You are on page 1of 160

Appunti del corso

METODI MATEMATICI
PER LA FISICA I
Claudio Bonati
A.A. 2002/2003
2
Prefazione
Quanto segue `e la trascrizione degli appunti del corso ”Metodi Matematici per la Fisica I” tenuto
nell’anno accademico 2002/2003 dal prof. Luciano Bracci al II anno del Corso di Laurea in Fisica
dell’Universit`a di Pisa.
Aggiunte agli argomenti trattati nel corso originario sono state effettuate principalmente per
dimostrare risultati enunciati senza dimostrazione durante le lezioni. In questo senso i risultati
la cui dimostrazione risultava eccessivamente laboriosa oppure si sarebbe distaccata troppo dal
contesto del corso sono stati dimostrati nelle appendici.
Per poter capire queste note `e necessaria una conoscenza elementare della teoria della misura
e della integrazione secondo Lebesgue (principalmente teoremi di passaggio al limite e teoremi di
Fubini, Tonelli) e di geometria (in effetti non molto di pi` u di sapere cosa sono uno spazio vettoriale
ed una applicazione lineare).
i
Indice
Prefazione i
1 Spazi normati e con prodotto scalare 1
1.1 Definizioni e propriet`a elementari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
1.2 Topologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
1.3 Spazi di Banach . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
1.4 Prodotti scalari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
1.5 Propriet`a elementari degli sp. di Hilbert . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
2 Equazioni differenziali alle derivate parziali 24
2.1 Serie di Fourier . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
2.2 Problema ai limiti per il quadrato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
2.2.1 Caso u
a
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
2.2.2 caso u
F
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
2.3 Problema ai limiti per il cerchio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
2.3.1 caso u
0
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
2.3.2 caso u
F
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
2.3.3 Funzioni armoniche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
2.3.4 Lemma di Green e sue conseguenze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
2.4 Equazione delle onde . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
2.4.1 caso u
f
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
2.4.2 caso u
g
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
2.4.3 caso u
F
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
2.4.4 caso u
a
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
3 Spazi di Hilbert ed Operatori lineari 50
3.1 Geometria degli spazi di Hilbert . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
3.2 Operatori e funzionali lineari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
3.3 Proiettori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
3.4 Particolari classi di operatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
3.5 Trasformata di Fourier . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
3.6 Operatori chiusi e chiudibili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85
A Spazi L
p
94
A.1 Definizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94
A.2 Propriet`a fondamentali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
A.3 Propriet`a di densit`a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
B Convergenza puntuale della serie di Fourier 103
B.1 Criterio di Dirichlet-Jordan . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
B.2 Teorema di Fejer . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
ii
INDICE iii
C Riflessivit`a 110
D Complementi sugli operatori compatti 112
D.1 Teorema dell’alternativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
D.2 Teoria spettrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114
E Problema di Sturm-Liouville 117
E.1 Problemi ai limiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117
E.2 Problema di Sturm-Liouville . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 121
F Conseguenze del lemma di Baire 128
G Il teorema fondamentale del calcolo 132
G.1 Premesse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132
G.2 Il teorema fondamentale del calcolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 139
G.3 Altra dimostrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 147
iv INDICE
Capitolo 1
Spazi normati e con prodotto
scalare
1.1 Definizioni e propriet`a elementari
Definizione 1.1.1. Sia X uno spazio vettoriale sul campo C; una funzione | |
X
: X → R si
chiama norma se valgono
1. se x ∈ X allora |x|
X
≥ 0
2. x = 0 ⇔ |x|
X
= 0
3. se x ∈ X e λ ∈ C allora |λx|
X
= [λ[ |x|
X
4. se x, y ∈ X allora |x +y|
X
≤ |x|
X
+|y|
X
La propriet`a (4) si chiama disuguaglianza triangolare. (Se X `e uno spazio vettoriale su R, nella
(3) si deve avere λ ∈ R)
Definizione 1.1.2. Si chiama spazio normato uno spazio vettoriale su cui sia definita una norma.
La notazione (X, | |
X
) significa che X `e uno spazio normato con norma | |
X
.
Esempio 1.1.1. Sono spazi normati:
1. il campo C considerato come spazio vettoriale su C con come norma il modulo.
2. lo spazio delle funzioni limitate f : A →C dove A `e un insieme, |f|
X
= sup
x∈A
[f(x)[.
3. lo spazio C
n
con la norma |(a
1
, . . . , a
n
)|
X
= [a
1
[ + +[a
n
[.
4. lo spazio C
n
con la norma |(a
1
, . . . , a
n
)|
X
= sup
i=1,...,n
[a
i
[.
5. lo spazio delle funzioni f : R
n
→R continue ed integrabili con la norma |f|
X
=
_
[f(x)[dx
6. lo spazio delle successioni limitate con come norma |¦a
i
¦|
X
= sup
i∈N
[a
i
[.
7. lo spazio delle successioni assolutamente sommabili con come norma |¦a
i
¦|
X
=


i=0
[a
i
[.
Definizione 1.1.3. Siano (X, | |
X
), (Y, | |
Y
) spazi normati, A ⊂ X e f : A → Y una
funzione. Sia ¯ x ∈ X e ∈ Y ; si dice che il limite di f(x) per x che tende a ¯ x `e (in simboli
lim
x→¯ x
f(x) = ) se per ogni > 0 esiste un δ > 0 tale che se x ∈ X∩A e 0 < |x−¯ x|
X
< δ, allora
|f(x) −|
Y
< . Se ∈ Y si scrive lim
x→∞
f(x) = (o, pi` u precisamente, lim
x
X
→∞
f(x) = )
se per ogni > 0 esiste un M tale che se |x|
X
> M e x ∈ A si ha |f(x) −|
Y
< .
1
2 CAPITOLO 1. SPAZI NORMATI E CON PRODOTTO SCALARE
Definizione 1.1.4. Sia (X, | |
X
) uno spazio normato e A ⊂ X. Sia ¯ x ∈ X; si dice che ¯ x `e un
punto di accumulazione per A se per ogni δ > 0 esiste un a ∈ A, a ,= ¯ x tale che |¯ x −a|
X
< δ.
Definizione 1.1.5. Sia (X, | |
X
) uno spazio normato e sia A ⊂ X. Si dice che A `e limitato se
esiste un K > 0 tale che per ogni x ∈ A si abbia |x|
X
< K.
Lemma 1.1.1. Siano (X, | |
X
), (Y, | |
Y
) spazi normati, A ⊂ X, f : A → Y una funzione e
¯ x un punto di accumulazione per A, allora se esiste lim
x→¯ x
f(x) tale limite `e unico.
Dimostrazione. supponiamo per assurdo che esistano due limiti
1
e
2
distinti. Sia = |
1

2
|
Y
/3 > 0; allora esiste un δ
1
> 0 tale che se 0 < |x − ¯ x|
X
< δ
1
e x ∈ A si ha |f(x) −
1
|
Y
< ;
analogamente deve esistere un δ
2
> 0 tale che se 0 < |x−¯ x|
X
< δ
2
e x ∈ A si ha |f(x) −
2
|
Y
< .
Sia δ = min(δ
1
, δ
2
); poich`e ¯ x `e un punto di accumulazione per A, esiste un x
1
∈ A tale che
|x
1
− ¯ x|
X
= η < δ, η > 0. Allora si deve avere
|f(x
1
) −
1
|
Y
< ; |f(x
1
) −
2
|
Y
< (1.1.1)
ma allora
|
1

2
|
Y
= |
1
−f(x
1
)+f(x
1
)−
2
|
Y
≤ |
1
−f(x
1
)|
Y
+|f(x
1
)−
2
|
Y
< 2 =
2
3
|
1

2
|
Y
(1.1.2)
quindi |
1

2
|
Y
= 0 e
1
=
2
.
Analogamente si mostra il seguente
Lemma 1.1.2. Siano (X, | |
X
), (Y, | |
Y
) spazi normati, A ⊂ X non limitato e f : A → Y
una funzione. Allora se esiste lim
x→∞
f(x) tale limite `e unico.
Definizione 1.1.6. Sia (X, | |
X
) uno spazio normato, ¦a
i
¦ una successione in X e ∈ X; si
dice che il limite della successione ¦a
i
¦ `e (lim
n→∞
a
n
= ) se per ogni > 0 esiste un N

tale
che se n > N

, n ∈ N, allora |a
n
−|
X
< .
Lemma 1.1.3. Sia (X, | |
X
) uno spazio vettoriale, ¦a
i
¦ una successione in X che ammette
limite, allora tale limite `e unico.
Dimostrazione. supponiamo esistano due limiti
1
,=
2
, allora fissato = |
1

2
|
X
/3 > 0 esistono
N
1
, N
2
tali che se n > N
1
si ha |a
n

1
|
X
< , mentre se n > N
2
si ha |a
n

2
|
X
< . Si pone
N = max(N
1
, N
2
), si sceglie n > N e si ottiene
|
1

2
|
X
≤ |
1
−a
n
|
X
+|
2
−a
n
|
X
<
2
3
|
1

2
|
X
(1.1.3)
quindi |
1

2
|
X
= 0 e
1
=
2
.
`
E inoltre semplice vedere che se una successione converge a allora anche ogni sua sottosuc-
cessione converge a .
Definizione 1.1.7. Siano (X, | |
X
), (Y, | |
Y
) spazi normati, A ⊂ X e f : A → Y una
funzione. Sia ¯ x ∈ A; si dice che f `e continua in ¯ x se per ogni > 0 esiste un δ > 0 tale che se
x ∈ A `e tale che |¯ x −x|
X
< δ si ha |f(¯ x) −f(x)|
Y
< .
Lemma 1.1.4. Siano (X, | |
X
), (Y, | |
Y
) spazi normati, A ⊂ X e f : A → Y una funzione.
Sia ¯ x ∈ A, allora f `e continua in ¯ x se e solo se lim
x→¯ x
f(x) = f(¯ x).
Dimostrazione. discende immediatamente dalle definizioni.
Lemma 1.1.5. Siano (X, | |
X
), (Y, | |
Y
) spazi normati, A ⊂ X e f : A → Y una funzione.
Sia ¯ x ∈ A; allora f `e continua in ¯ x ⇔ per ogni successione ¦a
n
¦ tale che a
i
∈ A e lim
n→∞
a
n
= ¯ x
si ha lim
n→∞
f(a
n
) = f(¯ x).
1.1. DEFINIZIONI E PROPRIET
`
A ELEMENTARI 3
Dimostrazione. ⇒) sia ¦a
n
¦ una successione tale che lim
n→∞
a
n
= ¯ x. Fissato > 0 sia δ > 0
come nella definizione di continuit`a, allora esiste un N > 0 tale che se n > N si ha |a
n
−¯ x|
X
< δ,
quindi se n > N si ha |f(a
n
) −f(¯ x)|
Y
< , quindi lim
n→∞
f(a
n
) = f(¯ x).
⇐) supponiamo per assurdo che f non sia continua in ¯ x, allora esiste un > 0 tale che per
ogni δ > 0 esiste un x
δ
∈ A tale che |x
δ
− ¯ x|
X
< δ e |f(x
δ
) −f(¯ x)|
Y
≥ . Consideriamo allora la
successione ¦x
1/n
¦, n ∈ N, n > 0. Si vede subito che essa converge a ¯ x e poich`e |f(x
1/n
)−f(¯ x)|
Y

non si pu`o avere lim
n→∞
f(a
n
) = f(¯ x), assurdo.
Teorema 1.1.1. Siano (X, | |
X
), (Y, | |
Y
) spazi normati, A ⊂ X e f, g : A →Y due funzioni.
Se ¯ x ∈ A e f, g sono continue in ¯ x allora f +g `e continua in ¯ x
Dimostrazione. sia > 0, allora esistono δ
1
, δ
2
> 0 tali che se x ∈ A e |x−¯ x|
X
< δ
1
allora |f(x)−
f(¯ x)|
Y
< /2 mentre se |x − ¯ x|
X
< δ
2
allora |g(x) − g(¯ x)|
Y
< /2. Usando la disuguaglianza
triangolare si ha allora se |x − ¯ x|
X
< δ = min(δ
1
, δ
2
) e x ∈ A
|f(x) +g(x) −f(¯ x) −g(¯ x)|
Y
≤ |f(x) −f(¯ x)|
Y
+|g(x) −g(¯ x)|
Y
< (1.1.4)
Analogamente si mostra il seguente:
Lemma 1.1.6. Siano (X, | |
X
), (Y, | |
Y
) spazi normati, A ⊂ X e f, g : A →Y due funzioni
e ¯ x ∈ X. Se lim
x→¯ x
f(x) =
1
e lim
x→¯ x
g(x) =
2
, allora lim
x→¯ x
[f(x) + g(x)] =
1
+
2
. (Un
enunciato analogo vale se lim
x→∞
f(x) =
1
e lim
x→∞
g(x) =
2
).
Teorema 1.1.2. Siano (X, | |
X
), (Y, | |
Y
), (Z, | |
Z
) tre spazi normati, siano A ⊂ X, B ⊂
Y , f : A → Y , g : B → Z, f(A) ⊂ B, ¯ x ∈ A, f continua in ¯ x, g continua in f(¯ x), allora g ◦ f `e
continua in ¯ x.
Dimostrazione. discende immediatamente dalle definizioni.
Definizione 1.1.8. Siano (X, | |
X
), (Y, | |
Y
) spazi normati, A ⊂ X e f : A → Y una
funzione. Si dice che f `e continua se `e continua in ogni punto di A.
Definizione 1.1.9. Siano (X, | |
X
), (Y, | |
Y
) spazi normati, A ⊂ X e f : A → Y una
funzione. Si dice che f `e lipschitziana in A se esiste una costante L > 0 tale che per ogni x, y ∈ A
si ha
|f(x) −f(y)|
Y
≤ L|x −y|
X
(1.1.5)
Lemma 1.1.7. Una funzione lipschitziana `e anche continua.
Dimostrazione. discende immediatamente dalle definizioni.
Teorema 1.1.3. Sia (X, | |
X
) uno spazio normato, allora x → |x|
X
`e una funzione lipschi-
tziana.
Dimostrazione. siano x, y ∈ X, allora usando le propriet`a della norma si ha
|x|
X
= |x +y −y|
X
≤ |x −y|
X
+|y|
X
(1.1.6)
|y|
X
= |y −x +x|
X
≤ |x −y|
X
+|x|
X
(1.1.7)
da cui si ottiene
−|x −y|
X
≤ |x|
X
−|y|
X
≤ |x −y|
X
(1.1.8)
cio`e
[ |x|
X
−|y|
X
[ ≤ |x −y|
X
(1.1.9)
4 CAPITOLO 1. SPAZI NORMATI E CON PRODOTTO SCALARE
Definizione 1.1.10. Sia X uno spazio vettoriale e siano | |
1
, | |
2
due norme su X. Si dice
che esse sono due norme equivalenti se esistono due costanti k, K > 0 tali che per ogni x ∈ X si
ha:
k|x|
1
≤ |x|
2
≤ K|x|
1
(1.1.10)
Lemma 1.1.8. Sia X uno spazio vettoriale e siano | |
1
, | |
2
due norme equivalenti su X.
Sia ¦a
i
¦ una successione in X, allora lim
n→∞
a
n
= secondo la norma | |
1
⇔ lim
n→∞
a
n
=
secondo la norma | |
2
Dimostrazione. ⇒) sia > 0, allora esiste un N > 0 tale che se n > N si ha |a
n
− |
1
< /K
(dove K `e come nella definizione 1.1.10), ma allora |a
n
− |
2
< , quindi lim
n→∞
a
n
= anche
secondo la norma | |
2
.
⇐) dimostrazione analoga.
analogamente si mostrano i seguenti lemmi:
Lemma 1.1.9. Sia X uno spazio vettoriale e | |
X1
, | |
X2
due norme equivalenti su X. Sia Y
uno spazio vettoriale e | |
Y 1
, | |
Y 2
due norme equivalenti su Y . A ⊂ X, f : A →Y , ¯ x ∈ X e
∈ Y , allora sono equivalenti le due affermazioni seguenti
1. lim
x→¯ x
f(x) = considerando (X, | |
X1
), (Y, | |
Y 1
).
2. lim
x→¯ x
f(x) = considerando (X, | |
X2
), (Y, | |
Y 2
).
Lemma 1.1.10. Sia X uno spazio vettoriale e | |
X1
, | |
X2
due norme equivalenti su X. Sia
Y uno spazio vettoriale e | |
Y 1
, | |
Y 2
due norme equivalenti su Y . A ⊂ X, f : A →Y e ¯ x ∈ A
allora sono equivalenti le due affermazioni seguenti
1. f `e continua in ¯ x considerando (X, | |
X1
), (Y, | |
Y 1
).
2. f `e continua in ¯ x considerando (X, | |
X2
), (Y, | |
Y 2
).
1.2 Topologia
Definizione 1.2.1. Se (X, | |
X
) `e uno spazio normato, x ∈ X e r > 0 si chiama palla aperta
di centro x e raggio r l’insieme
B(x, r) = ¦y ∈ X[ |x −y|
X
< r¦ (1.2.1)
Si chiama palla chiusa di centro x e raggio r l’insieme
B(x, r) = ¦y ∈ X[ |x −y| ≤ r¦ (1.2.2)
Definizione 1.2.2. Se (X, | |
X
) `e uno spazio normato e A ⊂ X un insieme, si dice che A `e
aperto se per ogni a ∈ A esiste un r
a
> 0 tale che B(a, r
a
) ⊂ A oppure se A = ∅. Si dice che A `e
chiuso se A
c
`e aperto (dove A
c
`e il complementare di A).
Lemma 1.2.1. Se (X, | |
X
) `e uno spazio vettoriale, x ∈ X e r > 0 allora
1. B(x, r) `e un insieme aperto
2. B(x, r) `e un insieme chiuso.
Dimostrazione. 1) sia y ∈ B(x, r), allora |x − y|
X
= r
1
< r e sia = r − r
1
. Allora B(y, ) ⊂
B(x, r), infatti se z ∈ B(y, ) si ha |y −z|
X
< e quindi
|x −z|
X
= |x −y +y −z|
X
≤ |x −y|
X
+|y −z|
X
< r
1
+ = r (1.2.3)
1.2. TOPOLOGIA 5
2) sia ora y ∈ B(x, r)
c
, allora |y − x|
X
= r
2
> r. Sia δ = r
2
− r, allora B(y, δ) ⊂ B(x, r)
c
,
infatti se |y −z|
X
< δ, allora
|x −y|
X
≤ |x −z|
X
+|z −y|
X
(1.2.4)
e quindi
|x −z|
X
≥ |x −y|
X
−|z −y|
X
> r
2
−δ = r (1.2.5)
quindi B(x, r)
c
`e aperto e B(x, r) `e chiuso.
Teorema 1.2.1. Sia (X, | |
X
) uno spazio normato, allora
1. ∅ e X sono insiemi aperti.
2. l’unione di una famiglia di insiemi aperti `e un insieme aperto.
3. l’intersezione di un numero finito di aperti `e un insieme aperto.
Dimostrazione. le affermazioni (1) e (2) sono immediate. Dimostriamo la (3): per induzione basta
mostrarla nel caso di due insiemi A, B. Se A ∩ B = ∅ la tesi `e vera. Se x ∈ A ∩ B allora esistono

1
,
2
tali che B(x,
1
) ⊂ A e B(x,
2
) ⊂ B. Allora se = min(
1
,
2
) si ha B(x, ) ⊂ A∩ B.
Usando le formule di De Morgan
_
_
i∈I
A
i
_
c
=

i∈I
A
c
i
(1.2.6)
_

i∈I
A
i
_
c
=
_
i∈I
A
c
i
(1.2.7)
si ottiene il seguente
Teorema 1.2.2. Sia (X, | |
X
) uno spazio normato, allora
1. ∅ e X sono insiemi chiusi
2. l’intersezione di una famiglia di insiemi chiusi `e un insieme chiuso
3. l’unione di un insieme finito di insiemi chiusi `e un insieme chiuso.
Teorema 1.2.3. Sia (X, | |
X
) uno spazio normato e A ⊂ X, allora A `e chiuso ⇔ ogni
successione convergente di elementi di A converge ad un elemento di A.
Dimostrazione. ⇒) sia ¦a
i
¦ una successione di elementi tale che a
n
→ y. Si deve mostrare che
y ∈ A. Supponiamo per assurdo che y / ∈ A, allora esiste > 0 tale che B(y, ) ⊂ A
c
e per la
definizione di limite esiste un N tale che, se n > N, a
n
∈ B(y, ), quindi a
N+1
/ ∈ A, contrariamente
all’ipotesi che ¦a
n
¦ sia una successione di elementi di A.
⇐) supponiamo ora che ogni successione convergente di elementi di A converga ad un elemento
di A e supponiamo per assurdo che A non sia chiuso; allora A
c
non `e aperto, quindi esiste x ∈ A
c
tale che per ogni > 0 B(x, ) ,⊂ A
c
, quindi per ogni > 0 esiste un x

∈ A tale che x

∈ B(x, ).
La successione ¦x
1/n
¦ `e allora una successione di elementi di A che converge a x, quindi per ipotesi
x ∈ A, mentre x ∈ A
c
.
Dal teorema 1.2.3 e dal lemma 1.1.8 segue allora immediatamente il seguente teorema
Teorema 1.2.4. Sia X uno spazio normato, | |
1
, | |
2
due norme equivalenti su X e A ⊂ X,
allora
1. A `e chiuso nella norma | |
1
se e solo se `e chiuso nella norma | |
2
.
6 CAPITOLO 1. SPAZI NORMATI E CON PRODOTTO SCALARE
2. A `e aperto nella norma | |
1
se e solo se `e aperto nella norma | |
2
.
Definizione 1.2.3. Sia (X, | |
X
) uno spazio normato e A ⊂ X, allora si chiama chiusura di
A il pi` u piccolo insieme chiuso che contiene A ovvero l’intersezione di tutti gli insiemi chiusi che
contengono A e si indica con A.
Teorema 1.2.5. Sia (X, | |
X
) uno spazio normato e A ⊂ X, A ,= ∅ allora x ∈ A ⇔ esiste una
successione di elementi di A che converge a x.
Dimostrazione. sia C l’insieme cos`ı definito: x ∈ C se esiste una successione di elementi di A
che converge ad x. Dalla definizione segue che dato y ∈ C, per ogni > 0 esiste x

∈ A tale
che |x

− y|
X
< . Mostriamo che C `e chiuso: sia ¦c
(n)
¦ una successione di elementi di C che
converge a c; si deve mostrare che c ∈ C. Consideriamo la successione ¦c
(n)
1/n
¦ di elementi di A:
evidentemente anch’essa converge a c, quindi per definizione c ∈ C. Sia ora D un chiuso tale che
A ⊂ D. Sia ¦a
n
¦ una successione di elementi di A che converge a x; per il teorema 1.2.3 si ha
allora x ∈ D, ma allora C ⊂ D, quindi C `e contenuto in ogni chiuso che contiene A, quindi `e il pi` u
piccolo chiuso che contiene A, cio`e la sua chiusura.
Corollario 1.2.1. Sia (X, | |
X
) uno spazio normato, x ∈ X e r > 0, allora B(x, r) `e la chiusura
di B(x, r).
Dimostrazione. sia y ∈ B(x, r), allora |y −x|
X
≤ r; sia ¦t
n
¦ una successione in R tale che t
n
→1
e [t
n
[ < 1, allora `e semplice vedere che la successione ¦x+t
n
(y −x)¦ `e una successione di elementi
di B(x, r) che converge a y, quindi B(x, r) `e contenuto nella chiusura di B(x, r), ma per il lemma
1.2.1 B(x, r) `e un insieme chiuso, quindi `e la chiusura di B(x, r).
Definizione 1.2.4. Sia (X, | |
X
) uno spazio normato e A ⊂ X. A si dice insieme compatto
(pi` u precisamente compatto per successioni) se da ogni successione di elementi di A si pu`o estrarre
una sottosuccessione che converge ad un elemento di A. Un insieme si dice relativamente compatto
se la sua chiusura `e un insieme compatto.
A causa del lemma 1.1.8, se | |
1
, | |
2
sono due norme equivalenti su X e A ⊂ X, allora A
`e compatto secondo la norma | |
1
se e solo se `e compatto per la norma | |
2
.
Lemma 1.2.2. Sia (X, | |
X
) uno spazio normato e A ⊂ X un insieme compatto, allora A `e
chiuso e limitato.
Dimostrazione. verifichiamo che A `e chiuso: sia ¦a
n
¦ una successione di elementi di A che converge
a x ∈ X, allora esiste una sottosuccessione di ¦a
n
¦ che converge ad un elemento di A, ma ogni
sotosuccessione di ¦a
n
¦ converge ad x, quindi x ∈ A e per il teorema 1.2.3 A `e un insieme chiuso.
Verifichiamo che A `e limitato. Supponiamo per assurdo che A non sia limitato, allora si pu`o
costruire una successione ¦x
n
¦ tale che lim
n→∞
|x
n
|
X
= ∞. Supponiamo esista una sottosucces-
sione ¦x
n
k
¦ convergente a y ∈ X, allora per la continuit`a della norma (teorema 1.1.3) si dovrebbe
avere lim
k→∞
|x
n
k
|
X
= |y|
X
< +∞ mentre lim
k→∞
|x
n
k
|
X
= ∞.
Teorema 1.2.6 (Weierstrass). Sia (X, | |
X
) uno spazio normato, A ⊂ X un insieme compatto
e f : A →R una funzione continua, allora esiste x
m
∈ A in cui f assume il suo valore minimo e
x
M
∈ A in cui f assume il suo valore massimo.
Dimostrazione. sia M = sup
x∈A
f(x) e sia ¦y
n
¦ una successione in A tale che f(y
n
) →M. Per la
compattezza di A, esiste una sottosuccessione y
n
k
che converge ad un elemento di A, sia esso x
M
,
quindi si ha
y
n
k
→x
M
; f(y
n
k
) →M (1.2.8)
poich`e f `e continua, si ha f(x
M
) = lim
k→∞
f(y
n
k
) = M, quindi in x
M
la funzione f assume il suo
massimo. Analogamente si prova l’esistenza del minimo.
1.2. TOPOLOGIA 7
Definizione 1.2.5. Siano (X, | |
X
), (Y, | |
Y
) due spazio normati, A ⊂ X e f : A → Y ; si
dice che f `e uniformemente continua se per ogni > 0 esiste un δ > 0 tale che per ogni x, y ∈ A
si ha
|x −y|
X
< δ ⇒ |f(x) −f(y)|
Y
< (1.2.9)
Evidentemente ogni funzione uniformemente continua `e continua; il viceversa non `e vero (f(x) =
x
2
su (R, [ [) `e continua ma non uniformemente continua).
Teorema 1.2.7 (Heine-Cantor-Borel). Siano (X, | |
X
), (Y, | |
Y
) spazi normati, A ⊂ X un
insieme compatto e f : A →Y una funzione continua, allora f `e uniformemente continua.
Dimostrazione. supponiamo per assurdo che f non sia uniformemente continua, allora esisterebbe
un > 0 tale che per ogni δ > 0 esisterebbero due elementi x
δ
, y
δ
di A tali che
|x
δ
−y
δ
|
X
< δ; |f(x
δ
) −f(y
δ
)|
Y
≥ (1.2.10)
Consideriamo la successione ¦x
1/n
¦ di elementi di A; poich`e A `e compatto esiste una sottosuc-
cessione ¦x
1/n
k
¦ che converge ad a ∈ A. A causa della prima delle relazioni 1.2.10 anche ¦y
1/n
k
¦
converge ad a, ma allora f(x
1/n
k
) → f(a) e f(y
1/n
k
) → f(a) per la continuait`a di f e quindi per
la continuit`a della norma (teorema 1.1.3) si dovrebbe avere
|f(x
1/n
k
) −f(y
1/n
k
)|
Y
→0 (1.2.11)
contrariamente alla seconda disuguaglianza in 1.2.10.
Teorema 1.2.8. Sia X uno spazio vettoriale di dimensione finita, allora in X tutte le norme sono
equivalenti.
Dimostrazione. sia ¦e
1
. . . , e
n
¦ una base di X e definiamo la norma | |
1
come segue
|a
1
e
1
+ +a
n
e
n
|
1
= [a
1
[ + +[a
n
[ (1.2.12)
`e immediato verificare che | |
1
`e effettivamente una norma su X. Verifichiamo ora che l’insieme
S(0, 1) = ¦x ∈ X[ |x|
1
= 1¦ `e un sottoinsieme compatto di X per la norma | |
1
: sia ¦x
(n)
¦ una
successione in S(0, 1), allora |x
(n)
|
1
= 1 quindi le n successioni delle componenti ¦x
(n)
1
¦, . . . , ¦x
(n)
n
¦
sono successioni limitate in R, quindi `e possibile estrarre dalla prima una sottosuccessione con-
vergente in R, sia essa ¦x
(i
(1)
k
)
1
¦; allora la sottosuccessione ¦x
(i
(1)
k
)
2
¦ `e limitata, quindi vi si pu`o
estrarre una sottosuccessione ¦x
(i
(2)
k
)
2
¦ convergente. Procedendo in questo modo n volte si ottiene
un insieme di indici, sia esso i
(n)
k
tale che ¦x
(i
(n)
k
)
j
¦ converge per ogni j = 1, . . . , n ad un elemento
¯ x
j
quando k →∞. A questo punto per come `e stata definita | |
1
`e immediato vedere che
|¯ x
1
e
1
+ + ¯ x
n
e
n
−x
(i
(n)
k
)
1
e
1
− −x
(i
(n)
k
)
n
e
n
|
X
→0 se k →∞ (1.2.13)
cio`e esiste una sottosuccessione convergente di ¦x
(n)
¦. Si deve ora mostrare che l’elemento a cui
tale sottosuccessione tende sia in S(0, 1); per fare ci`o basta mostrare che S(0, 1) `e un insieme
chiuso, ma esso `e intersezione di due chiusi, poich`e
S(0, 1) = B(0, 1)
c
∩ B(0, 1) (1.2.14)
quindi per il teorema 1.2.2 `e un insieme chiuso. Si `e cos`ı visto che S(0, 1) `e un compatto. Sia ora
| | una qualsiasi norma su X; allora
|a
1
e
1
+ +a
n
e
n
| ≤ [a
1
[ |e
1
| + +[a
n
[ |e
n
| ≤ K|a
1
e
1
+ +a
n
e
n
|
1
(1.2.15)
dove K = max(|e
1
|, . . . , |e
n
|), quindi per ogni x ∈ X si ha |x| ≤ K|x|
1
quindi la funzione
x →|x| `e lipschitziana rispetto alla norma | |
1
(per il teorema 1.1.3), in particolare `e continua.
8 CAPITOLO 1. SPAZI NORMATI E CON PRODOTTO SCALARE
Per il teorema di Weierstrass, poich`e S(0, 1) `e compatto, x →|x| assume il suo minimo su S(0, 1)
in un punto x
m
. Poich`e x
m
,= 0 (poich´e |x
m
|
1
= 1 ,= 0) si avr`a |x
m
| = m > 0, quindi |y| ≥ m
per ogni y ∈ S(0, 1). Sia ora x ∈ X, x ,= 0, allora `e immediato vedere che x/|x|
1
∈ S(0, 1) quindi
_
_
_
_
x
|x|
1
_
_
_
_
≥ m (1.2.16)
cio`e |x| ≥ m|x|
1
che insieme a 1.2.15 mostra che le due norme | | e | |
1
sono equivalenti.
Poich`e l’equivalenza tra norme `e una relazione di equivalenza e si `e appena visto che tutte le norme
sono equivalenti a | |
1
, tutte le norme sono equivalenti tra loro.
Il teorema precedente `e falso in dimensione infinita: sia X lo spazio delle funzioni continue e
limitate con derivata continua e limitata. Si vede semplicemente che le seguenti sono norme su X:
|f|
0
= sup
x∈R
[f(x)[ |f|
1
= sup
x∈R
[f(x)[ + sup
x∈R
[f

(x)[ (1.2.17)
Si consideri la successione f
n
=
1
n
sin(nx) si vede semplicemente che f
n
→0 nella norma | |
0
ma
non nella norma | |
1
(poich`e |f
n
|
1
=
1
n
+1) quindi per il lemma 1.1.8 le due norme non possono
essere equivalenti.
Corollario 1.2.2 (Bolzano-Weierstrass). Sia (X, | |
X
) uno spazio di dimensione finita, A ⊂ X
un insieme limitato e chiuso, allora A `e compatto.
Dimostrazione. per il teorema precedente basta mostrare la tesi per la norma | |
1
introdotta
nella dimostrazione precedente. In questo caso la dimostrazione `e identica a quella con cui nel
teorema precedente si `e visto che S(0, 1) `e compatto.
Anche questo teorema non `e in generale vero in dimensione infinita: si consideri lo spazio
B(R) delle funzioni limitate su R con la norma |f| = sup
x∈R
[f(x)[ (norma della convergenza
uniforme). Verifichiamo che l’insieme B(0, 1), chiuso e limitato, non `e compatto: sia f
n
= e
−nx
2
,
allora f
n
∈ B(0, 1) e f
n
converge puntualmente alla funzione f tale che f(0) = 1 e f(x) = 0 se
x ,= 0, ma |f − f
n
| = 1 quindi non esistono sottosuccessioni di ¦f
n
¦ che convergono nella norma
| |, quindi B(0, 1) in questo caso non `e compatto.
In alcuni testi viene citato come teorema di Bolzano-Weierstrass il seguente:
Corollario 1.2.3 (Bolzano-Weierstrass). Sia (X, | |
X
) uno spazio normato di dimensione finita
e sia A ⊂ X un insieme limitato avente un numero infinito di elementi, allora A ha almeno un
punto di accumulazione in X.
Dimostrazione. poich`e A `e limitato, esiste R > 0 tale che A ⊂ B(0, R) e quindi A ⊂ B(0, R),
quindi A `e un insieme chiuso e limitato in uno spazio normato di dimensione finita, quindi per
il teorema di Bolzano-Weierstrass (prima forma) A `e compatto. Poich`e A ha un numero infinito
di elementi, esiste una successione di elementi distinti di A, sia essa ¦x
n
¦. Poich`e A ⊂ A e A
`e compatto, la successione ¦x
n
¦ ammette una sottosuccessione convergente che continueremo ad
indicare con ¦x
n
¦ per semplicit`a di notazione, quindi esite un y ∈ X tale che x
n
→ y, cio`e per
ogni > 0 esiste un N tale che se n > N si ha x
n
∈ B(y, ). Se y `e diverso da x
n
per ogni n `e
allora ovvio che y `e un punto di accumulazione di A. Se esiste un ¯ n tale che y = x
¯ n
, per come `e
stata costruita la successione si ha che se n > max(N, ¯ n) si ha x
n
∈ B(y, ) e x
n
,= y = x
¯ n
quindi
y `e un punto di accumulazione di A
Definizione 1.2.6. Sia (X, | |
X
) uno spazio normato e siano A, B ⊂ X tali che A ⊂ B. Si dice
che A `e denso in B se B ⊂ A.
Dal teorema 1.2.5 segue immediatamente che A `e denso in B se e solo se per ogni b ∈ B, > 0
esiste un a ∈ A tale che a ∈ B(b, ).
1.3. SPAZI DI BANACH 9
Definizione 1.2.7. Sia (X, | |
X
) uno spazio normato e sia A ⊂ X. Si chiama parte interna di
A l’insieme
˚
A costituito dall’unione di tutti gli aperti contenuti in A, ovvero il pi` u grande aperto
contenuto in A.
Dalla definizione segue immediatamente che a ∈
˚
A se e solo se esiste un > 0 tale che B(a, ) ⊂
A.
Lemma 1.2.3. Sia (X, | |
X
) uno spazio normato e A ⊂ X, allora
˚
A = ∅ ⇔ A
c
`e denso in X.
Dimostrazione. ⇒) se
˚
A = ∅ (e A ,= ∅ altrimenti la tesi `e ovvia) per ogni a ∈ A, per ogni > 0 si
ha B(a, ) ∩ A
c
,= ∅, quindi A ⊂ A
c
, ma evidentemente A
c
⊂ A
c
e A
c
∪ A = X, quindi X ⊂ A
c
.
⇐) sia A tale che A
c
sia denso in X (e nuovamente A ,= ∅), allora per ogni a ∈ A, per ogni
> 0 esiste un b ∈ A
c
tale che b ∈ B(a, ) e quindi B(a, ) non `e contenuto completamente in A,
quindi
˚
A = ∅.
1.3 Spazi di Banach
Definizione 1.3.1. Sia (X, | |
X
) uno spazio normato e sia ¦x
n
¦ una successione in X; si
dice che la successione ¦x
n
¦ `e una successione di Cauchy (in alcuni testi si trova successione
fondamentale) se per ogni > 0 esiste un N ∈ N tale che se n, m > N allora si ha |x
n
−x
m
| < .
`
E immediato verificare che se X `e uno spazio vettoriale, | |
1
, | |
2
sono due norme equivalenti
su X e ¦x
n
¦ `e una successione in X, allora ¦x
n
¦ `e una successione di Cauchy per la norma | |
1
se e solo se `e una successione di Cauchy per la norma | |
2
.
Lemma 1.3.1. Sia (X, | |
X
) uno spazio normato e sia ¦x
n
¦ una successione convergente, allora
¦x
n
¦ `e una successione di Cauchy.
Dimostrazione. sia lim
n→∞
x
n
= x, allora per ogni > 0 esiste un N tale che se n > N si ha
|x −x
n
|
X
< /2, quindi se n, m > N si ha
|x
n
−x
m
|
X
≤ |x
n
−x|
X
+|x
m
−x|
X
< (1.3.1)
Definizione 1.3.2. Sia (X, | |
X
) uno spazio normato. Esso si dice completo se ogni successione
di Cauchy converge. Uno spazio normato completo si chiama anche spazio di Banach .
Lemma 1.3.2. Sia X uno spazio vettoriale e siano | |
1
, | |
2
due norma equivalenti su X,
allora X `e completo rispetto a | |
1
se e solo se `e completo rispetto a | |
2
.
Dimostrazione. discende subito dal lemma 1.1.8.
Si user`a il fatto, dimostrato nei corsi di Analisi del primo anno, che lo spazio (R, [ [) `e uno
spazio normato completo.
Teorema 1.3.1. Ogni spazi normato di dimensione finita `e completo.
Dimostrazione. poich`e in dimensione finita tutte le norme sono equivalenti (vedi teorema 1.2.8),
per il lemma 1.3.2 basta dimostrare che X `e completo rispetto ad una particolare norma. Se
¦e
1
, . . . , e
n
¦ `e una base di X, introduciamo la norma
|a
1
e
1
+ +a
n
e
n
|
1
= [a
1
[ + +[a
n
[ (1.3.2)
Sia ora ¦x
(i)
¦ una successione di Cauchy in X rispetto alla norma | |
1
. Si vede subito che allora
le successioni ¦x
(i)
1
¦, . . . , ¦x
(i)
n
¦ delle componenti di x
(i)
sono successioni di Cauchy in R e quindi
convergono ad elementi x
1
, . . . , x
n
. Allora si ha
|x
(i)
−(x
1
e
1
+ +x
n
e
n
)|
1
= [x
(i)
1
−x
1
[ + +[x
(i)
n
−x
n
[ (1.3.3)
10 CAPITOLO 1. SPAZI NORMATI E CON PRODOTTO SCALARE
e poich`e per i →∞ il secondo membro tende a 0 per costruzione si ha che
lim
i→∞
x
(i)
= x
1
e
1
+ +x
n
e
n
(1.3.4)
quindi ogni successione di Cauchy converge e quindi lo spazio `e completo
Corollario 1.3.1. Sia (X, | |
X
) uno spazio normato e sia Y ⊂ X un sottospazio di dimensione
finita, allora Y `e chiuso.
Dimostrazione. usiamo il teorema 1.2.3: sia ¦y
n
¦ una successione di elementi di Y che converge
a y ∈ X; si deve mostrare che y ∈ Y . Poich`e ¦y
n
¦ converge, `e una successione di Cauchy in X,
quindi `e una successione di Cauchy nello spazio normato ottenuto restringendo a Y la norma di
X, quindi ¦y
n
¦ `e una successione di Cauchy nello spazio normato (Y, | |
X|
Y
) che, per il teorema
precedente `e completo, quindi esiste ¯ y ∈ Y tale che y
n
→ ¯ y nello spazio (Y, | |
X|
Y
) ma, per
come tale spazio `e stato costruito, si ha anche evidentemente y
n
→ ¯ y nello spazio (X, | |
X
) e per
l’unicit`a del limite si ha quindi y = ¯ y e quindi y ∈ Y .
Teorema 1.3.2. sia (X, | |
X
) uno spazio normato, allora esiste uno spazio normato completo
ˆ
X
tale che X `e isomorfo ad un sottospazio
˜
X di
ˆ
X tramite l’isomorfismo v → ˆ v, si ha |v|
X
= |ˆ v|
ˆ
X
e
˜
X `e denso in
ˆ
X.
Dimostrazione. sia A l’insieme delle successioni di Cauchy di elementi dello spazio (X, | |
X
).
Siano ¦x
n
¦, ¦y
n
¦ ∈ A, allora scriviamo ¦x
n
¦ ∼ ¦y
n
¦ se lim
n→∞
|x
n
− y
n
|
X
= 0; `e immediato
vedere che ∼ `e una relazione di equivalenza in A; inoltre definendo ¦x
n
¦ + ¦y
n
¦ = ¦x
n
+ y
n
¦,
α¦x
n
¦ = ¦αx
n
¦ l’insieme A diventa uno spazio vettoriale. Poniamo
ˆ
X = A/ ∼, cio`e
ˆ
X `e l’insieme
quoziente di A rispetto alla relazione di equivalenza ∼; se a ∈ A, indichiamo con [a] la classe di
equivalenza cui appartiene a. Siano ora u, v ∈
ˆ
X, allora esistono due successioni di Cauchy di
elementi di X, ¦x
n
¦, ¦y
n
¦ tali che u = [¦x
n
¦], v = [¦y
n
¦]; definiamo allora u + v = [¦x
n
+ y
n
¦]; `e
immediato vedere che questa definizione `e non ambigua, cio`e non dipende dalla particolare scelta
delle successioni ¦x
n
¦, ¦y
n
¦: siano ¦x

n
¦, ¦y

n
¦ due successioni tali che ¦x

n
¦ ∼ ¦x
n
¦ e ¦y

n
¦ ∼ ¦y
n
¦,
allora si ha
lim
n→∞
|x
n
+y
n
−x

n
−y

n
|
X
≤ lim
n→∞
|x
n
−x

n
| + lim
n→∞
|y
n
−y

n
|
X
= 0 (1.3.5)
quindi ¦x
n
+ y
n
¦ ∼ ¦x

n
+ y

n
¦ e quindi u + v = [¦x
n
+ y
n
¦] = [¦x

n
+ y

n
¦]. Analogamente si
vede che se u ∈
ˆ
X, u = [¦x
n
¦], allora ha senso porre αu = [¦αx
n
¦]. Dotato di queste operazioni
l’insieme
ˆ
X diventa uno spazio vettoriale. Se u ∈
ˆ
X, u = [¦x
n
¦] poniamo |u|
ˆ
X
= lim
n→∞
|x
n
|
X
;
poich`e ¦x
n
¦ `e una successione di Cauchy in X e [ |x
n
|
X
−|x
m
|
X
[ ≤ |x
n
−x
m
|
X
(vedi teorema
1.1.3) la successione ¦|x
n
|
X
¦ `e una successione di Cauchy in R, quindi ammette limite, quindi
lim
n→∞
|x
n
|
X
< +∞; inoltre, se ¦x
n
¦ ∼ ¦x

n
¦, si ha [ |x
n
|
X
−|x

n
|
X
[ ≤ |x
n
−x

n
|
X
→0 quindi
lim
n→∞
|x

n
|
X
= lim
n→∞
|x
n
|
X
e quindi la definizione di |u|
ˆ
X
`e non ambigua.
`
E semplice vedere
che | |
ˆ
X
`e una norma nello spazio vettoriale
ˆ
X.
Sia ora x ∈ X, allora la successione ¦y
n
= x¦ `e evidentemente una successione di Cauchy,
quindi ¦y
n
= x¦ ∈ A e quindi [¦y
n
= x¦] ∈
ˆ
X. Poniamo ˆ x = [¦y
n
= x¦].
`
E immediato verificare
che se x ,= y in X, allora ˆ x ,= ˆ y in
ˆ
X, infatti
|ˆ x − ˆ y|
ˆ
X
= lim
n→∞
|x −y|
X
= |x −y|
X
> 0 (1.3.6)
`e anche semplice vedere che ˆ x + ˆ y =

x +y e che αˆ x = ´ αx, quindi la applicazione x → ˆ x `e un
isomorfismo tra lo spazio vettoriale X ed un sottospazio
˜
X di
ˆ
X. Inoltre questo isomorfismo
conserva le norme, infatti
|ˆ x|
ˆ
X
= lim
n→∞
|x|
X
= |x|
X
(1.3.7)
Mostriamo ora che
˜
X `e denso in
ˆ
X: sia y ∈
ˆ
X e [¦y
n
¦] = y, allora y
n
∈ X e quindi ˆ y
n

˜
X e si ha
|y − ˆ y
n
|
ˆ
X
= lim
k→∞
|y
k
−y
n
|
X
(1.3.8)
1.3. SPAZI DI BANACH 11
e poich`e ¦y
n
¦ `e una successione di Cauchy in X, fissato > 0 esiste un N tale che se k, n > N si
ha |y
k
−y
n
|
X
< , quindi |y − ˆ y
N+1
|
ˆ
X
< , quindi
˜
X `e denso in
ˆ
X.
Mostriamo ora che (
ˆ
X, | |
ˆ
X
) `e uno spazio di Banach: sia ¦y
n
¦ una successione di Cauchy in
ˆ
X, quindi fissato > 0, se n, m > N si ha |y
n
−y
m
|
ˆ
X
< /4; sia ˆ x
n

˜
X tale che |y
n
−ˆ x
n
|
ˆ
X
< 1/n
(ci`o `e possibile poich`e si `e appena visto che
˜
X `e denso in
ˆ
X), allora si ha
|x
n
−x
m
|
X
= |ˆ x
n
− ˆ x
m
|
ˆ
X
≤ |ˆ x
n
−y
n
|
ˆ
X
+|y
n
−y
m
|
ˆ
X
+|y
m
− ˆ x
m
|
ˆ
X

1
n
+

4
+
1
m
(1.3.9)
quindi la successione ¦x
n
¦ `e una successione di Cauchy in X, quindi si pu`o porre z = [¦x
n
¦] ∈
ˆ
X
e si ha
|z −y
k
|
ˆ
X
≤ |z − ˆ x
k
|
ˆ
X
+|ˆ x
k
−y
k
|
ˆ
X
≤ lim
n→∞
|x
n
−x
k
|
X
+
1
k
(1.3.10)
Se ora n, k > N > 4/, da 1.3.9 e 1.3.10 si ottiene
|z −y
k
|
ˆ
X

1
n
+

4
+
1
k
+
1
k
< (1.3.11)
quindi lim
k→∞
y
k
= z.
Definizione 1.3.3. Lo spazio (
ˆ
X, | |
ˆ
X
) del teorema precedente si dice completamento dello
spazio (X, | |
X
).
Definizione 1.3.4. Si indica con (([a, b]) lo spazio delle funzioni continue nell’intervallo [a, b],
con ((−∞, ∞) lo spazio delle funzioni continue su tutta la retta reale. Si indica con (
c
([a, b])
il sottoinsieme di (([a, b]) costituito dalle funzioni f tali che f(a) = f(b) = 0; si indica con
(
c
(−∞, ∞) l’insieme delle funzioni f di ((−∞, ∞) tali che esiste un M > 0 tale che f(x) = 0 se
[x[ > M.
Lemma 1.3.3. Lo spazio (
c
([a, b]) con la norma |f|
1
=
_
b
a
[f(x)[dx non `e uno spazio normato
completo.
Dimostrazione. consideriamo ad esempio lo spazio (
c
([−1, 1]) (ovviamente il caso generale si tratta
in modo analogo) e la successione di funzioni
f
n
(x) =
_
_
_
0 su [−1, −1/n]
nx + 1 su (−1/n, 0]
−x + 1 su (0, 1]
(1.3.12)
sia
f(x) =
_
0 su [−1, 0]
−x + 1 su (0, 1]
(1.3.13)
allora `e immediato verificare che |f
n
−f|
1
= 1/(2n), quindi f = lim
n→∞
f
n
, ma f / ∈ (
c
([−1, 1]).
Definizione 1.3.5. Si chiama L
1
(a, b) il completamento dello spazio (
c
([a, b]) con la norma | |
1
del lemma precedente (questa definizione vale anche se a = −∞, b = +∞)
Teorema 1.3.3. Lo spazio L
1
(a, b) `e lo spazio delle funzioni integrabili secondo Lebesgue, in cui
si identificano funzioni uguali quasi ovunque, con la norma
|f|
1
=
_
b
a
[f(x)[dx (1.3.14)
(il teorema `e vero anche se a = −∞, b = +∞)
Dimostrazione. per dimostrare il teorema, si dovrebbe mostrare che lo spazio delle funzioni in-
tegrabili secondo Lebesgue (con l’identificazione della tesi) `e completo rispetto alla norma | |
1
e che (
c
(a, b) `e denso in esso. La dimostrazione di questi fatti `e nella appendice A nel caso pi` u
generale di dimensione n.
12 CAPITOLO 1. SPAZI NORMATI E CON PRODOTTO SCALARE
Teorema 1.3.4 (Weierstrass). Lo spazio V
p
(a, b) dei polinomi in una variabile, `e denso nello
spazio (([a, b]) ([a[, [b[ < ∞) con la norma |f|

= sup
x∈[a,b]
[f(x)[.
Dimostrazione. si dimostrer`a il teorema per il caso [a, b] = [0, 1] poich`e tramite un cambiamento
lineare di variabile ci si pu`o sempre ricondurre a questo caso. Sia f ∈ (([0, 1]); si pu`o supporre
f(0) = f(1) = 0, altrimenti si considera la funzione g(x) = f(x)−f(0)−x[f(1)−f(0)] e se esiste un
polinomio p(x) tale che |g−p|

< allora |f(x)−¦p(x)+f(0)+x[f(1)−f(0)]¦|

= |g−p|

< .
Supponiamo quindi f(0) = f(1) = 0 e prolunghiamo f su [0, 1]
c
ponendo ivi f(x) = 0. Definiamo
ora
δ
n
(x) =
(1 −x
2
)
n
_
1
−1
(1 −x
2
)
n
(1.3.15)
allora δ
n
(x) ≥ 0 e
_
1
−1
δ
n
(x)dx = 1. Definiamo quindi
P
n
(x) =
_
1
0
f(y)δ
n
(y −x)dy =
_
1−x
−x
f(z +x)δ
n
(z)dz (1.3.16)
dalla prima delle due forme risulta che P
n
`e un polinomio nella variabile x. Si ha inoltre P
n
(x) =
_
1
−1
f(z + x)δ
n
(z)dz, infatti se z < −x, allora x + z < 0 e quindi f(x + z) = 0, analogamente se
z > 1 −x, allora z +x > 1 e f(x +z) = 0. Si ha quindi
[P
n
(x)−f(x)[ =
¸
¸
¸
¸
_
1
−1
f(z +x)δ
n
(z)dz −f(x)
_
1
−1
δ
n
(z)dz
¸
¸
¸
¸

_
1
−1
δ
n
(z)[f(x+z)−f(x)[dz (1.3.17)
Poich`e f `e continua su un compatto essa `e uniformemente continua (teorema di Heine-Cantor-
Borel), quindi dato > 0 esiste un δ > 0 tale che se [z[ < δ allora [f(x + z) − f(x)[ < . Risulta
quindi conveniente spezzare la disuguaglianza 1.3.17 in 3 parti:
[P
n
(x) −f(x)[ ≤
_
_
−δ
−1
+
_
δ
δ
+
_
1
δ
_
δ
n
(z)[f(x +z) −f(x)[dz = I
1
+I
2
+I
3
(1.3.18)
si ha
I
2

_
δ
−δ
δ
n
(z)dz ≤
_
1
−1
δ
n
(z)dz = (1.3.19)
inoltre si ha la stima
_
1
−1
(1 −x
2
)
n
dx = 2
_
1
0
(1 −x)
n
(1 +x)
n
dx ≥ 2
_
1
0
(1 −x)
n
dx =
2
n + 1
(1.3.20)
da cui si deduce δ
n
(z) ≤
n+1
2
(1 −z
2
)
n
. Sia M = |f|

, allora si ha
I
3
=
_
1
δ
δ
n
(z)[f(x +z) −f(x)[dz ≤
_
1
δ
2Mδ
n
(z)dz ≤ (1.3.21)

_
1
δ
2M
n + 1
2
(1 −z
2
)
n
dz ≤ M(n + 1)(1 −δ
2
)
n
dove nell’ultimo passaggio si `e usato il fatto che (1−z
2
)
n
`e decrescente su [δ, 1]. Quindi lim
n→∞
I
3
=
0. Analogamente si vede che lim
n→∞
I
1
= 0, quindi esiste un N > 0 tale che [P
N
(x) −f(x)[ < 2
per ogni x e quindi |P
N
−f|

< 2.
`
E semplice vedere che il teorema precedente non `e pi` u vero se, ad esempio, b = ∞: basta
considerare la funzione continua f(x) = e
x
, allora per ogni polinomio p(x) si ha lim
x→+∞
[e
x

p(x)[ = ∞.
1.3. SPAZI DI BANACH 13
Corollario 1.3.2. Sia [a[, [b[ < +∞, e sia V
p
(a, b) lo spazio dei polinomi in una variabile su [a, b],
allora V
p
(a, b) `e denso in L
1
(a, b).
Dimostrazione. sia f ∈ L
1
(a, b), allora, fissato > 0, per definizione esiste una funzione φ ∈
(
c
([a, b]) tale che |f −φ|
1
< /2. Sia ora p(x) un polinomio, allora si ha
|φ −p|
1
=
_
b
a
[φ(x) −p(x)[dx ≤ (b −a) sup
x∈[a,b]
[φ(x) −p(x)[ = (b −a)|φ −p|

(1.3.22)
per il teorema di Waierstrass |φ−p|

pu`o essere reso piccolo a piacere, quindi esiste un polinomio
p(x) tale che |φ −p|
1
< /2 e quindi |f −p|
1
< .
Definizione 1.3.6. Si indica con (

([a, b]) lo spazio delle funzioni di (([a, b]) infinitamente deri-
vabili in (a, b) con derivate prolungabili per continuit`a su [a, b]. Si indica con (

c
([a, b]) l’insieme
delle funzioni di (
c
([a, b]) ∩ (

([a, b]).
Corollario 1.3.3. Se [a[, [b[ < ∞, l’insieme (

([a, b]) `e denso in L
1
(a, b).
Dimostrazione. per il corollario 1.3.2 i polinomi sono densi in L
1
(a, b) e evidentemente i polinomi
sono contenuti in (

([a, b]).
Teorema 1.3.5. Se [a[, [b[ < ∞, allora (

c
([a, b]) `e denso in L
1
(a, b).
Dimostrazione. sia δ > 0 da fissare e definiamo
ω
δ
(x) =
_
Ne

1
(x−a)(a+δ−x)
se x ∈ (a, a +δ)
0 se x ∈ [a +δ, b], x = a
(1.3.23)
ω

δ
(x) =
_
N

e

1
(b−x)(x−b+δ)
se x ∈ (b −δ, b)
0 se x ∈ [a, b −δ], x = b
(1.3.24)
e siano N, N

tali che
_
b
a
ω
δ
(x)dx =
_
b
a
ω

δ
(x)dx = 1. Definiamo quindi
η
δ
(x) =
_
x
a

δ
(t) −ω

δ
(t)]dt (1.3.25)
`
E semplice vedere che η
δ
ha le seguenti propriet`a: η
δ
∈ (

c
([a, b]), 0 ≤ η
δ
≤ 1 e se x ∈ (a+δ, b −δ)
si ha η
δ
(x) = 1.
Sia ora f ∈ L
1
(a, b) e, fissato > 0, sia p(x) un polinomio tale che |f − p|
1
< . Sia ora
M = max
x∈[a,b]
[p(x)[ e scegliamo δ < /M, allora η
δ
(x)p(x) ∈ (

c
([a, b]) e si ha
|f −η
δ
p|
1
≤ |f −p|
1
+|p −η
δ
p|
1
≤ +
_
b
a
[p(x)[(1 −η
δ
(x))dx = (1.3.26)
= +
_
a+δ
a
[p(x)[(1 −η
δ
(x))dx +
_
b
b−δ
[p(x)[(1 −η
δ
(x))dx ≤
≤ +
_
a+δ
a
[p(x)[dx +
_
b
b−δ
[p(x)[dx ≤ + 2δM ≤ 3
Definizione 1.3.7. Dato E ⊂ R
n
si indica con χ
E
la funzione caratteristica dell’insieme E cio`e
la funzione che vale 1 su E e 0 altrove (in taluni testi la funzione caratteristica `e indicata con 1
E
)
Corollario 1.3.4. (

c
([a, b]) `e denso in L
1
(a, b) anche se a = −∞, b = ∞.
14 CAPITOLO 1. SPAZI NORMATI E CON PRODOTTO SCALARE
Dimostrazione. sia f ∈ L
1
(−∞, ∞) e sia f
R
(x) = f(x)χ
[−R,R]
, allora lim
R→∞
[f
R
(x) − f(x)[ = 0
(almeno per q.o. x) e [f −f
R
[ ≤ 2[f[, quindi per il teorema della convergenza dominata
lim
R→∞
_

−∞
[f(x) −f
R
(x)[dx = 0 (1.3.27)
quindi per ogni > 0 esiste un R > 0 tale che |f − f
R
|
1
< e evidentemente f
R
∈ L
1
(−R, R),
quindi esiste una funzione φ ∈ (

c
([−R, R]) tale che
_
R
−R
[f
R
(x) −φ(x)[ ≤ . Prolunghiamo ora φ
ponendo φ(x) = 0 se x ∈ [−R, R]
c
, quindi si ha φ ∈ (

c
(−∞, ∞) e si ha
|f −φ|
1
≤ |f −f
R
|
1
+|f
R
−φ|
1
≤ +
_

−∞
[f
R
(x) −φ(x)[dx = (1.3.28)
= +
_
R
−R
[f
R
(x) −φ(x)[dx ≤ 2
Definizione 1.3.8. Se p ≥ 1 si definisce spazio L
p
(a, b) l’insieme delle funzioni f tali che
_
b
a
[f(x)[
p
dx < ∞ in cui si identificano funzioni ugauali q.o.
Su L
p
(a, b) si definisce la norma | |
p
|f|
p
=
_
_
b
a
[f(x)[
p
dx
_
1/p
(1.3.29)
si pu`o mostrare che | |
p
cos`ı definita `e effettivamente una norma in L
p
(a, b).
Teorema 1.3.6 (Fischer-Riesz). Lo spazio L
p
(a, b) con la norma | |
p
`e uno spazio di Banach
per ogni p ≥ 1, a, b ∈ R (anche a = −∞, b = ∞).
Teorema 1.3.7. (

c
([a, b]) `e denso in L
p
(a, b) per ogni p ≥ 1, per ogni a, b (anche a = −∞, b =
∞).
Teorema 1.3.8 (Disuguaglianza di H¨older). Siano r, s ≥ 1 tali che
1
r
+
1
s
= 1 e siano f ∈ L
r
(a, b),
g ∈ L
s
(a, b), allora fg ∈ L
1
(a, b) e si ha
_
b
a
[f(x)g(x)[dx ≤
_
_
b
a
[f(x)[
r
dx
_
1/r
_
_
b
a
[g(x)[
s
dx
_
1/s
(1.3.30)
il teorema vale anche se a = −∞, b = +∞.
Per i dettagli delle dimostrazioni precedenti ed alcune generalizzazioni si rimanda all’appendice
A.
Corollario 1.3.5. se [a[, [b[ < ∞, e p > q ≥ 1, allora L
p
(a, b) ⊂ L
q
(a, b).
Dimostrazione. se f ∈ L
p
(a, b) allora [f[
q
∈ L
p/q
(a, b) e inoltre p/q > 1, quindi esiste t > 1 tale
che
1
t
+
1
p/q
= 1, allora usando la disuguaglianza di Holder si ha
_
b
a
[f(x)[
q
dx ≤
_
_
b
a
1dx
_
1/t
_
_
b
a
([f(x)[
q
)
p/q
dx
_
q/p
= |f|
q
p
(b −a)
1/t
< ∞ (1.3.31)
Il corollario non `e pi` u vero se [a[, [b[ , < ∞: consideriamo ad esempio a = 1, b = ∞, allora
1/x ∈ L
2
(1, ∞) ma 1/x / ∈ L
1
(1, ∞).
Vedremo ora come sono legate la convergenza puntuale, uniforme ed in norma L
p
(la conver-
genza in norma L
p
`e detta anche convergenza in media di ordine p).
1.3. SPAZI DI BANACH 15
Teorema 1.3.9. Sia f
n
una successione di funzioni di L
p
(a, b) che converge in L
p
(a, b) alla fun-
zione f, allora esiste una sottosuccessione di f che converge a f puntualmente per q.o. x ∈ (a, b)
(il teorema vale anche se a = −∞, b = ∞).
Dimostrazione. vedi appendice A
Esempio 1.3.1. La convergenza in L
p
di una successione di funzioni non implica la convergenza
puntuale (neppure q.o.) della stessa.
Dimostrazione. per ogni i > 0, 0 ≤ j < i definiamo f
j,i
= χ
[j/i,(j+1)/j]
. Indichiamo allora con
¦g
n
¦ la successione f
0,1
; f
0,2
; f
1,2
; f
0,3
; f
1,3
; f
2,3
; . . . ; f
0,n
; . . . ; f
n−1,n
; f
0,n+1
; . . .
`
E semplice vedere
che |f
m,n
|
p
= 1/n
p
, quindi g
n
→ 0 in norma L
p
(0, 1) ed `e altrettanto semplice vedere che per
nessun x ∈ [0, 1] la successione g
n
(x) ammette limite in R.
Teorema 1.3.10. Sia [a, b] un intervallo limitato e sia ¦f
n
¦ un successione di funzioni di L
p
(a, b)
che converge uniformemente a f, allora f
n
→f in L
p
(a, b).
Dimostrazione. per ipotesi per ogni > 0 esiste un N tale che se n > N si ha [f(x) −f
n
(x)[ < ,
quindi
|f −f
n
|
p
=
_
_
b
a
[f(x) −f
n
(x)[
p
dx
_
1/p
≤ (b −a)
1/p
(1.3.32)
quindi |f −f
n
|
p
→0.
Esempio 1.3.2. Se [a, b] non `e limitato la convergenza uniforme non implica la convergenza in
L
p
(a, b).
Dimostrazione. sia f
n
= 1/
p


[0,n]
allora f
n
tende uniformemente a 0. Supponiamo ora che
esista f tale che f
n
→ f in norma L
p
(0, ∞), allora per il teorema 1.3.9 una sottosuccessione di
¦f
n
¦ dovrebbe convergere puntualmente quasi ovunque a f e poich`e ¦f
n
¦ converge uniformemente
a 0 si deve avere f = 0 (in L
p
), ma |f
n
|
p
= 1 per ogni n, quindi non `e possibile che f
n
→0 in L
p
,
poich`e altrimenti dovrebbe aversi |f
n
|
p
→0.
Teorema 1.3.11. Se ¦f
n
¦ `e una successione in L
p
tale che f
n
→f puntualmente e [f
n
(x)[ ≤ g(x),
dove g ∈ L
p
(a, b), allora f
n
→f in L
p
(a, b) (il teorema vale anche se a = −∞, b = ∞).
Dimostrazione. dell’ipotesi [f
n
[ ≤ g e f
n
→ f puntualmente segue che [f[ ≤ g e quindi si ha
[f(x)−f
n
(x)[ →0 puntualmente e [f(x)−f
n
(x)[ ≤ 2g(x), quindi [f −f
n
[
p
≤ 2
p
g
p
∈ L
1
(a, b) quindi
usando il teorema di Lebesgue della convergenza dominata si ottiene che |f −f
n
|
p
→0.
Esempio 1.3.3. La sola convergenza puntuale non implica la convergenza in norma L
p
(a, b).
Dimostrazione. sia
f
n
(x) =
_
0 se x = 0 o 1/n < x ≤ 1
n se 0 < x ≤ 1/n
(1.3.33)
allora f
n
(x) →0 per ogni x ma |f
n
|
p
≥ 1 per ogni n ∈ N e p ≥ 1.
Una importante propriet`a degli spazi completi `e il seguente
Teorema 1.3.12 (delle contrazioni di Banach). Sia (X, | |
X
) uno spazio normato completo e
sia f : X →X tale che esiste 0 ≤ k < 1 tale che per ogni x, y ∈ X si abbia
|f(x) −f(y)|
X
≤ k|x −y|
X
(1.3.34)
(in questo caso f `e detta contrazione ) allora esiste un unico ¯ x ∈ X tale che ¯ x = f(¯ x) (un punto
che abbia questa caratteristica `e detto punto fisso o punto unito) e inoltre dato un generico x
0
∈ x
e costruita la successione ¦x
n
¦ come x
n+1
= f(x
n
) si ha ¯ x = lim
n→∞
x
n
.
16 CAPITOLO 1. SPAZI NORMATI E CON PRODOTTO SCALARE
Dimostrazione. mostriamo innanzitutto l’unicit`a del punto fisso: supponiamo per assurdo che
esistano due distinti punti fissi ¯ x, ¯ y, allora si avrebbe
|¯ x − ¯ y|
X
= |f(¯ x) −f(¯ y)|
X
≤ k|¯ x − ¯ y|
X
(1.3.35)
e poich`e k < 1 si ottiene |¯ x − ¯ y|
X
= 0, assurdo. Mostriamo ora l’esistenza del punto fisso:
sia x
0
∈ X e costruiamo la successione ¦x
n
¦ ponendo x
n+1
= f(x
n
); vediamo che ¦x
n
¦ `e una
successione di Cauchy in (X, | |
X
). Si ha
|x
n
−x
n+1
|
X
= |f(x
n−1
) −f(x
n
)|
X
≤ k|x
n−1
−x
n
|
X
≤ ≤ k
n
|x
0
−f(x
0
)|
X
(1.3.36)
quindi
|x
n
−x
n+p
|
X
≤ |x
n
−x
n+1
+ +x
n+p−1
−x
n+p
|
X

n+p−1

j=n
k
j
|x
0
−f(x
0
)|
X
≤ (1.3.37)

j=n
k
j
|x
0
−f(x
0
)|
X
= k
n

j=0
k
j
|x
0
−f(x
0
)|
X
=
k
n
1 −k
|x
0
−f(x
0
)|
X
(1.3.38)
e, poich`e lim
n→∞
k
n
= 0, la successione ¦x
n
¦ risulta essere una successione di Cauchy, quindi, per
la completezza, esiste un ¯ x ∈ X tale che x
n
→ ¯ x, inoltre per la continuit`a di f (f `e lipschitziana)
si ha
¯ x = lim
n→∞
x
n+1
= lim
n→∞
f(x
n
) = f( lim
n→∞
x
n
) = f(¯ x) (1.3.39)
quindi ¯ x `e il punto fisso cercato.
1.4 Prodotti scalari
Definizione 1.4.1. Sia X uno spazio vettoriale su C; una funzione ( , ) : X X →C si chiama
prodotto scalare se soddisfa le seguenti propriet`a:
1. per ogni x ∈ X si ha (x, x) ∈ R e (x, x) ≥ 0
2. se x ∈ X allora (x, x) = 0 ⇔ x = 0
3. se x, y ∈ X allora (y, x) = (x, y)
4. se x, y ∈ X, λ ∈ C allora (x, λy) = λ(x, y)
5. se x, y, z ∈ X allora (x, y +z) = (x, y) + (x, z)
In alcuni testi quello che qui `e chiamato prodotto scalare viene chiamato prodotto hermitiano,
mentre il nome prodotto scalare viene riservato al caso di spazi vettoriali su R. Inoltre in quasi
tutti i testi di matematica al posto della propriet`a (4) si usa la seguente
(λx, y) = λ(x, y)
Ovviamente tutta la teoria non cambia, essendo ci`o solo questione di nomenclatura.
In taluni testi gli spazi vettoriali con prodotto scalare vengono detti pre-Hilbertiani.
Teorema 1.4.1 (Cauchy-Schwarz). Sia X uno spazio con prodotto scalare, allora per ogni x, y ∈ X
si ha
[(x, y)[ ≤
_
(x, x)(y, y) (1.4.1)
e l’uguaglianza vale solo se x e y sono linearmente dipendenti.
1.4. PRODOTTI SCALARI 17
Dimostrazione. se t ∈ R si ha (x +te

y, x +te

y) ≥ 0. Sviluppando il primo membro si ottiene
(x +te

y, x +te

y) = (x, x +te

y) +t(e

y, x +te

y) =
(x, x) +t(x, e

y) +t(e

y, x) +t
2
(e

y, e

y) =
= (x, x) + 2t1[e

(x, y)] +t
2
(y, y) ≥ 0 (1.4.2)
a questo punto si pu`o scegliere φ in modo che e

(x, y) = [(x, y)[ ottenendo quindi
(x, x) + 2t[(x, y)[ +t
2
(y, y) ≥ 0 (1.4.3)
Affinch`e questa disequazione valga per ogni t ∈ R il discriminante del polinomio di secondo grado
a primo membro deve essere ≤ 0 cio`e si deve avere
[(x, y)[
2
−(x, x)(y, y) ≤ 0 (1.4.4)
da cui si deduce 1.4.1. Inoltre l’uguaglianza in 1.4.1 vale se e solo se [(x, y)[
2
− (x, x)(y, y) = 0,
in questo caso allora l’equazione (x, x) + 2t[(x, y)[ + t
2
(y, y) = 0 ha una soluzione t
0
, ma allora si
avrebbe
(x +t
0
e

y, x +t
0
e

y) = 0 (1.4.5)
quindi per la propriet`a (2) della definizione 1.4.1 si ha allora x +t
0
e

y = 0.
Dimostrazione. per ogni x, y ∈ X si ha |x(x, y) −y|x|
2
|
2
≥ 0 da cui si ottiene subito
|x|
2
(|x|
2
|y|
2
− [(x, y)[
2
) ≥ 0 e quindi [(x, y)[ ≤ |x| |y| (si pu`o supporre |x| ,= 0 poich`e in
questo caso 1.4.1 si riduce a 0=0), inoltre se vale l’uguaglianza si ha (x, y)x − |x|y = 0, cio`e
λx +µy = 0.
Notiamo che nella dimostrazione del precedente teorema la propriet`a (2) della definizione di
prodotto scalare `e stata usata solo per dimostrare la seconda parte della tesi e che quindi la
disuguaglianza 1.4.1 `e valida anche per una funzione ( , ) che non soddisfi la propriet`a (2) della
definizione 1.4.1.
Corollario 1.4.1. Sia X uno spazio con prodotto scalare, allora la funzione x →
_
(x, x) `e una
norma su X.
Dimostrazione. l’unica propriet`a della norma che non risulta immediatamente evidente `e la disu-
guaglianza triangolare. Usando la disuguaglianza di Cauchy-Schwarz si ha
(x +y, x +y) = (x, x) + 21[(x, y)] + (y, y) ≤ (x, x) + 2[(x, y)[ + (y, y) ≤
(x, x) + 2
_
(x, x)(y, y) + (y, y) = [
_
(x, x) +
_
(y, y)]
2
(1.4.6)
da cui si ottiene
_
(x +y, x +y) ≤
_
(x, x) +
_
(y, y) (1.4.7)
che `e la disuguaglianza triangolare.
A causa del corollario precedente ogni spazio X con prodotto scalare `e uno spazio normato
con la norma
_
(x, x) indotta dal prodotto scalare. Si vedr`a ora che il viceversa non `e vero,
cio`e dato uno spazio normato (X, | |
X
) non `e detto esista un prodotto scalare su X tale che
|x|
X
=
_
(x, x).
Teorema 1.4.2. Sia X uno spazio con prodotto scalare ( , ), allora, se x
n
→x e y
n
→y rispetto
alla norma indotta dal prodotto scalare, si ha (x
n
, y
n
) →(x, y).
Dimostrazione. usando la disuguaglianza di Schwarz si ha
[(x
n
, y
n
) −(x, y)[ = [(x
n
, y
n
) −(x
n
, y) + (x
n
, y) −(x, y)[ ≤ [(x
n
, y
n
−y)[ + (1.4.8)
+[(x
n
−x, y)[ ≤ |x
n
| |y
n
−y| +|x
n
−x| |y|
poich`e x
n
→ x, si ha |x
n
| → |x| quindi la successione |x
n
| `e limitata, quindi si ha [(x
n
, y
n
) −
(x, y)[ →0.
18 CAPITOLO 1. SPAZI NORMATI E CON PRODOTTO SCALARE
Teorema 1.4.3. Sia X uno spazio con prodotto scalare e sia | | la norma indotta dal prodotto
scalare, allora se x, y ∈ X vale la seguente (identit`a del parallelogramma)
|x +y|
2
+|x −y|
2
= 2(|x|
2
+|y|
2
) (1.4.9)
Dimostrazione. usando le propriet`a del prodotto scalare si ha:
|x +y|
2
+|x −y|
2
= (x +y, x +y) + (x −y, x −y) =
= (x, x) + (y, y) + (x, y) + (y, x) + (x, x) + (y, y) −(y, x) −(x, y) =
= 2(x, x) + 2(y, y) = 2|x|
2
+ 2|y|
2
A questo punto si pu`o vedere che non tutte le norme derivano da un prodotto scalare: sia
X = B(R) lo spazio delle funzioni limitate su R e sia |f|
X
= sup
x∈R
[f(x)[: consideriamo ora le
due funzioni
f
1
=
_
1 se x ≥ 0
0 se x < 0
f
2
=
_
0 se x ≥ 0
1 se x < 0
(1.4.10)
allora si ha |f
1
+f
2
|
2
X
= |f
1
−f
2
|
2
X
= 1, |f
1
|
2
X
= 1 e |f
2
|
2
X
= 1 quindi
|f
1
+f
2
|
2
X
+|f
1
−f
2
|
2
X
= 2 ,= 4 = 2(|f
1
|
2
X
+|f
2
|
2
X
) (1.4.11)
quindi non `e soddisfatta la relazione 1.4.9 e quindi non esiste nessun prodotto scalare su X che
induca la norma | |
X
.
Teorema 1.4.4. Sia X uno spazio con prodotto scalare ( , ) e sia | | la norma indotta dal
prodotto scalare, allora vale la seguente (formula di polarizzazione)
4(x, y) = |x +y|
2
−|x −y|
2
−i|x +iy|
2
+i|x −iy|
2
(1.4.12)
Dimostrazione. si ha
|x +y|
2
= (x +y, x +y) = |x|
2
+|y|
2
+ 21(x, y) (1.4.13)
e analogamente
|x +iy|
2
= (x +iy, x +iy) = |x|
2
+|iy|
2
−2·(x, y) (1.4.14)
Usando l’identit`a del parallelogramma si ha allora
41(x, y) = 2|x +y|
2
−2|x|
2
−2|y|
2
= |x +y|
2
−|x −y|
2
(1.4.15)
−4·(x, y) = 2|x +iy|
2
−2|x|
2
−2|iy| = |x +iy|
2
−|x −iy|
2
(1.4.16)
da cui si ottiene 1.4.12.
Teorema 1.4.5 (von Neumann). Sia (X, | |
X
) uno spazio normato tale che la norma | |
X
soddisfi l’identit`a del parallelogramma 1.4.9, allora esiste un prodotto scalare su X che induce la
norma | |
X
.
Dimostrazione. per il teorema precedente se un prodotto scalare come nella tesi esiste esso deve
essere
(x, y) =
1
4
[|x +y|
2
X
−|x −y|
2
X
−i|x +iy|
2
X
+i|x −iy|
2
X
] (1.4.17)
Mostriamo che questo `e effettivamente un prodotto scalare: per ogni x si ha
(x, x) =
1
4
[4|x|
2
X
−i[(1 +i)[
2
|x|
2
X
+i[(1 −i)[
2
|x|
2
X
] = |x|
2
X
(1.4.18)
1.4. PRODOTTI SCALARI 19
quindi `e evidente che (x, x) ≥ 0 e (x, x) = 0 ⇔ x = 0. Inoltre
(y, x) =
1
4
[|y +x|
2
X
−|y −x|
2
X
−i|y +ix|
2
X
+i|y −ix|
2
X
] = (1.4.19)
=
1
4
[|y +x|
2
X
−|y −x|
2
X
−i[i[
2
|x −iy|
2
X
+i[ −i[
2
|x +iy|
2
X
] = (x, y) (1.4.20)
dimostriamo ora che (x, y +z) = (x, y) + (x, z): usando l’identit`a del parallelogramma si ha
(x, y) + (x, z) =
1
8
[2|x +y|
2
X
−2|x −y|
2
X
−2i|x +iy|
2
X
+ 2i|x −iy|
2
X
+
+2|x +z|
2
X
−2|x −z|
2
X
−2i|x +iz|
2
X
+ 2i|x −iz|
2
X
] =
=
1
8
[|2x +y +z|
2
X
+|y −z|
2
X
−|2x −y −z|
2
X
−|y −z|
2
X

−i|2x +iy +iz|
2
X
−i|iy −iz|
2
X
+i|2x −iy −iz|
2
X
+i|iy −iz|
2
X
] =
=
1
8
[|2x +y +z|
2
X
−|2x −y −z|
2
X
−i|2x +iy +iz|
2
X
+i|2x −iy −iz|
2
X
] =
=
1
16
[2|2x +y +z|
2
X
+ 2|y +z|
2
X
−2|y +z|
2
X
−2|2x −y −z|
2
X

−2i|2x +iy +iz|
2
X
−2i|iy +iz|
2
X
+ 2i|iy +iz|
2
X
+ 2i|2x −iy −iz|
2
X
] =
=
1
16
[|2x + 2y + 2z|
2
X
+|2x|
2
X
−|2x|
2
X
−|2x −2y −2z|
2
X

−i|2x + 2iy + 2yz|
2
X
−i|2x|
2
X
+i|2x|
2
X
+i|2x −2iy −2iz|
2
X
] =
=
1
4
[|x + (y +z)|
2
X
−|x −(y +z)|
2
X
−i|x +i(y +z)|
2
X
+i|x −i(y +z)|
2
X
] =
= (x, y +z)
Servir`a per il seguito notare che, poich`e la norma `e una funzione continua (teorema 1.1.3), la
funzione (x, y) come definita in 1.4.17, fissato x ∈ X, `e una funzione continua di y. Dal fatto che
(x, y + z) = (x, y) + (x, z) segue per induzione che per ogni n ∈ N si ha (x, ny) = n(x, y); inoltre
`e immediato vedere che si ha (x, −y) = −(x, y), quindi per ogni intero m si ha (x, my) = m(x, y);
sia ora z =
p
q
y, con p, q interi, allora si ha
q(x, z) = (x, zq) = (x, py) = p(x, y) (1.4.21)
e quindi
(x,
p
q
y) =
p
q
(x, y) (1.4.22)
da cui si ottiene che per ogni razionale r ∈ Q si ha (x, ry) = r(x, y). Sia ora λ un numero reale
e sia ¦r
n
¦ una successione di numeri razionali tale che r
n
→ λ, allora per la continuit`a di (x, y)
rispetto a y si ha
(x, λy) = (x, lim
n→∞
r
n
y) = lim
n→∞
(x, r
n
y) = lim
n→∞
r
n
(x, y) = λ(x, y) (1.4.23)
`
E inoltre immediato vedere che (x, iy) = i(x, y) e in modo analogo a come si `e dimostrata la
1.4.23 si vede allora che per ogni µ reale si ha (x, iµy) = iµ(x, y) da cui, insieme a 1.4.23 e
(x, y +z) = (x, y) +(x, z) si deduce allora che per ogni numero complesso η si ha (x, ηy) = η(x, y),
che conclude la dimostrazione.
Corollario 1.4.2. Sia (X, | |
X
) uno spazio normato, allora esiste un prodotto scalare su X che
induce la norma | |
X
se e solo se essa soddisfa l’identit`a del parallelogramma.
Dimostrazione. segue dai teoremi 1.4.3 e 1.4.5.
20 CAPITOLO 1. SPAZI NORMATI E CON PRODOTTO SCALARE
Corollario 1.4.3. Gli spazi L
p
hanno la norma che deriva da un prodotto scalare se e solo se
p = 2.
Dimostrazione. `e immediato vedere che la norma L
2
deriva dal prodotto scalare
(f, g)
2
=
_
f(x)g(x)dx (1.4.24)
consideriamo le funzioni
f
1
=
_
1 se x ∈ [0, 1]
0 se x ∈ [0, 1]
c
f
2
=
_
1 se x ∈ [−1, 0]
0 se x ∈ [−1, 0]
c
(1.4.25)
quindi |f
1
+f
2
|
p
= |f
1
−f
2
|
p
=
p

2 e |f
1
|
p
= |f
2
|
p
= 1 e l’identit`a del parallelogramma diventa
2(2)
2/p
= 4 che `e soddisfatta se e solo se p = 2.
1.5 Propriet`a elementari degli sp. di Hilbert
Definizione 1.5.1. Si dice che lo spazio vettoriale X munito del prodotto scalare ( , ) `e uno spazio
di Hilbert se `e completo rispetto alla norma indotta dal prodotto scalare.
Teorema 1.5.1. Lo spazio L
2
(a, b) munito del prodotto scalare
(f, g) =
_
b
a
f(x)g(x)dx (1.5.1)
`e uno spazio di Hilbert.
Dimostrazione. l’espressione 1.5.1 `e ben definita per la disuguaglianza di Holder e si verifica im-
mediatamente che `e un prodotto scalare su L
2
(a, b) e che genera la norma | |
2
rispetto a cui
L
2
(a, b) `e uno spazio completo ( vedi teorema 1.3.6).
Definizione 1.5.2. Sia H uno spazio di Hilbert e sia V = ¦x
n
¦ un insieme di vettori di H. Si
dice che l’insieme V `e completo se lo spazio delle combinazioni lineari finite di elementi di V `e
denso in H. Un insieme completo di vettori di H si dice base di H se `e composto da elementi
linearmente indipendenti .
Serve osservare il seguente fatto: sia X uno spazio vettoriale che munito del prodotto scalare
( , ) diviene uno spazio di Hilbert H, allora se l’insieme V `e una base dello spazio di Hilbert H non
`e detto che V sia una base dello spazio vettoriale X, infatti se V `e una base dello spazio vettoriale
X allora ogni elemento di X pu`o essere scritto come combinazione lineare finita di elementi di V ,
mentre se V `e una base per lo spazio di Hilbert H allora ogni elemento di H pu`o essere scritto
come limite di una successione di combinazioni lineari finite di elementi di V .
Lemma 1.5.1. Sia H uno spazio di Hilbert e sia V = ¦v
n
¦ un insieme completo di vettori, allora
se (v, v
n
) = 0 per ogni v
n
∈ V si ha v = 0.
Dimostrazione. dato v ∈ H tale che (v, v
n
) = 0 per ogni v
n
∈ V , per ipotesi esiste una successione
di combinazioni lineari finite di elementi di V che converge a v, sia essa ¦f
n
¦, allora si ha
|v|
2
= (v, v) = (v, lim
n→∞
f
n
) = lim
n→∞
(v, f
n
) = lim
n→∞
N
n

k=1
a
k
(v, v
k
) = 0 (1.5.2)
quindi v = 0.
Definizione 1.5.3. Sia H uno spazio di Hilbert, un insieme ¦e
k
¦ di vettori si dice ortonormale
se (e
i
, e
j
) = δ
ij
dove δ
ij
vale 0 se i ,= j e 1 altrimenti.
1.5. PROPRIET
`
A ELEMENTARI DEGLI SP. DI HILBERT 21
Teorema 1.5.2 (Disuguaglianza di Bessel). Sia H uno spazio di Hilbert e sia ¦e
k
¦ una successione
di vettori ortonormali, allora per ogni v ∈ H si ha

k=1
[(e
k
, v)[
2
≤ |v|
2
(1.5.3)
Dimostrazione. si ha, fissato N,
0 ≤
_
_
_
_
_
v −
N

k=1
(e
k
, v)e
k
_
_
_
_
_
2
= |v|
2
+
N

k=1
[(e
k
, v)[
2

N

k=1
(v, (e
k
, v)e
k
) − (1.5.4)

N

k=1
((e
k
, v)e
k
, v) = |v|
2
+
N

k=1
[(e
k
, v)[
2
−2
N

k=1
[(e
k
, v)[
2
=
= |v|
2

N

k=1
[(e
k
, v)[
2
quindi

N
k=1
[(e
k
, v)[
2
≤ |v
2
| per ogni N, quindi vale la relazione 1.5.3.
Corollario 1.5.1. Sia H uno spazio di Hilbert e sia ¦e
k
¦ una successione ortonormale di vettori,
allora per ogni v ∈ H si ha lim
n→∞
[(e
n
, v)[ = 0.
Teorema 1.5.3. Sia H uno spazio di Hilbert e sia V = ¦v
n
¦ una successione di vettori tale che
se (v
n
, v) = 0 per ogni n allora v = 0, allora V `e un insieme completo in H.
Dimostrazione. dalla definizione di insieme completo segue che si pu`o supporre senza restrizione
che tutti gli elementi di V siano linearmente indipendenti. Costruiamo la successione di vettori
¦e
k
¦ definiti da
e
1
=
v
1
|v
1
|
; e
2
=
v
2
−(e
1
, v
2
)e
1
|v
2
−(e
1
, v
2
)e
1
|
; ; e
k
=
v
k

k−1
i=1
(e
i
, v
k
)e
i
|v
k

k−1
i=1
(e
i
, v
k
)e
i
|
(1.5.5)
la successione precedente `e ben definita in quanto se uno dei denominatori si annullasse si otterrebbe
che i vettori ¦v
n
¦ non sono indipendenti, come si `e invece supposto.
`
E inoltre immediato notare
che i vettori ¦e
i
¦ sono ortonormali. Vediamo ora che le relazioni precedenti sono invertibili ed in
particolare che ogni v
i
si pu`o scrivere come combinazione lineare di e
1
, , e
i
: per i = 1 ci`o `e
ovvio, supponiamo ora che la affermazione sia vera per i = k −1, allora usando la formula generale
1.5.5 `e immediato vedere che `e vera anche per i = k e quindi la affermazione `e vera per ogni i,
quindi
v
k
= α
1
e
1

1
e
2
+ +α
k
e
k
(1.5.6)
Analogamente si vede che per ogni k si ha e
k
= β
1
v
1
+ +β
k
v
k
, quindi `e immediato vedere per
induzione che (v, e
n
) = 0 per ogni n ⇔ (v, v
n
) = 0 per ogni n, quindi `e sufficiente mostrare il
teorema per V = ¦e
n
¦. Sia ora v ∈ H e definiamo v
(n)
=

n
k=1
(e
k
, v)e
k
; se N > M si ha allora
|v
(N)
−v
(M)
|
2
= |
N

k=M+1
(e
k
, v)e
k
|
2
=
N

M+1
[(e
k
, v)[
2
(1.5.7)
per la disuguaglianza di Bessel la successione ¦

N
k=1
[(e
k
, v)[
2
¦ `e convergente in R, quindi `e una
successione di Cauchy; di conseguenza ¦v
(n)
¦ `e una successione di Cauchy in H, quindi esiste un
f ∈ H tale che v
(n)
→f. Per concludere la dimostrazione baster`a mostrare che f = v. Si ha
(e
n
, f −v) = (e
n
, f) −(e
n
, v) = (e
n
, lim
N→∞
v
(N)
) −(e
n
, v) = (1.5.8)
lim
N→∞
(e
n
, v
(N)
) −(e
n
, v) = (e
n
, v)(e
n
, e
n
) −(e
n
, v) = 0
(dove si `e usato il fatto che gli ¦e
k
¦ sono una successione ortonormale) quindi dall’ipotesi segue
f = v.
22 CAPITOLO 1. SPAZI NORMATI E CON PRODOTTO SCALARE
Dal lemma 1.5.1 e dal teorema precedente segue
Corollario 1.5.2. Sia H uno spazio di Hilbert e sia V = ¦x
n
¦ una successione di vettori, allora
V `e completo se e solo se l’unico v ∈ H tale che (x
n
, v) = 0 per ogni n `e v = 0.
Nella dimostrazione del teorema 1.5.3 si `e in effetti mostrato di pi` u di quanto affermato nella
tesi: si `e mostrato anche
Teorema 1.5.4. Sia H uno spazio di Hilbert e sia V = ¦e
n
¦ una successione ortonormale completa
(quindi una base ortonormale numerabile) allora per ogni v ∈ V si ha
v =

i=1
(e
i
, v)e
i
(1.5.9)
la serie a secondo membro `e detta serie di Fourier .
Il precedente teorema pu`o anche essere dedotto dal seguente (vedi dimostrazione corollario
1.5.3).
Teorema 1.5.5. Sia H uno spazio di Hilbert e ¦e
i
¦ una successione ortonormale (non necessa-
riamente completa). Siano ora v ∈ H e α
i
∈ C, allora il valore di
_
_
_
_
_
v −
N

i=1
α
i
e
i
_
_
_
_
_
2
(1.5.10)
`e minimo se e solo se α
i
= (e
i
, v) ed il minimo vale |v|
2

N
i=1
[(e
i
, v)[
2
.
Dimostrazione. si ha
|v −
N

i=1
α
1
e
1
|
2
= |v|
2
+
N

i=1

i
[
2

N

i=1
(v, e
i

i

n

i=1
(e
i
, v)α
i
= (1.5.11)
= |v|
2

N

i=1
[(e
i
, v)[
2
+
N

i=1

i
−(e
i
, v)[
2
da cui si deduce il teorema.
Corollario 1.5.3 (identit`a di Parsevall). Sia H uno spazio di Hilbert e ¦e
i
¦ una successione di
vettori ortonormali, allora ¦e
i
¦ `e completo ⇔ per ogni v ∈ H si ha |v|
2
=


1
[(e
i
, v)[
2
.
Dimostrazione. ⇒) Se ¦e
i
¦ `e completo allora lo spazio delle combinazioni lineari finite degli ¦e
i
¦
`e denso in H e quindi per il teorema precedente si ha lim
n→∞
|v −

n
i=1
(e
i
, v)e
i
| = 0, cio`e
v = lim
n→∞

n
i=1
(e
i
, v)e
i
(altra dimostrazione del teorema 1.5.4) e quindi per la continuit`a della
norma si ha
|v|
2
= lim
n→∞
|
n

i=1
(e
i
, v)e
i
|
2
= lim
n→∞
n

i=1
[(e
i
, v)[
2
=

i=1
[(e
i
, v)[
2
(1.5.12)
⇐) Se v ∈ H, allora (usando il teorema precedente) |v−

n
i=1
(e
i
, v)e
i
|
2
= |v|
2

n
i=1
[(e
i
, v)[
2
e quest’ultima espressione tende a 0 per n → ∞ a causa della identit`a di Parsefall, ma allora
v = lim
n→∞


i=1
(e
i
, v)e
i
e quindi ¦e
i
¦ `e un insieme completo.
Riassumendo, per le successioni ortonormali si ha il seguente teorema:
Teorema 1.5.6 (Fischer-Riesz). Sia H uno spazio di Hilbert e ¦e
i
¦ una successione ortonormale,
allora sono fatti equivalenti
1. per ogni x, y ∈ H si ha (x, y) =


i=1
(e
i
, x)(e
i
, y).
1.5. PROPRIET
`
A ELEMENTARI DEGLI SP. DI HILBERT 23
2. per ogni x ∈ H si ha |x|
2
=


i=1
[(e
k
, x)[
2
.
3. ¦e
i
¦ `e un insieme completo.
4. se (e
i
, v) = 0 per ogni i allora v = 0.
5. per ogni x ∈ H si ha x =


i=1
(e
i
, x)e
i
.
Dimostrazione. 1⇒2) ovvia.
2⇒3) dimostrato nel corollario 1.5.3.
3⇒4) vedi corollario 1.5.2.
4⇒5) vedi corollario 1.5.2 e teorema 1.5.4.
5⇒1) usando la continuit`a del prodotto scalare (teorema 1.4.2) si ha:
(x, y) = ( lim
n→∞
n

i=1
(e
i
, x)e
i
, y) = lim
n→∞
n

i=1
(e
i
, x)(e
i
, y) =
+∞

i=1
(e
i
, x)(e
i
, y) (1.5.13)
Teorema 1.5.7. Sia H uno spazio di Hilbert e ¦e
n
¦ una successione ortonormale completa, allora,
dati α
n
∈ C, la serie


n=1
α
n
e
n
converge se e solo se converge la serie


n=1

n
[
2
.
Dimostrazione. si ha
|
N

n=1
α
n
e
n

M

n=1
α
n
e
n
|
2
= |
N

M+1
α
n
e
n
|
2
=
N

M+1

n
[
2
(1.5.14)
quindi la successione

N
n=1
α
n
e
n
`e di Cauchy se e solo se la successione

N
i=1

n
[
2
`e di Cauchy.
Capitolo 2
Equazioni differenziali alle
derivate parziali
Si assumer`a da ora in avanti una minima conoscenza della funzione esponenziale complessa e della
sua relazione con le funzioni trigonometriche. Sostanzialmente si user`a il fatto che per l’esponenziale
complesso valgono le relazioni (z
1
, z
2
∈ C, x ∈ R)
e
z
1
e
z
2
= e
z
1
+z
2
e
ix
= cos x +i sin x
per la dimostrazione di questi fatti elementari usando le serie di potenze si rimanda alle primissime
pagine del testo [8] della bibliografia (o ad un qualunque altro testo che tratti di funzioni analitiche
complesse).
2.1 Serie di Fourier
Teorema 2.1.1 (Lemma di Riemann-Lebesgue). Sia f ∈ L
1
(−∞, +∞) allora (per α ∈ R) si ha
lim
α→∞
_
+∞
−∞
f(x)e
iαx
dx = 0 (2.1.1)
Dimostrazione. fissato > 0, poich`e (

c
(−∞, ∞) `e denso in L
1
(−∞, +∞), si pu`o scegliere φ ∈
(

c
(−∞, +∞) tale che
_
+∞
−∞
[f(x) − φ(x)[dx < ; sia inoltre (a, b) un intervallo limitato tale che
φ(x) = 0 se x ∈ (a, b)
c
, allora si ha
¸
¸
¸
¸
_
+∞
−∞
f(x)e
iαx
dx
¸
¸
¸
¸

¸
¸
¸
¸
_
+∞
−∞
[f(x) −φ(x)]e
iαx
dx
¸
¸
¸
¸
+
¸
¸
¸
¸
_
+∞
−∞
φ(x)e
iαx
dx
¸
¸
¸
¸
≤ (2.1.2)
_
+∞
−∞
[f(x) −φ(x)[dx +
¸
¸
¸
¸
¸
_
b
a
φ(x)e
iαx
dx
¸
¸
¸
¸
¸
≤ +
¸
¸
¸
¸
¸
_
b
a
φ(x)e
iαx
dx
¸
¸
¸
¸
¸
Valutiamo ora l’ultimo integrale: integrando per parti si ha
¸
¸
¸
¸
¸
_
b
a
φ(x)e
iαx
dx
¸
¸
¸
¸
¸
=
¸
¸
¸
¸
¸
1

[e
iαx
φ(x)]
b
a

1

_
b
a
φ

(x)e
iαx
dx
¸
¸
¸
¸
¸
= (2.1.3)
=
¸
¸
¸
¸
¸
i
α
_
b
a
φ

(x)e
iαx
dx
¸
¸
¸
¸
¸

1
α
_
b
a

(x)[dx
24
2.1. SERIE DI FOURIER 25
e poich`e φ ∈ (

c
(−∞, +∞) anche φ

∈ (

c
(−∞, +∞) quindi l’ultimo integrale ha un valore finito
indipendente da α, sia esso M, quindi si ha
lim
α→∞
¸
¸
¸
¸
¸
_
b
a
φ(x)e
iαx
dx
¸
¸
¸
¸
¸
= lim
α→∞
M
α
= 0 (2.1.4)
e quindi si ottiene infine che se [α[ > K (dove K > 0 `e sufficientemente grande) si ha
¸
¸
¸
¸
_

−∞
f(x)e
iαx
dx
¸
¸
¸
¸
< 2
Teorema 2.1.2. Sia φ ∈ (

c
(−∞, ∞) allora per ogni r ∈ R si ha
lim
α→∞
α
r
_
+∞
−∞
φ(x)e
iαx
dx = 0 (2.1.5)
Dimostrazione. integrando per parti l’ultimo integrale dell’ equazione 2.1.3 per n −1 volte (n ∈ N
qualunque) si ottiene che
¸
¸
¸
¸
_
+∞
−∞
φ(x)e
iαx
dx
¸
¸
¸
¸
=
1
α
n
¸
¸
¸
¸
_
+∞
−∞
φ
(n)
(x)e
iαx
dx
¸
¸
¸
¸

1
α
n
_
+∞
−∞

(n)
(x)[dx (2.1.6)
e poich`e φ
(n)
∈ (

c
(−∞, +∞) l’ultimo integrale assume un valore finito per ogni n ∈ N e
indipendente da α, sia esso M
(n)
. A questo punto basta scegliere n > r per ottenere 2.1.5.
Definizione 2.1.1. siano α
n
∈ Z, allora si chiama polinomio trigonometrico una combinazione
lineare finita a coefficienti complessi di funzioni della forma e

n
x
.
Poich`e si ha e
iαx
= cos(αx) +i sin(αx) un polinomio trigonometrico si pu`o anche scrivere come
combinazione lineare a coefficienti complessi di funzioni della forma sin(α
n
x) e cos(α
n
x).
Lemma 2.1.1. Le funzioni sin
n
x e cos
n
x sono polinomi trigonometrici.
Dimostrazione. dimostriamo ad esempio che cos
n
x `e un polinomio trigonometrico. Si ha
cos x =
e
ix
+e
−ix
2
(2.1.7)
quindi usando la formula di Newton per lo sviluppo della potenza di un binomio e le propriet`a
elementari della funzione esponenziale si vede che cos
n
x `e un polinomio trigonometrico. Per sin
n
x
si usa il fatto che
sin x =
e
ix
−e
−ix
2i
(2.1.8)
Teorema 2.1.3 (Weierstrass). I polinomi trigonometrici sono densi in (
c
([−π, π]) con la norma
|f|

= sup
x∈[−π,π]
[f(x)[.
Dimostrazione. si definisce
δ
n
(z) =
cos
2n
(z/2)
_
π
−π
cos
2n
(z/2)
(2.1.9)
a questo punto, data φ ∈ (
c
([−π, +π]), si considera la successione di funzioni P
n
(x) =
_
π
−π
δ
n
(y −
x)φ(y)dx (che sono polinomi trigonometrici per il lemma precedente) e si procede in modo identico
a come si `e fatto per mostrare la densit`a dei polinomi nello spazio (([a, b]) (teorema 1.3.4).
26 CAPITOLO 2. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI
Corollario 2.1.1. I polinomi trigonometrici sono un sottoinsieme denso di L
2
(−π, π) con la norma
| |
2
.
Dimostrazione. le funzioni (
c
([−π, π]) sono dense in L
2
(−π, π) con la norma | |
2
, quindi, fissati
> 0 e f ∈ L
2
(−π, π), esiste una funzione φ ∈ (
c
([−π, π]) tale che |f − φ|
2
< , quindi basta
mostrare che per ogni φ ∈ (
c
([−π, π]) esiste un polinomio trigonometrico tale che |φ − P|
2
<
ma per il teorema precedente esiste una successione di polinomi trigonometrici P
n
che converge
uniformemente a φ e per il teorema 1.3.10 la successione P
n
tende quindi a φ anche in norma
| |
2
.
Lemma 2.1.2. Sia ( , ) il prodotto scalare di L
2
(−π, π) allora (e
inx
, e
imx
) = 2πδ
nm
.
Dimostrazione. dimostrazione immediata.
Teorema 2.1.4. La successione ¦g
n
=
e
inx


¦
n∈Z
`e una base ortonormale in L
2
(−π, π).
Dimostrazione. per il corollario precedente i polinomi trigonometrici sono densi in L
2
(−π, π), ma
i polinomi trigonometrici sono le combinazioni lineari finite di elementi dell’insieme ¦
e
inx


¦
n∈Z
,
quindi tale insieme `e un insieme completo; inoltre il lemma precedente mostra che questo `e un
insieme ortonormale, quindi in particolare tutti i suoi elementi sono linearmente indipendenti,
quindi esso `e una base ortonormale.
Alla base ortonormale ¦g
n
¦ si pu`o quindi applicare il teorema di Riesz-Fischer 1.5.6, quindi in
particolare si ha per ogni funzione f, g ∈ L
2
(−π, π)
lim
N→+∞
_
_
_
_
_
f(x) −
N

−N
e
inx

_
π
−π
f(y)e
−iny
dy
_
_
_
_
_
2
= 0 (2.1.10)
|f|
2
2
=

−∞
1

¸
¸
¸
¸
_
π
−π
f(y)e
−iny
dy
¸
¸
¸
¸
2
(2.1.11)
(f, g) =

−∞
1

_
π
−π
f(x)e
inx
dx
_
π
−π
g(y)e
−iny
dy (2.1.12)
Analogamente al teorema precedente si vede che
Teorema 2.1.5. La successione ¦¦
sin nx

π
¦
n∈N\{0}
, ¦
cos nx

π
¦
n∈N
¦ `e una base ortonormale nello spazio
L
2
(−π, π).
Lemma 2.1.3. Se ¦b
n
¦
n∈Z
`e una successione di numeri complessi tali che


−∞
[b
n
[ < +∞, allora
la serie


−∞
b
n
g
n
converge uniformemente (in particolare `e quindi una funzione continua).
Dimostrazione. applicando il criterio di Weierstrass della convergenza totale si ottiene

−∞
sup
x∈[−π,π]
[b
n
g
n
(x)[ =
1


−∞
[b
n
[ < ∞ (2.1.13)
quindi la serie converge uniformemente.
Lemma 2.1.4. Se ¦a
n
¦
n∈Z
`e una successione di numeri complessi tale che

+∞
−∞
[na
n
[ < +∞
allora S(x) =

+∞
−∞
a
n
g
n
(x) `e continua, derivabile e S

(x) =

+∞
−∞
a
n
g

n
(x).
2.1. SERIE DI FOURIER 27
Dimostrazione. si ha a
n
g

n
(x) = ina
n
g
n
(x) quindi chiamando ina
n
= b
n
e applicando il lemma
precedente si ottiene che la serie


−∞
a
n
g

n
(x) converge uniformemente (e poich`e ogni g

n
`e una
funzione continua la somma della serie `e quindi continua) si pu`o quindi integrare elemento per
elemento ottenendo
_
x
x
0
_
+∞

−∞
a
n
g

n
(x)
_
dx =
+∞

−∞
a
n
_
x
x
0
g

n
(x)dx =
+∞

−∞
a
n
[g
n
(x) −g
n
(x
0
)] = S(x) −S(x
0
) (2.1.14)
quindi S(x) `e derivabile e la sua derivata `e la funzione (continua) S

(x) =

+∞
−∞
a
n
g

n
(x).
La serie di Fourier di una funzione `e stata qu`ı introdotta nel contesto degli spazi di Hilbert (in
tale contesto `e talora detta serie di Fourier astratta) e quindi applicabile in linea di principio solo
agli spazi L
2
; nonostante ci`o ha senso introdurre la serie di funzioni (detta ancora per semplicit`a
serie di Fourier)
S(x) =
+∞

n=−∞
1

e
inx
_
π
−π
f(y)e
−iny
dy (2.1.15)
pi` u in generale per funzioni di L
1
(−π, π) e studiare la relazione di questa funzione (ovviamente
qualora la serie converga) con la funzione iniziale f, in particolare `e possibile studiare ad esempio
in quali casi la serie converga puntualmente alla funzione f.
Teorema 2.1.6. Siano f ∈ L
1
(−π, π) e x
0
∈ (−π, π); supponiamo inoltre che f sia continua in x
0
e che
f(x
0
+h)−f(x
0
)
h
sia integrabile in un intorno di h = 0, allora la serie di Fourier di f converge
puntualmente ad f in x
0
.
Dimostrazione. sia
S
n
(x) =
n

k=−n
1

e
ikx
_
π
−π
f(y)e
−iky
dy =
1

_
π
−π
f(y)
n

k=−n
e
ik(x−y)
dy (2.1.16)
definiamo ora il nucleo di Dirichlet
D
n
(z) =
1

(e
−inz
+ +e
inz
) (2.1.17)
si ha
_
π
−π
D
n
(z)dz = 1 e moltiplicando 2.1.17 per e
iz
si ottiene
e
iz
D
n
(z) =
1

(e
−i(n−1)z
+ +e
i(n+1)z
) = D
n
(z) +
e
i(n+1)z


e
−inx

(2.1.18)
da cui si ottiene
D
n
(z) =
1

e
−inz
−e
i(n+1)z
1 −e
iz
(2.1.19)
allora da 2.1.16, 2.1.17 si ottiene
S
n
(x
0
) =
_
π
−π
f(y)D
n
(x
0
−y)dy =
_
x
0

x
0
−π
f(x
0
−z)D
n
(z)dz (2.1.20)
allora si ottiene (usando il fatto che D
n
`e periodica di periodo 2π e prolungando f in modo periodico
di periodo 2π)
[f(x
0
) −S
n
(x
0
)[ = [
_
π
−π
f(x
0
)D
n
(z)dz −S
n
(x
0
)[ = (2.1.21)
= [
_

−π
[f(x
0
) −f(x
0
−z)]D
n
(z)dz[ =
=
¸
¸
¸
¸
_

−π
f(x
0
) −f(x
0
−z)
z
e
−inz
−e
i(n+1)z

z
1 −e
iz
dz
¸
¸
¸
¸
28 CAPITOLO 2. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI
f(x
0
)−f(x
0
−z)
z
`e integrabile per ipotesi,
z
1−e
iz
`e limitata su [−π, π] (come si vede sviluppando l’e-
sponenziale in serie di Taylor), quindi usando il lemma di Riemann-Lebesgue si vede che l’ultima
espressione tende a zero.
Teorema 2.1.7 (Criterio di Dini). Siano f ∈ L
1
(−π, π) e x
0
∈ (−π, π); supponiamo esistano
f(x
+
0
) = lim
x→x
+
0
f(x) e f(x

0
) = lim
x→x

0
f(x) e che esistano δ
1
, δ
2
> 0 tali che
f(x
0
+h) −f(x
+
0
)
h
∈ L
1
(0, δ
1
);
f(x
0
−h) −f(x

0
)
h
∈ L
1
(0, δ
2
) (2.1.22)
allora la serie di Fourier di f converge a
1
2
[f(x
+
0
) +f(x

0
)] in x
0
.
Dimostrazione. prolunghiamo innanzitutto la f in modo periodico, in modo che diventi una fun-
zione f : R →C periodica di periodo 2π. Serve ora notare che D
n
(−z) = D
n
(z), infatti da 2.1.17
si ha
D
n
(z) =
1

(e
−inz
+ +e
inz
) = D
n
(−z) (2.1.23)
Allora si ha (usando 2.1.20)
S
n
(x
0
) =
_
x
0

x
0
−π
f(x
0
−z)D
n
(z)dz =
_
π
−π
D
n
(z)f(x
0
−z)dz = (2.1.24)
=
_
π
0
D
n
(z)f(x
0
−z)dz +
_
0
−π
D
n
(z)f(x
0
−z)dz =
_
π
0
D
n
(z)f(x
0
−z)dz +
+
_
π
0
D
n
(−z)f(x
0
+z)dz =
_
π
0
D
n
(z)[f(x
0
−z) +f(x
0
+z)]dz
inoltre
f(x
+
0
) +f(x

0
) =
_
π
−π
D
n
(z)[f(x
+
0
) +f(x

0
)]dz = 2
_
π
0
D
n
(z)[f(x
+
0
) +f(x

0
)]dz (2.1.25)
quindi da 2.1.25 e 2.1.24 si ottiene
S
n
(x
0
) −
f(x
+
0
) +f(x

0
)
2
= (2.1.26)
=
_
π
0
[
f(x
0
+z) −f(x
+
0
)
z
+
f(x
0
−z) −f(x

0
)
z
]
1

z
1 −e
iz
[e
−inz
−e
i(n+1)z
]dz
e si conclude applicando il lemma di Riemann-Lebesgue analogamente al teorema precedente.
Teorema 2.1.8. Se f `e periodica di periodo 2π e di classe (
1
allora la serie di Fourier di f
converge uniformemente ad f.
Dimostrazione. siano β
n
i coefficienti della serie di Fourier di f

(x), allora integrando per parti si
ha
β
n
=
_
π
−π
f

(x)e
−inx
dx = [f(x)e
−inx
]
π
−π
−in
_
π
−π
f(x)e
−inx
dx = −inα
n
(2.1.27)
dove α
n
sono i coefficienti di Fourier della funzione f, quindi si ha [α
n
[ =
1
n

n
[. Inoltre da 2.1.11
segue che


−∞

n
[
2
< +∞, quindi

n=0

n
[ =

n=0
1
n
[β[ ≤

n=0
1
2
([β[
2
+
1
n
2
) < ∞ (2.1.28)
quindi per il lemma 2.1.3 la serie di Taylor di f converge uniformemente ad una funzione continua
F, quindi in particolare la serie di Taylor di f converge ad F su L
2
(−π, π), quindi per l’unicit`a
del limite in L
2
(−π, π) si ha f(x) = F(x) per quasi ogni x ∈ [−π, π], ma poich`e sia f che F sono
continue, si ha f = F su [−π, π] e per periodicit`a f = F.
Per ulteriori informazioni circa la convergenza puntuale delle serie di Fourier vedi appendice B.
2.2. PROBLEMA AI LIMITI PER IL QUADRATO 29
2.2 Problema ai limiti per il quadrato
In questa sezione si discuter`a la soluzione dell’equazione differenziale
´u = F (2.2.1)
(dove ´ =

2
∂x
2
+

2
∂y
2
`e il laplaciano, talora indicato anche con ∇
2
), dove F : [0, π] [0, π] → C `e
una assegnata funzione di L
2
, con assegnate condizioni ai limiti
_
¸
¸
_
¸
¸
_
u(x, 0) = a(x)
u(π, y) = b(y)
u(x, π) = c(x)
u(0, y) = d(y)
(2.2.2)
dove a, b, c, d sono funzioni a quadrato integrabile. A causa della linearit`a del problema che si vuole
risolvere, la soluzione pu`o essere cercata nella forma u = u
F
+u
a
+u
b
+u
c
+u
d
, dove
• u
F
soddisfa la equazione 2.2.1 con condizioni al bordo a = b = c = d = 0
• u
a
soddisfa la equazione ´u
a
= 0 con le condizioni al bordo
_
¸
¸
_
¸
¸
_
u(x, 0) = a(x)
u(π, y) = 0
u(x, π) = 0
u(0, y) = 0
(2.2.3)
• u
b
, u
c
, u
d
sono definite analogamente a u
a
.
2.2.1 Caso u
a
Per evitare confusioni con altre ”a” la funzione a(x) sar`a qu`ı di seguito indicata con f(x). Sia
¦X
n
(x)¦ una successione ortonormale completa in L
2
(0, π), allora per ogni fissato y ∈ [0, π] la
funzione x → u(x, y) pu`o essere sviluppata in serie di Fourier rispetto ad X
n
(x) ottenendo quin-
di u(x, y) =

a
n
X
n
(x), dove i coefficienti dello sviluppo di Fourier dipendono in generale dal
particolare y, quindi
u(x, y) =

Y
n
(y)X
n
(x) (2.2.4)
Imponiamo ora la condizione che per ogni n si abbia ´(Y
n
(y)X
n
(x)) = 0 cio`e X

n
(x)Y
n
(y) +
X
n
(x)Y

n
(y) = 0 e quindi (se X
n
(x) ,= 0 e Y
n
(y) ,= 0) si ha
X

n
(x)
X
n
(x)
= −
Y

n
(y)
Y
n
(y)
(2.2.5)
ma il primo membro `e funzione della sola x mentre il secondo membro `e funzione della sola y,
quindi affinch`e l’equazione precedente valga per ogni x, y si deve avere
X

n
(x)
X
n
(x)
= −
Y

n
(y)
Y
n
(y)
= −λ (2.2.6)
dove λ `e una costante, quindi si ottengono le equazioni
X

n
(x) +λX
n
(x) = 0; Y

n
(y) −λY
n
(y) = 0 (2.2.7)
La soluzione generale della prima delle 2.2.7 `e X
n
= a
n
sin(

λx) +b
n
cos(

λx); imponendo le
condizioni ai limiti X
n
(0) = X
n
(π) = 0 si ottiene b
n
= 0 e λ = n
2
, quindi X
n
= a
n
sin nx.
La soluzione generale della seconda delle 2.2.7 con λ = n
2
`e Y
n
= a
n
sinh n(π −y) +b
n
sinh ny;
imponendo Y
n
(π) = 0 si ottiene Y
n
(y) = a
n
sinh n(π −y).
30 CAPITOLO 2. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI
Affinch`e quanto appena fatto abbia senso si deve ora verificare che ¦
_
2
π
sin(nx)¦
n∈N\{0}
sia
effettivamente un insieme ortonormale completo in L
2
(0, π); `e immediato vedere che esso `e un insie-
me ortonormale, verifichiamo quindi che `e anche completo: sia g ∈ L
2
(0, π) tale che (g, sin nx) = 0
per ogni n ∈ N¸¦0¦ e definiamo
g
d
(x) =
_
_
_
g(x) se 0 < x ≤ π
0 se x = 0
−g(−x) se −π ≤ x < 0
(2.2.8)
allora la g
d
cos`ı definita `e una funzione dispari, quindi `e immediato vedere che
_
π
−π
g
d
(x) cos(nx)dx = 0 (2.2.9)
_
π
−π
g
d
(x) sin(nx)dx = 2
_
π
0
g
d
(x) sin(nx)dx = 2
_
π
0
g(x) sin(nx)dx = 0 (2.2.10)
quindi, usando il fatto che ¦sin nx, cos nx¦
n∈N
`e un insieme completo in L
2
(−π, π), si vede che
g
d
= 0 q.o. e quindi g = 0 q.o., quindi ¦
_
2
π
sin nx¦ `e un insieme ortonormale completo per il
teorema di Riesz-Fischer.
Da quanto precede segue quindi che si pu`o scrivere u(x, y) =


n=1
a
n
sin(nx) sinh n(π −
y) dove gli a
n
sono coefficienti da determinarsi nel seguente modo: si impone la condizione


n=1
X
n
(x)Y
n
(0) = f(x), quindi si devono determinare gli a
n
∈ C in modo tale che sia

n=1
a
n
sinh(nπ) sin(nx) = f(x) (2.2.11)
La condizione precedente pu`o essere soddisfatta qualunque sia f ∈ L
2
(0, π) poich`e si `e appena visto
che ¦
_
2
π
sin nx¦
n∈N
`e un insieme ortonormale completo in L
2
(0, π), quindi f(x) =


i=1
b
n
sin(nx)
dove b
n
=
2
π
_
π
0
f(z) sin(nz)dz, quindi basta porre a
n
= b
n
/ sinh(nπ). Si ottiene in conclusione
u(x, y) =

n=1
sinh n(π −y) sin(nx)
2
π sinh(nπ)
_
π
0
f(z) sin(nz)dz (2.2.12)
Verifichiamo che quella che si `e appena costruito `e la soluzione del problema iniziale: si deve
innanzitutto mostrare che ´u = 0 all’interno di [0, π] [0, π]. Se π ≥ y > 0 la successione
sinh n(π −y)/ sinh nπ tende a 0 esponenzialmente con n, infatti se n `e abbastanza grande si ha
0 ≤
sinh n(π −y)
sinh nπ
=
e
n(π−y)
−e
−n(π−y)
e

−e
−nπ
≤ (2.2.13)

e
n(π−y)
e

−e
−nπ

e
n(π−y)
e

/2
=
1
2
e
−ny
b
n
→ 0 per la disuguaglianza di Bessel ed il seno `e una funzione limitata, quindi se π ≥ y > 0 si
ottiene che per ogni k la serie

n=1
n
k
sinh n(π −y) sin(nx)
2
π sinh(nπ)
_
π
0
f(z) sin(nz)dz (2.2.14)
converge, quindi la serie che compare in 2.2.12 converge a una funzione derivabile infinite volte e
pu`o essere derivata termine a termine un numero arbitrario di volte, quindi per come sono stati
costruiti X
n
, Y
n
si ottiene
´u(x, y) = ´

X
n
Y
n
=

´(X
n
Y
n
) = 0 (2.2.15)
2.2. PROBLEMA AI LIMITI PER IL QUADRATO 31
Verifichiamo le condizioni ai limiti: `e immediato vedere che u(0, y) = u(π, y) = u(x, π) = 0 e per
come sono stati determinati gli a
n
si ha u(x, 0) = f(x) (in L
2
). Vediamo ora che lim
y→0
|f(x) −
u(x, y)|
2
= 0: sia > 0 fissato, allora
|f(x) −

n=1
b
n
sinh n(π −y)
sinh nπ
sin nx|
2
2
= |

i=1
b
n
sin nx
_
1 −
sinh n(π −y)
sinh nπ
_
|
2
2
≤ (2.2.16)

i=1
2
π
[b
n
[
2
¸
¸
¸
¸
1 −
sinh n(π −y)
sinh nπ
¸
¸
¸
¸
2
si ha 0 ≤ 1 −
sinh n(π−y)
sinh nπ
≤ 1 e poich`e


i=1
[b
i
[
2
< ∞ esiste un N tale che


i=N+1
[b
i
[
2
< quindi
|f(x) −

n=1
b
n
sinh n(π −y)
sinh nπ
sin nx|
2
2
≤ +
N

n=1
2
π
[b
n
[
2
¸
¸
¸
¸
1 −
sinh n(π −y)
sinh nπ
¸
¸
¸
¸
2
(2.2.17)
`e immediato vedere che l’ultima espressione `e continua in y quindi esiste un δ > 0 tale che se
0 ≤ y ≤ δ allora
|f(x) −

n=1
b
n
sinh n(π −y)
sinh nπ
sin nx|
2
2
≤ 2 (2.2.18)
che conclude.
2.2.2 caso u
F
Sia X
n
(x) un sistema ortogonale completo in L
2
(0, π) e scriviamo nuovamente u nella forma
u(x, y) =

X
n
(x)Y
n
(y) dove si impongono le condizioni
X
n
(0) = 0; X
n
(π) = 0; Y
n
(0) = 0; Y
n
(π) = 0 (2.2.19)
Per le X
n
si pu`o imporre X

n
= −λX
n
in modo che analogamente al caso precedente si abbia
λ = n
2
e X
n
= a
n
sin nx. La funzione F pu`o essere scritta come F(x, y) =

F
n
(y)X
n
(x) ed
imponiamo che

´(X
n
(x)Y
n
(y)) =

F
n
(y)X
n
(x) (2.2.20)
da cui si ottiene

X

n
(x)Y
n
(y) +Y

n
(y)X
n
(x) =

F
n
(y)X
n
(x) (2.2.21)
e a causa della scelta delle X
n
effettuata si ottiene infine
Y

(y) −n
2
Y
n
(y) = F
n
(y); F
n
(y) =
2
π
_
π
0
F(ξ, y) sin nξdξ (2.2.22)
Cercando una soluzione dell’equazione precedente usando il metodo della variazione delle costanti
arbitrarie sostituendo Y
n
(y) = A(y) sinh ny + B(y) sinh n(π − y), dove si deve avere A(π) = 0 e
B(0) = 0, si ottiene il seguente sistema
_
nA

(y) cosh ny −nB

(y) cosh n(π −y) = F
n
(y)
A

(y) sinh ny +B

(y) sinh n(π −y) = 0
(2.2.23)
moltiplicando la prima equazione per sinh ny e sottraendola alla seconda moltiplicata per ncosh ny
si ottiene
B

(y)(nsinh n(π −y) cosh ny +ncosh n(π −y) sinh ny) = −F
n
(y) sinh ny (2.2.24)
scrivendo y
1
= sinh ny e y
2
= sinh n(π −y) si ha B

(y)(y
2
y

1
−y
1
y

2
) = −F
n
(y) sinh ny e inoltre
(y
2
y

1
−y
1
y

2
)

= y
2
y

1
−y
1
y

2
= n
2
sinh n(π −y) sinh ny −n
2
sinh n(π −y) sinh ny = 0 (2.2.25)
32 CAPITOLO 2. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI
quindi y
2
y

1
−y
1
y

2
= cost = nsinh nπ, quindi si ottiene
B

(y) = −F
n
(y)
sinh ny
nsinh nπ
; A

(y) = F
n
(y)
sinh n(π −y)
nsinh nπ
(2.2.26)
da cui, ricordando che A(π) = 0 e B(0) = 0 si ottiene
A(y) = −
_
π
y
F
n
(η)
sinh n(π −η)
nsinh nπ
dη; B(y) = −
_
y
0
F
n
(η)
sinh(nη)
nsinh nπ
dη (2.2.27)
quindi `e semplice vedere che Y
n
(y) pu`o essere scritto nella seguente forma:
Y
n
(y) = A(y) sinh ny +B(y) sinh n(π −y) = −
_
π
0
F
n
(η)
nsinh nπ
G
n
(y, η)dη (2.2.28)
dove si `e introdotta la funzione
G
n
(y, η) =
_
sinh nη sinh n(π −y) se η < y
sinh n(π −η) sinh ny se n ≥ y
(2.2.29)
Si ottiene quindi per u l’espressione
u(x, y) =

n=1
sin nxY
n
(y) = −

n=1
sin nx
_
π
0
_
2
π
_
π
0
F(ξ, η) sin nξdξ
_
G
n
(y, η)
nsinh nπ
dη =
= −
_
Q
F(ξ, η)
_

n=1
2 sin nxsin nξ
nπ sinh nπ
G
n
(y, η)
_
dS =
_
Q
F(ξ, η)G(x, y, ξ, η)dS (2.2.30)
dove Q = [0, π] [0, π] e dS = dξdη e si `e introdotta la funzione G(x, y, ξ, η) detta funzione di
Green del problema. La funzione G risulta quindi definita da
−G(x, y, ξ, η) =
_
_
_


n=1
2 sinh n(π−y) sinh nη sin nx sin nξ
πnsinh nπ
se η < y


n=1
2 sinh ny sinh n(π−η) sin nx sin nξ
πnsinh nπ
se η ≥ y
(2.2.31)
La funzione precedente, di cui non `e chiaro neppure se le serie convergano, pu`o essere riscritta nella
forma
−G(x, y, ξ, η) =
1

n=1
1
n
_
e
−n|y−η|
+ (2.2.32)
+
e
−n(2π+|y−η|)
+e
−n(2π−|y−η|)
−e
−n(2π−y−η)
−e
−n(y+η)
1 −e
−2nπ
_
¦cos n(x −ξ) −cos n(x +ξ)¦
valutiamo ora la parte di questa serie che deriva dal termine e
−n|y−η|
: se poniamo z = Pe

, con
[P[ < 1 allora si ha

n=1
P
n
cos nα =

n=1
1(Pe

)
n
= 1

n=1
z
n
= 1
z
1 −z
= 1
z(1 −z)
[1 −z[
2
= (2.2.33)
=
1z −[z[
2
[1 −z[
2
=
P cos α −P
2
[1 −Pe

[
2
=
P cos α −P
2
1 +P
2
−2P cos α
Inoltre

n=1
1
n
P
n
cos nα =
_
P
0
_

n=1
p
n−1
cos nα
_
dp (2.2.34)
2.3. PROBLEMA AI LIMITI PER IL CERCHIO 33
quindi utilizzando 2.2.33 si ha

1
1
n
P
n
cos nα =
_
P
0
cos α −p
1 +p
2
−2p cos α
dp = −
1
2
log[1 +P
2
−2P cos α] (2.2.35)
quindi ponendo P = e
−|y−η|
ed applicando la formula precedente si ottiene
G(x, y, ξ, η) = +
1

log[1 +e
−2|y−η|
−2e
−|y−η|
cos(x −ξ)] + (2.2.36)

1

log[1 +e
−2|y−η|
−2e
−|y−η|
cos(x +ξ)] +

n=1
e
−n(2π+|y−η|)
+e
−n(2π−|y−η|)
−e
−n(2π−y−η)
−e
−n(y+η)
nπ(1 −e
−2nπ
)
sin nxsin nξ
e la serie che compare ancora, fissati ξ, η, converge uniformemente in x, y.
2.3 Problema ai limiti per il cerchio
In questa sezione si discuter`a la soluzione dell’equazione differenziale
´u(x, y) = F(x, y) (2.3.1)
con condizioni al contorno u(Rcos φ, Rsin φ) = f(φ), dove F ∈ L
2
(B(0, R)) e f ∈ L
2
(0, 2π) sono
funzioni assegnate. Analogamente al caso precedente la soluzione u del problema pu`o essere scritta
come u = u
0
+u
F
, dove
• u
0
soddisfa il problema con F = 0, f generica
• u
F
soddisfa il problema con f = 0, F generica
2.3.1 caso u
0
Ricordiamo innanzitutto che in coordinate polari il laplaciano di una funzione si scrive come
´u(r, φ) =

2
u
∂r
2
+
1
r
∂u
∂r
+
1
r
2

2
u
∂φ
2
(2.3.2)
Cerchiamo una soluzione della forma u(r, φ) =

R
n
(r)φ
n
(φ) e imponiamo che ´(R
n
φ
n
) = 0, cio`e
R

n
φ
n
+
1
r
R

n
φ
n
+
1
r
2
R
n
φ

n
= 0 (2.3.3)
Imponiamo la ulteriore condizione che φ

n
= −λφ, con φ
n
(0) = φ
n
(2π) e φ

n
(0) = φ

n
(2π) da cui `e
semplice ottenere
λ = n
2
; φ
n
(φ) = a
n
sin nφ +b
n
cos nφ (2.3.4)
si ottiene allora la seguente equazione per R
n
:
R

n
+
1
r
R

n

n
2
r
2
R
n
= 0 (2.3.5)
Se n = 0 la soluzione generale della precedente equazione `e R
0
= a
0
+b
0
log r; se n ,= 0, cercando
soluzioni della forma r
α
, si ottiene che R
n
= a
n
r
n
+ b
n
r
−n
, quindi l’espressione R
n
φ
n
assume la
forma
• se n = 0 a
0
+b
0
log r
34 CAPITOLO 2. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI
• se n ,= 0 a
n
r
n
cos nφ +b
n
r
n
sin nφ +
c
n
r
n
cos nφ +
d
n
r
n
sin nφ
poich`e per`o si vuole che la soluzione sia definita anche in r = 0 ci si restringe a considerare per
R
n
φ
n
i valori
• se n = 0 a
0
• se n ,= 0 a
n
r
n
cos nφ +b
n
r
n
sin nφ
Per soddisfare la condizione al bordo `e necessario che

R
n
(R)φ
n
(φ) = f(φ) quindi, considerando
lo sviluppo in serie di Fourier di f, si ottiene
a
0
+

n=1
(a
n
R
n
cos nφ +b
n
R
n
sin nφ) =
1

_

0
f(θ)dθ + (2.3.6)
+

n=1
_
cos nφ
π
_

0
f(θ) cos nθdθ +
sin nφ
π
_

0
f(θ) sin nθdθ
_
da cui si determinano a
i
, b
i
, ottenendo quindi per u l’espressione
u(r, φ) =
1

_

0
f(θ)dθ +
1
π

n=1
_
r
R
_
n
_

0
f(θ)[cos nθ cos nφ + sin nθ sin nφ]dθ (2.3.7)
Se 0 ≤ r ≤ r
0
< R la serie converge uniformemente, quindi pu`o essere riscritta come
u(r, φ) =
1

_

0
f(θ)
_
1 + 2

n=1
_
r
R
_
n
cos n(θ −φ)
_
dθ (2.3.8)
Se poniamo z = Pe

, con [P[ < 1 allora si ha

n=1
P
n
cos nα =

n=1
1(Pe

)
n
= 1

n=1
z
n
= 1
z
1 −z
= 1
z(1 −z)
[1 −z[
2
= (2.3.9)
=
1z −[z[
2
[1 −z[
2
=
P cos α −P
2
[1 −Pe

[
2
=
P cos α −P
2
1 +P
2
−2P cos α
Inoltre
1 + 2
P cos α −P
2
1 +P
2
−2P cos α
=
1 −P
2
1 +P
2
−2P cos α
(2.3.10)
quindi, ponendo P = r/R e α = θ −φ, si ottiene
u(r, φ) =
_

0
f(θ)
1

R
2
−r
2
R
2
+r
2
−2rRcos(θ −φ)
dθ (2.3.11)
L’equazione 2.3.11 `e nota come formula di Posson e l’espressione che moltiplica f nell’integrando
`e nota come nucleo di Poisson.
Utilizzando la formula 2.3.2 `e semplice vedere, utilizzando il teorema di derivazione sotto il
segno di integrale, che la funzione in 2.3.11 soddisfa effettivamente l’equazione ´u = 0, poich`e il
nucleo di Poisson soddisfa questa equazione se r < R.
Notiamo ora una propriet`a del nucleo di Poisson che sar`a tra poco utilizzata: se f = 1 si vede
subito dallo sviluppo 2.3.7 che si ha u(r, φ) = 1 per ogni r, φ con r < R, quindi ponendo f(θ) = 1
nella formula di Poisson 2.3.11 si ottiene
1 =
_

0
1

R
2
−r
2
R
2
+r
2
−2rRcos(θ −φ)
dθ (2.3.12)
2.3. PROBLEMA AI LIMITI PER IL CERCHIO 35
Utilizzando la formula trigonometrica
cos α = 1 −2 sin
2
α
2
(2.3.13)
si ottiene
R
2
+r
2
−2rRcos(θ −φ) = R
2
+r
2
−2rR + 4rRsin
2
θ −φ
2
≥ 4rRsin
2
θ −φ
2
(2.3.14)
quindi se η > 0 si ha
_
|θ−φ|>η
1

R
2
−r
2
R
2
+r
2
−2rRcos(θ −φ)
dθ ≤
_
|θ−φ|>η
1

R
2
−r
2
4rRsin
2 η
2
dθ ≤
R
2
−r
2
4rRsin
2 η
2
(2.3.15)
e l’ultimo membro tende a 0 se r → R

. Notiamo infine che il nucleo di Poisson `e una funzione
positiva. Dopo queste semplici premesse verifichiamo ora infine che se f `e una funzione continua
di θ, allora si ha (dove u `e definita dall formula di Poisson)
lim
(r,φ)→(R,φ
0
)
u(r, φ) = f(φ) (2.3.16)
Si ha infatti (usando 2.3.12)
u(r, φ) −f(φ
0
) =
_

0
[f(θ) −f(φ
0
)]
1

R
2
−r
2
R
2
+r
2
−2rRcos(θ −φ)
dθ = (2.3.17)
=
_
|θ−φ
0
|≤η
[f(θ) −f(φ
0
)]
1

R
2
−r
2
R
2
+r
2
−2rRcos(θ −φ)
dθ +
+
_
|θ−φ
0
|>η
[f(θ) −f(φ
0
)]
1

R
2
−r
2
R
2
+r
2
−2rRcos(θ −φ)

A causa della relazione 2.3.12 il primo integrale pu`o essere stimato in valore assoluto da
sup
|θ−φ
0
|<η
[f(θ) −f(φ
0
)[ (2.3.18)
che per la continuit`a di f pu`o essere reso piccolo a piacere scegliendo η abbastanza piccolo. Se ora
si sceglie φ tale che [φ −φ
0
[ < η/2, da [θ −φ
0
[ > η segue [θ −φ[ > η/2 quindi, se M = max [f(θ)[,
il secondo integrale si stima in valore assoluto con
2M
_
|θ−φ|>η/2
1

R
2
−r
2
R
2
+r
2
−2rRcos(θ −φ)
dθ (2.3.19)
che per 2.3.15 tende a zero se r →R.
2.3.2 caso u
F
Cercando soluzioni della forma u(r, φ) =

n
R
n
(r)φ
n
(φ) `e semplice vedere che le φ
n
devono avere
la stessa forma del caso precedente e quindi si deve avere
R

n
(r) +
1
r
R

n
(r) −
n
2
r
2
R
n
= F
n
(r) (2.3.20)
dove F(r, φ) =


n=0
F
n
(r)φ
n
(φ). Per la soluzione di 2.3.20 distingeremo i due casi n = 0 e n ,= 0.
36 CAPITOLO 2. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI
n = 0
Se n = 0 l’equazione 2.3.20 si riduce a rR

0
+R

0
= rF
0
cio`e
d
dr
(rR

0
) = rF
0
quindi
rR

0
(r) =
_
r
0
xF
0
(x)dx (2.3.21)
dove l’estremo inferiore di integrazione `e 0 per evitare singolarit`a in r = 0. Quindi si ottiene
R
0
(r) = −
_
R
r
1
t
__
t
0
xF
0
(x)dx
_
dt (2.3.22)
dove gli estremi di integrazione sono stati scelti in modo da avere R
0
(R) = 0. Applicando il
teorema di Fubini si ottiene allora
R
0
(r) = −
_
r
0
dx
_
R
r
1
t
xF
0
(x)dt −
_
R
r
dx
_
R
x
xF
0
(x)
1
t
dt = (2.3.23)
=
_
r
0
xF
0
(x) log
r
R
dx +
_
R
r
xF
0
(x) log
x
R
dx
(non `e ovvio che il teorema di Fubini sia applicabile ma si pu`o controllare semplicemente che il
risultato finale `e giusto, cio`e verifica ancora 2.3.20).
n ,= 0
Poich`e r
n
e r
−n
sono soluzioni dell’equazione omogenea si cercano soluzioni del tipo A(r)r
n
+
B(r)r
−n
ottenendo il sistema
_
A

(r)r
n
+B

r
−n
= 0
nA

(r)r
n−1
−nB

(r)r
−n−1
= F
n
(r)
(2.3.24)
da cui si ottiene
_
A

(r) =
1
2n
(rF
n
(r))r
−n
B

(r) = −
1
2n
(rF
n
(r))r
n
(2.3.25)
per evitare sigolarit`a in 0 si impone B(0) = 0; inoltre da R
n
(R) = 0 segue che R
2n
A(R) = −B(R),
da cui si ottiene
B(r) = −
1
2n
_
r
0
(xF(x))x
n
dx (2.3.26)
A(r) = A(R) +
_
r
R
A

(x)dx =
1
2n
1
R
2n
_
R
0
(xF
n
(x))x
n
dx +
1
2n
_
r
R
(xF
n
(x))
1
x
n
dx = (2.3.27)
=
1
2n
_
r
0
(xF
n
)
_
x
R
2
_
n
dx +
1
2n
_
R
r
(xF
n
)
_
x
R
2
_
n
dx −
1
2n
_
R
r
(xF
n
)
1
x
n
dx
da cui si ottiene
R
n
(r) =
1
2n
_
r
0
(xF
n
)
__
rx
R
2
_
n

_
x
r
_
n
_
dx +
1
2n
_
R
r
(xF
n
)
__
rx
R
2
_
n

_
r
x
_
n
_
dx (2.3.28)
Per semplificare i passaggi successivi notiamo che sia nel caso n = 0 che nel caso n ,= 0 gli
integrandi di
_
r
0
e
_
R
r
, a parte il fattore comune xF
n
(x), si ottengono l’uno dall’altro scambiando
x con r.
2.3. PROBLEMA AI LIMITI PER IL CERCHIO 37
Analogamente al caso precedente si ottiene u confrontando il suo sviluppo con lo sviluppo di
Fourier di F, ottenendo quindi
u(r, φ) =
1

_
r
0
_
x
_

0
F(x, θ)dθ
_
log
r
R
dx + (2.3.29)
+

n=1
1
2n
_
r
0
x
_
1
π
_

0
F(x, θ) cos nθdθ cos nφ+
+
1
π
_

0
F(x, θ) sin nθdθ sin nφ
_
__
rx
R
2
_
n

_
x
r
_
n
_
dx +
_
R
r
=
=
1

_
x<r
F(x, θ)
_
log
r
R
+

n=1
1
n
cos n(θ −φ))
__
rx
R
2
_
n

_
x
r
_
n
_
_
dS +
_
x>r

dove dS = xdθdx; non si `e prestata molta attenzione allo scambio di sommatoria e integrale poich`e
una volta arrivati alla forma finale si verificher`a direttamente la giustezza della stessa. Applicando
2.2.35 con P =
xr
R
2
e P =
x
r
si ottiene
u(r, φ) =
1

