III.

IL CALENDARIO: TEMPI SUPER-UMANI E SUB-UMANI Abbiamo dimostrato che ogni uomo ha il suo proprio tempo individuale, che e completamente indipendente da quello del calendario 0 dell'orologio e che deriva dallo svolgersi della principale molla della sua vita individuale. Questo e molto importante da capire, poiche e questa ora, dettata dal suo tempo che indica la sua posizione, Ie sue pro spettive , il suo destino. E questa ora dettata dal suo tempo che sola puo rispondere alla pin minacciosa di tutte le domande: quanta tempo gli e rimasto? Cio nonostante gli uomini, con i loro orologi interni, messi ognuno ad un tempo diverso e personale, devono vivere insieme, e per vivere insieme devono trovare una comune e conveniente misura del tempo, sulla quale tutti possono concordare, per quanto ingannevole possa essere questa tempo comune. Per questa scopo, del tutto naturalmente, essi sono ricorsi ad un'unita di tempo del cosmo superiore che li comprende. Essi misurano Ie loro vite, quelle degli altri e quelle dei lora antenati, per mezzo del respiro della Terra, cioe per mezzo del tempo che la Terra impiega a girare intorno al Sole, cioe in anni. Ora un anna e uri'unita di tempo estremamente interessante e completa, piena di connessioni e di rapporti interni, e che forse puo essere presa come il modello classico di una forma organic a di tempo. Dato che, come abbiamo stabilito nel secondo capitolo, le dimensioni della spazio e del tempo diventano intercambiabili se passiamo da un cosmo ad un altro, allora evidentemente alcuni modelli nel tempo devono rappresentare forme organiche, proprio come le rappresentano alcuni modelli nella spazio. Un anno e proprio una forma di tempo organica, con le sue funzioni 0 feste, e la sua circolazione interna tra di esse. COS! che, sebbene i diversi individui passeranno attraverso un anna a velocita differenti, secondo il loro tempo personale, cio nonostante quell'anno portera loro esperienze e possibilita paragonabili tra loro, e rappresentera un rapporto fisso comune per tutti loro. COS! per tutti gli uomini di una meta della Terra 10 stesso giorno dell'anno sara il piu corto, 10 stesso giorno rappresentera la crescita della forza del Sole, 10 stesso giorno la sua luce piu lunga. Frazioni precise dell'anno separeranno il tempo della semina e del raccolto, della pioggia e della siccita, del fiore e del frutto. Se un uomo e una donna concepiscono un bambino, sette noni dell'anno porteranno alla sua nascita, non importa quanta diversi possano essere i loro tempi personali. In effetti l'anno rappresenta una grande danza alla quale prendono parte tutti gli uomini, gli animali, gli uccelli, gli alberi e le piante sulla superficie della Terra, non importa quanto rapidamente 0 quanto lentamente essi stessi passino attraverso di esso.
171

Segnamo i 360 giorni dell'anno intorno ai 360 gradi di un eircolo, lasciando non contati e "fuori del tempo" i cinque giorni tra Natale e l' Anno Nuovo, cioe tra la fine e l'inizio. In questa circolo dell' anno, la tradizione segna tre punti principali: la festa del solstizio di meta inverno, 0 Natale, quando tutta la vita e nascosta ed invisibile; la festa della rinascita 0 Pasqua; e la festa del raccolto. Queste tre feste sono tipiche di tre stadi della crescita naturale - radice, fiore e frutto - ed in maniera molto generale i loro periodi intermedi rappresentano, non solo per Ie piante, rna per tutti gli esseri viventi, un cicIo di gestazione, maturazione e raccolta ehe si ripete sempre. Cosi ancora una volta arriviamo alla ormai conosciuta figura del triangolo nel circolo. Se il centro di questa circolo 10 facciamo rappresentare la Terra, ed intorno al triangolo mettiamo i dodici segni della Zodiaco, lungo i quali il Sole si muove nel corso dell' anno, vediamo che questa triangolo divino rappresenta anche la traiettoria del Sole. E se inoltre aggiungiamo i sei punti intermedi e 10 strano movimento tra loro, che nel Sistema Solare rappresenta la eircoJazione invisibile della luee, noi troviamo che il modelJo di un anna eorrisponde a questa modello fondamentale di tutti i veri esseri e forme cosmiche. Molti sistemi di calendari, per esempio quello degli Atzechi, con mesi di diciottoventi giorni con cinque giorni "rnorti", evidentemente derivano da questa concetto dell' anna come un circolo con nove psnti. Cosl ogni divisione rappresenta quaranta giorni. Nei tempi moderni queste divisioni organiche dell'anno sono chiaramente indicate da alcune feste mobili: il Mercoledi delle Ceneri oscilla tra i punti 1 e 2, la Pasqua tra i punti 2 e 3, e la Domenica di Pentecoste tra i punti 3 e 4.
Natale. Anno Nuovo

