You are on page 1of 15

GEORG  SIMMEL-­‐  (1858-­‐1918)   “Filosofo  e  sociologo  della  modernità”  

 Comincia  a  collaborare  a  riviste  di  psicologia.   •  Rifiuta   due   inviti   da   università   americane.a   56   anni.   •  Il  28  settembre  nel  1918  muore    a  Strasburgo  .   sperando   che   la   situazione   a   Berlino   si   sblocchi.  I   suoi   corsi   sono   seguitissimi   anche   da   studenti   stranieri   come   Park  e  Santayana.     .   Ma   a   causa   dell’antisemitismo   del   tempo.   gli   viene   negata   una   cattedra   di   filosofia   a   Heidelberg   nel   1907   e   solo   nel   1914.Notizie  bibliografiche   •  Nasce   il   1°   marzo   1858   a   Berlino   da   una   famiglia   ebraica   convertita  al  Cristianesimo.   diventa   professore   ordinario    di  filosofia  all'università  di  Strasburgo.   sociologia  e  a  riviste  socialiste.  Terrà  il  posto  fino  al  1900.   •  Nel   1881   consegue   la   laurea   presso   l'università   di   Berlino   e   nel   1885   ottiene   la   prima   cattedra   come   Privatdozent   (docente   pagato  dalle  tasse  dei  suoi  studenti).

    .     • "Filosofia  del  denaro"  (1900).     • "Sulla  filosofia  della  religione"  (1912).   proprio   durante   la   guerra.   scrive   le   sue  ultime  opere.   portando   avanti   la   sua   ricerca   sociologica   e   alcuni   saggi   sul   relativismo.   •   "Il  problema  della  sociologia"  (1894).     • "La  metropoli  e  la  vita  dello  spirito”  (1903).     • "I  problemi  della  filosofia  della  storia"  (1892).   Nel   1914   diventa   professore   ordinario   all'Università   di   Strasburgo   e.Opere  più  importanti   Le   sue   prime   opere   riguardano   la   filosofia   della   storia   e   la   sociologia.   Tra   il   1900   e   il   1914   compone   altre   opere.  riguardanti  esclusivamente  la  filosofia  della  vita:     • "Il  conflitto  della  cultura  moderna".   Ricordiamo  tra  le  più  importanti:   • "Sulla  differenziazione  sociale"  (1890).

 toccando  temi  diversi.     .  riflette.  Non  poca   influenza   ha   la   crisi   del   movimento   liberale   che.  ricevono  da  Simmel  una  particolare  attenzione.   conseguentemente  all’ascesa  del  proletariato    vede  messa  in  discussione  la  sua   funzione  di  partito  guida  oltre  a  dover  fare  i  conti  con  le  crisi  interne  dovute   soprattutto   alla   frattura.   L’industrializzazione   e   il   fenomeno   a   essa   connesso   dell’urbanizzazione.   quando   si   parla   di   Georg   Simmel   (1858-­‐1918).  egli  risentì   dell’influenza  della  “psicologia  dei  popoli”  la  quale  sosteneva  la  necessità  del   superamento   della   psicologia   individuale   in   quanto   l’uomo   va   compreso   come   essere   sociale:   gli   individui   con   la   loro   attività   comune   creano   la   realtà   oggettiva  delle  forme  culturali  ma  sono  pure  il  prodotto  di  tali  forme  (spirito   oggettivo).   dall’altra.   di   fare   automaticamente  riferimento  alla  “sociologia  formale”  cioè  a  quella  sociologia   che  ricerca    le  “forme  astoriche  della  sociazione”  (le  “forme  dei  rapporti  sociali   che  rimangono  invariate  nonostante  i  loro  contenuti  storici  sempre  diversi”).  in  realtà.  i  problemi  del   suo   tempo.   insanabile.   da   una   parte.   tra   gli   ideali   di   libertà   del   vecchio   liberalismo  e  una  politica  di  potenza  espansionistica.   —  Per  quanto  riguarda  più  propriamente  i  condizionamenti  culturali.   dopo   aver   realizzato   i   suoi   ideali   di   uguaglianza   perde   la   forza   propulsiva   e.Sociologia  e  sociazione     —  Non   è   raro.   —  Il  pensiero    di  Simmel.

 un   significato   filosofico   alla   superficie   dell’esistenza.Profondità  dell’apparenza     —  Simmel   per   primo   si   interessa   dal   punto   di   vista   sociologico   dei   fenomeni   legati  ai  grandi  agglomerati  metropolitani.    Simmel  attribuisce  un  importante  valore  conoscitivo.  è  possibile  collegare  gli   aspetti  di  dettaglio  e  superficiali  della  vita  alle  loro  dinamiche  più  profonde  e   più  essenziali.       —  Profondità  dell’apparenza:  Ciò  che  interessa  a  Simmel  è  l’apparenza  delle  cose.   cioè   le   forme   elementari   che   sono   a   fondamento   della   vita   sociale.   —  L’unità  della  società  è  la  conseguenza  della  relazione  reciproca  degli  individui   che  la  costituiscono.  portando  alla  luce  la  loro  ricchezza  di  intrecci.   senza   le   quali   le   realtà   macroscopiche   non  potrebbero  esistere.   diventa   degno   di   essere   indagato   sub   specie  aeternitatis.   ai   frammenti   fortuiti   apparentemente  insignificanti  della  vita  quotidiana.   l’immagine  per  cui  ogni  aspetto  della  vita  (compreso  ogni  suo  dettaglio)  .non   solo   degli   individui   ma   anche   dello   spazio   fisico   e   simbolico   delle   cose   nella   loro   importanza   nel   flusso   della   vita.       .  proprio  perché.  Secondo  Simmel  la  sociologia  deve   studiare   le   forme   di   interazione   tra   individui.  attraverso   la  capacità  dello  <scavare>  tipica  dello  spirito  umano.

    Si   deduce   che   quindi   l’esperienza   è   costruita   dal   corpo.   per   Simmel   tali   condizioni   cambiano.Forme  della  percezione   —  In   tale   prospettiva(     della   sensazione   e   percezione)   il   suo   pensiero   è   profondamente   imbevuto   di   Kant.   spazio   e   tempo.   non   esiste   a   priori.  sensibilità  e  stile  di  vita.   debbano   ritenersi   universali.     Non   è  possibile  chiedersi  come  sia  organizzato  il  mondo  se  non   ci   si   chiede   come   sia   organizzato   il   corpo   che   ne   fa   esperienza.  soggetti.   ma   mentre   per   quest’ultimo   l’essere   umano   non   va   inteso   come   un   soggetto   le   cui   forme   della   sensibilità.       .   Il   paesaggio   urbano   moderno   offre   a   Simmel   un   fecondo  campo   sperimentale   in   cui   mettere  alla  prova   la  relazione  tra  ambienti.  forma  mentis(  il  modo   di  pensare  degli  individui).   in   relazione   ai   modi   di   vita   e   agli   ambienti   in   cui   la   vita   stessa   si   dispiega.

  con  bruschi  ed  improvvisi  cambiamenti  di  sensazioni  e  stimoli.     —  Da   ciò   deriva   la   paura   di   essere   toccati   troppo   da   vicino.   l’avvicendarsi   degli   stimoli   è   lento   e   le   impressioni   nonché   immagini   si   alternano   con   regolarità   abitudinaria.   La   città   moderna.   nelle   sale  pubbliche  affollate  -­‐  è  un  lusso  che  solo  pochi  possono  permettersi.Come  si  presenta  la  superficie   del  paesaggio  metropolitano?   —  Essa   va   colta   nello   specchio   delle   reazioni   psicosomatiche   dei   soggetti   che   vi   dimorano.   la   metropoli.   tipiche   della   comunità.         .   Nell'individuo   metropolitano   le   sfere   della   famiglia   e   del   vicinato.   L'individuo   metropolitano   vive   una   vita   nervosa.   porta   ad   una   vita   alienata.  causando  una   diminuzione   della   capacità   di   reazione   agli   stimoli   (uomo   blasé).  perdono  il  loro  peso.   sui   mezzi   di   trasporto.   paura   che   Simmel   denomina  ‘fobia  del  contatto’à    nel  trambusto  della  metropoli  la  giusta  distanza   tra   i   corpi   –   sistematicamente   negata   per   la   strada.  per  essere  sostituite  dalla  sfera  dei  mille  contatti   superficiali.   al   contrario   un   contesto   metropolitano   è   caratterizzato   da   un   accumularsi   veloce   di   immagini.I   n   un   contesto   rurale   o   di   piccola   cittadina.   perché   un   susseguirsi  frenetico  di  immagini  colpiscono  il  suo  sistema  nervoso.

  di   confidenza   e   di   amicizia.   tipici   invece   delle   relazioni   "familiari"   e   "comunitarie".     —  Lo  straniero  ci  è  vicino  per  alcuni  tratti  generali.  condividendo   con   noi   lo   stesso   spazio   e   ci   è   invece   lontano   per   gli   elementi   specifici   della   nostra   identità.   la   società   o   la   professione   ma   la   differenza   risiede   in   un   passato   reciprocamente  sconosciuto  che  si  pone  da  barriera  per  i  legami   particolari.   quali   la   nazione-­‐territorio.  per  Simmel.   in   quanto   a   relazioni   intime.—  La   figura   sociale   che   incarna   nel   modo   più   appropriato   questa   dialettica   di   vicinanza   e   lontananza   è   lo   straniero   :   essere   straniero.   La   relazione   tra   lo   straniero   e   i   membri   del   gruppo   è   caratterizzata   da   "vicinanza"   e   "lontananza".  significa  che  il  soggetto  lontano  è  vicino.     —  La  loro  relazione  si  fonda  comunque  sul  riconoscimento  di  ciò   che   è   comune   e   differente.   e   la   sua   posizione   di  membro  implica  "un  di  fuori  e  un  di  fronte".   E'   comune   il   fatto   di   appartenere   a   legami   generali.     .   Lo   straniero   è   collocato   di   fronte   alla   comunità   ma   fuori   di   essa   e   questa   posizione   crea   la   condizione  di  estraneità.

 Nella  metropoli  Simmel  individua   alcuni   aspetti   dell'evoluzione   umana   e   sociale   conseguenti   soprattutto   alla   rivoluzione   industriale.   Nel   contempo   la   concentrazione   di   persone   e   la   loro   lotta   per   conquistare   una   propria   individualità   emergendo  sugli  altri  spinge  ciascuno  a  specializzarsi  in  una  funzione   in  cui  non  possa  essere  facilmente  sostituito  da  un  altro.   dice   Simmel.   combatte   ogni   giorno   contro   il   livellamento   e   lo   sfruttamento   compiuto   ai   sui   danni   dalla   società   e   dalla   tecnologia.   Mentre   l'uomo   primitivo   conquistava   la   propria   sopravvivenza   nella   quotidiana   lotta   contro   la   natura   il   cittadino   moderno.   la   propria   posizione.  Si  può  quindi   affermare  che  la  vita  cittadina  ha  trasformato  la  lotta  con  la  natura  per   il   sostentamento   in   una   lotta   tra   uomini   per   il   guadagno.“La  metropoli  e  la  vita  dello  spirito”   —  La  metropoli  come  :  Urban  Jungle.   La   città   ospita   una   molteplicità   di   imprese   e   di   organizzazioni   che   necessitano   di   una   ricca   serie   di   servizi.     .   guadagno   che  non  è  offerto  dalla  natura.  ma  da  altri  uomini.   il   cittadino   difende   la   propria   sopravvivenza   fisica   e   sociale.   Attraverso   queste   battaglie.

  ogni   bambino   metropolitano   dimostra   a   paragone   di   bambini   provenienti  da  ambienti  più  stabili  e  tranquilli.   Tutto   diventa   opaco.  l'economia  monetaria  e  la  divisione  del  lavoro   alimentano   anch'essi   l'atteggiamento   blasé.  di  tutti  gli  innumerevoli  oggetti.   disincantato   e   annoiato.   infatti.   la   valutazione   pecuniaria   dell'oggetto   finisce   col   divenire   più   importante   delle   sue   stesse   caratteristiche.   .   si   limita   a   fare  lo  spettatore  annoiato.   Il   denaro   è   l'equivalente.  che  è  un'altra  caratteristica  dell'atteggiamento   blasé.  l'unità  di  misura  e  spesso  l'unico  termine  di   confronto.   di   cui   dispone   l'uomo.   colui   che   ostenta   indifferenza   e   scetticismo.  che  ormai  esposto  alla  sovrastimolazione.   Naturale   conseguenza   è   la   perdita   dell'essenza   e   del   significato   delle   cose.   Così   si   acquisisce   l'insensibilità   ad   ogni   distinzione.  Così  subentra  un'incapacità  di   reagire  a  sensazioni  nuove  con  la  dovuta  energia  e  questo   costituisce   quell'atteggiamento   blasé   che.  fra  loro  molto   diversi.—  L’abitante   idealtipico   della   metropoli   è   l’individuo   blasé.  Gli  aspetti   economici.  non   percepisce   più   l'innata   essenza   dei   fenomeni.

 una  indifferenza  per  qualsiasi  individualità  e   un'abitudine   ad   instaurare   rapporti   formali   e   distaccati.   utilizzando   un   approccio   evoluzionista.   tutelare   la   propria   vita   soggettiva   contro   il   potere   opprimente   della   vita   metropolitana   il   cittadino   ha   sviluppato   una   intellettualità  sofisticata.   Per   difendere.  per  adattarsi  all'ambiente.  ha  sviluppato  un  organo  di   difesa   che   lo   protegge   dagli   eccessivi   stimoli   a   cui   è   sottoposto:   l'   intelletto   .   .   deduce   che   necessariamente   l'uomo   metropolitano.   Ha   imparato   a   rispondere   ai   numerosi   stimoli   che   lo   colpiscono   reagendo   con   l'intelletto   anziché   con   il   cuore.   Il   risultato   di   questo   riserbo   è   che   spesso   non   si   conoscono   neppure   superficialmente  quelli  che  sono  stati  per  anni  i  nostri  vicini.   Ciò   perché   se   ai   continui   contatti   esterni   con   innumerevoli   individui   corrispondessero   altrettante   reazioni   interne.Intelletto  e  denaro     —  Come   conseguenza   della   prima   osservazione   che   vede   la   metropoli   luogo   di   sovrastimolazione   sensoriale   Simmel.   riserbo.   E'   facile   osservare   che   gli   abitanti   di   una   grande   città   hanno   una   sorta   di   riservatezza.   indifferenza   verso   gli   altri   concittadini.   sarebbe   impossibile   condurre   normalmente   la   propria   vita   quotidiana.   come   avviene   nelle   cittadine   dove   si   conoscono   quasi   tutte   le   persone   che   si   incontrano.

  un   atteggiamento   in  cui  a  una  giustizia  formale  si  unisce  una  durezza  spietata.  Il   denaro   riduce   qualsiasi   qualità   e   ogni   individualità   alla   domanda:   quanto?"   L'altro   viene   ad   essere   considerato   solo.  in  cui  tutti  si  conoscono  ed  il  produttore  ha  per  lo   più  una  relazione  personale  diretta  con  il  consumatore.   accrescere   e   rafforzare   l'intellettualità.   in   termini   di   un   egoistico   tornaconto   personale.   Dunque   l'uomo   è   spinto.   L'uomo   abituato   a   rapportare   tutto   con   il   denaro   acquisisce   un   atteggiamento   pragmatico   nel   trattare   gli   uomini   e   le   cose.   Ciò   che   interessa   è   solo   il   rendimento   oggettivo   misurabile.   Così   le   relazioni.  le  merci   destinate   al   mercato   metropolitano   si   producono   e   si   consumano   nella   più   perfetta   anonimia.     .   la   razionalità   del   cittadino   metropolitano.   condizionato.   i   produttori   e   i   clienti   non  si  conoscono.   o   prevalentemente.  A  differenza  del  mercato  contadino   o  provinciale.   anche   dall'ambiente   economico   in   cui   vive   a   rapportarsi   con   i   propri   simili   utilizzando   l'intelletto  anziché  il  cuore.   le   interazioni   con   gli   altri   divengono   quasi   sempre   delle   pure   contrattazioni.—  Anche   il   carattere   monetario   dell'economia   cittadina   contribuisce   a   spiegare.

      Moda  e  arte       .   secondo   Simmel.   È   la   grande  città.   e   questi   ad   una   fuga   nel   nuovo   per   mantenersi  separati  da  quelli  e  per  ricavare  sempre  nuove  impressioni  e  nuovi   stimoli.   Gli   individui   sembrano   sentire   la   necessità   di   essere   sociali   e   individuali  allo  stesso  tempo.  sia  la  moda  sia  gli  abiti  sono  modi  attraverso  cui   questo   complesso   insieme   di   desideri   e   necessità   vengono   negoziate.  non  essere  confuso  con  gli  altri  –  deve  esagerare  per  farsi  sentire   anche  da  sé  stesso.   affermando   la   propria   individualità.l’altro  in  quella  dell’intensificazione.  solo  l’uno   nella  categoria  della  negazione.  Al  contrario  le  mode  in  provincia  saranno  più  stabili.   nega  la  potenza  della  moda  proprio  allo  stesso  modo  del  maniaco.   il   cui   obiettivo   è   il   farsi  notare.  la  moda  non  può  esistere:  il   bisogno   di   conformità   e   il   bisogno   di   distinguersi.  esprime  quindi  la  tensione  tra  uniformità  e  differenziazione.          Georg  Simmel  afferma  che  due  sono  le  condizioni  essenziali  per  la  nascita  e  lo   sviluppo  della  moda.               Demodè   à   colui   che   si   pone   al   di   fuori   della   moda.  lo  spazio  in  cui  il  fenomeno  della  moda  trova  il  proprio  humus   più   fertile   :   la   vicinanza   degli   strati   sociali   spinge   quelli   inferiori   a   una   sempre   maggiore   imitazione   di   quelli   superiori.  il   desiderio   contraddittorio   di   essere   parte   di   un   gruppo   e   simultaneamente   stare   fuori   del   gruppo.   La   moda.  in  assenza  di  una  delle  quali.               Eccentrico   à   tipico   abitante   dell’ambiente   metropolitano.   respingendone   i   dettami.

  risponde   il   mondo   dell’arte   caratterizzato     dalla   libertà.   Simmel   vedeva   uno   dei   ‘simboli   della   nostra   epoca   di   transizione’   à   le   esposizioni   d’arte   costituiscono   un   quadro   en   miniature   delle   correnti   della   nostra   vita   spirituale.   a   questa   vicinanza   e   lontananza.   .  ci  parlano  “come  da  lontano”.   esse   ci   distaccano   dalla   totalità   e   dalla  pienezza  delle  cose.   arretra   la   concretezza  degli  stimoli  stendendo  un  velo  tra  noi  e  loro.         Secondo   Simmel.             Arriviamo   quindi   a   mostrare   questo   carattere   estetico   della   modernità   nelle   diverse   manifestazioni   dell’arte   applicata   (kunstgewerbe).   Nel   1890   risale   un   saggio   sulle   moderne   esposizioni.   con   il   suo   senso   più   vero   e   più   intimo   […   ] D a l l ’ a l t r a   p a r t e   p e r ò   o g n i   a r t e   c o m p o r t a   u n   allontanamento   dall’immediatezza   delle   cose.     Da   un   lato   essa   ci   avvicina   alla   realtà   in   un   rapporto   più   immediato.   nel   cui   peculiare   affollamento   e   concentrazione   di   stimoli.

  unità   di   una   cerchia   sociale   da   essa  caratterizzata.  ma   riguardo  la  sua  determinatezza  stessa.   per   cui   ogni   determinatezza   si   risolva   in   una   incommensurabile   ricchezza  di  relazioni.   d’una   concezione   cioè   della   realtà.   Separare   e   collegare   sono   due   caratteristiche     della   moda.   in   cui   realtà   ed   anima.   Per   il   pensiero   di   Simmel   –   più   che   di   relativismo   –   sarebbe   opportuno   parlare   di   «relazionismo»:   «sembra   giustificarsi   allora   il   tentativo   di   un   relativismo   radicale.   quale   è   quello   di   Simmel.   oggetto   e   soggetto   siano   ugualmente   e   vicendevolmente   implicati   e   caratterizzati»   .Separare  e  connettere     —  La  moda  significa  da  un  lato  coesione  di  quanti  si  trovano   allo   stesso   livello   sociale.  dall'altro  chiusura  di  questo  gruppo  nei   confronti   dei   gradi   sociali   inferiori.  non  solo  riguardo  la  sua  qualità.  una  concezione  cioè   per   cui   ogni   obiettività   sia   il   termine   ideale   di   un   complesso   di   rapporti.