You are on page 1of 25

MANUALE D'USO E MANUTENZIONE

LINEA DI SPALMATURA HOTMELT

Rev. 1 - Maggio 2012

ISTRUZIONI ORIGINALI
IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE

2006/42/CEE – ALLEGATO I- PUNTO 1.7.4

MANUALE D'USO

LINEA DI SPALMATURA PER ADESIVO HOTMELT

Vi ringraziamo per aver scelto una linea prodotta ----------

Questa linea è stata progettata e costruita utilizzando tecnologie e procedimenti allo stato dell'arte per garantirne la migliore affidabilità nel tempo e nel contempo assicurare la massima sicurezza degli operatori.

Per un corretto e sicuro uso della linea è indispensabile leggere attentamente e osservare quanto indicato nel presente manuale. Tutta la documentazione di corredo della linea- e in particolar modo il presente manuale - deve essere accuratamente conservata per riferimenti futuri.

Sede legale: 24128 BERGAMO -

Rev.1 – Maggio 2012

Pagina 2 di 25

MANUALE D'USO

LINEA DI SPALMATURA PER ADESIVO HOTMELT

© 2009 ----------Industries SpA - Tutti i diritti riservati

Questa pubblicazione o parti di essa non possono venire riprodotte, memorizzate, trasmesse, trascritte o tradotte in alcun linguaggio, comune o informatico, in alcuna forma o con alcun mezzo, elettronico, meccanico, magnetico, ottico, chimico, manuale o altro, senza la espressa autorizzazione scritta di ----------.

------------ fornisce garanzia rispetto ai contenuti di questa pubblicazione, con l'espresso divieto di utilizzo della stessa pubblicazione per altri scopi, di qualsiasi natura, commerciale, pratica o tecnico-scientifica estranei al funzionamento della linea cui si riferisce per la quale questa pubblicazione è stata redatta. La garanzia sulla correttezza delle informazioni qui contenute è fornita a patto che siano rigidamente osservate, a cura dell'utilizzatore della linea, tutte le prescrizioni contenute nella presente documentazione. Inoltre ----------------si riserva il diritto di revisionare questa pubblicazione e di apportare cambiamenti nei contenuti senza alcun obbligo per ----------------di notificarli ad alcuna persona od organizzazione. Dette pubblicazioni revisionate saranno disponibili a richiesta presso.

Il manuale operativo originale è redatto in lingua italiana.

Rev.1 – Maggio 2012

Pagina 3 di 25

MANUALE D'USO

LINEA DI SPALMATURA PER ADESIVO HOTMELT

INDICE
SEZIONE 1 – INFORMAZIONI GENERALI 5
INTRODUZIONE.................................................................................................................................6 1.1.1. DESTINAZIONE D'USO.....................................................................................................6 1.1.2. CONSERVAZIONE DEL MANUALE........................................................................................6 1.1.3. COLLAUDO E ISTRUZIONE DEGLI OPERATORI........................................................................7 1.1.4. PERSONALE AUTORIZZATO...............................................................................................7 1.1.5. NORMATIVE E DOCUMENTAZIONE DI RIFERIMENTO.................................................................7 1.1.6. ETICHETTATURA DELLA LINEA...........................................................................................7 1.1.7. ALLEGATI....................................................................................................................8 DESCRIZIONE..................................................................................................................................9 1.1.8. SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DELLA LINEA..........................................................................9 1.1.9. FUNZIONE DELLA LINEA DI SPALMATURA.............................................................................9 CARATTERISTICHE TECNICHE............................................................................................................11 1.1.10. ETICHETTATURA DELLA LINEA......................................................................................11 1.1.11. PESI.....................................................................................................................11 1.1.12. DIMENSIONI D'INGOMBRO...........................................................................................11 1.1.13. ALIMENTAZIONE ELETTRICA.........................................................................................11 1.1.14. ALIMENTAZIONE PNEUMATICA.......................................................................................11 1.1.15. CARATTERISTICHE TECNICHE......................................................................................12 1.1.16. CONDIZIONI AMBIENTALI DI FUNZIONAMENTO E IMMAGAZZINAMENTO.....................................12 1.1.17. RUMORE AEREO PRODOTTO DALLA LINEA......................................................................13 1.1.17.1. Informazione sui pericoli da rumore.................................................13 SISTEMI DI SICUREZZA.....................................................................................................................14 1.1.18. ARRESTI DI EMERGENZA............................................................................................14 1.1.19. PROTEZIONI DELL'IMPIANTO ELETTRICO...........................................................................15 1.1.20. PROTEZIONI DELL'IMPIANTO PNEUMATICO.......................................................................15 1.1.21. PROTEZIONI DEGLI ELEMENTI IN MOVIMENTO...................................................................16 1.1.21.1. Protezioni perimetrali........................................................................16 1.1.21.2. Barriere Ottiche ...............................................................................16 1.1.21.3. Ripari, protezioni fisse, protezioni mobili..........................................17 1.1.22. CIRCUITI DI COMANDO DELLA LINEA ..............................................................................17 1.1.23. SISTEMA ANTINCENDIO..............................................................................................18 USI IMPROPRI E AVVERTENZE...........................................................................................................19 1.1.24. INTERVENTI SULLA LINEA............................................................................................19 1.1.25. ATTENZIONI, AVVERTENZE AGLI OPERATORI, RISCHI RESIDUI..............................................20

SEZIONE 2 – MANUALE OPERATORE

22

MODALITÀ D'USO............................................................................................................................23 2.1.1. 25

Rev.1 – Maggio 2012

Pagina 4 di 25

MANUALE D'USO

LINEA DI SPALMATURA PER ADESIVO HOTMELT

SEZIONE 1 – INFORMAZIONI GENERALI

Rev.1 – Maggio 2012

Pagina 5 di 25

MANUALE D'USO

LINEA DI SPALMATURA PER ADESIVO HOTMELT

INTRODUZIONE
Il corretto e sicuro funzionamento della linea è assicurato solo se viene utilizzata in accordo con quanto indicato nel presente manuale e, in generale, nella documentazione di accompagnamento della linea; pertanto è indispensabile leggere e conservare accuratamente tutta la relativa documentazione. Pur essendo la linea dotata di sicurezze attive e passive, non possono essere evitati tutti i rischi dovuti a un suo utilizzo non corretto. È necessario accertarsi sempre che tutti gli operatori abbiano compreso completamente le norme d'uso; si declina ogni responsabilità per danni a persone o cose derivanti da un uso improprio della linea. Non rimuovere o deteriorare etichette, scritte e avvertenze poste su parti della linea. In caso sia necessario ripristinarle, contattare. ----------------declina ogni e qualsiasi responsabilità per la mancata osservanza delle norme di sicurezza e di prevenzione descritte nelle varie sezioni del presente manuale e per danni causati da un utilizzo improprio. Qualsiasi modifica alla linea deve essere preventivamente autorizzata da SpA. Tutti gli interventi sulla linea (manutenzioni, regolazioni, riparazioni, pulizia) devono essere effettuati da personale opportunamente addestrato e secondo quanto indicato nel presente manuale.

1.1.1.

DESTINAZIONE D'USO

La linea è stata progettata e costruita per la spalmatura di adesivo hotmelt su bobine di materiale speciale. In particolare il presente manuale si riferisce alla linea avente le caratteristiche riportate nella sezione 1.3. ATTENZIONE! È vietato ogni utilizzo della linea diverso da quello descritto nel presente manuale. ATTENZIONE! I materiali utilizzati devono essere conformi a quanto indicato nella sezione 1.3 del presente manuale.

1.1.2.

CONSERVAZIONE DEL MANUALE

Questo manuale operativo é parte integrante della linea e deve essere conservato per qualsiasi futura consultazione. Si consiglia di: • conservare il manuale in un luogo accessibile e noto a tutti gli operatori, che sia protetto da umidità e calore e al riparo dai raggi diretti del sole; • impiegare il manuale in modo da non danneggiarne tutto o in parte il contenuto: non asportare, strappare o modificare per alcun motivo parti del manuale. Nel caso di vendita o trasferimento della linea ad altra persona, il presente manuale e i relativi allegati devono essere consegnati, integri, al nuovo utilizzatore. ATTENZIONE! Leggere attentamente questo manuale operativo prima di utilizzare la linea. Ogni utilizzatore della linea deve essere adeguatamente informato sulle parti di questo manuale operativo rilevanti per le operazioni che dovrà svolgere.
Rev.1 – Maggio 2012 Pagina 6 di 25

MANUALE D'USO

LINEA DI SPALMATURA PER ADESIVO HOTMELT

1.1.3.

COLLAUDO E ISTRUZIONE DEGLI OPERATORI

Le macchine realizzate da ----------------sono soggette a un collaudo durante il quale sono verificate le caratteristiche funzionali, dimensionali, i tempi di lavorazione, ecc.; in concomitanza del collaudo viene effettuata la istruzione e formazione degli operatori. Viene redatto un verbale di collaudo che contiene: • I dati identificativi della linea; • Le prove e le verifiche che sono state effettuate; • Note, allegati, specifiche, ecc. ATTENZIONE! La linea non può essere utilizzata finché non è stata collaudata con esito positivo e non è stata completata la formazione agli operatori.

1.1.4.

PERSONALE AUTORIZZATO

Gli interventi di riparazione e di manutenzione straordinaria della linea possono essere effettuati esclusivamente da personale competente, ovvero di ----------------oppure da essa autorizzato. Informazioni sul personale a cui rivolgersi per eventuali interventi possono essere ottenute direttamente da.

1.1.5.

NORMATIVE E DOCUMENTAZIONE DI RIFERIMENTO

La documentazione di riferimento per la progettazione e la costruzione della linea realizzata da ----------------è la seguente:  UNI EN 12100-1 (Aprile 2005): Sicurezza del macchinario. Concetti fondamentali, principi generali di progettazione. Terminologia di base, metodologia.  UNI EN 12100-2 (Aprile 2005): Sicurezza del macchinario. Concetti fondamentali, principi generali di progettazione. Principi tecnici.  Direttiva 2006/42/CE del parlamento europeo e del consiglio del 17 Maggio 2006 relativa alle macchine e che modifica la direttiva 95/16/CE (rifusione).  Direttiva 2004/108/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 15 dicembre 2004 concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alla compatibilità elettromagnetica.

 D.Lgs. del governo n. 194 del 6 novembre 2007: attuazione della direttiva 2004/108/CE concernente il riavvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alla compatibilità elettromagnetica e che abroga la direttiva 89/336/CEE. In base alla Direttiva 2004/108/CE (Compatibilità elettromagnetica) la linea viene definita come un impianto fisso.

1.1.6.

ETICHETTATURA DELLA LINEA

La linea è dotata di un'etichetta contenente i dati mostrati nella figura seguente : • riferimenti; • marcatura CE; • modello; • tipo; • numero di serie; • anno di costruzione.

Rev.1 – Maggio 2012

Pagina 7 di 25

MANUALE D'USO

LINEA DI SPALMATURA PER ADESIVO HOTMELT

Figura 1 - Etichettatura della linea Le caratteristiche della linea poste sull'etichetta sono riportate alla sezione 1.3. ATTENZIONE! Si raccomanda di non rimuovere etichette apposte sulla linea; le etichette devono essere conservate ben fissate, mantenute integre e in ottime condizioni di leggibilità. ATTENZIONE! I dati riportati sulle targhe di etichettatura devono essere comunicati per ogni necessità di assistenza o ricambi.

1.1.7.

ALLEGATI

Fanno parte integrante del presente manuale i seguenti allegati: • dichiarazione di conformità CE; • schema elettrico ; • layout della linea; • schema pneumatico e documentazione impianto pneumatico;

Rev.1 – Maggio 2012

Pagina 8 di 25

MANUALE D'USO

LINEA DI SPALMATURA PER ADESIVO HOTMELT

DESCRIZIONE
1.1.8. SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DELLA LINEA
Lo schema di principio del funzionamento della linea di spalmatura hotmelt è riportato nella immagine seguente. Figura 2 Schema funzionamento linea In questo manuale si assume per convenzione che: ● Le lettere da A ad F identificano le varie zone della linea; ● Il simbolo triangolare indica il senso si avanzamento del materiale proveniente dallo svolgitore secondario (F) fino alla testa di spalmatura n. 2 (C).

1.1.9.

FUNZIONE DELLA LINEA DI SPALMATURA

La linea è stata progettata e costruita con la funzione di spalmare adesivo hotmelt su bobine di materiale speciale. L’adesivo viene prodotto da un apposito macchinario sistemato a fianco della linea di spalmatura, Figura 3 – Bobina di materiale speciale La linea è costituita dalle seguenti parti principali: • ZONA A -carico e di svolgimento delle bobine da processare; Figura 4 – Zona A di carico e svolgimento • ZONA B - Applicazione release su bobina in lavorazione (con Racla Tresu) – (area individuata come zona ATEX ai sensi della normativa di riferimento); Figura 5 – Zona B - Applicazione Release • Zona C - Testa di spalmatura N°2 – Utilizzata per la lavorazione di spalmatura adesivo hotmelt su materiale proveniente dallo svolgitore secondario (Zona F). Questa zona viene utilizzata solo nel caso di materiale da accoppiare. Figura 6 – Zona C Testa di spalmatura N. 2 • Zona D - Testa di spalmatura N°1 – Utilizzata per la lavorazione di spalmatura adesivo hotmelt su materiale proveniente dall’ applicatore release. Figura 7– Zona D Testa di spalmatura N. 1

Rev.1 – Maggio 2012

Pagina 9 di 25

MANUALE D'USO

LINEA DI SPALMATURA PER ADESIVO HOTMELT

Zona E - Avvolgimento e scarico delle bobine. Le bobine al termine della lavorazione di spalmatura misurata in metri di materiale avvolto, vengono tagliate e scaricate dall’avvolgitore finale. Figura 8 – Zona E – Avvolgimento e scarico bobine avvolte

ZONA F -Carico e svolgimento delle bobine da processare in caso di materiale finito composto da due strati accoppiati. Figura 9 – Zona F – Carico e svolgimento bobine materiale da accoppiare Piano superiore sopra la macchina – Traslazione materiale in lavorazione dallo svolgitore secondario fino alla testa di spalmatura n. 2. Figura 10– Traslazione materiale da accoppiare

Rev.1 – Maggio 2012

Pagina 10 di 25

MANUALE D'USO

LINEA DI SPALMATURA PER ADESIVO HOTMELT

CARATTERISTICHE TECNICHE
1.1.10. ETICHETTATURA DELLA LINEA
DATI E INDIRIZZO DEL FABBRICANTE MODELLO TIPO NUMERO DI SERIE

1

1.1.11.

PESI

L’installazione della macchina ed il suo eventuale trasporto in altri impianti produttivi, sono operazioni molto complesse in quanto la macchina è di grandi dimensioni e dotata di numerose parti. In caso di necessità è necessario fare riferimento a per tali operazioni, vedi anche le modalità di movimentazione nella Sezione 3.

1.1.12.

DIMENSIONI D'INGOMBRO

Le dimensioni di ingombro della linea, riportate sul layout in allegato, sono: • lunghezza = 30 metri circa; • larghezza = 3 metri circa; • altezza = 6 metri circa escluse canalizzazioni aria.

1.1.13.

ALIMENTAZIONE ELETTRICA

Le caratteristiche dell'alimentazione elettrica sono le seguenti:
TENSIONE TENSIONE AUSILIARI A.C. TENSIONE AUSILIARI C.C. FREQUENZA NUMERO FASI

400 110 24 50 3PH + PE

V V V Hz

I dati tecnici di alimentazione e le relative caratterstiche sono riportate sulla targhetta posiizonata sul quadro principale di comando. Figura 11 – Targa quadro elettrico

1.1.14.

ALIMENTAZIONE PNEUMATICA
PRESSIONE DI ESERCIZIO CARATTERISTICHE ARIA

6 bar
ASCIUTTA E PRIVA DI OLIO E POLVERI

Rev.1 – Maggio 2012

Pagina 11 di 25

MANUALE D'USO

LINEA DI SPALMATURA PER ADESIVO HOTMELT

1.1.15.

CARATTERISTICHE TECNICHE
TIPI DI MATERIALE
LAVORABILE BOBINE

Film in carta e materiale plastico 1.380 mm 20 micron (in funzione del materiale usato) 700 kg 500 kg Min 10 max 350 mt/minuto (in base alla grammatura di adesivo ed alla lavorazione)

LARGHEZZA MASSIMA
SPESSORE MATERIALE

PESO PESO

MASSIMO BOBINE IN SVOLGIMENTO MASSIMO BOBINE IN AVVOLGIMENTO

VELOCITÀ LINEA IN MARCIA

ATTENZIONE! La linea deve essere utilizzata solo per la spalmatura di adesivo su materiale speciale specificato. ----------------declina ogni responsabilità per malfunzionamenti o danneggiamenti a persone o cose dovute all'utilizzo di materiali con caratteristiche diverse da quelle indicate nel presente manuale.

1.1.16.

CONDIZIONI AMBIENTALI DI FUNZIONAMENTO E IMMAGAZZINAMENTO

La linea è stata progettata e costruita per funzionare in ambiente chiuso e asciutto. ATTENZIONE! La linea non è stata progettata per funzionare in ambienti con presenza di polvere fine o di gas corrosivi, di acidi, agenti corrosivi, sale; inoltre non è adatta al funzionamento in presenza di radiazioni ionizzanti e non ionizzanti (raggi X, laser, microonde, raggi ultravioletti).

Le condizioni ambientali di funzionamento sono: • temperatura: 5 ÷ 40 °C; • umidità: 30 ÷ 95 % senza condensa. ATTENZIONE! Per il corretto funzionamento dell'equipaggiamento elettrico la temperatura dell'ambiente deve essere compresa tra +5°C e +40°C, l'umidità relativa non deve superare il 50% a una temperatura massima di +40°C (umidità relative superiori possono essere ammesse a temperature inferiori). Qualora le condizioni ambientali siano particolarmente critiche si l'ambiente di un adeguato impianto di condizionamento per riportare i temperatura nei limiti accettabili. La linea non presenta particolari esigenze per l'immagazzinamento, ambiente chiuso e asciutto; tale condizione deve essere assicurata anche del trasporto. consiglia di dotare valori di umidità e purché avvenga in durante tutte le fasi

ATTENZIONE! Per il corretto funzionamento dell'equipaggiamento elettrico l'immagazzinamento della linea deve avvenire a una temperatura compresa tra -25 e +55°C e, solo per brevi periodi non superiori alle 24 ore, a +70°C.

Rev.1 – Maggio 2012

Pagina 12 di 25

MANUALE D'USO

LINEA DI SPALMATURA PER ADESIVO HOTMELT

Nel caso in cui l'immagazzinamento avvenga in ambiente polveroso, si consiglia di: • togliere tutti i liquidi dalla linea; • trattare le parti metalliche in vista con antiruggine; • coprire la linea con un telo.

1.1.17.

RUMORE AEREO PRODOTTO DALLA LINEA

Le misurazioni del rumore aereo prodotte dalla macchina devono essere effettuate secondo le indicazioni della “Direttiva Macchine” 2006/42/CEE e secondo la norma ISO 3746. 1.1.17.1. Informazione sui pericoli da rumore Il livello di emissione del rumore è altamente variabile in funzione delle caratteristiche specifiche di ogni configurazione della macchina e delle caratteristiche del materiale impiegato. I livelli di emissione del rumore aereo riscontrati non implicano necessariamente livelli di esposizione sicuri per il lavoratore. I livelli di esposizione del lavoratore sono ovviamente correlati ai livelli di emissione della macchina, tuttavia anche altri fattori influenzano i livelli di esposizione del lavoratore. I fattori includono la durata dell'esposizione, le caratteristiche dell'ambiente, la presenza di altre macchine. I livelli di emissione della macchina permettono all’Utilizzatore di effettuare una stima dei pericoli dovuti al rumore aereo. Il valore di esposizione Lex,8h giornaliero normalizzato, secondo la Direttiva 2003/10/EEC ed ISO 1999:1990 viene valutato in: a. Valore inferiore livello esposizione: Lex,8h = 80 dB(A) e LpC.picco = 135 dB(C): se supera questo valore inferiore di azione, occorre usare i dispositivi di protezione individuale per l'udito. b. Valore superiore livello esposizione: Lex,8h = 85 dB(A) e LpC.picco = 137 dB(C): se supera questo valore superiore di azione, occorre predisporre ed implementare un programma di misure tecnico/organizzative per ridurre la esposizione al rumore. c. Valore limite esposizione: Lex,8h = 87 dB(A) e LpC.picco = 140 dB(C): se supera questo valore limite di esposizione, occorre attivare immediatamente le misure di riduzione del livello di rumore al di sotto del valore limite di esposizione, identificare i motivi della sovraesposizione e migliorare le misure di prevenzione e protezione per evitarne la ricomparsa. ATTENZIONE! Misurare l'esposizione giornaliera del personale al rumore nel posto di lavoro con un fonometro integratore ed eventualmente attivare le contromisure necessarie. Nel caso in cui gli operatori riscontrino un'eccessiva rumorosità della macchina, verificare la presenza di guasti o la necessità di effettuare operazioni di manutenzione della stessa.

ATTENZIONE! La linea emette una rumorosità elevata. Si raccomanda l'utilizzatore di fornire agli operatori idonei mezzi di protezione.

Rev.1 – Maggio 2012

Pagina 13 di 25

MANUALE D'USO

LINEA DI SPALMATURA PER ADESIVO HOTMELT

SISTEMI DI SICUREZZA
La linea è dotata di sistemi di sicurezza attiva e passiva: l'insieme di questi sistemi permette di prevenire pericoli per persone operanti sulla linea o presenti nelle sue vicinanze. ATTENZIONE! La linea è progettata in modo da rispettare principi ergonomici che permettono all'operatore di lavorare in condizioni che minimizzino gli sforzi, i movimenti, la frequenza di azioni cicliche, ecc, in modo da evitare il più possibile disagi, sforzi, danni fisici o psichici. ATTENZIONE! La presenza di sistemi di sicurezza non esime gli operatori dall'agire con la massima cautela evitando comportamenti che potrebbero mettere in pericolo la propria incolumità o l'integrità della linea. In particolare, l'operatore non deve mai entrare in contatto con le parti della linea in movimento. ATTENZIONE! Protezioni personali quali occhiali, cuffie, tappi auricolari, scarpe di sicurezza e guanti devono essere indossati ed usati dal personale quando le condizioni operative e le leggi vigenti richiedono il loro utilizzo. ATTENZIONE! È assolutamente vietato manomettere, modificare o tentare di eludere in alcun modo i sistemi di sicurezza della linea.

1.1.18.

ARRESTI DI EMERGENZA

La linea è dotata di pulsanti di arresto di emergenza del tipo ad autoritenuta meccanica di colore rosso, e il loro sblocco non riavvia la linea. Il posizionamento di tali dispositivi è indicato nelle Figure seguenti (Esempi). Figura 14 – Arresti di emergenza Figura 15 – Arresti di emergenza

Figura 16 – Arresti di emergenza

Figura 17– Arresti di emergenza In aggiunta ai suddetti pulsanti di arresto di emergenza, sono presenti dispositivi di arresto con funi di emergenza. La disposizione di tali dispositivi è indicata nelle Figure seguenti. Figura 18 – Fune di arresto di emergenza – Uscita svolgitore

Rev.1 – Maggio 2012

Pagina 14 di 25

MANUALE D'USO

LINEA DI SPALMATURA PER ADESIVO HOTMELT

Figura 19 – Fune di arresto di emergenza – Ingresso gruppo release

Figura 20 – Funi di emergenza – Testa di spalmatura posteriore ed anteriore

Figura 21– Funi di emergenza – Sotto avvolgitore

Figura 22 – Funi di emergenza – Svolgitore secondario Perché il funzionamento della linea sia ripristinato, è necessario operare secondo quanto descritto alla sezione 2.4.5.

1.1.19.

