ciao e benvenuto In questo report scoprirai tante informazioni che sicuramente ora ignori.

Tutte queste informazioni ti aiuteranno ad allontanare per sempre il mal di schiena dal tuo fisico, smetterai di soffrire e di imbottirti di medicinali pericolosi per il tuo organismo e che, oltretutto, ti permettono di alzare la testa solo per qualche ora per poi farti ripiombare tra i lancinanti dolori della lombalgia. Il Mal di Schiena (o lombalgia) non è una malattia ma è un sintomo. Sì, il mal di schiena è proprio un sintomo, un avvertimento che c'è qualcosa che non va nella colonna vertebrale. Ma iniziamo dal principio. La colonna vertebrale è una delle strutture più forti del nostro organismo ed ha numerosi compiti da assolvere ogni giorno: • proteggere il midollo spinale; • sostenere la testa, il tronco e le braccia; • dare la possibilità al tronco alla testa e alle braccia di effettuare tutti i vari movimenti. Detto ciò, salta subito all'occhio che le sue importantissime funzioni sono anche in contraddizione tra di esse. Infatti la colonna deve essere robusta e stabile per sostenere ma anche flessibile e mobile per permettere i movimenti. A questa contraddizione, va aggiunto anche che la colonna vertebrale ha subito numerose modifiche sin dall'antichità.

All'inizio la colonna vertebrale non era stata “pensata” dalla natura per essere in posizione verticale ma per avere una posizione parallela al terreno (come la hanno tutti gli animali all'infuori dell'uomo). Con l'evoluzione umana (e quindi con la posizione verticale assunta dall'uomo) la colonna vertebrale ha dovuto prendere una diversa posizione da quella per cui era stata progettata, dando origine a quella che è una sintomatologia prettamente umana: la lombalgia. La vita “moderna” e la sua necessità di stare per lunghe e numerose ore seduti, offre un'ulteriore mano all'insorgenza di forti e ricorrenti dolori alla schiena. A seguito di questa serie di informazioni semplici ma illuminanti possiamo affermare, con sicurezza e con dati reali alla mano, che la lombalgia colpisce praticamente ognuno di noi: C'è chi ne soffre più o meno frequentemente di altri; chi ne soffre più o meno dolorosamente di altri ... ma il mal di schiena colpisce ognuno di noi. Anche io ne sono stato colpito e ne ho sofferto per molto tempo, subendo dolori e fastidi molto accentuati.

Chi sono io ?

Io mi chiamo Luca Lisi e sono una persona comune: proprio come te !!! Ho sofferto per anni di una dolorosissima e problematica lombalgia. Quando mi colpiva (e questo accadeva con regolarità, una volta al mese) ero costretto a bloccare ogni attività motoria e stare a riposo a letto, imbottendomi di medicinali antinfiammatori e antidolorifici, con tutte le conseguenze del caso: assenza dal posto di lavoro, vita sociale a livello zero, stress, per non parlare dei lancinanti dolori che mi facevano stare malissimo. Ho cercato soluzioni su soluzioni, ho frequentato studi specialistici a iosa, ho subito talmente tanti esami e visite specialistiche che non ne ricordo più il numero, ma la risposta finale era che la mia schiena era rovinata e che non potevo farci nulla se non riposo e medicine all'insorgenza del dolore. Ah no … più di uno specialista mi ha consigliato addirittura l'operazione per poter stare meglio. Ovviamente disturbato dall'idea di un intervento chirurgico, mi ero rassegnato al fatto di dover convivere per tutta la mia vita con atroci e debilitanti dolori. Quando avevo ormai messo una pietra sopra alla possibilità di stare fisicamente meglio, è arrivato inaspettato il sereno. Ho conosciuto un medico che mi ha svelato una serie di accorgimenti naturali grazie ai quali, da allora, non ho più avuto crisi dolorose di mal di schiena e non ho più assunto neanche un'ombra di farmaco. La sua teoria è stata talmente illuminante per me che me ne sono appassionato, approfondendo e mettendo in pratica tutti gli insegnamenti naturali e sani che ho trovato.

E siccome so che la lombalgia è: dolorosa; invalidante; snervante; debilitante; stressante; e chi più ne ha, più ne metta … ho deciso che è arrivato il momento di condividere con te e con tutte le persone interessate all'argomento (praticamente tutti), una serie di informazioni che ti aiuteranno a raggiungere la posizione di benessere fisico che sono riuscito a raggiungere io. Io non sono un medico: e ringrazio il cielo di non esserlo … o meglio ringrazio il cielo di non essere come la quasi totalità dei medici che ho incontrato durante la mia vita: poco umani, poco esplicativi ma soprattutto legati al vile denaro. Non so se tu hai fatto mai i conti ma io ho speso, durante gli anni di lombalgia, una enorme quantità di denaro per visite, esami e medicinali. Tanti, tanti e ancora tantissimi soldi !!! E tutto ciò, a conti fatti, con il risultato: • di stare male come prima, • di non aver risolto nulla • e di essere sempre più a terra.

Ma sai perché? Perché la casta dei medici (non tutti ma la maggior parte) è una casta di gente affamata di denaro, che vuole da te il prezzo di profumatissime parcelle e che in cambio non ti aiuta a risolvere il problema, anzi ti inserisce in un imbuto di visite e medicinali che hanno il potere di lenirti temporaneamente il dolore senza risolvere la causa principale. Sai cosa significa questo? Che quando hai dolore ti rechi dal medico specialista (visita: oltre 150 – 200 euro) il quale ti prescrive degli antinfiammatori e antidolorifici (costo: altri 50 – 100 euro) con l'unico scopo di sfiammarti temporaneamente la parte e lenirti il dolore. Ma, appena la vera causa scatena di nuovo l'infiammazione tu sei di nuovo al punto di partenza: sconfortato dal gran dolore ti rechi di nuovo dallo specialista (parcella profumata) e acquisti i medicinali che ti prescrive (soldi che se ne vanno e salute che risente del continuo utilizzo di farmaci sintetici). Praticamente un giro continuo senza fine. Ma da oggi basta con tutti questi soldi che escono dalle tue tasche senza risolvere il problema, se non temporaneamente. Da oggi hai l'opportunità di trovare la strada giusta per vincere la lombalgia una volta per tutte. Intanto voglio darti una definizione corretta e precisa del mal di schiena a livello lombare. La lombalgia acuta ha come caratteristica un dolore a livello della zona lombare della colonna vertebrale, dolore che si presenta bruscamente a causa di uno sforzo anche minimo e banale (tipo un colpo di tosse o uno starnuto).

Il dolore è violento e porta impossibilità al movimento. Al tatto si sente chiaramente una contrattura muscolare, premendo la quale lo sfortunato (o sfortunata) prova un acuto dolore. La lombalgia ha come prevenzione la corretta postura, l'esercizio fisico regolare e soprattutto la flessibilità e il rafforzamento della muscolatura nella zona lombare. Devi fare molta attenzione a mantenere la corretta curvatura a S della colonna vertebrale. Quello che voglio dirti oggi sarà una rivelazione: lo è stato anche per me. Ricordi cosa ti ho detto pochi secondi fa? Circa una volta al mese, quando la lombalgia mi colpiva, mi posizionavo a letto imbottendomi di medicinali antidolorifici e antinfiammatori, non facendo altro che attendere che la crisi passasse, lamentandomi, stressandomi e cadendo nella più totale depressione (ogni volta più forte). Bene … ho commesso uno sbaglio enorme e terrificante. A parte quello di imbottirmi di medicinali (che distruggono il tuo organismo), l'errore più assurdo è stato quello di immobilizzarmi a letto.

Hai capito bene. Tutte le ricerche più aggiornate effettuate per capire fino a che punto il riposo o l'attività aiutino il decorso della crisi dolorosa della lombalgia, hanno visto la netta vittoria dell'attività sul riposo. Il miglior consiglio che posso darti è che, in caso di insorgenza di lombalgia, devi proseguire la tua attività fisica ordinaria. Questo favorirà il recupero in tempi molto più rapidi rispetto al riposo e agli antinfiammatori. In ogni caso è assolutamente sconsigliabile superare 1-3 giorni di riposo a letto in caso di crisi dolorosa di lombalgia. Considera che parlo di 3 giorni ma intendo “soltanto” quando la crisi è davvero ad uno stadio altissimo. Pensa che il “troppo” riposo porta: • diminuzione del tessuto muscolare e deperimento muscolare (la forza muscolare diminuisce del 3% ogni giorno di riposo, e diminuisce anche la resistenza muscolare alla fatica); • diminuzione della coordinazione muscolare con conseguenti problemi di equilibrio; • poco nutrimento dei tessuti; • perdita dei minerali a livello osseo (con relativa minore solidità dell'apparato scheletrico); • rigidità progressiva delle articolazioni, delle fasce muscolari e possibili aderenze dei tessuti connettivi; • minore mobilità e tono dei legamenti e delle fasce muscolari; • rallentamento del metabolismo;

Questi effetti negativi riguardano direttamente l'apparato scheletrico e muscolare. Ma non sono soltanto questi gli effetti negativi. Ci sono anche: • tendenza alla depressione e alle alterazioni dell'umore; • riduzione delle difese immunitarie; • alterazioni ormonali; • tendenza all'anemia e alle trombosi; • peggioramento delle funzionalità cardiocircolatorie e respiratorie; • ridotta tolleranza verso il dolore.

Sapere soltanto questo mi ha aperto gli occhi su un mondo ed su una visione nuova. Ho capito che molto del mio sapere (oltretutto molto ridotto) era assolutamente lontano dalla verità. Da ciò ho cominciato ad essere ottimista in quanto ho capito che forse esisteva qualcosa che io ancora non sapevo e che mi avrebbe finalmente potuto aiutare. E c'era molto che non sapevo e che avrei scoperto impegnandomi, studiando ed informandomi dalle fonti giuste.

Se hai voglia di scoprire tutte le informazioni che mi hanno aiutato ad uscire per sempre dal mal di schiena, vai a questo link: http://www.mal-di-schiena.com/

Sono pronti per te una serie di video gratuiti dai quali riuscirai a scoprire tante e tante informazioni che ora probabilmente ignori e che ti offriranno l'opportunità di non soffrire più dei lancinanti dolori di schiena.

A presto da Luca Lisi http://www.mal-di-schiena.com/

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful