You are on page 1of 7

N.

2 Anno 2013

Febbraio 2013
OLTRE LA NEBBIA E LA SABBIA , IL MODELLO MILANO «Talvolta nella nebbia si fa fatica» è il commento del Presidente Napolitano sulla delicata situazione. «Lasciamo depositare la sabbia e avremo un orizzonte più chiaro» osserva il Professor Prodi. Nebbia e sabbia, elementi disturbanti in uno scenario incerto e al contempo inedito. Se i commenti fossero pioggia, questa sarebbe la stagione dei monsoni e non è nostra intenzione, con questo articolo, creare ulteriori perturbazioni. Aggiungiamo solo due parole che più di altre risuonano forse esemplificative di questo periodo storico: “ordine e progresso”. Questa celebre massima positivista del sociologo Auguste Comte unisce al contempo contrappone due vocaboli. Un pensiero formulato quasi due secoli or sono, identifica ancora quell’inevitabile ciclicità della storia.

elez

Non è certo la prima volta che il nostro Paese si trova ad affrontare una situazione di passaggio e non sarà nemmeno l’ultima. Questa volta, a differenza del passato, tra i protagonisti troviamo il nostro Partito, e quindi in un certo senso, tutti noi. Prima di spingerci oltre è bene fare un ultima premessa. Scriviamo queste parole con la consapevolezza della complessità dello scenario ma al contempo non sentiamo di dover tacere un risultato di cui ci sentiamo e ci vogliamo sentire orgogliosi, pur non essendo sufficiente a ribaltare la sorte elettorale. Stiamo parlando di quanto raccolto nella nostra città, Milano. Rubiamo volutamente un vocabolo al mondo contadino poiché, nonostante tutto, a Milano, qualcosa possiamo dire di aver raccolto. Secondo Galileo Galilei la matematica è l’alfabeto con cui Dio avrebbe scritto l’universo. Bene, a questo proposito c’è una sequenza numerica di cui dobbiamo tenere conto: 26, 27, 28, 29. Questi numeri, apparentemente senza senso, sono in realtà il dato percentuale che il Partito Democratico ha raccolto nel Comune di Milano nel corso degli appuntamenti elettorali degli ultimi anni, dalle elezioni provinciali del 2009, alle elezioni nazionali per la Camera del 2013 (prendendo in considerazione i dati riguardanti il Senato avremmo dovuto concludere con un 32). Morale: primo partito. Risultato in aumento in tutte le zone di Milano e il Partito Democratico supera largamente il PDL. Per non farci mancare nulla, possiamo affermare che anche la zona 7 e con lei i comuni che nell’area metropolitana vantano un’amministrazione di centro sinistra, hanno seguito di pari passo l’andamento cittadino e ci conforta ulteriormente di un fatto. Un modello di politica come quello praticato negli ultimi due anni dal PD ci consegna ora i suoi frutti maturi. Un modello che possiamo tranquillamente chiamare il modello Pisapia, pronto ad ascoltare le sollecitazioni provenienti dal territorio, dal mondo delle imprese, dalle associazioni/comitati, dalle categorie sociali é in grado di fare sintesi all’interno de tessuto sociale e delle forze politiche che in modo provocatorio vengono oggi definite tradizionali. Questo pensiamo sia il modo nuovo di fare politica, aprire il partito a tutte quelle realtà che sul territorio vivono ed operano e tanto possono dare alla buona politica di cui il PD si deve e già in parte se ne fa carico. Manca certo un ultima nota, accantonata non per censura ma per una mancanza di chiarezza. Cosa rappresenti il Movimento di Beppe Grillo in questo momento per l’Italia, ancora non lo sappiamo con sufficiente sicurezza analitica. Qualcuno lo ha paragonato ad un semplice voto di protesta, qualcun altro a qualcosa di più serio e meno transitorio.

Notizie dal CDZ 7

NEWSLETTER DEL GRUPPO CONSILIARE PD

Termometro o malattia, tutto dipenderà dalle decisioni che verranno assunte nelle prossime ore. Una cosa è certa ed evidente, il Movimento Cinque Stelle, abituiamoci a chiamarli così, poiché gli elettori del movimento non sono “Grillo” ma una parte di società che chiede il cambiamento, e vediamo come si e diceva sopra dove vi è una buona politica e uno stretto legame con il territorio e la società civile come a Milano, il movimento non supera 15% dei consensi, anche questo dato ci deve far riflettere. Permetteteci di chiudere con un appunto. Oggi è l’8 marzo, anche se non è l’8 marzo, perché l’8 marzo è qualsiasi giorno ma non un giorno qualsiasi. L’uguaglianza e i diritti non sono beni di lusso, ma assomigliano a quei fiori gialli profumati che ogni uomo sa riconoscere e donare in un giorno speciale, come questo. Poiché ordine come base, progresso come scopo ma amore come principio. Dunque, Auguri!

Coscelli Enea Capogruppo Zona 7 Uberti Giorgio Coordinatore di Zona 7

Commissione Mobilità Trasporti, Ambiente, Arredo Urbano, Verde, Parco Ovest, Orti
In merito ad alcuni articoli pubblicati, in merito ad una serie di furti avvenuti a danno delle associazioni insediate nel Parco delle Cave e sulla vicenda Cascina Linterno, ci teniamo a farvi sapere che: In data 22 Gennaio si è tenuto a Palazzo Marino un incontro sul tema alla presenza dei rappresentanti delle Associazioni presenti nel Parco delle Cave: Cava Aurora, Cava Il Bersagliere, Ass. Pesc. Cava Cabassi, Shadow Archery Team, Zamboni Az. Agricola (Agriparco), Amici Bocce, Ass. Cascina Linterno, due rappresentanti firmatari della petizione a salvaguardia del parco Per il Comune: Ass. Sicurezza Granelli, Ass. Mobilità Ambiente Maran, Dirett. Parco Salvetat, Dirett. Settore “Verde” Vigani, Vpres. Parco Agr. Sud Pantaleo, Pres. Comm. “Sicurezza” Zona 7 Boati, Pres. Comm “Verde” Zona 7 Grioni, in rappresentanza della PL Marano. Durante l’incontro le Associazioni hanno esposto le problematiche emerse, esprimendo preoccupazione soprattutto per quanto riguardava le ore notturne, si sono così concordati interventi mirati con la PL e altre forze dell’ordine, che per ovvi motivi non starei qui a specificare. Si è scoperto come le telecamere avrebbero inquadrato i malviventi purtroppo non identificabili in maniera chiara, si è quindi valutata la possibilità di installare in alcuni punti precisi, in prossimità e concordemente con le associazioni, il posizionamento di nuovi punti luce. Il tutto compatibilmente con le scarse disponibilità finanziarie oggi disponibili. Per completezza di informazioni ci terrei a precisare che a salvaguardia della sicurezza e della salute dei cittadini l’Amministrazione Comunale a seguito dell’incendio sviluppatosi nell’estate scorsa in un’area a verde all’interno del Parco, che ha interessato un’area di circa 1500 mq e a causa della totale combustione della folta vegetazione spontanea presente, sono emersi alla vista numerosi cumuli di rifiuti inerti, prevalentemente di origine edilizia, frammisti a parti di lastre in cemento-amianto (eternit). L’area dopo essere stata tempestivamente posta in sicurezza ed inibita alla fruizione dovrà essere bonificata. Sono in fase di perfezionamento le complesse procedure preliminari per la cantierizzazione per l’intervento che prevede la rimozione e lo smaltimento di circa 1600 t. di rifiuti contaminati da amianto, secondo le procedure concordate con ASL per una spesa presunta di 811.260,00 Euro. -

