IL METODO ENERGHIA OMNYA

1|Page

LE PREMESSE NECESSARIE ALLA COMPRENSIONE RAZIONALE DEL TUTTO
Nella nostra cultura col forsennato sentimento di crescita personale ciò che affligge la nostra civiltà oltre alla disinformazione è la terribile parola “non è possibile ormai non si può fare più niente”. Se siete arrivati qui i motivi più plausibili possono essere tre . Il primo può essere quello delle coincidenze; che come la maggior parte di voi io stesso tempo fa avrei creduto che fosse puro e semplice caso. Il secondo può essere quello che l’avete cercato forse bramato per sapere ciò che nelle prossime pagine vi verrà donato. Il terzo può essere quello del destino Karma o come lo si voglia chiamare dove sarebbe già scritto ciò che sta succedendo. Ma prima di andare avanti vi chiedo cortesemente di pensare a tutte le cose più importanti nella nostra vita solo le cose che sono state veramente ricche di significato e per le quali il vostro cammino, anzi il Nostro cammino ci ha condotto fino a qui, le medesime che ci danno la certezza di condurre in modo meraviglioso la nostra esistenza e per le quali ci diamo da fare ogni giorno con le persone che più amiamo. Fermiamoci solo nelle belle sensazioni, sprigionate da quei ricordi, senza farli scorrere avanti e mantenendole vive in noi continuiamo il nostro cammino con la stessa foga e la stessa voglia che ci porterebbe ad urlare al mondo intero quanto è meravigliosa la nostra vita.

A questo punto di sicuro c’è chi dice: Si esistenza meravigliosa mio figlio si droga e mia figlia mi offende di continuo in più non so mai come arrivare a fine mese sai che allegria ! Di sicuro non è proprio una situazione idilliaca risponderei io ma posso dimostrare come le cose possono cambiare ed evolversi in meglio.

2|Page

Potremmo chiamarla sfida ma sarete solo voi a fare fatica a quel punto, io preferisco chiamarlo TEST della buona riuscita. Come si procede :la ricerca scientifica ci da una mano; osserviamo cosa accadeva , cosa accade e da li possiamo prevedere cosa accadrà. Ogni nostra azione o pensiero è come un boomerang, in base allo spirito con cui la facciamo ci torna indietro un dato risultato, ma per capire meglio questo concetto dobbiamo fare qualche premessa. Immaginiamo di camminare per la strada ed un perfetto sconosciuto ci sferra un pugno senza motivo alcuno, la prima reazione potrebbe essere di sicuro di rispondere con la medesima azione, naturalmente, dopo esserci ripresi. In verità ciò accade molto più spesso di quanto possiamo credere ; ma analizziamo meglio la cosa mettendoci dalla parte opposta cioè di chi sferra il colpo. Se compiamo un gesto simile è invitabile aspettarsi il contraccolpo,ma cosa centra con la vita di tutti i giorni? Apparentemente nulla ma studiando più nel dettaglio capiremo che relazione c’è fra l’esempio e la vita di tutti i giorni. Tutta la materia è composta da atomi, quante volte l’abbiamo sentita questa frase ? forse cosi tante da non collegare alcuni fatti. In base alle ricerche scientifiche tutti gli atomi sono fatti al loro interno d’energia quindi anche il nostro corpo è pura energia, ma effettivamente cosa vuol dire e perché parlarne proprio in questa sessione? Capire questo concetto ci aiuta a comprendere meglio le dinamiche di quanto esposto precedentemente. L’energia emette vari tipi di radiazioni e di segnali basta pensare alle onde radio; non le vediamo ma ci permettono di comunicare a distanza o di far comandare le automobiline ai nostri figli. Tra di loro tali onde si possono pure disturbare se così non fosse non vieterebbero di tenere accesi i cellulari durante i voli o le visite mediche. Ma cosa succede veramente quando una trasmissione viene disturbata? Semplice è come l’esempio del pugno, avviene uno scontro fisico tra due forze simili. Ma questo ancora non basta a spiegare noi cosa centriamo. Il nostro cervello è la parte più importante di tutta questa vicenda , abbiamo la possibilità d’essere coscienza dell’universo che si espande si evolve si migliora, oppure di essere succubi di leggi che conosciamo ma che non usiamo in modo consapevole a nostro vantaggio. E Dio fece l’uomo a sua immagine e somiglianza … Vi dice nulla questa frase? Pensateci su un attimo o meditate su ciò che disse il Cristo: In verità vi dico che basterà che abbiate la fede quanto un grano di senape, che nel dire monte spostati ed esso si sposterà e nulla vi sarà impossibile. Abbiamo sempre avuto sotto gli occhi le risposte ma forse troppo vicine al naso per riuscire a vederle, un po’ come cercare di sentire la sola stoffa dei calzini con indosso pure le scarpe. A cosa serve tutta questa mole d’informazione parziale? Che nesso c’è tra scienza e Fede?

3|Page

Nelle culture orientali si parla di un energia mistica alla base della vita stessa e fin qui tutto nella norma, noi occidentali siamo più “pratici”non esiste nulla di simile a percezioni extracorporee, telepatia,telecinesi e quant’altro di simile. Già è proprio per questo motivo che russi ed americani hanno speso cifre immani per spiarsi a vicenda con questi sistemi durante la guerra fredda. Aldilà dei numerosi “cialtroni” che possono presentarsi nei nostri percorsi ci sono molti fatti scientifici che risultano, anche ai più accademici, come inspiegabili. Prendiamo come esempio un certo Sai Baba (uno yogi dell’india ) riesce a fare cose molto interessanti ; come ad esempio materializzare oggetti in oro, creare una specie di sostanza simile al miele o a sabbia bagnata che sembra aumentare di volume con la fede dei suoi devoti Pur non avendo studiato è in grado di parlare come i nostri più illustri scienziati o di sapere le lingue di tutto il mondo, un vero mistero per noi occidentali materialisti. Come sia possibile un fatto simile non lo sappiamo ancora, siamo sicuri di quest’ultima affermazione? No, ma su questo argomento ritorneremo più in là; ora concentriamoci invece su ciò che scienza e storia possono offrirci. Quanti sono i miracoli accaduti fino ad ora? Tanti e la storia mondiale è piena di questi fatti non solo dopo la nascita del Cristo ma anche prima ed in ogni cultura o religione qualcosa è capitato. Com’è possibile?sono io che ho capito male, oppure ogni religione storicamente documentata afferma d’essere l’unica via di salvezza e di rettitudine? Proviamo a far finta d’essere degli extraterrestri che cercano di comprendere la nostra civiltà Così siamo liberi da qualsiasi preconcetto che potrebbe minare momentaneamente la nostra fede, cosa dovremmo pensare sulla questione religioni? Possibile che solo una sia quella giusta e che tutte le altre siano del “demonio”? Prendendole in esame scopriamo che tutte hanno la stessa struttura: prova amore e gratitudine per il creato, prova fede nell’onnipotenza di Dio o degli Dei,chiedi e ti sarà dato. Secondo le tradizioni Cristiane la forza attiva del signore è in noi ma non solo, fa parte di tutto il creato. Non è forse vero che questo è lo stesso che si dice per quanto riguarda l’energia o comunque la trama subatomica che formerebbe la nostra dimensione spazio-tempo? Se non lo fosse credo proprio che sia qualcosa di molto simile. Un esperimento accademico conosciuto bene, ma tenuto in ombra ai più ha evidenziato come il concetto di democrazia sia ben conosciuto dalle particelle sub-atomiche degli atomi. Cosa vuol dire? Significa semplicemente che su dieci scienziati, sette volevano che queste particelle si comportassero in un dato modo, i restanti tre volevano la reazione opposta; secondo voi a chi diedero ascolto le particelle? Naturalmente alla maggioranza.

4|Page

Ma ufficialmente la realtà non era immune dal nostro pensiero? Eppure questo e molti altri esperimenti hanno dimostrato l’esatto contrario. Un’esplosione atomica riesce a cambiare la materia dal punto di vista sia chimico che fisico l’energia riesce a provocare tutto questo, le radiazioni modificano le cellule dal loro interno. Sapete noi cosa emettiamo costantemente? Onde di energia a frequenze diverse siamo avvolti da un campo magnetico, onde e campi che mutano col cambiare del nostro stato d’animo. Esiste una macchina in grado di fotografare l’aurea degli esseri viventi, ma naturalmente crea anche situazioni controverse nell’ambito accademico, ciò che però è ormai tradizione è la misurazione dei pensieri tramite l’elettroencefalogramma , usato per monitorare la salute è in grado di monitorare la maggior parte delle onde cerebrali che passano nei nostri capi. Ma effettivamente come sono fatte tali onde? E come si distinguono ? possibile che siano semplici scariche elettriche e che la loro frequenza sia a limitata alla sola scatola cranica? Recentemente ho saputo che un bambino aveva seri problemi a passare da un negozio all’altro nei centri commerciali a causa dei dispositivi antitaccheggio. Purtroppo non ho avuto modo di controllare di persona la veridicità di tale affermazione quindi dovremmo prenderla come una conversazione da bar anche se molto interessante. Sono dell’opinione che ciò sia del tutto normale, ma che dovremmo anche prestare più attenzione ad altri fattori più comuni e riflettere sul loro significato. Noi siamo una grande stazione radio, potente ed in grado di condizionare la realtà, altrimenti l’esperimento di cui parlavamo prima non avrebbe mostrato tali risultati. Se ci poniamo sulle giuste frequenze saremmo in grado di ottenere tutto ciò che è intriso d’energia essendo l’energia stessa a rispondere alla formulazione dei nostri pensieri. Immaginiamo d’essere una televisione senziente, basta cambiare canale per cambiare realtà questo è ciò che successe a quei ricercatori nel compiere i loro esperimenti sulla materia sub-atomica e sull’energia in essa contenuta. Adesso di sicuro ripensando alla nostra vita passata più o meno bene e a ciò che ci rimane ancora da vivere potremmo capire gli incastri nevralgici e fulcro del nostro stato attuale nel vivere quotidiano ; se non avessimo incontrato quella persona ,se avessimo preso il treno in tempo se non ci fossimo ammalati proprio prima di quella partenza,ultimamente queste frasi fanno da colonna sonora ad una trasmissione televisiva italiana molto interessante e bella chiamata :”il bivio” che alle persone ignare del processo “ENERGHIA OMNYA”potrebbe giovare all’apprendimento del tutto sotto il profilo “coincidenze”

