....

..

~-~-~---~-----~~~-~~---.
,._.
I
I

J

c::t

t;
LI
I
!
j
~
I

EMMANUELLE ARSAN
'_

Traduzione e presentazione di GUIDO ALMANSI

..

••

..

------~--~~~-------~~~~~-~-~~~-~-----~------~-~~~--~~----..

..

.t.\

Presentazione

+

...

... •

,.

....

.

·x·

Emmanuelle C 1988 by Editions Robert Laffont, S.A., Paris et Jean-Jacques Pauvert Titolo dell'opera originale: Emmanuelle ~ Premiere edition Integrals Edizione speciale riservata ai Iettori d.i Panorama n. 32 del 09/0811996 Arnalda Mondadon Bditore Direttore responsabile: Andrea Monti Direzione artisnca: Beppe Preti Questa vol'!r_ne~ stato stampato nel mese di luglio 1996 presso 10 stabilirnento Eurostampa di Brescia per conto della Arnalda Mondadori Editore

Nel 1959 i futuri sessantottini leggevano Marcuse, e seguivano i precetti libertari e permissivisti dei suoi libri pill celebri, In quegli stessi anni usciva Emmanuelle, opera porno-Iibertaria di preziosa fattura di una scrittrice siamese (oggi si direbbe tailandese) di lingua francese che ha adottato il nom de plume di Emmanuelle Arsan, con l'ovvia identificazione fra il nome dell'autrice e quello della promiseua protagonista (e non dimentichiamo il sensa messianico di Emmanuelle: "Il Signore sia con tel"). Poi il libro venne somrnerso, in parte falsificato, in parte esaltato, dall'ondata dei film tratti dal teste leuerario: prima uno, poi due. e alIa fine ben sei episodi della vita debosciata di Emmanuelle. La magnifica interprete, Sylvia Kristel, era particolarmente adatta a impersonare la protagonista, soprattutto per quello che riguarda Ie doti fisiche. Esistono scrittori raccontatori e scrittori descrittori, LItalia conosee bene questa dicotomia, avendo vissuto gli ultimi due decenni sotto il segno di due scrittori, Calvino e Pasolini, di cui iI primo e stato narratore principe e il secondo sublime descrittore. Samuel Butler, iI romanziere inglese dell'Ottocento, diceva che chiunque riuscisse a descrivere solo con parole un complesso Dodo di marinaio era uno scrittore, Ebbene la Arsan ci riuscirebbe. Nel complicato incastro di carpi e di organi sessuali, come in un gioco di Lego che co.. stituisce la linea portante di Emmanuelle, la Arsan non sbaglia mai. Pochi altri scrittori sono riusciti a puntualizzare, con altrettanta accuratezza, Ie azioni che mani e bocca, lingua e seni, fallo e vagina devono compiere in tutti gli sfrenati accoppiamenti sui quali illibro si sofferma, Fiacca, forse, suI piano del racconto, magari ingenuamente sentenziosa specie se vista dall'osservatorio di "trentacinque anni dopo" nelle parti piu ideologiche e filosofiche, Emmanuelle pretende, forse a ragione, di essere un grande libro quando si tratta _di masturbazioni, fellatio, baci profondi, carezze spinte 0 coiti. E

L

2

3

,
,
,

,

l.

,

.

I

non c'e da ridere ne da sottovaIutare questa abilita, che uno scrittore erotica come Moravia ha inseguito vanamente tutta la vita. E pin difficile descrivere con precisione nei dettagli un cunnilingio che un'alba suI mare 0 l'incontro di Don Abbondio con i bravi. Pochi anni dopo Emmanuelle, il primato mondiale della masturbazione passava a Portnoy, l'eroe del Lamento di Portnoy di Philip Roth, il ragazzino ebreo la cui saga puberale consisteva in un concentrato di masturbazioni: "prima del pranzo, dopa il pranzo, Durante il pranzo", Ma Emmanuelle, che arriva a masturbarsi quindici volte nel corso di una mattinata, senza contare quelle in cui trova ' sostituti, maschili 0 femminili, per Ie sue solerti mani, gli sta dietro, Emrnanuelle, pill che una donna di facili costumi, e una superba campionessa dell'onanismo, esperienza che talvolta varia, se proprio e necessario, con partner di ambo i sessi. Tutta la filosofia del personaggio, a differenza di quella del suo mentore, it pederasta ita~ liano Mario, consiste nell'edonismo: nel tanto godere, "Godiarn, fugace e rapido I E il gaudio dell'amore". II che significa un sacrificio terribile: la rinuncia alIa passione, che I'edonista puro non pub mai conoscere perche e sempre troppo cara per lui. Il prezzo da pagare e la sofferenza cui non puc sfuggire chiunque affronti la grande avventura della passione invece del piccolo cabotaggio del piacere immediato. L'edonista, ed Emmanuelle come suo portavoce, vuole 501tanto godere, Il passionale, lui deve voler godere e anche soffrire, perche non esiste passione senza sofferenza. Il rnondo, si sa, e composto di uomini con gusti diversi: chi ama perdere due once di peso mangiando solo yogurt, chi ama mangiare cotechino; chi trova la felicita nella promiscuita, chi nella castita: chi nella compagnia ..chi nella solitudine: chi nella rnonogamia, chi nella poligamia; chi insegue il piacere spicciolo dell'edonismo, chi affronta la grande avventura della passionel Emmanuelle, con il suo desiderio continuo di godimento, la passione se la pUG sognare. Poveretta! Guido Almansi

-

,,

Rappresentano un desiderio dei tu~:Jt ens.l[avolosi. oJ~ MALLARM~ (II pomenggto di un [auno ..

o se le donne di cui tu discetti

.'

.

..

\,

..
- ""

--

• .. 1.

-.

-,

..

ill

..

t

5 4

>J

_

. • A Jean ~Non siamo ancora al mondo Non c ancora il mondo .. 7 ..' I ~. . - ...... l • . .... . . • 1. + . ~ .. • .- .. ..£ case non sono ancora state create I. "' . • .1 + .A ragione d'essere non ~e t stata trovata..-. - " .. ANTONIN ARTAUD .. . -_ ..

di rimanere a meta piegata sullato destro.. Non capisce quello che Ie dice l'uomo sonidente che la 8ta guidando. Tuttavia non osa ancora sdraiarsi... I ~.. di assopirsi tra le loro braccia di lana. All'ansia della Iiberta seguono gli ozi e la quiete della sottomissione.. -===~ ~ _.• :to .. oxmai lei si rende conto che illoro scopo era di darle accesso all'universo che sara il suo durante Ie prossime dodici ore della sua vita: un universe con leggi proprie. pill restrittive. I riti che deve compiere.. davanti a sportelli di cui non ha nemmeno cercato di sondare il mistero. • • . mostrandole Ie leve da manovrare per rovesciare 10 schienale. niente al di 13. l'autorevolezza del personale incaricato dell'accoglienza e dell'iniziazione dei passeggeri... cur.. Questa architettura di metallo alato. tutto concorre a infonderle un senso di sicurezza e di euforia. I - A Londra Emmanuelle prende l'aereo ehe la deve portare a Bangkok.. L'odore di pelle nuovadi zecca. OVIDIO (L'arte di amare) ~I .• - . - .. un'illurninazione di un altro mondo..vilinea e chiusa all'inizio di un pomeriggio d' estate inglese...di quel muro di seta. rna allo stesso tempo forse piu piacevoli. Lunlforme blu. 10 spessore e il silenzio delle moquettes. Ma Ie paratie di questa sezione sona uniformemente coperte di stoffa. rna comunque non se ne preoccupa.. come 10 steward )'invita a fare. contro Ie loro spalle soffici di gommapiuma e suIle loro gambe di sirena. rna non per timore. segna i Iimiti sia dei gesti usuali sia della volonta. II Liocorno volante Venere ha mille modi di trastullarsi. Le indicano il suo posto: il pill vicino alla carlinga.. _:_.. Lui 9 ... sono Ie prime cose che la colpiscono in questa arnbiente dove e appena entrata per la prima volta.. solo per un senso di disorientamento. la viaggiatrice non vedra. simile a quella che conservano Ie automobili britanniche doprranni e anni d'uso. ma La pill semplice. Forse il suo euore batte un po' piu in fretta. senza oblo: .:. la meno stancante. i segni di cortesia.-~ .:: .:. . . . --------. diverse dai codici di comportamento conosciuti.. Ma che Ie importa? Non desidera altro che abbandonarsi aIla stretta di quelle profonde poltrone. ...

.sslmo. .... all'apparenza. che ha un buon odore..__ -----:. l'espressione di freddez. fa un soniso a Emmanuelle e si china leggermente verso di lei per sistemare una cartella di pelle morbida e scura.. dere alIa passeggera appena sara ~a~lf?ne . «La ringrazio. insomma.. g prima).. potra non incontrar~rr.. Adesso la hostess vanta la sis'te '. II suo vestito color ambra.. dormire e svegliarsi. . cosl rassomiglianti che non si puo fare a meno di immaginarli gemelli.. ne della prova una volutta quasi fis' P P d procurargl~eh. ?ger.. sto p~sto esporrebbe Emm~nuelf:~ aHa co~a del~'aereo... guastandogli in parte il piacere della partenza: la hostess....sla La cabina.. lor mtele che Emmanuelle ha usse eggera I CUOIO coperche non pensa di doversi c port~to Come sol? bagagJio a rnano. entra l'ultimo dei quattro passeggeri ai quali e riservata quella cabina e l'attenzione della giovane donna si fissa su di lui. Benche non abbiano. scostano la tendina.. anna semte e due sono vestite quasi all ~a capig la~ura di Emmanuelle. i capelli biondo-rossiccio. tenzione di scrivere e nemme arr:. .. . cia che costituisce... e e scosse In ogrn altro appaglio) a bordo del Liocorno Ingl~se ~~nde un tono di orgoque i1 medesimo _ a1meno (si c com ort er passeggeri e dovunso. Due ragazzi. La sua presenza fisica e pill piacevole. e ~bbastanza aperta no per la casualita di un gesto 0 I to d~.. • 11 . d. siccome perdera del tempo (apparentemente) girando nella stessa direzione della Terra. si e allontanata ed Emmanuelle ~ ... Pill alto di lei di almeno una spanna.. il viaggio di Emmanuelle durera dunque poco pill di dodici ore.. Emmanuelle e felice che la ho~~somp Ic~ta di un soffi~ d'aria. Per il momento non ho voglia di leggere». la sua camicia d'illion piacciono a Emmanuelle. za affettata e l'alterigia con cui si rivolgono all'impiegato della compagnia con parole brevi e come sputate dalle labbra.)elle toilette. naso e menta modellati con risolutezza.n un...~~tl sVJlazzantidi.e a.... Prima che lei abbia avuto ._. be~ch:fe Il re~glpetto Intravisto . basta a toEmmanuelle e nuda sotto la cam · ~tqu E e 51In tu!sce che il petto di la compagnia aerea costrin e la lc. ~ .. da qualche minuto... agio di esaminarli nei particolari.. lei di cui e oggetto. non sbarchera a Bangkok prima delle nove del giomo seguente. Cuperanno la sua cabina Ma ~ssuno salvo ~e tre persone che oce mvecs prefensce un po'di compagnia. di questa simpatia e di questa avversione affrettate.. che fara ve1. di quella dei pretenziosi scolaretti. ~ a c asse turistfca non goc?mode. parti..com.s~opnre II profilo di un se... pill di dodici 0 tredici anni. approfittando del movimento creato dagli ultimi arrivati. pensa. piegata verso di lei e i suoi capelli biondi f' rare ancora PlU nottuma la Iun · I' .. la sicurezza dei gesti mantiene fra loro e gli impiegati una distanza che 10 steward non ' cerca di colmare. ~ Poco dopa ha gia dimenticato quasi del tutto i bambini e l'uomo per lasciarsi invadere da una sensazione initante che. rna (e la VOcedella r . gon~a stre~ta di seta at~averso la camicetta dell'inglese.. _ . _' preme su un pulsante e iI fascio Hili · d ' ellisse luminosa sulle ginocchia ella lampadina traccia Una hostess si avvictna e · pa~seggera.. Lo giudica elegante e beneducato.-:::_-== ..11~zze oro. tomano color blu e camicetta essa ma~lera: gonna di tessuto otgreggia e blusa di shantung pe:i~~e~~ un~.?jare durante il volo e non ha inse e J'impressione di quasi stO~~i~ e~geh· hoste~s parla france· a Londra solo iJ iorno e-r en 0 c eel. ~entre l~ regolamento delmicetta..sarsi al funzionamento dell'aereo? A Quale velocita vola? «Di media a piu di mille chilometri all'ora: e il suo raggio d'azione gli permette di fare rifornimento solo ogni sei ore» ."?ento situato sopra Ie ~~I~:n~ol~..°rtunata daI continuo andirlvieni.. Ma immediatamente si burla. dice la hostess e la J?~g. rca qu~ 0 pensa all eccesso di riguardo . -'I • _ . e I ve uto una fila e l'aItra EmmanuelIe non si vergog ff tto di · somma ingente che e stata s ~~!l e: I ques~l pnvilegi. _ Lei si sforza di indovinare la sua eta: quaranta. . Emmanuelle nota subito la sgraziata unifonne convenzionale degli scolaretti Inglesi...• .. cinquanta anni? Ouelle zampe di gallina rivelano che deve avere pienamente vissu. b La giovane e. tra se.. lei e molto gentile. pas- t 10 seggiando lungo i corridoi e sedendo al banco del bar.. stranlera (~ anivata parte si dissipa. la scollatura dena tlu p~~a a Chludere il colletto della ca· da pennettere a uno spettatore s:':te~ a s:conda. Sono in numero sufficiente in punti differenti d 11 b~ ~c:la vol:~~!~i gld 1t J debba preoccuparsi di essere i e aereo perc e ~mmanuelle non Se vuole. I ~ . CI e are a conoscenza di altri viaggiatori. fluttuava fra Ie ·acque della sua coscienza.. Si sistemano comodamente ai loro posti che il corridoio separa da quello di Emmanuelle. Ma.. un maschio e una femmina. AI contralio. .. ha provato da due giomi a questa un' S~f~ano r~ . perche evidentemente i pa~~egg~ l~ stjss) nelle. Con un unico scalo interrnedio.. ne dell'intimita deJIe ten~~~os~~lonlel nefradi pol!rone cos) di poltrone... • -- - • 1:. I'essenziale di tutte Ie qualita che uno si aspetta da un vicino di cabina.____ --_-A_-.. Vuole forse avere qualcosa da leggere? «No». Cerca qualcosa da chiedere all'hostess per farle piacere.c~bine di Iusdono di tanto spazio a Joro d~gen. Interes. Tht.--=:. dice Emmanuelle. A1~ la fine non avra il tempo di fare altro che cenare. Querecchio. ora locale..nlzlatoI vholo. yane e che 1 suoi occhi SIano simili al suoi _ costellati di ~... ~. gliere al suo corpo Ia mobllna dall al .. con baffi e capelli neri. to .. aIlora Ie sara fa ·1 £.. E dopotutto inutili: solo per una notte!.

crede di riconoscere dal co ore.. Si Iibera can una scossa del capo da questa ossessione. annuncia che il decoJIo avra luogo Ira qualche minuto. e i suoi capeUi neri le frustano Ie gote e le ricadono sul viso . e pili forte. g~~oMa come fare a ricoprirle senza 10 sguardo per dargh sod~sfazlo 'tr bbe farIo? Non pub rendere la rischiare il ridicolo . Emmanuelle torn a a rilassarsi. fo Iiare. E una bella occasione per lei di rinfresca. e. .. In reUn po' piu tardi !e ml~ero avan .. " - . !mpr::: 13 ---. cipienti di forme Insolite. t 50 senza c e . Emmanuelle non 81 ~~~ la e veniva. rna no n e quello che lei si aspettava. «Vuole che le presenti i suoi compagni di viaggio?». Emmanuelle vuole protestare. di cui scosta Ie pigre estremita con due mani. pensa).. indica rora esatta. le chiede. am) piuvolte una coppa minuscodel vassoio ed Emmanue ne n~~~urare delle ore.. __ .. non mdan1cavhae era assente. passando.._ _. giacca del suo tail~eur. Ma Ia giovane ingJese si raddrizza. E senza aspettare una risposta Ie ann unci a il nome deIYuomo. _ •_ • "- ~- ~ . Ha vogJia di fa. che paria francese (proprio per lei. che Ie cinture di sicurezza devono essere allacciate (uno steward arriva a quel punto e sistema lui stesso quella di EmmanuelIe) e che i passeggeri sono pregati di non fumare e di non lasciare iJ proprio posto Bnche Ia luce rossa non verra spenta. dopo va in quella culla alata cos on an zio dove non ci sono piit venn 0 aver raggiunto quella partlIedello spa nemmeno sicura se esistessero nuvole e dove Emmanue e non era . si volta verso Ia parte posteriore delrapparecchio ed appare fra Ie tende. Emmanuelle fa una smorfietta eli rammarico e confessa con voce infantile: «Non capisco!» e lui si rassegna a tacere. Ma come capire cio che sta dicendo? La hostess si accorge deJlJimbarazzo di EmmanueUe.. let chil nail on fnvisibile i1tremolio delle nocchia spuntino da sC?tto:. ancora la notte e il giomo? . ' Adesso l'uorno Ie rivo)ge Ia parola.~ to di accettarne una seconda che la hostess l~ aveva pre5tat~vi~a ~i «volare»). EmmanuelJe crede di capire «Eisenhower».sono n~de sotto la luce d0r8:ta ch~ Appena piu di un monnorio. no~ tr~ o~da. Le ci VOlTanno alcuni minuti prima di rendersi canto che sta volando. Questa cenetta leggera e s~m la scoperta di questa nuovo giova Iretta che finiss~ •. rna quan a a os t impazientiva. di lanciarle.. con i gesti... D'aItronde in que] momenta c'e un aItoparlante..a ~~'manuelle sceglie un cocktail che un vaSSOlO di bicchieri ple1ru. Ma. Ce I'ha con se stessa per la sua gelosia e cerca eli distogliere 10 sguardo. meno perche. bere del te.. ( . e tornata da Emmanuelle. elrn:e Lui Ie rivolge un ultimo sorriso. re un po' i1 broncio e eli disinteressarsi di tutto. La sua gonna.tant? Ie placev: I caffe in tazzine da ba~b~la e co. - -T __ ----. «Che cosa seccante». La hostess andasino abbandonato I SUOI preg .. .e POI.Ia ~u~rd. oltre Ie tendne 1 se a. in realta. re l . V dei liquorl in bicchieri Ilmen~~z~~~he stava approfittando d. scorge. ndo vennero a portar VIa Ita. interroga i suoi compatrioti. Dopo che l'annunciatore inglese ha finito di parlare.. In reaIta. co~e po e. -"-' _. . blu che pte- h 1 ~h tenuto sulle ginocchia. •• 11 . elenca la Iista dei membri dell'equipaggio. Emmanuelle rlconosce la voce della hostess. Emmanuelle non si accorge nemmeno che l'aereo avanza lungo la pista. dice celiando. che si anima. se fosse momento di re e libera di venuto ilquando voleSi chiese che ora potesse essi donnire donnire. . nascosto in qualche piega del drappeggio. •- - -... attraverso il varco delJe due tendine. Le furono sel"Vl~1 ~? dessex:t. senza leggerla una rivis a chiare dei pasnccim. per non essere dl~trau~ dall~ n ti un tavolino e Ie servirono.~ Un cameriere ~ gia apparso con apre un I~bro. e Ia cosa Ia mette di . -_. iatti difficili da identificare . Ie of&e. c e.. sta avventura ed assaporan~ ata Si rese conto che aveva perSi sentiva leggera e u~ po ~~~~ve~o i gemelli. di sbarazzarla della 12 d· t doveva essere un pomeriggio pasQuello che. rna lei non a~e.. .~--._ -. -I tempo di fare altro che mordich E manue e avesse 1 . te segnala I'accensione dei reattori.... la.. . muovendo Ie dita verso i suoi passeggeri in un segno ermetico e grazioso.e ~on . . appena falsata dall'ampIificatore. dell'uomo non Ie abbandynano p~ · cehia sono sollevate verso quelLei si rende cont~ che ~ sue.i quevolini Emmanuelle aveva a ': la doIcezza della vita.buonumore e Ie fa perdere il nome dei due gemelli.' _. Una frase venuta da non si sa dove circola nella sua testa sull'aria di una meIodia desoIata: «Nella soJitudine e nell'abbandono». «Nessuno dei tre viaggiatOri sa il suoparol a di francese. la sua anca me contro un viaggiatore invisibile.. Pe~che Ie onne corte perche Ie gigogna delle s~e glDocchia.. li . Le ginocc~la eli ~mmanue e Ie ha lasciate scoperte e gh occ~ scende dai faretti. una paro: va allegra. una inglese!». La voce augura il benvenuto ai passeggeri del Liocor. dopo essersi alzato. ' n suo vicino persevera e cerca di articolare delle frasi la cui vana buona volonra la fa sonidere. un fremito delle paralie insonorizza . LeI 10 Iascia .lla superficie della terra. .. n~m~rosl ~gne era fissata in una cavita Una bottiglia da un qu~o I c. non sa nem .. ride scoprendo Ia punta della lingua. no.m.Sotto · ture il colore di pane tostata loro fossette perfora di agili om b reggia .. Pure.. amente dovrebbe avere versua gonna pili Iu~ga. rna la giovane si ~ gia voItata con una piroetta.lo intuisce soJtanto perche il segnale rosso si e spento e l'uomo.

tt . on c ebrabruente che fosse molsue gambe non riuscivano a spalancarsi: tendevano la stoffa nelloro sole sulla sabbia caJd · sica c e avre e provato a stirarsi al sforzo d. portando la sua tro come us e. e SI annuncio con un Janguore diffu So pida consapevo1ezza di tutto i1 su d . Si sforzava di ritardare il finale. I SUOI seru 51 gonfiavano e Ie stavano cercando e sul quale premettero con tenerezza.... Ma pre:' ·· e a 1narc are e sue rent Q uasr lmpercettibili rna senza cedi · 1 lb · · sto non ce la feee pill: comincio. un.Ie sue paIpebre si abbassano ed Emmanuell 1 sangue. EmmanueUe con pieno ventre. La hostess auguro buona notte .. 0 abband t all 0. la coperta e la scostava. • •• I 'I"" • __ ___ - . aprenIn verita in quel momento lei non era capace di formulare un giudiva.. re mai a trovare un limite aUa 1 ' an 0 c e sem bravano non riusciLa mane dell'uorno non si muoveva.t I .. mInImo contatto Per qualche secondo Emmanuelle lascio che l' ovazione di gioia del suo corpo si calmasse.. aneara senza nessu £ tastlcheria emozione identific biJ . nat Ie abbasso 10 schiena1~~:~~~ ste~se Idom.. Emmanuelle senti i suoi muscoli e i suoi nerperficie den I unpreCIS~!eJ. battono piu in ch. n lora movimento era uello di 0. Ora chiaramente stava aspettando quello che sarebbe stano mal di compiers ricognizioni t t h qU e non SIstancavato il seguito dei suoi sogni crollati. III .. • . piano pia. penetrandola s~~z~a~f~::ando su~ gambc. _ . . aveva perduto ne l'intensita ne l'urgenza nel corso di tutti questi movirnenti. ma . e.. e. cc l~ eplcentli chlmencl di queI treCon il fiato mozzo. Ma in quelmento eli apertura di · 0 corpo. iI suo sesso.. CUI volti nmanevano oscurare l'immagine.cosce. Resto immobile... A forza di guard ~ amednto c e poss.. Non provo paura ne fu scandalizzata. U? o~da s~~v~ lungo Ie so sulla sua~ more eli sensazion' · . falIi ansiosi di toce d:. graduaJmente. un esiderio d. POjCO viola che impedivano agli oggetti e alle persone di perdere ogni fornon PIU come se fosse s I ial e 81 contemp a. suI quale appoggiava la mano di Emmanuelle..Poi Emmanuelle si rese conto che un'altra mana stava sollevando ~tese una coperta eli cachemire sull an 0 a po tr0!la In cuccetta. progredendo senza fine nel loro succhi. saziandola di oro corsa.. Comunque la sua fantasticheria non nmarr . il bocciolo di came eretto che gambe si tendevano attente aI . Ie delizie dell'abto lentamente. suo interne.. Aveva sonavano mai indietro· l'un~ do J'al~nprogredlre continuo: non torIo registrato quanto stava accadendo. Non ebbe nemmeno il sentimento di essere stata eolta in fallo. Per molto tempo non accadde La hostess pense che E · JJ .uelI~.. nsuonando inesorabile sulla suvi aggrovigliarsi. cosl stretta che Ie to diverso dalla soddisfazione fia. ancora una volta. Lei conosce bene iJ t b h " sue ginocchia. rna Ormai accorrevano i fantasmi ··I come se ogm sensazione e ogm pensiero tmprovvtsamente 51 arresulla sua peIJe.. . na precIsa lan~ va. altro.. n.fonne (I. a dazate della carling a metal]" menu. Ie sue tempie a tutti e spense Ie luci centrali.. La sua mana destra si arrampicava ora Iungo-il ventre. per J'an~~tos... eli vero.i riJassala penombra chi poteva vederla? Con la punta delle dita lei esplora1 prenezza.un~ s0r:ta. nocchia e palpame delicatamente il rilievo.. cercandurIa all'orgasmo..1a su~erficie delsentissero.- -or- - _=-:- .. della pelle. avono che I appagazio ne suI gesto dell'uomo ne suI proprio comportamento..Luomo a que) punta si alzo e feee la stessa manovra. e poi il suo pensiero si era corpo ~i ~mmcu. con un singhiozzo soffocato. carne e vuotando a lungo dentro di lei i Col suo solo peso esercitava una pressione suIla clitoride.~tt~~~1tra~ano nell~ignoto del bloccato..:~fi~ ~] II ' J • ' II ° I h b~n~o tt • ~ • J II L scuotendo . Quasi immediatamente la mano dell'uomo si posue gambe. attraverso il tessuto sottile.eli tiesotto la coperta sollevata dal procedere della sua mano. Eppure non restava inerte.~ -. • . come in un film di cui si sospende la progressione senza arnbigui).>no suscitare Ie . _ .. .poltrona allo stesso liveUo di quello della sua vicina di cabina. Ma 1a mana non si sof14 ar: riflett~. a dire il aprirsi un varco fra Ie sue gino arh~' f strusclare contro di lei. sempre pIU In alto. nu e e senate Iuno contro I'al.. niente affatto priva di sensazioni.endo ~. parzi mente senza vestiti rna tutta nuda Emmanuelle si era abbandonata senza aprire gli occhi a tutte le ona a a tentazions eli q t I davanti alla Quale lei sa che ri u~s a con temp azione narcisistica.:1~i ~~ 11 £retta:~helk ~:::'b~e~t.: . e VI razioni ammortizre al suo dito medio l'impulso dolce e minuzioso che doveva conlea Imponevano)a loro freq do d eIIe nsonanze nei ritmt del suo co ' ue~za.. si soffermava e raggiungeva infine l'altezza del pube.& _ -... partendo dalle gino hi ( rpo. per afferrare con comodita una delle sue giI abbassamento della poltrona av e lunghe fil~gulde gambe che eva scoperto no a mezza coscia. . II do f :e 15 -r. _-. di un un ~agno mezzanotte sotto il fascio di Iuce I bambini si erano addormentati..i scostarsi: infine ci riuscirono abbastanza perche Ie dita a Ie sue Jabbra diventa~~ ~~ t P?CO.. organi di uomini' os~essIVl: ~bb~a ch~ s~ posavano stassero.• . .. penetrava nella seta morbida della sua gonna. come se un getto di acqua gelida l'avesse colpita in i suoi fremit~..:-. senza difesa. Rimanevano accese solo due lumini dopo .. ?'len~e . . cure che Ie venivano prodigate. mol~~!~omcahno~ era che per godere.....

respingendo la gonna.. in parte perche non sapeva esatta~ent~ quello che lei stessa valeva eompiere. benche nelle . mai un ~eggiseno 0 una panciera.. 1 1 Quando la mano dell'uomo tocco la pelle ~~da. senza mostrarsi appag rentemente voglioso di baciare 0 di abbracciare.Iei piega doIcemente Ie ginocchia. L'angolo inferiore era molto aperto. a sua volI • 17 . Come se Ie rnani volessero trarre una lezione da questa vana rivolta per redificazione di Emmanuelle.poco numerosi a dire i1 vero: un reggicalze. I suoi occhi si schiusero e cercarono il visa dell'uomo. Quando la mana che percorreva iI ventre di Emmanuelle si fu sa.. nemmeno troppo reali. senza fretta. lasciandosi sfuggire una serie di gemiti soffocati. questa volta all'altezza della VIta. finche fu sicuro di potersi affidare all'intuizione e al desiderio di compiacere Emman?elle ~ermettendole di portare a tennine. Cominciavano a brillare di lacrime. senza saper nemmeno spiegare ~ perche. suoni che assomigliavano a una preghiera. e girarsi un po' sul fianco. come per proteggerlo. e tento dl Iiberarsi dalllnc~teslmo. noncurante e distante. Con una sola mana. rallentavano illoro procedere. I . Le sue dita corsero lungo Ie pieghe dell'inguine. Una si infilo sotto le mutandine di Emmanuelle (leggere e trasparenti. poi al di sopra del vella pubico..dapprima appena appena . come tutti gli indumenti intimi che porta sempre .~tra commessa . spessi del pube. Ia mal. Luomo si chino un poco verso Ia passeggera e prese con la sua una delle mani che attiro verso di se e introdusse all'interno dei pantaloni. con un movimento che seguiva iI solco delle labbra.. A tratti. ~ S Inginocchiano ai suoi piedi scoprendo Ie loro lunghe g~mbe . Laiutn a lin . calda. giocava col corpo di lei al ritmo e suI tone che pili . superando presto l'orlo della calza. con un movimento lento.seni ~ Ie ~ue. La mana prese nel suo palma il sesso caldo e rigonfio. pe~ a p~ma vo t~ Emmanuelle ebbe un soprassalto. a volte una sottogonna con Ie sue gonne a~pie. sdegnando i seni.. che e stata comunque immortalata dagli scultori greci. fino al momento in cui gli occhi di Emmanuelle si chiudono e. Si rendeva ben conto eh: sarebbe stato altrettanto semplice e piu efficace serrare le gambe Iuna contra l'altra rna. lasciandosi nuovamente V1~ceredaU:."paralisi che non era riuscita a superare che per un breve lstante e In un modo cosl derisorio. .. comunque. . nel mezzo della volutta incompleta che dispensava. Emmanuelle aveva chinato il busto in avanti in modo che il braeCIO potesse adempiere meglio alia sua funzione e l'uomo. brune. accarezzandolo come per placarlo. pazientemente. nipclazione alia quale lei aveva partecipato inizialmente soltanto : con spirito annebbiato e docilita infantile. moderandoli 0 accelerandoli secondo il grado del suo eccitamento. lei si limito a sollevare maldestramente il busto.tra esse per passare suI clitoride eretto e venire a posarsi sui riccioli. belle. Emmanuelle agito la testa a destra e a sinistra. ziata delle proporzioni. si allargavano sempre di pill. rapide. chiudersi suI membro rigido e guide i movimenrt di lei. man mana che la tensione di Emmanuelle cresceva.. quel gesto Ie sembrava ad un tratto COS! sconveniente e ndlc~lo ehe no~ os~va farlo. da uI?a 0 l.. che le loro dita graziose fanno scivolare lungo i su~i . aprendosi quanto pill possibile. a ogni nuovo passaggio tra Ie gambe che.bionde.co~ce. e cost carezzandola. la bocca.lI~?mo. restando. aperta.le se~bravano trappo forti perche ci fosse la minima possibilitadi sfuggire ~I~ loro presa. a suo piacimento. li piaceva. Ma Emmanuelle non ebbe nemmeno il tempo d~ chiedersi che cosa significasse quel cambiamento repen~ino ~he gia e~no di nuovo su di lei. fingendo di esitare.la go~n~. appena sopra I alta 16 rigonfiatura del pube. con Ie reni inarcate. il suo ventre piatto e muscoloso. posandosi sul suolo costellato di nailon come una vela che si ammaina. sia per capriccio. aWlc~nare al suo ventre. regolando Ia loro ampiezza e Ia loro cadenza a suo piacimento. come si accarezza l'incollatw:a di un purosangue. ne che la rendeva confusa. facendo sClvo~are I~ chiusura lampo. ma che perfezionava a poco a poco con una sollecitudine imprevista. Allara la mano si Immobilizzo. tenendo stretta nel palma tutta la parte del corpo di Emmanuelle che aveva eccitata. in una disposizione abbastanza rara. la gonna arrotolata intomo aile ginocchia ostacolava il loro movimento: rna Ie cosee si sottomisero. n corpo di Emmanuelle ricadde nella posizian~ da cui !l suo tentativo di resistenza l'aveva momentaneamente dlstolta. e firu semplicemente per rinun~iare a domlnax:e una srtuazro. Mordendosi Ie labbra per arginare il singhiozzo che Ie saliva in gala. POI le mani risalirono il pendio. Poi.mnumerevoli modelli di busti e bustini e mutande e copn-sesso. Ie dita dell'uomo ripartirono da un punto pin indietro e si infilarono piil a fondo tra Ie mucose umide. la mana che era aneora libera. Luoma accarezzo con il palmo della mano. esse la abband<?narono tu~to ~d un tratto .. immergendosi . aprendo i gancetti della cintura ~el. in parte perche Ie rnam de. Ma. tirando la stoffa SUI fianchi fino aIle gln~cchl~. • ferrno e risalt. ansimava dal desiderio della spasimo a cui l'uomo voleva avvicinarla senza 50sta senza permetterle mai di raggiungerlo. sia per calcolo.bo~ti9ues ~1 ~aubourg Saint-Honore d~ve compra 1a sua bianchena lei S1 faccla aiutare a provare. Slc. abbandonata alia perfetta e consolante abilita delle mani e delle labbra). perc. con gesti npetutl e llevi. costrinse Ie cosce ad allargarsi eli pill.!re. 'tracciando i lati del triangolo di cui sembravano stimare l'area.

«La mia camicetta ~ tutta sgualcita». improvvisamente stordita dalla sua mezza nudita. . disse Emmanuelle.i t~' •. Un ronzio indico che l'altoparlante stava per entrare in funzione. si avvicino. Emmanuelle si alzo.at'. finche Ie pieghe di pelle mobile al centro del suo palmo umido riuscirono a ricoprire la punta del rnembro. n glande. Si tratteneva chiaramente dal ridere. co la camicetta di seta e respire a pieni polmoni. Emmanuelle non riusciva a distaccarsi dal suo sguardo. «Non avete un cambio di vestiti?». e ritorno dopa qualche minuto con una valigettao Ne sollevo i1 coperchio e tiro fuori da un compartimento minuscolo un pullover color foglie morte. La voce della hostess. con un'esaltazione strana.. non limitandosi pili a un elementare andirivieni ma aprendosi un po'. «No». Emmanuelle ricevette. stringendolo forte ancora una volta. Luoma Ie osservava.. E neI suo 5 tile» . La scollatura rimase cosl aperta e gli sguardi dei quattro inglesi si fissarono sui profilo sporgente del seno nudo. seduta sulla sua cuccetta eli cui non aveva aneora rialzato 10 schienale. ora locale.. tessuto di fiIi di orlon. AlI'aeroporto sarebbe stata servita una colazione leggera. chiese in tone allegro la giovane donna. . La.. perche lei potesse essere inondata dallo sperma che lui sentiva sorgere dal fondo dei suoi testicoli.. Emmanuelle finl di agganciare la sua cintura. poi cambio idea e aprl rapidamente gli ultimi bottoni della sua blusa. sui capelli.iI piu vicino possibile ai testicoli per quanto le permettesse la sagoma stretta dei pantaloni. parti della scollatura.. · 18 . disse. tendendo il prepuzio. «Venga con me». lungo il braccio.. La viaggiatrice si rinfresco iI visor Ie braecia e il collo. tuffandosi (graffiando impercettibilmente la pelle con le sue unghie ben curate) piu in basso possibile .#. eli rifiniture eli pelle blanca. si infocava. Sernbrava che fosse inesauribile. . minacciando ad ogni momento. sfiorando appena la mucosa o tormentandola. il nodo della sua cravatta non era stato disturbato. e un regalo che Ie faccio. sto la gonna. d'improvviso esperte. "<. chiese Emmanuelle. decise la hostess. . immerse il batuffolo di ovatta che aveva gi~ impregnato delliquido odoroso di muschio nel soleo tra i seni. « Ma. mentre le dita chiuse di Emmanuelle salivano e scendevano. Arrotolo verso l'esterno i baveri della blusa e apparvero Ie punte incamato dei seni. I suoi oeehi teneri scintillavano. Quando lascio ricadere il suo braccio.. Quando 10 scosse. Guardava Ie macchie umide che si espandevano da entrambe Ie ~ . fino alIa quale sembrava che essa non sarebbe mai giunta tanto esso cresceva. Rimise a po. la sua camicia era immacolata come alIa partenza. di mensole caliche di enstalli e di lozioni. Con Ie braccia rovesciate all'indietro. Fece una smorfia.Me 10 presta?». sulla sua bocca.. cercava di rimettere in ordine i vestiti. di scoppiare. poi ritornando su con una torsi one lasciva. La hostess sparr. si gonfio improvvisamente come un pallone di gomma davanti agli occhi meravigliati di EmmanueUe. suI viso. Tuttavia riuscl a trattenersi ancora a lungo. massaggiandolo con grandi colpi del polso 0 tor. EmmanuelIe. suI petto. Fu presa da un sensa di ebbrezza a lei sconosciuto. annuncio che l'apparecchio sarebbe atterrato a Bahrein fra venti minuti. fece cadere sui tappeto bian. raddoppiato. Si volse verso la hostess e la contemple candidamente con un senso d. Sono sicura che Ie stara bene. suI ventre nudo. come se li stesse bevendo. l'uorno prese con la punta delle dita la clitoride di Emmanuelle e la fece godere.. La luce tornava gradualmente nella cabina.\ + . Ma la hostess aveva gia fatto una giravolta: Ie tendeva ! ~ I «Si frlzioni con questa.. i Iunghi getti biancastri e odorosi che sgorgavano finalmente dal membro soddisfatto. Le pareva di sentirseli colare in gola. imitando la lentezza di un'alba. . di cuscini. di lana e di seta coslIeggeri che stava tutto nella sua mano chiusa. di volta in volta strangolando la came tumescente 0 rilasciando la sua stretta.. Ne sarebbe ripartito a mezzanotte. Una dilettazione amorosa senza pudore. sernpre meno timide man mana che la carezza si prolungava.. Linglese si chino per raccogliere la camicetta sgualeita e la premette contra il visa: «Oh! che buon odorel» grido. e un profumo maschile». Emmanuelle perse il suo eontegno. chiese la hostess. turandolo con piccoli colpetti senza pieta .. passe davanti al suo vicino (c'era abbastanza spazio) e segul la giovane inglese nella toilette. _. ridendo conun fare malizioso.i giubilo.. • • ta. Avvieino il volto ai suoi occhi.. sulla curvatura del fallo. Emmanuelle usa la coperta (che Ie era scivolata ai piedi) per togliersi 10 spenna da cui era stata tutta schizzata.. «Ha donn ito bene?». Quando entre la hostess.. «Mi aspettil». intenzionalmente smorzata perche i passeggeri non venissero risvegliati troppo bruscamente. la mano ripartiva verso la base dell'asta. tutta piena di specchi. . cost lei pensava. per scivolare lungo la grossa vena gonfia. • " . «No. Il suo vestito non faceva una piega. I:evocazione della scena in19 una eau de toilette..~ ~ .» La hostess pose un dito sulle labbra di Emmanuelle che si arrotondavano per protestare. si copri i fianchi. Gli sguardi delle due donne si incrociarono e riconobbero una sorta di complicita: illoro imbarazzo era uguale.

con slancio e con un sensa di certezza. senza mai diventare rossa. asettico e cromato. e mi piacciono anche Ie mie natiche. «Presto! Ritomi al suo posto. troppo crudemente illuminate. con deliberazione. . «Dopo tutto». insonorizzato. . «Come sono spessi e neri i suoi capelli!». L'ossessionava un unico pensiero: disfarsi della gonna. senza nascondersi. su questa terra. la rimprovero la giovane inglese. rna Ie mie gambe per intero. bene quello che lei cercava con ogni sforzo eli dimenticare. spogliarsi! Lo desiderava talmente che la sua voce divenne roea. aprlla porta. La hostess sernbro notarle per la prima volta. . refrigerato. Bisogna riconoscere che sono veramente carine: si direbbero due fiumiciattoli coperti di foglie secche e tutte gonfie di malizia ehe si divertono a passare l'una sopra l'a1tra. . E troppo rischioso. Le dita giocherellavano con la chiusura della sua cintura. Quando i passeggeri ebbero ripreso i1loro posto nell'aereo. videro che era stato ripulito. anche lei. «Come e attraentel». Mi piacerebbe tanto poterle leccare». voce incomprensibile dell'altoparlante. Lo steward venne a chiederle se desiderava qualcosa da here. poi. rendevano aneora pill attraente il velluto blu notte sui quale erano posati. Un fresco profurno era stato vaporizzato nelle cabine. disse la hostess in tono estasiato.. un po' come se avesse schiacciato iI pulsante di un campanello. fossero state semplicemente dipinte di rosso. Era veramente sicura che Ie cose si fossero svolte in quel modo? Oh. buona notte! Anche la hostess aggiunse i suoi auguri di un buon sonno. Gli occhi di Emmanuelle scintillarono. Oh! se soltanto la sua compagna avesse voluto. volgeva al meglio. Emmanuelle non riusciva a rassegnarsi. Questa volta non aveva paura di mostrare Ie gam be. E d'altra parte ora non ne avrebbe iI tempo: sbarcheremo fra cinque minuti. Quell' episodio non si inquadrava facilmente nel resto della storia di Emmanuelle. fI. . gonfi di piurne. ventilato. A che serve sapere di essere su un'isola araba se non la si vede nemmeno? Laeroporto. era riuscita a non ricordare pill. Si sforzo di fare il vuoto in tutta la parte del suo cervello che continua---------va a porsi delle domande. Dei grossi cuscini. Lo scalo Ie sembro noioso. ridendo. in maniera positiva. 'Iutto questo cerimoniale ineantava Emmanuelle. pensare a tutto questa era troppo complicate. No? E allora. rassomigliava stranamente all'interno di un satellite artificiale che in quel momento i notiziari televisivi mostravano sullo schenno del salone d'attesa per i viaggiatori. Ie indica che doveva tomare a bordo. Assaporo in tutti i suoi dettagli iI piacere fisieo che le causava l'esercizio delle sue membra. rimanere tutta nuda per quella bella figliola. Inoltre non aveva la minima voglia di ritrovarsi fianco a fianco con il suo vicino di cabina. trascinando la passeggera dietro si se. «Ma a me piacciono i suoi». Mi piace anche la Mia pelle. La cosa piu semplice e piu prudente era rifiutarsi di rifletterci sopra.. chiese. credibile dell'ora precedente Ie sembrava fuori posto in quel momento. Le cuccette erano ora munite di coperte nuove. «che Ie hostess sugIi aerei sono tutte vergini?».. Disse in tono di implorazione: «Non e possibile fare un bagno in questa aereo?». su uno dei capezzoli sporgenti. che si indora sotto il sole come un chicco di mais. prima che Emmanuelle avesse il tempo qi reagire. bevve del te: spilluzzico dei pasticcini in compagnia di altri quattro 0 cinque passeggeri. La giovane scoppio in una risata da uccello canterino. La maglia elastica era COS] aderente e cost leggera che Ie due punte dei seni spargevano in rilievo. piegando e allungando Ie ginocchia. TIro su la cin tura Jampo della sua gonna. esclamo. Nel momento in cui iI movimento dei suoi compagni. «Si spicci a indossare il mio sweet piccolo pullover». Per potersi muovere meglio. anzi. porgendolo a Emmanuelle. Le sollevo una per una. Lei 10 guardava con stupore. enneticamente sigillato. inoltre.. Laiuto a far passare la testa nello scollo stretto. Lei voleva che il mondo fosse esattamente queIlo che era. piu che la . «E vero». cercando di capire che cosa era suecesso fra lora un' ora prima. Le sue labbra tremavano. delle calze. divertendosi a far scivolare una spazzola lungo i riecioli di Emmanuelle che Ie coprivano la schiena nuda fin sotto la vita. «Che riflessi! Sembrano di seta! Vorrei anch'io avere dei capelli cost belli».. E non e la sola cosa bella che possiedo. Si stese sulla schiena. invece di essere rivestite dalla maglia. Sentl tomare in se la felicita. replica Emmanuelle. altrettanto visibili che se. rimesso in ordine. facendo giocare i muscoli delle cosee. tra i quali si trovava il "suo". . «Certo che si! Ma e meglio che lei aspetti: Ie stanze da bagno dello scalo sono aneora pill confortevoli. stiamo per atterrare». penso in una sorta di soliloquio. sollevo la gonna ancora pill in alto..~ Ma Emmanuelle non ne voleva sapere. aveva voglia di muoverle. sfregando Ie caviglie l'una contro l'a1tra con un piacevole scricchiolio del nailon. E appoggio la punta dell'indice. . tirando la stoffa con due mani. La luce rossa e gia accesa. Emmanuelle fece un bagno. di un biancore luminoso. 20 •• 21 . E i due piccoli lamponi suIIe punte dei miei seni con il loro collarino di zucchero rosso. «non sono solamente le mie ginocchia che valgono la pena di essere ammirate. Tutto. poi.

gli occhi negli occhi. Poiche questa vicinanza. piu liquida e piu calda a ciascuna delle spinte del fallo. Ma allo stesso tempo era ansiosa che la cosa si compisse e che loro potessero vedere tulto. non dimenticando niente. Emmanuelle. resa facile dall'assoluta rigidita del suo pene oltre che dall'urnidita della came di Emmanuelle. che lei non aveva pill osato osservare francamente da quando si era ritrovata allungata al suo fianco.. Quando l'uomo si sollevo su un gomito e si piego verso di lei. elila. Attraverso la nebbia della sua felicita lei riuscl a meravigliarsi che la carriera eli questo ariete potesse es" 22 23 • . Con sua grande sorpresa. Per lasciargli intatto il piacere di spogliarla. Pensava che non avrebbe mai pill potuto respirare. un dito inghiottito tutto intiero. cos} lontano nel fonda delle sue reni? 0 la bocca che si nutriva di lei. Ie era diventat~ ora piacevole. Le luci del soffitto si abbassarono e lei. non l'aiuto che quando cerco iI fermaglio della gonna. inghiottendo ogni respiro. posarsi suI suo ventre. senza sapere esattamente perche provava questo dolore. si tiro sopra la coperta. bevenda la sua saliva. tando il piccolo crepaccio tremulo. Quando ebbero sganciato la giarrettiera. la stretta guaina non Ie resto attorcigliata attomo ai ginocchi: ne fu completamente Iiberata.. il fallo diventava sempre piu grande e i suoi movimenti erano sempre pin ampi e pill briosi. Adesso Emmanuelle aveva tanta voglia di fare I'amore che il cuore le doleva e aveva un Dodo alIa gola. offerta dalla compagnia aerea per proteggere i suoi sogni. vide che anche 10 sguardo dell'uomo era posato su di lei e lui sembrava in attesa. bruscamente. fissavano Emmanuelle con le lora pupille dilatate. da dietro. dai capelli aile caviglie. un po' divertita. Lei si lamentava con gridolini. Emmanuelle si sfilo Ie cal. dura. Quando ebbe raggiunto il punto piu profondo della sua vagina e si fu soffermato. Immobili e trattenendo il respiro. una mana nel solco delle sue natiche. la prese in braccio e la fece passare sopra di se. Meno di un metro la separava dai bambini inglesi. liberata dal sensa di angoscia.per facilitargli il compito quando lui cerco di toglierle la maglietta. aprlle palpebre e gli perrnise di darle un bacio. Col cuore che batteva. impregnata di un sentore di aghi eli pino. Le mani attive dell'uomo la sbarazzarono delle sottili mutandine. ogni singhiozzo? Era il tormento del desiderio 0 la vergogna della lussuria? Il ricordo della lunga forma arcuata che lei aveva tenuto nel palmo della mana la ossessionava. Era coricata sullato destro. senza a1tra espressione che quella di una perfetta tranquillita. Fece scivolare una gamba fra quelle di Emmanuelle e si introdusse dentro di lei con una spinta rettilinea. si volta su un fianco e cerco di distinguere il suo compagno di cabina. tracotante.. • Soltanto quando fu completamente nuda lui la strinse contro eli se e cornincio ad accarezzarla. IIragazzo era 'il piil vicino. e lei premette contro di lui con tutta la dolcezza del suo -----~ corpo. a questo eccesso di deboscia. Quando non rimase acceso che illumino per la notte. irresistibile. . Non trove a1tra soIuzione che ricominciare a rallegrarsi della propria bellezza: Ia sua immagine Ie girava in testa come un ritomello favorito. in lui. forte come se l'era aspettato. con un sospiro di benessere. certamente cos} bruciante da non poterla sopportare. magnifica ed eretta. Cuomo la tratteneva per Ie anche. di abbandonarsi. Ernmanuelle. Emmanuelle riconosceva la scintilla d'affetto. II gusto delle sue lab bra sulIe proprie aveva la freschezza e il salmastro del mare. Nello stesso tempo la baciava avidamente. Ie reni offerte. lei. In maniera confusa sentiva il desiderio di qualcosa. un po' protettrice. rna l'uomo la teneva avvinghiata troppo strettamente. soltanto allora lui comincio a far andare avanti e indietro il suo membro con grandi colpi regolari . Come se si nutrisse di lei. Raddrizzo il busto e alzo Ie braccia. senza muoversi. ritomare alIa luce. dove lei non riusciva a leggere altro che una curiosita affascinata. . sonise chiudendo Ie palpebre. Restarono a lungo cosl. rna la ragazza era schiacciata contro di lui per vedere meglio. rna non sapeva che cosa. ansimava. Gemette cos} forte che l'uomo ne ebbe pieta: sentl . Era il dito che la ispezionava. AI pensiero di essere posseduta sotto i loro occhi. tuttavia sollevo le anche perche lui riuscisse a farla scivolare senza fatica. t """ avrebbe voluto chiamare qualcuno. Aveva paura.' ze da se e Ie mando a raggiungere la gonna e la maglietta ai piedi della cuccetta. e lei riflette che era proprio questo. visibile malgrado la quasi totale oscurita. Aveva persino dimenticato la loro esistenza. Si rese canto tutto a un tratto che non dormivano e che la stavano guardando. con Ie cosce e Ie ginocchia ripiegate. in maniera imprevista. finalmente il membra nudo. Per un po' rimasero cosl. provo una sorta di vertigine. Assaporo iI turbamento di veder spuntare da sotto la lana rossiccia i suoi seni che la penombra faceva apparire ancora piu rotondi e voluminosi che di giomo. leccandole la lingua. di modo che era ormai allungata sulla cuccetta che si trovava dalla parte del conidoio. Questa volta. che le piaceva di piu. poi l'uorno. che lei aveva notato la prima vol~ ta che si erano incontrati (quando esattamente? Erano solo passate sette ore?). rossa. cercava di pensare alIa baia invisibile che lei sapeva nascosta 80ttO il suo promontorio di erbe scure aI confluire dei due fiumi: sentiva la lora corrente che veniva a lambire Ie sue rive. il tempo di sospirare di sollievo.

Emmanuelle. l'uomo si mantenne tutto in fonda alIa sua vagina. finche alIa fine la. Fu probabilmente per questa bellezza che lei dimentico la propria nudita. avanzo. 24 " l U Laereo aveva attraversato la notte come un ponte. ai golfi. Questa volutta ritrovata. Poi raccolse 10 slip. Una protuberanza smisurata tendeva iI pantalone di f1anella bianca accanto al visa di Ernmanuelle.Ja guardava. si poso sulle labbra ricurve. rannicchiata come un un bambino infreddolito. 10 smanimento in cui li faceva precipitare l'avvenimento di cui erano testimoni. cieco ai deserti dell'India. lei si augurava ora di approfittame piu completamente e il piu a lungo possibile. Si divert} a constatare che i propri . · Lei guardava i bambini. anche lei si lascio travolgere. Si appoggio alIa paratia imbottita di seta e sistema Emmanuelle di modo che lei gli stesse di fronte. iI contatto della coperta che. nuda. suI mento di manno. Iiberandosi in uragani spaventevoli come Ie convulsioni della morte. • sere cos} profonda nel suo ventre. cap} che iJ suo partner stava per eiaculare. rna attenti e quasi rispettosi. no. Non erano eccitati. con la leggerezza eli un archetto di violino. mentre all'interno della cabina il bagliore viola dei lumini da notte non lasciava intuire iI cambiamento di latitudine ne l'ora del giomo. Pensava: ~ una statua greca. agli estuari. Per tutto il tempo in cui lui si scaricava in lei. e anche da un repentina turgore pulsante dell'organo che l'attraversava. a prolungare iI piacere dell'attesa e sapeva apprezzare. CUIVb le reni. 0 per 10 meno non ne fu imbarazzata. La coperta bianca era caduta dalla cuccetta ed Emmanuelle era stesa. Quando Emmanuelle aprl gli occhi. un'alba che lei non poteva vedere rendeva iridescente i contorni della costa birrnana. Quando. 2S • . alzatasi con un agile sforzo. iI suo pensiero era attraversato da sbigottimenti ed era troppo felice per preoccuparsi veramente degli altri. il comfort della cuccetta e l'opacita montante e tiepida del sonno che la sommerse. nuda. dall' accelerazione dei suoi movimenti e da una certa rigidita delle mani che Ie afferravano Ie natiche. si alzo in piedi e disse: «Venga». Ci manco poco che Emmanuelle lanciasse un grido quando vide il rettile erculeo che si sollevava davanti a lei emergendo dal cespuglio dorato. rna Ie idee si sfilacciarono dentro di lei. toccando di conseguenza Il collo dell'utero. a mucchi ai piedi del dio. rifiutando di arrendersi alIa supplica della propria carne. sui fianco sinistro. La viaggiatrice si sedette sulla cuccetta. Dopo molto tempo.. ' Da parte sua il viaggiatore non sembrava affatto sul punto di stancarsi di trafiggere il corpo di Emmanuelle. Poi. Gli occhi della donna continuarono a studiarlo. Le sarebbe piaciuto sapere.. ne ridacchiava . n suo vise non lasciava trapelare niente dei suoi pensieri. pressione della sensualita aveva la meglio. poso i piedi sulla rnoquette del pavimento e afferro la mana che Ie veniva tesa. Due tendini forti scolpivano la linea del collo fino alIa camicia un po' aperta su un petto liscio. AVI ebbe voluto delle primule. rna nessun elemento estemo Ie pel metteva di scoprirlo. persino nel mezzo del suo spasimo. come una bocca.. Un frammento di poesia. aspirati dall'apertura oblunga del suo utero. iI glande trigonocefalo saliva fino a1l'incavo dei suoi seni. a un certo mornento. n suo vincitore dormiva. attiva e golosa. anche se da tanti mesi non erano stati stimolati da un pungiglione maschile. E. rna dopo Ie quali Emmanuelle rinasceva immediatamente piu vispa e rinnovata. Lo sguardo di Emmanuelle segul iI profilo rettilineo del naso. la corda tremante della sua clitoride.. che non era affatto in greco. invasa da un benessere senza rimorsi. Un tale capolavoro non pub essere vivente. questa sensitivizzazione crescente. Erano ritornati ad essere umani. Siccome era molto piil piccola di lui. . lui stendeva sopra di lei. la giarrettiera. perche si era addestrata. riprendendo coscienza a poco a poco. La sconosciuto Ie sernbro gigantesco nella posizione che occupava rispetto alia sua e la giovane donna si disse inoltre che era inverosimilmente bello. a cui contribuiva ogni minimo dettaglio: 10 scivolare del maschio che si ritraeva. restava immobile. senza che questo Ie causasse uno sforzo 0 una frustrazione. tastando can la mano per trovare la coperta per ricoprirsi. questa estrema tensione dell'essere che lei sapeva a meraviglia procurarsi da sola quando Ie sue dita sfioravano per ore. lei stiro lentamente Ie gambe. Ie attraverse il cervello: Deita del tempio in rovina . Lo sconosciuto la condusse nella toilette dove lei era gia entrata con la hostess.. La frustata di spenna porto al parossismo iI suo piacere. Cerco di immaginare quello che succedeva nella loro mente. Ma iI suo gesto resto sospeso: un uomo. come se avesse cambiato di mondo nell' altitudine celeste durante la notte. in piedi nel corridcio. organi non sembravano atrofizzatl. forse pili dello spasimo. Lapparizione si piego e prese 1a gonna e iI pullover che giacevano per terra. aIle risaie. I loro visi avevano perduto ogni alterigia.. Ie sembrava. da quanto tempo lui si trovava dentro di lei. sin dall'infanzia. Lei si tratteneva per non cedere all'orgasmo. delle fronde avviticchiate intomo al piedistaIlo e che un soffio di vento facesse smuovere i corti capelli d'agnellino che gli si anicciavano sulle orecchie e sulla fronte. Il viaggiatore complete iI suo orgasmo ed Emmanuelle si calma a sua volta.. delle foglie d'erba ingiallita. Emmanuelle conservava abbastanza immaginazione per godere dell'irnmagine che si faceva del meato che schizzava i getti cremosi. Ie calze e Ie scarpette sparse.

si ritrovo sola. n visa delI'uomo si oscuro. facendole segno di scrivere. aiuto quanto poteva il serpente favoloso ad arrarnpicarsi in lei fino ai precordi... «Tornero. ebbe una reazione di sorpresa: «But. appoggiandosi con Ie ginocchia contro il muro e sulle anche del suo cornpagno.. spazzolo i capelli. La hostess Ie stava sorridendo: la vide appena/ La stavano gia spingendo verso il recinto della dogana. copri il suo corpo di schiuma. . fino al suo cuore. La sua immagine veniva riflessa su tre lati cia alti specchi.. Lui sorrise. si feee colare addosso l'acqua della doccia.. di cui senti i muscoli indurirsi sotto Ie sue palme. la tenne in piedi. Quando lui si tiro indietro.. 0 un indirizza dove potesse ritrovarla. Vestiti.. singhiozzando. e disgiunse Ie gambe affinche il membro scarlatto sui quale il suo rapitore la faceva ricascare po~ tesse penetrare in lei. Ie chiese. si rivestl. Ie sembro di non essere mai stata cosi fresca e cost splendente di bellezza. sui Quale lei aveva gettato 26 'uno sguardo distratto. «Lama».. disse.. Non si accorse nemmeno. «Ti e piaciuto?». Emmanuelle. Emmanuelle si torceva. Emmanuelle non feee molta fatica a comprendere che cosa aveva voluto dire e scosse negativamente il capo. . il suo vicino. la fronte corrugata. Poi: «Vuole riprendermi?».. rapido. sotto Ie ascelle e nel suo pelo pubico. Sarebbe ritomato 10 sconosciuto come aveva promesso? Attese fino ache l'altoparlante annuncio che stavano arrivando a Bangkok... d'altra parte. se il genio capriccioso del tempio in rovina avrebbe lasciato l'aereo con lei a Bangkok. prese la bon etta e la giacchetta dal ripostiglio superiore e. Qualcuno supero una barrie ra . graffiando il colla al Quale era appesa. lacerandola. va abbandonata. schiacciata contro di lui. Lei gli corse incontro e can un grido di gioia si butte nelle braccia tese di suo marito.. Ma lei non riconobbe nessuno che avesse la sua corporatura e i suoi capelli color autunno.. nel suo stordirnento. mormoro. Ancora prima di comprendere che lui I'ave. Sentiva il suo seme che si muoveva dentro di lei. con una spinta cos} selvaggia del suo bacino che sembrava volesse aprirsi la strada attraverso di lei. dopo averle posate sulle ginocchia.. che l'uomo stava godendo. emettendo rantoli e parole sconnesse. 27 . pose un bacia cosl casto in mezzo ai suoi capelli che lei non 080 pill dire niente. frego la sua pelle con degli asciugamani caldi e odorosi che estrasse da un distributore. La giovane intreccio Ie sue dita dietro la nuca del maschio.. Lacrime caddero sulle sue guance.. Si domando se 10 sconosciuto dal visa eli edera e l'odore di pietra calda. .. . 0 se si sarebbe involato fino al Giappone.. il euore turbato. nel fratternpo». II fallo umido rinfrescava la pelle indoJenzita di Emmanuelle. «Fra poco». rnostro un lasciapassare e chiamo Emmanuelle. tomb in cabina... scesi dall'apparecchio. con un filo di contrarieta nella voce. come se si trattasse di una cerimonia (0 perche non aveva aneora ritrovato del tutto il ritmo del reale). aren't you going on to Tokyo?» chiese. Si chino. Ma lei rifiuto con una nuova seossa del capo. Leroe prese Emmanuelle per la vita e la sollevo senza fatica. La cerco con gli occhi tra i passeggeri che. Guardava dritto davanti a se con un' espressione eli rimpianto.... mentre I'uomo entrava in lei con precauzione. mentre si sedeva sulla poltrona di cui una mana provvida aveva eli nuovo modificato la forma e accanto alIa Quale erano sistemate una tazza di t~ e un vassoietto di brioches. aspettavano in gruppo sotto Ie ali nel mattino dell'aeroporto tropicale che qualcuno li conducesse negli edifici di cementa armata e di vetro il cui profilo futurista si stagliava contro un cielo giA arroventato. Fece un'altra domanda che lei non capt e. . to . Anche in questo caso l'avrebbe almena rivisto alia scalo . Probabilmente voleva che lei gli lasciasse il suo nome.. Il viaggiatore aveva tirato fuori un'agendina e la tese a Emmanuelle. si asciugo minuziosarnente. con una smorfietta di disappunto. Allora. spruzzo il vaporizzatore eli un profumo che evocava la verzura di un sottobosco sulla sua nuca e sui suo petto.. . Con gesti al rallentatore.. con il viso illuminato. Emmanuelle poso la got a contro il petto del dio greco. non aveva affatto voglia di rispondergli..

. La vasca di mosaici neri e di acqua rosa dove danzano Ie caviglie di Emmanuelle e quella del Royal Bangkok Sports Club. . «Quello che 10 ha seccato non era che io passassi quelle notti nel .. i cui muscoli tendono la pelle ramata come nello schizzo alIa san . Le mogli e Ie figlie ammesse in questa circolo virile vengono. • .. sta parlando. .• .. intorno alIa piscina gli altri giomi della settimana. senza veli. Mi rimprovera la mia scappatella di tre notti. (Cost parlo Zarathustra) . Sdraiate suI selciato rovente. «Gilbert pensa che sia di buon gusto fare il marito oltraggiato da quando e venuto il Filibustiere. e a Bmmanuelle. rna il fatto che io non l'abbia avvertito.. La sua risata felice riecheggia sulla superficie dell'acqua.. Quest'uItima Ie sentiva 29 t • . Le ragazze emisero come un ronzio. -. chiese un'altra. guigna di uno scultore. disegnavario una stella di came bruciante intomo ad Ariane. supina.. persino dalia polizia». La bellezza della sua voce adorna Ie sue confidenze. una giovane donna dal corpo di puledra.. la cabina del comandante. moglie ventiseienne del Comte de Saynes. .. a tuo marito?». Emmanuelle sapeva che quella era Ariane. «Ma cosa gli ha preso. • ~ • IIverde paradiso Vi ho [orse detto di uccidere i vostri sensi? Vi consiglio l'innocenza dei sensi. NIETZSCHE. consigliere dell'arnbasciata di Francia.. in un torpore quasi istupidito (per quanto fossero alIenate a subire quella cottura). Pensa di essersi reso ridicolo cercandomi dappertutto. seduta. che stava pettinando una cagna annoiata che lei chiamava 0 su una sedia a sdraio eli tela rossa.dopo la partenza del Filibustiere». a sfoggiare Ie gambe e i seni attraverso il diafano del vestito alIa partenza delle corse equestri e. «Ha forse dimenticato i suoi principi?» .. Eppure Dio sa che sono rlncasata da brava la quarta . sdraiata accanto a Emmanuelle (che sente ogni tanto Ia carezza dei capelli corti sulla propria coscia). . Con il visa nella concavita fermata dalle braccia piegate. il sabato e la domenica pomeriggio.

davanti agli occhi ad un tratto attentissimi di Emmanuelle.. . 11far niente e illusso di questi essen sradicati Ie sembravano piu smisurati del tempo pill. come Chouffie ha appena detto. «Cert~ che no». . «S1 rna non oso addentrarmi in quellabirinto di strade impossihili. che non pote trattenersi di arnmirare. «lei si e persa l'occasione del seco10.. apparenza. sprecato. . scopriva Il rilievo del sesso: un sesso forte. E aggiunse subito: «Come Ie sembra Ia vostra villa? Ho sen~ tito dire che era deliziosa». J~an mi lascia l'aunsta finche non riusciro ad orientarmi». Rirnarra tutto il tempo con me». - . no: sei mesi!». poiche in quel momenta l'interessavano di piu i ri. Ariane sembro osservare Emmanuelle con maggiore interesse. «Un anno.. Ariane si prende Ia res~onsabdl~ di traviarlal».la corresse Emmanuelle.. Mlnoute . ribatte Emmanuelle con una punta di irritazione. stretto come un laccio. «Tuttavia non capisco veramente come lui potesse credere che Emmanuelle fosse piu al sicuro a Parigi». . Persino l'ozio.ata una VIta per lei». ~ «Mahl». non aveva ancora una casa e doveva andare In ~. la cui criniera fulva e aggrovigliata Ie ricadeva con la profusione di un miraggio sulle spalle e fino ai fianchi. 31 . vedra. con Ie gambe divaricate. .. e venuta ad attraccare suI flume. mi piacerebbe che mi raccontasse le sue frasche.dionisiaco! Per tre giomi non ci fu altro che cocktail. carinissima. «Come potrei saperlo?». «Cion~nostante. . Ariane raddrizzo il busto per interpellare Emmanuelle. della ricchezza pill ostentata di Auteuil e eli Passy. cosl vicino che avrebbe potuto toccarla con Ie Iabbra. con finta innocenza.. LeI deve verure a vederlo)) concluse educatamente Emmanuelle. Ariane sptego: «II Iavoro occup~ra suo marito tu~to il giorno. . Lindiscrezlone. si alzo con aria neghittosa e venne accanto alIa piscina. Ormai gli ingegneri si sono sistemati e Jean non deve piil andare per Yam Hee: avra abbastanza da fare nella sede principale.. bergo ogni volta che veniva a Bangkok.e il resto!». Non sarebbe st. queste donne 10 vivevano intensamente. «In altre parole. E Ie faro da g~i~a». Lei avra tutto 10 spazio ~ tutto. rna in realta per sfruttare Ie leggi della gravita a favore della loro figura quando. «Dove pensava che tu fossi? Non era molto difficile da indovinare».~ flessi pastello dell'acqua tiepida intomo alle sue gambe che 10 spettacolo dei loro carpi abbrustoliti. mentre l'inforcatura del suo bikini bianco. «Si e sincerato della partenza del Filibustiere prima di far venire la moglie». lasciava spuntare il ciuffo soIare dei peli cia leoncino e. Una delle sue accolite commento con flernrna: «E vero. con il pretesto di evitare una riga chiara nell'abbronzatura. non si sentira sola a Bangkok per i tre quarti dell'anno?» chiese una donna del seguito di Ariane. una volta ancora. «la citta ~ grande».. con il pretesto di contraccambiare non so quale cortesia con la marina siamese. l pill che vederle. «Imparera l'essenziale in £retta. mettendosi in ~ mostra senza improvvisazione ne tregua. E tutto sembrava indicare che non avevano altra cura di giorno in giorno. e appena finita: mancano ancora alcuni ~obi~i. disse la contessa con una risata rassicurante. «Secondo me ha fatto bene a non chiederle di venire qui assieme a lui». . «Jean non e cos} scemo». Suo marito non deve essere geloso se l'ha lasciata sola soletta per un anno». il. chinandosi di lata. ccStupidagginil Bmmanuelle non ha bisogno di me per ~uesto. I 30 . sentenzio lei.. Ouel ch~ mi piace soprattutto l! il giardino con i grandi alben. . Siccome Emmanuelle non sembrava capire a cosa potesse servire · questa vastita. che eli sedurre 0 di essere sedotte.. perche non ve ne sona due in un secolo a Bangkok. ultimi mesi nel Nord. condizione sociale. constato Ariane. le confide Ariane. s'intromise la padrona di O. . in tone di sincero rimpianto. si raddrizzavano sui gomiti per salutare un arnico che passava vicino. Avrebbe dovuto vederli: una ciurma di satin! Il comandante . «Peccato» . di certo!». • . «Lhanno fatto?». Lei sa guidare?». «Oh. «Emmanuelle avrebbe avuto un enorme successo».. qualunque fosse iI luogo e l'eta. «Per una volta che questa paese offre una possibilita di divertir81. allenato. «Ll non l'avranno trascurata.» • . la disinvoltura e Ie risate acute delle giovani francesi che la circondavano intimidivano Emmanuelle: si stupiva che la ' sua esperienza di parigina gli fosse di cost scarso aiuto nell'affrontare quella societa dell'eccesso.. dove rimase in piedi.te~p? ~ecessan per gestire i suoi spasimanti. Per fortuna gli uormrn validi di questo paese non sono tutti indaffarati come i nostri sposi.. Sabato scorso una piccola nave da guerra. «E inoltre lui confessa di avenni vista per l'ultima volta durante quella festa sulla barca: priva di corazza e di difesa Ira due alteri rnarinai che sembravano decisi a dividersi il mio corpo». cene. . Esaminava il rilievo orlato della vulva. balli ..• . l'agiiita e la furbizia con la Quale queste bagnanti di cotto slacciavano dietro la schiena il reggiseno. Una di loro. «Ha trascorso quasi tutti gli._ . «Mia cara». la cui im• 'pudicizia veniva sottolineata dal viso puro e dai lineamenti aggraziati della ragazza. Piuttosto. disse con ironia una delle ragazze mezze nude.

Belle gambe da ragazzo . ne platlno. ( «Non si preoccupi». o forse Ie lunghe treece spesse che ondeggiano su quel petto rosa. in rapida successione barlumi d'ironia. Ma I'espressione decisa. di qu~lIa di Ariane. Obliqui.non piu grande di quello di una danzatrice nuda . 0 1a vita da scolara.i ragionevolezza.. cogliendola di sorpresa. Ricava la stessa impressione dal ventre da sportiva. rna quasi grande quanto lei. Soprattutto sulle braccia. La contessa guardava 1a nuova arrivata con un po' di disgusto.i questi. «non ho mai tradito mio rnarito». . pensa Emmanuelle. brano pill vemiciate. come per difenderla. poiche man mano che Ii osserva 'meglio Ie sembrano meno trascurabili. e sono sicura che questa non provocherebbe cattivi pensieri in nessuno" (ripensandoci.. ne sabbia.i serieta. 10 riconosce. delle cosee nervose. prima che riuscisse a voltare il viso. Ie chiese.rna cos} verdi. Emmanuelle non aveva notato prima la donna che si era appena alzata in piedi. Piacevoli da contemplare per Ie loro proporzioni riuscite e per la lorn forza leggera piuttosto che per I'emozione un po' torbida che suscitano in genere Ie gambe femminili. temendo di lasciarle riprendere vantaggio su di lei. Oppure i fianchi stretti.. non ne ~ piu cos} sicura).. la sicurezza quasi protettrice del nuovo . Che questa ragazzina fosse una prude? Eppure. La differenza sta nell~ maturita dei loro corpi. I suoi occhi s'inumidirono. Quelle treece deliziano Emmanuelle.. un po' ruvtda . tuttavia. . L'accento sincero di Emmanuelle Ie aveva colpite. afferrno queUa che si mostrava pin voglios ' di conoscere i suoi segreti. .. di non ancora formatov D'altronde ~ forse l'epidermide che ricorda maggiormente l'infanzia: un'epidennide sulla quale la patina del sole !loll: attacca .non riesce nemmeno a rendere indecente.. si corregge Emmanuelle.che non ha i toni caldi. affermo Emmanuelle con forza e serenita repentine. d. tuttavia! Coslluminosi! Emmanuelle vi vede passare.. «Da quanto tempo e sposata?». Forse ~ state il contrasto CO~ quelli di Ariane che ha influenzato all'inizic il suo giudizio.. aggiunse ~n Iretta: «Un anno di matrimonio. palpitante come un euore con tutta la tensione dei muscoli allenati. Intomo ai tredici anni probabilmente.. eli sollecitudine. per quanto poco nascosti dal nastro simbolico del bikini. . che persino l'esiguita del triangolo di stoffa . «Ma io non ho niente da raccontare». eleganti. Con che cosa paragonarli? A certe matasse eli seta grezza. Poi. civilizzati. d. come per esprimere la lora simpatia. protesto debolmente Emmanuelle. Si chiede quale possa essere la sensualita di seni cos} giovani.:olto gia la divertono . Per un attimo il silenzio calo fra le donne. Emmanuelle Ie immagina piu facilmente mentre corrono sulla sabbia 0 scattano suI trampolino per tuffarsi che non sconfitte dalla carezza di una mano. benslla donna che precedette Eva nella storia de- 33 . a prima vista. altrimenti r si sarebbe sentita quasi depressa. l'uccello nottumo diffamato. di fantasia. persino di compassione. ne oro. allungati. In realta pensavano: «Questa qui non appartiene al nostro campo». Sembravano valutare Ie implicazioni di questa frase. rna non del tutto: piuttosto come se fosse picchiettata da una lievissima pelle d'oca. Le giovani donne scossero la testa.perche quel volto ~ anche queUo di una ragazzma. iI. Per fortuna illinguaggio colorito di Ariane la divertiva. rialzati verso Ie tempie con un movimento cos} raro che sembrano fuorviati su quelle guance chiare di europea . ne argento ne cenere . «Da quasi un anno». «Cosa volete che vi dica? Per tutto iI tempo in cui sono rimasta in Francia».. reso concavo dalla vivacita.. a giudica. come il fascia luminoso di un faro che appare e gira dall'altra parte. re dal suo costume da bagno . ad un tratto..per via delle caviglie con i tendini in risalto. rispose Emmanuelle e. rna non perfettamente bianca.i complicita: fuochi ammalianti. d. fiEcarina". poi di nuevo. di furbizia sorridente. non vede in quella ragazza la bella diavolessa. d. forse no. • Certo. nelino. di straordinarla autorita poi. Non ha mai visto capelli simiIi. 0 al pellame della Iince delle nevi . "Gli occhi di Lilith!" pensa Emmanuelle.. Capirete quanta sona felice di aver ritrovato Jean». Cos} biondi e fini da essere quasi invisibili .ne paglia. Una ragazzina.. Emmanuelle la trova persino. Queste. disse: «Mi sono sposata a diciotto anni». Ne 10 sono i piccoli seni appuntiti. delle ginocchia e dei polpacci sodi. I· ha ragione: soItanto a Parigi si pub infomare la scopa a pill non pos. poi ricorda i suoi e i piaceri che ne traeva quando ancora segnavano appena iI suo profile. di cui la meta di separazione. aprendo a un corpo impaziente la porta di un corpo docile. Quello dell'altra ha quaIcosa di aneora grezzo.so». «Lei pub farci Ie confidenze piu impudi che: siamo mute come tombe!». "rna perche non rimane a torso nudo: starebbe aneora meglio. per renderle invidiose della sua gioventu. di ingenuita. che si usa per ricamare. 0 al cielo dell'aurora. Le gambe sem32 «Le piacerebbe venire a casa mia per bere un frullato?». mentre l'adolescente si raddrizza. Ernmanuelle incontra g1i occhi verdi e dimentica tutto il resto. • L u . persino meno sporgenti.

. E forse perche Emrnanuelle. «Potrai riportarmi a casa. Potra stare pill settimane da noi. si anima in segreto di fruscii di ali.. e uno che sgobba. ~ · « Si. Dice di non voler far aspettare suo marito. E sono sicuro che piacera anche ate •. Non riusciva pill a mangiare. vern. Se fosse stato ucciso allora lei non sarebbe mai diventata sua moglie: questo pensiero Ie stringeva il cuore. Ah. troppo forte e trappo agile. Era appena uscito da Oxford. Thttavia. «V~rrei che la stanza fosse perfettamente in ordine per domenica prosslma». Spiega che oggi non pub accettare perche Jean verra a prenderla aI club per portarIa a fare deIle visite. Persino ades .. dal sorriso rassicurante.. chiese Marie-Anne... Ciononostante decise subito di mostrarsi ospitale con quel visitatore cost caro a suo marito. non andare a pensare che sia una specie di figlio di papa. troppo sempre 11. Prima del tuo arrivo l'avevo gia invitato. ed e anche affidabile» . 'Iutto si siste~a per il meglio:. preferiva avere lui come ospite piuttosto che i vecchi presidenti. a quell'e11 «E stato . presa daJIa sua visione. Ebbe una voglia impulsiva di baciare la ragazza sulle due guance rna qualcosa la trattenne. poca». lilla 0 azzurre. gli hanno affidato la Malesia. Tornera soItanto sui tardio Ma sarebbe cosl felice se Marie-Anne venisse a trovarla l'indornani. Emmanuelle?». avida di immagini eli quegli anni spericolaii in cui non conosceva ancora Jean.scrollando Ie sue spalle di angelo con una risata. sopra E ' manuelle. tutt'intorno a lei. Be'. aSei 0 sette meno eli me. Adamo. risponde brevemente Marie-Anne.. Tra mite Ia grazia di uno sguardo color di foglie nascenti. COSl ubbidiente. . ~ «Serio. Sai. 51.. a meta. E il cielo del Siam.• Jean ride. 34 'II 35 . «Quanti anni ha?». AI contrario.. Era troppo silenzioso. giusto scandalo. . Appena creata Lilith vola via. Vedrai. Da parte di sua madre. . «SiJ il solo che non ha avuto fifa» . chiese II manto a Emmanuelle quando si misero a tavola.. agitano la sera i lora calici verdi. aI mattino rosa. troppo ben sistemato. portando noci di cocco piene di budino d'uovo e di caramello. «No. Si dirige in fretta verso la sua cabina da bagno. . (1&: inglese?». Non ci vogliono dieci giomi per questa.sorella necessaria.la dit~a stessa 10 manda a fare un giro in Thallandia. gli inizi. . ' n boy passava intorno al tavolo. «Pensi c~e la. so Emmanuelle la ritrova quale la inventavano Ie sue fantasticherie infantili . Chiese aItri particolari. guidata da un autista indiana con un turbante e una barba nera. Mi hai detto quanto ~ serio . a sua volta. ripete il suo invito: «Vuole venire a casa mia?». Christopher. a rimanere con te ad Assuan dopo la costruzione della diga?». proteggendoli dall'insolazione e dalle zanzare. de-voto e privo di curiosita . . Emmanuelle aveva un po' paura di lui. e penso che tutto sornmato. si aprivano su un rettangolo d'acqua dove ninfee. Sono quasi tre anni che non 10 · vedo.. Mi ha appena risposto.. non esageriamo! Gli voglio bene.. · «Certo.. «Ricordo adesso. A domani porneriggiol D. Questa volta Emmanuelle Ie sorride e. ha dimenticato di risponderle. Emmanuelle era un po' del usa di dover condividere cost presto l'intimita ritrovata.l'aveva delusa. «Sarebbe gia utilizzabile adesso. Ricordava fotografie dove Christopher appariva come un esploratore atletico e abbronzato. Egli ripartl subito dopo averla lasciata. sl. 10 sara. Marie-Anne arrive in una macchina americana blanca. ~ forse la Meraviglia risorta che traspare ad un tratto nell'aria accecante? E cos} che nelle prime mattine del Sole l'albero della conoscenza del bene ~ del male si e fatto verdeggiante e che i divieti sana stati trasgreditl? Una snellezza androgina e una voce indocile disturberanno di nuovo iI paradiso terrestre? Una promessa mai mantenuta verra finalmente a discolpare i desideri? «10 sono Marie-Anne». direttori generali panciuti che sarebbe stata costretta in seguito a guidare fra Ie curiosita della citta. dopa il riso ghiacciato e i bigne di fiori che la vecchia cuoca dai denti rossi aveva lavorato per tre giorni a preparare in onore della nuova padrona. in quel momento ripiegati.. eun tipo a posto». J> _ • H lui. Forse i due piccoli seni sotto la ca.. meglio del giomo prima.. ' I muri arnovibili. si aIza. vedendo la smorfia di sua moglie. volendo. n boy camminava raddrizzandosi ad ogni passo sulla punta dei piedi. Emmanuelle rimase stupita da quell'uso del "tu". troppo come un gatto. esempio .stanz~ degli osplti potra essere pronta fra qualche gior. no?». Sin da allora non si e mai interrotta la sua esistenza fiabesca nei cuori dei mortali. Mancano soltanto le tende e i cuscini multicolori che voglio mettere sulletto. rna non sinistro. Ma suo padre ~ uno dei fondatori della clitta. gia: anche una Iampada». come se prendesse slancio per saltare. Aspetti qualcuno?». «D'accordo. Sa dove abita? «S}». quanto Ia voce fosse in armonia con Ie treece e la pelle.Em~anuelle approfiua della diversione per sfuggire al gruppo. Noto anche.

Non fanno il decimo di quello che dicono».. si era dimenticata del "tu". Emmanuelle sospiro. chiese con sorpresa. venne ad appoggiarsi morbidamente sui bracciolo della sedia. . questa volta. MarieAnne sprofondo in una sdraio. si fermo eli . «Che letto immenso! In quanti ci state 11dentro?». «Cos'e questa storia dell'Olio di gufo? Non ti da fastidio se la leggo adesso?». Il fascicolo aperto Ie nascondeva il volto. il potere di strapparle Ie confessioni piu segrete.: tre dita. Marie-Anne stava guardando la foto. Spinse la zanzariera senza aspettare la risposta. . Non ce ne sono dove stai facendo l'amore?». sura delle cami orlate. . sollevate con grazia. tamburello. ccE pura vanteria.. chiese. Giunsero su una terrazza A che una tenda a strisce gialle e bianche riparava dal sole. Emmanuelle la segul. forse per via di quello sguardo. esito..... " . Un suono incontrollato uscl dalla gola di Emmanuelle. feee scivolare le mutandine rosse sulle cosce. soltanto il dito medio era abbassato mentre Ie at. La sua camicia giungeva fino alle anche. «Vuole andare sulla terrazza?».. davanti e dietro. 10 mi accarezzo sempre quando . Emmanuelle cerco di sbirciare attraverso l'apertura delle mutandine. 10 affiancavano come elitre aperte: esso sftoro la pelle. Chino la testa sulla spalla con uno sguardo furbo. che questa ragazza aveva. prese una rivista senza perdere un solo minuto. Poi. . Di nuovo. . Marie-Anne continuo il suo gioco. «Non vedo riviste francesi da un secolo. assentl Emmanuelle.un punto che apparentemente trove e sui Quale si 50ffermo un attimo. nuovo. Rimase immobile un attimo davanti alIa distesa di palme da cocco. Non rlmase immobile a lungo: il suo corpo si animava gil eli sussulti veloci. finche iI polso. vanti alIa rete anti-zanzare che separava la stanza dal pianerottolo. Salirono a1 primo piano . Carnmino pill in fretta rna Marie-Anne si era gia fermata da. dire che era stato Jean. «Ne hai altre? Non avra fatto soltanto quella. Emmanuelle voleva mentire.. Passando davanti alIa porta della sua camera. era molto vicina a lei. «Non ti accarezzi anche tu?».. Gioco con il rigonfiamento che tendeva la stoffa poi ridiscese. stretta accanto all'altra. cost che di esse si vedeva 801tanto. disse. L'ospite si immerse nella lettura. inarco Ie reni. che la guardava con quei grandi occhi chiari. senza apparente emozione? peggio era che. «5ei bella». Una mana di Marie-Anne lascio il libra e si diresse senza esitare fra le gambe divaricate per spostare il tessuto di nailon e cercare piu in giiJ. incapace di pariare. vibro con un movimento quasi invisibile. leggo. . «Certo!». slaccio la cintura di rafia che le stringeva la vita e la butte>su una delle poltrone di vimini. Marie-Anne esclamo: «Come sei fortunata! Non c'e altra casa a Bangkok in una posizione del genere. Emmanuelle assentl con un cenno. simili agli scarti di un puledro. Emmanuelle fu colta da una lieve vertigine. Agito Ie 37 36 . Subito dopo '- •I I . «La posso vedere?». si pentl eli quel "lei" che aveva usato d'istinto. chiese. con quel soniso cost fresco.. Emmanuelle capiva di non poter fare a meno di dire la verita. Di nuovo si fermo. «Certo che no. mise Ie mani sui fianchi e. capendo soltanto dopa un secondo: Marie-Anne si riferiva evidentemente aile altre donne della piscina. t n aprl la chiusura lampo della gonna variopinta che cadde dritta ai suoi piedi. AlZQ un ginocchio e la coscia sinistra.:invitata trattenne una risata . La lingua Ie spunto fra Ie Iabbra. disse. Che vista meravigliosa e come ci si sente benet». nne ebbe un soniso fuggevole. Emmanuelle ricordo ad un tratto la grande foto con lei nuda che Jean teneva accanto al letto. Marie·Anne abbasso la rivista e Ie sonise. . disegno un cerchio. in realta. una striscia cremisi ornata di pizzo. «Non badare a quello che raccontano quelle cretine». scoprendo dopa il suo passaggio la fes. «Viene?». allontanando la came. Subito. «Chi era il fotografo?». ma non ci riuscl.. Emmanuelle arrossi. Che razza di ragazzina era questa. Marie-Anne accetto la proposta con un cenno del capo.. come se que1 gesto avesse dovuto difenderla. se voleva. Aprl bruscamente la porta. che scoppio a ridere. Marie-Anne». MarieRAnne poso il giomale.. piegatosi ad un tratto. con un gesto vivace. un arnica di mio marito». questa?». Poi risall. n dito maestro spinse piu a fondo. lasciando la sua posizione di prima. «Sono due letti. La ragazza balzo oltre il cerchio che la stoffa disegnava sui lastricato. Da dove viene. I. ccE la tua camera?. Ma. Marie. con un gesto naturale. «Un artista. riconobbe. caccio via i pensieri confusi che l'assalivano e si sisterno di fronte a Marie-Anne. micia azzurra? 0 gli occhi verdi? Era assurdo! Marie-Anne adesso -. - " ... . Sono stati messi l'uno accanto all'altro». allungando Ie gambe che teneva pudicamente strette. Si sistema a suo agio. l'infilo sotto Ie natiche e riprese il suo periplo.: piii in giil della parte laterale delle mutandine. mentre le faceva domande cosl sorprendenti in tono cameratesco. Emmanuelle si sentiva battere n euore cos} forte da farle temere che 10 si potesse udire. D flume vicino emanava una brezza tiepida.

Le sue cosce si aprirono con violenza poi si richiusero improwisamente sulla mana imprigionata. «Mi piace accarezzare l'interno delle labbra. disse Emmanuelle che il fiato leggero di MarieAnne sulle sue cosce faceva impazzire. Lo feee scivolare lungo Ie gambe.~ «Dipende.. con due dita. «Vedi. quando mi risvegliavo. «E dove preferisci accarezzarti?». «Sapevi gia farlo a tredici anni?». Marie-Anne ignore la domanda. n suo dito trasaliva sulla clitoride come una libellula. Non riuscivo quasi mai a farmi godere piu di un paio di volte alia mattina: al risveglio. Quando il dito scomparve fino in fonda Marie-Anne sospiro a lungo. disse. Ma MarieAnne non 1a toccava. Avrebbe voluto che qualcosa. «Fammi vedere». man mana che le sue dita compivano fra Ie gambe la loro missione consueta. Marie . Si alzo ad un tratto ed aprl il pantaloncino. Marie-Anne grido a lungo.. «Ma come tutti!». «Con le dita?". «E anche con Ie banane (Ia voce di Emmanuelle ebbe una nota d'orgeglio): le faccio penetrare fino in fondo. L'evocazione di quella volutta la faceva svenire. «Non trovi?». per vari minuti. Doveva assolutamente godere un'altra volta. Provava il bisogno eli ritrovare presto un equili- brio. Ma quando sono in vacanza non 39 L ~ t I t ~ I . E di nuovo durante la notte. finche si senti appagata. Emmanuelle feee un cenno d'assenso. verdi. La sua maglietta arancione metteva in risalto il suo pube nero) lucido.che piacere!». Emmanuelle si mordeva Ie labbra. n gemito si feee grido. Poi si rilasso. Adesso erano vestite entrambe nella stesso modo. i suoi reni abbozzarono un areo e lei emise un fievole gernito. Di nuovo. Non devono essere mature.B». da tanto tempo! 1\1 no?» . disse Emmanuelle.. l'uretra. Quando Emmanuelle si fu sdraiata eli nuovo Marie . E. Ma questo smarrimento duro poco. • gambe per aria per liberarsene. «B piacevole. introdusse il dito medio nel sesso con precauzione e delicatezza. Emmanuelle?». «Cos'altro fai?». La sensazione ~ diversa sulla punta. Sfrego con le dita congiunte l'intemo delle labbra del sesso. prima di addonnentanni. che vendono qui al mercato acquatico . Alla fine.. Dlustrava il precetto con un gesto. Era raggiante eli salute. E. che idea strambal L'apertura piccolissima appena sotto. vi penetrasse. Capisci. «Oh. aprl gli occhi e mormoro: «£ proprio troppo bello!». sai. Emmanuelle esito. Non e 10 stesso per te?». Le pelo. . col tono di una conversazione banale: ftMi piace fare durare la cosa a lungo. . verso MarieAnne.. disse. e ricadde ansimando. oppure per i negozi. nne venne a ' A sedersi ai suoi piedi su un pour di peluche spessa. Le mie mani 10 hanna scoperto senza aiuto». a Parigi. Poi due 0 tre volte Ia sera. . Si massaggio la vulva con Ie dita. Anche quella e molto sensibile. «Lo fai spesso?». come se cercasse una via di scampo. regolarissimi. quando facevo il bagno. Era cos} presa dalIe immagini dei suoi diletti solitari da dimenticare quasi la presenza dell'altra. in modo quasi strazi ante . . Basta che la tocchi con la punta delle dita per godere subito». Si mise sullato. ero quasi sempre fuori: in facolta. Almena 1a masturbazione fu per -Emmanuelle un sollievo Immediato. Marie-Anne diceva. Di nuovo. tre e Ie natiche nudi. e queUo che conosceva meglio era l'asilo folgorante dell'orgasmo. eli soddisfazione per il dovere compiuto. Non indossava niente sotto.. di coscienziosita. Questa volta non cerco di prolungare la delizia dell'attesa. Disse: «Ti acearezzi soltanto la clitoride?». disse soltanto. un terreno noto. chiese Marie-Anne quando 1asua arnica fu tomata in sea «Da sola. ci sono vari posti. . «Accarezzati anche tUD.Anne osservava da vicino il sesso dell'a• mica. sullo stela a vicino alIa base: qui. con il busto coperto e il basso ven . chiese Marie-Anne can aria dubbiosa? · «Certo. n . chiese. l'avrebbe liberata dallo spasimo dei sensi e anche dall'imbarazzo. Si sentiva di buonumore e adesso aveva voglia di chiacchierare . La mana della ragazzina. se si fosse posata su di lei.. Dopo qualche secondo riprese fiato. «Oh!». prima. «No. «Come hai imparato a godere.«Quante vol te a1 giorno?». /. «non riesco piu a trattenermil».' • «Sl» • ."~ «In Quale modo ti piace accarezzarti?».. dov'e piu bagnato». posso accarezzanni piil volte di seguito». in quel memento.: Marie-Anne non rispose e prosegui il suo interrogatorio. can grandi movimenti veloci. Le sembrava che un sipario si tend esse fra lei e mondo e. ridendo. chiuse gli occhi e.. Per questa non tocco troppo la parte alta. con le palpebre chiuse e le gam be divaricate. la pace si fece in lei. chinando di nuovo il capo.. la incoraggio... il I I I· I• 38 . meglio andare su e gill nella fessura». Ouelle lunghe. . separo Ie mucose rosee.

. «Un giomo Jean mi ha annunciato. «No.. Mi raggiungerai in seguito.' 1 ~. ho nient'altro da fare: posso accarezzanni molto piu spesso.. Marie-Anne? Sern bri cosl serial». Mi piacerebbe sapere cos ha detto loro.~ .~ 40 i . Lindomani pomeriggio mi ha invitato a fare un giro con la sua bella macchina. E a~biamo continuato a fare l'amore fino a mezzanotte. La capotta era abbassata e vedevo Ie cime verdi degli alberi. che io ero troppo giovane... sbotto Marie-Anne. tutto tranquillo come sempre. indago Marie-Anne. '\ 1 . E per questo che l'ho amato». «Sf. incuranti . mi rassicurava completamente su quello che sarebbe accaduto: "Sei vergine e io ti prendero". II primo giorno e venuto a casa mia. I miei genitori avevano trovato assolutamente naturale che 10 fossl. vicine.1 amante di Jean rna si sono messi a strillare Come aquile quando lUI ha par . Jean ha chiesto una ca~era. Mio padre deve essere stato un osso duro: ~on po~ev~ accettare che io abbandonassi 10 studio della maternatica all umver . I . era un arnico dei miei genitori. Era tremendamente imbarazzata rna non potevo trattenermi dal dirgli la verita . come se volesse farml arrabbiare. Loro sembravano trovare la cosa normale». aItrettanto espressiva. Ero felice. Siamo rimasti 11a lungo. Alla fine ha fermato la macchina in un sentiero del basco eli Fontainebleau e mi ha baciata per la prima volta. ~ I I I• 1'. «Oh. commento Ia maggiore. «Cos'hai provato?».~ ~ . Hanno cercato di ~imastr~rgli che l~i er~ t~pp~ vecchio. AI contrario.. Dopo rimasero senza parlare. Questa accadeva esattamente come avrei po- I. di essersi masturbata davanti a quella ragazza che amava guardare. . spudorate. se mi piaceva fare l'amore. e quella fessura meditabonda che disegnava corne una boccuccia sul visa di sotto. Dopo un po' il mio cuore batteva meno forte. I'. Lui stava in piedi davanti alla porta. Mi fece sdraiare suI sedile della rnacchina. mentre guidava. della loro nudita . Arriccio il nasa ed entrambe risero a perdifiato. Ho imparato In frettal». Ha fatto in modo di trovarsi solo con me e mi ha fatto domande su tutto: quanti flirt avevo avuto. essere "l'amante" di un uomo». «Cosa?». niente banane. Ridevo come una pazza... Era meraviglioso! Dopo. carnosa dell'altral E quelle cosce aperte. Non ha incominciato con Ie carezze.. I « Come hai incominciato con gli uomini?».? mai so~nato). In ogni caso non ncordo mente fino aI ristorante nel bosco. «Lanno di matematica che avevo iniziato in facolta».. · Una vivida fantasticheria la porto per qualche secondo in quel cie41 I. Ma lui non me ne ha lasciato il tempo. I I' ·1 • :. Emmanuelle chiese: «A cosa pensi.~. non ricordo. . «E Jean ti ha proposto il matrimonio?». Je~~ m~ disse di togliermi da me Ie mutandine e ~l affrettai ad ':lbbldlrg~l perche volevo collaborare alia mia deflorazione ~ non subirla passivamente.. lato di sposarmi. ho goduto cos} intensamente che sono sven~ta . «Non hai avuto nessuno prima?».lo avev. «Perche ti sei sposata. poi i seni. che sapeva godere. Be'. avvinghiati. EmmanueUe sembro contrariata: «Non veda cosa ci sia di cost divertente. Dopo un mese eravam~ sposa. Mi ha penetrata subito rna in modo tale che non ricordo di aver avuto male. «Subito?».Per niente! Ne io ne lui pensavamo di sposarci. iI gio"1. EJ per gioco. cosl palesemente scandalizzata che la sua interlocutrice assunse un tone di scusa.~~ ~1 . Ha continuato.· I 1 I tuto sognarlo (anche se in realta non. troppo mnocente addlnttu~. che la s-ua ditta 10 mandava nel Siam. ~ .op~ure mi sono addormentata. «Mi e sembrato di essere in una fiaba: era troppo bello per essere vero. I r I· j I . disse Marie-Anne. «E comodo non essere piu vergine». non so perche. Marie-Anne scoppio a ridere. no suI serio.o dopo che rho conosciuto. Ma ti pare! Tuttavia lui Ii ha convinti. quando avro una casa dove sisternarn D. Ladomava gia in cuor suo di tutti i pregi. niente! II giomo dopa raccontavo a tutti che non ero pill vergine e che ero innamorata. i ragazzi mi accarezzavano. di aver vinto la timidezza. «Che idea strambal». «Prima. senza parlare ne muoverci.. Ho pensato di stramazzare per il dolore. sprezzante. chiese Marie-Anne. I~ ! I 1~ J4 I I. . Felice soprattutto. dove abbiamo cenato insieme. rna non erano molto ablli». strattono una delle treece. Non avevo ancora compiuto diciassette anni. «Cos'hanno detto i tuoi genitori?». E mi piaceva troppo avere un uomo.. allora?». Mi ha detto eli sedermi contro di lui e immediatamente. sita». t r " · . Certo. Un po' come con tel E anche lui chiedeva ogni sorta di particolari.. senza ulteriori preamboli: "Ti voglio sposare prima ~i partir~. «E stato Jean a deflorarmi».ti. mi ha accarezzato Ie spalle. gustando I'amicizia che nasceva dalla loro franchezza. Non sapevo cosa mi perdevo». anche se non osava riconoscerlo del tutto. Mi ha guardata tutto il tempo con aria divertita. Volevo diventare astronorna». • I· ~ ! . Emmanuelle era felice di aver potuto parlare di quelle case.: Ritrovo Ia sicurezza di se e disse: «Jean invece ha fatto l'amore con me su hi to. · . Avevo appena passato la rnaturita. «Penso aile banane». E Ia trovava cosl graziosa! Quegli occhi da elfo . E qui sara sempre in vacanza!». Mi ha detto in un tono che. 1L \ ~ ~ ~.

disse: «Lho fatto». Non ne abbiamo mai parlato. or I #. Ti ripeto che non ho detto questo nel modo in cui tu 10 riferisci. facendo una smorfia scandalizzata.. E ho scoperto che essere sposata ~ altrettanto divertente che essere peccatrice. Sull'aereo..-. Quando riprese a parlare.. «AIle ragazze?». L'aereo ehe mi portava qui. anzl. poi rivelo: «Con due uornini di cui non conosco il nome» ~ . «Chi me 10 garantisce?». la lncito. sforzandosi d. Marie-Anne osservava attentamente il volto di Emmanuelle. la sfido Marie-Anne con la voce agra eli un bambino che cerca rogne. mi chiedo. la sua voce rivelo la nostalgia di quegli spazi futuri rna anche la sua decisione di non rinunciarvi per sempre. sedette di nuevo. .... .i non 43 «Certo». 42 • .. «Parla!»... . Anche se. . «In primo luogo non ho mai detto una cosa del genere . tivo che tu te ne privassi». Emmanuelle sembro giudicare quell'ipotesi peregrina. ~ sernpli .. Non c'era rno. Per fortuna!».. avresti fatto l'amore con lui?». ~ t .. La sua voce si feee carezzevole. . Probabilmente l'idea non gli e venuta in mente.. Basta perche Marie:Ann~ si . Un mucchio di uomini mi correvano dietro. Capisci?». eper questa che ho voluto parlarti. «E con chi?». mi sembrava strano fare l'amore di notte». ti hanno penetrato in profondlta?». «Jean sarebbe dovuto partire dopa il nostro matrimonio. anzi. «Accarezzati mentre me 10 racconti».. .. Marie-Anne fece una smorfia. Ma Emmanuelle scosse iI capo. "S}. Ie ordino Marie-Anne. I . senza piu farsi pregare.1I «E. l'accuso col tono di chi non ammette repliche. te 10 sei gia dimenticato? Hai detto loro che non en stata mai a letto con nessuno. dapprima a malincuore ma presto.. Perche non ti credevo. Li trovavo ridicoli . Emmanuelle si intestardi nel suo ragionamento gesuitico: «Allora hai torto. «Allora non era una frottola quello che hai detto alle ragazze?».. E nemmeno a met per questo». «Paura? Di che cosa?». Dovresti vedere come sernbri sincera!». certo. Emmanuelle esito per una frazione di secondo. E ci saranno professori ehe mi insegneranno a destreggianni con i parsec». I ce». rna prosegul il suo interrogatorio: «Harmo goduto dentro di te?». «Non mi pare.• 10 fisico di cui aveva abbandonato 10 studio per rispondere a un'a!: tra attrazione. Nel suo appartarnento. Ci sara pure un osservatorio in questa paese. Con un gesto sbrigativo Marie-Anne Ie fece intendere che quel terna non era all'ordine del giomo riportando bruscarnente a terra l'allieva sognatrice. Sembrava ad un tratto colpita da afasia. la incalzo Marie-Anne che mostrava di aver perso ogni fiducia. . cAb. Bmmanuelle ubbidi. - • . salvo too marito». «Perche? No. «Basta guardarti in faccia.. «Non c'e una sola parola di vera in tutto questa»... disse in tone moralizzatore e ferito.. _ Se pensava di far colpo sulla ragazza. «Non rho fatto a Pang. perche mai saresti stata fedele. «Non ha avuto paura a lasciarti cost da sola?».. . / «Cosa significa: ecco tutto?». Ad un tratto la ragazza cambia tattica. di che cosa?Paura che tu 10 tradissi!». Emmanuelle cerco di sottrarsi all'argomento. «Come. Marie-Anne ne fu elettrizzata. ad un tratto. eccitata .mettesse su~ito in allerta. ». chiese. «No. «Corn'erano i tuoi inizi da donna sposata?».. ".. ccE tu cercavi di farmi credere il contrariol». Ecco tutto». «Non era una privazione: non avevo voglia di nessuno..". riflette.Blanche». ».- . «Dail». · «Cornel Non hai detto adAriane che non tradivi tuo marito? Anzi. «Lo voglio aneora. Si volto di scatto. «E dopo? Dove sei vissuta mentre lui era assente? Dai tuoi?».dalla propria storia. sfrecciandole uno sguardo sospettoso. «Inoltre. Ho soltanto detto che sono rimasta fedele a Jean mentre ero a Parigi. incrocio Ie gambe all'indiana e mise Ie mani sulle ginocchia.. che si sforzava di sembrare disinvolta... . si inginocchio e SI chino sul bracciolo. poi chiese: «Ouindi se tu avessi avuto voglia di qualcuno. all'inizio. spiego Emmanuelle in tone paziente.. rimase delusa perche MarieAnne rimase impassibile. Balzo in peru... «l'edi!». Emmanuelle indugio per un attirno...L .. Appena mi saro sistemata riprendero la caccia aile stelle. .. "" . Ho potuto essere sua moglie legittima per 10 stesso lasso di tempo in cui ero stata la sua amante. Emmanuelle la guardo can aria indecisa poi.. ma senza convin• zione. nel nostro appartamento in rue du Docteur.. «Ieri.. cos} non fummo separati subito. «Eppure l'avrai fatto in seguito!». sll». . Marie-Anne la esamino con sguardo critico . Emmanuelle si mise istintivamente la mana sui ventre . Ma per fortuna ci fu un ritardo di sei rnesi.

senza complimenti!». cambiando pill volte posizione . ramente strana! ». «non voglio che sprechi la tua vita. «No». devo andare fra poco». Era Ernmanuelle. non sei normale». «L'hai detto a Jean?».perche preparasse loro del te. «Marie-Anne. Si alzo. A quanto sembrava. II semaforo verde rnando un raggio sovrano. Rinunciava con ostinazione a proseguire il discorso. a non voler cambiare soggetto di conversazione. Marie-Anne?» La ragazza agito Ie treece. ' «E incredibile che tu sia giunta alIa tua eta senza aver conosciuto altro che quelle piccole avventure suI tuo aereo privo di finestrini. si difese Emmanuelle timidamente. . E ripete. rna non si faceva alcuna illusione sulle It • J 44 45 .. «Vuo! un consiglio?». Subito Marie-Anne ritrovo la sua grin~a. Si rimise gli shorts e Marie-Anne infilo Ie mutandine. «Nientemenol». sospiro. .. sentenzio lei. .. per un quadrol». esclamo Emmanuelle. Ma aveva gil capito che Ie decisioni di Marie-Anne erano inappellabili.. Studio di nuovo le stampe. «E veramente indispensabile?» feee Emmanuelle.. affermo Emmanuelle. Sembro che per un attimo Marie-Anne non avesse pili nulla da chiedere. Poi aggiunse. Marie-Anne sembro preoccupata. «Te 10 assicuro. Gli occhi da elfo valutarono la gravita del caso. lui era pederasta». «Hai tanta fretta?». Poi la ragazza chiese di vedere tutte Ie foto di Ernrnanuelle nuda e questa ando a prenderle. Sara trap . Pensa un po'. Ti ho detto che era un amico di Jean. «Almena d'ora in poi.. «No. da un 50gno di Gauguin .i. Poi. farai quello che ti diro?». «Senti. Marie-Anne fece un gesto come per spazzare via il passato.. non serve lamentarsi sui cocci rotti» . «Dovresti veramente farti ritrarre da qualcuno a posto. In macchina la ragazza fece pesare su di lei uno sguardo preoccupato. Era da rimbam . un giorno 0 l'altro». ~. certo!».. La gonna multicolore rimase per terra. disse. «No. Serol10 Ie spalle con irritazione. «No. adesso.'j / 1 dimenticare alcun particolare. in preda a una specie di rabbia: «Sei ve. Emmanuelle fingeva una certa indifferenza. «Lo giuri?». pelli neri omati di fieri. «Non l'ho scelto io». ~ «Tutto quello che ti dim». Scosse la testa con tristezza. quasi scoraggiata. fingendosi delusa: «Comunque non avevo nessuna possibilita. «Hai rivisto quei due uomini?». chiese. «Non mi ha nemmeno toccata!». che cominciava a prendersela sul serio.. Marie-Anne l'aveva ascoltata con aria concentrata. non mi dirai che non hai fatto niente con il fotografo?». Emmanuelle scoppio in una risata fragorosa. Questa volta Marie-Anne si accontento di lanciarle uno sguardo gelido. Emmanuelle chiamo una piccola domestica . disse. »~ «Oh. . sei troppo graziosa. I I 'Ma la sua interlocutrice non sembrava in vena di scherzare. I «Sai». E proprio stupido essere cos} prude». po tardi quando sarai vecchia». alquanto divertitil. E stato lui a proporre di fotografarrni. «Cosa intendi esattamente?». «Dovrai pure trovarti un amante. «Sei impazzital». trovava quel tema deprimente. «Ma insommal» si ribello Emrnanuelle. tuttavia fingeva di non essere particolarmente impressionata. dopo una pausa: «Non avrai mica l'intenzione di continuare a vivere da zitella?». affascinata. chiese Emmanuelle in tono allarrnato. «un artista dovrebbe sempre fare l'amore con la sua modella prima di fame il ritratto. «Ma non sana una zitella». Marie-Anne non Ie lascio il tempo di fare dell'ironia. con i ca . Emrnanuelle». «Sei strana. «Secondo me». Rimaneva scettica. Si fermo dopo aver detto come la statua greca I'avesse presa. «ho un marito!». il corpo oera e il sarong scarlatto. Marie-Anne storse la bocca. no! Va bene. ftMi accompagni?». ~ Emmanuelle scoppio in una risata incontrollabile all'imrnagine di quello che Marie-Anne intendeva probabilmente con "qualcuno a posto' e a quella dell'imrninenza del proprio sfacelo.uscita dritta. «Be' se ti diverte». bita rivolgersi a qualcuno che non amava Ie donne». «Non mi piace stare in posa. Continuava a ridere rna Marie-Anne non si lascio distrarre dalle sue responsabilita. . Provo a ricreare l'atmosfera di prima: «Non vuoi toglierti le mutandine. s'indlgnc Emmanuelle. n sei veramente cornportata da gonza». «E da quando sei qui non hai fatto niente con degli uomini?». Nemmeno per una foto. .

sinceramente. Emmanuelle rimane soprappensiero. Poi 10 lecca su tutta la lunghezza chinando la testa e preme la vena azzurrognola che scorre a fior di pelle. per svuotarlo interamente.. Sente colare era le proprie cosce un liquido generoso come la saliva can la quale bagna in quell'istante nella sua bocca calda il membro apoplettico. Emmanuelle 10 fa scorrere fra Ie sue labbra finche diventa durissimo.. «Un cattivo professore. Forse non avresti dovuto limitarti alle mie lezioni». «Oh. per favorel Eo cos} buono! Mi piace tanto!». ne aumenta la congestione e il rilievo con il suo bacio. Presto si riscatta aspirando con dolcezza la pelle serica dei testicoli in bocca. accovacciata. Emmanuelle sbatte Ie palpebre in segno di complicita. la ragazza disse: «Questa sera. tutto ad un tratto. dopo la doc cia. Lui insiste: «Non credi che io sia un giudice competente?». sull'orlo del grande letto basso. · 47 .. Jean le dice che sembra sgranocchiare una pannocchia e lei 10 morsica con quei suoi piccoli denti per rafforzare la verosimiglianza. 51!». no! Voglio berti un'altra volta! Promettil Promettimi che verrai ancora nella mia bocca.Anne. accarezza un'altra vena. con un ultimo gesto preciso e netto. accarezzati ancora. darsi a lei e lasciarla affinare iI loro piacere reciproco di testa sua. A volte Emmanuelle si diverte a fare languire suo marito: non indugia mai. Si era persino dimenticata dt chiederle se era vergine. Se la ragazzina con Ie treece sapeva ormai tutto della vita intima dena sua nuova arnica lei. uCosa te 10 fa pensare?». . «Non dici questo per gentilezza?».. completa la sua opera. mentre riposano. 10 fa sussultare. 10 pompa con movimento lento mentre 10 avvolge e 10 massaggia con la lingua. Lo stile che dara a quell'amplesso 10 distinguera. •. «Fra poco ti prendero». Quando Jean si arrende lei deglutisce a lunghi sorsi la sostanza saporita ehe ~ riuscita a estrarre da lui rna l'ultirno schizzo lolaseia sciogliersi sulla sua lingua amorosa mentre fa Ie fusa. Emmanuelle non risponde.. il nerbo si gonfia e si raddrizza.concentrandosi per liberare armoniosarnente l'organa del suo seme. rna non per guidare Ie sue masse ne per regolame il ritmo. senza tirarlo indietro. «In ogni caso io ne sono ancora lontanab •. 10 spinge al delirio finche. a mezzanotte in punta. Senza stringere troppo il nerbo vibrante. entra in camera da letto trova Emmanuelle che 10 aspetta. Ma. . Le sue braccia avvinghiano i reni del marito con una passione che cresce man mano che succhia pili regolannente il suo nerbo e che l'eccitazione delle labbra e della lingua si comunica ai seni e al sesso. sue possibilita di resistere a Marie-Anne. vi infila sotto la punta della lingua.. protesta Jean. da tutti gli altri. poi Ii solleva con la mano. Ouella sera quando suo marito. «Non 10 so». . fa sorgere dalla gala della sua vittima gemiti e preghiere di cui non si cura.. Per poter gemere di volutta e pennettere a un orgasmo p?rzi~e di sollevarla e di proseguire la sua fellatio. svolazza da un punto sensibile all'altro. Si chino per mandarle un bacio. . Marie-Anne Ie grido a distanza: «Non di . «Nemmeno Ioro». s'inebria del sangue caldo che sente battere piu forte sotto il tocco delle proprie labbra. Lei si affretta a rassicurarlo. «Le tue amiche erano a1trettanto brave ad accarezzarti quando io non c'ero?». ansimare. Dal timbro della voce si capisce che il suo dubbio non ~ finto. Ci deve pur essere un limite all'arte di arnare». «Carol Nessuno al mondo poteva in. una volta di piu. va. dice lui. colerai ancora nella mia bocca. viene. ignorava tutto della sua. Lo faro anch'io alla stessa ora». Jean ha preso fra Ie mani Ie tempie di sua rnoglie. Soltanto dopo la sua partenza Emrnanuelle si accorse di non aver potuto fare la minima domanda a Marie . -_ «No. cos! profondamente da rirnanerne quasi strangolata: la. Lei stessa si ~ inoltrata tanto nell' orgasmo che quando suo marito Ie stringe la c1itoride Ira Ie labbra.. Aggrotta Ie sopracciglia. esplora pill intimamente. allora? Sembrerebbe. che tu non sia soddisfatta della tua educazione amorosa. questo basta a farla venire. Quando l'ha succhiato per qualche secondo appena. non vedo cos'altro potresti imparare. Poi inghiotte di nuovo il ponte di carne paJpitante che li collega. nuda.. Lei gli circonda i fianchi con Ie braccia e gli prende il membro in bocca. menticare!»..per aiutarti a diventarlo. ti prego. «Sai bene che non ~ vera. Se tu non fossi la migliore di tutte Ie amanti te 10 direi . fruga. Ma oggi vuole elargire una soddisfazione pili serena. se 10 spinge in fondo alla gola.. risaJe ad un tratto fino alIa punta del fallo... nata». fa uscire per un atnmo 11 pene dalle labbra senza smettere di accarezzare il mea . chiede poco dopo Emmanuelle. to semiaperto con teneri colpettini di lingua. «Come avrebbero potu to? Non c'e donna degna di esserti parago- «Nemmeno Ie siarnesi?». Quando la macchina si fermi> davanti al palazzo della banca diretta da suo padre. . invece. Ohl. aggiunge la pressione delle dita e il movimento regal are della mano alia suzione delle labbra . Sa che gli conviene affi46 .

cano mentre l'organo indurito Ie penetra nel ventre come prima nella gola. Jean 10 sa e rimane immobile. me una pornpa.. Una pulzella non e necessariamente pura.con tutta la forza di persuasione del ventre e delle natiche. «Intendi la devozione.. Lei insiste: «E anche piena di pregiudizi». costringerla a godere per prima. con tutta la lunghezza e )0 spessore del suo nerbo.. s1 forte. poi si rimangia la parola: «Piu tardi! Fai prima tutto quello che desideri. Lui la bacia. una vera vergogna». «Oh. di piu in . sana troppo innocente. che il cervello le si inturgidisca e palpiti ancora una volta come un ses- Desidera. «Una maniera diversa di considerare l'amore?». la pugnala a colpi rapidi. Guida il glande. Emmanuelle apre lei stessa il proprio sesso I •. Insegnami a godere come te». ~6~. no! Sono sicurissirna che quel qualcosa ha a che fare con l'amore fisico. 49 so. rna che sono queste in confronto a tutto quello che ignoro?».. Tuttol». cerea . per un attimo. Si lamenta: «Credevo di sapere tante cose. «Mio puro angelo!». segnannelo meglio di te. «No.. Ma Jean vuole vincerla. veramente tua mo. «No. Lui si sdraia su di lei e lei ha subito altrettanta voglia di essere presa che lui di prenderla.. che sia una questione di angolatura. Dirozzami. «Chi ti ha detto che 10 spirito entra soltanto da quella bocca? Ricorda: esso soffia dove vuole». 10 sono il tuo corpo di donna. supplica: «Godi dentro . vivi di me». ---------Lui posa la guancia contro la sua. eli sentirla profumata e calda e eli vederla dibattersi mentre lei sobbalza come sotto la sferza e gli graffia la schiena poi finalmente grida. una mentalita». si alza e fa spuntare la lingua fra i denti umidi . Vi ~ certamente un progresso che devo fare. conclude lei.. . rattristata. Posa Ie labbra su quelle di lui. senza riguardi.. 10 aiuta a sprofondare in lei. ne come fare. telligente della semplice abilita». leccate dalla lingua. grida co .. amor mia! E vero che siamo un essere solo. ne di un maggiore ardore: e piuttosto una disposizione della spirito. che mi manca an cora perche io possa essere una vera donna. 48 . l'esuberanza della fantasia sostituisce la realta e Ie sue labbra. Jean accetta iI suo gioco: «Prendi l'iniziativa.. Fallo». la tenerezza?». Lei rabbrividisce. Le sue ginocchia si alzano. Rimangono cosl. qualcosa che devo trovare. «No». ne di una maggiore destrezza. / -----. che vorrebbe al tempo stesso sentirselo in bocca. Vuole che Jean eiaculi. r-. In me». Per lei. con 1a punta delle dita. deliziato. avido di udirla rantolare. Ma non significa che si tratti di conoscenze ulteriori. di strappargli il suo liquore. violenti. a denti stretti. Capisci. ~ di mer». Lei mormora: «Sll».. quasi dimentica del proprio corpo rna desiderando gia che l'eccitazione le rinasca in mente. s'illudono di gustare la dolcezza dello sperma: sogna di bere. Emmanuelle piega Ie labbra. io non so niente.. La marea dei capelli nottumi di lei gli accarezza le labbra. che lui non si muova pill. Ogni muscolo del suo corpo contribuisce a fare di lei un animale elastico e agile che s'incolla all'uorno e 10 fa tremare di piacere. ti arno! Sverginami per davvero!». stordita. se e proprio da Ii che 10 spirito deve venire alle ragazze». «Ancoral Pill in fondol Aprimi . troppo pulzelIa. Ma e necessariamente stupida»... Ho l'impressio-' ne che debba esserci in amore qualcosa eli pill importante. Ma e difficile da spiegare. Tu sei l'uorno venuto da me». «Don lascero piu passare un solo minuto senza trarlo da te».. la simpatia. non sanno per quanta tempo. Non chiedermi il permesso. Emmanuelle 10 supplica e ride allo stesso tempo della propria insania: «Sverginamil Oh. Sente che l'orifizio della matrice si e saldato al falIo e 10 aspira co . «Non puoi spiegarti meglio?». come per trovare un aiuto nelIa sua meditazione.. il piacere del ventre le riempie la gola. Poi Jean sente che lei gli mormora nell'orecchio: «Sono marta?». si divari . «Non solo l'amore. «Non e chiaro nella Mia testa. irta di pulzellaggio. di modo di vedere». dice con un grande sospiro. «Trove cosl adorabile sentirti condannare la tua innocenza quando sono appena state preso dalle tue caste labbra! Emmanuelle torna piu allegra: rna e proprio canvinta? «Ah. tocca ate. Riprende fiato: «Non credo in fondo. glie. vinta.. godi nel mio cuore!». incomiciano il corpo maschile. Educami. Ma non so cosal». Questa evocazione produce in Jean un effetto che Emmanuelle · non tarda a scoprire: e gia pronta ad eseguire la sua promessa. immerge Ie sue unghie di madreperla nei riccioli del suo vella. Penso .. Ma lui la trattiene. E tremendo come questa sera mi sento pulzella! Pulzella in tutto il mio corpo.. Corruga la fronte impaziente: «Anzitutto devo diventare pili Intelligente. che sia una questione di limite. cosl a lungo che alIa fine la voce e il fiato Ie mancano e lei tace ad un tratto. 10 bacia con tutta la forza e la tenerezza della sua bocca. Lei mormora: «Vorrei addonnentarmi cosl. Jean la stringe. con te .invece. «Oh no! Puro per niente. serena..

•. rna ~ certamente anche questo». Quella pianta che continua a crescere in lei. Ouando capisce che la sua armca sta per arrendersi. dice..troppo indaffarata in un altro mondo: «No». essere piu consapevole di venire presa a piacimento di colui che la prende. metodicamente. nconosce~ Lui la deride con gentilezza: «Con quella raga~zl.. «Conti forse su di lei. · « Perche no?». di godere tanto. E~manuelle grida. piu impaziente del pensiero . D.. «Non e soltanto questa.Lenta- . «Ma io voglio diventarlo ancora di piul». perche non era quello che voleva confessare a Jean.. Ie gambe morte. Emmanuelle non ha pill voglia di parlare. essere debole. con Ie sue radici. ad un tratto. Poi sorride a un'imrnagine che non ~ fuori luogo sulle rive dove il suo sogno approda.. Le cosee di Marie-Anne si aprono davanti agh occhi chiust di Emmanuelle la quale..no.quando si ritrova come una bestia tramortita. .. • mente la mano di Emmanuelle scende verso il suo ventre. entf ». una felicita pill grande del consenso? Questa pensiero ba . Ma suo marito insiste. «Aspetta. Emmanuelle cerca di combattere il piacere che le annebbia la mente. I I • . «Ne sei sicuro?».Ie chiude Ie lab . Lei non si muove.. Jean le sonide con fiducia. attutita.. ripiegata come dal varco fra due onde: «Avro pure il diritto di aveme ~ . facile. Jean trova l'idea divertente: «Hai gia vista un campione dei suoi ta I -. le dita tac~ cano la c1itoride. Ma Emmanuelle fa una smorfia da bambina viziata che gl~ le d~~ segna il volto nattumo e la sua voce protesta. sta a farIa sprofondare nell'orgasmo. Lui. Dopo . . Emmanuelle esita un po'. sente se stessa afferrnare con sorpresa. esulta lei. distante. Jean ha un tano indulgente: «Capisco».. ' . le palpebre e Ie Iabbra hanno assunto l'immobile dolcezza del sonno. di un lieve canllon . i suoi rami infinlti. «E molto scaltra». ridotta a trofeo felice nell'ornbra avventurata del conquistatore: «Credi». «Perche Marie-Anne?». Lui si accontenta di baciarla. vero? E questa che ti tormenta?». 50 51 . meravigliato di avere tanto da dade. bra.. per rivelarti gli arcani della vita?». Infatti lui rimane stupito. toccandosi con le spalle e con le anche. penetrano il suo s~sso c~lm? d. appoggiato su un gomito. una volta consumato il suo destino. . nuda e illuminata dal piacere.senza curarsi di venire creduta 0 meno . «Ogni volta 10 sei maggiormente». con la schiena rotta.. non venire consultata. Emmanuelle annuisce.i sperrna.». mentre ricomincia lentamente a muoversi dentro di lei e si prepara a donarle la sua sostanza.. dice. vogla.na!». essere a sua disposizione. Una corrente nottuma circola nelle sue vene.. . . «sara stata Marie-Anne a darmi quella fissazione». «Pero mi piacerebbe».. .' In una stanza lantana. «che io sia la moglie che tu vuoi?». .o ha gri?ato fra Ie braccia di suo marito. poi alIa fine si finge . Lei non si preoccupa pill.: il suo SUCCO. somde nel vederla godere. ad ogni carezza che vede in sogno: risponde con una c~rezza identica. Ie gambe scosse ancora a lungo da fremiti dopo che la fronte. Dopa rimangano sdraiati fianco a fiance. ancora piu forte di quand. «Dormi adessol» dice Jean. •Emmanuelle vorrebbe poter abbandonarsi ancora di pin. le note regolan ~. perche nessuna goccia esca dal suo corpo. «La mia puIzella vorrebbe fare l'amore con Marie-Anne. con )'esagerazione che 1· Usiamo nei gesti e nelle parole quando vogliamo essere capiti senza dover aprire gli occhi. La culla. Esiste forse. non fare altro che ubbidire attivarnente ed aprirsi . di trafiggerla cosl profondamente.. la intontisce . una mano prigioniera del ventre e l'altra che preme a turno i seni. 1Jean si sparge in lei. .

«Bet! Anche lei e qui». ~.. Senza questa particolare. disse con ammirazione. Quando mota suI fiance. • Dei seni. china su di lei. feee notare Emmanuelle. Cerco di risalire... La rosa delle ore sfiorira in silenzlo. che ricorda la vulnerabilita della loro polpa e ne evoea alia bocea il succoso sapore. «mostri la zampa bianca! ». Ariane insiste: «Cost giochiamo aile naiadi all'ora in cui Ie donne perbene vanno aI mercato? Che cosa sono questi segreti?». Emmanuelle fu seccata ·che una delle "oche" l'avesse ritrovata. non per ascoltarvi dei pettegolezzi. delle dee e delle rose Fra le mie braccia mi sono ricreata diversa. La rosa delle ombre girera sulIe mura.. La contessa esaminava tranquillamente Ie grazie della sua prigio• rnera. Quando. Tuttavia fece il pill bel sorriso che pote. Per questa motivo i bordi dell'areola sembrano in rilievo. . . ne agli sguardi dei rari uomini presenti a quell'ora. «Ah_ per quanto mi riguarda non ~ la stessa cosa». YVES BONNEFOY ('·Ieri deserto regnante") Emmanuelle vuale recarsi al club per nuotare. Emmanuelle afferro Ie sbarre cromate della scala. vide che il passaggio era ostacolato da Ariane de Saynes che. come se delineassero un atollo. n movimento ripetuto delle braccia sopra la testa Ie ha fatto uscire i seni dal costume senza spalline. ostentando un'aria di mistero. disse. Un sottile solco circolare si e fonnato intorno alIa loro punta. PAUL VALtRY (f·La giovane Parca") Qui. esclamo. S3 . Emmanuelle non Ie chiese chiarimenti. Decide quindi di andarci aI mattino. «Strada sbarrata!». 10 scorrere dell'acqua mette in risalto illoro profilo e rende satinata la loro pelle. assomiglierebbero troppo ai seni di una statua. senza badare ne aI tempo che impiega. rideva fragorosamente. agilmente. LA! lastre chiare porteranno a piacer loro quei passi innamorati del giomo. la lora curva sarebbe forse troppo perfetta per turbare. - 'I ( «Lei ha un corpo splendido». ansimante dopo l' esercizio. e fino a sera. L'importuna non aveva fretta di cederle il passaggio. Percorre dieci volte la lunghezza della vasca.

pill offesa che lusingata. «venga con me sulla piattaforma». l'inforrno.. Era consapevole che si stava awenturando lungo una strada pericolosa... pagode. -Emmanuelle non sapeva bene cosa pensare di questa dichiarazione. perche non amava che si mettesse in dubbio la sua since: rita. dichiaro. del resto. 0 all'ornbra degli alberi da zucchero. qui?». Emmanuelle considero che tutto sommato la contessa aveva dei lati positivi. con la punta delle dita. . si apprezza la fortuna di essere donnal». «PuC> mettersi a suo agio». Trovi sempre un ragazzino disposto a farti vento per un tical. La contessa rispondeva di buonumore.. deserte e disseminate di conchiglie. Dim al suo amico che 55 4 ' 10· . Emmanuelle si preoc . da davanti ad Ariane. Emmanuelle non ebbe pill bisogno di sforzarsi tanto per apparire gentile. Ariane la osservo con un sorriso enigmatico e non rispose che do. disse. ha di che tenersi occupata per tre anni. rna ora cominciava a darle sui nervi. risero rumorosamente. con la schiena accarezzata dalla lingua dell' aequa e il viso di un innamorato che ti protegge dalle stelle. poi del sotto del suo costume da bagno. e visitare Ie 54 . Ariane fischio come di fronte ad un'enormita. ». E gli squali ti vengono a mangiare nella mario».. Ariane si volta brusca .intendo dire il mare vera. 0 meglio la meta inferiore dei seni nel costume da bagno (quasi tutta la punta ne era visibile) e si sedette accanto ad Ariane. Le piacevano Ie persone con cui pater restare senza parlare. Emmanuelle usc} dall'acqua. Dopa un po' di tempo. mentre il tuo prode ti rende omaggio. a squash. «Sono sicura». E un peccato che il mare . Ma vale il tragitto. ctMi dica. fare sci nautico suI flume. Ma in que) momenta Emmanuelle non aveva voglia di essere nu . sotto il sole. di notte.. Magari era un po' tocca. orlate da palme. come soppesando una misteriosa possibilita.. II sorriso di stima di Ariane non la ricompenso che a meta. di notte: stracolma di miliardi di piccole cose luminose.. Ad essere sincera. che rinvigorisce. cocchina .. rna temeva ancora di piu che la si 50spettasse di essere una donna virtuosa. Le spiagge sono straordinarie. quasi suo malgrado. L'acqua e incredibilmente fosforescente. poi. Restava. Non parlo dei cinema. I coralli vi solleticano i piedi. in questo paese?». fianco a fianco sulla piattaforma coperta da un tappeto di corda. giocare a golf. «Vorrei proprio vederel». Balbetto una spiegazione poco convincente: che il suo costume aderente non era comodo da togliere e poi da rimettere: che il sole era troppo forte . delle boite. mi ha subito interessata». delle serate da Tizio e Caio? Non e che in fin dei conti si finisce comunque con l'annoiarsi un po'?». ni alti di tipo nordico si awicinarono e attaccarono bottone in inglese. sulla difensiva. Di giorno. . Si interruppe.. Per fortuna. Emrnanuelle si volto ridendo verso di lei: «Che cosa vuole che Ie dica?». «che lei ha del temperarnento: non e la santarellina che pretende di essere. Le due ragazze salirono fino agli otto metri e si piazzarono a pancia in gill. «Eomeglio abituarvisi gradualmente». delle case di poco conto. «Ma va'I Non sono certo i passatempi che mancano. «TI cantano persino delle serenate. lunghe e larghe che non finiscono pill. «Sono noiosi». rna bisognava anche amrnettere che aveva un'aria tonica. all'infuori della piscina. Emmanuelle trovava che avevano un'aria incredibilmente stupida. •• Aveva pronunciato la sua sentenza con l'accento della convinzio. Ariane si libero velocemente del pezzo di sopra. E..sia a centocinquanta chilometri. fiorellino. oppure fare una passeggiata malinconica lungo i canali. Ariane riflette in silenzio.. Due ragazzo . «Non ha voglia di trovarsi bene. po un certo tempo. E che diavolo avevano queste ragazze ad accusarla sempre di essere una prude? All'inizio la cosa l'aveva fatta ridere. poi di colpo si decise sulla fiducia che meritava la nuova arrivata. scoppio a ridere Emmanuelle.• • . «Ha ragione».venga con me. La sua voce perse il tono di sarcasmo rnondano che aveva sinora affettato. una sera. la sua compagna si alzo con determinazione e la tiro per un braccio. distesa sulla spiaggia. chiese Emmanuelle senza fonnalizzarsi. dei cocktail. sull'orlo del bagnasciuga. In apparenza senza rancore. Dopodiche. Emmanuelle fece una smorfietta e Ariane s'incarico di informare i pretendenti del fallimento della loro candidatura. «Allora. a tennis. ahl. fece rientrare i seni. in cui si puc fare il bagno . ammise Ariane.. «Che cosa c'e da fare qui. Ma si puc>andare a cavallo. «Sl». se fai l'amore sulle loro tene. mente verso di lei e chiese: «Le dicono niente questi due?». si abbandonarono _ad una semi-letargia. Tuttavia fu proprio lei a rompere il silenzio dopo qualche tempo. lentamente. perche no? Ce ne sono quasi mille: al ritmo di una al giorno. continuo Ariane. con un tone che sottintendeva piu di quanto dicessero le sue parole. con la sabbia che ti massaggia. «Se ho ben capito ~ ancora questo 10 sport preferito. Non sembravano pero disposti ad andarsene.· ne ed Ernmanuelle penso che tutto sommato non sembrava cattiva. Ariane si decise a scostarsi daIJa scala. -. Fece alIa sua vicina una smorfia di amicizia. disse Emanuelle.. cupava poco del fatto di non capirci niente.. «da qui si fa in tempo a veder anivare la gente.

Daccordo?». «Non so se Jean 10 trovera altrettanto normale». prima di condurle lungo corridoi che odoravano di vapore e acqua di colonia. E quelli di cui Ie par10 se ne intendono di bel1ezza. 0 per motivi morah. Non ha . iI petto. lascio che Ie sue labbra disegnassere un sorriso furtivo e si rimise a sedere. concluse Ariane in to• no pacioso. Un'iscrizione in caratteri sconosciuti per Emmanuelle ne omava la facciata. 51 . Ie cinse la vita can un braccio e la strinse a se: «Le va di giurarmi di dirmi la verita?». · «Puoi entrare qui».. aggiunse: «Non aver paura. Non mi sognerei eli farglieli incontrare se non fossi sicura di loro e di lei». Pieni di spirito: giovani.. «Vieni. La conternplo con orgoglio. Cerco di sfuggime Ie conseguenze. di aspetto poco diverso da quelli europei. inchinandosi ripetutamente davanti a loro. con un po' d. Una volta che Emmanuelle fu spogliata. minuta. «una massaggiatrice vale I'altra. sul tono col Quale si sarebbe rivolta. «Non cerchera piu di farmi credere che non ha mai accolto in questa corpo da capogiro altri che suo marito. disse Ariane. Per Emmanuelle era una vera tortura. con piccoli colpi precipitosi. Emmanuelle lascio la sua macchina aI club e accompagno Ariane nel suo Cabriolet decappottabile. Come per U sole . «Ma». disse trionfante. suo malgrado. Quando ebbe terminato di farie il bagno e l'ebbe asciugata in un grande lenzuolo di spugna tiepido. n tono sembrava sottintendere che Emmanuelle avesse accettato ~ finnare ~n patto.. ». Ie fece segno di entrare nella vasca da bagno. aggiunse. «Non c'e fretta. tiro Ie falangi delle dita dei piedi. esitando.. odorante e calda. ando verso Emmanuelle e con dita diligenti.. Andiamo a farci massaggiare». s'inchino nuovamente... ben fatti e abili nella stoccata come nel taglio. ci sono solo donne». poi Ie pizzico i muscoli. Vedra che riunione parrocchiale ho in serbo per lei! In un raggio di cinquanta anni luce non ci sono spadaccini piu galanti ed arditi dei cavalieri di Ariane. colma di un acqua dai riflessi azzurrini. chiese Emmanuelle. per quanta nguardava 11lato che Ie sembrava pill imminente. Ariane alzo Ie spalle: «La conosco quanto basta! Non ho bisogno di sottoporla a un' osservazione prolungata per rendermi conto che ~ bella da far girare la testa a ragazze e ragazzi. Si fermo davanti ad una porta. Ie intima. . piccola e pulita.. Ma.. «Bisognerebbe essere un marito ben rozzo per odiare gli amanti della moglie».i condiscendenza. ad un solo piano. senza sbilanciarsi troppo. ascoltil 'Iutto questo mi irnbarazza». Non ha niente da temere.?». «E . .mman~elle sbatte Ie palpebre. Si rimise il bikini. ». vero? Perfetto. tergiverso Emrnanuelle. tra una vasca da bagno ed un tavolo per massaggi. «Ti prometto che non rimpiangerai di essere venuta a Bangkokl». S6 -Sembro colta da un'ispirazione improvvisa. Con un balzo si avvicino a Emmanuelle. La porta che la giapponese aveva aperto dava su una sala da bagno.. Emmanuelle si domando se fosse mula. ha una cena tra donne. Spinsero una pesante porta di vetro e si trovarono nella hall di uno stabilimento di bagni. poi Ie insapono con metodo le spalle. senza apparentemente dare molta importanza al fatto che la si capisse 0 meno. Si ferrnarono davanti ad un edificio nuovo. disse Ariane. Lei la bacia a1legramente sull'orecchio. il ventre. Emmanuelle non si era aspettata che Ariane la lasciasse sola Si sentiva disorientata. «Allora non 10 fara partecipare aI segreto». E. comincio a slacciarle la camicetta. con un soffitto molto basso. Non ~ questo. Progressivamente». la schiena. con Ie mani incrociate sui petto. pronuncio qualche parola. dove una giovane asiatica in camice bianco da infermiera stava. poi. la siamese invito Emmanuelle a stendersi suI grande tavolo imbottito. Prendero la cabina accanto. mi lasci almena il tempo eli abituarmi all'idea. dichiaro. «Naturalmente». Una giapponese in kimono a fiori Ie accolse can gentilezza. Viaggiarono per una mezz'ora in mezzo ai riscio e alle moto-taxi che riempivano di fumo Ie strade lungo Ie quali si allineavano Ie insegne cinesi. Aveva il visa di un uccello di ritomo da numerosi viaggi. Emmanuelle fremette quando la spugna gonfia di schiuma Ie passe tra Ie gambe. Anche lei fece una riverenza. ebbene. da ristoranti e da agenzie di viaggio. «rni conosce appena. Ritroviamoci tra un'ora». «suo marito? Non si formalizza delle sue frequentazioni?». Ie massaggio a lungo la nuca e Ie diede dei colpetti sulla testa. S~ f~~e bruscame11:t<: pill ar?ita e affermo: «Non creda che sia per pudicizia. piccolina. circondato da negozi di mercanti di seta. Dapprima Ie batte sopra con il taglio della mano. premette sui polpacci e sulle reni. Ariane scoppio in una risata piena di sincerita. Passe) un asciugamano umido suI visa della sua cliente. glielo ha forse confessato ogni volta?». «Vedi».. «No. Ecco che ricominciava la ricerca di confessioni! Ma a che pro difendersi? E doveva forse sernbrare pi~ ingenua di quanta non fosse? Scosse la testa per rispondere neganvamente alla domanda di Ariane. I seni sodi e caldi contro la sua spalla Ie facevano perdere un po' iI controllo.

delusa. Si inarco. un cliente . Emmanuelle si tratteneva con tutte le sue forze. Da automobilista provetta pensa ai colpi di una biella. appesantita dal vibromassaggiatore. lasciando Emmanuelle inerte e molle. esegul minuziosamente.. adesso. con voce appena udibile. Con Ie palpebre chiuse. rica? Che utilita hanno questi rigonfiamenti e questi incavi? Perche questa figliola non mi tocca pill in basso della peluria del mio ventre? Le labbra del mio sesso SODO a1trettanto lunghe e belle e buone da leccare che quelle della mia bocca. rna la sua resistenza fu di breve durata. ~ lungo. rot accarezzero da sola. dalle cosee aile caviglie. si eorregge nuovam~nte: dall'a1tro lato della parete. ad un pistone oliato male. ~. tra i seni. Lo staranno strangolando? Chi sta commettendo II crimine? La vittima e un cliente del salone di massaggio? A meno che non sia. "Ma quali baci. certa del risultato. Quest'ultima. ci passi attraverso. ascoltava ora il suo cuore battere. II Marie-Anne torno da Emmanuelle per quattro pomeriggi di fila. al contrario.0 una c1iente .. quando questa donna nuda chiude gli occhi».. dopo che Ie mani si furono allontanate da lei.. Le mani continuarono il loro lavoro sui punti sensibili del suo petto finche l'orgasmo non calo d'intensita. che essa sia cosl ben disegnata e cos} se . esse salirono fino aile areole. avvicinava Ie . grido lamentosamente durante lunghi minuti. con le sopracciglia inarcate. . Godette di nuovo. Un fremito scosse Ie carni di Emmanuelle. un rantolo. allora.che sta violentando un massaggiatore. E non e Ariane. Davanti a lei! Le farO vedere che cosa bisogna fare ad una donna. si calma.. "Tutto il mio corpo e stato trattato come una vulva tranne appunto la mia vulva! A cosa serve. Ie faceva subire un interrogatorio piu incalzante. Quando Emmanuelle cornincio a gemere. Una stranezza di cui si rende conto poco a poco la distrae dai suoi pensieri. che fisso sui palmi di ciascuna mana: emisero immediatamente il ronzio di una trottola.maggiore piacere p~SSIbile. La sua cadenza Ie ricordava un tamburo africano. poi pronuncia. e piil probabile che un uomo stia soffocando. Ie lambivano Ie reni. Ma non sono dei colpi: piuttosto una voce. sia suIle effusioni che l'amica scambiava con suo marito sia sugJi eccessi delle sue fantasticherie quotidiane. Un uomo che grida. abbastanza forte perche il suono superi )'0" stacolo del materiale isolante che separa Ie cabine e protege i lora occupanti da indescrizioni inopportune. Emmanuelle feee di sl con la testa. cos} violentemente che persino il visa della massaggiatrice rispecchio un ~erto spavento. di certo non c e un motore che funziona male. con una competenza irresistibile. Le onde l'attraversavano. ne le las~la~a il tempo di riprendere fiato.• I i I I Un po' intontita. esigendo . aggiungendo ~l Vir: tuosismo dei suoi palpeggiamenti. . sotto Ie ascelle.. una frase che aveva I'intonazione di una domanda. «Se tu ti fossi concessa nella realta a tutti gh uommi con 1 quali 59 58 . Contemporaneamente. stringendo fra Ie sue dita contratte i bordi del tavolo bianco. Con sollievo. guardandola. disse Ariane quando si ritrovarono all'uscita. i" e . Qui ci sono dunque dei massaggiat~rl? Ariane ha assicurata che non ci lavoravano che donne. ·Ogni volta. rna quando ti ci metti. Emmanuelle non e piu certa che si tratti di vere e proprie grida. Le sue gambe si separarono e sollevo leggennente il pube con un movimento di inimitabile grazia. Non prendeva nessuna precauzione di dolcezz~. tra le natiche. Ora non mi verrai piu a dire che preferisci la matematica». un lamento sordo.. in realta?" penso. ripassando sulle proprie tracce come un ferro da stiro su un tessuto delicato. Queste mani vibranti strisciarono lentamente sulla superficie del corpo nudo. intan~o. un ansimare. sulla superficie e nelle pieghe del sesso. girarono intorno. La massaggiatrice prese poi da un armadio due apparecchi delle dimensioni di un pacchetto di sigarette. Ma Ie mani si allontanarono e risalirono verso il busto. affondando dentro ogni punto che offrisse una cavita 0 una piega. Poi cercarono sulla superficie intema delle cosee i punti piu ricettivi. Emmanuelle si sentiva malgrado tutto rilassata contenta. prima di aver avuto il tempo di mettere in pratica il suo progetto: al ritmo rumoroso del suo euore risponde un' eco da dietro una delle pareti. ..delle nuove precisazioni. Rispose all Inchiesta della sua paziente can un sorriso compassato. nella sua lingua. andando e venendo con professionalita. senza sperare di farsi capire. . sapendo con esattezza in ehe modo dare 11.e ottenendo . . La mano. Ma no!. a sua volta. .avev~ spostat?. Ma bisogna forse credere sempre ad Ariane? Emmanuelle interrogo la giovane siamese su tutte queste cose. Ie sue cure dai seni aIle spalle. intrufolandosi nell'incavo del collo. talvolta premendo sulle punte e faeendole rientra.sue dita affus~late aI basso ventre di Emmanuelle. la cui pelle tesa avrebbe reso baci ai baci. ressa l'occasione che Ie offro. ~ un uomo.re nello spessore dei seni. Dopo aver teso un attimo l'oreechio. era espert~. singhiozzante. eppure la bocca chiusa di questa muta non sembra aver voglia di baciarle! Ebbene se non Ie inte. «I muri saranno anche Insonorizzati». Ie cui sofferenze fossero incongruamente amplifieate. i moviII?enti ne~ quali. Em~anuelle Sl contorceva ancora. che protendeva Ie labbra del sesso come per il bacio di un bambino. dei suoi sfregamenti e del SUOl graffi al potere delle vibrazioni elettriche. con impazienza. come in attesa di un penn~sso. con gioia.

di accarezzarsi da sola. ieri l'ho fatto un sacco di volte. Vi faceva a rnalapena qualche goffa allusione. di ammaliante in una tale passione nascosta dietro a quello sguardo eli madreperla.0 quasi niente . e duro... La riuova arrivata ricordava a Emmanuelle Ie indossatrici parigine che aveva amato.. Emmanuelle si rendeva eonto che provava un piacere cerebrale e fisico maggiore nell'offrire ad un'altra 10 spettacolo della lussuria di quanto ne avrebbe avuto come spettatrice. credo». «Ma. Infatti Emmanuelle scopriva. Arrivava al punto di domandarsi . Le dee di alabastro sono diven. «No»~ + • Emmanuelle assentl col capo" «51. di tanto in tanto. «Perche no?».se questa insolito ritegno non fosse in realta una ricercatezza superiore e nuova. ribatte Emmanuelle ridendo. una strana impudicizia erano in lotta nella sua anima. argomento. l'imponderabile languore. con quella che chiamava la sua "esperienza". tutta intenta ai suoi compiti di bambina modello. allo stesso tempo. che nonnalmente avrebbe dovuto farla soffrlre . quello ehe intendeva Baudelaire quando diceva "il movimento che disturba la linea". Una volta partita la sua arnica. nel salone ammobiliato in modo pretenzioso. l'ernozione che provava Emmanuelle non si esprimeva che attraverso il moltipIicarsi delle carezze che praticava su se stessa: non osava toecare la sua arnica. a prima vista a1trettanto fuori luogo di lei in quella compagnia. Ie sopracciglia di ambra. che vedeva educatamente seduta sui tappeto.. stesa sulla sedia a sdraio. e Ie due ragazze da allora trascorrevano i loro incontri completamente nude. inventata inconsciamente dall'intuizione dei suoi sensi e se la privazione del corpo di Marie-Anne che cos} si infliggeva. sulla terrazza circondata da fogliame. Una strana pudicizia e. Trove. mini». Marie-Anne si spogliava: non aveva anzi fatto nessuna difficolta per togliersi la carnlcia. 61 . Aveva come loro la vita slanciata. in quel posto.. «Che intendi dire?»..i meritevole in una concezione tanto esigente del dovere della bellezza.. . un faseino piu perverso di quanta forse avrebbe avuto un rapporto fisico. quando iI suo interesse fu risvegliato dall'arrivo di una giovane molto elegante. e rifiutando di rifler. disse. Emmanuelle fu invilata a prendere iI t~ dalla madre di Marie-Anne. la curva infantile delle ciglia disegnava su quel viso un'ingenuita talmente improbabile da sembrare sfaceiata. una decina di "signore" che Ie sembrarono una piu perfettamente insignificante dell'altra. senza concedere 60 nulla in cambio ai desideri della partner . «E accarezzarti non ti stanca mai?». Almeno quindici. «Quante volte 10 fai.. fino a sera. r :.una fonte insospettata di godimento sensuale. ». E se ogni giomo era impaziente di ritrovare la sua arnica. 10 so».t I l'hai fatto nella tua immaginazione» osservo un giomo. «saresti una donna completa» ~ «Di' piuttosto che sarei marta». Ma non sembrava tentata. Cosl come una volutta sconosciuta nasceva in questa modo dalla frustrazione di queUo che Ie era sempre parso iI piu naturale di tutti i desideri camali. c'era un unico tipo di confidenza che Emmanuelle non osava fare apertamente alla ragazza. GiA rimpiangeva di non poter essere sola con la sua confidente. E pesante. l'incantesimo non veniva infranto: Emmanuelle rivedeva col pensiero gli occhi verdi puntati suI suo sesso e. terci troppo a fondo .seppur confusamente. a volte fa persino male. senza riuscire a capire se Marie-Anne la cogliesse 0 meno. sopra la maschera delle sue amiche.«Ci sono delle donne che 10 fanno altrettanto spesso con degli uo. Constatando la facilita con cui si rassegnava a non sapere niente . «Credi forse che sia possibile far l'amore con degli uomini altrettanto spesso di quanta si possa procurarsi il piacere da sole?». .. Appena giunta. continuava a masturbarsi . Emmanuelle sorrise pudicamente. quanto ci fosse di modesto in una ricerca cos} assoluta. Ciononostante.. ormai non era pill tanto per l'eccitazione di contemplarla nuda 0 di essere testimone dei suoi giochi lascivi. sotto 10 sguardo attento di Marie-Anne.a toccarla. La bocca semiaperta "come una rosa". a pater capire. J •. scopriva un'altra valenza erotica attraverso il segreto gelosamente daUa sua amichetta sulla propria vita sessuale.. il distacco illusorio e Ie pieghe marmoree. benche 10 desiderasse al punto di perderci iI sonno. e aI quale aveva attribuito iI valore piu alto.su Marie-Anne. e stancante essere posseduta da un uomo!». Lei stessa non riusciva a spiegarsi bene una timidezza ed una discrezione che nulla. quanto per quella. pra occhi smisurati. nel cornportamento della sua visitatrice.. in questa situazione. senti.la ragazzina usufruiva di lei a suo capriccio. quando Emmanuelle glielo aveva suggerito. infinitamente piu scandalosa e di conseguenza piu deliziosa. adesso?». ne invitarla. E non conosce per forza iI modo in cui Ie ragazze preferiscono godere . «con un uomo non ~ mica sempre cosl eccitante. non avesse in definitiva un sapore piu sottile. Ricordava di avere scoperto nella stesso modo. Emmanuelle pensava con intolleranza di essere senza dubbio l'unica. sembrava giustificare.~ . «In fin dei conti». inarcate 50.. Paradossalmente. d. Il mercoledl successivo al loro primo incontro. «Sai. "presa in prestito ai pill gloriosi monumenti". contro ogni istinto e ogni logica.

Sei tu che non ingrani molto». Fece il possibile per mostrarsi interessata al progetto. «Chi altri?» . » «Stai parlando di Bi?». guarda. «Ho un uomo per te».. conosce ogni cosa. esattamente il dop- . 63 . «Niente. Sono io che gliel'ho affibbiato. «Questa mi giunge nuova! E me 10 annunci cosl! E cosa sarebbe quell'i'uomo per me?"". e una roba irnpronunciabile. naso aquilino. Marte-Armel». . pur non essendole particolarmente riconoscente per quella sollecitudine.». «Ab! Allara . ' «Ha i capelli grigi! Ma ~ un vecchiol». «Non hai nessun bisogno eli chiamarla». con l'aria soddisfatta di chi ha portato a termine una missione. «Io e Ariane •. Credo che stia scrivendo un libro sull'argomento. Snello. Fruga tra Ie rovine. «Dimmelo 10 stesso». come ti dicevo. sarebbe stato "quello che faceva per lei". E per questa che dieo che devi sbrigarti: l'anno prossimo sarai troppo vecchia. disse. come 10 scrive?».. per Emmanuelle.In 9ue) ~omento ~uesta evocazione s. . «Si chiama Bi? Che strano nome!». E molto intelligente. «Ho detto Bi. Emmanuelle non pete fare a meno di ridacchiare. chiunque fosse. «Naturalmente. 10 preferisco scriverlo b. molto bello. E proprio quello che fa per teo Devi assolutamente conoscerlo al piu presto». Ma non ho dubbi che non riderai pili come una stupida quando 10 vedrai. . . . E ora tutti hanna dimenticato l'altro». ~ual~~sa di trionfante come quegli occhi grigi e di indiffer~nte al gludizio della gente come quel tailleur il cui taglio sfidava le hnee del corpo e del quale la donna sembrava riuscire a mantenere chiusa la scollatura solo grazie ad un difficile movimento del braecio. uMa lei.iderav~ ch~ un giomo la sua vita diventasse qualcosa di prezios~ e di ben rtuscito come la complicata acconciatura di quei capelli di bronzo. Marie-Anne! Ti sei rimbambita? Ll.. Con appena qualche meche argentata per fare chic». Anche lui ~ nato sotto il segno del Leone».tate came... I'uomo che crede solo nei paradisi inaccessibili e negli dei inanimati. Ha proprio l'eta che fa per te. ~he pero uno era tentato di immaginare che attestasse. sarebbe stato bello trovare la propria forma (non pensava tanto alIa forma del corpo . «Ohl Non ~ mica un nome. «Naturalmente non e iI suo vero nome. Ma. ccMa cosa ti importa? Non riusciresti a ripeterlo. «Insomma. piiJ che altro non fa niente». · «Com'e il tuo bell'uomo?». «Che cosa fa a Bangkok?». Questo tono di urgenza. E. s~oi entusiasmi di scolaretta e Ie palpitaZIOru pl1J adulte del salon! di prova. «Tipico Marchese fiorentino. Pensava che Ie sarebbe piaciuto diventare anche lei un'opera d'arte. Prima che sua madre avesse avuto il tempo di presentare la nuova arrivata. trentotto anni. «Ma non la posso mica chiamare Bil». Non era affatto sicura che iI candidato. nella quale 81 trovavano in parti uguali i S?p0!I ~ncora rece?ti dei. pio della tua. ». studia l'epoca dei buddha. Va a zonzo per iI paese. Si scrive b con due e. Ci ho riflettuto. rna non voleva deludere la sua tutrice. 62 «Come? Non credermi se vuoi.emozlone ambigua. davanti a te . «Sl. rna l'uomo ha conservato il desiderio delle statue. tipico di Marie-Anne. e che. colorito scuro. la sconfitta degli elementi e 11fiasco delle convenzioni di fronte al sovrano capriccio dell'umore delle donne.. . visa ossuto . divertl di nuovo Emmanuelle.quanta a quella dello spirito).icaricava.. «Come hai detto?». Marie-Anne si alzo e attire Emmanuelle in un angola del salotto dove nessuno poteva sentirle. .i. come i tuoi. In inglese significa ape..che non aveva motive di voler cambiare . e la carne adorata e ridiventata pietra. un nome inglese assolutamente grottesco». benche non sapesse concretamente in che cosa consistesse questa realizzazione des. rna non era ancora sicura che t~ andasse bene. con un movlJ:ne~t~ freddoloso in quel clima torrido. di un . esito. Del resto l'anno prossimo non sara pill qui». mentre era arrivata a Bangkok come argilla.. alto. «Anivata dove?». poi si limite a chiedere: «E inglese?». «E un Italiano. «Ma ha i capelli neri e lucenti. Emmanuelle guardo Marie-Anne con stupore. chi ~ quella ragazza fantastica?». Lo conosco da tanto tempo. Emmanuelle interruppe bruscamente Marie-Anne: «Dimrni. «Come glielo dico io».~quella che e appena arrivata».. E pill chiaro». Nel museo ha persino trovato delle cose che il custode non aveva mai visto. occhi neri intensi e profondi. ' «Ma pensa un po'l». «Ragazza fan tastica?». Garantito che non ne hai mai incontrato uno cost. «Ma qui.

«Ma non farmi ridere! II mio tempo non ~ poi cos} prezioso." 1· «Allora e pili zitella di me. Cosa c'e. avresti potuto almeno farvi accenno». davano un'impressione eli intelligenza e di Iiberta. «Ma se la ami tanto. Disse semplicemente: «Ohl» su un tono di dubbio.. sei gelosa? Hai paura che te le ru1. disse. B l'infelicita la terrorizzava al punto di essere incapace di amare chiunque facesse sfoggio delle proprie sofferenze. Non ~ per forza qualcuno che amo». aNon vedo cosa ci guadagneresti a perdere il tuo tempo con una banda di ragazze». ma solo una passione selvaggia. ne dopodomani. • Sa. che si diresse verso di loro. questa Bee -10 trovo piu carino scritto in Inglese.. Apparentemente. . «mi sposero e tornero negli Stati Uniti. La sua scansione era calma e non esitava mai.. Dato che non ho intenzione di ritiranni ne dornani. era venuta un anno prima a trovare suo fratello. Non ho voglia di lavorare. Protesto: «Non mi sento ancora decrepita» . «Cosa ti fa credere che io la ami? E. ptattutto di passeggiare per la citra. Emmanuelle stava per chiedere: ritirarsi da eosa? Ma temette di essere indiscreta. perche era cosciente di essere felice anche lei. pero. Aggiunse: «Non e una cosa negativa ritirarsi». La bellezza di smalto del suo visa (in apparenza esente da qualsiasi trucco. «E fidanzata?. Chiaramente Bee non doveva preoccuparsi n~ eli dominare gli altri ne di lasciarsi a sua volta sottomettere.. Si scambiarano delle banalita innocue. Si senti vendicata. avrei qualche problema a comunicarle il prescelto». Bee sorrise di nuovo. visti da vicino. «Questa ~ Emmanuelle». «Marie-Anne! Ma come puoi pretendere che ti si capisca? La verita e che non vuoi raccontarmi niente suI tuo canto.anche lei ha un piede nella fossa. «Questa poi! Perche non mi hai mai parlato di lei?». bi? ». «E questa Bi. non ~ pittoresca neanche un po'». uMa perche non vieni! Invece di continuare a sparare scemenze». Talvoita 51 vergognava di questa tratto del suo carattere. e il giorno prima della vigilia non si sa ancora con chi. si direbbe proprio che ho i giomi contati!». Da come parli. succede in fretta» . passava in secondo piano quando l'allegria irradiava attraverso di lei come i1 sole attraverso una vetrata. non hai intenzione di presentarmela?». Emmanuelle non si stacco da Bee.n • «No. nel mio paese. che esercitava le sue funzioni di attache navale presso l'ambasciata americana. con quel nonsoche di quasi imbarazzante per 1a sua eccessiva perfezione. Marie-Anne non fece commenti. ci si fidanza la vigilia del matrimonio. secondo i tuoi calcoli?». Era molto sincera e molto carina . chiese Emmanuelle . Emmanuelle penso che quella donna aveva il visa e l'intonazione della felicita. Viveva da sola a Bangkok? No. in fin dei conti era ancora ll. protesto Emmanuelle. Questa domanda Ie fece scoprire la risata di Bee. 5064 «No». Volle sapere di che cosa si occupasse Bee. In quel momenta non si aveva piu voglia di dire: che bella donnal. Fu Bee a informarsi: «E contenta di essersi sposata cosl giovane?». come se avesse rivelato il nome di qualche criminale. «Ha ventidue anni e otto mesi». ». Mentre Marie-Anne faceva conversazione con Ie signore. «Quando ne am abbastanza di queste vacanze prolungate». «Lei? E Ia mia migliore amica!». rna. Non aveva nessuna fretta di andarsene. ma: che aria simpatical Emmanuelle. Ma non preoccuparti. mia amica e basta. benche non denotasse un euore duro. Non parlarono di niente in partieolare ma era evidente che entrambe trovavano piacere nello stare insieme. vata si accordava bene con il suo sguardo. Marie-Anne feee segno a Bee.I grandi occhi grigi. «Non ti posso mica parlare di tutte Ie ragazze che conosco». chiunque si lamentasse. «Ohl sl. «e sicuramente la cosa migliore che io abbia fatto in vita mia». disse Ernmanuelle. Bee sonise con indulgenza.. «Ho l'impressione che non ti piaccia rnolto». «Be' . quasi ossessiva.. Emmanuelle sapeva quanto impegno e quanta pazienza c'erano voluti e quante ore di sapiente armeggiare con pennelli e creme). Cosa non si dovra sorbire!». rna per eseguire una cost perfetta simulazione della natura. americana. almeno significa qualcosa . preferiva ancora di piu pensare: come sembra felice I Sentiva ehe questa condizione Ie avvicinava. ~ «Ma sposarsi non significa per forza ritirarsi». Emmanuelle penso tra se e se che di sicuro Marie-Anne aveva del filo da torcere con lei. «Se ho ben capito. Adoro non aver niente da fare». per la bellezza. Emmanuelle fu colpita dall'aura di bonta che emanava da lei. All'inizio aveva avuto l'intenzione di restare solo un mese. 6S . «Oh! Sai. Emmanuelle chiese ancora: «E gia sposata?». Un'intima allegria la riscaldava. E non vuoi che io conosca Ie tue amiche. parla francese come me e teo Non ha nemmeno un accento. Marie-Anne sembrava esserne talmente convinta che EmmanuelIe ne fu turbata. disse Marie-Anne. La voce della nuova arri.

pill diventano sodi. con Ie braccia e Ie gambe divaricate. Insegnera a Emmanuelle a giocare a squash. di cui non aveva mai sentito parlare prima. rna se l'occasione si fosse presentata. automaticamente rialzata da molle. servendosi di una racchetta di diametro piccolo e dall'impugnatura lunga. s'inforrno Ariane. Ariane diede il segnale del riposo e fece scendere la scala. troppo forte per potergli resistere) e un pube attivo premerle contro attraverso la stoffa dei calzoncini.. che generalmente era piuttosto fiera del successo che suo marito aveva con Ie altre donne.. Marie-Anne Ie grido in tone indaffarato. La contessa aveva riattaccato prima che Emmanuelle avesse tro . infilarsi un paio di scarpe da tennis e farsi trovare allo Sports Club entro mezz'ora. contra la Quale Emrnanuelle. TIro fuori due asciugamani da uno zaino che aveva appeso alfe sbarre. Ariane portera delle racchette e delle palle: l'unica cosa che Emmanuelle deve fare e mettersi dei calzoncini. Basta guardare i miei» . Era sudata fradicia. colpita dagli smash di Ariane. senza potersene spiegare esattamente il motivo. ridendo fortissimo quando i capelli sciolti le frustavano il visa.. rinunclo aile sue sedute mattutine di nuoto. birichina. e si prepare volentieri. era arrotolato sotto Ie ascelle. . a cui sono sottoposti. Emmanuelle sentl dei capezzoli cercare i suoi (quando li trovarono. riceve una telefonata da Ariane. facendo scivolare Ie braccia sotto quelle della sua allieva. Scoppiarono a ridere. Si tolse la maglietta e si friziono con energia. Piuttosto che correre il rischio di incon . Ariane la bacio come Emtnanuelle non era mai stata baciata prima: molto pro fondamente . troppo tardi. Tiro su il pullover. rna che Ie avveleno l'intera giomata. che con Ie due mani afferrc per la vita e sollevo leggermente dal suolo l'attonita Emmanuelle: non immaginava che Ariane fosse tanto forte. Era talmente ramrnaricata per questa dimenticanza che non riusciva a rispondere aile domande del marito. tire..un violento morso di gelosia che cerco di nascondere a Jean. si era aggiunta una congestione tutt'altro che spiacevole. Ariane spiego che il gioco consisteva nellanciare a tumo una palla dura di gamma contro la parete. che la lasciava fare.. Emmanuelle era anzi piuttosto contenta che la sua amichetta 1a tra. a prima vista. Dopo una mezz'ora. La piccola palla nera. Quest'ultima dichiarava: «Non creda neppure per un istante a tutte quelle cavolate suI tennis 0 sull'equitazione che farebbero cascare i seni se non Ii si imprigiona dentro dei pacchi sorpresa.. l'insieme Ie sembrava simile ad una fossa. Che cos'e? Una specie di tennis che. poteva anche essere divertente. «Mai». Dalla galleria dalla quale 10 esaminava. Poco tempo dopo questa conversazione.. Eo esatta66 mente il contrario. Un pavimento. scurasse. «Brava!». Emmanuelle. Pense che dopo tutto questo sport. quattro pareti di legno e un tetto. La sua posizione inclinata all'indietro Ie faceva recuperare i pochi centimetrl che aveva in meno. La sua partner Ie frizionava i seni c-on delicatezza. Ie non aveva la forza di alzare Ie braccia per toglierselo. Ie sue labbra. No. ed Emmanuel . trarla allo Sports Club. . fradicio. A Emmanuelle piacera un sacco. Emmanuelle penso. ansimante. di stanchezza e di sete che bruciavano la laringe di Emmanuelle. Ariane lascio cadere l'asciugamano e. «non ne possiedo neanche uno». ) . rimpianse di dover par . rna che ha appena avuto un'idea geniale. senza trascurare alcuna superficie. nel bel mezzo del terrapieno. aveva paura di rivedere Ariane. filava talmente in fretta che Emmanuelle doveva correre come una matta da un muro all'altro. e continuo per molto tempo dopo che furono asciutti. rilanciava la palla abbastanza brillanternente rna si sentiva mancare Ie gambe ed era senza fiato.. finse di lasciarsi crocifiggere. dimodoche Ie loro bocche si trovavano esattamente alIa stessa altezza. perche 10 si pratica al coperto. si pub giocare anche se piove. Amava la sua foga e la sua mancanza di manierismi.. «Porta il reggiseno?». senti questa volta . non avrebbe esitato. Ie due donne scoprirono che erano vestite nello stesso modo: pullovers gialli di cotone e calzoncini neri. II . Aveva fatto l'arnore con lei? aveva voluto sapere Emmanuelle. salutandola: «TI chiarna io!». Per uscire dalla fossa. Emmanuelle non fu l'unica a pater ammirare il suo busto da Diana cacciatrice. appunto. Aveva chiesto a Jean come trovava la giovane contessa e lui aveva risposto che Ie sembrava una ragazza molto bella. I . Trove che un campo da squash era. data che in definitiva non ne aveva avuto con Ariane . Aile aspre sensazioni di affanno. la cosa piu banale del mondo. avrebbero dovuto far scendere di nuovo la scala tirando una fune. Ariane la spinse contro la scala inclinata. protesto Emmanuelle. Il suo pullover. dove circolavano altri giocatori. A1i'improvviso. Quest'ultima Ie dice che e esasperata dalla pioggia che cade ininterrottamente da due giomi. si entusiasmo la compagna. 67 .contro ogni logica. esplorando via via. si strinse a lei con tutto i1 suo corpo. Quando si incontrarono al club. Scesero con una scala. che ruoto intomo alia sbarra superiore per agganciarsi contro Il tetto. poi si avvicino ad Emmanuelle ed usa l'asciugamano asciutto per detergere Ie spalle e la schiena dell'arnica. ~ ! . Quando Jean la venne a prendere. vato il tempo di inventare una scusa. si abbandono al piacere. Ernmanuelle.. Lo sport Ii rinvigorisce e pill duri sono gli sforzi. che avrebbe proprio dovuto chiedere a Bee il nurnero di telefono.

poco prima. e inizio a strofinarci contra il sesso. la sua partner aveva ritrovato I'ironia e l'entusiasmo soliti. I talloni di Emmanuelle si aggrapparono ad una sbarra. to . una coscia di Ariane. Ariane la lascio fare per qualche minuto. indurirsi e trovare rifugio nella solidita dell'altro ventre. Emmanuelle si giro e si inerpico su per la scala. nuelle si ostinava a tacere. dal rifiuto di Emmanuelle e se ce l'avesse con lei. Non provava altro che pudore e un senso di allanne. Non sentiva piu la sete che. Ariane la segul. Emmanuelle rimaneva esterionnente Impassibile. in realta. Poi allontano Ie sue labbra e guardo la sua compagna con quel soniso che aveva cos} spesso e che sembrava esprimere la soddisfazione di aver appena fatto un bello scherzo.. Ma Emmanuelle scosse la testa in cenno di diniego. senza preoccuparsi di incrociarlo suI petto. «Dimmi». penetraro . ma con gentilezza: «Hai ancora abbastanza forza nelle gambe per risalire la scala?». Aveva fretta di separarsi da Ariane ed era decisa. Infine. un intuito ammirevoli. poi due dita. rna la conduttrice del gioco manteneva la testa a distanza. i suoi denti. sernisvenuta. hai lasciato giu il tuo pulloverl» osservo. Con l'aItra teneva la mana eli Emmanuelle. . Emmanuelle provo all'improvviso un profondo imbarazzo e abbasso un visa da bambina imbronciata. Chiese. Ebbe la sensazione che una lava straripava da lei e colava. si sarebbe forse accorta con sorpresa che non scherzavano piu~ Thttavia quando Emmanuelle si riprese. E subito propose: «Vuoi che te 10 vada a prendere?».. rna.. dilatando le pareti delle mucose. Dei gruppetti passando fecero loro segno. Si muoveva dolcemente... • ~. la sua amica )'accolse tra Ie sue. aneora una volta.Il . ogni anfratto e sporgenza della sua bocca. cos} a lungo che non seppe mai se quel bacio fosse durato minuti oppure ore. Ariane Ie mollo la mana e Ie si mise di fronte. . imperiosa e maliarda nello stesso tempo: «Rispondi! Non hai mai fatto l'amore con una donna?». Credette che Ariane volesse baciarle i seni. strette assieme. Di nuoVO. scoprendo ancora di pill la nudita dei suoi seni. «ti va?. le irritava la gola. Sfiorarono la clitoride. non voleva che i seni di Ariane si allontanassero da lei. reI Non ne vale la pena. Arianesi avvicino e Ie sue lab bra si mossera contro quelle della sua arnica. Intanto Ariane insisteva.) . la sua lingua. rna non disse piu f 1 • . quando si allontano.. Se Emmanuelle avesse potuto vedere in quel momenta gli occhi di Ariane. e i suoi occhi ironici non si staccarono da quelli della sua vittima. Emmanuelle aveva di colpo la sensazione che il mondo intero Ie stesse guardando. «Sali». la sua anima era in preda ad uno smarrimento che lei stessa non riusciva a capire facilmente. la cui ironica eloquenza non aveva bisogno eli parole. mormoro con un tono serio. il suo pala . mentre camminavano insieme verso il garage. . Emmanuelle abbasso Il capo: la sua perplessita. come aveva fatto nel momenta delloro arriVO. Quando l'erezione divenne talmente forte che EmmanueUe non fu piu che un'enorme gemma pronta a scoppiare.braccia e la strinse contro di se. densa e calda. «Oh. aprendosi e offrendosi a quella mano che Ie frugava dentro. La guardava con un'espressione di interrogazione e di attesa. Con Ie braccia tese la teneva per 68 niente.senza quasi rendersene conto. la mana di Ariane si era insinuata attraverso la gamba dei calzoncini e prendeva passesso del suo sesso umido. sapendo che Emmanuelle aveva bisogno di questo sfogo per)' eccessiva tensione dei suoi sensi. Desiderava essere baciata di nuovo. Era eli nuovo molto vicina. la sollevo lungo la scala. strinse tra Ie gambe . lungo il braecio di Ariane. «Vieni a casa mia». e lei rese allegramente il saluto. Le dita di Ariane erano abili. «una donna ti ha mai fatto questo?». esperte ed efficaci quanta la sua lingua. Incarnazione della decenza umana e della cattiva volonta. no risolutamente nel pill profondo delle sue carni. (Si accorse poi che aveva appena dato del tu ad Ariane per la prima volta. quasi soffocato che Emmanuelle non Ie aveva mai sentito prima.. ~ completamente rovinato» ~ Si gettb I'asclugamano sui Ie spalle. Ma quest'ultima fece un gesto di regale indifferenza: «Lascta sta . L' a1tra Ie prese il mento tra Ie dita per alzarglielo. Emmanuelle abbasso la maglia sempre bagnata fino alla vita. con un semplice movimento del bacino. Prima che Emmanuelle avesse avuto il tempo di farsi un'idea chiara di quello che Ie stava succedendo. lungo la scala. Con una mana dondolava Ie racchette e il suo sacco di tela colorata.. mentre finalmente si incrociava suI petto I'asciugamano. dimostrando un'attivita. Una volta arrivate davanti alle macchine. Scelse di fare orecchio da mercante. mormoro. con un atletico colpo di reni. Ma quest'ultima l'afferro bruscamente sopra i fianchi e. Ariane tenne a lungo fra le dita iI mento ribelle. Emmanuelle era contemporaneamente imbarazzata da quello sguardo e rassicurata dal fatto che Ariane mettesse cost poco sentimentalismo nei loro abbracci. in modo che la sua clitoride potesse gonfiarsi. disse.. niente nel suo sguardo allegro e nella sua espressione da ragazzina rivelava se fosse rimasta delusa Ie spalle. a non rivederla mai piu. Emmanuelle si lascio trascinare nell'orgasmo senza opporre resistenza. la confusione 69 · 'J . • . dopo averle solleticato la punta del naso. Emma . Nel momento in cui scivolo. massaggiando la solida protuberanza della matrice. accumulando semplicemente Ie forze per godere il piu possibile... scoppiando a ridere.

invece. Ha comprato delle camicie da notte dopo il suo matrimonio per vanita e non per pudore. Restava Ii. Ariane non insiste affatto. Le sarebbe piaciuto vederle di nuovo i seni.. to. cerbiattina» disse con allegria. Il d<?ppio piacere di ritrovare Jean e di scoprirlo cosl ben sposato riemprva quella domenica di spIendide prospettive. Lorio non scende piu basso dell'inguine. dimentlca. Christopher arrive) 10 stesso giorno.. Lei non ha obiezioni. Non osa portare aile labbra la tazza di te.. to niente per meritare tutto questa ben di Diol». Quando fu partita.- . di dove voleva andare e delle manovre che bisognava fare. non puc staccare gli occhi dai suoi seni animati dal sole attraverso le pieghe della stoffa: i capezzoli la perforano come macchie di sangue. Non nascondeva l'arnmirazione che provava per Emmanuelle. ahl. Quando si a1za e gli porta dei biscotti. nell~ poltrona In CU1 S1 era raggomitolata sotto la buganvillea che ncopnva la terrazza del piano terra. per fare colazione con Jean sul largo terrazzo della 1000 camera.. Salto nell'auto e la mise in mota con un cenno d'addio.. Se Ariane fosse tor . Ie sue mani sane e fragili. paralizzata. con i SUO) piedi integri.. son a meno ingiusti: non 71 . Ma. dei suoi pensieri non erano finte.. incantato.. Il minimo soffio di vento 10 solleva. "Mi comp0. Aveva voglia dei suoi seni contro i suoi seni e del suo sesso contro il suo sesso. ed il colore e quasi identico a quello della sua pelle. e che Ariane fosse nuda e stesa su di lei. indossa una di quelle camicie da notte molto ~o~~ che ha co~pr~to in quantita prima della sua partenza da Parigi (In parte per II piacere di provarle). Era molto piu bello delle sue fo. in fondo. «A presto. nata indietro in que I momenta.». Christopher.. «Per fortunal». Emmanuelle si senti subito in confidenza. Quella che indossa Ie». Cos} Christopher fa in tempo a riprendersi. ria trasparente e il triangolo di astrakan ~ talmente Vicino che ne pub respirare il profumo di mughetto. pill nude di quanta 10 fossero mai state.. da labbra. temendo che Ie sue mani trernino.. si difendeva Christopher. fermandosi talvolta per entrare in un negozio 0 per abbandonarsi orrificata alia contemplazione di un lebbroso: seduto sui ~arciapiede. come Emmanuelle si sarebbe offerta a lei. spesso perdendosi. appoggiato sui polsi consumatl dalla malattia e facendo strisciare sui suolo i monconi delle cosce. si spostava all'indietro. «Non ha fat. . «Ma il fat to e che non sono qui in vacanza». J . da gambe. scherzo lei. Per fortuna Emmanuelle torna in camera prima che gli uomini abbiano finito di mangiare Ie loro tartine.. da un corpo di donna. «Stai molto meglio cost».. Le stelle avevano un colore da stagione secca. entrambe molto nude. i suoi capelli biondi arruffati sembravano lottare contra un ciclone. andarono a letto solo ~uando il sonno ~opr~ff~ce Emmanuelle. Ii considerava gil morti. a mostrarsi in quell'abbigliamen . Mentre faceva gli onori del suo giardino lei infile un braccio sot to quello del marito. Seduto di fronte ad Emrnanuelle. del miele. Aveva voglia di essere accarezzata da mani di donna. - . tutto.. Gia contendeva a Jean la compagnia del nuovo arrivato: «Non farai lavorare Christopher tutto il tempo! Voglio portarlo sui khlong. 70 . Emmanuelle all'improvviso scoppia a ridere: «Dio del cielo! Mi ero dimenticata che avevamo un ospite. Si chino e bacia dolcemente l'amica sulla guancia. Le rane avevane smesso di ~cidare. ~ Non dovevano tornare che all'ora di cena. allegri e chiassosi.. «detesterei avere un marito meritevo- stamattina e trasparente e a pieghe. abituata com'e da tempo a farsi vedere nuda da gente eli ogni genere.. aveva l'apparenza e la franca risata di un giocatore di rugby anglosassone. Prese la macchina e partl verso il centro. Ie sarebbe piaciuto sentirli di nuovo sui suo corpo. Ma Jean interviene: «Neanche per sogno».d un vecchio arnica. impnglonava i lebbrosi. Ii costringeva a portare dei cartelli infamanti. ammetteva. e meno a suo agio. A questa riguardo I'atteggiamento di suo marito e la continuazione di quello della sua infanzia. Forse farei meglio a mettermi qualcosa di un po' pill castigate». I siamesi. della frutta. «Quel farabutto di un Jean ha tutte Ie fortunel». proclarna. facendole chiudere g1i occhi. la brezza mattutina apre fino all'ombelico la sua bianche .. Non pioveva. · . Lidea che dovesse indossare una vestaglia prima di presentarsi di fronte ai suoi genitori sarebbe stata giudicata assurda sia da loro che da lei. Emmanuelle rimase talmente sconvolta da quello spettacolo che ~on riusciva a far ripartire il motore. E fa per andare a cambiarsi. l~ sua coscienza la rimprovera per il suo turbamento: "Se ho paura d. to.t~ crudelmente come la gente del mio paese chef un tempo. Sop rat . 10 condanno all' esclusione". . stopher. Emmanuelle rimpianse di non aver fatto nulla per trattenerla. invece. mostrargli il mercato dei ladri. Emmanuelle dorme nuda. Pensa con una punta di panico: «Che ne sara di me se devo alzarmi? 0 se qualcuno porta via la tovaglia?». + Rimasero alzati fino a tardi. Giro senza meta per un'ora intera. l'altro sotto quello di Chri . La meta di agosto ha spesso questa calma ingannevole. come accanto a. quest'uomo.. Emmanuelle non aveva voglia eli restare sola in casa per tutto il giorno. esclarno esaminando la padrona di casa con uno sguardo entusiasta. Aveva aJ~ l'improvviso voglia di essere nuda. Conternporaneamente.

non fanna uno scandalo quando 10 incontrano per strada: gli danno da here e da mangiare. baciando con singhiozzi di felicita la bella riva di dolce terra. sicura dei suoi desideri. attraverso il forrnicaio della citra. «Qui a due passi c'e un ristorantino cinese rnolto pittoresco. Emmanuelle si strappo i vestiti di dosso con altrettanta furia che se fossero stati arroventati. Poi visitarono iI giardino. Pranzarono rapidamente. r 72 73 . «Be e fortunata ad avermi trovata». Ouando tomarono in casa.E se facessimo una doccia?». La invito io». no!». Aveva di colpo la sensazione di essersi riscoperta. Natura. . senza ragione. per farle presagire la bellezza del paesaggio una volta che quegli arbusti fossero fioriti. non lontano. Rideva forte. Non 10 . no! AI contrario. propose Bee. finalmente! Era cos} dolce la terra su cui ronda la deponeva. Ora che l'ho tutta per me. II suo sguardo di trionfo non si staccava da Bee. proprio come Emmanuelle. voglio portarla a casa mia». propose con un tone eli preghiera talmente fervido che Bee. non seppe che rispondere. sprezzante di qualsiasi forma di prudenza. mia dolce bellezza! Mia baia promessa dal richiamo alato. Si avvicino all'auto. . 0 mia terrafermal 0 mia beUa dal richiamo alato.Bee ammise che era una buona idea. cos} dolce per il suo petto assetato e Ie sue gambe nude. ' Leleganza e l'arredamento modemo piacquero alia visitatrice. «Formiamo un contrasto notevole. il mobile forgiato che si innalzava at centro della stanza. «Le andrebbe di pranzare insieme. evitano. disse Emmanuelle. 0 mia bella. Emmanuelle si illumine. scuotendo i suoi lunghi capelli bagnati dalle onde. noi due sole?». Non sembrava esseme per niente imbarazzata.. malgrado il sole cocente. Laurora di sempre Ie indorava Ie labbra. La lasciano andare 13 dove preferisce passare i pochi giomi che gli restano da vivere " . vestita dei suoi soli capelli umidi. Poi si slaccio lentamente il colletto. Ie vaschette di pietra traslucida ornate da coralli e conchiglie di mare. una figura a lei nota che usciva da una boutique cinese. ingombrante. «Un'altra volta. terra mia. Emmanuelle aveva perso l'uso della parola. provocante. non 10 mostrano a dito. propose Emmanuelle . disse la giovane. E lei non conosce ancora casa mia». Tutto quello che aveva J J ~/I tI imparato e disimparato da quando era naufragata da un mondo all'altro nei sortilegi di una notte d'agosto veniva dimenticato. Lei prese con Ie dita la rossa corolla e l'appoggio sulla guancia.Appena si trovarono in camera sua. mia bella. per un attirno. i mobili di ceramica. «Vede come sono piatta». Colse una rosa dal gambo lunge e la porse a Bee. 0 tu mia bella. «Perche non giro spesso da queste parti». Lancia un grido che suono come un'invocazione di aiuto: «Bee!». il sudore Ie scorreva suI visa e suI col-t . Bee aprlla portiera e si sedette accanto a lei. «Oh. 0 mia dolce bellezza! Bella. mia dolce bella! 0 mia terra dal richiamo ala to. in tono scherzoso: «Li trova brutti?». ala mial Protendeva Ie braccia. Un canto di speranza cantava nella sua testa. cos} piccoli e pallidi da sembrare quelli di una bambina. so mtenerito.. sono rneravigliosil». Emmanuelle avvicino Ie labbra e diede un bacio alIa rosa.. 11 L trattano un ammalato come se fosse colpevole. esclamo Emmanuelle con un tale fervore che la sua interlocutrice Ie rispose con un soni. che esaminava i capezzoli rosa. Quando aprlla camicia. Bee la guardava con ammirazione e un po' di perplessita. C'e tanta roba da mangiare. non trova?». La ragazza si giro e fece un gesto di allegra sorpresa. che indossava · tamente sulla pelle. «No. baia mia. Bee chiese. Emmanuelle teneva per mana l'amica conducendola attraverso Ie gemme e le talee. Bee incomincio a spogliarsi solo dopo che Emmanuelle si era tolta _ l'ultimo pezzo del suo vestito. cos} accogliente per il suo corpo abbandonato. scherzo Bee. quest'ultima non pote trattenere un' esclamazione di stupore: iI busto di Bee era come quello di un ragazzo. In que] momento distinse. Sembrava emanare delle radiazioni.lmente non mi crede. fiera di cia che arnava. «La cercavo». con una tenerezza da naufraga. . Si tratteneva a stento dall'urlare a squarciagola la sua felicita mentre guidava.. Fu Emmanuelle a proseguire: «Ho un'ideal venga da me. un talento giapponese che Emmanuelle aveva acquisito a Parigi. «Eppure avrebbe ogni diritto di fare la difficile: ha dei seni talmente splendidi». Ma queste riflessioni non l'aiutavano. Ammiro Ie composizioni floreali. con il suo insolito fogliame di ferro tintinnante. Finalmente. penso Emmanuelle con tristezza. osservo. Ma Emmanuelle era convertita e fanatica: «Che c'e di tanto inte~ 10. Assaporava la sorpresa di Emmanuelle. s'intestard) Emmanuelle.. incapace sia di fingere sia di as"'tare. Nello stesso mornento. si rese conto di aver detto la verita. «Come preferiscel». «Non preferirebbe che Ie facessi provare qualche curiosita locale?». Lo curano. Prima di incominciare a spogliarsi disse: «Che bel corpo che hal».

n contrasto di questa fernrninilita orgogliosamente esibita con quel busto da fanciullo. la piu bella di tutti i corpi che ha potuto inventare l' Universo. la flessuosa snellezza della vita aumentavano dal canto loro l'impressione di eleganza e di classe. esclarno Emmanuelle. rna non aveme per niente e buffo.. decise.. a quella fessura . Quel capolavoro che la vita ha scolpito su questa terra. disse. esposta senza veli allo sguardo altrui. «Di sicuro non mi piacerebbe avere un seno troppo piccolo. malgrado la grazia distaccata di Bee.•l l ressante ad avere dei grossi seni?». ~ ~ ~ " I . 0 se stesse semplicemente facendo l'ingenua. fa' che non abbia mai un vero seno!".Venga sul letto». Emmanuelle non ricordava di averla mai sentita pronunciare un discorso tanto lungo. E ogni sera pregavo: "Mio Dio. . l_. non di dormire». Ordino. Mentre i suoi SODO cosl diversi. Sono stata talmente brava che il buon Dio ha esaudito la mia preghiera! ». L'artifizio sembrava orrnai superfluo a Emrnanuelle.. Bisognava. rna. Sono cosi carini!». Niente. Quella fessura orlata di corallo vivo. unito al fatto che il corpo di Bee era uniformemente abbronzato (dirnodoche non si poteva fare a meno di pensare che era stato esposto integralmente al sole e che altri avevano potuto contemplare a loro piacimento quella nudita ermafrodita) aveva 10 splendore di una sfida. «Per molto tempo) anzi . quando Bee si tolse Ie mutandine. come se non fossero proprio reali. nello stes. I I . Ma quello che colpl soprattutto Emmanuelle. quella bellezza! Ouella parte. Non 5tO scherzando». in nessun luogo.. All'improvviso sembrava diventata piu loquace. «Le diro. La visitatrice si fermo.. non ho mai visto niente di piu eccitante. anche a me diverte abbastanza». profonda e precisa. disse Bee facendo scivolare la gonna lungo Ie garnbe... E. Lassenza di peli scopriva la fessura del sesso. argornento. che Ie venisse dato accesso a quel solco voluttuoso. «Non si vede altro sulle copertine delle riviste.. sura.. il rigonfiamento liscio e spaccato del suo basso ventre era cosl sensuale e si gettava in avanti con un movimento talmente invitante che Emmanuelle sentiva come se una mana Ie stesse frugando nel sesso.. . «Sarebbe stata una tragedia se i suoi seni fossero cresciuti. Raggiunse Bee e aprlla porta: «Allora faremo l'amore sotto la doccia». malto alta e incavata. Anche Ie gambe di Bee Ie sembravano sorprendenti. s-: ~ J ~ -: t i - • 74 7S . deve venire amato di pill! . Non De aveva mai visto uno la cui curva si staccasse tanto dalpiano del ventre ne che fosse tanto gonfio di sessualita femminile: pensava tra se e se che non conosceva nulla al mondo di pill aristocratico e di pill provocante. «Ma ho voglia di rinfrescarmi.. Avrei avuto l'irnpressione di perdere ogni personalita. «Che fortuna!». • . davanti alia porta. Ohl Ouella fessura! Ouella fes.la ragazza si volto verso il bagno: «E questa doccia?». Mi piacciono talmente cosl!». I fianchi stretti. so momento . La sua voce si fece leggerrnente soffocata: «Sa. la cui vista la faceva fremere. Affondo 10 sguardo negli occhi dell'amica e si dispero di non trovare nessun sortinteso. fu la straordinaria protuberanza del suo pube rasato. disse risolutamente.j ~ . non trova?».ho vissuto nel terrore che i miei seni corninciassero a crescere. cosl lunghe e dalla linea cos} pura che sernbravano uscite dagli schizzi di un disegnatore di moda. poi decise di metterla sui ridere. per arrestare il movimento di Bee: . che Bee fosse sua immediatamente. I Ie ricordo. con aria esitante. Aprl la bocca per dire a Bee quello che desiderava. Emmanuelle si chiese se Bee pensasse suI serio che si trattasse di un invito a riposare.

10 spruzzo tiepido verso il sesso della sua ospite. sapienti. disfatto e rotto.t I . sernbra volerglielo far notare. I t t· I· ~ I f ~ • • . non indossero ve- \ ne II Terra le persiane chiuse e non apriro fa porta. pill piccola. cinge con il braccio sinistro i fianchi dell'amica e Ie ordina di aprire Ie gambe. • J J. Louts (Les chansons de Bilius. affinche fa forma del suo corpo vi rimanga impressa accan[to al mio. t Lascero illetto come lei 10 ha lasciato. de il tubo nella mana destra. + La sala da bagno ~ munita di vari tipi di doccia. attimo: sei . l'altra al muro e la terza. e attaccata a un lungo tubo ad anelli e la si pub prendere in mana per orientarla a piacere.. a volte trasmettendole dei fremiti ritmici. {che it suo bacio vi rimanga.~ I' r . cambia idea e alla fine si accontenta di chinare affermativamente il capo.. I r . chiede. Conosce a fondo Ie regole di quel gioco. stasera e sulle labbra non mettero ne rossetto He cipria. stiti e non mi pettinero i capelli per non cancel{lare le sue carezze. Cavatina.. ciano gridolini di freddo. ossia l'amore di Bee I I L Fermati. Pren .~ Dice a Bee che Ie fare vedere a cosa serve la doccia flessibile.. . Questa mattina non mangero. affin- t Fino a domani non mi lavern. Lacqua ricade in cascata fra le gambe di Bee. con le lenzuola in disordine. poi avvicina la doccia a poco a poco. [to. a volte un movimento a spirale. Esita un attimo. af[inche it ricordo rimasto non voli via con if verlPIERRE ~.t . Luna accanto all'altra sotto Ie piogge incrociate. 77 ..1 • • \ . . Una ~ fissata al 50ffitto. ello?». b Bee sembra trovare la domanda peregrina. smodati come quelli delle sue dita quando intossicano la c1itoride. dal basso verso l'alto.. Emmanuelle dirige obliquamente. Ie due donne cae . Per riparare i capelli Emmanuelle Ii ha raccolti in cima al ~apo e questa costruzione la fa sembrare alta quanto la sua compagna. ~ tp. Emmanuelle alza 10 sguardo: «I~. "Le passe qui survit") • "II . Bee ubbidisce. COS! bello! · GOETHE (Faust) • .

Jean allargo Ie braccia in segno d'incomprensione. l'espressione meravigliosa si cancella ed Emmanuelle e triste che quella volutta non possa durare per sempre. Il viso quasi infantile ~ purificato. riconobbe Jean. Si avvinghia a lei. Ma tace: i lineamenti di Bee hanno perso queIla maschera di serenita. piu del doppio di prima. dice Jean a Christopher. 10 provoca con la punta della lingua. riprese Christopher. chiese Jean. AlZQ la mano. certol Perche no?». La mana Jibera della bambina descrisse intorno alIa scorza ruvida dei cerchi immaginari. senza un fremito. Bee le sorride.H I L _ -~ • «Sl. L'aiuta con tutto il suo potere. Tuttavia nan e per questa che l'ho sposata». Ouel tipo di confidenze gli 79 78 . I bambini fanna salti d'entusiasmo. molto bello»~ Senza smettere di dirigere la doccia con mano sicura Emmanuelle si china suI busto e prende una delle piccole punte dei seni in bocca. Lei si raddrizza con aria trionfante: «Vede .. «D'accordo. si avvinghia al suo ventre. poi fece il gesto di pelare. «No. Ie accarezza le reni. III «Soltanto: "Europeil Europei!" Come da noi i mocciosi gridano: "Cinesil Cinesil?». Jean fece un cenno affermativo e articolo: «AD ko dail». «Than yak sa som-a mar tia?». «Nemmeno per sogno. una carezza. Percepisce l'insorgere dello spasimo nel bel corpo the stringe a se. succoso e dolce come un frutto esotico. divaricando Ie cinque dita: «Hd baht». «[{ha!». spinge piano sulle natiche. «Forse. «Non so cosa vuole da noi». la gola initata dall'aria pesante. Hanno la pelle appiccicaticcia di sudore. «Emmanuelle e intelligente.. Passano sopra un ponticello: dei bambini giocano nell' ac• • qua. E che 10 faccia cosl bene». capisco. ». ~ Lei torno alIa cesta dove prese un minuscolo coltello dalla lama di bronzo ricurva e affilata poi si sedette con il pomelo appoggiato sulIa gonna che Ie sue gambe incrociate tendevano. ' «Cosa dicono?». - . I begli occhi grigi diventano ancora piu imrnensi. a poco a poco.. Christopher se ne meraviglio. 51 spruzzano con nsa acute. . travolgente d'intensita e di bellezza. Ma questo non cl impedisce di chiacchie- • rare un po »1 La piccola sollevo il frutto all' altezza del proprio visa con una espressione interrogativa: «Pok hai mar tja?». . chiese. Le porse un biglietto da cinque tical che lei esamino can cura. n capezzolo diventa subito duro e grosso. Lei non era per niente imbarazzata da quella conversazione bilingue. Christopher rimase scandalizzato. Emmanuelle butta Ie braccia intorno al colla dell'arnica e la bacia sulle labbra. Eo cosl intimidita dalla trasfigurazione di cui e stata testirnone che non osa parlare. come dici tu. Quando apre la bocca vi penetra un sapore strano. rivolgendo agli stranieri un sorriso incantevole. in se. La bambina corse verso la cesta e tome con un frutto piu grosso della sua testa. Sente dalle sue labbra il mormorio di parole che hanno il suono dell'amore. Non conosco nessuno al mondo che ami tanto fare l'arnore. «Allora cosa ti ha conquistato? Le sue doti di casalinga?». Geme di piacere quando il corpo di Bee s'incolla al suo: la freschezza grondante delle loro due epiderrnidi e. Poi. Jean spegne il motore. «Ah. Non sarebbe una cattiva idea» . Ii mostrano con il dito cinguettando in coro: «Farangl Farangl». nella jeep che traccia due solehi rossi. «Ah. «E cornprensibile». sfrega lentamente il proprio pube contra il suo. suppongo?». . . L'estasi dura cosl a lungo che Emmanuelle si chiede se la sua arnica e ancora consapevole della sua presenza. una Bee che Emmanuelle non conosceva finora. 10 succhia. «Se non hai sposato Emmanuelle per la sua mente. «I nostri conti sono a posto?». «Guarda: non e un Oriente 'da cinema?». Per respingerla? Per abbracciarla? Ernmanuelle stringe fra Ie labbra quel capezzolo da bambola. La bambina indica con un gesto una cesta piena di enorrni pomeli all'ornbra di un albero del pane. ma essa non sarebbe bastata per sedurmi». cocchina». e se 10 annodava in vita mentre camminava. interessata a tutto e sempre di buonumore. :-«Labambina capisce il francese?».. disse Jean. Aveva raccolto da terra un sarong di un blu acceso che contrastava con l'ambra della sua pelle. ci offre dei pomeli. «Sarebbe gentile da parte tua». senza che il ritmo del corpo riveli la violenza del suo piacere. assentl Jean. le labbra si sono fatte ancora piu spesse e lucide. Scendono verso I'arroyo e si rinfrescano il volta. Una bambina can i capelli bagnati che Ie accarezzano Ie spalle come lunghe Iingue nere venne verso di loro. l'avrai fatto per la sua bellezza. I dueuomini si sistemarono nell'erba di fronte a lei. Bee indovina il piacere ricercato da Emmanuelle.. il suo genio camale. Sente che Bee Ie mette la mana sui capelli. gode senza un grido.

I creduli sono diventati tristi a furia di sentirsi dire che tutto andava meglio prima di adesso. Prestabilito non si sa da chi: questo pennette alIa pedanteria dominante eli affexmare che si tratta di un ordine eterno. Christopher inghiottl il boccone prima di tomare sull'argomento .. disciplinati.. Essere tentati . Non invaghirsi troppo faciImente dei modelli e delle mode. Jean ne accetto una con un piccolo cenno del capo e la gusto con manifesto • piacere. Volertela portar via». Un conflitto pill. I grandi papassi hanno preso il posto degli dei».. come 10 chiami? . «E quello posto dalla divisiane dei bipedi in due mondi lontani ed incompatibili quanto 10 sia una cifra d'affari e la teoria dei numeri ordinali transfiniti. La potenza dei capi si fonda sulla tristezza dei . sere intelligenti?». ridacchio Jean. spiego percher «La disuguaglianza fra g1i 80 rl •uomini e Ie donne . «Emmanuelle non e rnia proprieta. che chiedono e chiedano ancora di conformarsi. «Emmanuelle non vede cio che vedo io. Prese un'altra fetta nelle mani della bambina e concluse: «Basta per giustificare illavoro di squadra». Christopher trovava insoddisfacenti le risposte di Jean. Resistere aI pensiero pret-a-porter. per una volta. come se fosse evidente. altri possono intuirlo .. Non e la mia bellezza». Jean riprese: «Non l'ho sposata per sacrificarla». «Non mi possono portar via cia che non e mio». aMah! E molta empirico tutto questo. rabile rispetto a quello degli increduli. nel Quale Jean riconobbe questa frase: "Lasciamo perdere! 10 ti chiedo di essere obiettivo e tu mi spiattelli tesi femmlniste". La guerra fra i sessi e soltanto un aspetto limitato. conservare. E tremenda la massa di coloro che si dilettano a ubbidire. dagli stendardi. . locale ed episodico di un conflitto che viene da pill lontano ed e all' origine di ben altre sofferenze che la divisione dei compiti domestici fra la coppia. Nessuno e costretto a morire piil scemo di quanto sia nato». Torno alIa carica: «Prima di menzionare Ie qualita amorose di Emmanuelle hai parlato della sua intelligenza. come noi due.. Oppure: sapersi rib ellare al momento giusto contro gli argomenti fondati sull'autorita. «Sbagli!». Nel mondo dell'autorita viene usata l'anzianita e la forza per imporre idee riconosciute e per man tenere immutato un ordine morale pres tabil ito. «Allora passa subito al vero problema» taglio corto Christopher. «Non ho compassione per Ie disgrazie di coloro che rifiutano di sapere. disse Jean. E l'intelligenza che ci fa rifuggire dagli slogan. ~Cercare di approfittare di lei. E non papparti tutto iI pomelo». mettiamo che significhi: cercare una cosa diversa da quello che gli altri hanna gia scoperto.quel dono suo.non ~ il vero problema. Desideriamo conoscerlo meglio». che mai attuale e che rimarra probabilmente accesissimo finche Ie leggi della termodinamica non si stuferanno deUa nostra specie».che conosco per sentito dire . Jean aggiunse: «10 ed Emmanuelle ci interessiamo al mondo. infatti». «erano una minoranza condannata. grosso modo. Eppure bruciava dalla voglia di sentime di pill.sembrava di cattivo gusto. imitare. «Non mangi?». Se almena quei seguaci inneggianti non fossero cost tetril Ma la differenza e l'indipendenza dagli altri Ii deprime. «Cos} Emmanuelle appartiene alla categoria delle donne che vogliono capire? In altre parole e come nol due. Puoi spiegarmi perche quei miliardi di uomini piagnucolosi--preferiscono credere a questo piutt05tO che andare a vedere eli persona?».. ad • esempio». che vanna pazzi per 1a marcia aI passo. Christopher addento distrattamente l'ultima fetta del frutto.. La bambina porse Ie fette di pornelo sui palmi giunti. «81 invecel». disse con un certo sforzo. Tua moglie. «Ma non facciamo politica in campagna. ... es . protesto Jean. che ad un tratto sembro pronto ad inalberarsi. Fissava la scena con aria assente. «Perche la ciunna sottomessa agli ideologi forma un insieme ben pill vasto eli quello di tutti i resistenti immaginabili. Lo stesso vale per i loro sostituti moderni. Dimmi piuttosta come identificare scientificamente una donna intelligente... «Certo che sei fortunate». « Ma potrebbe essere anche rischioso? Quel . i1 che non gli impedl di parlare chiaramente. Niente di speciale». C'e da una parte il mondo dell'autorita e dall'altra ci sono gli uomini e Ie donne scopritori. Per te cosa significa. L'altro prese meccanicamente il frutto offerto. disse Christopher. «Se non fosse che. sospiro Jean. «Gli dei». Jean diede I'impressione di radunare qua e III gli elementi di una risposta estemporanea: «Dunque. dai divieti. Ouest'u1timo. Christopher emise un grugnito poco cortese. non crede che la conoscenza Ie sia venuta 0 Ie debba venire in futuro da un altro menJ I • . E I'intelligenza che ci consiglia di essere parchi di plausi e di biasimi». n viso di Christopher rivelo la sua incomprensione.. dalle processioni e dalle crociate. Stanno come epsilon a un insieme Infinite». «Niente. Sapeva che la parola "femminista" clava sui nero a Jean. dalle parole d'ordine. 81 . n loro numero e trascu . Non crede a tutto quello a cui io credo». chiese a Christopher. Rise e osservo con allegria: «Vasto programmal».

do. Non aspetta nemmeno che questa conoscenza le venga scodellata, come alIa mensa popolare, da ecclesiastici, da p,"?pag~disti 0. ~a militari. A differenza di noi due, che rimpiangiamo 1 vecchi tempi In cui rischiavamo di farci accoppare insierne, Emmanuelle e poco portata per la nostalgia. Tende a pensare eli non essere necessariamente piu immorale dei suoi bisnonni ~ecorati d.~lla ~ue~ del fuoco. E pensa comunque di essere probabilmente piu fehce di loro. Ma soprattutto ~ sicura di essere inferio~. s~tto ogni ~petto, alIe ~~nne e agli uomini che verranno dopo di lei. Almeno SI sforzera di imparare qualcosa dai figli che forse avra. Ivi compreso l'amore». Jean riprese fiato e affermo in tono strafottente: «Tema suI quale, peraltro, lei e gia piuttosto ferrata!», Christopher continuava a mostrarsi stranamen~e neIVOSO. . «Ho l'impressione», b orb otto. «che se tu fossi stato al posto di Adamo non ti saresti comportato meglio di lui». «Sarei stato dalla parte di Eva». disse Jean. «Una donna che ama - i frutti vietati e odia i custodi dei giardini pubblici non puo essere del tutto malvagia»,
I bambini si erano accovacciati in cerchio eli scrutavano in silenzio, dandosi ogni tanto delle gomitate prima di scoppiare a ridere fino

JI

aIle lacrime, «Sembra che ci prendano per i fondelli», constato Christopher. La polpa dolce gli rinfrescava la lingua rna aveva ancora un nodo alIa gala. Smaniava in segreto contro la propria timidezza. "Be!. eretino che sono! Non ho interrogato Jean sulla sola cosa che m mteressa. Dei pensieri intelligenti e filo~ofici di Emm~n~ell~. me ne fre: ' .. go: voglio soltanto sapere come fa I amore. Quel figlio di putt~a Jean mi ha fatto venire l'acquolina in bocca soltanto per lasciarmi morire di sete. Spettava a me costringerlo a rivelarmi i particolari: in quale modo Emmanuelle 10 fa godere, come gode lei. Invece di al" lettarmi pomposamente con Ie bellezze s~irituali di ~ua m~gli~. che mi dica piuttosto che gusto ha la SU~ topinal Che rru descnva I! suo modo di usare Ie dita e i seni per fare rizzare un membro, E lei. co .. me si masturba? Lo fa davanti a lui? Davanti ad altri? Spesso? Che quell'imbecille mi parli, buon Diol, dell'ano di sua mogliel Della sua lingua. Lo succhia? Con le labbra, con la gala? Beve ?I0lto spe~'na suo? Quante volte alIa settimana? Quante volte al giomo? Gliene piace il gusto? Lui Ie ha chiesto se ogni sperma ha un gusto diverse? Di chi ~ quello che Ie e piaciuto di plu, finora? Jean dovrebbe proporle di assaggiare il mio, Pennetterle di masturbarmi, E di sue .. chiarmi, Lui sa che non ne approfitterei per cercare di fottere sua moglie. Almeno non nella vagina. Oppure non fino in fondo. Socchiuderei soltanto la sua vulva. Ci penetrerei solo pochissimo. Non

d!

ci metterei che il glande. Non rn'inoltrerei dentro, Non subito. Non piu di quanto farei nella sua bocca. Progredirei soltanto a col petti piccoli piccoli. Fino alIa meta del mio coso. Non piu dei due terzi, 0 sol tanto un po' di piu, Come quando la inculero, La inculero 10 stesso giomo in cui la fottero, In ogni modo, se infilo il cazzo fino in fondo nella sua topina, quando l'avro fatta godere, mi ritirero in tempo. Stare attento a non eiaculare nel suo sesso. A pensarci bene, perche no? Se Emmanuelle ha un figlio mio 0 di Jean, che differenza fa? Inoltre, se io e lui Ie facciamo l'arnore ogni giorno, prima 0 poi riroam incinta senza che nessuno di noi tre possa giurare di chi. E importante? Per lei, owiamente no. Per Jean ancora meno. Insom .. rna e importante soltanto per me. Vorrei che lei fosse incinta del mio spenna. Finche non saremo sicuri che q~esto e il caso, Jean potr~ benissimo godere nella bocca di sua moglie, 10 nel suo utero, mattina e sera. La faro oggi stesso, subito, appena saremo tornati". Le immagini sempre piu nitide che Christopher evocava s'imponevano con tale urgente dolcezza da fargli rinunciare a lottare contro di 10m. mental mente 0 fisicamente. Thtti i suoi vecchi scrupoli di coscienza erano scomparsi, non aveva pin alcun timore di essere roso dai rimorsi. AI contrario, si congratulava: E. bello. si diceva, pensare in quel modo alia moglie del mio amico, Non avrebbe trovato tanto bello. 10 sapeva, immaginare che diventava I'amante di un'altra donna. . Sip commuoveva anche per Jean. Jean sarebbe felice che Christopher facesse l'amore con Emmanuelle, e 10 facesse persino pin spesso di lui, con maggiore audacia, Scommetterei che lui non lasodornizza, diceva per convincersi. Lui stesso, che ]'aveva fatto soltanto di rado con altre, 10 farebbe spesso con lei. Jean si arrangerebbe perche sua moglie desse al suo amic~ il massimo piacer~ possi~ile e prendesse un piacere enorme CO~ lUI. E sarebbe orgogboso di proclamare dappertutto che Christopher godeva deUa bellezza, della sensualita e dell'amore di Emmanuelle da farsi scoppiare la testa e il sesso. ' Christopher non dubitava che quell'ammirevole annonia avr~b~e portato alla perfezione relazioni finora incomplete. II 1oro sodalizio, pensandoci bene, si era elaborato nella confusione. Tutto s~re~b.e tomato all'ordine ormai, all' ordine assoluto e stupendo dell amiciZlal
..

.

I

,

..

Sarebbe davvero un strano amico colui che non dividerebbe la propria mogliel, considero Christopher, inebriat~ di lo~c~. ':E .uno . strano futuro padre colui che non vorrebbe che 1 propn figli siano generati nel corpo della moglie dal corpo dell'amlcol". Quel Jean, che tipo meraviglioso! Com'erano stati fortunati ', tut~i e due. ad .i~contrarsi! Se Christopher provava adesso un desiderio cost vertigi..

82

83

..
..

noso di fare l'amore con Ernmanuelle. non era forse (era giunto al punto di chiederselo sinceramente) per amore di Jean almeno quan ... to per attrazione per lei? · Tuttavia senti a malapena Jean che suggeriva di comprare un altro pomelo e parlava poi di chi use e di kilowatt. La siamesina si sfor ... zava, spingendo la lingua rossa fra i denti, di sbucciare artisticamente un secondo frutto, Lui la guardava senza vederla. Lei e Jean avevano perso ogni concretezza fisica, ogni presenza, ogni identita ai suoi occhi. Per lui, su quella scarpata riarsa, erano solo visibili i seni rotondi di Emmanuelle, Ie sue natiche nervose, la nudita tentatrice del suo ventre. Non vedeva altro che la propria erezione. Jean balzo in piedi e disse che dovevano riprendere la strada. Soltanto allora si accorse del turbamento di Christopher, imponente sotto il pantaloncino sottile eli tela bianca. Arrotondo le labbra per la sorpresa e scoppio a ridere: «Accidentil», disse divertito, «Non co.. noscevo queste tue tendenze. Non ti presentero pitt aile bambine», Invoco la testimonianza della loro ospite, la Quale non sembrava affatto scandalizzata della situazione, «Senti», prosegul Jean. «aspetta almeno che siano meno acerbe. Questa qui non ha ancora otto anni!».
jl

.

~ Emmanuelle divarica Ie lunghe gambe di Bee, sfiora l'apertura che Ie separa. Bee sospira, lascia ricadere Ie braccia lungo il corpo, chiude gli occhi. Emmanuelle, con la punta della lingua. tocca il taglio, stretto e dritto come un sesso di vergine. Umidifica su tutta la lunghezza i bordi della vulva, ne lecca l'interno, poi cerca la clitoride. l'aspira, la fa vibrare, l'addolcisce can la saliva, la fa andare su e giu fra Ie labbra come un fallo minuscolo. Infila nella propria vagina il suo dito medio ripiegato. Con la mana libera penetra il sesso . dell'amica, Ha Ie dita bagnate. Le fa scorrere fra Ie natiche. Bee Ie solleva perche Emmanuelle passa forzare meglio l'orifizio piu stretto. Soltanto allora Bee grida, Continua a gridare tutto il tempo in cui Emmanuelle la lecca, la succhia e fa andare la mana fra le due aperture del suo corpo. Emmanuelle deve confessare la sua stanchezza per prima. Si sdraia di nuovo sui corpo dell'arnante. Sembra che ne l'una ne l'altra abbiano la forza di parlare, rivestita, Emmanuelle Ie cinge il collo con Ie braccia, «Voglio che mi dica una cosa. Ma mi giuri che sara la verital», Bee si accontenta di assentire con un sorriso. Emmanuelle dice: «TI arno» Bee cerca nel fondo degli occhi dorati cosa deve rispondere, qua-' Ie specie di verita l'altra aspetta da lei. Ma l'espressione seria, quasi . patetica di Emmanuelle ha gia lasciato il posto a una moue carezzeI

Dopo, quando Bee, malgrado Ie preghiere della sua amante, si ~ gia

Emmanuelle insapona il corpo di Bee. E cosl esperta a infilarle la mano fra Ie gambe che l'altra deve difendersi. «No, no, non sernpre, Emmanuelle! E troppo stancante. Mi lasei riprendere forza». La sua arnica Ie pennette di sciacquarsi e di asciugarsi. La blandisee: «Venga nel mio lettol». Bee tace ed Emmanuelle viene presa dal panico, Allora la bella ragazza la bacia sulle palpebre. «Andiamo nella sua stanza», dice. . Emmanuelle la fa cadere di traverso sul grande letto, si sdraia su di lei. Ie copre di baci la fronte, gli zigomi, il collo.Ie mordicchia illobo delle orecchie, il petto, Scivola sul tappeto, si inginocchia, sprofonda il volto in que) ventre nudo. «Oh!», geme, «com'e sofficel». Sfrega le guance, una dopo l'altra, il naso, le labbra, suI rigonfiamento elastico del pube.
«Caral Caral».
J

vole.

·

Bee non si muove, tace. Emmanuelle si preoccupa: «Sta bene cosl?». «81» «Accetta, vero, accetta di essere la mia amente?». «Pero, Emmanuelle ... », S'interrompe, accarezza i capelli sciolti, aspetta.
It

«Sei sicura che io ti piaccio? Voglio dire, no, ascoltami prima, ti piaccio altrettanto, 0 di piu, di qualsiasi altra tua arnica? Ti ha data altrettanto piacere?». Adesso Bee ride francamente. Emmanuelle e arrabbiata, «Perche mi prende in giro?», si lamenta. «Senta, piccola Emmanuelle» ,-marmora Bee, e si Mette vicinissirna aIle labbra della compagna. «Le insegnero un grande segreto. Non avevo aneora mai fatto quello che abbiamo fatto oggi». «La doccia, il,~. ». «Tuttol Non avevo mai fat to l'amore, come dice lei, con un'altra donna». «Ohl», protesta Emmanuelle, corrugando la fronte. «Non Ie credo! ». «Deve credermi, poiche ~ vero. E Ie confessero un'altra cosa. Fino a questo pomeriggio, prima di conoscerla, 10 trovavo persino un po' ridicolo» . uMa ••. », balbetta Ernrnanuelle, stupita. «Vuol dire che non Ie piaceva farlo?», «Non ci avevo mai provato»,
85

84

,1 ~

-

..

scoppia a ridere, «Perche? Ti sono sembrata cosl esperta?», chiede Bee a bassa voce, in un tone di complicita quasi strafottente del tutto nuovo sulle sue labbra, che sconcerta Emrnanuelle. Nota anche che Bee le ha data del tu. «Lei... tu non sem bravi sorpresa», «Non 10 ero, Perche era lei». «Ah?», dice Emmanuelle. Riflette. Poi Ie chiede, come se uscisse da un sogno, come se avesse completamente dimenticato la conversazione precedente: «Lei non mi ama, Bee?», L'altra la guarda senza sorridere. «Le voglio bene, 51». Emmanuelle fa un' a1tra dornanda, non tanto perche si tratta di una cosa importante per lei quanta per rompere il silenzio: (CE~•. l'esperienza Ie e piaciuta? Lei e contenta?», . Ad un tratto Bee sembra decisa. «Ouesta volta», dice. «sam io ad .. ace are zzarti », Emmanuelle non fa in tempo a rispondere, Bee l'ha afferrata fermamente alIa vita e l'ha costretta a sdraiarsi, Le bacia il sesso come se fosse una bocca. China la testa di lata. perche Ie proprie labbra siano parallele a quelle a1tre labbra. Fa protrudere la lingua. la infi1a nel solco docile. piu lontano che pub. In un solo slancio Emmanuelle si sente travolta allo stesso tempo dall'amore e dalla volutta, Sorpresa da quell'orgasrno cosl repentino, Bee dapprima sta per indietreggiare. Ma quando vede che Emmanuelle e sempre percorsa da fremiti, applica di nuovo la bocca e lecca accuratamente il succo che cola dalla sua arnante. Quando si raddrizza dice ridendo: «Non avrei mai pensato di poter trovare gusto un giomo a bere da quella fonte! Allora, vedi, adesso ti amo», · Lo squillo del telefono interrompe questa confessione. E MarieAnne che annuncia che sta per arrivare. Norrnalmente Emmanuelle ne sarebbe felicissirna: in questo momento la notizia la lascia co... sternata. Ci vuole tutto iI buonumore di Bee per rallegrarla. Non hanno voglia, ne l'una ne l'altra, di affrontare assieme Marie-Anne. Cos} decidono di rivedersi l'indomani, Bee verra a trovare Emmanuelle subito la Mattina. L'autista la riporta a casa. Emmanuelle aspetto la visitatrice senza prendersi la briga di indossare un indumento. La cosa sorprendente, tuttavia, era che in que) momento non le passava per l'anticarnera del cervello di sedurre la sua amlchetta, Era troppo incapace di dissimulare Ie proprie emozioni per non mettere subito in allerta la perspicacia di Marie-Anne.
o

«E impossibile», esclama Emmanuelle con tale intensita che Bee

•«Cosa ti succede», chiese. «Sembri una ragazza che ha appena avuto una proposta di matrimonio». Emmanuelle cerca di svicolare rna non resiste a lungo, «Ho una grande notizia che ti interessera», annuncia alia fine. «Preparati a rimanere fulminata dallo stupore» .. «Sei incinta?». «Non fare la scema, Prova piuttosto a indovinare», «No. Fuori il rospo, Cosa stai tramando?». «Niente. Ouello che ti devo dire e che ho fatto l'amore con Bee». Emmanuelle si era lasciata sfuggire quella confidenza senza essere affatto rassicurata sull'effetto che avrebbe prodotto. Tuttavia non aveva previsto una reazione cosl scoraggiante da parte di Marie-Anne: «Nient'altro?», chiese la ragazza in tone annoiato, «Non ci volevano tutti quei preamboli. Che c'e di straordinario?». «Ma insomma ... », fece Ernmanuelle, sconcertata. «:Eo una donna affascinante, Bee! Non piacerebbe anche a te, per caso?», Marie-Anne scrollo le spalle, «Ouanto sei ridicola a voIte, povera Emmanuelle, Non capisco proprio Quale gloria ci sia nell'andare a letto con una ragazza, Lo proclami come se fosse un capolavoro: mi fai ridere!». Emmanuelle era offesa. Inoltre •.cominciava a sentirsi quasi col .. pevole, Ma di che cosa? Cerco di vederci pill chiaro, . «Cosa ti prende? Perche ti irrita iI fatto che Bee ed io facciamo more?», n verdetto di Marie-Anne cadde inappellabile. «Non si fa l'amore con una donna». disse. «Davvero?», fece Emmanuelle. «Lamore va fatto con un uomo». Marie-Anne aggiunse, in tono di autorita stancata: «Se non 10 hai ancora capito, ti ho gia detto che conosco qualcuno in grade di insegnartelo. Siccome i discorsi sembrano rimanere senza effetto con te, la cosa migliore e di affidarti a Mario subito». Sembro consultare un calendario, «Oggi e il 16. Sei invitata all'arnbasciata il 18, suppongo? Bene, approfittero di quel ricevimento per presentarti a lui. Se non riuscite a fare l'amore la sera stessa, dovrete farlo l'indomani».

raw

..

Emmanuelle era distrutta dall'attesa, Si era inginocchiata sulla poltrona di vimini con i gomiti appoggiati al balcone della sua camera. il mento fra Ie mani, scrutando il tratto di strada che si vedeva fra gli alberi del giardino. Lansia Ie faceva tremare Je labbra. Bee sarebbe venuta? Forse avrebbe trovato una scusa per non vedere Emmanuelle, la Quale temeva 10 squillo del telefono, Eppure fu lei stessa a prendere l'iniziativa di chiamare dopo qual-

..

86
..

87

quel gioca Ie sembra assurdo e noioso. Poiche lei le arna. un concetto della morale per cui si ~ pentita oggi della lussuria alia quale si e abbandonata. Ie ha fatto una scenata e Ie ha vietato di rivedere la sua complice? E cos}! Orrnai Emmanuelle ne e convinta. Emmanuelle riprese il suo posto. Ma subito dopa aver avuto quell'idea. leri Bee ha ceduto a un incantesimo pili forte eli lei rna. tremando per il nervosismo. quando Ia sua impazienza era diventata troppo dolorosa. Un uomo. e senza amante femmlna. Ecco! Adesso so dove! Accidenti. A Emmanuelle indietreggia. di preoccuparsi: Quale scusa migliore pub trovare per l'assente che immaginarla occupata a fare I'amore con una ragazza straordinaria. Emmanuelle. Probabilmente era un inserviente. chiederle di venirla a prendere? . di telefonarle per avvertirla. Rinuncio. ieril. Emmanuelle si prepara gia ad accogliere I'incostante con tenerezza e a condividere Ie scoperte rese possibili da quella scappatella: Senza che io debba chiederle alcunche la mia cara. mia principessa delle Amazzoni!». trascritti inoltre in caratteri siamesi: niente di sorprendente se Bee si fosse persa. In ogni modo. Se Bee non aveva risposto di persona. care ai dadi. Avendo chiarito quel mistero Emmanuelle non ha piu motive.. ra pitt di un attache navale.. invece. 10 riconosce. che Bee non e venuta puntualmente. Cosa staranno facendo assieme. protestava una voce piu forte della speranza di Emmanuelle. non 501tanto a causa della sua ignoranza delle lingue rna anche perche non conosceva il vern nome della sua arnica. piuttosto che mossa a compassione incondizionata per Bee. 0 a gio. • che ora. nellabirinto dei quartieri residenziali? Le strade si assomigliavano tutte. non 1a ama. Era un po' vago. Ma quello che soprattutto la solleva e l'incanta ~ di poter finalmente pensare che il disprezzo per gli amori femminili ostentato dall'una e dall'altra non fosse che uno scherzo. tutto sommato? Ma di nuevo. Quale nome usare? Forse c'e. Non era verosimile che Bee si fosse persa completamente. che forse il fervore amoroso di Emmanuelle non e ricambiato e che la tenera amante del giorno prima si mostra gil incostante? Adesso Emmanuelle ~ sicura che Bee non verra piu. per usare Ie sue stesse parole.. E perche no. Ouant'era stupida! Come mai non ci aveva pensato prima? Bastava telefonare a Marie.fosse soltanto per poter parlare di Emmanuelle? E per approfittare delle mie lezioni! Per 89 . come se stesse parlando nell'orecchio della fuggiasca: cc Certol E fra Ie braccia eli Marie-Anne che ti trovi in questo istante. tuttavia... oggi? Forse hanno incominciato con una ricostruzione della scena sotto la doccia . rna non seppe se si era fatta capire.. AlIa peggio rischiava di fare un po' tardi.e Ie piace di piu: Bee e stata proprio trattenuta da una donna. possono persino lasciarla languire cost perversamente.. Non 10 trovarono da nessuna parte. Cosa Ie impediva. con il senno di poi pensa di essere stata. Rispose una voce d'uomo al numero che Bee Ie aveva dato. eppure cosllogica che Emmanuelle scoppia a rid ere per non averla avuta prima. Oppure si vergogna di essersi lasciata travolgere dai piaceri della came. la mia cara bella mi raccontera tutto! Ad un tratto un'idea piu precisa Ie balena in mente: sconcertante. perche Emmanuelle non era forse andata a casa di Bee? Si accorse allora di essersi dimenticata di chiedere il suo indirizzo alIa ragazza. Ciononostante. si ~ 88 ravveduta. Bee non avra forse un'a1tra amante? Forse ha mentito ieri? No. Non vern. Emmanuelle non voleva chiamare l'ambasciata degli Stati Uniti per informarsi. ' Questo la rende subito piil comprensiva.. E sarebbe dovuta essere Ii da due ore.. A meno che . Fara capire a quella ragazza. l'ipotesi inversa si delinea nella mente di Emmanuelle: in realta. gil troppo propensa all'ironia. "ridicola". E in Quale lingua avrebbe parlato? Lautista che aveva riaccompagnato Bee a casa. geloso. A proposito. Se una fortuna del genere fosse capitata a Emmanuelle. Sorella dell'attache navale americano. Emmanuelle non riesce a crederci . e lui. 10 fece chiamare. forse significava che era gia per strada? In quel caso sarebbe potuta arrivare in ogni momento. incominciava a venime a capo. Probabilmente era andato a pranzo. avrebbe forse esitato un solo attimo a rischiare di anivare in ritardo all'appuntamento? Opportunamente eccitata da quell'evocaZiOIl~. nne. aveva detto Marie-Anne. dovuto imparare a conosceme il dedalo di viuzze: lei stessa. tutto e pennesso a Bee e a Marie-Anne.... Subito dopo sente sgretolarsi a sua volta quella convinzione e torna all'idea precedente che Ie sembra pili naturale . Soltanto allora Emmanuelle si rese canto che non sapeva come informarsi. questo e fin troppo certo. se aveva dimenticato dove abitava Emmanuelle.mentre la cercava.. fuori della presenza di Emmanuelle. dopa sole due settimane. . E se Bee avesse avuto un incidente? Un'altra idea Ie venne in mente: forse Bee non riusciva a ritrovare la casa e si era smanita . al quale am confessato la sua "colpa". 'II . non ama Ie donne.. Era quasi mezzogiorno. ~. ne pill tardi nel pomeriggio ne domani. quelle due furbette mi hanna proprio abbindolata con tutto quel blabla ipereterosessuale! n suo volta viene illuminato da una tenerezza sconfinata mentre mormora. i nomi erano impronunziabili. senza amante maschio poiche abita da suo fratello. dopo aver abitato Bangkok per un anno Bee avrebbe . Avra delle convinzioni religiose. Poteva riferirsi a lei usando un nomignolo quando parlava con un domestico? Accetta iI rischio. Tutto sommato Emmanuelle non sa niente di lei: Bee vive da sola.

l'amante. cosi a lungo. come 10 hanno gia fatto presto la mattina. certo. E della mana con la Quale Marie-Anne non si accarezza la clitoride. Anche l'altra mana. Marie-Anne e Bee sono Ie registe. Potra confrontare Ie sensazioni che Ie procurero io con quello che ha con Marie-Anne. Che Ie due ragazze non abbiano pensato a proporle di raggiungerle rovina un po' il piacere provato da Emmanuelle ad immaginarle abbracciate. Mangero la carne del tuo pube nudo. Emmanuelle non vuole che quel potere di anticipazione si esaurisea prima che Ie proprie dita abbiano appagato il suo desiderio di orgasmo alIa perfezione. I liquori mescolati dei nostri corpi comporranno un cocktail sovrumano. entrambe Ie sue mani sono occupate con se stessa. II lora sapore di pesca scorrera fra i miei denti semiaperti. Berro la saliva della sua bocca come ho bevuto quella del suo sesso. Mi strofinero contro Ie tue cosce. Felice per lei. La sua bocca succhiera il mio sesso come il suo sesso succhia il seno di Marie-Anne. bellezza Mia! Soffochero Ie mie grida nelle tue treece colore di puledra e con Ie braccia mi aggrappero aI tuo collo. addentero il sale dei tuoi peJi e 10 zucchero della tua nuca. cosa ne fa? Preme forse i capezzoli piu piccoli di Bee. Ie faro sciogliere sotto iI palato. Nessuno a Bangkok accettera piu di riempire il proprio bicchiere in pubblico salvo con l'a1col tratto dai baci scambiati da Eva. Non ci abbevereremo pill che a quel miscuglio. Quando avro bevuto Bee fino in fonda Ie offriro da bere a sua volta la mia bocca e il mio sesso. La visione di Emmanuelle viene anicchita da reminiscenze: Ie punte dei seni di Marie-Anne prendono un color granata quando lei si masturba. avrebbe dovuto chiamanni alla riscossa. 'Iuffero le narici nell'odore del tuo ventre. Ha sete. 91 I • • 90 I . Ne produrremo in quantita sufficiente perche tutti gli ospiti possano anaIizzame i misteri. • Lascia andare la ringhiera alla Quale era appoggiata. fra poco.. tutte Ie mie ventose ai muscoli che si tendono e mi attendono sotto la tua pelle di bambina che ti svuotero di te per riempirti di me. rna anche per colui 0 colei che Emmanuelle ama.. Ti sfiorero la schiena con Ie unghie e ti stringero i fianchi fra i polsi. Eppure ci provero forse con Bee quando vern qui. Ti cavalchero. Un po' prima l'ha infilata nel sesso di Bee e l'ha ritirata cos} ben ricoperta di muco che potra gustarla per un'ora. esulta la spettatrice. Emmanuelle sente i battiti irregolari del proprio euore.. sorride aile foglie e ai fiori che riscopre. . E cos} sodo e appuntito da penetrarvi alIa stessa profondita di una lingua. Durante tutta la prima colazione Christopher. Una difficolta di composizione nel quadro Ie fa aggrottare Ie sopracciglia. un ordine pin lucido alIa sua visione. quanta progredita sia la scienza di quelle clandestine. Ti premero Ie natiche can la bocca. fra noi e nelle feste dove d'ora in poi ci recheremo assieme. Lilith e Pentesilea. avranno sicuramente ancora qualche cosetta da imparare . I . QueI10 sguardo l'ha risvegliata con la stessa dolcezza di un paio eli lab bra. restituire a ciascuna la propria identita. d'altronde. la propria posizione e iI ruolo iniziale affinche la scena finale sia inappuntabile: armoniosa e logica. Se non avesse i seni per fare godere Bee. secondo l'assioma da lei co· .. avrei dovuto indovinarlo. pensa. Granata caldo nella fessura fresca di Bee. I miei sono troppo tondi: non potrebbero mai spingersi abbastanza. l'ha fatta prima penetrare. Le mani scivolano l'una accanto all'altra lungo iI suo ventre. •1 I . e che a tredici anni Marie-Anne abbia pill seno di Bee a ventitrel Sono convinta che in questa momento Marie-Anne faccia penetrare un seno nella fessura di Bee. . di scambiare. dentro Bee. Respirero il tuo alito e odorero Ie tue guance. Ouindi. finche io non capisca piil chi desidero amare e chi desidero essere! Una folgorazione interiore la lascia stordita per un attimo. E io godrei. Prima di questo. come ieri. Poi Emrnanuelle apre gli occhi. Ahl sfreghero cos} bene. La cosa piu meravigliosa.. senza una parola e senza un gesto. Lotta coraggiasamente contro quella tentazione eli rimpianto raddoppiando d'inventiva. deve dare. Godro nella sua bocca nel momento preciso in cui Marie-Anne godra nel suo sesso.. questo e certo. Un orgoglio da allieva che ne sa piu della maestra gonfia Ie labbra che poco prima venivano morsicate dai denti ansiosi. per poter bagnare adesso la propria clitoride con il sue co del. dopa quella doccia ideale. Il sospiro che Ie esce di bacca non e piu quello d'irr itazione delle ore precedenti. Ma gli amplessi che lei sogna adesso non distinguono pili can assoluta certezza il corpo di Marie-Anne da quello di Bee. non ha smesso di fissare il pube di lei. n Ioro ritJ roo accelera. Lecchero Ie goccioline che zampillano dai tuoi reni arcuati. Ma accettera soltanto l'unica bevanda che aspetta di ottenere-di concedere. Gli occhi che la delusione aveva incupiti hanno barlumi dorati mentre contemplano 10 svolgimento della festa magica di cui. NO ho indovinato! Ouella mana libera lei la tiene in bocca. per prima. Ne esplorero la gala con la lingua come se fosse iI fondo croccante della vagina. inseparabili e contrastanti. un dito dopo l'altro. La suechia.. Non sarebbe giusto. niato: "Soltanto gli esseri capaci di fantasia sanno amare in modo felice". Nella fusione a tre da lei evocata. la felicita non nasce forse dall'intercambiabilita dei gesti delle amanti quanto dall'equivalenza estatica dei siti dell'amore? Poiche iI sesso di Bee e occupato io le lecchero la bocca come se fosse il sesso.. Ti stringero Ie gambe con I'intemo delle mie gambe.

Fu con meno strazio che confesso iI suo amore infelice. si merita~a una sola nsposta: Emmanuelle doveva vendlcarsl. Emmanuelle 10 ascoltava docilmente. era pur certo che no~ pote~a l?os~edere un quarto della grazia e delle ~ual~t~ di sua mogie. aveva protestato lei. Forse era soltanto l'effetto del sonno.' lusioni e delle pene piu gravi.. . gano iI volto di Emmanuelle. aneora pnve di volto. Emmanuelle fu soltanto debolez ... Essa le sembrava gia piu confusa.?ulnd. s~m~rava quasi altre~ta':lto tnste di lei. rose del solito. Emmanuelle piange come si porgono Ie braecia . sotto il naso di un giovane giardiniere impegnato ad annaffiare i gelsomini e i Buddha-raksa. pensava lei. Christop~er~ che non c~· piva niente di quello che succedeva. Secondo Jean. -. Bee comparira e le fara un cenno . la cancellera dalla sua memoria! Ne cancellera iI volto da vetrata di chiesa e i capelli di fuoco.. durre il suo pensiero a una premonizione sinistra. dere fra Ie aiuole. Fra i vestiti che Emmanuelle aveva fatto fare in Francia nessuno era sufficientemente scollato secondo il gusto di Jean. ridendo. Ha prolungato tanto piu a lungo quest'ebbrezza perche desiderava essere trovata da Bee in quella posizione: inarcata contra il grande schienale flessibile della poltrona tropicale. insomma! Eppure aspetto ancora a lungo. Per la verita era ora che Bee Ia raggiungesse! Certo. senza che i1 suo dolore ne venisse veramente lenito. prima di perdere con~scen~a. se questa fosse stata la sua VO~ lonta. Tuttavia nella misura in cui accettava fosse soltanto di ascoltare un altro parlarle di consolazione 0 di vendetta camale. T timo. malgrado la sua lealta verso Jean e la sua timidezza. pensa lei adesso. una vertigine. non importa quando. .. Cosa importano i motivi! Contano soltanto I'abbandono e la solitudine di Emmanuelle.l. un abisso. con Ie mani che leggevano a prima vista il proprio sogno sulla tastiera nera e rosea del sesso.. Comunque Emmanuelle doveva pensare a se stessa come a una persona da corteggiare e non come a qualcuno che corre dietro agli a1tri. non fosse dovuta a un l~pedlment~ insormontabile ch~ Bee avrebbe giustificato l'indomant.?"ebbe avuto difficolta a trovare partner piu degni di lei. • . 4 n Quella sera Jean e Christopher la portarono a teatro. Bee non vern mai piu. desideri baciarle. Avrebbe seguito Bee ovunque lei decidesse di portarla Avrebbe abbandonato tutto per lei. quando ne avra voglia.. Christopher sara in un'altra occasione. Si ~ rifatta della virtu dell'amico e del proprio pudore. una passione. lei pI~se a pii:J non posso. za e sofferenza. . 51. fosse stato pe~ l'am~nte fuggiasca 0 per quelle. lunghe. Emma~uene non si accorse di quello che avveniva in scena. Ie bagnano Ie labbra e Ie rendono la lingua salata. Ha ragione. quel giorno. lUI non permetteva che quest'u1tima SI umihasse davanti a lei.. Emmanuelle prendeva quell'awentu~ trop~o suI tragico. Non mi vuole rive-. Cos'avrebbe fatto lui con tutta quella nudita smarrita in mezzo a quella vegetazione cos) ordinata? In mancanza di Bee. dopo la partenza degli uornini. con tutta la forza e la pazienza dell'amore. La fiducia che l'aveva sostenuta lascio il posto a un avvilimento cosi totale da ri. r J.o sarebbe rimasta fra donne ... e allora? Questo significherebbe semplicemente che non era degna dell'idea ec~c:lsa che questa si faceva eli lei. Era preferibile che iI loro legame Sl tnterrompesse subito perche Bee avrebbe soltanto serbato a Emmanuelle delle de. rna non tutto il giorno. fra altr:e ~ra~cla. Lei non seppe mai se il suo ultimo pensiero.. Un'amarezza sconosciuta la travolse.. Poi quello che in lei aveva rifiutato finora di arrendersi si sciolse a poco a poco e alIa fine.. Ma Bee non chiedera niente ed Emmanuelle non offrira quel10 che era stata pronta a donarle. Se l'infedele pe~sava di poter mercanteggiare i p"?pri ~vori.. Si senti un po' sollevata. Mah . Quel giom.. fra un at. ri. ricadono sulla ringhiera della terrazza dalla Quale non si decide a strapparsi. Di primo acchito aveva riconosciuto in lei la donna che aspettava da sernpre.. i tacchi ancorati alla ringhiera di legno che Ie impediva di ca.1 I - .. Se tuttavia fosse ve~o ~~e lei non voleva pill rivedere Emmanuelle. a letto. Non a. che un giorno Iavrebbero sostituita. lacrime vere. Per la prima volta da quando era piccola. dlmentichera la voce soffocata che Ie diceva: "Anch'io Ie voglio bene". Emmanuelle era disposta a lasciarla saziarsi prima del sapore di Marie-Anne. L'amava tanto! Le sembrava eli essere venuta fino a quella terra [n capo aI mondo soltanto per trovarla. to!. forse domani. Quando si trove fra Ie braccia di Jean. In primo luogo niente di~ostra~a che I~ defezione ~I Bee. questa sera. dere. rappresentandosi immagini ardenti ancora pill nume . II suo volta tradiva la sua pena.. Suo marito non le fece domande. «Ma se io sono la donna di Parigi che mostra di pin i seni». . .. se almena Christopher fosse stato presente al posto del giardiniere! Aveva sospirato: Pecca . Doveva dimostrarlo a Bee senza indugio. Emmanuelle si lasciava un po' distrarre dalla sua disperazione.voltata invan 0 verso quello spazio fra gli alberi dove. Eppure quando si e seduta non ha osato aprire l'angolo delle gambe perche l'uomo in agguato potesse vedere Ie labbra interne e. «Quello che Parigi chiama mostrare i seni e da beghina qUI a 93 • · 92 . Per quanto bella fosse quell~ Bee che Jean d'altronde non aveva mai visto e di cui non aveva mal sentito parlare prima.

Dallato opposto un ritaglio a falee di luna rivelava piu generosamente la pienezza del seno. mostriamolo a tutti i nostri bravi spadaccini!». fisicamente. 94 9S . Inoltre il tessuto lame era cost sottile e aderiva cosl strettamente ~la pelle che qu~si~~i pezzo di ~iancheria intima sarebbe apparsa In trasparenza 0 In rilievo: quindi Emmanuelle non aveva niente sotto quella guaina cos} poco ingenua. . guarda! Come la trovi?». · Ciononostante gli ospiti erano gia numerosi. «Delizlosa».ezz~lo rna lasciava scoperta parte dell'areola. in piedi. aprendosi in una specie di spirale ritagliata nell'ampiezza ingannevolmente deeente del tessuto.. era asimmetrica.. · «No. penzolavano nel vuoto. Ie aveva dimostrato suo marito.. I . Giunsero all'ambasciata solo con un piccolo ritardo.. con Ie mani educatamente incrociate suI petto. Lui rinuncio a spogIiarla. Possibile che avessero invitato suo fratello senza di lei? Forse sl. quasi volesse fame sgorgare il nettare: la propria carezza la faceva delirare quanto i colpi d'ariete del marito. l1li tutti e due di quella improvvisata. vazione furente. . La scollaturaJ che era fissata sotto Ie spalle e sottolineava con un'ampia curva la b~l1:zza ~el c?llo di Emmanuelle. Era iI ricevimento di .. protesto lei. Con l'altra si sforzava di liberare il corpo di sua moglie da quello scrigno di seta. Cosa era venuta a fare in quel posto? Quando avrebbe potuto scappare 0 almeno ritrovare la protezione di suo marito? ~¥ . .• I1 ~- ChI». Tagliava il seno smistro In diagonale con una linea dritta che nascondeva il caw p. «Se non m'inganno». Le sue gambe. ~ . credendo che l'avessero chiamato. Bangkok». Emmanuelle si lascio cadere in una poltrona per mostrare come quella gonna si srotolava allora. caro rniol». Spero che i suoi lavon Ie lascino un po' eli tempo libero». nemmeno quelle minuscole muta!ldine q~~si invis!bili e ~el tu~to birichine che indossava di giorno. La voce di Emmanuelle si sentiva probabilmente al di la delle case vicine.. rivolgendosi a Jean. esaminava la nuova arrivata con aria di ripro . Ridevano . Ariane de Saynes giunse al punto giusto per peggiorare la situazione. Quella sera iI vestito la fasciava stretta come un guanto dalla vita all'inguine rna si rigonfiava bruseamente piu in gilt. di modo che Ie sue natiche sfiorassero U bord<? del tavolo: lei stessa tiro s~a stoffa per scoprire Il ventre al messimo. «Complimenti. Emmanuelle non sapeva quale sarebbe stato il suo atteggiamento se si fosse trovata ad un tratto eli fronte alla gioyane americana. AIle sue prime grida il boy apparve. svelando Ie cosec dorate.. Signori di eta diverse la circondavano gia con complimenti e sguardi insistenti. Si tel Ina sulla soglia. bastava che Emmanuelle si chinasse appena in avanti 0 si sedesse perche il suo busto appansse mteramente. tutto sommato. La sdraio sulla schiena. Lei si premeva la polpa dei seni con Ie mani. • . n corpo diplomatico doveva essere presente al completo.. disse lui prima di baciare la mana di Emmanuelle. .. Cap} di riuseire meglio nella prima prova che nella seconda. «cosa fai? Sei pazzo! Faremo tardio Dobbiarna partire subito~" . Rlchiamo l'attenzione di un uomo elegante che stava parlando con un vescovo: «Gilbert. Tuttavia lei era distratta: scrutava a distanza i volti sconosciuti. Ja . aiuto la padrona a sistemare iI vestito. commiato dell'ambasciatore. . «ecco il nostro piccolo oltraggio pubblico aI pudore in carne ed ossa! Presto. la piccola cameriera di Emrnanuelle. Quando Jean l'ebbe rimessa in piedi il boy venne a pulire il tavolo che avevano macchiato. nascondendone soltanto la punta. la penetro in una volta sola. oh no! n mio vestito saratutto sgualcito. desiderando e temendo al tempo stesso di scoprire queUo di Bee. giunto alla fine del suo mandato. . . _.sollevo da terra e la sdraio sul tavolo di diaspro della sala da pranzo. Mi fai male! E se scende Christopher? I domestici ci vedrannol». Le sembrava che ogni gruppo nascondesse una trappola. «Tutta questa gente dev~' sapere che hai iI petto piu bello del mondo e il mezzo piu sicuro di fa~le apprezzare questa perfezione e di mettergliela davanti agli OC~ . Lei stessa si era vagamente asp ettata che il marito di Ariane fosse una-specie di imbecille pomposo con iI monocolo.._ . Gl8 a Parigi. un po piegate.. era raro che infilasse delle mutande quand? si vestiva per us~i~e di ~era: sentirsi cos} nuda Ie procurava un piacere altrettanto fisico di una carezza. Ea. .. Lo spettaeolo che lei offriva era cos} graziosamente impudico che Jean si chino ad un tratto per cereare sotto I'ascella l'invisibiIe chiusura lampo di nailon che fece scivolare con mana sicura fino alIa parte inferiore dell'anca. Il vestito che Emmanuelle indosso per recarsi al ricevimento delI'ambasciata rispondeva perfettamente a quell'esigenza. Questa sensazione si faceva aneora piu vivace se doveva ballare 0 se indossava una gon~ na corta molto arnpia. . dopa 11matrtmorno. che Emmanuelle ricordava di essere andata a trovare.. ~ Una signora dai capelli bianchi. II suo viso conserve la solita impassibilita. esclamo.. Jean. Emmanuelle si rassegno ad affrontare allo stesso tempo iI giudiZlO del consigliere e quello del prelato. fino in fondo. Si diceva che sperava con tutte Ie sue forze di non incontrarla.' «Jean».. . Certo. Invece Ie prime parole del conte la fecero ridere fragorosamente e lui le sembro molto attraente. aggiunse. La fretta di Jean procurava a Emmanuelle un piacere nuovo che Ie lasciava in gola quel gusto di bruciato che si prova dopa una lunga corsa.

E soprattutto di sentire quello che quest'uomo ha da dirti». di udito. Emmanuelle aveva dimenticato quell'appuntamento. rna non aI punto di renderla del tutto seria. Questo corteggiamento collettivo dove ogni concorrente ostacolava l'altro. II suo atteggiamento continua a riflettere I'allegria birichina suscitata dall'arrivo di Marie-Anne. Prima di fare la smorfiosa. Quella parola e cost breve che ciascuno deve prolungarla a secondo delle sue risorse rnentali e dei suoi desideri. Il nuovo arrivato osserva gli occhi raggianti. n vise di lei fingeva l'indifferenza rna tutti quegli occhi che la spogliavano I'eccitavano almena tanto quanta i cocktail che la contessa Ie faceva bere. ». . Non sono riceo che dell'arte altrui». «E proprio necessario? . Si accorge che la ragazza non si ~ nemmeno presa la briga di presentarli. «non credere in quei pezzi di corteccia caduti daII'albero della conoscenza.. segrete 0 enunciate. se 10 trovo davanti. le labbra felld. «Vieni con me». Mario sorride. era scomparso nella folla. ~ «Senti un po'. perche tutti possano troVaM il significato che vorrebbero appassionatamente esprimere da se: un Iinguaggio fatto di suoni e di forme. fissando a vicenda ognuna di esse con sguardo acuto.addolciva la senorita un po' roea e Ie bufere di fervore della sua voce. MarieAnne mia'». Protestate . . Mentre ilvecchio Ie sfomava il suo complimento lei poteva almeno pensare ad altro in santa pace. a trasfor mare il nostro mondo nato dal caso in un Mondo creato» Questo insolito preambolo sconcerta Emmanuelle per un attimo. Non si sen! tiva del giusto umore per affrontarlo. ci ha anche dotati di un meraviglioso potere di comunione: un linguaggio parlato da a1cuni di noi in nome di tutti.. a furia di milioni e milioni di anni.. «Qua dietro.. dopo un po'? Disapprove tutto cia che si trattiene. fatte di vesciche di porco. » . Purtroppo non possiedo nemmeno quel poco. Prese delicatarnente fra Ie dita la punta di un seno palpitante di Emmanuelle. «Esiste un uomo 0 una donna che abbia piu case da dire degli altri? Per saperlo dovremmo conoscere tutti quegli altri. zio mentre affrontava una pattuglia di aviatori. Marie-Anne la scoprl in quel tete-a-tete forzato. «Sei stupendal» esclamo. Emmanuelle tenta di aggrapparsi aI concreto. intanto. «Lei ~ forse l'artista giudicato degno del compito?». Poi pronuncia il suo giudizio: «Che bel sorrisol Come vorrei che se ne fossero ispirati i pittori della rnia terra. . Prima che Ariane potesse fermarla lei fuggl. Lui feee un lieve inchino davanti alle due donne. Vi e meno arte in una statua che mercanteggia i propri favori che in un visa che si apre». che ispiro alia nostra intera specie tanti progetti temerari. «Se avessi soltanto un centesimo del talento che mi permetto di contestare agli altri. appena si furono allontanate di qualche passo. illuminate. que) tomeo trucca . sporgendo Iievemente Ie spalle in avanti e chinando il busto. «Cosa ci facevi con quel vecchio bacucco?» si indigno. i sottintesi fiorentini sembrino ghigni.Ouesti. Mario ti aspetta da pill di mezz'ora». signor comrnendatore». Quell'espressione sembrava cos} comicamente piena di promesse che ridette a Emmanuelle iI suo buonumore. to dove nessuno si aspettava veramente che lei indicasse un vincitore. Non le pare che i sorrisi compassati. SODO queste aggiunte infinite.coloro che hanno sofferto e si sono distrutti per fame crescere iI I • I «mia» in italiano nel testa (ndt).. Poi si rivolse a Emmanuelle come se fosse stata lei a pronunciare !'ultima frase di Marie-Anne4- On accenno di dubbio . «11cui solo valore sta nell'essere i memento immobili dell'arte ve. glielo offrirei: iI genio del modello basterebbe al resto. ' Afferro iI braccio di Emmanuelle senza curarsi delle proteste del • • signore anziano. 96 97 . no!» protesto Emmanuelle. Ie ridiedero sicurezza. raggiunse la massa degli invitati e si sentl al sicuro soltanto quando un gentiluomo sul declino I'ebbe portata fino al bordo della terrazza con il pretesto di fade ammirare Ie lanterne cinesi. dall'Africa e dalla Grecia. «Marie-Anne vuole che io mi faccia ritrarre». Ariane afferro di nuovo EmmanueIle e la trascino in un vortice di presentazioni. «devo parlare con la mia arnica». Ariane la osservava in silen . «No. aspetta di vederlo. Quadri . I suoi occhi scintillavano. «Ti cercavo dappertutto.0 un suggerimento di rnodestia . Emmanuellel» La voce della ragazza tradiva la sua irritazione. la incalzo. disse con la solita faccia tosta. Li conservo soltanto in memoria di . che questo desiderio e impossibile? Eppure I'emergenza del pensiero.. signora. L'ammirazione degli uomini seguiva i suoi passi. di vista e di tatto che viene indicato con una parola magnificamente breve: l'arte.. vedrail A casa sua lui non ha solo sculture locali rna anche case antic he che ha riportate dal Messico.. Emmanuelle riconosce che anche il suo sorriso possiede una rara grazia. ccMi scusi. Prima che potesse fare dell'ironia sulla fiducia della sua amichetta nelle attrattive del suo eroe. ritiera che sfida Ie figure morte con iI rischio e il movimento. Cerco di difendere la propria liberta. Ad un tratto la trasse in disparte. nel saJotto: non c'e nessu . aggiunge. nol». Marie-Anne si intromette: «E un collezionista..

mi spiego male. «che "l'arte robusta sola possiede l'eternita" . pire iI soggetto e disfarlo.«TI annoierai 11. se abbiamo 1a presunzione di costruire un edificio durevole invece di creare con Ia fragile materia dei sogni. iI modelIo compie . «A me hanna insegnato il contrario». I . tacendo.. «Colui che io chiamo l'artista non e necessariamente 10 scultore 0 il pittore. Se cerchi di etemare la bellezza. Non ti vedro pia» ~ «Dove sei andata a pescare quelle idiozie?». per quanI 98 99 . mentre muore». Con un fazzoletto fino deterge Ie gocce di sudore suIle temple. quasi sempre. «Sciocchezzel Una curiosita di paccottiglia. . e brutta: ha il volta dei monumenti ai caduti in guerra. Mario si volto. «Eppure il quadro e diventato vivo». l'onore e il sangue: a volte il pittore rna piu spesso cia che dipingeva. Larte e esistita soltanto in cia che scompariva: nella donna che si scioglieva. «Oh. Ma non vedeva da nessuna parte i suoi capelli corti e non ne udiva gli scoppi di risa. iI rispetto umano la trattenne. Inoltre. Non ~ complicate. con una cortesia un po' languida: «Se avessi il minima diritto di darle un consiglio la inviterei a non cercare di sopravvivere a se stessa. ~ . Dove stai andando?». A volte essi possono dare una mana all'arte._ o farai tu da parte mia». Tuttavia. La sola arte che non sia futile e la storia della tua came». per caso? E scomparso da quando siamo arrivati qua». Stava per lamentarsene ad alta voce. rna di vivere». E. Marie-Anne la stava forse prendendo in giro? Invece no. nemmeno con le strade intasate: centocinquanta chilometri. non vado lontano. ' «E dove sta il capolavoro?». Emmanuelle aveva l'impressione che la sua presenza non fosse piu richiesta. . chiede Emmanuelle con un'angoscia repentina. Non conta il Ritratto Ovale bensl la moglie dell'artista». la interrompe Mario con violenza. Disse a Marie-Anne con un filo d'irritazione: «Non hai visto Jean. «Lei vuole dire che l'importante e il modo in cui uno si realizza? Che dobbiamo diventare opera d'arte per sopravvivere?». sequestri Bee?». senza mostrare di dare molta importanza alIa domanda. non temere. Sembrava considerare la conversazione chiusa. n busto e il cadavere della citta». la prego». di Miguel de Unamuno: "La piu grande opera d'arte non vale la piu piccola vita umana". . Decise invece dl interrogare Ariane. Invece nol. Dovrai venirci a trovare. «Ogni volta che provo a chiamarla mi dicono che e a casa tua». e fatica sprecata». Marie-Anne. Purtroppo. me no bella di una macchina 0 di un jeu d'esprit.. Era piuttosto sgradevole. «non credo a niente di simile. Emmanuelle si toglieva una possibilita di ritrovare Bee. Ogni oggetto concepito nasce marta». «Volevo salutarla. se sanno car . «Prima lei diceva che I'artista conta meno del modello».fino allimite vertiginoso dei pill sottili ramoscelli. Afferra una mana di Emmanuelle: «Mi pennetta di rispondere all'aforisma che lei citava con un aItro. Non iI suono della risata rna la gola che ride. Che scherzo della sorte! D'ora in poi.da sola" Emmanuelle fu sorpresa di sentirsi triste. sembrava convinta di quello che diceva.. n capolavoro e cia che ~ accaduto». attimo: sei cosi bello!" Ma se l'attimo s'irnmobilizza e la fine della sua bellezza. Non speri di trovare la bellezza in cio che si conserva ne in cia che sussiste. Altre donne monopolizzavano I'italiano. Staro per un mese in riva a1 mare. Qualsiasi cosa proviamo a fare di noi stessi. Ancora una volta. Era meglio Incoraggiare Ie illusioni che la ragazzina can Ie treece si faceva sui poteri della sua arnica maggiore. quel destino da sol01 il pittore non e che un testimone». «No» disse Mario. Emmanuelle ne approflttb per eclissarsi rna Marie-Anne la raggiunse subito.colora che hanna sacrificato l'alito e la ragione. chiede Ernmanuelle. 10». Larte era la caduta del suo corpo. «L'eternita non e artistica. «No. «Allora. Si lascio sfuggire una risatina gentile: «E siccome non intendo disturbare i vostri trastulli ». Emmanuelle cadeva dalle nuvole. Peggio per lei_. «Una volta morta?». Larte e fatta dallogorio dell'essere. disse Emmanuelle. Emmanuelle non avrebbe pill dovuto affidarsi aile sue fantasticherie per conoscere la realta. Non la traccia sulla carta ma l'istante in cui il cuore dell'artista si e straziato».Lascio ricadere la mano di Emmanuelle e disse. Devi vedere quelle spiagge: una meravi- glia» I «Lo so: uno di quei luoghi benedetti dove gli squali vengono a bee- chettarti nella mano. dell'eternita. poi' riprende in tono piu pacato: «Lei con osee il grido di Goethe: "Fermati. ».• / •1 tronco e i rami . La mamma ha affittato un bungalow a Pattaya. chiese. «Ma chi se ne cura. I •• < «No. la bellezza muoreo E bello non cia che ~ nudo rna cia che si spoglia. «Tu? Non me 10 ave vi detto. come avrebbe potuto confessare a Marie-Anne di essere stata abbandonata dalla sua amante di un giomo. «D capolavoro e cio che accade. Forse aveva trovato un'altra suddita da portare nel salo~tino?' Marie-Anne parlava di nuovo dell'inafferrabile americana. L «Come! Lei se ne va?». fino ai polloni disordinati .

. disse Emrnanuelle. Per la prima volta Marie-Anne avvicino il viso a quello di Emmanuelle e Ie diede un bacio veloce sulla guancia. Ma non voleva lasciarglielo vedere. non dirnenticarel Non sei pill libera». «Invece di fare la difficile dovresti essere felice che un uomo come. come se volesse trovare un cam po che si prestasse meno all'emozione. Sarai felice. Anne» mormoro. suoi complimenti sono senza impegno. gufo-gattal Ti chiamero domani prima di partire.. to fosse insopportabile . Non avrai l'intenzione di tirarti indietro._ lui s'interessi ate. D'altronde e un . I di nuevo. La sua arnica feee un gesto per stringere a se la sua testa seriea rna Lilith si era gia allontanata.UOino squisito e 10 adoro». l'amrnonl. Poi.. «La tua scienza innata non e data a tutti». immacolata Virginia!». «Tante grazie. Lei dovrebbe temere di pili per la sua virtu se fosse un bel ragazzo». io so bene che e soltanto un'aria che ti dai. «A presto.. «Marie . «Vabbene. grazie. 10 faccio quello che voglio». Marie-Anne sembro perdere all'istante ogni desiderio di scherzare. Non ti dimentichero. «cosa farai senza di me? Tomerai irnpacciata come prima». A1trirnenti non ti avrei presentata a lui. celio Emmanuelle. purche tu voglia Mario. E sarai ancora pill bella quando ti rive .. decreto la sua arnica. Poi MarieAnne tome alIa carica. Lo sguardo color fogliame si era fatto cost dolce che Emmanuelle ne rimase turbata. " Marie-Anne sernbrava cos} disgustata che Emmanuelle ne provo quasi vergogna. vero. Non le ha ancora spiegato Ie sue teorie favorite? Vedo che lui non Ie concede aneora piena fiducia: per me ha meno segreti. Sai bene che mi daro a Mario». Posso dire che e piuttosto esigente». adesso?». quasi intimidite. «Certol Presumo infatti che tu gli abbia gta concesso da tempo gli ultimi favori? Potrai comunicanni i tuoi appunti di lavoro.I 4 1 _ . penso?». «Come sei gentile! Speriamo che tua madre ti sorvegli ~ non ti Jasci amoreggiare troppo con i figli dei pescatori». mi aiuteranno a non sentirmi troppo a disagio nell'ora del sacrificio». «Ah sl? Si interessa a me? Quale onore!».. II Scambiarono un sorriso amichevole. «51». tenera ed insistente: «Sono sicura che andrete d'accordo. «Dovrai cercare di fare un po' meno la cretina se non vuoi che lui ti mollie Odia la stupidita».. Emmanuelle ando da un gruppo all'altro senza lasciarsi accaparrare da nessuno. esclamo. rispose Emrnanuelle nella stesso tono.Io riconoscerai. Ti confesso che non ero molto rassicurata in . «Non ci saranno amiche con te a Pattaya?» . «AI contrario». E verrai a trovanni al mare». 2 • ceil marchese» in italiano neI testo (ndt). se ci tieni tanto». rispose Emmanuelle con voce strozzata. «Esiterei a spettegolare se lui stesso cercasse di nasconderlo. «E tu». «D'accordo. «Prendero il sole per ore e ore. «E tornata. non ti preoccupaJ re». Fu quest'ultima a trovarla • per pnma. «Invece no». «Credevo che si stesse dedicando aile macerazioni in qualche luogo di penitenza». «Un principe delle tenebre mi consigliava di fare caniera nell'arte dello spogliarello» . giudichi l'effetto che gli ho fatto? Mi e sembrato piuttosto che lui fosse unicamente preoccupato di farsi bello» «Lo conosco un po' meglio di te. E con quale criteria. «Dai i numeri. dai. «dimenticavo che saresti dovuta tornare a scuola». 101 100 oil . «E vero». Tuttavia non voleva arrendersi. Sj erano allontanate dal grosso della folia e vi si mischiarono «"Adesso tomiamo + . faro dello sci nautico. Gli occhi verdi ebbero soltanto come un SOl riso enigmatico.le sarebbe mancata. «Mi ri-prometti che ti comporterai secondo le mie istruzioni con · . dagli altri». Lo trovo un po' pedante. Voglio che tu diventi sempre pill bella». Sl. riprese la ragazza. " «Proprio cost Riconosco che ero felice di vedere che gli facevi una discreta impressione. dimmi un po'. prendendola in giro. «Chi e quell'intenditore?». Ho voglia di starmene in santa pace» . «Vuole dire che lui e~. dro. «No. E pomposo e si diletta aI suono della propria voce: non ha bisogno di altro pubblico» . «e un peccato che vai via» ~ «Ci rivedremo presto. Si costrinse a ridere. Cercava Ariane. «Hai promesso. Mana. «E meno irresistibile di quanto dicevi. «10 non rni annoio mai da nessuna parte». «Mi hanno detto soltanto il suo nome: Mario». Inoltre porto una valigia intera di libri: ho dei cornpiti per Ie vacanze». «Volero da te».. «Non puoi rimangiarti la parola». anncipo». Ariane si fece piu sarcastica: «II marchese' Serghini? Che amorel I . Ad un tratto Marie-Anne si fece conciliante ed aggiunse: «Ma in L • • realta. ». ».. .

I• nasconde quei gusti perche gliene ispiro altri». «Be'. al club. Cercavano qualcosa da dire e guardavano dritto davanti a se. Ecco: «Non ti pare che stia per scoppiare un temporale?».qui adesso?». come se questi occhi la toccassero.tuoi panni. Qualcuno feee un segno ad Ariane. Guardo Emmanuelle come l'ultima volta. Ariane si lascio intenerire: «Tre parigini che si soffermano solo un giomo. ribatte . Afferro Yorio della gonna e la tiro su. . Li lascero tutti a te. Emmanuelle Ie tenne il broncio. Ariane la osservo un attimo in silenzio. Ariane Ie afferro il braccio e la porto pill in la. i quali non chiedono altro che lasciarsi fare. «Hai goduto in questi ultimi giorni?». Un boy apparve con un vassoio: ciascuna bevve un'intera coppa di champagne . di un rosso scuro. L'incantesimo era rotto: Emmanuelle si risveglio dal sogno. quella gente che chiacchierava con voce stridula facendosi un mucchio di inchini. fece Ariane. Sembrava loro ' che la temperatura fosse salita. malto ramato? E la soreIla di un attache navale. Richiuse il vestito. «Mostra di piul». vo presentartene alcuni?». si senti. «Cos'e?». «S}». contranata di udire quel nome sulle labbra della contessa. «No». De. Poteva J . «Ohl. 102 103 .. ordino Ariane. . + . benche cercasse appunta di Informarsi su di lei. • . Cl sono tann modi piu facili di trastullarsi. la interruppe Ariane. Ariane fece tornare il cameriere e scambiarono Ie coppe vuote con coppe piene. Ariane sembro repentinamente evasiva e desiderosa di cambiare terna. non ~pr~cherei il mio tempo per cause senza speranza. Fece scivolare Ie spalline. «Mi piacciono Ie vittorie difficili». rispose Emrnanuelle. come se fossero delle dita 0 una lingua. «Perche non sarebbe venuta.delusa. 0 voi ch'entrate'i». fece.. sa. «Abbiamo preso il te insieme una volta da Marie-Anne».. mi lascerai pure qualche avanzo del dessert». trattenendola da una piega della gonna. «impiccioni in arrivo!». «Con chi?». «Non 10 so». con una contraddizione ~vela: trice del disordine dei suoi pensieri in que) momento. «Oh. esclarno Ariane. Proprio il numero giustol». . Il nostro esteta e uomo di principio: non si lascera distogliere dalle sue virtu e dai suoi usi». Forse ci sarebbe stato un temporale.. Era furente. curiosa suo malgrado. . «Bee?». Onesto vestito e assurdamente caldo. ne ho traviati altri!». lei che sapeva tutto? «Iasciate ogni speranza. ». aprt la chiusura Jampo sotto l'ascella. «S1». Le punte del SUOl seni esigevano di offrirsi come quella del sesso. La sua aggressivita dilettava Ariane. secondo te?». «Come mai ti interessi tanto di lei?». Si raddrizzo perche 10 sguardo di Ariane la potesse leccare. disse Ariane. Aveva fretta di essere nuda. Emmanuelle annul. penso Emmanuelle. I • 3 • La citazione di Dante ~ in italiano nel testo (ndt). Parlo piu piano. . «Favedere». « Vedremo». Questi modi non erano nel suo stile. «hai sentito parlare di un 'american a dai capelli rossi. contagiata dall'umore dell'altra. Ie mormoro.. . .. ..~ Emmanuelle senti il cuore batterle forte. «Ma se fossi nei .II I . . «Che afa! Ho sempre piu sete». vero?». concluse Ariane in tone ironico. . r' • tI 4 -«Bene». declarno Ariane. Ad un tratto Emmanuelle ricordo quello che voleva chiederle . buona fortuna!». . «Non 10 dico». «51» «Questa sera ho un regalo per te». «Dovrebbe esserci rna non l'ho vista». Emmanuelle insiste: «Che tipo di donna ~. Emmanuelle si sforzo di ubbidire rna il vestito resisteva. Questa volta Emmanuelle era troppo turbata per resistere.. Avrebbe trovato piu normale che nessuno identificasse la straniera e.in un sorso. «E tu?». «Dirnmi». Si erano allontanate a poco a poco dalla massa degli ospiti. all'inizio. riconobbe. Emmanuelle rise. senza metterla a fuoco. Emmanuelle senti il proprio sesso che si addolciva. «Forse mi Emmanuelle Ce I aveva eroe. «Accidenti!». fissando il ventre nero e ocra. . «Toglilo». «51». disse Emmanuelle. che si divert} a spronarla: «Temo che quello si riveli incorruttibile». . «Non 10 dico». si vanto Ernmanuelle. Ti ripeto che conosco cento uomini altrettanto seducenti di quello. «Certo». «Complimentil La donna che convertira Mario si meritera un priapo d'oro». Ariane Ie chie . se l'hanno invitata?». cd~. se: «Sei nuda sotto il vestito?». «Ma hai fatto l'amore con qualcuno. Lei . con Marie-Anne per averle taciuto que) tratto del suo ignorarlo. chiese Emmanuelle.

Ariane s'indispettl: «Se il tuo marchese incomincia a discettare di falsi Chieng Sen e di veri Sukhotai con il principe Dhana. Un mutismo cost efficace. rna finse l'incomprensione. Cerchiamo altrove . Penso anche: liE appena arrivata. Ouest'ultima esclamo: «II tuo Mario! Vedo che sembra cercare qualcuno: te. «Ie tre fette di dolce saranno per mel». 0 piuttosto. 51». Non ha bisogno di nessuno». Bisogno di nessuno? Non ne dubitava. segul la direzione dello sguardo che questa. Dovrebbero adornarsi di belle piume. La frase risuono sinistramente nel cuore di Emmanuelle. alIa fine del ricevimento. nernmeno lei badava affatto. . E quel cappuccio era pressappoco la sola cosa opaca che la sconosciuta avesse addosso. Lei ha molti soldi. sulle spalle. «In quel caso». disse. astronoma abbagliata. La. Non trovo altro da dire. Ariane se ne rese canto. «Allora?». per conto suo. Ie afferrava la mano. criticava lei. la vedi spesso?». ce n'hanno almeno per un'ora. «Abbastanza spesso. poiche la ragnatela che Ie faceva da vestito non nascondeva nessuna delle parti del corpo non corazzate dalla sua criniera di gueniera 0 di santa. Emmanuelle si disse. avrebbe fatto meglio ad andarsene. non osava chiedere l'indirizzo di Bee. per propria colpa. Emmanuelle senti svanire il suo eccitamento. indifferente alIa devozione dei suoi vicini. Quell'accesso di decenza umana Ie fece perdere l'occasione di dichiarare in tempo la sua ammirazione alIa bellezza mora: lei si era liberata di colpo dal grappolo dei suoi cortigiani. Non Ie piacevano Ie finte. Ma I'italiano si diresse verso un anziano siamese..I - ~ t. Tuttavia la sua allegria suonava falsa: anche lei sembrava aver perso il desiderio di debosciarsi. in mezzo a uomini e donne ai quali. + «Ah sl? Niente di sorprendente. sottilissimo. capace in se di riscattare la noia del party. 'Ia schiena e sul busto un unico camaglio di cristallo dorato. 104 it ~.. con una risolutezza che sollevo come una nuvola luminosa la chioma d' oro chiaro. Se si trattenne un attimo di troppo. Spinse Emmanuelle con il braccio. Ma dov'era Jean? Lo cerco con gli occhi rna fu distratta dalla vista di una ragazza che Ie sembro subito di una bellezza e di un'impudicizia supremamente provocanti. Ma la tentazione era passata. «E tu. avvolto in un chongkraben porpora. i cosmetici. Lascio andare il polso della cornpagna e la pianto in asso. una mora alta e slanciata ricambiava 10 sguardo della bionda. e un'arnica sua» . Emmanuelle intul che. mischiato all'allegria impetuosa che illuminava i volti delle due protagoniste. Ariane sarebbe andata a dormire. «Cosa fa a Bangkok?». accattivo Emmanuelle piu di 105 II . Adesso scivolava (cost Emmanuelle descrisse mentalmente la sua progressione fluida e veloce) verso la bellezza bionda. suI. chiese Ariane. la faceva uscire dalla propria cerchia e la trascinava fuori. tutto al contrario. . «Perche il fratello la mantiene in ozio?». Senza riuscire a spiegarsi perche. di sicum! Non farlo languire». oppure apparire veramente nude! Dew lusa. Emmanuelle si avvicino per apprezzare meglio quel quadro sorprendente in una riunione ufficiale. Se la sarebbe presa se. Emmanuelle fu commossa nel riconoscere fra quelle due donne uno scambio di desiderio e una connivenza sensuale a lei familiari. credette di vedere scoppiettare ammassi di stelle. come se questa domanda fosse stata sconveniente. vado a prenderti un drink. rna che non lasciava nuda alcuna parte della pelle. Ne capezzolo ne ombelico ne vello pubico trasparivano.. «Come io e te: l'oggetto del desiderio e delle invidiel». Tutto questo senza che venisse scambiata una sola parola.lanciava verso il centro di un altro gruppo. ache Ariane venisse a punzecchiarla con una delle sue frecciate sarcastiche~ . . aneora una volta. altrimenti l'avrei notata prima". ampi. liE aneora piu nuda di me!". Ma questa paragone non la rese gelosa. «Non credo che lui 1a mantenga. ordinati con precisa simmetria: Ie fonnavano intomo aI viso. «Non posso: mio marito». «Accettera pure di affidarti a me!».. La sua interlocutrice precise: «Vieni con me questa sera?». La falsa nudita e gli orgasmi da cigno delle ballerine la irritavano. fu sol tanto perche temeva che MarieAnne balzasse fuori della sua scatola per coglierla sui fatto. senza rendersene conto. Ll per II perdono alia ragazza bionda la truffa della calzamaglia: quella sirena vestiva male rna sceglieva bene Ie innamorate! Gli occhi viola e Ie labbra di madre perl a della mora piacevano cos} violentemente a Emmanuelle che fu sui punto di andarglielo a dire. Emmanuelle sapeva a cosa lei pensava. Sotto la tunica impalpabile la ragazza indossava una' calzamaglia color came. salvo in un rilievo smorzato da quel trompe-l'oeil. dove Emmanuelle. non guardo piit I'ingannatrice. sbadigliava durante i balletti. Presto capt perche i presenti non si adombrassero per quella nudita. un indumento tutto eli un pezzo. La sconosciuta era altrettanto bionda di Marie-Anne rna i riccioli e Ie ondulazioni deUa sua capigliatura erano Iunghi. si fosse persa un soggetto interessante come quello.che a quel punto.

con questa donna. Nessun suo. Emmanuelle poteva dedurre il percorso delle lingue. saltando i gradini. da quando erano collegate dalle mani. Larmonia che univa queUe due donne era da tempo consolidata. poi della sua camicia. lei scosto la mantiglia formata dai capelli. tutto ltl Questo bastava all'intensita del momento. invece. dall' ondeggiare dei fianchi. Quasi con 10 stesso movimento. aveva detto tutto quello che era necessario. pose le labbra sulle sue e Ie mantenne 11 a lungo. che Emmanuelle non si curava pin.. si ricordo di lui. In ogni caso. Nessuno parlava. i loro ritrovamenti eli volta in volta in una bocca poi nell'altra. guidando Ie dita di lui. Non cap} la risposta. invece.donna~ Anzi. se ritardato l'accesso a un corpo cosl bello. salvo il viso. Anche loro. dell'eroe dell'altitudine. nemmeno un ammicco. Emmanuelle decise anche di fare un giomo l'arnore da uomo con una .. Quando stimo che quelle dite compivano la loro mansione con 107 . per la grande scala che portava in glardino. lui non prendeva iniziative. • Ad un tratto Emmanuelle aveva una tale fretta di assistere alIa penetrazione di que) corpo da parte di quello del giovane che ogni preliminare Ie sembrava nocivo. non OSO accompagnarle. era necessario per tradurre la telepatia minerale dei loro circuiti. limitandosi ad aderirvi in modo piu suggestivo.. oppure esse. Tuttavia. 106 • Ma un computer bacia mai l'oggetto che studia? La bionda. Emmanuelle si disse che ciascuna donna. come farei io se fossi un uomo!». «Entra subito in lei. Si strappo al bacio della mora e. chi e?». Non esamino nei particolari la possibilita e i mezzi per realizzare quell'innovazione fisica.guaggio dei segni adoperato dalla mano della mora ne aveva detto abbastanza. Emmanuelle rifiutava di perdere di vista quelle attiviste della bellezza. si disse che iI tempo pill 0 meno lungo messo dagli es~ seri appassionati per giungere a una comprensione simile importava poco. Dopo qualche tempo la bionda stacco Ie labbra da quelle che accarezzava e Ie poso sulle labbra della mora. quando Ie vide scendere. Era dell'uomo. stringendole fra Ie sue. Confesso a se stessa che a queUa distanza. nota lei.I . Erano 'in piena luce. Non davette cercarle lontano. Si accontentava di guardare le giovani che gli stavano di fronte. II lin.. Dall'inclinazione "delle nuche. Per fortuna. appoggiando una mano sui capelli dell'amorosa. Adesso scorgeva il contrasto roseo delle areole. Aveva quasi dimenticato la mora. La meraviglia bionda gliene infondeva la tentazione. ne imrnaginava Ie fattezze pill che vederle. penso Emmanuelle. Ie feee voltare il capo e tendere Ie labbra fino a quelle del ragazzo. adesso. no. sapeva ad ogni istante queUo che l'a1tra pensava e provava. Camante bionda. accontentandosi di esaminarlo con sguardo ponderato. che non Fosse reso artificiale da un esasperante preservativo di lattice. la calzamaglia aves . quando era stato rivolto alIa mana della bionda -Ia sola parte del suo essere. Si chino tuttavia sopra il parapetto di manno per carpire un'ultima volta la grazia delle fuggiasche. Emmanuelle noto che illoro rilievo si era fatto piu saliente. 0 invece la loro seduzione reciproca era avvenuta sull'istante? Ovviamente l'osservatrice preferiva credere a una pulsione amorosa irresistibile: mat ripensandoci. ad un tratto. . + quanta avrebbe fatto iI piu spinto clialogo erotico. Stavano esaminando con inten· sa curiosita un giovane apparso sulla loro strada. afferro le mani che il ragazzo lasciava pendere oziose e le guido fino ai propri seni. ~" . s'impazientiva sotto voce. Ie lora cavalcate. Lo COM strinse poi ad abbandonare i suoi sent. le spinse affinche seavassero e frugassero con Ie unghie nelle fessure ricoperte dal tessuto della gonna. sui bordo del terrazzo. per un lungo momento. Tuttavia non fu contrariata quando quest'ultima si accinse a slegare la cravatta del ragazzo e aprl ad uno ad uno i bottoni della sua giacca. Emmanuelle senti una di lora (non seppe quale) chiedere: «Lei. non intrapresero altro. Tuttavia quell'immagine continuo a commuoverla mentre si sforzava di non perdere niente dei fatti ben reali che avvenivano sotto i suoi occhi. Con ogni verosimlgllanza i1loro slancio era stato interrotto da un incontro inaspettato. quasi Ie loro pieghe. La bionda tese iI braccio verso la fronte del ragazzo e ne scosto un ' ' ciuffo di capelli dai riflessi autunnali. di una materia sensibile che it desiderio dissolve al momento giusto. avvicino il visa a quello dell'uorno. che prefiguravano I'imminente esplorazione di altre aperture e di a1tre reciprocita. "Lui assomiglia al semidio che mi ha presa sull'aereo". La calzamaglia aderiva forse pili intimamente perche quelle punte erano state attivate. attente a soppesare i suoi pregi e difetti. «Non aspettare!». imbronciata. A differenza. avevano perforato il tessuto? A meno che quell'indurnento sia fatto di una sostanza che si scioglie. proprio sotto Emmanuelle. peggio ancora. fino al sesso della mora. Le due ragazze prolungavano il loro gioco perplesso. quella forma perfetta di comunicazione di cui era appena stata testimone appartenevano a quell'arte definita da Mario: un'arte pili espressiva di qualsiasi parola articolata. che esploro. dalla torsione dei colli. perche mi preoccupava il seguito! Le sarebbe dispiaciuto che la ragazza fosse stata costretta a gesticolare sgraziatamente per estrarsi dal suo involucra e che. Le parole dell'arnore sono povere di significato rispetto al genio di una mano. Norr volendo essere colta in flagrante delitto di pedinamento si fermo.

Delle grida di apprezzamento. doveva avere liberato il giovane dal resto del suo costume poiche quando si scosto d. con un colpo della nuca. Con eleganza ben pill romanzesca (si convinse EmmanueIIe. Emmanuelle rimprovero se stessa: Sono fritta se incomincio a vederla dappertutto! Mi sono gia scottata una volta . La bionda era di nuovo in piedi. tere della propria carezza. cosl come. rfvaleggiava con quella della luna. negli acquerelli eli Leonor Fini. qua scavato dal tuffo dei remi. buttava indietro la Massa dei capelli la cui lurninosita. -'I- 108 .. Interamente bello come era bello il suo sesso eretto e lucido eli baci. E se quella bellezza irriconoscibile fosse Bee? La sagoma 'slanciata. slaccio con calma la cintura e aprl il pantalone delI'uomo. imponendogli con forza e agilita movimenti di una tale ampiezza e di una regolarita cosl imperiosa che avrebbe gla dovuto ricevere fra i capelli i lunghi getti di sper rna che . Chissa se si stance.con gli occhi pensierosi fissati su quel prodigio venturo -lei sembrava aspettare. Ci volle tutta la vigilanza di Emmanuelle per farle percepire l'oscillazione orgiastica delle reni che ritmava la pressione del ventre delle donne sul fallo che esse si dividevano. - I 'se. Non il colore degli occhi. Nessuno dei tre personaggi ammirati da Emmanuelle sembro sentire quelle voci. vente in riva ad un'acqua antica che Emmanuelle voleva che lui fosp.. scolpito di ombre e di luci selvagge come il flume vicino. Non avrebbe sedotto quella bionda come rho vista fare adesso.i un rniraggio. man mano che lei ed esse progredivano fra le mucose della mora). di quell'incitazione senza risultato oppure se. il busto piatto. awiluppati nella capigliatura della bionda. la flessuosita livida di certi corpi accusa 0 scusa l'impazienza dei corpi maschili e femminili di svuotarsi dei lora umori amorosi. . con un aItro sussulto brusco quanto i precedenti. Con un gesto incomparabilmente sicuro e breve si tolse il vestito aracneo e 10 hutto verso i rumori dell'acqua. IA sollevato dalle nasse dei barcaioli. assolutamente niente di lei.. Perche si ostinava a nascondere Ie sue forme sotto quel chitone da Amazzone. Ma quelle iridi viola erano forse lenti a contatto. in quell'istante. per canto suo e fra altre azioni. provenienti da invisibili pescatori. Ne saggiava la resistenza e l'autocontrollo. l'atteggiamento altiero e sereno erano identici. La bionda non aveva allentato la sua presa sul nerbo.. Per poter giudicare sotto un'angolatura migliore l'opera delle proprie mani la giovane indietreggio con il busto mentre. Non si invaghirebbe ad un tratto di un uomo incontrato per caso. Stava per tornare 109 . II Ioro pallore ardente a volte ne smorzava. come poteva immaginare di riconoscerla? Oppure. La sola cosa che dispiaceva a Emmanuelle in quella configurazione era che la mora non fosse nuda.i nuovo. il sesso che aveva fatto sorgere dalla sua notte. + sufficiente convinzione e quando scornparvero a meta nellino spiegazzato (Emmanuelle provo un'eccitazione nuova immaginando come la stoffa era stata trascinata da quelle dita: perversa. lei Ie inguantava sottilmente di quella stoffa. ... si bagnava con esse. negare che qualsiasi donna potesse impersonarla? Quell'esercizio di logica e di ossessione nel quale Emmanuelle girava in tondo la stance pill di quanta avesse fatto la sua osservazione prolungata.. Ma conosceva i gusti di Bee? Dovette confessare che non sapeva niente. racchiudendo in parte la loro nudita lunare nella sua lunga tunica pieghettata. doveva riconoscere. a volte ne accen-tuava la brutalita. che l'aveva trafitta in piedi sul Liocorno volante. Con Ie mani rese misteriose dal manto dei capelli la bionda. parziale) di quella mostrata da una ballerina suI piu tenero adagio del mondo. volle ricompensare l'eroe per la sua resistenza? Chino di colpo la testa in avanti.. lui apparve nudo come la statua marmorea vi. La mora cinse can Ie braccia i torsi dei suoi partner e li strinse a se. Emmanuelle non vide piu niente eli quello che succedeva sotto que) vela d'invalicabile lucentezza.•1 ~ . Passe in rassegna le assurdita della sua allucinazione: Bee non si travestirebbe per recarsi a un ricevimento dell'ambasciatore. ne l'acconciatura dei capelli. .. E l'amore a tre non fa parte dei gusti che Ie conosco. Emmanuelle ebbe l'illusione che quelle due fonti di raggi si fossero accordate per modulare. E Ia cotonatura alta che allargava a forma di sfera la capigliatura scura. I tre visi scomparvero allo stesso modo. salutarono quella perf 01 mance. La rete volo prima di ricadere su una preda sconosciuta. aI contrario. ciascuna secondo la propria disposizione fantasiosa e il po. In quel caso. fuori luogo cosl lontana da Troia? Emrnanuelle si senti trafiggere da un pensiero acuminato corne una spada greca.. senza interrompere la devozione che la propria bocca continuava a Insegnare aile labbra del kouros gli tolse completamente gli indumenti che aveva aperto sui suo petto e Ii butte sui prato. L'uomo e Ie sue conquistatrici rimasero cosl per un lasso incalcolabile di tempo.. lei penetro nella breccia che aveva creato e ne ritiro Ie mani soltanto quando pate far sorgere fuori un nerbo sodo e vibrante come quello. in uno stile di stampo africano. nel ricordo che Emmanuelle stava rivivendo. Decise eli rinunciare ad entrambi. la plastica di que] fallo inalberato verso il cielo. la bionda s'inginocchio. dopo tanto tempo.. poteva essere una parrucca. come con l'alba d. in modo altrettanto folie. Forse per compensare l'indecenza di que] segreto la mora.. accecando con la propria capigliatura. cosl repentino e violento da farla quasi urlare.

Si distaccarono bruscamente l'una dall'altra e dall'eroe nudo.in attesa di idolatre 0 di iconoclaste. Se ne sarebbe andata. Lo guardavano tutte e due. come se sentisse quell a parola per la prima volta e la trovasse perlomeno difficile da pronunciare. Tutto il cespuglio era diventato un solo grande fiore geometra. «No. ~ . fendersi. «Non c'e di che». prissero adesso. «Perche no? Lasciatelo una sera in compagnia del vostro sposo. Oual e. disse senza enfasi. «Marie-Anne mi ha molto parlato eli lei». agli usi della societa 0 alIa moralita tradizionale. Scomparvero nel folto. 111 . di venire a cena nella calma di casa mia». in un cespuglio di fiori rossi dagli steli altissimi.t lato dalla memoria l'impronta di quei misteri.. D'accordo?». il Quale misurava Ie possibilita sessuali dei corpi umani che Emmanuelle vedeva mentalmente. .. Lei avra il permesso di uscire da sola. si smarrirebbe. prigioniero. «La ringrazio». Dirnenticando Ie sue risoluzioni Emmanuelle rimase a lungo inchiodata suJia sua parte del terrazzo. per una donna. «Non Ie chiedo altro.. ». Tuttavia tento un'altra esplorazione: «Ma e pill eccitante. essere avvertita in anticipo dei rischi che corre».. accarezzando lora la schiena. Per lasciare libera la triade -libera anche di non iniziarla ai suoi amori isosceli . uno di questi giorni.. Mario la osservo a lungo. in un gioco illimitato di invenzioni. Aggiunse. era un po' sorpresa. dividersi in parti uguali e ricomporsi all'infinito.. si difese Emrnanuelle. ~ Indica il rione.. disse. ne la cipria. di cui non aveva mai intuito prima la possibilita._ . Mi e difficile. Almeno era schietto. a distanza. Emmanuelle imparo cosl a leggere nell'ondeg. La raggiunse. Emmanuelle non trove la cosa rassicurante. Cosa De dice?». «La invito da soia». L'indiscrezione di quell a lingua vegetale era persino pill lasciva di quella delle mani parlanti.Jasciandolo solo. che non si muoveva dal suo osservatorio. nol». tuttavia.. Sembravano allegramente indecise: cos'avrebbero fatto della sua virilita? Fecero la stessa scelta . D'altro canto lei non era abbastanza coraggiosa 0 vissuta per confessare a parole chiare quello che la preoccupava. . Non. Che lei si riferisse ai doveri maE trirnoniali. Le va domani sera?».. «andare a cena da uno seapolo. ~~ ~· Ammettiamo che la mora non sia Bee. «No». «Cosa potra averle detto?». «Potrei venire con la mia?». _«Tutto dipende da quello che lei intende con rischi..avrebbe cancel. Le sue labbra avrebbero lasciato i baci volare via con il vento. . . mmanueIle era nell'imbarazzo.. Riuscl soltanto a dire. Finalmente sentenzio: «Lei ~ bella».. Afferrarono assieme il calco antico e 10 portarono. tenendo il sesso dell'uomo.. nel ca~ so presente. Scoprl un nuovo linguaggio dei segni. il tempo che gli venisse un dubbio. Le suzioni d'aria e Ie aspirazioni che facevano dialogare Ie corolle sui lunghi steli e che svuotavano gli stami del 10ro polline sillabavano con silenziosa impudicizia l'audacia carnivora degli amanti nascosti. ne i capelli. Si chiedeva cosa ne avrebbe pensato Jean. Il tone di quell'invito cozzava con la fama che Ariane prestava a Mario. «Ma in questa momenta abbiamo un ospite. La mora camminava davanti. Aprirono un varco fra Ie aste fitte... sillabo Mario.congiungersi. ne il rossetto. «Mi dia il suo indirlzzo: un taxi verra a prenderla». indietro quando il gruppo si animo di nuovo. Ma chi e la bionda? + ~ ~ Mario la vide da lontano. rispose Emmanuelle. statu a eli Priapo in quel giardino alla fine del mondo. «Ma non so dove abita». II taxi verra da lei alle otto.1 giamento suggestivo delle infiorescenze gli aliti di piacere che provenivano da sotto. il numero civico e la strada. «Non e molto conveniente per una donna sposata».. Non passiamo parlare tranquillamente in mezzo a questa ressa. Non avrebbe ricordato i corpi. «Certo». in modo piuttosto pietoso: «Non sono vigliacca». tuffandosi nel lora profurno lussureggiante. disse in un tono che si sforzava di rendere scherzoso. illuminato da tre riflettori. Non avrebbe fatto domande inutili.. sorprese come se 10 seo . «Abbastanza per farmi desiderare di conoscerla meglio. 110 disse Ernmanuelle. la risposta di Mario era scontata. «Conveniente?». rispose educatamente Emmanuelle. spero?». Emmanuelle. la sua concezione del pericolo?». «Non ho una macchina». disse Mario.. Bastal. Avrebbe voluto vederci chiaro. «Lei pensa che bisogna comportarsi in modo conveniente? E una delle sue regole?». «No. allarmata. con un po' di malizia: «Ma lei non preferirebbe che portassi mio marito?». La bionda veniva dietro. «D'accordo». ~. Anche questa volta furona Ie donne ad agire. Sarei onorato se lei accettasse. Le fece un sorriso incantevole.

Dal posto dove si era messa. 0 la donna.. CUlVO sull'unico remo. eli durians. agitati dal vento. Una volta all'interno. cariche di bevande dolci. La voce di una donna intone un'aspra ninna nanna al capezzale di un bambino. TENNYSON (Ulysses) Thou didst create night and 1made the lamp. Emmanuelle prova una sorta di apprensione fisica. tintinnavano su due sole note. «Arrivera un amico» disse Mario.. che incrociavano nella notte isolotti di liane e di foglie trascinati dalla corrente. l'una tremula. porto un vassoia di bicchieri e si inginocchio per deporlo sul tavolino lungo e stretto. Emmanuelle poteva vedere barche di sughero. Thou didst create the deserts. mountains and forests. vestito solo di pantaloncini aderenti blu intenso. offriva dall'esterno l'aspetto di una casa d'appuntamenti nel bosco. lanciava uno sguardo placido all'intemo della casa. - I . IIsalotto si apriva in tutta la sua lunghezza sul khlong. Ma la scossa dell'alcooI non basta a sciogliere il nodo che si e I . Luomo. And it is I who turn poison into an antidote. a strapiombo su un canale nero agitato da riflessi. • ':. SuI frontone del tempio vicino i campanelli di rame dal battaglio a forma eli foglia di fico. tra Ie lampade giapponesi. 113 . Tutta a pian terreno. soffice come seta... in piedi sulla parte posteriore del battelle. . .t. Un boy. di noci di cocco e di canne bambu piene di riso bollito.. l'a1tra grave e come ferita. La sua voce attutita si annonizza con Ie ombre di figure buddiste che illaconico chiarore delle lampade proietta sul muro. a tal punto che beve in un solo sorso un mezzo bicchiere di cocktail molto forte che il boy Ie ha servito. III Mario feee accomodare la visitatrice suI divano di pelle rossa. che. -. Thou didst create clay and I made the cup. my friends] 'tis not too late to seek a newer world. Si sentiva un gong in lontananza che chiamava i bonzi al sonno.. respirava con affanno dondolando il piede. -La casa di Mario era fatta di tronchi. MOHAMMED IOBAL r. It is I who tum the stone into a mirror. . aperto ai lati sulle cosce. Lalegge Come. anch'esso rivestito di pelle . illusso dei mobili e delle stoffe era sorprendente. I produced the orchards. gardens and groves. .

cosl duro. · Mario.E inglese. piu un alleato che un nemico..che lei gli ha gia vista e risponde: "Mia cara. non aveva la minima voglia di fare l'interprete. Mario Ie parla di quest'uomo can una golosita che interrompe il suo discorso ad ogni parola. . · Sente. La fa girare dolcemente verso la de . come dire .... Mario risponde: «No.. . La gelosia e l'umiliazione graffiano il euore di Emmanuelle. stra. E proprio il mio giomo fortunatol. si impossessa di Emmanuelle l'impressione sconvolgente che i meriti dell' ospite atteso non sono soltanto decantati per il piacere di colui che li descrive. il sorriso d'incoraggiamento di un esaminatore complice a un candidato che ha la tremarella. Sta per dire a Mario: "Ha ragione di approfittare delle possibilita che Ie vengono offerte. 10 stesso non l'ho incontrato che I'altro ieri.Ma c?e Ie s. per disgrazia. cost che la punta delle sue dita si avvicina alla nascita del seno. che sia in un colpo so~ 10. II nuovo venuto. molto in avanti. E solo dopo aver parlato che la delusione la investe: allora Mario non si e nemmeno fatto premura di essere solo con lei! Aveva creduto che volesse averla a sua merce. ad aprire Ie gambe. e pronta. «No.. co che ha invitato qualcun altro.. La voce di Mario. 0 soave sospensione . poi mi rimandi a casa. ama questa possesso della propria came... Faccia l'amor~ con me.. a sentlr~ un corp. Pazzesco quanta poco rassomigliava a un pederasta. un colore che ha un buon profumo. Emmanuelle la senti scivolar via come un'onda abbandona la spiaggia. 0 . . aperta. il toc~o. rna questo non la porto molto lontano. «Lo conosco?». Quali dubbi potrebb~ mal avere ormai sui suoi gusti? Ariane aveva fatto bene ad avvisarla. lei non ha mente da ridire. rna si accontenti di quella che sono. mcerta e hq~l~a . con un vassoio in mana chi?o davanti alIa vetrina di un pasticciere. si riprese e fece uno sforzo meritevole per piazzare qualche frase d'ingle- 115 . rna come se fossero destinati a lei. domanda.".lasclandola nell attesa. pollice per pollice.... Se la rappresento mentre si infilava dentro di Iei.. Ma era l'inglese a sembrare il piu intimidito. stupro dehzlos~. L'espres0 • se che aveva imparato durante Ie tre settimane passate a Bangkok.. Ciononostante iI suo interlocutore ne sembrava incantato.lei. dando l'impressione di sceglierle dopo un dibattito esteriore. allo stesso tempo . E non si sposti. di modo che i suoi ginocchi siano rivolti verso di lui e che possa affondare 10 sguardo nell'ombra della sua gonna?». Mario fece accomodare il nuovo anivato e rivolse a Emmanuelle . scoprendo in modo diseguale Ie gambe: la sinistra fino a mezza coscia: la destra quasi fino all'inguine. indubbiamente.. osservo ironicamente Emmanuelle. perche dorma accanto a mio manto.Ma gia immagina Quale sara la sua confusione se Mario la guarda con quell' espressione di cortesia distante . cosi acuto che carezza cosl imperiosamente l'interno del suo sesso. lei potra divertirsi come vorra col suo 114 . cerca di spezzare I assurdo incantesimo.o di CUI lei non conosceva ancora. irrigata.. Cosa I~ succede? Si vergogna di questa paura indefinita.. Lei mi e certa .. postulante. Quale rneraviglial. Quando sara partita. Concesse che aveva un'apparenza piacevole. mente molto molto simpatica! Ma . non Ie accavalli». cos! gonfio. Se Mario vuole possederla.. sempre. non tanto delusa rna con una gioia vendicativa davanti al fiasco delle macchinazioni di Mario: buon per lui! Quentin gli apparve. Lei si morde Ie labbra. non aveva accettato suo marito ed ec .e ritomare ancora. d~: perfetto. voluttuosamente vuotandosi in I~:i ino all'ultima goccia. Mario ha posato una mano sulla pelle nuda della sua spalla. Devo essere destinata a non cascare che suI tipo di grande viaggiatore negato per Ie lingue.. decisa a comportarsi male per compiacere Marie-Anne 0 semplicemente perche la tentazione e piu forte di quanto lei voglia riconoscere e la certezza di cedere Ie causa un piacere altrettanto fisico di quello che provera ~ p~co .. lei si inganna. Quentin verra a sedersi su quelpouf. mentre con l'altra mano prende con delicatezza gli orli della sua gonna nera e la rialza di sbieco. Era vero. non era affatto male. I ~ . yna c~eatura che si fa voler bene. Lui non guarda nemmeno Ie mie gambe.di disdegno . La mana di Mario si ritiro. per rece~ere sublt? . cosllo immagina Ernrnanuelle.. non abbandonandola che seminata. riconobbe. e poi si spostava fino al ventre. di colpo. constato Emmanuelle. Se 10 aspetta: e per quello che e venuta. fino a quel momenta. non sembrava in grado di pronunciare una sola parola di francese.. Eccolo». o • J' inglese' ..a slacciarsi il vestito. 0 mvece I~ntamente. Avrebbe dovuto diffidare del genio Italiano. col tone stesso che lei gli attribuiva rnentalmente. Nello stesso tempo.che le m~n~a sotto i piedi. Vuole voltarsi da questa parte.. n sole di quest! paesi gli ha dato una carnagione tutta uguale e abbronzata . cosl. durante una serata mond~na . E una pelle straordinana. argilf la ribaltata. appropriata . peri>. ~onn~t'? dentro di . uno chaperon. interrompe Ie sue fantasie chimeriche: «Ci tengo molto che lei mostri Ie sue gambe quanta piu in alto possibile. il terreno .. Mescolava Ie bevande. dice. dipendente. clava delle spiegazioni al suo servitore sione equivoca la diverti segretamente e la stuzzico con un pungiglione libertino: cerco di immaginare la sensazione che Ie avrebbe procurato la lingua di Quentin che cercava la sua. 'J. . Le piacera». Vertigine di Emmanuelle. passata con l'erpice. 10 desidera .iri~parmi un gioco troppo complicato: I'idea la stanca pruna di cornmciare. e II cal?re che entravano in lei.

si sedette accantoa lei. Mario ricoprl il seno. Poi. · Emmanuelle non ebbe il coraggio di gridare: "Ma lei. pieno di sIancio. Lei non capiva molta bene quello che Mario voleva dire e la testa Ie girava un po'. la prese per la vita. cos} sottili presso Ie ginocchia da stare entrambe quasi neI cerchio delle dita che Ie stringevano l'una contro l'altra. poi girandole attomo e restando la. fino a toccare Ie natiche. prima all' esterno delle CO~ see. dalle dita dei piedi aIle anche. un po' per sfida un po' perche aveva veramente voglia di godere. Conservi per altri. . dovette sollevare il corpo di Emmanuelle col braccio Iibero per denudare interamente Ie sue gambe e i1basso ventre. sempre scoperte. in un'altra occasione.1l in un idioma modulato in cui Emmanuelle non riconobbe Ie infles . Linglese approve col capo. Ouella sera. . prima che lei avesse avuto il tempo di protestare per quell'impertinenza. Mise a nudo prima una spalla e la parte superiore del braccio. la rovescio all'indietro. l'altro sotto Ie gam be. annuncio. tradusse per lei: «Non deve concedere tutto alIa stessa persona». «E. che sembravano pill lunghe ancora sospese in tal guisa. disse. Le tormento Ie labbra con Ie dita. con grande serieta. LA} con gesto molto fermo. aIle quali aveva cominciato a fare 1'0recchio . Ma lei stessa non poteva vederlo. poi lungo l'altro. «E. Ma non voleva nemmeno dare l'irnpressione di indietreggiare. «Vieni». alzo piu alta la gonna. mentre la seconda saliva lungo un polpaccio. lui si lirnito a sorridere. per poter meglio sfiorare a piacere la faccia interna. La sua mano. AHora la prima mano venne alIa riscossa. Ie mutandine nere. Dopa qualche frase. facilitarono la discesa della slip. qualunque cosa Ie venisse domandata. «che lei offrisse Ie sue gambe a Quentin. allegro. t Sfioro con la punta delle dita la linea degli stinchi dorati. gridando all'indirizzo del visitatore. Lui sembro restame soddisfatto. davanti al sofa dove si trovava Emrnanuelle. scoIpite di ombre e di rilievi dal gioco ineguale 1 In itaJiano nel testa (ndt) 117 116 t . rna molto piu in alto. Dopo qualche istante penso che quella comrnedia era durata abbastanza. poi due. di nuovo. Quando Emmanuelle apri gli occhi e cerco di leggere nei suoi quello che voleva da lei. gia arrotolata. dornando. Aveva fattola domanda in francese e I'invitato si limite a strizzare gli occhi. veramente bella. al sorgere delle cosce. di nuovo. fece scivolare Ie sue spalline. poi. E soprattutto sono.. « Prendi». Per un attimo lei 10 odio. Una parte di lei a ciascun uorna: all'inizio giochi a coneedersi solo a piccole dosh. . Prese la decisione di restare impassibile. fece sussuItare Emmanuelle. disse. prese la cintura elastica delle sue mutandine e Ie fece scivolare in giu. poi sotto. Mario la contemplava._ ~ L Poi. Ma lui si alzo. Lei vide il movimento che faceva Quentin per awicinarsele. poi sopra. sorpreso. senza che lei potesse decifrare alcun segno. iI resto del corpo. La mantenne in quella posizione di squilibrio che la costringeva a sollevare Ie gambe e (lei ne fu cosciente. La sollevo dal divano. lei. Di quando in quando l'invitato lanciava un'occhiata a Emmanuelle e cercava di coinvolgerla nella conversazione. una sola. Dopo. non trovi?». caro?». poi la punta di un seno... «Ouesto ammiratore ha avuto Ie sue gambe: che se ne accontentijper iI momento. perfettamente chiaro che la loro funzione non quella di cam. soffermandosi nell'incavo delle ginocchia.AlIa fine si accoccolo suI tappeto. Parlava inglese. Parlarono inglese. Batte! Ie mani e dlsse: «E se andassimo a pranzo? Cara. fino a terra. che cosa vuole? Quale parte di me la tenta?". passandole un braccio sotto Ie spalle. Allora... pili grave e sorda di prima. «Non capisco». Mario insiste: «Sono molto belle. 10 tirarono in giu lungo Ie gambe. Accetta?». Quasi subito la voce di Mario. in un accesso di derisione. disse Mario. Ie due mani agirono di conserva. con un entusiasmo e un calore che lasciarono Emmanuelle sbalordita: «Non e bella. Le girava Ie spalle di tre quarti ed era faccia a faccia con il suo invitato. come impressionata da tutto 10 spazio che Ie si offriva al di la di quell'ultimo baluardo della decenza. se Mario si accontentava del seno che aveva appena sfiorato. come se Ie insegnasse una verita difficile. organi di lussuria». Sicco. costrinsero Ie gambe a divaricarsi. si unl all'altra per circondare Ie cosce. mmare». tra• I • sparenti come un tessuto di tulle. alzo ilsopracciglio e dichiaro: «Non ha importanza»_ _ . sioni e Ie senorita del siamese.me era stretta. mettevano in bell'ordine i riccioIi . che conternplo arrotondando Ie labbra. Emmanuelle aveva rnesso Ie calze nonostante la temperatura. I venga.. Le mani dell'inglese divennero sull'istante pill ardite e pill soccorrevoli. Mario. cosl sensibile che Emmanuelle senti che Ie si gonfiavano Ie labbra. «Ti piacciono Ie sue gambe?». Nel rombo fra Ie giarrettiere e nelle pieghe dell'inguine. per la prima volta da quando era anivata a Bangkok. Mario balzo in piedi. sericr. ripete. Voglio che lei assaggi i piatti che rendono folli i corpi» . e : Si chino verso Emmanuelle: «Vorrei». Si chiedeva. e questa volta con una punta " di divertimento) a scoprirle ancora di piu. a1ZQ la gonna. Una mano Ie accarezzo le caviglie.

• delle lampade di carta. . lei che.. io e lei.' «Non vedo bene come il suo amore 'fa rate" possa conciliarsi con l'estetica che professava ieri sera. un po' confusa. a darmi agli altri con il contagocce?»."_ na nera ricasco. non. ilsolo dovere. «Ma bisogna godere In qualsiasi modo? E II godimento che conta di piu.. rna con i ricordi!». «Ecco il rimprovero piu ingiusto che mi sia stato fatto». E ora che Marie-Anne Ie aveva messo in testa quell'idea. _ Poi si infilo 10 slip profumato nel taschino della giacca di seta greggia e. forse». . -_ Emmanuelle capl che la conversazione avrebbe potuto riprendere quota dopo il basso livello durante gIi antipasti. nel fatto che una donna sposata dividesse la sua vita tra un marlto e un amante. non parlarono che di piatti e di vini. «Ouesto pasticcio si sta raffreddando . 2 In . d'altra parte. cosa puo essere mai?». a pensarci bene. per quanto si. in nome della brevita della vital».. «Rinunciare aile case reali. E. Pure.. Enunclo dunque can la sua voce pill naturale: «Godere molto». + u quale arte era ancora possibile? Finita la commedial? Quando l'ultimo gridolino di piacere e l'ultimo canto della vita le saranno usciti dalle labbra. . si dlceva. «Se per lei non e la gastronomia la cosa pin importante.. declarno. suo malgrado. Si diceva persino. scopriva che era sensibile alia qualita di un arrosto. Emmanuelle non osava guardare Quentin. lei aveva veramente voglia di avere un amante. fareste bene a mettervi d'accordo: lei insiste perche io mi butti via. la condusse fino al tavolino intomo al quale erano state sistemate tre sedie di legno antico dallo schienale alto. .• r mulasse l'indifferenza. " «Ma no! Le sue lezioni sona assolutamente contraddittorie. . Disse che di solito non dava molta importanza a quello che mangiava. ora si divertiva della stranezza dell'esperienza e cominciava a dimenticare i suoi risentimenti verso Mario. Marie-Anne ha saputo dire meglio di me quello che noi pensiamo. Questa ipotesi la rimise di buonumore. Emmanuelle lodo sinceramente la ricercatezza della cena. «Forse. .. «E allora si dia tutta di un colpo solo! E quando sara finito?». e niente. di stile quasi medievale. uutor». benche Mario volteggiasse da una lingua all' altra. «P· . l'uno e l'altra. Osservava suI tappeto una piccola macchia di nailon scuro e non sapeva che fare. «Anche lei ci tiene a rappresentarmi la mia prossima fine? Ma lei e la sua discepola. Mi sara espresso male.". Ernrnanuelle si chino da un lato con un movimento pieno eli grazia per lisciarla. Per un momento. cOStpoca realta c'e nell'uomo». Non voleva comunque rendere il compito troppo facile all'italiano. ad aprire il suo corpo a tutti quelli che avessero posato una mano sulle sue ginocchia? Era gia abbastanza che si fosse comportata cosl in aereo. ». Ma uno solo! E che questa amante fosse Mario! Le venne bruscamente I'idea che forse questo qui l'aveva soltanto contesa a Quentin. Era troppo facile per Mario eludere in questa maniera Ie domande imbarazzanti. che aveva forse ragione ad impedirle di abbandonarsi a quel bel ragazzo sconosciuto che Ie era indifferente. Cosa avrebbe potuto rispondere per restare nel tono che si usava in quella casa senza nemmeno concedere troppo aIle manie del padrone? Dopo tutto. Si prese un momento di riflessione.+ • . Quando rimise in piedi Emmanuelle.. non per filosofare. I'opera verra abolita... «Ma la sua indignazione non rischia. . non e di far durare l'esperienza? Disfacersi? Certo! Ma senza fine! ». Mario la raccolse agilmente con la punta delle dita e la porto alle labbra. be cominciato certo ad andare a letto col primo venuto.. sino a quel momento. La sua insegna la continenza . chiese Mario. Emmanuelle rise. Sparira come un sogno. 0 il modo di pervenirci?». dopo aver ceduto l'ultimo colore del suo visa ed essersi svuotata del suo respiro vitale. riflettendoci sopra. Non avreb. perche mi esorta oggi a mercanteggiare il mio corpo. aveva saputo con tanta grazia scoraggiare i ragazzi di adoperare con lei altro che Ie manit E Mario allora? Non era la stessa cosa . interruppe gioiosamente Mario. non sara mai esistita. Marie-Anne. perche voleva tenersela per se.prendendo per mana Emmanuelle che era un po' interdetta. Era piuttosto impaziente. + italiano nel testo (ndt) 119 - 118 . «Il cuore si spezza quando si separa dai sogni.. n dovere pitt imperioso in questa mondo mortale. 10 scopo di questa serata era chiaro: era venuta qui per fare la scostumata.. per quanto fosse ignorante. . ». Mario non sembro nemmeno apprezzare 1a sua frase. ne conveniva.. Cerco dunque eli volgere i dogmi e i riti della sua filosofia in ridicolo. scherzare e per mostrargli che lei non era cost ingenua. Se cto che conta e prodigarsi e elisfacersi. la gon. disse. rna che questa sera. chiese Mario. di condannarci all'astinenza?» . «La donna che servl di modello al Ritratto Ovale. «Vedo che mi ha completamente frainteso. Le ragazzine hanno un talento per l'esposizione che si perde con l'eta». non tanto perche desse veramente tanta importanza quanto per . «Come?». Non c'era niente di stravagante. lei vuole che mi risparmi. Quentin partecipava poco alla conversazione.

Cosl disse: «Quale genio umano . una conoscenza avventurosa e un alito eterno. Sui gusto della vita. «Ah. La tentano?».: I'uomo. un canone. nell'opera compiuta che la bellezza vi aspetta. Non ~ un movimento dei sensi. «Ah. Ha l'urgenza della sfida e l'infinita della sforzo. Essa e iI blasfemo creatore mai taciuto. Ed e una morale» . Sulla confidenza. i suoi primi terrori ci ha buttati gin. «No. Eros). disse Mario in tono di trionfo. «Niente affatto». «Un Dio di cui lei avrebbe vantaggio a conoscere Ie leggi.. «£ stato coIto da un attacco di religione?». sospiro. Luniverso in moto deridera Ie loro pretese immobilL E l'uomo si curera dell'anima con il carattere. ne la quiete del crepuseolo dopo Ia pieta dei lavori. ton la faccia contro questa stessa terra. trovando nel progresso continuo dell'intelligenza il rimedio ai suoi incubi e aIle sue chimere». bensi un progresso. quello che e bello sconfigge la morte. l'instancabile marcia in avanti. Ed e anche una scienza . e state la nostra opportunita di prendere ilvolo. Giacche la bellezza e I'ala del mondo: privo di essa. «Ohl E a questo che 10 abbiamo ridotto!». cercava di provocare Mario . nuelle. noi che altrimenti saremmo simili a bestie. non sulla paura. e uno strumento di salubrita mentale e sociale. E una concezione del destino del. a strisciare con le nostre membra troppo deboli nelle umili regioni dove ci confinavano i nostri del. si rneravigllo Emma- dio estetico quello che invoco». rettifico Mario.piu vi:" giledi un angelo . il desiderio e l'amore della sofferenza e della morte e l'appetito di eternita sono delle passioni che io chiamo illu . Sfida in noi i tetri doni suicidi del121 . Essa non e una riuscita. «Un Dio puo mai essere altro? Non mi sembra che lei abbia un'opi- «E un nione molto alta dell'erotismo». 10 spirito rimarrebbe atterrito». sioni. it fascino. Il miracolo della bellezza. senza dubbio!».Ma non era riuscita che a rattristarlo. «Ma non ~. «E il dio dell'amore». un cerimoniale. riconobbe Emmanuelle. Non e una Iicenza rna una regola. Essa contiene tutto. «II furore di possedere solo per se 0 di appartenere a una persona 120 • sola: Ia volonta di potenza 0 di servaggio..ci copre con quella ala! E la bellezza della scienza a proteggerci dalle disgrazie della magia. (Mi piacerebbe che la virtu suprema fosse la passione per la bellezza. " affrancato da ogni sorta di morale. la volutta di far soffrire 0 di far morire.. La bellezza e sfida ed e sforzo.. E io affermo che e anche un elemento di promozlone spirituale. «Non e un culto. applaudl Emmanuelle..I t .. Voglio parlare di «Crede che non sappia servirlo?». si inalbero Emmanuelle. perche presuppone un' educazione della personalita. non sulla credulita. «Cioe il culto della castita?». E per amore della bellezza che nel teatro di illusioni dove Ie mascherate della politica e delle rivelazioni rappresentano illoro spettacolo d' ombre con regale lentezza. una seuola. l'ultimo frutto della scienza. Mario fermo con un gesto la frase che stava per nascere sulle labbra di Emmanuelle e concluse: «Lerotismo non e un prodotto della decadenza. aggiunse Mario. non 'sulla mistica della morte» . Ma mi dica cosa dovrebbe tentarmi. se 10 ricordi. sl? E come 10 concepisce.. si burlo di lui Emmanuelle. ~Lospite si volto verso Quentin come per chiamarlo a testimone... Poiche aiuta a desacralizzare Ie cose del sesso. come dire . che spasso!». Le sue leggi si fondano sulla ragione. un'arte. Quello che ~ bello e vero. altro destino che l'amore e altro segno del bene che la bellezza». alia flne. Non 10 credeva verarnente. quello che e bel10 e giustificato. Mario tacque un attimo rna l'espressione del visa di Emmanuelle 10 incoraggio a proseguire. «L'erotismo non e un manuale di ricette per divertirsi in societa. «E esattamente il contrario» . «Lei si sbaglia: io sono per l'erotismo!». ne un paradiso promesso alleale operaio. E il Dio dell'erotisrno». Il pensiero che i succhi della terra avevano fatto sorgere in noi. ~ un esercizio dello spirito. «II godimento. «Parlo sui serio». «Lei trova questa descrizione allettante? Non e piu piacevole farsi delle illusionl?». rna una vittoria della ragione suI mito.0 per meglio dire il frutto di elezione. «Dio benedetto!». «Ebbenel Lerotismo e. E la bellezza della ragione ci fa odiare il belletto dei miti.. la rinuncia aile passioni dell'illusione a favore delle passioni della Iucidita». La bellezza e cittadina di un altrove che non avrebbero potuto conoscere. uscito dalle nostre curiosita ribelli e dai nostri orgogli. . se i nostri cervelli codardi e i nostri cuori mortali non si fossero conferiti . la domanda mai soddisfatta. puntando verso di lei un dito esigente. un codice. la gente rifiutera di prendere posto.. iI culto del piacere dei sensi.:. poi prosegul allargando Ie mani in segno di evidenza: «Infatti la no~ stra vita e stranamente semplice: non esiste altro dovere a1 mondo salvo l'intelligenza. Lamore della bellezza e quello che ci rende diversi. un'unita di misura. «Non proprio». Guardo di nuovo Emmanuelle. Non ~ l'eccesso del piacere rna il piacere dell'eccesso. «Molto carinol». esattamente?».

'Iutte quelle paure che rappresentano l'antipoesia e sono diventate i valori del mondo: il conformismo. la virtu nata dal nostro disorientamento e dalla nostra solitudine nell'universo dal quale abbiamo cae . . . ha detto? Cosa intende con quella parola? Vizio significa difetto. Lei sa bene ehe l'uomo non e uomo che nella misura stessa in cui ha fatto di se un animale snaturato. 10 ordina e 10 compie. come se fosse soprattutto ansioso che la sua invitata non serbasse alcun dubbio sullo scopo ultimo del suo discorso: «La bellezza non e stata data aI. «Pensare che io ere122 «Non riesco a rappresentarmi chiaramente quel potere».. per fiorire. '. «Braval La Morale e l'Arte. pill vero ogni mattina dopo tre secoli: "Tunica passione della mia vita sara stata la paural". . ' «Lei e meraviglioso!». Lerotismo e. I'invi . dia. umorismo. la crudelta. Isuoi personaggi devono per forza essere uomini e donne di principi. la meschinita. Essa e la speranza ansiosa degli uomini e delle donne contro Ie leggi delle cose. In questa sensa. devo che certi chiamavano erotismo quello che aItri chiamano semplicemente vizio» " _ «Vizio. In una parola sola: il male! n vera nemico dell'erotismo e 10 spirito del male».pill si separa dalla natura. e il contrario della natura» «Come l'Arte?». Ritomare alia schifenza dellJhumus. ~. dopo aver bevuto. «E per questo che lei 10 rappresenta come una specie di morale?». audacia. il buongusto. «L'atto carnale tra donne e un'assurdita biological e impossibile. anzitutto: fantasia. ricadute. una purezza che non deve niente agli usi e alle convenzioni. come ogni morale. iI pili spesso a colpi di stivali. E ciaseuna di quelle vittorie ~ bella. il rispetto dei tabu e dei riti.. I. abominevole sconfitta dell'intelligenza. non e ilcontrario dell'amore. S'identifica nell'eroismo del nostro destino»~ .. quel trionfo del sogno sulla natura. Non c'e erotismo 13.. dove c'e piacere sessuale d'impulso. In primo luogo i piit onidi di tutti: la stupidita e la codardiaquelle due idri adorate dagli uomini! Quegli uomini che non si confessano mai bene come nel grido di Hobbes. la vergogna. Lerotismo e una passione di coraggio». I'amore del veritiero. semplice reazione a un istinto biologico. il canto delle sirene al di 50pra della bruttezza atroce del mare. eiato gli angeli e Ie favole. e il rifugio eccelso delle spirito poetico. senza i quali ogni tentativo in materia e destinato al fallimento. Paura di essere diversi. ricerca del piacere dei sensi piu che del piacere della spirito. di generoso e di trionfante». l'ipocrisia. que non e naturale: esso 10 immagina. per non menzionare il potere di convinzione e il talento di organizzazione. «A sentirla viene da pensare che quell' erotismo debba essere una t specie di ascesi! Vale proprio la pena fare una tale fatica?». e questo tutto il futuro che merita l'inventore delle matematiI 123 . diciamo allora che il vizio e il compenso dell'erotismo. obietto . Ma c'e una cosa che non pub esistere: l'erotismo vergognoso. la dove c'e una pura e . l'intuizione estetica e il sensa di grandezza. per molto piu di questo. l'erotismo e il contrario di fare l'amore?». Paura di pensare. Non appartiene all'ordine naturale. «No. sormontarla. L'erotismo richiede anzitutto uno spirito sistematico. Emmanuelle. il masochlsmo. uno sforzo dell'uomo per opporsi alIa natura. degli elaboratori di teorie: non degli allegri buontemponi ne pezzi di Marcantonio che proclamano. Certo. ne piu ne meno delle altre opere dell'uomo. il rifiuto del nuevo. Per dirla diversamente. Lerotismo e l'Uorno. non potevano fare di esso che qualcosa di fiero. perche nega l'impossibile. Paura di essere felici. Lerotismo trasforrna subito quell'invenzione del sogno in una realta. sorpassarla. ed e tanto piu uomo quanta.:erotismo. Non Ie ho gia detto che la bellezza non si scopre che nella sconfitta della natura? Da secoli e secoli coloro che proiettano delle ombre sui muro delle nostre vite cercano di convincere l'umanita. E il chiaro di luna immaginario. errori. «Questa e un'esagerazione. Tuttavia prosegui. Lha [atta: essa condivide la stessa nomea sediziosa con la poesia. • Emmanuelle gli fece un sorriso e lui sernbro capire cosa la toccava.la nostra materia casuale. l'odio per la fantasia. Ia sua scoria. la menzogna. Le qualita richieste per la nascita dell'atto erotico. Anche lui la guardo con simpatia. logica e fermezza di spirito. che non guarira mai della fatica delle macchine e dell'architettura se non con un "ritorno alia natura".. Ma e vero che fare l'amore non e necessariamente fare un atto erotico. ne e l'opposto. il quale puo tutto». iI numero dei colpi andati a segno alle servette con le quali amano ballare ». l'erotismo non ha per forza bisogno di quelle formule eccezionali: richiede soltanto Ia gioventu e la liberta di spirito. amore per se 0 amore per altrui piuttosto che amore per Ia bellezza. un disegno fisico piu che disegno estetico. i1 talento plu umano che possediamo. COS! diro che l'erotismo. Lerotismo. «Insomma. non c'e erotismo dove c'e natura. d'abitudine e di dovere. La sodomia e una sfida alla natura: esso sodomizza. la malevolenza. Ho voglia di battere Ie mani quando la sento parlare dell'arte come dell'antinatura.. e tutt'uno. «Mille volte! Fosse soltanto per la volutta di provocare i nostri mostri. non e esente da difetti. la sua ombra. Lamore in cin . E Ia vittoria promessa sull' erba e sulla pioggia. l'uorno da un dio: I'uomo l'ha inventata. Panico disgustoso. esclamo Emmanuelle..

rovinando con la sua canzone la fredda maesta degli spazi infiniti. altrettanto temerarie e folli di conoscere. solo essere vivente che lascera sulla terra pill che non vi abbia trovato. cia e Alfa della Vergine.. «Esiste forse. dacche noi • «La stella ~ apparsa. dopo tanti anni miracolosi. tendeva Ie sue labbra adorabili. l'abbiamo resa irta dei nostri castelli di vetro. simili a quell'alba che era la loro nel mattino dell'Odissea e. per renderIo libero di stabilire le proprie leggi: delle leggi che non 10 confondano piu con la meteora 0 con la molecola. allora. disse. ~. verso questo paese di cui ora condividiamo la notte. l'unica che pub condurlo al di 18. un'arte pin appassionante di quella che coinvolge il corpo umano. eccola qui: . Mario chiuse g1i occhi e non riprese a parlare che dopo parecchi minuti. di bronzo 0 di argilla. j . stelle Alfa. J '124 125 . AlIa mia sinistra. «Il baratro non sta tra l'inanimato e il vivente: sta tra cia che e cosciente e il resto del mondo. come gia un tempo ha estratto dal suo sogno Ie apsaras e le korea Larte del nostro tempo non puo essere un'arte di pietra fredda. «Arte. dei quadrati d'oro. che 10 faccia almeno in bellezza. gonfi dello stesso desiderio delle sirene. non come argilla. estirpare da lui l'abietta natura.. mi dica. e qualcosa di piu dell'arte. pittori. rna non per tradirlo: perche proclamava. porre fine alia sua esistenza. . ne del suo genio.. in un fascio d' atomi. un astro fatto dalla nostra mano. non per valutame la consistenza. Alia mia destra. il contomo. Ormai. musicisti. e trasforma quest'opera della natura nella propria opera snaturata? E facile per un abile operaio estrarre dal marrno 0 dall' equilibria delle linee un oggetto del quale non ha dovuto contendere la paternita all'universo. che avete segnato con la vostra veglia il percorso della nostra implacabile conquista. e la came della nostra razza: etemamente. dacche noi ne facciarno fremere l'etere alIa frequenza delle nostre cantate! Corn'e beUo. Ouesto. Non pub essere che un'arte d. «Guardi!». ecco il modo in cui )'ominide del quatemario si e separato dalla bestia e si e fatto uomo. Ouell'acqua stagnante.. «10 stavo volando sopra iI golfo di Corinto. il nostro gusto della vita allunga Ie gambe nude sulle vostre spiagge infuocate». libero dai roveti e dai serpenti di Dio per la crescita delle citta degli uomini! Com'e bello.voi. con tutta l'altezza delle Iettere che fonnavano il suo titolo. Questa poesia. e l'erotismo».. ehe e della calzamaglia delle ballerine? Se questa specie ha fretta di .. Poso bruscamente una mano su quella di lei e la strinse fino a farla quasi gridare.. non pUG far altro che "vivere di vita" Lunica arte che sia fatta per l'uorno dello spazio. un astro di pin. Marto parlava con una tale veemenza che Emmanuelle aveva l'impressione di ricevere Ie sue sentenze come se fossero botte. quando e a creare che 10 spirito ci invita?». Solo nell'universo. il nostro pianeta. Alfa della Bilan- rno come da una fionda verso la faccia dell'universo.delle stelle. semiaperte sulla maclreperla delle onde e morse dal sole.1. «La sua foga fece ridere Emmanuelle. girera. ha detto? La piu perfetta delle creazioni artistiche ~ quella che si allontana di piu dall'immagine di Dio. 1a nostra terra pub perire. la pili bella poesia che l'uomo avesse mai scritto: una poesia Ie cui antiche radici si immergevano in quella stessa terra che mi . contrassegnato con la nostra cifra e pronunciando Ie parole della nostra lingua. dacche noi ne abbiamo riempito Ie cavita. E la propria carne e il proprio pensiero che vuole modellare a immagi .i corpi vivi. scultori. che avete fatto della terra e dei cieli il regno degli uomini. Ma gia l'arte dei colori. Rifare l'uomo! Salvarlo dalla materia. Ma l'uomol Prenderlo nelle proprie mani. diffidenti e sagge . rasato dei suoi paesaggi e ornata delle creature di ferro di Calder. La sua voce aveva ritrovato la sua lentezza sdegnosa. aile 3h 57: una stella bianca apparira at centro di un triangolo formato dalle stelle Alfa del Bovdro. Ie vette del Peloponneso erano coperte di neve. 0 voi. cos} come Ie immagini di ocra e di fumo aprirono al futuro i muri delle sue caverne. che 10 liberino dalla degradazione dell'energia e dalla caduta dei gravi.. rna lui continuo di sIancio: «Ma perche devo parlarle di distruzione.. non per trame godimentO rna precisamente per contestame la forma e la natura. estratto dalla notte di Dio con la forza delle luci degli uomini! Corn'e bello. di sangue. in realta. come si estirpa dall'animale da Iaboratorio l'eredita che ne fa una lumaca 0 un roditore. Si alzo e cammino verso I'apertura che dava suI khlong . Le sorrise: «L'Arte.. . non per approvarlo 0 per amarlo. Ah! Cio che Dio ha creato importa molto poco rispetto all'opera dell'uomol Come ~ bello.. Un giomale che mi venne consegnato mi distrasse per un momento da quello spettacolo. alterame la materia stessa.. e 10 scopo per il quale 10 spirito esiste». Meglio varrebbe un vuoto fra i corpi celesti e il ricordo di un ultimo canto d'orgoglio che una terra popolata da una razza di scimmie di pili. troppo bello perche ci si preoccupi ancora del regno di Diol». Ie spiagge dorate dell'Attica riscaldavano il mare. di cielo e dai tratti di tenebre dei suoi Mondrian . + I • . Odio la natural».. La sua voce divenne stranamente bella. E l'eta nuova che e cominciata sara per sempre la nostra. minuscolo sassolino d'acciaio laneiato dall'uo. per sottrar10 allo stupido annaspare della cellula. II Ire gennaio. Mario guardava Emmanuelle come se vedesse sui suo visa quelle forme e quei fuochi della terra che lui amava. architetti. delle curve e dei suoni non basta piu a saziare la sua passione creatrice.

ne niente che appartenga al tuo prosstmo · .. Ia prego.per dire che 11 bene e 11 male non esistonol». zientemente. Anzi! La loro natura e i loro firu sono perfettamente immorali . ~ la realta dell'uomo. I'arte delI'amore carnale. Mario s'inchino cortesemente. scherzo Emmanuelle. Uornini. «Ecco una cosa detta chiaro e tondo: donne. «Non scelgo abusivamente 1rruei tesn." hanno sentito e capito. «Non sono d'accordo». 10 incalzo. ~i limito al piu ilT~fut~bile de~ I?ogmi. L'amore e sempre contra natura. il mondo dei [antasmi.. nella penombra color granata. Ma non e piu divertente che 10 sia anche. . Non e il cinema del povero 0 il tranquillante dell' esagitato. Ie loro dita contratte. l'insurrezione per eccellenza contra l'ordine dell'universo. quanto vi amo! Andrete cost lontanol».neil suo hue. f?-nno tutt'uno con la morale: Ia modestia. Parlava poco fa dell'ascetismo: e proprio questa l'erotismo per a1cune sette induiste: un dovere. in particolare. «Non solo secondo me! Non e forse CIO che tutti chiarnano moraIe?».. l'innocenza. disse.-' I· ~ «Lo so.. e ora parla come un predicatore dal pulpito! Non ci capisco piu ruente.a». «Senta Mario.. E pleonastico. ._ piacere morale: trovo che toglie molto sale alia fac~end. secondo le~..priva~ioni? Se la costringe ad approfit: tare della vita? Ah! capiscol Lidea di morale Ie npugna perche essa 51 confonde nella sua mente con quella di tabu sessuale. Ma non c'era pericolo: come al solito. Ii guardi mentre rernano e sognano. Che cosa sana per lei iI bene e iI rnale?». e il piu duro di tutti"». quanto seU« Un gue: ~ «"Non desidererai la casa del tuo prossimo. disse. sapptate 11posto che 127 .. per quanto diversa fosse la forma delloro genio. feee a pezzi l'idea con Ie parole. E. «E lei tutto questo 10 definirebbe moralel».nati come sono dal cal~o~o terra a t~ITa per eccellenza: il problema eli garaD:tire al cap?faml~h~ la proprieta dei bambini. Ia riva senza inganni. il. che a Ioro volta non '. Accompagno quella domanda con una risata affettuosa. «La morale delI'erotismo e che iI piacere fa la morale». ne travolgo illoro senso. disse Emrnanuelle.. non e un oppio. rispose lui pa.. No~ vi app~rtenevano affatto per diritto divino. la costrizione? Ma se questa principio la pri~a dall~. . . . Ritorno ad essere uomo solo quando delle braccia mi stringono!". prigioniero. «La morale e cia che rende uomo l'uornol Non cia che 10 rende oggetto alienate. Torno indietro tenendo in mana un volume rilegato in pelle con guamizi0!li di met~lIo. Emmanuelle chiese. ». non e un ' sonaglio. ne la sua s~rva. per lei. certo concepito piu teneramente e con che incantevole pudorei dalla piccola etera sacra di Amatonte: «ftpensi Forse che l'amore sia uno svago? Gyrinno. non desidererai l'atto camale che nel matrimonio".. L'amore.cosa piu grave ancora . E il fallimento dei piani di Dio». ossia e fuggito dal paradiso terrestre ridendo sotto i baffi. in un sogno orribile. uomini.I'unica vera patria. sono diversi dall' acqua 0 dalIa pietra. e un compito. cost come Ie zappe di silice e i vasi». la nota stonata nella musica delle sfere. penitente 0 buffone. con la privazione. stia tranquilIa! Quello che vogho pnma mettere In chiaro e Ia questione di che cosagli altri chiamano ilbene e iI male.. vestiti coi lora stracci. '. queUe llvirtu': che:. lei sta diventando sempre piu sibillino. «E. che queste mistificazioni compromettano ar suoi occhi la venerabile parola "morale". non e un gioco. cosl come Mose I ha riportato dal SInal. non e una distrazione. . ne il suo asino. non desidererai la donna del tuo prossimo. «Ouesto grido di chiaroveggenza di Don Giovanni molti altri 10. «e preferisco pensare all'amore come a un piacere. al dtciassettesimo versetto del capitolo XX deIl'Esodo. Tutlo cia che non e amore avviene per me in 50gno. con la loro cocciutaggine... Mario balzo in piedi e si diresse verso uno scaffale stracolmo di libri. Inoltre. .. ne il suo setvo . Lamore e come I'uorno. «Non lasci. per sottomettere 0 per far fare delle smorfie.. «Non ne dubito». ... «E esattamente I'opposto ehe cereo di dimostrarle». si stupl Mario.. . fare l'amore non mi ha mai stancata».Decalogo. E il crimine. quel cane non sono diversi dall'albero 0 dall'alga. « Udite udite!». «Eo forse immorale trovare piacere nell'amore?». « "Tullo cia che non e amore avviene per me in un altro mondo. . «Perche? Non capisco». che voleva far capire che non aveva intenzione di offendere Mario. E l'antinatura in assoluto. Condotta morale significa quindi: "Non sarai lussurioso ne di corpo ne di spirito. Lamore non e stato inventato per svilire. la terra ferma. inciso nella pietra..Ecco I'uomol Ah! bisogna amare tremendamente gli uomini per poter odiare tanto la natura. Non prenda pretesto da un imbroglio storico sventato gia da tempo per metter~ nello ~tesso sa~~ co ilbene e iI male 0 .. «Ci torneremo. «Cia che ha detto e Iapalissiano. i loro capelli corti . strumenti di Iavoro e segno estenore di ncchezza. schiavo eunuco. quasi timidamente: «Per lei. l'unico amore possibile e quindi quello contro natura?». E. forse perche il prmcipio morale si identifica. Ieggo. la fedelta coniugale . Ma quelli la. 126 . 11ntegno. la castita. Ma ci ride sopra! Perche e per una truffa di una buffonena rara che i tabu sessuali sono stati ammessi neI regno della morale e hanno finito per farvi regnare la Ioro ingiusta legge. Come faccio a capire dove vuole arrivare? E pan:ito ~all'er<?~is~o..

«Non si tratta di tornare alIa giungla rna di riconoscere che alcuni fra i poteri degli uomini. E non al primo posto! Come padrone. Approvava il giudizio di Mario suI valore del tutto contingente della morale tradizionale rna. mascherando la propna nudita e castigando il proprio sesso. canthus e perche un giomo 10 saremo ancora molto meno». Ma notiamo prima che il loro fine e eminentemente morale . Luomo proseguiral A tentoni. che fosse preferibile all'assenza totale di morale. ricordi che queste ultime sono tutt'al piu decreti applicativi secondari. il clero feudaIe aveva creduto di toglierci per sempre la voglia di godere. Sara una rivoluzione di gran lunga piil importante e piu radicale. e SI e messo a respirare. «Questo non avverral Non posso credervi! Perche non posso credere che l'uomo sia venuto da tanto lontano. chiuse a chiave dai signori della terra intorno alle reni delle loro mogli e delle loro asine. e perche la nostra epoca compie un' ecatombe di miti..' certo.! 129 . al fine di prevenire la timidezza degli animi e la stanchezza della came».t. Mario richiuse la Bibbia e vi appoggio sopra la mano. Qualcosa come la mutazione per la Quale ilpesce stanco del mare che si sarebbe chiamato un giorno Emmanuelle volle saper~ se iI gusto nuovo della terra gli avrebbe fatto crescere due gambe. L'inverso sarebbe stato possibile: essere una poule sarebbe diventato un onore e rimanere pulzella un'offesa a Dio e alla Chiesa!».. E l'apparizione dell'arte sulle pareti delle caveme . Seguira il madello comunista?». che sola eonta l'arte di godere e che non e sufficiente non rifiutarsi mai. Come serve. «Sara pin. EmmanueUe era sovrappensiero. gonfiando i suoi futuri seni». pUJ. . dicono. con i1resto della mano d'opera. destinati a facilitare l'osservanza del principia che ho appena citato. «l'avvento della sua morale erotica richiederA ' una vera e propria rivoluzione. sono giusti e danno alIa nostra specie i mezzi per raggiungere la feliciteLa legge nuova. la Iegge buona. pens ava. rna senza tom are indietro. senza rompersi il capo a elaborare e promulgare urbi et orbi un nuovo codice di comportamento? Era proprio indispensabile darsi delle leggi? Non esisteva morale qualstasi. .che ci pennette di datare il momento in cui il primo uomo si e differenziato dall'ultirna seimmia. d. Mario concluse. appena un po' di pili che un capo di bestiame 0 un ciuco». · «Ma cosa Ie fa credere che quelle correnti vinceranno? Che la sua morale fin ira per trionfare su quella protetta dalle leggi. unire il proprio corpo con sempre pill corpi e ritenere sprecate Ie ore passate fuori delle loro braeCIa». darsi. perche perdere tempo a elaborare una nuova etica sulle rovine della vecchia? Non era possibile fare I'amore a piacere. pastorale: «II Medioevo ha inventato l'arnore. fosse anche "erotica". abbozzi aneora ricoperti dal fango delle paludi del pleistocene! Invaghiti delle nostre Inibizioni.come Ie ricordavo prima .. da cui derivano sia pulzella che poulet? Vede che la scelta fra iI bene e il male e stata casuale. rimossi e condannati all'atrofizzazione dalla societa odierna. Concediamo di far Ioro I'onore di metterli nei musei. . rna piu adulto. Iiberamente. • · francese "poule" significa in senso proprio "gallina" rna in senso figurato "puttana" (vedi "cocotte" . alzando il dito indice: «Se a questa grande legge lei me ne sentira aggiungere altre in seguito. con la stessa sicurezza con la quale i valori artistici hanno separato l'uomo dalI'animale i valori · dell'erotismo separeranno l'uomo glorioso dall'uomo ver~ognoso ch~ si na~conde nei ridotti dell' attuale societa. da tanto in basso. . I' Una risata ironica gli gorgoglia in gola: «L'ediftcante pressappochismo dei valori della rnoralita sessuale non e forse perfettamente riassunto nelle peripezie della paroia latina pulla. innamorati delle nostre rozze sofferenze. Emmanuelle. la coppia un limite ne il matrimonio una prigione. progredito sulla scala dell'evoluzione. Lei sorrise a quell'irnmagine: «Ouindi l'uomo erotico sam un nuovo animale?». «Non si sconfiggono le leggi cattive con l'anarchia». che 3 In bisogna offrirsi in ogni istante. Se oggi siamo gia meno stupidi del coela .~l :. ribatte Mario quando lei gli ebbe confessato i propri dubbi. «Per niente. che la verginita non ~ una virtu. dopo aver concesso all'invitata un breve momento d rlflessione: «Ouello di cui siamo capaci e di provare ad accrescere 1 Intelligenza e di fare l'impossibile per essere felici». cadono in pezzi arrugginiti dai merli e dagli spalti che le hanno viste nascere. Guardi che cosa resta di quei complotti e di quei sotterfugi! Le cinture di castita del bene e del male. 128 • Aggiunse. Con iI regalo avvelenato della "morale". Si avvicina il giomo in cui. lottando con tutta la nostra cecita e tutte le nostre forze di bruti evangelici contro Ie correnti di speranza che cercano di farci uscire dall'infanzial». in quel caso.n .~ I . valete rneno di un garzone di fattoria. dagli usi e dalla religione? E se accadesse it contrario?» . con fremiti.). Direi piuttosto che il Medioevo e quasiriuscito a disgustarcene! Se oggi l'amore ha ancora una possibilita di rinascere. «Ma se i tabu della morale borghese sono di origine economica» disse Emmanuelle. vi riserva I'Etemo: tra il fienile e il bestiame. Poveri embrioni di uomini ch~ siamo noi. dell'uomo eppure sara ancora l'uomo. venite dopo i mattoni e il tetto di paglia. per fermarsi 11e rinunciare tutto ad un tratto ad andare avanti ad essere qualcos'altro.:. proclama soltanto che ~ cosa bella e buona fare l'amore e farlo liberamente..se non fu tale la loro nascita! E amrniriamo il fatto che la vera morale sia queUo che permane quando 1'0pera del tempo ha giustiziato la falsa».

Ma si tratta di un progresso individuale. che 10 limita e 10 frustra. in una di quelle minoranze impopolari che raddrizza il collo e apre gli occhi. cia che 10 tenta. Ma lei deve ricono . che e iI mio. sui nostri poteri e sulla nostra importanza». Le delizie e i veleni dell'angoscia e delle estasi mistiche non 10 toccheranno piu. «non la penso cost. all'anirnale umano per fuggire dall'asilo nido dei suoi dei? E ancora oggi. «Lei sa pure che nessuno trovera un rimedio alia morte». Quindi infinito e il nostro futuro.. «Ma per raggiungere quella meta quanto coraggio e necessario! Non ce n'e volute. secondo lei. di uno scatto che avverra un bel mattino nel cervello dell'uomo. «rna e sicuramente una colpa.. Gli del nascono soltanto dietro Ie palpebre chiuse». con quell'irnparzialita masochista che va di moda?». dal vertiee della sua scienza disumana e gelid a. Trovererno il nostro Mondo in qualche insenatura riparata dello spazio-tempo: esso sara il nostro amore e la nostra ragione. II suo progresso. Che faccia l'amore e come 10 faccia non importa! L'innovazione e che 10 faccia con mente llbera. Non ne capisce nemmeno piu il significate. e il progresso stesso». E non ho diritto di lamentarmi se gli uomini mi uccidono se io stesso sono stato incapace di guarirli dalla morte. Nient'altro. Mario la guardo a un tratto con sospetto: «Lei e dalla parte di quelli che ritengono I'avventura dell'uomo priva di senso?». nessuno mi ha promesso ehe potro mai raggiungere quella riva inesplorata che non so chiamare che felicita. Le ignoranze. Una specie di religione».. «Pensa che la nostra specie sia destinata a fallire. l :.. «E iI rischio di sbagliare». alla quale i grandi greggi snervati rifiutavano l'accesso ai pascoli. di edificare una repubblica della lussuria! Si tratta di un progresso biologico. Posso morire rna sapro che la morte sara la mia debolezza e non la rnia beatitudine». «So che e 10 spirito a morire quando Ie nostre mitologie. a I ne. II suo male e cia che ~ brutto.. Eppure Eluard aveva ragione di proclamare che: « "Non e vero che ci vuole di tutto per fare un mondo. consiste nel credere sempre meno e nel vedere sempre meglio. Moriamo soltanto d'ignoranza e di bruttezza... «Non e vero» disse Mario. Altrimenti proverebbe paura ogni tanto». e nemmeno di concepime un'altra. e un altro essere. Prima lei parlava del progresso come se coinvolgesse l'umanita». «Ma cerchi di capire! Gliel'ho detto: non si tratta di riformare la societa. gliore per il Mondo da lui disturbato. in un fallimento misura della sua ingenuita? Che noi siamo in balia del nostro Iinguaggio e ehe la nostra sparizione sia seritta su tavole sovrane? Fa sua la convinzione sprezzante secondo la quale siamo stati inventati come il dodo al solo fine di scomparire e che non siamo buoni ad altro? Forse. Ecco il suo bene ed ecco il suo male.. piuttosto che aspettare in _ contemplazione solitaria dove verranno ricompensati i miti e gli umili di cuore. Le mutazioni sono sempre avvenute in pochi individui.». Ma quando e dall' albero umano che si distacca quel ramoI •• . Emmanuelle socchiude Ie labbra rna lui sta gia continuando: «Certo. con una certa cautela nella voce. scere che anche la sua fiducia e una fede.. Lattrazione per se stesso e per i suoi simili gli bastera. Ci vuole la [elicita e nient'altro". gli feee notare Emmanuelle. «Non e un crimine non essere Einstein». «Certo. Mario si concentro.ed e fatta! Luoma pensa diversamente. La motte non e che 10 stupore del sapere». «Non solo: l'erotismo vi si identifica. Dove c'era la possibilita dell' esistenza reale s'insedia 10 sconforto del loro disordi- ' . «Ouello di illudersi sulla propria natura. disse Emmanuelle. Ie servitudini della-sua razza di prima non 10 riguardano piu. «Non sta esagerando?». quanta coraggio ci vuole per correre con la gente della strada iI rischio senza paradiso della vita e della morte!». sostituiscono in esso Ie cellule felici. Che per lui il bene sia quello che 10 fa godere e il male quello che 10 fa soffrire. cia che l'annoia. tramite intere societa che Ie Specie si evolvono. «No». disse Mario. Ie cui conseguenze riguardano 501tanto lui. E vi trascor . Quell'uomo non Ie sembra un animale piu progredito di colui che indossa un cilicio? Non ha compiuto un progresso?». Ie chiese.. «La coinvolge.Testinzione dell'uomo e persino la cosa mi. di filosofi 0 di eremi per curarsi della disperazione. n rischio delle idee che erediamo nostre. Non e tramite Ie masse. Ha varcato un limite.. NOli avra piu bisogno di funghi allucinogeni. come tumori della carne. di una trasformazione. «10 mi fido dell'uorno perche 10 vedo all'opera. E iI suo bene e cia che e bello. «Forse lei guarda troppo gli Einstein e non abbastanza i criminali .. e lei l'aspetta. Mario tacque Emmanuelle lascio passare un tempo sufficiente poi. Eeeo la sua morale.. che gli fa venire un'erezione. reremo Ie lunghe veglie della nostra vita senza inganni ad ascoltare il fracasso dei quasar. riporto Mario al tema: «E l'erotismo pub contribuire alIa scoperta di que) mondo nuovo?». i terrori. Sarerno felici.. Un barlume . sono d'accordo. 130 • 131 . poi riprese: «Lespansione infinita dell'intelligenza traccia una curva asintotica rispetto alla retta della morte.. sin dall'infanzia. Non siamo piu i pazienti del Dottor Etemo .la nostra pazienza e esaurita! Dimenticheremo Ie nostre albe mortali come dimenticano la malattia coloro che ne sono guariti. .

. Ogni tanto emetteva esclamazioni di piacere. preferiremmo essere nati fra un milione di anni! Ma dobbiamo almeno fare del nostro meglio per rendere piu vicina a noi quell'eta della ragione. un uomo il Quale.. 10 e lei siamo sfortunati: siarno nati troppo presto!». conosco il mio dovere: ripetere sempre agli uomini che i1loro corpo e giusto. Ouell'istituzione viene chiamata .a decorare Ie pareti del dorrnitorio. che esista da mille anni! n nostro arnica e stato per mesi. non riuscirebbe a capirle. «Fare come se fossimo padroni della vita. I disegni. Quentin aggiunse eerte precisazioni che furono. Niente che possa ritardare ancora la loro puberta. al quale ogni bambino deve sottornettersi per anni. Niente merita di essere fatto. tradotte per Emmanuelle: «La cosa piu notevole e che quei "lavori pratici" sessuali assegnati a tutti i bambini della tribu sono proprio l'effetto di un sistema. anzi. disse Mario. . che la dolcezza di vivere e anche la ragione d'essere della vita». ben prima della puberta. «Chi puo saperlo?». di una regola elaborata e rigorosa. Forse non ~ inutile provare a partorirei da soli. gli anziani sono responsabili dei giovani.un certo Verrier Elwin . con Ie porte spalancate. Alla fine tradusse per Emmanuelle (la quale si accorse che I'in. Forse non siarno ancora nati».Ia fortuna dei giomali perbene.. Una morale che non e basata sui divieti rna sulla fOI mazione. n loro ospite sembrava molto interessato a cio che udiva.. Quando Mario tacque. Quel tirocinio.ospite di una tribu del. come solo metro di valori morali il metro dei valori erotici . La loro 50cieta e interamente strutturata intomo a una morale sessuale esattamente opposta alIa nostra. I suoi membri vengono chiamati i Muria.. «Gothul». il mondo intero ne viene trasformato. a loro volta. Lo ascolto mentre parlava a Mario con un calore e una loquacita sorprendenti. «Gia. senza imbarazzo. assieme a un no to sociologo . «Le leggi dell'evoluzione ci ri. viene presto da pensare che quei Muria non abbiano probabilmente un millennia di ritardo bensi un millennio di anticipo».. la mossa necessariae sufficiente per passare dall'eta della paura all'eta della ragione». «Ma . Fare come se vivessimo.0 perlomeno una gemma di quel ramoscello . Nessuno ha il diritto di dire di tale 0 tale ragazza che e sua e viene punito chiunque passa 133 . How do you call it?».. con i denti dell' archeotte .e questo sara forse.. . Ie bambine vengono iniziate all'amore fisico dai ragazzi piu grandi. e non di un rilassamento dei costumi 0 di una cecita morale che colpirebbe quella razza in modo congenito. Questo ~ il momento ideale per prendere a prestito la ricetta di Pascal: rna invece dell'acqua santa sara l'erotismo come regola di vita a darci alIa luce. tt I . za rna di un' etica. ra. dopa dieci secoli di pratica.. La disciplina comunitaria del Gothul e molto seve . e i bambini dalle ragazze grandi.esista gia e. . con piena chiarezza. poiche quell'uorno non e ancora apparso.. La. persino se ci provasse. gli affreschi e Ie sculture sono senza eccezione di ispirazione erotica. l'India. Mario sospiro: «Ah. Per quanto mi riguarda. cilita di quanto lei aveva immaginato): «Quello che mi comunica 132 - Ouentin pennette ogni speranza. certo. detto 0 scritto oggi se non contribuisce al "pass aggi o". rige e la cresta della stegosauro». sotto 10 sguardo orgoglioso dei genitori.come que) quadrupede che decise una buona volta di camminare eretto sulle zampe posteriori senza chiedersi se il resto dell'anirnalita avrebbe preferito continuare a odorare Ie feci . adulterio e incesto siano segni privi di significato.. il Gothul. La "legge" vieta ogni legame durevole fra un maschio e una femmina. dei quadri animati i quali. in Europa. mangono in gran parte nascoste. iI passo decisivo. esclarno Emmanuelle.eseguire senza nascondersi. Non si tratta di Iicen . glese aveva probabilmente seguito la loro conversazione con piu fa... Questo non avviene affatto in modo istintivo 0 bestiale: Ietecniche erotiche che imparano hanna apparentemente raggiunto. tribu definita primitiva dagli indu "civilizzati" rna della quale esiste ogni motivo per pensare che rappresenti un'avanguardia dell'intelligenza.fra due amplessi . l'era erotica non e che una visione del futuro. Bisogna essere attenti aile proprie parole. Quentin mi dice che sono cosl riusciti che e impossibile visitare quella galleria d'arte senza essere immediatamente travolti dalle sensazioni piu vivaci. Che sorga domani un uomo per il Quale Ie parole irnpudicizia.-con uno scandala in prima pagina. II SUODO della voce di Quentin fece trasalire Emmanuelle: aveva dimenticato la sua presenza.. con luminosita. un livello d'incornparabile raffinatezza. · scello rnutante. inversione. Sembra che il "ramoscello mutante" . Iiporterebbero subito in un rifonnatorio dopa aver fatto. ' . E quando si vedono ragazzine e maschietti di undici anni . serve anche alIa sua formazione artistica poiche gli ospiti del Gothul occupano iI tempo Iibero .imitando Ie rappresentazioni piu ardite di quel museo d'arnore .. «Cosa dobbiamo fare per nascere?». ai propri gesti: non proferire niente che possa confennare gli uomini nella convinzione imbecille di avere giA trovato quello che erano venuti a cereare. La pietra angolare delloro sistema educativo e un dormitorio cornunitario dove i bambini di entrambi i sessi vengono ammessi sin dalla pill tenera eta per impararvi l'arte di amare. che i suoi ' poteri sono infiniti. allora Ie nostre vite saranno messe via nelle bacheche dei musei.in quel caso. E non saremo i soli ad esseme illuminati: che un nurnero sufficiente di noi adotti senza riserva. se la fortuna sonide ancora una volta alIa nostra specie..

il miracolo liberatorio dell' emozione erotica si produce quasi sempre soltantocome sfida agJi usi comuni. viene prima dell'eta del. vedere e. da tradizioni di ipocrisia sessuale piu forti che Ie verita evidenti della ragione. deve guidare in lei con la propria mano la virilita dei suoi compagni. che la sopravvivenza attuale delle false regole morali .lungi dal nuocercl. Sembra al contrario che. che non abbiamo ancora "varcato la soglia". la comunita s'incarica di riportarlo sulla retta via e di aiutarlo a dominare la propria natura. L'esernplo dei Muria dimostra semplicemente che e possibile raggiungere quell'eta pill 0 meno presto. che non esistono. Bisogna imparare. fare». Maison de ieunes chez les Mu~ ria. Quando si nasce non si e niente. bensl Ia gelosia.piu di tre notti consecutive con una di esse.vale a dire tutto (poiche non esiste altro: il tempo del sacro e finito). «Immaginare. ~ 134 • 135 • . il mutante. . legrarsene. «Che illusione banalel Devo proprio ripeterle che non esiste altra poesia nella natura che quella proveniente dall'uorno? Nessun'altra armenia. senza curarsi di istruirla. Il nostro modo a noi vivi di diventare uomini. finche abbia imparato non soltanto a non soffrirne mai piu. per i prigionieri che siamo. l'erotismo perdera ogni attrattiva? Forse. Sara certamente esistita da _sempre presso i Muria.) 4 • ·11 . Lui stesso deve sforzarsi attivarnente di fare amare da tutti gli altri ragazzi Ia ragazza da lui amata. Ma Ie concedo che la loro esperienza non ha necessariarnente valore per noi. il cui spirito resta marcato. «Non e l'impressione che ricavo da cio che mi riferisce Quentin. quando la morale erotica si sara imposta. ispirati di Ganesha. per i Muria. prosegul: «E Quante cose dobbiamo impararel La descrizione degli usi e costumi dei Muria non ~ inventata. tutto sommato. nel senso in cui i francesi parlano a scuola di lecon de chases». ivi compresa la poesia. diletto quanto adorabilmente perverso per altre). Un piacere cessa d. adatto aI nostro piacere. rna persino a desiderarlo e a ral . per facilitarci il compito. Non si nasce popolo eletto. di tramutarci in uornini. quale 'che sia la morale da lui adottata». i rimproveri e le disperazioni della nostra civilta+». Cost possiamo nascere e rinascere all'infinito: ad ogni "mutazione repentina" piu umani. il vero . storpiato per sernpre. provocare quegli atteggiamenti. Nell'India sono conosciuti come ferventi propagandisti dell'amore fisico. Emmanuelle non ricordava e fraintese la citazione. Appartengono a un' altra era della terra: non conoscono I'ombrosita.la morale. dandoci. come ricordera: "Ignoti nulla cupidot"». Per sincerar . la scienza: il bello. Per fortuna. fare l'amore non e piu divertent€:!' che cucinare?». E all'uomo che fa tutto nessuna dote.d. ~.e ignoranze e dai nostri miti come un paguro dalla sua vecchia conchiglia e di entrare nella verita come ' in un vestito nuovo. la ragione. quegli incontri e quelle associazioni imprevedibili senza Ie quaIi non esiste situazione poetica. almeno. Dobbiamo sperare. alia morale e alla conoscenza -Ie quali sono 501tanto. Mario. il bene. fara un salto. per esernpio. per noi. ci conforta nei nostri piaceri. forse. Questo significa necessariamente che non pub essere acquisito can la volonta ne con I'applicazione. ed e la nostra vendetta. E riconosciamo che. Tutto e organizzato per impedire gli attaccamenti intensi e durevoli e per eliminare la gelosia.. che la natura. fabbricando un Mondo piu . «Lei dice "imprevedibili": rna questo significa che non si pub provare piacere in qualcosa che gia si aspetta? Non esiste l'erotico che in quello che ci sconcerta?». ecco. una delle fonti dell'erotismo». se il suo viso si scompone quando la vede compiere l'atto sessuale con un altro. La sola cosa preziosa e cia che non e banale. Chi non l'ha ricevuto dalla natura venendo al mondo non giungera a nulla. Non dovremmo dunque preoccuparci che del nostro aneddoto. lungo tutto il corso della loro vita considerino che niente sia superiore ai giochi sessuali. esperti dell'arte amorosa sin dall'infanzia. • Carte. l'esperienza e la lucidita erotiche per accedere alIa poesia. se necessario. Solo Ylnsolito e erotico» ~ «Allora. l'eccezionale. Si trattera di una grazia innata.. Ovidio 10 diceva gia. ivi compreso iI genio. Non si nasce poeta. Si ricordi che prima assimilava il dono dell'erotismo at dono della poesia. la cui versione francese ~ stata pubblicata da Gallimard nel 1958 (n. quel tutto si e fatto da se un figlio: Eros.i avere qualita artistica se e un piacere abituale. l'inusitato: "cio che non si vedra mai due volte". i vari rispecchiamenti di un'unica lezione: la lecon d'homme. ~ di liberarci dalle nostr.a. Di modo che bastano la riflessione. Imparare signifiea imparare a godere. Cost le ragazze e i ragazzi acquistano una scienza sessuale unica al mondo. Mario! Mi dia piuttosto qualche esernpio di quello che si puc. Fra i Muria il delitto piu grave non e il furto ne l'omicidio. nessun'altra bellezza.0 semplicemente delle convenzioni sociali (che si pensi all' assurdo codice di decenza della lunghezza delle gonne: tormento per alcune donne.. «La sua dimostrazione sta diventando sempre pill astratta. Ma in ogni modo non illudiamoci di poter indovinare e descrivere utilmente in anticipo cia che sara la psicologia del nostro discendente. sene illettore potra consultare illibro di Elwin. -~ «In cio che interrompe un'abitudine. una morale del genere non puo svilupparsi in un popolo in seguito a uno sforza di consapevolezza e di riflessione. E dunque vero. certamente. Se un ragazzo ostenta un istinto proprietario ed esclusivo verso una ragazza. noi. "Iutti appartengono a tutti". Emmanuelle sembrava colpita: tuttavia protesto: «Mario.

bisognera trovare dell'altro». E queste .. nelle sue Idee. Mario non si lascio piegare. noi ci congratuliamo e approfittiamo senza scrupolo di queUo che oggi la societa rende un gioco interessante nascondendoci Ie ricette: che il piacere di rubarglielo si aggiunga a quello di metterlo in pratica. finche norme collettive intolleranti continueranno a instillarle la loro ideologia della colpa e della preparazione alia morte. rna perche lei stessa e quelli che lei ama siano meno infelici per 10 spazio di una vita. se ~ uno state spirituale. e un'avventura personale. per rassegnazione e per disperazione piu che per autentica volonta di piacere.. Emmanuelle si sentiva stordita.. Lo e quella che. di tutte Ie sue bassezze e di tutti i suoi amori. «Lei teme che il momenta in cui potra voltarsi e ammirare il earnmine percorso non venga mai. Nessuno pub essere per un altro essere umano una parte riservata. all'ora della merenda chiama suo figlio perche prepari alla sorell ina una tartina di sperrna: Questa e erotica perche questo menu non e ancora entrato negli usi. Certo.mode non regnano soltanto nell'alta sartoria: sana padrone assolute di tutte Ie sue insoddisfazioni. alIa fin fine. «Cos} il girotondo del mio eorpo non basta a giustificarmi?». avevo ragione di dire che. tutte Ie fonnule saranno consumate». Un bel giomo. attenzione. quanto nella fisica quantistica. Cia che la societa permette si esprime con delle mode. se la lora nudita e uno state fisico. ne una parte esclusa. Ouello a cui la invito e battersi. L'uniclta non e pill sicura che l'eternita». il suo cervello resters un cervello da schiavo poic~e e il pensiero a vincolarla. cara arnica. s'istruira con la loro intelligenza.po Itt moda del momenta Ie comanda di essere. Lei capisee quindi perche non bastera rnai accorciare Ie gonne per ingannare i rad~ dei benpensanti e superare il muro della liberta. con Ie leggi logiche che descrivono. Se non e capace di questa prodigalita. «Allora. ~ nella sua attitudine verso colora che lei ama che lei deve diventare diversa da quello che 136 - '. non e ingenuo contare oggi sull'effetto sov• . testarda. lei obbedira alla 10· ro gerarchia di illusione. tutto queUo che non e proibito e obbligatorio. Emmanuelle annul. ' 137 . Ma un'enorme importanza. religiose. di tutti i suoi timori. dobbiamo farlo per egoismo: per risparmiarci disgrazie evitabili. in un paradiso di liberta: dobbiamo cominciare invece a liberare l'uomo (0 la donna) . Non ~ erotica la donna che 10 sposo feconda nel suo letto. Emmanuelle. Tuttavia i suoi timon sono vani. che da molto tempo non si inventa niente di nuovo.. Sara sicura che quest'uomo la ama quando non le neghera altri amanti. torno al prime tema. Ma no! La parolapermette e irnpropria: nella discipJina della citta. . la qualita estetica della vita avra fatto dei progressi. La diffusione delle leggi della versificazione non ha mai risparmiato al poeta il compito di riscoprire da solo il segreto della poesia». Mario continuo: «Ouello che 1a nostra societa proibisce si esprime can delle leggi: leggi civiche. bensl di scuoterlo». rna amera quelli che la amano. Le mode non Ie permettono di comportarsi in questa 0 quella maniera. Lo spirito ha bisogno che 10 si tenga aI fuoco come un pezzo di ferro». Se non 10 facciamo per generosita 0 per giustizia. e si mostrera tutta nuda sulle spiagge. E perche coloro che ammirano la sua bellezza abbiano voglia di dividerla in modo inventive con gli altri: per iIsuo e per illoro piacere. perche sara un'i'altra". Ma noi possiamo stare tranquilIi: I'erotismo manterra iI suo valore di conquista individuale persino in un'umanita libera dai tabu sessuali. che teniamo prigioniero. i suoi stessi progressi 10 mettono in pericolo. «Dunque.__ za?». non per vincere sola contro tutti gli uornini e tutte Ie donne. Mario. il piacere di scandalizzare . di inedito. morali (che non bisogna confondere. E nella sua testa. l'erotismo). finche durera il "rna che se ne dira?". prima del sonno. trarra vanto dalla loro passione. quan. n combattimento contro la possessivita non sara vinto ne in questo secolo ne in un secolo successivo. . • Emmanuelle ritrovo tutta la sua loquacita. Uno stato che riscalda 10 spirito. Non esiste un custode felice. «Dsuo ruolo non e quello di far girare iIpianeta in cerchio. di tutti i suoi desideri. non il corpo.' «Non crede che sarebbe meglio progredire gradualmente? Respirare un po' ad ogni tappa?». gioira quando la faranno gioire. un giomo. a noi che Ie rifiutiamo. Posso assicurarle che questo non sara mai alIa modal). nei suoi giudizi.e 10 stimolo di essere scandalizzati. Non chieda dunque per Quale grazia divina lei potra svegliarsi. se crede di poterla possedere soltanto nel toglierla al possesso degli altri. e lei a perderci. «Se i miIiardi di gambe che si sono mosse su questa terra prima che spuntassero le mie non sono riuscite ad alleggerire l'aria d. Quando la borghesia ram adottato. tra altri oggetti della scienza.' do lei camrninera mezza nuda nelle strade. Lei sara libera la notte in cui la liberta altrui la eccitera di pill che la sua soggezione. Lei sara cosciente di amare un uomo quando sara contenta che altri 10 soddisfino.I. nei suoi sentimenti.i un pianeta mosso dal sesso. la costringono. perche l'erotico non e un'eredita. finche. «PuC> anche affennare senza rischio. Invoco una tregua. Ma. mostrare Ie gambe non ha nessuna importan«Nessuna. se I'erotico ha bisogno di qualcosa di straordinario. Certo..

«Lei ha il sensa delle fonnule il dono della sintesi. guardoni?». «Molto spesso». riprese. Che m'irnporta se questa cavallo. disposto a ripeterst. sull'arte: me 10 perdonera?».. Lei non fece • una plega~ · «1 bambini Muria». lei mi ha concesso l'arte. e di una semplicita sovrana ... Squadro la sua invitata con severita . io e lui. Emmanuelle scosse la testa in un segno affermativo. 0 al telefo. «Lei sa farsi l'amore da sola.. «II regno dell erotismo rirnarra sempre sbarrato a colui che non sa aprirne Ie porte alIa propria solitudine». . Ma 10 sguardo altrui non e forse la per scoprirle orizzonti nuovi?». rorecch~o (anche se fosse invisibile: dietro una porta. fin dove io posso mostrare quell'universo. L • «Sial». . " «E "arte d'amare" non sarebbe forse pin grazioso di "arte di godere r» . . «Circa. «Molto benet». co. E naturalmente Ie braccia non hanno genere come non hanno numero . " . Va da se che cio si estende a una vasta gamma di relazioni erotiche che va dalle proprie braccia a cose ben diverse dalle braccia altrui: I~ sguardo.. in ogni frase. «~zi~ bis0W!a godere da soli». fin dove possiamo.. '. me mi sono gia spiegato. Sarebbe la colpa peggiore. c~n Ie sue quattro zampe mi porta fin dove I'universo mi interessa. Ha ragione. «Diciamo dunque "l'arte di go~ere" i~vece ~i "godere can arte".. E anche troppo limitato: per amare. io Ie ho concesso il godirnento: non modifichiamo questa patto. . tra braccia s~mpre rinnovate ~ tempo sprecato. rna meno preciso. disse Emmanuelle. . che nascera la qualita del suo place~e. Mentre si pub godere da soli». E non bruci i suoi dei. Continuo: «Inoltre. Ma queste non sono. . Le sembrava che questa costituisse un dovere coniugale altrettanto importante degli altri. Non provava alcuna vergogna a proclamarlo. versivo che possono avere Ie mie ginocchia su un numero infimo di . «Naturalmente». possiarna scomrnettere che finirebbero per annoiarsi. 'Ma non inoltriamoci nei meandri della gramrnatica». Uno di questi giorni Ie ordin~ro di scrivere una raccolta di massime». Cioe. A differenza d~lIe invenzioni della scienza. Mario non aveva l'aria di scherzare. rna per se stesso. detto fra parentesi. Ie invenzioni dell'arte non perdono nlent~ ad essere gia state fatte. Mario si Incarico di precisarglielo: «Naturalmente.«C. l'hanno gia disegnato? Per me.~eogni ist~nte passato in una cosa diversa dal godimento "artistiCO. Questo esercizio di stile la incantava e Mario se ne accor?eva. l'uorno di Lascau~. " .::. . ~ cuori volubili.. 10 per me non metterei l'accento principale suI godimento rna. Inoltre. molto». Un momenta "fa noi ci d!vertiv~mo all'idea di avere la societa per nasconderci. no). Em~anuelle corrugava Ie sopracciglia. Sarebbe soddisfatto da questa vanante? Tutto il tempo passato in una cosa diversa dall'arte di godere fra braccia sempre piu numerose e tempo sprecato"». bisogna essere almeno in due. Non si preoccupava affatto della portata del suo oracolo. La grande legge. Non ~ vero?». l'una e l'altra. . e sapeva che Jean la pensava alia stessa maniera e apprezzava le sue idee. I" ~ " "' I ~ 138 139 . quale era Ia prima legge?». la sola necessaria e sufficiente. adesso abbiarno bisogno della societa per guardarci. Non Ie sarebbe mai venuta l'idea di .. cercando il modo di migliorare il suo testo. fece Emmanuelle conciliante. La voce di Mario si fece an cora pill preziosa: «A questa punto lei h~ scoper:t0 la seconda Jegge dell' erotismo: cioe che ha bisogno di asimmetria» . al contrario. ~ario. senza dubbio. che delle "piccole Ieggi". B~nc?e Iespress~one "sernpre rinnovate" non mi paia felice. Sembra Indlca~e che le~deve rifiutare i suoi antichi partner man man? c~e I"!eacquista altri. come l'ho avvertita. la prima volta che Ie rrue dita 10 estraggono dalla tenerezza della mia visione. o. E dalla loro ' moltlphc~zlone. Mario rincaro la dose.. «Piu grazioso. Deve esercitarlo. cuore. In due soli in una camera. «S}. «E questa Ie piace?». i Cinesi. Suo marito l'aveva incoraggiata anche a queIl'esperienza. •1 . se ~ solo per nprendersi? Per lei iI mondo non diverrebbe pill grande». mordicchiava il pollice. Per giunta "arnare' e equivoco. se ne ricordi. trovava perfettamente comprensibile che lui amasse guardarla. davanti all'ospite di passaggio. Lei teme che l'assuefazione smussi il piacere. Im~aglne stessa della concentrazione. Eros tiene nascosti i suoi segreti! A che serve offrirsi. Mario scruto Emmanuelle nell'attesa di una reazione. . assunse il tone di un educatore volonteroso. poiche era necessario: «Cia che giustifica l'impresa dell'artista non e il fatto di innovare per la storia. magari semplicemente l'immagine segreta che serba In fondo al cuore. «Ouella dell'insolito. anzi. approve Mario.. ci. «Lo fa spesso?». e faceva di tutto per fare l'una e I'altra cosa nel momento in cui lui poteva vederla. immagino?».. essere visti insieme. «fanno all'amore davanti ai lora ami-. la co~spondenza. non bisogna dare all'espressione Citra Ie braccia" un senso stretto. «Che vuol dire? D'altronde.. Non esiste arte felice la dove manca 10 spettatore». ». non dalla loro successione. benche io sappia quanto l'idea Ie sia cara.. rna Emmanuelle rise di buon .nascondersi davanti a lui per masturbarsi 0 per fare un bagno.

vero. poi riprese: «Erotico. Ma lui non si Iascio affatto impressionare. disse lei con lro. «Non fara dunque nessuna fatica a comprendere quello che signi.'.. ha orrore dell'equilibrio». in una strada dove camminano rari passanti con pellicce e mantelle di seta.. al passante incrociato per strada.. allo stesso mornento. Non esiste organizzazione superiore della materia. la realta in questa campo e persino superiore alia finzione: uno spettatore in carne ed ossa ~ preferibile ad ogni spettatore immaginario. di sprezzatura. Ma di chi. Ora queste moleco . Mentre lei faceva all'amore.con l'eroe greco soprattutto. perche quest'arte abbia un suo pubblico.. «Ohl». dimostreremo ancora». senza esitare piu di prima.. ~ . annuisce. za esibizionismo?» ~ "~ . anco . Con il fratello di Jean. la dura came della sposo quando. iI rumore. che fare I'amore in piedi. cancellando ogni fantasia con la violenza della sua passione esclusiva. se necessario. Pen) so. «Ah. la volgarita. l'artista autentico preferira sempre avere piu spettatori che uno solo». disse lei con pomposita parodica. non frequenta la folIa. Ie hanna questo di particolare: che la loro struttura. II posto naturale dell'amante ~ in mezzo alla coppia». «non sana sicuro di capire i1 significato di quella dicitura. Piu tardi. «Come abbiamo gia stabilito e come. all'eroe della schermo. di notte. in una piazza affoIlata?». Yinadattazlone si rivelera di per se un fattore .. della sua fedelta assurda! Altrimenti non ci sarebbe piu asimmetria bensl assenza simultanea.. cordo di tutte Ie volte in cui aveva praticato cosl l'amplesso di altrl uomini mentze era fra Ie braccia di Jean Ie causa un turbamento fisi. bisogna pure che abbia asimmetria. I'imrnagine di un altro. si comportassero nella stesso modo: e necessario che quando I'uno evade con la fantasia. Non c'e erotismo possibile per la coppia.. fase avanzata di questa evoluzione. nelle ultime settimane. come l'aveva fatto con Christopher la sera in cui era anivato. c'e per 10 meno nel pensiero di uno dei partner. Ie diro: I'erotismo richiede per vedere iI giomo. con gli uomini sconosciuti dell'aereo . con un sorriso beffardo: «Non Ie sara sfuggito il fatto che il sigillo erotica sarebbe assente se i due partner. Ie sue palpebre chiuse la offrono in sogno all'amico di famiglia. equilibrio. CD • 140 • 141 .. come a dimostrare I'evidenza: «Certo. mento dei lora componenti. senza neppure conoscerli. con sincerita .. «Ricorrendo an cora una volta alia fantasia della scienza. se preferiamo di nuovo guardare ]'erotismo come un'arte. Con gli amici di Ariane. E vero che questo terzo e raramente assente! Se non ~ presente di persona. l'altro. «non esiste erotismo sen . per esempio.. come il teatro». ra. Il sempIice ri. cos} intenso da farle pensare che Mario se ne dovesse accorgere: era proprio a lui che si era data cosl Ia notte precedente . Tutti quei volti si presentavano con tale caJore che si sentiva mancare e non osava. E COS! spesso. Evita il parapiglia. Scoprl con entusiasmo di essere in grado di rispondere subito. fece Emrnanuelle. insiste sulla sua prima proposizione. del godimento immediato e fisico.. rimanga presente con tutta la forza del desiderio. che siano riuni te le stesse condizioni che esige 1· pparizione di ogni forma di vita. . Ha Ie sue convenzioni. constatiamo che. tranne attraverso l'aggiunta di un terzo. a dire il vero. al marito dell'amica. «Anche se.mentre non avrebbe potuto farlo. Mario sembro sognare per un istante. «Ma certo. Linsolito. st. Anzi. e vero. Emmanuelle si senti piu a suo agio su un terreno dove i1libertinaggio poteva conservare 10 stile della farsa. «Perche non di giorno. ed e nor male. Ie rozze luci da fiera. Per esempio. «Mah!». che riscatta la banalita del numero pari. Ecco perche la masturbazione e eminentemente erotica: un'opera d'arte. Ernmanuelle. Gelosa ... equita: ed ~ questo che va evitato». invece. «Tuttavia. Per esempio. e l'adulterio. senza un certo squilibrio di partenza. uno e un numero dispari: colui che si maw sturba e allo stesso tempo attore e spettatore. giova a stimolare 10 spirito». che il numero di quelli che fanno all'arnore sia dispari». del fervore. piu divertita che scandalizzata. all'amante della sua infanzia! Risponda.. per paura di non riuscire a trattenere la mano. ta possibile. presenta un grado altissimo di asimmetria. non l'ha mai visitata? Come e piu dolce. «Perche I'erotismo -I'erotismo di qualita . l'avevo dirnenticata! Le confesso che non vedo bene in che cosa consista. non esiste progresso dunque. fece Mario. II solo amore al Quale possiamo permettere di essere esclusivo: «4' ••• Una vergine a se stessa abbracciata. n triangolo. Questa volta Emmanuelle giudico che gIi aforismi di Mario offendevana alquanto iIsenso comune.. a Devono averle insegnato che la creazione della cellula vivente presuppone l'esistenza di grosse molecole proteiche. Mario continuava. Ha bisogno di sottigliezza. La vita} dunque l'erotismo. continuo Mario. decisive dell'evoluzione biological Lerotismo.. non esiste vi. nla.. Ma perche l'asimmetria?». da quando 10 conosceva. diverso da quello di cui assapora Ie carezze. La lunga mana di Mario descrisse un cerchio davanti ai suoi occhi. Emmanuelle riflette.. ognuno per conto suo. fica la legge dell'asimmetria». ossia l'arrangia . Le piace tutto questo? Lo fa anche lei?». e naturalmente regolato dalle stesse leggi. di lusso. fare il minimo gesto. Non rispondere niente era il modo piil eJegante di farglielo capire.come ogni forma artistica. Mario ha un gesto delle braccia. di scenografia. gelosa e minacciata??».

«riguarda meno le donne degli uomini. ammise Emmanuelle in tono aggressive. grosse modo. Ricordi la frase profonda di Don Giovanni: "Iutto cia che non mi travolge mi ucci . nella nozione di coppia. «"Godere molto"? Si tratta di questo.. «Non ~ un paradosso. «No. Ia sazieta minaecia il desiderio. appena avra goduto non si aCCODtenti rna provi a godere ancora. cos'e l'entropia?». can il pretesto dell'erotismo bisognerebbe trattenersi dal fare l'amore per evitare di godere! Gliel'avevo gia detto. a che pro?». . Mario ebbe un soniso condiscendente: «"Psiche e sempre pronta ad essere presa?». poiche aveva voglia di fare l'amore subito. minaccia sia I'erotismo sia iI resto dell'universo. «Per il piacere di fare l'amore 0 per quello di essere vista mentre 10 fa?». consapevole di parlare anche per il presen . ovviamente. J • 142 143 . L'impercettibile derisione che aveva percepito nella citazione di Mario Ie sembrava intollerabile. Una sessualita appagata e una sessualita che va verso la morte. La sola difesa e di rifiutare la tentazione dell'appagamento. In questo campo esse godono di un vantaggio rispetto alIa maggior parte dei loro partner maschili». cosa occorre fare. . direi». In ogni istante. Non ho voglia di "centellinarmi" nemmeno se la mia mente dovesse trovarvi non so quale eccitamento peIVerso». non nella sola came rna anche nel cervello. decisa. sicuri che dopo aver raggiunto l'orgasm 0 saremmo aneora in grade di eccitarci». te. mi sembra. ~ la sensualita». 10 non Ie insegno I'amore di uno. disse lei. «In quel caso. Sinistra prospettiva dietro quell'happy end. «Questa osservazione». Dare al mio corpo tutto iI piacere che vuole.. secondo lei? E 1a incito soltanto a rispettare quelle leggi elementari: eviti l'amplesso isolato che procaccia soltanto il sonno. de!". ' «Dunque. 0 piuttosto se non siamo I . . Emmanuelle aggiunse. Le sto chiedendo: se ricerca il Massimo e il migliore godimento. Lo minaccia con il pericolo di una felicita piatta. «Fare l'amore per strada sotto 10 sguardo attento di qualche passante?».· secondo lei.. con l'ampiezza di tutte Ie dimensioni illusorie delle scherrno. ne di alcuni. ehe la esorto alIa temperanza! Mentre Ie spalanco Ie porte dell'illimltatol Eppure sappia che il suo orizzonte rimarra sempre or-. purche il suo sesso venisse accarezzato: «10 voglio anche il piacere fisico». Sui seni della sposa 1a parola "Fine". Pero lei ama troppo i paradossi». Tuttavia Emmanuelle non era d'accordo con Mario: «Insomma. Lei sa. E Ia forma di entropia particoIare all'erotismo non e tanto l'accettazione della societa quanto I'appagamento dei sensi. vero?». «Cosa c'e di male in questo?». e non confonda il concetto di coito con quel10 di coppia: cosa ci sara rnai. E quello che Ie dieevo un momento fa quando le parlavo di equilibrio.~ eli farlo». ~ «s}». . oppure di masturbarsi. «No». E quanta posso. E anche dell'erotismo se esige tanta virtu! Preferisco godere quanta voglio. di una pace che ~ quella del riposo eterno.. Lui alzo un dito con fare professoraIe: «Non e erotica I'eiaculazione bensl l'erezlone». Niente di tanto eccitante» . in ogni individuo. cercando invano di ricordarne la formula. «Oh Mario. Chegioia trovare una donna pronta a dedicarsi esclusivamente alla voluttal Tutti i miei consigli eli prima miravano soltanto ad aiutarla a riuscirvi meglio. lei e irritante». Ad un tratto scoppio in una grande risata schietta: «Venirmi a dire. del ratto e dei pidocchi. nell'erotismo. disse. di non accettare mai di godere senza la certezza di poter godere ancora. Lui annul con aria seria: «D piacere fisieo pub essere presente». a me. il logorio. perche no?». ~. «Benissimol Benissimo! Se soltanto sap esse quanta mi fa piacere! . «Sl». cito. qualche secondo prima: « Credo che sarei capace . con Mario. . non permetta che Ia facilita dell'appagamento abbia 1a meglio sull'esigenza dell'erotismo: non imiti la beatitudine priva di pensiero con la quale si conclude il triste accoppiamento degli animali. rendamente ristretto se aspetta l'am ore da un uomo solo. «La stanco?». Non Ie sto dicendo: limiti il suo piacere. «Tutti e due... ». l'entropia.inspiegabilmente. la decadenza dell'energia. vale a dire. Emmanuelle non volle apparire meno audace. «Mario . in compagnia dell'okapi. «E se vi si chiedesse di simulare? Se un uomo facesse finta di prenderla. disse lei. Ie basterebbe il solo piacere della scandalo?». «Ma 51. le sue teorie finiscono per congiungersi con quelle del catechismo: coltivate Ia mente e mortificate i sensi! Mi sa che mi atterro al mio primo pun to di vista: me n'infischio della morale. non sapeva bene quale fra Ie due cose: in fondo la scelta fra l'una e l'altra non era eli importanza essenziale per lei. Fece una pausa poi dichiaro: «Lintoppo. da cui l'uomo possa trarre un motivo di orgoglio? Quella misera invenzione gli ha soltanto permesso di imbarcarsi sull'arca di Noe. bensl l'amore del maggior nurnero possibile».

questa maniera di fare l'amore dovrebbe essere preferita a ogni altra». Esigera da uno sconosciuto che la prenda senza precauzioni. arnica mia. Emmanuelle fece un gesto di equanimita. Mario rispose con un' altra citazione: « "Rimani sdraiato. Stava per dire qualcosa ma cambio idea. «St. per questo che la trattavo da corruttore». '. E si possono fare al!re c?se con. ». s~o dove c'e limitazione. «Ma non necessariamente. qum di? ». ' Questo ricordo Ie divento quasi piacevole: un luccichio malizioso illu~ino iI suo vol to. rna all'arnico che sogna sin dall'infanzia di penetrare dolcemente in lei non concedera di godere che nel palmo delIa sua mano». che cosa esiste che possa farci piu uomini se non Ie mani di una donna? Noi potremmo fornicare con una cerva 0 con una leonessa. in un quintetto. ' «Se vuole». All'inizio di questa serata. In nome dell'umanesimo. · Lei ~se. disse Emmanuelle in tono trionfante «Anch'io». «Lei e onibile! Crede che io mi abbandonerei cost a tutte queste dissolutezze? Fortunatamente lei parla solo per ridere. senza che lei si rendesse esattamente conto dei motivi oscuri che Ie facevano attribuire a questa "legge' di Mario pill importanza che a tutte le altre. che io dovrei concedermi a un mucchio di gente! Ad uno concederei questo. come per indicare che rlconosceva a ogni gusto uguale diritto di esistenza. si lamento Emmanuelle. concesse Mario. eome per allontanare l'emozione: «Cosa occorre . con una mimica di dubbio '.t. SI puo dividerlo 0 sottrarlo.. ' «Ouanto e bella!». La molteplicita e. tncapace di discutere. esclamo. all'altro quell'altro.. ~n numero che addizionarlo 0 moItiplicarlo. A colui che crede di dover languire mesi interi e lottare per conquistarla co . sperava. Eppure sono le mani a fare di noi degli esseri umani! Per noi maschi. Mario ricambio quel soniso con un'espressione di stima che lei non aveva aneora mai visto sui suo visa. Rimase silenzioso un istante e nemmeno Emmanuelle osava rnuoversi. E. E viceversa non esiste eroti. lei rifiutera per puro capriccio "gli ultimi favori". io I ho fatta arrabbiare. Mariol». E non inebri coi suoi incanti inaccessibili che lei stessa: «'Vergine. Per ~sempIO. un corpo capace di godere di tutti quanti? Che cos'ha da ridire?». Lui voleva sempre avere ragione. «10 spero che lei sappia far huon usa di questi meravigliosi strumenti della lussuria?». lei ha I'aria di suggerire. Emmanuelle si costrinse a parlare. «Ma dove ci portera questo? DeCOrTe rifiutare di fare I'amore con un solo uomo? Farlo soltanto in un trio. non mi allontana nemmeno dall'avere un corpo innumerevoIe. fare. riprese lui. I. e di rifiuto persistenti che travolse Mario. Mario mormoro: «lfSevuoi ci am. dia a piene mani agli uni quello che offre con moderazione I j. la loro bocca e i loro seni siano dotati di potere. me un cavaliere del Graal abbandoni il suo corpo il primo giorno in un colpo solo. un elemento di eratismo. di dividere cio che possiede».. Non gridero mai abbastanza tutto iI male che penso della coppia». Solo il pudore e triste. in se. . tra tantissimi amanti. II numero non regna soltanto nello spazio. Emmanuelle feee protrudere Ie labbra.. ». «La sa bene.. Mentre a un altro. Non abbandonare una gioia ignota ai rimpianti della tua morte'».erem. secondo la tua missione voluttuosa! Assapora il godimento quotidiano e le passioni senza futuro. Ma solo una donna sapra farci eiaculare tra Ie sue dita. Faccia perdurare il piacere e faccia perdurare iI desiderio. Infatti aveva rinunciato a disputare con Mario quando lui provava a prendere in contropiede l'opinione comune.. senza che nessuno l'abbia rnaggiormente meritato. acconsentl Emmanuelle. «Ma stl» «Che lei sia lodata! Tante donne sembrano credere che soltanto il loro ventre.. Si diceva che la serata era molto piu divertente cosl. Per esempio nella Iimitazione a due. «Allora mettiamola fuori legge». Rilancio il soggetto: «Sotto il pretesto di dividermi 0 di sottrarmi. e interamente. Questa protesta.o Con le tue labbra. «Tutte quelle leggi . I .. esiste anche neI tempo. 0 corpo mio. «Non sia stupido: non e quello . e gli so~se. Mario ' continuo: «Quante alia sottrazione: faccia in modo a voIte di contend~rsi aile s~e sensazioni. Le faccia recedere. «Con troppi!». senza dirlol''». Ma che cos'e che Ie fa orrore in tutto quello che Ie ho appena suggeri to? E di servirsi delle sue mani?».. Ma un'idea la tonnentava... Non si deve mai dire alcunche se non per ridere. «Ma 10 10 d~cev~ con maggior dovizia di particolari». al quale am spesso e liberamente concesso Ie carezze piu intime. prima di ceder loro (ovviamentet) 11castello fatato aI ten nine del1a strada incantata.. «E perche non dividerebbe fra tanti. It 144 145 • . in sette?». «Ma e quello che dicevo io!». in realta. [ui nell'ombra un 'offerta adorabile!" «Dia. ricordo Ie due prime . sarebhe bastata a renderlo ragionevole. come per rompere l'incantesfm~. EmmanueIle scosse i lunghi capelli. agli altri. «Ne ho appena enunciato una terza: quella del numero. ». indicandole un modo tra tanti aim . accarezzarne le inammelle e fremere sulla sua lingua. Se pure lei non mi incoraggia ad essere una donna di facili costumi.

Ecco perche. si. Lei non seppe far altro che rimandargli la domanda: «E perche dovrei farlo?». Si ripromise eli fare sempre l'amore cost in futuro. ta. La riempia di piu organi e di pill sensazioni di volutta di quante potrebbero procacciarle tutti i maschi della terra. Le sole posizioni che importano sono quelle delle circon . · «Eppurel». Perche l'erotismo ha bisogno del numero. Nello stesso modo. che il suo corpo pub contenere! Rirnpiangera solo gli amanti che non ha avuto. ammise Mario in tono cupo. forse sara per lei un giomo eli ineffabile felicita. che lei non tradiva. E SIC" come ilproprio piacere ne veniva moltipIicato per dieci. «Dopo il secondo. si impazientl Mario.. fino al trionfo accettato. «La cosa piu sicura . serva?». L'importante e che 10 spirito non sia soddisfatto. Oh piacere. Emmanuelle scosse la testa. voluzioni del suo cervello. ne sono sicuro. «Perche no?». forse la quarta 0 la quinta volta che Jean I'aveva presa. Poi pill spesso. Emmanuelle era cosl impaziente all'idea di quella 0 0 0 0 •• 0 0 0 0 . riproducendo la loro came in lei come in una giostra. «Non necessariamente». uno per giorno! E.• . Tutto dipende dal momenta. e poi un altro di ri.. per ognuno dei venti. rispose Mario. • 147 . . Iipassati e futuri.. Questo piaceva a Emmanuelle. o • ~ questi venti dovra darsi in maniera identica. sarebbe far l'arnore in continuazione».lasciandoli susseguirsi nel suo corpo senza cercare di distinguerli gli uni dagli altri: un altro giorno. quando un uomo la prende. marcando con un segno misterioso i giorni in cui la lista e aumentata di un nome: guarda un po'! Quasi un mese dall'ultimo? 0 il finto rimorso: rna e terribile! Due in una setti. Se lei si abbandona a dieci. come prem~o ecceziona: Ie. per tenerlo in stato di allerta. a vocebassissima. «La Iegge del numero non e in se.. "Sl". Emmanuelle scoppio a ridere rna era pill impressionata di quanto fosse pronta ad ammettere. disse Mario. oppure Ie legge un passo di Omero». che non sia lui a conferire grazia aI momento rna quello che Ie sta ac . Si ricordi della definizione che ho dato al piacere dell'erotismo: e il piacere dell'eccesso!».se capisco bene.. 0 con altn che gh dara 11 suo valore erotico. non si dia ad un uomo a meno di non essere sicura che dopo di lui un altro sia pronto a prenderla» ~ «Ma non c'e ragione che finisca mail». Era cosl bello! Questa frequenza era In se causa di godimento. pensava lei~ era veraI?entc: il massimo piacere che lei conoscesse: quel trasfenmento chimenco fra Ie hraccia di un a1tro. secondo il ritmo dei mesi di scuola e dei mesi di vacanza. . I . quando Jean la penetrava. siamo soltanto in due"!». da quello che e preceduto e da quello che si attende poi. dovro quindi rispondere: "Impossibile. «Ci sarebbe della saggezza in tale atteggiamento».. disse . che lei non contesta. degli atti compiuti da altri. non ci sono regole: per anivare allimite della perfezione erotica. «Ci sono dei limiti alIa resistenza umaria».. avrebbe invocato ogni volta il "terzo partner" perche la legge di asimrnetria venisse rispettata. Ormai era impaziente che suo marito Ie facesse l'a~ore. liberamente prescelto. Emmanuelle rise di huon cuore. Latto fisico di per se. «Le trentadue posizioni?». a intervalli distanzlati. piacere! Sono mille corpi. scherzo Emmanuelle. a venti uomini di fila. se esistono delle leggi. sulle dita di una mano: da signorinella. Che ogni suo amplesso contenga e preannunzi tutti gli altri: ~ la compresenza nell'atto de~1i atti ~essu~ . non si sazl • mal». COIUI he c lei bramava in quel momento.. non sol tanto per desiderio fisico rna perche un altro uomo. un giomo 4 ! . a osservarla bene. Nasce da detenmnate situazioni. 10 ~tesso av: veniva con que 11 di Jean. marita . a1cuna convenzione per concedergli i favori piu intimi e dissoluti e fare c?n lui nel sogno cia ehe forse non avrebbe osato fare nella realta. esclarno Emmanuelle. «Ma. proprio vicino al suo orecchio: "Tu.. ce ne dovrebbe essere ancora uno.. tutto serio. Non esiste volutta piu grande per una donna che fare il conto dei propri amanti: da bambina. rna forse verra anche consumata dalla noia. alcun pudore. quando il terzo non puo essere presente di persona. non pub bastare a creare la qualita erotica. protesto Mario. Ma lui rifiuto di cooperare. diecimila. anche se fosse ripetuto all'lnfinito. spetta al suo cervello evocarlo». appariva subito e lei non aveva da sormontare alcun imbarazzo. pill di cen . 146 . E tu?".. «Gliel'ho detto: per erotismo. «Quello che conta non e fare all'amore rna come 10 si fa. tutt'al c~ntrano: a o~ 0 giomo che passava lei diventava per lui un'amante piu ardente e pin sensuale... al peana d'orgoglio: ecco qua! questa settimana. aleun principio.. «Cosa c'e di pili volgare che questo erotismo da paccottiglia! Che lei possa esseme protetta dal fatto stesso che e cost in voga! ~arte erotica degna di lei non e affare di posizioni. Le venne in mente che questa era la prima scoperta erotica che avesse fatto da sola. All'inizio si era concessa quell'extra con parsimonia. mana . come Ie ho detto. dovra esigere di essere saziata in maniera diversa». «Quando mio marito desiderera fare I'amore con me. . «Purtroppo». nel segreto della sua agenda. stretta stretta contro l'amica intima. «Infatti e questo il punta a cui si deve tendere». to ?JJ "Non ancora. «Ma 10 spirito puo superarli. canto e Ie tiene la mano. gil aII'inizio delloro amore. Che bisogna rifuggire I'appagamento? E facile capire perche una pluralita di risorse amorose sia indispensahile al piacere: per timore che i suoi sensi non vengano a patti e si confessino sazi. che un corollario di quell'altra legge. Faccia l'amore con la testa.

Non ~ un segreto. E poiche un solo uomo non pub assisterla quando lei comincia e quando lei finisee. occorre che siano almeno in due a sforzarsi di risolvere il dilemma del suo corpo.come lei stessa osservava prima . combinazione fra Ie pill eleganti che assicuri tre' cavalier serventi a ogni donna all'inizio. Emrnanuelle inarco Ie sopracciglia. «Come rnai?». I'asimmetria rimarrebbe.. Mario riprese: «Esistono poche esperienze piil perfette ed arrnoniose e si capisce che questa sia la sfiziosita preferita da ogni donna di buon gusto. «Dice suI serio? E per Quale motivo?». Lei si sentiva in state di accusa. Emmanuelle scrollo Ie spalle.non sarebbe stato divertente. Nello stesso tempo un'ondata di tristezza. So no fiera di amare Ie fanciulle e che Ie fanciulle mi amino». Mario la osservava attentamente. I . ».. «Naturalmente. Sarebbe intoIlerabile che in qualsiasi momento una parte di lei venisse tralasciata: che lei rimanesse mezza vuota. \ Mario si alzo in piedi. mezza scoperta . Offre possibilita interessanti. Mario sbatte Ie palpebre. Evidentemente non con Mario . Mario sorrise: «Invece no. turbata. Questa giochetto va lasciato ai borghesi per bene che vi si dilettano dopo i vespri. «Riconosco». come a mosca cieca. eli piu casalingo. Non c'e niente di piu piatto. Non voleva confessare a Mario che si era sposata per amore di Jean . Soltanto quando riversano assieme la loro volutta 148 • gernella nelle sue bocche ambigue lei pub conoscere pienamente la ragione e la bellezza di essere donna. «Perche si e sposata?». Insiste: «Fra Ie braccia di un solo uorno la donna si sente gia mezza trascurata. la sornrnerse.. I• • volutta raffinatissirna che avrebbe voluto che SUO marito la prendesse subito perche lei potesse fare ]'arnore con un altro. disse Emmanuelle. sospettoso: «Ma 10 e ancora.. «Lo sono ancora». Poi. disse Mario con un riso bonario. «che anche la sem .0 persino per iI piacere di fare all'amore con Jean. Non soltanto nel sogno . la sua came ha altrettanto diritto di accampare la pretesa che non venga fatta discriminazione alcuna fra Ie sue risorse androgine e Ie sue candide incIinazioni. · II viso di Emmanuelle assunse una serie di espressioni alle quali · era difficile dare un senso preciso. Diceva il vero? Avrebbe potuto ancora stringere nelle sue braccia un corpo di donna? Perdendo Bee. perche pub significare sei uomini e due donne. disse in tono di apprezzamento . aveva perduto III . Tutti gli accessi ai suoi sensi hanna gli stessi diritti all'amore e virtu uguali.I. Fra essere presa da un solo uomo e da due esiste 10 stesso abisso che fra un distillato di riso e un Armagnac». a patto che venga redento daIla banalita del quadrato e che venga scisso. non osava avanzare da nessuna parte per paura di cadere in una trappola. poiche il numero pari verrebbe diviso in parti disuguali.. attonita eli sentirsi attribuire quell'idea.. scherzo... non Ia incoraggero mai a fare l'amore in quattro se questo significasse abbracciarsi a due a due.. fosse persino sullo stesso giaciglio. «Sono lesbica». fra tre e uno. Fortunatamente le venne un'idea che Ie sembro all'altezza delle circostanze. chiese Mario con voce cornposta. Aveva l'impressione che qualcuno I'avesse presa per Ie spalle e la facesse girare su se stessa. Certo. tutto . Ma sarebbe un errore spiacevoIe trarne la conclusione che il numero quattro vada bandito .. Sembrava 149 . · che aumentava l'imbarazzo della sua invitata. un sorso delliquore ambrato.. «Suo marito conosce i suoi gusti?». ErnrnanueIle scelse la schiettezza. Mario Iascio protrarsi iI silenzio. «Bene!». cammino su e gill per la stanza. Lei assaggio.. Non seppe cosa rispondere. si chiedeva.. Ora provava veramente iI bisogno di strombazzare delle parole di sfida: eppure era la sola a soffrire. Con gli occhi bendati.darsi allo stesso tempo a due uomini». 0 10 e stata solamente nella sua infanzia?». disse. «Non 10 so». D'altronde tutti 10 sanno. Emmanuelle abbasso gli occhi verso la sfera luccicante e tossicchiao Lui la incalzo senza pieta: «Voglio dire: fare I'amore con due uomini. «Le piace?». «altrimenti saremmo in nurnero pari e pumfete! tutto crollerebbe». «Non l'ho mai fatto». plicita ha molte attrattive e che per una donna il modo piu dilettevole .. colpevole di non sapeva bene quale peccato inespiabile contro 10 spirito. «Lei trova riprovevole quel modo di fare?».. per esempio. Lo stesso vaIe per otto. Con Quentin. per quanto sia un numero pari. credo .per fade perdere ilsenso di orientamento. Prese il magnum e ne verso a Emmanuelle. e l'articolazione dei due _ gruppi cos} fonnati alIa fine». che lei non si era aspettata. Ie mani in avanti. «Dovro stare attenta a non chiamare ne] mio letto due fantasmi al10 stesso tempo». Se e vero che un corteo di amanti sia la risposta necessaria alle esigenze della sua mente. Emmanuelle provo a rappresentarsi quel quadro. eli fare l'amore rimarra sempre. chiese in tono appena sarcastico. domando bruscamente lui. Con chi?.

. che lei non aveva fortuna. di non abbellire la situa. vedrai la bellezza come in uno specchio sui corpi delle tue amanti'».... le bacia leggermente Ie ginocchia. «E ne trova tante Quante vuole?». Resta con noi. «ci sono delle fanciulle che non si lasciano conquistare. «Sl. «Nemmeno dopo il vostro matrimonio?». . «Pochel». «Non ~ difficile. Loplnione di Emmanuelle sembrava categorica e la sua sicurezza di se sembrava imporsi a Mario stesso. veramente. E se tu hai un 'anima ardente. t· 't. cos} dolci al tocco.. era proprio tipico di lei. . «"Le donne sono tutte belle"». Emmanuelle si disse. «Proprio cosh). M a SI. (Le premeva di ritrovare la sua sernplicita e la sua franchezza. «Lei non e gelosa?». «Oh sl! Mi piace lascianni andare!». con un'ironia rnalinconica. esagero Emmanuelle che. cost nude. . «Come?». Emmanuelle cerco eli capire quello che Mario aveva voluto dirle. Senti che stava arrossendo.rimpianto: «1!: proprio quello che dovrebbe rimproverargli. Scosse ilcapo poi cerco di eludere la domanda. e continuo a interrogarla con un'intonazione di schemo: «Le proibirebbe di fare all'amore con altri uomini?». «Lei ha ragione: la comunione e fatta per aumentare il piacere». . . Lei non pote trattenere un movimento di indignazione. «In queste condizioni».. «Ma nol». «Quando era sola a Parigi e scriveva a suo marito». « Non avrebbe permesso che il ricordo di Bee Ie guastasse la serata. Ernmanuelle si affretto ad affermare: «No. «((Le donne sole sanno amare. Non ho mai avuto tante amiche che da quando mi sono sposata». suo manto.. mormoro con un fervore che la sua voce profonda rendeva commovente. disse . per lei come per lui. fece lei. un divano. E altrettanto peccato essere puramente lesbica che non esserlo affatto». l'interesse di essere sposati». e al corrente dei suoi amori femminiIi. lei mi dice. 10 appassionava: «Suo marito. scandalizzata fino in fondo al euore.. come se evocasse delle immagini deliziose.. gio per lorol». Una cosa non rimpiazza l'altra. . riprese Mario. l'installo su ~. .. Con sua grande sorpresa. Scosse la testa. l'essersi innamorata alia stesso tempo eli una donna che non era lesbica e di un uomo che 10 era fin troppo! Lui pero aveva gia ritrovato la sua disinvoltura e proseguiva nel suo interrogatorio. Lui tomb su un punto chef secondo ogni apparenza. «Le ha detto che poteva farlo?». Torno a prendere Emmanuelle per mano.. «Ha avuto molte amanti?». per niente».». domando dopo un istante di sllenzio. alIo stesso tempo. «Lavevo avvertita anche che non esiste amore felice senza parteci .. Peg . «Li incoraggia persino. Emmanuelle era sopraffatta dalla consapevolezza della propria "banalita". «Che idea! Fare all'amore con una donna eben altra cosa che fare all'amore con un uomo... prosegul Mario. «Non ce n'e di quelle che rifiutano?» . • zione. .. • trasfigurato. Non era affatto sicura. Emmanuelle da parte sua rivedeva i corpi nudi delle sue amiche. . Non e di liberta eli questa sorta che ha bisogno l'erotismo».) «Cerro». «Don capisco bene in che cosa consista. «E lei? E facile da conquistare?». in fondo in fonda. . E non mi chiede mai se io 10 faccio 0 no.. . . «Sarebbe trappo ridicolo!». . 150 Emmanuelle fece un sorriso sbarazzino: «Sono soprattutto loro che non sognano d'altro». invasa di nuovo dai dubbi. Le procura molti uomini?». . Ma non me l'ha mai proibito. cosl belle! Forse non aveva sentito l'ultimo commento di Mario.. imperturbabile. Mario azzardo un movimento di . certo. si corresse con una risata felice. Prese una sorsata di Armagnac.. Lei chino il capo. «Gli parlavo delle mie Innamorate».chiese con tutti i riguardi. scherzo lei. «Presume che suo marito approfitti anche lui delle attrattive delle sue amanti?» . si complimento eli nuovo Mario. Sorrise della propria confessione e aggiunse: «Ma a condizione che Ie mie spasimanti siano veramente carine. poi le abbraccio Ie gambe. ~ «Principle eccellente». Affermo: «Mi piace cambiame spesso».. si inginocchio ai suoi piedi. pare agli amori dell'amata». Bilitis! Testa. Emmanuelle spalanco gli occhi: «Lui?». Basta far loro una proposta». 151 • • .. dichiaro Mario.. Gli ricordo: «Pure appena poco fa lei aveva affermato che non esiste un custode felice?». 1a gusto.. Mi las cia libera». ~ Lei era sui carboni ardenti: «Non in maniera esplicita. glaciale. approve Mario. «Non ha paura che le loro carezze la allontanino da lui?». Ho in orrore qualsiasi fanciulla che non sia veramente bella». «E lui?». «gli faceva la cronaca dei suoi amanti?». Ma Iiapprova?». comincio ad aveme abbastanza di fare la spavalda.

'_ _ «No!». Se lui mi incita a mostrare il corpo. riprese Mario. quando scendo dalla macchina. «Preferisce». e lui stesso ad Incoraggiarmi a rna . Lei conosce molti mariti che scoprono con tale generosita i seni della «E lei trova piacevole mostrare i seni? Fisicamente piacevole?». una sorella 0 un figlio sia la stessa cosa».. Voglio dire che quando accarezzo una donna non tradisco mio marito». «Vede che questa non mi scandalizza. parlasse male di suo marito. protesto Emmanuelle. sien. cioe essere toccata da ragazze. «Con cia? .. Sia logica: se il suo si rallegra di sapere che lei fa l'amore con delle donne. . «S1». E · mog 1ie. disse Emmanuelle.. Tacquero di nUOVOA Emmanuelle guardo Quentin. «Se suo marito fa di tutto perche lei risvegli Ie voglie degli uornini. «E nmasta cost indietro? Sta dicendo che non capisce come un uomo evoluto possa volere. Mario fece un gesto che poteva significare: meglio di niente. Emmanuelle trovo assurda l'idea che suo marito potesse essere omofilo. Continuo con coraggio: «Non sono nata esibizionista. «che lui faccia l'amore con altre donne?». perche mai dovrebbe pensarla diversamente nel caso di uomini? Esiste veramente... Tacque ad un tratto. disse Mario in tono trionfante. Perlomeno esagerata ..». le gambe e i seni non per semplice abitudine. fra amore eterosessuale e omosessuale. . se la presenta in quel modo aile loro erezioni. Mario non ci ~ I• . «Lei e Ingiusta». un amante. e perche vuole che lei faccia l'arnore con lora». che sua moglie seduca altri uomini? I. cerco di obiettare Emmanuelle. Siamo d'accordo?». «5}». 10 sono diventata. 10 ha riconosciuto. afferrando al yolo un'allusione di Mario: «E ovviamente. che aveva indovinato i suoi pen. «t vero».. fece Mario con voce severa. ilprimo giomo che l'ho conosciuto». «perche lui non penserebbe nello stesso modo a proposito di lei e degli uomini?».:Ecclesiastico. quella distinzione di natura cosl essenziaIe nella quale lei sembra credere? 10 ritengo che esista un amore solo e che farlo con un uomo 0 con una donna. cercando di riscattare la cattiva impressione che era consapevole di aver fatto su Mario. «Se e soltanto per eccitare gli altri. perche mai 152 • Jean dovrebbe augurarsi che io 10 tradisca? Che razza di piacere pub provare un uomo all'idea che altri posseggano s~a moglie?»: . «Allora». prosegul Mario. cosl che. . la mia gonna risale il piu in alto possibile. Senta. . con un marito. rna non m'importava di essere vista 0 meno. Grazie a lui». «Non e affatto nel suo stile.. per mettere in mostra la bellezza della moglie come una ricchezza e fare invidia al prossimo che non possiede altrettanto. penso Emmanuelle. Ma sono figlia unica».. che non poteva tollerare che si . benst perche trova eccitante di offrirsi. per raffinatezza erotica. -~ «E con cio?».». ne sapeva piu di lei._». «Non e la stessa cosa!».. «Su cara». strare le gambe. Prima eli conoscerlo mi piaceva essere toccata... . . non per un gioco rnondano.Lei rideva. in ogni modo.. Mario sonise e lei non fu piii tanto sicura che fosse diverso . «Allora e proprio quello che dicevo io!». «Ed e lui a determinare l'arnpiezza della scollatura dei miei vestiti.. .. Lospite sembro divertito. avrei fatto l'amore con lui. «ama gli uomini?». osservo Mario. «Non creda affatto che Jean sia geloso». Eppure rima neva perplessa: era concepibile che Jean si aspettasse questo da lei? Lo disse: «Insomma. . . Non dimostra che io e lui abbiamo disposizioni per l'erotismo?». «Soprattutto da quando Jean mi ha insegnato a farlo. «Non 10 e pill di me. «Facciamo un altro esempio». «Non 10 50111. . Non ci provavo piacere. un fratello. quando diceva: "La grazia di una moglie fa la gioia del marito". se avessi avuto un fratello. riprese lei. E per fargli piacere che indosso vestiti stretti. senza aspettare una rlsposta: «Lei Mette in mostra.. Questi sorrideva con notevole perseveranza. «Ma ... ripete: «Vede!». 153 . E lei pub constatare che persino nel salotto piu convenzionale mi siedo sempre in modo molto impudico».. ~ aE lui?». non e molto lodevole. _ «Lei si e mai chiesta perche suo marito si divertiva in que) modo a renderla cosi pubblicamente desiderabile?». direi di st».. Adesso 81». E se e per semplice orgoglio. prima ancora di deflorarmi: sono stata io a parlargliene. non e molto meglio». dornando Mario. Lei si chiese se capiva veramente quello che veniva detto oppure se quel sorriso era soltanto un tentativo di nascondere la noia... «Oh no!». «Offri In 11 »• •• Il tono usato da Emmanuelle nel ripetere quella parola mostrava che Ie sembrava poco adatta .. chiese. e piuttosto per fame approfittare gli altri . «Ma Jean ha sempre saputo del mio debole per Ie ragazze. esclamo Mario in tono trionfante.t . Ouell'idea non Ie era mai venuta in mente e non trovava niente che l'aiutasse a confutare.

la corresse Mario con pazienza. signic~e e lei il colpevole?». Fu ripresa dall'imbarazzo. «Non di potere». «Come potrei prendere qualcuno a un altro? Gli esseri umani non SO~ no oggetti di appropriazione. Pensare. non la convinceva che Jean stesso dovesse dilettarsi a irnmaginare la stessa scena. tuttavia. Rispose con calma: «S~~ mio arnica ha scelto una donna che io non posso desiderare. Lei feee del suo meglia per nascondere la commozione che provava a sentirsi porre una simile domanda in modo cosl casuale. un altro ~he si ra~~egradi possedere un corp a desiderato sona dunque essen immoralf ». . questa sera stessa». sua moglie. chiese Emmanuelle con voce troppo coSClenZlosa per essere onesta. Ancora meno ad amarsi». Usa no urt linguaggio smesso. penso che in realta non aveva tal mente torto: perche. . affermo con veemenza insolita. «Sono anacronistici. 'Iutto quello che distingue la sernplice sessualita dall arte erotica». Fanno indietreggiare il mondo. «Perche?». Mario sembro sprofondare nella meditazione. Ouesto.fece caso. perche l'avrebbe lasciata venire qui da sola questa sera? Ha avanzato deUe obiezioni?». lui le chiese: «E pronta ad offrirsi staseraj Emmanuelle? ».. perche non amava mentire e 10 faceva il meno possibile). Senti il bisogno di rivalorizzarsi: «Tutto il contrario». can un soniso facile da interpretare. Soltanto per annoiare Mario si rifugio di proposito in un confonnismo riposante: «Ho sempre sentito dire e ho letto nei libri che non bisogna fare l' amore con la moglie di un amico. Lei riflette: «Mi pare di 51» . Purche Marie-Anne non abbia tradito il suo segreto. « E io cerco di farIe capire che il nostro primo dovere e di fare tutto quello di cui siamo capaci».fino ad oggi?». quando il miglior amico eli lui cerca di spingersi con 10 sguardo sotto il suo vestito. . . non Ie ho detto che avevo molti amanti maschi. era chiaro che Mario non sapeva niente. aggiunse. per non parlare del resto?». cedendo a quella specie di sogno ad occhi aperti che le era stato cancesso tra cielo e terra. -~ «10 parlavo di dovere». Era la prima volta che lui la chiamava per nome. \1 fic:a t. Lei pensa che non hisogni condividere il piacere con un amico?». Mario sembrava provare di un colpo maggior interesse per la sua invitata: «Lei non si burla di me? Eppure mi era sembrato di averla sentita dire che amava anche gli uomini». terreno di discettazione meno personale delle intenzioni attribuite a Jean da Mario: «Una donna che dice a un uomo: "Prendimi": un uomo che ha'una rnoglie.Nel momenta stesso in cui lei si attribuiva questa virtu. Adesso capira perche non ho mai avuto niente da confessare a mio marito . . Mano se n accorse e sospiro. I' . mossa da un impulso repentino (e · con sua grande sorpresa.. _ «No. Questa conversazione non mirava ad altro che a mortificarla. II ~ilenz~o di Emmanuelle non era necessariamente segno di resa. Anche quella morale e obsoleta?».~.' . Nel momento in cui leicominciava a lasciar fuggire i suoi pensieri verso altre sponde. Tuttavia. disse Emrnanuelle. Non seppe se la frecciata era andata a segno. si potevano forse chiamare seriamente amanti quegli sconosciuti che l'avevano sedotta a turno in aereo? Persino Marie-Anne era dell'opinione che non contasseroo E lei stessa era arrivata a poco a poco a dubitare della realta concreta di quell'avventura e a considerare che. Lei provo un senso di vergogna. «Le~ ha ancor~ molt? da impara~e. «10 non p~endo mai nessuno». Ma neanche questo aveva poi tanta importanza. «Lei cede agli uomini cost facilmente?». «Le ho detto che avevo molte amanti femmine. parlare. concluse. «Certo». non sogna a volte che vi infila anche Ie rnani. Emmanuelle fingeva la naturalezza con grazia. . rna per condividere il piacere. riprendendo con un accento d'ironia la parola usata da Emmanuelle: «8e suo marito non volesse che lei 10 "tradisse".. vivere come l'anno seorso non' ha mai aiutato la gente a capirsi. Torno alIa carica. penso con una brusca angoscia! Ma no. .. «Certo. Mario non se la prese per quella provocazione.· . «non ne ho mai avuto nessuno. . . Ma forse ha pensato che se andavo a cena da un uomo. ' I ~ . . non era stata piu infedele che godendo delle strette immaginarie degli uomini a cui si abbandonava nell'intenzione mentre suo marito godeva del suo corpo ogni notte. Per la prima volta penso di essere forse rimasta incinta di uno dei viaggiatori: 10 avrebbe saputo presto.. 154 • 155 . Per dimostrare la sua liberta lei provo a dare alla sua voce 10 stesso tono disinvolto: «81». Non mi sono forse sposata? E le ho appena risposto che ero pronta a offrirmi a un uomo che non fosse mio rnarito. «Ouindi s~ lei non e capace di prendere la moglie dell'arnico. «Seduta buona buona accanto a suo marito. Ie chiese Mario. Emmanuelle si aggrappo aIle deboli possibilita di diversione che offriva la semantica. significa che ho scelto male l'amico».. ' te~». . concesse lei con buona grazia. Per rivelarle tutto». Prosegul: «Prova maggior piacere se suo marito e presen.. Non faccio l'amore per aumentare il mio patrimonia. questo non significava per forza che io mi sarei data a lui».

«E cosl che lei si offrira?». «Vedo». vera? La sorpresa che lui provers ne sara ancora migliore. «Ah!». Ad amare la meraviglia del piacere fisico dato dalla penetrazione del corpo di un uorno nel piu profondo del suo. «Oh nol». Non sono per niente frustrata. Ma perche. per noi esseri conquistati dall'istinto. altra felicita.esitazione: «Non subito . Ma e necessario che durante quel periodo di prova. mantenga pure suo marito nell'ignoranza provvisoria dei progressi della sua allieva. • semenza dell'uomo e la sua ricrescita... lasciare che esse decidessero quel10 che lei era . disse Mario. rna allora nesSUDO ne ha approfittato». «('al contrario"? Questo e interessante.J • . con una certa dupliclta che ilsuo ospite dovette avvertire. Le ha insegnato che la bellezza non era la solitudine del corpo · rna la sua moltiplicazione.· ra eli aver avuto il tempo di riflettere suI significato delle proprie parole: «£ perche sono felice. Ogni iniziazione ad un'arte ~ un tempo di fatica pili che di piacere. Che questo slancio voluto dal suo corpo. Nessuna guida al Mondo pub sostituirsi alIa sua volonta: Ie indichera la strada rna spettera a lei camminare con passo baldanzoso. «II piacere di raccontare: piu sottile. . per Ia prima volta in vita sua. «E did aI suo padrone che pub essere fiero di lei?». in fin dei conti. Le aveva fatto un bel discorso per dimostrare che Jean stesso voleva che avesse degli amanti. e il suo sorriso assunse una sfumatura beffarda. Lei assent} col capo. Articolo: «In altri termini. e quel gesto delle mani verso Ie anche per far cadere ai piedi il vest ito e trasformarla in-una statua piu adorabile del sogno. 0 per vendicarsi di lui. Mario si chino su di lei. Che la bellezza non era aspettare che altre mani la denudassero. glielo assicuro. rna la fretta e la semplicita delle sue dita che la liberano spontaneamente di quello che la oscura e la offrono come un chiarore alIa carne che Ie e destinata. Poi. Emmanuelle era furiosa con lui.. essere un's. Che quello che da il suo splendore sempre rinascente alIa vita.che la sola ripetizione infinita poteva compiere. Lui contrattacco: «Perche desidera "tradire" suo marito? Perche Ia lascia fisicamente insoddisfatta?». Mario assunse un'espressione indulgente.. Perche la via dell'erotlsmo e a volte scoscesa. ». 0 per debolezza. era quel gesto delle mani verso le spalle per far cadere ilvestito fino alla vita e mettere in mostra i seni. della ricerca riflessiva e dell'amplesso sapiente eli quel solo momento.. E . perche la rende felice.. E.. sapendo dove quel passo la porta. Luomo che. aggiunse. e cost d'improvviso. Le ha insegnato che l'amore era quello stordimento dei sensi quando la nudita dell'uorno schiaccia la sua. l'uomo che e al tempo stesso lei stessa e il piu attento dei suoi spettatori.... «e forse meglio aspettare che quei progressi siano del tutto consolidati. Potreb . le avrebbero dato un'intelligenza infinita . Inoltre». Verra un giorno in cui persino il sapore delle sue avventure contera meno del piacere di narrarle a lungo. perche la guardo con un sorriso che non Ie piacque affa tto. Emmanuelle ascoltava. «Che cosa dovrei ancora imparare?». per adesso. pimentandone il resoconto con particolari che la faranno godere pin delle carezze. 10 alzo verso l'uomo con uno sguardo ferrno. protesto. Prodigio creatore pill sorprendente di quello in cui il marmo diventa torso e la modulazione musicale sinfonia! Questa realta piu umana del retaggio della materia.. non e perc he l'annoia. questa organizzazione dei suoi poteri. questa miracolo della nostra liberta. fece udire un suono allarmato: «Oh nol». al. disse. se non 10 fa lui. questa opera d'arte fatta di vita!». accettava cos} facilmente l'idea di essergli infedele? Perche aveva.al contrario . ancora piu di lei stessa. prima anco.. chiese lui. «Ma bisogna che lei imparl». non sapendo bene se doveva lasciarsi avviluppare dal fogliame delle parole. Lo voleva senza peraltro amare Jean di minore passione . Che cosa Ie succedeva? Si senti pronunciare. «Oh no! E un amante meraviglioso.. ad augusta per angusta e. e Mario sembrava non ricordarselo nemmeno piu. piu raffinato persino di quello del segreto. Lei perse la serenita. che neSSUD atto di coscienza aveva pill senso. rischierebbe forse di scoraggiarsi 0 di smarrirsi. si domandava. al contrario .~perche io 10 arnot». se lei vuole tradire suo marito. Riprese da Mario il bicchiere gonfio di riflessi. Mario riprese: «Ma sa che la perseveranza del discepolo deve essere illimitata.. sara felice di saperla cosi . di quel secondo lucido in cui la donna diventa 156 . un altro s'incarichi di guidarla. Non e per questo. «Forse sono stata disposta a farlo in altre occasioni. lasciata a se stessa. le e piil facile nascondersi. al contrario. be dirmi che cosa intende con questa "a] contrario"?». E perche le ha insegnato ad amare quello che e bello. dopo un attimo di ... Mario ebbe un gesto di clemenza: «Ma non c'e fretta ese. rna e. ». tanta voglia di essere una donna sposata che ha un amante? Perche era proprio questo che lei voleva. ~molteplice». questa spiritualita fisica. grido Emmanuelle..J dultera. Le ha insegnato che non esiste altra bellezza. Cosa ne dice?» ~ Emmanuelle decise che era una domanda retorica e trove) piil dignitoso tacere. sconvolta e d'improvviso infelice. Colui che si perde d'animo prima che la grazia venga a ripagare la sua pazienza merita forse Ia nostra compassione se si e lasciato sfuggire l'0PP 0rtunita di essere felice? Un giomo persino ilricordo di quel duro lavoro 157 III' .

di aggiungere pin che di togliere aI piacere che si aspettava.. poiche non era tanto l'anticipazione delle volutta offerta dal suo amante che I'incitava ad abbandonarsi e la faceva gia mancare. almeno?». can tutto il corpo. nel tono particolare e fremente che usava per citare . Mario scandi... _ Emmanuelle s'impazientiva. Ma lei non aveva ancora raggiunto quel Iivello. Prima di Imparare rarte complicata di cui Mario Ie aveva spiegato Ie regole. Piuttosto per la ragione intravista prima. Tuttavia Mario non si lasciava distogliere cos) facilmente dalla sua curiosita. Mario la stava guardando 158 e quello sguardo la metteva a disagio . Per affrettare la fine di quell'forale" descrisse scene dove la fantasia. che i1 suo mentore si lusingava a1quanto sulle virtu dei propri metodi amorosi se pensava che l'esperimento che preparava per lei I'avrebbe "mutata". tradirlo urgentemente. Era pure possibile. 10 riconosceva. con un filo d'ironia. rna era pur sempre convinta che una donna non dovesse accontentarsi di sottomettersi aile bizzarrie di un amante se voleva progredire.. Poiche aveva comunque deciso eli concedersi a lui. «Ha gia fatto l'amore con pitt donne. I . Questa presunzione maschile 1a divertt. . tenerissima. :E pronta a tentare tutto?» .. Lui ammirava Ie sue gambe con ostentazione. Ma era decisa a non opporsi alle esigenze del suo ospite.:adulterio non offriva gia in se la possibilita di scoperte meravigliose? . rna la cui tentazione le faceva gia pulsare iI sangue alle tempie per l'impazienza. che non era riuscita a tradurre: "tradire" un marito amato era una volutta speciale. In realta. Se mostrare Ie gambe. «Non ho mai affermato niente di simile» ~ Sospettarla di costumi castigati era diventato il peggior insulto che potessero farle. mostrando Ie gambe come aveva det~o di s~per fare. protesto lei. Lei si estasio ancora una volta della capacita di Mario di leggere in lei con tale facilita. tradirlo come 10 amava. per conto _ suo. si diceva lei. Emmanuelle cerco di raffigurarsi quel tutto e non riuscl ad immaginare altro che l'abbandono del proprio corpo ai capricci di Mario. Sembrava pill avido di erotismo verbale che di azione . «Ehi!».' intendo». In queI caso doveva sapere quanta lei 10 desiderasse. · 'f«Sl»J disse Emmanuelle Lui sembro deliziato. «non e poi cost innocente!».. chiese il suo eroe. con tutta la propria nudita. Oggi lei deve decidere liberamente. Ie sara dolce. "10 cosl pura! Le mie ginocchia Presagiscono i terrori di ginocchia indifesel" Emmanuelle fu felice che lui fosse sensibile all'eloquenza del suo COIpo. Thttavia quello che Ie turbava un po' la coseienza era di non riuscire a spiegarsi perche. riconobbe. tutto!».. E forse. «Ma perche dovrei esserlo?». si sarebbe messa in piedi suI divano e si sarebbe spogliata. '~Esial' penso lei. quanta il desiderio di principio di tradire Jean. Emmanuelle dimentico di rispondere. aveva il sopravvento sul realismo. molto.. Ma l'italiano. . Lei non era molto pratica degli uomini.. che quest'ultirno si accontentasse del ruolo di spettatore che Mario vantava tanto. E se questa dimostrazione non avesse convin . voleva accontentarsi di quella piu semplice. Non era veramente perche lei temeva che Mario avesse frainteso Ie motivazioni di Jean.non bastava a faria rispettare. Non aveva voglia di frugare scrupolosamente fra i propri ricordi e pensava che un pizzico d'invenzione. malgrado Ie asserzioni di Mario. se non ci fosse verso di evitare Quentin. che nel mondo dell'erotismo la complicita del rnarito.. «Tutto?». Torno alIa carica: «Con pin donne allo stesso tempo. quasi a sua insaputa. fece. alIa quale lei non aveva aneora pensato. chiese lei con circospezione. "Imparero". secondo lei.. desiderava oscuramente essere apprezzata anche da Ouentin? E poiche Mario affennava che I'arnore con due uomini fosse cos} incantevole . iImodo in cui Mario l'avrebbe presa (si accorse con eontrizione di non aver aneora aggiornato iI proprio lessicol) aveva poi tanta importanza? Si diceva persino. Avrebbe preferito affrontare soltanto Mario oppure. . Il segreto delle sue avventure era in grado.. fece Mario con repentina concisione. rimaneva tranquillo. con tutta la soavita del suo ventre in cui sarebbe colato ilseme dell'e. fosse anche un po' ingenuo qua 159 . '+ II • straneo. • Cambio posizione suI divano di pelle. Continuo la sua indagine: «E come procede quando scambia carezze con due ra. verSl: .. era un erotismo astratto pin della sensualita elementare alIa quale credeva di cedere a ispirarla. Pense che Mario Ie avesse probabilmente parlato di fare I amore con due uornini perche desiderava dividerla con suo marito. I.·. «51. Ma non la Irrito sufficientemente per farle venir voglia di scoraggiar10 dal passare all'atto. · Ricordo che quella era stata la parola usata da Marie-Anne. si disse... Questo impulso fu cosl forte da farle ripiegare Ie caviglie sotto se stessa e mettersi in ginocchio.. la confessione dell'adulterio costituissero un Iibertinaggio piu progredito. gazze allo stesso tempo?». to il suo ospite si sarebbe masturbata davanti a lui! I suoi seni ardevano: forse era anche l'Armagnac di Mario a infonderle ad un tratto tanta audacia . + . lei preferiva che suo marito rimanesse all'oscuro di quella tresca.. poco tempo prima.

• ~II quartiere che scopre Emmanuelle non assomiglia affatto ai viali fiancheggiati da palazzi di cementa 0 da ville nascoste nel verde dei giardini e nell'incendio degli alberi corallo che ha conosciuto quando e arrivata a Bangkok. Emmanuelle ha l'impressione di allontanarsi per sempre dal mondo conosciuto. «Tutto questa sembra un gioco da barnbine».. posa con circospezione. interrompendola in modo bonaria.. se si lasciava sfuggire un'allusione poco opportuna. la sua voce si tinse di buonumore: «Glielo faremo vedere. Emmanuelle volle inferire all'avversario un colpo per vendicarsi. ". Offesa. MONTHERLANT (Don Juan) . io ne faccio quel che voglio. ECCLESIASTE. Ernmanuelle. agli assemblaggi precari. 12. 6. continuo e stridulo dei grilli. travolta. Mario non sembro affatto imbarazzato. disse. come se temesse di commettere un sacrilegio. e niente li porta a credere che questa bizzarro cammino stia per finire. Tutt'al contrario. tili su una passerella fatta da un'asse lunga una decina di metri e larga un piede. appoggiata tra due trespoli lambiti dall'acqua immobile e grassa di un canale che assomiglia piu che altro ad una fogna.. Con sua sorpresa. La notte offre un silenzio cost totale che la straniera si trattiene dal respirare e. Disse una frase in inglese a Quentin. in realta. si chiese se i due uomini Ie avrebbero offerto una dimostrazione seduta stante. ora di crescere. . . «e piu esperto con i maschi?». bisogna. aveva detto. dovesse piacere a Mario pitt della fedelta storica. spostarsi con un passo obliquo sull'asse successiva. Seguendo Mario e seguita da Ouentin.. VIII.' e la. tuttavia. col suo richiamo alle ptospettive truccate. ai muri di cartone... II so dei passanti piega illegno elo fa ondeggiare come un trampolino: Emmanuelle ~ convinta che presto 0 tardi finira per cadere nella melma. ebbe un bel mordersi la lingua. . . Llalbero della conoscenza la avviluppava nel suo [fogliome. per andare oltre. Sta forse sognando? La luna piena conferisce allo scenario un pallore e un rilievo pulsante che si adattarto fin troppo bene alIa sorta di balletto che sta eseguendo per rendere tutto que5to reale. graziosa arnica mia». Ie sue scarpette dai tacchi sot . che sembra ancora pill decrepita e traballante di quella precedente. dal parlare. di nuocere ai propri disegni.. Di mattina getta il tuo seme e di sera non dar ri[poso alIa tua mano . Quando si raggiunge il trespolo. • ~.... era troppo tardi. a"maggior ragione. Man mano che avanza. cara!». Quando si accorse di rischiare.1. ai palchi. Cosi sta facendo il trio da diverse centinaia di metri. pe- T 160 . una dopo l'altra. Scenario e proprio la parola giusta. .. II Sam-Lo liz citta mia. «E lei». aIle impalcature. 'r . IBID XI. Persino l'aria che si respira qui ha una consistenza diversa e un altro odore. 161 . Lui non ne fu • mgannato.. Ad un certo punto si rende conto che questo silenzio consiste. nel grido uniforme. che erano Ie mie braccia. «E..

le ripetizioni mi fan no dormire. I loro contorni precisi.occhi di gatto. 163 162 . Durante questa gioco di luci. Ora e completamente nudo. poi. tra loro. E orina nell'acqua. mezzi nudi di Emmanuelle ed il suo membro non si muove. E bello! Perche. possa essere tanto lunga e non condurre da nessuna parte. . sotto Ie stelle. perche i suoi pensieri di acrobata saltano dal buio alIa luna. donne e bambini dormivann a prua. Porte e finestre sono accuratamente sbarrate. Pierret. col torso muscoloso color brace.e cosl com'e tuttora. Ma non riconosce. un uomo compare da uno dei tugurii. E non mi stanco mai di guardarlo. si chiede Emmanuelle. si eclissano. degli entreiambes. gli occhi aperti. gli uni contro gli altri. Per cominciare c'e. immateriale che la precede Ii espone immediatamente a grandezza naturale. E. riflette. Con una velocita di risposta che non la stupisce. senza che la ragazza capisse se Mario andasse a caso 0 se avesse un punto di riferimento. certo.per una passera coreografa. Come fanno a respirare?. orientato perpendicolarmente all'asse del grande canale.. dei salti. 0 forse questa amnesia dura solo qualche secondo..per farmelo. dai trampolini 'al vuoto. appena nati. ha fatto accostare lungo il molo galleggiante.~ fiasse quando i suoi ingressi mi lasciano senza fiato.. . come fanno ad incrociarsi su quest'unica via d'accesso alloro tenitorio? Gia Emmanuelle teme le aerobazie che bisognera esegui4 re se per caso altri nottambuli s'irnbattessero nelloro gruppo. Quando arrivano alIa sua altezza. Molto alto. le abituali figure della commedia dell'arte: Pulcinella.. chi use come in tempo di peste. oppure un tronco non sgrossato . Mia incomparabile vedettal Anche se un giorno dovessi perdere la testa per altre star. dato che il paesaggio nel Quale la traseinano i suoi com pagni e troppo lunare perche possano apparirvi degli essen viventi. ~ Si comportano proprio eome attori. Conosciuto da vicino . il fallo di Jean. . AI suo giudizio critico di spettatrice si presenta un solo tipo di personaggi: dei falli. chissimi! Tenta di enumerare i falli che ha conosciuto. Durante i minuti successivi. dubita che se ne presenti l'oecasione. su entrambe Ie sponde. Ne un tragico. al richiamo di Mario. - I - - Emmanuelle e Ie sue guide. PUQ capire meglio il tipo di vita di quelli che abitano nei sampan e dei quali ha incrociato poco prima la dimora galleggiante. Questo canale ~ fiancheggiato. dall'imbarcazione sono passati su questa marciapiede di legno.. in fin dei conti. si dissolvono con la fugacita dei lumi . can un ritmo diverse che nella vita nonnale: seaturiscono piu in fretta. Questo falIo e un attore. Hanno risalito il khlong per un po'. Emmanuelle perde di vista i pericoli che la circondano. mesi possono entrarci.. Non trae vanto dal fatto dj_fanni'momentaneamente dimenticare il mondo estemo . inconfondibili.Ne un mimo. . E a malapena credibile che questa strada ostile di acqua putrida e di legno rnorto.a volte. e imbarazzato e arrossisce quando elogio la sua fonna? E un artista che rifugge la pubblicita. cambiano bruscamente.• .gra lei. Lo slaccia. Sarei anzi piu orgogliosa di lui se non riservasse a me sola 10 spettacolo dei jetes battus. cost come 10 ricorda nel giorno in cui l'ha sverginata .. rna non e affatto un commediante.che. Pensa ad una cosa sola: quel pene. i luoghi comuni. la spinge a conservare il minima soffio d'aria in quelle celle umide? . e carino . Perche. suppongo. subito dopo. Gli stra- nieri passano e si allontanano. assorto. natural mente. Colombina. un membro virile in ripeso ehe fosse lungo quanta quello: ha Ie dimensioni. Poi. A dire ilvero. dei glisses. lui la osserva da una distanza inferiore ad un metro. data che neppure le leggere piroghe sia. . neppure in fotografia. lucciola. 10 schermo . delle marionette color came sfilano davanti ai suoi occhi. si ralle. Mi piace anche 1a sua modestia. capire meglio. che un barcaiolo. che avrebbe in erezione quello di suo marito. in abilita: pronti a tutto per farsi amare. Un pezzo di stoffa rossa gIi copre le reni. Guarda i seni • "" • ill . - II. dei piques.n sentimento d'irrealta aumenta a mano a mana che il paesaggio prosegue. mezz'ora prima. Tuttavia.. Eppure l'approverei se si gon. Vicino si pavoneggia il fallo del compagno di cabina di Emmanuel'. con la bocca rotonda e.I . collegate alIa passerella tramite ponti levatoi aneora piu precan: una pessirna trave. sostituiseono i profili convenzionali dei falli teatrali. canale . rivaleggiando in realismo. Ma il siamese resta impassibile.. '. Quale mistero tiene rinchiusa questa gente. mentre guarda i tre Farang che si avvicinano. rilassato. . quando questi abitanti della sponda del fiume escono dalloro antro. Ma qui. s. nella Quale si procede a mo' di funamboli. il melodramrna. al disopra eli un altro canale pill stretto e chiaramente poco profondo. riflesso nel . Che bello! pensa tra se e se.. Continua a interpretare la sua parte come mi piace che si reciti: senza gesticolazioni ne smorfie. Se si raddrizza . degIi entrechats che e in grado di fare grazie al suo fisico di ballerino. dei (0 uettes . almeno. mai mi distoglieranno dalla mia inclinazione per il primo fallo che mi ha aperta alia vera vita: la vita in cui si gioca.. .I j . . Sono piu di quanti EmmanuelIe ne abbia mai visti. hanna lasciato la casa di tronchi su una barca stretta. eli giorno. Emmanuelle non ha mai visto. ne ha visti po . lungo le rive del canale: approfittando della notte senza pioggia. dunque. delle punte. uomini. La declamazione. «Una verga ballerina». E tutto l'uomo e bello. stella cadente.. su una scena ordinata ed imrnaginaria. Non ha bisogno di ricorrere a trucchi per toccarmi. Arlecchino.. da capanne basse con i muri di lamiera arrugginita 0 di bambu annerito e con i tetti di palme.

quel membro. questa piccolo ~Ifetto: stuntmen forzuti.. In quello stesso volo. la dolcezza. . re ancora vergine. che sulla scena fanno accelerare di colpo i battiti del suo euore. can tollerante candore. espansiva e tenera. Sbagliano! Le donne non si interessano quanto immaginano lora a questa aspetto della cosa. Ia sua pelle vegetale sotto la luce satinata delle lampade. Non morira mal. che la continuazione piu sottile del fusto. Nulla su Quentin. di quelli ai quali si perdona.ora che Emmanuelle l'ha reso consapevole del suo sogno. Intuisco quello che provano quando la loro volonta di essere dentro di me diventa anima e arte. "Ma ho sentito ~olte cose sull'argomento}" ~chia~a ~lIa . Ha deciso di tomare indietro. il sapore di questa sesso sono delle. sproporziona. . nello spazio reale. · . tutte queste anomalie d._ . · Tuttavia Ie viene un sospetto : 0 forse sona io a cambiare. "Perche ho vista pochi falli 'in carne ed ossa'". 10. Universita. Emmanuelle chiama mentalmente a testimoni del suo diverso approceio al problema i suoi compagni equilibristi sulla passerella traballante (e ancora troppo intimidita da loro per avere il coraggio di esprimere ad alta voce le sue convinzioni): Non posso essere d'accordOt vera. ~ . al tennis. Nulla neppure. L'angolo ottuso che la verga fonnava con la pancia. ha rnai visto ne c~nosciuto niente. Lei stessa. Chissa se quel fallo ha intuito che rimpiangeva di averlo solo intravisto? Forse e per queUo che e tomato? Ma ache scopo? Continua a non poterlo toccare.La. ilcalore mannoreo del sesso che Emmanuelle ritrova ano.. per volere dell' osservatrice. la sua CUlVa.. aU. pensa solo al sesso del siamese.. Si sente fonnicolante d.. incognite che voglio conoscere. dalla mia bocca. Rivedere il sesso dell'uorno.. 164 • • dimensioni e complessati per via dei suoi Iimiti. sbanda alIa cieca e si aggrappa alla schiena di Mario. ~0!1 ~one iI minimo dubbio.. n suo ritorno ~ forse scritto in una lingua futura negli anelli del tempo? Non e sorpresa quando il suo sguardo identifica senza difficoIta un . Restera 11. in questo momento.sono ossessionati dalle su~ '4.. Ie foto clandestine 0 Ie astrazioni pomografiche che un tempo commentava con Ie sue amichette. 165 . diventa..Emmanuelle si ferma di colpo. assicuravano ... Lui non si volta per informarsi o per aiutarla. Ie gibbosita che imperversavano contro IIsu~ pube quando ballava a Parigi. La punta del pene che. la dimensione imponente. A farza di impegnarsi nella sua creazione. il fallo Emmanuelle penetrera in Emmanuelle vulva. la colonna viva intorno alIa Quale si attorcigha I edera. dentro di me. Gli uornini. scultu~a c1assica. del suoglande.. che mi hanno fatto per buona meta della notte? _. poiche se ne ricorda cos} bene. _ _ Ie. cowboy che sparano pill veloci delIa propna ombra e altri sopravvissuti dei tempi delle grandi conquis~e. angolo acuto.. Amo che siano pill grandi del passaggio che offro lora. che.Ci invecchiera dentro. quarto sesso. Piuttosto esibizionista. in fondo. La sua altezza. t~. Ia cui aggressiva rigldita colpisce come un paradosso. Emmanuelle crede e si affeziona solo a cia che procede aviso scoperto. che potrei esse . data che non e riuscita ad eccitarne la . Si esercita ad eccitarne l'immagine. Consideravanc quell'organo fuori luogo.La rigidita. I • • . Invece suI sessa del siamese che ha appena incontrato anche se l'ha ign?rata. la sua rnobilita. che sognava nudo in riva all'acqua morta! Rivederlo .. stopher. Ne pariavano male. non trovano posto in questo corteo di fedelta.su que~o di Mano.m~moria Ie conversazioni tra ragazz~ a s~uola.. + • . In rovma.. laccata di indaco dalla notte. Non puo relegario insieme con Ie figure di libri. che e quello di passare con lei dall'altra parte . Non definisco selvaggio illoro eccesso ne barbara la loro dismisura. Sognano baci pill che scopate. mi attraversa come un pensiero ed esce. come un fallo che cova un nuovo orgasrno? Che sia gia l'effetto dei discorsi .realtal Ecco! Ce l'ha fatta. Il suo calco duro occupera la cavita che sogna.. Hanno qualche buon motivo.. la sua verticalita.i una serata diplomatica hanno molto impressionato Emmanuelle. Viene ridisegnata ironica e felice. rendo onore alIa debolezza e alla forza che plasmano. scherza lei. di sohto. barbaro presuntuoso. In piscma. appena i due sessi in presenza l'uno dell'altro stabiliranno che e giunto il momento.suI Liocorno volante.i possibilita e impaziente di mettere alla prova la sua potenza. logicamente. . il corpo degli uomini che mi desiderano.. La linea originale era elusiva ed inerte. Sullo schermo. sotto forrna di grido. attraverso una muta meravigliosa. per sembrare compiaciuti: non fosse che quello di far condividere questa soddisfazione alia compagna di cavalcate . Non pensa~a di sco~rirsi ancora tanto invaghita della divinita del tempio . brutto. . non e pill molle come prima e non forma pill uria curva discendente. Probabilmente la polpa quasi femminile d. Non ce l'ho con loro se la loro lunghezza. il suo turgore giustificano la mia passione quanto delle labbra umettate 0 un canto d'amore. .. non compare nulla suI sesso di Chri . molto al di sopra del velloispido (cos) come il fiore ~ di agave SI erge sul s~o s~elo scandaloso e si attornia di nere punte). anche se aveva meno diritto di eomparire in quello spettacolo. l'aveva trasformata in ninfa ad un'infinita distanza da terra iI tempo di un amplesso. non era . Va a sbattere contro un ostacolo. Lo associa visualmente a1 fanciullo rapito dalle amorose elTa~ti d~n!e i priapei dell'ambasciata. il suo colore. Per quanto riguarda i rigonfia~entl sotto stupidi pantaloni. .. Appena 10 decidera.. ammette. ~a e uno. con quelle ragazzine insensibili alIa bellezza di un sesso in erezione .=. quello Ial. Emmanuelle diventa lei stessa un fallo. del qual~ non.

ne nasconde il fondo. 81ntrovano In un cortiletto dove una porta socchiusa lascia filtrare una luce gialla. girano mtorno ad una palizzata di lamiera ondulata. La sua vista rincuora un po' Emmanuelle.. II cuo~e di Emmanuelle batte all'impazzat. chiede preoccupata Emmanuelle. una lampada ad aleol sormontata da un vetro oblungo spesso un pollice (Emmanuelle non ha 167 . pensa la visitatrice).Da viciI. Le mani sono nascoste nelle maniche della tunica inamidata. oeehi spietati. Mario esita. pugnal~ ~nfilatl ~eUa ~Intura e mam sui pugnaJi. sono 1 sortilegi che cominciano. Sospet~ un po'. Non ritiene necessario fare ulteriori commenti. Attraversano ild~posit? di manifesti.. e talmente pieno di rug he che assomiglia ad una frittel1a. Qualcosa come una miscela di polvere. rna che aveva scambiato per un . ana quale la seta lucente dei larghi pantaloni neri da per contrasto una tinta ancora piu [attiginosa. Senz. qui!». alcurn m piedi. il cui viso. «E vecchio. le sfuggono. Non ha pronunciato una sola parola da q~ando hanna lasc~ato I. dice Mario. SI scioglie gradualmente. infine. per la maggior parte rovesciati. n suo colorito e simile a queUo dell'avorio antico.a. Mario si ferrna sulla soglia. l'ospite si piega in due. Si consulta con Quentin.ombra ~l dubbio.. La sgabuzzino che attraversano all'inizio ~ perlettamente buio. ..abarca. osse~o.o dl~entIC~te come In un nsveglio di dopofesta. Porta. Ie sfugge un gndo. compare una donna.la sua guida di averle imposto una fatica inutile.~b~ro ..morto. dice Mano. poi si eclissa. · Quando ha concluso il suo lungo discorso. Un bivio. su un vassoio rotondo. con un'agilita sorprendente. ' «'8 solo una sua impressione». I} percorso di assi ha fonnato un angolo ed e sboccato direttamente In una specie di corti Ie ( Emmanuelle ha quasi pensato: una r~dura. passando in mezzo alIe gambe d~1p-an Kh~n. lasciandole iJ vago rimpianto di fosfeni spenti. sorride alle stelle con riservatezza. Altri u per~~na~gl ~1 cartone va~opinto sono ammucchiati alIa rinfusa. Quasi subito. dove scopre con disagio degli uomini vecchissimi e come ammuffiti distesi completamente nudi su una panca di legno vemiciato. Emmanuelle si sente sempre meno tranquilla. Sbatte Ie palpebre. con voce strozzata. La vecchia cinese si ferma. fumo. Pre~ed~ndola.c~me a~anti desuete e. gira su se stessa e penetra nei meandri della baracca. 166 . talmente si e portati a crederla fatta di legno . La fantomatica pista si suddivide. «Mi chiedo come abbiano potuto portarle la: allora c'e un'altra via d'accesso che quella passerella inverosimile?». rna gia il gruppo passa in un'altra stanza poco diversa dalla precedente. perfettamente ovale. di un orrendo colore blu. Mario continua ad andare avanti. scoprendo denti laccati di nero la vecchia comincia a parlare. Una tenda sporca. E una vecchia cinese (avra di sicuro cent'anni. 11luogo e ostile. «Che succede?». Ma. pill veloce della sua ragione.:nale e raffre~dasse i raggi di luna. una risata nervosa dimostra che non ha ~ncora perso tut~o il suo sangue freddo: mezzo rovesciata contro il fianeo del conqulsta!o~e. Penetrano poi in una cameretta piccolissffi\a.. ~l fronte a loro. Iancia un richiamo.. dllun~. muscoli in rilievo. una mano la scosta. Le sue certezze nottume vengon. molto piu giovane della prima. tal mente e portat~ ad i~I?aginars~ sperduta in una giungla!).. come in una botola. Jiquirizia e teo Nellocale senza finestre nel quale sono entrati. d'accordo. Mentre Ia . Soltanto nel momento in cui. se non per il fatto che e vuota. ' «~a~o uno strano effetto.. Emmanuelle ha la sensazione che delle ombre ci si muovano dentro. tuttavia. infine sceglie una delle diramazioni. l'ombra di Quentin 1aspetta. fantasia. Rapidamente. «Che cavolo sta dicendo. Tra un a~tl~oJ del mongoh baIzeranno fuori dal loro covo con ghigni minacCIO~l: Emmanuelle verra lasciata in balta ai riti di una magia sanguinana. I Iucenti capelli bianchi sono accuratamente tirati sulle tempie e annodati in uno chignon. Compare un'altra donna. alta venti metri.10 ~ Gengis ~an. Emmanuelle non sa pill di p~ecIso cosa a~mirav~ tanto.sua. Ha francamente paura.. imbastisee un mondo di chimere. come se un nebbia emanasse insidiosamente dal I~tto del c. Emmanuelle teme che non sia quella ~u~taJ perche camminano ancora a lungo. per rinfrancarsi al suono della propria voce.. l'unico mobile e una panca rivestita di tela strappata. . Ie lora pupille dilatate e assorte che non sembrano vederla. al disopra dei tetti. Pronuncia un nuovo discorso. irreale. il preciso desiderio che I eSl?lo~a~ce provava un attimo prima perde a poco a poco chiarezz~.. All'improvviso. una baIl~rina in tutu che in confronto al gigante semJ:>nI: na mmtatura. addolciti ~al chiaro..t . quella? E cosa ci facciamo in questo postaccio? Ma sembra ' tutto disgustoso. fa in tempo a scorgere Ie loro costole in rilievo sotto la pelle bruna chiazzata di bianco. con sfumature quasi arancioni. ma e tirato a lucido». Ma non osa fare osservazioru. baffiispidi. poi ill = penetra senza aspettare risposta. ha anche dato un' occhiata ai loro peni rugosi e ai testicoli disseccati. Muta. SI erge una figura che aveva gIl scorto da fontana. al Quale Mario sembra non aver prestato alcuna attenzione. . E impregnato di un odore difficile da definire. Le apparizioni nate dal suo desiderio corninciano a fondersi con I'evanescenza dell'aria. queste pubblicita del cinema in un post~ simile».. «No».. Emmanuelle stabilisce con sicurezza la posizione della bocca. Le fessure degli occhi e della bocca sono talmente sottili che le si distinguono a malapena dalle pieghe del viso. poi svaniscono -. rna molto piu brutta. e qui che Ii doveva condurre.

«Come faeeiamo se la polizia viene qui?».. 11visa di Emmanuelle ebbe un'espressione di dubbio. Lo rassicuro: «Ma st. «E. Mario anticipo la domanda della sua allieva: «Questa e una pipa per l'oppio.i fuori del matrimoruo». scoppio a ridere lei. I In «Ma fumare l'oppio non e proibito?». ' ' • n. chiese ancora lei. in relta. «Non vorra fanni fumare questa droga?».. potro tornare?». . .. . · « Una pipa!». chiese lui. «Perche 10 stabilimento dovrebbe spendere i suoi soldi in materassi. senza tremare. dei lunghi aghi d' acciaio... Era colma di un miele opaco. delle foglie di palma essiccate e tagliate a forma di rettangolo. italiano nel testo (nota del traduttore) 168 . tenendo il seno nella mano. Ma tanto vale che provi lei stessa».. se Dio wale. un foro largo appena quanta un fiammifero. disse Mario. Ripete iI gesto che aveva fatto a casa sua. sembra in bilico suI tubo. al quale e collegato soltanto tramite un sottile punto di contatto: un crogiuolo d'argento grande come mezza noce. Poi si ricarica il fornello. quasi con attenzione. . non si lamenti: un materasso si lava meno bene dellegno. «Perche no? Voglio che sappia in cosa consiste questo gioco . uno alIa sua sinistra. Dei disegni vennigli so . . rna una pallina di oppio. E. ni e delle tigri soddisfatte.0 quest' arte -. E anche proibito far l'amore a1 d. Mario feee una smorfia. . dimodoche i tre fonnavano un cerchio intomo alla lampada. quando questo fumo smussa ogni spigolo. Ie circondo la vita con un braccio e la fece avanzare di un passo: «Si stenda qui».. io sono mercanteggiabile solo al prezzo di un altro delitto?». Perche bisogna conoscere ogni cosa».. Ie chiese: «Dico bene?». all'interno della spesso camino di vetro. «Non si mette del tabacco. quanti son~ per questo tipo di retate?».. ' «Ouel delitto ll.. dopo un'esitazione: «E .. «Andiamo in galera» . scoprl una sp~la e un ~eno di Emrnanuelle. 10 sa benissimo anehe lei. dopo?». A prima vista. E si fa un solo tiro. Questo non e che un preludlo». La contemplava con indulgenza. sembra che questa tuba abbia entrambe Ie estrernita otturate da due bellissirni tappi di giada. Non e un bell'oggetto?». scuro. con la testa nel palmo della mano. \ . cosr levigato che la fiamma della lampada balla sulla sua superficie cam .. s . La cinese si era inginocchiata ai piedi della panca e aveva aperto una delle scatolette. Una sorta di faseino ne emanava. ha al centro un foro delle dimensioni di una perla .. ». delle minuscole scatolette di stagno. una sorta di poliedro eli legno a otto facce. inizialmente. sulla Quale si pavoneggiano dei draghi criselefanti . caral. • «Certamente».suI cui fondo si seorge un piccolo orifizio. Ai due Iati. i poliziotti. Dopo un po'. «E cosa succedera. ~. Dove si mette il tabacco? In quel buchetto ridicolo? Non deve durare molto». a riconoscere: un tubo di bambu marrone scuro molto liscio.. e uno strumento che Emmanuelle non riesce. poi aggiunse: «Ma non prima di aver cercato di corrompere i poliziotti mercanteggiando Ie grazie della sua persona». disse. biando colore e abbastanza appiattito. ill . allungati uno alla sua destra.. appoggian~osi ~ome loro su u~ gomito. La cerimonia dell'oppic richiede una serenita d'animo assoluta». "" ~ La serva aveva deposto tutto iI necessario al centro della panca. Mario abbandono iI seno di Emmanuelle (che lei lascio scoperto). no incastonati su tutta la sua lunghezza... Con lapunta di un lungo ago. Emmanuelle si sedette a malincuore suI bordo estremo della plattafonna verniciata. rna anche di contentezza. Emmanuelle fece un voltafaccia completo: «Se mi piace.. attaccato ad una placca in avorio lavorato. lungo pill 0 meno quanta un braccio e di diametro pari a quello di un flauto. Emmanuelle sonise scettica: «Dato che sana sposata. «Non 10 sembra affatto. «Lo sapra quando sara giunto il momento. quasi solido. oj • Poi..._ • '+ _ l .. . a partire dall'estremita perforata.. lei e i rappresentanti della legge 10 commettereste». superb la sua ripugnanza e Ii lmito. scandaliz- . resa ambrata dall'eta. La faccia superiore dell'ottaedro. . rende morbido il giaciglio piu duro? E poi. se ci prendessi gusto? «Che male ci sarebbe?». Non sia impaziente. perche era felice che Mario la spogliasse e la toccasse. Che questo Ie tolga ogni preoccupazione». la donna ne raccolse una goccia 169 • zato. rna si accorge che uno dei due ha. «Ohl Neanche una ventina». «Io? Ma e pulito? E non mi sembra molto comodol». abbastanza simili a queIli che si usano per fare la calza. «Non accetterebbe di farci questo favore?». Mario rise: «Ma stia tranquilla: non l'ho condotta qui per convertirla all'oppio. l'unica convessa. Non riusciva a sta~~are gli occhi dalla fiamma oblunga che saliva. mentre i suoi due compagni si piazzavano comodamente. Rise di nuovo. nemmeno in una lente di ingrandimento). • mai visto un vetro tanto massiccio. grosso circa quanto il pugno di Emmanuelle. «Naturalmente. Le domande di Emmanuelle sembravano divertirlo.. I.

Ma raschia la gola». ne verso immediatamente iI contenuto nelle tazze: il filtro aveva gia assunto un colore ramato. per poterlo bere bollente senza farsi male.. stasera. . tome presto con delIe minuscole tazze. disse.· . la ripagava dalla fatica di essere venuta fin 11. fnsinuo 1aloro compagna.. Teneva il suo seno nudo nella coppa della mane.. . gonfiandosi. si mdigno la commensale. non tossisca. tra mano. per un attimo. n profumo che ne esalava era penetrante: quell~ del gelsomi_no anc~ra piu di queUo del teo Emmanuelle si brucio la lingua e lancio un gri. ' -. si gonfio. . Cosa sognero?»._ . la principiante riuscl ad aspirare un debole ti~o.~ do.. provo un desiderio cosl forte di gambe di ragazza avvinghiate aIle sue e di un J II . . . Venti poliziotti. «Non lasci uscire il fumo dal naso.. sopra la lampada. disse Mario. gesto pronto e tolse l'ago che l'attraversava. I. «Mia cara». 170 • 171 . carbonizzando la perla di ambra. si tinse di meravigliosi riflessi. «e soprattutto I odore. «Tocca a lei». sazio. come se. Sa un po di caramello. 1I ' ~ I . Era gradevole. giovanissirna e docile. AI secondo tentative. quasi fino a toecare l'apertura del vetro caldissimo. rispose Mario. Mario ordino qualcosa alIa serva. • . mentre aspirava il misterioso fumo._' '« In Cina fa parte delle buone maniere». col fornello in basso.. per raffreddare il te». diceva. grossa quanto un chicco di grano. i due non accettarono nemmeno un secondo tentativo. la tenne un attimo sopra la Iampada. «Deve aspirare una boccata d'aria con Ie labbra.. eccitatissima d~a novita dell' esperienza. ' Quando Ie porsero il tubo. raddoppio di volume. lascio bruciare I'oppio senza aspirare: Di conseguenza la pipa non tiro piu: la donna dovette perfor~re di nuovo con l'ago d'acciaio la perla ambrata. toglie ai suoi adepti buona parte 4 . glielo. poi non ne ebbe iI coraggio. 11 fatto e che I'oppio. n fiato di Mario. . 10 avrebbe fatto. · «Bisogna bere del te». «Non ci riusciro mail». E come una pietra preziosa che cerca di dire qualcosa.. Ora era Quentin a fumare la pipa. perche la nuova pipa le provoco un accesso di tosse e non aveva 10 stesso gusto della prima. I'introdusse con un . I'unico piacere che ne trarrebbe sarebbe che io Ie tenessi ferma la testa mentre vomita». . «Ma e maleducatissimo!». Mancava una cosa sola per rendere perfetta la scena: che l'assistente fosse bellissima. Porse il bocchino a Mario. da solo. «Allora le fumerol»..:Fece un rumore gorgogliante. La fiamma salt. esattamente proporzionale aIle dimensioni della pipa. . preso in eccesso. . il sole bruno fiammeggio sulla punta della bacchetta magica. «Niente. non soffo . l'oppio non fa sognare. sentire la sua vulva inumidirsi man mana che la sensuale gocciolina si gonfiava di volutta sopra la fiamma. pensava. larghe e senza manico. rende lucidi e Iibera dai dispiaeeri fisici e dagli ostacoli mentali. La donna. «Non ha irnportanza: pensi solo a divertirsi». partecipandovi. tutti insieme 0 uno alIa volta. Erano tanti . «Avete cosl paura di intossicaIVi?».. Cost». con un viso innocente ed un corpo disponibile. bruciato. che vi applico Ie labbra e aspire. . «Ne am aneora una e basta.. Provo un rimpianto quando la cinese. «Voglio riprovare». l'arrotolo su uno dei frammenti di foglia fibrosa che aveva nell'al . . sesso di ragazza in cui far penetrare le dita che la cinese le parve quasi bella. che si alzo. Non ci riusciva bene come il suo · • armco. mormoro Emmanuelle. s'impazientl Emmanuelle. ciascuno secondo i proprl gusti e fino al culmine del piacere. Che peccato che il suo • mentore non avesse previsto questa! Fu suI punto di rimproverar .Non mi stancherei mai eli guardare questa pic . «Sono sicura che stavolta avro delle sensazioni fOl lnidabili. aspiri Ientamente e in modo continuo». mentre beve. lasciandolo tramortito. chi. pulsava di vita. L'accolita prepare un'altra pipa: di nuovo. ~. Emmanuelle vi vedeva la rappresentazione di un sesso che invoca con Ie sue labbra tumide l'ariete infuocato che sta per penetrarlo. Ma nessuna pietra e cosl bella. Senza perdere tempo giro la pipa. Rideva alIe~a~ente: «Mi piace il sapore». In ~econd~ luogo. Emmanuelle non rimase troppo delusa dal divieto di Mario. infuocati. sembrava intenninabile ad Emmanuelle.. In primo luogo.. Mario e Quentin avrebbero spogliato lentamente e con il quaIe avrebbero giocato. La goccia scura sfrigolo.. Se andasse oltre. una teiera in te~ac~tt~ . poi la espose ancora alla fiamma.. si stesse pubblicamente preparando a fare l'arnore.. . VI fece _penetrare con precisione un getto di acqua fumante. Ouel rito Ie piaceva. che aveva finito per dare alIa goccia di oppio la forma di un minuscolo cono translucido. si disse. .. . che lei stessa. «0 rneglio. . Ora pensava che quello spettacolo. divente talmente pura e lucente che gli oggetti circostanti vi si riflettevano. era felice. La teiera lillipuziana era colma fino all'orlo di te verde. cola pallina. Tuttavia. «Che bello». piccola quanta le tazze e un samovar di acqua bollent~. Ma per salvare Mario. Quanto a Mario e a Quentin. dovrebbe fumare diverse pipe». prima di sentire i1 minimo effetto.. «le confidero un segreto gravissimo.

. rarsi dei maschi. Ripassarono davanti agli scheletri dagli oc~hi asse. «Infatti». 1 «Ma cosa ci trova Quentin di tanto Interessante nei ragazzn ».. "" ' 173 • . Tuttavia Ie si stringeva il euore ad abbandonarlo ll. Mario.Teccellente persona che regna.. Bisognera andare a cercare altrove».I~}.. «In siamese».. «Lui insiste a voler restare qui».. Mario. per il riposo dell'uomo pacifico. er lei. Mario riprese a mercanteggiare. ta. davanti a noi . «di averci chiesto come facessimo con i ragazzini. Ie parla?». I. Tuttavia provo un dispiacere inaspettato.r • Disse due parole alIa serva. I r degli ardori maschili. Si chiedeva inoltre che parte avrebbe dovuto interpretare. .. Ie avrebbe fatto mgoiare Ie treece! ~ ~ . di nuovo a disagio. Allora . 0 aggredl. accontentersi . Mario insisteva. • ~. con quella voce stridula che... e concluse infine con una nota acutissirna. affari suoi. «E lei. L'ho a:colto come un l. poi riferl: «Le ho intimato di portarci dei ragazzi dai dodici ai quindici anni con la lingua agile. E. «A entrambi». Ho passato la serata nmproverandogh la sua presenza. «Ah s1!». La vecchia si inchino subito.. . E iI colmo! Credo di non avere la testa completamente a posto . per una notte. il midollo vivace e il membro saldo». Seguirono altn !?estl di ~Isp~razlone. tranne nei momenti in cui me ne dimenticavo ~ompletamente! Ed ecco che ora mi sento tutta turbata e debole nei SUOI eonfronti. La vecchia salmodiava ancora. " _ Ouesto ~ troppol.aveva detto . Propongo di 1asciarlo e di riprendere la nostra passeggla-.. spiego Mario. dl p~derasti? Appena Ie fosse capitata sotto tiro. cos' ha risposto?». alzando le braccia al cielo. su questa fumeria clandestina vi educa anche. ~. Le ho fatto i rimproveri necessari.suggerisce di mostrarci dei film galanti». «perche no?».. . come ben sa.. Ie natiche da statua greca. E iI procedimento regolare». Che ne dice?». «E. Ciononostante dopo qualche istante dichiaro: «Non demorde dalla sua storiella. . La babbuina che aveva preparato Ie pipe accorse . A q?anto pare dei nobili stranieri sarebbero gia venuti prima a far razzia nel ~u~ allevamento. PIll». Con tutta probabilita vuole solo essere pagata un po di Riprese la discussione. riferl a Emmanuelle..da affidarla alle cure. dei bei giovincelli di cui Ie chiederemo di presentarci un assortimento». perche fingevano entrambi di interessarsi tanto alla sua persona? E quell'idiota di Marie-An~e! Come aveva potutoessere tanto scriteriata . Sembrava SI stesse lamentando con l'ampiezza polmonare di un Geremia.. semisarcastica. «Ho la sensazione che non si stia mettendo bene». che fece diversi inchini .di . disse Emmanuelle. tortuoso e subirono Ie metamorfosi imposte dalla situazione.. bensl per quelli della came». parlo di nuovo.. dava i brividi alla giovane francese. . te». l I . Ne dubito... Mario annuncio: «Risponde alIa mia richiesta proponendomi qualcos'altro. . . . . si rimprovero lei. Si rivolse di nuovo a1le loro ospiti..ntruso. . «Dice di essere certo di riuscire ad ottenere cia che chiede. Ricomparve un attirno dopa con la cinese dalla maschera rugosa.. «Cosa propone?».che si amana teneramente. chiese Emmanuelle. Ebbene. . rna so~o . ogni volta. Le frasi seguirono un percorso .. moltiplicava gl~ inch~ni. p~c':l. esclamo Emmanuelle.. Emmauelle si coprl il seno. «Perche ha strillato cosl?».. poi lancio un grido acuto. vero Emmanuelle?».. 172 . p Lei si limite a fare una smorfietta interpretabile in qualsiasi modo.. Emmanuelle non chiedeva di meglio.! .. disse Mario prima ancora che la comparsa avesse iniziato a tradurre. La vecchia la guardava con insistenza. riprese il suo mentore. quando si separo da Quentin. «Non e molto simpatico da parte sua abbandonarci cost». «Che ne dice di questi due?» propose.. «La vecchia parla solo cinese.nti. «Non ha dimenticato». Niente di molto interessante . ~.:atmosfera di quella baracca cominciava a pesarle. Non potevano. «quella vecchia pazza insiste nel sostenere che non ha nessun puledro a disposizione per stanotte. «Be'!». . «Per sapere se i ragazzi sano destinati a me 0 a lei». Dopo aver conversato per qualche minuto. Rimproverava a Mario e a1 suo amico la lora ostinazione a. «Delle ragazze. Se davvero non amavano le donne. con la maesta che lei stessa ha avuto modo di vedere. . confermo poi. che partl di corsa. Ci propone anche uno spettacolo dal vivo: due ragazze. «Non siamo venuti fin qui per cos} poco. in che lingua .. _ come un importuno. La serva tradusse e Mario rispose con una parola sola. Trovava che quello squallido ambiente si prestasse male ai giochi amorosi (ora che Ie era passata la voglial). Stava per aggiungere (ci teneva a farlo) che non Ie era sembrato cos} disgustato dalle ragazze quando Ie aveva accarezzato Ie gambe. Marlo parlo brevemente. quasi una punta di rimorso. Emmanuelle aveva la sensazione che i muri stessero girando un pochino: chissa se era gia l'oppio? Ma no. Parlo a lungo con Quentin. non siamo venuti qui per i piaceri della spirito. E che cinese! Non 10 capisce nessuno». «Ha chiamato I'altra donna per fare da interpre• . naturalmente.

..

...

Ma Marlo non gliene lascio il tempo: «Per l'uomo di buon gusto, l'a- '.~. more per i ragazzi avra sempre una qualita che quello per Ie donne possiede solo in via eccezionale», disse, «Ouella di essere anormale. In altre parole, corrisponde alla definizione dell'opera d'arte di cui Ie parlavo all'inizio della serata. Per me fare l'amore con un ragazzo ~ erotica in quanto e, come giustamente proclamano gli imbecilli, una cosa contro natura». «E sicuro che non sia, a1 contrario, semplicemente nella sua natura?». «Ne sono sicuro», disse Mario. «Amo Ie donne. Andare a Ietto con un uomo mi e riuscito difficile per molto tempo. Ma mi ci sono abituato. Lho sperimentato per la prima volta l'anno scorso. E inutile aggiungere che ho avuto soltanto da rallegrarmene, Come vede, anche per me c'e voluto un bel po' di tempol», · ~- Emozioni contraddittorie tormentavano Emmanuelle. Si domandava, soprattutto, che cosa dovesse pensare delle confidenze di Ma-

t\ •

no.
I

...

«E, dopo quella prima esperienza, ha praticato spesso questa ... arte?». «Cerco sempre di mantenere in ogni cosa una certa saltuarieta: bis repetita ..• Come ben sa, e proprio l'incontrario!», «Ma», insiste Emrnanuelle, «in quest'anno, ha fatto l'amore con delle donne?». Mario scoppio a ridere: «Che domanda! Le sembro forse un modella di casti ta ? ». «Con molte?», volle sapere lei. «Sicuramente meno del numero di amanti che mi sarei fatto se avessi avuto la fortuna di essere una bella donna». Aggiunse, con un soniso di omaggio indirizzato alIa compagna: «Amanti maschi e femmine!», Questa risposta non soddisfece Emmanuelle, che stava perdendo la pazienza: «Quale delle due cose preferisce?», chiese, quasi con rabbia, Mario si fermo: erano arrivati nel punto in cui la radura lasciava il posto aI ponte di assi. Afferro Ie spalle di Emmanuelle e l'attiro verso di se: lei penso stesse par baciarla, ' «Arne) cia che e belloi», disse con foga. «E cio che e bello non e mai una cosa gia fatta, non e mai una cosa facile. E cio che, per la prima volta, costruisci nella vita, con iI tuo gesto e iI gesto di qualcun a1tro, e che lanci verso l'infinito prima che faccia in tempo ad assumere la sua forma morta» Lluomo e la donna - un altro mondo al centro del mondo creato. «Cio che e bello e quello che non esisteva prima di noi e non sarebIt

,

..

L.

a

..

'be esistito senza di noi e non sara piu in nostro potere quando l'ingiustizia della rnorte ci abbattera su questa terra che amavamo», Fieri delloro sapere solitario. Sostenuti dai lora progetti esemplari. . «Cib che e bello e un momenta che non era niente e che hai reso in- . dimenticabile. E l'essere che non era niente e al Quale hai costruito una forma originale contra la moltitudine ed il destino amorfi», Traviati traviatori, aboliscono la mappa dei sentieri gia percorsi. «Cia che e bello e sormontare il timore reverenziale verso la nostra nazione ed il nostro secolo, la paura dei lora scandali e del nostro obbrobrio perche nasca una nuova generazione dal rlfiuto di assomigliare ai padri senza coraggio, aIle madri senza volto, ai fratelli ipocriti e aile sorelle infiacchite». Diversi - rna secondo quale bruttezza? Debosciati - rna secondo quale stupidita? Estranei - rna a Quale branco? Sconfitti - rna per quale vendetta? '. Esiliati - ma verso Quale meraviglioso futuro! «Cia che e bello e avere fretta di scoprire, prendere 10 slancio senza soppesare i pericoli e senza ricordare Ie dolcezze passate: e fare quel10 che non abbiamo ancora tentato e che non sperimenteremo mai piu poiche i giomi e Ie notti della vita sono sol tanto quelli e quelle ch' abbiamo reso preziosi con un atto straordinario. E chi mai, in .cielo 0 in terra, ci restituira i giorni e Ie notti che abbiamo perduto?». II chiaro di luna u trasforma in pietre: la statu a di Mario tiene tra le mani un 'immagine di donna ..~ . «Cia che e bello. dice la pietra, e di tentare tutto e non rifiutare nulla. e di essere in grado di conoscere ogni cosa. Carpi innumerevoli a nostra immagine e somiglianza, "lnfemo 0 cielo, che importar/ In fondo all'ignoto per trovare.il nuovo"». _ -Ai quattro angoli dell'incrocio, delle passerelle vuote, dritte irreali, tutte simili {ra loro. _' «Cia che e bello e quello che non ha mai 10 stesso sapore e non ha il sapore di nessun'altra cosa». . I capelli neri sulle spalle nude tra le dita del condottiero. «Cia che e bello e essere l'opposto delle bestie da gregge, vigliacche e pigre, che eravamo alIa nascita», Ilimponenza dell'eroe tataro nasconde la luna. «Cia che e bello ~ non fermarsi, non sedersi ne addonnentarsi ne voltarsi indietro» ~ Le ore della notte hanno compiuto illoro ciclo, gli astri di acciaio gravitano fuori dalla visuale nel cielo illuminate. «Cia che e bello e dire di no alla tentazione che ci immobilizza, ci lega 0 ci pone dei limiti, E dire di sl, sempre di 51, per quanto stanchi
Pl
I

~

,.t.

.

I

I

..

174

..
I

175

..I-I"

r <0

siam~, .. ~uella che ci ~o1tipli,c~ e ci spinge in avanti e ci costringe a a far~ piu dl,quanto non sia sufficiente 0 necessario, e pill di quanto gli altn non SI accontentino di fare». Iluscio socchiuso sulla luce gialla: ombre entrano, ombre escono. Notte insonne. . . «Cib che e b~ll? e t~ovare ogni giomo una fonte di stupore, un mot~voper .m~raVlgharsl, un pretesto per sforzarsi e per vincere 1atentazione di cio che e gia acquisito e l'apatia e la tristezza della veechiaia». ' II mio cuore si apre alia tua voce ... . «Cio che e bello e cambiare, senza stancarsi mai. Perche ogni cambiamento e un progresso, ogni pennanenza e una tomba. Lappagamen~o e 1a.rassegnazrone ~ono una sola e medesima disperazione, e colui che 51 fenI?-a e rmuncia a diventare altro ha gia scelto la rnorte», II gong ~l un tempio, attutito dal rumore degli insetti. «C:rto, posslC:~mo. sempre, preferire la pace delle lapidi, im balsa~arcl .nella ?"edlocnta di un esistenza senza desideri, come una Vergme dl cera In un reliquiario di gernme», ~orti dall'ombra, passano due bambini, La mano nella manoa . . «Ma 10, che cerco di spingerla non verso la morte ma verso la vita, dlc~ c?e allora sarebbe stato meglio se lei non fosse mai nata. Perche ogrn VIta uman~ che si i~mobilizza ~ un peso morto sul nostro pianeta e ostacola IIprogredire della nostra specie». Sono [ratello e sorella. Stanno per fare l'amore. «Se ne ricordi, Emmanuelle: il futuro della terra sara come Ii vorra il pot~re. di ~nventiva del suo corpo. Se il suo sogno si oscurera e Ie sue ali 51 chiuderanno, se il rio destino vorra che la sua curiosita si stanchi, che la sua chiaroveggenza e la sua costanza si esauriscano e vacilli il suo desiderio di scoperta e di novita - sara la fine delle speranze e delle posslbilita degli uominl: I'avvenire sara per sempre uguale al passato», La ballerina bianca tra le gambe del guerriero. «L'amore di amare e cio che la rende fidanzata del mondo Em~anuel1e. Di conseguenza il d~stino. di tutti dipende dalla su~ passtone e dal suo coraggro, e se rmunciasse a conquistare un solo uomo 0 una sola donna, oh, loro amante fidanzata, sarebbe sufficiente perche la loro razza rinunci alia conquista degli anni luce e delle nebulose», . La voce di Mario fa tacere il canto dei grilli. . . «~apisce? ~on.le sto regalando iI piacere dell'attimo, rna il piacere ~I cio che e pru distante, La felicita non e nel posto in cui lei si trova In questo momento, ~ nel posto che lei sogna di raggiungere», rra braccia sempre piu numerose.
176
..

.

'

,

realta!» .

«Ah! sl, Emmanuelle! Non la

DUtro

di illusioni, Ie do fame di

Al centro del triangolo [ormato dalle stelle Alfa del BovarcJ;-·Alfa della Bilancia, Alfa della Vergine.. -

ria».

«Non Ie insegno la via piu comoda, le insegno la via piu temera-

Emmanuelle disse: «Mi prenda, Non mi conosce ancora, Avro per lei un sapore di novita». Fu sorpresa nel trovare una tale stima nello sguardo di Mario. Lui fece un cenno di diniego: «Sarebbe troppo facile. Voglio di piu: lasci _ che la guidi io». La spinse davanti a se, . (cSU, faccia di nUOVQ l'acrobata!». Docilrnente, s'incammino per prima. Una volta anivati all'incrocio, Mario decise che avrebbero imboccato una via diversa da quella che avevano preso all'andata, «Le mostrero una cosa fuori dal comune», promise. Arrivarono ben presto in riva ad un largo khlong -·0 forse era un ruscello naturale? Sembrava tortuoso. Le sue sponde erano coperte da erbe. «Siarno ancora dentro Bangkok?» ,~«Nelbel mezzo. Ma questo posto non e noto agli stranieri», Ora camminavano in un prato e, dato che i tacchi di Emmanuelle ~-alfondavano nella terra molle, si tolse Ie scarpe. «Si strappera Ie calze», disse Marlo. «Non farebbe meglio a togliersele?». ' Questa premura Ie fece piacere. Si sedette su un tronco d'albero tagliato che si trovava ll, Si tiro su la gonna, Laria fresca le fece ricordare che Ie sue mutandine erano nella tasca di Mario. La luna era ta1mente luminosa che si poteva vedere chiaramente il suo ventre, men .. tre si slacciava la giarrettiera. «Non mi stancherei mai della bellezza delle sue gambe», disse Mario. «Delle sue cosce cosllunghe ed agili.;». «Ma lei non si stancava in fretta eli ogni cosa?», •. Lui si lirnito a sorridere, Emmanuelle non aveva voglia eli muover!I .

SI.

«Perche non si toglie anche la gonna?», suggerl Mario, «Sarebbe pill a suo agio per camrninare. E mi piacerebbe vederla cost», Lei non esito neppure per un istante. Si alZQ e slaccio la cintura . «Cosa ne faccio?», chiese, indicandogli la gonna, ' «La lasci sull'albero, la recupereremo al ritorno. Dobbiamo ripassare di qui in ogni caso», «E se me la rubano?»,
177
..

_

-

~

.

It.
'.0:.\~

. _«Che importa? Non avrebbe obiezioni a tomare a casa senza, im-

..

. magmo,) »,

'.

....

Emmanuelle evito di discutere, Ripresero il carnmino. Sotta il pullover eli seta nera Ie sue natiche, quella notte, malgrado l'abbronzatura sernbravano stranamente chiare. Mario camminava aI suo fianco: Ie prese la mano. «Eccoci arrivati», disse dopo un po', ' Un muro basso, mezzo diroccato, si ergeva davanti a lora. Mario aiuto la compagna ad arrampicarsi sui mattoni e a saltare dall'altro lato, Quando Emmanuelle alzo la sguardo, sussulto, Una· forma umana se ne stava accovacciata Ii vicino, La sua mano strinse piu ~forte quella di Mario. . «Non abbia paura. E gente pacifica». Stava per dire: e il mio abbigliamento! Aneora una volta, il timore dei sarcasmi di Mario la trattenne. Ma si vergognava talmente che non riusciva a muovere un solo passo, Sarebbe stata meno imbaraz .. zata se fosse stata completamente nuda. Mario la trascino inesorabilmente: passarono proprio davanti all'uorno, che li guardo con oechi ardenti, Emmanuelle non pote trattenere un fremito, «Guardi», disse Mario puntando verso qualcosa, «ha mai visto niente di simile?». .Guardo nella direzione che Ie indicava. Da un albero dal tronco enorme, circondato da innumerevoli radici e liane avventizie, pende- . vano strani frutti. Guardando meglio, Emmanuelle vide che erano falli, Lancia un grido di ammirazione. Era forse la sua visione dell'ora precedente che si materializzava? 0, piu probabilmente, stava di nuovo sognando in piedi? Mario spiego: «Alcuni sono degli ex voto: altri sono offerte fatte al fine di ottenere potenza sessuale 0 fecondita, Le loro dimensioni so no in funzione della ricchezza del fedeleo dell'urgenza della sua preghiera, Ci troviamo, e tengo a farglielo notare, in un temple». .' Lidea ricordo ad Emmanuelle l'indecenza della sua tenuta. · «Se un prete mi vedesse in questo stato ...», «Lei non mi sembra affatto fuori luogo cos} vestita, in un santuario dedicato a Priapo», disse Mario ridendo. «Tutto cia che ha un rapporto col suo culto e lecito, qui» .. «Sono queste i famosi lingam]», chiese Emmanuelle, la cui curiosita era piu forte del turbamento. .' . «Non esattamente. n lingam ~ indu, la sua immagine e generalmente stilizzata: 10 si trova soprattutto sotto forma di palo piantato . verticalmente nel terreno e nella maggior parte dei casi bisogna avere gli occhi della fede per capire di cosa si tratta. Qui, come pub vedere, la lavorazione dell'oggetto non lascia spazio all'irnmaglnazione. Sono repliche della natura piil che opere d'arte: iI kitsch religioso del.

.

I

"la Citta degli Angeli. Questo, come vi avranno gia detto, ~ il vero no .. me di Bangkok. Per l'esattezza, ~ il suo nome abbreviato. Ad essere proprio pignoli, la citta an~bbe c~iamata: Krunghtep. Phra-~aha- " Nakhom Amorn Ratanakosindr Mahinthara Boromaradjathani ... romnivet... Mahe Sathan Burirom , la. Anche questo ~ solo un nas: sunto, che significa: "Venerabile Citta C~pitale .degli Angeli .(0 degli Dei, se vogliamo essere perfettamente et1mOI?gl~l.ed.es~orcl ad una polemica inutilmente metafisica), Tesoro ~el gl01el~1di Indra, Magnificenza del dio Inclra, Suprem~ Megapol~~e~ei srto Augusto, 50vrani paraggi, luogo Supremo, Citta della ?101.a. Oualcosa del.gen~reo n a finale, che interrompe queste effusioni con tono Infantile,. significa semplicemente "eccetera", perche i1 nome uffici.ale autentico e completo dell'Urbs occupa, in realta, tre 0 quattro pagme, Perlomeno, cost si dice». . . La dimensione dei falli appesi ai rami oscillava tra quella di una banana e quella di un bazooka, ~~ iI realismo odei ~arti~olan era sempre 10 stesso, Erano tutti fatti eli legno SC01Plto e Istonat~. Una piccola macchia color came ne adoma~a II meato. n prepuzio era . rappresentato da pieghe profonde sotto II g~an?e. La curva del membro in erezione era resa con sorprendente vitalita, Pendevano da diversi alberi, a centinaia. Dei ceri, infilati in candelabri di legno, erano disseminati in quell'orto di verghe: la magglor parte era spenta, invece molti bastoncini d'incenso .dal profum~ Ine: , briante identici a quelli che si accendono davant! all'tmmaglne di "Budda ~ sull'a1tare degli antenati, bruciavano nel giardino. I.:estremita infuocata punteggiava di rosso la notte. ..". . ". . Emmanuelle si accorse con angoscia che molti di quei lumini 51 muovevano. Non le ci volle un grande sforzo, talrnente era chiara la notte per vedere che delle mani Iireggevano. Non c'era un uomo soltanto: rna quattro, cinque, sei, dieci. Seduti sui talloni, c?~e il ~rimo che aveva incontrato. Uno di 101'0 si alzo, Lei 10 vide avvicmarsi. Una volta giunto a pochi passi da lei, si accovaccio .di nuovo ',n SU? sguardo esprimeva un interesse sostenuto e tranquillo, Ouasi sublt~, due, poi quattro uomini 10 raggiunsero, .si fe!lllaron? accanto.a lUI. ,!no dei nuovi anivati sembrava molto giovane, quasi un bambino, Gh aItri erano piu grandi. Uno di loro era quasoi v~cchio. N~s~uno di~va una parola. Continuavano a tenere tra Ie dita I bas.tonclm odoranti. «Guardi che simpatico pubblico», scherzo Mano. «Quale scenetta potremmo recitare per divertirli?». . Stacco un failo di dimensioni relativamente modeste. «Non so se sto commettendo un sacrilegio», disse, «rna 10 commetto arditamente. Ad ogni modo, non sernbrano scandallzzati». Porse ilpezzo di legno ad Emmanuelle. ' «Non e gradevole da toccare?»,

!10-

o

0

+_

178

179

nel suo turbamento. ~on caprva piu se Ie pulsazioni nella sua mana fossero quelle di Mano <? quell~ del . . Mario fece un movimento. C~nte. coscienziosamente. Era piu bello nudo: Emmanuelle. in se. ~ Emmanuelle e~egul senza protestare. appesi aile liane. irresistibile. cedendo aIle avances del fratellino.. inizio ad andare avanti e indietro con la bocca.po .. poi. se questa sirnulacro fosse vivo»..suo euore. .molto piacevole. lei vide il suo sessa eretto. Lo stesso giochetto le sarebbe probabilmente segretamente piaciuto. • Emmanuelle 10 palpo.. Le sue dita accarezzarono I'oggetto di venerazione come se voless7ro davvero farlo godere. era una tortura per lei e durante iI primo minuto della fellatio dovette lottare contro Ia nausea che le saliva alla gola. ne fu rincuorata. «<?ra bisogna. cosl profondamente che Ie sue labbra toccavano la pancia nuda e il suo naso affondava nella peluria rada. Lei stessa fin) collasciarsi trascinare dal ~. Questi si alzo lentamente e dignitosamente.poiche. La tenne cost per qualche istante. • 180 181 t . in un tale stato di confusione e perplessita che i gesti in se Ie sembravano ormai senza importanza. Iloro ~Sl sen:'bravano decisamente tesi. soffocando in gola un ra tala: «Forza!». che aveva conosciuto il 4- lita. . Una verga ancora giovane era protesa orizzontalmente davanti a lei.. Mario disse aneora qualcosa e ilbambino si tolse i calzoncini. Emmanuelle la mise tra Ie labbra.SI concentrava fino al miracolo per (arlo durare. in quel memento. appunto. Non e che stimasse degradante. come se avesse voluto prima assaggiarla. per poco non aveva tradito suo marito per la prima volta (senza avere l'impressione di tradirlo. «Ora ~ megli~ c~e. l'occasione non si era piu presentata. No. ordino Mario.i.. come se stesse parlando di bana- «II bambino' non e incantevole?». non solo. no! Non poteva toccare quegli uormru.. «Quale di loro Ia tenta di piu?». fare qualcosa per i nostri spettatori». di una delle sue amann! Erano stati disturbati a1l'ultimo momento: in ogni caso. con una risolutezza irnprovvisa. tirando giu la pelle che ne ricopriva parte della punta. si avvicino a loro. Em~an~elle ~i ~ece muta dallo spavento. in quel momenta.. perche per un atnmo aveva temuto che Mario Ie chiedesse di introdursi dentro Yolisbos. EmmanuelIe aveva gia dato ilsuo consenso.. ' ~. Ricordava anche il suo precetto: intermin~bllment~. Emmanuelle non si sogno neppure di rifiutare. che oscillarono per l'impatto e girarono su se stessi. un'ultima scrollata che lei seppe rendere molto lunga.s~to. Nessuno pronuncio una parola. rna anche fisicamente . - .. · «Succhi e beva». per fare in modo che non rallentasse l~ quello scatta finale. Del resto. . II tempo si fen no. Anche allora. Con quel ragazzino. ".. con abilita. 4 (. annaffiando i falli di legno. . disse Mario. Emmanuelle depose l'oggetto di culto nell'anfratto di un ramo (~on a~eva o. abbandonarsi ad effusioni amorose can un ragazzino sconosciuto. . LUI 51 giro verso gli uomini accovacciati in modo che potessera vedere meglio. nell' erba folta e morbida. «10 stesso avrei un certo debole per lui. Emmanuelle ricordav~ IJlf~manesimo" d~ ~ui Mario Ie aveva esposto i principi nel salotto l~ nv~ ~l khlong e si impegnava talmente che Ie girava Ia testa . . mentre pensava fra se e se che. tin attirno cosl.spiritualmente. Poi. . se Mario l'avesse spinta a farlo con un piinpante biondino profumato di acqua di CoIonia nel salotto borghese di un'amica parigina. era di natura piuttosto lasciva. tutto sommato. 'IuttaVIa. disse subito Mana. con un bambino sarebbe stato come una specie di gioco). .m~o~neamente..metterlo per terra) e afferro docilmente iI membra di Mario. si giro 'verso l'albero d~ quale pe~devano I frutti prrapici. fece segno al ragazzo e gli rivolse una frase. . mentre la sua mano scivolava lungo il fusto. fece entrare la . Resto '-. E. Era. disse Mario. I'illusione Iasci posto alIa realta». non voleva che la toccassero.verga fino in fondo aIla bocca. «Mos~ri loro che cosa farebbe con Ie mani per rendergli onore. Un getto di lunghezza e densita inusitate attraverso 1a notte. Ma per questa notte voglio lasciarlo a lei». anzi con un certo sollievo. senza cercare di imbrogliare 0 accelerare i tempi. rna 10 strumento era davvero troppo impolverato! • ~I rese conto che gli sguardi degli uomini si erano infuocati. sconfitto infine dalle raffinatezze di queIla carezza che Emmanuelle reinventava continuamente. . Mario le chiese di concludere con un su-e-giu piu energico.. prima di partire da Parigi. per niente intimidito: sembrava anzi abbastanza sprezzante. Penso soltanto che avrebbe preferito farlo con l'uomo nudo che aveva incontrato prima suI sentiero di assi. pin grosso e piu rosso del pene di legno. Senza consultarla oltre. Quest'ultima aumento immediatamente di volume. e prese iI membro fra Ie dita. molto disinvolto. ' Questa prova. «Che Ie sue maru SI dimostrino affettuose con la carne quanta 10 SODO state con la materia inanimata».. Si lascio cadere sulle ginocchia.. e che gli provoco delle con~lsloru di volutta. tuttavia.. Ci rifletteva. Ben presto rimpiangeva quasi di non potersi servire delle labbra:. mormoro. ' lli 2 In italiano nel testo (ndt) ..~ gioco. La sua sporcizia e la sua ruvidita la disgustavano. Quasi Immedlat~ente.

«Che altro bene c'e al mondo?». Infilo la mano e prese tra le dita ilsessa addormentato. Una donna che fa la prima mossa nel momenta in cui l'uorno meno se l'aspetta crea una situazione erotica di elevata intensita. Poi. assorto. doveva fare bene iI proprio lavorol Una sorta di orgoglio la spingeva a trattare quel ragazzo in modo tale da lasciargli un ricordo indelebile.. sceva. «Non e proprio possibile essere carina e rimanere una brava ragazza?».. Ernmanuellel». Mai in vita sua aveva fatt6 una cosa simile di sua spontanea volonta e. L'autista (anche lui chiamato sam-lo. Non ie sembra imperdonabde. Eccezionale! 0 meglio. quell' espe. . sfioro con la punta delle dita il bOCCIOlo suo sesso e si abbandono all'orgasmo tra Ie del braccia di Mario che Ie baciava Ie labbra per la prima volta.. Si giro un po' sui fianco.. dimentico a chi appartenesse quel pene. . comincio a stare al gioco. · A giudicare da quello che sentiva con la mano. Appena Iivide. Il triciclo si avvio. confondendolo con ilmezzo. . alia fine chiuse gli occhi e si abbandono aIle sensazioni. . «Non Ie avevo promesso di darla ad altri al dettaglio?». la strada! Ma 10 avrebbe fatto. Tuttavia era aneora a disagio. in fretta e furia. "tre ruote". vale solo con la clausola di novita». Lo era. All'im . slaccio un bottone. I • .. sognante: «E molto importante per una donna bere molto spenna e dalle fonti pill svariate». del quale iniziava ad apprezzare la rigidita ed il calore. Mario mise un braccio intorno aile spalle della sua compagna e lei si strinse felice contro di lui. «Si ricordi di questa formula in altre circostanze». Questa gesto ha ·diritto di cittadinanza 3 In italiano nel testa (ndt) 183 . Jean. ma a ~roprio danno. feee loro cenno di salire sulla stretta panca rivestita di plastica rossa.~ . la eli tori de diventare sensibili. Si feee coraggio.. «Sono molto fiero di lei». Nessuno aveva rubato la gonna. che si sforzava di mantenere salda. AI contrario. .. in mezzo al. I • lussuria» . Benche fossero entrambi notevolmente snelli.Prima . «e non avra da pentirsene. aveva tirato su la gonna il piu possibile. disse Mario" Emmanuelle non si era mai seIVita di quel mezzo di trasporto.. . Nel momento in cui Ie sue effusioni raggiunsero illoro obiettivo. Ma con questa qui non era la stessa cosa. Suo marito non Ie aveva forse detto che nessuna donna aI Mondo sapeva usare come lei la bocca per i piaceri dell'amore? . chiese lui dopo che ebbero scavalcato nel senso opposto il muro in rovina. per di piu. Ie faceva paura. provviso. Lo faceva per gentilezza verso Mario. Inoltre. Senti Ie proprie labbra. Rimase silenziosa. 10schizzare dello spenna sulla sua lingua Ie feee altrettanto piaeere che se si fosse trattato di quello di . Nel momento in cui stava per incominciare a lamentarsi. Ie venne un'idea fantastica e folie. e a cui pennetteva di frugarle col glande nella sua gola e di cercare a piaeer suo il sito in cui avrebbe eoncluso it suo godimento. della corsa. erano spiaccicati l'uno contra l'altra. La indosso e rimpianse la comodita di prima.lldea dl non sfruttare 11potere della propria beUezza per ottenere CIO che tante donne brutte desiderano invano per tutta la vita?». -«S1. perche la norma vuole che gli uomini prendano l'iniziativa e Ie donne si lascino fare. tutti gli altri. · A poco a poco.. I _ ' . . Non importava se tutti quegli uomini 1a stavano guardando: aveva voglia di godere a sua vo~ta. era dapprima rimasta disgustata all'idea che potesse anehe non essere pulito: per fortuna. ora era rassicurata e Ie tornavano con sollievo alia memoria Ie minuziose abluzioni aile quali i siamesi si dedicano pin volte al giorno. arrivarono in una vera strada. come vuole la regola. se ne troviamo uno». . IIsuo tono all'improvviso si fece lnfervorato: «Lei deve farlo perche ~bellissima» insiste. ormai raro. 182 nel regno dell'erotismo. sospiro Emmanuelle . e l'idea di provare Ie piacque..1\ suo sesso offerto e umido e aveva incominciato ad entrarci dentro. Si stava chiedendo se avrebbero dovuto aneora camminare a lungo.che la verga Ie uscisse di bocca.. . Almeno. ' «Prenderemo un sam-lo. Solo allora tiro un sospiro di sollievo. ccC~rto c~e si PUQ. IIsapore ne era diverso: 10 trOVD buonissimo. Lui sentenzio. disse Mario. per dirla nella mia lingua nativa: brava3! ».. accordandosi probabilmente sUI prezzo . Sedendosi.' rienza non Ie dava alcun piacere. Camminarono lungo la strada per qualche centinaio di metri prima di trovame uno libero. «Splendida mossa. spiego Mario) era seduto per terra. «Lei sembra pensare che tutte Ie donne aspirino unicamente alia J . rna i suoi sensi si ribellavano . dato che lui aveva detto che Ie sue gambe gli piacevano tanto. Mario dialogo un attimo.. Inutile aggiungere che.. Con una mano. pensava quasi eon violenza. «1~ contenta?». l'approvazione di Mario non era di carattere puramente morale. dal primo all'ultimo. poi fece segno a Emmanuelle di accomodarsi e si sedette accanto a lei... Presero ancora una direzione diversa da quella che CODO. nella sua immaginazione aveva fatto l'amore decine di volte in seguito. Comunque fosse. verso Mario. Farsi portare al ritmo indolente di un riscio sotto il cielo luminoso era pill allettante che rischiare la morte ad ogni curva del taxi. continuo lui. • «Davvero?».

L'atmosfera e instaurata. Che provi ad abusare della sua innocenza. C'e una forte probabilita che in quel momenta lui sia assolutamente incapace di ricordarselo. rna. in mano. . .. Faccia poi come ha appena fatto con me e gli chieda cosa preferisce: se godere prima 0 dopo aver bevuto il te. in una lettera a Pierre Brasseur. Si pub provvisoriamente limitare a quest'iniziativa e_a seno nudo. Fischio. . I'[ndlviduo SI dovesse tirare indietro col pretesto di una vecchia ferita~ un vot. .e. scuotendo con naturalezza la capigliatura. 0 di ~na dISPOSlzione del Codice di Hammurabi che vieta di godere pnma del tramonto. Emmanuelle non vedeva per niente dove stava la differenza. quando mr so: no sposata._ .U" rlosamente respinta. di CO~ me. «S1. con un a1tro ospite speciale. col tono giusto e senza manifestare alcuna d~Iusione: "Ha ragione: rna dov' er~ con la testa? 10 stessa. il giomo prima. dato c~e non . quelle che Ie ho rivolto meno di un'?ra fa. natural mente. I'. le p~role che mi raccomanda di pronunciare sono esattamente. . . dopo aver alzato ~a teiera e pri~a interrogarlo riguardo aile zollette. Emmanuelle era entusiasta delle dimensioni che aveva as.. e in che modo. strano. lei direbbe. per non 185 d!.. «Gli andiamo a genie» . Se. chiese lei. per variare. all'ora di pranzo. il suo ospite ha mantenuto una parvenza di sangue freddo . il resto ha po .. disse Mario. non si aspetti che sia lui a compiere il passo successivo.o pr~nunciato al capezzale della madrina carmelitana.abbiamo trovato un complice».. a stregarlo e a consolarlo. sia orrnai irremovibile. il membro di Mari~.. l'uomo si volto: i suoi occhi andarono dall'uno all'altro dei passeggeri..su. Se cambia idea. Ciononostante gh disse. avrebbe piacere che nOI du~. . Montherlant. cito Emmanuelle. grazie aile sue premure. gli chieder~ In tutta se~phc~ta: Una v~lta be~to il te.?rdo. e dopa essersi seduta accanto a lui suI suo migliore sofa di seta bianca.!to mal tradito mio marito. e quando l'avra pudicamente deposta su un pour. Mia cara.. E proprio da questo che lei valutera quale mossa ulteriore sia pill appropriata: se e talmente sconvolto che risponde: otto. . «Courteline aveva detto prima di lui». aumentavano ilsuo piacere. Mario sorrise bonariamente. Comincio ad accarezzare dolcemente Mario. come terza esperienza. Se il suo invitato risulta paralizzato dalla sorpresa. «Questo sam-lo non sa che spettacolo si perde».. «Adoro la sua mario. senza cercare di attenuare il sarcasmo: «SIgnor professore. Un'altra volta. in bocca 0 in vagina. Infine. osservo Mana. Sulletto di morte sara la sua irnmagine a venire. ossetvava.. . non si togliera soltanto la blusa. e che lei. «Se lei e I'amante ufficiale di un signore e si toglie i vestiti davanti a lui. constato Bmmanuelle. un giomo molto giustamente: «La malizia non e affatto volgare. dov'e I'erotismo? Ma se l'ambasciatore. putacaso. Quando. e stata violentata da due negri annati di coltellacci.. Se. .l?~to che rm ha lDgJ. si masturbi davanti ai suoi occhi. lei non si 184 . ho promesso di essere fed~le . poi si illuminarono e sorrisero. dov'e l'imprevisto? E quindi. Ie avesse presentato un diplomatico di passaggio a cui far visitare iI Tempio del Budda Disteso.. Se non accenna ancora a muoversi. per metterlo a suo agio. E. non cambi stile. dato che e bello. cioe neI vasa delle orchidee. ossia precipitarsi su di lei e comportarsi come il fauno che lei ha scatenato in lui: sara a suo vantaggio. Esiste una sorta di massonena IntemaZlona: le della bellezza. quando. invece. si sara tolta Ie mutandine e Ie avra riposte in un luogo sicuro. «In che senso?».nto. poco molleggiato sul lastricato. . opti per due zollette e gli si avvicini di piu. a meno che non si riferisse all' assenza del tel Tuttavia non ~ra . 0 quattordici. spogliera. 1eccesso di pudore che ~ volgare"». . rna si mettera completamente nuda.al massimo della pena. persino senza essere stata invitata a farlo. Subito. questo gesto spontaneo lascerebbe nella sua memoria un'impronta indelebile. se ~en ~c. senza smettere per un attimo di fare la signora di mondo e senza manifestare la minima ernozione. versargli cerimoniosamente una tazza di te senza omettere di chiedergli se 10 prende di solito con una 0 due zollette di zucchero. trattenendo la gonna con la mana sinistra.lasci pure fare a lui quanto necessario.ne in ven~ ne in grado di discutere: la carezza che stava dando Infia~mava 1 suoi stessi sensi: persino i sobbalzi del triciclo. Un certo numero di cose sono pennesse soltanto ai belli. + .facesslmo lam~:e?~lo m~to non sara di ritorno che fra un'oretta . Nessuna giuria prestera fede alle asserziom msensate che addurra in sua difesa: la verital». «Non c e mente di " . . dopa averlo invitato a prendere il te nel suo salottino per riprendersi dalle fatiche di quel giro in citta. e eli quanta Ie sia piaciuto. si togliesse in tutta semplicita il reggiseno. tanto vale non commciere propno oggi · Quell'imbecille non si dara pace di aver lasciato scappare la p~rla rara che lei e. . gli racconti.~i1. ne avra scavalcato il cerchio con Ie sue lunghe gambe da ballerina. 0 un metro. per ultima. la denuncero al primo poliziotto che passa». Dopo questo primo passo. e lei chiamera la polizia e 10 fara condan_na~e. ca importanza. . ammesso che Ie Indossiate. Si dilunghi nella descrizione dei sessi dei suoi aguzzini e delle liberta che si sono presi con il suo corpo. si siedera di nuovo alIa sinistra del viaggiatore e si appoggera leggermente ai cuscini del sofa con un soniso cordiale. Ie viene aperta tutta una gamma di possibilita. . non cerchi di sembrare pin sciocca di quanto non sial Sa perfetta~ent~ che le nostre relazioni non hanno mente ache vedere con la situaztone che Ie sto descrivendo». A partire da questa momento.

«Che pazzol».tutta la notte. rna non ritenne ne . _ b Lui non rispose subito. «D sam-lo non e sufficlente. Fu lei a lanciarsi per prima all'inseguimento del fuggiasco.. senza manifestare alcuna emozione. col cuore in gola. · «Ma tu guarda!».. neI quale si stringevano due marinai a~encanl. «Assolutamente no». sembrava piu interessato ai contorni di Emmanuelle che al suo bene perdu to. Mario aprl il cancello. sotto la lu- n . Era pronta a trascorrere 13. Lei. mia arnica! Non ne posso piu.. cessario rimettersi il pullover. Lo trovo davanti al terrazzo di tronchi d'albero. aspettava apparentemente di essere pagato. effetti retorici. Prima che avesse fatto in tempo a rimettersi in posizione. «No? e piu ~estjmone. rna non fu che breve Interludlo. Ed ecco qua! Lunica cosa che t . Era piu lusingata di quanta non volesse ammettere. a dire il vero. scritto da un suo compatriota del XVI secolo. Il sam-lo era sceso e. ho trovato il mio eroel». ~.. e giudice e parte in causa». 187 • • . piegandosi in avanti. Davette per fo~za lascl~re andare un attimo il sesso eretto... . n sam-lo Ii raggiunse. 186 ~ Fino a quando non ti dica: Non ne posso piu. Non le sembra degno dei miei favori?». Mario la prendesse tra Ie sue braccia. Mario gli parlo: un vero e proprio discorso. Un a1tro sam-lo. disse Mario. Gli a1tri gesticolarono disperatamente.. e il mclcl~ sba~do. ~ . Ouesti. chiese Emmanuelle. Litaliano balzo cosl improvvisamente in sella che l'uomo non fece nemmeno in tempo ad accennare un movimento: il suo veicolo era gia nel giardino. LeI non nspose.he non accarezzava Mario.. Con la mario c. «In mano in bocca 0 In vagina?». continuando entrambi a fare pressione sui peb d l con un ntmo regolare. si trovarono davanti a1 cancello del giardino di Mario. '«~ove p:eferisce godere?». annuncio. guardando nello stesso tempo in direzione di Emmanuelle. «Affare fatto. con intonazioni. · «Si vergogna dei suoi seni?». La curtoslta l~ feee interrompere il compito. I suoi seni avevano un profilo rneraviglioso. ~ ~acchina pen} ripartl. «La morale della storia e che si va a cercare molto lontano cia che potremmo trovare a due passil». «Ma sl. 10 sgrido teneramente la ragazza. Il desiderio di Mario fu esaudito.. giornata dell'ovile. tiro ilpullover fuori della gonna e cerc~ di farIo passare sopra la testa. Lo senti recttare: J I' . tesoro! Smetti allora di succhiare "" Perch'io possa sospirare Poi riprendi il tUD lavoro. un «Ora mi piacerebbe ~~e facessimo qualche incontro». Questa volta Emmanuelle si senti quasi suI punto di piangere.e chiese: «E I «E un ~stratto di La prima na. Si era aspettata. disse Mario. pili 0 meno consapevolmente.. come una decisione lunga .. cercando di far fennare i due mezzi mai i loro guidatori nal°~attero~o ciglio. ragazzo prendeva la facezia del suo cliente dallato positivo.. .. Mano 10~hlaJ?o eli nuovo e il siamese si volta sulla sella. Emmanuelle credette che I'auto si sarebbe fermata e si senti manc~re. Gli avrebbe lasciato fare tutto quello che voleva. . 10 pr~se fra Ie labra e se l~ fece entrare profondamente in bocca. Per il momento. Era troppo tardi perche potesse essere di l e etto del Chianti. peroro EmmanuelIe. «Cosa? Vuol dire che . «~agari ~ualche arnico suo?». esultante. scoppio a ridere lei. .. . 'mente meditata. 11volto del siamese non esprimeva nulla che rafforzasse un'ipotesi piuttosto che un'altra. AlI'improvviso · rispose. Emmanuelle seese a sua volta. allegro e senza fretta. e non si sognava neanche pill di tomare a casa.. sua questa poesra galante?». siderato.. Mario ed Emmanuelle finsero di non averli ne visti ne sentiti. «Amo anche i suoi seni». II siamese ed Emmanuelle restarono faccia a faccia.. se 10 avesse de... Sernbro p~ofondamente Impressionato dalla nudita della passeggera. Un' auto li sorpasso.o be?e. Non era stato Possibile distinguere 1volti del suoi occupanti. Era in piedi e teneva il triciclo per il manubrio. sfuggendo dalle mani della sua compagna. Preferiva pensare soItanto ad accru:ezzarl. Bmmanuelle si chiedeva che cosa stesse dicendo. Mario l'aiuto. st~va venendo verso di Ioro: quei due gridarono come ~avonl quando 51 accorsero dello spettacolo. I tre risero fragorosamente. La gentilezza di Mario durante tutto il tragitto Ie aveva fatto dimenticare tutti i suoi rimproveri precedenti. Seoppiarono contemporaneamente in una fragorosa risata. ». « Sa no fortunatal»... salto gilt dal tricicIo e si riassetto. protesto Mario. essere 1a meno: «"IIvero pudore con~iste nel nascondere cio che non e bello ». Remy Belleau». «Oh! no». si rialzo. come testimone?». suggerl crudelmente Mario. che faceva dondolare col braccio insieme alIa borsa. freno di colpo. II ragazzo annul. . pause. suo malgrado. una volta in casa. . Emmanuelle aveva la sen~azffilone esse!e u~ po' brilla. che. Mario riprese la sua orazione.

cidita e in piena conoscenza di causa.orbidezza I'incantava. sarebbe stata adultera quanto 10 era lei in quel momento. ·' Mario alzo 10 sguardo verso il cielo. Ne aveva abbastanza delle idee di M~o.. Punto i talloni nella lana folta del tappeto e circondo c. e impaziente. Nessuna donna. come se volesse proteggerla. "appartenere per il solo piacere di rinnegarle subito! 10 non voglio prenderla rna cederla. Ma che importanza aveva? In un certo senso.?n le ~ra~cia le reni dell'uomo che comincio ad entrare con precauzlone In lei. appoggiata sui grossi cuscini la cui m. sara rrua piu dl quanto nessun essere sia mai appartenuto ad un altro». M~o port. disse. rna era come se stesse parlando can se stessa: «Solo di notte si possono scoprire stelle nuove». Lei si lasciava fare senz. ~ Lei rispose. Era pronta. «Me~ta piperita "on the rocks"». promette di conceders! interamente a un numero illimitato di uomini. Questo so~no. Dopo che avremo 4 n~ . Lei non appartiene che al suo stesso sogno. nei quali scintillavano dei cristalli rmmersi In un liquore verde. a qualsiasi regola.a smettere d~ tenere il muso. la trascino. che un uomo fortunato rna onesto non si sogna di conser~are per se solo.. · .lull SUOI occhi annebbiati dalle lacrime: non riusciva a vederlo chiararnente.lo e io 10 sogneremo insieme a lei. Lei aveva .aveva i~ te~t. .ri~ominci a tormentarsi prima del tempo». Per Emmanuelle. nel vero sensa della parola. · Aspetto per giudicare l'effetto prodotto. "possedere". disse.talme~te sete che vuoto il bicchiere in un sorso solo. come per asslcurarsl che avesse assimilato la lezione. Ancora una volta mi ringraziera. 189 In italiano nel testa (ndt) • 188 • . IIsam-l~ stava nel. La prodighero.. tra~endo.lo. dato che era la prima volta che dava il suo pieno conse~so. 10 faro" · Le chiese di concedersi solo al sam-lo. Fu a~ o~nl mo~o felice di ritrovare il salotto dane zone di luce e d ombra.«Il primo di una lunga serie?». · Che meraviglia abbandonarsi cosl completamente al desideriol La donna che si unisce ad un solo uomo non pub sapere che passo compie quella che.ce~tro ?el salotto. sono venuto a h~are Ie sba:re di una gabbia in cui viviamo recIusi da interi millenm.. con dieci uomini.' «Forse una di loro. un po' a disagio. quella notte era luminosa piu che rnai. disse allegramente Mario.. OSSla 10 attraversero per arrivare a lei. in una volta sola. interrompendo come al solito i cupi pensieri di Emmanuelle._. insiste Mario. ~on sto davanti a lei per rinchiuderla. visibile attraverso I'ondeggiare delle canne. \. io debba accoppianni. Non sem~rava che VI stessero passando ancora molte barche. Entri svelta». Mis~ la mano davanti a lei. lei non mi apparterra piu di quanto non appartenga a qualsiasi uomo sulla terra.~ dei bicchieri enormi. Lei decise: «Andiamo insieme alia sua ricerca!». Per me lei non e. tenendola per la vita. '· «II suo primo arnante!». I tre . Lei si tolse la gonna e resto • sui divano. di tradirlo con tutti quelh che d ora In poi Iavrebbero desiderata? ~ «Non si riftutera mai piu?». a qualsiasi famiglia. non era convinta. voleva e~'sere adult era. Di nuevo. Lo SpaZI? di una notte. parole: "prendere" . ' Apri la porta. «Cara!4 Non. spiego: « Ma u1e1 s~ che us. la scialacquero come un tesoro appena scoperto. II dlv~no d! pelle rossa e l'odore speziato del khlong.? queste. di portarsi a letto un ragazzo! Emmanuelle rivolse verso dl. «La prendero attrav~rso questa bel pastorello. Mario aveva ragione: SI s~nt~ di nuovo tutta ringalIuzzita..sara la nostra vita eterna». disse Emmanuelle. ~uale altr~ avrebbe potuto compiere il miraco. «Ecco di che rincuorare la rrna amata!». Accetta con evidente imba~zzo II bicchiere che gli porgeva Mario. la piu distante. per . poso Ie labbra suI suo sene sinistro (Ora la prendero». Attraverso..bewero in silenzio. ho un'idea mirabolante. La sua voce sembrava gia provenire dallargo. ~~ma~uelle era troppo sconcertata per poter esprimere un qualsiaisr sentimento. con premedltazlone. si Infervore Mario. «51». . aspetta che qualcuno Ie dia il suo nome» . ilsam-. Pensava: USe mai ci venisse l'idea che . un 50gno che lei ha scelto di non sognare da ~ol~. ~he in tutta Iu. come in quel mare infinito che la invitava a esplorare. «Ora 10 avra». Si sedette bruscamente accanto a Iei. annuncio. Scosse la testa per dire di no. Che nottata! . La sua amata? Emmanuelle accenno un soniso amaro. La possiedero come no~ ~ l1_l~i ~tata posseduta e come mai ho posseduto una donna. ne sara mai un mio possesso. ~ltempo di un abbraccio vivremo in tre la vita che abblamo creato nOI stessi: la sara il nostro amore: 13.. : . '4. Inoltre. a qualsiasi setta.a era. stanotte. mal. '' I suoi occhi si tuffavano in quelli di Emmanuelle. . . Iabbraccio. la piu sconosciuta. fatto l'arnore.Ia p~~a volta II prol?no marito. la bacia sulle labbra. Era COSl tardi .0 cost presto! Senti all'improvviso che Ie stava venendo sonno. l'amplesso plurimo che l'aspettava sarebbe propno stato quello che l'avrebbe unita al suo prime amante. chiese lui. Ma era davvero poi cosl bello? Ricordava di aver pensato che aveva proprio una faccia da boxer. Senti una punta -di vergogna per non avergli confessato Ie sue avventure sull'aereo. «Vedra.

. ossia l'amore di Bee Lalegge n Sam-Lo .. Presentazione Liocorno volante II verde paradiso Dei seni... Il duro pene del siamese usc} da lei per tre quarti.t (f If II 53 77 113 161 . in fondo al corpo di Emrnanuelle. . Emmanuelle grido pill. come per lanciargli un segnale. da lontano. Le mani del siamese comprimevano i seni di Emmanuelle e lei singhiozzava dal piacere. Erano riusciti a formare un'unita profonda. il sam . Mario. page . disse Mario. vi risposero con un concerto inter mi . . Le sue mani gli afferrarono i fianchi ed Emmanuelle Ie senti toccare Ie sue. Lo sentl emettere dei gemiti eli piacere. · Mario sentiva che le forze del sam-fa erano inesauribili. «Ora sono dentro di lei». il suo corpo era in preda alle convulsioni. Un'annonia interiore sembrava regolare i movimenti del trio come gli ingranaggi di un orologio. forte di quanta avesse gridato prima.. Esistevano in un altro mondo. mentre lui stesso veniva lo meno sotto la potenza di un altro fiotto. Lei non si chiese nemmeno se Mario l'autorizzasse a godere: urlo immediatamente.. • j_ I. Ma loro non ci badavano. felice di quanto potesse sopportarlo e supplicando che la si lacerasse .. senza che nessuno potesse stabilire a chi si rivolgesse quel grido: «10 arnot Amo! Amo!».. La sua voce rimbalzava sull'acqua nera. erano quasi delle grida. inarcando Ie reni in rno ... disse Emmanuelle. «La trafiggo con una spada due volte piu acuminata di quella della maggior parte della gente.. ricomincio accelerando il ritmo.• • L '11 . • 190 191 . Indice . senza fessure. si alzo ed ando a mettersi dietro al sam . sulla pelle satinata. . che fino ad allora era . e dei cani. I due uomini eiacularono simultaneamente. Sono felice».. Il loro richiamo confuso lacerava Ia notte. tomb inesorabilmente dentro. .. piu perfetta di quanta non potrebbe formarIa una coppia.. rna lui non ne poteva pitt. sentendo che ilsapore arnaro del seme che la inondava Ie saliva alla gola. nabile di guaiti. ansimando che era pill.. «St.3 4f 9 " 28 .rimasto accanto ad Emmanuelle. delle dee e delle rose Cavatina. La sente?».di non risparrniarla e di godere dentro di lei. do che penetrasse piu profondamente dentro di lei. tenendola abbracciata. Affondo Ie unghie nelle cami del suo partner.10. In certi rnornenti. I due uomini univano i loro gemiti ai suoi.. oil -II" . I Quando ci fu completamente riuscito.

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful