')

--105

Alessandro Mazzone

COMUNISTI E RIVOLUZIONE MONDIALE. Qualche riflessione

1. Un ori~ntamento nel r,n0_ndo?i o~gi e impossibile enza la con iderazione torica dei proce s~che, s~mpre piu imbricati I'uno nell'altro, economici, scientifici, cono citi i, e ormai delJ~ biosfera tutta ("l'~~biente", "natura"), 10 co titui cono appunto come un monda. Solo III ~ue to mondo 81 mstaura l'agire politico e ono pen abili strategie, parzia1i e complessive. Ne sun proce so, mai, dato nel suo semplice risultato. La ge tazione non il parto. Que to ovvio. (0 dovrebbe esserlo. Non 10 per chi crede di poter formulare trategie, o giuclicare processi passati a partire da decisioni politiche, che presuppongono rapporti e conte ti e i tituzioni, le quali per il decisore sono qualcosa di gia fatto, un punto di partenza della valutazione). Ma se tutto que to evidente, salvo l'illusione, 0 il soggenivi mo politicista (d lla cui lunga e non gloriosa vicenda nella sinistra non occorre trattare qui), l'e igenza della con iderazione storica non vale pero affatto soltanto per la fera dell orientamento veramente e seriarnente politico. Questa esigenza posta immediatamente dalla erescente interconnessione dei settori di attivita, Dall'orientamento di cende la trategia: e attraverso Ie strategie ha luogo il controllo obiettivo della coerenza metodica. La equenza "cattivo orientamento/cattiva strategialinsucces 0" tanto piu operante quanto pili grande I'imbricazione reciproca dei proce i su cui l' orientam nto deve avvenire, e pili piccolo il loro relativo i olamento dal conte to. Que to ale per I' orientamento scientifico non meno coo per quello cu1turale etico economieo: al ogni giomo di pili stante la erescente imbrieazione dei proce i, e dunqu la 1 ro

e

e

e

e

e

e

e

e

dimensione storica parziale e globale. Un esempio. La questione della scopo dell'attivita, cioe deU'orientamento trategia rispetto al processo storico complessivo ipone ormai per 1 ~ .ta '. . in genere, e questa e evidente per Ie ricerche av~te: dalla ~ D ~e~ ~ bioi . generate, alla fisica delle energie, flOO'aIla agronormea, ~o studio ~l leli ed eouilibri biotopici e fisico-chimici... rna logica ... per ritomare all'informati Quale rapporto ha simo, a mio parere. chieder venia aI paz' fle sibile, fluida uniformazione mI~«Q...

ad aleune teone mate

tcorica 1prob

perimenbd ecce . della ,",·IJI·~'"
----

rapporto stretto . La COIU1I__

ti e ai quali i m;~' ~~;Clacente

mroodMll

106

CONTRIBUTI

, to I'orientar i riel mondo di oggi esig piu che in p .. e ato '1 d 11 "part]" Per que , ee ' , 1 bale Per que to. Ia rift Ion 111 tenement poIitici I~ t ria e stona go, . ha veri , taccati so, ico di cui. ono appunto fenomeni non a erita, (Per que t dai proce 0 stonCO J • , • I" 0, arw. " . d mocratica, progressrva, magan nvo UZlonana e comu . --'Ilt un mtenzlOne e ." di dim ta, "J._ ." . tt orientar 1 p Iiticarnente . 1 istrugge a so a). ...It vogha anzi tu 0 b d II' id 'one tonca e quella che eia ora mo e 1 concettuali del nrn...~ Con 1 erazi , ...., d. r"v\'cSSo If! . duzi ociale compiessiva nell eta in CUIque ta pro uzione e riprodUZi \II npro uZl~nl: i espande e diventa p rva iva della bio fera del pianeta. (N B nOlle del corpo OCla . di . . . corpUs ' I10m mum e em pre corpus hominutn et rerum, con tzrone e oggetto dell·attivi.~ Drn!ll... ,... lCl 1lC dunque, in misura crescenie). La teona ~arxlana del ~odo di produzlone capitalistico e un tal modello. La con ide~~zione s~~nca. elabo.rato II m.odello. non 10"aPPlica" agIi "eventi'' piu di quanto io n?n apph~hl" la meccamca cIa SIca alla cenere d~lla iPlttta che in que to momento mi cade, ahlme,? r terra. Un ID?dello e lao c~e~atiZlaZionedi un processo, e erve per interpretare ene, e .sequenze .dl fe~om~m gia ldentifi~ con un discrimine critico, a rapporti es enziali, 0 legalita dinamichs, Per fare q to occorre di oli to ricorrere a modelli deri vati e coerenze parziali. Per e empio, a indagare configurazioni del capitali mo in un periodo, una regione un paese, un gruPpodi paesi. Negli ultimi dieci-venti anni venuta diffondendo: i la percezione della dimensione raggiunta dalla autoriproduzione del corpus hominum sulla terra, con 10 vilUPPO del modo di produzione, e la tra fonnazione cientifico tecnica che ha luogo entro Ie determinazioni di forma capitalistiche. Que ta dimen ione universale nel senso dell'interconnessione di tutti i fenomeni; globale, nel enso dell imbricazione dei processi, scientifici, produttivi ecc.; ed e planetaria, nel enso dell impatto e manifesto, in tutta la biosfera. Essa e poi irrever ibile: ogni attivita collettiva e razionale produ . etica e per derivazione, anche politica, acqui ta riferimento crescent a qUlma;~._ sione -10 vogliano no i portatori delle distinte e determinate atttV11ta.;3J!le:l.'HTJlll consapevoli. La percezione di tutto questo i e diffu a, vero, so "problemi globali" e imili, cui i accompagna una carica eIIlotiivQ~~1QJ.' •• _' campo ~ p~~r~ e.manipolazioni. Corrono fantasmi di prospettive.aJ)(>CaJ1tW ~egresslOru idilliache. Sogno significa evasione, e apocali i
II'
(t

e

e

°

e

mvece cono ce oltanto nuovi problem! e. in verita, il da fare e'1l!lQ•• ~. Se guardiamo indietro a] secolo che viene alIa pn~a - e ~a~i1ee dire oggi: pristina, incompiuta _ aV~tata t?nCHa complessiva dell' agire umano.

·tq);*jm~7'

fme
di OOlllSlj",

e OV~lO,non nel senso della vi ione, intelligenza e nftl~Vf'SZB sono empre.] o. , III pa rte vengono sempre rinno a
In parte CI
qui,

mtegrazlOne e "globalizzazione".

~esfere ~i relazioni in cui e costituito it ~:::nte

s ta: come qualco ache ha mosso effern

•.

re
al

---~107
La pill irnm diata di queste . fere c quella dei rapp rti liti p . ' 1" 0 1 po mer. er e ser la pi inllued lata. . sa sp ,0. a piu appan cente. La con apevolezza della rilevanz liti , . ." "1 U " f ·.a po I lea di 19m' '1O,~(.; u~~a~~ e, ca. 1 n~l tea, cconomicaj, pre uppone un uni erso di i tituti e rupp ru, liti 1 , gla dato, ~ In rge per 10 piu in ordine ad es: o. Que ta te a con.ap,~\ol zza, pro. quando d~ ,enta critica, include una co cienza della mediazione della dlpendenz, dell sfera politica dal proces: 0 torico-naturale. ("Storico t I" na ura e l'Ice ~ ns 0 d 11 rego lari obiettive della riproduzione del nel dup. e. arita ., . orpus I' 1OI11mWll e della bip lanta cconorm 0- oCl~l.ee biotic a, della riproduzione comples i a. tes a. llora, la c n. ap \. 1 z~a poituca-ma-critica e forma parziale, auroralc, della c napev lezza razionale he II corpo ociale generale, il genere umano che sta diventando rati ament uno, puo avere di e. (E che es 0, can tutte le mediazioni del ca o. de e ormai avcre.) na iffatta on ape 01 zza, politiea-ma-critiea, divenne pen iero e azione, all'inizio dell vecento, dapprima in alcuni gruppi di uomini, come sempre accade. Inveee. il fenom no st ri 0 della prima figura di consapevoiezza pratica della na cente, rna irrev abile, toricita globale. ha, a partire dall' ouobre 19l7. un nome: rivoluzione m ndiale. pa .aggio al ociali mo. 0, che e 10 ste so, rna dal lato soggettivo: i comuni ti, I comunisti : no tati que to fenomeno torico. Tutti i comuni ti ovviarnente: tutto u 110 he da comuni ti, e come cornunisti, e state pen ato, tudiato, voluto fatto ubi to. L' unita. le di vi ioni, Ie glorie, i risultati positivi, le in ufficienze errori e crimini e la . confitta concIu iva. (Definitiva? Lice dubitare. Waterloo e definitivo per apoI ne. Ma per la Rivoluzione france e? Non ci furono piu giacobini, termidoriani via di endo, 0 tutto. Del re to. anche i vinti continuano ad agire: eterogene i dei fini. E ho dctto: "comunis ti" e Ia designazione del fenomeno torico rna dallato soggettivo). Le finalita dei movimenti, organizzazioni d'ogni genere, Stati direzioni d'azione I pen i ro che si rifecero alIa Terza intemazionale - appunto per brevita: dei comunisti. tanto ncll'URSS che altrove - non furono mai soltanto politich rna insieme rnetapolitiche: ri oluzione universale societa umana nuova governo razional dell riproduzione comples iva. .. . . Che que t finalita i iano pre entate spe so nella forma dell a tratto politici m~ 10 molti, che riducevano il proce 0 aIla trategia e dunque degradav~ q~ta a ~ca, o finalmente a tecnica dell autocon ervazione del potere pub contnbwre a pteg, , fenomeni degenerati i ma non cosa nuova ne pecifica. O:ropi ~ omol ghi 1 ri conrrano in conte ti molto di e i). eppure nuo 0 ne pecifi~o i1 ~a~o 1 finalira ociali te iano tate in mol' imi fede ingenua in una palinge lliberal<)l'Ia

e
Ie

Ii
~l

)

1

.

e

e

mente mondana. n la il crificio rano 8C(:ettati~e~,,"~"d&j·
e ere verificat

dalle proprie catene 10' e 010, invece it tenta .

e

tate.

uovo e

ale no l;iooto8it .. ijl •• ~

-sttldol1'8fiClllt

108

_-

co

alla mi ura in cui la pJau ibilita del tentativo pote a venir ri fo e corre 1at a ~DIclI,,"_ o alrncno perita dagli individui.) 3 A artir dall'Ottobre, dalla di truzionc dei rapporti capitali tici in R ' un univer 0 di en 0, e nasce in tutte le sfere dell' agire, e in tutto il mondo, Proe due polio ed entrambi appartengono .all' univer o. di en, '0, E 1eta di H~. Ein: tein, di Joliot-Cuire e di Planck, di Neurath e di Omeljanov ky: ne uno . cienziati dell' epoca rinuncia a rapportarsi, nelle ue meditazioni prima cbe nelle di po izione pubbliche, che possono es ere tarde 0 occa ionali al nuo 0 ten "far camminare il mondo ulla te ta" eli co truire la societa secondo prin ipi di UIIl. come Hegel aveva detto della Rivoluzione france e. II nuovo tentativo pi perche pia vasto: non geograficamente, rna per l'ambito che uo: a produzione tutto il commercio umano, tutta la attivita degli uomini as ocia i, ono chiamati a pronunciarsi, e si pronunciano - ognuno, come ovvio sec:OIlCIIo lumi, Ie sue competenze, le ue propensioni. Gia nel tardo Ottocento cera teorie dello Stato, della politica, dell' economia, un discrimen: pro 0 contro IaPOSl_ii teorica del ociali mo. (Tutta la economia accademica italiana di fme 01 di cu 0: da Boccardo a Pantaleoni a Pareto). Mo ca, Pareto, M. Weber teo__ ~ la descrizione di fere autonome dell'attivita. Autonomia relativa rto· apr no campi d'indagine fecondissima di regolarita dell agire "economiee" '__ "politico",eparela ciatoai olifilosofidi putare elaproce ualitagIVVII_ .... III vada confinata in ontologie metafi iche, abbandonata del tutto 0 rni tico fondamento antropologico nel "vi' uto". Ma, com al tramonto dellillumini: mo, la Rivoluzione divid "que t co a incredibile, che ora l' uropa i [e) penne a" ( . HiI.... ognuno e chiamato a pen are 1a pos ibilita di una comunita rdin anche a pen. are razional mente l' "as' alto al cielo" bol cevico no I' indizi di un mutamento possibile del con orzio umano. con scenza he ha di fatto della "politica mondiale" ul me 1 ~ • ricono ciuta c me Teale 0 no, e poi appoggiata 0 a r e . ~ ~ucIla ono cenza di fatto, per piccola che ia e al DH~J"CII pos ibile del modo d d ' e. sere el con orzro umano ogni JD(IlVJlGIIlI: anch la propria e . I ' . penenza. locale e parziale della ita 8S$0CJ;_ a q~e hone della "po . ibilita del ociali mo" travalica 1 leoneo che dell e f'unzion] pohticO-ammi' .. . . vero anch aJI . ru trative ., e ora mvece che "volere il 'ali dlttono e si autodi OCl mo 10 ha . trugge. Chi "vuole il ociali " di . come oggetto della. ua volonta razi nat issrma che pu nut' . 10 nr III cuor .)

e

e

ftQW'h_

e

deI-_a·,

j.·~ ..

109 4- . [comuni ti ana tati realrnente, nel . ecolo • segnacolo di d'I cor dila: (n ' nUll a , .' . 0 la di cordia, come e. cntto nel VangeJo. e per un rnoti 0 n n d'I.Un!'I 1" Inn , ' , P rtare hanna mai rinunctat~, e non pot~ 'ano rinunciare, all idea della riv luzion m ndial . E que tione ulteno.re se la n -oluzlone mondiale, non lappa ma rrurn nt d 11a co trUZione della ~cleta nuo;a, pote e aver luogo in tempi "politi itt com al uni ritennero fin v.er 0 11 19~3, 0 mve~e ': torici", attraver 0 un proce 0 di "tran izi ne che avrebbe VI. to per pru generazioru non 010 la coe i tenza eli tati a dive a base economico- ociale rna alleanza e collaborazioni per copi e cnziali imi me. nientedimeno, 10 seopo antifa ci ta). Que te alleanzc e collaborazioni non d limitar i, e non i limitarono, ai rapporti inter tatali: rna. entro cia uno attraver 0 i confini, stringevano uomini, raggruppamenti operanti in i ta di pi u i della vita associata che della conoscenzarazionale - quegli copi parziali ch in ff tti ali ia via i pongono e realizzano, e che co tituiscono percio la fen menologia politica eulturale del proce 0 storico e della te sa attivita produtti a in gener . Ma questi scopi parziali, dalle alleanze politiehe eongiunturali fino all piu t durature e nobill trategie umane che pensar i po ono, e ehe furono n I e I pen at propo te e talora attuate (dal rintuzzare il torbido ogno neo- chiavi ta d i fa i mi. ancora, aIle impre e di umano presidio e aIvaguardia divenute i tituzioni ci ili uni rsali, la anita, il diritto, la provvi ta di alimenti: anche a livello intemazi nal h altr voUero e. ere OMS, UIL, FAD, UNCT AD. Ie te e azioni Unit .) tutti qu ti cpi parziali. dice, erano e dovevano e sere, in quanta eomuni ti ad s i pi nam nt seriamentc eooperavano, anche, in en ben preci 0 copi particolari. La I r n ta realizzazione era momento di un proces 0 di tra formazi n il ui orizzont bi ttivo era la transizione del genere umano al govemo razi nal d II us ut ripr nel corpo della natura, doe al socialis mo. on la du ta ron I carattere dell'agire definiva I'epoca per i c muni ti, i e muni ti on ervatori non vi pre ero mai abbaglio da hUI1hill a R ricordar gli tatisti, Ma 10 te 0 val e per Thorn Mann m artre om per Bertrand Ru el. Ognuno a uo modo e n 11 ua f problema dei limiti e delle condizioni della collaborazion per pi ciabili. perche d finitori della i ione di cia che pole "uomo" n I
'J
L

°

comunisti, che di que to poter-e

re a e ano una 1 ro

mente, pazient ment , davano opera, do e i tro opcrarono, comuni ti furono. Quando e in quanto comuni ti ce:~~1'OI11O essere eomuni ti praticamente. be q
coerenza e dell tentativo di un nini mo". no anch'e

identita nell

ire)
,

lata I universalita dell agile co,mUlDlSta, IIi

'-;;;~~~~_d.s,i . Idi.l"'.~~~~~ .

(jenc.mcmo

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful