P. 1
Elementi Essenziali Della Pratica Di Meditazione Di Visione Profonda

Elementi Essenziali Della Pratica Di Meditazione Di Visione Profonda

|Views: 683|Likes:

More info:

Published by: Giancarlo Giovannini on Apr 16, 2012
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

05/17/2013

pdf

text

original

L’oggetto di Vipassana è una realtà come il salire-scendere dell’addome
o una vera sensazione di dolore o altro. Non dovete inventarlo o
crearlo. È già lì, anche se va un po’ cercato. E man mano che siete
sempre più consapevoli della sua natura, noterete che non è un
oggetto fermo o statico. È vibrante, dinamico, mutevole, sorge e
sparisce.

Più ne siete consapevoli, più chiara ne sarà la natura mutevole. È
diverso dall’oggetto di samatha, in cui più andate in profondità, più
l’oggetto diventa calmo, immobile e fermo. L’oggetto Vipassana
ondeggia a causa della natura dell’impermanenza e quando cambia,
diventano molto evidenti anche gli aspetti di sofferenza e non sé.
Continuando a mantenere la concentrazione vipassana sull’oggetto
fluttuante, porterà al sorgere dell’intuizione profonda. Questa
intuizione è la realizzazione delle tre caratteristiche universali di
impermanenza, sofferenza e non sé. In assenza di questa concen-
trazione vipassana, l’intuizione profonda non può sorgere. Il punto

128Elementi Essenziali della Pratica di Meditazione di Visione Profonda

di partenza, di solito, è la percezione dell’impermanenza. Bisogna
prima notare l’impermanenza per vedere che la sofferenza non è
una normale sofferenza, ma è di per sé impermanenza stessa. Il non
sé è non sé perché è impermanente e doloroso. La percezione
dell’impermanenza è come se voleste capire la natura di un oggetto
in movimento o cangiante. Quale è il punto di cambiamento? Dovete
essere in grado di tenere la mente sul cambiamento, che non è una
cosa statica. È mobile, perciò la mente deve muoversi con il
cambiamento e assorbirsi momento per momento in esso. E siccome
la consapevolezza è chiara e penetrante può comprendere la natura
del cambiamento, essendosi unificata ad esso. Se non riuscite a
seguirlo e a diventare uno con esso, come potreste conoscerlo? Se
non potete seguire l’oggetto in movimento, come potreste vederlo
per quello che è?

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->