You are on page 1of 29

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO

Politecnico di Bari

Decreto di emanazione Decreto ultimo aggiornamento

D.R. n. 101 del 6/03/2000 D.R. n. 233 del 24/04/2006

D.R. n. 461 IL RETTORE VISTA VISTO VISTO VISTO VISTA la legge 9 maggio 1989 n.168; il decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509 Regolamento recante norme concernenti lautonomia Didattica degli Atenei; il Regolamento Didattico di Ateneo del Politecnico di Bari, emanato con decreto rettorale n. 378 del 19 settembre 2001; il decreto ministeriale 28 novembre 2000 relativo alla determinazione delle classi delle lauree universitarie specialistiche; la deliberazione n. 12 resa dal Senato Accademico nelladunanza del 14 giugno 2002 con la quale sono stati approvati gli Ordinamenti Didattici dei Corsi di Laurea Specialistica della I e della II Facolt di Ingegneria ; il parere favorevole del Consiglio Universitario Nazionale (C.U.N.), reso nelladunanza del 4 settembre 2002 relativamente agli ordinamenti dei corsi di laurea specialistica; il Decreto Direttoriale del Ministero dellIstruzione dellUniversit e della Ricerca del 18 settembre 2002 con il quale approvata lintegrazione del Regolamento Didattico di Ateneo del Politecnico di Bari per quanto riguarda linserimento dei corsi di studio delle lauree specialistiche; la nota prot. n. 1415 del 16 settembre 2002 con la quale il Ministero dellIstruzione, dellUniversit e della Ricerca trasmette il parere espresso dal C.U.N. nelladunanza del 12 luglio 2002; le deliberazioni del Senato Accademico n. 4 del 18 marzo 2003 e n. 6 del 15 aprile 2003 con le quali sono state approvate le modifiche apportate agli ordinamenti didattici richieste dal C.U.N. nelladunanza del 12 luglio 2002; il parere favorevole del Consiglio Universitario Nazionale (C.U.N.), reso nelladunanza del 24 luglio 2003 relativamente alle modifiche apportate agli ordinamenti didattici;

VISTO

VISTO

VISTA

VISTE

VISTO

il Decreto Direttoriale del Ministero dellIstruzione dellUniversit e della Ricerca dell8 agosto 2003 con il quale approvata lintegrazione del Regolamento Didattico di Ateneo del Politecnico di Bari per quanto riguarda le modificazioni apportate ai corsi di studio. DECRETA E emanato il Regolamento Didattico di Ateneo del Politecnico di Bari, modificato ed approvato cos come in premessa, nel testo allegato al presente Decreto del quale costituisce parte integrante. Bari, 28 agosto 2003 IL RETTORE Antonio CASTORANI
Alla raccolta Ai Servizi in Staff al Rettore AllArea dei Servizi agli Studenti

VISTO

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO


ARTICOLO 1

Generalit 1. Oggetto del Regolamento Il presente regolamento stato redatto in conformit a quanto Previsto dal D.M. n. 509 del 3 novembre 1999, dalle successive norme integrative e dallo Statuto del Politecnico di Bari. Esso disciplina l'ordinamento degli studi che si tengono nel Politecnico. ARTICOLO 2 Definizioni 1. Ai sensi del presente regolamento si intende: a) per Regolamento Generale sullAutonomia, il regolamento recante norme concernenti lAutonomia Didattica degli Atenei di cui al D.M. del 3 novembre 1999, n. 509; b) per Corsi di studio, i Corsi di laurea, di laurea specialistica, di Specializzazione; c) per titoli di studio, la laurea, la laurea specialistica, il Diploma di Specializzazione, il Dottorato di Ricerca e il Master, come individuati dallart. 3; d) per Decreti ministeriali, i Decreti emanati ai sensi e secondo le procedure di cui allarticolo 17, comma 95, della legge del 15 maggio 1997, n. 127 e successive modifiche ed integrazioni; e) per Classi di appartenenza dei Corsi di studio (o pi brevemente Classi di Corsi di studio), linsieme dei Corsi di studio, comunque denominati, determinati dai Decreti ministeriali; f) per Ordinamenti didattici dei Corsi di studio, linsieme delle norme generali che regolano i curricula dei Corsi di studio, allegati al presente regolamento; g) per Regolamenti didattici dei Corsi di studio, linsieme delle norme particolari che concorrono alla definizione dei Manifesti di Facolt e che regolano i curricula dei Corsi di studio riportati nel presente regolamento; h) per settori scientifico-disciplinari, le declaratorie di cui al D.M. del 4 ottobre 2000, e successive modifiche; i) per strutture didattiche, quelle previste dallo Statuto; j) per ambito disciplinare, un insieme di settori scientifico-disciplinari culturalmente e professionalmente affini, definito dei Decreti ministeriali, utili alla qualificazione delle attivit formative; k) per credito formativo universitario, la misura del volume di lavoro per di apprendimento, compreso lo studio individuale, richiesto ad uno studente in possesso di adeguata preparazione iniziale impiegata per lacquisizione di conoscenze ed abilit nelle attivit formative previste dagli Ordinamenti didattici dei Corsi di studio, come specificato dallart. 12; l) per obiettivi formativi, linsieme di conoscenze e abilito che caratterizzano il profilo culturale e professionale al conseguimento delle quali il Corso di studio finalizzato, come precisati dai Decreti ministeriali; m) per attivit formativa, ogni attivit organizzata o prevista dalle universit al fine di assicurare la formazione culturale e professionale degli studenti, con riferimento, tra laltro, ai corsi di insegnamento, ai seminari, alle esercitazioni pratiche o di laboratorio, alle attivit didattiche a piccoli gruppi, al tutorato, allorientamento, ai tirocini, ai progetti, alle tesi, alle attivit di studio individuale e di autoapprendimento; n) per curriculum, linsieme delle attivit formative universitarie ed extra universitarie specificate nel regolamento didattico del Corso di studio al fine del conseguimento del relativo titolo; o) per docenti, i professori e i ricercatori del Politecnico che, in conformit alla normativa vigente, ricoprono uno dei posti in organico per il corrispondente ruolo; p) per studenti, gli studenti del Politecnico regolarmente iscritti ad uno dei Corsi di studio del Politecnico; q) per studenti a tempo parziale si intendono gli studenti iscritti ad un corso di studio del Politecnico che scelgono di seguire un percorso formativo in un numero di anni superiore a quello normale.

TITOLO I CORSI DI STUDIO, CORSI DI DOTTORATO, MASTER ARTICOLO 3 Titoli di Studio 1. LAteneo rilascia i seguenti titoli di studio: - Laurea, - Laurea specialistica, - Diploma di Specializzazione, - Dottorato di Ricerca, - Master universitario di I e II livello. ARTICOLO 4 Regolamenti Didattici dei Corsi di studio 1. Linsieme dei regolamenti didattici dei Corsi di studio attivati allinterno di una Facolt o dei Corsi di studio interfacolt confluiscono annualmente, entro i tempi stabiliti dal Senato Accademico, nel Manifesto didattico di Facolt o nei Manifesti delle Facolt interessate. 2. Ciascun regolamento didattico, redatto nel rispetto degli Ordinamenti didattici allegati al presente regolamento, contiene in particolare: a) la denominazione del Corso di studi, la formulazione degli obiettivi formativi specifici e le strutture didattiche di afferenza; b) lelenco delle attivit formative istituzionali finalizzate allacquisizione dei crediti che costituiscono i curricula previsti dal Corso; c) lelenco degli insegnamenti con indicazione dei settori Scientifico-disciplinari di riferimento), suddivisi per annualit e con precisazione delle eventuali propedeuticit nonch delle articolazioni in moduli e tipologie di attivit formative; d) le modalit di svolgimento delle eventuali attivit di laboratorio, pratiche e di tirocinio previste dai curricula; e) lassegnazione dei crediti formativi universitari alle diverse attivit formative, suddivise per anno di corso; f) larticolazione temporale dei curricula del corso di laurea di tre anni o di laurea specialistica di due anni ed, eventualmente, altre modalit di articolazione temporale dei curricula che rendano possibile un impegno a tempo parziale; g) il numero minimo di crediti da acquisire da parte dello studente in tempi determinati per maturare il diritto al proseguimento degli studi, diversificato per studenti impegnati a tempo pieno negli studi universitari o impegnati a tempo parziale; h) le regole di presentazione da parte dello studente di un piano di studi corrispondente ad un curriculum individuale; i) le disposizioni sugli eventuali obblighi di frequenza per gli studenti impegnati a tempo pieno e le modalit organizzative di attivit formative per studenti impegnati a parziale; j) i criteri per il riconoscimento dei crediti universitari conseguiti dallo studente presso altre istituzioni universitarie nazionali e della Comunit Europea; k) i requisiti di ammissione al corso di studio e le indicazioni sugli specifici obblighi formativi aggiuntivi da soddisfare nel primo anno di corso per assolvere il debito formativo, ai sensi dellart.6; l) le tipologie delle forme didattiche, anche a distanza, le modalit di svolgimento delle eventuali attivit di laboratorio, pratiche e di tirocinio previste dai curricula, degli esami e delle eventuali altre forme di verifica del profitto;

