Meeting Cida, Bonfrisco, serve un profondo rinnovamento della Repubblica.

Confronto con i candidati veneti di diversi schieramenti, proposte Cida, dalla competitività al welfare, dall'accesso al credito per le imprese, al costo del lavoro e alla riduzione della burocrazia, dall’equità nei sacrifici e nei diritti, alla revisione della spesa pubblica, per far ripartire il Paese. “Condivido e faccio mie le vostre proposte – ha sottolineato la Senatrice Bonfrisco PdL senza dimenticare un profondo rinnovamento della Repubblica”. Testo integrale dell’articolo apparso su Il Gazzettino di Padova del 14 febbraio 2013.

Affollato meeting ieri sera allo Sheraton organizzato dal Cida, rappresentanza unitaria dei manager del pubblico e del privato, che ha incontrato i candidati veneti di diversi schieramenti. Elga Fazian, Silvia Sanseverino e Fulvio Orselli hanno illustrato agli aspiranti deputati il programma della Cida che vorrebbero vedere accolto dal prossimo governo. Una serie di richieste che hanno spaziato dalla competitività al Walfare, dalla sanità all'istruzione toccando i diversi punti ritenuti indispensabile per far ripartire il Paese. Tra questi l'accesso al credito per le imprese, il costo del lavoro, la riduzione della burocrazia, equità nei sacrifici e nei diritti, revisione e razionalizzazione della spesa pubblica riqualificazione dell'istruzione di tutti i gradi. “Molte cose dette saranno condivise da tutti, si è forse parlato poco del grande perso della pubblica amministrazione e del debito pubblico- ha affermato Massimo Bitonci Lega - ma il grande compito di chi andrà ad amministrare saranno i tagli”. Per il PD Alessandra Moretti ha detto: “Se c'è sinergia tra chi fa politica e chi

ha in mano aziende pubbliche e private si ottiene una visione a lungo termine e quindi positiva. Le prossime elezioni potrebbero rappresentare la svolta per il Paese”. “Condivido e faccio mie le vostre proposte – ha sottolineato Anna Cinzia Bonfrisco PdL - senza dimenticare un profondo rinnovamento della Repubblica”. “Tutto quello che è stato affermato nel programma Cida è un grande progetto di riforma sostanziale dello Stato – ha osservato Giorgio Conte FLI - la crisi non incide solo sulle classi più disagiate ma anche sui manager, oggi però il tema non sono le promesse varie, la parola d'ordine è credibilità e affidabilità”. “C'è bisogno di managerialità nella politica, competenza e concretezza per far ripartire l'Italia - ha risposto Davide Merigliano Fare per Fermare il Declino - siamo stanchi di troppo Stato, troppe tasse, per ripartire fondamentale è il merito e noi abbiamo gli stessi vostri programmi”. FONTE: Il Gazzettino di Padova

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful