Il quaderno dei bambini!

www.tinatinuk.it Raccolta di ricette dal Forum di cucina di TinaTinuk!
“…nessuno e’ maestro e tutti lo siamo…”
giugno 2009 - Created by piccoLINA

TORTA TRENINO – di Michela E' una base di 2 plum cake allo yogurt, uno trasformato in locomotiva e l'altro in vagoncini Per quanto riguarda la decorazione, le ruote della locomotiva son fatte con la pasta speziata di Paola Lazzari, Smarties, biscotti e caramelle x le altre decorazioni a piacere.

PASTA SPEZIATA MILLE USI di PAOLA LAZZARI 500g di farina tipo "00" - 150gr di zucchero di canna (tipo muscovado) 150g di burro - 120g di cacao - 250ml di miele (reso fluido) - 2 uova piccole 1 cucchiaino scarso di lievito – sale - Spezie miste (cannella, noce moscata, pepe, chiodo di garofano, vanillina,) in proporzione soggettiva. Volendo si possono anche omettere se non piacciono. Non c'era il procedimento comunque io ho impastato, messo in frigo per almeno 30' (ma anche più se potete) avvolta in pellicola. Stendere tagliare a piacere e decorare TORTA ALLO YOGURT 3 uova - 1 vasetto di yogurt magro bianco intero - 2 vasetti di yogurt di zucchero 3 vasetti di farina 00 - 1/2 vasetto di olio di semi o di riso - 1 bustina di lievito il succo di mezzo limone e la scorza grattugiata di un limone - 1 pizzico di sale.

Mixare tutto e mettere in uno stampo; qui ho usato quello da plum cake lungo 30 cm imburrato ed infarinato. Cuocere a 180° per circa 40'-45'. La base è cocco colorato. Ho preso il cocco l'ho messo in un sacchetto di quelli per surgelo ed ho messo il colorante e mescolato. Ho glassato la locomotiva con una ganache al cioccolato fondente, i vagoni con una ganache al cioccolato bianco colorata. La ganache colorata è semplicemente ganache al cioccolato bianco --cioccolato e panna in parti uguali fatti sciogliere a bagno maria, fatte raffreddare a temperatura ambiente e poi montate e colorate-Le istruzioni per il ritaglio della locomotive e dei vagoni sono qui.

TAGLIARE E ASSEMBLARE LA TORTA TRENINO
Tagliare il plum cake a metà nel senso della lunghezza, come se lo si dovesse farcire di crema (oppure preparare 2 plum cake).

1) Prendere la prima metà (o il primo plum cake) e tagliare da entrambi i lati una striscia stretta nel senso della lunghezza. Tagliare da uno dei lati corti due triangoli rettangoli, in modo da formare il muso della locomotiva.

2) Tagliare un rettangolo largo come la lunghezza del plum cake, lungo circa 4,5 cm e spesso altrettanto, facendo attenzione a non tagliare fino in fondo.

3) Mettere il rettangolo così tagliato sopra al cake, in modo da formare il blocco motore.

4) Tagliare la seconda metà del plum cake (o il secondo plum cake) trasversalmente in 4 rettangoli di dimensioni il più possibile simili, a formare i vagoni. Posizionare ogni vagone dietro alla locomotiva.

TORTA GIOSTA e TORTA ZOO – di piccoLINA

Da un'idea di Maria Schiappa, letta su CI, ora vi spiego come ho proceduto io. La base della giostra e’ composta da due torte, una grande e una piu’ piccola, io ho fatto 26 cm e 18 cm. Si puo’ usare un qualsiasi impasto x farle; inserisco poi la ricetta di quello che ho usato. Dopo averle cotte e sformate, le ho divise a meta’ e cosparse di abbondante marmellata di frutti di bosco (o quel che preferite, per la torta zoo ho usato albicocca!), poi ho pennellato un po’ di marmellata anche sui bordi e ci ho appiccicato gli zuccherini colorati. Ho sovrapposto la torta piccola a quella grande. Per fare i bastoni della giostra a cui attaccare i cavalli ho usato i grissini. Ho fatto un bel po’ di glassa con zucchero a velo e poco albume d’uovo, pero’ l’ho tenuta bella densa. Ho spalmato i grissini di glassa e li ho ricoperti con degli altri zuccherini colorati. Poi ho fatto i cavalli con la pasta frolla!!!! La glassa avanzata dai grissini, l’ho divisa in 5 scodelline e l’ho colorata con i coloranti alimentari: verde, giallo, rosa e marrone (cacao) e una e’ rimasta bianca. Qui inizia il divertimento….. decorare i cavalli!!!! Non avevo dei pennelli fini x "scrivere" sulla pasta frolla e cosi' ho usato dei banalissimi stuzzicadenti. Per la torta zoo invece dei cavalli c'erano conigli, orsetti, leoni, giraffe, elefanti e farfalle! Alla fine ho incollato con altra glassa (bella consistente!) i cavalli decorati sui

grissini. I grissini poi li ho infilzati (fate piano!!!) nella torta piu’ piccola e ho decorato la base piu’ grande con delle meringhe piccoline che avevo fatto con la ricetta di Davide. Il tetto della giostra e’ fatto con un cartoncino ritagliato a cerchio, ho inciso poi un raggio e l’ho ripiegato un pochino su se stesso e pinzato. Spalmato di colla e cosparso di coriandoli, mentre per la torta zoo avevo scritto con la colla glitter "auguri Samuele!". BASE AL CIOCCOLATO 3 albumi a neve - 3 tuorli - 150 zucchero - 150 farina - 100 burro - 100cioccolato fondente - 1/2 bicchiere di latte - 1 bicchierino di rum - un pizzico di sale - un pizzico di vanillina o di cannella - mezza bustina di lievito Montare molto bene burro ,zucchero,sale e vanillina. Unire i tuorli ,uno alla volta,montando alla perfezione. Fondere il cioccolato e unirlo al burro assieme alla farina setacciata col lievito,il rum e il latte necessario ad avere un composto abbastanza morbido. Unire gli albumi a neve mescolando dall'alto verso il basso per non smontarli. Versare in una tortiera imburrata e infarinata e cuocere a 180gradi per circa 40 min(fare la prova stecchino perche' tende a rimanere morbida al centro, soprattutto nella dose doppia che serve x la torta dal diametro piu’ grande!) PASTA FROLLA - piccoLINA 200 gr di farina - 100gr di burro - 100 gr di zucchero - 1 uovo - 1 pizzico di sale e 1 cucchiaio di marsala. MERINGHE di Davide Grotto 2 albumi - 360 gr. di zucchero - 6 cucchiai di acqua - 1 bustina di zucchero a velo Fai scaldare un contenitore a bagnomaria. Quando l’acqua bolle metti nel contenitore tutti gli ingredienti (spegnere il fuoco!) e con uno sbattitore elettrico, mescola x 8 minuti. L’impasto diventa man mano bianco e ben sodo. Mettilo in una tasca da pasticceria con la punta che preferisci e dai la forma alle meringhe su un foglio di carta forno appoggiato sulla teglia del forno. Inforna a 120 gradi x 1 ora e ½ circa. Io avevo diviso il lavoro in 2 giorni, il primo giorno ho fatto la frolla e lasciata in frigo e preparato le due torte al cioccolato. Il giorno seguente ho fatto i cavallini di frolla e poi le decorazioni e il montaggio della torta. Di seguito alcune foto delle fasi di preparazione!

Torte base

Basi decorate

Grissini glassati e colorati

Grissini e cavalli

Cavalli decorate

Meringhe colorate

TORTA TARTARUGA – di piccoLINA L’idea mi e’ venuta curiosando in rete…ho trovato una foto in un sito francese e ho provato a farla facendo di testa mia. Alla fine e’ lo stesso principio dello zuccotto, ma invece di rivestire lo stampo con strisce di pan di spagna, l'ho rivestito di fette di pasta biscotto arrotolata e farcito con crema al cioccolato. Sistemato bene le fette nello stampo per riempire tutti i buchi, poi all'interno l'ho riempito con gelato al caffe' fatto con la ricetta della simil coppa del nonno e chiuso poi con uno strato di pan di spagna e messo in freezer a congelare. Quando l'ho sformato ho fatto poi la testolina della tartaruga usando una tartina in cui ho infilzato delle gocce di cioccolato per fare gli occhietti e poi ho usato dei paninetti al latte di quelli ovali per fare le zampine. Vi scrivo di seguito le ricette della pasta biscotto e del gelato al caffe'!

PASTA BISCOTTO - di Francesca Spalluto 4 uova separate,100 g di zucchero,100 g di farina per torte,un pizzico di sale Spennella leggermente la teglia (a bordi bassi) di burro, appoggia un foglio di carta forno e spennella ancora leggermente di burro. Separa tuorli e albumi. Dividi lo zucchero a meta'. Monta i tuorli con meta' zucchero, finche' non fa il nastro. Fai una meringa con i bianchi: comincia col montarli e quando prendono un po' di volume versi pian piano lo zucchero e monti finche' diventa lucida ma non secca. Incorpora i bianchi ai tuorli, senza smontare il composto e in piu' riprese, ma

velocemente, incorpora la farina. Versa nella teglia e stendi con una spatola, assicurandoti di coprire bene anche gli angoli. Va in forno gia' caldo a 190. Ci mette poco, circa 10-12 minuti. Per vedere se e' pronto tocca al centro con il dito, deve rimbalzare, se rimane il segno non e' pronto. Copri la teglia con un canovaccio umido appena tolta dal forno. Fai riposare 5 minuti, inverti la pasta sul canovaccio e rimuovi la carta forno. Arrotola dalla parte lunga, insieme al canovaccio e fai raffreddare. SIMILCOPPA DEL NONNO - di Ramona Pasini 500ml di panna - 5 uova - 250gr di zucchero - 1 presa di sale - 5 cucchiaini di nescaffe’ - 3 cucchiai di latte caldo Scaldare il latte e sciogliere il nescafe’. Battere a spuma tuorli e zucchero. Montare la panna. Montare gli albumi a neve fermissima con un pizzico di sale. Ora viene il bello...unire con santa pazienza e delicatezza la panna montata al composto gonfio di tuorli e zucchero. Sempre delicatamente unire gli albumi a neve al precedente composto ottenuto. Vi do un consiglio anzi due: evitate di assaggiare e evitate di raccogliere con le dita, e se vi cade un po’ di impasto, raccogliete con il leccapentole e rimettete nel contenitore. Potreste rischiare di ritrovarvi con le dosi dimezzate!!! Se si resiste, ci si puo’ ritrovare con 14 belle monoporzioni abbondanti ... Mettete in freezer a rassodare.

TORTA SCACCHI – di piccoLINA

La base e’ una normale torta allo yogurt, quella con le dosi a misurini, ma potrebbe essere una qualunque altra torta che preferite. La ricetta della torta allo yogurt e’ qualche pagina piu’ su, nella torta trenino, con l’unica differenza che io monto le chiare a neve e le incorporo per ultime all’impasto. In mezzo c'era uno strato di crema pasticcera al cioccolato. La scacchiera poi e’ realizzata capovolgendo la torta, sul fondo, non sulla superficie che rimane piu’ irregolare! Per fare la scacchiera: la griglia e’ fatta con la glassa densa ottenuta con zucchero a velo e gocce limone fino a consistenza desiderata. Con un coltello avevo fatto sulla superficie della torta delle incisioni per avere la traccia della scacchiera da fare poi a mano. La glassa e’ fatta scendere da una siringa per iniezioni senza ago. I riquadri poi sono riempiti di crema ganache bianca e marrone fatta colare ancora calda dalla sac a poche con bocchetta liscia e foro piccolo e “accomodata” negli spazi con l’aiuto di uno stuzzicadenti! La ganache (sia quella chiara che quella scura) l'ho fatta sciogliendo il cioccolato con meta' peso (rispetto al cioccolato) di panna. Gli scacchi erano fatti con la pasta frolla, li avevo disegnati su un foglietto di carta e li ho ritagliati con uno spelucchino affilato.

La pasta frolla per gli scacchi e’ la stessa usata per i cavallini della torta giostra. Gli scacchi neri avevano sulla supeficie la granella al cioccolato e quelli chiari la granella colorata. Uno stecchino infilzato alla base, inserito prima della cottura, per poterli poi mettere sulla torta e giocarci davvero una partita! Poi tutto intorno alla torta ho fatto un giro di wafer per far sembrare il tutto un castello/fortino...

griglia di glassa

colata di ganache

gli scacchi

il recinto in costruzione

TORTA COMPUTER – di piccoLINA

La base e’ di pan di spagna, tagliato in 3 strati, bagnato con latte e rum e farcito con 2 strati abbondanti di crema pasticcera! Dopo aver ricomposto i vari strati, ho spalmato sulla superficie un velo di marmellata che facesse da collante per appoggiare poi uno straterello sottile di marzapane. Poi, sempre di marzapane, ho ritagliato tutti i vari tastini, facendoli anche a misura come quelli veri di una tastiera! I tasti li ho decorati con cioccolato fondente fuso. Tutto intorno alla base ho incollato le codette di cioccolato. Lo schermo era di pasta frolla, l'ho fatto abbastanza consistente perche' non volevo rischiare che si rompesse. Poi l'ho spalmato con cioccolata bianca fusa e il contorno di cioccolato fondente. Le scritte sono con la glassa. il muose e' un plum cake e il filo e' una rotella di liquirizia srotolata! Volendo si puo’ fare un tappetino con un pancake!

TORTA HELLO KITTY – di Michela

La base e’ di pan di spagna. PAN DI SPAGNA - chiccamart cook 6 uova - 150 gr zucchero - 150 gr farina Montare uova intere e zucchero. E' una fase importante, bisogna avere pazienza e montare, montare e montare ancora fino a quando l'impasto diventa chiaro, soffice e spumoso. Ora arriva un'altra fase importante. Abbandoniamo lo sbattitore elettrico e prendiamo un cucchiaio di legno. Cominciamo ad unire la farina poco per volta usando un setaccino. Con il cucchiaio di legno incorporare la farina dall'alto verso il basso. E' una fase un pò noiosa ma essenziale per una buona riuscita del pan di spagna. Dopo aver unito la farina l'impasto si presenta ancora bello gonfio. Mi raccomando non versate mai tutta insieme la farina ma gradatamente, poco per volta. Imburrare e infarinare una tortiera e versarci l'impasto. Infornare a 180° per 30 minuti. E' importante non aprire il forno durante la cottura altrimenti il pan di spagna rischia di sgonfiarsi.

La bagna e’ uno sciroppo fatto con 160 gr di acqua, 2 cucchiai di zucchero fatto bollire fino a che lo zucchero si è sciolto e profumato con maraschino, ad occhio e palato...saran stati 3 cucchiai.. Per la farcia CREMA AL CIOCCOLATO BIANCO - kandy cook 1 litro latte - 200 g farina - 200 g zucchero - 200 ml panna montata 200 g cioccolato bianco Mettere la farina e lo zucchero in una pentola. Aggiungere poco alla volta il latte stemperando bene di modo che non si facciano grumi. Aggiungere tutto il latte Mettere sul fuoco ad addensare. Quando abbiamo raggiunto la consistenza desiderata spegnere il fuoco e aggiungere il cioccolato bianco a pezzetti. Quando si è sciolto tutto il cioccolato far raffreddare completamente. Aggiungere infine la panna montata. Io ho aggiunto delle pere sciroppate tagliate grossolanamente. Tagliare il pan di spagna in 3 strati, bagnare e farcire con la crema. Ricomporre il tutto e spalmare la superficie di marmellata di albicocche fatta scaldare. Coprire quindi con il Mashmallow Fondant. MASHMALLOW FONDANT - cookaround 150 g di Marshmallow - 330 g di zucchero a velo Prendete i Marshmallow, li ponete in un recipiente, aggiungete 3-4 cucchiai di acqua e fate sciogliere a bagno maria. Aggiungete metá dello zucchero a velo e mescolate (fuori dal fuoco). Sul piano da lavoro mettete il restante zucchero a velo e impastate con i marshmallow sciolti. Impastate fino a che non uscirá una "pasta" morbida ma ben lavorabile. Mettete in una pellicola trasparente e lasciate riposare per 24 ore. Ho comunque chiuso i bordi con i fiorellini ottenuti semplicemente con lo stampino da biscotti piccolo e tagliati a metà, su ognuno ho attaccato un m&m con un po' di glassa di copertura. CREMA DI COPERTURA AL PHILADELPHIA - araba cook 225g di philadelphia - 65g di burro - un cucchiaino di essenza di vaniglia o 4 bustine di vanillina - 530g di zucchero a velo - per crema al cacao basta aggiungere 1 cuk di cacao amaro Battere con delle fruste elettriche il philadelphia leggermente ammorbidito con il burro anch'esso ammorbidito ma non sciolto e un cucchiaino di essenza di vaniglia o 4 bustine di vanillina. A poco a poco aggiungere lo zucchero a velo continuando a battere bene dopo ogni aggiunta.

Appena fatta è morbidissima e si può ricoprire una torta, ma forse è meglio lasciarla indurire un po' nel frigo se si vuole usare la siringa a stella, così tiene bene la forma. Alla fine ci ho applicato la figura in cioccolato ricalcata e coperta con ciuffetti di crema, completato con nome della festeggiata e gli anni. Le farfalle invece sono fatte di cioccolato...le ho prima disegnate sul retro della carta forno, poi ho girato la carta colato il cioccolato fuso e decorato l'interno con una glassa fatta con zucchero a velo qualche goccia di limone ed acqua a filo fino ad avere la consistenza del dentifricio, colorato e riempito, messo in frigo e quando si è consolidato riportato sulla torta.

TORTA BILANCIA – di Michela

Ricetta base da un ricettario Paneangeli: 4 uova - 125 gr zucchero - 1 pizzico di sale - 100 gr farina - 50 gr frumina 2 cucchiai di cacao amaro - mezza bustina di lievito paneangeli Farcia e decorazione: 150 gr cioccolato bianco - 150 gr cioccolato fondente - 300 gr panna fresca +altri 300 gr panna fresca circa per decori Sbattere a schiuma i tuorli con 4 cucchiai di acqua bollente ed aggiungere gradatamente 80 gr zuchero, il sale e sbattere fino ad ottenere una massa cremosa. Montare a neve durissima le chiare con lo zucchero rimasto, metterlo sopra i tuorli e setacciarvi sopra la farina, la rumina, il cacao e per ultimo il lievito. Incorporare delicatamente. Mettere l'impasto in uno stampo a cerniera diam cm 24 cuocere a 180° per 25-30 minuti. Sciogliere separatamente a bagnomaria il cioccolato. Ad ogni cioccolato unire 150 gr di panna fresca e sciogliere. Far raffreddare a temperatura ambiente fino a completo raffreddamento e poi montare con le fruste elettriche. Ho tagliato la torta cotta in due ed ho farcito con la ganache al cioccolato fondente tranne 2 cucchiai che mi son serviti per disegnare la bilancia.. che ho fatto disegnando con due tazzine i piattini e con il coltello mi son fatta le righe per formare la bilancia poi ho semplicemente seguito le righe con la siringa. Ho usato 3 diverse bocchette. Una liscia e piccola per la bilancia, una spizzata per fare i ciuffi ed un'altra spizzata di altra misura un po' più piccola per fare il bordo della torta.

TAVOLOZZA DEL PITTORE - di Vittoria

La base è quella che uso per fare i cioccolatini natalizi di frutta secca! Rombi di cioccolato e frutta secca 200 gr cioccolato fondente - 1 manciata di mandorle - 1 manciata di nocciole 10 albicocche secche - 5 prugne secche snocciolate - scorza d’arancia candita 1 pugnetto di uvette - 1 pugnetto di pistacchi Tritare grossolanamente tutta la frutta secca e candita, naturalmente si può aggiungere e togliere gli ingredienti a piacere; per esempio vanno bene anche noci, pinoli, pistacchi, fichi secchi, datteri, papaia, zenzero, cedro, ananas, ecc… Aggiungere un cucchiaio di brandy o cointreau che impedirà alla frutta di diventare una “mappazza collosa”. A questo punto fondere il cioccolato (io lo faccio nel MO) con pochissima acqua e versarci dentro la frutta. Rimestare bene fino a perfetta amalgama. Rivestire uno stampo basso di carta da forno e versare il tutto livellando bene. Spessore circa 1 cm o poco più. Coprire con altra carta, pressare bene e mettere in frigo per 3 ore. Quando è solidificato tagliare a rombi. Conservare in scatola a chiusura ermetica. Nei pirottini e luccicanti di nastri e cellophane fanno un figurone. Invece dei rombi si possono fare mucchietti con il cucchiaino su carta da forno, decorarli con scorzetta di arancia o ¼ di ciliegina candita e fare solidificare in frigo prima di inscatolare.

Tavolozza del pittore Per la Tavolozza ho aggiunto anche del burro al cioccolato fuso per renderlo più lucido, ma avrei dovuto temperare il cioccolato! La dose di frutta non deve essere preponderante rispetto al cioccolato altrimenti si sbriciolerà maneggiandola. Poi ho rivestito una teglia bassa con pellicola. Con la stagnola ripiegata più volte ho fatto un “bordo” arrotondato da un lato in modo da dare già una vaga forma a tavolozza (avevo una tavolozza di plastica che ho usato come dima). Allora ho versato l’impasto ciocco-frutta nello stampo lisciando bene. L’ho arginato di lato con la stagnola e l’ho messo in frigo tutta la notte. Al mattino ho tolto tutto e con un coltello ho rifilato i bordi seguendo la dima di plastica appoggiata sopra. Le decorazioni sono in marzapane, caramello e “sigarette di biscotto” per fare i pennelli.

TORTA COMPLEANNO BABY - di Valeria Questa è la torta che ho preparato per festeggiare il PRIMO compleanno della mia nipotina Camilla.

Ho preparato: (1) una torta Panarellina , (2)un Pandispagna, (3)crema pasticcera,(4) zabaione, (5)bagna per inzuppare, (6)pasta di zucchero.

(1)PANARELLINA – di Tina -(ho usato tortiera diam 26cm) Montare a spuma 4 tuorli con 200gr zucchero, unire 200gr burro morbido quindi , mescolando dal basso verso l'alto per cercare di NON smontare la spuma, aggiungere (alternando un po' di farine e un po’ di albumi a neve che serviranno per ammorbidire il composto ) 100gr farina, 80gr fecola, 20gr farina di mandorle 4 albumi a neve, 65gr liquore di amaretto, 1 bustina di lievito Cuocere a forno preriscaldato 180° fino a quando sara’ dorata -20min circa-quindi abbassare a 170° tot 40mn circa e comunque provare con lo stecchino fino a che esce ben asciutto. (2)PANDISPAGNA (tortiera diam 26) Montare con fruste elettriche per 15 minuti 6 uova intere con 180g di zucchero fine. Unire un po' alla volta, mescolando delicatamente dal basso verso l’alto, 150g di farina setacciata due volte e una bustina di vanillina. Forno 180° per circa 25 minuti. (3) CREMA PASTICCERA Portare a ebollizione 750g di latte con la vaniglia (stecca o vanillina). Montare 6 tuorli (o 5 se grandi) con 6 cucchiai di zucchero, poi incorporare 3 cucchiai colmi di farina (ho usato per metà farina 00, per metà frumina), diluire con poco latte freddo, poi unire il latte bollente. Mettere sul fuoco a fiamma modesta e mescolare continuamente finchè si addensa, fino a inizio di ebollizione. Mescolare ancora un po', intiepidire,aggiungere mezzo bicchiere di marsala. Poi coprire con cartaforno messa a contatto con la crema, così non indurisce in superficie. (4)ZABAIONE 2 tuorli, 120 g zucchero, 1 cucchiaio di amido di mais, 90 g di marsala Mettere i tuorli in un polsonetto e montarli insieme allo zucchero con le fruste elettriche finchè non saranno bianchi e spumosi. Porre il polsonetto o la ciotola su di un bagnomaria caldo e continuando a sbattere, aggiungere l'amido sciolto in poco marsala e il restante liquore. Continuare a sbattere fino ad ottenere una crema densa e vellutata. (5)BAGNA PER INZUPPARE Ho spemuto un'arancia, ho diluito questo succo con circa lo stesso volume di acqua in cui ho sciolto due cucchiai di zucchero a velo , ho unito un bicchierino di rhum. (6)PASTA DI ZUCCHERO L'ho preparata con la ricetta del Marshmallow fondant, raddoppiando la dose qui sotto copiata

150g marshmallow, 330g zucchero a velo. Tagliate i MM a pezzetti, metterli in recipiente con 3 o 4 cucchiai di acqua, scioglierli a bagnomaria poi aggiungere metà dello zucchero e mescolare. Sul piano di lavoro mettere il restante zucchero , versare il MM e con l'aiuto di una spatola impastare finchè non esce un impasto morbido.Eventualmente unire coloranti in gel, io non l'ho fatto. Coprire con pellicola, far riposare un giorno, non in frigo, prima di utilizzare. Durante la lavorazione,passare spesso le mani, il mattarello e gli altri strumenti usati in amido di mais. Io ho usato MM bianchi con righe rosa, per cui mi è venuta una pasta color rosa baby, omogeneo. COMPOSIZIONE DELLA TORTA Ho tagliato orizzontalmente in due strati sia la Panarellina che il Pandispagna. Ho miscelato le due creme, pasticcera e zabaione. Ho messo sotto lo strato superiore del Pandispagna, capovolto, inzuppato con la bagna, ricoperto di crema. Poi ho messo la panarellina (non inzuppata), farcita con la crema in mezzo, ricoperta ancora di crema la superficie superiore. Sopre l'ultimo strato di Pandispagna inzuppato. (Il fondo del Pandispagna capovolto è la parte superiore della torta, così resta liscia e orizzontale) A questo punto, aiutandomi con una spatola grande (quella che uso per panificare), ho pareggiato e compattato tutti gli strati, mettendoli ben sovrapposti e diritti. Ho spennellato superficie e bordo laterale con marmellata (ho diluito con poca acqua qualche cucchiaio di marmellata casalinga, l'ho frullata e scaldata al MO). Ho steso in uno strato sottilissimo (meno di 2mm) la pasta di zucchero, ho ricoperto il dolce, poi ho messo le decorazioni, incollate con glassa, confettini e...candeline.

TORTA BEATRICE - di Valeria Con lo stesso procedimento della torta precedente, ho fatto questa per la nascita.

TORTA GIOVANNI - di Valeria

TORTA CON GLI ORSETTI - di Valeria

Ingredienti: 175g burro - 175g zucchero - 175g farinna autolievitante - 3 uova Sbattere il burro con lo zucchero fino a ottenere una crema soffice e chiara, aggiungere a poco a poco le uova precedentemente sbattute. Poi unire la farina setacciata, mescolando delicatamente da basso a alto. Tortiera diam 18cm. Forno 175° per 40 minuti circa. Ho spennellato tutta la superficie della torta con una strato leggero di marmellata di albicocche frullata e scaldata. L'ho ricoperta con la pasta di zucchero e, con una glassa leggera (zucchero a velo sciolto in poche gocce d'acqua), ho applicato il bordino e i cerchi tagliati con i tagliapasta. Ho messo sopra gli orsetti fatti in precedenza. PASTA DI ZUCCHERO di PAOLA LAZZARI 30ml di acqua - 7 g di gelatina in fogli ( ho usato quella della Paneangeli, 4 fogli ) 50g di glucosio - 450g di zucchero a velo vanillinato - Aroma vanillina, mandorla amara - 1 cucchiaio di olio insapore ed incolore (girasole, riso, mandorle) Riscaldare l'acqua ed il glucosio e sciogliere bene il tutto mescolando: non è necessario riscaldare troppo, basta intorno ai 50-60°C. Unire quindi la gelatina già ammollata in acqua fredda per 10-15 min. e asciugata leggermente in un panno.( La gelatina la metto nel liquido già caldo, e non nel liquido freddo da riscaldare,

perchè in questo modo non corro il rischio di rovinarla con troppo calore.) Ottenuta la miscela aggiungere l'olio e versare a filo nel mixer in movimento, dove è già pronto lo zucchero a velo. In pochi secondi la pasta è pronta. Se è un po' morbida si può lavorare sul tavolo con poco zucchero a velo. La pasta di zucchero appena “esce” fuori dal mixer è un mastice un po' appiccicoso. Va rovesciata con una spatola sul piano di lavoro spolverizzato con zucchero a velo e appena impastata con le mani sempre polverose di zucchero, per amalgamarla a palla. Va quindi fatta riposare alcune ore. Di solito la preparo il giorno prima, e quindi la lavoro almeno un dodici ore dopo. Appena pronta la pasta di zucchero non è modellabile. Si avvolge nella pellicola e poi in una busta di plastica e si lascia riposare per qualche ora. Si conserva in frigo per molti giorni sempre ben avvolta in pellicola.

TORTA FERRARI - di Vittoria

La base è un semplice pandispagna inumidito con sciroppo di zucchero e farcito con crema pasticcera. Tagliato in forma e con le parti eliminate ho realizzato le parti rialzate (alettone e cabina) e le due "ali" ai lati. Il tutto ricoperto in pasta di zucchero, ma era la prima volta che la facevo e manipolavo. Ne ho fatta poca e ho dovuto tirarla troppo sottile. O forse ho messo poco glucosio. Insomma si spezzava contuinuamente. Dalla foto in primo piano impietosa si vede che la carrozzeria sembra pestata col martello. Insomma era più una macchina incidentata che una lucente ferrari. Però è piaciuta. La base verdina in glassa zucchero e acqua e altre decorazioni con stringhe e ruote di liquirizia e dolcetti vari.

DITA DI STREGA - di piccoLINA

E' una ricetta presa da GialloZafferano. Ingredienti: Burro 100 gr - Farina 280 gr - Zucchero a velo 100 gr - Lievito chimico in polvere 1 cucchiaino raso - Sale 1 pizzico - Uova 1 - Vanillina 1 bustina In una ciotola capiente ponete la farina, il burro freddo tagliato a pezzetti, l’uovo, lo zucchero al velo, la vanillina il sale e il lievito; impastate gli ingredienti nella ciotola fino ad ottenere una palla, poi continuate ad impastare su di una spianatoia fino a che l'impasto non risulti liscio e omogeneo. Ottenuto l’impasto per i biscotti, dividetelo in pezzetti del peso di circa 27-30 gr l’uno, fino ad ottenere 20-22 pezzetti. Lavorate ogni pezzetto con i palmi delle mani trasformandolo in un bastoncino della lunghezza di circa 10-12 cm; sagomate le nocche delle dita assottigliando la pasta appena prima e dopo di esse; rigatele poi leggermente con un coltellino dalla lama liscia. Sulla sommità delle dita, adagiatevi una mandorla spellata, pressandola leggermente: fungerà da unghia; adagiate le dita delle streghe su di una teglia

precedentemente foderata con carta da forno, lasciando uno spazio tra l’una e l’altra di circa 3 cm. Infornate i biscotti a 180° C in forno già caldo, per circa 20-25 minuti, dopodiché estraete le dita della strega e lasciatele raffreddare. Una volta raffreddate, sicuramente noterete che qualche mandorla si staccherà dalla sommità dei biscotti: per fissarle più saldamente, intingete la parte della mandorla che poggiava sul biscotto nella marmellata e quindi riposizionatela nel posto originario. Lasciate asciugare e le dita della strega saranno pronte per essere gustate!

Nota di piccoLINA: Le mandorle si sono staccate TUTTE dopo la cottura e cosi' le ho incollate alle dita con un pochino di marmellata di prugne che poi ha dato l'effetto "unghia insanguinata"!!!

TORTA GIARDINO - di piccoLINA

Un’idea circolata anni fa su Cucina Italiana, questa la torta che ho fatto io. Ingredienti per la base: 4 uova, 125 g di zucchero semolato, 125 g di farina bianca, 1 cucchiaio di zucchero vanigliato, 25 g di burro fuso, 3 cucchiaiate di Grand Marnier. Per la crema: 150 g di zucchero semolato, 150 g di burro ammorbidito, 2 limoni biologici, 4 uova. Preriscladare il forno a 180 gradiC. Per fare la pasta, montare con la frusta le uova intere con lo zucchero in una terrina immersa in un bagnomaria caldo. Quando il composto sara’ gonfio, continuare a sbatterlo per farlo raffreddare. Aggiungere delicatamente la farina passata al setaccio con lo zucchero vanigliato, mescolando con un cucchiaio di legno. Incorporare il burro fuso,poco per volta, e versare il composto in uno stampo a cerniera imburrato e infarinato da 24 cm (in questo caso ho usato lo stampo rettangolare!!!). Cuocere in forno per circa mezz'ora. Sformare freddo. Preparare la crema: sbattere insieme lo zucchero con il burro, unire la scorza dei due limoni grattugiata e poi il succo. Incorporare le 4 uova leggermente sbattute. Farla addensare su fuoco moderato, senza mai smettere di mescolare e senza portare a ebollizione. La torta sformata si taglia in tre dischi e ogni disco viene bagnato con il liquore. Spalmare due strati con la crema al limone. Ricostruire il

dolce, chiudendo con il terzo cerchio di pasta. Avvolgere con un foglio di carta di alluminio e mettere in frigorifero per 12 ore. Per le decorazioni poi ho usato dei savoiardi per fare il recinto al giardino. Tagliavo a ognuno una parte tonda x poterli appoggiare e l’altro capo lo riducevo a punta. Le aiuole nel giardino sono fate con pezzettini di wafer, i fiori e le paperelle sono di marzapane, il laghetto era un gel decorativo x fare le scritte sulle torte, azzurro, che ho riciclato cosi’! Infine l’erba e’ del cocco grattugiato mescolato a qualche goccia di colorante verde.

TORTA SPIDERMAN - di piccoLINA

La base e' una BRASILIANA all'arancia! Sopra ci ho spalmato della ganache bianca usando una ricetta di Alda, sostituendo il fondente con il cioccolato bianco. Avevo qualche timore ma devo dire e' riuscita strabene! Spiderman l'ho trovato gia' disegnato su una cialda di quelle in vendita nei super, l'ho ritagliato perche' il paesaggio dietro non si abbinava alla torta. Le ragnatele sono fatte con cioccolato fondente fuso e i ragni sono gli stessi che avevo fatto x Halloween!!! Di seguito le ricette!

BRASILIANA - di Ramona Frullare nel robot una bella arancia con la buccia(levare eventuali semi), 150ml di olio di semi (io uso quello si riso, è il migliore), 4 uova intere, 200 g di zucchero (a volte uso quello di canna e non è male), 250g di farina 00 Una volta frullato aggiungere una dose di lievito, battere bene ancora con frusta elettrica o a mano. Porre in teglia da 26/28 cm di diametro,e infornare a forno caldo 200° per 40/45 minuti circa a forno statico, lo vedete quando è pronta perché assume un bel colorito. Mentre cuoce preparare lo sciroppo d'arancia, porre sul fuoco 200ml di succo d'arancia con 150 anche 200g di zucchero, dipende dal gusto vostro, portare ad ebollizione e ottenere lo sciroppo che verserete ancora caldo direttamente sulla torta calda appena sfornata, io prima di procedere la sforacchio in modo simmetrico con una bacchettina cinese o con uno spiedo , almeno si irrora bene la torta. (Nota di piccoLINA: ho usato una siringa da iniezioni senza ago!) Questa torta si presta, come mio solito a infinite variazioni. Mandarini non trattati, cedri, limoni anziché arancia Mangiata in purezza senza sciroppo E dulcis in fundo…….farcita…..qui vi potete sbizzarrire…….il mio must è la crema ganache fondente di Alda GANACHE FONDENTE - di Alda Muratore fai fondere 400 g di cioccolato nero (fondente) in 250 g di panna liquida fresca(quella da montare) e 30 g di burro. Mescola bene e fai raffreddare. Quando è ben freddo -freddo e non tiepido - battilo con le fruste come faresti per la panna: si ottiene una crema morbida. Se piace, si può aggiungere un cucchiaio di cognac prima di battere. Io non lo faccio. Con questa crema si riempie il rotolo, ossia lo si srotola e poi ricompone. Parte della crema si spalma sopra il rotolo, poi con una forchetta si disegnano le 'strisce' di un tronco; si può benissimo congelare fino al giorno di servirlo, ricordandosi di passarlo dal congelatore al frigo alcune ore prima. Alda Muratore

RAGNI GIGANTI - di piccoLINA

Per il corpo di questi ragni si puo’ usare un qualsiasi dolcetto che si voglia, io ho preso degli amaretti morbidi, di quelli un po’ “cicciotti” per intendersi. Ho fuso poi a bagnomaria del cioccolato fondente, circa 200 gr, con una noce di burro. Aiutandomi con una pinza da pasticceria, intingevo gli amaretti nel cioccolato fuso, li facevo rotolare poi in una scodella con le codette di cioccolato (ne avevo comprate di 2 marche differenti, cosi’ avevano 2 tonalita’ diversa di marrone!), gli appiccicavo due zuccherini d’argento x fare gli occhi e li riponevo su carta forno ad asciugare. Una volta asciutti, con uno stuzzicadenti ho fatto 4 fori su ogni lato del ragno, dove infilarci poi le zampe. Le zampe sono fatte di liquirizia tagliata a pezzettini. Ecco un primo piano di un ragno!

GIRELLA GIGANTE - di piccoLINA

Vi ricordate le mitiche GIRELLE???? Questa e’ in formato gigante. L’idea era circolata anni fa su Cucina Italiana e l’avevo provata! Servono due teglie di pasta biscotto (4 uova, 150 gr di zucchero, 150 gr di farina cotte 12 minuti a 190 gradi) che vanno arrotolate lungo IL LATO CORTO appena sfornate negli strofinacci bagnati. Nel frattempo si prepara una crema pasticcera con mezzo litro di latte a cui, ancora calda, si aggiunge circa 300 gr di Nutella. Una volta freddi, ho aperto i rotoli, pareggiato i bordi e tagliato a strisce di 3 cm di altezza (ma se volete anche piu’ alte), le ho spennellate da entrambi i lati con uno sciroppo di acqua, zucchero e poche gocce di essenza di vaniglia e poi ho spalmato la crema alla Nutella facendo attenzione a non sporcare i bordi. Ho iniziato dalla chiocciola centrale aggiungendo man mano le altre strisce formando cosi’ la girellona. Come base usare uno stampo a cerniera coperta di carta forno. Mettere poi in freezer a rassodare un po’. Intanto sciogliere del cioccolato fondente con 2 cucchiai di panna e stendere a un diametro superiore alla girellona di almeno 2 cm. Appoggiare sulla girella, piegare lungo il bordo e poi capovolgere sul piatto di portata.

MASCHERINE - di Michela

Ricetta de La Cucina Italiana, febbraio 2009 Ingredienti: 500 gr farina - 180 gr latte - 150 gr burro morbido - 40 gr zucchero - 1 bustina di vanillina - scorza grattugiata di limone - sale Per decorare: a scelta cioccolato bianco fondente, colori alimentari confetti pastigliette…

Impastare burro e farina tentando di tenere il burro sempre coperto di farina e maneggiarlo il meno possibile. Poi unire tutti gli altri ingredienti amalgamando bene. Formare una palla omogenea da avvolgere in pellicola e far riposare in frigo per 1 ora. Stendere la frolla a uno spessore di circa 5 mm. Ritagliare le mascherine. Cuocere a 180° per 10' o finchè saran dorate. Decorare a piacere.

ALLEGRE LETTERINE - di Michela

da Cucina Italiana, febbraio 2006 Ingredienti: 375 gr farina - 250 gr burro - 125 gr zucchero a velo - 70 gr fecola - 1 albume vanillina o altro aroma - scorza di limone - rum – marsala - sale Guarnizione: zucchero a velo 200 gr circa - albume o acqua - succo di limone caramelle confettini

Amalgamare tutti gli ingredienti per l'impasto con un pizzico di sale. Formare una palla da conservare in frigorifero per almeno 30 minuti avvolta in pellicola. Poi formare dei bastoncini della grossezza dell'indice e formare le lettere. Cuocere a 180° per 12 minuti circa, non devono colorire! Decorare una volta freddi con la glassa a piacere

CARTE DA GIOCO - di Michela

Da La cucina italiana febbraio 2006 Ingredienti: 250 gr farina - 150 gr burro - 15 gr cacao - 2 tuorli - 1 bustina di vanillina o essenza di vaniglia mezzo cucchiaino - sale

Amalgamare tutti gli ingredienti, raccoglierli a palla e far riposare in frigo per almeno 30 minuti avvolto in pellicola. Ricavarne ''le carte''. Cuocere a 180° per circa 15 minuti sistemandoli in placca da forno foderata con carta forno. Una volta cotti decorare a piacere. Io ho preparato una glassa con mezzo cucchiaino di albume sbattuto, tranquillamente sostituibile con acqua, mezzo di succo di limone e zucchero a velo quanto basta ad avere una pastella della consistenza del dentifricio e appiccicarci i confetti.

CROSTATA AL CIOCCOLATO BIANCO - di Valeria

Da una ricetta di A tavola . Per la frolla al cacao: 250 farina 00 - 150 g burro - 100 g zucchero a velo - 2 tuorli - 2 cucchiai di cacao amaro - un pizzico di sale Per la crema al cioccolato 150 g cioccolato bianco - 200 ml panna fresca - 1 tuorlo - 1 foglio di gelatina(2g) Impastare velocemente la frolla, far riposare al fresco un'oretta. Rivestire con la pasta uno stampo diam 26, bucherellare e cuocere "in bianco" Per la crema: ammollare la gelatina in acqua fredda, e poi scioglierla in un cucchiaio di panna molto calda. Fondere il cioccolato nel microonde a bassa potenza (o a bagnomaria), lasciarlo intiepidire, aggiungere il tuorlo e la panna con la gelatina. Montare la panna e incorporarla al composto di cioccolato. Versare la crema nel guscio di frolla freddo, livellare, lasciare rapprendere al fresco per un paio d'ore. Per la decorazione Con dei tagliapasta a forma di fiore e di farfalla, ritagliare dei biscottini dalla frolla al cioccolato e da altra frolla bianca , cuocerli insieme al "guscio". Decorarli con gel in matita.

Varianti con decorazione natalizia:

FANTASMINI DI HALLOWEEN - di Michela

Da una ricetta di Piu’ Dolci 100 gr burro morbido - 120 gr zucchero a velo - 140 gr farina - 110 gr albumi (circa 3 albumi) - 5 cucchiai di panna - 1 cucchiaio di crema spalmabile alla nocciola Mescolare burro e zucchero con frusta a mano, unire gli albumi NON MONTATI, mescolare energicamente per amalgamare bene. Unire farina setacciata e panna. Disegnare su carta forno dei cerchi diam cm 15 -se li volete più piccoli fate i cerchi più piccoli- girare la carte e riempire con 2 cucchiai di composto che va spalmato bene...non deve essere troppo spesso ma nemmeno troppo sottile..la misura giusta sono circa 3-4 mm. Cuocere a 180° per circa 8-9 minuti. Attente ai bordi che non scuriscano troppo. Appena fuori dal forno bisogna capovolgere le cialdine cotte bollenti su una tazzina o un bicchiere o un bicchierino da liquore se avete fatto i cerchietti piccoli. Va fatto rapidamente perchè sono molto delicate e si rompono. Nota di piccoLINA: io li ho fatti riducendo la dimensione, facendo un cerchio di circa 12 cm e poi appoggiando le cialde su dei tappi di sughero

BISCOTTI DI HALLOWEEN – di Michela

Da una ricetta di Piu’ Dolci FROLLA BIANCA 350 gr farina - 1 bustina di vanillina - 150 gr buro - 1 uovo - 100 gr zucchero a velo - acqua qb FROLLA AL CACAO 350 gr farina --io ho dovuto aggiungerne un po' di più-- - 30 gr cacao amaro 2 uova - 170 gr burro - 120 gr zucchero a velo Preparare le frolle al solito modo. Avvolgerle a palla e farle riposare avvolte in pellicola in frigo per almeno 1 ora. Trascorso questo tempo stendere a 5 mm di spessore, ritagliare i biscotti. Cuocerli a 180° pr 15' circa. Far raffreddare. Decorare a piacere.

TORTA PAPERA - consigliata da Katia (ka717)

ZUCCOTTO PER IL CORPO Con queste dosi sono venuti due zuccotti diametro cm 20/22 della ciotola e uno piccolino (tipo tazza da caffelatte) che ho usato per fare la testa; ovviamente ho utilizzato solo uno dei due più grandi, l’altro l’ho tenuto di scorta in frigo. • Due Pan di Spagna di Sergio Salomoni preparati con la dose di 10 uova; ne sono venuti due, uno cm 24 e uno cm 28 di diametro. Quello più grande l’ho usato per gli zuccotti, quello più piccolo per il “piumaggio”della papera. • 1 lt di panna liquida • gr 100 di zucchero a velo • 8 fogli di colla di pesce (indicativamente gr 24) • gr 160 tra cedro e ciliegine candite • gr 120 di cioccolato fondente • gr 100 di gocce di cioccolato o cioccolato fondente a scaglie • gr 100 di mandorle tostate e tritate • maraschino e/o sciroppo d’amarena allungato con acqua per bagnare il pan di spagna Foderare con pellicola trasparente gli stampi e rivestirli con fette di pan di spagna alte circa un cm; bagnarli con il liquido che preferite (maraschino o amarena). Mettere i fogli di colla di pesce ad ammorbidire in acqua fredda per 10 minuti dopodichè strizzarla e scioglierla a bagnomaria con uno o due cucchiai d’acqua. Sciogliere a bagnomaria il cioccolato fondente.

Montare la panna con lo zucchero a velo e dividerla in due parti; ad una delle due aggiungere, con molta delicatezza, il cioccolato fuso e metà della colla di pesce. Suddividere la crema al cioccolato nei tre zuccotti; ricoprire con le gocce di cioccolato e metà delle mandorle e dei canditi. Alla seconda metà della panna montata amalgamare, sempre con grande delicatezza, la rimanente colla di pesce e i rimanenti canditi e mandorle tostate. Suddividere anche questa crema nei tre zuccotti. Ricoprire gli zuccotti con altre fette di pan di spagna bagnati con lo sciroppo e/o maraschino. Metterli in frigo per almeno 3/4 ore (io li ho preparati il giorno prima) PER IL PRATO FIORITO Noce di cocco disidratata colorata con colorante liquido verde e fiori di zucchero. Ho spalmato un leggero strato di panna montata sul vassoio e l’ho cosparso di noce di cocco. PER IL BECCO, LE ZAMPE E GLI OCCHI: SUGARPASTE Becco e zampe: ho impastato zucchero a velo, qualche goccia di glucosio, un pochino di albume e qualche goccia di colorante giallo fino ad ottenere una pasta abbastanza dura simile a quella della sfoglia per tagliatelle. Per gli occhi stesso procedimento (senza il colorante); ho usato il colore nero steso con un pennellino fine per disegnare le pupille. Per le dosi sono andata ad occhio comunque mi sono basata sulle indicazioni date da Elena Di Giovanni come da nota che segue: “Le dosi che ho usato sono più o meno queste: 400 gr di zucchero a velo, 30 ml di glucosio, un albume. Dico “più o meno” perché ho aggiunto dello zucchero a velo ad occhio, regolandomi per raggiungere la giusta consistenza. Ho mescolato bene l’albume e il glucosio e poi ho aggiunto lo zucchero a velo. Il tutto si può semplificare facendo le operazioni preliminari nel robot. Mescolando bene, si avrà una specie di briciolame, che poi dovrete trasferire su un piano da lavoro e ‘impastare’, come se fosse della sfoglia da tagliatelle. Ecco, deve raggiungere più o meno quella consistenza. Per aiutarsi, si deve spolverare di zucchero a velo il piano, e poi per stendere la pasta vi potete aiutare (per la parte che finirà sotto alla torta) con poca maizena.” ASSEMBLAGGIO DEL DOLCE: mettere i due zuccotti su un largo vassoio, posizionare gli occhi, il becco e le zampe e ricoprire il corpo con briciole di pan di spagna. Ho messo i fiorellini qua e là. Dimenticavo: un bel fiocco per la papera!

MERENDINE SIMIL BRIOSS - di Tina

Montare a neve 3 albumi con tre gocce di limone. Montare a lunghissimo 3 tuorli con 7 cucchiai di zucchero sempre con le fruste elettriche. Incorporare delicatamente e dal basso verso l'alto per non smontare il composto 4 cucchiai di fecola setacciata e mescolata a 1\2 bustina di lievito. TUTTO QUI Occorre usare una teglia rettangolare o quadrata unta e cosparsa di zucchero mescolato con farina, o ancora meglio, foderata con carta forno. Cuocere 15mn a 180° e provare con stecchino la cottura che però NON deve protrarsi oltre la cottura avvenuta! Fare raffreddare, tagliare, distribuire delicatamente uno strato di marmellata di albicocche ammorbidita e diluita al microonde con 1 cucchiaio di acqua. Cospargere con zucchero a velo. Arroventare uno spiedino di metallo e creare appoggiandolo sullo zucchero a velo, le righe diagonali decorative.

CESTINO DI FRAGOLE - di piccoLINA

La ricetta e’ di Porzia Losacco. Ingredienti: Pan di Spagna cotto in una teglia rettangolare, farcito poi con crema pasticcera. Pasta bigne’ secondo ricetta. Pasta di mandorle verde secondo ricetta. Fragoloni gr 600 Pasta bigne’: Far spiccare il bollore a gr 250 acqua con gr 100 burro e un pizzico di sale. Versare tutta insieme gr 150 di farina e lavorare sul fuoco col mestolo di legno fino a quando si formera’ una palla, che si stacchera’ dal mestolo e dalle pareti della casseruola, continuare a cuocere ancora qualche minuto fino a quando si sentira’ come un leggero sfrigolio. Far freddare ed aggiungere uno alla volta e lavorando bene dopo ciascuna aggiunta, 4 uova intere. Per formare i quattro lati della cassetta di pasta bigne’ disegnare sulla carta forno la lunghezza e l'altezza dei lati della torta e poi con la siringa con la bocchetta rigata disegnare delle righe parallele, una accanto all'altra, secondo la lunghezza e l'altezza desiderata e fare poi ad intervalli regolari dei trattini verticali, uno si e uno no scambiati, a similare l'intreccio del vimini.

Per rendere l'idea: -----I-----I-----I-----I----I-----I-----I-----I-----I -----I-----I-----I-----I--Cuocendo la pasta bigne’ gonfiera’ leggermente e si unira’ tutto. Formare due lati lunghi e due corti, su i due lati corti formare sempre con la pasta bigne’ due piccoli manici. Colorante verde: Lavare e tritare un mazzetto di spinaci crudi, mettere il trito in una salvietta pulita e strizzare forte raccogliendo il succo in un tegamino. Far scaldare sul fuoco pochi minuti, fino a quando il liquido si separera’ e verra’ a galla come una gelatina verde. Scolarla ed usarla per colorare, aggiungerne poca per volta perche’ tinge molto ma e’ del tutto insapore. Pasta di mandorle: Sbollentare e sbucciare delle mandorle sgusciate, frullarle con pari peso di zucchero a velo, unendo poche gocce d'acqua o di chiara d'uovo per amalgamare. (Pochissima acqua davvero e a gocce, altrimenti diventa una pappa) (Per velocizzare si puo’ usare la farina di mandorle gia’ pronta in vendita in bustine da gr 100) Tagliare lo strato superiore della torta ad uno spessore di cm 1,5 , e vuotare la torta in modo da avere una scatola rettangolare vuota (in questo caso, la pasta tolta non sara’ utilizzata). Bagnarla col liquore allungato e riempirla con la crema chantilly preparata, meno qualche cucchiaio. Riposizionare il coperchio, mettendolo a rovescio e pennellare anche questo. Spalmare tutto il dolce con la crema rimasta. Lavare velocemente le fragole ed asciugarle bene con della carta da cucina. Far aderire ai quattro lati le strisce di pasta bigne’ preparate, ad imitare la cassetta, e allineare in bell'ordine sulla superficie del dolce i fragoloni tagliati a meta’, guarnendoli con delle foglioline di pasta di mandorle. Note di piccoLINA: questa e’ la ricetta originale. Io non ho fatto le foglioline di pasta di mandorle ma ho lasciato due fragoloni centrali con le loro foglie vere, ben lavate. La pasta bigne’ con questo procedimento riesce benissimo!!!

PROFITTEROL - di Vale

Ho preparato i bignè seguendo la classica ricetta di Francesca Spalluto: 140 g di farina - 110 di burro - 250 g di acqua un pizzico di sale - un pizzico di zucchero - dalle 4 alle 5 uova Mettere l'acqua sul fuoco con il burro a pezzetti, un pizzico di sale e zucchero. Non appena bolle, il burro dovrebbe essersi sciolto, buttare tutta la farina e amalgamare bene finche' non forma una palla soda. Io la faccio cuocere parecchio, e' fondamentale che la panade sia bella asciutta, prenderne un pezzettino tra indice e pollice per vedere se e' appiccicoso. Piu' la panade e' asciutta e piu' uova riesci a fargli prendere. Io non faccio raffreddare il composto, aspetto solo che svapori un po'. Aggiungo un uovo alla volta e non incorporo il successivo finche' il precendente non e' ben amalgamato. Mi fermo al quarto uovo, e vedo se c'e' ancora bisogno, in caso aggiungo il quinto a cucchiaiate. Il composto deve presentarsi ben lucido, se tiri su con una spatola non si straccia ma ricade in un ricciolo molto pesante. Se e' troppo molle il bigne' ti si affloscera' miseramente... Quando si formano i bigne con la sacca da pasticceria, il beccuccio si

appoggia inclinato sulla carta e si fa uscire l'impasto con ugual pressione senza sollevarlo, finche' non e' della dimensione voluta. Se si sprizza l'impasto ad intervalli, i bigne vengono bitorzoluti. Poi si lasciano riposare un po' prima di infornarli. C'e' chi li spennella con l'uovo, io passo sopra un dito bagnato in acqua fredda. Li metto in forno caldo a 200 finche' non dorano, poi abbasso a 180 (170 se ventilato) e continuo per altri 10-15 minuti. Per la crema con cui farcirli mi sono basata sulla ricetta per la “Crema Ganache” proposta da Cucciolo: fai fondere 400 g di cioccolato nero (fondente) in 250 g di panna liquida fresca(quella da montare) e 30 g di burro. Mescola bene e fai raffreddare. Quando è ben freddo -freddo e non tiepido battilo con le fruste come faresti per la panna: si ottiene una crema morbida. Se piace, si può aggiungere un cucchiaio di cognac prima di battere. Nota mia: Ho utilizzato i resti delle uova di Pasqua al latte (compreso i Kinder) e solamente 300gr. di cioccolato fondente. Poi ho preparato una crema da versare sopra i bignè con cioccolato fondente, un po’ di latte e burro e l’ho fatta intiepidire, dosi ad occhio, tenendo come riferimento la ganache di Cucciolo e pensandola un po’ più fluida. Man mano che farcivo i bignè li ho disposti nel piatto di portata, terminato il “primo piano” ho colato sopra, a cucchiaiate, la “crema fondente” e ho proseguito così fino a terminare la piramide con ulteriore “colata” finale. L’ho adornata con piccole lenti (tipo mini Smarties) al cioccolato.

TORTE BATTESIMO di BENEDETTA - di Valeria

Ho scelto una ricetta di torta che non fosse da farcire (temevo crollasse tutto!) e nello stesso tempo buona di gusto, non asciutta. Ho deciso per questo impasto che a me pare una quattro quarti, che uso da molto tempo, trovato su un libro con il nome di Torta Vittoria. Queste le dosi che ho usato (i tre numeri si riferiscono al peso per ciascuna delle tre diverse tortiere rispettivamente cm 17, 26, 34) Ingredienti: burro 175, 300, 550 zucchero come sopra farina autolievitante come sopra uova (grandi ) 3, 5, 9 Tutti gli ingredienti devono essere a temperatura ambiente, non freddi. Procedimento: Ho lavorato a lungo con le fruste elettriche il burro morbido con lo zucchero. Poi a parte ho sbattuto le uova come per una frittata e le ho aggiunte all'impasto un cucchiaio alla volta continuando a frullare (se le uova sono messe troppo velocemente, l'impasto impazzisce, come la maionese). Poi, ho amalgamato la farina poca alla volta , mescolando con un cucchiaio lentamente dal basso in alto (no fruste). Ho usato farina autolievitante. Poi per le ultime torte sono rimasta senza, ho usato farina 00 con aggiunta di levito Paneangeli nella dose una bustina per mezzo chilo di farina, ho avuto lo stesso risultato. Ho versato in un contenitore una parte di impasto (circa un terzo) e vi ho aggiunto un goccio di Alchermes, poi anche pochissimo...issimo colorante in polvere per dare la colorazione rosa (l'alchermes colora poco, comunque il gusto si sentiva; temevo che aggiungendone di più l'impasto risultasse troppo liquido) Ho versato gli impasti nello stampo, a cucchiaiate, poi con un coltello li ho un po' mischiati in modo che risultasse marmorizzato. Forno 175°, da 45 minuti a 55 secondo la dimensione (prova stecchino) Devo confessare che alcune torte sono risultate belle alte (7/8cm) con la superficie perfettamente orizzontale (le 2 piccole, più una media e una grande, che ho usato per la torta con le scarpine. Invece alcune si sono leggermente abbassate al centro, di conseguenza ho fatto in questo modo: ho tagliato via quello che avanzava in modo da rendere la superficie orizzontale, ho spennellato con leggerissimo strato di marmellata liquida e ho sovrapposto un'altra torta della stessa dimensione mettendo il fondo in alto (così è diventata una torta molto alta, come desideravo) Ho usato questo metodo per il piano grande e per quello medio della torta con le roselline. Infine ho spennellato la superficie e il bordo di tutte le torte con marmellata liquida (ho frullato qualche cucchiaio di marmellata con poca acqua)

Nei giorni precedenti avevo preparato un grande quantitativo di pasta di zucchero Per la pasta di zucchero che ho usato bianca o colorato, ho seguito la ricetta di Paola Lazzari Per la pasta rosa, ho invece utilizzato una ricetta dei Marshmallow Nota di piccoLINA: trovate le ricette della pasta di zucchero di Paola Lazzari e quella con MMF rispettivamente a pag 21 e pag 18-19 La copertura Bisogna prima coprire le torte con la pasta di zucchero. Io ho preso i pezzi di pasta preparati nei giorni precedenti e conservati ben chiusi in pellicola e poi in sacchetto di plastica (non in frigo). Per renderli più lavorabili, ho passato ciascuna nel forno MO alla potenza minima (nel mio forno è 90)per 30 secondi, più o meno secondo la grandezza del pezzo. Poi ho steso uno strato il più sottile possibile, su cartaforno spolverizzata di maizena con il mattarello e le mani anch'essi passati nella maizena. Sono riuscita a fare uno strato molto fine, non più di 2 mm. Con la pasta rosa, quella di MM, è più facile. Per mettere la pasta sulla torta, soprattutto quella grande, basta rovesciare sopra la cartaforno e poi toglierla lasciando lo zucchero. Comunque se vengono imperfezioni, o piccole rotture, no problem: con le decorazioni si nasconde tutto!! (Ecco perchè le torte americane sembrano perfette, sono tanto decorate...) Con le mani far aderire lo zucchero alla torta (la marmellata aiuta un pochino) e tagliare in basso la parte che eccede. Ho visto che non è necessario rivoltarla sotto, perchè poi viene sempre fatta una decorazione alla base della torta tutt'intorno. Attorno alla torta più grande (in quella con le roselline) ho fatto una specie di steccato con striscioline bianche e rosa tagliate in precedenza, sempre incollate con la glassa. La costruzione della torre A questo punto ho messo la torta grande sul piatto (poi non sarà possibile spostarla, quindi sistemarla per la presentazione), ho appoggiato sopra nel mezzo la torta media e ho fissato le torte . Ho preso 4 cannucce da bibita in plastica e le ho infilate verticalmente fino in fondo, ho lasciato 4 cm della parte ancora visibile e ho tagliato il pezzetto in avanzo. ho messo la torta piccola inserita nelle cannucce e così fermata. Questo sistema è risultato molto stabile: ho potuto trasportare la torta senza problemi.

La decorazione A questo punto ho dato sfogo alla mia vena artistica. Per incollare i vari pezzi, ho usato una glassa densa, fatta con zucchero a velo, poca acqua e succo di limone. Mi sono accorta dopo che la glassa reale prevede albume, ma è andata benissimo lo stesso. Torta con le roselline: Per fare la rosellina ho usato la pasta rosa, ho steso una striscia sottilissima di circa cm 5x2, l'ho ripiegata a libro nella lunghezza, facendo aderire solo il lato di piegatura e lasciando staccati quelli superiori,, ho poi arrotolato intorno a una pallina che fa da bocciolo, infine ho un po' piegato la corolla cercando di dare movimento. Per le foglie: ho colorato in verde un pezzo di pasta bianca, ho modellato delle palline e le ho schiacciate dando la forma; con un coltellino ho disegnato le nervature e le ho mosse e piegate (non devono essere rigide, tutte diritte) Con la glassa ho incollato roselline e foglie in abbondanza sui due ripiani, come si vede dalle foto. Ho posizionato il baby dormiente, con il ciuccio vicino, "on the top". Ho incollato le lettere ritagliate con gli stampini (attenzione: sporcare di maizena la base della lettera prima di tagliare, così esce facilmente) Ho aggiunto anche dello stelline, pure tagliate con uno stampino. Torta con le scarpine: Una volta sovrapposte le tre torte,ho ritagliato nella pasta di zucchero stesa sottilissima delle strisce alte circa 3cm. che ho incollato intorno, alla base delle torte, come dei nastri di colore contrastante. (dalla foto si vede cosa intendo) Poi ho messo tutte le decorazioni: i fiocchetti, i bottoni, gli orsetti, il nome scritto due volte, le scarpine e infine i confettini.

MAIALINI - di Alda Muratore

Si prepara una pasta lievitata con 500 g farina, 30 lievito, 60 zucchero, 1/2 l latte, 60 burro morbido, 1 uovo, buccia di limone grattugiata. Mettere la farina a pozzo; nel centro, sciogliere il lievito con un po' di latte tiepido e un cucchiaino di zucchero, coprire con una scodella e lasciare gonfiare. In alternativa, si può mettere la farina nel bicchiere del robot da cucina, fare un pozzetto in un angolo, e procedere come sopra, chiudere il bicchiere e lasciare gonfiare. Non aggiungo mai il latte tutto di un colpo: bisogna tenere conto della grandezza dell'uovo, della morbidezza del burro... ho anche notato che marche diverse di farine assorbono diversamente il liquido. Quando il lievito si è gonfiato, impastare aggiungendo gli altri ingredienti. Mettere in una terrina, coprire e lasciare lievitare. Quando l'impasto è raddoppiato, sgonfiare la pasta e stenderla a circa 4 mm di spessore; si ritagliano (con un bicchiere) 20 tondi con diametro 8cm e 10 tondi con diametro 4 cm; dai ritagli si ricavano dei triangoli allungati che saranno le orecchie. Su 10 tondi grandi si mette un po' di ripieno: a scelta, scagliette di cioccolato, un cucchiaino di marmellata, marzapane..., si spennella il bordo con tuorlo diluito in un po' d'acqua e si chiude con gli altri tondi grandi; si spennella la superficie con il tuorlo come sopra. Nei tondi piccoli si praticano due buchi (grandi, che in cottura si chiudono) e si applicano sui tondi precedenti, insieme alle orecchie. Le orecchie devono essere ripiegate su se stesse (ricondurre la punta verso il basso).

Si lascia lievitare ancora un ventina di minuti e si cuoce a 180° -200°, 15-20 minuti, finché hanno un bel colore. Quando sono raffreddati, si prepara un po' di glassa con zucchero a velo e pochissima acqua, e si formano gli occhi; la pupilla si farà con dell'uvetta. Sembra difficile, ma in realtà non lo è. Provare per credere. Note di piccoLINA: quelli della foto sono Maialini in versione salata, usando una normale pasta di pane, con ripieno di prosciutto, formaggio e olive, e con gli occhi fatti con olive nere tagliate a fettine!

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful