P. 1
Ekecheria n.3

Ekecheria n.3

|Views: 397|Likes:
Published by giorgio_lodetti5976
Ekecheiria organo d’informazione dell’Associazione Culturale Librerie Storiche e Antiquarie d’Italia a diffusione gratuita.

L'Associazione Culturale Librerie Storiche e Antiquarie d'Italia è stata fondata a Milano il 19 marzo 2004, in Galleria Vittorio Emanuele II, leggendario edificio costruito nel 1867, su progetto di Giuseppe Mengoni, ultimato dieci anni dopo, con l'innalzamento dell'arco sulla piazza del Duomo, primo esempio in Europa di Centro Commerciale. Scopo dell'associazione è individuare le librerie con almeno 50 anni di vita che abbiano valore storico, artistico, ambientale o che costituiscano testimonianza storica, culturale e tradizionale, tutelarle e promuoverne la salvaguardia e la valorizzazione perchè rappresentano un patrimonio della collettività.
Ekecheiria organo d’informazione dell’Associazione Culturale Librerie Storiche e Antiquarie d’Italia a diffusione gratuita.

L'Associazione Culturale Librerie Storiche e Antiquarie d'Italia è stata fondata a Milano il 19 marzo 2004, in Galleria Vittorio Emanuele II, leggendario edificio costruito nel 1867, su progetto di Giuseppe Mengoni, ultimato dieci anni dopo, con l'innalzamento dell'arco sulla piazza del Duomo, primo esempio in Europa di Centro Commerciale. Scopo dell'associazione è individuare le librerie con almeno 50 anni di vita che abbiano valore storico, artistico, ambientale o che costituiscano testimonianza storica, culturale e tradizionale, tutelarle e promuoverne la salvaguardia e la valorizzazione perchè rappresentano un patrimonio della collettività.

More info:

Published by: giorgio_lodetti5976 on May 21, 2012
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

10/28/2012

pdf

text

original

ekexeiria 1

Ekecheiria organo d’informazione dell’Associazione Culturale Librerie Storiche e Antiquarie d’Italia a diffusione gratuita - Registrazione Tribunale di Milano n. 9098
del 31/03/2008. Direttore: Emanuele Lazzati - Assistente: Drina Xhoga - Progetto grafico: Donatella Bertoletti - Sede: Galleria Vittorio Emanuele II, 12 - 20121 Milano
A T I U T A R G A I P O C 1 7 8 9 5 8 6 9 3 3 . l l e c - e h c i r o t s e i r e r b i l i t s i u q c a o r t n e c S L A C - 6 4 5 6 8 8 2 5 4 3 . l l e c t i . i l a c s i t @ a i r i e h c e k e . a n i r d : l i a m . e
Associazione Culturale
Librerie Storiche e antiquarie d’Italia
FONDATA a milano NEL 2004
E k ec h ei r i a Anno V - Numer o 3 - 2012

˛
´
P E RI ODI C O DI I NF ORMAZ I ONE DE L L’ ASSOC I AZ I ONE
Lorenzo Perrone, Li bri , 2012, tecnica mista, resine e libri
IMPAGINATO 2009 OK 10-04-2012 10:42 Pagina 3
E k e c h e i r i a o r g a n o d ’ i n f o r m a z i o n e d e l l ’ A s s o c i a z i o n e C u l t u r a l e L i b r e r i e S t o r i c h e e A n t i q u a r i e d ’ I t a l i a a d i f f u s i o n e g r a t u i t a - R e g i s t r a z i o n e T r i b u n a l e d i M i l a n o n . 9 0 9 8
d e l 3 1 / 0 3 / 2 0 0 8 . D i r e t t o r e : E m a n u e l e L a z z a t i - A s s i s t e n t e : D r i n a X h o g a - P r o g e t t o g r a f i c o : D o n a t e l l a B e r t o l e t t i - S e d e : G a l l e r i a V i t t o r i o E m a n u e l e I I , 1 2 - 2 0 1 2 1 M i l a n o
e . m a i l : d r i n a . e k e c h e i r i a @ t i s c a l i . i t c e l l . 3 4 5 2 8 8 6 5 4 6 - C A L S c e n t r o a c q u i s t i l i b r e r i e s t o r i c h e - c e l l . 3 3 9 6 8 5 9 8 7 1 C O P I A G R A T U I T A
A s s o c i a z i o n e C u l t u r a l e
L i b r e r i e S t o r i c h e e a n t i q u a r i e d ’ I t a l i a
F O N D A T A a m i l a n o N E L 2 0 0 4
E k e c h e i r i a A n n o V - N u m e r o 3 - 2 0 1 2

˛
´
P E R I O D I C O D I I N F O R M A Z I O N E D E L L ’ A S S O C I A Z I O N E
L o r e n z o P e r r o n e , L i b r i , 2 0 1 2 , t e c n i c h e m i s t e , r e s i n e e l i b r i
I M P A G I N A T O 2 0 0 9 O K 1 0 - 0 4 - 2 0 1 2 1 0 : 4 2 P a g i n a 3
5079512_EdizN3_2012_OK.indd 1 21/05/12 13:56
ekexeiria 2
Libreria Antiquaria Garisenda Libri e Stampe,
Bologna dal 1959
Strada Maggiore, 14/A e B - 40125 Bologna
Maria Fiammenghi
tel. 051.231893
e.mail: info@garisenda.it - www.garisenda.it
Libreria Antiquaria Gonnelli, Firenze dal 1875
Via Ricasoli, 6 - 14/r - 50122 Firenze
Marco Manetti
tel. 055.216835 - fax 055.2396812
e.mail: info@gonnelli.it - www.libreria-gonnelli.it
Libreria Antiquaria Gozzini, Firenze dal 1850
Via Ricasoli, 49/103r - 50122 Firenze
Francesco Chellini
tel. 055.212433 - fax 055.211105
e.mail: info@gozzini.it - www.gozzini.it
Libreria Antiquaria Malavasi, Milano dal 1940
Largo Schuster, 1 - 20122 Milano
Maurizio Malavasi
tel. 02.804607 - fax 02.864002
e.mail: malavasi@libreriamalavasi.com
www.libreriamalavasi.com
Libreria Antiquaria Mediolanum, Milano dal 1928
Via del Carmine, 1 - 20121 Milano
Luca Pozzi
tel. 02.86462616 - fax 02.45474333
e.mail: mediolanum@libreriamediolanum.com
www.libreriamediolanum.com
Libreria Antiquaria Prandi, Reggio Emilia dal 1926
Viale Timavo, 75 - 42100 Reggio Emilia
Paolo Prandi
tel. 0522.434973 - e.mail: libreria@prandi.info
www.libreriaprandi.it
Libreria Antiquaria Pregliasco,Torino dal 1912
Via Accademia Albertina, 3/bis - 10123 Torino
Umberto Pregliasco
tel. 011.8177114 - e.mail: preglias@fleita.it
www.preliber.com
Libreria Antiquaria Rappaport, Roma dal 1906
Via Sistina, 23 - 00187 Roma
Bernardo e Marlis Seacomb
tel. 06.483826 - fax 06.4818079
e.mail: info@rappaport.it - www.rappaport.it
Libreria Antiquaria Regina, Napoli dal 1880
Via S. Maria di Costantinopoli, 51/103 - 80138 Napoli
Luigi Regina
tel./fax 081.459983 - 081.290925
e.mail: info@libreriaregina.it - www.libreriaregina.it
Libreria Antiquaria Vallerini, Pisa dal 1909
Via dei Mille, 7/a - 13 - 56126 Pisa
Andrea Vallerini
tel. 050.555450 - fax 050.562752
e.mail: andrea@vallerini.it - www.vallerini.it
Libreria Alterocca,Terni dal 1890
Corso Tacito, 27-29 - 05100 Terni
Giovanna Durastanti
tel. 0744.409201
Libreria Ambrosiana, Milano dal 1882
Via San Clemente, 1 - 20122 Milano
Orazio Perenzin
tel. 02.86462158
Libreria Arnoldi, Bergamo dal 1913
Piazza Giacomo Matteotti, 12 - 24122 Bergamo
Pier Paolo Arnoldi
tel. 035.243462 - fax 035.235423
e.mail: info@arnoldilibreria.it - www.arnoldilibreria.it
Libreria Balletta, Santa Maria a Vico dal 1918
Via Appia, 366 - 81028 Santa Maria a Vico (CE)
Enrico Balletta
tel. 0823.808572
e.mail: balletta@altervista.org
www.balletta.altervista.org
Libreria Belforte, Livorno dal 1805
Via Grande, 91 - 57123 Livorno
Pasquale Di Paolo, Guido Guastalla
tel. 0586.887379 - e.mail info@libreriabelforte.com
www.libreriabelforte.it
Libreria Bocca, Milano dal 1775
Galleria Vittorio Emanuele II, 12 - 20121 Milano
Gabriele, Giorgio e Monica Lodetti
tel. 02.86462321 - 02.860806 - fax 02.876572
e.mail: libreriabocca@libreriabocca.com
www.libreriabocca.com
Libreria Bozzi, Genova dal 1810
Via Cairoli, 2/a r - 16124 Genova
Tonino Bozzi
tel. 010.2461718 - fax 010.2461652
e.mail: info@libreriabozzi.it - www.libreriabozzi.it
Libreria Carù, Gallarate dal 1942
Piazza Garibaldi, 6 - 21013 Gallarate (VA)
Anna Carù
tel. 0331.792508 - 0331.776122 - fax 0331.791071
e.mail: libri@caru.com - www.caru.com
Libreria Casa del Libro, Siracusa dal 1930
Via Maestranza, 20/22 - 96100 Siracusa
Lorenzo Mascali
tel. 0931.65186 - e.mail: lorenzo.mascali@tin.it
Libreria Casa del Libro,Taranto dal 1936
Via D’Aquino, 142 - 74100 Taranto
Nicola Mandese
tel. 099.4520504
e.mail: libronic@libero.it - storicamandese@tele2.it
Libreria Cattaneo, Lecco dal 1930
Via Roma, 52 - 23900 Lecco
Tina Cattaneo
tel. 0341.286323 - fax 0341.285189
e.mail: libreria@cattaneolecco.it
Libreria Cattolica, Ascoli Piceno dal 1950
Piazza Arrigo, 21 - 63100 Ascoli Piceno
Francesco Armandi
tel. 0736.259679 - fax 0736.259625
e.mail: libreria.cattolica@tin.it
www.libreriacattolica.com
Libreria Cavallotto, Catania dal 1954
Corso Sicilia, 91 - 95131 Catania
Anna Cavallotto, Adalgisa D’Ambra
tel. 095.310414 - 095.320431
e.mail: ingo@cavallotto.it - www.cavallotto.it
Libreria Cesaretti, Roma dal 1888
Via Piè di Marmo, 27 - 00186 Roma
Saverio Lefevre
tel. 06.6786264
Libreria Ciofalo, Messina dal 1939
Piazza Municipio, 35 - 98122 Messina
Nino Crapanzano
tel. 090.675311 - www.ciofalo.it
Libreria Dante Alighieri,Torino dal 1911
Piazza Carlo Felice, 19 - 10123 Torino
Mimmo Fògola
tel. 011.535897 - e.mail: info@fogola.com
www.fogola.com
Libreria Docet, Bologna dal 1952
Via Galliera, 34/a - 40121 Bologna
Loris Rabiti
tel. 051.255085
e.mail: libreriadocet@tin.it
Libreria Fissore, Alessandria dal 1951
Piazza della Libertà, 26 - 15100 Alessandria
Francesca Orzalesi
tel. 0131.252768
e.mail: libreria96@libreriafssore.191.it
Libreria Galla,Vicenza dal 1880
Corso Palladio, 11 - 36100 Vicenza
Alberto Galla
tel. 0444.225200 - 0444.225252 - fax 0444.225210
e.mail: info@galla1880.com - www.galla1880.com
Libreria Goggia, Asti dal 1850
Corso Alferi, 299 - 14100 Asti
Luigi Doano
tel./fax 0141.592804
e.mail: libreria.goggia@fastwebnet.it
www.libreriagoggia.it
Libreria Guida, Napoli dal 1920
Via Port’Alba, 20/23 - 80134 Napoli
Mario Guida
tel. 081.446377 - fax 081.451883
e.mail: libri@guida.it - www.guida.it
Libreria La Toletta,Venezia dal 1933
dorsoduro, 1213 - 30123 Venezia
Giovanni Pelizzato
tel. 041.5232034 - fax 041.2415371
e.mail: toletta@libreriatoletta.it
www.libreriatoletta.it
Libreria Lapaglia, Catania dal 1906
Via Etnea, 391/3/5 - 95125 Catania
Enrico e Stefano Morgano
tel. 095.446640
e.mail: librerialapaglia@librerialapaglia.com
www.librerialapaglia.com
Libreria Laterza, Bari dal 1896
Via Sparano da Bari, 136 - 70121 Bari
Giovanna Gennari Laterza, Alessandro e Maria Laterza
tel. 080.5211780 - fax 080.5243767
e.mail: alaterza@laterza.it
www.laterza.it
Libreria Nanni Arnaldo, Bologna dal 1825
Via de’ Musei, 8 - 40124 Bologna
Nerio Nanni
tel. 051.221841 - fax 051.279198
e.mail: libreria66@libreriananni.it
www.libreriananni.it
Libreria Paolino, Ragusa dal 1953
Corso Vittorio Veneto, 144 - 97100 Ragusa
Salvatore Paolino
tel. 0932.626260
Libreria Paravia,Torino dal 1802
Via Garibaldi, 23 - 10122 Torino
Giuseppe Calarco
tel. 011.540608 - fax 011.5184475
e.mail: libreria.paravia@tenet.it
www.libreria-paravia.it
Libreria Prampolini, Catania dal 1894
Via Vittorio Emanuele, 333 - 95124 Catania
Luigi Calabrese
tel. /fax 095.321099
e.mail: prampolinilibreria@tiscali.it
www.prampolinilibreria.it
Libreria Princivalli, Lido di Jesolo dal 1954
Via Bafle, 254 - 30016 Lido di Jesolo (VE)
Alessandra Princivalli
tel. 0421.93736
Libreria Resola, Brescia dal 1948
Corso Garibaldi, 39/b - 25122 Brescia
Gianfranco Resola
tel. 030.42476 - fax 030.3756090
e.mail: libreria.resola@tin.it
Libreria Riminese, Rimini dal 1931
Piazzetta Gregorio da Rimini, 13 - 47900 Rimini
Mirco Pecci
tel. 0541.26417 - fax 0541.26246
e.mail libreria.riminese@libero.it
Libreria Umberto Saba,Trieste dal 1919
Via San Nicolò, 30 - 34100 Trieste
Mario Cerne
tel./fax 040.631741
e.mail mario.cerne@iol.it
Libreria Serra Tarantola, Brescia dal 1908
Corso Zanardelli, 52 - 25121 Brescia
Marco Serra Tarantola, Silvana Tarantola Serra
tel. 030.49300 - fax 030.3772569
e.mail: info@tarantola.it - www.tarantola.it
Libreria Tarantola, Sesto San Giovanni dal 1859
Piazza Martiri di via Fani, 15
20099 Sesto S. Giovanni (MI)
Giorgio Tarantola
tel. 02.2621696
Libreria Tombolini, Roma dal 1885
Via 4 Novembre, 146 - 00187 Roma
Daniele Brisigotti,Vincenzo Orieti, Carla Tombolini
tel. 06.6795719 - 06.6785925 - fax 06.69941790
e.mail: libreria.tombolini@iol.it - www.tombolini.net
LIBRERIE stoRIchE d’ItaLIa
segreteria Libreria Bocca cell. 339 68 59 871 – drina.ekecheiria@tiscali.it
5079512_EdizN3_2012_OK.indd 2 21/05/12 13:56
ekexeiria 3
Organigramma Associazione
Sede: Galleria V. Emanuele II, 12
20121 Milano
Presidente
Giacomo Lodetti - Lib. Bocca 1775 - MI
Segretario Generale
Vincenzo Orieti - Lib. Tombolini - RM
Consiglieri
Luigi Calabrese - Lib. Prampolini - CT
Mario Cerne - Lib. Umberto Saba -TS
Mario Guida - Lib. Guida - NA
Giacomo Lodetti - Lib. Bocca 1775 - MI
Maurizio Malavasi - Lib. Malavasi - MI
Vincenzo Orieti - Lib.Tombolini - RM
Commissione soci
Presidenti
Anna D’Ambra Cavallotto
- Lib. Cavallotto - CT
Alessandra Princivalli
- Lib. Princivalli - Lido di Jesolo
Nicola Mandese
- Lib. Casa del Libro - TA
Commissione rapporti
Ferdinando Larizza
- Lib. Larizza - Solaro MI
Consulente Legale
Avvocato Pietro Santoro
Direttore di Ekecheiria
Emanuele Lazzati
Segreteria
Drina Xhoga
Librerie che, pur non facendo
parte dell’Associazione Librerie
Storiche ed Antiquarie d’Italia,
aderiscono al programma di
tutela e promozione delle
librerie indipendenti:
Libreria Giuridica
Sede storica, Via Sant’Agostino 8 – 10122 Torino
Filiale, C.so Francia 64 – 10143 Torino
Tel. 011.4367076 – 7495165
Titolari: Maurizio Travaglia e moglie Mensio,
soci LibraiLiberi
Email info@libreriagiuridicato.it
Libreria dell’usato
Via Carlo Alberto, 53/a – 10121 Torino
Tel. 011.19504453
Titolare: Sonia Mereu, socia LibraiLiberi
Email illibraio.torino@gmail.com
Libreria OOLP
Via Principe Amedeo, 20 – 10123 Torino
Tel. 011.8122782
Titolare: Giovanna Sartori, socia LibraiLiberi
Email libreriaoolp@iol.it
Libreria Postumia
Via Emilia Pavese, 105 – 29121 Piacenza
Tel. 339.3360365
Titolari: Claudia e Romano Gobbi,
Presidente LibraiLiberi
Email postumia@libreriaromagnosi.com
Libreria Larizza
Via Como, 9 – 20020 Solaro Mi
Tel. 0296798132 - 3403445567
Titolare: Larizza Ferdinando,
Vice Presidente LibraiLiberi
Email info@librerialarizza.it
s oMMaRI o
4 Libreria Tarantola di Brescia
5 Tintoretto alle Scuderie del Quirinale di Melania G. Mazzucco
Vollard il leggendario mercante degli impressionisti di Margherita Alverà
6 Intervista a Gabriele Mazzotta di Silvia Venuti
9 Renato Vernizzi di Maurizio Dodi
10 I Giardini di Roma di Umberto Pregliasco
Biblia Latina di Umberto Pregliasco
L’Admiral di Umberto Pregliasco
11 Isolario di Umberto Pregliasco
Federico II di Svevia, De Arte Venandi cun avibus di Umberto Pregliasco
12 Il Crocifsso d’oro del Museo Poldi Pezzoli di Andrea Bondanini
13 Sanflippo Editore
Il Tesoro dell’Isola, capolavori siciliani in argento e corallo di Salvatore Rizzo
Nobiles Offcine, perle, fligrane e trame di seta di Maria Andaloro
14 Giuseppe Maimone Editore
15 Cavallotto Edizioni, i grandi libri siciliani di Anna Cavallotto
16 Sicilia da leggere di Emanuele Romeo
17 20 anni di libri di Charta di Giuseppe Liverani
18 Le Meteore di Romano Cajelli di Giacomo Lodetti
In ricordo di Dino Prandi di Paolo Prandi
19 Via della Palombella di Barbara Silbe
Costantino Nivola, cento anni di creatività di Fiammetta Romei
20 Libreria Prampolini, una realtà storica nel cuore di Catania di Miette Mineo
Vallerini a Pisa di Andrea Vallerini
21 La Luce di Dio di Vallecchi Editore
22 Solo libri d’Arte di Odetta Merigo
23 Michelangelo Merisi detto Caravaggio tra Arte e Scienza di Vincenzo Pacelli
24 Il fuoco tra le dita, il poeta e la danzatrice di Mariacristina Pianta
25 Lavoriamo per il domani - Fahrenheit 451 di Giacomo Lodetti
26 5° Premio Bocca di Giorgio Lodetti
27 La nuova Milano per la Cultura di Franco D’Alfonso
28 Riscopri un capolavoro di Marco Serra Tarantola
29 Tre compositori nordici di Emanuele Lazzati
30 Philippe Daverio: Necessità dei libri ed apologia del caso… di Sergio Mauri
31 Lettera aperta di un libraio al Presidente Monti di Paolo Deganutti
5079512_EdizN3_2012_OK.indd 3 21/05/12 13:56
ekexeiria 4
tel.
Corso Zanardelli, 52 - 25121 Brescia
030 49 300

editore@tarantola.it - www.tarantola.it
Enrica Bortolazzi
laureata al DAMS di Bologna in comunica-
zione e arti visive, vive a Brescia. Profes-
sionista della comunicazione, inizia la sua
attività nel 1988. Suoi i progetti e la rea-
lizzazione di numerose manifestazioni di
interesse pubblico, articolate in eventi di
ludo intrattenimento. Attualmente si oc-
cupa di ristorazione e realizzazione eventi.
Osservatrice e viaggiatrice, ha realizzato
reportage fotograci ritraendo, principal-
mente, le anime incontrate sul suo cammi-
no. Dopo Brescia con le ali e Gente D’Acqua,
Asia Anime Nomadi, facente parte di Cuore
Divino, è il suo terzo progetto editoriale a
favore della raccolta fondi per i Tibetan
Children’s Villages, l’organizzazione che si
occupa della crescita e cura dei bambini ti-
betani profughi in India.
Carla Perotti
laureata in losoa, vive a Torino. Allieva
di Gorge Dharmarama e Jean Klein, conside-
rato un Maestro realizzato del Vedanta, dal
1958 si dedica alla diffusione della cono-
scenza della losoa e della cultura in-
diana fondando l’Associazione Italo-Indiana
a Torino. Giornalista alla Gazzetta del Po-
polo, ha collaborato a pubblicazioni presti-
giose quali, tra le altre, la Rivista Urbani-
stica, la Rivista Pininfarina, 45° Parallelo.
Con De Agostini ha pubblicato “Lettere ad
un ragazzo drogato”, “I giorni del Drago”,
“Amarsi e guarire”, “Il tuo corpo” e “Lun-
go le rive del tempo”; con Rizzoli/Sperling
“Oltre i cinquanta”; con Primalpe “Nel giar-
dino della guarigione” e con Promolibri
“Gli ideogrammi del benessere”, uno studio
sull’antica pittograa cinese e sulle indi-
cazioni di vita che se ne ricavano
E
n
r
i
c
a

B
o
r
t
o
l
a
z
z
i




C
a
r
l
a

P
e
r
o
t
t
i












A
S
I
A


A
N
I
M
E

N
O
M
A
D
I



a
s
i
a

A
N
I
M
E

N
O
M
A
D
I
ENRICA BORTOLAZZI
CARLA PEROTTI
Marco Serra Tarantola Editore
ASIA ANIME NOMADI è un viaggio nei
viaggi. Il reportage fotograco rea-
lizzato da Enrica Bortolazzi è infat-
ti un percorso tra ritratti ed imma-
gini scattate in Giappone, Indonesia,
Cambogia,Laos, Vietnam,Birmania, In-
dia, Mongolia e Mustang in Nepal.
La semplicità dei gesti, degli abiti e
di tutto ciò che circonda l’universo
dei protagonisti riconduce alla vera
essenza del viaggio per eccellenza:
quello che ognuno di noi fa nel pas-
saggio terreno della vita.
Anche noi, come le popolazioni incon-
trate in queste terre lontane, siamo
nomadi sulla Terra. Il uire della
nostra esistenza ci porta in lidi sem-
pre nuovi e diversi. Spesso, però, non
riusciamo a cogliere intorno e den-
tro di noi i mutamenti più importanti:
quelli dello spirito.
Le parole di Carla Perotti, scrittri-
ce, giornalista e studiosa di loso-
a e cultura indiana ci prendono
per mano e ci accompagnano nell’ar-
chitettura della mistica e della con-
sapevolezza per riannodare i li tra
il vissuto e l’interiorità. Le immagini
e le suggestioni del suo racconto
evocano sensazioni profonde nel de-
collo emotivo verso un nuovo modo di
percepire sé stessi e il mondo in cui
viviamo, ormai così lontano dai detta-
mi intimi della Natura.
marcoserratarantolaeditore
I
l

