You are on page 1of 1

Ecco l’unica traccia di una comparazione sommaria e inadeguata

Secondo quanto riportato in questo documento, “la soluzione indicata nel Documento di indirizzi”, consistente nel
semplice allargamento di Superstrada, concordata con i Comuni nel 2001, (rosso) aveva difficoltà di realizzazione e
trasportistiche. Società Pedemontana prospettò allora alcune varianti che presentavano difficoltà costruttive (A, B e C) più
una variante radicalmente diversa (D) che prevedeva il passaggio nel Parco delle Groane.
Regione e Comuni non arrivarono tuttavia ad alcuna decisione e società Pedemontana non presentò alcun progetto per il
tratto Cermenate-Desio limitandosi a proporre un “limitato potenziamento della sede stradale della SS35” (c.f.r.punto 2.3
progetto preliminare). La proposta tecnica per la tratta B2 adottata nel progetto preliminare fu così realizzata da Regione
Lombardia,”sentiti i Comuni”, validata dall’A.T.I. guidata da SPEA e approvata dal CIPE nel 2006.
In quest odocumento l’alternativa C, nel tratto Meda-Desio, è simile alla B2-veloce ma presenta un tracciato stranamente
posizionato in territorio edificato mentre esisteva, poco più a est, un canale già più libero. Nessuna analisi comparativa è
allegata al progetto preliminare nonostante, per legge, il progetto preliminare debba allegare la "descrizione generale
delle soluzioni progettuali analizzate, caratterizzate sotto il profilo funzionale e tecnico" e "l’illustrazione delle motivazioni
a supporto della soluzione prescelta sotto il profilo localizzativo, funzionale ed economico" (c.f.r. art.2 All.XXI/D.lgs.163/06
). Il progetto preliminare presenta quindi notevoli “falle” non solo di carattere tecnico/progettuale ma anche d i carattere
formale/procedurale.
commento redatto da Sevesoviva