oppoune tasce ?:y ol nsDefio: le areeattversate, ad eccezioneili quelle adiaceDtial sito di Raffineria e ai colsi d,acqua, han]l1o.u destinaziote d'uso prevalentemente agricola; preyista invece una oocupazlone di suolo.di circa 50)c50 per la stazionedi passggiodell;elethodotto m aa cavo intenato aa aereo, circa 23.000m. per la stazione corDessione RTN e di di di alla circa4.000m, per i sostegni dell'elethodotto; il +Edro idrogeologico dell,areasottesailal sito di RafFmeriaha evialenziato presenzae la la continuit di lm livello argilloso, iisistente s glan pa.rtedella superficie detla Raffine a sressa,laratterizzato da una bassa permeabilit e tie da separat i due ivelh di falda preseinellazona,disoggiacenzavariabilehale3me,rispjtivamente,tr.a5eZ0msotto i piaao campagaa,creandormabarrie al moto verticale dei soluti ,"iiiq a, r"ro"; p:lj^q::T:-l*gqa rischio sismico, l,area di Raffineria rcade ir Ctasse4, ai sensidella vfrNr tzt+ttlJ: le stmttue saramo perci realizzateseoondoquanto previsto dalla notrativa:

per quantodguarde il dissestoidrogeologico, siio di Raffineria non risulta intercssaro: - per qrantonguarda il rischio di esondezione per iI sito di Raffineda, si rimandaa qlantogr esposto in merito al pAI; si deve invece rilevare che i1 hacciato "f g"raotto ed anche quello de1la pafte inter-atadeil,elethodotto- intere"r" di.,"r." ,* u .i"iniJ"A-",oria,,iorr"_ . " per e quali ie considerazioaisvolte per il sito di Raffineria considezioai ..NJ non trovaao "ppil"U"r".*'",'" "ooil"Uo"r" ,IITAT) rl rd,..,J^ che VAI-UTATO, al ri$lardo, ^r,I'occupBzionedi suolo connessaa1i'intervento da considemrsi miaima, e rifdta esclsivamente alle fscecomesseal1'eserczio gasdottoe dell,etettroaotto;det sulla base di qranto dlevato dai documenti, i fenomeoi esondativi non sembraro averc rilevaza rispetto al sito di instalazione delle nuove CTE, e comunqu" t *.oil^urf" "1" ".,t punlo veDgaoperatauna analisiilr accordocon [a Autoria di Bcino regionale, volta a cluarire gli aspetti coltrove.si relativi alla pedmetrazioneutt"ut" a"i pai-"iu ,o* o"uo oce dell'Esino, ancheevenhralrnente opemndonel sensodi una sist"mazionere retat;ve cnr:c;rdidrauliche. conutrque che ono l.efteto di numerosif".o."m. origine ongrne artroDica he dsaleono rol;-nni nrp.p..l..;, arn_opica risalgono che c / aglionniprce.uenn;

^*""'Ut y

t::*:t'
di perquantorigu da I'atffavelsamefio da parte del gasdottoe.delt'eletrr-odotto^1:eato' accorgiment totti i necessari zone esondabili, oppofiuno "tt" u"ngutto udottuti progeltualt;

CIIE CONSIDERATO relafvafientea afase di costruzione del Quadro a di ie occupazioni suolo sarannotutte tempomnee'come indicate Proposito piazzole di soro previste e Progettual, in parhcolare,p", quanro'iguarda I'elethodotto'

i""i iiidi

di oell ourala occupMione 30 45 goror'

t* ri ;-ioi"

e una pari me'ho a 2'5'4<r con d"it" fo"o!;ooi' in nuero

relativdnente alla situ.tzofte ante opetat't scarsa la vegetazione nairale o nella zona, secondo qlanto dportato ne1 SlA, dsulta permaaenh' rr si di tipo non soo pr"s"oti "olt*" di palticolare pregio o ,"-*ri**^i"t faustiche prctette; ioi"stul", n si.is"ontt^ nell'area la presenza di specie presenl' - nerl,rpor7ione oi fondalp illlrnedratamelre an'iranle l'r Rafltneria non soro - slla base di uno studio de1CNR del 1998 ecosistemtdi paflcolare preglo, ne sr fla traccia - dell'esisieriza di Posidonia oceantca: de]l'Esmo - il mo toraggio detls acque cosrere codotto ne['ambito del Si Di Mar' alla foce e.' per quanto la flora' di diatomee. iiu "uia"-i|o una pre,ralewa- per qanto riguarda

set alcunaspecied prgio per quantoiguardail nectoo; alla situazionepost oPerah in fdse d esercizio rchttivanente

;iiarffiilft

(zoobenthos)' Bivalvie Policheti ai Molluschi ;;epooi1zopuncton),

sulla componente dererminato nella fase dr esocizio della CTE il potenziale impatto che peltro verrarno djmnuiti a ,"o"rr*oo Lff" aiap"*ione di inqirantiin atraosiera' della dei progetto in esame,dando luogo ad un miglioraento ""ir," ai "*rri""t siliazioneattuale; nuLteriorcfattofediimpattosullafaunaesugliecosistemijlrumorc:,alrigrardo,il prodtiivo non sublr *r,ofi""u ch" Ia performanceacusticadelf intero sito -oo"ti.t" e sresro vrl e per prevista lo-srabilirnenlo ij, D."*,o.n.*to ;,peno Uacontrgurazione dal pre!,1\te fK-Av xeq l: acustico di dellemjsu-e conrerimenro ,jellaozione e flnrariene sr te componeDti - perquanlon o t l o , i leleltrodoflo,.limparo h i a t E a v e r s avegelalione a u n a , i n v e c e ' s i d e v e ' u u t o t u t origuard" a t a l a n a h r r a d e i l o g l ti;perl.avf pfe!'rsta ulto $ri conduttori della linea Al riguardo, comunque """r,a"ra" ip","u"r" particolari punti itici' nonchdi ar" *tae d guardiain conispondizadi i.nlrt""l"t" la che opi colo_ate 50 meni, auoenfzoo ri:ibilit; sfere Legati - relativamenteaglr ecos1steml manni, i fenomeni di disturbo atiesi --sono t"-ico delle acquecalde ih ritomo dai coldesatori di raffteddamento: .r"*iuirn"ot" uf-fo \U]|a02sedjqdanlonIevaloaproDosilodelIadjFnr.io0e.|-FrdcaecFimicai impalndl pacolarefllevar74 attesi delloscanconon sono cooi.pondea post opercf in fase di cLntiere Llla retalivumente stuazone di le rigrar'lanosopratttto attivit a rnare'tenutoconto che le aree - le potenziali interferenze cantiereateasaamouorcaternzonealtamentezlrlfoplzzate,qualilostabilimentoil pododi Ancona;
ed duseioni uhada520MWe Maa6aMwe' di Pag.36 50

ffi.

Jl
.-' -

'*
,'::airche quanto riguatda per le opete corutesse, relativi cantieri, come sopra ctescritti, i noD specifiche cdticiir, sia.per la natura dei t"ogt i ;rrt".".suti,-siu per .presentano la limitata gumia deg-li r:ierventi, sia per la loro scarsa invasivita] ad eccezioae di qelli previsti intomo alle fasce dparali dei corsi d,acqua, per i quai C p."rri. fu drstruzione di !egeiaTlone a_rborea arbu.hva;

p:r qlTl9 nguarda gli iapatti sull,ambiente marino, questi sarurlo essenziatmenre sconducib i alla perturbzione do\'xta al taffico -rritto, uriu mvimentazione dei fotdaii narini e alle emissioni sonore, possibiledislmzione con dellebioceno$bentoniche, ancorccircoscritta alle sole areeintervento,e di caratteretemooraneo: VAIUTATO CHE all? luce di quanto sopm esposto,si dtiene f impatto sila componente flo.u-fana teestre dl tutto_ hascuab e per quanto attienegri eco.i"t"-i i".i.r""ri ""iiii.-.diato ntomo de1 sito produttivo, con effetti modesti archJsu[e zo"" i"t"."""* Ori ,r*"-iuti dell,elettrodotto e dei gasdotto che, per qunto dguarda Ia parte intent4 "u,rro,o co_qrr" .ip.rsd*ti at loro sfatooriginaio;

verosimile dtenerc che le unita ambientali interessate, qualto ill camtterizzate da un elevato Fmdo di antroptzzazloe, ospitino zoocenesi gi ampiaente adattatealre atfivita umale, quindi, in gradodi .,assorbire,, relativa faciiita con ane le attivita di ca.ntiete: CONSTDEP.ATO CIIE per quanto riguarda le componenfirmore reltivathenteatta situazione qnte operqm e vibrazioni " \ ,

I per dfillile gli attuali livelli di aatit del clima acustico trell,area circostaqfe l, ,i / Raffineria, la proponente ha fatto ;feme"ro .i .i""rruti iipo.ti*J pfv n"". f , N ,l*rrt:""_ indicara dat propo{ente a valle de[,attuazioe \' del pRAV_Rev.l, 111", rportata nella RelazioneIstrutforia,.si evince' che, fatta eccezione peri '.. " ricettore j sonorispettati ovulque i limiti iEposti dallu ,ooirrraonu \ ^ "o_on"t"i \ ,2 - in reazionealle vibrazioni, in basealla docmeniazone dslta che Don soronote, ell,aea \ s\ presaiD considezione,sorgenticontinee significative. \ \ relativamente aIIa sitazionepost operqmn ase di cqhtiere \\ fcantigre compofia rcipalnqente p emssione rmorc do\',]razl di rrafficoveicolare F. \,/, la^?::91

a rrzaoialai :,T:1?":r"",:y"r1rl1ee4),.nconducibili pit"L?,*","-'pgi "**".a ' 'L \ *.1,, 'r dBrA) tealre per .u."nin" ,, i-"" i.i,i (coll i.,"l'i."* I o, terd i"" porerzanetta 1J:"li:::" 1," ] installata> 350 kwJ;I
comunque comunoue modesto data rimiiata . modesto, la 1ii+^r",r.."+. i-i r--^,: ---^rr 1 sede del cantiere, daral^ a*"t" de1 ouraL tavon nonch la a"iu"-i """rc ft;"ff;#::": urcato rbicato \, ,llt^ i i//''^
/ /,
,O V^ U
., k .ono*o'oo tt" oo.* ,,o.pb-,iii

cr'e,pe' .'o qu"' risuarda ,t- ';;;;;:;:;; que\,i : l:i,juTj:^11.1:11',IeccMjci:.e per t,omotogazionemezzi dei d,opera l^fry.^if_""p*t1 tri.rer. zl ttitgi'""" tiii"K;

^\

le atiivit di cantiereprodurraroun incrcmeotodela rumorosfta nele aree intessate ,rrl '--'.: ^,, imitatamenre ore diumee per brevi periodidi terpo alle ,\ ^1 L .. "-" " "n ;f "i^riri'i, rpatto sara
I \tl \, t

intemamente aree tipo ina*ur" po.t'ra"; intemamentead areedi iipo induskiale e porfuale; ad

per quanto rigarda le opere a mare, gli impatfi dlla componente sono stati gia sopra descritti;
relatvmente alla situazione post operam relativmente alta situ.rzionepost operamin fase fase di eserc..:o

f/

l\

t.qp:]c

.outtw"

ad"p wioni unada 52oi.,tr/e ,.iiiiouw* "a

+tt.'--,'"
e' sonopoco sigrihcative te rto ancheconio della ir"' \1 sonoredella centraLe le emissioni di cone delia Raffineria che scheroanoil i*pianti e delle mr-ria or"i#" Ji "***i nlmore.ilclimaacusticonsultapocoinflueruato.lall,interventoincorrispondefTadei fiuresmo nelqua(iere "#ir i';."i"" ^l,"iiri inr"'e'uti t'bicatj ''

# il':-*,:":x? comunale'siaassolutiche l1,:.TH::il:,'*;TH1'T""'f ":S;HT^*"1il::1*:l acustica dalla zonizzazione imposti iliiliti i ;il"-;
differenziali
non ci sar un consistent . 11 prcponente fa ievare che rella situazrone posl opelam' I'2' deiricettori 7' E e

i^J"iii"ari

secibitj'co" I''cce'io"" i ."."ri pressoricettod

ichieste dalla - I ndaginieffetluatedal Proponeltefinalzzatea dsponderealle integrazioni acusticadell lervento prssotutti i CortnissioneVia, harlno drmostrafo n compatibilit nell'ambito dei monitoragcl ama.:ffettuati presi in considerazione i;;;;i;fi"rt";.," desitte ne1laRelazionedi Inpatto a" epip, ll. f" ip*esi e le prescrizioni progethrali Acustico. 101)' - Hanroevideiato, jDfne, nello specihcoper la zona'li Fiumesiro Marc '(.postazioe e alla rafineria nputabili clima adstico domrnatoil'a sorgentisonorenoll che 1'attuale pari a"circa47'0 dB' che si duce a circa 46'0 dB' ii" r"il"ii ""i"t"," a"lh raffineria del della atLazione PRAV- Rev 0i a va1le '[el nuovo ciclo combinato - il roponente ha dichiarato,poi, che con la realizzazrone fino a ltto "rt"'io'i azioni di mitigazione dell'impatto.custico ;;;;;;;;.J" nrmero r' it gannOre rispettoael lmite comurleancheper il ricettore di getreratorc vaporc a recperoa varl dalla 'uu"til" proOottn aa fasrJi t"tioi in.caldaia' attenta analisi della attenu?z1one al fine di d;l ; dalle caratterisriche silenziatorefpicamente irstallato, ;;##;;i;r iontenereIe potenzesonoreallo sbocco' sonore per l'elethodotto sono per quantoriguarda le operc complementari'le emissioni sttna na potenza sonora fitmessa do\rie all'efftto corona' per quarc il proponente t u""*utiL; a distanzeordin'ie e15 m); Jo.tti^"ot"

r'-

-L'Apiha,peranio,**{:,T:"9".1ii"':T1aL1;"J:"1'tr:";t*,$,-JiJ

CHE: CONSIDERATO ilDloDonentehaindividuaionelleoperedicompeNazione,anc-le.Tteffelhrarca **""" q di f installazione approp'iati^sistemi i"l1.;"t: ;J##;;;";-i noDsl e a suFotoil circa300000 tLUo per il quale' (doDpi etcl veti, per un lmDono fomale ulleriore' dr conoceoza alcunimpcg.lo che,ai dguardo VA.LUTA.TO e non iDlluezail rispetto dei limiti presso l'mpatto acusticodell'intefleto risrltamodesto verificae le misreindividuaie dal s1 ttti i recettoriabitatll'1;comunque ren'lernecessario nrooonnteDerrisolverela criticita sul ricettore3; nonsidtieneinoltrechelacentmlepossaesserefonted'impattivibrazionaline]learee dotata degLiaccolglmenti progettuali conteini alf interveto' " "h" """ "ar comunque L norlet-lN 90l4 e ev lo: da'le previ\lo a quanro per necessari onemperare
ni und da 520MVe ed u'4 da 6AMW?'

di Pag.3E 50

. -

Derouanto riquarda la componeteDaesaggio

nell'ambito dell'Area Vasta indagatanon sotropresentiarcevincolate e, per qarto ngua.rcja il. pairimonio storico, il proponente segnala ia presenza di numerosi' maiufattr agncoli d'iltercsse storico (cascineed alt-i insediamenti),che non sarannoinerferiti dalt,imziatrva: VALUTATO, ai rigra.rdo che in rneri'o 6; 1-. srriscootrMo 21t2 noo lement, specifico di impano paesaggi:rico.qJanro Ln i,.nuovi impianti vengonoad inserirsi all.intemo h * .o-pf"r.J u"ifi"f" di notevoli dmensioni,gi fortementecolrnotatodzlla preseruadi numeri implanti e O camrru per quanto nguarda l'elettrodotto, le zone allraversate sorao carateirzzate,per la loro vocazione agricola, da rma scarsaiequentazjone,e quhdi risultano poco significatve in telmlni di impatto visivo; CONSIDERATO CIIE
comDo te Daesa
ff torJtzzafl

ron si rawisano impatt sigrificativi dell,ope in iemini di radiazioni ionizzanr e non: VAI,UTATO CHE Derquantoriguarda la componente saluteDubblica nel prcndere znche aiio delle conclusioni della Comissione preposta all,indagine sulle rnalattie tumorali treI territorio di FalconaraMarittima, cle non rileva tassi di moalit per tumorc e/o per altle casedive$i da qrelli registati sia in provincia di ADcoaa che nel territorio regionale, si osserva che i potenziali impatti sulla salute pubblica dowti alla realizzazroDe della centale delle operecoinessesonodi fatto dconacbiliall,eveDtuale e ..qo:39o: deL resrdenti ad nquinamento atmosfedco, acustico ed eietfomagnetico e quindi si rn2nda a quantopitr sopraspecificatoj CONSIDERATO CHE Der quantoriqarda la misre di comDensazione Freviste 1\.data 2l/210'1, con notaprot.APINE-070112_0_LMARCIIE, il proponente sonoposto ha ala Regione le misule compensativeelencatenel dettaglio nella-Reiazione Istruttoria che coinvolgono i Comuni di Falcoma Marittima, Montenirciano, Cniara,rutt" e Uont" Sun Vito, in aggiuntaa quarto gi previsio dal progetto per la RafFlreria e 1,impia*o ICCC: VAI,UTATO CEE Le misule di compensazione ndividate dal proponeatedspondono alle ossewazroniposte del G.I. e si ritiede siano in linea di priacipio congrue, salvo vedfiche da effettuarsi nell'ambito del conlooto con gii E[ti locali, fermo restaado che in tutti i casi dovranao restaredr nafuraesclusivamente ambientale; non si ha notizia in Eerito ad evenhjali acordi intervenuti per Ia rcaljzzazioe, puzrrle o \ totale,di tali misurecompensaiive, salvo l,accordo tra il omune ai naiconara e t,api ra[fneria, cui alla delibera di 4?/0g. cu; sonoribadire mi.u.edi comp.nsaz,one in uJt p.l il rejroio comunale farconar. ie qualila Ammini"t-;0n".; ;*.*"lj di per al ;nU,.oJne modztr{a. tempL misure o altemdtive a-uazione di Il Comune di Falconara ha promosso un accordo tra le parti definito nella Conveazione cui alla D.G-C. 115/08ratificata in dara 29.10 di con il qale sot10
(paFa!" o.,a obt d-!a po-*a ,o.p ". "N; d, 550vw" "o.p*.o

--V"l ,

oo . n .o:,

P a g1 9 d i 5 0

'l p

2
(-[f

i?-

e Proponente) stabiliti gli impegni tra 1eparli conftaentl ( Comne di Falconar

MWq nonch in merito alla adesroeal. Prcio.collo,dr rcaliztazione'detla""otot du SSO stabiliti nella Int"r" "on R"gion" M"t he e Provincia ili Ancona' Gli intewent compcnsativi medesimo; snoriportai ell'aicolo 3 del documento Convezione di ntesadel nelia meilesimaConvelzione, anchein attuazionedei conlenuti del Protocolio quest'ultimo si ' poi impegnato iiii o" r" Regione Marche ed il proponerte-, formalment"o-nilCo-o,t"diFalionaraauaelaborazione'etrtro6esidalla sottoscrizioneilellacitataconYenzione,diunprogettocomplessivoper.larealizzaziofre con il vaporcprodoito di una rete d teleriscaldamento esemaalla raffineria da alimentare Marittima e nuovecentrali, a servizio di alcune utenze 'lel Comune di Falconara da11e del possacoprire la necessit tenitorio l1el alel Dolo osDalalieroali Torrtte (AN) che per il alfintno del1o stabiimentogli impianti necessari k" " a real:ru.zare ;;;;; scopo. suddetto

;;;;;;;;.'?;;-"tfiuntive

di.Api.feriai,r*1111:,^"11 da porrea carico

CONSIDERATOCHE : deua del In alata3.12.2008 pervenuto dalla RegioneMarche il Decreto- ^Dirigente 08' ambientale n' 129'Ar'AA porJio-," al unzione valutazione eil autorizzazione progetto'lella nov' centrale 'li il iontenente parere sostanzialente latra tecnicasul r1a sezioni'una da 52OMWe una da 60MW' da realzarspresso due da 580MW iostituita il sito irrdstrialedi FaiconaMarittima' per queltada 60 NfW; da Taleparere nori positivoper la sezione 520 IVIIVe positivo nrcamee quesiultima per, a dettadel proponede trova la snagiustificazioneeconomlca di detto principalealla maggioreLa motivazione dellaseziooe nellarealizzazioae -base al del progetio PE4R 'Piaro o regonale la rispondenza meno del Derere dirigente 'lnerserico a in pigionale) olrero ad uo ano programmalorioi menfo qre(lo Afibienuf" esPressi ci si gi ampiamente tiportate DeIparcle tecnico sivince che esseslano - Dalla letfura del1ealtre argomentazioni ;'trunoria p"da!lo e nel ed d; oeeeno chianmenfi approrondimen cor*odella si J.ale VIA p opo'radi p'lrere presente nella e,a i.ll. sLe.se'Ji te.rlo conto del progettoha si precisaal riguardo che,in sederegionale'l RT.p-:"- qi::Tt:zza dal CTR Marche' ai sensidel ottiooto, o"t ,.i.'"*n.e u.s. il NuIh sta di Fattibilit modificaziori; corle evidenziato nella RelazioneIstruttona' i.in" $nDg e sccessve aspettitrattatl *oii *go-"nt"rioni .iportate nel parele del dAigenteregionalerigr'rardano del $ddetto "ti.i ;." *of,i, in alcu casi con specifiche prescrizioni, in sde.di esame Regioneha partecipatocon ftuppotto ai Si"*"rru aa pane dei CTR Marche, l1cui Ia stessa i prop orgzni tecnici. direttamente da L'inizativ ha ottento la piena condiYisione pae del Comune sia in tal senso con Delibera ow"ro qoello rli FalconaraM'ma, espressosi ir,t"r"aanto, di Gintache di Consiglio. del e E' statastipulataft il proponente Comnedi Falconarauna specif'cacotrvenzione compensazrom valore di circa L3 m i;ni di euro che prevedeper il tenitoo uaa serie di del progetto Tale convelzione-contienein se ""*i ate alla real::zzaaiorc .""i"**fi"""ti _Lpti"ito di superamentodi qalsiasi vincolo progrmrlltorio o di altra natura uo comunalecompetenza - La risposta del G I. alle problematicheespsse el parcre rcgionale ripilogata nella Ishuttona Relazione

@,!a (Att) APr Fatcnara

dueseioni noda 52aMve ed una da 60ttt//e i

di Pag-40 50

Rispettoalle conclusioni del Dirigente delle RegioneMarche si fa qui rievareche: 1. Per quanto rigrada la dichiarata incompatibilit ambientale della sezione . da 520MW parere regionale causa la mancala "o"a"oro a,"r"o gli .espressa_-nel str.meDt di pianilicazione e di programmazione vigenti ed oper"antisul sito ain paticolae il Piano di Ttelae risanamentodelia quafta e['aria, il piano per l,Assetto Idrogeologico, il Piano Energetico Ambientate Regionale e il pi*o i.*r-"o,o del'A-reaad Elevato tuschio di Crisi Aflbieniale) vJricordato che, a serNi dell,art.3 comma 1 det DPCM 27/12/88,. comu que escluso che iI giudizio d cohpatibitit ambiehtale abbii ad oggetlo i contenut degli. axi di pianifcitone e progmmfiazionq noftch la conormit dell'opera ai medesiml, e di "orr."g,."rra quest atti non possono essere considerati ostativi al riconoscincento clella compatibilitambieDtale dell,iniziava. 2- L'incremento di hafhco da ritenersi rlel tutto insignificante rispetto agli athrali volumi di tffico sia intem a1lostabilimentoche sdle dittici viaie circost;ti, inoltre si in presenza un modestoinctemento sostanze di di pericolosestoccate (circa 145 mc) a linte del quale ci sar,vicevetsa,la demoljzione dei serbatoi di stoccaggiogrezzo e di bemna, con il conseguenfe smatrlellamento circa 140_000 di sosinze"altamenre di mc lnfianmabili. 3. S confrma, poi che I'esamedi tutta la documentazionetrasoiesssco[sente di ritelere che il progetto si sia fatto carco di proporr una situazione post operam migliore di quella odierna,vetso fufi i quadri ambientali. 4. Lr merito aIa criticita dell,aspettoda:ritariomaifestatedalla Regionesi dleva che : . 10studio prelimirure . lo sfudio iguarda ii deceio antecealente 2004, e quhdi verosirrulnente al dleva gli effefti d inquinamenti G)ostoche di questo si attr) datarialmeno 20 aruri fa, quhdi in condzioni completamente diverse da oggi, alneno per quanto $nrda la raffineria non si conosce il grado di attendibilita delle stime, nonch l,enfit degli incrementi di schio scont ati non dimoshabile alcunarclazione causaeffetto tra le patologie ossel1tee la mffineaia

fr N
\o /

>
\

t,,

u3

, t *

. . 5

Si_puo rilevare ch, souzioDj che ipotizzino la tealizzazone della sola szio4e da outvtw s.ano J lpnersr .on perseguibili, da visla la sca$avalen-za ico. tecn econo mica della proposta_e della assoluia mpossibilita che questada sola,possapromuovete e sosterere le.azionidi mitigazione proposte progettonel suocomplesso. eviaente, dal E, vrceversa. ta sotuzione che proposta.oi,verola seziotre 520MW pir ta sezione da da oulvtw! possametterea disposizione risorsenecessarie realzzate proposte le per le di compensazioneed ottenere, di co[seguenza, una_ complessiva r'iduzrone dell'impatto ambietrtale sito nell,areacircostante. del

NF{

n*+

TfITTO CIO' PREMESSO, ESAMINATO, CONSIDERATO E VAILUTATO LA COMMISSION-E PER LA VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTAI-E FAV

.""r

al" o.

t a- b no a ar tr pt-vr

ra,ptay.

a d . 80Mtt "

PaC.4ldi

(W z,t&& #$.
und da 520Mfre ed ua da 'AMrIle

kt:'
c4\

\yry

," j.,,,..

;-.

da ala a dellaentr:le ciclo combinato 580MWe composta due sezionii\' Alla realizzazione Marittima API di Fatconara stabilimento una da520MWe d una da 60 MWe, neUo del metanodotto di atla RTN a 380 kV' 1.Ary, "o*p."n"i". a"U'elellroalotto di connession ' deueoPeledi presae scadcoacquamare' nonchdegli aua aiacciamento r"te SNAI{, slla Rrffineria, sull'impiantoIGCC e sul nuo]9 tlPit"t" Sl compematiYi interventi ntl untual che sopradescritti, e-gq
Drescr1tzlofir:

\'-

esercitenelle condiziotridi 1. Le duesezionida 520 MWe e 60 lvfwe dovrantroessere utitjzzati' com potratrnoessere parere;in particolme, nel dferimentoinalicate presente e gas di raffineria, quest'ultimo in misua tae gas combustibili, escusivamente traturale i da noneccedere limiti di seguitoindicatl: . per la sezione da 520 IvIWe 1570 del totale itr peso del combustibile in ingresso(riferito ai consmisu basegiomalier4; per la sezioneda 60 MWe: 4.000 ore/anno (mche in regmedi almentazione isclusva a gas di ffineria), e comlnque ulr nmero di ore annue tron ore al5070 del totalealelle di flmzionamento; suDeriore all'e1rata n eserciziodei uovi inrpianti i limiti emissiYi massimi da 2 . Successivamente - ferae restandole competenze dela ii"prttur" p". t'iot".o "omplesso industriale API de principali pr"od*u i AiA ir materia - saranno' relativalBqnteai fl+sidi massa .
, mac.nquinan i sequenli: , {tU t t; :

160 di Monos.ido carDonio: t/a

f41

fO

. . .

930 di Ossidi azoto: tla la ossididi zolfo:1.100 (PMIO): t/a 80 Polveri

i ?+\"dO6 ! &$e 9 l?"

gif

ilefinito un essere sezionidella nuovaCTE dovrr in Prima dell'entrata funzioedelle ale quali, al verificarsi del oioto"ouo "oo ARPAM dove siano defi[ite le procedurecon Ie da l"o".ut"*o clellasoglia di allarme detla meilia oraria dei livelti di ozonomisnrtti dello "i""0 o"" ccntrati-na detla rete ARPAM afferente alla zona di influenz il primo s[pelamento della soglia di zllarme stabilirento, ARPAM comnica al proponete si eal il proponente imPegna a limitare le emissionidegli ossidi di azoto dell'intero aiminuenagi assettiproduttivi ir mardratale da ridurre [a prodnzionedi staUieito, atllasoglia di altarme cos come definite dal NOr a 2Tlgiornoin cado-disuperamento tr. D.Lgs.l1l05/04 183 nuova CTE' per mentue, quanto riguarda le emissioni specifrche delle due seziod della limiti di a"*uo "ri"." risp"ettati, cosi come dichiamto dalla prcponete, i segenti mediagiornalieraal camino: concentrazione
Uit di Sezioad2 520

0,8 6,0
Ossidi di zolfo: PolveriIPM1O)i 1,0 1.0

2,5

r0.3
1.0

c-t,"t';il;;i,rt"

a.n" p'f.*p}l"fi'

da di 5soMttz cnPasa 'tue seiani a da 520MIte eI! utu da 60ttw'

di Pag.42 50

'cortenute

per entro il limite di 1,0 mg,4\llll3 e[trambe le sezioni.

Per quanto dglarda le emissioni di CO, stante10stato di non criticit della qalita dell'ada locale dspetto a tale in+rinante, i suddetti lmiti emissivi pofiarlo esseresuccessivamente rideniti, in accordocon ARPAM, allo scopo di limitare le emissioni in atrnosferadi CO2, devanti dall'esercizo dei CO Oxidizer nelle condizioni di elevata efficienza previst dal progetto (90%);
l.

Tutti gli itrterventi compensativisull,a raffineria e sull'impinto IGCC, cos com indicati in qesto pare, si devo[o itrteqdere parte iltegratrte del progetto di realizzazio\e della nuova CTE e, come tali, dovranno esseie comunque athati prima dell'enfrata irr esercizio detla CTE stessa. Rimane inteso che tutti gli inteflenti citati do\.ranno essero adegnali a ttte le possibili pscrizioni lteriori di adeguamento eventualdentedettatealallaprocedruaAIA. Inoltre, entro sei mesi alall'inizio dei lavori di rea$zzazioe nuovo impianto, la proponente dovr fornire, ovnqueapplicabili, i dl progetti esecti\.i degli interverti compensativi stessi, nonch i piani di monitoraggio delle relative emissioDi, che saranno fializzati alla verifica in continuo, nelle successive fasi di esrcizio,dell'elfeftiva rispondenzadel quadro emissivorispetto a qanto dichiarato; dovr inoltre corredare iI piano di monitoraggio co1n sistems di biomonitoraggio integrato ed avanzato,con biosensori attivi e passivi sia terrestd per la qualit de['aria che per la qualit delle acqe marine, facendo riferimeato a noime consoliaate come ad esempioqelle tedesche;

'

4. Tutti i dati emissivi misra1iin fase di esercizio alf iniemo dello stabilimento APL con inclusione di quel[ relativi alLanova CTE e a ttli gli impianti oggetto degli interveti compensativi descritti in questo parere, dovranno, in atfuazione del piano di monitoraggio di crd sopra, essere resi disponibili per I'ARPAM, allo scopo di co[sentle la yerifica del rispetto dei timiti emissivi puntuali e gtobali cos come sopra irdicati; 5. I lavori di re trzz zioe delle due sezioni potran[o vere i zio solo dopo la conclusio[e della procedura per il riutijzzo delle aree interessate inds qelle a mare - nel quaaro delle ndicazioni e degli obblighi dettati da1Titolo V detla parie qurrta del D- Lgs. 152/06, come modificato dal D. Lgs. 4/03 e dal ProgrammaNzzionale di Boniflca e Ripdstino Ambientale dei Siti Inqui.nati, emessodal MATT con DM 468 del 18/9n001, e sulla base di qanto sa specificato e prescritto a1 ligurdo in sede di Conferenzadei Servizi prcsso il MATT stesso.Si futende che la prccedmin qestione si riter corclsa - e quindi i lavod pohanno essereiniziati soltanto in presenzadelt{\ certificuiooe di riutilizzo industriale dell'area da pafie della Prcvincia di Arcona; 6. Le fasi operative per la realizzazionedell'inteweto dorrarno essere compatibili con tutte le operazioai di caatterizzaziotre, messain sicurezzae bonifica di cui ala parte qurrla del D.Lgs- n. 15212006 tealizzae all'intmo del Sito inqinato di intresse da nazionale

\l
$Li I\ \\ \ \ '/lX, .ra,l . / [i/^. I f. /\l!"

I \ \ \ \ v \ \ \/) '. " ', \ r \ l\ ' l* / -

7. Prima dell'inizio dei lavori dovrauo essere stati progettafi, autorizzati, attuati e collaudati tutti gli intreenfi ecessari aua deperimetrazioneo a[ declassametrto dell'area a rischio esondazione del Pi&noper l'AssettoIdrogeologico R4 (PAI); Allo scopo di verificare i miglioramenti attesi in telrIni di qualita del'aria, ionch qrale attuazione di parte degli impegni assunti con la Regiorc Marche, il proponente dovr effettuare, entro la data di inizio dei tavori di costruziole, uno sfudio della qualit dell'aria nell'area vast, finalizzato a valutare l'effettiva coperhlraed efficierza assicurata dalla rete di morlitoggio afxale rispetto agli obiettivi di controllo delf inquinamento

-"r-"****
'J

tt

/ h l11\f
'I

'La , ahp'6. i,. di \..vlve coposta da 0," seziani Centrale a cicla conbitufo dela parea .ampldsie. dt 580MWeo.0."," O. ue * ,., ,^i=\Pl ] oLo4a(Av

\ r- ;*::^-X'c,-ol ' "t/4,; >

!, I

"

atmosferico, relativamedte, altrleno,ai seguentiinquinanti: NOx, NO2, CO, S$1 \'* .' ' PM10, PM25, 03; contestualmente, dovr essere condotta na campagnadi mis-ure relativa anche ai metalli e agli idrocarbud Iron metanici. Tale studio, che dovr includereun dettagliatoesamedelle emissionida traffico yeicolare,comprensivo d car$agne di misula dei flussi estese a diversi perodi dell'anno, dofi essere preventivamenle sottoposto alla verifica e approvazioneda pafie de11'ARPAM,e, ove previsto, la prcponente prot.vedera,assumendosene futti i relativi one.i economici, ad adeguare cenh-aline le esistenticon g1iopporhni campionatodin co timro e/o ad nstallare le eventuali nuove stazioni di misura, che satarulo ntegrate el1e rete provinciale di montoraggio, con cost di gestionee fulzionamento a cadco della prcponenteper tutto il tempodi vita dei nuovi impiant. Si intende,al riguardo, che la rete di monitoraggto cos adeguaia do\,Tesserercsa operativaal'neno 18 mesi pdma del1'enh.ata esercizio dei in nuovi impianti, allo scopodi consentire adeguatoaggiomaEentodel quaat:o un conoscitivo dellaqualitadell'a.dalocale,ai fini della successiva verifica dcl'efficacia degli ntervenriin progerrc; 9. r proponente doyr aggiorlare, contestralmente all'indaginrelativa alla componente atmosferica, anche il quadro conoscitivodel clima acusticolocale, con particoiare dferimento al contdbto legato al traffrco veicolarq che dovr esserevalutato attraver.so 'attuazionedi una oppofiua campagna misu.re,alarealizzarsi secondo1edisposizioni di della nolativa vigete. Gli esiti di tale studio, che potrarno conconere ail'evertuale aggiomamentodet PRAV e dei relativi interventi di isanamento, dor.,rannoessere comunicati all'ARPAM per verihca; 1ll. una volta real.izzate dlre szioniin progetto,dovranno esser l rispettati i timiti che saranno imposti illlla zoitzzazione acustica comunale atftaveBo l'adozione di misure mitigative sopttutto per i dcettore 3, prescizione petaltro impostaanchedala Regione Marchee dal Comunedi Falconara; inoltre dovranno essere poste in essere ulteriori aziotri di mitgaziore per i ricettori 1, 2, 7, 8 e 11, al ir di rispettarequantoindicato al prmto26 del Decreto di rifilovo della concessione petolifera che impone di effettuare in sededi installazionedi nuovi impianti, la valtrzion di impaito acustico,ancheal fine di tenerc sotto controllo e saprattutto non modifcare n sensapeggiorat,o Ia situazione pradottadai yari impianti della rffineria Api Spa; 1i . Primadell'inizio dei lavori i[ proponente doyr fornire un idoneoprogettorelativo alla caEtierizzazione delle opere, che do1.T contenercf indicazionedi tutti gi accorgimentle i dispositivi previsti per il contenimelto de1le emissioni e del1e alterazioni ambieltali, comFensivi anche di quanto ptevisto per evitarc svrsameoti accidentali di liquidi hquinarti, in paicolareda partedelle macchinedi lavorMione nei piazzali di sostae delle attrezzate di lavaggio, manutenzione e rifomjmento, anche in rifedmento alla rcaltzzazror,e delle opere connesse.Dorrenno essere inoltlc specificati in dttaglio le demolizioni,i movimenti di terr4 la destinazione materiali demolti e di scavoe il piano dei di gestione dei fiuti e dele tene e delle rocce di scavo, nonchi percorsi dei mezzi di particolaredi definire opporhri cantierc, avetrdo protocoili atti a minimizzarcl"l!:brteenza con la vabilit locale- Per quanto riguarda le opere a marc, i1 suddetto progetto dovl contflre I'indicazionedi dettagliodelle modalit operativee deleattrczzatue che sararno usate lo scavo e per il dnterro della t icea, nonchper la posa delle condottee per la per realttziae delle alhe opere civili previste, con indicazione esplicita delle teciche previsteper minimizzare ia risospensione sedimenti,il rilascio di inquin nti e i disturbi dei alla fa1aittica. L'attuazionedi qantoprevisto in qestoregolamento restera carico del proponent, operera,al riguardo, solto ii controllo e con modalii da concordarccon che I'ARPAM.

qrtl'-..,,., ,. , _-,
u0

Cndle a ci.L canbi4ata dela pateEa canpl*sila

di 580MWe conpost! da due se2iani una da 52OMWe ed und da 60MWe

lag.44 dl 50

La prescrizione3 dovt essere sottopostaa verihca di ofemperanza da pz]te det IftTTM; per quantongrardainvece 1prescrizioni 6 e ?, gli esiri degli snrdi ichiesti, nonch delle relative campagnedi misura, dowaruro essereinoltati per competenzaaIfARpAM e per conoscerza mviati ancheala Dhezione Salvaguarda Anbientale del 4{TTM. Per quaDto rigarda le opere di compensazione natura ambientrle per le quali la di proponenteha maniestatola sra dispodbilit, la Commissione\.[ ritiene siano ila considerarsicomunque prioritari gli approfondimenti - e gli eventuali ilteryenti relativi alla sistemazionedel fiume Esiro, tenuto conto, owiamente, delle compercnze regionali e della disponibilit de1 reritorio; per quanto riguada le altue misule, si dmanda comunquea confiooto con gli enii locali, fermo restardo I'inqradranento economicogenerale e la destinMione abientale degli impegni assnti, nonch la necessitadi operarene1 quado degli altri accordigi ntervenutitra la proponentee la RegioneMalche. Infine, in consderazione della prevedibile e rapida evoluzione delle tecnologie in materia ncorchi1 progetto prevedaI'impiego di tecnoogie ai pir elevati livelli tla quelle disponibili si segnalaal MSE la necessitr il prowedimento di autodzzazioneindividui con cenezza che i termini di inizio e conclsiorc dei lavod. Ci a.1 fine aliconsentire,nel casodi mancalonspeo dej telmini medesimi, le verifiche circa la rispondenzadel progetto alle migliori tecnologie eventalmenteintervenute nel attempo e il grado di attualit delle condiziod ambientai, progra.'nmatichee progettali esaminate nella presente procedr:a,fatte salve comunqe le proceciure previste per l'atorizzazioneintegrataambientale. 12. il proponente dovr predisprre il progetto per la realizzaziondi uIr sistemdi teleriscaldamento serviziodi alcuneutenzedcl Comunedi FalconaraMarittima e del a Polo Ospedalierodi Tollette (AN, coEe previsto rlel protocollo di Intese del2003 tra la RegioneMarche e il proponentee nella Convenzione con il Comne di Falconara_ Dorr inoltre predisporreuna dettagliatapropostaper la rerlizzaziore dello stesso; 13. prima dell'eutrata in eserciziodei nuoyi impianti, i1 propo[ente dovr efermare una approfondita campagadi misure, almeno per quanto riguarda gli ossialidi azoto volta a valtare I'elfettivo stato della qualit dell,aria, ed eveDtualmente defintre a ulteriod mise correttive per la laflueda, ove le discrepanzeindicate siano ricondcibili al suoeserczio; 14. Dieci and pdma della cessrzionedelle attivit, i1 proponentedovr far valtare aI Ministero dell'Ambieote e della Tutela del Terriioio e del Mare, alMnistero dei Beni Culturali e alla RegioneMarcheil piano esecutivo dismissione di delt,impianto. In tale piano dovino essere indicat gli interventi da athrarsisul sito e sui manufatti della cenhale per il ripristino ambielltale e teitodale del'aea. In tale piano dovra.rno aitrcs esseleindividuati i mezzi e gli strumenti finadziari con i qlali si prevededi realAzaegli i i rndicati nel pano

------J

VS
\,

N) t , l
\

IN

N;
lt t\

Cehole a cict.nbinoto de pahEa hptessiva di 58AMI/e conpaste da &e szioni una da:z1UW""aiao

*'-';t-4/#c, &r
aouw",

Presidente Claudio De Rose

Cons,GiuseppeCaru'o
(coordinatore sottacannissione

UAS)

Ing. Guido Monteforte

(coo rclinatore Sotacomn ission e -

Arch. Mara FernandaStagno

d'Alcontres

(Coordinatore Sottoconnissione vIA

l:lS9en t t-

Aw. Sandro CamPilongo (Segretario)

S^d- 6-

Prof. Saverio Altieri

4,{A*"t -

Prof. Vittorio Amadio

Baldoni Dott. Renzo

Prof. Gian Mario Baruchello

Dott. GualtieroBellomo

ng. Stefano Bonino

C","h

" .t"t" --br.tuA"u.

p*;^to conpl\evo di 580MWeconposrda due suini "M da 52AM /e ed uno da 6aMWe

di Pag.4 50

Ing. Eugenio Bardonali

Ass"-'p
St<,rll".-

Dott. Gaetano Bordone

Dott. Andrea Borgia

lJsgdn'fe-

Prof, Ezio Bussoletti

,1,,'/*ow
Ase"-..'-1.-

Ing, Rita Caroselli

ng. Antonio Castelgrande

Arch. Laura Cobello

Prof. Ing. Collivigndrelli

Dott. Siro Corezzi

A.ssrK

Dott. Maurizio Croce

Prof.ssa Avv. Barbara Santa De Donno

' | I )

Ing. Chiara Di Mambro

Cehtrle a c.lo tohbinato

de\a pareva

canpl^siva

tli 580wre

anpostt

da dre sdioni

ua da 520MWe ed nna da 6,ltfife

Pac4?di'' fy

q/

Aw. LucaDi Raimondo

ASt

" 1g

DoX, CesareDonnhauser

lng. Graziano Falappa

Prof. Giuseppe Franca Ferrari

Avv. Filippo Gargallo di Castel Lentini

Prof.Antonio Grimald

Ing, Despoina Karniadak

...).......

Dott. Andrea Lazzari

Arch. Sergo Lembo

Arch.Salvatorc Lo Nardo

Arch. Bortolo Mainardi

Asr*,''-reAs="nR-

Prof. Maio Manasserc

C.nt'dL

a ci.la cobinala drlla paEM

conpt$ivd

di 58AMWe .oposta do d sioni

utu da J2qMtle

ed u@ d 60MWe

Pag.48di 50

Aw- Michele Mauceri

A.s"^-te,4s.^t<-

Ing. Arturo Luca Montanelli

Ing. Santi Muscar

f{ SSeY\-1L

AVv, Rocco PAnetta

Ass-^1-e

Arch. Eleni papaletudi Metis

Ing. Mauro patti

Dott. ssa Fran cesca Federi ca Quercia

Dott. Vincenzo Ruggiero

Dott. Vincenzo Sacco

Uu^-*

Avv. Xavier Santjapich

Dott. Franco Secchieri

Arch- Francescd Soro

ASon-t-

Pa&49 di 50

Arch. Giuselqe Venturini

Ing. Roberto Viviani

A,s=r.ne

: I :: a ;.i 'ri

d1 Pag-50 50