You are on page 1of 10

Interbranca 1998 - Castelnuovo di Porto - Roma

DICHIARAZIONE D'INTENTI A SOSTEGNO DELL'EDUCAZIONE GIOVANILE NON FORMALE
W.A.Y.M.C.A.; W.Y.W.C.A.; W.O.S.M.; W.A.G.G.G.S.; I.F.R.C.
Sotto il patrocinio di Sua Altezza Reale il Duca di Edimburgo per volontà di:

Castelnuovo di Porto .UNESCO) L’educazione viene promossa attraverso una serie di canali: formali (es. I cambiamenti repentini e radicali a cui la società attuale è sottoposta possono influenzare nettamente i giovani e l’educazione non formale sembra possa avere pari opportunità rispetto all’educazione formale. ma non sembra avere la stessa dignità E’ nostro obiettivo riconoscere il valore universale dell’educazione non formale dei giovani.scuole).famiglia. . tutti interdipendenti e complementari tra loro. e non formali (es. clubs).Interbranca 1998 .Roma L’educazione è un processo lungo una vita che permette il continuo sviluppo delle capacità di un individuo e come membro della società (def. particolarmente attraverso il lavoro delle organizzazioni mondiali per l’educazione dei giovani.movimenti giovanili. media). informali (es. gruppo di pari.

Interbranca 1998 .Castelnuovo di Porto .Roma LA SFIDA CAMBIAMENTI NELLA SOCIETA’ E LORO IMPLICAZIONI SUI GIOVANI Variazione della popolazione in aumento ed in accelerazione evoluzione della famiglia sviluppo di modelli di vita non più corrispondenti alla realtà locale diminuzione delle certezze e della costanza .

Dimensione spirituale (identificazione di valori. capacità e comportamenti: Ottenere l'essenziale per la propria vita (cibo. impiego. consapevolezza. i giovani devono acquisire e sviluppare adeguate conoscenze. autostima Far fronte ai cambiamenti (flessibilità. salute e riparo.Roma Per essere preparati ad affrontare positivamente la società attuale.Interbranca 1998 . senso di sicurezza). mobilità) Adattamento al progresso Migliorare la propria socialità Sentirsi utile alla propria Comunità Essere capaci di cooperare .Castelnuovo di Porto . adattabilità.

Interbranca 1998 . SOLIDALI Sensibili alle difficoltà altrui. costanza.Castelnuovo di Porto . devono essere: AUTONOMI Capacità di scelta e di verifica della propria vita come individui inseriti nella Comunità.Roma Tutti i giovani di qualunque Nazione essi siano. capaci di agire per e con gli altri RESPONSABILI Capaci di prendersi responsabilità per le proprie azioni (consapevolezza. tenacia) DEDICATI Capaci di essere promotori di Valori con coerenza . per essere promotori del proprio sviluppo personale.

giudizio e responsabilità personale .Castelnuovo di Porto .Interbranca 1998 .Roma Partendo dalla definizione dell'UNESCO dell'EDUCAZIONE. di lavoro di gruppo. capacità di risolvere conflitti ♦IMPARARE AD ESSERE Acquisire capacità di agire con progressiva e sempre maggiore autonomia. senso di interdipendenza. possiamo dire che essa è fondata su: ♦IMPARARE A CONOSCERE Conoscenza generale ampia con capacità di approfondire alcuni aspetti specifici (imparare ad imparare) ♦IMPARARE A FARE Acquisire capacità "occupazionale" Acquisire capacità di relazione ♦IMPARARE A VIVERE Sviluppare comprensione.

.Castelnuovo di Porto . RELEGANDO A QUELLA NON FORMALE ED INFORMALE UN RUOLO DI SECONDO PIANO. LA SOCIETA' ATTUALE E' MOLTO PIU' ORIENTATA A DARE MAGGIORE DIGNITA' ALL'EDUCAZIONE FORMALE.Roma Generalmente sembra sia possibile associare all'EDUCAZIONE FORMALE la conoscenza e le capacità lavorative. all'EDUCAZIONE INFORMALE capacità personali e sociali.Interbranca 1998 . all'EDUCAZIONE NON FORMALE capacità per la vita e lo sviluppo di atteggiamenti fondati su un sistema di valori integrato.

.  Metodo per verificare il proprio progresso in confronto ad una fase precedente più che in competizione con gli altri. apprendimento dall'esperienza pratica  avanti e completa i passi in un programma quando si sente pronto a farlo a seconda del suo livello di sviluppo e preparazione. relazionarsi.Castelnuovo di Porto . confrontarsi. L'opinione dei pari è particolarmente importante nelle scelte individuali. Il gruppo di pari offre possibilità di sperimentarsi.Interbranca 1998 . imparare dall'esperienza in maniera naturale. porta GRUPPO DI PARI i giovani desiderano il coinvolgimento in modo naturale.Roma Peculiarità delle Organizzazioni per l'Educazione Non Formale (come i movimenti per i giovani):  GRANDE ENFASI SULL'IMPEGNO E SULLA RESPONSABILITA' DI OGNI INDIVIDUO NEL PERSEGUIRE I PROPRI PROGRESSI PERSONALI  VOLONTARIATO  IMPARARE FACENDO campi pratici di esperienza nella loro particolare area di interesse.  PROGRAMMI PROGRESSIVI l'individuo comincia. assumere incarichi e responsabilità.

dallo stile alle relazioni esterne. . sperimentando progressivamente un insieme di valori personali che guiderà la loro vita. analizzare e capire i valori e le loro conseguenze. SVILUPPO DI LEADERSHIP Le opportunità di assumere incarichi di responsabilità permette ai giovani di sviluppare gradualmente la propria leadership senza dover aspettare di essere “cresciuti”. I giovani hanno l’opportunità di scoprire. Questi sono parte integrante del tessuto dell’ Organizzazione.Roma RAPPORTO GIOVANI .Interbranca 1998 .ADULTI Le Organizzazioni di Educazione Non Formale offrono l’opportunità di stabilire una reale partnership tra i giovani e gli adulti dove entrambi sono volontari e riconoscono di poter imparare l’uno dall’altro. SVILUPPO DI UN SISTEMA DI VALORI Le Organizzazioni per l'Educazione Non Formale si fondano su valori di un’etica tipica dell’ Associazione.Castelnuovo di Porto . dalle attività ai metodi operativi. Questo necessita di stima e rispetto reciproci.

Informale e Non Formale in modo da creare linee guida che vengono incontro ai bisogni educativi dei giovani.Roma AZIONI I cambiamenti della società influenzano sempre più la vita dei giovani e azioni urgenti sono necessarie affinché siano riconosciuti questi cambiamenti.SUPPORTARE ed UTILIZZARE le capacità . per permettere alle prossime generazioni di affrontare le sfide future. - PROMUOVERE L’EDUCAZIONE NON FORMALE COME PARTE ESSENZIALE DEL PROCESSO EDUCATIVO GLOBALE DELL’INDIVIDUO.Castelnuovo di Porto . Gli Autori di queste dichiarazioni si preoccuperanno di: - CERCARE il dialogo con le altre organizzazioni di Educazione Non Formale .Interbranca 1998 . - . le risorse e l’esperienza delle Organizzazioni per l’Educazione Non Formale RINFORZARE gli SCAMBI fra Educazione Formale.