You are on page 1of 3

Il Re della Luce Nera di Emanuele Nicolosi all'alba dell'tempo, nell'tempo prima dell'tempo, prima

che il nostro universo esistesse, esisteva un universo, un mondo, uno spazio e un tempo, in questa landa senza tempo, c'era un grande e vasto cielo, un cielo infinito, la cui vastita sfidava ogni concezione mentale umana... il "Cielo primordiale" detto "il mondo dei cieli", dai locali, era abitato da due razze: i Kirwa, un popolo di umani con le ali di uccello e dotati di poteri magici e sovrannaturali, che avevano la loro civiltà di libertà, una civiltà dove ogni diversità e differenza era accolta e accettata, le terre dei Kirwa, le terre nei cieli, erano terre prospere e fertili,erano le "terre dell'Arcobaleno", terre dove non c'erano schiavi o padroni, dove non c'e il debole e il forte, dove l'amore e libero, senza tabù e limitazioni, dove convivevano assieme ogni Kirwa di ogni specie e tipo, che fosse donna, o omossesuale, o scuro di pelle o dagli occhi a mandorla, ogni diversià era protetta e tutelata dai Kirwa. ma dall'altra parte dell'"mondo dei cieli", erano le "terre nell'cielo" dei Zansar, una razza di mostri, che somigliavano a grandi uccelli antropomorfi eretti, dalle piume di metallo e pietra nera affilata, somigliante all'Ossidiana, voraci di carne umana, la loro società era autoritaria ed elitaria, suddivisa in varie caste e classi, all'livello più basso c'erano gli schiavi, mentre all'livello più altro c'e il "Imperatore dio", un potente imperatore che viene venerato e temuto come una divinità pronta a scatenare la sua ira, i Zansar vivevano nelle "Terre dell'Sole", dell'Sole Nero il cielo primordiale era dilaniato da una feroce e violenta guerra tra i Kirwa e i Zansar, la guerra insaguinava le nuvole e i cieli, ancora ai quei tempi, non esistevano popoli che abitassero le terre o le acque, ai tempi in cui questa storia viene narrata, solo il cielo era abitato da popoli e civiltà, di cui i Kirwa e i Zansar erano i più forti e potenti, che si scontravano in una guerra violenta e devastante, i Kirwa volevano difendere la libertà e la diversità a ogni costo, dalle prepotenze e angherie dei Zansar, autoritari, freddi, oppressivi, ossesionati dalla guerra, dalla violenza e dall'autorità. I Kirwa avevano dalla loro parte, la Magia e le arti magiche, di cui i Kirwa erano bravi a usare e manipolare, mentre i Zansar prediligevano le armi e la forza fisica, quella che avvenne in quei tempi ignoti e remoti, fu una guerra tra il "mondo dell'Arcobaleno" e il "mondo dell'Sole" all'epoca, due soli illuminavano i cieli, il "sole bianco" e il "sole nero", il sole bianco, era governato da una regina potente, una bellissima donna, dai capelli bianchi e la pelle diafana e gli occhi azzurri, il cui corpo emanava luce anche nelle tenebre più profonde... il sole Bianco era la luce positiva, la luce buona, la luce che garantiva la pace, l'amore e la libertà, una luce che voleva bene a tutti, una luce che difendeva la diversità,l'uguaglianza e l'armonia, una luce che difende la Pace, e che ripudia la guerra e la violenza, era legata all'progresso, alla modernità. "il Sole Nero" era governato da un re potente, ma un re cupo, silenzioso, vestito di lunghi manti e spesse corazze aguzze, e da un grossa maschera con corna minacciose, sempre silenze, non parlava mai, con occhi rossi e penetranti, era una luce che non illuminava, era una luce che oscurava, era talmente oscuro che oscurava nelle giornate più luminose. Il "Sole Nero" era la luce negativa, la luce dei potenti, la luce dei tiranni, la luce dei più forti, la luce della Purezza, ma era anche la luce dell'Caos, la luce della guerra, della violenza, della sopraffazione, ma anche legato alla purezza, alla tradizione. nelle terre dei Zansar, Dhe'rhian, un Zansar di alto grado, un "Guerriero Nobile", era insodisfatto di tutto il potere illimitato che aveva il supremo monarca dei Zansar su tutte le terre oscure dei Zansar,

così Dhe'Rian rubò un raggio dell'sole nero, e fuggì, Dhe'Rian arrivò nelle terre dei Kirwa, inizialmente, venne accolto nella "grande città Bianca", la capitale dei Kirwa, una città i cui edifici sono bianchi come le nuvole e azzurri come il cielo illuminato dall'sole dell'mattino, una città dove c'eran ovunque vegetazione e giardini pensili, nella città nera dei Zansar, non c'erano animali o pianti, c'erano solo roccia, fango, melma e terriccio,e alla città Bianca c'erano tanti animali, i Kirwa amavano gli animali, li vedevano, come le loro anime gemelle, i loro prottetori, Dhe'Rian si guardò in giro, vedeva Kirwa di ogni colore, tratto somatico, altezza, larghezza,mentre nella "città Nera" erano tutti uguali, le donne dovevano coprirsi volto e testa,gli schiavi erano sempre nascosti o poco visibili, si muovevano nelle strade solo ricchi e nobili,dopo aver camminato per la "Città Bianca", Dhe'Rian arrivò all'"Palazzo delle grandi nuvole" sede dell'"consiglio dell'Armonia" il governo dei Kirwa, dove c'erano sia "Matriarche", che "Patriarche",così, alle matriarche e patriarchi e saggi consiglieri dei Kirwa, Dhe'Rian fece una proposta, che lui e i Kirwa si mettessero insieme e potessero distruggere definitivamente i Zansar e Dhe'Rian, governare i cieli assieme ai Kirwa, allora Dhe'Rian mostrò come offerta il raggio dell'sole nero, che aveva rubato, ma i Kirwa mostravano orrore e ribrezzo per quell'raggio di luce nera, per i Kirwa, la luce nera e il male supremo, il male assoluto, la minaccia alla pace e alla libertà, allora i Kirwa scacciarono via Dhe'Rian in malo modo. i Kirwa rifiutarono la proposta di Dhe'Rian e Dhe'Rian venne scacciato via dalle terre nell'cielo dei "Kirwa" i Kirwa diedero la caccia a Dhe'Rian perchè era un Zansar, e i Zansar erano da sempre i nemici dei Kirwa, mentre i Zansar diedero la caccia a Dhe'Rian perchè avevano osato ribellarsi alla "Luce nera" e per le leggi dei Zansar, la ribellione alla Luce nera e all'Dio-Imperatore andava punita con la morte... ma Dhe'Rian, si ritrovò odiato e braccato da tutti, sia dai Kirwa che dai Zansar, ogni angolo dei "mondi dei cieli", si dava la caccia a Dhe'Rian, colui che aveva osato sfidare la "luce nera", colui che aveva osato toccare l'intoccabile, colui che aveva osato sfidare il divino, l'onnipotente, allora Dhe'Rian scese dall'cielo e giunse sulla terra, all'epoca in cui si svolge questa storia, sotto i cieli, c'era una vasta, eterna e infinita pianura e landa di montagne, valli e deserti senza vita, fatta di rocce e sabbie, qui Dhe'Rian prese il raggio dell'sole nero, con molta forza raccolta, lo spezzò in due parti,dall'raggio nero spezzato, si formò una scintilla che scatenò un esplosione, una grande esplosione nella superificie della vasta terra primordiale, che non si espanse in cielo, ma solo nell'terreno, e quella scintilla, quella esplosione di energia, creò un universo, il Nostro universo, si esatto, fu la creazione dell'universo, da allora venne creato l'universo in cui attualmente viviamo, si esatto, o gente che ascolta questa storia, l'universo e il mondo nacquero così, vennero creato così, il seme e scintilla che creò l'universo, fu la rottura in due parti dell'raggio dell'sole nero, provocata da Dhe'Rian. Così, Dhe'Rian, sfruttando l'energia scaturita dall'raggio dell'sole nero, creò un suo mondo, un suo universo, di cui Dhe'Rian divenne il capo e tiranno supremo, anzi, ne divenne il Dio, il Dio creatore e dominatore, un intero universo, tutto per lui, tutto comandato da lui. Quando nacque questo nuovo universo, in questo universo il sole bianco e il sole Nero, non era distinti, erano uniti e amalgamati in un solo e unico sole, il "Sole" che gli umani attuali conoscono e guardano ogni giorno, un sole sia bianco che nero, un sole dove la "luce Bianca" e "Nera" si amano e coesistono in armonia e proprio questa armonia che fa esistere l'attuale sole... ancora oggi, quell'tiranno, nell'suo trono, domina su tutta l'umanità, sottomettendola e soggiogandola, con la scusa di volerla "proteggere", di volerne "preservare la purezza" contro il degrado e l'impurità, ancora oggi, viene chiamato "Dio" dagli umani della terra, ma stolti umani, non lo sanno, "Dio" non sanno nemmeno chi sia, "uno che sta lassù" dicono "uno grande e

onnipotente dicono", mentre gli umani giacevano nei loro sogni e nella loro vita, Dhe'Rian, divenuto un Dio, governò per epoche ed ere ed eterni eoni in quell'universo.... per finire questa storia, ancora oggi, esistono i "mondi dei cieli", esistono ancora ed esisteranno sempre, ma si trovano, in un altro luogo, in un altro tempo, lontanto, tanto lontano dalla terra e dalll'nostro universo, e ancora oggi, i Kirwa cercando di ispirare gli umani alla pace, all'amore e all'accettazione dell'diverso, e ancora oggi...combattono contro i Zansar...