You are on page 1of 3

NB. MANCA TUTTA LA PRIMA PARTE!

(RAPPORTO MENTE/CERVELLO E
NEURONI)

SISTEMA NERVOSO CENTRALE
MIDOLLO SPINALE, TRONCO DELL’ENCEFALO (BULBO, PONTE E
MESENCEFALO), TALAMO, CERVELLETTO E TELENCEFALO.

Midollo spinale

Il midollo spinale, con l'encefalo, forma il sistema nervoso centrale; E’ la
struttura di trasmissione delle informazioni. Ha forma cilindrica, larghezza
media di 8-10 mm e spessore di 5-7 mm. Molto delicato, viene protetto dal
canale vertebrale (che, però, non occupa per tutta la sua lunghezza). Gestisce
direttamente un solo tipo di azione L’ATTO RIFLESSO (comportamento adattivo,
veloce sicuro, efficace) es. reazione alla percussione del tendine achilleo.

Nella sezione midollare si evidenziano una sostanza bianca (fibre che
assomigliano a fili elettrici – guaina mielinica isolante) ed una sostanza grigia
(corpo cellulare con cromatina scura).

Tronco encefalico

Parte midollare contenuta nelle vertebre cervicali. Si compone di bulbo, ponte
e mesencefalo. E’ una struttura analoga al midollo spinale, ma i nervi in
entrata e in uscita sono facciali (cranici) (???)
Sovraintende alla vita autonoma:
È sede, oltre che dei riflessi e del controllo di molti visceri, anche dei centri
che regolano il respiro, la temperatura corporea, la fame e la sete, la vita
riproduttiva (ipotalamo). Da qui partono i segnali che garantiscono gli
automatismi respiratori e che mantengono costante la temperatura in modo da
permettere tutti i processi biologici e chimici indispensabili per la vita. Se
questi centri vengono direttamente danneggiati le conseguenze sono sempre
di estrema gravità al punto da condurre il paziente alla morte cerebrale.

Talamo

Struttura bilaterale che costituisce con altre parti il diencefalo. E’ il livello
intermedio del trasporto delle informazioni -> indispensabile per le afferenze
sensoriali.

Cervelletto

Unica struttura, oltre al cervello, ad avere un’organizzazione corticale. Ha un
numero di neuroni maggiore del cervello, ma dimensioni ridotte. Il suo ruolo è
esclusivamente motorio. Non è indispensabile per la vita relazionale,
percettiva, cognitiva. La lesione del cervelletto porta a perdita dell’equilibrio,
alterazione del tono muscolare e della fluidità motoria (eds. difficoltà a toccarsi
il naso ad occhi chiusi) (per alcuni anche la lettura è legata al cervelletto).

Telencefalo/cervello

Il Telencefalo insieme al diencefalo (che si compone di talamo e altri elementi –
in blu nella figura) costituisce il cervello.

Gangli della base (movimento)

Telencefalo

Emisferi cerebrali
Emisf. Sinistro Emisf. Destro

4 lobi: 4 lobi:
Frontale Frontale
Temporale Temporale
Parietale Parietale
Occipitale Occipitale

Il cervello è composto da 2 emisferi cerebrali, ognuno composto di 4 lobi:
frontale, temporale, parietale, occipitale.
Il cervello ha un’organizzazione per cui le cellule sono in alto e le fibre in basso.
La parte esterna è composta da cellule con nucleo (la corteccia, composta da
sostanza grigia) e la parte interna da fibre. Al centro si trova una sostanza
bianca. Il cervello galleggia in una sostanza detta “liquor”. (gli idrocefali sono
soggtti che presentano un eccesso di liquidi e ciò ostacola il funzionamento
cerebrale)

Emisfero sinistro: funzioni sensoriali
Mano destra, lingua parlata, abilità numeriche, ling. scritto, abilità scientifiche,
ragionamento.

Emisfero destro: funzioni motorie
Mano sinistra, competenza musicale, forme tridimenzionali, consapevolezza
artistica, intuizione, fantasia.