You are on page 1of 7

Rimanete nel mio amore

Veglia di preghiera alla fine del pontificato di Benedetto XVI e all'apertura della Sede vacante

Roma 28 febbraio 2013

Preghiamo per Benedetto XVI

Vocazione
Era un giorno come tanti altri e quel giorno lui pass. Era un uomo come tutti gli altri e passando mi chiam. Come lo sapesse che il mio nome era proprio quello come mai vedesse proprio me nella sua vita non lo so. Era un giorno come tanti altri e quel giorno mi chiam. Tu Dio, che conosci il nome mio fa' che ascoltando la tua voce io ricordi dove porta la mia strada nella vita all'incontro con te. Era un'alba triste e senza vita e qualcuno mi chiam. Era un uomo come tanti altri ma la voce quella no. Quante volte un uomo con il nome giusto mi ha chiamato. Una volta sola l'ho sentito pronunciare con amore. Era un uomo come nessun altro e quel giorno mi chiam. Tu Dio, che conosci il nome mio fa' che ascoltando la tua voce io ricordi dove porta la mia strada nella vita all'incontro con te.

Primo saluto di Sua Santit Benedetto XVI - marted 19 aprile 2005 Cari fratelli e sorelle, dopo il grande Papa Giovanni Paolo II, i signori cardinali hanno eletto me, un semplice e umile lavoratore nella vigna del Signore. Mi consola il fatto che il Signore sa lavorare ed agire anche con strumenti insufficienti e soprattutto mi affido alle vostre preghiere. Nella gioia del Signore risorto, fiduciosi nel suo aiuto permanente, andiamo avanti. Il Signore ci aiuter e Maria sua Santissima Madre star dalla nostra parte. Grazie.

Dalludienza di papa Benedetto XVI mercoled 13 febbraio 2013 Cari fratelli e sorelle, come sapete ho deciso ... Ho deciso di rinunciare al ministero che il Signore mi ha affidato il 19 aprile 2005. Ho fatto questo in piena libert per il bene della Chiesa, dopo aver pregato a lungo ed aver esaminato davanti a Dio la mia coscienza, ben consapevole della gravit di tale atto, ma altrettanto consapevole di non essere pi in grado di svolgere il ministero petrino con quella forza che esso richiede. Mi sostiene e mi illumina la certezza che la Chiesa di Cristo, il Quale non le far mai mancare la sua guida e la sua cura. Ringrazio tutti per lamore e per la preghiera con cui mi avete accompagnato. Grazie! Ho sentito quasi fisicamente in questi giorni, per me non facili, la forza della preghiera, che lamore della Chiesa, la vostra preghiera, mi porta. Continuate a pregare per me, per la Chiesa, per il futuro Papa. Il Signore ci guider.

Nada te turbe
Nada te turbe, nada te espante quien a Dios tiene, nada le falta. Nada te turbe, nada te espante solo Dios basta!

Guida:

Un gesto forte quello del papa, coraggioso, che ha turbato e sorpreso il mondo intero; un gesto fatto per il bene della Chiesa, un gesto damore. I gesti d'amore richiedono sempre del coraggio. Se poi questo amore si estende fino a comprendere la Chiesa universale e si dilata ad abbracciare il bene di tutti gli uomini e le donne di buona volont raccolti attorno a Cristo, il coraggio ha dell'eroico. Un attimo dopo lo stupore seguito alla notizia inattesa e, ai nostri orecchi, inaudita delle dimissioni di Benedetto XVI, questo il pensiero che deve essere prevalso, l'11 febbraio 2013, nel cuore dei credenti. Di tutti coloro che, mentre il papa pronunciava le sue intenzioni, si sono ritrovati uniti attorno all'accorata richiesta di perdono del loro Pastore. Edificati dalla sua umilt, confortati dal suo ministero, che ha saputo testimoniare in questi quasi otto anni di pontificato, commossi dal suo spirito mite e fortificato nella preghiera, non possiamo che essere grati per questo papa. (Commento dal messaggio AGESCI)

Preghiamo O Padre, che esaudisci sempre la voce dei tuoi figli, ricevi il nostro umile ringraziamento per il nostro Papa Benedetto XVI e fa che nel tempo a venire, in una vita serena e libera dalle insidie del male, possa lavorare con rinnovata fiducia alledificazione del tuo regno. Per il nostro Signore Ges Cristo.

