You are on page 1of 2

Tabella degli intervalli

Giusta DO-DO -DO-RE DO-REb Maggiore Minore Eccedente DO-DO# 1st Diminuita DO-DOb 1st↓

1a 2a 3a 4a 5a 6a 7a 8a

DO-RE# DO-REbb 1t 1st 1t+1st -DO-MI DO-MIb DO-MI# DO-MIbb 2t 1t+1st 2t+1st 1t DO-FA DO-FA# DO-FAb 2t+1st 3t 2t DO-SOL DO-SOL# DO-SOLb 3t+1st 4t 3t DO-LA DO-LAb DO-LA# DO-LAbb 4t+1st 4t 5t 3t+1st DO-SI DO-SIb DO-SI# DO-SIbb 5t+1st 5t 6t 4t+1st 8 8 8 DO-DO DO-DO # DO-DO b 6t+1st 5t+1st 6t Intervalli consonanti Intervalli dissonanti

____________________________________________________________ Accordi
Si dice accordo un insieme di almeno 3 suoni eseguiti simultaneamente. L'accordo è dissonante se uno solo degli intervalli tra i suoi suoni è dissonante. Se i suoni di uno accordo sono disposti per terze, la nota più bassa dell'accordo è il suono fondamentale dell'accordo o suono generatore dell'accordo. Se l'accordo è costituito da suoni non disposti per terze l'accordo si dice allo stato di rivolto e la sua nota più bassa è il basso dell'accordo. L'accordo si indica con gli intervalli che le note dell'accordo formano con il basso dell'accordo. Ecco due esempi:

quella melodica ha sia il 6° che il 7° grado alzati di 1 semitono armonica: T st T T st T+st st | melodica: T st T T T st la 1 si do 2 3 re mi fa sol# la | la si do re 4 5 6 7 8 |1 2 3 4 mi fa# sol# la 5 6 7 8 ________________________________________________________________________________ Ogni suono della scala è detto grado. naturale: ha gli stessi suoni della sua relativa maggiore. . ____________________________________________________________ Scala minore: si ottiene da una scala maggiore prendendo come 1° grado il 6° grado della scala maggiore. non subisce l'effetto di attrazione e viene chiamato sottotonica. tra 3° e 4° grado e tra 7° e 8° grado. 4°: sottodominate o controsensibile. tra 6° e 7° di una 2a eccedente. È possibile ottenere 12 scale maggiori con altrettante relative minori. 6°: sopradominante. tensione. un semitono) nell'esempio la scala di DO maggiore: do re mi fa sol la si do L'asterisco * indica la posizione dei semitoni. intervallo dissonante. un semitono. Proprio per ottenere l'effetto di tensione verso la tonica nel modo minore si alza di un semitono il 7° grado (scale minore armonica) o il 6° e il 7° grado (scala minore melodica). ________________________________________________________________________________ Scala maggiore: T T st T T T st (due toni. ritenuto sgradevole nell'armonia tradizionale. una per ogni suono del sistema temperato. 5°: dominante. 3°: mediante. punto di partenza e conclusione. relativa di DO maggiore. instabilità.SCALE . tre toni. Stabilità. distando un tono dalla tonica. caratterizzate da una precisa disposizione dei toni e dei semitoni. Negli esempi la scala di LA minore. dà il nome alla scala. 7°: sensibile. 2°: sopratonica. dalla sonorità orientale. Nel modo minore naturale. Ogni grado ha un nome: 1°: tonica. si presenta in tre diverse forme. punto di instabilità che tende a “risolvere” sulla tonica. è “attirato” dalla tonica. Nella scala minore armonica si noti la presenza. questa è la distribuzione dei toni e dei semitoni: T st T T st T T la si do re mi fa sol la La scala minore armonica ha il 7° grado alzato di 1 semitono. Cambiando il punto di partenza della scala è necessario introdurre delle alterazioni per ottenere la stessa disposizione dei toni e dei semitoni. o caratteristica perchè cambia dal modo maggiore al modo minore.Le scale sono successioni di suoni congiunti.