ImportantE: ConSErVarE ComE rIFErImEnto FUtUro

Nel presente manuale viene illustrato come guidare in sicurezza la nuova bicicletta. Anche se si è esperti, è

Completare la registrazione
La registrazione della bicicletta è l’unica procedura che consente di risalire al proprietario. Se è necessario fornire nuove istruzioni, la registrazione è una procedura essenziale. La registrazione e la prova d’acquisto sono necessarie per presentare un reclamo. Sono previste due modalità di procedura per completare la registrazione: • Fare clic sul collegamento “Registrazione della bicicletta” sul CD. • Collegarsi all’indirizzo Web riportato sulla copertina del presente manuale e fare clic sui collegamenti. Sul sito Web è inoltre disponibile un collegamento a nuove istruzioni. Se si decide di non completare la registrazione, si consiglia di visitare frequentemente il sito Web.

importante che TUTTI leggano il Capitolo 1 prima di usare la nuova bicicletta.
È compito dei genitori illustrare il contenuto del Capitolo 1 ai bambini o a chiunque altro non sia in grado di comprenderne le relative informazioni. Nel presente manuale viene inoltre illustrato come effettuare le attività di manutenzione di base. Alcuni interventi devono essere eseguiti solo dal rivenditore. Tali attività sono specificate nel manuale. Il presente manuale è conforme ai seguenti standard: ANSI Z535.6 CPSC CFR 1512 BS 6102 : Part 1: 1992 CEN 14764, 14765, 14766, 14872

Informazioni sul CD
Insieme al manuale viene fornito un CD contenente informazioni più esaustive sul tipo di bicicletta acquistato. L ’utilizzo del CD contenente istruzioni sulla bicicletta consente di ridurre l’utilizzo della carta, nel rispetto della tutela dell’ambiente. Se non si dispone di un computer domestico, visualizzare il CD sul computer a scuola, a lavoro o nelle biblioteche pubbliche. In caso di malfunzionamento del CD, visitare il nostro Sito Web per istruzioni. L ’indirizzo del sito Web è riportato sulla copertina del manuale.

Significato di simboli speciali e messaggi di sicurezza

aVVErtEnZa
In questo manuale il simbolo aVVErtEnZa indica una situazione potenzialmente pericolosa che, se non evitata, può causare lesioni gravi o morte.

attEnZIonE
In questo manuale il simbolo attEnZIonE indica una situazione potenzialmente pericolosa che, se non evitata, può causare lesioni lievi o moderate.

Conservare per proprio riferimento

Modello della bicicletta acquistata: Numero di serie: Rivenditore: Numero di telefono del rivenditore: Codice di blocco 

montaggio della nuova bicicletta
Per l’assemblaggio e le regolazioni iniziali della bicicletta sono necessari attrezzi e competenze specifici. Tale operazione deve essere eseguita solo dal rivenditore.

Cenni sulle biciclette e sulla sicurezza
Una bicicletta può essere utilizzata come giocattolo, mezzo di trasporto, relax o svago o per competizione. Ogni bicicletta ha tuttavia i propri limiti. I limiti sono differenti per le diverse biciclette a seguito delle numerose caratteristiche: • Design della bicicletta • Materiale della bicicletta • Utilizzo della bicicletta • Manutenzione della bicicletta • Superficie stradale o del percorso • e molto altro ancora Se si applica una forza superiore ai limiti della bicicletta, si potrebbe danneggiarla. Una bicicletta danneggiata potrebbe subire un guasto a seguito di una forza ridotta e causare un incidente. In caso di incidente, anche il conducente potrebbe essere ferito. Anche un piccolo incidente a velocità ridotta potrebbe causare l’applicazione di grandi forze, lesioni e persino la morte. Pensare sempre “alla sicurezza” e guidare in maniera sicura. Pensando alla sicurezza è possibile evitare le situazioni più pericolose. Ad esempio, è noto che i brutti incidenti possono essere causati dall’inserimento di un oggetto estraneo nei raggi. Non tutte le situazioni pericolose sono tuttavia così ovvie. Molte di tali situazioni sono illustrate nel presente manuale. Il design di una bicicletta ne consente l’utilizzo (o l’abuso) in situazioni ovviamente poco sicure. Alcuni esempi sono le acrobazie e i salti ad alto rischio mostrati nelle riviste o nei video. Alcune situazioni a rischio si verificano se si guida in modo anomalo o ad alto rischio, in una zona inusuale o si apportano modifiche non previste alla bicicletta.

Domande
I modelli disponibili sono numerosi e ognuno è equipaggiato con accessori differenti. Pertanto, è possibile che alcune informazioni contenute nel presente manuale non siano applicabili alla bicicletta acquistata. Alcune illustrazioni potrebbero essere differenti. Per eventuali dubbi nonostante la consultazione delle informazioni contenute nel presente manuale, rivolgersi al proprio rivenditore. Per eventuali domande o problemi che il rivenditore non è in grado di risolvere, scrivere a: Attn: Customer Service 801 W. Madison Street Waterloo, Wisconsin 53594 920.478.4678 

InDICE
tipo di bicicletta e condizione di utilizzo  prima di usare la bicicletta per la prima volta
Verifica delle dimensioni della bicicletta .......................................... 3 Funzionamento della bicicletta ......... 3 Proteggere la bicicletta in caso di spedizione ..................... 12

Capitolo : manutenzione
Strumenti per la manutenzione ...... 13 Manutenzione periodica programmata ................................ 13

Capitolo : regolazione
Manubrio ......................................... 15 Stelo ................................................ 15 Sella ................................................. 17 Serie sterzo ..................................... 18 Bracci della pedivella ...................... 18 Movimento centrale ........................ 18 Pedali ............................................... 19 Catena ............................................. 19 Cavi ................................................. 19 Leve del cambio............................... 19 Deragliatore anteriore .................... 20 Deragliatore posteriore ................... 21 Sistemi Nexus a 4, 7 oppure 8 velocità .......................... 22 Sistemi a 3 velocità ......................... 22 Leve dei freni .................................. 23 Freni ................................................ 24 Ruote ............................................... 26 Installazione delle ruote.................. 26 Sospensione..................................... 31 Accessori ......................................... 31 Bicicletta pieghevole ....................... 32

prima di ogni uso
Elenco dei controlli prima di ogni uso .......................................... 4 Controllo del telaio e della forcella ... 4 Verifica della fibra di carbonio .......... 5 Controllo delle ruote ......................... 6 Controllo della pressione degli pneumatici ...................................... 6 Controllo dei freni ............................. 6 Controllo del manubrio e dello stelo 7 Controllo della sella e del reggisella. 7 Controllo delle sospensioni ............... 7 Controllo delle luci e dei catarifrangenti .......................... 7

regole per una guida sicura
Conoscere e osservare le normative locali che regolano la guida in bicicletta .......................................... 8 Fare attenzione alle auto, ai pedoni e ad altri ostacoli ............ 8 Indossare un casco e un abbigliamento appropriato ............. 8 Guidare in maniera sicura nelle situazioni incerte ............................ 8 Pensare sempre alla sicurezza .......... 9

Capitolo 4: Lubrificazione
Stelo ................................................ 33 Reggisella........................................ 33 Movimento centrale ........................ 33 Pedali ............................................... 33 Deragliatori ..................................... 34 Serie sterzo ..................................... 34 Freni e leve dei freni ....................... 34 Ruote ............................................... 34 Forcelle di sospensione ................... 34 Sospensioni posteriori .................... 34 Cavi ................................................. 34

Istruzioni di guida
Utilizzo appropriato dei freni.......... 10 Cambio corretto delle marce ........... 10

Salvaguardia della bicicletta
Trasportare gli utensili per la riparazione ................................ 11 Installare e utilizzare solo accessori compatibili..................... 11 Pulire la bicicletta ........................... 12 Non fissare il telaio durante il trasporto o le attività di riparazione ................................ 12

Ulteriori informazioni Garanzia limitata 

6 7 

tIpo DI bICICLEtta E ConDIZIonE DI UtILIZZo
Le biciclette sono di vari tipi. Ogni tipo di bicicletta è realizzato per un uso specifico o condizione di utilizzo. Se l’utilizzo di una bicicletta implica maggiore stress rispetto al limite di utilizzo, la bicicletta o un componente potrebbe guastarsi. In questa sezione viene descritta la Condizione di utilizzo per i differenti tipi di biciclette. Per eventuali dubbi sul tipo di bicicletta utilizzato, rivolgersi al proprio rivenditore.

Condizione 
Biciclette progettate per la Condizione 1, oltre alle strade a fondo liscio con pietrisco e ai percorsi curati con pendenze moderate su cui gli pneumatici non perdano aderenza.

biciclette nella Condizione 

bicicletta per bambini
Sono concepite per i bambini. I bambini dovrebbero guidare sempre sotto la supervisione di un genitore. Non dovrebbero guidare su terreni sconnessi, marciapiedi, scale, pendenze, zone adiacenti a piscine o frequentate da automobili.

• Biciclette ibride con cerchi da 700c, pneumatici più ampi di 28c e manubri piatti • Biciclette da città: ibride con equipaggiamento speciale • Biciclette Cyclocross: con manubri abbassati, pneumatici 700c con superficie ruvida e freni a flessione o a disco • Limite di peso: 300 libbre (136 kg)

bicicletta per bambini
• Altezza massima della sella di 680 mm. Generalmente biciclette con cerchi da 12”, 16” o 20” e tricicli per bambini • Sistemi di aggancio ruote senza leva di sgancio rapido • Limite di peso: 80 libbre (36 kg)

Condizione 
Biciclette progettate per le Condizioni 1 e 2, oltre ai percorsi accidentati, ostacoli di piccole dimensioni e aree tecniche con fondo liscio, comprese le aree dove è possibile perdita momentanea dell’aderenza degli pneumatici con il fondo stradale, NON per i salti. Tutte le mountain bike senza sospensioni posteriori appartengono alla Condizione 3. Alcune biciclette con sospensioni posteriori veloci appartengono alla Condizione 3.

Condizione 
Biciclette progettate per essere guidate su superfici pavimentate su cui gli pneumatici non perdano aderenza.

biciclette nella Condizione 
• Biciclette con manubrio abbassato • Biciclette Triathlon, Time Trial o veloci • Tandem • Cruiser con cerchi ampi da 26” e manubrio ergonomico • Biciclette pieghevoli • Limite di peso: 275 libbre (125 kg). Tandem: 550 libbre (250 kg)

biciclette nella Condizione 
• Mountain bike “standard”, da “corsa” o “cross-country” con pneumatici ampi e con superficie ruvida da 24”, 26” o 29” • Sospensioni posteriori veloci (3”/75 mm o inferiori) • Limite di peso: 300 libbre (136 kg) 

Capitolo 1: Guida al funzionamento sicuro su strada e fuoristrada

Condizione 4
Biciclette progettate per la guida delle Condizioni 1, 2 e 3, oltre ad aree tecniche sconnesse, ostacoli di altezza moderata e piccoli salti.

aVVErtEnZa
Se l’utilizzo di una bicicletta applica maggiore stress rispetto alla Condizione di utilizzo della bicicletta, si potrebbe rompere o danneggiare la bicicletta o i relativi componenti. Una bicicletta danneggiata potrebbe compromettere il controllo e causare cadute. non guidare in Condizioni di utilizzo che applicano maggiore stress rispetto ai limiti della bicicletta. per eventuali dubbi sui limiti della bicicletta, rivolgersi al proprio rivenditore.

biciclette nella Condizione 4
• Mountain bike “percorsi impegnativi”, “percorsi” o “montagna” con pneumatici ampi e con superficie ruvida da 24”, 26” o 29” • Sospensioni posteriori per percorrenza media (4”/100 mm o inferiori) • Limite di peso: 300 libbre (136 kg)

Condizione 5
Biciclette progettate per salti, alte velocità o guida aggressiva su superfici sconnesse o salti su superfici piatte. Questo tipo di utilizzo è molto pericoloso e implica ampie forze sulla bicicletta, che possono applicare stress pericoloso al telaio, alla forcella o ai componenti. Se si guida su terreni della Condizione 5, adottare le apposite precauzioni di sicurezza come, ad esempio, maggiori ispezioni della bicicletta e sostituzione delle apparecchiature. Indossare inoltre appositi dispositivi di protezione, ad esempio casco integrale, dispositivi di protezione per il corpo e gli arti.

biciclette nella Condizione 5
• Biciclette “freeride” o “jumping” con telai, forcelle e componenti per terreni impervi • Sospensioni posteriori per percorrenza lunga (7”/178 mm o inferiori) • Limite di peso: 300 libbre (136 kg)

Capitolo 1: Guida al funzionamento sicuro su strada e fuoristrada 

prIma DI USarE La bICICLEtta pEr La prIma VoLta
Verifica delle dimensioni della bicicletta
Il rivenditore può consigliare una bicicletta adatta alle dimensioni del corpo del ciclista. È necessario prevedere una distanza di almeno 25 mm (un pollice) tra il tubo orizzontale e il ciclista quando in posizione eretta sulla bicicletta (Figura 1). Per le mountain bike si consiglia una distanza compresa tra i 50 e i 75 mm (2 – 3 pollici). La sella e il manubrio possono essere regolati in modo da offrire il massimo comfort e prestazioni ottimali. Prima di eseguire tali regolazioni, consultare il Capitolo 3.

potenza dei freni
La potenza dei freni varia in base alla Condizione di utilizzo della bicicletta. Se si ritiene che la bicicletta necessiti di maggiore o minore potenza frenante, rivolgersi al proprio rivenditore per le regolazioni dei freni o altre opzioni di frenata.

Impedire la sovrapposizione delle cinghie
Se si gira il manubrio a velocità particolarmente basse, i piedi o le cinghie potrebbero urtare la ruota anteriore o il parafango (Figura 2). A velocità normali il manubrio non ruota a un’angolazione tale da indurre tale sovrapposizione. Quando si procede lentamente, evitare di pedalare se il manubrio è girato.

Funzionamento della bicicletta
Se non utilizzate correttamente, le caratteristiche della bicicletta possono indurre una riduzione del controllo. Prima di guidare alle alte velocità o in condizioni problematiche, apprendere il funzionamento e le prestazioni di tutti i meccanismi della bicicletta. Esercitarsi a utilizzare la bicicletta alle basse velocità in una zona parcheggio vuota e piatta. Se il funzionamento non è quello previsto o se per un funzionamento sicuro sono necessari componenti differenti, rivolgersi al rivenditore.

aVVErtEnZa
Se il piede o la cinghia urtano la ruota anteriore o il parafango, la sovrapposizione può causare la perdita di controllo e cadute. non pedalare quando si gira a basse velocità. In caso di problemi con il telaio o la forcella, non utilizzare la bicicletta.
In casi molto rari, alcuni ciclisti possono percepire uno “sfarfallamento” oppure “oscillazione armonica” o “vibrazione del telaio” a determinate velocità. In caso di sfarfallamento, rallentare immediatamente. Rivolgersi immediatamente al rivenditore per un’ispezione e la riparazione.

aVVErtEnZa
Se non si utilizza correttamente il sistema frenante o si applica forza eccessiva con il freno anteriore, il controllo potrebbe essere ridotto e causare cadute. Esercitarsi per imparare ad applicare correttamente i freni come illustrato nel presente manuale.

aVVErtEnZa
Lo sfarfallamento potrebbe compromettere il controllo e causare cadute. In caso di sfarfallamento, rallentare immediatamente. rivolgersi al rivenditore per un’ispezione e la riparazione.

1

Figura 1. Altezza minima con ciclista in piedi 1, 25 mm (1 pollice) per la maggior parte delle biciclette, 50 – 75 mm (2 – 3 pollici) per le mountain bike

Figura 2. Sovrapposizione delle cinghie 

Capitolo 1: Guida al funzionamento sicuro su strada e fuoristrada

prIma DI oGnI USo
Prima di ogni uso ispezionare la bicicletta. Nel seguente elenco di controllo sono illustrate le aree critiche da sottoporre a ispezione. Se una parte della bicicletta non funziona correttamente, riparare il mezzo attenendosi alle istruzioni fornite nel presente manuale o rivolgersi al proprio rivenditore per assistenza. Non utilizzare una bicicletta con un componente danneggiato, ma ripararlo.
I controlli riportati di seguito non devono essere considerati come un programma di manutenzione completo.

Controllo del telaio e della forcella
Prima e dopo ogni utilizzo, verificare che sulla bicicletta non siano presenti segni di stress: • Ammaccature • Incrinature • Graffi • Deformazioni • Scoloriture • Rumori anomali Se la bicicletta è sottoposta a un sovraccarico, ispezionare tutti i componenti prima dell’uso. I sovraccarichi includono gli incidenti ma anche forti impatti che non causano un incidente. Un sovraccarico potrebbe essere ad esempio l’urto con un binario ferroviario a una forza eccessiva. Le biciclette e i relativi componenti non sono indistruttibili. Se l’utilizzo della bicicletta induce un aumento delle forze applicate su di essa, sostituire la bicicletta o i relativi componenti più frequentemente rispetto all’utilizzo in condizioni di normale guida e attenzione. La durata di una parte dipende dalla struttura, dai materiali, dall’uso e dalla manutenzione: peso, velocità, terreno, manutenzione, ambiente di corsa (umidità, salinità, temperatura, ecc.) e telaio o parti dello stesso. Pertanto non è possibile fornire scadenze precise per la sostituzione. Per eventuali dubbi sulla sostituzione di un componente, rivolgersi al proprio rivenditore. In alcuni casi, la durata di vita di un telaio o componente più leggero è maggiore rispetto a quella dei componenti più pesanti. Una migliore manutenzione e ispezioni più frequenti sono invece necessarie per le biciclette e i componenti leggeri e ad alte prestazioni.

Elenco dei controlli prima di ogni uso
 telaio e forcella  pneumatici  pressione degli pneumatici  Freni  manubrio e stelo  Sella e reggisella  Sospensione  Luci e catarifrangenti

attEnZIonE
Una bicicletta che non funziona correttamente potrebbe compromettere il controllo e causare cadute. Ispezionare accuratamente la bicicletta prima di ogni uso e non usarla finché il problema non è stato risolto.

Capitolo 1: Guida al funzionamento sicuro su strada e fuoristrada

4

Composto di fibra di carbonio
Le biciclette o i componenti realizzati in composto di fibra di carbonio o in fibra di carbonio sono differenti dalle biciclette o dai componenti in metallo. La fibra di carbonio è più resistente rispetto all’acciaio o all’alluminio, ma si comporta diversamente in caso di incidente o impatto. In caso di incidente o impatto, un componente in fibra di carbonio non si piega o deforma come un componente in metallo. Quando la forza di un impatto è superiore rispetto al limite di resistenza, la fibra di carbonio non si piega ma si rompe. In un incidente o impatto che non induce la rottura, la fibra di carbonio potrebbe non risultare apparentemente danneggiata ma subire comunque danni interni o nascosti. In questo caso, leggere attentamente le istruzioni e ispezionare la fibra di carbonio.

ricerca di delaminazione (verifica con battito)
1. Pulire completamente la parte con cura con un panno umido. 2. Con una moneta battere la parte vicino all’eventuale danno. 3. Ascoltare con cura se vengono prodotte variazioni di suoni, soprattutto un suono vuoto che indichi che la parte non è solida. Battere sulla parte nel punto in cui non si sono verificati danni o utilizzare una parte simile. Mettere a confronto i due suoni riprodotti.

Tali verifiche non sono esaustive: in caso di dubbi sulla sicurezza di un componente, si consiglia di sostituirlo.

Verifica della fibra di carbonio
In questa sezione viene descritto come ispezionare i componenti in fibra di carbonio. Un filmato sul CD contenente il manuale d’uso (disponibile anche sul sito Web) illustra la verifica con battito che è necessario eseguire.

aVVErtEnZa
Una parte danneggiata in fibra di carbonio potrebbe cedere improvvisamente. Ispezionare con frequenza la bicicletta in fibra di carbonio o parti della stessa alla ricerca di eventuali danni. In caso di incidenti o urti della bicicletta o nel caso in cui si ritenga che una parte in carbonio sia stata danneggiata, arrEStarE ImmEDIatamEntE La bICICLEtta. rivolgersi al proprio rivenditore per ispezione e assistenza in conformità con la politica di sostituzione in caso di incidente.

ricerca di problemi in superficie
1. Pulire completamente la parte con cura con un panno umido. 2. Esaminare con cura la parte per rilevare l’eventuale presenza di: • Graffi • Intagli • Incrinature • Fibre allentate • Altri difetti in superficie

ricerca di perdita di rigidità di una parte (verifica della flessione)
Non guidare ma utilizzare la parte come d’abitudine mentre un altro osservatore verifica il movimento del componente o eventuali rumori inusuali. Sedersi ad esempio sulla sella e chiedere a un osservatore esterno di verificare l’eventuale flessione del reggisella in fibra di carbonio.

5

Capitolo 1: Guida al funzionamento sicuro su strada e fuoristrada

Controllo delle ruote
• Accertarsi che le ruote siano dritte. Girare ogni ruota e osservare il cerchione quando passa tra le pastiglie dei freni o il telaio. Se il cerchione sfarfalla, in direzione verticale oppure orizzontale, riparare la ruota. • Accertarsi che le ruote siano montate correttamente. Sollevare la bicicletta e colpire energicamente la parte superiore del pneumatico (Figura 3). La ruota non dove staccarsi, allentarsi o spostarsi da un lato all’altro. Ulteriori controlli da eseguire sono riportati nel Capitolo 3. Le ruote sono attaccate al telaio della bicicletta mediante sistemi differenti: dadi inseriti nell’asse, un dispositivo di sgancio rapido azionato da una leva (Figura 4 ) o un asse passante. Per ulteriori informazioni sulla regolazione e la chiusura dei dispositivi di aggancio delle ruote sulla bicicletta, vedere il Capitolo 3.

Controllo dei freni
Attenersi alle istruzioni di ispezione per il tipo di freni della bicicletta:

aVVErtEnZa
In caso di malfunzionamento dei freni, non utilizzare la bicicletta. Un sistema frenante danneggiato o non regolato correttamente potrebbe compromettere il controllo e causare cadute. Ispezionare accuratamente i freni prima di ogni uso. Se i freni non funzionano correttamente, regolarli o rivolgersi al rivenditore per la riparazione.
• Freno su cerchione: un cavo collega una leva a mano al freno. La leva induce le pastiglie dei freni ad applicare pressione al cerchione. Tirare la leva del freno per assicurarsi che il freno si muova liberamente e arresti la bicicletta. Se la leva dei freni raggiunge il manubrio, il freno è troppo lento. Quando non si utilizzano i freni, la distanza tra le pastiglie e il cerchione deve essere compresa tra 1 e 2 mm. Se le pastiglie dei freni sono troppo vicine al cerchione, il freno è troppo serrato. Le pastiglie dei freni devono essere in linea con la superficie del cerchione (Figura 5). • Freni a disco: un cavo o tubo idraulico collega una leva a mano al freno. La leva induce le pastiglie ad applicare pressione a un disco collegato al mozzo della ruota.

aVVErtEnZa
Una leva di sgancio rapido non regolata e chiusa correttamente può causare l’allentamento o il distacco della ruota, causando la perdita di controllo del mezzo e cadute. Controllare che le ruote siano installate correttamente prima di utilizzare la bicicletta.

Controllo della pressione degli pneumatici
Gonfiare le ruote alla pressione raccomandata sulle pareti laterali delle ruote.

attEnZIonE
I freni a disco e i dischi si surriscaldano durante l’uso e potrebbero provocare ustioni. Inoltre i bordi del disco possono essere affilati e provocare tagli. non toccare il disco o i freni del disco se caldi o se in movimento.
2 3 1 4

Figura 3. Verifica freni allentati

Figura 4. Leva di sgancio rapido delle ruote

Figura 5. Allineamento delle pastiglie dei freni 1. Le pastiglie dei freni sono allineati alla superficie del cerchione 2. Le pastiglie e il cerchione devono essere paralleli 3. Direzione di rotazione del cerchione 4. Convergenza di 0,5-1,0 mm

Capitolo 1: Guida al funzionamento sicuro su strada e fuoristrada

6

Tirare la leva del freno per assicurarsi che il freno si muova liberamente e arresti la bicicletta. Se la leva dei freni raggiunge il manubrio, il freno è troppo lento. Se i freni non sono applicati, la distanza delle pastiglie dal disco dovrebbe essere di circa 0,25-0,75 mm. Se le pastiglie sono troppo vicine al disco, il freno non è allineato oppure è troppo serrato. • Freno con mozzo interno: un cavo collega la leva del freno a un meccanismo nel mozzo.

verificare il collegamento con la forcella, provare a girare il manubrio da entrambi i lati mantenendo la ruota anteriore bloccata tra le ginocchia (Figura 7). Per verificare il collegamento del manubrio, provare a ruotarlo nello stelo. Il manubrio non deve muoversi o allentarsi. Accertarsi che nessun cavo sia tirato o impigliato nella bicicletta quando si gira il manubrio. Controllare che i tasselli siano correttamente inseriti nelle due estremità del manubrio.

attEnZIonE
I freni con mozzo interno si surriscaldano durante l’uso e potrebbero provocare ustioni. non toccare il mozzo oppure raffreddare le alette, se calde.
Se sono necessari più di 15 mm (5 - 8 pollici) di movimento della leva del freno per arrestare la bicicletta, il freno è troppo lento. Se sono necessari più di 7 mm di movimento della leva del freno per arrestare la bicicletta, il freno è troppo serrato. • Freni contro-pedale: quando si spostano i pedali all’indietro, si azionano i freni. I freni dovrebbero essere azionati prima che i bracci della pedivella girino di 60° (1/6 di giro). Poiché è la catena ad azionare il freno, assicurarsi che non si stacchi. Il movimento verticale totale della catena (Figura 6) deve essere compreso tra 6 e 12 mm (1/4 – 1/2 pollice).

Controllo della sella e del reggisella
Accertarsi che la sella siano montata correttamente. Provare a ruotare la sella e il reggisella nel telaio e inclinare la parte anteriore della sella verso il basso e verso l’alto. La sella non deve muoversi o allentarsi.

aVVErtEnZa
alcune selle presentano molle a spirale esposte. Se sulla parte posteriore della bicicletta viene montato un carrozzino, le molle esposte possono rappresentare un pericolo per le dita del bambino. Si consiglia di coprire tali molle o utilizzare una sella senza molle esposte.

Controllo delle sospensioni
Regolare le sospensioni in base all’uso e controllare che nessun componente delle sospensioni “fuoriesca” o sia completamente compresso.

Controllo del manubrio e dello stelo
Controllare che lo stelo sia allineato alla ruota anteriore e sia montato correttamente sulla forcella e sul manubrio. Per

Controllo delle luci e dei catarifrangenti
Verificare che tutte le luci funzionino correttamente e che le eventuali batterie siano cariche. Se le luci utilizzano una dinamo, controllare che sia installata correttamente e che tutti i dispositivi di aggancio siano serrati. Controllare che i catarifrangenti siano puliti e in posizione corretta.

Figura 6. Verifica della tensione della catena

Figura 7. Collaudo del manubrio e dello stelo

7

Capitolo 1: Guida al funzionamento sicuro su strada e fuoristrada

rEGoLE pEr Una GUIDa SICUra
Conoscere e osservare le normative locali che regolano la guida in bicicletta
La maggior parte degli Stati e dei paesi dispone di normative specifiche per i ciclisti che devono essere rispettate. Alcuni componenti della bicicletta, quali luci e catarifrangenti, cambiano da Stato a Stato. Per informazioni, rivolgersi alle associazioni locali di ciclismo o al Ministero dei trasporti (o enti equivalenti). Tra le regole più importanti di guida si ricordano le seguenti: • Utilizzare i segnali manuali corretti. • Guidare in fila indiana in presenza di altre biciclette. • Guidare sul lato corretto della strada, non procedere mai contromano. • Mantenere sempre alto il livello di attenzione, essere sempre preparati a qualsiasi situazione. Un ciclista è difficile da vedere e molte persone alla guida di un’auto non conoscono i diritti e le necessità specifiche dei ciclisti.

Indossare un casco e abbigliamento appropriato
Indossare un casco che sia conforme agli standard di sicurezza CPSC o CE (Figura 9) in grado di proteggere da lesioni. Rimuovere il casco quando non si utilizza la bicicletta. Se il casco si impiglia, si potrebbe soffocare. Indossare indumenti appropriati, occhiali e guanti. Non indossare indumenti lenti che potrebbero impigliarsi nella catena o nelle ruote. Indossare inoltre indumenti di colore chiaro, brillante e che riflettano la luce, specialmente di notte, in modo da essere più visibili.

Guidare in maniera sicura nelle situazioni incerte
Guidare con cura in presenza di pioggia
L ’efficacia di nessun freno in condizioni di pioggia è pari all’efficacia in condizioni di tempo asciutto. Perfino i freni correttamente regolati e sottoposti a regolare manutenzione richiedono, in condizione di tempo piovoso, una maggiore pressione di leva e distanza di arresto. In caso di pioggia, l’aderenza è ridotta. Prendere le curve più lentamente quando l’aderenza è ridotta, come quando si guida su foglie bagnate, strisce pedonali e tombini. In presenza di ghiaccio, l’aderenza è persino minore e la potenza frenante potrebbe essere inferiore. Regolare la velocità o utilizzare altri mezzi di trasporto. Il vento forte può far girare la bicicletta in modo imprevisto. In condizioni di vento, diminuire la velocità o utilizzare altri mezzi di trasporto. Se si guida in condizioni di tempo piovoso, la dinamo (il generatore luminoso) potrebbe non funzionare correttamente. Non andare in bicicletta in caso di pioggia se la visibilità è ridotta.

Fare attenzione alle auto, ai pedoni e ad altri ostacoli
Fare attenzione a buche, griglie di scolo, sporgenze lievi o basse e altre deviazioni che possono far slittare le ruote o creare un impatto. Quando si attraversano binari ferroviari o griglie di scolo, procedere con attenzione a un’angolazione di 90° (Figura 8). In caso di incertezze sulle condizioni della superficie di guida condurre a mano la bicicletta. Se un’auto si immette improvvisamente nella propria corsia o la portiera di una macchina parcheggiata viene aperta in modo inaspettato, si potrebbe essere coinvolti in un grave incidente. Montare un campanello sulla bicicletta e utilizzarlo per segnalare la propria presenza.

90

45

Figura 8. Angolazione per l’attraversamento sicuro dei binari

Figura 9. Indossare un casco per bicicletta

Capitolo 1: Guida al funzionamento sicuro su strada e fuoristrada 

accertarsi di essere visibile
La bicicletta è provvista di una serie completa di catarifrangenti. Controllare che i catarifrangenti siano puliti e in posizione corretta. Per quanto siano utili, non migliorano la visibilità. Non facilitano la visibilità a meno che una luce non punti ad essi. Utilizzare un fanale anteriore e posteriore quando si utilizza la bicicletta in zone scarsamente illuminate o in condizioni di bassa visibilità. È fondamentale avere una buona visibilità ed essere visti. Se si usa la bicicletta al tramonto, di notte o in condizioni di scarsa illuminazione, consultare il proprio rivenditore per trovare prodotti adatti a migliorare la visibilità e a rendere maggiormente visibili.

aVVErtEnZa
Se non si utilizza la bicicletta correttamente, si è più soggetti ai rischi di lesione: • Salti con la bicicletta • acrobazie con la bicicletta • Guida su fuoristrada in condizioni difficili • Guida veloce, gare o “discese” • Guida inusuale ognuna di queste condizioni aumenta la pressione esercitata su ogni parte della bicicletta. Eccessivo stress può causare danni al telaio o alla parte e aumentare il rischio di lesioni. Utilizzare la bicicletta correttamente per ridurre il rischio di lesioni.
• Rispettare le condizioni d’uso. Guidare conformemente alle Condizioni d’uso specificate per il tipo di bicicletta. • Non guidare a velocità elevate. Le velocità elevate possono causare rischi più elevati. A velocità più elevate, è più probabile che le ruote slittino o che una piccola buca posso creare un impatto significativo sul telaio o sulla forcella. In caso di incidente, le velocità elevate inducono l’applicazione di forze più ampie. Mantenere sempre il controllo della bicicletta. Per i bambini, il limite di velocità è decisamente inferiore.

aVVErtEnZa
Senza le luci e i catarifrangenti corretti, è difficile essere visibili e garantire una buona visibilità. In questo caso, si è più soggetti agli incidenti. Utilizzare luci anteriori e posteriori e catarifrangenti quando si usa la bicicletta in condizioni di scarsa visibilità.

pensare sempre alla sicurezza
Pensando alla sicurezza è possibile evitare molti incidenti. Di seguito vengono riportati alcuni esempi: • Non guidare “senza mani”. • Non guidare con oggetti lenti attaccati al manubrio o ad altre parti della bicicletta. • Non mettersi alla guida se in stato di ubriachezza o durante l’assunzione di medicinali che possono indurre sonnolenza. • Non trasportare passeggeri. • Guidare con attenzione su fuoristrada. Guidare solo sui sentieri segnati. Non guidare su rocce, rami o avvallamenti. In prossimità di una discesa, ridurre la velocità, tenere il proprio peso all’indietro e in basso e usare il freno posteriore con maggiore frequenza rispetto a quello anteriore.

aVVErtEnZa
Le rotelle di supporto impediscono la normale inclinazione della bicicletta in curva. Se la curva viene affrontata a velocità elevata, la bicicletta potrebbe cadere. In presenza di rotelle di supporto, non consentire ai bambini di correre o svoltare bruscamente. 

Capitolo 1: Guida al funzionamento sicuro su strada e fuoristrada

IStrUZIonI DI GUIDa
Utilizzo appropriato dei freni
Mantenere sempre una distanza di sicurezza dagli altri veicoli oppure oggetti. Utilizzare i freni. Regolare le distanze e le forze di frenata per le condizioni di guida. Se la bicicletta ha due freni a mano, tirare entrambi i freni contemporaneamente. L ’uso eccessivo o errato di un freno della ruota anteriore potrebbe far sollevare la ruota posteriore, con conseguente riduzione del controllo del mezzo (Figura 10). La leva del freno di sinistra della bicicletta controlla il freno della ruota anteriore. Se si desidera modificare tale disposizione, vedere il Capitolo 3. Molti modelli di freni moderni sono particolarmente efficaci: sono progettati per arrestare la bicicletta su strade bagnate o fangose. Se ci si rende conto che i freni sono troppo efficaci, rivolgersi al proprio rivenditore per la regolazione o sostituzione del sistema frenante.

Cambio corretto delle marce
È possibile innestare la marcia più adatta alle proprie condizioni, ovvero una marcia che consenta di pedalare a un ritmo costante. I sistemi di cambio marce sono di due tipi: deragliatore (esterno) e interno.

Cambio delle marce con un deragliatore
La leva del cambio di sinistra controlla il deragliatore anteriore mentre la leva del cambio di destra controlla il deragliatore posteriore. Utilizzare solo una leva del cambio alla volta. Cambiare le marce solo quando i pedali e la catena si spostano in avanti. Quando si cambia marcia, ridurre la forza esercitata sui pedali per consentire un cambio più veloce e lineare ed evitare eccessiva usura della catena e del cambio ed evitare che le catene, i deragliatori e le corone in lega si pieghino. Non cambiare le marce sulle cunette poiché la marcia potrebbe non innestarsi nella catena oppure la catena potrebbe cadere. Con i sistemi moderni di cambio marce indicizzati, un movimento della leva del cambio da una posizione alla successiva (o il movimento della leva del cambio nella posizione di “cambio”) sposterà tempestivamente la catena su una marcia differente. Il cambio marce sulle biciclette provviste di leve del cambio strada STI e di tre corone in lega potrebbe essere più agevolato se si “mantiene” la leva per un momento prima di lasciare la leva del cambio. Tale accorgimento è particolarmente importante quando si passa dalla corona in lega più piccola a quella media.

aVVErtEnZa
Se si applica improvvisamente o completamente una forza frenante alla ruota anteriore, la ruota posteriore potrebbe sollevarsi o la ruota anteriore potrebbe slittare. Ciò potrebbe compromettere il controllo e causare cadute. applicare i freni contemporaneamente e spostarsi all’indietro.

Cambio marcia con marce interne
Per cambiare le marce, non spostare i pedali o spostarsi all’indietro. Se è necessario cambiare marcia mentre si pedala, ridurre la pressione esercitata sui pedali. Una tensione eccessiva sulla catena intralcia il corretto funzionamento del meccanismo di cambio delle marce.

Figura 10. Uso eccessivo del freno sulla ruota anteriore

Capitolo 1: Guida al funzionamento sicuro su strada e fuoristrada 

0

SaLVaGUarDIa DELLa bICICLEtta
proteggere la bicicletta contro il furto
Acquistare e utilizzare un dispositivo di blocco che sia resistente ai taglierini per bulloni e seghe. Parcheggiare sempre la bicicletta con il dispositivo di blocco.

trasportare gli utensili per la riparazione
Durante l’uso, portare una pompa per pneumatici, una camera d’aria di ricambio, kit di riparazione e attrezzi per consentire la riparazione della bicicletta in caso di pneumatici sgonfi o di altri problemi meccanici. Se si guida di notte, portare lampadine di ricambio e batterie per i fanali.

annotare il numero di serie
Annotare il numero di serie della bicicletta sulla parte anteriore del manuale e conservarlo in un luogo sicuro. Compilare quindi la registrazione on-line. La casa produttrice conserva il numero di serie nei propri archivi informatici.

Installare e utilizzare solo accessori compatibili
Non tutti gli accessori sono compatibili e sicuri. Pertanto, utilizzare solo gli accessori approvati dal produttore. Un carrozzino per bambini, ad esempio, aggiunge ulteriore peso sulla bicicletta e farla pertanto diventare meno stabile. Anche se è possibile utilizzare un carrozzino per bambini sulla maggior parte delle biciclette, prestare la massima attenzione a causa della minore stabilità. Per eventuali dubbi sulla compatibilità di una parte, rivolgersi al proprio rivenditore.

parcheggiare la bicicletta in modo sicuro
Dopo l’uso, parcheggiare la bicicletta in un luogo in cui non sia d’intralcio e accertarsi che non possa cadere. Non appoggiare la bicicletta sui deragliatori, per evitare di piegare il deragliatore posteriore o sporcare la trasmissione. Fare in modo che la bicicletta non cada, per evitare di rompere le impugnature del manubrio o causare danni alla sella. L ’uso errato dei portapacchi per bicicletta potrebbe far piegare le ruote.

parcheggiare la bicicletta con cura
Quando non in uso, parcheggiare la bicicletta in un posto riparato. Non riporre la bicicletta in prossimità di motori elettrici, poiché l’ozono emesso dai motori può causare danni alle gomme e alla vernice. La pioggia e la neve possono corrodere le parti metalliche. Le radiazioni ultraviolette del sole possono scolorire la vernice o spaccare le parti in gomma o in plastica. Prima di riporre la bicicletta per periodi prolungati di tempo, pulirla e sottoporla a manutenzione e applicare lucidante per telai. Appenderla sollevata da terra con le gomme gonfiate a metà pressione. Prima di riutilizzarla, verificare che funzioni correttamente.

aVVErtEnZa
non apportare modifiche al telaio, alla forcella o alle parti. non carteggiare, forare, schedare, rimuovere i dispositivi di ritenzione ridondanti, installare forcelle non compatibili o apportare altre modifiche. Un componente non approvato o assemblato in modo errato potrebbe esercitare pressione sulla bicicletta o sui componenti. Un telaio, una forcella o un componente modificato potrebbe compromettere il controllo e causare cadute. prima di aggiungere un accessorio alla bicicletta o modificarne una parte, rivolgersi al rivenditore. 

Capitolo 1: Guida al funzionamento sicuro su strada e fuoristrada

pulire la bicicletta
Se il telaio o un componente sono sporchi, pulirli con un panno morbido e umido e con un prodotto per la pulizia della bicicletta o una soluzione di acqua e sapone. Non utilizzare solventi industriali o prodotti chimici aggressivi che potrebbero causare danni alla vernice.

non fissare il telaio durante il trasporto o le attività di riparazione
Non fissare il telaio della bicicletta su una superficie verniciata, in quanto si potrebbe danneggiare la vernice o persino ammaccare, schiacciare o rompere la parte tubolare leggera,

aVVISo
Il dispositivo di fissaggio di un portabici o di un carrozzino per bambini potrebbe danneggiare la finitura della bicicletta o persino piegare i tubi del telaio. Quando si porta la bici in riparazione, fissare il reggisella. Quando la bicicletta viene trasportata da un portabici per auto, fissare le ruote e le estremità delle forcelle.

proteggere la bicicletta in caso di spedizione
Se è necessario spedire la bicicletta, avvolgere il telaio e le parti con un rivestimento imbottito in modo da prevenire eventuali danni. Rivolgersi al rivenditore per l’acquisito di dispositivi utilizzati per spedire una nuova bicicletta, ad esempio blocchi per le forcelle.

Capitolo 1: Guida al funzionamento sicuro su strada e fuoristrada 

CapItoLo : manUtEnZIonE
La manutenzione programmata illustrata si basa sul normale utilizzo. Se la bicicletta viene utilizzata a un livello superiore rispetto alla media o se viene utilizzata sotto la pioggia, neve o fuoristrada, eseguire le attività di manutenzione con una frequenza maggiore rispetto a quella indicata dal programma. In caso di guasto di una parte, esaminarla e riparala immediatamente oppure rivolgersi al proprio rivenditore. Se una parte è danneggiata, sostituirla prima di utilizzare di nuovo la bicicletta. Dopo l’utilizzo iniziale, esaminare le nuove biciclette alla ricerca di cavi allentati a seguito dell’utilizzo e altre condizioni anomale. Dopo due mesi circa dall’acquisto di una nuova bicicletta, rivolgersi al rivenditore e far ispezionare con cura la bicicletta. Si consiglia di far ispezionare con cura la bicicletta dal rivenditore ogni anno, anche se non utilizzata di frequente.

manutenzione periodica programmata
a ogni utilizzo
Controllo del telaio e della forcella ... 4 Controllo delle ruote ......................... 5 Controllo della pressione degli pneumatici ...................................... 6 Controllo dei freni ............................. 6 Controllo del manubrio e dello stelo ........................................ 7 Controllo della sella e del reggisella................................... 7 Controllo delle sospensioni .............. 7 Controllo delle luci e dei catarifrangenti .......................... 7

ogni settimana
Pulire la bicicletta con un panno umido ............................ 11 Controllare che non siano presenti raggi allentati ............................... 23 Lubrificare le forcelle di sospensione............................... 31 Controllare i bulloni della forcella di sospensione ......... 28 Controllare i bulloni delle sospensioni posteriori .......... 28

Strumenti per la manutenzione
Chiave dinamometrica con scale graduate N•m oppure libbre•pollice Chiavi esagonali da 2, 4, 5, 6, 8 mm Chiave aperta chiusa da 9, 10, 15 mm Chiave da 15 mm Chiave fissa a tubo, presa da 14, 15, e 19 mm Chiave Torx T25 Cacciavite Phillips n.1 Kit riparazione per gomme da bicicletta, pompa per pneumatici da bicicletta con misuratore e leve delle ruote Speciale pompa ad alta pressione per ammortizzatore posteriore o forcella di sospensione
Non tutti gli strumenti sono necessari per tutte le biciclette

ogni mese
Controllare il collegamento del manubrio e dello stelo .................. 14 Controllare il collegamento della sella e del reggisella............. 15 Controllare la catena....................... 17 Controllare il dispositivo della copertura della catena (accessori) ..................................... 28 Controllare che i cavi del cambio non siano usurati ....... 18 Verificare il funzionamento delle leve del cambio ..................... 18 Controllare i deragliatori ................ 18 Lubrificare i deragliatori ................ 31 Controllare il sistema di cambio interno .......................................... 20 Controllare la regolazione del cuscinetto della serie sterzo ......... 17 Controllare le pastiglie dei freni ..... 21 Controllare i bulloni dei freni ......... 21 Controllare la tensione della catena ..................................... 6 

Capitolo 2: Manutenzione

Controllare i bulloni degli accessori............................... 28 Controllare la regolazione del cuscinetto delle ruote ................... 23 Controllare che i dispositivi del cambio non siano usurati ....... 23

ogni tre mesi
Pulire e lucidare le finiture ............. 11 Controllare i bracci della pedivella e i fermapedali ............... 17 Lubrificare le leve dei freni ............ 31

ogni anno
Lubrificare lo stelo del manubrio ... 30 Lubrificare il reggisella .................. 30 Ingrassare di nuovo le filettature e i cuscinetti dei pedali ................. 30 Ingrassare di nuovo i cuscinetti del movimento centrale ................ 30 Ingrassare di nuovo i cuscinetti della ruota ..................................... 31 Ingrassare di nuovo i cuscinetti della serie sterzo ........................... 31 Lubrificare il sistema di sgancio rapido delle ruote ........ 31 Ingrassare di nuovo e oliare le forcelle delle sospensioni .......... 31

Capitolo 2: Manutenzione 

4

CapItoLo : rEGoLaZIonE
In questo Capitolo sono illustrate le istruzioni per regolare le parti della bicicletta. Dopo una riparazione, controllare la bicicletta come descritto nella sezione “Elenco dei controlli prima di ogni uso” del Capitolo 1.

manubrio

aVVErtEnZa
Un manubrio o attacco non regolato o serrato correttamente potrebbe compromettere il controllo e causare cadute. accertarsi che l’attacco e il manubrio siano regolati e serrati correttamente prima di utilizzare la bicicletta. regolazione dell’angolo del manubrio
1. Diminuire il serraggio dei bulloni di fissaggio del manubrio sull’attacco (Figura 11 e Figura 12). 2. Spostare il manubrio. Controllare che sia centrato rispetto all’attacco. 3. Serrare i bulloni di fissaggio del manubrio in base al tipo di stelo: • Steli saldati: 100-120 lb•in (11,3-13,6 N•m). • Steli forgiati: 150-81,65 kg•in (17-20,3 N•m).

Cenni sulle specifiche di coppia
La coppia è una misura del serraggio di una vite o un bullone. Utilizzare una chiave dinamometrica per essere sicuri di non applicare eccessiva coppia, che potrebbe causare danni o guasti a una parte. Dopo aver utilizzato la chiave dinanometrica, controllare il funzionamento della parte eseguendo le verifiche descritte in questo capitolo. Se una parte non funziona correttamente quando serrata alla coppia consigliata, rivolgersi al proprio rivenditore per assistenza.

aVVErtEnZa
Una bicicletta danneggiata potrebbe compromettere il controllo e causare cadute. prima di ogni uso ispezionare accuratamente la bicicletta. In caso di problemi, non utilizzare la bicicletta. riparare la bicicletta o rivolgersi immediatamente al rivenditore per la riparazione.

Stelo
Gli steli sono di due tipi: • Stelo a connessione diretta (Figura 11) • Stelo tubolare (Figura 12)

regolazione di uno stelo a connessione diretta
Per regolare l’altezza del manubrio su stelo a connessione diretta è necessario regolare il cuscinetto della serie sterzo. La regolazione del cuscinetto richiede attrezzi e competenze specifiche e, per tale motivo, deve essere eseguita solo dal rivenditore.
1

1

2 3

2 Figura 11. Stelo a connessione diretta 1. Bulloni di fissaggio del manubrio 2. Bulloni di fissaggio dello stelo Figura 12. Stelo tubolare a elevazione regolabile 1. Bulloni di fissaggio del manubrio 2. Bullone di espansione 3. Bullone di regolazione dell’angolo Capitolo 3: Regolazione 

5

allineamento di uno stelo a connessione diretta
1. Diminuire il serraggio dei bulloni di fissaggio dello stelo di due o tre giri. 2. Allineare lo stelo alla ruota anteriore. 3. Serrare i bulloni di fissaggio dello stelo a 100-120 lb•in (11,3-13,6 N•m).

Cambiare l’altezza di uno stelo a elevazione regolabile
1. Diminuire il serraggio del bullone di regolazione dell’angolo (Figura 12) fino a quando è possibile modificare l’angolazione dello stelo. 2. Spostare lo stelo sull’angolo desiderato. 3. Serrare il bullone di regolazione dell’angolo a 150-170 lb•in (17-20,3 N•m).

allineamento o regolazione di uno stelo tubolare
Per regolare l’altezza dello stelo a elevazione regolabile illustrato nella Figura 12, cambiare innanzitutto l’angolo dello stelo (vedere sezione seguente) che garantisce l’accesso al bullone di espansione.

Cambiare l’altezza di uno stelo a elevazione regolabile bontrager
1. Far scorrere il pulsante di blocco (Figura 14) in avanti e sollevare la leva di sgancio. 2. Spostare lo stelo e il manubrio sull’angolo desiderato. 3. Bloccare la leva di sgancio. Verificare che la leva di sgancio rapido sia completamente bloccata e che il pulsante di blocco sia nella posizione bloccata.

1. Diminuire il serraggio del bullone di espansione di due o tre giri. 2. Lo stelo è fissato dal cuneo dello stelo. Per diminuire il serraggio del cuneo dello stelo, battere la parte superiore del bullone di espansione con un mazzuolo di legno o rivestito in plastica. 3. Regolare il manubrio sull’altezza necessaria, ma con la linea minima di inserimento all’interno del telaio (Figura 13). Almeno 23/4 pollici (70 mm) dello stelo devono rimanere sempre nel telaio. 4. Serrare il bullone di espansione a 120 lb•in (13,6 N•m).

regolazione della forza di serraggio della leva di sgancio dello stelo a elevazione regolabile bontrager
1. Rilasciare la leva di sgancio. 2. Avvitare la vite di regolazione della tensione (Figura 14). 3. Controllare che sia presente resistenza quando la leva si trova a metà del relativo movimento.
Se la forza di serraggio è eccessivamente elevata o ridotta, regolare nuovamente la vite.

aVVErtEnZa
Uno stelo tubolare eccessivamente alto potrebbe danneggiare la bicicletta, compromettere il controllo e causare cadute. accertarsi che il segno d’inserimento minimo (Figura ) sia all’interno del telaio.

1

2

1

3

Figura 13. Segno di inserimento minimo su stelo tubolare 1. Questa riga dovrebbe essere nascosta dal telaio della bicicletta

Figura 14. Stelo a elevazione regolabile Bontrager 1. Vite di regolazione della tensione 2. Leva di sgancio. 3. Pulsante di blocco

Capitolo 3: Regolazione 

6

Sella
Regolare l’angolo della sella in base alle proprie preferenze. Provare innanzitutto a guidare con la parte superiore della sella parallela al terreno. Per le biciclette con le sospensioni posteriori, spostare la parte anteriore della sella leggermente verso il basso: quando il peso del corpo compire l’ammortizzatore posteriore, la sella si posiziona a livello. È possibile inoltre spostare la sella in avanti e indietro lungo il reggisella per aumentare il comfort e regolare la distanza dal manubrio. Con una corretta regolazione, la sella della bicicletta è adeguatamente comoda anche per diverse ore di guida. Non chiudere mai un gancio reggisella con il reggisella fuori dal telaio.

3. Regolare la sella e serrare il bullone di fissaggio per il tipo di reggisella: • Un bullone che utilizza una chiave aperta chiusa da 13 o 14 mm: 180-220 lb•in (20,3-24,9 N•m) • Un bullone attraverso la testa del reggisella che utilizza una chiave cilindrica da 5 mm (Figura 17): 120130 lb•in (13,6-14,7 N•m) • Un bullone che utilizza una chiave cilindrica da 6 mm: 150-250 lb•in (1728,3 N•m) • Due bulloni che utilizzano una chiave cilindrica da 4 mm: 45-60 lb•in (5-6,8 N•m) • Due bulloni che utilizzano una chiave cilindrica da 5 mm: 80-125 lb•in (9,614,1 N•m)

aVVErtEnZa
Una sella regolata in modo errato o che non sostiene adeguatamente la zona pelvica può causare lesioni ai nervi e ai vasi sanguigni. Se la sella è causa di dolore o intorpidimento, regolare di nuovo la posizione. Se dopo la regolazione la sella causa ancora dolore o intorpidimento, rivolgersi al proprio rivenditore perché la regoli o la sostituisca con una più comoda. regolazione dell’angolo della sella
1. Diminuire il serraggio del bullone di fissaggio della sella (Figura 16) fino a quando è possibile spostare la sella.
Alcuni reggisella utilizzano due bulloni. Per effettuare la regolazione, diminuire il serraggio di un bullone, quindi serrare l’altro bullone.

regolazione dell’altezza della sella
1. Sedersi sulla sella in posizione di guida senza scarpe, mentre un’altra persona tiene sollevata la bicicletta. 2. Disporre i bracci della pedivella parallelamente al tubo verticale della sella. 3. Diminuire il serraggio del bullone di giunzione del reggisella o della leva di sgancio. 4. Posizionare i talloni sul pedale inferiore. Allungare il reggisella fino a quando la gamba sia distesa in tutta la sua lunghezza (Figura 18).
Quando si indossano le scarpe deve esserci una leggera piegatura del ginocchio in una posizione di guida corretta, con la pianta del piede sul pedale.

aVVErtEnZa
Un reggisella eccessivamente alto potrebbe danneggiare la bicicletta, compromettere il controllo e causare cadute. accertarsi che il segno d’inserimento minimo (Figura ) sia all’interno del telaio.

2. Posizionare un bordo dritto, ad esempio una livella con bolla o righello, lungo la parte superiore della sella in modo da verificare meglio l’angolazione.

1 2 1 3 1 

7

Figura 16. Particolari del reggisella 1. Bulloni di fissaggio della sella 2. Reggisella 3. Bullone di giunzione del reggisella

Figura 17. Reggisella Bontrager 1. Bullone di fissaggio della sella

Figura 18. Allungamento della gamba con altezza della sella corretta

Capitolo 3: Regolazione

Figura 19. Segno d’inserimento minimo sul reggisella 1. Questa riga dovrebbe essere nascosta dal telaio della bicicletta

5. Accertarsi che il segno d’inserimento minimo sul reggisella (Figura 19) non sia visibile al di sopra del telaio. Almeno 21/2 pollici (64 mm) del reggisella devono restare nel telaio. 6. Bloccare la leva di sgancio rapido del reggisella o serrare il bullone di fissaggio del reggisella a 85-125 lb•in (9,6-14,1 N•m).

Serie sterzo
Ispezione della regolazione della serie sterzo
1. Azionare il freno anteriore e da questa posizione dondolare la bicicletta avanti e indietro. 2. Sollevare la ruota anteriore da terra. Girare lentamente la forcella e il manubrio a destra e a sinistra. Non utilizzare la bicicletta se i cuscinetti della serie sterzo urtano il telaio o non girano correttamente. Rivolgersi al rivenditore per assistenza. La regolazione dei cuscinetti della serie sterzo richiede attrezzi e competenze specifici. Tale operazione deve essere eseguita solo dal rivenditore.

regolazione della posizione della sella di un triciclo
1. Diminuire il serraggio dei bulloni di serraggio (Figura 20) e rimuoverli. 2. Spostare il montante della sella nella posizione desiderata. 3. Installare e serrare i bulloni di serraggio a 85-125 lb•in (9,6-14,1 N•m).

bracci della pedivella
È possibile regolare la lunghezza di alcuni bracci della pedivella. Per modificare la lunghezza dei bracci della pedivella, rimuovere i pedali e installarli nell’altra posizione. Per installare i pedali, vedere la relativa sezione.

movimento centrale
Ispezione della regolazione del cuscinetto
1. Sollevare la catena dalle corone in lega. 2. Ruotare i bracci della pedivella in modo che uno dei bracci sia parallelo al tubo verticale della sella. 3. Posizionare una mano sul braccio della pedivella e l’altra mano sul tubo verticale della sella. Provare a spostare il braccio della pedivella da e verso il tubo verticale della sella. 4. Avvitare i bracci della pedivella. Se la pedivella sembra allenata o produce un rumore simile, se il movimento si interrompe bruscamente o se viene prodotto un rumore di stridio proveniente dai cuscinetti, è necessario un intervento di riparazione. La manutenzione dei cuscinetti del movimento centrale richiede attrezzi e competenze specifiche e, per tale motivo, deve essere eseguita solo dal rivenditore.

1

2

Figura 20. Montante sella di triciclo 1. Montante della sella 2. Bulloni di serraggio Capitolo 3: Regolazione 

pedali
Il pedale di destra è inserito nella direzione di marcia, mentre il pedale di sinistra è inserito nella direzione opposta. Serrare i pedali nei bracci della pedivella a 350-380 lb•in (40,2-42,9 N•m). La regolazione del cuscinetto del pedale richiede attrezzi e competenze specifiche e, per tale motivo, deve essere eseguita solo dal rivenditore. Per regolare la forza di sgancio sui pedali sprovvisti di cinturino, vedere le informazioni riportate nel manuale sul CD fornito con la bicicletta oppure rivolgersi al rivenditore.

Leve del cambio
È possibile regolare la posizione delle leve del cambio sul manubrio.

regolazione della posizione di una leva
1. Individuare il bullone di serraggio leva (Figure 25 e 26). 2. Diminuire il serraggio del bullone di bloccaggio di due o tre giri. 3. Spostare la leva. 4. Serrare il bullone di bloccaggio a 53-69 lb•in (6,0-7,8 N•m).

Catena
regolazione della tensione della catena su una bicicletta a velocità singola
1. Diminuire leggermente il serraggio del dado dell’asse della ruota posteriore su un lato della ruota, quindi sull’altro lato della ruota.
Se si allenta completamente il serraggio del dado dell’asse su un lato prima di diminuire il serraggio dell’altro dado dell’asse, si compromette la regolazione dei cuscinetti.

2. Far scorrere la ruota all’indietro per serrare la catena. Posizionare la ruota al centro del telaio. 3. Completare l’installazione della ruota (vedere la sezione Ruote).

Alcuni modelli sono provvisti di un dispositivo che posiziona la ruota in posizione.

Cavi
Controllare che i cavi non siano attorcigliati, arrugginiti, danneggiati o consumati. Controllare inoltre che l’alloggiamento non presenti cavi allentati, estremità piegate, spaccature e usura. In caso di problemi su un cavo o sull’alloggiamento, non utilizzare la bicicletta. Leggere le istruzioni per la riparazione di un cavo oppure rivolgersi al rivenditore per assistenza. 

Capitolo 3: Regolazione

Deragliatore anteriore
regolazione della posizione della catena piccola
1. Spostare la catena sulla catena anteriore più piccola e sulla marcia posteriore più larga. 2. Diminuire il serraggio del bullone di serraggio del cavo (Figura 21) fino a quando il cavo è libero. 3. Girare la vite di regolazione della marcia bassa (contrassegnata con la lettera “L fino a quando la guida ”) interna del deragliatore si trova a una distanza di circa 0,5 mm dalla catena. 4. Tirare l’estremità del cavo e spostare la leva del cambio di sinistra nella posizione della catena piccola. 5. Sulla leva del cambio o sul tubo diagonale del telaio, girare completamente in senso orario il regolatore cilindrico del cavo del deragliatore. 6. Inserire il cavo nella scanalatura accanto al bullone di serraggio del cavo del deragliatore, tirare il cavo e serrare il bullone di serraggio del cavo a 44-60 lb•in (5,0-6,8 N•m).

4. Posizionare la guida della catena esterna a circa 0,5 mm dalla catena. 5. Serrare la vite di regolazione della marcia alta fino a quando si incontra resistenza.
Se la vite è stata eccessivamente serrata, il deragliatore anteriore si sposterà sulla catena piccola.

6. Cambiare le marce in tutte le combinazioni di marce possibili. Accertarsi che la catena non caschi quando si sposta la leva del cambio. Accertarsi che la gabbia del deragliatore non urti contro i bracci della pedivella.

regolazione della posizione della marcia intermedia con tre catene
1. Spostare la catena sulla catena anteriore più grande e sulla marcia posteriore più piccola. 2. Ruotare il regolatore cilindrico del cavo (sul tubo diagonale o sulla leva) in senso antiorario, aumentando la tensione del cavo per allineare la gabbia del deragliatore interno fino a quando tocca la catena. 3. Verificare le varie posizioni delle marce per assicurarsi che la catena si allinei in modo lineare con tutte le catene.

regolazione della posizione della catena grande
1. Spostare il deragliatore posteriore nella marcia posteriore più piccola. 2. Girare la vite di regolazione della marcia alta (contrassegnata con la lettera “H”) in senso antiorario fino a quando blocca il movimento del deragliatore. 3. Avvitare a mano i bracci della pedivella. Utilizzare la leva del cambio per spostare con cura la catena sulla parte esterna.

Alcune leve del cambio anteriori sono provviste di una “linguetta”: spostare leggermente verso il basso la leva per consentire al deragliatore di spostarsi leggermente, senza toccare la catena.

1

2

3

Figura 21. Deragliatore anteriore 1. Cavo 2. Viti di regolazione 3. Bullone di fissaggio del cavo

Capitolo 3: Regolazione 

0

Deragliatore posteriore
regolazione della posizione della marcia piccola
1. Spostare la catena sulla marcia posteriore più piccola e sulla catena anteriore più grande. 2. Diminuire il serraggio del bullone di serraggio del cavo (Figura 22) fino a quando il cavo è libero. 3. Posizionarsi dietro la bicicletta per osservare se la marcia posteriore più piccola e le due pulegge del deragliatore sono allineati. 4. In caso contrario, girare la vite di regolazione della marcia alta (contrassegnata generalmente con la lettera “H”) fino ad allinearli. 5. Tirare l’estremità del cavo e spostare la leva del cambio nella posizione della marcia piccola. 6. Sulla leva del cambio o sul tubo diagonale, girare completamente in senso orario il regolatore cilindrico. Girare completamente in senso orario il regolatore cilindrico sul deragliatore posteriore. Quindi girare il regolatore cilindrico di un giro in senso antiorario. 7. Inserire il cavo nella scanalatura del bullone di serraggio sul deragliatore posteriore, tirare il cavo del deragliatore e serrare il bullone di serraggio del cavo a 44-60 lb•in (5,0-6,8 N•m).

3. Spostare le pulegge del deragliatore posteriore in linea con la marcia più grande. 4. Girare la vite di regolazione della marcia bassa in senso orario fino a quando non si incontra resistenza.

Se la vite è stata eccessivamente serrata, il deragliatore si sposterà verso la parte esterna della bicicletta.

5. Cambiare le marce in tutte le combinazioni di marce possibili. Accertarsi che la catena non caschi quando si cambiano le marce.

allineamento del sistema di indicizzazione
1. Spostare la catena sulla catena anteriore più grande e sulla marcia posteriore più piccola. 2. Spostare di un clic la leva del cambio posteriore. 3. Verificare se la catena passi in modo lineare alla seconda marcia più piccola. • Se la catena produce un rumore eccessivo o non cambia marce, girare leggermente il regolatore cilindrico. Cambiare nuovamente la marcia e verificare che il cambiamento sia lineare. • Se la catena si sposta sulla terza marcia più piccola, girare il regolatore cilindrico in senso orario fino a quando le pulegge del deragliatore si allineano con la seconda marcia più piccola. 4. Verificare le varie posizioni delle marce per assicurarsi che la catena si allinei in modo lineare con tutte le marce posteriori. Se non si riesce a regolare correttamente il deragliatore, è probabile che il supporto del deragliatore non sia allineato. Rivolgersi al rivenditore per assistenza.

regolazione della posizione della marcia grande
1. Girare la vite di regolazione della marcia bassa (contrassegnata con la lettera “L in senso antiorario fino a ”) quando il deragliatore si muove liberamente. 2. Spostare con cura la catena sulla catena anteriore più piccola e sulla marcia posteriore più larga.
Non spostare eccessivamente il deragliatore posteriore. La catena deve essere bloccata tra la marcia grande e i raggi.

1 2

3

4

Figura 22. Deragliatore posteriore 1. Viti di regolazione 2. Regolatore cilindrico 3. Bullone di fissaggio del cavo 4. Cavo 

Capitolo 3: Regolazione

Sistemi nexus a 4, 7 oppure  velocità
Questo sistema consente di cambiare le marce tramite un meccanismo posto nel mozzo posteriore.

Sistemi a  velocità
Questo sistema consente di cambiare le marce tramite un meccanismo posto nel mozzo posteriore.

regolazione del meccanismo di cambio marce
1. Girare la leva del cambio in 4a. 2. Allineare l’indicatore sulla puleggia del mozzo posteriore (Figura 23) al movimento di collegamento del dente. 3. Se le righe rosse non sono allineate, girare il regolatore cilindrico fino ad allinearle. 4. Spostare la leva del cambio in 1a. Quindi spostarla in 4a. Controllare la regolazione.

regolazione del meccanismo di cambio marce
1. Girare la leva del cambio in 2a. 2. Allineare l’indicatore sulla fessura della pedivella a 90° alla linea sull’asta di spinta (Figura 24). 3. Se gli indicatori non sono allineati, girare il regolatore cilindrico fino ad allinearli. 4. Spostare la leva del cambio in 1a. Quindi spostarla in 2a. Controllare la regolazione.

1

2

3 Figura 23. Puleggia e movimento di collegamento dente 1. Puleggia 2. Movimento di collegamento dente 3. Bullone di fissaggio del cavo

1 Figura 24. Pedivella a 90° a 3 velocità 1. Fessura della pedivella a 90°

Capitolo 3: Regolazione 

Leve dei freni
Il sistema frenante consente di rallentare o fermare la bicicletta. Questa operazione è fondamentale per la propria sicurezza. Il sistema frenante è difficile da regolare correttamente senza le attrezzature e le competenze specifiche. Si consiglia vivamente di rivolgersi al proprio rivenditore per la regolazione dei freni. Rivolgersi al rivenditore per ulteriore assistenza.

regolazione dell’estensione della leva del freno
Alcune leve del freno consentono di regolarne l’estensione, ossia la distanza dal manubrio alla leva. 1. Individuare la vite di regolazione dell’estensione (Figura 26) e avvitare.
Per diminuire l’estensione avvitare in senso orario. Per aumentarla, avvitare in senso antiorario.

regolazione della posizione di una leva
1. Individuare il bullone di serraggio leva (Figure 25, 26 e 27). 2. Diminuire il serraggio del bullone di bloccaggio di due o tre giri. 3. Spostare la leva. 4. Serrare il bullone di serraggio: • Regolare le leve dei freni: 53-69 lb•in (6,0-7,8 N•m). • Leve a movimento medio (Figura 27): 20-30 lb•in (2,3-3,3 N•m).

2. Se necessario, dopo aver regolato l’estensione, regolare anche la distanza tra le pastiglie.

modifica della leva che controlla il freno anteriore
Consultare la sezione Freni per eseguire le procedure di regolazione dei freni.

1. Rilasciare il freno. 2. Per le biciclette da strada, scollegare il cavo del freno e rimuoverlo completamente dalla leva. • Per le mountain bike, rimuovere semplicemente l’estremità piombata del cavo dalla leva. 3. Installare i cavi nelle apposite leve. 4. Chiudere i freni. 5. Verificare i freni come specificato nel Capitolo 1 e regolarli, se necessario.

1

2 1 3 4 Figura 25. Bullone di serraggio leva, leva su strada 1. Bullone di fissaggio della leva Figura 26. Bullone di serraggio leva, leva su montagna 1. Bullone di fissaggio della leva 2. Vite di regolazione dell’estensione 3. Cavo 4. Regolatore cilindrico

1

Figura 27. Leva del freno a movimento medio 1. Bullone di fissaggio della leva 

Capitolo 3: Regolazione

Freni
Ogni mese controllare che le pastiglie dei freni non siano usurate. Se le scanalature nella superficie delle pastiglie sono inferiori a 2 mm o a 1 mm per i freni a trazione diretta, sostituire le pastiglie. Sostituire le pastiglie dei freni a disco inferiori a 1,0 mm. Alcuni freni a trazione diretta presentano un “modulatore di potenza”. Questo dispositivo comprende una piccola molla all’interno del tubo (Figura 28) in grado di modificare il funzionamento del freno al momento del contatto iniziale tra pastiglie e cerchione. Quando si preme la leva del freno, è necessario muoverla in modo da comprimere la molla in questione prima che al cerchione possa essere applicata una potenza frenante completa. Ciò modifica la percezione del freno e ne rende più sensibile la regolazione: se i freni non superano l’ispezione, rivolgersi al proprio rivenditore per l’assistenza del caso.

Centraggio di un freno a V, a flessione o su strada
1. Girare di piccoli incrementi la vite di regolazione di centraggio (Figura 28). 2. Se il freno dispone di due viti di regolazione di centraggio, regolare la tensione complessiva della molla, centrando contemporaneamente il freno.

regolazione dell’allineamento delle pastiglie dei freni sul freno di un cerchione
1. Diminuire il serraggio del bullone di fissaggio delle pastiglie. 2. Allineare le pastiglie come illustrato nella Figura 5. Serrare i bulloni di fissaggio delle pastiglie: • Calibro: 40-60 lb•in (4,5-6,8 N•m) • Freno a trazione diretta o a flessione: 70-80 lb•in (7,9-9 N•m) 3. Al termine della regolazione, controllare i freni. Tirare le leve. Verificare che il cavo non scivoli sul dispositivo di fissaggio, che le pastiglie siano chiuse verso il cerchione a 90° e che non siano a contatto con il pneumatico.

regolazione della distanza tra le pastiglie dei freni e il cerchione
1. Avvitare il regolatore cilindrico.
Per la maggior parte dei sistemi a trazione diretta (Figura 28) o a flessione (Figura 30), il regolatore cilindrico si trova sulla leva. Per la maggior parte dei sistemi a pinza su strada (Figura 29), il regolatore cilindrico si trova sul freno stesso.

Per aumentare la distanza delle pastiglie, avvitare il regolatore cilindrico in senso orario. Per diminuire la distanza delle pastiglie, avvitare il regolatore cilindrico in senso antiorario. 2. Se le pastiglie dei freni non possono essere regolate correttamente, allentare il bullone di serraggio del cavo e ricollegare il cavo.
1 1

allineamento di un freno a disco idraulico
1. Diminuire il serraggio dei bulloni di fissaggio del freno. 2. Tirare completamente la leva e serrare i bulloni a 100-110 lb•in (11,3-12,4 N•m).

2

2

1

1

2 4 3 4 3 5 Figura 28. Freno a trazione diretta 1. Bullone di fissaggio del cavo 2. Nessun contatto. 3. Bullone di fissaggio della pastiglia 4. Vite di regolazione del centraggio 5. Bullone di fissaggio del braccio Figure 29. Freno a pinza 1. Regolatore cilindrico 2. Vite di regolazione del centraggio 3. Bullone di fissaggio della pastiglia 4. Leva di sgancio del freno 3 4 2 3 Figura 31. Freno a disco 1. Bulloni di attacco 2. Regolatore delle pastiglia fisse 3. Bullone di fissaggio del cavo

Figura 30. Freno a flessione 1. Cavo di collegamento 2. Bullone di fissaggio della pastiglia 3. Bullone di fissaggio del braccio 4. Vite di regolazione del centraggio

Capitolo 3: Regolazione 

4

allineamento di un freno a disco azionato da cavo
Le variabili che intervengono in questa procedura sono tre:

rilascio del freno e rimozione della ruota
• Per la maggior parte delle pinze da strada, sollevare la leva di sgancio dei freni nella posizione UP Per chiudere, è . sufficiente girare la leva nella posizione DOWN. • Per le leve Campagnolo, spingere il pulsante di rilascio nella parte superiore della leva. Tirare leggermente la leva del freno e spingere il pulsante fino a quando è allineato con il corpo della leva. Rilasciare la leva. Per chiudere il freno eseguire la procedura inversa. • Per i freni a flessione, rilasciare il cavo di collegamento. Con una mano, premere completamente le pastiglie dei freni contro il cerchione. Con l’altra, estrarre l’estremità in piombo del cavo di collegamento della forcella sul braccio del freno. Rilasciare le pastiglie. Per chiudere il freno eseguire la procedura inversa. • Per i freni a trazione diretta, scollegare il tubo dal collegamento. Con una mano, premere completamente le pastiglie contro il cerchione. Con l’altra, estrarre il tubo dal collegamento e sollevarlo. Rilasciare le pastiglie. Per chiudere il freno eseguire la procedura inversa. • Per i freni interni o a tamburo, per rimuovere la ruota posteriore, scollegare prima la marcia e i cavi del freno. -Per scollegare il cavo del freno, spingere il braccio del portafili in avanti e il bullone di serraggio del cavo indietro in modo da allineare il bullone al foro dal diametro più grande nel portafili. Tirare il bullone di serraggio del cavo per sganciarlo dal portafili. Far scorrere il fermo del cavo del freno in avanti in modo da rimuoverlo dal braccio del freno. Diminuire il serraggio dei bulloni di aggancio del freno. -Per scollegare il cavo della marcia, posizionare la leva del cambio in 1a. Estrarre l’alloggiamento del cavo dal fermo del cavo della marcia. Ruotare il bullone di fissaggio del cavo della marcia fino a quando la rondella si allinea alla fessura nel movimento di collegamento dente. Rimuovere il cavo.

Regolazione della distanza tra le pastiglie dei freni di destra e il disco
1. Avvitare il regolatore delle pastiglie fisse (Figura 31). 2. Se non è possibile regolare correttamente le pastiglie in questo modo, seguire le istruzioni fornite nella sezione “Regolazione della distanza tra le pastiglie dei freni di sinistra e il disco” e fissare nuovamente la pastiglia di destra.

Regolazione della distanza tra le pastiglie dei freni di sinistra e il disco
1. Avvitare il regolatore cilindrico del cavo: in senso orario per aumentare la distanza, in senso antiorario per diminuirla. 2. Se le pastiglie non possono essere regolate correttamente, allentare il bullone di serraggio del cavo e ricollegare il cavo. Serrare il bullone di serraggio a 50-70 lb•in (5,7-7,9 N•m). 3. Al termine della regolazione, avviare il dado di bloccaggio in senso orario per impedire cambiamenti alla regolazione.

Allineamento del freno al disco
1. Diminuire il serraggio dei bulloni di fissaggio del freno. 2. Far scorrere una carta di credito oppure un altro oggetto sottile tra le pastiglie dei freni di destra e il disco. 3. Stringere completamente la leva e serrare i bulloni a 100-110 lb•in (11,312,4 N•m).

rimozione delle pastiglie dei freni a disco
1. Rimuovere la ruota. 2. Con le dita o con pinze, afferrare la linguetta di installazione delle pastiglie dei freni ed estrarre. 

5

Capitolo 3: Regolazione

ruote
Controllare il livello di usura dei pneumatici e se sono presenti eventuali danni. Verificare che i cerchioni siano puliti. Se gli indicatori di usura sulla superficie del freno indicano segni di usura, sostituire il cerchione.

Installazione delle ruote
Le biciclette utilizzano tipi differenti di dispositivi di aggancio delle ruote. Leggere attentamente le istruzioni relative ai dispositivi installati sulla bicicletta.

aVVErtEnZa
Una leva di sgancio rapido non regolata e chiusa correttamente può causare l’allentamento o il distacco della ruota, causando la perdita di controllo del mezzo e cadute. Controllare che le ruote siano installate correttamente prima di utilizzare la bicicletta. tipi di aggancio delle ruote (Figura 32):
• • • • Sistema di sgancio rapido tradizionale Sistema di sgancio rapido Clix™ Asse filettato e dado Asse passante

aVVErtEnZa
Le pastiglie dei freni rimuovono il materiale del cerchione quando viene azionato il freno. Se con il passare del tempo i freni rimuovono eccessivo materiale, il cerchione potrebbe usurarsi e causare guasti, compromettere il controllo e causare cadute. Controllare periodicamente i cerchioni. Sostituirli se usurati.
Assicurarsi che non siano presenti raggi allentati o danneggiati. Assicurarsi che la guarnizione del cerchione sia posizionata correttamente e che ricopra tutti i fori dei raggi. Accertarsi che i cuscinetti del mozzo siano regolati correttamente.

Controllare la regolazione dei cuscinetti del mozzo
1. Con una mano sollevare l’estremità anteriore della bicicletta dal terreno e provare a spostare il cerchione a destra e a sinistra. Rilevare eventuali movimenti dei cuscinetti. 2. Girare la ruota e verificare che non sia prodotto un rumore di stridio o altri rumori anomali. 3. Ripetere le procedure per l’altra ruota. Se il mozzo è allenato o produce un rumore di stridio, è necessario ripararlo. La manutenzione dei cuscinetti richiede attrezzi e competenze specifici. Tale operazione deve essere eseguita solo dal rivenditore.

1

2

3

Figura 32. Tipi di agganci delle ruote 1 - Sistema di sgancio rapido tradizionale 2- Sistema Clix (le frecce indicano le parti non presenti su un sistema di sgancio rapido tradizionale) 3- Asse passante

Capitolo 3: Regolazione 

6

Installazione di una ruota con leva di sgancio rapido tradizionale
1. Spostare la leva di sgancio rapido nella posizione OPEN (Figura 33) e installare la ruota in modo che tocchi completamente le superfici interne dell’estremità della forcella. 2. Con la leva nella posizione di regolazione, serrare il dado di regolazione (Figura 34) fino a quando si percepisce leggera resistenza. 3. Bloccare la leva di sgancio rapido. Con la leva nel palmo della mano, spostarla come mostrato nella Figura 35 nella posizione CLOSE (Figure 36-37). Quando si sposta la leva nella posizione di regolazione, si dovrebbe percepire resistenza. • Non girare la leva come un dado ad alette (Figura 36) per serrarla in quanto non garantisce una forza sufficiente a mantenere in posizione la ruota. 4. Se è possibile bloccare la leva con pochissima resistenza, la forza di fissaggio non è sufficiente. Ritornare al Punto 2 e serrare il dado di regolazione. Vedere anche la Figura 39. 5. Allineare le leve in modo tale da non toccare le altre parti o accessori della bicicletta (ad esempio portapacchi o parafango) e che gli ostacoli nel percorso della bicicletta non possano intralciare le leve.

6. Verificare di aver regolato e bloccato correttamente la leva di sgancio rapido. In caso negativo, regolare nuovamente le leve oppure rivolgersi al proprio rivenditore per assistenza. Eseguire un altro controllo prima dell’uso. 7. Verificare la corretta regolazione della leva di sgancio rapido. • Sollevare la bicicletta e colpire energicamente la parte superiore del pneumatico (Figura 40). La ruota non dove staccarsi, allentarsi o spostarsi da un lato all’altro. • Verificare che la leva di sgancio rapido bloccata non possa essere ruotata (Figura 41). • Quando la leva di sgancio rapido è correttamente bloccata, la forza di serraggio è adeguata a indurre l’incastro metallo nel metallo (goffratura) delle superfici di rilascio. • Vedere la Figura 39.
Se è necessaria una forza superiore a 45 pound (200 Newton) per bloccare la leva, diminuire leggermente il serraggio del dado di regolazione. Se è necessaria una forza inferiore a 12 pound (53,4 Newton) per rilasciare la leva, serrare leggermente il dado di regolazione. Se necessario, regolare nuovamente il serraggio. Figura 39. Forze adeguate per rilasciare e bloccare una leva di sgancio rapido

1 1

2

3 Figura 33. Posizioni della leva 1- Rilasciata 2- Posizione di regolazione 3- Bloccata Figura 34. Dado di serraggio 1. Dado di regolazione Figura 37. Posizione della leva anteriore Figura 38. Posizione della leva posteriore

OPE

N

Figura 35. Corretto movimento della leva

Figura 36. Non girare la leva

OP

EN 

7

EN OP

EN OP

Figura 40. Verifica freni allentati

Figura 41. Accertarsi che la leva non giri

Capitolo 3: Regolazione

rimozione di una ruota con leva di sgancio rapido tradizionale
1. Rilasciare la leva di sgancio rapido e spostarla nella posizione OPEN (Figura 33). 2. Diminuire il serraggio del dado di regolazione e girarlo di tre giri. 3. Estrarre la ruota dalla forcella o dal telaio.

Installazione di una ruota con il sistema Clix
Il sistema con leva di sgancio rapido tradizionale e il sistema Clix sono differenti. Con la leva di sgancio rapido tradizionale è necessario regolare la forza di serraggio ogni volta che si installa la ruota. Con il sistema Clix la forza di serraggio viene regolata solo su una forcella, all’ampiezza dei dropout (le parti della forcella che mantengono la ruota in posizioni). In questo modo il sistema integrato consente di non dover regolare la ruota a ogni installazione.

aVVErtEnZa
Il sistema Clix è regolato solo per una ruota e una forcella. Eventuali modifiche alla bicicletta, alla ruota o alla forcella potrebbero indurre il sistema Clix ad allentare o far distaccare la ruota, causando la perdita di controllo del mezzo e cadute. non spostare il sistema Clix su una bicicletta, ruota o forcella differente senza effettuare la corretta regolazione.
1. Con la leva di sgancio rapido del sistema Clix nella posizione OPEN (Figura 43), avvicinare il sistema e la leva (Figura 44) e abbassare la forcella sulla ruota fino a quando le superfici interne dell’estremità della forcella toccano la ruota.
Con alcune forcelle con dropout speciali, non è necessario avvicinare il sistema e la leva poiché la forcella scorre automaticamente sulla ruota.
1 CLOSE

2

3

OPEN

Figura 43. Posizioni della leva 1- Bloccata 2- Posizione di regolazione 3- Rilasciata
1

Figure 44. Avvicinare il sistema e la leva

2

3

4

5

6

7 8

N OPE

Figura 42. Parti della leva di sgancio rapido del sistema Clix 1- Mozzo 5- Sistema 2- Dado di serraggio 6- Molla 3- Dado di regolazione 7- Rullo di punteria 4- Bloccaggio rapido 8- Leva

Figura 45. Corretto movimento della leva

Figura 46. Non girare la leva

EN OP

Capitolo 3: Regolazione

E OP

N

E OP N 

2. Bloccare il sistema Clix. Con la leva nel palmo della mano spostare la leva come illustrato nella Figura 45 nella posizione CLOSE (Figura 37). • Non girare la leva come un dado ad alette (Figura 46) per serrarla in quanto non garantisce una forza sufficiente a mantenere in posizione la ruota. 3. Posizionare la leva in modo tale da non toccare le altre parti o accessori della bicicletta (ad esempio portapacchi o parafango) e che gli ostacoli non possano intralciarla (Figura 37). Se necessario, rivolgersi al rivenditore per richiedere una leva di sgancio rapido che blocchi correttamente e non tocchi la bicicletta. 4. Verificare di aver bloccato correttamente il sistema Clix. In caso negativo, regolare nuovamente la leva di sgancio rapido oppure rivolgersi al proprio rivenditore per assistenza. Eseguire un altro controllo prima dell’uso. 5. Controllare che il sistema Clix sia bloccato: • Sollevare la bicicletta e colpire energicamente la parte superiore del pneumatico (Figura 40). La ruota non dove staccarsi, allentarsi o spostarsi da un lato all’altro. • Verificare che la leva di sgancio rapido bloccata non possa essere ruotata (Figura 41). • Se è possibile bloccare la leva con pochissima resistenza, la forza di fissaggio non è sufficiente. • Quando il sistema Clix è correttamente bloccato, la forza di serraggio è adeguata a indurre l’incastro metallo nel metallo (goffratura) delle superfici di rilascio. • Vedere la Figura 39.

rimozione di una ruota con il sistema Clix
1. Rilasciare il sistema Clix e spostare la leva di sgancio rapido nella posizione OPEN (Figura 43). 2. Avvicinare il sistema e la leva (Figura 44) e spingerli leggermente in modo da estrarre il dado di regolazione dalla forcella. 3. Estrarre la ruota dalla forcella.

regolazione della forza di serraggio di un sistema Clix
1. Posizionare la leva nella posizione OPEN (Figura 43). 2. Fare riferimento ai segni sulla leva e sull’asse (Figura 47). Nella posizione di regolazione, i segni sono allineati. Con la leva nella posizione di regolazione, serrare il dado di regolazione fino a quando si percepisce leggera resistenza. 4. Bloccare la leva e verificare che la forza di serraggio sia corretta. Vedere il Punto 6 della procedura “Installazione di una ruota con il sistema Clix”. 5. Se la forza di serraggio è corretta, bloccare la leva. 6. Per impedire modifiche alla regolazione, installare il dado di bloccaggio (Figura 42) e serrarlo fino a quando tocca il dado di regolazione. 7. Controllare il fissaggio della ruota secondaria del sistema Clix. Spostare la leva nella posizione OPEN. Sollevare la ruota anteriore dal terreno e colpire energicamente la parte superiore del pneumatico. La ruota non dovrebbe fuoriuscire dalle estremità della forcella. In caso negativo, rivolgersi al rivenditore per assistenza.

1 2

Figura 47. Posizione di regolazione con i segni allineati 1. Segno della leva 2. Segno dell’asse 

Capitolo 3: Regolazione

Installazione di una ruota con un asse filettato e un dado
Alcune ruote sono avvitate con dadi filettati inseriti nell’asse. È probabile che sia necessaria una rondella dentata tra il dado e l’estremità della forcella. Su alcune biciclette sono anche previsti picchetti con estensione dell’asse tubolare. 1. Serrare i dadi dell’asse: • Regolare la ruota anteriore: 180-240 lb•in (20,3-27,1 N•m). • Regolare la ruota posteriore: 240-300 lb•in (27,1-33,9 N•m). 2. Verificare di aver agganciato correttamente la ruota: • Sollevare la bicicletta e colpire energicamente la parte superiore del pneumatico (Figura 40). La ruota non dove staccarsi, allentarsi o spostarsi da un lato all’altro. In caso negativo, ripetere le procedure. Eseguire un ulteriore controllo. In caso di problemi, rivolgersi al rivenditore per assistenza.

Installazione di una ruota con un asse passante
1. Rilasciare la leva di sgancio rapido o allentare il serraggio dei bulloni di serraggio sulle estremità della forcella. 2. Posizionare la ruota in posizione e spostarla nelle estremità della forcella. 3. Bloccare le leve di sgancio rapido o serrare i bulloni di serraggio a 45-55 lb•in (5,1-6,2 N•m). 4. Verificare di aver agganciato correttamente la ruota: • Sollevare la bicicletta e colpire energicamente la parte superiore del pneumatico (Figura 40). La ruota non dove staccarsi, allentarsi o spostarsi da un lato all’altro. In caso negativo, ripetere le procedure. Eseguire un ulteriore controllo. In caso di problemi, rivolgersi al rivenditore per assistenza.

Capitolo 3: Regolazione 

0

Sospensione
Se si regolano le sospensioni, la rotazione e l’arresto della bicicletta sono differenti. Dopo aver regolato le sospensioni, verificare con cura la bicicletta in una zona a basso traffico fino a prendere familiarità con le prestazioni del mezzo. Il sag è la compressione di un ammortizzatore che si manifesta quando il ciclista è seduto sulla bicicletta in una posizione abituale. Per la regolazione iniziale, fissare le forcelle a circa il 15% e l’ammortizzatore posteriore a circa il 25% rispetto al sag. Provare ad apportare piccole modifiche fino a trovare l’impostazione desiderata. Se la sospensione è completamente compressa, il movimento si arresterà in maniera improvvisa e potrebbe causare la perdita di controllo del mezzo. Ogni settimana, controllare i bulloni su tutte le parti della sospensione (bulloni di aggancio e del forcellone). Per ulteriori informazioni sulla regolazione e la manutenzione, vedere il CD, visitare il sito Web oppure rivolgersi al proprio rivenditore.

accessori
Una volta al mese controllare tutti gli accessori per accertarsi che siano correttamente collegati. Se la parte è allentata o non allineata, serrarla o rivolgersi al rivenditore per assistenza.

regolazione delle rotelle di supporto
Vedere altre sezioni del manuale, se necessario.

1. Posizionare la bicicletta su una superficie liscia e piatta, con le ruote correttamente gonfiate. 2. Diminuire il serraggio dei dadi dell’asse posteriore. Attenersi alle procedure descritte nella sezione Ruote. 3. Mantenere la bicicletta sollevata e regolare la distanza tra le rotelle di supporto e il terreno a circa 1/4” (6 mm). Regolare la stessa distanza su entrambi i lati della bicicletta. 4. Regolare la tensione della catena e serrare i dadi dell’asse.

Installazione di una lampadina
1. Individuare la vite di fissaggio delle lenti sul retro della lampadina. 2. Girare la vite in senso antiorario. Rimuoverla. 3. Girare le lenti di un quarto di giro in senso orario. Estrarre le lenti dal supporto della lampadina. 4. Girare la lampadina in senso antiorario. Rimuoverla.
Fare attenzione a non danneggiare il vetro della lampadina. Non estrarre il cavo inserito nella base del supporto della lampadina.

5. Avvitare una nuova lampadina fino a quando risulta leggermente serrata. 6. Posizionare le lenti sul supporto della lampadina. Girare le lenti di un quarto di giro in senso antiorario. 7. Posizionare la vite di fissaggio delle lenti sul retro della lampadina. Serrare la vite. Verificare il corretto funzionamento della nuova lampadina. In caso contrario, verificare che i cavi siano posizionati correttamente e che la nuova lampadina non sia danneggiata. 

Capitolo 3: Regolazione

bicicletta pieghevole
Alcuni modelli di biciclette sono provvisti di una grande cerniera nella parte intermedia del telaio che consente di piegare la bicicletta.

regolazione dell’altezza della sella
1. Rilasciare la leva di sgancio rapido del reggisella e regolare l’altezza della sella. 2. Bloccare la leva di sgancio rapido.

piegamento dei pedali
1. Spingere l’estremità del pedale direttamente nei bracci della pedivella. 2. Piegare il pedale. 3. Ripetere la procedura per l’altro pedale.

piegamento dello stelo del manubrio
1. Ruotare il dispositivo di blocco della leva lontano dalla leva di sgancio rapido inferiore. 2. Mantenere il manubrio con i cavi lontano in modo da non intralciare il piegamento e rilasciare la leva di sgancio rapido inferiore. 3. Piegare il gruppo del manubrio.

piegamento del telaio
1. Rilasciare il dispositivo di blocco. 2. Estrarre l’estremità del blocco del telaio, lontano dal telaio, fino a quando il dispositivo di blocco si apre. 3. Piegare la bicicletta.
Accertarsi che i cavi non siano d’intralcio.

Per aprire il telaio eseguire la procedura inversa.

aVVErtEnZa
La guida di una bicicletta pieghevole con leva di sgancio rapido dello stelo inferiore o cerniera del telaio principale movibili potrebbe causare la perdita di controllo e cadute. Se il telaio pieghevole si sposta sullo stelo o sulla cerniera del telaio, rivolgersi al proprio rivenditore per assistenza.

Capitolo 3: Regolazione 

CapItoLo 4: LUbrIFICaZIonE
In questa sezione sono descritte le parti che richiedono lubrificazione, la relativa frequenza e vengono fornite brevi istruzioni in merito. Rivolgersi al proprio rivenditore per informazioni sugli intervalli di lubrificazione consigliati. Per ulteriori informazioni, vedere le altre sezioni del presente manuale o rivolgersi al proprio rivenditore. La manutenzione dei cuscinetti richiede attrezzi e competenze specifiche e, per tale motivo, deve essere eseguita solo dal rivenditore. Alcuni cuscinetti sono provvisti di guarnizioni permanenti e non è necessario applicarvi grasso a cadenza annuale.

reggisella in fibra di carbonio o telaio in fibra di carbonio
1. Allentare il serraggio del bullone di giunzione del reggisella oppure aprire la leva di sgancio rapido e rimuovere il reggisella dal telaio. 2. Pulire il reggisella e la superficie interna del tubo della sella con un panno morbido leggermente umido. 3. Lasciare asciugare il reggisella. Quindi posizionarlo nel telaio. 4. Regolare la sella all’altezza corretta e allinearla. Serrare il bullone di giunzione del reggisella.

Stelo
Una volta l’anno lubrificare lo stelo.
Per lubrificare uno stelo a connessione diretta è necessario regolare i cuscinetti della serie sterzo. Tale operazione deve essere eseguita solo dal rivenditore.

movimento centrale
Una volta l’anno ingrassare di nuovo i cuscinetti del movimento centrale. La manutenzione dei cuscinetti richiede attrezzi e competenze specifiche e, per tale motivo, deve essere eseguita solo dal rivenditore.

1. Rimuovere lo stelo dal telaio. 2. Pulire lo stelo e rimuovere il grasso presente. 3. Applicare uno strato sottile di grasso alla sezione dello stelo tubolare che sarà inserito nel telaio. Applicare grasso anche al cuneo dello stelo. 4. Installare lo stelo.

pedali
Una volta l’anno ingrassare di nuovo i cuscinetti dei pedali. La manutenzione dei cuscinetti richiede attrezzi e competenze specifiche e, per tale motivo, deve essere eseguita solo dal rivenditore. Una volta l’anno ingrassare gli assi del pedale, all’altezza dei bracci della pedivella.

reggisella
Una volta l’anno lubrificare il reggisella. Scegliere il metodo in base al materiale del telaio e del reggisella:

I pedali sono destro e sinistro, contrassegnati in generale con una lettera stampata sull’estremità dell’asse del pedale o sulle parti piatte della chiave.

reggisella in alluminio su telaio in metallo
1. Allentare il serraggio del bullone di giunzione del reggisella oppure aprire la leva di sgancio rapido e rimuovere il reggisella dal telaio. 2. Rimuovere il grasso presente dal reggisella. 3. Applicare uno strato sottile di grasso alla sezione del reggisella che sarà inserito nel telaio. 4. Posizionare il reggisella nel telaio. 5. Regolare la sella all’altezza corretta e allinearla. Serrare il bullone di giunzione del reggisella o bloccare la leva di sgancio.

1. Rimuovere i pedali, ruotare il perno del pedale destro in senso antiorario e quello del pedale sinistro in senso orario. 2. Applicare uno strato sottile di grasso su tutte le filettature. 3. Installare i pedali sul lato corretto: posizionare il pedale destro sul braccio destro della pedivella e il pedale sinistro sul braccio sinistro della pedivella. 4. Serrare i pedali. 

Capitolo 4: Lubrificazione

Deragliatori
Ogni mese lubrificare tutti i punti di rotazione sui deragliatori anteriori e posteriori, comprese le pulegge sul deragliatore posteriore, con lubrificante per catene.

Cavi
Lubrificare sempre un cavo in fase di installazione.

Installazione dei cavi
L’installazione di un cavo in un freno a flessione richiede attrezzi e competenze specifiche e, per tale motivo, deve essere eseguita solo dal rivenditore.

Serie sterzo
Una volta l’anno ingrassare di nuovo i cuscinetti della serie sterzo. La manutenzione dei cuscinetti richiede attrezzi e competenze specifiche e, per tale motivo, deve essere eseguita solo dal rivenditore.

Freni e leve dei freni
Ogni tre mesi lubrificare i perni delle leve dei freni e i perni di fissaggio del braccio dei freni con olio per macchine leggere.

1. Prima di rimuovere il cavo usato, individuare il relativo percorso sul telaio. Diminuire il serraggio del bullone di serraggio del cavo e rimuovere il cavo usurato. 2. Applicare grasso al nuovo cavo. Installare il nuovo cavo sullo stesso percorso del cavo usato. 3. Accertarsi che l’estremità piombata del cavo sia installata correttamente nella leva. Accertarsi che l’alloggiamento sia installato correttamente nella leva.
Se necessario regolare di nuovo i freni quando si installa un cavo.

ruote
Una volta l’anno ingrassare di nuovo i cuscinetti delle ruote. La manutenzione dei cuscinetti richiede attrezzi e competenze specifiche e, per tale motivo, deve essere eseguita solo dal rivenditore. Una volta l’anno lubrificare le leve di sgancio rapido delle ruote. Applicare due o tre gocce di lubrificante sintetico oppure olio simile leggero nel punto in cui la leva di sgancio rapido ruota nella struttura di sgancio rapido.

4. Ruotare il cilindro di regolazione in senso orario per evitare che le filettature sul regolatore cilindrico non siano esposte.
Per il cavo del deragliatore, posizionare la leva del cambio nella posizione con la minore tensione del cavo. Per il freno, tenere il freno chiuso per eseguire l’operazione successiva.

Forcelle di sospensione
Una volta al mese applicare olio leggero sulla gamba della forcella nel punto in cui la gamba scorre su di essa. Rimuovere eventuale olio in eccesso dalla forcella.

5. Serrare il bullone di fissaggio del cavo a 52-69 lb•in (6-8 N•m). 6. Tagliare il cavo in modo che dal bullone di fissaggio non fuoriesca un tratto di cavo superiore a 2 pollici (51 mm). 7. Posizionare un cappuccio di metallo o la punta all’estremità del cavo per prevenire sfilacciamenti. 8. Attenersi alle istruzioni per la regolazione.

Sospensioni posteriori
Nessuna lubrificazione è richiesta per l’ammortizzatore o il punto di rotazione della bicicletta con sospensioni.

Capitolo 4: Lubrificazione 

4 

5

Capitolo 4: Lubrificazione

ULtErIorI InFormaZIonI
Per ulteriori informazioni sulla bicicletta o sulle attività di manutenzione, è possibile consultare numerose fonti. Contattare prima di tutto il proprio rivenditore, il quale vanta una lunga esperienza nel settore del ciclismo e può risolvere molti dubbi e aiutare a individuare le aree nella propria zona dove utilizzare la bicicletta. Inoltre, la maggior parte dei rivenditori ha a disposizione un’ampia manualistica sul ciclismo, inclusi i manuali di riparazione. Rivolgersi, inoltre, a una libreria pubblica. La maggior parte delle librerie offre un’ampia scelta di libri nel campo del ciclismo: gare, sicurezza della bicicletta, manutenzione della bicicletta e molto altro ancora. Infine è possibile reperire informazioni su Internet. Le migliori risorse in linea per la bicicletta sono riportate sul CD fornito insieme al manuale. Se si dispone di un accesso Internet, è possibile collegarsi direttamente dal CD al sito Web dell’azienda. Vengono inoltre forniti collegamenti ad alcune aziende che producono componenti della bicicletta.

Capitolo 4: Lubrificazione 

6

Garanzia limitata
Le biciclette Gary Fisher vengono commercializzate esclusivamente attraverso la nostra rete di rivenditori autorizzati a cui deleghiamo l’assemblaggio e la manutenzione professionale delle biciclette. Gary Fisher Bicycle Company offre una garanzia sull’acquisto di ogni nuovo telaio, forcella rigida o qualsiasi altro pezzo originale delle biciclette Gary Fisher contro eventuali difetti di fabbricazione o dei materiali utilizzati:

Polizza di sostituzione sulla rottura delle parti in carbonio
La stima dei danni causati alle parti in fibra di carbonio richiede un’analisi più approfondita rispetto a quanto sia necessario per l’ispezione delle parti in metallo. Se la bicicletta subisce un urto o un incidente e la forza dell’impatto viene assorbita da una parte in carbonio, si consiglia vivamente di sostituire tale parte, anche se non sono presenti evidenti segni di danneggiamento. Nel caso dovesse verificarsi un tale incidente o impatto, Gary Fisher prevede un programma di sostituzione delle parti in carbonio, diminuendo sostanzialmente i costi di sostituzione. Per usufruire di tale programma, siete pregati di fare clic sul collegamento contatti chiedendo di essere messi in contatto con il dipartimento specifico che si occupa della Garanzia.

Garanzia a vita per il proprietario originale• Il telaio della bicicletta, ad esclusione della forcella

Per cinque anni• Forcelle rigide • Tutti i componenti e gli accessori Bontrager, ad eccezione dei materiali di consumo quali pneumatici e camere d’aria

Per un anno• Vernice e decalcomanie • Tutte le parti originali, ad eccezione dei componenti, forcelle ammortizzate e ammortizzatori posteriori Shimano Tutti i componenti, le forcelle ammortizzate e gli ammortizzatori posteriori Shimano sono coperti dalla garanzia del produttore originale.

la presente garanzia non prevede alcuna copertura nei casi qui di seguito elencati
• • • • Normale usura Assemblaggio scorretto Manutenzione impropria Installazione di parti o accessori non compatibili con la bicicletta all’atto della vendita • Danni o guasti dovuti a incidenti, uso improprio, non corretto o incuria • Spese di manodopera per la sostituzione di parti o conversione La presente garanzia è da ritenersi nulla in caso di modifiche al telaio, alla forcella o ad altri componenti. Questa garanzia si intende esplicitamente ed esclusivamente limitata alla riparazione o alla sostituzione di un componente difettoso. Tale garanzia, con decorrenza a partire dalla data di acquisto del prodotto, è da ritenersi valida solo per il proprietario originale e non può in alcun modo essere trasferita. Gary Fisher Bicycle Company non sarà responsabile per alcun danno casuale o indiretto. Negli Stati in cui non è ammessa l’esclusione di danni accidentali o indiretti, l’esclusione di cui sopra non assume alcun valore. Per presentare reclami coperti da questa garanzia, rivolgersi a un rivenditore Gary Fisher autorizzato. È richiesta una prova d’acquisto. Affinché la richiesta di reclamo possa essere accettata, è necessario che l’oggetto del reclamo sia reso noto a Gary Fisher Bicycle Company mediante registrazione online o compilazione dell’apposita scheda di registrazione della garanzia da inviare a Gary Fisher Bicycle Company. La durata prevista e il contenuto della garanzia possono variare in base al tipo di telaio in uso e/o al Paese in cui il prodotto viene commercializzato. La presente garanzia conferisce al consumatore diritti legali specifici che possono variare da Stato a Stato. La presente garanzia non modifica i diritti legali del consumatore.

© 2008 Trek Bicycle Corporation Tutti i diritti riservati.

37