m) le caratteristiche delle prove finali per il conseguimento dei titoli di studio. ARTICOLO 5 Istituzione, attivazione e/o disattivazione dei Corsi di studio 1. I Corsi di studio istituiti presso il Politecnico sono riportati in appendice al presente regolamento, con i relativi Ordinamenti Didattici. 2. La proposta di istituzione di Corsi di studio formulata dai Consigli delle Facolt interessate, su parere conforme delle strutture didattiche individuate dallo Statuto. LIstituzione e/o la soppressione di Corsi di studio spetta al Senato Accademico, sentiti i Dipartimenti ed il Consiglio degli Studenti, in riferimento agli obiettivi contenuti nel Piano triennale di sviluppo. 3. L'attivazione e/o la disattivazione di Corsi di studio tra quelli istituiti spetta al Senato Accademico, sentiti i Consigli di Facolt, i Dipartimenti, il Consiglio di Amministrazione ed il Consiglio degli Studenti; essa decisa in funzione di un'attenta analisi costi/benefici svolta per ciascun Corso di studio, anche in vista di sinergie attivabili tra pi universit; 4. L'analisi costi/benefici di cui al precedente comma 3, dovr tener conto dei seguenti criteri: - sostenibilit e stabilit didattica, fondata su di un certo numero di docenti che dedichi al corso la parte prevalente del proprio impegno didattico e che funga da garante del corso di studio costituendone il nucleo fondamentale e stabile di gestione; - attrattivit: il corso di studio deve avere la capacit di attrarre un numero di matricole non inferiore a 30; - sistema di valutazione costante della qualit; - individuazione delle figure professionali e del rispettivo mercato del lavoro e delle professioni; - impegno della Facolt a destinare al Corso di studio risorse aggiuntive. 5. Gli aspetti organizzativi dei singoli Corsi di studio saranno curati dalle relative strutture didattiche individuate dallo Statuto, secondo quanto previsto nei Regolamenti Didattici dei Corsi di studio. 6. I corsi di studio ed i servizi didattici non inquadrati in una Facolt, oppure afferenti a pi Facolt, sono gestiti da un Consiglio Interfacolt paritario nel numero e nella composizione, i cui componenti sono designati dalle Facolt interessate. Il Senato Accademico ne approver un apposito Regolamento di funzionamento. 7. La determinazione delle risorse necessarie, i contenuti dei Corsi e gli obiettivi formativi, eventuali modifiche ai regolamenti didattici, spettano alle strutture didattiche individuate dallo Statuto, secondo le modalit definite dallo stesso. ARTICOLO 6 Corsi di laurea 1. Il Corso di laurea ha lobiettivo di assicurare allo studente unadeguata padronanza di metodi e contenuti scientifici generali, nonch lacquisizione di specifiche conoscenze professionali. 2. Per essere ammessi ad un Corso di laurea occorre essere in possesso di un Diploma di Scuola secondaria superiore o di altro titolo di studio conseguito allestero riconosciuto idoneo ai sensi delle Leggi vigenti e nelle forme previste dallart. 16, comma 4. Altri requisiti formativi e culturali possono essere richiesti per laccesso dai Regolamenti dei Corsi di studio secondo le normative prescritte dallart. 11. 3. Per conseguire la laurea lo studente deve avere acquisito 180 crediti. La durata normale del Corso di laurea di tre anni per gli studenti a tempo pieno. I Regolamenti didattici possono prevedere durate maggiori per studenti impegnati a tempo parziale con un massimo di 6 anni. ARTICOLO 7 Corsi di laurea specialistica

1. Il Corso di laurea specialistica ha lobiettivo di fornire allo studente una formazione di livello avanzato per lesercizio di attivit di elevata qualificazione in ambiti specifici. 2. Per essere ammessi ad un Corso di laurea specialistica occorre essere in possesso della laurea ovvero di altro titolo di studio conseguito allestero, riconosciuto idoneo ai sensi delle Leggi vigenti e nelle forme previste dallart. 16, comma 4. Altri requisiti curriculari indicativi di una adeguata preparazione personale possono essere richiesti dai Regolamenti didattici per laccesso ai Corsi di laurea specialistica, secondo le normative prescritte dallart. 11, comma 5. 3. In deroga al comma 2, i Decreti ministeriali possono prevedere lammissione ad un Corso di laurea specialistica con il possesso del Diploma di Scuola secondaria superiore, esclusivamente per Corsi di studio regolati da normative dellUnione Europea che non prevedano per essi titoli universitari di primo livello, fatta salva la verifica delladeguata preparazione iniziale prevista dagli Ordinamenti didattici ai sensi dellart. 11. 4. Per conseguire la laurea specialistica lo studente deve avere acquisito 300 crediti, ivi compresi quelli gi acquisiti con il conseguimento del titolo di laurea e/o riconosciuti validi ai sensi dellart. 11, comma 5 salvo le eccezioni previste dal comma 3. La durata normale del Corso di laurea specialistica di due anni dopo la laurea per gli studenti a tempo pieno. 5. LAteneo pu istituire Corsi di laurea specialistica solo se gi attivato un Corso di laurea comprendente almeno un curriculum i cui crediti formativi universitari siano integralmente riconosciuti, in base ai Regolamenti didattici, per il Corso di laurea specialistica, con leccezione dei Corsi di cui al comma 3, ovvero in seguito al riconoscimento equivalente, sulla base di una specifica convenzione, della validit di un Corso di laurea attivato presso un'altra Universit. ARTICOLO 8 Corsi di Specializzazione 1. Il Corso di Specializzazione ha lobiettivo di fornire allo studente conoscenze e abilit per funzioni richieste nellesercizio di particolari attivit professionali e pu essere istituito esclusivamente in applicazione di specifiche norme di legge o di direttive dellUnione Europea. 2. Per essere ammessi ad un Corso di Specializzazione occorre essere in possesso almeno della laurea, ovvero di altro titolo di studio conseguito allestero, riconosciuto idoneo ai sensi delle Leggi vigenti e nelle forme previste dallart. 16, comma 4. Altri specifici requisiti di ammissione nonch gli eventuali crediti formativi universitari aggiuntivi rispetto al titolo di studio gi conseguito ritenuti necessari per lammissione sono stabiliti dai Decreti ministeriali e, a norma di essi, dai Regolamenti didattici. 3. Per conseguire il Diploma di Specializzazione lo studente deve avere acquisito un numero di crediti, compreso tra 300 e 360, comprensivi di quelli gi acquisiti e riconosciuti validi per lammissione al Corso, numero che viene precisato dai Decreti ministeriali, fatte salve le diverse disposizioni previste da specifiche norme di Legge o da direttive dellUnione Europea. La durata normale dei Corsi di Specializzazione compresa fra due e tre anni, e viene stabilita dai rispettivi Regolamenti didattici. 4. La Scuola regionale interateneo di Specializzazione (SIS) disciplinata da appositi Regolamenti didattici. ARTICOLO 9 Corsi di Dottorato di Ricerca 1. I Corsi di Dottorato di Ricerca hanno lobiettivo di fornire le competenze necessarie per esercitare, presso Universit, enti pubblici o soggetti privati, attivit di ricerca di alta qualificazione. 2. Listituzione da parte dellAteneo dei Corsi di Dottorato di Ricerca, lapprovazione dei relativi Ordinamenti didattici e le normative relative allassegnazione delle borse di studio sono disciplinati

dalla vigente normativa. 3. I Dottorati di ricerca aventi sede amministrativa nellAteneo possono essere istituiti anche in consorzio con altre Universit italiane e/o mediante convenzioni con soggetti pubblici e privati in possesso di requisiti di elevata qualificazione culturale e scientifica e di personale, strutture ed attrezzature idonei. 4. Per essere ammessi ad un Corso di Dottorato di Ricerca occorre essere in possesso della laurea specialistica conseguita entro le Classi di Corsi di studio precisate dallOrdinamento relativo, o di analogo titolo accademico conseguito allestero ai sensi delle Leggi vigenti e nelle forme previste dall'art. 16 co. 4. Laccesso ai Corsi di Dottorato di ricerca consentito anche ai possessori di Diplomi di laurea conseguiti in base alle normative previgenti allapplicazione del regolamento Generale sullAutonomia. 5. Laccesso ai Corsi di Dottorato di ricerca, i cui Regolamenti prevedono sempre un numero programmato di partecipanti, subordinato al superamento di una prova di ammissione, disciplinata, ai sensi della normativa vigente e del regolamento di Dottorato del Politecnico. 6. Il numero di laureati da ammettere a ciascun Corso di Dottorato, il numero di Dottorandi esonerati dai contributi per laccesso e la frequenza ai corsi e lammontare e il numero, comunque non inferiore alla met dei Dottorandi, delle borse da assegnare sono determinati annualmente con Decreti rettorali. 7. LAteneo pu istituire in base ad accordi bilaterali o multilaterali di cooperazione interuniversitaria internazionale Corsi di Dottorato di Ricerca congiunti o Corsi di Dottorato internazionale. In tale caso le modalit di ammissione al Corso e di conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca sono definite in base a quanto previsto dagli accordi stessi. 8. La denominazione dei Corsi di Dottorato di Ricerca, il loro Ordinamento didattico comprensivo delleventuale articolazione in curricula, sono determinati dal regolamento didattico relativo, progettato da uno o pi Dipartimenti proponenti e approvato dal Senato Accademico. La durata normale dei Corsi non inferiore a tre anni. 9. Ai sensi dellart. 16, parte delle attivit formative previste dallOrdinamento didattico del Corso di Dottorato di Ricerca pu essere svolta anche allestero, presso Universit estere o istituti equiparati, nellambito dei programmi europei di mobilit studentesca, ed essere riconosciute come curriculari ai sensi delle Leggi vigenti e nelle forme previste dallart. 16, comma 4. 10. Le attivit di dottorato si svolgono nei Dipartimenti. 11. LAteneo pu prevedere in base ai Regolamenti didattici laffidamento ai Dottorandi di ricerca di una limitata attivit didattica sussidiaria o integrativa che non deve in ogni caso compromettere lattivit di formazione della ricerca. Le delibere relative alla determinazione e alla collocazione allinterno degli Ordinamenti didattici di vario livello di tale attivit didattica sono prese dalle Facolt interessate, sentito il parere della Struttura didattica. Tale collaborazione didattica dei Dottorandi resta comunque facoltativa, non implica oneri finanziari per il bilancio dello Stato e non d luogo a diritti in ordine allaccesso ai ruoli delle Universit. ARTICOLO 10 Master universitari 1. In attuazione dellarticolo 1, comma 15, della legge 14 gennaio 1999, n. 4, lAteneo pu attivare Corsi di perfezionamento scientifico e di alta formazione permanente e ricorrente e aggiornamento professionale, successivi al conseguimento della laurea o della laurea specialistica, alla conclusione dei quali sono rilasciati i Master universitari. 2. I Master universitari possono essere di primo e di secondo livello. Per accedere ai Master di primo livello necessario aver conseguito la laurea. Per accedere ai Master di secondo livello necessario aver conseguito la laurea specialistica. 3. Per conseguire il Master universitario lo studente deve aver acquisiti almeno 60 crediti oltre a quelli acquisiti per conseguire la laurea o la laurea specialistica. La durata minima dei Corsi di

Master universitario di un anno. 4. Lofferta didattica dei Corsi di Master universitario deve essere specificamente finalizzata a rispondere a domande formative di cui, in base alla adeguata strumentazione di rilevazione attivata dallAteneo, stato possibile individuare lesistenza reale in ambito nazionale ed internazionale. A tale scopo limpostazione degli Ordinamenti didattici relativi deve essere ispirata ad esigenze di flessibilit e adeguamento periodico al mutamento delle condizioni del mercato del lavoro. 5. LAteneo pu istituire, su proposta di uno o pi Dipartimenti, anche in base ad accordi di cooperazione interuniversitaria nazionale o internazionale, Corsi di Master congiunti (ossia interuniversitari) di primo e di secondo livello. 6. I Corsi di Master universitario possono essere attivati dallAteneo anche in collaborazione con enti esterni, pubblici o privati. 7. Le attivit di Master si svolgono nei Dipartimenti. TITOLO II CORSI DI STUDIO E ATTIVIT DIDATTICHE: TIPI E REGOLAMENTI ARTICOLO 11 Requisiti di ammissione ai Corsi di studio, attivit formative propedeutiche e integrative 1. I titoli di studio richiesti per lammissione ai Corsi di studio e il riconoscimento delle eventuali equipollenze di titoli di studio conseguiti allestero sono determinati dalle Leggi in vigore e dai Decreti ministeriali. 2. I Regolamenti didattici dei Corsi di studio possono richiedere allo studente il possesso o lacquisizione di unadeguata preparazione iniziale, definendo in modo inequivocabile le conoscenze richieste per laccesso e determinandone, ove necessario, le modalit di verifica. La mancanza di tali requisiti culturali determinati dai Regolamenti prende il nome di obbligo formativo aggiuntivo. L'eventuale obbligo formativo aggiuntivo viene assolto mediante la frequenza ad attivit formative definite dalle strutture didattiche individuate dallo Statuto. 3. Le attivit formative aggiuntive di cui al comma precedente devono essere svolte, in determinati periodi dellanno accademico favorevoli all'impegno dello studente, da docenti facenti parte della struttura didattica individuata dallo Statuto, sulla base di un ampliamento dellimpegno didattico e tutoriale nelle forme previste dal Regolamento per lincentivazione dei docenti. Il regolamento didattico pu anche prevedere lattivazione di attivit formative propedeutiche in vista dellaccesso al primo anno, la cui partecipazione, da parte degli studenti immatricolati, sia soltanto facoltativa. Tali attivit formative propedeutiche possono essere svolte anche in collaborazione con istituti di istruzione secondaria superiore o con altri enti, sulla base di apposite convenzioni approvate dal Senato Accademico. 4. L'obbligo formativo aggiuntivo pu essere assegnato anche agli studenti dei Corsi di studio ad accesso programmato, che siano stati ammessi con una votazione inferiore ad un minimo prefissato dal relativo regolamento didattico. 5. Per lammissione ai Corsi di studio superiori alla laurea, i relativi Regolamenti didattici devono indicare in modo quantitativamente definito i crediti necessari per laccesso. L'eventuale mancanza di crediti rispetto a quanto indicato dai Regolamenti didattici determina, ai fini dell'accesso l'individuazione di un debito formativo aggiuntivo. Lassolvimento di tale debito formativo potr avvenire da parte dello studente: o con liscrizione a corsi singoli (ai sensi dellart. 15, comma 4) comunque attivati presso lAteneo o presso altre Universit italiane riconosciuti come apportatori di credito dalla Struttura didattica individuata dallo Statuto e con il superamento dei relativi esami; oppure concordando con la Struttura didattica competente specifici percorsi formativi da soddisfare prima dellinizio delle verifiche relative al curriculum del nuovo Corso di studio. 6. Gli studenti che abbiano conseguito una laurea con un curriculum i cui crediti formativi universitari siano intergralmente riconosciuti ai sensi del comma 6 art. 7, possono accedere senza

alcun debito formativo aggiuntivo al corrispondente corso di laurea specialistica. 7. In deroga al comma 5, per l'ammissione a Corsi di laurea specialistica regolati da normative dell'Unione Europea, che non prevedono per tali corsi titoli universitari di primo livello, e ai quali si accede con il possesso del diploma di scuola secondaria superiore, valgono le disposizioni contenute ai commi 2, 3 e 4. ARTICOLO 12 Crediti formativi universitari 1. Lunit di misura del lavoro richiesto allo studente per lespletamento di ogni attivit formativa prescritta dagli Ordinamenti didattici dei Corsi di studio per conseguire un titolo di studio universitario il credito formativo universitario (CFU). 2. Al credito formativo universitario, di seguito denominato CFU, corrispondono a norma dei Decreti ministeriali 25 ore di lavoro per studente, comprensive di ore di lezione, di esercitazione, di laboratorio, di seminario e di altre attivit formative richieste dagli Ordinamenti didattici, oltre le ore di studio e comunque di impegno personale necessarie per completare la formazione per il superamento dellesame oppure per realizzare le attivit formative non direttamente subordinate alla didattica universitaria. 3. Ai sensi dellart. 5, comma 2 del Regolamento Generale sullAutonomia, la quantit di lavoro medio svolto in un anno da uno studente impegnato a tempo pieno negli studi universitari fissata in 60 crediti. I regolamenti didattici dei Corsi di studio stabiliscono i crediti corrispondenti allinterno di ogni tipologia di attivit formativa contemplata dalla Classe corrispondente (secondo lelencazione esemplificativa contenuta nellart. 10, comma 1 del Regolamento Generale sullAutonomia), tenendo presenti le quantificazioni del numero minimo di crediti che dovr essere riservato a ciascun tipo di attivit (secondo il Regolamento Generale sullAutonomia, art. 10, comma 2). 4. La frazione dellimpegno orario complessivo riservata allo studio personale o ad altre attivit formative di tipo individuale determinata per ciascuna attivit formativa nel regolamento didattico del Corso di studio, con i limiti deliberati, per ciascun corso di studio, dal Senato Accademico, fermo restando quanto disposto dalla normativa vigente. 5. L'effettiva frazione dell'impegno orario complessivo riservata allo studio personale di cui al comma precedente e mediamente impiegata dagli studenti per il superamento degli esami di profitto, verificata annualmente e per ciascuna disciplina dall'Osservatorio della Didattica mediante appositi questionari informativi e/o quant'altro occorra a tal fine; le risultanze sono rese note nella Relazione Annuale. In caso di rilevante scostamento tra la frazione riscontrata e quella indicata nel regolamento didattico del Corso di studio, le strutture didattiche competenti devono attivarsi al fine di consentire il rispetto dei limiti deliberati. 6. I crediti corrispondenti a ciascuna attivit formativa sono acquisiti dallo studente con il superamento dellesame o di altra forma di verifica del profitto stabilita dai Regolamenti dei Corsi di studio, ferma restando la quantificazione in trentesimi per la votazione degli esami e in centodecimi per la prova finale, con eventuale lode. 7. E possibile prevedere, secondo criteri predeterminati, il riconoscimento di crediti acquisiti dallo studente nel caso di documentata certificazione (nel rispetto della normativa vigente in materia) dellacquisizione di competenze e abilit professionali, nonch di altre competenze e abilit maturate in attivit formative di livello post-secondario alla cui progettazione e realizzazione lUniversit abbia concorso. 8. Nel caso di trasferimenti o passaggi di Corso o di Facolt, il riconoscimento di crediti acquisiti dallo studente in altro Corso di studio dellAteneo, ovvero nello stesso o in altro Corso di studio di altra Universit, anche estera, compete alla struttura didattica individuata dallo Statuto, secondo le modalit definito dal regolamento didattico del corso di studio interessato. 9. Il Politecnico proceder alla verifica periodica dell'obsolescenza dei contenuti conoscitivi dei

crediti acquisiti secondo forme e modalit stabilite dal Senato Accademico. ARTICOLO 13 Immatricolazioni e iscrizioni 1. I tempi e i modi per ottenere limmatricolazione e liscrizione agli anni successivi di qualsiasi Corso di studio sono chiaramente indicati, congiuntamente alle prescrizioni sui requisiti essenziali da esibire, sulla documentazione da predisporre e le tasse da pagare, nel Manifesto degli studi e nella Guida prevista dallart. 20, comma 4 e 5, nonch negli altri strumenti informativi e pubblicitari previsti dallAteneo per consentire una tempestiva e adeguata comunicazione a tutti gli studenti di tali informazioni. 2. L'ammontare delle tasse annuali viene stabilito in maniera differenziata dal Consiglio di Amministrazione, sentiti il Senato Accademico ed il Consiglio degli Studenti, per studenti a tempo pieno e tempo parziale. 3. Eventuali limitazioni quantitative e qualitative in materia di accesso ai Corsi di studio (diversi dai Corsi di Dottorato di Ricerca e dai Master) vengono deliberate dal Senato Accademico, sentito il parere del Consiglio di Amministrazione, del Consiglio di Facolt interessato e del Consiglio degli Studenti e sono rese note per tempo nelle forme previste dal precedente comma 1. 4. Eventuali subordinazioni delle immatricolazioni e delle iscrizioni agli anni successivi a normative di selezione o di propedeuticit previste dai Regolamenti didattici devono rese note per tempo agli studenti interessati nella forme previste dal comma 1. 5. Chi gi in possesso di laurea o di laurea specialistica e intende conseguire un ulteriore titolo di studio del medesimo livello pu chiedere al Presidente della Struttura didattica individuata dallo Statuto liscrizione ad un anno di Corso successivo al primo. Tali domande verranno valutate dalla struttura didattica interessata. 6. Lo studente non pu iscriversi contemporaneamente a due Corsi di studio. Se la contemporaneit venisse comunque rilevata, lo studente decade dal Corso di studio cui si iscritto successivamente alla prima iscrizione. 7. Lo studente pu iscriversi, sia presso il Politecnico che presso altre Universit, anche ad insegnamenti non previsti nel suo Corso di studio acquisendone i contenuti formativi per migliorare il suo bagaglio di conoscenze. I crediti conseguenti non concorrono a definire il numero minimo necessario per il conseguimento del titolo di studio, ma devono essere citati nelle certificazioni previste. 8. L'iscrizione di cui al precedente comma 7, ad insegnamenti attivati presso corsi di studio a numero programmato, subordinata al parere favorevole della struttura didattica interessata. ARTICOLO 14 Piani di Studio 1. Nei corsi di studio gli studenti possono presentare, in alternativa ai curricula fissati nel Manifesto degli studi, un curriculum individuale che deve essere approvato dalla struttura didattica competente. 2. Le modalit ed i tempi di presentazione e di approvazione del piano di studio individuale sono fissati dal Senato Accademico. 3. Il piano di studio individuale approvato solo se linsieme delle attivit in esso contemplate corrisponde ai vincoli stabiliti dalla normativa relativi alle classi delle lauree e delle lauree specialistiche e dagli Ordinamenti didattici e comporti lacquisizione di un numero di crediti non inferiore a quello richiesto per il conseguimento del titolo. ARTICOLO 15 Trasferimenti, passaggi di Corso e di Facolt, ammissione a corsi singoli

1. Le domande di trasferimento presso lAteneo di studenti provenienti da altra Universit o Facolt e le domande di passaggio di Corso di studio sono subordinate ad approvazione da parte della struttura didattica individuata dallo Statuto, che valuta, secondo modalit definite, leventuale riconoscimento totale o parziale della carriera di studio fino a quel momento seguita, con la convalida di esami sostenuti e crediti acquisiti, e indica lanno di Corso al quale lo studente viene iscritto e leventuale debito formativo da assolvere. 2. In relazione alla quantit di crediti riconosciuti, ai sensi del comma precedente, la durata del Corso di studio pu essere abbreviata dalla Struttura didattica competente, secondo criteri stabiliti dai Regolamenti didattici dei corsi di studio. Il riconoscimento da parte dellAteneo di crediti acquisiti presso altre Universit italiane o estere (o ad esse assimilabili) pu essere determinato in forme automatiche da apposite convenzioni approvate dal Senato Accademico; tali convenzioni potranno altres prevedere la sostituzione diretta, allinterno dei curricula individuali, di attivit formative impartite nellAteneo e richieste dai Regolamenti didattici dei corsi di studio con attivit formative impartite presso altre Universit italiane o estere (o ad esse assimilabili). 3. Nel passaggio di corso di studio, almeno all'interno delle Facolt del Politecnico, i crediti gi acquisiti dallo studente in ciascun settore scientifico disciplinare vengono, di norma, riconosciuti se questo presente nell'Ordinamento didattico del Corso di studi cui lo studente si trasferisce, limitatamente al numero massimo di crediti previsto nell'Ordinamento medesimo. 4. I Regolamenti didattici dei Corsi di studio a numero programmato possono prevedere in casi specifici la subordinazione dellaccettazione di una pratica di trasferimento ad una prova di ammissione predeterminata. 5. Coloro i quali siano in possesso dei requisiti di cui al comma 1 dell'art. 11 del presente Regolamento, possono iscriversi, dietro il pagamento di contributi stabiliti dagli organi accademici competenti, a singoli corsi di insegnamento attivati presso i Corsi di studio di ogni livello presenti in Ateneo, nonch essere autorizzati a sostenere le relative prove desame e ad averne dalla Segreteria studenti regolare attestazione utilizzabile per scopi professionali o concorsuali, per i quali sia richiesto un aggiornamento culturale e scientifico o un particolare perfezionamento delle competenze acquisite. 6. L'iscrizione di cui al precedente comma 5, a singoli corsi di insegnamento attivati presso corsi di studio a numero programmato, subordinata al parere favorevole della struttura didattica interessata. ARTICOLO 16 Mobilit studentesca e riconoscimento di studi compiuti allestero 1. Nel rispetto delle Leggi vigenti, lAteneo aderisce ai programmi di mobilit studentesca riconosciuti dalle Universit della Unione Europea, a qualsiasi livello di Corso di studio. 2. LAteneo favorisce la mobilit studentesca secondo un principio di reciprocit, mettendo a disposizione degli studenti ospiti le proprie risorse didattiche e lassistenza tutoriale, fornendo altres un supporto organizzativo e logistico agli scambi. 3. Il riconoscimento degli studi compiuti allestero, della frequenza richiesta, del superamento degli esami e delle altre prove di verifica previste e del conseguimento dei relativi crediti formativi universitari da parte di studenti dellAteneo disciplinato dai regolamenti dei programmi di cui al comma 1 e diventa operante con approvazione o (nel caso di convenzioni bilaterali) di semplice ratifica da parte della Struttura didattica individuata dallo Statuto, ai sensi dellart. 12 comma 8. 4. Il riconoscimento dellidoneit di titoli di studio conseguiti allestero ai fini dellammissione a Corsi di studio attivati presso lAteneo, compresi i Corsi di Dottorato di Ricerca, approvato previo parere delle Strutture didattiche interessate, dal Senato Accademico. ARTICOLO 17

Conoscenza della lingua 1. La conoscenza di una lingua dell'Unione Europea deve essere verificata per ogni livello formativo (laurea, laurea specialistica, specializzazione, master, dottorato) a secondo del grado di approfondimento definito dagli specifici obiettivi formativi del corso contenuti nel Regolamento del Corso di studio. 2. La verifica richiesta agli studenti di tutti i corsi di studio deve comunque fare riferimento per ogni lingua straniera dell'Unione Europea allo standard internazionale anche tenendo conto dell'intesa raggiunta fra MPI o CRUI sulla base del programma comunitario LINGUE 2000. 3. I crediti possono essere acquisiti, nel rispetto di quanto prescritto nei commi precedenti di questo articolo, anche sulla base di certificazioni rilasciate da strutture esterne al Politecnico specificatamente competenti per ciascuna lingua e con questo convenzionate. ARTICOLO 18 Esami e verifiche del profitto 1. Gli esami di profitto sono rivolti ad accertare la maturit e la preparazione dello studente nella materia del corso di insegnamento in relazione al percorso di studio seguito. 2. Per essere ammesso a sostenere gli esami di profitto lo studente deve risultare regolarmente iscritto allanno accademico in corso ed averne frequentato i relativi corsi di insegnamento secondo le modalit stabilite dalla Struttura didattica individuata dallo Statuto. 3. Gli esami di profitto consistono in un colloquio. Altre modalit integrative o sostitutive, da effettuarsi anche durante lo svolgimento del corso, sono deliberate dalla Struttura didattica individuata dallo Statuto su proposta del professore ufficiale dellinsegnamento. Lesito di tali altre modalit non preclude comunque allo studente la possibilit di sostenere l'esame mediante colloquio. 4. Entro linizio dellanno accademico la Struttura didattica individuata dallo Statuto stabilisce e rende pubbliche le modalit di svolgimento degli esami di profitto valide per lintero anno accademico. 5. Sia della predisposizione delle modalit integrative che della relativa valutazione responsabile lintera Commissione desame. 6. Le prove orali sono pubbliche. Qualora siano previste prove scritte, il candidato ha il diritto di prendere visione dei propri elaborati dopo la correzione. 7. Il materiale prodotto, a qualsiasi titolo, dallo studente per la valutazione del profitto rimane di propriet dello studente stesso. 8. Qualora i regolamenti didattici prevedano un unico esame o ununica prova di verifica finale per un insegnamento costituito dalla confluenza di pi attivit didattiche, deve comunque essere accertato il profitto dello studente per ciascuna di esse. In tali casi lo studente ha diritto ad avere comunicazione dei risultati conseguiti nelle singole forme di accertamento. 9. Le Commissioni per gli esami di profitto sono nominate dal Preside per la durata di un anno accademico, su proposta del professore ufficiale del singolo insegnamento. Esse possono comprendere, oltre i componenti effettivi, anche quelli supplenti. 10. Le Commissioni sono composte da almeno due componenti: a) il professore ufficiale dellinsegnamento, con funzioni di Presidente, b) un docente dello stesso settore scientifico disciplinare o di settore affine. 11. In caso di impedimento del Presidente, il Preside della Facolt nomina temporaneamente un suo sostituto. 12. Nel caso di corsi integrati, la Commissione deve comprendere i professori ufficiali di ciascun modulo costitutivo del corso stesso; allatto della nomina il Preside individua, fra essi, il Presidente della Commissione. 13. Qualora linsegnamento non sia pi attivato, il Preside nomina apposita Commissione composta

da docenti dello stesso settore scientifico disciplinare o di settore affine. 14. Nel caso di corsi di insegnamento ad elevato numero di frequentanti, il professore ufficiale pu chiedere al Preside di articolare la Commissione in due Sottocommissioni composte ciascuna, unico restando il Presidente, da ulteriori due componenti: a) un docente dello stesso settore scientifico disciplinare o di settore affine, b) un cultore della materia. 15. I cultori della materia sono nominati, ai soli fini della costituzione delle Sottocommissioni, dal Preside su proposta della Struttura didattica individuata dallo Statuto interessato. 16. La Commissione o la Sottocommissione, ove articolata, per esprimere collegialmente il proprio giudizio dispone di 30 punti interi. Lesame si intende superato quando il voto finale conseguito pari o superiore a 18/30. Nel caso in cui la votazione conseguita sia di trenta trentesimi, la Commissione o la Sottocommissione, ove articolata, pu concedere allunanimit la lode. 17. Lesame viene verbalizzato su un registro-verbale nel quale vanno apposte le firme dei candidati ed indicati gli argomenti discussi ed i voti finali. Per ciascun candidato sono apposte le firme dei Commissari che hanno effettuato lesame. I Presidenti delle Commissioni hanno lobbligo di curare la consegna del verbale debitamente compilato in tutte le sue parti alle rispettive Segreterie studenti, di norma entro 7 giorni dalla conclusione di ciascuna seduta desame. 18. Il registro-verbale pu avere anche modalit informatiche. 19. Gli appelli desame e di altre verifiche del profitto devono avere inizio alla data fissata. Eventuali deroghe per gravi ed eccezionali motivi dovranno essere autorizzate dal Preside. In nessun caso la data dinizio di un appello potr essere anticipata. 20. Lo studente in regola con la posizione amministrativa potr sostenere senza alcuna limitazione tutti gli esami nel rispetto delle propedeuticit e delle eventuali attestazioni di frequenza previste dallOrdinamento degli Studi, durante gli appelli fissati dalla struttura didattica competente che saranno, di norma, in numero non inferiore ad otto, distanziati temporalmente l'uno dall'altro di un numero di giorni non inferiore a 15; per gli studenti fuori corso, invece, gli appelli avranno, di norma, cadenza mensile. ARTICOLO 19 Studenti impegnati a tempo pieno, studenti a tempo parziale, studenti fuori corso e ripetenti. Interruzione degli studi 1. Il riconoscimento della frequenza delle attivit formative richieste pu essere attestato nei documenti personali dello studente. 2. I Regolamenti didattici di ogni Corso di studio (escluso il Dottorato di Ricerca) possono prevedere specifiche forme di partecipazione alle attivit formative per studenti a tempo parziale. La frequenza obbligatoria laddove esplicitamente prescritta dai Regolamenti didattici. 3. Lo studente si considera fuori corso quando, avendo frequentato le attivit formative previste dallOrdinamento del suo Corso, non abbia acquisito il numero di crediti necessario per il passaggio all'anno successivo o per il conseguimento del titolo di studio previsto dal Corso di studi medesimo. Lo studente fuori corso non ha obblighi di frequenza. 4. Lo studente fuori corso pu altres richiedere espressamente alla struttura didattica competente di poter riaggiornare i contenuti di alcune attivit formative di cui ha gi usufruito e per le quali non ha ancora acquisito i relativi crediti, e a tal fine deve maturare una nuova frequenza. 5. Lo studente fuori corso decade dallo status di studente iscritto ad un Corso di studi qualora non abbia superato alcun esame previsto dallOrdinamento per otto anni accademici consecutivi. 6. Si considera studente ripetente: a) lo studente che entro la durata normale del Corso non abbia ottenuto il riconoscimento della frequenza, ove richiesto, per tutte le attivit formative previste dallOrdinamento didattico per il passaggio all'anno successivo o per il conseguimento del Corso di studi medesimo; b) lo studente che, avendo acquisito le frequenze previste per il conseguimento del titolo di studio,

intenda modificare il proprio piano di studi. 7. La Struttura didattica individuata dallo Statuto pu definire a quale anno di corso debba essere considerato iscritto lo studente ripetente. 8. Lo studente ripetente tenuto di norma a frequentare le attivit formative previste dallOrdinamento didattico per lanno di corso al quale viene considerato iscritto (in qualit di ripetente) ed ancora mancanti alla sua carriera formativa, allo scopo di poter superare gli esami. Leventuale esenzione dalla frequenza deve essere approvata dalla Struttura didattica competente. 9. Lo studente ha facolt in qualsiasi momento della propria carriera formativa a rinunciare alla prosecuzione degli studi intrapresi e a immatricolarsi di nuovo allo stesso o ad altro Corso di studi. Di norma, in tale caso, i risultati della sua precedente carriera, sono valutati come crediti formativi acquisiti. 10. Agli iscritti a Corsi di Specializzazione o di Master che siano ammessi a frequentare un Corso di Dottorato di Ricerca, sia presso il Politecnico, sia presso altra Universit, si applicano le normative vigenti (art. 8 della Legge 30 novembre 1989, n. 398). ARTICOLO 20 Prove finali e conseguimento dei titoli di studio 1. Il titolo di studio conferito a seguito di prova finale. I Regolamenti didattici dei Corsi di studio disciplinano: a) le modalit della prova, comprensiva in ogni caso di una esposizione dinanzi ad una apposita commissione; b) le modalit della valutazione conclusiva, che deve tenere conto dellintera carriera dello studente allinterno del Corso di studio e della prova finale, nonch di ogni altro elemento rilevante. 2. Per accedere alla prova finale lo studente deve avere acquisito il quantitativo di crediti universitari previsto dal relativo regolamento didattico. 3. Lo svolgimento delle prove finali sempre pubblico. 4. Per il conseguimento della laurea, del master e del diploma di specializzazione i regolamenti possono prevedere, accanto o in sostituzione di prove consistenti nella discussione di un elaborato scritto o di una prova scritta o grafica, il sostenimento di una prova espositiva finalizzata ad accertare il raggiungimento degli obiettivi formativi del Corso. 5. Per il conseguimento della laurea specialistica e del Dottorato di Ricerca i regolamenti devono prevedere lelaborazione di una tesi scritta, elaborata in modo originale dallo studente sotto la guida di un relatore. In tali casi i regolamenti didattici fissano il termine per la consegna della tesi compilata presso la Segreteria di Facolt. 6. Entro scadenze periodiche fissate dai regolamenti di Facolt, gli studenti tenuti ai sensi del comma precedente allelaborazione di una tesi scritta finale sottopongono ad approvazione della Struttura didattica individuata dallo Statuto lassegnazione dellargomento della tesi ed il nominativo del relatore, allo scopo di consentire, mediante un aggiornato monitoraggio delle tesi assegnate: a) la verifica dellequa distribuzione dellimpegno didattico fra i docenti di un medesimo Corso di studio; b) leventuale eccessiva lunghezza dei tempi di realizzazione e lobsolescenza di talune assegnazioni; c) la possibilit di dare avviso tempestivo agli studenti interessati dei bandi concernenti diversificate forme di assistenza economica previste dallAteneo o dagli Enti per il Diritto allo studio Universitario per lelaborazione della tesi. 7. Le Commissioni giudicatrici della prova finale abilitate al conferimento del titolo di studio sono nominate dal Preside di Facolt e sono composte da almeno sette docenti. Le funzioni di Presidente della Commissione sono svolte, ove presente, dal Coordinatore della Struttura didattica interessata o dal Professore di prima fascia pi anziano nel ruolo.

8. Potranno far parte della Commissione giudicatrice della prova finale i Docenti della Facolt, nonch professori a contratto in servizio nell'anno accademico interessato e/o professori di Facolt diverse da quelle cui sono iscritti i candidati, purch correlatori. 9. Nei Corsi di studio interfacolt la Commissione giudicatrice della prova finale dovr essere costituita da docenti delle Facolt interessate e dovr essere nominata dal Rettore. 10. Le Commissioni giudicatrici per la prova finale esprimono la loro votazione in centodecimi e possono, allunanimit, concedere al candidato il massimo dei voti con lode. Il voto minimo per il superamento della prova sessantasei centodecimi. 11. Il Calendario delle prove finali deve prevedere almeno cinque appelli, opportunamente distribuiti nellanno accademico, fatti salvi i casi particolari espressamente previsti dai singoli regolamenti didattici. 12. La modalit per il rilascio dei titoli congiunti tra Istituzioni Universitarie regolata dalle convenzioni fra le Istituzioni coinvolte. Le convenzioni determinano la sede delle attivit formative, la docenza che ne assicura lo svolgimento, le modalit di iscrizione e le risorse. Il titolo rilasciato dai Rettori delle istituzioni congiuntamente. ARTICOLO 21 Promozione e pubblicit dellofferta didattica 1. Lofferta didattica dellAteneo pubblica. LAteneo mette a punto periodicamente le forme e gli strumenti che consentono la promozione e la diffusione della conoscenza relativa allofferta didattica, ai procedimenti organizzativi e alle decisioni assunte in merito agli orari di lezione, ai calendari di esame, agli orari di ricevimento dei Docenti. 2. Per ogni attivit didattica offerta dallAteneo viene resa pubblica la struttura che ne assume la responsabilit organizzativa. La responsabilit di ciascuna attivit formativa del docente che la eroga. 3. I contenuti, gli orari e le scadenze di tutte le attivit didattiche organizzate dalle Facolt, come gli orari di ricevimento dei Docenti, il calendario didattico e il calendario degli esami di profitto e delle altre prove di verifica e quello degli esami finali con le relative scadenze sono nella responsabilit del Preside che li rende pubblici mediante laffissione in appositi albi e mediante altre forme e strumenti che essi riterranno di volta in volta opportuni. 4. La pubblicazione del Manifesto di Facolt, con l'indicazione di massima dei contenuti degli insegnamenti curata, entro il mese di giugno precedente allinizio di ogni A.A., dal Senato Accademico. 5. LAteneo pubblica, di norma entro il mese di settembre precedente all'inizio di ogni A.A., una Guida pratica per gli studenti contenente i Manifesti di Facolt, i contenuti dei corsi di insegnamento, nonch informazioni chiare e complete sulle svolgimento di tutte le operazioni amministrative necessarie ai fini dellimmatricolazione e delle successive iscrizioni ai Corsi di studio. 6. LAteneo pubblica una Guida ai Servizi universitari destinata a agevolare il primo ingresso e lorientamento degli studenti nel mondo universitario. ARTICOLO 22 Calendario didattico 1. Il Calendario didattico viene approvato da ciascuna Facolt entro il mese di aprile precedente allinizio di ogni A.A., nel rispetto di parametri generali stabiliti dal Senato Accademico per lintero Ateneo. 2. Il Consiglio di Facolt pu deliberare larticolazione dellanno accademico in periodi didattici (semestri, quadrimestri, ecc.), fermi restando gli obblighi di presenza dei Docenti di cui al successivo art. 26.

ARTICOLO 23 Tipologia e articolazione degli insegnamenti 1. I regolamenti didattici di qualsiasi Corso di studio devono prevedere larticolazione degli insegnamenti in moduli didattici anche di diversa durata, con attribuzione di diverso peso nellassegnazione dei crediti formativi universitari corrispondenti. 2. Oltre ai corsi di insegnamento ufficiali, di varia durata, che terminano con il superamento delle relative prove di esame, gli Ordinamenti didattici possono prevedere lattivazione di: corsi di sostegno, seminari, esercitazioni e altre tipologie di insegnamento ritenute adeguate al conseguimento degli obiettivi formativi del Corso. Per ciascuna di tali tipologie di insegnamento dovranno essere indicati negli Ordinamenti didattici: a) lafferenza a un settore scientifico-disciplinare o a un ambito disciplinare definito, anche allo scopo di assicurare la corretta assegnazione di essi ad un docente; b) lassegnazione articolata di un adeguato quantitativo di crediti formativi universitari; c) il tipo di verifica del profitto che consente nei vari casi il conseguimento dei relativi crediti. 3. I Regolamenti didattici di ciascun Corso di studio possono prevedere anche forme di insegnamento a distanza, specificando le modalit di frequenza, ove prevista, e di verifica pratica ad esse connesse. 4. Le Strutture didattiche competenti possono deliberare che uno o pi insegnamenti, di qualsiasi tipologia e durata, siano mutuati da un altro Corso di studio della stessa o di altra Facolt, previo assenso della stessa, sentito il docente o da altra Universit ad hoc convenzionata. 5. Le Strutture didattiche competenti possono proporre al Consiglio di Facolt di deliberare lo sdoppiamento dei corsi di insegnamento troppo affollati, tenendo presenti le particolari caratteristiche della tipologia di tali corsi e linadeguatezza delle aule e delle altre strutture logistiche utilizzate. Il Consiglio di Facolt attiva gli insegnamenti sdoppiati, fissa le modalit di suddivisione degli studenti e verifica annualmente la permanenza dei presupposti che hanno portato allo sdoppiamento, dopo aver acquisito parere favorevole del Consiglio di Amministrazione in merito ad eventuali oneri finanziari o di risorse strumentali e/o umane. 6. Le strutture didattiche competenti possono proporre al Consiglio di Facolt di deliberare lo sdoppiamento dei corsi di insegnamento anche in ottemperanza a particolari prescrizioni normative, italiane o europee (quali, ad esempio, le direttive e le raccomandazioni CEE che, nel caso di particolari esigenze didattiche, impongono un rapporto personalizzato tra discente e docente). 7. Nel caso di insegnamenti sdoppiati allinterno di un medesimo Corso di studi compito dellOsservatorio verificare che i programmi didattici e le prove desame siano equiparabili ai fini didattici e non creino disparit nellimpegno di studio e nel conseguimento degli obiettivi formativi da parte degli studenti interessati. ARTICOLO 24 Orientamento e tutorato 1. Al fine di rendere matura e consapevole la scelta degli studi universitari e di assicurare un servizio di tutorato ed assistenza per laccoglienza ed il sostegno degli studenti, di prevenirne la dispersione ed il ritardo negli studi e di promuovere una proficua partecipazione attiva alla vita universitaria in tutte le sue forme, il Senato Accademico provvede con un apposito regolamento ad organizzare le attivit di orientamento e tutorato, previste dalle Leggi vigenti, articolate, in particolare, nelle tre fasi fondamentali della loro vita universitaria (scelta della Facolt e del Corso di studio, percorso degli studi dall'immatricolazione al conseguimento del titolo di studio, accesso al mondo del lavoro). 2. Le attivit di orientamento, organizzate in collaborazione con gli Istituti di Istruzione superiore, saranno affidate ad apposito ufficio per il coordinamento delle attivit di orientamento.

3. Le attivit di tutorato, organizzate per ciascun corso di studio, saranno affidate ad apposito ufficio di tutorato per gli studenti. ARTICOLO 25 Osservatorio della Didattica 1. Ai sensi dellart. 26 dello Statuto, presso ciascuna Facolt istituito l'Osservatorio della didattica presieduto dal Preside o da un suo delegato e composto per met da docenti e per met da rappresentanti di studenti nei Consigli di Corso di studio. L'Osservatorio esprime parere circa la compatibilit tra i crediti assegnati alle attivit formative e gli obiettivi formativi programmati dalle strutture didattiche, ai sensi dei decreti emanati in attuazione dell'art. 17, co. 95 della legge 127/97 e successive modificazioni ed integrazioni. ARTICOLO 26 Valutazione dellofferta formativa 1. La valutazione dellefficacia dei percorsi formativi compiuta annualmente dal Nucleo di Valutazione in base a criteri generali definiti dal Senato Accademico. Tra tali criteri dovr tenersi conto dei risultati didattici di ogni singolo insegnamento, dellandamento delle iscrizioni dei singoli corsi di studio e della percentuale di successo degli studenti. Utili alla valutazione sono altres i risultati rinvenienti dalle schede di valutazione del corso di studio compilate dagli studenti per ogni insegnamento sulla base di un questionario predisposto dal nucleo di valutazione. TITOLO III DOVERI DIDATTICI DEI DOCENTI E DIRITTI E DOVERI DEGLI STUDENTI ARTICOLO 27 Doveri didattici dei Docenti 1. Il carico didattico dei docenti che si svolge nei Corsi di studio, ivi comprese le attivit integrative, di orientamento e di tutorato, viene attribuito annualmente dal Consiglio di Facolt nel rispetto delle norme vigenti. 2. I docenti sono tenuti ad assicurare la loro presenza nel corso dellAnno Accademico in almeno 3 giorni la settimana per lo svolgimento delle attivit didattiche, secondo un calendario reso pubblico fatti salvi altri impegni istituzionali che devono essere comunicati al preside. 3. Nellambito della programmazione didattica, per soddisfare particolari esigenze in relazione anche alla maggiore offerta formativa, i Consigli di Facolt possono attribuire ad uno stesso docente, accertata la sua disponibilit, supplenze o affidamenti secondo modalit definite dal Senato Accademico. Leventuale retribuzione pu essere riconosciuta, qualora limpegno didattico sia oltre il limite dellimpegno orario complessivo, nei limiti delle risorse di Politecnico e/o di eventuali enti finanziatori assegnate alle Facolt. 4. Nellambito delle ore dedicate allattivit tutoriale, i Docenti dovranno contemplare sia le ore di ricevimento degli studenti partecipanti alle loro attivit didattiche, sia le ore di ricevimento degli studenti loro assegnati dagli organismi competenti sul tutorato. Ambedue tali attivit dovranno essere svolte in modo continuativo nel corso dellintero anno accademico, secondo calendari preventivamente resi pubblici dalle Segreterie delle Strutture didattiche. 5. Ciascun Docente titolare di insegnamento tenuto a svolgere personalmente le lezioni dei corsi a lui assegnati dallOrdinamento didattico. Una sua eventuale assenza per giustificati motivi deve essere comunicata al Preside ed agli studenti frequentanti il Corso. In casi di assenze prolungate il Preside, sentito il Consiglio di Facolt, dovr provvedere alla sostituzione del titolare, nelle forme pi adeguate ad assicurare la continuit del suo corso di insegnamento e lo svolgimento degli esami.

6. I Docenti devono presentare allapprovazione della Struttura didattica individuata dallo Statuto allinizio di ogni A.A. i contenuti degli insegnamenti, nelle varie tipologie, di cui sono a qualsiasi titolo incaricati e le modalit di svolgimento degli esami previsti, allo scopo di poterli inserire per tempo nella Guida dello studente prevista allart. 20 comma 5. 7. Ciascun Docente provvede alla compilazione del Registro delle lezioni, annotandovi, gli argomenti svolti nel corso degli insegnamenti di varia tipologia che gli sono stati assegnati. Il Registro dovr essere tenuto costantemente a disposizione di verifiche periodiche da parte del Preside, il quale individuer a tal fine le forme e i luoghi pi idonei, e dovr essere consegnato al Preside entro 30 giorni dalla conclusione dellanno accademico. Il Preside verificher quindi che le ore di attivit didattica da lui svolte siano state pari al numero minimo di ore previsto da apposita delibera del Senato Accademico nel rispetto delle norme vigenti, apporr il visto di legittimit al Registro e ne curer la conservazione nellarchivio della Facolt. 8. Nei casi in cui la prova finale di un Corso di studio preveda lelaborazione di una tesi, i docenti facenti parte della struttura didattica interessata devono accettare, sulla base di criteri fissati dai Regolamenti di Facolt, un numero minimo di tesi che saranno svolte dagli studenti sotto la loro personale tutela scientifica, in qualit di relatore. 9. Il Preside vigila sullosservanza dei doveri da parte dei docenti ed tenuto a segnalare al Rettore le eventuali inadempienze riscontrate. ARTICOLO 28 Carriere degli studenti 1. Gli Uffici della Segreteria studenti rilasciano, in conformit alla Legislazione vigente, le certificazioni, le attestazioni, le copie, gli estratti ed altri documenti relativi alla carriera scolastica degli studenti, fatto salvo il diritto alla salvaguardia dei dati personali come previsto dalle Leggi vigenti sulla certificazione e la trasparenza amministrativa. 2. Ai sensi dellart. 11, comma 8 del Regolamento Generale sullAutonomia, gli uffici della Segreteria studenti rilasciano, come supplemento dellattestazione di ogni titolo di studio conseguito, un certificato che riporti, secondo modelli conformi a quelli adottati dai paesi europei, le principali indicazioni relative al curriculum specifico seguito dallo studente per conseguire il titolo. 3. Gli uffici della Divisione Studenti rilasciano certificazioni relative alla carriera parziale documentata dello studente in corso di studi, secondo le medesime modalit indicate al comma precedente, con l'indicazione degli esami fino allora sostenuti con esito positivo e dei crediti ad essi corrispondenti. ARTICOLO 29 Tutela dei diritti degli studenti 1. La tutela dei diritti degli studenti nello svolgimento delle personali carriere di studio spetta all'intero corpo docenti del Politecnico e al Rettore, coadiuvato dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione, secondo le rispettive competenze, i quali provvedono a curare le modalit particolari e ad attivare gli strumenti adeguati per il perseguimento costante di tale scopo . 2. Sulle istanze concernenti la carriera di studio di qualsiasi studente provvede il Rettore, sentiti i Consigli delle Strutture didattiche competenti. ARTICOLO 30 Sanzioni disciplinari a carico degli studenti 1. La giurisdizione disciplinare sugli studenti spetta al Rettore che si avvale di apposita Commissione di disciplina.

2. La giurisdizione disciplinare pu essere esercitata anche per fatti compiuti dagli studenti al di fuori dalle sedi universitarie, quando i fatti siano riconosciuti connessi allo status di studente universitario e siano lesivi della dignit e dellonore del Politecnico e dellistituzione universitaria nel suo complesso, senza pregiudizio delle eventuali sanzioni di legge. 3. Le sanzioni, che la Commissione di disciplina pu proporre al fine di salvaguardare la dignit dellistituzione, sono quelle previste dalla legislazione vigente. TITOLO IV NORME TRANSITORIE E FINALI ARTICOLO 31 Allegati e approvazione del regolamento didattico di Ateneo 1. In allegato al regolamento didattico di Ateneo sono acclusi lelenco completo dei corsi di studio istituiti presso le Facolt del Politecnico ed i relativi Ordinamenti didattici. 2. Il presente regolamento, comprensivo di tutti gli allegati, sentito il Consiglio di Amministrazione e le Facolt, deliberato dal Senato Accademico ed approvato dal Ministro dellUniversit e della Ricerca Scientifica e Tecnologica, previo parere del Comitato Universitario Regionale e del CUN, una volta accertata la coerenza degli Ordinamenti didattici con i requisiti prescritti dai Decreti ministeriali, entro 180 giorni dal ricevimento, decorsi i quali senza che il Ministro si sia pronunciato il regolamento si intende approvato. 3. In seguito allapprovazione del Ministro, il regolamento emanato con decreto del Rettore ed entra in vigore dallanno accademico successivo. 4. Allentrata in vigore del presente regolamento sono abrogate tutte le norme regolamentari in contrasto con esso. 5. Per tutto quanto non previsto nel presente regolamento valgono le disposizioni legislative in vigore. ARTICOLO 32 Modifiche del regolamento didattico di Ateneo 1. Le modifiche al presente regolamento didattico sono approvate con le norme previste al precedente articolo, su proposta dei Consigli di Facolt o di altre Strutture didattiche competenti, ed emanate con decreto del Rettore secondo le procedure previste dalle Leggi in vigore. 2. Le modifiche di cui al comma precedente hanno validit dallinizio dellanno accademico successivo allemanazione. ARTICOLO 33 Norme transitorie 1. LAteneo assicura la conclusione dei Corsi di studio e il rilascio dei relativi titoli, secondo gli Ordinamenti didattici previgenti, agli studenti gi iscritti alla data di entrata in vigore del presente regolamento didattico. 2. Il Senato Accademico, su proposta delle Facolt e sentito il Consiglio degli Studenti, delibera i regolamenti finalizzati ad assicurare e disciplinare articolatamente la possibilit per gli studenti di cui al comma precedente di optare per liscrizione ai Corsi di laurea o di laurea specialistica di nuova istituzione disciplinati dalle norme dal presente regolamento didattico. Ai fini di tale opzione le strutture didattiche individuate dallo Statuto, riformulano in termini di crediti gli Ordinamenti didattici previgenti e le carriere degli studenti gi iscritti. 3. Le opzioni di cui al precedente comma concernenti liscrizione a Corsi di studio vengono considerate come richieste di passaggio di Corso e sono disciplinate con le norme di cui al presente

regolamento. 4. Gli studi compiuti da coloro che hanno conseguito i Diplomi universitari in base ai previgenti Ordinamenti didattici sono valutati in crediti e riconosciuti per il conseguimento delle Lauree previste dal presente regolamento. La stessa norma si applica agli studi compiuti da coloro che hanno conseguito i Diplomi delle Scuole dirette a fini speciali, istituite presso altre Universit italiane, qualunque ne sia la durata. La valutazione dei crediti acquisiti normata da apposito Regolamento, approvato dal Senato Accademico, acquisito il parere delle strutture didattiche individuate dallo Statuto. 5. Al fine di favorire il passaggio degli studenti degli attuali Corsi di Diploma universitario ai corrispondenti nuovi corsi di laurea aventi la stessa denominazione, nonch dal Corso di Diploma in Infrastrutture al corrispondente nuovo corso di laurea in Ingegneria civile, possibile derogare dal numero di crediti indicato nei rispettivi Ordinamenti, al fine di conseguire un debito formativo massimo di 30 crediti. 6. Le Scuole di Specializzazione istituite in base alle normative previgenti sono disattivate con lanno accademico 2001-2002. 7. I Corsi di Dottorato di Ricerca istituiti in base alle normative previgenti continueranno il loro normale svolgimento fino ad esaurimento del percorso curriculare previsto dai Regolamenti vigenti. TITOLI DI STUDIO RILASCIATI DAL POLITECNICO DI BARI E RELATIVI ORDINAMENTI DIDATTICI Il Politecnico di Bari, attraverso le sue Facolt, rilascia i seguenti Titoli di studio: Facolt di Architettura - Laurea in Disegno Industriale - Laurea Specialistica in Architettura I Facolt di Ingegneria sede di Bari - Laurea in Ingegneria edile - Laurea in Ingegneria civile - Laurea in Ingegneria elettronica - Laurea in Ingegneria informatica - Laurea in Ingegneria delle telecomunicazioni - Laurea in Ingegneria elettrica - Laurea in Ingegneria gestionale - Laurea in Ingegneria meccanica - Laurea in Ingegneria dell'automazione - Laurea in Ingegneria energetica - Laurea in Ingegneria dei materiali - Laurea Specialistica in Ingegneria edile-architettura - Laurea Specialistica in Ingegneria civile - Laurea Specialistica in Ingegneria elettronica - Laurea Specialistica in Ingegneria informatica - Laurea Specialistica in Ingegneria delle telecomunicazioni - Laurea Specialistica in Ingegneria elettrica - Laurea Specialistica in Ingegneria gestionale - Laurea Specialistica in Ingegneria meccanica - Laurea Specialistica in Ingegneria aerospaziale ed astronautica - Laurea Specialistica in Ingegneria dell'automazione - Laurea Specialistica in Ingegneria energetica

I Facolt di Ingegneria sede di Foggia - Laurea in Ingegneria elettrica - Laurea in Ingegneria meccanica - Laurea in Ingegneria civile - Laurea in Ingegneria gestionale II Facolt di Ingegneria sede di Taranto - Laurea in Ingegneria per l'ambiente ed il territorio - Laurea in Ingegneria dell'informazione - Laurea in Ingegneria industriale - Laurea Specialistica in Ingegneria per l'ambiente ed il territorio Corsi di Laurea interfacolt (I e II Facolt di Ingegneria) - Laurea in Ingegneria civile (c/o la sede di Taranto) - Laurea in Ingegneria ambientale e del territorio (c/o la sede di Bari) Gli Ordinamenti didattici cui dovranno attenersi i su indicati Corsi di studio sono di seguito riportati:

4-Classe delle lauree in scienze dell'architettura e dell'ingegneria edile o CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE 8-Classe delle lauree in ingegneria civile e ambientale o CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA AMBIENTALE E DEL TERRITORIO o CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE o CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE o CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE o CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L'AMBIENTE ED IL TERRITORIO 9-Classe delle lauree in ingegneria dell'informazione o CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELL'AUTOMAZIONE o CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE o CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI o CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA o CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INFORMATICA 10-Classe delle lauree in ingegneria industriale o CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DEI MATERIALI o CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA o CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA o CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ENERGETICA o CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE o CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE o CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INDUSTRIALE o CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA MECCANICA o CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA MECCANICA 42-Classe delle lauree in disegno industriale o CORSO DI LAUREA IN DISEGNO INDUSTRIALE 4/S-Classe delle lauree specialistiche in architettura e ingegneria edile o CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ARCHITETTURA

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA EDILE ARCHITETTURA 25/S-Classe delle lauree specialistiche in ingegneria aerospaziale e astronautica o CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA AEROSPAZIALE E ASTRONAUTICA 28/S-Classe delle lauree specialistiche in ingegneria civile o CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA CIVILE 29/S-Classe delle lauree specialistiche in ingegneria dell'automazione o CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA DELL'AUTOMAZIONE 30/S-Classe delle lauree specialistiche in ingegneria delle telecomunicazioni o CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI 31/S-Classe delle lauree specialistiche in ingegneria elettrica o CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA 32/S-Classe delle lauree specialistiche in ingegneria elettronica o CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRONICA 33/S-Classe delle lauree specialistiche in ingegneria energetica e nucleare o CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ENERGETICA 34/S-Classe delle lauree specialistiche in ingegneria gestionale o CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE 35/S-Classe delle lauree specialistiche in ingegneria informatica o CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA 36/S-Classe delle lauree specialistiche in ingegneria meccanica o CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA 38/S-Classe delle lauree specialistiche in ingegneria per l'ambiente e il territorio o CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA PER L'AMBIENTE E IL TERRITORIO
o

Gli ordinamenti didattici dei suddetti corsi di studio sono quelli risultanti sul sito MIUR Banca Dati RAD

D.R. n. 322

IL RETTORE

VISTA la legge n. 168 del 9 maggio 1989; VISTO il decreto ministeriale n. 509 del 3 novembre 1999 Regolamento recante norme concernenti lautonomia Didattica degli Atenei; VISTO il decreto ministeriale 28 novembre 2000 relativo alla determinazione delle classi delle lauree universitarie specialistiche; VISTO il Regolamento Didattico di Ateneo del Politecnico di Bari, emanato con decreto rettorale n. 461 del 28 agosto 2003; VISTA la deliberazione n. 2 resa dal Senato Accademico nelladunanza del 18 febbraio 2003 con la quale stata approvata listituzione interfacolt tra la I e la II Facolt di Ingegneria del Politecnico di Bari del Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria per la Tutela del Territorio, con sede a Bari; VISTO il parere favorevole del Consiglio Universitario Nazionale reso nelladunanza del 25 marzo 2004; VISTO il provvedimento direttoriale del Ministero dellIstruzione, dellUniversit e della Ricerca del 30 marzo 2004 con il quale approva lintegrazione del Regolamento Didattico di Ateneo del Politecnico di Bari per quanto riguarda linserimento del corso di studio per il quale stata autorizzata listituzione; VISTA la deliberazione n. 4 resa dal Senato Accademico nelladunanza del 25 marzo 2004 con la quale stata approvata listituzione presso la II Facolt di Ingegneria del Politecnico di Bari dei Corsi di Laurea Specialistica in Ingegneria dellInformazione e in Ingegneria Industriale e interfacolt tra la I e la II Facolt di Ingegneria del Politecnico di Bari il Corso di Laurea Specialistica in Progettazione e Gestione delle opere in Ingegneria Civile con sede di Taranto; VISTO il parere favorevole del Consiglio Universitario Nazionale reso nelladunanza del 14 aprile 2004; VISTO il provvedimento direttoriale del Ministero dellIstruzione, dellUniversit e della Ricerca del 12 maggio 2004 con il quale approva lintegrazione del Regolamento Didattico di Ateneo del Politecnico di Bari per quanto riguarda linserimento del corso di studio per il quale stata autorizzata listituzione; DECRETA

1. di integrare il Regolamento Didattico di Ateneo del Politecnico di Bari per quanto riguarda

linserimento dei seguenti Corsi di Laurea Specialistica in: - Ingegneria per la Tutela del Territorio (Classe 38/S) Interfacolt con sede a Bari; - Ingegneria dellInformazione (Classe 32/S) II Facolt di Ingegneria; - Ingegneria Industriale (Classe 36/S) II Facolt di Ingegneria; - Progettazione e Gestione delle opere in Ingegneria Civile (Classe 28/S) Interfacolt con sede a Taranto; per i quali stata autorizzata listituzione. 2. di modificare il Regolamento Didattico di Ateneo del Politecnico di Bari relativamente allelenco dei TITOLI DI STUDIO RILASCIATI DAL POLITECNICO DI BARI E RELATIVI ORDINAMENTI DIDATTICI per come di seguito riportato: Il Politecnico di Bari, attraverso le sue Facolt, rilascia i seguenti Titoli di studio: Facolt di Architettura - Laurea in Disegno Industriale - Laurea Specialistica in Architettura I Facolt di Ingegneria sede di Bari - Laurea in Ingegneria Edile - Laurea in Ingegneria Civile - Laurea in Ingegneria Elettronica - Laurea in Ingegneria Informatica - Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni - Laurea in Ingegneria Elettrica - Laurea in Ingegneria Gestionale - Laurea in Ingegneria Meccanica - Laurea in Ingegneria dell'Automazione - Laurea in Ingegneria Energetica - Laurea in Ingegneria dei Materiali - Laurea Specialistica in Ingegneria Edile-Architettura - Laurea Specialistica in Ingegneria Civile - Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica - Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica - Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni - Laurea Specialistica in Ingegneria Elettrica - Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale - Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica - Laurea Specialistica in Ingegneria Aerospaziale ed Astronautica - Laurea Specialistica in Ingegneria dell'Automazione - Laurea Specialistica in Ingegneria Energetica I Facolt di Ingegneria sede di Foggia - Laurea in Ingegneria Elettrica - Laurea in Ingegneria Meccanica - Laurea in Ingegneria Civile - Laurea in Ingegneria Gestionale

II Facolt di Ingegneria sede di Taranto - Laurea in Ingegneria per l'Ambiente ed il Territorio

- Laurea in Ingegneria dell'Informazione - Laurea in Ingegneria Industriale - Laurea Specialistica in Ingegneria per l'Ambiente ed il Territorio - Laurea Specialistica in Ingegneria dellInformazione - Laurea Specialistica in Ingegneria Industriale Corsi di Laurea interfacolt (I e II Facolt di Ingegneria) - Laurea in Ingegneria Civile (c/o la sede di Taranto) - Laurea in Ingegneria Ambientale e del Territorio (c/o la sede di Bari) - Laurea Specialistica in Ingegneria per la Tutela del Territorio (c/o la sede di Bari) - Laurea Specialistica in Progettazione e Gestione delle Opere in Ingegneria Civile (c/o la sede di Taranto). Bari 20 maggio 2004 IL RETTORE Prof. Salvatore MARZANO

28/S-Classe delle lauree specialistiche in ingegneria civile o CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGETTAZIONE E GESTIONE DELLE OPERE DI INGEGNERIA CIVILE 32/S-Classe delle lauree specialistiche in ingegneria elettronica o CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE 36/S-Classe delle lauree specialistiche in ingegneria meccanica o CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INDUSTRIALE 38/S-Classe delle lauree specialistiche in ingegneria per l'ambiente e il territorio o CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA PER LA TUTELA DEL TERRITORIO

Gli ordinamenti didattici dei suddetti corsi di studio sono quelli risultanti sul sito MIUR Banca Dati RAD

D.R. n. 288

IL RETTORE VISTA la legge n. 168 del 9 maggio 1989; VISTO il decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509 Regolamento recante norme concernenti lautonomia Didattica degli Atenei; VISTO il decreto ministeriale 22 ottobre 2004, n. 270 Modifiche al regolamento recante norme concernenti lautonomia didattica degli atenei, approvato con decreto del Ministero delluniversit e della ricerca scientifica e tecnologica 3 novembre 1999, n. 509; VISTO il decreto ministeriale 28 novembre 2000 relativo alla determinazione delle classi delle lauree universitarie specialistiche; VISTO il Regolamento Didattico di Ateneo del Politecnico di Bari, emanato con decreti rettorali n. 461 del 28 agosto 2003 e 322 del 20 maggio 2004; VISTA la deliberazione n. 2 resa dal Senato Accademico nelladunanza del 16 febbraio 2005 con la quale stata approvata listituzione presso la I Facolt di Ingegneria del Politecnico di Bari del Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile; VISTA la deliberazione n. 2 resa dal Senato Accademico nelladunanza del 16 febbraio 2005 con la quale sono state approvate le modifiche agli Ordinamenti dei Corsi di Laurea in Ingegneria Edile, Ingegneria Elettrica sede di Foggia, Specialistica in Ingegneria Gestionale e Meccanica della I Facolt di Ingegneria del Politecnico di Bari; VISTO il parere del Consiglio Universitario Nazionale reso nelladunanza del 13 aprile 2005; VISTO il provvedimento direttoriale del Ministero dellIstruzione, dellUniversit e della Ricerca del 27 aprile 2005 con il quale approva lintegrazione del Regolamento Didattico di Ateneo del Politecnico di Bari per quanto riguarda le modificazioni apportate ai Corsi di Laurea in Ingegneria Edile, in Ingegneria Elettrica sede di Foggia, Specialistica in Ingegneria Gestionale e Specialistica in Ingegneria Meccanica per i quali sono state autorizzate le modifiche; VISTA la nota del Preside della I Facolt di Ingegneria del Politecnico di Bari del 22 aprile 2005, acquisita con prot. n. 6220 del 28 aprile 2005; VISTO il parere favorevole del Consiglio Universitario Nazionale reso nelladunanza del 28 aprile 2005; VISTO il provvedimento direttoriale del Ministero dellIstruzione, dellUniversit e della Ricerca del 2 maggio 2005 con il quale approva lintegrazione del Regolamento Didattico di Ateneo del Politecnico di Bari per quanto riguarda linserimento del Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile (classe 4/S) per il quale stata autorizzata listituzione; DECRETA 1. di integrare il Regolamento Didattico di Ateneo del Politecnico di Bari per quanto riguarda linserimento del Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile (Classe 4/S) I Facolt di Ingegneria per il quale stata autorizzata listituzione; 2. di integrare il Regolamento Didattico di Ateneo del Politecnico di Bari con linserimento dellordinamento didattico del Corso di laurea Specialistica in Ingegneria Edile (classe 4/S) e di modificare gli ordinamenti didattici dei Corsi di Laurea in Ingegneria Edile (classe 4), in Ingegneria Elettrica (classe 10) sede di Foggia, Specialistica in Ingegneria Gestionale (classe 34/S), Specialistica in Ingegneria Meccanica (classe 36/S) della I Facolt di Ingegneria per come autorizzati; 3. di modificare il Regolamento Didattico di Ateneo del Politecnico di Bari relativamente allelenco dei TITOLI DI STUDIO RILASCIATI DAL POLITECNICO DI BARI E RELATIVI

ORDINAMENTI DIDATTICI per come di seguito riportato: Il Politecnico di Bari, attraverso le sue Facolt, rilascia i seguenti Titoli di studio: Facolt di Architettura - Laurea in Disegno Industriale - Laurea Specialistica in Architettura I Facolt di Ingegneria sede di Bari - Laurea in Ingegneria Edile - Laurea in Ingegneria Civile - Laurea in Ingegneria Elettronica - Laurea in Ingegneria Informatica - Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni - Laurea in Ingegneria Elettrica - Laurea in Ingegneria Gestionale - Laurea in Ingegneria Meccanica - Laurea in Ingegneria dell'Automazione - Laurea in Ingegneria Energetica - Laurea in Ingegneria dei Materiali - Laurea Specialistica in Ingegneria Edile - Laurea Specialistica in Ingegneria Edile-Architettura - Laurea Specialistica in Ingegneria Civile - Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica - Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica - Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni - Laurea Specialistica in Ingegneria Elettrica - Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale - Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica - Laurea Specialistica in Ingegneria Aerospaziale ed Astronautica - Laurea Specialistica in Ingegneria dell'Automazione - Laurea Specialistica in Ingegneria Energetica I Facolt di Ingegneria sede di Foggia - Laurea in Ingegneria Elettrica - Laurea in Ingegneria Meccanica - Laurea in Ingegneria Civile - Laurea in Ingegneria Gestionale II Facolt di Ingegneria sede di Taranto - Laurea in Ingegneria per l'Ambiente ed il Territorio - Laurea in Ingegneria dell'Informazione - Laurea in Ingegneria Industriale - Laurea Specialistica in Ingegneria per l'Ambiente ed il Territorio - Laurea Specialistica in Ingegneria dellInformazione - Laurea Specialistica in Ingegneria Industriale Corsi di Laurea interfacolt (I e II Facolt di Ingegneria) - Laurea in Ingegneria Civile (c/o la sede di Taranto) - Laurea in Ingegneria Ambientale e del Territorio (c/o la sede di Bari)

- Laurea Specialistica in Ingegneria per la Tutela del Territorio (c/o la sede di Bari) - Laurea Specialistica in Progettazione e Gestione delle Opere in Ingegneria Civile (c/o la sede di Taranto). Bari, 2 maggio 2005 IL RETTORE Prof. Salvatore MARZANO

4-Classe delle lauree in scienze dell'architettura e dell'ingegneria edile o CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE 10-Classe delle lauree in ingegneria industriale o CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA 4/S-Classe delle lauree specialistiche in architettura e ingegneria edile o CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA EDILE 34/S-Classe delle lauree specialistiche in ingegneria gestionale o CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE 36/S-Classe delle lauree specialistiche in ingegneria meccanica o CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA

Gli ordinamenti didattici dei suddetti corsi di studio sono quelli risultanti sul sito MIUR Banca Dati RAD

Bari - Politecnico - decreto prot. n.233

D.R. n. 233 IL RETTORE VISTA la legge n. 168 del 9 maggio 1989; VISTO il decreto ministeriale 22 ottobre 2004, n. 270 con il quale stato approvato il nuovo regolamento sullautonomia didattica degli Atenei in sostituzione del D.M. 3 novembre 1999, n. 509; VISTO il decreto ministeriale 28 novembre 2000 relativo alla determinazione delle classi delle lauree universitarie specialistiche; VISTO il Regolamento Didattico di Ateneo del Politecnico di Bari, emanato con decreti rettorali n. 461 del 28 agosto 2003, n. 322 del 20 maggio 2004 e n. 288 del 2 maggio 2005; VISTA la deliberazione n. 1 resa dal Senato Accademico nelladunanza del 27 gennaio 2006 con la quale sono state approvate le modifiche agli Ordinamenti Didattici del Corso di Laurea Specialistica in Architettura della Facolt di Architettura, dei Corsi di Laurea in Ingegneria Civile, Meccanica e Gestionale della I Facolt di Ingegneria e dei Corsi di Laurea in Ingegneria dellInformazione, per lAmbiente e il Territorio e Specialistica in Ingegneria dellInformazione della II Facolt di Ingegneria del Politecnico di Bari; VISTO il parere del Consiglio Universitario Nazionale reso nelladunanza del 9 marzo 2006; VISTO il provvedimento direttoriale del Ministero dellIstruzione, dellUniversit e della Ricerca del 30 marzo 2006 con il quale approva lintegrazione del Regolamento Didattico di Ateneo del Politecnico di Bari per quanto riguarda le modificazioni apportate ai Corsi di Laurea in Ingegneria Civile, in Ingegneria per lAmbiente ed il territorio, in Ingegneria dellInformazione, in Ingegneria Gestionale, in Ingegneria Meccanica, Specialistica in Architettura e Specialistica in Ingegneria dellInformazione per i quali sono state autorizzate le modifiche; DECRETA di modificare gli ordinamenti didattici dei Corsi di Laurea in Ingegneria Civile, Ingegneria Gestionale ed Ingegneria Meccanica sede di Bari della I Facolt di Ingegneria, dei Corsi di Laurea in Ingegneria per lAmbiente ed il Territorio, Ingegneria dellInformazione e Specialistica in Ingegneria dellInformazione della II Facolt di Ingegneria e del corso di Laurea Specialistica in Architettura della Facolt di Architettura per come autorizzati. 10-Classe delle lauree in ingegneria industriale
CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA MECCANICA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE

32/S-Classe delle lauree specialistiche in ingegneria elettronica


CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE

4/S-Classe delle lauree specialistiche in architettura e ingegneria edile


CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ARCHITETTURA

8-Classe delle lauree in ingegneria civile e ambientale


CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L'AMBIENTE ED IL TERRITORIO

9-Classe delle lauree in ingegneria dell'informazione


CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE
Gli ordinamenti didattici dei suddetti corsi di studio sono quelli risultanti sul sito MIUR Banca Dati RAD

Il presente decreto verr portato a ratifica alla prima riunione utile del Senato Accademico. Bari, 24 aprile 2006 IL RETTORE Prof. Ing. Salvatore MARZANO