You are on page 1of 100

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI ARCHITETTURA DIPARTIMENTO DI URBANISTICA E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE ANNO ACCADEMICO 2000-2001 TESI DI LAUREA

LA VALORIZZAZIONE DEL PAESAGGIO TERRAZZATO: il progetto di ecomuseo di Cortemilia (CN)

Relatore: prof. Arch. Alberto Magnaghi

Laurenda: Sara Pizzo

SOMMARIO INTRODUZIONE.....................................................................................................................4 INTRODUZIONE.....................................................................................................................4 PARTE PRIMA.........................................................................................................................7 PRIMA.........................................................................................................................7 LA LUNGA DURATA: ...........................................................................................................7 ...........................................................................................................7 LAMBIENTE INSEDIATIVO DEL TERRAZZAMENTO...............................................7 TERRAZZAMENTO...............................................7 1.1 LA GENESI DEL TERRAZZAMENTO..............................................................................................8 ..............................................................................................8 1.2 LA GENESI GEOMORFOLOGICA DEL TERRITORIO ..........................................................................9 ..........................................................................9 1.3 I MACROSISTEMI AMBIENTALI................................................................................................11 ................................................................................................11 1.3.1 Il sistema della fascia costiera................................................................................12 costiera................................................................................12 1.3.2 Il sistema della fascia di transizione ......................................................................13 ......................................................................13 1.3.3 Il sistema della pianura ..........................................................................................15 ..........................................................................................15 1.4 I MACROSISTEMI ECONOMICO TERRITORIALI ..........................................................................15 ..........................................................................15 1.4.1 Il sistema lineare dei centri balneari.......................................................................15 balneari.......................................................................15 1.4.2 Il sistema lineare dei centri industriali....................................................................16 industriali....................................................................16 1.4.3. Il sistema policentrico delle Langhe.......................................................................17 Langhe.......................................................................17 1.4.4. Il sistema a rete delle colline..................................................................................18 colline..................................................................................18 1.4.5. Il sistema a maglia larga della pianura.................................................................18 pianura.................................................................18 1.5 LE FASI DELLA TERRITORIALIZZAZIONE....................................................................................19 ....................................................................................19 1.5.1. Il Neolitico, i Liguri, i Romani..............................................................................19 Romani..............................................................................19 1.5.2. Dalla caduta dellImpero Romano allAlto Medioevo ..........................................23 ..........................................23 1.5.3 Il Basso Medioevo (1100-1300)...............................................................................27 (1100-1300)...............................................................................27 1.5.5 Le annessioni sabaude (1500 1738) ed il periodo napoleonico (1794-1815)......30 (1794-1815)......30 1.5.6 Il Regno di Sardegna e la situazione attuale...........................................................32 ...........................................................32 attuale 1.6 LE STRUTTURE TERRITORIALI DI LUNGA DURATA.......................................................................36 .......................................................................36 2.1 LA STRUTTURA AMBIENTALE..................................................................................................38 ..................................................................................................38 2.1.1 Descrizione della struttura ambientale...................................................................39 ambientale...................................................................39 2.1.2 Descrizione del degrado della struttura ambientale...............................................40 ambientale...............................................40 2.2 IL SISTEMA MORFOLOGICO PAESISTICO..................................................................................41 ..................................................................................41 2.2.1. La consistenza edilizia al 1879...............................................................................41 1879...............................................................................41 2.2.2. La consistenza edilizia al 1991 ed i terrazzamenti.................................................42 terrazzamenti.................................................42 2.2.3 Le regole del sistema insediativo.............................................................................43 insediativo.............................................................................43 PARTE SECONDA.................................................................................................................47 SECONDA.................................................................................................................47 I PAESAGGI DEL TERRAZZAMENTO............................................................................47 TERRAZZAMENTO............................................................................47 3.1 INDIVIDUAZIONE DEL NODO DI CORTEMILIA..............................................................................47 ..............................................................................47 3.2 LA SITUAZIONE ORO IDROGRAFICA E LALTIMETRIA................................................................48 ................................................................48 3.3 LA GEOLITOLOGIA E LA GEOMORFOLOGIA.................................................................................49 .................................................................................49 3.4 LA CLIVOMETRIA.................................................................................................................51 .................................................................................................................51 3.5 LASSOLAZIONE..................................................................................................................52 ..................................................................................................................52 4.1 LE TRAME INSEDIATIVE STORICHE...........................................................................................56 ...........................................................................................56 4.2 TRAME INSEDIATIVE ATTUALI.................................................................................................57 .................................................................................................57 4.3 LA STRUTTURA INSEDIATIVA RESISTENTE.................................................................................58 .................................................................................58
2

5.1 LIMPORTANZA DEL PAESAGGIO TERRAZZATO ...........................................................................61 ...........................................................................61 5.2 LE REGOLE LOCALIZZATIVE DEL PAESAGGIO TERRAZZATO...........................................................62 ...........................................................62 5.3 LA STORICIZZAZIONE DELLE REGOLE INSEDIATIVE......................................................................64 ......................................................................64 5.4 I RILIEVI DEI TERRAZZI..........................................................................................................66 ..........................................................................................................66 5.5 LE REGOLE COSTRUTTIVE DEI TERRAZZI...................................................................................67 ...................................................................................67 5.6 LE TIPOLOGIE COSTRUTTIVE DEI TERRAZZI...............................................................................68 ...............................................................................68 5.7 LE TIPOLOGIE FUNZIONALI DEI TERRAZZI..................................................................................70 ..................................................................................70 PARTE TERZA.....................................................................................................................72 TERZA.....................................................................................................................72 SCENARI PROGETTUALI .................................................................................................72 .................................................................................................72 DEL PATRIMONIO TERRAZZATO..................................................................................72 TERRAZZATO..................................................................................72 6.1 SCENARI DI INTERVENTO.......................................................................................................73 .......................................................................................................73 6.1.1 Aree idonee al potenziamento di colture storiche...................................................73 storiche...................................................73 6.1.2. Aree idonee a riusi produttivi legati allallevamento. ...........................................75 ...........................................75 6.1.3 Aree idonee alla sperimentazione di colture inedite...............................................75 inedite...............................................75 6.1.4 Aree per riusi non legati strettamente allagricoltura............................................76 allagricoltura............................................76 6.1.5 Aree di salvaguardia...............................................................................................77 salvaguardia...............................................................................................77 6.1.4. Aree dove il ripristino non conveniente...............................................................77 conveniente...............................................................77 6.2 RUOLO E FINALIT DELLECOMUSEO.......................................................................................78 .......................................................................................78 6.2.1 Lo stato attuale........................................................................................................78 attuale........................................................................................................78 6.3 IL PROGETTO URBANISTICO DELLECOMUSEO.............................................................................79 .............................................................................79 6.3.1 Il percorso turistico.................................................................................................80 turistico.................................................................................................80 6.3.2 Il percorso di studio ................................................................................................81 ................................................................................................81 6.3.3 Il percorso produttivo.............................................................................................81 produttivo.............................................................................................81 7.1 IL RUOLO DI PILOTAGE TERRITORIALE DELLECOMUSEO...............................................................83 ...............................................................83 7.2 IL PROGETTO TERRITORIALE DELLECOMUSEO ...........................................................................84 ...........................................................................84 7.3 LA RITERRITORIALIZZAZIONE DELLALTA LANGA.....................................................................86 .....................................................................86 BIBLIOGRAFIA.....................................................................................................................89 BIBLIOGRAFIA.....................................................................................................................89 TESTI DI ORIENTAMENTO GENERALE..............................................................................................89 ..............................................................................................89 PIEMONTE................................................................................................................................90 ................................................................................................................................90 TERRAZZAMENTI........................................................................................................................92 ........................................................................................................................92 LANGHE : STORIA ED IDENTIT...................................................................................................93 ...................................................................................................93 LANGHE : GEOLOGIA, PAESAGGIO, TERRITORIO................................................................................94 ................................................................................94 TESTI DI APPROFONDIMENTO TEMATICO.........................................................................................96 .........................................................................................96 CARTOGRAFIA....................................................................................................................97 CARTOGRAFIA....................................................................................................................97 BASI CARTOGRAFICHE.................................................................................................................97 .................................................................................................................97 CARTE FISICO - GEOLOGICHE........................................................................................................98 ........................................................................................................98 CARTE PER LA RIELABORAZIONE DELLE FASI DI TERRITORIALIZZAZIONE...............................................98 ...............................................98 FONTI....................................................................................................................................100 FONTI....................................................................................................................................100 ALLEGATO 1: Schede di rilievo e schede tecniche ALLEGATO 2: Copie delle tavole

INTRODUZIONE
Il presente lavoro, frutto di pi approfondimenti tematici svolti allinterno del mio iter di studi1; tratta il tema della valorizzazione e dello sviluppo sostenibile del territorio dellAlta Langa, con particolare riferimento al tema del terrazzamento. La scelta dellambito geografico nasce essenzialmente dalla curiosit di confrontarsi con una realt territoriale nuova, non affrontata durante il corso di laurea, in cui applicare le conoscenze teoriche acquisite durante gli studi, mentre la centralit del tematismo dei terrazzamenti si colloca nellottica di elaborare un progetto che consideri il territorio stesso come risorsa potenziale di sviluppo sostenibile. Infatti le Langhe si presentano come una regione geografica e culturale ben delineata, in cui il territorio fortemente caratterizzato sia a livello paesaggistico, sia a livello strutturale, dal sistema dei terrazzamenti e dalla cultura storica ad esso associata; pertanto risulta fondamentale, per lelaborazione del progetto territoriale, considerare i terrazzamenti come patrimonio e risorsa fondamentale per questa regione. Il lavoro stato articolato in tre parti. Nella prima parte si tenta di ricostruire le condizioni geologiche, storiche, sociali che, nel corso della lunga durata, hanno prodotto lo sviluppo in Langa di una vera e propria cultura della pietra e del terrazzamento. A tal fine stato necessario individuare i confini della regione territoriale definibile come Langhe per poi studiarne i rapporti ambientali, economici e storici con lintorno, sino a giungere alla ricostruzione delle strutture territoriali di lunga durata, che possono considerarsi come lambiente insediativo del paesaggio terrazzato. In seguito si analizzato il complesso sistema orografico alla confluenza delle due Bormide, quella di Millesimo e quella di Spigno, per definire le regole del sistema insediativo dei borghi e quindi individuare un nodo terrazzato dove condurre uno studio paesaggistico pi approfondito. Nella seconda parte si affronta infatti la descrizione analitica dei paesaggi del terrazzamento prendendo come caso studio il nodo orografico di Cortemilia, in I paesaggi quanto localit centrale nella gerarchia territoriale di lunga durata.
1

Approfondimenti trattati allinterno dei corsi di Geografia urbana e regionale, Geologia ed idrogeologia applicata, Restauro architettonico.

terrazzati vengono definiti in relazione al sistema ambientale, al sistema morfologico paesistico, al sistema della struttura resistente, al fine di individuarne le regole localizzative, funzionali e costruttive. La ricerca delle regole mira a localizzare le diverse tipologie dei terrazzi, allo scopo di fornire il supporto informativo necessario per un progetto di valorizzazione del territorio che tenga conto di tutte le componenti coinvolte. In particolare le tipologie di terrazzi sono finalizzate allindividuazione di quelle aree dove possibile avviare un discorso di rimessa a funzione dei gradoni, nellambito di un progetto in cui lagricoltura gioca un ruolo attivo nello sviluppo sostenibile dellarea, sia come motore di sviluppo economico sia come supporto attivo nello sviluppo turistico, tenendo conto che lagricoltura attiva sembra essere la sola condizione in grado di mantenere in vita il territorio ed il suo paesaggio 2. La terza parte del lavoro individua quindi gli scenari progettuali del patrimonio terrazzato, ed in particolare le aree idonee al potenziamento di colture storiche, le aree idonee alla sperimentazione di colture inedite, le aree di salvaguardia e le aree dove non conveniente il ripristino dei terrazzi. Il progetto si articola su tre livelli. Ad un primo livello si analizzano le potenzialit del riuso dei terrazzi riferendosi al caso particolare dellEcomuseo dei terrazzamenti e della vite, istituito a Cortemilia recentemente3 ed ancora in via di allestimento. Il tema dellecomuseo trattato come esempio di possibile intervento di pilotage territoriale e si inserisce in un discorso pi ampio di sviluppo sostenibile dellAlta Langa. Il progetto urbanistico dellecomuseo si articola secondo due prospettive principali: una inerente il recupero e la conservazione del paesaggio agrario terrazzato e della cultura storica ad esso associata, laltra inerente lattualizzazione delle vocazionalit agricola di questo territorio. Pertanto si prevedono, oltre che percorsi turistici e didattici, percorsi produttivi che ruotano intorno alla costruzione di un sito per la lavorazione e la commercializzazione di prodotti con marchio di qualit territoriale. Ad un secondo livello, quello che potremmo definire il progetto territoriale, si considera essenzialmente come il patrimonio dei terrazzi, interpretazione storica delle risorse disponibili, esprima a tuttoggi una vocazionalit forte del territorio, ed abbia quindi un peso indiscutibile quale produttore di nuova ricchezza, in particolare
2

Unione Europea DG XI/Citt di Palermo Confederazione Italiana Agricoltori, Il progetto Life per il Parco Agricolo di Palermo,pubblicato a cura dellIstituto di Ricerche Ambiente Italia, Palermo 1997. 3 Ecomuseo dei Terrazzamenti e della Vite istituito in seguito alla Legge Regionale n 31 del 1995, attuazione delle direttive della Comunit Europea.

nello sviluppo di un modello agroterziario endogeno con caratteri di tipicit e centralit 4.. Si prevede quindi di utilizzare i risultati delle sperimentazioni avviate allinterno dellecomuseo, tenendo conto delle tipologie ottimali di terrazzi per i diversi tipi di colture, come linee guida per il riuso agricolo delle aree terrazzate dellintero nodo di Cortemilia. Si prevede inoltre la commercializzazione dei prodotti agricoli tramite marchio territoriale di qualit, inizialmente svolta mercato protetto dellecomuseo; si associa al alle tradizioni associate. Ad un terzo livello del progetto si esprimono quindi le linee guida per la riterritorializzazione dellAlta Langa tenendo conto che questa regione, considerata marginale nei processi di sviluppo economico esogeno, trova la sua forza e la sua risorsa essenzialmente nel paesaggio, costituito da terrazzamenti, piccoli e piccolissimi borghi medioevali, cascine, pievi; nella sua posizione strategica tra Liguria e Piemonte, che in epoca storica gli ha valso lappellativo di area di strada; nella sua struttura policentrica di piccoli insediamenti disseminati sul territorio. allinterno o tramite il progetto agricolo lo sviluppo delle

filiere agronomiche5 e lo sviluppo di un turismo interessato al paesaggio storico ed

Magnaghi Alberto in Piano di sviluppo socio-economico quinquennale della Comunit Montana Langa delle valli Bormida e Uzzone, Torre Bormida 27 Ottobre 2000 ( pag. 11 ) 5 In particolare quelle basate sulla lavorazione e commercializzazione di prodotti tipici quali: la nocciola tonda del Piemonte, i frutti antichi, le colture orticole, il vino, le robiole.

PARTE PRIMA
LA LUNGA DURATA: LAMBIENTE INSEDIATIVO DEL TERRAZZAMENTO
CAPITOLO 1 LE LANGHE: I PROCESSI DI TERRITORIALIZZAZIONE E LE STRUTTURE DI LUNGA DURATA

1.1 La genesi del terrazzamento I primi terrazzamenti, di cui si ha traccia, risalgono allepoca neolitica, 6.000 2500 a.C., ma sono costituiti di materiali grezzi con il solo scopo di difesa; la finalit agricola e quindi le tecniche costruttive pi evolute compaiono, per quanto riguarda larea mediterranea, nella Palestina del 700 800 a.C. e nella Grecia nel IV sec. a.C. ma la prima grande epoca di costruzione dei terrazzamenti europei si colloca nel X sec d.C. e si deve allinflusso del mondo mussulmano in concomitanza alla rivoluzione agricola mentre il paesaggio terrazzato visibile oggi in Europa risale per lo pi alla seconda grande epoca di costruzione dei terrazzi, che avviene tra il XVII ed il XIX sec. d.C.6 Si nota inoltre che il sistema dei terrazzamenti a scopo agricolo compare in maniera diffusa in diverse parti del mondo (Spagna, Francia, Inghilterra, America Centrale e Meridionale, Cina, Africa del Nord) come espediente atto a rendere coltivabili pendici e versanti pi o meno acclivi, attraverso la costruzione di gradoni in terra, retti da muri a secco costruiti con lutilizzo di pietre locali. La tecnologia del terrazzamento compare l dove si realizzano determinate condizioni ambientali, storiche ed antropiche senza che necessariamente avvenga uno scambio di informazioni tra le diverse culture insediate. Infatti lidea di base sottesa alla tecnologia del terrazzamento, quale risposta efficace ad un contesto ecologico difficile, si mantiene invariata nel tempo e nelle differenti aree geografiche. Allo stesso tempo per la differenziazione geografica delle specifiche tecniche costruttive adottate nelle diverse aree geografiche mostra influenze che di volta in volta derivano dalle specifiche condizioni ambientali e culturali che concorrono alla formazione di sistemi di paesaggio terrazzato omogenei. Nel caso delle Langhe in particolare i terrazzamenti mostrano influssi derivanti dallincontro delle condizioni locali con la cultura saracena e provenzale, mentre la comparsa di tipologie inedite da imputare agli espedienti costruttivi sviluppati dai monaci Benedettini che, a partire dalla fine del X sec. d.C., si installano in questo territorio. La cultura saracena raggiunge le Langhe attraverso i valichi con la Liguria, in particolare attraverso il Passo di Cadibona, durante il periodo delle invasioni di Saraceni che si colloca tra il IX ed il X sec. d.C.; a testimonianza del passaggio di queste popolazioni resta la
6

Vedi Ambrosie R., Frapa P., Giorgis S., Paysages de terrasses, Chaureille, Edisud, Aix en Provence, 1989 ( pag. 70 87).

memoria del saccheggio della citt di Acqui e la costruzione di un sistema di torri di avvistamento, dette appunto Torri Saracene, costruite a scopo difensivo sui bric delle Langhe dai signori feudali del Marchesato del Vasto. Sono gli stessi feudatari che, trovandosi di fronte a territori poveri e spopolati dalle invasioni, i deserti locii del marchesato detto appunto del Vasto o del Guasto, promuovono la fondazione di monasteri ed abbazie attraverso lelargizione di terre al fine di ottenere una pi capillare gestione dei territori. I monaci 7 giungono da Parma, da Bobbio, dallisola di Bergeggi e dalla Francia, da qui le influenze provenzali sui terrazzi. La comparsa della tecnica costruttiva che utilizza archetti in serie da mettere in relazione con la presenza dei Benedettini, in quanto si trova una rispondenza geografica tra lutilizzazione di questa tecnica e la localizzazione dei presidi benedettini, sia monasteri che abbazie che celle monastiche. La scelta dellarco come espediente di rinforzo dei muretti, anzich di sistemi meno complessi ( tipo i rinforzi verticali utilizzati nei terrazzamenti spagnoli), sembra rispondere ad una istanza estetica che ben si accorda con la Regola Benedettina, mentre il successivo sviluppo di colture sotto gli archetti sembra costituire un ulteriore innovazione tecnologica dei terrazzamenti langaroli. 8 Per indagare meglio lambiente insediativo dei terrazzamenti delle Langhe ed i processi storici che hanno portato allo svilupparsi di una cultura specifica ad esse associata, si proceder qui di seguito alla definizione della regione geografica delle Langhe in relazione alla geomorfologia, ai macrosistemi ambientali ed economicoterritoriali, alla territorializzazione, al fine di individuare, sulla lunga durata storica, le condizioni dello sviluppo del sistema del paesaggio terrazzato in questo territorio.

1.2 La genesi geomorfologica del territorio

Vedi Pregliasco Augusto,La civilt dei Monasteri ed i loro insediamenti in Langa e Roero,in Beccarla, Grimaldi, Pregliasco, (a cura di), Langhe e Roero: le colline della fatica e della festa, storia arte e tradizione, ed. Omega Torino 1995. 8 La presenza di archi isolati utilizzati per il convogliamento delle acque sotterrane si ritrova abbastanza diffusamente nei terrazzamenti di molte altre aree geografiche; la peculiarit degli archetti delle Langhe sta nella disposizione in serie di tali archetti e nelle caratteristiche dimensionali di questi, per i quali si deve quindi ipotizzare una diversa funzionalit, anche in relazione alla tipologia geologica e morfologica dei versanti.

Lo studio della genesi geomorfologica delle Langhe permette di definire i confini di questa regione che politicamente non ha mai costituito una unit, ma che nel corso della lunga durata ha sviluppato forme di governo del territorio ben riconoscibili, strettamente legate alle caratteristiche geomorfologiche e geologiche delle sue valli nonch ad un senso di appartenenza delle popolazioni che lo abitano 9. Ad una osservazione diretta le Langhe si presentano come un insieme di valli e vallette dai profili taglienti che ricordano la forma dei rilievi alpini per lenergia dei versanti e lincisione valliva, sebbene superino sporadicamente i 700 metri di altitudine e siano geologicamente assimilabili ai rilievi di tipo appenninico. Evoluzione della formazione geomorfologica delle Langhe: 1. La struttura monoclinale delle Langhe si forma nel Miocene per sedimentazione marina ed emerge nel Pliocene a causa delle tensioni che si instaurano nella collisione tra i rilievi alpini e appenninici, dovuta alla rotazione della placca africana verso NE. Alla fine dellera terziaria le Langhe si presentano come unisola costituita da tre lunghi crinali orientati NE SW disposti a Nord Ovest della linea di Sestri Voltaggio che separa i rilievi cristallini delle Alpi dai rilievi arenaceo marnosi dellAppennino. La successione delle rocce che formano questa subregione viene definita appunto Oligo Miocene delle Langhe
10

comprende formazioni neogenetiche che si ritrovano solo in questa porzione di territorio. Le formazioni delle Langhe risultano costituite da strati poco inclinati con immersione NW e poco tettonizzati, che poggiano su unit intensamente tettonizzate di pertinenza sia alpina che appenninica. 2. Con levaporazione della porzione di mare a nord dellattuale linea di costa ligure emerge la sinclinale di Asti che va a costituire parte della grande pianura padana e si costituiscono le formazioni gessose solforifere del ciclo evaporitico che vanno a costituire i dolci rilievi del Monferrato. Il processo di emersione delle terre ha il suo culmine durante la glaciazione Wurmiana, avvenuta da 120.000 a 10.000 anni fa, durante la quale la linea di costa dellItalia si allarga a comprendere zone attualmente sommerse dalle acque marine.
9

Per la trattazione diffusa del senso di appartenenza in Valle Bormida vedasi Carle Lucia, Lidentit nascosta: contadini e proprietari nellAlta Langa secoli XVII XIX, ed. dellOrso, Alessandria 1992. 10 Vedasi Campagnoni F., Forlati F., Su sella G., Tamberlani F., Le marne oligo-miceniche delle Langhe: classificazione geotecnica preliminare,GEAM, n.4,Torino 1995( pag. 201-212).

10

3. Il livello del mare comincia nuovamente a crescere 75.000 milioni di anni fa mentre i detriti trasportati dai corsi dacqua principali delle Langhe, il Tanaro, il Belbo, le due Bormide; vanno a formare i depositi alluvionali dellera Quaternaria. 4. Lintensa attivit di erosione dei numerosi torrenti e rii agisce su terreni particolarmente vulnerabili e conferisce laspetto particolarmente frastagliato degli attuali rilievi delle Langhe. In particolare, a causa della giacitura monoclinale degli strati delle formazioni langhiane, si forma la caratteristica morfologia a custas delle Langhe con versanti lunghi, a franapoggio, vulnerabili alle frane per scivolamento planare, orientati a NW e versanti corti, a reggipoggio, vulnerabili alle frane per crollo, orientati a SE11. Questo comporta la formazione di numerose ed incise valli secondarie con crinali corti, disposti a pettine rispetto ai crinali principali verso SE e di lunghi versanti, con pochi crinali secondari, ma con i segni di numerosi paleoalvei, verso NW. Il territorio che storicamente stato considerato come appartenente alle cosiddette Langhe coincide in larga misura con la porzione di terre emerse che vanno a costituire lisola di rilievi al di sopra della linea Alpi Appennino, alla fine dellera terziaria, e pi nel dettaglio si pu dire che la subregione si estende tra il Monferrato e lAppennino Ligure, limitata a Ovest dal corso del Tanaro fino a Cherasco; a Nord, verso il Monferrato, ancora dal Tanaro tra Cherasco ed Alba, dal Belbo tra Canelli e Nizza Monferrato, dalla Bormida tra Bubbio ed Acqui; a Est dalla valle della Bormida di Spigno12 Il confine a Sud viene attualmente fatto coincidere con lo spartiacque dellAppennino Ligure, per motivi storici, climatici ed economici, anche se il confine geologico coinciderebbe con il solco passante tra Ceva lisola delle Langhe e il crinale Alpi Appennino. 1.3 I macrosistemi ambientali Lo studio comparato delle caratteristiche geologiche, geomorfologiche, altimetriche, climatiche e vegetazionali dellarea 13 permette di individuare tre grandi macrosistemi
11

Carcare che coincideva alla fine dellera terziaria con lo stretto lembo di mare tra

Vedasi Forlati F., Lancellotta R., Osella A., Scavia C., Veniale,Analisi dei fenomeni di scivolamento planare nelle Langhe,GEAM n. 4, Torino 1995 (pag. 213-217). 12 Cit. da: Guida dItalia del Touring Club Italiano, Il Piemonte (eccetto Torino e valle dAosta), ed.Touring, Milano 1961 (pag. 204-205) 13 Vedasi Mezzetti G., Geografia:atlante di lavoro, ed. Nuova Italia, Firenze 1988

11

ambientali: quello della fascia costiera, quello della fascia di transizione e quello della pianura del Tanaro. Allinterno di ciascuno di tali macrosistemi si individuano poi dei sottosistemi che evidenziano come il territorio dellAlta Langa, oggetto dello studio pi approfondito che verr fatto in seguito, costituisca una entit individuale a livello di area vasta. 1.3.1 Il sistema della fascia costiera Il crinale semi orizzontale delle Alpi Marittime che prosegue poi, oltre il Passo di Cadibona, nella catena Appenninica, costituisce il confine naturale di una fascia costiera caratterizzata da una stretta lingua di terra in cui si trovano corte valli secondarie disposte a pettine rispetto al crinale principale in cui scorrono fiumi a breve corso ed a regime torrentizio che hanno scavato in maniera profonda gli alvei accentuando lacclivit dei versanti. La presenza del mare conferisce allambiente un clima mediterraneo mentre il crinale principale impedisce larrivo dei venti freddi del nord; laltimetria va da 0 a circa 1200 m s.l.m.; la costa forma un semi arco che va a costituire la Riviera di Ponente della Liguria. Si possono distinguere allinterno di questo macro-ambiente i seguenti ambienti: A.1 Appennino Ligure (versante Sud) Rilievi arenaceo - marnosi e argillosi vulnerabili ai fenomeni di frana per scivolamento e per cedimento; rete idrografica costituita da brevi corsi dacqua a regime torrentizio con alvei incisi ed erosi, versanti acclivi e orientati alternativamente ad E/W; costa rocciosa e frastagliata. Altimetria tra 0 e 1000 m s.l.m. con punte sporadiche oltre i 1100. Copertura vegetazionale spontanea costituita da macchia mediterranea e boschi di latifoglie (pioppi, roverelle, faggi); colture intensive legnose lungo la costa (alberi da frutto, da foglia, viti), spesso in terrazzi. Clima mediterraneo con 3-4 mesi di aridit, temperatura media annua di 15,8 C, piovosit annua di 900 mm. A.2 Alpi Marittime (versante Sud) Rilievi cristallini con prevalenza di graniti e gneiss, rocce massive interessate da locali fenomeni di instabilit per crollo; rete idrografica costituita da brevi corsi dacqua; versanti acclivi ed orientati alternativamente a SW e NE, costa rocciosa con golfi poco profondi. Altimetria tra 400 e 2000 m s.l.m. Copertura vegetazionale

12

spontanea costituita da macchia mediterranea e boschi di latifoglie;

colture

estensive sui versanti terrazzati, colture intensive lungo la costa. Clima mediterraneo con 3 4 mesi aridi, temperatura annua media di 15,8 C, piovosit annua di 900 mm. 1.3.2 Il sistema della fascia di transizione Dal crinale principale che delimita la fascia costiera e proseguendo verso nord si trova un vasto territorio collinare costituito da valli allungate formatesi dallaccumulo detritico di lunghi corsi quali Scrivia, Erro, Orba, Bormida che sfociano nel Tanaro, uno dei principali tributari di destra del Po. La caratteristica peculiare di tutti questi corsi dacqua landamento meandriforme, la vastit dei bacini imbriferi, la presenza di numerosi affluenti a regime torrentizio, il disegno parallelo delle valli principali in cui scorrono da Sud a Nord sino a piegarsi verso NE in prossimit dellimmissione nel Tanaro. Il clima continentale con forti escursioni termiche annuali e temperature che in inverno scendono sotto gli 0C, precipitazioni nevose sporadiche tra Dicembre e Febbraio e massimi pluviometrici in autunno e primavera. Allinterno di questo macroambiente si possono distinguere i seguenti ambienti: B.1 Alpi Marittime (versante Nord) Rilievi cristallini (gneiss e graniti); rete idrografica costituita dai principali confluenti dei fiumi Bormida di Millesimo, Bormida di Spigno, Tanaro e dalle relative sorgenti; versanti allungati e paralleli con esposizione alternata E - W. Altitudine tra 800 e 1000 m s.l.m. con punte fino a 2000 m. Copertura vegetazionale costituita da boschi di latifoglie (con prevalenza di castagno), prati e pascoli. Clima da temperato a freddo con alcuni mesi di gelo, piogge tutto lanno ed eventi nevosi invernali.

B.2 Langhe Rilievi costituiti da strati di marne con tenore di carbonati mediamente del 25-35%, mediamente potenti alcuni decimetri con subordinate intercalazioni arenacee e lenti conglomeratiche, giacitura monoclinale con strati di modesta inclinazione, uguale o inferiore a quella dei versanti; versanti paralleli ed orientati alternativamente a NW (acclivit <35%) e SE (acclivit >35%) con elevata instabilit dovuta alla giacitura,
13

alla struttura, alla morfologia degli strati che si manifesta con frane per cedimento e crollo nelle zone a reggipoggio e con scivolamenti planari nei versanti a franapoggio. I suoli prevalentemente argillosi e/o limosi, talora con ciotoli lapidei, hanno un drenaggio da impedito a scarso. Rete idrografica principale costituita da lunghi corsi dacqua con andamento in prevalenza meandriforme (Tanaro, Belbo, Bormida di Millesimo e di Spigno) soggetta a periodici allagamenti; rete idrografica minore costituita da brevi corsi dacqua a regime torrentizio soggetti ad intensa e diffusa erosione spondale e di fondo. Sebbene la natura geologica dei terreni sia quella della catena Appenninica la morfologia dei colli, la potenza dei rilievi e la continuit fisica con la catena delle Alpi Marittime ricorda spesso paesaggi pi vicini a quelli delle montagne. Altitudine tra 400 ed 800m s.l.m., massima altezza 898 m s.l.m. (colle di Mombarcaro).Copertura vegetazionale spontanea costituita da boschi di latifoglie con predominanza di castagni e boschi cedui; presenza di colture intensive di viti a Nord del Belbo e di colture estensive legnose in terrazzi (vite, nocciolo). Clima continentale con un mese di gelo, forte escursione termica annuale, precipitazioni concentrate in autunno e primavera. B.3 Astigiano e Monferrato astigiano Rilievi pliocenici argillosi e sabbiosi con subordinate lenti gessose, subordinati strati di marne con intercalazioni conglomeratiche, instabilit diffusa ma modesta, drenaggio dei suoli da buono a mediocre. Versanti dolci orientati S-SE e N - NW con acclivit inferiore al 35% ed altitudine compresa tra o e 500m s.l.m. Copertura vegetazionale spontanea costituita da noccioli, faggi, castagni; colture intensive di viti. Clima temperato con piovosit tra 1200 a 1800 mm annui, assenza di mesi aridi e di mesi di gelo. B.4 Alto Monferrato Rilievi tettonizzati arenaceo - marnosi ed argillosi misti ad ammassi di ofioliti, anfiboliti e dolomie. Rete idrografica principale costituita da lunghi corsi dacqua ad andamento N-S che delimitano versanti molto allungati e solcati da numerose valli secondarie che si innestano a pettine sulla valle principale. Altitudine tra 200 e 1800 m s.l.m. Copertura vegetazionale costituita da seminativi nudi ed asciutti, estensivi nella zona compresa tra i 200 ed i 500 m s.l.m.; boschi, prati e pascoli nella zona

14

compresa tra i 500 ed i 1000 m s.l.m. Il clima temperato con piogge massime primaverili ed invernali e piovosit annua tra 1200 e 1800 mm. 1.3.3 Il sistema della pianura Il sistema della pianura comprende la valle del Tanaro che si estende dalla citt di Alba sino alla citt di Alessandria; il terreno pianeggiante ricopre fascia di territorio esigua nellimmediato intorno di Asti, per poi allargarsi a formare unarea triangolare l dove il Tanaro riceve le acque dei fiumi Belbo, Bormida, Erro, Scrivia. Ai fini del presente studio tutta questa area pu essere considerata come un unico macrosistema ambientale definibile come segue: C. La pianura Pianura di natura alluvionale formatasi nellera quaternaria costituita da: sabbie, limi, ghiaie nellimmediato intorno degli alvei del Tanaro e della Bormida e sabbie medie e fini con locali banchi e lenti isolate di arenarie denominate Sabbie di Asti nel resto del territorio. Rete idrografica principale costituita dal fiume Tanaro, con andamento marcatamente meandriforme, e dai suoi affluenti (Bormida, Belbo,Orba) che in questo tratto confluiscono in esso. Altitudine media di 250 m s.l.m. Colture intensive e meccanizzate (orticole, cerealicole, seminativi). Clima continentale con forte escursione termica annuale, piovosit annua tra 700-1000 mm, presenza di nebbie e gelo nei mesi invernali. 1.4 I macrosistemi economico territoriali Lo studio comparato delle gerarchie territoriali dei centri, delle caratteristiche territoriali dellambiente antropico e costruito, delle economie consolidate e di quelle in formazione14; permette di localizzare, sul territorio in esame , diversi macrosistemi economico territoriali quali: il sistema lineare dei centri balneari, il sistema lineari dei centri industriali, il sistema policentrico delle Langhe, il sistema a rete delle colline, il sistema a maglia larga della pianura. 1.4.1 Il sistema lineare dei centri balneari

14

Vedasi Regione Piemonte ( a cura di), Piano Territoriale Regionale, ed. ESA, Torino 1991 ; e Mezzetti,Geografia, op. cit.

15

Tale sistema comprende la fascia della costa Ligure ed caratterizzato essenzialmente da centri di medie dimensioni con economia basata sullo sviluppo del turismo balneare e geograficamente disposti lungo lasse di infrastrutturazione costiero che collega Nizza con Genova. Allinterno di questo macrosistema si distinguono: A.1 Centri balneari Popolazione accentrata in localit da 5000 a 10.000 ab., distribuite lungo una stretta fascia costiera con densit da 200 a 500 ab./kmq; centri con economia basata sul turismo balneare di massa. Entroterra caratterizzato da scarsa popolazione non accentrata; economia agricola basata sulle colture intensive di vite, olivi, alberi da frutto; recentemente timido sviluppo di attivit turistiche legate al mondo rurale. Rete stradale e ferroviaria consolidata, ad alta accessibilit, sulla costa (asse Savona Albenga); scarsa accessibilit nellentroterra. Paesaggio antropico caratterizzato da una fitta rete di centri balneari e infrastrutture lungo la costa, da terrazzamenti e dal patrimonio di case sparse nellentroterra. A.2 Centri balneari di supporto allarea metropolitana di Genova Popolazione accentrata in centri da 5.000 a 10.000 ab. disposti lungo la costa, in una stretta fascia con densit da 200 a 500 ab./kmq, ad economia basata sullo sviluppo turistico balneare che supporta la crescita dellarea metropolitana G. Voltri Genova - G. Nervi. Entroterra caratterizzato da centri medio - piccoli, da 1.000 a 5.000 ab.; ad economia agricola in aree a bassa intensit produttiva. Rete ferroviaria ed infrastrutturale consolidata, ad alta accessibilit lungo la costa. Paesaggio antropico caratterizzato da una fitta rete di centri balneari e infrastrutture lungo la costa, da terrazzamenti e case sparse nellentroterra. 1.4.2 Il sistema lineare dei centri industriali Questo sistema costituisce un ponte tra la costa Ligure e lentroterra Piemontese ed caratterizzato da centri medio grandi con economia essenzialmente industriale; caratterizzato pi nel dettaglio come segue: B. Corridoio Savona Torino

16

Popolazione accentrata in centri da 5.000 a 10.000 ab. che costituiscono una fascia ad alta densit abitativa lungo lasse Savona Cairo Cengio Ceva Mondov Torino; seconda area industriale della Liguria con sviluppo indotto dal legame commerciale tra la Fiat di Torino ed il porto di Savona, citt con economia basata sullindustria e sul terziario. Rete stradale e ferroviaria consolidata, ad alta accessibilit, lungo lasse di sviluppo. Paesaggio antropico caratterizzato dallo sviluppo delle aree industriali e dalla rete di infrastrutture di supporto. 1.4.3. Il sistema policentrico delle Langhe Il sistema delle Langhe caratterizzato da unaltissima dispersione della popolazione insediata, da una fitta rete di percorsi secondari che copre tutto il territorio e da uneconomia basata essenzialmente sullagricoltura e sul terziario minuto. Allinterno di questo macrosistema si distingue: C.1 Langa Domestica o Bassa Langa Popolazione distribuita in centri medio - piccoli, da 1.000 a 5.000 ab., diffusi a rete intorno alla citt di Alba; economia basata sulla produzione e commercializzazione di prodotti locali originali quali tartufo, nocciole, vini pregiati (Barolo, Barbera, Barbaresco) e sul turismo enogastronomico e culturale. Laccessibilit fisica allinterno dellarea ancora carente, le infrastrutture viarie funzionanti lambiscono il territorio tangenzialmente presso il nodo di Alba e sono costituite dalla statale Asti Alba Torino e dallautostrada Alba Torino. Il paesaggio antropico caratterizzato dalle colture viticole intensive, dalle architetture rurali in pietra e legno, dalla presenza di torri e castelli medioevali disposti sui bric, da cascine disseminate per la campagna. C.2 Langa Selvaggia o Alta Langa Popolazione distribuita in case sparse o centri piccoli e piccolissimi, spesso ab. < 100 unit, su di un territorio a bassissima densit; economia rurale di sussistenza basata sulla coltivazione promiscua di seminativi, alberi da frutta, colture legnose, vite, noccioli e sullo sviluppo di modeste attivit produttive lungo i centri di fondovalle della Bormida. Laccessibilit carente e consta di una rete di strade poderali ed interpoderali supportata dalle statali che corrono rispettivamente lungo i fondovalle dei due rami delle Bormide e da un ramo ferroviario secondario lungo la Bormida di

17

Spigno. Il paesaggio antropico caratterizzato dalla forte dominanza paesaggistica dellambiente agricolo e naturale composto da boschi cedui, terrazzamenti diffusi, piccoli centri medioevali intatti, trama minuta di architetture rurali in pietra quali cascine, ciabot, pievi, selciati. 1.4.4. Il sistema a rete delle colline Il sistema delle colline comprese tra il Monferrato e lAstigiano costituito essenzialmente da centri di medie e medio piccole dimensioni, disposti a rete sul territorio e caratterizzati da uneconomia basata essenzialmente sul filone enogastronomica e turistico. Allinterno di tale macrosistema si distingue: D.1 Alto Monferrato Popolazione diffusa in centri piccoli e piccolissimi, ad economia rurale, che ruotano attorno alla citt di Acqui, centro turistico termale e culturale. Accessibilit legata alla presenza della statale lungo lasse Acqui - Alessandria e da una rete di strade minori che si distende sulla campagna. Paesaggio antropico caratterizzato dalle colture agricole, dai piccoli centri medioevali e dalla infrastrutturazione recente. D.2 Astigiano Popolazione distribuita in centri medio piccoli, 1.000- 5.000 ab., distribuiti su tutto il territorio, a corona della citt di Asti( polo agricolo, commerciale, amministrativo), ed in centri medi, intorno ai 10.000 ab., lungo una fascia ad alta densit abitativa sullasse Canelli - Nizza Monferrato. Economia basata sulla produzione e commercializzazione di vini pregiati (Asti spumante, Barbera, Grignolino) e di colture orticole, nonch ad un moderato sviluppo turistico legato alla sfera enogastronomica ed alla riscoperta del patrimonio. La rete viaria e ferroviaria principale si colloca lungo lasse Torino Asti - Alessandria (statale, autostrada, ferrovia), la rete secondaria si colloca lungo gli assi Asti Costigliole Nizza - Acqui, Nizza Canelli - Alba (statale, ferrovia) e Alba - Asti (statale, ferrovia). Paesaggio antropico caratterizzato dalle coltivazioni viticole, dalla presenza di architetture rurali in mattoni, dalla presenza di architetture religiose in mattoni e decorazioni in gesso. 1.4.5. Il sistema a maglia larga della pianura

18

E. Alessandrino Popolazione accentrata in centri di 3000 5000 ab., che ruotano attorno ad Alessandria (nodo infrastrutturale e commerciale). Entroterra con economia basata sullallevamento e lagricoltura di fondovalle. Accessibilit principale lungo gli assi Torino Alessandria Piacenza, Milano Alessandria Savona, Milano Alessandria Genova. Paesaggio antropico caratterizzato dalle grandi aziende agricole, dai centri medioevali e franchi, dalla infrastrutturazione diffusa. 1.5 Le fasi della territorializzazione La ricostruzione delle fasi della territorializzazione fornisce le necessarie conoscenze per ricostruire quello che potremmo definire come lambiente insediativo del paesaggio terrazzato, dove per ambiente non sintende solo la componente fisica e morfologica ma anche la componente culturale. Da questa analisi si tenter anche di cogliere le particolari vocazionalit del territorio che, seppure trascurate in epoca attuale, possono ancora costituire delle risorse potenziali per lo sviluppo di un progetto territoriale sostenibile. 1.5.1. Il Neolitico, i Liguri, i Romani La prima fase di territorializzazione delle Langhe si attua con il processo di neolitizzazione delle popolazioni tardo mesolitiche che abitavano queste valli. La neolitizzazione in Piemonte si colloca nella seconda met del VII millennio a.C. e coincide con il passaggio delle societ primitive da uneconomia predatoria ed itinerante, basata sulla caccia e sulla raccolta di prodotti spontanei, ad una economia stanziale basata sullagricoltura e sullallevamento. La sedentarizzazione comporta un legame pi consapevole tra societ insediate e ambiente nel quale queste agiscono e si risolve con innovazioni tecnologiche, ideologiche e socioculturali. Ai fini del presente studio interessante notare che le linee di diffusione della rivoluzione neolitica nelle Langhe seguono una particolare vocazionalit del territorio a fungere da collegamento tra la fascia ligure costiera e la grande pianura fluviale del Po. Infatti lavvio della neolitizzazione delle Langhe avviene ad opera della Cultura della Ceramica impressa, che dallarea egeo/anatolica si diffonde lungo le coste del

19

Mediterraneo ed in Liguria (Savona, Finale, Loano, Albenga) 15. La presenza del sito archeologico di Alba, quale unico sito neolitico del Piemonte appartenente alla Cultura della Ceramica fa credere ad una prima fase di esplorazione di territori vergini da parte dei gruppi liguri costieri e lo stanziamento di essi in piccole comunit di agricoltori16. Le presunte vie di accesso verso lentroterra sono da ricercarsi nei percorsi di crinale che si snodano dal passo di Cadibona verso le Langhe. La neolitizzazione del resto del territorio piemontese avviene invece ad opera della Cultura del Vho che compare, per la prima volta, nellarea tra Mantova e Cremona pressappoco nello stesso periodo in cui compare la Cultura della Ceramica Impressa nella riviera ligure di ponente. Una seconda fase di territorializzazione si colloca intorno al I sec a.C., in cui tutta larea del Piemonte a Sud del Tanaro occupata da trib liguri; in particolare la trib ligure degli Statielli17 si colloca in unarea compresa tra il fiume Orba ed il fiume Bormida di Millesimo ed ha come capitale lattuale citt di Acqui Terme. I liguri Statielli strutturano, per la prima volta, il territorio impervio delle Langhe attraverso insediamenti sulle sommit delle alture e percorsi di crinale che seguono fedelmente la conformazione naturale del territorio. Tali sentieri costituiscono una rete estesa che riesce a mettere in collegamento molto stretto lentroterra langarolo con la riviera ligure di ponente. Le tracce di questa territorializzazione sono da ricercarsi nella toponomastica locale e, almeno in parte, nella localizzazione dei successivi insediamenti romani che, di fronte ad una struttura territoriale poco conforme ad una colonizzazione tipo piana di Firenze, sfruttano la precedente impostazione ligure cos fedelmente soggetta alla componente geomorfologia del territorio. Linizio della conquista romana di questi territori coincide con la storica battaglia di Caristo, sito di cui si persa la memoria, avvenuta nel 173 a.C. tra le truppe romane e la trib ligure degli Statielli. La conquista romana comunque tarda poich la regione delle Langhe per la sua posizione eccentrica rispetto a Roma ed il suo
15

Cit. da Venturino Gambari M., Forme dinamiche degli insediamenti umani nel Neolitico e nellEnolitico, in Mercando L. (a cura di), Archeologia in Piemonte, vol. I, ed. Umberto Allemandi, Torino1997 ( pag. 101). 16 Cit. da Gambari M., Forme dinamiche degli insediamenti umani nel Neolitico e nellEnolitico, op. cit. 17 Vedasi Casalis G., Dizionario geografico storico statistico commerciale degli Stati di S.M. Re di Sardegna, ed. Forni, Bologna 1834

20

carattere

montuoso18,

rimase

lungo

tempo

estranea

allItalia

romana

conservando la sua indipendenza. Solo durante il principato di Augusto Roma penetr nelle impervie valli. tuttavia la colonizzazione romana fu, anche dopo la conquista augustea, alquanto limitata19. Osservando la disposizione delle aree centuriate e degli assi viari delle citt principali, si nota come le Langhe rimangano estranee a questopera di colonizzazione tipica della cultura romana; tuttavia alcuni storici sostengono che probabilmente il Piemonte potrebbe essere una delle regioni in cui i tracciamenti degli assi della centuriazione, con una metodologia complessa di misurazioni e opere di terrazzamento, hanno interessato anche le pendici collinari pi accessibili.20 Amministrativamente il territorio risulta cos suddiviso: tutta larea piemontese a sud del Tanaro sino alla costa ligure viene compresa nella IX Regio romana21, questa scelta amministrativa riflette la convinzione del legame profondo tra la costa e lentroterra; la regio viene ulteriormente suddivisa in Municipia quali Acqui, Vado, Asti, Forum Fulvii; la zona delle Langhe rientra sotto la giurisdizione di Acqui Terme centro rifondato dai romani sulla vecchia capitale della giurisdizione della trib ligure degli Statielli. Le vie di comunicazione che interessano il territorio in epoca romana sono: solo marginalmente le grandi vie di penetrazione quali la via Aurelia e la via Postumia; le strade dirette ai valichi alpini quali la via Fulvia e in particolare la via Aemilia Scauri che circonda le Langhe grazie alle quali si ha la fondazione o la rifondazione dei centri abitati di Acqui, Forum Fulvii, Asti, Alba, Vado Ligure 22;
18 19

Mercando, Archeologia in Piemonte, Vol. II op. cit. Cit. da Mercando (a cura di),Archeologia in Piemonte, volI lEt Romana. 20 Cit. da Mercando (a cura di), Archeologia in Piemonte, volI lEt romana . 21 E stato osservato come in linea di massima i municipi romani della Liguria sia estremamente piccoli rispetto a quelli della transpadania e soggetti, in epoca medioevale , ad un progressivo decadimento; tale osservazione stata messa in relazione con le difficolt incontrate dal meccanismo di urbanizzazione romana in un territorio morfologicamente impervio. A riguardo vedasi Zanda E., Centuriazione e citt, in Mercando L. , Archeologia in Piemonte, vol II op. cit. 22 In questo territorio la penetrazione romana avviene essenzialmente in relazione alle necessit militari di controllo dei valichi montani e di conquista dei popoli indigeni; solo successivamente si attuano le opere di organizzazione e bonifica che, come abbiamo visto, risultano particolarmente difficoltose in questarea del Piemonte. Pertanto la rete di strade dirette ai valichi da considerarsi uno dei segni principali della colonizzazione romana di questo territorio.

21

la viabilit minore, di servizio alle comunit locali, comprende nuovi tracciati di fondovalle o mezzacosta, come la via lungo il ramo della Bormida di Millesimo, e tracciati liguri di crinale che vengono riutilizzati anche in questo periodo. In particolare la medioevale Via Magister Langarum sembra aver origine proprio in uno di questi tracciati di viabilit minore romana sorti, sfruttando in parte, sentieri di crinale precedentemente utilizzati anche dai liguri.

La territorializzazione romana si basa essenzialmente su percorsi di mezzacosta e fondovalle lungo i quali si sviluppa la maggior parte degli insediamenti delle Langhe; in special modo a livello locale acquista importanza la direttrice che collega le citt di Acqui ad Alba23, centri importanti nella tessitura romana di pi vasta scala, che infatti appare costellata da piccoli insediamenti tra i quali spiccano per importanza i siti di Vesime, luogo di sosta, e di Cortemilia, centro di smistamento dei commerci locali. Laltra direttrice che influenza la localizzazione dei siti la Via Aemilia Scauri che costeggia il ramo della Bormida di Spigno e che costituisce un importante collegamento tra lentroterra e la riviera ligure; tra Acqui ed Vado Ligure si trovano infatti, strategicamente disposti, i siti di sosta di Crixia, nei pressi dellattuale Spigno, e Canalicum, forse nei pressi dellattuale Cairo Montenotte. Il luogo di Canalicum, come ricorda anche la derivazione toponomastica, era anche un punto in cui la strada principale si collegava con percorsi di interesse locale quali probabilmente un tracciato lungo la Bormida di Millesimo e il tracciato che sar ripreso dalla medioevale Via Magister Langarum24. Infine la conformazione del territorio delle Langhe fa s che acquistino una certa importanza anche siti disposti in punti strategici delle alture quali Roccaverano e Vengore, che per la loro altezza dominano le due principali vallate della Bormida, e

23

Tale direttrice riportata anche sulla Tabula Peutingeriana anche se non con una specifica denominazione, inoltre non essendoci ulteriori riferimenti geografici intermedi ancora dibattuto dagli storici il presunto percorso di questo tracciato; alcuni ritengono che esso passasse per Vesime, Cortemilia, Castino; altri ritengono che puntasse invece sul tratto di valle Belbo. 24 La questione dellesistenza, anche in epoca romana, della mitica Magister Langarum consta di una lunga diatriba storica; certo che un percorso di crinale lungo il presunto tracciato della Magister doveva pur sussistere anche in epoca romana, non tanto per volont dei romani stessi, quanto piuttosto per comodit delle popolazioni sottomesse che come abbiamo visto mantennero, in Alta Langa, una certa autonomia da Roma. Tale tracciato doveva per risultare estraneo ai principali percorsi di attraversamento e commercio romani che si avvalevano delle documentate Aemilia Scauri ed Alba Asti.

22

Cassinasco, snodo intermedio di un percorso locale che mette in comunicazione le valli parallele della Bormida e del Belbo. Per quanto riguarda pi da vicino lorganizzazione delle campagne e dei terreni, fermo restando le opere di canalizzazione e di terrazzamento, si deve sottolineare che anche in et romana avanzata permane una strutturazione di tipo preromano dettata dalla pressante componente geomorfologica che impone piccole propriet terriere e piccoli agglomerati abitativi organizzati in pagus e vici. Una delle pi controverse e complesse forme di insediamento delle trib preromane fu certamente il Pagus che identificava, oltre che una circoscrizione territoriale, un aggregato etnico o una unit militare. In quanto struttura rurale il pagus si articolava in vici, agglomerati abitativi minori, che ebbero unimportanza fondamentale nellassetto demico extraurbana. Alla limitata presenza ufficiale di Roma in territorio piemontese si contrappone una penetrazione pi lenta ma costante affidata alliniziativa privata di piccoli proprietari terrieri, mercanti e artigiani romano/italici 25. Il permanere dellorganizzazione preromana si riflette anche sullorganizzazione delle propriet terriere tanto che le popolazioni liguri pur soggette allinfluenza romana, in virt di foedera stabiliti, continuavano anche in et di romanizzazione avanzata a mantenere strutture che non escludevano il riconoscimento di uno sfruttamento privato familiare di terreni occupati di volta in volta 26. Il sopravvivere di una porzione consistente di propriet privata anche nel periodo medioevale 27potrebbe quindi trovare le sue radici nel perpetuarsi della tradizione ligure anche in epoca romana. 1.5.2. Dalla caduta dellImpero Romano allAlto Medioevo La fine dellimpero romano doccidente decretato dalle invasioni barbariche che si susseguono a partire dal IV sec. d.C., ma se si vogliono individuare polarit di lungo periodo, coordinate di organizzazione del territorio utili per collocare i diversi gruppi locali, occorre partire dal 568 d.C. e dalloccupazione dei Longobardi. 28

25

Cit. da Spagnolo Garzoli G.,Il popolamento rurale in et romana, in Mercando ( a cura di), Archeologia in Piemonte, vol II , ed.Allemandi, Torino 1997( pag. 70). 26 Cit. da Spagnolo Garzoli G., Il popolamento rurale in et romana , op. cit. (pag.69). 27 Ipotesi avanzata da Carle L., Lidentit nascosta, op. cit. 28 Cit. da Sergi G., Le polarit territoriali piemontesi dallAlto Medioevo al Trecento, in Mercndo, Archeologia in Piemonte, vol III, op. cit. (pag. 29).

