You are on page 1of 10

Anno XVIII N.

1 2013

Ilaria Caprioglio

La virt dell'amore materno

gennaio 2013

Il mito dellamore materno


Il mito dell'amore materno, del quale pervasa la nostra societ, non permette di svelare la duplicit di questo sentimento che racchiude in s dedizione e rifiuto, eros e thanatos, potenza procreativa e inadeguatezza femminile. Solo attraverso la conoscenza e l'accettazione del suo dualismo si potr accedere alla virt dell'amore materno, sempre condizionato da contraddizioni e limiti.

Immagine di copertina: Tamara de Lempicka, Maternit (1928)

Tag: Ilaria Caprioglio, inquieti, inquietudine, virt, conoscenza, Umberto Galimberti, depressione post partum, dualismo, matrigna, potenza procreativa.

Sommario
Il mito dellamore materno .......................................................... 1 La virt dellamore materno ........................................................ 3 Lesperienza degli opposti .......................................................... 4 Lamore materno vissuto pericolosamente in solitudine .............. 5 Conoscere la duplicit dei sentimenti per accedere alla virt dell'amore materno. .................................................................... 7 Lautrice ..................................................................................... 8

La virt dellamore materno


La nostra societ pervasa dal mito dell'amore materno, pi che in passato quando generare figli rappresentava un fatto naturale e con naturalezza lo si affrontava. Oggigiorno avere figli, anzi solitamente un unico figlio magari ai supplementari, mentre l'orologio biologico segna il tempo della menopausa, assurto a evento da monitorare e medicalizzare, a volte in modo eccessivo, nei mesi della gestazione durante i quali madre e figlio sono un tutt'uno. Quando con il parto la creatura si separa dal corpo materno le attenzioni proseguono in direzione della prima, dimenticandosi del secondo che troppo spesso resta un corpo da ricucire, rimettere in forma ma raramente da proteggere, riscaldare, accudire a sua volta.

Gustav Klimt, La Speranza II, Museum of Modern Art, New York 3

Lesperienza degli opposti


L'amore materno racchiude quell'ambivalenza di sentimenti, fra i quali la dedizione e il rifiuto, di cui costellata la nostra esistenza. Dovremmo incedere sulla strada che si srotola lungo la vita consapevoli che, per comprendere e accettare noi stessi, necessario fare esperienza degli opposti. Imparando a camminare come funamboli sul filo sottile che separa ogni aspetto contrastante insito in noi, procedendo in equilibrio sul crinale della montagna dal quale possibile cogliere le dualit senza, tuttavia, scivolare verso uno dei due versanti. Ma il bene e il male, il piacere e il dolore sono profondamente intrecciati in un'invisibile disarmonia che, ci spiega il filosofo Galimberti (U. Galimberti, I miti del nostro tempo, ed. Feltrinelli), la nostra cultura trascura distinguendo con troppa semplicit il bene dal male, come se i due non si fossero mai incontrati e affratellati. Viviamo, costantemente, il conflitto della doppia soggettivit che rende labile il limite che divide gli opposti. Il confine sottile che al contempo separa e congiunge eros e thanatos, dove l'amore in quanto a-mors ovvero toglimento di morte (N. Brown) indissolubilmente legato alla vita.

Lamore materno vissuto pericolosamente in solitudine


L'amore materno comprende in s amore e odio, una totale attenzione al figlio che obbliga a compiere delle scelte, de-cidere ovvero tagliare via delle possibilit, sottraendo tempo a noi stesse, alle nostre carriere, al nostro corpo. Nell'affrontare questa esperienza di dualit la donna sola, priva di quella rete di sicurezza costituita, in passato, dalla famiglia matriarcale all'interno della quale il figlio era considerato di tutte, delle nonne, delle zie, delle cugine pi grandi o delle vicine di casa che intrecciavano rapporti affettivi, a volte, ancora pi stretti e profondi.

http://www.pediatric.it/depressione_postpartum.htm Le cronache odierne registrano, continuamente, infanticidi commessi da madri colte da raptus che riversano sull'oggetto del loro amore, che anche la causa del loro disagio, tutta la forza distrutti5

va della quale sono inconsapevolmente capaci, passando all'azione per risolvere il problema come i testi di psicologia insegnano. Poco marcato il limite che separa il cullare dolcemente il proprio bambino, nel cuore della notte, dallo scuoterlo con violenza per mettere, finalmente, a tacere quel pianto disperato che amplifica il nostro senso di inadeguatezza. Inadeguatezza che scaturisce dalla solitudine nella quale viviamo un'esperienza che stravolge, ancora una volta con sentimenti contrastanti, la nostra esistenza.

Anselm Feuerbach, Medea (1870) Monaco - Neue Pinakothek

Conoscere la duplicit dei sentimenti per accedere alla virt dell'amore materno.
Si ripropone la dicotomia fra la potenza procreativa della donna, capace di dare vita, e la sua impotenza nel gestire al meglio i bisogni del neonato, quando diventa altro da lei. Per uscire dalla solitudine del nucleo familiare e sventare quella situazione che, sovente, si liquida come depressione post-partum diventa una necessit imprescindibile conoscere i propri limiti, chiedere aiuto senza percepirsi inadeguate o sconfitte, pretendere delle attenzioni dal nostro compagno.

Walt Disney, Regina Grimilde - Biancaneve Solo attraverso la conoscenza della duplicit di sentimenti, che possono riposare assopiti nell'intimo di una madre, si pu accedere alla virt dell'amore materno, sempre condizionato da quell'ambiguit che fa oscillare per tutta la vita dall'amore al rifiuto verso il figlio, perennemente in bilico fra l'essere madre e l'essere matrigna. 7

Lautrice
Ilaria Caprioglio, avvocato, collabora con riviste giuridiche. E' autrice dei romanzi Milano-Collezioni andata e ritorno dove narra la sua esperienza come modella, Gomitoli srotolati del quale stata realizzata un'edizione d'arte a sostegno dell'Unit Oncologica dell'Ospedale di Savona, Come sopravvivere @ un figlio digitale e del manuale sulla corretta alimentazione di bambini e adolescenti "Mi nutro di vita" (Liberodiscrivere ed.). E' Vice-Presidente dell'associazione -Mi nutro di vita- ideatrice della Giornata Nazionale del Fiocchetto Lilla contro anoressia e bulimia. Promuove progetti nelle scuole sui disturbi del comportamento alimentare e sulle insidie del web. E' sposata e ha tre figli. http://ilariacaprioglio.wetpaint.com/

@Inquietus Inquietus