Fig. 8. Il disegno dell'anno. Quaranta giorni, il soggiorno di Cristo nel deserto, rappresentano cosi un periodo preciso nel quale certe cose possono essere ottenute, maturate, 0 fissate. Mentre multipli di quaranta giorni, uniti insieme dalla linea dell'invisibile circolazione interna, rimangono collegati attraverso iJ tempo da invisibili processi di germinazione 0 di comprensione. II grano invernale, seminato al punto 7 (6 ottobre), seguendo il rnisterioso movimento 142857, viene raccolto al punto 4 (9 giugno); il granoturco primaverile, seminato al punto 2 (21 marzo), e a sua volta raccolto al punto 7. II suolo, gelato e inaridito ad una data, deve essere scongelato 0 reso soffice dalla pioggia ad unaltra data internamente collegata con esso. Mentre per gli esseri umani, del tutto inconsapevol172

,

mente, le memorie, gli stati d'animo ed il risultato di azioni per lungo tempo dimenticate, all'improvviso emergono dallinvisibilita, lungo questa circolazione nascosta tra una parte e l'altra dell'anno. COS!un uomo, passando attraverso gli anni, e portando con se il suo tempo interno, ciononostante passa attraverso una serie straordinariamente intricata di forme del tempo che si ripetono. Un certo giomo di una certa primavera deve certamente essere sperimentato alla velocita adatta all' eta ed al tipo dell'osservatore. Ma a parte questo, gli portera anche dei ricordi dallo stesso giorno di tutte le altre primavere, e sara collegato in un altro modo ancora con un certo giorno di quella estate e di tutte le altri estati, con un certo giorno di quell' autunno e di tutti gli altri autunni. In questo modo un anna rappresenta per un uemo non una linea, rna una ondulante e scintillante ragnatela di echi trans-temporali. Un anno non e affatto un'unita di tempo individuale, come noi spesso crediamo, rna piuttosto 10 scenario attraverso il quale passa il tempo personale. Perche il tempo dell'uomo si muove contro 10 sfondo del tempo e della Terra, che anche si muove, rna in modo COS! elativamente lento che all'uomo sembra immobile, come uno sfondo di r nuvole che si muovono sembra immobile, in contrasto con una veloce barca a vela che corre rapida all' orizzonte. Un errore simile e quello di prendere il tempo storico 0 astronomico come una estensione del tempo umano, del nostro tempo personale. Questo e completamente sbagliato, e da origine ad ogni sorta di visioni distorte degli avvenimenti nel mondo e nell'universo intorno a noi. Come vedremo pili tardi, il tempo storieo, cioe il tempo delle civilta, si sviluppa anche esso logaritmicamente, rna su una scala di secoli invece che di decenni. Mentre nel capitolo sul mondo della Natura, ci era sembrato di distinguere il tempo terrestre, che copriva periodi di milioni di anni, sviluppato non solo logaritmicamente, ma al contrario, cioe ogni epoca successiva era pili corta, non pili lunga, pili compressa piuttosto che pili espansa. Un'immagine approssimativa della sfondo temporale dell'uomo puo allora essere data da un quadrante d' orologio in cui le lancette dei mesi, delle ore, dei minuti e dei secondi, stiano girando contemporaneamente. Ma per rendere pili corretta questa immagine, sarebbe necessario immaginare qualcuna delle lancette che acquista velocita, altre che la perdono, e perfino qualcuna che gira al contrario. Se ora noi immaginiamo che la circonferenza del quadrante sia un'infinita linea dritta, misurabile solo in una direzione e a una velocita, e divisa in parti uguali, che abbiano un significato stabilito per tutte le lancette, questa fino ad un certo punto rappresenterebbe errata percezione ed illusione dell'uomo riguardo la natura del tempo. Un effetto di questa illusione, molto comune e facilmente verificabile, e che ad ogni uomo gli avvenimenti esterni della sua giovinezza, quando il suo proprio tempo conteneva di pili, sembrano pili grandi di quelli della sua vecchiaia. Per il veterano ottuagenario la guerra spagnolo-americana 0 la guerra boera sono un avvenimento piu importante della seconda guerra mondiale. Ed e chiaro il perche. Per lui un anna di una guerra nella sua giovinezza, e tre volte pili lungo di un anno di guerra della sua veechiaia, e tutti gli avvenimenti che un anna conteneva sono tre volte pili grandi, estesi, allargati, e pieni di significato di quelli degli ultimi suoi anni. D' altra parte, in a1cuni periodi della storia, alcuni avvenimenti esternamente insignificanti, come per esempio quelli collegati con la vita di Cristo, possono essere di immensa importanza, e continuare a produrre effetti per centinaia 0 migliaia di anni, perche, sconosciuti agli osservatori umani, appartengono ai primi momenti di una civilta, quando i suoi processi si stanno sviluppando ad una velocita tremenda.
173

In questa modo gli esseri umani, misurando inconsciamente per mezzo del loro proprio tempo interno, tendono a rendere tutti gli avvenimenti esterni pili lunghi 0 pili corti, pili grandi 0 pili piccoli, di quello che in realta sono, cioe di quello che sono secondo illoro proprio tempo. COS!,quando stiamo considerando le questioni di tempo, la prima cosa che dobbiamo domandarci e: il tempo di chi? II tempo di che cos a? Nei primi due paragrafi di questa capitolo abbiamo considerato il tempo dell'uomo. Ma in effetti, che significa? Sembra essere la scala del tempo di un organismo cellulare molto elaborato, che ha inizio con la prima divisione e moltiplicazione della sua cellula originaria, e che finisce con il suo collasso come un intero funzionante, e con la sua disintegrazione in materia sub-cellulare. E la linea del tempo dell'uomo organico, dell'uomo come corpo fisico. E general mente questa e il solo tempo che conosciamo e di cui siamo consapevoli. Quando parliamo "dell'uomo" in realta parliamo del suo grado di consapevolezza o coscienza, per quanta rudimentale questa sia. Poiche il rimanente non e umano, rna chimico, biologico 0 animale. Ora una delle caratteristiche dell'ordinaria consapevolezza dell'uomo, perfino del pili alto livello di consapevolezza ordinaria, e che essa e confinata ad una forma organica. Nel modo ordinario l'uomo non puo attaccare la sua consapevolezza alla materia allo stato elettronico 0 molecolare, ne a forme super-umane come. i continenti 0 le civilta. Egli puo pensare a questa possibilita, e sognarne in modo poetico, rna non puo ottenerla veramente. Per cui siamo giustificati se consideriamo il tempo organico della sua forma fisica come il tempo dell'uomo ordinario. Ma e il suo solo tempo possibile? 0 ci sono per lui altri tempi potenziali? Perche noi sappiamo per esperienza che in ogni momento il nostro tempo biologico puo essere aperto e trasceso dall'ingresso di gioia, di dolore 0 di meraviglia. AU'improvviso e senza avviso, uno dei nostri minuti, prima vuoti, fiorisce di nuovo in uninfinita di sensazioni e di percezioni. Come accade e cosa significa? Nel capitolo sul Sole e stato discusso come, all'impatto dell'energia solare creativa sulla Terra, gli elettroni furono chiusi dentro le molecole, le molecole nelle cellule, e possiamo aggiungere le cellule nei corpi organici, uomo compreso. Ma gli elettroni, le molecole, le cellule, continuano ad esistere in questi corpi, e continuano a funrionare con il loro proprio tempo. Cosi il corpo dell'uomo, con il suo tempo totale conosciuto, contiene il tempo pili veloce delle cellule, il tempo ancora pili veloce delle molecole, ed il tempo quasi inconcepibilmente veloce degli elettroni. E proprio come una civilta, con la sua durata ed il suo tempo, conti ene, non solo i tempi molto pili rapidi degli uomini individuali, rna e anche composta dai loro tempi, COS! gni paro te del corpo dell'uomo e composta e penetrata da questi tre tempi paralleli. Come abbiamo gia detto, ordinariamente non possiamo immaginare che la consapevolezza dell'uomo sia attaccata a qualcosa di diverso da un corpo cellulare 0 che funzioni ad un tempo diverso da quello del corpo. Non sappiamo quali nuovi rapporti psicologici e anche fisiologici devono essere creati per rendere possibile alla consapevolezza umana di essere collegata, per esempio, al tempo della sua controparte molecolare. Tuttavia, ricordi di brevi stati mistici, contenenti un'incalcolabile ricchezza di esperienza, di strane sensazioni di ampliamento del tempo, in momenti di estremo pericolo, di lunghi sogni nell'istante del risveglio, che sembrano riferirsi a processi interni del corpo, fanno pensare che questa collegamento della consapevolezza con un altro tempo in qualche occasione accada, sotto una emozione 0 una tensione istintiva molto forti.
174

Le condizioni di un trasferimento intenzionale della consapevolezza ad un tempo pili veloce ci sono comunque sconosciute, ed evidentemente questa potere, se esiste, riguarda un livello di consapevolezza molto pill alto di qualunque altro a noi noto. Poiche non c'e bisogno di molta immaginazione, per capire che un tale potere deve comprendere non solo l'estremamente difficile ri-immissione degli impulsi nervosi tra i sistemi cerebro-spinale e simpatico, rna anche una educazione generale ed un rafforzamento della consapevolezza e della volonta, per resistere agli shock ed ai terrori che sorgono per sensazioni completamente nuove ed impreviste. E per questa ragione che illavoro di penetrazione pratica in altri tempi e stato confinato a scuole create per questo scopo. Infatti lapenetrazione in altri tempi, che e collegata con la creazione della cons apevolezza in quelle funzioni che ora sono inconsce 0 non funzionanti, ha un doppio effetto. Come risultato dei poteri di espansione e di penetrazione della materia in questi stadi pill veloci, la consapevolezza dei loro tempi porta con se una certa cons apevolezza dei mondi dai quali derivano. La penetrazione nel tempo sub-umano delle cellule crea la consapevolezza dei ritmi super-umani della Natura; la penetrazione nel tempo delle molecole crea la consapevolezza del tempo terrestre; mentre una ulteriore penetrazione nel tempo elettronico significa un risveglio simile, nel tempo solare. Cost il passaggio della consapevolezza in ogni funzione superiore porta l'uomo alIa conoscenza di due nuovi mondi: uno pill piccolo ed uno pill grande. Ancora un'altra idea sorge da questa molteplicita dei tempi umani. E il corpo eelluIare il cui tempo comincia con il concepimento e finisce con la morte. Ma la sostanza molecolare di cui e composto l'uovo, e nella quale il cadavere si disintegra, non muore, ne il suo tempo arriva ad una fine. Dal punto di vista dell'uomo i tempi molecolare ed elettronico non esistono solo dentro il suo corpo fisico, rna anche dopo e primadi questo. Cosi i tempi molecolare ed elettronico, con tutto cia che significano, devono essere strettamente collegati con il problema di stati dopo la morte e prima della nascita. E colpa della deb ole consapevolezza dell'uomo, che normalmente non puo fuggire dal tempo e dalla forma del suo corpo cellulare, se questa immortalita della sostanza molecolare ed elettronica non 10 riguarda. Ma se egli creasse per se stesso una consapevolezza sufficientemente potente da penetrare in questi altri mondi e tempi che sono contenuti nel suo proprio corpo, allora il suo intero rapporto con I'immortalita potrebbe essere diverso.

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful