P. 1
Dramatica

Dramatica

|Views: 5|Likes:
Published by Emanuele Sana

More info:

Categories:Types, Maps
Published by: Emanuele Sana on Jun 29, 2012
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as TXT, PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

02/01/2014

pdf

text

original

Dramatica è una teoria di scrittura creativa sviluppata negli Stati Uniti d'Americ a da Melanie Anne Phillips e Chris Huntley

nei primi anni 1990. Ne è stato realizz ato anche un programma informatico da parte della società Write Brothers, Inc. (ex Screenplay Systems Incorporated). La teoria si fonda sull'idea secondo cui ogni storia completa sia un modello di quel processo di problem solving che viene condotto dalla mente umana quando si trova di fronte ad un ostacolo da superare. Ogni narrazione, se vuole essere com pleta, deve dunque affrontare, secondo questa teoria, tutti i possibili approcci con cui è possibile risolvere quel problema attorno al quale ruota l'intera stori a; vengono forniti quindi alcuni strumenti di analisi con cui potersi aiutare ne ll'interpretazione o nella creazione di un'opera narrativa, che sia cinematograf ica o letteraria. Cos'è Dramatica Si tratta di una struttura mentale con cui l'autore può analizzare tutti gli aspet ti di una vicenda prima di narrarla. Ogni storia completa è un modello del process o mentale con cui si cerca di risolvere un problema. Dramatica, in questo senso, si pone come un posto da cui partire per aiutarsi nell'ideazione di una storia completa o nella ridistribuzione e integrazione di elementi già ideati durante un flusso creativo più libero. La scrittura spontanea non viene qui difatti considera ta "sbagliata", quanto invece "incompleta" senza alcuna accezione negativa: spet ta all'autore decidere se proporre un'opera che affronti tutti gli aspetti di un problema, cosa che, stando agli autori della teoria, incontra comunque il gusto della cultura occidentale. Per presentare al lettore tutti gli aspetti di un problema è necessario mescolare 4 punti di vista: la vicenda che circonda gli attori e li coinvolge tutti indistintamente (punto d i vista obiettivo); la "telecamera" attraverso cui il lettore vive la vicenda (punto di vista del pe rsonaggio principale); il confronto tra l'attore principale e un personaggio alt ernativo o antagonista (punto di vista del personaggio d'impatto); il tipo di emotività che nasce da questo confronto (punto di vista della relazione emozionale tra i due). Una storia completa si sviluppa dunque come documentazione dell'incontro tra due modi di vedere uno stesso problema, o come la stessa vicenda personale che si s viluppa dentro un problema. I ruoli Un attore è un personaggio con la sua identità ben determinata; un ruolo è la sua funz ione, la sua giustificazione nell'insieme, e in quanto tale appare solamente al momento di sviluppare il punto di vista obiettivo. Quando si narra la vicenda ch e coinvolge tutti, difatti, occorre che le persone (o le cose, volendo) si muova no e/o riflettano seguendo il proprio ruolo; un attore archetipo fa entrambe le cose che il proprio ruolo prevede, mentre un attore più complesso è contenitore di u no o più ruoli dei quali può svolgere la funzione attiva e/o quella riflessiva. Dramatica prevede otto ruoli: Intraprendenza - qualcuno o qualcosa vuole raggiungere uno scopo: è o diventa prin cipale proponente o guida degli sforzi diretti ad uno scopo. Rappresenta il desi derio di lavorare alla risoluzione di un problema. Antagonismo - qualcuno o qualcosa ha o sviluppa lo scopo opposto, e tenta di min are il lavoro e la propaganda di colui che assumerà il ruolo intraprendente. Lasci a crescere il problema. Raziocinio - apporta logica e capacità organizzative all'attore, che però in questo modo può ferire i sentimenti degli altri attori col proprio atteggiamento distacca to Emotività - apporta enfasi e frenesia negli atteggiamenti di un attore, che però spe sso disperde le proprie energie in troppe direzioni. Fedeltà - è il ruolo di accompagnatore di un attore (spesso il principale). Scetticismo - spinge l'attore a sollevare dubbi, e se questo ne accompagna un al tro lo fa comunque con pessimismo. Protezione - spinge un attore ad aiutare, istruire o proteggere (anche fisicamen

te) un altro attore. Deviazione - porta un attore a tentarne un altro verso grat ificazioni immediate distogliendolo invece dal proprio scopo "più alto". Gli attori Sono coloro che muovono la storia e che spesso lavorano a scopi incrociati e col lidono. Gli attori archetipi incarneranno i ruoli secondo distribuzioni molto ri gide e semplicistiche, costituite in modo da non farli mai trovare in conflitto con loro stessi ma solamente con gli altri attori, che sono dunque chiaramente i ndividuabili come controparti di un insieme ben bilanciato. In questo senso ogni attore archetipo corrisponde ad un ruolo. Per creare invece attori che meglio rappresentino le incertezze e le incoerenze della vita reale è sufficiente distribuire in modo differente sia i ruoli che le f unzioni (attiva e riflessiva) che li compongono. In particolare si possono scamb iare le funzioni di due ruoli "in diretto contrasto" mantenendo così distinti i pi ani dell'azione e del pensiero (ad esempio un attore che agisce emotivamente e r iflette razionalmente contrapposto ad un altro attore che ragiona emotivamente m a agisce seguendo direzioni razionali), oppure uniformando in un solo attore il solo piano dell'azione o quello delle decisioni (ad esempio un attore che agisce sia emotivamente che razionalmente contrapposto ad un altro attore che ragiona sia emotivamente che razionalmente). L'attore protagonista L'attore protagonista è quello che guarda al problema da un certo punto di vista o rmai collaudato ed efficace e che una nuova situazione (o qualche altro attore) distrae, ostacola o tenta verso soluzioni più immediate. Il protagonista avrà comunq ue bisogno di ottenere tante prove prima di arrivare ad una situazione di stallo con la propria coscienza. Al momento dello scontro (o al culmine della graduale crescita del personaggio) tutti i successi della vecchia visione sono perfettam ente bilanciati dalla più ampia, ma sinora inedita, visione nuova. Sarà l'autore a s cegliere se far mutare o restare costante l'attore protagonista. Il tema Il tema di un'opera letteraria è solitamente fatto coincidere con un argomento; se condo la teoria Dramatica, invece, il tema è un problema messo in relazione agli a vvenimenti: non ci si chiede solamente "che cosa", dunque, quanto "che cosa da c he punto di vista". In questo senso non si può considerare come esempio di tema va lido "l'amore" bensì una sua specifica implementazione contestuale che lo lega ad ognuno dei 4 punti di vista affrontati (e che trasforma l'amore di volta in volt a in desiderio, rispetto per le scelte del partner, gelosia, eccetera). Dramatica distingue 4 tipologie di problemi: stato esteriore - l'ambiente, lo status quo, la situazione processo esteriore un'attività fisica, un'impresa, una missione processo interiore - un modo di ragio nare, un processo mentale stato interiore - le convinzioni e la cultura, le abit udini mentali Per ognuno di essi si determina anche l'area in cui questo maggiormente impatta e ciò cui viene dato valore quando bisogna affrontare il problema (tenendo conto d ei punti di vista di cui sopra).

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->