c
o
r
a
g
g
i
o

d
i

i
p
p
o
c
r
a
t
e

























































m
a
r
c
o
s
e
r
r
a
t
a
r
a
n
t
o
la
e
d
it
o
r
e

il coraggio
di ippocrate
Enrica Bortolazzi, laureata al Dams di Bologna,
giornalista e appassionata fotografa si occupa
di eventi e manifestazioni feristiche. Da oltre
un decennio nella ristorazione, gestisce Castello
Malvezzi e Carlo Magno in Brescia. Con Il coraggio
di Ippocrate e i precedenti progetti editoriali – Brescia
con le Ali, Gente d’acqua, Asia anime nomadi e Cuore
Divino – realizza raccolte di fondi per il sostegno dei
bambini in diffcoltà del popolo tibetano.
Giuliana Zaglio, attiva ed entusiasta promotrice
di numerose iniziative a favore dei bisogni dei più
deboli. Da sempre in prima linea, si dedica alla
causa del Tibet e al sostegno dei piccoli profughi
defnendo irrinunciabile l’impegno in progetti a
scopo umanitario.
Lavinia Macchiarini, nata in Versilia, vive e
lavora a Roma dove si occupa di comunicazione.
Tra le altre avventure, per RadioTre ha realizzato i
programmi “Le parabole di Allah”, “Incontrarsi a
Bolzano”, “Cuore di Pietra” e “Storyville, la vita di
Caetano Veloso”.
[…] Nulla è più terapeutico dell’esperienza di amare e di essere amati.
Questo libro intende far conoscere i medici che hanno saputo andare oltre
i limiti della cultura uffciale, che hanno scoperto cammini alternativi e
hanno vissuto in prima persona “il coraggio di Ippocrate”.
Carla Perotti
e35,00
LE STAGIONI
DELLA
TAVOLA
SerraTarantolaeditore
Angela Vecchio
HAPPY HOUR
A CASA MIA...
È bello scrivere perchè riunisce le due gioie:
parlare da solo e parlare a una folla - Cesare Pavese
5079512_EdizN3_2012_OK.indd 4 21/05/12 13:56
ekexeiria 5
Eclettico mercante d’ar te, editore
e scrittore attivo a Parigi dalla fne
dell’Ottocento, è stato promotore
di grandi talenti ar tistici nel periodo
fra postimpressionismo e avanguardie
storiche.
Dotato di uno straordinario futo e di
rare abilità mercantili, facendo visita
alla vedova di Manet, se ne torna a
casa con una intera raccolta di disegni
del Maestro. Amico di Renoir, Degas e
soprattutto di Pissarro è suo consiglio
che rastrella lo studio di Cézanne.
Di quella esperienza scrive: “fu così
che, non appena debuttai nel mestie-
re, mi misi in testa di fare una mostra
di quadri di Cézanne.
Ma per farlo dovevo entrare in con-
tatto con il pittore. Compito tutt’altro
che semplice dato che Cézanne non
dava il suo indirizzo a nessuno. Mi
dissero che forse l’avrei trovato nei
dintorni di Fontainebleau….setacciai
invano gli alberghi più frequentati dagli
artisti, fnchè non mi venne in mente
di dirottare le mie ricerche nei negozi
di colori…. di lì a poco mi vidi recapi-
tare circa 150 opere del pittore, tele
arrotolate che le mie scarse risorse mi
permisero di esporre appese solo a
dei bastoncini da due soldi al metro.”
Scritti in prima persona a mo’ di
aneddoti sul suo esordio nel mestie-
re, i ricordi del leggendario mercan-
te di quadri escono ora in libreria
nell’avvincente traduzione di Ximena
Rodriguez Bradford, pubblicati in una
elegante edizione da Johan & Levi
editore.
Margherita Alverá
A. Vollard
Memorie di un mercante di quadri
Johan&Levi, 2012
G. Cianci, E. Franzini, A. Negri
Il Cézanne degli scrittori, dei poeti
e dei flosof
Bocca Editori, 2001
L. Chimirri
Catalogo completo dei libri illustrati
dell’Editore Ambroise Vollard
Centro Di, 1998
A. Vollard
Paul Cézanne
Galerie Vollard, 1914
VoLLaRd, IL LEggEndaRIo MERcantE degli IMpREssIonIstI
a cura di Vittorio Sgarbi
Commissario generale Giovanni Morello
Tintoretto fu il pittore più chiacchiera-
to del suo tempo. La sua maniera spe-
rimentale di dipingere, la sua prestezza
e prolifcità, il suo carattere aggressivo e
competitivo suscitarono fra i contempo-
ranei reazioni vivaci, la cui eco è giun-
ta fno a noi, grazie alle loro lettere, ai
trattati e alle biografe scritte su di lui.
Pietro Aretino arrivò a rimproverargli la
sua “tristizia e pazzia”. Ma questo mae-
stro “arrischiato” e spericolato, questo
genio ghiribizzoso e anticonformista, “il
più terribile cervello che abbia avuto mai
la pittura”, fu anche un uomo straordina-
riamente reticente. Al forentino Raffa-
ello Borghini che lo interrogò intorno al
1582, in vista della stesura della sua vita
nel Riposo, tacque più di quanto svelò,
e ciò che disse non era forse neppure
vero. Però resta fondamentale, per ca-
pire come lui vedeva se stesso e come
voleva essere ricordato. E cioè come
un pittore dedito unicamente alla sua
professione, che da solo, con lo studio
accanito e la forza della volontà, si era
conquistato la gloria. Quanti lo avevano
conosciuto vollero però ricordarlo an-
che come un uomo libero – capace di
rifutare l’onorifcenza di cavaliere dal re
di Francia Enrico III, pur di non doversi
inginocchiare davanti a lui, e di negare la
fglia alle corti dei principi per il piacere
di tenerla con sé.
Melania G. Mazzucco
Realizzato in occasione della prima gran-
de mostra monografca dedicata a Jaco-
po Robusti, detto il Tintoretto, il volume
restituisce le tre anime del maestro: il
Tintoretto religioso, quello profano e il
ritrattista. L’opera si apre con la sezio-
ne dedicata ai temi religiosi (tematica
fortemente presente nella poetica di
Tintoretto), partendo con una delle pri-
me opere riconosciute, Gesù tra i dottori
(1542), per concludersi con la Deposizio-
ne al sepolcro (1594), forse l’ultima ope-
ra in cui è possibile riconoscere la mano
del maestro. Diverse le opere signifca-
tive, come lo spettacolare Miracolo dello
schiavo, dipinto nel 1548 per la Scuola
Grande di San Marco, opera che lo im-
porrà prepotentemente come uno dei
protagonisti della scena veneziana, e la
Madonna dei Tesorieri e il Trafugamento
del corpo di San Marco, entrambe dalle
Gallerie dell’Accademia.
Sempre tra i capolavori di soggetto reli-
gioso spiccano la Santa Maria Egiziaca e
la Santa Maria Maddalena della Scuola
Grande di San Rocco, oltre a un inedito
e strepitoso confronto tra l’Ultima Cena
della veneziana chiesa di San Trovaso
e quella, di cinque anni più tarda, della
chiesa di San Polo, a celebrare uno dei
temi prediletti dalle Scuole del Sacra-
mento.
Seguono le opere profane e la sezio-
ne dedicata alla ritrattistica: sebbene in
competizione con Tiziano, anche i suoi
contemporanei riconobbero a Tintoret-
to un “perfettissimo giudizio nei ritratti”.
L’excursus attraverso i ritratti del mae-
stro veneziano si apre e si conclude con
i due celebri autoritratti, quello giovanile
del Victoria & Albert Museum di Londra
e quello senile del Louvre di Parigi.
272 pagine, 150 colori e b/n, cartonato
€ 49,00
Roma, Scuderie del Quirinale
tIntoREtto aLLE scudERIE dEL quIRInaLE
5079512_EdizN3_2012_OK.indd 5 21/05/12 13:56
ekexeiria 6
Dalla fnestra, la luce lattea mattutina, di
un cielo primaverile milanese. Lo studio
dove attendo d’incontrare Gabriele Maz-
zotta ha le pareti tappezzate di libri. Tutta
l’arte del Novecento vi è rappresentata.
Balzano agli occhi corpose monografe di
Munch, Klimt, Picasso ma anche di Moran-
di, De Chirico, Savinio. Sono rigorosamente
allineate in ordine alfabetico. Così scorre un
flm visionario di grandi mostre, di grandi
appuntamenti internazionali con la cultura,
in un rapporto di profonda consapevolez-
za storica con il proprio tempo. Sono libri
vissuti, consultati ripetutamente, amati. In
un angolo, su un leggio in metallo di Ron
Arad, modellato ad ali aperte, è esposto
un famoso libro oggetto di Baj Do it Baj
yourself - Today’s real cubism: grossi dadi
a puzzle, con l’immagine di un generale,
sono inseriti nella custodia a volume.
Su un tavolo a lato, opere grafche di Goya,
appena ritornate da un’esposizione.
Piccole poltroncine e divanetto in pelle
della metà dell’Ottocento, con ali di sfngi
a sponda, insieme ad un tavolo fratino in
rovere, completano la suggestiva atmosfe-
ra che sarebbe piaciuta molto a Odilon
Redon. Non c’è traccia d’estetismo, nulla
d’esteriore per effetti calcolati.
Mi siedo, l’editore è ora a capotavola e
manifesta una riservata cortesia. L’intervi-
sta mira a ruotare intorno al suo rapporto
con il libro, a questa passione così profonda
da segnare un destino.
Lo interrogo sul suo primo incontro con la
lettura.
Desidererei, per incominciare, chiederLe
quale libro nell’infanzia Le ha fatto più
compagnia stimolando il Suo immaginario
e avvicinandoLo alla lettura.
Il mio primo libro, che presi da un tabac-
caio, fu Piccolo Alpino di Salvator Gotta.
Avrò avuto circa dieci, undici anni. Poi
vi fu l’immersione totale in Salgari. Da
Salgari passai, immediatamente, a Zanna
Bianca di London, a Tre uomini in barca
di K. Jerome dove era sempre presente
l’avventura. Questo è stato il mio primo
ciclo. Il ciclo successivo si è aperto a tut-
to, sono un lettore onnivoro, iniziando
anche con i saggi che allora erano diversi
da quelli che si leggono oggi. Un inte-
resse post-adolescenziale è stato Freud,
per la sua chiarezza, che mi ha accom-
pagnato sempre, fno a pubblicare molti
testi su di lui. Poi per la passione del libro,
proprio dell’oggetto libro, nel 1966, cre-
ai la Casa Editrice dal nulla. Ero molto
giovane. Il primo libro, che ha un po’ ca-
ratterizzato tutto il percorso, fu il Dada
di Hans Richter. Subito dopo, ho avuto
un’apertura internazionale a Francofor-
te, inaspettata, con Il Kitsch di Gillo Dor-
fes, del 1968, tradotto in molte lingue,
che ha imposto il termine nel mondo.
Altro libro importante fu Arte povera
che lanciò, ancora una volta, il termine e
il movimento.
Poi la Casa Editrice si è divisa in due:
una parte artistica con importantissime
pubblicazioni, i primi libri su Lichtenstein,
Warhol ecc. e una parte, chiamiamola
saggistica, con delle collane che hanno
iniziato negli Anni Settanta nell’impor-
tante flone del femminismo, dell’ecolo-
gia, della sociologia, della psicologia.
Negli stessi anni ho pubblicato un grosso
volume intitolato Compagni senza censu-
ra di Dario Fo dove è stampato per la
prima volta il Mistero buffo. Quindi, ora,
questa grandissima mostra Dario Fo a
Milano, a Palazzo Reale, è frutto di un
sodalizio che dura da quarant’anni.
Alla fne degli Anni Ottanta la crisi della
saggistica è stata forte. Per continuare a
creare libri ho creato delle mostre per
farne il libro.
Questa modalità è stata molto particolare
e innovativa.
Ho creato una quarantina di mostre a
Palazzo Reale con i memorabili catalo-
ghi Anni Trenta, Munch, Klee, Bonnard ecc.;
questo mi dava la possibilità di essere
ancora un editore che, però, poteva
distribuire e vendere il libro in mostra.
Ho inaugurato un mercato nuovo, anche
perché la pubblicità della mostra faceva
sì che il libro, di conseguenza, andasse in
libreria con numero superiore di copie.
Nel 1994, ho aperto la Fondazione
che procede tuttora anche senza sede
perché era troppo onerosa e implicava
troppi rischi. Con uno staff, ora ridotto,
la Casa Editrice prosegue il lavoro e la
Fondazione opera, soprattutto, con
l’impegno di mia fglia Martina. Quindi
questo mio amore per i libri continua.
In quarantasei anni ho pubblicato oltre
tremila titoli di cui molti ancora vivi, per
esempio libri come Bauhaus, L’architettu-
ra degli alberi ecc. sono ristampati ogni
due o tre anni. Abbiamo avuto, anche,
collane che rispondevano alle mie pas-
sioni personali come due collane di ci-
nema, una in italiano e l’altra in francese
con la Cinémathèque di Parigi, e un’altra
importante collana d’architettura diret-
ta da Ludovico Quaroni, i cui libri, oggi,
sono in antiquariato.
La cosa strana è che mi trovo nei listini
degli antiquari e in Internet, dove mira-
colosamente tutto il mio catalogo è pre-
sente, da Maremagnum ad Amazon: una
quantità di titoli che all’origine costavano
5.000 lire ora costano 60.00 euro. Quin-
di nell’antiquariato ci sono già ma non mi
sento proprio un oggetto d’antiquariato.
Solo oggetto di rispetto, piuttosto.
Mi sento, infatti, ancora molto attivo.
Certamente la crisi dei librai d’antico
stampo, cioè quelli di cultura, come li chia-
mo io, ha danneggiato molto la diffusio-
ne del libro, perché entrare nelle grandi
strutture non è facile, il libro, si confonde
con quelli dei grandi gruppi che lo an-
nullano.
Visto che ha introdotto il problema della
librerie storiche Le chiedo come potrebbe
venire realizzata una corretta tutela e da
parte di chi?
Purtroppo il mercato detta la legge, in
più penso che, in futuro, ci sarà un con-
tinuo avanzamento di Internet che age-
vola, però, nella conoscenza. La crisi delle
librerie storiche è del tutto italiana.
Quando sono nelle capitali europee
vedo un sacco di librai piccoli che met-
tono insieme la novità con la ricerca dei
titoli buoni. In Italia c’è stata un’inonda-
zione di saggistica e libri d’arte in edico-
la che però ha creato dei lettori nuovi:
i veri punti vendita della distribuzione
dei libri sono stati, per anni, proprio le
edicole.
In Italia, inoltre, si legge poco per il ca-
rattere estroverso dell’italiano che non
vuole stare, in silenzio, con se stesso, tan-
to è vero che siamo il primo consuma-
tore nel mondo di telefonini.
Il libro universitario, vedi le collane d’ar-
chitettura, ormai è sostituito da fotoco-
pie e da Internet, dove si trova di tutto,
dagli estratti ai brani.
Detto questo, il libro non è morto, anzi
vive, ma vive con grandi diffcoltà perché
non c’è una comunicazione tra la scola-
IntERVIsta a gaBRIELE Mazzotta
5079512_EdizN3_2012_OK.indd 6 21/05/12 13:56
ekexeiria 7
5079512_EdizN3_2012_OK.indd 7 21/05/12 13:56
ekexeiria 8
stica e l’editoria di altro tipo. La scolastica
è un monopolio che impone le sue leggi
e nessuno può entrarci dentro perché è
una struttura chiusa.
La librerie storiche come quelle di Lo-
detti e Pecorini, hanno grandissimi me-
riti e la loro sopravvivenza deve essere
assolutamente tutelata anche perché
la concorrenza della rete è tremenda:
chiunque trova libri nel mondo che gli
arrivano a casa. Io ho comprato, proprio
pochi giorni fa, delle edizioni di Stephan
Zweig su Casanova e su Nietzche, pub-
blicate nel 1945, a pochissimo prezzo.
La distribuzione del libro sta cambiando:
in libreria per gli editori piccoli non c’è
lo spazio che prima invece c’era. Prima
si andava a visitare il libraio piccolo e
si stava, lì, a parlare, a chiacchierare, da
Cortina ad Aldrovandi.
L’Italia, poi, rispetto agli altri Paesi euro-
pei, ha sofferto di una crisi della cultura
e della scuola. Sono stato Presidente
dell’Accademia di Brera per tre anni e
ho visto che i libri consigliati dai profes-
sori passavano di mano in mano.
Gli studenti non hanno i soldi per com-
prarli e poi c’è la crisi delle biblioteche
che non possono fare acquisti. Le biblio-
teche di quartiere, invece, sono gestite
bene e sono frequentate molto anche
perché si movimentano con manifesta-
zioni varie.
Quindi confdo in un rinnovamento ed
ampliamento del numero delle bibliote-
che di circoscrizione.
Quali sono stati i libri più importanti che
sono entrati nella Sua libreria personale
come pietre angolari?
Un momento, però, io sono un bibliof-
lo, fn da piccolo sono stato un biblioflo
e ho collezionato sempre libri illustrati.
Ho una biblioteca specializzata in Em-
blemata, del Seicento, in memoria di
Praz, e tra i libri più belli, alcuni sulle
Wunderkammer, comprati molti anni fa;
inoltre, coltivo una grande passione per
le stampe che vanno da una collezio-
ne tra le più importanti nel mondo di
Vedute ottiche della seconda metà del
Settecento, a Le notti di Young di William
Blake, a Il Faust di Eugene Delacroix,
a un Aldovrandi completo, a opere di
Francisco Goya, a rarissimi Max Klinger,
Chagall, Daumier. Quindi la mia colle-
zione manifesta una linea ben precisa
sul fantastico e visionario e con essa
realizzai la grande mostra Visioni del
fantastico e del meraviglioso, nel 2004, a
Milano.
Ci sono stati incontri fortunati e fondamen-
tali che hanno favorito il Suo rapporto con
i libri e l’hanno sostenuto?
Ho avuto rapporti con grandi perso-
naggi come Lamberto Vitali e Pier Maria
Bardi, con artisti come Man Ray, Warhol,
Lichtenstein; con quasi tutti i grandi ar-
tisti italiani ho personalmente dialogato.
Guardando alla storia della Sua Fondazio-
ne è evidente come l’arte sia stata inte-
sa sempre come ricerca spirituale, come
espressione dello spirito a un livello inter-
nazionale.
Sì, certo! E per questo ho avuto ricono-
scimenti all’Estero.
Ho tirato fuori quello che nell’arte non è
stato solo un esperimento o di un’avan-
guardia. In Germania e in Austria mi han-
no insignito delle onorifcenze più alte
perché ho fatto conoscere la loro arte.
La prima mostra su Vienna, nel mondo,
l’ho fatta io a Venezia, Le arti a Vienna,
nel 1983. Dovevo farla a Milano, invece
mi telefonò Calvesi in marzo, io ero già
avanti nei preparativi, per presentarla a
giugno, a Palazzo Grassi, per la Biennale.
Il catalogo della mostra, che lanciò la
Secessione viennese, è stato ristampato
recentemente ed è, ancora oggi, da con-
siderarsi la Bibbia di Vienna.
Furono esposte più di mille opere d’ar-
te: Schiele, Kokoschka, Klimt , Kubin… La
videro più di 400.000 visitatori.
Siamo stati anche i primi a far conoscere
l’Espressionismo tedesco in Italia come
pure straordinaria fu la mostra di Boc-
cioni, a Milano, nel 1982.
La mia soddisfazione è che i miei libri
sono tutti su Internet così, a volte, li ri-
compro perché forse ne ho solo una
copia o neppure quella.
Ho notato questo aspetto nel Suo lavoro:
la volontà di essere nel contemporaneo, la
capacità di cogliere il senso storico del pre-
sente valutandolo con l’occhio esperto di
chi ha avuto esperienze importanti.
Quello che porta avanti è la curiosità,
buco della serratura sulla realtà, è la pas-
sione.
Dovessi tornare indietro lo farei ancora
ma non comincerei in un’epoca come
questa. Oggi cosa fai?
Il Don Chisciotte. Non avrei mai creduto
che saremmo arrivati ad una tale situa-
zione di decadenza culturale.
Perché tutto è portato avanti dal fattore
mercantile.
No, non è solo quello, perché nel mon-
do è dappertutto così, ma si è persa la
dignità, c’è stato un accantonamento
dell’intelligenza e della creatività. Oggi
tutti s’improvvisano scrittori, operatori
culturali e così anche il livello delle mo-
stre è molto basso.

La Sua ricerca è evidentemente estranea a
schemi precostituiti e a ideologie, esprime
al contrario una spinta ideale a promuo-
vere lo “spirito” con respiro internazionale,
contaminando diverse discipline, sostenen-
do l’autonomia culturale e confrontandosi
con la società, in un etico impegno, attra-
verso la vocazione formativa dell’arte.
Silvia Venuti, aprile 2012
Gabriele Mazzotta, nato a Milano nel
1938, cresciuto nell’ambiente degli ar-
tisti, dopo gli studi classici frequenta
l’Università Bocconi per continuare la
professione del padre commercialista e
nello stesso tempo raffnato collezioni-
sta. Cambia strada per innata passione
per il libro e fonda l’omonima Casa edi-
trice nel 1966 con collane d’arte ancora
attuali, saggistica varia ed editoria univer-
sitaria.
Da allora ad oggi sono stati pubblicati
circa oltre tremila titoli, di cui almeno
cinquecento tuttora presenti in catalo-
go. Alla fne degli Anni Settanta, inizia la
collaborazione con molti musei ed enti
pubblici per l’organizzazione d’impor-
tanti mostre e relativi cataloghi: una serie
di mostre a Palazzo Reale avviate con
L’altra metà dell’Avanguardia e Anni Tren-
ta, affancate, poi, dalla costituzione della
Fondazione, a nome del padre Antonio,
nel 1988, con una propria attività inter-
nazionale che si espande anche grazie
alla propria collezione.
Nel 1994, inaugura la sede della Fonda-
zione che in dieci anni ha avuto1.500.000
visitatori, passando attraverso even-
ti come Chagall (Il teatro ebraico),
Bauhaus, Kandinsky, L’espressionismo
tedesco, nelle sue varie fasi, e i grandi
austriaci come Klimt e Schiele, oltre al
Futurismo e agli Anni Sessanta….
I rapporti istituzionali della Fondazione
ottengono nel 1995, in Svezia, il confe-
rimento dell’European Museum of the
Year Award del Consiglio d’Europa con
la motivazione: “Per il suo lavoro nello
sviluppo di un centro espositivo di ecce-
zionale qualità, per il successo negli sforzi
impiegati a rafforzare la cooperazione
internazionale nel campo museale e per
il livello costantemente elevato nel suo
5079512_EdizN3_2012_OK.indd 8 21/05/12 13:56
ekexeiria 9
programma di pubblicazioni”. Nel 1998
viene conferita alla Fondazione Antonio
Mazzotta, nella persona di Gabriele Maz-
zotta, la Medaglia d’Oro di Benemerenza
del Comune di Milano, il così detto “Am-
brogino”.
Nel 1999 riceve dal Presidente della Re-
pubblica francese la nomina a “Chevalier
de l’ordre national du Mérit”.
Nel 2003, il Presidente della Repubbli-
ca Federale di Germania gli conferisce
il “Bundesverdienstkreuz I. Klasse”, una
delle massime onorifcenze tedesche,
“quale riconoscimento dei servizi resi
per tanti anni al fne della promozione
delle relazioni culturali italo-tedesche”.
Sempre nel 2003, gli viene assegnato il
Premio “Pino Zac” per la Satira politica
di Forte dei Marmi, quale curatore della
mostra e del catalogo Seduzioni e miserie
del potere. Visto da sinistra - visto da destra.
Galantara, Scalarini, Sironi, Guareschi, Altan,
mostra realizzata in collaborazione con
l’Assessorato alla Cultura del Comune
di Milano.
Ancora, nel dicembre del 2003, rice-
ve dal Comune di Milano, un secondo
“Ambrogino d’oro” che gli viene confe-
rito per l’operato della Casa Editrice “
che si è affermata in campo internazio-
nale con mostre e pubblicazioni di pre-
stigiosi cataloghi”. Nel maggio del 2005
il Presidente della Repubblica d’Austria
gli conferisce
l’ “Osterreichisches Ehrenkreutz fur
Wissenschaft und Kunst – I Klasse” per
l’intenso scambio culturale svolto con
l’Austria negli ultimi trent’anni.
E’ Presidente della Fondazione Cineteca
Italiana.
Dal 2007 al 2011 è stato Presidente
dell’Accademia di Belle Arti di Brera.
Casa Editrice e Fondazione restano un
esempio d’indipendenza ed autonomia
culturale abbastanza unico, che agisce
sul piano europeo ed internazionale, in
collaborazione con le più prestigiose Isti-
tuzioni, aprendo così alla città di Milano
molte porte, dagli Stati Uniti alla Russia,
al Centre Georges Pompidou, ai princi-
pali Musei tedeschi.
F
o
t
o

