SI VIDE ALL'ANIMALE Raffaele Viviani (1947) Dall'opera "I dieci comandamenti

"
Scritto in collaborazione con il figlio Vittorio tra il 1944 e il 1947, I dieci comandamenti è uno degli ultimi lavori di Raffaele Viviani. Ormai gravemente malato, l'autore immagina uno spettacolo che sia, in qualche modo, summa della sua ricchissima esperienza teatrale e affresco della società che va emergendo dalla Napoli del secondo dopoguerra. Ancora una volta il primo riferimento di Viviani è il "varietà" che, per spregiudicatezza e verve umoristica, ritiene si presti meglio di ogni altra forma teatrale a raccontare la vita della sua "gente". Pulcinella introduce i dieci quadri: in vividi scorci di quartieri napoletani si alternano episodi di aspra ironia ad altri di struggente poesia o di dolorosa constatazione di una nuova, imperante, povertà morale.

… … …
Raffaele Viviani, il cantore di quel mondo sottoproletario - legato più ai bassi e al porto che non ai borghesi appartamenti eduardiani, animato da una lingua aspra, incomprensibile eppure vivissima - comincia a scrivere il testo nel 1944. Poi, passata la guerra, quest'opera vede un'edizione definitiva. Viviani, sessantenne, amareggiato, da tempo lontano dalle scene, guarda con un sorriso di profonda compassione a quei derelitti che ogni giorno si arrabattano per sopravvivere, e li mette a confronto con la dottrina - con i dieci comandamenti appunto - leggi morali che stridono nel loro assolutismo di fronte alla complessità del reale. La narrazione procede per quadri, come quello dei due aspiranti ladri che non rubano solo perché la vittima non ha nulla da farsi rubare, e anzi riceveranno la solidarietà del malcapitato, che offre loro di condividere un piatto di maccheroni. E non si uccide, in quella Napoli, perché dopo gli orrori e il sangue della guerra non c'è più spazio per altro dolore, per altra violenza... (Andrea Porcheddu, da Del Teatro)

(entra Pulcinella, prima che si alzi il sipario, e canta) Si vide all'animale ca stanno 'ncopp' 'a terra ti pienze sempe a mmale, tu vide sempe guerra! 'O cane, cu nu strillo, vò muzzeca' o muscillo, ca afferra 'o suricillo pure 'a dint' 'o mastrillo! Marame'! Siente, sie'! Che battaglia, neh! 'A vorpa po' ca è ffina, aunita cu 'a faina s'arrobba a na gallina, l'azzanna e s' 'a strascina! Marame'! Siente, sie'! Quant'arruobbe, neh! 'O lupo, preputente, comme si fosse niente, se mette sott' 'e diente na pecora 'nnucente! Marame'! Siente,sie'! Chella more, mbe'! (imita il belato della pecora)

ca cchiù 'a vorza hann'a 'ngrassa'. 'o munno è tristo e nisciuno 'o pò cagna? Mo nce vo'. chisto è 'o munno: pure ll'uommene. ca ce accidono pe' niente. malamente.Largo e tunno.e tenimmo 'o ccore 'mpietto! E c'è cara 'a vita nosta.. p' 'o ppresutto! Nun cacciammo brodo e llatte. pe' nun dicere uno 'e tutto! Ccà nuie simmo crestiane. p' 'e ssacicce. 'e Cumandamente nun se ponno rispetta? Una è a guerra ca ce spetta. ca ce levano 'e stentine? Nun servimmo p' 'e ccustate. pe' stu fatto... ma overo simmo fatte puorche crape pulicine. e purtroppo l'imm'a fà: chella llà ca tutt' 'e juorne se cumbatte pe' campa'! . 'O munno è tristo! Chisti ccà sò brutti tiempe! E ma allora.perciò merita rispetto! E vedimmo. senz'ave' pietà! 'O prugresso? More 'o fesso! Jh che bella civiltà! Che mudernità! Neh. 'e campa' cu 'a legge 'e Ddio! 'Nnanze a Dio nuie simmo eguale: nun ce stanno "tu" e "io"! Ma però 'e Cummandamente se rispettano? Nun sempe! E se sape. se sa. s'hann'a massacra'! Che ll'afferra ca na guerra ogne tanto s'ha dda fa'? Forse pe' sfulla ?! (SCFUGà!) So' 'e putiente.

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful