You are on page 1of 71

DIRITTO PUBBLICO COMPARATO

LA COSTITUZIONE La costituzione l'insieme delle regole fondamentali dell'organizzazione originaria e sovrana e quindi dello stato di cui legge fondamentale. Il concetto di costituzione nasce nel medioevo come rapporto fra il rispetto delle leggi divine e l'ossequio delle tradizioni, ad un certo punto per vennero considerate superiori le leggi opera della storia infatti, la prima e fondamentale lex era la consuetudine, mentre le leggi scritte erano la sistemazione di consuetudini. La strada verso la formalizzazione della legge fondamentale passa attraverso i movimenti del pensiero politico del 17 e 18 sec. E tra l'evoluzione delle istituzioni inglesi che capirono che si doveva avere una limitazione dei propri poteri per cui nacque una democrazia rappresentativa con l'affermazione di un parlamento bicamerale. Si riconobbero le libert civili con la supremazia parlamentare di cui parla il Bill of Rights e l'indipendenza dei giudici. Per la nozione di costituzine furono fondamentali le teorie del contratto sociale per cui la sovranit del popolo che la trasmette al monarca e la teoria del diritto naturale per cui i diritti come quello dell'eguaglianza appartengono per natura all'uomo. La costituzione contiene proprio i limiti che il popolo ha inteso porre ai sovrani e garantisce il rispetto dei diritti fondamentali la cui teoria si deve a John Locke. La legge ha la funzione di positivizzare i diritti naturali preesistenti nell'individuo e nessun potere legittimo se non rispetta il patto sociale. Il concetto di costituzione comincia ad essere affiancato a quello di insieme di leggi istituzione e consuetudini derivate da certi mutabili principi di ragione e diretti a fini di pubblico bene che anche una norma sovraordinata all'attivit dei poteri previsti dalla costituzione stessa. Nelle costituzioni degli stati del nord

america, degli stati uniti e della rivoluzione francee vi sono principi comuni come la separazione dei poteri, la tutela dei diritti, la sovranit popolare, la superiorit della costituzione rispetto alle altre leggi e la costituzione come doc scritto. Le norme costituzionali divengono norme positive e scritte. La costituzione precettiva per cui pone obbligatoriamente un nuovo ordine politico, ci che fatic ad affermarsi fu soprattutto la superiorit giuridica della costituzione. Il costituzionalismo un complesso di istituzioni e di principi ed il risultato di un processo dialettico tra la costituzione inglese e le costituzioni scritte da un lato, e, teorie politiche giuridiche dall'altro. Il costituzionalismo sinonimo di libert costituzionali la cui luce sempre stata accesa negli U.S.A., importante sempre stata la separazione dei poteri per delimitare quelli del parlamento o del sovrano. Con lo stato liberal democratico le costituzioni dualiste di parlamento e corona si trasformano in moniste con prevalenza del parlamento. La crisi dello stato liberale si ha con le forti tensioni poliotiche per i conflitti tra classi e il costituzionalismo repubblicano del primo dopo guerra fa avere una rappresentazione dello stato pluriclasse che deve integrare i gruppi sociali organizzati in partiti. Lo stato deve far raggiungere l'eguaglianza sostanziale per cui interventista intervenendo nelle relazione economiche e sociali ma lasciando anche spazio alle autonomie collettive. Il costituzionalismo del 20 sec parla di stato dei partiti e i principi del costituzionalismo in genere devono essere tenuti presente per interpretare le costituzioni. Siamo in un periodo di europeizzazione delle teorie costituzionalistiche cui un tassello la carta dei diritti fondamentali dell'unione europea e anche di una costituzione internazionale per cui importante lo stato delle nazioni unite e l'intervento della corte dell'aia tutto questo per il fatto che il costituzionalismo ha un'aspirazione universilastica i cui principi fondamentali si trpvano nella dichiarazione universale dei diritti dell'uomo al cui centro sta l'uomo in

quanto tale. Le costituzioni occidentali comunque rispondono a principi comuni. Nella nozione di costituzione fondamentale il riconoscimento e la tutela dei diritti fondamentali tra cui quelli ogg di garanzie costituzionali sono: le libert negative che devono essere previste sa leggi e nei casi piu intensi applicate da autorit giudiziarie come la libert di religione che possiamo definire anche diritto inviolabile perch non si puo eliminare con poteri pubblicied ha efficacia erga omnes; le libert positive con lo svolgimento della persona nei rapporti politici, economici e sociali; i diritti della terza generazione quindi nuovi come la tutela della privacy. Il riconoscimento e la tutela dei diritti dell'uomo stanno alla base delle costituzioni democratiche moderne che devono essere garantiti e resi effettivi per cui i diritti possono essere limitati soltanto dalla legge e iul loro contenuto e i loro limiti si hanno attraverso il bilanciamento o la ponderazione per cui si seguono criteri di ragionevolezza, proporzionalit ecc. la divisione dei poteri e la ripartizione della sovranit fra una pluralit di poteri indipendenti per cui si parla di una razionalizzazione dei poteri. Nello stato costituzionale si instaura una giurisdizione costituzionale dei diritti e si parla di stato di diritto materiale per cui importante l'interpretazione giurisprudenziale e per i diritti sociali importante un corretto funzionamento dell'amministrazione e per tutelare i diritti fondamentali sono anche importanti gli istituti di garanzia come la riserva di giurisdizione. La costituzione si basa su una volont politica che il potere costituente che ha carattere di originariet ed apparitene al popolo. Ogni decisione successiva espressione invece di potere costituito, il potere costituente un potere inviolabile, irrevocabile e non trasmissibile e si esprime sopprimendo la vecchia costituzione e ponendone una nuova o modificando i principi fondamentali della vecchia. Il potere costituente legittimo per cui una costituzione legittima quando il nuovo ordinamento

iuridico effettivo. Nel procedimento costituente l'iniziativa appartiene ad una autorit straordinaria che o un argano ad oc o previsto dalla costituzione fino allora vigente. La funzione dell'autorit straordinaria che assume l'iniziativa costituente ha il fine di preparare l'assemblea costituente e il titolare del potere di iniziativa governo provvisorio. L'assemblea deve fondarsi su libere elezioni a suffragio universale ed diffusa la ratifica della costituzione a mezzo di referendum. Le costituzioni si classificano per cicli: 1. le costituzioni rivoluzionarie del 700 come la dichiarazione d'indipendenza americana e le costituzioni della rivoluzione francese. 2. Le costituzionbi napoleoniche importanti in italia per le vittorie delle armate francesi infatti basta ricordare la repubblica italiana del 1802. 3. le costituzioni della restaurazione che limitavano le monarchie per la trasformazione in monarchie parlamentari. 4. Le costituzioni liberali con punto di riferimento la francia del 1830. 5. le costituzioni dei paesi latino americani modellate sulla costituzione degli stati uniti e quindi di stato repubblicano. 6. Le costituzioni democratiche razionalizzate. 7. Le costituzioni di tipo democratico sociale elaborate dopo la II guerra mondiale. Tal volta non si parla di cicli ma di costituzioni modello quindi molto imitate come quella degli U.S.A., dei paesi lationo americani, della rivoluzione francese, la costituzione spagnola del 1812 e la costituzione consuetudinaria inglese. La costituzione formale il testo approvato dall'assemblea costituente quindi si esprime in un testo scritto, quella materiale valore fondamentale che sorregge la costituzione formale. La cosituzione materiale esprime

l'ordine di una societ che caratterizzata secondo una particolare visione politicea per cui partendo dalla costituzione formale la integra con le decisioni politiche fondamentali in cui si riconoscono le forze della comunit. La costituzione materiale non fonte del diritto ma inerisce al metodo di indagine del diritto costituzionale. La costituzione materiale non puo prevaricare quella formale ma ha funzione di carattere interpretativo individuando i valori dominanti o i super principi. La costituzione materiale la costituzione formale che abbandona la finzione dell'assoluta separazione tra diritto e politica. Le costituzioni popolari nascono in virt del potere del popolo, quelle concesse invece sono frutto si un auto limitazione del sovrano che concede la costituzione sotto pressione popolare come lo statuto albertino. Le costituzioni pattizie si fondano sull'accordo tra re e assemblea del popolo come quella di svezia del 1809, le costituzione plebiscitarie sono approvate invece del popolo con un plebiscito. Le costituzioni imposte sono date da un ordinamento esterno a seguito ad esempio di eventi bellici come le costituzioni e le repubbliche giacobine italiane o piu recenti del 2004/05 dell'afghanistan e iraq per la presenza statunitense. La costituzione di derivazione estera lo in virt di accordi internazionali come quella di cipro per il trattato tra granbretagna grecia e turchia. Le costituzioni condizionate si hanno quando la libert del potere costituente condizionata da accordi internazionali come la costituzione di Weimar. Le costituzioni rigide sono quelle che per essere modificate richiedono procedure aggravate, mentre sono flessibili quelle modificabili con legge prdinaria e sono rigide tutte le piu importanti costituzioni del 20sec. Flessibili era l'esempio lo statuto albertino e attualmente quella della nuova zelanda. La rigidit caratteristica del costituzionalismo perch da forza al prodotto del potere costituente. La costituzione della granbretagna la piu rigida di quelle del continente perch per modificarla, oltre

che la procedura aggravata, serve, un largo consenso e per cui si istituita una corte suprema. Costituzioni consuetudinarie sono quelle che nascono dal ripetersi e dal consolidarsi di usi e tradizioni come quella britannica che formata anche, per, da leggi, infatti si ritiene costituzione organica o storica o cumulativa, avuta con l'accumulo di leggi consuetudini convenzioni. La costituzione scritta per salvaguardare i suoi contenuti e per la sua chiarezza, questa esigenza si avuta per prima negli stati del nord america poi in francia e poi in tutta europa. La forma scritta ha anche risposto a esigenze di razionalit, di certezze del diritto, di uguaglianza e di libert dello stato. Il fatto che una costituzione sia scritta non vuol dire che sia insensibile all'evoluzione della societ. Sono costituzioni brevi quelle che disciplinano le competenze e l'assetto degli organi dello stato ed enunciano le libert fondamentali come quella usa o lo statuto albertino. Si sono invece avute costtuzioni lunghe perch si sono introdotte regole di razionalizzazione dei rapporti tra gli organi, sono disciplinati diritti sociali e misure per tutelare le minoranze o hanno dovuto disciplinare i diritti nuovi o sono dovute essere intrise di dichiarazioni ideologiche e programmi. La piccola costituzione invece quella che regola i rapportifondamentali tra poteri dello stato e anticipa quella vera e propria. Sono costituzioni unitestuali quelle contenute in un unico testo, pluritestuali in piu testi ceme quella della terza rep francese o del canada. Si parla di costituzione frammentata quando alla costituzione scritta si accompagna una molteplicit di leggi costituzionali come in svezia o in austria. Costituzioni provvisorie sono invece quelle della rep democratica del congo o quelle che si succedettero in austria quando divenne una repubblica. Sono costituzioni instabili quelle dei paesi di recente indipendenza dove lo scontro politico forte.

LE DINAMICHE DELLA COSTITUZIONE La costituzione pu essere modificata e ci dimostra il suo carattere di revisionabilit che ineliminabile. Nelle costituzioni flessibili nono vi limite alla revisione che si ha attraverso la semplice legge ordinaria perch un sistema sempre in movimento. Nelle costituzioni rigide vi sono limiti procedurali e sostanziali alla revisione i secondi possono essere temporali per cui in un determinato periodo di tempo vietata la revisione come nella costituzione portoghese che la ammette solo dopo 5 anni. Altri limiti sostanziali sono di circostanza per cui si vieta la revisione in situazioni di emergenza, si pu avere anche che la costituione non sia modificalbile in ogni sua parte per cui si parla di liti di contenuto. Tali limiti possono essere espliciti coe l'art 139 della nostra costituzione che dice che la forma repubblicana non pu essere oggetto di revisione costituzionale oppure vi possono essere limit espliciti che riguardino valori e principi. Limiti impliciti sono anche inclusi nella costituzione a meno che non si dichiari che il parlamento non abbia alcun limite nelle modifiche costituzionali. La costituzione non emendabile nelle sue norme chiave che contengono i principi di struttura dell'ordinamento come ad es in italia il principio di uguaglianza che se modificato rivoluzionerebbe tutta l'identit dell'ordinamento costituzionale. Non sempre facile riconoscere i limiti impliciti, e cosi la nostra corte costituzionale ha riconosciuto l'esistenza di principi supremi dell'ordinamento costituzionale bisogna, per, considerare che la non revisionabilit riguarda il principio o la singola libert ma non tutta la dsciplina costituzionale. Le costituzioni rigide possono essere modificate solo con procedure aggravate, ci, perch si ricerca un consenso pi vasto pi mediato e consolidato. Le procedure di revisione sono: 1. il potere di revione affidato ad un'assemblea ad hoc,

un organo che ha la funzione esclusiva di revisione come nella costituzione usa 2. potere di revisione affidato all'ordinaria assemblea legislativa come dice l'art 138 della nostra costituzione 3. potere di revisione affidato all'ordinaria assemblea legislativa con 2 approvazioni ad intervallo di tempo ad opera della stessa assemblea, art 138 4. potere di revisione affidato ad un organo formato nel contesto di organi gi esistenti come nella francia della terza repubblica 5. potere di revisione affidato nella fase iniziale all'ordinaria assemblea legislativa che verr sciolta e l'approvazione sar della nuova assemblea, ci, avviene in spagna in beglio per cui si scinde la legislatura di proposta da quella di decisione 6. revisione con partecipazione degli stati membriche si ha nelle costituzioni federali come gli usa 7. revisione affidata all'assemblea legislativa ma, con referendum obbligatorio come in spagna e in francia e questo metodo nato proprio negli stati americani potendo saltare il referendum se la revisione stata approvata con maggioranza ultra qualificata 8. revisione affidata alle assemble legislative ma, con referendum eventuale come in slovenia se lo richiedono almeno 30 parlamentari altrimenti, si ritiene, che il popolo esprima un consenso tacito 9. revisone con procedure diverse per cui non vi una via unica come negli usa 10. revisione internazionalmente orientata come avvenuto in armenia la cui revisione si ha avuta con l'interazione con la commissione di venezia del consiglio d'europa Queste tipologie di revisione possono combinarsi tra di loro o possono aggravarsi come in italia per cui oltre al voto degli elettori i progetti di legge costituzionali sono adottati da ciascuna camere con 2 successive deliberazioni ad intervallo di tre mesi. Sovente la revisione si differenzia dalla legislazione ordinari per il profilo della titolarit del potere di iniziativa e vi sono anche costituzioni che

escludono le revisioni dal potere del capo dello stato. In una costituzione vi possono essere vari gradi di rigidit per cui alcune che revisioni richiedono aggravamenti piu intensi come per l'art 132 della nostra cost che tratta della fusione di regioni esistenti o la creazione di nuove regioni per cui oltre alla legge costituzionale serve l'iniziativa dei consigli comunali che rappresentino un terzo della popolazione interessata. Le rigidit aggravate sono finalizzate anche alla tutela del patto federale o all'importanza delle materie comunque, quasi tutte le costituzioni sono caratterizzate da rigidit variabile come ad es la costituzione canadese per cui alcune materie erano sottoposte alla revisione del parlamento britannico poi restituito a quello canadese. Le revisioni totali che investono tutta la costituzione vedono dei limiti del potere costituente come il rispetto dei diritti fondamentali e del principio di sovranit popolare. Revisione totale si ha avuta per la V repubblica francese con la quale il governo fu autorizzato a presentare un progetto costituzionale da sottoporre al referendum popolare. La revisone totale potere costituente se si ci riferisce alla costituzione materiale per cui noi sappiamo che il potere costituente originario oltre che a disciplinare il potere costituito disciplina la formazione e l'esercizio del potere costituente. La revione totale si ha avuta per le costituzioni della svizera dell'argentina con procedure particolarmente complesse al contrario di quelle ordinarie avutesi solo in argentina. La costituzione spagnola molto complessa prevede l'approvazione della decisione di procedere a maggioranza dei 2/3 lo scioglimento delle camere la ratifica delle camere elette di revisione e di stesura del nuovo testo approvato a maggioranza dei 2/3 e poi con referendum. La revisone totale non puo incontrare limiti impliciti ma, ci, viene smentito in spagna dai limiti dei principi fondamentali. La revisione dell'art 138 della nostra cost riguarderebbe solo circoscritte revisioni ma, non la riforma che una rottura dell'equilibrio originario

