La meditazione può migliorare le capacità cognitive?

Dopo secoli di utilizzo è ormai certo che la meditazione aiuta ad aumentare la nostra consapevolezza e a gestire le emozioni, anche le più forti, facendoci restare focalizzati sul presente senza disperdere le nostre energie in pensieri ed ansie inutili. In tempi moderni , complice il risveglio del desiderio di trovare una soluzione dolce e in armonia con noi stessi o forse per “colpa” della new age, la meditazione si è diffusa anche in occidente aiutando molte persone a gestire lo stress e a superare depressioni e dolori cronici. Ma i ricercatori del dipartimento di scienze psicologiche e del cervello , presso l’ università di Santa Barbara, si son posti una domanda differente… chissà se queste pratiche possono aiutare a migliorare ed aiutare gli studenti nei test intellettivi? “Avevamo già scoperto che una mente allenata e disciplinata con l’ausilio della meditazione è una mente che risponde meglio agli test e che ha una capacità di memoria maggiore” queste sarebbero le parole di Michael D. MArck , uno studente laureato che lavora in team con Joathan W . Schooer , rofessore di psicologia presso l’Università. Per realizzare questo studio sono stati scelti 48 studenti dell’università a caso e sono stati sottoposti a dei test per valutare le loro capacità di memoria, concentrazione e comprensione del testo. Dopo sono stati divisi in 2 gruppi, al primo gruppo è stata assegnata una dieta alimentare equilibrata ed è stato chiesto di compilare un diario alimentare per assicurarsi che venisse seguita. Al secondo gruppo sono stati proposti 4 incontri a settimana , simili a quelli già proposti per la gestine dello stress. In questi incontri agli studenti son stati proposti gli esercizi base della meditazione, come la respirazione consapevole e il controllo delle ansie generate dai pensieri vaganti per concentrarsi sull’ adesso. Passate le due settimane i due gruppi di studenti sono stati rivalutati tramite test come all’inizio del’esperimento. Il gruppo che ha seguito il regime alimentare non ha subito variazioni , mentre il gruppo che ha lavorato con la meditazione evidenzia dei netti miglioramenti. Anche altri ricercatori esterni all’Universtà della California hanno trovato questo esperimento degno di nota ed interessante , anche se sono tutti concordi nell’affermare che il campione era troppo poco numeroso per potere dare dei risultati certi.

ma se interrompe l’allenamento per quanto tempo conserverà questo tono?” Articolo tratto dal New York Time Tradotto e adattato da Il Villaggio Stregato ( http://wiccaforum.forumcommunity. il suo tono muscolare migliorerà senza ombra di dubbio.net/ ) .Secondo la mia opinione poi il professor Davinson mete in evidenza un punto da no sottovalutare quando afferma ” prendete una persona che non fa mai esercizio fisico e fatela allenare per 2 settimane.

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful