mood

Autoritratto, 1975 ©Robert Mapplethorpe Foundation. Used by permission
4
Milano Moda Uomo,
i vestiti nuovi dell’I mperatore
di E nr i co M ar i a A l bamont e
16
Mapplethorpe, ritratto di un artista
di V al er i a G ar avagl i a
18
L’evoluzione della specie denim
di Car l ot t a Car ecci a Sangui net i
24
Art director, quando l’erede è in casa
di V al er i a G ar avagl i a
CREATIVITÀ, TENDENZE, PRODOTTO Issue 167
R
e
g
i
s
t
r
a
z
i
o
n
e

t
r
i
b
u
n
a
l
e

d
i

M
i
l
a
n
o

n
°

5
2
8

d
e
l

2
5
/
1
0
/
2
0
1
1
4
MI LANO MODA UOMO | SFI LATE
I VESTITI NUOVI
DELL’IMPERATORE
di E nr i co M ar i a A l bamont e
MOODABOLARIO
MILAN MENSWEAR FALL WINTER 2012-13
m
o
o
d
|
2
.
2
.
2
0
1
2
Un ulteriore sviluppo della grafica e una veste editoriale accattivante: così è il nuovo Mood Uomo, che vuo-
le porsi come strumento inedito per approfondire mode e attitudini con un suo personale colpo d’occhio e
una nuova attenzione agli addentellati fra moda e cinema, un tema sempre aperto a nuove letture. Con il suo
primo “Moodabolario” Mood propone oggi il suo punto di vista sulle ultime passerelle maschili di Milano.
5
MI LANO MODA UOMO | SFI LATE
Un’anima divisa in due: abbottonati contro
indignati, fighetti contro maledetti. E’ apparsa
bipolare, quasi schizoide la moda maschile
per l’autunno-inverno 2012-13 che ha tenuto
banco a Milano questo mese di gennaio.
Un panorama che accredita una raf finata
decadenza, vista con gli occhi di un giovane
che cerca di cogliere il lato ironico anche
nel grottesco momento che stiamo vivendo.
E proprio grottesco è la password che può
aiutare a capire questo delicato zeit geist di
cui la moda, ancora una volta, si f a interprete.
Grottesco perché tutte le scale di valori
precedenti sembrano dissolversi in attesa di
nuove tavole assiologiche. Grottesco perché
l’estetica imperante guarda al passato per
trovare una nuova direzione del gusto. Ma poi
spiazza sempre, perché a quest’aria di riflusso
che spira sulle teste gomminate dei modelli
pettinati come i gangster nemici di J.Edgar
Hoover, non f a da contrappunto nessun vero
passo in avanti. C’è però chi ha il coraggio di
dire la sua e, se necessario, di “ urlarla” : questa
è stata la scelta di D onatella Versace che alla
tendenza dilagante ha opposto un’audace
resistenza. Risultato? Un uomo decisamente
positivo, sensuale come N ick K amen,
travolgente come George Michael dei tempi
d’oro, un po’ f olle come Prince, ma sempre
sé stesso con i colori vibranti, la sua voglia di
divertirsi, di ballare e di brillare, in un tripudio
di nappa matelassé, dettagli di visone fluo,
catene d’oro, borchie e giubbotti ricamatissimi
a motivi camouflage. Un signore edonista e
spensierato perché incurante dei tempi cupi
e dell’austerity. Altrove, con esiti altrettanto
eclatanti e suggestivi, sulla passerella di Prada
rivestita da un tappeto stilizzato come un
interno berlinese di Weimar, sfila un Adrien
Brody gaudente. A vederlo così marciare
sicuro in pedana, sotto le luci al neon sembra
la reincarnazione, filtrata da uno specchio
def or mante data la sua elegante snellezza, di
un personaggio di George Grosz, Otto D ix
o di Franz Borghese, con i suoi f eticci ben in
vista. Gli manca solo il monocolo per andare
m
o
o
d
|
2
.
2
.
2
0
1
2
L’ULTIMO IMPERATORE,
PLURIPREMIATO
KOLOSSAL DEL 1987,
DIRETTO DA BERNARDO
BERTOLUCCI.
UN FILM CHE BEN
RAPPRESENTA
L’ESSENZA DELLA
NUOVA ELEGANZA
DECADENTE AL
MASCHILE.
m
o
o
d
|
2
.
2
.
2
0
1
2
Colto, anglofilo, decadente e maledetto
come il barone di Charlus, Huysmans,
il vate D’Annunzio o Barbey D’Aurevilly,
il nuovo esteta digitale esce dalla sua
tana di consumato sciupafemmine per
continuare imperterrito nella sua missione:
fare della vita una seducente opera
d’arte infischiandosene delle regole e dei
codici dell’establishment ma senza mai
rinunciare ai suoi feticci. Uno per tutti?
Una faustiana giacca di velluto : rossa,
diabolica e raffinata.
Moschino
o
m
o
o
m
o
o
m
o
oo
m
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
oo
m
o
o
m
o
o
m
o
ooooo
m
o
o
m
o
o
o
oo
m
o
o
o
oo
m
o
o
m
o
o
o
o
m
o
o
o
oo
m
o
o
m
o
o
m
o
oo
m
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
oo
m
o
o
m
o
m
oooooo
m
ooo
m
o
m
o
m
oooo
m
oooo
m
oooooo
m
oo
m
oo
m
oo
mmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmm
dddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddd
|||||||||||||||||
2
.
2
2
.
2
2
.
2
2
.
2
2
.
2
2
.
2
2
.
2
2
.
2
.
2
2
.
2
.
2
2
.
2
.
22
2
.
22
2
.
2
2
.
2
2
.
22
2
.
2222
2
.
22
2
.
2
2
.
222
2
.
22
2
.
222222
2
.
22222
2
.
222222
2
.
2
2
....
222222222222222222222
2
0
2
00
.
2
00
.
2
0
.
2
0
2
0
.
2
0
2
0
.
2
0
2
00
2
0
2
0000
.
2
0
2
00
2
0
.
2
00
.
2
00
.
2
0
.
2
00
.
2
0
2
00
2
000
.
2
0
.
2
0
.
2
0
.
2
000000
2
000
.
2
0
2
.
22222222222222222
.
2
.........
1
2
1
2
1
222
1
222
1
2
1
22222
1
22
1
22
1
22
1
222
1
22
1
22
1
2
1
2
1
2
1
2
111111111111111111
|||||
m
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
oo
m
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
oo
m
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
o
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
oooo
m
o
o
m
o
o
m
o
m
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
oo
m
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
m
o
o
m
o
o
m
o
o
o
o
m
o
ooo
m
o
oo
m
o
ooo
m
o
m
o
m
oo
m
oo
m
o
m
o
m
o
m
o
m
oo
m
oooo
m
oo
m
oooo
m
o
m
o
m
oo
m
oo
m
ooo
m
oo
m
oo
m
o
m
oooooo
m
ooo
m
ooo
m
oo
m
o
mmmmmmmmmmmmmmmmmmmm
ddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddd
|||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||
2
2
2
2
2
2
22
2
2
2
22
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2222
2
2
2
22
2
2
2
2
2
22
2
22
2
2
2
2
2
22222
2
2
2
22
2
2222
2
2
2
2222
2
22
2
2222
2
22
2
222
2
2
222222222222222222222222222
2
0
2
0
2
0
2
0
2
0
2
0
2
00
2
0
2
0
2
0
2
0
2
0
2
0
2
0
2
0
2
0
2
0
2
0
2
00
2
0
2
00
2
00
2
0
2
0
2
0000
2
0
2
0000
2
0
2
0
2
000
2
0
2
0
2
0
2
0
2
0
22
0
2
0
2
0
22
0
2
0
2
0
22
00
2
0
2
0
2
0
22222222222222222222222222
1
2
1
2
1
2
1
2
1
2
1
2
1
22
1
2
1
2
1
2
1
2
1
2
1
22
1
22
1
2
1
22
1
22
1
2222
1
222
1
2
1
222
1
2
1
22
1
222
1
2
1
2
1
22
1
222
1
22
1
2
111111111111111111111111
o
m
o
oo
m
o
oo
m
o
oo
mm
o
o
o
o
m
o
ooooooooo
o
o
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
o
mm
o
o
m
o
oo
oo
m
o
m
oo
m
o
m
oo
m
o
m
o
m
ooo
m
ooo
m
ooooooo
mmmmmmmm
dddddddddddddddddddddddd
||||
2
2
2
2
2
2
222
2
22222
2
22222
2
222222222
2222222222
0
2
0
2
0
2
0
2
0
2
00
2
0
2
0
2
0
2
0
2
0
22
0
2
0
2
0
2
0000
2222222222222
1
2222222222222222222
1111111111111111
o
m
o
o
m
o
oo
m
o
ooo
m
o
o
o
m
o
oooooo
o
o
o
o
m
o
m
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
o
o
m
o
m
oo
m
oo
m
o
m
o
m
ooo
m
ooooo
mmmmmmmm
dddddddddddddddddddddddddddd
||||
2
2
2
2
2
2
222
2
22222
2
22222
2
222222222
2222222222
2
0
2
0
2
0
22
0
2
00
2
0
2
0
2
0
2
0
2
0
22222
0
2222222222222
222
1
2222222222
1
222222
1111111111111111
|||
m
o
o
m
o
oooo
m
o
oo
m
o
oo
m
o
oo
mm
o
o
m
o
m
o
o
o
oo
mmmm
o
m
o
m
o
m
ooo
mmmmmmmmmmmmmmmmmmmm
dddddddddddddddd
|
2
2
2
2
2
2222222222222222
2
22
2
2
222222
2
0
2
0
2
0
2
0
2
00
2
0
2
0
2
0
2
0
2
0
2
0
2
00
2
0
2
0
2
0
2
000000
22222222
1
2
1
22
1
2222222
1
22
1111111111
m
o
o
m
o
ooooo
m
o
oo
m
o
oo
m
o
oo
mm
o
oo
m
o
o
m
o
o
o
oooo
m
o
o
mmm
oooo
m
ooo
m
o
m
ooo
mmmmmmmmmmmmmmmmmmmm
ddddddddddddddddddddddddddddddd
||||
2
2
2
2
2
2222222222222222
2
22
2
2
222222
2
0
2
0
2
0
2
0
2
00
2
0
2
0
2
0
2
0
2
0
2
0
2
00
2
0
2
0
2
0
2
000000
22222222
1
2
1
22
1
22222222222
1
222
1
2
11111111111
Corneliani
Prada
Hogan
Etro
IL DANDY
DI CARATTERE
SI VESTE HOLLOH
Si scrive Holloh, si legge
couture à porter. Il progetto
sartoriale che da appena tre
stagioni il creativo napoletano
Giuseppe Monaco presenta a
Parigi, emula l’eleganza di
certi aristo-dandy con un gusto
sofi sticato ma attento allo
spirito della modernità. Forme
fl uide, tessuti pregiatissimi e
volumi destrutturati defi niscono
un’identità in progress in
bilico fra maschile e femminile
ma senza ammiccamenti a una
trasgressione eclatante. Ogni
sei mesi il concept di Holloh
si evolve con garbo esplorando
la sensibilità di personaggi
infl uenti sull’estetica maschile
contemporanea : da Jean Cocteau
al Tadzio di Morte a Venezia
fi no al Grande Gastby a cui
si ispira la collezione per
l’inverno 2012-13. Un tripudio
di pellicce e di tagli tailor
made per un uomo che Monaco
defi nisce “sensuale e dotato
di sottile ironia: uno che
ama infrangere i cliché ed è
allergico ai diktat”. E.M.A.
f
o
t
o

d
i

M
a
r
k
u
s

S
a
r
n
a
||
m
o
o
m
o
o
o
o
m
oo
m
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
o
mm
oo
mmmmmmm
ddddddddddddd
||
2
.
2
2
.
2
2
.
22
2
.
22
2
.
22
2
.
22
2
.
222
2
..
2
2
0
2
0
2
0
2
0
2
0
2
0
2
0
2
00
2
0000
22
2
1
2
1
22
1
2
1
22
1
2
11
22
11111
m
o
o
m
o
o
m
o
m
o
o
o
m
o
o
o
o
m
o
o
m
o
o
m
o
o
m
oo
mmmmmmmm
dddddddddddddd
||
2
.
2
2
.
2
2
.
22
.
22
2
.
22
2
.
22
2
.
2
.
222
2
.
22
2
.
2
.
222
2
0
2
0
2
0
2
0
2
0
2
0
2
0
2
0
2
00
2
000
2
1
22
1
22
1
2
1
22
1
2
1
2
1
2
11111

L
u
c
a

D
e
l

B
a
l
d
o
,

C
o
l
l
e
z
i
o
n
e

d
e
l

V
i
t
t
o
r
i
a
l
e
,

M
u
s
e
o


D

A
n
n
u
n
z
i
o

s
e
g
r
e
t
o

Gabriele D’Annunzio
Holloh
6
| SFI LATE MI LANO MODA UOMO
7
m
o
o
d
|
2
.
2
.
2
0
1
2
MI LANO MODA UOMO | SFI LATE
Hemingway al fronte, Fidel Castro ma anche il mitico Che e Michael Fassbender,
impavido ufficiale british nei panni di Archie Hicox in “Bastardi senza gloria”
di Quentin Tarantino. Tutti pazzi per il basco che ha sempre funzionato per
dare carattere al look delle teste calde, persino a quello dei pittori del Seicento
Olandese e di Paul Poiret. E oggi anche per chi non ama passare inosservato si
rifà vivo occhieggiando fra decori luccicanti e lustrini disco-glam.
Giorgio Armani
Emporio Armani
Versace
all’Opera o sbirciare le grazie di qualche
avvenente gentildonna, infilato nel suo
cappottino rosso decorato da piccoli
motivi cravatteria impressi sul tessuto,
e da rever a lancia di astrakan bicolore.
E’ questa l’epitome del powerdressing
maschile che si prende gioco di sé stesso.
Anche Gar y Oldman, eroe nell’ombra de
“ La talpa” , era solenne e altero in pedana
come l’impavida spia del romanzo di
John Le Carré che interpreta sul grande
scher mo.
I nf atti la spy stor y è adatta a illustrare
il senso di mistero, il piacere sottile per
l’ignoto e il “ giallo” che si aggira nella testa
dell’uomo di oggi ancorato, nonostante
alcune punte di eccentricità, alla sua
divisa f or male f atta di bei completi
sartoriali vagamente anni ‘50, corredati
dall’irrinunciabile cravatta e magari dalla
pochette al taschino. E’ evidente che
Miuccia Prada corteggia l’intellighenzia.
I l suo dialogo con il pubblico maschile
che f ortunatamente “ accetta senza
pregiudizi il suo coté f emminile e detesta
la sciatteria” per usare le sue stesse parole,
riscopre l’eleganza imperiale, quella
di Pu Yi, ultimo, sventurato monarca
della Cina avvolto dai languori saturi
e dai f umi dell’Oppio della opulenta
Città Proibita che Bernardo Bertolucci
ha saputo raccontare così bene. E
che ben rappresenta il desiderio di
gigantismo ipertrofico e pomposo in auge
nell’immaginario dei nuovi ricchi cinesi e
dei magnati r ussi stile Abramovich.
La moda reagisce con equilibrio, ma
originalità come le si addice, f ra
Michael Fassbender in
Bastardi senza gloria
8
m
o
o
d
|
2
.
2
.
2
0
1
2
MI LANO MODA UOMO | SFI LATE
8888
.
2
0
1
2
.
2
0
m
o
m
o
2
1
2
o
o
d
|
o
o
d
|
1
2
|
2
.
2
.
2
0
1
2
m
o
o
d
|
2
.
2
.
2
Lo stile rientra nei ranghi
e sancisce il ritorno a
una nuova disciplina
sartoriale dagli accenti
grunge, laddove l’anima
inquieta e shabby-chic di
Kurt Cobain, leggendario
solista dei Nirvana,
incontra l’imperioso Gerard
Butler dell’epica saga di
“Coriolanus”. Risultato?
Una falange di moderni
opliti in parka camouflage,
giacchine gallonate da
cadetto e anfibi duri e
puri, pronti a mimetizzarsi
nella giungla d’asfalto con
un look impettito ma non
troppo.
Dsquared2
Stone I sland
Ermanno Scervino
Umit Benan
pantaloni di tweed e flanella infilati negli
anfibi o tagliati a metà polpaccio stile
Tin Tin, pellicce voluminose, ricciolute
e imponenti che sarebbero piaciute al
Granduca D imitri, giacche da camera di
broccato, gilet di piume multicolori come
uccelli del Paradiso, sciarpone lunghissime,
trench lucidi come vinile, mantelle stile
aquilone, f rac e smoking come quelli di
Jean D ujardin in “ The artist” e pantof ole
in velluto ricamate o a pois. E poi in quasi
tutte le ultime sfilate milanesi sembrava
materializzarsi Helmut Berger, quello
di “ Ludwig” e de “ La caduta degli dei” ,
bello e randagio come tutti gli anti-eroi
antiborghesi di Fassbinder, ammantato
nei velluti ricamati d’oro, nei tabarri
preziosi decorati da f regi talari come i
principi siciliani di D olce& Gabbana che
esasperano, con divagazioni neo-barocche,
Gerard Butler
in Coriolanus
9
m
o
o
d
|
2
.
2
.
2
0
1
2
MI LANO MODA UOMO | SFI LATE
IL GLAMOUR
MASCHILE SCEGLIE
L’ITALIAN WAY
Era ora. Finalmente l’Italica
bellezza si prende la sua
rivincita in pedana come nei
parterre delle sfi late schierando
gli adoni nazionali. A partire da
Pierfrancesco Favino che dopo il
successo di Romanzo Criminale,
con A.C.A.B. e l’Industriale sta
facendo incetta di consensi al
botteghino con una recitazione dal
piglio naturale ma istrionico.
Non è da meno Elio Germano che si
è materializzato alla sfi lata di
Giorgio Armani insieme ad altri
colleghi come Giorgio Pasotti.
Il talento dalla fulva chioma
ha approfi ttato del suo passaggio
nel capoluogo lombardo con la
pièce Thom Paine sul palcoscenico
del Franco Parenti. E anche fra
i modelli c’è chi fa onore al
tricolore : parliamo di Simone
Nobili che giovanissimo è già
nella top ten dei modelli più
richiesti mentre un altro top come
Andrea Preti sta facendo il grande
salto per farsi strada nello
showbiz americano. E.M.A.
Da sinistra: Elio Germano, Pierfrancesco Favino,
Alessandro Siani e Giorgio Pasotti
il nuovo culto capriccioso e galante della
teatralità anti-spread. Ma poi quanto
è borghese e quanto è invece ribelle e
anticonf or mista il nuovo maschio? I n
America, Ryan Gosling, ingiustamente
escluso con il capolavoro “ D rive” dalla
corsa agli Oscar, sta diventando un vero
e proprio arbiter elegantiar um con i suoi
look controcorrente in cui mescola tutto
e il contrario di tutto. A conf er ma che nel
guardaroba maschile ciò che conta non è
quello che porti, ma come lo porti. Prendi
il cappotto doppiopetto da diplomatico
o da broker di Wall Street: dopo aver
soppiantato (finalmente) l’or mai trito
piumino ha assunto un tono tutto suo,
sf oderato, avvitato, lievemente imbottito.
I n f ondo, il cappotto ha tante vite tutte
attraenti: lo portava Marlon Brando (senza
sciarpa) in “ Ultimo tango a Parigi” e oggi
lo porta (con sciarpa) Michael Fassbender
sulla metropolitana di Manhattan in
“ Shame” . I n ogni caso, destr utturato
e conf ortevole com’è nella sua nuova
versione un filo snob, è irrimediabilmente
sexy e gli uomini di ogni età vorranno
portarlo anche quando la colonnina di
mercurio si abbasserà drasticamente.
Come è sexy l’unif or me - del resto - lo
dimostra il protagonista di “ Homeland” ,
ambiguo anche lui, ma anche lo stesso
Fassbender che, da sex addicted, passa
al r uolo di kamikaze dell’antinazismo
10
m
o
o
d
|
2
.
2
.
2
0
1
2
MI LANO MODA UOMO | SFI LATE
MASCHI ON STAGE
IN ONORE DI SUA
MAESTÀ LA MODA
Stilisti o “strillisti”? A Milano
l’uomo in passerella fa scalpore
e dà spettacolo. E la città di
Pisapia si veste a festa per
ospitare stelle del cinema, party
nottambuli e sfi late animate da
esibizioni teatrali o concerti
live. Come quello di Emelì Sandè
che ha allietato il pubblico
della sfi lata-evento di Siviglia
con il suo singolo Heaven che
piace anche ai rapper britannici.
Ma l’allestimento da standing
ovation se l’è aggiudicato Prada;
la signora milanese della moda
ha arruolato Gary Oldman, Adrien
Brody, Willem Dafoe e molte altre
star per un en plein di luci
al neon e tappeti rossi. Non è
mancato il coup de théatre di
Frankie Morello che ha mandato in
pedana un asceta senza veli. Per
non parlare del videoclip della
nuova campagna pubblicitaria di
Dolce&Gabbana, un aff resco da
cinema tutto casa e famiglia, fra
trine e canotte stile “Baarìa”.
E.M.A.
Un momento della peformance del Cirque du
Soir in occasione della sfilata di Philipp Plein
inviato di Churchill in Francia in “ Bastardi
senza gloria” di Quentin Tarantino, il
mago del cinema pulp che lo ha scoperto.
Fassbender è l’incarnazione perf etta
dell’uomo del momento. Giovane, ma
apparentemente senza età ossia “ ageless” ,
come lo definirebbero in America e come
deve essere l’archetipo degli adoni di oggi.
Sì perché di dandismo se ne è visto tanto
in passerella: come da Moschino che in
omaggio al suo “ Savile Rock” alterna la
bombetta dei veri gentlemen britannici
agli abiti dipinti dai graf fitisti ma anche
il nuovo Faust di Terr y Gilliam, un altro
che odia prendersi sul serio e ama il
grottesco e l’umorismo. Un po’ come
l’ultimo dandy N ino Cerr uti: “ Per chi ha
ricevuto un’educazione borghese come
me violare le regole con la coscienza di
essere un eretico è galvanizzante. I l vero
lusso? Una Harley D avidson perché
è artigianale” . Così si spiega anche la
passione tipicamente maschile per la
velocità condensata in completi sportivi
dinamici e scattanti come quelli di Moncler
Gamme Bleu ispirati alla For mula Uno:
lì sì che c’è grinta vera ed è lecito provare
un’ebbrezza sempre nuova. Le spalle
sovradimensionate disegnano quasi dei
cubi sopra la schiena grazie a virtuosismi di
imbottiture che definiscono la sartorialità
del terzo millennio, quella di Thom Browne
11
m
o
o
d
|
2
.
2
.
2
0
1
2
MI LANO MODA UOMO | SFI LATE
ARRIVA CHEN,
IL PAGANINI
CON GLI OCCHI
A MANDORLA
Ospite di Giorgio
Armani Ray Chen
ha catalizzato
l’attenzione
dei milanesi
che hanno
orecchio durante
l’ultima fashion
week maschile
creando un
caso. A soli
22 anni Chen è
la rivelazione
della scena
musicale globale.
Taiwanese di
nascita, cresciuto
in Australia
e formatosi
artisticamente in
America, oggi vive
ai Caraibi e suona
uno Stradivari del
1721 con il quale
si è esibito perfi no
in Cina eseguendo
“a braccio” brani
di Paganini. Ma siccome è un
alternativo e anche molto
giovane, non nasconde la sua
passione per i ritmi pop. Oggi
incide il suo secondo CD e dal
2010 ha in mano un contratto in
esclusiva con la Sony. E così
questo talentuoso Peter Pan può
ben dire di aver coronato il suo
sogno di bambino quando, a soli
3 anni, già aspirava a calcare
i palchi più prestigiosi del
mondo. E oggi scalda i cuori
degli algidi milanesi, stregati
dall’Oriente. E.M.A.
Manti vaporosi di visone, cappotti di
astrakan, tute di breischwantz e alti
colbacchi da cosacco definiscono il look
di un maschio villoso, un po’ yeti un po’
zar, addobbato come Helmut Berger in
“Ludwig”, il Granduca Dimitri all’epoca del
suo flirt con Coco Chanel o Omar Sharif
ne “Il dottor Zivago”. Che oggi per la gioia
della sua Lara ostenta un’opulenza da
magnate russo che non teme la crisi.
Sergio Rossi
Moncler Gamme Bleu
John Richmond
Dirk Bikkembergs
Alexander McQueen
Ray Chen
Omar Sharif
ne I l Dottor Zivago
m
o
o
d
|
2
.
2
.
2
0
1
2
MI LANO MODA UOMO | SFI LATE
Jil Sander
Diesel Black Gold
Ports 1961
Gianvito Rossi
Bally
Dress code: pelle scurissima come la notte. Leggi :
un’apoteosi di nappa lucida e bad come vinile per trench,
stivaletti beat e borsoni da week-end da sfoggiare in notti
selvagge fra Amburgo, Berlino e Los Angeles in un clima
di ricercata crudeltà cara ai personaggi spregiudicati di
Tom of Finland per i quali tutto è lecito e l’efferatezza
diventa erotica.
Rodrigo
Brandon Lee, ne il Corvo
12
e di altri spiritosi visionari come lui. N on
cercano il consenso generalizzato sapendo,
come Prada, Versace e gli altri pionieri,
che prima o poi arriverà di sicuro. Perché
la loro vetrina ossia Milano, è or mai, a
giudizio unanime di stampa estera e buyers
internazionali, la capitale internazionale
del menswear di rango, dove tutti, proprio
tutti quelli che hanno qualcosa da dire
nella moda maschile intendono vivere,
creare e lavorare Milano è in questo
momento l’ombelico della moda maschile
“ perché con il suo sistema integrato di
uf fici stile, laboratori e showroom of f re
qualità, manif attura impeccabile, ef ficienza
e innovazione: da quando sono arrivato
per collaborare come designer da Gucci e
14
m
o
o
d
|
2
.
2
.
2
0
1
2
MI LANO MODA UOMO | SFI LATE
1
22
1
222222
1
2
1
22
1114 14
Ricco, galante e vanitoso come il Re Sole
a Versailles ma anche romantico come un
gentiluomo gattopardesco. Il nuovo linguaggio
decorativo entra nel guardaroba maschile
evocando capricciose volute neo-barocche
rubate ai fasti della Roma del Seicento. Il
tutto traslato su cappe e farsetti ma anche su
stivali gentilizi, scarpe stringate e sontuose
giacche da camera in broccato. Fra rigurgiti
ancien régime e salotti progressisti.
Dolce&Gabbana
roccobarocco
Gucci
Fendi
Ritratto di Luigi XI V, di Hyacinthe Rigaud (1701)
Prada ho deciso di metter vi radici” , parola
di N eil Barrett che a Milano deve la sua
f ortuna e il suo successo. E la lista di chi
da anni presenta le sue collezioni maschili
all’ombra della Madonnina è molto nutrita:
da Umit Benan che è anche direttore
creativo di Tr ussardi, alla coppia creativa di
Les Hommes, passando per Calvin K lein
Collection uomo disegnata dall’italiano
I talo Z ucchelli, fino a D ean e D an Caten
di D squared2, Bally e Vivienne Westwood.
D el resto nell’era digitale le barriere
geografiche sono sempre più evanescenti
e per i maschi eco-chic la nuova f rontiera
dello stile è il look da viaggio, virato in una
valigia f atta come un baule ma da portare a
spalla esattamente come uno zaino: un’idea
di N icole Farhi. Oggi si amplia sempre più
la f ascia di chi, potendoselo per mettere,
sceglie di investire in viaggi: perché staccare
la spina f a bene all’anima e corrobora il
corpo come un elisir. Un lasciapassare
per ampliare gli orizzonti ed esorcizzare i
propri limiti, in attesa di tempi migliori.
16
m
o
o
d
|
2
.
2
.
2
0
1
2
ARTE | FOTOGRAFI A
di V al er i a G ar avagl i a
MAPPLETHORPE
“ Se f ossi nato cento o duecento anni f a, avrei potuto f are lo scultore, ma la
f otografia è un mezzo molto veloce per vedere e per f are scultura” . E inf atti
alcune immagini di Robert Mapplethorpe - è un suo autoritratto del 1975 la
f otografia che abbiamo scelto come copertina di Mood - ricordano gli studi
dell’arte e della scultura rinascimentale, ar moniosi e impeccabili nella loro
immobilità. Eppure Mapplethorpe, considerato tra i più grandi f otografi
del XX secolo, è figlio della cultura pop. La sua epoca è la N ew York degli
anni ‘70 e ‘80, del new dada e di Andy Warhol, la città in f er mento creativo e
disinibita della liberazione sessuale. È in questo contesto che Mapplethorpe
realizza le sue centinaia di capolavori, dai primi scatti con la Polaroid di
inizio anni ‘70 alla controversa serie di f otografie sadomaso The X Portf olio,
dai ritratti di artisti e nomi celebri, come la sua amica e musa Patti Smith,
a quelli della campionessa di bodybuilding Lisa Lyon, dai memorabili nudi
maschili alle delicate nature morte degli anni ’80. Tutti all’insegna della cura
in ogni dettaglio e della ricerca della perf ezione assoluta. “ Spesso l’arte
contemporanea mi mette in crisi perché la trovo imperf etta” , ha dichiarato
l’autore. “ Per essere perf etta non è che debba essere giusta dal punto di vista
anatomico. Un ritratto di Picasso è perf etto. N on c’è niente di contestabile.
N elle mie f otografie migliori non c’è niente di contestabile – così è. È quello
che cerco di ottenere” . L’arte di Mapplethorpe vive anche grazie alla Robert
“NELLE MIE FOTOGRAFIE
MIGLIORI NON C’È NIENTE
DI CONTESTABILE – COSÌ È.
È QUELLO CHE CERCO
DI OTTENERE”.
Andy Warhol, 1986
©
R
o
b
e
r
t

M
a
p
p
l
e
t
h
o
r
p
e

F
o
u
n
d
a
t
i
o
n
.

U
s
e
d

b
y

p
e
r
m
i
s
s
i
o
n
17
m
o
o
d
|
2
.
2
.
2
0
1
2
ARTE | FOTOGRAFI A
Mapplethorpe Foundation, da lui stesso f ondata nel 1988 a N ew York per
supportare l’arte della f otografia e i musei che la espongono e per finanziare
la ricerca nella lotta contro l’AI D S, che gli era stato diagnosticata due anni
prima e che lo stronca nel 1988. D alla Fondazione provengono le 178
immagini esposte per la prima volta a Milano nella grande retrospettiva
dedicata al f otograf o presso la Fondazione For ma (www.f or maf oto.it). I n
scena fino al prossimo 9 aprile nello Spazio For ma, la mostra è un’occasione
unica per ammirare l’opera di un grande artista che è riuscito a essere allo
stesso tempo classico e attuale: testimone del proprio tempo e astratto in
una sorta di perf etta atemporalità.
Donald Cann, 1982
©
R
o
b
e
r
t

M
a
p
p
l
e
t
h
o
r
p
e

F
o
u
n
d
a
t
i
o
n
.

U
s
e
d

b
y

p
e
r
m
i
s
s
i
o
n
18
m
o
o
d
|
2
.
2
.
2
0
1
2
SPECI ALE DENI M | I N CH I ESTA D I STI LE
L’EVOLUZIONE
DELLA SPECIE
DENIM
L’EVOLUZIONE
DELLA SPECIE
DENIM
di Carlotta Careccia Sanguineti
David Beckham in Wrangler
19
m
o
o
d
|
2
.
2
.
2
0
1
2
SPECI ALE DENI M | I N CH I ESTA D I STI LE
Progetto
speciale,
Miss Sixty
Jeans e Denim
la stessa cosa?
Ma no! Nonostante oggi questi due termini
indichino per lo più un paio di pantaloni con le
caratteristiche che tutti conosciamo, in realtà
hanno due significati - e quindi due storie - ben
diversi, che grazie ad una persona si sono uniti
per non dividersi più. Antenato del denim è il
fustagno, noto per essere un tessuto resistente,
anticamente realizzato con un ordito in lino e la
trama in cotone. Col passare del tempo, i due
principali centri di produzione di questo tessuto
diventarono il nord Italia, i cui tessuti venivano
poi spediti da Genova, da cui tela “jeans”, e
Nîmes, città francese poco sopra Marsiglia, da
cui “denim”. La differenza tra denim e fustagno
sta nel colore dell’ordito, nel denim infatti la trama
è bianca o écru e l’ordito blu, mentre nel fustagno
trama e ordito sono dello stesso colore.
Fu però grazie a Levi Strauss che il jeans
assurse a prodotto ben identificato, iniziando
una storia che non ha ancora avuto fine ai giorni
nostri. Questo mercante ebreo della Baviera,
verso la metà dell’800 decise di cercare fortuna
in California, dove in quel momento ferveva la
corsa all’oro. Alla domanda sempre crescente
da parte dei minatori e dei cercatori d’oro di
avere abiti da lavoro resistenti, Strauss rispose
proponendo un paio di pantaloni in tela denim
a 5 tasche, con rivetti di rinforzo: erano nati i
Salopette Wrangler d’annata
Vecchia campagna Roy Roger’s
jeans come li conosciamo oggi. Da allora
la fortuna di questo tipo di tessuto non ha
conosciuto crisi, forse anche grazie alla sua
costante capacità di reinventarsi, mantenendo
comunque sempre la propria identità. Proprio
in forza di questa evoluzione abbiamo chiesto
ai marchi più importanti in che direzione stia
andando il denim. Quali tessuti, lavaggi e
nuove vestibilità ci riservano i principali
player del settore?
Un uomo
d’altri tempi
Per la tela denim dell’uomo è tornato il
tempo dei tessuti fermi, di un denim più
grezzo o dall’aspetto vintage e di linee
più pulite rispetto alle stagioni precedenti.
“A parte una grossa ricerca sulle coloriture
dei filati che vengono proposti in toni più
chiari, adatti per il vintage – afferma Tiziano
Foglia, designer di Harmont & Blaine ed
ex Salsa jeans e Façonnable – ciò che va
per la maggiore sono dei tessuti indaco
molto scuri, con lavaggi sofisticati ma puliti
e senza grossi contrasti”. Una tendenza
che vira verso quel workwear americano
degli anni ‘20 del ‘900, con un denim più
robusto che s’ispira ai cercatori d’oro. “Il
denim maschile si sta evolvendo in una
direzione chiara per quanto riguarda i
20
m
o
o
d
|
2
.
2
.
2
0
1
2
SPECI ALE DENI M | I N CH I ESTA D I STI LE
volumi”, ha affermato il creative team di
Diesel. “Decisamente meno skinny ma
tendenzialmente più loose, con tessuti
nuovi e sperimentali come il nostro nuovo
progetto jogg jeans, ideato per dare una
vestibilità più comoda”.
Stiamo ovviamente parlando della fascia
premium dove, tra le tendenze nei
lavaggi per l’uomo, c’è anche l’utilizzo dei
minerali, coloranti naturali che permettono
sporcature biologiche (al contrario
dell’indaco altamente inquinante) che
ingrigiscono le fibre rendendo più
pacato il trattamento, come alcuni capi
nella prossima collezione A/I di Gas
o i pantaloni carbon dyed di Cycle. “I
lavaggi per noi saranno meno sbiancati
e più sovratinti”, afferma Andrea
Bertin, a capo dello stile uomo di
Cycle. “La nostra gamma di colore
sarà orientata prevalentemente sul
grigio, contaminato con il blu e il nero
mentre il fit dei pantaloni punterà
sulla tridimensionalità, con linee
slim, trattamenti estremi e ritorno
a delle tele fisse”. Cultore del
denim crudo e del 3D è da
sempre G-Star Raw, che ha
dedicato i denim della prossima
stagione ai motoclisti ed ai
cow-boy, mixando arc pants
ed effetto 3D per la linea super
premium. Anche Guess torna
un po’ alle basi del denim, con una tela più
vintage e colori scuri ma dal fit sempre slim,
per rendere contemporanee le linee di una
volta. In ogni caso, tutti concordano su una
cosa: bisogna specializzarsi e tornare ad
una professionalità lavorativa nel solco delle
proprie origini, come ha sottolineato Jeff
Lubell, patron di True Religion. “Il trend
principale per i più importanti gruppi di denim
– dice Lubell – è tornare alle proprie radici, a
quel ‘saper fare’ per cui ciascuno di noi ha
avuto successo. Difatti la nostra produzione
e le nostre lavanderie si trovano a Los
Angeles, nel raggio di due miglia dal nostro
headquarter”, conclude Lubell.
Altro capitolo è poi il vintage, un evergreen
che si rinnova grazie a nuove texture come il
nep di Wrangler, ovvero lasciare in evidenza
alcune parti bianche dell’ordito su una tela
molto scura come ci ha spiegato il denim
design manager del brand Sean Gormley.
Tessuti vs
lavanderie
Tessuti e lavaggi sono stati i due elementi
che hanno consentito di creare nel mercato
il segmento dei jeans premium. Tuttavia,
negli ultimi anni abbiamo assistito ad
una crescita dell’importanza del tessuto,
divenuto protagonista assoluto sullo scenario
mondiale, rubando spazio alle lavanderie.
Come ci ha raccontato Moreno De Angelis,
Campagna pubblicitaria per i 100 anni di Levi’s
Levi’s AI 12-13
Dondup, jeans
misto cashmere
m
o
o
d
|
2
.
2
.
2
0
1
2
SPECI ALE DENI M | I N CH I ESTA D I STI LE
QR Code haikure
Cycle AI 12-13
Guess
AI 12-13
esperto di tendenze di Isko, in Italia le lavanderie
industriali sono più di 40 ed hanno fatto la parte
del leone fino a poco tempo fa. “Mentre però
prima un articolo era interpretato con dieci lavaggi
diversi, oggi la grande differenziazione è sulle
materie prime e le lavanderie non sono chiamate
a dare un’ulteriore impronta ad un modello che
è già pronto alla base”, ha spiegato de Angelis.
La pensano così anche marchi come Energie e
Miss Sixty che, in occasione dell’ultimo Bread &
Butter di Berlino, hanno presentato un progetto
speciale – omaggio a Wicky Hassan – in cui
il denim si amalgama a lane-tricot, jacquard e
pelle lavata. Non è stata da meno Dondup, che
sperimenta il mix di filati denim con altri materiali
ormai da diverse stagioni. L’ultima trovata infatti del
designer maschile Kevin James Morley è stata
unire il denim al cashmere, per un effetto soffice e
sofisticato.
Il denim donna
Come anticipato, anche per la donna il tessuto
sarà il fattore chiave nella ricerca. “La tendenza
principale è quella della mano morbida dei tessuti,
che con l’elastan diventa anche confortevole”,
ci ha raccontato Paola Babetto che segue lo
stile di Met jeans. “Il comfort del jersey misto
al look del denim è una tendenza che è partita
da Cheap Monday ed è arrivata fino ad oggi. La
novità è che la vita si alza per rivolgersi anche ad
un pubblico più adulto”. La donna vestirà quindi
linee strette, molto colorate e a tratti quasi fluo.
21
22
m
o
o
d
|
2
.
2
.
2
0
1
2
SPECI ALE DENI M | I N CH I ESTA D I STI LE
Tornano inoltre anche fit come il boyfriend ed il
flare (per il significato vedi il glossario nelle pagine
successive), ma meno esasperati e declinati
sempre su un pantalone abbastanza stretto e
stretch. “Nel futuro del denim – ci dice Elena
Boaretto designer donna di Cycle – ci sono
nuove vestibilità che si appoggiano al corpo e la
lavorazione dei materiali per realizzare qualcosa
di nuovo e dare al capo un valore aggiunto con
la stampa”. Grande uso di tessuti morbidi e
sovrastampati ne ha fatto anche Gas, lavorando
molto sul proprio capo best seller, il jegging,
rendendolo più ricercato utilizzando trattamenti
come spalmature argento ad effetto pelle
piuttosto che lavorando su di un boyfriend
fit leggermente accennato. “Un’altra parte
fondamentale per noi sono i piccoli accessori”,
sottolinea ancora Paola Babetto di Met. “La
nostra è una collezione molto femminile, perciò
bottoni e rivetti giocano un ruolo di primo piano.
Nei trattamenti galvanici ricerchiamo effetti
da gioielleria, e siccome adesso va l’oro rosa,
abbiamo reso tutti i bottoni e gli accessori in
oro rosa. E’ un processo delicato, per il quale
ci avvaliamo dell’indotto italiano, sia per una
questione di qualità che di velocità”.
Wellness denim,
“eco” e poi...
Chiaccherando poi con i responsabili stile dei
principali marchi di denim, sono emerse altre
I sko, creative room
Blake Lively in Diesel
fotografata il 18
dicembre 2011con
indosso il nuovo Denim
“ Grupee”
e la giacca di pelle
“ L-Sienna” mentre
visitava Boston.
23
m
o
o
d
|
2
.
2
.
2
0
1
2
SPECI ALE DENI M | I N CH I ESTA D I STI LE
cose a cui vale la pena accenare.
Il “wellness denim” attrae la
curiosità di molti ed alcuni, come
Tiziano Foglia o Scholten Kees
– ex designer di Tommy Hilfiger
ed oggi proprietario di un suo
marchio di denim Rockford Mills –,
dicono che non nell’immediato ma
tra almeno 5 anni, potrebbe giocare
un ruolo importante nell’industria del
denim. “Intervenire sui tessuti – ha
affermato Foglia – rendendoli idratanti
per la pelle è un discorso decisamente
nuovo e che potrebbe accendere nuovo
entusiasmo nei consumatori”, come ad
esempio il jeans che promette di far sparire la
cellulite solo indossandolo. Al di là del denim
poi, uno dei principali concorrenti del nostro
“eroe” partito da Genova e fattosi uomo in
California è il Chino, il pantalone in tessuto
twill in genere 100% cotone che, come ci ha
fatto notare lo stilista Scholten Kees, continua
ad essere molto apprezzato. “Va tantissimo il
5 tasche in gabardina ed il pantalone tinto
in capo molto colorato”. Tutti concordano
sul fatto che sia uomo che donna, il denim
sarà arrotolato in fondo e, ovviamente,
vanno fatte alcune distinzioni a seconda dei
mercati: il Nord Europa preferisce linee a vita
alta, comode e “leggermente a zampa” sia
per l’uomo che per la donna, mentre l’area
EMEA vuole ancora vestire slim. Il futuro sarà
Gas AI 12-13
G - Star Raw,
linea Premium
Raw Essential
AI 12-13
True Religion
AI 12-13
Met AI 12-13
inoltre eco-sostenibile. I
progetti in cui viene risparmiata
acqua nel lavaggio o si usano
sporcature meno dannose per
l’ambiente sono sempre più
sostenuti sia dai designer
che dai consumatori finali.
Di grande importanza
anche la trasparenza nella
realizzazione dei capi,
di cui il marchio italiano
haikure si è fatto pioniere.
Parte del gruppo umbro
CS, haikure ha realizzato in
collaborazione con Isko dei capi
eco-compatibili in tutti i processi
di lavorazione, che possono
essere seguiti dal consumatore
finale attraverso il QR code posto
sull’etichetta. “E’ un movimento che
sta prendendo sempre più piede
quello dell’eco-compatibile” ricorda
De Angelis di Isko. “Però bisogna fare
attenzione: l’eco-compatibile vale tanto
quanto è bello e costa meno. I trattamenti
al laser e all’ozono esistono da 15 anni
e oggi se ne parla perché c’è necessità
di parlare di qualcosa di nuovo. Bisogna
tenere ben presente che noi siamo moda
ed un capo deve essere prima di tutto
bello, il valore aggiunto dato dall’eco-
compatibile viene dopo”.
24
m
o
o
d

|
2
.
2
.
2
0
1
2
CREATI VI TÀ | I N CH I ESTA
L
’11 febbraio 2010 il mondo della moda apprendeva la notizia della scomparsa di uno dei suoi più grandi
talenti creativi, Lee Alexander McQueen. Tutti si chiedevano chi avrebbe potuto sostituire il geniale
stilista, quattro volte British Fashion Designer of the Year, al timone creativo della griffe. Sulla stampa
sono comparsi i nomi più vari finché, dopo tre mesi, il Gruppo PPR annunciava la nomina a direttore creativo
del brand di Sarah Burton, allora sconosciuta designer inglese che lavorava nel team stilistico di McQueen
dal 1997. Una scelta che non avrebbe potuto dimostrarsi più azzeccata, visto che da allora la Burton ha
collezionato una lunga serie di consensi, culminata con la scelta della futura regina di Inghilterra, Kate
Middleton, di far disegnare proprio a lei l’abito per le nozze con il principe William, che ha portato alla label
e alla designer una notorietà globale. Ma quello di Sarah Burton non è l’unico caso di successo professio-
nale di un designer si trovava ad essere già “in casa”. Uno dei primi casi nella storia della moda è stato quello
di Rossella Jardini, che, entrata in Moschino nel 1984, dieci anni dopo, alla morte prematura del fondatore
Franco Moschino, ha saputo guidare la griffe, mantenendone intatta l’immagine eccentrica e stravagante.
Un altro esempio è Frida Giannini, entrata in Gucci nel 2002 per curare le linee di accessori e promossa a diret-
tore creativo tre anni dopo, a seguito dell’uscita di Tom Ford. Vi sono poi i casi del duo Maria Grazia Chiuri
e Pier Paolo Piccioli, che nel 2008 hanno sostituito Alessandra Facchinetti al timone creativo di Valentino
dopo l’uscita del fondatore (di cui erano stati allievi) nel 2007, e di Stefano Citron e Federico Piaggi, che lo
scorso settembre hanno preso il posto della coppia Aquilano e Rimondi allo stile della maison Ferrè, scelti
dai nuovi proprietari di Paris Group per la loro lunga esperienza nel marchio, avendo lavorato per anni a
stretto contatto con Gianfranco Ferré. Infine, da Dior, a portare avanti le numerose collezioni dopo la
repentina uscita di John Galliano è il team stilistico coordinato proprio dal braccio destro dell’eclettico
designer, Bill Gaytten, divenuto direttore creativo del brand John Galliano. Si può quindi parlare di una ten-
denza a promuovere designer interni alla maison in caso di uscita dello stilista noto?
Sarah Burton,
‘erede’ di Alexander
McQueen
QUANDO L’EREDE
È IN CASA
ART DIRECTOR
di V al er i a G ar avagl i a
25
m
o
o
d

|
2
.
2
.
2
0
1
2
CREATI VI TÀ | I N CH I ESTA
QUESTIONE DI AFFINITÀ ELETTIVE
“ I l diret t ore creat ivo not o può essere
il volt o pubblico del brand – osser va
Simon Collins, diret t ore della School
of Fashion presso la Parsons School
for Design di N ew York - ma è il
t eam di design int er no che ne met t e in
prat ica la visione, quindi il leader del
t eam int er no è idealment e dest inat o
a guidare il brand in sua assenza.
Scegliere uno st ilist a dall’est er no
significa assumere la sua est et ica, e
ciò avviene in casi di brand che non
abbiano già un’est et ica f or t e o che
vogliano un grande nome per f arsi
pubblicit à. N el caso di McQueen,
ad esempio, non è st at o necessario
cercare un successore all’est er no” . Sara
Maino, senior f ashion edit or di Vogue
I t alia e responsabile di Vogue Talents,
vede una peculiarit à del caso it aliano.
“ Gran par t e dei marchi it aliani sono di
propriet à dello st ilist a f ondat ore o dei
discendent i, e f orse per quest o sono
ancor più legat i all’herit age e rest ii
all’evoluzione dell’ident it à della maison.
D i conseguenza pref eriscono t rovare
un successore int er no, magari anche
della f amiglia, come nei casi di Versace
o Missoni, o comunque dell’uf ficio
st ile, come in quello di Valentino” .
E le dichiarazioni di Giorgio Armani
al set t imanale t edesco D ie Z eit , in
cui ha af f er mat o “ ci saranno t ant i
piccoli Ar mani nella mia azienda per
cont inuare il mio lavoro, ma non ci sarà
un genio in grado di por t are avant i da
solo t ut t o. Quest o vor rebbe dire t radire
me st esso e la mia seriet à” , sembrano
conf er mare quest a scelt a anche per
il f ut uro della maison f ondat a da re
Giorgio.
La coincidenza t ra l’est et ica della
grif f e e quella del diret t ore creat ivo
è una quest ione sollevat a anche da
Lara Aragno Gigli, diret t ore I ED
Moda Lab di Roma. “ Oggi per le
case di moda – af f er ma – è rischioso
Esempi di ‘interni’ promossi al timone creativo
delle griffe: Rossella Jardini, che guida Moschino
dalla morte del fondatore, Maria Grazia Chiuri
e Pier Paolo Piccioli, pupilli di Valentino e suoi
successori nella maison e Bill Gaytten, ex braccio
destro di John Galliano da Dior e Galliano
26
m
o
o
d

|
2
.
2
.
2
0
1
2
CREATI VI TÀ | I N CH I ESTA
ident ificare il brand e le collezioni con
una persona, come nel caso di Dior,
st accat asi dal classicismo grazie a un
creat ivo t rasgressivo come Galliano,
che ha però messo a repent aglio
anche la solidit à dell’azienda. I brand
sono dei cont enit ori di un know-how
che i creat ivi devono reint erpret are
leggendo le t endenze del moment o
e innovare cont inuament e per avere
successo, come dimost ra l’esempio di
Chiuri e Piccioli, che hanno saput o
comprendere i simboli dist int ivi di
Valentino. N on a caso molt o spesso
quest e figure provengono dall’area degli
accessori, dove l’at t enzione al det t aglio
è f ondament ale. Frida Giannini,
ad esempio, ha int elligent ement e
recuperat o il know-how di Gucci nella
pellet t eria e negli accessori, lavorando
sull’archivio” .
Tra le ragioni della scelt a di un
successore int er no c’è quindi
l’impor t anza del preser vare il D na delle
grif f e o dello st ilist a, che una figura
par t e del t eam creat ivo ha assimilat o e
f at t o proprio nel t empo. N on va però
t rascurat o l’aspet t o economico, una
successione per linee int er ne por t a
inf at t i anche ad un rispar mio per le
aziende. “ For mare int er nament e dei
Stefano Citron e
Federico Piaggi,
designer di Ferrè
“SCEGLIERE
UNO STILISTA
DALL’ESTERNO
SIGNIFICA ASSUMERE
LA SUA ESTETICA”
Simon Collins, direttore
School of Fashion della
Parsons School for Design
Frida Giannini,
stilista di Gucci
nel dopo Tom Ford
Un close-up della sfilata
Valentino haute couture
A/ I 2011-12, disegnata da
Chiuri e Piccioli: il Dna
di Valentino emerge dalle
lavorazioni sofisticate
e dai dettagli, come i
fiocchi
ZMWMSRQERMGLMRMMX
28
m
o
o
d

|
2
.
2
.
2
0
1
2
CREATI VI TÀ | I N CH I ESTA
giovani designer è da considerare anche
un invest iment o, perché quando uno di
essi raggiunge una posizione di rilievo il
suo st ipendio molt o probabilment e sarà
inf eriore a quello di qualcuno chiamat o
da f uori” , af f er ma Paola Bottelli,
fir ma di moda e lif est yle del Sole24Ore.
“ Trovo che promuovere persone
che lavorano nello st af f da anni sia
una scelt a molt o giust a, sia in ambit o
creat ivo che manageriale, sempre
ovviament e che si voglia mant enere lo
st esso D na” .
SI PUÒ INSEGNARE LA CREATIVITÀ?
Che esist a una possibile ‘eredit ariet à’
del D na st ilist ico, non è però un’idea
condivisa da t ut t i. “ Se anche vi sono
alcuni esempi in cui è st at a nominat a
una persona dell’ent ourage st ilist ico
– af f er ma Concetta Lanciaux,
st orico braccio dest ro di Ber nard
Ar nault nel Gruppo LVMH - nella
maggior par t e dei casi a livello
int er nazionale quest o non accade. I n
campo creat ivo la successione non è
come nel management . I manager si
possono f or mare anche in vist a di una
sost it uzione perché le compet enze sono
t raversali, invece il genio creat ivo non
si può eredit are né st abilire in ant icipo.
N essuno pot eva prevedere che Sarah
Burton avrebbe raggiunt o il livello
di eccellenza di oggi. Se f osse così
semplice f or mare i creat ivi, avremmo
risolt o la dif ficolt à maggiore del nost ro
mest iere, indovinare il designer giust o!”
Ma quali sono quindi i requisit i del
diret t ore creat ivo giust o per un brand?
Secondo Lanciaux “ il designer deve
avere una sensibilit à al D na del brand
che in alcuni casi è riconosciut a dal
management , ma in molt i alt ri ciò
non accade, e si cerca all’est er no.
Guillaume Henry, il designer che ha
f at t o esplodere Carven (brand f rancese
di sola haut e cout ure fino al 2009,
quando H enr y ha rilanciat o il pret -à-
por t er, ndr ) lavorava da Givenchy ma
non avrebbe mai pot ut o succedere a
Look dalla sfilata Christian
Dior P/ E 2012, esempio
di rielaborazione creativa
dell’heritage delle maison
La Bamboo Bag
di Gucci
Paola Bottelli Concetta Lanciaux
29
m
o
o
d

|
2
.
2
.
2
0
1
2
CREATI VI TÀ | I N CH I ESTA
Sara Maino
Simon Collins
Riccardo Tisci perché ha un D na
complet ament e diverso. E anche
Emilio Pucci, prima di Peter Dundas,
ha avut o alt ri bravi designer, che non
sono però st at i in grado di int erpret are
il D na del marchio” .
Se per Lanciaux la creat ivit à non si
può prevedere né f or mare, c’è però un
modo per avere maggiori probabilit à
di t rovare la persona giust a in-house.
“ Personalment e incit o i marchi ad
invest ire nei creat ivi creando un ricco
pool di designer, da cui qualcuno
possa emergere” , spiega. “ È una scelt a
ot t imale nei grandi gr uppi, perché
nel t eam di un brand può anche
emergere il designer giust o per un’alt ra
label. I nolt re dall’int er no è più f acile
individuare l’af finit à al marchio” .
N on t ut t i sono t ut t avia d’accordo sul
f at t o che non si possa insegnare ad
essere creat ivi. “ Ovviament e ci deve
essere una base di t alent o – osser va
ancora Paola Bot t elli – ma secondo
me se un designer lavora nell’uf ficio
st ile di Miuccia Prada per dieci anni,
cer t ament e la creat ivit à la può imparare,
perché è in un ambient e a cont at t o
con persone est remament e creat ive,
compresi gli est er ni che collaborano.
La creat ivit à si può raf f orzare, nut rire e
declinare in modi nuovi” .
“ Qualcuno ha in sé un t alent o creat ivo
innat o e qualcun alt ro no – af f er ma
Simon Collins - ma la creat ivit à si può
sviluppare, met t endo le persone nelle
condizioni giust e” . “ I l genio non si
impara ma la creat ivit à sì” , aggiunge
Sara Maino. “ Essere creat ivo vuol dire
anche cambiare pelle a seconda di dove
si lavora, ma t alvolt a anche un creat ivo
geniale, in una realt à che non gli si
addice, non f unziona” .
UN RUOLO DURO E IN EVOLUZIONE
Lavorare in un team stilistico in
cui ‘f arsi le ossa’ per anni è in ogni
caso imprescindibile per ambire alla
promozione a direttore creativo,
soprattutto perché oggi l’impegno
nelle grandi grif f e è sempre più
gravoso.“ Riccardo Tisci ha dovuto
abbandonare la sua linea per f ar f ronte
agli impegni in Givenchy - prosegue la
Maino - e da Dior il direttore creativo
deve lavorare a una quindicina di
collezioni all’anno. Anche per questo è
dif ficile trovare chi, come f aceva John
Galliano, sappia supportare una mole
di lavoro tale con qualità” . “ Oggi i
f ashion designer sono sovraccaricati di
lavoro” dichiara il direttore di Polimoda
Sfilata Gianfranco
Ferrè P/ E 2012
“OGGI LA
CREATIVITÀ
DEVE ESSERE
FUNZIONALE
AL PROGETTO
DELL’AZIENDA”
Lara Aragno Gigli,
direttore IED
Moda Lab Roma
30
m
o
o
d

|
2
.
2
.
2
0
1
2
CREATI VI TÀ | I N CH I ESTA
Linda Loppa
L’ironia stravagante
di Rossella Jardini
per Moschino nel
backstage della sfilata
Cheap & Chic
P/ E 2012
di Firenze Linda Loppa, che f a anche
una netta distinzione tra la nozione di
direttore creativo o direttore artistico e
f ashion designer. “ I l f ashion designer è
per definizione chi disegna la collezione.
Oggi c’è però la tendenza a nominare
un direttore creativo, un concetto meno
preciso e più ampio, che deve occuparsi
di tutta l’immagine dell’azienda. È una
figura più sof t, da un lato per mette al
f ashion designer di riprendere fiato dalle
grandi pressioni dell’industria, dall’altro è
indispensabile perché è il personaggio in
cui il mondo esterno visualizza il brand
e che ne racconta la storia, il sogno
che esprime” . “ Esempi di questa figura
– prosegue Loppa - sono Tom Ford,
l’art director per antonomasia, o Nicola
Formichetti, giovane f ashion stylist
che ha creato il nuovo look di Thierry
Mugler collaborando con il f ashion
designer. Anche Karl Lagerfeld lo è, ma
per tante label. I l direttore creativo, inf atti,
può anche essere una figura esterna che
ha il compito di dare una nuova visione al
brand, mentre un f ashion designer lavora
internamente all’azienda” .
La figura stessa del direttore creativo,
negli ultimi anni, è dunque molto
cambiata. “ Oggi la creatività deve essere
f unzionale al progetto dell’azienda” ,
osser va Lara Aragno. “ Lo stilista deve
dialogare con l’area marketing, la
stampa, gli stylist ma soprattutto con le
nuove generazioni di potenziali clienti,
usando un linguaggio contemporaneo.
I l creativo romantico e visionario, come
Galliano e McQueen, secondo me non
esiste più, mentre si stanno af f er mando
designer che sappiano anche pensare a
commercializzare la collezione e avere
una visione economica dei progetti, alla
Marc Jacobs” . Chi ha f orse sintetizzato
meglio la tendenza è stata la giornalista di
moda Alberta Marzotto, che alcuni mesi
f a su Af f ari& Finanza di Repubblica ha
scritto: “ Dopo un decennio dominato da
direttori creativi superpagati e capricciosi,
potremmo essere finalmente arrivati alla
svolta. (…) La nuova guardia, per usare il
molto calzante linguaggio militare, sembra
arrivare dalle retrovie. I l rimpiazzo del
generale è insomma l’ex soldato semplice,
più af fidabile, gestibile e f orse anche,
in questi tempi di magra, infinitamente
meno costoso. I n più, assicura continuità,
e non rottura, il che, commercialmente,
non è poco” .
Lara Aragno Gigli
Connessione, unione, immaginazione, dettaglio.
YKK
®
, da oltre 70 anni, è leader mondiale nella produzione di zip
e accessori per chiusura, completando con stile le idee
dei designer più famosi per farle durare nel tempo.
Sedi Italiane: YKK ITALIA S.p.A. - PRAROLO (vO} º YKK MEDlTERRANEO S.p.A. - ASCOLI PICENO º YKK SNAP FASTENERS lTA|lA S.p.A. - COLONNELLA (TE}
w
w
w
.
2
1
a
d
v
.
i
t
zipstyle
a
d
v

b
y

n
w
d
e
s
i
g
n
s
VIA DELLA CRO CE 44 • 00186 RO MA • T. (+ 39) 06.69.9210.09 • info@vrpoint.it
vrpoint.it
who’ s
VUERRE POINT S.R.L.
Da oltre 10 anni leader nella ricerca
e selezione di location commerciali
RETAIL
SPECIALIST
next?
VR è una società di riferimento nel settore dell’ intermediazione
immobiliare, nelle cessioni aziendali, nella ricerca e nella selezione di
location commerciali adeguate alle vostre necessità e in linea con il
vostro business plan.
O periamo in Italia e in Europa per tutte quelle imprese che non
vogliono accontentarsi e che sono interessate ad ampliare il proprio
business in maniera efficace e vincente.

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful