You are on page 1of 3

L’ossessione  per  l’alternativa     Personalmente   non   ho   nessuna   idea   di   quale   sia   la   musica   italiana   che   esce   dai   confini

  nazionali.   Ma   del   resto   sono   abbastanza   convinto   che   ben   pochi   italiani   ne   abbiano   una   qualche   idea.   Non   è   che   non   ci   interessiamo,   ma   tendiamo,   anche   a   causa   del   cronico   complesso  di  inferiorità  nazionale  da  cui  siamo  afflitti,  a  identificare  la  musica  internazionale   italiana   con   tutto   ciò   che   un   italiano   non   vuole   sentire   della   musica   italiana.   Perciò   siamo   convinti   che   raggiungano   fama   internazionale   solo   cantanti   come   Biagio   Antonacci,   Elisa   o   Tiziano  Ferro.  E  forse  in  alcuni  casi  è  anche  vero.     Non   che   io   disprezzi   la   musica   di   Biagio   Antonacci,   ma   non   credo   rappresenti   a   pieno   il   gusto   musicale  italiano.  Al  contrario,  conosco  un  enorme  mondo  di  rock,  elettronica  e  rap  che  dilaga   fra  i  giovani,  e  che  vuole  rappresentare  tutta  la  scena  alternativa  italiana.  Ma  dal  momento  in   cui   non   c’è   un’adeguata   risposta   di   genere   pop   e   commerciale,   la   musica   alternativa   stessa   perde  il  significato.     Come  parodia  perfettamente  Giorgio  Gaber  nella  canzone  Destra  Sinistra,  gli  italiani  hanno  la   tendenza   a   identificare   un   certo   tipo   di   ideologia   con   l’uno   o   l’altro   schieramento.   Questa   tendenza     si   può   trovare   anche   nel   famigerato   contrasto   tra   il   pop   commerciale   e   la   musica   alternativa.  Chiaramente,  bandendo  il  citato  complesso  di  inferiorità  italiano,  questa  tendenza   si   trova   in   tanta   musica   internazionale,   anche   in   quella   anglosassone,   naturale   punto   di   riferimento.  Ma  in  Italia  il  contrasto  è  molto  più  netto,  e  ciò  è  dato  dal  fatto  che  non  esiste  un   genere   che   si   possa   porre   in   mezzo   ai   due.   O   meglio,   gli   unici   generi   che   ammortizzano   il   contrasto   sono   rappresentati   dall’elettronica   e   soprattutto   dal   rap.   Quest’ultimo   genere,   in   particolare,   si   è   evoluto   nella   direzione   di   una   critica   parodica   di   tutto   il   sistema   del   commercio  musicale  italiano,  andando  così  a  mischiarsi  con  entrambi  i  versanti.  L’elettronica   invece,   rimane   ovunque   per   propria   natura   abbastanza   indipendente   dal   commercio   tradizionale   musicale.   Così   questi   due   generi,   che   tra   i   giovani   riescono   a   spopolare,   sono   definiti  a  sé,  in  modo  autonomo.   Il  fatto  è  che  in  Italia  la  musica  pop  commerciale  rappresenta  un  vero  e  proprio  trauma  per   molti  italiani,  perché  è  rappresentata  non  solo  da  Biagio  Antonacci,  Elisa,  Tiziano  Ferro  ecc.,   ma  anche  da  tutti  i  prodotti  di  Amici,  Saranno  Famosi  o  tutti  gli  orecchiabili  tormentoni  con   cui   gli   italiani,   trattando   di   musica,   non   vogliono   avere   a   che   fare.   Un   tentativo,   rimasto   purtroppo   vano,   di   offrire   una   risposta   valida   di   respiro   internazionale   agli   odiati   cantanti   usciti   dalla   televisione,   è   rappresentato   da   X-­‐Factor,   che   però   ha   avuto   la   sola   conseguenza   di   rendere   meno   credibili   agli   occhi   degli   appassionati   autorevoli   presentatori   come   Morgan   o   Elio,  e  di  diventare,  tutto  sommato,  uno  show  televisivo  simile  a  molti  altri.   Un’altra  tendenza,  chiara  e  comprensibile,  del  gusto  italiano,  è  quella  di  creare  una  musica  che   si   discosti   da   quella   internazionale   anglosassone.   Ma   se   questo   in   qualche   modo   giustifica   il   successo   della   musica   alternativa,   è   proprio   da   qui   che   nasce   l’ossessione:   ogni   gruppo,   di   qui   a   qualunque   nazionalità,   che   raggiunge   la   fama   e   il   riconoscimento   internazionale   diviene   qui   in   Italia   un   traditore   da   odiare   e   rinnegare,   a   prescindere   dalla   produzione   precedente.   Prendo  esempi  indicativi  come  quelli  dei  Muse  o  dei  Coldplay  o  dei  Green  Day.     Quella   della   commercialità   è   un’accusa   del   tutto   infondata:   la   linea   alternativa,   nata   nei   confusi   anni   ’90,   è   nata   sì   in   contrasto   a   quella   pop   commerciale,   ma   non   ha   mai   potuto   prescindere   da   essa.   Quando   un   gruppo,   come   appunto   i   Muse   o   i   Coldplay,   ha   raggiunto   l’apice  della  fama  grazie  a  un  formidabile  album  (che  può  essere  Absolution  o  Black  Holes  and   Revelations  per  i  Muse,  e  X&Y  per  i  Coldplay),  significa  che  ha  effettivamente  dimostrato  che  la   propria   musica   può   funzionare   come   alternativa,   ed   è   arrivato   il   momento   di   confrontarsi   direttamente  con  la  musica  pop  commerciale,  e  darne  una  nuova  interpretazione.  Purtroppo   in  Italia,  a  prescindere   dal   fatto   che   il   tale  gruppo  abbia  in  effetti  cambiato  o  meno  il  genere,   e  

a  prescindere  anche  dall’evolversi  della  ricerca  musicale  (sia  pop  sia  alternativa)  che  svolgono   i  musicisti,  viene  spesso  ostracizzato  per  il  semplice  fatto  di  aver  raggiunto  notorietà.     Ma  l’assurdità  di  questo  atteggiamento  può  essere  benissimo  dimostrata  dalla  parabola  di  Bob   Dylan  (cantautore  alternativo  per  eccellenza),  che  alla  metà  degli  anni  ’60,  al  culmine  della  sua   fama   di   cantautore,   smise   di   scrivere   canzoni   di   protesta   per   suonare   musica   pop   elettrica   (commerciale,   secondo   come   la   definiremmo   oggi),   entrando   in   quel   mondo   che   sembrava   criticare.  A  chi  lo  chiamava  traditore  o  Juda,  lui  rispondeva  semplicemente:  “bugiardo,  è  solo   musica”.   Un  altro  grande  esempio  ci  viene  offerto  dal  capolavoro  Cantautore  di  Edoardo  Bennato,  che,   come   Dylan   al   suo   tempo,   intende   sfatare   il   mito   del   cantautore   immune   e   indipendente   dalle   regole  del  mercato,  parodiando  la  sua  stessa  immagine.     Come  in  tutto  il  resto  del  mondo,  negli  anni  ’90  la  musica  alternativa  ha  avuto  una  diffusione   grandissima   e   anche   velocissima.   Ma   in   maggior   misura   rispetto   ad   altri   paesi,   qui   gli   anni   ’90   hanno   rappresentato   una   vera   e   propria   cesura   rispetto   al   passato:   gruppi   come   Marlene   Kuntz,   Afterhours,   Negrita   o   Subsonica,   se   da   una   parte   hanno   portato   un   grosso   aggiornamento  internazionale,  dall’altra  hanno  distanziato  notevolmente  la  musica  dai  grandi   cantautori  del  passato  (penso  allo  stesso  Gaber,  allo  stesso  Bennato,  Donatella  Rettore,  Rino   Gaetano,   ecc.,   anche   se   hanno   raccolto   l’eredità   di   Litfiba   e   altri   nati   pochi   anni   prima),   pur   senza  distanziarsi  loro  stessi  (gli  stessi  Afterhours  resero  un  grande  tributo  a  Gaetano  con  la   cover   di   Mio   Fratello   è   Figlio   Unico).   Dagli   anni   ’90   è   iniziata   in   Italia   l’era   dei   gruppi,   che   sostituiscono  i  cantautori  nella  figura  di  musicisti  ‘impegnati’,  mentre  il  cantautore  viene  più   spesso   relegato   al   solo   pop   commerciale   e   alla   musica   leggera.   Oggi   l’eredità   dei   complessi,   pionieri   della   musica   alternativa,   è   pesantissima,   tanto   che   già   da   un   po’   di   anni   è   difficile   trovare  una  reale  novità  sulla  scena  musicale.   La  conseguenza  di  questo  gusto  diffuso  e  radicato  è  proprio  che  impedisce  la  nascita  di  novità   musicali  che  non  si  accostino  palesemente  né  all’uno  né  all’altro  schieramento.  Un  esempio  su   tutti   è   il   fatto   che   se   all’estero   la   contaminazione   dell’elettronica   nei   vari   generi   è   diventato   elemento   fondante   (fino   a   divenire   elemento   di   coesione),   in   Italia   è   presente   solo   a   singhiozzo.   Molti   dei   gruppi   che   hanno   segnato   gli   anni   ’90,   che   pure   nel   loro   genere   continuano   a   fare   musica   di   altissimo   livello,   ripropongono,   come   è   naturale,   un   genere   che   conosciamo.   Se   in   altri   paesi   lo   sviluppo   sempre   crescente   del   filone   indie   (“indie”   proprio   perché   “indipendente”)   ha   permesso   un’evoluzione   in   tutti   i   generi,   in   Italia   grava   proprio   l’assenza  di  un  genere  tale.   Ancora   più   grave   il   fatto   che   questo   gusto   chiuso   abbia   spinto   molti   giovani   a   cercare   la   propria   musica   in   quella   degli   anni   ’60,   ’70   e   ’80,   che,   se   costituiscono   un   naturale   e   imprescindibile   punto   di   riferimento,   diventano   troppo   spesso   l’unico   sbocco   di   ricerca   musicale.   Se  le  etichette  di  “pop”  e  “alternativa”  sono  utili  per  un  discorso  in  generale,  è  degno  di  nota,   nel  particolare,  il  caso  di  Lorenzo  Cherubini  Jovanotti.     Nato  prima  della  grande  diffusione  dell’alternativa  (e  sopravvissuto  alla  sua  ondata),  la  sua  è   una   musica   melodica,   orecchiabile,   che   vada   a   bene   a   tutti.   Insomma   pop.   Eppure   la   sua   enorme  versatilità,   la   sua   capacità   di   rinnovarsi  a  ogni  album,  il  suo  passato  da  dj  (a  cui   sta   ritornando,   avvicinandosi   così   più   all’alternativa)   e   ciononostante   il   suo   continuo   successo   presso   il   grande   pubblico,   lo   rendono   un   cantautore   più   “indipendente”   di   quanto   possa   sembrare.  Eppure  continua  a  fare  tour  in  America,  fa  un  video  con  Lady  Gaga,  organizza  una   reunion   con   tutti   i   cantanti   alternativi   che   vale   la   pena   di   chiamare   per   il   terremoto   in   Abruzzo,  e  l’anno  dopo  partecipa  al  concerto  di  Campovolo  con  l’altro  versante  della  musica   italiana  (ma  c’erano  anche  Litfiba  e  Negramaro)  per  il  terremoto  in  Emilia.  La  sua  musica,  in   cui   centrale   rimane   la   sua   capacità   poetica,   ha   subito   contaminazioni   dai   più   diversi   generi,  

pur   trovando   sempre   la   propria   identità.   Jovanotti   è   uno   dei   pochissimi   che   può   adattarsi   a   entrambi  i  gusti.   Credo   che   le   più   importanti   novità   degli   ultimi   anni   si   riducano   quindi   a   ben   poche,   tra   cui   ricordo   soprattutto   Raphael   Gualazzi   e   il   duo   Musica   Nuda,   composto   da   Petra   Magoni   e   Ferruccio   Spinetti.   Il   fatto   che   il   primo   abbia   trovato   la   propria   vocazione   nel   jazz,   mentre   i   secondi   in   una   musica   spoglia   di   ogni   elemento   (Musica   Nuda   è   formato   solamente   da   una   voce   e   un   contrabbasso),   credo   dimostri   la   necessità   di   ritrovare   le   radici   di   una   musica   da   rinnovare.