5|Page

RICONOSCERE LE COINCIDENZE
La nostra esistenza è determinata da attimi, ora che le premesse sono finite possiamo passare i prossimi per prendere in esame con maggior vigore tutto ciò che riguarda la mia “scoperta “ sul metodo ENERGHIA OMNYA anche se ritengo che sia il completamento di un puzzle i cui pezzi mi sono arrivati tramite … Coincidenze! La distanza tra dove poggiavo i piedi ed il letto del fiume poteva essere d’almeno quindici o venti metri affianco la linea ferroviaria, orario sempre lo stesso, giusto in tempo per veder il treno passare . Mi appoggio al parapetto voglio scavalcarlo, se mi va male rischio di rimanerci vivo, una voce nella testa mi dice :”almeno nessuno ti farà più del male e poi cosa vuoi, che se ne accorgano? Hanno tutti i loro problemi, sarà come se non fossi mai esistito. È stato così per più di un mese; poi un fatto strano, un giorno mentre ormai avevo già scavalcato un’altra voce nella mia testa ;più profonda ,più forte e sicura fa un ragionamento tutto suo: “per chi lo stai facendo ? sei sicuro che sia per te? Perché devi fargli un favore?Se danno fastidio a te è anche vero il contrario. Cosa credi che basta smettere d’esistere per farli smettere, smetteranno con te ma inizieranno con qualcun altro vuoi permettergli ciò? Effettivamente all’epoca consideravo la vita un vero schifo e se potevo farla finita l’avrei fatto volentieri. Ero in un paese diverso come mentalità, d’un'altra religione ed in un contesto storico particolare per l’Italia: L’epoca era quella di tangentopoli ,il posto il profondo nord dove il partito della lega lombarda primeggiava e per un figlio di meridionali era abbastanza difficile già di per se ,in più si sommava il fatto d’esser cresciuto in una famiglia indottrinata diversamente dalla massa, giusto per dare una nota in più al tutto . Al momento, non sapevo che ciò che consideravo la più grande sfortuna stava già lavorando per portarmi fino a qui ad assemblare questo puzzle che poi è un po’ il puzzle di tutti o almeno questo è il pensiero mio e di tutti coloro che iniziano questo percorso. La predilezione per lettura è servita tantissimo ma ciò che è servito di più è stata la sete di conoscenza sete che m’ha aiutato alla lettura della Bibbia e a cercare la famosa verità di cui parla il Cristo. Come facciamo a riconoscere le coincidenze? Inizialmente non è così semplice, il presupposto è che qualsiasi evento può esser considerato come tale, quindi bisogna prestare attenzione a ciò che succede. Sono al mare per incontrarmi con una persona molto cara conosciuta qualche anno prima che mettessi appunto il metodo . Parlandole vengo a conoscenza del cammino meraviglioso che ha intrapreso. Come tutti ho sempre saputo che fumare fa male ,ma ho sempre avuto anche ottime scuse per continuare a farlo , mentre parlo con questa persona che mi fa un po’ di ramanzine sul fatto che fumo ancora, nonostante abbia già

6|Page

diminuito in maniera considerevole le sigarette assunte grazie alla pratica costante del metodo, mettendo in luce i suoi effetti negativi nell’utilizzo dell’energia nella meditazione e nella vita di tutti i giorni, non tengo le sue parole dette con amore nella mia testa, ma improvvisamente in maniera del tutto inaspettata mentre mi metto nella condizione di smettere con quella cattiva abitudine in maniera del tutto spontanea quindi senza costrizioni o sollecitazioni esterne proprio nel momento in cui guardo il mezzo pacchetto che m’è rimasto : una ragazza si avvicina chiedendomi dove sta un tabaccaio gli mostro il punto del lungo mare dov’esso si trova e la lascio andare per la sua strada. Nella mente nel frattempo lavoro per dimenticare il fatto che fumavo , finito il processo una voce di ragazza alle spalle : “Scusa visto che è chiuso me ne offriresti una?” Guardando la mano che non sembrava più nemmeno mia le porgo ciò che mi chiede ,lei ringrazia e torna alla fermata del pullman . Avevo appena finito il processo per smettere di fumare e a questa ragazza serviva un pacchetto una coincidenza perfetta l’ho riconosciuta appena in tempo . Morale: le ho regalato il mezzo pacchetto che m’era rimasto dicendole “Io ho smesso di fumare prendi pure il pacchetto ormai non mi serve più”. La cosa più interessante è il fatto che una delle mie scuse più frequenti era quella di finire il pacchetto che inevitabilmente m’avrebbe condotto a comperarne un ‘altro . Sentendo parlare di coincidenze, c’è chi potrebbe pensare a destino o cose simili non è questo ciò a cui ci riferiamo , bensì a ciò che vogliamo veramente perché magari da una parte vogliamo una data cosa o un dato fatto mentre dall’altra l’esatto opposto . In un caso simile si verifica un disallineamento delle intenzioni, morale non si ottiene né da una parte né dall’altra questo è uno dei motivi per cui dico sempre ai miei assistiti di capire esattamente ciò che vogliono.

Fatelo anche voi: chiaritevi bene nella testa ciò che volete, fatelo ora con me, nel mio caso sarà per esempio cosi: ”Sono veramente grato per le cose che già posseggo , e per l’amore che ricevo e che riesco a donare: che ora voglio che tutti coloro che lo vogliono, mettano a disposizione delle altre persone questa visione del funzionamento della vita e che sperimentandolo siano tanto entusiasti da voler continuare il loro cammino nel metodo ENERGHIA OMNYA facendo di tutto per accrescerlo e per migliorare il mondo in cui viviamo … Ripensando alla nostra vita in quest’ottica troveremmo difficile trovare persone che vogliono l’opposto d’una vita migliore e che siano indisposte a imparare nuovi modi di vivere apprendendo da qualsiasi avvenimento, come la lettura di questo libro per esempio, tutto è disposto a seconda delle coincidenze che ci poniamo sul nostro cammino che possono essere: stupende come un nuovo amore, eccitanti come la scoperta del nascosto, o piatti e monotoni come la

7|Page

quotidianità delle persone depresse o dipendenti o più semplicemente che non sanno ciò che c’è dietro quella cortina di apparente normalità della vita. Ora per capire come funzionano e come possiamo riconoscere tempestivamente le coincidenze dovremmo riflettere maggiormente sugli incastri nevralgici della nostra vita , quelli cioè che ci hanno messo in condizioni tali da rivoluzionare la nostra vita, cercando gli elementi che possono accomunare le varie vicende fra loro,quindi studiamoci la nostra storia personale. Ciò che ho notato nelle coincidenze e che tutte partono da una base di negazione iniziale , per poi diventare evento fulcro positivo di tutta una concatenazione di eventi eccezionali, come a dire che se ci lasciamo trasportare dagli eventi seguiamo la corrente del nostro stesso destino voluto veramente da noi. La struttura da me trovata per individuare in anticipo una coincidenza è solitamente strutturata in termini sensoriali così: Avviene una distorsione della percezione spazio tempo dove alcuni elementi del campo visivo diverranno di maggior rilievo o come se saltassero fuori dal resto dell’immagine come se il tempo si fermasse per un istante, ma allo stesso momento passasse molto velocemente . Nel caso non sia un evento ad essere coincidenza ma un perfetto estraneo o qualsiasi altra cosa che ci deve condurre all’evento coincidenza l’elemento risulterà più nitido del resto del campo visivo soprattutto se è una persona sconosciuta che ha la chiave che manca a noi a quel punto ci tocca parlare con amore ricordandoci di saper ascoltare, ma stando sempre prudenti noi conosciamo il metodo ,ma non tutti sono come noi e senza la guida giusta ed il giusto allenamento anche riconoscere la semplice coincidenza può riservare sorprese . Il mio consiglio e di esercitarsi con i conoscenti e poi gradualmente di espandere le ricerche, come tutti i percorsi non ancora battuti siamo tutti pionieri in questo campo , ma la cosa interessante è che mentre prima :su dieci coincidenze solo due erano riconosciute e di queste due solo una andava a buon fine, più saremo allenati più capiteranno di frequente e più vivremo secondo ciò che vogliamo veramente . Quando cominciai a seguire questo percorso ad un tratto mi trovai a parlare di persone ch’erano in grado di vedere l’aurea degli esseri viventi. Fino a poco prima della stesura di questo libro non avevo ancora ben presente che cosa volesse dire,cosi mi posi semplicemente la domanda come o dove avrei trovato informazioni sufficienti ad identificare un processo ripetibile ed eseguibile da chiunque. Fu così che nacque il sistema per riconoscere l’energia ma la cosa forse più simpatica è che fu anche quella una coincidenza. Perché se fino ad allora riuscivo solo a percepire ed a far percepire ad altre persone questo campo energetico non sapevo ancora come poter far vedere ciò che normalmente agli occhi è celato.

8|Page

Le coincidenze vogliono che mia madre acquisti nel 2001 un libro molto interessante che io non vorrò toccare fino al 2008 in quanto lo considererò noioso e non di mio gradimento. Giustamente non ero ancora pronto, già perché alcune cose abbiano un senso prima ne devono capitare altre infatti la curiosità su questo libro me la instillata un broker immobiliare solo accennandomi parte del suo contenuto,ma tutto questo è arrivato subito dopo un percorso di formazione passato pure per lo scetticismo . Già; da scettico sono partito e da fermo sostenitore sono tornato , la serenità è proprio dietro l’angolo ma per trovarla bisogna saperla vedere.

VEDERE L’ENERGIA
Nelle regioni asiatiche si parla tanto di” chi “ energia vitale che rende possibili eventi che noi occidentali potremmo tranquillamente definire al limite dell’umana comprensione Classiche sono quelle manifestazioni dove giovani praticanti sfidando le leggi della gravita si mettono a correre per pareti verticali alte più di venti metri , o quei monaci in grado di fermare a mani nude frecce scagliate verso di loro da dei loro fratelli di fede con l’ausilio di archi molto potenti. Una manifestazione molto interessante è quella dove un maestro seduto in terra chiede alle persone presenti di spingerlo via e come da programma nessuno dei presenti è in grado di farlo . Ma proviamo a rimanere in occidente, esiste un gioco molto conosciuto che quasi tutti hanno fatto, ma che pochi hanno analizzato . Il nome non lo conosco so però come funziona ora lo svelerò anche a voi: servono quattro persone in piedi e una seduta su una sedia magari la più pesante del gruppo giusto per metter alla prova l’esperimento. Il processo è molto semplice si stendono le mani sul capo della persona seduta e dopo un tot di secondi (solitamente 30) si mettono le mani a mo di pistola sotto le ascelle e nell’incavo del ginocchio sollevando il soggetto che in quel momento avrà per qualche strana ragione un peso pari a zero sia per se stesso che per coloro che lo solleveranno come fosse gommapiuma. Cosa succede in quel momento ? Perché sembra che si annulli la forza di gravità? Forse è solo un impressione, sia per il sollevato che per chi solleva, ciò che succede ? Sarebbe interessante poter condurre qualche esperimento sulla gravità in quel frangente . Se tutti questi e tanti altri fenomeni fossero collegati all’energia, sarebbe possibile osservarli con il metodo di visualizzazione dell’aurea. In passato tale fenomeno era molto conosciuto, infatti basta prendere come esempio la luce emanata dai santi della chiesa e la loro aureola e la luce emanata dai loro corpi e tutto questo è alla portata di tutti il Cristo stesso riferendosi a se stesso disse: io sono la luce, io sono la via

9|Page

ora non so se questa frase sia da prendere alla lettera ma se lo fosse spiegherebbe molte cose soprattutto nel campo dell’arte iconografica classica , dove quasi tutti i santi e il Cristo stesso sono riconoscibili dall’aureola sulla testa. Questo mi ricorda vagamente quei fenomeni dove sulla pellicola fotografica rimane impressa l’aura di uomini di fede o comunque devoti al Creatore in maniera molto forte. Sempre restando in questo ragionamento sarebbe molto probabile che in passato qualcuno fosse riuscito a vedere l’aura dei vari personaggi che hanno reso la nostra storia mondiale cosi sentita ed importante per ognuno di noi. Un proverbio che mia madre mi dice in continuazione è: chi cerca trova. Effettivamente qualcosa trovai, il sistema che stavo cercando era il modo più semplice per insegnare alle persone a vedere almeno parzialmente l’aurea. Partendo da ciò che definirei apprezzamento della bellezza il processo si snoda essenzialmente cosi : Stendendo le braccia e mettendo le mani a una distanza di due o tre centimetri tra loro ,avendo come sfondo un colore chiaro e brillante o ancora meglio il cielo brillante e terso cominciamo ad apprezzare la forma delle nostre mani delle dita e delle pieghe presenti in esse, visivamente sfochiamo l’immagine delle dita continuando a mantenere presente la loro bellezza a quel punto se tutto il processo è stato eseguito correttamente dovrebbe succedere qualcosa . Un ottimo modo per allenare l’occhio è anche quello di fissare due centimetri sopra la fiamma d’una candela, naturalmente in una stanza completamente buia, fino a distinguere nettamente l’alone luminoso che la circonda. Una cosa che ho notato è che effettivamente per qualche motivo apparentemente strano la continuità nell’usare questo e gli altri processi del metodo ENERGHIA OMNYA portano alla quasi astinenza dalla carne, non so per quale motivo ,ma addirittura sembra che tale reazione faciliti l’utilizzo di ciò ch’è proposto in questo stesso libro. Mentre ci si allena all’utilizzo dei processo descritti in precedenza, ciò che la maggior parte della gente sperimenta è la visualizzazione del campo energetico e delle coincidenze in contemporanea provano quello che definirei uno stato di beatitudine continua dove nonostante possano succedere fatti che dovrebbero portare a provare sentimenti come rabbia o delusione ciò non avviene in quanto si è per così dire consapevoli della natura degli avvenimenti con un risparmio notevole d’energia . Ma come facciamo ad essere certi che gli eventi ci portino a ciò che vogliamo?

10 | P a g e

GUARDARE NEL PROFONDO

In precedenza abbiamo già preso in considerazione il fatto dell’allineamento tra ciò che vogliamo e ciò che pensiamo di volere. Supponiamo di pensare di volere una data macchina ma nel frattempo ci accorgiamo che c’è in commercio un modello più bello oppure diverso a quel punto la vita ci mette davanti ad un bivio o una o l’altra o come propongono in tanti tutte e due , ma ciò potrebbe anche rischiare di tenerci li in una situazione di stallo dove non si avanza ma nemmeno si retrocede tutto questo perché non stiamo usando il metodo. Quindi ciò che è imperativo fare in casi simili è quello di mollare qualsiasi cosa è capire ciò che fa per noi . Personalmente ho trovato una scorciatoia a questo inconveniente ponendoci nella condizione dove deve essere l’evento a farci capire d’esser giusto per noi,cosicché possiamo esser certi della effettiva riuscita nel nostro percorso. Anche se si dovesse sbagliare o pensare d’aver sbagliato possiamo sempre correggere perfezionare il nostro lavoro rendendolo perfetto per i nostri pensieri esso diventa perfetto anche per la nostra stessa vita. Appurato che l’energia ci risponde, che ci nutre e che permea tutto ciò che conosciamo ; dobbiamo trovare il modo per espandere la nostra coscienza, al fine di mantenere il contatto con tale fonte di potere e di saggezza illimitata . Normalmente tale energia la si ricava dalle persone che ci circondano senza nemmeno rendercene conto, quindi sono comprensibili tutte le diaspore che sorgono da tale conflitto di interessi e di controllo. Ma come possiamo riconoscere tale controllo?

COME RICONOSCERE IL CONTROLLO E COME CAMBIARLO.
Risulta complessa la descrizione del controllo in quanto implica più aspetti della vita: da quello più predominante che può essere il rapporto genitori figli, ai rapporti tra partner, alla semplice amicizia, o alle comunità. Cerchiamo di prendere il sopravvento su chi ci sta davanti, imponendo quelle che chiamiamo ragioni ed impedendo uno scambio vicendevole d’energia facciamo di tutto per sgretolare la realtà delle altre persone, affermando così il nostro predominio sulla situazione momentanea. Ho trovato in merito a tale circostanza una classificazione partendo dal comportamento più aggressivo ed attivo a coloro meno aggressivi e più passivi. Le tipologie che ho constatato sono : ISPETTORE:colui che fa tante domande al fine di trovare punti deboli, contraddizioni e simili circostanze in modo da poter mettere in discussione la vita dell’interrogato. CARNEFICE:colui che attenta alla vita degli altri o minaccia di attentare, in molti casi capace effettivamente di mettere in atto le sue minacce senza nemmeno volerlo.

11 | P a g e

VITTIMA:colui che priva le persone della propria linfa vitale facendole sentire male, sono uomini e donne che dichiarano d’essere inermi davanti al mondo che tutti sono cattivi e che la causa delle loro sofferenze è da attribuire a terzi. SPIA:colui che ha una riservatezza incredibile e per la quale risulta assai faticoso estrapolare informazioni di qualsiasi natura esse siano. ATTORE:Non importa come e nemmeno perché l’importante è che siano sempre al centro dell’attenzione, qualsiasi mezzo è lecito ma la carta che prediligono è appunto la menzogna . Ora che sappiamo che esistono questi grandi gruppi di personalità, dobbiamo però capire com’è possibile ch’esse si sviluppino e perché persistono ma soprattutto come eliminarle da noi o dall’iterazione interpersonale in corso. Riflettiamo un attimo su alcune verità assolute, quando abbiamo davanti un prestigiatore se sappiamo ciò che lui sa per quanto possa essere abile nella sua arte illusoria, ciò che lui farà non ci potrà cogliere di sorpresa. Quindi a ragion veduta se noi dichiariamo ciò che l’altra persona sta facendo a noi, viene smascherata la sua recita ed i suoi sotterfugi per depredare le persone della linfa vitale. Cosi una chiacchierata con una spia potrebbe essere più fluida partendo con un presupposto di maggiore apertura e di inefficienza di tale strategia. Con un carnefice il semplice fatto di ammettere che risulta assai difficile essere concentrati e dire cose esatte con una persona che mette paura e il fatto di aggiungere qualche elogio può portare a situazioni inaspettate . In ogni caso la cosa migliore da fare è nutrire sempre le persone con cui abbiamo l’iterazione in corso.

AGIRE CON GENEROSITÀ ED AMORE
Per chi ha avuto la meravigliosa esperienza d’esser genitore può esser di più semplice comprensione ciò che qui di seguito viene proposto , in ogni caso immaginiamo d’avere un frugoletto che gira per la casa a volte farà cose belle, altre un po’ meno, ma in ogni caso tutte le nostre amorevoli attenzioni saranno su di lui , amorevoli attenzioni no proibizioni è quindi diverso dalla classica veduta per crescere i figli dove il novanta per cento delle proibizioni sono paure dettate dai genitori, attenzione non è una recriminazione è solamente una considerazione penso che a parte qualche caso la maggior parte dei genitori ha operato e continua a fare un ottimo lavoro ma di sicuro la nostra società avrebbe dei risultati eccezionali se si agisse per comprensione anziché per giudizio queste però, sono mie considerazioni molto lunghe e per le quali sarebbe necessario un altro libro ,ma chiunque volesse saperne di più lo invito a contattarmi sarò ben lieto di mettermi a disposizione. Ora tornando a noi, ciò che cerco di far capire è che solo guardando il genere umano dalla posizione di padri e madri vedremmo come tanti bambini fanno di tutto per rendersi importanti e primeggiare sull’energia altrui, in una visione così ampia di noi tutta la struttura sociale non può che cambiare, amiamo i

12 | P a g e

nostri figli insegniamogli che l’universo è abbondanza che effettivamente c’è più gioia nel dare amore che nel riceverne o meglio che dando amore per dieci ci torna indietro diecimila , ma non è solo questo facendo tutto ciò noi per primi saremo carichi di energia in quanto ciò che l’accresce maggiormente in noi è proprio quando la doniamo consapevolmente. Continuando questo viaggio noteremo come le coincidenze aumenteranno ma soprattutto saremo in grado di vederle prima che accadano inoltre capiremo il motivo della nostra comparsa proprio nella nostra famiglia

CAPIRE IL PUNTO DI PARTENZA ARRIVARE FACILMENTE A DESTINAZIONE.
Alcuni la chiamano anche missione, rimane il fatto che più o meno consapevolmente a quasi tutti è capitato di chiedersi perché proprio in questa determinata famiglia e dove la nostra radice ci porterà a protendere le nostre foglie. Un antico detto dice : il frutto non cade mai lontano dall’albero. Solitamente i figli non sono la fotocopia esatta dei genitori ma guardiamo bene le radici e scopriremo bene il motivo che ci porta ad essere così come siamo. Nel mio caso specifico ho trovato una madre molto spirituale alla continua ricerca di verità anche per mezzo della scienza , altamente moralista e conservatrice che come sistema di controllo predilige la vittima l’ ispettore o in maniera più leggera il carnefice. A parte i sistemi di controllo usati è una persona splendida che ha dato l’anima per la famiglia ed è proprio grazie a ciò che ha fatto che oggi faccio tante delle cose che faccio . Mio padre invece è un pratico, per lui il lavoro è sempre stato molto fisico la mente serve soprattutto per imparare a lavorare e fare i conti. La praticità di mio padre contagiosa che lo porta ad essere molto tradizionalista ma anche tanto di vita esperienziale hanno molto influito sulla mia indole soprattutto il fatto che prediliga un controllo di tipo spia ed ispettore . Ora nella mia posizione avendo per madre una vittima e per padre una spia che ama fare l’ispettore capite come risultava assai arduo barcamenarsi tra loro due ? Ripeto con tutto l’amore che un figlio può provare per i propri genitori diventa comunque assai arduo riuscire in ciò . Ciò creò in me un controllo di tipo attore, che faceva la spia e nei momenti critici diventava ispettore o vittima ; mentre la mia missione è quella di unire la spiritualità con la praticità. Questo come si traduce nella vita di tutti i giorni? Immaginiamo d’essere alle poste per sbrigare alcune commissioni ,o in qualsiasi altro luogo dove è presente la possibilità di dover attendere il proprio turno abbiamo davanti una giovane coppia e vicino una più anziana , bene ascoltiamo la conversazione della prima: lei: -credevo che avessi più rispetto di me e pensare a quanto ti ho amato …

13 | P a g e

lui: -lo sai benissimo che ti amo ma quando vedo che t’intrattieni in quel modo non mi controllo … Cerchiamo di capire un attimo ciò che succede: lui è geloso lei cerca di conseguenza più spazio per poterlo controllare meglio senza rendersi conto che in realtà ottiene l’esatto contrario. Tutto questo è dovuto al controllo che le persone esercitano le une sulle altre dimenticando che se vivessero costantemente all’interno del flusso ciò non accadrebbe. Vediamo più da vicino cosa accade nel vivere nel flusso: come abbiamo affermato precedentemente noi siamo energia pensante che agisce e comunica con altra energia indifferentemente che ci si creda o no,che lo si sappia o meno ciò che noi pensiamo lo attiriamo nella nostra vita. Ma è tutto soggetto a tale legge? Ebbene si; ciò accade ancora più facilmente vivendo nel flusso, forse è sempre stato questo il grande segreto dietro ad ogni religione e cioè non una qualche forma di salvezza per il genere umano ma il far divenire presenti le opere dello spirito; in un mondo dove la gente ama incondizionatamente ,dona e riceve vicendevolmente l’energia al posto di cercare di depredare gli altri da tale linfa, chiede e realizza i propri desideri non può che essere il paradiso in terra e anche se può sembrare utopistico ciò è molto vicino alla realtà.

COME OTTENERE TUTTO CIÒ CHE SI VUOLE
Il metodo è molto semplice ma al contempo richiede molta dedizione . Seguendo quanto già detto noterete come sempre più cose legate ai nostri pensieri si concretizzano nella vita di tutti i giorni . Tutto risiede nel modo in cui ci apprestiamo a pensarvi , lo stato d’animo è essenziale, l’immaginazione è il laboratorio dove produciamo ciò che vogliamo,la fiducia e la convinzione sono il carburante,mentre la gratitudine è il motore propulsivo. Prefiggiamoci una meta persistiamo nel raggiungerla diamoci forza giorno dopo giorno lavoriamo con l’universo gioiamo in ogni caso indifferentemente dalle condizioni ambientali sentiamo viva in noi la forza creatrice e nel giro di poco troveremo la strada che ci conduce fino alla nostra destinazione. Tutti i nostri pensieri riguardo a ciò che vogliamo devono essere formulati in modo positivo immaginiamo d’entrare in un negozio e il commesso ci chiede: Cosa desidera? Non risponderemo mai: -Non voglio un’auto nuova,non voglio questo ,non voglio quello … Bensì ci prenderemo il tempo necessario per dire esattamente cosa vogliamo ciò riallineerà anche i nostri pensieri . Se per esempio ciò che ci turba potrebbero essere i debiti: il voler stare o essere senza debiti comporta il fatto di averli comunque, quindi vedetevi ed immaginatevi già ricchi. Ricordatevi di provare gratitudine ogni giorno , amiamoci,donate la decima parte dei vostri guadagni in beneficenza e abbiate la pace che è la tranquillità e serenità di spirito che accompagnano le persone che svegliano il loro contatto

14 | P a g e

con la mente universale o Grande Architetto Dell’Universo nel momento in cui perseguiremo con questo modello di vita succederà che la terra diverrà il paradiso dove le opere dello spirito saranno presenti e dove ciò che noi oggi chiamiamo miracoli saranno all’ordine del giorno perché “le cose precedenti sono passate”. Ora anche voi conoscete il metodo, potevo scrivere un libro più lungo come i tanti che ho letto e che dicono la stessa cosa per pagine e pagine ma sono dell’opinione che nulla sia meglio di conoscenza diretta ed a parole dove le persone interagiscono direttamente tra loro e come a sempre detto un grande maestro del cambiamento “ spingetevi oltre a ciò che ho fatto io”.contattatemi per ogni ulteriore chiarimento, siate felici.

RINGRAZIAMENTI
voglio ringraziare tutte le persone che mi sono state vicine fino ad ora: I miei genitori che mi hanno cresciuto fino ad ora con amore e pazienza come i parenti tutti , mia sorella Aura dolce paziente e sensibile grazie a te le intuizioni scorrono più fluide,il mio grande amico e maestro di vita Davide Cavallari grazie a te ho trovato la mia strada ed ho riscritto il passato,ad Angelo Sconda anche se in modo ufficioso la fratellanza si sente, ad Alfio Bardolla ed il suo team da voi ho imparato a rapportarmi negli affari ed a gestire i soldi, Luca Bardolla sei un grande amico sia tu che Stefania Battaglia, Andrea Troilo con te sono cresciuto da bambino e nonostante oggi come oggi si passi poco tempo insieme rimani sempre come un fratello,Anna Rita Invidia sarai sempre nel mio cuore,Irene Moliterni grazie a te ho imparato tanto,ma soprattutto a Daniel Moliterni per un futuro migliore … Grazie a tutti voi con amore e con la speranza di giorni meravigliosi.

ALCUNE PRECISAZIONI: A distanza di un anno dalla stesura di questo libro sono
tornato a fumare ma questo mi ha portato ad altre fantastiche coincidenze comprendendo ben oltre ciò che qui vi è descritto. Nel 2012 vi saranno numerosi cambiamenti ed anche prima di questa data, vivendo nel flusso ed organizzando i nostri pensieri su cose belle e positive anche “da soli” saremo in tanti e questo ci darà la possibilità di stare sempre bene nei cambiamenti o di esser dall’altra parte del mondo nel momento in cui potrebbero verificarsi catastrofi o sconvolgimenti naturali dati dal cambio vibrazionale della terra e dei suoi ospiti. Siamo molto più che carne . Viviamo ogni giorno come se fosse l’ultimo della nostra permanenza terrestre ricordandoci che ogni cosa che crediamo di possedere in realtà è come se l’avessimo in prestito. Buona vita ed immensa felicità vi sono grato dell’attenzione dal più profondo del mio cuore. Grazie manuel

INFORMAZIONI DI CONTATTO:
manuel.dibmib@gmail.com oppure tramite facebook: manuel di biase

15 | P a g e

grazie ancora di cuore a tutti voi.

16 | P a g e

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful