V I

P I A C E ?
VENERDÌ 2 MARZO 2012

il MICROFESTIVAL POETICO e LETTERARIO di ALESSANDRIA

IN OCCASIONE DELLA SESTA PUNTATA PRESENTA UN

SEMINARIO DI SCRITTURA CINEMATOGRAFICA E NO
come trasformare un romanzo in un film, un racconto in un saggio cortometraggio, un saggio in un documentario… Istruzioni pratiche
FRANCO GALLIANI coordinerà gli interventi dello sceneggiatore Claudio Braggio, autore del lungometraggio attualmente in fase di produzione “STORIE DEL MONFERRATO NOIR” (www.storiedelmonferrato.com), e della film-maker Wilma Massucco, autrice del film documentario “LA VITA NON PERDE VALORE” dedicato a Padre Giuseppe Berton e agli ex bambini soldato della Sierra Leone (www.bluindaco.org) – CASE HISTORY

circolo L’ISOLA RITROVATA – via S. M. di Castello, 8 ALESSANDRIA
(dalle ore 18,oo alle 19,45 - partecipazione gratuita)
WILMA MASSUCCO - Originaria di Tagliolo Monferrato (Alessandria), dopo una laurea in Ingegneria Chimica e 15 anni di attività in azienda, è oggi Freelance, specialità INTERVISTA, con pubblicazioni su: Il Manifesto, Terra, Buddismo & Società, Nuovo Rinascimento, Azione Non Violenta, Scienza e Pace, La Stampa. Dal 2010 collabora con Armadilla, ONG capofila di EUGAD (progetto di cooperazione internazionale a supporto degli Obiettivi del Millennio), al quale contribuisce attraverso Interviste, Articoli e partecipazione alla stesura dei Manuali per Opinion Leaders. Nell’ambito di Eugad ha partecipato inoltre, insieme al team RAI TG1, alla realizzazione di Documentari in Sierra Leone. E’ titolare e fondatrice di Bluindaco Productions www.bluindaco.org, casa di produzione e distribuzione di prodotti audio video di interesse culturale e sociale in genere. Nel 2012 esordisce come film maker con il Documentario LA VITA NON PERDE VALORE, Padre Berton e gli ex bambini soldato della Sierra Leone (DVD – COL – ITA / ENG – 53’) di cui è regista e produttore. Oltre a fare un atto di denuncia nei confronti dei bambini soldato, una piaga che purtroppo è ancora diffusa in molti Paesi, e a presentare – attraverso la figura di Padre Berton e del Family Homes Movement – un modello educativo esemplare, il film approfondisce tematiche che possono riguardare ciascuno di noi. Chi guarda il film può identificarsi con il proprio senso di solitudine, le proprie paure, il disvalore della propria vita, e può anche intuire come riscattarsi da questa sofferenza (Bluindaco Productions - © 2012). CLAUDIO BRAGGIO - Nato a Torino, vive in Alessandria. Ha studiato sceneggiatura alla Scuola Holden di Torino (1999, con Antonio Leotti, Marco Ponti, Gino Ventriglia, Antonello Grimaldi, Domenico Procacci) ed ha frequentato seminari di approfondimento (Silvia d’Amico Bendicò e Giorgio Arlorio in Asti, Suso (Giovanna) Cecchi d’Amico in Bologna, 2000, poi Furio Scarpelli a Gavi Ligure, Alessandria, 2001). Alla Scuola Holden ha seguito seminari sulla narrazione (Erri De Luca, Francesco Piccolo, Giulio Mozzi, Annalisa Garavaglia per l’Holden III) e sulla poesia (Paola Mastrocola, Luca Ragagnin, Aldo Nove, Elena Varvello).Firma una ventina di sceneggiature fra cui “Caristo, la città rubata” (docu-fiction, 2008 regia di Max Chicco), “La tua voce arriverà” (videoclip, 2009) e “Andrea Vochieri, il processo 1833 (documentario, 2011); di questi ultimi ha curato anche la regia. Ha scritto sceneggiature e testi di alcuni inserti per Rai Uno Mattina (2010) per la regia di Luigi Gorini. Ha pubblicato i saggi sulla sceneggiatura “Titolo di lavorazione” (con sceneggiatura, nell’antologia “Ed è subito sera”, Kinesis, 2004) e “Scrivere cinema low-budget in Alessandria” (Opificio delle Arti, 2009). Ha pubblicato racconti umoristici in antologie, fra cui “Perché non lo ammazziamo come fanno al cinema?” (“Tutto il nero del Piemonte”, 2007) e ”La nebbia si tagliava col coltello” (primo classificato al concorso “Parole in corsa ATM 2008”; pubblicato anche nell’antologia “Scrivere è viaggiare”, 2009). Con il regista Max Chicco ed il giornalista Massimo Taggiasco ha fondato l’associazione culturale “Storie del Monferrato“.