_
x<r
F(x, θ)
_
log
r
2
R
2
+ log
1 +
x
2
r
2
−2
r
x
cos(θ −φ)
1 +
x
2
r
2
R
4
−2xr cos(θ −φ)
_
dS +
_
x>r
= (2.3.30)
=
_
x<r
F(x, θ)
_
1

log
r
2
+x
2
−2rxcos(θ −φ)
R
2
+
x
2
r
2
R
2
−2rxcos(θ −φ)
_
dS +
_
x>r

poich`e il termine ¦ ¦ `e simmetrico per lo scambio di r con x si ottiene quindi infine
u(r, φ) =
_
S
F(x, θ)
_
1

log
r
2
+x
2
−2rxcos(θ −φ)
R
2
+
x
2
r
2
R
2
−2rxcos(θ −φ)
_
dS (2.3.31)
dove S = B(0, R); la funzione
G(r, φ, x, θ) =
1

log
r
2
+x
2
−2rxcos(θ −φ)
R
2
+
x
2
r
2
R
2
−2rxcos(θ −φ)
= (2.3.32)
=
1

_
log[r
2
+x
2
−2rxcos(θ −φ)] −log[R
2
+
x
2
r
2
R
2
−2rxcos(θ −φ)]
_
`e detta funzione di Green. Verifichiamo ora che la funzione 2.3.31 `e effettivamente la soluzione
cercata del problema. Per fare ci`o notiamo innanzitutto che la funzione G(r, φ, x, θ) soddisfa
l’equazione ´G = 0 come funzione di r, φ in S¸¦x, θ¦.
Poich`e ∂G/∂r e ∂G/∂φ sono integrabili in S, si pu`o derivare sotto il segno di integrale, ottenendo
∂u
∂r
=
_
S
F(x, θ)
∂G
∂r
dS (2.3.33)
∂u
∂φ
=
_
S
F(x, θ)
∂G
∂φ
dS (2.3.34)
le derivate seconde ∂
2
G/∂r
2
e ∂
2
G/∂φ
2
non sono invece integrabili, quindi non si pu`o derivare
ulteriormente sotto l’integrale.
Notiamo ora che se poniamo F = 1, si ottiene F
0
= 1 e F
n
= 0 se n > 0, quindi dalla espressione
2.3.29 si ottiene
u(r, φ) =
_
r
0
xlog
r
R
dx +
_
R
r
xlog
x
R
dx =
1
4
(r
2
−R
2
) (2.3.35)
inoltre in questo caso gli scambi di integrale e sommatoria sono evidentemente leciti, quindi si
ottiene, inserendo F = 1 in 2.3.31
_
S
G(r, φ, x, θ)dS =
1
4
(r
2
−R
2
) (2.3.36)
38 CAPITOLO 2. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI
da cui si ottiene
1
2
r =
_
S
∂G
∂r
dS (2.3.37)
0 =
_
S
∂G
∂φ
dS (2.3.38)
moltiplicando le equazioni precedenti per F(r, φ) e sottraendole a 2.3.33, 2.3.34 si ottiene
∂u
∂r

1
2
rF(r, φ) =
_
S
∂G
∂r
[F(x, θ) −F(r, φ)]dS (2.3.39)
∂u
∂φ
=
_
S
∂G
∂φ
[F(x, θ) −F(r, φ)]dS (2.3.40)
Se ora si suppone che F sia di classe (
1
allora il rapporto
F(x, θ) −F(r, φ)
[r
2
+x
2
−2rxcos(θ −φ)]
1/2
(2.3.41)
`e limitato, poich`e [r
2
+x
2
−2rxcos(θ −φ)]
1/2
`e la distanza tra i punti (r, φ) e (x, θ). Con questa
assunzione `e semplice vedere che le funzioni che si ottengono derivando gli integrandi di 2.3.39 e
2.3.40 sono integrabili, quindi `e possibile derivare sotto il segno di integrale, ottenendo

2
u
∂r
2

1
2
F(r, φ) −
1
2
r
∂F
∂r
(r, φ) =
_
S
_

2
G
∂r
2
[F(x, θ) −F(r, φ)] −
∂G
∂r
∂F
∂r
(r, φ)
_
dS (2.3.42)

2
u
∂φ
2
=
_
S
_

2
G
∂φ
2
[F(x, θ) −F(r, φ)] −
∂G
∂φ
∂F
∂φ
(r, φ)
_
dS (2.3.43)
quindi si ottiene infine
´u =

2
u
∂r
2
+
1
r
∂u
∂r
+
1
r
2

2
u
∂φ
2
= F(r, φ) +
1
2
r
∂F
∂r
(r, φ) + (2.3.44)
+
_
S
_

2
G
∂r
2
+
1
r
∂G
∂r
+
1
r
2

2
G
∂φ
2
_
[F(x, θ) −F(r, φ)]dS −

∂F
∂r
(r, φ)
_
S
∂G
∂r
dS −
∂F
∂φ
_
S
∂G
∂φ
dS = F(r, φ)
Se inoltre F `e limitata, allora si ha
[u(r, φ)[ ≤ M
_
S
[G[dS = −M
_
S
GdS =
M
4
(R
2
−r
2
) (2.3.45)
(dove si `e usato il fatto che G(r, φ, x, θ) ≤ 0) quindi si ha
lim
(r,φ)→(R,φ
0
)
u(r, φ) = 0 (2.3.46)
2.3.3 Funzioni armoniche
Definizione 2.3.1. Sia Ω ⊂ R
n
un insieme aperto e f : Ω →C una funzione; si dice che f `e una
funzione armonica su Ω se per ogni punto di Ω la funzione f soddisfa l’equazione
´f =
n

i=1

2
f
∂x
2
i
= 0 (2.3.47)
2.3. PROBLEMA AI LIMITI PER IL CERCHIO 39
Definizione 2.3.2. Sia Ω ⊂ R
n
un aperto, sia ∂Ω = Ω¸Ω e sia data una funzione continua
f : ∂Ω → C; si chiama problema di Dirichlet il problema consistente nel trovare una funzione
ψ : Ω →C continua tale che ψ sia armonica su Ω e ψ[
∂Ω
= f.
Teorema 2.3.1. Sia Ω = B(0, R) ⊂ R
2
e f : ∂Ω → C una funzione continua assegnata, allora
il problema di Dirichlet su Ω con condizione al bordo f ammette come soluzione (in coordinate
polari)
u(r, φ) =
_
f(φ) se r = R
_

0
f(θ)
1

R
2
−r
2
R
2
+r
2
−2rRcos(θ−φ)
dθ se r < R
(2.3.48)
Dimostrazione. per quanto visto in precedenza u(r, φ) cos`ı definita `e una funzione armonica su Ω
e continua su Ω (vedi equazione 2.3.16).
Teorema 2.3.2 (Principio del massimo). Sia Ω ⊂ R
n
un aperto limitato, F : Ω →R una funzione
e sia u : Ω →R una funzione continua tale che in Ω si abbia ´u = −F, allora se F ≤ 0 si ha
sup
x∈Ω
u(x) ≤ max
x∈∂Ω
u(x) (2.3.49)
Dimostrazione. dimostriamo innanzitutto il teorema nel caso F < 0: se in questo caso u avesse un
massimo in ¯ x ∈ Ω si dovrebbe avere
∂u
∂x
i
(¯ x) = 0;

2
u
∂x
2
i
(¯ x) ≤ 0 (2.3.50)
quindi ´u(¯ x) ≤ 0, mentre in Ω si deve avere ´u = −F > 0, quindi u deve assumere il suo massimo
su ∂Ω ed in questo caso `e mostrata la relazione 2.3.49.
Se definiamo g(x) = x
2
1
+ +x
2
n
si ha ´g = 2n > 0; poniamo allora
v(x) = u(x) +g(x) (2.3.51)
dove > 0 `e una costante. Evidentemente v : Ω → R `e una funzione continua e soddisfa in Ω
all’equazione
´v = −(F −2n) (2.3.52)
e poich`e F ≤ 0 si ha F −2n < 0, quindi si pu`o applicare il primo caso dimostrato, quindi v assume
il suo massimo su ∂Ω. Sia M = max
x∈∂Ω
u(x) e R > 0 tale che Ω ⊂ B(0, R), allora si ha per ogni
x ∈ Ω
u(x) ≤ v(x) ≤ max
y∈∂Ω
v(y) ≤ M +R
2
(2.3.53)
L’equazione precedente deve valere per ogni > 0, quindi passando al limite per → 0 si ottiene
l’enunciato.
Corollario 2.3.1. Sia Ω ⊂ R
n
un aperto limitato e sia f : ∂Ω →R una funzione continua, allora
se u : Ω →R `e soluzione del problema di Dirichlet con condizione al bordo f si ha per ogni x ∈ Ω
min
y∈∂Ω
f(y) ≤ u(x) ≤ max
y∈∂Ω
f(y) (2.3.54)
Dimostrazione. per il principio del massimo si ha per ogni x ∈ Ω
u(x) ≤ max
y∈∂Ω
u(y) = max
y∈∂Ω
f(y) (2.3.55)
inoltre −u `e soluzione del problema di Dirichlet con condizione al bordo −f, quindi si ha
−u(x) ≤ max
y∈∂Ω
[−u(y)] = max
y∈∂Ω
[−f(y)] = min
y∈∂Ω
f(y) (2.3.56)
40 CAPITOLO 2. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI
Corollario 2.3.2. Sia Ω ⊂ R
n
un aperto limitato, allora l’unica soluzione del problema di Dirichlet
con condizione al bordo nulla su ∂Ω `e u = 0.
Dimostrazione. u = 0 `e evidentemente una soluzione e se nel corollario precedente si pone f = 0
si vede che `e anche l’unica.
Corollario 2.3.3. Sia Ω ⊂ R
n
una aperto limitato e f : ∂Ω → C una funzione continua, allora
se il problema di Dirichlet con condizione al bordo f ammette almeno una soluzione esso ammette
solo una soluzione.
Dimostrazione. supponiamo per assurdo che esistano due soluzioni distinte u
1
, u
2
, allora v = u
1
−u
2
soddisfa al problema di Dirichlet con condizioni al bordo nulle su ∂Ω, quindi per il corollario
precedente v = 0 e quindi u
1
= u
2
.
Il corollario precedente `e in generale falso se Ω non `e limitato: consideriamo ad esempio Ω =
B(0, 1)
c
(in R
n
con n ≥ 3) con condizione al bordo f = 1, allora due soluzioni distinte sono ad
esempio
u
1
(x) = 1; u
2
(x) = (x
2
1
+ +x
2
n
)
(n−2)/2
(2.3.57)
Corollario 2.3.4. La funzione 2.3.48 `e l’unica soluzione del problema di Dirichlet considerato nel
teorema 2.3.1.
Corollario 2.3.5 (Teorema della media). Sia Ω ⊂ R
2
un insieme aperto e B(a, R) ⊂ Ω, allora se
u : Ω →C `e una funzione armonica si ha
u(a) =
1
2πR
_

0
u(a +Re

)Rdθ (2.3.58)
ossia u(a) coincide con la media dei valori che u assume su ∂B(a, R) (il teorema `e vero anche in
dimensione superiore utilizzando integrali superficiali)
Dimostrazione. all’interno di B(a, R) la funzione u coincide (per l’unicit`a) con la soluzione del
problema di Dirichlet con condizione al bordo u su B(a, R), quindi `e applicabile la formula di
Poisson; in questo caso essa diviene, in coordinate polari centrate in a
u(r, φ) =
_

0
u(a +Re

)
1

R
2
−r
2
R
2
+r
2
−2rRcos(θ −φ)
dθ (2.3.59)
ponendo r = 0 si ottiene il valore di u calcolato nel punto a, quindi l’espressione 2.3.58.
Corollario 2.3.6. Sia Ω ⊂ R
2
un insieme aperto limitato tale che non possa scriversi come unione
di due aperti disgiunti non vuoti (si dice che `e connesso). Sia u : Ω →C una funzione armonica,
allora se [u[ ha un punto di massimo in Ω la funzione u `e costante (anche questo `e vero anche in
dimensione superiore ma poich`e si `e dimostrato il teorema della media solo nel caso n = 2 ci si
limiter`a anche qu`ı al caso n = 2).
Dimostrazione. sia a ∈ Ω un punto di massimo per [u[ e vediamo che l’insieme ¦x ∈ Ω[u(x) = u(a)¦
`e un insieme aperto: se u(a) = 0 il teorema `e ovvio, quindi supponiamo u(a) ,= 0 e, a meno di
moltiplicare u per una costante di modulo 1, si pu`o supporre u(a) > 0. Per r ≥ 0 abbastanza
piccolo, sia
M(r) = sup
0≤θ≤2π
[u(a +re

)[
per ipotesi si ha (per r sufficientemente piccolo) M(r) ≤ u(a), inoltre da 2.3.58 segue u(a) ≤ M(r),
quindi u(a) = M(r); ci`o assicura che la funzione 1[u(a) −u(z)] `e positiva per z vicino ad a e nulla
in z se e solo se u(z) = u(a). Da 2.3.58 segue che
_

0
1(u(a) −u(a+re

))dθ = 0 per r piccoli, che
per quanto visto implica che in B(a, R) la funzione u `e costante, quindi A = ¦x ∈ Ω[u(x) = u(a)¦
`e aperto.
2.3. PROBLEMA AI LIMITI PER IL CERCHIO 41
Poich`e u `e continua, `e immediato vedere che B = ¦x ∈ Ω[u(x) ,= u(a)¦ `e un insieme aperto.
Ma allora Ω = A ∪ B, A ∩ B = ∅ e A e B sono aperti, quindi dall’ipotesi (poich`e a ∈ A) segue
B = ∅, cio`e A = Ω.
2.3.4 Lemma di Green e sue conseguenze
In questa sezione si utilizzeranno tecniche leggermente pi` u sofisticate che in quelle precedenti, in
particolare si far`a un pesante uso di integrali superficiali, questo per esporre il teorema generale
della media per le funzioni armoniche ed alcune nozioni circa la teoria generale delle funzioni di
Green nei problemi ai limiti per l’operatore di Laplace.
Ricordiamo innanzitutto il contenuto del teorema della divergenza: se v(x) `e un campo vetto-
riale di classe (
1
in R
n
, S `e una variet`a con bordo di dimensione n di classe (
1
a tratti avente per
bordo σ e n `e la normale uscente a S si ha
_
S
∇ vdS =
_
σ
v ndσ (2.3.60)
Dal teorema della divergenza si pu`o ottenere un analogo multidimensionale dell’integrazione
per parti: si ha innanzitutto se u : R
n
→R `e di classe (
1
∇ (uv) = (∇u) v +u∇ v (2.3.61)
dal teorema della divergenza si ottiene allora
_
S
u∇ vdS =
_
σ
uv ndσ −
_
S
v ∇udS (2.3.62)
Se si pone in particolare v = v(x)e
i
si ottiene
_
S
u
∂v
∂x
i
dS =
_
σ
uvn
i
dσ −
_
S
∂u
∂x
i
vdS (2.3.63)
dove n
i
`e la componente i−esima di n.
D’ora in avanti ogni volta che si considereranno integrali di volume o superficie si supporranno
verificate le condizioni di regolarit`a necessarie per poter applicare il teorema della divergenza
Lemma 2.3.1 (Lemma di Green). Siano f, g funzioni di classe (
2
, allora si ha
_
S
(f´g −g´f)dS =
_
σ
_
f
∂g
∂n
−g
∂f
∂n
_
dσ (2.3.64)
dove
∂f
∂n
= ∇f n.
Dimostrazione. utilizzando l’identit`a 2.3.61 si ottiene
_
S
∇ (f∇g)dS =
_
S
(f´g +∇f ∇g)dS =
_
σ
f∇g ndσ =
_
f
∂g
∂n
dσ (2.3.65)
_
S
∇ (g∇f)dS =
_
S
(g´f +∇g ∇f)dS =
_
σ
g∇f ndσ =
_
g
∂f
∂n
dσ (2.3.66)
e quindi sottraendo si ottiene 2.3.64.
Teorema 2.3.3 (Teorema della media). Sia Ω un aperto in R
n
e sia u : Ω → C armonica, sia
y ∈ Ω e sia δ > 0 tale che B(y, δ) ⊂ Ω, allora se si indica con [s(δ)[ la superficie della sfera
n−dimensionale s(δ) = ¦x ∈ R
n
[ |x −y| = δ¦ si ha
u(y) =
1
[s(δ)[
_
s
udσ (2.3.67)
42 CAPITOLO 2. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI
Dimostrazione. dal lemma di Gauss segue innanzitutto, ponendo f = u e g = 1 che
_
σ
∂u
∂n
dσ = 0 (2.3.68)
Supponiamo ora n > 2 e sia 0 < < δ; nel lemma di Green poniamo ora g(x) = |x − y|
2−n
,
f(x) = u(x) e S = ¦x ∈ R
n
[ ≤ |x −y| ≤ δ¦; notando che anche g `e armonica si ottiene
0 = (2 −n)δ
1−n
_
s(δ)
udσ −δ
2−n
_
s(δ)
∂u
∂n
dσ −(2 −n)
1−n
_
s()
udσ +
2−n
_
s()
∂u
∂n
dσ (2.3.69)
quindi usando 2.3.68 si ottiene
0 = δ
1−n
_
s(δ)
udσ −
1−n
_
s()
udσ (2.3.70)
quando →0 si ottiene a meno di infinitesimi di ordine superiore in
_
s()
udσ ∼ [s()[u(y) =
[s()[
[s(δ)[
[s(δ)[u(y) =
_

δ
_
n−1
[s(δ)[u(y) (2.3.71)
quindi inserendo in 2.3.70 si ottiene infine
_
s(δ)
udσ =
_

δ
_
1−n
_
s()
udσ →[s(δ)[u(y) (2.3.72)
Se n = 2 si procede in modo identico ponendo g(x) = log |x −y|.
La parte seguente di questa sezione `e ripresa dal testo [2] della bibliografia.
Definizione 2.3.3. Dato un aperto Ω ⊂ R
2
, sia ∂Ω = Ω¸Ω. Definiamo la funzione di Green per
il laplaciano in 2 dimensioni come una funzione G(x, y, ξ, η) : Ω Ω → R che soddisfa i seguenti
criteri
1. eccetto nel punto (x, y) = (ξ, η) la funzione G(x, y, ξ, η) `e continua in x, y e le sue derivate
prime e seconde rispetto a x, y sono continue in Ω¸¦ξ, η¦ rispetto a x, y. La funzione G ha
la forma
G(x, y, ξ, η) =
1

log r +γ(x, y, ξ, η); r =
_
(x −ξ)
2
+ (x −η)
2
(2.3.73)
dove γ e le sue derivate prime e seconde in x, y sono continue rispetto a x, y [ovunque, non
pi` u tranne in (x, y) = (ξ, η) ].
2. G(x, y, ξ, η) = 0 se (x, y) ∈ ∂Ω
3. in Ω¸¦ξ, η¦ si deve avere ´G(x, y, ξ, η) = 0 (il laplaciano `e applicato alle coordinate x, y ).
Dal punto (3) della definizione precedente, poich`e ´log r = 0 su Ω¸¦ξ, η¦, segue che ´γ = 0
su Ω¸¦ξ, η¦ e per la continuit`a delle derivate seconde si ha ´γ = 0 su tutto Ω.
Lemma 2.3.2. sia f : Ω →R una funzione continua nel punto (x, y) = (ξ, η) e sia s() = ¦(x, y) ∈
R
2
[ r = ¦ ⊂ Ω, allora si ha
lim
→0
_
s()
f
∂G
∂n
dσ = f(ξ, η) (2.3.74)
2.3. PROBLEMA AI LIMITI PER IL CERCHIO 43
Dimostrazione. notiamo innanzitutto che si ha
∇G(x, y, ξ, η) =
1

1
r
2
(x −ξ, y −η) +∇γ (2.3.75)
e che quindi se n `e la normale esterna a s() si ha
∂G
∂n
= ∇G n = ∇G
(x −ξ, y −η)
r
=
1
2πr
+
∂γ
∂n
(2.3.76)
quindi
_
s()
f
∂G
∂n
dσ =
_
s()
f
1
2πr
dσ +
_
s()
f
∂γ
∂n
dσ = (2.3.77)
=
1

_

0
f(ξ + cos θ, η + sin θ)dθ +
_
s()
f
∂γ
∂n

poich`e ∂γ/∂n `e continua in (x, y) = (ξ, η), il secondo integrale tende a 0 se →0, mentre `e semplice
vedere che il primo tende a f(ξ, η).
Teorema 2.3.4 (Simmetria della funzione di Green). Si ha G(x, y, ξ, η) = G(ξ, η, x, y)
Dimostrazione. sia k = B((ξ, η), ) e k

= B((ξ

, η

), ) ed applichiamo il lemma di Green con
S = Ω¸¦k ∪ k

¦, f(x, y) = G(x, y, ξ, η) e g(x, y) = G(x, y, ξ

, η

), allora si ottiene
0 =
_
σ
_
f
∂g
∂n
−g
∂f
∂n
_
dσ (2.3.78)
dove n `e la normale uscente di Ω¸¦k ∪ k

¦ e quindi `e entrante per k e k

. L’equazione precedente
equivale a
_
∂k
_
f
∂g
∂n
−g
∂f
∂n
_
dσ +
_
∂k

_
f
∂g
∂n
−g
∂f
∂n
_
dσ = 0 (2.3.79)
poich`e su ∂Ω sia f che g sono nulle. Passando al limite per →0 si ottiene usando il lemma 2.3.2
(con la sostituzione n →−n poich`e l`ı n era uscente)
g(ξ, η) −f(ξ

, η

) = 0 (2.3.80)
che equivale alla tesi.
Vediamo ora il teorema da cui dipende l’importanza della funzione di Green.
Teorema 2.3.5. 1) Sia Ω ⊂ R
2
e sia u : Ω → R una funzione continua con derivate prime
continue e ´u integrabile che soddisfa su Ω l’equazione ´u = φ(x, y) e tale che u = 0 su ∂Ω allora
si ha
u(x, y) =
_

G(x, y, ξ, η)φ(ξ, η)dξdη (2.3.81)
2) se φ : Ω →R `e una funzione continua con derivate prime continue in Ω, allora la funzione
u(x, y) definita in 2.3.81 `e continua in Ω, ha derivate prime e seconde continue in Ω, si ha ´u = φ
in Ω e u = 0 su ∂Ω.
Dimostrazione. 1) applichiamo la formula di Green con f(x, y) = u(x, y), g(x, y) = G(x, y, ξ, η) e
S = Ω¸k, dove k = B((ξ, η), ), allora si ottiene
_
∂k
_
u
∂G
∂n
−G
∂u
∂n
_
dσ = −
_
Ω\k
Gφdξdη (2.3.82)
dove n `e uscente per Ω¸k e quindi entrante per k. Passando al limite per → 0 usando il lemma
2.3.2 (con la sostituzione n →−n) si ottiene la formula 2.3.81
44 CAPITOLO 2. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI
2) usando 2.3.81 e 2.3.73 si pu`o scrivere u = ψ +χ, dove
ψ(x, y) =
1

_

φ(ξ, η) log rdξdη; χ(x, y) =
_

γ(x, y, ξ, η)φ(ξ, η)dξdη (2.3.83)
poich`e γ e le sue derivate fino al secondo ordine sono continue si pu`o calcolare ´χ derivando sotto
l’integrale e poich`e ´γ = 0 si ottiene ´χ = 0, quindi resta solo da mostrare che ´ψ = φ.
Per calcolare ∂ψ/∂x (o analogamente ∂ψ/∂x) si pu`o derivare sotto l’integrale, poich`e in coor-
dinate polari si ha
_

ψ

∂x
log rdξdη =
_

ψ cos θdrdθ < +∞ (2.3.84)
quindi chiamando S(x, y, ξ, η) =
1

log r si ha
∂ψ
∂x
=
_

∂S
∂x
φdξdη (2.3.85)
Inoltre `e immediato vedere che ∂S/∂x = −∂S/∂ξ, quindi
∂ψ
∂x
= −
_

∂S
∂ξ
φdξdη (2.3.86)
Integrando per parti tramite la formula 2.3.63 si ottiene
∂ψ
∂x
= −
_
∂Ω
Sφn
ξ
dσ +
_

S
∂φ
∂ξ
dξdη (2.3.87)
dove n
ξ
`e la componente ξ della normale esterna a Ω. A questo punto si pu`o derivare ulteriormente,
ottenendo

2
ψ
∂x
2
= −
_
∂Ω
∂S
∂x
φn
ξ
dσ +
_

∂S
∂x
∂φ
∂ξ
dξdη =
_
∂Ω
∂S
∂ξ
φn
ξ
dσ −
_

∂S
∂ξ
∂φ
∂ξ
dξdη (2.3.88)
Analogamente si ottiene

2
ψ
∂y
2
=
_
∂Ω
∂S
∂η
φn
η
dσ −
_

∂S
∂η
∂φ
∂η
dξdη (2.3.89)
quindi si ottiene
´ψ =
_
∂Ω
ψ
_
∂S
∂ξ
n
ξ
+
∂S
∂η
n
η
_
dσ −
_

_
∂S
∂ξ
∂φ
∂ξ
+
∂S
∂η
∂φ
∂η
_
dξdη =
=
_
∂Ω
φ
∂S
∂n
dσ −
_

∇S ∇φdξdη (2.3.90)
se si scrive k = B((ξ, η), ) allora si ha anche per continuit`a
´ψ(x, y) =
_
∂Ω
φ
∂S
∂n
dσ − lim
→0
_
Ω\k
∇S ∇φdξdη (2.3.91)
inoltre usando la formula 2.3.65 con g(x, y) = S(x, y, ξ, η) e f(x, y) = φ(x, y) si ottiene (poich`e
´g = 0)
_
Ω\k
∇S ∇φdξdη =
_
∂Ω
φ
∂S
∂n
dσ +
_
∂k
φ
∂S
∂n
dσ (2.3.92)
dove n `e la normale esterna a Ω¸k e quindi interna a k, quindi si ottiene
´ψ(x, y) = −
_
∂k
φ
∂S
∂n
dσ (2.3.93)
e quindi usando il lemma 2.3.2 (con n → −n) e la simmetria di S tra x, y e ξ, η, si ottiene
´ψ(x, y) = φ(x, y) che conclude.
Tramite il teorema precedente non `e difficile mostrare che 2.2.30 soddisfa effettivamente il
problema ´u = F su (0, π) (0, π) con condizione al bordo nulle (ovviamente se F soddisfa le
condizioni della φ del teorema precedente).
2.4. EQUAZIONE DELLE ONDE 45
2.4 Equazione delle onde
In questo capitolo si discuter`a la soluzione dell’equazione
u =
1
c
2

2
u
∂t
2


2
u
∂x
2
= F(x, t) (2.4.1)
con le condizioni ai limiti
u(x, 0) = f(x);
∂u
∂t
(x, 0) = g(x); u(0, t) = a(t); u(, t) = b(t) (2.4.2)
dove f `e derivabile con continuit`a una volta ed `e deririvabile due volte quasi ovunque, g continua e
derivabile q.o, F(x, t) `e derivabile una volta rispetto a x con derivata continua q.o. ed F e ∂F/∂x
sono integrabili sugli intervalli compatti rispetto a t, a, b sono funzioni derivabili con continuit`a
due volte. A causa della linearit`a del problema si pu`o scrivere u = u
f
+u
g
+u
F
+u
a
+u
b
dove
• u
f
soddisfa il problema con F = 0, a = b = 0, g = 0
• u
g
soddisfa il problema con F = 0, a = b = 0, f = 0
• u
F
soddisfa il problema con a = b = 0, f = g = 0
• u
a
soddisfa il problema con F = 0, f = g = 0, b = 0
• u
b
soddisfa il problema con F = 0, f = g = 0, a = 0
2.4.1 caso u
f
Scriviamo u =

X
n
(x)T
n
(t) e imponiamo (X
n
T
n
) = 0, allora si ottiene
1
c
2
T

n
(t)
T
n
(t)

X

n
(x)
X
n
(x)
= 0 (2.4.3)
e quindi
X

n
+λX
n
= 0; T

n
+λc
2
T = 0 (2.4.4)
cui si impongono le condizioni X
n
(0) = X
n
() = 0 e T

(0) = 0, allora si ottiene X
n
= a
n
sin

λx
e λ =
n
2
π
2

2
, quindi X
n
= a
n
sin

x e T
n
= b
n
cos
nπc

t, quindi
u(x, t) =

n=1
a
n
sin
_

x
_
cos
_
nπc

t
_
(2.4.5)
Inoltre si deve avere
u(x, t = 0) =

n=1
a
n
sin

x = f(x) (2.4.6)
Utilizzando la formula trigonometrica
sin αcos β =
1
2
[sin(α +β) + sin(α −β)] (2.4.7)
l’equazione 2.4.5 si pu`o riscrivere come
u(x, t) =
1
2

n=1
a
n
_
sin

(x +ct) + sin

(x −ct)
_
(2.4.8)
quindi confrontando con 2.4.6 si ottiene
u(x, t) =
1
2
f
p
(x +ct) +
1
2
f
p
(x −ct) (2.4.9)
46 CAPITOLO 2. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI
nell’ultima espressione f
p
sta per f prolungata, infatti f `e inizialmente definita solo su [0, ] (e a
causa delle altre condizioni si deve avere f(0) = f() = 0) mentre nell’ultima espressione x + ct
pu`o diventare arbitrariamente grande. Dalle espressioni 2.4.6, 2.4.8 si ottiene che la f deve essere
prolungata nel seguente modo: dapprima si prolunga la f in modo dispari sull’intervallo [−, ],
quindi si prolunga ulteriormente f in modo periodico con periodo 2.
2.4.2 caso u
g
Procedendo come nel caso precedente ed imponendo le condizioni X
n
(0) = X
n
() = 0 e T
n
(0) = 0
si ottiene
u(x, t) =

n=1
a
n
sin
_

x
_
sin
_
nπc

t
_
(2.4.10)
e si impone la condizione

n=1
a
n
nπc

sin

x = g(x) (2.4.11)
Utilizzando la formula trigonometrica
sin αsin β =
1
2
[cos(α −β) −cos(α +β)] (2.4.12)
l’equazione 2.4.10 si pu`o riscrivere come
u(x, t) =

n=1
a
n
2
_
cos

(x −ct) −cos

(x +ct)
_
=

n=1
a
n
2

_
x+ct
x−ct
sin

zdz = (2.4.13)
=
1
2c
_
x+ct
x−ct

n=1
a
n
nπc

sin

zdz =
1
2c
_
x+ct
x−ct
g
p
(z)dz
dove g
p
`e il prolungamento di g, ottenuto nello stesso modo in cui si `e ottenuto f
p
nel caso
precedente.
Le due soluzioni appena trovate si potevano anche ottenere risolvendo esplicitamente l’equazione
u = 0: consideriamo le nuove variabili
ξ = x +ct; η = x −ct (2.4.14)
allora (a meno di costanti numeriche) l’equazione precedente diventa

∂ξ
∂u
∂η
=

2
u
∂η∂ξ
= 0 (2.4.15)
cio`e ∂u/∂η `e indipendente da ξ, quindi
∂u
∂η
= a(η) (2.4.16)
da cui si ottiene
u = A(η) +B(ξ) (2.4.17)
e ritornando alle variabili x, t si ottiene infine
u(x, t) = A(x −ct) +B(x +ct) (2.4.18)
dove A, B sono funzioni derivabili due volte. per le condizioni ai limiti si ha:
_
B(x) +A(x) = f(x)
cB

(x) −cA

(x) = g(x)
(2.4.19)
2.4. EQUAZIONE DELLE ONDE 47
dove l’apice indica la derivazione rispetto all’argomento; da queste si ottiene
_
_
_
B(x) +A(x) = f(x)
B(x) −A(x) =
1
c
_
x
0
g(z)dz +K
;
_
_
_
B(x) =
1
2
f(x) +
K
2
+
1
2c
_
x
0
g(z)dz
A(x) =
1
2
f(x) −
K
2

1
2c
_
x
0
g(z)dz
(2.4.20)
quindi si ottiene
u(x, t) =
1
2
[f(x +ct) +f(x −ct)] +
1
2c
_
x+ct
x−ct
g(z)dz (2.4.21)
anche in questo caso si presenta il problema dell’estensione di f, g.
Se g = 0 allora per le condizioni al contorno si deve avere
u(0, t) =
1
2
[f(ct) +f(−ct)] = 0 (2.4.22)
quindi su [−, ] la funzione `e prolungata in modo dispari. Inoltre
u(, t) =
1
2
[f( +ct) +f( −ct)] = 0 (2.4.23)
quindi f deve essere prolungata in modo dispari rispetto al punto , cio`e viene estesa su [−, 3] in
modo periodico di periodo 2, ma allora u(3, t) = 0 e procedendo per induzione analogamente a
quanto gi`a fatto si vede che f si prolunga su R in modo periodico di periodo 2.
Se f = 0 allora
u(0, t) =
1
2c
_
ct
−ct
g(z)dz = 0 (2.4.24)
da cui, derivando rispetto a t si ottiene g(ct) +g(−ct) = 0 cio`e g deve essere prolungata su [−, ]
in modo dispari. Inoltre
u(, t) =
1
2c
_
+ct
−ct
g(z)dz = 0 (2.4.25)
derivando rispetto a t si ottiene quindi g(l +ct) +g(l −ct) = 0 e si procede come per f.
2.4.3 caso u
F
Sia u(x, t) =

X
n
(x)T
n
(t) ed imponiamo che

(X
n
(x)T
n
(t)) = F(x, t); imponendo inoltre
X

n
+ λX
n
= 0 con le condizioni al contorno X
n
(0) = X
n
() = 0 si ottiene λ =
n
2
π
2

2
e X
n
(x) =
sin

x e per t si ha
T

n
(t) +
c
2
n
2
π
2

2
T
n
(t) = c
2
F
n
(t) (2.4.26)
con le condizioni T
n
(0) = T

n
(0) = 0. Applicando il metodo della variazione delle costanti arbitrarie
ad una equazione della forma T

n
+ ω
2
T = H con le condizioni al contorno precedente, si cercano
delle soluzioni della forma T(t) = A(t) cos ωt +B(t) sin ωt e si `e ricondotti al sistema
_
A

(t) cos ωt +B

(t) sin ωt = 0
−ωA

(t) sin ωt +ωB

(t) cos ωt = H(t)
(2.4.27)
con le condizioni A(0) = 0 (poich`e T(0) = 0) e B(0) = 0 (poich`e T

(0) = 0), quindi si ha
_
_
_
A

(t) = −
H(t)
ω
sin ωt
B

(t) =
H(t)
ω
cos ωt
_
_
_
A(t) = −
_
t
0
H(τ)
ω
sin ωτdτ
B(t) =
_
t
0
H(τ)
ω
cos ωτdτ
(2.4.28)
da cui si ottiene semplicemente
T(t) =
_
t
0
H(τ)
ω
sin ω(t −τ)dτ (2.4.29)
48 CAPITOLO 2. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI
nel caso particolare considerato si ottiene quindi
T
n
(t) =

nπc
c
2
_
t
0
F
n
(τ) sin
nπc

(t −τ)dτ (2.4.30)
quindi si ha
u(x, t) =

n=1
c

sin

x
_
t
0
F
n
(τ) sin
nπc

(t −τ)dτ (2.4.31)
da cui, usando la formula trigonometrica
sin αsin β =
1
2
[cos(α −β) −cos(α +β)] (2.4.32)
si ottiene
u(x, t) =

n=1
c
2πn
_
t
0
F
n
(τ)
_
cos

(x −ct +cτ) −cos

(x +ct −cτ)
_
dτ (2.4.33)
Inoltre si ha


_
cos

α −cos

β
_
=
_
β
α
sin

zdz (2.4.34)
quindi
u(x, t) =
c
2

n=1
_
t
0
F
n
(τ)
__
x+ct−cτ
x−ct+cτ
sin

zdz
_
dτ (2.4.35)
e ricordando che

n=1
F
n
(τ) sin

z = F(z, τ) (2.4.36)
si ottiene infine
u(x, t) =
c
2
_
t
0
__
x+ct−cτ
x−ct+cτ
F
p
(z, τ)dz
_
dτ (2.4.37)
dove F
p
`e la funzione F(x, t) prolungata in modo che sia definita per ogni x nel modo ormai usuale:
dapprima essa viene prolungate sull’intervallo [−, ] in modo dispari, quindi su (−∞, +∞) in modo
periodico di periodo 2.
Si pu`o ora verificare semplicemente che la u(x, t) come definita in 2.4.37 `e effettivamente la
soluzione cercata. Per fare ci`o `e necessario usare la seguente formula: sia H(x, y) tale che ∂H/∂x
sia continua q.o. ed H e ∂H/∂x siano integrabili rispetto ad y sugli intervalli limitati (le stesse
propriet`a che si sono ipotizzate per la F), allora per ogni x si ha
d
dx
_
x
0
H(x, y)dy = H(x, y = x) +
_
x
0
∂H
∂x
(x, y)dy (2.4.38)
Dimostriamo la relazione precedente: il rapporto incrementele ∆f `e
∆f =
_
x+∆x
0
H(x + ∆x, y)dy −
_
x
0
H(x, y)dy = (2.4.39)
=
_
x+∆x
0
_
H(x, y) + ∆x
∂H
∂x
(¯ x, y)
_
dy −
_
x
0
H(x, y)dy
dove si `e usato il teorema di Lagrange e ¯ x ∈ [x, x + ∆x], quindi
∆f
∆x
=
1
∆x
_
x+∆x
x
H(x, y)dy +
_
x+∆x
0
∂H
∂x
(¯ x, y)dy (2.4.40)
2.4. EQUAZIONE DELLE ONDE 49
quindi, usando il fatto che l’integrale di una funzione su un insieme di misura nulla `e nullo e la
continuit` a dell’integrale di una funzione integrabile nel secondo termine ed il teorema del valor
medio nel primo, si ottiene al limite
lim
∆x→0
∆f
∆x
= H(x, y = x) +
_
x
0
∂H
∂x
(x, y)dy (2.4.41)
Utilizzando la formula appena mostrata `e immediato verificare che la u definita in 2.4.37 soddisfa
2.4.1. Inoltre si ha per quanto riguarda le condizioni al contorno: u(x, 0) = 0, u(0, t) = 0 poich`e F
`e dispari rispetto a x = 0, u(, t) = 0 poich`e F `e dispari rispetto a x = , ed infine
∂u
∂t
(x, t) =
c
2
_
t
0
[cF(x +ct −cτ, τ) +cF(x −ct +cτ, τ)] dτ (2.4.42)
quindi ∂u/∂t(x, 0) = 0.
2.4.4 caso u
a
Si vedr`a ora come questo caso pu`o essere ricondotto a quelli precedentemente trattati: ponendo
v(x, t) = u(x, t) −a(t)
−x

si ha v(0, t) = a(t) −a(t) = 0 e v(, t) = 0 e si vede subito che v soddisfa
una equazione del tipo 2.4.1, 2.4.2 (con a(t) = b(t) = 0) dove F, f, g dipendono dalla particolare
a(t). Analogamente si tratta il caso u
b
.
Capitolo 3
Spazi di Hilbert ed Operatori
lineari
3.1 Geometria degli spazi di Hilbert
Definizione 3.1.1. Si indica con
2
l’insieme delle successioni di numeri complessi ¦x
n
¦
n∈N
tali
che

n∈N
[x
n
[
2
< +∞. L’insieme
2
pu`o essere dotato della sruttura di spazio vettoriale definendo,
se α ∈ C e ¦x
n
¦, ¦y
n
¦ ∈
2
α¦x
n
¦
n∈N
= ¦αx
n
¦
n∈N
; ¦x
n
¦
n∈N
+¦y
n
¦
n∈N
= ¦x
n
+y
n
¦
n∈N
(3.1.1)
`e evidente che se ¦x
n
¦ ∈
2
allora ¦αx
n
¦ ∈
2
, inoltre dalla disuguaglianza [x
i
+y
i
[
2
≤ 2[x
i
[
2
+2[y
i
[
2
segue che se ¦x
n
¦, ¦y
n
¦ ∈
2
allora ¦x
n
+y
n
¦ ∈
2
. Lo spazio vettoriale
2
si pu`o dotare del seguente
prodotto scalare:
(¦x
n
¦
n∈N
, ¦y
n
¦
n∈N
) =

n∈N
x
n
y
n
(3.1.2)
questo prodotto scalare `e ben definito a causa della disuguaglianza [x
i
y
i
[ ≤
1
2
([x
i
[
2
+[y
i
[
2
).
Teorema 3.1.1. Lo spazio
2
dotato del prodotto scalare della definizione 3.1.1 `e uno spazio di
Hilbert.
Dimostrazione. sia ¦x
(n)
¦ una successione di Cauchy in
2
, cio`e dato > 0 esiste un N tale che se
n, m > N allora si ha
|x
(n)
−x
(m)
| ≤

(3.1.3)
cio`e

i=0
[x
(n)
i
−x
(m)
i
[
2
< (3.1.4)
dalla disequazione precedente segue in particolare che se n, m > N allora [x
(n)
i
−x
(m)
i
[ ≤

, quindi
fissato l’indice ”i” la successione ¦x
n
i
¦
n∈N
`e di Cauchy in C per ogni i, quindi esiste x
i
∈ C tale
che lim
n→∞
x
(n)
i
= x
i
. Poniamo x = ¦x
i
¦
i∈N
; mostriamo innanzitutto che x ∈
2
: per ogni M ∈ N
si ha (se n, m > N)
M

i=0
[x
(n)
i
−x
(m)
i
[
2

i=0
[x
(n)
i
−x
(m)
i
[
2
≤ (3.1.5)
inoltre, per come sono definiti x
i
, si ha per ogni M ∈ N
M

i=0
[x
(n)
i
−x
i
[
2
= lim
m→∞
M

i=0
[x
(n)
i
−x
(m)
i
[
2
(3.1.6)
50
3.1. GEOMETRIA DEGLI SPAZI DI HILBERT 51
dalle equazioni precedenti si ottiene allora

M
i=0
[x
(n)
i
−x
i
[
2
≤ per ogni M, quindi si ha


i=0
[x
(n)
i
−x
i
[
2
≤ , quindi x
(n)
−x ∈
2
e quindi x ∈
2
. Si `e inoltre visto che se n > N() si ha
|x
(n)
−x|
2
=

i=0
[x
(n)
i
−x
i
[
2
≤ (3.1.7)
quindi lim
n→∞
|x
(n)
−x|

2 = 0, cio`e x `e il limite in
2
della successione di Cauchy ¦x
(n)
¦, quindi

2
`e completo.
Lemma 3.1.1. Una base numerabile ortonormale in
2
`e data dalle successioni
e
i
= ¦0, . . . , 0, 1, 0, . . .¦ (3.1.8)
(dove solo l’i−esimo termine `e non nullo e vale 1).
Dimostrazione. `e immediato vedere che e
i

2
e (e
i
, e
j
) = δ
ij
. Per mostrare che gli ¦e
i
¦ formano
una base di
2
basta mostrare (poich`e
2
`e uno spazio di Hilbert) che se v ∈
2
`e tale che (e
i
, v) = 0
per ogni i allora v = 0. Sia v = ¦v
1
, v
2
, . . .¦; allora (e
i
, v) = v
i
, quindi se (e
i
, v) = 0 per ogni i si
deve avere v
i
= 0 per ogni i e quindi v = 0.
Teorema 3.1.2. Tutti gli spazi di Hilbert di dimensione infinita che ammettono una base nume-
rabile sono isomorfi a
2
tramite un isomorfismo che conserva le norme.
Dimostrazione. sia H uno spazio di Hilbert come nell’ipotesi e sia ¦f
i
¦ una base ortonormale
numerabile di H. Se x ∈ H definiamo L(x) = ¦(f
i
, x)¦

i=1
. Dalla disuguaglianza di Bessel segue
che L(x) ∈
2
per ogni x ∈ H. Dal teorema 1.5.7 segue che L `e suriettiva: se ¦x
i
¦

i=1

2
allora
y =


i=1
x
i
f
i
`e un elemento di H poich`e la serie a secondo membro `e convergente e si ha (per la
continuit`a del prodotto scalare)
L(y) = ¦(f
i
, y)¦

i=1
= ¦x
i
¦

i=1
(3.1.9)
Dall’identit`a di Parsevall segue che |x|
H
= |L(x)|

2, quindi L conserva le norme ed `e in particolare
iniettiva.
In alcuni testi si trova la affermazione ”tutti gli spazi di Hilbert sono isomorfi” poich`e le ca-
ratteristiche di avere dimensione infinita e di ammettere una base numerabile sono inserite nella
definizione di spazi di Hilbert.
Definizione 3.1.2. Uno spazio normato si dice separabile se esiste un suo sottoinsieme denso al
pi` u numerabile.
Teorema 3.1.3. Sia H uno spazio di Hilbert, allora esiste una base ortonormale al pi` u numerabile
⇔ H `e separabile.
Dimostrazione. ⇐) se H `e separabile allora esiste un insieme ¦v
i
¦

i=1
denso in H; da esso si
pu`o estrarre per induzione un insieme al pi` u numerabile di vettori indipendenti ¦w
n
¦
n∈N
, dove
A ⊂ N, tale che ogni v
i
`e esprimibile come combinazione lineare finita di elementi di ¦w
n
¦
n∈N
,
ma allora lo spazio delle combinazioni lineari finite di elementi di ¦w
n
¦
n∈N
contiene l’insieme
X = ¦v
i
[i ∈ N, i > 0¦, in particolare `e denso, quindi ¦w
n
¦
n∈N
`e un insieme completo, quindi una
base. A questo punto definiamo
e
1
=
w
1
|w
1
|
; ; e
k
=
w
k

k−1
i=1
(e
i
, w
k
)e
i
|w
k

k−1
i=1
(e
i
, w
k
)e
i
|
(3.1.10)
(metodo di ortonormalizzazione di Gram-Schmidt) `e allora semplice vedere che ¦e
n
¦
n∈N
`e un insie-
me ortonormale (al pi` u numerabile); vediamo che la definizione precedente ha senso: dimostriamo
per induzione la seguente affermazione: i denominatori delle espressioni 3.1.10 non si annullano
52 CAPITOLO 3. SPAZI DI HILBERT ED OPERATORI LINEARI
e ogni e
k
pu`o essere espresso come combinazione lineare di w
1
, . . . , w
k
. Poich`e i ¦w
n
¦ sono li-
nearmente indipendenti si deve avere w
1
,= 0, quindi la affermazione precedente `e vera per k = 1.
Supponiamola vera per i ≤ n, allora si ha e
i
= α
(i)
1
w
1
+ +α
(i)
i
w
i
per ogni i ≤ n; a questo punto
se il denominatore della formula 3.1.10 con k = n + 1 si annullasse si dovrebbe avere
w
n+1

n

i=1
(e
i
, w
n+1
)(α
(i)
1
w
1
+ +α
(i)
i
w
i
) = 0 (3.1.11)
contro l’ipotesi che i ¦w
n
¦ siano indipendenti, quindi usando 3.1.10 `e semplice vedere che l’ipotesi
induttiva `e vera anche per k = n +1. Dalle formule 3.1.10 `e inoltre immediato vedere che ogni w
n
pu`o essere espresso come combinazione lineare finita di e
1
, . . . , e
n
e che quindi l’insieme ¦e
n
¦
n∈N
`e un insieme completo, quindi una base ortonormale al pi` u numerabile.
⇒) supponiamo ora che ¦e
i
¦
i∈N
, A ⊂ N sia una base ortonormale per H e mostriamo che
H `e separabile. Poich`e ¦e
i
¦ `e completo l’insieme delle combinazioni lineari finite di elementi di
¦e
i
¦ `e denso in H. Definiamo l’insieme X
i
= ¦αe
i
[α = q
1
+ iq
2
, q
1
, q
2
∈ Q¦; poich`e il prodotto
cartesiano di due insiemi numerabili `e numerabile e Q `e numerabile, X
i
`e numerabile per ogni
i ∈ A. Poich`e il prodotto cartesiano di un insieme finito di insiemi numerabili `e numerabile,
l’insieme X
(n)
= +
n
i=1
X
i
`e numerabile e poich`e l’unione di una famiglia numerabile di insiemi
numerabili `e numerabile, l’insieme X = ∪
n∈N
X
(n)
`e numerabile. Sia ora y = c
1
e
1
+ + c
n
e
n
e mostriamo che fissato > 0 esiste x ∈ X
(n)
⊂ X tale che |x − y| ≤ . Poich`e Q `e denso in R
`e semplice mostrare che Q + iQ `e denso in C, quindi per ogni c
k
`e possibile determinare q
(k)
in
Q+iQ tale che [q
(k)
−c
k
[ < /

n, allora se x = q
(1)
e
1
+ +q
(n)
e
n
∈ X
(n)
si ha
|x −y| =
_
[q
(1)
−c
1
[
2
+ +[q
(n)
−c
n
[
2
=

2
≤ (3.1.12)
quindi X `e un insieme numerabile che `e denso nello spazio delle combinazioni lineari finite degli
¦e
i
¦, che `e a sua volta denso in H, quindi `e immediato verificare che X `e denso in H.
Teorema 3.1.4. Se H `e uno spazio separabile allora ogni sottoinsieme composto da vettori orto-
normali `e al pi` u numerabile.
Dimostrazione. siano e, e

due vettori ortonormali distinti, allora |e − e

| =

2. Poich`e H `e
separabile esiste un insieme di vettori ¦v
i
¦

i=1
denso in H, quindi esiste un v in questo insieme tale
che |e −v| <

2/2, ma allora

2 = |e −e

| = |e −v +v −e

| ≤ |e −v| +|v −e

| <

2
2
+|v −e

| (3.1.13)
quindi |e

− v| >

2/2. Sia ora V un insieme composto da vettori ortonormali ed associamo ad
ogni elemento e ∈ V un elemento v
e
∈ ¦v
i
¦

i=1
tale che |e − v
e
| <

2/2. Per quanto si `e appena
visto questa corrispondenza deve essere iniettiva, quindi V `e al pi` u numerabile.
Usando il teorema precedente si pu`o vedere che non tutti gli spazi di Hilbert sono separabili: sia
V lo spazio delle combinazioni lineari finite di elementi della forma e
iαx
, dove α ∈ R e se f, g ∈ V
sia
(f, g) =
1
2L
lim
L→∞
_
L
−L
f(x)g(x)dx (3.1.14)
allora `e semplice verificare che (f, g) `e un prodotto scalare su V e che (e
iαx
, e
iβx
) = δ
α,β
. Sia
˜
V
il completamento di V rispetto alla norma indotta dal prodotto scalare. Poich`e V `e denso in
˜
V
e il prodotto scalare `e continuo su V `e semplice vedere che si pu`o estendere il prodotto scalare
per continuit`a sullo spazio
˜
V , che diventa cos`ı uno spazio di Hilbert. D’altra parte l’insieme
¦e
iαx
[α ∈ R¦ `e un insieme non numerabile costituito da elementi ortonormali, quindi per il teorema
precedente
˜
V cos`ı definito non pu`o essere uno spazio di Hilbert.
3.1. GEOMETRIA DEGLI SPAZI DI HILBERT 53
Un’altro esempio di spazio di Hilbert non separabile, forse pi` u intuitivo, `e il seguente, tratto
dal testo [4] della bibliografia: sia H lo spazio delle funzioni f : R → R che non si annullano solo
su un insieme al pi` u numerabile di punti ¦x
i
¦ e tali che

f(x
i
)
2
< ∞, allora se f, g ∈ H e f non
si annulla su X
f
= ¦x
i
¦
i∈N
1
e g non si annulla su X
g
= ¦y
i
¦
i∈N
2
si pu`o definire
(f, g) =

x∈X
f
∪X
g
f(x)g(x) (3.1.15)
Mostriamo che H cos`ı definito `e uno spazio di Hilbert: sia ¦f
n
¦ una successione di Cauchy in H e
supponiamo che ogni f
n
non si annulli su X
n
, allora fissato > 0 esiste N tale che se n, m > N
(X = ∪X
n
)
|f
n
−f
m
|
2
= (f
n
−f
m
, f
n
−f
m
) =

x∈X
[f
n
(x) −f
m
(x)[
2
≤ (3.1.16)
quindi, fissato x ∈ X, la successione ¦f
n
(x)¦ `e una successione di Cauchy in R, quindi converge ad
un valore y
x
. Definiamo la funzione f nel seguente modo
f(x) =
_
0 se x / ∈ X
y
x
se x ∈ X
(3.1.17)
Sia X = ¦x
i
¦

i=1
, allora si ha (a causa di 3.1.16)
M

i=1
[f
n
(x
i
) −f(x
i
)[
2
= lim
m→∞
M

i=1
[f
n
(x
i
) −f
m
(x
i
)[
2
≤ (3.1.18)
per ogni M ∈ N, quindi |f −f
n
| =


i=1
[f
n
(x) −f(x)[
2
≤ se n > N(), quindi lim
n→∞
f
n
= f
e H `e uno spazio di Hilbert. A questo punto definiamo per ogni a ∈ R la funzione
f
a
(x) =
_
1 se x = a
0 se x ,= a
(3.1.19)
Allora `e immediato vedere che (f
a
, f
b
) = δ
a,b
, quindi l’insieme ¦f
a
[a ∈ R¦ `e un insieme non
numerabile di elementi ortonormali, quindi per il teorema precedente H non pu`o essere separabile.
Definizione 3.1.3. Un sottospazio vettoriale chiuso di uno spazio di Hilbert si chiama sottospazio
di Hilbert
A causa del corollario 1.3.1 ogni sottospazio di dimensione finita di uno spazio di Hilbert `e un
sottospazio di Hilbert. D’altro canto evidentemente non tutti i sottospazi di uno spazio di Hilbert
(di dimensione infinita) sono sottospazi di Hilbert: sia H = L
2
(−∞, ∞) e V = (

c
(−∞, ∞), allora
V `e un sottospazio di H, V ,= H, V = H, quindi V ,= V , quindi V non `e chiuso e quindi non `e un
sottospazio di Hilbert.
Lemma 3.1.2. Sia H uno spazio di Hilbert e sia ¦y
a
¦
a∈A
un insieme di vettori di H, dove A `e un
insieme di indici (non necessariamente finito o numerabile), allora l’insieme V = ¦x ∈ H[(x, y
a
) =
0 ∀a ∈ A¦ `e un sottospazio di Hilbert di H.
Dimostrazione. usando le propriet`a di linearit`a del prodotto scalare `e immediato verificare che V
`e un sottospazio vettoriale di H. Mostriamo che V `e chiuso: sia ¦x
n
¦ una successione di elementi
di V che converge a x, allora si deve vedere che x ∈ V . Per la continuit`a del prodotto scalare si ha
per ogni a ∈ A
(x, y
a
) = ( lim
n→∞
x
n
, y
a
) = lim
n→∞
(x
n
, y
a
) = 0 (3.1.20)
quindi x ∈ A.
Lemma 3.1.3. Sia H uno spazio di Hilbert e sia V ⊂ H un sottospazio vettoriale, allora V `e un
sottospazio di Hilbert.
54 CAPITOLO 3. SPAZI DI HILBERT ED OPERATORI LINEARI
Dimostrazione. l’insieme V `e chiuso per costruzione, si deve quindi solo vedere che `e un sottospazio
vettoriale. Siano x, y ∈ V , allora esistono due successioni ¦x
n
¦, ¦y
n
¦ di elementi di V tali che
x
n
→ x e y
n
→ y, ma allora si ha x
n
+ y
n
→ x + y, quindi x + y ∈ V poich`e ¦x
n
+ y
n
¦ `e una
successione di elementi di V . Analogamente si vede che x ∈ V ⇒αx ∈ V .
Definizione 3.1.4. Sia X un sottoinsieme non vuoto di uno spazio di Hilbert (o pi` u in generale
di uno spazio vettoriale); si dice che X `e un insieme convesso se per ogni x, y ∈ X l’insieme
xy = ¦tx +(1 −t)y[0 < t < 1¦ `e contenuto in X (l’insieme xy `e il segmento che congiunge x e y).
Teorema 3.1.5 (Proiezione su un convesso chiuso). Sia H uno spazio di Hilbert, C ⊂ H un
insieme convesso chiuso e x ∈ H, allora esiste un unico punto x

∈ C che minimizza |x −x

|; un
tale punto x

`e detto proiezione di x sul convesso chiuso C ed `e talora indicato con P
C
(x).
Dimostrazione. dimostriamo innanzitutto l’unicit`a della proiezione: sia = inf
y∈C
|x −y| e sup-
poniamo per assurdo esistano x
1
, x
2
distinti in C tali che |x − x
1
| = |x − x
2
| = ; poich`e C `e
convesso l’insieme ¦tx
1
+ (1 −t)x
2
[0 < t < 1¦ `e contenuto in C; inoltre
|x −tx
1
−(1 −t)x
2
|
2
= |x −x
2
+t(x
2
−x
1
)|
2
= (3.1.21)
= |x −x
2
|
2
+t
2
|x
2
−x
1
|
2
+ 2t1(x −x
2
, x
2
−x
1
) =
=
2
+t
2
|x
2
−x
1
|
2
+tα
dove nell’ultima espressione α pu`o essere semplicemente determinando usando il fatto che l’ultima
espressione deve valere
2
quando t = 1, quindi si ottiene
|x −tx
1
−(1 −t)x
2
|
2
=
2
+t
2
|x
2
−x
1
|
2
−t|x
2
−x
1
|
2
(3.1.22)
a questo punto `e immediato vedere che, ad esempio per t = 1/2 , si ha |x −tx
1
−(1 −t)x
2
| < ,
contrariamente alla definizione di .
Dimostriamo ora l’esistenza di un punto x

∈ C tale che |x−x

| = : sia ¦x
n
¦ una successione
di elementi di C tali che ≤ |x−x
n
| ≤ +1/n. Mostriamo che ¦x
n
¦ `e una successione di Cauchy:
usando la identit`a del parallelogramma
|a +b|
2
+|a −b|
2
= 2|a|
2
+ 2|b|
2
(3.1.23)
con a =
x−x
n
2
e b =
x−x
m
2
si ottiene
_
_
_
_
x −
x
n
+x
m
2
_
_
_
_
2
+
_
_
_
_
x
n
−x
m
2
_
_
_
_
2
= 2
_
_
_
_
x −x
n
2
_
_
_
_
2
+ 2
_
_
_
_
x −x
m
2
_
_
_
_
2
(3.1.24)
inoltre il primo termine del membro di sinistra `e ≥
2
poich`e
x
n
+x
m
2
∈ C, quindi si ottiene
_
_
_
_
x
n
−x
m
2
_
_
_
_
2
≤ −
2
+
1
2
( +
1
n
)
2
+
1
2
( +
1
m
)
2
(3.1.25)
e poich`e il secondo termine tende a zero se n, m →∞`e immediato vedere che ¦x
n
¦ `e una successione
di Cauchy in H, quindi esiste un x

∈ H tale che x
n
→x

, inoltre, poich`e C `e chiuso e ¦x
n
¦ `e una
successione di elementi di C, si ha x

∈ C. Passando al limite in ≤ |x − x
n
| ≤ +
1
n
si ottiene
|x −x

| = , quindi x

`e il punto di minimo cercato.
NOTA: in seguito al posto di (x, y) = 0 si scriver`a x ⊥ y e si dir`a che x e y sono perpendicolari
o ortogonali. Se A, B sono due insiemi si scriver`a A ⊥ B se per ogni x ∈ A, y ∈ B si ha x ⊥ y.
Definizione 3.1.5. Sia H uno spazio di Hilbert e V ⊂ H un insieme; si indica con V

l’insieme
costituito dagli elementi ortogonali a V
Qualunque insieme sia V , dal lemma 3.1.2 segue che V

`e un sottospazio di Hilbert.
3.2. OPERATORI E FUNZIONALI LINEARI 55
Teorema 3.1.6 (della proiezione ortogonale). Sia H uno spazio di Hilbert e H

un sottospazio di
Hilbert, allora ogni x ∈ H si scompone in modo unico come x = x

+ x

dove x

∈ H

e x

⊥ H

;
x

`e la proiezione di x su H

.
Dimostrazione. dimostriamo innanzitutto l’unicit`a della scomposizione: sia x = x

+x

= y

+y

,
dove x

, y

∈ H

e x

, y

⊥ H

, allora si avrebbe x

−y

= y

−x

dove per`o si ha (x

−y

) ∈ H

e
(y

−x

) ⊥ H

, quindi si otterrebbe (x

−y

) ∈ H

∩ (H

)

, quindi (x

−y

, x

−y

) = 0 e quindi
x

= y

, da cui segue anche x

= y

.
Dato ora x ∈ H sia x

la proiezione di x su H

(che `e evidentemente convesso e chiuso) e
definiamo x

= x −x

; allora evidentemente x = x

+x

e resta da mostrare che x

⊥ H

. Sia ora
y

∈ H

tale che |y

| = 1 e sia α ∈ C, allora si ha (per la definizione di proiezione)
|x

|
2
= |x −x

|
2
≤ |x −x

−αy

|
2
= |x

|
2
+[α[
2
−21¦α(x −x

, y

)¦ (3.1.26)
a questo punto si pu`o scegliere α = (x −x

, y

), ottenendo quindi |x

|
2
≤ |x

|
2
− [α[
2
, quindi
α = 0, quindi (x

, y

) = (x −x

, y

) = 0, cio`e x

`e perpendicolare a ogni y

∈ H

tale che |y

| = 1;
`e quindi immediato vedere che x

⊥ H

.
Definizione 3.1.6. Sia H uno spazio di Hilbert e H
1
, H
2
, H
3
sottospazi vettoriali. Si dice che H
1
`e la somma diretta di H
2
e H
3
e si scrive H
1
= H
2
⊕H
3
se H
1
= H
2
+H
3
e H
2
⊥ H
3
.
Dal teorema della proiezione ortogonale segue che se V `e un sottospazio di Hilbert di H allora
si ha H = V ⊕V

.
3.2 Operatori e funzionali lineari
Definizione 3.2.1. Siano V
1
, V
2
due spazi vettoriali, ∆
T
⊂ V
1
un sottospazio e T : ∆
T
→V
2
. Si
dice che T `e un operatore lineare se per ogni α, β ∈ C, x, y ∈ ∆
T
si ha
T(αx +βy) = αT(x) +βT(y) (3.2.1)
per ogni operatore lineare si definisce il suo nucleo ker T = ¦x ∈ ∆
T
[ T(x) = 0¦.
Per gli operatori lineari `e uso comune scrivere Tx al posto di T(x) qualora questo non generi
equivoci ed anche qu`ı si user`a quindi questa convenzione
Teorema 3.2.1. Siano (X, | |
X
), (Y, | |
Y
) due spazi normati e sia T : X → Y un operatore
lineare, allora sono equivalenti i seguenti fatti:
1. T `e continuo
2. T `e continuo in 0
3. T(B(0, 1)) `e un insieme limitato in Y
4. T `e lipschitziano
Dimostrazione. 1⇒2) ovvia.
2⇒3) poich`e T `e continuo in 0, esiste un δ > 0 tale che se x ∈ B(0, δ) ⊂ X allora Tx ∈
B(0, 1) ⊂ Y . Sia ora x ∈ X, x ,= 0, allora si ha
_
_
_
_
δ
x
2|x|
X
_
_
_
_
X
< δ (3.2.2)
quindi |T(δx/[2|x|
X
])|
Y
< 1 e quindi |Tx|
Y
<
2
δ
|x|
X
.
`
E inoltre evidente che questa disugua-
glianza vale anche se x = 0, quindi se |x|
X
< 1 si ha |Tx|
Y
< 2/δ.
56 CAPITOLO 3. SPAZI DI HILBERT ED OPERATORI LINEARI
3⇒4) supponiamo che se |x|
X
< 1 allora |Tx|
Y
< K, allora si ha, per ogni y ,= 0
_
_
_
_
T
_
y
2|y|
X
__
_
_
_
< K (3.2.3)
quindi per ogni y ∈ X si ha |Ty|
Y
< 2K|y|
X
, quindi
|Tx −Ty|
Y
= |T(x −y)|
Y
< 2K|x −y|
Y
(3.2.4)
per ogni x, y ∈ X, quindi T `e lipschitziana
4⇒1) discende dal fatto generale che ogni funzione lipschitziana `e continua.
Definizione 3.2.2. Siano (X, | |
X
), (Y, | |
Y
) spazi normati e sia T : X → Y un operatore
lineare, si definisce norma dell’operatore lineare il valore
|T| = sup
x∈X,x=0
|Tx|
Y
|x|
X
= sup
x
X
=1
|Tx|
Y
(3.2.5)
un operatore lineare T si dice limitato se |T| < +∞.
Lemma 3.2.1. Siano (X, | |
X
), (Y, | |
Y
) spazi normati e sia T : X →Y un operatore lineare,
allora T `e continuo ⇔ T `e limitato.
Dimostrazione. ⇒) se T `e continuo, per il teorema precedente esso `e anche lipschitziano, quindi
in particolare esiste K ≥ 0 tale che |Tx|
Y
≤ K|x|
X
, quindi si vede subito che |T| ≤ K.
⇐) se T `e limitato allora |T| ≤ K < +∞ e quindi |Tx|
Y
≤ K|x|
X
quindi T `e lipschitziano
e quindi `e continuo.
Lemma 3.2.2. Sia (X, | |
X
) uno spazio normato di dimensione finita, (Y, | |
Y
) uno spazio
normato e T : X →Y un operatore lineare, allora T `e limitato.
Dimostrazione. sia e
1
, , e
n
una base su X e definiamo una nuova norma su X: definiamo
|x
1
e
1
+ + x
n
e
n
|
1
= [x
1
[ + + [x
2
[. Poich`e la limitatezza `e equivalente alla continuit`a e in
dimensione finita tutte le norme sono equivalenti basta ora mostrare che T `e limitato tra (X, | |
1
)
e (Y, | |
Y
), ma si ha
|T(x
1
e
1
+ +x
n
e
n
)|
Y
= |x
1
T(e
1
) + +x
n
T(e
n
)|
Y
≤ (3.2.6)
≤ |x
1
T(e
1
)|
Y
+ +|x
n
T(e
n
)|
Y
= [x
1
[ |T(e
1
)|
Y
+ +[x
n
[ |T(e
n
)|
Y

≤ K([x
1
[ + +[x
n
[) = K|x
1
e
1
+ +x
n
e
n
|
1
dove K = max¦|T(e
1
)|
Y
, . . . , |T(e
n
)|
Y
¦, quindi |T| ≤ K.
In dimensione infinita il lemma precedente `e falso: consideriamo come X lo spazio delle funzioni
limitate con derivata limitata con la norma |f|
X
= sup
x∈R
[f(x)[; sia Y lo spazio delle funzio-
ni limitate con la norma |f|
Y
= sup
x∈R
[f(x)[ e come operatore lineare scegliamo la derivata:
Tf = f

.
`
E semplice vedere che T tra i due spazi (X, | |
X
), (Y, | |
X
) non `e limitato; per mo-
strarlo vediamo che non `e continuo: consideriamo la successione di funzioni f
n
=
1
n
sin nx, allora
`e immediato vedere che f
n
→0 in X ma |Tf
n
|
Y
= 1, quindi non si pu`o avere Tf
n
→0 e T non `e
quindi continuo. Se su X si introduce invece la norma |f|

= sup
x∈R
[f(x)[ +sup
x∈R
[f

(x)[ allora
|Tf|
Y
≤ |f|

e quindi T `e continuo tra (X, | |

) e (Y, | |
Y
) e si ha |T| ≤ 1.
Lemma 3.2.3. Siano (X, | |
X
), (Y, | |
Y
) spazi normati e sia T : X →Y un operatore lineare
limitato, allora per ogni x ∈ X si ha
|Tx|
Y
≤ |T| |x|
X
(3.2.7)
inoltre |T| = inf¦K ≥ 0[ |Tx|
Y
≤ K|x|
X
∀x ∈ X¦.
3.2. OPERATORI E FUNZIONALI LINEARI 57
Dimostrazione. la relazione 3.2.7 segue immediatamente da 3.2.5.
Sia ora [T[ = inf¦K ≥ 0[ |Tx|
Y
≤ K|x|
X
∀x ∈ X¦. Dalla relazione 3.2.7 segue che [T[ ≤ |T|.
Dalla definizione segue semplicemente che [T[ = inf¦K ≥ 0[ |Tx|
Y
≤ K se |x|
X
= 1¦ ed `e quindi
immediato vedere che [T[ ≥ sup
x
X
=1
|Tx|
Y
= |T|.
Teorema 3.2.2. Siano (X, | |
X
), (Y, | |
Y
) spazi normati, allora lo spazio /(X, Y ) degli ope-
ratori lineari da X in Y `e uno spazio normato; se inoltre (Y, | |
Y
) `e uno spazio di Banach allora
/(X, Y ) `e uno spazio di Banach.
Dimostrazione. usando la definizione 3.2.2 `e immediato vedere che /(X, Y ) `e uno spazio normato.
Sia ora ¦T
n
¦ una successione di Cauchy di operatori lineari continui, allora per ogni > 0 esiste un
N() tale che se n, m > N si ha |T
n
−T
m
| < , quindi per ogni x ∈ X si ha |T
n
(x) −T
m
(x)|
Y

|x|
X
, quindi per ogni fissato x ∈ X la successione ¦T
n
(x)¦ `e una successione di Cauchy in Y ,
che `e uno spazio di Banach, quindi esiste un y
x
tale che lim
n→∞
T
n
(x) = y
x
. Sia T : X → Y
l’operatore (che si dovr`a vedere essere lineare e continuo) Tx = y
x
, allora si ha
T(αx +βy) = lim
n→∞
[T
n
(αx +βy)] = α lim
n→∞
T
n
(x) +β lim
n→∞
T
n
(y) = αT(x) +βT(y) (3.2.8)
quindi T `e un operatore lineare. Inoltre si ha, se n, m > N che |T
n
x − T
m
x|
Y
≤ |x|
X
da cui,
passando al limite per m → ∞ si ottiene |T
n
x − Tx|
Y
≤ |x|
X
e quindi |T
n
− T| < , quindi
T = lim
n→∞
T e /(X, Y ) `e uno spazio di Banach.
Definizione 3.2.3. Sia V uno spazio vettoriale. Si chiama funzionale lineare su V un operatore
lineare φ tale che φ : V →C. Se (X, | |
X
) `e uno spazio normato, lo spazio dei funzionali lineari
continui di X si chiama spazio duale di X.
In taluni testi lo spazio duale ora definito viene indicato con il nome di duale topologico, per
distinguerlo dal duale algebrico, che `e lo spazio dei funzionali lineari non necessariamente continui
su X.
Teorema 3.2.3 (di rappresentazione di Riesz). Sia H uno spazio di Hilbert e φ un funzionale
lineare continuo su H, allora esiste un unico x
0
∈ H tale che φ(x) = (x
0
, x), inoltre |φ| = |x
0
|.
Dimostrazione. sia H

= ker φ, allora, poich`e φ `e continuo, `e semplice mostrare che H

`e un
sottospazio di Hilbert di H. A questo punto si possono presentare due casi 1) H = H

, 2) H ,= H

.
Nel primo caso φ = 0 e quindi il teorema `e evidentemente verificato da x
0
= 0. Nel secondo caso
esiste un ¯ x ∈ H tale che ¯ x / ∈ H

; per il teorema della proiezione ortogonale si ha ¯ x = x

+x

, dove
x

∈ H

e x

⊥ H

e, poich`e ¯ x / ∈ H

, si deve avere x

,= 0. Poniamo y = xφ(x

) −x

φ(x), allora si
ha φ(y) = 0, quindi y ∈ H

e quindi y ⊥ x

, cio`e
0 = (x

, xφ(x

) −x

φ(x)) = (x

, x)φ(x

) −|x

|
2
φ(x) (3.2.9)
da cui si deduce, poich`e x

,= 0, che
φ(x) =
_
x

|x

|
φ(x

), x
_
= (x
0
, x) (3.2.10)
vediamo ora che x
0
`e unico: se fosse φ(x) = (x
0
, x) = (y
0
, x), allora si avrebbe anche (x
0
−y
0
, x) = 0
per ogni x ∈ H, quindi in particolare (x
0
−y
0
, x
0
−y
0
) = 0 e x
0
= y
0
. Inoltre per la disuguaglianza
di Schwartz si ha [φ(x)[ = [(x
0
, x)[ ≤ |x
0
| |x|, quindi |φ| ≤ |x
0
|, ma si ha anche [φ(x
0
)[ = |x
0
|
2
,
quindi |φ| = |x
0
|.
Tramite il teorema di Riesz si pu`o mostrare che ogni spazio di Hilbert `e riflessivo ( vedi appendice
C)
Sia H uno spazio di Hilbert e sia T : H → H un operatore lineare continuo, fissato y ∈ H
definiamo
φ
T
y
(x) = (y, Tx) (3.2.11)
58 CAPITOLO 3. SPAZI DI HILBERT ED OPERATORI LINEARI
`e immediato vedere che φ
T
y
`e un funzionale lineare, inoltre [φ
T
y
(x)[ ≤ |y| |Tx| ≤ |y| |T| |x|,
quindi |φ
T
y
| ≤ |y| |T| e quindi φ
T
y
`e un funzionale lineare continuo. Per il teorema precedente
esiste allora un unico y

∈ H tale che φ
T
y
(x) = (y

, x), cio`e tale che per ogni x ∈ H si abbia
(y

, x) = (y, Tx) (3.2.12)
`e inoltre immediato verificare che (αy
1
+βy
2
)

= αy

1
+βy

2
, quindi l’operatore T
+
: H →H tale
che T
+
y = y

`e un operatore lineare.
Definizione 3.2.4. Sia H uno spazio di Hilbert e T : H → H un operatore lineare continuo,
allora si definisce l’operatore aggiunto di T come l’unico operatore lineare T
+
: H → H tale che
(T
+
y, x) = (y, Tx) per ogni x, y ∈ H (un tale T
+
esiste per la discussione precedente)
Lemma 3.2.4. Siano (X, | |
X
), (Y, | |
Y
), (Z, | |
Z
) spazi normati e L : X →Y , T : Y →Z
operatori lineari continui, allora |TL| ≤ |T| |L|.
Dimostrazione. per ogni x ∈ X si ha
|(TL)(x)|
Z
= |T(L(x))|
Z
≤ |T| |L(x)|
Y
≤ |T| |L| |x|
X
(3.2.13)
da cui la tesi.
Lemma 3.2.5. Sia H uno spazio di Hilbert e T : H → H un operatore lineare continuo, allora
T
+
`e continuo e si ha |T| = |T
+
|.
Dimostrazione. si ha
|T
+
y|
2
= (T
+
y, T
+
y) = (y, TT
+
y) ≤ |y| |TT
+
y| ≤ |y| |T| |T
+
y| (3.2.14)
quindi |T
+
y| ≤ |y| |T| per ogni y ∈ H e quindi |T
+
| ≤ |T|, quindi T
+
`e limitato. Si pu`o allora
definire (T
+
)
+
= T
++
ed `e semplice vedere che T
++
= T, infatti si deve avere per ogni x, y ∈ H
(T
++
y, x) = (y, T
+
x) = (T
+
x, y) = (x, Ty) = (Ty, x) (3.2.15)
quindi (T
++
y − Ty, x) = 0 per ogni x, y, quindi in particolare (T
++
y − Ty, T
++
y − Ty) = 0 per
ogni y, quindi T
++
y = Ty per ogni y e T
++
= T, quindi usando il fatto che |T
+
| ≤ |T| si ottiene
|T| = |T
++
| ≤ |T
+
|.
Lemma 3.2.6. Sia H uno spazio di Hilbert e T : H → H un operatore lineare continuo, allora
|T|
2
= |T
+
T|.
Dimostrazione. si ha |T
+
T| ≤ |T
+
| |T| = |T|
2
per i due lemmi precedenti, inoltre per ogni
x ∈ H si ha
|Tx|
2
= (Tx, Tx) = (x, T
+
Tx) ≤ |x| |T
+
Tx| ≤ |x|
2
|T
+
T| (3.2.16)
quindi |T| ≤ (|T
+
T|)
1/2
, cio`e |T|
2
≤ |T
+
T|.
Se (X, | |
X
), (Y, | |
Y
) sono spazi normati, la norma di un operatore lineare `e stata definita
fino ad ora solo per operatori T : X →Y ma ovviamente se ∆
T
`e un sottospazio di X e T : ∆
T
→Y
`e un operatore lineare si pu`o definire
|T| = sup
x∈∆
T
,x=0
|Tx|
Y
|x|
X
= sup
x∈∆
T
,x=1
|Tx|
Y
= inf¦K ≥ 0[ |Tx|
Y
≤ K|x|
X
∀x ∈ ∆
T
¦ (3.2.17)
ci`o poich`e se (X, | |
X
) `e uno spazio normato e ∆
T
⊂ X `e un sottospazio di X, allora (∆
T
, | |
X
)
`e anch’esso uno spazio normato.
Teorema 3.2.4. Sia H uno spazio di Hilbert, V un sottospazio vettoriale denso di H e T : V →H
un operatore lineare continuo, allora T pu`o essere esteso per continuit` a in modo unico ad un
operatore lineare
˜
T : H →H tale che
˜
T[
V
= T e |T| = |
˜
T|.
3.3. PROIETTORI 59
Dimostrazione. mostriamo innanzitutto che se ¦v
n
¦ `e una successione di elementi di V che converge
in H, allora ¦Tv
n
¦ `e una successione convergente in H: si ha infatti
|Tv
n
−Tv
m
| = |T(v
n
−v
m
)| ≤ |T| |v
n
−v
m
| (3.2.18)
quindi ¦Tv
n
¦ `e una successione di Cauchy (poich`e ¦v
n
¦ `e una successione di Cauchy) e quindi
converge in H. Vediamo ora che se ¦v
n
¦, ¦w
n
¦ sono due successioni di elementi di V tali che
v
n
→v e w
n
→v e Tv
n
→x, Tw
n
→y, allora x = y: fissato > 0, se n `e abbastanza grande si ha
|x −y| = |x −Tv
n
+Tv
n
−Tw
n
+Tw
n
−y| ≤ |x −Tv
n
| +|y −Tw
n
| + (3.2.19)
+|Tv
n
−Tw
n
| ≤
2
3
+|T| |v
n
−w
n
| ≤
2
3
+|T| |v
n
−v +v −w
n
| ≤
2
3
+|T|(|v
n
−v| +|w
n
−v|) ≤
per l’arbitrariet`a di > 0 si ha allora |x −y| = 0 e x = y.
Sia ora x ∈ H, allora, poich`e V `e denso in H, esiste una successione ¦v
n
¦ di elementi di V tale
che ¦v
n
→x¦; da quanto precede segue che ha senso definire
˜
Tx = lim
n→∞
Tv
n
(3.2.20)
siano α, β ∈ C, x, y ∈ H e ¦v
n
¦, ¦w
n
¦ successioni di elementi di V tali che v
n
→x e w
n
→y, allora
`e immediato vedere che αv
n
+βw
n
→αx +βy e si ha quindi
˜
T(αx +βy) = lim
n→∞
T(αv
n
+βw
n
) = α lim
n→∞
Tv
n
+β lim
n→∞
Tw
n
= α
˜
T(x) +β
˜
T(y) (3.2.21)
cio`e
˜
T `e un operatore lineare. Se v ∈ V si ha
˜
Tv = lim
n→∞
Tv = Tv quindi
˜
T[
V
= T, quindi si ha
|
˜
T| = sup
x∈H,x=1
|
˜
Tx| ≥ sup
x∈V,x=1
|
˜
Tx| = sup
x∈V,x=1
|Tx| = |T| (3.2.22)
Inoltre se ¦v
n
¦ `e una successione di elementi di V tale che v
n
→ x, per la continuit`a della norma
e per la 3.2.20 si |v
n
| → |x| e |Tv
n
| → |Tx| ma si ha (almeno definitivamente se x ,= 0)
Tv
n

v
n

≤ |T| quindi
|
˜
Tx|
|x|
= lim
n→∞
|Tv
n
|
|v
n
|
≤ |T| (3.2.23)
quindi |
˜
T| ≤ |T|.
Il teorema precedente `e un caso particolare della seguente affermazione, che si dimostra in
modo sostanzialmente identico: siano (X, | |
X
), (Y, | |
Y
) due spazi normati di cui il secondo `e
completo; sia V ⊂ X un sottoinsieme di X e f : V → Y una funzione uniformemente continua,
allora f pu`o essere estesa per continuit`a in modo unico ad una funzione
˜
f uniformemente continua
su V tale che
˜
f[
V
= f.
3.3 Proiettori
Definizione 3.3.1. sia H uno spazio di Hilbert e P : H → H un operatore. Si dice che P `e un
proiettore se esiste un sottospazio di Hilbert H

di H tale che, per ogni x ∈ H, Px `e la proiezione
di x su H

.
Teorema 3.3.1. sia P un proiettore, allora si ha
1. P `e lineare e limitato
2. P
2
= P
60 CAPITOLO 3. SPAZI DI HILBERT ED OPERATORI LINEARI
3. P
+
= P
Dimostrazione. 1) vediamo innanzitutto che P `e lineare: siano x, y ∈ H e siano x = x

+ x

,
y = y

+ y

dove x

, y

∈ H

e x

, y

∈ H

, allora si ha αx

+ βy

∈ H

e αx

+ βy

∈ H

e poich`e la scomposizione αx + βy = z

+ z

, dove z

∈ H

e z

∈ H

, `e unica e αx + βy =
(αx

+ βy

) + (αx

+ βy

), si ha z

= αx

+ βy

e quindi P(αx + βy) = αx

+ βy

= αPx + βPy,
quindi P `e lineare, inoltre
|Px|
2
= |x

|
2
≤ |x

|
2
+|x

|
2
= |x

+x

|
2
= |x|
2
(3.3.1)
quindi |P| ≤ 1. Inoltre se H

,= ¦0¦ (o equivalentemente P ,= 0) si ha per ogni x ∈ H

che Px = x,
quindi |P| = 1 in questo caso; se invece H

= ¦0¦, allora P = 0 e |P| = 0.
2) P
2
x = PPx = Px

= x

, quindi P
2
= P
3) per ogni x, y ∈ H si ha
(y, Px) = (y, x

) = (y

+y

, x

) = (y

, x

) = (Py, x

) = (Py, x

+x

) = (Py, x) (3.3.2)
quindi (Py, x) = (P
+
y, x) per ogni x, y ∈ H, quindi (Py −P
+
y, x) = 0 per ogni x, y, in particolare
(Py −P
+
y, Py −P
+
y) = 0 per ogni y, quindi Py = P
+
y per ogni y e P = P
+
.
Per mostrare che P = P
+
nel precedente teorema si `e usato il fatto elementare che se A `e un
operatore lineare e (Ax, y) = 0 per ogni x, y ∈ H allora A = 0; un risultato analogo a questo che
pu`o talvolta risultare utile `e il seguente:
Lemma 3.3.1. Sia V uno spazio vettoriale con prodotto scalare su C, A : V → V un operatore
lineare tale che per ogni x ∈ V si abbia (Ax, x) = 0, allora A = 0.
Dimostrazione. siano x, y ∈ V , allora si ha (A(x +y), x +y) = 0 cio`e
(Ax, y) = −(Ay, x) (3.3.3)
Usando la precedente uguaglianza si ottiene per ogni x, y
(Ax, iy) = i(Ax, y) = −i(Ay, x) = i(Ay, x) = (iAy, x) = (A(iy), x) (3.3.4)
poich`e la funzione y → iy `e biunivoca su V si ottiene quindi (Ax, y) = (Ay, x) per ogni x, y ∈ V ,
da cui, usando 3.3.3, si ottiene (Ax, y) = 0 per ogni x, y e quindi A = 0
Nel teorema precedente l’ipotesi che V sia uno spazio vettoriale su C non `e eliminabile: sia
v ∈ R
3
e consideriamo il prodotto scalare euclideo, allora per ogni x ∈ R
3
si ha (v x, x) = 0 ma
non `e vero che v x = 0 per ogni x.
Daremo ora alcune caratterizzazioni dei proiettori in uno spazio di Hilbert.
Teorema 3.3.2. Sia P : H →H un operatore lineare tale che P
2
= P, e (Px, y) = (x, Py) [se si
sapesse gi`a che P `e limitato si potrebbe dire che P = P
+
] allora P `e un proiettore.
Dimostrazione. mostriamo innanzitutto che P `e un operatore limitato:
|Px|
2
= (Px, Px) = (x, P
2
x) = (x, Px) ≤ |x| |Px| (3.3.5)
quindi |Px| ≤ |x| e quindi |P| ≤ 1. Sia ora V = ¦x ∈ H[Px = x¦; poich`e P `e un operatore
lineare V `e un sottospazio vettoriale, poich`e P `e continuo V `e quindi un sottospazio di Hilbert di
H. Sia P
V
la proiezione su V e mostriamo che P = P
V
, che concluder`a il teorema. Per costruzione
si ha P = P
V
su V . Se z ∈ H, allora Pz ∈ V , infatti P(Pz) = Pz; sia ora x ∈ V

, allora P
V
x = 0
e si ha
|Px|
2
= (Px, Px) = (x, P
2
x) = (x, Px) (3.3.6)
ma Px ∈ V e x ∈ V

, quindi |Px| = 0 e quindi Px = 0, quindi P = P
V
anche su V

. Poich`e per
il teorema della proiezione ortogonale ogni x ∈ H pu`o essere scritto cone x = x

+x

dove x

∈ V
e x

∈ V

e sia P che P
V
sono operatori lineari, si ha P = P
V
su H.
3.3. PROIETTORI 61
Dal teorema precedente segue anche che se P `e un proiettore allora lo spazio su cui P ”proietta”
`e lo spazio ¦x ∈ H[Px = x¦; inoltre questo spazio coincide con P(H) (vedi il successivo lemma
3.3.2).
Teorema 3.3.3. Sia P : H → H un operatore lineare limitato tale che P
2
= P e che (x −
Px, Px) = 0 per ogni x ∈ H, allora P `e un proiettore.
Dimostrazione. sia V = ¦x ∈ H[Px = x¦, allora V `e un sottospazio di Hilbert e sia P
V
la proiezione
su V . Per costruzione di V si ha P = P
V
su V . Dato z ∈ H, allora Pz ∈ V poich`e P(Pz) = Pz,
inoltre da (z −Pz, Pz) = 0 segue che (Pz, Pz) = (z, Pz); sia ora x ∈ V

, allora si ha
|Px|
2
= (Px, Px) = (x, Px) = 0 (3.3.7)
quindi Px = 0 e P = P
V
anche su V

. Si conclude quindi come nel teorema precedente.
Corollario 3.3.1. Sia P : H → H un operatore lineare limitato tale che P
2
= P e che ImP ⊥
ker P, allora P `e un proiettore [ ImP = P(H) ].
Dimostrazione. basta mostrare che per ogni x ∈ H si ha (x − Px, Px) = 0, ma Px ∈ ImP e
P(x − Px) = Px − P
2
x = Px − Px = 0, quindi x − Px ∈ ker P e l’uguaglianza precedente `e
soddisfatta.
Lemma 3.3.2. Sia T : H → H un operatore (non necessariamente lineare) tale che T = T
2
,
allora ImT = ¦x ∈ H[Tx = x¦.
Dimostrazione. evidentemente ¦x ∈ H[Tx = x¦ ⊂ ImT. Sia ora y ∈ ImT, allora esiste un x ∈ H
tale che y = Tx, ma allora Ty = T
2
x = Tx = y, quindi ImT ⊂ ¦x ∈ H[Tx = x¦.
Teorema 3.3.4. Sia P : H → H un operatore lineare tale che P
2
= P e |P| ≤ 1 (in effetti da
P
2
= P segue P = 0 o |P| ≥ 1, quindi questa ipotesi `e equivalente a |P| = 0 o |P| = 1), allora
P `e un proiettore.
Dimostrazione. per il corollario 3.3.1 basta mostrare che ImP ⊥ ker P; notiamo innanzitutto che
a causa della continuit`a di P e del lemma precedente sia ImP che ker P sono sottospazi di Hilbert
di H.
Dato x ∈ H, definendo y = Px − x, si ha y ∈ ker P; se in particolare x ∈ (ker P)

allora
Px = x + y con x ⊥ y e quindi |Px|
2
= |x|
2
+ |y|
2
, ma |P| ≤ 1, quindi si deve avere
|Px|
2
≤ |x|
2
, quindi si deve avere y = 0, cio`e Px = x, quindi x ∈ ImP, quindi (ker P)

⊂ ImP.
Sia ora z ∈ ImP, quindi z = Pz; inoltre z pu`o essere scritto come z = z

+z

, dove z

∈ ker P
e z

∈ (ker P)

, quindi z = Pz = Pz

+ Pz

= Pz

, ma si `e appena visto che (ker P)

⊂ ImP,
quindi Pz

= z

, quindi z = z

e quindi z ∈ (ker P)

e ImP ⊂ (ker P)

, che conclude.
Si analizzeranno ora le propriet`a di stabilit`a della classe dei proiettori.
Teorema 3.3.5. Siano P
1
, P
2
proiettori, H
1
= ImP
1
e H
2
= ImP
2
. Allora P = P
1
P
2
`e un
proiettore ⇔ P
1
P
2
= P
2
P
1
ed in questo caso si ha ImP = H
1
∩ H
2
.
Dimostrazione. ⇒) se P `e un proiettore si deve avere P = P
+
per il teorema 3.3.1, quindi si deve
avere P = P
1
P
2
= P
+
= (P
1
P
2
)
+
= P
+
2
P
+
1
= P
2
P
1
.
⇐) se P
1
P
2
= P
2
P
1
allora si ha P
+
= (P
1
P
2
)
+
= P
+
2
P
+
1
= P
2
P
1
= P
1
P
2
= P e inoltre
P
2
= (P
1
P
2
)(P
1
P
2
) = P
1
(P
2
P
1
)P
2
= P
1
(P
1
P
2
)P
2
= (P
1
P
1
)(P
2
P
2
) = P
2
1
P
2
2
= P
1
P
2
= P (3.3.8)
inoltre evidentemente P `e lineare e limitato, quindi per il teorema 3.3.2 P `e un proiettore.
Se x ∈ ImP allora si deve avere x = Px = P
1
(P
2
x) = P
2
(P
1
x), quindi x ∈ H
1
∩ H
2
, inoltre se
x ∈ H
1
∩H
2
allora Px = P
1
(P
2
x) = P
1
x = x, quindi x ∈ ImP, che conclude la dimostrazione.
Lemma 3.3.3. Siano P
1
, P
2
, H
1
= ImP
1
e H
2
= ImP
2
, allora P
1
P
2
= 0 ⇔H
1
⊥ H
2
⇔P
2
P
1
= 0.
62 CAPITOLO 3. SPAZI DI HILBERT ED OPERATORI LINEARI
Dimostrazione. basta mostrare la prima equivalenza poich`e la seconda si ottiene scambiando P
1
e
P
2
e usando la simmetria della relazione ⊥.
⇒) siano x
1
∈ H
1
e x
2
∈ H
2
, allora si ha
(x
1
, x
2
) = (P
1
x
1
, P
2
x
2
) = (x
1
, P
1
P
2
x
2
) = (x
1
, 0) = 0 (3.3.9)
⇐) siano x, y ∈ H, allora si ha
(x, P
1
P
2
y) = (P
1
x, P
2
y) = 0 (3.3.10)
poich`e P
1
x ∈ H
1
e P
2
y ∈ H
2
. Dalla generalit`a di x, y segue P
1
P
2
= 0.
Teorema 3.3.6. Siano P
1
, . . . , P
n
proiettori aventi per immagine i sottospazi H
1
, . . . , H
n
, allora
P = P
1
+ + P
n
`e un proiettore ⇔ P
i
P
j
= P
i
δ
i,j
cio`e (per il lemma precedente) se H
i
⊥ H
j
quando i ,= j. In questo caso si ha anche ImP = ⊕
n
i=1
H
i
.
Dimostrazione. ⇒) supponiamo che P sia un proiettore, allora si ha per ogni x ∈ H
|x|
2
≥ |Px|
2
= (Px, Px) = (x, P
2
x) = (x, Px) =
_
x,
n

i=1
P
i
x
_
= (3.3.11)
=
n

i=1
(x, P
i
x) =
n

i=1
(x, P
2
i
x) =
n

i=1
(P
i
x, P
i
x) =
n

i=1
|P
i
x|
2
Se in particolare si sceglie x = P
1
y si ottiene
|P
1
y|
2
≥ |P
1
P
1
y|
2
+
n

i=2
|P
i
P
1
y|
2
= |P
1
y|
2
+
n

i=2
|P
i
P
1
y|
2
(3.3.12)
quindi P
i
P
1
= 0 se i ,= 1. In generale se si pone x = P
j
y si ottiene P
i
P
j
= 0 se i ,= j.
⇐) Si ha
P
+
= (P
1
+ +P
n
)
+
= P
+
1
+ +P
+
n
= P
1
+ +P
n
= P (3.3.13)
P
2
= (P
1
+ +P
n
)
2
=
n

i=1
P
i
(P
1
+ +P
2
) =
n

i=1
P
2
i
=
n

i=1
P
i
= P (3.3.14)
quindi per il teorema 3.3.2 P `e un proiettore.
Sia H
P
= ImP; se x ∈ H, allora si ha Px = P
1
x + + P
n
x ∈ H
1
+ + H
n
, quindi
H
P
⊂ H
1
+ +H
n
. Inoltre se x
i
∈ H
i
si ha (poich`e H
i
⊥ H
j
se i ,= j)
P(x
1
+ +x
n
) = P(x
1
) + +P(x
n
) = (P
1
+ +P
n
)x
1
+ + (3.3.15)
+(P
1
+ +P
n
)x
n
= P
1
x
1
+ +P
n
x
n
= x
1
+ +x
n
quindi H
1
+ +H
n
⊂ H
P
e, poich`e H
i
⊥ H
j
se i ,= j, si ha H
P
= ⊕
n
i=1
H
i
.
Lemma 3.3.4. P `e un proiettore ⇔ I −P `e un proiettore.
Dimostrazione. ⇒ (I −P)
+
= I
+
−P
+
= I −P e inoltre
(I −P)
2
= I
2
−2IP +P
2
= I −2P +P = I −P (3.3.16)
quindi I −P `e un proiettore
⇐) P = I −(I −P), quindo applicando la prima parte si conclude.
Teorema 3.3.7. Siano P
1
, P
2
proiettori e H
1
= ImP
1
, H
2
= ImP
2
, allora P = P
1
− P
2
`e un
proiettore ⇔ (I −P
1
)P
2
= 0 e ImP = H
1
¸H
2
(definito nella dimostrazione)
3.4. PARTICOLARI CLASSI DI OPERATORI 63
Dimostrazione. per il lemma precedente P `e un proiettore se e solo se I −(P
1
−P
2
) `e un proiettore,
ma I − (P
1
− P
2
) = (I − P
1
) + P
2
e applicando il teorema 3.3.6 si vede che quest’ultimo `e un
proiettore se e solo se (I −P
1
)P
2
= 0. Quest’ultima condizione equivale ovviamente a P
2
= P
1
P
2
,
da cui segue subito che H
2
⊂ H
1
; inoltre nel caso in cui questa uguaglianza valga si ha anche
P
2
= P
+
2
= (P
1
P
2
)
+
= P
2
P
1
, quindi vale anche P
1
P
2
= P
2
P
1
. Sia ora x ∈ H, allora x =
x
1
+ x

1
, dove x
1
∈ H
1
e x

1
∈ H

1
, allora si ha P
1
x = x
1
e P
2
x = P
1
P
2
x = P
2
P
1
x = P
2
x
1
,
quindi (P
1
− P
2
)x = x
1
− P
2
x
1
= (I − P
2
)x
1
. Se x
1
∈ H
1
si pu`o scrivere x
1
= x

+ x

, dove
x

∈ H
1
∩ H
2
e x

∈ H
1
∩ H

2
quindi (P
1
− P
2
)x = (I − P
2
)x
1
= x
1
− P
2
x
1
= x
1
− x

= x

,
quindi Im(P
1
−P
2
) ⊂ H
1
∩ H

2
. D’altro canto se y ∈ H
1
∩ H

2
si ha (P
1
−P
2
)y = (I −P
2
)y = y
e quindi H
1
∩ H

2
⊂ ImP. Si definisce complemento ortogonale di H
2
rispetto a H
1
l’insieme
H
1
¸ H
2
= H
1
∩ H

2
. [L’ultima parte della dimostrazione si pu`o svolgere in modo pi` u intuitivo
nel seguente modo: si `e visto che H
2
⊂ H
1
ed inoltre su H
1
l’operatore P
1
agisce come l’identit`a,
quindi P
1
−P
2
proietta sul complemento ortogonale di H
2
rispetto ad H
1
, cio`e su H
1
¸H
2
]
3.4 Particolari classi di operatori
Definizione 3.4.1. Sia H uno spazio di Hilbert e U : H →H un operatore (non necessariamente
lineare) tale che U(H) = H e che per ogni x, y ∈ H si abbia (Ux, Uy) = (x, y). Si dice allora che
U `e un operatore unitario.
Nel caso di spazi su R gli operatori unitari sono in genere detti operatori ortogonali.
Lemma 3.4.1. Sia U un operatore unitario, allora U `e lineare.
Dimostrazione. si deve mostrare che U(αx) = αU(x) e che U(x + y) = U(x) + U(y). Mostriamo
la prima uguaglianza essendo la dimostrazione della seconda analoga.
|U(αx) −αU(x)|
2
= (U(αx) −αU(x), U(αx) −αU(x)) =
= (U(αx), U(αx)) −α(U(αx), U(x)) −α(U(x), U(αx)) +[α[
2
(U(x), U(x)) =
= (αx, αx) −α(αx, x) −α(x, αx) +[α[
2
(x, x) = 2[α[
2
(x, x) −2[α[
2
(x, x) = 0 (3.4.1)
Nel lemma precedente non si `e usato il fatto che U(H) = H, quindi esso vale per una classe
pi` u ampia di operatori degli operatori unitari. In effetti in molti testi l’ipotesi U(H) = H non
compare nella definizione di operatore unitario
Lemma 3.4.2. Se U `e un operatore unitario allora U `e limitato, biunivoco e U
−1
`e un operatore
unitario.
Dimostrazione. da (Ux, Uy) = (x, y) segue in particolare, ponendo x = y, che |Ux| = |x|, quindi
|U| = 1 e U `e limitato. Inoltre si ha
|x −y|
2
= (x −y, x −y) = (U(x −y), U(x −y)) = (3.4.2)
= (U(x) −U(y), U(x) −U(y)) = |U(x) −U(y)|
2
da cui segue che Ux = Uy ⇔ x = y, quindi U `e iniettiva; poich`e U `e suriettiva per definizione si
ottiene che U `e biunivoca. Inoltre vale l’uguaglianza
(U
−1
(x), U
−1
(y)) = (UU
−1
(x), UU
−1
y) = (x, y) (3.4.3)
quindi U
−1
`e anch’esso un operatore unitario.
Lemma 3.4.3. Sia H uno spazio di Hilbert e U : H →H un operatore lineare tale che U(H) = H
e |Ux| = |x|, allora U `e un operatore unitario.
64 CAPITOLO 3. SPAZI DI HILBERT ED OPERATORI LINEARI
Dimostrazione. ricordiamo la formula di polarizzazione del prodotto scalare:
4(x, y) = |x +y|
2
−|x −y|
2
+i|x −iy|
2
−i|x +iy|
2
(3.4.4)
allora usando la linearit`a di U e l’ipotesi |Ux| = |x| si ottiene
4(Ux, Uy) = |U(x +y)|
2
−|U(x −y)|
2
+i|U(x −iy)|
2
−i|U(x +iy)|
2
= (3.4.5)
= |x +y|
2
−|x −y|
2
+i|x −iy|
2
−i|x +iy|
2
= 4(x, y)
quindi (Ux, Uy) = (x, y); usando l’ipotesi U(H) = H si ottiene che U `e unitario.
Lemma 3.4.4. Sia U un operatore limitato, allora U `e unitario ⇔ U(H) = H e U
+
= U
−1
.
Dimostrazione. ⇒) si ha per ogni x, y
(U
+
x, y) = (x, Uy) = (U
−1
x, U
−1
Uy) = (U
−1
x, y) (3.4.6)
quindi U
−1
= U
+
.
⇐) Se U
+
= U
−1
allora per ogni x, y si ha
(Ux, Uy) = (x, U
+
Uy) = (x, U
−1
Uy) = (x, y) (3.4.7)
e quindi da U(H) = H segue che H `e unitario.
Definizione 3.4.2. Siano H
1
, H
2
spazi di Hilbert, V : H
1
→H
2
un operatore tale che V (H
1
) = H
2
e (V x, V y) = (x, y) (ovviamente il prodotto scalare a sinistra `e quello di H
2
mentre quello a destra
`e quello di H
1
), allora V si dice operatore isometrico (o pi` u semplicemente isometria).
Per gli operatori isometrici valgono propriet`a analoghe a quelle mostrate per gli operatori
unitari. Dal teorema 3.1.2 segue quindi che se H `e uno spazio di Hilbert separabile allora esiste
V : H →
2
operatore isometrico.
Definizione 3.4.3. Sia T : H → H un operatore lineare. λ ∈ C si dice autovalore di T se esiste
v ∈ H, v ,= 0 tale che Tv = λv; se λ `e un autovalore di T e v ∈ H `e un vettore tale che `e
soddisfatta l’uguaglianza Tv = λv si dice che v `e un autovettore di T corrispondente all’autovalore
λ. L’insieme degli autovettori corrispondenti all’autovalore λ (che si verifica subito essere uno
spazio vettoriale) si chiama autospazio dell’autovalore λ. L’insieme degli autovalori di T si chiama
spettro puntuale di T.
Definizione 3.4.4. Sia T : H → H un operatore limitato. Si dice che T `e autoaggiunto se
T = T
+
; si dice che T `e normale se TT
+
= T
+
T.
Lemma 3.4.5. Se T `e un operatore autoaggiunto allora tutti gli eventuali autovalori sono reali.
Dimostrazione. supponiamo esista x ,= 0 tale che Tx = λx, allora si ha
(x, λx) = (x, Tx) = (Tx, x) = (λx, x) = (x, λx) (3.4.8)
quindi (x, λx) ∈ R, ma (x, λx) = λ|x|
2
, quindi λ ∈ R.
Il lemma precedente si pu`o anche ottenere come corollario del seguente, poich`e ogni operatore
autoaggiunto `e evidentemente normale.
Lemma 3.4.6. Sia T un operatore normale, allora da Tx = λx segue T
+
x = λx.
Dimostrazione. si ha
0 = |Tx −λx|
2
= (Tx −λx, Tx −λx) = ((T −λI)x, (T −λI)x) =
= ((T
+
−λI)(T −λI)x, x) = ((T −λI)(T
+
−λI)x, x) =
= ((T
+
−λI)x, (T
+
−λI)x) = |T
+
x −λx|
2
(3.4.9)
e quindi T
+
x = λx.
3.4. PARTICOLARI CLASSI DI OPERATORI 65
Lemma 3.4.7. Se T `e un operatore normale autovettori relativi ad autovalori distinti sono
perpendicolari.
Dimostrazione. supponiamo Tx = λx, Ty = µy e λ ,= µ, allora si ha
λ(y, x) = (y, λx) = (y, Tx) = (T
+
y, x) = (µy, x) = µ(y, x) (3.4.10)
e poich`e λ ,= µ si ha (y, x) = 0.
Definizione 3.4.5. Sia V uno spazio vettoriale, V
1
⊂ V un sottospazio vettoriale e T : V → V
un operatore lineare. Si dice che V
1
`e un sottospazio invariante per T se T(V
1
) ⊂ V
1
. Se V
1
`e un
sottospazio invariante ha senso considerare la restrizione T[
V
1
: V
1
→V
1
.
Quello che segue `e il teorema spettrale del corso di Geometria I.
Teorema 3.4.1 (Teorema spettrale normale). Sia H uno spazio di Hilbert di dimensione finita e
T : H → H un operatore normale, allora esiste una base ortonormale per lo spazio vettoriale H
composta da autovettori di T (cio`e T `e diagonalizzabile).
Dimostrazione. in dimensione finita λ `e un autovalore se e solo se det(T − λI) = 0, quindi per il
teorema fonadamentale dell’algebra esiste almeno un autovalore λ
1
. Sia H
1
= ¦x ∈ H[Tx = λ
1

l’autospazio associato a λ
1
; evidentemente H
1
`e invariante per T; vediamo ora che H
1
`e invariante
anche per T
+
: se x ∈ H
1
allora
T(T
+
x) = TT
+
x = T
+
Tx = T
+
(λx) = λ(T
+
x) (3.4.11)
quindi T
+
x ∈ H
1
.
Lemma 3.4.8. Sia H

⊂ H un sottospazio vettoriale, allora H

= (H

)

`e invariante
per T ⇔ H

`e invariante per T
+
.
Dimostrazione. Dimostrazione. siano x

∈ H

, x

∈ H

, allora (Tx

, x

) = (x

, T
+
x

),
quindi si ha (Tx

, x

) = 0 per ogni x

∈ H

(cio`e H

`e invariante per T) ⇔(x

, T
+
x

) =
0, cio`e T
+
x

∈ H

per ogni x

∈ H

, cio`e se H

`e invariante per T
+
.
dal lemma segue dunque che H
2
= H

1
`e invariante per T. Indicheremo ora con il pedice 0 le
restrizioni a H
2
; mostriamo che T
0
: H
2
→H
2
`e normale: per fare ci`o mostriamo preliminarmente
che (T
0
)
+
= (T
+
)
0
: se x, y ∈ H
2
allora
((T
0
)
+
x, y) = (x, T
0
y) = (x, Ty) = (T
+
x, y) = ((T
+
)
0
x, y) (3.4.12)
quindi (T
0
)
+
e (T
+
)
0
coincidono su H
2
. Si ha per ipotesi TT
+
= T
+
T, quindi restringendosi
ad H
2
si ha (TT
+
)
0
= (T
+
T)
0
cio`e T
0
(T
+
)
0
= (T
+
)
0
T
0
ed usando quanto appena visto si ha
T
0
(T
0
)
+
= (T
0
)
+
T
0
, quindi T
0
`e normale.
A questo punto si pu`o effettuare la dimostrazione per induzione su n = dimH. Se n = 1 allora
si ha H = H
1
ed il teorema `e mostrato. Supponiamo il teorema dimostrato fino a dimH = n e
vediamo che `e vero anche per dimH = n+1: poich`e per costruzione H
1
,= ¦0¦, allora dimH
1
≥ 1 e
quindi, poich`e per il teorema della proiezione si ha H = H
1
⊕H
2
(si ricordi che in dimensione finita
tutti i sottospazi sono sottospazi di Hilbert), si deve avere dimH
2
≤ n, quindi per l’ipotesi induttiva
esiste una base ortonormale 1
2
di H
2
composta di autovettori di T; inoltre ogni base ortonormale
di H
1
`e evidentemente composta di autovettori di T, quindi esiste una base ortonormale 1
1
di H
1
di autovettori di T. Poich`e H = H
1
⊕H
2
si vede subito che 1
1
∪ 1
2
`e una base ortonormale di H
composta di autovettori di T.
66 CAPITOLO 3. SPAZI DI HILBERT ED OPERATORI LINEARI
Mentre in dimensione finita esistono sempre autovalori (vedi la dimostrazione del teorema
precedente), in dimensione infinita ci`o non `e vero: consideriamo in
2
l’operatore lineare limitato
T(x
1
, . . . , x
n
, . . .) = (0, x
1
, . . . , x
n
, . . .). Sia v ∈
2
un vettore tale che Tv = λv, allora si dovrebbe
avere (0, v
1
, . . . , v
n
, . . .) = λ(v
1
, . . . , v
n
, . . .); se λ = 0 allora evidentemente v = 0, quindi 0 non pu`o
essere un autovalore. Se λ ,= 0 allora si deve avere v
n+1
=
1
λ
v
n
e v
1
= 0, quindi v
n
= 0 per ogni n
e v = 0. Di conseguenza l’operatore lineare T non ha autovalori.
Definizione 3.4.6. Sia V uno spazio vettoriale e T : V → V un operatore lineare; un polinomio
p(x) = x
n
+ +a
1
x +a
0
si dice polinomio minimo di T se `e il polinomio di grado pi` u basso tale
che l’operatore p(T) = T
n
+ +a
1
T +a
0
I `e identicamente nullo su V .
Per il calcolo effettivo degli autovalori pu`o risultare utile il seguente teorema.
Teorema 3.4.2. Sia T un operatore lineare e sia p(x) il suo polinomio minimo, allora λ `e
autovalore ⇔ p(λ) = 0.
Dimostrazione. ⇒) Sia Tx = λx con x ,= 0, allora si ha T
2
x = T(Tx) = T(λx) = λTx = λ
2
x e
pi` u in generale T
n
x = λ
n
x; se p `e il polinomio minimo di T allora p(T) = 0, quindi in particolare
p(T)x = 0 (si ricordi che p(T) `e un operatore lineare), ma `e immediato vedere che p(T)x = p(λ)x
(si noti che P(T) `e un operatore lineare mentre p(λ) `e uno scalare), quindi si ha p(λ)x = 0 e poich`e
x ,= 0 si ha p(λ) = 0.
⇐) sia p(T) =

k
i=1
(x−λ
i
) il polinomio minimo; poich`e vale (T −λ
i
I)(T −λ
j
I) = (T −λ
j
I)(T −
λ
i
I) si ha p(T) =

k
i=1
(T −λ
i
I). Poich`e p `e il polinomio minimo, si deve avere

k
i=2
(T −λ
i
I) ,= 0,
quindi esiste x tale che

k
i=2
(T −λ
i
I)x = y ,= 0, ma allora si ha (T −λ
1
I)y =

k
i=1
(T −λ
i
I)x =
p(T)x = 0, quindi Ty = λ
1
y e quindi λ
1
`e un autovalore di T. Analogamente si vede che per ogni
i il numero λ
i
`e un autovalore.
Definizione 3.4.7. Sia H uno spazio di Hilbert e T : H → H un operatore lineare. T si dice
operatore compatto (in alcuni testi completamente continuo) se per ogni successione limitata ¦x
i
¦
i
esiste una sottosuccessione di ¦Tx
i
¦
i
che converge.
Un modo equivalente per esprimere la precedente definizione `e dire che un operatore lineare `e
compatto se per ogni insieme A limitato l’insieme T(A) `e un insieme compatto.
Lemma 3.4.9. Sia T un operatore compatto, allora T `e limitato.
Dimostrazione. supponiamo per assurdo che T non sia limitato, allora esiste una successione ¦x
n
¦
tale che |x
n
| ≤ 1 e lim
n→∞
|Tx
n
| = +∞, in particolare non esiste nessuna sottosuccessione
convergente della successione ¦Tx
n
¦, contraddicendo l’ipotesi che T sia compatto.
Lemma 3.4.10. Se A `e un operatore compatto e B `e un operatore limitato allora AB e BA sono
operatori compatti.
Dimostrazione. sia ¦x
n
¦ una successione tale che |x
n
| ≤ M, allora |Bx
n
| ≤ |B|M quindi la
successione ¦Bx
n
¦ `e una successione limitata, quindi ¦ABx
n
¦ ammette una sottosuccessione con-
vergente poich`e A `e compatto, quindi AB `e compatto. Sia ora ¦y
i
¦ una successione limitata; poich`e
A `e compatto esiste una sottosuccessione y
i
k
tale che ¦Ay
i
k
¦ sia convergente e poich`e B `e continuo
la successione BAy
i
k
`e ancora convergente, quindi BA `e un operatore compatto.
Teorema 3.4.3. Un operatore lineare limitato `e compatto se e solo se il suo aggiunto `e compatto.
Dimostrazione. poich`e (T
+
)
+
= T basta vedere che da T compatto segue T
+
compatto. Sia ¦x
n
¦
una successione limitata; per il lemma precedente TT
+
`e compatto, quindi esiste una sottosuc-
cessione ¦TT
+
x
i
k
¦ convergente. Mostriamo ora che ¦T
+
x
i
k
¦ `e una successione di Cauchy, da cui
segue che `e convergente e che quindi T
+
`e compatto: si ha
|T
+
x
i
k
−T
+
x
i
j
|
2
= (T
+
(x
i
k
−x
i
j
), T
+
(x
i
k
−x
i
j
)) =
= (x
i
k
−x
i
j
, TT
+
(x
i
k
−x
i
j
)) ≤ |x
i
k
−x
i
j
| |TT
+
(x
i
k
−x
i
j
)| ≤
2M|TT
+
(x
i
k
−x
i
j
)| = 2M|TT
+
x
i
k
−TT
+
x
i
j
| (3.4.13)
3.4. PARTICOLARI CLASSI DI OPERATORI 67
e poich`e ¦TT
+
x
i
k
¦ `e una successione di Cauchy si conclude.
Lemma 3.4.11. Sia T : H → H un operatore lineare limitato tale che dimT(H) < +∞ (si dice
che T ha rango finito) allora T `e compatto.
Dimostrazione. sia ¦x
n
¦ una successione limitata di H, allora ¦Tx
n
¦ `e una successione limitata
di T(H) (poich`e |Tx
n
| ≤ |T| |x
n
|) e poich`e T(H) ha dimensione finita in esso vale il teorema
di Bolzano-Weierstrass, quindi ogni successione limitata in T(H) ammette una sottosuccessione
convergente. In particolare ¦Tx
n
¦ ammette una sottosuccessione convergente.
Teorema 3.4.4. sia ¦T
k
¦ una successione di operatori compatti e T un operatore lineare tale che
|T −T
k
| →0, allora T `e un operatore compatto.
Dimostrazione. sia ¦x
i
¦ una successione limitata. Poich`e T
1
`e compatto esiste una sottosuccessione
¦x
(1)
i
¦ tale che ¦Tx
(1)
i
¦ converge. Procedendo per induzione supponiamo di avere una sottosuc-
cessione ¦x
(n−1)
i
¦ di ¦x
i
¦ tale che ¦T
n−1
x
(n−1)
i
¦ converga, allora si pu`o estrarre da ¦x
(n−1)
i
¦ una
sottosuccessione ¦x
(n)
i
¦ tale che ¦T
n
x
(n)
i
¦ converga. In questo modo si ottiene un insieme di suc-
cessioni ¦x
(n)
i
¦ tale che si ha ¦x
(n+1)
i
¦ ⊂ ¦x
(n)
i
¦ e che per ogni n la successione ¦T
n
x
(n)
i
¦ converge.
Consideriamo ora la successione ¦x
(i)
i
¦ e mostriamo che Tx
(i)
i
converge: notiamo innanzitutto che
per ogni n la successione ¦T
n
x
(i)
i
¦
i
converge poich`e se i ≥ n allora ¦x
(i)
i
¦ `e una sottosuccessione di
¦x
(n)
i
¦
i
. Inoltre si ha
|Tx
(n)
n
−Tx
(m)
m
| = |Tx
(n)
n
−T
k
x
(n)
n
+T
k
x
(n)
n
−T
k
x
(m)
m
+T
k
x
(m)
m
−Tx
(m)
m
| ≤
≤ |T −T
k
| |x
(n)
n
| +|T
k
x
(n)
n
−T
k
x
(m)
m
| +|T −T
k
| |x
(m)
m
| (3.4.14)
fissato > 0, se k `e abbastanza grande si ha |T − T
k
| ≤ ; inoltre |x
(n)
n
|, |x
(m)
m
| ≤ M poich`e
la successione iniziale ¦x
i
¦ `e limitata e, poich`e ¦T
k
x
(i)
i
¦ converge, se n, m > N si ha |T
k
x
(n)
n

T
k
x
(m)
m
| ≤ quindi l’espressione 3.4.14 `e minore di (2M + 1) e quindi Tx
(n)
n
`e una successione di
Cauchy.
Corollario 3.4.1. Sia T : L
2
(0, π) → L
2
(0, π) definito da (Tf)(x) =
_
π
0
k(x, y)f(y)dy, dove
k ∈ L
2
([0, π] [0, π]), allora T `e un operatore compatto.
Dimostrazione. vediamo innanzitutto che T `e limitato: sia Tf = g, allora per la disuguaglianza di
Schwartz si ha
[g(x)[
2

_
π
0
[k[
2
dy
_
π
0
[f[
2
dy = |f|
2
_
π
0
[k[
2
dy (3.4.15)
quindi
|g|
2
=
_
π
0
[g[
2
dx ≤ |f|
2
_
π
0
_
π
0
[k[
2
dxdy = |f|
2
|k|
2
(3.4.16)
quindi si ottiene |T| ≤ |k|.
Vediamo ora che l’insieme ¦sin pxsin qy¦
p,q∈N
`e completo L
2
([0, π] [0, π]): sia f(x, y) ∈
L
2
([0, π] [0, π]), allora per il teorema di Fubini per quasi ogni y ∈ [0, π] si ha f ∈ L
2
x
(0, π),
quindi se (f, sin pxsin qy) = 0 per ogni p, q, allora
0 =
_
π
0
_
π
0
f(x, y) sin pxsin qydxdy =
_
π
0
__
π
0
f(x, y) sin pxdx
_
sin qydy (3.4.17)
quindi, poich`e ¦sin qy¦
q∈N
`e completo in L
2
y
(0, π), la funzione
_
π
0
f(x, y) sin pxdx (che `e in L
2
y
per
la disuguaglianza di Schwarz) `e nulla per quasi ogni y ∈ [0, π], quindi, per la completezza di
¦sin px¦
p∈N
in L
2
x
(0, π), si ottiene che per quasi ogni y e quasi ogni x si ha f(x, y) = 0 e quindi
f = 0 in L
2
([0, π] [0, π]) che conclude la dimostrazione della completezza di ¦sin pxsin qy¦
p,q∈N
.
68 CAPITOLO 3. SPAZI DI HILBERT ED OPERATORI LINEARI
Poich`e k ∈ L
2
([0, π] [0, π]) per quanto visto esistono coefficienti a
pq
tali che
N

p,q=1
a
pq
sin pxsin qy →k(x, y) in L
2
(3.4.18)
Sia ora
(T
N
f)(x) =
_
π
0
N

p,q=1
a
pq
sin pxsin qyf(y)dy (3.4.19)
a causa della somma su un numero finito di termini questo operatore ha rango finito e quindi (vedi
lemma 3.4.11) `e un operatore compatto. Verifichiamo ora che |T − T
N
| → 0, che concluder`a la
dimostrazione a causa del teorema precedente. Sia f tale che |f| = 1, allora
[(T −T
N
)f](x) =
_
π
0
[k(x, y) −
N

p,q=1
a
pq
sin pxsin qy]f(y)dy (3.4.20)
e quindi (per la disuguaglianza di Schwarz)
|(T −T
N
)f|
2

_
π
0
_
π
0
[k(x, y) −
N

p,q=1
a
pq
sin pxsin qy[
2
dxdy = |k(x, y) −
N

p,q=1
a
pq
sin pxsin qy|
2
(3.4.21)
quindi si otttiene infine
|T −T
N
| = sup
f=1
|(T −T
n
)f| ≤ |k(x, y) −
N

p,q=1
a
pq
sin pxsin qy| →0 (3.4.22)
Gli operatori del tipo di quello del corollario precedente sono detti operatori di Hilbert-Schmidt.
Lemma 3.4.12. Sia T
k
: L
2
(0, π) → L
2
(0, π) definito da (T
k
f)(x) =
_
π
0
k(x, y)f(y)dy, dove
k ∈ L
2
([0, π] [0, π]), allora (T
k
)
+
= T
ψ
dove ψ(x, y) = k(y, x).
Dimostrazione. per ogni f, g ∈ L
2
(0, π) si ha
(T
k
f, g) =
_
π
0
(T
k
f)(x)g(x)dx =
_
π
0
_
π
0
k(x, y)f(y)g(x)dxdy =
=
_
π
0
_
π
0
ψ(y, x)g(x)f(y)dxdy =
_
π
0
(T
ψ
g)(y)f(y)dy = (f, T
ψ
g) (3.4.23)
da cui la tesi.
Corollario 3.4.2. Sia T : L
2
(0, π) → L
2
(0, π) definito da (Tf)x =
_
π
0
k(x, y)f(y)dy, dove k ∈
L
2
([0, π] [0, π]) e k(x, y) = k(y, x), allora T `e un operatore compatto autoaggiunto.
Segue ora una serie di lemmi che serviranno nella dimostrazione del teorema spettrale compatto
autoaggiunto nel caso di uno spazio di Hilbert generico.
Lemma 3.4.13. Sia T : H →H un operatore limitato, allora |T| = sup
x=y=1
[(x, Ty)[.
Dimostrazione. si ha per la disuguaglianza di Cauchy-Schwarz, se |x| = |y| = 1,
[(x, Ty)[ ≤ |x| |Ty| ≤ |T| |y| = |T| (3.4.24)
3.4. PARTICOLARI CLASSI DI OPERATORI 69
quindi sup
x=y=1
[(x, Ty)[ ≤ |T|. D’altra parte se |x| = 1 e Tx ,= 0 si ha
|Tx|
2
= (Tx, Tx) = |Tx|(
Tx
|Tx|
, Tx) = |Tx|(a, Tx) (3.4.25)
dove |a| = 1, quindi |Tx| ≤ sup
a=x=1
[(a, Tx)[.
Lemma 3.4.14. Sia T : H →H un operatore limitato autoaggiunto, allora
|T| = sup
x=1
[(x, Tx)[ (3.4.26)
Dimostrazione. come nel lemma precedente si vede subito che sup
x=1
[(x, Tx)[ ≤ |T|. Notiamo
ora che per ogni x, y si ha (x, Ty) = [(x, Ty)[e

e quindi [(x, Ty)[ = (x, T(ye
−iθ
)), quindi si ha in
particolare
sup
a=b=1
[(a, Tb)[ = sup
x=y=1,(x,Ty)∈R
(x, Ty) (3.4.27)
Siano ora x, z tali che |x| = |z| = 1 e (x, Tz) ∈ R, allora si ha (x, Tz) = (Tx, z) = (z, Tx) quindi
2(x, Tz) = (x, Tz) + (z, Tx) =
1
2
[(x +z, T(x +z)) −(x −z, T(x −z))] ≤

1
2
[[(x +z, T(x +z))[ +[(x −z, T(x −z)[)] ≤

1
2
_
|x +z|
2
[(a, Ta)[ +|x −z|
2
[(b, Tb)[
¸
(3.4.28)
dove a =
x+z
x+z
e b =
x−z
x−z
e quindi |a| = |b| = 1. Sia ora S = sup
a=1
[(a, Ta)[, allora si ha
(usando l’identit`a del parallelogramma)
2(x, Tz) ≤
1
2
S[|x +z|
2
+|x −z|
2
] =
1
2
S[2|x|
2
+ 2|z|
2
] = 2S (3.4.29)
quindi (x, Tz) ≤ S, quindi usando 3.4.27 ed il lemma precedente si ottiene |T| ≤ S che conclude.
Teorema 3.4.5. Sia T : H → H un operatore compatto autoaggiunto, allora esite un autovalore
λ tale che [λ[ = |T|.
Dimostrazione. per il lemma precedente esiste una successione ¦x
n
¦ tale che |x
n
| = 1 e
[(x
n
, Tx
n
)[ →|T|. Notiamo inoltre che per ogni x si ha (x, Tx) ∈ R poich`e
(x, Tx) = (Tx, x) = (x, T
+
x) = (x, Tx) (3.4.30)
quindi da [(x
n
, Tx
n
)[ →|T| segue semplicemente che almeno una delle due seguenti affermazioni
`e vera:
1. esiste una sottosuccessione ¦x
n
i
¦ tale che (x
n
i
, Tx
n
i
) →|T|
2. esiste una sottosuccessione ¦x
n
i
¦ tale che (x
n
i
, Tx
n
i
) →−|T|
Per semplicit`a di notazione continueremo a chiamare ¦x
n
¦ una qualunque delle due sottosuccessioni
precedenti. Sia quindi ¦x
n
¦ tale che |x
n
| = 1 e (x
n
, Tx
n
) →λ, dove [λ[ = |T|, allora si ha
|Tx
n
−λx
n
|
2
= |Tx
n
|
2
+[λ[
2
|x
n
|
2
−2λ(x
n
, Tx
n
) ≤ |T|
2
+|T|
2
−2λ(x
n
, Tx
n
) (3.4.31)
e l’ultimo membro tende a 0, quindi
Tx
n
−λx
n
→0 (3.4.32)
70 CAPITOLO 3. SPAZI DI HILBERT ED OPERATORI LINEARI
Poich`e T `e compatto esiste una sottosuccessione ¦z
n
¦ di ¦x
n
¦ tale che ¦Tz
n
¦ converge, ma allora,
per 3.4.32, anche ¦λz
n
¦ quindi anche ¦z
n
¦ converge (a rigore questo `e vero solo se λ ,= 0, ma se λ = 0
allora |T| = 0 e quindi T = 0 ed il teorema `e ovvio) ad un valore z tale che |z| = lim
n→∞
|z
n
| = 1,
quindi in particolare z ,= 0. Poich`e T `e limitato si ha allora limTz
n
= T limz
n
= Tz, ma da 3.4.32
segue che limTz
n
= limλz
n
(poich`e entrambi i limiti esistono), quindi Tz = λz e poich`e z ,= 0 si
ottiene che λ `e un autovalore.
Lemma 3.4.15. Sia T : H → H un operatore compatto e sia λ ,= 0 un autovalore, allora l’au-
tospazio H
λ
relativo all’autovalore λ ha dimensione finita (si dice anche che λ ha degenerazione
finita).
Dimostrazione. supponiamo per assurdo che H
λ
abbia dimensione infinita, allora esiterebbe una
successione di vettori ortonormali ¦e
k
¦ in H
λ
e quindi si avrebbe
|Te
i
−Te
j
|
2
= |λe
i
−λe
j
|
2
= [λ[
2
|e
i
−e
j
|
2
= 2[λ[
2
δ
ij
(3.4.33)
quindi nessuna sottosuccessione di ¦Te
i
¦ pu`o essere una successione di Cauchy, in particolare
nessuna sottosuccessione di ¦Te
i
¦ pu`o essere convergente, contrariamente all’ipotesi che T sia un
operatore compatto.
Nel teorema seguente si supporr`a che H abbia dimensione infinita in quanto il caso di dimensione
finita `e gi`a stato trattato nel caso degli operatori normali.
Teorema 3.4.6 (Teorema spettrale compatto autoaggiunto). Sia T : H → H un operatore
compatto autoaggiunto, allora vale uno dei seguenti enunciati:
1. T ha un numero finito di autovalori distinti non nulli λ
1
, . . . , λ
n
, H = ker T⊕H
1
⊕ ⊕H
n
do-
ve H
i
`e l’autospazio relativo a λ
i
, quindi esiste una base ortonormale ¦e
i
¦
N
i=1
di (ker T)

com-
posta di autovettori di T e si ha Tx =

N
i=1

i

j
e
λ
i
j
(e
λ
i
j
, x)] dove e
λ
i
j
sono gli autovettori
relativi a λ
i
2. T ha una infinit`a numerabile di autovettori non nulli che possono essere ordinati in modo che
lim
i→∞
λ
i
= 0, H = ker T ⊕

i=1
H
i
e quindi esiste una base ortonormale ¦e
i
¦

i=1
di (ker T)

composta di autovettori di T e si ha Tx =


i=1

i

j
e
λ
i
j
(e
λ
i
j
, x)]
Dimostrazione. per il teorema 3.4.5 esiste un autovalore λ
1
tale che [λ
1
[ = |T|; sia H
1
il suo
autospazio; per il lemma precedente H
1
ha dimensione finita e sia quindi ¦e
1
, . . . , e
n
¦ una base
ortonormale di H
1
. Sia ora H

= H

1
e mostriamo che H

`e un sottospazio invariante per T: se x

`e tale che (x

, e
i
) = 0 per ogni i, allora si ha
(Tx

, e
i
) = (x

, Te
i
) = (x

, λe
i
) = λ(x

, e
i
) = 0 (3.4.34)
e quindi anche Tx

∈ H

. Ha quindi senso considerare la restrizione T[
H
: H

→H

e chiamiamo
T

= T[
H
.
`
E evidente dalla definizione che T

`e compatto. Inoltre procedendo come nel precedente
teorema spettrale si vede che (T

)
+
= (T
+
)[
H
e quindi che T

= T[
H
= (T
+
)[
H
= (T

)
+
e quindi anche T

`e compatto e autoaggiunto, quindi esiste un secondo autovalore λ
2
tale che

2
[ = |T

| ≤ |T|. Procedendo per induzione in modo analogo si ottiene una successione di
autovalori ¦λ
i
¦ tale che [λ
1
[ ≥ [λ
2
[ ≥ ≥ [λ
n
[ ed indichiamo con H
i
i rispettivi autospazi. A
questo punto si presentano due possibilit`a
1. esiste H

= (H
1
⊕ ⊕H
n
)

tale che T[
H
= 0
2. non esiste H

= (H
1
⊕ ⊕H
n
)

tale che T[
H
= 0
Nel caso (1) si ha allora evidentemente H

= ker T e quindi H = ker T ⊕ H
1
⊕ ⊕ H
n
. Poich`e
tutti gli autospazi relativi ad autovettori distinti sono ortogonali, una base per (ker T)

pu`o essere
costruita dall’unione delle basi dei diversi autospazi H
1
, . . . , H
n
; sia ¦e
i
¦
N
i=1
una tale base, allora
3.4. PARTICOLARI CLASSI DI OPERATORI 71
per ogni x ∈ H si ha x = x
0
+

N
i=1
e
i
(e
i
, x), dove x
0
∈ ker T; applicando T a questa uguaglianza
e ricordando che gli e
i
sono autovettori si ottiene l’uguaglianza della tesi.
Nel caso (2) si ottiene una successione infinita ¦λ
i
¦ di autovalori non nulli. Vediamo che
lim
n→∞
λ
n
= 0: sia ¦x
n
¦ una successione ortonormale di vettori tali che x
n
∈ H
n
e supponiamo
per assurdo che per ogni n si abbia [λ
n
[ ≥ δ > 0, allora la successione ¦
x
n
λ
n
¦ sarebbe una successione
limitata e si avrebbe
T
_
x
n
λ
n
_
=
1
λ
n
T(x
n
) =
1
λ
n
λ
n
x
n
= x
n
(3.4.35)
ma per costruzione |x
n
− x
m
|
2
= 2δ
n,m
, quindi non esisterebbe nessuna sottosuccessione con-
vergente di ¦T(x
n

n
)¦, contrariamente all’ipotesi che T sia un operatore compatto, quindi si
conclude che lim
n→∞
λ
n
= 0.
Sia ¦e
1
, . . . , e
N
¦ una base di H
1
⊕ ⊕H
n
e sia x
n
la proiezione di x ∈ H su (H
1
⊕ ⊕H
n
),
cio`e x
n
= x −

N
i=1
e
i
(e
i
, x), allora |x
n
| ≤ |x| e
|Tx
n
| = |T

x
n
| ≤ |T

| |x
n
| ≤ [λ
n+1
[ |x
n
| ≤ [λ
n+1
[ |x| (3.4.36)
e l’ultimo membro tende a 0 se n →∞. Sostituendo x
n
con il suo valore si ottiene quindi
Tx −T
_
N

i=1
e
i
(e
i
, x)
_
→0 (3.4.37)
A questo punto supponiamo per semplicit`a di notazione che i λ
i
non indichino pi` u l’insieme degli
autovalori distinti, ma l’insieme di tutti gli autovalori ognuno contato con la propria molteplicit`a (la
dimensione dell’autospazio relativo) e supponiamo quindi che Te
i
= λ
i
e
i
, allora si ha (ricordando
che gli autovalori di un operatore autoaggiunto sono tutti reali)
T
_
N

i=1
e
i
(e
i
, x)
_
=
N

i=1
(e
i
, x)Te
i
=
N

i=1
λ
i
e
i
(e
i
, x) = (3.4.38)
=
N

i=1

i
e
i
, x)e
i
=
N

i=1
(Te
i
, x)e
i
=
N

i=1
(e
i
, Tx)e
i
quindi il limite 3.4.37 diventa
N

i=1
(e
i
, Tx)e
i
→Tx (3.4.39)
cio`e ¦e
i
¦

i=1
(una base di ⊕

i=1
H
i
) `e una base per ImT. Sia ora y = x −


i=1
e
i
(e
i
, x), allora
da quanto precede segue che Ty = 0, quindi y ∈ ker T e da x = y +


i=1
e
i
(e
i
, x) e dal fatto
che autovettori relativi ad autovalori distinti sono ortogonali (si noti che ker T `e l’autospazio
dell’eventuale autovalore 0) segue che H = ker T ⊕

i=1
H
i
. Applicando T all’identit`a x = y +


i=1
e
i
(e
i
, x) e usando il fatto che gli e
i
sono autovalori si ottiene Tx =


i=1
λ
i
e
i
(e
i
, x) (questa
`e l’identit`a della tesi, solo scritta in un altro modo). Supponiamo ora che λ sia un autovalore di
T, allora si deve avere, per quanto visto,
Tx =

i=1
λ
i
e
i
(e
i
, x) = λx = λy +

i=1
λe
i
(e
i
, x) (3.4.40)
da cui si ottengono immediatamente due possibili casi
1. λ = 0 e (e
i
, x) = 0 per ogni i (cio`e x ∈ ker T)
2. λ = λ
i
, y = 0 e x ∈ H
i
Da ci`o segue che gli unici possibili autovalori (possibili poich`e non `e a priori detto che non si abbia
ker T = ¦0¦) di T sono 0 ed i vari λ
i
, che conclude la dimostrazione.
72 CAPITOLO 3. SPAZI DI HILBERT ED OPERATORI LINEARI
Corollario 3.4.3. Sia T : H → H un operatore compatto autoaggiunto, allora esiste una base
ortonormale di H composta da autovettori di T.
Dimostrazione. nel teorema precedente si `e vista l’esistenza di una base ortonormale al pi` u nume-
rabile di (ker T)

. A questo punto una base ortonormale per H `e data dall’unione di una base
ortonormale di ker T e di ¦e
i
¦ (ovviamente se H non `e separabile questa base non `e numerabile,
quindi la base di ker T non `e numerabile e quindi ker T `e uno spazio non separabile, in particolare
ha dimensione infinita).
Teorema 3.4.7. Siano A, B : H →H due operatori compatti autoaggiunti tali che AB = BA, al-
lora esiste una base ortonormale al pi` u numerabile ¦e
i
¦ di (ker A∩ker B)

composta da autovettori
comuni ad A e B.
Dimostrazione. per il teorema spettrale A ha al pi` u una infinit`a numerabile di autovettori ¦λ
i
¦
non nulli e se si indicano con H
i
i relativi autospazi si ha H = ker A ⊕
i
H
i
; inoltre per il lemma
3.4.15 ogni H
i
ha dimensione finita. Consideriamo l’autospazio H
i
e sia x ∈ H
i
, cio`e Ax = λ
i
x,
allora si ha
A(Bx) = B(Ax) = B(λ
i
x) = λ
i
Bx (3.4.41)
quindi Bx ∈ H
i
e quindi B(H
i
) ⊂ H
i
, cio`e H
i
`e un sottospazio invariante per B. Sia ora B
i
= B[
H
i
;
procedendo come nel teorema spettrale `e semplice vedere che B
i
`e compatto e autoaggiunto. Per
il corollario 3.4.3 esiste allora una base ortonormale di H
i
, sia essa 1
i
, composta di autovettori
di B che, poich`e sono contenuti in un autospazio di A, sono anche evidentemente autovettori di
A. Poich`e autospazi relativi ad autovalori differenti sono ortogonali, l’insieme 1 = ∪1
i
`e una base
ortonormale per ⊕
i
H
i
= (ker A)

e poich`e ogni H
i
ha dimensione finita 1 `e al pi` u numerabile.
Sia ora x ∈ ker A, allora si ha A(Bx) = B(Ax) = 0, quindi Bx ∈ ker A, quindi ker A `e
uno spazio invariante per B; definendo B
0
= B[
ker A
si vede nuovamente che B
0
`e compatto e
autoaggiunto e quindi applicando il teorema spettrale si ottenene una base ortonormale numerabile
J di ker A ∩ (ker B)

composta di autovettori di B, che sono anche autovettori di A relativi
all’autovalore 0. Sempre poich`e autovettori relativi ad autovalori distinti sono ortogonali si vede
quindi che J ∪ 1 `e una base ortonormale al pi` u numerabile per
(ker A)

⊕[ker A∩ (ker B)

] (3.4.42)
composta da autovettori comuni di A e B.
Vediamo ora che (ker A)

⊕ [ker A ∩ (ker B)

] = (ker A ∩ ker B)

. Questo discende dal fatto
pi` u generale che se X, Y sono due sottospazi di Hilbert di H si ha (X ∩ Y )

= X

⊕ X ∩ Y

(basta porre X = ker A, Y = ker B).
[Un modo sbagliato di dimostrare questa uguaglianza `e
X ∩ Y ⊕(X ∩ Y )

= H = X

⊕X = X

⊕X ∩ H = (3.4.43)
= X

⊕X ∩ (Y ⊕Y

) = X

⊕X ∩ Y ⊕X ∩ Y

dove si `e per`o usato il fatto X ∩ (Y ⊕ Y

) = X ∩ Y ⊕ X ∩ Y

che non `e in generale vero:
consideriamo in C
2
i sottospazi X = span¦e
1
¦, Y = span¦e
1
−e
2
¦ e Y

= span¦e
1
+e
2
¦, allora si
ha X ∩ (Y ⊕Y

) = X ,= ¦0¦ mentre X ∩ Y ⊕X ∩ Y

= ¦0¦]
Per mostrare (X∩Y )

= X

⊕X∩Y

si pu`o procedere nel seguente modo: sia v ∈ (X∩Y )

,
allora v = x

+ x

, dove x

∈ X e x

∈ X

; poich`e v e x

sono perpendicolari a X ∩ Y , si
deve avere anche x

∈ (X ∩ Y )

e, poich`e x

∈ X, `e semplice verificare che x

∈ X ∩ Y

, quindi
(X ∩ Y )

⊂ X

⊕X ∩ Y

; l’inclusione inversa `e immediata da mostrare.
Lemma 3.4.16. Siano A, B : H → H due operatori compatti, allora A + B `e un operatore
compatto.
3.4. PARTICOLARI CLASSI DI OPERATORI 73
Dimostrazione. sia ¦x
n
¦ una successione limitata, allora esiste una sua sottosuccessione ¦x
n
k
¦
tale che ¦Ax
n
k
¦ converga. D’altro canto ¦x
n
k
¦ `e una successione limitata, quindi esiste una sua
sottosuccessione ¦x
n
k
i
¦ tale che ¦Bx
n
k
i
¦ sia una successione convergente; inoltre ¦x
n
k
i
¦ `e una
sottosuccessione di ¦x
n
k
¦, quindi in particolare si ha anche che ¦Ax
n
k
i
¦ `e convergente, ma allora
¦(A+B)x
n
k
i
¦ `e una successione convergente e quindi A+B `e un operatore compatto.
Corollario 3.4.4 (Teorema spettrale compatto normale). Sia N : H → H un operatore compat-
to normale, allora esiste una base ortonormale numerabile di (ker N)

composta da autovettori
comuni a N e N
+
.
Dimostrazione. definiamo i due operatori
A =
N +N
+
2
; B =
N −N
+
2i
(3.4.44)
per il lemma 3.4.16 A, B sono operatori compatti ed `e semplice vedere che sono autoaggiunti:
A
+
=
_
N +N
+
2
_
+
=
N
+
+N
++
2
=
N +N
+
2
= A
B
+
=
_
N −N
+
2i
_
+
=
−1
2i
(N −N
+
)
+
=
−1
2i
(N
+
−N) =
N −N
+
2i
= B (3.4.45)
inoltre usando il fatto che NN
+
= N
+
N `e immediato vedere che AB = BA, quindi per il teorema
3.4.7 esiste una base ortonormale al pi` u numerabile di (ker A ∩ ker B)

composta da autovettori
¦e
i
¦ comuni ad A e B. Poich`e N = A + iB e N
+
= A − iB, si vede subito che gli ¦e
i
¦, essendo
autovettori di A e B, sono anche autovettori di N e N
+
. Inoltre usando 3.4.44 e N = A + iB,
N
+
= A − iB `e immediato vedere che ker A ∩ ker B = ker N ∩ ker N
+
. Vediamo infine che
ker N = ker N
+
, che concluder`a il teorema. Si ha infatti per ogni x ∈ H
|Nx|
2
= (Nx, Nx) = (x, N
+
Nx) = (x, NN
+
x) = (N
+
x, N
+
x) = |N
+
x|
2
(3.4.46)
e quindi Nx = 0 ⇔N
+
x = 0.
Anche se non lo si `e specificato nelle ipotesi mentre nel teorema spettrale compatto autoaggiunto
lo spazio H poteva anche essere uno spazio vettoriale su R, poich`e gli autovalori di un operatore
autoaggiunto sono reali, nel caso del teorema spettrale compatto normale `e essenziale che H sia
uno spazio vettoriale su C, altrimenti non `e detto esistano gli autovalori.
Il metodo di dimostrazione del teorema spettrale compatto normale usando il teorema 3.4.7 ed
il teorema spettrale compatto autoaggiunto `e tratto dal testo [4] della Bibliografia.
I risultati qui esposti trovano applicazioni in molti campi: sia Ω ⊂ R
2
un aperto limitato per
cui esista la funzione di Green del laplaciano (vedi sezione ”Identit`a di Green e sue conseguenze”)
e consideriamo il problema agli autovalori
_
´u = λu in Ω
u = 0 in ∂Ω
(3.4.47)
per le propriet`a di unicit`a del problema di Dirichlet se λ = 0 allora l’unica soluzione di 3.4.47 `e
u = 0, quindi λ = 0 non `e un autovalore, quindi il problema precedente `e equivalente a
_
µ´u = u in Ω
u = 0 in ∂Ω
(3.4.48)
infatti anche in questo caso se µ = 0 si ha u = 0. Poich`e se u `e soluzione del problema 3.4.48 allora
u `e continua in Ω ed ha derivate prime continue `e possibile applicare il teorema 2.3.5 e quindi si
ha
µu(x, y) =
_

G(x, y, ξ, η)u(ξ, η)dξdη (3.4.49)
74 CAPITOLO 3. SPAZI DI HILBERT ED OPERATORI LINEARI
d’altra parte se u ∈ L
2
(Ω) soddisfa l’equazione 3.4.49 con µ ,= 0 allora il secondo membro `e
continuo, quindi u `e continua; inoltre nel secondo membro si pu`o derivare una volta sotto il segno
di integrale (vedi dimostrazione del teorema 2.3.5) e si ottiene che u ha derivate prime continue,
quindi applicando il teorema 2.3.5 si vede che u soddisfa 3.4.48. Quindi i problemi 3.4.48 e 3.4.49
con µ ,= 0 sono equivalenti.
Inoltre G ha la forma G(x, y, ξ, η) =
1

log r +γ(x, y, ξ, η) dove γ `e contina su Ω, quindi si vede
che G ∈ L
2
(Ω) e se si definisce
(Tu)(x, y) =
_

G(x, y, ξ, η)u(ξ, η)dξdη (3.4.50)
poich`e G(x, y, ξ, η) = G(ξ, η, x, y) ∈ R si vede analogamente al corollario 3.4.2 che T `e un operatore
compatto autoaggiunto ed il problema 3.4.48 equivale a µu = Tu con µ ,= 0; `e quindi possibile
applicare il teorema spettrale. Si pu`o inoltre vedere che ogni λ
n
`e negativo: sia u una autofunzione
di 3.4.47, allora utilizzando l’equazione 2.3.67 con f = g = u si ha
λ
_

u
2
dxdy =
_

(´u)udxdy =
_
∂Ω
∂u
∂n
udσ −
_

[∇u[
2
dxdy = −
_

[∇u[
2
dxdy (3.4.51)
e l’ultimo membro `e strettamente negativo, infatti se fosse nullo si avrebbe u = const (sulle
componenti connesse) e quindi per le condizioni al bordo u = 0, mentre si deve avere u ,= 0.
Quindi si ottiene λ < 0 e quindi gli autovalori del problema 3.4.47 (che esistono per il teorema
spettrale) sono tutti negativi.
Una altra applicazione si ottiene nel teorema sugli autovalori del problema di Sturm-Liouville:
il problema di Sturm-Liouville consiste nel problema ai limiti
_
_
_
Ly = (p(x)y

)

+q(x)y = f
αy(0) +βy

(0) = 0 α
2

2
> 0
γy(π) +δy

(π) = 0 γ
2

2
> 0
(3.4.52)
Sotto opportune ipotesi si dimostra (vedi appendice E) che esiste una funzione G(x, y) : [0, π]
[0, π] →R continua e simmetrica tale che la suoluzione del problema di Sturm-Liouville `e data da
y(ξ) =
_
π
0
G(ξ, η)f(η)dη (3.4.53)
quindi anche in questo caso per il problema Ly = λy con le condizioni ai limiti 3.4.52 `e applicabile
il teorema spettrale compatto autoaggiunto. Per maggiori dettagli vedi l’appendice E.
3.5 Trasformata di Fourier
Definizione 3.5.1. Si definisce l’insieme S (detto classe di Schwartz e talora indicato con o) nel
modo seguente
S = ¦φ ∈ (

(−∞, +∞)[ [x
m
D
n
φ(x)[ < A
n,m
∀x ∈ R ∀n, m ∈ N¦ (3.5.1)
dove D
n
= d
n
/dx
n
e A
n,m
`e una costante dipendente da n, m.
Notiamo che S non `e vuoto poich`e (

c
(−∞, +∞) ⊂ S e inoltre si ha S ⊂ L
1
(−∞, +∞) e se
φ ∈ S allora per ogni n > 0 si ha x
n
φ ∈ L
1
(−∞, +∞).
Definizione 3.5.2. Per ogni φ ∈ S si definisce la trasformata di Fourier , indicata con F(φ) o
ˆ
φ, come
ˆ
φ(ω) =
_
+∞
−∞
φ(x)e
iωx
dx (3.5.2)
3.5. TRASFORMATA DI FOURIER 75
La definizione precedente ha senso poich`e si `e gi`a osservato che S ⊂ L
1
(−∞, +∞). Servir`a per
il seguito notare che
Lemma 3.5.1. S `e denso in L
2
(−∞, +∞).
Dimostrazione. si `e gi`a osservato che (

c
(−∞, +∞) ⊂ S; inoltre si s`a che (

c
(−∞, +∞) `e denso
il L
2
(−∞, +∞), quindi S `e denso in L
2
(−∞, +∞).
Teorema 3.5.1. Se φ ∈ S allora
ˆ
φ ∈ S.
Dimostrazione. mostriamo che
ˆ
φ `e derivabile e che D
1
ˆ
φ = F(ixφ):
ˆ
φ(ω +h) −
ˆ
φ(ω)
h

_
+∞
−∞
ixφ(x)e
iωx
dx =
_

−∞
ixφ(x)e
iωx
_
e
ihx
−1
ihx
−1
_
dx (3.5.3)
l’integrando del secondo membro tende puntualmente a 0, inoltre
e
ihx
−1
ihx
`e limitato per ogni x,
quindi se 0 < h < si ha
¸
¸
¸
e
ihx
−1
ihx
¸
¸
¸ < M e quindi l’integrando del secondo membro di 3.5.3
`e maggiorato in modulo da M[xφ(x)[ ∈ L
1
(−∞, +∞), quindi si pu`o utilizzare il teorema della
convergenza dominata di Lebesgue ottenendo
D
1
F[φ(x)](ω) = D
1
ˆ
φ(ω) =
_

−∞
ixφ(x)e
iωx
dx = F(ixφ)(ω) (3.5.4)
inoltre ixφ(x) ∈ S, quindi si ha ancora
D
2
ˆ
φ = D
1
(D
1
ˆ
φ) = D
1
[F(ixφ)] = F[(ix)
2
φ] (3.5.5)
e pi` u in generale (poich`e x
n
φ ∈ S) si ottiene per induzione D
n
ˆ
φ = F[(ix)
n
φ], quindi
ˆ
φ ∈
(

(−∞, +∞).
Mostriamo ora che [ω
n
ˆ
φ(ω)[ ≤ A
n
: integrando per parti n volte si ottiene
ˆ
φ(ω) =
_
+∞
−∞
e
iωx
φ(x)dx =
−1

_
+∞
−∞
e
iωx
D
1
φ(x)dx = =
(−1)
n
(iω)
n
_
+∞
−∞
e
iωx
D
n
φ(x)dx (3.5.6)
quindi
[
ˆ
φ(ω)ω
n
[ =
¸
¸
¸
¸
_
+∞
−∞
e
iωx
D
n
φ(x)dx
¸
¸
¸
¸

_
+∞
−∞
[D
n
φ(x)[dx = A
n
(φ) (3.5.7)
Vediamo ora che [D
n
ˆ
φ(ω)ω
m
[ ≤ A
n,m
: si `e visto che D
n
ˆ
φ = F[(ix)
n
φ(x)], inoltre ψ(x) =
(ix)
n
φ(x) ∈ S, quindi per quanto visto si ha [D
n
ˆ
φ(ω)ω
m
[ = [
ˆ
ψω
m
[ ≤ A
m
(ψ) che conclude.
Teorema 3.5.2. Se φ ∈ S allora si ha
φ(x) =
1

_
+∞
−∞
ˆ
φ(ω)e
−iωx
dω (3.5.8)
Dimostrazione. siano φ, ψ ∈ S, allora si ha
(
ˆ
φ(ω), ψ(ω)e
iωx
) =
_
+∞
−∞
ˆ
φ(ω)ψ(ω)e
iωx
dω =
_

−∞
_
ψ(ω)e
iωx
_
+∞
−∞
φ(y)e
iωy
dy
_
dω = (3.5.9)
=
_
+∞
−∞
ψ(ω)e
iωx
__
+∞
−∞
φ(y)e
−iωy
dy
_

76 CAPITOLO 3. SPAZI DI HILBERT ED OPERATORI LINEARI
poich`e
_
+∞
−∞

_
+∞
−∞
[ψ(ω)[ [φ(y)[dy < +∞per il teorema di Fubini-Tonelli si pu`o invertire l’ordine
di integrazione, ottenendo quindi
(
ˆ
φ(ω), ψ(ω)e
iωx
) =
_
+∞
−∞
φ(y)
__
+∞
−∞
ψ(ω)e
iω(x−y)

_
dy = (3.5.10)
=
_
+∞
−∞
φ(y)
ˆ
ψ(x −y)dy =
_
+∞
−∞
φ(z +x)
ˆ
ψ(−z)dz = (φ(z +x),
ˆ
ψ(−z))
quindi infine si ha
(
ˆ
φ(ω), ψ(ω)e
iωx
) = (φ(z +x),
ˆ
ψ(−z)) (3.5.11)
Sia ora a > 0 e poniamo ψ(ω) = e
−aω
2
, allora ψ ∈ S e si ha
(
ˆ
φ(ω), ψ(ω)e
iωx
) =
_
+∞
−∞
ˆ
φ(ω)e
−aω
2
e
iωx
dω (3.5.12)
se ora a →0, l’integrando tende puntualmente a
ˆ
φ(ω)e
iωx
ed il modulo dell’integrando `e maggiorato
da [
ˆ
φ(ω)[ ∈ L
1
, quindi applicando il teorema della convergenza dominata di Lebesgue si ottiene
lim
a→0
(
ˆ
φ(ω), ψ(ω)e
iωx
) =
_
+∞
−∞
ˆ
φ(ω)e
−iωx
dω (3.5.13)
Calcoliamo ora
ˆ
ψ: integrando per parti si ottiene
ˆ
ψ(ω) =
_
+∞
−∞
e
−ay
2
e
iωy
dy =
2a
i
2
ω
_
+∞
−∞
iye
−ay
2
e
iωy
dy = −
2a
ω
D
1
ˆ
ψ(ω) (3.5.14)
quindi si ottiene
ˆ
ψ(ω) = Ae

ω
2
4a
dove A `e una costante da deteminarsi nel seguente modo:
A =
ˆ
ψ(0) =
_
+∞
−∞
e
−ax
2
dx =
_
π
a
(3.5.15)
quindi si ha
ˆ
ψ(ω) =
_
π
a
e

ω
2
4a
(3.5.16)
Si ha allora
(φ(y +x),
ˆ
ψ(−y)) =
_

−∞
φ(y +x)
_
π
a
e

y
2
4a
dy =
_

−∞
φ(x + 2

az)e
−z
2
2

πdz (3.5.17)
quindi usando nuovamente il teorema di Lebesgue si ottiene
lim
a→0
(φ(y +x),
ˆ
ψ(−y)) =
_
+∞
−∞
φ(x)e
−z
2
2

πdz = 2πφ(x) (3.5.18)
quindi da 3.5.11, 3.5.13 e 3.5.17 si ottiene l’enunciato.
Corollario 3.5.1. F : S →S `e suriettiva.
Dimostrazione. per il teorema precedente se φ ∈ S si ha
φ(x) =
_
+∞
−∞
ˆ
φ(ω)

e
−iωx
dω =
_
+∞
−∞
ˆ
φ(−ω)

e
iωx
dω = F
_
ˆ
φ(−ω)

_
(x) (3.5.19)
quindi φ = F
_
ˆ
φ(−ω)

_
e per il teorema 3.5.1 si ha
ˆ
φ(−ω)

∈ S.
3.5. TRASFORMATA DI FOURIER 77
Teorema 3.5.3 (Identit`a di Parsevall). Se φ, χ ∈ S allora (
ˆ
φ, ˆ χ) = 2π(φ, χ).
Dimostrazione. usiamo 3.5.11: se in essa si pone x = 0 e ψ(ω) = ˆ χ(ω) si ottiene
(
ˆ
φ(ω), ˆ χ(ω)) = (
ˆ
φ(ω), ψ(ω)) = (φ(y),
ˆ
ψ(−y)) = (φ(y), F[ ˆ χ(ω)](−y)) = (3.5.20)
= (φ(y), F[ ˆ χ(−ω)](y)) = 2π(φ(y), F
_
ˆ χ(−ω)

_
(y)) = 2π(φ(y), χ(y))
Corollario 3.5.2. F : S →S `e biunivoca.
Dimostrazione. dall’identit`a di Parsevall segue in particolare che |F(φ)|
2
= 2π|φ|
2
, quindi
ker F = ¦0¦ e quindi F `e iniettiva; inoltre si `e gi`a visto che F `e suriettiva.
Definizione 3.5.3. Poich`e S `e denso in L
2
(−∞, +∞) (vedi lemma 3.5.1) e la trasformate di
Fourier `e un operatore lineare limitato su S (dall’identit`a di Parsefall segue che |F|
2
= 2π), essa
pu`o essere estesa per continuit`a ad un operatore F : L
2
(−∞, +∞) →L
2
(−∞, +∞) (vedi teorema
3.2.4). Se f ∈ L
2
(−∞, +∞) allora Ff (o
ˆ
f) si chiama trasformata di Fourier di f.
Ovviamente per la trasformata di Fourier di una funzione di L
2
(−∞, +∞) non `e pi` u valida la
formula 3.5.2 poich`e f potrebbe non essere integrabile; dalla definizione segue che per calcolare la
trasformata di Fourier di f ∈ L
2
si dovrebbe procedere nel seguente modo: si trova una successione
di funzioni f
n
∈ S tali che f
n
→ f in L
2
(−∞, +∞), quindi si calcola
ˆ
f
n
tramite la 3.5.2; per il
teorema 3.2.4 la successione
ˆ
f
n
converge allora in L
2
ad una funzione
ˆ
f. Questa `e la trasformata
di Fourier di F.
Lemma 3.5.2. F : L
2
(−∞, +∞) →L
2
(−∞, +∞) `e suriettivo.
Dimostrazione. sia f ∈ L
2
(−∞, +∞) e sia φ
n
∈ S una successione tale che φ
n
→ f in L
2
, allora
si ha per il corollario 3.5.1
f = lim
n→∞
φ
n
= lim
n→∞
F
_
ˆ
φ
n
(−ω)

_
= F
_
lim
n→∞
ˆ
φ
n
(−ω)

_
(3.5.21)
Inoltre per definizione
ˆ
f = lim
n→∞
ˆ
φ
n
, quindi si ottiene
f(x) = F
_
ˆ
f(−ω)

_
(x) = F
_
ˆ
f(ω)

_
(−x) (3.5.22)
che conclude. (La formula precedente `e la formula di inversione della trasformata di Fourier)
Teorema 3.5.4 (Identit`a di Parsevall). se f, g ∈ L
2
(−∞, +∞) allora si ha (
ˆ
f, ˆ g) = 2π(f, g).
Dimostrazione. siano φ
n
, ψ
n
∈ S tali che φ
n
→ f e ψ
n
→ g, allora si ha per definizione
ˆ
f =
lim
n→∞
ˆ
φ
n
e ˆ g = lim
n→∞
ˆ
ψ
n
. Allora usando la continuit`a del prodotto scalare e la prima forma
dell’identit`a di Parsevall si ottiene
(
ˆ
f, ˆ g) = (lim
ˆ
φ
n
, lim
ˆ
ψ
k
) = lim(
ˆ
φ
n
,
ˆ
ψ
k
) = (3.5.23)
= 2π lim(φ
n
, ψ
k
) = 2π(limφ
n
, limψ
k
) = 2π(f, g)
Corollario 3.5.3. F : L
2
(−∞, +∞) →L
2
(−∞, +∞) `e biunivoca.
Dimostrazione. si `e gi`a visto che F `e suriettiva. Inoltre dall’identit`a di Parsefall segue che |
ˆ
f| =

2π|f|, quindi F `e anche iniettiva.
78 CAPITOLO 3. SPAZI DI HILBERT ED OPERATORI LINEARI
Se al posto di 3.5.2 si fosse usata la definizione
ˆ
φ(ω) =
1


_
+∞
−∞
φ(x)e
iωx
dx (3.5.24)
per la definizione della trasformata in S, si sarebbe ottenuto in S
φ(x) =
1


_
+∞
−∞
ˆ
φ(ω)e
−iωx
dω (3.5.25)
e l’identit`a di Parsevall sarebbe diventata (
ˆ
φ,
ˆ
ψ) = (φ, ψ) ed estendendo in modo analogo a come
si `e fatto la trasformata ad un operatore lineare F : L
2
→ L
2
l’identit`a di Parsevall sarebbe
diveuta (
ˆ
f, ˆ g) = (f, g) e quindi la trasformata di Fourier sarebbe diventata un operatore unitario
di L
2
(−∞, +∞). Questo risultato `e noto come teorema di Plancherel.
Teorema 3.5.5. Sia f ∈ L
2
(−∞, +∞) e definiamo
g
n
(ω) =
_
+n
−n
f(x)e
iωx
dx (3.5.26)
allora
ˆ
f `e il limite in L
2
della successione ¦g
n
¦.
Dimostrazione. sia f
n
= fχ
[−n,+n]
, allora evidentemente f
n
→ f in L
2
e f
n
∈ L
1
(−∞, +∞);
mostriamo che
ˆ
f
n
= g
n
: siano φ
n
∈ S con supporto in [−n, n] tali che φ
n
→f
n
in L
2
, allora
¸
¸
¸
¸
_
+n
−n
φ
i
e
iωx
dx −
_
+n
−n
fe
iωx
dx
¸
¸
¸
¸
≤ (3.5.27)

_
+n
−n

i
−f[dx ≤
__
+n
−n

i
−f[
2
dx
_
1/2

2n = |φ
i
−f
n
|

2n
quindi
_
+n
−n
φ
i
e
iωx
dx tende uniformemente in ω a g
n
, cio`e
ˆ
φ
i
→g
n
uniformemente in ω se i →∞.
Inoltre ¦
ˆ
φ
i
¦ `e una successione di Cauchy (per l’identit`a di Parsevall) poich`e ¦φ
n
¦ `e una successione
di Cauchy, quindi esiste ψ ∈ L
2
tale che
ˆ
φ
i
→ ψ in L
2
, ma allora esiste una sottosuccessione
ˆ
φ
i
k
che converge a ψ puntualmente quasi ovunque, ma
ˆ
φ
i
→g
n
uniformemente, quindi ψ = g
n
q.o. e
quindi ψ = g
n
in L
2
e
ˆ
φ
i
→g
n
in L
2
(−∞, +∞). Ma per definizione si ha
ˆ
f
n
= lim
ˆ
φ
i
in L
2
, quindi
ˆ
f
n
= g
n
. Usando l’identit`a di Parsevall si ha allora
2π|f
n
−f|
2
= |
ˆ
f
n

ˆ
f|
2
= |g
n

ˆ
f|
2
(3.5.28)
inoltre se n →∞ si ha f
n
→f, quindi g
n

ˆ
f che `e quanto si doveva mostrare.
Utilizzando la relazione 3.5.22 si ottiene dal teorema precedente il seguente enunciato:
Teorema 3.5.6. Sia f ∈ L
2
(−∞, +∞) e definiamo
g
n
(x) =
1

_
+n
−n
ˆ
f(ω)e
−iωx
dω (3.5.29)
allora g
n
→f in L
2
(−∞, +∞).
Corollario 3.5.4. Sia f ∈ L
2
(−∞, +∞) ∩ L
1
(−∞, +∞) allora si ha
ˆ
f(ω) =
_
+∞
−∞
f(x)e
iωx
dx (3.5.30)
3.5. TRASFORMATA DI FOURIER 79
Dimostrazione. sia f
n
= fχ
[−n,n]
, allora si ha f
n
→ f in L
2
e
ˆ
f
n

ˆ
f in L
2
. Inoltre
ˆ
f
n
=
_
+n
−n
f(x)e
iωx
dx. Si ha allora
¸
¸
¸
¸
_
+∞
−∞
f(x)e
iωx
dx −
_
+n
−n
f(x)e
iωx
dx
¸
¸
¸
¸

_
|x|>n
[f(x)[dx (3.5.31)
ed il secondo membro tende a 0 uniformemente in ω. Quindi ¦
ˆ
f
n
¦ `e di Cauchy in L
2
e
ˆ
f
n
(ω) →
_
+∞
−∞
f(x)e
iωx
dx uniformemente; si conclude analogamente a quanto fatto nel teorema 3.5.5 che
ˆ
f
n
(ω) →
_
+∞
−∞
f(x)e
iωx
dx in L
2
da cui si ottiene la tesi.
Anche in questo caso si ha un enunciato duale per
ˆ
f:
Corollario 3.5.5. Sia f ∈ L
2
(−∞, +∞) e sia
ˆ
f ∈ L
1
(−∞, +∞), allora si ha
f(x) =
1

_
+∞
−∞
ˆ
f(ω)e
−iωx
dω (3.5.32)
Il teorema precedente pu`o essere usato per calcolare alcune trasformate che altrimenti srebbero
piuttosto complesse: `e ad esempio immediato verificare che
F(e
−|x|
) =
_
+∞
−∞
e
iωx
e
−|x|
dx =
2
1 +ω
2
(3.5.33)
allora per il corollario 3.5.5 si ha
e
−|x|
=
1

_
+∞
−∞
2
1 +ω
2
e
−iωx
dω =
1
π
_
+∞
−∞
1
1 +ω
2
e
iωx
dω (3.5.34)
e quindi
F
_
1
1 +x
2
_
=
_
+∞
−∞
1
1 +x
2
e
iωx
dx = πe
−|ω|
(3.5.35)
risultato che `e difficile da ottenenere direttamente.
Definizione 3.5.4. Se f ∈ L
1
(−∞, +∞) si definisce
(Ff)(ω) =
ˆ
f(ω) =
_
+∞
−∞
f(x)e
iωx
dx (3.5.36)
detta trasformata di Fourier e
(F
−1
f)(x) =
1

_
+∞
−∞
f(ω)e
−iωx
dω (3.5.37)
datta trasformata di Fourier inversa.
Ovviamente non `e a priori detto (e in generale neppure vero) che F
−1
F = I, infatti se f `e
integrabile non `e detto che
ˆ
f sia anch’essa integrabile, come mostra il seguente esempio
f = e
−x
χ
[0,+∞)
;
ˆ
f(ω) =
1
1 −iω
(3.5.38)
Lemma 3.5.3. Si ha
lim
L→+∞
_
+L
−L
sin x
x
dx = π (3.5.39)
80 CAPITOLO 3. SPAZI DI HILBERT ED OPERATORI LINEARI
Dimostrazione. definiamo
f(x) =
_
1 se x ∈ (−1, 1)
0 se x ∈ (−1, 1)
c
(3.5.40)
allora si ha f ∈ L
2
(−∞, +∞) ∩ L
1
(−∞, +∞), quindi
ˆ
f(ω) =
_
+1
−1
e
iωx
dx =
1

(e

−e
−iω
) = 2
sin ω
ω
(3.5.41)
quindi per l’identit`a di Parsefall si ha
|
ˆ
f|
2
= 4
_
+∞
−∞
sin
2
x
x
2
dx = 2π|f|
2
= 4π (3.5.42)
da cui si ottiene
_
+∞
−∞
sin
2
x
x
2
dx = π (3.5.43)
Integrando per parti si ottiene
_
L
−L
sin
2
x
x
2
dx = [−
1
x
sin
2
x]
L
−L
+
_
L
−L
1
x
2 sin xcos xdx = (3.5.44)
= [−
1
x
sin
2
x]
L
−L
+
_
L
−L
1
x
sin 2xdx = [−
1
x
sin
2
x]
L
−L
+
_
L/2
−L/2
sin z
z
dz
passando al limite per L →∞ si ottiene l’enunciato.
Teorema 3.5.7. Sia f ∈ L
1
(−∞, +∞), continua in x e tale che
f(x+z)−f(x)
z
sia integrabile in un
intorno di z = 0, allora si ha
f(x) = lim
L→∞
1

_
L
−L
ˆ
f(ω)e
−iωx
dω (3.5.45)
Dimostrazione. sia I
L
=
1

_
L
−L
ˆ
f(ω)e
−iωx
dω allora (applicando il teorema della convergenza
dominata ed il teorema di Fubini) si ha
I
L
=
1

_
L
−L
e
−iωx
__
+∞
−∞
f(y)e
iωy
dy
_
dω = lim
k→∞
1

_
L
−L
e
−iωx
_
_
+k
−k
f(y)e
iωy
dy
_
dω =
= lim
k→∞
1

_
+k
−k
f(y)
e
i(y−x)L
−e
−i(y−x)L
i(y −x)
dy = lim
k→∞
1
π
_
k
−k
f(y)
sin L(y −x)
(y −x)
dy =
= lim
k→∞
1
π
_
+k
−k
f(x +z)
sin Lz
z
dz (3.5.46)
per il lemma 3.5.3 si ha
1 = lim
k→∞
1
π
_
+k
−k
sin z
z
dz = lim
k→∞
1
π
_
+k
−k
sin Lz
z
dz (3.5.47)
quindi
[I
L
−f(x)[ = lim
k→∞
¸
¸
¸
¸
¸
1
π
_
+k
−k
sin Lz
z
[f(x +z) −f(x)]dz
¸
¸
¸
¸
¸

≤ lim
k→∞
[
¸
¸
¸
¸
¸
1
π
_
k
M

¸
¸
¸
¸
¸
+
¸
¸
¸
¸
¸
1
π
_
M
−M

¸
¸
¸
¸
¸
+
¸
¸
¸
¸
¸
1
π
_
−M
−k

¸
¸
¸
¸
¸
] = lim
k→∞
[A
1
+A
2
+A
3
] (3.5.48)
3.5. TRASFORMATA DI FOURIER 81
inoltre si ha
A
1

1
π
_
+∞
M
[f(x +z)[
M
dz +
[f(x)[
π
¸
¸
¸
¸
¸
_
k
M
sin Lz
z
dz
¸
¸
¸
¸
¸
(3.5.49)
fissnto > 0 si pu`o scegliere M abbastanza grande da fare in modo che il primo termine sia ≤ .
Per il secondo termine si ha
lim
k→∞
[f(x)[
π
¸
¸
¸
¸
¸
_
k
M
sin Lz
z
dz
¸
¸
¸
¸
¸
= lim
k→∞
[f(x)[
π
¸
¸
¸
¸
¸
_
k
LM
sin z
z
dz
¸
¸
¸
¸
¸
(3.5.50)
e per il lemma 3.5.3 se L `e abbastanza grande questo termine `e ≤ . Per A
3
si ragiona analogamente.
Per quanto riguarda A
2
si ha
A
2
=
¸
¸
¸
¸
¸
1
π
_
M
−M
sin Lz
_
f(x +z) −f(x)
z
_
dz
¸
¸
¸
¸
¸
(3.5.51)
per ipotesi il termine tra parentesi `e integrabile, quindi per il lemma di Riemann-Lebesgue se L `e
abbastanza grande si ha A
2
≤ .
Nel teorema precedente non `e a prima vista chiaro dove sia intervenuta la continuit`a di f.
Un primo modo i cui questa ipotesi `e intervenuta `e stato nel fatto che si `e sempre supposto (ad
esempio in 3.5.49) che [f(x)[ < +∞, ma per questo sarebbe bastato appunto supporre che per
ogni x si avesse [f(x)[ < +∞. Per chiarire dove sia intervenuta la continuit`a si pu`o osservare che
nel teorema precedente si `e in effetti mostrato che se f ∈ L
1
(−∞, +∞) e se g : R →C `e tale che
f(x+z)−g(x)
z
sia integrabile in un intorno di z = 0, allora si ha
g(x) = lim
L→∞
1

_
L
−L
ˆ
f(ω)e
−iωx
dω (3.5.52)
si pu`o inoltre osservare che questa g `e determinata per ogni x ∈ R da f: supponiamo esistano due
numeri α, β tali che
f(¯ x +z) −α
z
;
f(¯ x +z) −β
z
∈ L
1
z
(−, +) (3.5.53)
allora deve essere integrabile anche
f(¯ x +z) −α
z

f(¯ x +z) −β
z
=
β −α
z
(3.5.54)
quindi α = β = g(¯ z). Si vede inoltre semplicemente che se f `e continua allora si deve avere
necessariamente g = f ed `e qui che interviene la continuit`a di f.
Lemma 3.5.4. Sia f ∈ L
1
(−∞, +∞) o f ∈ L
2
(−∞, +∞), allora si ha F[f(x − a)](ω) =
e
iωa
F[f(x)](ω).
Dimostrazione. per f ∈ L
1
la dimostrazione `e immediata. Per f ∈ L
2
usando il teorema 3.5.5 si
ha
F[f(x −a)](ω) = lim
L→∞
_
L
−L
f(x −a)e
iωx
dx = lim
L→∞
_
L
−L
f(z)e
iωz
e
iωa
dz = e
iωa
F[f(x)](ω) (3.5.55)
Lemma 3.5.5. Sia f ∈ L
1
(−∞, +∞) o f ∈ L
2
(−∞, +∞), allora si ha
F[f(x)e
iax
](ω) = F[f(x)](ω +a).
82 CAPITOLO 3. SPAZI DI HILBERT ED OPERATORI LINEARI
Dimostrazione. come nel lemma precedente si ha
F[f(x)e
iax
](ω) = lim
L→∞
_
+L
−L
e
ix(a+ω)
f(x)dx = F[f(x)](ω +a) (3.5.56)
Definizione 3.5.5. Se f, g ∈ L
1
(−∞, +∞) si definisce prodotto di convoluzione di f e g l’espres-
sione
(f ∗ g)(x) =
_
+∞
−∞
f(x −y)g(y)dy (3.5.57)
Lemma 3.5.6. Se f, g ∈ L
1
allora f ∗ g ∈ L
1
(in particolare [(f ∗ g)(x)[ < +∞ per q.o. x).
Dimostrazione. si ha
_
+∞
−∞
[(f ∗ g)(x)[dx =
_
+∞
−∞
__
+∞
−∞
[f(x −y)[ [g(y)[dy
_
dx = (3.5.58)
=
_
+∞
−∞
__
+∞
−∞
[f(x

)[ [g(y

)[dy

_
dx

= |f|
1
|g|
1
≤ +∞
Teorema 3.5.8. Se f, g ∈ L
1
(−∞, +∞) allora si ha F(f ∗ g) = F(f) F(g).
Dimostrazione. si ha
F(f ∗ g)(ω) =
_
+∞
−∞
e
iωx
__
+∞
−∞
f(x −y)g(y)dy
_
dx = (3.5.59)
=
_
+∞
−∞
_
+∞
−∞
e
iω(x−y)
e
iωy
f(x −y)g(y)dxdy =
_
+∞
−∞
_
+∞
−∞
e
iωx

e
iωy

f(x

)g(y

)dxdy

=
=
_
+∞
−∞
f(x

)e
iωx

dx

_
+∞
−∞
g(y

)e
iωy

dy

= F(f)(ω) F(g)(ω)
Definizione 3.5.6. Se f ∈ L
1
(−∞, +∞) e g ∈ L
p
(−∞, +∞) si definisce il prodotto di convolu-
zione di f e g come
(f ∗ g)(x) =
_
+∞
−∞
f(x −y)g(y)dy (3.5.60)
Teorema 3.5.9. Se f ∈ L
1
(−∞, +∞) e g ∈ L
p
(−∞, +∞) allora f ∗g ∈ L
p
e |f ∗g|
p
≤ |f|
1
|g|
p
.
Dimostrazione. poich`e g ∈ L
p
si ha g
p
∈ L
1
, quindi per il lemma 3.5.6 per q.o. x si ha [f(x −
y)g
p
(y)[ ∈ L
1
e quindi [f(x −y)[
1/p
[g(y)[ ∈ L
p
. Inoltre [f(x −y)[
1/p

∈ L
p

(dove p

`e l’esponente
coniugato di p). Per la disuguaglianza di Holder si ha allora
_
+∞
−∞
[f(x −y)[ [g(y)[dy =
_
+∞
−∞
[f(x −y)[
1/p

[f(x −y)[
1/p
[g(y)[dy ≤ (3.5.61)

__
+∞
−∞
[f(x −y)[dy
_
1/p

__
+∞
−∞
[f(x −y)[ [g(y)[
p
dy
_
1/p
=
= |f|
1/p

1
__
+∞
−∞
[f(x −y)[ [g(y)[
p
dy
_
1/p
quindi si ha
[(f ∗ g)(x)[
p
≤ |f|
p/p

1
([f[ ∗ [g[
p
)(x) (3.5.62)
3.5. TRASFORMATA DI FOURIER 83
quindi per l’equazione 3.5.58 si ha
|f ∗ g|
p
p
≤ |f|
p/p

1
|f|
1
|g
p
|
1
= |f|
1+p/p

1
|g|
p
p
= |f|
p
1
|g|
p
p
(3.5.63)
e quindi |f ∗ g|
p
≤ |f|
1
|g|
p
< +∞.
Teorema 3.5.10. Se f ∈ L
1
e g ∈ L
2
allora F(f ∗ g) = F(f) F(g) dove F(f) `e la trasformata
in L
1
e F(g), F(f ∗ g) trasformate in L
2
.
Dimostrazione. sia g
n
= gχ
[−n,n]
, allora g
n
∈ L
2
∩ L
1
. Sia h
n
= f ∗ g
n
, allora per il teorema 3.5.8
si ha F(h
n
) = F(f)F(g). Poich`e f ∈ L
1
si ha
[F(f)(ω)[ =
¸
¸
¸
¸
_
+∞
−∞
f(x)e
iωx
dx
¸
¸
¸
¸

_
+∞
−∞
[f(x)[dx = |f|
1
(3.5.64)
quindi si ha
_
+∞
−∞
[F(f)F(g
n
) −F(f)F(g)[
2
=
_
+∞
−∞
[F(f)[
2
[F(g
n
) −F(g)[
2
≤ |f|
2
1
|F(g
n
) −F(g)|
2
2
(3.5.65)
e poich`e |g
n
−g|
2
→0 si ha allora F(f)F(g
n
) →F(f)F(g) in L
2
, cio`e F(h
n
) →F(f)F(g) in L
2
.
Inoltre per il lemma precedente si ha
|f ∗ g −h
n
|
2
= |f ∗ (g −g
n
)|
2
≤ |f|
1
|g −g
n
|
2
→0 (3.5.66)
quindi h
n
→f ∗ g in L
2
, quindi F(h
n
) →F(f ∗ g) in L
2
e quindi F(f ∗ g) = F(f)F(g).
Nella parte restante di questa sezione si vedr`a che per certe f ∈ L
1
si ha effettivamente F
−1
F =
I seguendo il testo [8] della biblografia.
Lemma 3.5.7. Sia f ∈ L
1
(−∞, +∞) e definiamo f
y
(x) = f(x − y), allora la funzione y → f
y
`e
uniformemente continua da R in L
1
.
Dimostrazione. sia > 0; poich`e f ∈ L
1
esiste una funzione g ∈ C

c
tale che |f − g|
1
≤ ; sia
g(x) = 0 se x ∈ (−A, A)
c
; poich`e g `e uniformemente continua esiste un δ ∈ (0, A) tale che se
[s −t[ < δ allora si ha [g(s) −g(t)[ ≤ /(3A). Ne segue che
|g
s
−g
t
|
1
=
_
+∞
−∞
[g(x −s) −g(x −t)[dx ≤

3A
(2A+δ) ≤ (3.5.67)
quindi si ha anche, se [t −s[ < δ,
|f
s
−f
t
|
1
≤ |f
s
−g
s
|
1
+|g
s
−g
t
|
1
+|g
t
−f
t
|
1
≤ (3.5.68)
≤ |(f −g)
s
|
1
+|g
s
−g
t
|
1
+|(f −g)
t
|
1
≤ 3
che conclude la dimostrazione.
Sia ora H(t) = e
−|t|
e per ogni λ > 0 definiamo h
λ
nel seguente modo:
h
λ
(x) =
_
+∞
−∞
H(λt)

e
itx
dt =
1
π
λ
λ
2
+x
2
(3.5.69)
notiamo inoltre che si ha
_
+∞
−∞
h
λ
(x)dx = 1, 0 < H(t) ≤ 1 e che H(λt) tende puntualmente a 1
quando λ →0.
Lemma 3.5.8. Se f ∈ L
1
allora si ha
(f ∗ h
λ
)(x) =
_
+∞
−∞
H(λt)
ˆ
f(t)

e
−ixt
dx (3.5.70)
84 CAPITOLO 3. SPAZI DI HILBERT ED OPERATORI LINEARI
Dimostrazione. usando il teorema di Fubini si ha
(f ∗ h
λ
)(x) =
_
+∞
−∞
f(x −y)
__
+∞
−∞
H(λt)

e
ity
dt
_
dy = (3.5.71)
=
_
+∞
−∞
H(λt)

__
+∞
−∞
f(x −y)e
ity
dy
_
dt =
=
_
+∞
−∞
H(λt)

__
+∞
−∞
f(z)e
−itx
e
itz
dz
_
dt =
=
_
+∞
−∞
H(λt)

ˆ
f(t)e
−itx
dt
Lemma 3.5.9. Se f ∈ L
1
allora lim
λ→0
|f ∗ h
λ
−f|
1
= 0.
Dimostrazione. si ha
(f ∗ h
λ
)(x) −f(x) =
_
+∞
−∞
[f(x −y) −f(x)]h
λ
(y)dy (3.5.72)
quindi si ottiene
[(f ∗ h
λ
)(x) −f(x)[ ≤
_
+∞
−∞
[f(x −y) −f(x)[h
λ
(y)dy (3.5.73)
integrando rispetto a x ed applicando il teorema di Fubini si ottiene
|f ∗ h
λ
−f|
1

_
+∞
−∞
|f
y
−f|
1
h
λ
(y)dy = (3.5.74)
=
_
+∞
−∞
|f
y
−f|
1
h
1
(y/λ)
λ
dy =
_
+∞
−∞
|f
λx
−f|
1
h
1
(x)dx
se λ →0 per il lemma 3.5.7 l’integrando tende puntualmente a 0, inoltre l’integrando `e maggiorato
in modulo da (|f
λx
|
1
+ |f|
1
)h
1
(x) = 2|f|
1
h
1
(x) ∈ L
1
quindi si conclude applicando il teorema
della convergenza dominata di Lebesgue.
Teorema 3.5.11 (Formula di inversione). Se f ∈ L
1
e
ˆ
f ∈ L
1
allora per q.o. x ∈ R si ha
f(x) =
1

_
+∞
−∞
ˆ
f(t)e
−itx
dt (3.5.75)
Dimostrazione. per il lemma 3.5.8 si ha
(f ∗ h
λ
)(x) =
_
+∞
−∞
H(λt)
ˆ
f(t)

e
−ixt
dx (3.5.76)
l’integrale a secondo membro `e maggiorato da [
ˆ
f(t)[/(2π) ∈ L
1
e H(λt) tende puntualmente a 1 se
λ →0, quindi per il teorema della convergenza dominata si ha
lim
λ→0
_
+∞
−∞
H(λt)
ˆ
f(t)

e
−ixt
dx =
1

_
+∞
−∞
ˆ
f(t)e
−itx
dx (3.5.77)
dal lemma 3.5.9 segue inoltre che esiste una successione ¦λ
n
¦ tale che λ
n
→0 e che per quasi ogni
x si ha lim
n→∞
(f ∗ h
λ
n
)(x) = f(x), che conclude.
Corollario 3.5.6. Se f, g ∈ L
1
e
ˆ
f = ˆ g allora f e g coincidono q.o.
3.6. OPERATORI CHIUSI E CHIUDIBILI 85
Dimostrazione. si ha F(f − g) = F(f) − F(g) = 0, quindi dal teorema precedente segue f(x) −
g(x) = 0 per q.o. x.
Lemma 3.5.10. Se f ∈ L
1
allora F
−1
(f) `e una funzione continua.
Dimostrazione. se t
n
→t allora si ha
[F
−1
(f)(t
n
) −F
−1
(f)(t)[ ≤
1

_
+∞
−∞
[f(x)[ [e
−it
n
x
−e
−itx
[dx (3.5.78)
l’integrando del secondo memebro tende puntalmente a 0 q.o. ed `e maggiorato da 2[f(x)[, quindi
per il teorema della convergenza domiata si conclude.
Corollario 3.5.7. Se f ∈ L
1
`e continua e
ˆ
f ∈ L
1
allora f = F
−1
ˆ
f.
Dimostrazione. per il teorema precedente f e F
−1
ˆ
f coincidono q.o. e poich`e sono entrambe
continue, per il lemma precedente, esse coincidono ovunque.
3.6 Operatori chiusi e chiudibili
Definizione 3.6.1. Un operatore lineare T : D
T
⊂ H →H (non necessariamente limitato) si dice
chiuso se per ogni successione ¦x
n
¦ di D
T
tale che esistono x, y ∈ H tali che x
n
→x e Tx
n
→y
si ha x ∈ D
T
e y = Tx.
Nel seguito le coppie ordinate di elementi, usualmente indicate con (x, y), saranno indicate con
¦x, y¦ per non creare confusione con il prodotto scalare.
Sia K = H H = ¦¦x, y¦[x ∈ H, y ∈ H¦ il prodotto cartesiano di H con se stesso. Si pu`o
dotare K della struttura di spazio vettoriale definendo ¦x, y¦ +¦z, t¦ = ¦x +z, y +t¦ e α¦x, y¦ =
¦αx, αy¦. Si pu`o inoltre definire in K il prodotto scalare (semplice verifica) (¦x, y¦, ¦a, b¦)
K
=
(x, a)
H
+ (y, b)
H
, dove ( , )
H
indica il prodotto scalare in H; da questo prodotto deriva la norma
|¦x, y¦|
2
= |x|
2
+ |y|
2
. Dalla definizione segue subito che data una successione ¦¦x
n
, y
n
¦¦
n
in
K essa `e di Cauchy se e solo se le due successioni ¦x
n
¦
n
, ¦y
n
¦
n
sono di Cauchy in H. Vediamo
ora che K costruito in questo modo `e uno spazio di Hilbert: sia ¦¦x
n
, y
n
¦¦
n
una successione di
Cauchy in K, allora ¦x
n
¦
n
, ¦y
n
¦
n
sono successioni di Cauchy in H, quindi esistono x, y ∈ H tali
che x
n
→x e y
n
→y ma allora si ha
|¦x
n
, y
n
¦ −¦x, y¦|
2
= |¦x
n
−x, y
n
−y¦|
2
= |x
n
−x|
2
+|y
n
−y|
2
→0 (3.6.1)
quindi ¦x, y¦ = lim
n→∞
¦x
n
, y
n
¦ in K, che `e quindi completo.
Definizione 3.6.2. Sia T : D
T
⊂ H → H un operatore lineare. Si definisce grafico di T il
sottoinsieme G
T
di K definito da
G
T
= ¦¦x, Tx¦[x ∈ D
T
¦ (3.6.2)
Poich`e T `e lineare evidentemente G
T
`e un sottospazio vettoriale di K.
Lemma 3.6.1. G
T
`e un sottospazio chiuso di H ⇔ T `e un operatore chiuso.
Dimostrazione. ⇐) Sia ¦¦x
n
, y
n
¦¦
n
una successione di elementi di G
T
tale che ¦x
n
, y
n
¦ →¦x, y¦;
ci`o equivale ad affermare che x
n
→ x e y
n
→ y, inoltre si ha y
n
= Tx
n
, quindi si ha x
n
→ x e
Tx
n
→y. Poich`e T `e un operatore chiuso si ha x ∈ D
T
e y = Tx, quindi ¦x, y¦ ∈ G
T
che `e quindi
chiuso.
⇒) sia ¦x
n
¦
n
una successione di D
T
tale che x
n
→x e Tx
n
→y, allora si ha ¦x
n
, Tx
n
¦ →¦x, y¦
in K e poich`e G
T
`e chiuso si ha ¦x, y¦ ∈ G
T
, cio`e x ∈ D
T
e y = Tx, quindi T `e un operatore
chiuso.
86 CAPITOLO 3. SPAZI DI HILBERT ED OPERATORI LINEARI
Lemma 3.6.2. Sia T : H →H un operatore lineare, allora se T `e limitato T `e anche chiuso.
Dimostrazione. se x
n
→ x e Tx
n
→ y, allora dalla continuit`a di T segue y = lim
n→∞
Tx
n
= Tx,
quindi T `e chiuso.
Vale anche l’inverso del teorema precedente anche se la dimostrazione richiede argomenti pi` u
sottili (per la dimostrazione vedi l’appendice F).
Teorema 3.6.1 (Teorema del grafico chiuso (Banach)). Se T : H → H `e un operatore lineare
chiuso allora T `e limitato.
Definizione 3.6.3. Sia T : D
T
⊂ H → H un operatore lineare (non necessariamente limitato)
tale che D
T
= H (cio`e il dominio di T `e denso in H); se dato x ∈ H esiste x

∈ H tale che per
ogni y ∈ D
T
si abbia (x, Ty) = (x

, y) allora si dice che x ∈ D
T
+ e si pone x

= T
+
x.
In generale non `e detto che D
T
+ ,= ¦0¦, in particolare non `e detto esista (T
+
)
+
; inoltre se un x

,
come nella definizione, esiste allora `e unico: se esistessero x

1
, x

2
tali che (x, Ty) = (x

1
, y) = (x

2
, y)
per ogni y ∈ D
T
si avrebbe (x

1
−x

2
, y) = 0 per ogni y ∈ D
T
e poich`e D
T
= H si avrebbe anche,
per la continuit`a del prodotto scalare, (x

1
−x

2
, y) = 0 per ogni y ∈ H e quindi x

1
= x

2
.
Lemma 3.6.3. Sia T : D
T
→H con D
T
= H, allora T
+
: D
T
+ →H `e un operatore lineare.
Dimostrazione. si deve mostrare che se x, z ∈ D
T
+ e α, β ∈ C allora si ha αx + βz ∈ D
T
+ e
T
+
(αx+βz) = αT
+
x+βT
+
z. Siano x, z ∈ D
T
+, allora esistono x

, z

come nella definizione 3.6.3
e per ogni y ∈ D
T
si ha
(αx +βz, Ty) = α(x, Ty) +β(z, Ty) = α(x

, y) +β(z

, y) = (αx

+βz

, y) (3.6.3)
quindi αx +βz ∈ D
T
+ e (αx +βz)

= αx

+βz

, cio`e T
+
(αx +βz) = αT
+
x +βT
+
z.
Definizione 3.6.4. Sia T : D
T
→ H un operatore lineare tale che D
T
= H, allora l’operatore
lineare T
+
: D
T
+ → H della definizione 3.6.3 e del lemma 3.6.3 si chiama operatore aggiunto di
T.
Lemma 3.6.4. Sia T : D
T
→H un operatore lineare tale che D
T
= H, allora T
+
`e un operatore
chiuso.
Dimostrazione. sia ¦x
n
¦
n
una successione in D
T
+ tale che x
n
→ x e T
+
x
n
→ y, allora per ogni
z ∈ D
T
si ha, per la continuit`a del prodotto scalare, (x
n
, Tz) → (x, Tz) e (T
+
x
n
, z) → (y, z),
quindi dall’identit`a (x
n
, Tz) = (T
+
x
n
, z) (valida per ogni z ∈ D
T
) segue (x, Tz) = (y, z) per ogni
z ∈ D
T
, quindi x ∈ D
T
+ e y = T
+
x, quindi T
+
`e chiuso.
Esempio 3.6.1. Esiste un operatore lineare T : D
T
→ H tale che D
T
= H e D
T
+ ,= H, per il
quale quindi non esiste (T
+
)
+
.
Dimostrazione. sia H uno spazio di Hilbert separabile di dimensione infinita, sia ¦e
n
¦
n
una base
ortonormale numerabile e sia D
T
l’insieme delle combinazioni lineari finite di vettori di ¦e
n
¦
n
, di
modo che D
T
= H. Fissato v ,= 0 definiamo per ogni n l’operatore Te
n
= v e si prolunghi T per
linearit`a su D
T
(ci`o `e possibile senza ulteriori ipotesi poich`e D
T
`e lo spazio delle combinazioni lineari
finite degli ¦e
n
¦
n
). Si vede subito che T cos`ı definito non `e limitato: si ha infatto |

n
k=1
e
k
|
2
= n
e |T(

n
k=1
e
k
)|
2
= |nv|
2
= n
2
|v|
2
e quindi
|T(

n
k=1
e
n
)|
|

n
k=1
e
k
|
=

n|v| →∞ (3.6.4)
Sia ora x ∈ D
T
+, allora esiste x

tale che (x, Ty) = (x

, y) per ogni y ∈ D
T
, in particolare per
y =

N
k=1
a
k
e
k
si ha
(x

,
N

k=1
a
k
e
k
) = (x, T(
N

k=1
a
k
e
k
)) = (x, v
N

k=1
a
k
) = (x, v)
N

k=1
a
k
(3.6.5)
3.6. OPERATORI CHIUSI E CHIUDIBILI 87
Sia ora V lo spazio delle combinazioni lineari del tipo

N
k=1
a
k
e
k
con

N
k=1
a
k
= 0; mostriamo
che V = H: sono contenuti in V i vettori
z
1
= e
1
−e
2
; z
2
= e
1
+e
2
−2e
3
; z
n
= e
1
+ +e
n
−ne
n+1
(3.6.6)
sia u ∈ H tale che (u, z
k
) = 0 per ogni k, allora (u, z
1
) = 0, cio`e (u, e
1
) = (u, e
2
); (u, z
2
) = 0,
cio`e (u, e
1
) + (u, e
2
) = 2(u, e
3
), quindi (u, e
1
) = (u, e
2
) = (u, e
3
) e per induzione `e sempice vedere
che per ogni n si deve avere (u, e
n
) = (u, e
1
); ma per la disuguaglianza di Bessel si deve avere


k=1
[(u, e
k
)[
2
< +∞, quindi si deve avere per ogni n che (u, e
n
) = 0, ma ¦e
n
¦ `e una base, quindi
u = 0, quindi l’unico vettore ortogonale a V `e 0, quindi V = H.
Dalla fomula 3.6.5 segue che x

`e ortogonale a V , quindi x

= 0 per ogni x ∈ D
T
+. Sia
ora

N
k=1
a
k
e
k
un vettore tale che

N
k=1
a
k
,= 0, allora da 3.6.5 e x

= 0 segue x ⊥ v, quindi
D
T
+ ⊂ v

. D’altro canto se x ⊥ v si ha
(x, T(
N

k=1
a
k
e
k
)) = (x, v
N

k=1
a
k
) = (x, v)
N

k=1
a
k
= 0 = (x

,
N

k=1
a
k
e
k
) (3.6.7)
quindi v

⊂ D
T
+ e quindi D
T
+ = v

, da cui segue che D
T
+ non `e denso in H, infatti se fosse denso
si dovrebbe avere, per la continuit`a del prodotto scalare, (D
T
+)

= ¦0¦, mentre si ha v ∈ (D
T
+)

e v ,= 0.
Esempio 3.6.2. Sia H = L
2
(−π, π), D
T
= (([−π, π]) lo spazio delle funzioni continue su [−π, π]
e sia T : D
T
⊂ H →H definito da Tf = f(0), allora T non `e chiuso.
Dimostrazione. siano f
n
= e
−n|x|
, allora si vede subito che f
n
→ 0 in L
2
(−π, π) e che per ogni n
si ha (Tf
n
)(x) = 1, ma 1 ,= T(0), quindi T non `e chiuso.
Esempio 3.6.3. Sia H = L
2
(−∞, +∞), D
Q
= ¦f ∈ L
2
(−∞, +∞)[xf(x) ∈ L
2
(−∞, +∞)¦ e
definiamo Q : D
Q
⊂ H →H come (Qf)(x) = xf(x), allora Q non `e limitato ed `e chiuso.
Dimostrazione. vediamo innanzitutto che Q non `e limitato: sia f
n
(x) =
1
x
χ
[1,n+1]
, allora si ha
|Qf|
2
=
_
+∞
−∞
[xf
n
(x)[
2
dx = n; |f
n
|
2
= 1 −
1
n + 1
(3.6.8)
da cui segue che
|Q|
2

|Qf
n
|
2
|f
n
|
2
=
n
1 −
1
n+1
→+∞ (3.6.9)
quindi Q non `e limitato. Vediamo ora che Q `e chiuso: sia ¦f
n
¦ una successione in D
Q
tale che
f
n
→f e Qf
n
→g, allora si deve vedere che f ∈ D
Q
e g = Qf. Notiamo innanzitutto che, fissata
a > 0, si ha
_
a
−a
[xf(x) −xf
n
(x)[
2
dx ≤ a
2
_
+a
−a
[f(x) −f
n
(x)[
2
dx ≤ a
2
|f −f
n
|
2
(3.6.10)
e quindi si ha (sempre per a fissato)
_
+a
−a
[xf(x) −g(x)[
2
=
_
+a
−a
[xf(x) −xf
n
(x) +xf
n
(x) −g(x)[
2
dx ≤ (3.6.11)
≤ 2
_
+a
−a
[xf(x) −xf
n
(x)[
2
+ 2
_
+a
−a
[xf
n
(x) −g(x)[
2

≤ 2a
2
|f −f
n
|
2
+ 2|Qf
n
−g|
2
→0
quindi xf(x) = g(x) per q.o. x ∈ [−a, a] e per la genericit`a di a si ottiene xf(x) = g(x) q.o.;
inoltre per ipotesi si ha f, g ∈ L
2
(−∞, +∞) ma da xf(x) = g(x) q.o. segue allora che xf(x) ∈
L
2
(−∞, +∞) e quindi f ∈ D
Q
e xf(x) = g(x) q.o. implica xf(x) = g(x) in L
2
(−∞, +∞), quindi
g = Qf e quindi Q `e un operatore chiuso.
88 CAPITOLO 3. SPAZI DI HILBERT ED OPERATORI LINEARI
Esempio 3.6.4. Sia H = L
2
(0, π), D
T
= ¦f ∈ H[f

(x) esiste per q.o. x e f

∈ H¦ e definiamo
T : D
T
⊂ H →H come Tf = f

, allora T non `e chiuso.
Dimostrazione. le funzioni semplici (cio`e le funzioni ”a gradini”) sono evidentemente contenute in
D
T
, inoltre f(x) = x pu`o essere approssimato uniformemente (e quindi in L
2
(0, π)) da funzioni
semplici e sia ¦f
n
¦
n
una successione di funzioni semplici tali che f
n
→f in L
2
, allora si ha Tf
n
= 0
per ogni n, quindi 0 = lim
n→∞
Tf
n
ma 0 ,= Tf = 1, quindi T non `e chiuso.
Teorema 3.6.2. Sia T : D
T
⊂ H → H un operatore lineare tale che se ¦x
n
¦
n
`e una successione
in D
T
, x
n
→0 e Tx
n
→y allora si abbia y = 0. Allora si pu`o estendere T nel seguente modo: se
¦x
n
¦
n
`e una successione di D
T
tale che x
n
→x e Tx
n
→y, si definisce Tx = y. Inoltre l’operatore
cos`ı esteso `e chiuso.
Dimostrazione. affinch`e l’estensione dell’ipotesi abbia senso si deve verificare che se ¦x
n
¦
n
, ¦ˆ x
n
¦
n
sono successioni di D
T
tali che x
n
→x, ˆ x
n
→x e Tx
n
→y e T ˆ x
n
→ ˆ y allora y = ˆ y. Supponiamo
per assurdo y ,= ˆ y e poniamo d
n
= x
n
− ˆ x
n
, allora ¦d
n
¦
n
`e una successione di D
T
tale che d
n
→0
e Td
n
→y − ˆ y, quindi per ipotesi si deve avere y − ˆ y = 0, assurdo.
Verifichiamo ora che T `e chiuso: notiamo innanzitutto che D
T
`e il sottospazio di H costituito
dagli x tali che esistano una successione ¦x
n
¦
n
di D
T
e y ∈ H tali che x
n
→x e Tx
n
→y. Sia ora
¦p
n
¦
n
una successione di D
T
tale che p
n
→p e Tp
n
→q. Vediamo innanzitutto che p ∈ D
T
: per
ogni p
n
esiste una successione ¦p
(i)
n
¦
i
di D
T
tale che p
(i)
n
→p
n
e Tp
(i)
n
→Tp
n
e non `e quindi difficile
mostrare che ¦p
(n)
n
¦
n
`e una successione di elementi di D
T
tale che p
(n)
n
→ p e Tp
(n)
n
→ q, quindi
p ∈ D
T
. Inoltre per costruzione si ha Tp = lim
n→∞
Tp
(n)
n
= q, che mostra che T `e chiuso.
Corollario 3.6.1. Condizione necessaria e sufficiente affinch`e un operatore T : D
T
⊂ H → H
ammetta una estensione chiusa `e che per ogni successione ¦x
n
¦
n
di D
T
tale che x
n
→0 e Tx
n
→y
si abbia y = 0.
Dimostrazione. il teorema precedente mostra che la condizione `e sufficiente; vediamo che `e anche
necessaria: sia T un operatore per cui esiste una successione ¦x
n
¦
n
di D
T
tale che x
n
→ 0 e
Tx
n
→ y ,= 0 e supponiamo per assurdo che esista una estensione chiusa T : D
T
⊂ H → H
dell’operatore T, allora per definizione di estensione si deve avere D
T
⊂ D
T
e T[
D
T
= T. Sia
ora ¦x
n
¦
n
la successione precedentemente citata, allora essa `e contenuta in D
T
e si ha x
n
→ 0 e
Tx
n
= Tx
n
→y ,= 0, ma poich`e T `e chiuso per ipotesi si deve avere y = T0 = 0, assurdo.
Definizione 3.6.5. Sia T : D
T
⊂ H →H un operatore lineare; esso si dice chiudibile se ammette
una estensione chiusa. Sia T una estensione chiusa di T, essa si chiama estensione minimale di
T se soddisfa la relazione G
T
= G
T
, cio`e il grafico dell’estensione di T `e la chiusura del grafico di
T.
Lemma 3.6.5. Sia T : D
T
⊂ H →H un operatore chiudibile, allora esiste sempre una estensione
minimale di T.
Dimostrazione. per provare il lemma baster`a mostrare che l’estensione definita nel teorema 3.6.2
`e l’estensione minimale di T. Sia ¦x, y¦ ∈ G
T
, allora per come `e stato costruito T deve esistere
una successione ¦x
n
¦
n
di D
T
tale che x
n
→ x e Tx
n
→ y, cio`e ¦x
n
, Tx
n
¦ → ¦x, y¦ in K,
inoltre ¦x
n
, Tx
n
¦ ∈ G
T
e quindi G
T
⊂ G(T). Sia ora ¦x, y¦ ∈ G
T
, allora esiste una successione
¦¦x
n
, Tx
n
¦¦
n
tale che ¦x
n
, Tx
n
¦ →¦x, y¦ in K, cio`e x
n
→x e Tx
n
→y, ma allora per definizione
si ha x ∈ D
T
e Tx = y, quindi G
T
⊂ G
T
.
Se T : D
T
⊂ H → H non `e chiudibile la non esistenza di una estensione minimale `e dovuta
al fatto che G
T
non pu`o essere grafico di nessun operatore, poich`e contiene elementi della forma
¦f, g
1
¦, ¦f, g
2
¦, dove g
1
,= g
2
. Consideriamo ad esempio l’operatore dell’esempio 3.6.2; `e semplice
vedere che l’operatore T ivi considerato non `e chiudibile usando direttamente la definizione ma qu`ı
procederemo in altro modo: se T fosse chiudibile esisterebbe una sua estensione chiusa
˜
T ed allora
si dovrebbe avere G
T
⊂ G
˜
T
e G
˜
T
dovrebbe essere chiuso, allora si dovrebbe anche avere G
T
⊂ G
˜
T
.
3.6. OPERATORI CHIUSI E CHIUDIBILI 89
Mostriamo ora che G
T
non pu`o essere contenuto nel grafico di nessun operatore (chiuso o no), il
ch`e concluder`a: consideriamo le funzioni
f
n
=
_
_
_
0 su [−π, 0]
nx su (0, 1/n]
1 su (1/n, 1)
˜
f
n
=
_
_
_
0 su [−π, −1/n)
nx + 1 su (−1/n, 0)
1 su [0, π]
f =
_
0 su [−π, 0]
1 su (0, π]
(3.6.12)
allora `e semplice vedere che f
n
→ f e
˜
f
n
→ f, Tf
n
= 0 e T
˜
f
n
= 1, quindi G
T
contiene sia ¦f, 0¦
che ¦f, 1¦ e quindi non pu`o essere contenuto nel grafico di nessun operatore.
Esempio 3.6.5. Sia H = L
2
(0, π), D
T
= (
1
([0, π]), cio`e lo spazio delle funzioni constinue su
[0, π] e derivabili con derivata continua in (0, π) che ammette estensione continua a [0, π], e sia
Tf = f

, allora T non `e chiuso ma `e chiudibile.
Dimostrazione. vediamo che T non `e chiuso: definiamo
g
n
=
_
_
_
0 su [0, π/2]
n(x −
π
2
) su (π/2, π/2 + 1/n)
1 su [π/2 + 1/n, π]
g =
_
0 su [0, π/2]
1 su (π/2, π]
(3.6.13)
definiamo ora f
n
(x) =
_
x
0
g
n
(t)dt e f(x) =
_
x
0
g(t)dt, allora si ha f
n
∈ D
T
e f ,∈ D
T
. Mostriamo
che f
n
→f uniformemente (e quindi in L
2
(0, π)):
¸
¸
¸
¸
_
x
0
g(t)dt −
_
x
0
g
n
(t)dt
¸
¸
¸
¸

_
π/2+1/n
π/2
[g(t) −g
n
(t)[dt ≤ 2/n (3.6.14)
quindi si ha f
n
∈ D
T
, f
n
→f ∈ H, Tf
n
= g
n
→g ∈ H ma f ,∈ D
T
, quindi T non `e chiuso.
Verifichiamo che T `e chiudibile: sia ¦f
n
¦ una successione di D
T
tale che f
n
→ 0 e f

n
→ g;
mostriamo che g = 0. Sia φ ∈ (

c
([0, π]), allora si ha
(g, φ) = (limf

n
, φ) = lim(f

n
, φ) = lim
_
π
0
f

n
φ = −lim
_
π
0
f
n
φ

= (3.6.15)
= −lim(f
n
, φ

) = −(limf
n
, φ

) = −(0, φ

) = 0
quindi g ⊥ (

c
([0, π]) e quindi g = 0.
Teorema 3.6.3. Sia T : D
T
⊂ H → H un operatore lineare, D
T
= H (quindi esiste T
+
) e
D
T
+ = H (quindi esiste T
++
), allora T `e chiudibile e T
++
`e una estensione (chiusa per il lemma
3.6.4) di T.
Dimostrazione. verifichiamo prima di tutto che T `e chiudibile: sia ¦x
n
¦
n
una successione di D
T
tale che x
n
→0 e Tx
n
→y e sia z ∈ D
T
+, allora si ha
(y, z) = (limTx
n
, z) = lim(Tx
n
, z) = lim(x
n
, T
+
z) = (limx
n
, T
+
z) = (0, T
+
z) = 0 (3.6.16)
quindi y ⊥ D
T
+, ma si ha per ipotesi D
T
+ = H, quindi y ⊥ H e y = 0, quindi T `e chiudibile.
Verifichiamo ora che T
++
`e una estensione di T: se x ∈ D
T
+ e y ∈ D
T
si ha (x, Ty) = (T
+
x, y),
cio`e scrivendo T
+
= A si ha (y, Ax) = (Ty, x) cio`e y ∈ D
A
+ e A
+
y = Ty, cio`e y ∈ D
T
++ e
T
++
y = Ty, quindi D
T
⊂ D
T
++ e T
++
[
D
T
= T, quindi T
++
`e una estensione di T.
Al teorema seguente premettiamo un semplice lemma:
Lemma 3.6.6. Sia V un sottospazio di H e U : H → H un operatore unitario, allora si ha
UV = UV .
90 CAPITOLO 3. SPAZI DI HILBERT ED OPERATORI LINEARI
Dimostrazione. se x ∈ UV allora esiste una successione ¦v
n
¦
n
in V tale che x = limUv
n
; inoltre
si ha |v
n
−v
m
| = |Uv
n
−Uv
m
| e poich`e la successione ¦Uv
n
¦
n
`e convergente (a x) `e convergente
anche la successione ¦v
n
¦
n
, sia v
n
→z, allora si ha z ∈ V e x = limUv
n
= U limv
n
= Uz, quindi
x ∈ UV e quindi UV ⊂ UV .
Se invece x ∈ UV allora esiste z ∈ V tale che x = Uz, inoltre esiste una successione ¦v
n
¦
n
di V
tale che v
n
→ z, quindi x = U limv
n
= limUv
n
; la successione ¦Uv
n
¦
n
`e una successione di UV ,
quindi x ∈ UV , quindi infine UV ⊂ UV .
Teorema 3.6.4. Sia T : D
T
⊂ H →H un operatore lineare chiudibile tale che D
T
= H, allora si
ha anche D
T
+ = H e T
++
= T (dove T indica l’estensione chiusa minimale di T).
Dimostrazione. su K = H H consideriamo l’operatore lineare U : K →K definito da U¦x, y¦ =
¦y, −x¦, allora si ha D
U
= ImU = K, inoltre si ha
|U¦x, y¦|
2
= |¦y, −x¦|
2
= |y|
2
+|x|
2
= |¦x, y¦|
2
(3.6.17)
quindi U `e un operatore unitario (vedi lemma 3.4.3). Inoltre si ha U
2
¦x, y¦ = U¦y, −x¦ =
¦−x, −y¦, quindi U
2
= −I. Servir`a inoltre notare che se U : H → H `e un operatore unitario
allora si ha U(A⊕B) = UA⊕UB (la verifica `e immediata).
Siano x ∈ D
T
+ e y ∈ D
T
, allora si ha (x, Ty) − (T
+
x, y) = 0, cio`e (¦x, T
+
x¦, ¦Ty, −y¦) = 0
quindi (¦x, T
+
x¦, U¦y, Ty¦) = 0; inoltre ¦x, T
+
x¦ `e un generico elemento di G
T
+ mentre ¦y, Ty¦
`e un generico elemento di G
T
, quindi si ottiene G
T
+ ⊥ UG
T
. Per la continuit`a del prodotto
scalare si ha allora anche G
T
+ ⊥ UG
T
e per il lemma precedente G
T
+ ⊥ UG
T
e per la definizione
di estensione chiusa minimale si ha G
T
+ ⊥ UG
T
; inoltre sia G
T
+ che UG
T
sono chiusi. Sia ora
¦a, b¦ ∈ K tale che ¦a, b¦ ⊥ UG
T
, allora per ogni y ∈ D
T
si ha
0 = (¦a, b¦, U¦y, Ty¦) = (¦a, b¦, ¦Ty, −y¦) = (a, Ty) −(b, y) (3.6.18)
in particolare l’equazione precedente vale per ogni y ∈ D
T
(poich`e D
T
⊂ D
T
) quindi a ∈ D
T
+ e
b = T
+
a, quindi ¦a, b¦ ∈ G
T
+, quindi (UG
T
)

⊂ G
T
+; inoltre si `e visto che G
T
+ ⊥ UG
T
, cio`e
G
T
+ ⊂ (UG
T
)

, quindi si ottiene
K = G
T
+ ⊕UG
T
(3.6.19)
Applicando U alla precedente uguaglianza e ricordando che U
2
= −I, UK = K e che −G
T
= G
T
si ottiene
K = UG
T
+ ⊕G
T
(3.6.20)
Quindi, riassumendo, se T `e un operatore lineare tale che D
T
= H allora G
T
+ `e il complemento
ortogonale di UG
T
(vedi equazione 3.6.19). Se si suppone che sia anche D
T
+ = H si ottiene
allora che G
T
++ `e il complemento ortogonale di UG
T
+
, ma poich`e T
+
`e chiuso si ha T
+
= T
+
e
quindi G
T
++ = (UG
T
+)

, ma per l’equazione 3.6.20 si ha (UG
T
+)

= G
T
e quindi si conclude
che G
T
++ = G
T
e quindi infine T
++
= T.
Resta quindi solo da dimostrare che D
T
+ = H: sia x ⊥ D
T
+, allora per ogni z ∈ D
T
+ si ha
0 = (x, z) = (x, z) −(0, T
+
z) = (0, T
+
z) −(x, z) = (3.6.21)
= (¦0, x¦, ¦T
+
z, −z¦) = (¦0, x¦, U¦z, T
+
z¦)
quindi ¦0, x¦ ∈ (UG
T
+)

e quindi per 3.6.20 ¦0, x¦ ∈ G
T
, quindi x = T0 = 0, quindi l’unico
vettore ortogonale a D
T
+ `e 0, quindi H = D
T
+.
Riportiamo ora alcuni fatti non elementari circa la relazione tra derivazione ed integrazione
secondo Lebesgue per le cui dimostrazioni si rimanda all’appendice G.
Teorema 3.6.5 (Teorema Fondamentale del Calcolo, Lebesgue). Sia f ∈ L
1
(a, b) e definiamo
F(x) =
_
x
a
f(t)dt, allora F `e derivabile per q.o. x e l’uguaglianza F

= f vale q.o.
3.6. OPERATORI CHIUSI E CHIUDIBILI 91
Definizione 3.6.6. Sia J ⊂ R un intervallo. Una funzione f : J → C `e detta assolutamente
continua se per ogni > 0 esiste un δ > 0 tale che per ogni famiglia finita ¦(a
i
, b
i

i
di intervalli
disgiunti contenuti in J tale che
n

i=1
[b
i
−a
i
[ < δ (3.6.22)
si abbia
n

i=1
[f(b
i
) −f(a
i
)[ < (3.6.23)
Dalla definizione segue immediatamente che ogni funzione assolutamente continua `e anche
uniformemente continua (basta prendere un intervallo solo) ma non `e vero il viceversa (come si
vedr`a tra poco).
Lemma 3.6.7. sia f ∈ L
1
(a, b) e sia F(x) =
_
x
a
f(t)dt, allora F `e assolutamente continua.
Teorema 3.6.6 (Teorema Fondamentale del Calcolo). Sia f : [a, b] → C una funzione asso-
lutamente continua, allora f `e derivabile q.o., f

∈ L
1
(a, b) e si ha per ogni a ≤ x ≤ b la
relazione
f(x) −f(a) =
_
x
a
f

(t)dt (3.6.24)
Corollario 3.6.2. Una funzione f : [a, b] →C pu`o essere scritta nella forma
f(x) = f(a) +
_
x
a
φ(t)dt (3.6.25)
per qualche φ ∈ L
1
(a, b) se e solo se f `e assolutamente continua ed in questo caso si ha φ(t) = f

(t)
per q.o. t ∈ (a, b).
Teorema 3.6.7 (Formula d’integrazione per parti). Se f, g : [a, b] → C sono funzioni assoluta-
mente continue e x, y ∈ [a, b] allora si ha
_
y
x
f

(t)g(t)dt = f(y)g(y) −f(x)g(x) −
_
y
x
f(t)g

(t)dt (3.6.26)
Vediamo ora usando il teorema 3.6.6 come non tutte le funzioni uniformemente continue siano
assolutamente continue costruendo la funzione di Cantor-Vitali (esempio tratto dal testo [4] della
bibliografia). Definiamo induttivamente una successione di funzioni definite su [0, 1]:
V
0
(x) = x; V
k+1
(x) =
_
¸
_
¸
_
1
2
V
k
(3x) x ∈ [0, 1/3]
1
2
x ∈ (1/3, 2/3)
1
2
+
1
2
V
k
[3(x −2/3)] x ∈ [2/3, 1]
(3.6.27)
`
E immediato verificare per induzione la seguente affermazione: ogni V
k
`e continua e V
k
(0) = 0,
V
k
(1) = 1.
Vediamo ora per induzione che [V
k
(x) − V
k−1
(x)[ ≤ 2
2−k
. Per k = 1 questa affermazione si
vede banalmente essere vera. Supponiamo ora sia vera per k = n e vediamo che `e vera anche per
k = n + 1: sia ad esempio x ∈ [0, 1/3], allora si ha
[V
n+1
(x) −V
n
(x)[ = [
1
2
V
n
(3x) −V
n
(x)[ = [
1
2
V
n
(y) −V
n
(y/3)[ = (3.6.28)
= [
1
2
V
n
(y) −
1
2
V
n−1
(y)[ =
1
2
[V
n
(y) −V
n−1
(y)[ ≤
1
2
2
2−n
= 2
2−(n+1)
nei casi x ∈ (1/3, 2/3) e x ∈ [2/3, 1] la tesi si dimostra con lo stesso trucco e quindi la tesi `e mostrata.
Da ci`o segue che la successione di funzioni ¦V
k
¦
k
converge uniformemente ad una funzione continua,
92 CAPITOLO 3. SPAZI DI HILBERT ED OPERATORI LINEARI
V che essendo continua su un compatto `e anche uniformemente continua. Questa `e la funzione di
Cantor-Vitali.
Sia ora C l’insieme di Cantor (che `e un insieme chiuso) e sia x ∈ C
c
, allora dalla definizione
3.6.27 `e semplice dedurre l’esistenza di due numeri v
x
, N
x
tali he se k > N
x
allora si ha V
k
(x) = v
x
in un intorno di x, quindi in particolare V (x) = v
x
in un intorno di x, quindi per ogni x ∈ C
c
la
funzione di Cantor-Vitali `e derivabile con derivata nulla e poich`e C `e un insieme trascurabile si ha
quindi V

(x) = 0 per q.o. x ∈ (0, 1). Inoltre dal fatto che per ogni k si ha V
k
(0) = 0 e V
k
(1) = 1
segue che V (0) = 0 e V (1) = 1. Supponiamo quindi per assurdo che V sia assolutamente continua,
allora si avrebbe
V (1) −V (0) =
_
1
0
V

(t)dt = 0 (3.6.29)
quindi 1 = V (1) = V (0) = 0, assurdo, quindi V non pu`o essere assolutamente continua.
Si `e visto nell’esempio 3.6.5 che se H = L
2
(0, π), D
T
= (
1
([0, π]) e Tf = f

, allora T non `e chiu-
so ma `e chiudibile. Utilizzando il teorema 3.6.4 ed i teoremi enunciati sulle funzioni assolutamente
continue si pu`o determinare l’estensione chiusa minimale di T.
Esempio 3.6.6. Siano H = L
2
(0, π), D
T
= (
1
([0, π]) e Tf = f

, allora l’estensione chiusa
minimale T `e T : D
T
⊂ H → H, dove D
T
= ¦f : [0, π] → C[f assolutamente continua ¦ e
Tf = f

.
Dimostrazione. cerchiamo di determinare T
+
: se h ∈ D
T
esiste h

∈ H tale che (h, Tf) = (h

, f)
per ogni f ∈ (
1
([0, π]), cio`e
(h, f

) =
_
π
0
h

(x)f(x)dx (3.6.30)
sia ora H

(x) =
_
x
0
h

(t)dt, allora (vedi lemma 3.6.7) H

`e assolutamente continua, quindi (teorema
3.6.7) si pu`o integrare per parti e per il teorema 3.6.5 si ottiene
(H

, f

) =
_
π
0
H

(x)f

(x)dx = H

(π)f(π) −
_
π
0
h

(x)f(x)dx = f(π)(h

, 1) −(h

, f) (3.6.31)
quindi
(H

+h, f

) = f(π)(h

, 1) (3.6.32)
Se si considera ora f(x) = sin nx, quindi f(π) = 0, f

(x) = ncos nx, si ottiene che (h+H

, cos nx) =
0 per ogni n > 0 quindi, poich`e ¦cos nx¦
n∈N
`e una base ortogonale di L
2
(0, π), si ottiene h(x) +
H

(x) = cost. La costante pu`o essere determinata ponendo x = 0, ottenendo quindi
h(x) −h(0) =
_
x
0
(−h

(t))t (3.6.33)
quindi per il corollario 3.6.2 si ha h

(x) = −h

(x) per q.o. x ∈ (0, π), quindi l’equazione (h, f

) =
(h

, f) diventa (h, f

) + (h

, f) = 0 cio`e
_
π
0
(h(x)f(x))

dx = 0 e quindi h(π)f(π) −h(0)f(0) = 0; a
questo punto scegliendo ad esempio f(x) = x e f(x) = x −π si ottiene h(π) = h(0) = 0. quindi si
ottiene
D
T
+ ⊂ ¦h : [0, π] →C[h assolutamente continua e h(0) = h(π) = 0¦ (3.6.34)
e T
+
h = −h

. D’altro canto se h `e nell’insieme a destra di 3.6.34 allora si ha, per il teorema 3.6.7,
(h, Tf) =
_
π
0
h(x)f

(x)dx = −
_
π
0
h

(x)f(x)dx = (−h

, f) (3.6.35)
e quindi h ∈ D
T
+, quindi si ottiene
D
T
+ = ¦h : [0, π] →C[h assolutamente continua e h(0) = h(π) = 0¦ (3.6.36)
3.6. OPERATORI CHIUSI E CHIUDIBILI 93
e T
+
h = −h

. Determiniamo ora T
++
: se p ∈ D
T
++ allora esiste p

tale che per ogni h ∈ D
T
+ si
abbia (p, T
+
h) = (p

, h), quindi, definendo P

(x) =
_
x
0
p

(t)dt, si ottiene, analogamente a 3.6.31,
(P

, h

) =
_
π
0
P

(x)h

(x)dx = −
_
π
0
p

(x)h(x)dx = −(p

, h) (3.6.37)
quindi (p, T
+
h) = −(p, h

) = (p

, h) = −(P

, h

), quindi (p−P

, h

) = 0. Scegliendo h(x) = sin nx
si ottiene (p − P

, cos nx) = 0 per ogni n > 0 e quindi p(x) − P

(x) = cost, da cui p(x) − p(0) =
_
x
0
p

(t)dt, quindi p `e assolutamente continua e p

= p

, quindi si ha
D
T
++ ⊂ ¦p : [0, π] →C[p assolutamente continua ¦ (3.6.38)
e T
++
p = p

. D’altro canto se p `e assolutamente continua e h ∈ D
T
+ si ha
(p

, h) −(p, T
+
h) = (p

, h) + (p, h

) = (p

, h) + (p, h

) =
_
π
0
d
dt
(ph)dt = [p(x)h(x)]
π
0
= 0 (3.6.39)
quindi si ottiene infine
D
T
++ = ¦p : [0, π] →C[p assolutamente continua ¦ (3.6.40)
e Tp = T
++
p = p

.
Appendice A
Spazi L
p
In questa appendice ci si limiter`a a trattare spazi L
p
sul campo reale in quanto la maggior parte
dei risultati ottenuti si pu`o dimostrare immediatamente anche per il campo complesso separando
parte reale e immaginaria.
A.1 Definizioni
Definizione A.1.1. Sia M ⊂ R
n
un insieme misurabile e sia f : M → R una funzione reale;
si dice che f appartiene all’insieme /
p
(M) se f
p
`e integrabile su M, 1 ≤ p < ∞; si dice che
f ∈ /

(M) se esiste C > 0 tale che [f(x)[ ≤ C per q.o. x ∈ M e f `e misurabile.
Definizione A.1.2. Siano f, g ∈ /
p
(M); si scriver`a f ∼ g (f `e equivalente a g) se f = g quasi
ovunque in M.
`
E immediato verificare il seguente lemma:
Lemma A.1.1. La relazione ∼ introdotta nella definizione precedente `e una relazione di equiva-
lenza in /
p
(M).
Definizione A.1.3. Si indica con L
p
(M) lo spazio quoziente /
p
(M)/ ∼. Se a, b ∈ L
p
(M), siano
f, g ∈ /
p
(M) tali che a = [f] e b = [g], definiamo allora
a +b = [f +g]
λa = [λf]
Si vede semplicemente che le definizioni precedenti sono non ambigue, cio`e non dipendono dai
particolari rappresentanti f, g delle classi a, b. Dotato di queste operazioni l’insieme L
p
diviene
uno spazio vettoriale (si dovrebbe vedere che a +b ∈ L
p
(M), vedi la dimostrazione in A.2.2).
Definizione A.1.4. Sia a ∈ L
p
(M) e sia f tale che a = [f], allora si definisce norma di a il
valore
|a|
p
=
__
M
[f(x)[
p
dx
_
1/p
se 1 ≤ p < ∞. Se p = ∞ si definisce
|a|

= inf
C∈R
¦C[ [f(x)[ ≤ C per q.o. x ∈ M¦
la norma di a `e ben definita, cio`e non dipende dal particolare rappresentante di a scelto.
Nella prossima sezione si mostrer`a come | |
L
p sia effettivamente una norma su L
p
.
Nonostante gli spazi L
p
siano spazi di classi di equivalenza, `e uso comune indicare gli elementi
di L
p
come fossero funzioni, assumendo implicitamente di identificare funzioni uguali q.o.
94
A.2. PROPRIET
`
A FONDAMENTALI 95
A.2 Propriet`a fondamentali
Definizione A.2.1. Sia 1 ≤ p ≤ ∞, si indica con p

l’esponente coniugato di p, cio`e il numero
tale che
1
p
+
1
p

= 1
si assume inoltre che 1 sia l’esponente coniugato di ∞ e viceversa.
Teorema A.2.1 (Disuguaglianza di H¨ older). Siano f ∈ L
p
(M) e g ∈ L
p

(M), allora fg ∈ L
1
(M)
e si ha
_
M
[f(x)g(x)[dx ≤ |f|
p
|g|
p
(A.2.1)
Dimostrazione. la tesi `e ovvia se p = 1 o p = ∞. Dalla concavit`a della funzione log su (0, ∞) segue
che per ogni a > 0, b > 0 si ha
log
_
a
p
p
+
b
p

p

_

1
p
log(a
p
) +
1
p

log(b
p

) = log(ab) (A.2.2)
da cui si ottiene la disuguaglianza di Young
ab ≤
1
p
a
p
+
1
p

b
p

(A.2.3)
che vale per ogni a, b ≥ 0. Applicando la disuguaglianza di Young con a = [f(x)[ e b = [g(x)[ (ci`o
ha senso poich`e f
p
e g
p

sono integrabili su M e quindi [f(x)[, [g(x)[ < ∞ q.o. su M) si ottiene
che per q.o. x di M si ha
[f(x)g(x)[ ≤
1
p
[f(x)[
p
+
1
p

[g(x)[
p

(A.2.4)
da cui integrando
_
M
[f(x)g(x)[dx ≤
1
p
|f|
p
p
+
1
p

|g|
p

p
(A.2.5)
da cui segue che fg `e integrabile su M. Sostituendo nella A.2.5 f con λf (λ > 0), si ottiene
_
M
[f(x)g(x)[dx ≤
λ
p−1
p
|f|
p
p
+
1
p

λ
|g|
p

p
(A.2.6)
scegliendo
λ =
|g|
p

/p
p

|f|
p
(A.2.7)
e ricordando la definizione di esponente coniugato si ottiene l’equazione A.2.1. Nella definizione
di λ si `e supposto che |f|
p
> 0 in quanto se |f|
p
= 0 si ha f(x) = 0 q.o. ed il teorema risulta
ovvio.
Teorema A.2.2 (Disuguaglianza di Minkowski). Se f, g ∈ L
p
(M), 1 ≤ p ≤ ∞ si ha
|f +g|
p
≤ |f|
p
+|g|
p
(A.2.8)
Dimostrazione. i casi p = 1, p = ∞ sono ovvi; supponiamo quindi 1 < p < ∞. Se x > 0 e p > 1
vale la disuguaglianza
(1 +x)
p
≤ 2
p−1
(1 +x
p
) (A.2.9)
(si dimostra studiando la funzione (1 + x)
p
/(1 + x
p
) che, per x > 0 ha massimo in x = 1 in cui
vale 2
p−1
) da cui si deduce che se p > 1 e a, b ≥ 0 si ha
(a +b)
p
≤ 2
p−1
(a
p
+b
p
) (A.2.10)
96 APPENDICE A. SPAZI L
P
(se a = 0 la disuguaglianza `e ovvia, se a > 0 si raccoglie a e si ha la disuguaglianza A.2.9 con
x = b/a). Sostituendo a = [f(x)[, b = [g(x)[ e integrando si vede che f +g ∈ L
p
(M). Inoltre
|f +g|
p
p
=
_
M
[f +g[
p−1
[f +g[ ≤
_
M
[f +g[
p−1
[f[ +
_
M
[f +g[
p−1
[g[ (A.2.11)
Ma [f +g[
p−1
∈ L
p

(M) poich`e (p−1)p

= p e f +g ∈ L
p
(M), quindi applicando la disuguaglianza
di H¨older ai due integrali a secondo membro si ottiene:
|f +g|
p
p
≤ |f +g|
p−1
p
(|f|
p
+|g|
p
) (A.2.12)
da cui si ottiene A.2.8 (il caso |f +g|
p
= 0 `e ovvio).
Corollario A.2.1. La norma | |
p
`e effettivamente una norma sullo spazio vettoriale L
p
.
Dimostrazione. l’unica propriet`a non banale da mostrare della norma `e la disuguaglianza triango-
lare, che `e la disuguaglianza di Minkowski.
Teorema A.2.3 (Fischer-Riesz). L
p
(M) `e uno spazio di Banach per ogni 1 ≤ p ≤ ∞.
Dimostrazione. si devono distinguere i casi p = ∞ e 1 ≤ p < ∞.
Caso p = ∞) Sia ¦f
n
¦ una successione di Cauchy in L

(M), cio`e fissato k ∈ N, k ≥ 1 esiste
un N
k
tale che se m, n ≥ N
k
si ha |f
m
− f
n
|

≤ 1/k, quindi esiste un insieme trascurabile E
k
tale che
[f
m
(x) −f
n
(x)[ <
1
k
se x ∈ E
c
k
∩ M, ∀m, n ≥ N
k
(A.2.13)
sia E =

k∈N,k>0
E
k
, allora E `e trascurabile e per ogni x ∈ E
c
∩ M la successione ¦f
n
(x)¦ `e di
Cauchy in R, quindi esiste un numero f(x) tale che lim
n→∞
f
n
(x) = f(x). Passando al limite nella
disequazione A.2.13 si ottiene
[f(x) −f
n
(x)[ ≤
1
k
se x ∈ E
c
∩ M, ∀n ≥ N
k
(A.2.14)
perci`o f `e misurabile su M in quanto limite puntuale q.o. di funzioni misurabili e f ∈ L

(M);
inoltre da A.2.14 si deduce che |f −f
n
|

≤ 1/k per ogni n ≥ N
k
, quindi f
n
→f in L

(M).
Caso 1 ≤ p < ∞) sia ¦f
n
¦ una successione di Cauchy in L
p
. Poich`e se una successione di Cauchy
ammette una sottosuccessione convergente `e essa stessa convergente (dimostrazione immediata),
basta mostrare che esiste una sottosuccessione ¦f
n
k
¦ convergente. Sia ¦f
n
k
¦ una sottosuccessione
tale che
|f
n
k+1
−f
n
k
|
p

1
2
k
(A.2.15)
Per semplicit`a di notazione si scriver`a f
k
invece di f
n
k
. Sia
g
n
(x) =
n

k=1
[f
k+1
(x) −f
k
(x)[ (A.2.16)
da A.2.16 segue che |g
n
|
p
≤ 1 (si applica la disuguaglianza di Minkowski). Si ha 0 ≤ g
p
n
≤ g
p
n+1
q.o.
su M, quindi per il teorema della convergenza monotona di Beppo-Levi, g
p
n
tende puntualmente
q.o. su M ad un limite fissato g
p
tale che
_
g
p
≤ 1, cio`e g
n
(x) →g(x) puntualmente q.o. su M e
g ∈ L
p
(M). Inoltre se m ≥ n ≥ 2 si ha
[f
m
(x) −f
n
(x)[ ≤ [f
m
(x) −f
m−1
(x)[ + +[f
n+1
(x) −f
n
(x)[ ≤ g(x) −g
n−1
(x) (A.2.17)
quindi, poich`e g
n
(x) → g(x) per q.o. x ∈ M, ¦f
n
(x)¦ `e una successione di Cauchy in R per q.o.
x ∈ M, quindi f
n
(x) tende ad un limite finito f(x) per quasi ogni x ∈ M. Dalla disequazione
A.2.17 segue per m →∞ che per q.o. x ∈ M si ha (n ≥ 2)
[f(x) −f
n
(x)[ < g(x) (A.2.18)
A.3. PROPRIET
`
A DI DENSIT
`
A 97
quindi in particolare f ∈ L
p
(M) poich`e g, f
n
∈ L
p
(M). Poich`e infine [f
n
(x) − f(x)[
p
→ 0 q.o. in
M e [f
n
−f[
p
≤ g
p
∈ L
1
(M) si conclude grazie al teorema della convergenza dominata di Lebesgue
che
lim
n→∞
_
M
[f(x) −f
n
(x)[
p
dx = 0 (A.2.19)
e quindi |f −f
n
|
p
→0 cio`e f `e il limite in L
p
(M) di f
n
.
Teorema A.2.4. Sia ¦f
n
¦ una successione in L
p
(M) e sia f ∈ L
p
(M) tale che |f − f
n
|
p
→ 0,
allora esistono una sottosuccessione ¦f
n
k
¦ e una funzione h ∈ L
p
(M) tali che
1. f
n
k
(x) →f(x) per q.o. x
2. [f
n
k
(x)[ ≤ h(x) per ogni k, per q.o. x ∈ M
Dimostrazione. la tesi `e ovvia se p = ∞; supponiamo quindi 1 ≤ p < ∞. Poich`e ¦f
n
¦ converge,
essa `e una successione di Cauchy, quindi , come nella dimostrazione del teorema A.2.3, si pu`o
estrarre una sottosuccessione (che continueremo per semplicit`a ad indicare con f
k
) che soddisfa
A.2.15, in modo che, procedendo come nella dimostrazione precedente, si abbia che f
k
(x) tende ad
un limite finito φ(x) per q.o. x ∈ M (si dovr`a mostrare che f = φ) e soddisfi A.2.18, che diventa
[φ(x) −f
k
(x)[ ≤ g(x) (A.2.20)
per ogni k e per q.o. x ∈ M, con g ∈ L
p
(M). Applicando il teorema della convergenza dominata
di Lebesgue si ottiene quindi f
k
→ φ in L
p
(M) e quindi, per l’unicit`a del limite in uno spazio
normato si ha φ = f (uguaglianza da intendere in L
p
(M), cio`e valida per q.o. x ∈ M). Inoltre da
A.2.20 segue [f
k
(x)[ ≤ [φ(x)[ +g(x) per q.o. x ∈ M.
A.3 Propriet`a di densit`a
Con χ
E
si indica la funzione caratteristica dell’insieme E, cio`e
χ
E
(x) =
_
1 se x ∈ E
0 se x / ∈ E
Si chiama funzione semplice una funzione che sia combinazione lineare di funzioni caratteristiche.
Teorema A.3.1. Sia f una funzione misurabile positiva. Allora esiste una successione s
n
cre-
scente di funzioni semplici misurabili che converge puntualmente a f.
Dimostrazione. per ogni i = 1, . . . , n2
n
, n ∈ N poniamo
E
ni
= ¦x[
i −1
2
n
≤ f(x) <
i
2
n
¦ F
n
= ¦x[f(x) ≥ n¦
allora E
ni
, F
n
risultano misurabili (poich`e f `e misurabile) e la successione cercata `e
s
n
=
n2
n

i=1
i −1
2
n
χ
E
ni
+nχ
F
n
che risulta misurabile poich`e sono misurabili E
ni
e F
n
.
Ricordiamo che si chiama supporto di una funzione la chiusura dell’insieme su cui una funzione
`e diversa da zero; il supporto di una funzione sar`a indicato con ’supp’. Si indica con (
c
(E) lo
spazio delle funzioni f : E → R continue tali che esiste un insieme compatto K ⊂ E tale che
suppf ⊂ K e con (

c
(E) il sottospazio di (
c
(E) delle funzioni che ammettono derivate parziali di
ordine qualsiasi nell’insieme
˚
E.
98 APPENDICE A. SPAZI L
P
Teorema A.3.2. Sia f ∈ L
p
(R
n
), 1 ≤ p < ∞, allora per ogni > 0 esiste una funzione semplice
misurabile a supporto compatto s tale che |f(x) −s(x)|
p
< .
Dimostrazione. si pu`o supporre f positiva, poich`e il caso generale seguir`a applicando il procedi-
mento usato a f
+
e f

. Si `e visto che assegnata f positiva e misurabile esiste una successione
crescente di funzioni semplici misurabili positive s
n
tali che lim
n→∞
s
n
(x) = f(x), cio`e [f −s
n
[ ten-
de puntualmente q.o. a 0. Inoltre si ha evidentemente [f −s
n
[
p
≤ f
p
∈ L
1
(R
n
), quindi applicando
il teorema di Lebesgue si ottiene lim
n→∞
_
[f(x) −s
n
(x)[
p
dx = 0 quindi si pu`o ottenere una fun-
zione semplice s tale che
_
[f(x) −s(x)[
p
dx < (/2)
p
e s ∈ L
1
(R
n
). Sia ora I
i
= [−i, i] [−i, i]
(dove compaiono n fattori) e consideriamo r
i
= sχ
I
i
con i ∈ N; r
i
`e una successione crescente
di funzioni semplici misurabili positive a supporto compatto che tende puntualmente a s, quindi
applicando il teorema di Lebesgue in modo analogo a quanto appena fatto si ottiene che esiste un
j tale che
_
[s −r
j
[
p
dx < (/2)
p
, da cui si ottiene infine
|f(x) −r
j
(x)|
p
<

2
+

2
= (A.3.1)
Lemma A.3.1. Sia F ⊂ R
n
chiuso e G ⊂ R
n
aperto tale che F ⊂ G, allora esiste una funzione
continua φ tale che φ(x) = 1 se x ∈ F, φ(x) = 0 se x / ∈ G e 0 ≤ φ ≤ 1.
Dimostrazione. fissiamo in R
n
una norma | | (tanto in R
n
tutte le norme sono equivalenti). Dato
x ∈ R
n
e E ⊂ R
n
si pu`o definire d(x, E) = inf
y∈E
|x − y|. Notiamo che, fissato l’insieme E, la
funzione x →d(x, E) `e continua, infatti se z ∈ E, si ha:
|x −z| ≤ |x −y| +|y −z|; |y −z| ≤ |y −x| +|x −z| (A.3.2)
da cui
|x −z| −|x −y| ≤ |y −z| ≤ |y −x| +|x −z| (A.3.3)
quindi d(x, E) −|x −y| ≤ d(y, E) ≤ d(x, E) +|x −y|, e infine
[d(x, E) −d(y, E)[ ≤ |x −y| (A.3.4)
quindi la funzione d(x, E) `e lipschitziana. Costruiamo ora la funzione:
φ(x) =
d(x, G
c
)
d(x, G
c
) +d(x, F)
(A.3.5)
Poich`e F e G
c
sono chiusi disgiunti, la funzione `e ben definita, in quanto se il denominatore si
annullasse per un qualche t ∈ R
n
, allora si dovrebbe avere d(t, F) = d(t, G
c
) = 0 e poich`e F e G
c
sono chiusi, si verifica semplicemente che si dovrebbe avere t ∈ F e t ∈ G
c
, quindi F ∩ G ,= ∅.
Inoltre se x ∈ G
c
si ha d(x, G
c
) = 0 e quindi φ(x) = 0 mentre se x ∈ F, d(x, F) = 0 e quindi
φ(x) = 1. Inoltre essendo composizione di funzioni continue φ `e continua e si ha evidentemente
0 ≤ φ ≤ 1.
Lemma A.3.2. Sia E misurabile limitato in R
n
, allora, fissato > 0, 1 ≤ p < ∞ esiste una
funzione f ∈ (
c
(R
n
) tale che |χ
E
−f|
p
< .
Dimostrazione. poich`e E `e misurabile, esistono F chiuso e G aperto tali che F ⊂ E ⊂ G e
µ(G¸F) <
p
. Sia ora f la funzione φ del lemma precedente, si ha allora
_
[φ −χ
E
[
p
dx ≤
_
χ
G\F
dx <
p
(A.3.6)
inoltre poich`e E `e limitato, G pu`o essere scelto limitato (esiste un R tale che E ⊂ B(0, R), quindi si
pu`o sostituire a G l’insieme limitato G∩B(0, R)), quindi supp φ ⊂
¯
G, ma
¯
G `e un chiuso e limitato
in R
n
, quindi un compatto; il supporto di φ `e quindi un sottoinsieme chiuso (per definizione) di
un compatto ed `e quindi un compatto.
A.3. PROPRIET
`
A DI DENSIT
`
A 99
In modo sostanzialmente identico al lemma precedente si mostra il seguente:
Teorema A.3.3. Sia s una funzione semplice misurabile a supporto compatto e sia > 0, 1 ≤
p < ∞ allora esiste una funzione f ∈ (
c
(R
n
) tale che |s −f|
p
< .
Corollario A.3.1. Sia f ∈ L
p
(R
n
), 1 ≤ p < ∞allora fissato > 0 esiste una funzione φ ∈ (
c
(R
n
)
tale che |f −φ|
p
< , cio`e (
c
(R
n
) `e un sottoinsieme denso di L
p
(R
n
) se 1 ≤ p < ∞.
Dimostrazione. dal teorema A.3.2 segue che esiste una funzione s semplice misurabile a supporto
compatto tale che |f − s|
p
< /2; dal teorema A.3.3 segue che esiste una φ ∈ (
c
(R
n
) tale che
|s −φ|
p
< /2, quindi |f −φ|
p
< .
Definizione A.3.1. Date due funzioni misurabili f, g si definisce come prodotto di convoluzione
di f e g la funzione f ∗ g definita da
f ∗ g(x) =
_
R
n
f(x −y)g(y)dy (A.3.7)
Definizione A.3.2. Siano M un sottoinsieme misurabile di R
n
e f : M → R; si dice che f ∈
L
p
loc
(M) se per ogni K ⊂ M compatto si ha gχ
K
∈ L
p
(M).
Lemma A.3.3. Siano f ∈ (
c
(R
n
) e g ∈ L
1
loc
(R
n
), allora f ∗ g `e ben definito per ogni x ∈ R
n
.
Dimostrazione. fissato x ∈ R
n
, la funzione y → f(x − y)g(y) risulta non nulla solo su un insieme
limitato di y ∈ R
n
poich`e f ha supporto compatto, quindi, poich`e g `e integrabile sui compatti,
l’integrale che compare nella definizione di f ∗ g `e finito per ogni x ∈ R
n
.
Lemma A.3.4. Siano f ∈ L
1
(R
n
) e g ∈ L
p
(R
n
), allora f ∗ g `e definita per quasi ogni x ∈ R
n
e
si ha
|f ∗ g|
p
≤ |f|
1
|g|
p
(A.3.8)
Dimostrazione. se p = ∞ il teorema `e ovvio.
Caso p = 1) poniamo F(x, y) = f(x −y)g(y). Poich`e per q.o. y ∈ R
n
[g(y)[ < ∞, si ha
_
[F(x, y)[dx = [g(y)[
_
[f(x −y)[dx = [g(y)[|f|
1
(A.3.9)
quindi
_
dy
_
[F(x, y)[dx = |f|
1
|g|
1
< ∞ (A.3.10)
quindi usando il teorema di Tonelli si vede che F ∈ L
1
(R
n
R
n
) e quindi usando il teorema di
Fubini si ha
|f ∗ g|
1
=
_
[f ∗ g(x)[dx =
_
dx
_
[f(x −y)g(y)[dy =
_
[F(x, y)[dxdy = |f|
1
|g|
1
(A.3.11)
che `e l’equazione A.3.8 nel caso p = 1.
Caso p > 1) dal caso precedente si s`a che y →[f(x−y)g
p
(y)[ `e integrabile in y per q.o. x ∈ R
n
,
cio`e [f
1/p
(x − y)g(y)[ ∈ L
p
y
(R
n
). Poich`e [f(x − y)[
1/p

∈ L
p

y
(R
n
), usando la disuguaglianza di
Holder si ottiene (poich`e [f(x −y)[ = [f(x −y)[
1/p
[f(x −y)[
1/p

)
_
[f(x −y)g(y)[dy ≤ |f|
1/p

1
__
[f(x −y)[[g(y)[
p
dy
_
1/p
(A.3.12)
cio`e [f ∗ g(x)[
p
≤ |f|
p/p

1
([f[ ∗ [g[
p
)(x) quindi integrando e usando quanto gi`a dimostrato nel caso
p = 1 si ottiene infine
|f ∗ g|
p
p
= |f|
p/p

1
|f|
1
|g|
p
p
= |f|
p
1
|g|
p
p
(A.3.13)
100 APPENDICE A. SPAZI L
P
Teorema A.3.4. Sia f ∈ (

c
(R
n
) e g ∈ L
1
loc
(R
n
), allora f ∗ g ∈ (

(R
n
).
Dimostrazione. Per mostrare f ∗g che `e infinitamente differenziabile, baster`a mostrare la seguente
uguaglianza (∇ `e l’operatore gradiente)
∇(f ∗ g) = (∇f) ∗ g (A.3.14)
Poich`e f `e differenziabile, se x, y, h ∈ R
n
si ha
f(x −y +h) −f(x −y) = h (∇f)(x −y) +|h| o(h) (A.3.15)
dove o(h) `e una funzione tale che lim
h→0
o(h) = 0. Sia K un compatto abbastanza grande tale che
x +B(0, 1) −suppf ⊂ K, allora si ha se |h| < 1
f(x −y +h) −f(x −y) = h (∇f)(x −y) +|h| o(h)χ
K
(A.3.16)
Moltiplicando l’equazione A.3.16 per g(y) e integrando in y si ottiene
f ∗ g(x +h) −f ∗ g(x) = h [(∇f) ∗ g(x)] +|h| o(h)C (A.3.17)
dove C =
_
K
g(y)dy, di conseguenza per la definizione di gradiente si ha l’equazione A.3.14.
Lemma A.3.5. Siano f ∈ (
c
(R
n
), g ∈ L
1
loc
(R
n
) allora si ha:
suppf ∗ g ⊂ suppf + suppg (A.3.18)
Dimostrazione. fissato x la funzione y → f(x − y)g(y) `e non nulla se y ∈ suppg e x − y ∈ suppf
cio`e se
y ∈ suppg ∩ (x −suppf) (A.3.19)
se x / ∈ suppf + suppg, allora suppg ∩ (x − suppf) = ∅, cio`e f(x − y)g(y) = 0 per ogni y, cio`e
(f ∗ g)(x) = 0, quindi
f ∗ g(x) ,= 0 ⇒ x ∈ supp f + supp g (A.3.20)
di conseguenza
suppf ∗ g ⊂ suppf + suppg (A.3.21)
Definizione A.3.3. Si chiama successione di mollificatori una successione di funzioni ρ
i
: R
n
→R
tale che
1. ρ
i
≥ 0
2. ρ
i
∈ (

c
3. supp ρ
i
⊂ B(0, 1/i)
4.
_
ρ
i
dx = 1
Esempio A.3.1. Sia
ρ(x) =
_
e
1/(|x|
2
−1)
se [x[ < 1
0 se [x[ ≥ 1
(A.3.22)
Si vede subito che ρ ≥ 0, ρ ∈ (

c
, supp ρ ⊂ B(0, 1) e che
_
ρdx < ∞. Allora si ottiene una
successione di mollificatori ponendo
ρ
i
(x) = i
n
ρ(ix)/
_
ρdx (A.3.23)
A.3. PROPRIET
`
A DI DENSIT
`
A 101
Teorema A.3.5. Se f `e continua e ρ
i
`e una successione di mollificatori, allora ρ
i
∗ f → f
uniformemente sui compatti.
Dimostrazione. sia K ⊂ R
n
un compatto; allora, dato > 0, per il teorema di Heine-Cantor-Borel
esiste un δ > 0 tale che
[f(x −y) −f(x)[ < se x ∈ K , y ∈ B(0, δ) (A.3.24)
Si ha inoltre
ρ
i
∗ f(x) −f(x) =
_
[f(x −y) −f(x)]ρ
i
(y)dy =
_
B(0,1/i)
[f(x −y) −f(x)]ρ
i
(y)dy (A.3.25)
Se ora si sceglie i > 1/δ e x ∈ K si ottiene quindi

i
∗ f(x) −f(x)[ ≤
_
ρ
i
dy = (A.3.26)
Teorema A.3.6. Sia f ∈ L
p
(R
n
) con 1 ≤ p < ∞, allora lim
n→∞
ρ
n
∗ f = f in L
p
(R
n
).
Dimostrazione. dato > 0 esiste una funzione f
1
∈ (
c
(R
n
) tale che |f − f
1
|
p
< (corollario
A.3.1). Per il teorema precedente si ha ρ
n
∗ f
1
→ f
1
uniformemente sui compatti, inoltre (vedi
lemma A.3.5) si ha
suppρ
n
∗ f
1
⊂ B(0, 1/n) + suppf
1
⊂ B(0, 1) + suppf = K (A.3.27)
e si vede subito che K `e un compatto. Ne segue che

n
∗ f
1
−f
1
|
p
≤ sup
x∈K
[ρ ∗ f
1
(x) −f
1
(x)[µ(K)
1/p
→0 (A.3.28)
Inoltre si ha l’identit`a

n
∗ f) −f = [ρ
n
∗ (f −f
1
)] + [(ρ
n
∗ f
1
) −f
1
] + [f
1
−f] (A.3.29)
quindi se n > N

si ha

n
∗ f −f|
p
≤ 2|f −f
1
|
p
+|ρ
n
∗ f
1
−f
1
| < 3 (A.3.30)
quindi lim
n→∞

n
∗ f −f|
p
= 0.
Lemma A.3.6. L
1
loc
(R
n
) ⊂ L
p
(R
n
) per ogni 1 ≤ p < ∞
Dimostrazione. sia K ⊂ R
n
un insieme compatto, allora µ(K) < ∞, quindi χ
K
∈ L
p

(R
n
) per
ogni p

. Applicando allora la disuguaglianza di Holder si ha
_
K
[f(x)[dx =
_
K
χ
K
(x)f(x)dx ≤
__
K
1
p

dx
_
1/p
__
K
[f(x)[
p
dx
_
1/p
≤ C|f|
p
< ∞ (A.3.31)
Teorema A.3.7. Sia A ⊂ R
n
un insieme aperto, allora (

c
(A) `e denso in L
p
(A) per ogni 1 ≤
p < ∞.
102 APPENDICE A. SPAZI L
P
Dimostrazione. sia f ∈ L
p
(A) e sia
¯
f : R
n
→R definita da
¯
f(x) =
_
f(x) se x ∈ A
0 se x ∈ A
c
(A.3.32)
in modo che
¯
f ∈ L
p
(R
n
). Sia inoltre K
n
una successioni di insiemi compatti tali che K
n
⊂ K
n+1
,

n
K
n
= A e d(K
n
, A
c
) ≥ 2/n, ad esempio si pu`o porre
K
i
= ¦x ∈ R
n
[|x| < i, d(x, A
c
) ≥ 2/i¦ (A.3.33)
poniamo quindi
g
n
= χ
K
n
¯
f; f
n
= ρ
n
∗ g
n
(A.3.34)
Allora per il lemma A.3.5 si ha
suppf
n
⊂ B(0, 1/n) +K
n
⊂ A (A.3.35)
inoltre per il lemma A.3.6 e per il teorema A.3.4 f
n
∈ (

(R
n
), quindi f
n
∈ (

c
(A). Si hanno
inoltre le seguenti disuguaglianze
|f
n
−f|
L
p
(A)
= |f
n

¯
f|
L
p
(R
n
)
≤ (A.3.36)
≤ |ρ
n
∗ g
n
−ρ
n

¯
f|
p
+|ρ
n

¯
f −
¯
f|
p
≤ |g
n

¯
f|
p
+|ρ
n

¯
f −
¯
f|
p
Inoltre |g
n

¯
f|
p
→0 per il teorema della convergenza dominata e |ρ
n

¯
f −
¯
f|
p
→0 per il teorema
A.3.6, quindi infine
|f
n
−f|
L
p
(A)
→0 (A.3.37)
In generale, dato un generico insieme misurabile M, non ha molto senso parlare di (

c
(M)
poich`e ad esempio si potrebbe avere
˚
M = ∅. Vale la seguente estensione del teorema A.3.7, che `e
sufficientemente generale da coprire tutti i casi che si presenteranno.
Corollario A.3.2. Sia M ⊂ R
n
un insieme misurabile tale che
˚
M ,= ∅ e µ(M¸
˚
M) = 0, allora
(

c
(M) `e denso in L
p
(M) per ogni 1 ≤ p < ∞
Dimostrazione. sia f ∈ L
p
(M), allora f ∈ L
p
(
˚
M) e per il teorema precedente per ogni > 0 esiste
φ ∈ (

c
(
˚
M) tale che |f −φ|
L
p
(
˚
M)
< . Prolunghiamo ora φ su M ponendo φ(x) = 0 se x ∈ M¸
˚
M,
allora φ ∈ (

c
(M) e si ha |f −φ|
L
p
(M)
< .
Bibliografia: Si `e seguito in particolare [1] paragrafi IV.1, IV.4, [8] capitolo III.
Appendice B
Convergenza puntuale della serie
di Fourier
B.1 Criterio di Dirichlet-Jordan
Lemma B.1.1. Sia f(x) una funzione crescente definita su [a, b], allora G `e continua eccetto per
un insieme al pi` u numerabile di x ∈ [a, b].
Dimostrazione. sia S l’insieme dei punti in cui `e discontinua, cio`e delle x tali che
lim
y→x
+
f(y) > lim
y→x

f(y) (B.1.1)
allora ad ogni elemento x di S si pu`o associare un razionale q
x
dell’intervallo non vuoto definito da
B.1.1; poich`e f `e crescente se x, y ∈ S e x ,= y gli intervalli associati a x e a y saranno disgiunti,
quindi la corrispondenza x →q
x
`e biunivoca, quindi S `e al pi` u numerabile.
Teorema B.1.1 (secondo teorema della media). Sia G una funzione crescente definita su [a, b] e
sia f continua su [a, b], allora esiste un t
0
∈ [a, b] tale che
_
b
a
G(x)f(x)dx = G(a)
__
t
0
a
f(x)dx
_
+ [ lim
x→b

G(x)]
_
_
b
t
0
f(x)dx
_
(B.1.2)
Dimostrazione. definiamo G(x) = G(a) se x < a e
G
h
(t) =
1
h
2
_
t
t−h
__
s
s−h
G(r)dr
_
ds (B.1.3)
allora dal teorema fondamentale del calcolo segue che G

h
(t) `e una funzione continua e G

h
(t) ≥ 0;
`e inoltre semplice vedere che lim
h→0
G
h
(t) = lim
y→t
− G(y). Sia F(t) =
_
t
a
f(s)ds, allora
_
b
a
G
h
(t)f(t)dt = [F(t)G
h
(t)]
b
a

_
b
a
F(t)G

h
(t)dt (B.1.4)
sia ora m = min
x∈[a,b]
F(x) e M = max
x∈[a,b]
F(x), allora poich`e G

h
(t) ≥ 0 si ha
m
_
b
a
G

h
(t)dt ≤
_
b
a
F(t)G

h
(t)dt ≤ M
_
b
a
G

h
(t)dt (B.1.5)
e quindi (se
_
b
a
G

h
(t)dt ,= 0)
m ≤
_
b
a
F(t)G

h
(t)dt
_
b
a
G

h
(t)dt
≤ M (B.1.6)
103
104 APPENDICE B. CONVERGENZA PUNTUALE DELLA SERIE DI FOURIER
e quindi per il teorema dei valori intermedi si vede che esiste un t
h
∈ [a, b] tale che
F(t
h
) =
_
b
a
F(t)G

h
(t)dt
_
b
a
G

h
(t)dt
(B.1.7)
inserendo questa espressione in B.1.4 si ottiene
_
b
a
G
h
(t)f(t)dt = [F(t)G
h
(t)]
b
a
−F(t
h
)
_
b
a
G

h
(t)dt = (B.1.8)
= F(b)G
h
(b) −F(a)G
h
(a) −F(t
h
)G
h
(b) +F(t
h
)G
h
(a) =
= G
h
(b)
_
b
t
h
f(t)dt +G
h
(a)
_
t
h
a
f(t)dt
Se ora si sceglie una successione h
n
che tende a 0, a meno di sottosuccessioni si ha (per il teorema
di Bolzano-Weierstrass) t
h
n
→ t
0
∈ [a, b] utilizzando il teorema della convergenza dominata ed il
lemma precedente si ottiene
lim
n→∞
_
b
a
G
h
n
(t)f(t)dt =
_
b
a
lim
n→∞
G
h
n
(t)f(t)dt =
_
b
a
G(t)f(t)dt = (B.1.9)
= G(a)
__
t
0
a
f(x)dx
_
+ [ lim
x→b

G(x)]
_
_
b
t
0
f(x)dx
_
Si utilizzeranno ora funzioni a variazione limitata, per cui si rimanda alla definizione G.1.8 ed
al teorema G.1.4.
Teorema B.1.2 (Criterio di Dirichlet-Jordan). Sia f periodica di periodo 2π e sia f ∈ L
1
(−π, π).
Supponiamo inoltre che per un certo x esista un δ > 0 tale che f sia a variazione limitata in
[x −δ, x +δ], allora
lim
n→∞
S
n
f(x) =
f(x
+
) +f(x

)
2
(B.1.10)
Dimostrazione. procedendo come si `e fatto per dimostrare il criterio di Dini, si ottiene
S
n
f(x) −
f(x
+
) +f
(
x

)
2
=
_
π
0
D
n
(y)[(f(x +y) −f(x
+
)) + (f(x −y) −f(x

))]dy (B.1.11)
Sia ora δ > 0 come nell’ipotesi, allora per il lemma di Riemann-Lebesgue si ha
lim
n→∞
_
π
δ
D
n
(y)[(f(x +y) −f(x
+
)) + (f(x −y) −f(x

))]dy = 0 (B.1.12)
La funzione y → f(x + y) −f(x
+
) + f(x −y) −f(x

) = h(y) `e a variazione limitata se y ∈ [0, δ]
per ipotesi e lim
y→0
+ h(y) = 0, quindi per il teorema G.1.4 esistono G, H non decrescenti tali che
h = H −G su [0, δ] e si pu`o inoltre supporre (a meno di aggiungere una costante sia a H che a G)
che sia lim
y→0
+ G(y) = 0 e analogamente per H. Per concludere basta quindi mostrare che
lim
n→∞
_
δ
0
D
n
(y)G(y)dy = lim
n→∞
_
δ
0
D
n
(y)H(y)dy = 0 (B.1.13)
Dimostriamo l’uguaglianza precedente nel caso di G, essendo l’altro caso identico. Sia dato > 0
e sia 0 < δ
1
< δ tale che G(δ
1
) < , allora
_
δ
0
D
n
(y)G(y)dy =
_
δ
δ
1
D
n
(y)G(y)dy +
_
δ
1
0
D
n
(y)G(y)dy (B.1.14)
B.2. TEOREMA DI FEJER 105
Nuovamente per il lemma di Riemann-Lebesgue il primo integrale tende a 0. Usando il secondo
teorema della media per stimare il secondo integale si ottiene
¸
¸
¸
¸
¸
_
δ
1
0
D
n
(y)G(y)dy
¸
¸
¸
¸
¸
=
¸
¸
¸
¸
¸
G(δ

1
)
_
δ
1
δ
n
D
n
(y)dy
¸
¸
¸
¸
¸

¸
¸
¸
¸
¸
_
δ
1
δ
n
D
n
(y)dy
¸
¸
¸
¸
¸
(B.1.15)
Serve ora una stima dell’ultimo integrale indipendente da δ
n
. Si ha
D
n
(z) =
1

e
−inz
−e
i(n+1)z
1 −e
iz
=
1

e
−i(n+1/2)z
−e
i(n+1/2)z
e
iz/2
−e
iz/2
=
1

sin(n +
1
2
)z
sin
z
2
(B.1.16)
quindi
¸
¸
¸
¸
¸
_
δ
1
δ
n
D
n
(y)dy
¸
¸
¸
¸
¸
= C
¸
¸
¸
¸
¸
_
δ
1
δ
n
y
sin(y/2)
sin(n +
1
2
)y
y
dt
¸
¸
¸
¸
¸
(B.1.17)
inoltre y/ sin(y/2) `e limitata su [0, π], quindi basta stimare (cambiando variabile)
¸
¸
¸
¸
¸
_
δ
1
δ
n
sin(n +
1
2
)y
y
dy
¸
¸
¸
¸
¸
=
¸
¸
¸
¸
¸
_
b
a
sin t
t
dt
¸
¸
¸
¸
¸
(B.1.18)
e poich`e
¸
¸
¸
¸
¸
lim
A→∞
_
A
−A
sin y
y
¸
¸
¸
¸
¸
< ∞ (B.1.19)
si ha la limitazione cercata, quindi per ogni > 0
limsup
n→∞
¸
¸
¸
¸
S
n
f(x) −
f(x
+
) +f
(
x

)
2
¸
¸
¸
¸
≤ K (B.1.20)
(dove K `e indipendente da e n) quindi si ottiene l’enunciato.
B.2 Teorema di Fejer
Lemma B.2.1. Esiste K > 0 tale che per ogni x ∈ R, n ∈ N si ha
¸
¸
¸
¸
¸
n

k=1
sin kx
k
¸
¸
¸
¸
¸
≤ K (B.2.1)
Dimostrazione. per periodicit`a baster`a mostrare la tesi per x ∈ [0, π]. Si ha
1

n

k=−n,k=0
e
ikx
ik
=
1
π
n

k=1
sin kx
k
=
_
x
0
D
n
(t)dt −
x

(B.2.2)
dove D
n
(t) `e il nucleo di Dirichlet. Per concludere basta quindi mostrare che esiste un K > 0
tale che per ogni x ∈ [0, π], n ∈ N si abbia [
_
x
0
D
n
(t)dt[ ≤ K. A questo proposito studiamo
G
n
(x) =
_
x
0
D
n
(t)dt: ricordiamo che vale la formula
D
n
(t) =
1

sin[(n + 1/2)t]
sin(t/2)
(B.2.3)
gli zeri di D
n
(t) sono 2kπ/(2n +1), dove k ∈ N e k < n +1/2; inoltre la funzione [ sin[(n +1/2)t][
`e periodica di periodo 2π/(2n +1), sin(z/2) `e crescente in [0, π] e D
n
(t) ≥ 0 su [0, 2π/(2n +1)] da
106 APPENDICE B. CONVERGENZA PUNTUALE DELLA SERIE DI FOURIER
cui segue che G
n
(x) ≥ 0 su [0, π] e che il massimo di G
n
su [0, π] `e assunto nel primo zero di D
n
,
cio`e in 2π/(2n + 1). Quindi si ha
sup
x∈[0,π]
[G
n
(x)[ = G
n
(2π/(2n + 1)) =
_
2π/(2n+1)
0
1

sin[(n + 1/2)t]
sin(t/2)
dt ≤ (B.2.4)

_
2π/(2n+1)
0
1

(n + 1/2)t
sin(t/2)
dt ≤

2n + 1
1

(n + 1/2) sup
t∈[0,π]
t
sin(t/2)


1
2
sup
t∈[0,π]
t
sin(t/2)
= K < +∞
che conclude la dimostrazione poich`e K non dipende da n.
Teorema B.2.1. Il fatto che f : [−π, π] → C sia una funzione continua di periodo 2π non `e
condizione sufficiente affinch`e la serie di Fourier di f converga puntualmente ad f
Dimostrazione. per dimostrare il teorema si costruir`a una funzione continua la cui serie di Fourier
non converge in 0 seguendo la costruzione di Fejer: per ogni µ, n ∈ N si consideri la funzione:
Q
n,µ
(x) =
n

p=1
cos[(n +µ −p)x] −cos[(n +µ +p)x]
p
(B.2.5)
utilizzando le formule di addizione si ottiene:
Q
n,µ
(x) = 2 sin[(n +µ)x]
n

p=1
sin px
p
(B.2.6)
si devono ora utilizzare:
• una successione di numeri positivi ¦a
k
¦ tale che


k=1
a
k
< +∞
• una successione ¦n
k
¦ di interi tali che a
k
log n
k
non converga a zero
• una successione di interi ¦µ
k
¦ tale che µ
k+1
> µ
k
+ 2n
k
poniamo ora
Q
k
(x) = Q
n
k

k
(x) (B.2.7)
Per il lemma precedente si ha per ogni x ∈ R e ogni n ∈ N
[
n

p=1
sin px
p
[ < K (B.2.8)
quindi la serie


k=1
a
k
Q
k
(x) converge totalmente e quindi converge uniformemente ad una fun-
zione continua, sia essa f(x), quindi
f(x) =

k=1
a
k
Q
n
k

k
(x) (B.2.9)
poich`e ogni Q
k
`e pari e periodica di periodo 2π, anche f(x) sar`a una funzione pari e periodica di
periodo 2π, quindi il suo sviluppo in serie trigonometrica di Fourier avr`a la forma
S
n
f(x) =
c
0
2
+
n

k=1
c
k
cos(kx) (B.2.10)
B.2. TEOREMA DI FEJER 107
Per concludere resta da mostrare che S
n
f(0) non converge. Poich`e f `e limite uniforme di una serie
di funzioni, si possono calcolare i coefficienti di Fourier integrando termine a termine:
c
j
=
1
π
_
π
−π
f(t) cos(jt)dt =

k=1
a
k
π
_
π
−π
Q
k
(t) cos(jt)dt (B.2.11)
Per come sono stati scelti gli interi µ
k
, per ogni j al pi` u un unico termine della serie precedente
sar`a diverso da 0, quindi non si presentano problemi di convergenza nella definizione di c
j
. Tramite
calcolo diretto, si verifica che se µ
k
≤ j ≤ µ
k
+n
k
−1 l’unico termine che sopravvive in c
j
`e quello
per cui µ
k
+n
k
−p = j, quindi si ottiene:
µ
k
+n
k
−1

j=µ
k
c
j
=
n
k

p=1
a
k
p
≥ a
k
_
n
k
1
dt
t
= a
k
log n
k
(B.2.12)
da cui si ottiene immediatamente:
S
µ
k
+n
k
−1
f(0) −S
µ
k
−1
f(0) =
µ
k
+n
k
−1

j=µ
k
c
j
≥ a
k
log n
k
(B.2.13)
e quindi, per come sono stati scelti gli n
k
, S
n
f(0) non converge.
Una scelta delle costanti a
k
, n
k
, µ
k
potrebbe essere:
a
k
=
1
k
2
; n
k
= 2
k
2
; µ
k
= 2
k
2
(B.2.14)
e quindi a
k
log n
k
= log 2.
Definizione B.2.1. sia f una funzione in /
1
(−π, π), allora si definisce n-esima somma parziale
di Fejer (talvolta di Cesaro) la funzione:
σ
n
f(x) =
1
n + 1
n

k=0
S
k
f(x) (B.2.15)
cio`e la media aritmetica delle prime n + 1 somme parziali di Fourier
Usando le formule trigonometriche di addizione `e semplice verificare che
2 sin[y/2] sin[(k + 1/2)y] = cos[ky] −cos[(k + 1)y] (B.2.16)
da cui si ottiene:
n

k=0
sin[(k + 1/2)y] =
1
2 sin[y/2]
n

k=0
(cos[ky] −cos[(k + 1)y]) = (B.2.17)
=
1 −cos[(n + 1)y]
2 sin[y/2]
Questo semplice risultato sar`a utilizzato nella dimostrazione del seguente lemma, in cui si definisce
il nucleo di Fejer analogamente a quanto fatto per il nucleo di Dirichlet.
Lemma B.2.2. esiste una unica funzione F
n
(y) con la seguente propriet`a (1) e si ha:
1. σ
n
f(x) =
_
π
−π
F
n
(x −y)f(y)dy
2. F
n
`e periodica di periodo 2π
3.
_
π
−π
F
n
(y)dy = 1
108 APPENDICE B. CONVERGENZA PUNTUALE DELLA SERIE DI FOURIER
4. F
n
(y) =
1−cos[(n+1)y]
4π(n+1) sin
2
[y/2]
5. F
n
(y) ≥ 0 e se π > [y[ ≥ r > 0 allora lim
n→∞
F
n
(y) = 0
Dimostrazione. dalla definizione di σ
n
f(x) segue che:
σ
n
f(x) =
_
π
−π
_
1
n + 1
n

k=0
D
k
(x −y)
_
f(y)dy (B.2.18)
quindi
F
n
(y) =
1
n + 1
n

k=0
D
k
(y) (B.2.19)
dalle propriet`a di D
n
seguono i punti (2) e (3). Esplicitando nella relazione precedente D
n
(y) si
ottiene:
F
n
(y) =
1
2π(n + 1)
1
sin[y/2]
n

k=0
sin[(k + 1/2)y] = (B.2.20)
=
1
2π(n + 1) sin[y/2]
1 −cos[(n + 1)y]
2 sin[y/2]
=
1 −cos[(n + 1)y]
4π(n + 1) sin
2
[y/2]
questo dimostra (4) e la prima parte di (5). Se ora π > [y[ ≥ r > 0, allora si ha
[F
n
(y)[ ≤
2
4π(n + 1) sin
2
[r/2]
(B.2.21)
che dimostra (5).
Teorema B.2.2 (Fejer). Sia f : [−π, π] → C una funzione in /
1
(−π, π) periodica di periodo 2π.
Sia x tale che esistano f(x+) = lim
y→x
+ f(y) e f(x−) = lim
y→x
− f(y), allora si ha:
lim
n→∞
σ
n
f(x) =
f(x+) +f(x−)
2
(B.2.22)
se f `e anche continua, allora σ
n
f converge uniformemente a f su R
Dimostrazione. usando la periodicit`a di f e F
n
si pu`o procedere analogamente a quanto fatto nella
dimostrazione del teorema del Dini, ottenendo:
σ
n
f(x) =
_
π
0
F
n
(y)[f(x −y) +f(x +y)]dy = (B.2.23)
=
_
π
0
2F
n
(y)
_
f(x −y) +f(x +y)
2
_
dy
inoltre F
n
`e pari, quindi
_
π
0
2F
n
(y)dy = 1, quindi si ha anche:
f(x+) +f(x−)
2
=
_
π
0
2F
n
(y)
_
f(x+) +f(x−)
2
_
dy (B.2.24)
quindi
¸
¸
¸
¸
σ
n
f(x) −
f(x+) +f(x−)
2
¸
¸
¸
¸
= (B.2.25)
=
¸
¸
¸
¸
_
π
0
2F
n
(y)
_
f(x −y) +f(x +y)
2

f(x+) +f(x−)
2
_
dy
¸
¸
¸
¸


_
r
0
2F
n
(y)dy +
_
π
r
2F
n
(y)g(y)dy
B.2. TEOREMA DI FEJER 109
dove r `e scelto abbastanza piccolo da fare in modo che
¸
¸
¸
¸
f(x −y) +f(x +y)
2

f(x+) +f(x−)
2
¸
¸
¸
¸
< (B.2.26)
per ogni 0 < y ≤ r. Quindi usando la stima B.2.21 si ottiene:
¸
¸
¸
¸
σ
n
f(x) −
f(x+) +f(x−)
2
¸
¸
¸
¸
≤ +
_
π
r
g(y)
1
π(n + 1) sin
2
[r/2]
dy = (B.2.27)
= +
C
n + 1
→0
Sia ora f continua: allora f(x+) = f(x−) = f(x) e a causa della periodicit`a essa sar`a anche
uniformemente continua, quindi si pu`o scegliere r > 0 tale che la stima B.2.26 valga per ogni x,
ottenendo quindi la convergenza uniforme.
Bibliografia il controesempio di Fejer `e tratto da [4]. Per una dimostrazione del fatto che
esistono funzioni continue la cui serie di Fourier non converge su un insieme non numerabile di
punti si veda [8] cap. 5 (La dimostrazione fa uso di una conseguenza del lemma di Baire [vedi
appendice F] dimostrata poche pagine prima)
Appendice C
Riflessivit`a
Sia (X, | |
X
) uno spazio normato; ricordiamo che si chiama duale (topologico) di X lo spazio
X

delle applicazioni lineari continue di X in C. Se f ∈ X

si definisce norma di f il valore (finito
perch`e una operatore lineare `e continuo se e solo se `e limitato)
|f|

= sup
x∈X,x=0
[f(x)[
|x|
X
= sup
x
X
=1
[f(x)[ (C.0.1)
inoltre X

dotato di questa norma `e uno spazio di Banach (vedi teorema 3.2.2) poich`e C `e uno
spazio completo. Analogamente si pu`o definire il biduale (topologico) di X , indicato con X

,
come lo spazio dei funzionali lineari continui su X

, cio`e delle applicazioni lineari continue di X

in C. Poich`e il biduale di X `e il duale di X

, per ogni φ ∈ X

si ha la norma
|φ|

= sup
f∈X

,f=0
[φ(f)[
|f|

= sup
f

=1,f∈X

[φ(f)[ (C.0.2)
e X

dotato di questa norma `e uno spazio di Banach.
Vediamo ora che esiste una applicazione canonica (cio`e indipendente dalla base) di X in X

;
sia x ∈ X, allora definiamo φ
x
: X

→C nel seguente modo: per ogni f ∈ X

sia
φ
x
(f) = f(x) (C.0.3)
φ
x
`e un operatore lineare, infatti se α, β ∈ C e f, g ∈ X

si ha
φ
x
(αf +βg) = (αf +βg)(x) = αf(x) +βg(x) = αφ
x
(f) +βφ
x
(g) (C.0.4)
inoltre φ
x
`e continuo, infatti si ha

x
(f)[ = [f(x)[ ≤ |f|

|x|
X
(C.0.5)
quindi |φ
x
|

≤ |x|
X
e quindi φ
x
∈ X

. A questo punto definiamo J : X →X

come J(x) = φ
x
.
Vediamo innanzi tutto che J `e lineare: per ogni f ∈ X

, α, β ∈ C, x, y ∈ X si ha
J(αx +βy)(f) = φ
αx+βy
(f) = f(αx +βy) = αf(x) +βf(y) = (C.0.6)
= αφ
x
(f) +βφ
y
(f) = [αJ(x) +βJ(y)](f)
quindi J(αx +βy) = αJ(x) +βJ(y). Inoltre J `e continua: per ogni x ∈ X, x ,= 0 si ha
|Jx|

|x|
X
=

x
|

|x|
X

|x|
X
|x|
X
= 1 (C.0.7)
dove si `e usato il fatto precedentemente visto che |φ
x
|

≤ |x|
X
.
110
111
Definizione C.0.2. Uno spazio normato X si dice spazio riflessivo se J(X) = X

.
Prima di dimostrare il teorema seguente serve fare una osservazione: sia H uno spazio di
Hilbert, allora per il teorema di Riesz ad ogni f ∈ H

corrisponde un elemento x
f
∈ H tale che
f(x) = (x
f
, x). Consideriamo ora la applicazione f → x
f
: questa non `e una applicazione lineare
e si ha se f, g ∈ H

αf(x) +βg(x) = α(x
f
, x) +β(x
g
, x) = (αx
f
+βx
g
, x) (C.0.8)
quindi si ha
x
αf+βg
= αx
f
+βx
g
(C.0.9)
Teorema C.0.3. Ogni spazio di Hilbert `e uno spazio riflessivo.
Dimostrazione. notiamo innanzitutto che se H `e uno spazio di Hilbert allora anche H

`e uno spazio
di Hilbert: se f, g ∈ H

definiamo
(f, g) = (x
f
, x
g
) (C.0.10)
verifichiamo che questo `e un prodotto scalare e che esso genera la norma | |

rispetto a cui H

`e
completo: se f, g, p ∈ H

si ha
(f, g +p) = (x
f
, x
g+p
) = (x
f
, x
g
+x
p
) = (x
f
, x
g
) + (x
f
, x
p
) = (f, g) + (f, p) (C.0.11)
se α ∈ C si ha
(f, αg) = (x
f
, x
αg
) = (x
f
, αx
g
) = α(x
f
, x
g
) = α(f, g) (C.0.12)
infine per il teorema di Riesz si ha
(f, f) = (x
f
, x
f
) = |x
f
|
X
= |x
f
|
X
= |f|

(C.0.13)
Avendo verificato che (H

, | |

) `e uno spazio di Hilbert si pu`o applicare il teorema di Riesz in H

ottenendo quindi che per ogni ψ ∈ H

esiste f
ψ
∈ H

tale che per ogni g ∈ H

si ha ψ(g) = (f
ψ
, g).
A questo punto si pu`o vedere che ogni spazio di Hilbert `e riflessivo: sia ψ ∈ H

, allora si deve
mostrare che esiste ˜ x ∈ H tale che J(˜ x) = ψ, cio`e per ogni g ∈ H

si ha J(x)(g) = ψ(g) cio`e
ancora, dalla definizione di J, g(x) = ψ(g) per ogni g ∈ H

. Sia ora f
ψ
∈ H

il rappresentante di
ψ in H

, e sia x
f
ψ
∈ H il rappresentante in H di f
ψ
∈ H

. Mostriamo ora che ˜ x = x
f
ψ
: per ogni
g ∈ H

si ha
ψ(g) = (f
ψ
, g) = (x
f
ψ
, x
g
) = (x
g
, x
f
ψ
) = g(x
f
ψ
) (C.0.14)
che conclude la dimostrazione.
Appendice D
Complementi sugli operatori
compatti
D.1 Teorema dell’alternativa
Teorema D.1.1. Sia X uno spazio con prodotto scalare, allora la palla chiusa unitaria `e compatta
⇔ X ha dimensione finita.
Dimostrazione. ⇐) se X ha dimensione finita allora l’enunciato segue dal teorema di Bolzano-
Weierstrass (corollario 1.2.2).
⇒) se X ha dimensione infinita, esiste una successione infinita di vettori ortonormali ¦e
i
¦, ma
allora
|e
i
−e
j
|
2
= (e
i
−e
j
, e
i
−e
j
) = 2(1 −δ
ij
) (D.1.1)
quindi non esistono sottosuccessioni di ¦e
i
¦ che siano successioni di Cauchy, quindi non esistono
sottosuccessioni convergenti di ¦e
i
¦, quindi B(0, 1) non `e compatto.
Corollario D.1.1. Uno spazio vettoriale con prodotto scalare ha dimensione finita se e solo se da
ogni successione limitata si pu` o estrarre una sottosuccessione convergente.
Lemma D.1.1. Sia K : H →H un operatore compatto e sia T = I +K dove I `e l’operatore iden-
tit`a. Se ¦x
n
¦ `e una successione limitata e tale che Tx
n
→y ∈ H, allora esiste una sottosuccessione
¦x
n
k
¦ tale che
x
n
k
→x Tx = y (D.1.2)
Dimostrazione. poich`e ¦x
n
¦ `e limitata e K `e compatto, esiste una sottosuccessione ¦x
n
k
¦ tale che
Kx
n
k
converge; sia Kx
n
k
→ z, allora x
n
k
= Tx
n
k
− Kx
n
k
→ y − z. Poniamo x = y − z, allora
x
n
k
→x e dalla continuit`a di T segue che Tx = lim
k→∞
Tx
n
k
= lim
n→∞
Tx
n
= y.
Teorema D.1.2 (Teorema dell’alternativa di Fredholm-Riesz). Sia H uno spazio di Hilbert e
T = I +K dove K `e un operatore compatto. Allora
1. l’immagine R(T) di T `e un insieme chiuso.
2. ker T e ker T

hanno dimensione finita
3. se ker T = ¦0¦ allora ker T

= ¦0¦
4. se ker T

= ¦0¦ allora ker T = ¦0¦
5. ker T e ker T

hanno la stessa dimensione
6. T `e iniettivo se e solo se `e surgettivo e in questo caso T
−1
`e un operatore continuo.
112
D.1. TEOREMA DELL’ALTERNATIVA 113
Dimostrazione. 1) mostriamo che esiste una costante c > 0 tale che
|x| ≤ c|Tx| ∀x ∈ (ker T)

(D.1.3)
Supponiamo che l’equazione precedente non sia soddisfatta, allora per ogni c > 0 esisterebbe un
ξ
c
∈ (ker T)

tale che |ξ
c
| > c|Tξ
c
|; dividendo entrambi i membri della precedente uguaglianza
per |ξ
c
| (che `e > 0 per l’uguaglianza precedente) e usando la linearit`a di T si vede che 1 > c|Tξ

c
| ≥
0 dove |ξ

c
| = 1, quindi esisterebbe una successione x
n
= ξ

n
tale che |x
n
| = 1 e |Tx
n
| <
1
n
cio`e
|Tx
n
| →0. Per il lemma D.1.1 esisterebbero allora una sottosuccessione x
n
k
∈ (ker T)

e x ∈ H
tali che x
n
k
→x ,Tx = 0 , |x| = 1, ma (ker T)

`e un insieme chiuso e quindi x ∈ (ker T)

, cio`e
x ∈ ker T x ∈ (ker T)

|x| = 1 (D.1.4)
poich`e (ker T) ∩(ker T)

= ¦0¦, non esiste un x ∈ H che soddisfi D.1.4 e quindi la relazione D.1.3
deve essere vera.
Sia ora P : H → H la proiezione ortogonale su (ker T)

, ¦y
n
¦ una successione in R(T) tale
che y
n
→y ∈ H; si vuole vedere che y ∈ R(T). Sia x
n
tale che y
n
= Tx
n
e poniamo z
n
= P(x
n
),
allora z
n
∈ (ker T)

, Tz
n
= Tx
n
= y
n
e dalla D.1.3 segue che |z
n
| ≤ c|y
n
|; poich`e y
n
→ y, la
successione z
n
`e limitata e si ha Tz
n
→y, quindi per il lemma D.1.1 esistono una sottosuccessione
¦z
n
k
¦ e z ∈ H tali che z
n
k
→z e Tz = y, quindi y ∈ R(T), che `e quindi un insieme chiuso.
2) Sia ¦x
n
¦ una successione limitata di ker T, allora Tx
n
= 0 per ogni n e quindi per il
lemma D.1.1 esistono una sottosuccessione ¦x
n
k
¦ e un x ∈ H tale che x
n
k
→ x e Tx = 0, quindi
ogni successione limitata di ker T ammette una sottosuccessione convergente in ker T, quindi per
il corollario D.1.1 lo spazio ker T ha dimensione finita. In modo identico si vede che ker T

ha
dimensione finita.
3) Sia H = H
0
e H
1
= R(T); per il punto (1), H
1
`e un sottospazio chiuso. Analogamente
H
2
= T(H
1
) `e un sottospazio chiuso, inoltre se x ∈ H
2
, allora esiste un y ∈ H
1
⊂ H tale che
x = Ty, quindi H
2
⊂ H
1
. Procedendo per induzione si ottiene una successione ¦H
i
¦ di sottospazi
chiusi tali che
H
0
⊃ H
1
⊃ H
n
⊃ (D.1.5)
Supponiamo ora per assurdo che per ogni n si abbia H
n
,= H
n+1
; allora esisterebbe una successione
¦e
n
¦ tale che |e
n
| = 1 e e
n
∈ H
n
∩H

n+1
. Se n > m si ha allora Te
n
, Te
m
, e
n
∈ H
m+1
e e
m
∈ H

m+1
Ke
n
−Ke
m
= (e
n
+Ke
n
) −(e
m
+Ke
m
) −e
n
+e
m
= z
mn
+e
m
(D.1.6)
dove z
mn
= (e
n
+Ke
n
) −(e
m
+Ke
m
) −e
n
∈ H
m+1
, quindi si ha
|Ke
n
−Ke
m
|
2
= |z
nm
|
2
+|e
m
|
2
≥ 1 (D.1.7)
e quindi la successione ¦Ke
n
¦ non avrebbe sottosuccessioni convergenti, contrariamente al fatto
che ¦e
n
¦ `e una successione limitata e K `e un operatore compatto, quindi esiste un ¯ n tale che
H
¯ n
= H
¯ n+1
.
Supponiamo ora per assurdo che ker T = ¦0¦ e R(T) = H
1
,= H
0
; sia ora ¯ n il pi` u piccolo
naturale tale che H
¯ n
= H
¯ n+1
(in particolare si deve quindi avere ¯ n > 0), cio`e T(H
¯ n−1
) = T(H
¯ n
) e
quindi per l’iniettivit`a di T (si ricordi che L operatore lineare `e iniettivo se e solo se ker L = ¦0¦) si
ha H
¯ n−1
= H
¯ n
, ma ci`o `e contrario all’ipotesi che ¯ n sia il pi` u piccolo naturale tale che H
¯ n
= H
¯ n+1
,
quindi si deve avere H
0
= H
1
, cio`e R(T) = H e T `e suriettivo.
Per la definizione di aggiunto si ha
(Tx, y) = (x, T

y) (D.1.8)
quindi ker T = R(T

)

e ker T

= R(T)

, ma si `e visto che R(T) = H, quindi ker T

= ¦0¦.
4) si applica (3) a S = I + K

(ci`o `e lecito poich`e K compatto ⇒ K

compatto) e si usa il
fatto che S

= T
114 APPENDICE D. COMPLEMENTI SUGLI OPERATORI COMPATTI
5) Si deve mostrare che ker T = R(T

)

e ker T

= R(T)

hanno la stessa dimensione. Vediamo
innanzitutto che si ha
dimker T ≥ dimR(T)

(D.1.9)
Supponiamo per assurdo che sia dimker T < dimR(T)

, allora esisterebbe un operatore lineare
e continuo (poich`e tra spazi di dimensione finita per il punto 2) L : ker T → R(T)

iniettivo ma
non surgettivo; si potrebbe allora estendere L ad un operatore L : H → R(T)

ponendo Lx = 0
per ogni x ∈ (ker T)

. L’operatore L : H →H cos`ı costruito avrebbe come immagine R(T)

che
per il punto (2) `e uno spazio di dimensione finita, quindi L risulta essere un operatore compatto e
quindi L+K `e un operatore compatto. Inoltre ker(I +L+K) = ¦0¦, infatti da u +Ku +Lu = 0
segue Tu = u +Ku = −Lu ∈ R(T)

, quindi Tu = Lu = 0, quindi u ∈ ker T e poich`e L `e iniettivo
su ker T, si ha u = 0. Dal punto (3) segue allora che I +L+K `e surgettivo, mentre se v ∈ R(T)

,
v / ∈ R(L) (un tale v esiste poich`e L non `e surgettivo) l’equazione Tu + Lu = u + Ku + Lu = v
non ha soluzioni, poich`e sia v che Lu sono in R(T)

, quindi si dovrebbe avere v = L(u) mentre
v ,∈ R(L), assurdo. Quindi si `e dimostrata la relazione D.1.9.
Sostituendo K con K

la dimostrazione precedente resta valida e quindi si ottiene
dimker T

≥ dimR(T

)

(D.1.10)
quindi dimR(T)

= dimker T, cio`e dimker T

= dimker T.
6) Nella (3) si `e visto che ker T = ¦0¦ ⇒ R(T) = H, ci`o se T `e iniettivo `e anche surgettivo.
Supponiamo ora che T sia surgettivo, cio`e R(T) = H, ma allora ker T

= R(T)

= ¦0¦ e quindi
per il punto (4) si ha ker T = ¦0¦, cio`e T `e iniettivo.
Da |x| ≤ c|Tx| (equazione D.1.3 con ker T = ¦0¦), sostituendo x con T
−1
y si vede che
|T
−1
y| ≤ c|y|, quindi T
−1
`e continua.
Il punto (6) del teorema precedente, non `e in generale vero per gli operatori continui tra spazi
di Hilbert che non siano della forma I +K:
1) sia X =
2
e L(x
1
, x
2
, . . . , x
n
, . . .) = (0, x
1
, x
2
, . . .); allora L `e un operatore continuo ed `e
evidentemente iniettivo, ma non `e suriettivo, in quanto ad esempio (1, 0, . . . , 0, . . .) non `e nella sua
immagine.
2) sia X =
2
e sia L(x
1
, x
2
, . . . , x
n
, . . .) = (x
2
, x
3
, . . .), allora L `e lineare e continuo. L `e
surgettivo: se (y
1
, y
2
, . . . , y
n
, . . .) ∈
2
allora si ha L(1, y
1
, y
2
, . . .) = (y
1
, y
2
, . . .); ma L non `e
iniettivo: L(1, y
1
, y
2
, . . .) = L(0, y
1
, y
2
, . . .).
`
E invece un fatto generale il fatto che se L `e un operatore lineare continuo e biunivoco tra
due spazi di Hilbert (pi` u in generale tra due spazi di Banach) allora L
−1
`e continuo. Per la
dimostrazione vedi l’appendice sulle conseguenze del lemma di Baire.
D.2 Teoria spettrale
Definizione D.2.1. Sia T : H → H un operatore, H spazio di Hilbert. Si chiama spettro di
T l’insieme σ(T) dei numeri complessi λ tali che λI − T non `e biunivoco. Si chiama spettro
puntuale l’insieme σ
p
(T) dei numeri complessi tali che λI −T non `e iniettivo. Gli elementi dello
spettro puntuale si dicono autovalori , gli elementi di ker(λI − T) si dicono autovettori relativi
all’autovalore λ; ker(λI −T) si chiama autospazio dell’autovalore λ.
Se lo spazio di Hilbert H della definizione precedente ha dimensione infinita, in generale σ(T) ,=
σ
p
(T).
Lemma D.2.1. Sia T : H → H un operatore e λ ∈ C, allora λ `e un autovalore ⇔ esiste un
vettore v ,= 0 tale che Tv = λv.
Dimostrazione. ⇐) (λI −T)0 = (λI −T)v = 0 e v ,= 0 quindi λI −T non `e iniettivo e quindi λ `e
un autovalore.
⇒) Sia λI − T non iniettivo, allora esistono x, y ∈ H tali che x ,= y e (λI − T)x = (λI − T)y
cio`e (λI −T)(x −y) = 0; ponendo x −y = v si ha l’enunciato.
D.2. TEORIA SPETTRALE 115
Lemma D.2.2. Sia T : H →H un operatore lineare continuo di norma |T| allora se µ ∈ σ(T),
si ha [µ[ ≤ |T|.
Dimostrazione. sia µ ∈ C tale che [µ[ > |T| e dimostriamo che µI −T `e bigettivo: consideriamo
l’equazione Tu −µu = f; essa `e equivalente a
u =
1
µ
(Tu −f) (D.2.1)
ma `e immediato vedere che la funzione u →
1
µ
(Tu −f) `e una contrazione, poich`e
_
_
_
_
1
µ
(Tu
1
−f) −
1
µ
(Tu
2
−f)
_
_
_
_
=
1
[µ[
|T(u
1
−u
2
)| ≤
|T|
[µ[
|u
1
−u
2
| < |u
1
−u
2
| (D.2.2)
quindi essa ha un unico punto fisso, quindi l’equazione Tu − µu = f ha una e una sola soluzione
per ogni f ∈ H, cio`e Tu −µu `e biunivoco, quindi µ / ∈ σ(T)
Nella dimostrazione dei seguenti due teoremi si user`a un teorema (per la dimostrazione del
quale si rimanda alla appendice sulle conseguenze del lemma di Baire) secondo il quale se T `e un
operatore lineare continuo e biunivoco tra spazi di Banach, allora T
−1
`e pure continuo.
Teorema D.2.1. Sia T : H → H un operatore lineare continuo, allora σ(T) `e un insieme
compatto.
Dimostrazione. per il lemma precedente σ(T) `e limitato in C, quindi baster`a quindi mostrare
che `e anche chiuso per dedurne che `e compatto usando il teorema di Bolzano-Weierstrass. Sia
ρ(T) = [σ(T)]
c
(ρ(T) ⊂ C `e detto insieme risolvente di T) e λ
0
∈ ρ(T) e dato f ∈ H studiamo
l’equazione Tu −λu = f; essa pu`o essere riscritta come
u = (T −λ
0
I)
−1
[f + (λ −λ
0
)u] (D.2.3)
`
E immediato verificare che il secondo membro di D.2.3 `e una contrazione se
[λ −λ
0
[ |(T −λ
0
I)
−1
| < 1 (D.2.4)
e quindi B(λ
0
, 1/[2|(T − λ
0
I)
−1
]|) ⊂ ρ(T), quindi ρ(T) `e aperto e quindi σ(T) `e chiuso e quindi
compatto.
Teorema D.2.2. Sia K : H → H un operatore compatto e H abbia dimensione infinita, allora
0 ∈ σ(T).
Dimostrazione. supponiamo per assurdo che 0 / ∈ σ(K), allora K `e biunivoco e, poich`e `e compatto,
continuo; allora per il teorema citato si dovrebbe avere che K
−1
`e ancora un operatore continuo.
Ma allora K ◦ K
−1
= I dovrebbe essere un operatore compatto, mentre in dimensione infinita
l’identit`a non `e un operatore compatto.
Teorema D.2.3. Sia H uno spazio di Hilbert e K un operatore compatto su H, allora valgono le
seguenti affermazioni:
1. K ha al pi` u un insieme numerabile di autovalori aventi come unico possibile punto di accu-
mulazione 0.
2. gli autospazi relativi ad autovalori non nulli hanno dimensione finita.
3. σ(K)¸¦0¦ = σ
p
(K)¸¦0¦
116 APPENDICE D. COMPLEMENTI SUGLI OPERATORI COMPATTI
Dimostrazione. 1) mostriamo innanzitutto che σ
p
(K) non ha punti di accumulazione diversi da
0. Supponiamo per assurdo che esista una successione ¦λ
n
¦ di autovalori distinti e non nulli tale
che λ
n
→ λ ,= 0 e sia u
n
un autovettore (non nullo) di λ
n
. Definiamo quindi µ
n
= 1/λ
n
e
V
n
= span¦u
1
, . . . , u
n
¦. Sia ora v
1
∈ V
1
tale che |v
1
| = 1 e per n ≥ 2 sia v
n
∈ V
n
∩ V

n−1
tale che
|v
n
| = 1; ci`o ha senso poich`e autovettori non nulli relativi ad autovalori diversi sono linearmente
indipendenti, quindi u
n
non `e in V
n−1
e quindi V
n
∩ V

n−1
`e diverso da ¦0¦; esplicitamente si ha
(dove N
n
`e una costante di normalizzazione)
v
n
= N
n
_
u
n

n−1

i=1
(u
i
, u
n
)u
i
_
(D.2.5)
e quindi v
n
− µ
n
Kv
n
∈ V
n−1
. Se n > m si ha allora v
n
− µ
n
Kv
n
∈ V
n−1
, µ
m
Kv
m
∈ V
n−1
e
v
n
∈ V

n−1
, quindi
K(µ
n
v
n
−µ
m
v
m
) = v
n
−(v
n
−µ
n
Kv
n

m
Kv
m
) = v
n
−z (D.2.6)
con v
n
∈ V

n−1
e z ∈ V
n−1
, quindi
|K(µ
n
v
n
) −K(µ
m
v
m
)|
2
= |v
n
|
2
+|z|
2
> 1 (D.2.7)
quindi dalla successione ¦K(µ
n
v
n
)¦ non si possono esttrarre sottosuccessioni convergenti, contra-
riamente al fatto che K `e un operatore compatto e che ¦µ
n
v
n
¦ `e una successione limitata.
Si `e quindi visto che l’unico possibile punto di accumulazione per σ
p
(K) `e 0. Definiamo ora
A
n
= σ
p
(K) ∩ B(0, 1/n)
c
∩ B(0, |K|) (D.2.8)
si ha evidentemente σ
p
(K)¸¦0¦ =


n=1
A
n
, quindi per mostrare che σ
p
(K) `e al pi` u numerabile
basta mostrare che ogni A
n
consiste solo di un numero finito di elmenti. Supponiamo per assurdo
che A
¯ n
abbia infiniti elementi, allora per il teorema di Bolzano-Weierstrass (seconda forma), A
¯ n
dovrebbe avere un punto di accumulazione in C, ma un punto di accumulazione y di A
¯ n
sarebbe
anche un punto di accumulazione per σ
p
(K), quindi si dovrebbe avere y = 0, ma y = 0 non pu`o
essere punto di accumulazione di A
n
per nessun n, quindi ogni A
n
`e composto al pi` u da un numero
finito di elementi.
2) discende dal punto (2) del teorema dell’alternativa.
3) discende dal punto (6) del teorema dell’alternativa.
Bibliografia: quanto precede `e con minime variazioni quanto riportato nei paragrafi 3 e 4 del
capitolo X di [4]. Tutti i risultati qui riportati possono essere estesi a spazi di Banach (ovviamente
con una diversa definizione di aggiunto) vedi [1],[6], [9].
Appendice E
Problema di Sturm-Liouville
In questa appendice saranno dati per conosciuti alcuni aspetti elementari della teoria delle equazioni
differenziali lineari.
Si vuole mostrare come i risultati ottenuti per gli operatori compatti autoaggiunti siano appli-
cabili ad una notevole classe di problemi ai limiti, ci`o che sar`a fatto nel secondo paragrafo. Nel
primo si chiarisce il perch`e della forma del problema di Sturm-Liouville.
E.1 Problemi ai limiti
Si chiama problema ai limiti del secondo ordine il problema consistente nella risoluzione dell’equa-
zione
a
2
(x)y

+a
1
(x)y

+a
0
(x)y = h(x) (E.1.1)
dove a
0
, a
1
, a
2
, h sono funzioni continue nell’intervallo [a, b] e a
2
(x) ,= 0, con le condizioni ai limiti
α
1
y(a) +α
2
y

(a) +α
3
y(b) +α
4
y

(b) = γ
1
(E.1.2)
β
1
y(a) +β
2
y

(a) +β
3
y(b) +β
4
y

(b) = γ
2
(E.1.3)
`
E comodo introdurre le seguenti notazioni abbreviate: L : (
2
(a, b) →((a, b), B
i
: (
1
(a, b) →R nel
modo seguente:
(Ly)(x) = a
2
(x)y

(x) +a
1
(x)y(x) +a
0
y(x) (E.1.4)
B
1
y = α
1
y(a) +α
2
y

(a) +α
3
y(b) +α
4
y

(b) (E.1.5)
B
2
y = β
1
y(a) +β
2
y

(a) +β
3
y(b) +β
4
y

(b) (E.1.6)
quindi il problema ai limiti si pu`o riscrivere come
Ly = h; B
1
y = γ
1
; B
2
y = γ
2
(E.1.7)
Si chiama problema ai limiti omogeneo quello in cui h = 0, γ
1
= γ
2
= 0.
Il seguente teorema `e noto come teorema dell’alternativa per i problemi ai limiti.
Teorema E.1.1 (esistenza e unicit`a). Siano u(x), v(x) due soluzioni indipendenti di Ly = 0.
Allora il problema ai limiti E.1.7 ammette una soluzione unica per ogni h continua, γ
1
, γ
2
∈ R se
e solo se
det
_
B
1
u B
1
v
B
2
u B
2
v
_
,= 0 (E.1.8)
cio`e se il problema omogeneo associato ha la sola soluzione nulla.
117
118 APPENDICE E. PROBLEMA DI STURM-LIOUVILLE
Dimostrazione. sia w(x) una soluzione particolare di Ly = h, allora la soluzione generale di Ly = h
ha la forma y(x) = c
1
u(x) +c
2
v(x) +w(x). Affinch`e la soluzione generale verifichi le condizioni ai
limiti E.1.7 si deve avere
_
B
1
u B
1
v
B
2
u B
2
v
__
c
1
c
2
_
=
_
γ
1
−B
1
w
γ
2
−B
2
w
_
(E.1.9)
Il sistema precedente ammette soluzione per ogni h(x), γ
1
, γ
2
se e solo se la condizione E.1.8 `e
soddisfatta; in questo caso la soluzione `e inoltre anche unica. Se in E.1.9 si pone γ
1
= γ
2
= 0 e
w(x) = 0 si ottiene il caso del problema omogeneo e la condizione E.1.8 `e equivalente al fatto che
in questo caso l’unica soluzione sia c
1
= c
2
= 0, cio`e la soluzione nulla.
Lemma E.1.1. Nelle ipotesi del teorema di esistenza la soluzione del problema ai limiti Ly = h,
y(a) = 0, y

(a) = 0 pu`o essere scritta nella forma
y(x) =
_
b
a
G
0
(x, t)h(t)dt (E.1.10)
dove G
0
(x, t) `e una funzione continua su [a, b] [a, b].
Dimostrazione. sia w(x, t) la soluzione (nella variabile x) del problema di Cauchy
_
_
_
Ly = 0
y(t) = 0
y

(t) = 1
(E.1.11)
e mostriamo che la soluzione del problema Ly = h, y(a) = 0, y

(a) = 0 `e
Y (x) =
_
x
a
w(x, t)
h(t)
a
2
(t)
dt (E.1.12)
Si user`a la seguente formula di semplice verifica: se z(x) =
_
x
a
f(x, t)dt dove f `e derivabile due
volte rispetto a x, allora
z

(x) = f(x, x) +
_
x
a
∂f(x, t)
∂x
dt (E.1.13)
Applicando la formula E.1.13 a E.1.12 e ricordando la definizione di w(x, t) si ottiene subito
Y

(x) = w(x, x)
h(x)
a
2
(x)
+
_
x
a
w

(x, t)
h(t)
a
2
(t)
=
_
x
a
w

(x, t)
h(t)
a
2
(t)
Y

(x) = w

(x, x)
h(x)
a
2
(x)
+
_
x
a
w

(x, t)
h(t)
a
2
(t)
=
h(x)
a
2
(x)
+
_
x
a
w

(x, t)
h(t)
a
2
(t)
quindi si ha Y (a) = 0 e Y

(a) = 0 e infine
a
2
(x)Y

(x) +a
1
(x)Y

(x) +a
0
(x)Y (x) = h(x) + (E.1.14)
+
_
x
a
[a
2
(x)w

(x, t) +a
1
(x)w

(x, t) +a
0
(x)w(x, t)]
h(t)
a
2
(t)
dt = h(x)
quindi E.1.12 `e soluzione del problema Ly = 0, y(a) = 0, y

(a) = 0.
`
E a questo punto immediato
vedere che la E.1.12 pu`o essere scritta nella forma E.1.10 ponendo
G
0
(x, t) =
_
w(x, t)/a
2
(t) se a ≤ t ≤ x ≤ b
0 se a ≤ x < t ≤ b
(E.1.15)
G
0
`e continua poich`e per costruzione w(x, x) = 0.
E.1. PROBLEMI AI LIMITI 119
Teorema E.1.2 (Esistenza della funzione di Green). Nelle ipotesi del teorema di esistenza esiste
una unica funzione G(x, t) : [a, b] [a, b] →R continua tale che la soluzione del problema Ly = h,
B
1
y = 0, B
2
y = 0 `e data da
y(x) =
_
b
a
G(x, t)h(t)dt (E.1.16)
Una tale G(x, t) si chiama funzione di Green o in certi testi nucleo integrante.
Dimostrazione. Dimostriamo innanzitutto l’unicit`a: siano G
1
, G
2
due funzioni che soddisfano
E.1.16, allora per l’unicit`a della soluzione si ha
_
b
a
(G
1
(x, t) −G
2
(x, t))h(t)dt = 0 (E.1.17)
scegliendo in particolare h(t) = G
1
(x, t) −G
2
(x, t) si ottiene che G
1
(x, t) = G
2
(x, t).
Dimostriamo ora che una funzione G come nell’enunciato esiste: cerchiamo una funzione della
forma
G(x, t) = d
1
(t)u(x) +d
2
(t)v(x) +G
0
(x, t) (E.1.18)
dove d
i
sono funzioni continue, u, v sono due soluzioni indipendenti di Ly = 0 e G
0
`e la funzione
definita nel lemma E.1.1.
`
E immediato vedere che la E.1.18 inserita all’interno di E.1.16 rende la
y soluzione di Ly = h. Resta ora da determinare d
1
, d
2
in modo tale che B
1
y = 0 e B
2
y = 0;
affinch`e una tale condizione sia soddisfatta `e sufficiente che B
1
G(x, t) = 0 e B
2
G(x, t) = 0 per ogni
t ∈ [a, b] (gli operatori B
i
sono applicati alla variabile x). Imporre questa seconda condizione `e
equivalente a risolvere il seguente sistema lineare nelle incognite d
1
(t), d
2
(t):
_
B
1
u B
1
v
B
2
u B
2
v
__
d
1
(t)
d
2
(t)
_
= −
_
B
1
G
0
(x, t)
B
2
G
0
(x, t)
_
(E.1.19)
e il sistema precedente ha una soluzione a causa di E.1.8.
Lemma E.1.2. Siano a
2
∈ (
2
, a
1
∈ (
1
e a
0
∈ ( con a
2
(x) ,= 0 su [a, b] e sia L l’operatore definito
in E.1.4. Definendo L

come
L

z = (a
2
(x)z)

−(a
1
(x)z)

+a
0
(x)z (E.1.20)
e usando il prodotto scalare ( , ) di L
2
si ha la seguente identit`a per ogni y, z ∈ (
2
(Ly, z) −(y, L

z) = ¦a
2
(x)[y

(x)z(x) −y(x)z

(x)]¦
b
a
+ [(a
1
(x) −a

2
(x))y(x)z(x)]
b
a
(E.1.21)
L’operatore L

`e detto operatore aggiunto di L.
Dimostrazione. Si ha
(Ly, z) =
_
b
a
(a
2
(x)y

(x) +a
1
(x)y

(x) +a
0
(x)y(x))z(x)dx (E.1.22)
inoltre integrando per parti si ha
_
b
a
a
2
y

(x)z(x)dx = [y

(x)a
2
(x)z(x)]
b
a

_
b
a
y

(x)(a
2
z)

(x)dx = (E.1.23)
= [y

(x)a
2
(x)z(x)]
b
a
−[y(x)(a
2
z)

(x)]
b
a
+
_
b
a
y(x)(a
2
z)

(x)dx
e analogamente
_
b
a
a
1
(x)y

(x)z(x)dx = [y(x)a
1
(x)z(x)]
b
a

_
b
a
y(x)(a
1
z)

(x)dx (E.1.24)
Inserendo E.1.23 e E.1.24 all’interno di E.1.22 e usando E.1.20 si ottiene E.1.21.
120 APPENDICE E. PROBLEMA DI STURM-LIOUVILLE
Teorema E.1.3. Consideriamo il problema Ly = 0, B
1
y = 0, B
2
y = 0 e supponiamo che i vet-
tori (α
1
, α
2
, α
3
, α
4
), (β
1
, β
2
, β
3
, β
4
) che definiscono B
1
, B
2
siano linearmente indipendenti. Allora
esistono
B

1
z = γ
1
z(a) +γ
2
z

(a) +γ
3
z(b) +γ
4
z

(b) (E.1.25)
B

2
z = δ
1
z(a) +δ
2
z

(a) +δ
3
z(b) +δ
4
z

(b) (E.1.26)
tali che (Ly, z) = (y, L

z) per tutte le funzioni y, z ∈ (
2
che soddisfano B
1
y = B
2
y = 0 e B

1
z =
B

2
z = 0. I coefficienti γ
i
, δ
i
non sono unici, ma lo spazio delle funzioni z che soddisfano B

1
z =
B

2
z = 0 `e unico.
Dimostrazione. il secondo membro di E.1.21 pu`o essere scritto come y
T
Cz dove
y = (y(a), y

(a), y(b), y

(b))
T
, z = (z(a), z

(a), z(b), z

(b))
T
e
C =
_
−D(a) 0
0 D(b)
_
; D(x) =
_
a
1
(x) −a

2
(x) −a
2
(x)
a
2
(x) 0
_
(E.1.27)
Consideriamo una matrice invertibile 44, sia essa B, le cui due prime colonne siano i vettori

1
, α
2
, α
3
, α
4
)
T
e (β
1
, β
2
, β
3
, β
4
)
T
, allora (B
1
y, B
2
y, . . .) = y
T
B e quindi si ottiene
y
T
Cz = (B
1
y, B
2
y, . . .)B
−1
Cz (E.1.28)
Se si denotano con (γ
1
, γ
2
, γ
3
, γ
4
) e (δ
1
, δ
2
, δ
3
, δ
4
) le ultime due righe della matrice B
−1
C si vede
subito che se y, z ∈ (
2
sono tali che B
1
y = B
2
y = 0 e B

1
z = B

2
z = 0 allora y
T
Cz = 0 e quindi
(Ly, z) = (y, L

z).
I coefficienti γ
i
, δ
i
dipendono evidentemente dalla matrice B scelta. Se
ˆ
B `e un’altra matrice
invertibile le cui due prime colonne sono uguali a quelle di B, si ha allora che esistono due matrici
22 U, V , V invertibile, tali che
ˆ
B = B
_
I U
0 V
_
;
ˆ
B
−1
=
_
I −UV
−1
0 V
−1
_
B
−1
(E.1.29)
dove I `e la matrice identit`a 22. I coefficienti ˆ γ
i
,
ˆ
δ
i
corrispondenti alla scelta di
ˆ
B sono allora
legati a γ
i
, δ
i
da
_
ˆ γ
1
ˆ γ
2
ˆ γ
3
ˆ γ
4
ˆ
δ
1
ˆ
δ
2
ˆ
δ
3
ˆ
δ
4
_
= V
−1
_
γ
1
γ
2
γ
3
γ
4
δ
1
δ
2
δ
3
δ
4
_
(E.1.30)
e quindi generano condizioni ai limiti equivalenti alle E.1.25,E.1.26
Definizione E.1.1. Se il problema ai limiti Ly = 0, B
1
y = B
2
y = 0 soddisfa le ipotesi del
teorema E.1.3 allora il problema L

y = 0, B

1
y = B

2
y = 0 come definiti in E.1.20, E.1.25, E.1.26
si dice problema aggiunto. Un problema si dice autoaggiunto se per ogni y, z ∈ (
2
che soddisfano
B
1
y = B
2
y = 0 e B

1
z = B

2
z = 0 si ha (Ly, z) = (y, Lz).
L’importanza dei problemi autoaggiunti `e data dal seguente:
Teorema E.1.4. Supponiamo il problema Ly = 0, B
1
y = B
2
y = 0 soddisfi le ipotesi del teorema
E.1.3, allora esso ammette soluzione unica se e solo se il problema aggiunto L

y = 0, B

1
y =
B

2
y = 0 ammette soluzione unica. In questo caso le funzioni di Green dei due problemi soddisfano
la relazione
G

(x, t) = G(t, x) (E.1.31)
in particolare la funzione di Green di un problema autoaggiunto `e simmetrica.
Dimostrazione. supponiamo che Ly = 0, B
1
y = B
2
y = 0 possieda una sola soluzione e denotiamo
con z una soluzione del problema aggiunto L

z = 0, B

1
z = B

2
z = 0. Sia Y (x) la soluzione del
problema Ly = z, B
1
y = B
2
y = 0, allora si ha
|z|
2
= (z, z) = (LY, z) = (Y, L

z) = (Y, 0) = 0 (E.1.32)
E.2. PROBLEMA DI STURM-LIOUVILLE 121
e quindi z = 0 e il problema aggiunto ha soluzione unica. L’altra implicazione si mostra in modo
identico.
Per mostrare la relazione E.1.31 consideriamo due funzioni continue f, g e definiamo
y(x) =
_
b
a
G(x, t)f(t)dt; z(x) =
_
b
a
G

(x, t)g(t)dt (E.1.33)
per la definizione di funzione di Green le funzioni y, z soddisfano allora i problemi ai limiti Ly = f,
B
1
y = B
2
y = 0 e L

z = g, B

1
z = B

2
z = 0. La relazione (Ly, z) = (y, L

z) (cio`e (f, z) = (y, g))
diventa allora
_
b
a
_
b
a
(G

(x, t) −G(t, x))f(x)g(t)dtdx = 0 (E.1.34)
che deve essere verificata per ogni f, g continua, quindi si ottiene G

(x, t) = G(t, x).
Riassumendo si ottiene quindi che, sotto certe ipotesi, se un problema ai limiti `e autoaggiunto
l’operatore che associa la funzione continua f alla soluzione del problema Ly = f, B
1
y = B
2
y = 0
`e un operatore compatto autoaggiunto.
Lemma E.1.3. Condizione necessaria affinch`e il problema Ly = 0, B
1
y = B
2
y = 0 sia autoag-
giunto `e che L abbia la forma
Ly = (a
2
(x)y

)

+a
0
(x)y (E.1.35)
Dimostrazione. sviluppando l’espressione E.1.20 si ottiene
L

z = a
2
(x)z

+ (2a

2
(x) −a
1
(x))z

+ (a

2
(x) −a

1
(x) +a
0
(x))z (E.1.36)
quindi affinch`e sia L = L

si deve avere a

2
(x) = a
1
(x), cio`e L deve avere la forma E.1.35.
Teorema E.1.5. Il problema
(a
2
(x)y

)

+a
0
(x)y = h (E.1.37)
αy(a) +βy

(a) = 0; α
2

2
> 0 (E.1.38)
γy(b) +δy

(b) = 0; γ
2

2
> 0 (E.1.39)
`e un problema autoaggiunto con B

1
= B
1
, B

2
= B
2
e si chiama problema di Sturm-Liouville.
Dimostrazione. dal lemma precedente segue che L = L

e da E.1.21 si ha
(Ly, z) −(y, Lz) = [a
2
(x)(y

(x)z(x) −y(x)z

(x))]
b
a
(E.1.40)
Si vede inoltre semplicemente che y

(x)z(x) − y(x)z

(x) si annulla sia in a che in b: supponendo
ad esempio α ,= 0 si ha
y

(a)z(a) −y(a)z

(a) = y

(a)
_

β
α
z

(a)
_

_

β
α
y

(a)
_
z

(a) = 0 (E.1.41)
E.2 Problema di Sturm-Liouville
In questa sezione saranno ridimostrati sotto ipotesi pi` u generali alcuni teoremi della sezione
precedente.
122 APPENDICE E. PROBLEMA DI STURM-LIOUVILLE
Definizione E.2.1. Si chiama problema di Sturm-Liouville il problema consistente nel risolvere
Ly =
d
dt
_
p(t)
dy
dt
_
+q(t)y = f(t) (E.2.1)
con le condizioni ai limiti
α
1
y(a) +α
2
y

(a) = 0 (E.2.2)
β
1
y(b) +β
2
y

(b) = 0 (E.2.3)
dove p ∈ (
1
, q ∈ (, p(x) > 0 su [a, b] e f ∈ L
2
. Si chiamano autovalori del problema di Sturm-
Liouville i λ ∈ C tali che il problema Ly = λy con le condizioni ai limiti E.2.2 e E.2.3 ammette
una soluzione non nulla; le soluzioni non nulle corrispondenti ad un determinato autovalore si
chiamano autofunzioni.
Poich`e si `e supposto f ∈ L
2
una soluzione del problema di Sturm-Liouville deve essere continua,
derivabile q.o. e l’uguaglianza in E.2.1 deve essere vera quasi ovunque.
Lemma E.2.1. Consideriamo il problema di Sturm-Liouville E.2.1, E.2.2, E.2.3 e supponiamo
che 0 non sia un autovalore del problema. Allora se il problema ammette una soluzione essa `e
unica.
Dimostrazione. supponiamo per assurdo che il problema ammetta due soluzioni distinte y
1
, y
2
,
allora y = y
1
− y
2
soddisfa Ly = 0 e le condizioni ai limiti E.2.2 e E.2.3 e poich`e y
1
,= y
2
si ha
y ,= 0, contraddicendo il fatto che 0 non `e un autovalore del problema.
Teorema E.2.1 (Esistenza della funzione di Green). Consideriamo il problema di Sturm-Liouville
E.2.1, E.2.2, E.2.3 e supponiamo che 0 non sia un autovalore, allora esiste k : [a, b] [a, b] → R
continua e simmetrica tale che l’unica soluzione del problema considerato `e data da
y(x) =
_
b
a
k(x, t)f(t)dt (E.2.4)
k(x, t) si dice funzione di Green del problema di Sturm-Liouville.
Dimostrazione. dalla teoria elementare delle equazioni differenziali lineari segue che esiste una
unica soluzione u(t) del problema di Cauchy Lu = 0, u(a) = −α
2
, u

(a) = α
1
ed un’unica
soluzione v(t) del problema di Cauchy Lv = 0, v(b) = −β
2
, v

(b) = β
1
. L’ipotesi che 0 non sia
un autovalore del problema mostra che u e v sono linearmente indipendenti, infatti u soddisfa
α
1
u(a) + α
2
u

(a) = 0 e v soddisfa β
1
v(b) + β
2
v

(b) = 0, quindi se fosse ad esempio u = cost v, u
sarebbe una autofunzione di 0.
Poniamo
k(x, t) =
_
lu(x) se a ≤ x ≤ t
mv(x) se a ≤ t < x
(E.2.5)
dove l, m sono costanti da determinare. Scegliamo l, m in modo che esse soddisfino
mv(t) −lu(t) = 0 (E.2.6)
p(t)[mv

(t) −lu

(t)] = 1 (E.2.7)
Risolvendo si ottiene
l = v(t)/∆; m = u(t)/∆ (E.2.8)
dove ∆ = p(t)(v

u−u

v) = p(t)W(u, v) e W(u, v) `e il wronskiano di u, v, che `e diverso da 0 poich`e
u, v sono indipendenti. Inoltre
d∆
dt
= u(pv

)

+u

(pv

) −v(pu

)

−v

(pu

) = −quv +vqu = 0 (E.2.9)
E.2. PROBLEMA DI STURM-LIOUVILLE 123
quindi ∆ `e una costante e si ha
k(x, t) =
_
u(x)v(t)/∆ se a ≤ x ≤ t
u(t)v(x)/∆ se a ≤ t < x
(E.2.10)
Per completare la dimostrazione basta verificare direttamente che y come definita da E.2.4 `e
soluzione del problema di Sturm-Liouville.
Poich`e y

(x) =
_
b
a

x
k(x, t)f(t)dt e quando x = a si ha x ≤ t su tutto l’intervallo di integrazione,
si ha
y(a) =
1

_
b
a
u(a)v(t)f(t)dt; y

(a) =
1

_
b
a
u

(a)v(t)f(t)dt (E.2.11)
e quindi α
1
y(a) +α
2
y

(a) = 0 poich`e per costruzione si ha α
1
u(a) +α
2
u

(a) = 0. Analogamente si
vede che `e soddisfatta la condizione in b. Si ha inoltre
∆y(x) = ∆
_
b
a
k(x, t)f(t)dt = v(x)
_
x
a
u(t)f(t) +u(x)
_
a
x
v(t)f(t)dt (E.2.12)
quindi (usando il teorema fondamendamentale del calcolo secondo Lebesgue [vedi appendice D] ed
identificando funzioni uguali q.o.) si ha
(∆y(x))

= v(x)u(x)f(x) +v

(x)
_
x
a
u(t)f(t)dt −u(x)v(x)f(x) + (E.2.13)
+u

(x)
_
b
x
v(t)f(t)dt = v

(x)
_
x
a
u(t)f(t)dt +u

(x)
_
b
x
v(t)f(t)dt
e analogamente
[p(x)(∆y(x))

]

= (pv

)

_
x
a
u(t)f(t)dt +pv

uf + (pu

)

_
b
x
v(t)f(t)dt −pu

vf = (E.2.14)
f∆ + (pv

)

_
x
a
u(t)f(t)dt + (pu

)

_
b
x
v(t)f(t)dt
quindi infine
L(∆y) = (Lv)
_
x
a
u(t)f(t)dt + (Lu)
_
b
x
v(t)f(t)dt +pf(v

u −u

v) = f∆ (E.2.15)
Definizione E.2.2. Definiamo l’operatore K : L
2
→L
2
definito da Kf =
_
b
a
k(x, t)f(t)dt.
Lemma E.2.2. Sia T l’insieme delle funzioni di L
2
che hanno un rappresentante derivabile due
volte con derivata seconda in L
2
e che soddisfa le condizioni al contorno E.2.2,E.2.3. Allora K `e
su T l’inverso di L.
Dimostrazione. sia y ∈ T tale che Ly = f, allora dal teorema precedente segue che Kf = KLy = y,
quindi KL = I. Inoltre dalla dimostrazione del teorema precednte segue che LKf = f, quindi
LK = I.
Teorema E.2.2. L’operatore K `e compatto e autoaggiunto.
Dimostrazione. vedi corollario 3.4.2.
Teorema E.2.3. Valgono i seguenti:
1. 0 non `e autovalore di K.
124 APPENDICE E. PROBLEMA DI STURM-LIOUVILLE
2. λ `e autovalore di K se e solo se µ = 1/λ `e un autovalore del problema di Sturm-Liouville di
cui k `e la funzione di Green.
Dimostrazione. 1) Se f `e diversa da 0, una soluzione di Ly = f con condizioni al bordo E.2.2,
E.2.3 `e y = Kf, quindi Kf non pu`o essere uguale a zero, poich`e zero non `e soluzione di Ly = f.
2) Se Kφ = λφ e φ ,= 0, allora per il punto (1) λ ,= 0 e dal lemma E.2.2 segue che φ = λLφ e che
φ soddisfa le condizioni ai limiti, quindi 1/λ `e autovalore di L. D’altra parte se µ `e un autovalore
del problema di Sturm-Liouville, allora per ipotesi µ ,= 0 e Lφ = µφ, quindi φ = µKφ, quindi 1/µ
`e autovalore di K.
Applicando quindi il teorema spettrale per gli operatori autoaggiunti all’operatore K si ottiene
quindi subito il seguente
Teorema E.2.4. Sia dato un problema di Sturm-Liouville che non abbia 0 come autovalore, allora
1. tutti gli autovalori sono reali e formano una successione ¦µ
k
¦ tale che lim
k→∞

k
[ = +∞.
2. esiste una base ortonormale di L
2
(a, b) costituita da autofunzioni del problema.
3. gli autospazi hanno dimensione 1.
Dimostrazione. i punti (1) e (2) discendono dal teorema spettrale. Per quanto riguarda il terzo, dal
teorema spettrale segue solo che gli autospazi hanno dimensione finita. Supponiamo per assurdo che
esistano due funzioni indipendenti u, v entrambe soluzioni di Ly = λy e che soddisfano le condizioni
ai limiti E.2.2, E.2.3, allora, poich`e tutte le soluzioni di Ly = λy hanno la forma y = c
1
u + c
2
v,
seguirebbe che tutte le soluzioni di Ly = λy sono autofunzioni del problema e ci`o `e assurdo, in
quanto si pu`o scegliere una soluzione del problema di Cauchy Ly = λy con y(a) = ξ, y

(a) = η con
α
1
ξ +α
2
η ,= 0 che non `e evidentemente autofunzione del problema.
Nel teorema precedente si `e usata in modo fondamentale la assunzione che 0 non sia un autova-
lore del problema di Sturm-Liouville considerato. Questa `e una assunzione piuttosto forte e, come
si vedr`a subito, non `e necessaria.
Per dimostrare ci`o scriviamo preliminarmente il problema di Sturm-Liouville in una forma pi` u
conveniente: z `e una autofunzione del problema di Sturm-Liouville con autovalore λ se z ,= 0 e z
soddisfa
(p(x)z

)

+r(x)z +λz = 0 (E.2.16)
αz(a) +βz

(a) = 0 α
2

2
> 0
γz(b) +δz

(b) = 0 γ
2

2
> 0
_
(E.2.17)
dove p(x) > 0 su [a, b], p ∈ (
2
e r ∈ (. Sia f una funzione derivabile due volte che sar`a fissata in
seguito ed applichiamo il cambiamento di variabile z(x) = f(x)y(x). L’equazione E.2.16 diventa
pf

y + 2pf

y

+pfy

+p

f

y +p

fy

+rfy +λfy = 0 (E.2.18)
Scegliendo f(x) = 1/
_
p(x) i termini sottolineati si annullano e si ottiene un’equazione della forma
p(x)y

−q(x)y +λy = 0 (E.2.19)
dove q(x) `e una funzione continua. Tramite la precedente sostituzione, la prima delle condizioni
E.2.17 diventa
0 = αz(a) +βz

(a) = [αf(a) +βf

(a)]y(a) + [βf(a)]y

(a) = h
1
y(a) +k
1
y

(a) (E.2.20)
La trasformazione (α, β) →(h
1
, k
1
) ha come matrice rappresentatriva
T =
_
f(a) f

(a)
0 f(a)
_
(E.2.21)
E.2. PROBLEMA DI STURM-LIOUVILLE 125
quindi det T = f
2
(a) = 1/p(a) ,= 0, quindi la trasformazione `e biunivoca e quindi (α, β) = (0, 0) se
e solo se (h
1
, k
1
) = (0, 0), quindi si ha h
2
1
+ k
2
2
> 0. Analogamente si ragiona per la seconda delle
E.2.17 ottenendo quindi
p(x)y

−q(x)y +λy = 0 (E.2.22)
h
1
y(a) +k
1
y

(a) = 0 h
2
1
+k
2
1
> 0
h
2
y(b) +k
2
y

(b) = 0 h
2
2
+k
2
2
> 0
_
(E.2.23)
dove p(x) > 0 su [a, b], p ∈ (
2
, q ∈ (. Da quanto appena visto segue
Lemma E.2.3. Se λ `e un autovalore del problema E.2.16, E.2.17 allora λ `e un autovalore del
problema E.2.22, E.2.23.
Teorema E.2.5. Esiste un numero reale r > 0 tale che se λ ≤ −r allora la unica soluzione di
E.2.22, E.2.23 `e y = 0.
Dimostrazione. la dimostrazione si divide in quattro casi (nel seguito per semplicit`a si user`a la
notazione I = [a, b]):
caso 1) supponiamo k
1
k
2
,= 0; si pu`o quindi supporre k
1
= k
2
= −1. Se fosse y(a) = 0 si
avrebbe anche y

(a) = 0 e quindi il teorema risulterebbe in questo caso dimostrato. Supponiamo
per assurdo che y(a) ,= 0; moltiplicando y per una adeguata costante si pu`o quindi supporre che
y(a) = 1 e y

(a) = h
1
. Ponendo per ogni y(x) ,= 0 z = y

/y l’equazione E.2.22 diviene
z

=
q(x)
p(x)

λ
p(x)
−z
2
(E.2.24)
Sia ora M = sup
x∈I
[q(x)[, = inf
x∈I
p(x) > 0 e M

= sup
x∈I
p(x) > 0 e supponiamo che
λ ≤ −M −M

h
2
1
− (E.2.25)
allora si ha
z

(a) =
q(a)
p(a)

λ
p(a)
−h
2
1

q(a)
p(a)
+
M
p(a)
+
M

p(a)
h
2
1
+

p(a)
−h
2
1


p(a)
> 0 (E.2.26)
e quindi z `e strettamente crescente in un intorno destro di a. Si vuole ora mostrare che
y(x) ,= 0 in I; z(x) > h
1
se x > a (E.2.27)
Supponiamo per assurdo che y si annulli in I e sia x
1
il pi` u piccolo zero di y (x
1
> a poich`e
y(a) = 1); allora y(x) > 0 se a ≤ x < x
1
e quindi y

(x
1
) ≤ 0; inoltre non si pu`o avere y

(x
1
) = 0
altrimenti si avrebbe y = 0 su tutto I, quindi y

(x
1
) < 0. Inoltre si ha
q(x) −λ ≥ q(x) +M +M

h
2
1
+ > 0 (E.2.28)
e quindi dall’equazione E.2.22 segue che y

(x) > 0 se a ≤ x < x
1
(poich`e in questo intervallo
y(x) > 0), quindi y

`e crescente per a ≤ x < x
1
e quindi y

(x) < 0 in questo intervallo; da ci`o segue
che lim
x→x

1
z(x) = −∞. Poich`e z `e continua su a ≤ x < x
1
deve esistere in questo intervallo un
minimo x
2
tale che z(x
2
) = h
1
e z(x) > h
1
se a < x < x
2
(poich`e z(a) = h
1
e z

(a) > 0), ma
questo implica z

(x
2
) ≤ 0 mentre si ha
z

(x
2
) =
q(x
2
)
p(x
2
)

λ
p(x
2
)
−h
2
1
> 0 (E.2.29)
da questo assurdo segue quindi la relazione E.2.27. Analogamente si mostra che se si ha λ ≤ −M−
M

h
2
2
− allora z(x) ≤ h
2
in I. Sia c = max([h
1
[, [h
2
[), si ha allora che se λ ≤ −M−M

c
2
− < 0
allora [z(x)[ ≤ c su I; da E.2.24 si deduce allora
z

(x) ≥ −
M


λ
M

−c
2
= µ (E.2.30)
126 APPENDICE E. PROBLEMA DI STURM-LIOUVILLE
quindi usando il teorema del valor medio si ottiene
h
2
−h
1
= z(b) −z(a) ≥ µ(b −a) (E.2.31)
Se ora si sceglie
λ ≤ −
M

M −M

c
2
− −M

_
1 +
[h
2
−h
1
[
b −a
_
(≤ −M −M

c
2
−) (E.2.32)
si ottiene
µ = −
M


λ
M

−c
2
≥ 1 +
[h
2
−h
1
[
b −a
(E.2.33)
e quindi inserendo E.2.33 all’interno di E.2.31 si ottiene infine h
2
−h
1
≥ (b−a) +[h
2
−h
1
[ assurdo,
quindi si deve avere y(a) = 0 e y(x) = 0 su I ed il teorema `e dimostrato in questo caso.
caso 2) supponiamo ora k
1
= 0 e k
2
,= 0 (quindi si pu`o supporre k
2
= −1); si deve allora avere
y(a) = 0 (poich`e deve essere h
1
,= 0) e se y

(a) = 0 si ha anche y(x) = 0 su I ed il teorema `e
mostrato. Supponiamo per assurdo che y

(a) ,= 0; moltiplicando y per una appropriata costante si
pu`o allora supporre y

(a) = 1 e quindi si ha lim
x→a
+ z(x) = +∞. Sia ora M

= sup
x∈I
p(x) > 0 e
supponiamo
λ ≤ −M −2M

(E.2.34)
Si vuole ora mostrare che
y

(x) ≥ 1 su I (E.2.35)
dall’equazione E.2.22 segue che y

(x) > 0 in un intorno destro di a, quindi y

(x) > 1 in questo
intorno (poich`e y

(a) = 1). Supponiamo ora che y

(x) = 1 per qualche x > a e sia x
1
il pi` u piccolo
x > a tale che y

(x) = 1, allora y

(x) ≥ 1 se a < x ≤ x
1
e quindi y(x) > 0 in questo intervallo
(poich`e y(a) = 0) e quindi usando E.2.22 si ha y

(x) > 0, mentre per costruzione si dovrebbe avere
y

(x
1
) ≤ 0, assurdo, quindi si `e dimostrato E.2.35. Da ci`o segue che y > 0 su a < x ≤ b e quindi
z `e definita su a < x ≤ b. Mostriamo ora il seguente enunciato:
z(x) >
_

M


λ
M

−1 (E.2.36)
ci`o ha senso poich`e se λ `e abbastanza negativo si ha

M


λ
M

−1 ≥ 0 (E.2.37)
supponiamo ora per assurdo che x
2
sia il pi` u piccolo numero tale che z(x
2
) =
_

M


λ
M

−1
(x
2
> a poich`e lim
x→a
+ z(x) = +∞). In x
2
si dovrebbe allora avere z

(x
2
) ≤ 0 mentre da E.2.24
segue
z

(x
2
) ≥ −
M


λ
M

−z
2
(x
2
) = −
M


λ
M

+
M

+
λ
M

+ 1 = 1 > 0 (E.2.38)
assurdo, quindi E.2.36 `e vera.
Se ora supponiamo λ abbastanza piccolo (abbastanza negativo) da far s`ı che h
2
2
< −
M


λ
M

−1
si trova che la relazione z(b) = h
2
, che dovrebbe essere verificata, `e impossibile, quindi nuovamente
si deve avere y(x) = 0 su I ed il teorema `e mostrato anche in questo caso.
caso 3) se k
1
,= 0 e k
2
= 0 si procede in modo analogo al caso 2.
caso 4) supponiamo infine k
1
= k
2
= 0, allora si ha y(a) = 0 (poich`e h
1
,= 0) e se fosse y

(a) = 0
si avrebbe y(x) = 0 su I. Supponiamo per assurdo y

(a) ,= 0, allora si pu`o supporre y

(a) = 1 ed
usando E.2.35 si ottiene che y `e strettamente crescente, contrariamente al fatto che si deve avere
y(b) = 0, assurdo, quindi anche in quest’ultimo caso si deve avere y(x) = 0 su I ed il teorema `e
dimostrato.
E.2. PROBLEMA DI STURM-LIOUVILLE 127
Corollario E.2.1. Dato il problema di Sturm-Liouville avente come dati
Ly = (p(x)y

)

+q(x)y

(E.2.39)
αy(a) +βy

(a) = 0 α
2

2
> 0
γy(b) +δy

(b) = 0 γ
2

2
> 0
_
(E.2.40)
esiste un R ∈ R tale che il problema
L

y = (p(x)y

)

+ (q(x) −R)y

(E.2.41)
αy(a) +βy

(a) = 0 α
2

2
> 0
γy(b) +δy

(b) = 0 γ
2

2
> 0
_
(E.2.42)
non ha 0 come autovalore, inoltre i due problemi hanno le stesse autofunzioni.
Dimostrazione. Sia R > r (dove r `e quello del teorema precedente) e supponiamo per assurdo che
il problema E.2.41, E.2.42 ammetta zero come autovalore, allora dovrebbe esistere y ,= 0 tale che
(p(x)y

)

+ (q(x) −R)y

= 0 (E.2.43)
e che soddisfa E.2.42, quindi per il lemma E.2.3 λ = −R dovrebbe essere autovalore del problema
E.2.22, E.2.23, quindi per il teorema precedente si deve avere λ > −r (poich`e y ,= 0), ma −R < −r,
assurdo.
La seconda affermazione della tesi segue dal fatto immediato che se Ly = λy allora L

y =
(λ −R)y.
Corollario E.2.2. Il teorema E.2.4 vale anche se un problema di Sturm-Liouville ha 0 come
autovalore.
Esempio E.2.1. ¦sin nx, cos nx¦
n∈N
`e una base di L
2
(−π, π).
Dimostrazione. le funzioni ¦sin nx¦ sono autofunzioni del problema Ly = y

, y(0) = 0, y(π) = 0
e quindi formano una base di L
2
(0, π). Analogamente ¦cos nx¦ sono le autofunzioni del problema
Ly = y

, y

(0) = 0, y

(π) = 0 e sono quindi anch’esse una base di L
2
(0, π). Mostriamo che ¦sin nx¦
formano una base dello spazio delle funzioni dispari di L
2
(−π, π): sia f dispari e in L
2
(−π, π) tale
che
_
π
−π
f(x) sin nxdx = 0 per ogni n, allora si ha
0 =
_
π
−π
f(x) sin nxdx = 2
_
π
0
f(x) sin nxdx
e poich`e ¦sin nx¦ `e una base di L
2
(0, π) si ha f = 0 q.o. su [0, π] e poich`e f `e dispari f = 0 q.o. su
[−π, π].
Analogamente si vede che ¦cos nx¦ `e una base per le funzioni pari di L
2
(−π, π). Sia ora
f ∈ L
2
(−π, π), allora si ha
f(x) =
f(x) +f(−x)
2
+
f(x) −f(−x)
2
= f
p
(x) +f
d
(x)
dove f
p
`e pari e f
d
`e dipari. Supponiamo ora che f sia ortogonale a ¦sin nx, cos nx¦
n∈N
, allora
0 =
_
π
−π
f(x) sin nxdx =
_
π
−π
f
d
(x) sin nxdx
quindi f
d
= 0 q.o. su [−π, π]; usando cos nx si vede che f
p
= 0 q.o. in [−π, π], quindi infine f = 0
q.o su [−π, π], quindi il teorema `e mostrato.
Bibliografia: la dimostrazione del teorema E.2.5 `e tratta, con alcune modifiche, da [3]; la
maggior parte del resto dei teoremi `e tratta da vari testi sulle equazioni differenziali.
Appendice F
Conseguenze del lemma di Baire
Teorema F.0.6 (Lemma di Baire). Sia (X, | |
X
) uno spazio di Banach e sia (A
n
)
n∈N
una
successione di aperti densi, allora G =

n∈N
A
n
`e denso in X.
Dimostrazione. sia x ∈ X, > 0 e definiamo ω = B(x, ), si deve dimostrare che G ∩ ω ,= ∅.
Scegliamo x
0
∈ ω e r
0
> 0 tali che B(x
0
, r
0
) ⊂ ω. Scegliamo ora x
1
∈ B(x
0
, r
0
) ∩ A
1
e r
1
> 0 tale
che
B(x
1
, r
1
) ⊂ B(x
0
, r
0
) ∩ A
1
; 0 < r
1
<
r
0
2
(F.0.1)
il che `e possibile poich`e A
1
`e un aperto denso. Proseguendo in maniera analoga, data B(x
n
, r
n
) si
costruisce la successione sfere chiuse
B(x
n+1
, r
n+1
) ⊂ B(x
n
, r
n
) ∩ A
n+1
; 0 < r
n+1
<
r
n
2
(F.0.2)
questa `e per costruzione una successione di sfere incapsulate con raggio tendente a zero, ne segue
semplicemente che la successione ¦x
n
¦ `e di Cauchy, quindi ammette limite, sia esso ¯ x. Poich`e
x
n+k
∈ B(x
n
, r
n
) per ogni n, k ≥ 0 si ha al limite
¯ x ∈ B(x
n
, r
n
) (F.0.3)
e quindi in particolare ¯ x ∈ ω ∩ G.
Passando ai complementari e usando le formule di de Morgan si ottiene una formulazione
equivalente del lemma di Baire:
Teorema F.0.7. Sia (X, | |
X
) uno spazio di Banach e sia ¦C
n
¦
n∈N
una successione di chiusi
aventi parte interna vuota, allora l’insieme F =


n=0
C
n
ha parte interna vuota.
Corollario F.0.3. Sia (X, | |
X
) uno spazio normato completo e sia ¦C
n
¦
n∈N
una successione
di chiusi tale che X =


n=0
C
n
, allora esiste un k ∈ N tale che C
k
ha parte interna non vuota.
Teorema F.0.8 (Teorema della applicazione aperta). Siano (X, | |
X
), (Y, | |
Y
) spazi normati
completi e sia L : X → Y una trasformazione lineare continua suriettiva, allora esiste un δ > 0
tale che
B(0, δ) ⊂ L(B(0, 1)) (F.0.4)
Dimostrazione. consideriamo la successione di insiemi
C
n
= L(B(0, n)) (F.0.5)
poich`e L `e suriettivo si ha Y =


n=0
C
n
, quindi per il corollario F.0.3 esiste un k ∈ N tale che
L(B(0, k)) ha chiusura con parte interna non vuota, quindi un insieme aperto non vuoto W che `e
contenuto nella chiusura di L(B(0, k)). Sia y
0
∈ W e sia η > 0 tale che B(y
0
, η) ⊂ W, allora se
128
129
|y|
Y
< η, sia y
0
che y +y
0
sono contenuti nella chiusura di L(B(0, k)), quindi esistono successioni
¦x

i
¦ e ¦x

i
¦ tali che x

i
, x

i
∈ B(0, k) per ogni i ∈ N e
lim
i→∞
L(x

i
) = y
0
, lim
i→∞
L(x

i
) = y
0
+y (F.0.6)
ponendo x
i
= x

i
−x

i
si ha quindi
|x
i
|
X
≤ |x

i
|
X
+|x

i
|
X
< 2k (F.0.7)
e poich`e L `e lineare e continuo si ha lim
i→∞
L(x
i
) = y. Si conclude quindi che per ogni y ∈ Y tale
che |y|
Y
< η esiste una successione ¦x
i
¦ in X tale che |x
i
|
X
< 2k per ogni i e lim
i→∞
L(x
i
) = y.
Sia ora y ∈ Y generico (ma ,= 0) e sia N > 0 tale che 0 < N/2 < |y|
Y
< N, allora |

N
|
Y
< η,
quindi esiste una successione z
n
∈ X tale che |z
i
|
X
≤ 2k e lim
i→∞
L(z
i
) =

N
, ma allora per la
linearit`a lim
i→∞
L(z
i
N/η) = y, inoltre
|z
i
N/η|
X
≤ |z
i
|
X
N
η
<
2kN
η
=
4k
η
N
2
< δ
−1
|y|
Y
(F.0.8)
dove si `e posto δ = η/4k (che `e indipendente da y). Si ottiene quindi in particolare che, fissato
> 0, ad ogni z ∈ Y corrisponde un x ∈ X tale che
|x|
X
< δ
−1
|z|
Y
; |z −L(x)|
Y
< (F.0.9)
Siano ora y ∈ B(0, δ) ⊂ Y e > 0 fissati; per l’equazione F.0.9 esiste un x
1
∈ X tale che
|x
1
|
X
< 1 e
|y −L(x
1
)|
Y
<
1
2
δ (F.0.10)
costruiamo ora per induzione la successione ¦x
i
¦ nel modo seguente: supponiamo dati x
1
, . . . , x
n

X tali che
|y −L(x
1
) − −L(x
n
)|
Y
< 2
−n
δ (F.0.11)
(la condizione precedente `e soddisfatta per costruzione da x
1
), allora si pu`o usare l’equazione F.0.9
con z = y −L(x
1
) − −L(x
n
) per ottenere un x
n+1
tale che
|x
n+1
|
X
< 2
−n
(F.0.12)
e
|y −L(x
1
) − −L(x
n
) −L(x
n+1
)|
Y
< 2
−(n+1)
δ (F.0.13)
Se si pone s
n
= x
1
+ + x
n
, l’equazione F.0.12 mostra che s
n
`e una successione di Cauchy in
X e, poich`e quest’ultimo `e completo, esiste un x ∈ X tale che s
n
→ x; inoltre la disuguaglianza
|x
1
|
X
< 1 unita con la F.0.12 mostra che |x|
X
< 1 + e poich`e L `e continua si ha L(s
n
) →L(x).
A causa dell’equazione F.0.11 si ha allora L(x) = y.
Si `e quindi mostrato che
B(0, δ) ⊂ L(B(0, 1 +)) (F.0.14)
e quindi per la linearit`a di L si ha per ogni > 0
B
_
0,
δ
1 +
_
⊂ L(B(0, 1)) (F.0.15)
Quindi si ha infine:
L(B(0, 1)) ⊃

_
k=1
B
_
0,
δ
1 + 1/k
_
= B(0, δ) (F.0.16)
Il nome del teorema precedente `e dovuto al seguente corollario:
130 APPENDICE F. CONSEGUENZE DEL LEMMA DI BAIRE
Corollario F.0.4. Siano (X, | |
X
), (Y, | |
Y
) spazi normati completi e sia L : X → Y una
trasformazione lineare continua suriettiva, allora per ogni A ⊂ X aperto L(A) ⊂ Y `e aperto.
Dimostrazione. sia y ∈ L(A), allora esiste x ∈ A tale che L(x) = y, inoltre poich`e A `e aperto esiste
un > 0 tale che B(x, ) ⊂ A; per linearit`a si ha
L(B(x, )) = L(x +B(0, )) = y +L(B(0, 1)) (F.0.17)
ma, per il teorema della applicazione aperta, esiste un δ > 0 tale che
B(0, δ) ⊂ L(B(0, 1)) (F.0.18)
quindi
y +B(0, δ) = B(y, δ) ⊂ L(B(x, )) ⊂ L(A) (F.0.19)
quindi L(A) `e aperto.
Corollario F.0.5. Siano (X, | |
X
), (Y, | |
Y
) spazi normati completi e sia L : X → Y una
trasformazione lineare continua biunivoca, allora L
−1
`e pure continua.
Dimostrazione. se L : X → Y `e biunivoca e continua, dall’equazione F.0.4 segue che esiste un
δ > 0 tale che per ogni x ∈ X tale che |L(x)|
Y
< δ si ha |x|
X
< 1. Sia ora x ∈ X tale che
|L(x)|
Y
= d, allora si ha anche
(δ −)|L(x)|
Y
= (δ −)d (F.0.20)
da cui
δ −
d
|L(x)|
Y
= δ − < δ (F.0.21)
quindi per linearit`a (supponendo < δ)
_
_
_
_
δ −
d
x
_
_
_
_
X
< 1 (F.0.22)
cio`e
|x|
X
<
d
δ −
(F.0.23)
e quindi al limite per →0 si ottiene
|x|
X

1
δ
d =
1
δ
|L(x)|
Y
(F.0.24)
cio`e infine
|L
−1
(y)|
X

1
δ
|y|
Y
(F.0.25)
che mostra che L
−1
: Y →X `e continua.
Corollario F.0.6. Sia X uno spazio vettoriale e siano | |
1
, | |
2
due norme tali che (X, | |
1
),
(X, | |
2
) siano entrambi spazi normati completi. Allora se |x|
1
≤ C|x|
2
le due norme sono
equivalenti.
Dimostrazione. da |x|
1
≤ C|x|
2
segue che I : (X, | |
2
) → (X, | |
1
) `e una applicazione con-
tinua. Per il teorema precedente anche la applicazione inversa `e continua, ma I
−1
= I, quindi
I : (X, | |
1
) →(X, | |
2
) `e continua, cio`e esiste c > 0 (c ,= 0 poich`e I ,= 0) tale che |x|
2
≤ c|x|
1
,
quindi le due norme sono equivalenti.
Definizione F.0.3. Siano (X, | |
X
), (Y, | |
Y
) due spazi normati e L : ∆ ⊂ X → Y una
applicazione lineare. Si dice che L ha grafico chiuso se il grafico di L `e chiuso nello spazio (X
Y, | |
X
+| |
Y
).
131
`
E immediato verificare che se X, Y sono spazi di Banach, anche (X Y, | |
X
+| |
Y
) lo `e.
Il fatto che il grafico di L sia chiuso in (X Y, | |
X
+| |
Y
) significa che se z
n
∈ G
L
e z
n
→z
allora z ∈ G
L
, cio`e se |z
n
−z| →0 allora z ∈ G
L
dove | | = | |
X
+| |
Y
, cio`e, se z = (x, y),
x ∈ X, y ∈ Y , da
|[z
n
]
X
−x|
X
+|[z
n
]
Y
−y| →0 (F.0.26)
segue (x, y) ∈ G
L
cio`e x ∈ ∆ e y = L(x). Ci`o pu`o essere espresso nella seguente forma pi` u
immediata: se |x
n
− x|
X
→ 0 e |L(x
n
) − y|
Y
→ 0, allora x appartiene al dominio di L e si ha
y = L(x).
Teorema F.0.9 (Teorema del grafico chiuso). Siano (X, | |
X
), (Y, | |
Y
) due spazi di Banach
e sia L : X →Y una applicazione lineare avente grafico chiuso, allora L `e continua.
Dimostrazione. consideriamo su X le due norme
|x|
1
= |x|
X
+|Lx|
Y
; |x|
2
= |x|
X
(F.0.27)
Per ipotesi (X, | |
2
) `e uno spazio di Banach. Mostriamo che anche (X, | |
1
) `e uno spazio di
Banach: sia ¦z
n
¦ ∈ X una successione di Cauchy per | |
1
, allora in particolare ¦x
n
¦ `e una
successione di Cauchy in (X, | |
X
) e ¦Lx
n
¦ `e una successione di Cauchy in (Y, | |
Y
), quindi
esistono z ∈ X e t ∈ Y tali che |x
n
−z|
X
→0 e |Lx
n
−t|
Y
→0, ma poich`e L ha grafico chiuso,
t = Lz e quindi |z
n
−z|
1
→0, quindi (X, | |
1
) `e completo.
Si ha inoltre evidentemente |x|
2
≤ |x|
1
e quindi per il corollario precedente le due norme sono
equivalenti, quindi esiste c > 0 tale che |x|
1
≤ c|x|
2
cio`e
|x|
X
+|Lx|
Y
≤ c|x|
X
(F.0.28)
quindi c ≥ 1 e definendo k = c −1 ≥ 0 si ha
|Lx|
Y
≤ k|x|
X
(F.0.29)
e quindi L `e continua.
Bibliografia: la dimostrazione del teorema della applicazione aperta `e tratta dal capitolo 5
di [8](per una dimostrazione meno tecnica e pi` u geometrica si pu`o vedere [1]), quella del teorema
del grafico chiuso dal capitolo 2 di [1]. Una altra importante conseguenza del lemma di Baire `e il
teorema di uniforme limitatezza, tramite il quale si pu`o dimostrare l’esistenza di (molte) funzioni
continue aventi serie di Fourier divergente su un insieme non numerabile (vedi [8] cap. 5).
Appendice G
Il teorema fondamentale del
calcolo
In questa appendice si dimostreranno i principali teoremi che nella teoria dell’integrazione secondo
Lebesgue legano l’integrale indefinito con la derivazione. Nella prima sezione sono dimostrati
teoremi che saranno poi utilizzati a pi` u riprese nelle dimostrazioni dei teoremi principali della
sezione successiva.
G.1 Premesse
Definizione G.1.1. Sia a ∈ R e δ > 0. Se f `e una funzione reale su (a, a +δ) definiamo
lim
h→a
+f(h) = sup
a<t<a+δ
¦ inf
a<h<t
f(h)¦ (G.1.1)
lim
h→a
+f(h) = inf
a<t<a+δ
¦ sup
a<h<t
f(h)¦ (G.1.2)
questi due numeri reali estesi si chiamano rispettivamente limite inferiore destro e limite superiore
destro.
Definizione G.1.2. Sia a ∈ R e δ > 0. Se f `e una funzione reale su (a −δ, a) definiamo
lim
h→a
−f(h) = sup
a−δ<t<a
¦ inf
t<h<a
f(h)¦ (G.1.3)
lim
h→a
−f(h) = inf
a−δ<t<a
¦ sup
t<h<a
f(h)¦ (G.1.4)
questi due numeri reali estesi si chiamano rispettivamente limite inferiore sinistro e limite superiore
sinistro.
`
E evidente una rassomiglianza tra le definizioni precedenti e quelle di limite superiore ed inferiore
di una successione, infatti `e semplice vedere che
lim
h→a
+f(h) = inf¦liminf
n→∞
f(a
n

dove l’estremo inferiore `e considerato su tutte le successioni ¦a
n
¦ tali che a
n
> a e lim
n→∞
a
n
= a.
Analoghi risultati valgono per gli altri limiti.
Definizione G.1.3. Sia a ∈ R e δ > 0. Se f `e una funzione reale su [a, a +δ) definiamo
D
+
f(a) = lim
h→0
+
f(a +h) −f(a)
h
(G.1.5)
D
+
f(a) = lim
h→0
+
f(a +h) −f(a)
h
(G.1.6)
132
G.1. PREMESSE 133
D
+
(a) e D
+
f(a) si chiamano rispettivamente derivata inferiore destra e derivata superiore destra.
Definizione G.1.4. Sia a ∈ R e δ > 0. Se f `e una funzione reale su (a −δ, a] definiamo
D

f(a) = lim
h→0

f(a +h) −f(a)
h
(G.1.7)
D

f(a) = lim
h→0

f(a +h) −f(a)
h
(G.1.8)
D

f(a) e D

f(a) si chiamano rispettivamente derivata inferiore sinistra e derivata superiore
sinistra.
I valori D
+
f(a), D
+
f(a), D

f(a) e D

f(a) si chiamano talvolta derivate di Dini .
Definizione G.1.5. Sia a ∈ R e δ > 0. Se f `e una funzione reale definita su (a − δ, a + δ),
si dice che ha derivata destra in a se D
+
f(a) = D
+
f(a) e analogamente si dice che ha derivata
sinistra in a se D

f(a) = D

f(a). Si noti che in questa definizione non si escludono i valori +∞
e −∞. Si dice che f `e derivabile in a se `e ivi derivabile sia da destra che da sinistra e i due valori
coincidono; si dir`a derivabile con derivata finita se risulta derivabile e la sua derivata un numero
reale.
Se si usa questa definizione, la derivabilit`a non implica pi` u la continuit`a, infatti la funzione
f(x) =
_
_
_
1 se x > 0
0 se x = 0
−1 se x < 0
(G.1.9)
risulta derivabile in 0 con derivata +∞. Per questo nel seguito si porr`a particolare attenzione
alle funzioni derivabili con derivata finita. Poich`e in C non esiste una struttura d’ordine, si vede
immediatamente che le definizioni precedenti non hanno senso per una funzione f : (a−δ, a+δ) →
C.
Definizione G.1.6. Sia a ∈ R e δ > 0. Se f `e una funzione complessa definita su (a −δ, a +δ),
definiamo
f

+
(a) = lim
h→0
+
f(a +h) −f(a)
h
(G.1.10)
f


(a) = lim
h→0

f(a +h) −f(a)
h
(G.1.11)
rispettivamente la derivata destra e sinistra. Nel campo complesso `e convenzione definire f deri-
vabile se le derivate destra e sinistra coincidono finite.
Si vede semplicemente che f : (a−δ, a+δ) →C `e derivabile se e solo se 1f e ·f sono derivabili
con derivata finita e si ha
f

(a) = (1f)

(a) +i(·f)

(a) (G.1.12)
Poich`e ogni funzione reale `e anche complessa, le definizioni precedenti non sono completamente
compatibili; ciononostante poich`e nel seguito avranno importanza principalmente funzioni con
derivata finita, tale incongruenza non creer`a problemi di sorta.
Teorema G.1.1. Sia (a, b) un intervallo aperto di R e sia f una funzione reale definita su (a, b).
Allora esistono al pi` u una infinit`a numerabile di punti x ∈ (a, b) tali che esistano f


(x) e f

+
(x)
(eventualmente infinite) e f


(x) ,= f

+
(x).
Dimostrazione. sia A = ¦x ∈ (a, b)[f

+
(x) < f


(x)¦ e B = ¦x ∈ (a, b)[f

+
(x) > f


(x)¦. Per ogni
x ∈ A sia r
x
un razionale tale che f

+
(x) < r
x
< f


(x) e siano s
x
e t
x
razionali a < s
x
< x < t
x
< b
134 APPENDICE G. IL TEOREMA FONDAMENTALE DEL CALCOLO
tali che
f(y) −f(x)
y −x
> r
x
se s
x
< y < x (G.1.13)
f(y) −f(x)
y −x
< r
x
se x < y < t
x
(G.1.14)
Combinando le due relazioni precedenti si ottiene
f(y) −f(x) < r
x
(y −x) (G.1.15)
se y ,= x e s
x
< y < t
x
. Sia φ la funzione φ : A → Q
3
definita da φ(x) = (r
x
, s
x
, t
x
); poich`e Q
3
`e
numerabile, per mostrare che A `e al pi` u numerabile baster`a mostrare che φ `e iniettiva. Supponiamo
esistano x, y ∈ A tali che x ,= y e φ(x) = φ(y); allora si avrebbe per definizione (s
y
, t
y
) = (s
x
, t
x
) e
x e y sono entrambi in questo intervallo, quindi dalla relazione G.1.15 seguirebbe
f(y) −f(x) < r
x
(y −x) (G.1.16)
f(x) −f(y) < r
y
(x −y) (G.1.17)
e, poich`e r
x
= r
y
, sommando le due relazioni precedenti si ottiene 0 < 0. Con un ragionamento
analogo si mostra che B `e al pi` u numerabile.
Definizione G.1.7. Sia E ⊂ R; una famiglia 1 di intervalli chiusi di R si chiama ricoprimento di
Vitali di E se per ogni x ∈ E e per ogni > 0 esiste un intervallo I ∈ 1 tale che x ∈ I e µ(I) < ,
cio`e ogni punto di E `e contenuto in intervalli arbitrariamente piccoli di E.
Sia E un insieme e 1 l’insieme di tutti gli intervalli di R. Si verifica immediatamente che 1 `e
un ricoprimento di Vitali dell’insieme E.
Teorema G.1.2 (Teorema di Vitali del ricoprimento finito).
1
Sia E un insieme di R e sia 1 un
ricoprimento di Vitali di E. Allora esiste una famiglia numerabile ¦I
n
¦ di intervalli disgiunti di 1
tale che
µ

(E ∩ (∪
n
I
n
)
c
) = 0 (G.1.18)
se inoltre µ

(E) < +∞, allora per ogni > 0 esiste una famiglia finita ¦I
1
, . . . , I
p
¦ di intervalli
disgiunti di 1 tale che
µ

(E ∩ (∪
p
n=1
I
n
)
c
) < (G.1.19)
Dimostrazione. dimostriamo dapprima il secondo caso: sia µ

(E) < +∞, allora esiste un insieme
aperto V tale che E ⊂ V e µ(V ) < +∞. Sia 1
0
= ¦I ∈ 1[I ⊂ V ¦; allora 1
0
`e un ricoprimento
di Vitali di E. Sia I
1
∈ 1
0
; se E ⊂ I
1
allora la costruzione `e completa, altrimenti si procede per
induzione: supponiamo che I
1
, . . . , I
n
siano intervalli disgiunti di 1
0
; se E ⊂ ∪
n
i=1
I
i
la costruzione
`e completa, altrimenti definiamo
A
n
=
n
_
k=1
I
n
U
n
= V ∩ A
c
n
(G.1.20)
Allora A
n
`e chiuso, U
n
`e aperto e, poich`e E ,⊂ ∪
n
k=1
I
k
, si ha anche U
n
∩ E ,= ∅. Sia
δ
n
= sup¦µ(I)[I ∈ 1
0
, I ⊂ U
n
¦ (G.1.21)
e poich`e U
n
`e aperto si ha δ
n
> 0. Sia quindi I
n+1
∈ 1
0
tale che I
n+1
⊂ U
n
e µ(I
n+1
) >
1
2
δ
n
.
Se questa costruzione non termina dopo un numero finito di passaggi, nel qual caso il teorema `e
evidentemente vero, si ottiene una successione ¦I
n
¦

n=1
di intervalli disgiunti di 1
0
; definiamo
A =

_
n=1
I
n
(G.1.22)
1
Questo teorema sar`a usato per mostrare il teorema G.1.2 ed il teorema G.2.10; per una dimostrazione di questi
ultimi che non f`a uso del teorema di Vitali vedi l’ultima sezione di questo capitolo.
G.1. PREMESSE 135
si vuole mostrare che µ

(E ∩ A
c
) = 0; a questo proposito definiamo per ogni n l’intervallo chiuso
J
n
, avente lo stesso centro di I
n
e tale che µ(J
n
) = 5µ(I
n
), quindi
µ(

_
n=1
J
n
) ≤

n=1
µ(J
n
) = 5

n=1
µ(I
n
) = 5µ(A) < 5µ(V ) < +∞ (G.1.23)
dalla convergenza della serie a secondo termine segue in particolare che i suoi resti parziali tendono
a zero, cio`e lim
p→∞


n=p
µ(J
n
) = 0 e poich`e
µ(

_
n=p
J
n
) ≤

n=p
µ(J
n
) (G.1.24)
si ha anche lim
n→∞
µ(


n=p
J
n
) = 0; quindi per mostrare che µ

(E ∩ A
c
) = 0 baster`a mostrare
che E ∩ A
c



n=p
J
n
per ogni p ∈ N. Fissiamo quindi p ∈ N e sia x ∈ E ∩ A
c
, allora si ha
x ∈ E∩A
c
⊂ E∩A
c
p
⊂ U
p
e quindi esiste I ∈ 1
0
tale che x ∈ I ⊂ U
p
. Poich`e si ha δ
n−1
< 2µ(I
n
) e
da G.1.23 si deduce che lim
n→∞
µ(I
n
) = 0, esiste un intero n tale che δ
n
< µ(I), quindi per come
`e definito δ
n
, esiste un intero n tale che I ,⊂ U
n
; sia q il pi` u piccolo intero con questa propriet`a
(evidentemente p < q), allora si ha per costruzione
I ∩ A
q−1
= ∅ I ∩ A
q
,= ∅ (G.1.25)
ne segue che
I ∩ I
q
,= ∅ (G.1.26)
e poich`e I ⊂ U
q−1
(poich`e p < q) si ha
µ(I) ≤ δ
q−1
< 2µ(I
q
) (G.1.27)
poich`e µ(J
q
) = 5µ(I
q
), le due relazioni precedenti mostrano che
I ⊂ J
q


_
n=p
J
n
(G.1.28)
quindi x ∈


n=p
J
n
, quindi si ha E ∩ A
c


n=p
J
n
e quindi µ

(E ∩ A
c
) = 0.
Sia ora > 0 e sia p un intero tale che

n=p+1
µ(I
n
) < (G.1.29)
allora si ha
(E ∩ A
c
) ∪ (

_
n=p+1
I
n
) = E ∩ (

n=1
I
c
n
) ∪ (

_
n=p+1
I
n
) =
= E ∩ (
p

n=1
I
c
n
) ∩ (

n=p+1
I
c
n
) ∪ (

_
n=p+1
I
n
) =
= E ∩ A
c
p
∩ (

_
n=p+1
I
n
)
c
∪ (

_
n=p+1
I
n
) ⊃ E ∩ A
c
p
quindi infine
µ

(E ∩ A
c
p
) ≤ 0 +µ(

_
n=p+1
I
n
) < (G.1.30)
136 APPENDICE G. IL TEOREMA FONDAMENTALE DEL CALCOLO
Supponiamo ora µ

(E) = +∞. Per ogni n ∈ Z sia E
n
= E ∩ (n, n + 1) e sia 1
n
= ¦I ∈
1[I ⊂ (n, n + 1)¦, allora 1
n
`e un ricoprimento di Vitali di E
n
. Applicando quanto dimostrato
precedentemente ad ogni E
n
si ottiene una successione numerabile di famiglie distinte T
n
⊂ 1
n
tali che µ

(E
n
∩ (∪T
n
)
c
) = 0 per ogni n ∈ Z. Sia
T =
+∞
_
n=−∞
T
n
(G.1.31)
allora T `e successione numerabile di intervalli disgiunti di 1 e si mostra analogamente al caso
precedente che
E ∩ T
c
⊂ Z ∪
_

_
n=−∞
(E
n
∩ (∪T
n
)
c
)
_
(G.1.32)
quindi infine
µ

(E ∩ T
c
) ≤ µ

(Z) +

n=−∞
µ

(E
n
∩ (∪T
n
)
c
) = 0 (G.1.33)
Teorema G.1.3 (Lebesgue).
2
Sia [a, b] un intervallo chiuso in R e sia f una funzione reale
monotona su [a, b], allora f `e derivabile con derivata limitata quasi ovunque su [a, b].
Dimostrazione. supponiamo che f sia non decrescente (altrimenti si considera −f). Sia E = ¦x[a ≤
x < b, D
+
f(x) < D
+
f(x)¦; si vuole mostrare che µ

(E) = 0: per ogni coppia di razionali u, v tali
che u < v definiamo
E
u,v
= ¦x ∈ E[D
+
f(x) < u < v < D
+
f(x)¦ (G.1.34)
Chiaramente si ha E = ∪¦E
u,v
[0 < u < v¦ e poich`e l’unione `e estesa ad una famiglia numerabile di
insiemi basta quindi mostrare che per ogni u, v ∈ Q tali che 0 < u < v si ha µ

(E
u,v
) = 0; questa
dimostrazione sar`a svolta per assurdo: supponiamo esistano due razionali u, v tali che 0 < u < v
e µ

(E
u,v
) = α > 0. Sia un numero reale tale che
0 < <
α(v −u)
u + 2v
(G.1.35)
sia U un insieme aperto tale che E
u,v
⊂ U e µ

(U) < α + . Dalla definizione di E
u,v
segue che
per ogni x ∈ E
u,v
esistono numeri positivi h arbitrariamente piccoli tali che [x, x +h] ∈ U ∩[a, b] e
f(x +h) −f(x) < uh (G.1.36)
La famiglia 1 degli intervalli chiusi [x, x+h] `e quindi un ricoprimento di Vitali di E
u,v
quindi, per
il teorema del ricoprimento finito di Vitali, esiste una famiglia finita ¦[x
i
, x
i
+h
i

m
i=1
di intervalli
disgiunti di 1 tale che
µ

(E
u,v
∩ (
m
_
i=1
[x
i
, x
i
+h
i
])
c
) < (G.1.37)
sia ora V =

m
i=1
(x
i
, x
i
+h
i
), allora si ha
µ

(E
u,v
∩ V
c
) < (G.1.38)
e poich`e si ha per costruzione V ⊂ U si ha
m

i=1
h
i
= µ(V ) ≤ µ(U) < α + (G.1.39)
2
Vedi anche la nota di pagina 134.
G.1. PREMESSE 137
quindi dalla disuguaglianza G.1.36 segue allora
m

i=1
(f(x
i
+h
i
) −f(x
i
)) < u
m

i=1
h
i
< u(α +) (G.1.40)
Per ogni y ∈ E
u,v
∩ V esistono numeri positivi k arbitrariamente piccoli tali che [y, y +k] ⊂ V e
f(y +k) −f(y) > vk (G.1.41)
La famiglia degli intervalli [y, y + k] `e quindi un ricoprimento di Vitali di E
u,v
∩ V quindi esiste
una famiglia finita ¦[y
j
, y
j
+k
j

n
j=1
di intervalli disgiunti tale che
µ

(E
u,v
∩ V ∩ (
n
_
j=1
[y
j
, y
j
+k
j
] )
c
) <
dalla disuguaglianza precedente, unita a G.1.38, si ottiene
α = µ

(E
u,v
) ≤ µ

(E
u,v
∩ V
c
) +µ

(E
u,v
∩ V ) <
< +µ

(E
u,v
∩ V ∩ (
n
_
j=1
[y
j
, y
j
+k
j
] )
c
) +µ

(E
u,v
∩ V ∩ (
n
_
j=1
[y
j
, y
j
+k
j
])) <
< + +
n

j=1
k
j
= 2 +
n

j=1
k
j
quindi usando la disuguaglianza precedente e la G.1.41 si ottiene
v(α −2) < v
n

j=1
k
j
<
n

j=1
(f(y
j
+k
j
) −f(y
j
)) (G.1.42)
poich`e per costruzione

j=1
[y
j
, y
j
+k
j
] ⊂ V ⊂

m
i=1
[x
i
, x
i
+h
i
] e poich`e f `e non decrescente, si ha
n

j=1
(f(y
j
+k
j
) −f(y
j
)) ≤
m

i=1
(f(x
i
+h
i
) −f(x
i
)) (G.1.43)
quindi combinando questa disequazione con le G.1.42 e G.1.40 si ottiene
v(α −2) < u(α +) (G.1.44)
che contraddice la scelta fatta per , quindi si ha µ

(E) = 0 e quindi f

+
(x) esiste q.o. in [a, b]; con
un ragionamento analogo si prova che f


(x) esiste q.o. su [a, b], quindi usando il primo teorema
di questa sezione si ottiene che f

(x) esiste quasi ovunque su [a, b].
Resta da dimostrare che l’insieme F dei punti in cui f

(x) = +∞ `e trascurabile. Sia β un
numero positivo; allora per ogni x ∈ F¸¦a, b¦ esistono numeri positivi h arbitrariamente piccoli
tali che [x, x +h] ⊂ (a, b) e
f(x +h) −f(x) > βh (G.1.45)
Per il teorema di Vitali esiste quindi una famiglia numerabile [x
i
, x
i
+h
i
] di intervalli disgiunti di
questo tipo tale che
µ

(F ∩ (
_
n
[x
n
, x
n
+h
n
])
c
) = 0 (G.1.46)
da ci`o e dalla relazione G.1.45 si ottiene
βµ

(F) ⊂ β

n
h
n
<

n
(f(x
n
+h
n
) −f(x
n
)) ≤ f(b) −f(a) (G.1.47)
e quindi
βµ

(F) < f(b) −f(a) (G.1.48)
per ogni β > 0, quindi µ

(F) = 0.
138 APPENDICE G. IL TEOREMA FONDAMENTALE DEL CALCOLO
Definizione G.1.8. Si dice che una funzione f : [a, b] →C `e a variazione limitata su [a, b] se
V (f, [a, b]) = sup¦
n

i=1
[f(t
i
) −f(t
i−1
)[, a = t
0
< t
1
< . . . < t
n−1
< t
n
= b¦ < +∞ (G.1.49)
dove l’estremo superiore `e preso su tutte le partizioni di [a, b].
`
E immediato verificare che una funzione complessa f `e a variazione limitata se e solo se 1f e
·f lo sono e che per una funzione monotona si ha V (f, [a, b]) = [f(b) −f(a)[.
Teorema G.1.4. Una funzione f : [a, b] →R `e a variazione limitata ⇔ f pu`o essere scritta come
differenza di due funzioni monotone crescenti limitate.
Dimostrazione. ⇒) definiamo H(t) = V (f, [a, t]), allora H `e crescente, limitata e si ha f(x) =
H(x) − [H(x) − f(x)], resta quindi da provare che H − f `e una funzione crescente e limitata: se
y > x si ha semplicemente che H(y) = H(x) +V (f, [x, y]) e quindi
H(y)−f(y)−H(x)+f(x) = H(y)−H(x)−[f(y)−f(x)] ≥ V (f, [x, y])−[f(y)−f(x)[ ≥ 0 (G.1.50)
quindi `e crescente, inoltre se x ∈ [a, b] si ha [f(x) −f(a)[ ≤ V (f, [a, b]), quindi f `e limitata, quindi
anche H −f `e limitata
⇐) supponiamo f = H −G, dove H, G sono funzioni crescenti limitate; `e immediato verificare
che si ha V (G, [a, b]) = G(b) −G(a) < +∞ e analogamente per H. Inoltre si ha
[H(t
i
) −G(t
i
) −H(t
i−1
) +G(t
i−1
)[ ≤ [H(t
i
) −H(t
i−1
)[ +[G(t
i
) −G(t
i−1
)[ (G.1.51)
quindi si ha anche V (f, [a, b]) ≤ V (G, [a, b]) +V (H, (a, b)) < +∞
Corollario G.1.1. Una funzione f : [a, b] → C a variazione limitata ha derivata finita quasi
ovunque.
Dimostrazione. si usa il fatto che una funzione del tipo dell’ipotesi pu`o essere scritta nella forma
f = (f
1
−f
2
) +i(f
3
−f
4
) (G.1.52)
dove f
i
sono funzioni crescenti di variabile reale, per cui quindi vale il teorema di Lebesgue appena
dimostrato.
Teorema G.1.5 (Fubini). Sia ¦f
n
¦

n=1
una successione di funzioni reali non decrescenti (o non
crescenti) su un intervallo [a, b] tali che


n=1
f
n
(x) = s(x) esiste finita su [a, b], allora si ha quasi
ovunque su (a, b)
s

(x) =

n=1
f

n
(x) (G.1.53)
Dimostrazione. supponiamo ad esempio che le f
n
siano non decrescenti; inoltre considerando
f
n
(x) − f
n
(a) ci si pu`o ridurre al caso f
n
(x) ≥ 0. Allora s =


n=1
f
n
`e non negativa e non
decrescente; quindi per il teorema di Lebesgue s

(x) esiste finita per quasi ogni x ∈ (a, b).
Consideriamo le somme parziali s
n
= f
1
+ +f
n
. Ogni f
n
ha derivata finita q.o., quindi esiste
un insieme A ⊂ (a, b) tale che µ

((a, b) ∩ A
c
) = 0 e
s

n
= f

1
(x) + +f

n
(x) < +∞ (G.1.54)
per ogni x ∈ A e per ogni n ∈ N e s

(x) esista finita se x ∈ A. Per ogni x ∈ (a, b) e per ogni h > 0
tale che x +h ∈ (a, b) si ha
n

k=1
f
k
(x +h) −f
k
(x)
h

+∞

k=1
f
k
(x +h) −f
k
(x)
h
=
s(x +h) −s(x)
h
(G.1.55)
G.2. IL TEOREMA FONDAMENTALE DEL CALCOLO 139
e quindi, al limite per h →0 si ottiene
s

n
(x) ≤ s

(x) < +∞ (G.1.56)
per ogni x ∈ A e poich`e si ha evidentemente s

n
(x) ≤ s

n+1
(x) si ha
s

n
(x) ≤ s

n+1
(x) ≤ s

(x) (G.1.57)
per ogni x ∈ A (e quindi q.o. su (a, b)) e per ogni n ∈ N, quindi si ha che
lim
n→∞
s

n
(x) =

j=1
f

j
(x) (G.1.58)
esiste finito q.o. e quindi resta solo da mostrare che lim
n→∞
s

n
(x) = s

(x) quasi ovunque; inoltre
poich`e ¦s

n
(x)¦

n=1
`e una successione non decrescente per ogni x ∈ A, basta mostrare che ¦s

n
¦
ammette una sottosuccessione convergente puntualmente a s

quasi ovunque.
Poich`e si ha per ipotesi lim
n→∞
s
n
(b) = s(b), esiste una successione crescente di interi ¦n
k
¦

k=1
tale che

k=1
[s(b) −s
n
k
(b)] < +∞ (G.1.59)
Per ogni n
k
e per ogni x ∈ (a, b) si ha
0 ≤ s(x) −s
n
k
(x) ≤ s(b) −s
n
k
(b) (G.1.60)
il secondo termine di questa disuguaglianza `e quindi maggiorato dai termini di una serie convergente
ad elementi positivi, quindi la serie


k=1
[s(x) −s
n
k
(x)] converge; inoltre i termini di questa serie
sono funzioni monotone, che quindi hanno derivata finita quasi ovunque, quindi lo stesso argomento
appena usato per dimostrare che la serie


j=1
f

j
(x) converge quasi ovunque mostra in questo caso
che la serie


k=1
[s

(x) −s

n
k
(x)] converge quasi ovunque, ma allora si ha evidentemente per quasi
ogni x ∈ (a, b)
lim
k→∞
s

n
k
= s

(x) (G.1.61)
G.2 Il teorema fondamentale del calcolo
Teorema G.2.1 (Assoluta continuit`a dell’integrale). Sia f : R
n
→ C una funzione integrabile,
allora per ogni > 0 esiste un δ > 0 tale che se E ⊂ R
n
`e un insieme misurabile e µ(E) < δ,
allora si ha
¸
¸
¸
¸
_
E
fdµ
¸
¸
¸
¸
< (G.2.1)
Dimostrazione. poich`e
¸
¸
¸
¸
_
E
fdµ
¸
¸
¸
¸

_
E
[f[dµ (G.2.2)
`e sufficiente mostrare il teorema per funzioni non negative. Sia quindi f non negativa e costruiamo
la successione di funzioni f
n
(x) nel seguente modo:
f
n
(x) =
_
0 se f(x) > n
f(x) se f(x) ≤ n
(G.2.3)
si verifica immediatamente che f
n
`e misurabile per ogni n ∈ N, che f
n
≤ f e che f
n
(x) ≤ n. Inoltre
se f(x) < +∞ si ha lim
n→∞
f
n
(x) = f(x) e poich`e f `e integrabile, f(x) < +∞ quasi ovunque,
quindi lim
n→∞
f
n
(x) = f(x) quasi ovunque, quindi per il teorema di Beppo Levi si ha
lim
n→∞
_
f
n
dµ =
_
fdµ (G.2.4)
140 APPENDICE G. IL TEOREMA FONDAMENTALE DEL CALCOLO
quindi esiste un intero N tale che
_
fdµ −
_
f
N
dµ <

2
(G.2.5)
scegliamo ora
δ =

2N
(G.2.6)
e sia E misurabile tale che µ(E) < δ, allora si ha
_
E
fdµ =
_
E
[f −f
N
]dµ +
_
E
f
N
dµ ≤

_
R
n
[f −f
N
]dµ +Nµ(E) <

2
+N

2N
=
Definizione G.2.1. Sia f ∈ L
1
([a, b]) allora si chiama integrale indefinito di f la funzione F :
[a, b] →C
F(x) =
_
x
a
fdµ (G.2.7)
Teorema G.2.2. Sia f ∈ L
1
(a, b), allora il suo integrale indefinito `e una funzione uniformemente
continua ed a variazione limitata.
Dimostrazione. l’asserzione sulla uniforme continuit`a discende immediatamente dal teorema G.2.1.
Mostriamo ora che F `e a variazione limitata: sia a = x
0
< < x
n
= b una partizione di [a, b],
allora si ha
n

k=1
[F(x
k
) −F(x
k−1
)[ =
n

k=1
¸
¸
¸
¸
¸
_
x
k
x
k−1
fdµ
¸
¸
¸
¸
¸


n

k=1
_
x
k
x
k−1
[f[dµ =
_
b
a
[f[dµ < +∞
quindi si ha V (f, [a, b]) ≤
_
b
a
[f[dµ e quindi F `e a variazione limitata su [a, b] (in effetti si potrebbe
mostrare che V (f, [a, b]) =
_
b
a
[f[dµ ma questo nel seguito non sar`a utilizzato).
Teorema G.2.3. Sia A un sottoinsieme di R, allora si ha:
lim
k→0
+
µ

(A∩ (x, x +k))
k
= lim
h→0
+
µ

(A∩ (x −h, x))
h
=
= lim
h,k→0
+
µ

(A∩ (x −h, x +k))
h +k
= 1
per quasi ogni x ∈ A. Se inoltre A `e misurabile allora i limiti precedenti sono uguali a zero per
quasi ogni x ∈ A
c
.
Dimostrazione. si pu`o supporre senza perdita di generalit`a che A sia limitato; esiste quindi una
successione di insiemi aperti ¦U
n
¦

n=1
tali che
U
1
⊃ U
2
⊃ ⊃ U
n
⊃ ⊃ A (G.2.8)
e tali che µ

(U
n
) −2
−n
< µ

(A); sia a = inf U
1
e consideriamo le funzioni
φ
n
(x) = µ

(U
n
∩ (a, x)) (G.2.9)
φ(x) = µ

(A∩ (a, x)) (G.2.10)
G.2. IL TEOREMA FONDAMENTALE DEL CALCOLO 141
Per ogni x ∈ U
n
e per ogni numero positivo sufficientemente piccolo h si ha
φ
n
(x +h) −φ
n
(h)
h
=
φ
n
(x) −φ
n
(x −h)
h
= 1 (G.2.11)
quindi φ

n
(x) esiste per ogni x ∈ U
n
e si ha φ

n
(x) = 1. Si vuole ora applicare il teorema di Fubini
della sezione precedente alla serie

i=1

n
−φ) (G.2.12)
mostriamo quindi che ogni termine della serie `e monotono: se x

> x si ha
φ
n
(x

) −φ(x

) −(φ
n
(x) −φ(x)) =
= µ

(U
n
∩ [x, x

)) −µ

(A∩ (a, x

)) +µ

(A∩ (a, x)) ≥
≥ µ

(U
n
∩ [x, x

)) −µ

(A∩ [x, x

)) ≥ 0
dove si sono utilizzate le seguenti relazioni:
µ

(U
n
∩ (a, x

)) = µ

(U
n
∩ (a, x)) +µ

(U
n
∩ [x, x

)) (G.2.13)
µ

(A∩ (a, x

)) ≤ µ

(A∩ (a, x)) +µ

(A∩ [x, x

)) (G.2.14)
A∩ [x, x

) ⊂ U
n
∩ [x, x

) (G.2.15)
quindi φ
n
−φ `e monotona; sia ora b = sup U
1
, allora si ha
φ
n
(b) −φ(b) = µ

(U
n
) −µ

(A) < 2
−n
(G.2.16)
e quindi se a ≤ x ≤ b si ha:

n=1

n
(x) −φ(x)) ≤

n=1

n
(b) −φ(b)) ≤ 1 (G.2.17)
sia ora
s(x) =

n=1

n
(x) −φ(x)) (G.2.18)
allora per i teoremi di Fubini e di Lebesgue della sezione precedente vale la seguente relazione
s

(x) =

n=1

n
(x) −φ

(x)) < +∞ (G.2.19)
per quasi ogni x ∈ (a, b) e quindi si ha
lim
n→∞
φ

n
(x) = φ

(x) (G.2.20)
quasi ovunque in (a, b) e quindi φ

(x) = 1 quasi ovunque su


n=1
U
n
, quindi in particolare su A.
Sia ora A misurabile, allora si ha
1 =
µ

(A∩ (x −h, x +k))
h +k
+
µ

(A
c
∩ (x −h, x +k))
h +k
(G.2.21)
se x ∈ A
c
, se h, k → 0, per la prima parte del teorema, il secondo addendo tende ad 1 quasi
ovunque su A
c
, quindi il primo addendo tende a zero quasi ovunque su A
c
.
Teorema G.2.4 (prima forma del TFC). Sia f ∈ /
1
(a, b) e sia F il suo integrale indefinito, allora
l’uguaglianza
F

(x) = f(x) (G.2.22)
vale per quasi ogni x ∈ (a, b).
142 APPENDICE G. IL TEOREMA FONDAMENTALE DEL CALCOLO
Dimostrazione. se f = χ
A
, dove A`e un sottoinsieme misurabile di (a, b) allora F(x) = µ[A∩(a, x)] e
per il teorema precedente si ha quindi F

(x) = χ
A
(x) per quasi ogni x ∈ (a, b). Conclusione analoga
si ottiene se f `e una funzione semplice, f =

n
i=1
α
i
χ
A
i
.
Sia ora f una funzione positiva integrabile su [a, b] e ¦s
n
¦

n=1
una successione crescente di
funzioni semplici che converge puntualmente ad f. Sia
S
n
(x) =
_
x
a
s
n
dµ (G.2.23)
per ogni n ∈ N, allora per il teorema di Beppo Levi si ha
F(x) =
_
x
a
fdµ = lim
n→∞
_
x
a
s
n
dµ = lim
n→∞
S
n
(x) =
= S
1
(x) +

n=1
[S
n+1
(x) −S
n
(x)]
ogni funzione S
n+1
−S
n
`e l’integrale della funzione positiva s
n+1
−s
n
e quindi `e non decrescente,
quindi si pu`o applicare il teorema di Fubini, ottenendo
F

(x) = S

1
(x) +

n=1
[S

n+1
(x) −S

n
(x)] = lim
n→∞
S

n
(x) (G.2.24)
per quasi ogni x ∈ (a, b). Inoltre si `e visto che il teorema vale per le funzioni semplici, quindi si ha
S

n
(x) = s
n
(x) per quasi ogni x ∈ (a, b), quindi si ottiene
F

(x) = lim
n→∞
s
n
(x) = f(x) (G.2.25)
per quasi ogni x ∈ (a, b).
Se infine f ∈ /
1
(a, b) `e una funzione arbitraria, si pu`o scrivere
f = (f
1
−f
2
) +i(f
3
−f
4
) (G.2.26)
dove ogni f
i
`e una funzione positiva ed integrabile, ed applicare quanto appena dimostrato.
Il teorema precedente pu`o essere notevolmente migliorato, come mostrano i due risultati se-
guenti.
Lemma G.2.1 (Lebesgue). Sia f ∈ /
1
(a, b), allora esiste un insieme E ⊂ (a, b) tale che µ

(E
c

[a, b]) = 0 e
lim
h→0
+
1
h
_
x+h
x
[f(t) −α[dt = lim
h→0
+
1
h
_
x
x−h
[f(t) −α[dt = [f(x) −α[ (G.2.27)
per ogni α ∈ C e per ogni x ∈ E.
Dimostrazione. sia ¦β
n
¦

n=1
un insieme numerabile denso in C (ad esempio Q + iQ) e definiamo
le funzioni g
n
nel seguente modo:
g
n
(t) = [f(t) −β
n
[ (G.2.28)
si ha evidentemente g
n
∈ /
1
(a, b). Per il teorema precedente, esistono insiemi E
n
⊂ (a, b) tali che
µ

([a, b] ∩ E
c
n
) = 0 e
lim
h→0
+
1
h
_
x+h
x
g
n
(t)dt = lim
h→0
+
1
h
_
x
x−h
g
n
(t)dt = g
n
(x) (G.2.29)
G.2. IL TEOREMA FONDAMENTALE DEL CALCOLO 143
per ogni x ∈ E
n
. Sia E =


n=1
E
n
, allora si ha µ

([a, b] ∩ E
c
) = 0. Per ogni > 0 e α ∈ C sia n
tale che [β
n
−α[ <

3
, allora si ha
[ [f(t) −α[ −[f(t) −β
n
[ [ ≤ [β
n
−α[ <

3
∀t ∈ [a, b] (G.2.30)
quindi per ogni x ∈ [a, b] e per ogni numero positivo h abbastanza piccolo si ha
¸
¸
¸
¸
¸
1
h
_
x+h
x
[f(t) −α[dt −
1
h
_
x+h
x
[f(t) −β
n
[dt
¸
¸
¸
¸
¸

1
h
_
x+h
x

3
dt =

3
(G.2.31)
quindi se x ∈ E e 0 < h < h
0
, dove h
0
dipende da n e si ha
¸
¸
¸
¸
¸
1
h
_
x+h
x
[f(t) −α[dt −[f(x) −α[
¸
¸
¸
¸
¸


¸
¸
¸
¸
¸
1
h
_
x+h
x
[f(t) −α[dt −
1
h
_
x+h
x
[f(t) −β
n
[dt
¸
¸
¸
¸
¸
+
+
¸
¸
¸
¸
¸
1
h
_
x+h
x
g
n
(t)dt −g
n
(x)
¸
¸
¸
¸
¸
+[β
n
−α[ < 3

3
inoltre n dipende solo da e α, quindi
lim
h→0
+
1
h
_
x+h
x
[f(t) −α[dt = [f(x) −α[ (G.2.32)
per ogni x ∈ E, α ∈ C. Con un argomento simile si mostra la seconda uguaglianza.
Teorema G.2.5 (Lebesgue). Sia f ∈ /
1
(a, b), allora si ha
lim
h→0
+
1
h
_
h
0
[f(x +t) +f(x −t) −2f(x)[dt = 0 (G.2.33)
per quasi ogni x ∈ (a, b).
Dimostrazione. per un x ∈ (a, b) fissato si ha
1
h
_
h
0
[f(x +t) +f(x −t) −2f(x)[dt ≤

1
h
_
x+h
x
[f(t) −f(x)[dt +
1
h
_
x
x−h
[f(t) −f(x)[dt
Applicando il lemma precedente con α = f(x) si ottiene l’enunciato.
Definizione G.2.2 (Vitali). Sia f una funzione f : J → C, dove J `e un intervallo contenuto
in R; f `e detta assolutamente continua su J se per ogni > 0 esiste un δ > 0 tale che per ogni
famiglia finita ¦(c
k
, d
k

n
k=1
di intervalli disgiunti di J tali che
n

k=1
(d
k
−c
k
) < δ (G.2.34)
si abbia
n

k=1
[f(d
k
) −f(c
k
)[ < (G.2.35)
144 APPENDICE G. IL TEOREMA FONDAMENTALE DEL CALCOLO
Teorema G.2.6. Sia f ∈ /
1
(a, b) e sia F il suo integrale indefinito, allora F `e assolutamente
continua su [a, b].
Dimostrazione. discende immediatamente dal teorema che gi`a in precedenza era stato contrasse-
gnato con il nome assoluta continuit`a dell’integrale G.2.1
`
E evidente che ogni funzione assolutamente continua su un intervallo `e anche uniformemente
continua; `e inoltre semplice notare come la definizione di assoluta continuit`a richiami alla mente
le funzioni a variazione limitata, sussiste infatti il seguente:
Teorema G.2.7. Sia f : [a, b] →C una funzione assolutamente continua, allora essa ha variazione
limitata su [a, b].
Dimostrazione. poniamo = 1 e sia δ > 0 come nella definizione di assoluta continuit`a. Sia n un
intero tale che n >
b−a
δ
e consideriamo una partizione di [a, b] a = x
0
< < x
n
= b tale che
x
k
−x
k−1
=
b−a
n
< δ per ogni 1 < k < n. Dalla scelta di δ segue che V (f, [x
k
, x
k−1
]) ≤ = 1 per
ogni k, quindi si ha
V (f, [a, b]) =
n

k=1
V (f, [x
k
, x
k−1
]) ≤ n (G.2.36)
Teorema G.2.8. Ogni funzione f : [a, b] →C assolutamente continua pu`o essere scritta come
f = (f
1
−f
2
) +i(f
3
−f
4
) (G.2.37)
dove le f
i
sono reali, non decrescenti e assolutamente continue su [a, b].
Dimostrazione. poich`e `e evidente che se f `e assolutamente continua anche 1f e ·f sono asso-
lutamente continue, basta dimostrare il teorema nel caso reale; poich`e si `e inoltre visto che f `e
a variazione limitata, rileggendo la dimostrazione del teorema sulla scomposizione delle funzioni
a variazione limitata come differenza di funzioni non decrescenti teorema G.1.4, si vede che per
concludere basta mostrare che g
1
(x) = V (f, [a, x]) `e assolutamente continua e usare il fatto che la
somma di funzioni assolutamente continue `e assolutamente continua.
Fissiamo > 0 e sia δ > 0 tale che se ¦(c
k
, d
k

n
k=1
sono intervalli disgiunti di [a, b] tali che
n

k=1
(d
k
−c
k
) < δ (G.2.38)
allora si abbia
n

k=1
[f(d
k
) −f(c
k
)[ <

2
(G.2.39)
Sia ¦(c
k
, d
k

n
k=1
un sistema di intervalli disgiunti soddisfacente alla condizione precedente; poich`e
f ha variazione limitata, per ogni 1 ≤ k ≤ n esiste una partizione c
k
= a
(k)
0
< a
(k)
1
< < a
(k)
l
k
= d
k
tale che
V (f, [c
k
, d
k
]) <
l
k
−1

j=0
[f(a
(k)
j+1
) −f(a
(k)
j
)[ +

2n
(G.2.40)
allora si ha
n

k=1
[g
1
(d
k
) −g
1
(c
k
)[ =
n

k=1
V (f, [c
k
, d
k
]) <
<
n

k=1
l
k
−1

j=0
[f(a
(k)
j+1
) −f(a
(k)
j
)[ +

2
<

2
+

2
=
G.2. IL TEOREMA FONDAMENTALE DEL CALCOLO 145
dove l’ultima disuguaglianza dipende dal fatto che
n

k=1
l
k
−1

j=0
(a
(k)
j+1
−a
(k)
j
) =
n

k=1
(d
k
−c
k
) < δ (G.2.41)
Teorema G.2.9. Se f : [a, b] →R `e una funzione non decrescente, allora f

`e misurabile e
_
b
a
f

(x)dx ≤ f(b) −f(a) (G.2.42)
Dimostrazione. definiamo se x > b, f(x) = f(b). Sia
f
n
(x) =
f(x + 1/n) −f(x)
1/n
(G.2.43)
per n naturale positivo e a ≤ x ≤ b. Allora f
n
`e una successione di funzioni positive e misurabili e
lim
n→∞
f
n
(x) = f

(x) (G.2.44)
per quasi ogni x ∈ (a, b), quindi f

`e misurabile. Usando il lemma di Fatou si ha:
_
b
a
f

(x)dx =
_
b
a
lim
n→∞
f
n
(x)dx ≤ liminf
n→∞
_
b
a
f
n
(x)dx =
= liminf
n→∞
n
_
b
a
[f(x + 1/n) −f(x)] dx =
= liminf
n→∞
_
n
_
b+1/n
b
f(x)dx −n
_
a+1/n
a
f(x)dx
_

≤ liminf
n→∞
_
n
_
b+1/n
b
f(b)dx −n
_
a+1/n
a
f(a)dx
_
= f(b) −f(a)
Corollario G.2.1. Se g : [a, b] → C `e una funzione a variazione limitata su [a, b] allora g

`e
integrabile su [a, b].
Dimostrazione. si usa il fatto che si pu`o scrivere
g = f
1
−f
2
+i(f
3
−f
4
) (G.2.45)
dove le f
i
sono reali e non decrescenti, quindi soddisfano il teorema precedente.
Teorema G.2.10.
3
Sia f : [a, b] → C una funzione assolutamente continua e supponiamo che
f

(x) = 0 per quasi ogni x ∈ (a, b) allora f `e costante.
Dimostrazione. si pu`o supporre senza perdita di generalit`a che f sia reale, in quanto lo stesso
argomento si pu`o applicare a ·f ed a 1f. Sia c ∈ (a, b] e > 0 arbitrario; si vuole mostrare
che f(a) = f(c). Sia δ > 0 come nella definizione di assoluta continuit`a corrispondente a e sia
E = ¦x ∈ (a, c)[f

(x) = 0¦; per ipotesi si ha µ

(E) = c − a. Per ogni x ∈ E esistono numeri
positivi arbitrariamente piccoli h tali che x, x +h ∈ (a, c) e
[f(x +h) −f(x)[ <
h
c −a
(G.2.46)
3
Vedi anche la nota di pagina 134.
146 APPENDICE G. IL TEOREMA FONDAMENTALE DEL CALCOLO
La famiglia di questi intervalli [x, x + h] `e un ricoprimento di Vitali di E e quindi esiste una
sottofamiglia finita ¦[x
k
, x
k
+h
k

n
k=1
di intervalli disgiunti tale che
µ

(E ∩ (
n
_
k=1
[x
k
, x
k
+h
k
])
c
) < δ (G.2.47)
quindi
µ

((a, c)) = µ

(E) < δ +
n

k=1
h
k
(G.2.48)
si pu`o inoltre supporre che x
1
< x
1
< < x
n
, quindi dalla disuguaglianza precedente segue che
la somma delle lunghezze degli intervalli aperti
(a, x
1
); (x
1
+h, x
2
); . . . ; (x
n
+h
n
, c) (G.2.49)
complementari dell’insieme

n
k=1
[x
k
, x
k
+h
k
] rispetto ad (a, c) `e minore di δ, quindi, per la scelta
di δ si ha:
[f(a) −f(x
1
)[ +
n−1

k=1
[f(x
k
+h
k
) −f(x
k+1
)[ +[f(x
n
+h
n
) −f(c)[ < (G.2.50)
Le disuguaglianze G.2.46 e G.2.50 implicano quindi
[f(a) −f(c)[ ≤ [f(a) −f(x
1
)[ +
n−1

k=1
[f(x
k
+h
k
) −f(x
k+1
)[ +
+[f(x
n
+h
n
) −f(c)[ +
n

k=1
[f(x
k
+h
k
) −f(x
k
)[ <
< +
n

k=1
h
n
c −a
≤ 2
e poich`e > 0 `e arbitrario si conclude che f(a) = f(c)
Teorema G.2.11 (TFC seconda forma).
4
Sia f : [a, b] →C una funzione assolutamente continua,
allora f

∈ /
1
(a, b) e
f(x) = f(a) +
_
x
a
f

(t)dt (G.2.51)
Dimostrazione. poich`e si `e visto che se f `e assolutamente continua allora ha variazione limitata e
che una funzione a variazione limitata ha la derivata integrabile, la prima asserzione `e dimostrata;
sia quindi g(x) =
_
x
a
f

(t)dt, allora g `e assolutamente continua e sia h = f − g. h `e allora
assolutamente continua e usando la prima forma del teorema fondamentale del calcolo si ha h

= 0
quasi ovunque, quindi per il teorema precedente h `e una costante, quindi
f(x) = h(x) +g(x) = h(a) +
_
x
a
f

(t)dt = f(a) −
_
a
a
f

(t)dt +
+
_
x
a
f

(t)dt = f(a) +
_
x
a
f

(t)dt
Riassumendo quanto fin qui dimostrato si ottiene
4
Vedi anche la nota di pagina 134.
G.3. ALTRA DIMOSTRAZIONE 147
Teorema G.2.12. Una funzione f : [a, b] →C ha la forma
f(x) = f(a) +
_
x
a
φ(t)t (G.2.52)
per qualche φ ∈ /
1
(a, b) se e solo se f `e assolutamente continua su [a, b]; in questo caso si ha
anche φ = f

quasi ovunque su (a, b)
Corollario G.2.2 (Integrazione per parti 1). Siano f, g funzioni integrabili e definiamo
F(x) = α +
_
x
a
f(t)dt; G(x) = β +
_
x
a
g(t)dt (G.2.53)
Allora si ha
_
b
a
G(t)f(t)dt +
_
b
a
g(t)F(t)dt = F(x)G(x)[
b
a
(G.2.54)
Dimostrazione. poich`e G, F sono assolutamente continue su [a, b], in particolare sono limitate,
quindi si ha
[F(v)G(v) −F(u)G(u)[ ≤ [ sup
t∈[a,b]
[F(t)[ ][G(v) −G(u)[ + [ sup
t∈[a,b]
[G(t)[ ][F(v) −F(u)[ (G.2.55)
da cui si vede subito che FG `e assolutamente continua, quindi `e differenziabile quasi ovunque
(come G e F), quindi si ha quasi ovunque
(FG)

= FG

+F

G = Fg +fG (G.2.56)
e l’enunciato segue dalla seconda forma del teorema fondamentale del calcolo.
Corollario G.2.3 (Integrazione per parti 2). Siano f, g funzioni assolutamente continue su [a, b]
allora si ha
_
b
a
f(t)g

(t)dt +
_
b
a
f

(t)g(t)dt = f(x)g(x)[
b
a
(G.2.57)
Dimostrazione. identica alla precedente.
G.3 Altra dimostrazione
Lemma G.3.1 (Riesz). Sia g : [a, b] → R una funzione per cui esistono finiti g(x ± 0) =
lim
h→0
± g(x + h) e definiamo la funzione G(x) come G(x) = max¦g(x − 0), g(x), g(x + 0)¦. I
punti x ∈ (a, b) per cui esiste ξ ∈ (x, b], tale che g(ξ) > G(x) formano un insieme aperto E
g
;
come ogni insieme aperto di R, l’insieme E
g
pu`o essere scritto come unione finita o numerabile di
intervalli aperti disgiunti (a
k
, b
k
); per ognuno di questi intervalli si ha g(a
k
+ 0) ≤ G(b
k
).
Dimostrazione. sia x ∈ E
g
, allora esiste ξ > x tale che G(x) < g(ξ), ma per come `e definita G
`e immediato vedere che se y `e abbastanza vicino a x si ha anche G(y) < g(ξ) e quindi y ∈ E
g
e
quindi E
g
`e un insieme aperto.
Sia (a
k
, b
k
) uno degli intervalli disgiunti che compongono E
g
e sia x ∈ (a
k
, b
k
); mostriamo
che g(x) ≤ G(b
k
), da cui al limite per x → a
+
k
seguir`a g(a
k
+ 0) ≤ G(b
k
). Sia x
1
il pi` u grande
numero di [x, b
k
] tale che g(x) ≤ G(x
1
) (si vede semplicemente che l’estremo superiore dei punti
che hanno questa propriet`a `e effettivamente un massimo) e mostriamo che x
1
= b
k
. Supponiamo
per assurdo che sia x
1
< b
k
(e quindi x
1
∈ E
g
), quindi esiste un ξ
1
∈ [x
1
, b] tale che G(x
1
) < g(ξ
1
);
se fosse ξ
1
≤ b
k
si avrebbe g(x) ≤ G(x
1
) < g(ξ
1
) ≤ G(ξ
1
) e x
1
< ξ
1
≤ b
k
contraddicendo la
definizione di x
1
, quindi si deve avere ξ
1
> b
k
ma allora si avrebbe (poich`e b
k
/ ∈ E
g
non si pu`o
avere G(b
k
) < g(ξ
1
), poich`e si `e supposto x
1
< b
k
non si pu`o avere g(x) ≤ G(b
k
))
G(x
1
) < g(ξ
1
) ≤ G(b
k
) < g(x) ≤ G(x
1
) (G.3.1)
assurdo.
148 APPENDICE G. IL TEOREMA FONDAMENTALE DEL CALCOLO
Teorema G.3.1 (Lebesgue). Sia f : [a, b] →R una funzione monotona, allora f `e derivabile con
derivata finita q.o. in [a, b].
Dimostrazione. per dimostrare il teorema si deve dimostrare che si hanno per q.o. x ∈ (a, b) le
relazioni
D
+
f(x) < +∞; D
+
f(x) ≤ D

f(x) (G.3.2)
infatti applicando la seconda disequazione alla funzione −f(−x) si ottiene che si ha q.o. la relazione
D

f(x) ≤ D
+
f(x) e quindi
D
+
f(x) ≤ D

f(x) ≤ D

f(x) ≤ D
+
f(x) ≤ D
+
f(x) < +∞ (G.3.3)
Si pu`o supporre che f sia non decrescente. Verifichiamo la prima disuguaglianza di G.3.2, cio`e
vediamo che l’insieme E

dei punti in cui D
+
f(x) = +∞`e trascurabile; sia E
C
l’insieme dei punti
x ∈ (a, b) in cui D
+
f(x) > C; dalla relazione D
+
f(x) > C segue l’esistenza di un ξ > x tale che
f(ξ) −f(x) > C(ξ −x) cio`e, definendo g(x) = f(x) −Cx, si ha g(ξ) > g(x), quindi l’insieme E
C
`e
contenuto nell’insieme E
g
del precedente lemma e si ha g(a
k
+0) ≤ G(b
k
), da cui (per la monotonia
di f)
f(a
k
) −Ca
k
≤ f(a
k
+0) −Ca
k
≤ max¦f(b
k
+0), f(b
k
), f(b
k
−0)¦ −Cb
k
= f(b
k
) −Cb
k
(G.3.4)
cio`e C(b
k
−a
k
) ≤ f(b
k
+ 0) −f(a
k
), quindi si ha
Cµ(E
C
) = C

(b
k
−a
k
) ≤

[f(b
k
+ 0) −f(a
k
)] ≤ f(b) −f(a) = K < +∞ (G.3.5)
da cui si ottiene µ(E

) = lim
n→∞
µ(E
n
) ≤ lim
n→∞
K/n = 0.
Dimostriamo ora la seconda delle disuguaglianza G.3.2: siano c, C due numeri tali che c < C.
Indichiamo con Σ
1
l’insieme dei valori x ∈ (a, b) tali che D

f(x) < c, allora, ragionando come fatto
prima, si vede che x ∈ Σ
1
implica che −x `e nell’insieme E
g
1
del lemma precedente, considerando
g
1
(x) = f(−x) + cx; siano (−b
k
, −a
k
) gli intervalli disgiunti di cui `e composto l’insieme aperto
E
g
1
. Analogamente si vede che per x ∈ (a
k
, b
k
) la condizione D
+
f(x) > C implica x ∈ E
g
2
con g
2
(x) = f(x) − Cx; consideriamo g
2
ristretta a [a
k
+ 2
−|k|
, b
k
− 2
−|k|
], dove > 0, e siano
(a
kj
, b
kj
) gli intervalli disgiunti che compongono l’insieme E
k
g
2
(l’indice k all’esponente ricorda che
si sta considerando la restrizione) e chiamiamo Σ
2
= E
g
2
∩ E
g
1
. Per il lemma precedente si ha
allora
g
1
(−b
k
+ 0) ≤ G
1
(−a
k
) ⇒ f(b
k
−0) −f(a
k
+ 0) ≤ c(b
k
−a
k
) (G.3.6)
g
2
(a
kj
+ 0) ≤ G
2
(b
kj
) ⇒ C(b
kj
−a
kj
) ≤ f(b
kj
+ 0) −f(a
kj
+ 0) (G.3.7)
da cui si decuce
Cµ(Σ
2
) = Cµ(E
g
2
∩ E
g
1
) = C

k
µ(E
g
2
∩ (a
k
, b
k
)) ≤ C

k
¦µ(E
k
g
2
) + 22
−|k|
¦ ≤ (G.3.8)
≤ 8C +C

kj
(a
kj
−b
kj
) ≤ 8C +

kj
[f(b
kj
+ 0) −f(a
kj
+ 0)] ≤
≤ 8C +

k
[f(b
k
−0) −f(a
k
+ 0)] ≤ 8C +c

k
(b
k
−a
k
) = 8C +cµ(Σ
1
)
e quindi, per l’arbitrariet`a di , µ(Σ
2
) ≤ (c/C)µ(Σ
1
). Iterando il procedimento e chiamando Σ
n
l’insieme ottenuto dopo n iterazioni si ottiene analogamente µ(Σ
k
) ≤ (c/C)µ(Σ
k−1
) e quindi per
induzione si ha:
µ(Σ
2n
) ≤
_
c
C
_
n
µ(Σ
1
) →0 (G.3.9)
da cui si deduce che l’insieme E
c,C
degli x ∈ (a, b) per cui si ha contemporaneamente D
+
f(x) > C
e D

f(x) < c ha misura nulla. Sia ora ¦q
n
¦ una numerazione dei numeri razionali; poich`e il
G.3. ALTRA DIMOSTRAZIONE 149
prodotto di due insiemi numerabili `e numerabile si ha allora che gli insiemi E
q
n
,q
m
(n, m ∈ N) sono
una infinit`a numerabile e quindi E = ∪
n,m∈N
E
q
n
,q
m
`e un insieme trascurabile. Sia ora x ∈ (a, b)
tale che D

(f(x)) < D
+
f(x), allora esistono q
n
e q
m
tali che D

f(x) ≤ q
n
< q
m
≤ D
+
f(x),
quindi x ∈ E
q
n
,q
m
⊂ E, quindi l’insieme degli x tali che D

f(x) < D
+
f(x) `e un sottoinsieme di
E e quindi ha misura nulla.
Nella seguente parte di questa appendice si dimostreranno i teoremi G.2.10 e G.2.11 senza usare
il teorema del ricoprimento finito.
Lemma G.3.2. Sia f : [a, b] →R una funzione assolutamente continua e sia T ⊂ [a, b] un insieme
trascurabile, allora f(T) `e un insieme trascurabile.
Dimostrazione. siano , δ come nella definizione di assoluta continuit`a; poich`e T `e trascurabile
esiste un ricoprimento ! di T tramite intervalli tale che µ(!) < δ, ma allora µ(f(!)) < e, poich`e
f(T) ⊂ f(!), si ottiene µ

(f(T)) < e per l’arbitrariet`a di > 0 si conclude.
Teorema G.3.2. Sia f : [a, b] → R una funzione assolutamente continua e non decrescente tale
che f

(x) = 0 per q.o x ∈ (a, b), allora f `e costante su [a, b].
Dimostrazione. indichiamo con T l’insieme su cui f

(x) ,= 0; per il lemma precedente si ha
µ(f(T)) = 0. Sia R = [a, b]¸T; poich`e f

(x) = 0 su R, per ogni x ∈ R esiste ξ ∈ (x, b] tale
che f(ξ) −f(x) < (ξ −x), dove > 0, quindi R ⊂ E
g
(vedi lemma G.3.1) dove g(x) = x −f(x).
Siano (a
k
, b
k
) gli intervalli disgiunti che compongono l’insieme aperto E
g
, allora per il lemma
G.3.1 si ha g(a
k
+ 0) ≤ G(b
k
) e quindi a
k
− f(a
k
+ 0) ≤ b
k
− f(b
k
− 0) da cui si ottiene
f(b
k
− 0) − f(a
k
+ 0) ≤ (b
k
− a
k
) da cui si ottiene µ(f(E
g
)) ≤ (b − a) e, per l’arbitrariet`a di ,
µ(f(E
g
)) = 0 e quindi µ(f(R)) = 0.
Si `e cos`ı giunti alla conclusione che [f(b), f(a)] = f(R) ∪ f(T) dove µ(f(R)) = µ(f(T)) = 0,
quindi µ( [f(b), f(a)] ) = 0, cio`e f(a) = f(b) e quindi f `e costante.
Teorema G.3.3 (TFC seconda forma). Sia f : [a, b] → C una funzione assolutamente continua,
allora f

∈ /
1
(a, b) e
f(x) = f(a) +
_
x
a
f

(t)dt (G.3.10)
Dimostrazione. dai teoremi G.2.8 e G.2.7 segue che f `e una funzione a variazione limitata e quindi
`e derivabile q.o. con derivata integrabile. Per le propriet`a dell’integrale e per il teorema G.2.8
basta mostrare l’equazione G.3.10 nel caso in cui f sia reale e non decrescente. In questo caso
definiamo le funzioni F
1
e F
2
come
F
1
(x) = f(x) −f(a); F
2
(x) =
_
x
a
f

(t)dt (G.3.11)
allora consideriamo g(x) = F
1
(x) −F
2
(x); g `e assolutamente continua, per la prima formulazione
del teorema fondamentale del calcolo si ha g

(x) = 0 quasi ovunque, g(a) = 0 e se y > x si ha (vedi
equazione G.2.42)
g(y) −g(x) = f(y) −f(a) −
_
y
a
f

(t)dt −f(x) +f(a) +
_
x
a
f

(t)dt = (G.3.12)
= f(y) −f(x) −
_
y
x
f

(t)dt ≥ 0
quindi g `e crescente, quindi per il teorema precedente g(x) = 0 su [a, b] e quindi si ottiene G.3.10.
Si ottiene quindi il teorema G.2.12:
150 APPENDICE G. IL TEOREMA FONDAMENTALE DEL CALCOLO
Teorema G.3.4. Una funzione f : [a, b] →C ha la forma
f(x) = f(a) +
_
x
a
φ(t)t (G.3.13)
per qualche φ ∈ /
1
(a, b) se e solo se f `e assolutamente continua su [a, b]; in questo caso si ha
anche φ = f

quasi ovunque su (a, b).
Corollario G.3.1. Una funzione f : [a, b] →C assolutamente continua `e costante se e solo se ha
derivata nulla q.o. in [a, b].
Bibliografia: in questa appendice si sono viste due diverse strade per dimostrare i teoremi
principali: quella che usa il teorema del ricoprimento finito di Vitali `e esposta nel capitolo V
di [5], quella che non lo usa `e tratta dalle sezioni I,3, I,13 e I,25 del testo [7] o dall’edizione
francese del testo [6] edita da MIR (in questo testo e nella corrispondente edizione italiana vi `e
per`o un errore nell’enunciato del lemma G.3.1 nel caso di funzioni discontinue: vi si trova infatti
erroneamente affermato che vale la disuguaglianza g(a
k
) ≤ G(b
k
) invece di g(a
k
+0) ≤ G(b
k
)). Per
una trattazione pi` u moderna, che per`o richiede alcune conoscenze di teoria della misura (reperibili
nei capitoli precedenti dello stesso testo), si rimanda al capitolo VIII di [8].
Bibliografia
[1] H. Brezis. Analisi Funzionale. Liguori Editore.
[2] R. Courant, D. Hilbert. Methods of mathematical physics vol. 1. Interscience.
[3] J. Dieudonn`e. Foundations of Modern Analysis. Accademic Press.
[4] M. Giaquinta, G. Modica. ANALISI MATEMATICA 3.Strutture lineari e metriche, continui-
t`a. Pitagora Editrice.
[5] E. Hewitt, K. Stromberg. Real and abstract analysis. Springer.
[6] A. N. Kolmogorov, S. V. Fomin. Elements of the Theory of Functions and Functional Analysis.
Dover Publications.
[7] F. Riesz, B. von Sz. Nagy. Le¸con d’Analyse Fonctionelle. Akad. Kiado.
[8] W. Rudin. Analisi reale e complessa. Bollati Boringhieri.
[9] K. Yosida. Functional Analysis. Springer.
I libri [1], [2], [3], [5], [7], [8], [9] sono reperibili nella biblioteca di Matematica Fisica Informa-
tica, il testo [6] `e disponibile edito da una diversa casa editrice; il testo [4] non era reperibile
in biblioteca quando queste note sono state scritte.
151
Indice analitico
autospazio, 64, 114
autovalore, 64, 114
autovettori, 114
base, 20
chiusura di un insieme, 6
classe di Schwartz, 74
completamento, 11
contrazione, 15
criterio di Dini, 28
criterio di Dirichlet-Jordan, 104
derivate di Dini, 133
disuguaglianza di Bessel, 21
disuguaglianza di Cauchy-Schwartz, 16
disuguaglianza di H¨older, 95
disuguaglianza di Minkowski, 95
disuguaglianza di Young, 95
disuguaglianza triangolare, 1
esponente coniugato, 95
estensione minimale, 88
formula di inversione per T.F., 77, 84
formula di Poisson, 34
formula di polarizzazione, 18
formule di de Morgan, 5
funzionale lineare, 57
funzione a variazione limitata, 138
funzione armonica, 38
funzione assolutamente continua, 91, 143
funzione caratteristica, 13
funzione continua, 2, 3
funzione di Cantor-Vitali, 91
funzione di Green, 32, 37, 42, 119, 122
funzione lipschitziana, 3
funzione semplice, 97
funzione uniformemente continua, 7
grafico, 85
identit`a del parallelogramma, 18
identit`a di Parsefall, 22, 77
insieme aperto, 4
insieme chiuso, 4
insieme compatto, 6
insieme completo, 20
insieme convesso, 54
insieme denso, 8
insieme ortonormale, 20
insieme relativamente compatto, 6
insieme risolvente, 115
integrale indefinito di una funzione, 140
integrazione per parti, 91, 147
lemma di Baire, 128
lemma di Green, 41
lemma di Riemann-Lebesgue, 24
limite di una funzione, 1
limite di una successione, 2
metodo di Gram-Schmidt, 51
norma, 1
norma di un op. lineare, 56
norme equivalenti, 4
nucleo di Dirichlet, 27
nucleo di Fejer, 107
nucleo di Poisson, 34
operatore aggiunto, 58, 86, 119
operatore autoaggiunto, 64
operatore chiudibile, 88
operatore chiuso, 85
operatore compatto, 66
operatore di Hilbert-Schmidt, 68
operatore isometrico, 64
operatore limitato, 56
operatore normale, 64
operatore unitario, 63
palla aperta, 4
palla chiusa, 4
parte interna, 9
polinomio minimo, 66
polinomio trigonometrico, 25
principio del massimo, 39
problema aggiunto, 120
problema ai limiti, 117
problema ai limiti omogeneo, 117
152
INDICE ANALITICO 153
problema autoaggiunto, 120
problema di Dirichlet, 39
problema di Sturm-Liouville, 121, 122
prodotto di convoluzione, 82, 99
prodotto scalare, 16
proiettore, 59
proiezione, 54
ricoprimento di Vitali, 134
serie di Fourier, 22
somma deiretta, 55
sottospazio di Hilbert, 53
sottospazio invariante, 65
spazio
2
, 50
spazio L
p
, 14, 94
spazio L
p
loc
, 99
spazio B, 8
spazio (, 11
spazio (

, 13
spazio (
c
, 11, 97
spazio (

c
, 13, 97
spazio biduale, 110
spazio di Banach, 9
spazio di Hilbert, 20
spazio duale, 57
spazio normato, 1
spazio normato completo, 9
spazio riflessivo, 111
spazio separabile, 51
spettro, 114
spettro puntuale, 64, 114
successione di Cauchy, 9
successione di mollificatori, 100
supporto di una funzione, 97
teorema del grafico chiuso, 86, 131
teorema dell’alternativa, 112, 117
teorema della applicazione aperta, 128
teorema della divergenza, 41
teorema della media, 40, 41
teorema della proiezione, 55
teorema delle contrazioni, 15
teorema di Bolzano-Weierstrass, 8
teorema di Fejer, 108
teorema di Fischer-Riesz, 22, 96
teorema di Fubini, 138
teorema di Heine-Cantor-Borel, 7
teorema di Lebesgue, 90, 136, 142, 143
teorema di Plancherel, 78
teorema di rappresentazione di Riesz, 57
teorema di Vitali del ricoprimento finito, 134
teorema di von Neumann, 18
teorema di Weierstrass, 6, 12
teorema fondamentale del calcolo, 91, 141, 146,
149
teorema secondo della media, 103
teorema spettrale, 65, 70, 73
trasformata di Fourier, 74, 77, 79
154 INDICE ANALITICO
Copyright c _ 2003-2010 Claudio Bonati
Appunti del corso Medoti Matematici per la Fisica I
`e rilasciato sotto i termini della licenza
Creative Commons - Attribution - Share Alike 3.0 Unported.
Il testo della licenza `e reperibile al seguente indirizzo Internet:
http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/