PROTEZIONI DELL'IMPIANTO ELETTRICO

L'impianto elettrico è stato progettato e costruito in modo da proteggere gli operatori dal rischio di scosse elettriche e l'intera linea da possibili surriscaldamenti o altre condizioni anomale pericolose. Tutte le parti metalliche accessibili della linea sono collegate al circuito di protezione equipotenziale, per evitare pericoli derivanti da guasti di un qualsiasi isolamento. I componenti dell'equipaggiamento elettrico sono conformi alla direttiva 2004/108/CE e successive modifiche e integrazioni e sono installati secondo le indicazioni dei rispettivi fabbricanti. Inoltre tutti i dispositivi elettrici con cui vengono in contatto gli operatori — pulsanti, indicatori, ecc. — sono impermeabili alla penetrazione di liquidi o vapori che potrebbero causare corto circuiti o deterioramento degli isolamenti. Sono poi presenti protezioni contro le sovracorrenti in modo da evitare che eventuali guasti possano causare surriscaldamenti o condizioni pericolose. La rimozione dell'alimentazione elettrica con linea in marcia non fa arrestare immediatamente gli elementi della linea nella posizione in cui si trovano a causa delle grosse forze di inerzia in gioco, pertanto prima di avvicinarsi e/o intervenire sulla macchina bisogna attenderne l’arresto completo. ATTENZIONE! Perché le protezioni dell'impianto elettrico siano efficaci è necessario che la linea sia collegata ad un impianto di alimentazione esterno dotato di dispositivo di protezione contro le sovracorrenti, contro i guasti dell'isolamento e di circuito di protezione equipotenziale, come indicato alla sezione Error: Reference source not found. In corrispondenza del gruppo applicazione release, sono presenti dei nastri per scaricare eventuali cariche elettrostatiche presenti sulla bobina.

1.1.20.

PROTEZIONI DELL'IMPIANTO PNEUMATICO

Tutti i componenti dell'impianto pneumatico sono dimensionati per una pressione massima di funzionamento di gran lunga superiore alla pressione massima di esercizio dell'impianto stesso. Le tubazioni dei circuiti pneumatici si trovano comunque in punti non facilmente danneggiabili e una loro eventuale rottura non causerebbe rischi rilevanti essendo la pressione di esercizio bassa (circa 9 bar).

Rev.1 – Maggio 2012

Pagina 15 di 25

MANUALE D'USO

LINEA DI SPALMATURA PER ADESIVO HOTMELT

ATTENZIONE! È assolutamente vietato modificare la regolazione dei dispositivi di massima pressione che proteggono l'impianto pneumatico della linea. La non corretta regolazione di tali dispositivi può causare malfunzionamenti o rotture di elementi dell'impianto pneumatico e costituire un pericolo per l'incolumità degli operatori.

Figura 23 – Punto di alimentazione pneumatica

1.1.21.

PROTEZIONI DEGLI ELEMENTI IN MOVIMENTO

Esistono rischi di urto, taglio, impigliamento, schiacciamento, trascinamento e cesoiamento con vari elementi di trasmissione e di taglio che partecipano alla lavorazione della linea. 1.1.21.1. Protezioni perimetrali Gli elementi pericolosi della zona di svolgimento ed avvolgimento sono protetti da protezioni perimetrali con aperture interbloccate o protette da fotocellule (vedi paragrafo 1.1.21.2); all'intervento di tali dispositivi, i movimenti di posizionamento delle bobine sono arrestati dai circuiti di sicurezza. In particolare, per consentire l'accesso all'interno delle protezioni perimetrali della zona di svolgimento sono presenti n. 2 porte interbloccate conformi alla norma UNI EN 1088:2007. Figura 24 – Zona svolgitore primario

Figura 25– Zona di avvolgimento

Figura 26 – Porte di accesso alla zona protetta Le protezioni perimetrali della linea sono fissate a terra mediante viti. Figura 27 – Sistemi di fissaggio delle protezioni perimetrali Le protezioni perimetrali sono realizzate in modo da non creare rischi d’intrappolamento per le persone che entrano all'interno delle stesse. Le porte di accesso all'interno delle protezioni perimetrali sono: • incernierate verticalmente e apribili nel senso dell'esodo; • non bloccabili dall'esterno; • nella linea le porte non sono limitate superiormente per consentire l'agevole passaggio delle persone conformemente alla norma EN 547-1:1996. 1.1.21.2. Barriere Ottiche Le barriere ottiche impediscono il raggiungimento delle zone pericolose di svolgimento e avvolgimento delle bobine. L'intervento delle barriere ottiche arresta i movimenti di carico e scarico delle bobine mentre i movimenti di svolgimento e avvolgimento proseguono. Figura 28 – Zona svolgitore primario
Rev.1 – Maggio 2012 Pagina 16 di 25

MANUALE D'USO

LINEA DI SPALMATURA PER ADESIVO HOTMELT

Figura 29–Zona svolgitore secondario

Figura 30 –Zona avvolgitore 1.1.21.3. Ripari, protezioni fisse, protezioni mobili

