Economia Politica II – a.a.

2004-2005 REGIMI DI CAMBIO TASSI DI CAMBIO FLESSIBILI Il tasso di cambio nominale viene determinato sul mercato dei cambi dalla domanda e dall’offerta per le valute. TASSI DI CAMBIO FISSI Il tasso di cambio nominale rispetto ad un’altra valuta viene fissato (parità) e la Banca Centrale interviene sul mercato dei cambi per mantenere la parità invariata. La decisione di aumentare/ridurre il prezzo della valuta è una rivalutazione /svalutazione. TASSI A FLUTTUAZIONE CONTROLLATA Il tasso di cambio nominale viene fissato all’interno di un intervallo costruito attorno ad una parità centrale. La Banca Centrale interviene sul mercato dei cambi per mantenere il tasso di cambio all’interno della “banda di oscillazione”. ⇒ Es. Il Sistema Monetario Europeo (SME)

se la condizione Marshall-Lerner è rispettata. Y .MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA MODELLO MUNDELL-FLEMING Ipotesi semplificatrice: P = P* ⇒ E = ε 1) EQUILIBRIO SUL MERCATO DEI BENI Y = C(Y-T) + I(Y.E) NX è una funzione: .Y*. Y* . E.i) + NX(Y. 2) EQUILIBRIO SUL MERCATO DELLA MONETA M/P = YL(i) Anche in un’economia aperta la domanda di euro dipenderà dal reddito Y e dal tasso nominale sui titoli. i.diretta della produzione estera. .diretta del tasso di cambio.inversa della produzione interna.

it*) Dato il tasso di cambio atteso tra un anno. e tasso di interesse interno. Se il tasso di interesse aumenta E diminuisce. Eet+1. .esiste perfetta mobilità nel mercato dei capitali Affinchè in equilibrio il pubblico detenga sia titoli nazionali che esteri occorre che sia verificata la condizione di parità scoperta dei tassi di interesse: it ≈ it* + (Eet+1. it. Et.Et)/ Et Riscriviamo come: Et ≈ Eet+1/(1 + it . esiste una relazione inversa tra tasso di cambio nominale.gli investitori acquistano titoli nel paese dove il rendimento è più alto . cioè la valuta nazionale si apprezza.MERCATO DEI CAMBI Assumiamo che: .

E) M/P = YL(i) E = Ee/(1 + i .i) + NX(Y.i*) Sostituendo E nell’equazione per la IS: Y = C(Y-T) + I(Y. Ee/(1 + i .Y*.Y*.MODELLO IS-LM CON CAMBI FLESSIBILI Y = C(Y-T) + I(Y.i) + NX(Y.i*)) M/P = YL(i) .

 L’effetto sugli investimenti è ambiguo: da un lato aumentano (poiché ∆Y > 0). .POLITICA FISCALE IN ECONOMIA APERTA CON CAMBI FLESSIBILI Se la spesa pubblica aumenta o le imposte si riducono (∆G > 0 oppure ∆T < 0):  la IS trasla verso destra: reddito e tasso di interesse interno aumentano.  La valuta si apprezza sul mercato dei cambi. dall’altro diminuiscono per l’effetto di spiazzamento (poiché ∆i > 0). In regime di cambi flessibili. la bilancia commerciale peggiora perché le esportazioni nette diminuiscono. la politica fiscale espansiva provoca un aumento del reddito a costo di un peggioramento della bilancia commerciale.

. ma la diminuzione del tasso di cambio le fa aumentare.LA POLITICA MONETARIA CON CAMBI FLESSIBILI Una politica monetaria restrittiva (∆M < 0) ha i seguenti effetti:  La LM trasla verso l’alto: la produzione diminuisce e il tasso di interesse interno aumenta  Aumenta la domanda di titoli nazionali da parte di non residenti: la moneta si apprezza  Consumo ed investimenti diminuiscono  L’effetto sulle esportazioni nette è ambiguo: la riduzione di Y riduce le importazioni.

Eet+1 = Et ⇒ it = it* Sostituendo it = it* nella condizione di equilibrio del mercato della moneta avremo che: M/P = YL(i*) La Banca Centrale deve impegnarsi a mantenere il tasso di interesse interno pari al tasso di interesse estero modificando l’offerta di moneta. .POLITICA MONETARIA IN REGIME DI TASSI DI CAMBIO FISSI In presenza di perfetta mobilità di capitali. un regime di tassi di cambio fissi implica che il tasso di interesse interno deve essere uguale al tasso di interesse estero.Et)/ Et Se il tasso di cambio è fisso. Consideriamo la parità scoperta dei tassi di interesse: it = it* + (Eet+1.

POLITICA FISCALE CON TASSI DI CAMBIO FISSI Una politica fiscale espansiva: ♦Trasla la IS verso destra determinando un aumento del tasso di interesse e del reddito ♦L’aumento del tasso di interesse provoca una pressione verso l’apprezzamento della moneta ♦ La Banca Centrale deve intervenire con una politica monetaria accomodante (∆M > 0) in modo da mantenere costante il tasso di interesse ed il tasso di cambio. ⇒ In regime di cambi fissi. la politica fiscale rimane l’unico strumento di politica economica. .

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful