You are on page 1of 36

SISTEMA CULTURALE VALSUGANA ORIENTALE

STAGIONE DI PROSA
2012 | 2013

BORGO
VALSUGANA

G RI G NO

Iniziativa realizzata con il sostegno di

Provincia Autonoma di Trento

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per lo spettacolo dal vivo

STAGIONE DI PROSA
2012 | 2013

BORGO
VALSUGANA

G RI G NO

La Stagione di prosa 2012/2013 è stata realizzata con la collaborazione delle Amministrazioni comunali componenti il Sistema Culturale Valsugana Orientale cui aderiscono i Comuni di Borgo Valsugana, Carzano, Castelnuovo, Grigno, Novaledo, Ospedaletto, Roncegno Terme, Ronchi, Scurelle, Telve, Telve di Sopra e Torcegno.

Enrico Galvan
Portavoce del Sistema culturale della Valsugana e Assessore alla cultura del Comune di Borgo ccomodiamoci in teatro e facciamoci accompagnare nel nuovo viaggio della Stagione di prosa 2012-2013. Il teatro affascina, nelle sue forme più varie, spettatori in tutto il mondo; Arte – nel vero senso della parola – che ci coinvolge e ci emoziona. Sostenere la cultura e il teatro è un impegno importante delle Amministrazioni e si spera che anche il pubblico sempre di più possa partecipare e godere di rappresentazioni che sono un accrescimento culturale importante e un sostegno a chi, con sacrifici e impegno, vive di teatro per regalarci sempre interpretazioni uniche. Quest’anno si parte il 23 novembre con un grande comico apprezzato da anni che di satira se ne intende: Dario Vergassola con il suo spettacolo Sparla con me. Il 14 dicembre sarà la volta della compagnia La Barcaccia di Verona che porterà in scena il classico di Goldoni I Rusteghi, uno dei testi in cui l’autore racconta con maggior incisività e amarezza la propria critica nei confronti della borghesia arricchita e retrograda di Venezia nella seconda metà del Settecento. Il 10 gennaio il teatro di Borgo ospiterà Giancarlo Ratti con Come può ridursi un uomo, liberamente tratto dai testi del poeta e scrittore russo Vladimir Majakovskij. Ratti, attore di teatro, fa parte dal 2004 del cast della fortunata trasmissione radiofonica di Radio2 “Il ruggito del coniglio”. Il 9 febbraio in collaborazione con la Filodrammatica di Olle sarà rappresentato lo spettacolo dell’Associazione culturale “La Baraca” di Martignano: Stanze comunicanti, un thriller coinvolgente e intrigante dove il tempo la fa da protagonista. Giovedì 21 febbraio torna a Borgo Corrado d’Elia con La leggenda di Redenta Tiria, una storia affascinante, dal sapore antico, un omaggio alla Sardegna, alla musica di Marisa Sannia e alla scrittura di Salvatore Niffoi. L’8 marzo sarà la volta di un recital-musicale Avete mai provato ad essere donne?, scritto e diretto da Gabriele Biancardi, storica voce di Radio Dolomiti. Un appuntamento dove la canzone e la musica fanno da colonna sonora alle donne e alla loro vita. Domenica 24 marzo ci sposteremo al Teatro Sociale di Trento per Servo di scena di Ronald Harwood, una delle commedie più importanti del Novecento, un grande inno all’amore per il teatro e all’illusione che la civiltà possa sconfiggere le forze oscure della guerra. Il Comune di Grigno organizza presso il teatro di Tezze tre spettacoli: il 2 febbraio Villan People - sproloqui in lingua veneta (anche per gli abbonati di Borgo), il 16 febbraio Si slancian nel cielo… con Lucio Gardin e il 2 marzo Pù busie che poesie con Loredana Cont. Per la stagione di Borgo Valsugana è prevista la riduzione sia sugli abbonamenti che sul biglietto singolo per i possessori di carta “In Cooperazione”, e per i soci della CROSS (Cassa Rurale di Olle-Samone-Scurelle). Affianca la rassegna principale la Stagione A teatro con mamma e papà, come sempre molto seguita dai piccoli ma anche dai genitori presso il Teatro di Olle. Per gli Istituti scolastici è stata organizzata una grande rassegna durante l’anno scolastico 2012-2013. Gli assessorati alla cultura e all’istruzione ringraziano il Coordinamento Teatrale Trentino, la Banda civica di Borgo Valsugana, l’Associazione Nota Bene, la Filodrammatica di Olle, l’Istituto Comprensivo De Gasperi, il Centro S. Chiara di Trento e la Cassa Rurale di Olle-Samone-Scurelle.

A

copertina: “Sparla con me”

PROGRAMMA
BORGO VALSUGANA

venerdì 23 novembre 2012 ore 20.45

TEATRO DEL CENTRO SCOLASTICO DI BORGO
Remi in barca

SPARLA CON ME
di e con Dario Vergassola

venerdì 14 dicembre 2012 ore 20.45

TEATRO DEL CENTRO SCOLASTICO DI BORGO
La Barcaccia di Verona

I RUSTEGHI
di Carlo Goldoni con Laura Benassù, Kety Mazzi, Roberto Puliero, Giuseppe Vit, Fernanda Vettorello, Nicola Cancian, Davide Valieri, Elisabetta Tescari, Franco Cappa, Giorgio Rosa regia di Roberto Puliero

giovedì 10 gennaio 2013 ore 20.45

TEATRO DEL CENTRO SCOLASTICO DI BORGO
Teatro Golden

COME PUÒ RIDURSI UN UOMO
liberamente ispirato ai poemi “Di questo” e “La nuvola in calzoni” di Vladimir Majakovskij di e con Giancarlo Ratti

sabato 2 febbraio 2013 ore 20.45

TEATRO PARROCCHIALE TEZZE DI GRIGNO
Pantakin/Teatro Boxer

VILLAN PEOPLE sproloqui
in lingua veneta
drammaturgia e regia di Andrea Pennacchi con Michele Modesto Casarin, Manuela Massimi, Andrea Pennacchi
2

trasferte

PROGRAMMA

sabato 9 febbraio 2013 ore 20.45

TEATRO DEL CENTRO SCOLASTICO DI BORGO
Associazione culturale La Baraca di Martignano

STANZE COMUNICANTI
due atti di Alan Ayckbourn traduzione di Pino Tierno con Elena Milani, Adriana Decarli, Antonia Pedrotti, Fabio Bendinelli, Giuseppe Zanella, Mauro Arnoldi regia di Mauro Arnoldi

giovedì 21 febbraio 2013 ore 20.45

TEATRO DEL CENTRO SCOLASTICO DI BORGO
Teatro Libero

LA LEGGENDA DI REDENTA TIRIA
di Salvatore Niffoi progetto, regia e interpretazione di Corrado d’Elia

venerdì 8 marzo 2013 ore 20.45

TEATRO DEL CENTRO SCOLASTICO DI BORGO
Il Punto Gezz

AVETE MAI PROVATO AD ESSERE DONNE?
di Gabriele Biancardi con Maura Pettorruso e i musicisti della compagnia: Laura Novembre voce, Gabriele Biancardi batteria, Paolo Cristofolini pianoforte, Alberto Masella contrabbasso, Luca Rubertelli sax regia di Gabriele Biancardi e Laura Novembre

domenica 24 marzo 2013 ore 16.00
spettacolo riservato agli abbonati della Stagione teatrale

TEATRO SOCIALE DI TRENTO
CTB Teatro Stabile di Brescia Teatro de Gli Incamminati

SERVO DI SCENA
di Ronald Harwood traduzione di Masolino D’Amico con Lisa Galantini, Melania Giglio, Daniele Griggio, Giorgio Lanza, Valentina Violo regia di Franco Branciaroli
3

PROGRAMMA
TEZZE DI GRIGNO

sabato 2 febbraio 2013 ore 20.45

TEATRO PARROCCHIALE TEZZE DI GRIGNO
Pantakin/Teatro Boxer

VILLAN PEOPLE sproloqui
in lingua veneta
drammaturgia e regia di Andrea Pennacchi con Michele Modesto Casarin, Manuela Massimi, Andrea Pennacchi

sabato 16 febbraio 2013 ore 20.45

TEATRO PARROCCHIALE TEZZE DI GRIGNO
Lucio Gardin - Coordinamento Teatrale Trentino

SI SLANCIAN NEL CIELO…
di e con Lucio Gardin

sabato 2 marzo 2013 ore 20.45

TEATRO PARROCCHIALE TEZZE DI GRIGNO
Loredana Cont

PÙ BUSIE CHE POESIE
spettacolo brillante di e con Loredana Cont

Il Coordinamento Teatrale Trentino, il Teatro del Centro Scolastico di Borgo Valsugana, il Teatro Parrocchiale Tezze di Grigno aderiscono al Progetto Qualità promosso dall’Associazione Generale Italiana dello Spettacolo.
4

PREZZI

abbonamenti Stagione di Borgo Valsugana

€ 70,00 intero
(abbonamento a tutti gli spettacoli programmati a Borgo, a Tezze di Grigno e uno a Trento)

€ 58,00 ridotto per studenti e anziani
(anziani oltre 65 anni, giovani fino a 21 anni, possessori carta “In Cooperazione”, Soci CROSS, aziende* e associazioni*)
* acquisto minimo di 5 abbonamenti per associati o impiegati della stessa azienda

ingressi Teatro di Borgo Valsugana

€ 12,00 intero € 15,00 intero (per Sparla con me e Come può
ridursi un uomo)

€ 10,00 intero (per Stanze comunicanti
e Avete mai provato ad essere donne?)

9,00 ridotto (anziani oltre 65 anni, giovani
fino a 21 anni, possessori carta “In Cooperazione”, Soci CROSS)

€ 12,00 ridotto (per Sparla con me e Come può
ridursi un uomo)

8,00 ridotto (per Stanze comunicanti
e Avete mai provato ad essere donne?)

ingressi Teatro Parrocchiale Tezze di Grigno

€ 10,00 intero € 8,00 ridotto € 8,00 ridotto Prezzo riservato all’abbonato
della Stagione di Borgo Valsugana

Hanno diritto alle riduzioni: • studenti • anziani (oltre i 60 anni) • soci con carta “In Cooperazione”
5

INFORMAZIONI

Tutti gli spettacoli avranno luogo presso il Teatro del Centro Scolastico di Borgo Valsugana in Via XXIV maggio, con inizio alle 20.45, fatta eccezione per gli spettacoli di Teatro ragazzi di Borgo (presso il Teatro di Olle) e di Grigno (presso il Teatro Parrocchiale Tezze di Grigno). A coloro che sottoscriveranno gli abbonamenti alla Stagione teatrale di Borgo Valsugana è riservato lo spettacolo: • Servo di scena presso il Teatro Sociale di Trento, domenica 24 marzo 2013 alle ore 16.00; la partenza del pullman da Borgo Valsugana per Trento è prevista alle ore 14.30 dalla Stazione Intermodale. Costo della corriera per lo spettacolo a Trento: € 3,00.

Prevendita abbonamenti
• presso la biglietteria del Teatro del Centro Scolastico di Borgo Valsugana; • per il rinnovo degli abbonamenti: lunedì 5, martedì 6, mercoledì 7 novembre 2012 dalle ore 9.30 alle 12.30; • per la sottoscrizione dei nuovi abbonamenti: giovedì 8 e venerdì 9 novembre 2012 dalle ore 9.30 alle 12.30. IL POSTO DELL’ABBONATO È RISERVATO FINO ALL’INIZIO DELLO SPETTACOLO.

Prevendita biglietti
• da martedì 13 novembre 2012 presso gli sportelli delle Casse Rurali del Trentino fino alle ore 15.30 del giorno della rappresentazione o del venerdì precedente se lo spettacolo è programmato di sabato o di domenica. Il servizio è offerto a titolo gratuito dalle Casse Rurali Trentine.

Orario biglietteria presso il teatro
• il giorno dello spettacolo dalle ore 19.45 alle 20.45.

Ulteriori informazioni
• presso la Biblioteca comunale (tel. 0461.754052).

Agevolazioni abbonati
• la riduzione prevista agli studenti per assistere a tutti gli spettacoli proposti nelle altre piazze del Coordinamento Teatrale Trentino: Ala, Aldeno, Arco, Brentonico, Cavalese, Cles, Fondo, Ledro, Mezzolombardo, Nago-Torbole, Pergine Valsugana, Pinzolo, Riva del Garda, Romeno, Rovereto, Sarnonico, Spiazzo, Tesero, Tione e Trento (per tutta la programmazione della Stagione); • l’ingresso a prezzo ridotto agli spettacoli programmati dal Teatro Stabile di Bolzano a Bolzano previa prenotazione telefonica. Il calendario è suscettibile di variazioni per cause di forza maggiore.
6

INFORMAZIONI

Teatro di Borgo Valsugana
U T S R Q P 1 1 1 1 1 2 2 2 2 2 3 3 3 3 3 1 4 4 4 4 4 2 2 5 5 5 5 5 3 3 6 6 6 6 6 4 4 7 7 7 7 7 5 5 8 8 8 8 8 6 6 9 9 9 9 9 7 7 10 10 10 10 10 8 8 11 11 11 11 11 9 9 12 12 12 12 12 10 10 13 13 13 13 13 11 11 14 14 14 14 14 12 15 15 15 15 15 16 16 16 16 16 U T S R Q P

*
O 1 12

*
O

N M L I H G F

1 1 1 1 1 1 1

2 2 2 2 2 2 2

3 3 3 3 3 3 3

4 4 4 4 4 4 4

5 5 5 5 5 5 5

6 6 6 6 6 6 6

7 7 7 7 7 7 7

8 8 8 8 8 8 8

9 9 9 9 9 9 9

10 10 10 10 10 10 10

11 11 11 11 11 11 11

12 12 12 12 12 12 12

13 13 13 13 13 13 13

14 14 14 14 14 14 14

15 15 15 15 15 15 15

16 16 16 16 16 16 16

N M L I H G F

E D C B A

1 1 1 1 1

2 2 2 2 2

3 3 3 3 3

4 4 4 4 4

5 5 5 5 5

6 6 6 6 6

7 7 7 7 7

8 8 8 8 8

9 9 9 9 9

10 10 10 10 10

11 11 11 11 11

12 12 12 12 12

13 13 13 13 13

14 14 14 14 14

15 15 15 15 15

16 16 16 16 16

E D C B A

PALCOSCENICO

* Prenotabili solo presso la Biblioteca comunale (tel. 0461.754052)

Informazioni sul teatro e sul cinema in Trentino nel sito internet: www.trentinospettacoli.it

7

8

venerdì 23 novembre 2012 | ore 20.45

TEATRO DEL CENTRO SCOLASTICO DI BORGO
Remi in barca

SPARLA CON ME
di e con Dario Vergassola

I

rapporti burrascosi con l’impertinente suocera e le interviste televisive a “ragazze calendario”, calciatori e tronisti. C’è la sua vita personale, quella professionale e c’è come sempre tanta comicità in Sparla con me. Sul palco Vergassola ricorderà il calore degli amici nei pomeriggi passati al bar e l’intensa movida giovanile davanti a un bancomat, l’unico locale aperto di notte a La Spezia, la sua città. Svelerà i suoi sogni di bambino che voleva diventare un moderno Robin Hood e rivivrà tutto il suo stupore di quando, al suo ventiseiesimo compleanno, gli fu regalato un vestito da Zorro. Parlerà anche delle sue non semplici relazioni familiari e dei rapporti con l’altro sesso, tanto agognati quanto poco vissuti. In un incalzare di battute al vetriolo, il comico non mancherà poi di proporre “il meglio” delle sue irriverenti interviste televisive: metterà alla berlina i vip, o presunti tali, del mondo dello spettacolo, della politica e dello sport, dando sfogo all’esilarante sconcerto di chi si rende conto che solo una risata potrà seppellire la vacuità, il silicone e il falso sorriso a trentadue denti.

Il protagonista e il teatro
Dario Vergassola nasce il 3 maggio 1957 a La Spezia. Si distingue ben presto per le sue doti di improvvisatore, per la sua vis comica spontanea e gustosamente imprevedibile. Approda nel mondo dello spettacolo partecipando a “Professione Comico”, la manifestazione diretta da Giorgio Gaber, nella quale ottiene sia il premio del pubblico sia quello della critica. I suoi monologhi cabarettistici e le sue canzoni vengono organizzati in uno spettacolo teatrale, dal titolo “Manovale gentiluomo” che viene rappresentato in tutta Italia con grande successo. Dal 1994 è in tournée teatrale con lo spettacolo “La Vita è un lampo” per la regia di Massimo Martelli, spettacolo che ha effettuato oltre 200 repliche. Per la sua simpatia e verve comica Dario è l’attore comico preferito dagli altri artisti per spettacoli di coppia: dopo il sodalizio con Stefano Nosei collabora con Enzo Jannacci, e nel 2001 lo vediamo sul palco con David Riondino in “I cavalieri del tornio. Recital per due”. A febbraio 2005 debutta per il teatro “Todos Caballeros: ballate per Don Chisciotte e Sancho Panza”, originale elaborazione dell’opera del Cervantes ancora una volta a due voci con David Riondino. Invece il suo “recital” diventa “Le Interviste Impossibili” prendendo spunto e ispirazione dal suo personaggio di irriverente intervistatore televisivo. Recente il debutto del suo terzo spettacolo con Riondino dedicato a un capolavoro dell’800 letterario europeo (“Madame Bovary” di Gustave Flaubert) “Riondino accompagna Vergassola ad incontrare Flaubert”.

9

10

venerdì 14 dicembre 2012 | ore 20.45

TEATRO DEL CENTRO SCOLASTICO DI BORGO
La Barcaccia di Verona

I RUSTEGHI
di Carlo Goldoni con Laura Benassù, Kety Mazzi, Roberto Puliero, Giuseppe Vit, Fernanda Vettorello, Nicola Cancian, Davide Valieri, Elisabetta Tescari, Franco Cappa, Giorgio Rosa regia di Roberto Puliero

I

Rusteghi è stata universalmente riconosciuta «una delle vette del teatro comico settecentesco», «il più alto approdo dell’arte goldoniana». La sua perenne attualità è legata al contrasto fra generazioni che anima compiutamente la commedia: da una parte due giovani che istintivamente si arrogano il diritto di fare da soli le proprie scelte, sostenuti dal naturale buon senso di un mondo femminile inquieto, ingenuamente e inconsapevolmente ribelle; dall’altra quattro “rusteghi” vecchi più d’animo che d’età, impauriti dal nuovo, ostinatamente fermi alla difesa di valori sorpassati, di virtù ridotte a sterili fissazioni, di beni e di potere da preservare contro una cultura sconosciuta. Il mondo esterno, che respira a pieni polmoni il soffio innovatore dei tempi, resta sistematicamente fuori dalle loro mura domestiche, ove ne arrivano soltanto echi indistinti e rari bagliori. Le vicende della commedia si dipanano nel breve arco di una mezza giornata, all’interno di stanze e case sempre uguali, piene di silenzi, sogni nascosti, ripicche e brontolii che sottolineavano l’intero passaggio del tempo. Poi tutto improvvisamente si anima in un attimo, un crescendo inquieto attraverso le antiche sale, le donne e i giovani colgono una felice sorpresa, “la so Zornada”. Tra le più recenti messe in scena esasperatamente corrucciate e gli effetti scontati di un vecchia tradizione interpretativa, “La Barcaccia” cerca una sua terza strada, un punto d’incontro che consenta una visione critica della vicenda, senza tuttavia ignorare del tutto quel patrimonio di teatro naturalmente costruitosi nelle letture d’una commedia, rispettando l’allestimento classico, ove del resto anche la venezianità e il dialetto altro non sono che geniali ricreazioni goldoniane al fine di costruire un più felice meccanismo teatrale. Lo stesso“lieto fine” conclusivo, sembra sussurrarci l’autore, è in realtà solo teatro; la vita vera continuerà con i suoi contrasti e sussurri, finché un giorno, forse, Felippetto diventerà “rustego” anche lui.

11

12

giovedì 10 gennaio 2013 | ore 20.45

TEATRO DEL CENTRO SCOLASTICO DI BORGO
Teatro Golden

COME PUÒ RIDURSI UN UOMO
liberamente ispirato ai poemi “Di questo” e “La nuvola in calzoni” di Vladimir Majakovskij di e con Giancarlo Ratti

U

n monologo può diventare uno sproloquio, persino un percorso nella memoria di un uomo che, come un fiume in piena, lascia sgorgare amore, rifiuto, ebbrezza, lucidità e pura follia, tenendosi addosso panni insozzati e pesanti, se per vivere è costretto ad arrancare nel tempo doloroso anzi, a corrergli dietro come un topolino… nell’attesa vana che giunga la telefonata di Maria.

Un’incantevole metafora dell’uomo sognatore e smarrito, del vate infarcito di termini incomprensibili eppure elevati, quelli presi a prestito da Vladimir Majakovskij, illumina la performance di Giancarlo Ratti, coinvolgente, struggente nella sua ironia della quale si spoglia per mostrarsi al pubblico nella sua essenza. Ratti, attore di teatro, fa parte dal 2004 del cast della trasmissione radiofonica “Il ruggito del coniglio”. «Un attore solo. Senza difese, senza coraggio, senza domani. Quei pochi che mi conoscono non troveranno le solite cose, le gags radiofoniche o il ciarpame televisivo. Solo parole, parole che inseguo da anni e che forse non ricordo più?? Parole non mie, parole rubate. Dite a Majakovskij che non stavo bene.» Giancarlo Ratti

13

14

sabato 9 febbraio 2013 | ore 20.45

TEATRO DEL CENTRO SCOLASTICO DI BORGO
Associazione culturale La Baraca di Martignano

STANZE COMUNICANTI
due atti di Alan Ayckbourn traduzione di Pino Tierno con Elena Milani, Adriana Decarli, Antonia Pedrotti, Fabio Bendinelli, Giuseppe Zanella, Mauro Arnoldi regia di Mauro Arnoldi

U

na giovane donna, una confessione scomoda, un torbido assassino, un ingenuo responsabile della sicurezza e una novella coppia di sposi in luna di miele: questi gli elementi che si rincorrono nelle stanze di un hotel di lusso. Un intrigante filo conduttore lega tre donne, apparentemente distanti tra loro, verso un destino comune da cui sfuggire. La loro vita è in grave pericolo e dovranno affrontare insieme questa intricata avventura in una corsa attraverso una singolare “deformazione temporale” che le porterà a viaggiare nel tempo. Mistero, fantascienza, humour e ritmo caratterizzano questa storia che alterna momenti dinamici e divertenti a situazioni toccanti. Una commedia noir con sfumature surreali, una corsa a ritroso nel tempo e contro il tempo, nella quale i toni acidi e brillanti lasciano affiorare tenerezza e un universale bisogno di lealtà e amore. Un thriller “vero”, ad alta tensione, ma nel contempo atipico, particolare, in cui le vittime si fanno cacciatrici del proprio carnefice in un’assurda rincorsa attraverso “stanze comunicanti”, appunto, che annullano limiti spazio-temporali... una storia di fantascienza, allora? Se proprio vogliamo... sì, ma con il piacevolissimo filtro di quel sense of humour sempre capace comunque di alleggerire in un sorriso ogni situazione… Ma soprattutto, nel più perfetto stile di Ayckbourn, storie diverse di umanità che si incontrano in luoghi e tempi inaspettati e che, a dispetto del destino stesso, trovano il modo di costruire un mondo nuovo... forse migliore...

15

16

giovedì 21 febbraio 2013 | ore 20.45

TEATRO DEL CENTRO SCOLASTICO DI BORGO
Teatro Libero

LA LEGGENDA DI REDENTA TIRIA
di Salvatore Niffoi progetto, regia e interpretazione di Corrado d’Elia Una grande storia dal sapore mistico e universale, radicata nella terra di Sardegna, di cui racconta le asperità, la forza e la magia.

A

bacrasta non si trova in nessuna enciclopedia o carta geografica, è un paese (immaginario, ma verosimile) situato nella terra avara e rocciosa nel cuore della Barbagia. Abacrasta è meglio noto tra i paesi del circondario come “il paese delle cinghie”: molti fra coloro che vi abitano a un certo punto della loro esistenza sentono il richiamo della Voce e corrono a impiccarsi. Legano al collo la cinghia e dicono addio alla vita: «nelle tanche di Abacrasta non c’è albero che non sia diventato una croce». Finché un giorno non arriva Redenta Tiria, «una femmina cieca, con i capelli lucidi come ali di corvo e i piedi scalzi», e i suicidi cessano. «Sono la figlia del sole, e sono venuta per portare la luce nel paese delle ombre».

D’Elia in questo spettacolo si serve di una lingua “ibridata”, che si fonda sulla commistione di italiano e limba; non un mero esercizio di stile, ma un flusso che si dispiega con naturalezza, con un accento forte e riconoscibile. È un registro linguistico che persuade e avvince, capace di esprimere le tensioni di una terra, ma anche di parlare a un pubblico vasto, universale. Accompagna il racconto la voce magica e incantata di Marisa Sannia, una musica che sa di terra, di magia e di meraviglia, il cui suono penetra nel profondo mistero della vita e della morte. È difficile non scorgere un senso quasi religioso nella figura di Redenta Tiria. Redenta, redenzione: ma non in senso ultraterreno, giacché insegna che l’unico riscatto possibile è nella vita stessa, nella «vita ritrovata», nella speranza, nel «tagliare la lingua alla Voce». È una “religione” della vita, quella che emerge in filigrana di questa favola cruda e bellissima.

17

18

venerdì 8 marzo 2013 | ore 20.45

TEATRO DEL CENTRO SCOLASTICO DI BORGO
Il Punto Gezz

AVETE MAI PROVATO AD ESSERE DONNE?
di Gabriele Biancardi con Maura Pettorruso e i musicisti della compagnia Laura Novembre voce Gabriele Biancardi batteria Paolo Cristofolini pianoforte Alberto Masella contrabbasso Luca Rubertelli sax regia di Gabriele Biancardi e Laura Novembre

A

vete mai provato a essere donne? è un racconto che si snoda attraverso vari passaggi di una donna, Andrea, che nei sogni del padre calciofilo e padre di altre tre figlie doveva nascere maschio. Andrea è il prototipo della femmina maschietto ma molto più donna di tante altre. Ama ed è riamata e attraverso episodi chiave nella vita di una giovane, racconta come sia difficile il mestiere di donna. Nell’amore, nei giochi e nel lavoro. «E se poi non si sposa?… se diventa brutta e cicciona e non se ne va più di casa?». Dubbi come questo che attanagliano un padre circondato dal colore rosa, dall’odore di acetone, da Barbie e bamboline varie che spuntano ovunque, saranno dissipati dal successo amoroso di Andrea che regalerà, proprio lei, l’unico maschietto della famiglia. Una critica divertente e ironica a quella che è la letteratura dedicata alle adolescenti, con personaggi romantici che promettono notti meravigliose incorniciati da squarci di natura da film. Andrea tocca con mano la realtà della trasformazione da ragazzina a piccola donna. Mentre al suo fianco, nel banco di scuola, il suo coetaneo maschio assomiglia ad un puzzle di intenti che fatica a mettere in ordine i gesti con i pensieri.

«Esiste un solo sistema per evitare le varie guerre che vengono fatte in nome di Dei che hanno sicuramente di meglio da fare. Uno solo. Una legge mondiale che preveda in tutti i Ministeri della Difesa del mondo una donna... perché ? Semplice: nessuna donna manderebbe a morire i propri figli. Troppo amore per farli, troppo amore per crescerli. Troppo dolore per perderli».

19

foto Umberto Favretto

20

domenica 24 marzo 2013 | ore 16.00

TEATRO SOCIALE DI TRENTO
CTB Teatro Stabile di Brescia Teatro de Gli Incamminati

SERVO DI SCENA
di Ronald Harwood traduzione di Masolino D’Amico con Lisa Galantini, Melania Giglio, Daniele Griggio, Giorgio Lanza, Valentina Violo regia di Franco Branciaroli

P

rodotto dal CTB Teatro Stabile di Brescia e dal Teatro de Gli Incamminati, Servo di scena è uno dei più celebri testi teatrali di Ronald Harwood, che curò anche l’adattamento cinematografico dell’omonimo film di culto di Peter Yates, del 1983, interpretato da Albert Finney (premiato al Festival di Berlino) e da Tom Courtenay (cinque candidature agli Oscar). Ed è naturalmente un testo ritagliato ad hoc sulla figura di un attore di grande carisma. Si tratta di un appassionato omaggio al teatro e alla sua gente, nonché perfetta ricostruzione d’epoca che fa da cornice agli ultimi successi di un grande attore, ormai al tramonto, il quale deve la sua sopravvivenza alle cure e alle attenzioni costanti del suo umile servo di scena. Scritta in un linguaggio affascinante, tipico dello stile della commedia inglese, affronta con tono ironico le rocambolesche vicende di una precaria compagnia di provincia, che si dipanano tra camerini e palcoscenico, quale sublime metafora della vita del teatro di ogni tempo. Regista e interprete nel ruolo di Sir, Franco Branciaroli, nuovo consulente artistico dello stesso CTB. Così la storia: è il 1940, pur devastata dai bombardamenti nazisti, Londra riesce a conservare l’aplomb che l’ha sempre contraddistinta. Come racconta Evelyn Waugh, il grande testimone di quegli anni, la vita procede meglio che può: pub e ristoranti restano aperti finché una bomba non li distrugge, i circoli e i club non variano nemmeno gli orari di apertura e di chiusura. Anche il teatro continua a vivere a dispetto della stupidità che sembra sul punto di conquistare il mondo. E Shakespeare diviene non solo poeta di un intero popolo, ma anche il suo profeta, e il teatro il suo tempio.
Lo spettacolo è riservato ai possessori degli abbonamenti alla Stagione di prosa 2012/2013 di Borgo Valsugana ed è programmato presso il Teatro Sociale di Trento con inizio alle ore 16.00.
21

foto Georges Philippe Danan

22

sabato 2 febbraio 2013 | ore 20.45

TEATRO PARROCCHIALE TEZZE DI GRIGNO
Pantakin/Teatro Boxer

VILLAN PEOPLE sproloqui
in lingua veneta
drammaturgia e regia di Andrea Pennacchi con Michele Modesto Casarin, Manuela Massimi, Andrea Pennacchi

«T

empi schiodati, i nostri: le esondazioni e i terremoti distruggono i fieri capannoni che avevamo innalzato a sfidare gli dèi, il nostro fugace benessere ci può essere tolto in ogni momento. Abbiamo osservato con cura il panorama del nostro Veneto, per non restare accecati abbiamo indossato le lenti fabbricate, secoli fa, da Angelo Beolco, detto Ruzante. Grazie a questo filtro siamo riusciti a scoprire una rete di storie, forse non rassicuranti, ma vive. Nel deserto globalizzato della grande pianura padana si aggirano scampoli di umanità feroce, invidiosa, affamata anche quando è sazia. Uomini che invidiano chi ha più di loro, che desiderano ferocemente quello che non hanno, che non hanno mai quello che desiderano, che sia amore, sicurezza, denaro o roba. Il crimine non li spaventa, le regole sociali non li fermano, sono Villani: brutti, sporchi e cattivi. I nostri protagonisti vengono dalla cronaca nera quotidiana, ma non sono mostri, illuminano anzi le strutture profonde di questo nostro fortino di polenta e costicine di maiale: le storie che si stendono sul lettino dell’anatomopatologo sono terribilmente semplici, anche se non banali. I nostri eroi parlano una lingua mista, una koinè di dialetto veneto della grande metropoli, inglese scolastico e da canzoni pop, e italiano da fiction tv. Potrebbero essere felici, in fondo, ma sono macinati nella grande macchina del desiderio che prende tutti e sbatacchia qua e là la gente, come in preda a un gran vento: ognuno può essere ciò che vuole, ma nessuno più sa cosa vuole. Lo sguardo che gettiamo sui protagonisti non è di superiorità: ci riconosciamo in loro, vediamo nei loro motori quelli che muovono anche noi, la bestia che li muove è la stessa che si agita in noi, ancora in catene, per il momento. Li riconosciamo come fratelli, nella vulnerabilità e nella capacità di assorbire i colpi della sorte, nel desiderio di vita che li muove costantemente, nell’ansia disperata di essere felici, e nella grande confusione». Andrea Pennacchi
Spettacolo incluso nell’abbonamento della Stagione teatrale di Borgo Valsugana
23

24

sabato 16 febbraio 2013 | ore 20.45

TEATRO PARROCCHIALE TEZZE DI GRIGNO
Lucio Gardin - Coordinamento Teatrale Trentino

SI SLANCIAN NEL CIELO…
di e con Lucio Gardin Quante volte abbiamo sentito, e noi stessi abbiamo usato la frase «Ah, se queste mura potessero parlare»? L’idea di questo spettacolo nasce da qui, ma non saranno delle semplici pareti a parlare...

«F

inora le nostre splendide montagne sono state narrate da alpinisti, poeti, turisti che le hanno conosciute di passaggio, o montanari che ci hanno condiviso una vita. Stavolta però la parola passa alla diretta interessata. In questo spettacolo è la stessa montagna a raccontarsi.

Questo spettacolo è una dedica alla montagna. Amata da chi la vive quotidianamente, sfruttata da turisti e visitatori, violentata dagli eventi bellici come la prima guerra mondiale, di cui nel 2014 si commemorerà il centenario». Lucio Gardin

25

26

sabato 2 marzo 2013 | ore 20.45

TEATRO PARROCCHIALE TEZZE DI GRIGNO
Loredana Cont

PÙ BUSIE CHE POESIE
spettacolo brillante di e con Loredana Cont

«S

e la ragione è il sale della vita, la poesia è lo zucchero», dice Loredana Cont nel suo ultimo lavoro Pù busie che poesie, un monologo brillante in cui, rispolverando la memoria scolastica, parla di poeti e di poesie, di donne e di “busie”, ma anche della vita di tutti i giorni che è spunto di divertita riflessione. Il tutto è, come sempre, condito da una buona dose di ironia e umorismo perché, come dice la Cont, l’umorismo è l’unica via di fuga dalla realtà che abbiamo. E di questi tempi ce n’è proprio bisogno… Loredana Cont, autrice e interprete dei suoi monologhi ma anche di testi teatrali tradotti nei vari dialetti regionali, è interprete convinta del dialetto trentino che ritiene essere un valore aggiunto da salvaguardare e non certamente un limite.

27

A TEATRO CON MAMMA E PAPÀ
BORGO VALSUGANA TEATRO DI OLLE

sabato 17 novembre 2012 | ore 16.30
La Piccionaia - I Carrara Teatro Stabile di Innovazione

MIMMI E IL PANE
drammaturgia e regia di Ketti Grunchi con Ketti Grunchi assistente alla regia Valentina Brusaferro scenografia e luci Yurij Pevere

sabato 8 dicembre 2012 | ore 16.30
Centro Teatrale Corniani

I TRE PORCELLINI
adattamento, interpretazione e regia di Maurizio Corniani tratta dall’omonima fiaba di Joseph Jacobs

sabato 19 gennaio 2013 | ore 16.30
Accademia Perduta Romagna Teatri

UN TRENO DI PERCHÉ
di Ferruccio Filipazzi e Luciano Giuriola con Ferruccio Filipazzi da un’idea scenica di Tinin Mantegazza

sabato 16 febbraio 2013 | ore 16.30
L’Uovo - Teatro Stabile di Innovazione Onlus

I VESTITI NUOVI DELL’IMPERATORE
liberamente ispirato all’omonima fiaba di Hans Christian Andersen regia di Maria Cristina Giambruno

prezzi

3,00 ingresso unico

Il programma completo della rassegna “A teatro con mamma e papà” sarà disponibile presso le Biblioteche e i Punti di lettura del Sistema Culturale Valsugana Orientale.
28

ingresso riservato alle scolaresche

TEATRO PER LE SCUOLE
TEATRO DEL CENTRO SCOLASTICO DI BORGO venerdì 25 gennaio 2013 | ore 10.30
La Piccionaia - I Carrara Teatro Stabile di Innovazione

LA RAGAZZA OLANDESE
drammaturgia di Giuseppe Bovo, Carlo Presotto, Paola Rossi con Paola Rossi, Anna Novello, Lucia Ferraro, Valentina Rocco regia di Carlo Presotto riservato agli studenti delle scuole superiori
foto Marco Bucciol

TEATRO DEL CENTRO SCOLASTICO DI BORGO venerdì 1 febbraio 2013 | ore 10.30
Tiriteri Teatro dell’Invenzione

LA LUNA E IL TOPOLINO
gioco-teatro di e con Bettino Trevisan liberamente ispirato a Mi mangio la luna di M. Grejniec regia di Alberto Zoina riservato ai bambini delle scuole materne

TEATRO PARROCCHIALE TEZZE DI GRIGNO venerdì 15 febbraio 2013 | ore 14.00
L’Uovo - Teatro Stabile di Innovazione Onlus

I VESTITI NUOVI DELL’IMPERATORE
liberamente ispirato all’omonima fiaba di Hans Christian Andersen regia di Maria Cristina Giambruno riservato ai bambini delle scuole materne

TEATRO PARROCCHIALE TEZZE DI GRIGNO venerdì 22 febbraio 2013 | ore 9.30
Teatro del Vento

STORIE D’ORCHI E STREGHE
narrazione teatrale adatta a un pubblico di bambini e ragazzi di 6/12 anni scritto e recitato da Lando Francini riservato ai bambini delle scuole elementari
29

ingresso riservato alle scolaresche

TEATRO PER LE SCUOLE
TEATRO DEL CENTRO SCOLASTICO DI BORGO martedì 19 marzo 2013 | ore 10.30
NonSoloTeatro

VITA DA TIMIDI
di e con Guido Castiglia regia di Guido Castiglia riservato agli studenti delle scuole medie

TEATRO DEL CENTRO SCOLASTICO DI BORGO mercoledì 20 marzo 2013 | ore 10.30
NonSoloTeatro

UN MAIALINO TUTTO NERO
di e con Guido Castiglia regia di Guido Castiglia riservato ai bambini delle scuole elementari

TEATRO DEL CENTRO SCOLASTICO DI BORGO martedì 16 aprile 2013 | ore 10.30
Compagnia Terzadecade / L’Aquila Signorina

ALFRED WEGENER. FINE TRA I GHIACCI
con Saverio Fattori, Uliana Cevenini, Gabriele Argazzi, Barbara Bonora regia di Barbara Bonora riservato agli studenti delle scuole superiori

prezzi informazioni

3,00 ingresso unico

Biblioteca Comunale di Borgo Valsugana (tel. 0461.754052) Biblioteca Comunale di Grigno (tel. 0461.765414) Il calendario è suscettibile di variazioni per cause di forza maggiore.
Informazioni sul teatro e sul cinema in Trentino nel sito internet: www.trentinospettacoli.it

30

RASSEGNA TEATRALE DIALETTALE 2013 A OLLE
organizzata dalla Filodrammatica di Olle con il contributo della Cassa Rurale di Olle-Samone-Scurelle (CROSS) sabato 12 gennaio | ore 20.45 Filodrammatica “Toblino” di Sarche (TN) sabato 23 febbraio | ore 20.45 Filodrammatica “Doss Caslir” di Cembra (TN)

Ulisse Prinot farmacista de not
di Amendola e Corbucci adattamento e traduzione in dialetto trentino della Compagnia regia di Dario Zanlucchi sabato 26 gennaio | ore 20.45 Associazione teatrale Dolomiti di S. Lorenzo in Banale (TN)

Troppa grazia Sant’Antoni
di Eduardo Scarpetta adattamento e traduzione in dialetto trentino di Riccardo Gottardi regia di Luciano Lona sabato 9 marzo | ore 20.45 Compagnia “Filo Bastia” di Preore (TN)

Meti, ’na suocera en casa
di Franco Roberto sabato 9 febbraio | ore 20.45 Teatro del Centro Scolastico di Borgo Associazione culturale La Baraca di Martignano

La valis de carton
di Antonia Dalpiaz regia di Silvio Maier sabato 23 marzo | ore 20.45 Filodrammatica “San Martino” di Fornace (TN)

Stanze comunicanti
due atti di Alan Ayckbourn traduzione di Pino Tierno con Elena Milani, Adriana Decarli, Antonia Pedrotti, Fabio Bendinelli, Giuseppe Zanella, Mauro Arnoldi regia di Mauro Arnoldi

Liolà
di Luigi Pirandello Adattamento, traduzione in dialetto trentino e regia di Camillo Caresia

inizio spettacoli: ore 20.45 apertura biglietteria: ore 20.00

RASSEGNA DI MUSICA DAL VIVO IN TEATRO “MUSICA D’OLTRE OCEANO”
ASSOCIAZIONE CULTURALE NOTA BENE Teatro del Centro Scolastico di Borgo | ore 21.00 venerdì 19 ottobre 2012 DIRK HAMILTON & THE BLUESMEN BAND (California) domenica 13 gennaio 2013 WILLIE NILE (Buffalo - New York)
ingresso € 10.00, ridotto € 8.00 (tesserati Nota Bene, giovani fino a 20 anni e Soci Cassa Rurale Olle-Samone-Scurelle) prevendita: Borgo Valsugana BAR CUSSO, GALVAN PIANOFORTI, EDICOLA KWORLD e presso gli sportelli della CASSA RURALE OLLE-SAMONE-SCURELLE È possibile prenotare i biglietti inviando una mail a notaprenotabene@yahoo.it info 0461.757145 / 752141 notabene@valsugana.net

31

1982 - 2012 30 anni di spettacolo
in Trentino

Associazione, riconosciuta in base agli artt. 17 e 18 della legge 11 marzo 1972 n. 118 quale persona giuridica privata operante nell’ambito della Provincia di Trento, fra i Comuni di: Ala, Aldeno, Borgo Valsugana, Brentonico, Cavalese, Cles, Grigno, Ledro, Mezzolombardo, Nago-Torbole, Pergine Valsugana, Pinzolo, Riva del Garda, Rovereto, Sarnonico, Tesero, Tione, Trento. Presidente: Loreta Failoni Consiglio Direttivo: Renzo Fracalossi (vicepresidente); Paolo Oss Noser (vicepresidente); Giovanni Garau (consigliere); Maurizio Zeni (consigliere); Leonardo Cantelli (membro aggregato); Carmine Ragozzino (membro aggregato). Sul territorio della Provincia di Trento: • Stagioni di prosa - Stagioni cinematografiche • Stagioni di teatro ragazzi “A Teatro con mamma e papà” • Progetto “Il Piacere dell’Opera” - Formazione del pubblico giovanile alle arti dello spettacolo. Informazioni e segreteria: tel. 0461 420788 - fax 0461 426455 e-mail: coordinamento@cttrento.191.it www.trentinospettacoli.it Uffici: Trento - via Brennero, 139

AIUTA LA CULTURA IN TRENTINO: FREQUENTA I TEATRI E I CINEMA e DESTINA IL TUO

5x1000
al Coordinamento Teatrale Trentino
INDICANDO LA PARTITA IVA 00962560223
non ti costa nulla, ma aiuta a promuovere cultura e spettacolo

Carta riciclata Oikos: 50% fibre riciclate e 50% cellulosa ecologica da foreste gestite responsabilmente. Inchiostri con solventi a base vegetale Realizzazione: Publistampa Arti grafiche, Pergine Valsugana