Ancora sul Parco delle Cave, a fronte di alcune più o meno velate critiche che ultimamente registriamo, ci terrei a precisare di come ci siamo trovati, per scelta della precedente amministrazione, ad affrontare e a dover gestire un modificato modello organizzativo, da noi non condiviso, che ha portato il Parco da una gestione unitaria ad una parcellizzazione di competenze che spesso non aiuta. Critiche che, a volte, provengono da chi ha favorito questa scelta. Vorrei fare alcune precisazioni su Cascina Linterno: Sabato 23 Settembre 2012 nell’ambito del week end Cascine Aperte, la cascina è stata riaperta e riconsegnata all’Associazione che da anni ne cura la salvaguardia. Ricordo che la cascina è rimasta chiusa da 3-4 anni con la colpevole complicità della precedente amministrazione di cui faceva parte anche la Lega, che se non ricordo male ha governato in questa città nei 20 anni precedenti. Stanno procedendo i lavori di risanamento a cura del Politecnico. Si è tenuto in CdZona7 il 24 Novembre 2012 un successivo convegno sul tema con la partecipazione dei rappresentanti del Politecnico che hanno illustrato i lavori di ripristino in itinere. Vorrei ricordare che la cascina era chiusa da anni e di come l'associazione, che con il suo lavoro volontario ne ha garantito un certo stato di conservazione, sia stata contrastata colpevolmente dal passato CDZona7. Onestamente debbo dire che alcuni consiglieri zonali della Lega in questa consiliatura stanno collaborando con noi per portare a compimento ripristino e fruizione della Cascina. Politicamente però le responsabilità del degrado procurato dalle precedenti amministrazioni ricadono anche su quella parte politica.Questi sono fatti, altro è propaganda, Salvini avrà anche presentato sulla questione "un'interrogazione al Parlamento Europeo" cosa utilissima, ma cosa ha fatto per la cascina quando governava a Milano, Presidente di Commissione e capogruppo in Comune? Riceviamo spesso lamentele e richieste di cittadini sulle problematiche relative al non rispetto dei regolamenti del verde ed ambientali, in merito alla conduzione e alla non raccolta delle deiezioni (cacche) degli animali da parte dei proprietari, nei giardini pubblici e non solo. Riteniamo che questo problema possa essere risolto solamente con la collaborazione dei cittadini, per cui il CdZona ha predisposto la locandina da esporre ove necessario.(vedi alla fine della newsletter). Progetto PULIAMO ZONA 7, aiuta a mantenere pulito il tuo quartiere. Non avendo a disposizione un servizio per appendere le locandine, le stesse verranno posizionate per ora da consiglieri volontari, se qualche cittadino ne avesse necessità contatti pure il CdZona. Ovviamente le locandine andranno posizionate con parsimonia ed in modo non invasivo, per evitare ulteriore inquinamento e disordine ambientale Qui di seguito le proposte di delibera approvate questo mese, ricordo sempre che sono indicate in modo sintetico, rimango a disposizione per qualsiasi approfondimento:  Delibera richiesta realizzazione attraversamenti pedonali sopraelevati, in luogo degli attuali passaggi pedonali situati in corrispondenza dei plessi scolastici di Via degli Ulivi, Via Don Gnocchi e Via Val d’Intelvi, in modo da ridurre la velocità dei veicoli e permettere un attraversamento in sicurezza Sistemazione parigine, riqualificazione Piazza Stovani, n corrispondenza degli spazi adiacenti la Croce Verde Baggio Parere favorevole al progetto di inserimento basamento e scultura “Le Tre Grazie” di Salvator e Fiume in Piazza Piemonte nell’area pavimentata tra Via Washington e Via Sardegna. Proposta riordino sosta nell’area antistante la Casa di riposo di Via Capri e sul tratto terminale della via stessa Richiesta sostituzione cippo con targa nel Parco Bortolon nel quartiere di Quarto Parere favorevole Piano Generale Traffico Urbano con osservazioni

    

Ivano Grioni igrioni@yahoo.it

Commissione Cultura, intercultura, storia locale, biblioteche, moda ed eventi
Durante il mese di febbraio abbiamo affrontato un tema importante : la questione della biblioteca di Baggio.Ma facciamo il punto per capire un po’ meglio. Nell’anno 2012 a causa di tagli decisi dall’amministrazione centrale ( patto di stabilità) alcune delle biblioteche di rionali di zona avevano subito delle modificazioni di orario, in particolare nella biblioteca Baggio da febbraio dell’anno scorso era stato eliminata l’apertura in orario serale dell’aula studio. Nonostante la modifica dell'orario in fascia serale, le associazioni del territorio circostante avevano la possibilità di realizzare all'interno della struttura, anche in orario serale, attività culturali ed aggregative rivolte a tutta la comunità, la funzione di presidio sociale dunque anche se limitata non era venuta meno. La decisione di chiudere la biblioteca alla sera come aula studio aveva provocato le reazioni dei cittadini e delle associazioni e ci aveva allertato per trovare una soluzione. Per questa ragione a giugno avevamo organizzato un assemblea aperta a cui avevano partecipato cittadini , associazioni ed i referenti delle biblioteche con il Dott. Pirola, direttore settore centrale biblioteche. L’assemblea di giugno aveva portato un piccolo passo avanti, da giugno la sala studio durante eventi e conferenze organizzate dalle associazioni è stata mantenuta disponibile per permettere ai cittadini di usufruirne oltre l'orario stabilito. Però l’obbiettivo finale era cercare di riaprire la biblioteca in orario serale. A metà febbraio i vari percorsi intrapresi da diverse consiglieri sia con le associazioni, sia livello centrale che settore biblioteche hanno trovato una positiva conclusione nella formulazione di una delibera approvata poi in consiglio di zona all’unanimità Nella delibera richiediamo alla Giunta Comunale la riapertura della biblioteca comunale di Baggio in orario serale, possibilmente per tutti i giorni feriali della settimana, sino alle ore 22.00, richiediamo inoltre alla Giunta di monitorare, in maniera condivisa e trasparente, per la durata di almeno un anno, l’effettivo utilizzo della biblioteca nel suo complesso. Questa delibera è stato il frutto di un percorso condiviso e un buon lavoro di squadra con i consiglieri del gruppo PD e in particolare con le associazioni e le realtà della zona che hanno preso parte alla commissione congiunta cultura /sport.e benessere. Un lavoro di squadra ma un lavoro anche di ascolto . Il percorso intrapreso ha portato a confermare la nostra volontà di considerare le biblioteche come presidio sociale nelle periferie e punto di riferimento per la vita culturale ed aggregativa del quartiere. Ci tenevo ad aggiornarvi anche sulle iniziative del Carnevale in zona; in particolare l’iniziativa del carnevale in Piazza Selinunte dove per la prima volta è stata organizzata una festa in piazza con il supporto del Laboratorio di quartiere e le associazioni che si occupano di attività socio-educative in zona. Per alcune ore la piazza è stata invasa da musiche, colori: c’era la ciclo officina dell’associazione miraggio, un laboratorio di clownerie, il trucca bimbi, una roda di capoeira con il gruppo di capoeira Desequilibrio e una fiaba gioco. Insomma una vera festa di carnevale per animare un quartiere che di solito è dimenticato ..

Alice Arienta alice.arienta@fastwebnet.it alice.arienta@comune.milano.it

Commissione Sport, Benessere, Tempo Libero, Qualità della Vita e PMZ
L’azione più importante del mese è stata senza dubbio la delibera sulla riapertura serale della biblioteca di Baggio. In collaborazione con la Commissione Cultura, con questo passaggio abbiamo inteso ribadire un punto fondamentale del decentramento: decisioni che rivestono una tale importanza per i quartieri di riferimento vanno concertate con i Consigli di Zona e con i cittadini. Questo non significa certo assumere atteggiamenti ostili alla nostra Giunta o fare della demagogia: se c’è necessità di fare dei tagli, li faremo con serietà e responsabilità, ma al termine di un percorso nel quale tutti i dati saranno resi noti in maniera trasparente e le scelte verranno prese in Zona, dopo aver valutato con i cittadini tutte le possibili alternative. Trasparenza, partecipazione, valorizzazione di Consigli di Zona e delle periferie sono punti qualificanti del nostro programma elettorale e dobbiamo averli presente ogni giorno, nella nostra azione di governo. Per fortuna, dialoghiamo con un Sindaco e una Giunta (e un Paolo Limonta) che sono sempre attenti a cogliere i segnali che arrivano dal territorio. Nello stesso filone iscrivo la mozione urgente che ho presentato a sostegno dei lavoratori dell’ippodromo di San Siro: con la sua approvazione, la Zona chiede alla Giunta di essere coinvolta con un ruolo paritario nelle operazioni a tutela delle 2.000 famiglie che rischiano di finire in mezzo alla strada, una vera e propria emergenza sociale. Inoltre, abbiamo avviato il lavoro che ci porterà a definire le linee-guida per il bando che assegnerà i locali presso il CAM Olmi, fino ad ora utilizzati dalla banca del tempo Ora x Ora e dal CAAF del Movimento Cristiano dei Lavoratori. C’è chi ha voluto leggere in questa decisione un atto ostile nei confronti di queste associazioni, ma non è affatto così: al contrario, abbiamo introdotto una procedura di assoluta trasparenza (faremo un bando, mentre in precedenza era stata fatta un’assegnazione diretta) ed affermiamo il criterio delle pari opportunità per tutte le associazioni di Zona ad avere uno spazio, anche col criterio della rotazione. Era anche questo nel nostro programma e dobbiamo mantenere la promessa. Anche questo mese, vi proponiamo un’attività per il benessere a titolo completamente gratuito: questa volta abbiamo pensato alle donne, che presso l’associazione Yogarte potranno godersi un 8 marzo davvero speciale, dedicando del tempo prezioso a prendersi cura di loro stesse e della qualità della loro vita. L’appuntamento è presso l’Associazione Yogarte, in via Albertinelli 6, dalle 10.00. Per ciò che riguarda lo sport in senso più stretto, abbiamo assegnato 2.160 euro alla realizzazione del progetto “Rugbull – Il Rugby contro il bullismo” presso la scuola De Marchi. Come forse ricorderete, il progetto era già stato approvato nel 2012 e poi rinviato per necessità operative. Un’altra iniziativa molto divertente è stata la partecipazione di alcuni ragazzi dell’Olmi-Cesano ad un servizio fotografico in Piazza del Duomo, organizzato dall’Assessorato allo Sport per promuovere la Milano City Marathon, insieme ai partner RCS e Lega di Serie B. I giovani calciatori hanno indossato le maglie delle 22 squadre di B, che abbiamo deciso di regalare all’Olmi-Cesano perché le metta in palio in uno dei tanti tornei che organizza. E’ inoltre partito il progetto “Pro Us All”, un interessante confronto tra diverse città europee sulle modalità di promozione degli sport urbani. Ho partecipato alla giornata inaugurale, a San Siro, con molto piacere, anche perché uno dei partner del progetto è Comunità Nuova e quindi si sottolinea un concetto che da tempo vado ripetendo: lo sport deve essere parte del sistema di welfare. Purtroppo, il mese si è chiuso in maniera molto triste per la scomparsa di due persone che tanto stavano facendo per lo sport di Zona 7: Walter Quattroni (allenatore dell’Olmi-Cesano) e Fabrizio Tonani (presidente dell’Alcione). Walter da tempo combatteva contro una brutta malattia, mentre Fabrizio è mancato improvvisamente, stroncato a soli 56 anni da un infarto mentre giocava a calcetto. Un abbraccio alle loro famiglie ed alle loro società. Vi siamo vicini. Lorenzo Zacchetti lorenzozacchetti@gmail.com lorenzozacchetti.blogspot.it

Commissione Scuola
Il mese delle elezioni! Ecco che l’associazione L’Orma che si occupa di educazione e promozione sociale per i bambini della scuola primaria propone attività ludiche e di studio presso lo spazio Gorlini al Parco di Trenno. Iniziativa davvero lungimirante e utile al fine di offrire occasioni di divertimento in compagnia ma anche di studio assistito per i bambini le cui scuole sono chiuse perché seggi elettorali. Abbiamo approvato all’unanimità questa iniziativa e dato il patrocinio del consiglio di zona. Il gioco d’azzardo patologico. La dott.ssa Perilli ha con dovizia di dati presentato alla nostra commissione il progetto volto a contrastare la diffusione crescente di questa vera e proprio ‘patologia’. Il gioco d’azzardo infatti sembra che si stia diffondendo con intensità crescente anche nella più giovane età provocando la tendenza nei soggetti che ne sono vittima a piccoli furti o a comportamenti che sconfinano nella criminalità al fine di procurarsi il denaro utilizzato in questo tipo di gioco favorito dal moltiplicarsi delle sale-gioco, anche in Zona 7. Le cifre sono allarmanti: 86 miliardi spesi in Italia nel 2012 per il gioco d’azzardo, di cui solo 8 recepiti dallo stato. Il che significa che questa pericolosa attività è monopolizzata da società clandestine! Il progetto proposto è rivolto per ora agli studenti delle scuole superiori ed è volto a diffondere precise informazioni e a spiegare le dinamiche psicologiche che portano persone inconsapevoli a lasciarsi coinvolgere nel gorgo del gioco e nella complusività a rischiare sempre di più fino a rimanerne impigliati senza riuscire con le proprie forze capaci di sottrarsi. Il progetto potrebbe anche estendersi ai gradi scolastici inferiori proprio per i motivi sopraddetti. Il Consiglio di zona dei ragazzi. Anche questo mese ci sono stati incontri con insegnanti e scuole di Zona aderenti al progetto. Sono iniziati i corsi di formazione in cui si studiano tutte le implicazioni della partecipazione dei ragazzi ai processi deliberativi di Consiglio di zona. Gli incontri avvengono una volta la mese presso la scuola primaria Novaro-Ferrucci di piazza Sicilia. La partecipazione degli insegnanti è stata intensa e attiva grazie anche alla fervida organizzazione dell’Albero della Vita, l’Associazione che ha in mano il processo formativo per la nostra zona. Il giorno della memoria a Mauthausen. Abbiamo avuto diversi incontri con le altre zone e i funzionari del Comune per organizzare in ogni Zona una delegazione di quattro studenti e un insegnante che accompagnino il Gonfalone di Milano a questa commovente cerimonia che ogni anno vede raccolti a Mauthausen migliaia di persone da tutto il mondo al fine di rievocare il giorno della liberazione di questo campo di concentramento. Il viaggio, interamente sovvenzionato dal Comune, è previsto per il 10-13 maggio, in un pulmann che trasporterà al campo di Mauthausen le delegazioni degli studenti con le autorità del Comune e una rappresentanza dei Reduci

Isabella Barato Vicepresidente Commissione Scuola-Educazione, zona 7 isabella_barato@fastwebnet.it