P. 1
(eBook - ITA - ESOTER) Agrippa, Enrico Cornelio - La Filosofia Occulta o La Magia Vol.1 (TXT)

(eBook - ITA - ESOTER) Agrippa, Enrico Cornelio - La Filosofia Occulta o La Magia Vol.1 (TXT)

|Views: 16|Likes:
Published by Dio Apollo Delfico

More info:

Published by: Dio Apollo Delfico on Jun 21, 2012
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as TXT, PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

12/09/2013

pdf

text

original

Delle predizioni tratte dai baleni e dalle folgori e come bisogni interpretare
i presagi e i prodigi.

Gli indovini e i sacerdoti etruschi ci hanno insegnato a interpretare i
presagi dei baleni, delle folgori, dei portenti e dei prodigi. Essi hanno
ripartito l'aria e il cielo in sedici regioni attribuendo a ciascuna il suo
nome; hanno classificato undici specie di folgori e nove divinit che le
scagliavano e ne hanno spiegato i significati. Certo i prodigi contrassegnano
sempre alcunch di grande e d'inusato, ma occorre che coloro che li
interpretano sappiano valutare acconciamente i riferimenti e le
rassomiglianze, che ne conoscano i principi informatori, che sieno al corrente
degli affari e degli interessi della nazione, nonch dell'indole dei suoi
governanti, perch gli astri le costellazioni e i prodigi sogliono avvertire
in precedenza i principi i popoli e le nazioni degli eventi futuri.

Bisogna quindi considerare quanto di simile sia gi accaduto in passato e le
conseguenze che ne derivarono e per riferimento predirre eventi simiglianti,
giacch avvenimenti simili offrono le medesime particolarit , gli stessi
rapporti, identiche concordanze.

Cos segni premonitori e prodigi hanno accompagnato la nascita e la morte
d'illustri personaggi e Cicerone cita l'esempio di Mida fanciullo, nella bocca
del quale, mentre dormiva le formiche deposero granelli di frumento, che
pronosticavano ricchezze fuori del comune. Nello stesso modo le api che si
posarono sulle labbra di Platone dormente, ne predissero l'eloquenza. Ecuba,
quando era incinta di Paride, che doveva poi porre a fuoco Troia e l'Asia
intera, si vide generare in sogno una torcia accesa. La madre di Falaride vide
un Mercurio spargere tanto sangue da riempire tutta la casa. La madre di
Dionigi sogn di partorire un satiro. La moglie di Tarquinio Prisco, avendo
visto una fiamma coronare il capo di Servio Tullio, gli predisse il trono.
Cos pure, dopo la presa di Troia, mentre Enea disputava col padre Anchise per
decidere se toccasse restare nel regno a lui o ad Ascanio, apparve una fiamma
sul capo di quest'ultimo ad annunziargli il trono, decidendo Enea ad
espatriare.

Tutti gli avvenimenti e le disfatte eccezionali sono state precedute da
particolari segni e da prodigi. Si legge in Plinio che sotto il consolato di
Marco Attilio e di Caio Porzio una pioggia di latte e di sangue aveva predetto

la peste di Roma dell'anno seguente. Cos pure, al tempo del consolato di
Lucio Paolo e di Gaio Marcello, si pot vedere una pioggia di lana che
predisse la morte di Tito Annio Milone, avvenuta nell'anno successivo.
All'epoca della guerra dei Cimbri, si ud in cielo strepito d'armi e clangore
di trombe. E Tito Livio, parlando della guerra di Macedonia, dice che
nell'anno in cui se ne allontan Annibale, si verific una pioggia di sangue
durata due giorni. E nel parlare della seconda guerra Cartaginese, riferisce
che mentre Annibale devastava l'Italia, cadde dal cielo acqua mista a sangue.
In Lacedemonia, un po' avanti la disgrazia toccata a Leuctria, si ud strepito
di armi nel tempio d'Ercole e quasi contemporaneamente le porte del tempio
d'Ercole a Tebe, che erano chiuse, si spalancarono da sole e le armi sospese
alle pareti del luogo sacro rovinarono strepitosamente al suolo.

I pronostici da ritrarre da simili avvenimenti vanno modellati su avvenimenti
simiglianti. Per occorre conoscere bene le influenze dei corpi celesti, di
cui discorreremo pi diffusamente in appresso.

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->