You are on page 1of 2

COLLEZIONE TASSODERMICA prof.

Delogu I 5 sensi nel regno animale 1) olfatto negli animali della savana; prede e predatori riconoscono la presenza di altri animali tramite le molecole che gli altri animali rilasciano nell'aria; il serpente sente attraverso la lingua : dopo aver strisciato sul terreno, la lingua viene portata contro il palato, in questo modo il cervello riconosce le molecole. La farfalla femmina nel periodo dell'accoppiamento emana un odore che il maschio pu sentire anche a chilometri di distanza. 2) Linguaggio degli uccelli:colori sgargianti nei maschi, mentre le femmine hanno colori pi simili al terreno per potersi mimetizzare e proteggere cos uova e cuccioli;le uova si schiudono contemporaneamente grazie ad un sistema di comunicazione tra madre e embrioni;i versi di alcuni uccelli vengono compresi anche da individui di specie diverse (linguaggi interspecifici). 3) Udito e vista: nel barbagianni le orecchie sono coperte dalle piume e sono asimmetriche per individuare anche l'altezza, non solo la distanza di un rumore; gli animali notturni riescono a evitare gli ostacoli grazie alle onde sonore (pipistrello), ci sono molti animali che sentono gli ultra suoni. Curiosit: Il cervello del delfino presenta delle circonvoluzioni come il cervello umano. Alcuni insetti producono delle sostanze chimiche per proteggersi e mimetizzarsi (es. sputacchina) Il colibr per consumare meno energia di notte si iberna
Olfatto: avere un naso vuol dire cogliere le molecole di quello che voglio cercare, i serpenti usano la lingua per captare le molecole che ci sono nell'aria e per questo riescono a sentire la presenza dell'uomo o di altri animali a molti chilometri di distanza, lo squalo grazie all'olfatto riesce a captare le molecole di sangue nell'acqua e cos a capire se c' un pesce ferito nelle vicinanze che potrebbe diventare una potenziale preda. Vista: i rapaci hanno sull'occhio uno scheletro d'ossa per tenerlo fermo quando volano, altrimenti vedrebbero tutto appannato, l'aquila mette a fuoco una preda anche da 5 km di distanza. Molti animali notturni per esempio il gufo vedono in bianco e nero. I predatori hanno gli occhi davanti per trovare meglio la preda e riuscire a prenderla con pi facilit, hanno una vista "fissa" cio concentrata solo nel trovare la preda e riuscire a prenderla; avendo due occhi riescono a capire bene a che distanza la preda, due occhi ti permettono di vedere la profondit. Le prede, invece, hanno gli occhi di lato per vedere lo spazio circostante ed evitare con pi facilit i predatori. Poi ci ha parlato di alcune tecniche di autodifesa degli animali: Gli animali se mangiano qualcosa che gli ha provocato dolore per esempio un insetto o una bacca velenosa, associano a quel dolore il colore della cosa che hanno mangiato cos in futuro eviteranno di rimangiarla e farla mangiare hai loro simili. D'altro canto per gli insetti usano questo fatto a loro vantaggio infatti molti insetti innocui si "travestono" da insetti velenosi anche se non lo sono, cos avranno meno probabilit di

essere mangiati. La maggior parte degli animali ha paura dei serpenti cos gli animali che se lo possono permettere, in particolar modo gli uccelli, fanno il loro verso cos gli animali che li vogliono cacciare pensano che in realt quello sia un serpente e cos se ne vanno. E infine ci ha parlato di alcuni animali in particolare che sono il picchio, l'istrice e il camaleonte: Picchio: il motivo per cui il picchio batte sul legno per capire se il legno vuoto, se lo vuol dire che non molto lontano ci deve essere anche l'insetto, dopo di che cerca la galleria e grazie al suo becco che capace di captare le vibrazioni sente se dentro c' ancora l'insetto e infine se il mal capitato ancora l il picchio infila la sua lingua lunga e appiccicosa nella galleria per catturarlo. Il picchio ha il cervello che galleggia in un liquido perch cos quando batte sul tronco non gli viene mal di testa. Camaleonte: il camaleonte ha un particolare tipo di pelle che riesce a cambiare colore in modo molto veloce, questo cambiamento di colore gli serve per mimetizzarsi ma anche per attirare o respingere calore e per dare ai suoi simili dei segnali. Il camaleonte inoltre stando fermo riesce a muovere gli occhi fino a vedere tutto la spazio circostante, ha una visuale a 360. Istrice: la lunghezza degli aculei dell'istrice pu arrivare fino a 35 cm, per attaccare se si sente minacciato raddrizza gli aculei e procede all'indietro abbastanza velocemente e li conficca nell'aggressore.

MUSEO DI ANATOMIA DEGLI ANIMALI DOMESTICI prof Clavenzani Definizione di animale domestico: animale che ha delle propriet utili all'uomo e le tramanda di generazione in generazione. Definizione di anatomia: deriva dal greco tagliare con metodo In questo museo abbiamo visto una collezione di oltre 2000 esemplari che appartengono a numerose specie domestiche; gli apparati degli animali :scheletrico, digestivo, muscolare e nervoso conservati con un metodo detto a secco ", cio con l'aiuto di sali di

arsenico o di un sublimato corrosivo, per poi essere esposte all'essiccamento all'aria.


La maggior parte degli apparati apparteneva a cavalli. Le costole di un cavallo sono 18, in un bovino 12, in un cane 13 e nell'uomo e nella scimmia sono 12.

RICOVERO GRANDI E PICCOLI ANIMALI Stalla, sala operatoria dei grandi animali con una carrucola per poterli trasportare, tapisroulant per la riabilitazione dei cavalli, vari animali in degenza, sala riunioni per discutere dei vari casi che si presentano nella clinica veterinaria, sala radiografie e sala operatoria dei piccoli animali, dove ci sono stati mostrati vari strumenti chirurgici. I veterinari per fare le radiografie usano speciali grembiuli (piombati) per proteggersi dalle radiazioni.

Related Interests