You are on page 1of 6

Gioved 27 dicembre ore 20,30 e Domenica 30 dicembre ore 15,30 PalaBassano Bassano del Grappa

Don Giovanni
di Wolfgang Amadeus Mozart
Dramma giocoso in due atti di Lorenzo Da Ponte

Don Giovanni Simone Alberghini Leporello Elia Fabbian Donna Elvira Mina Tasca Yamazaki Donna Anna Natalia Roman Don Ottavio Sang Jun Lee Zerlina Paola Cigna Masetto Andrea Zaupa Il Commendatore Enrico Rinaldo Maestro concertatore e direttore Giampaolo Bisanti Regia Federico Bertolani Orchestra di Padova e del Veneto Coro Lirico Veneto Li.Ve. Maestro del coro Dino Zambello Nuova produzione Bassano OperaFestival

Don Giovanni di Wolfgang Amadeus Mozart


Chiude la stagione lirica bassanese lespressione massima del genio mozartiano. Unopera di indiscussa perfezione, in cui il senso di appagamento, di raggiunto equilibrio, di totale sfruttamento delle forme creano un continuum di grandi arie, di momenti dassieme e di recitativi, tutti dello stesso altissimo livello. Don Giovanni gode del grande privilegio di aver avuto una vita scenica ininterrotta dal suo debutto avvenuto nel 1788 e fino ad oggi. Una nuova versione di grande efficacia musicale che va ad aggiungersi ai numerosi allestimenti che Operafestival ha dedicato a questo capolavoro. Stilisticamente il Don Giovanni in bilico fra opera seria e buffa, e allo stesso modo, il tono generale oscilla fra tragedia e commedia, ben giustificando quindi il sottotitolo dramma giocoso con cui il librettista Lorenzo Da Ponte sigilla lintera opera. Il suo debutto avvenne al Teatro nazionale di Praga il 29 ottobre 1787, accolto con il pi vivo entusiasmo, come scrisse Mozart allamico Gottfried von Jacquin. Lopera rest in cartellone per molte settimane, e ottenne sul Prager Oberpostamtzeitung una recensione pi che lusinghiera. Lanno dopo, il 7 maggio 1788, il Don Giovanni fu rappresentato al Burgtheater di Vienna, su espresso desiderio dellimperatore Giuseppe II. Don Giovanni gode, fra tutti i titoli mozartiani, del privilegio piuttosto raro di aver avuto una vita scenica ininterrotta: lOttocento romantico la ebbe a considerare addirittura lopera per eccellenza, e la mitizz affiancandola al Faust di Goethe fra i massimi capolavori lirici. Se Stendhal le prefer Le nozze di Figaro e Beethoven la giudic immorale per il suo argomento, viceversa fu adorata da Hoffmann e da Kierkegaard (che la prese a spunto per uno dei suoi pi noti scritti sulleros), da Goethe stesso e da Byron; un gran numero di compositori scrissero variazioni o rielaborazioni sulle principali melodie dellopera (e in particolare su L ci darem la mano): fra questi Beethoven, Chopin, Liszt, mentre Rossini - che giudicava il DonGiovanni la propria Bibbia - ricalc ironicamente larrivo del Commendatore per lentrata di Selim pasci nel Turco in Italia. Dopo le interpretazioni storiche dirette da Liszt (Weimar 1849), Mahler e Richard Strauss, Don Giovanni ha incontrato nel novecento unattenzione specialissima da parte di tutti i maggiori interpreti. In particolare, si ricordano gli allestimenti salisburghesi. Al festival di Glyndebourne (1936), Fritz Busch fece risorgere con moderna attenzione lo stile mozartiano, consegnando con la sua interpretazione dellopera (documentata in disco) un esempio perfetto e un modello ideale alle successive generazioni dinterpreti. In Italia, si deve ricordare il celebre allestimento diretto da Thomas Schippers a Spoleto con le scene di Henry Moore, lesecuzione radiofonica di Carlo Maria Giulini del 1970 (protagonista Nicolai Ghiaurov), linaugurazione scaligera del 1987 affidata a Riccardo Muti e Giorgio Strehler (protagonista Thomas Allen), nonch lallestimento al Maggio musicale fiorentino del 90, con laccoppiata Zubin Mehta direttore e Jonathan Miller regista. Grande successo ha infine avuto una versione cinematografica dellopera, realizzata da Joseph Losey nel 1978, interamente girata nella cornice sontuosa delle ville vicentine La Rotonda e Villa Caldogno.

I Maestri Maestro concertatore e direttore

Giampaolo Bisanti
Giampaolo Bisanti nato a Milano nel 1972, dove compie i suoi studi musicali presso il Conservatorio G. Verdi della sua citt diplomandosi con il massimo dei voti nel 1997. Nel 1998 vincitore dello Stage per Direttori d'Orchestra tenuto dal M Donato Renzetti presso i Pomeriggi Musicali di Milano. Ha debuttato in 21 titoli operistici e diretto pi di 300 concerti sinfonici tra cui anche numerose partiture d'avanguardia. Dopo numerose esperienze in realt minori e sempre suscitando grande interesse per la sua sensibilit artistica, dalla Stagione 1999/2000 comincia la sua grande carriera internazionale. In questa stagione infatti dirige l'Orchestra Stabile del Teatro di Como e l'Orchestra de I Pomeriggi Musicali di Milano con Cenerentola di Rossini e con La Bohme di Puccini per il Circuito ASLICO. Nella Stagione 2001/2002 dirige a Bassano del Grappa Oberto, Conte di San Bonifacio riscuotendo un tale successo da meritarsi il ritorno nelle successive Stagioni dell'Opera Festival Veneto con titoli sempre pi importanti ed impegnativi, quali Madama Butterfly e Manon Lescaut di Puccini; La Traviata e Nabucco di Verdi; il dittico Cavalleria Rusticana/Pagliacci. Nel 2003 debutta anche l'opera Don Pasquale di Donizetti presso il Teatro Lirico di Spoleto. Nella Stagione 2005/2006 arrivano grandissimi e trionfali consensi con diversi debutti: partecipa alla versione integrale de Il Trittico di Puccini presso l'Auditorium di Milano; Rigoletto inaugurando l'Apolonia International Festival di Tirana; con l'Orchestra Sinfonica e il Coro Sinfonico di Milano Giuseppe Verdi dirige, in prima esecuzione assoluta, L'Aumento di Luciano Chailly, trasmesso in diretta da Radio-Rai. I successi del 2007 lo portano ancor pi verso un ruolo di prestigio nel panorama odierno con due prestigiosissimi debutti: La Bohme a Tel Aviv alla guida di una delle pi blasonate orchestre del mondo, la Israel Philarmonic Orchestra. Successivamente avvenuto il suo debutto americano alla guida della Monterey Symphony Orchestra a San Francisco, debutto che ha suscitato un entusiasmo della critica musicale americana, che ne ha sottolineato in modo lusinghiero i meriti artistici. Il 2007 proseguito con numerosi successi in tutti i principali teatri italiani: Otello di G. Verdi al Teatro Alighieri di Ravenna, al Teatro Goldoni di Livorno, al Teatro Sociale di Trento ed al Teatro dell'opera Giocosa di Savona; Don Giovanni a Bassano del Grappa ed al Teatro Verdi di Padova; Rigoletto al Teatro Verdi di Salerno. Anche in ambito concertistico la carriera del M Bisanti ricca di trionfi n ei principali teatri italiani ed internazionali. Bisanti ha, negli ultimi anni, attirato sempre pi lattenzione su di s: non stupisce, dunque, la recentissima nomina a Direttore Artistico dellOrchestra del Teatro Comunale di Vicenza.

Regista

Federico Bertolani
Federico Bertolani inizia a lavorare in teatro come danzatore; in questa fase collabora con coreografi quali Manuela Tagliavia, Leda Lojodice e Cristine Perrot approfondendo lo studio della gestualit e della coreografia. Nel 2004 consegue la laurea in Lettere presso luniversit statale di Milano. Le ricerche legate alla stesura della tesi di laurea lo portano a frequentare la cattedra di Istituzioni di regia teatrale dellateneo milanese, tenuta nello specifico prima da Gianfranco De Bosio poi da Cesare Lievi. La collaborazione con questultimo procede, in veste di assistente alla regia, in occasione di alcuni spettacoli sia nel teatro di prosa che in quello lirico; tra gli altri Tradimenti di Pinter per Il Teatro Eliseo di Roma in collaborazione con il Piccolo Teatro di Milano e il Teatro Stabile di Brescia; per la lirica Litaliana in Algeri e Il Barbiere di Siviglia all Opernhaus di Zurigo, e ancora Die Entfhurng aus dem Seraill per la Fondazione Lirica Teatro Petruzzelli e teatri di Bari. Lattivit di assistente alla regia lo porta a collaborare negli anni con diverese personalit della lirica italiana, tra cui Massimo Gasparon, Paolo Panizza e Rosetta Cucchi. Parallelamente lavora come direttore di palcoscenico per diverse Istituzioni teatrali italiane, tra cui Sferisterio Opera Festival, Fondazione Arturo Toscanini,Teatro Sociale di Rovigo e Fondazione Arena di Verona tramite in questa veste collabora alla realizzazione di molti spettacoli curati da registi quali Denis Krief, Hugo De Hana, Franco Zeffirelli, Pierluigi Pizzi e Stefano Poda. Nel 2010 chiamato dalla regione Lombardia ad insegnare istituzioni di regia e storia della danza ad un corso di specializzazione per giovani coreografi. Da qualche anno ha iniziato lattivit di regista prima in Emilia Romagna dove firma per un piccolo festival Attila e La vedova allegra poi in Veneto dove allestisce Rigoletto in collaborazione con Operaestate Festival Veneto, spettacolo ripreso successivamente dal Teatro Sociale di Rovigo nellambito del festival Tra ville e giardini. Fra gli impegni futuri da segnalere la regia di Maria Stuarda al teatro Donizetti di Bergamo.

I Protagonisti

Simone Alberghini Don Giovanni


Simone Alberghini debutta nel 1993 al Teatro Regio di Torino e da allora si esibisce nei pi importanti teatri internazionali, collaborando con celebri direttori quali Chailly, Jurowsky, Mehta, Muti, Ozawa, Thomas. Il suo repertorio comprende soprattutto ruoli mozartiani, rossiniani e francesi. Al Glyndebourne Festival del 2005 interpreta Dandini nella Cenerentola di Rossini con la regia di Peter Hall e la direzione di Vladimir Jurowski, ruolo che riprende anche al Kennedy Center a Washington ed al Metropolitan Opera di New York. Sempre negli Stati Uniti, allOpera Company of Philadelphia il Conte nelle Nozze di Figaro di Mozart. ospite regolare al Rossini Opera Festival di Pesaro, dove canta nella Donna del Lago, Zelmira, Otello, Tancredi, Torvaldo e Dorliska. Veste i panni di Athanael in Thas di Massenet alla Royal Opera House di Londra diretto da Davis a fianco di Rene Fleming e successivamente al Teatro La Fenice di Venezia ed al Teatro Regio di Torino. Nel 2008 Guglielmo in Cos Fan Tutte di Mozart al Festival Mozart de La Corua, Escamillo in Carmen di Bizet al Teatro dellOpera di Roma ed allo Sferisterio di Macerata; interpreta Nick Shadow in The Rakes progress di Stravinskij alle Settimane Musicali di Stresa diretto da Nosed; canta nel ruolo di Mustaf nellItaliana in Algeri di Rossini al Teatro di San Carlo di Napoli, interpreta per la prima volta i quattro ruoli in Les Contes dHoffmann di Offenbach diretto da Emmanuel Villaume e debutta il Figaro rossiniano alla Washington National Opera. Nel 2010 Figaro nelle Nozze di Figaro di Mozart alla Staatsoper di Vienna, canta nel ruolo del titolo in Don Giovanni di Mozart al Teatro La Fenice di Venezia e Sharpless nella Madama Butterlfy di Puccini al Teatro Regio di Torino. Nel 2011 impegnato nella Cenerentola rossiniana al Teatro Comunale di Bologna nel ruolo di Dandini, diretto da Mariotti e veste i panni di Mustaf nellItaliana in Algeri al complesso monumentale Priamar di Savona.

Elia Fabbian - Leporello


Nato a Castelfranco Veneto ha iniziato in giovanissima et gli studi musicali di pianoforte e di canto. Ha debuttato allet di diciassette anni con La Cambiale di Matrimonio di G. Rossini Erisultato fra i vincitori del Concorso Internazionale di Canto intitolato a Toti Dal Monte che vedeva tra i membri della giuria il Baritono Renato Bruson e il Soprano Leyla Gencer ed stato inoltre premiato al concorso Tito Gobbi come la miglior giovane voce di baritono. Vincitore del concorso Enrico Caruso, primo premio al Concorso Internazionale Sanremo Lirica 2004 e vincitore del premio Aldo Protti come miglior baritono al Concorso per Giovani Voci Verdiane di Busseto. Nel 2001 debutta nel ruolo di Uberto in La Serva Padrona di G. B. Pergolesi nella Wiener Saal del Mozarteum di Saliburgo. Nel 2003, alla Scala di Milano, partecipa alla produzione di Luisa Fernanda, nel 2004 a quella di Gianni Schicchi e nel 2005 a quella di Il Barbiere di Siviglia nel ruolo di Don Bartolo. E stato allievo dellAccademia di perfezionamento per cantanti lirici del Teatro alla Scala dove si diplomato perfezionandosi con maestri quali L. Gencer, L. Alva, T. Berganza, L. Serra e G. Canetti. Nel 2006 stato a Piacenza, al fianco di Leo Nucci, in Il Barbiere di Siviglia, ruolo che ha riproposto poi in giugno alla Scala di Milano, in dicembre a Bari con LAssassinio nella Cattedrale produzione registrata in dvd/hd da Unitel e Decca. Recentemente ricordiamo Gianni Schicchi a Napoli, Il Barbiere di Siviglia al Teatro Regio di Torino e Gianni Schicchi alla Scala di Milano e il debutto a Genova ne Il Turco in Italia. Nel 2009 ha cantato a Venezia in Madama Butterfly e La Traviata e allArena di Verona nella Serata di Gala con Placido Domingo.

Mina Tasca Yamazaki Donna Elvira


Giapponese naturalizzata in Italia, Mina Tasca Yamazaki si imposta allattenzione della scena operistica internazionale calcando i palcoscenici di alcuni importanti teatri, fra i quali Landestheater di Salisburgo, New National Theater di Tokyo, Den Norske Opera di Oslo, Stadttheater di San Gallen, Opera di Oviedo,Teatro La Fenice di Venezia, Teatro Lirico di Cagliari, Festival Puccini di Torre del Lago, Teatro dellOpera di Roma, Teatro Pergolesi di Jesi. Il suo repertorio include titoli quali La bohme (Mim; Musetta), Lucia di Lammermoor (ruolo del titolo), La traviata (Violetta), Madama Butterfly (Cio-cio-san), Die Zauberflte (Pamina), Don Giovanni (Elvira), Turandot (Li), Andrea Chnier (Maddalena), Il trovatore (Leonora), Pagliacci (Nedda). Nel corso della sua carriera ha collaborato con direttori dorchestra quali, Bruno Aprea, Roberto Rizzi Brignoli, Gianluigi Gemetti, Alain Lombard, Kazushi Ono, Donato Renzetti e con registi quali Pierluigi Pizzi, Stefano Vizioli e Franco Zeffirelli.

Natalia Roman Donna Anna


Diplomata in canto lirico con il massimo dei voti presso lUniversit dArte e Teatro di Chisinau (Moldova) sotto la guida di Jeanna Vdovicenco, oltre che in direzione corale, ha iniziato giovanissima una brillante carriera solistica con il Teatro dellOpera di Chisinau, partecipando a diverse tourne in Romania, Francia, Tailandia, Giappone e Corea del Nord e incidendo per la radio Nazionale Moldova. Ha vinto il primo premio al Festival Primavera in aprile in Corea del Nord nel 2003, del terzo premio al prestigioso Concorso Internazione Iris Adami Corradetti 2006 di Padova. Trasferitasi in Italia, ha continuato la carriera lirica, esibendosi in importanti teatri e festival, come il Rossini Opera Festival, in Le Nozze di Teti e di Peleo di Rossini (direzione di Zedda); i teatri di Rovigo, Padova, Ferrara, Pisa, Lucca, Livorno. E allestero nuovamente in Giappone, Canada e Germania. Ha cantato al fianco di grandi artisti, come Giacomini, Quilico, Casciarri, Malagnini, Fraccaro, Smirnova, Concetti, De Carolis, Comparato, Antonucci, Oriani

Sang Jun Lee Don Ottavio


Dopo gli studi in canto e musicologia allUniversit Yonsei di Soul, Sang-Jun Lee si diploma nel 2003 presso il conservatorio Giuseppe Nicolini di Piacenza dove segue gli insegnamenti di Francesca Garbi. E anche allievo di Alain Billard all'Opra Studio Teatro Verdi di Busseto fino al 2004. Ha vinto numerosi concorsi internazionali come quello delle citt d'Alcamo e di Ferrara ma anche il concorso "Maria Caniglia" di Sulmona, "G.Pavese" di Alessandria e la "Borsa di studio - Gianni Poggi" a Piacenza. Sang Jun Lee ha interpretato il ruolo del Duca di Montova (Rigoletto, Verdi) al Teatro Communale di Ferrara e al Teatro Spazio di Bologna. Tra i ruoli che ha interpretato ricordiamo quello di Rodolfo (La Bohme, Puccini), Alfredo (La Traviata, Verdi), Don Ottavio (Don Giovanni, Mozart), Leicester (Maria Stuarda, Donizetti), Federico (L'Arlesiana, Cilea), Pinkerton (Madame Butterfly, Puccini), Uldino (Attila, Verdi diretto da Will Humburg), Nemorino (Lelisir d'Amore, Donizetti), Beppe (Rita, Donizetti), Agamennone (Ifigenia in Aulide, Cherubini, diretto da Tiziano Severini) e Ernesto (Don Pasquale, Donizetti). Si esibito in importanti teatri come il Teatro Comunale dei Rinnovati a Siena, il Teatro Verdi di Busseto, il Teatro San Lorenzo di Milano, Teatro Comunale di Ferrara, Teatro Spazio e il Teatro delle Celebrazioni di Bologna.

Paola Cigna Zerlina


Allieva di Jolanda Meneguzzer, si diploma in Canto con lode e menzione speciale presso il Conservatorio Cherubini di Firenze sotto la guida di Walter Alberti. Si impone tra il 1994 ed il 1997 in numerosi concorsi nazionali ed internazionali, quindi debutta nel 1996 al Teatro Comunale di Modena ne La prova di un opera seria di Francesco Gnecco ed al Teatro di Lille ed allOpera Comique di Parigi ne La Juditha thriumpans nel ruolo di Vagaus. Da allora stata Lucia nella Lucia di Lammermoor, Giacinta ne La Locandiera, Serpina ne La Serva padrona, Zerlina nel Don Giovanni, Despina nel Cos fan tutte, Susanna ne Le nozze di Figaro, Pamina in Die Zauberflte, Frasquita in Carmen, Norina in Don Pasquale, Adina ne LElisir damore, Serafina ne Il Campanello, Amina ne La Sonnambula, Giulietta ne I Capuleti ed i Montecchi, Adalgisa in Norma, Rosina ne Il Barbiere di Siviglia, Dorliska in Torvaldo e Dorliska, Corinna ne Il viaggio a Reims, Donna Fulvia ne La pietra di paragone, Gildain Rigoletto, Oscar in Gustavo III ed Oscar in Un ballo in Maschera, Anna in Nabucco, Il guardiano della soglia del Tempio in Die Frau ohne Schatten, Lauretta in Gianni Schicchi , Lei ne La notte di un nevrastenico, Lisette ne La Rondine, Li in Turandot, Musetta in Bohme, Susanna ne Il segreto di Susanna. Ha eseguito in prima assoluta Vittoria sul Sole di Angelo Russo al Teatro Niccolini di Firenze e Nove Icone per una madre di Roberto Solci andato in scena per Ravenna Festival. Fra i Teatri nei quali ha collaborato troviamo il Teatro La Scala di Milano, il Comunale di Bologna e di Modena, il Donizetti di Bergamo, il Teatro Verdi di Busseto, il Teatro Carlo Felice di Genova, il Teatro San Carlo di Napoli, il Teatro Alighieri di Ravenna, il Teatro Verdi di Trieste, lOpera di Lille, lOpera Comique di Parigi, il Palau della musica Catalana di Barcellona, il Teatro La Monnaie di Bruxelles, la Concert Hall di Aarhus (Danimarca), il Tiroler Landestheater di Innsbruck, il Festival Rossiniano di Wildbad (Germania), il Musashino Civic Cultural Hall (Tokio). Recenti i successi in Adina ne Lelisir damore, andato in scena nella 64 Stagione Lirica de llo Sperimentale al Teatro A. Belli di Spoleto, Gilda nel Rigoletto al Teatro Goldoni di Livorno, Lucia ne la Lucia di Lammermoor al Teatro Verdi di Trieste e nel concerto I Falsi Pergolesiani al Festival di Herne con I Turchini di Antonio Florio. stata diretta da, Yves Abel, Theodor Guschlbauer, Lukas Karytinos, Julian Kovatchev, Alexander Lazarev, Jean-Claude Malgoire, Alessandro De Marchi, Patrick Fournillier, Daniel Oren, Renato Palumbo, Zoltn Pesk, Giuseppe Sinopoli, Jean-Christoph Spinosi, Jeffrey Tate, Alberto Zedda. Ha collaborato per la messa in scena con, Daniele Abbado, Giorgio Barberio-Corsetti, Hugo De Ana, Roberto De Simone, Marco Gandini, Massimo Gasparon, Micha van Hoecke, Mario Martone, Michele Mirabella.

Andrea Zaupa Masetto


Diplomato in canto con il massimo dei voti, inizia la carriera proprio debuttando il ruolo di Taddeo nell'Italiana in Algeri al Teatro Olimpico di Vicenza con notevole successo di pubblico e critica. E' stato Don Pasquale nel Don Pasquale di Donizetti al Teatro Comunale di Bologna, Muft e il ruolo del Buffo ne Il Borghese Gentiluomo di R. Strauss, Dulcamara ne L'Elisir d'Amore di Donizetti e Fabrizio Vingradito ne La Gazza Ladra di Rossini entrambi i ruoli al Comunale di Bologna, in molte altre produzioni stato Taddeo ne l'Italiana in Algeri di Rossini, al Festival di Wexford stato Gaudenzio ne Il Signor Bruschino di Rossini, opera in cui ha interpretato piu' volte Bruschino Padre; ne La Boheme di Puccini stato Schaunard al comunale di Bologna ed in altre produzioni Marcello; Martello in Tutti in Maschera di Pedrotti, ne Il Don Giovanni di Mozart stato piu' volte il protagonista ed ha interpretato anche Masetto e il Commendatore. Rambaldo ne La Rondine di Puccini, Orfeo ne De L'ombre Eterne - su l'Orfeo di Monteverdi, Nardo ne Il Filosofo di Campagna, Uberto ne La Serva Padrona di Pergolesi, Dandini nella Cenerentola di Rossini, Tobia Mill ne La Cambiale di Matrimonio. Ha collaborato con direttori come R. Abbado, C.Rizzo, T.Severini, R.Huges, G.M.Bisanti R.Sonoda, R.Frizza, G.M. Bressan, J.Cura... e registi quali: P. Pizzi, G.Vick, H.de Ana, S. Vizioli, D.Michieletto, R. Cucchi, F.Esposito, U.Santicchi, M. Gandini, W. Le Moli ... Tra i prossimi impegni sar Tobia Mill ne La Cambiale di Matrimonio di Rossini a Boulder, Colorado mentre Slook, nella medesima opera a Benevento.

Enrico Rinaldo Il Commendatore


Nato ad Ottawa, italo-canadese. Compie gli studi musicali in Italia dove ha conseguito i diplomi di canto e pianoforte al Conservatorio A. Steffani di Castelfranco Veneto (TV) e di canto, ramo didattico, presso il Conservatorio F.E.DallAbaco di Verona, rispettivamente sotto la guida del pianista Massimo Somenzi, del tenore Gianfranco Cecchele e del baritono Roberto Coviello. E risultato vincitore di numerosi premi e borse di studio in concorsi internazionali, vincendo tra gli altri quello Europeo di canto a Spoleto, ove ha debuttato nel ruolo di Oroveso in Norma. Di vocazione verdiana, ha interpretato i principali ruoli per basso: da Zaccaria a Ramfis, da Banco a Ferrando, dallInquisitore a Sparafucile, oltre al Re, Loredano, Monterone, Lodovico, Samuel ed altri. Sempre nel repertorio del basso serio, stato Commendatore nel Don Giovanni, Cieco in Iris, con exursus in campo rossiniano nei ruoli di Don Basilio e Alidoro e pucciniano nei ruoli di Timur, Turandot e di Simone e Betto nel Gianni Schicchi. Ha cantato in produzioni del Teatro alla Scala di Milano, dellOpera di Roma, al San Carlo di Napoli, al Teatro Verdi di Trieste, al Festival Pucciniano di Torre del Lago, a Spoleto , Messina, Mantova, Pisa, Lucca, Livorno, Trento, Trapani, Rovigo, oltrech in Spagna, Germania, Austria, Belgio, Irlanda, Canada, a fianco di artisti quali Nicola Martinucci, Gianfranco Cecchele, Zvetan Michailov, Lando Bartolini, Jos Cura, Sherrill Milnes, Silvano Carroli, Vladimir Stroyanov, Leo Nucci, Alberto Gazale, Antonio Salvadori, Giorgio Cebrian, Simone Alaimo, Ruggero Raimondi, Natale De Carolis, Paolo Gavanelli, Alberto Mastromarino, Lucia Aliberti, Fiorenza Cedolins, Norma Fantini, Maria Dragoni, Paola Roman, Fiorenza Cossotto, Sonia Ganassi. E stato diretto tra gli altri da: Anton Guadagno, Angelo Campori, Alain Guingal, Pietro Bellugi, Maurizio Arena, Filippo Maria Bressan, Sandro Sanna, Tiziano Severini, Bruno Aprea, Massimo De Bernart, Niksa Bareza, Carlo Palleschi. .