d
i

L
u
c
a

C
a
r
r
a
La pubblicazione del catalogo completo delle opere di Renato
Vernizzi è un fatto editoriale e culturale di grande prestigio. In tal
modo si rende omaggio a questo importante artista, nato a Parma
in Oltretorrente, che ha lavorato molti anni a Milano e ha dipinto
assiduamente, dedicando tutto il proprio tempo alla ricerca
pittorica, con una libertà espressiva che ha saputo coniugare la
propria ispirazione con le correnti anche più all’avanguardia nel
Novecento, senza tradire, nell’epoca degli sperimentalismi e
dell’astrattismo, la fedeltà alla fgura e al disegno.
Questa operazione editoriale di tre volumi, con oltre 1200 pagine a
colori, felicemente curata dal fglio Luca, con sapiente introduzione
critica di Elena Pontiggia, racconta il percorso umano e artistico di
Vernizzi, in maniera cronologica, con grande attenzione flologica,
in modo da diventare uno strumento straordinario per i critici, gli
storici dell’arte, gli appassionati e i collezionisti.
Maurizio Dodi
Elena Pontiggia, Luca Vernizzi - Renato Vernizzi (1904-1972)
Catalogazione generale del percorso pittorico – Monte Università
Parma, 2010
REnato VERnIzzI
5079512_EdizN3_2012_OK.indd 9 21/05/12 13:56
ekexeiria 10
LIBRERIa antIquaRIa pREgLIasco
FALDA, G.B. I Giardini di Roma.
Con le loro Piante Alzate e Vedute
in Prospettiva. Roma, Gio. Giacomo
de Rossi, s.d. (1680), in-folio oblungo
(345X458 mm ), album con 21 fogli inci-
si, che comprendono: il titolo, una super-
ba animata veduta allegorica di Arnold
van Westerhout che include la dedica ad
Innocenzo XI, e 19 vedute di giardini in-
cisi da G.B. Falda e Simon Felice, legatura
800esca m. pergamena e angoli. Prima
edizione, con le tavole in tiratura avanti il
numero. Si conoscono tirature con data
1683 ed altre posteriori.
Le magnifche vedute raffgurano Villa
Borghese, i Giardini Pontifci, quelli del
Quirinale, del Granduca di Toscana sul
Monte Pincio, dei Farnese sul Palatino, del
Duca Mattei al Celio, dei Doria Pamphili
sul Gianicolo, il Belvedere; di notevole
interesse sono le tavole relative ai giar-
dini del Principe Ludovisi, del Cardinale
Savelli-Peretti, e del Duca di Parma, che
non esistono più. Furono incise da Falda
le tav. 3-13, 17 e18; mentre dal Felice le
15-16 e19-21; la tav.14 non è frmata.
Falda stabilì a Roma con G. De Rossi un
inscindibile ed effcace sodalizio; a lui si
deve gran parte della produzione gra-
fca del secolo XVII a Roma; godette di
grande stima e le sue opere furono più
volte imitate in Italia ed in Europa anche
nel secolo successivo.
Brillante prima tiratura delle lastre, ot-
timo esemplare. Berlin Katalog 3492.
non in Fowler né CiCognara. olsChKi,
Choix 1689: “Suite célèbre..”
[5537] Prezzo € 8.000
Umberto Pregliasco
BIBLIA LATINA cum Postillis Nicolai
De Lyra. Quaestiones Lyrae judai-
cam perfdiam improbantes. Et expo-
sitionibus Guillelmi Britonis in omnes
prologos S.Hieronymi et additionibus
Pauli Burgendis…Contra perfdiam
Iudaeorum Pro-logus primus In testa-
mentum vetus. Venezia, Boneto Locatelli
per Ottaviano Scoto, 1489, 4 volumi
in-folio (mm 350x240), fogli numerati:
I) 298 (manca primo f.bianco); II) 291
(manca ultimo bianco); III) 244; IV) 272.
Carattere semigotico, testo racchiuso nel
commento. (In fne al vol.IV, colophon:)
Venetiis opere et sumptibus Octaviani
Scoti Modeotieis. mcccc.lxxxix”. Legatura
antica in piena pergamena, dorsi rifatti.
Al I e III volume belle fgure in silografa,
che costituiscono l’importante primato
di essere le prime illustrazioni ad una
Bibbia pubblicata in Italia. Tra queste
due splendide immagini che rappre-
sentano la costruzione dell’arca di Noè.
Raffnata decorazione miniata ai 4 fogli
iniziali: in testa e a pié di pagina vengono
riproposti motivi forali e baccelli impre-
ziositi da ramages in oro e uniti da un’a-
sta che divide le due colonne di testo;
la gamma cromatica è sui toni dell’azzu-
ro, rosa, violetto e verde scuro. Al pri-
mo volume la grande iniziale silografca
“H” raffgurante S.Gregorio è fnemente
acquerellata da mano coeva mentre i
restanti volumi presentano 3 splendide
iniziali vegetali miniate su fondo oro.
Ogni pagina ha vari capilettera dipinti in
rosso e blu con fregi fligranati. Magnifca
edizione commentata della Vulgata; nei
primi 50 capitoli delle “Postilla perpe-
tuae in universa Biblia” Niccolò de Lira
tratta il senso perpetuo o letterale delle
Sacre Scritture, negli altri 35 il senso mi-
stico o morale. Fu stampata dai torchi
di Boneto Locatelli, la cui offcina lavorò
nei primi anni (iniziò l’attività nel 1487)
esclusivamente per Ottaviano Scoto.
Nota di possesso di mano coeva di fra-
te di Moscano di Fabriano, che lo donò
al Convento fondato da S.Francesco in
Camerino “Ex libris R.P. Ascanii Mariae
de Muscano ord. Min. Donavit Bibliotheca
S.Franc.i Camerini”. Ottimo esemplare
di questo monumento tipografco ra-
ramente completo. BMC, V, 437. gw
4291. hC 3168. goFF B-616. la BiBBia a
staMpa n.30. Manca alla Bibl. Vaticana e
alla B.N. di Paris.
[16348] Prezzo € 45.000
Umberto Pregliasco
L’ADMIRAL, JACOB. Naauwkeurige
Waarneemingen omtrent de verander-
ingen van Veele Insekten of gekorvene
Diertjes… Amsterdam, Joh. Sluyter, 1774,
in-folio, pp. (4), 34, (2), leg. del tempo m.
pelle, tit. e fregi oro al dorso (abili restauri
alle cuffe). Vignetta incisa e colorata al
titolo. Opera illustrata da 33 magnifche
tavole. incise in rame e colorate a mano
all’epoca, raffguranti larve, crisalidi e far-
falle, ed altri insetti, nel loro habitat, con
ricchi fori, frutti e piante. Seconda edizio-
ne, postuma, ampliata rispetto alla prima
del 1740, che conteneva solo 25 tavo-
5079512_EdizN3_2012_OK.indd 10 21/05/12 13:56
ekexeiria 11
le. Importante opera in cui l’artista ed
entomologo olandese Jacob L’ Admiral
(Amsterdam 1700-1770) ha illustrato e
descritto, tra l’altro, l’ecologia e la biolo-
gia di due rari insetti europei (S. ocella-
tus e L. populi), elencando inoltre le loro
piante ospiti. L’ Admiral fu per tutta la vita
noto naturalista amatoriale; dopo la sua
morte, l’editore Sluyter acquisì le lastre
originali ed incaricò Martin Houttuyn di
preparare una nuova edizione aumenta-
ta dell’opera, di notevole valore scientif-
co e soprattutto di straordinaria bellezza
iconografca. “L’ Admiral’s work originally
appeared in 1740 with twenty-fve plates
(an exact reprint appeared
in 1762); this 1774 edition,
the frst complete, was pub-
lished with an additional eight
plates which had been given
to Houttuyn by the artist”.
nissen, ZBi 2358. anatoMie
de la Couleur n. 82. horn-
sChenKling 53. hunt 514.
non in pritZel.
[7588] Prezzo € 7.200
Umberto Pregliasco
BORDONE, BENEDETTO. Isolario, li-
bro nel qual si ragiona di tutte l’Isole
del mondo, con li lor nomi antichi &
moderni, historie, favole, & modi del loro
uiuere, & in qual parte del mare stanno…
MdxxViii. (In fne:) In Vinegia, per Nicolò
d’Aristotele, detto Zoppino, 1528, in-fol.
(mm 280x195), ff.10 nn., LXXIII num., pri-
vo dell’ultimo f. bianco, caratt. tondo, leg.
del XVIII sec. in mezza pelle, tassello gra-
nata al dorso liscio con decori foreali ai
piccoli ferri; piatti in bella carta moucheté
tagli rossi (piccoli difetti alle cerniere, dor-
so un po’ sciupato). Titolo impresso in
rosso e nero racchiuso in magnifca bor-
dura silografca ornata, il testo illustra-
to da tre carte geografche, tra le quali
il planisfero, e una veduta di Venezia su
doppia pagina, 109 carte e piante topo-
grafche di località, isole e città del mondo
conosciuto, il tutto inciso in silografa con
arte ed esattezza. Prima edizione,
assai rara, del famoso isolario del
padovano B. Bordone (cartogra-
fo e xilografo attivo a Venezia dal
1494) “la più completa opera sulle
isole pubblicata a stampa, in Italia o
in altro Paese” (Almagià). Sono pre-
senti tra le altre le carte sul Mondo
Nuovo, la pianta di Temistan, la
Giamaica, Santo Domingo, Cuba,
la Martinica e la Guadalupa. Libro
stupendo e veramente impor-
tante. Esemplare con alcune macchie
d’umido n.t. e rare sottolineature; legger-
mente riflata ai quattro lati la carta del
Mediterraneo Orientale. saBin n.6417.
harrisse n.145. sander n.1229. essling, ii,
655. BiBl. ColoMBina, i, 276.
[14616] Prezzo € 22.000
Umberto Pregliasco
FEDERICO II DI SVEVIA. Reliqua libro-
rum... De arte venandi cum avibus. Cum
Manfredi Regis additionibus... Albertus
Magnus De Falconibus Asturibus, &
Accipitribus. Augustae Vindelicorum,
apud Ioannem Praetorium, Anno
MDXCVI (1596), in-8, pp. (16 con pre-
fazione, indice e magnifca silografa su
doppia pagina raffgurante l’a. in trono e
due falconieri), 414, (2 con al recto im-
presa dello stampatore). Attraente per-
gamena foscia dell’epoca con all’inter-
no mss. del xV secolo , in vecchio astuc-
cio in m.pelle. A pagina 357 comincia il
trattato di Alberto Magno composto a
Colonia tra 1262 e 1280 ed edito per
la prima volta a Roma nel 1478.
Il “De arte venandi cum avibus” ci è per-
venuto in due redazioni, denominate
dalla critica “breve” e “lunga”, ascrivibili
a due dei fgli di Federico II, Manfredi ed
Enzo. Manfredi fece eseguire tra il 1258
e il 1266 una copia di parte del mano-
scritto del padre e compilò dodici bre-
vi aggiunte al testo. Proprio su questa
versione si basò la presente edizione a
stampa “ex membranis vetustis nunc pri-
mum edita”: si tratta dell’editio princeps
del trattato nella forma “breve”.
Anche la silografa riproduce fedelmen-
te una delle miniature del manoscritto
di Manfredi. Una parziale trascrizione
dell’opera apparve unitamente al “De
Arte Accipitrum” del Tardivus a Ginevra
nel 1560 (Harting 304). Il trattato, rela-
tivo alla caccia praticata con l’ausilio di
uccelli rapaci, compilato da Federico II
nel corso di circa un trentennio-rimasto
verosimilmente incompiuto a causa della
morte dell’imperatore-, è unanimemen-
te riconosciuto quale una delle opere
scientifche più signifcative sull’argo-
mento, pur avendo subito lunghi secoli
di oblio (si consideri che la prima tra-
duzione in italiano risale solo al 2000).
Bell’esemplare (strappo restaurato al f.
con silografa; metà inferio-
re bianca mancante all’ulti-
mo f. abilmente restaurata).
Ceresoli p. 243 “Edizione
originale, rarissima”. adaMs
F-982. harting 308. piChon
201. ManCa a souhart.
enCiClopedia treCCani, voce a
cura di Anna Laura Trombetti
Budriesi. nissen iVB 333.
[16814] Prezzo € 5.900
Umberto Pregliasco
5079512_EdizN3_2012_OK.indd 11 21/05/12 13:56
ekexeiria 12
GiAMBOLOGNA
E GASPARO MOLA
di Andrea Bondanini
Il museo Poldi Pezzoli di Milano
ha ora pubblicato una impor-
tante monografa “Il crocefsso
d’oro del Museo Poldi Pezzoli.
Giambogna e Gasparo Mola”.
A cura di Andrea Di Lorenzo.
Benché sottile (63 pagine) è un
concentrato di informazioni e un
retto sviluppo delle metodologie
di storia dell’arte.
Nel 1987 l’industriale tessile mi-
lanese Federico Kronauer donò
in memoria di Piera Ballerini Kro-
nauer al museo Poldi Pezzoli un
crocefsso d’oro del XVII secolo
circa con una documentazione
che ne attestava l’appartenenza
fn dalla fne del XVII secolo alla
famiglia forentina dei Riccardi
senza indicazioni di precedenti
provenienze e attribuzioni.
Il conservatore del Poldi Pezzoli Andrea
Di Lorenzo ha voluto studiare questa
bellissima e importante opera ora ap-
partenente al museo ma priva fn’ora di
uno studio accurato e dettagliato. Così
ha pubblicato a sua cura una eccellen-
te monografa ben illustrata da tre saggi
che permettono di collocare l’opera agli
inizi del XVIesimo secolo attribuendola
con molta verosimiglianza a Gasparo
Mola su modello di un crocefsso del
Giambologna.
La monografa è un modello per la me-
todologia di studio seguita e si articola
in tre saggi molto ricchi di riferimenti e
informazioni. Il primo di Davide Gaspa-
rotto, Il crocefsso di Giambologna e la
tradizione forentina, il secondo dello
stesso conservatore Andrea Di Loren-
zo, Il crocefsso d’oro del Museo Poldi
Pezzoli: una proposta per Gasparo Mola,
il terzo di Lorenzo Morigi, La tecnica
esecutiva dei crocefssi d’oro.
La lettura di questi saggi è preziosa non
solo per la conoscenza del crocefsso
del Poldi Pezzoli perché dà il quadro ge-
nerale in cui si colloca quell’opera nella
storia dell’arte tra XVIesimo e XVIIesi-
mo secolo permettendo di precisare
l’infuenza di Giambologna nella produ-
zione di crocefssi poiché le sue crea-
zioni ebbero tanto successo che furono
molte volte ripetute, con varianti minori,
anche dai suoi allievi e non solo.
Di Lorenzo giunge a proporre l’attribu-
zione del crocefsso Poldi Pezzoli a Ga-
sparo Mola suo allievo particolarmente
abile nella lavorazione delle lamine d’oro
che venivano applicate su una struttura
di gesso per creare una fgura.
Ovviamente i crocefssi non erano
solo d’oro, ma d’argento dorato o
meno, di bronzo pur esso dorato
o meno e anche di legno.
Da questo studio di Di Lorenzo
ho potuto risalire a Giambologna
per il bellissimo crocefsso in bron-
zo di Pietro Tacca,allievo di Giam-
bologna che si trova nel Museo
Diocesano di Mantova e persino
per un crocefsso ligneo apparso
60 anni fa sul mercato antiquario
ferrarese, probabilmente copia
per una defnizione meno accura-
ta della muscolatura (ma segue la
struttura del Tacca tranne la cur-
vatura delle gambe, forse per le
dimensioni del legno disponibile).
In origine o poco posteriormente
il crocefsso ligneo fu ricoperto di
una lacca bianca, non più visibile
per la bella patina marrone data
presumibilmente dal fumo di can-
dele che rendono meno certo il
giudizio.
Queste ultime notizie dimostrano il va-
lore e l’utilità di questa pubblicazione
del museo Poldi Pezzoli nella serie dei
Quaderni di Studi e Restauri del Museo
Poldi Pezzoli.
E. Sandberg Vavalà, La croce dipinta ita-
liana. Roma 1985
B. Paolozzi Strozzi e D. Zikos, Giambo-
logna. Gli dei, gli eroi. Firenze, 2006
C. Avery, Giambologna, The complete
sculpture. Londra, 1993
Medaglisti Italiani: Gasparo Mola, Ben-
venuto Cellini voce di Wikipedia
AA.VV. Pietro Tacca, Firenze, 2007 M.
Gregori, M. Tommasi, Pietro Tacca,
Pisa, 1995
P. Torriti, Pietro Tacca da Carrara, Ge-
nova, 1984
IL cRocIfIsso d’oRo dEL MusEo poLdI pEzzoLI
Enzo Bellini è nato nel 1952 a Rovigo.
La sua grande passione per la fotografa lo ha spinto negli anni
a portare avanti una personalissima ricerca sul tema della luce
e delle ombre, rivelando una cura ossessiva per i bianchi ei
neri fortemente contrastati, realizzati spesso in interno con
l’aiuto della sola luce naturale.
in esposizione permanente alla
LiBRERiA BOCCA
5079512_EdizN3_2012_OK.indd 12 21/05/12 13:56
ekexeiria 13
CATANIA - L’identità urbana
dall’antichità al Settecento
a cura di Lina Scalisi - fotografe di Gaetano Gambino
formato 24x34 - Pagine 384
volume cartonato in cofanetto € 118,00
UN VIAGGIO NELLA VALLE DEL BAROCCO
a cura di Lucia Trigilia
fotografe di Gaetano Gambino
introduzione di Marcello Fagiolo
formato 20x34 - Pagine 206
volume cartonato in cofanetto € 98,00
LE PORTE DELLA CITTà IN sICILIA
Architettura, feste e fortifcazioni
Liliane Dufour - fotografe di Gaetano Gambino
formato 24x34 - Pagine 272
volume cartonato € 81,00
MONUMENTI D’ACqUA
fonti e fontane di Sicilia
Liliane Dufour - fotografe di Gaetano Gambino
formato 34x24 - Pagine 240
volume cartonato € 86,00
IMAGO ÆTNÆ
Iconografa storica dell’Etna 1544-1892
Franz Riccobono - Antonio Tempio
introduzione di Giuseppe Giarrizzo
formato 34x32 - Pagine 348
volume cartonato in cofanetto € 156,00
IMAGO sICILIÆ
Cartografa storica della Sicilia 1420-1860
Liliane Dufour - Antonio La Gumina
introduzione di Giuseppe Giarrizzo
formato 34x32 - Pagine 329
volume cartonato in cofanetto € 196,00
Sicilia: c’è ancora molto da scoprire
5079512_EdizN3_2012_OK.indd 13 21/05/12 13:56
Nobiles Officinae
Perle, filigrane e trame di seta dal Palazzo Reale di Palermo
a cura di Maria Andaloro
Formato cm 24x33 - ISBN 978-88-7751-242-0 - Pagine 1312 - Illustrazioni 400 - Cod: 200617
Prezzo 240,00 (2 volumi)
Nell’ambito del progetto “25 Anni di Beni Culturali in Sicilia” promosso dalla Regione Siciliana,
si è tenuta a Palazzo Reale di Palermo, dal 18 dicembre 2003 al 10 marzo 2004, la mostra
“Nobiles Officinae. Perle, filigrane e trame di seta dal Palazzo Reale di Palermo” che ha raccol-
to, per la prima volta, i manufatti realizzati dagli artigiani degli opifici reali di Palermo e di altre
fabbriche nei secoli XII e XIII. L’eccezionale evento ha aperto uno scorcio suggestivo sulla produ-
zione di tessuti, oreficerie, avori, cristalli di rocca oggi custoditi nei più prestigiosi musei del
mondo. Tra i pezzi più rappresentativi, la corona di Costanza, il corredo funebre di Enrico VI e
la fodera del manto di Ruggero II, mai esposta in pubblico prima d’ora e proveniente dalla
Schatzkammer del Kunsthistorisches Museum di Vienna, dove la mostra ha fatto tappa dopo
Palermo.
La nostra casa editrice, allo scopo di storicizzare l’evento, ha realizzato il volume della mostra,
a cura di Maria Andaloro, ordinario di Storia dell’Arte Medievale presso la Facoltà di
Conservazione dei Beni Culturali di Viterbo e Preside della Facoltà di Lettere, che raccoglie i con-
tributi dei più qualificati specialisti del settore a livello internazionale.
Si tratta di un’opera fondamentale, frutto di un disegno scientifico maturato in anni di ricerche
e studi che hanno messo in luce la più importante centrale di arti suntuarie del XII e XIII seco-
lo. L’obiettivo è appunto quello di mostrare la fisionomia delle Nobiles Officinae di Palermo, di
quella che fu una vera e propria “casa di produzione” di manufatti di alto rilievo, ricchi, varia-
mente articolati, interessanti.
La cultura è un’Isola senza confini
GIUSEPPE MAIMONE EDITORE
NOBILES OFFICINAE
Perle, filigrane e trame di seta dal Palazzo Reale di Palermo
Volume I. Catalogo
GIUSEPPE MAIMONE EDITORE
NOBILES OFFICINAE
Perle, filigrane e trame di seta dal Palazzo Reale di Palermo
Volume II. Saggi
GIUSEPPE MAIMONE EDITORE
IL TESORO DELL’ISOLA
Capolavori siciliani in argento e corallo dal XV al XVIII secolo
GIUSEPPE MAIMONE EDITORE
IL TESORO DELL’ISOLA
Capolavori siciliani in argento e corallo dal XV al XVIII secolo
GIUSEPPE MAIMONE EDITORE
Il Tesoro dell’Isola
Capolavori siciliani in argento e corallo dal XV al XVIII secolo
a cura di Salvatore Rizzo
Formato 21x29,7 - ISBN 978-88-7751-285-7 - Pagine 1192 - Illustrazioni 234 - Cod: 200816
Prezzo 160,00 (2 volumi)
Una pubblicazione in due volumi che nasce allo scopo di storicizzare l’eccezionale mostra dal
titolo “Il tesoro dell’Isola” tenutasi a Praga (dal 19 ottobre al 21 novembre 2004, sotto l’alto
patrocinio dell’Ambasciata Italiana a Praga, dell’Istituto Italiano di Cultura di Praga e con la col-
laborazione delle Curie Arcivescovili della Sicilia). La mostra ha consentito di esporre per la
prima volta gli arredi sacri e le opere prodotte dalle botteghe orafe più prestigiose dell’Isola su
commissione delle famiglie più in vista della nobiltà isolana, in un arco temporale compreso tra
il XV e il XVIII secolo.
Da tale fondamentale ricerca e studio emerge, non solo una straordinaria rassegna di capolavo-
ri, ma soprattutto il continuo processo dialettico sviluppatosi tra i centri maggiori dell’isola
(Palermo, Messina, Catania, Caltanissetta, Trapani, etc.) e le città minori, che ha permesso, attra-
verso vicende ed episodi, di individuare le singole botteghe orafe, le aree di produzione e le diver-
se committenze. Ne scaturisce quindi un profilo della storia dell’oreficeria siciliana che, oltre a
dare il giusto risalto alle singole personalità dei maestri argentieri e orafi (ricordiamo tra tutti il
celebre architetto e orafo Filippo Iuvarra), consente anche di mettere in evidenza le aree e i con-
testi in cui essi si sono affermati, attraverso gli stimoli locali e gli influssi europei con un proces-
so originale i cui segni peculiari hanno lasciato una traccia non secondaria nella storia delle arti
minori in Sicilia. Infine una sezione è dedicata alle opere in corallo del XVII secolo prodotte dalle
botteghe trapanesi.
Via A. di Sangiuliano, 278 - 95124 Catania Italy - Tel/Fax +39 95 310315
www.mainone.it – maimone@maimone.it
5079512_EdizN3_2012_OK.indd 14 21/05/12 13:56
Prima libreria self service del Sud Italia, Cavallotto
è una delle più importanti realtà indipendenti italiane.
Catania e i suoi paesi
di Melo Minnella
e Enzo Russo
Un ritratto di Catania,
tracciato dall’obiettivo
perspicace di Melo
Minnella e dalla penna
appuntita di Enzo
Russo, che coglie
insieme la bellezza e
l’anima della città e
della sua provincia.
Profumi di Sicilia
di Giuseppe Coria
Un libro atipico, che
raccoglie, classifca,
illustra e descrive le
ricette più autentiche
e genuine della
cucina siciliana,
traendone l’anima
folklorica e rituale.
La Sicilia illustrata
di Gustavo Chiesi
Saggio introduttivo di
Massimo Ganci
Ristampa anastatica,
particolarmente
curata sotto il proflo
litografco, dell’opera
di Gustavo Chiesi
apparsa a Milano nel
1892 per i tipi della
Sonzogno.
Usi, costumi, tradizioni,
abitudini e superstizioni
del matrimonio nella
cultura siciliana. Un
rituale esaminato in
tutte le sue fasi e negli
elementi caratterizzanti.
Dizionario fraseologico
siciliano - italiano
di Michele Castagnola
prefazione
di Pietro Mazzamuto
Introduzione e
Antologia Poetica dal
1480 ad oggi a cura di
Salvatore Camilleri.
Usi nuziali e mangiar
di nozze in Sicilia
di Giuseppe Coria
www.cavallotto.it
Profumini di Sicilia
Tutti, ma proprio tutti, i piaceri della cucina di Sicilia:
dagli antipasti ai dolci, dalle salse ai liquori, dalle
conserve ai secondi. In questa collana, Giuseppe Coria
ci ha svelato i segreti di un piacevolissimo aspetto
della cultura siciliana, fatto di sapori, aromi e ricette
per aggiungere un pizzico in più di gusto alla vita.
L’attività culturale delle librerie Cavallotto si
arricchisce anche del lavoro editoriale delle
omonime edizioni, particolarmente attento
alla cultura e alle tradizioni siciliane.
Ecco alcuni esempi dal ricco catalogo di titoli.
Cavallotto edizioni: i grandi libri siciliani
Dal 1954. Storicamente indipendenti
5079512_EdizN3_2012_OK.indd 15 21/05/12 13:56
5079512_EdizN3_2012_OK.indd 16 21/05/12 13:56
. FANG LIJUN
(GAM, Torino, giugno 2012)
. COSTANTINO NIVOLA
100 Years of Creativity
(Ambasciata d’Italia, Washington, marzo 2012)
. ALEX KATZ
Maine/New York
(Colby College Museum of Art, Waterville,
luglio 2012)
. BARRY X BALL
Portraits and Masterpieces
(Ca’ Rezzonico, Biennale di Venezia 2011)
. LIU WEI
Trilogy
(Minsheng Art Museum, marzo 2011
. GEORGES ADEAGBO
(MUSAC, Léon, febbraio 2012)
. BIENNALE CHENGDU
(catalogo ufficiale, settembre 2011,
a cura di Lü Peng)
. RYOJI IKEDA
datamatics
(LABoral, Gijòn, marzo 2012)
. PERIPHERAL VISIONS
Italian Photography in Context,
1950s – Present
(Hunter College, New York, febbraio 2012)
. SHIRIN NESHAT
Women without Men
(Palazzo Reale, Milano, febbraio 2011)
. CARLITO CARVALHOSA
Nice to meet You
(MoMA, New York, agosto 2011)
di libri di
20
ANNI
www. c h a r t a a r t b o o k s . i t
d
a
ll’
it
a
lia
n
e
l
m
o
n
d
o
P
h
o
t
o
b
y
G
i
u
s
e
p
p
e
L
i
v
e
r
a
n
i
CHARTA srl
via della Moscova 27
20121 Milano
t 02 6598098 / 02 6598200
f 02 6598577
charta@chartaartbooks.it
www.chartaartbooks.it
CHARTA
DAL 1992 LIBRI D’ARTE
CONTEMPORANEA, MODERNA, FOTOGRAFIA,
ARCHITETTURA, DESIGN, SCRITTI, VARIA
CHARTA
since 1992
926
titoli pubblicati
2029
artisti
2256
autori
L’editore di Marina Abramovic,
Jean-Michel Basquiat,
Francesco Clemente,
Keith Haring, Anish Kapoor,
Alex Katz, Anselm Kiefer,
Shirin Neshat, Andy Warhol,
Hans Ulrich Obrist, presenta
le novità più importanti
della stagione
Charta per Bocca 2:Layout 3 4-04-2012 14:43 Pagina 1
5079512_EdizN3_2012_OK.indd 17 21/05/12 13:57
ekexeiria 18
Come gli antichi popoli del Mediterraneo
andavano scoprendo mercati, solcan-
do il mare, sulle loro fragili imbarcazioni,
verso destinazioni ignote e nei secoli da
quegli incontri occasionali si sono svilup-
pate economie che hanno fatto la storia
dell’umanità, così la storica Libreria Bocca
è approdata a lidi sconosciuti nel mare
della cultura. A differenza di quei marinai
però era alla libreria, come un porto nella
Galleria Vittorio Emanuele II a Milano, che
approdavano da ogni luogo talenti artisti-
ci, studiosi e poeti.
Cosicchè da questi incontri occasionali
tra me e l’autore nascevano pubblicazioni
col solo fne di testimoniare il nascere di
un’amicizia. Dopo decine di titoli e prege-
voli collane di libri per bibliofli è giunto
questo piccolo gioiello editoriale tutto
da gustare se si possiede un palato raf-
fnato, che risponde al titolo di Meteore,
una raccolta di liriche di Romano Cajelli,
professore universitario per vocazione,
pubblicista e avvocato per lavoro e poeta
per caso, illustrata da acquerelli di Nico
De Sanctis. Cajelli aveva già pubblicato nel
2004 con Lucini Maschere di sale una rac-
colta di liriche che aveva vinto il premio
internazionale di poesia Onde Mediterra-
nee con la seguente motivazione “Liriche
brevi ma suggestive e coinvolgenti che
cantano la caducità delle cose umane e
sublimano i sentimenti più profondi come
l’amore “chiaro e senza parole” ma an-
che “disperato, offeso, tarlato”. Due anni
dopo esce Lilium una seconda selezione
di poesie con le edizioni Nomos.
Giacomo Lodetti
Sento spesso le tue certezze
e parole ingombranti come cippi.
Io certo non conosco il luogo
dove poter dire: seppelliscimi qui.
Se penso a quando non sarò
non ho posto né memoria,
solo m’assale un desiderio
di fuoco, forse di dispersione
e tanto rimpianto per la vita.
Emergono ftti i cordami
dei ricordi, come da un lungo
viaggio. Tornano dolci parole,
l’illusione del piacere condiviso
ed il desiderio di suoni rauchi
nel cerchio delle tue braccia.
S’è rotto oramai lo specchio
ed i frammenti hanno ferito.
Nel fondo dei sensi il disincanto
e l’oscuro tedio di vivere.
Romano Cajelli nasce nel 1948.
Professore universitario per vocazione.
Pubblicista ed avvocato per lavoro.
Poeta per caso.
LE MEtEoRE di RoMano cajELLI
In RIcoRdo di dIno pRandI
Reduce da una visita a Paolo Prandi,
sempre interessante, alla storica libre-
ria di Reggio Emilia, avendo ricevuto in
omaggio un prezioso e raro volumetto,
stampato elegantemente da chi di ele-
ganza tipografca ne ha fatto una ragione
di vita, e avendolo curiosamente sfoglia-
to, mi ha colto il desiderio di condivi-
derne la gustosissima lettura. Propongo
quindi al lettore questi passi tratti da:
In ricordo di Dino Prandi - di Paolo
Prandi
…… Per diversi anni ho vissuto in via
san Nicolò, in un’abitazione situata sullo
stesso piano della libreria e questa “vici-
nanza forzata” ha forse incidentalmente
infuito su quello che sarebbe stato il
mio futuro lavorativo; fatto sta che era
normale per me, ai tempi del liceo, an-
dare di tanto in tanto ad aiutare in libre-
ria che nel frattempo si era trasferita in
via Berta, con lavoretti vari.
L’iscrivermi ad ingegneria all’università
di Bologna, corso di laurea peraltro mai
portato a termine, è stata paradossal-
mente la scelta che ha più determinato
la decisione di entrare a pieni titoli nella
libreria; sono stati infatti proprio a Bo-
logna i primi approcci con il mio futuro
lavoro, grazie alle possibilità di accompa-
gnare mio padre negli incontri con Gior-
gio Morandi.
Iniziati nel 1958 i primi contatti diretti
tra i due, da quel momento sono pro-
seguiti abbastanza frequentemente fno
alla scomparsa del Maestro, nel 1964.
L’ultima sua lettera, tra le tante conser-
vate nel nostro archivio, risale proprio al
24 marzo 1964: “... La mia salute, pur-
troppo, non bene. Speriamo nella pri-
mavera...”. E Morandi morirà alcuni mesi
dopo.
Ricordo molto bene le nostre visite in
via Fondazza. Accompagnavo mio padre
a ritirare qualche incisione da inserire nel
nostro nuovo catalogo, oppure andava-
mo a consegnare in anteprima il catalogo
stesso, fresco di stampa, a Morandi, che
lo sfogliava osservando e commentando
le riproduzioni delle opere dei vari artisti.
Eravamo sempre accolti dalla Sig.-na
Dina, che ci faceva accomodare in una
saletta dove, in mezzo al tavolo, tro-
neggiava una fruttiera enorme, questa
almeno era la mia impressione, di colore
tendente all’azzurro, vuota, che sarebbe
servita come portacenere sia per Mo-
randi che per mio padre.
Sono numerosi anche i ricordi non strat-
tamente inerenti all’arte, durante questi
incontri; come il racconto che l’artista
ci fece di una visita sulle colline di Reg-
gio Emilia come ispettore scolastico, tra
neve e gelo; o di come fosse buono il
curry preparato dalla sorella.
Rimasi poi affascinato un giorno che, do-
vendo recarmi a ritirare un paio di incisio-
ni per il nuovo catalogo, lo incontrai sotto
i portici, e mentre ci dirigevamo verso via
Fondazza, mi parlò del più e del meno,
raccontandomi fra l’altro che era strato a
ritirare la pensione allo sportello postale,
lui che era già una vera celebrità.
5079512_EdizN3_2012_OK.indd 18 21/05/12 13:57
ekexeiria 19
VIa dELLa paLoMBELLa
Costantino Nivola. 100 anni di creatività, a cura di Re-
ato Miracco con scritti di Ugo Collu, Richard Ingersoll, Diane Lewis,
Fred Licht, Renato Miracco, Claire A. Nivola, Carl Stein, appena
mandato in libreria per i tipi di Charta (cartonato, 96 pagine, 66
illustrazioni di cui 27 a colori, 34 euro), racconta la bella storia di
un italiano che fuggì dall’Italia fascista, lasciando l’amata Sardegna
natìa, per salvare la moglie, Ruth Guggenheim, dalle persecu-
zioni razziali e trovò la seconda patria negli Stati Uniti. Nivola
fuggì come tanti per trovare un mondo migliore e negli USA
cominciò a fare cartoline illustrate per sbarcare il lunario; il suo
talento di artista però emerse rapidamente, lasciate le cartoline
si dedicò a un design sofsticato per riviste specializzate come
Interiors e You delle quali divenne in seguito direttore.
Conobbe altre personalità costrette all’esilio come Saul
Steinberg, Willem De Kooning, Marcel Breuer, e americani
come Alexander Calder, Franz Kline e Jackson Pollock e con
tutti strinse rapporti di amicizia e stima che ebbero notevole
infuenza sulla sua vita e la sul suo modo di fare arte.
Il rapporto più profondo che ebbe il maggior impatto sulla sua
vita sia come artista sia come individuo fu con Le Corbusier,
colpito a sua volta fortemente dalla genialità di Nivola e dall’im-
pronta mediterranea delle sue opere.
Nel 1983 uno speciale del mensile Capital ha inserito Costan-
tino Nivola tra le cento persone italiane più importanti negli
Stati Uniti, insieme -tra gli altri- a Mario Cuomo Frank Sinatra,
Giovanni Sartori, Riccardo Muti e Luciano Pavarotti.
Questo libro, ricco di contributi di suoi familiari, amici e critici
d’arte, ne celebra il centenario della nascita raccontandone la
vita intensa e l’opera.
Fiammetta Romei
costantIno nIVoLa, 100 annI dI cREatIVItà
Via della Palombella
è una storia
di ricordi e di famiglia,
intrisa di quei legami semplici e
importanti che
fanno in fondo parte
di ognuno di noi.
L’autrice, al suo terzo libro (tutti in qual-
che modo autobiografci, ma questo di
più), rievoca la storia d’amore dei suo ge-
nitori, che vivevano in questa antica strada
di Roma, vicini di casa prima ancora che
innamorati. Il racconto attraversa tre ge-
nerazioni e due secoli, partendo dall’Ot-
tocento, dai nonni, poi quando mamma e
papà erano bambini che giocavano in un
cortile, fno ad arrivare a oggi.
In mezzo ci stanno molti viaggi da pendo-
lari, un trasferimento a Milano, la Prima e
la Seconda guerra mondiale, la nevicata
del ’56, e poi malattie, perdite, gioie, seg-
“...Venga pure quassù la prossima dome-
nica 7 luglio... a Lei e a Suo fglio i migliori
saluti”.
Quassù è riferito a Grizzana, e il luglio è
quello del 1963. Ed è a Grizzana che ho
scattato la prima fotografa ad un artista a
cui ne sono seguite tante per svariati anni.
Ho poi smesso improvvisamente, senza
alcun vero motivo. Diverse sono state le
fotocamere usate negli anni dalla prima
Exakta Varex, alla Nikon F per giungere
alla Leicafex. Non è mia intenzione di
seguire uno stretto ordine cronologico
ma, dopo Morandi, mi viene spontaneo
commetare brevemente le fotografe
fatte a Mino Maccari, anche in virtù del-
la reciproca stima che legava i due artisti.
Maccari è tra gli artisti che più ho fotogra-
fato, sia a Reggio che al Cinquale, mentre
chiacchierava o mentre preparava lino-
leum. Come dimenticare, del resto, le
sue battute, la sua disponibilità dimostrata
in ogni occasione. Ricordo per esempio
che gli chiedemmo una lastrina per il mio
matrimonio e lui ce ne mandò dieci tra
cui scegliere liberamenbte.
Paolo Prandi
gioloni, zii e personaggi vari, che vanno
e vengono in mezzo ai cambiamenti di
scena tipici di ogni saga familiare.
Da leggere, per ritrovarsi e ripensare an-
che a se stessi.
Barbara Silbe
5079512_EdizN3_2012_OK.indd 19 21/05/12 13:57
ekexeiria 20
La Luce di Dio
Quando l’Arte incontrò la Luce
Solo 99 copie
realizzate totalmente a mano
250 passaggi per ogni libro
25.000 volte per tutta la tiratura
Più che un volume, un’opera d’Arte
Dopo 500 anni Vallecchi fa rinascere
la tecnica della stampa al torchio
Caravaggio
Leonardo
Tiziano
Tintoretto
Raffaello
Michelangelo
Tiepolo
Carracci
Correggio
Guido Reni
Parmigianino
Piero della Francesca
Luca Giordano
Paolo Veronese
Federico Barocci
Vittore Carpaccio
e tanti altri.
Un volume UNICO che rivela
LA LUCE NELL’ARTE.
Pagine blu che si illuminano
con l’ARGENTO.
Colori brillanti che ridanno vita
a CAPOLAVORI IMMORTALI.
Desidero ricevere, senza impegno, maggiori informazioni su
LA LUCE DI DIO
Nome __________________________________
Cognome ________________________________
Città ____________________________________
Via _____________________________________
N. ___________ Prov. ______ CAP ____________
Professione _______________________________
Tel. _____________________________________
Cell. ____________________________________
Data ____________ Firma ___________________
Spedire o inviare a mezzo fax
al numero verde 800.939935
info@vallecchi.it
La Vallecchi Spa Le comunica che i Suoi dati non saranno comunicati ad altri soggetti, né difusi. Ai sensi dell’art.
13 D.Lgs. n. 196 del 30/06/2003, i dati da Lei forniti verranno trattati per inviarLe materiale promozionale e
per informarLa su oferte commerciali riservate. Il trattamento avverrà in maniera automatizzata e non. Ai sensi
dell’art. 7 del D.Lgs. 196/2003, potrà sempre verifcare i Suoi dati, aggiornarli, modifcarli, integrarli, cancellarli
e opporsi all’invio di comunicazioni commerciali rivolgendosi a:
Vallecchi Spa, Via Maragliano 31 - 50144 Firenze.
E
K
E
Se Verga, De Roberto e Capuana...
Mi piace immaginare che Verga stes-
so, durante il ventennio del “silenzio”
amasse passeggiare e recarsi dove, a
pochi passi da casa sua, sorgeva e sor-
ge ancora, la Libreria antiquaria ROMEO
PRAMPOLINI. Lo vedo calpestare il pa-
vimento a scacchi rossi e grigi, carezzare
con sguardo amorevole gli antichi volumi
dalle copertine rilegate nei colori più vari,
delegare qualcuno ad arrampicarsi sugli
alti scaffali tramite le lunghe scale a pioli
per cercare quanto la sua curiosità di let-
terato esigeva trovare.
Oggi come allora, tutto o quasi è rimasto
immutato in quel luogo. Se ci si dimentica
per un attimo del rumore incalzante e as-
sordante del traffco esterno, è possibile
immergersi in un’atmosfera di altri tem-
pi, dove si può conversare in tutta tran-
quillità, e sorseggiando un tè o un caffé,
parlare di arte, vedere delle interessanti
esposizioni, assistere alle presentazioni di
avvincenti libri di autori contemporanei,
discutere dei classici e dei moderni. Chi
è alla ricerca di un testo raro e diffcil-
mente reperibile, può, tramite la libreria,
trovarlo in breve tempo. Chi, e parlo dei
cultori di musica, vuole consultare antichi
o moderni spartiti, può farlo tramite la
Bottega musicale .
Inoltre quegli spazi, non certo esorbitanti,
ma giusti per “quei pochi ma buoni” pos-
sono accogliere con suffciente calore i
neolaureati che intendono festeggiare
con amici e parenti la fne del loro per-
corso universitario. Giovani ed intrapren-
denti imprenditori, come La ”Narcysa
retrò chic”, possono trovare con essa in-
teressanti forme di collaborazione com-
merciale.*
Ma non voglio parlare della storia di
quest’antica realtà catanese. Della casa
editrice Tirelli Guaitolini che il prof. F.G.
Prampolini, emiliano, commerciante di
cavalli, rilevò nell’ultimo decennio del
XIX sec. continuandone l’attività dopo
avere sposato la fglia del suddetto edi-
tore. Tralascio del fglio Romeo che largo
impulso diede all’attività editoriale, abbi-
nando il suo nome a iniziative culturali
di ogni genere, come, ad esempio, la ri-
stampa anastatica di pregevoli documen-
ti e volumi antichi.
Nel 1974, con la morte di Romeo l’at-
tività editoriale si è interrotta ed è stata
poi ripresa. Nel 2005 è stata costituita
una società Leggere formata da sei soci
che hanno cercato di darle nuovo vigore
e nuove idee senza tralasciare l’aggancio
con la tradizione e col passato. Molto è
stato fatto da essi, con impegno, serie-
tà e vero amore per la cultura. Ma oggi,
nell’era del digitale e dell’e-book, questa
benemerita associazione rischia di chiu-
dere, sopraffatta dall’inarrestabile devian-
za dei fussi commerciali congiuntamente
alla crisi economica che tutti noi stiamo
vivendo. E allora mi chiedo, e lo chiedo a
voi, gentili lettori, vogliamo che Verga si
lisci con disappunto gli importanti baffoni,
che al De Roberto cada il monocolo, che
il Capuana evochi in una delle sue sedu-
te spiritiche i tempi che furono, trovando
dinnanzi a sé, desolatamente chiuse le
saracinesche della libreria PRAMPOLINI?
Miette Mineo
LIBRERIa pRaMpoLInI:
VaLLERInI a pIsa
una REaLtà stoRIca nEL cuoRE dI catanIa antIca
Quella di Andrea Vallerini è una fascino-
sa libreria che si snoda tra sale e salette
attorno al tappeto erboso di una magica
piccola corte medievale. Vi si trova un’am-
pia raccolta di libri antichi e rari, di stampe,
manoscritti, autograf, raccolti con passio-
ne da Andrea Vallerini, libraio mosso dal-
la passione per la cultura e per la storia
della propria città. Lo si raggiunge anche
a piedi a pochi passi dalla Piazza dei Mira-
coli e dalla Piazza dei Cavalieri Montaigne
(1533-1592) flosofo, scrittore e politico
francese  noto anche come aforista. ri-
corda così la sua visita a Pisa nel 1581:
« La mattina del lunedì 3 di luglio seguitas-
simo la strada piana il lungo d’Arno, e sul
fne una pianura ubertosa di biade. Capi-
tassimo sul meriggio a Pisa, 20 miglia, città
al duca dì Firenze posta in questo piano
su l’Arno che li passa per mezzo, e di là
a sei miglia si diffonde nel mare, e por-
ta alla detta città parecchi sorte di navili.
Perché non mi satisfece l’osteria, presi
a pigione una casa con quattro stanze,
una sala. Aveva l’oste a far la cucina, e dar
mobili. Bella casa. Il tutto per otto scudi il
mese. …La casa era in un bellissimo sito,
e veduta piacevole, riguardando il canale
per il quale passa l’Arno, e traversa la ter-
ra. Questo fosso è molto largo, e lungo
più di 500 passi, inchinato e piegato un
poco, facendo una piacevole vista, sco-
prendo più agevolmente per questa sua
curvità l’un capo, e l’altro di questo ca-
nale, con tre ponti che là varcano l’Arno
pieno di vascelli, e di mercanzie. …Mer-
cordì 5 di luglio viddi il Duomo dove fu
il palazzo d’Adriano imperatore. Ci sono
infnite colonne di marmo diverse; diversi
lavori, e forme; porte bellissime di metal-
lo. È ornata di diverse spoglie di Grecia,
e d’Egitto, et edifcata di ruine antiche, di
modo che si vedono delle scritte a ro-
vescio, altre mezzo tagliate, ed in certi
luoghi caratteri sconosciuti, che dicono
essere gli antichi Toscani.
Libreria Vallerini di Andrea Vallerini
Via dei Mille, 7° - 56126 Pisa - Tel.
050.555450 - Email info@vallerini.it
Dizionario geografco fsico stori-
co della Toscana - contenente la de-
scrizione di tutti i luoghi maggiori e mi-
nori del Granducato di Toscana, Ducato
di Lucca, di Garfagnana e Lunigiana. Re-
petti Emanuele - Tipografa Stianti , 1972
costitutita da sei volumi da lui pubblicati
in Firenze negli anni dal 1833 al 1845,
ma ristampa anastatica dell’edizione di
Firenze, presso l’Autore ed Editore, coi
tipi di A.Tofani e G.Mazzoni, 1833-46.
Pubblicazione a cura della Federazione
delle Casse di Risparmio della Toscana.
Opera in cinque volumi, oltre ad un se-
sto contenente l’Introduzione, il Supple-
mento e l’Appendice al “Dizionario”. in
8o di pp. 4756 complessive. Numerose
tabelle nel testo e quindici tavole gene-
alogiche in grande formato. Legature in
tela editoriale. Tasselli con titoli e fregi in
oro ai dorsi.
Prezzo: 250 €
5079512_EdizN3_2012_OK.indd 20 21/05/12 13:57
La Luce di Dio
Quando l’Arte incontrò la Luce
Solo 99 copie
realizzate totalmente a mano
250 passaggi per ogni libro
25.000 volte per tutta la tiratura
Più che un volume, un’opera d’Arte
Dopo 500 anni Vallecchi fa rinascere
la tecnica della stampa al torchio
Caravaggio
Leonardo
Tiziano
Tintoretto
Raffaello
Michelangelo
Tiepolo
Carracci
Correggio
Guido Reni
Parmigianino
Piero della Francesca
Luca Giordano
Paolo Veronese
Federico Barocci
Vittore Carpaccio
e tanti altri.
Un volume UNICO che rivela
LA LUCE NELL’ARTE.
Pagine blu che si illuminano
con l’ARGENTO.
Colori brillanti che ridanno vita
a CAPOLAVORI IMMORTALI.
Desidero ricevere, senza impegno, maggiori informazioni su
LA LUCE DI DIO
Nome __________________________________
Cognome ________________________________
Città ____________________________________
Via _____________________________________
N. ___________ Prov. ______ CAP ____________
Professione _______________________________
Tel. _____________________________________
Cell. ____________________________________
Data ____________ Firma ___________________
Spedire o inviare a mezzo fax
al numero verde 800.939935
info@vallecchi.it
La Vallecchi Spa Le comunica che i Suoi dati non saranno comunicati ad altri soggetti, né difusi. Ai sensi dell’art.
13 D.Lgs. n. 196 del 30/06/2003, i dati da Lei forniti verranno trattati per inviarLe materiale promozionale e
per informarLa su oferte commerciali riservate. Il trattamento avverrà in maniera automatizzata e non. Ai sensi
dell’art. 7 del D.Lgs. 196/2003, potrà sempre verifcare i Suoi dati, aggiornarli, modifcarli, integrarli, cancellarli
e opporsi all’invio di comunicazioni commerciali rivolgendosi a:
Vallecchi Spa, Via Maragliano 31 - 50144 Firenze.
E
K
E
5079512_EdizN3_2012_OK.indd 21 21/05/12 13:57
Mcrigo Art Books,
SoIo Iibri d`artc.

La Merigo Art Books è un'azienda specializzata nella RICERA e nella VENDITA DI LIBRI
D´ARTE in Italia e all'estero. Presso la nostra libreria troverete, oltre ai libri di nostra edizione,
anche titoli di altri editori. Abbiamo migliaia di opere esaurite sull´ arte antica, e sull'arte
applicata minore e maggiore di tutto il mondo, con grande rilievo alla nostra Italiana. Poniamo
particolare attenzione ai cataloghi di mostre e ad argomenti: design del XX secolo, mobili di
tutte le epoche e nazioni, ceramiche e porcellane, vetri, argenti, tappeti e tutto il
collezionismo, pittura russa. Particolare cura dedichiamo ai lessici e prezziari (Thieme-Becker,
Benezit, Comanducci, Akoun), e presso di noi li potrete trovare al miglior prezzo in assoluto.
Abbiamo inoltre un settore di offerte di libri con sconti dal 50% , sempre rinnovato. I libri
segnalati sono esistenti sui nostri scaffali quindi in 48 ore li potrete consultare presso di Voi.
Siamo conosciuti anche per lo sconto che pratichiamo a tutti i professionisti del settore:
antiquari, studiosi, collezionisti, biblioteche e musei.
Forniamo ai nostri clienti un servizio gratuito di informazione sulle novità editoriali. Per poterne
usufruire basta iscriversi gratuitamente alle nostre newsletter.
Per qualsiasi richiesta od informazione siamo sempre reperibili e ben disposti per risolvere ogni
vostro problema.
BENEZIT (edizione inglese)

In offerta speciale ad euro 850,00

Merigo Art Books - via dei Colli, 78 - 25080 Manerba del Garda (Bs) - Italy
Tel/Fax: +39 0365 551832 - Web: www.merigoartbooks.it - E-mail: info@merigoartbooks.it
Mcrigo Art Books,
SoIo Iibri d`artc.

La Merigo Art Books è un'azienda specializzata nella RICERA e nella VENDITA DI LIBRI
D´ARTE in Italia e all'estero. Presso la nostra libreria troverete, oltre ai libri di nostra edizione,
anche titoli di altri editori. Abbiamo migliaia di opere esaurite sull´ arte antica, e sull'arte
applicata minore e maggiore di tutto il mondo, con grande rilievo alla nostra Italiana. Poniamo
particolare attenzione ai cataloghi di mostre e ad argomenti: design del XX secolo, mobili di
tutte le epoche e nazioni, ceramiche e porcellane, vetri, argenti, tappeti e tutto il
collezionismo, pittura russa. Particolare cura dedichiamo ai lessici e prezziari (Thieme-Becker,
Benezit, Comanducci, Akoun), e presso di noi li potrete trovare al miglior prezzo in assoluto.
Abbiamo inoltre un settore di offerte di libri con sconti dal 50% , sempre rinnovato. I libri
segnalati sono esistenti sui nostri scaffali quindi in 48 ore li potrete consultare presso di Voi.
Siamo conosciuti anche per lo sconto che pratichiamo a tutti i professionisti del settore:
antiquari, studiosi, collezionisti, biblioteche e musei.
Forniamo ai nostri clienti un servizio gratuito di informazione sulle novità editoriali. Per poterne
usufruire basta iscriversi gratuitamente alle nostre newsletter.
Per qualsiasi richiesta od informazione siamo sempre reperibili e ben disposti per risolvere ogni
vostro problema.
BENEZIT (edizione inglese)

In offerta speciale ad euro 850,00

Merigo Art Books - via dei Colli, 78 - 25080 Manerba del Garda (Bs) - Italy
Tel/Fax: +39 0365 551832 - Web: www.merigoartbooks.it - E-mail: info@merigoartbooks.it
5079512_EdizN3_2012_OK.indd 22 21/05/12 13:57
paparoedizioni
a cura di
Vincenzo Pacelli
MICHELANGELO MERISI
DETTO CARAVAGGIO
TRA ARTE E SCIENZA
Michelangelo Merisi
detto Caravaggio
La decollazione del Battista,
Malta , La Valletta,
Oratorio di San Giovanni
co-Cattedrale, e particolare;
Davide con la testa di Golia,
Roma, Galleria Borghese,
e particolare
5079512_EdizN3_2012_OK.indd 23 21/05/12 13:57
ekexeiria 24
Il titolo del libro ci richiama un testo poetico
scritto da Maria Cumani nel 1983 e inserito
nella raccolta “O forse tutto non è stato”:
“Tenevo il fuoco tra le dita.
Ora ho cenere nei pugni chiusi.
E sempre gioie innestate sul dolore
al cui soffo inerzia e noia
in fuga vanno disperse a cielo aperto
e mi forzano alla lotta……”
L’elemento forte, incendiario indica un at-
teggiamento eroico, un desiderio di reagire,
di lottare.
Anche nel presente volume ritroviamo
espressioni simili:
“Ho in me possibilità di fuochi, fuochi che io
potrò accendere”, “Devo saper accendere
anche in Sandro il suo fuoco per la cono-
scenza” (6 giugno 1943).
Proprio tale spirito titanico, nonostante i
momenti di scoraggiamento, di apparente
inerzia e accidia, rappresenta l’unità del libro
che comprende lettere sue e di Salvatore
Quasimodo, pagine di diario, alcune senza
data, rifessioni sulla danza, racconti pubbli-
cati su riviste locali, alcune poesie, la rievo-
cazione di sogni con un preciso impianto
narrativo, testimonianze di stima di allievi e
genitori, pagine tratte dal “Carteggio con gli
artisti”, curato dallo storico dell’arte Anto-
nio D’Amico.
Sembra di citare uno zibaldone, ma il pro-
cedere in modo analogico, evitando una
trattazione sistematica, è la prerogativa di
questo libro che vuole riprodurre una con-
versazione, creare un flo diretto tra auto-
re e lettori. Ci si avvicina maggiormente a
Maria Cumani, che spaziava con stupende
transizioni dalla danza, ai versi della Divina
Commedia, ai problemi sociali. E’ come se
scaturisse un movimento, un ritmo nuo-
vo, insolito, originale, moderno e attuale. E’
la modernità di una donna che afferma la
propria libertà, riferendosi al compagno, da
lei tanto amato, che non sempre ha capito
le sue esigenze: “Egli non lo crede, ma io sa-
rei andata molto lontano se pur amandomi
mi avesse lasciata libera e sola” (20 marzo
1940)
Più volte afferma che il lavoro può arricchir-
ci. Non si identifca, quindi con la sposa e
madre ideale, tanto decantata nel venten-
nio fascista, ma vuole affermare una propria
individualità e soddisfazione professionale.
Desidera, inoltre, organizzare il proprio
tempo libero: “dunque yoga, inglese, dattilo-
grafa, teatro, cinema, incontri” (2 novembre
1965).
L’autrice si dichiara nata fuori tempo: “Sono
nata fuori tempo, trent’anni prima del mio
vero tempo” (20 luglio 1962).
E’ moderna, inoltre, in campo educativo e
didattico. Scrive che bisogna far diventare
curiosi i bambini, favorire spontaneità e
accendere l’interesse per il passato serven-
dosi di “favole incantate ma vere”.
Tutto questo è in contrasto con l’indottri-
namento del regime di allora e con i con-
dizionamenti attuali del computer e della
televisione. Come docente di danza si di-
stingue per le tesi innovative: rinuncia al bal-
letto classico per evitare la mera imitazione
e scoprire la necessità di vita che anima
movimento, ritmo, espressione di se stessi.
Fondamentale pure il ruolo sociale che, se-
condo la Cumani, deve rivestire la donna:
“La donna può usare, deve usare ogni sua
forza per deprimere ogni astratta convin-
zione di nazionalismi o contrasti civili, che
hanno come esito la perdita della libertà”
(Ai partigiani della pace, 1953).
Nello stile utilizzato dall’autrice affora un
ulteriore elemento di modernità.
Pur ricollegandosi ad una sorta di realismo
magico, che ci ricorda le suggestioni di Alva-
ro, Bontempelli, Fracchia, si coglie un modo
personale di procedere con un’apparente
semplicità che progressivamente si trasfor-
ma in mistero indecifrabile. Pensiamo al
racconto “L’uomo nuovo”, che passa dalla
descrizione precisa di oggetti e personag-
gi ad una situazione enigmatica. Le luci e le
ombre giocano un ruolo prioritario e ci cre-
ano immagini, sensazioni ineffabili.
Il mondo della natura, così amato e vissuto
dalla Cumani, ci permette di stabilire nessi
con altre due scrittrici: Lalla Romano e Anna
Maria Ortese.
Potrei citare la rievocazione della casa di
Caldè: “La casa della mia infanzia, della mia
adolescenza, della mia giovinezza. Tutto è
rimasto là…. E quell’aria così fresca che ci
accoglieva nell’atrio e quell’ombra tutta viva
di macchie di sole e l’odore del verde caldo
ed umido giardino” (Da “Il fuoco tra le dita”:
18 luglio 1946).
“Era una casa silenziosa; e silenziosa era la
città, assorta e quasi dormiente, tra i suoi
fumi e le montagne coperte di boschi...
Eravamo entrati nella casa a estate inoltra-
ta. L’autunno sopravvenne a poco a poco,
come un lento spegnersi dell’estate” (Da
“Maria” di Lalla Romano)
Il cuore della natura pulsa anche per Anna
Maria Ortese che ne “Il cardillo addolorato”
ci trasporta in una realtà metafsica: “Le per-
siane celesti erano chiuse, come occhietti
stanchi, ma il cancelletto- quasi che la casa
in sé non avesse nessun valore, fosse un
semplice pezzetto di carta, o una pietra, ed
entrasse dunque chi voleva- era aperto”.
Sarebbero ancora multi gli spunti offerti dal
libro di Maria Cumani, ma ritengo ora che
sia il lettore a scoprire nuovi aspetti e a con-
versare liberamente con Maria, che sembra
ancora viva e presente come ce la descrive
Beniamino Dal Fabbro nel 1947 o come
appare nello scritto “Un giorno rubato agli
dei” mentre assapora la gioia di essere con
l’uomo amato, Salvatore Quasimodo, in una
baia ligure tra Santa Margherita e Rapallo,
nel 1943, durante la guerra.
Mariacristina Pianta
A cura di Mariacristina Pianta e Alessandro
Quasimodo - Casa editrice Abramo
Pagine 223, Euro 15,00
IL fuoco tRa LE dIta
IL poEta E La danzatRIcE
Salvatore Quasimodo e Maria Cumani
5079512_EdizN3_2012_OK.indd 24 21/05/12 13:57
ekexeiria 25
Salviamo le Librerie Storiche
dal rogo dell’ignoranza
sono suffcienti pochi ma effcaci provvedimenti
approvati in tempi rapidi dal Parlamento
1
Stabilire i criteri di riconoscimento di Libreria Storica
2
Riconoscere lo stato di Bene Culturale alle Librerie Storiche
3
impedire lo sfratto di una Libreria Storica
4
Applicare i patti in deroga ai rinnovi dei contratti di afftto
Fahrenheit 451
Il passato come la morte ha tra i suoi
pregi quello di toglierci di torno tutte
le disgrazie e i disgraziati che ci rovi-
nano, consentendoci di lavorare per un
futuro migliore. Nel suo ultimo libro,
Dialogue avec les morts, Jean Clair si
dispiace del decadimento della cultura
nel nostro paese, operato, secondo lui,
da una politica insensibile e disattenta
ai temi dell’arte. Tanto che a Venezia,
come a Roma e Milano, hanno chiuso
librerie storiche e, con suo particolare
dolore, una delle predilette, la Bocca
in Galleria. Non ho ancora ringraziato
Jean che con la sua svista, fattami nota-
re da Leonard Gianadda, ci ha allungato,
a noi tutti, la vita, ma questa è l’occasio-
ne di informarlo che non solo non sia-
mo morti, ma che abbiamo addirittura
rilanciato. In due, alla storica Libreria
Bocca, hanno spiccato il volo, Giorgio,
mio fglio e questo premio da lui ide-
ato, realizzato e tenacemente portato
avanti, pilotandolo attraverso un mare
in tempesta che sta facendo affondare
numerosi navigli.
Quando tutto sembra precipitare la
passione per il nostro lavoro ci spinge
a credere nel domani e a lavorare per
un futuro migliore. Avendo l’opportuni-
tà di scorrere le prefazioni ai cataloghi
dei premi del 2004, 2006, 2008 e 2010,
ci si accorgerebbe quanto il premio sia
cresciuto non solo in quantità, essendo
passato dagli iniziali 150 artisti iscritti ai
400 di questa edizione, ma soprattutto
in qualità.
Tanto che nell’attuale edizione è stato
diffcile per i selezionatori chiudere le
scelte a 20 fnalisti, proponendo al pub-
blico una ulteriore scelta di 20 artisti,
portando al totale di 40 le opere che
meritano visibilità. La storica Libreria
Bocca, specializzata in arte, ne esce or-
gogliosa e soddisfatta da questa espe-
rienza perché ha in sé per il proprio
futuro una nuova generazione di abili
librai che continueranno a svolgere una
preziosa azione di selezione e promo-
zione dell’attività artistica.
Giacomo Lodetti
LaVoRIaMo pER IL doManI
5079512_EdizN3_2012_OK.indd 25 21/05/12 13:57
5° Premio movimento SEGRETE DI BOCCA
FINALISTI
VENTI FINALISTI UN SOLO VINCITORE
GIURIA DI QUALITÀ:
Giovanni Bonelli (gallerista) - Philippe Daverio (critico d’arte) - Luigi Koelliker (collezionista)
Mauro Natale (professore emerito) - Luca Pignatelli (artista) - Massimo Vitta Zelman (editore)
Biguzzi Giuseppe
Cantone Anna Laura Cecchin Liliana Colli Carlo Congiu Roberta Contino Valeria
Davoli Mauro Furlan Manuela Giro Costantino Dascanio Emanuele Lagrotteria Massimo
Noferi Silvia Palotti Daria Ronchi Stefano Suprani Remo Tromba Francesco
Alfarano Daniela Andreis Alberto Bodin Gabriela Barin Andrea
GIOVEDÌ 3 MAGGIO ORE 18,30 LIBRERIA BOCCA DAL 1775
Libreria Bocca - Milano
5079512_EdizN3_2012_OK.indd 26 21/05/12 13:57
ekexeiria 27
Delibera del Comune sulle linee di in-
dirizzo in relazione alle vendite di libri e
situazione delle librerie a Milano.
Milano, 16/03/2012 - N. 542
Vista la proposta dell’Assessore D’Al-
fonso Franco, ritenuta meritevole di
approvazione, la Giunta con votazione
unanime, delibera con effetto immedia-
to col seguente testo:
la Giunta Comunale considerato che:
- la vendita di libri rappresenta un valore
nella organizzazione della vita civile del-
la città, non in quanto attività commer-
ciale, ma quale funzione insostituibile
di cultura, formazione ed educazione
civica e civile;
- la concreta organizzazione economica
del settore e la stessa consistenza e di-
stribuzione nel territorio delle librerie,
hanno visto aumentare le diffcoltà di
gestione, in riferimento agli oneri deri-
vanti – in termini economici, organizza-
tivi e logistici – dalla necessità di ampi
depositi di volumi;
- il livello degli afftti – e non solo dei co-
sti di acquisto – è lievitato né accenna a
scendere signifcativamente malgrado
la fase di crisi attuale;
- il prevalere di logiche esclusivamente
improntate all’utile economico por-
terebbe in tempi addirittura brevi alla
concentrazione in pochi – ancorché
qualifcati – punti di riferimento per i
cittadini, con pregiudizio alla possibili-
tà di un’ampia diffusione della cultura,
tanto più possibile quanto più si mol-
tiplicano, si diffondono nell’intera area
cittadina e non solo nelle zone più cen-
trali;
- i luoghi di vendita di libri da sempre
– quelli “generalisti” quanto quelli spe-
cializzati – assolvono ad una funzione
di luogo di incontro, di scambio di opi-
nioni ed esperienze, con particolare
riferimento alla loro localizzazione in
prossimità di luoghi deputati allo studio
ed al tempo libero, ma anche nei con-
testi ad alta densità di popolazione, in
particolare giovanile;
- è un fattore di forza della nostra città
l’esistenza di importanti iniziative im-
prenditoriali di alto valore culturale e
civile, signifcativamente in aumento e
sviluppo, sì da costituire motivo di di-
stinzione e di orgoglio per l’intera co-
munità milanese;
- tuttavia, strettamente collegata alla
presenza di funzioni di eccellenza è la
robustezza di un più minuto e diffu-
so tessuto connettivo, che, ben lungi
dall’essere concorrenza, costituisce il
presupposto e il bacino di continua
alimentazione dell’interesse di tutte le
generazioni alla informazione, educa-
zione, acculturazione permanenti;
- questo è un carattere storico della
nostra città, quella di cui Carlo Catta-
neo esaltava il tratto di “incivilimento”
come fondativo dello sviluppo e della
libertà;
- tutte le azioni che consolidino i livelli
di formazione, informazione e cultu-
ra assumono, nella fase di profondo
cambiamento e di acuta crisi che an-
che Milano – come tutto il Paese – sta
attraversando, un rilevante valore eco-
nomico, in quanto base per avviare
una nuova fase di sviluppo, per la quale
sono richieste capacità, competenze e
conoscenze nuove e crescenti.
Rilevato che:
- sono segnalati numerosi casi di chiu-
sura in tutta la città, con particolare ri-
ferimento alle zone periferiche, in cui
l’assenza di librerie contribuisce mag-
giormente all’impoverimento civile;
- per converso, da tempo svolgono una
importante diffusione del valore del li-
bro e della lettura meritorie iniziative
organizzate da associazioni, gruppi di
cittadini e di volontariato, alcune del-
le quali hanno saputo nel tempo dare
vita a veri e propri appuntamenti ormai
consolidati nella tradizione di Milano e
che ne costituiscono uno dei tratti di-
stintivi e di legame civile;
Ritenuto che:
- sia doveroso per l’ Amministrazione
comunale assumere un indirizzo gene-
rale di favore
- verso queste ini-
ziative e in que-
sto quadro atti-
vare una serie di
azioni di recupe-
ro e promozione
della disponibilità
dei libri e – nei
limiti delle com-
petenze e delle
disponibilità di
bilancio – rimuo-
vere eventuali
ostacoli ovvero
anche solo diff-
coltà all’esercizio
della attività di libraio nelle forme che
si sono venute concretizzando nella
nostra città;
- ciò signifchi – a titolo di esempio –
prendere in considerazione tali attività
tra quelle insediabili in locali di proprie-
tà pubblica adatti ovvero adattabili a
queste funzioni, possa riguardare, inol-
tre, lo svolgimento di mercati e fere
all’aperto, in continuità e sviluppo di
attività che caratterizzano da tempo il
panorama cittadino, possa essere, da
ultimo, la facilitazione dello svolgimen-
to delle attività connesse allo scambio,
alla fruizione, all’utilizzo ed alla diffu-
sione del libro, anche – per quanto
possibile a legislazione vigente – con la
leva della fscalità e della contribuzione
locale;
- sia necessaria l’adozione del presente
provvedimento con dichiarazione di
immediata eseguibilità al fne di ren-
dere possibile l’adozione dei provvedi-
menti attuativi secondo le competenze
degli organi.
Visti gli articoli di legge e i pareri di legitti-
mità delibera di approvare le linee di in-
dirizzo sopra indicate; di prevedere, con
appositi ed autonomi atti deliberativi
ovvero amministrativi, nell’ambito delle
politiche di settore e nel rispetto delle
relative normative, interventi di facilita-
zione e sostegno, con riferimento ad as-
segnazione di spazi di proprietà pubblica
per l’esercizio di vendita di libri ed anche
sede di librerie; facilitazione, con inter-
venti sulla fscalità e sulla contribuzione
locale, dello svolgimento di mercati e
fere all’aperto con lo scopo esclusivo di
vendita e diffusione di libri.
La nuoVa MILano pER La cuLtuRa
Daniel Libeskind, Museo di Arte Contemporanea di Milano
5079512_EdizN3_2012_OK.indd 27 21/05/12 13:57
Codice membranaceo miniato conservato
presso l’Archivio Capitolare di San Giusto
a Trieste.
Sono stati impressi mille esemplari.
Duecento esemplari numerati da 1 a 200 con-
fezionati dalla Legatura Ferraboli di Brescia, con
totale cucitura a mano “alla greca” con 3 corde. I
piatti sono in legno rivestiti in piena pelle intera
non spaccata e lavorati fnemente a mano; sono
state sagomate le nervature sul dorso, applicate
le borchie brunite su ogni piatto e quattro lacci
in pelle, ricavati dalla stesse pelle dei piatti, con le
relative chiusure, anch’esse brunite e borchiate.
Le borchie e le chiusure sono state ottenute co-
piando in maniera pressoché identica le originali,
riproducendo anche il colore dell’ottone invec-
chiato da secoli di storia e di utilizzo.
A completare l’edizione, vi sono ottocento
esemplari numerati dal 201 al 1000, rilegati in
piena pelle con concia al vegetale. I piatti sono
sagomati a mano, la legatura imbrunita ed invec-
chiata, è decorata da due nervi che si affacciano
sui piatti e da impressioni a secco al centro dei
medesimi e sul dorso. La legatura è stata ese-
guita personalmente del Sig. Lembo Antonino
Nicola della Lembo Libri sita in Perugia.
Supervisione a cura di Mons. Ettore Malnati con
un contributo particolare
di Don Roberto Gherbaz e Ilaria Romanzin.
Riscopri un capolavoro
Una prestigiosa
copia facsimilare
del Breviarium secundum
consuetudinem Aquilegensem
ac Tergestinam Ecclesiam
MARCO SERRA TARANTOLA EDITORE
e-mail editore@tarantola.it
Edizione integrale in facsimile del
Breviarium secundum
consuetudinem Aquilegensem ac Tergestinam Ecclesiam
5079512_EdizN3_2012_OK.indd 28 21/05/12 13:57
ekexeiria 29
tRE coMposItoRI BaLtIcI
Era stato Theodor Adorno, in una delle
sue molteplici esternazioni sociologiche,
a signifcare come la grande musica s’e-
ra enucleata in due secoli in quella sorta
di rettangolo scaleno delimitato dai fu-
mi Reno, Danubio, Elba e Morava. Così
come la grande stagione rinascimentale
ebbe trovato un habitat irriproducibile
fra l’Arno e il Tevere, similmente si potrà
argomentare che, come il commercio
dell’ambra diede l’avvio alla lega ansea-
tica, in quelle contrade attorniate dalle
rive del mar Baltico, così l’ultimo soffo
del tocco romantico brahmsiano era sta-
to soffocato, in un abbraccio pressoché
coevo, dai tre compositori baltici Grieg,
Nielsen e Sibelius, ognuno rappresen-
tante un comparto scandinavo, eccetto
la Svezia, nazione in ogni tempo aliena
dalle arti, ma che conserva il privilegio di
assegnare i premi Nobel, musica esclusa.
Edvard Grieg tralasciava il camerismo
dei lieder e delle sonate, per un neoim-
pressionismo alla Faurè, con qualche
squarcio indulgente di melodia pura e
indeterminata, sempre condensata da
quel crepuscolarismo nordico mutuato
dai fordi di Bergen.
Solare e personalissimo il sinfonismo del
danese Carl Nielsen, il quale nelle sue
sei sinfonie, a cui attribuisce denomina-
zioni di brillante nomenclatura, riporta le
medesime suggestioni della tarda scrit-
tura di Brahms (esuberante nel secondo
tempo della prima sinfonia e nel terzo
movimento della terza, opportunamen-
te certifcata come “espansiva”).
Per Jean Sibelius invece, genius loci fn-
landese, ogni argomentazione si fa ardua.
I tre poemi sinfonici, Finlandia, Carelia e
Tapiola, sono permeati da espressioni-
smo armonico, come pure la settima
sinfonia.
Le prime due sinfonie, espressioni della
più genuina scrittura del compositore,
piacquero a Ciaikovski, che le diresse
per la prima volta al teatro imperiale di
San Pietroburgo, ma è il mitico Valzer Tri-
ste a corroborare la fama di Sibelius che
parve, al suo nascere, di controbattere i
ritmi già scarnifcati della Sagra della Pri-
mavera di Stravinski.
Con il pathos della sua languida brevità
penetrerà nell’infernale sarabanda della
prima guerra mondiale, come Lilì Marlen
contrassegnerà i momenti oscuri della
seconda.
Per lo più lo spartito della composizio-
ne era nella dotazione dell’orchestra di
bordo del Titanic e nel repertorio della
Venere nera, Josephine Baker. A questa
composizione fu conferita la funzione di
fantasmagorica danza macabra, sulle ce-
neri della Belle Epoque.
A Sibelius Helsinki ha dedicato un mo-
numento costituito sobriamente di
vitree canne vibratili che ondeggianti
risuonano di un gemito per la perduta
Carelia.
A memoria di un artista che percorse,
nell’arco di una lunga esistenza, l’allen-
tarsi, sino allo spegnimento, dell’anima
romantica.
Emanuele Lazzati
Adorno, Wagner, Mahler due studi. Einaudi
Adorno, Filosofa della musica moderna.
Einaudi
Adorno, Dialettica dell’illuminismo. Einaudi
Caron J. Luc, Edvard Grieg, le Chopin du
Nord. Delon, Losanna
Caron J. Luc, Carl Nielsen. L’Age d’homme,
Parigi Von Torne B. Conversazioni con Sibelius.
Monsalvato.
5079512_EdizN3_2012_OK.indd 29 21/05/12 13:57
ekexeiria 30
phILIppE daVERIo: nEcEssItà dEI LIBRI Ed apoLogIa dEL caso,
leggere si ma perché?
Sempre inedita appare l’oratoria di Phi-
lippe Daverio e con piacere rileggo i suoi
fulminanti pensieri di uomo di cultura,
eterogeneo e provocatorio.
“Non ho capito perché abbiano scel-
to me per parlare di lettura: mai stato
un secchione e neanche “un letterato”:
solo una serie di errori mi ha collocato
nelle Giurie del Campiello e dello Strega.
Devo ammettere che le cose che so le
devo a ciò che ho letto ma moltissimo
alle persone incontrate: incontrare la per-
sona giusta è come leggere dodici scaffali
di biblioteca.
Il libro è comunque fondamentale ed a
due libri devo il fatto che sono in Italia:
a 14 anni ero in un tristissimo collegio in
Alsazia. Nella salle d’etude stavo leggendo
“Les femmes savantes” con un segna-
libro che feci copiando la pubblicità del
salamino Citterio, avevo ripreso la bella
faccina di un maialino sorridente dise-
gnandolo con la tonaca scrivendo sotto
“le directeur”: fu il primo dei miei grandi
crimini. Incuriosito dalle mie cattiverie,
il sorvegliante aprì poi la mia cartella e
trovò due libri terribili e vietatissimi: “Si
le grain ne meurt” di Andre Gide (la sua
autobiografa da giovane omosessuale in
Nord Africa) e “Il diavolo e il buon Dio”
di Jean Paul Sartre.
Buttato fuori dal collegio fui poi mandato
poi in Italia. Anche in questo senso devo
molto e parecchio ai libri ma anche dopo
mi sono stati spesso utili offrendomi veri
colpi di fortuna.
Io ci campo con i libri, mi servono a fare
questa cosa, strana e indefnibile, che è
il mio lavoro, quello della” ricerca”. Ogni
tanto però pongo anche domande di
sfducia: per esempio, la prima lezione al
Politecnico la faccio contro la bibliogra-
fa, il che mi rende subito l’aula simpatica
perché suggerisco solo due libri. Uno
fondamentale come la storia e la raffnata
critica dell’idiota in “Il buon soldato Svejk”
di Hasek: un demente che rifette: “allora,
se il colonnello è scemo, forse la Prima
Guerra Mondiale è sbagliata”. Raccoman-
do poi l’acquisto della Treccani, “usata”.
Nell’insieme è un ottimo strumento di
formazione. Viviamo momenti di muta-
mento straordinario nel rapporto con il
supporto cartaceo e con Internet. Il mec-
canismo di ricerca Internet è molto utile,
a condizione di saper cercare in un paio
di lingue oltre all’italiano per incrociare le
informazioni. Internet è una “rimanen-
za di sapere”, un pozzo costantemente
appresso, ben diverso dalle biblioteche.
Oggi, basta sapere che il trattato di West-
falia esiste e che fu fondamentale.
In qualsiasi momento uno dimentichi date,
nomi e fatti, va lì, clicca e la risposta ce l’ha:
i ragazzi oggi non sono cretini, semplice-
mente sono indirizzati verso un percorso
innovativo circa il bagaglio delle cose da
ricordare. Jean Paul Sartre diceva una cosa
molto carina, nel 47’: “la Storia non è al-
tro che la presa di coscienza del passato
da parte del presente”. Questa presa di
coscienza è un dato costante del nostro
vivere, a noi non interessa tutto il passato,
ci interessa di volta in volta quello che ci
può tornare utile per capire il presente,
Internet, quindi, non va poi tanto male.
I libri sono utili, a condizione che uno
ne abbia tanti (messaggio promoziona-
le degli editori) ma non perché uno li
deve comperare qui si offendono i librai)
non dico rubare ma spesso arrivano per
vie inattese. Bisogna averli, maneggiar-
li per generare con loro un particolare
rapporto,quello della casualità. Altra pre-
messa: i romanzi sono fondamentali.
Ognuno di noi è ciò che è perché ad un
certo punto è stato “colpito” da un gran-
de libro ed il trovarlo ci indirizza. Quando
ero ventenne, rimasi un intero inverno
colpito nello stomaco da “La crocifssione
rosea” di Henry Miller.
Se psicologicamente sono diventato un
“situazionista imperterrito”, creo sia in
grande parte colpa di quella lettura. I ro-
manzi sono fondamentali anche se hanno
un difetto terribile: bisogna leggerli dall’i-
nizio alla fne, che è tremendo. Altri libri
sono fantastici perché uno può leggerne
un pezzo e se trova il pezzo giusto è a
posto. Se il romanzo è formativo sono
utili anche la saggistica, la storia, le analisi,
e in fondo anche la poesia. Il libro che
insegna invece svolge un rapporto parti-
colare, e sono convinto che ci giochi un
ruolo anche la “Provvidenza”. Nel 1998
mi fu chiesta una conferenza per i 150
anni della prima edizione del Manifesto di
Carlo Marx; io vivo in una casa che ha un
terrazzo abbastanza grande, coltiviamo
varie piante ed a primavera crescono i
bambou. Poiché conviviamo anche con
alcuni cani, mia moglie ebbe l’idea geniale
di proteggere questi bambou con due se-
die di ghisa sulle quali fece un accumulo di
libri, ce ne sono sempre tanti in giro per
casa, passando io rimasi colpito e mi dissi:
“..però se piove è un peccato, cos’è che
stiamo per distruggere”. Ho preso quel-
lo che stava sopra, ed era una edizione
del 1944 stampata, a Losanna, per i primi
incontri della futura Comunità d’Europa.
Non so come sia arrivato a casa mia
quella una ripubblicazione di Le Peuple
di Jules Michelet, un libro del 1846, che
affrontava gli stessi argomnti di Marx ma
diversamente e come analisi della socie-
tà francese. Sosteneva Michelet che la
grande contraddizione fosse quella fra chi
abitava in città e le peuple infnito delle
campagne francesi: per me fu una manna
poter scoprire, presentando il Manifesto
del ‘48, che due anni prima si era espo-
sta una tesi, radicalmente diversa ma poi
diventata una tesi signifcativa e 120 anni
dopo sarebbe stato un libro fantastico
per un cinese maoista.
Passando sempre nel mio terrazzo, tirai
fuori anche un piccolo libricino che si
stampava in Italia negli anni ‘20 (D’An-
nunzio ne andava matto) con una coper-
tina di cuoio stampato ed una sorta di dio
greco in copertina ed anche questo era
un altro libro bizzarrissimo: “Le lettere di
Proudhon a Carlo Marx: in cui gli dice:
“…stai attento tedesco, pensi che l’eco-
nomia sia l’unica regola del mondo ….
corri un rischio gravissimo voler abolire le
religioni e diventare un nuovo luterano”:
frecciata anarchica straordinaria.
(continua il prossimo numero)
Pietro Sergio Mauri
5079512_EdizN3_2012_OK.indd 30 21/05/12 13:57
ekexeiria 31
Signor Presidente,
Sul Corriere della Sera di oggi lei dichiara:
“Da sempre lavoro perché l’ Italia somigli il
più possibile alla Germania”. L’ ammirazio-
ne per il mondo tedesco è condivisibile
e, a mio parere, particolare per la conf-
nante Austria – con cui Trieste ha storici
legami- dove, pur essendo un piccolo pa-
ese privo di poderoso apparato industria-
le, si è sviluppata un’ economia sociale di
mercato a cui si è saputo unire il rispetto
per la tradizione.
Nei suoi viaggi europei lei avrà certamen-
te visitato le librerie tedesche. E avrà no-
tato che in Germania e Austria non viene
praticato alcuno sconto sui libri perché
è vietato per legge (in Francia e Spagna
lo sconto massimo consentito è del 5%).
Ciò nonostante “I giovani tedeschi amano
leggere” come titolava il quotidiano eco-
nomico Italia Oggi del 7 gennaio riportan-
do una autorevole ricerca, non solo, ma
“quasi nessuno di loro sceglie l’e-book” elet-
tronico ma preferisce la carta. In Italia in-
vece, dove da anni si sono introdotte nel
mondo del libro tecniche di marketing da
supermercato con sconti e offerte specia-
li a raffca, i giovani leggono molto poco
e i lettori sono addirittura calati mentre
restiamo da anni al terz’ultimo posto in
Europa quanto a lettura di libri nonostan-
te le superofferte. Come professore di
economia ha certamente ben presente la
stretta correlazione fra indice di lettura di
un paese e il suo PIL ed è per questo che
paesi importanti come Germania, Fran-
cia, Spagna, Austria hanno severamente
regolamentato gli sconti sul mercato del
libro ritenuto strategico per consentire lo
sviluppo di una rete di librerie indipen-
denti, garanzia di diffusione della cultura e
di pluralismo. Evidentemente la diffusione
della lettura non è una questione di sconti
che, in realtà, in Italia vengono praticati su
prezzi civetta gonfati apposta dagli edito-
ri che hanno facoltà di imporre il prezzo
stampandolo sulla copertina. I libri po-
trebbero costare di meno tutto l’ anno se
i prezzi non inglobassero i costi di campa-
gne commerciali a suon di sconti con cui
è stato drogato il mercato da anni, senza
alcun risultato positivo. Molti pensano
che i libri nelle librerie siano in deposito
mentre in realtà sono acquistati presso
editori e distributori con sconti che per
il libraio indipendente sono anche della
metà di quelli praticati alle Catene e alla
Grande Distribuzione. Vi è libertà di con-
correnza se alle librerie indipendenti lo
sconto è del 25% e alle Catene del 50%?
Nel suo primo decreto SalvaItalia si legge
che sono considerate casi di pratica com-
merciale sleale le condizioni commerciali
praticate da produttori e distributori che
discriminino farmacie e parafarmacie (i
farmaci hanno il prezzo imposto come
i libri). Che dire invece delle condizioni
commerciali che discriminano fra Librerie
Indipendenti e Catene, Grande Distri-
buzione e Internet? Si arriva al doppio di
margine. Dove va a fnire la pari oppor-
tunità? Come può un giovane aprire una
libreria se si trova subito strangolato dalla
concorrenza di Catene e supermercati a
suon di sconti che nel suo caso assorbo-
no più di metà del margine e addirittura
lo superano nel caso dei testi scolastici
e universitari? Quando lei, signor presi-
dente, gira nei grandi paesi europei potrà
trovare librerie con giovani preparati e
sereni anche nei piccoli centri mentre da
noi le librerie indipendenti si stanno estin-
guendo. Giovani librai sereni perché in
Germania, oltre al divieto di sconto, non
è consentito che un Editore diventi det-
tagliante aprendo una Catena di librerie
in concorrenza con quelle indipendenti.
Si pensi a Mondadori, che da solo detiene
oltre un terzo del mercato librario che ha
oltre 550 punti vendita affliati: ha forse
diffcoltà a praticare lo sconto del 15%
ai lettori, massimo consentito dalla legge
italiana, facendo concorrenza alle librerie
indipendenti che rifornisce a condizioni
più sfavorevoli delle sue? Ma anche alle
Feltrinelli, alle Giunti e Ubik legate al grup-
po Longanesi. In realtà il mercato del libro
italiano è gestito a livello di produzione,
distribuzione e dettaglio da un oligopolio
di pochi grandi gruppi editoriali. Monda-
dori, Rizzoli, LonganesiGEMS-Giunti, Fel-
trinelli. In altri paesi questo non sarebbe
consentito e visto come una minaccia
al pluralismo e alla libera concorrenza.
In Italia invece il mercato del libro e so-
stanzialmente bloccato dai grandi gruppi
editoriali e dai loro distributori.
In Italia è consentito che editori facciano
i dettaglianti così come lo fanno Gros-
sisti e Distributori, anche via Internet. E’
chiaro che avendo i libri a prezzo di pro-
duzione o di grossista possono fare una
concorrenza spietata eliminando le libre-
rie indipendenti, ed anche i giovani entu-
siasti che vorrebbero aprirle, mirando al
controllo totale di un mercato strategico
come quello culturale. Una libreria di ca-
tena o un distributore via Internet hanno
bisogno di poco personale: una libreria
indipendente di molto, qualifcato e più
costoso.
La prego, Signor Presidente, di far somi-
gliare – magari per decreto- il mercato
del libro italiano a quello tedesco: Edito-
ri, Grossisti e Librai che facciano ognuno
il suo mestiere senza invasioni di campo
con pari opportunità e uguali condizioni
commerciali, niente sconti ma prezzi bassi
tutto l’ anno se non su tutti i libri almeno
sulle novità degli ultimi 9 mesi.
Otterrà un ribasso generale dei prezzi di
copertina, una rete capillare di librerie e
una moltiplicazione di posti di lavoro per
giovani culturalmente preparati ma disoc-
cupati come ero io quasi 40 anni fa.
E non costerà niente allo Stato .
Trieste 11/1/2012
Paolo Deganutti
Libreria Luigi Einaudi Trieste
Membro del Comitato
di Presidenza Nazionale dell’ ALI
(Associazione Librai Italiani)
LEttERa apERta dI un LIBRaIo aL pREsIdEntE MontI
5079512_EdizN3_2012_OK.indd 31 21/05/12 13:57
ekexeiria 32
Ekecheiria organo d’informazione dell’Associazione Culturale Librerie Storiche e Antiquarie d’Italia a diffusione gratuita - Registrazione Tribunale di Milano n. 9098
del 31/03/2008. Direttore: Emanuele Lazzati - Assistente: Drina Xhoga - Progetto grafico: Donatella Bertoletti - Sede: Galleria Vittorio Emanuele II, 12 - 20121 Milano
e.mail: drina.ekecheiria@tiscali.it cell. 345 2886546 - CALS centro acquisti librerie storiche- cell. 339 6859871 COPIA GRATUITA
Associazione Culturale
Librerie Storiche e antiquarie d’Italia
FONDATA a milano NEL 2004
E k e c h e i r i a Anno V - Numer o 3 - 2012

˛
´
P E R I ODI C O DI I NF OR MAZ I ONE DE L L’ AS S OC I AZ I ONE
Gabriele Buratti, Profugo n. 2, 2010, olio su tavola, cm 84 x 68
IMPAGINATO 2009 OK 10-04-2012 10:42 Pagina 1
5079512_EdizN3_2012_OK.indd 32 21/05/12 13:57

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->