della cost. Oltre alle revisioni espresse di cui si finora parlato ve ne possono essere anche di tacite che avvengono in via interpretativa e si tratta di un'interpretazione evolutiva perch fortissimo il rapporto di interscambio tra disposizioni costituzionali e fatti storici e sociali o anche l'evoluzione della scienza. Quanto piu il sistema disomogneo ed inefficiente tanto piu la politicit delle corti diviene marcata. Le costituzioni si modificano anche per effetto della legislazione ordinaria poich, le norme costituzionali sono state definite a fattispecie aperta perch avutesi con la combinazione tra norme costituzionali e fonti legislative e consuetudinarie. Altre modifiche tacite hanno avuto origine in consuetudini e convenzioni. Di modifiche tacite si parla anche con riferimento alla ratifica di trattati che incidono sulle competenze costituzionali co me l'istituzione dell'ordinamento comunitario infatti la corte costituzionale italiana ha fondato la legittimit del sistema europeo sull'art 11 ravvisando una rispondenza alle finalit indicate da tale norma. Le limitazioni che subiscono i poteri sovrani lasciano salve i valori costituzionali per cui il trattato impinge solo sulla costituzione dei poteri, con il trattato ci mastricht si ha avuta la comunitarizzazione con revisioni costituzionali annesse, in germani la corte costituzionale ha mantenuto per se per il controllo di costituzionalit degli atti comunitari, in spagna la procedura di revisione ha riguardato la disciplina dell'elegibilit dei cittadini comunitari. La deroga un istituto per cui una determinata disposizione non trova applicazione in presenza di determinate cisrcostanze; con riguardo alle deroghe alla costituzione si parla di rottura della costituzione e costituisce una modifica per cui sottoposta agli stessi limiti della revisione. Quando le costituzioni impongono la rottura, si prla di auto-rottura, quando, invece, la

facoltizzano si parla di rottura autorizzata. Simile alla rottura la sospensione che ha per carattere temporaneo e puo incidere in tutto o in parte sulla costituzione e riguarda soprattutto il riparto delle attribuzioni tra i vari organi e le garanzie delle libert fondamentali che vengono in via temporanea rese inefficaci per fronteggiare situazioni di crisi interna o internazionale per cui vi una paralisi delle regole ordinarie per la difesa dello stato. Ci che giustifica la sospensione della cpstituzione il principio di necessit per cui si fa richiamo al principio di conservazione dell'assetto costituzionale. Le costituzioni tendo a regolamentare gli stati di emergenza, non solo per assicurare una adeguata risposta organizzativa ma, nche, per evitare i pericoli annessi al regime di emergenza ci, avveniva nel 19sec con la riappropriazione dei poteri da parte del sovrano per salvaguardare l'assolutismo e ai giorni nostri si ha avuta la concentrazione dei poteri ad un organo costituzionale per cui si parla di dittatura costituzionale ed ha natur transitoria per difendere la costituzione. Nelle situazioni di emergenza i poteri operativi sono affidati all'organo esecutivo, ci evidente nell'ordinamento presidenziale degli usa dove si cerca di limitare lo strapotere presidenziale con l'obbligo di informazione del congresso. Negli ordinamenti ad esecutivo dualista, tipici dei governi parlamentari e semi presidenziali il rafforzamento dell'esecutivo pu riguardare il capo dello stato quanto il governo. Nelle forme parlamentari tende a prevalere comunque la posizione del governo con la concorrenza del capo dello stato come in italia dove lo stato di emergenza deliberato dalle camere, dichiarato dal pres rep e gestito dal governo. Un caso apparte la gran bretagna ma, comunque, le competenze parlamentari posseggono funzioni di controllo nei confronti dell'esecutivo a cui conferiscono i poteri necessari o a cui deliberano lo stato di crisi. Si devono stabilire i limiti del regime dello stato di

emergenza, in portogallo vi il rispetto del principio di proporzionalit e l'impossibilit di intaccare i diritti alla vita, all'integrit personale ecc, in sud africa si elencano i diritti non derogabili ecc, cmq i limiti della sospensione alle garanzie costituzionali sono tracciati dalla legislazione ordinaria e dalla giurisprudenza come in gran bretagna dove era consentita la detenzione extra giudiziaria e tempo indeterminato di stranieri sospettati di terrorismo ci, stato censurato dal house of lords. Le limitazioni alle gartanzie costituzionali vengono fondate quindi nel diritto alla sicurezza. Le linee di difesa della costituzione sono diverse, la piu nota quella del controllo di costituzionalit delle leggi e anche le procedure aggravate di revisione costituzionale, inoltre la stessa sospensione ha uno scopo di difesa. Tale difesa un obbligo che grava su tutti primi fra tutti i titolari di funzioni pubbliche il cui dovere sancito dal giuramento di fedelt richiesto per i titolari di organi costituzionali ma, anche i semplici cittadini hanno il dovere di essere fedeli alla repubblica e di osservarne la costituzione e leggi, art 54 costituzione italiana. La difesa svolta dal popolo con il diritto di resistenza per cui non si osservano i comandi incostituzionali anche se provenienti da organi costituiti o si sciopera ad es per comportamenti incostituzionali. La resistenza vera e propria quella collettiva come diritto ad opporsi ad uno stato tiranno e si distingue dalla rivoluzione poich essa una rottura con il passato e serve per istaurare un nuovo ordinamento, mentre la resistenza serve per restaurare l'ordine costituzionale calpestato. Altra ancora la disobedienza civile che si ha quando i cittadini disobbediscono alle leggi perch non aderenti alla coscienza sociale. Il diritto alla resistenza nacque nella dottrina cristiana per cui i precetti dell'ordine divino prevalevano sul potere civile, da questa sede teorica il diritto alla resistenza passa nelle costituzioni degli stati del nord america e rimbalza in quelle francesi. Dopo le

rivoluzioni la resistenza ha una fase di involuzione perch lo stato di diritto prevede altri strumenti a garanzi di cittadini poich il diritto di resistenza comincia laddove ogni altro rimedio giuridico non piu consentito infatti la resistenza si configura come reato politico. Una seconda forma di difesa sanzionare gli attentati alla costituzione per cui spesso vengono inserite misure di repressione del dissenso ideologico e politico ma, non bisogna allo stesso tempo ledere la libert di pensiero infatti nei paesi autoritari vi il divieto per qualunque attivit critica delle istituzioni e non si garantisce l'opposizione poich vi un partito unico. Ci non avviene nei regimi costituzionali per cui vi molta piu tolleranza e tale attegiamento di non difesa definito come liberalismo non protetto. Con l'avvento dei partiti totalitari si ha avuta l'introduzione della disciplina all'opposizione ati costituzionale con la repressione dell'estremismo politico che ha per attenuato la concorrenza ideologica che appunto ha creato il dibattito sul partito anti sistema. La legislazione degli usa nella guerra fredda ha posto gravi restrizioni per cui si parla di ordinamento protetto che ha inciso sul diritto di riunione facendo prevalere la sicurezza ai principi liberali per cui si ha avuta la prevenzione delle azione politiche eversive. Vi sono ordinamenti che hanno disciplinato il problema nella costituzione come l'art 9 GG che proibisce le associazioni anti costituzionali che contrastino con le leggi penali e l'ordinamento costituzionale, tali divieti sono applicati con ragionevolezza e proporzionalit per cui vi deve essere un atteggiamento aggrssivo nei confroni dell'ordinamento vigente infatti l'ordinamento tedesco si definisce come democrazia che si difende come la spagna. L'italia un es specifico di democrazia protetta per cui le libert fondamentali vengono limitate o annulate per la tutela di interessi vitali per la costituzione per cui, si vieta, la riorganizzazione del partito Fascista, cosa imposta anche dallo stesso trattato di pace. L'art 49 della cost prevede che i partiti debbano

concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale che non deve caratterizzare anche il programma necessariamente per cui nn sono vietati i partiti anti sistema ma, si esclude la violenza e l'intimidazione. I reati di vilipendio hanno una materia che stata da poco modificata per cui si punisce chiunque promuova, costituisca o organizzi associazioni dirette a sovvertire violentemente gli ordinamenti economici o sociali. Si ha avuto anche un interpretazione adeguatrice ai principi costituzionali per cui vi deve essere la concretezza del pericolo elaborata dalla giurisprudenza americana per cui si devono perseguitare quelle manifestazioni di pensiero che determinano un'azione penalmente illecita. In periodi di emergenza si ha in molti paesi un affievolimento o una sospensione dei diritti e delle garanzie costituzionali per proteggere lo stato e vi sono vari modelli per ci: quello britannico fondato sulla deliberazione libera da controlli giurisdizionali, quello statunitense che prevede deroghe ad alcuni diritti, quello che consente a determinate istituzioni di imporre stati di eccezione come in spagna o in francia, quello che considera lostato di guerra come l'unico regime d'eccezione come in talia e il sistema che affida al parlamento la scelta di limitare alcuni diritti imporre sospensioni o deroghe per singole disposizioni evitando ogni eventuale sindacato. Il terrorismo internazionale del dopo 11 settembre ha suggerito ai paesi vittima di attentati di non dichiarare gli stati di emergenza ma, di adottare norme antiterrorismo che deroghino garanzie costituzionali ci, avvenuto soprattutto negli stati uniti e nel regno unito dove si derogata la libert personale ampliando ad es con il terrorism act 2006 le condotte incriminabili. Il canada ha ristretto taluni diritti civili introducendo l'arresto senza mandato poi decaduto, in germania le norme antiterrorismo sono rimaste invariate a quelle degli anni 70 per cui lo stato ha competenza legislativa esclusiva sull'uso dell'energia nucleare. In francia si prevedono restrizioni a garanzie processuali e a procedimenti speciali come il terrorismo, in spagna non si reagiti all'attacco a madrid

ma, si sono introdotte deroghe per la custodia cautelare e al fermo di polizia. In Italia si sono adottati decreti legge non incidendo sul godimento delle garanzie costituzionali anche se vi l'espulsione immediata di cittadini stranieri sospettati di terrorismo. Il legislatore ha dovuto separare quindi l'uso della violenza a fini legittimi da quello a fini terroristici. LE FORME DI STATO La forma di stato indica l'insieme di principi e regole fondamentali che caratterizzano un ordinamento statale e che disciplinano i rapporti fra stato e cittadini mentre, per quanto riguarda i rapporti fra stato centrale e enti autonomi territoriali si parla di tipo di stato. Lo stato unitario si ha quando il potere solo dello stato centrale o di soggetti periferici da esso dipendenti, decentramento burocratico. Lo stato composto si ha quando il potere si distribuisce fra stato centrale ed enti territoriali con poteri propri, decentramento politico. Il primo tipo di stato quello presente in francia sagna e italia mentre, negli stati uniti, in svizzera ed in germania vi lo stato federale come modello originario di stato composto. Prima di tutto in questi 3 paesi si ebbe la confederazioni di stati per cui vari stati indipendenti danno vita ad un'organizzazione comune per cui si tratta di un'organizzazione comune semplificata con la pariteticit della rappresentanza degli stati e con l'unanimit per l'adozione di decisioni di carattere vincolante. La fragilit delle confederazioni le trasformarono in stati federali. Il federalismo da un punto di vista politico filosofico visto come governo mondiale dell'umanit per garantire la pacifica convivenza fra popoli. Lo stato federale nasce per associazione o integrazione di stati indipendenti e vi sono stati che si danno un assetto federale fin dalla loro indipendenza, altri che si costituiscono per dissociazione di un precedente stato unitario come l'argentina e il belgio che si trasformato prima in stato regionale e poi federale. Gli stati federali hanno un ordinamento statale

federale che riconosce l'autonomia di enti politici territoriali collocati fra stato e enti locali detti negli stati uniti stati membri e in messico ad es cantoni che hanno prorpie costituzioni, in oltre si ha una ripartizione nella costituzione federale di competenze fra stato centrale e stati membri e un assetto bicamerale del parlamento, con una camera che rappresenta tutto il corpo elettorale e un'altra gli stati membri detta negli usa senato. Tale seconda camera puo avere criteroio paritetico per cui ogni stato ha lo stesso numero di rappresentanti o differenziato per la popolazione facendo eleggere i senatori o dal corpo elettorale o dai parlamenti statali o dai governi statali o dall'esecutivo federale. Vi sono i modelli del senato dove si esprimono i voti individualmente e senza vincolo di mandato e quello del consiglio tipico della germania i cui consiglieri sono delegati dai governi statali ed esprimono un unico voto. Lo stato federale ha una composizione del governo rappresentativa e gli stati membri partecipano alla reviosione costituzionale ed in oltre vi un organo federale di tipo giurisdizionale. Vi l'individuazione del soggetto titolare di sovranit e si ritiene per alcuni che la sovranit sia ripartita fra stato centrale e stati membri per cui lo stato federale sarebbe uno stato di stati, per altri si ritiene che i titolari della sovranit siano gli stati membri. La teoria per prevalente attribuisce la sovranit allo stato federale per cui vi una superiorit del diritto federale su quello degli stati membri che sono enti non sovrani ma, autonomi parificati alle regioni. Altri autori fanno uno schema tripartito che vede lo stato federale come l'insieme di tre diversi ordinamenti, quello degli stati membri, quello dello stato centrale e quello che sintesi dei primi 2 ma, tale teoria non reale. I principi costituzionali che regolano i rapporti fra i diversi livelli di governo vengono individuati nel principio di autonomia costituzionale e in quello di partecipazione, la prima distinguerebbe gli stati membri dalle regioni e dagli enti locali. Le entit federate partecipano alla formazione della volont dello stato per la seconda camera e per la

necessit della maggioranza degli stati membri per la revisione costituzionale per cui lo stato federale uno stato politicamente decentrato basato su forti autonomie territoriali. Si passati da uno stato federale liberale ad uno stato federale sociale per cui nel primo vi la libert dei privati e del mercato mentre nel secondo vi la partecipazione delle collettivit locali alle scelte politiche per cui vi un rapposrto stretto tra federalismo e democrazia pluralistica. La distinzione principale fra i vari stati federali quella fra modello anglosassone e modello europeo, nel primo si distinguono in maniera rigida le competenze esclusive del governo centrale e di quelli periferici. Nel secondo la clausola dei poteri residui disposta sempre a vantaggio degli stati membri ma in svizzera ed in germania vi un'ampia fascia di competenze concorrenti per cui si parla anche di federalismo si esecuzione. Lo stato federale belga un federalismo di sovrapposiuzione con la stratificazione di 4 aree linguistiche e di 2 entit federate, le 3 regioni e le 3 comunit per cui si parla anche di federalismo asimmetrico e di dissociazione basato sulla distinzione fra i due principali gruppi linguistici nell'ambito del parlamento e del governo con separazione delle competenze che non sono giurisdizionali. Gli stati federali tutti, per, hanno alcune linee comuni come il rafforzamento del ruolo dello stato centrale e si sono avute anche tendenze di tipo centrifugo per cui si distrutto lo stato unitario e si sono formate unioni sovranazionali al di sotto di una confederazione di stati. In oltre si avuto un federalismo cooperativo per cui qualsiasi attivit pubblica rilevante deve essere oggetto dell'intervento congiunto e coordinato dei livelli di governo per cui importanti sono stati i principi di sussidiariet che comporta che gli interventi superiore di governo siano giustificati quando non possono essere compiuti dal livello inferiore, per cui si sono ampliate le materie coordinate fra stato federale ed entit federate. Il federalismo cooperativo come altro principio ha avuto qyuello fiscale per cui ogni livello di governo si procura autonomamente risorse per le poprie competenze salvo gli interventi redistributivi ma,

non si gode di un'autonomia esclusiva nella percezione delle entrate. In pratica lo stato centrale gestisce una quota non irrilevante delle risorse finanziarie ma, predetermina sistemi locali di prelievo fiscale. Inoltre il principio di collaborazione rende indispensabili i rapporti fra i livelli di governo per cui si puo avere una cooperazione istituzionalizzata che pu essere obbligatoria o facoltativa. Lo stato federale uno stato politicamente decentrato tal volta equiparato al presidenzialismo ma, in realt esso si combinato con tutte le forme di governo che caratterizzano lo stato democratico. Il regionalismo ha suddiviso uno stato centralizzato in entit autonome e precede alla formazione di stati regionali come in italia si ha avuto con luigi sturzo. Il movimento regionalistico si distingue da quello federale perch concepisce la regione come un livello di governo collocato fra lo stato e gli enti locali territoriali lo stato regionale molto pi recente di quello federale e deriva dalla suddiiion in nuove entit di stati caratterizzati da tradizione centralistica, i caratteri dello stato regionale sono: il riconoscimento nella costituzione di enti territoriali autonomi con propri statuti, l'attribuzione alle regioni di competenze normative e amministrative, l'esistenza di un senato non rappresentativo delle regioni m eletto a base regionale, una partecipazione limitata alla revisone costituzionale e l'attribuzione alla corte costituzionale della risoluzione per i conflitti fra stato e regioni. Si parla di stato regionale quando l'ente regione previsto nella costituzione e puo assumere significati di semplice circoscrizione o ufficio di decentramento burocratico, di regione amministrativa con autonomia non legislativa ma amministrativa e regione politica come quella italiana con elettivit dei titolari degli organi di goveno e con la possibilit che nelle materie di propria competenza si abbia libert. La regionalizzazione omogenea comporta una disciplina uniforme del'ente regionale ma, prevalente quella differenziata per cui alle diverse regioni attribuito un'autonomia diversa come ad es nelle regioni a statuto speciale italiane e alle comunit autonome spagnole anche se con la revisione del titolo V in italia le regioni ordinarie

