You are on page 1of 15

Ultimo numero dellanno.

Novit fondamentale di oggi luscita della raccolta cartacea dellOrco Nero, una piccola chicca che non si potr perdere nessun appassionato di Warhammer e lettore della nostra rivista. Per sapere come averlo, vi rimando allarticolo poco pi sotto. Oltre un bellissimo articolo sul confronto di prezzi degli strumenti Citadel , troviamo il spazio Figw tutto da scoprire; Langolo di Peppino O Sanguinario dello scorso numero stato molto apprezzato e ora Giuseppe sta lavorando ad altre puntate che appariranno nei prossimi mesi. Noi ci sentiamo nel 2010, passate delle buone feste! Alan DAmico

La stupenda copertina di oggi la stessa che troverete nel nuovo volume cartaceo dellOrco Nero. Lha realizzata apposta per noi il lontano amico Mattia Poderi che ringrazier per i prossimi anni. Per curiosit qu a fianco potrete vedere la prima bozza dell illustrazione, mentre se volete gustarvi altri lavori di Mattia vi lascio il suo sito personale:

http://www.mattiapoderi.it/

Raccolta racconti

Orco Nero
PER ARRIVARE LA DOVE NESSUN E MAI GIUNTO PRIMA!

Quello che doveva essere un piccolo esperimento per condividere materiali e idee con tutti i giocatori di Warhammer, dopo pi di 7 anni di uscite mensili, possiamo dire che riuscito appieno. Ora la rivista multimediale Orco Nero possiamo considerala nel nostro ristretto hobby un realt concreta con quasi duemila abbonati e tanti altri appassionati che lo scaricano direttamente dal sito. Di materiali e articoli in tutti questi anni ne abbiamo prodotti, e ci sembrava giusto raccoglierlo ancora una volta nel formato cartaceo. Questa volta, a differenza del primo volume, abbiamo voluto inserire solo i migliori racconti e i fumetti. Prima perch a differenza di articoli legati al regolamento, non scadono al passaggio delle nuove edizioni del gioco, secondo perch questo albo pu essere da ispirazione a persone che giocano di ruolo o semplicemente godibile a chi ama una buona lettura. Comunque non mancheranno anche materiali inediti che appariranno solo nella versione cartacea. Lautore di questo volume non solo uno, quindi passo a presentarli: Alessandro Forlani e Andrea Gamberini sono le penne di questi racconti, ottimi scrittori ma ancora di pi miglior amici che mi hanno aiutato in tutti questi anni a mandare avanti la rivista; Malvino invece non ho mai avuto il piacere di conoscerlo di persona, ma con la sua ottima mano si preso il compito e il divertimento di illustrare per le copertine per un anno e che ringrazio ancora adesso. Denis Gozzi dal canto suo un artista in tutti i sensi e per me stato una sfida essere riuscito a farli concludere il bel fumetto che potrete leggere. Mattia Poderi invece ci ha dato il permesso di pubblicare la sua stupenda illustrazione che non fa invidiare questo volume a nessuna pubblicazione ufficiale. Anche se i loro articoli o lavori non appaiono in questa raccolta, mi sento il dovere di ringraziare tutti i collaboratori che in questi anni hanno mandato i loro materiale creato dalla loro passione, e contribuito a rendere ogni numero unottima lettura mensile. Infine come non essere grato Lassociazione Torre Nera e Luca Calderoni che ci ha dato la possibilit di avere tangibili su carta per la seconda volta il nostro lavoro di anni.

Alan DAmico

La copertina della prima raccolta uscita.

Per avere la nuova raccolta dellOrco Nero, basta che mandiate une-mail con il titolo Richiesta volume a orco_nero@virgilio.it . Sar inoltre possibile comprarlo direttamente al torneo della befana della Seconda era a Pesaro il 6 Gennaio e alla manifestazione Play di Modena 13-14 Marzo. Il volume costa 10 E ed di 130 Pagine, in formato A5 con copertina a Colori, contiene i migliori racconti e fumetti di Warhammer apparsi nellOrco Nero, il tutto arricchito con materiale inedito. E stampato e distribuito dallAssociazione Torre Nera di Forl e disponibile anche nelle loro sedi ed eventi. Qui sotto potete vedere unanteprima della copertina e dell interno della volume.
.

Torre Nera Associazione Ludica


L' associazione Torre Nera adotta ormai da anni una forma di tesseramento unificato che permette, con una spesa davvero limitata, di usufruire degli spazi e del materiale di tutte le sedi dell'associazione stessa. Per tesserarsi sufficiente versare una quota di soli 15 E annui presso una delle nostre sedi. Fatto questo, riceverete una tessera personalizzata che vi dar libero accesso a tutte le sedi del club e vi garantir diversi sconti negli esercizi convenzionati. Da noi puoi trovare, oltre ad una vastissima gamma di giochi, un vero e proprio luogo di ritrovo, dove divertirsi con gli amici. In nostro sito ufficiale http://www.torrenera.it

Golden Demon Tedesco

ATTREZZI DA MODELLISMO
- Ovvero: come imparai a risparmiare e vivere felice Articolo di Giovanni Galli
Non appena ci si accosta all'hobby diventa subito chiaro che per staccare quelle adorabili miniature dalle sprue di plastica serve un attrezzo che eviti di rompere i pezzi pi piccoli (vittime del nostro barbarico strappare a mano). All'inizio il comunissimo taglierino va pi che bene ma presto ci rendiamo conto che esistono una serie di attrezzi ben pi utili e meno invasivi. Il taglierino non fa certo un lavoro ottimale e poi le suddette miniature vanno limate e corrette. La Citadel viene incontro agli hobbysti con un set di attrezzi molto utili (chi pi chi meno). Innanzitutto comincio elencandoli singolarmente: TAGLIERINA DA MODELLISMO (12,50, modello Citadel): Fornita con 12 lame di riserva ed ottimale per i piccoli interventi di rifinitura sui modelli in plastica oltre che utilizzabile come strumento di scultura della pasta verde (per i particolaripi dettagliati). TRONCHESINE (12,50, modello Citadel): Adatte a staccare i componenti in plastica dalle sprue cos come a togliere i pezzi di metallo pi grossi in eccesso dalle altre miniature. TRAPANINO A MANO (12,50, modello Citadel): Accompagnato da 6 punte di scorta da 1mm, molto adatto per applicare perni alle miniature in plastica. Decisamente pi ostico l'utilizzo in merito alle miniature in metallo per cui suggerirei un avvitatore vero e proprio usato con molta attenzione. MORSA DA MODELLISMO (12,50, modello Citadel): Adatto a tener ferme le miniature quando si utilizza il seghetto o il trapanino a mano. LIME DA MODELLISMO (11,50, modello Citadel): Ne pi ne meno tre differenti lime con cui rifinire le vostre miniature ma decisamente inadatte ad uscire di galera senza passare dal via. ATTREZZO PER SCOLPIRE (6,25, modello Citadel): Decisamente utile strumento per modellare la materia verde. Dotato di due lati, uno affilato ed uno arrotondato, capace di adattarsi a molti usi. SEGHETTO (20,00, modello Citadel): Un seghetto in tutto e per tutto. Dotato di una lama molto tagliente e sottile che pu tagliare con discreta precisione sia i modelli in plastica che in metallo. Lime Citadel: 11,50 E, ma in giro le trovi identiche un quarto del prezzo

PISTOLA A SPRUZZO (25,00, modello Citadel): Strumento molto utile a chi pittura in serie un gran numero di miniature. Molto meno interessante per gli hobbysti alle prime armi. La spistola a spruzzo adatta a stendere con buona precisione il colore (o la lavatura) su un gran numero di miniature alla volta, con un rendimento di gran lunga superiore alla normale bomboletta a spray. PROPELLENTE PER LA PISTOLA A SPRUZZO (7,50, modello Citadel): Vi piacerebbe che fosse pronta all'uso. No, purtroppo la pistola a spruzzo va attaccata a questa bomboletta ad aria compressa o in alternativa ad un piccolo compressore.

TAVOLOZZA (3,90, modello Citadel): Un pezzo di plastica a forma di scudo imperiale su cui posare il colore prima di utilizzarlo sulle miniature. CONTENITORE PER L'ACQUA (3,90, modello Citadel): Un bicchiere in plastica dotato di un coperchio con 6 incavi in cui appoggiare il proprio pennello.

Dulcis in fundo la Citadel ha pensato bene di creare un "Set d'attrezzi" che comprendesse diversi modelli ad un prezzo pi contenuto. Nella valigietta sono compresi: 1 TRAGLIERINA DA MODELLISMO, 1 TRONCHESINE, 1 TRAPANINO A MANO, 1 MORSA DA MODELLISMO, 1 SET DI LIME DA MODELLISMO, 1 ATTREZZO PER SCOLPIRE, 1 SEGHETTO, ed in omaggio la valigia stessa (contenente 36 scomparti porta miniature) e 2 vaschette porta componenti. Tutto il set proposto alla "modica" cifra di 95, ossia 7,25 in pi dei pezzi singoli che la Citadel evidentemente vede come rimborso per la valigetta e le due vaschette. Bene, ora che il pacchetto Citadel stato esposto in tutta la sua magnificenza vediamo come abbattere i costi senza doverci privare della comodit di tali attrezzi. Siamo sicuri che vale il prezzo che Premetto che tutti i prezzi elencati sono reali e presi alternativamente dalla costa? ferramenta sotto casa e da un noto negozio online di modellismo che non citer per evitare pubblicit gratuita. Identici prezzi li potete trovare al negozio di modellismo pi vicino a casa vostra, o almeno cos andata per me. TAGLIERINA DA MODELLISMO (4,20, negozio di modellismo): Fornita con 3 lame di riserva disponibile anche in formato da 8 con ben 3 coltelli al suo interno e una variante di 12 lame differenti (a seconda del bisogno). Consiglio questo secondo formato, costa comunque molto meno del modello Citadel e permette di aver sempre montati 3 taglierine con lame differenti per ogni necessit. TRONCHESINE (2,80, ferramenta sotto-casa): Si avete letto bene, un divario talmente grande che non ci si crede. Le tronchesine sono davvero uno strumento utilissimo se non addirittura indispensabile sulla lunga. Vi abituerete ad averle al vostro fianco ogni volta che scarterete una nuova confezione di miniature ed il loro prezzo contenuto le rende un acquisto obbligato. State solo attenti a prendere il modello pi piccolo visto che solitamente in ferramenta si trovano tronchesi pi grandi adatte ad altri utilizzi. TRAPANINO A MANO (4,80, negozio di modellismo): A differenza del modello Citadel qui vi verr fornito senza punte ma al prezzo di 5 ne potrete acquistare 10 di misura 1mm. Detto questo sconsiglio tale scelta perch punte cos grandi vanno bene solo per i modelli in metallo che il trapanino a mano fa fatica a incidere. Dovendo comprare delle punte meglio un acquisto di pezzi singoli. Un paio di punte da 1mm ed un altro paio da 0,5mm andranno benissimo. In alternativa esiste la possibilit di acquistare un minitrapano ad alimentazione alla modica cifra di 10. Risparmierete la spesa dell'avvitatore ed avrete un prodotto adatto a bucare sia plastica che metallo, pagandolo comunque meno del modello Citadel. MORSA DA MODELLISMO (12,50, modello Citadel): Non ho onestamente trovato delle morse ad un prezzo minore quindi se proprio pensate che tale attrezzo vi risulti utile, il modello Citadel va benissimo. Detto questo ritengo che il suo utilizzo sia talmente raro da non meritare la spesa fatta... ma qui contano molto le esigenze personali. LIME DA MODELLISMO (0,90, negozio di cosmetici): Rischiate addirittura di averle gratis. Non star qui a sostenere che le lime per le unghie permettano un risultato identico a quello delle lime da modellismo ma stiamo parlando comunque di un attrezzo che servir a levigare la miniatura in attesa della stesura del colore di fondo e quindi della colorazione ver e propria. Ammenoch non siate proprio dei manici perfezionisti fidatevi di me: il risultato finale comunque ottimo. ATTREZZO PER SCOLPIRE (6,25, modello Citadel): Come sopra, quando la Citadel fa centro tocca riconoscerglielo. L'attrezzo per scolpire comodo ed a poco prezzo quindi va benissimo cos come ce lo propongono. L'unica alternativa possibile, a costo 0, rivolgersi al proprio dentista di fiducia. Ogni tot tempo gli attrezzi per la pulizia dei denti diventano troppo consumati per poter essere sterilizzati e cos i dentisti sono costretti a gettarli via. Se avete confidenza chiedetegli di lasciarlo a voi e dopo averli passati nell'acqua bollente saranno pi che adatti al vostro scopo. SEGHETTO (0,59, ferramenta sotto-casa): Lama in acciaio intercambiabile e impugnatura plastica. Un prodotto quasi gratis adattissimo al nostro bisogno. Stiamo facendo modellismo, non tagliando quarti di bue fino all'osso. Nel caso in cui doveste trovarvi nella necessit di tagliare oggetti pi grandi e resistenti esistono validissimi seghetti da ferro del costo di 10. Per il modellismo questo miniseghetto mangialama va benissimo.

PISTOLA A SPRUZZO/AEROGRAFO (9,50, ferramenta sotto-casa): Parto dicendo che la pistola a spruzzo della Citadel un ottimo prodotto ma volendo risparmiare esistono 3 alternative a mio avviso parecchio valide. La prima l'aerografo. Assomiglia in tutto e per tutto ad una pistola a spruzzo, sia per il suo utilizzo che per il contenitore in plastica in cui inserire il colore da utilizzare. La differenza principale che per un suo corretto utilizzo l'aerografo va necessariamente attaccato al compressore dell'aria. Le alternative rimaste sono la bomboletta a spray o il verniciatore. La bomboletta la conoscere tutti. Costa 3 e data nel modo giusto permette buoni risultati anche se non eccellenti. Il veniciatore un altro paio di maniche. Appare come un minicompressore a cui attaccata una pistola a spruzzo del tutto simile al modello Citadel. Il costo si aggira intorno ai 69 e se avete intenzione di dipingere una gran quantit di esercito pu risultare un ottimo acquisto. Ok, non si risparmi nulla sulle prima ma tenete conto che la pistola a spruzzo Citadel viene alimentata da bombolette a spray del costo di 7,50 l'una e dalla durata illimitata. Con il verniciatore l'unica cosa di cui dovrete preoccuparvi l'acquisto del colore da utilizzare. TAVOLOZZA (0, chiedete una mattonella rotta in un negozio specializzato): Siamo finalmente arrivati al capitolo "acquisti imbarazzanti". La tavolozzo Citadel in plastica quindi per quanto la si lavi prima o poi sar necessario cambiarla sia perch ci si pu scordare di pulirla immediatamente, rendendo poi difficile la pulizia in seguito, sia perch a forza di utilizzarla finir per rompersi. Utilizzando una semplice mattonella in ceramica potrete ottenere lo stesso effetto con il vantaggio che non si romper (salvo il caso in cui la facciate cadere) e potr essere lavata all'infinito grazie alla sua superficie non intaccabile neanche da un raschietto. CONTENITORE PER L'ACQUA (0, barattolino finito di yogurt): Non mangiate yogurt? Va benissimo anche un qualsiasi bicchiere di plastica venduto a pochi centesimi nei supermercati. "Si ma non ha le 6 rientranze per i pennelli" potreste dire voi. Provate a dimenticarvi il pennello nell'acqua con la punta schiacciata per un p e poi mi dite quanto utile sia il prodotto che cerca di venderci la Citadel.

Per finire analizziamo il risparmio sul Set d'attrezzi con prodotto acquistati in questa maniera: 1 TRAGLIERINA DA MODELLISMO : 4,20 contro 12,50 = risparmio di 8,30 1 TRONCHESINE: 2,80 contro 12,50 = risparmio di 9,70 1 TRAPANINO A MANO: 9,80 contro 12,50 = risparmio di 2,80 1 MORSA DA MODELLISMO: 12,50 1 SET DI LIME DA MODELLISMO: 0,90 contro 11,50 = risparmio di 10,60 1 ATTREZZO PER SCOLPIRE: 6,50 1 SEGHETTO: 0,59 contro 20 = risparmio di 11,31 Considerando anche la valigetta ne trovate al prezzo di 10 con rivestimento in metallo (quindi deciamente migliore del modello Citadel) all'Obi. I contenitori per componenti possono essere sostituiti da qualsiasi confezione in latta di caramelle a costo 0 (sempre che mangiate le caramelle). Il risultato finale un risparmio sui complessivo di 42,71 sui prodotti contenuti nella valigetta e una spese di 47.29 per far vostro tutto il set risparmiando pi del 50% sul totale. Per quest'oggi tutto, buon modellismo.

Una piccola raccolta delle miniature a sfondo natalizio apparse in questi anni per la rete!

Fine DellAnno Torneistico!


Cari giocatori.. ben ritrovati sulle pagine dell'Orco Nero! L'adrenalina per il Torneo Nazionale Federale di Napoli scorre ancora nelle nostre vene, e ne approfitto per ringraziare tutti quelli che hanno partecipato (in particolar modo quelli che hanno organizzato questo magnifico evento e quelli che hanno fatto parecchi chilometri per raggiungerlo...). La trasferta partenopea ci ha riservato un weekend pieno di colpi di scena. I big del Warhammer italiano hanno iniziato a scontrarsi tra di loro fin dalla prima partita, e quando a un certo punto la vittoria finale sembrava un discorso riservato tra Davide Inzitari e Andrea Manfroni, sbucato l'emergente Matteo Salvaggio con le sue Legioni Demoniache e ha vinto con ampio margine la FIGW Cup! E' curioso come anno scorso tutti avevano una paura incredibile dei Demoni (che erano anche l'esercito pi rappresentato) e poi hanno vinto gli Elfi Oscuri, mentre quest'anno (con i Dark Elves in qualit di superfavoriti e rappresentativa pi numerosa) i Demoni si sono presi quatti quatti la loro rivincita. E' stato il trionfo della variet, una volta tanto, con quasi tutti gli eserciti rappresentati e il Caos di Davide Inzitari e le Lucertole di Luigi Rinaldi (campione in carica) ancora una volta piazzato. Arbitri e organizzazione sono riusciti a fare rispettare perfettamente le tempistiche che ci eravamo imposti, nonostante qualche mugugno dei giocatori, ai quali per dobbiamo ricordare che la priorit in questi casi rispettare la timetable (non possiamo permetterci di fare perdere treni o aerei ai giocatori) anche a costo di giocare 5 turni a partita invece che 6. Il mio consiglio in questi casi di guardare sempre l'orologio e di mettersi d'accordo con l'avversario; se non siete sicuri di avere il tempo per un altro turno, terminate immediatamente la partita. La stagione FIGW si cos conclusa nel migliore dei modi, e il ranking federale al 23/12 vede la rivincita di Davide Inzitari (1 per il secondo anno di fila) sul compagno di squadra e neo campione nazionale Matteo Salvaggio (3), con in mezzo il sempre piazzato Michele Fontana (2 nel ranking e ancora una volta 4 al nazionale). Scende dal podio ma Paolo Belluti, che anno scorso era 2, mentre al 5 posto troviamo Luigi Rinaldi (insomma, parliamo dei soliti noti!). Nella classifica a squadre, dominio della Cerchia Interna che mantiene un buon vantaggio di 21 punti ranking sulla Tana delle Tigri e di ben quasi 50 punti sul The Game Livorno. Qui sotto, da tramandare ai posteri, tutti i vincitori dei main event FIGW 2009: Tornei Regionali Federali Umbria: Corrado De Sio Friuli VG: Bruno Magri Calabria: Pietro Grosso Toscana: Giuseppe Gaudiano Marche: Francesco Di Bonaventura E.Romagna: Massimiliano Bonifazi Abruzzo: Francesco Di Bonaventura Puglia: Gianluca Carapellese Liguria: Giovanni Torre Sicilia: Salvo Trovato Veneto: Marzio Ferretti Campania: Daniele Di Pasquale Sardegna: Michele Lai Lazio: Giuseppe Gaudiano Piemonte: Dario Foresti Lombardia: Nicola Donelli Svizzera-Canton Ticino: Stefano Leoni Torneo Federale per Club, Chiaravalle 1 Manaman Team Campano - 2 Armeria di Skag B - 3 Guardia Bizantina Mega Eventi: Comicon (Napoli): Renato Finelli Tilea Day (Cecina): Corrado De Sio Internazionale (Trieste): Christian Cabbai Citt delle Cento Torri (Albenga): Davide Inzitari Last Chance (Fiumicello): Matteo Salvaggio TRIALS, Milano 1 Il Cardinale e i suoi Sacerdoti - 2 The Game Livorno - 3 Cerchia Interna Torneo Federale Nazionale, Napoli 1 Matteo Salvaggio - 2 Luigi Rinaldi 3 Davide Inzitari Nel prossimo intervento su Orco Nero, parleremo delle novit e dei formati relativi alla stagione 2010! In pieno spirito natalizio, colgo l'occasione per augurarvi buone feste.. che Babbo Natale vi porti tanti Nurglini, sono sgravatissimi adesso

Un saluto a tutti, Daniele Gorini Founder FIGW

L intervista
Da questo numero cominciamo una piccola serie non contigua di interviste ai vari vincitori italiani dei grandi tornei di Warhammer. Partiamo per scaldarci con a Matteo Salvaggio vincitore dellambita Figw Cup, durante il torneo finale dellanno torneistico Figw. 1)Nome e cognome Matteo Salvaggio. 2)Quando hai iniziato a giocare a Warhammer? Circa 4 anni fa. 3)Hai provato altri sistemi di gioco oltre al Fantasy? 3) No, mi diverto a giocare al Fantasy, il 40k non mi piace proprio. 4)Quali eserciti (parliamo di Warhammer Fantasy) usi attualmente? Fino all'uscita delle nuove limitazioni EURO continuer a giocare Demoni, poi si vedr. 5)Che cosa ti ha portato nel depravato mondo dei pupazzetti? Chi ti ha insegnato a giocare per primo? Prima di conoscere Warhammer giocavo a Magic in un negozio appartenente alal catena "Blues Brothers", dove vendevano anche giochi di miniature. Quando mio fratellino ha iniziato ad interessarsi di Warhammer, ho deciso di provare anche io fino a quando tramite delle persone che gi conoscevo grazie all'ambito di Magic ho conosciuto Davide Inzitari che mi ha insegnato a giocare. Poi, in seguito a una serie di eventi poco piacevoli ma fortuiti, Davide ha deciso di creare La Cerchia Interna alla quale ho subito aderito. 6)Raccontaci un aneddoto in particolare, uno degli eventi pi assurdi che ti sono mai successi durante una partita Una vola in un mirror-match Demoni vs Demoni il mio avversario mi ha lanciato un insignificante proiettile da 2 colpi a Forza 2 sul mio Araldo di Khorne rimasto solitario, mi ha ferito entrambe le volte al 6+ e io ho fatto due assi sul tiro armatura... Per fortuna che poi ho fatto i due tiri salvezza al 5+! 7)E' vero che Inzitari una volta ha tirato un asso? Si.... ma su un test di disciplina 8)Ora che hai vinto il TFN e i tuoi compagni di club si sono piazzati molto in alto in classifica, vi presenterete al prossimo TFC con un team super agguerrito? Parteciperete anche ai Trials? E' possibile insidiare la leadership di Tana delle Tigri? Beh probabilmente al TFC ci saremo, e sicuramente anche ai Trials anche se da decidere come, e con quali uomini. Al momento purtroppo nei tornei a squadre non abbiamo lesperienza che invece altri hanno guadagnato in questi anni e che spesso fa la differenza. Quest'anno abbiamo disputato per la prima volta i Trials ed stata una bella esperienza, siamo arrivati terzi (a un passo dai secondi) classificati e considerando le due assurde partite che ho perso contro il The Game e la Stella della Giustizia potevamo benissimo arrivare secondi a un passo dal Team Italia, che tra l'altro fortissimo, e lo si visto anche agli Europei. Considerando che tra tutte le squadre dei Trials e dell'ETC siamo stati gli unici a non perdere contro il Team Italia (abbiamo pareggiato), direi che siamo stati bravi anche se io tendo a non accontentarmi mai, e spero di poterli sfidare di nuovo per avere la possibilit di disputare i Campionati Europei. 9)Chi vince lo scudetto secondo te quest'anno? Se indovini le prime quattro nell'ordine esatto ti diamo un premio in punti ranking (ovviamente sto scherzando!) (l'autore dell'intervista non tanto d'accordo su questo 5..)

Ovviamente vince l'Inter per la 5 volta di seguito

10)Porteresti Cassano in Nazionale? Ormai troppo tardi, forse l'avrei iniziato a provare subito dopo la figuraccia fatta in Confederations Cup.

LALTRA REALTA Oceania


Lindomani avremmo preso il mare e cacciato Il Pesce. Quella era perci, per tradizione, notte di saghe, preghiera e di banchetto. Soltanto gli uomini, secondo le nostre usanze, possono alla vigilia della Pesca sedere a tavola e brindare con il Sire. La servit devessere solo maschile. Dame e serve attendono in camera laurora supplicando gli spiriti marini, esorcizzando i genii dei venti e invocando il dio che governa altezze e profondit. Questo pasto potrebbe essere lultimo; questo rito per alcuni funebre. Cos fu, in quella notte di Ottobre, Le alte torri del palazzo di mio padre brillavano di luci fioche deboli e tremule; un lume per ogni donna in preghiera. Nella nebbia sussurri. I rosoni della sala donore, che si affacciava sullinfinit delloceano, splendevano delle lanterne da cerimonia e proclamavano, alle onde mormoranti e buie, il coraggio e lorgoglio dei Navigatori. Le fiamme tempravano le fiocine; intonavamo canzoni famose di pesca per preparare il nostro animo al mare. Primo il Sire a levare la propria voce: mio padre Glauco, il Re. Allora era nel fiore degli anni ne aveva quarantatre ed era tuttuno col suo reame oceanico. I miei precettori minsegnavano di eroi marini, guerrieri, incantatori: ed io da sempre li immaginavo come lui. Re Glauco era possente, lepitome del Navigatore: in battaglia era burrasca, in pace era bonaccia; governava il nostro popolo con azzardo o prudenza secondo che il Mare di volta in volta lo consigliasse. Lo ricordo in vesti blu, cinto dargento, armato di una lancia dargento. Le chiome folte ed il corpo vigoroso. Tale il suo ritratto nei miei ricordi: tale lo serberanno i miei affetti nella rovina della memoria e del tempo. Venivano quindi i suoi fidati Comandanti: cantava, per primo, il gigantesco Aiace. Era solito fare a meno del rampone quando la mischia diveniva feroce, ed affrontare in corpo a corpo Il Pesce fidando nelle braccia poderose. Calvo, senza barba, avanti negli anni ma allapparenza indistruttibile; assai pi forte di molti giovani Navigatori. Lunico la cui voce si sentisse distintamente nellonda. E cera Odisseo, colui che parlava con Il Pesce. Minuto, incapace di lanciare troppo lontano o dissare a bordo una bestia troppo grande. Ma nessuno vicino al mare come lui; nessuno cos esperto nel vento da condurre allo stesso modo le Vele. Quindi cerano trecento Navigatori. E infine cero io: lErede. Il Principe Delfino Ulisse di Oceania, il pi grande dominio che si affacciasse sullOceano. Allora avevo appena quindici anni, e mai avevo davvero scagliato la fiocina. Certo avevo appreso ad usarla: avevo affrontato nei miei giochi di bambino, in acque basse a bordo di piccole imbarcazioni, pesci piccoli e niente affatto pericolosi come lo squalo, il tonno e il pesce spada. Con laccetta o il coltello, nuotando in profondit, avevo lottato contro la piovra e il calamaro. Tutto ci nelle cacce di piacere, quando mio padre usciva in compagnia di cortigiani e paggi sulla Vela leggera senzarmi e senza vere fiocine. Ma non avevo mai visto n affrontato Il Pesce. Lindomani finalmente uomo - sarebbe stata la mia prima volta e avrei corso il rischio che fosse lultima, la sola. Dunque quello, a cui ora partecipavo, era il mio primo banchetto rituale.

In anni precedenti, ancora troppo piccolo per essere ammesso alla cerimonia, nella notte di Vigilia di Pesca restavo chiuso in camera con mia madre. Pregavo. E avevo creduto che fosse, quella, la notte pi misera e pi triste dellanno, Mi costringevano in una stanza spoglia illuminata da un solo lume di blu profondo, che consumava spargendo odore di salsedine. Non sapevo, non potevo immaginare, non ero assolutamente preparato allo splendore del Salone sullOceano in occasione di quel rito solenne.

Lampade azzurre e verdi smeraldine ardevano ai quattro angoli della sala, proiettando sulle pareti affrescate guizzi rapidi come onde e correnti. Le tavole erano colme di piatti, vassoi, calici; ceramiche e cristalli in forma di conchiglie. Vino spumeggiava da cornucopie, candelabri di corallo sostenevano ceri verdi, blu. Musici suonavano strumenti ricavati da nautili e da gusci di tartaruga; larmonia ricordava la tempesta o le estensioni pacifiche dei pelaghi tropicali. Il tutto sapientemente disposto nellillusione perfetta e suggestiva di un ricco e prospero fondale. Al centro della sala, su un disco di pietra nera scolpita, lucida, dai riflessi sinistri, limmagine mostruosa e somigliante del Pesce che affiora dagli abissi. Ci che destava pi stupore, tuttavia, erano senzaltro i trecento Navigatori nelle loro armature di argento sbalzato. Ogni elmo era a foggia di esce; ogni pettorale, schiniere o bracciale scolpito come pinna, cresta, sperone. Tutto secondo unarte ricca, fantastica e immaginosa: il semplice guerriero che vestiva larme dellIppocampo appariva nellarmatura un dio marino terribile. La corazza di Aiace rappresentava un Capodoglio; quella di Odisseo un Narvalo. Quella di mio padre, per distinguerla dalle altre, non era scolpita in forma di pesce ma di Oceano: onde la percorrevano da capo a piedi, spume si arricciavano alle estremit e lelmo era una cresta gigantesca. Cambiava colore ogni volta che la si guardava: dal grigio acciaio diveniva rosso porpora, ma sfumava soprattutto nellindaco o nel verde tenue. Infine, mirabili quanto e pi delle armature, al fianco dogni guerriero fiammeggiavano le lance: arpioni di acciaio e legni o avori preziosi. Ogni arma era ad immagine del proprietario; parlava in qualche modo del suo stile di combattimento. Le linee, le fogge, i materiali stessi in cui erano fatte suggerivano al solo guardarle, per prodigio, concetti: quella di Aiace terrorizzava, come il rimbombo dei marosi; quella di Odisseo era una goccia che scava. Le altre trecento, come un mistico coro di saggezza e potere, esprimevano la profonda comprensione di ogni pensiero inerente allacqua e alla guerra. Larma di Re Glauco imponeva equilibrio. Mi sentivo piccolo, indifeso e insignificante a cospetto di tanto estesa potenza. E ci mi indispettiva, considerando il fatto chero il Principe Delfino. Era come se i Navigatori , e mio padre per primo, mi chiamassero ancora bambino o si prendessero gioco di me. E ci a causa del fatto che io non possedevo il mio arpione; che non vestivo una simile armatura. Ma ecco, come in risposta a questo mio sciocco risentimento, che savanz fra le fila dei guerrieri lanziano Toledo, lAcuminato Maestro. Toledo non era un Cavaliere Navigatore. Claudicante dalla nascita, guercio, il fiato corto, il fisico non gli avrebbe consentito di affrontare Il Pesce nel cimento della Pesca. Altre virt gli meritavano un posto a corte, la casacca color fiamma di fucine e il collare di uncini doro intrecciati: Toledo era lArtefice di Fiocine; colui che nel fuoco e lacqua salata e gli incantesimi fabbricava le armi del Sire dellOceano. Mi camminava zoppicando incontro, appesantito da una sacca oblunga di cuoio legata in cima con gomene di nave. Di fronte a me sciolse le corde con cura, mi present una fiocina di ferro bianco e legno nero. La punta scintillava a tal punto, pur alla luce incostante delle lanterne, che a fatica la si guardava fissamente. Limpugnatura era di mogano profumato, e recava scolpite figure di bestie con tentacoli. Quando larma fu tolta dalla sacca, nel salone cal improvviso un solenne silenzio. Cess ogni canto di epiche saghe ed ogni brindisi. Re del Mare, Cavaliere dellOnda, Vincitore di Profondit chiese Toledo seccamente a mio padre Dimmi, che far tuo figlio di questarpione? Per molte notti ho rinunciato ai sogni per forgiarlo: piegare lacciaio mi ha procurato dolore, incantarlo mi ha compromesso coi demoni e, soprattutto, dovendo dedicarmi al lavoro non ho potuto mirare in ozio lorizzonte. Quali gesta di tuo figlio di tutto ci mi ripagheranno? LAcuminato fabbricava il rampone ma, prima di consegnarlo al Navigatore, si assicurava presso un compagno o familiare dello stesso che il guerriero meritasse di imbracciarlo. Altrimenti lo avrebbe piuttosto gettato a mare. Quando mai era accaduta una cosa simile, specialmente per unarma costruita da Toledo? Sapevo che era una formula rituale. Ma qualcosa, nella voce del vecchio, mi spaventava

Opera di Alessandro Forlani

curiosit curiosit
Al posto dellanteprima, vi lascio con unimmagine dello sprue delleroe dei nani annunciato ma mai messo in produzione. Forse un giorno uscir o rimarr a far compagnia al principe demone in plastica

Se questo numero lavete scaricato da Internet, e non dal nostro sito ufficiale: http://www.orconero.com/ , ricordate che potete abbonarvi alla nostra rivista gratuitamente Mandando un e-mail a questo indirizzo: orco_nero@virgilio.it . Cosi facendo riceverete ogni 15 del mese i nuovi numeri del Orco Nero freschi di stampa direttamente nella vostra casella postale! Se poi volete spedirci i vostri articoli, ancora meglio!