Wu Ming 2

Il sentiero degli dei
,
Nota dell’Autore
(alla maniera di Paco Ignacio Taibo ii)
Una buona parte di questo libro consiste nella descrizione
del cammino che va da Bologna a Firenze, da Piazza Maggiore
a Piazza della Signoria, conosciuto con il nome di Via degli Dei.
Tappa per tappa, il lettore può seguire il percorso e il camminato-
re arrivare a destinazione. C’è pure una scelta di foto scattate lun-
go il tragitto e una guida pratica per chi vorrà cimentarsi.
Mancano però le mappe topografche al 25.000 e il tono dei
vari paragraf è narrativo, partigiano e sentimentale. Sarebbe dun-
que diffcile sostenere che questa è una guida per escursionisti.
Una buona parte di questo libro ha per protagonista un per-
sonaggio fttizio, con i suoi pensieri e le sue motivazioni. Alcune
avventure che gli accadono sono frutto di invenzione, altre – le
più numerose – si basano su fatti realmente accaduti. Tuttavia la
trama del libro è il semplice susseguirsi dei passi e il protagoni-
sta è una mano tesa al lettore, per invitarlo a camminare. Sareb-
be dunque molto diffcile sostenere che questo è un romanzo. Di
certo, non è letteratura.
Cinque parti di questo libro sono racconti brevi (i “notturni”)
che si possono leggere anche in maniera autonoma, e forse altre
sezioni del testo hanno la stessa caratteristica.
Tuttavia, sarebbe diffcile sostenere che questa è una raccol-
ta di novelle.
ii sixriiio oicii oii
¡
Una buona parte di questo libro si basa sulle esperienze del-
l’autore lungo la Via degli Dei, che egli ha percorso in due occa-
sioni: dal 25 al 29 settembre 2002 e dall’1 al 5 ottobre 2009.
Il cammino qui narrato, però, non corrisponde al resoconto di
quelle giornate e molti argomenti contribuiscono a portarlo fuo-
ri strada. Sarebbe dunque diffcile sostenere che questo è un dia-
rio di bordo.
Una buona parte di questo libro denuncia le “emergenze am-
bientali” che affiggono l’Appennino tra Bologna e Firenze, in
particolare quelle legate ai lavori per il treno ad alta velocità. In
fondo al volume vengono citate tutte le fonti dei dati e delle af-
fermazioni riportate.
Tuttavia, per quanto documentato, l’autore non è né un tecni-
co né un giornalista. Sarebbe dunque diffcile affermare che que-
sto è un saggio, un reportage o un’inchiesta.
Le cinque (o più) tappe della Via degli Dei attraversano due
regioni, due province e quattordici comuni.
Se non vi piace attraversare i confni, camminare sui crinali e
stare nei margini, temo che questo libro non faccia per voi.
In caso contrario, potreste provare a leggerlo, e trovarci dentro
una guida per escursionisti, una raccolta di novelle, un diario di
bordo, un saggio, un reportage, un’inchiesta e chissà cos’altro.
Il sentiero degli dei
Ogni atto sul territorio è un atto politico.
Eugenio Turri
;
Antefatti
1.
Settembre è un mese inquieto, più ftto di buoni propositi
che la notte di San Silvestro. A mezzogiorno ti sorprende il cal-
do, ma la sera, prima di dormire, chiudi le fnestre, per paura
che l’autunno venga d’improvviso e ti trovi avvolto in un pan-
no leggero.
La decima estate del Terzo Millennio sembrò fnire in antici-
po, con un martedì piovoso e le scuole riaperte, ma nel fne set-
timana c’era di nuovo il sole, e Gerolamo portò i bimbi a caccia
d’impronte sui sentieri fangosi del Parco della Chiusa.
Avevano comprato un libro per cercatori di tracce e dopo aver
catalogato dieci cani, tre cavalli, un cinghiale e due formiche, fu
seguendo le peste di un capriolo che si ritrovarono alla passerel-
la sul fume Reno, un luogo dove Gerolamo non arrivava da anni,
perché Dario e Lucia volevano sempre fermarsi prima, nei gran-
di prati da corse più vicini all’entrata.
Era la passerella una sorta di fnis terrae, colonne d’Ercole in
acciaio e bulloni che segnavano la fne del parco e l’inizio della
Barlaita, un bosco ftto di umidità e di zanzare tigri. Le famiglie
in passeggiata percorrevano il ponte per metà, si affacciavano sul-
l’acqua color caffellatte e poi tornavano indietro, mentre i ciclisti
da fango pedalavano fno all’altra sponda, alla strada di servizio
delle cave Sapaba, e poi di lì a Casalecchio e magari a Bologna,
per farsi una doccia prima del pranzo con i suoceri.
ii sixriiio oicii oii
ï ,
Passando sotto la struttura, invece, ci si addentrava nella giun-
gla, sempre che la golena fosse all’asciutto, lungo un sentiero di-
segnato da bici e piedi ardimentosi. Più di questo Gerolamo non
sapeva, non si era mai spinto oltre quel confne, mentre i bimbi
già lo superavano di slancio, cercando nella melma il segno degli
zoccoli.
Il babbo li richiamò: se si bagnavano i piedi, lo attendevano i
rimproveri di Lara per aver portato i pargoli in un posto “poco
adatto”. Tornarono indietro di malavoglia e Dario si consolò in-
dicando un rettangolo bianco e rosso sulla spalla del ponticello.
La caccia ai segnavia del Cai era sempre aperta e questo aveva pu-
re una scritta sulla banda centrale. Lucia lesse lo stampatello una
sillaba per volta e compose il nome “Firenze”.
«Ci vai a piedi alla tua riunione di domani?» domandò al pa-
dre con gli occhi sgranati.
Gerolamo rise e rispose che no, aveva già comprato il biglietto
del treno. Poi guardò il sentiero e immaginò una sequela ininter-
rotta di segni bianchi e rossi, come la strada di mattoni gialli che
porta Dorothy nel regno di Oz.
Tra Bologna e Firenze correvano talmente tante strade e ferro-
vie, che solo un percorso magico poteva aggirare autotreni ed Eu-
rostar, e condurre il camminatore sano e salvo alla meta.
1.1
Sulla via del ritorno, passarono accanto alla chiusa sul fume
che dava al parco il suo nome uffciale, anche se i bolognesi lo
chiamavano tutti Parco Talon, dalla famiglia che un tempo posse-
deva quei cento ettari come giardino e tenuta di caccia.
Gerolamo raccontò ai bimbi che la chiusa era molto anti-
ca, quasi millenaria. Si diceva che fosse la più vecchia, in tutto il
mondo, a non aver mai smesso di fare il suo lavoro. Serviva per
deviare l’acqua nel Canale di Reno, che in un tempo lontano fa-
ceva andare mulini, segherie, cartiere, telai. Molte sue diramazio-
ni scorrevano ancora sotto le strade del centro, e ancora esiste-
va una via “del Porto”, perché a Bologna avevano attraccato ve-
lieri e bastimenti, anche se l’Adriatico distava settanta chilome-
tri, e oggi non lo diresti che dietro via dei Mille c’erano darsene
e moli affollati.
La Chiusa invece era sempre lì, anche se la Grande Piena del
1893 se l’era mezza mangiata (insieme ai ponti della ferrovia che
portavano a Roma e a Milano). Per ripararla c’erano voluti sei-
cento operai, arrivati da tutta la provincia, con grave scorno per
quelli del posto, tanto che l’ingegnere capo aveva dovuto metterli
tutti a tavola, sulle rive del Reno, e seppellire le controversie sot-
to trecento chili di manzo e maccheroni al ragù, più quattro etto-
litri di sangiovese. Per l’occasione, ingaggiò il miglior cuoco del-
la zona e il suo menu ebbe un tale successo che oltre al compen-
so pattuito gli regalarono pure la mappa di un tesoro, nascosto
nei recessi della chiusa. Il cuoco fece scavare nel punto indica-
to, ma non trovò nulla: se qualcosa c’era, doveva esserselo preso
la Grande Piena. Eppure, qualche vecchio casalecchiese è anco-
ra convinto che le monete d’oro siano rimaste là sotto, custodite
da un fantasma, e che prima o poi le troveranno i canoisti, a forza
di mettersi a testa in giù nel fume, per provare e riprovare le lo-
ro manovre di raddrizzamento.
2.
Michel de Certeau, ne L’invenzione del quotidiano, dedica un
capitolo al vagone ferroviario, dove il viaggiatore, «immobile, ve-
de cose immobili scivolare via». Sarebbe questa l’origine della
melanconia che ci assale in treno, appena gettiamo uno sguardo
fuori dal fnestrino.
Essere al di fuori di queste cose che stanno là, distaccate e assolu-
te, e che ci lasciano senza avere nulla a che fare con noi; esserne priva-
ti, sorpresi dalla loro effmera e quieta estraneità. Stupore nell’abbando-
no. Eppure, queste cose non si muovono. Non cambiano di posto, come
non lo cambio io.
1
axriiarri
ii sixriiio oicii oii
:c ::
Gerolamo, di ritorno da Firenze, contemplava rapito il trom-
pe l’oeil del paesaggio. Era la prima volta che faceva quel tragit-
to per motivi di lavoro e ancora non conosceva la noia del pendo-
lare. La sua cooperativa aveva aperto una sede nel capoluogo to-
scano e Gerry era stato scelto per curare la formazione dei nuovi
educatori. Quel suo viaggio attraverso l’Appennino si sarebbe ri-
petuto ogni settimana, fno alla primavera, fno all’assuefazione.
Fino a staccare gli occhi dal fnestrino e a puntarli sullo schermo
del portatile, per non perdere in fantasticherie cinquanta minu-
ti preziosi.
Una voce femminile annunciò che i passeggeri di prima
classe stavano per ricevere caffè, giornali e spumante Carpenè
Malvolti.
Al profumo della parola “caffè”, Gerolamo fu tentato di gui-
dare l’assalto alle carrozze di lusso. Si trattenne a stento, pensan-
do ai nervi saldi della seconda classe del Pianeta, di fronte a pri-
vilegi ben più sfacciati.
Sfogliò qualche pagina di Rifessi, la rivista delle Ferrovie. Era
l’analogo terragno di certi magazine da compagnia aerea, dove le
destinazioni dei voli sono patinate quanto la carta, e tutto è tren-
dy, cool, fco, imperdibile, elettrizzante. Sorvoli Bombay e pensi
di atterrare tra i lustrini di Bollywood. Poi esci dall’aeroporto e
c’è una baraccopoli sterminata.
Mezz’ora più tardi, il convoglio si fermò sul fanco della mon-
tagna. A sinistra un prato, a destra un ruscello intarsiato nel bo-
sco. Sull’altro versante una pieve isolata, case in sasso, un viadot-
to dell’autostrada come fondale. Gerolamo guardò in basso, do-
ve l’acqua limpida formava una pozza, e un gruppo di bambini si
tuffava giù da un ramo e dagli scivoli di roccia, mentre le madri
prendevano il sole sul greto. Sembrava un posto magnifco e Ge-
rolamo ci avrebbe passato volentieri una domenica con i bimbi e
con Lara, ma non aveva idea di come arrivarci e nulla di quanto
vedeva corrispondeva a un nome nella sua enciclopedia persona-
le, fatta eccezione per l’Autostrada del Sole.
2.1
Migliaia di persone attraversavano tutti i giorni quelle monta-
gne. Almeno una volta all’anno giornali e telegiornali sparavano
titoli sull’Italia “spezzata in due”, per via della neve, della neb-
bia, di un “drammatico incidente” tra Sasso Marconi e Barberi-
no del Mugello, o per un “inconveniente tecnico” sulla ferrovia
Direttissima.
In un corridoio largo venti chilometri passavano tutte le co-
municazioni tra il nord e il sud del Paese. Gli amanti dei cliché
lo defnivano imbuto, spina dorsale, collo di bottiglia. Milioni di
italiani, oltre i vetri di un’auto o di un treno, avevano visto scor-
rere quel paesaggio, fumi e vallate, senza sapere come chiamarli
e quali storie potessero contenere.
Gerolamo si alzò per aprire il fnestrino e domandare indi-
cazioni ai bambini che giocavano nell’acqua. Ma il fnestrino
non aveva maniglia ed era sigillato alla cornice come l’oblò di un
sommergibile.
Allora Gerolamo estrasse il cellulare e chiese al navigatore di
localizzare la sua posizione sulla mappa satellitare del pianeta.
2.2
La stele di Trenitalia svettava di fronte alla stazione di Bolo-
gna come il monolito di Odissea nello spazio. Grigio lucido metal-
lo, al centro di un’aiuola dall’erba malconcia, sopra una piattafor-
ma in alluminio da discoteca anni Ottanta. La superfcie rivolta
verso Gerolamo recava sui margini due scritte identiche, cubita-
li, caratteri bianchi orientati in verticale: alta velocità, mentre
nello spazio centrale, dall’alto in basso, si susseguivano: 1) il mar-
chio rosso-verde delle Ferrovie dello Stato; 2) l’imperativo orwel-
liano «Segui il conto alla rovescia», vergato in lettere rosse; 3) una
striscia di orologio digitale, con otto cifre rosse a sette segmenti,
a indicare 86 giorni, 07 ore, 42 minuti e 53... 52... 51 secondi; 4)
una mappa dell’Italia con i tracciati dell’alta velocità, in colori di-
versi, a seconda che fossero in progettazione, in costruzione, in
esercizio, o in esercizio fno a 250 km/h.
axriiarri
ii sixriiio oicii oii
:: :,
L’obiettivo del conto alla rovescia restava un mistero. Non era
possibile che l’intera rete disegnata sulla mappa venisse comple-
tata in 86 giorni. Alcune linee erano ancora in fase embrionale e
nemmeno un folle avrebbe scommesso sull’ora esatta del parto.
Dunque? Che cosa bisognava aspettarsi da quel conteggio a
ritroso? Una partenza, un’esplosione, una cottura al microonde,
la fne di un mondo, l’inizio di un flm?
5... 4... 3... 2... il conto alla rovescia per sincronizzare la pel-
licola, sugli schermi dei cinema non si vedeva più. Se compari-
va, signifcava che il regista ce l’aveva messo di proposito, per far
sembrare arcaico quel che non lo era. Uno scherzo, insomma, un
inganno. Forse anche la stele di Trenitalia ne nascondeva uno.
Ma quale?
In epoca fascista, lo stesso identico spazio di fronte alla sta-
zione ospitava una fontana monumentale. Decorazioni e basso-
rilievi ricordavano i minatori morti per costruire la ferrovia Di-
rettissima. Durante la Seconda guerra mondiale una bomba del-
l’aviazione inglese aveva sbriciolato il marmo e le statue. Da allo-
ra il prato al centro dell’aiuola era rimasto vuoto, fno all’arrivo
del monolito a orologeria.
Gerolamo esaminò l’altra faccia, quella che guardava gli ho-
tel sul viale della stazione. Era più o meno identica alla sua ge-
mella, ma invece della mappa d’Italia c’era un’altra scritta rossa,
e la scritta diceva:
solo 35 minuti
da Bologna a Firenze
Quindi, ecco risolto il mistero: il conto alla rovescia sul mo-
nolito ne anticipava un altro. All’azzerarsi delle cifre digitali, un
treno passeggeri sarebbe partito da Bologna alla volta di Firen-
ze, come un cronometro su rotaia, in corsa inesorabile da 35 mi-
nuti a zero.
All’azzerarsi delle cifre digitali, la stele di Trenitalia si sareb-
be trasformata da orologio in monumento, perfetto sostituto per
la fontana fascista in memoria della Direttissima. Con la differen-
za che quella celebrava la vittoria della ferrovia onorando i cadu-
ti nella guerra contro l’Appennino, mentre sull’obelisco dell’alta
velocità non c’era un solo centimetro dedicato alle vittime.
3.
L’immagine dei due monumenti, quello fascista e quello di
Trenitalia, riapparve a Gerolamo tre giorni più tardi, mentre par-
lava con un’amica, ai margini di una festa di compleanno per
quarantenni.
Marta Lanzi faceva di mestiere la montatrice, assemblava
flm, corti, clip di ogni tipo e nel tempo libero si sforzava di gi-
rare i suoi. Da mesi raccoglieva il materiale per un documenta-
rio sull’alta velocità e così Gerry le raccontò della fontana per i
caduti della Direttissima e del metallo lucido e grigio del nuovo
monolito.
«Altro che fontana!» rispose lei agguerrita. «Solo per le vitti-
me da qui a Firenze non basterebbe un museo».
Sollevò il pollice e cominciò a contare.
«Per prima cosa, i morti ammazzati sono almeno sette. Eppu-
re dicono che quei cantieri erano tra i più sicuri d’Europa, per-
ché la lista funebre poteva essere anche più lunga, in base alle
statistiche».
Fece una pausa, si riempì il bicchiere, poi tirò fuori dalla borsa
un computer palmare, ci traffcò sopra con il puntatore a forma
di matita e prese a leggere sullo schermo con voce da requiem.
«Pasquale Adamo, padre di tre fgli, stritolato nella galleria di
Vaglia. Pietro Giampaolo, cinquantotto anni, schiacciato a Mon-
ghidoro sotto le ruote di un Tir. Giorgio Larcianelli, camioni-
sta, uscito di strada sulla via Barberinese. Assuntina Spina, ottan-
taquattro anni, investita da un mezzo pesante a Sesto Fiorentino.
Pasquale Costanzo, elettricista di ventitré anni, sempre nel tun-
nel di Vaglia. Giovanni Damiano, due fgli, travolto da un getto
di calcestruzzo, e Franco Roggio, a un passo dalla pensione, mor-
to in galleria sotto un telaio metallico».
axriiarri
ii sixriiio oicii oii
:¡ :,
Alzò gli occhi e disse che non era stato per niente facile met-
tere in fla quei nomi, perché da nessuna parte li trovavi tutti in-
sieme, bisognava andarsi a spulciare i giornali, le pagine web del
sindacato, le notizie sparse. Per altre vittime dell’alta velocità, in-
vece, si era celebrato un processo, ed era più facile elencarle per
nome.
Marta picchiettò ancora con il puntatore sullo schermo del
palmare e attaccò una nuova litania.
«Carza, Carzola, Diaterna, Bagnone, Rampolli, Veccione, Far-
fereta, Ensa. Cinquantasette chilometri di torrenti morti, secca-
ti, e altri ventiquattro che hanno perso acqua. E ancora Erci, La
Rocca, Le Spugne, Volpinaia, Ca’ di Sotto, Badia di Moscheta: in
tutto sessantasette sorgenti, cinque acquedotti e una trentina di
pozzi rovinati».
Vuotò il bicchiere in un fato e chiuse il palmare con un gesto
secco, defnitivo.
«Frazioni, paesi, intere comunità di uomini e animali stravolte
dai danni. Al processo di primo grado, l’accusa ha chiesto un ri-
sarcimento di 751 milioni di euro, ma la condanna è stata di soli
150, per lo smaltimento illecito dei rifuti, mentre le sorgenti, se-
condo il giudice, non le hanno danneggiate apposta, ma solo per
negligenza e imperizia, che in questo caso non sono reati. E quan-
to all’acqua che si sono presi senza chiederla, per impastarci il ce-
mento e lavare via i detriti, dovrà decidere la Corte Costituziona-
le, se quel tipo di furto sia un crimine oppure no».
2
Marta prese fato, appoggiò il bicchiere, si lasciò andare sullo
schienale della poltrona.
«E poi ci sono i soldi, le risorse bruciate. Uno studio recente
3

parla di 105 milioni di euro a chilometro, cioè otto volte la spesa
prevista, per risparmiare ventuno minuti di viaggio».
Gerolamo provò a calcolare il costo di ogni minuto, ma si in-
garbugliò con le divisioni. Fatica sprecata, Marta aveva già fatto i
conti. Trecentonovantacinque milioni di euro.
4.
È andata avanti a parlare per almeno due ore – mi spiegherà
Gerolamo quattro mesi più tardi, in una giornata di sole e freddo
invernale. – E alla fne mi sono pure vergognato: la guerra tra la
Velocità e l’Appennino si combatteva a due passi dalla mia città e
io non ne sapevo nulla, tranne qualche titolo di giornale e un paio
di servizi alla tivù, buoni giusto per un’indignazione precoce.
Tornato a casa, mentre Lara dormiva, ho deciso di espiare le
mie colpe mettendomi a studiare. Ho acceso il computer e mi so-
no segnato due o tre libri da prendere in biblioteca. Poi il vortice
di Google mi ha risucchiato e ho passato due ore a salvare artico-
li, inchieste, documenti ministeriali e istruttorie.
Soltanto verso le tre mi sono imbattuto in una modesta, sem-
plicissima scheda, con i numeri e le caratteristiche della nuova li-
nea ad alta velocità.
In galleria per il 93% del tracciato, la linea si sviluppa per 78,5 km
(di cui solo 4,7 allo scoperto, su rilevati, ponti e viadotti). Due le regioni
attraversate, due le province, 13 i comuni. 140 chilometri di nuove stra-
de a servizio dei cantieri, 8 chilometri di barriere antirumore, 130 ettari
di interventi a verde, 19 interventi archeologici.
4
Mentre il sonno mi chiudeva le palpebre, ho immaginato un
unico tunnel di cemento, con qualche rara interruzione, scavato
sottoterra da un gigantesco lombrico.
Presto, negli occhi di molti passeggeri, una notte artifciale
avrebbe sostituito boschi e ruscelli, per quanto intravisti da un
fnestrino.
Allora ho capito che Internet, i libri e le biblioteche non mi sa-
rebbero mai bastati per conoscere l’Appennino e rendere omag-
gio alle montagne sconftte.
Avevo bisogno di un percorso magico che le attraversasse, co-
me il sentiero di mattoni gialli per il Regno di Oz, e di un Bo-
scaiolo di Latta che mi aiutasse a seguirlo.
axriiarri
ii sixriiio oicii oii
:o :;
5.
Nico era un viandante di lungo corso – proseguirà Gerolamo
– ammalato di montagne. Passava ogni fne settimana, ogni va-
canza di almeno due giorni, con lo zaino sulle spalle e un sentie-
ro sotto i piedi. Amava andare da solo, sostenendo che cammina-
re è come studiare l’inglese a Londra: se parti in gruppo ti diver-
ti, ma non impari nulla.
Ci incontrammo per una birra in un’osteria del centro. Rac-
contai quel che avevo scoperto sulla Via degli Dei, il sentiero da
Bologna a Firenze, e gli chiesi se ne avesse mai sentito parlare.
«Sì» rispose, «ma non l’ho mai fatto. Per le camminate di più
giorni preferisco le Alpi. Sono più spirituali».
Gli spiegai che il mio obiettivo non era il nirvana, ma un’azio-
ne di soccorso.
«Una che?».
Gli feci segno di aspettare e attirai l’attenzione della camerie-
ra. Ordinammo due doppio malto e un piatto di patatine. Quan-
do lei si allontanò, cercai di riprendere il flo.
«Tra poco più di due mesi, un treno da trecento chilometri al-
l’ora andrà da Bologna a Firenze quasi tutto in galleria. Per pre-
parargli la strada c’è stata una guerra, con già molti caduti tra es-
seri umani, alberi, animali, fumi e sorgenti. Ora il passaggio dei
vagoni rischia di fare altre vittime e io vorrei avvisarle del perico-
lo, prima che sia troppo tardi».
«Continuo a non capire» rispose aggrottando la fronte. «Ma
se mi dici di cos’hai bisogno, ti aiuto volentieri».
«Ho bisogno di sapere se ce la posso fare, a mettermi uno zai-
no in spalla e ad andare a piedi da Bologna a Firenze. La mia
esperienza di trekking è pari a zero».
«Non chiamarlo trekking» mi corresse. «Lo fa sembrare uno
sport».
Poi aggiunse che potevo farcela benissimo, non c’era niente
di complicato, bastavano un paio di scarponi e la voglia di arriva-
re in fondo ogni sera e ripartire ogni mattina. Tuttavia, mi scon-
sigliò di farlo in solitaria.
«Non che possa succederti niente di grave, ma orientarsi su
una cartina non è come usare Tuttocittà. Potresti fnire a Pistoia,
invece che a Firenze».
Detto questo, appoggiò il boccale e divorò in silenzio una ven-
tina di patate fritte. Io intanto gli mostravo sulla guida l’itinerario
preciso, i dislivelli più inquietanti, i tempi di percorrenza da lavo-
ratore della gamba (otto ore al giorno per cinque giorni di fla).
A un tratto mi interruppe e senza tanti preamboli propose di
accompagnarmi.
Io nascosi la mia reazione in un lungo sorso di birra.
Da un lato l’idea mi sollevava – era come andare a una spara-
toria insieme a Billy the Kid – dall’altro mi atterriva, perché sape-
vo che Nico era un tipo intransigente, una specie di samurai dello
scarpone, che intendeva il cammino come un’arte marziale.
Mandai giù la doppio malto e decisi di cogliere l’occasione,
anche perché Nico, tra tutti gli amici papabili per l’impresa, era
l’unico a potersi prendere cinque giorni liberi in tempi brevi, pri-
ma che arrivasse il freddo.
Io avevo già cominciato a parlarne in famiglia e sul lavoro. Mi
era anche passato per la testa di andare davvero a piedi a una del-
le riunioni forentine, ma poi m’ero immaginato sporco e stan-
co a dover parlare di reinserimento sociale e borse lavoro, e non
m’era sembrato il caso. Oltretutto, dopo il primo incontro a Fi-
renze, s’era deciso di cominciare la formazione dalla metà di ot-
tobre, e questo mi lasciava un paio di settimane senza grossi im-
pegni. In agosto mi ero fatto le ferie da solo con i bimbi, perché
Lara doveva lavorare, e poi era stata quattro giorni a Stoccolma
da una sua vecchia amica. Insomma, avevo tutte le carte in regola
per prendermi una vacanza, quel mitico “tempo per me stesso”
che durante l’anno non mi riusciva mai di agguantare.
Nico, invece, non aveva né famiglia né lavoro. O meglio: vive-
va da solo e si guadagnava il pane come chitarrista in un’orche-
stra da ballo. Suonava tutti i mercoledì, e per il resto, tra concer-
ti saltuari con la sua band “garage punk”, lezioni private, Dj set e
prove in saletta, aveva un’agenda ftta ma piuttosto fessibile.
axriiarri
ii sixriiio oicii oii
:ï :,
«Adesso però» disse pulendosi la schiuma dai baff «devi rac-
contarmi per bene di questa guerra sull’Appennino. Dall’inizio
alla fne, con ordine e senza troppi salti».
NotturNo 0
È il 1984, gli Alphaville cantano Big in Japan, e in Italia fa i
primi passi un’idea che in Giappone è già grande da tempo: l’al-
ta velocità su rotaie.
La Banda della Magliana rapina le banche, Silvio Berlusconi
acquista Rete 4, scoppia l’ultima bomba degli Anni di Piombo. Il
romanzo criminale italiano è in pieno svolgimento, quando nasce
la Italferr Spa, per trasformare in Grande Opera la Grande Idea.
Una nuova ferrovia per il treno del futuro.
Quattro anni più tardi, mentre al cinema spopola Roger Rab-
bit, il mitico Pendolino copre la distanza Milano-Roma in poco
meno di quattro ore. Ma non è la Grande Opera, anzi, è tutto il
contrario. Una specie di bestemmia per il capitalismo italiano: in-
vece di usare il cemento, si usa la tecnologia. Un convoglio capa-
ce di raggiungere i 250 chilometri all’ora sui vecchi binari, senza
nemmeno scavare una nuova galleria.
Forse qualcuno si è reso conto che l’Idea, grande per il Giap-
pone o per la Francia, non è altrettanto buona per l’Italia. Per es-
sere redditizia, una linea dedicata all’alta velocità deve unire due
metropoli da almeno un milione di abitanti, per una distanza di
almeno quattrocento chilometri, senza fermate o montagne in-
termedie. Niente a che vedere con l’identikit della Penisola, do-
ve l’80% dei viaggi su rotaie è inferiore ai cento chilometri.
5
Con
questi dati alla mano, nessun privato vorrà mai realizzare una li-
nea del genere: le stime dicono che impiegherebbe trecentocin-
ii sixriiio oicii oii
:c ::
quant’anni per rientrare dell’investimento.
6
Ma nemmeno lo Sta-
to dovrebbe metterla in cantiere, visto che ci sono comunque so-
luzioni più economiche. Solo che in Italia è il Grande Appalto a
giustifcare la Grande Opera, non viceversa, e così l’alta velocità
continua a far battere il cuore di molti.
Passano ancora tre anni. L’Unione Sovietica cade a pezzi, Sil-
vio Berlusconi si prende la Mondadori, i Nirvana invitano a non
preoccuparsi, nevermind, ma sono in tanti a non poter seguire il
consiglio. Mani Pulite è ormai dietro l’angolo, Siad Barre ha do-
vuto lasciare la Somalia. Senza tangenti e cooperazione interna-
zionale un sacco di gente rischia di rimanere a bocca asciutta.
Che fare?
Ci vorrebbe un vortice capace di risucchiare denaro pubbli-
co e di ridistribuirlo nelle mani giuste. Ci vorrebbe una Grande
Opera per giustifcare l’esborso agli occhi dei cittadini. Ci vor-
rebbe un dirigente in gamba capace di trasformare le Grandi
Idee in progetti esecutivi.
Lorenzo Necci è l’uomo giusto al momento giusto. Cinquan-
tadue anni, fglio di un ferroviere, è il classico manager italia-
no corteggiato dai politici, «capace di corrompere restando nel-
la legge».
7
Il 7 agosto 1991, da amministratore delegato delle Ferrovie,
Lorenzo “il Munifco” presenta al popolo una nuova società per
azioni, la Tav Spa, che si occuperà della «progettazione, esecuzio-
ne e sfruttamento economico» delle nuove linee ad alta velocità.
L’incarico di costruirle spetterà ai tre maggiori gruppi industriali
del Paese: Eni, Iri e Fiat. Soltanto loro, si dice, possono garantire
il rispetto dei costi e dei tempi di consegna.
Per questo il committente (cioè Tav Spa) trasferirà ai tre ge-
neral contractors i suoi principali compiti e poteri di controllo,
oltre alla somma necessaria per eseguire i lavori. Detta così non
sembra niente di diabolico, e infatti nessuno alza la mano, nessu-
no eccepisce, ma la nuova creatura è una bestia rara, un cerbero
mai visto prima. Chi viene pagato per costruire un’infrastruttu-
ra di solito non ha i poteri del committente (la direzione dei lavo-
ri, i subappalti, gli espropri...). Può succedere soltanto se ci met-
te una parte dei soldi di tasca sua e poi ha l’opportunità di recu-
perarli con la gestione (pedaggi, tasse, biglietti). Ma in questo ca-
so l’opera è pagata al cento per cento, tutta intera, e il cane trice-
falo non avrà nessun legame con la futura ferrovia, nessun guada-
gno nel farla funzionare presto e bene.
L’ inizio dei lavori è fssato per il marzo 1992, ma in quella
data l’unica notizia in merito è che Cerbero affderà i cantieri a
sette diversi consorzi. Per la tratta Bologna-Firenze, la più ardi-
ta, il passaggio è da Fiat a Cavet, gestito per tre quarti da Coge-
far Impresit (oggi Impregilo), a sua volta controllata da Fiat. Sca-
tole cinesi che rendono ancora più diffcile distinguere ruoli e
competenze, committenti e appaltatori. A patto di sbrigarsi, per-
ché l’Unione Europea incombe, e ha stabilito che dal 1° gennaio
1993 tutte le gare d’appalto dovranno essere comunitarie, non ri-
servate alle imprese di un singolo Stato. C’è il rischio di farsi sof-
fare la torta da qualche ingegnere tedesco o francese, e allora i
ministri del Tesoro, del Bilancio e dei Trasporti, digerito in fretta
il pranzo di Natale, si mettono subito al lavoro e il 29 dicembre
frmano le carte e chiudono i contratti.
Evitate per un pelo le gare d’appalto europee, qualcuno si
rende conto che le gare pubbliche sono state evitate del tutto. La-
vori miliardari, di interesse nazionale, assegnati con trattative pri-
vate, una frmetta e via. Possibile? La questione fnisce sul tavolo
del Consiglio di Stato, presieduto da Giorgio Crisci, futuro presi-
dente anche delle Ferrovie. Dubbi e perplessità si rivelano infon-
dati, perché Tav Spa è una società con il 60% di capitale privato,
libera di scegliersi i partner come preferisce, senza i fardelli bu-
rocratici degli enti statali.
Il 28 luglio 1995 la Conferenza dei Servizi approva il «qua-
druplicamento ferroviario veloce della tratta Bologna-Firenze».
Quasi tutto in galleria, così non si rovina il paesaggio.
Alcuni tecnici della Regione Toscana, però, si dicono perples-
si: il progetto è ancora troppo generico, pieno di semplici ipote-
si, con richiami a calcoli e monitoraggi che si faranno, state tran-
xorruixo c
ii sixriiio oicii oii
:: :,
quilli, ma ancora non si sono fatti perché non c’è stato il tempo,
la Conferenza dei Servizi era ormai convocata e bisognava chiu-
dere, se poi manca qualcosa ci si penserà con più calma.
8
Nel 1996 il Consorzio Cavet apre i primi cantieri sull’Appen-
nino. Negli stessi giorni, Lorenzo Necci viene arrestato con l’ac-
cusa di associazione per delinquere, corruzione, truffa, abuso
d’uffcio e peculato. Finisce così la sua carriera di manager del-
le Ferrovie e inizia quella di imputato, dove collezionerà quaran-
tadue assoluzioni, varie prescrizioni e una condanna in secondo
grado per corruzione.
9
L’anno seguente, il governo di centrosinistra chiede una veri-
fca «sui piani fnanziari della Tav Spa, sulla legittimità degli ap-
palti, sui meccanismi di indennizzo, sui nodi, le interconnessioni,
i criteri di determinazione della velocità, le caratteristiche tecni-
che che consentano il trasporto delle merci».
Toccherà al ministro Burlando svelare in pubblico la burla: i
soldi dei privati, il famoso 60%, non ci sono e non ci sono mai
stati. I prestiti concessi a Tav dalle banche sono garantiti e coperti
solo dallo Stato, che li dovrà restituire nel giro di quindici anni.
I costi, nel frattempo, sono aumentati del 56%. Tanto nessu-
no rischia di tasca sua e Cerbero scorazza libero, senza catena né
guinzaglio.
Il 10 marzo 1998 la burla fnisce e le Fs “acquistano” il 100%
di Tav Spa, con i suoi 31 miliardi di debiti.
Due anni dopo, la Finanziaria impone che tutti i lavori non
ancora assegnati per l’alta velocità passino da gare d’appalto in-
ternazionali a evidenza pubblica.
La burla sembra davvero fnita, ma la Legge Obiettivo del
nuovo governo Berlusconi è in agguato e resuscita, con ampie
note di merito, il “modello Tav” dei general contractors. Inol-
tre, stabilisce che gli enti locali possono proporre osservazioni
sulle Grandi Opere, senza però modifcarne «la localizzazione e
le caratteristiche essenziali, nel rispetto dei limiti di spesa». Al-
la faccia del federalismo, dell’impatto ambientale e della tutela
del territorio.
Un territorio che fn dall’apertura dei primi cantieri ha inizia-
to a ribellarsi.
Già nella primavera del 1998 i campi e le fonti del Mugello
sprofondano, buttano fango.
Le sorgenti di Bisignano e Castelvecchio si seccano. E gli
ingegneri del Cavet? Secondo l’accusa del pubblico ministero
Gianni Tei,
10
prima negano il fatto, poi si correggono, ma danno
la colpa alla siccità, infne rassicurano tutti: è un problema isola-
to e momentaneo, nel giro di cinque anni tutto tornerà come pri-
ma. Come prima? Sicuri?
In realtà ne basta uno, di anni, e il problema isolato si ripete,
si diffonde come un contagio. Le venute d’acqua in galleria so-
no talmente abbondanti che i cantieri devono fermarsi per me-
si e opere già fnite vanno rattoppate e rimesse a nuovo. Una del-
le ditte che ha avuto i lavori in subappalto si rifuta di prosegui-
re, non ci sono le condizioni, ma Cavet la sostituisce e continua
a scavare.
11
Tutto fa pensare che le previsioni e i monitoraggi del
consorzio non siano attendibili, ma i responsabili dei lavori non li
correggono e di fronte alle proteste ribattono che «nessuno, oggi,
si sacrifca più per il Paese».
12
La Regione Toscana, da parte sua,
garantisce che «saranno restituite all’ecosistema le stesse fruibili-
tà precedenti ai lavori». Le stesse? Possibile?
A dieci anni di distanza un risultato del genere sembra lonta-
no come la luna, e forse anche di più: i danni all’ambiente sono
spesso irreversibili. Prosciugare una sorgente non è come rom-
pere un vetro: il vetro si sostituisce, la sorgente no. Danni molto
gravi, dunque, ma anche involontari, almeno secondo il giudice
Alessandro Nencini. La condotta del Consorzio Cavet, a quanto
pare, è stata soltanto colposa: non c’è stata coscienza, intenzio-
ne, e nemmeno un dolo eventuale, cioè l’accettazione consapevo-
le del rischio, l’andare avanti a ogni costo. Tecnici e ingegneri si
sono soltanto sbagliati, sbagliati, sbagliati ancora.
13
I martelloni, le mine, l’esplosivo Tutagex e i detonatori Dy-
nashoc smettono di mangiarsi l’Appennino il 21 ottobre dell’an-
no 2005. Cade l’ultimo diaframma di roccia nelle gallerie tra Bo-
xorruixo c
ii sixriiio oicii oii
:¡ :,
logna e Firenze, ma solo gli ultimi undici chilometri sono serviti
da un tunnel di soccorso. Tra Vaglia e Bologna, come via di fuga,
ci sono semplici fnestre, a una distanza reciproca di 6-7 chilome-
tri: in caso di incidente, i passeggeri dovranno raggiungerle a pie-
di e risalire in superfcie.
Passano tre anni e nell’autunno del 2008 due magistrati del-
la Corte dei Conti fanno un controllo sui debiti dell’alta velocità.
Nell’istruttoria parlano di cosmesi contabile, gestione fnanziaria
approssimativa, investimenti ineffcaci, ipotetici vantaggi. Risul-
tato: oltre 44 miliardi di debiti a carico dello Stato e delle genera-
zioni future, fno al 2060.
14
Chissà cosa risponderebbe il padre della Tav, di fronte a quel-
le cinquanta pagine di analisi economiche e giudizi senza appel-
lo. Purtroppo, non lo sapremo mai. Lorenzo Necci è morto il 28
maggio 2006, investito da una Range Rover mentre pedalava in
bicicletta insieme alla sua compagna, eletta alla Camera poche
settimane prima nelle fle dei Verdi.
Prima tappa
Piazza Maggiore (Bo)-Badolo (Sasso Marconi)
6.
È il primo giorno d’ottobre, mattina. La gente parla di clima
estivo e cappotti ancora nell’armadio. Con gli scarponi ai piedi e
lo zaino in spalla, Gerolamo accompagna a scuola Dario e Lucia.
«Allora, quando ritorni?» chiede la bimba per l’ennesima
volta.
«Tra cinque giorni, piccola. Meno di una settimana».
«E oggi che numero è?».
«Ne abbiamo uno».
«Quindi uno, due, tre, quattro e cinque. Ritorni il cinque?».
«Esatto».
«E che giorno è?».
«Un lunedì».
«E ci vieni a prendere a scuola?».
«Non lo so. Il lunedì è il giorno della mamma».
«Però un regalo ce lo porti lo stesso?»
«Sì, sì, anch’io un regalo» le fa eco il fratello saltellando sul
marciapiede.
«Molto volentieri, ma non credo che incontrerò negozi di gio-
cattoli. Più che altro boschi, montagne, qualche paesino ogni
tanto».
«È lo stesso, portaci qualcosa di prezioso. La cosa più prezio-
sa che incontri».
Come nelle favole, pensa Gerolamo divertito, mentre Lucia
ii sixriiio oicii oii
:o :;
gli stampa un bacio sulla guancia e scompare dietro la porta del-
la prima elementare.
7.
Piazza Maggiore è occupata da un palco enorme e da una pla-
tea di sedie in plastica che si riempiono di bambini. L’animato-
re con la maglietta gialla prova il volume dei microfoni e saluta i
presenti con allegria forzata, da villaggio vacanze.
È l’apertura dell’anno scolastico delle scuole cattoliche per l’in-
fanzia.
Gerolamo è arrivato in anticipo e mentre aspetta decide di to-
gliersi gli scarponi, che già gli fanno sudare i piedi, per inflarsi le
più morbide scarpe da ginnastica.
«Vai a fare jogging?» Il sarcasmo di Nico lo sorprende alle
spalle. Gerolamo si volta e cerca di giustifcarsi.
«Oggi è ancora una tappa domestica, no? Domani, per Mon-
te Adone, mi metto gli scarponi. Promesso».
8.
Esistono due diversi modi per uscire a piedi da una città e la-
sciarsela alle spalle. Il primo è come venire fuori da una bolla di
sapone, che piano piano si allunga, si deforma, pare non volerti
lasciare e poi invece esplode in una nuvola di gocce e ti accompa-
gna ancora per un bel pezzo, con il suo odore di cemento e pol-
veri sottili. Il secondo è trovare una via di fuga, una porta girevo-
le tra l’urbe e il contado, di solito un parco, una strada seconda-
ria, una pista ciclabile sull’orlo della metropoli.
8.1
Per uscire da Bologna lungo la strada medievale, e forse ro-
mana, che scavalcava l’Appennino per arrivare all’Arno, oggi bi-
sognerebbe camminare sull’asfalto per una trentina di chilome-
tri. Il tragitto correva sul crinale che si alza fuori Porta San Ma-
molo e punta verso sud, in direzione di Paderno, Pieve del Pino,
Badolo, Monzuno.
Agli antichi piaceva viaggiare sopra i crinali per avere un’am-
pia visuale e meno problemi con le inondazioni e i guadi dei
fumi.
A Nico non piace camminare sull’asfalto e propone come al-
ternativa il portico di San Luca e Parco Talon, nonostante i due-
cento metri di dislivello che si aggiungono alla tappa.
9.
Il portico di San Luca è noto per essere il più lungo del mon-
do, tre chilometri e settecento metri da Porta Saragozza fno al
Colle della Guardia. Racconta la leggenda che un eremita greco,
giunto da Costantinopoli, portò qui un’icona della Madonna di-
segnata dall’evangelista Luca. L’immagine rappresenta una Ver-
gine Odigitria, “che indica la Via” e protegge i viaggiatori.
I lavori per costruire il santuario iniziarono nel 1194, mentre
il portico arrivò molto più tardi, nel 1793, per proteggere i pelle-
grini dalla pioggia. Le arcate sono 666 e si dice che rappresenti-
no il Demonio, un serpente di colonne e mattoni che la Madonna
schiaccia con un piede sulla testa, come da profezia.
Nico e Gerry, per nulla spaventati, si fermano nel ventre della
Bestia a comprare pane e crescente per i pasti della giornata.
«Dove andate di bello?» chiede la fornaia vedendo gli zaini
e la tenda, e già rispondere “Firenze” mette Gerolamo di buon
umore.
9.1
Dopo l’arco barocco del Meloncello, che scavalca la via Por-
rettana, il portico s’impenna sul fanco della collina, e iniziano
rampe di scale e cappelle del Rosario. Colonie di rondini, già in
volo sul Sahara, hanno lasciato in ricordo nidi e tappeti di guano.
Le targhe sul muro ricordano i fnanziatori di restauri ormai de-
crepiti. Nomi di antichi lignaggi e mestieri, come la “corporazio-
ne dei marcatori di bestiame suino”, nel centenario della fonda-
zione. Gerolamo sbuffa di fatica, maledice lo zaino da dodici chi-
iiixa raiia
ii sixriiio oicii oii
:ï :,
li e rimpiange la funivia, che ancora negli anni Settanta saliva f-
no al santuario. L’avevano inaugurata nel 1931, durante l’Espo-
sizione del Littoriale. Costanzo Ciano era venuto apposta da Ro-
ma, e la giornata doveva chiudersi con un concerto in suo onore,
diretto da Arturo Toscanini, uno dei più grandi maestri dell’epo-
ca. Toscanini era stato un “fascista della prima ora”, ma non ama-
va il regime, e si rifutò di aprire la serata con Giovinezza, l’inno
trionfale del Pnf. Nel parapiglia che ne seguì, il direttore d’orche-
stra rimediò molti insulti e pure uno schiaffo. Dicono che a mol-
larglielo fu un giovane giornalista, Leo Longanesi, poi fondato-
re della casa editrice omonima e della rivista Il Borghese. Tosca-
nini se ne tornò in albergo e da quel giorno ebbe il telefono sot-
to controllo. Gli ritirarono il passaporto per qualche mese, e non
appena glielo restituirono si trasferì negli Stati Uniti. Tornò sol-
tanto alla fne della guerra, quando anche la funivia di San Lu-
ca riprese a funzionare, dopo che l’avevano fermata per via dei
bombardamenti.
Nell’autunno del 1976 la manutenzione dell’impianto diven-
tò troppo costosa per la ditta che lo gestiva e il Comune non se
ne volle occupare.
Tolti i cavi e le cabine, rimasero soltanto un pilone di cemen-
to e le due stazioni di arrivo e partenza.
Quella più bassa, nel quartiere che ancora oggi si chiama Fu-
nivia, ospita appartamenti e negozi, mentre in alto, di fronte al
santuario, le rovine del famoso caffè con sala da ballo cascano a
pezzi dietro un cancello chiuso.
9.2
Gerolamo respira i gas di scarico di un torpedone, tossisce
e dice che chiudere la funivia non fu davvero una buona idea.
Centinaia di pellegrini avrebbero avuto un’alternativa alle quat-
tro ruote.
«Un vero pellegrino dovrebbe andare a piedi» sentenzia Nico.
«Altro che ruote o funivie».
«Per fare penitenza?» chiede Gerolamo col fato corto.
L’altro scuote la testa. «Quando cammini, tu sollevi una gam-
ba e sposti il baricentro in avanti, fuori dalla base d’appoggio.
Fai tutto quello che serve per cadere, e cadresti, se non fosse che
all’improvviso ti puntelli, appoggi il piede e subito ti sbilanci di
nuovo. È l’unico modo di spostarsi adottato dall’uomo che si ba-
si su una perdita d’equilibrio: spingere il centro di gravità oltre il
limite di sicurezza. Senza questo, un vero pellegrinaggio non co-
mincia neppure».
10.
Per scendere da San Luca al Parco Talon, si deve imboccare
il sentiero dei Bregoli, qualche centinaio di metri dopo la chie-
sa. L’etimologia popolare spiega il nome della via con le schegge
di legno (le bràgguel) che i poveracci andavano a raccattare nel
bosco, dopo che i taglialegna avevano fatto il loro mestiere. In
cambio della pulizia del terreno, potevano tenersi quelle bricio-
le per alimentare la stufa. Altri, visto che il nome è maschile, ti-
rano in ballo la parola bréguel (luogo scosceso) – e infatti il per-
corso costeggia uno strapiombo di cinquanta metri, il balzo del-
la Pizzacherra.
Purtroppo il primo tratto del sentiero non è quello originale,
perché nel 1981 un pezzo dell’antica strada, e due stazioni della
Via Crucis, sono diventati il viale d’ingresso di una villetta appe-
na ristrutturata, con tanto di cancello e reticolato antisommossa.
Da allora un comitato di cittadini si batte in tribunale per resti-
tuire i Bregoli alla comunità. Ma in trent’anni di carte e ricorsi, la
sentenza defnitiva non è ancora arrivata.
15
A Gerolamo torna in mente una frase che ha letto prima di
partire, nella requisitoria del pubblico ministero Gianni Tei al
processo contro Cavet per l’inquinamento e il furto dei fumi del
Mugello.
Gli imputati devono aver pensato che l’acqua fosse loro. E se non
loro, allora che non fosse di nessuno, secondo il principio abbastanza
in uso nel nostro Paese, per il quale i beni pubblici non sono conside-
iiixa raiia
ii sixriiio oicii oii
,c ,:
rati beni di tutti, ma di nessuno, per l’appunto, e quindi, alla fne, sono
di chi se li prende.
16
11.
In fondo ai Bregoli c’è l’ingresso di un vecchio rifugio belli-
co, intitolato al fascista Ettore Muti, dove la popolazione di Ca-
salecchio si rintanava durante i bombardamenti della Seconda
guerra mondiale. I prati a ridosso del rifugio ospitavano le ba-
racche di legno di chi aveva perso la casa e non aveva altro po-
sto dove stare.
Gerolamo e Nico leggono i grandi cartelli che ricordano la
storia del luogo. Sono le undici di mattina, è giovedì, il parco è si-
lenzioso come un segreto. Si cammina tra mazzi di ciclamini e ca-
stagne matte appena cadute sull’erba.
Più avanti, nelle praterie lungo il fume, incrociano tre ragaz-
ze cinesi con grandi buste da supermercato appese alle mani. Ma
non ci sono supermercati nel raggio di alcuni chilometri, né stra-
de comode per raggiungerli, e così l’apparizione ha la consisten-
za di un miraggio. Forse in fondo ai Bregoli è attivo un varco
per il teletrasporto, altro che alta velocità, in collegamento diret-
to con le campagne dello Yunnan. E se non fosse per il proflo
noto della passerella sul Reno, potresti anche crederci, e pensa-
re di essere giunto con un salto quantistico al confne di una fo-
resta tropicale.
12.
La Barlaita è un vecchio pioppeto sulla riva del fume, ormai
abbandonato a se stesso e alle inondazioni estive. Un groviglio di
tronchi, liane, rampicanti. Decine di acacie marce o secche, mez-
zo sradicate dall’acqua o spezzate dalla neve, si intrecciano in co-
struzioni casuali, arcate e ponteggi, che da un momento all’altro
potrebbero franare sulla testa dei passanti. Enormi pozzanghere
e alberi caduti costringono a chinarsi, scavalcare, studiare devia-
zioni. Chi si ferma un secondo viene assalito da nugoli di zanza-
re assetate.
Un buon esempio di che cosa sia un bosco, se non riceve ogni
anno le cure dell’uomo.
12.1
Tra matasse d’erba e rami spinosi emergono improvvisi due
cartelli stradali: un divieto d’accesso e il vecchio disegno bianco
in un cerchio blu che indicava un tempo le zone pedonali: un uo-
mo con il cappello passeggia per mano a una bambina. Gerolamo
pensa alle differenze tra questo e il segnale odierno, dove un omi-
no solo, stilizzato, la testa ridotta a un cerchio staccato dal corpo,
se ne va di proflo, all’egiziana, il compasso delle gambe ben di-
varicato, a suggerire passi rapidi e distesi.
Fori di proiettile bucano i cartelli e la ruggine si mangia la
vernice.
Il tutto in un luogo dove nessuno si avventurerebbe con
un’auto, nemmeno il signor Gino Bergonzoni, che per via di una
scommessa andò dal Bar Margherita su fno a San Luca, con una
Fiat 501, in una notte del 1929 a settanta all’ora, lungo la via dei
Bregoli.
13.
Usciti dalla giungla, Gerolamo e Nico si ritrovano in una gran-
de spianata, sotto i calanchi dove Goethe raccolse la pietra fosfo-
rica di Bologna, capace di trattenere i raggi del sole e di illuminare
il buio. Verso sud, chiudono l’orizzonte le rupi sabbiose del Con-
trafforte pliocenico, antica linea di costa modellata dalla risacca,
quando la Pianura padana era in fondo al mare e i sogni delle ba-
lene si infrangevano su queste colline.
Il luogo è una steppa desolata, ma è l’ora di pranzo e tanto va-
le fermarsi. Sull’altro lato della strada bianca si intravede lo sta-
gno dell’Oasi di San Gherardo, una vecchia cava di ghiaia riem-
pita d’acqua e trasformata in parco per l’osservazione degli uccel-
li. Ma la metamorfosi non sembra del tutto riuscita: in più di mez-
z’ora soltanto un airone si alza in volo pigro sopra la fanghiglia.
iiixa raiia
ii sixriiio oicii oii
,: ,,
14.
Dopo il pane e formaggio la marcia riprende e i due cammina-
tori arrivano al cippo che ricorda l’eccidio del Rio Conco.
Gerolamo accende il cellulare e digita veloce sulla tastiera.
Nico lo guarda storto.
«Tutto bene?».
«Sì, sì, sto solo cercando su Internet se dice qualcosa del
posto».
«E non ti basta la targa?» chiede l’altro indicando l’ovale ver-
de in cima a un palo.
«È che non dice granché» ribatte Gerolamo con aria inno-
cente.
In realtà sa bene che lo stile di Nico, quando viaggia sulle
gambe, consiste nell’abbandonare tutte le abitudini casalinghe e
poco selvagge, come il cellulare, il cappuccino al bar, i libri, un
letto, le scarpe da ginnastica, la macchina fotografca, la luce elet-
trica e il deodorante.
In tanti anni che va per sentieri ha elaborato un suo codice,
dove per esempio è ammessa la grappa, in quanto bevanda mon-
tanara, ma non il Gatorade, e puoi bere caffè, alla mattina, ma so-
lo se ti porti dietro la moca e il fornello, e paghi la tua dipenden-
za con un peso in più sulle spalle.
La sua frase bussola sull’argomento è una citazione rattoppata
da James Hazzlit: «Quando sono in un salotto, in mezzo alle per-
sone, mi piace conversare con le persone. Quando sono in un bo-
sco, in mezzo agli alberi, voglio vegetare con gli alberi».
«Allora?» lo stuzzica Gerolamo dopo una decina di minuti.
«Non vuoi sentire che cosa ho scoperto?».
14.1
È il 7 settembre 1944. Due partigiani della brigata Stella Ros-
sa, protetti dal crepuscolo, entrano in una cascina di Cà del Sar-
to, vicino a Rioveggio. Colpi di fucile bucano la nebbia, i parti-
giani scappano. Sul pavimento della cucina restano due tedeschi
in una pozza di sangue.
La rappresaglia nazista non si fa attendere, le porte vanno giù
a calci. Raffaele Bartolini, barrocciaio, dorme con la moglie e i
cinque fgli, ma le loro grida non bastano a salvarlo. All’alba, il
camion dei condannati è pronto a partire. Sono solo cinque, ma
ne raccattano altri sette lungo la statale. Gente che andava a lavo-
rare o a macinare il grano.
A Pontecchio, salgono a bordo gli ultimi tre prigionieri, rin-
chiusi da giorni nell’asilo del paese. Giunti al greto del fume, de-
vono rimboccarsi le maniche e scavarsi la fossa con i badili. Anto-
nio Zanini la fa più larga degli altri, per morire abbracciato a suo
fglio Mario, che ha diciassette anni e gli occhi increduli.
Alle sei del pomeriggio i lavori fniscono e i quindici italiani
vengono fatti schierare uno accanto all’altro. Raffche di mitra li
abbattono nelle fosse come bersagli da fera.
L’anno seguente, fnita la guerra, i familiari recuperano le sal-
me e le seppelliscono nei cimiteri della valle, già pieni fno a scop-
piare. Solo un toscano, che nessuno conosce, resta nella sua fos-
sa sotto le rupi di arenaria.
Passano altri otto anni. Flora Bartolini, orfana di Raffaele, va
a lavorare come domestica sul lago di Como, poi si trasferisce a
Bologna, con la madre Serafna, e il 19 luglio 1956 partorisce una
bimba. La chiama Miriam e le dà il suo cognome, perché il padre
è un uomo già sposato.
Negli anni Settanta, Miriam Bartolini, detta Raffaella, diven-
ta attrice. Sulle locandine di cinema e teatri compare il suo nome
d’arte: Veronica Lario.
14.2
«Io te l’ho raccontata così» spiega Gerolamo, «ma in Rete
ho trovato due versioni diverse.
17
Una dice che i partigiani vo-
levano tosare i capelli a due donne che se la facevano con i na-
zisti. Vanno per farlo, ma i crucchi sono lì, e li devono accoppa-
re. L’altra racconta di un’irruzione per catturare un collabora-
tore dei tedeschi, fnita in sparatoria, con un ferito e un morto
ammazzato».
iiixa raiia
ii sixriiio oicii oii
,¡ ,,
«E qual è quella giusta?» domanda Nico a Gerolamo, che fa
l’educatore ma s’è laureato in storia.
«Non saprei. La seconda è la testimonianza diretta di uno
dei partigiani, ma non è detto che sia attendibile. L’altra attri-
buisce ai “ribelli” un obiettivo inutile, addirittura odioso, ma
molto diffcile da verifcare. Succede spesso, in queste storie di
eccidi».
«Che intendi dire?».
«Immagina di essere un benestante sfollato dalla città, o un
contadino di montagna, che cerca di attraversare la guerra e di
salvarsi la pelle, aggrappato per quanto possibile ai gesti di tut-
ti i giorni. La tua strategia sembra funzionare, fnché il nemico
arriva e ti ammazza un fratello, un fglio, un parente. Allora ti
chiedi: dove ho sbagliato? A chi do la colpa? Certo, la colpa è
del nemico, ma è una colpa banale, che non ti soddisfa. Il nemi-
co è lì per uccidere ed è scontato che lo faccia: gliel’hanno or-
dinato. Tu questo lo sapevi, ma pensavi di potergli sfuggire re-
stando nell’ombra, senza far casino, ed è quello che hai fatto. E
allora cos’è che è andato storto? O è sbagliata la tua strategia –
e in guerra non esiste un buco sicuro dove nascondersi – oppu-
re ha sbagliato qualcun altro. Qualcuno che ti ha scombinato i
piani. I ribelli, ad esempio. A quelli non gliel’ha ordinato nes-
suno di mettersi a sparare, anzi, spesso lo fanno a casaccio. Si
credono importanti e invece ai tedeschi gli fanno il solletico, o
al massimo le punture, come i tafani ai tori, col solo risultato di
farli incazzare. Così quelle bestie se la prendono con la povera
gente che tira a campare, mentre loro, i partigiani, se ne stan-
no nel bosco, e vengono giù in paese solo a fare le requisizioni,
quando non hanno più niente da mettere sotto i denti. Capisci?
Se tu togli il contesto, se cancelli la Storia, allucinazioni come
questa diventano realtà. Nella penombra dell’istinto di soprav-
vivenza i combattenti sono tutti uguali. Tutti vittime o tutti car-
nefci. Tutti martiri o tutti vigliacchi».
«Quindi» conclude Nico «tutti d’accordo. Pace fatta e si vol-
ta pagina».
Gerolamo spegne il cellulare e lo infla in tasca, pronto a ri-
prendere il cammino.
«Per fare pace non è necessario essere tutti d’accordo. Ba-
sterebbe aprire le fnestre, dare ossigeno agli archivi, e non cer-
care tanto la storia giusta, quanto la giusta voce per raccontar-
le tutte».
15.
La strada si copre d’asfalto e sbuca sulla via di Vizzano.
Gerolamo e Nico riempiono le borracce in una trattoria, famo-
sa per la pasta fresca, la terrazza sul fume e le punture d’insetto.
In venti minuti arrivano all’ultima salita della giornata, la se-
conda dopo San Luca. Bisogna scavalcare il fanco di Monte Ma-
rio, per andare a dormire alla rocca di Badolo.
Nico affda la mappa a Gerolamo e gli chiede di guidare la
marcia, per vedere come se la cava.
Segni e cartelli biancorossi indicano la strada in maniera ine-
quivocabile, lungo il confne orientale dei Prati di Mugnano, tra i
comuni di Pianoro e Sasso Marconi.
Sono colline dolci, poco abitate dall’uomo: qualche cascina
isolata, spesso in rovina, e boschi di carpini e roverelle, vecchi
frutteti, ogni tanto un cipresso appostato sulle creste.
Al culmine dello strappo, superati alcuni ruderi e un lavatoio
asciutto, compare in mezzo al prato una pianta di vite dall’aria
solenne.
Il cartello spiega che si tratta della Vite del Fantini, un esem-
plare vecchio di alcuni secoli.
15.1
Luigi Fantini, nato nel 1895, fu un esploratore dell’Appenni-
no bolognese, uno di quei rari uomini che vedono la novità pro-
prio dove gli altri non hanno più niente da scoprire. Nel 1965 fo-
tografò questa pianta, addossata a un olmo altrettanto vetusto,
e pubblicò l’immagine nel suo prezioso libro sugli edifci storici
della montagna bolognese.
iiixa raiia
ii sixriiio oicii oii
,o ,;
Trent’anni dopo, grazie a quella foto, un tecnico informatico
di Pianoro riscopre la vite ultracentenaria. L’olmo che la teneva
in piedi non c’è più e i rovi e la terra soffocano i tralci. Ma Stefa-
no Galli capisce che si tratta di una pianta speciale, scampata al-
l’epidemia di flossera di fne Ottocento, che sterminò gran parte
dei vitigni europei. Inizia a prendersene cura, la libera dalle for-
miche, riesce a far germogliare un paio di talee. Chiede aiuto al
Comune, ma nessuno lo ascolta. Allora taglia un grappolo d’uva
nera e lo porta ai proprietari dell’azienda vinicola più importante
della zona, che subito si rendono conto di avere tra le mani una
specie rara, mai vista, qualcosa di simile al nigartein, il negretto,
che ormai su queste terre non si coltiva più da cent’anni.
Grappoli, foglie e tralci fniscono per le analisi all’Università
di Bologna, e si scopre che la pianta non è registrata in Italia, as-
somiglia al bonamico e al negretto ma è una specie diversa, uni-
ca, probabilmente estinta. Salvata da una foto in bianco e nero e
dal sogno a colori di un informatico dal pollice verde.
16.
Superata la vite plurisecolare, ancora in salita, i due viandanti
arrivano su una strada sterrata. Nico si riprende la mappa e dice
che hanno fatto il percorso per le mountain bike, più breve e me-
no ripido. Gerolamo ha male ai piedi e non si dispiace di aver im-
boccato una scorciatoia. All’arrivo mancano ormai pochi chilo-
metri e gli ultimi due, sulla strada asfaltata, flano via nel silenzio
più totale. Non passano auto, non ci sono rumori. Il cielo s’è ri-
pulito e la luce del tramonto accompagna i passi verso il riposo.
17.
Si dice che il Castello di Badolo, prima del 1164, facesse re-
pubblica per conto suo. Poi giurò fedeltà al Comune di Bolo-
gna, che lo perse nel 1306, in un’imboscata dei conti di Panico,
e quindi lo riconquistò e distrusse nel 1363. Al suo posto venne
eretto un santuario, raso al suolo dalle bombe americane, e rifat-
to da capo nel dopoguerra.
Oggi Badolo è famosa per la palestra di roccia e per l’anti-
ca osteria, ma Nico vuole cucinare il risotto disidratato sopra
il fornello a paraffna e Gerolamo è troppo stanco per metter-
si a discutere. Gambe e spalle sono galassie di dolore, e sa che
la notte umida e il giaciglio duro non lo aiuteranno a sciogliere i
muscoli.
Il profumo di asparagi che sale dalla gavetta risveglia l’appe-
tito di un paio di cani. Sembra incredibile che Nico riesca a cuo-
cere qualcosa sopra una latta di tonno da mezzo chilo, riempita
di cera e cartone ondulato. Eppure il risultato, complice la stan-
chezza, non è affatto male, e la scamorza fusa con cracker e gris-
sini è ancora superiore.
Finita la cena, Nico annuncia che bisogna trovare un posto
per piantare la tenda: pianeggiante e un po’ nascosto alla vista,
per evitare seccature. Gerolamo, che già si immaginava sdraiato
nel giro di dieci minuti, risponde che senza un espresso non è in
grado di fare nulla, e con il passo strascinato di un vecchio si di-
rige al bar della trattoria.
Quando esce, appena più dritto sulle gambe, Nico non ha an-
cora trovato lo spiazzo giusto. Gli unici prati adatti sono chiusi
dietro un recinto o interdetti dai cartelli. Gerry sorride:
«Quelli dell’osteria dicono che ci possiamo mettere lì» indi-
ca l’erbetta morbida dietro un vecchio forno a legna. «Che dici?
Dobbiamo rifutare?».
18.
Prima di poter chiudere occhio, Gerolamo deve lottare mez-
z’ora con il sacco a pelo, uno di quei modelli economici che si
sforzano di apparire all’avanguardia, con inserti in tefon per
massaggiare la schiena, cuscini autogonfanti sotto la testa, lacci
a tenuta stagna che impediscono di sdraiarsi al caldo in un’uni-
ca mossa banale.
Una volta dentro, prova a stendersi sul fanco, ma in poco
tempo l’anca, pressata sul terreno, manda segnali di disagio. Si
mette allora sulla schiena e sembra funzionare, ha già abbozzato
iiixa raiia
ii sixriiio oicii oii
,ï ,,
un primo sogno quando il cuscino si sgonfa di colpo e deve so-
stituirlo con un maglione piegato, che presto si comprime, per-
de la sua illusoria morbidezza e diventa duro come un’enciclope-
dia. Prova a sostituirlo con un pile spiegazzato, sperando che non
si compatti troppo in fretta e gli dia il tempo di addormentarsi.
Quando ormai sembra fatta, due anziani si mettono a conversa-
re a un passo dalla tenda. Devono essersi seduti sulla panchina di
ferro sotto il lampione, e Gerolamo pensa che smetteranno pre-
sto, ormai è notte fonda, saranno almeno le due, poi invece guar-
da l’orologio e sono le dieci e mezzo, perché lui e Nico sono an-
dati a letto presto, poco dopo le nove. Allora decide di prendere
fuori un libro, l’antologia per camminatori che ha trovato in bi-
blioteca, con scritti di Stevenson, Swift, Thoreau, Muir e molti al-
tri. Si infla in testa la torcia elettrica frontale e riprende la lettura
dal segno che ha lasciato.
Ci sono intere miglia quadrate, intorno a me, che non hanno abitan-
ti. Dalle colline posso guardare in distanza la civiltà e i rifugi degli uomi-
ni. I contadini e le loro opere sono appena più evidenti delle marmotte
e delle loro tane. Mi compiaccio nel vedere quanto poco spazio occu-
pano, nel paesaggio, l’uomo e i suoi affari: la Chiesa, lo Stato, la scuo-
la, il commercio, l’agricoltura e pure la politica, che è il più allarman-
te di tutti.
18
A casa leggere sotto le coperte gli concilia il sonno nel giro di
due pagine, ma qui non funziona. Forse è l’adrenalina prodotta
camminando che lo tiene sveglio nonostante la stanchezza.
Dal fondovalle sale a sprazzi il rombo dell’autostrada.
Gerolamo spegne la torcia e ascolta i vecchi parlare.
NotturNo 1
19
Passano tre ore di brevi sonni dolenti e i due sulla panca non
hanno ancora fnito di conversare. Gerolamo apre la cerniera del-
la veranda, cerca le scarpe a tentoni e sguscia fuori dalla tenda
con l’agilità di un orso. L’erba è già fradicia, ma le stelle sono
asciutte, limpide, appena offuscate dal cono di luce che piove dal
lampione sulla testa dei vecchi.
Gerolamo si avvicina e saluta, come se fossero le due del po-
meriggio. Non vuole essere scortese, in fondo è lui l’intruso, quel-
lo che pretende di dormire dietro la panchina, dove di solito c’è
soltanto il prato.
Ora che li vede in faccia, i due sembrano avere età diverse,
chissà perché dalla voce se li aspettava coetanei, invece quello
con il cappello in testa sembra più giovane dell’altro di almeno
dieci anni, anche se entrambi, a incontrarli separati, li chiamere-
sti vecchi senza troppe distinzioni.
«Mo ve’» dice il più giovane, «proprio non l’avevamo vista,
la vostra tenda. Sa com’è, veniamo qua tutte le sere e ormai non
ci facciamo più caso a quel che ci sta intorno, basta che ci sia la
panchina, la luce, e il resto potrebbe anche essere la Luna, oppu-
re niente, soltanto il buio, oltre quella curva laggiù. Va ban, ades-
so andiamo a casa e vi lasciamo dormire tranquilli, anche se poi,
quando c’è silenzio, lo sapete come fa: i piccoli rumori diventano
più grandi e bastano due ghiri che si inseguono per farti perdere
il sonno. Da quando c’è l’autostrada il silenzio vero non lo sen-
ii sixriiio oicii oii
¡c ¡:
tiamo più, neanche di notte, ma io la prima volta che ho dormito
nel bosco, sdraiato sul muschio, non ho chiuso occhio per quel-
lo, per il troppo silenzio e per l’agitazione, perché di fanco a me
invece di una bella fgliola mi ero portato la bomba».
«Tu con la bomba, io con la bimba» lo interrompe l’altro ri-
dendo, e poi mi spiega: «Ero in licenza con la fdanzata e dovevo
restarci ancora due giorni, se non che il maresciallo mi ha man-
dato a chiamare e mi sono dovuto presentare in caserma, perché
mi aveva ordinato di restare a disposizione, visto che la giornata
era particolare: si inaugurava la Direttissima con il treno specia-
le di Mussolini e di Sua Maestà e bisognava che tutto girasse al-
la perfezione.
Il maresciallo mi prende da parte e con la voce delle cose im-
portanti mi dice Tonutti, c’è bisogno della tua mira, abbiamo
l’ordine da Roma di raddoppiare la vigilanza, si teme un attenta-
to al Duce. Ho già dato istruzioni a Mengarelli su dove vi dove-
te piazzare, sopra la curva di Ca’ Vincenzi, con l’ordine di spara-
re al primo sospetto, massima allerta.
Il passaggio del treno era previsto per le dieci, avevamo due
ore di tempo, ma il posto non era vicino e non c’erano auto né
cavalli a disposizione, così ci siamo buttati addosso le mantelle e
ce la siamo fatta a piedi, sotto la pioggia ftta come una siepe di
bosso.
Io e Mengarelli non avevamo granché da dirci, lui si defni-
va un fascista “tutto d’un pezzo”, discuteva solo di politica e di-
sciplina, mentre io ero entrato nei Carabinieri prima della Mar-
cia su Roma e per i miliziani vestiti di nero nutrivo da sempre una
soverchia antipatia. Tant’è che mentre camminavamo, sotto quel-
l’acqua, pensavo all’attentato e alla faccia di Mengarelli, quella
che avrebbe fatto se un anarchico qualsiasi avesse ucciso Musso-
lini proprio sotto i suoi occhi.
Un’ora più tardi, quando arrivammo a Ca’ Vincenzi, avevo in
testa un’intera cinematografa, con i funerali di Mussolini e anche
di Mengarelli, che alla fne s’impiccava per espiare la colpa di non
aver saputo fermare l’attentatore. Andammo a piazzarci in mezzo
al bosco, per tenere d’occhio la curva, e mentre caricavo il fucile
e la pioggia si assottigliava, mi proiettai un’altra pellicola sul fu-
turo, ma il contrario della prima, con Mussolini vivo e Mengarel-
li prefetto e io sempre lì, a invecchiare in caserma, senza potermi
perdonare di aver fermato l’anarchico, in quel giorno d’aprile del
1934, quando s’inaugurava la Direttissima e a ogni stazione c’era-
no i Balilla e la gente sui tetti, la banda del dopolavoro che suo-
nava Giovinezza, gli evviva il Re, viva il Duce, le Case del Fascio
coperte di bandiere e le bambine vestite come spose, coi mazzi di
fori per Sua Maestà».
«Io, intanto» continua il più giovane, «pregavo che l’umidi-
tà non mi rovinasse la bomba. L’avevo preparata mettendo insie-
me la dinamite e la polvere nera di quando stavo all’avanzamen-
to nella galleria di Monte Adone. Me le ero portate a casa di na-
scosto, come ricordo e risarcimento, per tutta la terra che ho re-
spirato là sotto, e il fuoco dei gas, le docce d’acqua, i bollimen-
ti di sassi che ti piovevano in testa, le schegge piantate nella car-
ne – vede qui?, ne ho un braccio pieno – e poi l’occhio cieco e la
schiena spezzata a colpi di pala e piccone. Per come la vedevo io,
era crepata troppa gente per far passare quel treno, sul giornale
avevo letto che erano un centinaio dall’inizio dei lavori, e non ba-
stava mettere le targhe di marmo e i monumenti ai minatori sui
piazzali delle stazioni, come se fossero caduti in guerra. Anche
perché ai morti devi aggiungere i feriti, gli invalidi, gli ammalati
gravi, che stavano a casa con un decimo della paga e non riusci-
vano nemmeno a comprarsi le medicine. Devi aggiungere quelli
che hanno perso il lavoro perché si sono lamentati, perché hanno
chiesto di fermarsi quando non si poteva, perché hanno scritto
sui muri della galleria: “Lavoratori della Direttissima, unitevi!”.
C’è stato un periodo, nel ’24, che tutti i giorni c’era una scritta di-
versa, con la vernice rossa, accanto ai cartelli “Lavorare e Tace-
re”, e i fascisti della zona erano talmente arrabbiati che ne parla-
rono pure sui loro giornali, dicendo che chi faceva quelle iscrizio-
ni era un vigliacco, gente incapace di aprire gli occhi di fronte al-
la meravigliosa organizzazione dei Sindacati Nazionali. Poi le te-
xorruixo :
ii sixriiio oicii oii
¡: ¡,
ste calde le hanno bastonate e licenziate una dopo l’altra, e nes-
suno ha più fatato. Io allora avevo solo quindici anni, ero un bo-
cia, portavo l’acqua da bere a quelli davanti, dove certe volte fa-
ceva un caldo da sciogliersi, anche sessanta gradi, e poi i secchi di
calce, il ferro, le travi.
Lui dice che quella mattina arrivò una soffata e duplicaro-
no la sorveglianza, io non so questa soffata chi è che gliel’ha fat-
ta, ma di sicuro non riguardava me, io ero da solo, e da solo ave-
vo messo insieme la bomba, studiato il percorso e scelto per be-
ne il punto dove accostarmi al treno, dietro una curva cieca che
costringeva a frenare, per attaccare la carica all’ultima carrozza,
accendere la miccia e saltare via prima che i vagoni riprendesse-
ro velocità.
Vidi arrivare queste due guardie e pensai che il mio piano era
fallito, troppo pericoloso, rischiavo di farmi accoppare per met-
tere una bomba che magari era bagnata e nemmeno ero sicuro
che avrebbe fatto il suo lavoro.
Cercai di capire se mi avessero visto, ma non mi sembrava.
C’era un velo di nebbia e m’ero nascosto bene, in una buca mor-
bida e piena di foglie. Allora mi sono detto che tanto valeva re-
stare, almeno vedevo passare il treno, e se poi si presentava l’oc-
casione, e quelli erano distratti, magari riuscivo lo stesso a fare il
mio dovere. Il treno, pensai, viene a mettersi in mezzo tra loro e
me: se io scendo giù veloce in quel momento preciso, accendo la
bomba e la butto sotto le ruote, li ammazzo tutti lo stesso e rie-
sco anche a scappare. Ma non ho fatto in tempo a esaltarmi per
la nuova idea, che anche le guardie ne hanno avuta una simile. Li
ho visti scendere lungo il costone fno ai binari, uno dei due s’è
fermato lì, col fucile puntato verso il bosco, mentre l’altro li ha at-
traversati ed è passato dalla mia parte. Allora il treno ha fschiato,
mi sono sporto fuori e l’ho intravisto tra gli alberi, ancora lonta-
no, all’inizio del rettilineo, immobile come in fotografa».
«Ho guardato su e l’ho visto che si sporgeva» lo interrompe
l’altro e sposta la schiena in avanti, come se il treno di Mussolini
fosse di nuovo lì, subito dietro la curva dove comincia la notte.
Avanti, vieni fuori! gli urlo, mentre faccio segno a Mengarelli
di restare dov’è, di non raggiungermi, e intanto il treno ha comin-
ciato la frenata per affrontare la curva, si sente il sibilo dei freni e
il motore che molla, e prima che il frastuono mi copra la voce, ur-
lo Vieni fuori, vieni pure fuori, e abbasso la punta del fucile, co-
me per dire Non ti sparo, fai quel che devi fare.
Adesso a lei sembrerà tutto assurdo, ma invece è proprio così,
avevo fatto una scommessa col destino, e se l’anarchico capiva il
mio gesto, in quei pochi secondi, lo facevo passare davvero. Cer-
to, ero abbastanza convinto che non sarebbe successo, ma c’era
quella piccola probabilità che mi stuzzicava, mi è sempre piaciu-
to giocare d’azzardo, perché affdarmi alla sorte mi scarica la co-
scienza. Avevo giurato fedeltà al re, e per quanto fosse un nano
senza un grammo di coglioni, non potevo macchiarmi di un atto
contro di lui. Se l’anarchico riusciva a inflarsi nel pertugio che gli
offrivo, e magari lo uccideva insieme con Mussolini, la colpa non
era davvero mia, era il destino ad averlo voluto. E se invece non
ci riusciva e Mengarelli diventava prefetto e la pellicola nera che
mi ero proiettato si tramutava in realtà, allora non avevo nulla da
rimproverarmi, perché il fucile l’avevo abbassato, e se l’anarchi-
co mi avesse capito, l’avrei fatto passare davvero».
«Ma io» dice il più giovane, «io l’ho presa come una sfda, di
quelle che ogni tanto ti lanciano le guardie, fai pure questo, vieni
avanti, vediamo se hai il coraggio di farti impallinare. Cosa ne po-
tevo sapere che quello era uno diverso, uno che quel giorno aveva
deciso che Mussolini poteva pure crepare? Soltanto l’indomani,
leggendo il giornale, scoprimmo che il Duce non c’era proprio, a
bordo del treno. Aveva disdetto all’ultimo momento “per impegni
improrogabili”, che tradotto signifca per via dell’attentato: non il
mio, che non poteva saperlo, ma quell’altro, quello della soffata.
Fatto sta che sono scappato, ho coperto di foglie la bomba e
sono strisciato via, col naso per terra e i gomiti nel fango».
«Mengarelli gli voleva andare dietro, ma io gli ho detto che
non c’era da preoccuparsi, era soltanto un ragazzo che pisciava e
gli avevo fatto segno di allontanarsi. Siamo rientrati in caserma e
xorruixo :
ii sixriiio oicii oii
¡¡ ¡,
poi da solo sono tornato a Ca’ Vincenzi a cercare la bomba, che
stava ancora lì, nel suo letto di foglie.
Ho passato nove anni, dopo quel giorno del treno, a dirmi
ogni lunedì mattina che era la volta buona, che andavo dal mare-
sciallo e gli dicevo basta, mi voglio congedare. Nove anni, fno al-
l’arresto di Mussolini e all’armistizio di Badoglio, e pure più tar-
di, fno al mese di ottobre, quando ormai ci comandavano i tede-
schi e dovemmo arrestare Mario Musolesi, che era appena torna-
to dalla guerra d’Africa. Subito gli avevano offerto di dirigere il
fascio repubblicano di Vado, perché era uno con due palle così, e
proprio per questo aveva rifutato, dicendo che ormai il fascismo
era acqua passata. Quelli allora se l’erano legata al dito, e quan-
do in paese comparvero dei manifestini contro la Repubblica So-
ciale, il capo della milizia accusò Mario, che lo venne a sapere e
scese in piazza a dargli una lezione. Così lo arrestammo, ma i suoi
amici parlarono col maresciallo e ottennero di liberarlo, con gran
dispiacere di Mengarelli, che li considerava tutti banditi, tradito-
ri, comunisti e imboscatori di renitenti alla leva. Prima che se ne
andassero li guardai bene in faccia e riconobbi senza fatica l’anar-
chico di Ca’ Vincenzi.
Il giorno dopo, invece di andare in caserma, mi presentai a ca-
sa sua, portando in regalo una pistola, un fucile e la bomba che
avevo raccolto nel bosco nove anni prima. In cambio ottenni un
contatto con il tenente Gianni, un carabiniere che stava a Casti-
glione dei Pepoli e collaborava coi partigiani».
«La bomba era ancora perfetta e l’abbiamo usata subito» con-
clude l’altro, «per far saltare il treno cisterna alla stazione di Pian-
disetta, un botto coi focchi, diventato ancora più grande nei rac-
conti della gente, perché fu quello il nostro battesimo del fuoco,
la prima azione armata della Brigata Stella Rossa del maggiore
Mario Musolesi, detto Lupo.
E ne avremmo tante altre da raccontare, vero Sandro? Ma il
nostro amico, qui, dev’essere stanco, è meglio che adesso lo la-
sciamo riposare, anche perché il resto, se vuole, lo trova tutto sui
libri di storia».
I due si alzano, un po’ anchilosati, salutano con una stretta di
mano e se ne vanno per la strada, uno di fanco all’altro, mentre
Gerolamo torna verso la tenda e inizia a fare due conti, perché se
il più giovane aveva quindici anni nel ’24, e quell’altro è più vec-
chio di una decina d’anni, allora adesso, nel 2009, quanti anni do-
vrebbero avere, questi due, più di cento? Comincia a ragionare
così, a fare i conti per bene, ma quando si volta e torna alla pan-
china, i due sono già ombre al limite della curva, dove comincia
la notte, e più oltre potrebbe esserci anche la Luna, oppure nien-
te, soltanto il buio e il rumore dei camion sull’autostrada.
xorruixo :
¡;
Seconda tappa
Badolo-Madonna dei Fornelli (San Benedetto Val di
Sambro)
19.
Bologna è una vecchia signora, dai fanchi un po’ molli,
col seno sul piano padano, ed il culo sui colli.
20
Francesco Guccini, cantastorie d’Appennino, descrive così la
sua città d’adozione, e per restare nella metafora, si potrebbe di-
re che Monte Adone, sopra Badolo, è il calcagno, lo sporgere del
piede, l’ultima propaggine di quella grassa matrona ubriaca di
amarcord.
Un castello di sabbia indurito dal tempo, coperto d’erica e
lecci, a seicento metri d’altezza sul livello del mare.
Gerolamo scopre che issarsi dodici chili di zaino sulla schie-
na non è il modo migliore per iniziare la giornata, ma allo stesso
tempo avverte l’entusiasmo di riprendere il cammino, con la stra-
da che si apre davanti agli occhi, e dietro le spalle solo il segno
della tenda sull’erba del prato.
20.
A dare il benvenuto sul sentiero ci pensano le mitiche dau bal
zali, le due palle di vernice gialla spruzzate dal gruppo di amici
che tracciò per primo la Via degli Dei. Fino ad allora, quel nome
indicava la strada provinciale numero 59, tra Vado e Monzuno, e
più in generale la striscia d’asfalto rettilinea che va da Bologna al
confne con la Toscana, passando per un’inflata di luoghi “mito-
ii sixriiio oicii oii
¡ï ¡,
logici”: Monte Adone, Mons Iunonis (Monzuno), Monte Venere
e Monte Luario (= della dea Lua). Racconta la leggenda che ne-
gli anni Cinquanta, un bambino di nome Domenico
21
rimase tal-
mente colpito da quel nome divino sui cartelli stradali da rimugi-
narselo in testa per quarant’anni, fno a convincere alcuni soda-
li a tentare l’impresa: segnare un percorso a piedi da Bologna alla
Futa, e poi a Firenze, mettendo in fla sentieri e carrarecce anoni-
me, non ancora indicati coi segnavia del Cai.
21.
L’attacco della salita è di quelli cattivi, che fanno riscoprire al-
le gambe i dolori del giorno prima.
«Non è colpa dell’acido lattico» spiega Nico, «quello se ne va
nel giro di pochi minuti, mentre questi, che adesso ti fanno male,
sono piccoli strappi, lacerazioni dei muscoli poco allenati».
Gerolamo risponde che la notizia non lo conforta affatto, e
quasi gli stava più simpatico l’acido lattico, con quel suo nome
gastronomico che sa di yogurt.
Il sentiero sulle rocce di arenaria sembra il letto secco di un
ruscello, modellato dall’acqua in gradini scomodi, più alti del
passo di un san Cristoforo. Il tutto per arrivare in cima e scopri-
re da Nico che Monte Adone è più avanti, oltre una conca verde
che Gerolamo non s’aspettava, in mezzo a rupi scoscese, sabbia
e macchie di ginestra.
Costeggiano una lunga recinzione, foderata di tela verde per
impedire gli sguardi, non i rumori, e quelli che la attraversano
sembrano proprio ruggiti, versi di animali feroci che non suone-
rebbero strani in una foresta del Kenya o in provincia di Gomor-
ra, ma questo è Monte Adone e come dice l’insegna sul cancel-
lo, oltre la rete c’è il Centro Tutela e Ricerca della Fauna esotica e
selvatica, una specie di grande fattoria, nata per iniziativa di una
famiglia e di pochi volontari. All’inizio era come un ospedale per
gli animali selvatici della zona: cervi investiti sulle strade, cinghia-
li intossicati, daini feriti dai segugi o dai cani randagi, e poi rapa-
ci colpiti dai cacciatori e cuccioli di capriolo mutilati dalle mac-
chine agricole, o raccolti nel bosco per ignoranza – Me lo pren-
di, papà? – e allontanati per sempre dalla madre. Ma oltre a que-
sti primi ospiti, sono arrivati molto presto i leoncini da spiaggia,
quelli che certi fotograf si portavano in giro per gli stabilimen-
ti balneari, e poi tigri maltrattate nei circhi, pappagalli abbando-
nati, iguane in fuga, scimmie sequestrate per importazione illeci-
ta, un giro economico assai redditizio, inferiore soltanto a quel-
lo di armi e droghe.
22.
Poco più avanti la salita riprende, ma l’agonia dura poco, pre-
sto ripagata da un panorama grandioso, quando il sentiero cor-
re sul flo dello strapiombo e costeggia due torri di arenaria scol-
pite dal vento, come un piccolo Bryce Canyon tra la Via Emilia
e il West.
In una mezz’ora Gerolamo è in cima, sulla vetta più alta che
abbia mai conquistato, con tanto di croce metallica per farti sen-
tire un vero alpinista. Si sdraia bocconi sull’erba e sporge la testa
nella vertigine, dove le rupi del Contrafforte pliocenico precipita-
no giù, trecento metri di balzo, e si inseguono dritte fno alle por-
te di Bologna, in una striscia di antiche sabbie e conchiglie, stor-
piata solo dal passaggio dell’autostrada.
23.
Il tragitto dell’Autosole è stato rimesso a nuovo da tre anni,
ma la valle del Setta è ancora segnata dalle ferite dei cantieri. È
la cosiddetta variante di valico, che in alcuni brevi tratti consiste
nell’allargamento della vecchia sede, e per la maggior parte del
tragitto prevede un vero e proprio raddoppio, due autostrade,
una di fanco all’altra per cinquantotto chilometri, con ventitré
viadotti e ventidue gallerie.
Come il treno ad alta velocità, anche la variante di valico è
una vecchia storia, addirittura più vecchia, e già nel 1986 c’erano
un progetto di massima e uno studio sull’impatto ambientale. A
meno di trent’anni dall’inaugurazione dell’A1, già si diceva che
sicoxoa raiia
ii sixriiio oicii oii
,c ,:
l’opera non era suffciente, che c’erano troppi ingorghi e si viag-
giava troppo lenti. Oggi, tra Bologna e Firenze, passano in media
quarantasettemila veicoli al giorno, cioè il doppio di quelli pre-
visti all’origine, e ogni anno si stima un aumento del traffco del
3%.
22
Ma mentre altri traffci si cerca di regolarli, deviarli o addi-
rittura respingerli, sembra che auto e camion si possano soltanto
assecondare e lasciar passare, come un fume in piena, anche se la
nuova linea ad alta velocità proprio a questo dovrebbe servire: a
trasportare più gente, e più merci, sui binari del treno.
23.1
Il 4 maggio 2001, a nove giorni dalle elezioni politiche, il go-
vernicchio Amato espresse un giudizio positivo sulla compatibilità
ambientale della variante di valico. Le frme dei ministri dell’Am-
biente e dei Beni Culturali stanno in fondo a un documento di ses-
santa pagine, ftto di dubbi e critiche al progetto, che però viene
approvato lo stesso, con una sflza di “raccomandazioni”. Immagi-
nate una ditta che vi fa un preventivo per ristrutturare casa, senza
tenere conto di svariati problemi, con le mappe fatte male, in disor-
dine, e voi alla fne gli dite okay, ecco i soldi, procedete pure, però
dovete promettermi di stare attenti a questo, questo e quest’altro.
Siamo intesi? Ho la vostra parola?
23.2
Soltanto una settimana prima, il 27 aprile 2001, la commissio-
ne di esperti aveva licenziato il suo parere defnitivo, numero 417,
sull’impatto ambientale dell’opera.
Una settimana per leggere, prendere atto, ponderare, decide-
re. Ancora una volta i governanti italiani si dimostrano rapidissi-
mi, altro che fannulloni, e i due ministri danno il via libera ai la-
vori nonostante i tanti passaggi critici come questo, che riguarda
proprio la valle del Setta:
Nella confgurazione attuale del progetto rimane l’impostazione che
vede nella valle del corso d’acqua solo una trincea utile per collocare
l’opera, eludendo, come testimoniato dal tracciato, qualsiasi altra va-
lenza ecologica, paesaggistica e territoriale dell’ambiente fuvio-torren-
tizio.
Il tracciato sarebbe per un lungo tratto nell’alveo e nel terrazzo più
prossimo, area di naturale espansione delle piene, e interferirebbe per-
tanto anche con il dinamismo geomorfologico, oltre che ecologico, del
corso d’acqua. Gli ecosistemi coinvolti risulterebbero decisamente com-
promessi, senza alcuna possibilità di mitigazione.
23
23.3
Tra le “raccomandazioni” contenute nel documento, c’è an-
che quella di istituire un Osservatorio ambientale e socio-econo-
mico sulla variante di valico. Una promessa che è stata mantenu-
ta, visto che Gerolamo può navigare nel sito dell’Osservatorio e
apprezzare lo sforzo di trasparenza che è stato fatto. Cantiere per
cantiere, comune per comune, si possono leggere i dati sulla fau-
na, l’acqua, la vegetazione, il rumore, le polveri, gli scarichi.
Tutto molto democratico, anche se bastano pochi minuti per
scoprire che il presidente dell’Osservatorio è nominato dall’Anas,
cioè il committente responsabile dei lavori. La piena indipenden-
za degli organismi di controllo in Italia è ancora un miraggio, una
lontana utopia.
D’altra parte, neppure il più imparziale degli osservatori po-
trebbe tenere d’occhio tutta l’area dei lavori, nel rispetto dei pa-
rametri e delle normative. I siti di monitoraggio rischiano sempre
di diventare un paravento e di coprire, anche loro malgrado, va-
ste zone d’illecito. E non serve la lente d’ingrandimento di Sher-
lock Holmes per imbattersi in notizie come questa:
Venerdì 8 febbraio 2008
Gli agenti del Nucleo Ambientale della Polizia Provinciale sono in-
tervenuti ieri, in località Fienile, nel comune di Barberino del Mugello,
dove è risultato attivo un deposito di terre e rocce di scavo provenien-
ti dai lavori per la variante di valico. Dalla verifca compiuta dal Nucleo
Ambientale è risultato che il deposito era privo di autorizzazione.
24
sicoxoa raiia
ii sixriiio oicii oii
,: ,,
24.
«Hai fnito con quel cellulare?».
La voce di Nico è secca, ha già lo zaino in spalla, pronto a ri-
partire.
«Che cosa vuoi conoscere di questi posti?» insiste. «Quello
che puoi vedere con gli occhi o quello che devi scoprire su In-
ternet?».
Gerolamo alza la testa dallo schermo. Prima di parlare gli
torna in mente un verso che ha letto sull’antologia per cammi-
natori trovata in biblioteca.
«Entrambe le cose» risponde. «Per conoscere l’Universo co-
me una strada,
25
direbbe Walt Whitman. E la strada come un
Universo, aggiungo io».
«L’Universo? Con una mezz’oretta on-line?». Nico sghignaz-
za e gli allunga una mano per aiutarlo a rialzarsi. «È incredibile
quanto la Rete può darti l’impressione di sapere le cose».
«No, aspetta, quale mezz’oretta? Io prima di partire mi sono
preparato, ho salvato qui dentro un sacco di appunti, siti, mate-
riali. Ti ricordi dieci anni fa, quando siamo andati in India?».
«Che c’entra l’India?».
«Ti sei letto una ventina di libri per capire meglio il Paese,
mentre io sfogliavo solo la Lonely Planet e tu mi prendevi per il
culo perché la chiamavo la Bibbia».
Nico storce la bocca e indica il cellulare di Gerolamo con la
mano aperta. «Non che la critica ti sia servita a molto, Gerry.
Giusto a farti cambiare libro sacro».
«E tu? Quanti libri leggi quando vai sulle Alpi a fare i tuoi
giri? Venti, dieci, nessuno?».
«È diverso. Lì non ci vado per turismo. Ci vado a cammi-
nare».
«E allora? Se consideri un valore conoscere bene i luoghi
prima di visitarli, perché lo fai per l’India e non per le Alpi?
Quando siamo stati a Bombay, ti sei studiato la storia della cit-
tà a partire dai portoghesi. Scommetto che la storia del Tirolo
la conosci molto meno».
Nico annuisce, con l’aria di chi si vanta per le accuse rice-
vute.
«Vedi, Gerry, il fatto è questo: io salgo sulle montagne pro-
prio per lasciare a valle la Storia. Il bello di andare a piedi è che
pian piano, un giorno dopo l’altro, quel che vedi attorno diven-
ta l’unico mondo e tutto il resto è soltanto un nome scritto sul-
la mappa».
«Appunto» s’infamma Gerolamo, mentre scrolla chili di
polvere dal sedere. «Io vado matto per i nomi sulla mappa. Da
bambino sognavo con l’Atlante stradale e adesso sono un tos-
sico di Google Earth. Il bello di andare a piedi mi sembra pro-
prio questo, che unisce il cielo e la strada, la vista panoramica
da una vetta e lo sguardo soffocato in un bosco, la prospettiva
di Dio e quella del viandante».
«Stai attento, allora» conclude Nico mentre imbocca il sen-
tiero. «A volte gli ibridi rimangono sterili».
25.
La discesa dalla vetta è ripida, scivolosa. Sull’orizzonte spic-
ca ancora la sagoma di San Luca, immersa nella foschia, testi-
monianza evidente del potere simbolico della Chiesa. Non c’è
bolognese in viaggio che non usi il santuario come punto di ri-
ferimento, sinonimo stesso di arrivo e di casa.
Gerolamo raccoglie un sasso a forma di conchiglia, che ha
tutta l’aria di essere un fossile del Pliocene. E anche se non lo
fosse, di certo Lucia lo apprezzerà come regalo prezioso. Men-
tre lo infla in tasca, vede Nico scivolare su una roccia bagna-
ta e fnire per terra. Quando si rialza, fa una smorfa di dolore e
un gemito da cane.
«Mi sono storto la caviglia» dice, e Gerolamo lo guarda zop-
picare, con gli occhi smarriti di chi non sa come rendersi utile.
«Hai bisogno di una mano?».
Nico scuote la testa: «Siamo quasi arrivati a Brento. Lì do-
vrebbe esserci una trattoria, provo a metterci un po’ di ghiaccio
e vediamo come va».
sicoxoa raiia
ii sixriiio oicii oii
,¡ ,,
26.
Nico trascina il piede sull’ultimo tratto di discesa, un pae-
saggio sabbioso che sembra davvero un fondale marino, con i
cespugli di erica al posto del corallo.
La carcassa di una jeep, forse d’epoca bellica, occupa una
radu ra tra le acacie, e i segni biancorossi del sentiero sono di-
pinti sulla lamiera di fanco al fanale.
Poco più avanti, qualche imbecille ha scritto: «... Solo te...»
con lo spray rosso su una parete di roccia millenaria. Lettere
che sembrano lì da molto tempo, appena sbiadite dalla pioggia,
senza che nessuno si preoccupi di cancellarle, come accadreb-
be in città per un banale intonaco e con il solito contorno di f-
lippiche anti-degrado.
27.
Brento era un villaggio etrusco, poi castrum romano, quindi
castello medievale sotto vari padroni e addirittura sede vescovi-
le. Dell’antico splendore conserva soltanto la posizione strate-
gica. Tolta quella, resta un grumo di villette e seconde case per
bolognesi in fuga dalla città.
La Trattoria di Monte Adone, lungo la strada, offre il ghiac-
cio per la caviglia di Nico e una fetta di ciambella casalinga con
cappuccino, per ritemprare i muscoli e lo spirito di Gerolamo.
Alla ripresa del cammino, però, la musica non cambia, e Ni-
co si trascina a fatica sull’asfalto, fno alla strada che arriva da
Badolo e punta verso Monzuno, lungo il tracciato romano del-
la Flaminia Militare, «xvii miglia da Bologna», come indica il
cartello con l’immagine di una moneta romana e il logo dello
sponsor.
Autostrade per l’Italia.
Ovvero: quando la storia locale diventa un detersivo per la-
varsi la coscienza.
28.
In questo punto del percorso le alternative all’asfalto non so-
no molte. La provinciale segue il crinale tra la valle del Sàvena e
quella del Setta, e non c’è spazio per camminare altrove. Fa ec-
cezione la carrareccia che sale fno alla cresta di Monterumici,
ultimo avamposto nazista prima della liberazione di Bologna.
I soldati americani riuscirono a conquistarlo il 18 aprile
1945, dopo sei mesi di stallo e tre giorni di assalti, bombarda-
menti e morti ammazzati. A far memoria di quella battaglia re-
stano trincee, rifugi e buchi scavati nell’arenaria, insieme alle
poche pietre della chiesa di San Mamante e alle lapidi crepate
del suo piccolo cimitero.
29.
Nico non ce la fa più. Gerolamo lo aiuta con lo zaino, lo
portano in due come se fosse una sporta pesante, reggendo gli
spallacci come manici, ma anche così il dolore è troppo forte e
il passo talmente lento che per arrivare a Madonna dei Fornelli
non basterebbero due giorni.
Al bivio del Furcolo, sulla provinciale “degli Dei” che scen-
de verso Vado, Nico si mette a sedere sul ciglio della strada e
non può fare altro che arrendersi.
Gerolamo lo guarda e pensa che è fnita. Da solo non ce la
farà mai a raggiungere Firenze. Sembra semplice, in confronto
alle vere imprese degli alpinisti, ma per uno che a malapena sa
orientare la mappa, montare una tenda ed evitare che lo zaino
gli spacchi la schiena, non è affatto banale camminare in solita-
ria per tre giorni di fla.
«Ce la puoi fare» lo rassicura Nico. «Il sentiero è segnato be-
ne, le previsioni del tempo sono buone. Alleggerisci lo zaino, mi
lasci le cose inutili... Anche la tenda, se non te la senti di portar-
la. Le notti sono ancora tiepide e un riparo dalla pioggia non è
diffcile trovarlo».
Gerolamo pensa non fare cazzate, non ascoltare questo paz-
zo, lui c’è abituato, va sempre da solo, non ha esigenze di al-
cun tipo, beve pochissimo, dorme su qualunque superfcie, non
è mai affamato, può fare a meno del caffè e di lavarsi le ascelle
anche per una settimana.
sicoxoa raiia
ii sixriiio oicii oii
,o ,;
Pensa non fare cazzate, hai moglie e fgli, se ti organizzi mol-
to bene, tra famiglia e lavoro, forse questa primavera riesci a ri-
tagliarteli di nuovo, i cinque giorni per andare a piedi fno a
Firenze.
E pazienza se la Frecciarossa sarà già in corsa sotto le mon-
tagne e le ultime vittime gonferanno la terra nell’indifferenza
di tutti.
Pensa non fare cazzate, e invece apre i legacci dello zaino, ci
guarda dentro, infla una mano.
«Aiutami a scegliere» dice. «Ti lascio i libri o le scarpe da
ginnastica?».
29.1
Gerolamo rinuncia a due libri su tre, una torcia elettrica con
quattro pile giganti, tre magliette su cinque, un paio di jeans, le
scarpe da ginnastica, la giacca imbottita, tre paia di calzini e la
sua parte di cibo, tranne due scatolette di tonno e una di fagioli.
Tiene la tenda, che non si sa mai, e alla fne lo zaino sembra più
o meno lo stesso, ma il coraggio, quello è raddoppiato.
«Stai tranquillo» lo incalza Nico, «l’importante è trovare il
proprio passo, il proprio stile.
La montagna ha le sue regole, vanno rispettate, ma soprat-
tutto, se non vuoi che ti schiacci, devi trovare le tue. Serve di-
sciplina, capito? La disciplina è una spada afflata: se te la cala-
no in testa, devi respingerla, ma quando la stringi in pugno puoi
avanzare sicuro».
I due si abbracciano di fronte alla fermata della corriera, poi
uno resta fermo e l’altro si incammina, da solo, lungo il bordo
dell’asfalto.
30.
I pellegrini medievali, nel loro viaggio verso Firenze, incon-
travano prima di Monzuno un ospitale, gestito dai monaci di
Vallombrosa, poi passato ai frati di San Francesco e trasforma-
to in convento.
L’edifcio esiste ancora, nascosto tra rovi e piante d’acacia, as-
sediato da una rotonda e da una strada nuova di zecca, che do-
vrebbe fare da tangenziale al paese e deviare il traffco, a prima vi-
sta molto scarso, diretto verso la Futa o il fondovalle del Sàvena.
Gerolamo esplora i dintorni. L’Ospitale è grande, imponen-
te, e per quanto abbandonato conserva i segni e la dignità delle
costruzioni antiche. Sbirciando dalla crepa di una porta, l’occhio
inquadra due materassi, una scatola di ceci appoggiata per terra,
una tuta da lavoro su una sedia scassata.
La storia di un luogo, per fortuna, è molto diffcile da cancel-
lare.
Certe stanze rimangono accoglienti, anche quando gli uomini
le hanno ormai dimenticate.
31.
Fa caldo e sono le due del pomeriggio quando Gerolamo arri-
va a Monzuno – 1062 abitanti – e subito si infla in un bar per pla-
care la fame. Non fanno panini e l’unico cibo commestibile sono
due pizzette dall’aria depressa. La musica è un pastone anonimo in
stile Britney Spears, guarnito coi suoni elettronici del videopoker.
Sciarpe di varie squadre infestano le pareti rivestite di legno, men-
tre un distributore di nocciole con maniglia girevole attende che
qualcuno si ricordi di lui. L’unico elemento di spicco in tutto l’ar-
redo è un’enorme bacheca di vetro, estesa sui tre lati della stanza e
piena di tazzine da caffè, per lo più bianche e molto simili tra loro.
Più che una collezione, un monumento all’ossessività umana.
Gerolamo prende dal frigorifero una di quelle bibite per spor-
tivi, con dentro i sali minerali, puri simulacri dei veri succhi di
frutta. Il giallo del liquido è anemico e fosforescente, niente a che
vedere con una limonata, però mantiene la sua promessa disse-
tante con esiti miracolosi, e aiuta i bocconi di pizza a scivolare
dentro l’esofago.
Un caffè buttato giù in fretta e già si riparte, con passi lunghi
simili a una fuga.
sicoxoa raiia
ii sixriiio oicii oii
,ï ,,
32.
Ora la strada si arrampica sulle falde di Monte Venere, l’unico
tra i toponimi divini della Via degli Dei che attesta con certezza un
culto pagano e un tempio di origine romana. Alcuni fanno deriva-
re Monzuno da Mons Iunonis (cioè Giunone), altri da un più pro-
saico montione, col signifcato di “grosso monte”.
Gerolamo attacca la salita che passa di fanco al campo spor-
tivo, ma a ogni bivio si ferma, preoccupato, per consultare la
guida.
Da quando lui e Nico si sono salutati, ha scambiato due paro-
le giusto col barista. Forse per questo, mentre attraversa un casta-
gneto, gli affora in testa una flastrocca, di quelle che canta spesso
a Dario e Lucia, quando li tiene sulle ginocchia. Affora e si mette
a rimbalzare, senza fermarsi, da una parte all’altra del cervello.
Poi all’improvviso la cantilena si interrompe, insieme alle gam-
be, e gli occhi puntano un fungo enorme tra le radici di un casta-
gno.
Dall’aspetto si direbbe un porcino, dall’odore pure.
Un forse-porcino da almeno mezzo chilo, e nemmeno un reci-
piente per portarselo via.
Fa niente, pensa Gerolamo, lasciarlo dov’è sarebbe un delitto.
Scava con le dita intorno al gambo, lo libera dalla terra, e a fatica
riesce a stivare il colosso nella tasca più alta dello zaino, per evita-
re che si schiacci sotto il peso della tenda.
33.
Aggirata la cima di Monte Venere, il sentiero raggiunge il cri-
nale, dove la strada bianca ricalca di nuovo la Flaminia Militare e
la pista etrusca che univa Felsina/Bologna con Vipsul/Fiesole.
A ovest la valle del Setta, rifugio di ribelli e combattenti, a est
quella del Sàvena, terra di suonatori e balarìn, e in mezzo Monzu-
no, a unire l’indole dell’una e dell’altra: paese natale di partigia-
ni, medaglia d’oro per la Resistenza e sede della più antica banda
della zona, la Banda Bignardi, sempre in attività fn dal 29 apri-
le 1900.
Ma è da più tempo ancora, forse quattro secoli, che i violini
del Sàvena guidano le manfrine e i salti del bal spécc. “Ballo stac-
cato”, non di coppia, “saltato” e non liscio. “Montanaro”, “an-
tico”, ma anche bal di sgrazié, roba da sfgati, quando negli anni
Settanta, per farla fnita con le stalle e la fame, si volevano buttar
via anche le tresche, i Ruggeri e le veglie di festa.
Gerolamo sente la mancanza di Nico, che da chitarrista e
deejay gli ha sempre parlato con entusiasmo di quelle danze, di
sunadur che non fanno i preziosi, ma si mettono al servizio di chi
vuole ballare, e vengono apprezzati solo se sanno cogliere e tra-
sformare in musica le emozioni di una serata.
Violinisti da faba come Malchiò d’la Val, uno che nelle foto
sembra un vecchio tradizionalista suonato, oltre che un suona-
tore tradizionale, con la sua volontà cocciuta di vivere come una
volta, e battere il grano con le mani, dissodare il podere a for-
za di braccia, cucinare sulla legna i prodotti del campo e del bo-
sco, perché «se vuoi tirare fuori l’anima dagli uomini, devi saper-
la prendere dalla terra». E invece Melchiade Benni non s’è lascia-
to schiacciare dal passato: ha tenuto come apprendista una ragaz-
za, in un mondo fatto di suonatori maschi, e per di più forestie-
ra, di Brescia, arrivata al Mulino della Valle col violino del nonno
nella custodia. Le ha passato le suonate, compresi i valzer metic-
ci del “liscio montanaro”, con tutte le varianti tipiche dei diversi
borghi e paesi. Le ha mostrato come dialogare coi ballerini, come
acciuffare l’onda di una galloppa, come offciare un rito che non
era straordinario, ma funzionava da perno per un’intera cultura.
E Placida Staro l’ha ricambiato, non chiudendo quel patrimonio
in un museo, materia per etnomusicologi e nostalgici. Si è trasfe-
rita in Val di Sàvena, e oltre ad aver fondato un’associazione, un
centro di ricerca e una scuola, continua a usare quella musica per
il suo unico scopo: far stare insieme la gente, farla ballare, per dir-
si con i gesti quello che le parole non potrebbero dire.
26
34.
Cala una nebbia improvvisa, nuvole basse e fredde che infl-
sicoxoa raiia
ii sixriiio oicii oii
oc o:
trano il bosco, e l’impianto eolico di Monte Galletto diventa un
miraggio da pittura metafsica. Dieci mulini a vento alti come tor-
ri, bianchi, simili a cicogne appollaiate, le monopale immobili a
fare da testa e becco, il palo che le sostiene come corpo. Una lan-
da desolata, spoglia, che un panorama invisibile dovrebbe salva-
re dallo squallore. La prima centrale eolica del Nord Italia, inau-
gurata nel 1999.
Poco più avanti, dritte sul cancello di una casa colonica, vec-
chie ruote da bicicletta trasformate in girandole frullano beffar-
de nella brezza serale.
35.
La strada che scende a Madonna dei Fornelli ha preso il no-
me di Via Romana Antica, con delibera comunale del 25 gennaio
1969. Il paese è una manciata di case, alberghi, botteghe. Quat-
trocento abitanti sparpagliati intorno all’oratorio di Santa Maria
della Neve, che fno al 1994 non aveva mai avuto un campanile,
e si vede che ai parrocchiani la cosa dispiaceva, perché ne han-
no fatto costruire uno di trentatré metri, che di sicuro è tra i più
alti della zona. Sull’architrave d’ingresso, due iscrizioni celebra-
no la Vergine come unica medicina, per la peste del 1630 e il co-
lera del 1855.
Quanto al nome Fornelli, c’è chi si accontenta di spiegarlo con
le cataste di legna ricoperte di terra che i boscaioli facevano bru-
ciare a fuoco lento per produrre carbone. Altri, affascinati dal
passaggio della Flaminia Militare, dicono che qui c’erano fornaci
da calce della Roma imperiale, o fuochi accesi di accampamenti
legionari, oppure un tempio della dea Fornace, custode dell’ute-
ro caldo che fa nascere il pane.
36.
Gerolamo si concede un caffè al bar Musolesi. Sulle prime,
sedersi al tavolino senza compagnia lo mette in imbarazzo, leg-
ge il sottobicchiere come una crittografa. Poi si rilassa, conten-
to di essere anonimo, come un Clint Eastwood appena arrivato a
San Miguel. Una faccia nuova in città, senza nessuno intorno che
gli ricordi casa o il passato. Un’esperienza esotica che non potre-
sti ripetere in un bar di Manhattan, dove l’espresso è buono co-
me a Bologna, il barista è più straniero di te, e spesso parla peg-
gio l’inglese.
Intanto gli avventori discutono di funghi con interesse mania-
cale. Accenti emiliani che sanno già di Toscana raccontano spe-
dizioni lunghe otto ore, per portarsi a casa tredici chili di porci-
ni. Alludono a luoghi segreti e innominabili, dove si può star cer-
ti di trovare la bolata, e denigrano invece i dintorni di Monzuno,
che ancora «non fanno un cazzo». Il dibattito se sia più buono il
porcino da castagno o da faggio accende gli animi come una con-
tesa d’onore.
Gerolamo gongola e sta per estrarre dallo zaino il suo esempla-
re da record, quando le peggiori sodomie vengono invocate per
quanti non ripongono i funghi negli appositi cestini, che lasciano
le spore libere di fecondare il bosco.
Inoltre, pare che la raccolta sia regolata da norme infessibi-
li, fatte di tesserini e giorni alterni, come se cercare la bolata fos-
se una via di mezzo tra la pesca e la guida di un’auto non Euro 4.
Strano che nessuno si lamenti delle regole, pensa Gerolamo, men-
tre gli viene il dubbio di aver varcato senza accorgersene i conf-
ni nazionali. Finisce il caffè e gli torna in mente la frase di Gian-
ni Tei sui beni pubblici. «Nel nostro paese non sono beni di tut-
ti, sono del primo che li prende». Un porcino gli ha appena dimo-
strato che non si può mai presumere di essere immuni dalla men-
talità corrente.
Lo ha raccolto, perché lasciarlo lì pareva un delitto, e invece
il delitto è stato portarselo via, senza nemmeno sapere se lo po-
trà mangiare, se sia davvero un porcino, portarselo via per non la-
sciarlo a qualcun altro, che magari avrebbe avuto il cestino adatto,
e l’occhio allenato a riconoscere i funghi, e il tesserino in tasca.
Così l’esemplare da record rimane al suo posto, nel sacchetto
di plastica, mentre Gerolamo ordina una birra per buttare giù la
vergogna.
sicoxoa raiia
ii sixriiio oicii oii
o: o,
37.
Viene l’ora di cena, ma fnché c’è luce, meglio trovare un pra-
to per la tenda, magari vicino al paese e ai suoi luoghi di ristoro,
visto che nello zaino alleggerito non ci sono più cibi da cucinare
né attrezzi per farlo.
Gerolamo si incammina lungo la strada che dovrà percorre-
re domani, scruta le vie secondarie e dopo un centinaio di me-
tri, al limitare del bosco, trova un condominio muto, con tutte
le tapparelle abbassate. Sul retro c’è uno spiazzo perfetto, pia-
neggiante e morbido, con un vecchio dondolo arrugginito e lo
stenditoio per i panni. Tre grossi abeti lo nascondono alla vi-
sta: né dalla strada, né dalle fnestre dei vicini si potrebbe no-
tare una tenda piantata lì sopra, mentre lampioni e lampadine
dei dintorni promettono di rischiarare le operazioni di montag-
gio quando farà notte e Gerolamo dovrà affrontare da solo pa-
li e picchetti.
37.1
«Buonasera, si accomodi, i tavoli sono tutti liberi, si metta pu-
re dove preferisce».
Il cameriere ha l’aria gioviale, gli occhiali tondi e un’aureola di
capelli ricci come Michael Jackson prima di diventare bianco.
«La ringrazio, posso chiederle un favore?».
«Certo, dica pure».
«Vede questo fungo? È un porcino, vero?».
«Faccia vedere... Ah sì, senz’altro. Dove l’ha trovato, sotto un
castagno?».
«Proprio così, esatto» si stupisce Gerolamo. «Ho sentito dire
che sono i migliori».
L’altro inarca le sopracciglia: «Io, per me, preferisco quelli da
abete, ma certo anche il castagno...».
«Le volevo chiedere, ho visto che fate la pizza coi funghi. Non
è che la si potrebbe condire con questo?».
«Ah, certamente. Ma con una bestia del genere gliene condia-
mo venti, delle pizze».
«E se io le lasciassi il resto? In cambio della pizza e di un paio
di birre?».
Il cameriere ci pensa su, lo scambio sembra divertirlo.
«Direi che si può fare, vado a sentire in cucina».
37.2
Una bella serata senza spendere un euro: pizza, due birre me-
die, telegiornale, lavaggio ascelle, maglietta pulita, cellulare rica-
ricato, telefonata e baci alla famiglia. Un colpo di telefono anche
a Nico, per sentire come va, e un messaggio lasciato sulla segrete-
ria, visto che non risponde.
«Io sono vivo, e tu? Mandami almeno un messaggio, dai. Ti ri-
chiamo domani sera. Ciao».
Gerolamo esce dal ristorante e sente che ha bisogno di cam-
minare. Sembra incredibile, non ha fatto altro tutto il giorno, per
nove ore di fla, eppure le gambe chiedono di sciogliersi in un’ul-
tima marcia, prima di riposare inflate nel sacco a pelo.
Allora torna nel posto che ha scelto per piantare la tenda, na-
sconde lo zaino dietro il dondolo, e scende a passo lento lungo la
strada per Qualto.
Ormai fa buio, ma la nebbia si è alzata e le sagome delle mon-
tagne sono nitide, sul versante opposto della valle.
L’autostrada, in lontananza, fa udire il suo respiro, ma il ven-
to porta anche altri suoni, se li si vuole ascoltare.
sicoxoa raiia
o¡ o,
NotturNo 2
Dicono che l’acqua ha una sua memoria, come il silicio e i na-
stri magnetici e la superfcie dei compact disc. Una goccia salata
che cade in un fume gli consegna per sempre il ricordo del sale,
un messaggio indelebile scritto negli atomi e sulle onde.
Se fai sciogliere un focco di neve, unico e irripetibile, quando
lo congeli di nuovo torna uguale a se stesso, e il giapponese Ma-
saru Emoto sostiene addirittura che i suoni, la voce umana e le
onde cerebrali lasciano nell’acqua una traccia che poi si manife-
sta coi cristalli di ghiaccio.
In Val di Setta, frazion di Lagaro
Nel comune di Castiglione
se voialtri mi fate attenzione
d’una disgrazia vi vo’ raccontar.
Forse l’acqua che abbiamo nel corpo ricorda meglio di noi
le canzoni che da neonati ci accompagnavano nel sonno. Forse
la pioggia e i torrenti impregnano coi loro archivi anche la terra,
l’erba, gli alberi.
Fu un giovane astronomo americano, Andrew Elicott Dou-
glass, a scoprire che gli anelli nel tronco di una sequoia non rive-
lano soltanto l’età della pianta, ma raccontano il clima degli anni
che ha vissuto. La distanza tra un cerchio e l’altro dipende dalla
temperatura e dalla siccità.
Se vi annoio voi mi scuserete
ma spiegar meglio di così non si può
come già tutti voi lo sapete
che la stampa di già ne parlò.
Sulle Alpi, nel fusto dei larici, si trovano ancora le cicatrici
causate dall’eruzione del vulcano Katmai, sulle isole Aleutine, in
Alaska, avvenuta il 6 giugno 1912, quando tonnellate di cenere
invasero il cielo e velarono il sole per molte settimane.
Cerchi irregolari e decentrati sono la frma sghemba di frane,
vento, erosioni, che fanno crescere gli alberi storti e ricurvi.
Alluvioni e incendi lasciano sgorbi nella grafa vorticosa che
incide il durame, e segni evidenti nell’aspetto della pianta.
Come i cerchi che si allargano sulla superfcie di una pozza,
dove ciascuno passa al successivo la spinta del sasso, così ogni
anello del tronco infuenza quelli che lo seguono, e anche sulla
corteccia spuntano i segni di antichi cataclismi, il cui ricordo è
ormai custodito nel cuore della pianta.
Poi arriva il vento, passa la mano tra i rami, e le memorie degli
alberi diventano suoni, per giungere all’orecchio di uomini lonta-
ni, incapaci di comprenderli.
E fu proprio il 14 ottobre
che in domenica venne quel dì
invece di stare a casa in riposo
fu destino d’andare a morir.
Se tu sapessi ascoltarli, Gerolamo, potresti sentire un’orche-
stra di faggi suonare le ballate della Grande Galleria, che a quan-
to dicono passa proprio sotto di loro, dentro la montagna che hai
di fronte, a cinquecento metri di profondità.
Ottanta cerchi fa, l’acqua delle sorgive ha registrato le vibra-
zioni della roccia, causate dall’esplodere delle cariche e dalle vo-
ci dei minatori. Le sorgive hanno alimentato i ruscelli e l’umidi-
tà dei ruscelli ha nutrito gli alberi. Terra e radici hanno succhia-
xorruixo :
ii sixriiio oicii oii
oo o;
to la memoria dell’acqua e con l’aggiunta di sali minerali l’han-
no trasformata in linfa. I vasi dello xilema hanno aspirato la lin-
fa verso l’alto e il legno ha assorbito nutrimenti e ricordi, per poi
tradurli nella sua lingua di nodi, rami e biforcazioni, che il ven-
to ora legge e trasmette, come la puntina di un vecchio giradischi
sui solchi del vinile.
Quando fummo noi in galleria
come al solito si stava facendo
ad un tratto uno scoppio tremendo
la montagna la fece tremar.
Se la capissi, Gerolamo, questa musica d’acqua e di legno, di
terra e di vento, se tu la sapessi ascoltare, distingueresti il suono
dei rami incurvati da un’esplosione di gas, il fruscio delle fenditu-
re prodotte sulla corteccia dallo scoppio delle mine, il fschio leg-
gero dei pensieri di chi è morto là sotto.
Il fumo dei corpi bruciati ha infltrato le rocce e la terra, scorie
grigie simili a cenere hanno inquinato la linfa dei faggi, un tumo-
re grosso come un melone è forito sulla corteccia, ottanta cerchi
fa, e ancora la deforma e produce il suono che non riesci a senti-
re, confuso con tutti gli altri, il sibilo acuto degli ustionati.
Ed è questo loro mescolarsi che rende così diffcile decifra-
re le dendrofonie raccontate dal vento. I suoni si sovrappongo-
no, non seguono l’ordine del tempo come i cerchi dentro al fu-
sto e i solchi sul vinile. Se anche tu riconoscessi il timbro gra-
ve, da controfagotto, prodotto dal vento su una piaga del tron-
co, causata dal calore di un incendio sotterraneo, non potresti
lo stesso datare l’incendio, dire se è scoppiato la settimana scor-
sa o cent’anni fa. Per farlo dovresti segare l’albero, o prelevar-
ne un campione con un succhiello di Pressler, e da quello inter-
pretare gli anelli.
Imbalorditi e al buio si resta
stupefatti dal grande spavento
e le grida dell’avanzamento
anche ai sassi facevan pietà.
Se tu imparassi a riconoscere il sibilo dei corpi bruciati, o il
suono inconfondibile che fanno i pensieri di un moribondo (le
onde cerebrali di un essere umano che sta per morire, condotte
attraverso la roccia, ricevute dalle radici, trasformate in irregola-
rità della corteccia e ora suonate dal vento), se tu sapessi ascol-
tarli, sentiresti un coro di ottantacinque voci, come in un’uni-
ca strage. E se tu avessi l’orecchio davvero allenato, come quello
di un direttore d’orchestra, dal timbro di ciascuna potresti rica-
vare altri dettagli. L’età della persona e il modo scelto dal desti-
no per farla morire. Solo con un orecchio così allenato ti accor-
geresti che alcuni di quei suoni, e per la precisione sessantacin-
que, hanno un volume più alto, mentre gli altri venti ce l’hanno
più basso, e magari capiresti che questa differenza non è casuale,
perché i primi sessantacinque sono quelli che morirono nella gal-
leria quando ancora non era completa, e le volte non erano tut-
te murate, così che la roccia poteva ricevere meglio le vibrazioni,
mentre in seguito la calotta in calcestruzzo ha fatto da isolante, e
i venti morti successivi hanno una voce più attutita, come se par-
lassero dietro un panno di feltro.
Quelli di dietro che avevan sentito
non sapevan che strada pigliar
poi si son fatti di un cuore assoluto
e i compagni son corsi aiutar.
Tra i primi sessantacinque, sapresti riconoscere quelli che so-
no incappati in una mina gravida, cioè una carica inesplosa, per-
ché durante la volata si contano sempre i colpi, per essere certi
che tutte le mine piazzate facciano il loro dovere, ma è pur sem-
pre un conto fatto a orecchio, in mezzo al boato, e subito biso-
gna riprendere a lavorare, non c’è tempo di aspettare che la pol-
vere vada giù, l’assistente dice di darsi da fare col picco, per rom-
xorruixo :
ii sixriiio oicii oii
oï o,
pere i macigni più grossi e caricarli sui vagoni: cinque all’ora se
ne devono fare. E con tutta questa fretta e la polvere che toglie il
fato e la vista, capita che una mina è rimasta gravida, non la si è
contata bene, e quando il disgraziato va a spaccare il masso con il
piccone, dentro c’è la mina, e bum, il disgraziato salta per aria, e
magari insieme a lui anche qualcun altro che gli stava vicino, per-
ché nello strozzo lo spazio è poco e se salta una mina ce n’è dav-
vero per tutti.
Quell’aiuto era tanto prezioso
per quella gente così disperata
che chiamava mamma con voce angosciata
mentre il fuoco continuava a bruciar.
Sapresti riconoscere quelli rimasti schiacciati sotto un’arma-
tura che non ha tenuto, perché soprattutto l’argilla spinge e si de-
forma, non ne vuol sapere di farsi scavare, e le capriate e le cen-
tine in legno di pino si spaccano, rompono teste e schiene, e lo
stesso fanno i bollimenti, le frane di sassi che vengono giù dopo
la volata, quando ancora non ci sono i marciavanti, cioè le tavo-
le per ripararsi la testa, perché l’unica protezione dei minatori è
il cappello, e il casco lo porta giusto l’ingegnere quando viene a
fare i controlli.
Sapresti riconoscere il fochista che ha spinto il carrello col
bruciagas, uno straccio infuocato messo in cima a un palo per
bruciare il metano, ha spinto il carrello, ma il metano era già
lì, più indietro e più in basso del previsto, mescolato con l’aria,
pronto a scoppiargli addosso e a portarselo via. Riconoscere-
sti il fochino che è andato sotto la calotta per accendere le mic-
ce e anche lì c’era il gas ad aspettarlo. Le lampade Davy lo ave-
vano segnalato, era suonato l’allarme, c’eravamo fatti indietro di
duecento passi e l’elettricista aveva fatto il suo lavoro: appende-
re all’armatura i sacchetti di polvere pirica, fccarci dentro i ca-
vi e poi dargli fuoco a distanza col generatore di corrente. Eppu-
re, si vede che qualcosa non aveva funzionato e che nemmeno i
ventilatori erano riusciti a portarselo via tutto, quel gas, e appe-
na il fochino ha acceso le micce, bum, il gas era lì e s’è portato
via pure lui, come quegli altri sette del 1923 (se tu avessi un ca-
rotaggio fatto col succhiello di Pressler lo potresti sapere che era
quell’anno lì, e il segno grosso di sette morti lo vedresti meglio
che sugli altri anelli).
Appena giunti al pronto soccorso
c’eran già tutti gli amici e i parenti
fra urla pianti e lamenti
sempre mamma sentivo chiamar.
Sapresti distinguere quelli fulminati dai macchinari elettrici
zuppi d’acqua e quelli annegati dietro la saracinesca, che veniva
giù quando il cunicolo rischiava di allagarsi, e se non eri svelto a
uscire fuori potevi rimanere chiuso dall’altra parte, con il getto
d’acqua che usciva dalla roccia come una fucilata.
Domandate ai feriti guariti
meglio di loro nessun lo può dir
sette morti e venti feriti
la disgrazia ebbe fne così.
27
E anche se avessi l’orecchio fnissimo, Gerolamo, non potre-
sti sentire lo stesso i morti per la pussiera dei decenni successivi,
morti magari in ospedale a Bologna o nelle loro case sparse per le
montagne. Loro non ci sono, dentro ai faggi sopra la galleria: è la
terra della galleria che sta dentro di loro, inflata sottile negli al-
veoli dei polmoni. Alcuni hanno dovuto tirarli fuori dalle tombe,
per dimostrare che la polvere ce l’avevano dappertutto, nei bron-
chi e nelle ossa, e che un fazzoletto davanti alla bocca, durante
lo smarino in mezzo alle volate, un fazzoletto non basta per evi-
tare la silicosi.
xorruixo :
ii sixriiio oicii oii
;c ;:
Non ci saran più medici, nemmeno professori
che fan guarire il mal dei minatori
Non ci saran più medici, nemmeno medicine
per far guarire il male delle mine.
28
In questo coro, in quest’unica strage che accomuna tutti, in-
sieme alle piogge dello scorso autunno, al sole di ieri, e a migliaia
di treni che sono passati nel frattempo, tu ora dovresti ricono-
scere i suoni più lievi, quelli attutiti dal calcestruzzo delle volte: i
quattro che scortavano il convoglio fatto saltare là sotto dai par-
tigiani per bloccare la Direttissima e poi, dieci cerchi più avan-
ti, il ferroviere che coltivava un geranio sotto terra, nella stazione
delle precedenze, alla luce delle lampade, e solo due volte all’an-
no riusciva a fargli prendere il sole, grazie ai raggi che trovava-
no l’inclinazione giusta per inflarsi nel pozzo di Cà di Landino.
Su e giù per quel pozzo si andava con un carrello, lungo un bina-
rio ripido: Walter Tassoni lo guidava e ne rimase schiacciato. Do-
po la sua morte tolsero il carrello e quelli che prendevano il treno
alla stazione delle precedenze, per andare a lavorare a Firenze, a
Prato, a Bologna, dovettero farsi due volte al giorno 1800 gradi-
ni, e venir fuori sudati fradici in mezzo all’inverno e alle correnti
d’aria, fnché la stazione delle precedenze non venne proibita ai
passeggeri, e la gente della zona dovette andare a prendere il tre-
no tredici chilometri più giù, a Spianamento, la stazione di San
Benedetto Val di Sambro.
Ma nel conto ne mancano ancora quindici, quindici suoni fu-
nebri, tumori sulla corteccia dei faggi suonati dal vento.
Federica dagli occhi di mare,
che vede stazioni veloci passare
suona a Roma una vecchia zampogna,
poi viene Firenze, si va per Bologna.
Se avessi saputo riconoscere i primi settanta suoni, Gerolamo,
adesso, per analogia, ti aspetteresti altri quindici “omicidi bian-
chi”, morti sul lavoro, caduti nella battaglia contro la galleria co-
me si cade in guerra, senza responsabili, la guerra è guerra e biso-
gna combatterla, si muore, non c’è niente di strano.
Ma se tu avessi l’orecchio fno, e potessi capire il sesso e l’età
di quei morti, ti chiederesti cosa c’entrano, con gli omicidi bian-
chi, un bambino di quattro anni, una bambina di nove, un’altra
di dodici. Qualcuno, a fare il bocia in galleria, c’è andato anche a
dodici anni, è vero, ma erano maschi, mai bambine.
Federica dagli occhi di mare
su quella montagna ti han fatto fermare
hanno rotto le ali al gabbiano
e tu non hai visto la neve a Milano.
29
Se avessi il campione fatto col succhiello di Pressler, vedresti
che gli ultimi quindici morti sono tutti sullo stesso anello, quindi-
ci cicatrici sovrapposte che formano un unico, grosso sgorbio, a
trenta cerchi di distanza da Walter Tassoni e a sessantuno dai set-
te minatori uccisi dal grisù.
Faresti il conto degli anni e ti verrebbe fuori il 1984: cinquan-
tesimo anniversario della ferrovia Direttissima, Big in Japan degli
Alphaville, strage del Rapido 904.
Allora capiresti cosa c’entra quel bambino di quattro anni che
non c’entrava niente, e una bambina di nove che pensava al Na-
tale e una di dodici che non aveva mai visto la neve.
Capiresti che gli ultimi quindici non sono omicidi bianchi, so-
no omicidi neri, e che in un’unica galleria, e nei tronchi dei fag-
gi cinquecento metri sopra, si sono fuse assieme le vittime di due
stragi tipiche italiane. Il lavoro e il terrore.
Ma tu non ce l’hai, l’orecchio fno, e nemmeno il succhiello di
Pressler, e queste dendrostorie non le senti, sono solo vento che
soffa tra i rami e mette freddo addosso.
Così ti volti e torni indietro, verso la chiesa di Santa Maria del-
la Neve, a montare la tenda nel chiarore dei lampioni.
xorruixo :
;,
Terza tappa
Madonna dei Fornelli-Traversa (Firenzuola)
38.
Il risveglio è umido, immerso nelle nuvole. Al suono del cel-
lulare, Gerolamo si volta e abbraccia lo zaino, convinto di trova-
re il corpo di Lara. Ha dormito meglio della prima notte, ma quel
contatto mancato lo fa alzare lo stesso di malumore. Sa che il fan-
tasma dell’abbraccio si divertirà a tormentarlo per tutto il giorno:
una tortura che sarebbe anche piacevole, se valesse come investi-
mento sulle carezze della sera. Ma stanotte ci sarà ancora lo zaino,
a fargli compagnia, e se vorrà carezze, dovrà farsele da solo.
Così esce fuori con passo malinconico e scopre che smontare
la tenda è una piccola impresa: primo perché il sovrattelo goccio-
la rugiada e condensa e non c’è modo di sflarlo senza infradiciar-
si; secondo perché una legge fsica universale, valida per qualun-
que telo, vuole che l’oggetto in questione, una volta piegato, ri-
sulti sempre a) troppo largo, b) troppo lungo per poter essere in-
flato nel suo contenitore originale.
Terminata la battaglia con l’igloo, Gerolamo si scontra con
altre due applicazioni della medesima legge, ovvero la stuoia di
gommapiuma e il sacco a pelo, quindi carica sulle spalle lo zaino
e punta il bar Musolesi per un cappuccino e brioche.
39.
Gli avventori parlano ancora di funghi, di come li hanno cuci-
nati, messi a seccare, affogati nell’olio. Il tono è meno eccitato del
ii sixriiio oicii oii
;¡ ;,
giorno prima, forse perché il sabato non si può partire in spedi-
zione, c’è il divieto, e multe salatissime per chi lo infrange.
Così i discorsi vengono presto calamitati da tre cartoncini
pubblicitari che penzolano sopra il bancone. È una nuova lot-
teria, Win for Life, e a quanto pare si vince una specie di vitali-
zio, quattromila euro per vent’anni, ma ancora le regole non so-
no ben chiare.
Gerolamo pensa che è un sistema ingegnoso per rimpiazzare
le pensioni. Invece di pagare i contributi si acquista una scheda,
invece di esercitare un diritto si tenta la fortuna. Tanto in Italia
funzionano solo tre generi di previdenza sociale: il welfare d’az-
zardo, con i suoi montepremi, le quote, le schede gratta e vinci; il
welfare familista, con i giovani precari che attingono ai risparmi,
alle case, ai piatti di pastasciutta di nonni e genitori, mentre i gio-
vani col posto fsso devono ringraziare l’amico dello zio; e infne
il welfare televisivo, con i quiz milionari e le comparsate, i troni-
sti e le veline, i talent sciò, realiti sciò, fric sciò.
Un avventore su due del bar Musolesi acquista la scheda Win
for Life anche senza aver capito bene come funziona.
Un ottantenne, prima che Gerolamo esca nella nebbia, do-
manda se fgli e nipoti possono ereditare il premio.
40.
Fin dalle prime curve del sentiero, Gerolamo ha la sensazione
di aver attraversato un confne, come se da Madonna dei Fornel-
li iniziassero le vere montagne, boschi più ftti, case più rade, silen-
zi, paesaggi selvatici e solitari. È comunque una montagna molto
diversa dalle Alpi, e non solo per via dell’età o dell’altitudine. Ge-
rolamo ricorda le passeggiate in Alto Adige e in Val di Sole, luo-
ghi di vacanza che i suoi genitori sceglievano per l’aria buona, per
un’idea di purezza incarnata dalle vette alpine. Reinhold Messner
che beve l’acqua di sorgente e dice: altissima, purissima, levissima.
L’Appennino è tutt’altro che puro, fglio bastardo delle divi-
nità della Terra, mentre le Alpi sono una progenie celeste, di dei
olimpici e folgoranti, e i loro animali totemici sono agili e leggeri:
l’aquila, il camoscio, lo stambecco. La spina dorsale d’Italia, in-
vece, è il regno del cinghiale, che si rotola nel fango e grufola al
crepuscolo, in cerca di tuberi e radici.
41.
Oltre la borgata di Cà de’ Farini, una mulattiera di lastroni si
alterna con sentieri e strade sterrate, per salire sotto la cima del
Monte dei Cucchi, a 1138 metri sul livello del mare. Qui sembra
essersi scatenata una gara all’affssione di cartelli, su alberi, siepi
e altri supporti. Una mappa rudimentale, a pennarello nero, rap-
presenta i confni tra le frazioni di Madonna dei Fornelli, Castel
dell’Alpi e Montefredente, dove nel 1975 venne fondata la Tvs,
Televisione Libera delle Valli di Sambro e Setta, un’emittente il-
legale, nell’epoca lontana del monopolio Rai e delle prove tecni-
che di trasmissione a colori.
Poco più avanti, spunta uno dei soliti segnali della Via Flaminia
Militare (xxxi miglia da Bononia), quindi un altro cartello, nero su
bianco, informa i passanti che si trovano «sull’antica strada detta
“di Toscana” o “del Pian di Balestra”».
Su una rete metallica verde, che compare improvvisa in mezzo
a tuie da giardino urbano, la scritta «Area videoregistrata» sanci-
sce lo sbarco del telecontrollo in mezzo ai boschi, per sorvegliare
a distanza chissà quali pericoli. Dalla targa affssa sul cancello, Ge-
rolamo scopre che si tratta di una stazione di emergenza radio per
il Nord e Centro Italia, incaricata di garantire le comunicazioni in
caso di apocalisse.
L’ultimo cartello è agganciato col fl di ferro a un cespuglio
spinoso di bacche nere. È un testo lungo, e Gerolamo si ferma a
leggere e a riprendere fato.
42.
La ditta Agsm, di proprietà del Comune di Verona, vuole co-
struire sul Monte dei Cucchi un parco eolico da ventiquattro ge-
neratori alti come la Torre degli Asinelli (70 metri di supporto per
una tripala di 26 metri di raggio). Ogni turbina poggerà su una ba-
riiza raiia
ii sixriiio oicii oii
;o ;;
se di cemento armato profonda dieci metri e larga quindici, all’in-
terno di una piazzola sgombra, pianeggiante e ciottolata di venti
metri per trenta. Per montare e gestire l’impianto bisognerà apri-
re una strada asfaltata, abbastanza larga per il passaggio di camion
e ruspe, e interrare un cavo lungo tredici chilometri. Tutto questo
su un crinale di boschi famoso per la frana del 1951 che distrusse
Castel dell’Alpi e formò il lago sul torrente Sàvena.
30
Gerolamo pensa che chiamare parco un progetto del genere è
come battezzare una guerra operazione di polizia internazionale.
Molti crimini contro l’umanità sono anche crimini contro il vo-
cabolario.
42.1
Alcuni cittadini della zona hanno saputo del progetto di Ag-
sm quando sono arrivate le prime lettere per l’esproprio dei ter-
reni. Allora si sono organizzati, hanno raccolto frme e informa-
zioni, sono andati più volte dal sindaco, hanno messo in piedi un
comitato. Alla fne il Comune di San Benedetto ha espresso il suo
parere negativo sulla centrale eolica. La Provincia di Bologna, in-
vece, non ha mai smesso di sostenerla.
Gerolamo interrompe la lettura, apre la tasca superiore del-
lo zaino e tira fuori un vecchio opuscolo che si è portato da ca-
sa. Fa parte di una serie che usciva in edicola con La Repubblica,
nel lontano 1989, per conto dell’Azienda di promozione turisti-
ca di Bologna e Provincia. Scopo dell’iniziativa: proporre itinera-
ri a piedi in luoghi di particolare interesse storico e paesaggistico.
Dopo vari traslochi familiari, l’intera raccolta s’è depositata come
un detrito nel salotto di Gerolamo. Il fascicolo numero quattro è
dedicato a un monte franoso e ricco di fauna.
Il Monte dei Cucchi.
42.2
Dunque la Provincia ha cambiato idea: non più il turismo so-
stenibile, per valorizzare la zona, ma l’energia pulita, in nome
dell’interesse pubblico.
Ma è davvero pubblico l’interesse di un impianto simile?
Nel 2007 la Commissione Europea ha prodotto un grafco sui
rendimenti dell’energia eolica.
31
A ogni paese dell’Unione corri-
spondono una tacca blu e un pallino rosso. La tacca blu rappre-
senta il costo di un megawatt/ora di elettricità, il pallino rosso è
il ricavo che se ne ottiene. In Spagna, per esempio, il costo me-
dio di un Mw/h è di 60 euro, il ricavo medio sfora gli 80, quindi
il guadagno netto si aggira sui 20 euro. E in Italia? Nella colon-
na dell’Italia il pallino rosso non c’è, è scomparso. Chi si è pre-
so la briga di cercarlo l’ha scovato in alto, molto in alto, nascosto
sotto il titolo del diagramma, perché il ricavo medio delle turbi-
ne italiane è di 170 euro per megawatt/ora, con un guadagno net-
to dieci volte superiore a quello dei tedeschi e cinque volte quel-
lo degli spagnoli. Il motivo è che in Italia i proventi dei mulini di-
pendono per una metà dagli incentivi statali, che sono i più alti
d’Europa. Grazie a questo sistema un’azienda può far soldi con
le sue pale anche se il vento è poco e la tecnologia che adotta non
è la migliore.
Nel frattempo, gli incentivi pesano sulle bollette dell’elettrici-
tà e così tutti pagano per impianti che funzionano male e fanno
guadagnare soltanto chi li ha costruiti.
Socializzare i costi, privatizzare il proftto.
La regola d’oro del capitalismo italiano.
42.3
Di certo, pensa Gerolamo, ci saranno aziende che misurano il
vento con attenzione e investono denaro nella ricerca per avere
macchine effcienti, sicure, con un impatto limitato. Ma chi con-
trolla che sia davvero così? Quando la Provincia di Bologna so-
stiene che la centrale del Monte dei Cucchi ha un interesse pub-
blico, sa davvero di cosa sta parlando? Qualche tecnico imparzia-
le ha dato un’occhiata ai rilievi anemometrici di Agsm?
Oggi esistono molti progetti alternativi per mettere Eolo al
lavoro: dagli aquiloni KiteGen alle miniturbine, dagli impianti
che sfruttano le turbolenze alle pale “domestiche”. Agsm ritiene
riiza raiia
ii sixriiio oicii oii
;ï ;,
che ventiquattro generatori alti cento metri siano la soluzione più
indicata per un crinale di montagna a mille metri di altitudine.
Qualcuno ha verifcato che sia davvero così? Il raggio di impat-
to potenziale di un impianto del genere è pari a dodici chilome-
tri.
32
A cinque chilometri in linea d’aria, nello stesso comune, ci
sono le dieci torri monopala di Monte Galletto. Non è abbastan-
za? Il Piano territoriale paesistico della Regione Emilia Romagna
non è aggiornato e ancora non parla di centrali eoliche, ma esisto-
no molte altre risoluzioni, leggi, protocolli d’intesa, per impedire
che le aziende, d’accordo con i singoli comuni, riempiano di pale
intere vallate, con la nobile scusa dell’energia pulita.
Ma forse qualcuno ha lasciato aperte le fnestre, e il vento si è
portato via le carte, insieme a molte risposte.
42.4
L’unica energia veramente pulita si misura in negawatt, ed è
quella che non si produce, grazie al risparmio e all’effcienza del-
la rete.
Estrarre elettricità da fonti rinnovabili è comunque un’ottima
idea, a patto che il processo non bruci una risorsa che invece non
si rinnova: il territorio.
Date le caratteristiche geografche e climatiche dell’Italia, per
produrre con le grandi turbine eoliche l’equivalente di un milio-
ne di tonnellate di petrolio, servirebbero 34.000 ettari di terreno,
più dell’intera provincia di Trieste, contro i 4500 degli impianti
fotovoltaici integrati, i 1800 del solare termico, i 750 dei residui
dell’agricoltura.
33
Oggi gli impianti eolici della Penisola producono il 16% di
elettricità rispetto alle promesse (la potenza installata) e lavorano
in media 1413 ore all’anno, cioè due mesi.
34
Questo signifca che
le centrali realizzate fn qui – più che altro con grandi turbine –
non sfruttano a dovere il vento e consumano il territorio.
Ma Agsm sostiene che quello delle sue torri «non è un vero e
proprio impatto, perché non è sottrazione di habitat, di utilizzo o
di usufruibilità; è modifca nella percezione di un paesaggio».
35
42.5
Ancora una volta, più che lottare con i numeri, si fnisce per
lottare con le parole.
Impatto ha la stessa etimologia di pattume. Entrambe le paro-
le derivano dalla radice pat-, che sta per piede, e hanno a che fa-
re con le impronte, materia pestata e infradiciata, buona per con-
cimare e ingrassare la terra, quindi per estensione scarti organi-
ci e più in generale rifuti. Diffcile dire che l’impianto dell’Agsm
non lascerebbe un’impronta sul Monte dei Cucchi, infarcendo-
lo di scorie gigantesche. Quanto all’habitat, esso è l’insieme delle
condizioni fsiche che circondano una specie. E qualunque sia la
specie che si vuole considerare, dagli abeti ai rapaci ai fungai di
Madonna dei Fornelli, sbancare un bosco è sconvolgere l’habitat
di diverse comunità.
Per affermare il contrario, bisognerebbe sconvolgere anche la
lingua italiana.
42.6
Rispetto alla sottrazione di utilizzo, Agsm confonde i territori.
Gerolamo ricorda un viaggio in treno, da Parigi a Orléans. De-
cine di pale enormi, bianche, in mezzo alla pianura francese, ai
campi di barbabietola e di grano, ai tralicci dell’alta tensione, ai
silos per cereali. Un impatto di media entità (come l’impronta di
un piede su un terreno già molto calpestato), una violenza su al-
cune specie (i volatili), il rumore delle pale, ma l’utilizzo del luo-
go è più o meno invariato: le fondamenta delle torri eoliche han-
no occupato qualche ettaro di terreno, su una superfcie vastis-
sima e uniforme, e tutt’intorno ancora si coltiva. Una situazione
impossibile da riprodurre su un crinale montuoso coperto di abe-
ti, aceri e faggi, a più di mille metri d’altezza.
42.7
E la modifca nella percezione del paesaggio? Anche quello un
gioco di parole, per far sembrare il danno soggettivo, meno grave
di quel che è. Si modifca la percezione, non la sostanza delle cose.
riiza raiia
ii sixriiio oicii oii
ïc ï:
Ma il paesaggio – secondo la convenzione europea sottoscrit-
ta dall’Italia nel 2006 – «designa una determinata parte del terri-
torio, così com’è percepita dalle popolazioni».
Dunque non c’è differenza tra paesaggio e percezione del pae-
saggio, anche se Agsm vorrebbe farcelo credere.
Gerolamo trova su Repubblica.it un servizio fotografco sugli
impianti eolici. Didascalie entusiaste per il diffondersi dei muli-
ni a vento, simboli dell’energia alternativa, accompagnano le im-
magini dall’alto, dal fnestrino di un aereo. Le stesse torri, inqua-
drate da terra, non produrrebbero soltanto un effetto differente,
una diversa percezione. Se cambia il punto di vista, cambia pure
il paesaggio.
L’elevazione ci trasforma in voyeur, la strada in cittadini.
42.8.
Secondo la sentenza 367/2007 della Corte Costituzionale, ci-
tata dal pubblico ministero Gianni Tei nella requisitoria del pro-
cesso Cavet:
Il concetto di paesaggio indica la morfologia del territorio, riguarda
cioè l’ambiente nel suo aspetto visivo. Ed è per questo che l’art. 9 della
Costituzione ha sancito il principio fondamentale della “tutela del pae-
saggio” senza alcun’altra specifcazione. In sostanza, è lo stesso aspetto
del territorio, per i contenuti ambientali e culturali che contiene, che è
di per sé un valore costituzionale. Si tratta peraltro di un valore prima-
rio, e anche assoluto, se si tiene presente che il paesaggio indica essen-
zialmente l’ambiente. L’oggetto tutelato non è il concetto astratto delle
“bellezze naturali”, ma l’insieme dei beni materiali che presentano va-
lore paesaggistico.
Non si tratta di decidere che cosa è bello e che cosa no. Gero-
lamo pensa che le grandi pale bianche, di per sé, non sono brut-
te. Anzi, fanno pensare a don Chisciotte e hanno un che di meta-
fsico. Se rovinano un paesaggio non è perché sono sgorbi in un
quadretto idilliaco, ma perché annullano il senso dei luoghi. Esi-
ste un paesaggio laddove sul territorio si riconoscono dei segni,
quelli che un geografo chiamerebbe iconemi. Costruire un’ope-
ra senza tener conto di questi elementi rischia di cancellarli, di la-
sciare un vuoto. Una campagna coperta di capannoni nel giro di
pochi anni non è soltanto più brutta: è un territorio senza paesag-
gio, una frase senza sintassi, un ambiente alieno da chi lo abita. Al
contrario, un minareto che si alza in un quartiere padano abitato
da musulmani è un cambiamento del paesaggio che rende visibi-
le un cambiamento sociale. La sua presenza è perfettamente giu-
stifcata, e chi la combatte non lo fa per difendere lo skyline di pe-
riferia da una costruzione stonata. Vietare certi simboli signifca
impedire agli uomini di rispecchiarsi nel loro ambiente.
Tenere conto degli iconemi, invece, vuole anche dire com-
prendere la loro gerarchia. Un minareto in periferia è diverso da
un minareto sulla piazza principale, di fanco al municipio. Una
cicatrice sulla faccia e una sulla schiena possono essere identiche,
ma certo non sono la stessa per l’individuo che le porta. Dove sta
Monte dei Cucchi? Vicino alla faccia o vicino alla schiena della
valle di Sàvena? Agsm ha progettato il suo parco senza fare do-
mande agli abitanti del luogo. Eppure, il Dossier regionale sul-
l’Eolico del maggio 2007 afferma che
è fondamentale la partecipazione degli abitanti alle diverse possibili so-
luzioni, che dovranno essere in sintonia non solo alle considerazioni ine-
renti la percezione visiva, ma anche a quanto attiene ad altri valori (cul-
turali, storici, ambientali, simbolici...).
42.9
Se si fa fatica ad ascoltare gli abitanti umani di un territorio,
che ne sarà di tutti gli altri? Chi rappresenterà il punto di vista
del falco, del cinghiale, dell’abete? E i loro voti avranno lo stes-
so peso dei nostri oppure la democrazia vale soltanto per noi? Si
dirà che non ha senso rivendicare i diritti del faggio in un Paese
dove contano poco i diritti degli stranieri, degli omosessuali e dei
senzatetto. Ma in realtà la questione è sempre la stessa: si tratta di
riiza raiia
ii sixriiio oicii oii
ï: ï,
capire se l’Altro è solo un rumore di fondo oppure una voce che
bisognerebbe ascoltare.
Il narcisismo culturale spinge l’Homo sapiens a custodire un
antico palazzo molto più di un bosco o di un torrente. Se una
qualunque azienda venisse a installare un enorme mulino a ven-
to sulla Torre degli Asinelli la cacceremmo da Bologna a calci nel
culo e nessuno ci farebbe una diagnosi di sindrome Nimby (Not
in My BackYard: l’energia rinnovabile sì, ma non nel mio corti-
le). Invece, se gli abitanti di una valle si ribellano perché qualcu-
no vuole modifcare il proflo di una montagna, ecco che ci indi-
gniamo contro questi nostalgici, nemici del progresso, primitivi e
antimoderni, e ascoltiamo quel che hanno da dire solo quando si
mettono a parlare di valore degli immobili e pericolo di frane.
Le frane dell’immaginario sembrano sempre molto innocue.
36
43.
Gerolamo si alza, stordito dalle informazioni e dallo schermo
del cellulare, come dopo un sogno a occhi aperti. Si inoltra in di-
scesa dentro un’abetina scura, popolata da spettri di nuvole bas-
se, che insieme al profumo di resina lo inseguono fno a Pian di
Balestra, una manciata di chalet affogati nel bosco. Sui cancelli,
targhe e iscrizioni battezzano queste seconde case anni Sessanta
come se fossero antiche magioni di campagna. Una lastra d’otto-
ne a forma di pergamena srotolata, con inciso il nome “La Bric-
concella” in lettere svolazzanti, affanca una cassetta della posta
“us Mail” che suonerebbe posticcia anche nei sobborghi di Cle-
veland, Ohio.
44.
Al termine delle case e dell’asfalto, comincia la zona dei pri-
mi scavi sulla via Flaminia Militare, al confne boscoso tra Emi-
lia e Toscana.
L’antica strada, nelle fonti romane, è nominata soltanto da Ti-
to Livio, che attribuisce al console Gaio Flaminio iunior la deci-
sione di collegare Bologna con Arezzo, nel 187 a.C., dopo aver
sconftto i Liguri dell’Appennino. Nello stesso anno il suo colle-
ga Marco Emilio Lepido, vincitore sui Galli padani, iniziava la
costruzione della Via Emilia. Le due strade dovevano incontrarsi
proprio a Bononia, fondata dai Romani solo due anni prima.
Nelle borgate di montagna, tra boscaioli e carbonai, la Storia
di Roma non è mai stato un bestseller, eppure la notizia di una
strada romana, sul crinale a sinistra del torrente Sàvena, è arriva-
ta fno ai nostri giorni, sotto forma di leggenda e chiacchiera da
bar, e fno alle orecchie di Cesare Agostini e Franco Santi, origi-
nari di Castel dell’Alpi.
Franco di mestiere fa lo scalpellino, spacca le rocce d’arenaria
per costruirci i caminetti, e un giorno, mentre lavora in una vec-
chia cava, dalla fessura di un masso vede saltar fuori una moneta,
con la Lupa che allatta i gemelli e la scritta Roma sull’altra faccia.
Ne parla con l’amico Cesare e così, nell’estate 1977, i due passa-
no le ferie a cercare, scavare, rimuovere strati di foglie, battere il
crinale palmo a palmo. A Castel dell’Alpi, intanto, la loro avven-
tura archeologica fa parlare di sé: «È una perdita di tempo» dico-
no i più. «Forse cercano qualcos’altro» malignano i maligni, ma
alla terza estate di fatica, i due portano alla luce un tratto di stra-
da lastricata sulle pendici di Monte Bastione. La larghezza della
carreggiata li fa ben sperare: mentre le mulattiere medievali sono
piuttosto strette, questa raggiunge i due metri e mezzo, cioè gli
otto piedi, una misura che i Romani consideravano perfetta per
le strade di lunga percorrenza.
Dopo i brindisi meritati, “alla faccia di chi ci vuole male”,
Franco e Cesare riescono a convocare nel bosco due storici del-
l’Università di Bologna, ma l’incontro non è incoraggiante. Il pro-
fessor Alferi esclude che quei dieci metri di basolato possano es-
sere l’antica Via Flaminia minore, perché in proposito ha già dato
alle stampe una sua ipotesi, basata sui toponimi di un crinale più
a est, quello tra le valli dell’Idice e del Sillaro. Secondo le sue ri-
cerche, la strada saliva da Ozzano Emilia (l’antica Claterna, fon-
data proprio nel 187 a.C.) e raggiungeva Arezzo attraverso il Pas-
so della Raticosa e il Giogo di Scarperia.
riiza raiia
ii sixriiio oicii oii
ï¡ ï,
I due archeologi dilettanti non si perdono d’animo. Lo studio
di Alferi, dopotutto, poggia soltanto su nomi, mentre loro han-
no trovato qualcosa.
Ed è soltanto l’inizio.
44.1
Per dieci anni battono gli otto chilometri che separano il Mon-
te Bastione dal Passo della Futa. Vogliono dimostrare che la loro
strada prosegue dritta fno al valico dell’Appennino. Sono anni te-
stardi e solitari: nessuna istituzione segue le loro scoperte. Eppure,
sotto le foglie di centinaia di autunni, continuano a spuntare trac-
ce, mulattiere, antichi acquedotti, reperti, e circa ottanta metri di
lastricato con le stesse caratteristiche del primo.
Nel 1985 la rivista Autostrade racconta gli sforzi di Franco e Ce-
sare in uno speciale dal titolo “Soluzione Appennino. I Romani per
primi”. Guarda caso, è l’anno dei primi studi per la variante di va-
lico tra Bologna e Firenze. Pochi mesi dopo anche La Nazione dà
spazio alla notizia. Infne si fa viva la Soprintendenza archeologica
della Toscana e organizza una campagna di scavi, durante la quale
emergono sei tratti di strada, sei antiche fornaci per la calce, i resti
di una fortezza ligure e alcuni reperti dell’età del bronzo.
Tre anni dopo i Comuni di San Benedetto Val di Sambro e Fi-
renzuola organizzano un convegno sulla viabilità storica tra Bolo-
gna e Firenze. L’Università di Bologna nomina un comitato scien-
tifco per individuare temi e relatori. A presiederlo c’è il professor
Alferi e nell’elenco proposto, i nomi di Franco Santi e Cesare Ago-
stini non compaiono neppure. Li devono imporre gli organizzato-
ri, e al termine della conferenza il valore scientifco del loro “passa-
tempo” viene riconosciuto da tutti.
Negli anni Novanta, ulteriori indagini portano a otto il nu-
mero dei siti archeologici, allineati lungo 37 chilometri di dorsa-
le appenninica.
Dopo vent’anni di ricerche Franco e Cesare sembrano aver tro-
vato quello che cercavano.
37
Eppure...
44.2
Eppure, mentre cammina sulla strada bianca, Gerolamo os-
serva stupito i segnali che conducono al basolato romano. Sono
fatti a mano, con le lettere verdi su sfondo giallo e le righe a mati-
ta per scrivere dritto. Soltanto un cartello sbiadito porta lo stem-
ma del Comune di Firenzuola e il logo della Soprintendenza ar-
cheologica toscana. Per il resto, l’opera di Franco Santi e Cesare
Agostini ha l’aspetto di un gigantesco bricolage, con le istituzioni
che a malapena ci mettono la frma.
Forse perché la comunità scientifca è ancora divisa, certo, ma
quando non lo è?
Secondo il sito della Provincia di Bologna,
i reperti viari di Monte Bastione non possono essere riferiti all’età ro-
mana, principalmente a causa del materiale di cui sono costruiti (lastre
di arenaria locale), né alla via Flaminia tracciata nel 187 a.C. da Bolo-
gna ad Arezzo, a causa di indubitabili testimonianze del percorso di
essa sul crinale fra Idice e Sillaro. Comunque la mulattiera di Monte
Bastione, di cui sono stati ritrovati vari tratti ben conservati, offre un
bell’esempio di strada di lunga percorrenza e di grande traffco di età
post-medievale.
Ai posteri l’ardua sentenza, direbbe quel tale, ma ciò che me-
riterebbe più considerazione, pensa Gerolamo, non è tanto l’im-
portanza storica dei reperti che i due hanno trovato, quanto il va-
lore umano di quel che hanno fatto. Archeologia dal basso, dove la
passione per il territorio precede e supera quella per la Storia. Uno
spirito fai-da-te – o meglio: facciamo-da-noi – che sembra essere
una costante sulla Via degli Dei. Dal gruppo di amici che l’ha trac-
ciata alla battaglia legale per lo stradello dei Bregoli, dai Suonatori
della Valle del Sàvena ai partigiani della Stella Rossa; dall’informa-
tico di Pianoro che ha salvato la vite del Fantini alla coppia di spo-
si che cura i leoni a Monte Adone; dal comitato contro il parco eo-
lico di Monte dei Cucchi, alla televisione libera di Montefredente e
ai due archeologi dilettanti di Castel dell’Alpi.
riiza raiia
ii sixriiio oicii oii
ïo ï;
Mentre scende verso la Faggeta, Gerolamo si convince che
dev’esserci un legame tra lo spirito indipendente di queste picco-
le comunità e il genius loci dell’Appennino.
45.
A prima vista, la Faggeta è uno dei tanti ruderi di sasso che
Gerolamo ha incontrato lungo il percorso e che sono un tratto
distintivo di queste montagne. In realtà, la Faggeta non è una ca-
sa come le altre. Isolata, a mille metri d’altezza, in un luogo dove
da oltre duemila anni si sovrappongono strade di lunga percor-
renza. Durante i loro scavi, Franco Santi e Cesare Agostini han-
no scoperto un’antica conduttura in cotto che le portava l’acqua
da Monte Bastione, in una zona dove l’acqua corrente, nelle abi-
tazioni, è arrivata solo nel dopoguerra. Si tratta dunque di un
edifcio importante, forse una dogana tra lo Stato Pontifcio e il
Granducato di Toscana, o magari una struttura d’accoglienza per
i viandanti, come l’Ospitale di Monzuno, andata in rovina perché
di viandanti da accogliere non ce ne sono più, da queste parti, o
magari è diffcile vederli, perché sono turisti senza automobile, e
uomini e donne senza permesso di soggiorno.
46.
Di nuovo abeti, certo piantati dall’uomo, poi un cancello per
trattenere le bestie e un vasto pascolo in discesa. Il vento ha dis-
solto le nubi e la vista si apre su un paesaggio nuovo, come quan-
do in certe metropoli passi senza accorgertene da un quartiere al-
l’altro, attraversi una strada e i palazzi sono diversi, la gente si ve-
ste in un altro modo e senti parlare altre lingue.
Sulle carte geografche, in questo punto, Emilia e Toscana
s’incastrano come un puzzle. Qui sotto, coperto dal declivio e
dagli alberi, c’è il paese di Bruscoli, in provincia di Firenze, ma le
montagne che si vedono di fronte, con i viadotti dell’autostrada,
sono di nuovo bolognesi, e subito oltre, scavalcata la cresta, c’è la
provincia di Prato, di nuovo Toscana.
Gerolamo accenna una corsa sull’erba ripida, per non affati-
care le gambe nello sforzo di frenare. In mezzo al prato, solita-
ria, c’è la casa colonica dei Capannoni. La porta è sprangata, non
sembra viverci nessuno, forse giusto qualche pecora trova rifugio
la notte sotto il tetto della stalla.
Un cacciatore in mimetica, con lo schioppo a tracolla, spun-
ta dietro l’angolo dell’edifcio. È un vecchio minuto, ma conciato
così mette soggezione, e Gerolamo lo saluta inquieto.
Se il vecchio volesse provare l’ebbrezza di uccidere un uomo,
invece della solita lepre, potrebbe farlo su due piedi e tornare a
casa tranquillo.
Senza movente, senza testimoni, nemmeno Montalbano riu-
scirebbe a incastrarlo.
47.
Gerolamo si porta appresso quel pensiero macabro sotto i ra-
mi dei faggi, fno a un luogo che non aiuta a dimenticarlo: la Pia-
na degli Ossi. Una conca spoglia d’alberi, increspata da gobbe
e tumuli di terra, con un nome in odore di antica necropoli che
non poteva sfuggire ai soliti Franco e Cesare, coppia archeologi-
ca degna di un flm.
Arrivano qui nei primi anni Ottanta e appena affondano la
vanga vedono la terra umida riempirsi di scorie bianche. Sem-
brano ossa, ma una volta pulite si rivelano cocci di calcare levi-
gati dal tempo.
Scava oggi, scava domani, saltano fuori anche dei sassolini ne-
ri: sono pezzi di carbone, e si fa strada l’ipotesi che invece di una
necropoli, i tumuli della Piana degli Ossi nascondano qualcos’al-
tro. Il carbone, analizzato all’Università di Firenze, risulta vec-
chio di quindici secoli e quando la Sovrintendenza archeologi-
ca della Toscana, otto anni più tardi, decide di iniziare gli scavi,
la terra si schiude sopra una grande fabbrica di calce, con cinque
fornaci ormai crollate e una ancora intatta.
48.
Gerolamo si guarda intorno. Una tettoia male in arnese co-
riiza raiia
ii sixriiio oicii oii
ïï ï,
pre un imbuto di terra, delimitato da una staccionata di tronchi.
In fondo all’imbuto, nascosta da erbacce e rovi, l’imboccatura di
una fornace. Il resto è stecchi di ginestre e pruni spinosi.
49.
Il sentiero scende fno a un trivio sorvegliato da una maestà, la
tipica nicchia di sassi per le madonne dei crocicchi. Ma la salita
non si fa attendere, e secondo la guida sarà l’ultima della giorna-
ta, fno alla quota più alta di tutta la Via degli Dei: Cima Le Ban-
ditacce, 1200 metri sul livello del mare.
Il nome doveva suonare sinistro ai viandanti dell’anno Mil-
le, senza scarponi in Goretex e mappa dei sentieri, senza cellu-
lare e con la paura dei banditi. Ma a parte le calzature, Gerola-
mo non si sente poi tanto diverso, perché la cartina non gli è per
niente chiara, il cellulare non prende e presto pianterà la tenda
in Mugello, dove il Mostro di Firenze massacrò un quarto delle
sue vittime.
Quando cammini sulle Alpi ti vengono in mente Heidi e il
nonno malgaro.
Qui sull’Appennino pensi ai compagni di merende, a Vanni e
Pacciani, e l’eco del loro italiano da bifolchi si mescola al rumore
delle foglie e dei rami spezzati.
50.
La discesa verso la Futa è immersa in un bosco di faggi. Le
zone governate a ceduo ftto sono un arazzo di fusti grigi, mac-
chiati di bianco, con le foglie verdi che riempiono gli interstizi
tra le radici e il cielo. Nella fustaia, invece, i tronchi sono più di-
stanti, spuntano massicci da un tappeto di foglie color sabbia e
un capriolo impaurito appare e scompare, con pochi balzi che
fermano il tempo.
Se si facesse una classifca dei luoghi d’incontro tra l’uomo e
gli dei, la foresta e il deserto occuperebbero i primi posti.
Entrambi confondono e disorientano.
Uno perché è vuoto, l’altro perché è ftto. Uno perché è uni-
forme, l’altro perché si ripete. Il bosco nasconde l’orizzonte, il
deserto lo annulla.
L’uomo si sente piccolo, quando li attraversa. Il bosco è un
utero di legno e di foglie. Il deserto è immenso, come la morte e
l’aldilà.
Entrambi si muovono e crescono, come un essere vivente. In-
ghiottono campi e città abbandonate. Uno perché risveglia la ter-
ra, l’altro perché l’addormenta.
A entrambi l’uomo invidia l’eternità. Il bosco si rigenera do-
po ogni inverno, il deserto non conosce stagioni. Nessuno dei due
sembra invecchiare. Le sabbie non muoiono, gli alberi diventano
più saggi, e quando cadono, quelli attorno crescono più in fretta.
Si è detto che il deserto è monoteista, perché non vi accade
nulla, mentre il rigoglio della foresta ospita geni, dei, santi e ma-
donne. Ma non è del tutto vero: anche nel deserto spira il vento,
sorgono miraggi e l’acqua dei pozzi disseta piante e animali. Piut-
tosto, il deserto è monarchico: il cielo è troppo incombente per
non imporsi su tutto.
Se gli altri dei sono più a loro agio nel bosco, si vede che pre-
feriscono la democrazia.
51.
Gerolamo decide che è tempo di mangiare. Seduto su un cep-
po taglia i panini che ha comprato a Madonna dei Fornelli, in
una mattina nebbiosa che gli riesce diffcile chiamare “oggi”.
Una giornata d’inizio autunno è davvero lunga, se ci si dimentica
l’orologio e la si misura soltanto con la fame e col sonno.
Finito il pranzo, la quiete degli alberi ha la meglio per po-
co sul bisogno di proseguire. La mappa dice che la meta è vici-
na e allora tanto vale andare avanti, come se a forza di cammina-
re, dalla mattina alla sera, ci si ritrovasse addosso una seconda na-
tura, ma forse è solo l’effetto di qualche neurotrasmettitore che
inonda il cervello quando si fanno girare le gambe e si guarda il
mondo a cinque chilometri all’ora.
riiza raiia
ii sixriiio oicii oii
,c ,:
52.
Gerolamo segue le indicazioni per Traversa, una piccola fra-
zione del comune di Firenzuola che offre bar e ristoranti aper-
ti tutto l’anno. Il sentiero entra in un’abetaia sontuosa, rotta so-
lo dal frastuono di motori che sale da basso. All’inizio Gerola-
mo pensa alle seghe dei taglialegna e solo più avanti si rende con-
to che è sabato e come ogni fne settimana i tornanti della Futa e
della Raticosa sono invasi dai motociclisti e trasformati in un cir-
cuito di gara, con l’unica differenza che qui, ogni tanto, bisogna
rallentare agli autovelox.
Per questo, quando Gerolamo sbuca su una strada asfalta-
ta e la trova deserta, resta disorientato, poi si concentra sull’ur-
lo degli acceleratori e capisce che la statale è ancora più giù, ol-
tre la coltre di abeti. Guarda e riguarda la mappa, ma lì di stra-
de asfaltate c’è solo la statale, nient’altro, e pare impossibile che
questa non ci sia, visto che ha il guardrail, due corsie, e là in fon-
do c’è pure un semaforo che scatta: dal verde al rosso, dal ros-
so al verde.
Delle due l’una: o è una strada nuovissima – e così impolve-
rata non ne ha l’aspetto – o è una strada fantasma, e allora che ci
fa il cartello con scritto «Traversa» sul ciglio d’erba impastato di
fango, e la freccia che invita il viandante a seguire l’asfalto?
53.
Tre ore più tardi, Gerolamo arriva a destinazione. Ha la faccia
e le mani graffate, e lunghe striature grigie, come segni di enor-
mi dita, rigano i vestiti e lo zaino.
La strada fantasma non portava a Traversa: il cartello era sba-
gliato, girato dal vento o da chissà chi, ma adesso Gerolamo non
ha voglia di pensarci, vuole soltanto riposare, mettersi seduto e
grattugiare la rabbia su un bel piatto di pasta.
«Serve una camera?» chiede la ragazza nell’atrio dell’albergo,
e Gerolamo spiega che no, vorrebbe solo mangiare, e quanto al
dormire cercherà un posto per piantare la tenda.
«Macché cercare» dice il buio nell’arco di una porta, mentre
ne viene fuori una montagna d’uomo, con le mani grosse così e
la pancia ribelle sotto il grembiule, e dalla voce roca ti aspettere-
sti un orco cattivo, non un benefattore che ti offre di piantare la
tenda nel giardino dell’albergo, così stai più tranquillo e puoi ce-
nare in pace.
Nessuna domanda chi sei, dove vai, perché lo fai, solo un ge-
sto con la mano verso la sala e l’invito a sedersi, «vedrai che ti
trattiamo bene».
Gerolamo si accomoda nella stanza vuota, unico segno di vi-
ta la televisione accesa, col Tg3 che manda le immagini di una
frana in provincia di Messina e spara le cifre del disastro italia-
no, tre milioni e mezzo di ettari destinati all’edilizia negli ultimi
vent’anni, una superfcie grande come Piemonte, Liguria e Val-
le d’Aosta.
54.
Negli anni Settanta Pier Paolo Pasolini ripeteva il suo mantra.
È fnito il mondo contadino e popolare, è scomparsa la sua cultu-
ra eccentrica, particolaristica, quindi reale. Come l’inquinamento
ha fatto sparire le lucciole dalle notti di campagna, così la società
dei consumi ha omologato gli italiani.
E mentre i cervelli diventavano tutti uguali, la diversità del
paesaggio ha offerto un appiglio alle culture locali. Simboli e sto-
rie si sono nascosti nella terra, nei fumi, negli alberi, come gli
Antenati delle leggende australiane, che tornarono a dormire nel
sottosuolo dopo aver cantato la creazione.
Ma negli anni Ottanta il cemento ha completato la strage, ren-
dendo omogeneo il territorio e seppellendo le vie dei canti degli
aborigeni italiani. Così, tra gli outlet e le villette a schiera, nel si-
lenzio di tutti, si sono fatti largo senza diffcoltà i custodi di una
tradizione gretta e fasulla, col Sole delle Alpi sui vessilli, i centra-
lini comunali in dialetto e il Po dentro un’ampolla, a mezza via tra
l’acqua benedetta e l’esame delle urine.
Con gli anni Novanta, a sorpresa, sono tornate le lucciole, e
il nero delle notti è sembrato meno scuro. Dal cuore della mas-
riiza raiia
ii sixriiio oicii oii
,: ,,
sa sono riemerse le differenze, si sono allargate le nicchie, e la
cultura popolare si è dimostrata più varia di quanto si credesse.
Ma non sono le stesse lucciole di Pasolini, non è lo stesso popo-
lo e nemmeno la stessa cultura. Sono lucciole mutanti e sradica-
te, emerse dal sottomondo con ali meccaniche.
Poi, negli anni Zero, si è scatenata la morìa delle api.
Gli insetti adulti hanno abbandonato gli alveari. I più giovani,
troppo scarsi per numero e per esperienza, non hanno retto il pe-
so di intere comunità. Migliaia di larve sono morte d’incuria nel-
le loro celle. Un esodo molto simile a quello raccontato tre seco-
li prima da Bernard de Mandeville. Nella sua Favola era la scom-
parsa del lusso, cancellato da un eccesso di giustizia, a far migra-
re le api. Nel mondo reale, invece, una malattia misteriosa ha di-
vorato come un cancro la loro stessa natura.
Come se d’improvviso non fossero più api, ma mosche, desti-
nate a morire da sole su un prato o schiacciate dentro due dita.
38
55.
Alle otto e mezzo il telegiornale fnisce e la stanza comincia a
riempirsi.
Sul tavolo di Gerolamo planano prelibatezze che non ha or-
dinato, assaggi offre-la-casa, una caraffa di vino, e poi la pasta, le
verdure fritte, il dolce, e quando alla fne arriva anche il conto, è
una cifra che a Bologna basterebbe appena per pizza e birra.
Gerolamo paga e chiede di indicargli dove piazzare la tenda.
«Vieni, vediamo di farti contento» dice il proprietario con
l’aria da orco buono e l’accento toscano, poi fa strada sul retro
dell’albergo, apre una porta vetrata, e oltre la porta c’è una stan-
za ripostiglio, con cuscini, coperte e biancheria appoggiata sulle
sedie, ma pure con due letti, la luce elettrica e un bagno con doc-
cia che occhieggia sulla sinistra.
«Queste sono le chiavi» dice l’oste porgendo il mazzo, «do-
mattina chiudi e me le porti in cucina, tanto di sicuro sono già
sveglio, domani è domenica e c’è un sacco di lavoro. Poi ci bevia-
mo un caffè e ci salutiamo per bene. Tieni, buonanotte».
Gerolamo prende le chiavi e ringrazia più volte. Non ha mai
ricevuto un’ospitalità del genere da parte di un estraneo. Forse
gli ricordo un fglio lontano, prova a ipotizzare, come se avesse
bisogno di trovare una motivazione, per rendere quell’accoglien-
za un po’ meno gratuita. È vero che anche suo padre, quando an-
davano a prendere l’aria buona in Alto Adige, tutte le volte che in
auto gli capitava di incrociare uno con lo zaino, fermo sulla stra-
da a chiedere un passaggio, suo padre lo tirava su, e mai l’avrebbe
fatto in un’altra occasione, ma diceva che in montagna usa così, e
Gerolamo si era convinto che la montagna fosse un posto parti-
colare, dove se incroci qualcuno sul sentiero lo saluti sempre, sal-
ve, grussgott, e quelli che non lo fanno sono giusto gli zotici che
camminano per sudare, e alla malga ci vanno a prendere il sole in
costume da bagno.
Forse non è un caso, allora, se la nuova ferrovia dell’alta velo-
cità andrà da Bologna a Firenze tutta in galleria, cercando di di-
menticarsi che sopra, e in mezzo, ci sono ancora le montagne.
56.
Doccia fredda, sacco a pelo, un materasso morbido e le soli-
te telefonate. Prima Lara e i bimbi, poi Nico, che di nuovo non
risponde. Sul numero di casa scatta sempre la segreteria, men-
tre il cellulare potrebbe essere spento o non raggiungibile. Ge-
rolamo si immagina l’amico chiuso in sala prove, a suonare e ri-
suonare un nuovo pezzo, cosa che spesso lo impegna per mol-
te sere di fla. Allora gli manda un messaggio, poi spegne il te-
lefono e apre l’antologia per camminatori al segno dell’ultima
lettura.
Se vuoi andare nel mondo politico, segui la grande strada, segui
l’uomo d’affari, tieni negli occhi la sua polvere e ti ci porterà dritto. Per-
ché anch’esso ha il suo posto, e non occupa poi tanto spazio. Io me lo
lascio alle spalle, come si passa da un campo di fagioli alla foresta, ed è
già dimenticato.
39
riiza raiia
ii sixriiio oicii oii
,¡ ,,
Gli occhi di Gerolamo fssano le righe sulla carta, ma i pen-
sieri già volano altrove, si riavvolgono veloci, tornano alla pol-
vere della strada fantasma, al cartello sbagliato e agli incubi rea-
li del dormiveglia.
NotturNo 3
40
Mi incammino verso il semaforo, lo guardo passare dal verde
al rosso, dal rosso al verde, anche se l’asfalto è deserto e l’Uomo
sembra avere abbandonato il pianeta senza spegnere la luce.
Non ci sono segni di lavori in corso – attrezzi, macchinari, be-
toniere – eppure tutto ha un aspetto incompleto, lasciato a metà
per fretta o per incuria, come un gioco di costruzioni non fnito,
venuto a noia, e che nessuno ha intenzione di terminare.
La carreggiata è stretta, ci passeranno a malapena due auto af-
fancate, ma su entrambi i lati corre un guardrail imponente, di
proporzioni autostradali, coperto da un velo di fango secco.
Oltre i bulloni e le lamiere, striscia nell’erba grigia un tubo
rosso, di quelli corrugati per contenere i cavi elettrici, e ogni tan-
to si infla in un tombino, appiccicato in terra da un cemento
sciatto.
La fascia di prato davanti al bosco è una distesa di sterpi gial-
lastri, come se ancora fosse luglio, e il sole di questa mattina aves-
se scottato la campagna fno a farla seccare.
Un cartello vieta l’accesso ai non autorizzati, ma il semaforo è
verde, e sullo sfondo se ne staglia un altro e un altro ancora, ver-
di pure quelli, come un chiaro invito a proseguire.
Gli abeti affacciati sulla strada sono spettri secchi cosparsi di
polveri infeconde. Sono sghembi, inclinati, morti che stanno an-
cora in piedi solo perché ci sono gli altri a sorreggerli, una fasci-
na di scheletri pronti a bruciare nel fuoco.
ii sixriiio oicii oii
,o ,;
Un catalogo di rifuti degno di una mostra pop accompagna
l’asfalto nella sua marcia dentro il bosco. Buste di nylon, sac-
chetti di patatine, scatolame assortito, barili di nafta color blu
cobalto, tondini di ferro in pose contorte, tubi neri da idrauli-
co che spuntano ovunque, dalla terra e dai cespugli, come arte-
rie impazzite di un cuore meccanico. Pacchetti vuoti di sigaret-
te, bottiglie in pvc, lattine d’alluminio, brandelli di nastro bian-
co e rosso, frammenti plastici non identifcati. La carcassa di una
roulotte, gli organi interni in bella vista, cade a pezzi sulla riva
di uno stagno.
L’impressione è che lungo il percorso siano esplose bombe di
pattume, forse si tratta di speciali mine antiuomo per evitare in-
cursioni, e mi sto quasi preoccupando di calpestarne una, quan-
do un boato scuote l’aria e una nuvola densa e nera si sparpaglia
nel cielo. Mi blocco immobile, forse davvero non dovrei essere
qui, ma il quarto semaforo passa da rosso a verde e ancora mi la-
scio convincere dal colore della speranza.
La strada passa sulla schiena di un enorme tubo metallico rac-
chiuso nel cemento, come l’arco di un ponte inutile, perché il ru-
scello che dovrebbe scavalcare è prosciugato, e più che un corso
d’acqua pare una frana di sassi e immondizia.
Supero un piccolo dosso e la nuova prospettiva mi permette
di intravedere, sopra la cima degli alberi spogli, una chiazza gri-
gia sul fanco della montagna. Scruto in mezzo ai tronchi e mi
rendo conto che il bosco di fronte a me non è più largo di una
cinquantina di metri, e subito dietro, dove s’interrompe, dev’es-
serci un grande spazio aperto e poi il fanco della montagna, che
non è grigio solo in un punto, ma tutto, da capo a piedi, come se
un gigante alieno l’avesse morsicato.
Decido di guardare da vicino, scavalco il guardrail, mi riem-
pio di polvere mani e calzoni, salto nel prato sottostante e avanzo
tra stecchi di ginestre, per nulla contente di questi deserti.
Entro nell’abetaia ed è come attraversare una foresta consu-
mata da un incendio, con la differenza che questi tronchi non
sono neri, sono bianchi come cadaveri, e i rami si spezzano an-
che solo a strisciarci contro, lasciando graff di sporco sui vesti-
ti e sullo zaino. Scarti di plastica e tubi cercano di farmi cade-
re, ma arrivo lo stesso a toccare una rete metallica e tra le ma-
glie di ferro lo sguardo si apre incredulo su uno scavo gigante-
sco, a gradoni, come la parete di uno ziggurat babilonese. In pri-
mo piano un enorme piazzale di terra battuta, con un bulldo-
zer giallo parcheggiato in mezzo, e una strada bianca che sale tra
gli sterpi e porta a un ripiano superiore, un secondo livello del-
la cava, dove svettano architetture industriali e nastri trasporta-
tori da miniera.
Ho gli occhi fssi su un corvo che saltella in mezzo ai detriti,
quando sento alle spalle un rumore di passi. Mi volto temendo il
peggio, ma l’uomo che mi viene incontro tiene per mano un bam-
bino e non ha l’aria truce del vigilante che sorprende un intruso.
«Anche lei è qui per le volate?» domanda con un sorriso
complice.
Spiego che mi sono perso, o meglio, so benissimo da che par-
te andare, Traversa è appena lì dietro, giusto?, però mentre scen-
devo dal bosco sono fnito su questa strada, c’era un cartello sba-
gliato e ho voluto vedere dove si andava a fnire.
«Sulle mappe non c’è perché l’hanno fatta da poco» mi infor-
ma, «così i camion di pietre non passano dal paese. Prima era una
cava della Tav, per fare il calcestruzzo, ma adesso che la ferrovia
è fnita, la usano per l’autostrada».
L’uomo estrae un binocolo dalla custodia e si mette a scruta-
re i gradoni grigi della torre di Babele. Poi lo passa al bambino e
gli indica cosa guardare.
«Stanno per farne un’altra» mi confessa contento.
«Di cosa?».
«Di volate. Sa, fanno esplodere la montagna, è un vero spetta-
colo, a Davide piace un sacco. Vero, Davide?».
Il bimbo annuisce e fa buuum coi due pugni chiusi davanti al
petto e gli occhi eccitati.
«Ma non è pericoloso?» chiedo con un tono da vecchia signo-
ra che non sospettavo di avere in repertorio.
xorruixo ,
ii sixriiio oicii oii
,ï ,,
«No, macché, qui dietro siamo al sicuro. Li vede? Sono quel-
li laggiù».
Strizzo gli occhi e sì, strano non averli notati prima, adesso
ci sono quattro tizi che si danno da fare, dalla parte opposta del
piazzale deserto.
«Sistemano le micce» dice con l’aria da esperto tipica di que-
gli anziani che sanno fare di tutto, dal tagliare un albero al tira-
re su un muro, e molte abilità le hanno imparate così, guardan-
do il lavoro altrui, e commentandolo insieme agli amici come da-
vanti a un flm.
Poi, visto che non gli do grandi soddisfazioni, illustra altri det-
tagli al piccolo, e a me viene in mente ancora una canzone di
Guccini, quella dove il vecchio e il bambino contemplano una
pianura postatomica, e il vecchio racconta disperato di quando
c’erano il grano e gli alberi, mentre qui c’è un nonno che porta il
nipotino a vedere le volate, bum, e intanto una cava spropositata
si porta via la montagna.
«Certo che hanno fatto un bel disastro, eh?» dico guardando-
mi intorno e scuotendo la testa, come se quel giudizio avesse ri-
chiesto una lunga valutazione.
«Eh, già» ammette l’anziano. «Dice che in Svizzera fanno il
calcestruzzo con le pietre della galleria, ma si vede che qui era più
comodo un altro metodo, tanto di cave ce ne sono già a decine,
per via della pietra serena. Magari quando non serviranno più ci
faranno un museo, oppure un teatro all’aperto, come al mio pae-
se, vicino Ancona, che quando ci passi davanti e vedi la striscia
bianca di calcare in mezzo ai pini d’Aleppo, ti pare pure bella,
no? Insomma, tempo al tempo, se uno ristruttura casa e va a ve-
dere i lavori quando sono ancora a metà gli pare un disastro, poi
invece il tempo passa, la casa è pronta, gli errori si correggono e
ci si dimentica pure di averli fatti».
«Forse è proprio questo il problema, non trova? Ci si dimenti-
ca. Ma qui di errori da dimenticare mi sa che ce n’è troppi».
Parliamo senza guardarci e forse è più facile così. Uno stormo
di corvi si è dato convegno sul luogo dell’esplosione. Saltellano
e becchettano in faccia agli operai che piazzano le cariche, e non
si capisce bene se lo facciano per spregio o perché hanno trovato
qualcosa da mangiare.
Il vecchio riprende in mano il binocolo, se lo pianta negli oc-
chi e ricomincia a parlare.
«Più è grande il lavoro e più grandi sono i problemi. Alzi la
mano chi non s’è messo a posto la casa senza fare qualche inghip-
po, è normale, la legge non può prevedere tutto, e allora bisogna
aggiustarsi. Io adesso le sembrerò fssato, ma è che ho appena f-
nito di fare i lavori a casa mia, e m’è toccato mettere un bagno do-
ve non si poteva e fare tutta una mascherata perché gli addetti del
Comune non se ne accorgessero. E se l’ho dovuto fare io, in un
lavoretto piccolo come casa mia, fguriamoci cosa dovrà fare un
ingegnere per bucare le montagne da qui a Bologna».
«Be’, certo» rispondo io. «Tanto per cominciare seccherà una
decina di sorgenti, ucciderà i fumi, prolungherà i lavori di cin-
que o sei anni e farà lievitare il preventivo di milioni di euro. Poi
mollerà in giro rifuti, detriti, fanghi industriali. Alzerà nuvole di
polvere e rumore, e alla fne racconterà che non c’è problema, è
soltanto disordine che si può sistemare, mettere a posto, dimen-
ticare».
Chiedo al nonno di passarmi il binocolo e inquadro i corvi che
zompettano sulle mine. Uno degli operai cerca di colpirli con una
pietra, o forse è un gesto caritatevole, un modo per farli scappare
prima del botto. Fatto sta che quelli svolazzano appena, giusto un
saltello e una frullata d’ali, poi si rimettono giù e viene da pensare
che lo facciano apposta, che sia una specie di sit-in, come quelli
che salgono sugli alberi per impedire che li abbattano.
«Guardi» continua il vecchio, «io c’ho settant’anni, quindi
non lo so se ci arrivo, ma lei può star sicuro che se verrà qua tra
dieci anni, troverà i gradoni colmati e gli abeti nuovi già belli cre-
sciuti, e non dico che sarà uguale a prima, ma certo la ferita avrà
cominciato a rimarginarsi, perché la Natura non ci mette niente
a riprendersi quel che è suo, se la si lascia fare, e anzi il proble-
ma è di non lasciarla fare troppo, come quando c’è il terremoto
xorruixo ,
ii sixriiio oicii oii
:cc :c:
o lo tsunami o i cinghiali che ti mangiano i tulipani sotto le fne-
stre di casa».
Vorrei rispondergli che si sbaglia, che la sua Natura è soltan-
to un sogno, un distillato platonico di boschi curati, piantati, ab-
battuti dall’uomo; cervi e cinghiali che brucano l’erba sotto i via-
dotti dell’autostrada; fornaci romane che spuntano da sottoterra;
alberi che ricordano quel che gli accade intorno.
Invece non parlo, guardo l’operaio tirare una seconda pietra,
poi consegno il binocolo al piccolo Davide. Una leggera famma-
ta si alza da terra e corre verso i corvi, un lampo nella polvere, poi
la terra scoppia, volano pietre e una nube in due colori, nera sul
fondo e bianca in cima, sale in diagonale e si affda al vento.
La guardo dissolversi lenta, mentre una pioggia di penne e
piume di corvo viene giù senza fretta, sugli alberi morti e sui gra-
doni, come una nevicata funebre e scura.
«Bella, eh?» mi fa il vecchio contento. «E non fa nemmeno
tanto rumore! È per via che mettono dei relè su un innesco parti-
colare, studiato apposta per quel tipo di esplosivo».
Faccio di sì con la testa, raccolgo lo zaino e saluto con tutta
la cortesia di cui sono ancora capace, prima di incamminarmi di
nuovo verso la strada fantasma. La scarpata è ripida, il peso sul-
le spalle mi trascina all’indietro. D’istinto mi aggrappo alle gine-
stre e penso ai tre versi di una poesia, la più lunga che ho mai im-
parato a memoria.
Dipinte in queste rive
son dell’umana gente
le magnifche sorti e progressive.
41
Giacomo Leopardi cantò la resistenza delle ginestre contro le
lave del Vesuvio.
Io arrivo in cima e mi guardo le mani, sozze di una polvere che
si infla nei pori.
Quarta tappa
Traversa-Castello di Trebbio (San Piero a Sieve)
57.
Alle sette del mattino l’oste è già in cucina, come promesso, in
compagnia di sei polli, due pentole di ragù, quattro arrosti di vi-
tello e tegami assortiti con intingoli di funghi e cinghiale.
La stufa dove tutto cuoce è uno di quei meravigliosi catafalchi
alimentati a legna, e il profumo del fuoco e della carne mette ap-
petito nonostante l’orario.
«Vogliono portarmela via» dice l’orco mentre versa fumi d’o-
lio sui polli. «Sono venuti i Nas e mi hanno detto che non è a nor-
ma, perché la cenere va a fnire nei piatti».
Dico che mi suona piuttosto assurdo, dopo quel che ho visto
ieri in fondo alla strada fantasma.
«La cava del Sasso di Castro? Sai perché è così grande? Per-
ché ci hanno mangiato tutti, tutti quanti. A me avevano chiesto
un terreno, qua sotto, per scaricare i detriti. Io non glielo vole-
vo dare e quelli hanno detto pazienza, vorrà dire che te lo espro-
priamo. È partita la causa, siamo andati avanti per un po’, alla f-
ne ho ceduto».
«E perché?».
«Perché tanto erano tutti d’accordo. Pure il mio avvocato s’e-
rano comprati».
Si china sul forno e ci infla una teglia di polli, stretti e rosa co-
me corpi nudi in un’ammucchiata, si tira su e controlla la famma
nel cuore della stufa.
ii sixriiio oicii oii
:c: :c,
«Però se un pensionato con la stufa in casa va a raccogliere
due bacchetti in riva al fume, gli fanno la multa, subito, e quello
non c’ha manco i soldi per pagare, prende meno di uno zingaro
coi sussidi del comune».
Gerolamo aggrotta le sopracciglia, perplesso. Per via del suo
mestiere, conosce diverse persone che lavorano nei campi noma-
di, e non ha mai sentito parlare di un sussidio specifco, al mas-
simo un contributo per i minori, se vanno a scuola, e i soldi per i
profughi della ex Iugoslavia, che però sono pochi e una tantum.
«Invece sì, t’assicuro, prendono più di mille euro al mese. Io
avevo qui un rumeno che lavorava in cucina, un bravo ragazzo.
Un giorno mi dice che gli zingari vogliono fare una festa e avreb-
bero bisogno di cinque maialini, vivi, così poi li sgozzano a modo
loro. Allora io passo al mio porcile, prendo il camion e glieli vado
a vendere. Quando li tiro giù, arriva la zingaraccia e mi dice che
non vanno bene, li vogliono tutti maschi, e invece in mezzo c’era
pure delle femmine. Io le ho detto che nessuno mi aveva avverti-
to, che prendessero i maschi, mi pagassero quelli e le femmine me
le portavo via. Allora la zingaraccia m’ha detto che no, non anda-
va bene, che con un cliente italiano avrei fatto di tutto per accon-
tentarlo e invece con loro no, perché sono zingari, e gli italiani gli
zingari li trattano male. Male? ho detto io, ma se prendete mille-
duecento euro al mese di sussidio, più dei nostri vecchi. E quel-
la zitta, non ha saputo cosa ribattere, e per farle vedere che aveva
torto ho fatto pure il secondo giro, per riprendermi le femmine e
portarle i maialini maschi che ci mancavano».
Gerolamo scuote la testa e immagina la zingaraccia che va in
Comune a Firenzuola, a pretendere i milleduecento euro di cui le
ha parlato l’italiano. Pensa all’uomo che gli ha offerto una stan-
za e un letto, che alla fne si è fatto due giri di camion per portare
i maialini giusti a una festa di rom, e poi è lo stesso che dice zin-
garaccia come se dicesse strega, e che si lascia abbindolare dalla
propaganda razzista.
E mentre quell’uomo gli fa segno di andare nell’altra stanza,
per offrirgli un caffè al bancone del bar, non sa più dire se met-
tersi in strada aiuti davvero ad afferrare la complessità del mon-
do, o se a guardarlo così da vicino, quell’intreccio, non si fnisca
per ridurlo a una sola dimensione.
Lo zaino in spalla e le mappe satellitari, l’occhio di Dio e
quello del viandante, gli sembrano ancora una volta l’ibrido più
fecondo.
58.
La luce del mattino accarezza le montagne e la vista corre sul-
la conca di Firenzuola, il bel paese che il Santerno bagna, ove si
parla tosco in terra di Romagna. Sono circa seicento anni che Fi-
renze amministra queste terre, e fno al 1923 la Toscana arriva-
va a Castrocaro, a dieci chilometri dalla Via Emilia. Poi Mussoli-
ni prese undici comuni e li spostò in provincia di Forlì, per assi-
curarsi che il Tevere, sacro ai destini di Roma, nascesse nella sua
terra d’origine. Oggi in Toscana restano solo Firenzuola, Palaz-
zuolo e Marradi.
Gerolamo contempla il paesaggio dal Parcheggio Belvedere,
una terrazza di cemento affacciata sulla valle, grande come una
piazza d’armi, con sette enormi rettangoli dal contorno bianco
dipinti sull’asfalto. All’ingresso, sotto la P del segnale stradale,
un piccolo cartellino spiega di cosa si tratta: Tir. La cava del Sas-
so di Castro, in primo piano, è pronta a mostrare il suo scempio
ai camionisti in sosta: 2.431.867 metri cubi di montagna trasfor-
mati in polvere e cemento.
42
Ma i camionisti non ci sono (è domenica), e non sembrano
nemmeno esserci stati spesso, visto l’aspetto immacolato di tut-
to lo spiazzo, se si esclude una scritta cubitale, sul doppio guard-
rail che fa da balaustra contro il panorama: Io e te, tre metri so-
pra il cielo. ti amo.
Forse a Traversa ci arriveranno, i sette autotreni evocati dai se-
gni per terra come astronavi aliene, e dal parcheggio si godran-
no la vista della “bretella di Firenzuola”, una superstrada che do-
vrebbe congiungere il paese col nuovo casello di Poggiolino, sulla
variante di valico, passando sotto le sorgenti dell’acqua Panna.
quaira raiia
ii sixriiio oicii oii
:c¡ :c,
La solita promessa di sviluppo, un culto del cargo nato negli
anni Sessanta, quando le autostrade portavano merci e progresso
in giro per l’Italia. Ma erano i tempi del boom, l’economia tirava,
e da allora il miracolo non s’è più ripetuto, anche se in tanti cer-
cano ancora di propiziarlo, col rituale dei caselli e i feticci d’asfal-
to, sortendo spesso l’effetto contrario: paesaggio strappato, turi-
sti in fuga, ristoranti e alberghi che chiudono i battenti.
All’insuccesso della magia si cerca allora di rimediare con al-
tro cemento. I Grandi appaltatori si fanno benvolere dai sindaci
regalando parcheggi, rotonde, svincoli, tangenziali, scuole.
Una strategia da potenza coloniale, che promette la civiltà in
cambio dello sfruttamento.
59.
Da Traversa alla Futa si segue per due chilometri la statale 65,
come intrusi a due gambe. Il traffco è nullo e camminare sul-
l’asfalto nuovo è un’esperienza piacevole e sovversiva. Una pic-
cola pernacchia alla civiltà dell’automobile.
Al passo, come per ripicca, ruspe e betoniere costruiscono
una rotonda: la più odiosa barriera architettonica per il popo-
lo degli appiedati. Gli scavi sforano il muraglione del Granduca
di Toscana, costruito per proteggere i viaggiatori dalla tormenta.
Clemente Biondetti osserva la scena da una targa in bronzo che
lo ricorda vincitore, per quattro volte, delle Mille Miglia, la miti-
ca corsa automobilistica su strade aperte, di passaggio alla Futa
in ventidue edizioni su ventiquattro.
60.
Gerolamo si reca in visita al cimitero germanico, che ha appe-
na compiuto quarant’anni ed è il più grande d’Italia. Già nel ’55,
dieci anni dopo la fne della guerra, Italia e Germania frmarono
un accordo per la sepoltura dei soldati tedeschi caduti sul territo-
rio italiano. Al Passo della Futa ne vennero accolti più di 32.000,
accoppiati sotto sedicimila lastre di granito e dodici ettari di pra-
to. Un muro grigio avvolge nelle sue spire i fanchi della monta-
gna e giunto sulla cima diventa una scheggia verticale, una vela di
pietra e calcestruzzo. Le strisce della bandiera tedesca e le stelle
d’Europa sventolano nel piazzale sottostante. Il tricolore italiano è
impigliato al pennone. Gerolamo si gode il panorama vastissimo, i
crinali verdi, azzurri, poi traslucidi all’orizzonte. Il luogo ha un fa-
scino silenzioso, fa pensare davvero alla parola pace e al suo intimo
legame con un’altra parola: memoria. Perché non è di certo un ca-
so se queste salme stanno qui, sulla Linea Gotica, raccolte da oltre
duemila comuni italiani, in un luogo dove la guerra e le stragi non
smetteranno mai di risuonare. Come a dire che la miglior garanzia
per la pace non è una memoria addomesticata, ma un ricordo vivo
e agguerrito, che non si arrende e non fa prigionieri.
Ha in testa questi ragionamenti, Gerolamo, quando torna al-
l’ingresso e sfoglia il libro degli ospiti. Oltre alle inevitabili cazza-
te di sapore nazista, ci sono anche le frasi di chi è salito quassù,
a 903 metri sul livello del mare, senza nemmeno sapere cosa an-
dava a vedere. Un riempitivo da pomeriggio domenicale, dopo il
pranzo con forentina e vino rosso, «andiamo al cimitero di guer-
ra», e allora questa gente di Modena, di Ferrara, di Arezzo, con il
cervello inceppato dalla digestione, ha frmato messaggi peace &
love scrivendoci sotto «Grazie», o «Gloria», o «Lode», «a questi
valorosi», cioè i soldati della Wehrmacht, l’esercito di occupazio-
ne che quanto a carnefcine non fu da meno delle ss.
43
Certo mol-
ti erano giovani, precettati, carne misera incastrata nella guerra,
ma allora che c’entrano la lode, la gloria, il valore? Martiri e vitti-
me non sono mai la stessa cosa.
61.
Dalla strada che scende verso Firenzuola, Gerolamo attacca
il sentiero per la vetta di Monte Gazzaro, sullo spartiacque tra le
valli del Santerno e della Sieve, tra la Romagna toscana e il Mu-
gello vero e proprio, tra il Nord Italia e il resto della Penisola.
È una bella salita nel bosco, col sole che infla i raggi tra i ra-
mi e fruga le foglie come se cercasse qualcosa. Per poco Gerola-
mo non fnisce investito da due centauri, moto enduro che sbu-
quaira raiia
ii sixriiio oicii oii
:co :c;
cano dietro un dosso e sgasano, fracassano, sventrano il sentiero.
Scartano all’ultimo momento, sbandando come cavalli imbizzar-
riti, e Gerolamo pensa che deve trattarsi di un’attività clandesti-
na, impossibile che la legge consenta una simile follia, ci saranno
impianti attrezzati, circuiti adatti. E invece, un centinaio di metri
più avanti, spuntano sotto un castagno i cartelli dell’Associazio-
ne Enduro Alto Mugello, che a quanto pare si occupa della ma-
nutenzione del sentiero, ovvero della sua trasformazione in pista
da motocross.
62.
Più avanti gli alberi si fanno radi e a cavallo del crinale si sten-
dono praterie, interrotte solo da rovi e cespugli. Una coppia di
cacciatori scende tra le ginestre con il cane incollato ai talloni e
un grosso daino trascinato per le zampe. Salutano cordiali, e Ge-
rolamo ricambia con imbarazzo, alla vista dell’animale morto e
imbrattato di sangue. Li guarda aprire il cassone del fuoristra-
da, issare la carcassa, assicurarla con gli elastici perché non scivo-
li via. Si sente un intruso, come se si trovasse per sbaglio al fune-
rale di uno sconosciuto. I cacciatori e la preda appartengono al
mondo selvatico, pensa Gerolamo, e io, che vengo dalla città, so-
no un cane in chiesa di fronte ai loro rituali. Fissa i fucili aperti a
metà, il bracco eccitato che raspa tra le ghiande e la testa del dai-
no, appoggiata sul bordo del pick-up, come un innocente in at-
tesa del boia.
No, decide con slancio, siamo il daino e io i veri cittadini del
mondo selvatico, noi che attraversiamo il cuore del bosco senza
ferirlo, contenti di quanto ci può offrire.
I due cacciatori salgono nell’abitacolo insieme al cane, fanno
retromarcia di scatto, come se avessero parcheggiato davanti a un
centro commerciale, e inflano la sterrata che li riporta a valle.
Mentre li guarda allontanarsi, Gerolamo scompone ancora le
tessere del suo ragionare. C’è chi abita il mondo selvatico, come
il daino, e chi lo attraversa soltanto, come i cacciatori, gli appas-
sionati di motocross e gli escursionisti. Inutile farsi illusioni: non
basta andare a piedi per lasciarsi alle spalle Babilonia. Il mondo
selvatico ci è negato, ma possiamo imparare ad ascoltarlo, oltre
il chiasso dei motori a scoppio, dei fucili e degli inni sacri per la
Natura perduta.
63.
La cima di Monte Gazzaro non è davvero la cima, o meglio:
la croce e il libro di vetta si trovano su un prato che sta più sot-
to e permette di far volare lo sguardo in ogni direzione, mentre
sulla cima vera e propria il bosco ritorna ftto e la vista è blocca-
ta dalle fronde.
Rispetto all’Appennino bolognese, la conca di Firenzuola ap-
pare più spopolata: piccole frazioni, poche cascine, distese di ver-
de ininterrotto. La densità del comune è di diciotto abitanti per
chilometro quadrato, più o meno come la Finlandia. Nel territo-
rio di San Benedetto Val di Sambro, in confronto, si sta quattro
volte più stretti.
Gerolamo immagina di sbucciare il paesaggio come una cipol-
la, lo spoglia uno strato dopo l’altro dagli involucri del tempo. Ve-
de i paesi rimpicciolirsi, i ruderi sparsi tornare cascine e poi capan-
ne, le siepi che cingono i campi farsi di nuovo bosco e i boschi an-
dare e venire sulle pendici dei monti. Vede le strade d’asfalto di-
ventare mulattiere, lastricati romani, piste etrusche, sentieri. Vede
Firenzuola sgretolarsi in un cumulo di macerie, e poi risorgere co-
me borgo medievale, città ideale costruita dalla Repubblica foren-
tina e rasa al suolo dalle bombe, il 12 settembre 1944. Vede un la-
go inondare la valle, i ghiacci coprire le foreste, i crinali abbassarsi,
diventare isole e infne scomparire sotto il mare giurassico. A quel
punto, lo strip si interrompe e il territorio comincia a rivestirsi. Pri-
ma gli abiti più pesanti, spessi milioni di anni, poi via via quelli più
sottili, tessuti nel tempo di pochi millenni. Stoffe con pizzi e dise-
gni, geografe stampate sulla valle dalla fatica dei contadini e dei
boscaioli. Un ordine fatto di alberi, acque, piante e sassi. Un ordine
molto umano che gli stessi uomini hanno voluto confondere e stor-
piare, con i veli confusi e stropicciati degli ultimi vent’anni.
quaira raiia
ii sixriiio oicii oii
:cï :c,
64.
Da Monte Gazzaro una discesa ripida tra le querce, scivolo-
sa e bianca di rocce, fa atterrare Gerolamo al Passo dell’Oste-
ria Bruciata, incrocio di antiche strade divenute sentieri, vali-
co attraversato fn dai tempi degli Etruschi ma sconosciuto ai
Romani. La Flaminia Militare seguiva infatti la via della Futa,
l’odierna statale, dove i pedoni sono ospiti sgraditi da almeno
sessant’anni.
Si dice che anche Annibale sia passato di qua, nel 217 a.C.,
con l’unico elefante sopravvissuto all’inverno, grazie alle indica-
zioni di una tribù gallica nemica di Roma.
Ma lo si dice di moltissimi altri passi, dalla Liguria al Monte-
feltro, e c’è chi sospetta che i cartaginesi, per disorientare il nemi-
co, abbiano scelto di separarsi in colonne e scavalcare l’Appenni-
no in punti diversi.
Ai tempi delle lotte tra ghibellini e guelf, il passo era control-
lato dalla famiglia degli Ubaldini, feri avversari del Comune di
Firenze. Fu per questo che i Fiorentini smisero di frequentarlo e
scelsero di investire sul Giogo di Scarperia. Forse furono loro a
mettere in giro la voce che l’osteria del vecchio passo era poco ac-
cogliente, e gli avventori rischiavano di sfamarsi con un bollito di
carne umana, prima di fnire a loro volta in padella. Chissà se il
sospetto trovò qualche conferma, si domanda Gerolamo, o se fu
soltanto per colpa del gossip che l’osteria venne bruciata e il pas-
so scivolò nell’oblio.
65.
Mentre scende verso il fondovalle, Gerolamo scopre le diffe-
renze, come in un gioco per bambini, tra il volto adriatico del-
l’Appennino e quello tirrenico, che gli si spalanca innanzi.
L’orientamento delle valli è mutato: il Setta, il Sàvena e il Re-
no scavano le montagne da sud a nord, mentre la Sieve scorre da
nordovest a sudest, parallela alla catena principale.
Querce e pini hanno dato il cambio a faggi e abeti. L’aria sa
di resina, di cipresso, di caldo e rami secchi. Più in basso, dove il
bosco lascia spazio ai campi, flari verde argento segnano il pas-
saggio dalla civiltà dello strutto a quella dell’olio.
Un istrice ha seminato gli aculei sul sentiero e Gerry li racco-
glie per portarli in regalo a Dario, che adora gli animali e di si-
curo apprezzerà la storia di questo roditore dalla pelliccia spi-
nosa. Dice la vulgata che furono i Romani a portarlo dall’Egit-
to, per le carni squisite e l’aspetto bizzarro, ma poi un paleonto-
logo ha trovato da queste parti fossili più antichi, e ancora non
ci si spiega come mai l’Hystrix crestata, fuori dall’Africa, si tro-
vi solo in Italia. Dicono pure che spari gli aculei contro i nemi-
ci, e questo a Dario non potrà che piacere, anche se in realtà li
perde soltanto.
In lontananza, una lingua di luce ondeggia tra gli alberi: so-
no le acque del Bilancino, un lago artifciale di cinque chilometri
quadrati, inaugurato nel 1999.
Eppure, a vederlo dall’alto, il lago sembra essere lì da sempre,
unica impronta aggraziata
44
tra le tante pedate che hanno schiac-
ciato il Mugello negli ultimi quindici anni. Oltre all’alta veloci-
tà e alla variante di valico, il nuovo casello autostradale di Bar-
berino, un vecchio circuito diventato sede stabile del MotoGp e
un outlet da cento negozi e 25.000 metri quadri sulle rive della
Sieve, con piazze, ponti, portici e viali in stile borgo toscano del
Rinascimento.
Dicono i geologi che in epoca villafranchiana, settecentomila
anni fa, tutto il corso della Sieve tra Barberino e Vicchio era co-
perto da un bacino lacustre, che poi ruppe l’invaso e si svuotò, la-
sciando strati di ghiaia lungo le antiche rive.
Dunque è possibile, pensa Gerolamo, far nascere un lago do-
ve la Terra dice «lago», bucare una montagna solo se lei stessa è
d’accordo e imparare a domandarle un parere non solo con son-
daggi e modelli matematici, ma interpretando le storie e le geo-
grafe di una valle. Aprire le orecchie e ascoltare la voce dei luo-
ghi, invece di costruire viadotti e gallerie per onorare gli impegni
presi con i telespettatori, disegnando autostrade su una lavagna a
fogli, come se l’Italia fosse il deserto del Gobi.
quaira raiia
ii sixriiio oicii oii
::c :::
66.
Già i Romani tracciavano le strade col righello, più ispirati dal-
la geometria che dalla geografa.
Franco Santi e Cesare Agostini lo sanno e accorrono subito,
quando gli scavi per dare un letto al nuovo lago fanno emergere dal
fango i sei pilastri di un ponte. Fin dalla prima occhiata capiscono
che le pile sono allineate al crinale che scende dalla Futa e si con-
vincono di aver trovato il punto dove la Flaminia Militare scavalca-
va la Sieve. Fanno datare alcuni reperti e con l’aiuto dell’archeolo-
go Vittorio Galliazzo dell’Università di Venezia, azzardano l’ipote-
si che il ponte sia di epoca medievale, ma costruito sullo stesso luo-
go di una struttura romana in legno. Poi l’acqua della Sieve inonda
la valle, e i pilastri del ponte tornano a dormire sotto il lago.
67.
Squilla il cellulare, sullo schermo il numero di casa. Di solito
l’appuntamento telefonico è fssato per la sera, ma nella voce di
Lara non c’è agitazione, solo voglia di sentirsi e parlare, in fondo
è domenica, non si lavora, e solo per Gerolamo è una giornata di
cammino come tutte le altre.
Brevi resoconti dalle rispettive mattine, notizie dei bimbi e
poi la domanda:
«Allora quando torni? Domani pomeriggio?».
Finora Gerry ha sempre evitato una risposta precisa: la guida
dice che ci si mette quattro giorni e mezzo, poi non so, magari a
me ce ne vuole mezzo in più, ho preso apposta le ferie fno a mar-
tedì per stare più tranquillo.
Adesso però un’idea se l’è fatta, ha visto che i tempi della gui-
da sono più o meno i suoi, e quindi sì, dice alla fne, penso che
per domani pomeriggio dovrei farcela davvero.
«Che bello!» sente dire Lara. «Se riesci a tornare entro le cin-
que è perfetto, così porto Lucia alla lezione di pattinaggio senza
tirarmi dietro Dario, che dici, ce la fai a riprenderlo a scuola?».
«Penso di sì, ma dipende dalle gambe, non è che posso esse-
re sicuro».
«Noi facciamo il tifo per te, vero Lù?».
Lontani dal microfono, Dario e Lucia cantano «Alé, papà»
come se fossero allo stadio.
Gerolamo ride, manda un bacio e si rimette a camminare.
Ancora non sa che una semplice telefonata può inoculare nel
viandante il morbo del pilota.
68.
Ruderi, cespugli e una strana terra di colore rosa, che si sfa-
scia in minuscole scaglie. Dopo un tratto ripido e roccioso, dal-
l’aspetto alpino, Gerolamo attraversa una macchia accaldata,
mediterranea, dove piste e sentieri si accavallano come spaghet-
ti. I segni biancorossi incontrano altri cartelli, percorsi per ca-
vallo e mountain bike, e instillano il dubbio moltiplicando i bi-
vi. A complicare le cose, il tragitto della Via degli Dei si sdoppia
in due varianti, e Gerolamo, dopo tre tentativi a vuoto, fnisce
con l’imboccare lo stesso il vecchio percorso, appena più lungo
e più asfaltato. È un errore da niente, ma Gerolamo mastica im-
properi, se la prende con la guida, con le mappe troppo picco-
le, con i segnavia troppo distanziati. Passa di fanco a una pieve
del Trecento, la chiesa di San Lorenzo a Montepoli, e non la de-
gna di uno sguardo.
Ma forse è soltanto la fame.
69.
Infatti, arrivato a Sant’Agata in Mugello, nel deserto festivo
delle due e un quarto, Gerolamo supera di slancio il ponte roma-
nico sul torrente Cornocchio, il mulino, l’ospitale dei pellegrini,
la pieve e seguendo il suono delle uniche voci umane, scarica lo
zaino in Piazza della Libertà, di fronte a un bar dall’aspetto acco-
gliente. Dentro, gli animi e la tv sono accesi sul MotoGp, duello
di sorpassi tra Valentino Rossi e lo spagnolo Lorenzo. La cliente-
la è mista e cavalca le generazioni: i giovani comprano sigarette e
gelati; gli adulti, tutti uomini, cercano nel caffè un antidoto alla
noia, al sonno e alle pulizie postprandiali delle mogli. Uno di lo-
quaira raiia
ii sixriiio oicii oii
::: ::,
ro, rassegnato, dichiara che la domenica pomeriggio è molto peg-
gio che lavorare.
Gerolamo si fa preparare un panino da clima estivo, pomodo-
ro e mozzarella, e lo divora appoggiato sul congelatore a pozzet-
to, leggendo notizie locali da un giornale gratuito.
Conclude con una mela e una tavoletta di cioccolato, men-
tre il cielo si riempie di nuvole e un ventenne con la sciarpa gial-
loblù dello Scarperia attacca sul vetro un manifesto per la sera-
ta di Halloween.
«Allouin, Allouin» commenta uno dei più vecchi. «Ma perché
non la si chiama più Festa della Zucca? Secondo me ce l’han co-
piata da noi, questi americani, quando son stati qui nel ’44, pri-
ma di andarsene in fla ad attaccare la Gotica...».
70.
Visti dalla strada, i coppi d’argilla e le case biancastre di San-
t’Agata si impastano con la terra, e se non fosse per il campani-
le della pieve millenaria, si potrebbe confonderli col proflo del-
l’Appennino, che ormai si fa campagna, con le siepi di vitalba e
le zolle rivoltate, gli ulivi, i prati, le punte dei cipressi e il primo
pino marittimo con la chioma a ombrello, anticipo di Maremma
e meridione.
La strada per San Piero è una striscia dritta di polvere e pie-
trisco, vecchio macadam a base d’acqua, che in sette chilometri
scende di appena centocinquanta metri, attraverso greggi e pol-
lai, ruderi e pascoli, accompagnata dai pioppi lungo il torrente
Anguidola.
Gerolamo è stanco, ma le gambe vanno da sole, in una sorta
di ebbrezza, passi che potrebbero non fermarsi fno al tramonto,
nella quiete della luce e dei luoghi.
71.
Il traffco della statale arriva come uno schiaffo, dopo il bo-
sco di querce e ciclamini della tenuta Schifanoia. Il viale d’ingres-
so a San Piero è saturo di auto e cartelli turistici. Gerolamo se-
gue le indicazioni per il parco fuviale: i prati lungo la Sieve sem-
brano l’unica erba dei dintorni dove si possa piantare una tenda
senza disturbare, ma il popolo delle zanzare presidia la zona con
i suoi avamposti. Di fronte allo spettro di una notte insonne, pas-
sata a grattarsi le caviglie con le unghie dei piedi, Gerolamo de-
cide di proseguire, per togliere chilometri all’ultima tappa e met-
tersi avanti sulla tabella di marcia.
71.1
In piazza Colonna trova una panchina, si siede, consulta la
mappa, succhia mezza confezione di miele per ingannare i mu-
scoli affaticati. Il nuovo percorso della Via degli Dei passa da
Trebbio e Tagliaferro, allungando la tappa di almeno un’ora, con
il solo scopo di tornare per pochi chilometri sulla Flaminia Mili-
tare e di spiare un castello da dietro le sbarre di una cancellata.
Roba da turisti, pensa Gerolamo, mentre sale di buon passo
tra le case gialle con le imposte verdi e imbocca la sterrata per la
fortezza di San Martino, fatta costruire da Cosimo i dei Medici
nel 1569. Per ammirare i ruderi del mastio, i baluardi, le casemat-
te e le fuciliere, bisognerebbe fare una piccola deviazione, tre-
cento metri all’andata e altrettanti al ritorno, ma Gerolamo lascia
perdere: il cielo è grigio, c’è aria di pioggia e il castello di Treb-
bio, in cima al suo colle, promette una lunga salita.
71.2
Prima di arrivarci, Gerolamo sbaglia sentiero e per ritrovare
la strada deve scavalcare tronchi e cespugli, con rabbia, come se
i piedi avessero fame di strada, una fame bulimica, di quelle che
vorresti farne a meno e invece non puoi.
Guarda il castello di Trebbio, lassù, tra picche di cipressi e f-
lari di vite, e pensa a quell’inutile spreco di tempo e di energie,
quando potrebbe risparmiare entrambi, seguire la statale in di-
scesa e raggiungere Tagliaferro in mezz’ora di cammino o addi-
rittura in corriera, c’è di sicuro una corriera, per evitare che i ca-
mion ti buttino nel fosso con lo spostamento d’aria. Certo sareb-
quaira raiia
ii sixriiio oicii oii
::¡ ::,
be disonorevole ricorrere a un mezzo a motore, ne va della purez-
za del percorso, ma a volte ci vuole il coraggio di essere impuri,
di riconoscersi deboli e ripartire da capo. Se uno digiuna per ele-
vare lo spirito e poi, distrutto dalla fame, bestemmia contro Dio
e contro il mondo, tanto vale che si umili mangiando. Perché la
strada più dritta non è sempre la migliore e a bucare le montagne
si rischia di fnire schiacciati.
71.3
Al diavolo la corriera, pensa Gerolamo, mentre attraversa la
statale e prende a salire sul cemento bianco. Ormai sono le sei del
pomeriggio, cammina dalle sette del mattino, con un’ora e mez-
zo di pause sommandole tutte. Si dice che dopo tanto marciare,
sempre da solo, non è strano avere qualche sbandamento, la testa
che non sa più cosa volere, le gambe indecise tra l’inerzia e il bi-
sogno di fermarsi. Si dice che la stanchezza colpisce prima i ner-
vi dei muscoli, che il corpo impara a soffrire molto prima e mol-
to più a lungo del cervello. Se ne convince, aumenta l’andatura,
vede i cartelli di un agriturismo e già pregusta la cena, mangio a
Trebbio, poi cammino un altro po’ e pianto la tenda sulla stra-
da, così accorcio l’ultima tappa di un paio d’ore e domani arri-
vo prima in stazione. È tutta questione di testa, manca l’ultimo
strappo, con la giusta mentalità si arriva dove si vuole. Pensa co-
sì, Gerolamo, e mentre il cervello pensa, tre palpitazioni a tam-
buro gli gonfano il cuore, il fato si spezza e la testa inizia a gira-
re, come quando al mare ti alzi dalla sabbia troppo in fretta, sot-
to il sole giaguaro.
72.
Scampato all’infarto, Gerolamo avanza a piccoli passi fno al
borgo di Trebbio, scaraventa lo zaino contro un muretto e guar-
da il mondo con riconoscenza. È seduto sotto la loggia d’ingres-
so di una piccola cappella, circondato dai cipressi, alle spalle di
una coppia che contempla il panorama mano nella mano. Dall’al-
tra parte della strada bianca, una fla di case rustiche, ben cura-
te, coi pergolati d’uva e le sedie di plastica davanti alla porta. Sot-
to un fco stanno parcheggiate una jeep e un’auto d’epoca, color
amaranto lucido come nuovo, agghindata con fori bianchi e ve-
li da matrimonio.
L’agriturismo promesso dai cartelli è in realtà un’azienda agri-
cola, chiusa dietro il cancello chiuso del maniero, antica residen-
za dei Medici nella loro terra d’origine.
Pazienza, c’è sempre la cena di scorta custodita nello zaino:
due scatolette di tonno, una di fagioli, una barretta di sesamo e
una mela. L’acqua nella borraccia è fnita, ma in fondo alla strada,
sul crocicchio, c’è un lavatoio in pietra invaso dai rampicanti e
una fonte con rubinetto nel piccolo parcheggio subito a fanco.
Gerolamo aspetta che la coppietta risalga sulla jeep, quindi,
rimasto solo, prende il sapone, prende l’asciugamano, si spoglia
per lavarsi le ascelle, e in quell’esatto momento un tizio esce di
casa per buttare il pattume. Gerry saluta, per dimostrarsi al cor-
rente delle abitudini civili, nonostante l’apparenza trasandata, il
torso nudo e le abluzioni da vagabondo.
Terminata la pulizia, viene il momento di attaccare le riserve
di cibo e rimediare con l’ingegno alla mancanza di posate. Il co-
perchio del tonno, piegato in forma concava, si rivela un buon
cucchiaio, anche se obbliga a molte attenzioni, per non squarciar-
si la lingua con il bordo della latta.
73.
Arriva il buio, e una pioggia sottile. Gerolamo dovrebbe sbri-
garsi a montare la tenda, ma quando va per buttare i resti della
cena, scopre un materasso abbandonato tra i cassonetti della dif-
ferenziata. Lo accarezza: è ancora asciutto. Avvicina il naso: non
puzza. Lo guarda: ha l’aria pulita. Il ricordo dell’ultima, morbida
notte a Traversa, assalta le membra stanche. Gerry si porta via il
giaciglio e va a piazzarlo sotto la loggia all’ingresso della cappel-
la, ignorando un cartello di proprietà privata. Si adatta allo spa-
zio come un seme nel suo buco, nascosto dietro il muretto, e una
volta completo di stuoia e sacco a pelo diventa un letto di lusso,
quaira raiia
ii sixriiio oicii oii
::o ::;
per un viandante stracco e frollato, senza nessuna voglia di mon-
tare la tenda.
Gerolamo si sveste, infla la tuta che gli fa da pigiama. Punta
la sveglia del cellulare alle sei del mattino, per andarsene col buio,
prima che qualcuno lo accusi di aver profanato un luogo sacro e
una proprietà privata, che poi è la stessa cosa.
Telefona a casa per la buonanotte e dice che domani dovreb-
be essere a Firenze per le due del pomeriggio, e quindi a Bologna
senza dubbio entro le cinque.
Poi chiude gli occhi e scivola nel sonno, mentre piccole gocce
d’acqua portate dal vento gli bagnano le guance e i capelli.
NotturNo 4
45
Dicono che fosse una bella giornata, e alla fne anch’io la rac-
conto così, ma non sono sicuro di ricordarmelo davvero. Face-
va ancora buio quando mi hanno svegliato e sono sceso in cucina
per la prima colazione. Sulla tavola c’erano le gallette col miele,
che a casa nostra si mangiavano soltanto in una circostanza: le ga-
re del babbo. Ne ho addentata una e subito mi è venuto in men-
te che giorno fosse.
Domenica 3 aprile 1938.
Il giorno delle Mille Miglia e della scommessa con il barone
Frasca di Monte San Savino.
All’edizione precedente, la numero undici, mi ero guadagna-
to il diritto di assistere alla corsa. Avevo compiuto sette anni, che
secondo mia madre era l’età minima per partecipare a un even-
to così pericoloso. S’era lasciata convincere dai cartelli sui mu-
ri: «Mamme! Attente ai vostri bambini» e non contava dirle che
tanti miei compagni ci andavano già da più piccoli, e che il mae-
stro ci esortava sempre a rimirarla, quella potente espressione
dell’Italia fascista, collaudo di motori e disciplina per un’intera
nazione.
Il babbo mi aveva portato sul rettiflo di Villa Cafaggiolo, do-
ve i piloti si lanciavano fno ai duecento all’ora, per poi subito
scalare in vista della curva. Noi ci eravamo sistemati proprio lì,
sul ciglio, di fronte alla costola di balena, e in attesa delle prime
automobili ascoltavo la storia di quell’osso, saltato fuori dal fango
ii sixriiio oicii oii
::ï ::,
e messo in bella vista sulla facciata del casale, a riprova che il Mu-
gello, in tempi antichi, era stato un grande lago salato. Stavo per
ribattere che le balene sono animali da oceano, quando un signo-
re coi mustacchi mi interruppe, lodando mio padre perché fnal-
mente portava il fglio «a riverire gli assi del motore».
Botta e risposta, batti e ribatti, i due si misero a litigare e io
non ci capii nulla. Solo anni dopo gli argomenti di quella baruffa
entrarono nella mitologia familiare.
Mio padre, Silverio Nencini, aveva uno studio da fotografo
e nel tempo libero si dedicava alla corsa. Anche l’uomo coi baf-
f, Alessandro Frasca di Monte San Savino, amava molto le cor-
se, solo che il mio babbo andava a piedi e il barone in automobi-
le. Uno aveva scoperto la maratona negli Avanguardisti, ai tempi
del ginnasio, l’altro aveva pilotato la sua Alfa su vari circuiti stra-
dali, comprese le ultime edizioni al Mugello.
Il barone si alzava sempre di buon mattino per andare a Firen-
ze a curare i suoi affari. Mio padre, prima di aprire bottega, si al-
lenava per un paio d’ore sulle strade di campagna. Spesso capita-
va che i due s’incontrassero, perché la villa dei Frasca era un paio
di chilometri sopra casa nostra, sulla via che sale a Barberino.
Il barone strombazzava in segno di saluto, ma secondo il bab-
bo faceva anche di tutto per stringerlo verso il fosso, alzargli pol-
vere in testa e schizzi di fango. Quel sospetto nasceva da certi
discorsi che il Frasca teneva sempre in pubblico, dopo la mes-
sa oppure dal barbiere, dicendo che il correre a piedi era un ci-
mento da nulla, se paragonato a quello del pilota, dove serviva-
no nervi a posto, resistenza fsica, occhio esperto e padronanza
del mezzo.
«Il podismo è una scienza esatta» ribatteva mio padre, «non
si tratta di andare veloci, come san fare anche il cane e la lepre. Si
tratta di trovare l’andatura giusta. Per correre una maratona bi-
sogna sapersi comandare, per correre con l’auto basta comanda-
re una macchina».
Allora Frasca citava le gare di regolarità per automobili, come
lo stesso Circuito del Mugello, dove si dovevano fare quattro giri
da sessantasette chilometri in un’ora e mezzo, e chi ci metteva di
più o di meno veniva penalizzato.
Il babbo ribatteva che, guarda caso, lì al Mugello non si cor-
reva più, e tutte le gare più importanti erano basate sulla velocità
delle macchine, mentre il podismo era pura flosofa: conosci te
stesso e l’uomo misura di tutte le cose.
Era una vecchia diatriba che andava avanti dal tempo del li-
ceo, quando il giovane barone si fermava davanti al caffè, con la
Fiat 1500 del padre, e senza spegnere il motore interrogava i pre-
senti sul genere del nome “automobile”.
«Sapete perché si dice gli aeromobili e non si dice invece gli
automobili? Perché questa è una macchina obbediente, elegante,
superba come una bella donna». Poi schiacciava l’acceleratore,
ingranava la marcia e salutava tutti con la mano guantata. «Una
di quelle donne che voi non avrete».
La lite di quel 1937, però, fu diversa dalle altre, più aspra, for-
se perché la mia presenza spingeva il babbo a un maggior punti-
glio. Fatto sta che il giorno successivo Frasca si presentò a casa
nostra per proporre una sfda.
«Il prossimo anno» disse con tono solenne «intendo parte-
cipare alle Mille Miglia. Come sapete, il percorso parte da Bre-
scia, va per Bologna e la Futa fno a Roma e quindi torna indie-
tro, per la costa adriatica e la Via Emilia, passando da Bologna
una seconda volta. Mi dicono che il tratto da qui a Roma, e poi
a Bologna, è assai duro, e che diffcilmente un’auto come la mia
impiega meno di dieci ore per completarlo. Mi dicono altresì che
da qui a Bologna ci sono circa cento chilometri e che farli di cor-
sa in meno di dieci ore è un’impresa altrettanto diffcile. Propon-
go quindi di partire insieme, al mio passaggio da Villa Cafaggio-
lo, io verso sud, voi verso nord, e di vedere chi dei due arriverà a
Bologna per primo».
Mio padre chiese qualche giorno per pensarci. Studiò le map-
pe, fece i suoi calcoli e alla fne decise che la proposta del Frasca
era equilibrata, una sfda bella e terribile, e non restò che accor-
darsi sulla posta.
xorruixo ¡
ii sixriiio oicii oii
::c :::
Il barone mise in palio la sua automobile, un’Alfa Romeo
2300 sei cilindri, di colore amaranto, uguale uguale a quella del
Duce. Il babbo rispose che non poteva accettare: una macchi-
na del genere costava come sei anni del suo lavoro. Ma il ba-
rone insistette, disse che i soldi non erano un problema, e che
il valore simbolico della posta, quello solo contava. Ognuno
doveva giocarsi il mezzo che gli sarebbe servito per compie-
re l’impresa.
«Volete che vi offra il cuore e le gambe?» domandò mio pa-
dre. «So che me li invidiate, ma non vedo come si possa fare».
«Allora mi darete le scarpe e l’abbigliamento da corsa» rispo-
se l’altro. «E pazienza se non valgono un sedile della mia Alfa Ro-
meo. Si sa che la vostra è una disciplina per poveracci».
Il babbo decise di non fare l’orgoglioso. Accettò la posta e co-
minciò gli allenamenti.
Nel frattempo, anche il barone metteva alla prova le sue do-
ti da pilota, cercando di imitare Varzi e Nuvolari. Quando il raci
di Brescia comunicò il tracciato della xii edizione, fece una prova
generale sulle strade prescelte. E quindi Firenze, Pisa, Livorno,
Grosseto, Roma, Terni, Fano, Bologna. Subito si diffuse la noti-
zia che quel suo test era andato male, molto male. Una giornata
intera per fare tutto il giro, mentre mio padre, nella maratona che
s’era corsa a Lucca, aveva fatto segnare un tempo sotto le tre ore
e si era piazzato al dodicesimo posto.
Fu allora che il barone cominciò a giocare sporco.
Mise in giro la voce che per mio padre la sfda tra di loro ave-
va un signifcato molto più che agonistico.
La sua, disse, era una battaglia politica e di opposizione.
Le simpatie di mio nonno per il socialismo, d’altra parte, era-
no ben note anche alla polizia.
Non era quel correre contro un’automobile il simbolo del-
l’Italia arretrata e proletaria che vuole riportare indietro il Pae-
se fascista?
Non l’aveva detto bello chiaro, il Duce, che l’automobile è un
disinfettante sociale contro l’infezione bolscevica?
E non era la sua Alfa 6C 2300B Gran Turismo una macchina
pressoché identica a quella di Mussolini?
La maggior parte della gente, in paese, disse che al Frasca gli
s’era guastato il cervello, ma lui nulla, continuò a ripetere le sue
accuse, fnché il 10 febbraio non partì da Brescia un altro podi-
sta, Costantino Seggioli, che voleva fare tutto il percorso delle
Mille Miglia e arrivare al traguardo, il 3 aprile, un’ora prima dei
primi concorrenti.
«Visto?» commentò mio padre. «La politica non c’entra. Se
andare a piedi contro le macchine fosse tanto rivoluzionario, non
l’avrebbero mica fatto partire, questo qui».
Il barone non si diede per inteso, rincarò la dose, fece stam-
pare un migliaio di volantini con un’intervista del Duce, usci-
ta sullo Sport Fascista, dove Mussolini diceva che l’automobile è
una garanzia per l’ordine sociale e che chiunque ne compri una
diventa «immediatamente antirivoluzionario», perché non vuo-
le saperne di quel comunismo che potrebbe portargli via la sua
vettura.
E così, in un crescendo di tensioni e frecciate, giunse il gior-
no della partenza, di nuovo sul rettiflo di Cafaggiolo, giusto un
poco più avanti dell’osso di balena, dove cominciava uno sterra-
to per andare a Barberino senza fare la statale.
Arrivai alle sei del mattino, col babbo e la mamma, mentre
ancora passavano le categorie inferiori: le Topolino, le settecin-
quanta, le mille senza compressore. La classe del barone, partita
da Brescia intorno alle cinque, non sarebbe arrivata prima delle
sette e mezzo, mentre per i più veloci, gli eroi del volante fatti di
carne e pistoni, c’era da aspettare almeno fno alle otto. Io mi la-
sciai ipnotizzare per una mezz’ora dalla sflata di auto, poi presi
a giocare per terra con la macchina da corsa che mi aveva regala-
to zia Nilde, un fuso di legno con quattro ruote e il pilota scolpi-
to nell’abitacolo, tutt’uno col bolide.
Alle sette mi tirai su e puntai di nuovo gli occhi sulla strada.
Il babbo faceva su e giù per lo sterrato, per scaldare le gambe e
sciogliere i nervi: io dovevo fssare le auto e avvisarlo all’arrivo del
xorruixo ¡
ii sixriiio oicii oii
::: ::,
barone. Era un compito di fducia e mi seccava doverlo condivi-
dere con gli altri paesani, che s’erano fatti attorno e aspettavano
sul ciglio, pronti a seguire mio padre almeno per un tratto, chi a
piedi e chi in bicicletta, chi per incitarlo e chi per controllare che
non prendesse aiuti da nessuno.
Passò almeno un’altra ora, poi il richiamo dei motori si fe-
ce più assordante, trattenni il fato, e vidi passare Biondetti, Pin-
tacuda e Dusio, con le loro Alfa 2900 da otto cilindri, e i fratel-
li Wild, detti Ventuno e Ventidue, chissà poi perché. E dietro i
francesi e gli altri stranieri, con le Talbot, le Bmw e le Delahaye,
che rispetto all’Alfa Romeo erano mezze lumache, senza alcuna
speranza di vincere la gara.
Qualcuno calcolò che il Frasca, già superato dai più forti, non
stava tenendo l’andatura. Molti scommisero che avrebbe recupe-
rato dopo il tratto appenninico, sull’autostrada Firenze-Mare e
sull’Aurelia.
Dopo un paio di falsi allarmi, fnalmente lo riconobbi a me-
tà del rettiflo, col suo giardiniere di fanco e l’Alfa amaranto co-
perta di polvere, che in confronto alle prime sembrava andasse
lenta.
Mia madre aiutò il babbo a inflarsi lo zaino, con dentro la
borraccia d’emergenza, il miele in tubetto e la macchina fotogra-
fca. Io provai ad andargli dietro, anzi di fanco, perché mi aveva
spiegato che un maratoneta deve seguire il suo ritmo, e avere da-
vanti qualcuno che va troppo forte può confonderlo e farlo sba-
gliare. Ma c’erano lo stesso un sacco di grulli che non la sapeva-
no, questa regola, e che per incitarlo gli stavano innanzi con la bi-
ci e gli dicevano «Dai, dai, di questo passo arrivi domani». Gente
che ragionava da pilota e non capiva che il podismo è una scien-
za esatta, e pure una flosofa.
Restai di fanco al babbo fno alla casa degli Innocenti, con la
mia macchina di legno in una mano e il berretto nell’altra, poi mi
mancò il fato e dovetti fermarmi, per guardarlo allontanarsi e sa-
lutare gridando.
La giornata scivolò via tra la messa, il pranzo coi nonni, i com-
piti di aritmetica e un bagno caldo. Ero ancora a mollo nella va-
sca, quando la campana della pieve suonò per il vespro. Mio pa-
dre e il barone erano scomparsi, uno verso nord, l’altro verso sud,
da oltre dieci ore.
Uscii dall’acqua e ascoltai la radio snocciolare l’ordine di arri-
vo a Brescia. Pintacuda, il mio preferito, non ce l’aveva fatta per
due secondi. Speravo che un forentino riscattasse al volante il
pessimo campionato dei Viola, e invece aveva vinto il sardo, Cle-
mente Biondetti, alla media di centotrentacinque chilometri al-
l’ora, un tempo da pazzi. Purtroppo, disse il cronista, la magnif-
ca gara era stata segnata da un grave incidente. Al secondo pas-
saggio per Bologna, una Lancia era uscita di strada e aveva ucci-
so dieci spettatori.
Chiusi gli occhi e mi apparve un presagio: il babbo era ar-
rivato a Bologna, anche lui con un tempo da primato, e subito
s’era unito alla folla, sul marciapiede, per fare marameo al ba-
rone Frasca, ma mentre si sporgeva per guardare, un mostro
di lamiera aveva perso il controllo e gli era fnito addosso. Cer-
cai di scacciare l’immagine dal cervello, ma più mi affannavo e
più quella ritornava, con i contorni nitidi e precisi di una foto-
grafa.
Verso le otto venne a casa un domestico e ci avvisò che il Fra-
sca si era dovuto ritirare, per via di un brutto incidente poco pri-
ma di Fano. Mia madre lo pregò di avvisare la polizia, dal te-
lefono della villa, che di Silverio Nencini non si avevano anco-
ra notizie e di sicuro gli era accaduto qualcosa sulla strada per
Bologna.
Mamma si sforzava di apparire tranquilla e di sparecchiare la
cena come tutte le sere. Io andai a spogliarmi e mi inflai nel let-
to. Dissi una preghiera e mi convinsi che non avrei chiuso occhio.
Invece, senza avvisare, il sonno mi prese e mi portò lontano.
Due poliziotti bussarono alla porta due ore più tardi, ma si
trattennero poco, e io non li sentii.
Mia madre preferì lasciarmi dormire.
xorruixo ¡
ii sixriiio oicii oii
::¡ ::,
Il mattino dopo, quando venne a svegliarmi, aprì la fnestra
e fuori c’era il sole. Io mi preoccupai, perché per andare a scuo-
la mi alzavo sempre col buio, e la luce che entrava in camera si-
gnifcava festa, malattia, o “motivi di famiglia”, come quando era
morto il nonno Lamberto. E siccome la domenica era appena
passata e non avevo né febbre né raffreddore, doveva esserci per
forza un motivo familiare.
«Tuo padre ha vinto» mi disse la mamma con un bacio. «An-
diamo a prenderlo al treno».
Dieci minuti dopo ero già sulla porta e il calesse era pronto
sull’aia. Spronammo la cavalla e in poco più di mezz’ora arrivam-
mo in paese.
Sul binario c’era parecchia gente, si vede che la notizia aveva
già fatto in tempo a girare.
Il barone Frasca ci venne incontro coi suoi mustacchi e quan-
do si tolse il cappello per salutare mia madre, vidi che aveva la te-
sta tutta fasciata. Mi fece una carezza in capo e disse che il mio
babbo era un eroe e dovevo andarne fero. Si vede che la botta gli
aveva messo il cervello di nuovo in funzione. Io mi ricordai quel
che diceva sempre mio padre, che nello sport non esistono eroi,
tutt’al più campioni, e gli risposi che il babbo era uno di loro.
Poi il treno arrivò, si aprirono le porte, il babbo scese giù e io
corsi ad abbracciarlo, mentre gli altri paesani urlavano e spinge-
vano per portarlo in trionfo.
Quella sera, dopo i festeggiamenti, mi raccontò che un bo-
scaiolo di Loiano gli aveva indicato una scorciatoia per evitare i
tornanti della statale. Lui l’aveva imboccata, non c’erano divieti
in proposito, ma i due che lo seguivano in bicicletta – un amico
suo e un amico del barone – non erano riusciti ad andargli dietro,
per via del fondo roccioso e di un ruscello che tagliava il sentie-
ro. Allora s’erano dati appuntamento più in basso e il babbo ave-
va guadato l’acqua, proseguendo da solo, fnché non s’era sentito
male ed era crollato per terra in mezzo al bosco.
«Quando ho riaperto gli occhi» mi disse, «la luce del sole era
già molto bassa e una bella signora, simile alla tua mamma, mi
versava acqua sulla faccia con un bicchiere d’argilla. Appena mi
sono mosso si è chinata un attimo sull’erba ed è indietreggiata f-
no a una fontana scolpita in un ceppo. Io ho drizzato la schiena e
ho visto per terra il bicchiere con l’acqua dentro. L’ho preso e ho
bevuto lunghi sorsi, sentendo che i muscoli tornavano in forze,
piano piano, e che il bicchiere non si vuotava mai. Stavo per rin-
graziare, quando ho visto una cosa che mi ha tolto le parole. La
signora indossava una veste lunga fno alle caviglie, ma quelli che
spuntavano oltre l’orlo della stoffa non erano piedi. Erano zocco-
li di cerva. Allora, tremando, ho sflato la Leica dallo zaino e l’ho
inquadrata, e mentre scattavo la bella signora mi ha sorriso e ha
chiesto se non mi bastavano tutte le foto che le avevo già fatto».
«E tu, babbo?» chiesi impaziente a mio padre.
«Io le ho chiesto scusa, poi ho ringraziato, insomma ero ab-
bastanza confuso. Ho raccolto le mie cose e ho ripreso la cor-
sa, mentre in cielo spuntava la prima stella. Ero convinto di aver
perso, ma volevo lo stesso arrivare in fondo. E alla fne, eccomi
qua».
Tirò fuori dallo zaino il bicchiere d’argilla, me lo mise in ma-
no, e disse che appena erano pronte mi avrebbe mostrato anche
le fotografe.
Io guardavo mia madre, cercando di scorgere nella sua espres-
sione quel mezzo sorriso che scappa agli adulti quando fanno fn-
ta di credere a una bugia per bambini.
Ma mia madre era seria e io da quel giorno fui certo che il
babbo aveva detto la verità, anche se la nostra acqua, nel bicchie-
re d’argilla, fniva sempre dopo cinque sorsate.
L’indomani arrivò a casa un trattore tirandosi dietro l’Alfa Ro-
meo del barone. Era tutta ammaccata da una parte, le mancava
il parabrezza e una delle ruote era piegata in modo strano, all’in-
fuori, come la pinna di un grosso pesce tirato su con la lenza.
Mia madre avrebbe voluto rivenderla subito. Disse che la ri-
parazione doveva essere molto cara e anche una volta rimessa a
nuovo, una macchina come quella costava soldi a palate, tra ben-
zina, bollo di circolazione e altre piccole cose. Il babbo le rispo-
xorruixo ¡
ii sixriiio oicii oii
::o ::;
se che aveva ragione, ma quanto a venderla, non c’era nemmeno
da pensarci.
«Con il barone siamo rimasti d’accordo per una posta simbo-
lica. Sarebbe offensivo ricavarci dei soldi».
Quello stesso giorno mi mostrò la fotografa che aveva scatta-
to alla signora del bosco. Mi parve molto bella e piena di magia,
ma c’erano soltanto felci, tronchi d’albero e foglie.
«Si vede che le fate non impressionano la pellicola» mi dis-
se in tono convinto e io pensai che doveva essere vero, altrimenti
perché il babbo avrebbe fotografato il nulla? Aveva fatto molti al-
tri scatti durante la gara – borghi di montagna, panorami, volti di
vecchi boscaioli – e quello era l’unico senza nulla da vedere.
Per qualche tempo mi accontentai di quella risposta, poi la fa-
vola della fata non mi bastò più. Chiesi a mio padre di raccontar-
mi la verità, ma la sua storia non cambiò di una virgola, ferma e
immobile, come l’Alfa Romeo del barone, mezza scassata in un
angolo del cortile.
Cominciai ad aggirarmi per il paese a caccia di versioni alter-
native.
Agli amici e ai parenti più stretti, Silverio Nencini aveva rac-
contato di essere svenuto e di avere ripreso la gara due ore do-
po, appena se l’era sentita. I due ciclisti che erano con lui confer-
mavano di averlo aspettato sulla strada per molto tempo, di aver
provato a cercarlo nel bosco, poi di aver rinunciato inforcando
le biciclette, in discesa, per andare a chiedere aiuto nella caser-
ma più vicina. Poco prima di Pianoro, avevano ritrovato il babbo
che correva lungo la strada a grandi falcate, come se la gara fos-
se appena cominciata.
Era più o meno il racconto che aveva fatto anche a me, con
l’unica differenza della bella signora, dell’acqua e del bicchiere
di terracotta. Forse agli altri non aveva voluto parlarne per pau-
ra che lo squalifcassero per l’aiuto ricevuto. Ma con me, quando
per metterlo alla prova gli domandavo di ripetere tutta la storia,
non s’imbrogliava mai e aggiungeva sempre gli stessi particolari.
Dopo la guerra facemmo riparare la macchina e mio padre
ci andò a Firenze un paio di volte. Disse che consumava troppa
benzina e iniziò a mettere da parte i soldi per comprare la Seicen-
to, che fu la nostra prima, vera automobile di famiglia.
L’Alfa Romeo l’abbiamo usata un’altra volta soltanto, per il
mio matrimonio.
Poi, il giorno del suo ottantesimo compleanno, quarantacinque
primavere dopo la xii edizione delle Mille Miglia, mio padre volle
raccontarmi la vera storia della gara contro il barone Frasca.
«Fino alla Futa è andato tutto bene» mi spiegò, «erano posti
che conoscevo, visti mille volte, e non c’era nulla che potesse di-
strarmi dalla corsa. Con un occhio all’orologio e l’altro alle pietre
miliari, sono andato su al ritmo di sei minuti al chilometro, il tem-
po che m’ero proposto di fare per metà della gara».
Come ho già detto era una bella giornata e mio padre non fa-
ceva il fotografo solo per mestiere. Era la sua passione, insieme
alla corsa, e spesso cercava di conciliarle in una sola occasione.
«Al Passo della Raticosa mi sono apparse le Alpi, nitide e pre-
cise nonostante la distanza, quasi fossero incollate sul cielo in
fondo alla pianura. Non le avevo mai viste così perfette e ho pen-
sato che forse non lo sarebbero più state».
Incapace di resistere, il babbo s’era fermato e aveva impu-
gnato la Leica. Qualche secondo per calmare il cuore e reggere
la macchina con mano ferma, poi le due dita sull’anello del fuo-
co, il tempo e il diaframma calcolati senza esposimetro, due scat-
ti rapidi in sequenza e giù di corsa verso Monghidoro, con le Alpi
sempre in faccia e gli occhi che guardavano il mondo come un
mosaico di inquadrature, scatti possibili, immagini da non per-
dere e fssare su pellicola. Così il babbo aveva cominciato a fer-
marsi sempre più spesso e a fare tutte le foto che gli garbavano
davvero.
«Mi sono detto che il maratoneta poteva battere il pilota, ma
la macchina fotografca doveva sconfggere l’automobile: l’Alfa
correva incontro al paesaggio, cercava di afferrarlo, ma quello
sempre le sfuggiva, di lato e oltre il vetro posteriore. La Leica, in-
xorruixo ¡
ii sixriiio oicii oii
::ï ::,
vece, poteva copiare uomini e montagne, e portarli con sé fno al-
la camera oscura. Tra una foto e l’altra, però, ho dovuto aumen-
tare il ritmo, per stare nella media che avevo stabilito, e quando
il boscaiolo di Loiano mi ha indicato la scorciatoia, ho deciso di
prenderla, nonostante i sassi e il ruscello, per provare a recupera-
re il tempo perduto».
Arrivato in una radura nel bosco, il babbo sente le budella
premere in gola, si piega a metà e vomita sul muschio. Non è una
cosa strana, gli è capitato altre volte nello sforzo della corsa. Beve
dalla borraccia per sciacquarsi la bocca e si sdraia per terra, solo
un attimo, per ritrovare la concentrazione e la voglia di soffrire.
Solo che l’erba è morbida, la luce pure e il profumo di resina
conforta il respiro.
Il babbo chiude le palpebre e si addormenta.
Nessun collasso, nessuno svenimento.
«Può succedere. È capitato anche al grande Shizo Kanakuri,
alle Olimpiadi di Stoccolma nel 1912. Sono stato nel mondo dei
sogni due ore, forse più, fnché non ho sentito l’acqua fredda che
mi colava lungo le guance e quella bella signora con le zampe da
cerva che me la versava in faccia col bicchiere».
Allora lo guardai e scoppiai a ridere, convinto che stesse an-
cora scherzando. Invece lui era serissimo e senza farmi caso ter-
minò il racconto.
«Il resto lo sai: mi sono tirato su, ho puntato la Leica e la bella
signora mi ha chiesto se non mi bastavano tutte le foto che le ave-
vo già fatto. Io non le ho risposto, ma ho scattato lo stesso e mi
sono rimesso a correre. Sono arrivato a Bologna per le dieci di se-
ra, quando anche le ultime auto erano sflate davanti a Porta San
Donato e la Lancia Aprilia di Mignanego aveva ucciso sette bam-
bini, due giovani e un cieco, che era sceso in strada per sentire il
rumore delle marmitte e le grida della folla».
Alla fne il babbo mi fece promettere che non avrei raccontato
la sua storia prima di compiere anch’io gli ottant’anni, vai a capi-
re perché. Adesso li ho compiuti e ve l’ho potuta raccontare.
Le foto di quel giorno sono fnite in una mostra e poi dentro
un libro. Il volto dell’Appennino, si chiama, e in effetti, se le guar-
date bene, sembrano tanti particolari di una stessa faccia, come
se avessero tutte qualcosa in comune.
L’Alfa Romeo sei cilindri la useremo un’ultima volta, per il
matrimonio di mio nipote, e poi, visto che il barone Frasca non
può più offendersi, la venderemo a un collezionista.
Ci ha offerto centocinquantamila euro e tutto sommato mi
sembra un buon affare.
xorruixo ¡
:,:
Quinta tappa
Castello di Trebbio-Piazza della Signoria (Fi)
74.
Niente caffè, niente colazione: solo nebbia. Gli scarponi in-
flati in fretta e una sciacquata alla faccia per pulirla dal sonno.
Una luce gialla come il mal di fegato s’infltra piano dentro la not-
te, corrode le nubi, libera squarci di paesaggio ancora addormen-
tato: le luci di Scarperia sul fanco dell’Appennino, l’asfalto vuoto
della strada per Firenze, le sparse cascine presidiate dai cani.
Gerolamo rimette il materasso vicino ai cassonetti e trova per
terra una rivista di storia locale. Si chiama Le querce del Mugello,
è ancora in buono stato, e dentro ci sono articoli dai titoli curiosi,
come La balena di Cafaggiolo e La fata delle Mille Miglia.
Una rapida sfogliata e il volume fnisce nello zaino, lo zaino
sulle spalle e il viandante sul sentiero, per arrivare a Firenze nel
primo pomeriggio, e poi a Bologna entro le cinque, a prendere
Dario all’uscita di scuola, con gli aculei di istrice per regalo.
Lungo la strada per Tagliaferro il paesaggio dev’essere molto
simile a cinque secoli fa, al tempo dei Medici, fatta eccezione per
il bosco di cipressi che circonda il Trebbio e risale all’Ottocento.
L’alba tinge di viola le nuvole basse e trasforma le colline in
scogli isolati. Solo il bisogno di un caffè impedisce a Gerolamo
di immedesimarsi con un pellegrino del Medioevo, ansioso di ar-
rivare all’Ospitale di Tagliaferro, costruito nel 1416 e soppresso
nel 1750, per via dei troppi vagabondi e accattoni che frequenta-
vano le sue stanze.
ii sixriiio oicii oii
:,: :,,
Oggi a Tagliaferro non c’è nemmeno un bar, solo vecchie ca-
se, una dozzina di villette da lite coi vicini e le auto dei pendola-
ri che ora sfrecciano sulla statale, davanti a un grumo di adole-
scenti in attesa della corriera, storditi dall’autunno e dalle mena-
te del weekend.
75.
Anche il torrente Carza non c’è, a Tagliaferro, e invece do-
vrebbe esserci, è segnato sulla mappa e i bambini di San Piero ci
facevano il bagno, prima che il mare diventasse più popolare. Ma
quando Gerolamo passa sopra il ponticello, vede solo un riga-
gnolo verdastro, soffocato da ciottoli e radici.
Sull’altra sponda, inchiodato al tronco di un pioppo, un ma-
nifesto fai-da-te mostra le foto di una strada bianca, sassi cotti
dal sole tra due cigli d’erba. Ma basta avvicinarsi e leggere le di-
dascalie per capire che si tratta del torrente in secca, nell’agosto
2008, senza nemmeno un flo d’acqua e con i pesci morti in mez-
zo alle pietre.
Sotto le immagini, una scritta rossa in corpo diciotto grida:
«Finché l’erba crescerà e i fumi scorreranno. Ci hanno inculati peg-
gio che i Sioux».
75.1
Gli scavi della galleria di Vaglia iniziano nel febbraio del 2001.
Già nell’estate di quell’anno si secca la Carzola, cosa mai succes-
sa a memoria d’uomo. Nel marzo 2005, invece, il torrente Carza
è in piena, impetuoso e scuro, e fa credere ai sampierini che il lo-
ro fume sia guarito, anche perché di lì a poco la galleria di Vaglia
viene ultimata, gli scavi fniscono, se ne vanno camion, polvere,
cicalini di ruspe e caterpillar. Invece, proprio l’estate successiva,
per andare a pesca nella Carza si può usare il secchio, e raccoglie-
re nel fango i cadaveri puzzolenti di cavedani, barbi, lasche, ro-
velle, ghiozzi, cobiti e gobioni. Da allora, nei periodi di magra il
fume sparisce, perché la galleria di Vaglia intercetta l’acqua dei
suoi affuenti, e fnché c’erano i lavori, c’era anche qualcuno che
la pompava fuori, ma adesso che gli operai se ne sono andati, l’ac-
qua che si infltra in galleria segue la pendenza, com’è la sua natu-
ra, e siccome il tunnel è inclinato verso sud, quegli affuenti van-
no a fnire a Sesto Fiorentino, cioè cambiano versante e bacino
idrografco,
46
realizzando un’impresa che i romagnoli dicono rie-
sca soltanto al denaro: i quatrein, i fa andé l’aqua d’insò.
75.2
Sorgenti sparite, fumi disseccati, rubati, inquinati.
I pubblici ministeri Tei e Monferini hanno chiesto il rinvio a
giudizio di sessantatré persone «per danno ai corsi d’acqua su-
perfciali, pregiudizio della qualità delle acque mediante scarichi
non autorizzati, immissioni diffuse di fanghi e altre sostanze, sop-
pressione dell’alveo per ricopertura con scarichi di risulta, dan-
no alle fonti idriche sotterranee per depauperamento o prosciu-
gamento, e per aver drenato e disperso, dall’inizio dei lavori, la
somma complessiva di 44,933 milioni di metri cubi d’acqua nel
territorio della Comunità Montana del Mugello».
47
Un giorno, si augura Gerolamo, qualcuno convincerà i giudici
che il Consorzio Cavet deve pagare per questo disastro.
Già, pagare. Risarcire i danni. Ma come?
In Italia vige una legge che consente ai privati di entrare fno
al 40% nelle società di gestione dell’acqua. È la famigerata leg-
ge Galli del 1994.
Gli acquedotti del Mugello sono in mano a Publiacqua Spa,
che a sua volta è controllata per il 40% dalla multiservizi Acea,
i cui azionisti sono il Comune di Roma (al 51%), il costruttore
Francesco Caltagirone, la società francese Suez e il gruppo fnan-
ziario Pictet Funds.
Già nel 1998 la Regione Toscana fece un accordo con Tav Spa
per defnire «gli interventi e impegni atti a garantire il rispetto de-
gli interessi ambientali nella realizzazione della tratta ferroviaria
av/ac Bologna-Firenze».
Tra questi interventi, si legge che «a seguito di accordo eco-
nomico tra Publiacqua Spa e Tav Spa circa la realizzazione da
quixra raiia
ii sixriiio oicii oii
:,¡ :,,
parte di Cavet della fognatura Luco-Rabatta, per un importo di
413.138 euro, è stato convenuto di scorporare tale somma dalle
risorse che Tav Spa deve trasferire alla Regione Toscana».
48
Quindi, già undici anni fa, la Regione ha fatto uno sconto a
Tav, sulla base di un “accordo economico” tra quest’ultima e Pu-
bliacqua. Una società che nel biennio 2007-2008 ha fatto tredi-
ci milioni di utili, grazie anche ai rincari delle bollette. Guadagni
che poi sono stati suddivisi tra i soci, e quindi Acea s’è presa la
parte maggiore.
49
Il rischio è che “il rispetto degli interessi ambientali” possa di-
ventare l’interesse di due società come Cavet e Publiacqua. Per
le aziende “sul campo” le cosiddette ricostruzioni si trasformano
spesso in affari d’oro.
Per lo smaltimento illegale dei rifuti, il Consorzio Cavet è già
stato condannato in primo grado a versare cinquanta milioni al
Ministero dell’Ambiente, alla Regione Toscana e alla Provincia di
Firenze e cinquemila euro alle associazioni che hanno informato
la gente di quel che stava accadendo.
50
Legambiente Toscana si è lamentata perché in questo modo
la fetta più grossa della torta va a quelle istituzioni «che in qual-
che modo sono corresponsabili dei danni avvenuti».
51
Nella sua
requisitoria, il pubblico ministero Gianni Tei parla di «capture
theory», «attrazione fatale» tra le autorità di regolazione e i sog-
getti regolati, «con conseguente perdita del carattere di impar-
zialità» da parte di chi dovrebbe controllare i lavori. In base alla
sua ricostruzione, «Ministero e Regione hanno di fatto abdicato
alle loro funzioni e prerogative pubbliche».
52
«La valle danneggiata» scrivono i volontari dell’associazione
Idra «non viene risarcita (se mai può esserlo). Al contrario: pa-
ga due volte. L’acqua passa attraverso i boschi dentro vistosi ser-
penti di gomma. Ritorna su, spinta a gasolio, là dove c’erano le
sorgenti, là dove adesso gracchiano i depuratori. Quella che pri-
ma era acqua pulita e gratuita, in caduta libera, è diventata ac-
qua sporca da depurare. Acqua che costa: energia, inquinamen-
to, denaro. Acqua che – magari – rende. Acqua Spa».
53
76.
Sulle pendici del Monte Senario boschi di quercia, faggio e
castagno si alternano con i campi arati. La nebbia sembra far par-
te del paesaggio, come se venisse fuori dalla terra e dalle radici.
In meno di un’ora e mezzo, Gerolamo si vede attraversare la stra-
da da sei fagiani, uno scoiattolo dalla coda nera, una lepre e cin-
que caprioli. L’eco dei fucili accompagna i passi e Gerolamo non
sa bene come comportarsi, per evitare che gli sparino addosso.
Batte le mani, fschia, cerca di non passare per un cinghiale, visto
che la montagna sembra popolata solo da due specie di esseri vi-
venti: cacciatori e cacciati, e lui non vorrebbe rientrare in nessu-
na delle due.
Molti sostengono che i cacciatori sono i veri amanti della na-
tura. Gerolamo ne vede quattro scendere dai fuoristrada, dopo
aver guidato tra i cespugli fno all’ultimo metro rotabile, e semina-
re tra gli alberi bottiglie vuote, rumore, spari, bossoli di plastica.
Forse l’amore che provano per la natura è lo stesso che tante
donne si sentono promettere dai propri compagni. Dopo violen-
ze, percosse, minacce e stupri.
77.
Fuori da un castagneto ftto e abbandonato si aprono i pra-
ti della Badia del Buonsollazzo, grandioso monastero dedicato
a san Bartolomeo, dove soltanto i cipressi godono di buona sa-
lute e tutto il resto se ne va in rovina. La leggenda dice che ven-
ne fondata prima dell’anno Mille da Ugo il Grande, margravio
di Toscana, che si perse in questi boschi e fece voto di edifcar-
vi un’abbazia, se si fosse salvato. I documenti la citano per la pri-
ma volta nel 1084. La cronaca racconta che il complesso è inuti-
lizzato da almeno trent’anni e che l’interno è stato saccheggiato
di ogni ricchezza.
Nel 2004 i monaci camaldolesi lo vendono a un industriale
padovano che vuole trasformarlo in beauty farm. Tre anni do-
po, sui giornali locali, compaiono gli annunci per una trentina di
appartamenti lussuosi, ricavati nel monastero. La reazione im-
quixra raiia
ii sixriiio oicii oii
:,o :,;
mediata di sindaci, consiglieri, procura, sovrintendenza e polizia
municipale mette in un angolo il proprietario, che si difende alla
maniera italica, cioè negando i fatti, mentre l’agenzia immobilia-
re sostiene di aver ricevuto prezzi e planimetrie da un costruttore
locale. Il mistero rimane irrisolto, forse evapora, ma quando Ge-
rolamo passa accanto all’edifcio, lo assale un odore denso, acre.
Una via di mezzo tra il circo Togni e una stalla di mucche.
Dietro un cancello di ferro spuntano le barbe da eremita di
quattro capre, i nuovi inquilini del monastero.
La beauty farm, per il momento, è poco beauty e molto farm.
San Bartolomeo, protettore dei macellai, non potrà che sentir-
si sollevato.
78.
È l’ultima lunga salita della Via degli Dei, seicento metri di di-
slivello in sette chilometri, da Tagliaferro alla cima del Senario.
Sono le dieci del mattino quando Gerolamo sente i primi rintoc-
chi della fatica e il sentiero attraversa un bosco di cedri, alberi
che in Italia non crescono spontanei, e di sicuro annunciano l’ar-
rivo al santuario dei Servi di Maria, sulla vetta del monte.
Invece il crinale prosegue beffardo, pianeggiante ma senza f-
ne, e presto la speranza si muta in stanchezza, paura di aver cal-
colato male le distanze, di non arrivare a Firenze nei tempi stabi-
liti, e infne rabbia, per essersi lasciato illudere da un’apparizione
botanica. Immaginare la meta, pregustando il caffè, non fa bene
allo spirito. Bisogna imparare a fdarsi del sentiero, senza mettere
nello zaino troppe aspettative, perché la tenda va smontata ogni
mattina, e il futuro è una lingua di terra in mezzo all’oceano, do-
ve si sta in equilibrio solo camminando.
79.
All’inizio del viale alberato, i cartelli inchiodati agli abeti invi-
tano a rispettare il silenzio, e le nuvole basse ribadiscono il con-
cetto, rinchiudendo il mondo in una bolla d’aria, sommersa in un
mare di ovatta grigia.
Gerolamo vede apparire il santuario solo quando si trova sul
piazzale, ai piedi della scalinata che conduce alla chiesa. Ma più
che i dettagli dell’architettura sacra, ad attirarlo è un’ala secon-
daria del convento. L’insegna da bar tabacchi è molto arcaica, ma
inseguendo per due stanze l’odore di caffè, ci si imbatte davvero
in una macchina da espresso.
Gerolamo sta aspettando la sua tazzina, quando due sedicen-
ni irrompono nel bar e chiedono lumi su un corso di formazio-
ne per elettricisti. Entrambi hanno in mano un casco da moto e
berretti con visiera di due misure più stretti, già inflati sui capel-
li lucidi di gel.
Gerry pensa che Firenze dev’essere molto vicina, se quei due
sono arrivati su due ruote, alle dieci del mattino, senza stravolger-
si la pettinatura. Non immagina neppure che sulle pendici del Se-
nario, sotto le nuvole, possano esserci case, paesi, vita sociale. Or-
mai, nella sua testa, esistono solo montagne sempre più basse, poi
Firenze, Piazza della Signoria e il treno utile per arrivare a Bolo-
gna entro le cinque del pomeriggio.
79.1
Sul piazzale, un frate giardiniere spazza le foglie e forse anche
le nubi: squarci azzurri si allargano nel cielo.
«È suo quello zaino?» chiede con gentilezza.
«Sì, è mio. Disturba?».
«No, no, affatto. Viene da lontano?».
«Da Bologna».
«Però, mica male! Ieri sono passate due ragazze tedesche, di
Monaco. Sono partite un paio di mesi fa e vanno a Roma per ve-
dere il papa. Anche lei è in pellegrinaggio?».
«No» rispondo. «Io mi fermo a Firenze, niente papa».
«Allora è per una scommessa?».
«No, nemmeno. È una storia lunga. Diciamo che sto cercan-
do qualcosa, ecco, è un viaggio di ricerca».
«Dunque un pellegrinaggio, non crede? Quando si è disposti
a fare tanta fatica per una ricerca, che altro si può mendicare se
quixra raiia
ii sixriiio oicii oii
:,ï :,,
non l’Eterno? Siamo vagabondi del dharma, come diceva quello
scrittore americano. Jack Kerouac, lo conosce?».
Lo conosco, sì, pensa Gerolamo mentre annuisce in silenzio,
e conosco anche certi discorsi da coscrizione obbligatoria, quel-
li che tu non lo sai, ma se stai facendo qualcosa di sensato, sotto
sotto c’è Dio, che tu lo capisca o no.
«E la storia di questo posto?» insiste il frate. «Gliel’hanno mai
raccontata?».
«So che ci abitarono sette nobili forentini, che lasciarono le
famiglie per vivere di elemosina e preghiera».
Annuisce. «Avevano fatto un patto, sa? Che nessuno di lo-
ro sarebbe andato in paradiso se non ci fossero andati tutti. Pen-
si un po’. Una bella responsabilità, non trova? Volevano salvarsi,
ma non ne facevano una questione individuale. Volevano abban-
donare il mondo, non appartenere a nulla, nemmeno alle fami-
glie, ma volevano farlo insieme».
Il frate giardiniere afferra la scopa e si rimette a spazzare le fo-
glie del cortile.
Non appartenere, ma farlo insieme, pensa Gerolamo.
Potrebbe diventare un buon motto anche per chi viaggia a
piedi.
Per quanti scelgono di essere viandanti e non solo piloti, non
solo passeggeri.
80.
Gerolamo si rimette lo zaino, saluta, scende in picchiata den-
tro la grande abetina che circonda il santuario. Arrivato all’in-
gresso sulla strada asfaltata, i primi segnali che scorge gli indi-
cano un percorso diverso da quello della guida. Dopo un attimo
d’esitazione, decide di seguirli lo stesso: sono segnavia biancoros-
si, quindi affdabili, con l’indicazione bo-fi e l’indirizzo di un si-
to internet. Ne ha visti altri, identici, anche durante le prime tap-
pe e adesso sembrano indicare la classica scorciatoia, quella che
ti fa tagliare un paio di tornanti.
Invece, dopo cinquecento metri, i cartelli bo-fi si estinguo-
no sul limitare di un castagneto. La carrareccia continua evidente
sotto gli alberi, o almeno così pare a Gerolamo, fnché dopo mez-
z’ora il biancorosso ricompare, ma il cartello è diverso, e invece
di bo-fi c’è scritto sopra «Mulinaccio».
Gerry estrae la guida e consulta la mappa. La rilegatura del li-
bro taglia il nome di una località sulla statale Faentina, si vedono
solo le lettere “Il Muli” e un sentiero che le attraversa scendendo
dal Senario. Gerolamo maledice i cartelli bo-fi, maledice se stes-
so per non aver controllato prima, e calcola che l’errore gli coste-
rà una salita non prevista, tre quarti d’ora di ritardo e tre chilo-
metri di marcia in mezzo ai camion e alle auto, lanciati tra Firen-
ze, il Mugello e la Romagna.
81.
Vetta le Croci non ha nulla della vetta, è un passo a cinquecen-
to metri d’altitudine, dove la statale Faentina si lascia il Mugello
alle spalle e scende nella conca di Firenze.
Gerolamo abbandona l’asfalto con i piedi che fanno male e la
voglia precisa di farla fnita, consegnarsi all’abbraccio della me-
tropoli, liberarsi dello zaino, prendere il treno, arrivare a casa in
tempo per le cinque.
Sono le undici e un quarto e la guida dice che mancano due
ore e mezzo per Fiesole (così tanto?), poi si sa che Fiesole è at-
taccata a Firenze, ma prima c’è da affrontare l’ultima salita (ma
non era quella del Senario?) e arrampicarsi fno ai settecento me-
tri del Poggio Pratone.
Il sentiero corre tra querce, pini e cipressi, sul crinale che se-
para il Borro delle Sieci dalla valle del Mugnone. Là sotto, nel
406 d.C., il generale Stilicone fermò i guerrieri di Radagaiso, ca-
po tribù degli Ostrogoti, che aveva convinto Vandali, Alani, Sve-
vi e Unni bianchi a seguirlo in Italia per prendere Roma, invece
di gozzovigliare sulle sue terre. Con oltre centomila uomini ave-
va già razziato Bolzano, Trento, Verona, Bologna e si prepara-
va a fare altrettanto con Firenze. Stilicone riuscì a fermarlo, mi-
se i nemici in catene, salvò la città, ma nel ricordare la sua vitto-
quixra raiia
ii sixriiio oicii oii
:¡c :¡:
ria ci si dimentica spesso che egli era nato nelle terre germaniche,
da un padre vandalo, e che le sue sparute legioni non avrebbero
mai trionfato senza il sostegno dei Visigoti di Saro e degli Unni
di Uldino. In un impero indebolito, con pochi schiavi, pochi sol-
dati e ormai nessun gladiatore, furono i barbari a salvare dai bar-
bari la Caput mundi.
La vista è magnifca su entrambi i versanti, spaziosa. Le nuvo-
le si aprono e spunta il sole, ma Gerolamo ha fretta, supera le sa-
lite come gli ostacoli di un videogioco, concentrato sul ritmo dei
piedi che battono le pietre bianche. In cima, si lascia convincere a
fare una sosta solo dalla fame e dal panorama enorme, col Monte
Senario a nord e la dorsale boscosa che scende dal santuario, gli
passa sotto i piedi e prosegue verso sud, fno alla cupola del Bru-
nelleschi che domina Firenze, l’Arno acceso come un nastro di lu-
ce, e poi di nuovo le montagne che proseguono il loro viaggio, f-
no all’Amiata, all’Aspromonte e oltre la Sicilia, sotto le acque del
mare.
Il pranzo consiste in una tavoletta di cioccolato e in un re-
siduo di pane umido, schiacciato chissà quando in fondo allo
zaino.
Gerolamo controlla l’orologio, ha impiegato un quarto d’ora
in più rispetto al tempo indicato sulla guida, più un quarto d’ora
per mangiare fa una mezz’ora, e adesso deve sbrigarsi, punta-
re il ripetitore Telecom sul Monte Fanna, che visto dal Prato-
ne non sembra neanche un monte, è più in basso, ormai bisogna
soltanto scendere, verso Fiesole e poi Firenze, imboccare la stra-
da bianca tra i pini, aggirare la sbarra in fondo, prendere l’asfal-
to, farsi largo tra ville lussuose e scorci di campagna curati come
giardini, dimenticarsi i piedi che fanno male, il malleolo sinistro
che fa male, le gambe molli, le anche spremute dalla cinta dello
zaino, la schiena in pezzi, le spalle doloranti e la testa che scop-
pia sotto un sole troppo caldo per non sciogliere i pensieri, la te-
sta è vuota e si può solo sudare, andare avanti e dirsi che tra po-
co è fnita, inizia la città, si salta sul treno e si arriva a Bologna in
tempo per le cinque.
Dopo un’ora d’asfalto, che muta gli scarponi in due scato-
le di legno, compare il cartello Fiesole, e solo adesso Gerolamo
si preoccupa di capire come planare su Firenze. Apre la guida:
il primo bivio utile è già andato, il percorso B consiglia di salire
(ancora?) sul Monte Ceceri, e in alternativa c’è la strada asfalta-
ta, otto chilometri e mezzo per arrivare alla stazione di Santa Ma-
ria Novella (otto chilometri? Ma non erano attaccate Fiesole e Fi-
renze?). È chiaro che la città del Giglio non ha un ingresso sul re-
tro, un portico di San Luca o un parco cittadino che ti permetta
di raggiungere la stazione senza camminare nel traffco, o maga-
ri esiste, ma le mappe della guida fniscono a Fiesole, proprio sul
bordo basso della pagina, e poi ci sono due appendici minuscole
in bianco e nero con le quali è impossibile studiarsi un percorso.
Gerolamo decide che otto chilometri di asfalto non ha la for-
za per farli, troppo sole, troppo male ai piedi, con gli scarponi è
meglio stare sui sentieri, e poi otto chilometri sono almeno un’ora
e mezzo, magari sull’altro percorso si riesce a recuperare qualco-
sa, perché sono già le due e il ritorno a Bologna per le cinque non
sembra più a portata di mano.
Così aggredisce la vetta di Monte Ceceri, che sul versante di
Fiesole è un parco pubblico, e dalla parte di Firenze scende a bal-
ze ripide e scoscese, tanto che Leonardo da Vinci provò a supe-
rarle volando, o meglio, fece tentare l’impresa al suo amico Tom-
maso Masini, nel 1506. «Piglierà il primo volo il grande uccello
sopra il dosso del suo magno Cecero, empiendo l’universo di stu-
pore, empiendo di sua fama tutte le scritture, e gloria eterna al ni-
do dove nacque». Il genio di Vinci se l’immaginava così, ma mol-
ti dicono che andò male, il pilota si ruppe una gamba, forse due,
mentre altri sostengono che planò per mille metri e atterrò illeso
a Camerata. Forse la vera storia saprebbero raccontarla soltanto i
cigni (i ceceri) che un tempo volavano intorno a questa vetta, ma
ormai sono secoli che non si fanno vedere.
Il sentiero si cala nel dirupo e fancheggia le cave di pietra do-
ve architetti e scultori forentini si rifornivano di materia prima.
Ci sono grotte, rifugi di minatori, rocce squadrate. Gerolamo ri-
quixra raiia
ii sixriiio oicii oii
:¡: :¡,
vede la voragine del Sasso di Castro e pensa che nemmeno in tre-
cento anni la montagna potrà davvero riassorbirla, come sembra
aver fatto con queste ferite più piccole.
Ma ecco le prime case, ecco Marano e i suoi ristorantini chic,
adesso Firenze dev’essere davvero vicina, e invece no, dalle indica-
zioni che Gerolamo raccoglie sembra mancare ancora qualche chi-
lometro, sono le due e mezzo e non se ne può più di questa idillia-
ca campagna toscana, con i cipressi piantati ad arte, gli ulivi in f-
le perfette, le mucche che brucano in un quadretto bucolico, e il
parco di Villa i Tatti, Villa Montalto e Villa Sticazzi, le fattorie che
sembrano manieri, il castello di Vincigliata, i campanili delle pie-
vi, i prati verdissimi, leziosi, e l’odore di pino come da un enorme
Arbre Magique.
Nel frattempo Gerolamo non sente più gli alluci, gli viene in
mente un amico che a forza di camminare aveva perso le unghie,
gli erano cadute, e allora decide di fermarsi, siede sul ciglio della
strada, si toglie gli scarponi, le calze incollate dal sudore, e control-
la se le unghie sono ancora al loro posto.
Ha gli occhi fssi sulla punta dei piedi, quando atterrano sul-
l’asfalto un paio di scarpe da ginnastica, identiche alle sue, e una
voce conosciuta, proprio sopra la sua testa, chiede se per caso non
ha bisogno di quelle.
Compaiono pure un paio di polpacci e Gerolamo li risale con
lo sguardo, fno a inquadrare un sorriso candido, incorniciato da
una barba di tre giorni.
Il sorriso e la barba di un uomo di nome Nico.
Nico?
«Che cazzo ci fai qui?» domanda Gerolamo stranito.
«Sono venuto a portarti le scarpe. Non si vede?».
«Da Bologna?».
«No, macché da Bologna. Non sono mica tornato a casa». Ni-
co solleva una gamba e indica la caviglia. «Mentre aspettavo la cor-
riera, dopo che ci siamo salutati, tutt’a un tratto mi sono reso con-
to che non mi faceva più male».
Gerolamo sta per fare la domanda più ingenua, qualcosa come
“perché allora non mi hai raggiunto?”, poi il fulmine della verità
squarcia la notte dei suoi neuroni, accende un paio di sinapsi e in-
terrompe le altre, tanto che la lingua ci mette qualche secondo, pri-
ma di recuperare in pieno le sue funzioni.
«Hai fatto fnta...» riesce a dire soltanto, poi la bocca resta mez-
za spalancata e gli organi fonatori si bloccano di nuovo.
Nico si gratta una basetta con fnto imbarazzo.
«Ho visto che te la cavavi bene, che ce la potevi fare, e ho pen-
sato che per la tua missione era meglio andare da solo. Sai come la
penso in proposito. In due si chiacchiera, è più divertente, ma fni-
sci per non ascoltare il resto».
«E poi?» domanda Gerolamo. «Cos’hai fatto tutto il tempo?
Mi hai pedinato?».
«No, tutto il tempo no» si schermisce l’altro. «Certe volte ti ho
preceduto. Hai presente quel cartello di legno con scritto Traversa
che poi in realtà non portava a Traversa?».
Il volto di Gerolamo sembra spaccarsi in mille crepe, come gli
stucchi di una villa in abbandono. Non sa se lasciarsi andare alla
rabbia o all’ammirazione. Nel dubbio, inizia a inflarsi le scarpe.
«Sei stato tu?».
«Ho fatto male?» domanda Nico, più innocente di un putto.
«Quella del Sasso di Castro è la madre di tutte le cave, ho pen-
sato che fosse utile per le tue ricerche. A proposito, hai scoperto
qualcosa?».
Gerolamo spazza via la domanda con un gesto della mano. Si
alza in piedi e carica lo zaino sulle spalle.
«Devo essere a Bologna per le cinque, e se ci fermiamo a discu-
tere non ci arrivo di sicuro».
Gli occhi di Nico si accendono, mentre si mette a camminare
di fanco all’amico.
«Ecco perché andavi come un treno. È da questa mattina che
faccio fatica a starti dietro. È successo qualcosa?».
«No, niente. Mi ha telefonato Lara. Ha chiesto se vado a darle
una mano con i bimbi».
Nico tira fuori dalla tasca il suo cellulare, spento.
quixra raiia
ii sixriiio oicii oii
:¡¡ :¡,
«Vedi? È per questo che non lo accendo mai, quando vado in
montagna. Me lo porto, ma non lo accendo. Serve per le emer-
genze. Come il pronto soccorso e il set da cucito».
«Tu non hai fgli, Nico. E hai una fdanzata che sta in un’altra
città e si fa la sua vita. Non venirmi a insegnare come si fa il pa-
dre di famiglia».
«Guarda che sei stato tu a venire da me per dirmi che fnal-
mente, dopo tanto tempo, ti prendevi cinque giorni “solo per te
stesso”, per conoscere l’Appennino a passo d’uomo e soccorrere
le prossime vittime dell’alta velocità. Poi stamattina ti svegli, co-
minci a correre, e io mi chiedo perché vuoi rovinarti l’ultima tap-
pa. Tutto qui».
Gerolamo getta la spugna, preferisce non discutere, spera so-
lo che la città lo accolga presto, col suo abbraccio puzzolente e
rumoroso. Quando vuoi lasciartelo alle spalle, il cemento ti inse-
gue coi suoi tentacoli fno in cima alle valli, ma se fai il percorso
inverso, scopri che anche la natura non ha un confne preciso, e
spinge le sue fbre in mezzo alle case, come un rampicante nelle
crepe di un muro. Striscia sul margine delle strade, sotto la crosta
di bitume, e a volte perfno sopra i tetti, nel vento che infrange la
cupola di smog e sparge una razza selvatica sulle aiuole, nei giar-
dini e al bordo dei marciapiedi.
Poi fnalmente via Salviatino fnisce, si apre un piazzale, con-
domini, auto, parcheggi, e il primo passante a cui Gerolamo do-
manda la strada per arrivare in centro risponde sicuro di prende-
re l’autobus. E a piedi? A piedi? Oddio, non saprei, è molto lon-
tano, e nemmeno il secondo sa dare una risposta chiara, allora
Nico si orienta con la cartina minuscola della guida e capisce al-
meno la direzione da prendere.
Giunti in una zona di viali alberati e campi sportivi, i due vian-
danti incappano in un andirivieni di atleti, gente che corre, si al-
lena, fa il fato, ma quando chiedono a due di loro la strada per il
centro, si sentono rispondere con un numero. Pigliate il 10, ec-
co la fermata. E a piedi? A piedi? Guardate che è lunga, cos’è,
una scommessa? Sì, taglia corto Gerry, una scommessa, dobbia-
mo arrivarci per forza sulle nostre gambe, e tutto quello che ot-
tiene è un’indicazione per scavalcare i binari alla stazione Campo
di Marte e poi da lì chiedere ancora.
Gerolamo intanto sente i piedi rinascere dentro le scarpe mor-
bide, gli sembra di indossare un paio di pantofole, e la gratitudi-
ne per il regalo inatteso lo fa ripensare alle parole di Nico e alla
marcia forzata delle ultime ore, con il cervello puntato sull’arrivo
come l’ago di una bussola sul polo nord magnetico.
È questa prospettiva che toglie senso al mondo, non la veloci-
tà assoluta del viaggio.
Il bisogno di arrivare prima, arrivare prima, arrivare prima ti
fa odiare gli ostacoli, le montagne, i boschi troppo ftti.
L’aereo risolve il problema volando, a diecimila metri dal suo-
lo e dalla sua crosta irregolare. Il treno ad alta velocità, invece,
prende la logica dell’aereo e la porta sulla terra. Bologna e Firen-
ze si avvicinano, come i due capolinea di una metro, ma quel che
ci sta in mezzo si allontana, in un crepuscolo senza nome. Il tem-
po si mangia lo spazio e i luoghi svaniscono, svuotati come galle-
rie dalla corsa del treno. Invece di attraversare l’Appennino, o di
scavalcarlo, il Frecciarossa lo buca come un solido qualsiasi, una
massa di roccia senza signifcato.
Ferro e cemento diventano il simbolo di un’utopia negativa
(un’atopia, come la chiama qualcuno): territorio senza pae saggio.
Una terra da perforare senza che nulla ti resti appiccicato addos-
so, nemmeno un ruscello intravisto dal fnestrino.
Dicono che i centri commerciali, le stazioni, i treni e gli au-
togrill sono tutti nonluoghi, spazi anonimi attraversati solo da
clienti. Eppure, pensa Gerolamo, sono anche luoghi desiderati
e vissuti, mentre i boschi, le piazze dei paesi e le montagne per-
dono signifcato, diventano strutture di servizio, riserve di aria
buona e selvaggina per il fne settimana, piedistalli per mulini a
vento, metri cubi di roccia da trasformare in calcestruzzo.
Il supertreno ha già fatto molte vittime, ancor prima di parti-
re. Morti ammazzati sul lavoro, torrenti a secco, sorgenti spari-
te, soldi bruciati. Tutti crimini che rimandano a un crimine più
quixra raiia
ii sixriiio oicii oii
:¡o :¡;
vasto: il tentato assassinio di una differenza. Quella che distin-
gue un luogo da un ammasso di terra, un fume da una sede au-
tostradale, una strada di tutti dall’ingresso di una villa, un uo-
mo dalla sua forza lavoro. Una differenza che ancora resiste, ma
che potrebbe essere la prossima, l’ultima vittima.
La passerella di Campo di Marte scavalca i binari e interrom-
pe i pensieri, ma arrivati dall’altra parte il nome “Piazza della
Signoria” comincia ad accendere sguardi comprensivi. Gerola-
mo e Nico sgomitano tra i passanti, si inflano a fatica nei per-
tugi tra i muri e le auto parcheggiate, rischiano un paio di volte
di farsi investire, poi fnalmente la cupola, Santa Maria del Fio-
re, sono le tre e mezzo e arrivare per le cinque all’asilo di Dario
è un’impresa disperata.
Gerolamo fa segno a Nico di fermarsi e cerca il cellulare,
vuole avvisare Lara che non ce la fa, non si possono prendere
appuntamenti simili quando si è in giro a piedi con la casa sul-
la schiena.
Sullo schermo c’è l’avviso di un messaggio, ricevuto chissà
quando, vibrazione dispersa nelle pieghe dei pantaloni. «Lucia
ha la febbre, niente pattini. A prendere Dario ci va mia madre.
Tu quando arrivi? Sei già in treno? Bacio. L.».
La luce fredda del monitor trasforma Gerolamo in un nano
da giardino.
«È successo qualcosa?» domanda Nico preoccupato.
Gerry scuote la testa.
«Andiamo a sederci in Piazza della Signoria, sono stanco
morto».
I due percorrono via dei Calzaiuoli, simbolo secolare del
potere bottegaio che unisce il potere spirituale e temporale, la
Chiesa e la Politica, il Duomo e il Palazzo. Tale e quale a via In-
dipendenza, nel centro di Bologna.
E come dall’altra parte dell’Appennino, anche qui c’è una
fontana del dio Nettuno sulla piazza principale, e in entrambe
c’è la mano del Giambologna, lo scultore fammingo che visse
in Italia a metà del Cinquecento.
Seduti sui gradini della Loggia, sotto il braccio di Perseo con
la testa di Medusa, Gerolamo e Nico guardano i turisti scattare
mille foto, mentre vigili urbani, carabinieri e telecamere veglia-
no sulla sicurezza di uomini e statue.
«E il tuo appuntamento?» domanda Nico con fnta sorpresa,
come se non avesse capito quel che è appena successo.
«Avevi ragione tu, era meglio non prenderlo» risponde Ge-
rolamo frugando nello zaino.
Tira fuori i regali per Dario e Lucia: il sasso a forma di conchi-
glia di Monte Adone e l’aculeo d’istrice dell’Osteria Bruciata.
«Che dici?» propone a un tratto. «Torniamo a casa col regio-
nale per Prato e poi quello per Bologna? Ci si mette mezz’ora in
più, ma tanto ormai non abbiamo fretta».
«Cos’è, hai deciso di boicottare in blocco tutti i treni ve-
loci?».
Gerolamo scuote la testa e prova la punta dell’aculeo sul
polpastrello del pollice. Poi soffa via la polvere dal forse-fossile
e con la mano aperta si spazzola i pantaloni e le spalle.
«Mentre camminavo mi sono fnite addosso molte storie, e
tante altre se ne potrebbero raccogliere. Le ho viste uscire dai
sassi, dagli alberi, dai tavolini dei bar. Un genius loci che non è
trascendenza, venerabile tradizione, identità dorata da appun-
tarsi sul petto. Un genius che esce dalla lampada, modella il pae-
saggio e canta le sue fabe. Se prendiamo i due regionali, posso
cominciare a raccontartene qualcuna. Ci aspetta un viaggio ab-
bastanza lungo ed è già troppo tempo che me ne sto da solo».
quixra raiia
:¡,
Coda
Quattro mesi più tardi, in una giornata di sole e di freddo in-
vernale, Gerolamo e io scenderemo a Roma con l’Intercity, per
far da testimoni al matrimonio di un amico.
Sul piazzale della stazione di Bologna, al centro dell’aiuola,
svetterà ancora la stele di Trenitalia, con otto zeri a sette segmen-
ti sull’orologio digitale.
Il tempo è compiuto. Il regno della Velocità è vicino. Converti-
tevi e credete al Vangelo.
Il treno impiegherà quattro ore per portarci a destinazione,
cioè il doppio del Frecciarossa utilizzato da Lucio Dalla, nella not-
te di Capodanno, per tenere un unico concerto tra Bologna e Fi-
renze. Grande spot per le Ferrovie dello Stato e nemmeno una pa-
rola per i fumi del Mugello.
Riviste e giornali delle due città avranno già cominciato a pro-
porre itinerari per fashion victim, come prendere il cappuccino
davanti agli Uffzi, poi shopping in mattinata sotto le Due Torri e il
pranzo in un locale trendy di Settignano. Un rigurgito fetido degli
anni Ottanta, quando faceva fgo salutare gli amici e dire: «Ciao
belli, vado a Firenze con la morosa a farmi un caffè».
Nello scompartimento dell’Intercity ci sarà un caldo inverosi-
mile, prossimo ai trentacinque gradi, e i vetri del fnestrino saran-
no talmente luridi da imporre una nebbia virtuale sul cielo lim-
pido e azzurro.
La ragazza seduta di fanco a me si lamenterà con l’amica per
ii sixriiio oicii oii
:,c :,:
le condizioni del viaggio e farà voto, per la prossima volta, di con-
vertirsi al verbo del supertreno.
«Cesare l’ha provato e mi ha detto che è fchissimo» si illumi-
nerà la donna. «Tu praticamente parti a Firenze, viene buio, man-
co te ne accorgi e sei a Bologna. Come il teletrasporto».
In quel momento sentirò la voce di Gerolamo intervenire nel-
la discussione, cosa che mai gli ho visto fare in tutta la sua vita.
Di solito si mette la musica nelle orecchie proprio per non ascol-
tare i discorsi da treno.
«Sa qual è il dilemma del teletrasporto?» domanderà. «Che
prima ti analizza, poi ti cancella, poi spedisce all’arrivo tutte le in-
formazioni sui tuoi atomi e lì ti ricostruisce uguale uguale, a par-
tire da altra materia. Solo che in tutto questo processo non è si-
curo che la tua storia personale rimanga intatta. Voglio dire i tuoi
ricordi, i pensieri che avevi alla partenza, i tuoi gusti, l’amore per
una persona. Questo la preoccuperebbe, no?».
«Be’» risponderà la donna con lieve imbarazzo. «Suppongo
di sì».
«E rinuncerebbe al viaggio?».
«Io mi farei un backup del cervello» interverrà l’altra decisa,
«per essere sicura di salvarmi la memoria».
«Giusto, ottima idea» commenterà Gerolamo, prima di fare
una pausa per schiarirsi la voce. «Non per farmi i fatti vostri, ma
prima ho sentito che al prossimo viaggio sceglierete il treno ad al-
ta velocità. In effetti, è una specie di teletrasporto. Solo che in-
vece di minacciare la storia delle persone, minaccia quella dei
luoghi».
«In che senso?» domanderà la ragazza più sveglia nonostante
la temperatura tropicale.
«Adesso ve lo spiego» risponderà Gerolamo con un sorriso
diabolico, prima di riversare nello scompartimento l’intero hard
disk della Via degli Dei. Dai morti nei cantieri al Sasso di Castro,
dalla Linea Gotica ai suonatori della Valle di Sàvena.
Le due donne, a sorpresa, si dimostreranno interessate agli
sproloqui del mio amico, e il viaggio flerà via abbastanza in fret-
ta, compresi i venti minuti di ritardo e le scuse incomprensibili di
un altoparlante scassato.
Saluteremo le nostre amiche sul binario, inghiottiti dal viavai
di arrivi e partenze.
Gerolamo avrà sulla faccia un sorriso soddisfatto, da missio-
nario che ha fatto il suo dovere.
«Non ti illudere, Gerry» lo attaccherò. «A parte i pendolari,
vedrai che il Frecciarossa li conquisterà tutti».
«Sì, lo so» risponderà stizzito. «I cowboy hanno già vinto. Ma
noi indiani non saremo sconftti, fnché avremo il cervello fuori
dalle riserve».
Usciremo dalla stazione senza aggiungere altro, catturati co-
me gatti dalla malinconia del tramonto.
Sul piazzale, non ci saranno obelischi dell’alta velocità a darci
il benvenuto e Roma ci accoglierà distratta, con il suo clima mite
e nuvole di storni nel cielo della sera.
cooa
:,: :,,
Note
1. Da M. de Certeau, The Practice of Everyday Life, vol. I, Berkely, 1984. La tra-
duzione è mia.
2. Il 23 novembre 2009 i giudici della Corte d’Appello di Firenze hanno sospe-
so l’esecuzione immediata della sentenza di primo grado e sollevato gli imputati,
tra cui Cavet, dall’obbligo di risarcire i danni e di pagare alle parti civili i 150 mi-
lioni di euro di provvisionale. Tutto questo Marta Lanzi non lo dice perché non
può saperlo, dal momento che questo scambio tra lei e Gerolamo si svolge nel set-
tembre 2009.
3. Si veda I. Cicconi, I costi dell’alta velocità in Italia, Pdf on-line del 24.6.08. L’au-
tore è uno dei massimi esperti italiani di infrastrutture e lavori pubblici.
4. La scheda riportata è presa dal sito della Rete Ferroviaria Italiana, www.rf.it.
5. I dati sulla redditività delle linee ad alta velocità sono ricavati da C. Cancel-
li, Impatti vari dell’alta velocità, in C. Cancelli, G. Sergi, M. Zucchetti (a cura di),
Travolti dall’Alta Voracità, Roma, 2006.
6. La cifra è stata calcolata da Salvatore Portaluri (presidente di Tav Spa dal ’91 al
’93), in una testimonianza resa di fronte ai magistrati di Perugia.
7. La frase è attribuita al senatore verde Maurizio Pieroni in un articolo di C. Roc-
ca, uscito in tre puntate su Il Foglio (9, 11 e 14 aprile 1998): www.camilloblog.it/
archivio/1998/04/09/lorenzo-necci/.
8. Vedi le deposizioni del dott. Luigi Micheli, geologo della Regione Toscana, e
della dott.ssa Maria Sargentini negli atti del processo di primo grado contro il
Consorzio Cavet, procedimento penale n. 535/04 R.G. del Tribunale di Firenze.
9. Cfr. La Repubblica, 28.05.06, “Lorenzo Necci investito e ucciso mentre anda-
va in bicicletta”.
10. Vedi la requisitoria del pubblico ministero nel procedimento penale n. 535/04
R.G. del Tribunale di Firenze, udienza del 3 aprile 2008.
11. Vedi la testimonianza Lodico-Italstrade negli atti del procedimento penale n.
535/04 R.G. del Tribunale di Firenze.
12. Dalla trascrizione di una lezione universitaria tenuta dal dott. Bechelli, conte-
nuta negli atti del procedimento penale n. 535/04 R.G. del Tribunale di Firenze,
citata nella requisitoria del pubblico ministero Gianni Tei all’udienza del 3 apri-
le 2008.
13. Per un riassunto della sentenza del giudice Nencini al processo di primo gra-
do, si veda l’articolo di Alessandra Bravi, Alta velocità: 27 condanne, pubblica-
to sull’edizione forentina del Corriere della Sera (Corriere Fiorentino), il 3 mar-
zo 2009.
14. L’istruttoria della Corte dei Conti del 15.12.2008, sui debiti accollati al bilan-
cio dello Stato da Tav Spa, è disponibile sul sito dell’associazione di volontaria-
to Idra, alla sezione documenti: http://associazioni.comune.frenze.it/idra/docu-
menti.htm.
15. Il sito del Comitato per il sentiero dei Bregoli è www.bregoli.it.
16. La frase del pubblico ministero Gianni Tei è riportata dal sito dell’associazio-
ne Idra, nella sezione dedicata agli stralci della sua requisitoria: http://associazio-
ni.comune.frenze.it/idra/Requisitoria.htm.
17. Le due versioni sulla strage del Rio Conco sono quella raccontata da G. Dal-
l’Olio sul sito www.sassomarconifoto.it/comune/storia/martiri.html, e la testimo-
nianza di A. Salvi, partigiano della Stella Rossa, raccolta da M. Guarino, in Vero-
nica & Silvio, Bari, 2009.
18. Il passo che Gerolamo legge prima di dormire è tratto da H.D. Thoreau,
Walking (1861). La traduzione è mia.
19. Il fatto raccontato non è realmente accaduto, ma sono storici gli elementi del
contesto.
20. Le strofe di F. Guccini sono tratte dalla canzone Bologna, contenuta nell’al-
bum Metropolis del 1981.
21. Il bambino di nome Domenico (Manaresi) è morto nel luglio 2007. A lui è de-
dicata la quarta edizione della guida La Via degli Dei, Padova, 2007.
22. Le informazioni sono tratte dal sito dell’Osservatorio Ambientale sulla varian-
te di valico (www.osservatoriovariantedivalico.it).
xori
ii sixriiio oicii oii
:,¡ :,,
23. Decreto via n. 6068 del 04.05.01.
24. La notizia della discarica abusiva è tratta dall’Archivio Notizie della Polizia
Provinciale di Firenze: www.provincia.f.it/polizia-provinciale.
25. Il verso di W. Whitman è tratto da Song of the Open Road, in Leaves of Grass,
1891.
26. Su Melchiade Benni e i suonatori del Sàvena ho utilizzato P. Staro (a cura di),
Le vie del violino, Udine, 2002 e il libretto del cd musicale de I Suonatori della
Valle del Sàvena, Che non venisse mai giorno!, 1995. Altri materiali sono reperibi-
li sul sito: www.ebenevengamaggio.it.
27. Le prime nove strofe che intervallano la narrazione sono tratte da una balla-
ta popolare dei minatori della Direttissima, registrata dagli studenti della 2B del-
l’itc di Castiglione dei Pepoli e trascritta nel volume Picco e Pala: La Direttissima,
Bologna, 1984, magnifca raccolta di testimonianze realizzata in occasione del 50°
anniversario della linea ferroviaria.
28. La strofa è sempre tratta da una ballata popolare dei minatori locali, riportata
in A. Giuntini, I giganti della montagna, Firenze, 1984.
29. Le ultime due strofe sono tratte dalla canzone Federica, scritta da L. Settimel-
li per Federica Taglialatela, una delle 17 vittime (di cui 2 morte in seguito) della
“strage di Natale” del 23.12.84.
30. I dati sulla centrale eolica di Monte dei Cucchi sono tratti dal sito del Comita-
to (www.comitatomontedeicucchi.com) e dai power point realizzati da Agsm per
presentare un impianto analogo a Casoni di Romagna.
31. Il grafco compare in Il supporto all’elettricità da fonti rinnovabili di energia,
sec (2008) 57 del 23.01.08.
32. Il raggio di impatto potenziale di un impianto eolico è dato dalla formula:
R = (100 + E) × H
dove E è il numero delle turbine e H la loro altezza (cfr. Dossier Eolico, Regio-
ne Emilia Romagna, maggio 2007: http://www.regione.emilia-romagna.it/paesag-
gi/novita/eolico.pdf. Un’ottima introduzione ai molti aspetti della “questione eo-
lica”).
33. La stima della superfcie di territorio richiesta da alcuni tipi di energie rinno-
vabili è stata elaborata in D. Coiante, Le nuove fonti di energia rinnovabile, Mi-
lano, 2006 e condensata in un grafco a cura dell’associazione Amici della Terra
(www.amicidellaterra.it).
34. Dati uffciali sull’eolico italiano nell’anno 2008 pubblicati dal Gestore Servi-
zi Elettrici (Gse).
35. Dal power point di Agsm per l’impianto eolico di Monterenzio e Castel del
Rio, slide n. 20, 28 settembre 2008.
36. L’undici novembre 2009 un’altra frana colpisce il mondo dell’eolico: Oreste
Vigorito, presidente dell’Associazione nazionale Energia del Vento e del Beneven-
to Calcio, viene arrestato dalla Guardia di Finanza. Sette impianti eolici, per un
totale di 185 turbine, sono stati messi sotto sequestro, e dodici società del vento
sono accusate di «associazione per delinquere fnalizzata alla truffa aggravata, per
aver indebitamente percepito pubblici contributi». La notizia è uscita su vari quo-
tidiani: L’Unione sarda, Il Sannita, il Corriere del Mezzogiorno...
37. Le avventure archeologiche di F. Santi e C. Agostini sono raccontate nel loro
libro La strada Bologna-Fiesole del ii secolo a.C., Bologna, 2000. Il testo si può sca-
ricare dal sito: www.faminiamilitare.it.
38. La frase è presa dalla canzone di C. Lolli, La morte della mosca, contenuta in
Ho visto anche degli zingari felici, 1976.
39. Il brano letto da Gerolamo prima di dormire è tratto da H.D. Thoreau,
Walking, cit.
40. Il racconto rispecchia il mio viaggio a piedi lungo la “pista di cantiere” che
conduce alla cava del Sasso di Castro.
41. G. Leopardi, La ginestra o Il fore del deserto, in Canti, 1845.
42. I metri cubi di roccia asportati dal Sasso di Castro sono previsti e riportati nel
Decreto di compatibilità ambientale della variante di valico n. 6068 del 04.05.01.
Si noti che il Sasso di Castro è classifcato come Sito di Interesse comunitario (sic),
secondo la Direttiva “Habitat” della Comunità Europea.
43. La Wehrmacht – e non solo le ss – è stata responsabile di svariati crimini ed
eccidi sul territorio italiano. La popolazione civile era considerata un ostaggio, da
giocare in ogni momento contro la Resistenza e gli Alleati. A questo proposito, si
veda il saggio dello storico tedesco F. Andrae, La Wehrmacht in Italia. La guerra
delle forze armate tedesche contro la popolazione civile, 1943-45, Roma, 1997.
44. Lo scavo dell’invaso per il lago di Bilancino non è stata certo un’opera senza
impatti e disagi, e non tutti i suoi annessi e connessi sono inseriti nel paesaggio con
la stessa armonia dello specchio d’acqua. Il bacino ha, tra le altre, anche la funzio-
ne di riserva idrica per il territorio (gestita da Publiacqua Spa).
45. L’episodio raccontato è di fantasia. Per ricostruire il contesto delle Mille Mi-
glia mi sono basato sul bel libro di D. Marchesini, Cuori e motori, Bologna, 2001
e sui reportage dei quotidiani dell’epoca.
46. I dati sulla secca della Carza e dei suoi affuenti sono ricavati da G. Ridolf, Tav
xori
ii sixriiio oicii oii
:,o
in Mugello, pdf on-line, comunicazione al Simposio ogt del 25.10.08. L’autore è
ordinario di Geomorfologia all’Università di Firenze.
47. Al momento dell’apertura del procedimento penale a carico di Cavet, il volu-
me d’acqua disperso dai lavori era quindi di circa 45 miliardi di litri. A fne 2005
Giuliano Ridolf, Tav in Mugello, cit., ha calcolato che le fuoriuscite fossero quasi
triplicate (115 miliardi di litri). Al momento della prima sentenza, nel marzo 2009,
il volume delle perdite era ulteriormente raddoppiato (tre laghi di Bilancino pro-
sciugati in una decina d’anni), cfr. il Corriere forentino del 04.03.09.
48. Gli accordi tra Regione, Publiacqua e Tav sono riportati, tra le altre, nella de-
libera della Giunta regionale toscana n. 880 del 27.11.06.
49. Vedi l’articolo “Publiacqua, 8 milioni di utili”, in l’Altracittà del 31.05.09.
50. Anche in questo caso, poiché il racconto di viaggio si svolge nell’ottobre 2009,
Gerolamo non può sapere che nel novembre dello stesso anno, i giudici della Cor-
te d’Appello di Firenze hanno sospeso l’esecuzione immediata della sentenza di
primo grado e sollevato gli imputati, tra cui Cavet, dall’obbligo di risarcire i danni
e di pagare alle parti civili i 150 milioni di euro di provvisionale.
51. La dichiarazione di Legambiente è riportata in un lancio dell’agenzia di stam-
pa Asca (www.asca.it) del 3 marzo 2009.
52. Vedi gli atti del procedimento penale n. 535/04 R.G., Tribunale di Firenze, Se-
zione Monocratica, udienza del 10 aprile 2008, requisitoria del pubblico ministe-
ro dott. Gianni Tei.
53. La frase dell’associazione Idra è tratta da un articolo comparso sulla rivista
Rosso Fiorentino, iv, n. 1, del 15.01.06.
Guida pratica
:,ï :,,
Il percorso della Via degli Dei è in generale chiaro e ben segnalato, sal-
vo alcuni brevi tratti, e non necessita di particolari doti escursionistiche o
di orientamento. Per chi volesse una descrizione tecnica del tragitto, con
svariate note storiche e informazioni geografche, la guida di riferimento
è La Via degli Dei, Padova 2007, 4
a
ed., curata dal gruppo che “inventò”
questo cammino all’inizio degli anni Novanta. Consiglio comunque, se
possibile, di procurarsi le mappe delle diverse zone in scala 1:25.000.
Da Piazza Maggiore, guardando la torre dell’orologio, imboccare
sulla sinistra via D’Azeglio, poi a destra via Farini e a un incrocio di più
strade tenersi a sinistra su via Collegio di Spagna, quindi a destra per via
Saragozza. Qui siete già sotto il portico che, con brevissime interruzioni,
vi porterà fno al santuario della Madonna di San Luca (291 m), passan-
do sotto una delle dodici porte della città e l’Arco del Meloncello.
Dal santuario, si scende per via Monte Albano fno al civico nume-
ro 11, dove inizia il sentiero dei Bregoli che porta all’ingresso del Par-
co della Chiusa (o Talon).
Qui la via più semplice è seguire il viale d’ingresso e la stradella
Tappa 1: Bologna (54 m) - Badolo (390 m)
Lunghezza: 23 km
Dislivelli complessivi: salita, 580 m; discesa, 220 m
asfaltata che lo prosegue. Dopo 400 metri, sulla destra, si trova una sca-
letta che scende a un ampio prato. Lo si attraversa per incontrare un
sentiero che costeggia il bosco e che si segue fno alla passerella sul fu-
me Reno. Invece di attraversare, si resta sulla traccia che passa sotto il
ponte e continua nel bosco della Barlaita.
Proseguendo per circa 5 km sulla riva destra del fume, si ritrova
l’asfalto in via Rio Conco, che sale fno a incrociare via Ancognano. La
si segue in discesa e ci si trova subito a un bivio. A sinistra, il percorso
procede verso Vizzano. A destra, vale la pena fare una breve deviazione
(andata e ritorno: 1 km) per vedere il ponte sospeso sul Reno, un Gol-
den Gate in miniatura costruito nel 1930.
Tornati al bivio si prosegue, passando il cimitero di Vizzano, per 2
km di asfalto, fno all’incrocio con la sp. 37 Ganzole, che collega Piano-
ro con Sasso Marconi.
Il percorso per i camminatori prosegue seguendo la strada sulla de-
stra. Nel testo, invece, ho descritto la deviazione per mountain bike che
porta alla Vite del Fantini. La si imbocca attraversando la strada e pren-
dendo la via laterale che sale a sinistra (via Colliva). Il percorso segue la
strada per circa 2 km, poi continua ben segnato fno alla vite secolare e
sbuca poco sopra su una strada bianca (via delle Orchidee). Qui si pren-
de a sinistra, in discesa, e dopo 1 km si raggiunge l’asfalto di via Bado-
lo (sp. 58) e sempre in discesa si giunge all’arrivo in circa 2 km. Lungo
il percorso, al civico 35, si trova il Giardino botanico Nova Arbora, do-
ve dal 1987 sono stati ricreati alcuni ambienti naturali – come lo stagno,
il felceto, le rocce e la torbiera, oltre a un orto di piante medicinali, rare
e velenose. Se volete visitarlo, bisogna prima prenotare allo 051847581,
oppure www.novarbora.com. La struttura è anche un bed&breakfast e
può tornare utile per chi non volesse dormire in tenda. Cento metri più
avanti, il nuovo tracciato della Via degli Dei lascia l’asfalto e sale a si-
nistra, senza arrivare a Badolo, dove si può cenare presso l’Antica Ho-
staria della Rocca (tel. 051847506, www.hostariadibadolo.it). Se chiede-
te, è probabile che vi facciano accampare in un piccolo prato di fanco
al ristorante.
cuioa iiarica
ii sixriiio oicii oii
:oc :o:
Dal bivio di fronte all’Hostaria, in caso di pioggia, è consigliabile
proseguire per Brento sulla strada asfaltata (4 km). Altrimenti, tornate
indietro di 200 metri per la strada della prima tappa, e imboccate il sen-
tiero per Monte Adone, che sale ripido fno a Monte del Frate, quindi
prosegue in costa e infne scende nella valletta del Centro Tutela Fauna
esotica e selvatica. Se volete visitarlo, dovete prevedere circa tre ore, e
accordarvi in anticipo con i volontari (tel. 051847600, www.centrotute-
lafauna.org). Prima del centro, il sentiero scende sulla destra, arriva nei
pressi di una fattoria e devia a sinistra fno a raggiungere un gruppo di
case. Da qui si sale ancora con gli ultimi strappi fno alla vetta di Mon-
te Adone (654 m).
Riservate un’occhiata e una frma al quaderno di vetta (nell’astuc-
cio metallico attaccato alla croce), quindi proseguite in discesa sul sen-
tiero fno ad arrivare all’asfalto. Scendendo sulla destra si arriva al-
la strada comunale, e ancora a destra si entra a Brento (463 m). Dopo
circa 1 km si arriva al bivio con la strada che arriva da Badolo e si pro-
segue in direzione di Monzuno, per altri 2 km asfaltati, fno a imboc-
care, sulla destra, la strada vicinale per Ca’ di Sotto. Attenzione al bi-
vio, dopo circa 800 metri, dove bisogna prendere la sterrata a sinistra,
che sale verso la cima di Monterumici (561 m). Qui si ritorna sull’asfal-
to e si scende al Bivio Fùrcolo (460 m) con la sp. 59 degli Dei, che bi-
sogna calpestare fno a Monzuno (623 m, 1062 ab.), passando per l’an-
tico Ospitale (lungo il tragitto ci sono piccole deviazioni ben segnalate
per evitare la provinciale).
Da Monzuno si seguono le indicazioni stradali per Trasasso e Ma-
donna dei Fornelli. Dopo 600 m, si sale a destra sulla sterrata del cam-
po sportivo, fno a un bivio a T dove prendete a sinistra.
Arrivati all’agriturismo Le Campagne, il sentiero gira dietro le stal-
le e attraverso boschi di pioppi, castagneti e piccoli ponticelli (atten-
zione ai segnali) sale per circa 2 km fno al ripetitore Telecom, da dove
si scende sulla strada ghiaiata che percorre il crinale. In 1,5 km, sem-
Tappa 2: Badolo - Madonna dei Fornelli (798 m)
Lunghezza: 23 km
Dislivelli complessivi: salita, 900 m; discesa, 420 m
pre pianeggianti, si raggiunge l’antico Ospitale con chiesetta (oggi agri-
turismo) Le Croci (856 m). Subito dopo l’edifcio, tenendo la sinistra
al bivio, arriverete alla centrale eolica di Monte Galletto (955 m). Dal-
la vetta la strada prosegue dritta, in discesa, fno alle prime case di Ma-
donna dei Fornelli (798 m, 416 ab.), dove ci sono bar, ristoranti e pen-
sioni. In estate può essere piacevole pernottare sulle rive del lago di
Castel dell’Alpi, che si raggiunge in 3 km e circa 100 metri di dislivel-
lo in discesa.
Dall’incrocio principale del paese si seguono le indicazioni per Pian
di Balestra e la Strada Romana. Dopo il terzo tornante si lascia l’asfal-
to per un sentiero che sale evidente sulla destra. Superato un gruppo di
case, si prosegue in cresta fno a ritrovare l’asfalto. Si prende a sinistra
e seguendo le indicazioni ci si ritrova su una mulattiera che sale nel bo-
sco fno alla rete della Stazione Radio di Emergenza per il Nord Italia,
poco sotto la vetta del Monte dei Cucchi (1138 m). Da qui si scende e
si attraversa un’abetina fno al quadrivio asfaltato di Pian di Balestra. Si
prosegue dritto per via Bastione, che presto diventa una strada sterrata
e supera il confne regionale con la Toscana. All’inizio della discesa, sul-
la sinistra, è indicata la breve deviazione nel bosco per il basolato della
(presunta) Strada Romana. Volendo si può seguire l’antica strada, in di-
scesa, fno a ricongiungersi con la sterrata. Poco più avanti si superano i
ruderi della Faggeta, poi un’abetina e un cancello per il bestiame, fno a
ritrovarsi sui prati dei Capannoni. Arrivati al casolare, si volta a sinistra
e alle successive deviazioni si continua sempre dritto, giungendo così al-
la Piana degli Ossi (1045 m) e alla tettoia che protegge l’imboccatura di
un’antica fornace da calce.
Il sentiero prosegue fno a un incrocio dove bisogna prendere a si-
nistra, in salita (a destra si scende a Bruscoli). Dopo aver costeggiato a
lungo la recinzione dell’Azienda faunistico-venatoria Il Passeggere, si
attraversa una grande radura (Le Banditacce). Appena rientrati nella
Tappa 3: Madonna dei Fornelli - Traversa (851 m)
Lunghezza: 17 km
Dislivello complessivo: salita, 560 m; discesa, 530 m
cuioa iiarica
ii sixriiio oicii oii
:o: :o,
faggeta, sulla sinistra, un sentiero evidente porta a una fonte (in caso di
bisogno). Salendo dritti si raggiunge Cima Le Banditacce (1202 m). Da
qui si scende nel bosco, spesso affancati dal basolato dell’antica strada,
fnché a un certo punto non ce lo si trova pressoché di fronte, con tanto
di cartelli della Via Flaminia Militare. Fate attenzione ai segni bianco-
rossi e girate a sinistra, in discesa e poi lungo il crinale, fnché i faggi non
lasciano il posto agli abeti. Poco più avanti, il percorso principale prose-
gue dritto, mentre sulla sinistra si stacca la deviazione per Traversa (851
m, 160 ab.), che consiglio di seguire, per raggiungere in una mezz’ora
la piccola frazione sulla ss. 65 della Futa, dove troverete bar, ristoranti e
alberghi. Senza nulla togliere agli altri, mi permetto di segnalare la Trat-
toria da Bibo (la prima in cima al paese, tel. 055815231), per vino, am-
biente e musica, e l’albergo ristorante Da Jolanda (poco più in basso,
tel. 055815265), per la cucina e l’accoglienza riservata ai campeggiatori
(se mangiate lì e chiedete con gentilezza, è facile che vi facciano mette-
re la tenda nel giardino sul retro).
La tappa a Traversa costringe il giorno dopo a 2 km di asfalto sul-
la statale. Se volete evitarli, potete tralasciare la deviazione, seguire il
percorso principale fno al Passo della Futa e da lì a) continuare per
un’ora e mezzo fno a Monte di Fò (tratti di Strada Romana + campeg-
gio Il Sergente: tel. 0558423018, www.campingilsergente.it) oppure b)
girare a sinistra verso Bologna e fare tappa all’Albergo del Passo (me-
glio telefonare per sincerarsi che sia aperto: tel. 055815255, www.pas-
sodellafuta.it).
Si segue la strada statale 65, in salita, fno al Passo della Futa (il Ci-
mitero Germanico è a 50 m, in salita, sulla destra).
Dal passo si scende tenendo la sinistra (in direzione di Firenzuola)
e subito si imbocca il sentiero a destra, vicino alla cabina dell’alta ten-
sione.
[In caso di pioggia, è meglio evitare l’ascesa a Monte Gazzaro e pro-
seguire per l’asfalto fno alla piccola frazione di Roncopiano (circa 4 km),
da dove una comoda mulattiera sale al Passo dell’Osteria Bruciata.]
Il sentiero sale evidente nel bosco, fno all’incrocio con quello che
arriva dalla località L’Apparita. Si continua dritto fno a sbucare in un
prato, dove si trova la croce di vetta, mentre la vetta vera e propria del
Monte Gazzaro (1125 m) è poco oltre, nel bosco.
Da qui il sentiero scende, su rocce bianche e argilla, e si fa scivolo-
so. Giunti in basso, bisogna fare attenzione a non perdere i segnavia, tra
erba alta, cespugli e ginestre. Si arriva così al Passo dell’Osteria Brucia-
ta (917 m) e si volta a destra verso Sant’Agata. La mulattiera, molto evi-
dente, scende a una casa diroccata e poi risale al Lagonaccio, un ampio
spiazzo punteggiato di cespugli e sfasciumi argillosi.
Il percorso successivo è a tratti confuso, bisogna cercare sempre i
segnavia biancorossi, senza seguire altre indicazioni. Per arrivare a San-
t’Agata ci sono due accessi: uno passa da Montepoli (sentiero Cai 46B),
l’altro dal casolare del Cerro (sentiero 46). La prima alternativa segue
più a lungo l’asfalto, ma incrocia la pieve duecentesca di San Lorenzo.
Sant’Agata (341 m, 535 ab.) merita senz’altro una visita, sia per la
pieve che per il Museo di Vita artigiana e contadina, con 65 personag-
gi di legno in movimento (aperto il pomeriggio o su prenotazione: tel.
0558406750).
Dal centro del paese si scende lungo via Vittorio Emanuele e si pren-
de a destra via San Francesco. Si continua dritto e poi con due curve in
salita, fno alle indicazioni per Gabbiano (per chi ha seguito il sentiero
46, si tratta dello stesso incrocio attraversato per arrivare a Sant’Agata e
della strada di fronte a quella percorsa in precedenza).
La strada bianca prosegue dritta per 2,5 km fno a Gabbiano e al-
la chiesa di San Lorenzo, che risale al 1300 e conserva un dipinto di Ja-
copo Vignali. Dopo poco più di 1 km, si entra nel bosco della tenuta
Schifanoia.
[Chi volesse visitare il Convento di Bosco ai Frati deve prendere
a destra al primo quadrivio, superare il torrente Anguidola tenendosi
sempre a destra, quindi a sinistra dopo 200 metri, a destra sull’asfalto e
ancora a sinistra. Il convento è un luogo molto suggestivo, in mezzo al
bosco, scenario di svariate leggende su san Bonaventura, che qui dimo-
rò nel 1273 (www.ilflo.net/arte/boscofrati.htm). Tornati indietro di 500
metri, si segue a destra la strada fno alle prime case di Scaffaia (circa 2
km). Subito dopo il primo edifcio si svolta a destra, quindi a sinistra, e
Tappa 4: Traversa - Castello di Trebbio (430 m)
Lunghezza: 27 km
Dislivello complessivo: salita, 505 m; discesa, 914 m
cuioa iiarica
ii sixriiio oicii oii
:o¡ :o,
in breve ci si ritrova sulla provinciale. La si attraversa e si segue la stra-
da dritta, sull’altro l’alto, che scavalca la Sieve e poi a sinistra entra a San
Piero (via Massorondinaio e via Cipriani).]
Il percorso principale prosegue invece dritto al quadrivio nel bosco
per altri 2 km e ormai in vista della provinciale, prima dell’ultima disce-
sa, fancheggia la chiesa di San Jacopo a Coldaia (del secolo xi). Si attra-
versa la provinciale e si continua sulla strada di fronte, che poi incrocia
il viale d’ingresso a San Piero a Sieve (212 m, 2857 ab.).
Il paese è senz’altro il posto migliore per dormire in una camera d’al-
bergo. Le strutture non mancano e si può aver tempo di visitare tanto la
pieve di San Pietro che la fortezza medicea di San Martino.
Per chi ha la tenda, la soluzione migliore è fermarsi prima, lungo la
strada di Gabbiano, oppure proseguire fno al castello di Trebbio (alme-
no un’altra ora e un quarto di cammino).
In questo caso, raggiunta Piazza Colonna da via Calimara, si sale
lungo via dell’Antica Posta e via Medici, superando le ville Schifanoia e
Adami (oggi biblioteca comunale). Da qui si imbocca sulla destra, in sa-
lita, via della Fortezza, fnché non si arriva a un bivio. A destra si va a vi-
sitare la fortezza, mentre proseguendo lungo la sterrata si scende verso
la ss. 65 della Futa e la si raggiunge dopo circa 1 km.
Si gira a destra e poi subito a sinistra seguendo le indicazioni per il
Trebbio, dove si arriva con circa 4 km di strada e gli ultimi 200 metri
di dislivello.
Il castello si visita solo con una guida, il martedì e giovedì, tel.
0558458793.
Dal trivio (oggi quadrivio) che dà nome al luogo, si prende a sini-
stra e in circa 3,5 km si ridiscende sulla strada della Futa, all’altezza del-
la località Tagliaferro (250 m). Sull’altro lato della statale si attraversa
un prato e poi si prende a destra per il paese. Terminate le case, si vol-
ta a sinistra, si scavalca (forse) il torrente Carzola, si passa sotto la ferro-
via faentina e si sale fno a raggiungere una carrareccia pianeggiante. Al
primo bivio si gira a destra e si sale per 1,5 km fno a un casolare (sul-
la destra). Si prosegue in salita per altri 300 metri, poi si lascia la carra-
reccia, che scende, e si imbocca una cavedagna che attraversa un cam-
po in salita, entra in un castagneto e infne esce sull’asfalto. Si procede
a sinistra e dopo 300 metri un sentiero ben segnato sale sulla destra, an-
che se vale la pena fare altri 200 metri per una vista frontale della Badia
del Buonsollazzo (540 m).
Tornati sul sentiero, la salita continua, con segni evidenti, fno al cri-
nale e al convento di Monte Senario (815 m).
Lasciandosi l’edifcio sulla sinistra, si scende in un’abetaia fno al-
l’asfalto. Lo si segue a destra, in discesa, poi subito a sinistra per circa
1,5 km. Arrivati alla croce dei Sette Santi, nobili forentini, si prende la
sterrata a sinistra, verso la Casa al Vento.
[Una lunga deviazione permette di raggiungere lo splendido giardi-
no di Villa Demidoff, dove si trova il Colosso dell’Appennino (1580 cir-
ca), opera del Giambologna (Jean de Boulogne), lo stesso scultore a cui
si deve il Nettuno, in Piazza Maggiore a Bologna.
Basta proseguire lungo l’asfalto per un altro chilometro, andare sem-
pre dritto al quadrivio, e dopo altri 3 km (via della Lupaia) raggiunge-
re Pratolino, la ss. 65 e l’ingresso della villa (a pagamento, meglio infor-
marsi su orari e aperture, tel. 055409427, 055409155).
Al ritorno, al quadrivio, prendere a destra la via della Casa al Ven-
to, sempre dritto, e poi a destra all’incrocio a T in corrispondenza del
casolare. In tutto sono 7 km in più di cammino, circa un’ora e mezzo,
ma ben spesa. Potreste decidere di allungare qui e di prendere invece
un autobus appena arrivati a Fiesole o a Firenze, senza tirare a piedi f-
no alla stazione.]
Il percorso principale supera invece la Casa al Vento, sempre dritto,
fno a ritornare sull’asfalto a Vetta Le Croci (518 m), il passo sulla stra-
da Faentina che separa il Mugello dalla valle del Mugnone e dell’Arno.
Oltrepassata la ss. 302, sull’altro lato si attraversa un prato a fanco di un
laghetto e si torna sull’asfalto dopo 400 metri.
Si passa sull’altro lato della strada, dove una via secondaria sale sul-
la sinistra, parallela alla principale. Questo sentiero, dopo 1 km, porta
di nuovo sull’asfalto, al Passo della Catena.
Tappa 5: Castello di Trebbio - Firenze (50 m)
Lunghezza: 22 km fno a Fiesole, poi a seconda delle varianti
Dislivello complessivo: salita, 755 m; discesa, 900 m (fno a Fie-
sole)
cuioa iiarica
ii sixriiio oicii oii
:oo :o;
Sull’altro lato della strada, il sentiero Cai n. 2 comincia a salire sul
crinale i 200 metri di dislivello che portano in cima al Poggio Pratone
(702 m).
Dal cippo con i versi del poeta Cicognani si scende verso il ripetitore
Telecom di Monte Fanna, quindi lungo la sterrata che raggiunge l’asfal-
to alla sbarra del Tabernacolo.
Si imbocca la strada verso destra e si comincia a decidere come rag-
giungere Firenze.
a) Una prima possibilità consiste nel seguire la prima deviazione a
sinistra, dopo 250 metri, col segnavia n. 2 del Cai, in direzione Ponte
a Mensola. Si arriva così a San Martino a Mensola, all’incrocio tra via
Vincigliata e via D’Annunzio. Da lì, attraverso Coverciano, lo stadio
Franchi e Campo di Marte, in circa 6 km si arriva in Piazza della Signo-
ria e alla stazione di Santa Maria Novella (totale dalla deviazione: tre ore
e un quarto di cammino).
b) Si prosegue fno a Fiesole (295 m, 2887 ab., a 4 km dalla sbarra
del Tabernacolo) e si sale in cima a Monte Ceceri (deviazione sulla sini-
stra, in via Peramonda, ben segnalata anche per il campeggio Panorami-
co, poco prima di entrare in città, oppure da Piazza Mino, per via Verdi,
col sentiero n. 1). Dal cippo che ricorda il volo di Leonardo, si scende ri-
pidi alle Cave di Maiano (sentiero n. 7). Ancora 2 km di asfalto e si arri-
va a Firenze, in viale Augusto Righi. Da qui a Piazza della Signoria man-
cano circa altri 5 km (totale dalla sbarra: tre ore e mezzo di cammino).
c) Si prosegue fno a Fiesole e dalla piazza centrale (Piazza Mino), si
imbocca via Vecchia Fiesolana e si scende, passando le ville Medici, Le
Balze, Nieuwenkamp e Albizi, fno al convento di San Domenico. Qui
si prende a destra via Boccaccio, che costeggia Villa Schifanoia e Villa
Palmieri (quella che fa da cornice ai racconti del Decameron). Arriva-
ti ormai a Firenze, si prende a sinistra via Sacchetti, si supera la ferro-
via e si prosegue dritto per via Don Minzoni, fno ad arrivare in Piazza
della Libertà. Qui si imbocca via San Gallo e, proseguendo sempre drit-
ti, si arriva in Piazza Duomo e in Piazza della Signoria (circa 11 km e
due ore di cammino dalla sbarra del Tabernacolo. È il tragitto più bre-
ve, ma anche il più asfaltato, per raggiungere Firenze e concludere co-
sì la Via degli Dei).
Ringraziamenti
Vorrei utilizzare questo spazio per ringraziare soltanto per-
sone che non conosco e che non si aspettano di essere nomina-
te qui.
Gli amici che frequento spesso, i parenti, coloro che ho mo-
do di incontrare e sentire al telefono, preferisco ringraziarli con
gli abbracci e la voce. Capisco il senso di citare tutti su un’uni-
ca pagina, ma allo stesso tempo mi pare un’usanza stucchevole,
non molto diversa da quelli che vanno in televisione a salutare la
mamma.
Se ho potuto percorrere la Via degli Dei è grazie al sogno di
chi l’ha immaginata e all’impegno volontario di chi ogni anno la
mantiene ben segnata e percorribile.
Se ho potuto dare un senso a quel che incontravo sul sentie-
ro, lo devo a quanti hanno raccontato la Storia, le storie e le ca-
tastrof del territorio tra Bologna e Firenze. Il mio ringraziamen-
to va soprattutto a quanti l’hanno fatto per passione, senza aspet-
tarsi un guadagno e nemmeno un rimborso spese. In particolare,
l’associazione di volontariato Idra, che da tanti anni incontro sul
web ogni volta che cerco notizie e rifessioni sulla tratta appenni-
nica dell’alta velocità. Un esempio di tenacia come il loro merita
un ringraziamento anche solo per la fducia che riesce a trasmet-
tere. Purché la fducia non si trasformi in un fate voi, un semplice
consolarsi perché qualcun altro lotta al posto nostro.
ii sixriiio oicii oii
:oï
L’emergenza ambientale, in questo disgraziato Paese, è sem-
pre molto, molto vicina. Ci sono responsabilità grandi e piccole,
crimini contro l’umanità e peccati veniali, ma nessuno, mai, do-
vrebbe sentirsi assolto.
L’ultimo grazie, allora, è per te che stai leggendo, se sarai il
prossimo a scorgere la macchia nera e a darti da fare per cancel-
larla con l’aiuto di qualcuno.

Nota dell’Autore (alla maniera di Paco Ignacio Taibo ii)

Una buona parte di questo libro consiste nella descrizione del cammino che va da Bologna a Firenze, da Piazza Maggiore a Piazza della Signoria, conosciuto con il nome di Via degli Dei. Tappa per tappa, il lettore può seguire il percorso e il camminatore arrivare a destinazione. C’è pure una scelta di foto scattate lungo il tragitto e una guida pratica per chi vorrà cimentarsi. Mancano però le mappe topografiche al 25.000 e il tono dei vari paragrafi è narrativo, partigiano e sentimentale. Sarebbe dunque difficile sostenere che questa è una guida per escursionisti. Una buona parte di questo libro ha per protagonista un personaggio fittizio, con i suoi pensieri e le sue motivazioni. Alcune avventure che gli accadono sono frutto di invenzione, altre – le più numerose – si basano su fatti realmente accaduti. Tuttavia la trama del libro è il semplice susseguirsi dei passi e il protagonista è una mano tesa al lettore, per invitarlo a camminare. Sarebbe dunque molto difficile sostenere che questo è un romanzo. Di certo, non è letteratura. Cinque parti di questo libro sono racconti brevi (i “notturni”) che si possono leggere anche in maniera autonoma, e forse altre sezioni del testo hanno la stessa caratteristica. Tuttavia, sarebbe difficile sostenere che questa è una raccolta di novelle.

il sentiero degli dei

Una buona parte di questo libro si basa sulle esperienze dell’autore lungo la Via degli Dei, che egli ha percorso in due occasioni: dal 25 al 29 settembre 2002 e dall’1 al 5 ottobre 2009. Il cammino qui narrato, però, non corrisponde al resoconto di quelle giornate e molti argomenti contribuiscono a portarlo fuori strada. Sarebbe dunque difficile sostenere che questo è un diario di bordo. Una buona parte di questo libro denuncia le “emergenze ambientali” che affliggono l’Appennino tra Bologna e Firenze, in particolare quelle legate ai lavori per il treno ad alta velocità. In fondo al volume vengono citate tutte le fonti dei dati e delle affermazioni riportate. Tuttavia, per quanto documentato, l’autore non è né un tecnico né un giornalista. Sarebbe dunque difficile affermare che questo è un saggio, un reportage o un’inchiesta. Le cinque (o più) tappe della Via degli Dei attraversano due regioni, due province e quattordici comuni. Se non vi piace attraversare i confini, camminare sui crinali e stare nei margini, temo che questo libro non faccia per voi. In caso contrario, potreste provare a leggerlo, e trovarci dentro una guida per escursionisti, una raccolta di novelle, un diario di bordo, un saggio, un reportage, un’inchiesta e chissà cos’altro.

Il sentiero degli dei

Ogni atto sul territorio è un atto politico. Eugenio Turri

Antefatti

1. Settembre è un mese inquieto, più fitto di buoni propositi che la notte di San Silvestro. A mezzogiorno ti sorprende il caldo, ma la sera, prima di dormire, chiudi le finestre, per paura che l’autunno venga d’improvviso e ti trovi avvolto in un panno leggero. La decima estate del Terzo Millennio sembrò finire in anticipo, con un martedì piovoso e le scuole riaperte, ma nel fine settimana c’era di nuovo il sole, e Gerolamo portò i bimbi a caccia d’impronte sui sentieri fangosi del Parco della Chiusa. Avevano comprato un libro per cercatori di tracce e dopo aver catalogato dieci cani, tre cavalli, un cinghiale e due formiche, fu seguendo le peste di un capriolo che si ritrovarono alla passerella sul fiume Reno, un luogo dove Gerolamo non arrivava da anni, perché Dario e Lucia volevano sempre fermarsi prima, nei grandi prati da corse più vicini all’entrata. Era la passerella una sorta di finis terrae, colonne d’Ercole in acciaio e bulloni che segnavano la fine del parco e l’inizio della Barlaita, un bosco fitto di umidità e di zanzare tigri. Le famiglie in passeggiata percorrevano il ponte per metà, si affacciavano sull’acqua color caffellatte e poi tornavano indietro, mentre i ciclisti da fango pedalavano fino all’altra sponda, alla strada di servizio delle cave Sapaba, e poi di lì a Casalecchio e magari a Bologna, per farsi una doccia prima del pranzo con i suoceri.

dedica un capitolo al vagone ferroviario. perché a Bologna avevano attraccato ve lieri e bastimenti. Michel de Certeau. passarono accanto alla chiusa sul fiume che dava al parco il suo nome ufficiale. e che ci lasciano senza avere nulla a che fare con noi. a forza di mettersi a testa in giù nel fiume. esserne privati. doveva esserselo preso la Grande Piena. Più di questo Gerolamo non sapeva. Gerolamo rise e rispose che no. Stupore nell’abbandono. quasi millenaria. dove il viaggiatore. Sarebbe questa l’origine della melanconia che ci assale in treno. ne L’invenzione del quotidiano. qualche vecchio casalecchiese è ancora convinto che le monete d’oro siano rimaste là sotto. Il babbo li richiamò: se si bagnavano i piedi. Tornarono indietro di malavoglia e Dario si consolò indicando un rettangolo bianco e rosso sulla spalla del ponticello. non si era mai spinto oltre quel confine. sempre che la golena fosse all’asciutto. Il cuoco fece scavare nel punto indicato. Per l’occasione. cartiere. Non cambiano di posto. anche se i bolognesi lo chiamavano tutti Parco Talon. anche se l’Adriatico distava settanta chilometri. in tutto il mondo. «Ci vai a piedi alla tua riunione di domani?» domandò al padre con gli occhi sgranati. con grave scorno per quelli del posto. e ancora esisteva una via “del Porto”. per provare e riprovare le loro manovre di raddrizzamento.1 Sulla via del ritorno. Serviva per deviare l’acqua nel Canale di Reno. come non lo cambio io. più quattro ettolitri di sangiovese. ingaggiò il miglior cuoco della zona e il suo menu ebbe un tale successo che oltre al compenso pattuito gli regalarono pure la mappa di un tesoro.1  . ma non trovò nulla: se qualcosa c’era. a non aver mai smesso di fare il suo lavoro. che in un tempo lontano faceva andare mulini. Poi guardò il sentiero e immaginò una sequela ininterrotta di segni bianchi e rossi. appena gettiamo uno sguardo fuori dal finestrino. ci si addentrava nella giungla. Tra Bologna e Firenze correvano talmente tante strade e ferrovie. sorpresi dalla loro effimera e quieta estraneità. Molte sue diramazioni scorrevano ancora sotto le strade del centro. lungo un sentiero disegnato da bici e piedi ardimentosi. nascosto nei recessi della chiusa. segherie.il sentiero degli dei antefatti Passando sotto la struttura. e che prima o poi le troveranno i canoisti. Per ripararla c’erano voluti seicento operai. 2. tanto che l’ingegnere capo aveva dovuto metterli tutti a tavola. Gerolamo raccontò ai bimbi che la chiusa era molto antica. Essere al di fuori di queste cose che stanno là. invece. Lucia lesse lo stampatello una sillaba per volta e compose il nome “Firenze”. dalla famiglia che un tempo possedeva quei cento ettari come giardino e tenuta di caccia. lo attendevano i rimproveri di Lara per aver portato i pargoli in un posto “poco adatto”. 1. Si diceva che fosse la più vecchia. arrivati da tutta la provincia. che solo un percorso magico poteva aggirare autotreni ed Eurostar. La Chiusa invece era sempre lì. come la strada di mattoni gialli che porta Dorothy nel regno di Oz. e condurre il camminatore sano e salvo alla meta. custodite da un fantasma. cercando nella melma il segno degli zoccoli. distaccate e assolute. e oggi non lo diresti che dietro via dei Mille c’erano darsene e moli affollati. aveva già comprato il biglietto del treno. «immobile. mentre i bimbi già lo superavano di slancio. anche se la Grande Piena del 1893 se l’era mezza mangiata (insieme ai ponti della ferrovia che portavano a Roma e a Milano). La caccia ai segnavia del Cai era sempre aperta e questo aveva pure una scritta sulla banda centrale. vede cose immobili scivolare via». telai. Eppure. e seppellire le controversie sotto trecento chili di manzo e maccheroni al ragù. queste cose non si muovono. sulle rive del Reno. Eppure.

Fino a staccare gli occhi dal finestrino e a puntarli sullo schermo del portatile. a indicare 86 giorni. dall’alto in basso. 2. con otto cifre rosse a sette segmenti. La sua cooperativa aveva aperto una sede nel capoluogo toscano e Gerry era stato scelto per curare la formazione dei nuovi educatori. cubitali. mentre nello spazio centrale.2 La stele di Trenitalia svettava di fronte alla stazione di Bologna come il monolito di Odissea nello spazio. cool. contemplava rapito il trompe l’oeil del paesaggio.il sentiero degli dei antefatti Gerolamo. Era l’analogo terragno di certi magazine da compagnia aerea. elettrizzante.. fino all’assuefazione. al centro di un’aiuola dall’erba malconcia.. e un gruppo di bambini si tuffava giù da un ramo e dagli scivoli di roccia. vergato in lettere rosse. A sinistra un prato. fico. Quel suo viaggio attraverso l’Appennino si sarebbe ripetuto ogni settimana. di fronte a privilegi ben più sfacciati. Milioni di italiani. 2) l’imperativo orwelliano «Segui il conto alla rovescia». a seconda che fossero in progettazione. in costruzione. Gerolamo guardò in basso. a destra un ruscello intarsiato nel bosco. oltre i vetri di un’auto o di un treno. Sfogliò qualche pagina di Riflessi. fatta eccezione per l’Autostrada del Sole. o in esercizio fino a 250 km/h. il convoglio si fermò sul fianco della montagna.. Allora Gerolamo estrasse il cellulare e chiese al navigatore di localizzare la sua posizione sulla mappa satellitare del pianeta. in colori diversi. Grigio lucido metallo. e tutto è trendy. fiumi e vallate. La superficie rivolta verso Gerolamo recava sui margini due scritte identiche. Sull’altro versante una pieve isolata. dove le destinazioni dei voli sono patinate quanto la carta.1 Migliaia di persone attraversavano tutti i giorni quelle montagne. Gli amanti dei cliché lo definivano imbuto. di ritorno da Firenze. 42 minuti e 53. senza sapere come chiamarli e quali storie potessero contenere. Al profumo della parola “caffè”. Almeno una volta all’anno giornali e telegiornali sparavano titoli sull’Italia “spezzata in due”. 51 secondi. In un corridoio largo venti chilometri passavano tutte le comunicazioni tra il nord e il sud del Paese. ma non aveva idea di come arrivarci e nulla di quanto vedeva corrispondeva a un nome nella sua enciclopedia personale. Mezz’ora più tardi. 4) una mappa dell’Italia con i tracciati dell’alta velocità. dove l’acqua limpida formava una pozza. fino alla primavera. si susseguivano: 1) il marchio rosso-verde delle Ferrovie dello Stato. Sorvoli Bombay e pensi di atterrare tra i lustrini di Bollywood. Si trattenne a stento. in esercizio. Poi esci dall’aeroporto e c’è una baraccopoli sterminata. spina dorsale. pensando ai nervi saldi della seconda classe del Pianeta. o per un “inconveniente tecnico” sulla ferrovia Direttissima. Gerolamo si alzò per aprire il finestrino e domandare indicazioni ai bambini che giocavano nell’acqua. caratteri bianchi orientati in verticale: alta velocità. Gerolamo fu tentato di guidare l’assalto alle carrozze di lusso.  2. case in sasso. un viadotto dell’autostrada come fondale.  . imperdibile. Ma il finestrino non aveva maniglia ed era sigillato alla cornice come l’oblò di un sommergibile. 52. mentre le madri prendevano il sole sul greto. Una voce femminile annunciò che i passeggeri di prima classe stavano per ricevere caffè. Sembrava un posto magnifico e Gerolamo ci avrebbe passato volentieri una domenica con i bimbi e con Lara. la rivista delle Ferrovie. della nebbia. per via della neve. 3) una striscia di orologio digitale. 07 ore. di un “drammatico incidente” tra Sasso Marconi e Barberino del Mugello. giornali e spumante Carpenè Malvolti. sopra una piattaforma in alluminio da discoteca anni Ottanta.. collo di bottiglia. avevano visto scorrere quel paesaggio. Era la prima volta che faceva quel tragitto per motivi di lavoro e ancora non conosceva la noia del pendolare. per non perdere in fantasticherie cinquanta minuti preziosi.

elettricista di ventitré anni. camionista. quella che guardava gli hotel sul viale della stazione. ma invece della mappa d’Italia c’era un’altra scritta rossa. padre di tre figli.. Giorgio Larcianelli.. una cottura al microonde. riapparve a Gerolamo tre giorni più tardi.. ai margini di una festa di compleanno per quarantenni. il conto alla rovescia per sincronizzare la pellicola. Non era possibile che l’intera rete disegnata sulla mappa venisse completata in 86 giorni. perfetto sostituto per  . ci trafficò sopra con il puntatore a forma di matita e prese a leggere sullo schermo con voce da requiem. Uno scherzo. ecco risolto il mistero: il conto alla rovescia sul monolito ne anticipava un altro. lo stesso identico spazio di fronte alla stazione ospitava una fontana monumentale. corti..  35 minuti da Bologna a Firenze Quindi. insomma. poi tirò fuori dalla borsa un computer palmare. Dunque? Che cosa bisognava aspettarsi da quel conteggio a ritroso? Una partenza. un inganno. sempre nel tunnel di Vaglia. Eppure dicono che quei cantieri erano tra i più sicuri d’Europa. i morti ammazzati sono almeno sette. un’esplosione. clip di ogni tipo e nel tempo libero si sforzava di girare i suoi. come un cronometro su rotaia. significava che il regista ce l’aveva messo di proposito. uscito di strada sulla via Barberinese. un treno passeggeri sarebbe partito da Bologna alla volta di Firenze. All’azzerarsi delle cifre digitali. Se compariva. perché la lista funebre poteva essere anche più lunga. Alcune linee erano ancora in fase embrionale e nemmeno un folle avrebbe scommesso sull’ora esatta del parto. due figli. stritolato nella galleria di Vaglia. fino all’arrivo del monolito a orologeria. 2. si riempì il bicchiere. Gerolamo esaminò l’altra faccia. Durante la Seconda guerra mondiale una bomba dell’aviazione inglese aveva sbriciolato il marmo e le statue. mentre sull’obelisco dell’alta velocità non c’era un solo centimetro dedicato alle vittime. Era più o meno identica alla sua gemella. travolto da un getto di calcestruzzo.. 4. Pasquale Costanzo. Da allora il prato al centro dell’aiuola era rimasto vuoto. quello fascista e quello di Trenitalia. schiacciato a Monghidoro sotto le ruote di un Tir. Giovanni Damiano. in corsa inesorabile da 35 minuti a zero.. «Pasquale Adamo. «Per prima cosa. assemblava film. ottantaquattro anni. sugli schermi dei cinema non si vedeva più. «Solo per le vittime da qui a Firenze non basterebbe un museo». investita da un mezzo pesante a Sesto Fiorentino. la stele di Trenitalia si sarebbe trasformata da orologio in monumento. e la scritta diceva: solo la fontana fascista in memoria della Direttissima. L’immagine dei due monumenti. mentre parlava con un’amica. 3. per far sembrare arcaico quel che non lo era. Pietro Giampaolo.. Assuntina Spina. «Altro che fontana!» rispose lei agguerrita. Fece una pausa. All’azzerarsi delle cifre digitali. Ma quale? In epoca fascista.. morto in galleria sotto un telaio metallico». Sollevò il pollice e cominciò a contare. Forse anche la stele di Trenitalia ne nascondeva uno. cinquantotto anni. Con la differenza che quella celebrava la vittoria della ferrovia onorando i caduti nella guerra contro l’Appennino. 3. a un passo dalla pensione. e Franco Roggio. in base alle statistiche».il sentiero degli dei antefatti L’obiettivo del conto alla rovescia restava un mistero. Decorazioni e bassorilievi ricordavano i minatori morti per costruire la ferrovia Direttissima. la fine di un mondo. Marta Lanzi faceva di mestiere la montatrice. l’inizio di un film? 5. Da mesi raccoglieva il materiale per un documentario sull’alta velocità e così Gerry le raccontò della fontana per i caduti della Direttissima e del metallo lucido e grigio del nuovo monolito.

dovrà decidere la Corte Costituzionale. «Frazioni. E quanto all’acqua che si sono presi senza chiederla. Veccione. bisognava andarsi a spulciare i giornali. Trecentonovantacinque milioni di euro.   . Vuotò il bicchiere in un fiato e chiuse il palmare con un gesto secco. ed era più facile elencarle per nome. definitivo. Ho acceso il computer e mi sono segnato due o tre libri da prendere in biblioteca. – E alla fine mi sono pure vergognato: la guerra tra la Velocità e l’Appennino si combatteva a due passi dalla mia città e io non ne sapevo nulla. per risparmiare ventuno minuti di viaggio». su rilevati. ma la condanna è stata di soli 150. Bagnone. 19 interventi archeologici. Cinquantasette chilometri di torrenti morti. Badia di Moscheta: in tutto sessantasette sorgenti. le risorse bruciate. Diaterna. per impastarci il cemento e lavare via i detriti. si lasciò andare sullo schienale della poltrona. Allora ho capito che Internet. due le province. Carzola. semplicissima scheda. in una giornata di sole e freddo invernale. cioè otto volte la spesa prevista. Presto. La Rocca. secondo il giudice. Farfereta. con qualche rara interruzione. perché da nessuna parte li trovavi tutti insieme. che in questo caso non sono reati. paesi. In galleria per il 93% del tracciato.7 allo scoperto. Volpinaia. e di un Boscaiolo di Latta che mi aiutasse a seguirlo. buoni giusto per un’indignazione precoce. ho immaginato un unico tunnel di cemento. Le Spugne. Avevo bisogno di un percorso magico che le attraversasse. documenti ministeriali e istruttorie. con i numeri e le caratteristiche della nuova linea ad alta velocità. «Carza. Poi il vortice di Google mi ha risucchiato e ho passato due ore a salvare articoli. Tornato a casa. seccati. Ensa. ma si ingarbugliò con le divisioni. È andata avanti a parlare per almeno due ore – mi spiegherà Gerolamo quattro mesi più tardi. invece.il sentiero degli dei antefatti Alzò gli occhi e disse che non era stato per niente facile mettere in fila quei nomi. 140 chilometri di nuove strade a servizio dei cantieri. 130 ettari di interventi a verde. una notte artificiale avrebbe sostituito boschi e ruscelli. Marta picchiettò ancora con il puntatore sullo schermo del palmare e attaccò una nuova litania. per quanto intravisti da un finestrino. intere comunità di uomini e animali stravolte dai danni. se quel tipo di furto sia un crimine oppure no». si era celebrato un processo. Marta aveva già fatto i conti.5 km (di cui solo 4. mentre le sorgenti. Al processo di primo grado. 4. non le hanno danneggiate apposta. Rampolli. la linea si sviluppa per 78. Uno studio recente3 parla di 105 milioni di euro a chilometro. le pagine web del sindacato. scavato sottoterra da un gigantesco lombrico. negli occhi di molti passeggeri. come il sentiero di mattoni gialli per il Regno di Oz. ma solo per negligenza e imperizia. appoggiò il bicchiere. tranne qualche titolo di giornale e un paio di servizi alla tivù. Gerolamo provò a calcolare il costo di ogni minuto. l’accusa ha chiesto un risarcimento di 751 milioni di euro. ponti e viadotti). ho deciso di espiare le mie colpe mettendomi a studiare. Per altre vittime dell’alta velocità. per lo smaltimento illecito dei rifiuti.2 Marta prese fiato. i libri e le biblioteche non mi sarebbero mai bastati per conoscere l’Appennino e rendere omaggio alle montagne sconfitte. inchieste. Due le regioni attraversate. cinque acquedotti e una trentina di pozzi rovinati».4 Mentre il sonno mi chiudeva le palpebre. E ancora Erci. Ca’ di Sotto. «E poi ci sono i soldi. Soltanto verso le tre mi sono imbattuto in una modesta. le notizie sparse. 8 chilometri di barriere antirumore. 13 i comuni. mentre Lara dormiva. e altri ventiquattro che hanno perso acqua. Fatica sprecata.

sostenendo che camminare è come studiare l’inglese a Londra: se parti in gruppo ti diverti. Nico. s’era deciso di cominciare la formazione dalla metà di ottobre. Passava ogni fine settimana. tra concerti saltuari con la sua band “garage punk”. «Una che?».il sentiero degli dei antefatti 5. «Ma se mi dici di cos’hai bisogno. Insomma. anche perché Nico. una specie di samurai dello scarpone. La mia esperienza di trekking è pari a zero». O meglio: viveva da solo e si guadagnava il pane come chitarrista in un’orchestra da ballo.  «Non che possa succederti niente di grave. non c’era niente di complicato. quel mitico “tempo per me stesso” che durante l’anno non mi riusciva mai di agguantare. «Sì» rispose. ogni vacanza di almeno due giorni. Ordinammo due doppio malto e un piatto di patatine. dopo il primo incontro a Firenze. Oltretutto. Amava andare da solo. alberi. perché Lara doveva lavorare. «Tra poco più di due mesi. Dj set e prove in saletta. prima che arrivasse il freddo. i tempi di percorrenza da lavoratore della gamba (otto ore al giorno per cinque giorni di fila). «Non chiamarlo trekking» mi corresse. ti aiuto volentieri». Tuttavia. Suonava tutti i mercoledì. appoggiò il boccale e divorò in silenzio una ventina di patate fritte. «ma non l’ho mai fatto. animali. Mi era anche passato per la testa di andare davvero a piedi a una delle riunioni fiorentine. a mettermi uno zaino in spalla e ad andare a piedi da Bologna a Firenze. Da un lato l’idea mi sollevava – era come andare a una sparatoria insieme a Billy the Kid – dall’altro mi atterriva. avevo tutte le carte in regola per prendermi una vacanza. mi sconsigliò di farlo in solitaria. ma poi m’ero immaginato sporco e stanco a dover parlare di reinserimento sociale e borse lavoro. lezioni private. e poi era stata quattro giorni a Stoccolma da una sua vecchia amica. Io nascosi la mia reazione in un lungo sorso di birra. invece. Detto questo. perché sapevo che Nico era un tipo intransigente. In agosto mi ero fatto le ferie da solo con i bimbi.  . bastavano un paio di scarponi e la voglia di arrivare in fondo ogni sera e ripartire ogni mattina. Sono più spirituali». non aveva né famiglia né lavoro. Io intanto gli mostravo sulla guida l’itinerario preciso. Poi aggiunse che potevo farcela benissimo. Per preparargli la strada c’è stata una guerra. fiumi e sorgenti. tra tutti gli amici papabili per l’impresa. un treno da trecento chilometri all’ora andrà da Bologna a Firenze quasi tutto in galleria. Raccontai quel che avevo scoperto sulla Via degli Dei. Ci incontrammo per una birra in un’osteria del centro. ma orientarsi su una cartina non è come usare Tuttocittà. Io avevo già cominciato a parlarne in famiglia e sul lavoro. era l’unico a potersi prendere cinque giorni liberi in tempi brevi. Potresti finire a Pistoia. «Continuo a non capire» rispose aggrottando la fronte. e per il resto. «Ho bisogno di sapere se ce la posso fare. «Lo fa sembrare uno sport». e questo mi lasciava un paio di settimane senza grossi impegni. invece che a Firenze». che intendeva il cammino come un’arte marziale. aveva un’agenda fitta ma piuttosto flessibile. e gli chiesi se ne avesse mai sentito parlare. Ora il passaggio dei vagoni rischia di fare altre vittime e io vorrei avvisarle del pericolo. Per le camminate di più giorni preferisco le Alpi. cercai di riprendere il filo. Gli spiegai che il mio obiettivo non era il nirvana. ma un’azione di soccorso. con lo zaino sulle spalle e un sentiero sotto i piedi. il sentiero da Bologna a Firenze. prima che sia troppo tardi». con già molti caduti tra esseri umani. Nico era un viandante di lungo corso – proseguirà Gerolamo – ammalato di montagne. e non m’era sembrato il caso. Mandai giù la doppio malto e decisi di cogliere l’occasione. i dislivelli più inquietanti. A un tratto mi interruppe e senza tanti preamboli propose di accompagnarmi. ma non impari nulla. Quando lei si allontanò. Gli feci segno di aspettare e attirai l’attenzione della cameriera.

è tutto il contrario. Forse qualcuno si è reso conto che l’Idea. quando nasce la Italferr Spa. anzi. si usa la tecnologia.5 Con questi dati alla mano. per una distanza di almeno quattrocento chilometri. Quattro anni più tardi. grande per il Giappone o per la Francia. scoppia l’ultima bomba degli Anni di Piombo.il sentiero degli dei «Adesso però» disse pulendosi la schiuma dai baffi «devi raccontarmi per bene di questa guerra sull’Appennino. Un convoglio capace di raggiungere i 250 chilometri all’ora sui vecchi binari. Una nuova ferrovia per il treno del futuro. Il romanzo criminale italiano è in pieno svolgimento. per trasformare in Grande Opera la Grande Idea. senza fermate o montagne intermedie. Dall’inizio alla fine. dove l’80% dei viaggi su rotaie è inferiore ai cento chilometri. Niente a che vedere con l’identikit della Penisola. NotturNo 0 È il 1984. gli Alphaville cantano Big in Japan. non è altrettanto buona per l’Italia. Silvio Berlusconi acquista Rete 4. Ma non è la Grande Opera. Una specie di bestemmia per il capitalismo italiano: invece di usare il cemento. senza nemmeno scavare una nuova galleria. e in Italia fa i primi passi un’idea che in Giappone è già grande da tempo: l’alta velocità su rotaie. una linea dedicata all’alta velocità deve unire due metropoli da almeno un milione di abitanti. nessun privato vorrà mai realizzare una linea del genere: le stime dicono che impiegherebbe trecentocin  . il mitico Pendolino copre la distanza Milano-Roma in poco meno di quattro ore. Per essere redditizia. La Banda della Magliana rapina le banche. con ordine e senza troppi salti». mentre al cinema spopola Roger Rabbit.

Il 28 luglio 1995 la Conferenza dei Servizi approva il «quadruplicamento ferroviario veloce della tratta Bologna-Firenze». Può succedere soltanto se ci mette una parte dei soldi di tasca sua e poi ha l’opportunità di recuperarli con la gestione (pedaggi. la più ardita. però. state tran . di interesse nazionale. non viceversa. Ci vorrebbe un dirigente in gamba capace di trasformare le Grandi Idee in progetti esecutivi. da amministratore delegato delle Ferrovie. assegnati con trattative private. digerito in fretta il pranzo di Natale. Per la tratta Bologna-Firenze. la Tav Spa. Alcuni tecnici della Regione Toscana. nessun guadagno nel farla funzionare presto e bene. si dice. una firmetta e via. i Nirvana invitano a non preoccuparsi. figlio di un ferroviere. Dubbi e perplessità si rivelano infondati. perché Tav Spa è una società con il 60% di capitale privato. il passaggio è da Fiat a Cavet. Detta così non sembra niente di diabolico. gestito per tre quarti da Cogefar Impresit (oggi Impregilo). così non si rovina il paesaggio. oltre alla somma necessaria per eseguire i lavori. nessuno eccepisce. presieduto da Giorgio Crisci. «capace di corrompere restando nella legge». Siad Barre ha dovuto lasciare la Somalia. visto che ci sono comunque soluzioni più economiche. Ci vorrebbe una Grande Opera per giustificare l’esborso agli occhi dei cittadini. Iri e Fiat. si mettono subito al lavoro e il 29 dicembre firmano le carte e chiudono i contratti. L’ inizio dei lavori è fissato per il marzo 1992. biglietti). Possibile? La questione finisce sul tavolo del Consiglio di Stato. i subappalti. committenti e appaltatori..7 Il 7 agosto 1991. esecuzione e sfruttamento economico» delle nuove linee ad alta velocità. ma in quella data l’unica notizia in merito è che Cerbero affiderà i cantieri a sette diversi consorzi. e il cane tricefalo non avrà nessun legame con la futura ferrovia.il sentiero degli dei notturno  quant’anni per rientrare dell’investimento. Che fare? Ci vorrebbe un vortice capace di risucchiare denaro pubblico e di ridistribuirlo nelle mani giuste. e infatti nessuno alza la mano. perché l’Unione Europea incombe. Lavori miliardari. si dicono perplessi: il progetto è ancora troppo generico. Solo che in Italia è il Grande Appalto a giustificare la Grande Opera. senza i fardelli burocratici degli enti statali. pieno di semplici ipotesi. qualcuno si rende conto che le gare pubbliche sono state evitate del tutto. Mani Pulite è ormai dietro l’angolo. Chi viene pagato per costruire un’infrastruttura di solito non ha i poteri del committente (la direzione dei lavo ri. ma la nuova creatura è una bestia rara. Scatole cinesi che rendono ancora più difficile distinguere ruoli e competenze. A patto di sbrigarsi. Evitate per un pelo le gare d’appalto europee. gli espropri.). Ma in questo caso l’opera è pagata al cento per cento. Passano ancora tre anni. e così l’alta velocità continua a far battere il cuore di molti. a sua volta controllata da Fiat. Lorenzo “il Munifico” presenta al popolo una nuova società per azioni. non riservate alle imprese di un singolo Stato. L’Unione Sovietica cade a pezzi. ma sono in tanti a non poter seguire il consiglio. e allora i ministri del Tesoro. Senza tangenti e cooperazione internazionale un sacco di gente rischia di rimanere a bocca asciutta. è il classico manager italiano corteggiato dai politici. tutta intera. Cinquantadue anni. L’incarico di costruirle spetterà ai tre maggiori gruppi industriali del Paese: Eni. Soltanto loro. Per questo il committente (cioè Tav Spa) trasferirà ai tre general contractors i suoi principali compiti e poteri di controllo. e ha stabilito che dal 1° gennaio 1993 tutte le gare d’appalto dovranno essere comunitarie. tasse. Silvio Berlusconi si prende la Mondadori.6 Ma nemmeno lo Stato dovrebbe metterla in cantiere. libera di scegliersi i partner come preferisce. con richiami a calcoli e monitoraggi che si faranno. del Bilancio e dei Trasporti. che si occuperà della «progettazione. Lorenzo Necci è l’uomo giusto al momento giusto.. un cerbero mai visto prima. C’è il rischio di farsi soffiare la torta da qualche ingegnere tedesco o francese. possono garantire il rispetto dei costi e dei tempi di consegna. Quasi tutto in galleria. nevermind. futuro presidente anche delle Ferrovie.

13 I martelloni.12 La Regione Toscana. le caratteristiche tecniche che consentano il trasporto delle merci».10 prima negano il fatto. da parte sua. Prosciugare una sorgente non è come rompere un vetro: il vetro si sostituisce. a quanto pare. sono aumentati del 56%. garantisce che «saranno restituite all’ecosistema le stesse fruibilità precedenti ai lavori». cioè l’accettazione consapevole del rischio. ma la Legge Obiettivo del nuovo governo Berlusconi è in agguato e resuscita. nel frattempo. Cade l’ultimo diaframma di roccia nelle gallerie tra Bo . almeno secondo il giudice Alessandro Nencini. stabilisce che gli enti locali possono proporre osservazioni sulle Grandi Opere. nel giro di cinque anni tutto tornerà come prima. nel rispetto dei limiti di spesa». i criteri di determinazione della velocità. le interconnessioni. si diffonde come un contagio.8 Nel 1996 il Consorzio Cavet apre i primi cantieri sull’Appennino. Danni molto gravi. Lorenzo Necci viene arrestato con l’accusa di associazione per delinquere. il “modello Tav” dei general contractors. Il 10 marzo 1998 la burla finisce e le Fs “acquistano” il 100% di Tav Spa. sulla legittimità degli appalti. Due anni dopo. ma anche involontari. varie prescrizioni e una condanna in secondo grado per corruzione. l’andare avanti a ogni costo.11 Tutto fa pensare che le previsioni e i monitoraggi del consorzio non siano attendibili. il famoso 60%. di anni. sbagliati ancora. la Conferenza dei Servizi era ormai convocata e bisognava chiudere. con ampie note di merito. oggi. Già nella primavera del 1998 i campi e le fonti del Mugello sprofondano. Come prima? Sicuri? In realtà ne basta uno. infine rassicurano tutti: è un problema isolato e momentaneo. sui nodi. Toccherà al ministro Burlando svelare in pubblico la burla: i soldi dei privati. Tecnici e ingegneri si sono soltanto sbagliati. e il problema isolato si ripete. la sorgente no. poi si correggono. ma i responsabili dei lavori non li correggono e di fronte alle proteste ribattono che «nessuno. sui meccanismi di indennizzo. che li dovrà restituire nel giro di quindici anni. ma ancora non si sono fatti perché non c’è stato il tempo. con i suoi 31 miliardi di debiti. le mine. buttano fango. Finisce così la sua carriera di manager delle Ferrovie e inizia quella di imputato. Una delle ditte che ha avuto i lavori in subappalto si rifiuta di proseguire. dunque. si sacrifica più per il Paese». abuso d’ufficio e peculato. Inoltre. Le venute d’acqua in galleria sono talmente abbondanti che i cantieri devono fermarsi per mesi e opere già finite vanno rattoppate e rimesse a nuovo. intenzione. l’esplosivo Tutagex e i detonatori Dynashoc smettono di mangiarsi l’Appennino il 21 ottobre dell’anno 2005. corruzione.il sentiero degli dei notturno  quilli.9 L’anno seguente. truffa. sbagliati. è stata soltanto colposa: non c’è stata coscienza. I costi. Le stesse? Possibile? A dieci anni di distanza un risultato del genere sembra lontano come la luna. ma danno la colpa alla siccità. dove collezionerà quarantadue assoluzioni. non ci sono e non ci sono mai stati. E gli ingegneri del Cavet? Secondo l’accusa del pubblico ministero Gianni Tei. Tanto nessuno rischia di tasca sua e Cerbero scorazza libero. Negli stessi giorni. La burla sembra davvero finita. senza però modificarne «la localizzazione e le caratteristiche essenziali. non ci sono le condizioni. Alla faccia del federalismo. ma Cavet la sostituisce e continua a scavare. e forse anche di più: i danni all’ambiente sono spesso irreversibili. La condotta del Consorzio Cavet.  Un territorio che fin dall’apertura dei primi cantieri ha iniziato a ribellarsi. I prestiti concessi a Tav dalle banche sono garantiti e coperti solo dallo Stato. e nemmeno un dolo eventuale. Le sorgenti di Bisignano e Castelvecchio si seccano. dell’impatto ambientale e della tutela del territorio. la Finanziaria impone che tutti i lavori non ancora assegnati per l’alta velocità passino da gare d’appalto internazionali a evidenza pubblica. se poi manca qualcosa ci si penserà con più calma. il governo di centrosinistra chiede una verifica «sui piani finanziari della Tav Spa. senza catena né guinzaglio.

due. «E che giorno è?». «Esatto». Ritorni il cinque?». «Però un regalo ce lo porti lo stesso?» «Sì. Gerolamo accompagna a scuola Dario e Lucia. Tra Vaglia e Bologna. non lo sapremo mai. Il lunedì è il giorno della mamma». Passano tre anni e nell’autunno del 2008 due magistrati della Corte dei Conti fanno un controllo sui debiti dell’alta velocità. ipotetici vantaggi. portaci qualcosa di prezioso. Risultato: oltre 44 miliardi di debiti a carico dello Stato e delle generazioni future. «Allora. «E oggi che numero è?». mentre Lucia   . Prima tappa Piazza Maggiore (Bo)-Badolo (Sasso Marconi) 6. ma solo gli ultimi undici chilometri sono serviti da un tunnel di soccorso. ma non credo che incontrerò negozi di giocattoli. investito da una Range Rover mentre pedalava in bicicletta insieme alla sua compagna. Nell’istruttoria parlano di cosmesi contabile. Purtroppo. «Quindi uno. «Ne abbiamo uno». piccola. mattina. a una distanza reciproca di 6-7 chilometri: in caso di incidente. come via di fuga. Lorenzo Necci è morto il 28 maggio 2006. di fronte a quelle cinquanta pagine di analisi economiche e giudizi senza appello. i passeggeri dovranno raggiungerle a piedi e risalire in superficie.il sentiero degli dei logna e Firenze. gestione finanziaria approssimativa. ci sono semplici finestre. sì. «Molto volentieri. eletta alla Camera poche settimane prima nelle file dei Verdi. Meno di una settimana». «Non lo so. quattro e cinque. qualche paesino ogni tanto». anch’io un regalo» le fa eco il fratello saltellando sul marciapiede. Con gli scarponi ai piedi e lo zaino in spalla. pensa Gerolamo divertito. Come nelle favole. È il primo giorno d’ottobre. «E ci vieni a prendere a scuola?». fino al 2060. investimenti inefficaci.14 Chissà cosa risponderebbe il padre della Tav. La cosa più preziosa che incontri». tre. Più che altro boschi. La gente parla di clima estivo e cappotti ancora nell’armadio. montagne. «Tra cinque giorni. «È lo stesso. «Un lunedì». quando ritorni?» chiede la bimba per l’ennesima volta.

mi metto gli scarponi. si deforma. di solito un parco. e già rispondere “Firenze” mette Gerolamo di buon umore. L’immagine rappresenta una Vergine Odigitria. giunto da Costantinopoli. un serpente di colonne e mattoni che la Madonna schiaccia con un piede sulla testa. mentre il portico arrivò molto più tardi. Il primo è come venire fuori da una bolla di sapone. «Dove andate di bello?» chiede la fornaia vedendo gli zaini e la tenda. da villaggio vacanze. Nomi di antichi lignaggi e mestieri. Colonie di rondini. che scavalca la via Porrettana. come da profezia. che piano piano si allunga. una porta girevole tra l’urbe e il contado.1 Per uscire da Bologna lungo la strada medievale. no? Domani. e forse romana. «Oggi è ancora una tappa domestica. «Vai a fare jogging?» Il sarcasmo di Nico lo sorprende alle spalle. Nico e Gerry. I lavori per costruire il santuario iniziarono nel 1194. Gerolamo sbuffa di fatica. già in volo sul Sahara. con il suo odore di cemento e polveri sottili. Le targhe sul muro ricordano i finanziatori di restauri ormai decrepiti. il portico s’impenna sul fianco della collina. Badolo. 8. che già gli fanno sudare i piedi. per infilarsi le più morbide scarpe da ginnastica. Pieve del Pino. Esistono due diversi modi per uscire a piedi da una città e lasciarsela alle spalle. nel 1793. una pista ciclabile sull’orlo della metropoli. e iniziano rampe di scale e cappelle del Rosario. una strada secondaria. Il tragitto correva sul crinale che si alza fuori Porta San Mamolo e punta verso sud. per nulla spaventati.il sentiero degli dei prima tappa gli stampa un bacio sulla guancia e scompare dietro la porta della prima elementare. oggi bisognerebbe camminare sull’asfalto per una trentina di chilometri. 9.1 Dopo l’arco barocco del Meloncello. È l’apertura dell’anno scolastico delle scuole cattoliche per l’infanzia. in direzione di Paderno. nel centenario della fondazione. 9. Promesso». si fermano nel ventre della Bestia a comprare pane e crescente per i pasti della giornata. per proteggere i pellegrini dalla pioggia. come la “corporazione dei marcatori di bestiame suino”. Monzuno. L’animatore con la maglietta gialla prova il volume dei microfoni e saluta i presenti con allegria forzata. Racconta la leggenda che un eremita greco. maledice lo zaino da dodici chi . Le arcate sono 666 e si dice che rappresentino il Demonio. portò qui un’icona della Madonna disegnata dall’evangelista Luca. Piazza Maggiore è occupata da un palco enorme e da una platea di sedie in plastica che si riempiono di bambini.  Agli antichi piaceva viaggiare sopra i crinali per avere un’ampia visuale e meno problemi con le inondazioni e i guadi dei fiumi. 8. Il secondo è trovare una via di fuga. Gerolamo si volta e cerca di giustificarsi. Gerolamo è arrivato in anticipo e mentre aspetta decide di togliersi gli scarponi. Il portico di San Luca è noto per essere il più lungo del mondo. A Nico non piace camminare sull’asfalto e propone come alternativa il portico di San Luca e Parco Talon. “che indica la Via” e protegge i viaggiatori. pare non volerti lasciare e poi invece esplode in una nuvola di gocce e ti accompagna ancora per un bel pezzo. nonostante i duecento metri di dislivello che si aggiungono alla tappa. tre chilometri e settecento metri da Porta Saragozza fino al Colle della Guardia. 7. che scavalcava l’Appennino per arrivare all’Arno. hanno lasciato in ricordo nidi e tappeti di guano. per Monte Adone.

2 Gerolamo respira i gas di scarico di un torpedone.il sentiero degli dei prima tappa li e rimpiange la funivia. Gli ritirarono il passaporto per qualche mese. l’inno trionfale del Pnf. di fronte al santuario. Senza questo. ospita appartamenti e negozi. dopo che l’avevano fermata per via dei bombardamenti. Nel parapiglia che ne seguì. ma non amava il regime. nella requisitoria del pubblico ministero Gianni Tei al processo contro Cavet per l’inquinamento e il furto dei fiumi del Mugello. uno dei più grandi maestri dell’epoca. Altri. «Altro che ruote o funivie». si deve imboccare il sentiero dei Bregoli. Gli imputati devono aver pensato che l’acqua fosse loro. secondo il principio abbastanza in uso nel nostro Paese. «Per fare penitenza?» chiede Gerolamo col fiato corto. visto che il nome è maschile. Per scendere da San Luca al Parco Talon.15 A Gerolamo torna in mente una frase che ha letto prima di partire. fuori dalla base d’appoggio. tirano in ballo la parola bréguel (luogo scosceso) – e infatti il percorso costeggia uno strapiombo di cinquanta metri. E se non loro. Toscanini era stato un “fascista della prima ora”. quando anche la funivia di San Luca riprese a funzionare. con tanto di cancello e reticolato antisommossa. L’avevano inaugurata nel 1931. Centinaia di pellegrini avrebbero avuto un’alternativa alle quattro ruote. tossisce e dice che chiudere la funivia non fu davvero una buona idea. allora che non fosse di nessuno. poi fondatore della casa editrice omonima e della rivista Il Borghese. il balzo della Pizzacherra. e si rifiutò di aprire la serata con Giovinezza. durante l’Esposizione del Littoriale. dopo che i taglialegna avevano fatto il loro mestiere. Dicono che a mollarglielo fu un giovane giornalista. perché nel 1981 un pezzo dell’antica strada. tu sollevi una gamba e sposti il baricentro in avanti. Ma in trent’anni di carte e ricorsi. Quella più bassa. qualche centinaio di metri dopo la chiesa. se non fosse che all’improvviso ti puntelli. nel quartiere che ancora oggi si chiama Funivia. la sentenza definitiva non è ancora arrivata. È l’unico modo di spostarsi adottato dall’uomo che si basi su una perdita d’equilibrio: spingere il centro di gravità oltre il limite di sicurezza. Toscanini se ne tornò in albergo e da quel giorno ebbe il telefono sotto controllo. per il quale i beni pubblici non sono conside . e cadresti. diretto da Arturo Toscanini. il direttore d’orchestra rimediò molti insulti e pure uno schiaffo. che ancora negli anni Settanta saliva fino al santuario. Costanzo Ciano era venuto apposta da Roma. sono diventati il viale d’ingresso di una villetta appena ristrutturata. e non appena glielo restituirono si trasferì negli Stati Uniti. le rovine del famoso caffè con sala da ballo cascano a pezzi dietro un cancello chiuso. e la giornata doveva chiudersi con un concerto in suo onore. Fai tutto quello che serve per cadere. e due stazioni della Via Crucis.  L’altro scuote la testa. Tornò soltanto alla fine della guerra. In cambio della pulizia del terreno. Leo Longanesi. 10. un vero pellegrinaggio non comincia neppure». Tolti i cavi e le cabine. appoggi il piede e subito ti sbilanci di nuovo. 9. Purtroppo il primo tratto del sentiero non è quello originale. rimasero soltanto un pilone di cemento e le due stazioni di arrivo e partenza. «Un vero pellegrino dovrebbe andare a piedi» sentenzia Nico. Da allora un comitato di cittadini si batte in tribunale per restituire i Bregoli alla comunità. L’etimologia popolare spiega il nome della via con le schegge di legno (le bràgguel) che i poveracci andavano a raccattare nel bosco. Nell’autunno del 1976 la manutenzione dell’impianto diventò troppo costosa per la ditta che lo gestiva e il Comune non se ne volle occupare. mentre in alto. potevano tenersi quelle briciole per alimentare la stufa. «Quando cammini.

nelle praterie lungo il fiume.   . Più avanti. sotto i calanchi dove Goethe raccolse la pietra fosforica di Bologna. in collegamento diretto con le campagne dello Yunnan. e così l’apparizione ha la consistenza di un miraggio. In fondo ai Bregoli c’è l’ingresso di un vecchio rifugio bellico. Fori di proiettile bucano i cartelli e la ruggine si mangia la vernice. altro che alta velocità. dove un omino solo. ma è l’ora di pranzo e tanto vale fermarsi. mezzo sradicate dall’acqua o spezzate dalla neve. il compasso delle gambe ben divaricato. una vecchia cava di ghiaia riempita d’acqua e trasformata in parco per l’osservazione degli uccelli.il sentiero degli dei prima tappa rati beni di tutti. che da un momento all’altro potrebbero franare sulla testa dei passanti. arcate e ponteggi. il parco è silenzioso come un segreto. Ma non ci sono supermercati nel raggio di alcuni chilometri. potresti anche crederci. ma di nessuno. dove la popolazione di Casalecchio si rintanava durante i bombardamenti della Seconda guerra mondiale. studiare deviazioni. Il luogo è una steppa desolata. Gerolamo e Nico si ritrovano in una grande spianata. all’egiziana. Gerolamo pensa alle differenze tra questo e il segnale odierno. stilizzato. antica linea di costa modellata dalla risacca.1 Tra matasse d’erba e rami spinosi emergono improvvisi due cartelli stradali: un divieto d’accesso e il vecchio disegno bianco in un cerchio blu che indicava un tempo le zone pedonali: un uomo con il cappello passeggia per mano a una bambina. 12.16 Un buon esempio di che cosa sia un bosco. chiudono l’orizzonte le rupi sabbiose del Contrafforte pliocenico. che per via di una scommessa andò dal Bar Margherita su fino a San Luca. se non riceve ogni anno le cure dell’uomo. capace di trattenere i raggi del sole e di illuminare il buio. Verso sud. 11. per l’appunto. Si cammina tra mazzi di ciclamini e castagne matte appena cadute sull’erba. La Barlaita è un vecchio pioppeto sulla riva del fiume. si intrecciano in costruzioni casuali. lungo la via dei Bregoli. Decine di acacie marce o secche. in una notte del 1929 a settanta all’ora. Sull’altro lato della strada bianca si intravede lo stagno dell’Oasi di San Gherardo. 13. Il tutto in un luogo dove nessuno si avventurerebbe con un’auto. né strade comode per raggiungerli. Un groviglio di tronchi. Sono le undici di mattina. sono di chi se li prende. Usciti dalla giungla. e pensare di essere giunto con un salto quantistico al confine di una foresta tropicale. con una Fiat 501. incrociano tre ragazze cinesi con grandi buste da supermercato appese alle mani. la testa ridotta a un cerchio staccato dal corpo. Ma la metamorfosi non sembra del tutto riuscita: in più di mezz’ora soltanto un airone si alza in volo pigro sopra la fanghiglia. intitolato al fascista Ettore Muti. liane. nemmeno il signor Gino Bergonzoni. ormai abbandonato a se stesso e alle inondazioni estive. è giovedì. a suggerire passi rapidi e distesi. rampicanti. Forse in fondo ai Bregoli è attivo un varco per il teletrasporto. alla fine. scavalcare. e quindi. Enormi pozzanghere e alberi caduti costringono a chinarsi. E se non fosse per il profilo noto della passerella sul Reno. Chi si ferma un secondo viene assalito da nugoli di zanzare assetate. Gerolamo e Nico leggono i grandi cartelli che ricordano la storia del luogo. quando la Pianura padana era in fondo al mare e i sogni delle balene si infrangevano su queste colline. se ne va di profilo. I prati a ridosso del rifugio ospitavano le baracche di legno di chi aveva perso la casa e non aveva altro posto dove stare. 12.

come il cellulare. entrano in una cascina di Cà del Sarto. perché il padre è un uomo già sposato. le porte vanno giù a calci. finita in sparatoria. il cappuccino al bar. Flora Bartolini.il sentiero degli dei prima tappa 14.  La rappresaglia nazista non si fa attendere.2 «Io te l’ho raccontata così» spiega Gerolamo. un letto. i partigiani scappano. «Tutto bene?». in quanto bevanda montanara. Quando sono in un bosco. Colpi di fucile bucano la nebbia. Gente che andava a lavorare o a macinare il grano. «ma in Rete ho trovato due versioni diverse. voglio vegetare con gli alberi». per morire abbracciato a suo figlio Mario. salgono a bordo gli ultimi tre prigionieri. le scarpe da ginnastica. Dopo il pane e formaggio la marcia riprende e i due camminatori arrivano al cippo che ricorda l’eccidio del Rio Conco. Negli anni Settanta. ma le loro grida non bastano a salvarlo. va a lavorare come domestica sul lago di Como.  . la luce elettrica e il deodorante. che ha diciassette anni e gli occhi increduli. quando viaggia sulle gambe. 14. Vanno per farlo. A Pontecchio. ma solo se ti porti dietro la moca e il fornello. e li devono accoppare. e puoi bere caffè. Due partigiani della brigata Stella Rossa.17 Una dice che i partigiani volevano tosare i capelli a due donne che se la facevano con i nazisti. ma i crucchi sono lì. Raffiche di mitra li abbattono nelle fosse come bersagli da fiera. 14. Miriam Bartolini. e il 19 luglio 1956 partorisce una bimba. e paghi la tua dipendenza con un peso in più sulle spalle. il camion dei condannati è pronto a partire. La chiama Miriam e le dà il suo cognome. sto solo cercando su Internet se dice qualcosa del posto». Antonio Zanini la fa più larga degli altri. con la madre Serafina. resta nella sua fossa sotto le rupi di arenaria. In realtà sa bene che lo stile di Nico. L’anno seguente. la macchina fotografica. alla mattina. Giunti al greto del fiume. rinchiusi da giorni nell’asilo del paese. All’alba. mi piace conversare con le persone. dorme con la moglie e i cinque figli. già pieni fino a scoppiare. Nico lo guarda storto. In tanti anni che va per sentieri ha elaborato un suo codice. ma non il Gatorade. Gerolamo accende il cellulare e digita veloce sulla tastiera. che nessuno conosce. detta Raffaella. Alle sei del pomeriggio i lavori finiscono e i quindici italiani vengono fatti schierare uno accanto all’altro. poi si trasferisce a Bologna.1 È il 7 settembre 1944. barrocciaio. in mezzo alle persone. protetti dal crepuscolo. con un ferito e un morto ammazzato». Sul pavimento della cucina restano due tedeschi in una pozza di sangue. devono rimboccarsi le maniche e scavarsi la fossa con i badili. dove per esempio è ammessa la grappa. finita la guerra. Solo un toscano. «E non ti basta la targa?» chiede l’altro indicando l’ovale verde in cima a un palo. «Allora?» lo stuzzica Gerolamo dopo una decina di minuti. consiste nell’abbandonare tutte le abitudini casalinghe e poco selvagge. «Non vuoi sentire che cosa ho scoperto?». Raffaele Bartolini. Sono solo cinque. i familiari recuperano le salme e le seppelliscono nei cimiteri della valle. La sua frase bussola sull’argomento è una citazione rattoppata da James Hazzlit: «Quando sono in un salotto. diventa attrice. L’altra racconta di un’irruzione per catturare un collaboratore dei tedeschi. in mezzo agli alberi. orfana di Raffaele. Passano altri otto anni. sì. «È che non dice granché» ribatte Gerolamo con aria innocente. «Sì. vicino a Rioveggio. Sulle locandine di cinema e teatri compare il suo nome d’arte: Veronica Lario. ma ne raccattano altri sette lungo la statale. i libri.

Tutti vittime o tutti carnefici. Qualcuno che ti ha scombinato i piani. Il nemico è lì per uccidere ed è scontato che lo faccia: gliel’hanno ordinato. pronto a riprendere il cammino. per andare a dormire alla rocca di Badolo. un figlio. I ribelli. Gerolamo e Nico riempiono le borracce in una trattoria. La seconda è la testimonianza diretta di uno dei partigiani. In venti minuti arrivano all’ultima salita della giornata. ma pensavi di potergli sfuggire restando nell’ombra. la seconda dopo San Luca. spesso in rovina. vecchi frutteti.1 Luigi Fantini.  Gerolamo spegne il cellulare e lo infila in tasca. A quelli non gliel’ha ordinato nessuno di mettersi a sparare. «Quindi» conclude Nico «tutti d’accordo. E allora cos’è che è andato storto? O è sbagliata la tua strategia – e in guerra non esiste un buco sicuro dove nascondersi – oppure ha sbagliato qualcun altro. Sono colline dolci. poco abitate dall’uomo: qualche cascina isolata. ogni tanto un cipresso appostato sulle creste. Tutti martiri o tutti vigliacchi». Tu questo lo sapevi. che fa l’educatore ma s’è laureato in storia. addirittura odioso. Segni e cartelli biancorossi indicano la strada in maniera inequivocabile. in queste storie di eccidi». se cancelli la Storia. allucinazioni come questa diventano realtà. ed è quello che hai fatto. uno di quei rari uomini che vedono la novità proprio dove gli altri non hanno più niente da scoprire. Capisci? Se tu togli il contesto. ad esempio.il sentiero degli dei prima tappa «E qual è quella giusta?» domanda Nico a Gerolamo. o al massimo le punture. «Che intendi dire?». «Immagina di essere un benestante sfollato dalla città. Così quelle bestie se la prendono con la povera gente che tira a campare. quanto la giusta voce per raccontarle tutte». come i tafani ai tori. e vengono giù in paese solo a fare le requisizioni. se ne stanno nel bosco. che cerca di attraversare la guerra e di salvarsi la pelle. compare in mezzo al prato una pianta di vite dall’aria solenne.  . dare ossigeno agli archivi. ma non è detto che sia attendibile. Nel 1965 fotografò questa pianta. 15. La tua strategia sembra funzionare. o un contadino di montagna. L’altra attribuisce ai “ribelli” un obiettivo inutile. che non ti soddisfa. Allora ti chiedi: dove ho sbagliato? A chi do la colpa? Certo. quando non hanno più niente da mettere sotto i denti. mentre loro. famosa per la pasta fresca. lungo il confine orientale dei Prati di Mugnano. addossata a un olmo altrettanto vetusto. per vedere come se la cava. col solo risultato di farli incazzare. superati alcuni ruderi e un lavatoio asciutto. e non cercare tanto la storia giusta. Al culmine dello strappo. i partigiani. aggrappato per quanto possibile ai gesti di tutti i giorni. Bisogna scavalcare il fianco di Monte Mario. 15. e boschi di carpini e roverelle. «Non saprei. fu un esploratore dell’Appennino bolognese. tra i comuni di Pianoro e Sasso Marconi. spesso lo fanno a casaccio. nato nel 1895. Basterebbe aprire le finestre. la terrazza sul fiume e le punture d’insetto. ma molto difficile da verificare. anzi. Pace fatta e si volta pagina». un esemplare vecchio di alcuni secoli. Nico affida la mappa a Gerolamo e gli chiede di guidare la marcia. e pubblicò l’immagine nel suo prezioso libro sugli edifici storici della montagna bolognese. Nella penombra dell’istinto di sopravvivenza i combattenti sono tutti uguali. «Per fare pace non è necessario essere tutti d’accordo. Il cartello spiega che si tratta della Vite del Fantini. ma è una colpa banale. un parente. finché il nemico arriva e ti ammazza un fratello. La strada si copre d’asfalto e sbuca sulla via di Vizzano. senza far casino. Si credono importanti e invece ai tedeschi gli fanno il solletico. la colpa è del nemico. Succede spesso.

18. Il cielo s’è ripulito e la luce del tramonto accompagna i passi verso il riposo. pressata sul terreno. Si mette allora sulla schiena e sembra funzionare. scampata all’epidemia di filossera di fine Ottocento. in un’imboscata dei conti di Panico. che sterminò gran parte dei vitigni europei. L’olmo che la teneva in piedi non c’è più e i rovi e la terra soffocano i tralci. la libera dalle formiche. Ma Stefano Galli capisce che si tratta di una pianta speciale. e con il passo strascinato di un vecchio si dirige al bar della trattoria. che lo perse nel 1306. ma nessuno lo ascolta. Eppure il risultato. Finita la cena. Allora taglia un grappolo d’uva nera e lo porta ai proprietari dell’azienda vinicola più importante della zona. che già si immaginava sdraiato nel giro di dieci minuti. appena più dritto sulle gambe. All’arrivo mancano ormai pochi chilometri e gli ultimi due. Gerolamo deve lottare mezz’ora con il sacco a pelo. complice la stanchezza. «Che dici? Dobbiamo rifiutare?». probabilmente estinta. Non passano auto. ma Nico vuole cucinare il risotto disidratato sopra il fornello a paraffina e Gerolamo è troppo stanco per mettersi a discutere. con inserti in teflon per massaggiare la schiena. Gambe e spalle sono galassie di dolore. Al suo posto venne eretto un santuario. e sa che la notte umida e il giaciglio duro non lo aiuteranno a sciogliere i muscoli. manda segnali di disagio. e si scopre che la pianta non è registrata in Italia. non è affatto male. Superata la vite plurisecolare.  Oggi Badolo è famosa per la palestra di roccia e per l’antica osteria. grazie a quella foto. e la scamorza fusa con cracker e grissini è ancora superiore. Sembra incredibile che Nico riesca a cuocere qualcosa sopra una latta di tonno da mezzo chilo. risponde che senza un espresso non è in grado di fare nulla. il negretto. e quindi lo riconquistò e distrusse nel 1363. riesce a far germogliare un paio di talee. Poi giurò fedeltà al Comune di Bologna. non ci sono rumori. i due viandanti arrivano su una strada sterrata. per evitare seccature. ma in poco tempo l’anca. Gerolamo ha male ai piedi e non si dispiace di aver imboccato una scorciatoia. Si dice che il Castello di Badolo. Gerry sorride: «Quelli dell’osteria dicono che ci possiamo mettere lì» indica l’erbetta morbida dietro un vecchio forno a legna. Inizia a prendersene cura. prova a stendersi sul fianco. che subito si rendono conto di avere tra le mani una specie rara. Nico annuncia che bisogna trovare un posto per piantare la tenda: pianeggiante e un po’ nascosto alla vista. ancora in salita. Nico non ha ancora trovato lo spiazzo giusto. 17. 16. Nico si riprende la mappa e dice che hanno fatto il percorso per le mountain bike. facesse repubblica per conto suo. ha già abbozzato  . più breve e meno ripido. lacci a tenuta stagna che impediscono di sdraiarsi al caldo in un’unica mossa banale. un tecnico informatico di Pianoro riscopre la vite ultracentenaria. Chiede aiuto al Comune. Salvata da una foto in bianco e nero e dal sogno a colori di un informatico dal pollice verde. Gli unici prati adatti sono chiusi dietro un recinto o interdetti dai cartelli. Gerolamo. qualcosa di simile al nigartein. Prima di poter chiudere occhio. sulla strada asfaltata. foglie e tralci finiscono per le analisi all’Università di Bologna. unica. riempita di cera e cartone ondulato.il sentiero degli dei prima tappa Trent’anni dopo. prima del 1164. uno di quei modelli economici che si sforzano di apparire all’avanguardia. e rifatto da capo nel dopoguerra. che ormai su queste terre non si coltiva più da cent’anni. mai vista. Il profumo di asparagi che sale dalla gavetta risveglia l’appetito di un paio di cani. Quando esce. cuscini autogonfianti sotto la testa. raso al suolo dalle bombe americane. assomiglia al bonamico e al negretto ma è una specie diversa. Grappoli. Una volta dentro. filano via nel silenzio più totale.

cerca le scarpe a tentoni e sguscia fuori dalla tenda con l’agilità di un orso. anche se poi. chissà perché dalla voce se li aspettava coetanei. adesso andiamo a casa e vi lasciamo dormire tranquilli. Dalle colline posso guardare in distanza la civiltà e i rifugi degli uomini.18 NotturNo 119 A casa leggere sotto le coperte gli concilia il sonno nel giro di due pagine. che presto si comprime. l’agricoltura e pure la politica. il commercio. come se fossero le due del pomeriggio. a incontrarli separati. due anziani si mettono a conversare a un passo dalla tenda. basta che ci sia la panchina. lo Stato. Sa com’è. soltanto il buio. Gerolamo spegne la torcia e ascolta i vecchi parlare. saranno almeno le due. lo sapete come fa: i piccoli rumori diventano più grandi e bastano due ghiri che si inseguono per farti perdere il sonno. Forse è l’adrenalina prodotta camminando che lo tiene sveglio nonostante la stanchezza. dove di solito c’è soltanto il prato. sperando che non si compatti troppo in fretta e gli dia il tempo di addormentarsi. con scritti di Stevenson. Allora decide di prendere fuori un libro.il sentiero degli dei un primo sogno quando il cuscino si sgonfia di colpo e deve sostituirlo con un maglione piegato. quello che pretende di dormire dietro la panchina. poi invece guarda l’orologio e sono le dieci e mezzo. e Gerolamo pensa che smetteranno presto. Da quando c’è l’autostrada il silenzio vero non lo sen  . L’erba è già fradicia. Si infila in testa la torcia elettrica frontale e riprende la lettura dal segno che ha lasciato. Thoreau. Muir e molti altri. «proprio non l’avevamo vista. in fondo è lui l’intruso. oppure niente. Swift. perché lui e Nico sono andati a letto presto. i due sembrano avere età diverse. ma qui non funziona. Non vuole essere scortese. «Mo ve’» dice il più giovane. Prova a sostituirlo con un pile spiegazzato. poco dopo le nove. nel paesaggio. la vostra tenda. Gerolamo si avvicina e saluta. I contadini e le loro opere sono appena più evidenti delle marmotte e delle loro tane. l’uomo e i suoi affari: la Chiesa. appena offuscate dal cono di luce che piove dal lampione sulla testa dei vecchi. Mi compiaccio nel vedere quanto poco spazio occupano. Quando ormai sembra fatta. Ci sono intere miglia quadrate. Ora che li vede in faccia. ormai è notte fonda. intorno a me. Devono essersi seduti sulla panchina di ferro sotto il lampione. ma le stelle sono asciutte. oltre quella curva laggiù. veniamo qua tutte le sere e ormai non ci facciamo più caso a quel che ci sta intorno. e il resto potrebbe anche essere la Luna. Va ban. la luce. che è il più allarmante di tutti. invece quello con il cappello in testa sembra più giovane dell’altro di almeno dieci anni. l’antologia per camminatori che ha trovato in biblioteca. perde la sua illusoria morbidezza e diventa duro come un’enciclopedia. anche se entrambi. Passano tre ore di brevi sonni dolenti e i due sulla panca non hanno ancora finito di conversare. Gerolamo apre la cerniera della veranda. li chiameresti vecchi senza troppe distinzioni. Dal fondovalle sale a sprazzi il rombo dell’autostrada. che non hanno abitanti. quando c’è silenzio. limpide. la scuola.

senza potermi perdonare di aver fermato l’anarchico. Anche perché ai morti devi aggiungere i feriti. gli invalidi. si teme un attentato al Duce. gli ammalati gravi. «Tu con la bomba. Tant’è che mentre camminavamo. perché hanno scritto sui muri della galleria: “Lavoratori della Direttissima.il sentiero degli dei notturno  tiamo più. Andammo a piazzarci in mezzo  al bosco. intanto» continua il più giovane. quella che avrebbe fatto se un anarchico qualsiasi avesse ucciso Mussolini proprio sotto i suoi occhi. ma io la prima volta che ho dormito nel bosco. che tutti i giorni c’era una scritta diversa. gente incapace di aprire gli occhi di fronte alla meravigliosa organizzazione dei Sindacati Nazionali. avevo in testa un’intera cinematografia. «Io. Ho già dato istruzioni a Mengarelli su dove vi dovete piazzare. le schegge piantate nella carne – vede qui?. sotto la pioggia fitta come una siepe di bosso. discuteva solo di politica e disciplina. sul giornale avevo letto che erano un centinaio dall’inizio dei lavori. lui si definiva un fascista “tutto d’un pezzo”. ma il contrario della prima. e mentre caricavo il fucile e la pioggia si assottigliava. perché hanno chiesto di fermarsi quando non si poteva. e il fuoco dei gas. e i fascisti della zona erano talmente arrabbiati che ne parlarono pure sui loro giornali. C’è stato un periodo. avevamo due ore di tempo. Per come la vedevo io. i bollimenti di sassi che ti piovevano in testa. Io e Mengarelli non avevamo granché da dirci. sotto quell’acqua. coi mazzi di fiori per Sua Maestà». quando s’inaugurava la Direttissima e a ogni stazione c’erano i Balilla e la gente sui tetti. Il maresciallo mi prende da parte e con la voce delle cose importanti mi dice Tonutti. le docce d’acqua. quando arrivammo a Ca’ Vincenzi. e non bastava mettere le targhe di marmo e i monumenti ai minatori sui piazzali delle stazioni. mentre io ero entrato nei Carabinieri prima della Marcia su Roma e per i miliziani vestiti di nero nutrivo da sempre una soverchia antipatia. dicendo che chi faceva quelle iscrizioni era un vigliacco. a invecchiare in caserma. visto che la giornata era particolare: si inaugurava la Direttissima con il treno speciale di Mussolini e di Sua Maestà e bisognava che tutto girasse alla perfezione. «pregavo che l’umidità non mi rovinasse la bomba. io con la bimba» lo interrompe l’altro ridendo. che alla fine s’impiccava per espiare la colpa di non aver saputo fermare l’attentatore. con la vernice rossa. se non che il maresciallo mi ha mandato a chiamare e mi sono dovuto presentare in caserma. abbiamo l’ordine da Roma di raddoppiare la vigilanza. pensavo all’attentato e alla faccia di Mengarelli. viva il Duce. gli evviva il Re. L’avevo preparata mettendo insieme la dinamite e la polvere nera di quando stavo all’avanzamento nella galleria di Monte Adone. nel ’24. Il passaggio del treno era previsto per le dieci. per il troppo silenzio e per l’agitazione. con i funerali di Mussolini e anche di Mengarelli. unitevi!”. la banda del dopolavoro che suonava Giovinezza. come ricordo e risarcimento. in quel giorno d’aprile del 1934. era crepata troppa gente per far passare quel treno. che stavano a casa con un decimo della paga e non riuscivano nemmeno a comprarsi le medicine. e poi mi spiega: «Ero in licenza con la fidanzata e dovevo restarci ancora due giorni. con Mussolini vivo e Mengarelli prefetto e io sempre lì. ne ho un braccio pieno – e poi l’occhio cieco e la schiena spezzata a colpi di pala e piccone. non ho chiuso occhio per quello. Me le ero portate a casa di nascosto. sdraiato sul muschio. neanche di notte. le Case del Fascio coperte di bandiere e le bambine vestite come spose. così ci siamo buttati addosso le mantelle e ce la siamo fatta a piedi. perché mi aveva ordinato di restare a disposizione. ma il posto non era vicino e non c’erano auto né cavalli a disposizione. per tenere d’occhio la curva. perché di fianco a me invece di una bella figliola mi ero portato la bomba». con l’ordine di sparare al primo sospetto. Devi aggiungere quelli che hanno perso il lavoro perché si sono lamentati. sopra la curva di Ca’ Vincenzi. mi proiettai un’altra pellicola sul futuro. Un’ora più tardi. per tutta la terra che ho respirato là sotto. massima allerta. c’è bisogno della tua mira. Poi le te . come se fossero caduti in guerra. accanto ai cartelli “Lavorare e Tacere”.

ero abbastanza convinto che non sarebbe successo. e poi i secchi di calce. ero un bocia. ma io gli ho detto che non c’era da preoccuparsi. dove certe volte faceva un caldo da sciogliersi. ma quell’altro. Certo. per attaccare la carica all’ultima carrozza. perché affidarmi alla sorte mi scarica la coscienza. io ero da solo. Ma non ho fatto in tempo a esaltarmi per la nuova idea. uno che quel giorno aveva deciso che Mussolini poteva pure crepare? Soltanto l’indomani. almeno vedevo passare il treno. vieni fuori! gli urlo.il sentiero degli dei notturno  ste calde le hanno bastonate e licenziate una dopo l’altra. perché il fucile l’avevo abbassato. le travi. urlo Vieni fuori. e da solo avevo messo insieme la bomba. uno dei due s’è fermato lì. ancora lontano. accendo la bomba e la butto sotto le ruote. lo facevo passare davvero. allora non avevo nulla da rimproverarmi. e intanto il treno ha cominciato la frenata per affrontare la curva. li ammazzo tutti lo stesso e riesco anche a scappare. subito dietro la curva dove comincia la notte. Vidi arrivare queste due guardie e pensai che il mio piano era fallito. che tradotto significa per via dell’attentato: non il mio. e se poi si presentava l’occasione. Se l’anarchico riusciva a infilarsi nel pertugio che gli offrivo. ma di sicuro non riguardava me. pensai. Siamo rientrati in caserma e  . Li ho visti scendere lungo il costone fino ai binari. e se l’anarchico mi avesse capito. rischiavo di farmi accoppare per mettere una bomba che magari era bagnata e nemmeno ero sicuro che avrebbe fatto il suo lavoro. vediamo se hai il coraggio di farti impallinare. ma invece è proprio così. «Ma io» dice il più giovane. Allora il treno ha fischiato. «Ho guardato su e l’ho visto che si sporgeva» lo interrompe l’altro e sposta la schiena in avanti. E se invece non ci riusciva e Mengarelli diventava prefetto e la pellicola nera che mi ero proiettato si tramutava in realtà. come per dire Non ti sparo. ho coperto di foglie la bomba e sono strisciato via. col fucile puntato verso il bosco. l’avrei fatto passare davvero». a bordo del treno. in una buca morbida e piena di foglie. era il destino ad averlo voluto. magari riuscivo lo stesso a fare il mio dovere. mentre faccio segno a Mengarelli di restare dov’è. vieni avanti. anche sessanta gradi. di non raggiungermi. studiato il percorso e scelto per bene il punto dove accostarmi al treno. troppo pericoloso. io non so questa soffiata chi è che gliel’ha fatta. Fatto sta che sono scappato. non potevo macchiarmi di un atto contro di lui. e per quanto fosse un nano senza un grammo di coglioni. leggendo il giornale. era soltanto un ragazzo che pisciava e gli avevo fatto segno di allontanarsi. di quelle che ogni tanto ti lanciano le guardie. la colpa non era davvero mia. e quelli erano distratti. vieni pure fuori. Allora mi sono detto che tanto valeva restare. e prima che il frastuono mi copra la voce. Adesso a lei sembrerà tutto assurdo. «io l’ho presa come una sfida. si sente il sibilo dei freni e il motore che molla. mi è sempre piaciuto giocare d’azzardo. viene a mettersi in mezzo tra loro e me: se io scendo giù veloce in quel momento preciso. e abbasso la punta del fucile. avevo fatto una scommessa col destino. mi sono sporto fuori e l’ho intravisto tra gli alberi. fai pure questo. che non poteva saperlo. Avevo giurato fedeltà al re. dietro una curva cieca che costringeva a frenare. e se l’anarchico capiva il mio gesto. ma non mi sembrava. immobile come in fotografia». Cosa ne potevo sapere che quello era uno diverso. mentre l’altro li ha attraversati ed è passato dalla mia parte. Aveva disdetto all’ultimo momento “per impegni improrogabili”. e nessuno ha più fiatato. che anche le guardie ne hanno avuta una simile. C’era un velo di nebbia e m’ero nascosto bene. scoprimmo che il Duce non c’era proprio. come se il treno di Mussolini fosse di nuovo lì. portavo l’acqua da bere a quelli davanti. Il treno. col naso per terra e i gomiti nel fango».  Avanti. all’inizio del rettilineo. ma c’era quella piccola probabilità che mi stuzzicava. Io allora avevo solo quindici anni. in quei pochi secondi. quello della soffiata. «Mengarelli gli voleva andare dietro. fai quel che devi fare. Cercai di capire se mi avessero visto. accendere la miccia e saltare via prima che i vagoni riprendessero velocità. Lui dice che quella mattina arrivò una soffiata e duplicarono la sorveglianza. il ferro. e magari lo uccideva insieme con Mussolini.

«La bomba era ancora perfetta e l’abbiamo usata subito» conclude l’altro. è meglio che adesso lo lasciamo riposare. lo trova tutto sui libri di storia».  I due si alzano. allora adesso. quanti anni dovrebbero avere. portando in regalo una pistola. dopo quel giorno del treno. mentre Gerolamo torna verso la tenda e inizia a fare due conti. che li considerava tutti banditi. comunisti e imboscatori di renitenti alla leva. Subito gli avevano offerto di dirigere il fascio repubblicano di Vado. con gran dispiacere di Mengarelli. mi voglio congedare. che era appena tornato dalla guerra d’Africa. In cambio ottenni un contatto con il tenente Gianni. il capo della milizia accusò Mario.  . detto Lupo. che andavo dal maresciallo e gli dicevo basta. a dirmi ogni lunedì mattina che era la volta buona. e proprio per questo aveva rifiutato. salutano con una stretta di mano e se ne vanno per la strada. la prima azione armata della Brigata Stella Rossa del maggiore Mario Musolesi. soltanto il buio e il rumore dei camion sull’autostrada. Ho passato nove anni. Nove anni. fino al mese di ottobre. ma quando si volta e torna alla panchina. un botto coi fiocchi. vero Sandro? Ma il nostro amico. un carabiniere che stava a Castiglione dei Pepoli e collaborava coi partigiani». dove comincia la notte. invece di andare in caserma. traditori. se vuole. Così lo arrestammo. Il giorno dopo. diventato ancora più grande nei racconti della gente. E ne avremmo tante altre da raccontare. nel 2009. nel suo letto di foglie. qui. perché era uno con due palle così. mi presentai a casa sua. perché fu quello il nostro battesimo del fuoco. Quelli allora se l’erano legata al dito. e quando in paese comparvero dei manifestini contro la Repubblica Sociale. e quell’altro è più vecchio di una decina d’anni. dicendo che ormai il fascismo era acqua passata. e pure più tardi. anche perché il resto. quando ormai ci comandavano i tedeschi e dovemmo arrestare Mario Musolesi. un fucile e la bomba che avevo raccolto nel bosco nove anni prima. a fare i conti per bene. Prima che se ne andassero li guardai bene in faccia e riconobbi senza fatica l’anarchico di Ca’ Vincenzi.il sentiero degli dei notturno  poi da solo sono tornato a Ca’ Vincenzi a cercare la bomba. ma i suoi amici parlarono col maresciallo e ottennero di liberarlo. questi due. fino all’arresto di Mussolini e all’armistizio di Badoglio. i due sono già ombre al limite della curva. dev’essere stanco. perché se il più giovane aveva quindici anni nel ’24. che stava ancora lì. oppure niente. più di cento? Comincia a ragionare così. e più oltre potrebbe esserci anche la Luna. «per far saltare il treno cisterna alla stazione di Piandisetta. un po’ anchilosati. che lo venne a sapere e scese in piazza a dargli una lezione. uno di fianco all’altro.

20. descrive così la sua città d’adozione. quel nome indicava la strada provinciale numero 59. passando per un’infilata di luoghi “mito . l’ultima propaggine di quella grassa matrona ubriaca di amarcord. ed il culo sui colli. A dare il benvenuto sul sentiero ci pensano le mitiche dau bal zali. e più in generale la striscia d’asfalto rettilinea che va da Bologna al confine con la Toscana. tra Vado e Monzuno. Gerolamo scopre che issarsi dodici chili di zaino sulla schiena non è il modo migliore per iniziare la giornata. lo sporgere del piede. si potrebbe dire che Monte Adone. coperto d’erica e lecci. ma allo stesso tempo avverte l’entusiasmo di riprendere il cammino. sopra Badolo.20 Francesco Guccini. dai fianchi un po’ molli. e dietro le spalle solo il segno della tenda sull’erba del prato. con la strada che si apre davanti agli occhi. e per restare nella metafora. Fino ad allora.Seconda tappa Badolo-Madonna dei Fornelli (San Benedetto Val di Sambro) 19. Bologna è una vecchia signora. cantastorie d’Appennino. col seno sul piano padano. è il calcagno. Un castello di sabbia indurito dal tempo. le due palle di vernice gialla spruzzate dal gruppo di amici che tracciò per primo la Via degli Dei. a seicento metri d’altezza sul livello del mare.

una di fianco all’altra per cinquantotto chilometri. Gerolamo risponde che la notizia non lo conforta affatto. All’inizio era come un ospedale per gli animali selvatici della zona: cervi investiti sulle strade. scimmie sequestrate per importazione illecita. sulla vetta più alta che abbia mai conquistato. mentre questi. iguane in fuga. e per la maggior parte del tragitto prevede un vero e proprio raddoppio. storpiata solo dal passaggio dell’autostrada. ma l’agonia dura poco. addirittura più vecchia. come un piccolo Bryce Canyon tra la Via Emilia e il West. 21. già si diceva che  . Il tutto per arrivare in cima e scoprire da Nico che Monte Adone è più avanti. che adesso ti fanno male. in mezzo a rupi scoscese. fino a convincere alcuni sodali a tentare l’impresa: segnare un percorso a piedi da Bologna alla Futa. Poco più avanti la salita riprende. con ventitré viadotti e ventidue gallerie. nata per iniziativa di una famiglia e di pochi volontari. dove le rupi del Contrafforte pliocenico precipitano giù. non i rumori. 23. cinghiali intossicati. e poi tigri maltrattate nei circhi. Il tragitto dell’Autosole è stato rimesso a nuovo da tre anni. trecento metri di balzo. o raccolti nel bosco per ignoranza – Me lo prendi. e si inseguono dritte fino alle porte di Bologna. che in alcuni brevi tratti consiste nell’allargamento della vecchia sede. sabbia e macchie di ginestra. Come il treno ad alta velocità.il sentiero degli dei seconda tappa logici”: Monte Adone. che fanno riscoprire alle gambe i dolori del giorno prima. È la cosiddetta variante di valico. «Non è colpa dell’acido lattico» spiega Nico. più alti del passo di un san Cristoforo. L’attacco della salita è di quelli cattivi. ma questo è Monte Adone e come dice l’insegna sul cancello. foderata di tela verde per impedire gli sguardi. Monte Venere e Monte Luario (= della dea Lua). daini feriti dai segugi o dai cani randagi. e quelli che la attraversano sembrano proprio ruggiti. inferiore soltanto a quello di armi e droghe. sono arrivati molto presto i leoncini da spiaggia. non ancora indicati coi segnavia del Cai. e poi rapaci colpiti dai cacciatori e cuccioli di capriolo mutilati dalle mac chine agricole. e quasi gli stava più simpatico l’acido lattico. quelli che certi fotografi si portavano in giro per gli stabilimenti balneari. con tanto di croce metallica per farti sentire un vero alpinista. «quello se ne va nel giro di pochi minuti. papà? – e allontanati per sempre dalla madre. Il sentiero sulle rocce di arenaria sembra il letto secco di un ruscello. una specie di grande fattoria. lacerazioni dei muscoli poco allenati». presto ripagata da un panorama grandioso. e già nel 1986 c’erano un progetto di massima e uno studio sull’impatto ambientale. in una striscia di antiche sabbie e conchiglie. sono piccoli strappi. Si sdraia bocconi sull’erba e sporge la testa nella vertigine. due autostrade. A meno di trent’anni dall’inaugurazione dell’A1. oltre la rete c’è il Centro Tutela e Ricerca della Fauna esotica e selvatica. quando il sentiero corre sul filo dello strapiombo e costeggia due torri di arenaria scolpite dal vento. ma la valle del Setta è ancora segnata dalle ferite dei cantieri. oltre una conca verde che Gerolamo non s’aspettava. Racconta la leggenda che negli anni Cinquanta. mettendo in fila sentieri e carrarecce anonime. con quel suo nome gastronomico che sa di yogurt. modellato dall’acqua in gradini scomodi. un bambino di nome Domenico21 rimase talmente colpito da quel nome divino sui cartelli stradali da rimuginarselo in testa per quarant’anni. versi di animali feroci che non suonerebbero strani in una foresta del Kenya o in provincia di Gomorra. Costeggiano una lunga recinzione. 22. un giro economico assai redditizio. e poi a Firenze. Mons Iunonis (Monzuno). In una mezz’ora Gerolamo è in cima. anche la variante di valico è una vecchia storia. pappagalli abbandonati. Ma oltre a questi primi ospiti.

deviarli o addirittura respingerli. Le firme dei ministri dell’Ambiente e dei Beni Culturali stanno in fondo a un documento di sessanta pagine. anche se la nuova linea ad alta velocità proprio a questo dovrebbe servire: a trasportare più gente. area di naturale espansione delle piene. con una sfilza di “raccomandazioni”. del corso d’acqua. prendere atto. e i due ministri danno il via libera ai lavori nonostante i tanti passaggi critici come questo. tra Bologna e Firenze. numero 417.il sentiero degli dei seconda tappa l’opera non era sufficiente.1 Il 4 maggio 2001. Cantiere per cantiere. Immaginate una ditta che vi fa un preventivo per ristrutturare casa. a nove giorni dalle elezioni politiche. e ogni anno si stima un aumento del traffico del 3%. e interferirebbe pertanto anche con il dinamismo geomorfologico. con le mappe fatte male. ecco i soldi. Oggi. il rumore. e più merci. passano in media quarantasettemila veicoli al giorno. decidere. La piena indipendenza degli organismi di controllo in Italia è ancora un miraggio. cioè il doppio di quelli previsti all’origine. Ancora una volta i governanti italiani si dimostrano rapidissimi. sui binari del treno. Siamo intesi? Ho la vostra parola? 23. ponderare. neppure il più imparziale degli osservatori potrebbe tenere d’occhio tutta l’area dei lavori. nel rispetto dei parametri e delle normative. la vegetazione.22 Ma mentre altri traffici si cerca di regolarli. che però viene approvato lo stesso. in disordine. comune per comune. procedete pure. come un fiume in piena. come testimoniato dal tracciato. sull’impatto ambientale dell’opera. il governicchio Amato espresse un giudizio positivo sulla compatibilità ambientale della variante di valico. si possono leggere i dati sulla fauna. eludendo. il 27 aprile 2001. sembra che auto e camion si possano soltanto assecondare e lasciar passare. cioè il committente responsabile dei lavori. Tutto molto democratico. gli scarichi. senza alcuna possibilità di mitigazione. dove è risultato attivo un deposito di terre e rocce di scavo provenienti dai lavori per la variante di valico. fitto di dubbi e critiche al progetto.2 Soltanto una settimana prima. Una settimana per leggere. c’è anche quella di istituire un Osservatorio ambientale e socio-economico sulla variante di valico. anche loro malgrado. questo e quest’altro. I siti di monitoraggio rischiano sempre di diventare un paravento e di coprire. D’altra parte. 23. anche se bastano pochi minuti per scoprire che il presidente dell’Osservatorio è nominato dall’Anas.23 23. senza tenere conto di svariati problemi. qualsiasi altra valenza ecologica. Dalla verifica compiuta dal Nucleo Ambientale è risultato che il deposito era privo di autorizzazione. Una promessa che è stata mantenuta. le polveri. in località Fienile. vaste zone d’illecito. paesaggistica e territoriale dell’ambiente fluvio-torrentizio. che riguarda proprio la valle del Setta: Nella configurazione attuale del progetto rimane l’impostazione che vede nella valle del corso d’acqua solo una trincea utile per collocare  l’opera. che c’erano troppi ingorghi e si viaggiava troppo lenti.3 Tra le “raccomandazioni” contenute nel documento. la commissione di esperti aveva licenziato il suo parere definitivo. l’acqua. altro che fannulloni. Gli ecosistemi coinvolti risulterebbero decisamente compromessi. e voi alla fine gli dite okay.24  . visto che Gerolamo può navigare nel sito dell’Osservatorio e apprezzare lo sforzo di trasparenza che è stato fatto. oltre che ecologico. E non serve la lente d’ingrandimento di Sherlock Holmes per imbattersi in notizie come questa: Venerdì 8 febbraio 2008 Gli agenti del Nucleo Ambientale della Polizia Provinciale sono intervenuti ieri. Il tracciato sarebbe per un lungo tratto nell’alveo e nel terrazzo più prossimo. una lontana utopia. però dovete promettermi di stare attenti a questo. nel comune di Barberino del Mugello.

di certo Lucia lo apprezzerà come regalo prezioso.  . Lì dovrebbe esserci una trattoria. «Non che la critica ti sia servita a molto. quale mezz’oretta? Io prima di partire mi sono preparato. «L’Universo? Con una mezz’oretta on-line?». Sull’orizzonte spicca ancora la sagoma di San Luca. pronto a ripartire. «Mi sono storto la caviglia» dice. «È diverso. 25. che unisce il cielo e la strada. E la strada come un Universo. Il bello di andare a piedi è che pian piano. Il bello di andare a piedi mi sembra proprio questo. Prima di parlare gli torna in mente un verso che ha letto sull’antologia per camminatori trovata in biblioteca. materiali. «Vedi. «Hai bisogno di una mano?». nessuno?». Da bambino sognavo con l’Atlante stradale e adesso sono un tossico di Google Earth. «Che cosa vuoi conoscere di questi posti?» insiste. «No. Lì non ci vado per turismo. E anche se non lo fosse. con l’aria di chi si vanta per le accuse ricevute. Nico scuote la testa: «Siamo quasi arrivati a Brento. con gli occhi smarriti di chi non sa come rendersi utile. mentre scrolla chili di polvere dal sedere. mentre io sfogliavo solo la Lonely Planet e tu mi prendevi per il culo perché la chiamavo la Bibbia». quel che vedi attorno diventa l’unico mondo e tutto il resto è soltanto un nome scritto sulla mappa». aspetta. ha già lo zaino in spalla. un giorno dopo l’altro. e Gerolamo lo guarda zoppicare. quando siamo andati in India?». siti. allora» conclude Nico mentre imbocca il sentiero.25 direbbe Walt Whitman. ho salvato qui dentro un sacco di appunti. Nico sghignazza e gli allunga una mano per aiutarlo a rialzarsi. provo a metterci un po’ di ghiaccio e vediamo come va». «Ti sei letto una ventina di libri per capire meglio il Paese. «Per conoscere l’Universo come una strada. Ti ricordi dieci anni fa. «Stai attento.  Nico annuisce. fa una smorfia di dolore e un gemito da cane. «E allora? Se consideri un valore conoscere bene i luoghi prima di visitarli. ti sei studiato la storia della città a partire dai portoghesi. Non c’è bolognese in viaggio che non usi il santuario come punto di riferimento. «E tu? Quanti libri leggi quando vai sulle Alpi a fare i tuoi giri? Venti. «È incredibile quanto la Rete può darti l’impressione di sapere le cose». Nico storce la bocca e indica il cellulare di Gerolamo con la mano aperta. che ha tutta l’aria di essere un fossile del Pliocene. Quando si rialza. Mentre lo infila in tasca. «Entrambe le cose» risponde. perché lo fai per l’India e non per le Alpi? Quando siamo stati a Bombay. Gerry. «Hai finito con quel cellulare?». Ci vado a camminare». il fatto è questo: io salgo sulle montagne proprio per lasciare a valle la Storia. Gerry.il sentiero degli dei seconda tappa 24. la prospettiva di Dio e quella del viandante». «Appunto» s’infiamma Gerolamo. sinonimo stesso di arrivo e di casa. testimonianza evidente del potere simbolico della Chiesa. La discesa dalla vetta è ripida. Gerolamo raccoglie un sasso a forma di conchiglia. la vista panoramica da una vetta e lo sguardo soffocato in un bosco. La voce di Nico è secca. Scommetto che la storia del Tirolo la conosci molto meno». «Che c’entra l’India?». scivolosa. «Io vado matto per i nomi sulla mappa. aggiungo io». immersa nella foschia. vede Nico scivolare su una roccia bagnata e finire per terra. Giusto a farti cambiare libro sacro». Gerolamo alza la testa dallo schermo. «Quello che puoi vedere con gli occhi o quello che devi scoprire su Internet?». «A volte gli ibridi rimangono sterili». dieci.

come accadrebbe in città per un banale intonaco e con il solito contorno di filippiche anti-degrado.» con lo spray rosso su una parete di roccia millenaria. Brento era un villaggio etrusco. Gerolamo lo aiuta con lo zaino. Al bivio del Furcolo. Lettere che sembrano lì da molto tempo. Da solo non ce la farà mai a raggiungere Firenze. La Trattoria di Monte Adone. fino alla strada che arriva da Badolo e punta verso Monzuno. lungo la strada. La provinciale segue il crinale tra la valle del Sàvena e  quella del Setta. Nico trascina il piede sull’ultimo tratto di discesa. Sembra semplice. Autostrade per l’Italia. Fa eccezione la carrareccia che sale fino alla cresta di Monterumici. la musica non cambia. reggendo gli spallacci come manici. però. dorme su qualunque superficie. mi lasci le cose inutili. sulla provinciale “degli Dei” che scende verso Vado. senza che nessuno si preoccupi di cancellarle. insieme alle poche pietre della chiesa di San Mamante e alle lapidi crepate del suo piccolo cimitero. 28. «Ce la puoi fare» lo rassicura Nico. La carcassa di una jeep. Nico non ce la fa più. Anche la tenda. e non c’è spazio per camminare altrove. ma anche così il dolore è troppo forte e il passo talmente lento che per arrivare a Madonna dei Fornelli non basterebbero due giorni.. beve pochissimo. rifugi e buchi scavati nell’arenaria. può fare a meno del caffè e di lavarsi le ascelle anche per una settimana. quindi castello medievale sotto vari padroni e addirittura sede vescovile. In questo punto del percorso le alternative all’asfalto non sono molte. lungo il tracciato romano della Flaminia Militare. Ovvero: quando la storia locale diventa un detersivo per lavarsi la coscienza. resta un grumo di villette e seconde case per bolognesi in fuga dalla città. per ritemprare i muscoli e lo spirito di Gerolamo. e i segni biancorossi del sentiero sono dipinti sulla lamiera di fianco al fanale. come indica il cartello con l’immagine di una moneta romana e il logo dello sponsor. Poco più avanti. Alleggerisci lo zaino. Le notti sono ancora tiepide e un riparo dalla pioggia non è difficile trovarlo». va sempre da solo. non ascoltare questo pazzo. se non te la senti di portarla. ultimo avamposto nazista prima della liberazione di Bologna..  . 29. non ha esigenze di alcun tipo. qualche imbecille ha scritto: «. un paesaggio sabbioso che sembra davvero un fondale marino. offre il ghiaccio per la caviglia di Nico e una fetta di ciambella casalinga con cappuccino. Alla ripresa del cammino. Gerolamo lo guarda e pensa che è finita. Nico si mette a sedere sul ciglio della strada e non può fare altro che arrendersi. montare una tenda ed evitare che lo zaino gli spacchi la schiena. non è mai affamato.il sentiero degli dei seconda tappa 26. lui c’è abituato. Gerolamo pensa non fare cazzate. «xvii miglia da Bologna». dopo sei mesi di stallo e tre giorni di assalti. appena sbiadite dalla pioggia. in confronto alle vere imprese degli alpinisti. A far memoria di quella battaglia restano trincee. poi castrum romano. con i cespugli di erica al posto del corallo... forse d’epoca bellica. Tolta quella. le previsioni del tempo sono buone. «Il sentiero è segnato bene.. I soldati americani riuscirono a conquistarlo il 18 aprile 1945. ma per uno che a malapena sa orientare la mappa. bombardamenti e morti ammazzati. lo portano in due come se fosse una sporta pesante. occupa una radura tra le acacie. e Nico si trascina a fatica sull’asfalto. Dell’antico splendore conserva soltanto la posizione strategica.. non è affatto banale camminare in solitaria per tre giorni di fila. 27. Solo te.

30. La montagna ha le sue regole. un monumento all’ossessività umana. tre magliette su cinque. poi passato ai frati di San Francesco e trasformato in convento. tra famiglia e lavoro. tranne due scatolette di tonno e una di fagioli. per fortuna. ci guarda dentro. Sbirciando dalla crepa di una porta. nel loro viaggio verso Firenze. «l’importante è trovare il proprio passo. una scatola di ceci appoggiata per terra. Gerolamo prende dal frigorifero una di quelle bibite per sportivi. Il giallo del liquido è anemico e fosforescente. diretto verso la Futa o il fondovalle del Sàvena. L’unico elemento di spicco in tutto l’arredo è un’enorme bacheca di vetro. La storia di un luogo. lungo il bordo dell’asfalto. con dentro i sali minerali. Non fanno panini e l’unico cibo commestibile sono due pizzette dall’aria depressa. Sciarpe di varie squadre infestano le pareti rivestite di legno. che non si sa mai. gestito dai monaci di Vallombrosa. ma quando la stringi in pugno puoi avanzare sicuro». e per quanto abbandonato conserva i segni e la dignità delle costruzioni antiche. e aiuta i bocconi di pizza a scivolare dentro l’esofago. Fa caldo e sono le due del pomeriggio quando Gerolamo arriva a Monzuno – 1062 abitanti – e subito si infila in un bar per placare la fame. una tuta da lavoro su una sedia scassata. il proprio stile. imponente. i cinque giorni per andare a piedi fino a Firenze. l’occhio inquadra due materassi. L’Ospitale è grande. e alla fine lo zaino sembra più o meno lo stesso. 29. estesa sui tre lati della stanza e piena di tazzine da caffè.il sentiero degli dei seconda tappa Pensa non fare cazzate. è molto difficile da cancellare. devi trovare le tue. Serve disciplina. quello è raddoppiato. infila una mano. anche quando gli uomini le hanno ormai dimenticate. le scarpe da ginnastica. 31. ma il coraggio. nascosto tra rovi e piante d’acacia.  . però mantiene la sua promessa dissetante con esiti miracolosi. La musica è un pastone anonimo in stile Britney Spears. Pensa non fare cazzate. capito? La disciplina è una spada affilata: se te la calano in testa. per lo più bianche e molto simili tra loro. ma soprattutto. se ti organizzi molto bene. con passi lunghi simili a una fuga. poi uno resta fermo e l’altro si incammina. I pellegrini medievali. «Stai tranquillo» lo incalza Nico. mentre un distributore di nocciole con maniglia girevole attende che qualcuno si ricordi di lui.1 Gerolamo rinuncia a due libri su tre. puri simulacri dei veri succhi di frutta. incontravano prima di Monzuno un ospitale. E pazienza se la Frecciarossa sarà già in corsa sotto le montagne e le ultime vittime gonfieranno la terra nell’indifferenza di tutti. Un caffè buttato giù in fretta e già si riparte. «Aiutami a scegliere» dice. niente a che vedere con una limonata. Tiene la tenda. a prima vista molto scarso. guarnito coi suoni elettronici del videopoker. hai moglie e figli. assediato da una rotonda e da una strada nuova di zecca. che dovrebbe fare da tangenziale al paese e deviare il traffico. e invece apre i legacci dello zaino. tre paia di calzini e la sua parte di cibo. Gerolamo esplora i dintorni. «Ti lascio i libri o le scarpe da ginnastica?». devi respingerla. la giacca imbottita. da solo. se non vuoi che ti schiacci. forse questa primavera riesci a ritagliarteli di nuovo.  L’edificio esiste ancora. Più che una collezione. Certe stanze rimangono accoglienti. un paio di jeans. I due si abbracciano di fronte alla fermata della corriera. vanno rispettate. una torcia elettrica con quattro pile giganti.

Si è trasferita in Val di Sàvena. con la sua volontà cocciuta di vivere come una volta. a unire l’indole dell’una e dell’altra: paese natale di partigiani. pensa Gerolamo. per consultare la guida. di sunadur che non fanno i preziosi. e per di più forestiera. dissodare il podere a forza di braccia. Da quando lui e Nico si sono salutati. l’unico tra i toponimi divini della Via degli Dei che attesta con certezza un culto pagano e un tempio di origine romana. materia per etnomusicologi e nostalgici. Affiora e si mette a rimbalzare. che da chitarrista e deejay gli ha sempre parlato con entusiasmo di quelle danze. E invece Melchiade Benni non s’è lasciato schiacciare dal passato: ha tenuto come apprendista una ragazza. cucinare sulla legna i prodotti del campo e del bosco. e battere il grano con le mani. Poi all’improvviso la cantilena si interrompe. “Montanaro”. A ovest la valle del Setta. lo libera dalla terra. Gerolamo sente la mancanza di Nico. Un forse-porcino da almeno mezzo chilo. di quelle che canta spesso a Dario e Lucia. nuvole basse e fredde che infil . Ora la strada si arrampica sulle falde di Monte Venere. 33. un centro di ricerca e una scuola. dove la strada bianca ricalca di nuovo la Flaminia Militare e la pista etrusca che univa Felsina/Bologna con Vipsul/Fiesole. non chiudendo quel patrimonio in un museo. Le ha mostrato come dialogare coi ballerini. ma funzionava da perno per un’intera cultura. ma a ogni bivio si ferma. Cala una nebbia improvvisa. e vengono apprezzati solo se sanno cogliere e trasformare in musica le emozioni di una serata. Aggirata la cima di Monte Venere. per dirsi con i gesti quello che le parole non potrebbero dire. roba da sfigati. sempre in attività fin dal 29 aprile 1900. perché «se vuoi tirare fuori l’anima dagli uomini. compresi i valzer meticci del “liscio montanaro”. e nemmeno un recipiente per portarselo via. il sentiero raggiunge il crinale. come officiare un rito che non era straordinario. con tutte le varianti tipiche dei diversi borghi e paesi. “antico”. che i violini del Sàvena guidano le manfrine e i salti del bal spécc. col significato di “grosso monte”. quando negli anni Settanta. continua a usare quella musica per il suo unico scopo: far stare insieme la gente. quando li tiene sulle ginocchia. Forse per questo. ma anche bal di sgrazié. da una parte all’altra del cervello.  Ma è da più tempo ancora. in un mondo fatto di suonatori maschi. farla ballare. si volevano buttar via anche le tresche. e gli occhi puntano un fungo enorme tra le radici di un castagno. Alcuni fanno derivare Monzuno da Mons Iunonis (cioè Giunone). e oltre ad aver fondato un’associazione. a est quella del Sàvena. di Brescia. oltre che un suonatore tradizionale. arrivata al Mulino della Valle col violino del nonno nella custodia. terra di suonatori e balarìn. la Banda Bignardi. come acciuffare l’onda di una galloppa. altri da un più prosaico montione. per evitare che si schiacci sotto il peso della tenda. uno che nelle foto sembra un vecchio tradizionalista suonato. ha scambiato due parole giusto col barista.26 34.il sentiero degli dei seconda tappa 32. mentre attraversa un castagneto. forse quattro secoli. Scava con le dita intorno al gambo. Fa niente. Dall’aspetto si direbbe un porcino. ma si mettono al servizio di chi vuole ballare. “Ballo staccato”. dall’odore pure. devi saperla prendere dalla terra». non di coppia. e a fatica riesce a stivare il colosso nella tasca più alta dello zaino. Violinisti da fiaba come Malchiò d’la Val. senza fermarsi. i Ruggeri e le veglie di festa. lasciarlo dov’è sarebbe un delitto. E Placida Staro l’ha ricambiato. “saltato” e non liscio. gli affiora in testa una filastrocca. insieme alle gambe. Le ha passato le suonate. rifugio di ribelli e combattenti. e in mezzo Monzuno. medaglia d’oro per la Resistenza e sede della più antica banda della zona. per farla finita con le stalle e la fame. Gerolamo attacca la salita che passa di fianco al campo sportivo. preoccupato.

La strada che scende a Madonna dei Fornelli ha preso il nome di Via Romana Antica. dritte sul cancello di una casa colonica. perché ne hanno fatto costruire uno di trentatré metri. Così l’esemplare da record rimane al suo posto. che un panorama invisibile dovrebbe salvare dallo squallore. inaugurata nel 1999. che fino al 1994 non aveva mai avuto un campanile. e denigrano invece i dintorni di Monzuno. Finisce il caffè e gli torna in mente la frase di Gianni Tei sui beni pubblici. Lo ha raccolto. Il paese è una manciata di case. dicono che qui c’erano fornaci da calce della Roma imperiale. le monopale immobili a fare da testa e becco. Sull’architrave d’ingresso. il palo che le sostiene come corpo. Una faccia nuova in città. sedersi al tavolino senza compagnia lo mette in imbarazzo. che ancora «non fanno un cazzo». se sia davvero un porcino. Alludono a luoghi segreti e innominabili. Quanto al nome Fornelli. portarselo via per non lasciarlo a qualcun altro. che lasciano le spore libere di fecondare il bosco. 36. legge il sottobicchiere come una crittografia. pare che la raccolta sia regolata da norme inflessibili. La prima centrale eolica del Nord Italia.  . botteghe. Dieci mulini a vento alti come torri. Inoltre. vecchie ruote da bicicletta trasformate in girandole frullano beffarde nella brezza serale. che magari avrebbe avuto il cestino adatto. oppure un tempio della dea Fornace. Altri. Accenti emiliani che sanno già di Toscana raccontano spedizioni lunghe otto ore. mentre Gerolamo ordina una birra per buttare giù la vergogna. con delibera comunale del 25 gennaio 1969. e il tesserino in tasca. dove l’espresso è buono come a Bologna. nel sacchetto di plastica. e invece il delitto è stato portarselo via. Gerolamo gongola e sta per estrarre dallo zaino il suo esemplare da record. Sulle prime. senza nessuno intorno che gli ricordi casa o il passato. sono del primo che li prende». Una landa desolata. «Nel nostro paese non sono beni di tutti.il sentiero degli dei seconda tappa trano il bosco. bianchi. mentre gli viene il dubbio di aver varcato senza accorgersene i confini nazionali. Un porcino gli ha appena dimostrato che non si può mai presumere di essere immuni dalla mentalità corrente. per portarsi a casa tredici chili di porcini. pensa Gerolamo. fatte di tesserini e giorni alterni. Il dibattito se sia più buono il porcino da castagno o da faggio accende gli animi come una contesa d’onore. Un’esperienza esotica che non potresti ripetere in un bar di Manhattan. dove si può star certi di trovare la bolata. custode dell’utero caldo che fa nascere il pane. perché lasciarlo lì pareva un delitto. e si vede che ai parrocchiani la cosa dispiaceva. quando le peggiori sodomie vengono invocate per quanti non ripongono i funghi negli appositi cestini. spoglia. alberghi. che di sicuro è tra i più alti della zona. Poco più avanti. come se cercare la bolata fosse una via di mezzo tra la pesca e la guida di un’auto non Euro 4. 35. e spesso parla peggio l’inglese. Intanto gli avventori discutono di funghi con interesse maniacale. Quattrocento abitanti sparpagliati intorno all’oratorio di Santa Maria della Neve. o fuochi accesi di accampamenti legionari. Strano che nessuno si lamenti delle regole. affascinati dal passaggio della Flaminia Militare. simili a cicogne appollaiate. e l’impianto eolico di Monte Galletto diventa un miraggio da pittura metafisica. contento di essere anonimo. Gerolamo si concede un caffè al bar Musolesi. Poi si rilassa. c’è chi si accontenta di spiegarlo con le cataste di legna ricoperte di terra che i boscaioli facevano bruciare a fuoco lento per produrre carbone. e l’occhio allenato a riconoscere i funghi. senza nemmeno sapere se lo potrà mangiare. due iscrizioni celebrano la Vergine come unica medicina. come un Clint Eastwood appena arrivato a  San Miguel. il barista è più straniero di te. per la peste del 1630 e il colera del 1855.

per nove ore di fila. preferisco quelli da abete.2 Una bella serata senza spendere un euro: pizza. Il cameriere ha l’aria gioviale. L’altro inarca le sopracciglia: «Io.. Tre grossi abeti lo nascondono alla vista: né dalla strada. Ciao». Sul retro c’è uno spiazzo perfetto.1 «Buonasera. né dalle finestre dei vicini si potrebbe notare una tenda piantata lì sopra.  «E se io le lasciassi il resto? In cambio della pizza e di un paio di birre?». e tu? Mandami almeno un messaggio. Ah sì. con tutte le tapparelle abbassate. dai. si metta pure dove preferisce». sul versante opposto della valle. mentre lampioni e lampadine dei dintorni promettono di rischiarare le operazioni di montaggio quando farà notte e Gerolamo dovrà affrontare da solo pali e picchetti. per me. visto che non risponde. vado a sentire in cucina». eppure le gambe chiedono di sciogliersi in un’ultima marcia. vero?». Il cameriere ci pensa su. sotto un castagno?». se li si vuole ascoltare. «Le volevo chiedere. per sentire come va. e scende a passo lento lungo la strada per Qualto. «Certo. scruta le vie secondarie e dopo un centinaio di metri. esatto» si stupisce Gerolamo. i tavoli sono tutti liberi. pianeggiante e morbido. ho visto che fate la pizza coi funghi. telegiornale. Ma con una bestia del genere gliene condiamo venti. trova un condominio muto. gli occhiali tondi e un’aureola di capelli ricci come Michael Jackson prima di diventare bianco. Gerolamo esce dal ristorante e sente che ha bisogno di camminare. «Proprio così. prima di riposare infilate nel sacco a pelo. 37. «Direi che si può fare.». «Faccia vedere. certamente. ma certo anche il castagno. «Ho sentito dire che sono i migliori». 37. Ormai fa buio. con un vecchio dondolo arrugginito e lo stenditoio per i panni. Ti richiamo domani sera. senz’altro. si accomodi. nasconde lo zaino dietro il dondolo.. dica pure». «Ah. magari vicino al paese e ai suoi luoghi di ristoro. «Io sono vivo. cellulare ricaricato. Non è che la si potrebbe condire con questo?». «La ringrazio. Dove l’ha trovato.. non ha fatto altro tutto il giorno. «Vede questo fungo? È un porcino. ma il vento porta anche altri suoni. lo scambio sembra divertirlo. delle pizze». Allora torna nel posto che ha scelto per piantare la tenda. e un messaggio lasciato sulla segreteria. al limitare del bosco. fa udire il suo respiro. in lontananza. Gerolamo si incammina lungo la strada che dovrà percorrere domani. ma finché c’è luce. visto che nello zaino alleggerito non ci sono più cibi da cucinare né attrezzi per farlo. Viene l’ora di cena. posso chiederle un favore?».  . Un colpo di telefono anche a Nico. due birre medie. L’autostrada. meglio trovare un prato per la tenda..il sentiero degli dei seconda tappa 37. maglietta pulita. ma la nebbia si è alzata e le sagome delle montagne sono nitide. Sembra incredibile. lavaggio ascelle. telefonata e baci alla famiglia.

e le memorie degli alberi diventano suoni. avvenuta il 6 giugno 1912. unico e irripetibile. per giungere all’orecchio di uomini lontani. Gerolamo. Una goccia salata che cade in un fiume gli consegna per sempre il ricordo del sale. In Val di Setta. dentro la montagna che hai di fronte. frazion di Lagaro Nel comune di Castiglione se voialtri mi fate attenzione d’una disgrazia vi vo’ raccontar. Sulle Alpi. vento. la voce umana e le onde cerebrali lasciano nell’acqua una traccia che poi si manifesta coi cristalli di ghiaccio. Andrew Elicott Douglass. che fanno crescere gli alberi storti e ricurvi. ma raccontano il clima degli anni che ha vissuto. Dicono che l’acqua ha una sua memoria. dove ciascuno passa al successivo la spinta del sasso. nel fusto dei larici. in Alaska. Cerchi irregolari e decentrati sono la firma sghemba di frane. l’erba. La distanza tra un cerchio e l’altro dipende dalla temperatura e dalla siccità. e il giapponese Masaru Emoto sostiene addirittura che i suoni.notturno  NotturNo 2 Se vi annoio voi mi scuserete ma spiegar meglio di così non si può come già tutti voi lo sapete che la stampa di già ne parlò. E fu proprio il 14 ottobre che in domenica venne quel dì invece di stare a casa in riposo fu destino d’andare a morir. Fu un giovane astronomo americano. quando tonnellate di cenere invasero il cielo e velarono il sole per molte settimane.  Se tu sapessi ascoltarli. Come i cerchi che si allargano sulla superficie di una pozza. così ogni anello del tronco influenza quelli che lo seguono. l’acqua delle sorgive ha registrato le vibrazioni della roccia. a scoprire che gli anelli nel tronco di una sequoia non rivelano soltanto l’età della pianta. e segni evidenti nell’aspetto della pianta. il cui ricordo è ormai custodito nel cuore della pianta. Forse la pioggia e i torrenti impregnano coi loro archivi anche la terra. erosioni. Le sorgive hanno alimentato i ruscelli e l’umidità dei ruscelli ha nutrito gli alberi. si trovano ancora le cicatrici causate dall’eruzione del vulcano Katmai. passa la mano tra i rami. potresti sentire un’orchestra di faggi suonare le ballate della Grande Galleria. come il silicio e i nastri magnetici e la superficie dei compact disc. sulle isole Aleutine. che a quanto dicono passa proprio sotto di loro. Poi arriva il vento. incapaci di comprenderli. a cinquecento metri di profondità. quando lo congeli di nuovo torna uguale a se stesso. Se fai sciogliere un fiocco di neve. e anche sulla corteccia spuntano i segni di antichi cataclismi. Alluvioni e incendi lasciano sgorbi nella grafia vorticosa che incide il durame. gli alberi. Ottanta cerchi fa. Forse l’acqua che abbiamo nel corpo ricorda meglio di noi le canzoni che da neonati ci accompagnavano nel sonno. un messaggio indelebile scritto negli atomi e sulle onde. Terra e radici hanno succhia . causate dall’esplodere delle cariche e dalle voci dei minatori.

causata dal calore di un incendio sotterraneo. Imbalorditi e al buio si resta stupefatti dal grande spavento  Se tu imparassi a riconoscere il sibilo dei corpi bruciati. Quando fummo noi in galleria come al solito si stava facendo ad un tratto uno scoppio tremendo la montagna la fece tremar. Se la capissi. sapresti riconoscere quelli che sono incappati in una mina gravida. il fruscio delle fenditure prodotte sulla corteccia dallo scoppio delle mine. Ed è questo loro mescolarsi che rende così difficile decifrare le dendrofonie raccontate dal vento. trasformate in irregolarità della corteccia e ora suonate dal vento). ricevute dalle radici. Quelli di dietro che avevan sentito non sapevan che strada pigliar poi si son fatti di un cuore assoluto e i compagni son corsi aiutar. e le grida dell’avanzamento anche ai sassi facevan pietà. dire se è scoppiato la settimana scorsa o cent’anni fa. dal timbro di ciascuna potresti ricavare altri dettagli. confuso con tutti gli altri. che il vento ora legge e trasmette. ma è pur sempre un conto fatto a orecchio. per essere certi che tutte le mine piazzate facciano il loro dovere. non seguono l’ordine del tempo come i cerchi dentro al fusto e i solchi sul vinile. perché durante la volata si contano sempre i colpi. Tra i primi sessantacinque. come quello di un direttore d’orchestra. I suoni si sovrappongono. o prelevarne un campione con un succhiello di Pressler.il sentiero degli dei notturno  to la memoria dell’acqua e con l’aggiunta di sali minerali l’hanno trasformata in linfa. distingueresti il suono dei rami incurvati da un’esplosione di gas. mentre in seguito la calotta in calcestruzzo ha fatto da isolante. I vasi dello xilema hanno aspirato la linfa verso l’alto e il legno ha assorbito nutrimenti e ricordi. e ancora la deforma e produce il suono che non riesci a sentire. Per farlo dovresti segare l’albero. e subito bisogna riprendere a lavorare. perché i primi sessantacinque sono quelli che morirono nella galleria quando ancora non era completa. non potresti lo stesso datare l’incendio. rami e biforcazioni. in mezzo al boato. come se parlassero dietro un panno di feltro. il sibilo acuto degli ustionati. se tu sapessi ascoltarli. per rom . e da quello interpretare gli anelli. e le volte non erano tutte murate. un tumore grosso come un melone è fiorito sulla corteccia. questa musica d’acqua e di legno. hanno un volume più alto. o il suono inconfondibile che fanno i pensieri di un moribondo (le onde cerebrali di un essere umano che sta per morire. sentiresti un coro di ottantacinque voci. Solo con un orecchio così allenato ti accorgeresti che alcuni di quei suoni. così che la roccia poteva ricevere meglio le vibrazioni. ottanta cerchi fa. di terra e di vento. l’assistente dice di darsi da fare col picco. condotte attraverso la roccia. il fischio leggero dei pensieri di chi è morto là sotto. come in un’unica strage. Se anche tu riconoscessi il timbro grave. da controfagotto. se tu la sapessi ascoltare. scorie grigie simili a cenere hanno inquinato la linfa dei faggi. per poi tradurli nella sua lingua di nodi. mentre gli altri venti ce l’hanno più basso. come la puntina di un vecchio giradischi sui solchi del vinile. E se tu avessi l’orecchio davvero allenato. Gerolamo. Il fumo dei corpi bruciati ha infiltrato le rocce e la terra. e i venti morti successivi hanno una voce più attutita. prodotto dal vento su una piaga del tronco. cioè una carica inesplosa. non c’è tempo di aspettare che la polvere vada giù. e magari capiresti che questa differenza non è casuale. e per la precisione sessantacinque. L’età della persona e il modo scelto dal destino per farla morire.

Quell’aiuto era tanto prezioso per quella gente così disperata che chiamava mamma con voce angosciata mentre il fuoco continuava a bruciar. cioè le tavole per ripararsi la testa. ma il metano era già lì. c’eravamo fatti indietro di duecento passi e l’elettricista aveva fatto il suo lavoro: appendere all’armatura i sacchetti di polvere pirica. si vede che qualcosa non aveva funzionato e che nemmeno i  Sapresti distinguere quelli fulminati dai macchinari elettrici zuppi d’acqua e quelli annegati dietro la saracinesca. bum. Loro non ci sono. e magari insieme a lui anche qualcun altro che gli stava vicino. quando ancora non ci sono i marciavanti. il gas era lì e s’è portato via pure lui. ha spinto il carrello. uno straccio infuocato messo in cima a un palo per bruciare il metano. e il casco lo porta giusto l’ingegnere quando viene a fare i controlli. più indietro e più in basso del previsto. le frane di sassi che vengono giù dopo la volata. e che un fazzoletto davanti alla bocca. il disgraziato salta per aria. Alcuni hanno dovuto tirarli fuori dalle tombe. che veniva giù quando il cunicolo rischiava di allagarsi. capita che una mina è rimasta gravida. E con tutta questa fretta e la polvere che toglie il fiato e la vista.27 E anche se avessi l’orecchio finissimo. Le lampade Davy lo avevano segnalato. un fazzoletto non basta per evitare la silicosi. e bum. perché nello strozzo lo spazio è poco e se salta una mina ce n’è davvero per tutti. perché l’unica protezione dei minatori è il cappello. era suonato l’allarme. Sapresti riconoscere il fochista che ha spinto il carrello col bruciagas. nei bronchi e nelle ossa. non ne vuol sapere di farsi scavare. Appena giunti al pronto soccorso c’eran già tutti gli amici e i parenti fra urla pianti e lamenti sempre mamma sentivo chiamar. Riconosceresti il fochino che è andato sotto la calotta per accendere le micce e anche lì c’era il gas ad aspettarlo. e se non eri svelto a uscire fuori potevi rimanere chiuso dall’altra parte. Gerolamo. non potresti sentire lo stesso i morti per la pussiera dei decenni successivi. ventilatori erano riusciti a portarselo via tutto. dentro ai faggi sopra la galleria: è la terra della galleria che sta dentro di loro. infilata sottile negli alveoli dei polmoni. e quando il disgraziato va a spaccare il masso con il piccone. Domandate ai feriti guariti meglio di loro nessun lo può dir sette morti e venti feriti la disgrazia ebbe fine così. non la si è contata bene. perché soprattutto l’argilla spinge e si deforma. Eppure. e le capriate e le centine in legno di pino si spaccano. rompono teste e schiene.il sentiero degli dei notturno  pere i macigni più grossi e caricarli sui vagoni: cinque all’ora se ne devono fare. quel gas.  . morti magari in ospedale a Bologna o nelle loro case sparse per le montagne. mescolato con l’aria. per dimostrare che la polvere ce l’avevano dappertutto. pronto a scoppiargli addosso e a portarselo via. dentro c’è la mina. durante lo smarino in mezzo alle volate. e il segno grosso di sette morti lo vedresti meglio che sugli altri anelli). e appena il fochino ha acceso le micce. ficcarci dentro i cavi e poi dargli fuoco a distanza col generatore di corrente. come quegli altri sette del 1923 (se tu avessi un carotaggio fatto col succhiello di Pressler lo potresti sapere che era quell’anno lì. e lo stesso fanno i bollimenti. Sapresti riconoscere quelli rimasti schiacciati sotto un’armatura che non ha tenuto. con il getto d’acqua che usciva dalla roccia come una fucilata.

che vede stazioni veloci passare suona a Roma una vecchia zampogna. si va per Bologna. l’orecchio fino. Su e giù per quel pozzo si andava con un carrello. la stazione di San Benedetto Val di Sambro. e solo due volte all’anno riusciva a fargli prendere il sole. verso la chiesa di Santa Maria della Neve. Capiresti che gli ultimi quindici non sono omicidi bianchi. a Spianamento. grosso sgorbio. Dopo la sua morte tolsero il carrello e quelli che prendevano il treno alla stazione delle precedenze. per analogia. ti aspetteresti altri quindici “omicidi bian Se avessi il campione fatto col succhiello di Pressler.il sentiero degli dei notturno  Non ci saran più medici. morti sul lavoro. finché la stazione delle precedenze non venne proibita ai passeggeri. senza responsabili. e nemmeno il succhiello di Pressler.29 Se avessi saputo riconoscere i primi settanta suoni. Ma nel conto ne mancano ancora quindici. e nei tronchi dei faggi cinquecento metri sopra. tu ora dovresti riconoscere i suoni più lievi. si sono fuse assieme le vittime di due stragi tipiche italiane. e a migliaia di treni che sono passati nel frattempo. caduti nella battaglia contro la galleria come si cade in guerra. mai bambine. quindici suoni funebri. dovettero farsi due volte al giorno 1800 gradini. e queste dendrostorie non le senti. grazie ai raggi che trovavano l’inclinazione giusta per infilarsi nel pozzo di Cà di Landino. in quest’unica strage che accomuna tutti. dieci cerchi più avanti. alla luce delle lampade. quindici cicatrici sovrapposte che formano un unico. chi”. Federica dagli occhi di mare. si muore. vedresti che gli ultimi quindici morti sono tutti sullo stesso anello. a fare il bocia in galleria. Ma se tu avessi l’orecchio fino. Federica dagli occhi di mare su quella montagna ti han fatto fermare hanno rotto le ali al gabbiano e tu non hai visto la neve a Milano. ma erano maschi. e venir fuori sudati fradici in mezzo all’inverno e alle correnti d’aria. Ma tu non ce l’hai. e che in un’unica galleria. sono solo vento che soffia tra i rami e mette freddo addosso. nella stazione delle precedenze. Il lavoro e il terrore. Allora capiresti cosa c’entra quel bambino di quattro anni che non c’entrava niente. sono omicidi neri. non c’è niente di strano. Qualcuno. e una bambina di nove che pensava al Natale e una di dodici che non aveva mai visto la neve. Così ti volti e torni indietro. Faresti il conto degli anni e ti verrebbe fuori il 1984: cinquantesimo anniversario della ferrovia Direttissima. e la gente della zona dovette andare a prendere il treno tredici chilometri più giù. strage del Rapido 904. a Bologna. un bambino di quattro anni. a trenta cerchi di distanza da Walter Tassoni e a sessantuno dai sette minatori uccisi dal grisù. Big in Japan degli Alphaville. è vero. al sole di ieri. insieme alle piogge dello scorso autunno. una bambina di nove. ti chiederesti cosa c’entrano. un’altra di dodici. tumori sulla corteccia dei faggi suonati dal vento. poi viene Firenze. Gerolamo. il ferroviere che coltivava un geranio sotto terra. quelli attutiti dal calcestruzzo delle volte: i quattro che scortavano il convoglio fatto saltare là sotto dai partigiani per bloccare la Direttissima e poi. con gli omicidi bianchi. per andare a lavorare a Firenze. a Prato. nemmeno professori che fan guarire il mal dei minatori Non ci saran più medici. e potessi capire il sesso e l’età di quei morti.  . c’è andato anche a dodici anni. nemmeno medicine per far guarire il male delle mine. a montare la tenda nel chiarore dei lampioni. la guerra è guerra e bisogna combatterla. adesso. lungo un binario ripido: Walter Tassoni lo guidava e ne rimase schiacciato.28 In questo coro.

Terza tappa Madonna dei Fornelli-Traversa (Firenzuola)

38. Il risveglio è umido, immerso nelle nuvole. Al suono del cellulare, Gerolamo si volta e abbraccia lo zaino, convinto di trovare il corpo di Lara. Ha dormito meglio della prima notte, ma quel contatto mancato lo fa alzare lo stesso di malumore. Sa che il fantasma dell’abbraccio si divertirà a tormentarlo per tutto il giorno: una tortura che sarebbe anche piacevole, se valesse come investimento sulle carezze della sera. Ma stanotte ci sarà ancora lo zaino, a fargli compagnia, e se vorrà carezze, dovrà farsele da solo. Così esce fuori con passo malinconico e scopre che smontare la tenda è una piccola impresa: primo perché il sovrattelo gocciola rugiada e condensa e non c’è modo di sfilarlo senza infradiciarsi; secondo perché una legge fisica universale, valida per qualunque telo, vuole che l’oggetto in questione, una volta piegato, risulti sempre a) troppo largo, b) troppo lungo per poter essere infilato nel suo contenitore originale. Terminata la battaglia con l’igloo, Gerolamo si scontra con altre due applicazioni della medesima legge, ovvero la stuoia di gommapiuma e il sacco a pelo, quindi carica sulle spalle lo zaino e punta il bar Musolesi per un cappuccino e brioche. 39. Gli avventori parlano ancora di funghi, di come li hanno cucinati, messi a seccare, affogati nell’olio. Il tono è meno eccitato del


il sentiero degli dei

terza tappa

giorno prima, forse perché il sabato non si può partire in spedizione, c’è il divieto, e multe salatissime per chi lo infrange. Così i discorsi vengono presto calamitati da tre cartoncini pubblicitari che penzolano sopra il bancone. È una nuova lotteria, Win for Life, e a quanto pare si vince una specie di vitalizio, quattromila euro per vent’anni, ma ancora le regole non sono ben chiare. Gerolamo pensa che è un sistema ingegnoso per rimpiazzare le pensioni. Invece di pagare i contributi si acquista una scheda, invece di esercitare un diritto si tenta la fortuna. Tanto in Italia funzionano solo tre generi di previdenza sociale: il welfare d’azzardo, con i suoi montepremi, le quote, le schede gratta e vinci; il welfare familista, con i giovani precari che attingono ai risparmi, alle case, ai piatti di pastasciutta di nonni e genitori, mentre i giovani col posto fisso devono ringraziare l’amico dello zio; e infine il welfare televisivo, con i quiz milionari e le comparsate, i tronisti e le veline, i talent sciò, realiti sciò, fric sciò. Un avventore su due del bar Musolesi acquista la scheda Win for Life anche senza aver capito bene come funziona. Un ottantenne, prima che Gerolamo esca nella nebbia, domanda se figli e nipoti possono ereditare il premio. 40. Fin dalle prime curve del sentiero, Gerolamo ha la sensazione di aver attraversato un confine, come se da Madonna dei Fornelli iniziassero le vere montagne, boschi più fitti, case più rade, silenzi, paesaggi selvatici e solitari. È comunque una montagna molto diversa dalle Alpi, e non solo per via dell’età o dell’altitudine. Gerolamo ricorda le passeggiate in Alto Adige e in Val di Sole, luoghi di vacanza che i suoi genitori sceglievano per l’aria buona, per un’idea di purezza incarnata dalle vette alpine. Reinhold Messner che beve l’acqua di sorgente e dice: altissima, purissima, levissima. L’Appennino è tutt’altro che puro, figlio bastardo delle divinità della Terra, mentre le Alpi sono una progenie celeste, di dei olimpici e folgoranti, e i loro animali totemici sono agili e leggeri:


l’aquila, il camoscio, lo stambecco. La spina dorsale d’Italia, invece, è il regno del cinghiale, che si rotola nel fango e grufola al crepuscolo, in cerca di tuberi e radici. 41. Oltre la borgata di Cà de’ Farini, una mulattiera di lastroni si alterna con sentieri e strade sterrate, per salire sotto la cima del Monte dei Cucchi, a 1138 metri sul livello del mare. Qui sembra essersi scatenata una gara all’affissione di cartelli, su alberi, siepi e altri supporti. Una mappa rudimentale, a pennarello nero, rappresenta i confini tra le frazioni di Madonna dei Fornelli, Castel dell’Alpi e Montefredente, dove nel 1975 venne fondata la Tvs, Televisione Libera delle Valli di Sambro e Setta, un’emittente illegale, nell’epoca lontana del monopolio Rai e delle prove tecniche di trasmissione a colori. Poco più avanti, spunta uno dei soliti segnali della Via Flaminia Militare (xxxi miglia da Bononia), quindi un altro cartello, nero su bianco, informa i passanti che si trovano «sull’antica strada detta “di Toscana” o “del Pian di Balestra”». Su una rete metallica verde, che compare improvvisa in mezzo a tuie da giardino urbano, la scritta «Area videoregistrata» sancisce lo sbarco del telecontrollo in mezzo ai boschi, per sorvegliare a distanza chissà quali pericoli. Dalla targa affissa sul cancello, Gerolamo scopre che si tratta di una stazione di emergenza radio per il Nord e Centro Italia, incaricata di garantire le comunicazioni in caso di apocalisse. L’ultimo cartello è agganciato col fil di ferro a un cespuglio spinoso di bacche nere. È un testo lungo, e Gerolamo si ferma a leggere e a riprendere fiato. 42. La ditta Agsm, di proprietà del Comune di Verona, vuole costruire sul Monte dei Cucchi un parco eolico da ventiquattro generatori alti come la Torre degli Asinelli (70 metri di supporto per una tripala di 26 metri di raggio). Ogni turbina poggerà su una ba

il sentiero degli dei

terza tappa

se di cemento armato profonda dieci metri e larga quindici, all’interno di una piazzola sgombra, pianeggiante e ciottolata di venti metri per trenta. Per montare e gestire l’impianto bisognerà aprire una strada asfaltata, abbastanza larga per il passaggio di camion e ruspe, e interrare un cavo lungo tredici chilometri. Tutto questo su un crinale di boschi famoso per la frana del 1951 che distrusse Castel dell’Alpi e formò il lago sul torrente Sàvena.30 Gerolamo pensa che chiamare parco un progetto del genere è come battezzare una guerra operazione di polizia internazionale. Molti crimini contro l’umanità sono anche crimini contro il vocabolario. 42.1 Alcuni cittadini della zona hanno saputo del progetto di Agsm quando sono arrivate le prime lettere per l’esproprio dei terreni. Allora si sono organizzati, hanno raccolto firme e informazioni, sono andati più volte dal sindaco, hanno messo in piedi un comitato. Alla fine il Comune di San Benedetto ha espresso il suo parere negativo sulla centrale eolica. La Provincia di Bologna, invece, non ha mai smesso di sostenerla. Gerolamo interrompe la lettura, apre la tasca superiore dello zaino e tira fuori un vecchio opuscolo che si è portato da casa. Fa parte di una serie che usciva in edicola con La Repubblica, nel lontano 1989, per conto dell’Azienda di promozione turistica di Bologna e Provincia. Scopo dell’iniziativa: proporre itinerari a piedi in luoghi di particolare interesse storico e paesaggistico. Dopo vari traslochi familiari, l’intera raccolta s’è depositata come un detrito nel salotto di Gerolamo. Il fascicolo numero quattro è dedicato a un monte franoso e ricco di fauna. Il Monte dei Cucchi. 42.2 Dunque la Provincia ha cambiato idea: non più il turismo sostenibile, per valorizzare la zona, ma l’energia pulita, in nome dell’interesse pubblico.


Ma è davvero pubblico l’interesse di un impianto simile? Nel 2007 la Commissione Europea ha prodotto un grafico sui rendimenti dell’energia eolica.31 A ogni paese dell’Unione corrispondono una tacca blu e un pallino rosso. La tacca blu rappresenta il costo di un megawatt/ora di elettricità, il pallino rosso è il ricavo che se ne ottiene. In Spagna, per esempio, il costo medio di un Mw/h è di 60 euro, il ricavo medio sfiora gli 80, quindi il guadagno netto si aggira sui 20 euro. E in Italia? Nella colonna dell’Italia il pallino rosso non c’è, è scomparso. Chi si è preso la briga di cercarlo l’ha scovato in alto, molto in alto, nascosto sotto il titolo del diagramma, perché il ricavo medio delle turbine italiane è di 170 euro per megawatt/ora, con un guadagno netto dieci volte superiore a quello dei tedeschi e cinque volte quello degli spagnoli. Il motivo è che in Italia i proventi dei mulini dipendono per una metà dagli incentivi statali, che sono i più alti d’Europa. Grazie a questo sistema un’azienda può far soldi con le sue pale anche se il vento è poco e la tecnologia che adotta non è la migliore. Nel frattempo, gli incentivi pesano sulle bollette dell’elettricità e così tutti pagano per impianti che funzionano male e fanno guadagnare soltanto chi li ha costruiti. Socializzare i costi, privatizzare il profitto. La regola d’oro del capitalismo italiano. 42.3 Di certo, pensa Gerolamo, ci saranno aziende che misurano il vento con attenzione e investono denaro nella ricerca per avere macchine efficienti, sicure, con un impatto limitato. Ma chi controlla che sia davvero così? Quando la Provincia di Bologna sostiene che la centrale del Monte dei Cucchi ha un interesse pubblico, sa davvero di cosa sta parlando? Qualche tecnico imparziale ha dato un’occhiata ai rilievi anemometrici di Agsm? Oggi esistono molti progetti alternativi per mettere Eolo al lavoro: dagli aquiloni KiteGen alle miniturbine, dagli impianti che sfruttano le turbolenze alle pale “domestiche”. Agsm ritiene


il sentiero degli dei

terza tappa

che ventiquattro generatori alti cento metri siano la soluzione più indicata per un crinale di montagna a mille metri di altitudine. Qualcuno ha verificato che sia davvero così? Il raggio di impatto potenziale di un impianto del genere è pari a dodici chilometri.32 A cinque chilometri in linea d’aria, nello stesso comune, ci sono le dieci torri monopala di Monte Galletto. Non è abbastanza? Il Piano territoriale paesistico della Regione Emilia Romagna non è aggiornato e ancora non parla di centrali eoliche, ma esistono molte altre risoluzioni, leggi, protocolli d’intesa, per impedire che le aziende, d’accordo con i singoli comuni, riempiano di pale intere vallate, con la nobile scusa dell’energia pulita. Ma forse qualcuno ha lasciato aperte le finestre, e il vento si è portato via le carte, insieme a molte risposte. 42.4 L’unica energia veramente pulita si misura in negawatt, ed è quella che non si produce, grazie al risparmio e all’efficienza della rete. Estrarre elettricità da fonti rinnovabili è comunque un’ottima idea, a patto che il processo non bruci una risorsa che invece non si rinnova: il territorio. Date le caratteristiche geografiche e climatiche dell’Italia, per produrre con le grandi turbine eoliche l’equivalente di un milione di tonnellate di petrolio, servirebbero 34.000 ettari di terreno, più dell’intera provincia di Trieste, contro i 4500 degli impianti fotovoltaici integrati, i 1800 del solare termico, i 750 dei residui dell’agricoltura.33 Oggi gli impianti eolici della Penisola producono il 16% di elettricità rispetto alle promesse (la potenza installata) e lavorano in media 1413 ore all’anno, cioè due mesi.34 Questo significa che le centrali realizzate fin qui – più che altro con grandi turbine – non sfruttano a dovere il vento e consumano il territorio. Ma Agsm sostiene che quello delle sue torri «non è un vero e proprio impatto, perché non è sottrazione di habitat, di utilizzo o di usufruibilità; è modifica nella percezione di un paesaggio».35


42.5 Ancora una volta, più che lottare con i numeri, si finisce per lottare con le parole. Impatto ha la stessa etimologia di pattume. Entrambe le parole derivano dalla radice pat-, che sta per piede, e hanno a che fare con le impronte, materia pestata e infradiciata, buona per concimare e ingrassare la terra, quindi per estensione scarti organici e più in generale rifiuti. Difficile dire che l’impianto dell’Agsm non lascerebbe un’impronta sul Monte dei Cucchi, infarcendolo di scorie gigantesche. Quanto all’habitat, esso è l’insieme delle condizioni fisiche che circondano una specie. E qualunque sia la specie che si vuole considerare, dagli abeti ai rapaci ai fungai di Madonna dei Fornelli, sbancare un bosco è sconvolgere l’habitat di diverse comunità. Per affermare il contrario, bisognerebbe sconvolgere anche la lingua italiana. 42.6 Rispetto alla sottrazione di utilizzo, Agsm confonde i territori. Gerolamo ricorda un viaggio in treno, da Parigi a Orléans. Decine di pale enormi, bianche, in mezzo alla pianura francese, ai campi di barbabietola e di grano, ai tralicci dell’alta tensione, ai silos per cereali. Un impatto di media entità (come l’impronta di un piede su un terreno già molto calpestato), una violenza su alcune specie (i volatili), il rumore delle pale, ma l’utilizzo del luogo è più o meno invariato: le fondamenta delle torri eoliche hanno occupato qualche ettaro di terreno, su una superficie vastissima e uniforme, e tutt’intorno ancora si coltiva. Una situazione impossibile da riprodurre su un crinale montuoso coperto di abeti, aceri e faggi, a più di mille metri d’altezza. 42.7 E la modifica nella percezione del paesaggio? Anche quello un gioco di parole, per far sembrare il danno soggettivo, meno grave di quel che è. Si modifica la percezione, non la sostanza delle cose.


una diversa percezione. di lasciare un vuoto. inquadrate da terra. In sostanza. Anzi. Dunque non c’è differenza tra paesaggio e percezione del paesaggio. non produrrebbero soltanto un effetto differente. fanno pensare a don Chisciotte e hanno un che di metafisico. ma certo non sono la stessa per l’individuo che le porta. del cinghiale. ste un paesaggio laddove sul territorio si riconoscono dei segni. Non si tratta di decidere che cosa è bello e che cosa no.). Costruire un’opera senza tener conto di questi elementi rischia di cancellarli. Dove sta Monte dei Cucchi? Vicino alla faccia o vicino alla schiena della valle di Sàvena? Agsm ha progettato il suo parco senza fare domande agli abitanti del luogo. un minareto che si alza in un quartiere padano abitato da musulmani è un cambiamento del paesaggio che rende visibile un cambiamento sociale. La sua presenza è perfettamente giustificata.il sentiero degli dei terza tappa Ma il paesaggio – secondo la convenzione europea sottoscritta dall’Italia nel 2006 – «designa una determinata parte del territorio. anche se Agsm vorrebbe farcelo credere. Esi 42. Una campagna coperta di capannoni nel giro di pochi anni non è soltanto più brutta: è un territorio senza paesaggio. che dovranno essere in sintonia non solo alle considerazioni inerenti la percezione visiva. cambia pure il paesaggio. simboli dell’energia alternativa. di fianco al municipio. che ne sarà di tutti gli altri? Chi rappresenterà il punto di vista del falco. ma anche a quanto attiene ad altri valori (culturali. è lo stesso aspetto del territorio. Secondo la sentenza 367/2007 della Corte Costituzionale. L’elevazione ci trasforma in voyeur. Vietare certi simboli significa impedire agli uomini di rispecchiarsi nel loro ambiente. Un minareto in periferia è diverso da un minareto sulla piazza principale. riguarda cioè l’ambiente nel suo aspetto visivo. il Dossier regionale sull’Eolico del maggio 2007 afferma che è fondamentale la partecipazione degli abitanti alle diverse possibili soluzioni. e anche assoluto. degli omosessuali e dei senzatetto. accompagnano le immagini dall’alto. una frase senza sintassi. Ma in realtà la questione è sempre la stessa: si tratta di  . invece. Gerolamo trova su Repubblica. Se rovinano un paesaggio non è perché sono sgorbi in un quadretto idilliaco. dell’abete? E i loro voti avranno lo stesso peso dei nostri oppure la democrazia vale soltanto per noi? Si dirà che non ha senso rivendicare i diritti del faggio in un Paese dove contano poco i diritti degli stranieri. Ed è per questo che l’art. ma perché annullano il senso dei luoghi. non sono brutte. 42. Gerolamo pensa che le grandi pale bianche. dal finestrino di un aereo. Se cambia il punto di vista. citata dal pubblico ministero Gianni Tei nella requisitoria del processo Cavet: Il concetto di paesaggio indica la morfologia del territorio. simbolici. Al contrario. 9 della Costituzione ha sancito il principio fondamentale della “tutela del paesaggio” senza alcun’altra specificazione. Eppure. Si tratta peraltro di un valore primario. e chi la combatte non lo fa per difendere lo skyline di periferia da una costruzione stonata. Le stesse torri. vuole anche dire comprendere la loro gerarchia.. Tenere conto degli iconemi. la strada in cittadini. Didascalie entusiaste per il diffondersi dei mulini a vento.9 Se si fa fatica ad ascoltare gli abitanti umani di un territorio.8. quelli che un geografo chiamerebbe iconemi. storici.it un servizio fotografico sugli impianti eolici. L’oggetto tutelato non è il concetto astratto delle “bellezze naturali”. ma l’insieme dei beni materiali che presentano valore paesaggistico. Una cicatrice sulla faccia e una sulla schiena possono essere identiche. così com’è percepita dalle popolazioni». che è di per sé un valore costituzionale.. di per sé. un ambiente alieno da chi lo abita. se si tiene presente che il paesaggio indica essenzialmente l’ambiente. per i contenuti ambientali e culturali che contiene. ambientali.

la Storia di Roma non è mai stato un bestseller. e ascoltiamo quel che hanno da dire solo quando si mettono a parlare di valore degli immobili e pericolo di frane. L’antica strada. rimuovere strati di foglie.C. è nominata soltanto da Tito Livio. Il professor Alfieri esclude che quei dieci metri di basolato possano essere l’antica Via Flaminia minore. stordito dalle informazioni e dallo schermo del cellulare.. e fino alle orecchie di Cesare Agostini e Franco Santi. Dopo i brindisi meritati. come dopo un sogno a occhi aperti. Sui cancelli. scavare.  . nelle fonti romane. Si inoltra in discesa dentro un’abetina scura. che attribuisce al console Gaio Flaminio iunior la decisione di collegare Bologna con Arezzo. i due passano le ferie a cercare.il sentiero degli dei terza tappa capire se l’Altro è solo un rumore di fondo oppure una voce che bisognerebbe ascoltare. A Castel dell’Alpi. con inciso il nome “La Bricconcella” in lettere svolazzanti. spacca le rocce d’arenaria per costruirci i caminetti. quello tra le valli dell’Idice e del Sillaro. Le due strade dovevano incontrarsi proprio a Bononia. una manciata di chalet affogati nel bosco. targhe e iscrizioni battezzano queste seconde case anni Sessanta come se fossero antiche magioni di campagna. dopo aver  sconfitto i Liguri dell’Appennino.36 43. ma non nel mio cortile). Il narcisismo culturale spinge l’Homo sapiens a custodire un antico palazzo molto più di un bosco o di un torrente.) e raggiungeva Arezzo attraverso il Passo della Raticosa e il Giogo di Scarperia. Gerolamo si alza. nel 187 a. iniziava la costruzione della Via Emilia. ecco che ci indigniamo contro questi nostalgici. comincia la zona dei primi scavi sulla via Flaminia Militare. la strada saliva da Ozzano Emilia (l’antica Claterna. la loro avventura archeologica fa parlare di sé: «È una perdita di tempo» dicono i più. mentre lavora in una vecchia cava. basata sui toponimi di un crinale più a est. “alla faccia di chi ci vuole male”. una misura che i Romani consideravano perfetta per le strade di lunga percorrenza. popolata da spettri di nuvole basse. Franco di mestiere fa lo scalpellino. primitivi e antimoderni. fondata proprio nel 187 a. Ohio. Franco e Cesare riescono a convocare nel bosco due storici dell’Università di Bologna. Nello stesso anno il suo collega Marco Emilio Lepido. nemici del progresso. perché in proposito ha già dato alle stampe una sua ipotesi. eppure la notizia di una strada romana. Una lastra d’ottone a forma di pergamena srotolata. sul crinale a sinistra del torrente Sàvena. che insieme al profumo di resina lo inseguono fino a Pian di Balestra. battere il crinale palmo a palmo. Al termine delle case e dell’asfalto. questa raggiunge i due metri e mezzo. vincitore sui Galli padani. e un giorno. sotto forma di leggenda e chiacchiera da bar. al confine boscoso tra Emilia e Toscana. con la Lupa che allatta i gemelli e la scritta Roma sull’altra faccia. ma alla terza estate di fatica. tra boscaioli e carbonai. nell’estate 1977. Ne parla con l’amico Cesare e così. fondata dai Romani solo due anni prima. affianca una cassetta della posta “us Mail” che suonerebbe posticcia anche nei sobborghi di Cleveland. Invece. Nelle borgate di montagna. se gli abitanti di una valle si ribellano perché qualcuno vuole modificare il profilo di una montagna.C. Le frane dell’immaginario sembrano sempre molto innocue. La larghezza della carreggiata li fa ben sperare: mentre le mulattiere medievali sono piuttosto strette. Secondo le sue ricerche. «Forse cercano qualcos’altro» malignano i maligni. dalla fessura di un masso vede saltar fuori una moneta. ma l’incontro non è incoraggiante. originari di Castel dell’Alpi. Se una qualunque azienda venisse a installare un enorme mulino a vento sulla Torre degli Asinelli la cacceremmo da Bologna a calci nel culo e nessuno ci farebbe una diagnosi di sindrome Nimby (Not in My BackYard: l’energia rinnovabile sì. i due portano alla luce un tratto di strada lastricata sulle pendici di Monte Bastione. intanto. cioè gli otto piedi. è arrivata fino ai nostri giorni. 44.

Guarda caso. direbbe quel tale. offre un bell’esempio di strada di lunga percorrenza e di grande traffico di età post-medievale.. antichi acquedotti. Nel 1985 la rivista Autostrade racconta gli sforzi di Franco e Cesare in uno speciale dal titolo “Soluzione Appennino. Sono anni testardi e solitari: nessuna istituzione segue le loro scoperte. ulteriori indagini portano a otto il numero dei siti archeologici. Ed è soltanto l’inizio. Li devono imporre gli organizzatori. principalmente a causa del materiale di cui sono costruiti (lastre di arenaria locale).C. Comunque la mulattiera di Monte Bastione.  44. Tre anni dopo i Comuni di San Benedetto Val di Sambro e Firenzuola organizzano un convegno sulla viabilità storica tra Bologna e Firenze.1 Per dieci anni battono gli otto chilometri che separano il Monte Bastione dal Passo della Futa. né alla via Flaminia tracciata nel 187 a.  . da Bologna ad Arezzo. certo. i resti di una fortezza ligure e alcuni reperti dell’età del bronzo.. Uno spirito fai-da-te – o meglio: facciamo-da-noi – che sembra essere una costante sulla Via degli Dei. dal comitato contro il parco eolico di Monte dei Cucchi. con le istituzioni che a malapena ci mettono la firma. quanto il valore umano di quel che hanno fatto. e al termine della conferenza il valore scientifico del loro “passatempo” viene riconosciuto da tutti. non è tanto l’importanza storica dei reperti che i due hanno trovato. Ai posteri l’ardua sentenza. poggia soltanto su nomi. durante la quale emergono sei tratti di strada.il sentiero degli dei terza tappa I due archeologi dilettanti non si perdono d’animo. sei antiche fornaci per la calce. Pochi mesi dopo anche La Nazione dà spazio alla notizia. L’Università di Bologna nomina un comitato scientifico per individuare temi e relatori. Dal gruppo di amici che l’ha tracciata alla battaglia legale per lo stradello dei Bregoli. ma ciò che meriterebbe più considerazione. Forse perché la comunità scientifica è ancora divisa.2 Eppure. sotto le foglie di centinaia di autunni. con le lettere verdi su sfondo giallo e le righe a matita per scrivere dritto. mentre cammina sulla strada bianca. Lo studio di Alfieri. dove la passione per il territorio precede e supera quella per la Storia. continuano a spuntare tracce. alla televisione libera di Montefredente e ai due archeologi dilettanti di Castel dell’Alpi. Eppure. ma quando non lo è? Secondo il sito della Provincia di Bologna. è l’anno dei primi studi per la variante di valico tra Bologna e Firenze. 44. Vogliono dimostrare che la loro strada prosegue dritta fino al valico dell’Appennino. Per il resto. di cui sono stati ritrovati vari tratti ben conservati. i nomi di Franco Santi e Cesare Agostini non compaiono neppure. dopotutto. reperti. dall’informatico di Pianoro che ha salvato la vite del Fantini alla coppia di sposi che cura i leoni a Monte Adone. Archeologia dal basso. pensa Gerolamo.37 Eppure. Sono fatti a mano. Negli anni Novanta. i reperti viari di Monte Bastione non possono essere riferiti all’età romana. Dopo vent’anni di ricerche Franco e Cesare sembrano aver trovato quello che cercavano. a causa di indubitabili testimonianze del percorso di essa sul crinale fra Idice e Sillaro. dai Suonatori della Valle del Sàvena ai partigiani della Stella Rossa. A presiederlo c’è il professor Alfieri e nell’elenco proposto. e circa ottanta metri di lastricato con le stesse caratteristiche del primo. I Romani per primi”. mulattiere. allineati lungo 37 chilometri di dorsale appenninica. Soltanto un cartello sbiadito porta lo stemma del Comune di Firenzuola e il logo della Soprintendenza archeologica toscana. mentre loro hanno trovato qualcosa. l’opera di Franco Santi e Cesare Agostini ha l’aspetto di un gigantesco bricolage. Infine si fa viva la Soprintendenza archeologica della Toscana e organizza una campagna di scavi. Gerolamo osserva stupito i segnali che conducono al basolato romano.

e si fa strada l’ipotesi che invece di una necropoli. Sulle carte geografiche. In mezzo al prato. 48. coperto dal declivio e dagli alberi. solitaria. Di nuovo abeti. Scava oggi. Emilia e Toscana s’incastrano come un puzzle. increspata da gobbe e tumuli di terra. coppia archeologica degna di un film. la Faggeta è uno dei tanti ruderi di sasso che Gerolamo ha incontrato lungo il percorso e che sono un tratto distintivo di queste montagne. e Gerolamo lo saluta inquieto. la Faggeta non è una casa come le altre. per non affati care le gambe nello sforzo di frenare. non sembra viverci nessuno. con i viadotti dell’autostrada. invece della solita lepre. In realtà. Si tratta dunque di un edificio importante. decide di iniziare gli scavi. Il carbone. è arrivata solo nel dopoguerra. Gerolamo si guarda intorno. Gerolamo si convince che dev’esserci un legame tra lo spirito indipendente di queste piccole comunità e il genius loci dell’Appennino. 45. e uomini e donne senza permesso di soggiorno. forse giusto qualche pecora trova rifugio la notte sotto il tetto della stalla. spunta dietro l’angolo dell’edificio. ma conciato così mette soggezione. Arrivano qui nei primi anni Ottanta e appena affondano la vanga vedono la terra umida riempirsi di scorie bianche. o magari una struttura d’accoglienza per i viandanti. sono di nuovo bolognesi. otto anni più tardi. scavalcata la cresta. È un vecchio minuto. nelle abitazioni. Un cacciatore in mimetica. Gerolamo accenna una corsa sull’erba ripida. senza testimoni. o magari è difficile vederli. fino a un luogo che non aiuta a dimenticarlo: la Piana degli Ossi. in un luogo dove da oltre duemila anni si sovrappongono strade di lunga percorrenza. Una tettoia male in arnese co . Senza movente. di nuovo Toscana. certo piantati dall’uomo. Il vento ha dissolto le nubi e la vista si apre su un paesaggio nuovo. c’è la provincia di Prato. Qui sotto. La porta è sprangata. con cinque fornaci ormai crollate e una ancora intatta. come quando in certe metropoli passi senza accorgertene da un quartiere all’altro. ma una volta pulite si rivelano cocci di calcare levigati dal tempo. 46. attraversi una strada e i palazzi sono diversi. andata in rovina perché di viandanti da accogliere non ce ne sono più. forse una dogana tra lo Stato Pontificio e il Granducato di Toscana. con lo schioppo a tracolla.il sentiero degli dei terza tappa Mentre scende verso la Faggeta. Gerolamo si porta appresso quel pensiero macabro sotto i rami dei faggi. Una conca spoglia d’alberi. 47. in una zona dove l’acqua corrente. con un nome in odore di antica necropoli che non poteva sfuggire ai soliti Franco e Cesare. e subito oltre. Durante i loro scavi. poi un cancello per trattenere le bestie e un vasto pascolo in discesa. Isolata. in provincia di Firenze. Sembrano ossa. scava domani. nemmeno Montalbano riuscirebbe a incastrarlo. potrebbe farlo su due piedi e tornare a casa tranquillo. a mille metri d’altezza. la terra si schiude sopra una grande fabbrica di calce. c’è il paese di Bruscoli. risulta vecchio di quindici secoli e quando la Sovrintendenza archeologica della Toscana. saltano fuori anche dei sassolini neri: sono pezzi di carbone. come l’Ospitale di Monzuno. Se il vecchio volesse provare l’ebbrezza di uccidere un uomo. perché sono turisti senza automobile. la gente si veste in un altro modo e senti parlare altre lingue. in questo punto. analizzato all’Università di Firenze. Franco Santi e Cesare Agostini hanno scoperto un’antica conduttura in cotto che le portava l’acqua da Monte Bastione. da queste parti. A prima vista. i tumuli della Piana degli Ossi nascondano qualcos’altro. ma le montagne che si vedono di fronte. c’è la casa colonica dei Capannoni.

Il bosco nasconde l’orizzonte. l’altro perché si ripete. e l’eco del loro italiano da bifolchi si mescola al rumore delle foglie e dei rami spezzati. L’uomo si sente piccolo. il deserto è monarchico: il cielo è troppo incombente per non imporsi su tutto. 1200 metri sul livello del mare. invece. Il bosco si rigenera dopo ogni inverno. Una giornata d’inizio autunno è davvero lunga. Nessuno dei due sembra invecchiare. la tipica nicchia di sassi per le madonne dei crocicchi. quelli attorno crescono più in fretta. Uno perché risveglia la terra. Ma la salita non si fa attendere. Finito il pranzo. Se gli altri dei sono più a loro agio nel bosco. Quando cammini sulle Alpi ti vengono in mente Heidi e il nonno malgaro. si vede che preferiscono la democrazia. con le foglie verdi che riempiono gli interstizi tra le radici e il cielo. fino alla quota più alta di tutta la Via degli Dei: Cima Le Banditacce. e secondo la guida sarà l’ultima della giornata. Le sabbie non muoiono. delimitato da una staccionata di tronchi. la quiete degli alberi ha la meglio per poco sul bisogno di proseguire. Uno perché è uni forme. il deserto non conosce stagioni. santi e madonne. a Vanni e Pacciani. Nella fustaia. la foresta e il deserto occuperebbero i primi posti. Entrambi si muovono e crescono. La discesa verso la Futa è immersa in un bosco di faggi. Il nome doveva suonare sinistro ai viandanti dell’anno Mille. Gerolamo non si sente poi tanto diverso. come la morte e l’aldilà.  . gli alberi diventano più saggi. Se si facesse una classifica dei luoghi d’incontro tra l’uomo e gli dei. l’altro perché è fitto. i tronchi sono più distanti. perché non vi accade nulla. senza cellulare e con la paura dei banditi. In fondo all’imbuto. Entrambi confondono e disorientano. l’imboccatura di una fornace. Le zone governate a ceduo fitto sono un arazzo di fusti grigi.il sentiero degli dei terza tappa pre un imbuto di terra. se ci si dimentica l’orologio e la si misura soltanto con la fame e col sonno. quando li attraversa. Il resto è stecchi di ginestre e pruni spinosi. come se a forza di camminare. ci si ritrovasse addosso una seconda natura. l’altro perché l’addormenta. con pochi balzi che fermano il tempo. macchiati di bianco. 51. Il sentiero scende fino a un trivio sorvegliato da una maestà. 50. il cellulare non prende e presto pianterà la tenda in Mugello. La mappa dice che la meta è vicina e allora tanto vale andare avanti. e quando cadono. senza scarponi in Goretex e mappa dei sentieri. Piuttosto. Inghiottono campi e città abbandonate. spuntano massicci da un tappeto di foglie color sabbia e un capriolo impaurito appare e scompare. 49. come un essere vivente. Il bosco è un utero di legno e di foglie. Gerolamo decide che è tempo di mangiare. Ma non è del tutto vero: anche nel deserto spira il vento. Il deserto è immenso. Qui sull’Appennino pensi ai compagni di merende. mentre il rigoglio della foresta ospita geni. Uno perché è vuoto. dei. Si è detto che il deserto è monoteista. il deserto lo annulla. Ma a parte le calzature. in una mattina nebbiosa che gli riesce difficile chiamare “oggi”. Seduto su un ceppo taglia i panini che ha comprato a Madonna dei Fornelli. dalla mattina alla sera. ma forse è solo l’effetto di qualche neurotrasmettitore che inonda il cervello quando si fanno girare le gambe e si guarda il mondo a cinque chilometri all’ora. A entrambi l’uomo invidia l’eternità. perché la cartina non gli è per niente chiara. dove il Mostro di Firenze massacrò un quarto delle sue vittime. nascosta da erbacce e rovi. sorgono miraggi e l’acqua dei pozzi disseta piante e animali.

a sorpresa. nei fiumi. ma adesso Gerolamo non ha voglia di pensarci. nient’altro. particolaristica. «Serve una camera?» chiede la ragazza nell’atrio dell’albergo. Così. Il sentiero entra in un’abetaia sontuosa. tre milioni e mezzo di ettari destinati all’edilizia negli ultimi vent’anni. ma lì di strade asfaltate c’è solo la statale. vorrebbe solo mangiare. e dalla voce roca ti aspetteresti un orco cattivo. rendendo omogeneo il territorio e seppellendo le vie dei canti degli aborigeni italiani. mettersi seduto e grattugiare la rabbia su un bel piatto di pasta. 54. Simboli e storie si sono nascosti nella terra. perché lo fai. negli alberi. bisogna rallentare agli autovelox. poi si concentra sull’urlo degli acceleratori e capisce che la statale è ancora più giù. Con gli anni Novanta. col Sole delle Alpi sui vessilli. e la freccia che invita il viandante a seguire l’asfalto? 53. visto che ha il guardrail. rigano i vestiti e lo zaino. con l’unica differenza che qui. Ma negli anni Ottanta il cemento ha completato la strage. i centralini comunali in dialetto e il Po dentro un’ampolla. come segni di enormi dita. Come l’inquinamento ha fatto sparire le lucciole dalle notti di campagna. come gli Antenati delle leggende australiane. con le mani grosse così e la pancia ribelle sotto il grembiule. la diversità del paesaggio ha offerto un appiglio alle culture locali. mentre  ne viene fuori una montagna d’uomo. Guarda e riguarda la mappa. Ha la faccia e le mani graffiate. due corsie. sono tornate le lucciole. Gerolamo si accomoda nella stanza vuota. resta disorientato. nel silenzio di tutti. Negli anni Settanta Pier Paolo Pasolini ripeteva il suo mantra. Gerolamo arriva a destinazione. girato dal vento o da chissà chi. è scomparsa la sua cultura eccentrica. e pare impossibile che questa non ci sia. quindi reale. Nessuna domanda chi sei. Delle due l’una: o è una strada nuovissima – e così impolverata non ne ha l’aspetto – o è una strada fantasma. Dal cuore della mas . si sono fatti largo senza difficoltà i custodi di una tradizione gretta e fasulla. e allora che ci fa il cartello con scritto «Traversa» sul ciglio d’erba impastato di fango. e il nero delle notti è sembrato meno scuro. dove vai. quando Gerolamo sbuca su una strada asfaltata e la trova deserta. Per questo. unico segno di vita la televisione accesa. La strada fantasma non portava a Traversa: il cartello era sbagliato. È finito il mondo contadino e popolare. Tre ore più tardi. una superficie grande come Piemonte. «vedrai che ti trattiamo bene». che tornarono a dormire nel sottosuolo dopo aver cantato la creazione. ogni tanto. vuole soltanto riposare. a mezza via tra l’acqua benedetta e l’esame delle urine. solo un gesto con la mano verso la sala e l’invito a sedersi. oltre la coltre di abeti. «Macché cercare» dice il buio nell’arco di una porta. Gerolamo segue le indicazioni per Traversa. non un benefattore che ti offre di piantare la tenda nel giardino dell’albergo. col Tg3 che manda le immagini di una frana in provincia di Messina e spara le cifre del disastro italiano. così la società dei consumi ha omologato gli italiani. All’inizio Gerolamo pensa alle seghe dei taglialegna e solo più avanti si rende conto che è sabato e come ogni fine settimana i tornanti della Futa e della Raticosa sono invasi dai motociclisti e trasformati in un circuito di gara. e lunghe striature grigie. e Gerolamo spiega che no. dal rosso al verde.il sentiero degli dei terza tappa 52. e là in fondo c’è pure un semaforo che scatta: dal verde al rosso. Liguria e Valle d’Aosta. E mentre i cervelli diventavano tutti uguali. così stai più tranquillo e puoi cenare in pace. una piccola frazione del comune di Firenzuola che offre bar e ristoranti aperti tutto l’anno. e quanto al dormire cercherà un posto per piantare la tenda. rotta solo dal frastuono di motori che sale da basso. tra gli outlet e le villette a schiera.

poi spegne il telefono e apre l’antologia per camminatori al segno dell’ultima lettura. «Queste sono le chiavi» dice l’oste porgendo il mazzo. Poi. sacco a pelo. e quelli che non lo fanno sono giusto gli zotici che camminano per sudare. Non ha mai ricevuto un’ospitalità del genere da parte di un estraneo. segui l’uomo d’affari. se la nuova ferrovia dell’alta velocità andrà da Bologna a Firenze tutta in galleria. ed è già dimenticato. Gerolamo paga e chiede di indicargli dove piazzare la tenda. Sul numero di casa scatta sempre la segreteria. a far migrare le api. troppo scarsi per numero e per esperienza. Nella sua Favola era la scomparsa del lusso. Doccia fredda. le verdure fritte. come se avesse bisogno di trovare una motivazione. a suonare e risuonare un nuovo pezzo. Alle otto e mezzo il telegiornale finisce e la stanza comincia a riempirsi. Nel mondo reale. Forse gli ricordo un figlio lontano.  Gerolamo prende le chiavi e ringrazia più volte. prova a ipotizzare. non è lo stesso popolo e nemmeno la stessa cultura. assaggi offre-la-casa. e poi la pasta.il sentiero degli dei terza tappa sa sono riemerse le differenze. tutte le volte che in auto gli capitava di incrociare uno con lo zaino.39  . che di nuovo non risponde. vediamo di farti contento» dice il proprietario con l’aria da orco buono e l’accento toscano. Se vuoi andare nel mondo politico. ma diceva che in montagna usa così. non hanno retto il peso di intere comunità. fermo sulla strada a chiedere un passaggio. poi Nico. dove se incroci qualcuno sul sentiero lo saluti sempre. e non occupa poi tanto spazio. come si passa da un campo di fagioli alla foresta. suo padre lo tirava su. Ma non sono le stesse lucciole di Pasolini.38 55. salve. segui la grande strada. il dolce. apre una porta vetrata. Forse non è un caso. ma mosche. tanto di sicuro sono già sveglio. emerse dal sottomondo con ali meccaniche. la luce elettrica e un bagno con doccia che occhieggia sulla sinistra. Un esodo molto simile a quello raccontato tre secoli prima da Bernard de Mandeville. e quando alla fine arriva anche il conto. mentre il cellulare potrebbe essere spento o non raggiungibile. e in mezzo. invece. 56. quando andavano a prendere l’aria buona in Alto Adige. coperte e biancheria appoggiata sulle sedie. Allora gli manda un messaggio. si sono allargate le nicchie. tieni negli occhi la sua polvere e ti ci porterà dritto. poi fa strada sul retro dell’albergo. Come se d’improvviso non fossero più api. è una cifra che a Bologna basterebbe appena per pizza e birra. cancellato da un eccesso di giustizia. e la cultura popolare si è dimostrata più varia di quanto si credesse. domani è domenica e c’è un sacco di lavoro. Sono lucciole mutanti e sradicate. e alla malga ci vanno a prendere il sole in costume da bagno. e mai l’avrebbe fatto in un’altra occasione. Io me lo lascio alle spalle. una caraffa di vino. Gli insetti adulti hanno abbandonato gli alveari. grussgott. È vero che anche suo padre. Migliaia di larve sono morte d’incuria nelle loro celle. «domattina chiudi e me le porti in cucina. Poi ci beviamo un caffè e ci salutiamo per bene. cosa che spesso lo impegna per molte sere di fila. una malattia misteriosa ha divorato come un cancro la loro stessa natura. ci sono ancora le montagne. con cuscini. «Vieni. Tieni. buonanotte». destinate a morire da sole su un prato o schiacciate dentro due dita. ma pure con due letti. Sul tavolo di Gerolamo planano prelibatezze che non ha ordinato. per rendere quell’accoglienza un po’ meno gratuita. si è scatenata la morìa delle api. Perché anch’esso ha il suo posto. cercando di dimenticarsi che sopra. Prima Lara e i bimbi. e Gerolamo si era convinto che la montagna fosse un posto particolare. Gerolamo si immagina l’amico chiuso in sala prove. I più giovani. negli anni Zero. allora. un materasso morbido e le solite telefonate. e oltre la porta c’è una stanza ripostiglio.

coperto da un velo di fango secco. macchinari. Oltre i bulloni e le lamiere. Gli abeti affacciati sulla strada sono spettri secchi cosparsi di polveri infeconde. Un cartello vieta l’accesso ai non autorizzati. e che nessuno ha intenzione di terminare. NotturNo 340 Mi incammino verso il semaforo. anche se l’asfalto è deserto e l’Uomo sembra avere abbandonato il pianeta senza spegnere la luce. si riavvolgono veloci. Sono sghembi. e ogni tanto si infila in un tombino. betoniere – eppure tutto ha un aspetto incompleto. verdi pure quelli. La carreggiata è stretta.   . come un gioco di costruzioni non finito. ma i pensieri già volano altrove. lasciato a metà per fretta o per incuria. morti che stanno ancora in piedi solo perché ci sono gli altri a sorreggerli. di proporzioni autostradali. al cartello sbagliato e agli incubi reali del dormiveglia. e sullo sfondo se ne staglia un altro e un altro ancora. venuto a noia. Non ci sono segni di lavori in corso – attrezzi. di quelli corrugati per contenere i cavi elettrici. appiccicato in terra da un cemento sciatto. come un chiaro invito a proseguire. striscia nell’erba grigia un tubo rosso. ci passeranno a malapena due auto affiancate. inclinati. ma su entrambi i lati corre un guardrail imponente. dal rosso al verde. La fascia di prato davanti al bosco è una distesa di sterpi giallastri. ma il semaforo è verde. tornano alla polvere della strada fantasma. una fascina di scheletri pronti a bruciare nel fuoco. come se ancora fosse luglio. e il sole di questa mattina avesse scottato la campagna fino a farla seccare. lo guardo passare dal verde al rosso.il sentiero degli dei Gli occhi di Gerolamo fissano le righe sulla carta.

«così i camion di pietre non passano dal paese. che non è grigio solo in un punto. Mi volto temendo il peggio. ma l’uomo che mi viene incontro tiene per mano un bambino e non ha l’aria truce del vigilante che sorprende un intruso. per nulla contente di questi deserti. bottiglie in pvc. a gradoni. come l’arco di un ponte inutile. Scruto in mezzo ai tronchi e mi rendo conto che il bosco di fronte a me non è più largo di una cinquantina di metri. Vero. ma il quarto semaforo passa da rosso a verde e ancora mi lascio convincere dal colore della speranza. Entro nell’abetaia ed è come attraversare una foresta consumata da un incendio. forse si tratta di speciali mine antiuomo per evitare incursioni. sono bianchi come cadaveri. quando un boato scuote l’aria e una nuvola densa e nera si sparpaglia nel cielo. Mi blocco immobile. Sa. lattine d’alluminio. Traversa è appena lì dietro. o meglio. Buste di nylon. ma adesso che la ferrovia è finita. dev’esserci un grande spazio aperto e poi il fianco della montagna. con un bulldozer giallo parcheggiato in mezzo. e una strada bianca che sale tra gli sterpi e porta a un ripiano superiore. tondini di ferro in pose contorte. dove svettano architetture industriali e nastri trasportatori da miniera. cade a pezzi sulla riva di uno stagno. come se un gigante alieno l’avesse morsicato. In primo piano un enorme piazzale di terra battuta. con la differenza che questi tronchi non sono neri. forse davvero non dovrei essere qui. Davide?». La strada passa sulla schiena di un enorme tubo metallico racchiuso nel cemento. Ho gli occhi fissi su un corvo che saltella in mezzo ai detriti. ma tutto. la usano per l’autostrada». e subito dietro. «Sulle mappe non c’è perché l’hanno fatta da poco» mi informa. brandelli di nastro bianco e rosso. giusto?. ma arrivo lo stesso a toccare una rete metallica e tra le maglie di ferro lo sguardo si apre incredulo su uno scavo gigantesco. scatolame assortito. per fare il calcestruzzo. dove s’interrompe. da capo a piedi. «Stanno per farne un’altra» mi confessa contento. Il bimbo annuisce e fa buuum coi due pugni chiusi davanti al petto e gli occhi eccitati. «Anche lei è qui per le volate?» domanda con un sorriso complice. è un vero spettacolo. tubi neri da idraulico che spuntano ovunque. salto nel prato sottostante e avanzo tra stecchi di ginestre. e più che un corso d’acqua pare una frana di sassi e immondizia. «Ma non è pericoloso?» chiedo con un tono da vecchia signora che non sospettavo di avere in repertorio. però mentre scendevo dal bosco sono finito su questa strada. sacchetti di patatine. fanno esplodere la montagna. sopra la cima degli alberi spogli. Pacchetti vuoti di sigarette.  . perché il ruscello che dovrebbe scavalcare è prosciugato. come arterie impazzite di un cuore meccanico. a Davide piace un sacco. come la parete di uno ziggurat babilonese. Prima era una cava della Tav. La carcassa di una roulotte. Poi lo passa al bambino e gli indica cosa guardare. dalla terra e dai cespugli. «Di cosa?». Spiego che mi sono perso. gli organi interni in bella vista. Scarti di plastica e tubi cercano di farmi cadere. e mi sto quasi preoccupando di calpestarne una. Supero un piccolo dosso e la nuova prospettiva mi permette di intravedere. barili di nafta color blu cobalto. mi riempio di polvere mani e calzoni. scavalco il guardrail. c’era un cartello sbagliato e ho voluto vedere dove si andava a finire. Decido di guardare da vicino. frammenti plastici non identificati. «Di volate. una chiazza grigia sul fianco della montagna. e i rami si spezzano an che solo a strisciarci contro. un secondo livello della cava. quando sento alle spalle un rumore di passi.il sentiero degli dei notturno  Un catalogo di rifiuti degno di una mostra pop accompagna l’asfalto nella sua marcia dentro il bosco. so benissimo da che parte andare. lasciando graffi di sporco sui vestiti e sullo zaino. L’uomo estrae un binocolo dalla custodia e si mette a scrutare i gradoni grigi della torre di Babele. L’impressione è che lungo il percorso siano esplose bombe di pattume.

dalla parte opposta del piazzale deserto. «Certo che hanno fatto un bel disastro. che sia una specie di sit-in. figuriamoci cosa dovrà fare un ingegnere per bucare le montagne da qui a Bologna». Io adesso le sembrerò fissato. «io c’ho settant’anni. Il vecchio riprende in mano il binocolo. fanghi industriali. Poi mollerà in giro rifiuti. Alzerà nuvole di polvere e rumore. Fatto sta che quelli svolazzano appena. macché. perché la Natura non ci mette niente a riprendersi quel che è suo. «Sistemano le micce» dice con l’aria da esperto tipica di quegli anziani che sanno fare di tutto. detriti. un modo per farli scappare prima del botto. poi invece il tempo passa. per via della pietra serena. e commentandolo insieme agli amici come davanti a un film. illustra altri dettagli al piccolo. e intanto una cava spropositata si porta via la montagna. vicino Ancona. Li vede? Sono quelli laggiù». e m’è toccato mettere un bagno dove non si poteva e fare tutta una mascherata perché gli addetti del Comune non se ne accorgessero. tempo al tempo. Ma qui di errori da dimenticare mi sa che ce n’è troppi». Parliamo senza guardarci e forse è più facile così. e allora bisogna aggiustarsi. ma si vede che qui era più comodo un altro metodo. la casa è pronta. che quando ci passi davanti e vedi la striscia bianca di calcare in mezzo ai pini d’Aleppo. strano non averli notati prima. come quando c’è il terremoto  . qui dietro siamo al sicuro. poi si rimettono giù e viene da pensare che lo facciano apposta. Uno stormo di corvi si è dato convegno sul luogo dell’esplosione. ma certo la ferita avrà cominciato a rimarginarsi. Alzi la mano chi non s’è messo a posto la casa senza fare qualche inghippo. se lo pianta negli occhi e ricomincia a parlare. se la si lascia fare. ucciderà i fiumi. è soltanto disordine che si può sistemare. ma è che ho appena finito di fare i lavori a casa mia. tanto di cave ce ne sono già a decine. no? Insomma. «Dice che in Svizzera fanno il calcestruzzo con le pietre della galleria. visto che non gli do grandi soddisfazioni. ma lei può star sicuro che se verrà qua tra dieci anni. quindi non lo so se ci arrivo. come quelli che salgono sugli alberi per impedire che li abbattano. E se l’ho dovuto fare io. adesso ci sono quattro tizi che si danno da fare. e non dico che sarà uguale a prima. e non si capisce bene se lo facciano per spregio o perché hanno trovato qualcosa da mangiare. «Guardi» continua il vecchio. non trova? Ci si dimentica. ti pare pure bella. Uno degli operai cerca di colpirli con una pietra. e alla fine racconterà che non c’è problema. troverà i gradoni colmati e gli abeti nuovi già belli cresciuti. già» ammette l’anziano. in un lavoretto piccolo come casa mia. Saltellano  e becchettano in faccia agli operai che piazzano le cariche. quella dove il vecchio e il bambino contemplano una pianura postatomica. Chiedo al nonno di passarmi il binocolo e inquadro i corvi che zompettano sulle mine. «Più è grande il lavoro e più grandi sono i problemi. la legge non può prevedere tutto. e il vecchio racconta disperato di quando c’erano il grano e gli alberi. e a me viene in mente ancora una canzone di Guccini. «Be’. e anzi il problema è di non lasciarla fare troppo. prolungherà i lavori di cinque o sei anni e farà lievitare il preventivo di milioni di euro. oppure un teatro all’aperto. Poi. e molte abilità le hanno imparate così. dimenticare». come al mio paese. «Eh. Magari quando non serviranno più ci faranno un museo. «Tanto per cominciare seccherà una decina di sorgenti. mentre qui c’è un nonno che porta il nipotino a vedere le volate. Strizzo gli occhi e sì. eh?» dico guardandomi intorno e scuotendo la testa. o forse è un gesto caritatevole. bum. guardando il lavoro altrui. «Forse è proprio questo il problema. se uno ristruttura casa e va a vedere i lavori quando sono ancora a metà gli pare un disastro. gli errori si correggono e ci si dimentica pure di averli fatti».il sentiero degli dei notturno  «No. come se quel giudizio avesse richiesto una lunga valutazione. mettere a posto. dal tagliare un albero al tirare su un muro. certo» rispondo io. è normale. giusto un saltello e una frullata d’ali.

sugli alberi morti e sui gradoni. quattro arrosti di vitello e tegami assortiti con intingoli di funghi e cinghiale. poi consegno il binocolo al piccolo Davide. fornaci romane che spuntano da sottoterra. È partita la causa. «La cava del Sasso di Castro? Sai perché è così grande? Perché ci hanno mangiato tutti. Pure il mio avvocato s’erano comprati». nera sul fondo e bianca in cima. «E perché?». Si china sul forno e ci infila una teglia di polli. si tira su e controlla la fiamma nel cuore della stufa. raccolgo lo zaino e saluto con tutta la cortesia di cui sono ancora capace. alberi che ricordano quel che gli accade intorno. cervi e cinghiali che brucano l’erba sotto i viadotti dell’autostrada. due pentole di ragù. alla fine ho ceduto».41 Quarta tappa Traversa-Castello di Trebbio (San Piero a Sieve) Giacomo Leopardi cantò la resistenza delle ginestre contro le lave del Vesuvio. sozze di una polvere che si infila nei pori. A me avevano chiesto un terreno. siamo andati avanti per un po’.   .il sentiero degli dei o lo tsunami o i cinghiali che ti mangiano i tulipani sotto le finestre di casa». eh?» mi fa il vecchio contento. come promesso. La guardo dissolversi lenta. che la sua Natura è soltanto un sogno. Invece non parlo. volano pietre e una nube in due colori. vorrà dire che te lo espropriamo. studiato apposta per quel tipo di esplosivo». 57. un distillato platonico di boschi curati. in compagnia di sei polli. Vorrei rispondergli che si sbaglia. «Perché tanto erano tutti d’accordo. piantati. qua sotto. la più lunga che ho mai imparato a memoria. Alle sette del mattino l’oste è già in cucina. perché la cenere va a finire nei piatti». come una nevicata funebre e scura. e il profumo del fuoco e della carne mette appetito nonostante l’orario. Una leggera fiammata si alza da terra e corre verso i corvi. Dico che mi suona piuttosto assurdo. tutti quanti. Dipinte in queste rive son dell’umana gente le magnifiche sorti e progressive. «Bella. dopo quel che ho visto ieri in fondo alla strada fantasma. stretti e rosa come corpi nudi in un’ammucchiata. «Sono venuti i Nas e mi hanno detto che non è a norma. «E non fa nemmeno tanto rumore! È per via che mettono dei relè su un innesco particolare. un lampo nella polvere. prima di incamminarmi di nuovo verso la strada fantasma. La stufa dove tutto cuoce è uno di quei meravigliosi catafalchi alimentati a legna. il peso sulle spalle mi trascina all’indietro. «Vogliono portarmela via» dice l’orco mentre versa fiumi d’olio sui polli. abbattuti dall’uomo. guardo l’operaio tirare una seconda pietra. Io arrivo in cima e mi guardo le mani. Faccio di sì con la testa. Io non glielo volevo dare e quelli hanno detto pazienza. sale in diagonale e si affida al vento. per scaricare i detriti. D’istinto mi aggrappo alle ginestre e penso ai tre versi di una poesia. mentre una pioggia di penne e piume di corvo viene giù senza fretta. poi la terra scoppia. La scarpata è ripida.

Palazzuolo e Marradi. più dei nostri vecchi. t’assicuro. così poi li sgozzano a modo loro. a dieci chilometri dalla Via Emilia. visto l’aspetto immacolato di tutto lo spiazzo. La cava del Sasso di Castro. Gerolamo contempla il paesaggio dal Parcheggio Belvedere. ma se prendete milleduecento euro al mese di sussidio. Gerolamo aggrotta le sopracciglia. è pronta a mostrare il suo scempio ai camionisti in sosta: 2. e che si lascia abbindolare dalla propaganda razzista. e dal parcheggio si godranno la vista della “bretella di Firenzuola”. passando sotto le sorgenti dell’acqua Panna. 58. e non ha mai sentito parlare di un sussidio specifico.867 metri cubi di montagna trasformati in polvere e cemento. non ha saputo cosa ribattere. in primo piano. Oggi in Toscana restano solo Firenzuola. vivi. e invece in mezzo c’era pure delle femmine. ove si parla tosco in terra di Romagna. per riprendermi le femmine e portarle i maialini maschi che ci mancavano». Sono circa seicento anni che Firenze amministra queste terre. ti amo. per assicurarsi che il Tevere.42 Ma i camionisti non ci sono (è domenica). e quello non c’ha manco i soldi per pagare. che però sono pochi e una tantum. o se a guardarlo così da vicino. nascesse nella sua terra d’origine. gli fanno la multa. Pensa all’uomo che gli ha offerto una stanza e un letto.  . subito. prende meno di uno zingaro coi sussidi del comune». e i soldi per i profughi della ex Iugoslavia. e poi è lo stesso che dice zingaraccia come se dicesse strega. e non sembrano nemmeno esserci stati spesso. che prendessero i maschi. che alla fine si è fatto due giri di camion per portare i maialini giusti a una festa di rom. perplesso. non sa più dire se met tersi in strada aiuti davvero ad afferrare la complessità del mondo. Un giorno mi dice che gli zingari vogliono fare una festa e avrebbero bisogno di cinque maialini. se vanno a scuola. sul doppio guardrail che fa da balaustra contro il panorama: Io e te. mi pagassero quelli e le femmine me le portavo via. E mentre quell’uomo gli fa segno di andare nell’altra stanza. se si esclude una scritta cubitale. Lo zaino in spalla e le mappe satellitari. E quella zitta. Gerolamo scuote la testa e immagina la zingaraccia che va in Comune a Firenzuola. La luce del mattino accarezza le montagne e la vista corre sulla conca di Firenzuola. i sette autotreni evocati dai segni per terra come astronavi aliene. prendono più di mille euro al mese. l’occhio di Dio e quello del viandante. sulla variante di valico. Quando li tiro giù. non andava bene. sotto la P del segnale stradale. Io le ho detto che nessuno mi aveva avvertito. Poi Mussolini prese undici comuni e li spostò in provincia di Forlì. il bel paese che il Santerno bagna. un piccolo cartellino spiega di cosa si tratta: Tir. al massimo un contributo per i minori. grande come una piazza d’armi. conosce diverse persone che lavorano nei campi nomadi.431.il sentiero degli dei quarta tappa «Però se un pensionato con la stufa in casa va a raccogliere due bacchetti in riva al fiume. gli sembrano ancora una volta l’ibrido più fecondo. e per farle vedere che aveva torto ho fatto pure il secondo giro. Allora io passo al mio porcile. li vogliono tutti maschi. perché sono zingari. All’ingresso. Io avevo qui un rumeno che lavorava in cucina. per offrirgli un caffè al bancone del bar. Per via del suo mestiere. e gli italiani gli zingari li trattano male. a pretendere i milleduecento euro di cui le ha parlato l’italiano. una terrazza di cemento affacciata sulla valle. una superstrada che dovrebbe congiungere il paese col nuovo casello di Poggiolino. e fino al 1923 la Toscana arrivava a Castrocaro. «Invece sì. quell’intreccio. prendo il camion e glieli vado a vendere. Forse a Traversa ci arriveranno. che con un cliente italiano avrei fatto di tutto per accontentarlo e invece con loro no. un bravo ragazzo. arriva la zingaraccia e mi dice che non vanno bene. con sette enormi rettangoli dal contorno bianco dipinti sull’asfalto. sacro ai destini di Roma. Male? ho detto io. Allora la zingaraccia m’ha detto che no. non si finisca per ridurlo a una sola dimensione. tre metri sopra il cielo.

in un luogo dove la guerra e le stragi non smetteranno mai di risuonare. tangenziali. accoppiati sotto sedicimila lastre di granito e dodici ettari di prato. Gli scavi sfiorano il muraglione del Granduca di Toscana. a 903 metri sul livello del mare. cioè i soldati della Wehrmacht. ha firmato messaggi peace & love scrivendoci sotto «Grazie». ristoranti e alberghi che chiudono i battenti. per quattro volte. la gloria. All’insuccesso della magia si cerca allora di rimediare con altro cemento. Ha in testa questi ragionamenti. Gerolamo attacca il sentiero per la vetta di Monte Gazzaro. ci sono anche le frasi di chi è salito quassù. ruspe e betoniere costruiscono una rotonda: la più odiosa barriera architettonica per il popolo degli appiedati. 61. quando torna all’ingresso e sfoglia il libro degli ospiti. moto enduro che sbu . Oltre alle inevitabili cazzate di sapore nazista. Gerolamo si reca in visita al cimitero germanico. Un riempitivo da pomeriggio domenicale. col rituale dei caselli e i feticci d’asfalto. o «Gloria». la mitica corsa automobilistica su strade aperte. sortendo spesso l’effetto contrario: paesaggio strappato. l’esercito di occupazione che quanto a carneficine non fu da meno delle ss. l’economia tirava. Il luogo ha un fascino silenzioso. Al Passo della Futa ne vennero accolti più di 32. come per ripicca. e da allora il miracolo non s’è più ripetuto. ma allora che c’entrano la lode. tra il Nord Italia e il resto della Penisola. 60. di Arezzo. ma un ricordo vivo e agguerrito. che promette la civiltà in cambio dello sfruttamento. e allora questa gente di Modena. una vela di pietra e calcestruzzo.000. Il tricolore italiano è impigliato al pennone. Per poco Gerolamo non finisce investito da due centauri. Il traffico è nullo e camminare sull’asfalto nuovo è un’esperienza piacevole e sovversiva. il valore? Martiri e vittime non sono mai la stessa cosa. Ma erano i tempi del boom. Perché non è di certo un caso se queste salme stanno qui. delle Mille Miglia. Italia e Germania firmarono un accordo per la sepoltura dei soldati tedeschi caduti sul territorio italiano. i crinali verdi. o «Lode». tra la Romagna toscana e il Mugello vero e proprio. È una bella salita nel bosco. Dalla strada che scende verso Firenzuola. Una strategia da potenza coloniale. che ha appena compiuto quarant’anni ed è il più grande d’Italia.il sentiero degli dei quarta tappa La solita promessa di sviluppo. azzurri. sullo spartiacque tra le valli del Santerno e della Sieve. dopo il pranzo con fiorentina e vino rosso. con il cervello inceppato dalla digestione. I Grandi appaltatori si fanno benvolere dai sindaci regalando parcheggi. precettati. fa pensare davvero alla parola pace e al suo intimo legame con un’altra parola: memoria. Da Traversa alla Futa si segue per due chilometri la statale 65. «a questi valorosi». Le strisce della bandiera tedesca e le stelle d’Europa sventolano nel piazzale sottostante. anche se in tanti cercano ancora di propiziarlo. Clemente Biondetti osserva la scena da una targa in bronzo che lo ricorda vincitore. svincoli.43 Certo molti erano giovani. raccolte da oltre duemila comuni italiani. «andiamo al cimitero di guerra». Come a dire che la miglior garanzia per la pace non è una memoria addomesticata. poi traslucidi all’orizzonte. scuole. costruito per proteggere i viaggiatori dalla tormenta. Gerolamo si gode il panorama vastissimo. senza nemmeno sapere cosa andava a vedere. Una piccola pernacchia alla civiltà dell’automobile. come intrusi a due gambe. Già nel ’55. di Ferrara. di passaggio alla Futa in ventidue edizioni su ventiquattro. Un muro grigio avvolge nelle sue spire i fianchi della monta gna e giunto sulla cima diventa una scheggia verticale. Gerolamo. 59. un culto del cargo nato negli anni Sessanta. col sole che infila i raggi tra i rami e fruga le foglie come se cercasse qualcosa. turisti in fuga. dieci anni dopo la fine della guerra. carne misera incastrata nella guerra. rotonde. Al passo. sulla Linea Gotica. che non si arrende e non fa prigionieri. quando le autostrade portavano merci e progresso in giro per l’Italia.

tessuti nel tempo di pochi millenni. I cacciatori e la preda appartengono al mondo selvatico. piante e sassi. decide con slancio. 63. le siepi che cingono i campi farsi di nuovo bosco e i boschi andare e venire sulle pendici dei monti.il sentiero degli dei quarta tappa cano dietro un dosso e sgasano. Scartano all’ultimo momento. geografie stampate sulla valle dalla fatica dei contadini e dei boscaioli. un centinaio di metri più avanti. No. impossibile che la legge consenta una simile follia. più o meno come la Finlandia. lo strip si interrompe e il territorio comincia a rivestirsi. poche cascine. i ghiacci coprire le foreste. siamo il daino e io i veri cittadini del mondo selvatico. Un ordine molto umano che gli stessi uomini hanno voluto confondere e storpiare. C’è chi abita il mondo selvatico. Salutano cordiali. mentre sulla cima vera e propria il bosco ritorna fitto e la vista è bloccata dalle fronde. come se avessero parcheggiato davanti a un centro commerciale. si sta quattro volte più stretti. Si sente un intruso. città ideale costruita dalla Repubblica fiorentina e rasa al suolo dalle bombe. sono un cane in chiesa di fronte ai loro rituali. interrotte solo da rovi e cespugli. e io. Rispetto all’Appennino bolognese. Li guarda aprire il cassone del fuoristrada. contenti di quanto ci può offrire. e infilano la sterrata che li riporta a valle. circuiti adatti. poi via via quelli più sottili. Vede Firenzuola sgretolarsi in un cumulo di macerie. Vede un lago inondare la valle. Inutile farsi illusioni: non  basta andare a piedi per lasciarsi alle spalle Babilonia. E invece. i ruderi sparsi tornare cascine e poi capanne. piste etrusche. I due cacciatori salgono nell’abitacolo insieme al cane. e Gerolamo pensa che deve trattarsi di un’attività clandestina. come i cacciatori. e chi lo attraversa soltanto. Prima gli abiti più pesanti. noi che attraversiamo il cuore del bosco senza ferirlo. dei fucili e degli inni sacri per la Natura perduta. la conca di Firenzuola appare più spopolata: piccole frazioni. con i veli confusi e stropicciati degli ultimi vent’anni.  . Una coppia di cacciatori scende tra le ginestre con il cane incollato ai talloni e un grosso daino trascinato per le zampe. Vede i paesi rimpicciolirsi. issare la carcassa. diventare isole e infine scomparire sotto il mare giurassico. La cima di Monte Gazzaro non è davvero la cima. che vengo dalla città. lastricati romani. distese di verde ininterrotto. come il daino. Il mondo selvatico ci è negato. Gerolamo immagina di sbucciare il paesaggio come una cipolla. 62. spuntano sotto un castagno i cartelli dell’Associazione Enduro Alto Mugello. Gerolamo scompone ancora le tessere del suo ragionare. spessi milioni di anni. Un ordine fatto di alberi. sentieri. fracassano. sbandando come cavalli imbizzarriti. acque. il bracco eccitato che raspa tra le ghiande e la testa del daino. il 12 settembre 1944. Stoffe con pizzi e disegni. Nel territorio di San Benedetto Val di Sambro. fanno retromarcia di scatto. appoggiata sul bordo del pick-up. in confronto. ci saranno impianti attrezzati. gli appassionati di motocross e gli escursionisti. La densità del comune è di diciotto abitanti per chilometro quadrato. ma possiamo imparare ad ascoltarlo. i crinali abbassarsi. sventrano il sentiero. come un innocente in attesa del boia. o meglio: la croce e il libro di vetta si trovano su un prato che sta più sotto e permette di far volare lo sguardo in ogni direzione. come se si trovasse per sbaglio al funerale di uno sconosciuto. lo spoglia uno strato dopo l’altro dagli involucri del tempo. pensa Gerolamo. A quel punto. assicurarla con gli elastici perché non scivoli via. Mentre li guarda allontanarsi. e poi risorgere come borgo medievale. Più avanti gli alberi si fanno radi e a cavallo del crinale si stendono praterie. e Gerolamo ricambia con imbarazzo. alla vista dell’animale morto e imbrattato di sangue. oltre il chiasso dei motori a scoppio. che a quanto pare si occupa della manutenzione del sentiero. Fissa i fucili aperti a metà. Vede le strade d’asfalto diventare mulattiere. ovvero della sua trasformazione in pista da motocross.

per disorientare il nemico. Querce e pini hanno dato il cambio a faggi e abeti. scivolosa e bianca di rocce. Un istrice ha seminato gli aculei sul sentiero e Gerry li raccoglie per portarli in regalo a Dario. tutto il corso della Sieve tra Barberino e Vicchio era coperto da un bacino lacustre. La Flaminia Militare seguiva infatti la via della Futa. Più in basso. si domanda Gerolamo. 65. il nuovo casello autostradale di Barberino. o se fu soltanto per colpa del gossip che l’osteria venne bruciata e il passo scivolò nell’oblio. si trovi solo in Italia. e ancora non ci si spiega come mai l’Hystrix crestata. di cipresso. come in un gioco per bambini. dove il  bosco lascia spazio ai campi. fuori dall’Africa. Dunque è possibile. fieri avversari del Comune di Firenze. Forse furono loro a mettere in giro la voce che l’osteria del vecchio passo era poco accogliente. ponti. bucare una montagna solo se lei stessa è d’accordo e imparare a domandarle un parere non solo con sondaggi e modelli matematici. per le carni squisite e l’aspetto bizzarro. il passo era controllato dalla famiglia degli Ubaldini. Ma lo si dice di moltissimi altri passi. e c’è chi sospetta che i cartaginesi. valico attraversato fin dai tempi degli Etruschi ma sconosciuto ai Romani. far nascere un lago dove la Terra dice «lago». filari verde argento segnano il passaggio dalla civiltà dello strutto a quella dell’olio. Mentre scende verso il fondovalle. L’orientamento delle valli è mutato: il Setta. di caldo e rami secchi. fa atterrare Gerolamo al Passo dell’Osteria Bruciata. a vederlo dall’alto. Dicono pure che spari gli aculei contro i nemici.il sentiero degli dei quarta tappa 64. che gli si spalanca innanzi. il Sàvena e il Reno scavano le montagne da sud a nord. disegnando autostrade su una lavagna a fogli. che poi ruppe l’invaso e si svuotò. Dice la vulgata che furono i Romani a portarlo dall’Egitto. L’aria sa di resina. parallela alla catena principale. portici e viali in stile borgo toscano del Rinascimento. il lago sembra essere lì da sempre. anche se in realtà li perde soltanto. Gerolamo scopre le differenze. una lingua di luce ondeggia tra gli alberi: sono le acque del Bilancino. invece di costruire viadotti e gallerie per onorare gli impegni presi con i telespettatori. dove i pedoni sono ospiti sgraditi da almeno sessant’anni. prima di finire a loro volta in padella. con piazze. In lontananza. unica impronta aggraziata44 tra le tante pedate che hanno schiacciato il Mugello negli ultimi quindici anni. l’odierna statale. e gli avventori rischiavano di sfamarsi con un bollito di carne umana.  . Aprire le orecchie e ascoltare la voce dei luoghi. ma poi un paleontologo ha trovato da queste parti fossili più antichi. Fu per questo che i Fiorentini smisero di frequentarlo e scelsero di investire sul Giogo di Scarperia.. con l’unico elefante sopravvissuto all’inverno. abbiano scelto di separarsi in colonne e scavalcare l’Appennino in punti diversi. Si dice che anche Annibale sia passato di qua. che adora gli animali e di sicuro apprezzerà la storia di questo roditore dalla pelliccia spinosa. lasciando strati di ghiaia lungo le antiche rive. Dicono i geologi che in epoca villafranchiana. inaugurato nel 1999. incrocio di antiche strade divenute sentieri. Eppure. un vecchio circuito diventato sede stabile del MotoGp e un outlet da cento negozi e 25. Ai tempi delle lotte tra ghibellini e guelfi. ma interpretando le storie e le geografie di una valle. pensa Gerolamo. settecentomila anni fa. grazie alle indicazioni di una tribù gallica nemica di Roma.C. Oltre all’alta velocità e alla variante di valico. nel 217 a. dalla Liguria al Montefeltro. e questo a Dario non potrà che piacere.000 metri quadri sulle rive della Sieve. Da Monte Gazzaro una discesa ripida tra le querce. come se l’Italia fosse il deserto del Gobi. tra il volto adriatico dell’Appennino e quello tirrenico. Chissà se il sospetto trovò qualche conferma. mentre la Sieve scorre da nordovest a sudest. un lago artificiale di cinque chilometri quadrati.

dove piste e sentieri si accavallano come spaghetti. percorsi per cavallo e mountain bike. ce la fai a riprenderlo a scuola?». ma nella voce di Lara non c’è agitazione. poi non so. Ruderi. nel deserto festivo delle due e un quarto. arrivato a Sant’Agata in Mugello. sullo schermo il numero di casa. manda un bacio e si rimette a camminare. così porto Lucia alla lezione di pattinaggio senza tirarmi dietro Dario. al sonno e alle pulizie postprandiali delle mogli. dopo tre tentativi a vuoto. quando gli scavi per dare un letto al nuovo lago fanno emergere dal fango i sei pilastri di un ponte. Ma forse è soltanto la fame. cercano nel caffè un antidoto alla noia. e quindi sì. duello di sorpassi tra Valentino Rossi e lo spagnolo Lorenzo. magari a me ce ne vuole mezzo in più. papà» come se fossero allo stadio. più ispirati dalla geometria che dalla geografia. tutti uomini. penso che per domani pomeriggio dovrei farcela davvero. vero Lù?». «Penso di sì. la pieve e seguendo il suono delle uniche voci umane. 67. dall’aspetto alpino. Fanno datare alcuni reperti e con l’aiuto dell’archeologo Vittorio Galliazzo dell’Università di Venezia. «Che bello!» sente dire Lara. solo voglia di sentirsi e parlare. il mulino. Gerolamo supera di slancio il ponte romanico sul torrente Cornocchio. mediterranea. Squilla il cellulare. Franco Santi e Cesare Agostini lo sanno e accorrono subito. con i segnavia troppo distanziati. Ancora non sa che una semplice telefonata può inoculare nel viandante il morbo del pilota. Dopo un tratto ripido e roccioso. Brevi resoconti dalle rispettive mattine. È un errore da niente. Gerolamo attraversa una macchia accaldata. Già i Romani tracciavano le strade col righello. in fondo è domenica. «Se riesci a tornare entro le cinque è perfetto. 69. di fronte a un bar dall’aspetto accogliente. l’ospitale dei pellegrini. se la prende con la guida. A complicare le cose. con le mappe troppo piccole. Uno di lo . ho preso apposta le ferie fino a martedì per stare più tranquillo. La clientela è mista e cavalca le generazioni: i giovani comprano sigarette e gelati. Gerolamo ride.il sentiero degli dei quarta tappa 66. Infatti. notizie dei bimbi e poi la domanda: «Allora quando torni? Domani pomeriggio?». e instillano il dubbio moltiplicando i bivi. gli animi e la tv sono accesi sul MotoGp. Fin dalla prima occhiata capiscono che le pile sono allineate al crinale che scende dalla Futa e si convincono di aver trovato il punto dove la Flaminia Militare scavalcava la Sieve. ma Gerolamo mastica improperi. dice alla fine. appena più lungo e più asfaltato. Di solito l’appuntamento telefonico è fissato per la sera. e solo per Gerolamo è una giornata di cammino come tutte le altre. Lontani dal microfono. e non la degna di uno sguardo. e Gerolamo. e i pilastri del ponte tornano a dormire sotto il lago. Adesso però un’idea se l’è fatta. Dentro. Poi l’acqua della Sieve inonda la valle. il tragitto della Via degli Dei si sdoppia in due varianti. azzardano l’ipotesi che il ponte sia di epoca medievale. gli adulti. che dici. Passa di fianco a una pieve del Trecento. Finora Gerry ha sempre evitato una risposta precisa: la guida dice che ci si mette quattro giorni e mezzo. che si sfascia in minuscole scaglie. ha visto che i tempi della guida sono più o meno i suoi. ma costruito sullo stesso luogo di una struttura romana in legno. scarica lo zaino in Piazza della Libertà. finisce con l’imboccare lo stesso il vecchio percorso. cespugli e una strana terra di colore rosa. ma dipende dalle gambe. I segni biancorossi incontrano altri cartelli. non è che posso essere sicuro». 68. Dario e Lucia cantano «Alé.  «Noi facciamo il tifo per te. non si lavora. la chiesa di San Lorenzo a Montepoli.

attraverso greggi e pollai. bisognerebbe fare una piccola deviazione. e pensa a quell’inutile spreco di tempo e di energie. per togliere chilometri all’ultima tappa e mettersi avanti sulla tabella di marcia. pomodoro e mozzarella. leggendo notizie locali da un giornale gratuito. che in sette chilometri scende di appena centocinquanta metri. passata a grattarsi le caviglie con le unghie dei piedi. con il solo scopo di tornare per pochi chilometri sulla Flaminia Militare e di spiare un castello da dietro le sbarre di una cancellata. promette una lunga salita. Guarda il castello di Trebbio. quando son stati qui nel ’44. anticipo di Maremma e meridione. Gerolamo se gue le indicazioni per il parco fluviale: i prati lungo la Sieve sembrano l’unica erba dei dintorni dove si possa piantare una tenda senza disturbare..il sentiero degli dei quarta tappa ro. passi che potrebbero non fermarsi fino al tramonto. lassù. quando potrebbe risparmiare entrambi. per evitare che i camion ti buttino nel fosso con lo spostamento d’aria. seguire la statale in discesa e raggiungere Tagliaferro in mezz’ora di cammino o addirittura in corriera. La strada per San Piero è una striscia dritta di polvere e pietrisco. Gerolamo sbaglia sentiero e per ritrovare la strada deve scavalcare tronchi e cespugli. 70. Certo sareb . «Ma perché non la si chiama più Festa della Zucca? Secondo me ce l’han copiata da noi. gli ulivi. c’è di sicuro una corriera. 71. dichiara che la domenica pomeriggio è molto peggio che lavorare. le casematte e le fuciliere. in una sorta di ebbrezza. tra picche di cipressi e filari di vite. Gerolamo si fa preparare un panino da clima estivo.1 In piazza Colonna trova una panchina. ma il popolo delle zanzare presidia la zona con i suoi avamposti. Il traffico della statale arriva come uno schiaffo. in cima al suo colle. ruderi e pascoli. trecento metri all’andata e altrettanti al ritorno. le punte dei cipressi e il primo pino marittimo con la chioma a ombrello. e se non fosse per il campanile della pieve millenaria. mentre sale di buon passo tra le case gialle con le imposte verdi e imbocca la sterrata per la fortezza di San Martino. nella quiete della luce e dei luoghi. Gerolamo è stanco. Conclude con una mela e una tavoletta di cioccolato. «Allouin. rassegnato. con rabbia. 71. consulta la mappa. con le siepi di vitalba e le zolle rivoltate. dopo il bosco di querce e ciclamini della tenuta Schifanoia. vecchio macadam a base d’acqua. mentre il cielo si riempie di nuvole e un ventenne con la sciarpa gialloblù dello Scarperia attacca sul vetro un manifesto per la serata di Halloween. pensa Gerolamo. che ormai si fa campagna. Il nuovo percorso della Via degli Dei passa da Trebbio e Tagliaferro. allungando la tappa di almeno un’ora.2 Prima di arrivarci.». Il viale d’ingresso a San Piero è saturo di auto e cartelli turistici. di quelle che vorresti farne a meno e invece non puoi. Visti dalla strada. questi americani. una fame bulimica. i coppi d’argilla e le case biancastre di Sant’Agata si impastano con la terra.. si siede. Allouin» commenta uno dei più vecchi. come se i piedi avessero fame di strada. Roba da turisti. Di fronte allo spettro di una notte insonne. Per ammirare i ruderi del mastio. accompagnata dai pioppi lungo il torrente Anguidola. ma Gerolamo lascia perdere: il cielo è grigio. si potrebbe confonderli col profilo dell’Appennino. c’è aria di pioggia e il castello di Trebbio. i baluardi. i prati. prima di andarsene in fila ad attaccare la Gotica. fatta costruire da Cosimo i dei Medici nel 1569. e lo divora appoggiato sul congelatore a pozzetto. ma le gambe vanno da sole. succhia mezza confezione di miele per ingannare i muscoli affaticati. Gerolamo decide di proseguire. 71.

73. con un’ora e mezzo di pause sommandole tutte. non è strano avere qualche sbandamento. come quando al mare ti alzi dalla sabbia troppo in fretta. Pazienza. Gerry si porta via il giaciglio e va a piazzarlo sotto la loggia all’ingresso della cappella. ma quando va per buttare i resti della cena. 71. Ormai sono le sei del pomeriggio. pensa Gerolamo. Si dice che la stanchezza colpisce prima i nervi dei muscoli. c’è sempre la cena di scorta custodita nello zaino: due scatolette di tonno. c’è un lavatoio in pietra invaso dai rampicanti e una fonte con rubinetto nel piccolo parcheggio subito a fianco. È seduto sotto la loggia d’ingresso di una piccola cappella. ben cura te. Arriva il buio. L’agriturismo promesso dai cartelli è in realtà un’azienda agricola. distrutto dalla fame. tre palpitazioni a tamburo gli gonfiano il cuore. ma in fondo alla strada. cammina dalle sette del mattino. scopre un materasso abbandonato tra i cassonetti della differenziata. antica residenza dei Medici nella loro terra d’origine. e una volta completo di stuoia e sacco a pelo diventa un letto di lusso. vede i cartelli di un agriturismo e già pregusta la cena. sotto il sole giaguaro.3 Al diavolo la corriera.il sentiero degli dei quarta tappa be disonorevole ricorrere a un mezzo a motore. morbida notte a Traversa. Gerolamo aspetta che la coppietta risalga sulla jeep. Gerolamo dovrebbe sbrigarsi a montare la tenda. prende l’asciugamano. mentre attraversa la statale e prende a salire sul cemento bianco. L’acqua nella borraccia è finita. mangio a Trebbio. Lo guarda: ha l’aria pulita. e mentre il cervello pensa. le gambe indecise tra l’inerzia e il bisogno di fermarsi. scaraventa lo zaino contro un muretto e guarda il mondo con riconoscenza. manca l’ultimo strappo. si rivela un buon cucchiaio. sempre da solo. Sotto un fico stanno parcheggiate una jeep e un’auto d’epoca. una barretta di sesamo e una mela. rimasto solo. color amaranto lucido come nuovo. prende il sapone. coi pergolati d’uva e le sedie di plastica davanti alla porta. Gerolamo. ma a volte ci vuole il coraggio di essere impuri. sul crocicchio. circondato dai cipressi. piegato in forma concava. anche se obbliga a molte attenzioni. viene il momento di attaccare le riserve di cibo e rimediare con l’ingegno alla mancanza di posate. di riconoscersi deboli e ripartire da capo. Scampato all’infarto. bestemmia contro Dio e contro il mondo. Avvicina il naso: non puzza. una fila di case rustiche. assalta le membra stanche. quindi. il fiato si spezza e la testa inizia a girare.  . e in quell’esatto momento un tizio esce di casa per buttare il pattume. Terminata la pulizia. si spoglia per lavarsi le ascelle. Pensa così. con la giusta mentalità si arriva dove si vuole. agghindata con fiori bianchi e veli da matrimonio. È tutta questione di testa. ignorando un cartello di proprietà privata. alle spalle di una coppia che contempla il panorama mano nella mano. ne va della purezza del percorso. 72. chiusa dietro il cancello chiuso del maniero. tanto vale che si umili mangiando. Gerolamo avanza a piccoli passi fino al borgo di Trebbio. per dimostrarsi al corrente delle abitudini civili. aumenta l’andatura. Lo accarezza: è ancora asciutto. che il corpo impara a soffrire molto prima e molto più a lungo del cervello. Perché la strada più dritta non è sempre la migliore e a bucare le montagne si rischia di finire schiacciati. Se ne convince. una di fagioli. poi cammino un altro po’ e pianto la tenda sulla strada. Si dice che dopo tanto marciare. così accorcio l’ultima tappa di un paio d’ore e domani arrivo prima in stazione. e una pioggia sottile. Gerry saluta. Il ricordo dell’ultima. nonostante l’apparenza trasandata. Si adatta allo spazio come un seme nel suo buco. nascosto dietro il muretto. Dall’altra parte della strada bianca. Il coperchio del tonno. Se uno digiuna per elevare lo spirito e poi. la testa che non sa più cosa volere. il torso nudo e le abluzioni da vagabondo. per non squarciarsi la lingua con il bordo della latta.

per andarsene col buio. Gerolamo si sveste. per poi subito scalare in vista della curva. mi ero guadagnato il diritto di assistere alla corsa. ma non sono sicuro di ricordarmelo davvero. collaudo di motori e disciplina per un’intera nazione. All’edizione precedente. senza nessuna voglia di montare la tenda. saltato fuori dal fango   . Poi chiude gli occhi e scivola nel sonno. e che il maestro ci esortava sempre a rimirarla. e quindi a Bologna senza dubbio entro le cinque. di fronte alla costola di balena. Il babbo mi aveva portato sul rettifilo di Villa Cafaggiolo. Faceva ancora buio quando mi hanno svegliato e sono sceso in cucina per la prima colazione. che poi è la stessa cosa. dove i piloti si lanciavano fino ai duecento all’ora. prima che qualcuno lo accusi di aver profanato un luogo sacro e una proprietà privata. Sulla tavola c’erano le gallette col miele. che secondo mia madre era l’età minima per partecipare a un evento così pericoloso. Il giorno delle Mille Miglia e della scommessa con il barone Frasca di Monte San Savino. mentre piccole gocce d’acqua portate dal vento gli bagnano le guance e i capelli. Avevo compiuto sette anni. Noi ci eravamo sistemati proprio lì. la numero undici.il sentiero degli dei per un viandante stracco e frollato. Telefona a casa per la buonanotte e dice che domani dovrebbe essere a Firenze per le due del pomeriggio. infila la tuta che gli fa da pigiama. e alla fine anch’io la racconto così. Ne ho addentata una e subito mi è venuto in mente che giorno fosse. che a casa nostra si mangiavano soltanto in una circostanza: le gare del babbo. e in attesa delle prime automobili ascoltavo la storia di quell’osso. S’era lasciata convincere dai cartelli sui muri: «Mamme! Attente ai vostri bambini» e non contava dirle che tanti miei compagni ci andavano già da più piccoli. quella potente espressione dell’Italia fascista. Domenica 3 aprile 1938. Punta la sveglia del cellulare alle sei del mattino. NotturNo 445 Dicono che fosse una bella giornata. sul ciglio.

Il barone strombazzava in segno di saluto. Era una vecchia diatriba che andava avanti dal tempo del liceo. ma secondo il babbo faceva anche di tutto per stringerlo verso il fosso. La lite di quel 1937. dicendo che il correre a piedi era un cimento da nulla. dopo la messa oppure dal barbiere. i due si misero a litigare e io non ci capii nulla. comprese le ultime edizioni al Mugello. superba come una bella donna». Fatto sta che il giorno successivo Frasca si presentò a casa nostra per proporre una sfida. voi verso nord. Poi schiacciava l’acceleratore. e senza spegnere il motore interrogava i presenti sul genere del nome “automobile”. dove si dovevano fare quattro giri  da sessantasette chilometri in un’ora e mezzo. prima di aprire bottega. passando da Bologna una seconda volta. elegante. fece i suoi calcoli e alla fine decise che la proposta del Frasca era equilibrata. però. quando un signore coi mustacchi mi interruppe. amava molto le corse. solo che il mio babbo andava a piedi e il barone in automobile. lì al Mugello non si correva più. fu diversa dalle altre. ingranava la marcia e salutava tutti con la mano guantata. perché la villa dei Frasca era un paio di chilometri sopra casa nostra. e tutte le gare più importanti erano basate sulla velocità delle macchine. e poi a Bologna. come lo stesso Circuito del Mugello. Solo anni dopo gli argomenti di quella baruffa entrarono nella mitologia familiare. io verso sud. «Una di quelle donne che voi non avrete». Mio padre. Quel sospetto nasceva da certi discorsi che il Frasca teneva sempre in pubblico. al mio passaggio da Villa Cafaggiolo. Spesso capitava che i due s’incontrassero. quando il giovane barone si fermava davanti al caffè. resistenza fisica. come san fare anche il cane e la lepre. Silverio Nencini. una sfida bella e terribile. forse perché la mia presenza spingeva il babbo a un maggior puntiglio. «Il prossimo anno» disse con tono solenne «intendo partecipare alle Mille Miglia. «Il podismo è una scienza esatta» ribatteva mio padre. si allenava per un paio d’ore sulle strade di campagna. Anche l’uomo coi baffi. Si tratta di trovare l’andatura giusta. Uno aveva scoperto la maratona negli Avanguardisti. Mi dicono altresì che da qui a Bologna ci sono circa cento chilometri e che farli di corsa in meno di dieci ore è un’impresa altrettanto difficile. lodando mio padre perché finalmente portava il figlio «a riverire gli assi del motore». Mio padre chiese qualche giorno per pensarci. e di vedere chi dei due arriverà a Bologna per primo». era stato un grande lago salato. Il babbo ribatteva che. l’altro aveva pilotato la sua Alfa su vari circuiti stradali. Alessandro Frasca di Monte San Savino. Allora Frasca citava le gare di regolarità per automobili. aveva uno studio da fotografo e nel tempo libero si dedicava alla corsa. dove servivano nervi a posto. batti e ribatti. per la costa adriatica e la Via Emilia. il percorso parte da Brescia. Propongo quindi di partire insieme. sulla via che sale a Barberino. alzargli polvere in testa e schizzi di fango.il sentiero degli dei notturno  e messo in bella vista sulla facciata del casale. Mio padre. e chi ci metteva di più o di meno veniva penalizzato. per correre con l’auto basta comandare una macchina». se paragonato a quello del pilota. e non restò che accordarsi sulla posta. Il barone si alzava sempre di buon mattino per andare a Firenze a curare i suoi affari. Mi dicono che il tratto da qui a Roma. occhio esperto e padronanza del mezzo. Studiò le mappe. «Sapete perché si dice gli aeromobili e non si dice invece gli automobili? Perché questa è una macchina obbediente. più aspra. con la Fiat 1500 del padre. a riprova che il Mugello. Botta e risposta. e che difficilmente un’auto come la mia impiega meno di dieci ore per completarlo. guarda caso. Come sapete. Per correre una maratona bisogna sapersi comandare. «non si tratta di andare veloci. va per Bologna e la Futa fino a Roma e quindi torna indietro. ai tempi del ginnasio. è assai duro. Stavo per ribattere che le balene sono animali da oceano. mentre il podismo era pura filosofia: conosci te stesso e l’uomo misura di tutte le cose.  . in tempi antichi.

aveva fatto segnare un tempo sotto le tre ore e si era piazzato al dodicesimo posto. e che il valore simbolico della posta. molto male. Livorno. le mille senza compressore. Il barone non si diede per inteso. ma lui nulla. «Visto?» commentò mio padre. Se andare a piedi contro le macchine fosse tanto rivoluzionario. disse che al Frasca gli s’era guastato il cervello. in paese. un fuso di legno con quattro ruote e il pilota scolpito nell’abitacolo. gli eroi del volante fatti di carne e pistoni. disse che i soldi non erano un problema. Alle sette mi tirai su e puntai di nuovo gli occhi sulla strada. Terni. Ognuno doveva giocarsi il mezzo che gli sarebbe servito per compiere l’impresa. «Volete che vi offra il cuore e le gambe?» domandò mio padre. di nuovo sul rettifilo di Cafaggiolo. un’Alfa Romeo 2300 sei cilindri. «E pazienza se non valgono un sedile della mia Alfa Romeo. continuò a ripetere le sue accuse. Il babbo decise di non fare l’orgoglioso. Una giornata intera per fare tutto il giro. il Duce. quello solo contava. Il babbo rispose che non poteva accettare: una macchina del genere costava come sei anni del suo lavoro. E quindi Firenze. erano ben note anche alla polizia. «So che me li invidiate. ma non vedo come si possa fare». Nel frattempo. dove cominciava uno sterrato per andare a Barberino senza fare la statale. partita da Brescia intorno alle cinque. Grosseto. La classe del barone. fece stampare un migliaio di volantini con un’intervista del Duce. questo qui». «Allora mi darete le scarpe e l’abbigliamento da corsa» rispose l’altro. Accettò la posta e cominciò gli allenamenti. col babbo e la mamma. Le simpatie di mio nonno per il socialismo. giunse il giorno della partenza. E così. uguale uguale a quella del Duce. dove Mussolini diceva che l’automobile è una garanzia per l’ordine sociale e che chiunque ne compri una diventa «immediatamente antirivoluzionario». Bologna. cercando di imitare Varzi e Nuvolari. Roma. Si sa che la vostra è una disciplina per poveracci». Pisa. poi presi a giocare per terra con la macchina da corsa che mi aveva regalato zia Nilde. disse. per scaldare le gambe e sciogliere i nervi: io dovevo fissare le auto e avvisarlo all’arrivo del  . nella maratona che s’era corsa a Lucca. in un crescendo di tensioni e frecciate. Il babbo faceva su e giù per lo sterrato. anche il barone metteva alla prova le sue doti da pilota. tutt’uno col bolide. non l’avrebbero mica fatto partire. Mise in giro la voce che per mio padre la sfida tra di loro aveva un significato molto più che agonistico. perché non vuole saperne di quel comunismo che potrebbe portargli via la sua vettura. fece una prova generale sulle strade prescelte. non sarebbe arrivata prima delle sette e mezzo. mentre ancora passavano le categorie inferiori: le Topolino. era una battaglia politica e di opposizione. Fano. un’ora prima dei primi concorrenti. che voleva fare tutto il percorso delle Mille Miglia e arrivare al traguardo. rincarò la dose. Ma il barone insistette. che l’automobile è un disinfettante sociale contro l’infezione bolscevica?  E non era la sua Alfa 6C 2300B Gran Turismo una macchina pressoché identica a quella di Mussolini? La maggior parte della gente. mentre mio padre. mentre per i più veloci. le settecinquanta. Costantino Seggioli. Non era quel correre contro un’automobile il simbolo dell’Italia arretrata e proletaria che vuole riportare indietro il Paese fascista? Non l’aveva detto bello chiaro. Quando il raci di Brescia comunicò il tracciato della xii edizione. d’altra parte. Fu allora che il barone cominciò a giocare sporco. di colore amaranto. Io mi lasciai ipnotizzare per una mezz’ora dalla sfilata di auto. La sua. «La politica non c’entra. il 3 aprile.il sentiero degli dei notturno  Il barone mise in palio la sua automobile. c’era da aspettare almeno fino alle otto. Subito si diffuse la notizia che quel suo test era andato male. giusto un poco più avanti dell’osso di balena. Arrivai alle sei del mattino. uscita sullo Sport Fascista. finché il 10 febbraio non partì da Brescia un altro podista.

il miele in tubetto e la macchina fotografica. uno verso nord. chi per incitarlo e chi per controllare che non prendesse aiuti da nessuno. e subito s’era unito alla folla. che rispetto all’Alfa Romeo erano mezze lumache. Purtroppo. il mio preferito. col suo giardiniere di fianco e l’Alfa amaranto coperta di polvere. non ce l’aveva fatta per due secondi. con i contorni nitidi e precisi di una fotografia. Mia madre aiutò il babbo a infilarsi lo zaino. perché mi aveva spiegato che un maratoneta deve seguire il suo ritmo. con le loro Alfa 2900 da otto cilindri. senza alcuna speranza di vincere la gara. e vidi passare Biondetti. e che per incitarlo gli stavano innanzi con la bici e gli dicevano «Dai.   . senza avvisare. Uscii dall’acqua e ascoltai la radio snocciolare l’ordine di arrivo a Brescia. Dissi una preghiera e mi convinsi che non avrei chiuso occhio. Cercai di scacciare l’immagine dal cervello. poi mi mancò il fiato e dovetti fermarmi. pronti a seguire mio padre almeno per un tratto. trattenni il fiato. disse il cronista. Mamma si sforzava di apparire tranquilla e di sparecchiare la cena come tutte le sere. Qualcuno calcolò che il Frasca. chissà poi perché. con le Talbot. anzi di fianco. sul marciapiede. La giornata scivolò via tra la messa. Era un compito di fiducia e mi seccava doverlo condividere con gli altri paesani. Pintacuda e Dusio. e pure una filosofia. Due poliziotti bussarono alla porta due ore più tardi. Clemente Biondetti. Al secondo passaggio per Bologna. Molti scommisero che avrebbe recuperato dopo il tratto appenninico. e io non li sentii. dal telefono della villa. Ma c’erano lo stesso un sacco di grulli che non la sapevano. che s’erano fatti attorno e aspettavano sul ciglio. questa regola. non stava tenendo l’andatura. ma più mi affannavo e più quella ritornava. il sonno mi prese e mi portò lontano.il sentiero degli dei notturno  barone. che in confronto alle prime sembrava andasse lenta. per fare marameo al barone Frasca. da oltre dieci ore. ma mentre si sporgeva per guardare. quando la campana della pieve suonò per il vespro. i compiti di aritmetica e un bagno caldo. E dietro i francesi e gli altri stranieri. Mia madre lo pregò di avvisare la polizia. Ero ancora a mollo nella vasca. sull’autostrada Firenze-Mare e sull’Aurelia. chi a piedi e chi in bicicletta. e invece aveva vinto il sardo. finalmente lo riconobbi a metà del rettifilo. le Bmw e le Delahaye. di questo passo arrivi domani». Mia madre preferì lasciarmi dormire. Dopo un paio di falsi allarmi. Verso le otto venne a casa un domestico e ci avvisò che il Frasca si era dovuto ritirare. poi il richiamo dei motori si fece più assordante. detti Ventuno e Ventidue. e avere davanti qualcuno che va troppo forte può confonderlo e farlo sbagliare. con dentro la borraccia d’emergenza. la magnifica gara era stata segnata da un grave incidente. anche lui con un tempo da primato. Passò almeno un’altra ora. il pranzo coi nonni. Gente che ragionava da pilota e non capiva che il podismo è una scienza esatta. che di Silverio Nencini non si avevano ancora notizie e di sicuro gli era accaduto qualcosa sulla strada per Bologna. già superato dai più forti. un tempo da pazzi. con la mia macchina di legno in una mano e il berretto nell’altra. una Lancia era uscita di strada e aveva ucciso dieci spettatori. Mio padre e il barone erano scomparsi. un mostro di lamiera aveva perso il controllo e gli era finito addosso. ma si trattennero poco. dai. per guardarlo allontanarsi e salutare gridando. Chiusi gli occhi e mi apparve un presagio: il babbo era arrivato a Bologna. Io provai ad andargli dietro. Restai di fianco al babbo fino alla casa degli Innocenti. Io andai a spogliarmi e mi infilai nel letto. l’altro verso sud. Pintacuda. alla media di centotrentacinque chilometri all’ora. e i fratelli Wild. per via di un brutto incidente poco prima di Fano. Invece. Speravo che un fiorentino riscattasse al volante il pessimo campionato dei Viola.

E alla fine. mentre gli altri paesani urlavano e spingevano per portarlo in trionfo. L’ho preso e ho bevuto lunghi sorsi. ma quelli che spuntavano oltre l’orlo della stoffa non erano piedi. E siccome la domenica era appena passata e non avevo né febbre né raffreddore. perché per andare a scuola mi alzavo sempre col buio. e la luce che entrava in camera significava festa. Mi fece una carezza in capo e disse che il mio babbo era un eroe e dovevo andarne fiero. come quando era morto il nonno Lamberto. che nello sport non esistono eroi. Ma mia madre era seria e io da quel giorno fui certo che il babbo aveva detto la verità. doveva esserci per forza un motivo familiare. La signora indossava una veste lunga fino alle caviglie. insomma ero abbastanza confuso. mentre in cielo spuntava la prima stella. mi  versava acqua sulla faccia con un bicchiere d’argilla. «Andiamo a prenderlo al treno». Stavo per ringraziare. si aprirono le porte. il babbo scese giù e io corsi ad abbracciarlo. Disse che la riparazione doveva essere molto cara e anche una volta rimessa a nuovo. eccomi qua». «Tuo padre ha vinto» mi disse la mamma con un bacio. «la luce del sole era già molto bassa e una bella signora. come la pinna di un grosso pesce tirato su con la lenza. L’indomani arrivò a casa un trattore tirandosi dietro l’Alfa Romeo del barone. finché non s’era sentito male ed era crollato per terra in mezzo al bosco. Mia madre avrebbe voluto rivenderla subito. mi raccontò che un boscaiolo di Loiano gli aveva indicato una scorciatoia per evitare i tornanti della statale. ho sfilato la Leica dallo zaino e l’ho inquadrata. bollo di circolazione e altre piccole cose. Poi il treno arrivò. Io guardavo mia madre. non c’erano divieti in proposito. quando venne a svegliarmi. aprì la finestra e fuori c’era il sole. le mancava il parabrezza e una delle ruote era piegata in modo strano. e gli risposi che il babbo era uno di loro. Allora. tremando. Io mi ricordai quel che diceva sempre mio padre. e disse che appena erano pronte mi avrebbe mostrato anche le fotografie. piano piano. Il babbo le rispo . Quella sera. malattia. simile alla tua mamma. Si vede che la botta gli aveva messo il cervello di nuovo in funzione. Appena mi sono mosso si è chinata un attimo sull’erba ed è indietreggiata fino a una fontana scolpita in un ceppo. Io ho drizzato la schiena e ho visto per terra il bicchiere con l’acqua dentro. sentendo che i muscoli tornavano in forze. dopo i festeggiamenti. tutt’al più campioni. anche se la nostra acqua. vidi che aveva la testa tutta fasciata. Io mi preoccupai. babbo?» chiesi impaziente a mio padre. «Io le ho chiesto scusa. Allora s’erano dati appuntamento più in basso e il babbo aveva guadato l’acqua. per via del fondo roccioso e di un ruscello che tagliava il sentiero. Il barone Frasca ci venne incontro coi suoi mustacchi e quando si tolse il cappello per salutare mia madre. Sul binario c’era parecchia gente. nel bicchiere d’argilla. «Quando ho riaperto gli occhi» mi disse. si vede che la notizia aveva già fatto in tempo a girare. finiva sempre dopo cinque sorsate. all’infuori. «E tu. ma i due che lo seguivano in bicicletta – un amico suo e un amico del barone – non erano riusciti ad andargli dietro. e mentre scattavo la bella signora mi ha sorriso e ha chiesto se non mi bastavano tutte le foto che le avevo già fatto». poi ho ringraziato. Spronammo la cavalla e in poco più di mezz’ora arrivammo in paese.il sentiero degli dei notturno  Il mattino dopo. me lo mise in mano. Dieci minuti dopo ero già sulla porta e il calesse era pronto sull’aia. e che il bicchiere non si vuotava mai. una macchina come quella costava soldi a palate. Erano zoccoli di cerva. Ero convinto di aver perso. Ho raccolto le mie cose e ho ripreso la corsa. Tirò fuori dallo zaino il bicchiere d’argilla. Era tutta ammaccata da una parte. tra benzina. Lui l’aveva imboccata. ma volevo lo stesso arrivare in fondo. o “motivi di famiglia”. quando ho visto una cosa che mi ha tolto le parole. proseguendo da solo. cercando di scorgere nella sua espressione quel mezzo sorriso che scappa agli adulti quando fanno finta di credere a una bugia per bambini.

Sarebbe offensivo ricavarci dei soldi». ma quanto a venderla. e non c’era nulla che potesse distrarmi dalla corsa. ma la macchina fotografica doveva sconfiggere l’automobile: l’Alfa correva incontro al paesaggio. Qualche secondo per calmare il cuore e reggere la macchina con mano ferma. ma c’erano soltanto felci. Poco prima di Pianoro. quarantacinque primavere dopo la xii edizione delle Mille Miglia. Mi parve molto bella e piena di magia. Cominciai ad aggirarmi per il paese a caccia di versioni alternative. Dopo la guerra facemmo riparare la macchina e mio padre ci andò a Firenze un paio di volte. il giorno del suo ottantesimo compleanno. panorami. «Al Passo della Raticosa mi sono apparse le Alpi. sono andato su al ritmo di sei minuti al chilometro. poi la favola della fata non mi bastò più. non c’era nemmeno da pensarci. due scatti rapidi in sequenza e giù di corsa verso Monghidoro. tronchi d’albero e foglie. che fu la nostra prima. in  . Quello stesso giorno mi mostrò la fotografia che aveva scattato alla signora del bosco. scatti possibili. non s’imbrogliava mai e aggiungeva sempre gli stessi particolari. il tempo che m’ero proposto di fare per metà della gara». Era la sua passione. altrimenti perché il babbo avrebbe fotografato il nulla? Aveva fatto molti altri scatti durante la gara – borghi di montagna. ferma e immobile. per il mio matrimonio. ma la sua storia non cambiò di una virgola. Disse che consumava troppa benzina e iniziò a mettere da parte i soldi per comprare la Seicento. di aver provato a cercarlo nel bosco. Per qualche tempo mi accontentai di quella risposta. il tempo e il diaframma calcolati senza esposimetro. visti mille volte. Come ho già detto era una bella giornata e mio padre non faceva il fotografo solo per mestiere. Chiesi a mio padre di raccontarmi la verità. insieme alla corsa. mio padre volle raccontarmi la vera storia della gara contro il barone Frasca. «Con il barone siamo rimasti d’accordo per una posta simbolica. «Fino alla Futa è andato tutto bene» mi spiegò. immagini da non perdere e fissare su pellicola. quasi fossero incollate sul cielo in fondo alla pianura. «erano posti che conoscevo. Silverio Nencini aveva raccontato di essere svenuto e di avere ripreso la gara due ore dopo. mezza scassata in un angolo del cortile. nitide e precise nonostante la distanza. ma quello sempre le sfuggiva. volti di vecchi boscaioli – e quello era l’unico senza nulla da vedere. avevano ritrovato il babbo che correva lungo la strada a grandi falcate.il sentiero degli dei notturno  se che aveva ragione. con le Alpi sempre in faccia e gli occhi che guardavano il mondo come un mosaico di inquadrature. cercava di afferrarlo. dell’acqua e del bicchiere di terracotta. Incapace di resistere. poi le due dita sull’anello del fuoco. Ma con me. Era più o meno il racconto che aveva fatto anche a me. I due ciclisti che erano con lui confermavano di averlo aspettato sulla strada per molto tempo. per andare a chiedere aiuto nella caserma più vicina. L’Alfa Romeo l’abbiamo usata un’altra volta soltanto. Non le avevo mai viste così perfette e ho pensato che forse non lo sarebbero più state». di lato e oltre il vetro posteriore. Agli amici e ai parenti più stretti. come l’Alfa Romeo del barone. vera automobile di famiglia. come se la gara fosse appena cominciata. Con un occhio all’orologio e l’altro alle pietre miliari. «Si vede che le fate non impressionano la pellicola» mi disse in tono convinto e io pensai che doveva essere vero. e spesso cercava di conciliarle in una sola occasione. Forse agli altri non aveva voluto parlarne per paura che lo squalificassero per l’aiuto ricevuto. La Leica. quando per metterlo alla prova gli domandavo di ripetere tutta la storia. «Mi sono detto che il maratoneta poteva battere il pilota. in discesa. Poi. il babbo s’era fermato e aveva impugnato la Leica. con l’unica differenza della bella signora. Così il babbo aveva cominciato a fermarsi sempre più spesso e a fare tutte le foto che gli garbavano davvero. appena se l’era sentita. poi di aver rinunciato inforcando le biciclette.

Il volto dell’Appennino. Io non le ho risposto. L’Alfa Romeo sei cilindri la useremo un’ultima volta. Il babbo chiude le palpebre e si addormenta. È capitato anche al grande Shizo Kanakuri. e portarli con sé fino alla camera oscura. alle Olimpiadi di Stoccolma nel 1912. finché non ho sentito l’acqua fredda che mi colava lungo le guance e quella bella signora con le zampe da cerva che me la versava in faccia col bicchiere». per provare a recuperare il tempo perduto». per ritrovare la concentrazione e la voglia di soffrire. Solo che l’erba è morbida. si piega a metà e vomita sul muschio. per il matrimonio di mio nipote. Alla fine il babbo mi fece promettere che non avrei raccontato la sua storia prima di compiere anch’io gli ottant’anni. Invece lui era serissimo e senza farmi caso terminò il racconto. se le guardate bene. nonostante i sassi e il ruscello. Ci ha offerto centocinquantamila euro e tutto sommato mi sembra un buon affare. Sono stato nel mondo dei sogni due ore. quando anche le ultime auto erano sfilate davanti a Porta San Donato e la Lancia Aprilia di Mignanego aveva ucciso sette bambini. ho dovuto aumentare il ritmo. Sono arrivato a Bologna per le dieci di sera. la luce pure e il profumo di resina conforta il respiro. però. due giovani e un cieco. sembrano tanti particolari di una stessa faccia. si chiama. Arrivato in una radura nel bosco. il babbo sente le budella premere in gola. e poi. Beve dalla borraccia per sciacquarsi la bocca e si sdraia per terra. ho puntato la Leica e la bella signora mi ha chiesto se non mi bastavano tutte le foto che le avevo già fatto. Nessun collasso. «Il resto lo sai: mi sono tirato su. che era sceso in strada per sentire il rumore delle marmitte e le grida della folla». ho deciso di prenderla. Le foto di quel giorno sono finite in una mostra e poi dentro  un libro. ma ho scattato lo stesso e mi sono rimesso a correre. convinto che stesse ancora scherzando. forse più. poteva copiare uomini e montagne. e quando il boscaiolo di Loiano mi ha indicato la scorciatoia. la venderemo a un collezionista.il sentiero degli dei notturno  vece. visto che il barone Frasca non può più offendersi. gli è capitato altre volte nello sforzo della corsa. solo un attimo. Adesso li ho compiuti e ve l’ho potuta raccontare.  . Tra una foto e l’altra. vai a capire perché. Non è una cosa strana. «Può succedere. come se avessero tutte qualcosa in comune. e in effetti. per stare nella media che avevo stabilito. nessuno svenimento. Allora lo guardai e scoppiai a ridere.

L’alba tinge di viola le nuvole basse e trasforma le colline in scogli isolati. fatta eccezione per il bosco di cipressi che circonda il Trebbio e risale all’Ottocento. Lungo la strada per Tagliaferro il paesaggio dev’essere molto simile a cinque secoli fa. niente colazione: solo nebbia. le sparse cascine presidiate dai cani. Gli scarponi infilati in fretta e una sciacquata alla faccia per pulirla dal sonno. ansioso di arrivare all’Ospitale di Tagliaferro.  . con gli aculei di istrice per regalo. Gerolamo rimette il materasso vicino ai cassonetti e trova per terra una rivista di storia locale. è ancora in buono stato. al tempo dei Medici. per arrivare a Firenze nel primo pomeriggio. a prendere Dario all’uscita di scuola. come La balena di Cafaggiolo e La fata delle Mille Miglia. Si chiama Le querce del Mugello. per via dei troppi vagabondi e accattoni che frequentavano le sue stanze. Una rapida sfogliata e il volume finisce nello zaino. e dentro ci sono articoli dai titoli curiosi. lo zaino sulle spalle e il viandante sul sentiero. Solo il bisogno di un caffè impedisce a Gerolamo di immedesimarsi con un pellegrino del Medioevo.Quinta tappa Castello di Trebbio-Piazza della Signoria (Fi) 74. costruito nel 1416 e soppresso nel 1750. l’asfalto vuoto della strada per Firenze. e poi a Bologna entro le cinque. corrode le nubi. libera squarci di paesaggio ancora addormentato: le luci di Scarperia sul fianco dell’Appennino. Una luce gialla come il mal di fegato s’infiltra piano dentro la notte. Niente caffè.

inchiodato al tronco di un pioppo. proprio l’estate successiva. I pubblici ministeri Tei e Monferini hanno chiesto il rinvio a giudizio di sessantatré persone «per danno ai corsi d’acqua superficiali. la somma complessiva di 44. solo vecchie case. perché la galleria di Vaglia intercetta l’acqua dei suoi affluenti. È la famigerata legge Galli del 1994. qualcuno convincerà i giudici che il Consorzio Cavet deve pagare per questo disastro. ghiozzi. anche perché di lì a poco la galleria di Vaglia viene ultimata. e siccome il tunnel è inclinato verso sud. pregiudizio della qualità delle acque mediante scarichi non autorizzati. 75.il sentiero degli dei quinta tappa Oggi a Tagliaferro non c’è nemmeno un bar. com’è la sua natura. danno alle fonti idriche sotterranee per depauperamento o prosciugamento. ma adesso che gli operai se ne sono andati. vede solo un rigagnolo verdastro. rovelle. cobiti e gobioni. la società francese Suez e il gruppo finanziario Pictet Funds. Ma quando Gerolamo passa sopra il ponticello. una scritta rossa in corpo diciotto grida: «Finché l’erba crescerà e i fiumi scorreranno. impetuoso e scuro. Risarcire i danni. e per aver drenato e disperso. inquinati. l’acqua che si infiltra in galleria segue la pendenza. sassi cotti dal sole tra due cigli d’erba. gli scavi finiscono. Ci hanno inculati peggio che i Sioux». Anche il torrente Carza non c’è. Tra questi interventi. per andare a pesca nella Carza si può usare il secchio. barbi. nei periodi di magra il fiume sparisce. polvere. invece. Ma come? In Italia vige una legge che consente ai privati di entrare fino al 40% nelle società di gestione dell’acqua. Gli acquedotti del Mugello sono in mano a Publiacqua Spa. nell’agosto 2008. Invece.47 Un giorno. davanti a un grumo di adolescenti in attesa della corriera. dall’inizio dei lavori. e fa credere ai sampierini che il loro fiume sia guarito. i cui azionisti sono il Comune di Roma (al 51%). Già. prima che il mare diventasse più popolare. immissioni diffuse di fanghi e altre sostanze. soppressione dell’alveo per ricopertura con scarichi di risulta. cioè cambiano versante e bacino idrografico. Sotto le immagini. 75. e finché c’erano i lavori. i fa andé l’aqua d’insò. Ma basta avvicinarsi e leggere le didascalie per capire che si tratta del torrente in secca.933 milioni di metri cubi d’acqua nel territorio della Comunità Montana del Mugello».46 realizzando un’impresa che i romagnoli dicono riesca soltanto al denaro: i quatrein. Già nell’estate di quell’anno si secca la Carzola.1 Gli scavi della galleria di Vaglia iniziano nel febbraio del 2001. che a sua volta è controllata per il 40% dalla multiservizi Acea. si augura Gerolamo. Da allora.2 Sorgenti sparite. rubati. senza nemmeno un filo d’acqua e con i pesci morti in mezzo alle pietre. fiumi disseccati. il costruttore Francesco Caltagirone. Già nel 1998 la Regione Toscana fece un accordo con Tav Spa per definire «gli interventi e impegni atti a garantire il rispetto degli interessi ambientali nella realizzazione della tratta ferroviaria av/ac Bologna-Firenze». storditi dall’autunno e dalle menate del weekend. soffocato da ciottoli e radici. lasche. cosa mai successa a memoria d’uomo. pagare. 75. il torrente Carza è in piena. e raccogliere nel fango i cadaveri puzzolenti di cavedani. e invece dovrebbe esserci. quegli affluenti vanno a finire a Sesto Fiorentino. Nel marzo 2005. se ne vanno camion. a Tagliaferro. un manifesto fai-da-te mostra le foto di una strada bianca. Sull’altra sponda. si legge che «a seguito di accordo economico tra Publiacqua Spa e Tav Spa circa la realizzazione da  . una dozzina di villette da lite coi vicini e le auto dei pendolari che ora sfrecciano sulla statale. è segnato sulla mappa e i bambini di San Piero ci facevano il bagno. c’era anche qualcuno che  la pompava fuori. cicalini di ruspe e caterpillar.

spari.50 Legambiente Toscana si è lamentata perché in questo modo la fetta più grossa della torta va a quelle istituzioni «che in qualche modo sono corresponsabili dei danni avvenuti». La nebbia sembra far parte del paesaggio. in caduta libera. il pubblico ministero Gianni Tei parla di «capture theory». Fuori da un castagneto fitto e abbandonato si aprono i prati della Badia del Buonsollazzo. La leggenda dice che venne fondata prima dell’anno Mille da Ugo il Grande. Acqua Spa». là dove adesso gracchiano i depuratori.il sentiero degli dei quinta tappa parte di Cavet della fognatura Luco-Rabatta. fischia. Batte le mani. Quella che prima era acqua pulita e gratuita.51 Nella sua requisitoria. già undici anni fa. margravio di Toscana. Gerolamo ne vede quattro scendere dai fuoristrada.49 Il rischio è che “il rispetto degli interessi ambientali” possa diventare l’interesse di due società come Cavet e Publiacqua.48 Quindi. dove soltanto i cipressi godono di buona salute e tutto il resto se ne va in rovina. la Regione ha fatto uno sconto a Tav. Sulle pendici del Monte Senario boschi di quercia. In meno di un’ora e mezzo. 77. «Ministero e Regione hanno di fatto abdicato alle loro funzioni e prerogative pubbliche». è diventata acqua sporca da depurare. Dopo violenze. Gerolamo si vede attraversare la strada da sei fagiani. come se venisse fuori dalla terra e dalle radici. uno scoiattolo dalla coda nera. L’eco dei fucili accompagna i passi e Gerolamo non sa bene come comportarsi. per un importo di 413.53  76. Al contrario: paga due volte. Ritorna su. La reazione im . «con conseguente perdita del carattere di imparzialità» da parte di chi dovrebbe controllare i lavori. minacce e stupri. La cronaca racconta che il complesso è inutilizzato da almeno trent’anni e che l’interno è stato saccheggiato di ogni ricchezza. Guadagni che poi sono stati suddivisi tra i soci. e lui non vorrebbe rientrare in nessuna delle due. Acqua che – magari – rende. Per lo smaltimento illegale dei rifiuti. è stato convenuto di scorporare tale somma dalle risorse che Tav Spa deve trasferire alla Regione Toscana». Nel 2004 i monaci camaldolesi lo vendono a un industriale padovano che vuole trasformarlo in beauty farm. una lepre e cinque caprioli. che si perse in questi boschi e fece voto di edificarvi un’abbazia. rumore. percosse. spinta a gasolio. grazie anche ai rincari delle bollette. Forse l’amore che provano per la natura è lo stesso che tante donne si sentono promettere dai propri compagni. Tre anni dopo. il Consorzio Cavet è già stato condannato in primo grado a versare cinquanta milioni al Ministero dell’Ambiente. grandioso monastero dedicato a san Bartolomeo. e seminare tra gli alberi bottiglie vuote. Acqua che costa: energia. sulla base di un “accordo economico” tra quest’ultima e Publiacqua. «attrazione fatale» tra le autorità di regolazione e i soggetti regolati. per evitare che gli sparino addosso. dopo aver guidato tra i cespugli fino all’ultimo metro rotabile.138 euro. ricavati nel monastero. alla Regione Toscana e alla Provincia di Firenze e cinquemila euro alle associazioni che hanno informato la gente di quel che stava accadendo. faggio e castagno si alternano con i campi arati. se si fosse salvato. compaiono gli annunci per una trentina di appartamenti lussuosi. e quindi Acea s’è presa la parte maggiore. Per le aziende “sul campo” le cosiddette ricostruzioni si trasformano spesso in affari d’oro. là dove c’erano le sorgenti. cerca di non passare per un cinghiale.52 «La valle danneggiata» scrivono i volontari dell’associazione Idra «non viene risarcita (se mai può esserlo). bossoli di plastica. In base alla sua ricostruzione. sui giornali locali. Una società che nel biennio 2007-2008 ha fatto tredici milioni di utili. L’acqua passa attraverso i boschi dentro vistosi serpenti di gomma. I documenti la citano per la prima volta nel 1084. Molti sostengono che i cacciatori sono i veri amanti della natura. denaro. visto che la montagna sembra popolata solo da due specie di esseri viventi: cacciatori e cacciati. inquinamento.

cioè negando i fatti. «No. «Da Bologna». un frate giardiniere spazza le foglie e forse anche le nubi: squarci azzurri si allargano nel cielo. Bisogna imparare a fidarsi del sentiero. «Io mi fermo a Firenze. È una storia lunga. forse evapora. che altro si può mendicare se  . ai piedi della scalinata che conduce alla chiesa. sulla vetta del monte. e presto la speranza si muta in stanchezza. senza stravolgersi la pettinatura. non crede? Quando si è disposti a fare tanta fatica per una ricerca. ma inseguendo per due stanze l’odore di caffè. Ormai. e di sicuro annunciano l’arrivo al santuario dei Servi di Maria. protettore dei macellai. possano esserci case. quando due sedicenni irrompono nel bar e chiedono lumi su un corso di formazione per elettricisti.il sentiero degli dei quinta tappa mediata di sindaci. Sono partite un paio di mesi fa e vanno a Roma per vedere il papa. Piazza della Signoria e il treno utile per arrivare a Bologna entro le cinque del pomeriggio. per il momento. mentre l’agenzia immobiliare sostiene di aver ricevuto prezzi e planimetrie da un costruttore locale. procura. consiglieri. Viene da lontano?». alle dieci del mattino. L’insegna da bar tabacchi è molto arcaica. Entrambi hanno in mano un casco da moto e berretti con visiera di due misure più stretti. «Però. Una via di mezzo tra il circo Togni e una stalla di mucche. Disturba?». sotto le nuvole. esistono solo montagne sempre più basse. per essersi lasciato illudere da un’apparizione botanica. che si difende alla maniera italica. Sono le dieci del mattino quando Gerolamo sente i primi rintocchi della fatica e il sentiero attraversa un bosco di cedri. Il mistero rimane irrisolto. di non arrivare a Firenze nei tempi stabiliti. lo assale un odore denso. Immaginare la meta. Invece il crinale prosegue beffardo. affatto. è un viaggio di ricerca». acre. e le nuvole basse ribadiscono il concetto. 78. nemmeno. non fa bene allo spirito. da Tagliaferro alla cima del Senario. Ma più che i dettagli dell’architettura sacra. ci si imbatte davvero in una macchina da espresso. no. alberi che in Italia non crescono spontanei.  Gerolamo vede apparire il santuario solo quando si trova sul piazzale. di Monaco. dove si sta in equilibrio solo camminando. seicento metri di dislivello in sette chilometri. i nuovi inquilini del monastero. è poco beauty e molto farm. perché la tenda va smontata ogni mattina. ad attirarlo è un’ala secondaria del convento. «Sì. paura di aver calcolato male le distanze. vita sociale. mica male! Ieri sono passate due ragazze tedesche. già infilati sui capelli lucidi di gel. nella sua testa. «No» rispondo. Diciamo che sto cercando qualcosa. non potrà che sentirsi sollevato. La beauty farm. All’inizio del viale alberato. «No. niente papa». paesi. «Dunque un pellegrinaggio. Gerry pensa che Firenze dev’essere molto vicina. e il futuro è una lingua di terra in mezzo all’oceano. «È suo quello zaino?» chiede con gentilezza. 79. 79. San Bartolomeo. Non immagina neppure che sulle pendici del Senario. È l’ultima lunga salita della Via degli Dei. i cartelli inchiodati agli abeti invitano a rispettare il silenzio. ma quando Gerolamo passa accanto all’edificio. senza mettere nello zaino troppe aspettative. è mio. Dietro un cancello di ferro spuntano le barbe da eremita di quattro capre. sovrintendenza e polizia municipale mette in un angolo il proprietario. ecco. e infine rabbia. Gerolamo sta aspettando la sua tazzina. sommersa in un mare di ovatta grigia. «Allora è per una scommessa?». rinchiudendo il mondo in una bolla d’aria. se quei due sono arrivati su due ruote. pregustando il caffè. Anche lei è in pellegrinaggio?».1 Sul piazzale. poi Firenze. pianeggiante ma senza fine.

si vedono solo le lettere “Il Muli” e un sentiero che le attraversa scendendo dal Senario. non appartenere a nulla. «Gliel’hanno mai raccontata?». consegnarsi all’abbraccio della metropoli. e invece di bo-fi c’è scritto sopra «Mulinaccio». sul crinale che separa il Borro delle Sieci dalla valle del Mugnone. dove la statale Faentina si lascia il Mugello alle spalle e scende nella conca di Firenze. maledice se stesso per non aver controllato prima. che tu lo capisca o no. ma se stai facendo qualcosa di sensato. Dopo un attimo d’esitazione. Vetta le Croci non ha nulla della vetta. Con oltre centomila uomini aveva già razziato Bolzano. sa? Che nessuno di loro sarebbe andato in paradiso se non ci fossero andati tutti. nemmeno alle famiglie. il Mugello e la Romagna. sì. poi si sa che Fiesole è attaccata a Firenze. arrivare a casa in tempo per le cinque. finché dopo mezz’ora il biancorosso ricompare. o almeno così pare a Gerolamo. «So che ci abitarono sette nobili fiorentini. La rilegatura del libro taglia il nome di una località sulla statale Faentina.C. Una bella responsabilità. Bologna e si preparava a fare altrettanto con Firenze. Lo conosco. 81. Stilicone riuscì a fermarlo. Svevi e Unni bianchi a seguirlo in Italia per prendere Roma. con l’indicazione bo-fi e l’indirizzo di un sito internet. Jack Kerouac. quelli che tu non lo sai. Annuisce. non trova? Volevano salvarsi. Ne ha visti altri. che lasciarono le famiglie per vivere di elemosina e preghiera». quella che ti fa tagliare un paio di tornanti.il sentiero degli dei quinta tappa non l’Eterno? Siamo vagabondi del dharma. Il frate giardiniere afferra la scopa e si rimette a spazzare le foglie del cortile. Non appartenere. 80. sotto sotto c’è Dio. invece di gozzovigliare sulle sue terre. identici. i primi segnali che scorge gli indicano un percorso diverso da quello della guida. ma nel ricordare la sua vitto . capo tribù degli Ostrogoti. che aveva convinto Vandali. anche durante le prime tappe e adesso sembrano indicare la classica scorciatoia. liberarsi dello zaino. è un passo a cinquecento metri d’altitudine. ma prima c’è da affrontare l’ultima salita (ma non era quella del Senario?) e arrampicarsi fino ai settecento metri del Poggio Pratone. Gerolamo abbandona l’asfalto con i piedi che fanno male e la voglia precisa di farla finita. pini e cipressi. prendere il treno. «E la storia di questo posto?» insiste il frate. Gerolamo si rimette lo zaino. come diceva quello scrittore americano. Verona. salvò la città. i cartelli bo-fi si estinguo no sul limitare di un castagneto. Trento. Invece. scende in picchiata dentro la grande abetina che circonda il santuario. lanciati tra Firenze. e conosco anche certi discorsi da coscrizione obbligatoria. Sono le undici e un quarto e la guida dice che mancano due ore e mezzo per Fiesole (così tanto?). ma volevano farlo insieme». nel 406 d. e calcola che l’errore gli costerà una salita non prevista. pensa Gerolamo mentre annuisce in silenzio. pensa Gerolamo. ma il cartello è diverso. Arrivato all’ingresso sulla strada asfaltata. Potrebbe diventare un buon motto anche per chi viaggia a piedi. ma non ne facevano una questione individuale. saluta. dopo cinquecento metri. Per quanti scelgono di essere viandanti e non solo piloti. «Avevano fatto un patto. decide di seguirli lo stesso: sono segnavia biancorossi.. mise i nemici in catene. Là sotto. Alani. Il sentiero corre tra querce. Pensi un po’. il generale Stilicone fermò i guerrieri di Radagaiso. La carrareccia continua evidente sotto gli alberi. ma farlo insieme. tre quarti d’ora di ritardo e tre chilometri di marcia in mezzo ai camion e alle auto. quindi affidabili. lo conosce?». non solo passeggeri. Gerry estrae la guida e consulta la mappa. Gerolamo maledice i cartelli bo-fi. Volevano abbandonare il mondo.

imboccare la strada bianca tra i pini. ormai bisogna soltanto scendere. farsi largo tra ville lussuose e scorci di campagna curati come giardini. le spalle doloranti e la testa che scoppia sotto un sole troppo caldo per non sciogliere i pensieri. all’Aspromonte e oltre la Sicilia. e in alternativa c’è la strada asfaltata. Forse la vera storia saprebbero raccontarla soltanto i cigni (i ceceri) che un tempo volavano intorno a questa vetta. o meglio. col Monte Senario a nord e la dorsale boscosa che scende dal santuario. compare il cartello Fiesole. In un impero indebolito. e dalla parte di Firenze scende a balze ripide e scoscese. furono i barbari a salvare dai barbari la Caput mundi. troppo male ai piedi. proprio sul bordo basso della pagina. forse due. e poi otto chilometri sono almeno un’ora e mezzo. troppo sole. ma ormai sono secoli che non si fanno vedere. e poi di nuovo le montagne che proseguono il loro viaggio. aggirare la sbarra in fondo. ma molti dicono che andò male. più un quarto d’ora per mangiare fa una mezz’ora. mentre altri sostengono che planò per mille metri e atterrò illeso a Camerata. che visto dal Pratone non sembra neanche un monte. che sul versante di Fiesole è un parco pubblico. «Piglierà il primo volo il grande uccello sopra il dosso del suo magno Cecero. dimenticarsi i piedi che fanno male. da un padre vandalo.il sentiero degli dei quinta tappa ria ci si dimentica spesso che egli era nato nelle terre germaniche. fino all’Amiata.  Dopo un’ora d’asfalto. il pilota si ruppe una gamba. la schiena in pezzi. supera le salite come gli ostacoli di un videogioco. e solo adesso Gerolamo si preoccupa di capire come planare su Firenze. andare avanti e dirsi che tra poco è finita. il malleolo sinistro che fa male. nel 1506. sotto le acque del mare. gli passa sotto i piedi e prosegue verso sud. empiendo l’universo di stupore. e che le sue sparute legioni non avrebbero mai trionfato senza il sostegno dei Visigoti di Saro e degli Unni di Uldino. Il genio di Vinci se l’immaginava così. perché sono già le due e il ritorno a Bologna per le cinque non sembra più a portata di mano. rocce squadrate. l’Arno acceso come un nastro di luce. Ci sono grotte. spaziosa. rifugi di minatori. e poi ci sono due appendici minuscole in bianco e nero con le quali è impossibile studiarsi un percorso. o magari esiste. pochi soldati e ormai nessun gladiatore. In cima. la testa è vuota e si può solo sudare. ma Gerolamo ha fretta. che muta gli scarponi in due scatole di legno. il percorso B consiglia di salire (ancora?) sul Monte Ceceri. e adesso deve sbrigarsi. prendere l’asfalto. Il sentiero si cala nel dirupo e fiancheggia le cave di pietra dove architetti e scultori fiorentini si rifornivano di materia prima. fino alla cupola del Brunelleschi che domina Firenze. La vista è magnifica su entrambi i versanti. un portico di San Luca o un parco cittadino che ti permetta di raggiungere la stazione senza camminare nel traffico. Gerolamo decide che otto chilometri di asfalto non ha la forza per farli. si lascia convincere a fare una sosta solo dalla fame e dal panorama enorme. ma le mappe della guida finiscono a Fiesole. Gerolamo ri . fece tentare l’impresa al suo amico Tommaso Masini. otto chilometri e mezzo per arrivare alla stazione di Santa Maria Novella (otto chilometri? Ma non erano attaccate Fiesole e Firenze?). le anche spremute dalla cinta dello zaino. con pochi schiavi. empiendo di sua fama tutte le scritture. È chiaro che la città del Giglio non ha un ingresso sul retro. Le nuvole si aprono e spunta il sole. inizia la città. verso Fiesole e poi Firenze. Apre la guida: il primo bivio utile è già andato. Così aggredisce la vetta di Monte Ceceri. tanto che Leonardo da Vinci provò a superarle volando. è più in basso. Il pranzo consiste in una tavoletta di cioccolato e in un residuo di pane umido. le gambe molli. si salta sul treno e si arriva a Bologna in tempo per le cinque. con gli scarponi è meglio stare sui sentieri. ha impiegato un quarto d’ora in più rispetto al tempo indicato sulla guida. Gerolamo controlla l’orologio. e gloria eterna al nido dove nacque». magari sull’altro percorso si riesce a recuperare qualcosa. schiacciato chissà quando in fondo allo zaino. concentrato sul ritmo dei piedi che battono le pietre bianche. puntare il ripetitore Telecom sul Monte Fanna.

«Sono venuto a portarti le scarpe. e allora decide di fermarsi. «Certe volte ti ho preceduto. hai scoperto qualcosa?». con i cipressi piantati ad arte. e se ci fermiamo a discutere non ci arrivo di sicuro». tanto che la lingua ci mette qualche secondo. «Ho visto che te la cavavi bene. i prati verdissimi. e invece no. e controlla se le unghie sono ancora al loro posto. Nico solleva una gamba e indica la caviglia. Hai presente quel cartello di legno con scritto Traversa che poi in realtà non portava a Traversa?». Nico tira fuori dalla tasca il suo cellulare. ho pensato che fosse utile per le tue ricerche. le mucche che brucano in un quadretto bucolico. dopo che ci siamo salutati. «Cos’hai fatto tutto il tempo? Mi hai pedinato?». quando atterrano sull’asfalto un paio di scarpe da ginnastica. Gerolamo spazza via la domanda con un gesto della mano. Ma ecco le prime case. Nel frattempo Gerolamo non sente più gli alluci. tutt’a un tratto mi sono reso conto che non mi faceva più male».. i campanili delle pievi. si toglie gli scarponi. «Devo essere a Bologna per le cinque. Compaiono pure un paio di polpacci e Gerolamo li risale con lo sguardo. chiede se per caso non ha bisogno di quelle. Ha gli occhi fissi sulla punta dei piedi. niente. «Da Bologna?». le fattorie che sembrano manieri. Il sorriso e la barba di un uomo di nome Nico. gli erano cadute. Si alza in piedi e carica lo zaino sulle spalle. come gli stucchi di una villa in abbandono. «Quella del Sasso di Castro è la madre di tutte le cave. Nico si gratta una basetta con finto imbarazzo. È successo qualcosa?». In due si chiacchiera. «No. identiche alle sue. poi la bocca resta mezza spalancata e gli organi fonatori si bloccano di nuovo. siede sul ciglio della strada. qualcosa come  “perché allora non mi hai raggiunto?”. leziosi. «Ho fatto male?» domanda Nico. «Ecco perché andavi come un treno. «Mentre aspettavo la corriera. spento. Non sono mica tornato a casa». dalle indicazioni che Gerolamo raccoglie sembra mancare ancora qualche chilometro. fino a inquadrare un sorriso candido. poi il fulmine della verità squarcia la notte dei suoi neuroni. più innocente di un putto. Il volto di Gerolamo sembra spaccarsi in mille crepe. È da questa mattina che faccio fatica a starti dietro. adesso Firenze dev’essere davvero vicina. Non sa se lasciarsi andare alla rabbia o all’ammirazione. gli viene in mente un amico che a forza di camminare aveva perso le unghie.  . incorniciato da una barba di tre giorni. il castello di Vincigliata. Sai come la penso in proposito. che ce la potevi fare. Mi ha telefonato Lara. Ha chiesto se vado a darle una mano con i bimbi». macché da Bologna. è più divertente. «No. Nel dubbio. sono le due e mezzo e non se ne può più di questa idilliaca campagna toscana. «Hai fatto finta. Villa Montalto e Villa Sticazzi. ma finisci per non ascoltare il resto». Nico? «Che cazzo ci fai qui?» domanda Gerolamo stranito. prima di recuperare in pieno le sue funzioni.» riesce a dire soltanto. e l’odore di pino come da un enorme Arbre Magique.. e una voce conosciuta. Non si vede?». come sembra aver fatto con queste ferite più piccole. e ho pensato che per la tua missione era meglio andare da solo. inizia a infilarsi le scarpe. le calze incollate dal sudore. ecco Marano e i suoi ristorantini chic. Gli occhi di Nico si accendono. A proposito. accende un paio di sinapsi e interrompe le altre. «E poi?» domanda Gerolamo. mentre si mette a camminare di fianco all’amico. «No. tutto il tempo no» si schermisce l’altro. «Sei stato tu?».il sentiero degli dei quinta tappa vede la voragine del Sasso di Castro e pensa che nemmeno in trecento anni la montagna potrà davvero riassorbirla. gli ulivi in file perfette. proprio sopra la sua testa. Gerolamo sta per fare la domanda più ingenua. e il parco di Villa i Tatti.

le montagne. ancor prima di partire. Il treno ad alta velocità. ma quel che ci sta in mezzo si allontana. e nemmeno il secondo sa dare una risposta chiara. in un crepuscolo senza nome. Come il pronto soccorso e il set da cucito». quando vado in montagna. dopo tanto tempo. Dicono che i centri commerciali. una massa di roccia senza significato. una scommessa? Sì. come i due capolinea di una metro. Pigliate il 10. i treni e gli autogrill sono tutti nonluoghi. cominci a correre. con il cervello puntato sull’arrivo come l’ago di una bussola sul polo nord magnetico.il sentiero degli dei quinta tappa «Vedi? È per questo che non lo accendo mai. ma se fai il percorso inverso. soldi bruciati. a diecimila metri dal suolo e dalla sua crosta irregolare. Poi stamattina ti svegli. non saprei. i due viandanti incappano in un andirivieni di atleti. per conoscere l’Appennino a passo d’uomo e soccorrere le prossime vittime dell’alta velocità. Tutti crimini che rimandano a un crimine più  . Gerolamo getta la spugna. come la chiama qualcuno): territorio senza paesaggio. Morti ammazzati sul lavoro. Il supertreno ha già fatto molte vittime. è molto lontano. «Tu non hai figli. «Guarda che sei stato tu a venire da me per dirmi che finalmente. il cemento ti insegue coi suoi tentacoli fino in cima alle valli. nemmeno un ruscello intravisto dal finestrino. È questa prospettiva che toglie senso al mondo. non la velocità assoluta del viaggio. Giunti in una zona di viali alberati e campi sportivi. ma non lo accendo. Serve per le emergenze. arrivare prima. E hai una fidanzata che sta in un’altra città e si fa la sua vita. e io mi chiedo perché vuoi rovinarti l’ultima tappa. arrivare prima ti fa odiare gli ostacoli. si sentono rispondere con un numero. col suo abbraccio puzzolente e rumoroso. piedistalli per mulini a vento. fa il fiato. E a piedi? A piedi? Guardate che è lunga. scopri che anche la natura non ha un confine preciso. sotto la crosta di bitume. diventano strutture di servizio. una scommessa. Tutto qui». le piazze dei paesi e le montagne perdono significato. il Frecciarossa lo buca come un solido qualsiasi. sorgenti sparite. L’aereo risolve il problema volando. Il tempo si mangia lo spazio e i luoghi svaniscono. gente che corre. svuotati come gallerie dalla corsa del treno. prende la logica dell’aereo e la porta sulla terra. auto. condomini. dobbia mo arrivarci per forza sulle nostre gambe. i boschi troppo fitti. Non venirmi a insegnare come si fa il padre di famiglia». ti prendevi cinque giorni “solo per te stesso”. come un rampicante nelle crepe di un muro. E a piedi? A piedi? Oddio. le stazioni. Quando vuoi lasciartelo alle spalle. e spinge le sue fibre in mezzo alle case. cos’è. nei giardini e al bordo dei marciapiedi. gli sembra di indossare un paio di pantofole. Striscia sul margine delle strade. pensa Gerolamo. Poi finalmente via Salviatino finisce. nel vento che infrange la cupola di smog e sparge una razza selvatica sulle aiuole. sono anche luoghi desiderati e vissuti. Me lo porto. Una terra da perforare senza che nulla ti resti appiccicato addosso. si apre un piazzale. spera solo che la città lo accolga presto. invece. mentre i boschi. Ferro e cemento diventano il simbolo di un’utopia negativa (un’atopia. e a volte perfino sopra i tetti. riserve di aria buona e selvaggina per il fine settimana. spazi anonimi attraversati solo da clienti. ecco la fermata. Gerolamo intanto sente i piedi rinascere dentro le scarpe morbide. e il primo passante a cui Gerolamo domanda la strada per arrivare in centro risponde sicuro di prendere l’autobus. torrenti a secco. taglia corto Gerry. Il bisogno di arrivare prima. e la gratitudine per il regalo inatteso lo fa ripensare alle parole di Nico e alla marcia forzata delle ultime ore. ma quando chiedono a due di loro la strada per il centro. Invece di attraversare l’Appennino. Eppure. metri cubi di roccia da trasformare in calcestruzzo. Bologna e Firenze si avvicinano. preferisce non discutere. Nico. si allena. e tutto quello che ottiene è un’indicazione per scavalcare i binari alla stazione Campo di Marte e poi da lì chiedere ancora. o di scavalcarlo. allora Nico si orienta con la cartina minuscola della guida e capisce almeno la direzione da prendere. parcheggi.

«Che dici?» propone a un tratto. La passerella di Campo di Marte scavalca i binari e interrompe i pensieri. era meglio non prenderlo» risponde Gerolamo frugando nello zaino. nel centro di Bologna. vuole avvisare Lara che non ce la fa. sono stanco morto». Gerry scuote la testa. Gerolamo e Nico guardano i turisti scattare mille foto. «Avevi ragione tu. anche qui c’è una fontana del dio Nettuno sulla piazza principale. «E il tuo appuntamento?» domanda Nico con finta sorpresa. «Mentre camminavo mi sono finite addosso molte storie. «È successo qualcosa?» domanda Nico preoccupato.». carabinieri e telecamere vegliano sulla sicurezza di uomini e statue. Tu quando arrivi? Sei già in treno? Bacio. la Chiesa e la Politica. Poi soffia via la polvere dal forse-fossile e con la mano aperta si spazzola i pantaloni e le spalle. A prendere Dario ci va mia madre. Santa Maria del Fiore. venerabile tradizione. l’ultima vittima. non si possono prendere appuntamenti simili quando si è in giro a piedi con la casa sulla schiena. Sullo schermo c’è l’avviso di un messaggio. come se non avesse capito quel che è appena successo. Quella che distingue un luogo da un ammasso di terra. «Cos’è. Gerolamo e Nico sgomitano tra i passanti. La luce fredda del monitor trasforma Gerolamo in un nano da giardino. si infilano a fatica nei pertugi tra i muri e le auto parcheggiate.  . Le ho viste uscire dai sassi. simbolo secolare del potere bottegaio che unisce il potere spirituale e temporale. L. il Duomo e il Palazzo. mentre vigili urbani. lo scultore fiammingo che visse in Italia a metà del Cinquecento. E come dall’altra parte dell’Appennino. e in entrambe c’è la mano del Giambologna. «Andiamo a sederci in Piazza della Signoria. niente pattini. poi finalmente la cupola. un fiume da una sede autostradale. sotto il braccio di Perseo con la testa di Medusa. vibrazione dispersa nelle pieghe dei pantaloni. posso cominciare a raccontartene qualcuna. modella il paesaggio e canta le sue fiabe. dai tavolini dei bar. Se prendiamo i due regionali.il sentiero degli dei quinta tappa vasto: il tentato assassinio di una differenza. rischiano un paio di volte di farsi investire. ricevuto chissà quando. I due percorrono via dei Calzaiuoli. e tante altre se ne potrebbero raccogliere. ma arrivati dall’altra parte il nome “Piazza della Signoria” comincia ad accendere sguardi comprensivi. ma che potrebbe essere la prossima. Un genius loci che non è trascendenza. Gerolamo scuote la testa e prova la punta dell’aculeo sul polpastrello del pollice.  Seduti sui gradini della Loggia. Un genius che esce dalla lampada. hai deciso di boicottare in blocco tutti i treni veloci?». Tira fuori i regali per Dario e Lucia: il sasso a forma di conchiglia di Monte Adone e l’aculeo d’istrice dell’Osteria Bruciata. dagli alberi. Ci aspetta un viaggio abbastanza lungo ed è già troppo tempo che me ne sto da solo». ma tanto ormai non abbiamo fretta». «Torniamo a casa col regionale per Prato e poi quello per Bologna? Ci si mette mezz’ora in più. «Lucia ha la febbre. una strada di tutti dall’ingresso di una villa. identità dorata da appuntarsi sul petto. Una differenza che ancora resiste. Gerolamo fa segno a Nico di fermarsi e cerca il cellulare. Tale e quale a via Indipendenza. un uomo dalla sua forza lavoro. sono le tre e mezzo e arrivare per le cinque all’asilo di Dario è un’impresa disperata.

come prendere il cappuccino davanti agli Uffizi. svetterà ancora la stele di Trenitalia. Il tempo è compiuto. La ragazza seduta di fianco a me si lamenterà con l’amica per  . Nello scompartimento dell’Intercity ci sarà un caldo inverosimile. in una giornata di sole e di freddo invernale. Sul piazzale della stazione di Bologna. prossimo ai trentacinque gradi. Convertitevi e credete al Vangelo. per far da testimoni al matrimonio di un amico. cioè il doppio del Frecciarossa utilizzato da Lucio Dalla. al centro dell’aiuola. vado a Firenze con la morosa a farmi un caffè». Grande spot per le Ferrovie dello Stato e nemmeno una parola per i fiumi del Mugello. con otto zeri a sette segmenti sull’orologio digitale. quando faceva figo salutare gli amici e dire: «Ciao belli. Il treno impiegherà quattro ore per portarci a destinazione. Gerolamo e io scenderemo a Roma con l’Intercity. per tenere un unico concerto tra Bologna e Firenze. Il regno della Velocità è vicino. Riviste e giornali delle due città avranno già cominciato a proporre itinerari per fashion victim. nella notte di Capodanno. poi shopping in mattinata sotto le Due Torri e il pranzo in un locale trendy di Settignano.Coda Quattro mesi più tardi. Un rigurgito fetido degli anni Ottanta. e i vetri del finestrino saranno talmente luridi da imporre una nebbia virtuale sul cielo limpido e azzurro.

«Che prima ti analizza. Solo che in tutto questo processo non è sicuro che la tua storia personale rimanga intatta. «Adesso ve lo spiego» risponderà Gerolamo con un sorriso diabolico. inghiottiti dal viavai di arrivi e partenze. ma prima ho sentito che al prossimo viaggio sceglierete il treno ad alta velocità. Come il teletrasporto». In effetti. da missionario che ha fatto il suo dovere. non ci saranno obelischi dell’alta velocità a darci il benvenuto e Roma ci accoglierà distratta. lo so» risponderà stizzito. In quel momento sentirò la voce di Gerolamo intervenire nella discussione. Usciremo dalla stazione senza aggiungere altro. Ma noi indiani non saremo sconfitti.il sentiero degli dei coda le condizioni del viaggio e farà voto. finché avremo il cervello fuori dalle riserve». no?». l’amore per una persona. Gerolamo avrà sulla faccia un sorriso soddisfatto. di convertirsi al verbo del supertreno. vedrai che il Frecciarossa li conquisterà tutti». Questo la preoccuperebbe. «Cesare l’ha provato e mi ha detto che è fichissimo» si illuminerà la donna. minaccia quella dei luoghi». «Tu praticamente parti a Firenze. «In che senso?» domanderà la ragazza più sveglia nonostante la temperatura tropicale. i pensieri che avevi alla partenza. Sul piazzale. «Non ti illudere. viene buio. poi ti cancella. e il viaggio filerà via abbastanza in fret ta. Di solito si mette la musica nelle orecchie proprio per non ascoltare i discorsi da treno. per la prossima volta. poi spedisce all’arrivo tutte le informazioni sui tuoi atomi e lì ti ricostruisce uguale uguale. cosa che mai gli ho visto fare in tutta la sua vita. è una specie di teletrasporto. manco te ne accorgi e sei a Bologna. «Suppongo di sì». «Non per farmi i fatti vostri. Gerry» lo attaccherò. «Be’» risponderà la donna con lieve imbarazzo. «Giusto. a partire da altra materia. prima di riversare nello scompartimento l’intero hard disk della Via degli Dei. «A parte i pendolari. «I cowboy hanno già vinto. a sorpresa. ottima idea» commenterà Gerolamo. compresi i venti minuti di ritardo e le scuse incomprensibili di un altoparlante scassato. con il suo clima mite e nuvole di storni nel cielo della sera. «per essere sicura di salvarmi la memoria». «Sì. Dai morti nei cantieri al Sasso di Castro. Voglio dire i tuoi ricordi. «E rinuncerebbe al viaggio?». i tuoi gusti. prima di fare una pausa per schiarirsi la voce. dalla Linea Gotica ai suonatori della Valle di Sàvena. catturati come gatti dalla malinconia del tramonto. «Sa qual è il dilemma del teletrasporto?» domanderà. «Io mi farei un backup del cervello» interverrà l’altra decisa. Saluteremo le nostre amiche sul binario. Le due donne. si dimostreranno interessate agli sproloqui del mio amico. Solo che invece di minacciare la storia delle persone.  .

22. in Veronica & Silvio. 18. Roma. 13. Cicconi.it/idra/documenti. dal momento che questo scambio tra lei e Gerolamo si svolge nel settembre 2009.06. Per un riassunto della sentenza del giudice Nencini al processo di primo grado. 19. 15. geologo della Regione Toscana.note Note 10. nella sezione dedicata agli stralci della sua requisitoria: http://associazioni.it. Pdf on-line del 24. La frase del pubblico ministero Gianni Tei è riportata dal sito dell’associazione Idra. G. contenuta negli atti del procedimento penale n. Il bambino di nome Domenico (Manaresi) è morto nel luglio 2007. 11 e 14 aprile 1998): www. del Tribunale di Firenze. 1. il 3 marzo 2009. 535/04 R. 28.it/ archivio/1998/04/09/lorenzo-necci/. 8. e la testimonianza di A. Alta velocità: 27 condanne.it). e della dott. Vedi la requisitoria del pubblico ministero nel procedimento penale n. Guccini sono tratte dalla canzone Bologna. Tutto questo Marta Lanzi non lo dice perché non può saperlo. Bechelli. si veda l’articolo di Alessandra Bravi.08. del Tribunale di Firenze.6. citata nella requisitoria del pubblico ministero Gianni Tei all’udienza del 3 aprile 2008. Salvi. del Tribunale di Firenze. Dalla trascrizione di una lezione universitaria tenuta dal dott.htm. La traduzione è mia. 535/04 R. Berkely. 2. Il passo che Gerolamo legge prima di dormire è tratto da H. in una testimonianza resa di fronte ai magistrati di Perugia. Il sito del Comitato per il sentiero dei Bregoli è www. in C. udienza del 3 aprile 2008.12. La traduzione è mia. procedimento penale n.G. I.D. Luigi Micheli. 1984. uscito in tre puntate su Il Foglio (9. 12. La Repubblica.   . Le strofe di F. Sergi.05. 4. 5. partigiano della Stella Rossa.G. 6.html.it/comune/storia/martiri. raccolta da M.htm. Cancelli.rfi. 9.firenze. Rocca.bregoli. The Practice of Everyday Life. Guarino. L’istruttoria della Corte dei Conti del 15. 20. 535/04 R.sassomarconifoto. La cifra è stata calcolata da Salvatore Portaluri (presidente di Tav Spa dal ’91 al ’93). 14. A lui è dedicata la quarta edizione della guida La Via degli Dei. 7. “Lorenzo Necci investito e ucciso mentre andava in bicicletta”.2008. ma sono storici gli elementi del contesto. del Tribunale di Firenze. 2007. La scheda riportata è presa dal sito della Rete Ferroviaria Italiana. 3. L’autore è uno dei massimi esperti italiani di infrastrutture e lavori pubblici. Vedi le deposizioni del dott. sui debiti accollati al bilancio dello Stato da Tav Spa. Bari. de Certeau.comune. Zucchetti (a cura di). Thoreau. 11. Le informazioni sono tratte dal sito dell’Osservatorio Ambientale sulla variante di valico (www. I costi dell’alta velocità in Italia. Il fatto raccontato non è realmente accaduto. Impatti vari dell’alta velocità.it/idra/Requisitoria. pubblicato sull’edizione fiorentina del Corriere della Sera (Corriere Fiorentino). La frase è attribuita al senatore verde Maurizio Pieroni in un articolo di C. alla sezione documenti: http://associazioni.G. Padova.ssa Maria Sargentini negli atti del processo di primo grado contro il Consorzio Cavet.it. Le due versioni sulla strage del Rio Conco sono quella raccontata da G. è disponibile sul sito dell’associazione di volontariato Idra.comune. M. 535/04 R. 16. 17. Dall’Olio sul sito www. Da M. Cancelli.camilloblog. contenuta nell’album Metropolis del 1981.firenze. Walking (1861). tra cui Cavet. I dati sulla redditività delle linee ad alta velocità sono ricavati da C. 21. Vedi la testimonianza Lodico-Italstrade negli atti del procedimento penale n. Il 23 novembre 2009 i giudici della Corte d’Appello di Firenze hanno sospeso l’esecuzione immediata della sentenza di primo grado e sollevato gli imputati. vol. Cfr. www. Travolti dall’Alta Voracità.osservatoriovariantedivalico. 2009. Si veda I. 2006. dall’obbligo di risarcire i danni e di pagare alle parti civili i 150 milioni di euro di provvisionale.G.

Thoreau. Milano.05. il Corriere del Mezzogiorno. Altri materiali sono reperibili sul sito: www. maggio 2007: http://www. Agostini sono raccontate nel loro libro La strada Bologna-Fiesole del ii secolo a.regione. Il testo si può scaricare dal sito: www. 25.   . Roma. 33.com) e dai power point realizzati da Agsm per presentare un impianto analogo a Casoni di Romagna.ebenevengamaggio. 38. G. Che non venisse mai giorno!. Il brano letto da Gerolamo prima di dormire è tratto da H. 1845.01. note 35. 1891. Dal power point di Agsm per l’impianto eolico di Monterenzio e Castel del Rio. Santi e C. A questo proposito. Udine. e dodici società del vento sono accusate di «associazione per delinquere finalizzata alla truffa aggravata.il sentiero degli dei 23. 1995. 27. 1976. 40. Le avventure archeologiche di F. 45. La popolazione civile era considerata un ostaggio.emilia-romagna.. 37. si veda il saggio dello storico tedesco F. slide n. 1997. 6068 del 04. Il raggio di impatto potenziale di un impianto eolico è dato dalla formula: R = (100 + E) × H dove E è il numero delle turbine e H la loro altezza (cfr. Il grafico compare in Il supporto all’elettricità da fonti rinnovabili di energia. 46. sono stati messi sotto sequestro. 2002 e il libretto del cd musicale de I Suonatori della Valle del Sàvena. registrata dagli studenti della 2B dell’itc di Castiglione dei Pepoli e trascritta nel volume Picco e Pala: La Direttissima. riportata in A. 39. I dati sulla secca della Carza e dei suoi affluenti sono ricavati da G. Marchesini. 6068 del 04. I giganti della montagna. Un’ottima introduzione ai molti aspetti della “questione eolica”). 1984. secondo la Direttiva “Habitat” della Comunità Europea. La strofa è sempre tratta da una ballata popolare dei minatori locali. e non tutti i suoi annessi e connessi sono inseriti nel paesaggio con la stessa armonia dello specchio d’acqua. Cuori e motori. Si noti che il Sasso di Castro è classificato come Sito di Interesse comunitario (sic). La guerra delle forze armate tedesche contro la popolazione civile. 41. 42. 2000. Lo scavo dell’invaso per il lago di Bilancino non è stata certo un’opera senza impatti e disagi. per aver indebitamente percepito pubblici contributi».comitatomontedeicucchi. Ridolfi. Per ricostruire il contesto delle Mille Miglia mi sono basato sul bel libro di D.amicidellaterra. Leopardi. (2008) 57 del 23. La notizia è uscita su vari quotidiani: L’Unione sarda. in Canti.it/polizia-provinciale.flaminiamilitare. Staro (a cura di). L’episodio raccontato è di fantasia.it.it/paesaggi/novita/eolico. presidente dell’Associazione nazionale Energia del Vento e del Benevento Calcio. Le ultime due strofe sono tratte dalla canzone Federica. La ginestra o Il fiore del deserto. anche la funzione di riserva idrica per il territorio (gestita da Publiacqua Spa). 26. La morte della mosca.pdf. 28. Settimelli per Federica Taglialatela. 36. Tav sec 32. La Wehrmacht – e non solo le ss – è stata responsabile di svariati crimini ed eccidi sul territorio italiano. L’undici novembre 2009 un’altra frana colpisce il mondo dell’eolico: Oreste Vigorito. tra le altre. 2006 e condensata in un grafico a cura dell’associazione Amici della Terra (www. 28 settembre 2008. 34. 43.D. 30. magnifica raccolta di testimonianze realizzata in occasione del 50° anniversario della linea ferroviaria. Coiante.. 29. Le nuove fonti di energia rinnovabile. 31. Giuntini. Lolli. 20. Bologna. Sette impianti eolici.provincia. I metri cubi di roccia asportati dal Sasso di Castro sono previsti e riportati nel Decreto di compatibilità ambientale della variante di valico n. Regione Emilia Romagna. Bologna. 1984. una delle 17 vittime (di cui 2 morte in seguito) della “strage di Natale” del 23. cit. La stima della superficie di territorio richiesta da alcuni tipi di energie rinnovabili è stata elaborata in D. Bologna. Dossier Eolico. Le vie del violino. in Leaves of Grass.. scritta da L. Andrae. I dati sulla centrale eolica di Monte dei Cucchi sono tratti dal sito del Comitato (www. 24. La notizia della discarica abusiva è tratta dall’Archivio Notizie della Polizia Provinciale di Firenze: www.it.C. Decreto via n. Il verso di W. Il Sannita.01. Whitman è tratto da Song of the Open Road. Il bacino ha. Le prime nove strofe che intervallano la narrazione sono tratte da una ballata popolare dei minatori della Direttissima. Il racconto rispecchia il mio viaggio a piedi lungo la “pista di cantiere” che conduce alla cava del Sasso di Castro. per un totale di 185 turbine. da giocare in ogni momento contro la Resistenza e gli Alleati. Dati ufficiali sull’eolico italiano nell’anno 2008 pubblicati dal Gestore Servizi Elettrici (Gse).08.05. 44.12. Firenze. La Wehrmacht in Italia.01. Su Melchiade Benni e i suonatori del Sàvena ho utilizzato P.84. Walking. viene arrestato dalla Guardia di Finanza.it). 1943-45. 2001 e sui reportage dei quotidiani dell’epoca.fi. contenuta in Ho visto anche degli zingari felici. La frase è presa dalla canzone di C.

Anche in questo caso. La dichiarazione di Legambiente è riportata in un lancio dell’agenzia di stampa Asca (www. il volume delle perdite era ulteriormente raddoppiato (tre laghi di Bilancino prosciugati in una decina d’anni). 535/04 R. tra cui Cavet. dall’obbligo di risarcire i danni e di pagare alle parti civili i 150 milioni di euro di provvisionale. i giudici della Corte d’Appello di Firenze hanno sospeso l’esecuzione immediata della sentenza di primo grado e sollevato gli imputati.05. 8 milioni di utili”.08. pdf on-line. Vedi l’articolo “Publiacqua. il volume d’acqua disperso dai lavori era quindi di circa 45 miliardi di litri..06.09. 1. udienza del 10 aprile 2008.06. poiché il racconto di viaggio si svolge nell’ottobre 2009.. 880 del 27. 52. iv.11.03. 48.10. del 15.G. nella delibera della Giunta regionale toscana n. Al momento della prima sentenza. 47. il Corriere fiorentino del 04.09. Tav in Mugello. Vedi gli atti del procedimento penale n. L’autore è ordinario di Geomorfologia all’Università di Firenze. Publiacqua e Tav sono riportati. ha calcolato che le fuoriuscite fossero quasi triplicate (115 miliardi di litri).01. comunicazione al Simposio ogt del 25. 53. Gianni Tei.il sentiero degli dei in Mugello. Gli accordi tra Regione. Tribunale di Firenze. 49. Sezione Monocratica. La frase dell’associazione Idra è tratta da un articolo comparso sulla rivista Rosso Fiorentino.asca. nel marzo 2009. cit. Al momento dell’apertura del procedimento penale a carico di Cavet. 51. n. Gerolamo non può sapere che nel novembre dello stesso anno. requisitoria del pubblico ministero dott. in l’Altracittà del 31.it) del 3 marzo 2009. A fine 2005 Giuliano Ridolfi. 50. tra le altre. cfr. Guida pratica  .

Invece di attraversare. Il percorso segue la strada per circa 2 km. è probabile che vi facciano accampare in un piccolo prato di fianco al ristorante. e dopo 1 km si raggiunge l’asfalto di via Badolo (sp. poi a destra via Farini e a un incrocio di più strade tenersi a sinistra su via Collegio di Spagna. Consiglio comunque. Nel testo. con svariate note storiche e informazioni geografiche. e non necessita di particolari doti escursionistiche o di orientamento. Il percorso per i camminatori prosegue seguendo la strada sulla destra. Qui siete già sotto il portico che. il nuovo tracciato della Via degli Dei lascia l’asfalto e sale a sinistra. passando il cimitero di Vizzano. la guida di riferimento è La Via degli Dei. in discesa. La si imbocca attraversando la strada e prendendo la via laterale che sale a sinistra (via Colliva). salvo alcuni brevi tratti. passando sotto una delle dodici porte della città e l’Arco del Meloncello. il felceto. Padova 2007. se possibile. Dopo 400 metri. si trova una scaletta che scende a un ampio prato. si scende per via Monte Albano fino al civico numero 11. sulla destra. oppure www. invece.novarbora. poi continua ben segnato fino alla vite secolare e sbuca poco sopra su una strada bianca (via delle Orchidee). fino all’incrocio con la sp. dove inizia il sentiero dei Bregoli che porta all’ingresso del Parco della Chiusa (o Talon). 37 Ganzole. senza arrivare a Badolo. imboccare sulla sinistra via D’Azeglio. bisogna prima prenotare allo 051847581. oltre a un orto di piante medicinali. al civico 35. che collega Pianoro con Sasso Marconi. vale la pena fare una breve deviazione (andata e ritorno: 1 km) per vedere il ponte sospeso sul Reno. le rocce e la torbiera. un Golden Gate in miniatura costruito nel 1930. Se chiedete.Badolo (390 m) Lunghezza: 23 km Dislivelli complessivi: salita. di procurarsi le mappe delle diverse zone in scala 1:25. Se volete visitarlo. Proseguendo per circa 5 km sulla riva destra del fiume.000. A destra. Cento metri più avanti.   ..guida pratica Il percorso della Via degli Dei è in generale chiaro e ben segnalato. Qui si prende a sinistra. si ritrova l’asfalto in via Rio Conco. dove dal 1987 sono stati ricreati alcuni ambienti naturali – come lo stagno. che sale fino a incrociare via Ancognano. Tornati al bivio si prosegue. si trova il Giardino botanico Nova Arbora.it). si resta sulla traccia che passa sotto il ponte e continua nel bosco della Barlaita. discesa. ho descritto la deviazione per mountain bike che porta alla Vite del Fantini. quindi a destra per via Saragozza. 58) e sempre in discesa si giunge all’arrivo in circa 2 km. www. Lungo il percorso. La struttura è anche un bed&breakfast e può tornare utile per chi non volesse dormire in tenda. per 2 km di asfalto. 4a ed. Dal santuario. con brevissime interruzioni.com. La si segue in discesa e ci si trova subito a un bivio.hostariadibadolo. Tappa 1: Bologna (54 m) . Qui la via più semplice è seguire il viale d’ingresso e la stradella asfaltata che lo prosegue. rare e velenose. il percorso procede verso Vizzano. guardando la torre dell’orologio. dove si può cenare presso l’Antica Hostaria della Rocca (tel. Per chi volesse una descrizione tecnica del tragitto. Lo si attraversa per incontrare un sentiero che costeggia il bosco e che si segue fino alla passerella sul fiume Reno. 580 m. 051847506. 220 m Da Piazza Maggiore. A sinistra. curata dal gruppo che “inventò” questo cammino all’inizio degli anni Novanta. vi porterà fino al santuario della Madonna di San Luca (291 m).

dove bisogna prendere la sterrata a sinistra. dopo circa 800 metri. Appena rientrati nella   . che si raggiunge in 3 km e circa 100 metri di dislivello in discesa. Dalla vetta la strada prosegue dritta. si raggiunge l’antico Ospitale con chiesetta (oggi agriturismo) Le Croci (856 m). sem- pre pianeggianti. fino a ricongiungersi con la sterrata. Subito dopo l’edificio. che presto diventa una strada sterrata e supera il confine regionale con la Toscana. fino a ritrovarsi sui prati dei Capannoni. che sale ripido fino a Monte del Frate. Se volete visitarlo. Dopo circa 1 km si arriva al bivio con la strada che arriva da Badolo e si prosegue in direzione di Monzuno. ristoranti e pensioni. si sale a destra sulla sterrata del campo sportivo.5 km. in discesa. che bisogna calpestare fino a Monzuno (623 m.Madonna dei Fornelli (798 m) Lunghezza: 23 km Dislivelli complessivi: salita. la strada vicinale per Ca’ di Sotto. quindi prosegue in costa e infine scende nella valletta del Centro Tutela Fauna esotica e selvatica. Qui si ritorna sull’asfalto e si scende al Bivio Fùrcolo (460 m) con la sp. giungendo così alla Piana degli Ossi (1045 m) e alla tettoia che protegge l’imboccatura di un’antica fornace da calce. e ancora a destra si entra a Brento (463 m).org). e accordarvi in anticipo con i volontari (tel. Da qui si sale ancora con gli ultimi strappi fino alla vetta di Monte Adone (654 m). 530 m Dall’incrocio principale del paese si seguono le indicazioni per Pian di Balestra e la Strada Romana. Dopo il terzo tornante si lascia l’asfalto per un sentiero che sale evidente sulla destra.). Volendo si può seguire l’antica strada. www. All’inizio della discesa. 1062 ab. si prosegue in cresta fino a ritrovare l’asfalto. dove ci sono bar. Scendendo sulla destra si arriva alla strada comunale. tenendo la sinistra al bivio. Altrimenti. Poco più avanti si superano i ruderi della Faggeta. fino a un bivio a T dove prendete a sinistra. il sentiero gira dietro le stalle e attraverso boschi di pioppi. in caso di pioggia. sulla sinistra. poco sotto la vetta del Monte dei Cucchi (1138 m). Prima del centro. è indicata la breve deviazione nel bosco per il basolato della (presunta) Strada Romana. Dopo 600 m. Superato un gruppo di case. in discesa. 59 degli Dei. Arrivati all’agriturismo Le Campagne. tornate indietro di 200 metri per la strada della prima tappa. in salita (a destra si scende a Bruscoli). fino alle prime case di Madonna dei Fornelli (798 m. In estate può essere piacevole pernottare sulle rive del lago di Castel dell’Alpi. In 1. arriva nei pressi di una fattoria e devia a sinistra fino a raggiungere un gruppo di case. quindi proseguite in discesa sul sentiero fino ad arrivare all’asfalto. da dove si scende sulla strada ghiaiata che percorre il crinale. Attenzione al bivio. Da Monzuno si seguono le indicazioni stradali per Trasasso e Madonna dei Fornelli. è consigliabile proseguire per Brento sulla strada asfaltata (4 km). Tappa 3: Madonna dei Fornelli . Arrivati al casolare. si attraversa una grande radura (Le Banditacce). Si prende a sinistra e seguendo le indicazioni ci si ritrova su una mulattiera che sale nel bosco fino alla rete della Stazione Radio di Emergenza per il Nord Italia.).Traversa (851 m) Lunghezza: 17 km Dislivello complessivo: salita. Da qui si scende e si attraversa un’abetina fino al quadrivio asfaltato di Pian di Balestra.il sentiero degli dei guida pratica Tappa 2: Badolo . Riservate un’occhiata e una firma al quaderno di vetta (nell’astuccio metallico attaccato alla croce). sulla destra. il sentiero scende sulla destra. per altri 2 km asfaltati. passando per l’antico Ospitale (lungo il tragitto ci sono piccole deviazioni ben segnalate per evitare la provinciale). 560 m. poi un’abetina e un cancello per il bestiame. fino a imboccare. Dopo aver costeggiato a lungo la recinzione dell’Azienda faunistico-venatoria Il Passeggere. 900 m. 420 m Dal bivio di fronte all’Hostaria.centrotutelafauna. discesa. dovete prevedere circa tre ore. Il sentiero prosegue fino a un incrocio dove bisogna prendere a sinistra. 416 ab. 051847600. arriverete alla centrale eolica di Monte Galletto (955 m). discesa. che sale verso la cima di Monterumici (561 m). si volta a sinistra e alle successive deviazioni si continua sempre dritto. e imboccate il sentiero per Monte Adone. Si prosegue dritto per via Bastione. castagneti e piccoli ponticelli (attenzione ai segnali) sale per circa 2 km fino al ripetitore Telecom.

Salendo dritti si raggiunge Cima Le Banditacce (1202 m). Dal passo si scende tenendo la sinistra (in direzione di Firenzuola) e subito si imbocca il sentiero a destra. tel.] Il sentiero sale evidente nel bosco. per vino. tra erba alta. dove si trova la croce di vetta. Senza nulla togliere agli altri. quindi a sinistra. senza seguire altre indicazioni. Giunti in basso. 0558406750). superare il torrente Anguidola tenendosi sempre a destra.il sentiero degli dei guida pratica faggeta.htm). [Chi volesse visitare il Convento di Bosco ai Frati deve prendere a destra al primo quadrivio. 160 ab.it) oppure b) girare a sinistra verso Bologna e fare tappa all’Albergo del Passo (meglio telefonare per sincerarsi che sia aperto: tel. si entra nel bosco della tenuta Schifanoia. a destra sull’asfalto e ancora a sinistra. molto evidente. che qui dimorò nel 1273 (www. Poco più avanti. per raggiungere in una mezz’ora la piccola frazione sulla ss. 65 della Futa. bisogna cercare sempre i segnavia biancorossi. dove troverete bar. potete tralasciare la deviazione. 0558423018.net/arte/boscofrati. Dopo poco più di 1 km. l’altro dal casolare del Cerro (sentiero 46). sulla destra). è facile che vi facciano mettere la tenda nel giardino sul retro). www. in mezzo al bosco. ristoranti e alberghi. spesso affiancati dal basolato dell’antica strada. un sentiero evidente porta a una fonte (in caso di bisogno). sulla sinistra. con 65 personaggi di legno in movimento (aperto il pomeriggio o su prenotazione: tel. [In caso di pioggia. 535 ab.5 km fino a Gabbiano e alla chiesa di San Lorenzo. si tratta dello stesso incrocio attraversato per arrivare a Sant’Agata e della strada di fronte a quella percorsa in precedenza). fino al Passo della Futa (il Cimitero Germanico è a 50 m. fino all’incrocio con quello che arriva dalla località L’Apparita. ma incrocia la pieve duecentesca di San Lorenzo. sia per la pieve che per il Museo di Vita artigiana e contadina. in salita. Il percorso successivo è a tratti confuso. nel bosco. Il convento è un luogo molto suggestivo. Si continua dritto e poi con due curve in salita. quindi a sinistra dopo 200 metri. La tappa a Traversa costringe il giorno dopo a 2 km di asfalto sulla statale. è meglio evitare l’ascesa a Monte Gazzaro e pro seguire per l’asfalto fino alla piccola frazione di Roncopiano (circa 4 km). seguire il percorso principale fino al Passo della Futa e da lì a) continuare per un’ora e mezzo fino a Monte di Fò (tratti di Strada Romana + campeggio Il Sergente: tel. Da qui si scende nel bosco. e si fa scivoloso. ambiente e musica. mentre la vetta vera e propria del Monte Gazzaro (1125 m) è poco oltre. che consiglio di seguire. in salita. bisogna fare attenzione a non perdere i segnavia. fino alle indicazioni per Gabbiano (per chi ha seguito il sentiero 46. 505 m.it). e l’albergo ristorante Da Jolanda (poco più in basso. su rocce bianche e argilla. scende a una casa diroccata e poi risale al Lagonaccio. La prima alternativa segue più a lungo l’asfalto. Si continua dritto fino a sbucare in un prato. Fate attenzione ai segni biancorossi e girate a sinistra. tel. si segue a destra la strada fino alle prime case di Scaffaia (circa 2 km). in discesa e poi lungo il crinale.ilfilo.Castello di Trebbio (430 m) Lunghezza: 27 km Dislivello complessivo: salita. 055815255. Si arriva così al Passo dell’Osteria Bruciata (917 m) e si volta a destra verso Sant’Agata. Subito dopo il primo edificio si svolta a destra. La strada bianca prosegue dritta per 2. cespugli e ginestre. finché i faggi non lasciano il posto agli abeti. La mulattiera. Da qui il sentiero scende. finché a un certo punto non ce lo si trova pressoché di fronte. con tanto di cartelli della Via Flaminia Militare. 914 m Si segue la strada statale 65. 055815265). che risale al 1300 e conserva un dipinto di Jacopo Vignali. discesa. Tornati indietro di 500 metri. Tappa 4: Traversa . e  . un ampio spiazzo punteggiato di cespugli e sfasciumi argillosi. Per arrivare a Sant’Agata ci sono due accessi: uno passa da Montepoli (sentiero Cai 46B). Se volete evitarli. www. mentre sulla sinistra si stacca la deviazione per Traversa (851 m. scenario di svariate leggende su san Bonaventura. da dove una comoda mulattiera sale al Passo dell’Osteria Bruciata.). vicino alla cabina dell’alta tensione.campingilsergente. Sant’Agata (341 m. per la cucina e l’accoglienza riservata ai campeggiatori (se mangiate lì e chiedete con gentilezza.passodellafuta. 055815231). il percorso principale prosegue dritto. mi permetto di segnalare la Trattoria da Bibo (la prima in cima al paese.) merita senz’altro una visita. Dal centro del paese si scende lungo via Vittorio Emanuele e si prende a destra via San Francesco.

tel. porta di nuovo sull’asfalto. raggiunta Piazza Colonna da via Calimara. sempre dritto. al Passo della Catena. fino a ritornare sull’asfalto a Vetta Le Croci (518 m). Potreste decidere di allungare qui e di prendere invece un autobus appena arrivati a Fiesole o a Firenze. dopo 1 km. Il paese è senz’altro il posto migliore per dormire in una camera d’albergo.il sentiero degli dei guida pratica in breve ci si ritrova sulla provinciale. Le strutture non mancano e si può aver tempo di visitare tanto la pieve di San Pietro che la fortezza medicea di San Martino. poi a seconda delle varianti Dislivello complessivo: salita. Al ritorno. senza tirare a piedi fino alla stazione. Si prosegue in salita per altri 300 metri. dove si arriva con circa 4 km di strada e gli ultimi 200 metri di dislivello. In questo caso. parallela alla principale. si sale lungo via dell’Antica Posta e via Medici. Arrivati alla croce dei Sette Santi. si scavalca (forse) il torrente Carzola. mentre proseguendo lungo la sterrata si scende verso la ss. che scende. Sull’altro lato della statale si attraversa  un prato e poi si prende a destra per il paese. superando le ville Schifanoia e Adami (oggi biblioteca comunale).  . tel.5 km si ridiscende sulla strada della Futa. ma ben spesa. Si attraversa la provinciale e si continua sulla strada di fronte. la soluzione migliore è fermarsi prima. Tappa 5: Castello di Trebbio . 65 e l’ingresso della villa (a pagamento. via della Fortezza. il passo sulla strada Faentina che separa il Mugello dalla valle del Mugnone e dell’Arno.Firenze (50 m) Lunghezza: 22 km fino a Fiesole. all’altezza della località Tagliaferro (250 m). nobili fiorentini. poi si lascia la carrareccia. meglio informarsi su orari e aperture. sull’altro l’alto. sempre dritto. 302. e dopo altri 3 km (via della Lupaia) raggiungere Pratolino.] Il percorso principale prosegue invece dritto al quadrivio nel bosco per altri 2 km e ormai in vista della provinciale. 0558458793. e poi a destra all’incrocio a T in corrispondenza del casolare. andare sempre dritto al quadrivio. lo stesso scultore a cui si deve il Nettuno. entra in un castagneto e infine esce sull’asfalto. poi subito a sinistra per circa 1. al quadrivio. Al primo bivio si gira a destra e si sale per 1. Lo si segue a destra. fino al crinale e al convento di Monte Senario (815 m). la salita continua. 055409427. Oltrepassata la ss. Lasciandosi l’edificio sulla sinistra.5 km fino a un casolare (sulla destra). Basta proseguire lungo l’asfalto per un altro chilometro. Tornati sul sentiero. Da qui si imbocca sulla destra. 65 della Futa e la si raggiunge dopo circa 1 km. in Piazza Maggiore a Bologna. si passa sotto la ferrovia faentina e si sale fino a raggiungere una carrareccia pianeggiante. in discesa. Per chi ha la tenda. prima dell’ultima discesa. prendere a destra la via della Casa al Vento. In tutto sono 7 km in più di cammino. Si procede a sinistra e dopo 300 metri un sentiero ben segnato sale sulla destra. finché non si arriva a un bivio. A destra si va a visitare la fortezza. 755 m. si volta a sinistra. Il castello si visita solo con una guida.] Il percorso principale supera invece la Casa al Vento. con segni evidenti. Questo sentiero. verso la Casa al Vento. si prende a sinistra e in circa 3. circa un’ora e mezzo. Si gira a destra e poi subito a sinistra seguendo le indicazioni per il Trebbio. Terminate le case. opera del Giambologna (Jean de Boulogne). oppure proseguire fino al castello di Trebbio (almeno un’altra ora e un quarto di cammino). che scavalca la Sieve e poi a sinistra entra a San Piero (via Massorondinaio e via Cipriani).5 km. dove si trova il Colosso dell’Appennino (1580 circa). fiancheggia la chiesa di San Jacopo a Coldaia (del secolo xi). il martedì e giovedì. discesa. dove una via secondaria sale sulla sinistra. 055409155). [Una lunga deviazione permette di raggiungere lo splendido giardino di Villa Demidoff. sull’altro lato si attraversa un prato a fianco di un laghetto e si torna sull’asfalto dopo 400 metri. si scende in un’abetaia fino all’asfalto. 2857 ab. e si imbocca una cavedagna che attraversa un campo in salita. anche se vale la pena fare altri 200 metri per una vista frontale della Badia del Buonsollazzo (540 m). La si attraversa e si segue la strada dritta. si prende la sterrata a sinistra. la ss. 900 m (fino a Fiesole) Dal trivio (oggi quadrivio) che dà nome al luogo. in salita. lungo la strada di Gabbiano.). Si passa sull’altro lato della strada. che poi incrocia il viale d’ingresso a San Piero a Sieve (212 m.

Si arriva così a San Martino a Mensola. quindi lungo la sterrata che raggiunge l’asfalto alla sbarra del Tabernacolo. per raggiungere Firenze e concludere così la Via degli Dei). Dal cippo che ricorda il volo di Leonardo.. si arriva in Piazza Duomo e in Piazza della Signoria (circa 11 km e due ore di cammino dalla sbarra del Tabernacolo. per via Verdi. senza aspettarsi un guadagno e nemmeno un rimborso spese. Qui si prende a destra via Boccaccio. si imbocca via Vecchia Fiesolana e si scende. Un esempio di tenacia come il loro merita un ringraziamento anche solo per la fiducia che riesce a trasmettere. preferisco ringraziarli con gli abbracci e la voce. Da qui a Piazza della Signoria mancano circa altri 5 km (totale dalla sbarra: tre ore e mezzo di cammino). proseguendo sempre dritti. Se ho potuto dare un senso a quel che incontravo sul sentiero. oppure da Piazza Mino. poco prima di entrare in città. si scende ripidi alle Cave di Maiano (sentiero n. Arrivati ormai a Firenze. in direzione Ponte a Mensola. le storie e le catastrofi del territorio tra Bologna e Firenze. È il tragitto più breve. un semplice consolarsi perché qualcun altro lotta al posto nostro. Dal cippo con i versi del poeta Cicognani si scende verso il ripetitore Telecom di Monte Fanna. l’associazione di volontariato Idra. attraverso Coverciano. ma allo stesso tempo mi pare un’usanza stucchevole. b) Si prosegue fino a Fiesole (295 m. Ancora 2 km di asfalto e si arriva a Firenze. In particolare. coloro che ho modo di incontrare e sentire al telefono. si supera la ferrovia e si prosegue dritto per via Don Minzoni. passando le ville Medici. a 4 km dalla sbarra del Tabernacolo) e si sale in cima a Monte Ceceri (deviazione sulla sinistra. 7).il sentiero degli dei Sull’altro lato della strada. col segnavia n. 2 del Cai. ma anche il più asfaltato. in viale Augusto Righi. fino al convento di San Domenico. col sentiero n. che da tanti anni incontro sul web ogni volta che cerco notizie e riflessioni sulla tratta appenninica dell’alta velocità. 2 comincia a salire sul crinale i 200 metri di dislivello che portano in cima al Poggio Pratone (702 m). lo devo a quanti hanno raccontato la Storia. a) Una prima possibilità consiste nel seguire la prima deviazione a sinistra. Nieuwenkamp e Albizi. Qui si imbocca via San Gallo e. 1). all’incrocio tra via Vincigliata e via D’Annunzio. Capisco il senso di citare tutti su un’unica pagina. lo stadio Franchi e Campo di Marte. Le Balze. che costeggia Villa Schifanoia e Villa Palmieri (quella che fa da cornice ai racconti del Decameron). 2887 ab. Il mio ringraziamento va soprattutto a quanti l’hanno fatto per passione. Se ho potuto percorrere la Via degli Dei è grazie al sogno di chi l’ha immaginata e all’impegno volontario di chi ogni anno la mantiene ben segnata e percorribile. i parenti. ben segnalata anche per il campeggio Panoramico.   . Da lì. Ringraziamenti Vorrei utilizzare questo spazio per ringraziare soltanto persone che non conosco e che non si aspettano di essere nominate qui. in via Peramonda. non molto diversa da quelli che vanno in televisione a salutare la mamma. fino ad arrivare in Piazza della Libertà. Gli amici che frequento spesso. Si imbocca la strada verso destra e si comincia a decidere come raggiungere Firenze. dopo 250 metri. il sentiero Cai n. Purché la fiducia non si trasformi in un fate voi. in circa 6 km si arriva in Piazza della Signoria e alla stazione di Santa Maria Novella (totale dalla deviazione: tre ore e un quarto di cammino). si prende a sinistra via Sacchetti. c) Si prosegue fino a Fiesole e dalla piazza centrale (Piazza Mino).

mai. in questo disgraziato Paese. molto vicina.il sentiero degli dei L’emergenza ambientale. è per te che stai leggendo. è sempre molto. Ci sono responsabilità grandi e piccole. allora. dovrebbe sentirsi assolto. crimini contro l’umanità e peccati veniali.  . ma nessuno. se sarai il prossimo a scorgere la macchia nera e a darti da fare per cancellarla con l’aiuto di qualcuno. L’ultimo grazie.