possono acquisire condizioni particolari di autonomia. In passato il criterio di riparto delle competenze legislative prevedeva un'elencazione di quelle regionali e la competenza residuale era dello stato, in italia con l'art 117 si attribuita alle regioni la potest delle materie non espressamente riservate allo stato. Per le funzioni regolamentari e amministrative in italia sono attribuite alle regioni per le materie non riservate allo stato e con sussidiariet a favore dei comuni. Lo stato regionale si ha quando le regioni hanno fondamento nella costituzioni, sono enti politici autonomi, hanno competenze legislative e solo l'italia e la spagna rientrano in tale categoria perch il portogallo ed il regno unito lo sono parzialmente e la francia invece in via di regionalizzazione. Lo stato regionale non puo essere considerato sottospecie dello stato unitario poich le regioni verrebbero considerate enti non diverse da quelle locali e quindi autarchici, alcuni pensano che la differenza con gli enti locali sia solo quantitativa delle funzioni. Altri ritengono lo stato regionale come un tipo di stato intermedio fra stato federale e stato unitario definito dalla spagna repubblicana stato integrale e poi ci ha portato a coniare il termine ad o la ambrosini di stato regionale. Tale teoria ruota intorno al concetto di autonomia sia di emanare leggi sia politica per cui l'autonomia regionale si differenzia dall'autarchia e lo stato regionale non puo essere federale poich le regiono non sono stati membri ma frammenti di stato. Un'altra teoria ritiene che lo stato regionale come quello federale sia un tipo di stato decentrato poich le regioni sono enti non sovrane ma, autonomi. L'evoluzione degli stati regionali ha avuto una tendenza centrifuga con il rafforzamento delle condizioni di autonomia e dei poteri delle regioni come risulta in spagna. Nella revisione del titolo V della costituzione italiana vi sono aspetti di tipo federale con la ripartizione delle competenze a favore delle regioni ma, non si puo qualificare l'ordinamento italiano come federale perch ad es nn vi

un senato di tipo federale. Si avuto lo sviluppo del regionalismo cooperativo con la partecipazione delle regioni alla formazione dell'indirizzo politico statale o mediante strutture e procedure di raccordo e anche al livello di unione europea si permessa la partecipazione delle regione alle politiche comunitarie. Lo stato regionale si differenzia sempre piu da quello unitario che riconosce solo gli enti locali che non posseggono la copertura costituzionale delle regioni ma, hanno la stessa autonomia politica di queste. Le regioni possiedono anche autonomia legislativa e partecipano all'indirizzo politico statale. Dal confronto fra esperienze regionali e federali si ha l'elemento del concetto di autonomia che alcuni autori ritengono possedere solo agli stati membri ma, l'autonomia intesa come garanzia costituzionale sussiste anche per le regioni. Le competenze di tipo giurisdizionale e di ordine pubblico sono solo degli stati membri. Negli stati regionali non esiste una camere rappresentativa delle regioni che hanno anche una partecipazione ala revisione costituzionale piu limitata. Lo stato federale e quello regionale non costituiscono forme distinte e inconciliabili ma, sono 2 manifestazioni di decentramento politico quindi si ha uno stato unitario con decentramento burocratico prevalentemente amministrativo e uno stao decentrato con decentramento istituzionale di tipo politico. All'interno dello stato decentrato la distinzione fra regionalismo e federalismo incide sulla forma di governo. L'unione europea ha una struttura istituzionale che comprende: il consiglio europeo, composto dai capi di stato dei paesi che si riunisce almeno 4 volte l'anno, la commissione europea di 27 membri con presidente scelto dai governi e approvato dal parlamento durando in carica 5 anni, il consiglio dell'unione europea composto dai rappresentanti dei governi ed la principale istanza deciosionale, il parlamento europeo di 785 deputati eletti per 5 anni a suffragio universale dai 27 popoli degli stati membri e la corte di giustizia delle comunit europea di 27 giudici e 8 avvocati nominati per 6 anni, decide

sull'interpretazione del diritto comunitario e vi anche un tribunale di 1 grado. L'unione nasce per un trattato di diritto internazionale con il quale si creata un organizzazione centrale comune, gli stati mantengono il diritto di recesso e devono dare consenso unanime per modifiche del treattato istitutivo. L'unione non configura uno stato perch mancano un popolo e un territorio e l'ordinamento comunitario si ha per la cooperazione fra i vari governi. L'unione ha come soggetti gli stati ma anche i cittadini ed avendo il primato del suo diritto su quello interno comporta una sottrazione di sovranit agli stati membri poich ha autonomi poteri normativi, amministrativi e giurisdizionali. Le novit piu rilevanti sono state lo stretto legame fra commissione e parlamento, il valorizzare il ruolo del presidente del consiglio europeo e oggi l'ordinamento dell'unione si configura come un ordinamento federativo. LA CLASSIFICAZIONE DELLE FORME DI STATO la forma di stato legata al concetto di regime politico quindi le finalit che lo stato intende perseguire e di costituzione materiale quindi l'insieme dei principi e dei valori dominanti. Aristotele nel libro della politica distingue le forme di governo a seconda del numero dei soggetti titolari della sovranit in: monarchia, aristocrazia e politeia a cui corrispondono la tirannia, l'oligarchia e la democrazia. Machiavelli distingueva invece la monarchia e la repubblica per cui il re aveve una legittimazione di tipo trascendente mentre il capo dello stato aveva una legittimazione di tipo rappresentativo. Le forma di stato si possono dividere in stato democratico con struttura pluralistica pluripartitica e ha potere ripartito e stato autocratico che monolitico monopartitico e con potere concentrato. In queste due forme di stato non sono comprese esperienze come quelle dello stato liberale e dello stato assoluto. La democrazia da un punto di vista procedurale un sistema pluripartitico nel quale una maggioranza governa nel rispetto dei diritti delle minoranze, da un punto di vista

formale un organo rappresentativo elettivo con sistema elettorale proporzionale che rispetta il principio di maggioranza. stata superata la concezione della democrazia in senso sostanziale come sistema che possa realizzare un eguaglianza effettiva infatti superiore il governo per il popolo di quello del popolo. Adottando la concezione formale si arriva al paradosso che la maggioranza possa affidare il potere ad un dittatore, negando ci si disconoscerebbero le regole fondamentali ma, ammettendo cio si trasformarebbe il sistema democratico in uno autocratico per cui la democrazia dovr essere sia un sitema di regole procedurali ma, anche un insieme di principi e valori. Lo stato autocratico comprende tutte le esperienza non qualificabili come democratiche ad es stato socialista o Fascista poich l'autocrazia, governo di 1, ricopre sia la dittatura, che il regime autoritario che quello totalitario. La dittatura puo essere commissariale come quella di roma del 5 e 3 sec A.C. In cui il dictator un magistrato straordinario nominato da uno dei consoli in circostanze eccezionali quindi temporaneo ed eccezionale o si puo avere la dittatura sovrana con una nuova costituzione che sia ha in caso di crisi di regime e dopo di essa non si avr il ripristino della costituzione ma, l'instaurazione di una nuova forma di stato. Il regime autoritario ha una forte concentrazione del potere, un basso livello di consenso e l'uso di forza per reprimere l'opposizione come in germania con il nazionalsocialismo e in italia con il Fascismo. I regimi totalitari furono sia quelli suddetti sia quello comunista dell'unione sovietica accomunate da un'ideologia ufficiale di stato inculcata con la manipolazione, un partito unico e un capo carismatico. Il totalitarismo si forma su una mobilitazione delle masse e una struttura di tipo poliziesco. Le diverse forme di stato hanno avuto un'evoluzione storica seguendo i criteri: della natura del rapporto fra stato e societ civile, dell'individuazione del titolare del potere e del suo esercizio, la derivazione del potere, il riconoscimento o meno dei diritti di libert e l'esistenza o

meno di una costituzione. Si possono distinguere cosi lo stato assoluto da quello liberale nella contemporaneit lo stato democratico da quello autoritario e socialista. La forma di stato nasce nell'europa del XIV sec quindi nn se ne puo parlare nell'ordinamento feudale che di tipo patrimoniale privatistico con la sovranit del re che puramente teorica in quanto ogni feudo un ordinamento autonomo come lo sono anche quelli della chiesa, delle comunit urbane, dei ceti artigianali e mercantili. Non vi era neanche un apparato militare permanente e solo gli appartenenti alla nobilt e al clero avevano dei privilegi e non vi era neanche una costituzione feudale. Lo stato assoluto si sviluppa nel XIV sec e costituisce la prima forma di stato identificandosi con la nascita dello stato nazione. Si unificarono sotto il dominio del re ampi territori come avvenne in inghilterra francia e spagna. Vi un economia che unisce all'assetto agricolo il capitalismo mercantile e sostituisce allo scambio in natura quello fra merci e denaro, si arrivati cosi al rafforzamento della borghesia. Lo stato assoluto nato anche per l'espansione demografica e per un surplus nella produzione agricola si distingue in 2 fasi: qulla del 500 e 700 per cui si parla di stato patrimoniale con un forte intreccio fra fine pubblicistico e privatistico e una seconda fase del 700 con cui si ha lo stato di polizia con finalit pubblicistiche per realizzare il benessere dei sudditi. Nasce lo stato apparato che persegue per conto del re fini pubblicistici con un corpo amministrativo burocratico di funzionari stipendiati, un esercito permanente, un sistema di esazione dei tributi e la distinzione fra patrimonio privato del re e patrimonio pubblico. La sovranit spetta alla corona organo impersonale e continuo per, continuano ad operare gli ordinamenti autonomi con ampio spazio alle autorit locali. Il re ha nelle sue mani i poteri esecutivi e legislativi poich le assemblee rappresentative sono solo consultive, ha un potere di origine divina che si trasmette per via ereditaria quindi non rappresentativa e i suoi rappresentanti hanno con lui un rapporto di diritto privato. Nello stato assoluto

non vi sono diritti ma pretese di natura privatistico patrimoniale di cui vanta chi ha un titolo di prorpiet che pu per danni ingiusti rivalersi nei confronti del fisco. Lo stato assoluto non stato costituzionale e la sovranit ha limiti solo nelle leggi supreme del regno. L'assolutismo trionfer in francia. La crisi dello stato assoluto per il costo crescente dell'apparato burocratico militare e per la rivoluzione industriale dette avvio allo stato liberale la cui base economica costituita dal modo di produzione capitalistico. Lo stato liberale nasce assai presto in inghilterra dopo le vittorie del parlamento stuart per cui si trasformarono gli antichi privilegi in diritti e si posero limiti al potere del monarca. Negli stati uniti lo stato liberale nacque con la vittoria della guerra di indipendenza dalla gran bretagna e con la costituzione di filadelfia. In francia lo stato liberale per sorgere dovette assistere ai forti scontri tra borghesia e ancen regime, mentre in italia ed in germania si ebbe grazie all'espansione dello stato prussiano e del regno di sardegna. Lo stato liberale distingue nettamente la sfera pubblica dalla sfera privata perch si ha un'ideologia individualistica e dal punto di vista economico si parla di stato non interventista subordinando per il fattore politico a quello economico. La sovranit della nazione che un'entit unitaria ed indivisibile che trascende la volont dei singoli comprendendo chi ha una comune visione ideale e sociale ma, la nazione puo agire solo attraverso gli organi dello stato per cui si parla di sovranit dello stato o sovranit del parlamento. La separazione dei poteri un principio cardine dello stato liberale con tripartizione tra potere legislativo esecutivo e giurisdizionale fatto da montesquieu per spezzare l'assolutismo monarchcico e far avere fra le tre forma un reciproco controllo infatti fin dalle origini si ebbero delle interferenze fra i poteri. Nei paesi della common low il potere giudiziario indipendente, il quelli della civil low invece i giudici sono funzionari pubblici condizionati dal potere esecutivo e dalla volont del legislatore. Con lo stato liberale si afferma anche la

rappresentanza politica per cui le elezioni diventano lo strumento per la scelta dei migliori e gli eletti rappresentano non coloro che li hanno votati ma, l'intera nazione ma, in ogni caso con il suffraggio ristrtto vi una monoclasse per cui si esclude dal voto la maggioranza del popolo e non si parla di democrazia ma, di oligarchia. I diritti di libert hanno riconoscimento costituzionale e si identificano con i diritti civili o libert negative riconoscendo a ciascun cittadino una sfera privata. Lo stato liberale non per pienamente libero poich i diritti di libert sono riconosciuti con diversit negli ordinamenti e dove si affermano per via consuetudinaria, inghilterra dove sono considerati diritti naturali sono piu forti mentr, in germania ed in italia, sono piu deboli perch configurati come diritti pubblici soggettivi. Con lo stato liberale nasce anche la costituzione per garantire i diritti e la separazione dei poteri come legge superiore solo se frutto di un processo rivoluzionario infatti lo stato liberale uno stato legislativo in quanto la legge l'atto fondamentale e in oltr si parla anche di stato di diritto come sottoposizione degli stessi poteri pubblici a regole astratte e generali. Lo stato democratico nasce con la crisi di quello liberale e vi sono 2 novit, lo sviluppo del capitalismo in senso monopolistico e le contraddizioni socili per cui vi bisogno di un intervento regolatore dello stato. Con lo sviluppo del movimento operaio nascono i partiti di massa e si attenua la separazione fra stato e socit e fra politica ed economia. L'ideologia democratica non rinnega il valore della persona umana ma, afferma la pari dignit considerando l'individuo nel rapporto con gli altri per cui il principio personalistico convive con quello solidaristico ed egualitario con una partecipazione dell'individuo al potere dello stato. Si ha un economia di mercato sociale per cui si qualifica lo stato democratico come stato sociale o stato del benessere welfarstate per la sua finalit di redistribuzione del reddito per ridurre le disuguaglianze e favorire l'integrazione delle classi piu deboli. Lo stato compie investimenti pubblici che danno vita ad imprese

statali ed eroga servizi per i bisogni primari come l'istruzione. Si sviluppano organismi intermedi fra cittadini e stato come i partiti politici per cui si parla di stato di partiti. La sovranit appartiene al popolo che l'insieme dei cittadini titolari dei diritti politici. La separazione dei poteri non corrisponde a diversi interessi sociali e si moltiplicano le funzioni statali, si affermano nuovi poteri costituzionali, sono riconosciute le autorit amministrative indipendenti, si verrificano interferenze fra i poteri e assumono ruoli detrminanti soggetti esterni come i partiti politici per cui vi la concorrenza fra piu sogg politici per conquistare la titolarit per la funzione di governo. Lo stato democratico uno stato rappresentativo pluralistico per il riconoscimento del suffraggio universale e del principio di uguaglianza del voto e la rappresentanza politica siestende ad una pluralit di classi e gruppi sociali con un legame piu stretto fra eletti ed elettori. Vi quindi un pluralismo con l'esistenza di tanti gruppi economici sociali religiosi e un pluripartitismo e diversi livelli di governo territoriali e per il principio di maggioranza le decisioni del parlamento sono adottate a maggioranza salvaguardando per le minoranze politiche attribuendogli cariche e poteri specifici. Dalla combinazione fra democrazia e pluralismo nascono le poliarchie, sistemi basati su una pluralit di gruppi che competono per la gestione del potere. Nello stato democratico si affermano le libert positive che richiedono un intervento attivo dello stato come i diritti politici ed i diritti sociali in piu si ha un uguaglianza di tipo non solo formale ma, anche sostanziale per cui lo stato che deve rimuovere gli ostacoli per il ragiungimento di essa. Si ha inoltre a pieno titolo uno stato costituzionale con costituzioni aperte, lunghe e rigide. Lo stato di diritto evolve per cui si ha una legalit in senso sostanziale in quanto la legge de ve stabilire le finalit l'oggetto e la forma del provvedimento amministrativo e deve essere al di sotto della costituzione. Le garanzie giurisdizionali hanno un'espansione sia nei confronti degli atti della pubblica amministrazione sia delle leggi ordinarie.

La diffusione del modello democratico si ha avuta prima in germani giappone e italia dopo la seconda guerra mondiale, poi negli anni 70 in grecia portogallo e spagna con la caduta dei regimi autocratici, poi negli anni 80 per i paesi in via di sviluppo e neglia anni 90 per i paesi ex socialisti e dell'ex unione sovietica. La difficolt per la democratizzazione di trapiantare principi e valori dell'occidente in paesi che non li hanno assimilati per cui si avranno democrazie di facciata dovute allo scontro delle civilt democratico occidentali e le altreper cui l'unica alternativa di ricercare una convivenza che escluda la superiorita di una civilt sulle altre. La crisi dello stato democratico sociale si ha avuta per la globalizzazione per cui il mercato economico finanziario diventato mondiale ed ha accentuato per le differenze fra paesi ricchi e poveri facndo prevalere l'economia sulla politica per cui si ci pone un problema di un governo democratico mondiale che non puo essere svolto dalle istituzioni sovranazionali di natura economico finanziaria e dall'onu che accorda privilegio ai 5 paesi membri permanenti, stati uniti, russia, francia, regno unito e cina. Dalla globalizzazione e dallo sviluppo di organizzazioni sovranazionali si ha avuto il ridimensionamento del ruolo degli stati nazione che al loro interno devono rivendicare autonomia dalle collettivit territoriali.TT questi fenomeni determinano una crisi dello stato sociale e una crisi politica che deriva dalla crisi dei partiti che risentono della crisi delle ideologie e dalla perdita del loro carattere di massa per cui dovranno rinnovarsi.Vi una crisi giuridico-costituzionale per cui il voto popolare condizionato dall'uso dei mass-media ed diventato un voto di scambio con la politica che divenuta video-politica.Vi stata anche una crisi del parlamento per cui si passati allo stato amministrative in cui le decisioni vengono prese per la gran parte dell'esecutivo anche per la difficolt per il parlamento di fornire risp rapide e soddisfacenti.La crisi della politica ha favorita l'ascesa a ruoli di governo dei detentori del potere economico e la risp al terrorismo ha limitato le libert civili inoltre si sostenuta la superiorit della costituzione vivente .In ogni

caso per la democrazia ha dimostrato la sua superiorit storica su ogni altro regime contemporaneo ed riuscita a conciliare libert con eguaglianza uscendo anche da uno stato nazionale per proiettarsi ad una dimensione sovranazionale. Lo stato autoritario quello che si imposto in europa fra le 2 guerre mondiali e gli esempi pi significativi sn l'italia con il fascismo e la germania con il nazionalsocialismo che nascono sempre come risp allo stato liberale.Ha come ideologia una illiberale e antipluralistica e d vita ad un sistema autocratico proponendosi di distruggere il movimento operaio e di sopprimere il dissenso.Sia il fascismo che il nazionalsocialismo esaltano la nazione,per il primo un'entit morale,politica ed economica mentre nel secondo intesa come comunit popolare basata sul sangue e la razza nn che in italia nn si avranno cmq leggi razziali.In italia il partito si integra nello stato mentre in germania questo superiore allo stato.L'italia viene definita uno stato totalitario in costruzione perch si fanno salve le libert religiose ma solo di quella cattolica,permane la corona ma solo simbolicamente per cui come in germania che uno stato totalitario vi il partito unico ed il capo carismatico ma la mobilitazione delle masse resta passiva.Nello stato autoritario si ha una statalizzazione coattiva per cui interventista e la concentrazione del potere fortissima a livello sia verticale che orizzontale per cui le autonomie territoriali si sopprimono ed il potere legislativo al di sotto di quello esecutivo con una posizione di predominio per il capo del governo.In italia imp il gran consiglio del fascismo presieduto dal capo del governo perch esprime pareri obbligatori sulle leggi .Si ha una rappresentanza monopartitica e corporativa e la camera dei deputati sostituita da quella nn elettiva camera dei fasci.Vi quindi un unico partito che diviene ente di diritto pubblico e lo stato autoritario anche corporativo per cui si nega il pluralismo e la legittimit del conflitto infatti il corporativismo copre l'assenza di una concezione autonoma dell'economia dello stato autoritario che

illiberale e repressivo che nega e limita i diritti politici e civili.La costituzione preesistente rimane formalmente in vigore ma viene erosa da quella vivente. Lo stato socialista affermatosi in russia si esteso in vari paesi dell'asia e a cuba e la crisi che lo ha travolto soprattutto nell'urss nn lo deve far sottovalutare.Anche lo stato socialista nasce in contrapposizione a quello liberale ed ha delle caratteristiche simili allo stato autoritario,in esso si impone un modo di produzione collettivistico che sostituisce al mercato un piano economico quinquennale e una parziale accettazione del mercato si avuto negli urss e anche la cina ha cercato ultimamente di superare l'economia pianificata.L'ideologia dello stato socialista collettivistica,classista e internazionalista e si fonda sul marxismo e leninismo quindi sulla dittatura del proletariato per arrivare ad una societ comunista senza classi.La statalizzazione vede una preponderanza della politica sull'economia e della sfera pubblica su quella privata e lo stato apparato gestito da un ceto burocratico privilegiato ,l'urss un classico esempio di regime totalitario e per popolo si deve intendere l'alleanza degli operai e dei contadini. L'unit del potere statale vince sulla separazione dei poteri con il parlamento come organo superiore. Ogni organo del potere dipende orizzontalmente dal corpo elettorale e verticalmente dall'organo di livello superiore e l'organo che preminente la presidenza collegiale del parlamento che esercita tramite decreti il potere legislativo e di nomina e revoca e di cui fanno parte i massimi esponenti del partito. Ci che la differenzia dalla democrazia e che si ha un mandato imperativo e la revocabilit degli eletti inoltre si ha un carattere monolitico ed omogeneo delle rappresentanza. Il ruolo guida del partito comunista riconosciuto dalla costituzione e si ha un centralismo democratico pr cui ogni organo eletto ed responsabile verso i propri elettori, le decisioni degli organi di livello superiore sono vincolanti per quelli inferiori e la linea approvata dalla maggioranza deve essere attuata. riconosciuto ampio spazio ai diritti economico sociali ei

diritti politici sono funzionalizzati alla tutela degli interessi dello stato della societ e della collettivit anche se questi vengono negati all'opposizione. Il principio della legalit socialista nn assistito da una giustizia costituzionale perch il sindacato di costituzionalit affidato alla stessa assemblea per cui nn garantita l'indipendenza della magistratura. Si ha anche la procura che vigila sulla legalit socialista con un organo eletto dal parlamento nazionale in oltre si hanno costituzioni bilancio brevi e flessibili che divengono programmatiche lunghe e rigide per cui si hanno importanti revisioni costituzionali per la poca stabilita di tali governi. La crisi dell'unione sovietica e degli stati socialisti ha origine dalla riforma di gorbaciof per cui si separano i poteri, si modifica il sistema elettorale, si afferma il pluralismo politico e l'urss cosi eroso si disgrega in seguito ad un fallito colpo di stato nel 91 per cui si mette fuorilegge il partito comunista dando vita ad un regime transitorio. L'urss poi cessato di esistere dando vita ad una comunit di stati indipendenti. La cecoslovacchia si divide invece in repubblica ceca e repubblica slovacca e l'ex jugoslavia composta dalle odierna croazia, slovenia, macedonia, bosnia, serbia e montenegro. Tra l 89 e il 98 tutti gli stati ex socialisti danno vita a nuove costituzione per un modello democratico pluralistico. In tutti questi paesi emergono seri problemi come il mancato riconoscimenti dei diritti alle minoranza, l'arretratezza economica e la limitazione dei diritti dell'opposizione. Gli stati in via di sviluppo sono per la maggior parte quelli dell'america centrale e meridionale dll'africa e dell'asia e sono anche detti paesi del terzo mondo. Gli elementi comuni sono la colonizzazione, il sottosviluppo e la debolezza dell'identit nazionale. Tutti questi paesi hanno avuto il dominio coloniale ottenendo l'indipendenza nel 20sec e tutti sono sottosviluppati dal punto di vista economico e sociale e la ricchezza a vantaggio di ristretti gruppi privilegiati poich vi un economia rurale basata sullo scambio in natura e condizioni di servaggio. Molti di questi stati nascono senza un'identit nazionale, spesso

entro confini arbitrariamente disegnati e avendo un pluralismo etnico o tribale per cui l'elite assume un'ideologia ultra nazionalista. Nell'evoluzione costituzionale dei paesi in via di sviluppo vi un primo ciclo in cui si adottano le costituzioni liberaldemocratiche ad es dell'ex potenza coloniale ed un ciclo fallimentare in quanto sono diverse le condizioni economiche sociali e culturali rispetto al paese modello. Il messico e l'india hanno compiuto una rivoluzione nazionale per cui adottano una costituzione democratica che riconosce il pluralismo e un sistema federale. Un secondo ciclo costituzionale si ha con i regimi autoritari nati da colpi di stato militari per cui l'esercito svolge un ruolo fondamentale. Un terzo ciclo dei paesi socialisti come gli stati asiatici e Cuba che adottano il socialismo nazionale con un'ideologia nazionalista. Il 4 ciclo quello di fine anni 80 dei paesi del centro e sud america. Un paese che passato da regime autoritario a democratico la repubblica sud africana grazie a Mandela per cui si ha avuta una nuova costituzione con carta dei diritti e principi democratici. Nei paesi dell'america latina vi un potere forte del presidente ai danni del popolo e in algeria vi sono guerre fra terroristi islamici e l'esercito. Paesi che hanno avuto controtendenze di tipo autoritario sono la Thailandia per cui si hanno regimi di tipo militare. Il fenomeno piu anti democratico quello che si rif ad una forma di stato arcaica con la riscoperta della religione come fondamento che d vita allo stato teocratico come ad es si ha in Iran in cui si sono costituzionalizzati i principi del corano. LE FORME DI GOVERNO la forma di governo indica l'insieme delle regole per la distribuzione del potere fra gli organi al vertice, una nozione qindi piu ristretta di quella di forma di stato ed strumentale ad esse perch lo stato apparato il mezzo per il perseguimento dei fini generali. La distinzione tra forma di stato e forma di governo recente e risale alla separazione fra stato e socita avutasi con lo stato assoluto e alla distribuizone del potere fra diversi organi avutasi con

lo stato liberale che quindi non si ha negli stati autocratici e invece negli stati democratici esiste un legame molto stretto tra forma di stato e forma di governo. Le forme di governo possono essere a a separazione rigida come quella presidenziale, a semparazione flessibile quindi con la collaborazione fra i poteri come quella parlamentare o essere costituzionale pura come la monarchia o il presidenzialismo, costituzionale parlamentare come la monarchia o la repubblica e costituzionale direttoriale come la repubblica a seconda che il potere sia nelle mani del capo dello stato, del raccordo fra governo e parlamento o dell'organo collegiale. I rapporti fra gli organi sono importanti dal punto di vista dell'idirizzo politico per individuare e persegui re i fini politici. Vi una distinzione anche tra governi monistici e dualistici a seconda che al suo vertice vi sia un unico organo o entrambi quindi tra esecutivo monista ed esecutivo dualista. L'originario dualismo tra il re ed il parlamento entrato in crisi, il dualismo, con l'egemonia della classe borghese. Sono considerate monistiche le forme di governo nelle quali il parlamento direttamente legittimato dal corpo elettorale e da questo deriva il governo come in quello parlamentare. Sono dualistiche le forme di governo i cui due organi hanno distinta legittimazione come nella monarchia costituzionale o nel presidenzialismo a cui si attribuisce la capacit di garantire un'equilibrio fra organo legislativo ed esecutivo, cosa che non si ha per con il presidente degli stati uniti. Vi pu essere o meno un rapporto di fiducia fra parlamento e governo che si ha nella forma parlamentare e non si ha in quella presidenziale, forme intermedia quella direttoriale in cui il governo viene investito dal parlamento che non puo poi revocarne la fiducia e ne l'esecutivo puo sciogliere le camere. Questo lascia intendere che il governo abbia bisogno di un voto di investiture iniziale dal parlamento ma, in molti sitemi la fiducia solo presunta o a maggioranza semplice come in italia per cui possono costituirsi governi di minoranza. Il rpporto di fiducia comporta la responsabilit politica del governo verso il

parlamento ma, le crisi di esso sono solitamente extra parlamentari per il contrasto fra foze politiche di maggioranza. Anche il governo puo decidere di porre questione di fiducia con la quale annuncia che in caso di voto negativo del parlamento rassegner le dimissioni. Il capo dello stato ha un ruolo che gli puo derivare, a meno che non sia un monarca ma, un presidente o da un organo ristretto o dal popolo. Le forme di governo sono 5: 1. La monarchia costituzionale dove nn si ha un rapporto di fiducia fra parlamento e governo e i ministri sono responsabili nei confronti del capo di stato titolare del potere esecutivo 2. Il governo parlamentare dove vi il rapporto di fiducia per cui il governo deriva dal parlamento e il capo dello stato, se presidente, eletto da un organo parlamentare 3. Il governo presidenziale dove nn vi il rapporto di fiducia e il potere di sciogliere il parlamento e il presidente eletto dal popolo 4. il governo direttoriale dove il governo eletto dal parlamento e svolge collegialmente le funzioni di capo di stato 5. Il governo semi-presidenziale dove il governo nominato dal presidente ed responsabile nei confronti del parlamento ed il presidente eletto a suffragio universale La prima forma di governo ha solo valore storico. La monarchia costituzionale caratterizza il passaggio fra stato assoluto e stato liberale, si afferma prima in inghilterra con la bill of rights con il trono di guglielmo d'orange che attribuisce al parlamento poteri per la successione al trono. In europa continentale si ha con la rivoluzione francese per cui il corpo legislativo e il re hanno qualit di rappresentanti della nazione. All'epoca della restaurazione tale governo viene definito governo costituzionale puro per cui il monarca non piu assoluto ma, deve rispettare le regole della costituzione per cui si tratta di governo dualistico con potere esecutivo del re e

legislativo del parlamento, il governo non esiste e i ministri del re sono un organo consultivo poich egli il titolare dell'indirizzo politico. Il parlamento non ha per un ruolo secondario per cui il re per scioglierlo deve convocare una nuova camera elettiva entro un termine e tale camera ha potere di accusa per i ministri e immunit dei singoli parlamentari. La dinamica della forma di governo in europa continentale porta ad una preminenza del re, mentre in inghilterra tende a prevalere l'organo legislativo. La monarchia costituzionale si trasforma per via consuetudinaria in monarchia parlamentare con l'ascesa in gran bretagna al trono di Giorgio I degli Hannover e Giorgio III che nomina un primo ministro che possa godere del sostegno della maggioranza parlamentare. La forma di governo parlamentare si caratterizza per una lunga fase in senso dualistico per cui si hanno 2 poteri e tre organi, il potere esecutivo con il re ed il governo presieduto dal primo ministro e l'altro potere del parlamento di cui il governo deve avere la fiducia. Il capo dello stato fa ricorso al potere di scioglimento rimettendo la soluzione al corpo elettorale per cui il re insieme al governo determina l'indirizzo politico, ed il parlamento svolge potere legislativo e controllo sull'esecutivo. La forma di governo parlamentare i caratterizza in senso monistico con la gran bretagna del 19sec perch il re revoca il primo ministro Melbourne e scioglie la cmera che sostiene il governo ma, le elezioni riconfermano la maggioranza uscente e il re costretto ad inchinarsi. Nella form di governo parlamentare monisticail governo deriva dalla volont del parlamento e il monarca estraneo alla determinazione dell'indirizzo politico per la controfirma ministeriale per cui i ministri hanno responsabilit politica per atti non propri. La maggior parte dei poteri del capo dello stato diventa formaleper cui si ha un monismo com la supremazia del parlamento sul re, il potere esecutivo al cui vertice vi solo il governo e il dominio dell'unica classe borghese. Riconoscendo la funzione governante dell'esecutivo il governo parlamentare recepito dalla maggioranza degli

ordinamenti democratici con tre fasi: una per il 19sec, una fra le 2 guerre mondiali ed un'altra successiva. Nella prima fase si ha il modello a prevalenza del governo inglese e il modello a prevalenza del parlamento francese. Il regno unito il modello di governo parlamentare monista classico in quanto si basa su regole nn scritte di fatti nn ha una costituzione scritta. Grazie al sistema bipartitico tra partito conservatore e il recente laburista e grazie al sistema elettorale maggioritario a turno unico, il corpo elettorale quando vota per la camere dei comuni d anche un indicazione di governo a favore del partito che di solito ottiene la maggioranza assoluta dei seggi e del leader. Il gabinetto comprende circa 20 ministri ed una sorta di comitato direttivo del parlamento in quanto puo contare su una camera dei comuni con una maggioranza che approva le leggi che attuino il suo programma. Il primo ministro svolge un ruolo fondamentale di formazione e direzione del governo e propone al re nomine di titolari di svariate cariche e decide lo scioglimento della camera dei comuni. L'esecutivo non ha bisogno dopo nominato di un voto di fiducia poich il re legge il suo programma ed il parlamento lo approva ad unanimit potendo l'opposizione presentare emendamenti. Una mozione di sfiducia da parte della camera dei comuni al governo si puo avere solo se nessuno dei 2 maggiori partiti detiene la maggioranza e si avr cosi lo scioglimento della camera. La forma di governo britannica si puo definire governo di gabinetto ma con la Thatcher e Blair si preferito parlare di governo del primo ministro che non si puo considerare per ne un monarca ne un dittatore perch anche se la corona stata ridimensionata il re in caso di crisi del partito maggioritario o di mancata indicazione di un leader ha discrezione nella nomina del primo ministro, inoltre, il primo ministro anche scelto come proprio leader dal partito maggioritario ed forte anche il ruolo dell'opposizione dove il primo ministro del governo ombra viene stipendiato dallo stato per controllare l'azione del governo, avanzare le proprie proposte e fare accordi con la maggioranza.

Nella terza repubblica francese la forma di governo parlamentare monistica vede la prevalenza del parlamento sul governo per cui con la costituzione Grevy il potere di scioglimento del governo cade in disuso e il presidente della repubblica svolge un ruolo estraneo all'indirizzo politico nella cui determinazione essenziale il parlamento anche grazie alle commissioni permanenti ed sufficiente un voto negativo del parlamento su una proposta dell'esecutivo per provocarne le dimissioni e i testi costituzionali non prevedono neppure la figura del presidente del consiglio e l'esecutivo si rafforzer durante e dopo la prima guerra mondiale. Tale periodo francese si basa su una molteplicit di partiti flessibili e sulla supremazia del parlamento. Dopo la prima guerra mondiale si ci propone di razionalizzare il parlamento per stabilizzare l'esecutivo mettendo per iscritto alcune norme del rapporto di fiducia e stabilendo che il governo ha l'obbligo di dimettersi solo per una mozione di sfiducia del parlamento. Ad un monismo forte si ispira la costisuzione austriaca avutasi grazie Kelsen al cui cento vi il parlamento e il consiglio nazionale da cui derivano sia il governo sia il presidente della repubblica eletto dall'assemblea federale e che riunisce le 2 camere con una prevalenza di quella elettiva con la creazione del primo tribunale costituzionale. Piu equilibrato il monismo della costutuzione cecoslovacca con maggiori poteri al senato e al presidente della repubblica con una piu forte razionalizzazione della mozione di sfiducia. Altri ordinamenti dualistici che prevedono accanto al parlamento un presidente sono quello della germania e della finlandia ma, sia la regolamentazione del voto di sfiducia, sia il rafforzamento di uno o dell'altro organo costituzionale decretano il fallimento della razionalizzazione. La costituzione di Weimar la prima costituzione democratica delle germania che entra in vigore nel 1919 per un compromesso e una mediazione tra forze popolari e conservatrici per cui vi un dualismo tra la

sovranit popolare e l'autorit quindi tra camera e elettiva e presidente del Reich. La novit piu rilevante un presidente eletto dal popolo e alla previsione del rapporto di fiducia corrisponde il potere del presidente di sciogliere la camera. Il parlamento costituito oltre che dalla camere elettiva da un senato con potere di veto sulle leggi ordinarie e di revisione costituzionale. Il governo ha un principio monocratico rappresentato dal cancelliere e uno collegiale rappresentato dal consiglio dei ministri. Il presidente de Reich eletto a suffragio universale per 7 anni ed rielegibile avendo poteri come la nomina del cancelliere e dei ministri e lo scioglimento della camera. Nella forma di governo vi una duplice componente l'una parlamentare rappresentativa basata sulla fiducia tra camera elettiva e governo e l'altra presidenziale plebiscitaria fondata su lrapport fra corpo elettorale e capo dello stato. Fino al 1930 nella prassi prevale la componente parlamentare successivamente emerge con Hitler quella presidenziale. Dopo la seconda guerra mondiale vi sono altre costituzioni che cercano di razionalizzare le istituzioni parlamentari come la francia l'italia il belgio la spagna e quindi le uniche che continuano ad ispirarsi ad un parlamentarismo puro non razionalizzato sono lussemburgo, paesi basi e norvegia. La nuova razionalizzazione disciplina il rapporto di fiducia in base all'investitura del governo ed alla sua mozione di sfiducia per garantirne la stabilit e per risolvere i conflitti fra i poteri dello stato. Importante fu la razionalizzazione francese della IV repubblica con l'approvazione del referendum del 46 per una nuova costituzione che preveda un governo parlamentare monistico razionalizzato. Il parlamento composto dall'assemblea nazionale e del consiglio della repubblica ma, questa seconda camera non esercita il controllo del governo. L'esecutivo da un lato ha il presidente della repubblica eletto dal parlamento per 7 anni e dall'altro il governo composto da consiglio dei ministri e presidente del consiglio. La formazione del governo vede il presidente del

consiglio designato da quello della repubblica che poi ottiene la fiducia dell'assemblea nazionale a maggioranza assoluta e infine viene nominato dal capo dello stato insieme ai ministri da lui scelti. Il presidente del consiglio solitamente ottenuta la fiducia la chiede per l'intero governo oppure non riesce a formare una maggioranza, questo porta ad un cambiamento della legge elettorale proporzionale per cui in ogni dipartimento le liste apparentate che ottengano la maggioranza assoluta conquistano tutti i seggi e il presidente del consiglio e i ministri sono congiuntamente sottoposti alla fiducia per cui serve la maggioranza semplice. La questione di fiducia pu essere posta dal presidente del consiglio su delibera dell'organo collegiale e respinta dal voto negativo della maggioranza assoluta e lo stesso vale per la mozione di censura mentre lo scioglimento dell'assemblea nazionale deliberato dal consiglio dei ministri solo se nei 18 mesi si siano avute crisi di governo parlamentari. La razionalizzazione della IV repubblica fallisce sia per le divisioni politico sociali sia perch contraddice la sovranit del parlamento. In italia la decisione di dare vita ad un governo parlamentare si ha nel 46 e la forma di governo monistica razionalizzata e corretta per cui il presidente della repubblica deriva del parlamento e non pu partecipare all'indirizzo politico senza per ridurlo a svolgere una funzione meramente notarile. Si attribuisce al presidente del consiglio funzione di direzione dell'attivit del governo ma si ha una razionalizzazione della forma di governo parlamentare debole perch regolamenta soprattutto la mozione di sfiducia. La forma di governo risulta flessibile e aperta a esiti diversi e per lungo tempo non caratterizzata in senso maggioritario e manifesta limiti come la instabilit eterogeneit dei governi, debolezza del presidente del consiglio e indebolimento del raccordo parlamento governo ed inoltre l'esistenza di una regola non scritta che escluda dal governo il maggiore partito di opposizione accentua i limiti del parlamentarismo non

maggioritario e confonde i ruoli fra maggioranza e opposizione perci all'inizio degli anni 90 si ha una crisi del sistema politico con il conseguente affermarsi di nuovi partiti. Da qui si ha una fase di transizione ed i sistemi elettorali si trasformano in sistemi maggioritari a turno unico per tre quarti dei seggi e proporzionali di lista per il 4 restante per cui si tende ad una bipolarizzazione fra centro destra e centro sinistra. Nel 2005 la formula proporzionale per liste concorrenti bloccate rafforza il bipolarismo che per imperfetto poich si aggregano alle coalizioni partiti per convenienze elettorali. Si ha una tendenza quindi maggioritaria per cui gli elettori danno indicazioni di governo e vi una rapidit maggiore di una formazione di questo che non per stabile per la eterogeneit delle coalizioni e la forma di governo assume un funzionamento squilibrato a favore della maggioranza mancando uno statuto dell'opposizione. Le incertezze della fase di transizione sono dovuta da una mancata revisione costituzionale per cui naufragata la riforma della parte seconda della costituzione e nel 2005 si era proposto anche che ilk primo ministro fosse eletto dal popolo e avesse ampi poteri ma il referendum stato respinto. La razionalizzazione italiana si collocata al pari della IV repubblica francese ed il sistema politico ancora incerto e vi un eccessivo rafforzamento dell'esecutivo nei confronti del parlamento. La legge fondamentale di bonn nel 1990 divenuta la costituzione della germania unifcata per cui si ha una forma di governo razionalizzata che d al cancelliere una posizione importante ,questo eletto dalla camera dei deputati e propone la nomina e la revoca dei ministri al presidente federale per cui ha una maggioranza parlametare.Il cancelliere pu avere una mozione di sfiducia costruttiva dalla camera dei deputati perch questa potr farla solo se ne elegge contestualmente uno a maggioranza assoluta per evitare le crisi di governo e rafforzare l'esecutivo.Il cancelliere pone la questione di fiducia che deve ottenere l'approvazione della maggioranza

assoluta della camera dei deputati se ci nn si verifichi e la camera nn elegge un nuovo cancelliere in 21 gg il presidente pu scioglierla.Lo stato di emergenza legislativa pu essere dichiarata dal presidente su richiesta del governo e con assenso del senato se la camera respinga un progetto di legge che il governo dichiara urgente per cui se lo respinge nuovamente diventa legge e nei 6 mesi successivi ogni altro progetto pu essere approvato allo stesso modo.Lo scioglimento della camera dei deputati si pu avere per l'elezione di un cancelliere a maggioranza relativa e la mancata approvazione di una questione di fiducia .Si ha cmq una natura monistica ed il presidente federale nn titolare di un potere di riserva cm quello di weimar , eletto dall'assemblea federale e se nella camera dei deputati vi una netta maggioranza nn ha nessuna discrezionalit.La forma di governo parlamentare ha un funzionamento maggioritario perch si ha un sistema proporzionale fortemente selettivo e sia per il multipartitismo con il peso dei due maggiori partiti e quando questi hanno forza equivalente si parla di grande coalizione per cui si parla anche di democrazia di coalizione che ha conosciuto una invidiabile stabilit istituzionale. Il parlamentarismo contemporaneo ha una tendenza monistica con un monismo di diritto come quello delle repubbliche parlamentari dove il presidente eletto dal parlamento cm in italia o da un'assemblea paritetica di deputati cm in germania.Nelle altre monarchie parlamentari vi un dualismo di diritto perch il re integrante nel potere esecutivo cm nei paesi anglosassoni dove di fatto per ha un ruolo simbolico.Si ha poi una tendenza di razionalizzare i rapporti fra parlamento e governo che nn si ha nel regno unito e si ha moderatamente ad es in italia e danimarca ed significativa in belgio.Vari ordinamenti prevedono l'elezione parlamentare del solo primo ministro cm in spagna e nella maggior parte delle monarchie parlamentari la fiducia del parlamento presunta.La mozione di sfiducia rafforza la stabilit del governo per cui questo pu ricorrere anche alla

questione di fiducia ed insieme al primo ministro ha lo scioglimento sostanziale del parlamento.Un'ultima tendenza quella del rafforzamento del governo e soprattutto del primo ministro.Elia parla di un bipartitismo rigido come in regno unito con l'elezione popolare del primo ministro che prevale sul governo che a sua volta prevale sul parlamento,un multipartitismo temperato che nn ha l'investitura popolare del primo ministro ed ha instabilit governativa e un multipartitismo estremo con debolezza del governo e del primo ministro come l'italia.La forma di governo parlamentare maggioritaria ha sistemi politici bipartitici e si afferma nelle societ democratiche omogenee anche grazie a sistemi elettorali selettivi.La forma di governo parlamentare nn maggioritario favorito da sistemi nn selettivi proporzionali e da societ eterogenee ed il parlamento indebolito dall'assenza di una maggioranza stabile. Quando il primo ministro nn derivi dal parlamento ma da un'elezione a suffragio universale ed il parlamento possa sfiduciarlo ma sar sciolto cos automaticamente per cui questi 2 organi si rieleggono insieme si ha il regime neoparlamentare cos chiamato da duverger e si ha un assetto dualistico.Tale forma stata definita come forma di governo a elezione diretta del primo ministro e l'unico paese che l'ha adottato l'israele che lo ha poi abbandonato nel marzo 2001. La forma di governo presidenziale(stati uniti) ha un potere esecutivo monocratico affidato al presidente della repubblica e da una separazione dei poteri rigida dovuta all'inesistenza del rapporto di fiducia e dallo scioglimento del parlamento .In america latina si sn avute delle degenerazioni per cui al presidente si attribuito il potere legislativo mentre nelle federazione russa si ha un modello dualistico che ha al vertice un presidente eletto dal popolo che oltre al fare il capo di stato determina le direttive delle politica interna ed esterna del paese ma questo un modello di preminenza presidenziale.La forma presidenziale

prevede invece due poteri con legittimazione elettorale separata per cui pu dare avvio a controlli reciproci fra presidente e parlamento ma si pu vedere anche che un presidente forte porti ad un sistema troppo maggioritario e viceversa un presidente debole a situazioni di stallo ,il presidenzialismo efficiente solo negli stati uniti d'america. La suddivisione dei poteri nell'ordinamento degli stati uniti che si fonda sulla costituzione di filadelfia la pi antica vigente ha una forma di governo dualistica ed ha il potere legislativo attribuito al congresso di due camere quella dei rapp eletta per 2 anni ed il senato per 6 anni.Il potere esecutivo affidato invece al presidente che anche capo dello stato e dura 4 anni ed rieleggibile una sola volta. L'elezione di secondo grado ed ha una prima fase in cui si designano i candidati alla presidenza e vice presidenza del partito democratico e di quello repubblicano e ci affidato al corpo elettorale con le primarie ,la seconda fase prevede che ogni stato ai primi di novembre l'elezione e all'inizio di gennaio il presidente del senato effettua lo spoglio di fronte alle camere proclamando eletti i candidati con la maggioranza assoluta e il 20 genn il presidente prende ufficialmente la carica e l'elezione del presidente divenuta diretta.Intorno al presidente vi sn cerchi concentrici cm struttura esecutiva ,il primo l'executive office con i pi stretti collaboratori,il secondo quello dei dipartimenti con i segretari( che costituiscono con il presidente il gabinetto) fra cui il pi imp quello di stato che presiede gli affari esteri ed il cerchio pi lontano vede le autorit indipendenti che svolgono attivit amministrative.La divisione dei poteri bilanciata per cui ogni potere pu controllare l altro .Il parlamento ha il potere della borsa decidendo cm stanziare i fondi per il presidente,il congresso ha potere di controllo che svolge tramite le commissioni permanenti,il senato ha sempre poteri di controllo per le nomine presidenziali e la camera dei rappresentanti ha il potere di messa in stato di accusa.Il presidente con il messaggio sullo stato dell'unione espone il suo programma ,ha diritto di veto sulle leggi del

congresso che pu rinviare alle camere ed il potere esecutivo pu adottare atti con forza di legge.Il presidente negli ultimi decenni si trova spesso davanti ad un governo diviso perch deve fare i conti con una maggioranza dell'altro partito. La forma di governo direttoriale solo della confederazione svizzera ed definita assembleare o convenzionale ,il parlamento di regola monocamerale sarebbe titolare di tt i poteri ed il governo sarebbe meramente esecutivo della volont del parlamento ,lo stesso viene applicato al paese dell'austria.Questa forma di governo adatta alla svizzera perch ha una pluralit di etnie ,per la sua neutralit.L'organo esecutivo che il consiglio federale deriva dal parlamento ed i suoi membri sn eletti dall'assemblea federale e fra i 7 membri uno a rotazione assume per un anno la carica di presidente. Il parlamento titolare dell'indirizzo politico e il consiglio svolge un ruolo esecutivo. L'assemblea federale esercita controllo sul consiglio e puo conferirgli dei mandati ma, in ogni cso quest'ultimo ad avere funizone di tipo normativo e deve con i suoi membri rappresentare i cantoni e per il suo multipartitismo d vita a stabili governi di coalizione. La forma di governo semipresidenziale ha due elementi ,parlamentare e presidenziale per cui si ha un esecutivo dualistico con presidente e primo ministro sostenuto dalla maggioranza ci avviene in austria,finlandia ,islanda,irlanda e portogallo.Si parla di governo parlaentare a tendenza presidenziale ma pu dare origine a esiti pratici molto differenziati a seconda che prevalga l'elemento presidenziale o parlamentare per cui vi pu essere o la preminenza del primo ministro ed il presidente svolge un ruolo simbolico o ad esecutivo diarchico per cui vi una separazione fra primo ministro,governo e presidente o a preminenza del presidente che gode di una maggioranza;ma in definitiva si ha una prevalenza della componente parlamentare.

Con la V repubblica francese in origine si pensa di dare vita ad un sistema fortemente razionalizzato ma il predominio del potere esecutivo e del capo dello stato si ha nel 1962 con l'elezione a suffragio universale del presidente della repubblica.L'assemblea ha anche una maggioranza stabile ed il capo dello stato dura dal 2000 5 anni.I poteri propri del capo dello stato sn la nomina del primo ministro ,il referendum legislativo e lo scioglimento dell'assemblea nazionale.Il potere esecutivo dualistico per cui accanto al presidente vi il governo ed il primo ministro che un comandante in seconda se il presidente conta su una maggioranza altrimenti dirige effettivamente la politica.Il parlamento ha due camere ,l'assemblea nazionale che ha rapporto di fiducia con il governo eletta dal corpo elettorale ed il senato.Vi lincompatibilit fra carica ministeriale e parlamento e l'assemblea pu approvare una mozione di censura ma a maggioranza assoluta ed il primo ministro pu portare una questione di fiducia.La coabitazione fra presidente e primo ministro vede esaltata la figura del primo per cui c' bisogno di rafforzamento del parlamento e di poteri di garanzia. Gli stati ex socialisti hanno due forme di governo una parlamentare razionalizzata che quella di albania repubblica ceca o sempipresidenziale cm croazia lituania.La prima d al parlamento una posizione centrale con monocameralismo e il governo deve avere un voto di investitura.La seconda circoscrive i poteri del capo dello stato ma si ha una prevalenza della sua componente.La forma di governo prevalente parlamentare,mentre per i paesi del csi ,il presidente eletto dal popolo ,ha poteri di indirizzo politico e legislativi quindi una forma presidenzialista -plebiscitaria. Le forme di governo sn infuenzate in definitiva dal sistema politico,e negli stati democratici i sogg politici pi importanti sn i partiti che devono mediare gli interessi di parte e l'unit nazionale e dal sistema elettorale quindi dalla formula elettorale per comprendere il funzionamento

delle forme di governo. L'ORGANIZZAZIONE COSTITUZIONALE Lo stato come persona giuridica ha con i sogg agenti in suo nome ,un rapporto che dapprima viene classificato di rappresentanza giuridica e poi come rapporto organico poich gli organi dello stato sono soggetti che agiscono in nome e per conto dello stesso mediante atti imputabili allo stato persona giuridica. Vi sono organi definiti costituzionali assistiti da uno specile status e da garanzie particolari che caratterizzano la democraticit della forma di stato come il parlamento, il governo, il capo di stato e le corti costituzionali ma, anche il corpo elettorale viene talvolta qualificato come organo costituzionale. IL POPOLO la democrazia rappresentativa si ha quando il popolo tramite il corpo elettorale elegge dei rappresentanti che adottano le principali decisioni, invece la democrazia diretta quella degli antichi che fa riferimento alle votazioni con le quali il popolo prende decisioni su questioni determinate. La democrazia dei moderni che quella del primo tipo si ha per la grande estensione territoriale e demografica e quindi per rendere possibile le eguaglianze politiche trasformando la volont di tutti in volont generale per cui le votazioni popolari si trasformano in plebisciti. Il sistema elettorale l'insieme delle regole che disciplinano le elezioni e si distinguono le formule maggioritarie che attribuiscono i seggi ai candidati che hanno ottenuto la maggioranza da quelle proporzionali che operano una distribuzione dei seggi proporzionale al numero dei voti delle varie liste per cui si hanno collegi plurinominali a differenze delle prime, uninominali. Il voto pu avere carattere sia categorico che ordinale per la maggiore o minore libert riconosciuta all'elettore nel votare inoltre, si possono delimitare i collegi elettorali e

decidere l'ampiezza dei collegi. Le formule maggioritarie possono avere o maggioranza relativa come nel parlamento del regno unito attribuendo in ogni collegio uninominale il seggio al candidato piu votato in un unico turno elettorale e favorisce il bipartitismo e la maggioranza assoluta e il piu noto correttivo quello del doppio turno, quando nessuno nel primo ha raggiunto la maggioranza assoluta, si svolge un ballottaggio per cui di solito si ha un sistema partitico bipolare basato su 2 coalizioni. Le formule proporzionali possono avere un quoziente automatico con un numero fisso di voti per ottenere un seggio e un quoziente naturale che si ottiene dividendo il numero totale dei voti per i seggi da distribuire e poi quello di ciascuna lista per il quoziente cos ottenuto. Il quoziente viene rettificato dividendo il totale dei voti per il numero dei seggi aumentato di una o piu unit e il problema dei resti o non viene affrontato o viene distribuito a favore delle liste con piu voti. I correttivi per la selettivit sono la clausola di sbarramento per cui al di sotto di una percentuale non si ottiene alcun seggio, ed il premio di maggioranza dato alle coalizioni che superino un certa percentuale. Vi sono formule miste come quella della germani che combinano meccanismi proporzionali. I principali istituti di democrazia diretta sono dati dall'assemble popolare praticata solo in svizzera, la revoca popolare principio tipico degli stati socialisti che negli stati uniti per chiedere la rielezione di un singolo parlamentare, la petizione affermata in inghilterra per cui si ci rivolge ad un'autorit per esporre determinate esigenze e sollecitare provvedimenti. Altri istituti sono quelli dell'iniziativa popolare per cui viene avanzta una proposta da un certo numero di elettori che sar sottoposta al voto popolare quindi, ha come sutore, il popolo stesso e si ha solo in svizzera. Altro il referendum che una votazione avente ad ogg un testo o una questione politica che pu essere costituzionale e si distingue in precostituente, per la fondazione di un nuovo stato, l'attribuzione al parlamento di poteri costituenti, costituente intervenendo sul testo della costituzione proposto da un'assemblea costituente o

dal parlamento o a revisione costituzionale per modificazioni parziali o integrazione della costituzione e infine su poteri sovrani per la sovranit dello stato. Il referendum legislativo nasce invece in francia per evisionare la costituzione o per incidere con leggi ordinarie su materie costituzionali e puo essere obbligatorio o facoltativo come quello costituzionale per lo piu ma, pu essere anche eventuale quando il progetto di revisione abbia ottenuto una maggioranza qualificata in parlamento. Il referendum legislativo quasi sempre facoltativo ed passivo quando l'iniziativa proviene da un organo dello stato ed attivo dal corpo elettorale oppure da enti autonomi territoriali. Il referendum se preventivo interviene prima delle entrate in vigore di un atto e al contrario successivo come condizione risolutiva di una legge giustificata dall'urgenza o per l'abrogazione di una legge in vigore. Il referendum abbrogativo italiano unico poich successivo e puo essere attivato da una frazione del corpo elettorale avendo ad oggetto una parte di una legge. Il referendum decisionale quando ha efficacia giuridica vincolante altrimenti consultivo. Comunque tutti questi istituti di democrazia diretta hanno un ricorso eccezionale a carattere integrativo. IL PARLAMENTO il parlamento l'organo rappresentativo per eccellenza e nasce nell'epoca feudale in inghilterra e nel mondo contemporaneo un organo di tipo elettivo che pur avendo preminenza sottoposto a limitazioni come il controllo di legittimit costituzionale. Negli stati contemporanei il declino del parlamento si ha avuto col passaggio dallo stato legislativo in cui era esso a prendere le decisioni piu importanti allo stato amministrativo in cui si prendono nell'ambito del potere esecutivo. Con la crisi dei parlamenti comunque tale organo mantiene il potere di approvare leggi e di controllare l'esecutivo. Il parlamento puo avere una sola cmera se monocamerale o essere bicamerale per la separazione dei poteri che si aveva dapprima per distinguere l'aristocrazia dalla borghesia come in inghilterra

con camera dei comuni e camera dei lords mentre il monocameralismo si afferma con l'epoca rivoluzionari francese e la tendenza verso di esso si afferma con il venir meno il dover rappresentare diverse classi sociali per cui per risolvere la crisi del bicameralismo si deve modificare il senato che una camera eletta dal corpo elettorale o composta dalle collettivit territoriali o mista infatti nel 99 si sono abolite quasi tutte le camere dei lord. Il bicameralismo perfetto attribuisce gli stessi poteri alle 2 camere ed stato soppiantato da quello imperfetto che nn puo votare la sfiducia al governo attraverso il senato quindi limitandogli le competenze, quello perfetto in vigore solo in italia dovi si vorrebbe trasformare il senato in camera delle regioni. I regolamenti parlamentari sono gli atti con cui ogni assemblea disciplina la sua organizzazione interna e le sue funzioni e in alcuni paesi tali regolamenti non sono soggetti al controllo di altri organi come in italia, il parlamernto ha anche autonomia finanziaria per cui dispone sull'impiego di risorse finanziarie predisponendo il proprio bilancio, ha autonomia amministrativa per cui stabilisce l'organizzazione di servizi e di uffici ed ha una durata prestabilita di 4 o 5 anni e quello statunitense piu corto. Il palrmento opera per sessioni ordinarie e straordinarie decise dal capo dello stato, dal governo e dalla presidenza. La proroga prolunga il mandato dei parlamentari in caso ad es di stato di guerra mentre la prorogatio serve in caso di attesa di riunione delle nuove camere potendo le camere scadute compiere solo atti urgenti e comunque decadono le attivit non portate a compimento. Gli organi interni del parlamento sono la presidenza che puo essere individuale o con un presidente coadiuvato da un organo collegiale o solo un organo collegiale e vi un modello americano per cui il presidente espressione della maggioranza e uno inglese per cui imparziale. Altri sono i gruppi parlamentari che costituiscono la naturale articolazione politica e le commissioni parlamentari che sono permanenti o speciali. La programmazione dei lavori del parlamento in gran

bretagna stabilita dal governo, in francia stabilito che debba affrontare prima i disegni di legge del governo mentre negli altri ordinamenti l'ordine del giorno di competenza dello stasso parlamento. Le sedute sono valide se si ha un numero legale pari alla met piu uno che spesso presunto quindi definito come maggioranza semplice riferita ai votanti mentre assoluta riferita ai componenti ed qualificata quando superiore alla met piu uno. Il voto palese risponde ad un esigenza di pubbicit e il voto segreto si ha per la votazione su persone. Sui lavori parlamentari puo incidere l'ostruzionismo tecnico che sono le tecniche dei parlamentari dell'opposizione di ritardare i tempi fra cui si ha il filibustering che consiste nel prolungamento degli interventi, il ricorso a questioni pregiudiziali, la presentazione di tanti emendamenti e l'abbandono dall'aula per far mancare il numero legale. Fra le tecniche antiostruzionistiche sono importanti quelle inglesi come la kangaroo che consente di selezionare gli emendamenti evitando il voto su gran parte. Vi sono un insieme di prerogative che tutelano la persona del parlamentare ma, che nn sono comunque privilegi come i requisiti postivi dati dall'et dalla nazionalit e quelli negativi dati dall'incapacit civile e da condanne penali che danno lo status del parlamentare. L'inelegibilit rende nulla l'elezione mentre l'incompatibilit mira ad evitare il cumulo delle cariche come fra mandato parlamentare e funzione ministeriale che regola delle forme di governo presidenziale per cui al parlamentare nominato ministro subentrer un supplente solo nel periodo in cui egli svolger la carica di ministro. La convalida delle elzioni per accertare la regolarit delle operazioni elettorali spetta allo stesso parlamento mentre il contenzioso elettorale spesso al giudice costituzionale. Le immunit parlamentari piu importsnti sono l'insindacabilit sulle opinioni espresse e sui voti dati dai parlamentari nell'esercizio delle loro funzioni e l'immunit penale che gli da una responsabilit penale speciale temporanea anche per gli atti compiuti al di fuori dalle proprie funzioni. Le immunit dal punto di

vista anglosassone vedono l'insindacabilit valida solo per le opinioni espresse in parlamento o nel corso di lavori parlamentari mentre in europa continentale l'insindacabilit si riferisce solo alle funzioni esercitate. Circa l'immunit penale serve un'autorizzazione parlamentare per misure che limitino la libert personale ma, non in caso di flagranza di reato e di condanna. Al parlamento sono attribuite il controllo parlamentare con cui si verifica l'azione del governo facendo valere la responsabilit politica dell'esecutivo con la rimozione dalla carica o la modifica della linea politica. Vi sono anche fuznioni di revisione costituzionale e di indirizzo politico ma, anche di acquisizione di informazioni quindi funzione conoscitiva che se si basa sulla collaborazione del governo o di altri e ispettiva. Frequenti sono le funzioni di tipo giurisdizionale per controversie elettorali, funzioni di tipo elettorale per cui nelle forme di governo palramentare il aprlamento chiamato ad eleggere il presidente della repubblica o la corte suprema o la corte costituzionale o il csm come in italia. Il parlamento ed il governo concordano l'indirizzo politico e su questo vi il rapporto di fiducia per cui in italia ad es richiesto il voto di fiducia iniziale che in altri ordinamenti solo presunta e nel regno unito solo una formalit. Nei paesi che non richiedono la fiducia iniziale si possono formare governi di minoranze o perch sufficiente la maggioranza semplice come avviene in italia. Il governo ha responsabilita politica istituzionale nei confronti del parlamento e puo essere sanzionato con la mozione di sfiducia o di censura con cui si controlla il suo operato e l'effetto quello delle dimissioni che possono essere respinte dal capo di stato che potr sciogliere anticipatamente il aprlamento. La mozione di sfiducia deve avere un numero minimo di firme, un termine di decorrenza fra la presentazione e la votazione e la maggioranza assoluta per l'approvazione ma anche l'impossivbilit in caso di non approvazione di ripresentare una mozione per

un certo periodo. In alcuni ordinamenti vi la natura costruttiva della mozione per cui il prlamento deve indicare obbligatoriamente il nuovo primo ministro e in alcuni ordinamenti la sfiducia puo riguardare anche il singolo ministro (es italia ministro mancuso). Altra la questione di fiducia che un atto di indirizzo del governo e si tratta della dichiarazione che il governo puo fare con riferimento alla su politica con cui annuncia che in caso di diniego o di mancata approvazione del testo rasegner le dimissioni ci per richiamare la maggioranza all disciplina nell'attuazione del programma o nell'aprovaxione di un testo per il governo essenziale. Il parlamento con le leggi di indirizzo incide sull'indirizzo politco perch approva o autorizza un atto del potere esecutivo come con l'approvazione del bilancio di previsione in cui si indicano le entrate e le uscite che il governo prevede di accertare e di impegnare per un certo periodo che quasi sempre annuale. Altri interventi si possono avere con i tratati internzaionali che in alcuni ordinamenti devo essere presentati al parlamento per la ratifica o le dichiarazioni di guerra che determinano il conferimento di poteri speciali all'esecutivo e che devono essere fatte dal governo ma, su deliberazione del parlamento che puo fare ricorso anche ad atti legislativi che spettano anche ai parlamenti che non possono sfiduciare il governo. Fra i piu importanti poteri conoscitivi del parlamento vi sono le udienze tramite le quali le commissione del congresso degli stati uniti puo interpellare persone esterne al parlamento e in itali vi possono essere le indagini conoscitive come anche in alcuni ordinamenti il governo presenta il proprio programma all'inizio di ogni sessione annuale, altra l'interrogazione con cui ogni parlamentare puo chiedere al governo o al singolo ministro spiegazioni o notizie su un fatto specifico per cui si richiede una risposta immediata. Le interpellanze sono pi incisive perch vedono una richiesta scritta sull'oridentamento assunto dal governo o da un ministro su una questione e sono seguite da un dibattito che in alcuni casi si conclude

con un voto, mentre nel regno unito vi la mozione di aggiornamento prima della fine di una seduta o dell vacanze della camera dei comuni per porre domande al governo. Il parlamento puo dare vita anche a commissioni di inchiesta su specifiche questioni sottoponendo a controllo l'amministrazione ed ha efficacia notevole negli stati uniti. IL GOVERNO il governo l'ogano solitamente posto al vertice del potere esecutivo per la formazione e l'attuazione dell'indirizzo politico ma, anche la direzione della pubblica amministarazione. Nell'esecutivo dualistico accanto al governo vi il capo di stato mentre in quello monistico si puo avere che l'organo al vertice monocratico come nella forma di governo presidenziale, o collegiale. Il governo ha progressivamente emarginato il capo di stato dando rilievo al primo ministro per cui si parla di principio monocratico o collegiale per il rapporto fra questo e l'organo collegiale. La direzione del governo affidata ad un organo monocratico che il presidente nelle forme presidenziali ed il primo ministro in quelle parlamentari. Tal volta prevista anche la vice presidenza attribuita ad una persona importante del partito al potere o del secondo partito in ordine di importanza ma, si possono nominare piu viceministri. La struttura che affiance al premier complessa, negli stati uniti il presidente ha i collaboratori della white house office e dell'executive office, in germani importante la cancelleria federale, nel regno unito la cabinet office e la private office, in italia vi il segretariato generale e in francia i servizi del primo ministro coesistono con la presidenza della repubblica. I ministri sono membri di un organo collegiale per determinare un idirizzo politico e sono titolari di un dipartimento con un settore di propria competenza. Alcuni ministri possono essere definiti di stato in francia per specificare la preminenza politica o ministri senza portafoglio posti al vertice di un dicastero. La riunione dei ministri detto consiglio dei ministri e negli stati uniti gabinetto ha un numero che va da 7 a 35 in francia e

italia mentre nel regno unito si parla di gabinetto e consiglio dei ministri pletorico da non confondere con il consiglio di gabinetto francese che indica la riunione dei ministri sotto la presidenza del primo ministro. Vi sono organi individuali che non sono membri dell'organo collegiale come in francia i segretari stato, in italia i sottosegretari sono nominati dal presidente della repubblica su proposta di quello del consiglio di concerto con il ministro interessato. Collegi piu ristretti si hanno per situazioni di emergenza come comitati di gabinetto segreti. Lo status dei membri del governo d a questi il dovere di perseguire l'interesse pubblico e di evitare il conflitto di interessi che si ha quando chia ha una carica elettiva o pubblica gestisce un interesse economico privato che influenzi i suoi doveri, a disciplinare ci ci pensano soprattutto gli stati uniti stabilendo principi e regole alle quali si devono uniformare le cariche pubbliche, nel regno unito vi sono codici regolamentari e deontologici mentre in europa vontinentale vi sono previsioni costituzionali sull'incompatibilit per cui in germani il ministro non puo appartenere ad un consiglio di amministrazione di un impresa con scopo di lucro. Per quanto riguarda la responsabilit del primo ministro e dei ministri, in regno unite e in germania ad es non previsto alcun trattamento differenziato e il soggetto competente a sollevare l'accusa quasi sempre il parlamento mentr il giudice o quello ordinartio o la corte suprema o quella costituzionale o il parlamento stesso. In italia e in francia i membri del governo sono sottoposti alla magistratura ordinaria e si resa costituzionale la legge che non rendeva perseguibili nel corso del mandato i titolari di late cariche. Il governo si forma con un procedimento complesso e puo avere o elezione da parte del corpo elettorale come nei governi presidenziali o elezione parlamentare del primo ministro o nomina del primo ministro da parte del capo di stato dove ad es in italia deve seguire il voto di fiducia. Nelle forma di governo magioritarie l'indicazione del primo ministro compita dal corpo elettorale attraverso l'elezione

del parlamento, nelle forme non maggioritarie la scelta del primo ministro frutto di un accordo post elettorale fra i partiti. La fase praparatoria della formazione del governo sono gli atti prima della nomina del primo ministro e la scelta del leader spetta o al gruppo parlamentare o ad un organo di partito, il capo dello stato prima di nominare il primo ministro fa delle consultazioni e tal volta si hanno anch dei mandati esplorativi per poi conferire l'incarico di formare il governo. Il presidente in grecia deve nominare il primo ministro del partito che abbia la maggioranza assoluta o quella relativa. La fase costitutiv sfocia nella formazione del governo e per la nomina dei ministri nella forma di governo presidenziale spetta al presidente con il consenso del senato mentre nelle altre forme spetta al primo ministro e in francia su proposta di questo al capo dello stato mentre in italia compiuta dai partiti della coalizone e non prevista revoca. Alla nomina del governo segue il giuramento dei suoi componenti a cui a volte segue il voto di fiducia del parlamento che se non vi potrebbe legittimare i governi di minoranza che si hanno anche quando si vota a maggioranza semplice. I governi elettorali servono per gestire la fase di indizione delle nuove elezioni e di regola spetta al governo uscente tuttavia si possono formare governi di garanzia. La crisi parlamentare determinata da un voto di sfiducia del parlamento mentre quella extraparlamentare ha ragioni esterne. Il voto di sfiducia si puo avere quando nessun partito abbia ottenuto la maggioranza dei seggi oppure quando un partito della maggioranza decida di allearsi con l'opposizione infatti le crisi sono per lo piu dovute alla rottura del patto di coalizione fra i partiti della maggioranza per cui il primo ministro chiede le dimissioni prima che la crisi si trasferisca in parlamento, si puo avere anche come crisi parlamentare quella dovuta ad un voto negativo su un importante legge di indirizzo politico per cui il governo puo capire di non godere piu dell'appoggio della maggioranza parlamentare e chiedere le dimissioni. Le crisi extraparlamentari possono essere determinate da ragioni

non politiche come morte o impedimento del primo ministo, determinate da nuove elezioni parlamentari per cui il governo presenta le proprie dimissioni, determinate dal nuovo presidente della repubblica acui il governo presenta le dimissioni per vedersele rifiutate, e detrminate da ragioni di partito quando si discute del primo ministro o per un coinflitto fra i partiti di coalizione. Il primo ministro ha una supremazia politica sugli altri ministri per per limitare il suo potere bisogna ricordarsi che egli deve essere riconosciuto come leader dal partito di maggioranza e inoltre l'organo collegiale titolare di importanti competenze. Nelle forma di governo con funzionamento maggioritariovi preminenza del primo monistro che puo scegliere e revocare i ministri su cui ha poteri di direttiva, ha un apparato informativo e organizzativo e la possibilit di costituire organi collegiali ristretti. Nelle forme che hanno un funzionamento di tipo maggioritario la formazione di governi di coalizione fra partiti riduce il primo ministro che funge da mediatore fa le componenti politiche e ci rafforza i singoli ministri. IL CAPO DELLO STATO Il capo dello stato rappresenta l'unit nazionale ed ha carattere monocratico tranne che in svizzera e nei paesi socialisti mentre, negli stati uniti soprattutto capo dell'esecutivo. Nella gran parte degli ordinamenti contemporanei il cpo dello stato il presidente delle repubblicanegli altri vi un monarca che personificazione dello stato al contrario del primo che un organo costituzionale che al pari di altri opera per realizzare i fini della comunit. Il capo dello stato puo avere ruolo di capo del potere esecutivo come nella forma presidenziale, di garante della legittimit e della permanenza dell'unit statale come nelle situazioni di crisi e di potere neutro quindi come istanza simbolica, garante del rispetto della costituzione o come potere di intemediazione. In ogni caso il capo dello stato una figura complessa la cui posizione puo variare.

Il capo dello stato puo aversi come nei sistemi monarchici per via ereditaria e quando non vi sia un erede il parlamento da il consenso sul successore designato dal re oppure puo aversi per elezione dove in islanda e slovenia viene adottato il sistema maggioritario a turno unico e a maggioranza relativa ma, negli altri casi l'elezione avviene con sistema maggioritario a doppio turno. Nelle repubbliche parlamentari il presidente viene eletto dal parlamento o da un assemblea federale in italia il primo in seduta comuna integrato da tre delegati per ogni regione e nelle prime due votazioni richiesta la maggioranza qualificata dei due terzi o quella assoluta. I capi dello stato monarchici hanno carica vitalizia, i presidenti della repubblica duerata determinata solitamente superiore a quella del parlamento e in italia e in irlanda di 7 anni. Il presidente non puo essere rieletto per piu di una volta e in alcuni casi il divieto del 3 mandato riguarda solo quello immediatamente successivo ma, in alcuni ordinamenti non orevisto alcun limitecome in frncia e in italia. La cessazione della carica nelle monarchie avveniva prima solo per morte o per abdicazione ma, vi possono essere casi in cui la corona affidata provvisoriamente ad un reggente. Nelle repubbliche il capo dello stato cessa alla scadenza del mandato e se la procedura elettorale si prolunga sono prorogati i poteri mentre in italia passano al presidente del senato. La cessazione della carica puo verificarsi prima per morte, dimissione, che di solito non deve essere motivata, destituzione per la messa in stato di accusa sa parte del parlamento o della sua condanna e impedimento per incapacit di adempiere i propri doveri e si distingue in permanente o temporanea e a dichiararla negli stai uniti lo stesso presidente o vice. La vacanza della carica negli ordinamenti presidenziali vede la sostituzione del vicepresidente mentre negli altri ordinamenti si puo avere l'elezione di un nuovo presidente e prima che questo venga eletto vi sar il suppente che negli stati uniti il vicepresidente mentre negli altri casi il presidente di una delle camere o in casi estremi il primo ministro. Il supplente

non puo sciogliere il parlamento, indire referendum o nominare il primo ministroche in italia puo avvenire. Nella forma di governo presidenziale il presidente anche titolare dell'esecutivo e nel caso di quello francese se sostenuto dalla maggioranza ha anche i poteri del primo ministro del regno unito mentre, il presidente russo ha anche l'iniziativa legislativa e l'indizione del referendum. Gli atti del capo dello stato possono essere o con natura sostanziale o meramente formali perch sanciti dalla volont di un altro organo infatti, importante la controfirma ministeriale degli atti del capo dello stato necessaria per il re e in alcuni casi anche evitabile per il presidente come ad es in italia il potere di esternazione che l'insieme dei messaggi orali, discorsi, con cui il presidente esprime il suo pensiero. Lo sciglimento anticipato del parlamento non si ha negli stati uniti, in svizzera ed in norvegia e solitamente rientra fra le competenze del capo di stato ma, bisogna chiedersi a chi spetti la dicisione, se sia richiesta oppure no la cointrofirma del governo che non si ha inb francia o negli stati ex socialisti mentre in lettonia viene sottoposto a referendum, in ogni caso generalmente la titolarit del governo. In alcuni casi lo scioglimento frutto dalla concorde volont del capo dello stato e del primo ministro come in italia e si possono stabilire anche i presupposti o i limiti di tempo, con un termine iniziale o uno finale prima del quale non ammesso lo scioglimento o il tempo che deve decorrere dopo che uno ve ne sia gia stato o il divieto di farlo nell'ultima fase del mandato, 6 mesi ad es in italia. Si pu chiedere anche il parere preventivo non vincolante di ciascuna camera in italia del primo ministro in francia ecc cmq si ha uno scioglimento maggioritario se deciso dal governo o dallla maggioranza parlamentare con in germania, lo scioglimento funzionale quando il parlamento non in grado di formare il governo, italia, lo scioglimento arbitrato per il conflitto tra parlamento ed un altro organo costituzionale che in francia il presidente, lo scioglimento di consultazione per cui vi puo essere quello automatico libero e lo scioglimento

tecnico che deriva da revisione costituzionale o da legge ordinaria. I capi dello stato monarchici hanno un'irresponsabilit penale assoluta e permanente poich i poteri di cui sono formalmante titolari sostanzialmente sono di altri. Per i presidenti della repubblica si ha una responsabilit politica diffusa perch soggetto alla critica dei cittadini ed istituzionale perch si puo far valere dal potere di elezione mediante la non rielezione e cio soprattutto nella forma presidenziale o con la rimozione dalla carica su iniziativa del parlamento a maggioranza qualificata. Un intermedio tra responsabilit politica e giuridica l'impeachment statunitense per cui il presidente se accusato di tradimento concussione o altro giudicato dal senato che lo rimuove dalla carica mentre in russia la destituzione solo teorica. Per gli atti compiuti nell'esercizio delle proprie funzioni si parla di irresponsabilir che non vale per per l'attentato alla costituzione come in italia, la violazione di leggi come in germania, l'alto tradimento come in italia, i gravi reati come in portogallo e le azioni scorrette o incompatibili con la carica come in israele. L'iniziativa proviene da una minoranza qualificata e lo stato di accusa deliberato a maggioranza parlamentare, il soggetto che giudica o organo parlamentare o giudic speciale o la corte costituzionale come in italia e la sanzione puo essere penale a cui si puo aggiungere la rimozione dalla carica. Per gli atti extra funzionali non prevista immunit ma, in francia non si puo procedere fino alla fine del mandato. GIUSTIZIA COSTITUZIONALE La giustizia costituzionale il riscontro di un organo giurisdizionale tra costituzione e norme subordinate per cui quella svolta da organi neutrali o non coinvolti nel processo formativo della legge che operano con giustizia politica ogni forma di controllo. Aristotele fu il primo a teorizzare la superiorit della costituzione rispetto alle leggi e cicerone del ius civile che dichiarava sacro santum ma, il precedente piu moderno il

caso bonham in cui sir coc sostenne la sottoposizione del monarca alla lex terrae esponendo la propria nozione di legge fondamentale identificandola con i principi della common law ma, tale dottrina per la sconfitta di coc venne abbandonata. In francia si cap anche che doveva esserci un controllo costituzionale svolto dallo stesso potere legislativo o da organi all'interno. Nel 700 James Otis e John Adams sostenevano che una legge contraria alla costituzione nulla. Nel 800 negli stati uniti il sindacato di costituzionalit si ebbe con il giudicial review of legislation per cui anche se il controllo non previsto dalla costituzione americana implicitamente si ha stabilendo un gerarchia delle fonti e mettendo al vertice la costituzione come suprema legge del paese e la corte suprema deve interpretare la costituzione per risolvere ogni antinomia tra lenorme e compete anche verificare se una legge conforma altrimenti sar inefficace. Tale controllo americano ha carattere diffuso per cui ciascun giudice abilitato a sindacare la conformit delle leggi che non di monopolio della corte suprema ma, che negli ultimi anni si trasformata in una vera corte costituzionale eliminando la sua giurisdizione di appello per scegliere le questioni di costituzionalit che vuole decidere ed ha rifiutato di svolgere attivit di mera consulenza in materia costituzionale ma, si anche data cospicue auto limitazioni circoscrivendo l'efficacia delle sue sentenza che limitata alle parti in causa. Altro prototipo di giustizia costituzionale quello di Kelsen che lo tradusse nella costituzione austriaca del 20 per cui la verifica di conformit delle leggi ala costituzione deve essere operata da un organo organizzato in tribunale e sia di tipo repressivo poich annulla una legge che non sia conforme alla costituzione e quindi il tribunale organo del potere legislativo per cui le pubbliche autorit chiamate ad applicare una legge che presumono incostituzionale devono sospendere il procedimento e rivolgersi al tribunale costituzionale. Oggetto del giudizio oltre alle leggi sono i

regolamenti gli atti normativi generali e i trattati internazionali per cui quando il tribuale riscontri un vizio annulla la legge o sue disposizioni con efficacia profuturo. Nell'ordinamento federale austriaco venne istituito un tribunale costituzionale federale con membri eletti a vita per met dalla camera rappresentativa della popolazione e per l'altra met dal consiglio federale per essere cosi neutrale. Nella IV repubblica francese il controllo di costituzionalit venne assegnato al comit costitutionnele con una composizione politica che al vertice aveva i presidente della repubblica poi i due presidenti dei 2 rami parlamentari e 7 componenti eletti dall'assemblea nazionale e 3 eletti dal consiglio della repubblica per cui vivevano tali componenti il rapporto fiduciario con l'assemblea nazionale e il consiglio della repubblica. Dall'esperienza poco buona precedente, la V repubblica cap che il controllo andava svolto prima della promulgazione nell'ambito dell'approvazione della legge e il conseil costitutinnele comprendeva 9 membi con mandato di 9 anni per una parziale indipendenza dell'organo ma, che cmq ha provenienza politica infatti 3 componenti sono nominati dal presidente della repubblica che nomina anche il presidente stesso, 3 dal presidente dell'assemblea nazionale e 3 dal presidente del senato. Tale consiglio svolge il controllo preventivo sulle leggi organiche e i regolamenti e facoltativo sulle leggi e sui trattati e la decisione prima poteva essere promossa solo dal presidente della repubblica, dal I ministo e dai presidenti dei 2 rami del parlamento ma, cio comportava una strozzatura nell'accesso, un cambio di rotta si ebbe quando negli anni 70 il consil incorpor ai parametri del giudizio il preambolo della costituzione per cui le leggi dovevano essere conformi non solo ala costituzione del 58 ma, anche a quelle precedenti. Nel 74 il potere di adire il consil venne assegnato anche a 60 deputati o a 60 senatori e dal 2003 dall'ente d'oltremare interessato che quindi il primo controllo aposteriri francese.

Il modello intermedio fra quello statunitense e quello kelseniano vede un organo costituzionale unico e specializzato come in austria ma, di cui, ciascun giudice interessato come negli usa e si chiama modello incidentale poich il giudice opera un preliminare giudizio di conformit alla costituzione della legge da applicare in un caso concreto e se ha solo il dubbio che vi sia contrasto interpella la corte costituzionale. Tale modello si ha in italia, nella repubblica federale tedesca ed in spagna dove non si ripudiato il ricorso diretto come in italia dove ci consacrato dall'art 134 della cosituzione e dove il giudice puo decidere sulla questione di costituzionalit se essa manifestatamente. In germania il controllo di costituzionalit svolto dal tribunale costituzionale ed concreto quando ha per oggetto una norma e non una disposizione da interpretare ed astratto quando non si origina da un procedimento giudiziario ma, mira ad un raffronto tra disposizioni di diverso grado. In spagna si privilegiato l'accesso diretto e il tribunale costituzionale giudica sull'incostituzionalit di leggi sottopostegli con 3 diverse modalit, la prima l'accesso in via incidentale, la seconsa il ricorso diretto presentato dal presidente del governo o da 50 deputati o senatori e il terzo che il piu usato il recurso de amparo con cui ciscuna persona fisica p giuridica denuncia la violazione di diritti o libert fondamentali e il controllo di costituzionalit successivo a tre mesi dalla pubblicazione della legge. Vi sono situazioni in cui l'ibrido tra tipo americano ed austriaco si dipana in modo diverso come in portogallo per cui si vieta ai giudici di applicare norme che violino la costituzione e si istituisce un tribunale che deve conoscere l'incostituzionalit delle leggi in via preventiva o successiva. In grecia invece i tribunali non possono applicare una legge il cui contenuto sia contrario alla costituzione e si ha comunque una corte suprema speciale, in russia i giudici applicano direttamente la costituzione in caso di contrasto non la legge ma si deve investire della

questione la corte costituzionale. In america latina accanto al controllo diffuso di costituzionalit vi un controllo concentrato di un organo ad oc; tutti questi casi fanno affiorare l'esigenza di uniformizzazione del controllo di costituzionalit. Vi sono modelli dove il controllo di costituzionalit si ha prima e altri in cui si ha dopo l'entrata in vigore della legge altri in cui si ha un carattere diffuso come negli stati uniti o accentrato come in austria di controllo e soluzioni ibride. Il controllo a priori non ha incontrato molta fortuna tranne che negli ordinamenti che hanno subito la dominazione coloniale francese. In portogallo si ha sia un controllo preventivo che uno successivo. In romania preventivo ma, il controllo preventivo non ha incontrato molto favore poich non permette di sottoporre le disposizioni legislative alla prova dell'interpretazione. Il controllo successivo risulta infatti assai piu vantagioso poich consente ai giudici di salvare disposizioni che se non interpretate potrebbero in via preventiva essere colpite da incostituzionalit e impedisce viceversa che interpretazioni incostituzionali sfuggano al controllo. In canada il controllo di costituzionalit compete a ciascun giudice ma, vi anche una corte suprema i cui giudici sono nominati dal governatore generale e che durano fino ai 75 anni, in australia il grado di accentramento accentuato dall'esistenza dell'alta corte che puo essere adita quale ultimo grado di giurisdizione ordinaria ed esercita giurisdizione di primo grado sopra ad alcune questioni. In irlanda il controllo di costituzionalit compete all high court e alla corte suprema, in sud africa ora vi una corte composta da un presidente e 10 componenti che ha competenza esclusiva su tutte le materie relative la costituzione. Negli ordinamenti sopra indicati ciascun giudice puo disapplicare la legge incostituzionale ed la corte al vertice a esprimere l'ultima parola e l'unica ad avere effetto vincolante delle proprie decisioni. Per cui stato possibile con alcuni correttivi esportare il modello

diffuso statunitense a sistemi di civil law. Sono sempre piu gli ordinamenti in cui si ha un tribunale costituzionale ad hoc che deve svolgere i compiti di controllo sulle leggi e gli atti degli organi costituzionali o di enti centrali o periferici, anche le corti supreme in nord america tendono a monopolizzare l'esercizio della giustizia costituzionale. Nel continente europeo per che il modello accentrato sepcializzato e successivo ha conosciuto la maggiore fortuna ma, non esiste un modello accentrato unitario. Il sistema incidentale non ha incontrato molta fortuna nei paesi dell'ex unione sovietica poi si hanno soluzioni particolari nel tribunale federale svizzero che ha 30 membri e 15 supplenti eletti per 6 anni e rieletti sino alle dimissioni e che possono vagliare solo i decreti non soggetti a referendum ma, anche le decisioni sui conflitti di competenza tra confederazione e cantoni e fra cantoni. Altro ordinamento particolare quello belga che regolamenta anche le competenze fra stato regioni e comunit e delibera sui conflitti tra leggi, decreti norme relative alle competenze regionali, violazioni del principio di eguaglianza ecc. forme antiche di sindacato sulle leggi si hanno con l'attribuzione al capo dello stato di funzioni di controllo di costituzionalit o cmq egli partecipa in altri ordinamenti in concorrenza con altri organi per ricorrere alla corte costituzionale o per il potere di messaggio con cui richiama il legislatore o altri al rispetto della costituzione ma, altra sua funzione quela che si ha in sede di promulgazionesanzione. Altri organi che collaborano a tale controllo sono in francia il governo che puo opporre l'irrecevibilit di leggi o emendamenti incostituzionali. In italia con le commissioni affari costituzionali che controllano i requisiti di urgenza dei decreti legge e in russia con il presidenteche annulla i decreti e le ordinanze del governo. Nei paesi socialisti invece sono i soviet che approvano sia leggi regionali che quelle costituzionali per cui la vigilanza e la conformit delle leggi viene conferita all'assemblea rappresentativa a

cuba e in cina. Le corti europee sono 2 istanze giurisdizionali, 1 a carattere sovranazionale e 1 internazionale. La corte di giustizia delle comunit europee opera come giurisdizione costituzionale e attraverso il meccanismo del rinvio pregiudiziale per cui in caso di dubbio per l'interpretazione di una norma comunitaria il giudice interno sospende il giudizio e la rimanda ad essa. Questa corte si compone di un giudice per ciascuno stato e 8 avvocati generali nominati dagli stti membri, i giudici sono nominati per 6 anni e affiancati da un tribunale di prima istanza con 27 giudici. Tale corte ha il principio dell'applicabilit diretta del diritto comunitario negli stati membri e della disapplicazione del diritto interno che ne in contrasto emettendo delle sentenze di carattere dichiarativo. La corte europea dei diritti umani nasce per la convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libert fondamentali che funge da costituzione del consiglio d'europa. Tale corte si compone di un numero di giudici pari agli stati contraenti eletti per 6 anni e il cui mandato si esaurisce ai 70 anni godendo di autonomia regolamentare e decidendo a maggioranza allegando per ognuno la propria opinione individuale. L'adesione alla convenzione comporta l'accettazione della competenza obbligatoria della corte per l'interpretazione e l'applicazione di essa e si puo avere un ricorsointerstatale quando uno stato membro imputi ad un altro l'inosservanza della convenzione o anche un ricorso di tipo individuale. La corte puo essere adito solo dopo che sono stati esauriti tutti i rimedi giurisdizionali interni e le sue sentenze sono obbligatorie e definitive e producono effetti interpartes ma, se la violazione dipenda da norme interne dello stato si impone la modifica della legislazione viziata e cio lasci intravedere un vero e proprio diritto europeo dei diritti umani. Entrambe queste corti europee hanno ostacoli che non le permettono di essere assimilate alle corti costituzionali ma, cio ha subito un evoluzione con la carta dei diritti fondamentali che vincola il giudice comunitario al rispetto della convenzione europea.

Per l'indipendenza della magistratura nel modello diffuso statunitense i giudici della corte suprema e delle altre corti federali sono nominati a vita dal presidente e non devono necessariamente essere laureati in giurisprudenza ma, far parte delle alte cariche dello stato, delle corti inferiori federali e statali o della facolt di giurisprudenza e bisogna anche tenere conto dei criteri geografico etnici. Altro criterio di indipendenza la mancanza di aspettative dei giudici nei confronti del potere politico. In altri ordinamenti come in canada e in irlanda l'indipendenza della corte suprema assicurata dalla nomina dei giudici da parte del governatore generle o del presidente con il consenso della camera alta o del parlamento, dal divieto di rimozione al parlamento e dal divieto di diminuire il trattamento economico. Negli ordinamenti del centro e del sud america si sono apportate delle modifiche per cui i igudici hanno durata temporanea e solo in giappone sono nominati a vita dal gabinetto e per all'elezione della camera dei deputati il corpo elettorale deve confermarli. Nella confederazione svizzera i giudici sono eletti dall'assemblea federale tra i cittadini elegibili al consiglio nazionale e le nomine sono decise dai 4 principali partiti ed prassi rieleggerli. Nei tribunali ad hoc i giudici devono avere un'adeguata preparazione giuridica per cui possono essere solo giuristi di chiara fama e solo il belgio un'eccezione perch i giudici sono per met politici. In italia si ha un organo apposito collegato con il parlamento e con il presidente della repubblica che eleggono i 2/3 dei componenti ed il restante 1/3 eletto dalle supreme magistrature ordinarie es amministrative per un totale di 15 giudici. La durata di 9 anni e vi divieto di rielezione per assicurarne l'autonomia insieme alle guarantigie. In spagna sono 12 i componenti formalmente nominati dal re, 4 su proposta della camera bassa, 4 del senzato, 2 indicati dal governo e 2 dal cosiglio generale del potere giudizairio quindi si hail vantaggio della maggioranza e del esecutivo a scapito delle magistratura e le categorie dai quli vengono attinti sono

quelle dei magistrati, dei prof universitari, deo funzionari pubblici e degli avvocati. Un ulteriore garanzia di indipendenza dalla politica data dalla durata del mandato e dal divieto di rielezione per il mandato immediatamente successivo, si ha anche un presidente nominato dal re su proposta del tribunale per tre anni e rieleggibile una sola volta. Nele democrazie dell'europa centro orientale ad es nella repubblica slovacca i 10 giudici sono designati dal predinte della repubblica su proposta del consiglio nazionale, nella federazione russa sono nominati dal consiglio federale su proposta del presidente e in portogallo 10 giudici sono nominati dall'assemblea della repubblica. Il tribunale costituzionale tedesco di 16 giudici 8 eletti dalla camera dei deputati e 8 dal senato e durano 12 anni. La durata del mandato non quasi mai vitalizzia e si puo avere il rinnovo parziale della corte a scadenze determinate ma, non in italia inoltre in alcuni ordinamenti come quello italiano vi il divieto di rielezione. Il presidente del tribunale costituzionale puo essere scelto o dalla corte stessa come in italia o dal presidente della repubblica come in francia. Negli ordinamenti decentrati il ricorso degli enti periferici quasi sempre contemplato meno frequente quello dei minori enti territoriali ma il presidente della repubblica l'organo piu frequentemente abilitato a bloccare una legge o ad impugnarla cosa che conferita anche al governo o alle assemblee parlamentari ma, anche garantita alle minoranze parlamentari la possibilit di ricorrere alla corte costituzionale in via preventiva o successiva e in spagna puo ricorrere a cio anche il defensor del pueblo o un numero di cittadini. Possono anche farlo partiti, sindacati o procuratori generali, in polonia otre ai sindacati garantito cio alle categorie economiche e alla chiesa e in italia la corte costituzionale puo qualche volta procedere d'ufficio. L'idea che ciascun cittadino possa rivolgersi ad un giudice si ebbe nell'america latina per la prima volta contro ad es gli amparos atti e comportamenti illegali o omissioni di

pubblici funzionari o di privati ma, il tribunale potr decidere quali amparos esaminare e quali no. In austria consentita l'ipugnazione di regolamenti di autorit amministrative assunti in base a un ordinanza illegale. Nella repubblica federale tedesca oltre ad atti amministrativi giurisdizionali e legislativi il ricorso deve essere presentato dopo l'esaurimento delle vie giudiziarie. L'azione diretta espedibile solo se non esitstono altri rimedi giurisdizionali e se considerata indispensabile per eliminare o prevenire una violazione di diritti. Nei sistemi accentrati, il tribunale costituzionale che trova un vizio annulla la legge mntre dove il sindacato diffuso il giudice disapplica la legge ed il precedente vincola tutti i giudici di grado inferiore. Il controllo di costituzionalit si svolge quando a priori su un atto in itinere per precluderne l'entrata in vigore per cui o si modifica l'atto o la costituzione. Una sentenza composta dalla motivazione per spiegare le ragione della deicisone e da un dispositivo, nei sistemi a controllo accentrato il dispositivo a provocare l'annullamento della legge, nei modelli a sindacato diffuso il valore del precedente abbraccia l'intera motivazione. L'alternativa secca tra accoglimento e rigetto di kelsen ha mostrato i suoi limiti e per cui si arrivato a sentenze che siano anche parziali per annullare solo parte di una legge interpretative poich un significato puo essere conforme alla costituzione e un altro no e per cui si deve tenere conto del diritto vivente ma, allo stesso tempo senza rendere interpretazioni cervellotiche per fare salva la legge. Vi possono essere sentenze additive per l'incostituzionalit di una disposizione nella parte in cui non preveda alcun che o manipolative nella parte in cui prevede una cosa anzi che un altra, altre sono le sentenze ottative per far salva una legge invitando per il parlamento a modificarla. In numerosi ordinamenti la pronuncia del tribunale vincola solo le parti compartando che un atto oggi costituzionale

puo essere considerato incostituzionale in seguito, in altri paesi infatti anche le decisioni di rigetto hanno efficacia erga omnes. Per quanto riguarda l'efficacia delle sentenze la stessa giurisprudenza a doverle chiarire e dove vi un sistema accentrato e incidentale la sentenza ha effetto qualche volta d giudicato. Nella repubblica federale tedesca alcune decisioni del tribunale hanno forza di legge mentre in spagna si assegnato valore giuridico della ratio decidendi e in italia si data forza di legge alle sentenze della corte costituzionale e cio significa autorizzare il legislatore ad approvare una legge che abroga la normativa della sentenza della corte. Se il controllo preventivo si preclude l'entrata in vigore dell'atto e comunque le sentenze di incostituzionalit operano dalla data di pubblicazione della decisione che nei sistemi a sindacato diffuso retroagisce poiche gli altri giudici sono incolati al precedente e nei sistemi accentrati la retroazione si ha in relazione ai rapporti giuridici non ancora esauriti e si arresta difronte alle sentenze passate in giudicato. Alcune volte per si differisce l'efficacia della sentenza per dare il tempo al legislatore di apprestare le adeguate misure per cui in austria l'incostituzionalit acquista efficacia dal giorno della pubblicazione che ha un termine non superiore a 18 mesi e nelle piu recenti costituzioni l'efficacia differita la regola come nella repubblica slovacca le disposizioni normative cessano di avere efficacia 6 mesi dopo la dichiarazione di incostituzionalit. Le motivazioni dei giudici hanno lo scopo di esibire al giudice superiore la base su cui poggia la decisione e a mano a mano che cresce l'autonomia del processo decisionale lievita anche il grado di libert nella selezione dei materiali giuridici e nella valutazione delle conseguenze della sentenza e nei valori da privilegiare. In ogni caso le decisioni dei giudici costituzionali sono sottoposte a verifica e i membri della corte suprema la sotopongono ai colleghi giudicim alla comunit dei giuristi e all'uditorio

rappresentato dall'opinione pubblica. La collegialit una caratteristica dell'organo che giudica le leggi e i processi formativi delle decisioni sono difficili da analizzare, soprattutto dove non sia possibile manifestare opinioni individuali, dissenzienti o concorrenti come invece accade negli stati uniti. Le argomantazioni della parte emotiva oltre a convalidare la decisione esibiscono a un giudice superiore la base tecnica che fonda la decisione. Le corti si propongono di convincere sempre piu un uditorio piu vasto per cui si avvalgono di tutti gli strumenti della retorica, dei precedenti, del diritto comparato e degli excursus storici. Le corti costituzionali hanno xo anche dei limiti come i condizionamenti dei testi e dei contesti linguistici ed extra linguistici quindi dal meta linguaggio dei giuristi e dai linguaggi specializzati ma, sono anche condizionate dalle disposizioni della costituzione e dalla legislazione implementativa, dai precedenti giudiziari. Raramente vi sono freni di indole politica e le corti si possono auto limitare o rifiutare di dare pareri ad altri organi o di decidere su casi dove cio non si potrebbe fare senza invadere il campo di altri organi e inoltre la corte suprema ha dichiarato chenuna proposta per essere sottoposta a giudizio deve presentare una reale controversia mentre la corte costituzionale italiana ha rifiutato di sindacare la discrezionalit del legislatore. Vi un rapporto tra struttura policentrica dello stato e genesi della giustizia costituzionale, il legame tra decentramento e giustizia costituzionale oltre che in amrica stretto anche in europa nelle costituzioni degli stati tedeschi e una delle funzioni di maggiore spicco svolte dal tribunale costituzionale proprio la soluzione dei conflitti legislativi e alcune costituzioni disciplinano anche controversie che riguardano atti centrali o periferici ad es amministrativi. Le corti costituzionali si occupano anche della tutela dei diritti e del principio di uguaglianza e sono chiamate a pronunciarsi su discriminazioni arbitrarie.

Altre funzioni delle corti costituzionali sono in germania la dichiarazione della perdita di diritti fondamentali per chi ne abusa, la dichiarazione di incostituzionalit di partiti politici, le decisioni su controversie tra organi, o tra bund e lander e la verifica delle lezioni. In italia l'art 134 dice che spetta alla corte giudicare sui conflitti di attribuzione tra i poteri dello stato, i conflitti fra stato e regioni e tra regioni, le accuse contro il presidente della repubblica e i ministri e il giudizio sull'ammissibilit del referendum abbrogativo. In spagna altr funzioni sono i giudizi sui conflitti di competenza tra stato e comunit autonome e tra queste e i conflitti tra organi supremi. Comunque svariati ordinamenti hanno caricato il proprio tribunale di funioni ulteriori come quelle contro l'attivit di partiti anti costituzionali o i bilanci di questi, i conflitti tra organi dello stato, accertare l'impedimento del capo dello stato, la vigilanza sule operazioni elettorali e delle procedure referendarie e in alcuni casi anche la funzione di intervenire alla revisione costituzionale. Le corti possono essere o a controllo diffuso o accentrato ma, anche miste come in portogallo ed in grecia, possono avere uno o piu livelli di giustizia costituzionale come megli stati uniti e infatti vi sono sistemi unitari integralmente accentrati come spagna italia francia, sistemi plurali parzialmente accentrati per cui ciascun livello territoriale ha un solo organo ma, nell'ordinamento convivono piu tribunali costituzionali come in germania ed austria, sistemi plurali parzialmente decentrati dove la funzione distribuita tra giudici e corte suprema come in grecia e sistemi plurali integralmente decentrati come gli stati uniti. Vi possono essere stemi monofunzionali come gli ordinamenti di common law, plurifunzionali come l'europa classica, a parametro limitato per cui come parametro si ha solo la costituzione ed esteso con anche trattati convenzionali o convenzioni di diritti. Vi sono modelli con oggetto integrale per cui le corti possono conoscere l'illeggittimit delle leggi ,di atti amministrativi, di atti politici, di trattati ecc oppure parziali. Le modalit di

accesso e i tipi di accesso possono essere a unico sistema come quello incidentale negli stati uniti, quello preventivo in francia e quello diretto in austria oppure a sistemi misti della stragrande maggioranza dei paesi. Vi sono ordinamenti chiusi per cui i soggetti sono enti ed organi dello stato e aperti dove sono coinvolti anche i giudici e si possono avere oltre all'efficacia dichiarativa e costitutiva delle sentenze altri tipi di effetti come quelli nei confronti delle parti, diretti in stati uniti e spagna e indiretti in italia.