Su alcuni elementi pericolosi della linea (ad esempio cinghie di trasmissione dei motori, rulli di trascinamento della carta, ecc.) sono presenti ripari per limitare i rischi con elementi in movimento e il raggiungimento accidentale delle zone pericolose. Le protezioni fisse non sono rimovibili se non con l'uso di utensili o mediante loro distruzione e non rimangono in posizione in assenza dei mezzi di fissaggio. Protezioni mobili sono costituite dalle porte di accesso all'interno delle protezioni perimetrali (paragrafo 1.1.21.1) e dai ripari mobili a protezione di alcune zone pericolose dell’applicatore release(vedi figure seguenti); tali ripari sono interbloccati conformemente alla norma UNI EN 1088:2007. Figura 31 – Ripari fissi

Figura 32 – Ripari fissi

Figura 33 – Ripari fissi

Figura 34 - Ripari mobili interbloccati

Figura 35 – Riparo mobile interbloccato L'apertura dei ripari mobili interbloccati arresta tutti i movimenti della linea.

1.1.22.

CIRCUITI DI COMANDO DELLA LINEA

I dispositivi di comando sono di costruzione robusta e azionabili anche indossando guanti; i pulsanti sono dotati di ghiera e i selettori offrono una sufficiente resistenza alla rotazione tale da impedire azionamenti accidentali. I comandi sono posti su diversi quadri di comando posti lungo la linea al di fuori delle zone pericolose. I circuiti di comando di cui è dotata la linea oggetto del presente manuale soddisfano le seguenti prescrizioni: • il circuito di arresto di emergenza arresta tutti i movimenti della linea alla sua attivazione; lo sblocco degli attuatori di comando del circuito di arresto di emergenza non riavvia automaticamente nessun movimento della linea; • la rimozione e il ripristino dell’alimentazione elettrica e pneumatica della linea possono causare movimenti delle parti ad azionamento pneumatico e pertanto vanno effettuate con personale non presente sulla linea;

Rev.1 – Maggio 2012

Pagina 17 di 25

MANUALE D'USO

LINEA DI SPALMATURA PER ADESIVO HOTMELT

• il riavvio della linea dopo qualsiasi arresto - funzionale, di emergenza, a seguito della rimozione delle alimentazioni - richiede un comando esplicito di avvio per rimettere in marcia la linea.

1.1.23.

SISTEMA ANTINCENDIO

Sulla Zona B è presente un forno di asciugatura del film in lavorazione durante la applicazione del release. L’impianto può essere attivato sia in modo automatico che in modo manuale. Nella immagine seguente è visibile l’impianto antincendio della linea. Figura 35 – Impianto antincedio Nei pressi della testa di applicazione release, è presente una termocoppia che rileva la temperatura all’interno del forno di asciugatura. Due indicatori posti all’esterno del forno indicano la temperatura di esercizio. Se la temperatura interna del forno raggiunge il valore di 90 °C, viene attivata una sirena che con il suo segnale sonoro avverte gli operatori dello stato di “preallarme”. Gli operatori possono intervenire per rimediare a questa situazione. Nel caso che la temperatura interna del forno raggiunge il valore di 120°C, il sistema antincendio entra in funzione e le bombole di CO2 provvedono allo spegnimento dell’incendio. Per la attivazione manuale del sistema, è sufficiente rompere il vetro del pannellino posto sulla colonna dell’applicatore release. Figura 36– Attivazione manuale sistema antincendio

Rev.1 – Maggio 2012

Pagina 18 di 25

MANUALE D'USO

LINEA DI SPALMATURA PER ADESIVO HOTMELT

USI IMPROPRI E AVVERTENZE
ATTENZIONE! La linea deve essere utilizzata secondo le indicazioni riportate nel presente manuale. Gli operatori devono prestare attenzione a evitare che si creino situazioni potenzialmente pericolose per la propria o altrui incolumità. Tutte le persone che operano sulla linea devono essere opportunamente addestrate sui corretti metodi di lavoro e informate sulla natura e il funzionamento dei dispositivi di sicurezza. Inoltre devono essere informate delle parti della presente documentazione rilevanti per il loro lavoro.

1.1.24.

INTERVENTI SULLA LINEA

Durante qualsiasi intervento sulla linea, si raccomanda di seguire le indicazioni riportate alla presente sezione. ATTENZIONE! Tutti gli interventi sulla linea devono essere effettuati da personale competente e istruito sui metodi per operare correttamente e in tutta sicurezza sulla linea. ATTENZIONE! Non effettuare nessun intervento sulla linea in movimento e verificare sempre che i sezionatori dell'alimentazione elettrica e pneumatica siano chiusi sulla posizione di circuito isolato prima di intervenire. ATTENZIONE! È necessario che, prima di effettuare qualsiasi intervento, l'operatore si assicuri che la linea non possa essere inavvertitamente messa in funzione sezionando tutte le alimentazioni; il sezionamento delle alimentazioni della linea deve essere effettuato con mezzi di bloccaggio personali — ad esempio lucchetti — e portando con sé le chiavi di apertura. In questo modo le alimentazioni possono essere ripristinate solo dopo che tutti gli operatori hanno rimosso i mezzi di bloccaggio personali, in altre parole solo dopo che tutti gli operatori hanno terminato gli interventi. Questo per evitare che un operatore possa avviare la linea senza accorgersi della presenza di un altro operatore in prossimità di elementi pericolosi. ATTENZIONE! Prima di procedere a operazioni di manutenzione o regolazione l'operatore deve avere a disposizione e di volta in volta utilizzare i mezzi protettivi individuali previsti dalle normative di sicurezza e idonei al tipo di manutenzione da svolgere, quali guanti, occhiali, elmetto, scarpe antisdrucciolo, ecc.

