You are on page 1of 5

ACCADEMIA DI BELLE ARTI In seno al Convivio degli Appassionati di Belle Arti è istituita l'Accademia di Belle Arti.

Essa opera sia all'interno che all'esterno del Convivio. L'Accademia dipende dalla volontà del Maestro del Convivio degli Appassionati di Belle Arti che ne ha la piena autorità. Il responsabili referenti dell'Accademia al Consiglio del Convivio sono i Lumen Auditor, che, organizzati tra loro, si assumono la responsabilità del corretto andamento delle attività dell'Accademia stessa. I Lumen Auditor hanno il compito di insegnare Belle Arti a tutti i Cittadini o Corporazioni che ne faranno richiesta. Scopo dell'Accademia è organizzare periodicamente lezioni di Arte come di seguito specificato: 1 - ARTE FIGURATIVA - disegno studio dei colori ed il loro abbinamento, ritrattistica, paesaggistica. 2 - AFFRESCO - ricostruzione e restauro di opere già esistenti, pittura decorativa per interni su muro, pietra, ceramica, legno o altro materiale. 3 - ORNAMENTO - tatuaggi e decori di oggetti Le lezioni sono obbligatorie e alla fine del corso, verrà rilasciato un Attestato di frequenza che potrà essere utilizzato per: A- Corsi supplementari con specializzazione B- Richiedere di entrare a far parte del Convivio seguendo comunque le regole stabilite dallo Statuto. C- Presentazione dell'Attestato al colloquio con i Governatori nella eventuale richiesta di Licenza Artistica. D- Presentazione dell'Attestato per accedere ai colloqui di ammissione ad altre Gilde di carattere artistico. Nel conseguimento dello scopo dell'Accademia i Lumen Auditor potranno avvalersi dell'opera diretta degli artisti del Convivio di Belle Arti. Tutte le opere eseguite durante i corsi saranno Certificate dal Convivio e periodicamente potranno essere esposte, coadiuvati dai Lumen Auditor dagli Accademici, per la vendita. Si accede ai corsi dopo aver espletato tutte le pratiche inerenti all'iscrizione seguendo le modalità che verranno pubblicate nelle bacheche del Granducato a cura del Lumen Auditor. Non è possibile accedere alle attività dell'Accademia come membro del Convivio se non secondo il giudizio del Maestro del Convivio. LUMEN AUDITOR - Organizza corsi e classi. Controlla il corretto andamento degli stessi e degli allievi. Coordina l'operato degli artisti, di volta in volta chiamati a coadiuvare le lezioni. Organizza mostre ed esami. Insieme al Rettore Deadalus, che ne è il suo diretto superiore, è il referente principale nei rapporti con Gilde, Nobili e Allievi per tutto quanto riguarda L'Accademia stessa. ARTICOLO 1 - Definizione Il Convivio degli Appassionati di Belle Arti è una gilda a carattere Commerciale di allineamento Neutrale.

ARTICOLO 2 - Scopo generale Il Convivio degli Appassionati si occupa della promozione delle arti figurative sul territorio del Regno di Extremelot, comprendente sia il GranDucato che le Terre Esterne, trovando la sua locazione presso il Quartiere degli Artisti. Riunisce tutti i cittadini che intendono esprimere la loro passione per l’arte attraverso l’esecuzione e la commercializzazione di opere di qualità ed effetto. Tali opere potranno esser frutto del desiderio dell’artista di esprimere le proprie sensazioni,o realizzate per conto di privati cittadini,di altre corporazioni,del Governo e/o,in primis, dei Nobili regnanti. Organizza la rimessa a nuovo di manufatti , realizza mostre aperte alla cittadinanza. Il Convivio, ha anche il compito di organizzare e svolgere "corsi" formativi e divulgativi della cultura dell’Arte. ARTICOLO 3 - Stile e comportamento Il principale precetto di comportamento per gli appartenenti al Convivio sarà l’obbligo del rispetto assoluto tra i membri, sempre ed in ogni dove verso i tutti i cittadini del Granducato e verso le leggi che ne regolano la vita, e per ogni articolo del presente statuto. E’ fatto divieto agli appartenenti al Convivio l’uso delle armi. Ogni sanzione da comminare sarà a totale discrezione del Maestro. Qualora un membro si macchi di colpe gravi da essere esiliato, sarà sospeso dalla gilda a discrezione del Maestro. Il saluto degli appartenenti è "Irideat". In attuazione della Norma sulla Tutela: Il comportamento degli Adepti tutti deve rispettare l’allineamento della Gilda e della propria razza, in nessun caso sono giustificate le violenze su minori o l’esibizione gratuita e immotivata di violenza ai danni di inermi cittadini del Granducato. ARTICOLO 4 - Cariche e responsabilità Maestro del Convivio degli Appassionati: Massimo responsabile del Convivio e delle sue attività interne ed esterne innanzi ai Nobili. Ne coordina l’opera avvalendosi della collaborazione del Consiglio e valuta l’attività dei membri. Ha totale potere decisionale. Lauro dell`Arte: Può sostituire il Maestro in caso di sua assenza prolungata. Suo è il compito di tenere i rapporti straordinari con le altre corporazioni e le organizzazioni di razza. E’ componente attivo del Consiglio. Rettore Deadalus del Convivio: Diretto referente e portavoce nel Consiglio del Lumen Affabre e del Lumen Auditor. E’ componente attivo del Consiglio. A lui fanno capo tutte le responsabilità commerciali in merito alla gestione delle opere prodotte. Responsabile dei trattati di alleanza, commerciali e di collaborazione e richiesta di intervento verso le Corporazioni ed i Clan Ufficiali. Referente ufficiale per tutte le manifestazioni. E` la figura cui fare riferimento per reclami, contraddittori o richieste di risarcimento. Lumen Affabre del Convivio: Referente diretto del Rettore Deadalus. E’ componente del Consiglio, a titolo consultivo ma non deliberante, al Rettore Deadalus il compito di vagliare i suoi consigli e di farsi latore degli stessi in sede di delibera. Verifica e controlla lo stato degli ordini e dei pagamenti preoccupandosi di fare rispettare le scadenze e di predisporre tutto il possibile affinchè gli Artisti possano al meglio prodursi in opere di fattura eccelsa. A lui fanno capo tutte le responsabilità artistiche in merito alla qualità delle opere prodotte. Lumen Auditor del Convivio: Referente diretto del Rettore Deadalus per quanto riguarda l’operato di tutti i Garzoni.

Restauratore del Convivio: Dotato di ottimo gusto estetico, é esperto nell’arte dell’arredamento degli spazi interni, è colui che su richiesta del committente realizza e riordina armadi, cassettoni, bauli atti a contenere tutti i beni dei Clienti che non sanno dove riporli. Gallerista del Convivio: Organizza con frequente periodicità Mostre d’Arte in cui porre in esposizione/vendita le opere realizzate dai membri del Convivio. Mentore del Convivio: Portavoce del Convivio verso la cittadinanza, è profondo conoscitore di tutte le attività svolte e delle modalità procedurali interne. Fornisce informazioni sul Convivio, in particolare sui requisiti e sulle modalità di ammissione. Incarico che comporta la divulgazione di tutte le comunicazioni ufficiali e di tutti i progetti che vedono impegnati gli artisti. E’ la memoria storica del Convivio. Incaricato di mantenere aggiornate le schede individuali. Artista Provetto: Artista dedito alle arti della pittura, è maestro nelle rappresentazioni figurative e di comprovata abilità nelle arti del decoro corporeo, altresì definito "scarificazione", tra i principali protagonisti delle esposizioni organizzate dal Convivio. Artista Girovago: Artista che trae ispirazione da ciò che durante il suo vagabondare attira il suo sguardo, spesso utilizza mezzi di fortuna e riceve come compenso vitto e alloggio, i suoi servigi sono richiesti in caso di affreschi estemporanei o di improvvisate manifestazioni. Non ha locazione fissa presso il Quartiere a cui torna per approvvigionarsi dei materiali. Artista del Convivio: Artista che ha completato la sua formazione, abile in ogni genere di Arte. Artista Novello: Assistito da un Tutor è l`Artista che deve compiere il proprio percorso formativo all`interno del Convivio. Garzone degli Artisti del Convivio: È il “ragazzo di bottega” che, a contatto con gli artisti, approfondisce e “carpisce” le tecniche delle arti figurative e le modalità espositive e di ricerca delle opere migliori. Viene accolto in Gilda dal Lumen Auditor e da lui seguito fin tanto che le sue aspirazioni non siano state affinate. Imbrattatele del Convivio: E’ relegato a questa carica chi infrange le regole della Gilda ma non merita di essere definitivamente allontanato dalla Corporazione. Oppure viene assegnata per inattività da carenza di ispirazione artistica. A giudizio del Maestro è colui che necessita di comprendere l’umiltà insita nell’Arte. Aspirante Appassionato: E` colui che si avvicina all`Arte con l`aspirazione a divenire parte integrante del Convivio. Ha a disposizione 30 giorni per dimostrare di avere inclinazione, rispetto delle regole e dei superiori, buona volontà di apprendere e determinazione. ARTICOLO 5 - Meccanismi decisionali L’istituto principale e decisionale del Convivio è il Maestro, il quale può sentire il parere del Consiglio; questo ha funzione consultiva su tutte le questioni inerenti la corporazione, vaglia le proposte di modifiche allo Statuto ed è organo di giudizio interno per le questioni disciplinari. Fanno parte del Consiglio: il Maestro del Convivio, il Lauro dell’Arte, il Rettore Deadulus, il Lumen Affabre e il Lumen Auditor. La decisione finale spetta comunque sempre al Maestro. ARTICOLO 6 - Requisiti di ammissione -

I requisiti minimi richiesti per l’ammissione al Convivio, con il grado di "Aspirante" sono: - buona conoscenza del Granducato, dei suoi usi e costumi quantificabile in tre mesi di certificazione della cittadinanza; - esser dotato di brillante intelletto; - saper dimostrare la propria tecnica e il proprio interesse per le arti figurative la quale verrà valutata mediante richiesta di esposizione delle proprie opere presso gli appositi locali del Convivio presentando inoltre, la narrazione della propria storia personale ed esporre le ragioni che spingono a tentare l’ingresso del Convivio; -accettazione e comprensione dello Statuto in tutte le sue parti; In parziale deroga all’editto nobiliare sui requisiti di ammissione alle corporazioni, sarà possibile per il Maestro accogliere nelle file del Convivio cittadini ancora non in possesso di tutti i requisiti minimi, ma essi rimarranno al grado di "Aspirante" almeno sino al loro raggiungimento. Non sono, inoltre, previste limitazioni razziali all’ingresso, né per i facenti parte di Mestiere; questi ultimi però dovranno dimostrare, oltre ad una reale passione per l’arte visiva, d’avere tempo e dedizione per seguire entrambe le corporazioni contemporaneamente senza che gli impegni dell’una sovrastino quelli dell’altra. ARTICOLO 7 - Carriera Se il Consiglio darà esito positivo alla richiesta d`ingresso e alla prova d`espressione artistica, si entrerà a far parte del Convivio con il grado di "Aspirante". Tale carica sarà mantenuta per 30 giorni, senza che vi sia certezza, da parte dell`Aspirante, di poter continuare il suo percorso formativo. In seguito, se l`Aspirante avrà dimostrato di aver acquisito e di essere portatore di una stilla di passione, capacità e volontà vestirà le insegne di Garzone e verrà affidato al Lumen Auditor il quale ne seguirà la formazione e, a seguito della sua valutazione, sentito il parere del Consiglio il Maestro ne consentirà l`avanzamento di carriera. Tale periodo non avrà un tempo stabilito ma seguirà solamente la predisposizione e la dedizione all`Arte. Ulteriori passaggi di grado vengono decisi dal Maestro su base meritocratica e di valutazione delle inclinazioni e predisposizioni dimostrate. Anche le demozioni vengono decise, ad insindacabile giudizio dal Maestro, per inadempienza, dimostrazione di scarso rispetto degli impegni presi, diminuita ispirazione. ARTICOLO 8 - Dimissioni/espulsione Ogni aderente può fare richiesta di dimissioni al Maestro, oppure recarsi direttamente a Palazzo delle Gilde e ivi riconsegnare la veste conviviale. In entrambi i casi il Convivio confida che la professionalità dell`artista lo porti a tale decisione solo dopo aver terminato i lavori in sospeso. Il Maestro avrà facoltà di allontanare un membro del Convivio per prolungata inattività, per aver contravvenuto in maniera grave ai regolamenti interni, per reati contro le leggi ducali o per aver agito contro l’interesse della Gilda. Qualora un membro si macchi di colpe gravi da essere esiliato, sarà sospeso dalla gilda a discrezione del Maestro. ARTICOLO 9 - Varie et Eventuali Nel momento in cui si viene accettati quali Aspiranti si è, automaticamente tenuti a mantenere un rapporto di fedeltà e rispetto che implica l’impossibilità a produrre opere d’Arte al di fuori delle mura del Convivio. Altra condizione per poter accedere al Convivio è di non possedere licenza governativa per gestione di bottega od essere disposti a lasciare la conduzione della stessa prima di vestire le insegne conviviali.

Giunta finalmente al molo si appoggio a una barca messa c chiglia in su e fissò il vuolto per alcuni minuti quasi incollata alla pece del catafaraggio