Questo berretto si chiama così perché liberamente ispirato al libro di Barbara Walker “Knitting from the top” vera

e propria bibbia per le knitters che vogliono cimentarsi con la tecnica topdown. E’ realizzato partendo dall’alto, dalla sommità della testa ed è interamente senza cuciture. La particolarità di questo berretto è che si adatta tranquillamente a qualsiasi tipo di filato e di ferri che si vogliano usare, non serve fare calcoli per adattare le misure e non è necessario realizzare il campione all’inizio, tanto si avvia sempre e comunque allo stesso modo. Quello che cambia è il numero di aumenti necessari per raggiungere la misura scelta. Per questo motivo non vengono forniti né il numero dei ferri, né il tipo di filato, perché ciascuno lo realizza con quello che preferisce. E’ indispensabile, però, lavorare con i ferri circolari (o con il gioco di ferri). Nel caso dei ferri circolari ci vuole un cavo da 80 cm per lavorare con il metodo “magic loop”. Procedimento: Avviare 8 punti, dividerli a metà sul cavo piegato in due e chiudere in tondo, facendo attenzione a non creare torsioni nei punti. f. 1: tutto diritto f. 2: 1 aumento lavorato così: un diritto e un diritto ritorto nello stesso punto. Si ottengono 16 punti. f. 3: tutto diritto f. 4: *1 aumento (come prima), 1 diritto*, ripetere da * a * per tutto il ferro. Si ottengono 24 punti. f. 5: tutto diritto f. 6: *1 aumento (come sopra), 2 diritti*, ripetere da * a * per tutto il ferro. 32 punti totali. f. 7: tutto diritto f. 8: *1 aumento, 3 diritti*, ripetere da * a * per tutto il ferro. 40 punti Si procede lavorando sempre un ferro diritto e un ferro con gli aumenti. Le ripetizioni si allargano e ad ogni ferro aumenta il numero di punti diritti dopo l’aumento iniziale (1 aumento, 4 diritti; 1 aumento, 5 diritti ecc.) fino alla misura desiderata. In ogni ferro si aumentano 8 punti.

Ci si deve fermare quando il diametro del cerchio lavorato copre la sommità della testa, come una papalina. Non bisogna aver paura che sia troppo stretto perché poi il lavoro si allarga. Si saranno formati 8 raggi, che hanno anche un effetto decorativo. A questo punto si lavora sempre tutto a diritto, senza più aumentare, fino alla misura desiderata. Lavorando con un cavo lungo è possibile provare il lavoro man mano che si realizza. Quando siamo arrivate all’altezza della fronte, iniziare la lavorazione a coste 1/1 (1 diritto, 1 rovescio) per creare un bordino. L’altezza del bordo è a nostro piacere. Intrecciare tutte le maglie e fermare il filo. Se vogliamo realizzare una versione più femminile, è possibile sostituire gli aumenti (diritto/diritto ritorto) con un gettato. Questo formerà un buchino che rende traforato il berretto, dandogli un’aria più graziosa. Un neo di questo modello è che il buchino dell’avvio rimane piuttosto largo. E’ possibile lasciare lunga la “coda” quando si montano le maglie d’inizio e utilizzarla a lavoro finito per chiudere un po’ il buco, oppure è possibile applicare un pompon.