Rev.1 – Maggio 2012

Pagina 19 di 25

MANUALE D'USO

LINEA DI SPALMATURA PER ADESIVO HOTMELT

ATTENZIONE! Per gli interventi sulla linea che debbano eventualmente essere eseguiti non a livello del suolo, si raccomanda di utilizzare piattaforme di lavoro o altri mezzi di sollevamento delle persone adeguati e conformi alle disposizioni legislative vigenti. Nello specifico, in caso d’interventi in corrispondenza del piano superiore della linea (zona forni), l'operatore deve utilizzare gli idonei dispositivi di protezione individuale (cintura di sicurezza, elmetto di sicurezza, scarpe di protezione ecc.).

ATTENZIONE! È necessario garantire che gli interventi sulla linea siano effettuati in condizioni ottimali di luminosità; nel caso in cui si renda necessario utilizzare una fonte di illuminazione aggiuntiva, la posizione della sorgente luminosa deve essere regolata in modo che gli operatori possano effettuare tale manutenzione senza esporsi a rischi. ATTENZIONE! Qualora si debbano eseguire interventi stando al di sotto di elementi delle macchina, adottare provvedimenti adeguati ad impedire la caduta di parti.

1.1.25.

ATTENZIONI, AVVERTENZE AGLI OPERATORI, RISCHI RESIDUI
ATTENZIONE! Qualora le protezioni vengano rimosse — ad esempio per eseguire interventi di manutenzione — non avviare per nessun motivo la linea prima che tutte le protezioni siano state rimesse in posizione e correttamente fissate. ATTENZIONE! Sui coperchi delle scatole elettriche e sui quadri elettrici sono posti cartelli di attenzione relativamente alla presenza di tensione: . ATTENZIONE! Poiché sono presenti rischi di caduta dal piano superiore, è indicato tale pericolo con idoneo cartello di attenzione ed è indicato l'obbligo di utilizzare la cintura di sicurezza:

.

Rev.1 – Maggio 2012

Pagina 20 di 25

MANUALE D'USO

LINEA DI SPALMATURA PER ADESIVO HOTMELT

ATTENZIONE! In corrispondenza della zona di applicazione release, è indicata la zona soggetta alla normativa ATEX: .

ATTENZIONE! Lungo la linea sono posizionati dei cartelli di divieto che indicano "Non pulire né lubrificare organi in moto", "Non rimuovere i dispositivi e le protezioni di sicurezza", "È vietato operare su organi in moto".

ATTENZIONE! Lungo la linea, in corrispondenza delle zone in cui è possibile accedere alla carta in movimento, è indicato il rischio di taglio e l'obbligo di utilizzare i guanti protettivi.

ATTENZIONE! In corrispondenza delle zone di svolgimento bobina ed avvolgimento bobina sono indicati il divieto di ingresso al personale non addetto ed il divieto di accedere o sostare durante le operazioni di cambio bobina.

ATTENZIONE! Poiché esistono rischi residui di ustione lungo la linea (zona di spalmatura e zona dei forni di asciugatura), è riportato in più punti il simbolo 5041 della norma IEC 417 “Attenzione parti calde”.

Rev.1 – Maggio 2012

Pagina 21 di 25

MANUALE D'USO

LINEA DI SPALMATURA PER ADESIVO HOTMELT

SEZIONE 2 – MANUALE OPERATORE

Rev.1 – Maggio 2012

Pagina 22 di 25

MANUALE D'USO

LINEA DI SPALMATURA PER ADESIVO HOTMELT

MODALITÀ D'USO
La linea deve essere utilizzata solo per spalmare adesivo con solvente su bobine di materiale speciale, conformemente a quanto indicato alle sezioni 1.1.1 e 1.1.9. ----------------declina ogni responsabilità per malfunzionamenti o danneggiamenti a persone

Rev.1 – Maggio 2012

Pagina 23 di 25

MANUALE D'USO

LINEA DI SPALMATURA PER ADESIVO HOTMELT

Rev.1 – Maggio 2012

Pagina 24 di 25

MANUALE D'USO

LINEA DI SPALMATURA PER ADESIVO HOTMELT

2.1.1.

Rev.1 – Maggio 2012

Pagina 25 di 25