Il Circolo ARCI Guernica è un centro di vita associativa, autonomo, pluralista, apartitico, a carattere volontario, democratico, progressista ed antifascista.

Tutti i campi in cui si manifestano esperienze culturali, ricreative e formative e tutti quelli in cui si può dispiegare una battaglia civile contro ogni forma di ignoranza, di intolleranza, di violenza, di censura, di ingiustizia, di razzismo, di discriminazione, di emarginazione, di solitudine forzata, sono potenziali settori d’intervento del Circolo. Nell’ ambito dell’ attività stiamo organizzando una serie di incontri dal titolo:

OLTRE LA CRESCITA
Gli evidenti limiti dell'attuale modello di sviluppo e le possibili alternative
L'effetto serra e i cambiamenti climatici costano cari. Nel 2010 ci sono stati 950 disastri nel mondo con danni per 130 miliardi di dollari. Le emissioni di Co2 aumentano invece di diminuire e l'aumento di due gradi dovuto all'effetto serra è questione di mesi. Nel 2035 il numero di automobili nel mondo raddoppierà arrivando a 1,7 miliardi. Quando avverrà il picco nella produzione di petrolio? Qualcuno dice che è stato nel 2008. E' molto difficile prevedere una data perché il sistema di estrazione cerca di compensare l'esaurimento impiegando sempre più risorse nell'estrazione. Quello che possiamo dire con certezza è che la fase storica di continuo aumento della produzione petrolifera, che perdura da circa un secolo e mezzo, si è interrotta nel 2004. Da quella data abbiamo visto una stasi produttiva che dura ancora oggi. In ogni caso, la data precisa del picco non ha molta importanza; quello che sta già accadendo è che l'esaurimento progressivo sta causando aumenti dei prezzi che mettono in difficoltà l'economia. Un modello economico basato sul consumo senza fine (continua crescita del PIL) è insostenibile, dato che le risorse non sono infinite. Una volta capito che la crescita globale basata sul consumo di petrolio non è soltanto responsabile dei cambiamenti climatici o della crisi ambientale ma comporta anche un aumento di stress, ansia e crollo sociale, diventa evidente che per curare il pianeta e noi stessi è necessario ridurre le dimensioni dell'economia ovvero localizzarne l'attività, piuttosto che continuare a globalizzarla. Possediamo tutte le tecnologie e le competenze necessarie per costruire in pochi anni un mondo profondamente diverso da quello attuale, più bello e più giusto. La crisi profonda che stiamo attraversando è in realtà una grande opportunità che va colta e valorizzata. L'impressione è che la consapevolezza stia crescendo e che abbia il potenziale per diffondersi a macchia d'olio. Per questo motivo sono necessarie iniziative come questa, in grado di illustrare i vari aspetti del problema e indicarne le possibili soluzioni. Chiediamo una vostra collaborazione nei modi che ritenete più fattibili.

Circolo ARCI Guernica
Via Mazzini, 15 - 18100 Imperia P.M. tel 3311143004

Ecco il programma dettagliato della rassegna: CALENDARIO Venerdì 2 marzo 2012 – ore 21,00 “L'impronta dell'uomo sul clima del pianeta: il futuro? Dipende da te!”
Relatore: dott. Luca Lombroso – Meteorologo previsore

Venerdì 9 marzo 2012 – ore 21,00 “Risorse energetiche: quali sono le prospettive possibili?”
Relatore: dott. Luca Pardi – Primo ricercatore presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche

Venerdì 16 marzo 2012 – ore 21,00 “Pratiche e teorie: i tanti volti dell'economia solidale”
Relatore: dott. Davide Biolghini – Coordinatore scientifico Forum Cooperazione e Tecnologia

Venerdì 23 marzo 2012 – ore 21,00 “Alla scoperta di un'alternativa allo sviluppo infinito: la decrescita felice”
Relatore: dott. prof. Maurizio Pallante – Presidente Movimento per la Decrescita Felice

Venerdì 30 marzo 2012 – ore 21,00 “La decrescita in medicina: la qualità della nostra salute non dipende dal pil!”
Relatore: dott. Jean-Louis Aillon – Medici senza Bandiere - Presidente Circolo M.D.F. Torino

Il presidente del Circolo Massimo Ardoino

Circolo ARCI Guernica
Via Mazzini, 15 - 18100 Imperia P.M. tel 3311143004