Preghiamo per i Cardinali

Dove due o tre


Dove due o tre sono uniti nel mio nome, io sar con loro , pregher con loro , amer con loro perch il mondo creda a Te,o Padre , conoscere il tuo amore , avere vita con Te. Voi che ora siete miei discepoli nel mondo, siate testimoni di un amore immenso, date prova di quella speranza che c' in voi Coraggio! Vi guider per sempre, io rimango con voi. Ogni beatitudine vi attende nel mio nome, se sarete uniti , se sarete pace, se sarete uniti perch voi vedrete Dio che Pace in Lui la nostra vita gioia piena sar! Spirito che animi la Chiesa e la rinnovi, donale la fortezza, fa che sia fedele come Cristo che muore e risorge, perch il Regno del Padre si compia in mezzo a voi: abbiate fede in Lui.

Dalla Lettera di san Paolo Apostolo agli Efesini. (4,1-7.11-16) Vi esorto dunque io, il prigioniero nel Signore, a comportarvi in maniera degna della vocazione che avete ricevuto, con ogni umilt, mansuetudine e pazienza, sopportandovi a vicenda con amore, cercando di conservare l'unit dello spirito per mezzo del vincolo della pace. Un solo corpo, un solo spirito, come una sola la speranza alla quale siete stati chiamati, quella della vostra vocazione; un solo Signore, una sola fede, un solo battesimo. Un solo Dio Padre di tutti, che al di sopra di tutti, agisce per mezzo di tutti ed presente in tutti. A ciascuno di noi, tuttavia, stata data la grazia secondo la misura del dono di Cristo. E' lui che ha stabilito alcuni come apostoli, altri come profeti, altri come evangelisti, altri come pastori e maestri, per rendere idonei i fratelli a compiere il ministero, al fine di edificare il corpo di Cristo, finch arriviamo tutti all'unit della fede e della conoscenza del Figlio di Dio, allo stato di uomo perfetto, nella misura che conviene alla piena maturit di Cristo. Questo affinch non siamo pi come fanciulli sballottati dalle onde e portati qua e l da qualsiasi vento di dottrina, secondo l'inganno degli uomini, con quella loro astuzia che tende a trarre nell'errore. Al contrario, vivendo secondo la verit nella carit, cerchiamo di crescere in ogni cosa verso di lui, che il capo, Cristo, dal quale tutto il corpo, ben compaginato e connesso, mediante la collaborazione di ogni giuntura, secondo l'energia propria di ogni membro, riceve forza per crescere in modo da edificare se stesso nella carit. Parola di Dio Rendiamo grazie a Dio

Ubi caritas
Ubi caritas et amor ubi caritas, Deus ibi est.

Guida:

In questo momento la Chiesa chiamata a riunirsi in preghiera per sperimentare, come dice l'apostolo Paolo, questo nostro essere un solo corpo animato da un solo Spirito. Ci stringiamo al collegio cardinalizio, parte del corpo della Chiesa, chiamato ad eleggere un successore di Pietro. Ognuno di noi chiamato a collaborare con la propria energia affinch la Chiesa stessa riceva la forza per edificare se stessa nella carit.

Preghiamo: O Padre, che hai donato alla Chiesa sposa di Cristo un vincolo indissolubile che ci assicura la tua guida e la tua cura, donaci di sperimentare in questo tempo di sede vacante la tua amorosa Provvidenza, perch nel conclave riunito possa risuonare lo spirito della Pentecoste. Per il nostro Signore Ges Cristo

Ascoltiamo la Parola

Come la pioggia e la neve


Come la pioggia e la neve scendono gi dal cielo e non vi ritornano senza irrigare e far germogliare la terra, Cos ogni mia parola non ritorner a me senza operare quanto desidero, senza aver compiuto ci per cui l'avevo mandata, ogni mia parola, ogni mia parola

Dal Vangelo secondo Giovanni (15, 9-17) In quel tempo Ges disse ai suoi discepoli: Come il Padre ha amato me, cos anch'io ho amato voi. Rimanete nel mio amore. Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. Questo vi ho detto perch la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena. Questo il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri, come io vi ho amati. Nessuno ha un amore pi grande di questo: dare la vita per i propri amici. Voi siete miei amici, se farete ci che io vi comando. Non vi chiamo pi servi, perch il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamati amici, perch tutto ci che ho udito dal Padre l'ho fatto conoscere a voi. Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perch andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga; perch tutto quello che chiederete al Padre nel mio nome, ve lo conceda. Questo vi comando: amatevi gli uni gli altri.

Omelia

Vieni, vieni, Spirito d'amore


Vieni, vieni, Spirito d'amore, ad insegnar le cose di Dio, vieni, vieni, Spirito di pace, a suggerir le cose che Lui ha detto a noi. Noi ti invochiamo, Spirito di Cristo, vieni tu dentro di noi. Cambia i nostri occhi, fa che noi vediamo la bont di Dio per noi. Vieni, vieni... Vieni, o Spirito, dai quattro venti e soffia su chi non ha vita. Vieni, o Spirito, e soffia su di noi perch anche noi riviviamo. Vieni, vieni... Insegnaci a sperare, insegnaci ad amare, insegnaci a lodare Iddio. Insegnaci a pregare, insegnaci la via, insegnaci tu l'unit. Vieni, vieni...

Guida:

Presentiamo al Signore le nostre intenzioni; il canone accompagner la nostra preghiera silenziosa

Tui amoris ignem


Veni Sancte Spiritus tu in amoris ignem accende Veni Sancte Spiritus Veni Sancte Spiritus

Uniamoci in comune preghiera con Benedetto XVI, affinch lo Spirito Santo voglia confortare il prosieguo della sua vita di orazione e di studio con cui ha deciso di continuare a servire la Chiesa Uniamoci in comunione di preghiera con i cardinali elettori, affinch lo Spirito Santo voglia suggerire alla loro mente il nome di colui che sapr far navigare senza sbandamenti la navicella di Pietro in questo tempo storico cos burrascoso. Uniamoci in preghiera con tutti i fratelli scout e le sorelle guide del mondo, per chiedere allo Spirito Santo di far sorgere tra noi un pastore che ci aiuti con il suo sostegno a portare avanti i valori del movimento scout, che sono i valori evangelici di pace e di giustizia, di fratellanza universale e di comunione tra i popoli. Uniamoci in spirito di preghiera con tutti gli uomini e le donne di buona volont, affinch lo Spirito Santo susciti in ciascuno il desiderio della santit, vero rimedio, edificante rimedio ai drammi del mondo.

Preghiamo con tutta la Chiesa

Danza la vita
Canta con la voce e con il cuore, con la bocca e con la vita, canta senza stonature, la veritdel cuore. Canta come cantano i viandanti: (canta come cantano i viandanti) Non solo per riempire il tempo, (non solo per riempire il tempo) Ma per sostenere lo sforzo. (ma per sostenere lo sforzo) Canta e cammina (2 volte) Se poi, credi non possa bastare, segui il tempo stai pronto e Rit: Danza la vita al ritmo dello spirito oh Spirito che riempi i nostri Danza, danza al ritmo che c' in te cuor. Danza assieme a noi Cammina sulle orme del Signore non solo con i piedi ma Usa soprattutto il cuore ama chi con te. Cammina con lo zaino sulle spalle: (cammina con lo zaino sulle spalle) La fatica aiuta a crescere (la fatica aiuta a crescere) Nella condivisione (nella condivisione) Canta e cammina (2 volte) Se poi, credi non possa bastare, segui il tempo stai pronto e Rit: Danza la vita...

Dalludienza di papa Benedetto XVI - mercoled 6 aprile 2011 Che cosa vuol dire essere santi? Chi chiamato ad essere santo? Spesso si portati ancora a pensare che la santit sia una meta riservata a pochi eletti. San Paolo, invece, parla del grande disegno di Dio e afferma: "In lui Cristo (Dio) ci ha scelti prima della creazione del mondo per essere santi e immacolati di fronte a lui nella carit" (Ef 1,4). E parla di noi tutti. Al centro del disegno divino c Cristo, nel quale Dio mostra il suo Volto: il Mistero nascosto nei secoli si rivelato in pienezza nel Verbo fatto carne. E Paolo poi dice: "E piaciuto infatti a Dio che abiti in Lui tutta la pienezza" (Col 1,19). In Cristo il Dio vivente si fatto vicino, visibile, ascoltabile, toccabile affinch ognuno possa attingere dalla sua pienezza di grazia e di verit (cfr Gv 1,1416). Perci, tutta lesistenza cristiana conosce ununica suprema legge, quella che san Paolo esprime in una formula che ricorre in tutti i suoi scritti: in Cristo Ges. La santit, la pienezza della vita cristiana non consiste nel compiere imprese straordinarie, ma nellunirsi a Cristo, nel vivere i suoi misteri, nel fare nostri i suoi atteggiamenti, i suoi pensieri, i suoi comportamenti. La misura della santit data dalla statura che Cristo raggiunge in noi, da quanto, con la forza dello Spirito Santo, modelliamo tutta la nostra vita sulla sua. [] Ma rimane la questione: come possiamo percorrere la strada della santit, rispondere a questa chiamata? Posso farlo con le mie forze? La risposta chiara: una vita santa non frutto principalmente del nostro sforzo, delle nostre azioni, perch Dio, il tre volte Santo (cfr Is 6,3), che ci rende santi, lazione dello Spirito Santo che ci anima dal di dentro, la vita stessa di Cristo Risorto che ci comunicata e che ci trasforma. Per dirlo ancora una volta con il Concilio Vaticano II: "I seguaci di Cristo, chiamati da Dio non secondo le loro opere, ma secondo il disegno della sua grazia e giustificati in Ges Signore, nel battesimo della fede sono stati fatti veramente figli di Dio e compartecipi della natura divina, e perci realmente santi. Essi quindi devono, con laiuto di Dio, mantenere nella loro vita e perfezionare la santit che hanno ricevuta" (ibid., 40). La santit ha dunque la sua radice ultima nella grazia battesimale, nellessere innestati nel Mistero pasquale di Cristo, con cui ci viene comunicato il suo Spirito, la sua vita di Risorto.

Guida:

La santit essere testimoni dellamore di Cristo, vivere secondo i Suoi insegnamenti, essere la luce del mondo. Ma questa nostra capacit di essere luce ci viene dall'attingere alla luce di Cristo. Accendiamo le nostre candele alla luce dal cero Pasquale che ci ricorda il nostro battesimo e la chiamata alla santit che da esso deriva.

Questa notte non pi notte


Questa notte non pi notte davanti a te, il buio come luce risplende

Congedo In cammino amici, in cammino! Le strade di Roma questa sera sono le strade del mondo intero e tutte si rivolgono alla Basilica Vaticana perch il Papa il fondamento dellunione e della carit. In cammino sulle rotte che lo Spirito ci indica e ci indicher sempre, per prendere il largo da ogni secca di amore e di gioia. Abbiamo la certezza che il Signore della Storia, Ges, il Cristo, cammina con noi lungo la strada della vita e non ci lascia soli.