23

I Longobardi calarono in Italia in interi gruppi familiari autonomi, guidati da capofamiglia e sottoposti ad un comandante detto dux; larea ligure piemontese verr poi organizzata in tre ducati (da dux ovvero duca): Torino, Ivrea, Asti. Il regno longobardo era una sorta di federazione polietnica coagulata intorno alla tradizione unitaria del principale nucleo longobardo; i ducati non erano vere circoscrizioni del regno, ma stanziamenti militari arricchiti di pi generali compiti di gestione: di essi si conosceva il centro operativo, la sede del duca, ma sarebbe stato difficile tracciarne i confini. Il confine non rispondeva ad un disegno regio complessivo, ma era quello, mutevole e di volta in volta ridefinibile, della concreta capacit dinfluenza di ogni duca poich ogni capo aveva nozione degli aggregati personali su cui comandava pi di quanto non conoscesse lestensione dei territori su cui esercitava il potere.29 Un'altra fase cruciale della territorializzazione in Alta Langa si pu far coincidere con lavvento dei Franchi che nel 773 d.C. si imposero in Italia settentrionale e attingendo dallorganizzazione ducale dei longobardi, costruirono una pi solida strutturazione amministrativa del territorio basata su listituzione di comitati governati da conti che perdur anche dopo la definitiva caduta dellimpero. In seguito la minaccia delle scorrerie saracene dal mar Ligure e la minaccia di nuove invasioni dai confini piemontesi portarono alla formazione, a partire dal 891 a.C., di un organismo di coordinamento dei comitati: la grande marca dIvrea, istituzione di matrice prettamente franca. Nel 962 a.C. limperatore sassone Ottone I, riprendendo la tradizione ducale/comitale gener delle strutture territoriali dai caratteri pi marcati; egli suddivise il territorio, sino ad allora unitario, della Liguria e del Piemonte, in quattro grandi marche: marca dIvrea, marca Obertenga, marca Arduinica, marca Aleramica(967).

Le aree di competenza di ciascun marchese non costituivano, almeno sulla carta, un diritto ereditabile quindi i marchesi cercarono di accumulare ricchezze fondiarie nei
29

Cit. da: vedi nota 24.

24

territori di loro competenza per garantirsi una pi duratura permanenza in essi e valorizzare gli aspetti signorili dei loro poteri. Dopo la morte del marchese e re arduinico dIvrea, avvenuta nel 1015 a.C., i marchesi costruirono principati ereditari, mentre il potere dei vescovi cresceva in maniera esponenziale. Il territorio delle Langhe ricade, a partire dal 967a.C., sotto la giurisdizione della marca Aleramica allinterno della quale si creano due rami dinastici che hanno giurisdizione su due aree distinte: la zona del Monferrato vercellese e la zona del comitato di Acqui . Gli Aleramici si muovevano allinterno di una delle aree meno popolate della regione subalpina: ricca di incolti e di boschi e poco condizionata da centri urbani. Per di pi allinterno di questarea i membri della famiglia sembravano particolarmente attratti, per il radicamento fondiario e per le fondazioni monastiche che funzionavano da elementi di identificazione del lignaggio, dalle zone meno insediate, quasi sfuggissero alle concorrenze dei vescovi con cui dovevano convivere, cio quelli di Acqui, di Savona e di Vercellinelle Langhe dominavano i marchesi del Vasto che si ramificarono presto in marchesi di Saluzzo, di Savona/del Carretto, di Cortemilia, di Ceva, di Incisa.30 Per le Langhe linteresse dei marchesi e degli ordini monastici per i territori anche meno accessibili signific un periodo di forte sviluppo di centri e di vie di comunicazione di importanza sovralocale. Il periodo che si estende dal X agli inizi del XII secolo, definibile come Alto Medioevo, costituisce per larea delle Langhe un momento cruciale di riorganizzazione territoriale e di ripopolamento di terre fino a quel periodo sconvolte dal passaggio di orde barbariche; i punti cruciali di tale riorganizzazione sono da ricercarsi nel consolidamento del marchesato del Vasto, nel diffondersi degli ordini monastici, nel riutilizzo di percorsi di crinale, nel diffondersi del potere vescovile sulle campagne. 1. Marchesato del Vasto Il consolidarsi del marchesato coincide con il diffondersi della curtis, grande organizzazione agraria costituita da un ampio numero di appezzamenti di terreno, di propriet dei feudatari, sparsi in localit anche diverse. Il diffondersi dellorganizzazione della curtis caratterizzato per in Alta Langa dal permanere di
30

Cit. Sergi G., Le polarit territoriali piemontesi dallAlto Medioevo al Trecento, op. cit. ( pag.33 34) in Mercando, Archeologia in Piemonte, op. cit.

25

una cospicua parte di terreni detti allodi a propriet privata. Le trasformazioni principali che avvengono in questo periodo sul territorio sono il disboscamento delle aree pianeggianti, la messa a coltura di nuove terre, la fondazione di centri abitati. Si creano quindi i primi villaggi disposti sulle alture attorno a piccoli castelli o rocche, da qui i nomi delle rocche e delle rocchette che popolano la valle Bormida. 2. Gli ordini monastici Il marchesato promuove il diffondersi di ordini monastici attraverso lelargizione di vasti possedimenti terrieri allinterno del marchesato con il duplice scopo di tutelare le vie di comunicazione e di tenere lontano il potere delle grandi Diocesi di Asti ed Acqui.31La diffusione delle comunit monastiche segue anche qui le direttrici del monachesimo occidentale, si ha quindi una prima fase con Benedettini, Cistercensi ed Agostiniani ed una seconda fase con Francescani e Domenicani che si conclude allincirca nel XII secolo.32 Il territorio in esame gravita intorno a tre grandi Abbazie Benedettine: Nizza33, Ferrania34 e Spigno35, questultima sorta in seguito alla distruzione dellAbbazia di Giusvalla, che acquistano propriet sempre pi cospicue nei territori adiacenti creando tre grandi areali di influenza non solo religiosa ma soprattutto economica ed amministrativa. La diffusione degli ordini monastici coincide con il primo grande periodo di costruzione del paesaggio terrazzato poich intorno ai monasteri, alle celle monastiche ed alle pievi che si riorganizza il mondo contadino e parte una nuova fase di territorializzazione 36 3. Percorsi di crinale

31

Gli ordini monastici fanno riferimento alle grandi Abbazie, spesso in antagonismo politico con le Diocesi. Se si osserva la disposizione delle Abbazie in Langa si nota come esse si dispongano lungo un arco che sembra virtualmente dividere i territori di influenza della Diocesi di Acqui da quelli di influenza dei marchesi aleramici. 32 Vedasi Diocesi di Acqui Archivio Vescovile ( a cura di), I Vescovi della Chiesa di Acqui dalle origini al XX sec., ed. Impressioni Grafiche, Acqui Terme, 1997. 33 Abbazia di San Pietro in Serena fondata tra il 1000 ed il 1100. 34 Abbazia di Ferraia fondata nel 1097tramite lelargizione di terre e bene marchionali nelle localit di Cairo, Caretto, Saliceto. 35 Abbazia di San Quintino di Spigno fondata nel 991, in seguito alla distruzione dellAbbazia di Giusvalla da parte dei Saraceni allepoca del saccheggio di Acqui. Spigno deteneva numerose terre, elargite dai Marchesi aleramici, tra la Riviera Ligure ( sino ad Albisola) e lAcquese (sino a Cassine). 36 Per unanalisi approfondita della diffusione degli ordini monastici in Valle Bormida vedasi Pregliasco A., (a cura di), La civilt dei monaci e i loro insediamenti nelle nostre valli, ed. a cura della Comunit Montana Alta Valle Bormida, ed. Gambera, Millesimo, 2000.

26

La situazione dei tracciati viari mut radicalmente nel periodo successivo alla crisi tardo imperiale: bench il tracciato delle antiche vie di fondovalle non dovette essere completamente dimenticato, le difficolt di manutenzione delle carreggiate stradali risultarono insormontabili romana. quando Inoltre il vene sistema meno viario lefficiente dellarea organizzazione esaminata era amministrativa

particolarmente esposto ad un rapido degrado sia per la natura alluvionale delle valli delle Bormide, soggette a frequenti e rovinose piene, sia perch per un lungo periodo la dorsale montuosa tra Piemonte e Liguria fu teatro di violente azioni militari 37. Si attivano cos i naturali percorsi di crinali, che hanno bisogno di meno manutenzione, e che si ricollegano ad una fitta rete locale di sentieri che collegano i diversi villaggi. 4. La diffusione del potere delle diocesi I confini territoriali delle diocesi, istituite in questo territorio intono al 330 d.C., ricalcano quasi fedelmente la suddivisione romana in municipi comprendendo quindi una giurisdizione piuttosto vasta. Inizialmente il potere delle diocesi sul territorio loro assegnato solo nominale, esse ottengono una reale influenza dei loro territori e soprattutto delle zone collinari delle Langhe, dove persistono a lungo comunit pagane, solo dopo una lenta colonizzazione che parte con la costituzione di piccole comunit cristiane che si organizzano intorno ad una chiesa battesimale detta Pieve. Alla fine del X secolo esistevano certamente un certo numero di pievi, alcune anche di formazione molto antica; nel secolo successivo il vescovo S.Guido 38 trasform molte Cappelle in pievi. Certamente prima del Mille esistevano le pievi di: Cauro ( nei pressi di Montechiaro), Vesime, S. Giovanni (tra Nizza e Calamandrana), S. Giovanni di Cairo, Cortemilia. Dopo il Mille sorsero anche le pievi di: S.Maria di Bistagno, Dego, S.Maria di Bubbio, S.Martino di Olmo Gentile.

1.5.3 Il Basso Medioevo (1100-1300) Alla morte di Bonifacio del Vasto , avvenuta nel 1130 d.C., secondo lantica tradizione del feudo longobardo, le terre delle Langhe vengono spartite in parti uguali
37

Arata A., De strata securiter tenenda, in Arata, Giraud, Rapetti, Rebora,Aquesana: rivista di studi e ricerche sui beni culturali ed ambientali dellacquesano antico e moderno, n.1 , Acqui Terme, 1994 (pag.6). 38 Vedi Diocesi di acqui,I vescovi della Chiesa di Acqui dalle origini al XX sec., op. cit

27

tra i suoi due figli, si crea cos il marchesato di Cortemilia e quello di Savona. Morto il marchese di Cortemilia senza eredi, le terre anticamente appartenute a Bonifacio vengono spartite tra i due figli del marchese di Savona, Ottone ed Enrico II, che acquistano per la prima volta anche lepiteto di Marchesi Del Carretto 39. Questo periodo caratterizzato da un forte dinamismo economico delle citt di Asti ed Alba che incrementano in maniera considerevole gli scambi commerciali con la riviera ligure mentre la citt di Acqui, importante municipio sotto la dominazione romana, si avvia verso una definitiva decadenza. Il notevole sviluppo dei traffici di questi centri urbani verso i porti liguri rende necessario assicurarsi un transito sicuro e rapido lungo nuove vie che si snodano sul sistema collinare delle Langhe. Entrambi i centri si impegnano tenacemente ad ampliare il controllo sui territori percorsi dalle loro merci, limitando sempre pi lautonomia politica dei domini locali (in particolare i Del Carretto), costringendoli ad unaffidabile manutenzione delle rete stradale e ad abbandonare ogni velleit di daziare rapacemente i convogli in transito
40

Appare evidente quindi la ragione della conformazione allungata dei territori che spettano in eredit ad Ottone ed Enrico del Carretto: entrambi i marchesi sono in grado di assicurarsi una via diretta verso i porti liguri. Nellambito di tale politica di potenziamento dellarea delle Langhe come area di collegamento tra pianura padana e riviera ligure, i marchesi si impegnano nella fondazione di centri monastici, assistenziali ed urbani nei punti cruciali per il transito delle merci. In particolare abbiamo: la fondazione dellospedale di Ferrania, la fondazione dellospedale di Fornelli, la costruzione del burgus di Millesimo, la fondazione dellabbazia cistercense di Millesimo, lo sviluppo del burgus di Cairo, la trasformazione del burgus di Cortemilia che divenne sede di una zecca marchionale,

39

Vedi Ticineto S., Carcare e lAlta Val Bormida nel Medioevo: dalle invasioni barbariche allanno 1536, ed. GRIFL, Rocchetta Cairo 1998. 40 Cit. da: Arata A.,De strata securiter tenenda, op. cit (pag. 8).

28

la creazione di un feudo indiviso nel Luogo di Carcare che garantiva, per la presenza di un ponte alla confluenza di pi strade verso la riviera, un ingente riscossione di dazi sulle merci.

Il territorio delle Langhe in questo periodo una zona strategica per il commercio tra i centri di Asti, Alba, Savona, Noli, Vado, Finale, Genova; pertanto attraversa un periodo di notevole sviluppo e riorganizzazione territoriale che porta allemergere di centri fiorenti in luoghi strategici e di nuove vie di comunicazione. Acquista consistenza anche lesportazione di prodotti locali langaroli 41 quali carni, grassi, formaggi, che vengono scambiati con olio, grano 42, tessuti, e sale43 provenienti dalla riviera. Da notare che la dipendenza della regione gravita fortemente verso la riviera ligure; i marchesi stessi, forse anche per sfuggire alloppressione politica di Asti ed Alba, tengono la sede marchionale sulla riviera, uno a Finale ed uno prima a Savona e poi nel borgo di Carretto, nei presi del crinale appenninico ligure. 1.5.4. Il Basso Medioevo (1300-1500)44 Dal XIV secolo in poi si consolidano e si acuiscono le gerarchie territoriali tra i diversi centri delle Langhe mentre si restringono fortemente gli ambiti di influenza degli stessi a causa del riassetto politico dellarea, dovuto al perpetrarsi della tradizione del feudo longobardo allinterno della famiglia Del Carretto ed anche dallemergere di nuovi e forti signori feudali45. Gli eventi salienti che si verificano agli inizi del XIV secolo sono :
41

Altro importante prodotto locale delle Langhe, in questo periodo cos come in epoca romana, il vino ma la natura delle strade mulattiere non consente il trasporto di liquidi in grande quantit. 42 Il grano giungeva a Savona dalla Sicilia, dalla Provenza, dalla Toscana ma raggiungeva le Langhe e il Monferrato solo nelle annate di raccolto abbondante poich la concentrazione demografica della citt di Savona, circa 20.000 ab., imponeva un fabbisogno alimentare molto alto. 43 I prodotti seguivano vie preferenziali di trasporto, in particolare il percorso che il sale, bene prezioso per la conservazione degli alimenti, faceva tra Savona e Asti ha lasciato tracce nella toponomastica e nella strutturazione dei paesi attuali. Vedi Pregliasco A. , Le vie del sale, appunti inediti, Saliceto 1999. Il sale giungeva a Savona dalle coste iberiche, dalle Baleari, da Tunisi , dalla Provenza e veniva distribuito in Val Bormida da Millesimo, Cairo, Cortemilia. Vedi Ticineto S.,Carcare e lAlta Val Bormida, op. cit. 44 La scelta di questa datazione deriva dalla constatazione che lAlta Langa resta per lungo tempo organizzata secondo le linee direttrici del feudalesimo e, come osserva Ticineto in Carcare e lAlta Val Bormida nel Medioevo (op. cit), Questa scelta giustificata dal fatto che, nelle nostre zone ancora totalmente feudali, i grandi eventi, come la scoperta dellAmerica e le correnti di pensiero generate dallUmanesimo rinascimentale, fecero sentire la loro influenza e modificarono il modo di pensare dei nostri avi solo in anni posteriori alla data ufficiale della fine del Medioevo. 45 Il nuovo clima politico ed economico che si instaura in Asti, in seguito allistituzione del comune, porta allemergere dei ceti di banchieri e commercianti che trovano nellinfeudazione delle Langhe una conferma politica la loro potere economico.

29

la suddivisione in tre terzieri46 del marchesato di Finale alla morte di Enrico del Carretto ed il costituirsi dei feudi indivisi nei luoghi strategici di Millesimo, Cosseria e Carcare a riconferma della volont dei tre fratelli di mantenere attive le vie verso la riviera ligure47; la definitiva scomparsa della famiglia del Carretto del Cairo che viene sostituita, per volont dei signori di Asti che avevano fino ad ora infeudato i Del Carretto, con la ricca famiglia di mercanti e banchieri degli Scarampi. Il restringersi dellinfluenza di Savona sulle Langhe, a causa delle difficolt di collegamento e dellampliarsi dellinfluenza delle citt di Asti, nelle Langhe, Genova, sulla costa.

Gli sviluppi successivi degli eventi portano ad una suddivisione territoriale sempre pi minuta che logora con il tempo la stabilit economica dellarea poich impedisce, a causa del moltiplicarsi delle dogane e quindi dei dazi, il libero passaggio delle merci. Nonostante ci prima dellinterruzione definitiva dei commerci si pu focalizzare lattenzione su di una fase di territorializzazione in cui lo sviluppo dei centri delle Langhe allapice mentre le relazioni di dipendenza economica delle citt di Asti, Alba, Genova, Savona si restringono in areali geograficamente contigui a ciascuna citt. Si assiste in questa fase ad un moltiplicarsi di percorsi alternativi sulla direttrice Piemonte Liguria che tengono conto dei mutevoli ed instabili confini dei feudi di una linea di separazione tra la riviera e lentroterra, localizzabile debolmente lungo lasse Savona Cadibona Millesimo.

1.5.5 Le annessioni sabaude (1500 1738) ed il periodo napoleonico (1794-1815) Il territorio delle Langhe, che nei secoli precedenti aveva quasi raggiunto una unit sotto la famiglia Del Carretto, si trova spezzettato tra i territori della Contea dAsti, i territori del Marchesato di Saluzzo, i territori del Monferrato ed i Feudi Imperiali. La divisione amministrativa cos accentuata mostra una forte volont di ingerenza da parte delle potenze territoriali limitrofe, per assicurarsi una via diretta al mare; mentre
46

Si creano i terzieri di Monesiglio, Millesimo, Finale. Inevitabilmente per la suddivisione amministrativa porta alla decadenza dei commerci tra Langhe e Riviera e pone le basi per la definitiva decadenza della famiglia dei Del Carretto. Solo in terziere di Finale, che per la sua localizzazione potr rivolgere i suoi commerci con le citt costiere, manterr la sua indipendenza fino alla met del 1500.
47

30

la sopravvivenza fino a tarda epoca di Feudi Imperiali sottolinea, oltre che limportanza strategica di questi territori, la volont delle Langhe di considerarsi indipendenti rispetto ai grandi eventi esterni. Ed infatti nel lungo periodo che va dal 1500 alla met del 1700, mentre nel resto dItalia si riorganizzano i sistemi di governo del territorio, le Langhe subiscono un lungo e difficoltoso processo di annessione da parte del Ducato di Savoia, senza per mutare sostanzialmente lorganizzazione policentrica dei piccoli borghi, la disposizione dei percorsi, le gerarchie territoriali tra centri. Nel territorio delle Langhe si gettano formalmente le basi per lo Stato moderno solo dopo la totale annessione sabauda, quando con leditto del 1797 Carlo Emanuele abolisce i privilegi feudali48. Si assiste ad una vera e propria riorganizzazione delle gerarchie territoriali solo durante il breve periodo dell'ingerenza napoleonica, tra il 1794 ed il 1815. La riorganizzazione napoleonica segna un passo decisivo verso lattuale fisionomia delle relazioni tra i centri langaroli in quanto sviluppa direttrici inedite mentre conferma solo alcune delle dipendenze di lunga durata. territorio delle Langhe viene suddiviso tra Amministrativamente il il Dipartimento della Stura ed il

Dipartimento di Montenotte segnando definitivamente il processo di separazione tra Liguria e Piemonte. La suddivisione in distretti, unit gerarchiche inferiori al dipartimento, tiene per ancora conto della forte dipendenza delle Langhe, in particolare della Bassa Langa, dalla citt di Alba; dipendenza oggi negata dagli attuali confini amministrativi ma richiesta a gran voce dalle popolazioni locali. Dalla collocazione dei capoluoghi di giustizia e di pace e degli uffici postali nei centri di Cortemilia, Spigno, Cairo, Bossolasco, si legge la volont delle amministrazioni napoleoniche di confermare le gerarchie territoriali di lunga durata solo nel caso di centri di fondovalle e quindi pi accessibili alle milizie. Pertanto la porzione di territorio prettamente collinare compresa tra i due rami della Bormida priva di servizi superiori e talvolta non compaiono neppure distaccamenti di gendarmi. Allo stesso modo, a livello di infrastrutture, vengono rafforzate le direttrici Alessandria Acqui Spigno Dego Cairo Savona e Ceva Millesimo Carcare Cadibona Savona provocando lemarginazione dei centri in Langa e lo sviluppo economico e
48

Vedi Belforte S. (a cura di),Oltre lACNA: identit e risorse per la rinascita della Valle Bormida, ed. Franco Angeli

31

commerciale dei centri di Mondov, Cuneo e Ceva. 49 In questo periodo di generale riorganizzazione amministrativa ed infrastrutturale si osserva quindi un notevole decadimento dei percorsi in Langa 50, vitali per le popolazioni di questo territorio, tanto che le amministrazioni locali continuano a chiedere la sistemazione delle antiche direttrici di crinale Alba Cortemilia S.Giulia Cairo e Alba Dogliani Ceva.51 A partire dallepoca napoleonica il commercio richiede progressivamente, e a causa del suo stesso sviluppo, strade carrozzabili e tende sempre pi alle lunghe distanze.52 Pertanto la marginalizzazione dellAlta Langa e la chiusura delle comunit locali su se stesse deriva proprio dalla negazione dei commerci su lunga distanza; tanto che ancora oggi gli abitanti avvertono una pressante inadeguatezza della rete di infrastrutture.

1.5.6 Il Regno di Sardegna e la situazione attuale La suddivisione amministrativa delle Langhe fatta sotto il regno di Sardegna riprende le linee di indirizzo del periodo napoleonico. Le Langhe sono suddivise arbitrariamente da confini imposti ed in particolare lAlta Langa subisce in maniera pesante questa spartizione geografica divenendo terra di confine, anzich beneficiare delle sue potenzialit di area di strada . Il territorio viene amministrativamente suddiviso in Divisioni che ricalcano in parte i confini dei distretti napoleonici. La Divisione di Genova va a comprendere i territori delle Langhe dal crinale appenninico sino ben oltre il solco geomorfologico Ceva Cosseria - Carcare, consolidando lasse di sviluppo tra Mondov e Savona e decretando la crescita e la modernizzazione dei centri abitati che si dotano di manifattura e si avviano allo sviluppo industriale. Quei territorio delle Langhe che, in epoca tardo medioevale, avevano gravitato verso la Contea di Asti attraverso la famiglia degli Scarampi, vanno
49 50

soggetti alla Divisione di Alessandria. Lo spostamento sotto il dominio

Vedi Carle L.,Lidentit nascosta, op cit. Espressione locale utilizzata per definire i naturali percorsi in cresta delle Langhe, da sempre considerati dalle popolazioni che hanno abitato questi territori come gli unici funzionali per gli spostamenti di lunga percorrenza. 51 In controtendenza rispetto alle posizioni ufficiali lanalisi del prefetto napoleonico Chabol che notando come la direttrice Alba Cortemilia Cairo sarebbe la via pi corta per mettere in comunicazione Torino con Savona d voce alle richieste delle popolazioni locali. 52 Cit. da Carle L., Lidentit nascosta, op cit (pag. 89).

32

amministrativo di Alessandria coincide con la volont politica di potenziare i rapporti commerciali tra questa citt e Savona; in questottica viene ripresa la direttrice Acqui Spigno Cairo. Acquistano quindi importanza quei centri di fondovalle in diretto contatto con questa direttrice anche se lo sviluppo economico e demografico non paragonabile a quello che subiscono i centri dellasse industriale sopradescritto. I centri restanti dellAlta Langa ricadono, insieme a tutta la Bassa Langa, sotto la Divisone di Cuneo, citt che si ampliata e sviluppata grazie alla sua posizione strategica tra Torino ed il Passo di Cadibona. La direttrice Alba Cortemilia Cairo sussiste, ma lo stato del tracciato viario resta disastroso. A livello locale Cortemilia, Roccaverano, Bubbio, Bossolasco, Monesiglio e Cairo ricoprono il ruolo di Capo di Mandamento confermando gerarchie territoriali di lunga durata; mentre limpianto di piccole manifatture 53, nei pressi di Cortemilia, Vesime, Bistagno, Spigno, Bubbio, Monastero, sposta timidamente lo sviluppo verso il fondovalle e contribuisce a migliorare leconomia dei centri abitati. La crescita demografica della popolazione impone la messa a coltura di nuove terre ed in particolare il potenziamento dei terrazzamenti 54, adibiti a vite, e delle aree di fondovalle coltivate a frumento, mais, gelso, nocciolo. Leconomia della valle retta anche dallallevamento ovino, dai prodotti derivanti la lavorazione delle castagne, dalla silvicoltura, dalla raccolta di tartufi. Si tratta di una organizzazione agricola in cui domina la policoltura basata su piccole e piccolissime aziende improntate allautoconsumo, a conduzione familiare che attuano una capillare gestione del territorio. La situazione attuale dei limiti amministrativi conferma la negazione delle Langhe in quanto regione geografica individuale. In particolare il confine tra Piemonte e Liguria traccia una spaccatura ancora pi accentuata che non il confine della divisione di Genova, nel periodo sabaudo, o il confine del Distretto di Savona, nel periodo napoleonico. Infatti si spinge a Sud di Serole formando un cuneo tra le valli delle due Bormide; nello stesso punto convergono anche i limiti amministrativi delle province di Cuneo, Asti, Alessandria, appartenenti alla Regione Piemonte. La rete degli
53

Si tratta per lo pi di filatoi, per i bozzoli da seta, in cui stagionalmente lavorano fino a 70 100 operai. Il Casalis inel suo Dizionario geografico(op. cit.) parla degli abitanti di Cortemilia e di altri centri riferendosi a loro come terrazzani.
54

33

insediamenti costituita da piccoli centri 55 con poche centinaia di abitanti in un assetto che potremmo definire policentrico; le campagne sono costellate da numerose cascine e case sparse, le grandi direttrici moderne (autostrade, strade, linee ferroviarie) agiscono tangenzialmente al territorio in esame. A differenza delle epoche passate, quando lisolamento delle Langhe non ha impedito il perpetrarsi di una gestione capillare del territorio e di una economia basata sullagricoltura autosufficiente, si notano ora le conseguenze di un generale spopolamento della regione, innescatosi quando la secolare organizzazione rurale delle Langhe entrata in contatto diretto con la modernizzazione tecnologica e colturale in atto nei territori limitrofi. Una prima rottura con la tradizione si ha con lintroduzione delle fibre tessili che tolgono alle famiglie gli introiti derivanti dalla bachicoltura ( 1920 1930) ed in seguito con la diffusione della meccanizzazione (1950 1960), che rende obsoleta lorganizzazione territoriale delle Langhe. La gestione del territorio delle Langhe subisce quindi uno sconvolgimento imponente con lavvio dellesodo verso Torino, arginato solo dal fenomeno degli operai contadini.56 Lo spopolamento delle campagne ha origini che poco hanno a che vedere con la struttura produttiva del capoluogo regionale e molto con la natura pedologica del terreno, con il suo rilievo, con lorganizzazione aziendale che ostacolano la meccanizzazione; con il richiamo di modelli di vita moderni e con il rifiuto di quelli tradizionali57. Ben si comprende lattrattiva esercitata dal capoluogo sugli abitanti di una regione dove sino a poche decine di anni fa sussistevano strade asfaltate solo a tratti, tanto che senza strade e senza ferrovie lAlta Langa si sentita per lungo tempo isolata, tagliata fuori 58. Le conseguenze pi vistose di questo esodo si hanno nel rimodellamento del paesaggio dellAlta Langa. In tali zone gli insediamenti umani, dove la vita particolarmente disagevole, si ritirano progressivamente: le vecchie abitazioni rurali sono lasciate andare in rovina, le strade comunali in terra battuta sono a poco a poco cancellate dalla vegetazione
55

La popolazione media : nei comuni di crinale di 150 ab., nei comuni di fondovalle 1500; escludendo i casi di Spigno, Bubbio, Cortemilia, Monesiglio, Cairo, Bistagno. 56 I capifamiglia si spostano in citt lasciando la conduzione dei campi alle donne; si avvia quindi quel processo che stato definito il part-time farming in cui i proventi dellagricoltura divengono un arrotondamento della busta paga. Si veda a tal proposito: Renosio G, Agricoltura collinare e modificazione del paesaggio, nel n4 di Asti contemporanea, ed. a cura della Provincia di Asti, Asti 1996. 57 Cit. da: Fumagalli M., Una regione prevalentemente agricola entro unarea industriale avanzata: il caso dellastigiano, vol XXXII di Memorie della societ geografica italiana, Roma 1974. 58 Cit. Carle L.,Lidentit nascosta, op. cit. (pag. 87).

34

spontanea, le vigne ed i campi incolti si tramutano in gerbidi e questi a loro volta in boscaglia che si aggiungono ai pochi boschi naturali esistenti ed a quelli cedui che stanno diventando la coltivazione favorita di molti proprietari ex-agricoltori 59. A partire dagli anni 70 lAlta Langa considerata una zona marginale e depressa, per la quale si invoca come unica fonte di sviluppo lavvio di un certo tipo di turismo definito agrituristico, che sfrutti lingente patrimonio di edifici abbandonati. Le speranze di questo sviluppo turistico sono per disattese a causa delle condizioni stesse del territorio; infatti : le zone non sono inserite in consolidati itinerari turistici; la specializzazione delle colture delle cascine superstiti, ben lontane dallautosufficienza, in caso di micro attivit alberghiera, costringerebbe ad un cospicuo e costoso approvvigionamento esterno; la trasformazione del paesaggio in seguito allabbandono ha reso lo stesso poco attrattivo 60. Dagli anni 80 sembra per essersi avviato un processo di trasformazione culturale e politica che si sviluppato a partire dal 1988 con le lotte per la chiusura dellAcna di Cengio, causa del secolare inquinamento che ha portato alla dichiarazione dellarea ad alto rischio di crisi ambientale 61. Il focalizzarsi degli abitanti della valle Bormida intorno ad un comune obbiettivo, ha portato ad una consapevolezza del senso di appartenenza al proprio territorio e di conseguenza allemergere di una volont collettiva di rinascita. Tale volont si concretizzata con la chiusura dellAcna e con una serie di proposte e progetti fatti per la valle dai propri abitanti; inoltre la consapevolezza dellunit della valle si parzialmente tradotta anche a livello amministrativo. Sono state infatti istituite in Alta Langa alcune Comunit Montane nel tentativo di ridefinire i confini della regione in contrasto con la frammentazione delle province. In particolare, nellAlta Langa piemontese, si hanno: - la Comunit Montana Alta Langa Astigiana / Val Bormida, con sede a Roccaverano e comprendente i comuni di: Bubbio, Cassinasco, Cessole, Loazzolo, Mombaldone, Monastero Bormida, Olmo Gentile, S. Giorgio Scarampi, Roccaverano, Serole, Sessame, Vesime; 59 60

la Comunit Montana Langa delle Valli Bormida e Uzzone, con sede a torre Bormida e comprendente i comuni di: Castelletto Uzzone, Castino, Cortemilia,

Cit. da: Fumagalli M:, Una regione prevalentemente agricola entro unarea industriale avanzata, op. cit. Vedasi Fumagalli, Una regione prevalentemente agricola entro unarea industriale avanzata, op. cit. 61 Magnaghi A. in Piano di sviluppo socio economico quinquennale della Comunit Montana Langa delle Valli Bormida e Uzzone, 27 ottobre 2000.

35

Bergolo, Levice, Pezzolo Valle Uzzone, Gorzegno, Gottasecca, Saliceto, Torre Bormida, Perletto , Rocchetta Belbo. 1.6 Le strutture territoriali di lunga durata Confrontando gli assetti territoriali storici con lattuale conformazione relazionale del territorio delle Langhe si nota come la rete di centri si sia conservata policentrica e non gerarchica sebbene i nodi di Cortemilia, Roccaverano, Cairo, Bubbio, Spigno rivestano un ruolo gestionale ed organizzativo rispetto allintorno. Si tratta quindi di una rete multipolare fortemente interconessa al suo interno ma con legami deboli verso lesterno. In particolare i poli attrattivi esterni sono rappresentati dai centri di Alba, Acqui, Savona, Asti. La struttura territoriale osservabile oggi sullarea vasta, deriva essenzialmente dalla sedimentarizzazione di tre modelli di territorializzazione che nel corso dei secoli hanno interpretato e reinterpretato le vocazionalit di questa regione. Il primo di questi modelli, che potremmo dire tipico dellorganizzazione medioevale, ma che per alcuni aspetti era gi stato utilizzato dalle culture precedenti Liguri e Neolitiche; interpreta i crinali delle Langhe come collegamenti tra la pianura ed il mare. Le strutture di lunga durata legate a questo modello sono costituite essenzialmente dai lunghi percorsi di crinale che si snodano, a partire dal Passo di Cadibona, verso Alba e Asti, e dai collegamenti trasversali tra crinale e crinale che attraversano perpendicolarmente i fondovalle. Su tali percorsi si collocano, secondo diverse tipologie, i centri storici delle Langhe. In particolare si hanno borghi di crinale 62 disposti su bric e selle, nei punti in cui si diramano i percorsi secondari che raggiungono i fondovalle, e borghi in prossimit fondovalle 63 in corrispondenza dei collegamenti trasversali tra i lunghi crinali paralleli. Dallesame delle relazioni sulla lunga durata emerge che i centri disposti in prossimit delle intersezioni tra percorsi principali acquistano nellepoca medioevale una importanza gestionale sullintorno del territorio ed ospitano monasteri, ospedali, corti. Queste relazioni restano evidenti nellorganizzazione territoriale fino XVI sec. e sono leggibili nel perpetuarsi

62 63

Tipologia esemplificabile dai centri di S.Giulia, Gottasecca, Torre Uzzone, Serole, Castino. Tipologia esemplificabile dai centri di Millesimo, Cairo, Cortemilia, Monastero B., Albaretto, Carcare.

36

dellindipendenza dei Feudi Indivisi 64, dei Feudi Imperiali65, del borgo franco di Roccaverano66. A questo modello si associa una gestione capillare del territorio che comprende lorganizzazione dei versanti acclivi attraverso il sistema dei terrazzamenti. Questo primo modello, coerente con la morfologia dei rilievi che tanto caratterizza ed identifica lAlta Langa, quello che pi ha segnato il corso della lunga durata. A questo si associa, integrandolo, il secondo modello, che potremmo definire romano, leggibile nei percorsi di fondovalle e mezzacosta. Questa rete caratterizzata sostanzialmente dai tracciati delle strade romane che si snodano lungo le due vallate delle Bormide, quella di Millesimo e quella di Spigno, e da una serie di centri, per la maggioranza di fondovalle, che fungono da luoghi di sosta per i viaggiatori67 o da nodi di smistamento per le merci 68. Si noti che tale modello, basato essenzialmente sui percorsi di fondovalle, tende a privilegiare i centri posti lungo la Bormida di Spigno, con vallata pi ampia, posti lungo il percorso Savona Cairo Spigno Acqui Forum Fulvi che collega il mare con la pianura e sviluppa un asse di collegamento trasversale tra i municipi di Alba ed Acqui. Il terzo modello ha origine nellera napoleonica ed tuttoggi quello che relega lAlta Langa a regione marginale. Esso si basa sullo sviluppo delle direttrici Torino Cuneo Mondov - Savona, Alessandria Acqui Cairo - Savona, Torino Asti Alessandria e sullorganizzazione di una rete a maglia larga di centri medi e grandi.

64 65

Millesimo, Cosseria, Carcare. Vengore, serole, Spigno, Olmo, Niella, Pruneto, Arguello. 66 Si noti la conformazione dei confini dei comuni attorno a Roccaverano che si allungano verso di esso, in particolare Loazzolo che raggiunge Roccaverano attraverso una sottilissima lingua di terra. 67 Centri tipo Vesime, Bubbio. 68 Centri tipo Cortemilia, Vengore, Spigno, Cairo.

37

CAPITOLO 2

IL SISTEMA OROGRAFICO DELLE DUE BORMIDE (DI MILLESIMO E DI SPIGNO)

2.1 La struttura ambientale

38

Per approfondire lo studio dellambiente insediativo del paesaggio terrazzato si preso in considerazione una particolare area della regione dellAlta Langa, ovvero il sistema orografico che si forma nel punto di confluenza tra la Bormida di Millesimo e la Bormida di Spigno. Rispetto al resto dellAlta Langa si ha qui una complessificazione della morfologia dei rilievi che ha portato, sulla lunga durata storica, a fare di questo nodo orografico anche un nodo di percorsi e borghi particolarmente articolato. Si osservi inoltre che il crinale sub orizzontale tra Castino e Cassinasco segna il limite nord delle Langhe propriamente dette, coincidendo mirabilmente con il limite della regione geomorfologica emersa nelloligo-miocene 69. 2.1.1 Descrizione della struttura ambientale La struttura morfologica del nodo in esame segnata dallandamento del crinale principale, spartiacque tra le due Bormide, che sino al Bric di Roccaverano segue una direzione S - N per poi piegare verso N E, dove termina alla confluenza dei due fiumi. Su questo crinale principale si inseriscono una raggiera di crinali secondari di media lunghezza in cui si inseriscono aste torrentizie che confluiscono a sinistra nella Bormida di Millesimo, a destra nella Bormida di Spigno. Alla sinistra di questo crinale principale si innesta il crinale che separa la vallata secondaria del torrente Uzzone, che confluisce nella Bormida di Millesimo allaltezza di Cortemilia. Un altro crinale principale, quello di separazione tra la valle Bormida di Millesimo e la valle Belbo, abbraccia la parte terminale del crinale Bormida di Millesimo Bormida di Spigno. Tale crinale ha un andamento SW - NE per poi piegare decisamente ad E in corrispondenza del bric sopra labitato di Loazzolo. Su questo crinale si inseriscono a pettine numerosi e corti crinali secondari solcati da torrenti che verso SE confluiscono nella Bormida di Millesimo e verso SW alimentano il fiume Belbo. La rete idrografica principale costituita dai due tratti meandriformi delle Bormide che scorrono in valli alluvionali per poi convergere in un unico fiume, la Bormida, poco dopo labitato di monastero Bormida e da un tratto intermedio del fiume Belbo, che scorre in una strettissima valle alluvionale con andamento pressoch lineare.

69

Vedi cap. 1 par.1 La genesi del terrazzamento.

39

Le formazioni geologiche70 presenti nellarea sono state raggruppate in tre unit litologiche rispetto alle caratteristiche lito tecniche e strutturali 71. La prima unit risulta costituita da depositi alluvionali pi o meno recenti e localizzata essenzialmente in corrispondenza delle valli delle Bormide; la seconda unit costituita dalle formazioni marine di Cassinasco, Cessole, Cortemilia, caratterizzate essenzialmente da intercalazioni di arenarie e marne a basso contenuto di carbonati; la terza unit costituita dalle formazioni di Rocchetta e Monesiglio, caratterizzate da conglomerati di sabbie e marne. 2.1.2 Descrizione del degrado della struttura ambientale La struttura ambientale del sistema orografico delle due Bormide caratterizzata da un degrado diffuso derivante essenzialmente dalla caratteristiche lito - tecniche delle formazioni geologiche appartenenti alla seconda e terza unit litologica. Si osserva infatti la presenza diffusa di numerose frane per scivolamento planare sia antiche che recenti, molte delle quali sono caratterizzate da riattivazioni ricorsive nel corso degli ultimi trenta anni. Insistono sul territorio anche vasti areali in forte erosione localizzati specialmente nellintorno del torrente Tatorba, mentre gli affluenti della Bormida di Spigno, nei pressi dellomonimo insediamento, sono interessati da vaste formazioni di calanchi, l dove labbandono dei terrazzamenti ha favorito lincisione dei rii, lerosione e quindi il crollo di porzione dei terreni superficiali. Sono localizzati meno ampie formazioni di calanchi anche lungo i punti in cui i meandri delle Bormide erodono ed incidono le formazioni stratiformi delle Langhe. A contribuire al generale degrado della struttura ambientale ed al conseguente rimodellamento dei versanti, concorre in maniera determinante lazione della rete idrografica minore caratterizzata da un regime torrentizio marcato e da un notevole trasporto solido durante gli eventi alluvionali72. La componente solida negli eventi alluvionali incide in maniera pesante nellaumento di energia cinetica dei torrenti e di conseguenza nellaumento della potenza distruttiva delle acque. Gli eventi alluvionali, il pi recente dei quali risale al 1994, sono ricordati nelle descrizioni storiche 73 per lelevata potenza distruttiva non
70

Vedi Carta Geologica dItalia, foglio 81 del Servizio Geologico dItalia, scala 1:100.000. Vedi CSI ( a cura di), Banca dati geologica, ed. CSI, Torino 1990. 72 Vedi Regione Piemonte,Gli eventi alluvionali del settembre ottobre 1993 in Piemonte, Torino 1996. 73 Vedi Monti A., I Sansossi, op.cit.
71

40

solo in relazione alle aree di esondazione lungo le sponde delle Bormide ed alla distruzione dei ponti74, ma anche in relazione allinnesco di frane e smottamenti lungo tutto il corso delle aste torrentizie. Fino a pochi anni fa vi era un forte inquinamento fluviale della Bormida di Millesimo, dovuto principalmente agli scarichi nocivi dellAcna di Cengio75; tale inquinamento oggi assai ridotto con la chiusura della fabbrica ha per anni inquinato anche i suoli limitrofi tanto da rendere imbevibile il vino ivi coltivato, contribuendo cos ulteriormente allabbandono dei campi, specialmente di quelli alla sinistra del fiume, giacituralmente meglio disposti a subire questa contaminazione. 2.2 Il sistema morfologico paesistico Il sistema morfologico paesistico che insiste sulla struttura ambientale sopradescritta consta essenzialmente di una struttura a rete policentrica di piccoli e piccolissimi insediamenti, coadiuvata da una costellazione di case rurali sparse su tutto il territorio e da una diffusione areale del sistema dei terrazzamenti. Per ricavare le regole insediative dei centri urbani si proceduto allanalisi ed al confronto della consistenza edilizia in epoca storica ed in epoca recente. 2.2.1. La consistenza edilizia al 1879 Dallanalisi della cartografia storica dellIGM 76 si evince come alla fine dell800 la consistenza edilizia fosse costituita essenzialmente da: una fitta costellazione di case e cascine disseminate su tutto il territorio; pochi borghi di crinale localizzati su selle o su bric quali Roccaverano, Torre Bormida, Castino, Cassinasco, Loazzolo, Olmo Gentile; 74

borghi di mezzacosta quali Sessame, Perletto, Cessole; borghi di fondovalle quali Cortemilia, Vesime, Monastero Bormida.

Testimonianza delle numerose alluvioni avvenute in epoca storica si trovano ad esempio negli archivi storici dei comuni di Spigno e Monastero B. , in relazione ai costi sostenuti dalle comunit per restaurare i ponti in pietra a secco costruiti dai monaci benedettini sulle rive della Bormida di Spigno. Particolarmente evidenti i segni dei restauri eseguiti,in mattoni rossi alla met dell800 sul ponte di Monastero. 75 Vedi Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro (a cura di), Un possibile modello per gli interventi di prevenzione primaria:lesperienza in Val Bormida, Savona 1986. 76 Per questo territorio possibile reperire una documentazione cartografica scarsa; la serie storica dellIGM si limita agli anni: 1879, in scala 1:50.000, 1902, in scala 1:25.000 mentre laggiornamento parziale del 1933, in scala 1:25.000, costituisce la cartografia attuale dellarea ai fini IGM.

41

Rispetto allo studio sulla lunga durata si nota che i borghi di crinale principale sono localizzati in prossimit di crinali secondari disposti a pettine che fornivano percorsi storici di collegamento sovralocale. In particolare si osserva che Castino posizionato strategicamente per collegare Cortemilia con la valle Belbo; Cassinasco collega Bubbio, nelle Langhe, con Canelli, nellAstigiano; Roccaverano collega il lungo crinale della Bormide con Bistagno e quindi con il Monferrato. Gli insediamenti di fondovalle risultano invece localizzati lungo la via romana di collegamento tra Alba ed Acqui ed in particolare si osserva come essi si collochino tutti alla sinistra della Bormida, dove doveva passare lantica via. Gli insediamenti di mezzacosta invece si collocano sostanzialmente in posizione di buona esposizione allinsolazione, escludendo il borgo di Perletto che comunque localizzato in corrispondenza di un versante poco acclive e quindi facilmente coltivabile. La serie della cartografia storica dellIGM fornisce anche lo spaccato della consistenza edilizia al 1933 e 1902; dallosservazione di queste carte si osserva come la consistenza edilizia tra il 1879 ed il 1933 abbia subito solo piccoli incrementi, difficilmente apprezzabili. 2.2.2. La consistenza edilizia al 1991 ed i terrazzamenti La consistenza edilizia al 1991 stata ricavata dalla cartografia regionale cartografia pi recente di quella relativa allanno 1933. Dal confronto delle carte si nota che: i borghi di crinale principale si sono sviluppati quasi impercettibilmente secondo linee di sviluppo lineari attestandosi intorno ai 600-700 abitanti; i borghi di crinale secondario non hanno subito variazioni della consistenza edilizia ed hanno registrato un tasso di crescita negativo, attestandosi intorno a 150 abitanti; i centri di mezzacosta situati in versanti acclivi non hanno subito aumenti di consistenza edilizia ed hanno subito anchessi una perdita di abitanti che si aggirano mediamente intorno alle 400 unit;
77

alla scala

1:10.000, in quanto la serie storica dellIGM non forniva, per questo territorio,

77

La Carta Tecnica Regionale si basa sulle ortofotocarte ottenute con il rilievo aero nel 1991.

42

i centri di mezzacosta posti in versanti meno acclivi o in prossimit di aree pianeggianti si sono raddoppiati per consistenza edilizia raggiungendo mediamente i 900 abitanti;

i borghi di fondovalle si sono notevolmente sviluppati anche se in maniera differenziata in relazione al peso territoriale dei centri: in particolare Cortemilia ha sviluppato tre direttrici lineari lungo tutti i fondovalle che convergono nellabitato storico. Gli sviluppi recenti di questi centri sono ben distinguibili, per morfologia, dalla struttura antica del borgo. Le espansioni lineari appaiono infatti disposte a pettine a maglie larghe rispetto alla viabilit, mentre il tessuto storico appare compatto e complessificato; la consistenza edilizia delle case sparse aumenta in prossimit dei centri che hanno subito un aumento, come Cortemilia, Perletto, Bubbio, Monastero.

Lanalisi della localizzazione delle aree terrazzate permette di osservare come il paesaggio terrazzato si sviluppi in stretta sintesi con il tessuto edificato propriamente detto infatti le estensioni maggiori e pi compatte di paesaggio terrazzato si collocano in prossimit dei nodi di Cortemilia e Roccaverano che hanno rivestito ruoli di importanza sovralocale nel corso della lunga durata. Inoltre si osserva come le case sparse sui versanti acclivi siano per la maggior parte comprese negli areali di paesaggio terrazzato. Si tenga per conto che lestensione del paesaggio terrazzato a questa data nettamente inferiore a quella del 1879 in quanto non sono compresi in questa carta i terrazzi ormai invasi dal bosco e quindi pi difficilmente cartografabili .

2.2.3 Le regole del sistema insediativo Linsediamento dei centri del sistema orografico sin qui descritto risponde, come abbiamo visto nello studio delle strutture di lunga durata, al modello di sviluppo riconducibile allepoca Medioevale. A livello locale per, la localizzazione puntuale degli insediamenti, tiene conto anche dei fattori altimetrici, geologici, morfologici e climatici che caratterizzano pi nello specifico il territorio. Incrociando tutti questi fattori si osserva che i centri attuali sono riconducibili alle seguenti tipologie:
43

1. Borghi di crinale su bric78, caratterizzati dalla forma dellabitato che segue fedelmente la morfologia del rilievo avvolgendo il bric con andamento a spirale; al centro dellinsediamento, nel punto pi alto, situata una torre Carrettesca. Questa tipologia semplificata con linsediamento di Roccaverano, che risponde alle seguenti caratteristiche: Altimetria da 757 a 700 m s.l.m.; Borgo situato sul crinale principale di spartiacque tra i due rami della Bormida, in corrispondenza del Bric detto appunto di Roccaverano; Formazione geologica di Cortemilia con strati di modesta inclinazione, immergenti verso NW; Versanti ai lati del bric fortemente rimodellati dallerosione e da fenomeni franosi antichi e recenti; Pendenza oltre il 35% in corrispondenza dellabitato storico, pendenza da 0 a 10% in corrispondenza delle recenti espansioni di NW, lungo il crinale secondario che si dirige verso Bubbio; Presenza di terrazzamenti nelle zone di SE e SW con pendenze oltre il 35%. 2. Borghi di crinale su sella o su promontorio79, caratterizzati da uno sviluppo lineare su terreno piano delimitato alle estremit da scarpate di crinale; le torri Carrettesche sono poste in prossimit della scarpata, nel punto di massima visibilit. Questa tipologia esemplificata con linsediamento di Castino, che risponde alla eseguenti caratteristiche: Altimetria da 566 a 500 m s.l.m. Borgo situato sul crinale principale, spartiacque tra il Fiume Belbo ed il fiume Bormida; in corrispondenza di una sella Formazione geologica di Cassinasco con strati di modesta inclinazione, immergenti verso N NW Versante verso NW con pendenze inferiori al 35%; pettine di versanti secondari a SE con pendenze superiori al 35%, fortemente incisi da rii e torrenti Abitato storico disposto sulla sella con basse pendenze, sviluppi recenti lungo il crinale principale e prospicienti i terreni dolci verso la valle Belbo
78 79

Tipo Roccaverano, Cassinasco. Castino, Bergolo ( sella), Olmo Gentile, S.Giorgio, Torre Bormida (promontorio)

44

Terrazzamenti nelle zone acclivi di SE 3. Borghi di mezzacosta con bassa pendenza, esemplificati con linsediamento di Perletto, che risponde alle seguenti caratteristiche:

Altimetria da 457 a 400 m s.l.m. Borgo di mezzacosta situato su di un versante con acclivit da 0 a 20% Depositi colluviali dellera quaternaria, in zona erosa a potenzialmente a rischio di frane per scivolamento planare Abitato di impianto pi recente rispetto ai borghi di crinale e fondovalle, ma in crescita costante secondo una direttrice lineare orientata SE NO Presenza di terrazzamenti sporadica, in corrispondenza di aree franose 4. Borghi di mezzacosta con alta pendenza 80, esemplificati con linsediamento di Cessole, che risponde alle seguenti caratteristiche:

Altimetria da 200 a 300 m s.l.m. Borgo medioevale disposto in forte pendenza lungo la strada sinuosa che sale verso il crinale, sviluppo pi tardo di una direttrice lineare lungo il fondovalle e perpendicolare al un affluente secondario della Bormida Formazione geologica di Cortemilia in corrispondenza della zona acclive, depositi alluvionali sul fondovalle Tra il 1879 ed il 1991 si assiste ad un rafforzamento della direttrice lineare di fondovalle, esterna alla zona esondabile, consistenza dellabitato alto invariata Presenza di terrazzamenti a macchie nellintorno del borgo alto su versanti ben esposti e con pendenze oltre il 35% 5. Borghi di fondovalle 81, caratterizzati dallo sviluppo di un insediamento medioevale di fondovalle in prossimit di crocevia o ponti di attraversamento; la torre Carrettesca comunque posta in posizione pi alta rispetto allabitato, mentre i monasteri, spesso presenti in questa tipologia di borghi, sono collocati in prossimit dei crocevia. Questa tipologia esemplificata dallinsediamento di Cortemilia, che risponde alle seguenti caratteristiche: Altimetria da 300 a 250 m s.l.m.

80 81

Loazzolo, Cessole, Bubbio. Cortemilia, Monastero Bormida.

45

Borgo costituito da due fulcri uniti da ponte; uno incuneato nel punto di confluenza tra la Bormida e lUzzone, laltro tra lansa della Bormida ed il promontorio che scende dal Bric Piante Depositi alluvionali dellera Quaternaria, in aree a rischio esondazione Borgo e castello di impianto medioevale, situati in posizione strategica rispetto alla viabilit storica e recente; tra il 1879 ed il 1991 notevole sviluppo di tre direttrici lineari negli stretti fondovalle che partono a raggiera dalla confluenza dei fiumi Presenza di aree terrazzate di vaste dimensioni sui versanti acclivi prossimi al borgo.

46

PARTE SECONDA I PAESAGGI DEL TERRAZZAMENTO


CAPITOLO 3 IL NODO OROGRAFICO DI CORTEMILIA: IL SISTEMA AMBIENTALE

3.1 Individuazione del nodo di Cortemilia

47

Per una analisi pi approfondita del sistema paesaggio terrazzato si scelto di studiare il nodo di Cortemilia in quanto punto singolare del territorio delle Langhe. Esso infatti facilmente identificabile come nodo orografico anche su vasta scala, poich qui si ha la confluenza tra Bormida e Uzzone e qui avviene a livello geologico la sovrapposizione tra le due formazioni marine tipiche delle Langhe. Inoltre dallo studio sulla lunga durata emerso come labitato di Cortemilia abbia mantenuto nei secoli un importante ruolo di nodo relazionale sia per la rete locale che per quella sovralocale. A livello sovralocale la sua posizione geografica rispetto alle valli ed ai crinali secondari gli ha valso la funzione di crocevia sia per i percorsi di crinale che per i percorsi di fondovalle e quindi gli ha assicurato una posizione strategica indiscutibile anche in epoca attuale. Questo ha portato allo svilupparsi di relazioni amministrative e religiose di dipendenza degli abitati circostanti rispetto al centro di Cortemilia. Allo stesso tempo la sua forza di nodo ha influito sulla rete locale delle relazioni ed ha portato al disegno morfologico - paesaggistico di un micro - sistema di paesaggio terrazzato, fatto di gradoni, cascine e percorsi, che ruota attorno al borgo ed facilmente riconoscibile rispetto al disegno complessivo del sistema paesaggio terrazzato che caratterizza le due valli della Bormida. 3.2 La situazione oro idrografica e laltimetria La morfologia tipica di tutto il territorio delle Langhe caratterizzata da elevata energia dei rilievi, profonde incisioni dei rii e dei torrenti, contrapposizione tra i lunghi versanti principali ed il pettine dei corti crinali secondari orientati NW SE; il nodo di Cortemilia non fa eccezione a tali regole generali ma la sua configurazione orografica resa peculiare in quanto in questa porzione di territorio avviene la confluenza del torrente Uzzone nel ramo della Bormida di Millesimo. Il nodo oro idrografico di Cortemilia caratterizzato quindi dallintersezione di due valli che vanno a formare una y rovesciata ed isolano tre porzioni di rilievi con altimetria compresa tra i 250 ed i 750 m s.l.m. In particolare alla sinistra della Bormida corre un lungo crinale orientato SW - NE che separa le valli del Bormida e del Belbo; il crinale mantiene in questo tratto una altimetria compresa tra i 650 ed i 700 m s.l.m. con una punta di oltre 700 m, il Bric Cisterna, nel punto in cui perpendicolarmente si innesta il crinale secondario a valle del quale si colloca
48

labitato di Cortemilia. Gli altri crinali secondari sono tutti paralleli a questo e creano un corto pettine di versanti orientati alternativamente a SW e NE e profondamente incisi da torrenti e rii con numerose diramazioni che dal crinale principale raggiungono il fiume Bormida, tra questi il rio delle Lacciacode quello che maggiormente modella energicamente il versante. La stretta valle del Bormida altimetricamente compresa in questo tratto tra i 300 ed i 250 m s.l.m. ed occupata quasi interamente dalle profonde anse disegnate dal fiume stesso. Il nodo orografico compreso tra la Bormida e lUzzone invece costituito da un rilievo massiccio e profondamente curvato in maniera tale che landamento del crinale, che corre ad una altitudine di 600-650 m s.l.m., passa repentinamente da un orientamento EW ad un orientamento parallelo a quello del crinale principale Bormida/ Belbo. Nel punto terminale il crinale si biforca in due crinali secondari a partire dal Bric chiamato appunto delle Forche; il massiccio, meno profondamente inciso dai rii stagionali, risulta quindi diviso in questo tratto in tre versanti: uno esposto a NE verso la confluenza dei fiumi, uno esposto a ESE verso lUzzone ed uno curvo verso la Bormida. Alla destra della Bormida e dellUzzone si trovano invece rilievi profondamente incisi dal rio Rigosio, dal rio della Madonna, dal torrente Tatorba; lorientamento principale dei crinali secondari procedendo verso nord passa dolcemente da NW SE a N S secondo una disposizione a semi ventaglio intorno al crinale principale di separazione tra le valli dei due rami della Bormida, quella di Millesimo e quella di Spigno. Si osserva inoltre che la parte terminale dei crinali secondari tende a ripiegarsi verso Sud, in particolare tale fenomeno osservabile a partire dal Bric Piazze e dal Bric del Carmo. Il torrente Uzzone corre in una valle stretta che si restringe allontanandosi dal punto di confluenza con il fiume Bormida mantenendo una altimetria comunque superiore ai 250 m s.l.m. 3.3 La geolitologia e la geomorfologia Larea in esame comprende una porzione del bacino del fiume Bormida di Millesimo ed occupata da due unit litologiche, una costituita da strati di marne, con tenore in carbonati mediamente del 25 35 %, potenti da uno ad alcuni decimetri, con interstratificazioni ritmiche di sabbie e arenarie e sottili giunti argillosi 82 e laltra

82

Cit dalla legenda della Carta Litologica della Regione Piemonte.

49

costituita da depositi alluvionali a prevalenti ghiaie, sabbie, limi 83. I depositi alluvionali sono presenti nel fondovalle dove scorre il ramo della Bormida, mentre nel resto dellarea presente laltra unit litologica definendo e modellando in maniera uniforme la morfologia dei rilievi. Caratteristica strutturale principale dellunit litologica marnosa la regolarit degli strati, dovuta allorigine autoctona e marina delle formazioni costituenti lunit stessa; questi infatti dopo lemersione della monoclinale, avvenuta nel Miocene Medio, non hanno subito grandi spostamenti e pertanto non risultano disturbati nei loro assetti giaciturali originari. In particolare la giacitura monoclinale con strati di modesta inclinazione, da 8 a 15 , e immergenti verso NW conferisce al paesaggio una morfologia in cui si alternano versanti dolci verso NW e versanti molto acclivi verso SE 84. Anche la morfologia dei crinali risente degli assetti stratigrafici dellunit litologica e si possono osservare crinali principali ad orientamento ed altimetria costante, costituiti da porzioni pianeggianti consistenti, detti localmente Bric, e selle con pendenze altrettanto dolci che si alternano con ripide scarpate di crinale. Altra caratteristica strutturale dellunit che influisce sulla morfologia dei rilievi , la presenza di diaclasi 85 e leptoclasi86 disposte ortogonalmente ai giunti di strato e di sottili livelli di terreni sabbiosi a scarsa cementificazione che determinano, insieme alla giacitura degli strati, una elevata vulnerabilit alle frane per crollo nei versanti di SE e per scivolamento planare nei versanti di NW. Dal punto di vista geomorfologico questa vulnerabilit si tradotta nella presenza di frane antiche e recenti che segnano i rilievi con superfici allentate e dolci, nel caso di traslazioni, e accumuli ai piedi di piccole scarpate, nel caso di crolli. Su questi assetti morfologici ha poi influito in larga misura lazione dellerosione attraverso i fenomeni di ruscellamento e lo svilupparsi di una rete idrografica che si approfondita incidendo intensamente i versanti ed agendo in maniera differenziata a seconda della loro conformazione. Si pu infatti osservare come verso SE, rispetto al crinale principale, la rete idrografica si approfondita pesantemente attraverso processi di erosione laterale e di fondo sino a creare numerosi crinali secondari ortogonali rispetto al crinale principale e solcati da torrenti con numerose diramazioni a raggiera verso monte e ingenti accumuli di detriti a valle; mentre verso NE non
83

Cit dalla legenda della Carta Litologica della Regione Piemonte. Vedi Biancotti A., Geomorfologia dellAlta Langa, op cit. 85 Fratturazioni parallele della roccia ad intervalli regolari. 86 Fessurazioni sottili che attraversano la roccia.
84

50

compaiono crinali secondari ma sono presenti su tutto il versante i segni di un diffuso ruscellamento ed i rii attuali, diramati ad albero e con conoidi di deiezione pi modesti, presentano erosione di fondo pi che erosione laterale. I terreni superficiali sono costituiti da suoli e coperture detritiche derivate da diffuso rimaneggiamento agricolo ma presente un vasto areale di depositi colluviali alla destra del rio della Madonna e fasce di tali depositi ai lati della Bormida. La generale tendenza anche attuale al ruscellamento superficiale dovuta alla natura di tali terreni superficiali che sono prevalentemente argilloso limosi, localmente con ciottoli ed elementi lapidei, con drenaggio da impedito a scarso87. 3.4 La clivometria La clivometria esprime il grado di pendenza del terreno ed fondamentale nella pianificazione dello sfruttamento dei suoli poich esprime la vocazionalit dei terreni alle coltivazioni. In particolare, rispetto allo sfruttamento agricolo, si evidenziano i seguenti intervalli88: 0-5% suoli adatti alla meccanizzazione ed allirrigazione per scorrimento; 5-10% suoli adatti alla meccanizzazione ed allirrigazione per pioggia; 10-20% suoli che possono presentare problemi per la meccanizzazione e lirrigazione, a seconda della loro natura pedologica; 20-35% suoli in cui la meccanizzazione diviene difficile e in cui si innescano problemi di erosione legati al ruscellamento delle acque superficiali; oltre 35% terreni in cui la meccanizzazione ritenuta pericolosa. In questa sede si scelto di utilizzare classi strette di pendenza in modo da analizzare il grado di acclivit dei versanti sia in rapporto allo sfruttamento agricolo, sia in rapporto alla stabilit dei suoli, sia in rapporto al deflusso superficiale delle acque. Si definisce pendenza del tratto di terreno compreso tra due punti, uno a monte ed uno a valle, come il rapporto tra il dislivello e la distanza orizzontale esistente tra i due punti89, tale relazione legata allangolo che il terreno forma rispetto allorizzonte. Si distingue inoltre tra pendenza assoluta, che esprime il
87

Cit. da legenda Carta Litologica della Regione Piemonte Vedi Gisotti G.,Geologia e pedologia nellassetto del territorio 89 Cit. da Gisotti G., Geologia e pedologia, op cit, (pag.63).
88

51

dislivello unitario, e pendenza percentuale, che mette in evidenza il dislivello, in metri, per ogni cento metri di distanza. In questa analisi stata utilizzata la pendenza percentuale e sono state scelte classi di pendenza relative ad angoli ad intervalli di 5. Dallanalisi delle classi di pendenza dellarea emerge in prima istanza la netta contrapposizione tra i versanti rivolti a NW e quelli rivolti a SE rispetto ai crinali Belbo/Bormida e Bormida/Uzzone; i primi presentano acclivit inferiori al 35%, i secondi acclivit superiori al 35% sino a raggiungere acclivit oltre il 100%.. I rilievi alla destra della Bormida e dellUzzone presentano una alternanza analoga tra terreni con acclivit inferiore al 35% rivolti a NW e terreni con acclivit superiore al 35% rivolti a SE e SW. La soglia del 35% sancisce il limite oltre il quale sono da sconsigliare lo sfruttamento agricolo ed quindi da considerarsi come soglia critica rispetto allo sfruttamento dei suoli. Le aree pianeggianti sono situate in prevalenza nelle strette vallate della Bormida e dellUzzone e lungo i crinali, in corrispondenza di selle o bric. Si trova unarea pianeggiante anche ai lati del torrente di Lacciacode, nel punto in cui affiora la sovrapposizione tra le formazioni geologiche di Cortemilia e di Cassinasco che pur costituiscono una stessa unit litologica. Da uno studio pi accurato si nota come la classe di pendenza pi rappresentativa per i versanti dolci quella relativa ad una pendenza compresa tra il 15 ed 25%, mentre la classe di pendenza per i versanti acclivi quella che va dal 35 al 45% sebbene la classe superiore, da 45 a 60% di pendenza, sia comunque di una certa consistenza. Si nota inoltre come lungo tutte le aste torrentizie si ritrovino strette fasce di terreni con pendenze superiori al 70%, soglia critica per la stabilit geologica, ed anche superiori al 100% a testimonianza dellingente azione erosiva laterale e di fondo della rete idrografica secondaria. Nei versanti acclivi, lungo le aste torrentizie ed oltre le esigue fasce con pendenze superiori al 70%, si ritrovano fasce pi ampie di terreni con acclivit compresa tra il 60 ed il 70%. 3.5 Lassolazione Lassolazione rappresenta la quantit di soleggiamento con riferimento alle sole condizioni di posizione geografica e morfologica, prescindendo dalle caratteristiche atmosferiche dellarea in esame..Servendosi dei valori della pendenza e dellesposizione, con le dovute considerazioni sulla latitudine, si pu risalire ai valori
52

di assolazione, misurata in ore di Sole normale allanno (hn) 90. Da una prima analisi si nota come lesposizione dei versanti determini una prima generica distinzione tra versanti assolati ( SE, S, SW ) e versanti poco assolati (NE, N,NW ) mentre una maggiore acclivit determini una estremizzazione dei valori dellassolazione. Tutti i versanti dolci orientati verso NW o N risultano quindi omogeneamente poco assolati ma mantengono valori prevalentemente intorno alle 1700 - 1800 hn senza scendere a livelli inferiori, in quanto la classe di pendenza pi rappresentata quella da 15 a 25%. La situazione si complica nellanalisi dei versanti acclivi poich essi hanno una morfologia pi complessa e quindi le esposizioni dei versanti non sono costanti. Nel pettine di acclivi versanti situato alla sinistra del fiume Bormida si nota una regolare alternanza tra versanti esposti a NE con assolazioni bassissime, da 1400 a 1600 hn, e versanti esposti a SW con assolazioni molto alte, da 2400 a 2500 hn; mentre i suoli disposti vicino al crinale ed esposti SE mantengono assolazioni comunque alte, da 2300 a 2500 hn. I repentini cambiamenti di esposizione dei versanti provocano lassenza di areali ad assolazione intermedia se non, per motivi non generalizzabili, nei pressi del crinale secondario che scende fino al promontorio ai piedi del quale si colloca labitato di Cortemilia. Qui si trovano alcune aree con assolazione medio alta, da 2000 a 2100 hn, ed aree con assolazione di 2300 hn, ovvero appena entro la fascia delle assolazioni alte. In generale si nota che, in questa porzione di versanti acclivi, gli areali di assolazione costante tendono a verticalizzarsi, a causa dellandamento sinuoso dellintero versante, ed a evitare le classi di assolazione media, a causa della profondit con cui le anse del fiume penetrano nei rilievi. La stessa verticalizzazione delle aree omogenee si osserva nel versante alla destra dellUzzone dove per compaiono in maniera significativa le classi medie di assolazione poich dominano le aree ad esposte ad E, mentre le classi estreme, molto alte o molto basse, occupano fasce strette ai lati dei rii che hanno inciso profondamente i rilievi. Inoltre, essendo lenergia del rilievo inferiore rispetto alle altre porzioni del territorio in esame, si osserva una omogenea rappresentativit di tutte le classi da 1400 a 2500 che sfumano gradualmente le une nelle altre senza repentine alternanze. I rilievi acclivi alla sinistra della Bormida e dellUzzone sono invece caratterizzati dalla sovrapposizione di lunghe fasce orizzontali ad assolazione
90

Cit. da Gisotti G., Geologia e pedologia, op. cit., (pag. 71).

53

omogenea che corrono parallelamente allandamento dellidrografia secondaria. Le fasce presentano valori estremizzati di assolazione: 2400 2500 hn per i versanti SW e 1300 1500 hn per i versanti di NE; le punte estreme si registrano a ridosso dei letti del fiume dove lacclivit supera il 60 % di pendenza. I versanti acclivi esposti a W, lungo lidrografia principale, presentano valori di assolazione medi, che vanno da 1800 a 2200 hn, e sono distribuiti in aree compatte disposte a ventaglio intorno allestremit dei crinali principali. Tutti i crinali, secondari e principali, presentano generalmente valori di assolazione medi, da 1900 a 2100 hn, con punte altissime in corrispondenza dei bric che, avendo una pendenza inferiore all8%, vengono considerati colmi di Sole. Alla stessa maniera la fascia di pianura fluviale rientra nella definizione di area ad altissima assolazione, mentre le strettissime fasce ai lati dei torrenti e rii, dove la pendenza supera il 100%, sono da considerarsi dei vuoti di Sole.

54

CAPITOLO 4

IL NODO OROGRAFICO DI CORTEMILIA: IL SITEMA MORFOLOGICO PAESISTICO

55

4.1 Le trame insediative storiche Attraverso linterpolazione delle informazioni contenute nella cartografia storica IGM con le informazioni delle foto aree storiche 91, si ricostruita la presunta forma del territorio in epoca storica recente. In particolare si sono individuate le trame insediative, quali la consistenza edilizia e la viabilit, e le trame paesistico ambientali, quali la localizzazione delle aree terrazzate, lestensione dei boschi, lorditura dei coltivi. La datazione del disegno paesaggistico cos ottenuto relativa allanno 1954, anche se le osservazioni fatte in precedenza sulla consistenza edilizia di fine ottocento92, nonch la constatazione che linnesco dei processi di destrutturazione del paesaggio si avviano negli anni 50 93, lasciano presupporre che le trame insediative fossero molto simili anche a quella data. Le caratteristiche peculiari delle trame insediative risultano le seguenti: Al centro del nodo orografico, nel punto di intersezione tra il torrente Uzzone ed il fiume Bormida, si colloca il borgo di Cortemilia, costituito essenzialmente di due parti compatte collegate dal ponte sul fiume. Alle spalle del borgo, sul promontorio che disegna la profonda ansa della Bormida, situata, in posizione di alta visibilit, la torre a base circolare che faceva parte del castello medioevale di Cortemilia. Il fondovalle suddiviso in stretti lotti coltivati perpendicolari allandamento del fiume; le cascine di pianura, con la caratteristica pianta ad L o pi sporadicamente a C, si collocano ad intervalli regolari lungo la viabilit principale, spesso in corrispondenza dei punti in cui partono i percorsi secondari. I versanti dolci orientati a NW sono suddivisi in lotti coltivabili secondo un disegno complesso che tiene conto sia dellandamento morfologico del versante sia della disposizione dei torrenti e dei rii. A presidio dei coltivi si collocano cascine e case sparse, specialmente in prossimit degli incroci tra strade poderali e viabilit minore. Si osserva come la viabilit minore tessa sul territorio una fitta maglia in cui si collocano sia percorsi orizzontali che percorsi verticali; tale rete riesce a

91 92

Per la costruzione di questa carta si utilizzato la cartografia IGM al 1933 e la foto del volo Gai al 1954. Vedi par. 2.2.1 La consistenza edilizia al 1879. 93 Vedi par. 1.5.6 Il regno di Sardegna e la situazione attuale.

56

collegare secondo direttrici plurime la viabilit principale del fondovalle con la viabilit di crinale. I versanti acclivi a N NE sono occupati da boschi, in gran parte cedui, che si estendono dai crinali secondari sino al fondovalle. I versanti acclivi di SW sono occupati dal disegno compatto del paesaggio terrazzato; tale paesaggio si compone dei sistemi di muretti in pietra a secco, di percorsi di accesso paralleli allandamento delle curve di livello, di cascine e ciabot che insistono direttamente sui gradoni. Gli areali terrazzati pi vasti si sviluppano a raggiera in prossimit del centro abitato di Cortemilia, in particolare si distinguono tre aree principali: una alle spalle del castello medievale, in diretto collegamento con il borgo, la seconda alle spalle dellantica Pieve collocata ai piedi di Monte Uliveto, lultima ai piedi del Doglio. Inoltre si evidenzia un areale terrazzato consistente in prossimit del borgo di Torre Bormida. Gli altri spezzoni di paesaggio terrazzato, pi lontani dai borghi, sono gestiti da piccoli agglomerati urbani, specialmente quelli collocati lungo il versante di destra del rilievo che separa la Bormida dallUzzone.

4.2 Trame insediative attuali Il disegno morfologico - paesaggistico attuale, ricostruito a partire dalle foto aeree del 1991, mostra sostanzialmente una grossa crescita del centro abitato di Cortemilia e la nascita di aree produttive lungo i tre fondovalle dove si colloca la viabilit di grande circolazione, di origine antica, che mantiene la funzione di asse portante del territorio. Al contrario si ha un impoverimento della maglia di strade secondarie di mezzacosta, in particolare di quei percorsi verticali che fungevano da collegamenti multidirezionali tra fondovalle e crinale, e la scomparsa pressoch totale dei percorsi di crinale. Si svilupparono invece solo poche strade di circolazione minore che salgono parallelamente alle curve di livello e che comunque toccano solo marginalmente i vecchi tracciati di crinale e che, per il loro disegno semplificato rispetto alla complessit morfologica del rilievo, rendono laccessibilit capillare ai versanti molto difficoltosa. Lorditura dei coltivi mantiene sostanzialmente un disegno
57

simile al passato poich la propriet fondiaria risulta comunque suddivisa in piccoli appezzamenti di pochi ettari, sebbene si abbia la scomparsa di porzioni di terreno agricolo in aree non terrazzate con pendenza 25 35%, dove si collocano boscaglia ed incolti. Variano invece in maniera netta le relazioni tra aree boscate e paesaggio terrazzato. In particolare i boschi avanzano sulle aree terrazzate a partire dai crinali man mano che i terrazzi meno accessibili perdono la loro funzione produttiva, mentre le aree prima boscate, perch male esposte, ma meno acclivi scompaiono lentamente per dare spazio alle coltivazioni monoculturali 94. In sostanza si assiste ad un generale impoverimento del ruolo gestionale del paesaggio terrazzato che subisce vistosamente labbandono delle coltivazioni e dei presidi costruiti. In particolare si osserva una scomparsa vistosa delle viti che in epoca storica95 costituivano uno dei prodotti principali di questa zona.

4.3 La struttura insediativa resistente Dal confronto e dalla sovrapposizione delle trame morfologico paesaggistiche sopra descritte si mette in evidenza la presenza di una struttura resistente, di lunga durata, ancora molto ben leggibile a livello di nodo orografico. I recenti sviluppi urbanistici non hanno compromesso pi di tanto il disegno del territorio poich esso stato considerato come marginale, quindi poco sfruttabile; allo stesso tempo, per labbandono progressivo del sistema del terrazzamento per quanto concerne la sua utilizzazione produttiva, sta innescando un processo di impoverimento del patrimonio territoriale di questa zona, nonch un aumento della vulnerabilti alle frane che in alcuni casi ha gi portato a parziali rimodellamenti dei versanti.. Le strutture resistenti risultano essere: la viabilit storica di fondovalle, il tessuto antico dei borghi di Cortemilia, Torre Bormida, Perletto

94

In particolare si ha la coltivazione di nocciole che vengono vendute alla vicina Ferrero. Dallepoca romana sino alla met dellOttocento si trovano numerosi riferimenti alla coltivazione della vite; per una visione dinsieme vedasi Casalis G., Dizionario geografico, op cit. Mentre nella memoria storica degli abitanti del luogo resta il ricordo del sapore cattivo che il vino aveva preso a causa dellinquinamento fluviale dellAcna.
95

58

il tessuto antico delle cascine terrazzato,

96

e dei ciabot97, che insistono sul paesaggio

parti storiche del paesaggio terrazzato non ancora invase dalla vegetazione, lorditura dei coltivi di fondovalle superstiti alle espansioni urbanistiche 98 dellabitato di Cortemilia, parte dellorditura dei coltivi collinari e di fondovalle 99, nelle zone dove non ci sono stati sostanziali accorpamenti di propriet, una modesta parte della fitta maglia di percorsi di mezzacosta 100 ingeriti nella nuova viabilit minore, la struttura dei boschi101 dei versanti di NE che, data la notevole acclivit dei rilievi, vengono preservati dal disboscamento.

96

Il disegno planimetrico delle cascine varia dalla forma semplice a pianta rettangolare, per le cascine pi piccole sui terrazzi, alla forma pi complessa a C, per le cascine grandi di fondovalle. Per una trattazione pi ampia vedasi Armellino M., Poggio F., Musso S., Larchitettura rurale in Valle Bormida: tipi, forme, funzioni, in Belforte S.(a cura di),Oltre lAcna, op cit. 97 IL ciabot concepito come ricovero-abitazione di fortuna e deposito di attrezzi agricoli. Consiste di ununica cellula funzionale sviluppata su due piani ed quasi sempre costruito in pendio, a mezzacosta o al limitare del podere di fondovalle cit. da Armellino, Poggio, Musso,Larchitettura rurale in Valle Bormida, op cit. 98 Il disegno urbanistico dei nuovi quartieri e delle aree produttive ricalca in gran parte il disegno degli antichi coltivi ed ingloba gli antichi poderi di fondovalle che spesso sono stati brutalmente ristrutturati. 99 Lespansione recente del centro abitato di Cortemilia avviene a discapito delle coltivazioni di fondovalle eliminando completamente le poche aree di pianura disponibili per i seminativi, intaccando cos ulteriormente le dinamiche delleconomia storica rette sulla base della policoltura. 100 Della viabilit minore si recuperano essenzialmente i tratti di strade ad andamento parallelo alle curve di livello, eliminando i percorsi ripidi che per consentivano una capillare accessibilit del territorio. 101 I boschi, a prevalenza di castagni, un tempo assiduamente trattati a ceduo, sono oggi avviati verso la rinaturalizzazione spontanea ma, in mancanza di gestione forestale, tendono a diventare boscaglia dominata dalle piante di robinia.

59

CAPITOLO 5

IL NODO OROGRAFICO DI CORTEMILIA: IL PATRIMONIO DEL PAESAGGIO TERRAZZATO

60

5.1 Limportanza del paesaggio terrazzato Allepoca della loro edificazione 102 i terrazzi hanno rivestito unimportanza primaria per le popolazioni locali in quanto rendevano coltivabili versanti altrimenti troppo acclivi in zone in cui scarseggiavano aree particolarmente vocate dal punto di vista agricolo per ragioni morfologiche, idriche, di esposizione dei versanti. Nel caso del paesaggio terrazzato delle Langhe le difficolt di sfruttamento dei suoli ad uso agricolo derivavano da tre ordine di motivi: 1. la particolare morfologia ed acclivit del territorio, caratterizzato da rilievi con elevata energia (valli strette, colli acclivi dal profilo tagliente, versanti divisi in numerose valli e vallette secondarie) e profondamente incisi da rii a regime torrentizio; 2. la particolare conformazione geologica del terreno, che consta principalmente di due formazioni (quella di Cortemilia e quella di Cassinasco), caratterizzate dallalternanza di strati paralleli di arenarie e marne quindi molto vulnerabili agli eventi franosi; 3. la particolare esposizione dei versanti, in cui i terreni dolci sono rivolti verso nord o nord ovest; rendeva particolarmente difficoltosa la coltivazione agricola con i mezzi a disposizione in epoca storica. Il paesaggio terrazzato quindi espressione e testimonianza di una cultura storica che ha saputo concepire una tecnologia inedita in grado di conciliare la necessit della sopravvivenza alimentare con la morfologia dellambiente e con le risorse disponibili di uomini e mezzi in maniera semplice e geniale. Attualmente al paesaggio terrazzato si riconosce, specialmente da parte dei visitatori esterni, unimportanza per il carattere connotativo dei luoghi a livello identitario, estetico, storico; ma se ne nega la funzione di risorsa attiva nello sviluppo, specialmente da parte degli abitanti e delle amministrazioni regionali e provinciali. I paesaggi terrazzati possono invece rivestire oggi importanza: storica: sia come monumento sia come testimonianza di unepoca storica; estetica: come elemento qualificante la bellezza dei luoghi;
102

Per epoca di edificazione sintende il primo periodo in cui la costruzione dei gradoni si inserisce in un sistema di paesaggio terrazzato con finalit agricole; ovvero intorno allanno mille. Vedi cap 1, par 1. La genesi del terrazzamento.

61

identitaria: come elemento importante nella produzione del senso di appartenenza ai luoghi della comunit insediata; tecnologica: come elemento in grado di conciliare le risorse disponibili, la capacit tecnica, le necessit alimentari in modo inedito; agricola: come meccanismo in grado di fornire superfici coltivabili; idrogeologica: come meccanismo di regimazione idrica dei suoli e di difesa da eventi franosi; di risorsa potenziale: come strumento complesso e flessibile di un processo di sviluppo che, tenendo conto delle diverse e molteplici interconnessioni tra ambiente fisico, antropico e costruito; sia in grado di innestare una collaborazione attiva e costruttiva tra sfruttamento agricolo e turismo rurale.

5.2 Le regole localizzative del paesaggio terrazzato Al fine di elaborare un progetto di salvaguardia e sviluppo incentrato sul paesaggio terrazzato necessario indagare pi approfonditamente i meccanismi che hanno portato, in epoca storica, alla localizzazione delle aree terrazzabili al fine di sostanziare le scelte progettuali attuali, in base ad una reale vocazionalit delle porzioni di territorio. Dal confronto delle informazioni tratte dallo studio ambientale e dallo studio morfologico paesistico del nodo di Cortemilia si distinguono i seguenti ambiti omogenei di paesaggio terrazzato: 1. Versanti esposti a Sud, con acclivit dal 35% al 45%, assolazione alta (2500 hn ), altimetria compresa tra 300 e 400 m sul livello del mare, geologicamente costituiti da strati di arenaria e marne intercalati da sabbia, presenza di presidio abitato di importanza sovralocale, alta accessibilit dal fondovalle e dal crinale. In questambito si trovano aree terrazzate assai estese che avvolgono il rilievo seguendone fedelmente la curvatura e che salgono dal fondovalle sino allapice dei bric dove si colloca spesso il presidio abitato generalmente costituito da un castello , una cella monastica, una casina. In questambito si trovano spesso areali di terrazzi caratterizzati dalla presenza di archetti in pietra, da un disegno uniforme nei diversi siti sia per dimensioni che per tipologia delle pietre, dalla presenza di scale in pietra per laccesso ai vari livelli. Si pu quindi
62

ragionevolmente supporre che ledificazione di questi siti sia avvenuta contemporaneamente ed in concomitanza con la diffusione degli ordini monastici sul territorio e che essi rappresentino i primi embrioni di paesaggio terrazzato della zona ai fini di uno sfruttamento agricolo sistematico. La presenza ripetuta di serie di archetti nello spessore dei muretti una caratteristica peculiare del paesaggio terrazzato delle Langhe e si pu pensare che questa particolare tecnica sia connessa con la presenza di ordini monastici medioevali che hanno diffuso questa inedita tipologia costruttiva; infatti si trovano vaste aree terrazzate con muretti ad archi l dove si pu ipotizzare la presenza di nuclei monastici (Monte Uliveto, Doglio, S. Benedetto). Attualmente tali terrazzi sono ancora diffusamente coltivati a vite, orto, frutteto. 2. Versanti lunghi esposti a Sud - Ovest, acclivit dal 35% al 60%, assolazione molto alta ( da 24000 a 2500 hn ), altimetria compresa tra i 400 e 500 m s.l.m., accessibilit buona dal crinale, presenza diffusa di cascine e ciabot. Gli areali di paesaggio terrazzato si presentano come fasce orizzontali continue e compatte che si sviluppano, dalla viabilit storica di crinale verso le aste torrentizie, in adiacenza agli areali sopradescritti. Attualmente tali terrazzi stanno subendo un generale abbandono a partire dalle aree meno accessibili e meno presidiate, dove regna il bosco o lincolto arborato mentre le coltivazioni che sopravvivono, in prossimit delle cascine, sono caratterizzate da coltura promiscua ad uso privato. 3. Versanti esposti ad NE, acclivit dal 25% al 35%, assolazione medio bassa ( da 1700 a 1800 hn ), altimetria tra i 300 e 600 m s.l.m., vulnerabili ai fenomeni di frana per scivolamento planare. Il paesaggio terrazzato diffuso in areali a macchia di leopardo collocate strategicamente in concomitanza di aree franose nei pressi di centri abitati o di piccoli addensamenti di case sparse. La minore acclivit dei terreni, la maggiore ampiezza dei gradoni, la buona accessibilit dal fondovalle; hanno garantito in tali aree la sopravvivenza di coltivazioni diffuse e redditizie quali vite, nocciole e seminativi. 4. Versanti esposti a Est, con acclivit da 35% al 50%, assolazione alternata in maniera netta da altissima a bassissima ( 2300 2400 hn alternata a 1800 1600 hn ), solcati da numerose aste torrentizie, altimetria tra 400 e 500 m s.l.m.

63

Il paesaggio terrazzato si presenta in areali compatti

ad andamento

verticalizzato, disposti in prossimit, ma non necessariamente in continuit agli areali di primo e secondo tipo. Sono presenti cascine e case sparse disposte lungo la viabilit storica di mezzacosta, non facilmente accessibili dal fondovalle e inaccessibili dai crinali principali. Attualmente le aree con assolazione bassa sono state totalmente ricoperte dal bosco mentre le aree con assolazione alta stanno subendo la stessa sorte a partire da lalto. 5. Versanti con altimetria tra 500 e 700 m s.l.m., acclivit maggiore del 35%, ben esposti ( sud o Sud Ovest ), alta accessibilit dai crinali principali, presenza di cascine isolate. Il paesaggio terrazzato si presenta in areali compatti ed isolati pi o meno estesi in corrispondenza di cascine costruite a presidio della viabilit storica, ma in posizione marginale rispetto al nodo di Cortemilia. Attualmente tali aree sono ancora coltivate, specialmente a vite, nocciolo, orto. 5.3 La storicizzazione delle regole insediative Dallosservazione degli ambiti di diffusione dei terrazzi si evince che essi sono stati costruiti l dove lacclivit dei versanti supera il 35%, limite oltre il quale i versanti troppo ripidi impediscono le coltivazioni e rendono ingente il fenomeno del corrivamento delle acque superficiali; oppure l dove nonostante lacclivit inferiore al 35% si in presenza di una vulnerabilit dei versanti alle frane dovuta alla geologia del terreno e allangolo di immersione degli strati rispetto alla morfologia dei rilievi. Nella scelta sistematica dei terreni da terrazzare si cerca di sfruttare primariamente i versanti meglio esposti allinsolazione solare, quelli di sud o sud ovest, ma allo stesso tempo localizzati in posizione strategica rispetto alle vie di comunicazione, ai borghi gi esistenti, ai boschi, alla rete idrografica. Il nodo che stiamo esaminando ruota attorno allabitato di Cortemilia, situato al fondovalle, e le aree terrazzate si sviluppano a partire dal fondovalle andando verso i bric in senso verticale, mentre in senso orizzontale seguono dei raggi che hanno come fulcro il borgo storico. Si osserva che nelle aree terrazzate che ruotano attorno a borghi o agglomerati di crinale oltre i 500 m, la costruzione dei terrazzi in senso verticale segue landamento opposto: dal crinale verso il compluvio dei torrenti. Nei nodi di crinale, tipo Roccaverano, prevalgono i terrazzi che si sviluppano dallalto al basso
64

mentre le altre regole localizzative di pendenza, esposizione, accessibilit, presenza di fulcro, restano invariate. Ipotizzando una ricostruzione storica dellevoluzione e della diffusione dei terrazzi, basata sullanalisi delle tipologie costruttive dei terrazzi e sulla congruenza della loro localizzazione rispetto alle regole insediative sopra analizzate, si pu dire che: I primi embrioni di paesaggio terrazzato sono quelli in prossimit di presidi del territorio di importanza sovralocale, tipo castelli, pievi, borghi, celle monastiche, monasteri; ad altissima accessibilit o dal crinale o dal fondovalle ( secondo il tipo di borgo intorno al quale si sviluppano ); ad esposizione Sud; ad altissima assolazione (2400 2500 hn ), a pendenza 35-45%. Rientrano in questa i monaci Benedettini si categoria le aree 1 ed in parte le aree 5 . Ledificazione di questi primi presidi terrazzati sembra risalire al 1100 1200, quando diffondono nel territorio. In seguito le prime espansioni avvengono intorno a cascine e case che si dispongono in adiacenza al presidio di importanza sovralocale, in aree di tipo 2, 3, 5; ovvero in ambiti dove le caratteristiche di pendenza, esposizione, accessibilit passano da ottimali a buone. Presumibilmente si tratta di aree a macchia di leopardo disposte in posizioni particolari che acquistano continuit con una crescita lenta che si distribuisce sulla lunga durata. Il grande boom demografico che avviene nellOttocento impone un forte ampliamento delle aree coltivabili quindi fornisce la spinta decisiva alledificazione del paesaggio terrazzato cos come ci appare adesso. Inizialmente si ampliano e si rendono compatte e continue le aree gi terrazzate prediligendo uno sviluppo verticale, quindi si creano nuovi embrioni di paesaggio terrazzato nelle vicinanze del borgo ed in adiacenza di torrenti ( aree tipo 4 ). Si osserva come la pressione demografica imponga la diffusione dei terrazzi anche l dove le condizioni di esposizione, assolazione, accessibilit siano pessime. Attualmente i terrazzi ottocenteschi costruiti disattendendo le regole di assolazione ed esposizione sono stati tutti riconquistati dal bosco, mentre i terrazzi anche pi antichi che per restano in posizione marginale rispetto allaccessibilit stanno subendo la stessa sorte passando da unagricoltura

65

promiscua - incolto ad una incolto arborato bosco. Inoltre la diffusione della meccanizzazione ha portato alla dismissione di gradoni troppo pendenti o troppo stretti, privilegiando le aree di tipo 3 dove si imposta la coltura del nocciolo. 5.4 I rilievi dei terrazzi Al fine di analizzare approfonditamente le tipologie e la consistenza del paesaggio terrazzato del nodo di Cortemilia si proceduto alla compilazione di schede fotografiche e tecniche che mettessero in evidenza le caratteristiche dei muretti. In particolare le schede forniscono nella prima generale riguardo: la tipologia territoriale, intendendo informazioni riguardo allubicazione, alla altimetria, alla pendenza, allesposizione, allassolazione; la tipologia costruttiva, distinguendo tra muro di gradone, muro di sostegno della viabilit, muro di contenimento e mettendo in evidenza la presenza o meno di archetti; lo stato di conservazione, riferendosi in particolare alla statica ed alla funzione di drenaggio dei muri in modo da distinguere tra muri ben conservati (staticamente in condizioni ottimali ed in grado di assolvere la funzione drenante), muri alterati (staticamente ottimali ma inadatti al drenaggio o drenanti ma con mancanze localizzate di conci), muri degradati (non drenanti, spanciati o lesionati), muri molto degradati ( non drenanti con crolli parziali o diffusi ); lo stato di utilizzazione, distinguendo tra terrazzo in attivit e quindi coltivato, terrazzo dismesso e quindi incolto, terrazzo dismesso con piante pioniere o arborato, terrazzo riconquistato dal bosco; la tipologia funzionale in ordine di una attuale utilizzazione, distinguendo tra gradoni coltivabili, gradoni con funzione statica o idrogeologica indispensabile, gradoni di interesse storico particolare, gradoni che non conviene recuperare. Nella seconda parte invece le schede riportano informazioni pi dettagliate riguardo: le caratteristiche dimensionali dei muretti e degli eventuali archi; le caratteristiche descrittive dei materiali da costruzione utilizzati; parte informazioni di carattere pi

66

le caratteristiche descrittive dei sistemi di drenaggio; le caratteristiche descrittive degli elementi di degrado; una generica informazione sui possibili interventi di restauro.

5.5 Le regole costruttive dei terrazzi Dai rilievi svolti in sito e dalle testimonianze raccolte 103 si deduce che la costruzione dei terrazzi segue le seguenti fasi: raccolta delle pietre, selezione, stagionatura, costruzione dei muretti. 1. La raccolta delle pietre avviene in concomitanza con il dissodamento e laratura dei terreni; non esistono cave vere e proprie in quanto le pietre si trovano gi disseminate nei suoli in maniera abbondante; in particolare dallaratura di un campo di 14 giornate si traggono 2 q di pietre allanno, tutti gli anni. 2. Le pietre raccolte constano principalmente di blocchi di spessore 15 cm, profondit 20 25 cm, lunghezza 30-35 cm, con almeno due spigoli perpendicolari da utilizzare nella costruzione di muretti nei terrazzi o di muri negli edifici; pietre irregolari utilizzabili per il riempimento o la parte interna dei terrazzi; pietre sottilissime in scaglie da utilizzare come riempimento degli interstizi dei muretti. Si trovano inoltre sfoglie di pietra sottili per lose dei tetti; pietre particolarmente grandi per la costruzione di gradini, soglie, caminetti; pietre pi piccole per la posa di coltello nei selciati. 3. Le pietre utilizzabili per i muretti, che sono la maggioranza, vengono accumulate in sito, mentre le pietre speciali vengono conservate per usi futuri. Le pietre vengono lasciate allaria per almeno una stagione in modo da perdere i rivestimenti di terra e materiali poco coesi ed acquistare la giusta coloritura. 4. La costruzione dei muretti avviene in inverno e si avvale della manodopera di contadini che confluiscono nel luogo di costruzione da diverse cascine e qui passano a pensione la stagione fredda. Non esiste una figura professionale specializzata per la costruzione dei muretti, erano tutti muratori, magari chiamavano un muratore che sapesse usare il filo a piombo. Le pietre vengono prese in mano una volta sola ovvero utilizzate cos come sono state cavate dal
103

In questo paragrafo sono riportate tra virgolette le espressioni utilizzate da Toio, maestro della pietra di Langa, durante lintervista.

67

terreno ed utilizzate tutte; la lavorazione praticamente assente poich le pietre si trovano gi a pezzi e lesperienza detta la disposizione migliore del materiale da costruzione, in casi particolari al massimo si danno due colpi per rendere ortogonale un terzo spigolo per lutilizzazione del materiale in facciata. Per la costruzione si comincia su di un fronte di 6 7 m e poi si prosegue in profondit; la base di 50 60 cm pi la pendenza, viene posta in uno scavo poco profondo data la natura rocciosa del terreno, e consta di pietre piuttosto larghe e ravvicinate; salendo si crea una pendenza verso lesterno che varia dal 10 al 15% con la costruzione di due facciate accostate tra le quali si inseriscono pietre pi irregolari di riempimento e pietre grosse passanti. Il muretto solido e anche il materiale di riempimento costituito da pietre consistenti e non da pietrisco, solitamente si saggia la stabilit della disposizione delle pietre con colpi di martelletto e si inseriscono scagliette piatte per armonizzare la tessitura del muro. 5.6 Le tipologie costruttive dei terrazzi Dallelaborazione dei dati forniti dai rilievi svolti per la compilazione delle schede si deduce che possibile distinguere tra : A. Muri di gradone veri e propri che si intercalano a superfici coltivate o originariamente coltivabili di pendenza variabile dal 25 al 35%. Tali muri si distinguono in due sottocategorie secondo due ordini di altezze diverse, una tra 140 150 cm e laltra tra 170 180 cm. B. Muri di sostegno della viabilit situati a monte od a valle di una strada che intercalano una superficie piana carreggiabile con una pendente coltivata. Anche in questo caso si distinguono sostanzialmente due ordini di altezze ( 260 300 cm e 180 240 cm ) fermo restando la constatazione che tali muri, seguendo spesso un andamento in salita rispetto al versante, tendono ad essere pi bassi in prossimit dei tornanti della strada e ad alzarsi nelle parti intermedie. C. Muri di contenimento situati a valle di pianori appositamente ricavati o naturali che forniscono la base di appoggio per cascine o ciabot inserite nel sistema paesaggio terrazzato. Si distinguono due sottocategorie secondo due ordini di altezze, una tra 180 200 cm e laltra tra 220 250 cm.
68

Al sistema terrazzo appartengono in maniera indistinguibile, l dove sono presenti, anche archetti e scale che vengono costruiti in concomitanza con ledificazione del muretto vero e proprio. La presenza di archetti nello spessore dei muretti una caratteristica peculiare del paesaggio terrazzato delle Langhe e si pu pensare che questa particolare tecnica sia connessa con la presenza di ordini monastici medioevali che hanno diffuso questa inedita tipologia costruttiva; infatti si trovano vaste aree terrazzate con muretti l dove si pu ipotizzare la presenza di nuclei monastici (Monte Uliveto, Doglio, S. Benedetto). Dallesame delle localizzazioni di tali archetti si evince che essi hanno primariamente una funzione statica di rinforzo e sicurezza in quanto non solo irrobustiscono i muretti ma creano delle discontinuit che evitano il diffondersi di lesioni a tutta la lunghezza della muratura. Infatti si trovano serie ripetute di archi in muri a monte della viabilit storica di accesso alle cascine, in muri particolarmente alti, in muri che contengono terreni molto pendenti. Lutilizzazione della forma dellarco come rinforzo, piuttosto che altri espedienti che si ritrovano in altre aree geografiche terrazzate, deriva forse dalla volont dei monaci di rendere grazia a Dio anche attraverso la bellezza delle costruzioni. Altra funzione degli archi ripetuti quella di fornire piccole serre per coltivazioni orticole, sfruttando laccentuata inerzia termica della pietra. A conferma di tale ipotesi si noti che la diffusione areale di archi nei terrazzi si accentua nei versanti esposti a sud e che ancora oggi mantengono piccoli orti per il consumo privato nei pressi degli archi o addossati ai muretti. Gli archi isolati invece fornivano spesso dei piccoli depositi o erono costruiti nei pressi di sorgenti naturali ed avevano quindi una funzione primaria nella regimazione delle acque. Questultima tipologia di archi non per diffusa in Langa come in altre aree geografiche, si trova un esempio di questo tipo a S: Benedetto Belbo, comunque in unarea dove era presente un Monastero benedettino. In particolare si distinguono le seguenti tipologie di archi, da mettere in relazione con le corrispondenti tipologie di muri sopraelencate: a. Arco piccolo: con diametro di 70 80 cm situato in muri di altezza da 140 150 cm, in serie ripetute e continue.

69

b. Arco medio: con diametro di 90 95 cm situato in muri di sostegno della viabilit o in muri di contenimento con altezza superiore a 220 cm, in serie ripetute. c. Arco grande con diametro di 130 cm, situato in muri di altezza superiore ai 220 cm, isolato, si trova sporadicamente sul territorio. La presenza di scale in pietra incorporate nella muratura, che variano di tipologia a seconda della loro funzionalit, non invece una caratteristica esclusiva delle Langhe in quanto analoghe tipologie si ritrovano diffusamente in altre aree geografiche; comunque si distinguono: a. Scale a muro sfalsato: ricavate nel punto di congiunzione di due parti di muro sfalsate, collegano i diversi livelli dei gradoni coltivati in alternativa alle rampe di terreno collocate alle estremit dei muri. b. Scale aggettanti: costituite da grosse pietre indipendenti infisse ortogonalmente alla facciata del muro, collegano i diversi livelli dei gradoni l dove i muretti sono pi alti. c. Scale a doppio muro: realizzate interrompendo un tratto di muretto che si sviluppa sullo stesso fronte e protette da un ulteriore tratto di muro arretrato rispetto ai gradini, collegano il pianoro dove situata la cascina con i gradoni coltivati sottostanti.

5.7 Le tipologie funzionali dei terrazzi Nellanalisi delle tipologie funzionali si tiene conto del rapporto attualmente esistente tra ampiezza dei gradoni, pendenza dei suoli e tipo di coltivazioni, al fine di costruire una guida alle reali e attuali vocazionalit agricole delle diverse porzioni di paesaggio terrazzato. Per la categoria dei terrazzi incolti arborati o riconquistati dal bosco, si tenga per conto che la dismissione delle colture da mettere in relazione, non solo con lampiezza dei gradoni, ma soprattutto con lesposizione e laccessibilit degli stessi104. a. Terrazzi stretti (da 3 a 6 m di ampiezza) in cui si trovano, solitamente, dal fondovalle al crinale: frutteti misti ad incolto, frutteti misti ad orti; seminativi, con
104

Vedi cap. 5, par. 3. La storicizzazione delle regole insediative.

70

suoli a bassa pendenza e coltivazione di vite; incolti arborati e aree riconquistate dal bosco, per suoli con pendenza alta. b. Terrazzi medi (da 6 a 12m di ampiezza) in cui si trovano, a partire dal fondovalle procedendo verso il crinale: coltivazioni di vite, coltivazioni di vite misti a seminativi; aree riconquistate dal bosco. Solitamente i gradoni di questa tipologia presentano superfici coltivabili con pendenze alte. c. Terrazzi larghi ( con ampiezza maggiore di 12 m) in cui si trovano essenzialmente colture specializzate quali: vite, arativi, noccioleti. Questa tipologia di terrazzi sembra estranea al processo di riconquista dei boschi in quanto lampiezza dei terrazzi e la bassa pendenza delle superfici coltivabili, ne ha favorito la meccanizzazione.

71

PARTE TERZA SCENARI PROGETTUALI DEL PATRIMONIO TERRAZZATO

72

CAPITOLO 6 POTENZIALITA DI RIUSO DEI TERRAZZI: LECOMUSEO DI CORTEMILIA


6.1 Scenari di intervento Dalle analisi sin qui condotte emerge in prima istanza limpossibilit di conservare e tutelare il sistema del paesaggio terrazzato 105 senza pensare ad un riuso produttivo delle superfici coltivabili che esso fornisce, scopo primo per il quale stato edificato. In questottica risulta evidente linsostenibilit intervento, in relazione alle reali potenzialit anche economica di una conservazione dellintero patrimonio, pertanto si sono delineati pi scenari di agricole delle diverse tipologie di terrazzi. Gli scenari possibili sono quindi quelli del potenziamento dello colture storiche, che possono rivestire un ruolo economicamente attivo per le comunit locali oltre che preservare porzioni di paesaggio storico; della sperimentazione di colture non presenti in epoca storica, ma che potrebbero innestare un nuovo processo di sviluppo per il territorio; della salvaguardia di quelle porzioni di terrazzi che rivestono unimportanza economica nella gestione idrogeologica dei suoli; della salvaguardia dei terrazzi che, pur non rivestendo un ruolo economico, costituiscono un bene storico per la collettivit. Tra gli scenari possibili non viene trascurata la dismissione e la rinaturalizzazione delle porzioni di terrazzamenti che non presentano alcuna vocazionalit agricola, che non rappresentano un particolare interesse storico o che comporterebbero oneri troppo ingenti a causa dellavanzato stato di degrado. 6.1.1 Aree idonee al potenziamento di colture storiche

105

Nel sistema paesaggio terrazzato sono compresi non solo i terrazzi veri e propri, ma anche i percorsi, il patrimonio di cascine e ciabot e tutte quelli strutture che su di esso insistono.

73

Dalle analisi storiche sin qui condotte si evince che la coltura pi diffusa sui terrazzi sino alla fine dellOttocento - inizi del Novecento senzaltro il vigneto. Ancora per gli inizi del Novecento, testimonianze fotografiche mostrano come tutti i terrazzi meglio esposti fossero diffusamente coltivati a vite, mentre nello scenario attuale questa coltivazione si trova solo nei pressi di alcune cascine, in areali ristretti e non continui. Il declino di questa coltivazione coincide con labbandono delle campagne 106 e si intensifica drastricamente quando si fanno sentire gli effetti devastanti dellinquinamento fluviale innescato dagli scarichi dellAcna. La rimessa in funzione dei terrazzi meglio vocati 107 per la produzione viticola rappresenterebbe oggi una alternativa strategica per questo territorio. Infatti, fermo restando la constatazione dellimportanza economica di questa coltivazione, si osserva una particolare vocazionalit per limpianto di vini di qualit, in quanto la vicina Bassa Langa, la zona di Canelli, il Monferrato, sono oggi internazionalmente note per i vini a denominazione di origine controllata 108. Paradossalmente la constatazione di questa vocazionalit non stata sinora interpretata come potenzialit per la conservazione del paesaggio terrazzato, seppure siano oggi in atto in Alta Langa sperimentazioni di vitigni Doc nellambito dei finanziamenti della Comunit Europea
109

Dallanalisi delle localizzazioni storiche dei vigneti e da considerazioni sulle condizioni attuali110 del patrimonio terrazzato, si evince che le aree pi vocate per il reimpianto della vite sono quelle in prossimit del centro di Cortemilia, facilmente accessibili dal fondovalle, previa risistemazione di alcune strade poderali, con esposizione Sud e Sud Ovest, di media larghezza e con pendenze delle superfici coltivabili tra 15 20 %111 . Altra storica coltivazione dei terrazzi, specialmente di quelli esposti ad Est o Sud Est con pendenze lievi, il frutteto e il frutteto misto ad orti, di cui si trovano porzioni
106 107

Vedi cap. 1 par.5.6 Il regno di Sardegna e la situazione attuale. Dallanalisi storica e da considerazioni sulle condizioni attuali dei terrazzi si 108 Vino DOC come Barbera, Barbaresco, Barolo, Grignolino. 109 La comunit Montana della Langa Astigiana ha in cantiere, nellambito del regolamento CEE 4253/88 Piano leader, limpianto di vitigni Doc in nuovi gradoni realizzati in terra, che naturalmente si rendono necessari a causa dellacclivit dei terreni delle Langhe. 110 Condizioni inerenti il grado di dismissione, il grado di degrado statico, laccessibilit, lesposizione, lassolazione, laltimetria. 111 La scelta di pendenze di questordine deriva dalla duplice constatazione che per buone esposizioni lassolazione migliora esponenzialmente per le superfici pi acclivi e che il vigneto, per la sua disposizione su filari, ben si concilia con un posizionamento a gradoni.

74

residuali in gradoni stretti e medi con superfici coltivabili di inclinazione modesta. Nellottica della creazione di un marchio di qualit territoriale per i prodotti di Langa112, si creerebbero le condizioni per instaurare un mercato protetto, legato allo sviluppo turistico, dove commercializzare i prodotti orticoli e frutticoli. In particolare si pu pensare al reimpianto di antiche cultivar, i cosiddetti frutti antichi, e allo sviluppo di colture orticole sotto gli archi dei terrazzi. Entrambe queste coltivazioni potrebbero innestarsi nel mercato protetto delle primizie o dei frutti tardivi, in quanto la semplice etichettatura di prodotto biologico non li renderebbe competitivi nel mercato attuale. Altra coltura ormai storica di queste zone il noccioleto, consolidatosi ai primi anni del Novecento, specialmente per il crescere della domanda da parte dellindustria della Ferrero che ha reso famosa la nocciola tonda Gentile del Piemonte. Esso si localizza attualmente nei gradoni pi ampi, a bassa pendenza e costituisce oggi una delle poche risorse economiche attive di questo territorio.

6.1.2. Aree idonee a riusi produttivi legati allallevamento. Parte dei gradoni alti, meno accessibili ma ancora in fase di degrado statico iniziale, potrebbero essere utilizzati per incolti produttivi legati alla riattivazione di allevamenti caprini ed ovini che storicamente hanno costituito un bene economico per le comunit locali. Esiste infatti il marchio di qualit robiola di Roccaverano per le formaggette prodotte localmente, ma la produzione scarsa, il mercato ristretto, la produzione non qualitativamente omogenea. Sono da prevedere quindi per il potenziamento prodotto. 6.1.3 Aree idonee alla sperimentazione di colture inedite Le possibilit offerte dal mercato attuale, nonch gli sviluppi nel campo della meccanizzazione agricola su terrazzi, permettono di ipotizzarne un altro riuso
112

dellallevamento

dellindustria

casearia,

norme

qualitative

omogenee ed una accurata campagna di pubblicizzazione ed informazione sul

La normativa regionale per gli ecomusei prevede per ciascuno di essi il diritto alla denominazione esclusiva ed originale e ad un proprio marchio esclusivo cit. da L.R. 14 marzo 1995, n. 31. Vedasi anche Regolamento CEE n 2081/92 relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni dorigine dei prodotti agricoli ed alimentari e Regolamento CEE 2082/92 Attestato di specificit alimentare.

75

produttivo: quello legato alle colture officinali 113. In particolare le piante Officinali Farmaceutiche, di cui la richiesta da parte delle industrie cosmetiche in continuo aumento. Queste potrebbero trovare collocamento nei vasti terrazzamenti di Sud Ovest, caratterizzati da gradoni molto stretti ma con superfici coltivabili piane. Infatti linnovazione tecnologica permette di sfruttare anche gradoni stretti, fino ad un minimo di 2 m , per colture binarie purch la superficie di passaggio della macchina sia piana114. La scelta di questo scenario si appoggia sulla constatazione che il Piemonte contribuisce per il 40% alla produzione di officinali di questo tipo, sul fatto che molte piante officinali crescono spontaneamente su questo territorio, sulla disponibilit di nuovi fondi finanziari reperibili 115. Si deve per osservare che limpianto di queste colture presuppone un riordino fondiario degli appezzamenti e unattenta opera di dialogo con le industrie stesse, in quanto la qualit dei prodotti commercializzati deve rispondere a requisiti omogenei che le case farmaceutiche stesse richiedono.

6.1.4 Aree per riusi non legati strettamente allagricoltura I riusi di piccole porzioni terrazzate per scopi non agricoli si inseriscono nel modello di sviluppo legato alle vocazionalit turistiche della regione e si collocano nella fase in cui la collettivit locale promuove autonomamente attivit legate al territorio. Un esempio di azioni di questo tipo localizzato nei pressi di Vengore dove stato allestito un atelier - scuola di pittura in un piccolo anfiteatro terrazzato.

113

Il Comune di Cortemilia sta lavorando ad un progetto di collaborazione con la Fiat per la fornitura di ginestra coltivata sui terrazzi. 114 La meccanizzazione agricola rende oggi possibile coltivare i terrazzi anche per il mercato industriale, si vedano gli esempi della vicina Spigno o delle isole minori dellArcipelago Toscano. 115 Vedi Agriconsulting (a cura di),Lerba del vicino sempre pi verde, in Agrimese, Aprile 2000.

76

6.1.5 Aree di salvaguardia Le porzioni di paesaggio terrazzato da salvaguardare senza prevederne una riutilizzazione in senso agricolo sono essenzialmente di due tipologie. La prima comprende i terrazzi in prossimit delle aste torrentizie, con cattiva esposizione, che pur non fornendo terreno agricolo, risultano indispensabili nella regimazione delle acque e nella stabilit dei suoli. I recenti eventi alluvionali hanno evidenziato la pericolosit di una gestione poco capillare del territorio e spesso i comuni hanno prescritto opere di contenimentoper i versanti pi rimodellati. Alla luce di questi fatti, e considerando la ricorsivit degli eventi alluvionali degli ultimi cento anni, si deve osservare come i costi per muretti in cemento armato, sulla lunga durata, siano assimilabili ai costi di manutenzione dei muretti in pietra secco. La seconda tipologia di terrazzi da salvaguardare, con azioni vincolistiche o con costi aggiunti a carico delle amministrazioni locali, comprende invece le aree di terrazzi caratterizzati da serie ripetute di archetti che si localizzano principalmente nei pressi del Castello, nei pressi di Monte Uliveto, nei pressi del Doglio. Molti di questi terrazzi sono attualmente coltivati, ma presentano in alcuni casi spanciamenti e mancanze parziali di pietre; servirebbe quindi un vero e proprio restauro dei terrazzi e una normativa che ne tuteli la sopravvivenza quale bene storico per la collettivit. 6.1.4. Aree dove il ripristino non conveniente Per le aree terrazzate attualmente riconquistate dal bosco in cui i terrazzi si trovano in una situazione di degrado molto avanzata, con crolli e spanciamenti diffusi, non conveniente pensare ad un ripristino. Nella maggioranza questi terrazzi, oggi occupati in maniera diffusiva dal bosco e dalla vegetazione, sono quelli edificati in epoca ottocentesca in seguito al grande boom demografico; risultano quindi espansioni che sovraccaricano il territorio in maniera insostenibile. Inoltre dalle osservazioni fatte si evince come le tecniche costruttive adottate nella costruzione dei muretti, siano anche insufficientemente idonee a reggere i terreni, mancando la seconda facciata ordinata a contatto della parete verticale di terreno, sostituita da ammassi di pietre gettate l alla rinfusa.

77

6.2 Ruolo e finalit dellecomuseo La recente istituzione116 dell Ecomuseo dei Terrazzamenti e della Vite di Cortemilia consente la tutela e la conservazione di una porzione di paesaggio terrazzato, ma fornisce anche un ambito preferenziale per la realizzazione degli scenari progettuali sopra analizzati. Lecomuseo si pone infatti come finalit prioritaria la tutela e la valorizzazione della memoria storica, delle espressioni della cultura materiale, e del modo in cui le attivit umane e linsediamento tradizionale hanno caratterizzato la formazione e levoluzione del paesaggio piemontese. Il raggiungimento di tali obbiettivi prevede un forte coinvolgimento delle popolazioni., lecomuseo diventa cos lo spazio funzionale dove, a livello locale, si realizzano tutela, gestione e sviluppo del patrimonio culturale e materiale della collettivit 117. Inoltre si caratterizza e si differenzia dal museo tradizionale poich non ha limiti di spazio, ma si estende a tutto il territorio, e non ha limiti di tempo in quanto promuove attivit di ricerca orientate verso scenari futuribili. Se correttamente utilizzato lo strumento ecomuseo pu fornire, oltre che unattrattiva didattico turistica, una fucina di sperimentazione per nuovi modelli di sviluppo legati al patrimonio terrazzato. 6.2.1 Lo stato attuale Lambito di azione dellecomuseo di Cortemilia si localizza, dal fondovalle al crinale, nel versante di Sud Ovest adiacente al centro storico, in unarea detta Morera con una estensione di circa 15 ettari. Lanalisi dello stato di fatto attuale dellarea destinata ad ecomuseo e dellintorno prossimo ad essa, permette di individuare genericamente diversi ambiti territoriali e di definirne, in linea di massima le azioni progettuali. In particolare si individuano i seguenti ambiti territoriali: 1. Fondovalle destrutturato composto da: aree produttive recenti, aree di frangia urbana recenti, aree agricole destrutturate, aree agricole a destinazione produttiva da P.R.G. Per tale ambito si prevedono azioni di salvaguardia e riqualificazione.
116 117

Vedi Legge Regionale del Piemonte del 14 marzo 1995, n.31,Istituzione di Ecomusei in Piemonte Tratto da: www.regione.piemonte.it/turismo/ecomusei/cortemilia, Ecomusei: la vita, la cultura, le tradizioni di un territorio.

78

2. Territorio terrazzato produttivo composto da : aree coltivate a vite; seminativo; noccioleto; agricoltura promiscua. Da destinare a tutela e mantenimento del paesaggio agricolo. 3. Territorio terrazzato di interesse paesaggistico e ambientale composto da .aree franate; aree incolte; aree incolte arborate; aree invase dalla vegetazione. Da destinare a trasformazioni programmate per la riconversione ad aree agricole produttive. 4. Territorio terrazzato di interesse naturalistico composto da: aree invase dal bosco. Da destinare alla tutela del bosco ed alla salvaguardia idrogeologica. Sono state inoltre censite le cascine ed i ciabot allinterno dellecomuseo al fine di individuare quelle costruzioni in stato di abbandono che possono essere utilizzate allinterno dei percorsi dellecomuseo come laboratori didattici o scientifici. Le parti di terrazzamenti ancora in funzione sono state inserite allinterno del progetto 6.3 Il progetto urbanistico dellecomuseo Attualmente nellambito dellecomuseo di Cortemilia si sono delineate le linee generali di un percorso studio con laboratori didattici, si creato il marchio di qualit legato allecomuseo, si stanno evidenziando i siti esterni allecomuseo per un progetto territoriale dello stesso119. Il progetto urbanistico di seguito illustrato una elaborazione personale che tiene conto delle linee di indirizzo espresse dallecomuseo e degli spunti progettuali in esso contenuti. Per il progetto urbanistico dellecomuseo si sono individuate quindi tre tipologie di azione che si prefiggono la realizzazione di obbiettivi integrati, ovvero : la conservazione del paesaggio terrazzato, lo studio e la descrizione del patrimonio terrazzato, l utilizzazione del patrimonio terrazzato come risorsa per lo sviluppo del territorio. Le azioni progettuali si traducono in uno scenario composto da percorsi turistici, percorsi di studio e
118

118

Non si in questa sede tenuto conto della suddivisione fondiaria delle aree incolte o riconquistate dal bosco in quanto, per la vita stessa dellecomuseo, necessario procedere comunque ad un riordino fondiario che renda la dimensione delle particelle compatibile con una produzione economicamente competitiva. 119 Vedi Ecomuseo dei terrazzamenti e della vite,I paesaggi terrazzati:paesaggi umani, paesaggi da salvare,catalogo dellesposizione svoltasi a Cortemilia nellAgosto 2000 e curata dallEcomuseo; Iniziativa Comunitaria Leader II,I paesaggi dei terrazzamenti: mille anni dinnovazione, nel dossier del comune di Cortemilia per la candidatura al modulo c del programma LEADER II, pp.7-34.

79

percorsi produttivi che agiscono materialmente nello spazio integrandosi e compensandosi. 6.3.1 Il percorso turistico Il percorso turistico comprende sostanzialmente un itinerario interno allecomuseo, per lorientamento e la visita di vari allestimenti, e itinerari turistici propriamente detti esterni allarea dellecomuseo. Il percorso turistico interno allecomuseo si articola nelle seguenti tappe: 1. Cascina di accoglienza ed orientamento allecomuseo. 2. Cascina con allestimento interno di piccolo museo degli attrezzi legati alle coltivazioni storiche sui terrazzi con annesso allestimento allaperto di colture storiche promiscue in terrazzi di diversa tipologia. 3. Cascina per apicoltura. 4. Cascina adibita allo studio delle colture inedite con annesso piccolo giardino su terrazzamenti. 5. Cascina laboratorio museo della vite con annessa aree di sperimentazione per la ricerca del DOC Langhe. 6. Cascina con allestimento sull idrogeologia dei terrazzi con annesso cantiere studio in prossimit della recente frana. 7. Cascina museo con allestimento degli attrezzi per la lavorazione della pietra con annesso cantiere di restauro dei terrazzi con particolare riferimento alla tipologia con archetti i serie. 8. Ciabot con allestimento di mostra relativa alle costruzioni in pietra diffuse sul territorio e relazionate ad una vera e propria cultura della pietra di langa. 9. Ciabot con allestimento che illustrata le regole del paesaggio terrazzato e del sistema insediativo storico con partenze per i percorsi turistici. 10. Cascina adibita a ristoro . I percorsi esterni allarea dellecomuseo si diramano a partire dalla cascina che illustra le regole del paesaggio terrazzato, tappa n.9, e che quindi fornisce le coordinate di lettura per il paesaggio. Sostanzialmente sono previsti tre itinerari principali:

80

a.

verso il Bric alle spalle di Cortemilia, per la percezione dellorizzonte allargato attraverso percorsi in Langa che recuperano sentieri storici tra coltivazioni e boschi (percorso naturalistico);

b.

verso le aree terrazzate di NE , oggi coperte da boschi, attraverso sentieri storici di mezzacosta (percorso naturalistico);

c. verso il centro abitato storico per la visita del castello, del borgo medioevale, della pieve (percorsi culturali); d. verso il centro di degustazione e vendita dei prodotti con marchio territoriale (percorso enogastronomico); e. verso le coltivazioni storiche di fondovalle e quindi verso il parco fluviale (percorso naturalistico).

6.3.2 Il percorso di studio Il percorso studio si articola in laboratori didattici e campi di lavoro allaperto, appoggiati alle cascine interne allecomuseo che fungono anche da tappe per il percorso turistico. Questo percorso virtuale comprende i seguenti nodi: a. laboratorio didattico - sperimentale per lapicoltura: cascina 3; b. laboratorio didattico sulle colture officinali farmaceutiche: cascina 4; c. laboratorio didattico - sperimentale per il Doc Langhe: cascina 5; d. laboratorio didattico per la gestione dei terrazzi come elemento di salvaguardia idrogeologica: cascina 6; e. laboratorio didattico per il restauro dei terrazzi e degli archetti, cascina 7; f. laboratorio didattico sperimentale per lorticoltura120 sotto gli archi e limpianto di frutti antichi121: cascina 7; g. laboratorio didattico per il restauro delle costruzioni in pietra: cascina 8.

6.3.3 Il percorso produttivo Il percorso produttivo comprende:


120 121

Tra le variet orticole si riprendono anche quelle storiche: carciofo, patata, aglio. Variet di meli, peri, ciliegi di piccola pezzatura ma molto resistenti a questi climi e con maturazione tardiva.

81

a. le aree di produzione agricola: frutti antichi, colture orticole, vite, piante officinali; b. la monorotaia122 per il trasporto a valle dei prodotti coltivati in terrazzi; c. due percorsi su gomma dellecomuseo, separati dai percorsi turistici e di studio, che mettono in collegamento monorotaia e centro apistico 123 con il centro per la lavorazione124; d. percorsi su gomma esterni allecomuseo , che mettono in collegamento i diversi appezzamenti agricoli con il centro di lavorazione 125; e. centro per la lavorazione ed etichettatura dei prodotti con marchio di qualit territoriale; f. centro per la degustazione e commercializzazione dei prodotti con marchio di qualit territoriale.

122

Vedi esempi di monorotaia sperimentati nel Parco Agricolo di Palermo che consentono, minimizzando limpatto ambientale, di rendere accessibili i terrazzi alti. Si noti inoltre che la monorotaia trova collocamento nei pressi dellarea in cui una recente frana ha distrutto parte dei terrazzamenti. 123 I prodotti delle api, miele, pappa reale propoli, vengono lavorati in situ e ricevono al centro di lavorazione solo letichettatura. 124 Costituito essenzialmente da una piccola cantina e da manifattura per la conservazione ( frutta sciroppata, marmellate, miele). 125 Nellipotesi di progetto territoriale i prodotti agricoli esterni potrebbe essere lavorati in altra sede e ricevere qui letichettatura.

82

CAPITOLO 7 IL RUOLO DEL PATRIMONIO TERRAZZATO NEI PROGETTI DI SVILUPPO SOSTENIBILE

7.1 Il ruolo di pilotage territoriale dellecomuseo Lamministrazione locale, in quanto canale preferenziale per la ricezione delle esigenze degli abitanti locali e la codificazione delle stesse in azioni progettuali, si trova nella possibilit, attraverso listituzione dellecomuseo, di svolgere un importante ruolo di pilotage territoriale. Lazione di pilotage comprende in prima istanza linformazione tecnologica126, linformazione metodologica (know how), il reperimento di capitali finanziari, il riconoscimento dei canali 127 di sviluppo. In seconda istanza comprende il momento dincontro con la comunit locale che, attraverso linformazione formazione, acquista la consapevolezza delle prese e delle vocazionalit del territorio. Il compito dellecomuseo non semplicemente quello di illustrare agli abitanti i possibili scenari di sviluppo, ma anche quello di fornire agli stessi le necessarie conoscenze tecniche e aziendali al fine di avviare un processo di sviluppo autosostenibile128. Infatti, se nella prima fase lamministrazione fornisce un input, nella seconda fase sono gli abitanti che vivono, organizzano, gestiscono il territorio, autonomamente e senza influssi dallesterno, che si sostengono e sostengono il sistema stesso nello sviluppo. Lamministrazione locale costituisce quindi, insieme agli attori locali, il nodo tra rete globale e rete globale 129 in unottica in cui si crea sviluppo a partire dal basso, ovvero a partire dallidentit, dal milieu delle collettivit locali.

126 127

Riguardante in particolare le moderne tecniche di meccanizzazione dei terrazzamenti. In particolare lindividuazione di canali di pubblicizzazione e commercializzazione, dei prodotti. 128 Vedi Magnaghi A., Il territorio dellabitare, ed. Franco Angeli, Milano 1998. 129 Vedi Dematteis G., Bonavero P.,Il sistema italiano nello spazio unificato europeo, ed.Mulino, Bologna 1997 e Governa F., Il milileu urbano: lidentit territoriale nei processi di sviluppo, ed Franco Angeli, Milano 1997.

83

7.2 Il progetto territoriale dellecomuseo Lopera di pilotage dellecomuseo si esplica in quello che potremmo definire come progetto territoriale, momento in cui la collettivit locale, presa coscienza dei possibili scenari di sviluppo, agisce sul territorio autonomamente. In particolare le informazioni raccolte dallecomuseo, in ordine alleffettiva vocazionalit delle porzioni di paesaggio terrazzato, vengono messe a disposizione delle aziende locali che possono cos concorrere ad ampliare il volume di prodotti con marchio di qualit territoriale. La verifica delle vocazionalit avviene inizialmente allinterno dellecomuseo in quanto le colture sperimentate sono relazionate alle tipologie funzionali e costruttive dei terrazzi. Nellottica di un processo esteso nel tempo, si prevede la formazione di un processo circolare di sviluppo in cui lecomuseo svolge solo un ruolo di ricezione e informazione delle istanze presentate dagli attori locali. Saranno le comunit stesse ad elaborare e sperimentare altri scenari di sviluppo, poich le vocazionalit del patrimonio terrazzato non si possono limitare alla sola gamma di scenari qui analizzati. La rimessa in funzione del patrimonio terrazzato e la visibilit esterna che il territorio acquisterebbe con la pubblicizzazione del marchio territoriale, consentirebbe la realizzazione delle condizioni primarie per lo sviluppo turistico della regione Alta Langa. Ci comporterebbe lapertura di nuovi scenari progettuali inerenti il campo della ricettivit turistica e fornirebbe una ulteriore spinta verso la tutela del paesaggio e la produzione di nuova territorialit. Lecomuseo costituisce quindi un primo passo nel progetto di riqualificazione territoriale e si inserisce in una rete di siti vetrina 130 collegabili, oltre che da percorsi produttivi, da percorsi turistici131 su scala regionale. Nellambito del nodo orografico di Cortemilia i principali nodi della rete di percorsi sono: il borgo storico di Cortemilia con il castello medievale; le pievi storiche di Cortemilia;

130

Lecomuseo dei Terrazzamenti e della vite di Cortemilia ha previsto la creazione di un sito vetrina a Scaletta Uzzone, legato alla cultura ed alla lavorazione della pietra. 131 Nel Piano di sviluppo socio-economico sono stati elaborati percorsi turistici interni a tutto il territorio della Comunit Montana delle valli Bormida e Uzzone.

84

il borgo storico di Perletto con il complesso del castello e della torre saracena, raggiungibile tramite percorsi storici di mezzacosta tra le coltivazioni; il nodo terrazzato del Monte Oliveto costituito da lantica pieve di Cortemilia e da una serie di terrazzi con archetti e coltivazioni di vite, visitabile percorrendo un percorso storico tra i terrazzi132; il nodo terrazzato del Doglio costituito da un piccolo agglomerato di case antiche, da una serie di terrazzi con archetti coltivati a vite e nocciolo, da una cascina a L con annesso ciabot, visitabile con percorso tra terrazzi; il nodo terrazzato ai piedi di Torre Bormida costituito da cascine e terrazzi ben conservati; il nodo terrazzato su bric di Castel Martina, raggiungibile da percorsi di crinale storici; lantico mulino del torrente Ribosio nei pressi di un nodo terrazzato cospicuo, raggiungibile tramite percorso di fondovalle.

Tali nodi sono collegati da percorsi, per lo pi di mezzacosta, che percorrono i terrazzamenti riattivando i percorsi storici e sono attrezzati con panelli illustrativi dei luoghi e piccole aree di sosta. Nellambito di una riterritorializzazione dellAlta Langa il nodo terrazzato di Cortemilia, con lecomuseo, i percorsi ed i siti notevoli, costituisce una delle tappe degli itinerari che percorrono la regione 133. Per potenziare e valorizzare i percorsi regionali e le relative tappe prevista la creazione di centri di informazione turistica 134, la creazione di segnaletica adeguata dei percorsi e pannelli informativi nelle tappe, la creazione di ristori 135, il potenziamento delle attivit ricettive, la concertazione degli orari di apertura 136 per le visite di castelli, pievi e torri. Per rendere visibili a livello regionale questi interventi necessario che i vari comuni e le diverse comunit montane superino la frammentariet amministrativa concordando: le azioni di salvaguardia del patrimonio
132

Nei pressi gi presente lindicazione di un percorso naturalistico-culturale che per non attraversa il nodo terrazzato. 133 Sono stati proposti itinerari turistici culturali che percorrono buona parte dellAlta Langa in Pregliasco A., Langhe Roero e Monferrato, op. cit. 134 Le diverse comunit hanno pubblicato opuscoli informativi sul territorio ma tale materiale non ha nessun canale di divulgazione accessibili a coloro che come me non appartengono a queste valli. 135 Molti dei ristori e dei bar in Langa, specialmente nei borghi di crinale, sono aperti solo nel mese di agosto. 136 La maggioranza delle pievi e delle torri presenti sul territorio sono chiuse al pubblico.

85

costruito (piani del colore, restauri non invasivi dei terrazzi, salvaguardia del patrimonio dei boschi); le azioni di informazione turistica (linguaggio omogeneo per la sentieristica, per i pannelli illustrativi, per i luoghi di sosta); le azioni per linserimento dei percorsi in Langa allinterno dei percorsi turistici consolidati tramite la promozione di canali informativi nelle porte delle Langhe (promozione delle visite nella regione Langhe allinterno dei canali di informazione gi presenti in queste citt 137, promozione dellaccessibilit della regione 138). 7.3 La riterritorializzazione dellAlta Langa Il percorso che porta alla riterritorializzazione parte della percezione di una comunit della propria appartenenza ad un territorio ed implica la presa di coscienza delle vocazionalit di esso. Nel caso delle Langhe lidentit nascosta stata riscoperta in seguito e tramite la vicenda Acna, innescando un processo di rinascita che si concretizza oggi con una serie di azioni139 volte allo sviluppo sostenibile della regione. Il peso delle iniziative per in parte vanificato dalla frammentariet degli ambiti di applicazione e le Langhe continuano ad essere terra di confini 140 e di marginalizzazione. Per innescare una nuova fase di produzione di territorio necessario partire da quelle strutture di lunga durata141 che connotano le Langhe come ununica regione fisica, culturale, storica, e che dimostrano a tuttoggi di possedere delle potenzialit nei progetti di sviluppo. Tali strutture sono costituite essenzialmente dalla rete policentrica ed interconnessa dei piccoli borghi medioevali142, dalla viabilit storica di scala sovralocale 143, dal sistema del paesaggio terrazzato. Lo scenario allora tende ad un modello agroterziario endogeno con i caratteri di tipicit e centralit; ed in particolare lo sviluppo sostenibile possibile si orienta verso leccellenza nel campo agroalimentare (food

137

Asti ed Alba godono di una fitta rete di eventi nazionali legati alla cultura enogastronomica e culturale; Acqui nota come citt storica e centro termale; Savona e dintorni sono noti per il turismo balneare. 138 Appoggiandosi su questi canali consolidati si pu pensare di promuovere turisticamente le Langhe come regione turistica facilmente accessibile dalle porte di Asti, Alba, Acqui, Savona.
139 140

Listituzione dellecomuseo, listituzione delle comunit montane, i progetti di sperimentazione agricola. Listituzione delle comunit montane continua a riproporre uno scenario di frammenti di Langa. 141 Vedi Cap.1 par 6 Le strutture di lunga durata. 142 Vedi cap. 2 par 2 Il sistema morfologico paesistico. 143 Espressione del ruolo storico di collegamento tra mare e pianura di questa regione.

86

valley) e lo sviluppo di un turismo culturale, ambientale, enogastronomico 144. In questottica il paesaggio terrazzato diventa patrimonio e assume un peso rilevante nella produzione di nuova ricchezza. I terrazzamenti hanno oggi unimportanza storica, estetica ed identitaria ma soprattutto rivestono unimportanza economica in quanto forniscono superfici coltivabili, salvaguardano i versanti dai dissesti idrogeologici, costruiscono e costituiscono il paesaggio. Limportanza agricola deriva dal fatto che la struttura morfologica 145 delle Langhe non fornisce superfici coltivabili in condizioni buone, essendo i versanti dolci esposti a Nord e i fondovalle esigui e soggetti ai fenomeni desondazione. I terrazzamenti rendono quindi coltivabili i versanti acclivi, ma ben assolati del territorio, garantendo il sostentamento di base per leconomia delle popolazioni insediate. Limportanza dei terrazzamenti nella prevenzione del dissesto idrogeologico sta nella capacit degli stessi nel risolvere le situazioni sfavorevoli tipiche della Langa 146: il carattere geologico delle formazioni locali, la disposizione degli strati, il regime torrentizio dellidrografia minore cause delle frane per scivolamento planare, della fluidificazione dei versanti, degli eventi alluvionali violenti. I terrazzamenti in questambito forniscono sostegno ai versanti sfruttati per scopi agricoli e svolgono un ruolo importante nella regimazione idrica, diminuendo la velocit di corrivazione delle acque superficiali e convogliandole nei torrenti senza caricarli di accumuli di fondo, principali responsabili della forza distruttrice delle acque durante le alluvioni. E da notare inoltre come labbandono dei terrazzamenti abbia un effetto deleterio sul territorio in quanto provoca un negativo rimodellamento dei versanti con la formazione di calanchi estesi. Esempio di tale fenomeno rilevabile nei pressi di Spigno dove labbandono dei terrazzi ha favorito 147 la formazione di calanchi di dimensioni assai estese. Valutando i costi che la comunit dovrebbe assumere per opere di prevenzione del dissesto in rapporto ai costi di mantenimento dei terrazzi e della loro riattivazione, appare evidente quanto economicamente sia valido un progetto di salvaguardia del patrimonio terrazzato.
144

Vedi Piano di sviluppo socio economico quinquennale della Comunit Montana Langa delle Valli Bormida e Uzzone, 27 ottobre 2000. 145 Vedi cap. 1 par 2 La genesi geomorfologica del territorio 146 Vedi cap. 2 par.1 la struttura ambientale ed in particolare il 2.1.2 Degrado della struttura ambientale. 147 La natura geologica delle Langhe, nonch la giacitura degli strati, favoriscono la formazione di calanchi; ma nel caso di Spigno si osserva come la formazione calanchifera sia di dimensioni spropositate rispetto al normale verificarsi di questo fenomeno, a causa dellabbandono dei terrazzi.

87

Infine nel modello di sviluppo proposto indispensabile lesistenza del paesaggio stesso delle Langhe sia ai fini turistici che per la certificazione territoriale dei prodotti dellAlta Langa. La territorializzazione parte quindi necessariamente con il recupero del patrimonio terrazzato e prosegue con interventi integrati che devono essere concertati a livello di regione Langa, essendo il territorio stesso delle Langhe ad essere messo in gioco quale risorsa per lo sviluppo sostenibile. Gli interventi da attuare riguardano non solo la tutela a e la conservazione del patrimonio terrazzato, ma coinvolgono il patrimonio delle costruzioni in pietra, dei borghi, della cultura enogastronomica locale ed acquistano concretezza nellinserimento dellAlta Langa nelle dinamiche a scala sovralocale. A questo scopo indispensabile riattivare i percorsi e le porte di accesso alle Langhe evidenziando come questa regione sia in posizione strategica tra Acqui, Alba, Asti e Savona e quindi facilmente raggiungibile dagli itinerari turistici e commerciali. La sostenibilit del modello di sviluppo proposto non solo economica148 ma anche politica, sociale, ambientale, territoriale 149 in quanto: produce unelevata capacit di autogoverno, produce un elevato livello di integrazione degli interessi degli attori deboli, ottimizza il funzionamento ecosistemico della bioregione Alta Langa, organizza e gestisce il territorio compatibilmente alle sue vocazionalit.

148 149

Produce valore aggiunto territoriale. Vedi Piano di sviluppo socio-economico della Comunit Montana Langa delle due valli.

88

BIBLIOGRAFIA
Testi di orientamento generale ANCI Toscana (a cura di), Agricoltura e territorio: un laboratorio per lo sviluppo sostenibile della Toscana, ed. AZ, Firenze1996. Aug M., Non luoghi. Introduzione a una antropologia della surmodernit, ed. Eleuthera,1993. Caldo S., Geografia umana, ed. Palombo, Palermo 1993. Cipolla C. M., Storia economica dellEuropa preindustriale, ,ed. Il Mulino, Milano 1974. Clementi A., Dematteis G., Palermo P. (a cura di), Le forme del territorio italiano: ambienti insediativi e contesti locali, ed. Laterza Dematteis G., La feconda illusione dello spazio geografico, in Casabella 104/105. Dematteis G., Le metafore della terra. La geografia umana tra mito e scienza, ed. Feltrinelli, Milano 1985. Dematteis G.,La feconda illusione dello spazio geografico, in Casabella n.509510, gen. feb. 1985. Dipartimento di urbanistica e pianificazione del territorio di Firenze (a cura di), Materiali 1/5, ed. AZ, Firenze 1995. Gambi L., Critica ai concetti geografici di paesaggio, in Una geografia per la storia, ed. Einaudi, Torino 1997. Gatti F., Territorioe sviluppo locale. Il microsistema territoriale, in Magnaghi A. (a cura di), Il territorio dellabitare, ed. Franco Angeli, Milano 1990. Giusti M., Magnaghi A., Lapproccio territorialista allo sviluppo sostenibile, in Archivio di studi urbani e regionali, XXV, n.51, 1994. Governa F., IL milieu urbano. Lidentit territoriale nei processi di sviluppo, ed. Franco Angeli, Milano 1997. La Cecla F., Mente locale.Per una antropologia dellabitare, ed. Eleuthera,1993.

89

Magnaghi A. (a cura di),Il territorio dellabitare: lo sviluppo locale come alternativa strategica, Edizioni Franco Angeli, Milano 1998. Magnaghi A., Da metropolis a ecopolis. Elementi di un progetto per la citt ecologica, in Manzoni M. (a cura di),Etica e metropoli, Milano 1989. Magnaghi A., Paloscia R. (a cura di), Per una trasformazione ecologica degli insediamenti, ed. Franco Angeli, Milano 1992. Magnaghi A.,Il territorio degli abitanti. Societ locali e autosostenibilit, DunodMasson, Milano 1998. Melucci A.,Memoria, solidariet, identit, in Cerreti F. (a cura di), Identit e politica, ed. Laterza, Roma-Bari 1996. Poli D. , La piana fiorentina: una bibliografia territoriale narrata dalle colline di Castello, ed. Alinea , Firenze 1999. Quaini M. (a cura di),Il paesaggio tra farrualit e finzione, ed. Cacucci, Bari 1994. Sereni E.,Storia del paesaggio agrario italiano, ed. Laterza, Bari 1961. Soderstrom O., Citt di carta:lefficacia delle rappresentazioni visive nelle strutture dellurbanistica, in Urbanistica 105, 1995. Turco A. (a cura di), Regione e regionalizzazione, ed. Franco Angeli, Milano 1984. Turco A., Verso una teoria geografica della complessit, ed. Unicopli, Milano 1988. Turri E., Semiologia del paesaggio italiano, ed. Longanesi, Milano 1979.

Piemonte Barbero P. (a cura di), Il Piemonte tra crisi e sviluppo: atti del convegno di Torino del 3-4 dicembre 1982, ed. Lopinione, Roma 1983. Bonavero P., Dematteis G.,(a cura di), Il sistema urbano italiano nello spazio unificato europeo, ed. Mulino, Bologna 1997. Bordone ( a cura di), Citt e territorio nellAlto Medioevo. La societ astigiana dal dominio dei Franchi allaffermazione comunale, Torino 1980. Castronovo V., Storia delle regioni dallunit ad oggi. Il Piemonte, ed. Einaudi, Torino 1980.

90

Crossetti A. (a cura di),Le strutture del territorio fra Piemonte e Liguria dal X al XVIII sec., in Atti del Convegno di Carcare (CN) del 15 luglio 1990. Dipartimento Interateneo del Politecnico di Torino (a cura di), Rapporto sulla Regione Piemonte, in ITATEN, Indagini sulle trasformazioni degli assetti del territorio italiano-Programma 94/95, Roma 1995. Fumagalli M., Una regione prevalentemente agricola entro unarea industriale avanzata: il caso dellastigiano, in Memorie della societ geografica italiana, vol. XXXII, Roma 1996. Fumagalli, Rossetti (a cura di), Mutamenti economico sociali e trasformazioni del regime alimentare dei ceti rurali nel passaggio dallalto al pieno medioevo, Bologna 1980. Gentile L., Storia della Chiesa di Asti, ed. La Tipografica, Asti 1934. IRES (a cura di), Le gerarchie territoriali nella strategia della programmazione: il Piemonte, ed. Giardin, Pisa 1977. Mandracchi V. (a cura di), Larchitettura popolare in Piemonte, ed. Laterza, Bari 1980. Merlone R., Gli Aleramici, ed. Palazzo Carignano, Torino 1995. Mezzetti G.,Geografia: atlante di lavoro, ed. Nuova Italia, Firenze 1991. Panero F., Comuni e borghi franchi nel Piemonte medioevale, Bologna 1988. Regione Piemonte (a cura della), Indagine conoscitiva sullartigianato piemontese, ed. Eda, Torino 1978-80. Regione Piemonte (a cura di), Banca dati geologica, ed. CSI, Torino 1990. Regione Piemonte (a cura di), Gli eventi alluvionali del settembre-ottobre 1993 in Piemonte, ed. Artistica, Torino 1996. Saettia, Laffermazione aleramici nel sec.X, in Rivista di storia, arte, archeologia delle province di Asti e Alessandria, Asti 1991. Touring Club Italiano, Il Piemonte eccetto Torino e Valle dAosta, ed. TCI, Milano 1961. Touring Club Italiano, LItalia delle regioni:I valori delle diversit, ed. TCI, Milano 1997. Vergamo L. (a cura di), Storia di Asti, ed.Gribaudo, Cavallermaggiore 1990.

91

Vergamo L., Tra castelli e torri della Provincia di Asti, ed. a cura del comune di Asti, Asti 1980.

Terrazzamenti Ambroise R.,Un programme experimental Terrasses, Metropolis, n 84-85, 2/1988. Ambrosie R., Frapa P., Giorgis S.,Paysages de terrasses, ed. Edisud, Aix-enProvence 1989. Baldeschi P. (a cura di), Il Chianti fiorentino: un progetto per la tutela del paesaggio, ed. Laterza, Bari 2000. Boato A.,Luso della pietra da costruzione nelle murature genovesi del XVI e XVII sec. : produzione , trasporto, posa in opera, in Atti del VII convegno di studi Scienza e beni Culturali. Le pietre nellarchitettura: struttura e superfici, Padova 1991. Bonati L., Frana il monumento dei muri asecco, Regione Liguria 1978. Bouet A., Frapa P.,Des agricoltures en terrasses : analisys, synthese, Apare, Avignon 1983. Coste P., Martel P., Pierre seche en provence, in Les Alpes de Lumiere n. 89-90 Dobremez F., Les collines du Nepal central-Ecosystemes, structures sociales et systemes agraries, INRA, Pris 1986. Frapa P., Giorgis S.,Etudes pour la rehabilitation des terrasses de culture en zone mediterraneennne francaise, APARE, Avignon 1982. Frapa P., Terrasses de culture, ,in Pierre en provence , ed. Edisud, Aix-enProvence 1987. Istituto di Ricerche Ambiente Italia (a cura di), Il progetto Life per il Parco Agricolo di Palermo, Palermo 1997. Lepaulmier P., Les terrasses de culture, un patrimoine regional a valoriser, ed. Parc Naturel Regional de Corse, Ajaccio 1988. Mannoni T., Archeologia ed archeometria dei muri in pietra, superfici e strutture in Liguria, in Le pietre nellarchitettura. Strutture e superfici, Atti del convegno di studi, Bressogne, 25-28 giugno 1991, pp. 151-160, Padova, Libreria Progetto, 1991.

92

Mannoni T., Lanalisi delle tecniche murarie medioevali in Liguria, in Atti del Colloquio internazionale di Archeologia Medioevale, Palermo Erice 20-22 settembre 1974, pp. 291-300, Palermo, Istituto di storia medioevale,1974. Spalla G., Larchitettura popolare in Liguria: dai muri a secco ai paesaggi territoriali, ed. Laterza, Roma 1985.

Langhe : storia ed identit AA. VV, Trasformazioni della societ rurale artigiana 1945 1970: materiali da una ricerca, in Asti contemporanea n. 4, Asti 1996. Arata A., I mansi di S. Quintino. Le origini delle strutture insediative nelle Langhe tra le due Bormide, in Rivista di storia, arte ed archeologia per le province di Alessandria ed Asti, 1991. Arata, Giraud, Rapetti, Rebora, Aquesana: rivista di studi e ricerche sui beni culturali ed ambientali dellacquesano antico e moderno, n.1, Acqui Terme 1994. Balbis G.,Val Bormida medioevale. Momenti di una storia inedita, Cengio 1980. Beccarla G., Grimaldi P., Pregliasco A.,Langhe e Roero: le colline della fatica e della festa, ed. Omega, Torino 1995. Belforte S. (a cura di),Oltre lACNA:identit e risorse per la rinascita della valle Bormida, ed. Franco Angeli Boccadoro P.,Condizioni per lo sviluppo territoriale in valle Bormida, con particolare attenzione alluso del suolo, tesi di laurea, Facolt di Architettura, Torino 1990. Bravo G. (a cura di), Vino e pane: lavoro e vita contadina nel museo Versano, ed. a cura della Provincia di Asti, Asti 1999. Carle L. ,Lidentit nascosta: contadini proprietari nellAlta Langa dei secoli XVII XIX, ed. dellOrso, Alessandria 1992. Casalis G. ,Dizionario geografico - storico statistico commerciale degli Stati di S.M. Re di Sardegna, ed. Forni, Bologna 1834. Diocesi di Acqui Archivio Vescovile (a cura di), I vescovi della Chiesa di Acqui dalle origini al XX sec., ed. Impressioni Grafiche, Acqui Terme 1997.

93

Foschi I.,Linterpretazione degli ambienti insediativi: il caso delle Langhe, tesi di laurea in architettura , Politecnico di Torino. Marrone M., Comunit Montana Langa Artigiana Val Bormida: un ambiente in evoluzione, tesi di laurea, Genova 1997. Mercando L. (a cura di), Archeologia in Piemonte: let preistorica, let romana, let medievale, ed. Umberto Allemandi, Torino 1997. Monti A., I Sansossi (Gli spensierati): cronaca domestica piemontese del XIX sec., ed. Peschiera, Milano 1929. Olivieri L., Le pievi medioevali dellAlta Val Bormida, in rivista Intemelia vol. xxvii, n.1-4, 1972. Pregliasco A. (a cura di),La civilt dei monaci e i loro insediamenti nelle nostre valli,ed. a cura della Comunit Montana Alta Val Bormida, Millesimo 2000. Pregliasco A., Le vie del sale, appunti inediti, Saliceto 1998. Provincia di Asti (a cura di),Castelli e ville-forti nella Provincia di Asti a sud della valle Tanaro, ed. a cura della Soprintendenza per i Beni Architettonici e Ambientali del Piemonte, Torino 1993. Ticineto S., Carcare e lAlta Val Bormida nel Medioevo: dalle invasioni barbariche allanno 1536, ed. GRIFL, Rocchetta Cairo 1998. Torre A. (a cura di), Confraternite: archivi, edifici, arredi nellastigiano dal XVII al XX secolo, ed. a cura della Provincia di Asti, Asti 1999. Vigna E.,Trifulau e tartufi: aspetti antropologici delleconomia rurale tra Langhe e Monferrato, ed. a cura della Provincia di Asti, Asti 1999.

Langhe : geologia, paesaggio, territorio Biancotti A., Geomorfologia dellAlta Langa, Torino 1980. Bosca D., I paesi senza storia, ed. Gribaudo, Cuneo 1960. C.S.I. Piemonte (a cura di), Banca dati geologica, ed. CSI, Torino 1996.

94

Campagnoni F., Forlati F., su sella G., Tamberlani F., Le marne oligo mioceniche delle Langhe: classificazione geotecnica preliminare, in GEAM: Studi sulle rocce, Dicembre 1996. Caramellino A., Conservazione e sviluppo degli spazi agrari nel paesaggio collinare del basso Monferrato, ed. Bric&Foss, Milano 1996. Comunit Montana Langa Astigiana Val Bormida (a cura di),Langa Astigiana Val Bormida, ed.Impressioni Grafiche, Acqui Terme 1999. Comunit montana Langa Astigiana-Val Bormida,Patto territoriale: la

progettazione Comunit montana Langa delle due valli Bormida e Uzzone,Piano di sviluppo socio-economico art27 e 28 L:R: 16/99, 27 ottobre 2000. Comunit Montana Langa delle valli Bormida e Uzzone, Piano di sviluppo socioeconomico quinquennale, presentato il 27 ottobre 2000. Ecomuseo dei terrazzamenti, Regione Piemonte (a cura di),I paesaggi terrazzti: paesaggi umani, paesaggi da salvare,catalogo dellesposizione dei paesaggi terrazzati svoltasi nellecomuseo di Cortemilia nellAgosto 2000. Farina E. (a cura di), Un evento da non dimenticare: 5-6 Novembre 1994, ed. Consiglio Nazionale delle Ricerche, Torino 1995. 2000. Forlati F., Damasco M., Su sella G., Campus S., Gli scivolamenti planari nel territorio delle Langhe piemontesi. Levento del 4-6 novembre 1994. Esame del quadro conoscitivo in funzione di analisi revisionali e di gestione territoriale, in Atti dei Convegni Lincei 134, Roma, 30-31 maggio 1996. Forlati F., Lancellotta R., Osella A., Scavia C., Veniale F., Analisi dei fenomeni di scivolamento planare nelle Langhe, In GEAM: Difesa del suolo, Dicembre 1995. Gal Alta Langa, i paesaggi dei terrazzamenti: mille anni di innovazioni. Candidatura al modulo c del programma LEADER II del Comune di Cortemilia. Garbarono P.,Indagine sulla vegetazione boschiva della Comunit Montana Langa Astigiana, tesi di diploma in conservazione della natura e pianificazione territoriale, 1986.

95

Istituto Nazionale per la ricerca sul Cancro (a cura di), Un possibile modello per gli interventi di prevenzione primaria: lesperienza della valle Bormida, ed. CRS, Savona 1986. Luino F. (a cura di),La prevenzioni delle catastrofi idrogeologiche: il contributo della ricerca scientifica, Atti del convegno internazionale, Alba, 5-7 Novembre 1996. Magnaghi A., Galliano R., (a cura di), Progetto valle Bormida: per uno sviluppo senza ciminiere, ed. curata da Associazione per la Rinascita della Valle Bormida, 1989. Martina G., Cortemilia e le sue Langhe, ed. Gribaudo, Cuneo 1951. Poggio P. (a cura di), Una storia ad alto rischio. LACNA e la Valle Bormida, ed. Gruppo Adele, Torino 1996. Regione Piemonte (a cura di), Gli eventi alluvionali del settembre-ottobre 1993 in Piemonte, ed. Artistica, Torino 1996. Renosio G., Agricoltura collinare e modificazione del paesaggio, in rivista Asti Contemporanea n.4 del 1996. Vitone A. (a cura di),Per la rinascita della Val Bormida: un progetto integrato di risanamento ambientale, in Recuperare n.4, 1993.

Testi di approfondimento tematico Bianco V., Pampini F.,Lorticoltura, ed. Patron, Bologna 1990. Provincia di Bologna (a cura di),Il divulgatore: agricoltura e dissesto idrogeologico, periodico di informazione agricola e zootecnica forestale, ed. Officine Grafiche Calderoni, anno XX n 8, Bologna 1997. Provincia di Bologna (a cura di),Il divulgatore: agricoltura e recupero ambientale, periodico di informazione agricola e zootecnica forestale, ed. Officine Grafiche Calderoni, anno XX n 8, Bologna 1998. Provincia di Bologna (a cura di),Il divulgatore: la tradizione dei sapori, periodico di informazione agricola e zootecnica forestale, ed. Officine Grafiche Calderoni, anno XXII n 3, Bologna 1999.

96

Provincia di Bologna (a cura di),Il divulgatore: le piante officinali, periodico di informazione agricola e zootecnica forestale, ed. Officine Grafiche Calderoni, anno XXI n 8, Bologna 1998 Provincia di Bologna (a cura di),Il divulgatore: salvaguardia degli spazi naturali delle campagne, periodico di informazione agricola e zootecnica forestale, ed. Officine Grafiche Calderoni, anno XVI n 6, Bologna 1993. R.e.d.a. ( a cura di),.Possibilit di coltivazione delle piante officinali aromatiche, in rivista Italia Agricola, anno 125, luglio-settembre 1988. Regione Emilia Romagna, Regione Veneto (a cura di), Manuale tecnico di ingegneria naturalistica, ed. Zanini, Bologna 1993. Risotti G., Geologia e pedologia nellassetto del territorio. Agriconsulting (a cura di), Lerba del vicino sempre pi verde, in Agrimese, numero dellAprile 2000. Bencini R., Donati P., Mariotti M., Rossi M., Cantiere restauro, ed. Opuslibri, Firenze 1984.

CARTOGRAFIA
Sigle: CSI: Consorzio Settore Informativo della regione Piemonte CTR: Carta Tecnica Regionale della regione Piemonte IGM: Istituto Geografico Militare TCI: Toruring Club Italia Basi cartografiche TCI, 1:800.000, carta delle regioni dItalia, anno 1980. IGM, 1:100.000 a sfumo, fogli 80, 81, 82, 69, 90, 68, 92, 93. IGM, 1:25.000, tavolette relative ai fogli 81 e 69, anni 1902 e 1933. IGM, 1:50.000, tavolette relative ai fogli 81 e 69, anno 1879. CTR, carta al tratto 1:10.000, fogli : Castino, Bubbio , S. Gerolamo, Cortemilia Cravanzana, Borgomale, anno 1991.

97

CTR, ortofotocarta 1:10.000, fogli : Castino, Bubbio , S. Gerolamo, Cortemilia Cravanzana, Borgomale, anno 1991. Carte fisico - geologiche Servizio geologico dItalia, Carta geologica dItalia foglio 81 e 69, scala 1:100.000, 1961. CSI Piemonte, Carta delle frane foglio 81 e 69, scala 1:100.000, 1990. CSI Piemonte, Carta dei settori di versante vulnerabili ai fenomeni franosi per fluidificazione foglio 81 e 69, scala 1:100.000, 1990. CSI Piemonte, Carta degli alveo-tipi e delle portate fogli 81 e 69, scala 1:100.000, 1990. CSI Piemonte, Carta dei fenomeni di trasporto in massa connessi allattivit torrentizia in tributari minori fogli 81 e 69, scala 1:100.000, 1990. CSI Piemonte, Carta delle aree inondabili fogli 81 e 69, scala 1:100.000, 1990. CSI Piemonte, Carta litologica fogli 81 e 69, scala 1:100.000, 1990. Comunit Montana Langa Astigiana, Carta dello stato del dissesto, scala 1:25.000, 1982. CSI Piemonte, Carta climatica del Piemonte, scala 1:25.000, 1995.

Carte per la rielaborazione delle fasi di territorializzazione

1100: Situazione feudale, in Matta A., Una valle contesa, in Belforte S. (a cura di), Oltre lAcna, op. cit. 1200: I marchesi Del Carretto, in Ticineto S., Carcare e lalta val Bormida nel Medioevo, op. cit. 1200: Situazione feudale, in Matta A., Una valle contesa, in Belforte S. (a cura di), Oltre lAcna, op. cit. 1325: Val Bormida e zone limitrofe, in Ticineto S., Carcare e lalta val Bormida nel Medioevo, op. cit. 1419: Il basso Monferrato, in Ticineto S., Carcare e lalta val Bormida nel Medioevo, op. cit.

98

1492: Liguria Occidentale e Piemonte Meridionale, in Ticineto S., Carcare e lalta val Bormida nel Medioevo, op. cit. 1532-1738:Annessioni sabaude, in Matta A., Una valle contesa, in Belforte S. (a cura di), Oltre lAcna, op. cit. 1536: Liguria Occidentale e Piemonte Meridionale, in Ticineto S., Carcare e lalta val Bormida nel Medioevo, op. cit. 1700: Ultima sistemazione amministrativa napoleonica, in Matta A., Una valle contesa, in Belforte S. (a cura di), Oltre lAcna, op. cit.

99

FONTI
A.R.S.I.A, sezione Cecina Archivio storico di Cortemilia Archivio storico di Torino Archivio Vescovile di Acqui Terme Associazione Italiana Sommelier, Provincia di Livorno Azienda Agrituristica Bianco Rosamaria Biblioteca Astense della citt di Asti Biblioteca Civica di Acqui Terme Centro apistico dott. Pescia Comune di Cortemilia Comunit Montana Langa Astigiana Val Bormida Comunit Montana Langa della valli Bormida e Uzzone Confederazione Italiana Agricoltori, sezione Cecina Livorno Ecomuseo dei Terrazzamenti e della Vite Istituto Nazionale di Economia Agraria Parco Nazionale delle Cinque Terre Provincia di Asti Regione Piemonte Societ Consortile Langhe Roero e Monferrato Studio Armellino e Poggio Architetti Associati Studio geologico di Ondina Ciarlone

Si ringrazia per la disponibilit: sig. Alessandro Valenzano, sig. Luigi Perfumo, sig.ra Penna Palmina, arch. Vittorio Fiore, arch. Donatella Murtas, sig. Marco Novo, sig. Augusto Pregliasco, sig.ra Grazia Lignana. Ringrazio inoltre coloro che hanno reso possibile questa tesi: Elda Orlandi e Loris Ghelli e la mia famiglia .

100